‘Nta canonica di patri arcipreti

Stampa questo copione

Atto unico

“N’ta canonica di patri arcipreti”

Scherzo in atto unico

Di

Silvano Luca

Personaggi

·Patri arcipreti             (il sacerdote)

·Margherita                 (fedele e confidente del sacerdote)

·Biagina                (fedele e confidente del sacerdote)

·Arturo                       (il sacrestano)

·Robertino                 (il chierichetto)

Silvano Luca

Suggerimenti e profilo dei personaggi

Il profilo di questi personaggi, il protagonista della storia lo presenta ad inizio con una voce fuori campo, ma degli accorgimenti vengono fatti per curare l’aspetto estetico dei vari in queste seguenti note.

Padre Saverio: Il curato del piccolo borgo di campagna!!Colui al quale tutti si rivolgono per qualsiasi problema e dal quale si aspettano delle risposte che  egli spesso trova facendo ricorso a varie virtù presenti in lui quali la bontà, la clemenza , la fede e la cultura.Vive per i suoi fedeli, veste ovviamente con una lunga tonaca nera e colletto bianco e la sua età si aggira sui “quasi sessanta”.

Margherita: Una delle due (come ama definirle il prete) “perpetue” che passa gran parte delle  proprie giornate in Chiesa e susseguentemente in sagrestia e in canonica…insomma sempre a servizio del sacerdote. Come tutte le donne dell’epoca dei piccoli centri ha il brutto vizio del pettegolezzo, cosa che spesso farà infastidire l’arciprete.Veste  con grembiuli da lavoro e la sua età è 50 anni.

Biagina: L’altra “perpetua”. Insieme a Margherita è colei che si occupa della vita non ecclesiale del prete, nel senso che cura il vestiario, la canonica, il pranzo e la cena di colui che rappresenta per lei una figura importante nella  sua semplice vita. Anch’ella ama pettegolare, veste con abiti semplicissimi attinenti al proprio lavoro e la sua età è 46 anni.

Arturo:Il sagrestano della chiesetta, fedele “servitore” di padre Saverio, data l’età ormai non più verde si renderà protagonista di numerose disattenzioni. Tiene moltissimo all’incarico che ricopre da chissà quanto tempo, veste con pantaloni, camicia in stile “scozzese”e rigorosissime bretelle. La  sua età…diciamo anzianotto!

Robertino:Un ragazzino vivace, assiduo frequentatore della Chiesa e molto affezionato al prete che fino al momento lo ha visto nascere e impartire i primi sacramenti. E’ il chierichetto più presente alle celebrazioni. Veste con pinocchietti, calzino , camicetta e possibilmente con cappellino!La sua età non supera i 12  anni.

Silvano Luca


Atto unico

Ci troviamo all’interno di una piccola canonica di un pittoresco borgo siciliano degli anni ’60….

Padre Arciprete: (fuori campo) Salve…mi presento..io sono Don Saverio, parroco di questo piccolo borgo di montagna...da ormai vent’anni la mia missione è quella di professare la fede a questa gente semplicissima e buona di cuore…anche se me ne fanno di tutti i colori…ecco,(entrano in scena Margherita e Biagina confabulando) queste sono Biagina e Margherita…le mie, diciamo, “perpetue” !Se voi sapeste quanto pettegolano!!!O Dio mio…perdonali tu!!!Ma come dicevo prima…gente molto semplice e sempre disponibile…grazie a loro la Chiesa è sempre pulitissima!! (escono le donne) Poi c’è Arturo il sacrestano(entra in scena cercando delle candele) Un signore parecchio sbadato data l’età ormai non più verde ma che tiene tantissimo a questo suo impiego che esegue senza prendere soldi  e che ricopre da chissà quanto tempo!!Pensate..quando io sono arrivato quindi circa 20 addietro..lui era già di servizio (esce) !!! E poi  Robertina (entra in scena giochicchiando) Il mio chierichetto personale…non perde mai una celebrazione..sia festiva che funebre!!Il mio fedele amico…come lo chiamo io!! E tutta la gente semplice che popola questo paesino che fa appunto da scenario alla mia vita!!Ed infine io…il loro curato….vediamo cosa succede oggi…

Margherita: (entra da sinistra chiamando…) Patri arcipreti!!!Unni sinni iu!? Patri arcipreti!!!

Arturo: (entra da destra) Cu è chi chiama!?Margherita!!!Chi succidiu!?

Margherita: Oh Arturu...tu sini!?..Circava a patri arcipreti…s’havi vistu!?

Arturo:  N’ta Chiesa èni chi pripara  a Missa…a parlari cu iddu!?

Margherita: Ci vuleva diri chi dumani..essendo u iornu didicatu...

Arturo:   Bonu…bonu…non mi cuntari nenti!!Palla cu iddu…patri arcipreti…(esce da destra chiamando il prete)…

Patri Arcipreti:(entra in scena da destra) Cu è chi ietta uci!?Allura!? Margherita!!Chi vulevi chi ti sinteva da Chiesa!!!

Margherita: S’abbinidica Patri arcipreti…Ci vuleva diri chi duminica…essennu u iornu da festa di S. Rita…vuleva sapiri chi avemu a fari n’ta Chiesa…

P.A: Chi voi chi facemu!? Prima abballamu e poi mittemu a gradigghia  supra e rustemu carni!!!

Margherita: Sempri simpaticu vossia!!!S’havi a puliziari a Chiesa!?

P.A: Certamente!!!Cammora mentri passava…taliai  a S. Antuninu mischinu…pari chi mi vuleva diri: “Ma comu finiu a ca intra!? A pulizia a facemu sulu pi Natali e Pasqua!?”

Margherita:  Bonu!!Dici sti cosi!!

P.A: E pari chi u dissi iò!? S. Antuninu!!

Margherita: Comu no!!S. Antuninu!!Comunqu…vaiu a chiamari a Biagina pi dirici stu fattu…

P.A: Certu!!S’annunca poi n’ta Chiesa cu cu murmuriamu..veru!?

Margherita: Oh quantu a tira longa!!Solo il Signore lo può sapere!!!(esce da destra)

P.A: E mischinu u Patri Eternu!!!Quantu ni senti…éni si pallittera..ma na brava cristiana e na bona travagghiatura!!(mentre sta per uscire)

Robertino: (entra in scena da sinistra) Patri arcipreti!!Oh patri arcipreti!!!

P. A: Cu è docu!? Oh!!Rubitinu…chi vulevi!?

Robertino:  Ci vinni a dissi chi n’ta Chiesa stannu briannu i cannili davanti a S. Brasi e qundi s’hannu a cattari chiddi novi…

 P.A: Subitu…ca faciti lesta pi spenniri sordi!!!Talia si na ristaru n’ta l’armadiu…

Robertino: Già taliai…nenti!!!

P.A: Allura dumannici ad Arturu…

Robertino: Dissi puru iddu chi fineru…ma ci pari chi iò vegnu cà unni vossia senza prima essiri informatu!?

P.A: Va beni…capivi…cà ci sunnu 10 liri..catta i cannili…

Robertino: Com’è poeticu vossia!!Staiu turnannu….(esce da sinistra)

P.A: E menomali chi sunnu brava  genti…s’annunca erumu veramenti persi!!!(esce da destra)

Arturo:(rientra i scena cercando…) Ma unni u mitteru u vastuni di S. Giuseppi!? Quant’avi chi trasfireru st’armadiu cà da sacristia e ci mettunu manu iddi  no si capisci chiù nenti!!!…Cosa di nesciri pazzi!!!

Margherita:  (rientra in scena scattante) Arturu!!!Chi stai circannu!!!

Arturo:(Voltato di spalle e non sentendola arrivare…) Chi successi!!!!!Coddu!!Mi facisti scantari!!!

Biagina: (entra insieme a Margherita) Chi stai circannu!?

Arturo: U vastuni di S. Giuseppi….

Biagina: E unni u cerchi n’te cosi di  patri arcipreti!!

Arturo: Picchì!? Chi hannu un casciunui all’unu!?

Biagina: Cà c’eni u vastuni di S. Giuseppuzzu…

Arturo: Finiu chi  ca intra i cosi i sapiti megghiu da vostra casa….

Margherita: Genti di Chiesa semu!!!

Arturo: Appuntu!!Cà semu n’ta canonica!!!Vaiu n’ta Chiesa..(esce da destra)

Le due donne cominciano a muoversi in canonica e a parlare…

Margherita:U sentisti chi u cucinu Bittu…u nipoti da za Maria  si sintiu mali!?

Biagina: E certu!!!Iddu mancia sempri comu un viteddu…l’autru iornu era chi manciava na pissenti pariddata di patati cu piscistoccu  a ghiotta!!!

P.A: (rientra in scena sentendo la discussione ed insorge)  Ma unni arrivammo o mircatu!!!No sapiti chi cuttigghiari èni piccatu!!

Margherita: E pari chi neatri staumu cuttigghiannu!!!

P.A: Noo!!Stauvu sulu macinannu u cafè!!Oh!!Chi S. Giuvanni vi pirduna!!!

Margherita: A neatri ni proteggi!!Autru!!Stamu iennu a puliziari a Chiesa!!!

P.A: Ma almenu n’ta Chiesa non cuttugghiamu!!U sapiti no!? S. Placidu cu libru e manu èni!!!

Biagina : S. Placido èni cu libru…ma chi voli diri !?

P.A: Voli diri chi iddu senti si veatri cuttigghiati e vi scrivi n’to libru…poi iò vaiu a leggiri e mi accorgiu!!!

Margherita:  Matri!!!Sempri cu su spritu di patata!!!( escono da destra)

P.A: A Iddi ci pari chi iò babbiu!! A verità èni!! Quantu vaiu a cunfissari!!!

Robertino: (rientra in scena) Patruzzu turnai!!

P.A: (spaventato) Cu fu!!!!Ma picchì aviti stu bruttu viziu di fari satari n’ta l’ariu i cristiani!!!Qualche iornu mi faciti veniri u stinnicchiu!!!

Robertino: Bonu!!!Chi dici!? Vosia havi l’aiutu du Patri Eternu, qundi no ci poti succediri nenti!!

P.A: E certu!!Iò haiu a raccumannazioni du principali veru!?

Robertino: Accattai i cannili!

P.A: Quantu custaru!?

Robertino: Assai patruzzu!!Cu sta crisi puru i cannili aumentaru!!

P.A:  Bonu!!No fari u spiritusu…quantu custaru!?

Robertino: Setti liri!!!

P.A: Botta di sali!!Quasi…quasi chiù cari du pani!!!Va beni…u restu pi poverelli..mi  raccumannu!!!

Robertino: Picchì io sugnu riccu!?(intasca il resto)

P.A: (intasca) Oh!!A Madunnuzza du Carminu mi ti proteggi sempri a tia!Hai na testa chi frisca!!

Robertino: Va beni…havi bisognu di autri survizza!?

P.A: A tonaca unni l’hai!?

Robertino:   A Lavanderia…ora fazzu un sautu a pigghiarila…

 P.A: Bravu!Hai vistu chi ti truvai u survizzu!? A chi ci sini fatti dari a me casula…

Robertino: Staiu turnannu….Patri arcipreti!!!

P.A: Chi succidiu!?                   Robertino: I sordi!!!

P.A: Attia veru è!? Te cà…mi stanno ruvinannu!!!

Robertino: Ma chi problema havi vossia!!Havi u Patri eternu…

P.A: Arretu!?Ma chi vi pari chi U Patri Eternu non havi cosi a cui pinzari!? E ti pari chi mi faci u garanti!? Amicu mia!?

Robertino: Va beni…comu bici vossia…staiu turnannu…(esce da sinistra)

P:A:  Allura!? Pozzu cunfissari!?

Arturo:(si scontra con il prete) Vinni u niputi di donna Maria…vuleva sapiri si ci puteva purtari a comunioni a so zia…

P.A: Non c’è nessun ministro che può adempiere a questo incarico!?

Arturo: I ministri!? O guvernu!!!Poi mu facissi diri…quannu parla accussì non si capisci nenti!!!

P.A: U capivi…ci vaiu iò…mi raccumannu cà intra…(il tempo di una sistemata e parte)

Arturo:  Assavari…ogni tantu faci u stortu.. Ma un bravu cristuianu èni!!!Criditimi…(rivolto al pubblico)

Biagina: (rientra insieme a Margherita dalla Chiesa) Neatri briammu…tu hai a fari vautri survizza!?

Arturo: Cà Robertinu purtau i cannili…s’avissiru addumari n’ta Chiesa…

Margherita: Camina..partemu…(va per andare in Chiesa insieme al sacrestano)

Biagina: Iò aspettu cà e priparu u paramentu pu parrinu…

Arturo: Mi voi pigghiari u postu!? U sacristanu iò sugnu!!

Biagina: Camina!!Nuddu nenti ti voli pigghiari!!!Ci vonnu i chiavi pi dapiri a cappella di San Caloriu e l’hai sulu tu…datu chi sini u sacristanu!!!

Margherita: Forza Arturo..annacamuni cu iornu…(escono da destra)

Arturo: Partemu!!!

Rimane solo Biagina cercando qualcosa nell’armadio….

Biagina: Ma unni èni a casula di patri Saveriu!?

Robertino: Cà c’èni a casula…u parrinu unni sinni iu!? Biagina!!

Biagina: Ah, tu l’havevi i paramenti du parrinu!?

Robertino:  Ivi a pigghiarili a lavvanneria….

P.A: Ca sugnu…turnavi…

Biagina: Nenti patruzzu…unni aveva spirutu?

P.A: Ci purtai a comunioni a donna Maria…unni sunnu Margherita e Arturo!?

Biagina: Ieru ad addumari i cannili n’ta Chiesa …

Arturo:  (rientra con Margherita)  Briammu…tutti i Santuzzi hannu i cannili addumati…

Robertino: Matri chi facci stanca Arturo!!Pari chi a tia ti mancunu i cannili pi moriri ….(riferimento simpatico)

Margherita: Ridemu…oggi fui na iurnata pisanti….

Clima di distenzione….quando ad un tratto…

Robertino: Ma veatri.non sintiti puzza di bruciatu!?

P.A: Attia veru èni!? Veni da Chiesa!?

Arturo: I cannili a focu!!!

Biagina: Oh Bedda Matri Addulurata!!Camina curremu!!!

Comincia un vai e vieni all’interno della scena divertente….

P.A: Oh San Franciscu aiutini tu!!!

Margherita: Bedda Matri Assunta!!

(osserviamo la particolarità in questo “vai evieni” dei principidell’amalgama tra gli attori….)

Infine il piccolo fuoco viene domato e i cinque si ritrovano seduti e stanchi….

Biagina: Menomali chi stu piciutteddu u sintiu subitu!!

P.A: Arturo!!Ma chi cummini!!! Menu mali chi non successi nenti!!!

Arturo: Patri arcipreti…ci avemu a diri grazi a S. Biagio!!!Iddu ni taliau!!

P.A:  Non diri accussì chi poi nesci a uci chi cà ci fu un miraculu e non si capisci chiù nenti…s’accumenzunu a ricampari cristiani…pullman…e niscemu pazzi!!!Si faci cunfusioni!!!(scherzoso)

Arturo: Vossia babbia!!…iddu mi taliau!!!

P.A: Comu no!? U visti…avema a manu chi iattava tri e quasi…quasi ti vuleva tirari na iffula e diri: “ Ma chi cummini!?”

Tutti ridono…

Margherita: Bonu nenti succidiu!!

P.A: Bonu..vinemu cà e facemu na preghiera..menomali chi u Patri eternu èni in paradisu…picchì si vineva cà..faceuvu nesciri pazzu puru a iddu!!!!!

FINE

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 28 volte nell' arco di un'anno