‘Nu brutto difetto

Stampa questo copione

’NU BRUTTO DIFETTO

’nu brutto difetto

Commedia in tre atti

Personaggi

D. Giannattasio, padre di

Lisetta, sposa di

Felice

Totonno, suo servo

D. Alessio Pertusillo, maestro di

Enrico

Arturo, ufficiale

Alfredo, ufficiale

Ninetta e Peppino, servi di Giannattasio

La scena si svolge in Napoli, epoca presente.

ATTO PRIMO

Salotto in casa di D. Giannattasio. Porta in fondo e laterali; finestra a prima quinta a sinistra, ecc.

SCENA PRIMA

Ninetta e Peppino che dorme, indi Totonno.

NINETTA: Mamma mia! C’ammuina ca ce sta dinto a sta casa pe mezzo de lo matrimonio de la figlia de lo padrone mio in D. Felice. Me sento proprio stanca de la fatica. E st’ato ciuccio che dorme sempre. Fa buono lo padrone ca lo piglia a cauce. Guè, Peppì, te vuò scetà si o no?

PEPPINO (svegliandosi):Chi è? Oh! Sì tu? Ninè lassame durmì c’aggio fatto due mattate.

NINETTA: C’haje da durmì? Scetate ca mò vene lo sposo.

PEPPINO: E c’aggia fà? (Alzandosi.)

NINETTA: Va arriciette le cammere.

PEPPINO: C’aggia arricettà, nun voglio Va niente, ccà la fatica è troppe, io nun ce vogio sta cchiù, mò che vene lo padrone me faccio dà la mesata c’avanzo e me ne vaco.

NINETTA: Pe mò nun te ne può gghì.

PEPPINO: Pecché nun me ne pozzo j? Mò che vene lo padrone me ne vaco. Te pare ca pozzo fà sta storia? La matina appena schiare juorno, tuzzulea lo campaniello e vò lo cafè, doppo ca ce l’hai purtato, dice: A te, Peppino, miettete fore la sala e vide si vene nisciuno ca me vò. Quanno so’ l’11 la colazione e de lo pranzo e pò arriciette tutte cose, se fa tarde e all’una doppo mezanotte spogliate e va te cocca. Te pare che cesta è vita ca pozzo fà? E mò ca sta isso sulo, figurammece mò che vene lo marito de la figlia, le serrizie crescere e co la mesata ca me da nun pò essere!

NINETTA: Ma mò nun te cunviene de fà accussì de pressa. Aspiette che succede primma de la signurina e pò faje chillo ca vuò tu.

PEPPINO: No, nun voglio apettà. Mò ca se sose lo padrone me licenzio.

NINETTA: Nonzignore! Aspiette ca sposa primma la signurina si no sì trattato pe n’apprufittante.

TOTONNO (con lettera):Ninè?...

NINETTA: Guè, Totò, staje ccà?

TOTONNO: T’aggia dì na cosa, ma chiude la fenesta ca ce pò vedé D. Felice.

NINETTA: Ecco ccà. (Esegue, mentre D. Peppino si riaddormenta.) Che me haje da dì?

TOTONNO: Haje da sapé ca stu matrimonio e d. Lisetta cu D. Felice nun se farrà.

NINETTA: E pecché? Chille mò fanno pure a lo Municipio!

TOTONNO: Pe primma cosa nun voglio io, pecché succedenno stu spusarizio io nun so’ trattato comme a primma, perciò faccio tutto lo possibile pe farlo scumbinà. Poco fa aggio mannato na lettera anonima a D. Giannattasio, e si nun fa effetto, ce sta chest’ata per D. Felice.

NINETTA: Seh! E pò?...

TOTONNO: E pò, haje da sapé ca D. Felice tene nu brutto difetto ca nun passano duje juorne doppo spusato ca s’appicceca co la mugliera.

NINETTA: E pecché?

TOTONNO: Pecché mentre ca sta parlanno tanto bello, ce sta dicenno: Sciasciona mia, simpaticona mia, bella mia, sente nu rummore, na cosa che cade nterra, o na porta ca se chiude, o ato, se refredda e nun le dice niente cchiù e rimmane comme a na mummia.

NINETTA: Uh! Povero giovane!...

TOTONNO: Siente ancora. Poco tiempo fa, isso faceva ammore cu na signorina e io nce facette scumbinà lo matrimonio, pecché mentre isso parlava, io, o alluccavo, o le ruceliave nu bastone pe miezo li grade, o sbatteva na porta e isso llà per llà, s’arrefreddava fino a che la signurina se nquartaje e nun lo vulette cchiù!

NINETTA: E mò chesto succedarrà pure cu d. Lisetta.

SCENA SECONDA

D. Giannattasio e detti.

GIANNATTASIO (d.d.):Arrecettate buono sti stanze e particolarmente quella da letto.

TOTONNO: Uh! Vene D. Giannattasio, statte bona. (Via.)

NINETTA: Statte buono.

GIANNATTASIO (fuori):Guè, tu che faje lloco?

NINETTA: Sto aspettanno l’ordine di vostra Eminenza.

GIANNATTASIO: Mbè! Va dal pasticciere e dincello ca priparasse tutto chello che l’aggio ordinato. (A Peppino:) E chillo che fa llà?

NINETTA: Signò... l’è scappato lo suonno.

GIANNATTASIO: L’è scappato lo suonno? (Scuotendolo.) Guè bestia, scetate.

PEPPINO: Uh! Signò.

GIANNATTASIO: E comme, tu invece de fa li e servizie, te miette a durmì? Fallo n’ata vota ca te piglio a pacchere!

PEPPINO: Signò, vulite sapé la verità, io nun me fido...

GIANNATTASIO: De che cosa?

NINETTA De trattenerse lo pianto, sapenno ca s’adda maretà la signurina. Vuje lo sapite ca Peppino va vò bene e nun se fide de ngottà chiù ncuorpo. (Lo vorria affucà!).

GIANNATTASIO: Haje ragione, caro Peppino, ma il mondo cammina così e cunosce chello che fa.

PEPPINO: Signò, pe sta jurnata me ne voglio j, perciò...

NINETTA: Ah! già! se ne vò j, se ne vò j, cioè vò lo permesso pe sta jurnata de passarla a chiagnere.

GIANNATTASIO: No, Peppino mio, piuttosto quando si va al Municipio te ne vaje dinto a cammera e può chiagnere a piacere tujo. Ma il permesso per una giornata non te lo posso accordare. E pò credo che due ore ti basteranno pe chiagnere.

PEPPINO (a Ninetta):Ma io nun aggio ditto...

NINETTA: Statte zitto!

GIANNATTASIO: Pensiamo ad altre cose. Quello che vi raccomando, arricettate bene le cammere e state allegri come sto io. Anze io voglio che in casa mia stanno tutti allegri. Vedete che sono padre e che dovrò distaccarmi da una figlia, non sto allegro? Perché non dovrei stare allegro? Perché? Perché? Perché? Anzi, voglio ballare. Però sto un poco ingottoso, neh pecché sto ingottoso?

NINETTA (stringendo Peppino): Jammo Peppì. Signò permettete. (Viano.)

GIANNATTASIO (siede):Pensando che oggi mi devo dividere da mia figlia mi viene la voglia di piangere. Neh! Pecché aggia piangere? D. Felice è nu buono giovine e io so’ cuntento perché è nu buono partito per mia figlia. A proposito, stammatina ho avuto na lettera con un carattere accussì mbrugliuso. Basta, vediamo si la ngarro. (La cava dalla tasca.) Vì che carta geografica! (Legge:) Chest’è-C-e va bene C e A -ca va bene, ccà adda dicere: carissimo signore, pecché tutte le lettere accussì accumenciano. Appriesso; sta lettera co la zampetella, ma ched’è? Ccà nun se capisce niente! Mò che vene lo maestro ce la faccio leggere a isso. (Lisetta d.d. cantando una canzone a pianoforte.) La vì lloco, come canta bene! Mia figlia è molto istruita.

SCENA TERZA

D. Alessio e detto.

ALESSIO (sotto l’uscio):Caro D. Giannattasio!

GIANNATTASIO: Zitto!

ALESSIO: Chi è? (Sente la musica e canta con lazzi.)

GIANNATTASIO: Come fila bene, come canta bene!

ALESSIO: Ah! è una cosa da non credersi!

GIANNATTASIO: Caro D. Alessio, sapete che stammatina se fanno le festine, na cosa le novità.

ALESSIO: Se capisce, si no site criticato.

GIANNATTASIO: L’aggio truvato nu giovane, na cosa degna di mia figlia, na pasta de mele, nu bisciù, è nu giovane ca se pò affiancà cu figliema, perché so’ sicuro ca le farrà na bona cumpagnia!

ALESSIO: Bravo, bravo!

GIANNATTASIO: Ma poi pensando che mia figlia non mi appartiene più, sto un poco ingottoso!...

ALESSIO: (Bello quell’ingottoso!).

GIANNATTASIO: A proposito, stammatina ho ricevuto una lettera. (La cava.) Leggitela vuje, ca io non l’ho potuta capire perché lo carattere è accussì mbrugliuso ca nun se capisce niente.

ALESSIO: (Chill’isso nun sape leggere e pò trove le scuse!). (Legge:) «Carissimo signore. Guardatevi bene di fare sposare vostra figlia con D. Felice, perché è un giovane scapestrato e fa l’amore con parecchie sartorelle e modiste. Mandate a mondo questo matrimonio. Firmato - Un amico».

GIANNATTASIO: D. Alè, mò nun sapite leggere vuje, è possibile ca sta lettera dice questo?

ALESSIO: è tanto vero per quanto è vero ca nuje stammo assettate ccà. Però io vi consiglio una cosa.

GIANNATTASIO: E quale?

ALESSIO: Chi ha scritto questa lettera, adda essere un individuo ca per conseguenza invidia questo matrimonio.

GIANNATTASIO (caccia la tabacchiera e ne sorbisce una pizzicata, caricata, con segno di partenza).

ALESSIO: Volete che me ne vado? Statevi bene! (Per andare.)

GIANNATTASIO: Addò jate?

ALESSIO: Vuje m’avite fatto segno di andarmene.

GIANNATTASIO: E io il tabacco così lo prendo.

ALESSIO: E chisto è un modo barbaro de piglià tabacco!

GIANNATTASIO: Dunque, quello che mi avete detto mi capacita, lo dicevo pur’io ca nun era possibile, D. Felice è nu buono giovane e non ha le qualità d’uno scapestrato, pecché è stato sempre in paese. Anze mò la straccio (esegue) così nun ce penzo cchiù. Oggi è giorno d’allegria e non voglio pigliarme collera. Come ve pare maestro? Ho fatto bene?

ALESSIO: Benissimo! Da vero uomo serio.

GIANNATTASIO: Ah! Viene mia figlia!

SCENA QUARTA

Lisetta e detti.

LISETTA: Buongiorno papà, maestro vi saluto.

GIANNATTASIO: Buongiorno, figlia mia! (Dicite la verità, che figlia tengo io?).

ALESSIO: (Caspita!).

LISETTA: Papà, D. Felice ancora adda venì?

GIANNATTASIO: No, vene n’ato poco, che giorno d’allegria ch’è chisto! Ma Lisé, tu nun staje allegra, pare comme stisse penzanno a n’ata cosa. Ch’è stato?

ALESSIO: è la soggezione, capite, chella mò se sposa; e una ragazza che se marita, penza a mille cose.

GIANNATTASIO: è vero, dice buono lo maestro, viene ccà a papà tujo, ca n’atu poco nun apparttenarraje cchiù a mme, ma a lo sposo tujo. Ed io devo stare allegro, mo sto ingottoso perché mi dispiace. T’aggio cresciuta cu le mullechelle e mò t’aggia dare ad un altro che ti dev’essere compagno per tutta la vita.

LISETTA: Papà, diciteme na cosa: io m’aggia piglià uno marito?

GIANNATTASIO (ridendo):Ah! ah!... e quante te ne vuò piglià?

LISETTA: Almeno tre.

ALESSIO: (L’ha pigliato pe cacciuttielle!).

GIANNATTASIO Nonzignore, uno dev’essere! Ah! ah! maestro... dicite la verità, comm’è genova!

ALESSIO: (No, è Milano!).

LISETTA: Papà, stanotte m’aggio sunnato nu bello suonno. Lo vulite sentere?

ALESSIO: Seh! Sentiamo. (Si seggono.)

GIANNATTASIO: Conta, conta.

LISETTA: Me pareva ca io ero spusata e ca ero la Regina, lo sposo era D. Felice ch’era nu Principe e vuje ireve n’Imperatore.

GIANNATTASIO: Accussì sperammo, accussì sperammo!

ALESSIO: (Chist’ato vò essere Imperatore!).

LISETTA: Io nzieme co lo sposo, jevemo dinto a na bella carrozza tirata da otto cavalle co li mante nire e tutte france.

ALESSIO: Accussì sperammo, accussì sperammo! (Chella s’ha sunnato lo carrettone!).

LISETTA: Mentre cammenavene avimmo visto dinto a na carrozza nu cane niro. Io me so’ posto a strillà e D. Felice lo vuleva accidere. Neh! Papà, indovinate chi era stu cane? Ah! ah! ah! (Ride.)

GIANNATTASIO: Chi era?

LISETTA (sempre ridendo):Ah! ah! era lo maestro! ah! ah!

ALESSIO: (Era l’arma de pateto!).

LISETTA: Pò vedenno che lo sposo mio lo vuleva accidere, isso ha ditto: «Pe carità io so’ maestro, nun me facite niente»; D. Felice n’ha avuto compassione e nun l’ha fatto niente; lo cane, pò, fujenno è addeventato nu scurpione.

GIANNATTASIO: Accussì sperammo, accussì sperammo!

ALESSIO: (Mò so’ nu scorpione mò!).

LISETTA: Ma pò nuje vedenno chill’animale, avimmo pigliato lo fucile e l’avimmo acciso.

GIANNATTASIO: Accussì sperammo, accussì sperammo.

ALESSIO: (Dalle dà!).

LISETTA: Pò nun saccio comme da dinto a na carrozza nuje ce simmo trovate dinto a nu carcere oscuro oscuro.

ALESSIO: Accussì sperammo, accussì sperammo.

GIANNATTASIO: Chesto pò no!

LISETTA: Pò papà vestuto lo Imperatore...

ALESSIO: Pareva lo re de’ Cinesi!

LISETTA: No, s’è appiccecato co lo carceriere pecché ce vuleva fà ascì, e chillo pe cumbinazione l’ha dato nu schiaffo.

GIANNATTASIO: All’Imperatore?

ALESSIO: Imperatore e buono v’ha paccariato!

LISETTA: Io me so’ misa a strillà e accussì me so’ scetata.

GIANNATTASIO: è nu suonno c’accumencia buono e finisce male. Ma io nun ce pozzo penzà. Ah! ah! (Ride.) Lo maestro primma era un cane e doppo era nu scurpione. Ah! ah! ah!...

ALESSIO: Ma vuje avite avuto nu paccaro!

GIANNATTASIO: Ma chillo è suonno che c’entra!

ALESSIO: (Guè, pe isso è suonno e pe me no!).

LISETTA: E quantu tiempo aggia aspettà a D. Felice? Facimmo ammore da tantu tiempo e nun l’avite fatto saglì ca due vote ccà ncoppe, puro e buono ca m’aggio mparato a fà li segne. Quanno D. Felice s’affacciave a la fenesta, ce parlavame e ce faceveme li segne co li mare.

ALESSIO: Chella è genova nun è overo?

GIANNATTASIO: Seh! E chi t’ha mparato a fa sti segni?

LISETTA: L’aggio visto e fà da na signora ca steva affacciata a lo balcone sujo e faceva ammore cu nu giovanotto.

GIANNATTASIO: E che segne facè?

ALESSIO: Meh! Facitece a vedé.

LISETTA: Ecco ccà: facimmo ca D. Felice stesse llà, e io stesse ccà. Isso da llà me fa segno: Papà a che ora esce? (Gesticolando.) Io, si vuje ascisseve a le 6, facesse accussì. (Esegue.) Si pò ascisseve all’11, io rispunnesse accussì. (Fa le corna.)

ALESSIO: E chisto è nu brutto segno!

LISETTA: Isso me salutava e diceva: Io t’amo! (azione) e io lo rispunnevo ca pur’io lo vulevo bene... e pò...

GIANNATTASIO: E pò che...

ALESSIO: Seh! Mò nce truvammo!

LISETTA: Me menava nu bacio.

GIANNATTASIO: E tu?

LISETTA: E io pure lo stesso!

ALESSIO: E comme facive?

LISETTA: Accussì. (Fa segno di baciare.)

GIANNATTASIO: Maestro, chella è genova!

ALESSIO: Se capisce, nce pare!

SCENA QUINTA

Peppino, poi Felice da sposo, Totonno e detti.

PEPPINO: Signò, vene D. Felice. (Via.)

GIANNATTASIO (si alzano):è isso, lo sposo, a te cala la capa nterra e fa vedé ca sì scurnosa.

LISETTA: E pecché?

GIANNATTASIO: Io te dico le calà la capa! (Lisetta esegue.)

FELICE (sotto la porta):Signori!

GIANNATTASIO: Caro D. Felice, entrate, vi presento il signor Alessio Pertusillo.

FELICE: Caro Pertusillo (mano) piacere di fare la sua conoscenza.

ALESSIO: Figuratevi la mia.

GIANNATTASIO: Accomodatevi.

FELICE: Totò, piglia le seggie.

TOTONNO: Subito. (Esegue.)

GIANNATTASIO: Prego. (Lazzi, poi seggono.)

ALESSIO: (Chisto pe s’assettà ha perduto n’ora!).

FELICE: Ma forse a Lisetta l’esce lo sango da lo naso?

GIANNATTASIO: No, sta co la capa calata pe suggezione.

FELICE: Lisetta, perché avete soggezione?

LISETTA: No, io nun tengo scuorno, è stato papà c’ha voluto accussi.

ALESSIO: (Benfatto!).

GIANNATTASIO Non è vero, quell’è suggezione. E poi si sa, caro D. Felice, adesso s’accosta l’ora dell’esecuzione.

FELICE: (Avrà da essere mpiso qualcheduno!).

GIANNATTASIO: D. Felice, adesso andiamo al Municipio. Sapete io sono il padre e dovendomi dividere da mia figlia me sento spartere lo core. Però io so’ contento che l’ho data a voi, che siete un buono giovane, anze stammatina ho avuto na lettera anomina che diceva tante cose contro di voi. Ma io non ci ho prestato fede e l’ho stracciata.

FELICE: Avete fatto bene; non so come si possa calunniare un povero giovine che si fa i fatti suoi.

TOTONNO: (è fallito lo primmo tentativo, ma ccà nce sta n’ata lettera pe D. Felice!).

GIANNATTASIO: Basta, non ci pensiamo più. Veniamo a noi D. Felì, io vi do un pezzo di pane e un pezzo di burro, sappiatelo custodire.

FELICE: Quanno me l’aggio mangiato?

ALESSIO: Ah! ah! Ve la vulite mangià? Quello vuol dire, che vi affida sua figlia.

FELICE: E voi mi dite lo pane e lo burro!

GIANNATTASIO: Capite io so’ padre e vi do na figlia d’oro, una figlia virtuosa, e sa suonare pure lo pianoforte.

FELICE: Anche io so suonare il pianoforte. (Soggetto.)

GIANNATTASIO: Io me l’aggio cresciuta cu e mullechelle e da piccerella me so’ occupato solo per la sua educazione. Certamente io sono il padre e capite bene...

FELICE: Lo so!... (L’ha ditto cchiù de na diecina de vote!).

GIANNATTASIO: Mariantonia me la lassaje piccerella.

FELICE: Chi? La guardaporta?

GIANNATTASIO: Nonzignore. Mariantonia era mia moglie, gloria all’anima sua! (Addolorato.)

FELICE: Amen!

ALESSIO: (Comme so’ curiuse tutte e duje!).

GIANNATTASIO: Lisé dì na parulella a lo sposo tujo. D. Felì dite na pa rola a la sposa. Vuje non ve muvite, jammo parlate, dite due parole azzeccose, neh!

FELICE: Lisetta mia cara, cara, voi me vulite bene? Sì? Sappiate che oggi sposiamo. Io per voi sarò uno sposo affezionato, sarò un cagnolino e obbedirò ad ogni vostro cenno.

LISETTA: Caro D. Felice, io non ve pozzo dicere ato ca ve voglio bene, ca me site simpatico... ve vurria dicere tant’altre cose, ma... nce sta papà e lo maestro e nun pozzo parlà.

GIANNATTASIO: Have ragione la guagliona, è genova!

ALESSIO: (Dalle dà!).

SCENA SESTA

Enrico e detti, indi Arturo, poi Alfredo.

ENRICO (parla di fretta): Ah! Carissimo zio come state? state bene? Mi pare che vi vedo bene, anzi più grasso. Bravo, da sei mesi che non vi vedo, vi siete fatto più bello.

GIANNATTASIO: Caro Enrico, benvenuto.

ENRICO: Sì, caro zio, non appena ricevetti la vostra lettera che mi annunziava il matrimonio di mia cugina, subito mi presentai al mio Colonnello per chiedergli una piccola licenza che me l’accordò, mi misi in viaggio e son venuto proprio il giorno in cui sposa la mia cuginetta. Brava Lisetta, in verità ti trovo molto bella, molto simpatica. Maestro carissimo, vi saluto. Ah! Ma voi vi siete fatto più brutto. E questo signore? (Si seggono.)

GIANNATTASIO: è il promesso sposo di Lisetta.

ENRICO: Ah! Mi piacete, siete un bel giovane. Ed io credo che resterete contento di mia cugina. Eh! Si vede, è un giovane svelto pieno di brio. Bravo mio zio, ha saputo scegliere. Sapete in questo caso la beltà dello sposo è difficile, ma pur tuttavia non c’è che dire, è molto elegante, simpatico abbastanza, volete farmi la gentilezza di dirmi come vi chiamate?...

FELICE: Felice!...

ENRICO: Sciosciammocca? Sì, ora mi ricordo. Dunque si va quest’oggi al Municipio? Che piacere venire proprio in questo giorno... Voi, caro zio, vorreste sapere perché sono venuto ora? Adesso ve lo spiego. Sono arrivato in Napoli da tre ore solamente e son venuto qui direttamente perché uno che manca da un paese da tanto tempo, appena che arriva, non fa un passo che non trova un amico. Ah! Come stai? Dove sei stato? Dove vai? Dove ti trovi col reggimento? ecc. ecc. Poi si va a fare qualche visita particolare e non si parla d’altro, che delle cose avvenute in tutto il tempo che non ci siamo veduti. E una parola l’uno, una parola l’altro, passa il tempo. Ecco perché sono in ritardo da tre ore!...

GIANNATTASIO: Dunque oggi...

ENRICO: Oggi? Oggi vi darò il piacere di restare a pranzo con voi. Ma che zio eccellente, che zio eccellente! Ho detto: mangerò con voi, subito ha risposto di sì, bravo! anche sciampagne? Caro zio, questa sera ne vuoteremo diverse bottiglie. Certamente vi saranno anche i dolci? Ebbene per far contento mio zio e la cara cuginetta mangeremo pure i dolci.

FELICE: (Mall’arma de zieto, me pare na teroccela!).

ENRICO: A proposito, sapete che io non sono venuto solo, è venuta con me una brava persona, un sottotenente mio ottimo amico. Certamente, zio mio, non vorrei farlo calare, perché lo zio così vuole e bisogna obbedirlo. (Va alla finestra:) Arturo, Arturo, vieni, vieni di fretta. Adesso vedrete miei cari che bel giovane, e un mio svisceratissimo amico, e ci vogliamo molto bene, ed io specialmente lo stimo, perché ne ha tutte le buone qualità; sta comodo di famiglia, possiede molte rendite e non vuole quando vede un amico staccarsene da vicino. E a me poi, non mi ha visto da tanto tempo. (Entra Arturo.)

ARTURO: Signori vi saluto.

ENRICO: Vieni qua Arturo, ti presento mio zio Giannattasio Borbone, e qua anche Felice Sciosciammocca, prossimo sposo di mia cugina Lisetta qui presente. Vi è anche il signor Alessio Pertusillo, maestro insigne, un uomo raro e d’oro. Caro Arturo, questa mattina devi farmi il piacere di pranzare con noi, mio zio così vuole. Lo so, dovevo venire io da te, ma non importa, verrò domani; oggi devi restare con noi, non dire di no perché lo zio potrebbe offendersi ed io non voglio dargli dispiaceri.

ARTURO: Farò come tu vuoi. E Alfredo che sta vicino al caffè?...

ENRICO: Ah, sì, è vero, hai ragione, mi ero dimenticato. Caro zio, voi permettete che io fo salire un altro amico... sì? Va bene. (Alla finestra.) Alfredo, Alfredo, vieni presto. Questo è anche un sottotenente, amico mio, e prossimo a divenire tenente, molto simpatico e rispettato al reggimento per le sue ottime qualità, non è vero Arturo?

ARTURO: Ah! sì!...

GIANNATTASIO: (Mamma mia! Chisto m’ha stunato!).

FELICE: (Che afflizione!).

ENRICO: Ah! Eccolo che viene! (Entra Alfredo.)

ALFREDO (sotto l’uscio): Signori!

ENRICO: Ah! Caro Alfredo, vieni qua, senza cerimonie, fa come qui fosse casa tua. Signori, vi presento Alfredo Capone, sottotenente di fanteria del 910 reggimento, 50 Battaglione.

ALFREDO: Signorina. (Le bacia la mano.) Ho l’onore di fare la vostra conoscenza.

FELICE: (Guè, chillo comme fa lo farenella!).

ENRICO: Questa mattina miei cari, mia cugina sposa il signor D. Felice Sciosciammocca, perciò avremo l’onore di pranzare con gli sposi, vogliamo proprio divertirci e mantenerci allegri tutti, affinché terranno a memoria il giorno del loro matrimonio. Non è vero caro zio?

GIANNATTASIO: Sì, sì, qua c’è pure lo giardino, se volete ristorarvi un poco.

ENRICO: Sì? E dov’è caro zio?

GIANNATTASIO: Venite, io vado a preparà lo sciampagne. D. Felì, D. Alè, venite.

ALESSIO: Jammo. (Ca si sto n’atu poco, io crepo!).

GIANNATTASIO: Venite, lo sciampagne v’aspetta. (Via con Alessio.)

FELICE: (Cielo mio fannell’j!).

ENRICO: Sì, andiamo cari miei. D. Felì permettete. Cara cugina noi andiamo a bere. Amici alò. In riga! Avanti, maich!... ( Viano tutti e tre.)

LISETTA: D. Felì permettete io me vaco a vestl. (Via.)

FELICE: Chillo vu chella terocciola m’ha nzurduto! mannaggia l’arma de zieto, io nun ce sento cchiù!

TOTONNO: Avete visto come vi trattano? Se ne so’ ghiute abbascio a lo giardino senza dive niente. Io ve lo dicette, non ve nzurate e vuje tuosto ve vuliste nzurà pe forza. Pensateci buono primma, almeno doppo nun ve ne pentite.

FELICE: Totò questi so’ affari che non ti appartengono!

TOTONNO: Era per bene vostro, perché vuje sapite chillu brutto difetto ca tenite, nun appena sentite strille o nu rummore, non site cchiù buono de fà niente. Perciò penzatece bene.

FELICE: Nun te ne ncarricà. Totò vattenne, Totò!

TOTONNO: Stateve bene. (Mò t’acconcio, ce sta n’ata lettera pe te!). (Via.)

FELICE: Totonno me pare che ha nu poco de ragione. Io tengo chillu brutto difetto ca nun me fa cumbinà niente. Speriamo che Lisetta non se n’accorgesse si no comme faccio? Lisetta quanno m’è mugliera, me ne voglio vedé bene! Ah!... sta venenno, mò è lo tiempo di dirle quatte parole. A te Felì, coraggio!

SCENA SETTIMA

Lisetta e detto poi Totonno.

LISETTA (esce con cappello): D. Felì?... Finalmente ve trovo na vota sulo.

FELICE: Lisé ma parlami col tu, fra poco avimma essere marito e mugliera.

LISETTA: (Sti cerimonie so’ inutile, have ragione). Siente Felì...

FELICE: Bravo, così devi parlare, con molta confidenza.

LISETTA: Dunque siente. Io tutto stu tiempo ca so’ stato senza tenerte vicino aggio penzato sempe a te e dicevo tra me stessa. Mò vurria tanti parole, per esempio, ca io penzo sule a te, tu si bello, simpatico, accuoncio, aggraziato!

FELICE: Lisetta mia, io pure penzavo sempe a te. Penzavo a chillu mumento de sta abbracciato cu te e dirti: tu sì bona, simpaticona, aggrazziata, e lasciate bacià sta manella. (Per baciarla.)

TOTONNO (di fretta, con lettera, gridando):Signò, sta na lettera.

FELICE: Mamma mia! (Pauroso, poi vede Totonno.) Puozz’j sotto a nu trammo!

LISETTA: Felì e pecché te ne sì ghiuto da vicino a me? Pecché haje fatto chillu zumpo?

FELICE No, niente! (A Totonno:) Tu accussì strille?

TOTONNO: Aggio strillato? Nun me ne so’ accorto. Leggite sta lettera ca è di premura.

FELICE: Nun me stunà, vattenne, nun la voglio leggere.

TOTONNO: Ma è cosa di...

FELICE: T’aggio ditto vattenne!

TOTONNO: Stateve bene. (Ha fatto lo primmo zumpo!). (Via.)

FELICE: Chella bestia è venuto addereto strillanno e m’ha fatto fa chillu zumpo!

LISETTA: Nun me mporta. Basta, teccote la mano e dance quanta vase vuò tu, jammo, primma ca vene quaccheduno.

FELICE (esegue):Che bella mano! (overo ch’è purposa sà!) mano gentile te voglio vasà ciento vote, mò ca nce sta lo tiempo!

SCENA OTTAVA

Enrico, Alfredo, Arturo e detti, indi Giannattasio e Totonno.

ENRICO (entra ad un tratto dando un gran colpo di sciabola sul tavolo e tenendo una bottiglia in mano): Ecco la bottiglia, la darò a colui che sarà buono a strapparmela.

ALFREDO: Via la bottiglia!

ENRICO: Venite a prenderla. ( Viano gridando.)

LISETTA: Ched’è, te sì appaurato n’ata vota?

FELICE: (Io tremmo comme a na foglia!).

LISETTA: Uh! E chesto ched’è, bacia, presto, bacia!

FELICE: Farò come vuoi tu. (Per baciare.)

TOTONNO (gridando):D. Felì, lesto, mettiteve sotto lo braccio de la sposa.

FELICE (impaurito):Che!...

LISETTA: Guè, curaggio, baciammoce e pò jammo a lo municipio.. Uh! E chest’è malatia ca tiene!

FELICE (sempre tremando): Chillo mi ha dato chillo strillo ncapo.

LISETTA: Nun fa niente, bacia.

FELICE: Ecco. (Tremando, per baciare.)

GIANNATTASIO: D. Felì?

FELICE: Mamma mia!

GIANNATTASIO: D. Felì, jammo a lo municipio!

LISETTA: Priesto Felì, miettete sotto a lo braccio.

FELICE: Nu mumento. (C.s.)

GIANNATTASIO: Io vi precedo. (Via.)

LISETTA: Felì e quanno?

FELICE (trema con lazzi).

LISETTA: Ma pecché triemme? La verità non me credevo ca ire accussì, jammo miettete sotto a lo braccio! (Felice trema.)

SCENA NONA

Enrico e detti poi Ninetta.

ENRICO: Ah! Cara cuginetta stai ancora qui? Vieni! (Prende Lisetta sotto il braccio e viano.)

FELICE: Se ne so’ ghiute... (Tremando prende lo chemise; di dentro si sente un rumore di piatti rotti.)

NINETTA: Signò curite, s’è abbuccata la cristalliera cu tutte le piatte!

FELICE (facendo scena):N’ato guaio! (Via tremando e facendo lazzi per indossare lo chemise.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

Altra sala in casa di D. Giannattasio. Due porte in fondo, quella a destra conduce in giardino. In mezzo mensole con guantiere, bottiglie e candelabri. Tavolino con grosso libro illustrato e scatola di cerini.

SCENA PRIMA

Peppino e Ninetta portando dei dolci, poi Giannattasio, indi Totonno.

PEPPINO: Io nun me fido cchiù dinto a sta casa! Niné quanno fernimmo de j da sotte e da coppe? Io mò scunocchio!

NINETTA: N’atu poco, Peppì, e tutto fernesce, agge pacienza.

GIANNATTASIO: Jammo lesto Peppì. Niné fa priesto ca dinto aspettano li dolce.

NINETTA: Subito. (Via con Peppino.)

GIANNATTASIO: Ah! Che bella giornata, che bella festa, che bella cosa! Ah, questa sera mi son proprio divertito! D. Felice sta dinto tanto cuntento, l’aggio priparato na sorpresa a isso e a figliema dinto a lo giardino, e quanno stanno per coricarsi... allora...

TOTONNO: (Pare c’aggio fatto chesto! Cu tutte le lettere che aggio mannato a D. Felice, chillo pure s’ha spusato. Mò nun aggio proprio che fà cchiù!).

GIANNATTASIO: Totò, D. Felice addò stà?

TOTONNO: Sta dinto a lo giardino nzieme co la figlia vosta.

GIANNATTASIO: Hanno vippeto nu poco, è overo?

TOTONNO: Se capisce.

GIANNATTASIO: Dì la verità, ce l’aggio truvato nu buono partito a figliema?

TOTONNO: Sicuro. D. Felice è un buonissimo giovane, ve l’assicuro io.

GIANNATTASIO: Mò che ora è? Vide tu ca lo mio nun va buono.

TOTONNO: Si lo tenesse!...

GIANNATTASIO: Comme tu nun lo tiene lo rilorgio?

TOTONNO: Io me lo vennette, signò.

GIANNATTASIO: Me dispiace. Ma al primo sgravo di mia figlia, se farà na femmena avrai un orologio d’argento, se poi farà un maschio l’avrai d’oro.

TOTONNO: Bravo! Dunque si è femmena, sarrà argiento, e si è mascolo sarrà d’oro?...

GIANNATTASIO: Si è maschio d’oro.

TOTONNO: (E l’aggio avuto pena pressa! Intanto mò lo matrimonio nun lo pozzo scumbinà cchiù, pecché già se so’ spusate. E meglio ca ce scrivo n’ata lettera a D. Felice per rassicurarlo).

SCENA SECONDA

Enrico e Arturo conducendo Alessio ubbriaco.

ARTURO: Ah! ah! Bravo il maestro.

ALESSIO: Piano, piano non mi fate cadere.

GIANNATTASIO: Vì comme sta mbriaco chillo!

TOTONNO: So’ state l’ufficiale ca l’hanno fatto vevere.

ENRICO: Venite qua, maestro siete proprio grazioso, fateci sentire quel brindisi che avete fatto poco prima.

ALESSIO: Un’altra volta il brindisi?...

ENRICO: Sì, il brindisi.

ARTURO (dandogli il vino):Prendete.

ALESSIO (declamando):

«Finché ho un po’ di fiato

Voglio bere e voglio gridare

Alla salute del soldato

Questo vino è tracannato».

ENRICOARTURO: Bravo! Bravissimo! Ah! Ah!...

GIANNATTASIO: Neh! E l’altro ufficiale addo stà?

ENRICO: è andato un momento al caffè.

GIANNATTASIO: Maestro avete preso sta pelle!

ALESSIO: E che sto ubbriaco io? Siete voi ubbriaco! Io ho bevuto solamente due bicchieri. Chi ci ha colpa? D. Giannattasio che ci ha dato il vino misturato.

GIANNATTASIO: Comme?...

ALESSIO: Sì, misturato. Ma dico io, invece di comprare quello da 8 soldi ne potevate piglià la metà ma quello di 16 soldi.

ENRICOARTURO: Ha ragione! Già, già!

GIANNATTASIO: Chillo nun sape chello che dice!...

ALESSIO: Ma perché mi fate stà seduto? Io voglio camminà, andiamo nel giardino a godere un po’ d’aria!

ENRICO: Sì, nel giardino, ma prima ripetete il brindisi.

ALESSIO: «Finché ho un po’ di fiato

Voglio bere e voglio gridai

Mi son ubbriacato

Perché il vino è misturato!...»

ENRICO: Benissimo! Ah! ah!

ARTURO: Portiamolo noi! (Lo portano via con la sedia.)

GIANNATTASIO: Vì che pella che ha pigliato chillo!

TOTONNO: E pò ha ditto ca lo vino era misturato, vedite si pò essere: chello è vino de lo fusto nuosto.

GIANNATTASIO: Totò nun ce penzà. Se capisce che si deve perdonare l’uomo ubbriaco. Mò penzammo a nuje. Io aggio priparato na bella surpresa per D. Felice dinto a lo giardino, ma na cosa proprio bella.

TOTONNO: E ched’è sta surpresa?

GIANNATTASIO: E si te la dico a te fernesce la surpresa, fernesce lo bello, quanno è l’ora vedrai. Mò vaco dinto a lo giardino ca si no pò essere ca chille me guastano la surpresa. Che bella cosa! (Via.)

TOTONNO: Va trova che sàrà sta surpresa? Basta, lasseme j a fà la lettera a D. Felice per farle sta co lo penziero cuieto! (Via.)

SCENA TERZA

Felice solo con lettera, indi D. Giannattasio.

FELICE Ah! Ca nun me fosse mai nzurato. Mall’arma de chillu brutto difetto ca tengo! Mò steveme dinto a lo giardino io e Lisetta, sò ghiuto pe mettere la mano dinto a la sacca e aggio truvato sta lettera; l’aggio aperta e appena l’aggio letta so’ rimasto co la vocca aperta. Essa che ha visto chesto m’ha fatto na guardata e se n’è ghiuta. E comme m’aggia regolà mò? Chesta è na lettera tanto curiosa! (Legge:) «Caro D. Felice. Vi avverto di non sposare Lisetta perché faccio io l’amore con lei da un anno e mezzo. Se poi dietro il mio avvertimento ve la sposerete, quando vi trovo vi sparo. Firmato: Un malandrino». Vi sparo? Me spara?! E che m’ha pigliato pe quaglia? E pò chi è stu malandrino? Sarrà forse uno de lo quartiere. Ah! Ma quanno vene D. Giannattasio ce lo dico ca io nun ne sapevo niente che la figlia faceva ammore cu nu malandrino. E poi si vede che Lisetta è una faccia tosta, pecché fa tanta cerimonie a chillu farenella de lo tenente. Mò che vene lo pate parlammo!

GIANNATTASIO: D. Felì state lloco?

FELICE: Sissignore sto qua, per mia sfortuna!

GIANNATTASIO: Per vostra sfortuna? Ma spiegatevi meglio, che significa sta parola?

FELICE: D. Giannattà volete bene a vostra figlia?

GIANNATTASIO: Eh! Io sono il padre!

FELICE: Ebbene, rispondete alle mie interrogazioni! Vostra figlia D. Giannattà, prima di sposare me D. Giannattà, ha fatto mai l’amore con nessuno, neh! D. Giannattà?

GIANNATTASIO: Nonzignore.

FELICE: Ed io vi dico di sì, D. Giannattà!

GIANNATTASIO: Io sono il padre e so che mia figlia non ha fatto mai l’amore con nessuno.

FELICE: Io lo so che lo faceva...

GIANNATTASIO E FELICE: D. Giannattà?…

FELICE: Ma ched’è, vuje me burlate?

GIANNATTASIO: Vuje ogne tanto ve ne venite, D. Giannattà! E basta una volta cattera! Con chi faceva l’amore?

FELICE: Cu nu malandrino!

GIANNATTASIO: D. Felì, D. Felì, io sono il padre, badate come parlate che io non ho mai conosciuto questo malandrino. Ah! Cattera! Mia figlia è la perla delle giovani e voi la insultate così. Si lo sapevo primma nun ve la facevo spusà!

FELICE: Ma io ho ricevuto un bigliettino.

GIANNATTASIO: Insultare mia figlia!

FELICE: Ma io aggio avuto un biglietto!

GIANNATTASIO: M’aggio vippeto chistu cato de veleno.

FELICE: Io ho ricevuto un bigliettino.

GIANNATTASIO: E chi se puteva credere che...

FELICE: Neh! D. Giannattà, vuje me la vulite fà dicere na vrenzola de parola?

GIANNATTASIO: Parlate!

FELICE: Io ho ricevuto un biglietto.

GIANNATTASIO (c.s.):Mia figlia faceva l’amore cu nu malandrino?

FELICE: Aggio capito. (P.a..) Statevi bene.

GIANNATTASIO: Venite qua, discolpatevi.

FELICE: Io stammatina ho ricevuto un biglietto e perciò ho detto quelle parole. Ecco, leggete voi stesso. (Glielo dà.)

GIANNATTASIO (legge):«Caro, caro...» è diretto a voi questo biglietto?

FELICE: Sissignore.

GIANNATTASIO: Allora (legge:) «Caro D. Felice, caro D. Felice...» Basta leggite vuje, pecché io tengo nu vuto ca nun leggo a la sera.

FELICE: (Vì che vuto fa chisto!). Mò leggo io, sentite. (Esegue.)

GIANNATTASIO: E chi è stu malandrino?

FELICE: E chesto è chello ca dicevo pur’io!

GIANNATTASIO: D. Felì volete sapé la verità, sarà qualche individuo, il quale non vorrebbe che vi sposate Lisetta, altrimenti si sarebbe firmato. Anch’io ho ricevuto na lettera anonima che diceva male di voi, sapete che ne ho fatto? L’ho stracciata!

FELICE: Ed io per favi vedere, vedete faccio lo stesso. (La strappa.)

GIANNATTASIO: Bravo D. Felice, un abbraccio.

FELICE: Con tutto il cuore. (Si abbracciano.)

SCENA QUARTA

Enrico, Arturo, Alessio indi Peppino.

ENRICO E ARTURO (d.d.):Ah! Ah! (Ridendo.)

ALESSIO (d.d.):Andate via, cattiva gente. (Fuori:) Voi mi avete ubbriacato per ridere sulle mie spalle. Ma io rido di voi.

ENRICO: Ah! ah! Reggetelo, perché potrebbe cadere.

ALESSIO: Io non casco. Voi vi credete che io sia ubbriaco? Voi, siete tutti ubbriachi! Mi dispiace che stiamo in casa di D. Giannattasio, altrimenti vi farei vedere chi è D. Alessio Pertusillo.

ENRICO: Ma che vi abbiamo fatto?

ALESSIO: Non voglio saper nulla, vi sfido a duello. Domani ce la vedremo. Voi siete tutti vastasi, sì, tutti vastasi.

GIANNATTASIO: Chillo comme sta mbriaco. (Suona il campanello.)

PEPPINO: Signò?

GIANNATTASIO: Accompagnate D. Alessio a casa sua.

ALESSIO: Io non voglio essere accompagnato, mi sento forte. Voglio andar solo... E poi voi mi fate paura... tanti vastasi. Sì, sì, fate il forte perché avete anche la sciabola. Ma io me ne rido della vostra arma, me ne rido del fucile, delle pistole, di tutto. (Via con Peppino.)

ENRICOARTURO: Ah! ah! ah! (Ridono.)

GIANNATTASIO: Chillo quanno è dimane nun s’arricorda niente cchiù. Neh! Veniteve a bere nu poco de champagne. (Via.)

ENRICO: D. Felì andiamo. Ah! Fortunato voi, questi sono i frutti del matrimonio.

FELICE: Andiamo. (E si no chisto nun la fernesce!)

ENRICO: Andiamo. (Lazzi nel passare poi via Felice.) Ah! ah! Com’è curioso, costui è un vero asino, com’è possibile ch’è piaciuto a mia cugina?

ARTURO: Però è un bel giovine.

SCENA QUINTA

Alfredo e detti.

ALFREDO: Enrì?

ENRICO: Finalmente sei venuto?

ARTURO: Hai ritardato assai.

ALFREDO: Ma vuje ce pazziate? A fà na cosa de chesta ce vò lo tiempo!

ENRICO: Dunque che hai combinato?

ALFREDO: Pe truvà dieci persone de musiche aggio cammenato tutta Napule, finalmente l’aggio truvate, ma vonno assaje!

ENRICO: (Proprio scisso!). Chi sà che piacere ne avrà mia cugina?

ALFREDO: Neh! Nun sapite niente? Questa finestra affaccia ncoppa a la loggia che appartiene a uno dei musicanti. Loro sonano llà ncoppe e io canto quanto voglio io.

ENRICO: Bravo, bravissimo, ci verremo anche noi.

ALFREDO: Sicuro.

ARTURO: Ci dobbiamo divertire.

ENRICO: A proposito, se tu fossi stato qui, ti saresti divertito assai con quella bestia del maestro, noi appositamente l’abbiamo ubbriacato, ed egli prima rideva e poi si è offeso chiamandoci vastasi! Ah! Ah! Ah!

I DUE (ridono).

ENRICO: Basta, quando andiamo dentro lo champagne ci aspetta.

ARTURO: Vengo. ( Viano Enrico e Arturo.)

ALFREDO: Dovrà essere una bella sorpresa per la sposa quando sentirà quella serenata. A proposito, m’aggio scurdato na sigaretta ccà ncoppe, voglio vedé si la trovo. (Esegue.)

SCENA SESTA

Ninetta, con bicchieri e bottiglia con acqua, e detto.

NINETTA (uscirà dal fondo per andare dentro).

ALFREDO: Bella figliò, avisseve visto na sigaretta ccà ncoppe?

NINETTA: Nonzignore. Ma vedite buono, si l’avite lassate, lloco adda stà.

ALFREDO: Nun fa niente. Ne tengo l’ate. (La prende.) Me vulite dà un cerino?

NINETTA: Sissignore. (Prende la scatola dalla mensola e gliela dà.)

ALFREDO: Grazie. (Accende.) (Eppure nun avevo fatto riflessione, sta serva è bona assaje!). Oie neh, me vulite dicere comme ve chiammate?

NINETTA: Ninetta a sevivi e...

ALFREDO: Eppure nun m’ero maje scuntrato cu buje, ma mò che v’aggio vista ve trovo assai simpatica.

NINETTA: So’ belle l’uocchie vuoste.

ALFREDO: Io veramente dico. Siente Niné, tu lo saje ca sì bona, ca sì bella, simpatica, e io me spiego subito. Vuò fà ammore cu me?

NINETTA: Che dicite, mò, subbeto, subbeto?

ALFREDO: Io accussì songo. Che dice?

NINETTA: Abbasta ca vuje nun me cuffiate.

ALFREDO: Te pare!

NINETTA: Quanno è chesto, ve dico ca vuje pure me site simpatico e accunzento a fà l’ammore cu vuje, ma m’avita dicere pe quanto tiempo?

ALFREDO: Pe sempe.

NINETTA: Pe sempe nun pò essere, pecché vuje nun state maje a uno pizzo.

ALFREDO: Pe n’anno, duje, tre...

NINETTA: A me basta nu mese sulamente.

ALFREDO: Comme vuò tu. Da che t’aggio vista me ne so’ ghiuto de capa. Tu sì bella, simpatica, chist’uocchie me parene 2 stelle! (L’abbraccia.)

SCENA SETTIMA

Giannattasio in osservazione e detti.

NINETTA: E vuje pure me piacite, site bello, aggraziato, accuoncio!

ALFREDO: Quanto sì bona, lassame vasà nu poco sta manella! (Esegue.)

GIANNATTASIO: Quanno avite fernuto me lo dicite!

NINETTA: Scusate.

GIANNATTASIO: C’aggia scusà! Iesce dinto! (Ninetta via.) E voi signor ufficiale pare a me ca chesto nun sta bene!

ALFREDO: Me so’ truvato.

GIANNATTASIO: Per questa volta va bene, ma n’ata vota, vedite addò ve truvate e pò...

ALFREDO: Voi mi permettete de fà ammore cu Ninetta?

GIANNATTASIO: Sicuro, però fuori di casa mia, qua non voglio ca se fanno sti cose.

ALFREDO: Allora vi prometto che in casa vostra non faccio niente più, ma fuori...

GIANNATTASIO: Quello che volete fare, a me poco interessa...

ALFREDO: Va bene, grazie. D. Giannattà permettete, vado un momento da vostro nipote. (Via.)

GIANNATTASIO: Servitevi; vuje vedite chillo justo ccà aveva vasà lamano! E se io nun venevo a tiempo va trove a che ghieve a fernì lo fatto. Ma sti canchere d’ufficiali addò se trovene fanno subito accampamento! (Via.)

SCENA OTTAVA

Felice e Lisetta.

FELICE: Viene ccà Lisetta, scusa se dinto a lo giardino...

LISETTA: Tiene nu brutto difetto. Dinto a lo giardino m’haje lassata de botta e te sì raffreddato mentre steveme parlanno accussì bello.

FELICE: Ma che vuo, m’è venuta chella lettera dinto a li mane!

LISETTA: Nun fa niente; nun lo fà cchiù; sino n’ata vota me faje piglià collera.

FELICE: Farò tutto il possibile. (Ma io sto ancora co lo penziero, pò essere ca chillo me spara!).

LISETTA: Viene ccà, mò se vanno tutte quante e rimanimme sule.

FELICE: Che piacere! («Ve sparo! Nu malandrino» e chi è stu malandrino!)

LISETTA: Felì, dimme na cosa, te truove cuntento d’averme spusato?

FELICE: Comme, Lisetta mia, te pare, tu sei la mia vita, la mia speranza, sei tutto per me. Ed io senza dite che me ne faciaria de sta vita? (Manche li cane se la pigliarriene!).

LISETTA: Ah! Stanno venenno.

FELICE: Chi?

LISETTA: Papà e tutte quante.

SCENA NONA

D. Giannattasio, Enrico, Arturo, Alfredo e detti.

GIANNATTASIO: D. Felì, mio nipote e questi signori se ne vogliono andare.

ENRICO: Sì, noi vi lasciamo. V’auguriamo un mondo di felicità, addio caro D. Felice, ci rivedremo domani. Zio vi saluto, cara cuginetta buon riposo. (Le stringe la mano.)

FELICE: Statevi bene.

ARTURO: Vi saluto, D. Felì, sogni dorati!

ALFREDO (bacia la mano a Lisetta):Signora arrivederci, sogno color di rosa!

FELICE: (Mò le dongo quatte punie areto li rine!).

LISETTA: Statevi bene.

FELICE: (Chillo vo fà afforza lo farenella cu muglierema!).

ENRICO: Dunque, signori arrivederci. (Grida:) Destr! Avanti... March!... (Viano.)

GIANNATTASIO: Ma che giovine allegro ch’è mio nipote, è vero?

FELICE: Già! (Me pare na terocciola!)

LISETTA (osserva il libro illustrato).

GIANNATTASIO: D. Felì, io vi lascio, io sono il padre e figuratevi che sento lasciando mia figlia, mia figlia d’oro nelle vostre braccia. (Piange.) Avete capito? Però pecché site vuje, si no nun l’avarria avuto nisciuno. Basta così, era destinato, e nun ce penzammo cchiù. D. Felì io ve do nu piezzo de pane...

FELICE: E nu piezzo de burro.

GIANNATTASIO: Sappiatelo custodire. (Piange.) Io me ne vado, trattatela bene. Penzate ca me l’aggio cresciuta cu le mullechelle, io vi lascio l’unica mia figlia, istruita, che non l’avrei mai levata dal mio fianco; ma mò è fatto, perciò ve la lascio...

FELICE: Gnernò! La lasciate a me, voi mi sapete...

GIANNATTASIO: Va, me ne vogl’j, statevi bene. Figli miei vi benedico! (Piange con lazzi.)

FELICE: (Quant’è bello quanno chiagne! me pare che sta arracquanno alice!).

LISETTA: Papà, pecché chiagnite?

GIANNATTASIO: Niente, figlia mia, io non piango, no! (Caccia un fazzoletto con lazzi e dopo lo depone a metà fuori il soprabito a vista.)

LISETTA: No, vuje chiagnite, e io voglio sapé pecché!

FELICE: D. Giannattà embè!

GIANNATTASIO: Avete ragione; ma io so’ padre.

FELICE: E lo saccio!

GIANNATTASIO: Niente, figlia mia, è la consolazione ca papà tujo te vede sistemata. (Cava un secondo fazzoletto e lo depone sul panciotto.) Perciò io piango di contentezza, non è vero D. Felì?

FELICE: Sicuro.

GIANNATTASIO: Invece, tu cride ca io piango per tutt’altro? No, figlia mia bella de papà tujo!

FELICE: (Chisto mò sta chiagnenno primma de me la dà!).

GIANNATTASIO: Papà tuo, t’ha voluto sempe bene! (Cava un terzo fazzoletto e lo pone nella seconda tasca del panciotto.)

FELICE: (Ha spaso la culata!). D. Giannattà...

GIANNATTASIO: Avete ragione: addio figlia mia, fa cuntento a tuo marito, pecché isso è chello che hai da guidà, isso te farà cuntenta, e lo cielo da coppo te benedice! (Via a soggetto piangendo.)

LISETTA: Ma io voglio sapé pecché papà chiagneva?

FELICE Quello è il piacere, la consolazione d’aver maritata una figlia. (Si seggono.) Ed è pure un poco de dulore, pecché primma è stata sua e poi di un terzo.

LISETTA: L’ha dato nu terzo?

FELICE: Seh! Miezo quarto! L’ha data a me che sono un terzo.

LISETTA: Ah, tu sì nu terzo?

FELICE: (Dalle dà!). So’ na terza persona!

LISETTA: Aggio capito, ma a na terza persona ca me vò bene nun è overo? Nun me vuò bene tu?

FELICE: Se te voglio bene? Io vaco pazzo pe te, tu sì bona! (L’abbraccia.) Mi sembravano mille anne, che se ne fossero jute tutte quante pe rimané sulo, affinché te putevo dicere tutto chello che sento per te, Lisetta mia. Mò che simmo marito e mugliera vogliamo fare invidia a tutti, perché tu sì bona, sì sciasciona, aggrazziata, Lisetta mia, abbraccia a Feliciello tujo, rendimi contento.

LISETTA: Sine, Felice mio!

FELICE: Lisetta di questo cuore! (La stringe forte.)

SCENA DECIMA

Totonno e detti.

TOTONNO (gridando): Signò sta lettera!

FELICE (lascia Lisetta e tremando):Che!... Chi è?...

LISETTA: Ch’è stato?

FELICE: Ah, sì tu? E pecché allucche?

TOTONNO: Chi ha alluccato? (A Lisetta:) Permettete signurì?

LISETTA: Fate. (Si mette in osservazione di un volume.)

FELICE (a Totonno): Che vuò?

TOTONNO: è venuta sta lettera de pressa, liggetela.

FELICE: Leggiamo. (Legge:) «Caro D. Felice. Adesso ho cambiato pensiero. Potete sposare liberamente Lisetta».

TOTONNO: Eh!

FELICE (continuando la lettura): «Rassicuratevi che adesso non vi sparo più!».

TOTONNO: Eh!

FELICE: «Firmato: un malandrino».

TOTONNO: Eh!

FELICE: Eh! (Lazzi.) E io pò pare che me mettevo paura d’isso!

TOTONNO: Lo saccio!

FELICE: (Mò aggio pigliato nu poco de fiato!).

TOTONNO: Me ne pozzo jre?

FELICE: Statte buono, Totò!

TOTONNO: Eh! mò v’aggia lassà doppo tanto tiempo ca simmo state nzieme. Chiste so’ dulori che sparterme da chillo ca m’ha vuluto tanto bene. (Piange.) Nun fa niente, è segno c’accussì ha voluto lo cielo! Signurì, v’arraccumanno, capite, è giovine ancora e nun sa che significa sparterse da na persona ca teneva tante cara, ma io sicuro ca lo vularrate bene. Basta; io me ne vaco, stateve bene, e penzate a fà nu figlio mascolo... lo facite?

FELICE: E che so io?... Mò vedimmo!...

TOTONNO: Bonasera. (Piangendo:) Ah! Ca me sento spartere lo core a ghirmene. D. Felì, lassate ca ve vaso la mano, e pure a vuje signurì, vah! e ca lo cielo ve benedice! (Via piangendo.)

FELICE: Povero Totonno, comme le dispiace ca me lassa, veramente me vò bene. A me pure dispiace, perché siamo stati sempre uniti. Ma poi è meglio ca sta unito cu Lisetta. Guè, mo s’è puosto a vedé le figure, so’ certo che passarrìa la nuttata chiara chiara? (S’accosta.) Ti piacciono sti figure, Lisetta mia?

LISETTA: Sì, so’ tante belle! Uh! Guarde sti duje, comme stanno belle abbracciate, chi so’?

FELICE: Paolo e Virginia.

LISETTA: E pecché stanno dinto a lo giardino?

FELICE: Pe cogliere li limone. (Io saccio pecché?).

LISETTA: Virginia è bella, ma Paolo è brutto.

FELICE: E perché, è nu bello giovane.

LISETTA: Sì, ma tene una gamma.

FELICE: Tene una gamma? No! Mò te dico io. Chille stanno abbracciate, e Paolo na gamma la tene cca e nce pare, e n’ata la tene addereto a Virginia.

LISETTA: Comme. Nun aggio capito?

FELICE: Ecco qua: alzate, mò te faccio vedé io. (Si mette Lisetta fra le gambe.) Stanno accussì, hai capito?

LISETTA: Aggio capito, comme stanno belle! Vulimmo fà accussì pure nuje?

FELICE: E pecché no? Assettammece. (Eseguono.)

LISETTA: Te ricuorde quanno steveme luntane, nun ce puteveme parlà e ce faceveme li segne?

FELICE: Altro che, me lo ricordo. Mò stammo vicino, nun solo ce putimmo parlà, ma ce putimmo abbraccià e vasà.

LISETTA: Sine, Feliciello mio, mò stamme sule me può abbraccià comme vuò tu!

FELICE (l’abbraccia):Sì, t’abbraccio, quanto sì bona, comme sì aggraziata!

LISETTA: Sciascione mio!

FELICE: Simpaticona mia! (Gran suono di strumenti e una voce che canta. D.d.:)

«S’è addormita or ora

Deh! non facciamo rumore

Tu che la puoi baciare

E non farla risvegliar

Dorme la colombella

Come dev’esser bella

Tu che le stai vicino

Baciala pian pianino.»

FELICE (dalle prime note, lascia Lisetta e trema — Lazzi).

LISETTA: Uh! Felì, vide che bella serenata! (Va alla finestra.)

FELICE: All’arma de la serenata, e chi l’ha fatta; io sto ancora tremmanno!

LISETTA: Felì, tu triemme, ch’è succiesso?

FELICE: Che saccio, chella musica m’ha fatto impressione! (Trema, dal giardino si odono fuochi d’artjficio.) Mamma mia!

LISETTA: Felì, viene a vedé che bella batteria! (Via verso il fondo.) Viene o no? Tu comme sì brutto cu stu cattivo difetto ca tiene. Mannaggia quanne maje me so’ maretata! (Via.)

FELICE (tremando e mal soffrendo i rumori, va alla finestra, poi al tavolino, prende un bicchiere d’acqua e lo beve, si asciugo le labbra e si getta come corpo morto sulla poltrona; i rumori continuano).

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

ATTO TERZO

Altra sala, nella stessa casa, tavolino da lavoro su cui un festone.

SCENA PRIMA

D. Alessio, poi D. Giannattasio.

ALESSIO: Buongiorno!... E ched’è ccà nun ce sta nisciune?... io da ieri sera nun me ricordo proprio niente, però me ricordo sulamente ca stammatina me so’ truvato dinto a lo lietto e nun saccio comme. Tengo lo stommaco assai e revutato pe la pelle ca pigliaje ieri sera e parte pure pecché stanotte avendo avuto sete, aggio stiso lo vraccio ncoppa a la culunnetta e invece de piglià lo bicchiere d’acqua, aggio pigliato la lampa ca s’era stutata e m’aggio bevuto l’uoglio cu tutto lo lucigno!

GIANNATTASIO: Caro D. Alessio, io appunto de vuje parlavo e si non ve vedevo, sarei venuto io da voi.

ALESSIO: è cosa pressante?

GIANNATTASIO: Caro D. Alessio...

ALESSIO: E che v’è succiesso?

GIANNATTASIO: D. Felice s’è appiccecato cu figliema pe mezzo de chillu difetto ca tene!

ALESSIO: Overo?

GIANNATTASIO: Ieri sera gli feci una grande sorpresa, cioè feci sparare na batteria dinto a lo giardino, me credevo che facevo na cosa bona, lo fatto si è ca D. Felice mentre steva parlanno cu figliema, appena sentette le botte, accuminciaje a tremmà e rimmanette pe tutta la nuttata comme a nu stupido!

ALESSIO: Voi che dite? è n’affare serio!

GIANNATTASIO: Intanto figliema nun se vò fà capace, nun vò fà la pace col marito. D. Alè faciteme lo piacere, jatece vuje dinto e veditela de capacità.

ALESSIO: Mò veco de fà tutto lo possibile!

GIANNATTASIO: Io poi ho fatto un’altra cosa. Sono andato al terzo piano ncapo a mmé, da uno che fà lo magnetismo e l’ho domandato come si deve levare questo difetto e m’ha detto che per saperlo ce voleva nu cierro de capille di D. Felice.

ALESSIO: No! Ma voi ci prestate fede a sti cose?

GIANNATTASIO: Voi che dite? Chesta indovina veramente! Io so che una donna non sapeva lo figlio addò jeva la sera. Embè le purtaje nu cierro le capille e sapette che lo figlio jeva a giocà sopra a na casa a Capodimonte. Embè jette llà e lo ncucciaie.

ALESSIO: E comme facite p’avé sti capille?

GIANNATTASIO E si vedrà!

SCENA SECONDA

Totonno (con carta contenente capelli) e detti.

TOTONNO (d.d.):D. Giannattà?...

GIANNATTASIO: Guè Totò! (D. Alè, chisto me putarrie fà lo piacere).

ALESSIO: Io mò vaco dinto a capacità la figlia vosta. Cercate vuje nu mezzo p’avé sti capille! (Via.)

TOTONNO (fuori):Signò, è overo ca D. Felice s’è appiccecato co la figlia vosta.

GIANNATTASIO: Verissimo! Pe mezzo de chillu brutto difetto ca tene. Ma tu me haje da fà nu piacere, Totò, penza che si tratta di mia figlia e tu devi aiutarmi. Totò!...

TOTONNO: De che se tratta? Dicite.

GIANNATTASIO: Voglio confidarti una cosa. Ccà ncoppe ce sta una ca fa lo magnetismo; voglio vedé da essa si D. Felice se pò levà o no chillu brutto difetto. Ma per saperlo nce vò nu ciero de capille de D. Felice, e tu me l’haje da piglià.

TOTONNO: Vuje pazziate, e comme ce llevo?

GIANNATTASIO: No, Totò, tu me l’haje da fà stu piacere.

TOTONNO: Signò, è impossibile!

GIANNATTASIO: Meh! io te do 50lire, Totò!

TOTONNO: Io mò ve porto pure la capa.

GIANNATTASIO: (Comme s’è abbuccato ambressa Totonno!). Dunque, pozzo stà sicuro?

TOTONNO: Nun ce penzate, ma le 50lire?

GIANNATTASIO: L’avarraje: tu me daje li capille e io te do le 50lire. A mano a mmano, capisce Totò! Penza adesso che la speranza di salvare la mia famiglia è nelle tue mani; perciò a te mi raccomando. (Via.)

TOTONNO: Mò m’abbusco pure 50 lire. Ccà sta la furbicetta, appena vene lo faccio lo sevizio. Ah! sta venenno!

SCENA TERZA

Felice e detto.

FELICE (agitato):Mamma mia bella, comme faccio! Mannaggia l’arma de lo difetto ca tengo! Pe mezzo che chesto, muglierema nun me pò vedé cchiù. Stanotte so’ stato comme a nu stunato, senza moverme, senza friccecarme, si sapevo nun me nzuravo.

TOTONNO: Io ve lo dicette: nun ve nzurate, e vuje nun m’avite voluto dare retta, avite voluto fà a genio vuosto, e vedite che v’è succiesso? Povero D. Felice! (Per tagliare i capelli.)

FELICE: Totò che staje facenno?

TOTONNO: No, niente!

FELICE: Comme le venette ncapo a D. Giannattasio che sparà chelli botte!

TOTONNO: Già, pe mezzo sujo è stato! (Per tagliare.)

FELICE: Totò statte cujeto! E pò chill’ate ca facettere chella serenata!

TOTONNO: Ma chille se credevano che fà na cosa bona! (c.s..)

FELICE: Totò, te staje o no? Pecché me piglie sti capille?

TOTONNO: Signò mo ve lo dico io! Chillu cancaro de parrucchiere v’ha tagliato li capille stuorte, da na parte so’ cchiù luonghe e da na parte so’ cchiù curte!

FELICE: Seh! Mò penzo justo a chesto!

TOTONNO: Mò ve li tagl’io!

FELICE: Totò ma sì pazzo? Io sto bello cumbinato; tu li capilli m’haje aruvinà e pò è a completo!

TOTONNO: Mò ve li taglio, lassate fà a me!

FELICE: Totò vattenne!

TOTONNO: D. Felì, vulite sapé la verità? Nun è overo ca li tenite stuorte li capille!

FELICE: E ched’è Toto?

TOTONNO (finge di piangere) :Mò che ve site nzurato e me so’ spartuto da vuje na vota ca nun ve pozzo tené cchiù vicino, voglio tené duje capille vuoste pe ricordo.

FELICE (commosso):(Quanto me vò bene chisto!).

TOTONNO (esegue):Si sapisseve comme m’è dispiaciuto ca ve site spartuto da me! Io ve vulevo tanto bene comme a nu frate e ve lo dicette: nun ve nzurate e vuje tuosto ve vulisteve nzurà pe forza. Mò nun sto cchiù vicino a vuje, ma almeno tengo duje capille vuoste pe ricordo.

FELICE (piangendo caricato):Totonno mio, si sapevo ca tu me vulive tanto bene...

TOTONNO (c.s.):Io nun ve lo vulevo dicere, ma pecché ve ne site addunato ve l’aggio ditto.

FELICE: Che cosa?

TOTONNO: Dateme duje capille!

FELICE: Nun te li voglio dà!

TOTONNO: E dateme duje capille.

FELICE: E nun te li voglio dà.

TOTONNO: E pecché?

FELICE: Pecché tu staje sempe vicino a me e io non te lasso maje. Nun sapevo ca tu me vulive tanto bene. Anze mo te voglio trattà comme a nu frate. (Suona il campanello.)

SCENA QUARTA

Peppino, poi Giannattasio e detto.

PEPPINO: Comandate?

FELICE: Fate fa subito na custata a chisto, puortele pure na butteglia de vino e tutto quello che vuole. Ched’è ca me guarde?

PEPPINO: A chille?

FELICE: Sì, a chillo, pecché haje da dirmi qualche cosa? Oggi sono io padrone di questa casa e io comando e voglio ca chisto sia trattato come me.

PEPPINO: Vi servo. (Via.)

FELICE: Da ora in avanti tu sarai come un mio fratello.

TOTONNO: (Aggio perduto 50 lire!).

FELICE: E mò va a magnarte la custata!

TOTONNO: (Uh! vene D. Giannattasio, comme faccio? Aspè, li capille miei so’ lo stesso culore de chille e D. Felice, mò me ne taglio duje e ce li dongo). (Esegue e li mette in carta. Felice siede al tavolino.)

GIANNATTASIO: Totò?

TOTONNO: (Signò, aggio fatto lo colpo, chiste songo li capille!).

GIANNATTASIO: (Mò vaco addo magnetismo!).

TOTONNO: (E dateme le 50 lire!).

GIANNATTASIO: (Va bene mo te le dongo!).

TOTONNO: (Signò le 50lire!).

GIANNATTASIO: (Mò che vengo! Lassame passà!). (Via.)

TOTONNO: (Aggio fatto tanto e nun aggio avuto niente!).

FELICE: Totò che staje dicenno?

TOTONNO: No, niente, aggio miso na bona parola cu D. Giannattasio!

FELICE: Bravo! Miette sempe na bona parola pe me. E mò va te magnà la custata!

TOTONNO: Vaco, grazie! (Via.)

FELICE: Chisto me vuleva tanto bene e io nun me n’ero addunato. Si sentevo a isso non me truvavo miezo a sti guaje! Ma a me nun me lo leva nisciuno da capa che muglierema se vummecheja co lo tenente, isso sarrà stato c’ha scritto la lettera. Ah! Sta venenno, voglio vedé proprio che dice! (Si nasconde.)

SCENA QUINTA

Alfredo e detto.

ALFREDO: Finalmente so’ arrivato! Ninetta ccà adda stà; mò che ghiesce nce dico si vo venì cu me a Pusilleco. Mò veco si nce sta (guarda) D. Giannattasio sta dinto e pò mi disse: Facite ammore abbasso, qua no. E io me la porto cu me.

FELICE: (Chisto è venuto apposta pe muglierema!). Signore!

ALFREDO: Uh! D. Felì come state?

FELICE: Non è tempo questo di domandare come sto, ma di parlare seriamente. Voi siete venuto qua pe na persona?

ALFREDO: Sissignore, non lo nego.

FELICE: E la volete portare con voi?

ALFREDO: E pecché, che male c’è?

FELICE: (Guè, chillo se vò purtà a muglierema!). Signore, quella persona ve vò bene?

ALFREDO: Caspita! Chella tene duje uocchie che pareno doje stelle!

FELICE: (Ah! Ma me lo dice nfaccia, sa, vì che facciatosta! Ah! Si nun tenesse la sciabola!) Ma sapete che io vi proibisco di stai qui?

ALFREDO: Seriamente dite?

FELICE: Seriamente.

ALFREDO: Ed io vi dico ca vengo qua non per voi, ma per far visita a D. Giannattasio.

FELICE: Per ora conto io, signore, e vi proibisco di venire qua per quella donna.

ALFREDO: E io ci voglio venire!

FELICE: Basta signore! Basta! Voi non dovete mai più venire!

ALFREDO: Ed io non ci vengo più. Però vi faccio sapere che io l’aspetto abbasso a lo palazzo e appena vene me la porto.

FELICE: Voi non vi portate nessuno, parola d’onore!

ALFREDO: D. Giannattasio m’ha dato lo permesso.

FELICE: D. Giannattasio è un porco! E voi siete un imbecille!

ALFREDO: A me imbecille!

FELICE: Sì, uno e quarto!

ALFREDO: Basta signore! Io me ne vado, ma perdio vi dico di preparavi per un duello! (Via.)

FELICE: Imbecille e mezzo, imbecille e tre quarti! Ma vuje vedite che faccia tosta! Me lo dice proprio nfaccia case vuleva purtà a muglierema!... Eh! io lo dicevo ca chillo faceva troppe cerimonie, diceva buono Totonno! Si nun se ne va mò vedimmo comme fernesce! Ma mò che vene D. Giannattasio nce lo dico. (Soggetto.)

SCENA SESTA

D. Alessio e detto.

ALESSIO: D. Felì state lloco?

FELICE: D. Alessio mio vedete di aiutarmi, io so’ perduto, mia moglie mi tradisce. Sentite voi chello che me succede, almeno ce lo dite a D. Giannattasio!

ALESSIO: Che v’è succiesso? Parlate!

FELICE: Mò ve lo dico. Prima di tutto io non mi volevo nzurà... Quello pò era nu buono giovane... Io maje me n’ero addunato, perciò... Capite... Non ve nzurate... addio... basta... Dopo quella faceva vedere che me vuleva bene e poi... Basta, mò proprio se n’è andato chillo tenente basta!... Avete capito? Se ho ragione me date ragione, se poi ho torto mi date torto!

ALESSIO: D. Felì a verità io nun aggio capito niente!

FELICE: Volete che ve lo dico un’altra volta?

ALESSIO: No pe carità, però ce sarrà nu sbaglio, voi dovete far pace con Lisetta.

FELICE: Lisetta avete detto? Io per me...

ALESSIO: Non ce penzate! Ve faccio fà pace io certo, voi non ci potete stare, nun è cosa regolare, il marito da una parte e la moglie dall’altra questo non sta bene. (Via.)

FELICE: Quando conto le mie ragioni nisciuno me capisce. Ma io nun ce pozzo penzà come D. Giannattasio ha dato lo permesso a chillo che se purtà a muglierema.

SCENA SETTIMA

Enrico, Arturo, Alfredo e detto.

ALFREDO: Lo vedite ccà, isso m’ha provocato e io l’ho sfidato a duello, voi mi farete da secondi.

ARTURO: Ma sentite...

ENRICO: Vediamo di accomodare la faccenda.

ARTURO: Justo mò stu duello?...

ALFREDO: Isso m’ha provocato.

ENRICO: Ma se duellate quello è morto.

FELICE: Ched’è io so’ muorto.

ENRICO: Io ho detto che bisogna accomodare la faccenda. Questo duello non può esserci perché mi dispiace. D. Felice m’è parente, egli ti ha chiamato imbecille. Ora glielo domanderemo perché ti ha chiamato così. Io so ch’è una parola molto pesante, ma si deve vedere perché l’ha detto. Venite qua D. Felice, ditemi la verità, voi avete chiamato questo signore imbecille?

FELICE: Precisamente così!

ALFREDO: Avete inteso?

ARTURO: Un momento.

ENRICO: Fatemi parlare, si capisce D. Felice nella rabbia, in un momento d’irritazione... Però, però non doveva farlo, perché Alfredo è un buon giovine, andiamo perché tutto è accomodato. (Viano Arturo ed Enrico.)

FELICE: All’arma de la mamma! Nun me la fatto dì meza parola!

ALFREDO: Ma diciteme na cosa, perché mi proibite di far l’amore cu Ninetta?

FELICE: Ninetta?

ALFREDO: Sì, cu Ninetta, pecché nun me la volite fà purtà cu me?

FELICE: Piano, cca ce sta nu mbruoglio, nu sbaglio! Vuje facite ammore cu Ninetta? e vuje a Ninetta ve vuliveve purtà?

ALFREDO: Sissignore.

FELICE: (E io ca me credevo ca se vuleva purtà a muglierema!). Questa persona era Ninetta?

ALFREDO: Già.

FELICE: Allora, scusate. (Dandogli la mano:) Quando è chesto facite ammore comme vulite vuje.

ALFREDO: Bravo! Ah! eccolo qua sta venenno. Allora permettete ca io le dico due parole?

FELICE: Sì ma priesto priesto.

ALFREDO: Nun ce penzate.

SCENA OTTAVA

Ninetta e detti.

NINETTA (ad Alfredo) Uh! State lloco? Che vulite?

ALFREDO: Stasera vuò venì cu me a Pusilleco?

NINETTA: Cu tutto lo piacere.

FELICE: (E brava la seva!).

ALFREDO: Bravo! Ce vulimmo divertì, sciasciona mia! (Suono di campanelli d. d.)

NINETTA: Uh! So’ chiammata, dateme lo permesso.

ALFREDO: Io stasera te vengo a piglià?

NINETTA: Va bene. (Via.)

ALFREDO: D. Felì scusate.

FELICE: No, niente. (Azione.) Nun sapite niente? Vuje avite baciato la mano a Ninetta? Embè m’è venuto lo gulio.

ALFREDO: De che?

FELICE: De me vasà a muglierema! (Via.)

ALFREDO: Ah! ah! (Ridendo va via.)

SCENA NONA

D. Giannattasio e Totonno.

GIANNATTASIO: Uh! Povero me, aggio passato l’ultimo guaio, era meglio ca nun lo facevo stu matrimonio, povera figlia mia! (Siede.)

TOTONNO: Ched’è neh signò, io ve veco accussì sbattuto, che v’è succiesso?

GIANNATTASIO: E c’adda succedere! So’ ghiuto a lo piano de coppe pe consultà a chella de lo magnetismo...

TOTONNO: Embè?

GIANNATTASIO: Aggio pavato 50lire anticipate, nce aggio cunzignato lo cierro de capille poco dopo è asciuta e m’ha dato na brutta nutizia. Uh! Povera figlia mia. Povera Lisetta!

TOTONNO: Che notizia?

FELICE: Ha ditto ca chi teneva chilli capille dimane a miezuorno more de subito!

TOTONNO: More de subito!

GIANNATTASIO: Sì!

TOTONNO: Signò vuje che dicite? Chilli capille nun so’ de D. Felice, so’ li mieje!

GIANNATTASIO: So’ li tuoje? E dimane a miezuorne muore de subito.

TOTONNO (gridando):Uh! Povero a me!

SCENA DECIMA

Enrico, Arturo, Alfredo, poi D. Alessio e Ninetta e detti.

ENRICO: Ch’è succieso?

TOTONNO: Lo magnetismo ha ditto ca dimane a miezuorno io moro de subito!

ENRICO: Ma nun avé paura, non prestà fede a queste sciocchezze!

ALESSIO: Allegramente signori; D. Felice ha fatto pace con la moglie e mò escono qui fuori uniti.

GIANNATTASIO: Overo D. Alè?

ALESSIO: Ma sì!

GIANNATTASIO: Ah! chisto è piacere!...

TUTTI: Evviva gli sposi! (Battono le mani.)

SCENA ULTIMA

Felice e Lisetta.

FELICE: Grazie, grazie, signori, grazie, ho fatto pace cu Lisetta e l’ho promesso de levarme stu brutto difetto.

TUTTI: Bravo, bravo!

FELICE: Ma da oggi in avanti però voglio stare lontano dalle botte, dalle serenate e dai rumori.

LISETTA: E bravo Felice, mò sì cuntento?

FELICE: Contento...

Caspita cchiù che chesto

de starme a tte vicino

Appriesso va indovina

la fine c’haje fa

Accocchiate cu mmico

Lisé si vuò fa buono

E a chistu bello pubblico

cercammolo perduono!...

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 6 volte nell' ultimo mese
  • 57 volte nell' arco di un'anno