Nu mbruoglio fortunato

Stampa questo copione

‚ÄėNU MBRUOGLIO FURTUNATO

( Un imbroglio fortunato )

Due atti

di Raffaele Caianiello

Email: raffaelecaianiello@libero.it

N¬į SIAE. 217857

Due atti comici  piacevoli che proiettano lo spettatore in un clima di puro divertimento. Una commedia leggera che scivola via veloce tra gag e battute impostate ad arte per mettere in scena una storia apparentemente grottesca ma che in realtà non è poi tanto distante dal vissuto quotidiano.

Un guappo che potrebbe essere un qualunque padre cui √® stato violato l‚Äôonore della figlia, un commerciante qualunque disposto a tutto pur di ledere l‚Äôattivit√† del rivale ed un quadro familiare non proprio semplice in cui si va ad insinuare una figura inaspettata che risolve, al fine, le situazioni generate dall‚Äôimbroglio iniziale -‚Äėmbruoglie furtunate‚Äô-: un anziano, che potrebbe rappresentare tutti gli anziani del nostro tempo che messi da parte sono poi proprio loro, coi loro suggerimenti, la loro saggezza, la loro esperienza, a raddrizzare e smussare situazioni bizzarre ed antipatiche che alienano la vita attuale frenetica e piena di complicazioni. E nonostante le battute leggere, e la storia solo apparentemente scontata, il messaggio dell‚Äôautore arriva a suggerire il giusto pizzico di riflessione da applicare non solo alle circostanze contingenti della vita ma anche e soprattutto ‚Äďperch√© da qui si determina tutto il resto- alle frequenti reazioni troppo spesso suggerite dall‚Äôimpulso da cui ci si lascia prendere e sorprendere quando invece sarebbe tanto pi√Ļ saggio e vantaggioso, per tutti e soprattutto per se stessi, dare il giusto tempo ai ritmi del pensiero, che ha bisogno di prendere consistenza, e quindi agire di conseguenza. Quel ‚Äėmeglie far finta di non sapere che sapere e poi soffrire, a volte √® meglio far finta di essere stato fatto fesso quando √® per il bene della famiglia‚Äô consigliato dallo pseudo parente √® quanto di pi√Ļ saggio si possa mettere in atto in tante circostanze, un consiglio da applicare quotidianamente che tradotto in termini pratici ed applicabili denota un‚Äôindulgenza affatto debole delineando un carattere disposto al perdono, un invito a vivere con la giusta accondiscendenza soprattutto verso le persone che si amano.

Personaggi: DON ACHILLE          padrone di casa

                        NANNINA                 moglie di Don Achille

                        CARMELA                 cameriera

                        ROSA                         figlia di Don Achille

                        GIACINTO (alias)    ALFREDO amante della figlia

                        PASQUALE               consigliore di Achille

                        DON NICOLO’         mafioso       

                      TANUCCIO                figlio di Don Nicolò

                      PUPETTA                   amante di Don Achille

                      PROCOPIO                dottore  e marito di Pupetta

                      VINCENZO                 guappo

                        ALONSO                   guappo

                       

                       

                       

1¬į atto

Camera da pranzo con entrata centrale ,una finestra a lato e due porte.

CARMELA: (sui quarant’anni e ancora  piacente ,indaffarata a pulire non sente alle spalle l’arrivo di Pasquale il quale fa per toccarla e riceve un colpo di scopa in mezzo alle gambe)

PASQUALE: (lamentandosi) all’aneme e mammete!

CARMELA: (si gira spaventata) mamma mia che è succiese?

PASQUALE: che è succiese? Natu poche rimmaneve invalide! Me date na botta mieze e cosce che me rimaste mieze paralizzate!

CARMELA: mieze?! Si m’accurgeve ca me stive arete  faceve centro!  che peccate

PASQUALE: comme ca peccate, ma allore cia tiene cu mme?

CARMELA: je? Quanne maie! Chiuttoste vidite da fernì cu  chiste  mode e trasì  dinta a na casa e fa spaventà na giovene comme e me?

PASQUALE: Ma insomma, che vaie truvanne? T’aggia cerca’ scusa? (inginocchiandosi ironicamente) E va bene, signora, vi cerco perdono,ma…faciteve tuccà nu poco. ( fa per alzarsi e sbatte con testa sotto una guantiera di acciaio che intanto Carmela aveva preso per …caso) ahhhh all’osse e mammete! Ma che te  mise ncape stammatina e me smuntà e cerevelle?

CARMELA: a te? E comme facce? Primme l ’avisse tenè!

PASQUALE: uhè chelle sfotte pure! E raggione ca cu te ce tenche o debbule si no quanne è vere ca me chiamme Pascale palletoste allore a mo gia tavesse  appuiate e mane nfacce! ( si sente una pernacchia, Pasquale si guarda attorno e..) chi è state, si tiene o curagge jesce fore ( trase Donna Nannina mentre Carmela va e viene per servizi di pulizia e fa mosse all’indirizzo di Pasquale e poi di Achille)

NANNINA: so state je, embè?

PASQUALE: scusate donna Nannì, penzave ca fosse state chillu scansafatiche e Turille e allora..

NANNINA: Don Pasquà è vero che facite o cunzigliore e mariteme, ma quante vote ve l’aggia dicere,quanne trasite in questa casa, dovete tuzzoliare primme e farve notificare,scummette ca vulite a Don Achille e overe?

PASQUALE: sissignore, ogge  O marite vuoste cia cunvucate a tutte quante

NANNINA: bella maniate e fetiente! E pecchè?

PASQUALE : pa verità ancore nisciune o sape

NANNINA: e vuie site state o primme ca ve site precipitate è overe?

PASQUALE: vuleve sule essere puntuale

NANNINA: a scassa e susamielle ( =a rompere ….) e cristiane dinta a cuntrore?, jatevenne nu poche a parte e fore ca Carmele adda fernì e pulizzare, guardata  ccà, muzzune e sigarette a tutte e parte, jere sere dinta  a sta casa asceve fumme a tutte e buche ,pare ca steve fumanne o vesuvie.

PASQUALE: e chelle  jere sere sacce ca se  fatte tarde pe cuncertà… na cosa

NANNINA: sapisse ca sunate e piattine! Je sacce sule na cosa :  ca  quanne se riuniscene quatte sciarmate( = scombinati) e vuie ,facite sule ntrallazze e nun ne cumbinate maie una bone! Jate jate venite chiu tarde, fra nu quarte d’ore, datele almene o tiempe e fa culazione a chillu marite mie! ( Pasquale stringe le spalle ed esce mentre si ode una voce che chiama Nannina)

NANNINA: sente na voce e animale ca me chiamme,chi è?

ACHILLE (chiamando da dentro  Nannì, Nanni)  

CARMELA: ¬†Ve sta chiammanno ‚Äėo marito vuosto pare ce va e presse!

NANNINA: va e presse? E aspette pur’isse! Se scetate c’artetiche (= ortica) sotto e piede o grand’omme!

CARMELA: signò nun o contrariate sempe a stu marite vuoste si no accumince  nata jurnate e conflitto a fuoco!

NANNINA:  Nunn’o ra aurienza(= non dargli retta) fallo aspettà ,chille ca truvann e rafaniell pè ruttà ( =ravanelli per  ruttare )

CARMELA: signò ma chille ve sempe marite

NANNINA:‚ÄėO marito √® chillo ca se vede e fatte da casa soia , o marite √® chille ca se guarde e figlie femmene, ‚Äėo marito √® chillo ca prutegge ‚Äėa mugliera, ‚Äėo marito‚Ķ

ACHILLE:; (di dentro con pi√Ļ forza) Nann√¨na‚Ķ

NANNINA: ¬†‚ÄėO marito ‚Äėo v√¨? √ą chillo ca rompe ‚Äėa caccavelle ¬†d‚Äô ‚Äėa matina a sera (Achille ¬†entra e si ferma sulla soglia¬† scuotendo la testa pi√Ļ volte) buongiorno prego trasite pecch√® ve fermate ncoppe a sogliola e scodinzoleate o cetrule? (= perch√® vi fermate sulla soglia e scodinzolate la testa )

ACHILLE: Nannì, non mi contrariate a primma matina, je so n’omme e rispette e si me facite sti cose addifronte i cumparielle  me facite perdere a reputazione!

NANNINA: o vere? Vedite vedite, a reputazione a parte o fatte ca nun ce sta nisciune e chilli mieze guappe ca te danne rette, ma quala reputazione avisse perdere ancore? Tu ca manche na figlie e sapute proteggere  e cheste nun to perdone!

ACHILLE: Nann√¨ ferniscele, ti apprommetto che si scopre chi √® chillu fetente ca se permise e mettere incinta a nostra figlia, o¬† cumbine ca manche se riconosce chi√Ļ! e a proposito na palummelle ma ditte ¬†che ce sta qualcuno ca vene dinte¬† a casa mia pe me fa crescere e curnicielle (= per farmi crescere le corna) emb√® l‚Äôavisse sap√® ,ca pe mettere e corne a me¬† nun basta na femmina comme a te¬† ¬†¬†¬†¬†

NANNINA: E se capisce, ce vo’ pure n’ommo!                    

ACHILLE: fa  il gesto di minaccia poi ritrae la mano) Mannaggia a te! Tu sfutte  pure eh ma si je appure  chi è chillu fetente ca ce prove , facce scuppià a terza guerra mondiale spare botte a tutte parte! 

NANNINA: e comme no  spare pirete atomeche e fetecchie paralizzante, ma va va, vire che fa tu e chille quatte fesse ca te stanne a sentì.

ACHILLE: e tagge ditte ca le fernì cu sti sfuttò, je tenche nu prestige a mantenè e tu mo vuie fa perdere

NANNINA: e che ate  tene a perdere nu pate guappe ca se fa mettere ncinta a figlia a qualche scapestrate e ca se permette o lusse e nun se fa manche sotte pe reclamà o figlie!

ACHILLE: e tu si sicure ca nun è pe paure che nun sappresenta! Ah ma si lagge dinte e mmane! E comunque tenche o sospette ca figliete sape chi è nun parla!

NANNINA: si ta ditte che nun se ricorde , si  ta ditte ca ere scure quanne succedette o nquacchie,  chiuttoste te ncaricate e truvà nu prufussore ca  le da ripetizione? Si no perde pure chist’anne e nun se diplome!

ACHILLE: sissignore! Agge parlate cu prevete d’Annunziate e ma consigliate nu professore.. prevete,anze avesse veni proprie ogge

NANNINA: asse fa a Maronne! Almene stamme sicure da lassà sola! Chelle na vota è ghiute a na cerimonie e l’hanne fatte a festa!

ACHILLE: e a nuie  o regale! Ma nun fernisce ccà quante è vere ca me chiamme….

NANNINA:Achille coretuoste… si va buò agge capite, fatte a riunione cu chill’ate guappe e strapazze  ca me  vache a fa na lavanda ecologica e doppe  veche   Rosa comme se sente ( esce)

ACHILLE: ahhh ha ragione ca voglie bene si no l’avesse fatte fa a fine do purpetielle, (entra Carmela)Carme’ ancore nun è venute nisciune?

CARMELA:  è venute  sule Pascale ma a signore a fatte accumudà a chill’atte pecchè ca steve pulizzanne e muzzune e sigarette

ACHILLE: Pascale eh, la cosa mi puzza!è  nu poche e tiempe a sta parte ca è sempe o primme a presentarse quanne  e chiamme! Fosse isse che ce prove cu mugliereme?mah ,mo o tenche nu poche sotte cuntrolle! Chiammele, falle venì  e dincelle ca maspettasse ca! ( esce )

CARMELA: subbete Don Achì, ( apre la porta deella stanza accanto) Pascale. Accumudateve a cca che don Achille mo vene

PASQUALE: ( entrando) eccomi qua cara Carmeluccia,sulicella mia (= topolina mia

CARMELA: sulicella toia?

PASQUALE: si e je voglie essere o micione  tuoie ,Viene cà fatte acchiappà ( cerca di afferrarla)

CARMELA: e sbagliate animale, tu si nu purciello

PASQUALE: e nun a fernisce e nzultarme eh, ma primma o poi….te arrennere  (bussano alla porta  Carmela  va ad aprire mentre Pasquale si siede sul divano)

VINCENZO: (entrando e non vedendo Pasquale) Buongiorno¬† Carmen√® ,sola? Ah ca piacere,te faie ogni juorne cchi√Ļ belle e chi√Ļ appetitosa!

PASQUALE: (alzandosi) e tu ogni juorne chi√Ļ strunze!

VINCENZO: Oh Carissimo Don Pasquale, e voi mi dovete scusare il mio era solo un complimento

PASQUALE:  Don Viciè ,parlammece chiare: Carmela non si tocca e non si offende al massimo si può adorare!

CARMELA: Eh ,ma pigliate pa statua da Maronna, stateme  a sentì tutte e duie,je nun tenche niente a spartere cu nisciune ( si sente suonare alla porta e si avvia ad aprire) ne cu vuie ne cu chillate babbasone ca sta trasenne ( apre ed entra Alonso)

ALONSO: ciao sciurille e primavera!

PASQUALE E VINCENZO ( Insieme) ciao vruoccule sagliute!(= broccolo spigato)

ALONSO: Ah siete gia tutti qua?

PASQUALE: Eh si  mancavate sule vuie, Carmè avvise a Don Achille che il gruppo è completo

CARMELA:Eh.. e avviate a sunà ( esce)

VINCENZO: Don Pascà vuie o sapite pecchè stamme stammatina simme state convocate?

PASQUALE: nun sacce niente

ALONSO: ma comme vuie site o cunzigliore suoie e nun sapite o pecchè stamme ccà

PASQUALE: vi ho detto che non so niente, mo vene Don Achille e vedimme che va

truvanne

CARMELA:  a ditte ca vene subbete, mentre se fernisce e disimpegnà! ( esce)

PASQUALE:  starrà sicuramente ancora   ancore dinte o bagne! ( entra Achille)

ACHILLE: ( tutti si alzano, Achille fa segno con la mano di sedersi) assettateve, Assettateve cumpariè!

PASQUALE( con rispetto ) Don Achiì ai vostri ordini

VINCENZO:( con rispetto ) a servirlo Don Achì

ALONSO: ( con rispetto ) Qualunque cosa  Don Achì, dite e sarà fatto

ACHILLE: eh e o vi ringranzio comparielli miei!  Venimme al dunque

IGUAPPI ( insieme)dite dite

ACHILLE: Ciccio o sapunare!

PASQUALE: e chi è?

ALONSO:nun o canosche

VINCENZO: è da zona?

ACHILLE: o canuscite, o canuscite, perfino le vostre signore o canoscene

I GUAPPI: ( insieme) o veramente?

ACHILLE: e certe! Agge sapute ca pure loro vanne a spennere addo isse!(= vanno a spendere)

I GUAPPI: ( insieme) ne ma chi è?

ACHILLE: Francesco Amitrano, nu figlie e sapunare ca dope  fatte furtune fore è venute a Napule e ha tenute l’ardire e arapì nu negozie e abbigliamente dinta a stessa strada  addò sta o mie e me sta futtenne tutte a clientele!

PASQUALE: è un oltraggio

VINCENZO: una vera infamità

ALONSO: uno sgarro che non si doveva appermettere

ACHILLE: appunto!

PASQUALE: ci vuole una lezione

VINCENZO: un piccolo avvertimento

ALONSO:  na lavate e cerevelle

ACHILLE: na bella bomba! Boumm! Na bella botta e  negozie fa una lampe!

PASQUALE: sicure!

VINCENZO: e certe!alla vecchia maniera!

ALONSO: che bella penzate!

ACHILLE: allore simme d’accorde?

PASQUALE : don Achì! Chiedeteci o sanghe e nuie vo damme!

ACHILLE: benissime!  E allore preparateve…. stasera stesse…durante a nuttate prucurateve o materiale e faciteme nu bellu servizie!

PASQUALE: ( come a tirarsi indietro ) Don achì cu tutte o rispette ma ..me pare na cose nu poche azzardate e po je o sapite di notte nun pozze tante ascì pe via da brunchite e…

VINCENZO: (trova scusa)) Don Achì e voi lo sapete io pe vuie me vuttasse a mare senza natà ma…stanotte tenche prubleme serie..

ALONSO:( tirandosi sfuori ) je invece propeto stasera devo andare a Roccasecca da mia nuora ca se sta figlianne

ACHILLE:  ah si! E voi siete guappi!, vuie site na maniate e chiattille! (= un accozzaglia di chiattilli) Eh ma io vi rovino se nun facite chelle ca vagge ditte! Tenche tutte scritto addo nu nutaie e si stanotte nun facite  sparà a botta ,ve manne tutte ngalera!

I GUAPPI ( spaventati  tutti insieme)  e allore …jamma, jamme

ACHILLE: jate  e….. marraccumanne ,faciteme nu bellu servizie, na bella botta, na bella lampe e nu bellu tuone!

I GUAPPI:  si si jamme ( escono)

ACHILLE: e mo vedimme  si  Cicce o sapunare a fernisce e marrubbà e cliente! ( esce)

CARMELA: ( va verso il tavolo e guarda per terra) e je o sapeve! Guarda ccà nata votte e muzzune  e sigarette pe terra! ( si mette a pulire  e poco dopo suona il campanello e va ad aprire)

DON GIACINTO: ( entrando) pace e bene Figliola, la signorina Rosa è pronta?

CARMELA: site venute pa cummunione?

DON GIACINTO: ma che dite ,sto qua per dargli nozioni di   latino

CARMELA:  latino? E cher’è na mmericina?

DON GIACINTO: seh ( cheste è gnuranta bona!) il latino è la lingua madre di tutti noi!

CARMELA: azze! adda essere proprie una cu  na lenga vecchia assai pe tenè tanti figlie prievete!

DON GIACINTO: ma non dite sciocchezze! Intendevo dire altro

CARMELA: pure di altri? veramente je nun ce so figlie,mammà se chiammave Ntunettella Cacace

DON GIACINTO: si va buò agge capite, dite alla signorina Rosa che è venuto il suo professore   

CARMELA: ( pettegola) Signorina? Na vota! chelle tene già nu figlie dinta a panza e patre ignote,   Va buò mo  assettateve nu poche ca vache e a chiamme! (fa per uscire e poi torna)  zi prè avesseve dicere chelle  do patre ignote ? (Giacinto alzando le mani fa segni di no e Carmela esce)

DON GIACINTO: tu vire cheste comme è capere! ( si siede su una poltrona e comincia  sfogliare  il breviario che aveva con se)

 NANNINA: (entra insieme a Don Achille,osservano per un po il prete che di sottocchio li vede e recita un passo del breviario) Buongiorno padre

DON GIACINTO: buon giorno figlioli!

 ACHILLE: azze zi prè, figlioli a noi,nuie ve putesseve essere patre e mamme

 NANNINA: e sicure, vuie site nu prevete accussì giovine!

 ACHILLE: ma site sicure ca site nu prevete?

DON GIACINTO: ma certo! mi chiamo Don Giacinto e sono qui perch√© inviato da padre Cristoforo ,si √® vero sono un prete giovane ma preparato,e il mio ‚Äúbuongiorno figlioli‚ÄĚ √® come se il Signore stesso avesse risposto al vostro saluto!

 NANNINA: scusate padre,ma quello mio marito tene sempe e cerevelle mpastate! Comunque io sono Nannina la mamma di Rosa a cui ci dovete fare le lezioni di ripetizioni,e questo è mio marito Achille ma nun ve preoccupate ,vuie o vedite nu poche ntustate ma è na palla e mele e s’ammoscie subbete

ACHILLE: (contrariato) si va buò,mia moglie vuole sempre scherzare,comunque,mi raccomando a mia figlia,fatele studiare e..se potete datele conforto,penso che conoscete la disavventura che l’ha colpita e…si acchiappe chillu mascalzone..ahhh nun mo facite dicere che le facce!

DON GIACINTO:  Si è meglie ,è meglie can un o dicite ,su calmatevi e confidate nel Signore, abbiate fede  e vedrete che tutto si aggiusterà

ACHILLE: si ma si o trove….ahhhh

DON GIACINTO:su, chissà che lui non si faccia avanti e…..

ACHILLE: se osa farlo,quante è vero che me chiamme Achille coretuoste lo ammazzo,le taglie tutte cose! ! fare questo sgarro a me!

DON GIACINTO: ( con evidente paura) perdono ci vuole ,perdono! In fondo è il padre della vostra futura creatura!

NANNINA: è vero ,Achì,zi prevete tene ragione! Arrecuordete ca a figlia femmena denare le può da ma sciorta maie!( = un destino fortunato mai) Si faie o sceme  nostra figlia nun tenarrà nu marite,  tenerrà  sule nu figlie orfene!

ACHILLE: zitta tu e nun me cuntrarià!

NANNINA: e tu nun me scuccià cu sti mode e guappe fallute! (= fallito)

ACHILLE: tagge ditte statte zitte! Si no….

NANNINA: si no..( Achille sta per replicare quando entrano Carmela e Rosa la quale ,incinta ,indossa un vestitino premam)

CARMELA: (entrando) ecco qua la…signorina Rosa  zi parrucchià! ( verso Nannina e Achille )O scusate nun vi aveve viste ( esce)

DON GIACINTO: (si gira di spalle a Rosa e annuisce)

NANNINA: Oh Rosa .questo è Don Giacinto,il tuo maestro!

ROSA: (facendo una mezza genuflessione) riverisco padre

DON GIACINTO: ( con evidente imbarazzo e cercando di nascondersi il viso con il breviario) la pace sia con te figliola!

ACHILLE :beh ,nuie ce n’ascimme e marraccumanne…studiate! ( escono)

ROSA:( va verso la porta e ascolta,poi torna indietro verso Don Giacinto e gli si para davanti ) ma sei uscito pazzo per caso? ma come ti è passato per la mente… Mio Dio!

GIACINTO: Rosa io non ce la facevo pi√Ļ, dovevo vederti! A costo di farmi ammazzare ma..senza di te non ce la faccio!

ROSA: Oh Giacinto mio,anche per me è lo stesso e questa creatura che ho nel grembo reclama il suo papà già da adesso,ma dobbiamo stare attenti, mio padre, ha deciso di ammazzare chi mi ha messo incinta e…ho una paura terribile che possa farti del male

GIACINTO: non temere, non mi conosce e cosi conciato posso farti visita tutti i giorni

ROSA: ma come hai fatto! E se ti scoprono

GIACINTO: non temere, √® stato un colpo di fortuna. Ho incontrato padre Giacinto,un mio carissimo amico di scuola e parlando del pi√Ļ e del meno ho saputo che era stato incaricato da Un certo Padre Cristoforo per darti ripetizione di latino io gli ho spiegato la nostra situazione e Lui mosso a compassione si √® prestato ad aiutarci e mi ha permesso di prendere il suo posto

ROSA: e se questo padre Cristoforo  scopre cosa?

GIACINTO: non può! Padre Giacinto lo ha fatto perché proprio stamattina Il caro padre Cristoforo è partito per una missione in africa

ROSA: meno male ma poi come faremo,quando potremo rendere pubblica la  nostra situazione, io avevo pensato di confidarmi con mamma ma…ho paura, paura per te!

GIACINTO: aspetta a farlo! Con l’aiuto di del Signore ne verremo fuori e tuo padre si convincerà a perdonarci!

ROSA: ( gli si avvicina, gli prende le mani e fanno per abbracciarsi,quando sentono passi alla porta e si dividono)

CARMELA: (entrando) scusate ma o pate vuoste aspette ospite e ha ditte ca potete continuare a sturiare nello studio

ROSA: grazie Carmela .andiamo Don Giacinto e tu  non venirci a disturbare se no non riusciamo a studiare..bene ( escono)

CARMELA: nun ve preoccupate, (comincia a spolverare)

PASQUALE: (apre la porta e si affaccia ,vede Carmela e di soppiatto gli arriva da dietro e la… tocca)

CARMELA: ( con un grido si gira e istintivamente lo colpisce con la scopa)

PASQUALE: ( portandosi le mani alla fronte) ahia…ahia..che mazzata nfronte!

CARMELA: e te sta buone! Spaventà na povera guagliole cu sti mane rattose! ( = rattuse)

PASQUALE: qualche vote e cheste me faie sicche!

CARMELA: accussì me te leve a tuorne!

PASQUALE: Carmenè tu me piace assaie e je cu te ce vache pazze

CARMELA:  no tu cu mme ce venì serie!

PASQUALE: ma je serie ce voglie venì zuccarielle mie!

CARMELA: tu? Ma famme o piacere! Tu? tu te  vuoie sule  mpruscinà e pigliarme  ngire (= fare sesso e prenderla in giro)

PASQUALE:ma quanne maie!

CARMELA: quanne sempe! E fine a che nun viene cu proposte serie,ca  nun ce sta niente a squaglià!( esce )

PASQUALE: ehhh ma tante facce ca te facce cad√®'e ¬†ccose pruibbite so 'e cchi√Ļ sapurite ( entra Nannina)

NANNINA: oh,ma tu stai ancora ccà ma nun te ne sive jute?

PASQUALE: si ma po mo so turnate  pecchè aggia fa na mmasciata ad Achille

NANNINA: Don achille! E nun vo scurdate! Che l’avite dicere?

PASQUALE:  veramente è na cosa nu poche riservata

NANNINA:  ma vide addo e je..riservata..seh. Embè je a voglie sapè!

PASQUALE: sempe cu permesse e don Achille però!

NANNINA: ( si avvicina a Pasquale mentre Achille fa per entrare) e je ve do o permesse! Jamme nun ve mettite a paura, ad Achille nun ce diche niente

ACHILLE: ( entrando ) ah me fa piacere e cher’è ca nun mavesseve dicere?niente niente state ntriscanne e spalle mie? ( =facendo la tresca alla mie spalle)

PASQUALE: ma ca dicite Don Achì,je vi rispetto come un padre!

NANNINA: aho! ma che te mise ncape! Ma comme te permiette! Ma pe chi me pigliate! Je so na femmina seria e capite!

DON ACHILLE: ( sorpreso dalla reazione) e scusame  je trasenne agge sentute ….

NANNINA: ma che e capite’ Pasquale tene nammasciate a te fa e je vuleve sapè e che se trattave

PAQUALE: ma je muto so state!

DON ACHILLE: e fatte bbuone e femmene so curiose e mene sanne e meglie è!

¬† se mettene sempe ¬†mmiezo oh! Ma nun tiene che fa ‚Äėa part‚Äôe dinto?

NANNINA: e certe! Sule ca a doppe quanne te truove mieze e guai addò me viene

pe te scanzà! E saie ca te diche? Me ne vache nun me va e sentì e strunzate che te

conte Pascale, fine a mò te navesse ditte una bona!stateve buone! (esce)

PASQUALE: avite  raggione Don Achì ..si e femmene putessene  risolvere  E quistione

difficile, ‚Äėo Pateterno a Gies√Ļ Cristo nun ce ‚Äėo mannava masculo!

ACHILLE: nun ce fa case Pascà a canusce è….scassambrelle ma….è na femmene e carattere!

PASQUALE:  nun ve preoccupate e venimme a nuie

ACHILLE: avite gia preparate a..bomba?

PASQUALE: stasera Don Achì ve facime nu servizie che nun vo scurdate

ACHILLE: (sfregandosi le mani) ohh  magge addicrià! ..e si venute sule pe dicerme cheste?

PASQUALE: no eh, ve pareve ca ve veneve a ncuità per così poco? Cose grosse Don Achì cose grosse!

ACHILLE: e dimme dimme

PASQUALE: poco fa ho ricevuta una proposta da un amico che sta in galera e mi è sembrata fatta apposta per voi

ACHILLE: di che si tratta

PASQUALE:  si tratta di espandere il vostro prestigio e di guadagnare anche tanti bei soldini

ACHILLE: ah.ma…Pascà capimmece buone si a cosa è accettabile se fà altrimenti niente da fare. Je so no guappe serie e nun me piacene l’accisione perciò primme e fa nu passe penzammece che cerevelle ncape,capisce a me! Parle e proponi

PASQUALE: e ve pare che si se trattave e accisione ve l’avesse proposte? Dunque a Napoli è arrivate Tanucce o siciliane nu  cape bastone mafiose e  canuscenne st’amiche mie l’ha incaricate e truvà na persona fidate pe lassarle  nu paie e juorne o pate in custodia

ACHILLE: è  cher’è nu pacche? E quante anne tene stu pate e Tanucce

PASQUALE: e cheste nun o sacce! Pare ca Tanucce dovendo sbrigare alcuni affari di ‚Ķ‚ÄĚfamiglia‚ÄĚ tene problemi a so purt√† appriesse pecch√® essendo state stu padre pur‚Äôisse cape bastone se mette a paure¬† ca qualcune se putesse¬† vendic√† e qualche torto

ACHILLE: ah e pecchè allore nun a rimaste in sicilia

PASQUALE: pecchè si rimane sule senza Tanucce ca o prutegge le fanne a festa

ACHILLE:  ah e si po venene a sapè ca sta a casa mia ?

PASQUALE: niente paure Don Achì è tutto sotto controllo sta cosa a sapimme sule nuie due e Tanucce ,l’amiche mie che sta ngalera, mo presente e nun sape manche addo o porte.

ACHILLE:uhmmm o fatte è nu poche rischiose e…

PASQUALE: Don Achì, Tanuccio dice che pagherà bene a chi gli assicurerà sicurezza e ospitalità

ACHILLE: ah e..allore se ne po parl√†, chi√Ļ tarde porteme a canoscere stu mafiuse

 e po decidimme mo intante jamme a pigliarce nu cafè o bar e Vicincielle (escono)

ROSA: (apre la porta e si affaccia con circospezione) viene se ne sono andati

DON GIACINTO: stamme sicure?

ROSA: si so asciute e mo te ne vai pure tu e..marraccumanne prudenza!

DON GIACINTO: (avvicinandosi, fa per baciarla mentre entra Carmela,la sente e  fa finta di benedirla)e ..il Signore sia con te

CARMELA:(per po rimane stupita) padre…pure a me!

DON GIACINTO: che cosa figliola?

CARMELA: m’avite cunfessà e benedicere pure a me!

DON GIACINTO: la prossima volta figliola, ora purtroppo devo correre ,i miei fedeli i aspettono, pace e bene ,pace e bene ( va via)

ROSA:Carmè  ma che tiene a te cunfessà? E po nun tiene o prevete tuoie?

CARMELA: si ma chistu prevete cca è troppe bellille e me piacesse e me fa cunfessà propete a isse e po quanne so giovene accussì e capiscene meglie e probleme nuoste

ROSA: cheste è overe ,(estasiata) è giovene  è..belle e..istruite ed…è

CARMELA: prevete! Signurì nun cadete in tentazione ca vuie ( alludendo al pancino di Rosa) gia site cadute na vote e vi site fatte..male

ROSA: ( come svegliata da un sogno) ah…si si e ragione e po …è prevete ,appartene o Signore!

CARMELA:eh,e diciteme na cosa a isse ce l’avite ditte chi è state chille ca va mise  incinte?

ROSA: in confessione Carmè,in confessione!

CARMELA: ah ma allore o sapite?

ROSA: ohe tu tavisse fa scappà parole cu pateme? Chille si addore  a cosa  so  guaie e notte!

CARMELA: signurì  nun ve preoccupate ,ma je nun agge capite ma si o canuscite pecchè nun o cunvincite a farle parlà cu pate vuoste?

ROSA: pecchè pateme nun o canusce? Chille è all’antiche! L’accidesse seduta stante!

CARMELA: cheste nun se po dicere, in fonde è pure o pate da criatura voste, je penze che le facesse na bona mazziata e po ve facesse spusà

ROSA: e magare fosse accussì, nuie intante tenimme mmane po essere che passanne o tiempe e vedenneme ca panze che cresce si persuade .se fa capace da situazione,o perdone e saggiustene e cose, beh mo me ne trase dinta  stanza mie e….(fa segno con il dito) acqua in bocca ( esce)

NANNINA: ( entrando) Carmè don Achille addò sta?

CARMELA: e chi ha viste? Mo mo se me jute zi prevete, ha fatte na benedizione a Rosa a ditte ca prossima vota ma fa pure a me

NANNINA: va buò ,mo va a chill’atte e accumince a cucinà ca je nun me sente tanta ca cape ( esce ed entra Achille)

ACHILLE: oh e pure cheste è fatte! Ne quanne se cena?

NANNINA: quanne Carmela è pronte

ACHILLE:  pecchè ogge a te nun te ne tenute e preparà?

NANNINA: ogge teneve ati cose¬† chi√Ļ importante a fa

ACHILLE: (fa segni con le  mani mimando ..)

NANINA ‚Äď ( Nannina se ne accorge )Uh, chillo me sfotte pure , Ach√¨ ferniscele, ca io tengo un emigrante ‚Äėncapo maie visto.

ACHILLE : Un’emicrania vuoi dire?

NANNINA. E cher’è?

ACHILLE: mal di testa forte …una cefalea insomma …

NANNINA: ah? Si chiamme accuss√¨ e allore sapisse ¬†¬†che piezze e ¬†cefale ¬†tenche ncape!‚Äė,( fra segno con la mano)accuss√¨ ov√¨!

ACHILLE: agge vede quanne a fernisce e dicere sproposite

NANNINA: pecchè c’agge ditte? Nun ce cride che tenche male e cape?

ACHILLE:  e comme nun ce crede! Tu a cape a tiene sempe accussì! Malata! Si  gnurante Nannì e nun ncarre nisciune! Je po diche si nun saie parlà o taliane  ne ma pecchè e dicere strunzate!

 NANNINA: E già a parlate Alissandre o mazzone!

¬†ACHILLE: ¬†¬†ahaaa povere ¬†me! tiene ragione zi Giuanne ..sfurtunate √® chi¬† s‚Äônzore: na notte ‚Äėe cuntente e mille jurnate ‚Äėe¬† turmiente! ( = sfortunato √® chi si sposa : una notte di contentezza e mille giornate di tormenti)

¬†NANNINA:¬† pe forze chille √® cretine(toccandosi la fronte) ‚ÄėA dinte tene ‚Äėa scemeria, e ‚Äėa fore tene e‚Äô‚Ķ.(Fa il gesto delle corne) famme je a vede Carmela si se move va ( esce mentre Achille si morde le mani)

ACHILLE:ma tu vire che agge suppurtà? ( bussano alla porta) carmè, Carmè stanne bussando vai ad aprire

CARMELA: (da dietro) jate vuie  ca tenche o baccalà mmane)

ACHILLE: e puosele e fa ambresse ( risuonano mentre va ad aprire)e andiamo  a vede ( apre la porta ed entra Pasquale seguito da Tanuccio con in mano una borsa e Don Nicolò, padre di Tanuccio sui sessant’anni di età)

PASQUALE: Don Achille rispettabile, vi presento, Tanuccio Turrisi e Don Nicolò suo padre

ACHILLE: (allungando le mani e salutando) è un piacere avere a che fare con uomini d’onore, venite ,accomodatevi

TANUCCIO:( ad Achille) vossia gia canusce il motivo della nostra visita e se siamo qua è perché il qui presente (ammiccando a Pasquale) ci disse che uomo di rispetto siete e quindi discrezione ,ospitabilità e sicurezza ci garantite

ACHILLE: e su questo ci potete giurare! Comunque ( dandosi importanza,intanto entra Carmela,  posa gli aperitivi sul tavolo ed esce e tutti si servono )se permettete anche io ho bisogno di essere rassicurato sulle vostre intenzioni ,sapete com’è anche io ho interessi da curare

TANUCCIO: (prendendo la borsa ) Qui trecentomila euro ci sono, vi bastano per garanzia?

ACHILLE: ( sorpreso e allettato) per bastare, bastano  ma diciteme na cosa che cosa vi serve?

TANUCCIO: dovete ospitare solo mio è padre per qualche giorno, fino a quando non risolvo alcuni affari qui a Napoli ma …attenzione…nisciuni lo deve sapere

ACHILLE: su questo non dubitate!

TANUCCIO:  va bene ma vi avviso, se qualcosa di male succede a mio padre….voi e la vostra famiglia la casa in cielo vi siete  assicurato!

ACHILLE: (  con imbarazzo e indeciso) si ma…

TANUCCIO: che cosa diciste?

ACHILLE: no dicevo…posso pensarci un poco?

TANUCCIO: ormai tardi è! Al momento che sono venuto e canuscite il mio problema è come se aveste accettato in anticipo e….Tanuccio Torrisi uomo d’onore è a mosca pe naso nun la supporta e allora…. a..schiaccia!

ACHILLE: ( con rassegnazione ) e va bene! Affare fatto

TANUCCIO: (a Pasquale ) pe favuri la pigliaste la valigia di mio patre e la portasti dentro?

PASQUALE: subito, quando esco e torno (esce)

ACHILLE: azze e chiste pare ca a cagnate padrone!

TANUCCIO: allora d’accordo ? papà per qualche giorno qui dovete stare, questa famiglia onorata è e… mi arraccumanne  nun facere  casini

DON NICOLO’: ( con voce tremante e balbettando) nun preoccuparti figghio mio un ospite silenzioso sarò  e vossia ( ad Achille) nun  sa addimenticasse mai che io omnino d’onore fui e che quanno comandavo io la gente cu culo arreto se ne andai da mia presenza!

ACHILLE: ( stupito ) non lo dimenticherò!

PASQUALE: (entrando) ecco qua la valigia di don Nicolò

TANUCCIO: Dunque, cumpareddu, capito mi hai?(cenno di si di Achille) bene ,(ad Achille prendendo la valigetta) favurite !  ma attenzione, i soldi li potete prendere  solo  a contratto chiuso ! intesi ci siamo?ci vediamo fra qualche giorno

ACHILLE: (prendendo la valigetta) d’accordo e non vi preoccupate qui vostro padre è al sicuro e sarà trattato con i guanti bianchi

TANUCCIO: ci conto e poi è… nel vostro interesse, andiamo Pasquale ,papà statti buono e marraccumanne….con discrezione!  Arrivederci (fa per andare e torna indietro) ah mi ero scordato di dirvi di un piccolo difetto che tiene mio padre

ACHILLE: dite dite..

TANUCCIO: √® un po ardito, gli piacciono le femmine e per questo nu poco ratttuso √®, comunque se per caso desse fastidio vuie baste ca dicite ‚Äú carabinieri‚ÄĚ e lui¬† la fernisce e va a nascondersi

ACHILE: eh e meno male

TANUCCIO: ah e tene pure natu piccolo difetto ogni tanto specie dopo mangiato soffre di degenerazione gassosa insomma ..qualche pireto gli scappa sempre ,ora (A Pasquale ) amuninni che tengo a fare ! (escono)

ACHILLE: ( con rassegnazione) stateve buone e maronne vaccumpagne !uhmm  tenche l’impressione  ca Pasquale ma date natu cunsiglie sbagliate.( Entra Nannina) Ca si se mette male o fatte è nire!

NANNINA: Achi quale fatto è nire?

ACHILLE: ( indicando Don Nicolò  che intanto vedendo entrare Nannina si mette in agitazione) chille ovì  (va verso Don Nicolò ) Don Nicolò ( questi intento a fissare Nannina non sente ) azze mere scurdate chiste è surde ( gridando)Don Nicolò!

DON NICOLO’: eh chi è? Ah site vuie e che vulite

ACHILLE: don Nicolò, vi presento mia moglie ( gridando) mia moglie e..nun se tocche!

DON NICOLO!omnino d’onure sogno ,agge capite

ACHILLE: meno male, adesso vi faccio accompagnare nella vostra stanza e poi vi chiamo quando la cena è pronta

NANNINA: ( ad Achille)ne ma chiste  chi è?

ACHILLE: Aspette mo te conte;Carmela, Carmela, vire cheste si risponne

CARMELA: dicite Don Achì

ACHILLE: pigliete o viecchie e portele dinta a stanza soie cu tutta a valige soia ah, t‚Äôavesse da fastidie tu allucche dicenne ‚ÄúCarabinieri‚ÄĚ e chille a fernisce

CARMELA: ah è pericoloso? Ma chi è?

ACHILLE: ah …è… nu zie mie venute da Sicilia,va va

CARMELA: o zi jamme venite cu mme ( gli fa cenni di essere seguita)

DON NICOLO’: (si alza,la guarda con interesse e tutto baldanzoso segue Carmela) ah ..ah  eccumi ,prontissimo sono (escono)

NANNINA: insomme me vuoie spiegà?

ACHILLE: e viste o viecchie?

NANNINA: embè?

ACHILLE: (aprendo la borsa) e guarda cca!

NANNINA:maronne! e svaligiate na banca?

ACHILLE: ma qua banca! Me l’ha date o figlie do viecchie po fa sta cca nascoste nu paie e juorne

NANNINA: ma allore è na cosa pericolosa?

ACHILLE: no si o tenimme annascuse e nun facimme sapè niente a nisciune, al massimo si qualcuno lo vede le dicimme ca è nu parente do nuoste

NANNINA: Achì scummette che chiste è natu mbruoglie ca ta purtate Pascale e qualche vote e cheste fernisce male

ACHILLE: nun te preoccupà, a Rosa nun le dicere niente dille ca è nu parente a larghe ca se trove ca e passaggie

NANNINA: (guardando i soldi) però si tutte va buone….simme ricche

ACHILLE: va ,va e pripare a cena

NANNINA: vache,vache  e..nascunne sta borsa! (esce)

ACHILLE: ( va verso la finestra e guarda fuori) azze se fatte notte! ( si siede sul divano e prende un giornale poi  all’improvviso si sente Carmela gridare)

CARMELA:  e carabiniere ..e carabinieri! ( sorpreso scatta dalla poltrona e scappa, Nannina esce gridando)

NANNINA:nun avimme fatte niente simme nnucente!

CARMELA( esce dalla stanza mezza scomposta) maronne! addo state? aiute, aiute  o manieche ma zumpate ncuolle!

ACHILLE: ( entrando ) ma che è succiese?

CARMELA: o viecchie ma zumpate ncuolle,guardate cca   natu poche me stracciave o vestite

ACHILLE: puozze jetta o sanghe! E acccussi allucche? Me fatte sciogliere le viscere  Je me penzave ch’erene trasute o vere e carabiniere! ahh

CARMELA: eh ma vuie accussì avite ditte e je accussi agge fatte e meno male,donna Nannì stateve accuorte pure vuie chille è rattuse malamente

NANNINA: ma che a cumbinate

CARMELA: appena simme trasute, nun ma date manche o tiempe e pusà a valige, se levate o cazone e…ma zumpate ncuolle

NANNINA: e stamme a poste! Mo tenimme pure o viecchie porcografico   che gira pa casa!

ACHILLE: e mo o viecchie addò stà?

CARMELA : se ficcate sotto o liette

NANNINA:  e lassa o sta llà, e tanne o chiammate quanne è ore e cene!

ACHILLE: e chi o sape sta storie addo va a fernì?me ne vache nu poche o bagne..me se so mosse e stentine ( = mi si sono mossi gli intestini) (fa per uscire  e si sente un gran botto  sobbalza di gioia poi strofinandosi le mani) ovilloco ovì ah che soddisfazione, che goduria(saltando di gioia ),ah ah sta botte ma fatte addicrià

NANNINA: ma cher’è? Si scimunite cheste  so bombe?

ACHILLE: bomba sii bomba questa è musica pe recchie meie! Va va  pripare ca se magne e porte pure  o spumante è festa!(esce saltellando e fregandosi le mani)

NANNINA: chiste è asciute pazze mah !Carmè , da na pulizzate e po vienene aiutà dinta a cucina (esce,poi  mentre Carmela rimette a posto le sedie cadute suona il campanello )

CARMELA: e jamme a vede si se fernisce sta jurnate ( va ad aprire e compaiono i tre guappi tutti malconci , impolverati e doloranti, Carmela, li osserva)ne ma arò venite tutte e tre accussì cumbinate,che ve succiese vanne vuttate sotto a nu tram?

PASQUALE: nun ne parlamme

ALFONSO: na tragedia

VINCENZO: nu cataclisma

CARMELA: ma insomme se po sapè?

PASQUALE: a doppe ,mo chiamme a Don achille

CARMELA:e va buò ,aspettate lloco ca già mavite spurcate o salone ( esce)

VINCENZO: pascà parlece tu

PASQUALE: je? Ce parle Alonze

ALONZE: nun dicite manche scherze, parlammece tutte e tre assieme

ACHILLE: (entrando e fregandosi le mani) ah bello belo, se sentute a ccà ah che soddisfazione e dicite dicite, è carute..è carute tutte quante o negozie?

PASQUALE: è distrutte Don Achi’.

VINCENZO: polverizzato!

ALONSO: cancellato dalla faccia della terra!

ACHILLE: ah ah che bello che bello…

PASQUALE: solo che… ci sarebbe un piccolo particolare

VINCENZO: na quisquillia

ALONSO: na sciocchezzuola

ACHILLE: e che fa si so fesserie ma dite dite ( i tre guappi si guardono sconsolati) ma insomma vulite parl√†? √ą andata tutto bene?

PASQUALE: si ma..

ACHILLE:  e allora?

VINCENZO: sule che ci sarebbe un piccolo particolare

ACHILLE: e..sarebbe

ALONSO: o negozie che è zumpate

ACHILLE: ( comincia a spazientirsi) o negozio che è zumpate?

PASQUALE: Don Achì, o negozie che è zumpate è…o vuoste!

DON ACHILLE: ( si mette le mani al volto )Maronne! ma..comme?ma che state a dicere?

PASQUALE: ere scure

ALONSO: ce steve a neglie

VINCENZO: steve a venì gente e …

PASQUALE: jeveme e presse ed è succiese a disgrazia!

ACHILLE: a disgrazie? Vuie m’avite arruinate, delinquenti, disgraziati, buone a niente, ahhh ahhhh me sente male, me sente male ( si accascia su una sedia)

PASQUALE: aiute Donna Nannì carmè currite Don Achille le venute n’infarte!

NANNINA ( entrando con Carmela) maronne! Achì, parle ,rispunne! Rispunne! (entra Rosa) papà ,papà

DON NICOLO’ ( entra agitando il bastone) aiuto picciotti la festa mi vogliono fare! ( i tre guappi cercano di fermarlo fra le grida di Nannina ,di Carmela e di Rosa e il sipario si chiude!

 

FINE PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

Stessa scena dl primo atto. Carmela è intenta a preparare la colazione.

CARMELA: ( sistemando  le tazze e i biscotti) ecco qua, i biscotte ce stanne ,o zucchero pure, chesta è a tazza e Don Achille, chesta è pe Donna Nannina, e cheste è po viecchie rattuse siciliane, a signurina Rosa fa colazione in camera  e stamme a poste,ca je po nun agge capite stu viecchie nzallanute comme le parente a Don Achille, mah ( entra Nannina)

NANNINA: ( sbadigliando e mezza assonata) Carmè e preparate pure pe Don Nicolò (Carmela fa cenni di assenso) Maronne ca suonne ca tenche!

CARMELA: pe forze, avimme passate sta nuttate! Don Achille è svenute e nun ha tenute manche a forze e cenà, Rosa po spaviente natu poche sgravave,Chillu viecchie bavuse ca po fa sta cuiete l’avimme avute da o sonnifere vuoste e je c’agge fatte e cipolle  e piede a saglì e scennere e scale appriesse a vuie!  

NANNINA:  e raggione Carmè nu poche e pazienze ,ma tu vide che piattine ci hanno  cumbinate chille tre strunze , nu negozie distrutte e mariteme ca na tu poche mureve!  a proposito, e chiammate o duttore

CARMELA: si ,si ha ditte che veneve subbete! Signò e mo comme facite senze o negozie?

NANNINA: pe furtune tenimme assicurazione ca pave e po mumente  i tre strunze po sbaglie che hanne fatte,se so mpegnate a caccià e sorde po mantenimente da famiglie!

CARMELA: accussì se mparane e campà! ( entra Don Nicolò) ovilloco ovì, e speramme ca stammatina se avizate senza campanielle dinte e cerevelle

DON NCOLO’: (si guarda attorno sospettoso) buongiorno a vossie la culazione,pronta è ?

NANNINA: buongiorno a vuie, sissignore è pronta assettateve,Carmè servi la colazione a Don Nicolò

DON NICOLO’: (sedendosi emette un rumore noto) oh meno male si mangia! (ripete rumore noto)

DONNA NANNINA: chiste spare perete e manche se n’accorge

CARMELA: (andando ad aprire la finestra ) sule che nuie nun sule e sentimme ma ….a puzze ce bruce e pile dinte o nase!

DON NICOLO’: (alzandosi di scatto) permettete?un momento  o bagno andai e po culazione facci (corre staccando la cinghia dei pantaloni)

DONNA NANNINA: da ieri ca venette va e vene a dinte o cesse e ce sta  nfetentente na casa e je tenche na panza ntustate e so tre juorne can nun ce riesche! (= ci sta impuzzolendo la casa e io ho la pancia intostata e sono tre giorni che non vado in bagno)

CARMELA: ve pozze  mettere e solite diece gocce e ngulattacs dinte o cafè?( = Guttalax nel caffè)

NANNINA: vinte mittancille vinte ca stavote o fatte è…tuoste assaie! (Carmela prende un bocciettino e versa le goccie mentre si sente la voce di Achille che chiama Nannina) ovilloche ovì  Lazzare è resuscitate!

ACHILLE: Nannì, Carmè, addo state dateme na mane a scennere e scale

NANNINA: nu mumente,arrivamme! Jamme Carmè ,jamme a soccorrere l’nfermo! ( escono)

DON NICOLO’( entra si siede si prepara a fare la colazione guarda le tazze) quanne ero capobastone si che mi rispettavano mo pe minghione mi pigliarono, eh ma le bone abitudini nun si cagneno, (scambia la sua tazza di caffè con quella di Nannina e beve) questione di sicurezza è!

ROSA:( si avvicina ala tavolo si siede) buon giorno Zi Nicolò, comm’è state sule a fa a colazione

Don NICOLO: cosi pare..ma dimmi na cosa  incinta sei?

ROSA: ve ne site accorte?

DON NICOLO’: eh uomo di mondo sugno e poi..abituato a vidire tutti i particolari,e…cu fu o caruse ca te mittetti incinta?

ROSA:veramente tene ancore tutte e capille ncape ma po scusate, a voi chi ve la ditte ?

DON NICOLO’:   tutto mi dissero e poi  si vede si vede,  e ora sacce ca pure ca  o canusciste ,comunque picceredda e simpatica sei , pirciò sei hai bisogno di qualunque cosa nun avire paure ca io qua sugno ,in fondo parenti siamo eh

ROSA: grazie, ne terrò conto, site simpatiche pure vuie  e per favore nun dicite niente  a nisciune( entrano, Carmela e Nannina che sorreggono Achille)

DON NICOLO’: non temere, ommo d’onore sono!

NANNINA: (ad Achille ) viene assettete cca e faie culazione che chesse e dibbulezze!

ACHILLE: no cheste è  malatia e core

DON NICOLO’: e vuie pe nu poche e dispiaceri tantu ve lo pigliaste,e io allora che devo dire, io che sempe in mezzo ai pericoli sogno stato

ROSA:avete fatto la guerra?

DON NICOLO’: eh la guerra! Si sparava, si lanciavono bombe .bum ,bum e.. (comincia ad agitarsi e gli scappa un …rumore) e…permettete un lasso di corpo ebbi( va via slacciandosi i pantaloni)

NANNINA: ahe a guerra continua! √ą partito pe l‚Äôattacche o cesse!

ACHILLE: veramente quanne so trasute na puzze a senteve

CARMELA: na puzza? Chille a nfetuntute na casa!( suona il campanello, va ad aprire ed entra Pupetta e Procopio)

PROCOPIO: buo.. buo.. buongiorno Nannì

PUPETTA .( medico balbuziente e ingenuo) buongiorno Achì  ma che è succiese? avimme sapute da disgrazie do negozio e..

NANNINA(  Achille fa per parlare) e Achille le venute nu colpe. Duttò vedite nu poche vuie

PROCOPIO:             e. e… e ve ..vedimme ! ( prende lo stetoscopio e lo sfigmamometro ) mo ..a.a.ammesuramme nu poche a pre..sotte ….a pressione,( Achille risponde a soggetto)scu scu…scummigliate o bracce (lo aiuta e misura) oh stamme a..a..a poste, vedime nu nu poche e..arete e..palle..e spalle (esegue) be..bene!re re respirate a lu..lucca(achille risponde sempre a soggetto) a a..lungo ..ah.. bene,mo mo ara.ara arapite annanze ca.. ca cuntrullamme o.o..cose…o..o..o.core!  (esegue) ah! Ahhh

ACHILLE: (spaventato ) cher’è ? (guarda al dottore) o sapeve o sapeve so futtute e core!

PROCOPIO: ma ma che..vuie… vuie  tenite nu core e fie..e  fierre piu tardi vi vi mando delle go go goccie  per calmarvi per il mio aiu.aiu aiutante!

ACHILLE: ma allore sto buone!( battendo le mani su Nannina) e sentite Nannì sto buone!

NANNINA: eh  agge sentute!

PUPETTA: ah meno male!

NANNINA: Carmè accumpagne o duttore a lavà e mane  dinte o bagne e coppe pecchè chille e vascie  è sotte e bombardamente, anze mo venche pur’je .o  duttore se trove cca e le voglie fa fà na visita pure a Rosa( escono)

PUPETTA: ah meno male, Achì me so pigliate nu spaviente ( fa per abbracciarlo)

ACHILLE: statte cuiete ca nun è cose! E po  quanti vote te lagge dicere ca non ci devi venire qui perché va  a finire che non ti controlli e ti tradisci

PUPETTA: e ragione  ma quanne agge sentite ca stavi male nun agge putute resistere!  ( si avvicina di  nuovo fa per baciarlo e si accorge che sta entrando Carmela) ah ecco qua  ve l’ho tolto (a Carmela) teneva un moscerino in un occhio

CARMELA: ( fa finta di aver capito )Don Achì a ditte Donna Nannina saglite nu poche ncoppe

ACHILLE: saie che vo?

CARMELA: nun riesce arapì o cantarare ( = no rieco ad aprire il comò)

ACHILLE: jamme a vede! (esce mentre Pupetta si siede indispettita )

DON NICOLO’: (uscendo vede Pupetta e si avvicina) buongiorno a vossia

PUPETTA ( colta di sorpresa) buongiorno

DON NICOLO’: bedda figghia siete

PUPETTA: che avete detto?

DON NICOLO’: siete una bella donna

PUPETTA:ah je aveve capite nata cosa, grazie ma voi chi siete?

DON NICOLO’: un parente di Achille e voi?

PUPETTA: sono un’amica di famiglia e moglie del dottore

DON NICOLO’: o duttori? E dove sta?

PUPETTA: sopra con Nannina e Achille ma scendono subito

Don NICOLO’: subito…. subito …. Perché ho bisogno pure io do duttori, stamattina duluri di panza tengo e…..(entrano Nannina, Carmela  e Procopio ) ah e chillu o duttori?

NANNINA: dottò  grazie assaie ,vuie site sempe accussì gentile ( vede Don Nicolò) ah duttò questo è Don Nicolò .nu parente e mariteme ma…facite cunte can un avite viste eh!

PROCOPIO: (allungando la mano) pi pi..piacere

DON NICOLO’:  piacere e..scusate dottò me potesse fa na visita pure a mia ca stammatina nun sarrepose ?

PROCOPIO: e….che vi se .. sentite

NANNINA: niente duttò… tene na colica anale!

PROCOPIO: anale?

NANNINA: si comme ve lagge spiegà ..insomme va e vene  a dinte o cesse!

PROCOPIO:ah! Addo addominale! e allore nun ce bi..bbisogno, (apre la borsa)pigliateve sti gog goccie tre volte al al gi gi giorno e starete bene!

DON NICOLO’: grazie a vossia e…(avvicinandosi a Pupetta) i miei rispetti bedda signora è stato un grande piacere conoscerla

PUPETTA:( pavoneggiandosi) grazie, come siete gentile, andiamo Procopio andiamo

PROCOPIO: arri arri arrivederci (escono )

DON NICOLO’: cu permesso vuie marritirai dinta a stanza (esce )

NANNINA: ( a Carmela) ma tu e viste a chella scema e Pupetta comme sa tirave, pareve ca se vuleve ammuccà!

CARMELA: signò comme se dice: quanne a mugliere è bone e o marite è chiachielle

 ce vide sempe e corne pirciò stateve attiente pure vuie

NANNINA: ueh ma tu ca dice mariteme nun so sonnasse maie e me ncurnicià !

CARMELA: come dicite  vuie,però e marite so’ fine assaje quanno se tratta de mbruglià e mugliere e sta mugliere do duttore me pare ca sfarfalle nu poco troppe pure attuorne a Don Achille!

NANNINA: azze ma si capere assaie, fatte e fatte tuoie sa ca a mariteme ce penze je!

CARMELA: je agge sule fatte nu cummente (suona il campanello)

 (NANNINA: va va , vide chi è arape a porta va! (entra Giacinto)

DON GIACINTO: buongiorno e Dio sua lodato!

NANNINA E CARMELA: sempre sia lodato

DON GIACINTO: e la signorina Rosa?

NANNINA: ma come zi prè vuie l’avite pure confessate e chiammate ancore

signorina?

CARMELA:  e mo ce vò chelle tene na panza tanta!

NANNINA: ohe! Azze nun te fire sta zitte sa! scusate Don Giacì che ce vulite fa sti

cammerera e ogge so tutte capere, chesta po a vedite, nun se fire e tenè tre cicere

mmocche ,va ,va a    chiammà a Rosa e dille  che don Giacinte le venute a fa a

lezione e latine

CARMELA: (si avvicina alla porta dello studio e chiama Rosa) signurì. Signurì è venute

Don Giacinte pa lezione e latrine!

DON GIACINTE:  a latrine e sorete!

NANNINA: che avete detto padre

DON GIACINTO: no dicevo il solito latino

ROSA: ( entrando) eccomi sono pronto padre ,vogliamo andare?

DON GIACINTO: andiamo andiamo figliola ( escono  mentre suona il campanello e

Carmela va alla porta e poi rientra)

CARMELA: donna Nannì fore ce sta nu tipo strane  che vo a Don Achille

NANNINA: tipe strane?

CARMELA: eh!  Signò, tene nu burzacchielle ncape e na burzette mmane

NANNINA :nu burzacchielle?

CARMELA:  eh chille cappielle ca se mettene e mafiuse

NANNINA: all’eneme e sorete! U burzaline! Sceme

CARMELA:  e je cagge ditte

NANNINA: va! va! e ..commè e perzone  voglie dicere tene n’aspette e signore o e

cafone?

CARMELA: boh ,nu lagge viste tante  buone, comunque pare ca tene capilli  e baffe

nire ,o burzacchielle grigie ,nu fazzulete bianche dinte o taschine, na giacca nere e u

cazone chiare …ah purtave pure na catenella e ore nganne!

NANNINA :Carm√® , e.. ‚Äėe mutande ‚Äėe che culore ‚Äėe tteneva! Azze e meno male che nun le viste buone! va falle tras√¨ e chiamme a mariteme! (Carmela va ad aprire ed entra Tanuccio)

TANUCCIO:( con una ventiquattore in mano) Buongiorno a vossia,cerco Don Achille, è in casa?

NANNINA: Io sono la mugliera, propeto adesso Carmela lo va a chiamare, vuie chi siete ( Carmela esce)

TANUCCIO: un amico, vostro marito nulla vi disse?

NANNINA: je di fatti e mariteme nun me intrigo

TANUCCIO: ( fra se ) bene  picciottio fidate è

NANNINA: che avite ditte?

TANUCCIO: niente,niente (entra Don Achille) ah caro Don Achille,se permettete solo due parole e…. in discrezione!

ACHILLE: Nanni’ lassece sule e  marruccumanne ,nun ce fa disturbà a nisciune!

NANNINA:comme vulite vuie (esce)

ACHILLE: siete venuto a prendervi vostro padre?( Carmela fa per entrare ma poi si mette ad ascoltare dietro la porta)

TANUCCIO: no, sono venuto per consegnarvi questa( prende una busta gialla e gliela porge),prendete dentro ci sono le istruzioni da dare a mio padre nel caso che io nun turnassi chhi√Ļ!

ACHILLE: ( sorpreso) ma che dite.. e po scusate perché questa busta non gliela date direttamente voi a Don Nicolò?

TANUCCIO: mio padre nulla deve sapere di quello che devo fare, se torno me lo porto se non torno

ACHILLE: scrivete

TANUCCIO: aggiu già scritto!  mio padre saprà cosa fare e voi lo aiuterete

ACHILLE:  a fa che scusate

TANUCCIO:  a farlo stare in sicurezza, solo voi e  Pasquale conoscete la sua vera identità e nella busta ci sono documenti nuovi che gli consentiranno di vivere dove vuole  perché è miliardario perciò marruccumanne ….silenzio con tutti e pure voi vivrete ricchi e tranquilli.

ACHILLE: e Pasquale pure lui sa e..

TANUCCIO ..Pure a Pasquale pensai dandoci una ricompensa adeguata e ore vi saluto marraccummano a mi patre (esce)

ACHILLE:  ma e chi sa chiste che tene a fa accussì in segreto! A me me baste ca nun coinvolge chiu e niente e sto a poste! (esce)

CARMELA: ( entra ,si guarda attorno ,poi si siede sul divane e con stupore)  e capite niente ? azze stu viecchie e don Nicolò sta mpurpate e sorde! Addiritture miliardarie! E chiste è nu partite ca nun mo pozze fa scappà!(  esce mentre entrano Achille e Nannina)

NANNINA: je taggia avvisate,si scopre ca tiene qualche sciacquetta ca te gire ntuorne,te facce nire! E a proposito a me a mugliere do duttore nun ma conte juste, lagge viste come se sbatte quanne vene cca

ACHILLE: ma ca vaie dicenne,te pare ca tenche na femmene comme a te e me vache a mpruscinà che sciacquetta!

NANNINA: cheste nun se po maie dicere,perciò, uomo avvisato …mezzo salvato

ACHILLE:va buò va buò mo ascimme e facimme ambresse chelle c’avimme fa,  Carmè, Carmè

CARMELA: eccomi Don Achì. dicite

ACHILLE: Carmè, nuie ascimme pe na commisione, tu staie attiente o viecchie, vire si le serve qualcose e marraccumanne nun o fa ascì! Ah …da n’occhiata a Rosa quanne Don Giacinte a  fernute e farle  lezione  : ( escono)

CARMELA: mo to sisteme je o viecchie! ( bussa alla porta di don Nicolò?)

DON NICOLò: ( si affaccia) oh bedda madre, vuie site? Ca vulite?

CARMELA: niente vuleve sapè se v’occorre qualche cosa

DON NICOLO’: a me me servirebbe qualcosa ( Carmela  si gira sculettando  facendo finta di sistemare il tavolo) miezzeca  e comme  sbattea o mandulino!( si avvicina toccandola) vuie me facite vollere o sanghe ncape!

CARMELA: don Nicolo’ tenite e mane a poste,je so na ragazza seria e solo o fidanzate mie se po permettee ciete confidenze!

DON Nicolo’: e cu fu o picciotto furtunate eh ?

CARMELA: nisciune ancore

DON Nicolo’: possibile vuie beddissima site, come mai?

CARMELA: Don Nicolo‚Äô je voglie nu marite ca mi deve dare sicurezza, mi deve dare a campare e nun farme fa a serva, e si pure e chi√Ļ viecchie e me nun m‚Äôporte basta ca me fa fa a signora!

DON NICOLO’:  e cheste io te lo pozzo dare? Io sono ricco anzi ricchissimo e …ancora piacente

CARMELA: ma vuie ca dicite? Vuie me spusasseve?

DON NICOLO’ : e certo vuie assai me piacite

CARMELA: ma dicite overe o me vulite fa fesse?

DON NICOLO’: uomo d’onore sono! Ma vuie mi dovete dicere una cosa.. donna serie siete?

CARMELA. Serissima e vagge cunfessà ca maie so state cu n’omme!

DON NICOLO’: (stupito quasi barcolla)fine a mo vergine siete stata?

CARMELA:- Si ..per√≤ ‚Äėo desiderio carnale troppo a lungo represso, int‚Äôa

capa ‚Äėe na femmena pu√≤ essere causa di pazzaria e nun cia faccie chi√Ļ ad aspettare|

DON¬† NICOLO‚Äô: Io tengo na certa ait√† ma ‚Äėo fatto ‚Äėe famme rirere me piace

 ancora.

CARMELA:- Guardame buono. Io nun me sò maie spugliata nnanze a n’omme

DON NICOLO’- E vulesse accumincià cu mmico?

CARMELA: (Si toglie il grembiule  mettendo in evidenza un vestitino scollato, ed una gonna maliziosa, accavallando le gambe) Inizio a sentire caldo! Sa, io so una tipa molto accalorata! Ve dispiace  si me leve a giacchina?

DON NICOLO’(Imbambolato)  pe me te puoi levà pure e mutande ( sgrana gli occhi e barcolla)

CARMELA: (Si avvicina , provocandolo) ho un piccolo difettucio, so assaie curiosa. E poi, me piace sapere tutto cose  cu chi agge a che fà  (carezza il viso di don Nicolò con la mano, facendolo andar su di giri)

DON NICOLO‚Äô:miezzeca ! me pare ca tenche na stufa sotte e piede, sto vapurizzanne tutto! (Le carezze sempre pi√Ļ frequenti da farlo sciogliere) signorina, le ¬†posso solo dire che padrone di miliardi sono e femmena ricca e padrona te fazzo!

CARMELA: (lo stuzzica sempre pi√Ļ, per incitarlo a parlare) ¬†e comme te¬† le fatte ¬†tutte chille sorde ? ¬†

DON NICOLO‚Äô:e a te¬†¬† chi cinni futti ,li tenco e basta ? ¬†(Carmela ¬†gli si accosta sempre pi√Ļ vicino, con la mano gli fa il sollettico sulla pancia e don Nicol√≤ i! ¬†si esalta) I ahh ahhhh

CARMELA: (strusciandondosi  gli gira intorno)  allora possiamo goderceli insieme je tenche  o  potere e te fa je ( all’orecchio sensualmente) nparavise!

DON NICOLO’:(sempre incantato) In paradiso no, c’è me mugghieri! All’inferno nemmeno picchì c’è mia suocera. Mi facissi andare  (con voglia)into o ...purgatorio!

CARMELA: te facce je addò vuoie tu andiamo, andiamo dinta a cammera toia (Carmela apre la porta di Don Nicolo’  e si avvia facendogli segno con il dito) vieni vieni..

DON NICOLO’:Beddamatri a prissioni mi sta vinennu. A mumentu mi scoppia a rota di scorta! (nell’angolo della stanza, si allarga i pantaloni) Ooh,ciccio.. a vidisti a sta fimminazza? Isati a testa, ca l’avemu a smuntari tutta! Nun mi fai fari mala fiura! e! (entra in camera )

ROSA: ( entra seguito da Giacinto) viene nun ce sta nisciune,sediamoci un poco qui,nello studio fa caldo

DON GIACINTO: e ragione cca se sta nu poco pi√Ļ fresco, ma dove sono andati?

ROSA: sono andati dai carabinieri a fare la denuncia per lo scoppio della bomba che ha distrutto il nostro negozio

GIACINTO: ma tu vire nu poche,ogge nun se po sta nu poco cuiete, ma chi sarà state?

ROSA: e chi lo sa! Forse gente ca vuleve o pizze e papà nun ha vulute pavà

DON GIACINTO:  sarrà state accussì sicuramente, ogge è tuccate o negozie e patete e chissà qualu juorne tuccarrà a chille e pateme!

ROSA: forse patete pave e nun l’hanne tuccate adda essere a forza accussì! e mo ce vo chille sta quase di fronte o negozie nuoste

DON GIACINTO: mah è na cosa che a mio padre  ce l’agge ditte! (si avvicina a Rosa  e gli mette le mani sulla pancia)si muove, lo senti ancora?

ROSA: se muosse fine a poco fa,mo nun o sente, se starrà arrepusanne!

DON GIACINTO: Rosa je nun cia facce chi√Ļ mo quanne vene patete ce dico tutte cose e a chelle ca succede, stu figlie nuoste nun po pav√† pe sbaglie nuoste!

ROSA: no , no aspetta nun fa pazzità! Famme fa a me! Mo veche e parlà cu mammeme e veche si se move a compassione e  insieme a esse vedimme e fa capace a pateme!

DON GIACINTO:  aspette ancore tre ghiuorne e po..parle je! ( si sentono da fuori le voci di Nannina e Achille )

ROSA:  ( gli da un bacio veloce ) spostati stanne venenne!

ACHILLE: viene Pascà trase, ( entrano tutti) ah voi siste qui! Tutto bene e Carmela?

ROSA: non l’ho vista, forse è di sopra oppure è nel giardino, Don Giacinto ha finito e stava andando via

ACHILLE: avete gia terminato la lezione? Venite,venite ,prendiamoci una cosa fresca,fa un caldo

DON GIACINTO: no non vi preoccupate, e poi devo andare

NANNINA:  venite vi presento a Pasquale Capece (a Pasquale) Pasquà vuie o can uscite a Don Giacinto?

PASQUALE: ( gli va incontro e dandogli la mano) piacere,non ci conosciamo?

DON GIACINTO: non mi pare

PASQUALE: eppure tenite na faccia canusciute, nun marricorde addò vagge viste!

DON GIACINTO :  forse in chiesa fratello!

NANNINA: in chiesa? E se ne fosse carute! Chille nun ce va maie

DON GIACINTO: peccato,peccato fratello,ascoltare la parola di Dio non è mai troppo tardi, comunque, io devo andare i miei parrocchiani mi aspettano per le confessioni , arrivederci,arrivederci (Rosa lo accompagna alla porta ed  esce)

ACHILLE: che buon giovane!

NANNINA: è nu  santu prevete !

PASQUALE: eppure tene facce canusciute nun marricorde addò lagge viste mah!

ROSA: io salgo su a mettere a posto i libri (esce)

NANNINA: ma sta caspite e Carmela addò sta’? Carmela, …Carmela!

CARMELA: ( uscendo dalla camera di Don Nicolò e sistemandosi i capelli) eccomi signò!

NANNINA: ah finalmente! Ma che ce facive dinta a cammera e Don Nicolò!

CARMELA: signò quello a Don Nicolò appena ma viste , all’improvviso, se avizata a pressione  ca natu poche scuppiave  allore lagge dovute dà nu rosolio e  farle nu massagge o core e sule accussì se sgunfiate tutte quante e si è ammosciato!

ACHILLE: eh la pigliate pe na rote e camion!

NANNINA: e capite niente? Nuie teneveme na nfermere in casa e nun o sapeveme!  viene cu mmè,viè ,viene dinto o giardino c’avimme arracquare chilli povere sciurille !

CARMELA: signò ma quali belli sciurille chille so tutte crisanteme

NANNINA: so chille ca piacene a mariteme!

CARMELA: ce l’avite purtà ncoppe a tomba!

NANNINA: ohe! Ma vide a cheste! Nossignore chille e manne in dono a chi nun fa chelle ca dice!

PASQUALE:  Accussì capiscene e se mettene a in riga !nagge purtate e mazze!  E fetiente e crisantemi e ( guardando Achille)   alle belle femmine rose e orchideie

 NANNINA: rose e orchideie ? ( ad Achille)  ah e accussì? Allore è o vere ca faie o lapone appriesse  allate femmine!

ACHILLE:  ma chi? ( indicando Pasquale) è manne  stu sceme ovvì !

CARMELA:   e po vene a sfottere a campanella addo me!

 NANNINA: sarrà ma (prende le forbici da giardiniere e si accosta ad Achille )  uomo avvisato  ( fa segno con la forbice a tagliare)   palle salvate!  jamme cammina (escono

ACHILLE:   ma tu vire o Pataterne!

PASQUALE: nu poche e pazienze Don Achì..so femmine! Je allore mo me ne vaco, avverto Alonze e  Vicienze pe stasera e nun ve preoccupate,stavote nun ce sbagliammo!

ACHILLE: eh,speranne ca stavote nun ce sta a nebbia!

PASQUALE: e che fa? Ormaie avimme sturiate bona a posizione

ACHILLE: ah e allore nun ce sta pericule e fa zumpà a  caserme de carabinieri di fronte!

PASQUALE: ce sta na caserme e carabiniere di fronte?

ACHILLE: Pascà, mo facite nu favore?

PASQUALE: dite dite

ACHILLE:lassate perdere!

PASQUALE: ma….nuie vulesseme..

ACHILLE: agge ditte lassate perdere!

PASQUALE: comme vulite vuie,allore me ne posso andare?

ACHILLE: vaia ,vaie (Pasquale esce)  cu chisti chiare e lune  meglie nun correre rischi

( suona il campanello) Carmè vai a d aprire..ah gia sta arete o giardine ( va lui apre ed entra Pupetta)

ACHILLE: e tu che si venute a fa? Allore nun me so spiegate? Tagge ditte ca mene viene ca e meglie è!

PUPETTA:  so venute pe te purtà e gocce ca ta prescritte mariteme,doveva venire  o guaglione da farmacia ma me lagge fatte cunsignà a nascuse e mariteme pe tenè scusa e  venì ccà  ( apre la borsa e le prende) ecco qua, tieni….ma stai solo?

ACHILLE: si ma….temporaneamente, Nannina e Carmela stanne dinte o giardine e Rosa sta dinto o studio e  sssshhh…nun fa rummore di là ce sta a stanze e Don Nicolò e chille tene  cierte recchie ca po ricevere a tv satellitare

PUPETTA: ( gli si avvicina) si si ..ah finalmente nu vase to pozze dà, me fatte piglià na paure! ( si abbracciano proprio quando Don Nicolò si affaccia non visto)

ACHILLE: ah e comme staie nfucata!

PUPETTA: pe forze, nun ce ncuntramme ca so tre ghiuorne ma mo pigliate e gocce, te voglie nforme quane ce vedimme!

DON NICOLO’:  minghia! O dutture cornute è!

ACHILLE: (prendendo la confezione delle gocce)ta ditte quante me n’agge piglià?

PUPETTA: mi pare una ventina, si accussì ha ditte

ACHILLE: na ventina? (le versa nel bicchiere e le prende)beh speramme ca me passe stu nnervamiente

PUPETTA: (abbracciandolo) si, si ca te passe

ACHILLE: (distaccandosi) si ma mo vai via,è meglio,ce vedimme stasera o solito posto!

PUPETTA: t’aspette,me te voglie cunzumà!

DON NICOLO’: miezzeca arrapamiento  è ( chiude la porta)

ACHILLE: vai vai primme ca te vedene

PUPETTA: ciao…ciao a ..stasera   Sta per andare ( mentre  sente le voci di Nannina e di Procopio, presi dal panico si rifugia nella stanza di  Don Nicolo’ mentre Achille si si siede sul divano)

ACHILLE: Nannina! maronne do Carmine mie! San Martine protettore de curnute pruteggeme tu !

NANNINA: trasite duttò, accomodatevi,Achì,addò è ghiute mo! (si gira e lo vede sul divano che fa finta di dormire) Achì,aho, scetate

ACHILLE: ( fa finta di risvegliarsi ) chi è, ca vulite

NANNINA:  eh se scetate a mummia egiziana! Ca sta o duttore

ACHILLE: eh , dicite duttò che è succiese

PROCOPIO: Don Achì, mi do..do,dovete scusare,c’è stato un picco,piccolo errore , una cosa da da da niente

ACHILLE: nate errrore! Che è state …che è succiese! (guarda verso la camera di Don Nicolò con tremore)

PROCOPIO:le go le goccie che vi ho ma ma man…date per il raga..zzo erano

ACHILLE: erano

PROCOPIO: erano go..ccie lassa..tive!

ACHILLE: eh mavite fatte o servizie, je gia me n’agge pigliate vinte

PROCOPIO: e va va buò nun nun fanne ma..le, ecco qua, le gocce per voi e  da..temi le vostre

NANNINA: no nun ve preoccupate ,chelle servene a me, me n’agge pigliate vinte stamatina e nata marca ma nun è succiese niente,ca tutte vanne e cuorpe  mene ca je!

PROCOPIO: va bene,ora va..do e..scu..sate!( si sentono  rumori forti e ritmici  dalla stanza di Don Nicolò)

ACHILLE: che succede?

NANNINA: mah ( si avvicina alla stanza, bussa ) Don Nicolò che sta succerenne ve serve aiute?

DON NICOLO’: ninti ninti,  ginnastica fazzu,andate , andate

NANNINA: mah! Tu vire stu viecchie nzallanute ,fa pure a ginnastica

PROCOPIO: beh ,arri arri vederci e scu..sate ancora per…l’errore

ACHILLE: eh pienze   si invece de gocce e purganti mavesseve mannate e gocce e stricnina! All’ore e mo mavesse fatte a cartella! Jate jate! (Procopio esce mentre si sentono ancora rumori da don Nicolò)

NANNINA: ah siente siè! famme je a vede stu viecchie che sta a cumbina?

ACHILLE: ferma! Don Nicolò è ospite di riguardo , non è bene invadere la su a privacy

NANINA: a che? Chille me pare ca sta smuntanne na casa

ACHILLE: lassa fa! Cu e sorde ca ce regale e voglie d’aggiustà !( bussano alla porta)

NANNINA: e chi ate è mo , (apre)

CARMELA:  e so je ,vuie m’avite lassate dinto o giardine!

ACHILLE:  e…avite fernute e racquà?

NANNINA: nonsignore ! jamme Carmè  ca tenche pure e piantà nu poche e va sanicole ( escono)

ACHILLE: ah meno male! ( va e bussa da Don Nicolò)

DON NICOLO’: nu mumentu, cu fu?

ACHILLE: sono Achille, fate uscire la signora

DON NICOLO’: ah la… signora? Si si apro subito (apre)

ACHILLE: dov’è?

DON NICOLO’: into o bagno,…necessità impellente fu

ACHILLE: e o sacce je che è state, se fatte sotte pa paure

DON NICOLO’: si si.. diciamo così …se fatte sotte!

ACHILLE: e capirete….

DON NICOLO: capisco capisco, uomo di mondo sono!( esce Pupetta sistemandosi i capelli) oh Achì…meno male che sono entrata qui

DON NICOLO’: e meno male!

ACHILLE: l’avimme scanzate pe miracule, mo viene ed esci dal retro, stanne dinto o giardino vieni e…Don Nicolò marraccumanne

DON NICOLO’: segreto fu

PUPETTA: ( con malizia) don Nicolo’ marraccumanne

DON NICOLO’: ommo d’onure sugno! (Pupetta esce )

ACHILLE: ah maronne e che ce vulute!( si siede sul divano )e ce mancave sule ca mugliereme truvave a Pupetta ccà saie doppe ca fresognule! ( =che botte da orbi)

DON NICOLO’: la signora ritornerà?

ACHILLE: nun sia mai!a chi vo fa passà nu guaie!

DON NICOLO’: ( sconsolato) peccato!

ACHILLE: come peccato

DIN NICOLO’: simpatica ,bonazza e provocante è!

ACHILLE: ah,e beh..si lo so … è una tipa  che mi …piace

DON NICOLO’: ( tutto pimpante ) pura a mia è piaciuta!

ACHILLE: piaciuta? Come in che senso scusate

DON NICOLO’: (minimizzando ) così…cosi’

ACHILLE: ah…così!

DON NICOLO: (Non visto  fa il segno della scopata ) così.. così! (entrano Nannina e Carmela)

NANNINA: ah e pure e sciure stanne a poste! Ma…(annusa l’aria) je sente nu prufume ngire,Carmè o siente pure tu?

CARMELA: eh  o sente pur’je

NANNINA: Achì e trasute qualche femmine ca dinte quannne steve dinto o giardine?

ACHILLE: femmene? Ma che dice, ca nun è trasute nisciune

NANNINA: eppure (annusando l’aria)…je sente prufume e zoccole!

ACHILLE:  tu si pazze ma che dice

CARMELA: a signore tene ragione ,pecchè vuie nun o sentite?

ACHILLE: je nun sente niente ( vire cheste si a fernisce)

NANNINA: (annusando  la giacca di achille) tu addure e zoccole!

ACHILLE: ma chiste è o dopobarba ca ma mise o barbiere

NANNINA: o dopobarba?, Don Nicolo’ venite a cà e sentite pure vuie e da uomo di mondo  diciteme si è dopobarba o prufume e femmine!

DON NICOLO’: (avvicinandosi ) a mia dopobarba pare!

NANNINA: (annusando Don Nicolò) dopobarba eh! E diciteme na cosa pure vue usate o stesse dopobarbe e mariteme?

DON NICOL0’: (annusando Achille)eh..coincidenza fu!

NANNINA: uhmm sarà ma o fatte nun me persuade ..Achì tagge avvisate!

ACHILLE: e je te lagge ditte,je tenche a te ca si na femmena rara e comme me mettesse cu n’ate? , viene cca (la porta davanti allo specchio) guardati, to dice pure o specchie!

NANNINA: ( si guarda ) si me veche  ma…o specchie nun dice niente,o specchie riflette ma.. nun parle!

DON  NICOLO’: mentre e femmine parlene e nun riflettono!

ACHILLE: e si nun parlene è meglie!

NANNINA: ma che sta a dicere mo vuoie caputà a frittata?

ACHILLE: nonsignore! Vuleve dicere ca nun e parlà a sproposito nun e fa a sospettose! Viene a cà ,viene cu mè, jamme a farce doie coccole  in giardine,mieze o frische a dinte o gazebe  e ferniscele e fa a sospettose

NANNINA: ah ..je venghe ma…e recchie e tenche sempe appizzate (escono)

CARMELA: vuie don Nicolo’ nun dicite niente?

DON NICOLO’: ommo d’onore sugno!

CARMELA: si …agge capite!

DON NICOLO’:promessa ti feci e così sarà, tu verrai con me e mugghiera mia sarrai ma….tempo al tempo per ura nisciuni deve sapere!

CARMELA: e nisciune lo saprà! Mo jate dinta a cammera vostre e quanne pozze..ve venghe a fa cumpagnia

DON NICOLO’:  vaco vaco  di riposo aggiu bisogno ( esce  mentre suonano alla porta)

CARMELA: (apre ed entra Pasquale) Cher’è site state chiammate o ci site venute?

PASQUALE: oh Carmeluccia bella ,je pe te vede trove qualsiasi scusa

CARMELA: (gli gira le spalle con trascuranza) e je pe nun te vede me ne vache ncoppe a lavà e vetre (Pasquale si fa sotto e cerca di toccarla dietro,Carmela si china all’improvviso e tira  di botto il tappeto sotto i piedi di Pasquale che cade a terra violentemente!)

PASQUALE: ( rimane a terrra  massaggiandosi la schiena e la testa ) ahia ahia….al’aneme a mammete! Ahia e che sbattute e osse

CARMELA: (si volta e con noncuranza  ) ma c’avite fatte site nciampate dinto o tappete!

PASQUALE: o tappete e sorete! ( si alza dolorante ) tu tanne t’arrienne quane me arriciette

CARMELA: je? Tu te ncetrullisce quanne cammine e cu me ta piglie!

PASQUALE: ahh e sfutte pure ma…..primma o poi…Don Achille addò sta, chiammele ca è urgente

CARMELA:  mom nun o pozze chiammà, sta occupate

PASQUALE: e o chiamme o stesse pecchè lagga dicere na cosa urgente, na cosa terribile!

CARMELA: overe e di che si tratta?

PASQUALE: nun to pozze dicere!  è na cosa troppa grossa

CARMELA: ah si¬† e nun me rivolgere chi√Ļ a parole allore

PASQUALE: ma è na cosa sconvolgente! Na cosa delicate, Chille Don Achille quanne o saprà ,farrà succedere a terza guerra mondiale, chille accide a tutte quante , farrà la strage degli innocenti!

CARMELA: ah e tu me facisse accidere senza ¬†darme o canze e me salv√†? E chi te da chi√Ļ confidenze va va, Don achille nun o vache a chiamm√†!

PASQUALE: e va bene to diche ma…..acqua in bocca

CARMELA: e chi parle! ( si affaccia Don Don Nicolò senza farsi vedere)

PASQUALE:  o prevete! O prevete ca vene a da lezione  a Rosa , Je o diceve ca teneve na facce cunusciute!

CARMELA: embè?

PASQUALE: lagge viste dinto o negozie e Francesco Amitrano

CARMELA: e se vede ca steve facenne spese

PASQUALE: o ges√Ļ chille steve spicciane e cliente!

CARMELA: o prevete?

PASQUALE: eh ma nun ere vestute a prevete!

CARMELA; ah e allore?

PASQUALE: allore mo chiammeme a  Don achille e po te diche o rieste

CARMELA : dinta a stu mumente nun to pozze chiammà

PASQUALE: e pecchè sta mpegnate?

CARMELA: assaie mpegnate! Sta  ca mugliere! Se stanne a fa  na mpruscinate dinto o gazebe!

PASQUALE: na mpruscinate e cher’è?

CARMELA: ma comme cher‚Äô√® (Pasquale fa segni di non capire ) Pasc√† ma¬† nun e capite ? ( fa gesti noti )se stanne a fa a mezore! e tu fusse l‚Äôuomo di mondo? Va va e viene chi√Ļ tarde¬†

PASQUALE: ah mo agge capite ..quella mezora!chelle ca me piacesse e fa cu te!

CARMELA:  e ta suonne va va!

PASQUALE: si vache ma….nun dicere niente a nisciune si no succede o terremote primme do tiempe! (esce)

CARMELA: ma tu vide nu poche che mbruoglie sta succedenne, nu  prevete  senza toneche ca spicce e cliente dinte  o negozie e cazettielle  (entra Rosa  e sente)

ROSA: oh Carmè agge sentite buone? commè o fatte e stu prevete?

CARMELA: niente, niente, Pascale a pigliate n’abbaglie

ROSA: ah e quale abbaglie!

CARMELA: ha viste Don Giacinte senza a toneche ca venneve e cazettielle dinta a puteca

ROSA:Maronna!( cade a terra svenuta )

CARMELA: ( accorre e l’aiuta ad alzarsi mentre entra Don Nicolò )signurì su avizateve che avite avute!

DON NICOLO’: su signorina bedda si avizasse (la sorregge) calma.calma ci vuole

ROSA:  è finita , è finita ,io lo sapevo! Povero Alfredo

CARMELA: e chi è mo Alfredo?

DON NICOLO’. O caruso ca incinta la mise  a comme me pari  è nu picciotto in gamba e merita!

CARMELA:ah mo agge capite , e stato  nu  Alfredo senza e capille  a metterle incinta

ROSA: e capille¬† e tene! E si nun m‚Äôaiutate fra poche nun terr√† chi√Ļ niente, pecch√® pateme le scippe tutte cose!

DON NICOLO’: su su calma, ci penso io ora calmatevi e andate sopra

ROSA: (disperata )ma come faccio a calmarvi, quello appena mio padre sa dell’imbroglio ,Alfredo è un uomo morto!

CARMELA: si ma nun agge capite che c’entra Don Giacinte?

ROSA: Don Giacinte è  Alfredo vestite a prevete e l’ha fatte pe me sta vicine ,senza ca pateme tenesse sospette

DON NICOLO‚Äô: si ritirasse penso io a tutto. Inta a vita mia ho dovuto fronteggiare problemi ancora pi√Ļ seri ,figuratevi se non riesco a risolvere questo,andate andate!

ROSA: allore ce penzate vuie ,grazie grazie

CARMELA: jate  jatevenne ncoppe   state sicure .Don Nicolò è na putenza! ( esce)

DON NICOLO’: certo che in questa casa non ci si annoia! Carmè famme nu favore,apprufittanne ca Don Achille e Nannina stanne a taliarse, vaie a chiammarme a Don Giacinto o comme caspite se chiamme e falle venì ca, dille ca un avesse paure e  se muvesse si se vo salvà!

CARMELA: vache vache, tu si ca si n’omme !(esce)

ACHILLE: (entrando ) Viene Nannì pigliammenece na cosa fresca, (si accorge di Don Nicolo’) oh carissimo Don Nicolo? Prendete pure voi qualcosa di fresco?

DON NICOLO’: si si ma.dopo,don Achille mo facisseve nu favure vuie e la gentile mugliera?

ACHILLE: dite dite ,con piacere

Don NICOLO’: dovreste andare in gioielleria e prendermi un anello da regalare ad una bedda donna,signora Nannina lascio a voi la scelta, voi avete sicuramente buon gusto

NANNINA:grazie e vi servo subito

DON NICOLO’: subitissimo!

NANNINA: E..quando dobbiamo spendere?

DON NICOLO’: nun importa qualsiasi prezzo basta che sia di brillanti, ecco qua qui ci sta la mia carta di credito fate voi, marraccumanne bellissimo deve essere

NANNINA: nun ve preoccupate, o scieglie come me piacesse a me!

DON NICOLO’: si ma mo andate andate e… sciglite cu calma

ACHILLE: andiamo ,andiamo, non vi preoccupate ca ve facimme nu servizie e prim’ordine! ( escono)

DON NICOLO’: benissimo mo aspettammo o caruse! ( si versa da bere poi si avvicina ala porta che va  corridoio) signorina Rosa, signorina scendete un attimo

ROSA: (entrando ) Zi Nicolo’ dicite

DON NICOLO’: stamme a sentere picceredda, ho mandato a chiamare Giacinto e fra un po sarà qui

ROSA:  e mio padre?

DON NICOLO’:  nun sape niente ancora, mo viene Giacinto e vediamo come fare per salvare capri e cavuli ( entrano Carmela e Giacinto ) venite venite

CARMELA: ecco simme arrivate

GIACINTO: Grazie Don  Nicolo’ Carmela mi ha detto…

DON  NICOLO’: si assettasse e diciteme comme è andata la cosa cu Pasquale

DON GIACINTO:  innanzitutto, io non sono un prete

CARMELA: azze! allore è overe si Alfredo!

DON  DON NICOLO’:continuasse picciotto

DON GIACINTO: niente po è venuto questo Pasquale nel negozio e mi ha visto che spicciavo dei clienti, ha cominciato a farmi domande e ha detto che mi conosceva e non aveva dubbi solo non capiva perché non ero vestito da prete

DON NICOLO:  e vuie ca risposte ce dissi

DON GIACINTO: e a quel punto mi sentii scoperto e gli dissi che non si sbagliava!

ROSA: maronna mia e mo?

DON GIACINTO: un momento. Gli disse che il prete era mio fratello gemello e lui mi chiese dov’era

DON NICOLO? E cosa gli risponnisti

DON GIACINTO: che era fuori per fare le confessioni e non sapevo quando tornava, Pasquale allore mi disse ca la cosa gli puzzava e avrebbe avvisato a Don Achille per appurare come stanno veramente le cose

CARMELA: e quello già è venuto a casa per fare lo spione  e per fortuna Don Achille e Donna Nannina erano a farsi le ammuine e non l’ho fatto disturbare ,ma mo vedite come ritorna

DON NICOLO’: bene,bene, ora caro Alfredo, bisogna agire d’astuzia, Carmela, into o studio c’è una finestra?

CARMELA:si e saffaccia dino o giardino che è chiuso cu nu cancielle aute assaie

DON NICOLO: bene ,Alfredo,mi stesse a sentire bene ora voi turnate a casa e quando sarete chiamato da Don Achille,venite vestito Da don Giacinto io farò in modo che Don Achille e Pasquale si rechino al vostro negozio per vedere il vostro fratello gemello

ALFREDO:e come fanno se io sto qui

DON NICOLO:  tu sarai qui e nello stesso tempo sarai li

ALFREDO: Don Nicolo’ io nun so o Pataterne

DON NICOLO‚Äô: e manco io per√≤ saccio pensare! Non appena entri nello studio di Rosa, apri la finesta e scappi o negozio di tuo patre, Carmela Far√† in modo di tenere o cancello aperto, poi non appena Don Achille e Pasquale verificano che sei Il ‚Äúgemello‚ÄĚe se ne vanno, ritorni into o studio pa finestra e al resto ‚Ķnon vi preoccupate¬† al resto ci penso io!

DON GIACINTO:grazie grazie, ( da un bacio a Rosa ed esce)

DON NICOLO’: voi Rosa salite sopra e quando vostro padre vi chiamerà ditegli la verità, dite che a mettervi incinta è stato Alfredo e che vi amate da tanto tempo

ROSA: siete sicuro Zio Nicolo’ che non va da Alfredo e lo spara?

DON NICOLO’: va ,va picceredda che a questo ci penso io

ROSA: farò come dite voi e..grazie (esce)

CARMELA: e io che devo fare?

DON NICOLO’: tu prucure ca o cancielle do giardine rimmane apierte  e poi quando vengono Don Achille e Nannina chiamare subito mi devi, ora mi ritiro per un bisogno urgente ( si mantiene la pancia  ed esce)

CARMELA:  ahe se chiuse nata vote dinto o cesse! speriame che  e padrune tardene a venì si no agge  voglie  e te chiammà ! ( bussano alla porta e va ad aprire ) sta casa a nu paie e juorne pare ca è addivintata o ministere e grazie e giustizie, jamma a vede (apre ed entra Pasquale) gia stai ccà?

PASQUALE: pecchè Don Achile se sta ancore a rinfriscà?

CARMELA: Don Achille è asciute nzieme cu donna Nannina  ma..venene fra poche

PASQUALE: alllore l’aspette e intante.. ( va verso Carmela ) te facce nu poche e cumpagnia

CARMELA: si vuoie fa buone assettete ncoppe o divane e lieggete o giurnale

PASQUALE: ma insomme Carmè je vulesse sapè pecchè mi respinge sempre

CARMELA: pecchè nu sta bene ca na  giovene quanne è fidanzata se mette a dà confidenze allate

PASQUALE: comme comme e da quando te si fidanzate

CARMELA: (con importanza ) da stamattina!

PASQUALE: agge capite me staie a cuffià ( gli si avvicina per tocccarla e Carmela gli molla il battipanni sulla mano) ahia ca mazzate!

CARMELA:  state o poste tuoie e vire da fernì! (sente le voci di   Achille e Nannina e mentre entrano,  bussa alla camera di Don Nicolò )

PASQUALE: Don Achì ,finalmente, Don Achì cose dell’altro mondo!

ACHILLE: che è succiese?

DON NICOLO’: (uscendo ) Oh carissimi siete qui? Avete fatto o servizio che vi aggio chiesto?

DON ACHILLE: certamente!

NANNINA: ecco qua, è favoloso! (gli porge la scatola e Don Nicolo’ si siede e la mette in tasca)ma comme nun l’arapite?

DON NICOLO’: dopo dopo , mo mi voglio nu poco rinfrescare

Don Achille: comme volete, allore Pascà che mi volevi dire?

PASQUALE: veramente la cosa è delicata e..( guardando Don Nicolo’ che se ne  avvede)

DON ACHILLE: (che ha seguito le mosse dei due)  non ti preoccupare,siamo in famiglia,  parla e che se tratta

PASQUALE:don Achì, forse ho scoperto chi ha mise ncinta a vostra figlia!

ACHILLE: tu ca dice? Parle fa ambresse, parle

PASQUALE: è che ancore nun so sicure

ACHILLE: come nun si sicure?

PASQUALE:vedete oggi so jute o negozie e Amitrane  pecchè me vuleve accattà na cravatte e chi agge truvate arete o bancone

NANNINA: chi avite truvate?

PASQUALE: A don Giacinte ca venneve e cazettine (= vendeva calzini)

ACHILLE: a don Giacinto? O prevete ca vene ccà

PASQUALE : eh sissignore …ma nun teneve a suttane ere o …gemelle

NANNINA: ne ma che staie accucchianne ( che stai dicendo)

PASQUALE: je ce lagge addimmanate, vuie site Don Giacinte e chille ma rispuoste no so o gemelle, comunque a me stu fatte me puzze e ve l’agge venute a dicere!

ACHILLE: E e fatte buone! Stu Ciccio o sapunare me sta martirizzanne (a  Pasquale) fa na cosa , chiamme allate  jamme dinto o negozie e facimme scuppià o vesuvie

DON NICOLO’:  calma, calma ci vuole, comme si vede ca nun site abituate a fronteggiare i casi difficili, calma, calma ci vuole

DON ACHILLE: calma?ma vi rendete conto stu figlie e ntrocchie che me cumbine?Primme me mette ncinte a¬† figlieme¬† e po ma fa sotto o nase, vestite e prevete! Ma je nun m‚Äôaggi√† chiamm√† chi√Ļ Achille coretuoste si nun o scamazze comme a nu police!

DON NICOLO’:  a jatta presserella feci e figlie cecate! Vi avite calmare! Mi permettite di darvi un consiglio  da patre?

NANNINA: Don Nicolo’ tene ragione, mo p’accidere na zoccola mannamme a nave n’funne! e cose se fanne cu calme e faie buone si o staie a sentere! Chille tene o cape bastone siciliane e vuoie can un sape comme se risolvene sti fatte? E po si sicure che è state o prevete? E si è state o  sagrestane?

DON ACHILLE: Don Nicolo’ forse avite ragione, diciteme comme avimme fa pe scuprì stu mistere

DON NICOLO’: bene, pe primma cosa telefonate  a stu don Giacinte e fatelo venire con una scusa , poi quando sta qui, lo interrogo io e se è innocente lo facciamo entrare  nello studio da vostra figlia e lo chiudiamo dentro , poi mentre sta qui ,voi e Pasquale scendete al negozio di questo Amitrano e andate a verificare se è vero che c’è un altro che gli somiglia,quando avete verificato tornate qui senza fare niente e marraccumanno non dite niente a vostra figlia

DON ACHILLE: caspita che penzate geniale! Si mi avete convinto, però dopo quanne agge scuperte o fetentone lassateme fa

DON NICOLO’: nun ve preoccupate,a lui penseremo dopo mo, facite chelle che v’agge ditte

NANNINA: lo chiamo io cosi nun se nsuspettisce ( fa il numero di telefono )pronto site Don Giacinte? Ah je so a donna Nannina a mamme e Rosa, putite venì nu poche a casa, è una cosa urgente Rosa tene bisogne e ve parlà. Ah si e allore v’aspette. Sta venenne!   A ditte ca steve quase vicine  a casa nostra

DON NICOLO’: bene, Nannì voi restate con me, ( ad Achille )mentre voi   e Pasquale mettetevi dietro la porta e tu Carmela vai in cucina.

DON ACHILLE: viene Pascà, va Carmè,e facitele nu buone interrogatorio ( vanno)

NANNINA: Don Nicolo’ ma si nun è state o prevete  nun facite che po Achille, accire o sagrestane, in fondo è pate do figlie e figlieme

DON NICOLO’:  e dalle cu stu sagrestane! Nun ve preoccupate vedimme primme cose comme stanne ( bussano e Nannina va ad aprire )

DON GIACINTO: ( si guarda intorno con sospetto )Dio sia lodato!

NANNINA: ora pi√Ļ che mai! Don Giac√¨, assettateve , ve vulite pigli√† na cosa fresca na limunate? Nu bitterre o vulesseve nu cornacchie

DON GIACINTO: niente,niente, grazie non prendo mai niente prima della messa, sapete…la comunione

DON NICOLO’: beh certo e ditemi don Giacinto, da quando tempo siete prete ( gli fa l’occhialino)

DON GIACINTO: ah si ho preso i voti due anni fa in america, e non appena Sono tornato in Italia,sono stato assegnato alla parrocchia di S.Anna in attesa di essere mandato in missione in Africa

DON NICOLO’: ma avete famiglia qui a Napoli?

DON GIACINTO:  certamente! Abito qui vicino con i miei genitori e con mio fratello gemello

NANNINA: o sagrestane? E comme se chiamme stu gemelle?

DON GIACINTO: si chiama Alfredo, è un bravissimo ragazzo e non è un sagrestano,bensì un professore che intanto aiuta mio padre nel negozio

DON NICOLO’: è fidanzato questo Alfredo?

DON GIACINTO: per la verità non lo so..forse

NANNINA: forse?

DON GIACINTO: e non lo so? Ma poi scusate perché mi fate tutte queste domande?

DON NICOLO’: così si voleva solo fare due chiacchiere,ora penso che Rosa vi aspetta, andate andate

NANNINA: andate, andate ( Don Giacinto è titubante ) e jate..( va nello studio)

DON NICOLO’: bene ( escono Achille e Pasquale) a quanto pare o prevete innocente è e niente sa ,voi però andate a verificare se into o negozie ce sta stu fratello gemello, verificate e subbito turnate e poi….

ACHILLE:  e po si nun è overe sturiamme comme l’avimme ciaccà , viene Pascà jamme

DON NICOLO’. Nu mumente, facite trasì dinto o negozie sule a Pasquale voi aspettate fuori

DON ACHILLE: non capisco

DON NICOLO’: meglio non accomparire,non si sa maie ….

DON ACHILLE: avite ragione nun ciaveve penzate..jamme ( escono )

NANNINA: e nuie ca facimme Don Nicolo’?

DON NICOLO’: noi aspettiamo che tornano e stiamo attenti che il prete non esce

NANNINA: e je mo le chiude a porte e so sicure can un esce (chiude la porta di entrata   a chiave) Don Nicolo’ je veramente spero che Don Giacinte ha ditte a verità ,nun vulesse ca mariteme facesse nu preticidio

CARMELA: ( uscendo dallo studio) ah e comme brave Don Giacinte,pe me è nu sante! Sapisseve comme spiega bene ,ma fatte rimmanè ca vocca aperta

NANNINA: pecchè capisce o latine tu?

CARMELA: no ma me piace do sentì?

NANNINA: va, va, tu si sempe state gnurante e gnurante muore (bussano alla porta e si sente la voce diI Achille che bestemmia )

NANNINA: azze a porta è chiusa, (va ad aprire ed entrano Achille e Pasquale )scusa Achì aveve chiuse pe sicurezza

ACHILLE: (sconsolato, si lascia cadere sul divano)niente, natu buche dinta all’acqua,o prevete a ditte a verità: tene nu frate tale a quale a isse!

DON NICOLO’: l’avite viste?

ACHILLE: si Don Nicolo’ nun me so fidate e Pascale e o voluto vedere di persona! E mo?

NANNINA: meno male che e sentute o cunziglie e Don Nicolo’ si no all’ore e mo avisse fatte nu guaie

DON ACHILLE: si ma stamme punte e a cape!

DON GIACINTO:(uscendo dallo studio ) scusate ora devo proprio andare mi hanno chiamato dal vescovado,√® arrivato il mio trasferimento, mi mandano in una missione in Africa mi dispiace di non poter dare pi√Ļ lezioni a Rosa ma..il Signore ha voluto diversamente

DON ACHILLE: ci dispiace pure a noi ,site nu brave prevete ,nun fa niente ca site fuglie A Cicce o sapunare

DON GIACINTO: come avete detto?

NANNINA: niente  nun ha ditte niente, e va bene Don Giacì, v’auguramme bona furtuna ma mo a Rosa chi ce fa e ripetizione?

DON GIACINTO:  nun ve preoccupate , ci penso io, lo dirò a mio fratello

NANNINA: o gemelle?

DON GIACINTO: ma che dite? Ad un mio fratello prete, comunque io vado ,pace e bane in questa casa ( benedice ) arrivederci,a arrivederci

PASQUALE:  beh me ne vaco pure io, tenche na situazione pe mane a risolvere, stateve buone! (esce)

DON ACHILLE:sta situazione e Rosa me sta  snervanne!

DON NICOL0’: se volete risolvere  un altro consiglio gli vorrei dare

DON ACHILLE:  dicite , Don Nicolo’

DON NICOLO’: io so sicuro che a picceredda tutto sa ..ma tene appaura. Picchì nun la rassicurate e le dicite ca la facite spusare cu o giovene ca la misa incinta?

DON ACHILLE:prima a questo giovine lo devo acciaccare

Don NICOLO’: e così non  lo scoprirete mai

NANNINA: Achì e fa comme dice Don Nicolo’ che a ciaccarle po ce sta sempe tiempe

DON ACHILLE: e va bene,Carmè chiama Rosa e falla venì ccà (Carmela fa cenno e va )

DON NICOLO’: e cercate di essere dolce cu vostra figlia

ROSA:( guarda Don Nicolo’ che gli fa cenno di assenso) papà mi hai fatto chiamare?

DON ACHILLE: siediti, dopo una lunga discussione sono arrivato ad una sofferta decisione :voglio farti sposare però dimmi prima il nome del giovine che ti ha messo incinta perché so sicuro che lo conosci

ROSA: ( guarda Don Nicolo‚Äô che fa cenno di ‚Äúsi‚ÄĚ) per√≤ tu mi devi promettere che non gli farai del male

DON ACHILLE: (si torce sul divano) e..va bene avanti parla

ROSA: prima però devo dirti che non è volevamo che succedesse, io e Alfredo ci vogliamo bene da due anni

DON ACHILLE: Alfredo? Da due anni e ..chi è

NANNINA: uh sta figlie e ntrocchie, niente mene a due anne e nuie nun ce ne simme accorte e niente

DON ACHILLE:si ma chi è stu Alfredo!

ROSA: è …. e’ ….il figlio di Vincenzo Amitrano chille ca tene o negozie e abbigliamente

NANNINA: o gemelle! O diceve je ca ere  stu gemelle

DON ACHILLE: ma come, come hai potuto, ti sei messo con il figlio del mio nemico in affari .e dimme na cosa ma….o prevete,o prevete nun sapeve niente?

ROSA: chi Don Giacinte? No nun sapeve niente , si no nun ce fosse venute a casa nostra

DON ACHILLE: Nannì porte a figliete ncoppe e tu Carmela vai a chiamare Questo Alfredo e fallo venire qui,gli dice che ..è tutto sistemato e che non deve avere paura se…vuole Rosa, va va

ROSA: papà me prummise ca nun le faie niente e male

DON ACHILLE: va va cu mammete cheste so cose e uommene mo ,andate. (Rosa e Nannina escono) ah mo ca rappresenta ccà o facce nuove nuove nuove, vache ngalera  ma tutte hanna dicere che omme è Don Achille Capece ( prende la pistola e la carica)

DON NICOLO: diranne ca ere nu strunze!

Don ACHILLE: ma Don Nicolo’, come vi permettete

DON NICOLO‚Äô: statte zitte e stamme a sentere.tu si furtunate, tiene na bona mugliera, na bona figlia e ora pure tanti soldi,e che fai, ti vuoi rovinare per cose da¬† niente? I carusi si vogliono bene,hanno sbagliato ma errore di giovent√Ļ √® stato, nun ci sono accisioni,ne tradimenti,solo nu figlio ca arrive! E allora?

DON ACHILLE:si ma … mi hanno fatto perdere la reputazione, io so na persona tutto di un pezzo e queste cose non le ammetto

DON NICOLO’: una persona tutta di un pezzo?e la signora Pupetta addo la mettia eh? Se Donna Nannina O sapisse ca dicite ca ve facisse?

DON ACHILLE: come, come voi sapete

DON NICOLO’: tutto saccio! Allora lo vogliamo fare stu matrimoni? E..tutti vissere felici e cuntenti?

DON ACHILLE: E ..e va bene voi però mi promettete che non direte niente di..Pupetta?

DON NICOLO’: a condizione ca acconsenti o matrimonio e lassi perdere a sta Pupetta anche perché nun ne vale la pena, arrecuordete ca chi aviza a suttana na vote ..l’avize sempe! anche cu mia è stata!

DON ACHILLE:pure cu vuje? all’aneme da zoccola!però na cosa ve lagge dicere, a me stu fatte dei fratelli gemelli nun me convince e ce vulesse vede chiare

DON NICOLO: a che serve? I vostri amici guappi ormai sanno che è così, convincetevi pure voi e lassate perdere ,meglie far finta di non sapere che sapere e  poi soffrire,a volte è  meglio far finta di essere stato fatto fesso quando è per il bene della famiglia

DON ACHILLE:avite ragione… si è vere meglie ca s’illudene e averme fatte fesse (entra Nannina mentre bussano alla porta, Achille va ad aprire ed entra Carmela seguita da Alfredo)

ALFREDO: (entra con soggezione e guarda Don Nicolo‚Äô che gli fa cenni di assenso)Buongiorno,mi avete chiamato,e‚Ķ sono qui, una volta doveva accadere e succeda quello che succeda, non potevo pi√Ļ nascondermi amo vostra figlia e‚Ķora fate di me quello che volete!

DON ACHILLE: assettateve,Carmela offri qualcosa ad….Alfredo è cosi che vi chiamate è vero?

ALFREDO: si ma non voglio niente, ditemi che devo fare

ACHILLE: (Con aria da guappo )pe chelle che e fatte ce vulesse a fucilazione immediata ma…mia moglie e mia figlia mi hanno implorato e…ora però devi riparare se no…..

ALFREDO: ma io riparo anche adesso se voi volete

ACHILLE: calma, prima devo parlare cu patete e risolvere certi affari di famiglia e poi facimme stu matrimonie

ALFREDO:si preoccupate pe l’avvenire di Rosa? state tranquille je so professore e pateme tene  nu  negozie  che spette a me!

ACHILLE: o negozie spetta a te ? e allore se po parlà

NANNINA: e che aspettammo ca nasce primme o bambine? asse fa a Maronne te si rinsavite, viene ca Alfrè,fatte abbraccià ( lo abbraccia) figlio mio!

DON  ACHILLE: viene cca (apre le braccia e lo abbraccia pure lui)mo ..vaie dinto o studio e dai la notizia a Rosa e poi venite qui , Carmela ,accompagnalo nello studio

ALFREDO: grazie Carmè nun fa niente vache sule ( corre nello studio)

ACHILLE:( stupito,guarda Nannina la quale alze le spalle) e comme ha fatte a capì che chill     ere o studie?

NANNINA:  a sentute addore!

ACHILLE: (pensieroso)uhmm e pure qualcose nun me quadre

DON NICOLO’: Don Achì, ma site cuntentu?

DON ACHILLE: e come no.ma…

DON NICOLO’: e penzate a salute!

DON ACHILLE: si,si,venite  brindiamo alla felicità dei nostri figli (prende una bottiglia e versa lo spumante mentre  bussano alla porta e Carmela va ad aprire)

PASQUALE: cher’è ce sta na festa?

ACHILLE: vieni qui Pascà brinda pure tu

PASQUALE: ma almeno posso sapere a cosa brindo?

ACHILLE: alla felicità della mia famiglia! (brindano)

PASQUALE: Don Nicolo’ scusate ma sono venuto a portarvi questa ( gli da una piccola busta)da parte di vostro figlio, ora però scusatemi ma…mi aspetta un lavoro urgente ( va via)

DON NICOLO’: (apre la busta e legge)ah..finalmente una buona notizia pure pe mia!

NANNINA: e che dice….viene a prendervi?

DON NICOLO’: no è riuscito a salvarsi! Ora datemi la busta che vi ha dato per me

DON ACHILLE: subito, ( va in camera e rientra con la busta) eccola qua,tenete

DON NICOLO‚Äô( la apre, legge e prende i documenti che c‚Äôerano dentro) i viditi questi ,(mostra i documenti )questi sono i documenti pe mia e questi so e nuove carte di credito intestati a Calogero Bonafede che sarei io,una vita nuova mi aspetta,lontani da tutti i pericoli in una isola del Pacifico e cu me veni mio figlioTanuccio e la sua famiglia. Liberi siamo!(entrano Rosa e Alfredo) venite picciotti,(fa un assegno)chiste √® un assegno di duecentomila euro..un mio regalo di nozze e poi quando sar√≤ a destinazione na casa in toscana vi regalo,tanto io manco ci vengo pi√Ļ in Italia,a voi Don Ach√¨, resta la valigetta e‚Ķalcune mie propriet√† in sicilia e adesso¬† se permettete vado

CARMELA:  e je…je rimango cca?

DON NICOLO? Tu cun mia devi venire e mugliera mi sarrai (tira fuori l’anello e glielo mette al dito ) ecco qua un piccolo pegno del mio amore fu (l’abbraccia) andiamo, andiamo a pripararci per la partenza

NANNINA:  e capite a Carmela , sa girate o viecchie e a fatte a furtuna

DON Achille: beh manche nuie putimme lamentarce! E sorde e tenimme e figlie pure e vuo mettere a felicità e addeventà nonne po?ah na vota tante a furtune a girate po verse buone! si sente un grande boato.Maromme che succede , o terremote ,fuite o terremote ( tutti si spaventono, esce Don Nicoloì tenendosi i pantaloni e Carmela in sottana,attimi di confusione poi.  (bussano alla porta) Carmè vai ad aprire, (Carmela non risponde)ah già pur’esse è addiventata signora!( va ad aprire e una alla volta entrano Pasquale,Vincenzo e Alonso tutti impolverati)

DON ACHILLE: che è state che è succiese!

PASQUALE: nu capolavoro!

VINCENZO: n’opera d’arte

ALONZE: na festa e piedi grotta

ACHILLE: ma insomme vulite parlà

PASQUALE: don Achì, v’avimme servite a puntino

ALONZE: v’avimme accontentate

VINCENZO:  a parole è parole!

DON ACHILLE:ma che avite cumbinate?

PASQUALE: o negozie e Vincenzo Amitrane …

VINCENZO ha fatte una lampe!

ALONSO: raso al suolo!

ACHILLE: maronne ( cade sul divano svenuto)

ALFREDO:  o negozie e papà!( sviene pure lu mentre Rosa gli sta accanto, tutti gli altri fanno confusione e il sipario si chiude)

Fine della commedia

           

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 17 volte nell' ultimo mese
  • 56 volte nell' arco di un'anno