Nu miezo sinneco e nu quase cunsigliere

Stampa questo copione

SILVIO CALANDRELLI


SILVIO CALANDRELLI

NU MIEZO SINNECO E NU QUASE CUNSIGLIERE

1999


PERSONAGGI

Ferdinando                gestore di pasticceria

Nannina                      moglie di Ferdinando

Gennaro                      fratello di Nannina

Margherita                fidanzata di Gennaro

Gaetano                      garzone

Genoveffa                   cameriera

Vincenzo                     giornalista

Matteo                        un campagnolo

Maddalena                 moglie di Matteo

Beppe                          malavitoso

Teresa                         moglie di Beppe

Amalia                        amante di Beppe

Saverio                        commesso
ATTO PRIMO

SCENA PRIMA

Stanza da pranzo. Sulla parete di fronte una finestra. Al centro della stanza un tavolo con sedie. In fondo a destra il portoncino d’ingresso. Prima quinta a destra una porta. Seconda quinta a destra un’altra porta. Prima quinta a sinistra una credenza. Seconda quinta a sinistra una porta. In un angolo un divano con piccolo tavolino accostato lateralmente.

All’apertura del sipario Nannina è intenta a sistemare dei fiori in un vaso al centro del tavolo.

GENOVEFFA    (Entrando con la borsa della spesa) Signò, Don Ferdinando a ‘o negozio nun l’aggi’’u truvato, perciò, nun sò ghiuta a retirà ‘e panne ‘a lavanderia, senza sorde nun se cantano messe!

NANNINA           E quanno maie! Chisto, manco si l’attacche ncopp’a seggia c’’o mantiene chiù a ‘o negozio!

GENOVEFFA    (Mentre ripone la spesa nella credenza) Signò ma che vulite! Quello Don Ferdinando adesso è molto impegnato! Aieressera facette accussì tarde! ‘O cumizio però me piacette! Andò proprio tutto bene!

NANNINA           Seh, tutto bene !

GENOVEFFA    Vabbuo’, gli scostumati ci sono sempre! Guè, ce fuie nu fetente ca facette na pernacchia con tanti toni alti e toni bassi ca me parette nu cuncertino! E po’, accussì longa e forte ca m’’a sento ancora dint’i recchie, manco avesse fatt’o corso pe’ pernacchiaro chillu fariseo!

NANNINA         E chilli fischi! Teng’’a capa ancora tutta ‘ntrunata aggio fatto na nuttata e cane! Ll’aggi’’u fatta chiara chiara !

GENOVEFFA    Ne ho visto uno signò, che faceva la corsa tra la piazzetta dove parlava Don Ferdinando e quella dove parlava ‘o frate vuosto.Embè, io non ho capito quello di che partito era! Signò, chillo faceva fischi e pernacchie a tutt’e ddoie ‘e parte!

NANNINA           Io sto comme all’aseno mmiez’i suone! Nun ce capisco niente chiù! Nu iuorno ‘e chisto, chelle bandiere ‘nce ll’arravoglio ‘ncanno a tutt’e dduie! Ma come, un fratello e un marito che si vanno a candidare in due partiti diversi!

GENOVEFFA    E sarria niente si nun se ‘ntuppassero una continuazione!

NANNINA           Ma comme fanno a nun se ‘ntuppà, chille stanno int’a stessa casa!

GENOVEFFA    Pure vuie però signò, questi non sono fatti miei, ma ‘o ssapiveve ca nun so ghiute maie d’accordo!

NANNINA           Ma ca putevo fa ? Quando morì pure mammà, fuie costretta a pigliarlo int’a casa a frateme! Che facevo, ‘o lassavo sulo comme a nu cane? Quello solo a me tiene!

GENOVEFFA    Ah, signò, nnanz’a chiesa aggiu ncuntrato ‘o raggiuniere!

NANNINA           ‘O raggiuniere Somma ?

GENOVEFFA    Eh! M’ha dato sta cartuscella (tira fuori dalla tasca un foglio di carta) Ecco qua, (lo porge a Nannina) mi ha detto : “Signurì, mi raccomando, datela a Don Ferdinando appena arrivate, è cosa di premura, domani scadono i termini! Questa è la lista delle tasse che deve pagare!”Mi ha detto poi che più tardi manda un suo incaricato a ritirare i soldi

NANNINA           E perché non passa lui?

GENOVEFFA    Dice che è impegnato a fare il giro di altri clienti.

Dall’interno si sente un trambusto.

GAETANO         (dall’interno) Don Ferdinà tenitece ‘o fazzuletto cù ‘a nichella ‘ncoppa, accussì nun s’aiza ‘o bubbone!

Entrano in scena Ferdinando e Gaetano. Il primo con un fazzoletto sulla fronte e camicia strappata. Il secondo, camicia imbrattata e bandiera rotta in mano.

FERDINANDO  Mamma mia! Che jurnata! E’ accummenciata storta ‘a stammatina!

 NANNINA          (Andando incontro a Ferdinando) Ferdinà, ch’è stato! Ch’è succiesso!

GENOVEFFA    (A Gaetano) Site iute ‘a fa ‘o cumizio?

GAETANO         Si nun tenavamo buono pere, ce lassavamo ‘a pelle!

NANNINA           E la forza pubblica non ci stava? (Guardando la fronte di Ferdinando) Guardate ccà, te putevano cecà ll’uocchie!

FERDINANDO  Nannina mia! A nu certo mumento nun s’è capito chiù niente! Aggiu ringraziato a Dio ca nun s’erano purtat’e pprete appriesso! Quelli non erarno uomini! Erano belve inferocite!

GENOVEFFA    Ma che site iute a parlà int’o circo equestre?

FERDINANDO  (Risentito) ‘O circo equestre ‘e mammeta! Fai pure ‘a spiritosa! Uh, mamma d’o Carmine! Io me sento tutte l’osse rotte! Guè! Quanno proprio penzavo ca mell’ero scapputtato, m’aggiù truvato faccia a faccia cù nu bestione! Io me so fatto piccolo piccolo! Ma chillo m’ha cuot’o stesso! E che mane toste teneva chillu carognone! M’ha dato nu buffettone accussì forte ca m’è parso d’avè ‘na mazzata ncapo, tanto è stato ‘o dulore e ‘e stelle ‘ncielo c’aggiu visto!

GAETANO         ‘E caniste ‘e rrobba fraceta ca se so purtate appriesso, nun se cuntavano! Donna Nannì, me pareva ‘e stà ‘o luna park int’a baracchella d’o tirassegno!

FERDINANDO  E che precisione tenevano chille fetiente ! N’avessemo scanzato uno!

GAETANO         Chillo palco a nu certo momento m’e sembrato nu mercato generale, tanta era la qualità e la varietà di ortaggi ca nc’è arrivata ncoppo!

FERDINANDO  Ca nc’è arrivata ‘nfaccia!

NANNINA           E vuie nun ve ne site fuiute?

FERDINANDO  E comme nun ce ne simmo fuiute! Ma nun l’avessemo mai fatto! Nannina mia ! C’hanno curs’appriesso e, ‘a do ne viene so mazzate!

GAETANO         Pure ‘e cane hanno sciuote!

FERDINANDO  Quello che ha sciolto i cani l’ho visto! Embè s’ha dda perdere ‘o nomme ‘e Ferdinando Cuoppolo si appena ll’aggi’o a tiro nun ……………

NANNINA           Perché lo conosci?

FERDINANDO  ‘O conosco?

GAETANO         Donna Nannì, è stato ‘o frate vuosto!

NANNINA           Gennaro! Ma pecchè è venuto pur’isso?

FERDINANDO  Era in prima fila, lui intonava il coro!

GENOVEFFA    Ah! ‘Nce stava pure ‘a museca?

FERDINANDO  ‘A museca ‘e mammeta!   

GENOVEFFA    E che aggiu ditto mò!

FERDINANDO  Guè, nun m’hanno fatto dicere na parola! Comme aprevo ‘a vocca, accussì tutte ‘nzieme alluccaveno…….

GAETANO         (ad alta voce) Mariuolo! Mariuolo!Mari….

FERDINANDO  Guè! E ‘avuò fernì! Mo te ce miette pure tu?

GAETANO         No, io ripetevo quello che diceva il coro!

FERDINANDO  E avascia ‘a voce! Abbassa la voce! Si te sente quaccuno che ha dda penzà…….. “Quello pure in casa ‘o chiammano mariuolo”!

NANNINA           Si ghiuto a piglià proprio nu bello momento pe’ te candidà! Si fatto apposta pè scegliere sempe ‘e cauze perse!

FERDINANDO  Ca vulisse dicere……. Ca io aggiu scegliut’a cauza persa e tuo fratello ha scelto la causa vinta?

NANNINA           Chillo è n’ato cetrulo ‘nzementuto! ‘O vvulite capì o no ca site doie mariunette mmano a chille marpiune! La verità è che vi hanno chiesto di candidarvi soprattutto perché avevano bisogno di facce nuove, di facce …

FERDINANDO Di facce ‘e fesso!

NANNINA           Si! Duie battilocchi! Ferdinà vuie site duie battilocchie! Duie baccalà ‘e quartiere! Ha ditto niente ‘o magna magna! ‘O mariuligio che hanno confessato a ‘o giudice di mani pulite i massimi esponenti del partito tuo e quello di mio fratello!

GAETANO         Don Ferdinà, questo è vero! La televisione ieri n’ha parlato tutt’a iurnata!

NANNINA           ‘A televisione? E ‘u giurnale e stammatina! Lo portava a tutta pagina “l’ultimo sacco di Napoli”. Ferdinà, i vostri rappresentanti al parlamento hanno svelato anni di tangentopoli! Chi ha rubato quattro miliardi, chi ne ha rubati cinque…

GENOVEFFA    (mimando il gesto di chi ruba) Cinche e quatt’a nove! Ca se purtaien’o sacco pe’ nce mettere e miliardi d’into,  chesto ll’aggiu ‘ntiso pur’io nnanze ‘o giurnalaio!

FERDINANDO  ‘O sacco ‘e mammeta!

NANNINA           E questo è quello che hanno confessato ai giudici! Figurammece chello che hanno cunfessà ‘o Pataterno! Perché llà non si sfugge! Llà, quanno sarrà ‘o mumento devono dire tutto! A Chillo nun ‘o ponno cuntà chiacchiere!

GENOVEFFA    Accussì ve penzate vuie! Signò, chille so capace ‘e mpapucchià pure a Isso!

NANNINA           Ma comme faie a nun ‘o capì, nun ‘o saccio!

FERDINANDO  Ma che ce stà ‘a capì? Cosa dovrei capire?

NANNINA           Che la candidatura a sinneco te l’hanno offerta solo per il tuo nome pulito! Ma quanno maie tu he fatto politica! E po’, ‘a vuò sapè ‘a verità, io nun te ce veco a fa ‘o sinneco!

FERDINANDO  Invece vedresti tuo fratello fare il consigliere! Nannì, l’hai detto finalmente quello che pensi ! Nun c’’a facive cchiù a tenerlo ncoppa ‘o stommaco è ovè? Questa signori è mia moglie! Quella che dovrebbe starmi vicino nel bene e nel male! Ji quanta fesserie se diceno ‘ncopp’altare! E il mio nome pulito, come dici tu, se dovesse servire solo a ridare fiducia alla gente, sarebbe già un risultato di cui andarne fiero!

NANNINA           Pazzo! Pazzo! Aieressera te n’hanno ditto nu sacco e na sporta durante tutt’o cumizio! Stammatina pè poco nun ve magnavan’e cane a te e a chisto ‘nzellanuto e ….

GAETANO         E io che centro mo’! Chillo  e’ don Ferdinando ca me passa a piglià ogni vvota che ha dda fa ‘o cumizio! Perché ci vuole sempre uno che porta la bandiera e uno che porta l’ombrello. Anze io faccio tutt’e ddoie cose ‘nzieme, proprio perché mi sento persona di famiglia!

GENOVEFFA    Mo ‘nce vò, chillo Gaetano s’è crisciuto int’a sta casa! Ma ‘o ‘mbrello pecchè v’’o purtate? Cu stu sole a che serve?

GAETANO         L’ombrello ci serve sempre! Cù tutt’o ‘mbrello e c’hanno cumbinato e sta manera!

FERDINANDO  Pecchè io tell’aggi’’u ditto subbeto quanno aggiu visto ‘a mala parata! “Gaetà pos’a bandiera e arap’o ‘mbrello” ma tu ll’he pigliato accussì a luongo ca…

GAETANO         Don Ferdinà, ma chill’o ‘mbrello nun s’arapeva pecchè teneva ‘a stecca rotta

FERDINANDO  E tu a chi pienze? Prima di andare a lavorare si guardano i ferri del mestiere! Io ca  faccio primma e accummencià ‘o cumizio?

GAETANO         Ve guardate bbona ‘a via a ddò ce ne putimmo fuj!

FERDINANDO  E tu he ‘a cuntrullà ‘a bandiera e ‘o ‘mbrello!

NANNINA           Fanno ‘e piane ‘e guerra!

GAETANO         Io ‘o guardo sempe ‘o ‘mbrello! Anze, guardo cchiù a chillo che ‘a bandiera. Stavota nun l’aggiu guardato perché ero sicuro che fosse stato riparato! L’ato iuorno ‘nce dicette a Genoveffa d’o purtà a riparà. Le dissi: “Genovè, fallo aggiustare e poi me lo porti al negozio”. Io l’aggiu truvato ‘o negozio stammatina e mell’aggio purtato.

GENOVEFFA    Ma ca ne sapev’io ca ve serveva pè chisto servizio! ‘O ‘mbrellaro nun ce steva e allora aggiu penzato d’o riportà ‘o negozio!

FERDINANDO  Io tell’aggi’’u ditto sempe ca tu nun he ‘a penzà! Lo vedi che succede quando ti sforzi ? (alzando la voce) Genovè, tu nun he ‘a penzà cchiù!

GENOVEFFA    Vuò vedè ca mò ‘a colpa è a mia se ve site acchiappato chello bene e Dio ‘nfaccia! Don Ferdinà, si facite accussì me facite piglià collera  e ‘o voto nun v’’o dongo cchiù! C ’’o dong’a don Gennaro!

FERDINANDO  Ma vedete un poco se le sorti di un popolo possono passare per le mani di gente come questa! Gente priva di qualsiasi ideale! Banderuole al vento! Gaetà, tu mi devi dire adesso che cosa può capire questa di politica! Chesta, mo’ ‘o ssape che con il suo voto potrebbe cambiare la storia d’Italia!

GENOVEFFA    Ca facc’io ? Nientemeno tutto chesto po’ succedere cu ‘o voto mio? Signo’, nun voto cchiù!

NANNINA           Genovè, nun ‘o da’ retta! Chillo ‘o cumizio a na parte l’aveva fa’ stammatina! Piuttosto (tirando fuori dalla tasca il conto del ragioniere) vide ‘o cunto che t’ha mannato ‘o raggiuniere. Sono tasse che scadono domani. Fra poco verrà un suo incaricato a ritirare i soldi! I soldi, Ferdinà, hai capito bene? Quello viene a ritirare i soldi, non chiacchiere! Liegge, liegge! Cheste sò sfugliatelle, no chelle ca faie tu ‘o negozio!

FERDINANDO  (apre il foglio e legge) IVA, IRPEF, IRAP, ICIAP, ICI, Tassa sulla salute! Siente lloco sie’! Se so’ date l’appuntamento!

GAETANO         Don Ferdina’, ce sta pure a tassa ‘ncopp’a salute? Ma comme allora uno s’ha dda’ augurà nu malanno pe s’a scapputtà?

GENOVEFFA    Chesto però nun è giusto! Uno fa tanto pe’ se mantenè chellu poco ‘e salute ca tene e po’ c’ha dda’ pavà e tasse ‘noppa! Don Ferdinà, si ascite vuie chesta tassa l’avita levà!

NANNINA           E chille fanno cummannà a isso!

FERDINANDO  Io non comanderò, perchè in una democrazia nessuno può comandare, ma tutti possono fare proposte. E se le proposte vengono da persone oneste, non dico che si possono abolire tutte queste sigle, perché le tasse ci devono sempre essere, altrimenti i servizi sociali con quali soldi si sovvenzionano? Ma una buona parte possono sparire insieme a tangentopoli.

NANNINA           Genovè, vedimmo ‘e avvià stu pranzo stammatina. Iammo a piglià nu poco ‘e provviste abbasci’o scantinato, ca dint’a casa è fernuto tutte cose. Vide si ce stà quacche caniste int’a cucina. (Genoveffa esegue)

GAETANO         Don Ferdinà, io faccio nu zumpo a casa, me cagno sta cammisa e torno.

FERDINANDO  Và, và, ma vien’ampressa. (Gaetano esce di scena)

GENOVEFFA    (entrando in scena con due cesti in mano) Signò, ecco qua!

NANNINA           (mentre si avvia insieme a Genoveffa verso l’uscita) Vatte leva pure tu, sti panne spuorche ‘a cuollo, ca si vene quaccuno, te piglia pe’ nu munnezzaro! Io lascio ‘a porta accustata. (escono di scena)

FERDINANDO  (andando verso la camera da letto)  Vedite ‘ccà comme m’hanno cumbinato! (esce di scena)

MATTEO            (prececendo in scena Maddalena che si attarda sotto il peso di un cesto pieno di formaggi, salumi ed uova) Viene, Maddalè, trase, trase!

MADDALENA   (entrando in scena) Ma che ffaie! Trase senza bussà?

MATTEO            Ma tu allora quanno viene a sentere li cumizi a chi pienze? Ll’he ‘ntise aieressera ch’ha ditto? “La porta è sempre aperta, a qualsiasi ora”, come per dire non vi preoccupate se tenete le mani occupate! Viene Maddalè, viene. (prendendo una sedia) Questa deve essere la sala di ricevimento ! Arrepusammece nu poco ca me so’ asciute ll’uocchie da fora!

MADDALENA   Eh! Comme no! ‘A gallina fa l’uovo e a ‘o gallo…

MATTEO            Guè, simmo a trent’anne spusate e ancora faie la resentita! Ormaie l’avarrissa sapè ca….

MADDALENA   Pe’ sapè ‘o ssaccio, è a capì ca nun l’aggio maie capito!  Tu mo’ me ‘a spiegà pecchè stu cisto ll’aggi’avuto trascinà io cca ‘ncoppa?

MATTEO            Ma comme tell’aggi’’a spiegà n’ata vota?

MADDALENA   Eh!  Tu me ‘a spiegà pecchè stu cisto l’aggi’avuto saglire io mentre tu…

MATTEO            Penzavo! Maddalè, io saglievo e penzavo! E quando penso non mi posso impegnare pure in lavori plebei, manuali, grussulani! Sono o non sono l’uomo di casa?

MADDALENA   E chesto vurria sapè pur’io!

MATTEO            Embè, Maddalè, quanno tu faie accussì me faciarrisse….

Amalia entra in scena quasi furtivamente. E’ vestita in modo succinto e appariscente. Si ferma sull’uscio e guarda fuori, come volesse nascondersi da qualcuno.

MATTEO            Signora, buon giorno!

MADDALENA   Signò, scusate, abbiamo trovato la porta aperta e…

AMALIA             (mentre sta con un piede dentro e un altro fuori dando un’occhiata all’interno e all’esterno, al pubblico) A chi ‘o ddice! ‘A primma porta che aggiu truvata aperta me sò ‘nfilata dinto!

MATTEO            Signò, ma ce sta Don Ferdinando?

AMALIA             Don Ferdinando?

MADDALENA   Eh! Signò, ‘o marito vuosto! Chillo ca vò fa lu sinneco!

AMALIA             (sempre più impacciata) Ah! Ferdinando! E… è asciuto proprio mò, nu mumento fa!

MATTEO            (scuotendo la testa) Mannaggia la piricoccola! E mo’? Comme se fa?

AMALIA             Ma ca c’avit’a dicere? Na cosa importante?

MADDALENA   Importantissima! Signò, nuie tenimmo nu figlio e…..

AMALIA             (sempre più agitata) Aggiu capito, ha dda’ piglià ‘o posto!

MATTEO   Uh! E vvuie comme lu ssapite?

AMALIA             (al pubblico) Eh! Ce vole ‘a zingara pe’…… E’ semplice! Vuie site venute cu’ ‘o caniste!

MATTEO            (a Maddalena) Che cosa ti addicevo io? Che cosa ti addicevo io? Che cosa ti addicevo…..

AMALIA             Guè! E che ve site ‘ncantato! ‘A vulite fernì!

MATTEO            No, dicevo a mia moglie ca….

MADDALENA   Ca l’idea d’o canisto l’ha avut’isso!

MATTEO            E nun è ‘o vero? Si nun l’avesse penzat’io, tu sarrisse venuta ccà ‘ncoppa cu li mane appese, a prumettere sulo lu voto!

MADDALENA   E che aveva penzà io! Chillo ‘a copp’o palco accussì diceva!

MATTEO            Maddale’, tu nun he ‘a penzà! Tu devi fare solo lavori manuali! A’ penzà ce penz’io!

MADDALENA   Signò nun ‘o date retta! Chella è tutta na scusa pecchè nun vole faticà!

AMALIA             No, signò, ‘ncopp’a cheste ‘o marito vuosto ave ragione! Chille è tutto nu magna magna!

MATTEO            (al pubblico) ‘A sotta! Vì che bella faccia tosta ca tene chesta! E lu ddice pure!

MADDALENA   Signò, sentite nuie pè ‘a verità tenerriamo pure lu nonno cu nuie!

AMALIA             E che centra mò ‘o nonno?

MATTEO            Nun centra! Comme lu nonno nun centra! Signò, vuie pazziate! Chille fa punteggio! Tene 102 anne!

AMALIA             Duciente cu na bona salute!

MADDALENA   Chella ‘a gente signò se li va a fittà all’uspizio pecchè dice ca…

AMALIA             Vabbuò, d’’o nonno ne parlammo n’ata vota. Mo dateme ‘o nominativo di vostro figlio.

MATTEO            Ecco qua, signò. Lo avevo già preparato a casa (tira fuori di tasca un foglio grandissimo)

AMALIA             E pè scrivere nome, cugnome e data di nascita, vè ce vuluto tutt’o foglio?

MATTEO            Forse non si legge bene? Ho scritto troppo stretto?

AMALIA             Avito scritto stritto? Pè scrivere sule ‘o cugnome site iuto accapo tre vote!

MADDALENA   Io c’’o ddico sempe: ”Pigliate chiù spazio si no ‘a gente nun te capisce! Addò stà ! Ha da sparagnà pure ‘ncopp’a la carta!

AMALIA             Signò vabbuò, nun ve preoccupate! Chisto biglietto appena vene mio marito c’’o dongo. Poi vi facciamo sapere qualcosa all’indirizzo che avete scritto sul foglio.

MATTEO            (andando via insieme a Maddalena) Signò, mi raccomando!

MADDALENA   Voi siete la nostra unica speranza! Turnammo chiù tarde ‘ a retirà ‘o caniste!

AMALIA             (accompagnandoli all’uscita)  Non vi preoccupate. (al pubblico) Mamma mia e che ‘mbruoglio! Si esce quaccuno me piglia pè na mariola! Ma comme faccio ‘a scì fora! Si me acchiappa ‘a mugliera ‘e Beppe, chella me fa na bona scutuliata! Mell’aggio vista ‘ncuollo comm’all’urio! Si nun me nfilavo int’a stu purtone e nun truvavo sta porta aperta, chella comme steva ammulata me allisciava ‘o pilo mm’iez’a via! Beppe m’aveva ditto ca veneva a chisto indirizzo, io lo aspettavo sott’o purtone, quanno chella m’ha ‘ncucciato!

FERDINANDO  (entra in scena abbottonandosi ancora i pantaloni. Alla vista di Amalia, rimane sorpreso e, piuttosto impacciato, completa l’abbottonatura)  Signò, e comme site trasuta?

AMALIA             La porta era aperta e allora…

FERDINANDO  E che volete? (Guardando il cesto) ‘O cisto è ‘o vuosto?

AMALIA             No…. cioè…. si!

FERDINANDO  Se po’ sapè, è ‘o vuosto o nun è ‘o vuosto?

AMALIA             E’ ‘o mio ma l’aggiu purtato a vuie!

FERDINANDO  A me? E pecchè, nuie manco ce cunuscimmo!

AMALIA             Si, ma io so’ venuta perché ho bisogno di una raccomandazione per una persona a cui tengo molto!

FERDINANDO  Raccomandazione pe’ chè?

AMALIA             Per un posto di lavoro…… dice…. Che a ‘o cimitero hanno bisogno d’’o becchino nuovo, pecchè chillo ca ‘nce steva è muorte!

FERDINANDO  (al pubblico) Nun l’hanno fatto manco arrefreddà! Pè stu posto ‘e schiattamuorto sa che guerra addà succedere ‘ncopp’o comune!

AMALIA             (con atteggiamenti provovanti) Sapete il mio fidanzato non lavora e nuie ce vulessemo spusà. Don Ferdinà, ormaie simmo ammature! Si facimmo passà n’atu poco e tiempo ‘a carne s’ammoscia!

FERDINANDO  E’ giusto! ‘O frutto s’ha dda’ cogliere quanno è ancora tuosto!

AMALIA             (sempre più provocante) Si, e pe’ chesto, Don Ferdinà, io no pe’ dicere, sono tutta dura! Sentite ccà. (prende la mano di Ferdinando e la porta al seno)

FERDINANDO  (imbarazzato) Signò, ma che facite?

AMALIA             (come sopra) Sentite, sentite! Dite la verità, sono o non sono dura? Don Ferdinà, io sono tutta dura!

FERDINANDO  E a chi ‘o dicite! Me so ‘ntesecuto tutto quanto pur’io! Signò, lassateme, la carne è debole! (Ferdinando prova senza convinzione a ritirare la mano, ma lei gliela trattiene)

AMALIA             (lasciando la mano) Ma che, ve fa specie?

FERDINANDO  E me fa specie si! E che ve penzate ca corre l’acqua dint’e vvene?

AMALIA             Eh! Don Ferdinà! Comme ve nfumate ampressa! Allora si ve faccio sentere quaccata cosa , vuie pigliate fuoco! (prende la mano di Ferdinando e la porta sulla coscia) Sentite! Sentite si è ‘o vero!

FERDINANDO  Signò!…. Signò!…. E chi ve dice ca è na bucia! Ma ve voglio bene, lassateme sta mano!

TERESA              (entrando in scena) Oh! Scusate! La porta era aperta e … sono proprio una scostuamta! Voi stavate in intimità e io …. Ma vi volevo chiedere solo se avete visto una femmina!

FERDINANDO  Na femmina? Che femmina? E po’, quale intimità?

TERESA              Scusate, a me accussì m’era parso! E po’, ca dicevo e male! Quanno certi ‘ccose se fanno tra marito e moglie, nun ce stà da pigliarse scuorno!

FERDINANDO  Ma qua marito e moglie! Nuie…

AMALIA             E ave ragione ‘a signora. (A Ferdinando) Don Ferdinà reggetemi il gioco! Chesta m’accire!

FERDINANDO  E a me m’accire muglierema!

TERESA              Come? Che dite?

AMALIA             Ca l’aggi’’accirere ‘e vase (abbraccia Ferdinando e gli schiocca un bacio sulla guancia, lasciandogli il segno del rossetto) Don Ferdinà, ci sono duecento voti per voi!

FERDINANDO (al pubblico) E io manco cu’ duciente cumizi ‘e faccio duciente vote! (gli tremano le gambe) Uh! Mamma d’o Carmine!

TERESA              A chella sfacciata, manco ‘a cunosco bona! Meza vota ll’aggiu vista e pure a luntano! Ma si l’acchiappo mmiezzo a sti mmane….! Guè tene n’abilità sta femmena a scumparì ca nun ce se crede! Quanno pare ca l’he acchiappata, te sciulia ‘a sott’e mane comme a na ‘nguilla!

FERDINANDO  Ma pecchè ‘a cercate? Ca v’ha fatto?

AMALIA             Ma tu mò he ‘a sapè ‘e fatte private d’’a gente? Signò nun ‘o…

TERESA              E pecchè io nun ce trovo niente ‘e male! M’ha rubat’o marito! Chesto m’ha fatto!

FERDINANDO  (al pubblico) A sotta!

TERESA              Ma ha fatto merenna! Sta vota nun me scappa! L’hanno vista ‘e sagliere! A meno ca nun mette ‘e scelle sempe  addà scennere! Mò me ne vaco abbascio ‘o purtone ‘a llà ha ddà passà!

FERDINANDO  Ma vuie manco ‘a cunuscite!

TERESA              Io no! Ma ‘a cummarella che aggiu lassato abbasci’e scale, ‘a cunosce bona! Essa l’ha vist’e trase int’o purtone! (ammiccando) Vuie cuntinuate ‘e fatte vuoste!

FERDINANDO  Ma qua fatte vuoste! Nuie…

AMALIA           (facendo una carezza a Ferdinando) E nun fa ‘o scurnuso! Ca ‘nce sta ‘e male!

TERESA              Di nuovo, scusate! A rivederci. (esce di scena)

FERDINANDO  Ma che, mi volete compromettere! Io… e pure voi! Chella si v’acchiappa sott’e mane, ‘o post’o cimitero l’avimma truvà pe’ vuie! E pe’ sempe!

NANNINA           (entrando in scena con un cesto ricolmo di vivande) Meno male ca me sò purtato pure a Genoveffa! (guardando sospettosa Amalia) La signora cerca qualcuno?

AMALIA             Io veramente sono venuta per chiedere a Don Ferdinando un suo intervento!

NANNINA           (sospettosa, mal dissimulando il sentimento di gelosia che la pervade, fingendo indifferenza, con un dito pulisce il rossetto dalla guancia di don Ferdinando) Di che natura?

FERDINANDO  Nannì, la signorina…

NANNINA           (guardando Amalia sempre più sospettosa) ‘A signurina ?

FERDINANDO  La signorina vuola che mi interessi per il fidanzato! Pe’ chillu posto e becchin’a ‘o cimitero!

AMALIA             (allungando a Ferdinando il foglio che aveva ricevuto da Matteo) E questi sono i suoi dati anagrafici!

NANNINA           (più lesta, prende il foglio e lo legge) Mario Scassone… Accussì se chiamma ‘o fidanzato vuosto? (passa il foglio a Ferdinando) E tu che c’entri?

FERDINANDO  Comme io che c’entro? Songo o nun song’o candidato a sinneco?

NANNINA           Ah, ho capito! Così quando tu….

AMALIA             Ecco, proprio così! E io l’aggi’u prummiso duciente voti, pecchè m’è simpatico assaie!

FERDINANDO  (al pubblico) Dalle! Chesta pe’ fforza me vò fa mazzià ‘a muglierema stammatina! (ad Amalia) Non vi preoccupate! Signurì, tutto quello che si può fare nei limiti della legalità e della trasparenza, si farà!

 

NANNINA           (al pubblico) Allora niente!

AMALIA             Don Ferdinà, grazie assaie assaie! (a Nannina) Ma quanto m’è simpatico!

GENOVEFFA    (entrando affaticata con un cesto in mano) A mania ‘e mettere tutto int’o scantinato, cu tanti buchi ca tenimmo ccà ncoppa! Che fatica pe saglire stu poco e grazi’e Dio!

NANNINA           Genovè, iammo int’a cucina a mettere a posto sta rrobba! Signurì, arrivederci, ve lascio a ‘o simpaticone vuosto!

GENOVEFFA    (guardandosi in giro) ‘O simpaticone? E chi è?

NANNINA           Cammina, cammina, po’ t’o faccio cunoscere pure a te! (escono di scena)

FERDINANDO  Signorì, e si vuie facite accussì, na bona paliata nun m’a leva nisciuno!

AMALIA             Uh, Giesù! Ma io sto dicenn’a verità! (si scopre di più il petto) Si me state simpatico, mica pozzo dicere ca me state antipatico!

FERDINANDO  Dalle! (asciugandosi la fronte imperlata di sudore) Signurì, ma vuie a matina ascisseve d’’a casa pe’ sfrugulià ‘a nervatura d’’a gente? (al pubblico) Guardate ccà, m’ha fatto saglierer ‘o sango ‘ncapo! Pe nun parlà d’’a nervatura ca m’’a sento tutta….. Peccerè, iatevenne, si no stammatina….. (accompagnandola alla porta) Mi raccomando, i duecento voti!

AMALIA             Don Ferdinà non dubitate! Voi mi avete tolto da una situazione imbarazzante e io so’ na femmena ‘e parola, chello ca prumetto mantengo! Sono una donna tutta di un pezzo! So’ na capatosta io! Anze so tutta tosta! (prende la mano di Ferdinando) Sentite,sentite….

FERDINANDO  (liberando la mano) N’ata vota! Signurì, l’aggiu ntiso primma! Site tosta! Site tosta! E aggiate pacienza! Che l’avite pigliate, pe na mano morta? Tuccate ccà, tuccate llà! Chella ogne tuccata è na scossa elettrica! Iate, iate! A Madonna v’accumpagna!

AMALIA             Don Ferdinà, aggiu penzato na cosa! Mò invece e scennere subbeto, me ne vaco ‘o piano e coppa, aspetto ca chella pazza se ne va e po’ scenno!

FERDINANDO  Iatevenne addò vulite vuie! Basta ca si esce muglierema nun ve trova cchiù ccà! (Amalia esce di scena, Gennaro recupera, dall’angolo dove era stata appoggiata da Gaetano, la bandiera utilizzata per il comizio della mattina e si siede su una sedia) Mamma mia, che matinata! (guardando la bandiera) Vedite ccà comme ce l’hanno cumbinata!

GENNARO         (con una bandiera in mano,seguito in scena da Margherita) Ma tu ce ll’e ditto ca po’ già accummencià a fa amicizia cu ‘e muorte? Margarì, si esco cunsigliere, ‘o posto ‘e schiattamuorto ‘a ‘o campusanto è o suio! (a Ferdinando) Ah! Tu staie ‘ccà ! io te facev’o spitale!

FERDINANDO  (avventandosi su Gennaro) ‘O spitale te ce manno a ttè! Cu na mazzata ncapo!

MARGHERITA   (spaventata dai due che si affrontano utilizzando le bandiere come armi) Madonna santissima! Chiste s’accireno! Nannì, Nannì, curre!

NANNINA           (entrando allarmata) Ferdinà, Ferdinà, ma che vuò, passà nu guaio? (cerca di mantenere Ferdinando)

GENNARO         No, ‘o guaio ‘o pass’io!

GAETANO         (rientrando) E che sangue d’a marina? E’ accummenciato già ‘o secondo tiempo? (cerca di afferrare Gennaro)

Nannina cerca di mantenere Ferdinando che si vuole avventare su Gennaro. Gaetano cerca di mantenere Gennaro che a sua volta vuole scagliarsi su Ferdinando. In mezzo, Margherita viene sbattuta da una parte e dall’altra.

FERDINANDO  Nannì, lasseme! ‘A ‘e Pellegrini l’aggi’’a mannà  stammatina!

GENNARO         Gaetà, ‘o vide a chisto! (indica Ferdinando) ‘O stanno già aspettando ai Cardarelli! Famm’o chiappà ‘mmiezz’e mmane e……

MARGHERITA (sballottatta fra i due gruppi) Guè! Guè! E ‘a vulite fernì! Me state sbattenno comm’a nu zampaglione! (al pubblico) Chiste ‘o spitale, si nun me stò attienta, me ‘nce manneno ‘a me!

Ferdinando,nonostante la presa di Nannina, riesce a sferrare una mazzata con l’asta della bandiera, che colpisce in piena fronte Gaetano,

GAETANO         (portanto una mano alla fronte) Ah! Don Ferdinà, me avite rott’a capa!

MARGHERITA ’O ddicevo ca nun ce steva da fidarse! (avvicinandosi a Gaetano, che si accascia su una sedia)  Pare bbuono che ha cogliuto a vuie!

GAETANO         E comme no! Chillo ‘o cane a chi ha ddà muzzecà? ‘O stracciato!

Si fanno tutti intorno a Gaetano

NANNINA         Ferdinà, ch’e fatto? (alzando la voce) Genovè, Genovè!

GENNARO       (a Ferdinando) Mò, si cuntento?

FERDINANDO  Marò, mantieneme ‘e mmane!

GAETANO         Marò, mantienec’e mmane, si no chiste m’appulezza!

NANNINA           Basta, basta! (poi quasi uno strillo che mette tutti a tacere)  Basta! Genovè, Genovè!

GENOVEFFA    (entra in scena con un mestolo in mano) E un momento! Nun te danno ‘o tiempo manco ‘e te vutà ‘a reto! Stevo giranno ‘o sugo, che è succiesso? (vedendo Gaetano sanguinante) Mamma d’o carmine! Chi è stato? Giesù, Giuseppe, Sant’Anna e Maria! Santo Nicola di Bari! Santissimo…..

FERDINANDO  Genovè, va piglia ‘na benda! ‘O calennario ‘o fernisce dopo!

GENOVEFFA    (avviandosi in una stanza) Vaco, vaco (si ferma un poco pensierosa, poi a Nannina, accostandole alle labbra il mestolo) Pare ca ce manca nu poco ‘e sale!

NANNINA           (dopo aver assaggiato) E’ buono! E’ Buono! Và! Gaetà, nun avè paura, ‘a ferita nun è profonda! Margarì, ma se po’ sapè pecchè se sò afferrate sti duie bestiune?

MARGHERITA E mica ce sta cchiù ‘na ragione pecchè chiste duie se acchiappano! Chille comme se vedeno accussì scattano comme a cane e gatte!

NANNINA           E mò levammo l’occasione, miettece ‘a mussarola a stu cane d’’o nnammurato tuio e puortalo a cuccia int’a cammera soia!

GENNARO         ‘O cane sarria io! Invece maritete sarria ‘o mucillo ingenuo ca se fa magnà d’o cane! Cammina, Margarì, iammuncenne int’a cammera mia, ca nun te po’ fidà manco cchiù d’o sango tuio! (esce di scena insieme a Margherita)

GENOVEFFA    ‘A benda sta ccà! Ma a stu disgraziato sarrà meglio ca ‘o purtate nu poco ‘ncopp’o lietto vuosto! Chisto tene na faccia! Pare ca tanto ‘o Signore s’o chiamma!

GAETANO         (improvvisamente rianimato) Se chiamm’a chì? (fa le corna con le mani) Tè! Tè! Te pozza seccà ‘a lengua comm’a  ll’esca!

GENOVEFFA    Eh! Comme si avesse ditto ‘o diavolo s’o chiamma! Io aggiu ditto ‘o Signore….

GAETANO         E io nun voglio essere chiammato a nisciuno, va bbuò!

NANNINA           Dice buono Genoveffa, Ferdinà, damme ‘na mano a purtarlo ‘ncopp’o lietto!

FERDINANDO  (mentre insieme a Nannina porta Gaetano in camera) Però Gaetà, comme sì cullaruso!

GAETANO         Io nun sò cullaruso, però nun m’o voglio sente’e  dicere! Me ‘mpressiona! (escono di scena)

GENOVEFFA    Famme mettere a posto nu poco cca’ dinto. Vide quanta ‘mbruoglie! Si vene quaccuno che ha ‘dda penzà: che cammarera sporca ca tenene sti signure! Senza sapè io fatico d’a matina ‘a sera (guardando il cesto con i salumi ancora a terra) Stu cisto chisà chi l’ha purtato! Famm’o mettere int’a cucina. (Esegue) Chesta casa nu poco a sta parte, me pare ‘na stazione ferroviaria! (bussano alla porta) Ecco qua! Vengo! (bussano di nuovo) Nu mumento! Avissev’a perdere ‘a coincidenza! Ji’ che via vai! (apre la porta e predecendo Beppe) Chi siete? A chi cercate?

BEPPE                Io mi chiammo Beppe l’esattore!

GENOVEFFA    Ji’ che bello soprannome che v’hanno mise!

BEPPE                E che ci volete fare? Quello a seconda delle mansioni che uno tiene, ci’ affibbiano ‘nu soprannome! Mio fratello ad esempio ‘o chiammano Ciro ‘a bomba.

GENOVEFFA    Perché, fa l’artificiere? Fa scoppià ‘e bombe?

BEPPE                Eh! Diciamo così!

GENOVEFFA    Ho capito! Lui è esperto…. Comme se dice….. Mo’ nun me vene ‘a parola giusta!

BEPPE                Nun date retta signò, nun vè sfurzate!

GENOVEFFA    Ma chi se sforza? Io ho capito benissimo. Come ho capito pure, pecchè vui state ‘cca! Se siete l’esattore, site venuto ‘a pigliarv’e sorde! Giusto?

BEPPE                E cu vvuie nun ce stà bisogno manco ‘e parlà!
GENOVEFFA    Pè forza! Chella l’imbasciata l’aggiu avuta proprio io stammatina! Mò ve chiammo a Don Ferdinando.(esegue)
BEPPE                (al pubblico) M’è parso de ‘ntravedè a muglierema abbasci’o purtone. Speriamo ca nun ha ‘ncucciato Amalia! Io, a chisto ‘ndirizzo l’aveva dato appuntamento ma nun l’aggi’ ’u vista!
GENOVEFFA    (entrando in scena) Guè! Signore esattore ! (al pubblico) Ma che brutto soprannome che c’ hanno dato a chisto! (poi a Beppe) Don Ferdinando mo vene. Quello vi aveva già appriparat’a bustarella pecchè stammatina ‘nce l’avimmo ditto appena è venuto! (esce di scena)
BEPPE                (al pubblico) E chi cell’ha fatto l’imbasciata a chesta stammattina! Io nun saccio niente! ‘O boss ha ditto: chisto nun ha vuluto mai pagà ‘o pizzo p’a pasticceria ca tene! Mò ca s’è candidato a sinneco l’ha ‘dda pagà, si no ce mannammo a Ciro ‘a bomba! Anzi poi ha precisato: “Se fa la persona ragionevole, digli che noi possiamo gestire duemila voti, ma fagli pure capire che a cose fatte, gli amici che l’hanno aiutato a saglì non se fanno mettere ‘a porta si ‘nce vanno pe’ quacche favore!”
Entrano in scena, non visti, Margherita e Gennaro.
FERDINANDO  (entrando in scena) Ah! V’ha mannato a vuie! (alludendo alla busta che porta in mano) Li avevo già preparati perché lo so come vanno queste cose! Io sono un uomo di mondo! Nuie putimmo sbraità quanto vulimmo, ma alla fine bisogna sempre pagare cu ‘na fune ‘ncanna!
BEPPE                Ah! ‘O ssapite , eh! Siete informato!
FERDINANDO  E non sono mica nato ieri! Le richieste, come al solito sono precise! E più precise ancora, sono le scadenze! E noi che possiamo fare! Dobbiamo pagare! E in fretta pure, si nò va a fernì ca te scoppia a bomba ‘mmano! Non so’ se ho reso l’idea !
BEPPE                Comme no! Comunque mio fratello passa sempre dopo due o tre solleciti andati a vuoto.
FERDINANDO  E che ce trase mo’ vostro fratello! Chi ‘o cunosce! Pecchè, facite ‘o turno cu isso quanno ‘a gente nun è pronta a pagà?
BEPPE                Si! Lui però, fa sempre il secondo turno!
FERDINANDO  Sentite, io ho messo tutto in questa busta! Se ci dovessero essere difficoltà, me lo fa sapere.
BEPPE                Certamente (al pubblico) Comme è gentile chisto! Si fossero tutt’accussì, fratemo avarria cagnà mestiere! (a Ferdinando) Oh, sentite! Il capo mi ha detto che ci sono duemila voti per voi, e quanno sarrà ‘o mumento vi dirà pure le sezioni dove dovranno uscire! Naturalmente, poi, non vi dovete dimenticare di lui!
FERDINANDO  E chi s’o scorda! Me manna sti mmazzate! Beato a isso ca tene sempe ‘a capa a pazzià!
BEPPE                Io l’imbasciata vell’aggi’’u fatta! Arrivederci! (prende la busta ed esce di scena)
FERDINANDO  Arrivederci! Cu tutt’e vote ca te prumettono te putarrisse candidà pure ‘a presidenza d’’a repubblica! (ritorna in camera)
Entrano in scena Margherita e Gennaro
MARGHERITA Hai voglia ‘e cunsumà sol’e scarpe a ghì piglianno vote case, case! Ll’ he visto comme se fanno ‘e vote? Quello che è venuto a ritirare la bustarella, lo hai riconosciuto?

GENNARO         E comme nun l’aggi’’u riconosciuto l’esattore ‘e Ciccillo ‘o pirata! Vedi le persone come cambiano! Ferdinando non ha mai pagato la tangente per il negozio, ora, invece, pur di averne un ritorno elettorale, la paga!

MARGHERITA Chest’o paese mio, si chiama voto di scambio!
GENNARO         E io, co’ che l’aggi’’a scagnà? Cu ‘a miseria? Chesto ce pozzo mettere dint’a busta, ‘a miseria! E ‘o Pirata ‘o ssape! Perciò a me nun m’o manna a Beppe!
MARGHERITA E così, Ferdinando farrà ‘o sinneco  e tu t’’o ssuonn ‘e

fa ‘o consigliere!

GENNARO         E faceva tanto ‘a persona onesta!

MARGHERITA Nun l’ha fatt’aprì manco ‘a vocca! L’aspettava già cu ‘a busta mmano!

FERDINANDO  (precedendo in scena Gaetano che porta una vistosa benda in fronte) Vien’ accà Gaetà, facimmo nu poco ‘o punto d’’a situazione! (prende una rubrica dal tavolino, vanno al divano e siedono) Te fa male ancora?‘O ssacc’io a chi aveva aprì ‘a capa chella mazzata!

GENNARO         (sedendosi al tavolo) Margarì, assettate ccà e facimmo nu poco ‘e cunte e sti vote! Miettete in mod’e nun me fa vedè chelle ‘ddoie facce ‘e farisei

FERDINANDO  (a Gaetano) Nun ce penzà! Po’ vide ca te passa! Mò te faccio purtà quaccosa da Genoveffa, accussì te repigli nu poco! (alzando la voce) Genovè, Genovè!

GENOVEFFA    Don Ferdinà, ca vulite?

FERDINANDO  Portace nu poco ’e liquore forte a Gaetano! E, te truove, porta pure chillo cofanetto cu ‘e ppalle ‘e Mozart.

GAETANO       Ma pecchè, tenite ‘e palle ‘e Mozart?

FERDINANDO  Eh!

GENOVEFFA    V’’o pporto subbeto!

GAETANO         Int’o cufanetto? E che ‘e tenite sott’o spirito? Chi ve l’ha lasciate, ‘o nonno?

MARGHERITA Va trova che ha capito chillo mò! Vide che ignorante ‘a gente se porta appriesso pe fa ‘e cumizie!

FERDINANDO  Gaetà, ma fusse scemo? ‘E ppalle ‘e Mozart sò ‘e cioccolato! ‘E mettevo sott’o spirito pe ‘e fa squaglià!

GENOVEFFA    Ecco qua! (poggia sul tavolinetto) ‘O liquore forte e le palle e chillo llà che avito ditto vuie! Io pe mè nun m’e mangiasse! Me fanno ‘mpressione! Che aggia fa, già ‘o nomme me fa senzo! (esce di scena)

GENNARO         (alzando al voce) Nannì, Nannì.

NANNINA           (entrando in scena) Guè, Gennà, ca vuò?

GENNARO         Famm’o favore, portame nu poco d’acqua e bicarbonato!

FERDINANDO  S’è fatt’a cammarera personale! E comm’o stà appriesso pò essa. ‘O serve comme serveno ‘o prevete ‘a parrocchi’o Salvatore, quanno dice ‘a messa!

NANNINA           (sbuffa all’indirizzo di Ferdinando, poi a Gennaro) Ma che ‘a digerì? Ancora nun magnammo!

GENNARO         Aggia digerì certi ccose ca se vedono int’a sta casa e ca nun se ponno vuttà abbascio!

FERDINANDO  Deve digerire le serpi che ha ingoiato! Accussì a fernesce ‘e caccià veleno ‘a fora!

NANNINA           Gennà, ma a vuò fernì? Margarì, ma nc’’o vuò dicere pure tu ca…

MARGHERITA (prende Nannina in disparte) Nannì, chillo ave ragione! Poi tuo marito si risente si ‘a gente ‘o chiamma mariuolo! Pè fforza!

NANNINA           Comme pè fforza? Margarì, ma che fai, te ce miette pure tu a piccià ‘o ffuoco?

GAETANO         (nel frattempo aveva incominciato a mangiare) Don Ferdinà, sti ppalle ‘e Mozart, nun è ca fussero ghiut ‘acito? Arinto tenene nu colore e ova fracite!

FERDINANDO  Ma nun dicere fessarie!

NANNINA           (a Gennaro) Aspetta, mò te porto nu poco d’orzata! Chella è refrescante, fa bene pè tutt’e cose! (uscendo di scena) Madonna mia, fa passà ampressa sti iuorne!

GENOVEFFA    (entrando sempre con il mestolo in mano) Ah! Don Ferdinà, ha ditt’a signora Rosa , ca si vulite pure ‘o voto d’o padre, nce avite mannà ‘o grammofono!

FERDINANDO  Pecchè, ‘o nonno ha bisogno d’accumpagnamento musicale pè ghì a vutà?

GENOVEFFA    Ma che avite capito? ‘O grammofono ce serve pè scrivere ‘o nomme vuosto! Chillo ‘o viecchie è alfabeta!

GENNARO         Siente chi parla!

FERDINANDO  Embè, quacche iuorno ‘e chiste io te taglio sta lengua brebbeta ca tiene!

GENOVEFFA    Ma pecchè, che aggi’u sbagliato? Chella accussì m’ha ditto! O no!….. Ah! Ecco! Comme site difficile! Me sò arricurdata, vole ‘o sismografo!

FERDINANDO  Pè misurà ‘o terremoto ca nun te fa rummane sott’e pprete!

MARGHERITA (a Gennaro) Chiste pè fa vote mannarria alluccanno pè vvie pur’e mute!

GENOVEFFA    Ma che vulit’a me? Io non m’ho rricordo comme cacchio l’ha chiammato! ‘Na cos’è certa, termometro nun l’ha chiammato, pecchè chill’o cunosco!

FERDINANDO  ‘O normografo! Genovè, ‘o normografo! Ma chillo ce ‘a dicere ‘a signora Rosa, ca nun serve! ‘O nomme d’o candidato a sinneco, è già scritto ncopp’a scheda! (alzando la voce all’indirizzo di Gennaro) Chillo serve pè i candidati a cunsigliere!

GENOVEFFA    Don Ferdinà, aggiu capito, io nun sò sorda! (si porta il mestolo alla bocca e assaggia) Eppure a me pare scipeto!

 NANNINA          (entrando in scena con il bicchiere di orzata) Te ll’aggi’u fatta carreca carreca, vedrai che ti sentirai subito meglio (a Genoveffa) Ancora cu stu cuppino mmano stai? E a vuò fernì stammatina cu stu sugo? E’ bbuono, Genovè è bbuono! Va a ‘mmunnà ‘e ppatane, si nò mò ho mettimmo ‘o ruoto int’o furno stammatina!

GENOVEFFA    Vaco, vaco! (rientrando) Genoveffa fa questo! Genoveffa fa quest’altro! Genoveffa è bbona sulo a ffà ‘a ciuccia ‘e fatica!

GAETANO         Genovè, nun te murtificà, mo te do ‘na mano pur’io (si avvia dietro a Genoveffa)

GENOVEFFA    (uscendo di scena con Gaetano, gli porta il mestolo alla bocca) Siente, siente! Ma pecchè nun è scipeto?

GENNARO         Margarì, aggi pacienza, accumpagname abbascio ‘o purtone, me voglio piglià quaccosa ‘a farmacia.

NANNINA           (premurosa) Ma nun t’è passato ancora?

FERDINANDO  E quelle, le serpi, sono difficili a digerire!

MARGHERITA Nannì, nun te preoccupà, mo l’accumpagno io! Cunosco certe pasticche ca fanno miracoli! (escono di scena)

NANNINA           (a Ferdinando) L’ultima parola ha ddà essere semp’a toia! Embè io……(esce di scena)

Suona il campanello

NANNINA           (dall’interno) Ferdinà, pienzece tu, Genoveffa tene ca ffà!

FERDINANDO  Un momento! (apre la porta e rientra in scena seguito da Amalia) E vuie state n’ata vota ccà?

AMALIA             Don Ferdinà, salvateme! Chella me sta currenno appriesso, m’ha visto ‘e trase ccà!

NANNINA           Ferdinà, chi è?

FERDINANDO  Nisciuno, nisciuno! (spinge Amalia in una stanza) Hanno sbagliato porta!

TERESA              (entrando in scena) Addù stà! Ormai è tutto chiaro!

FERDINANDO  Addò stà chi? Tutto chiaro che cosa?

TERESA              Guè, bellu signò, vuie ce site o nce facite? Io aggiu rischiato a pelle stammatina! Si nun me annascunnevo a tiempo, quanno è passato Beppe, mio marito, chillo cacciava ‘a mulletta e me lasciava morta abbascio ‘e scale!

FERDINANDO  Addirittura!

TERESA              E ce metteva assaie! Chillo è nu poco pazzo! Lo chiamano la lama di Toledo, tanto è lesto cù chella mulletta! E guaie si ‘o cuntrariate! E’ capace e v’accirerere doie vote! Quanno piglia ‘a mulletta ‘mmano, ‘a lassa sule si vede ‘e scorrerer ‘o sango! Eh, già! Perché lo schizofrenico, comme ‘o chiamaie ‘o duttore, alla vista del sangue, sviene e quando ritorna in sè, non si ricorda più niente di quanto è accaduto!

FERDINANDO  Pare bbuono ca tene sta valvola ‘e sicurezza! Ma io voglio sapè ca tengo ‘a spartere cu chillo pazzo ‘e vostro marito!

TERESA              Signò, scusate si v’o ddico, ma site nu poco cetrule!

FERDINANDO  Meno male ca nce songo sulo nu poco!

TERESA              Veramente io pè delicatezza aggiu ditto sule nu poco ma….

FERDINANDO  Dalle!

TERESA              A me dispiace e v’o ddicere, ma si proprio ‘o vulite sapè, l’amante di mio marito è vostra moglie! Ecco, ca ce tenite ‘a spartere! ‘A mugliera!

FERDINANDO  Mia moglie? Ma vuie vulite pazzià?

TERESA              E ve pare ca tengo ‘a faccia e una ca vò pazzià? Comme è overo ca l’ultim’a saperlo è sempe ‘o marito!

FERDINANDO  Ma forse voi vi riferite a quella signora ca…. (fa il gesto con le mani come per dire prosperosa)

TERESA              Eh! Vostra moglie, chella llà ca stava core a core cu vuie stammatina! ‘A cummarella abbascio ‘e scale appena l’ha vista m’ha ditto “E’ essa, è essa!”Comme! Dico io! Quella è la moglie ‘e….. Scusate oltre ad essere curnuto, cumme ve chiamate?

FERDINANDO  Ferdinando, e io nun sò curnuto!

TERESA              Eh! Va bbuò! ‘A sfacciatona, comme s’he vista scoperta ha fatto ‘e scale a quatto a quatto e se n’è turnata ccà! Ma na lisciat’e pile sta vota nun c’a leva nisciuno!

FERDINANDO  Ho l’impressione che qui c’è stato un equivoco!

TERESA              Vuie ‘o putite chiammà pure equivovo, ma chella ballerina ‘e vostra moglie rimane sempre l’amante di mio marito!

Sulle ultima battute entra Nannina

NANNINA           Guè, ballerina a chì? Come vi permettete? E tu si o nun si n’ommo?

TERESA              Chello vurria sapè pur’io!

NANNINA           Ma chi è sta vaiasse!

TERESA              Né, scusate, ma vuie pecchè v’a pigliate tanto?

NANNINA           Uh Giesù Vuie venite dint’a casa mia, me chiammate sfacciata, ballerina, mi accusate di essere l’amante di vostro marito e tenite ‘o curaggio e me dicere pecchè m’ha piglio tanto? Io proprio pecchè me sò calmata, mò ve ceco primma ll’uocchie e po’ ve trascino pè tutt’a grariata abbascio (si avventa su Teresa, mentre Frdinando cerca di trattenerla)

TERESA              Ma chesta ca vole? Vi comme s’è ‘nfucata! (a Nannina) Io cerco ‘a mugliera ‘e chisto turz’e penniello! Ca centri tu!

FERDINANDO  (mentre trattiene Nannina) A me turz’e penniello nun l’ha ditto ancora nisciuno!

TERESA              E mò ve site levat’o penziero! Vell’aggi’u ditto io! Fa venì fora chella colombrina ‘e mugliereta!

NANNINA           N’ata vota! ‘A mugliera songh’io! (la prende e la trascina per le stanze) Vide! Guarda bbuono! Ccà nun ce sta nisciuno, ce stò sul’io, guarda! (Ferdinando cerca di fermarla ma non ci riesce e, aprendo una porta, esce fuori Amalia) Guar… e vuie ca ‘nce facite ‘ccà?

TERESA              Ah! Malafemmena! (si avventa su Amalia) ‘A copre pure stu curnuto cuntento!

FERDINANDO  Ma qua curnuto! Chi ‘a cunosce a chesta!

TERESA              Comme, chi ‘a cunosce! Stammatina ireve marito e moglie! ‘Nce stiveve appiccicato comme a ‘na sanguetta! Mò, chi ‘a cunosce!

NANNINA           Ma qua moglie e moglie! ‘A mugliera so io! Chella è venuta ccà sule pè ‘na raccomandazione!

TERESA              Allora s’è raccummannato pure ll’anema, pecchè a me, chella m’è parso ca cercava stu viziuso cu ‘e mmane sott’a cammisella!

AMALIA             (mentre cerca di nascondersi anche dagli sguardi minacciosi delle donne) Signò, nun è overo, io….

NANNINA           (prende Ferdinando per la giacca) Ferdinà, ma che è succiesso stammatina ccà dinto?

FERDINANDO  Ma nun è succiesso proprio niente!

TERESA              Guè! Arruvina case! Viene fora!

                                                 

NANNINA           Ascite fora tutt’e ddoie! (le spinge fuori dalla porta)

TERESA              (uscendo, ad Amalia) Viene ccà! T’aggi’a spennà comme ‘na gallina!

AMALIA             Nun me tuccà ca chiammo ‘e carabiniere!

Si sentono le urla delle due donne che scendono le scale

FERDINANDO  (mettendo una mano sulle spalle di Nannina) Nannì, famme spiegà!

 NANNINA          ( si scosta) Nun me tuccà! Io e te d’ora in avanti comunicheremo solo per tramite d’avvocato!

FERDINANDO  Ma che staie dicenno? Quello è stato tutto un malinteso! Io posso spiegarti tutto!

SAVERIO           (dalla comune e poi entrando) E’ permesso?  E’ permesso? (vedendo i due che non rispondono) Guè, e ‘o vulite dicere avanti? Che avite perz’a lengua?

FERDINANDO  Ma pecchè v’’hamma fa trasì pè fforza? Iatavenne, chisto nun è ‘o mumento!

SAVERIO           E’ ‘na parola! Me ne vaco! E chi ‘o sente ‘o raggiuniere! Chillo nun m’ha raccumannato ate! Mi ha detto :” Nun te ne turnà senz’e sorde, ca ogge scadono e termini!”

NANNINA           Ma vuie ca centrate c’’u raggiuniere? Chille sell’hè mannatto già a piglià ‘e sorde!

FERDINANDO  Eh! E’ passato nu certo Beppe, mi ha detto : “Sono venuto a ritirare i soldi” e io glie li  ho dati!

SAVERIO           E’ strano però, il ragioniere per questi servizi delicati solo di me si fida! E poi se avesse incaricato un altro, a me non l’avrebbe detto? Ma il nome Beppe a me non è nuovo! Ma nun è ca fosse Beppe l’esattore?
FERDINANDO  Eh, Proprio così ha detto!
SAVERIO           E vuie avite cunsignato i soldi ‘a camorra! Beppe è l’esattore d’o Pirata! V’ha fatta pagà ‘a tangente pè ‘o negozio pure a vuie! Nun ce avite mica cercato voti?
FERDINANDO  Quando mai! Io sono una persona onesta! Ma….. un momento! Lui ha parlato a me di duemila voti!
SAVERIO           E quelli così fanno! Si propongono loro e poi ve attaccano mane e piede!
FERDINANDO  Ma io non gli ho dato peso perché pensavo che scherzasse. Il ragioniere mi fa spesso di queste battute!

NANNINA           Giesù! Madonna d’o Carmine! E mò comme facimmo a ce ne ascì a sotto! E comme facimmo a pagà’e tasse? Siamo rovinati! (si accascia su una sedia)

FERDINANDO  Vabbuò (a Saverio) ‘O guaio ormai l’aggi’u cumbinato! Vuie facite ‘na cosa, ritornate dal ragioniere e ditegli che i soldi glie li faccio avere in questi giorni.

SAVERIO           Ma la scadenza è oggi!

FERDINANDO  Pagammo cù ‘a mora!

SAVERIO           Si vuie dicite accussì ! (a Nannina) Faciteve curaggio signò! Arrivederci! (esce di scena)

NANNINA           Io, vurria sule sprufunnà sott’a terra!

MATTEO            (dalla comune) E’ permesso? E’ permesso? (entra in scena seguito da Maddalena) Ccà nun risponne nisciuno! Trase, Maddalè!

FERDINANDO  Guè! Ma vuie chi site? Ca vulite? Ma che educazione è chesta! ‘E mmane pare ca ‘e tenite libere! ‘O campaniello nun ‘o putiveve sunà?

MADDALENA   Veramente, con le mani occupate noi siamo venuti già stamattina!

MATTEO            Mò, simmo passati sule pe’ retirà lu canisto!

NANNINA           Ma chi so sti duie pasture?

FERDINANDO  E che ne sacc’io! Guè, vedite addò avita ji, pecchè ccà c’avota ‘a capa! ‘E mmane occupate…..! ‘O caniste….! Ma quale caniste? Chi ve cunosce?

MATTEO            (al pubblico) Esi cchisto è l’inizio de la siconda repubblica, tutto summato, stevemo meglio cu la primma! Llà, almeno lu canisto te lu turnavano areto! Sti fetiente nuove manco chillo ‘nce lassano!

Si chiude il sipario


ATTO SECONDO

STESSA SCENA DEL PRIMO ATTO


All’apertura del sipario, sono seduti al tavolo Gennaro e Margherita. Gennaro sfoglia una rubrica.

GENNARO         La sezione in cui dovrei prendere più voti è la numero diciassette.

MARGHERITA ‘A sezione diciassette? (alludendo al numero) Allora stai frisco! Ma nun se sape ancora niente?

GENNARO         Chille poco fa hanno accummenciato ‘o spoglio. Ormaie quello che è fatto è fatto! Mò, nun ce sta chiù niente ‘a fa! Ferdinando iere, cacciava vote pure cu ‘e muorte!

MARGHERITA E secondo te io iere ch’aggiu fatto? Pure cu Ciccillo parlaie!

GENNARO         Embè, ca te dicette?

MARGHERITA Chillo mo’ me faceva nu discorso! M’è parso ca facesse cu ‘a capa accussì (abbassa la testa lentamente) ‘O segno era chiaro!

GENNARO         Ma pecchè, ha perso ‘a parola? (poi dubbioso) Margarì, ma tu cu qua Ciccillo he parlato?

MARGHERITA Con il buonanima di mio fratello! (poi risentita, quasi strillando) Gennà, ma tu ca bbuò ‘a me? Io aggiu parlato cu chille ca cunuscevo!

GENNARO         Ma comme, io me pensavo ch’avive parlato cu Ciccillo ‘o purtinaro d’o palazzo ‘e rimpetto, e tu nientemeno vai a parlà cù ‘e muorte!

MARGHERITA A Ciccillo ‘o purtinaro nun ‘o penzà! Chillo ‘o voto ‘ncell’ha dato a Ferdinando! Hanno fatto sempe tazz’e cucchiara chilli duie!  Po’, nun so ghiut’o cimitero pè parlà cù ‘e muorte! Me so truvata llà e m’aggiu fatta ‘na chiacchierata pure cù fratemo, pè vedè isso ca ne penzava!

GENNARO         Ca ne penzava approposito ‘e che? E a cimitero po’, cu chi putive parlà?

MARGHERITA Uh, Giesù! Ma cu tutt’a gente ca va a cimitero primma de ji ‘a vutà!

GENNARO         Ma pecchè, ‘a gente va a cimitero prima ‘e ji a vutà? E che ‘ncè và ‘a fa?

MARGHERITA A parlare con i morti! P’avè cunsigli! Ogge nun te può fidà manco d’’a cammisa ‘e cuollo! Gli unici a non essere interessati sono quelli che stanno all’atu munno! Sapisse quanta gente stava là pe’ stu servizio!

GENNARO         E ce stive pure tu!

MARGHERITA E ncè stevo pur’io!

GENNARO         Meno male ca t’è parso ch’avasciasse ‘a capa ‘a buonanima ‘e tuo fratello, si nò, manco ‘o voto tuio pigliavo! E famme sentere, po’, cu chi he parlato chiù a ‘o campusanto?

MARGHERITA Cu ‘a signora Lucia.

GENNARO         Cu chella che stà chiù ‘a llà che ‘a ccà? Teneva ‘ntenzione ‘e rummanè o se ne turnava?

MARGHERITA Ma nun fa ‘o spirituso! Chella comunque ‘o voto manco te ll’ha dato! Me dicette: “ Margarì, co tutt’o core c’o darrio a Gennaro! Ma ‘o ssaie, io teng’o diabete mellito, ‘o voto ‘ncell’aggia dà ‘o miedeco mio ca se presenta int’a lista ‘e Ferdinando! Po’, me trovo e faccio pure ‘o cumpleto cu ‘o sinneco!

GENNARO         Tanta vote ce avesse avuto stunà ‘o sinneco e n’ atu colore! E tu he cercato e le fa cagnà idea?

MARGHERITA Comme no! Ma ‘a puverella giustamente diceva : “ Margarì, chillo sta tutt’e iuorn a casa mia pecchè ‘a malatia ca tengo è carogna! E io ca faccio? Nun ce dong’o voto? E si ‘o scopre’? Chillo vene, me fa na seringhella e m’appulezza!” Doppo sti parole ca nce vuò dicere cchiù? Chella po’ tu ‘a cunusce. E’ comme ‘o cuorno: stuorto, tuosto e vacante!

GENNARO         E po’, nun he parlato cchiù cu niscune?

MARGHERITA Cù Gaetano ‘o chiavettiere!

GENNARO         Con chi?

MARGHERITA Gennà, ‘o chiavettiere (Gennaro avvicina il viso con atteggiamento interrogativo) Chille ca copia ‘e chiave rotte, Gennà!

GENNARO         Ah, ‘mbè! Me pareva! E allora?

MARGHERITA E allora niente! Pecchè, mentre ‘nce parlavo è venuta Genoveffa ca senza dicere nè come nè quanto, ha pigliato ‘o facsimile ‘e Ferdinando e ‘ncell’ha miso ‘mmano! Io che aveva fa? Llà nce stava da pigliarse sule a mazzate!

FERDINANDO  (dall’interno) Io nun ‘o voglio sapè!

BEPPE                (dall’interno) Invece vuie l’avite sapè!

FERDINANDO  (entrando in scena seguito da Beppe) Io invece non lo voglio sapere.

BEPPE                E io v’o ddico ‘o stesso! I duemila voti usciranno nelle sezioni 20, 39 e 69.

GENNARO         Margarì, segnate stu terno!

MARGHERITA Gennà, scennimmo nu poco p’e sezioni! Può essere che s’accummencia a sapè quaccosa!

FERDINANDO  Eh! Và! Và! (prende la bandiera alla parete e gliela dà in mano) Portate pure ‘a bandiera, accussì te fai pure ‘a sfilata subbeto subbeto! Anzi io ti consiglierei di fartela primma ‘e sapè i risultati! Dopo potresti pure non avere più motivi per farla!

GENNARO         Io pozzo pure nun avè chiù motive pe fa ‘a sfilata, ma ho mille motivi per camminare a testa alta! ‘A gente che ha dato ‘o voto a me l’ha fatto liberamente! Senza nessuna pressione! Per buoni intenditori poche parole!

FERDINANDO  Sta zeppata sarria nderizzata a me?

MARGHERITA Certo! Non sei tu quello che prenderà duemila voti nelle sezioni 20, 39 e 69?

FERDINANDO  Io quei voti non li voglio, perché non li ho mai cercati!

MARGHERITA (ironica) Seh ! Vabbuo’ !

BEPPE                Eh, no! Don Ferdinà, questo non lo potete fare! ‘E patti furono chiari! Queste sono comunque cose ca se discutono a quatt’uocchie e ccà, ce stanno tropp’uocchie, lengue longhe e recchie superchie! Vi vorrei ricordare che se a mio fratello o chiammano Ciro ‘a bomba, a me me chiammano la lama di Toledo, tanto sò veloce cu ‘a mulletta!

GENNARO         (coprendosi le orecchie con le mani, al pubblico) Primma ca chisto nce fa cane ‘e corze, sarrà meglio ca ‘nc’a squagliammo! (a Margherita) Cammina Margarì, ca me sent’e fiscà all’improvviso tutt’e ddoie ‘e recchie!

MARGHERITA Dice bbuono! (avviandosi all’uscita con Gennaro) Statte bbuono Ferdinà, vide chello ca faie!

BEPPE                (minaccioso) N’ata vota!

MARGHERITA (tirando Gennaro e affrettandosi ad uscire) Guè, guè! E io mò ch’aggiu ditto? Cammina Gennà, cammina ! (escono di scena)

BEPPE                (minaccioso) Don Ferdinà, i vote v’è ppigliate! Chille aret’a gente nun se ponno dà! Se non vi fasceva piacere averli, ce lo dovevate dire prima! Noi li avremmo convogliati su un altro candidato, ca sicuro, nun avarria fatto tutte sti vuommeche! Anze!

FERDINANDO  Ma quà vuommeche! Quello, è stato tutto un malinteso! Io i soldi pensavo di mandarli al mio ragioniere! Poi la vostra amante me cumbinaie chillo guaio cu muglierema! Pè colpa soia aggiu durmuto quinnece iuorne int’o lietto ‘e Genoveffa!

BEPPE                Guè! Ma site rattuso forte!  Manco a Genoveffa ce lassate! Allora è ‘o vero ca mia moglie ve truvaie cu e mmane ‘ncopp’e collinette d’Amaliuccia mia!

FERDINANDO(al pubblico) ‘E collinette! Chelle so doie muntagne ca ce vonno bbone doie iurnate pe’ ‘e scalà! (a Beppe) Chella fuie ‘na svista d’’a mugliera vosta, e poi, avete frainteso, io aggio durmuto a ‘o posto ‘e Genoveffa e lei ha dormito al posto mio, cu muglierema!

BEPPE                (divertito) Uh! Ve cacciaie d’o lietto? Ah! Ah! Ah! Uh, Giesù! ‘O cacciaie d’o lietto (sempre più divertito, si trattiene i genitali, come per trattenersi dall’urinare) Ah! Ah! Ah!

FERDINANDO  Neh! Ma che ce stà tanto a rirere? Io nun ‘o ssaccio!

BEPPE                (come sopra)

FERDINANDO  E mò, sapite, me state facenno tuccà ‘e nierve! Ma fusseve scemo? E a vulite fernì, o no? Tu vide chisto comme se stà schiattanno ‘e resate! Pure me fa ‘a pipì ‘ncopp’o pavimento! E po’ siente a muglierema! Guè, comme ve chiammate vuie, lama di Toledo!

BEPPE                (cambia improvvisamente espressione e, come un invasato, caccia dalla tasca un coltello serramanico) Chi è’ Che volete? Nun se po’ manco chiù rirere? (sempre più minaccioso) Mi vorreste proibire di ridere?

FERDINANDO  (con voce tremolante) Quando maie! Chi v’ha ditto niente! Ridete, ridete! (indicandi i genitali di Beppe) Io dicevo solo….. statevi attento a …. non…

BEPPE                (si guarda i genitali, poi capisce l’allusione e scoppia in una risata più fragorosa di prima) Ah! Ah! Ah! Uh! Ah! Ah! Ah! (poi a Ferdinando che si tiene alla larga, improvvisamente serio e minaccioso) E voi non ridete?

FERDINANDO  Come no! Rido, rido! Come no! (abbozza un sorriso mal riuscito) E non si vede? (toccandosi i genitali) Mi devo mantenere anch’io (al pubblico) Se no me faccio sotto d’’a paura!

BEPPE                (facendo passare il coltello velocemente da una mano all’altra, seguito con gli occhi da Ferdinando che, nel frattempo, si è messo prudentemente dietro il tavolo) Ma che fate? Ridete? Mi volete pigliare in giro? Tenisseve almeno na bella resata! Amico mio, io cù stu curtiello aggi’u fatto passà ‘a voglia ‘e rirere a parecchia gente! (si avvicina al tavolo e automaticamento sia lui che Ferdinando si trovano a girare intorno ad esso come gatto e topo)

FERDINANDO  (accomodante) Non vi innervosite! Se vi fa piacere io ve pozzo fa na chiagnuta che v’allaga tutt’a casa! Quella ve l’assicuro, la faccio bene! Mi viene più naturale

GAETANO         (fuori campo) Ma io nun teng’o curaggio!

GENOVEFFA    (entra in scena con una gallina in mano, seguita da Gaetano con un sacco di patate. Alludendo alla gallina) ‘O curaggio t’’o faie venì! Tu l’he accirere! Viva nun ce ‘a putimmo magnà! (a Ferdinando) Don Ferdinà, ’a mugliera vosta vene cchiù tarde! S’è fermata ‘a chiesa a sentere ‘na messa!

GAETANO         Giusto, giusto, (guardando Beppe) ‘Nc’a vulisseve dà vuie ‘na botta a ‘sta gallina? Ji che bellu curtiello affilato ca tenite (tocca il coltello con la mano e si taglia) Mannaggia a te , Genovè, te si mise dint’e rrecchie ‘a stammatina cu sta gallina! Ecco qua, m’ha fatto taglià ‘a mano. Vide ‘cca quanta sango ca me stà scurrenno!

BEPPE                (sempre minaccioso) Ma come, il mio coltello che ha conosciuto le carni più nobili, mi chiedete di affondarlo in quelle di una gallina?

GENOVEFFA    Si è sule pe chesto, putite sta tranquillo! Chella ‘a carne ‘e gallina contiene proteine nobili! ‘A signore ‘o ddice sempe!

BEPPE                Ma ve pare ca io sò ommo ‘e essere sfruguliato ‘a vuie! Io faccio scorrere ‘o sango ogge int’a sta casa!

GAETANO         Ma vuie ve sbagliate! Chella mo’ l’ha ditto pure a me!

BEPPE                (si avvicina minaccioso a Gaetano il quale, insieme a Genoveffa, raggiunge Ferdinando dietro il tavolo. Poi ad alta voce, quasi un urlo disumano) Maronna d’’o Carmine!

GAETANO         (spaventatissimo) Carè? Che è succiesso?

GENOVEFFA    Vergine santissima! S’è gelato ‘o sango dint’e vene!

FERDINANDO  Chisto stammatina me fa fà sotto d’’a paura!

BEPPE                A me! A Beppe l’esattore! Alla lama di Toledo! A….

GAETANO         L’avimmo capito, a vuie!

FERDINANDO  Zitto! Nun ‘o cuntrarià!

BEPPE                Vi siete permesso di…… Na gallina!

GENOVEFFA    E che peccato murtale aggiu fatto maie!

FERDINANDO         Genovè nun ‘o ‘nquietà! Chillo è schizofrenico!

BEPPE                Chesta è n’offesa ca m’avita pagà a pont’e cultiello!

GENOVEFFA    Adda fa ‘a carne pe ‘e supressate!

Ferdinando, Gaetano e Genoveffa , sempre più spaventati, mentre Beppe li rincorre intorno al tavolo.

BEPPE                (sempre più minaccioso) E’ inutile ca girate! Stammatina nisciuno esce vivo a dint’a sta casa!

GENOVEFFA    (a Gaetano) Tutto pè colpa toia!

GAETANO         Ma che vuò ‘a me? Tu ce ll’he chiesto d’accirere ‘a gallina!

GENOVEFFA    Pecchè tu dice ca te manca ‘o curaggio! (scostando la gallina che cerca di beccarla) Guè! E chesta manco ce pare! Vi quanta pizziche me sta danno! Cu ‘a famma ca tene chesta ce magnà essa a nuie! Guardate ccà! M‘ha fatto ‘nu buco mmiez’a mano!

BEPPE                Gue’! Chesta invece ‘e penza’ a raccummannarse l’anema a Dio, fa pur’a spiritosa! Se ve piglio mmiez’e mmane, nu buco bello gruosso gruosso, v’o facc’ io ! Ma no mmiez’ a mano ! ‘Ncopp’ o core, v’o faccio!

GENOVEFFA    Madonna mia, chisto ce scanna!

GAETANO         Ma tu vire quanto sango me sta scurrenno da stu dito.

FERDINANDO  ‘O sango, ‘o sango! Gaetà fallo vedè ‘o sango! ‘O sango le fa mbressione!

GAETANO         (allunga la mano timido verso Beppe) Tè!

BEPPE                ‘O sango! Mamma mia, ‘o sango! Aiutateme, io nun ‘o ppozzo vedè ‘o sango!

GAETANO         (ringalluzzito) Ah!Nun ‘o può verè ‘o sango! E tè! Tè! (gli mette il dito sotto il naso)

BEPPE                No! No! ‘O sango no!

GENOVEFFA    Gaetà, nun levà ‘o dito! Anze tagliatenne n’ato! Fall’o murì ‘e subbeto a stu figlio ‘e ‘ndrocchie!

FERDINANDO  Genovè, e che sò stì pparole!

GENOVEFFA    Don Ferinà, quanno ce vò, ce vò!

BEPPE                Madonna d’o Carmine! Io nun ce veco cchiù!

GENOVEFFA    Assa fa ‘a Madonna!

BEPPE                Aiutateme! (si accascia su una sedia)

FERDINANDO  Sia fatta la volontà d’o cielo! Ha fatto fa ‘e vierme pure ‘a gallina, stu pazzo sfrenato! Meno male che la moglie mi raccontò di questa sua debolezza!

GENOVEFFA    Don Ferdinà, chiammammo ‘a polizia primma ca se repiglia!

FERDINANDO  Ma qua polizia! Me vò fa ascì ‘ncopp’o giurnale ‘nziemo all’esattore d’o pirata?

GAETANO         (avvolgendo il fazzoletto intorno al dito ferito) Avite ragione Don Ferdinà. Mo’ ‘o pigliammo chi pè mmane e chi pè piere e ‘o iammo appuià, chianu chianu vicin’o cassunetto d’’a munnezza!

FERDINANDO  Hai ragione, chillo sarria ‘o posto suio! Ma ‘a mugliera me dicette pure che quando si riprende dallo svenimento non ricorda più niente! Perciò, Genovè, va pigli’l’acito, ‘o scetammo  e nu facimm’ji cù ‘e cosce ssoie!

GENOVEFFA    (eseguendo)  Io ‘o scetarria cu ‘na taccarata ‘ncapo!

GAETANO         Pòrtate pure sta gallina, nun ce sta cchiù bisogno d’accirere! E’ morta ‘e paura! (esegue)

GENOVEFFA    (uscendo di scena con la gallina in mano, la guarda e…) Uh! Vedite ccà, chell’overo ha smertecato ll’uocchie!

FERDINANDO  (raccogliendo il coltello) Facc’o mettere int’a sacca a sta cap’e mbrello!

GAETANO         Facite bbuono! Nun credo ca ce faciarria ‘na bella figura a fa ‘a lama ‘e Toledo senza curtiello!

GENOVEFFA    (portando l’aceto) Ecco qua! Sotto’o naso però c’o mettite vuie! Don Ferdinà, chesta è forte, stateve attiente ca fa subbeto effetto!

GAETANO         (puntando il dito fasciato come fosse una spada contro Beppe) Iate, don Ferdinà! Si s’avesse scetà cu mal’intenzione ‘o ddormo n’ata vota!

FERDINANDO  (scuotendo Beppe energicamente) Guè! Aprite ll’uocchie!

GENOVEFFA    Don Ferdinà, facite chiano!

FERDINANDO  Mo lle faccio ‘na carezza! Guè! Amico ciliegia! Svegliateve!

BEPPE                (svegliandosi) Uh! Ma che è? Che è succiesso?

FERDINANDO  Niente, che aveva succedere?

BEPPE                (riprendendosi) Me pare ca vell’aggi’’u ditto ‘e sezione addò hanno d’ascì ‘e vote. ? ‘O Pirata dice che con i voti che prenderete, sarete eletto al primo turno! (tira dalla tasca una lettera) Primma ca ve pigliate impegni cù ll’ate, per l’appalto dei loculi al cimitero nuovo, leggetevi questa lettera! (mette la lettera sul tavolo) Ah! Dice ‘o Pirata ca pè riguardo ‘a percentuale ca ne vene a vuie, manterrà quella concordata col sindaco uscente, poi se non vi sta bene, sempre venite ad un accordo. Ad ogni modo, è tutto scritto int’a lettera! Mò s’è fatto tarde men’aggia jì: stateve bbuono.( esce di scena)

FERDINANDO  (prende la busta in mano, poi la rimette sul tavolo) Pè primma cosa ancora nun so stato eletto, ma se dovesse succedere, piuttosto che cedere a questi sporchi ricatti, a queste manovre di corruzione, mi dimetterò centomila volte dalla carica di sindaco! Se ci facciamo intimidire è finita! Non usciremo più dalla prima repubblica! Tangentopoli continuerà all’infinito!

NANNINA           (entrando in scena con un fagotto di dolci) Mamma mia! Chillu prevete stammatina nun ‘a vuleva chiudere cchiù chella messa!

GENOVEFFA    Ma chi ha celebrato? Don Domenico?

NANNINA           Eh! Isso! ‘E vvote fa sfasterià pure ‘o Pataterno! Embè, chillo mò è tanto buono e accrianzato, ma pè stu fatto me farrà cagnà chiesa! Chella messa ‘a fa durà sempe n’ora e meza!

GENOVEFFA    Avite ragione signò, ‘o diceno tutte quante! Le omelie l’accummencia sempe d’Adamo ed Eva! Parecchia gente già se ne gghiut’a parrocchia ‘o Salvatore! Là pare ca ce stà ‘nu prevete sbrigativo! Int’a mez’ora fernesce tutte cose!

GAETANO         Io aggiu saputo ca l’ata matina, siccome ‘a pigliava chiù a luongo d’o ssolito a dicere “andate in pace” …..

FERDINANDO  Succedette ‘a guerra!

NANNINA           E fall’o fernì, sò curiosa!

GAETANO         Quanno se decidette, i fedeli, tutti in coro, invece di rispondere “Rendiamo grazie a dio”, dicettero : “Assa fa ‘a Maronna, l’ha ditto!” E sparirono tutti in un lampo!

FERDINANDO  (a Nannina) Ma che, si passata pè ‘o negozio a piglià ‘e ppaste?

NANNINA           E certo, fra poco si conoscono i risultati! Nun s’ha ddà festeggià?

GAETANO         Mentre saglievo ‘o dicevano tutte quante che ‘a vittoria ‘e don Ferdinando è sicura! Nun saccio quanti vote ha pigliato int’a’na sezione! (a Nannina) Avite avuto ‘nu bello penziero! Le vittorie vanno festeggiate!

NANNINA           Qua vittoria! Io le ho portate per festeggiare la sconfitta! La disfatta!

GENOVEFFA    No, nun dicite accussì! Già Dio ‘o ssape chello che ha passato don Ferdinando stammatina! E pure nuie, stammo cchiù muorte ca vive!

GAETANO         Eh! Donna Nannì, chillo mò se n’è ghiut’a ccà!

 

NANNINA           Ma chì ?

GAETANO         L’esattore! Beppe l’esattore! Poco c’è mancato ca nun ce lassavamo ‘e ppenne pure nuie!

NANNINA           Pecchè, chi c’ha rimesso ‘e ppenne?

FERDINANDO  ‘A gallina! E’ mort’e paura!

NANNINA           Lo vedi che ho ragione? Quanno maie tu he avuto a che fa cu sta gente! Comme pienze e ne venì fore? Ma io vi lascio! Me ne vado! Accussì facite chello ca vulite vuie, tu e chillo fodero ‘e frateme! Po’ v’accirite! Ve facite scannà da ‘o Pirata! Murit’e subbeto tutt’e duie! Io nun ‘o voglio sapè! (bussano alla porta)

GENOVEFFA    Eccomi qua! (bussano ancora) Eh! Un momento! Arrivano tutte cù ’a neve int’a sacca! E che cosa è chesta! (apre la porta) Avanti! (introducendo Saverio) Trasite, trasite!

FERDINANDO  Ah! Site vuie! Ca m’avite purtato, quacc’ata sfugliatella?

SAVERIO           Nisciuna sfogliatella! Sò passato p’o partito e ‘o raggiuniere ca sta là a raccoglier’e risultate, m’ha ‘ncarecato ‘e venì ccà!

FERDINANDO  E comme maie? E’ succiesso quaccosa?

SAVERIO           No, però ‘o raggiuniere ve mann’a dicere ca è arrivato l’onorevole e che stanno aspettando tutte a vuie!

FERDINANDO  quante sezioni sono state scrutinate?

SAVERIO           Il settanta per cento!

FERDINANDO  E l’andamento com’è?

SAVERIO           Don Ferdinà, l’onorevole nun ce stà int’e panne! Dice ca si pure int’a ll’ate sezione escono le stesse preferenze, voi non andate manco al ballottaggio, vi eleggeranno al primo turno!

NANNINA           San Gennaro stammatina ha miso ‘a recchia sorda annanze!

FERDINANDO  E Gennaro, mio cognato, come va?

SAVERIO           Tutti dicono che non ce la può fare! Però, se il sindaco suo riesce ad andare al ballottaggio, e dovesse poi vincere, verrebbe di sicuro eletto con il premio di maggioranza!

NANNINA           E Cucozza, ‘o sinneco suio, comme sta ghienno?

SAVERIO           Ha pigliato pur’isso paricche vote. Al momento è secondo, subito dopo ‘e don Ferdinando!

FERDINANDO  Iammo Gaetà, ca l’onorevole ce stà aspettanno!

NANNINA           Và, curre, curre! Io cchiù ‘e chello c’aggiu fatto nun pozzo fa! Aggiù passato ‘na matinata ‘nginucchiata int’a ‘na chiesa! Aggiu ditto tutt’e preghiere ca cunuscevo! Ma si chiste sò ‘e risultate, vuol dire ca pure là ‘ncoppa vonno accussì! Comunque andranno le cose, int’a sta casa nun ce sarrà cchiù pace! Pè fforza! Pecchè si uno vence chill’ato ha dda perdere, cù ‘na funa ‘ncanno!

GENOVEFFA    Va bbuò signò, ccà ‘a pace nun c’è maie stata!

SAVERIO           Don Ferdinà, e ve cunvene d’aspettà nu poco primma ‘e scennere. Appriesso a me, steve venenno ‘o giurnalista d’’o quotidiano “Realtà locale”. Ve vole fa n’intervista. Pure pe’ chesto so venuto. ‘O raggiuniere m’ha ditto “ Va! Curre, avviertele primma a Don Ferdinando, così è più pronto nelle risposte!”

NANNINA           Genovè, iammuncenne int’a cucina! Ce manca sule ca chisto, intervista pure a nuie!

GENOVEFFA    E pecchè signò? Chesta è ‘na cosa ca me piace! Vuie ce pazziate! ‘A fotografia nostra ‘ncopp’o giurnale! Po’ magare c’’o ddico pure a ‘o giurnalista ca sotto ha dda scrivere: “Questa è la cammarera del nuovo sinneco!” Sà quanta mmiria!

GENNARO         (dall’interno) Accomodatevi, accomodatevi!

NANNINA           Cammina, mmiria! Chisto sta già ccà!

GENOVEFFA    (uscendo con Nannina) E chella Genoveffa è bona a fa sule ‘a ciuccia ‘e fatica!

SAVERIO           Don Ferdinà, io me ne scendo. Arrivederci! (esce di scena)

MARGHERITA (precedendo in scena Gennaro e Vincenzo) Ve truvate, ce facite l’intervista pure a isso!

VINCENZO        A isso chì?

MARGHERITA A lui! (indica Gennaro) Chillo è candidato comme cunsigliere!

VINCENZO        Overo? Voi siete candidato alla carica di co-co, co-co, co-co…

GAETANO         Coccotè!

VINCENZO        Co-consigliere?

GENNARO         Accussì pare! (al pubblico) S’è sfurzato ‘nu poco, ma po’ cell’ha fatto!

Gaetano guarda dietro a Vincenzo nell’atteggiamento di chi cerca qualcosa

FERDINANDO  (spinto da curiosità, imita Gaetano) Ma che staie cercanno?

GAETANO         L’uovo! Addò è ghiuto a fernì?

VINCENZO        Oh! Se-se, se-se, se-se…

FERDINANDO  Seh! Seh! E si chisto scrive comme parla, stammo a pposto!

VINCENZO        Se-se, se-sentite adesso faccio prima l’internista…. l’intervista al comodato…. Al candidato sinneco e poi….

GENNARO         E io ‘o ssapevo!

VINCENZO        Oh! Scusate! Io sono un po-po, po-po, po…

FERDINANDO  Po’ v’o ddico!

VINCENZO        Po-poco cacaglio!

MARGHERITA E ce ne simmo accorte!

VINCENZO        Si sente eh! Ma non vi piroccolate!

FERDINANDO  No, quelle, vularranno dopo!

VINCENZO        Non vi preoccupate, vedrete poi come sono veloce con la pe-pe, pe-pe, pe….

GAETANO         (sul motivo di “Dove sta Zazà”) Perè, peppè, peppè, peppè!

Si siedono : Ferdinando sul divano; Vincenzo al tavolo dalla parte di Ferdinando; Gennaro al centro del tavolo; Margherita all’altro lato del tavolo; Gaetano in piedi dietro Ferdinando

VINCENZO        Con la pe-pella, con la penna! Dunque rispondete alle mie domande! Vi aspettavate tutto questo consenso?

MARGHERITA Comme no!

GENNARO         ‘Nce l’aspettavamo! ‘Nce l’aspettavamo!

FERDINANDO  Ma scusate, aggia risponnere io, o vuie?

GENNARO         Io aggiu ditto sule ca ‘nce l’aspettavamo! Pò si vuò risponnere tu, rispunne tu!

VINCENZO        Come mai tutta questa sicurezza?

FERDINANDO  Ma l’intervista ‘a vulite fa a me o ‘a vulite cuntinuà a loro?

GAETANO         (contagiato dalla balbuzie) E a-ave ragione Don Ferdinando! Chesta è proprio na-na scustumatezza!

MARGHERITA (contagiata anche essa) Guè, nuie ‘a na-na do-domanda avimmo risposto!

FERDINANDO  (anche lui contagiato) Chi-Chillo, una n-n’ha fatto!

GENNARO         (anche egli contagiato) Appunto, qua-quanno ne fa na-n’ata, rispunnimmo pure a chellata!

FERDINANDO  (a Vincenzo che prende appunti) E vuie, nun dicite niente?

VINCENZO        E che volete che dica? A me interessano le le novizie fresche!

GAETANO         ‘E mmonache ‘e llass’areto!

VINCENZO        Le notizie fresche e fondate! Poi chi me le dà non ha importanza! Ma quali sono i motivi che vi facevano essere così fiduciosi, ottimisti? 

FERDINANDO  L’onestà! La rettitudine! L’elettorato premia sempre le persone oneste, rette!

GENNARO         Io ritengo che siano stati altri, essenzialmente i motivi che hanno fatto confluire questa massa di voti!

MARGHERITA Mo ‘nce vò!

VINCENZO        Ma state parlando dei voti vostri o dei vo-vo, vo-vo, vo-voti suoi?

GENNARO         Dei suoi!

VINCENZO        E quali sarebbero i motivi essenziali?

GENNARO         Certamente non l’onestà e la rettitudine, che non sono mai stati di casa nel suo partito

FERDINANDO  Gaetà pigliame chella bandiera ca sta  vicino ‘o muro, è arrivata l’ora d’’e pirucculate!

GAETANO         (esegue) Don Ferdinà, vedite addò cuglite! Chella mò s’è chiusa ‘a ferita e quanno me menasseve chell’ata mazzata!

VINCENZO        (al pubblico) Questa internista…. intervista incomincia a diventare interessante! (a Gennaro) Le vostre affermazioni sono forti! Sono pepanti…. Sono pesanti! Avete delle provole o ….

GENNARO         Tengo ‘e casecavallo!

VINCENZO        Qualche prova monumentale!

FERDINANDO  Comme no! Garibaldo a cavallo ca sta mmiez’a piazza!

VINCENZO        Qualche prova documentale o anche delle prove testicolari.

GENNARO         Seh! ‘Nce l’avimmo penali!

FERDINANDO  Vì ca scarrafune caccia fora chisto quanno’ntroppeca cu ‘a lengua!

VINCENZO        O anche delle prove testimoniali su cui poggiare queste denunce!

MARGHERITA E io adesso che vi dovrei dire?

VINCENZO        Niente signò! Proprio niente! Io la domanda l’ho fatta a lui!

FERDINANDO  Ma insomma l’intervista ‘a state facenno a me o a sti duie?

VINCENZO        Ci ho ripensato, facciamo un’unica intervista, Viene più completa! Ma vuie signò pè favore stateve zitta!

MARGHERITA Aggiu capito! Gennà, io vaco abbascio a piglià ‘na busta e fuglietto e me metto a scrivere a mammà!

GENNARO         Eh, faie bbuono! Ma senza ca scinne, ‘nce sta ‘na busta e fuglietto ‘ncopp’a tavula! Usa chella llà!

FERDINANDO  (allarmato) No, quella è già usata!

MARGHERITA (prendendo la busta in mano) E chi l’ha usata? Tu nun scrive maie a nisciuno!

FERDINANDO  (togliendo la busta dalle mani di Margherita) Vuò vedè ca pè scrivere ‘na lettera aggia mettere primma ‘e cartielle? E comunque haie ragione pecchè sta lettera me l’ha mannat’o partito poco fa. Ci stanno i risultati delle sezioni scrutinate fino adesso!

VINCENZO        (togliendo la lettera dalle mani di Ferdinando) Allora questa lettera me la prendo io, mi può servire per strutturare l’articolo! (se la mette in tasca) Tanto a voi non serve più!

FERDINANDO  (al pubblico) Aggiu fatt’a frittata!

VINCENZO        Allora vediamo di mettere a posto questi appunti! (si mette a scrivere, seguito da Gennaro e Margherita che confabulano tra loro)

GAETANO         (a Ferdinando) Don Ferdinà, nun ve sentite bbuono? Vuie avite fatto ‘na faccia ca parite nu muorto!

FERDINANDO  (a Gaetano) Chillo s’è miso int’a sacca ‘a lettera che m’ha lasciato Beppe l’esattore!

GAETANO         (a Ferdinando) Ce sta scritto quaccosa ca ve cumprumette?

FERDINANDO  Ca me manna ‘ngalera!

GAETANO         Don Ferdinà, facite purtà nu poco ‘e liquore da Genoveffa, c’o facimmo jettà ‘ncuollo e cu ‘a scusa ca ‘o ppulezzammo, int’o mbruoglio ce levamm’a lettera!

FERDINANDO  ‘A penzata me pare bona! Facimmo stu tentativo! (alzando la voce) Genovè, Genovè!

GENOVEFFA    (fuori campo) Sto arrivanno! Sto arrivanno!

VINCENZO        (a Gennaro) Allora queste provole… queste prove ce le avete?

MARGHERITA Comme no! E nuie chi simmo?

VINCENZO        Come, voi chi siete?

GENNARO         Uh!Mamma mia! Allora non l’avete capito?

VINCENZO        Voi siete le prove testicolari?

FERDINANDO  Me pareva che assumigliavano a quaccosa!

VINCENZO        Voi siete le prove testimoniali?

MARGHERITA Eh! Chelle llà! Vuie però, pure site tuosto a capì!

GENOVEFFA    (entrando in scena) Scusate Don Ferdinà, ma ‘a llà, pare ca nun se fernesce maie! Ca vulite?

FERDINANDO  Portace quaccosa da bere!

GAETANO         Eh, portace nu poco ‘e liquore forte!

VINCENZO        Dite bene! Quello sciò, sciò, sciò….

GENNARO         Seh! E mo se ne vola!

VINCENZO        Scio-scioglie la lingua e l’internista… l’intervista viene meglio!

FERDINANDO  Ate ca liquore ‘nce vole! Pé sciogliere ‘a lengua vosta! Chella se scioglie sule int’a l’acido!

GENNARO         A me portame n’amaro!

MARGHERITA A me, me puorte ‘nu fragolino!

GENOVEFFA    Allora sarriano n’amaro,’nu fragolino e tre liquore forte! (andando via alquanto scocciata) Manc’o bar!

VINCENZO        (a Gennaro) Ma-ma, ma-ma allora, voi avete visto o sentito qualcosa?

GENNARO         Proprio così!

FERDINANDO  (a Gennaro) Ma tu te si scurdato chello ca te disse la lama di Toledo?

GENNARO         A proposito ‘e che?

FERDINANDO  A proposito d’’e llengue longhe e d’’i rrecchie superchie! (Gaetano mima il taglio con il coltello della lingua e delle orecchie)

GENNARO         (visibilmente preoccupato, coprendosi le orecchie con le mani) Nuie nun avimmo visto, né sentito niente!

MARGHERITA (spaventata) E chi ha visto niente! A sentere po’, manco a parlarne! Chelle ca vedite sò rrecchie finte, io m’aggiu fatt’a plastica pecchè sò nata senza recchie!

VINCENZO        (alzandosi e disponendosi in piedi fra Gennaro e Margherita) Guè! Se-se, se-se, sentite, io nun tengo tiempo ‘a perdere!

GENNARO         E chi ve vò fa perdere tiempo?

VINCENZO        Vuie! All’improvviso site addiventato surde e cecate! E voi sareste le prove testicolari…. testimoniali?

MARGHERITA Neh? Ma avessema dà cunto a vuie? E po’, si proprio ‘o vulite sapè, io chella prova ca vulite vuie… quella testicolare comme dicite vuie  nun l’aggiu capita! Io sono signorina e nce tengo poca confidenza cu certi ccose!

VINCENZO        Prima di tutto io ho detto testicolare!

GAETANO         Appunto!

VINCENZO        Testimoniale! Ma lasciamo perdere, tanto si è capito che qualcosa all’improvviso vi ha bloccato!

FERDINANDO  Sarà stato ‘nu fisco ‘a recchia!

GENOVEFFA    (entrando in scena con un vassoio sul quale porta ciò che le era stato ordinato) Ecco qua, tutto come mi avete ord….(Gaetano le si avvicina all’altezza di Vincenzo e la sgambetta, ma lei, con una breve piroetta, riesce ad evitare Vincenzo e rovescia tutto su Margherita) Gaetà, mannaggio ll’aria toia! Vide ca m’he fatto cumbinà!

MARGHERITA Genovè, ma stisse’mbriaca? Vedite ccà, m’ha ruvinat’o vestito bbuono! (Vincenzo, scanzandosi, tornaa sedere al suo posto)

GENOVEFFA    Margarì, ma vuie ca vulite a me! Nun ‘o ssaccio nemmen’io comme è succiesso! Me so’ truvato ‘ntravugliato int’a sti matrialun’e scarpe ‘e stu muntanaro! (a Gaetano) Ma ‘a ddò ‘e  mmiett’e piere?

GAETANO         Io ‘e metto ‘nterra! Pecchè ‘e ccittadine comme a te camminano cù ‘e piede a pè ll’aria?

GENOVEFFA    Aggiu fatto a tiempo a tiempo a scanzà ‘o giurnaliste!

FERDINANDO  E putive farne a meno!

VINCENZO        Come? Allora faceva bene se me lo rovesciava addosso?

FERDINANDO  Dicevo solo ca pè scanza a vuie se puteva fa male pur’essa!

GENOVEFFA    A pproposito, signor giornalista! Dottò, io sono Genoveffa, la cammerera di Don Ferdinando!

VINCENZO        (ironico) Grazie per la notizia!E che devo fare?

GENOVEFFA    No, dicevo….. per l’articolo che dovete scrivere…. Io po’ quanno sarrà ‘o mumento… voi me lo fate sapere e….

VINCENZO        ‘O mumento e che?

GENOVEFFA    ‘O mumento d’’e fotografie! Voi me lo dite, così io mi metto un vestito più adatto all’occasione!

                             

FERDINANDO  Eh! Magari facimmo venì pure a ‘Ndunetta ‘a parrucchiera pè te fa l’ultimo ritocco! Genovè aggi pacienza, arrecietta sti cuocci e ripuortace a bere!

GENOVEFFA    Eh mò! Mò! Aggi’’a servì ‘a barda e ‘a sella! (esegue) Manco a cenerentola ‘a trattavano accussì!

GAETANO         Pè fforza! Cenerentola mica faceva i male servizi ca faie tu!

GENOVEFFA    (uscendo di scena) E Cenerentola mica teneva p’a casa nu’nzellanuto comme a te!

VINCENZO        (a Ferdinando) E ditemi, è la prima volta che vi candidate? Vostra moglie è contenta?

FERDINANDO  Comme no! E’ contentissima! Chella ha purtato già ‘na guandiera ‘e paste pè festeggià!

GAETANO         E già, perché si intravedono risultati positivi! Al contrario del candidato consigliere!

GENNARO         Le preferenze si contano a spoglio ultimato!

VINCENZO        Oh! Ma dite (rivolto a Ferdinando) Vostra moglie! Vostra moglie, a chi ha dato il voto? Al marito o al fratello?

FERDINANDO  Al marito!

GENNARO         (contemporaneamente) Al fratello!

FERDINANDO  Al marito!

GENNARO         (contemporaneamente) Al fratello!

                             

FERDINANDO  (alzando la voce)  Al marito!

GENNARO         (alzando la voce) Al fratello!

FERDINANDO  Embè, si scopro ca l’ha dato a te, ‘na mazzata ‘ncapa nun t’’a leva nisciuno!

VINCENZO        E’ scusuto al centro lui….

GAETANO       E ‘nce facimmo ‘nu bellu rinaccio!

VINCENZO        ‘E scusate, che c’entra lui? La mazzata, semmai, la dovreste dare in testa a vostra moglie!

FERDINANDO  E’’na parola!

MARGHERITA Chella accussì ha ditto, ‘o sta già aspettanno cu ‘a capa avasciata!

Genoveffa entra in scena guardinga, con il vassoio apparecchiato

GENOVEFFA    (cerca con lo sguardo Gaetano) Ah! Staie là! E nun te avvicinà sà! Ca io nun aggi’’a fa brutte figure pè colpa toia! E’ ‘na vita ca servo e nun m’è caruto maie niente! Mò vuò vedè ca….(all’altezza di Vincenzo, Ferdinando la sgambetta) a sotta, a sotta… (fa una piroetta e rovescia tutto addosso a Gennaro) E che diavularia è chesta! Ma ca ce stanno i rombicosce ‘ncopp’a stu pavimento! Tutt’a ‘ntrasatta è addiventato stritto e chino ‘e ‘ntuppe! Vide lloco c’aggi’’u cumbinato! Pare buono che aggi’’u scanzat’o duttore!

FERDINANDO  (al pubblico) Puozze murì e subbeto! Vì che abilità che ha cacciato!

GENNARO         Genovè, ma tenisse nu poco ‘e pressione bassa? E fatte vedè, sora mia! Tu ‘ntuppe e care una cuntinuazione! Vide ccà stu vestito comme me l’ha cumbinato!

GENOVEFFA    E mamma mia ca sarrà maie! Doppo v’o levate e ce faccio ‘na bella spazzulata cù acqua e benzina! Nun se vedarrà chiù niente! Piuttosto, pare buono ch’aggiu scanzato ‘o duttore!

GAETANO         E tu pè scanzà a isso care sempe! ‘Nce vuò scummettere ca care pure ‘a prossima vota?

GENOVEFFA    Ma tu te fusse fatto ‘a cumudità! O niente niente cu ‘a vecchiaia fusse addiventato iettatore! Vuie tenite mente a chisto, ‘nce coglie pure senz’arapì ‘a vocca! Io l’aggiu guardato sulamente e so’ caruta longa longa  pe’ terra!

FERDINANDO  Longa, longa? Tu si stata sempre corta! Ca te si allungata carenno?

GENOVEFFA    E io mo ca v’aggia dicere! Int’ a votta piccola ‘nce sta ‘o vino buono! E mò, si avite fernute ‘e v’azzuppà ‘a mullechella, cacciate’o cuorno e facitemmello tuccà!

FERDINANDO  Genovè, mò nun accummencià a dà ‘e nummere! Quale cuorno?

GENOVEFFA    Chillo ca purtate sott’a giacchetta! E’ inutile ca ve l’annascunnite, tanto ‘o ssapimmo tutte quante! Ma po’, ca nce sta ‘e male, si uno è nu poco superstizioso! (raccoglie i cocci sul vassoio)

FERDINANDO  Ma cammina, superstizioso! Io nun tengo nisciuno cuorno! Po’, si proprio ‘nce tiene, vatt’a lliscià chillo gruosso aret’a porta d’a cucina!

GENOVEFFA    Dicite bbuono! Chillo farrà pure chiù effetto!

NANNINA           (entrando in scena) Genovè, ma te si addurmuta? Cu tutte chello ca ce sta ‘a fa! Scusate, dottò, chillo mieziuorno si ‘o chiammate ve risponne!

FERDINANDO  Dottò, questa è mia moglie.

VINCENZO        (dando la mano a Nannina) Piacere!

GENOVEFFA    Signò, io vengo subbeto, quanno le porto….

NANNINA           Ma ca ll’ha fa mbriacà a chiste stammatina? Cca se sente na puzza e cantina, arape chella fenesta!

VINCENZO        Signò, veramente…..

NANNINA           P’ammore ‘e Dio! Vuie ve putite bere pure tutt’a buttiglia! Io se mi permetto, è perché non vorrei ca….

GENNARO         N’ata vota! Nannì, nuie avimmo sentuto sul’addora!

NANNINA           Eh! Vabbuo, sul’addora! Va! Va! Genovè, fa n’atu carreco. (Genoveffa esegue) Tu comunque nun esagerà, pecchè po’, nun voglio sentere lamiente! (al giornalista) Ci vuole ancora molto per finire l’intervista?

VINCENZO        No, è quasi finita, mi manca solo una piccola chicca! Signò, voi il voto a chi lo avete dato? Al marito o al fratello?

NANNINA           Né all’uno, né a ll’ato!

MARGHERITA A llietto stritto, corcate mmiezo!

VINCENZO        Allora avete votato per un altro candidato?

NANNINA           No, questo mai! E’ vero che sono stata contraria alla loro candidatura, perché non mi sembrava il momento opportuno! Capite, subito dopo la prima repubblica….. tangentopoli…., ma io ho votato scheda bianca.Almeno, se è proprio destino che ciò accada, non sarà stato anche per mano mia!

FERDINANDO  Se dice buono ca l’unico voto sicuro è sul’o tuio! ‘Nzurete Gaetà, ‘nzurete! Te ne accorgerò, disse ‘o cafone!

GAETANO         E chi ha penzato maie e se ‘nzurà!

MARGHERITA Ma pecchè he ‘a trasì pure tu in politica?

GAETANO         No!

GENNARO         E allora tu non c’entri? Te può spusà, non rischi niente! Nun te preoccupà!

GAETANO         E chi se preoccupa! Ma io vurria sapè mò cumme è asciuto mmiezo stu matrimonio mio! Io nun songo manco fidanzato!

MARGHERITA E lasciatelo stare, Quello è destinato a restare signorino!

Genoveffa entra in scena con il vassoio apparecchiato, più guardinga che mai.

NANNINA           Genovè, e muovete! Pare ca tien’i jorde stammatina!

GENOVEFFA    (avvicinandosi al tavolo) Signò nun me purtate fretta! ‘A gatta pè ghi ‘e fretta facett’e mucille cecate! ‘O servizio si ll’aggia fa….(Ferdinando la sgambetta e rovescia tutto il vassoio addosso a Vincenzo)… l’aggi’a fa bbuono!

VINCENZO        Su questo non c’è alcun dubbio! ‘O se-se, ‘o se-se…

FERDINANDO  Vota e gira se!

VINCENZO        Se-se…

GAETANO         Gira e vota se!

VINCENZO        ‘O se-servizio me l’ha cumbinato proprio bbuono! M’ha ruvinato ‘a giacchetta!

Genoveffa non ce la fa più nemmeno a reagire contro questa ennesima calamità.

FERDINANDO  (premuroso, cerca di togliere la giacca a Vincenzo) Dottò, nun ve preoccupate! Dateme sta giacchetta, ce facimmo fa ‘na spazzulata cù acqua e benzina!

GAETANO         (anche lui come Ferdinando) Dottò! E levateve sta giacchetta!

VINCENZO        Ma per forza  me la volete togliere sta giacchetta! Non vi date pensiero! E’ una cosa che posso fare benissimo a casa mia!

NANNINA           Ferdinà, e non insistere! Si ‘o duttore…..

FERDINANDO  Nun signore! A dint’a casa mia se n’add’ascì pulito!

MARGHERITA E che esagerazione! Manco avesse ascì da ‘na lavanderia!

GAETANO         E invece ave ragione Don Ferdinando! (di prepotenza toglie la giacca a Vincenzo) Mò ce ‘a do io ‘na pulezzata! (corre verso la cucina)

VINCENZO        L’aggiu scampata bella! Si me careva quaccosa ‘ncopp’o cazone, chiste erano capace e me-me, me-me..

GENNARO         E mena me!

VINCENZO        E me lassà pure senza ‘e mutande!

GENNARO         Genovè, he visto ch’e cumbinato?

GENOVEFFA    (ancora sotto shoc) Guè, chillo l’ha ditto e accussì è stato! Signò, io chillo iettatore p’a casa nun c’o voglio cchiù! O se ne va isso, o me ne vaco io! E che cosa è chesta! Ogni parola ‘na saetta!

NANNINA           Genovè, ma pecchè dici accussì? Po’ succedere a chiunque ‘e ‘ntuppà. Tu te ll’he pigliata troppo a male! E po’, chi è ‘o iettatore ca nun vuò p’a casa?

GAETANO         (entrando con la giacca in mano) Ecco fatto! Don Ferdinà, l’aggiu pulezzata bbona e meglio!

GENOVEFFA    (indicando Gaetano) E’ isso, signò! E pare ca m’ha fatto carè ‘na vota sulamente? M’ha puntato chill’uocchie ‘e ciuccevetta ‘ncuollo e…..

GAETANO         (dando la giacca a Vincenzo) Ma vuò vedè che ‘a colpa è ‘a mia? Si tu tien’e cosce storte e ‘ntuppe una continuazione!

GENOVEFFA    Cammina, cosce storte! E quanne me parle, nun me guardà! Puozze crepà e ca putenza ca tena! E chi se lo immaginava! (uscendo di scena con il vassoio su cui ha raccolto i cocci) Si te permitte ‘e me guardà n’ata vota, te piglio cù ‘o laganaturo!

NANNINA           Gaetà, nun ‘a risponnere! Lass’a perdere, chella mò sta nervosa! Po’ le passa!

FERDINANDO  Gaetà, l’he pulezzata bbona ‘a giacchetta?

GAETANO         Comme no! (significativamente) Don Ferdinà, nun c’è rummasto cchiù niente!

VINCENZO        (guardando la giacca) Si proprio così! Chelle ‘e macchie sò rummaste tale e quale! Va bè, si è fatto tardi, sarà meglio che me ne vada! M’’a fernesco ‘e pulezzà a casa! (alzandosi) ‘O liquore baste, nun ne facite purtà cchiù, si nò va a fernì ca me gir’a capa! Auguri a tutti e due per una legale contravvenzione….

FERDINANDO  E chella sule ‘nce manca!

VINCENZO        Per una leale competizione elettorale! Arrivederci e buona giornata! (esce di scena)

NANNINA           (guardando dalla finestra) E che dè tutta sta gente ca s’è accuota sott’o palazzo! Ma quella non è l’amante di Beppe l’esattore? E che fa quà sotto? Ferdinà, tu ne saie niente?

FERDINANDO  Ma pecchè, chella mò primma d’ascì vene a dicerer a me addò va?

NANNINA           E pecchè no? Una volta mi pare che eravate molto intimi! Tu non sei il suo simpaticone? (imitando Amalia) Quanto mi è simpatico! Mi è simpatico assaie!

MARGHERITA Mò nun fa l’esagerata, chella magari ‘o dicette pè le fa ‘nu cumplimento! Pè cortesia!

GENNARO         Ma ‘o penziere, ‘o cognatino, ‘nce l’aveva fatto! Addummannece pecchè sell’era chiusa int’a stanza! Certo, non per farle vedere il mobilio!

FERDINANDO  Embè, si nun l’accido io a chisto, nun l’accide nisciuno!

Suona il campanello.

NANNINA           Margarì, famm’o favore, arap’a porta! (Margherita esegue) Comme faccio io ancora a resistere int’a sta casa nun ‘o ssaccio!

MARGHERITA Accomodatevi! (precedendo Saverio in scena) Ferdinà, qua ci stà Saverio!

FERDINANDO  Avite ragione, s’è fatto nu poco tarde! L’onorevole sta aspettando?

SAVERIO           Non signore, Don Ferdinà, chillo sta venenno ccà! Sott’o palazzo s’è fatta ‘na folla, ca ce sò volute ‘e guardie pè ‘a bloccà! Quella la voce si è sparsa subito!

MARGHERITA Che voce?

SAVERIO           Ca Don Ferdinando va al ballottaggio! Ormai i risultati sono definitivi. Mancano solo i dati di due sezioni che, comunque, non sono determinanti ai fini di cambiamenti sostanziali!

NANNINA           Veramente? E allora sta folla sta pè te cca ssotta!

SAVERIO           Per lui e per l’onorevole! Voi capirete, nun è ca se vede tutt’e iuorne n’onorevole pè vie d’o paese! Po’, chill’onorevole!

NANNINA           Uh, mamma mia! ‘Nce mancava sule l’onorevole stammatina! E comme se riceve n’onorevole?

FERDINANDO  Nannì nun t’allarmà! L’onorevole è una persona in carne e ossa cumma a nuie! Piuttosto, Gaetà, scinne nu poco a piglià doie buttiglie ‘e spumante!

GAETANO         Subito Don Ferdinà, vado e torno! (esce di scena)

MARGHERITA Gennà, io me vaco a cagnà nu poco sta veste, ca Genoveffa me l’ha macchiata tutta quanta! Pare brutto ca me presento accussì cumbinata. (esce di scena)

NANNINA           Allora sarrà meglio ca dico a Genoveffa ‘e chiurere ‘o gas  sott’a tiella e ll’acqua e sotto ‘o tiano( uscendo di scena) Ma che c’aggi’’a dicere mò a chisto?

GENNARO         (a Saverio) E chi è l’atro candidato ca farrà ‘o ballottaggio cù Ferdinando?

SAVERIO           E’ il candidato della vostra lista, Cucozza! E voi siete uno dei primi consiglieri non eletto, ragione per cui se, mettiamo corne (esegue), Cucozza dovesse vincere il ballottaggio…..

GENNARO         Allora levatele sti ccorne! (Saverio esegue)

FERDINANDO  Pecchè? Ormaie l’ha mise, lassancelle tenè! Mettetele, Savè, mettetele! (Saverio esegue)

SAVERIO           Dunque, dicevo, se ….

GENNARO         No chelli ccorne l’avita luvà! (Saverio esegue)

FERDINANDO  E invece l’avita tenè! (Saverio esegue)

GENNARO         E invece l’avita luvà!

SAVERIO           Guè, sentite! E io me sò stancato! Sti ccorne l’aggia mettere o nun l’aggia mettere! Ma comme m’è venuto a caccià mmiezo ste ccorne! Mò ve faccio cuntento a tutt’e duie, sta mano m’’a metto a parte ‘e reto, accussì nisciuno sape si l’aggi’u miso oppure no! (esegue) Oh! Dunque, voglio vedè si me facite fernì! Dicevo che se Cucozza dovesse vincere il ballottaggio, con il premio di maggioranza che scatterebbe, voi sareste di sicuro eletto consigliere!

GENNARO         Allora diciamo che per il momento Ferdinando sarebbe ‘nu miezo sinneco e io ‘nu quase cunsigliere!

FERDINANDO  Io diciarria piuttosto ca tu si nu miezo cunsigliere e io nu quase sinneco!

SAVERIO           E ave ragione Don Ferdinando!

GENNARO         E perché? Se proprio vogliamo essere obiettivi, visto che i candidati in ballottaggio ripartono tutti da zero, al momento noi siamonu miezo sinneco e nu quase cunsigliere!

SAVERIO           Si, però è anche vero, che se Don Ferdinando mantiene le preferenze della prima tornata elettorale, sarà difficile batterlo!

FERDINANDO  Savè, e nun ‘o spaventate! Tranquillizzati perché le stesse preferenze di sicuro non le prenderò! Al contrario di quello che pensi tu, se nel mio partito l’onestà non è stata mai di casa, tu lo sai che lo è stata nella mia famiglia e io farò di tutto per portarla nel partito, anche se per farlo dovrò compromettere la mia elezione!

GENNARO         E come pensi di riuscirci?

FERDINANDO  Facendo sapere al Pirata, prima che inizi il ballottaggio, che i suoi voti non sono graditi e che li può convogliare se vuole sull’altro candidato, ammesso che lo trovi condiscendente, perché io, piuttosto che uscire con i suoi voti, preferisco non essere eletto! Perciò, tutto sommato forse hai ragione tu . Per il momento io so’ nu miezo sinneco e tu ‘nu quase cunsigliere!

GENNARO         Ma come! Allora tu non eri….

FERDINANDO  D’accordo cu ‘o Pirata? E tu, anche se non ci siamo mai voluti bene, sei vissuto in questa casa! Potevi mai pensare che io avrei potuto fare accordi elettorali con un fuorilegge?

SAVERIO           E’ overo, quello è stato tutto un equivoco! Don Ferdinando si è trovato immischiato senza volerlo! Comme se dice…. S’è truvato comme a ‘nu sorece cù ‘a capa int’o ma strillo!

GENNARO         Quann’è accussì, io sento il dovere di farti le mie scuse. Io avevo pensato ca ….

FERDINANDO  No, Gennà, nun te scusà, e si addiviente bbuono, io cu chi m’appicceco po’ tutt’e iuorne? Se fai così, mi togli il sale della vita! E invece io e te dobbiamo essere sempre l’un contro l’altro armati! (fuori campo si sente un trambusto) Questo è l’onorevole che sta arrivando. Il difficile sarà farlo capire a lui il motivo per cui rinuncio a tanti voti sicuri!

SAVERIO           E perché non dovrebbe capire? Quando gli avrete spiegato la situazione…..

FERDINANDO  Accussì ve penzate vuie! E invece non sarà facile fare breccia nella mentalità da prima repubblica, che comunque alcuni politici si portano appresso!

GENNARO         Allora nella seconda repubblica non ci passeremo mai?

FERDINANDO  Ci passeremo! Ci passeremo! Dobbiamo aspettare solo che tutti si scrollino di dosso quel patrimonio culturale acquisito in tanti anni di strapotere. Non avere fretta! Le cose si fanno per gradi! Oggi noi facciamo un passo in questo senso e può essere che altri ci abbiano preceduti, o che domani ci seguiranno! L’importante è non perdere la speranza! (suona il campanello) Genovè, Genovè!

GENOVEFFA    (entrando in scena) Vengo! Vengo!

FERDINANDO  Arape ‘a porta, nun facimmo aspettà l’onorevole!

Si chiude il sipario.

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 29 volte nell' arco di un'anno