‘Nu ministro mmiezo a li guaje

Stampa questo copione

’NU MINISTRO MMIEZO A LI GUAJE

’nu ministro mmiezo a li guaje

da I fastidi d’un grand’uomo, di Baretti

Commedia in tre atti

Personaggi

Ministro Paolo Rivelli

Carmela, sua moglie

Nannina, sua figlia

Marchese Orazio Fiore

Ernesto, suo figlio

Felice, sindaco di Roccapulita

Menechella, sua moglie

Tore Rapesta, capobanda

Carlino Speretillo, segretario del Ministro

Gaetano Contrapilo, barbiere

Ignazio Torriaca, farmacista

Stoppino (prete), direttore dell’asilo infantile

Giulietta, cameriera del Ministro

I guardia municipale

II guardia municipale

Gaetano, facchino (non parla)

Popolani

Ragazzi dell’Asilo Infantile che cantano

Banda musicale del paese

La scena è a Roccapulita, epoca presente

ATTO PRIMO

La scena rappresenta la piazza di Roccapulita in festa. In fondo, a dritta, casa del Sindaco con sottoporta di bottega di pizzicagnolo con mostra di caciocavalli e salami appesi — al di sopra finestra praticabile. A destra, bottega di barbiere con mostra di tovaglie bianche appese con scritto «Salone». Sopra la bottega lampioncini accesi. A sinistra prima quinta farmacia con scritto «Farmacia». Seconda e terza quinta a sinistra Arco trionfale con lampioncini accesi. L’azione è di sera. Un popolano, all’alzar della tela, sopra una scala accende i lampioncini dell’arco trionfale. Iscrizioni su tutta la scena «Viva il Ministro» «Viva Paolo Rivelli» «Onore al Ministro» ecc. ecc. Sedie vicino al barbiere ed alla farmacia.

SCENA PRIMA

Ignazio seduto vicino alla farmacia — Gaetano che fa la barba a Tore avanti la bottega. Menechella che esce dalla sua casa.

MENECHELLA: Vuttamme li mmane, movimmece. Jammo Totò co sti lampiuncielle, e speramme che l’avite jencute buone si no quanno arriva Sua Eccellenza...

IGNAZIO: Sente l’addore... de l’arrusto.

MENECHELLA: Grazie tante, ma io non voleva dì chesto. (Stasera co st’antipatico de lo farmacista fenesce male.) (A Gaetano:) E vuje spicciateve; facite ambressa a scartecà sto poverommo.

GAETANO: Eh, nu poco de pazienzia cummà Sinnachessa mia, n’ati doje botte e aggio fenute.

TORE: Eh, vì che bella manera de fà ambressa... Sentite compà, si tenesse la barba longa comme a Pilone, v’assicuro che addò vuje non nce tornasse cchiù, me state grattanno buono e meglio.

GAETANO: Guè, Tore Tò, tu staje jastemmanno, Gaetano Contrapilo è lo primmo barbiere de Roccapulita... ma che Roccapulita, d’Italia.

IGNAZIO: Ma che Italia, lo primmo barbiere de lo munno.

GAETANO: D. Ignà, non facite caricature che nce pigliammo collera, toccateme ncoppa a tutto, ma no ncoppa a lo rasulo.

IGNAZIO: No, caro D. Gaetano, io dico seriamente... e me dispiace che la barba me la faccio io stesso, si no pe me non nce sarría auto barbiere che vuje. (Ironico.)

GAETANO (a Tore):E po’ che vuò da me, te l’haje voluto fàccà fore, io poco ce vedo, sì venuto co na pressa che non m’haje dato tiempo nemmeno d’affìlà lo rasulo.

MENECHELLA: Tu po’ t’avive d’arreducere proprio all’ultima ora pe te venì a fà sta barba, haje fatte fà primme notte. Scusate, spezià, che ora so’?

IGNAZIO: A momenti le 8.

GAETANO: Tiene ccà, aggio fernuto. (Col pettine, scena soggetto.)

MENECHELLA: Mamma mia, l’otto! A n’aut’ora arriva lo treno e nuje tenimme nu sacco de cose da fà.

IGNAZIO: Va buono, non ve disperate D.a Menechè, che co ll’attività vosta, e co la capa de lo marito vuosto, se faciarria auto che chesto.

MENECHELLA: Seh, seh, avite voglia de dicere: co l’abilità mia, e la capa de D. Felice in tuono sartorico.

IGNAZIO: (Da sotto!).

MENECHELLA: Ma sangue de Bacco, chesta è la verità, quanno na cosa non la faccio io e mariteme ccà nisciuno se move, nisciuno fa niente! Nuje avimmo da abbadà a tutto si volimmo che li cose jessene bone, che andassero alla perfezione.

IGNAZIO: (Bello quell’andassero!).

MENECHELLA: Ched’è, D. Ignà?

IGNAZIO: Niente. (In questo Gaetano ha finito di pettinare Tore che si alza.)

TORE: Va buono, va buono, non me ne fide cchiù, co sto pettine n’auto ppoco te portave la capa appriesso.

GAETANO: Ma si vuje non m’avite dato lo tiempo de lo pulizzà.

TORE: E ched’è, tu aspettave a me pe pulezzà sto pettine?

GAETANO: Io da stammatina aggio avuto folla, e non nc’è stato lo momento de lo fà.

TORE: Teh, vide che bella cosa... tiene ccà. (Gli dà 3 soldi.)

GAETANO: Ched’è Masto Tò?... Vuje me mettite tre solde mmano?... Ma che site asciuto pazzo?

TORE: Neh, Gaetà, e che t’aggio da dà? Io sempe tanto aggio pavato a lo zi Dommineco... ched’è novità?

GAETANO: E che c’entra, vuje mettite lo zi Dommineco co me?

TORE: Va buono, chiste so’ n’auti duje solde, non facimmo chiacchiere. (Seh, aspiette, che mò me vide n’auta vota!)

MENECHELLA: Basta, mò me ne saglie ncoppa. Compà Tò, faciteme no piacere, mò che vene maritemo, che non pò tricà, le dicite che io sto ncoppa e me so’ ghiuta a preparà li guamimiente.

IGNAZIO: (Comme si fosse no cavallo!).

MENECHELLA: Ched’è, D. Ignà? Vuje mbrosoniate sempe? Ma co me non nce appurate niente... già, chella è l’arraggia che ve fa parlà... ma nuje sta vota ve facimmo rimané co tanto no naso, ve lo dice Menechella, e sapite che quanno io dico na cosa chell’è... ogge Roccapulita se farrà annore, e vuje avite voglia de crepà, de mbrusunià che non ne cacciate niente! Ah! Non ne poteva cchiù! (Entra in casa.)

IGNAZIO: Guè, la Sinnachessa s’è risentita; io non aggio ditto manco na parola.

TORE: Scusate D. Ignà, vuje cu sta resella site no poco indisponente.

GAETANO (che avrà accomodato il davanti della bottega):E ave ragione lo zi Tore, vuje site n’affare serio, tutte cose ve dà ntuppo, tutto mettite ncaricatura... e capite, uno tene tene e po’ sferra.

IGNAZIO: Ma voi sbagliate, io non fo caricature, anzi io da stammatina vado girando per ammirare i grandi e solenni preparativi che si stanno facendo nel paese per l’arrivo di S.a E.a.

TORE: (Eh, dalle dà!).

GAETANO: (Non lo dammo audienza accussì chillo cchiù s’arraggia).

TORE: (Sì, dice buono, pecché si no nu juorno de chiste avimmo da passà nu guajo!).

SCENA SECONDA

Felice, due Guardie Municipali e detti.

FELICE (di dentro):Tu sì na bestia, si n’animale qualunque, e te lo dice Felice Sciosciammocca, sindaco di Roccapulita, io quando do un ordine deve essere eseguito, cattera!...

GAETANO: Ah, ecco ccà lo Sinneco.

FELICE (fuori):Co mme non se pazzea, sangue de Bacco, e chello che aggio ditto s’addà fà.

TORE: D. Felì, che è succeduto?

FELICE: L’aggio co sti duje che tutto fanno meno chello che dico io. Ho dato l’ordine stammatina che io da li seje in poi non voleva vedé niente cchiù nnanze a li poteche, tutto sbarazzato e pulito, mò so’ passato pe la cantina de lo zi Vicienzo, e chillo m’ha combinato llà fore na vera taverna, tavoline, segge rotte, s’ha pigliato tutta la strada, e po’ sta frienno cierto baccalà accussì puzzolente che è nu piacere. E sti duje stevene assettate a na tavolella de chelle e se steveno facenno pure na mezolla de vino, lo zi Vicienzo po’ m’ha salutato e m’ha fatta na resella.

GAETANO: Chesto è troppo po’!

FELICE: Già, na resella cuffiatoria! Vuje avite ragione che mò addà arrivà Sua Eccellenza il Ministro, ma dimane parlammo.

I GUARDIA: Illustrissimo Signor Sindaco, io a lo zi Vicienzo nce lo sto dicenno da stammatina che aveva da levà la rroba da llà ffore, ma chillo non se n’è ncarricato, mezz’ora fa nce so’ tornato io e lo compagno mio, e nce l’avimmo ditto n’ata vota, e chillo sapite comme nce ha risposto: Dicite a lo Sinneco che isso ha perza la capa, ogge che me pozzo abbuscà na lira io levo la rroba, manco si vene co li soldate.

FELICE: Ah! Accussi ha risposto? E vuje che l’avite ditto?

II GUARDIA: E che nce avevamo da dì, chillo s’è fatto brutto, e nce ne simme jute; poco primme simme passate pe nnanze a la poteca, e chillo afforza nce ha voluto dà no bicchiere de vino. (Ignazio ride.)

FELICE: E vuje ve l’avite bevuto?

II GUARDIA: E che l’avevamo jettà?

FELICE: Zitto, non rispondete co la bocca!

IGNAZIO: (E che addà risponnere co lo naso!). (Ridendo.)

FELICE: Tornate subeto da lo canteniere, e dicitele che levasse la rroba da llà fore, che si no lo faccio ncujetà seriamente. Avite capito?

I GUARDIA: Va bene, sarete ubbedito.

FELICE: E po’ dimane parlammo pe lo riesto... Fatevi rispettare, voi rappresentate la forza. (Guardie, soggetto, poi viano tra ballando:) Chille stanno mbriache de chella manera, e io comme la combino? Io doje guardie tengo... Vuje vedite co chi aggio d’avè che fà... Da li cinche de stammatina che sto allerta, sto stanco comme a nu ciuccio.

IGNAZIO: Niente di più naturale!... Ma caro D. Felice, si non ve danno la croce mò, non v’e la danno cchiù!

FELICE: Senza che facite caricature D. Ignà, io non ho altro pensiero che il decoro del mio paese, e se fatico e lavoro comme a nu mulo, non lo faccio per ambizione, non per avere delle ricompense!

IGNAZIO: Vuoi dire che il paese vi sarà riconoscente, pecché ccà si non ncè stiveve vuje, non si aveva il piacere di rivedere il vostro illustre concittadino.

FELICE: Oh! Chesto io potete dicere forte, si non era pe me, non se ne faceva niente! Sissignore, io aggio profittato della nostra antica amicizia della parentela di mia moglie con S.a E.a. e mi condussi a trovano nella capitale. (Soggetto.) Me mannaje a piglià co la carrozza all’Otello... a Roma li locanne se chiammene Otello...

GAETANO: Ah! Sì, lo sentette na vota a Napole...

TORE: Io pure lo vedette scritto nfaccia a no manifesto de chille teatre che stanno abbascio a la marina a Napole: Otello o la morte di Desdemona. (Lazzi.)

FELICE: Facette conoscenza co 14 0 15 ministre.

IGNAZIO: (Cchiù de la duzzina!).

FELICE: Aveva essere pure presentato a Corte; ma S.a E.a. teneva gli affari di stato e nun trovaje nu momento de tiempo.

IGNAZIO: Ma spero che quei signori di Casa Reale saranno venuti alla stazione a salutarvi quanno site partito.

FELICE: Vuje da che vi site posto a fà lettere a li giornale, siete passato all’opposizione del Comune, non che del Governo.

GAETANO: Lu fatto certo sapite qual è: Che cumpà Sinneco, jenno, venenno e screvenno, è stato ommo capace de decidere S.a E.a : a venì ncoppa a sta montagna.

FELICE: Ma se capisce che so’ stato capace... io le dicette: Paoluccio mio, viene na vota nel tuo paese Natale... (Soggetto, poi Tore.) Guè, tu staje ancora spugliato, la banda non è stata ancora chiamata?

TORE: I miei subordinati stanno tutte quante vestite, l’aggio lassate mmiezo a lo campo, addò hanno tagliato lu granodirno, che facevano la prova de la marcia.

IGNAZIO: Figurammece che musica avimmo da sentì stasera!

TORE: Sentirete na banda, mio signò, comme non se sente a nisciuno paese.

IGNAZIO: Na vera banda de brigante!

TORE: Ma comme nce fosse na cosa ca non ve jesse storta?

FELICE: Jamme jà, non nce perdimmo nchiacchiere. Haje appiccato il proclama per il popolo?

TORE: Sissignore, llà, addò mò sta la scala co li lampiuncielle, e se vede da lontano co chillo lume a riverbero vicino... jettate n’uocchio da llà, albero petrolio.

IGNAZIO: Eh! Bestione! Albo pretorio.

TORE: O Albo, o alberio, è la stessa cosa... e po’, io aggio ditto sempe accussì, e non capisco pecché pe fà piacere a te, aggio da dicere de n’auta manera!... (A Felice:) Guardate, nce sta tutta chella gente a leggere.

IGNAZIO: L’avete composto voi Signor Sindaco?

FELICE: Veramente l’ha composto il segretario Comunale, ma io po’ l’aggio accunciato, l’aggio corretto.

IGNAZIO: Bravissimo! (Corretto?! chillo appena sape fà lo nomme sujo!)

FELICE: Anze, chelli parole che dicene: V’invito onde festeggiare il nostro Ministro, che giunge a visitare le ubertace campagne e i floridi vigneti, che furono un dì la di lui culla — chella è rroba mia.

IGNAZIO: Bellissimo, quei floridi vigneti, mo’ capisco pecché a S.a E.a se dice le piace lo vino buono, sfido io! Nascette dinta ala cappuccia, tra floridi vigneti.

FELICE: Ma voi tenete na lengua sagrileca sà!... (A Tore:) Jammo, spiccete, va te vieste.

TORE: All’ubbidienza Signor Sindaco (p.a.).

FELICE: No momento, e la carrozza pe S.a E.a è pronta?

TORE: Sissignore, ve pare, avimmo pigliata chella de Sciacquavrite l’affitta cavalle, mettarrà sotto la meglio che tene, chella che l’è venuta la settimana passata... lu Flambò!...

IGNAZIO: Eh! Animale! Landò se dice e non Flambò.

TORE: Landò o Flambò è la stessa cosa; e po’ io aggio ditto sempe Flambò, e accussì voglio dicere.

FELICE: Va buono, fenitela! Oh! E i miei epitaffei che aggio ditto de nchiuvà nfaccia all’arco, pecché non se so’ poste ancora?

TORE: Aggio lassato n’ora fa lo maestro de scola che li steve facenno co li stampetelle... basta, mò me vaco a vestì e ncè passo nu momento: voglio passà pure pe nnanze all’albero pretolio!...

IGNAZIO: Altro pretorio!...

TORE: (Schiatta!). Pe vedé che fa chella gente, e po’ passo da Sciacquavrite pe m’assicurà si è pronto lu flambò.

IGNAZIO: Landò!

TORE: Flambò!

IGNAZIO: Landò!

TORE: Flambò! (Lazzi via.)

GAETANO: Neh, guardate chi vene da chesta parte, il Marchese Fiore, ma che d’è pure l’aristocrazia se degnasse de j a ncuntrà S.a E.a?

FELICE: Si capisce, nella politica così si usa, quando cchiù cane e gatte so’ cchiù se fanno cerimonie... E poi il signor Marchese essendo deputato del nostro Corpo, adda fà pe forza atto di presenza a no ricevimento solenne comme a chisto. (Al Marchese che entra:) Onorevole, la riverisco.

SCENA TERZA

Marchese Fiore, e detti.

MARCHESE: Oh! Caro D. Felice... Embè? Che se fa? Ve posso offrì nu posto dinta a la carrozza mia pe gghì a la stazione?

FELICE: Troppo onore, onorevole, me dispiace solamente che avita aspettà no poco, pecché m’aggio da vestì ancora! Aggio avuto stammatina tanto da fare per questi preparativi che... che... se me permettete vado ad ammobigliarmi, ed in due salti sono qua.

MARCHESE: Fate pure, senza cerimonie. Io intanto vi aspetterò qua, nella farmacia.

IGNAZIO: La ringrazio, Signor Marchese, della visita. Come sta?

MARCHESE: Benone! E voi?

IGNAZIO: Veramente sarei stato meglio se oggi mi avessero fatto riposà nu poco; ma hanno incominciato dall’alba, a martellà, a strillà! Nu vero guajo!...

GAETANO (a Felice) (Mò accomencia subeto a rusecà chella lengua de galera!).

FELICE: (Lasselo sfucà, povero infelice, nun lo dammo retta). (Un operaio porta due manifesti a trasparente in testa.) Oh! Finalmente tanto ncé voleva a portà sti manifeste!... (L’operaio si ferma in mezza la scena.) Se il Signor Marchese volesse sentire queste iscrizioni che faccio appiccare sotto all’arco.

MARCHESE: Con piacere, vi pare?!

FELICE (legge):«La nuova stella...».

IGNAZIO: Metodo infallibile di far fortuna!

FELICE: Vi prego de starve zitto, faciteme leggere. (Legge:) «La nuova stella d’Italia, dalle punte multifermi, questa sera manda il suo raggio dall’altezza di Roccapulita natio ospite illustre, Paolo Rivelli. Noi Roccapulitani sfoghiamo la piena del nostro affetto in lampi di riconoscenza!...». Comme ve pare?... E poi c’è quest’altro, che per robustezza è più soave... Gaetà avotete. (L’operaio si volta di spalla al pubblico. Felice legge:) «A S.a E.a... che voi dire “A sua Eccellenza” Il Commendatore Paolo Rivelli, Ministro, che per brev’ora lasciando le cure feconde del potere...».

IGNAZIO: Belle! Quelle cure feconde!...

FELICE: (Quanta fecozze che vuò avé stasera!...). (Seguitando:) «Questi colli si degnava onorare di sua illustre presenza. I Cittadini di Roccapulita, commossi per la sua partenza inopinata, inviano un saluto».

MARCHESE: Siete stato voi che l’avete composto?

FELICE: No, veramente è stato il maestro, ma io dopo l’aggio corretto.

IGNAZIO: Già, ci ha dato il colpo di grazia!

MARCHESE: Ma spiegatemi un poco una cosa? Come va che pel Ministro che arriva, voi fate affiggere un manifesto che gli dà il buon viaggio.

IGNAZIO: Oh! sicuro, io non nce aveva badato, come va?

FELICE: (Pe lo farmacista che non se n’intende, va bene, ma isso po’ che è deputato me fa sta domanda?...). Ecco ccà, onorevole, è stata un’idea mia, questi due manifesti, il primo quella della stella, lo faccio mettere sotto all’arco trionfale da quella parte dirimpetto alla stazione, il Ministro viene e lo legge, e quest’altra della parte opposta, Sua Eccellenza lo leggerà quando parte.

MARCHESE: Non ho capito.

FELICE: Mò ve lo faccio vedé praticamente. Gaetà, apre li gamme. (Felice col bastone indica dietro a Gaetano.) Questo è l’arco trionfale, Sua Eccellenza entra da qua. (Indica avanti a Gaetano.) E se n’esce da qua. (Indica dietro a Gaetano.)

MARCHESE: Ah, adesso ho capito, bravo! Veramente un’idea luminosa.

IGNAZIO: Altro che luminosa... splendida addirittura!

FELICE: (Mò vide si le dongo na mazzata nfaccia!). Gaetà, vattenne, e fa mettere subito sti manifesti. (Gaetano via a sinistra.) Già, per contentare Vostra signoria, ci vorrebbe altra roba!... Basta, io vado a vestirmi, con permesso? Cinque minuti e sono da voi. (Entra in casa.)

IGNAZIO: Che ne dite, onorevole, voi già sapete che io sono corrispondente del Fanfulla, ho scritto tre cartoline in cinque anni, ma mò aggio da mettere in evidenza stu famoso sindaco! È una vergogna! Almeno l’avisseve ditto quacche cosa voi, che avete più autorità.

MARCHESE: No, no, io de sti feste non ne voglio sapé proprio niente... vado a incontrà il Ministro per semplice dovere di cortesia.

IGNAZIO: Stu poverommo de Sinneco, dal giorno che ghiette a Roma ha perduta la capa. Pe chillo famoso viaggio, spera d’avé la croce.

MARCHESE: Oh! Per questo poi, l’hanno data a tanti.

IGNAZIO: Voi avete ragione, ma io penso al giorno che aggio da j dinta a la poteca di Felice e dirgli: Signor Cavaliere 4 soldi di presciutto!

MARCHESE: Eh, via siamo giusti, non si può negare del resto che dovete a lui l’onore di questa visita Ministeriale!

IGNAZIO: A me per esempio, non me ne mporta niente... In ogni modo jammo a ncontrà stu grand’ommo che arriva, a gghì a vedé strillà chella folla che sta mbriaca da stammatina.

GAETANO: Del resto, vuje non v’avarrisseve lamentà si la gente sta mbriaca, pecché sulo accussì putite vennere doje misturelle superchie.

IGNAZIO: Voi pensate agli affari vostri, invece de ve ntricà de chille dell’aute.

GAETANO: Si non vulite che se risponnesse ai vostri spropositi, facitene ameno de chiacchiarià forte mmiezo a la piazza. Questo è suolo pubblico.

MARCHESE: Basta, basta, non incominciamo...

GAETANO: E che vulite, cierti cose non se ne ponno scennere!

IGNAZIO: Poverello, le fanno indigestione!

GAETANO: Oh, sapete, io porto rispetto al Marchese che sta presente.

IGNAZIO: Ahè, e comme pighiammo fuoco! Pighiateve quacche cosa pe ve rinfrescà.

GAETANO: Io si m’aggio da rinfrescà, putite sta sicuro che addò vuje non vengo accattà manco nu soldo d’antacito, pecché sarría sicuro d’avè lo gesso de presa.

IGNAZIO: Io te volarria ngessà veramente la vocca!

MARCHESE: Ma insomma la volete finire? Che bello esempio de concordia date nel paese! Siete consiglieri, per Bacco!...

IGNAZIO: Guardate onorevole, che auto bello tipo vene da chesta parte. E il segretario di S. Eccellenza. Il Cav. Speretillo.

MARCHESE: E co che premura viene.

IGNAZIO: Sfido io! È venuto a preparà l’entusiasmo spontaneo!

GAETANO: Che lengua!...

SCENA QUARTA

Carlino e detti, e Menechella dalla finestra.

CARLINO (esce di fretta) : Avete visto il signor Sindaco? (Esce Menechella sulla finestra.)

GAETANO: È ghiuto no momento ncoppa a la casa, ma si l’avita dì qualche cosa llà sta la mogliera che s’è affacciata.

CARLINO (a Menechella):Scusate, signora, fatemi il piacere di dire al Signor Sindaco che non ci è tempo da perdere! E che io lo sto aspettando.

MENECHELLA: Abbiasseve nu poco di pacienzia Don Cavaliero, il mio consorzio s’infila le brachesse, si butta il sotto panza e poi scenne.

IGNAZIO: (Acqua ah, la Sinnachessa toscaneggia!).

CARLINO: Fatemi però il piacere di dire al Sindaco che tengo comunicazioni importanti a fargli.

MENECHELLA: Sì, ce lo dichi subito. (Entra e poi torna.)

CARLINO: Non faccio per dire, ma me pare che lo Sinneco avria avuta penzà primma a vestirse.

MENECHELLA (si affaccia):Don Cavaliero, maritemo, il Sinneco, si sta mettenno i guarnimenti...

IGNAZIO: (A uso cavallo!).

MENECHELLA: Ma intramente, lo preca di montare un momento per le scale, e dopo facciamo la calatura inzieme.

CARLINO: Va bene, vengo subito. (Entra nel portone e Menechella entra dalla finestra.)

IGNAZIO: Chisto pure è na bella capa!

MARCHESE: Ma che diavolo fa da tanti giorni qui?

IGNAZIO: È più di una settimana che avimmo l’onore di ospitare quell’illustre patriota che mangia e beve a spese del Comune.

MARCHESE: Va bene, caro signor farmacista, vuje pecché ve pigliate tanta collera.

IGNAZIO: E che volete, caro Signor Marchese, sò cose che fanno corrivo, pecché po’ infine dei conti chi paga, è sempre il paese!

GAETANO: Sì, pecchesto vuje pagate assaje!

IGNAZIO: Cchiù de vuje certamente, che non tenite auto che quatte mappine stracciate appese pe tuvaglie e duje rasule arrozzute comme a cortellacce.

GAETANO: Ma che vanno cchiù de li vasiette d’acqua sporca che tenite llà dinto.

MARCHESE: Incominciamo da capo? Almeno stasera fate il possibile de stà in pace... ma il tempo passa e sto Sinneco non se vede ancora. Se mi fa ancora aspettare, me ne vado solo... E mio figlio dove sarà, l’avete visto?

IGNAZIO: Sarà forse al caffè. Volete che vado a vedé?

MARCHESE: Sarà meglio. Anzi vengo anch’io. (A Gaetano:) Se scende il Sindaco, fatemi il piacere di dirgli che sono andato in cerca di mio figlio, ma che torno subito.

GAETANO: Vi servirò Signor Marchese. (Il Marchese e Ignazio viano per la dritta. Dalla sinistra viene Tore tutto affannoso in grande uniforme di capo banda con pennacchio all’elmo e sciabola.)

SCENA QUINTA

Tore, poi Felice, Carlino, Menechella e detto.

TORE: Ah! Povero a me, poveri a vuje! (Va vicino alla casa del Sindaco.) Signor Sindaco, Signor Sindaco, Signor Cavaliere, scendete subito quaggiù, che disgrazia!

FELICE (esce con Carlino e Menechella).

TUTTI: Che è, che è stato? Che è succiesso?

CARLINO: Che vi succede, che siete così trafelato?

TORE: Altro che trappolato! Si sapisseve!...

FELICE: Ma che è succieso? Parla, spiegati?

TORE: Na piccola co lo limone! È succieso che Sciaquavrite non pò dà cchiù la pariglia de cavalle che aveva prommiso, non tene che una pariglia a uno cavallo.

FELICE: Come pariglia a uno cavallo?

TORE: Non ne tene duje, ne tene uno.

FELICE: Uno?

CARLINO: Ma stammatina l’aggio visto io, nce stevene tutte li duje.

TORE: Eh! lu saccio, lu saccio che stammatina nce stevene, io pure l’aggio visto, ma la disgrazia è capitata mò — mentre io steva tornanno da la casa, addò era juto a metterme la bardatura musicale, passo nnanze a la stalla de Sciuaquavrite e me sento chiammà. Tore, oi Tore! Compà Tore?... m’avoto: era lu stallone.

CARLINO: Lo stalliere.

TORE: Stalliere o stallone è la stessa cosa... e me dice tutto strapilato: non sapite che disgrazia terribile nc’è capitata? Mez’ora fa, ntramente lu guaglione purtava la pareglia de cavalle a bevere a lu fontanone, quanno sò arrivate vicino a lo vallone, uno de li cavalle ha fatto na capriola, e patatunpete s’ha rotta na gamma.

MENECHELLA: E aveva capità justo stasera! Te l’aveva ditto io!

TORE: Allora io sò corruto subeto addò Sciacquavrite pe sapé si lo fatto era vero o si era na tenta carmosina, e aggio truvato nterra lo cavallo che faceva pietà.

MENECHELLA: Povera bestia!

TORE: Chi Sciacquavrite?

MENECHELLA: No, lo cavallo ch’è caduto.

FELICE: Voi vedete la combinazione, justo stasera!

TORE: E adesso mò come se fa?

CARLINO: Ci voleva pure questa, proprio all’ultimo momento aveva da succedere la disgrazia.

MENECHELLA: Cari miei, ccà è inutile chiagnere lo muorto, s’adda risolvere qualche cosa. Dinta a lo paese non ve credite che nce stanno auti cavalle, sapite!... Me ricordo ancora chello che succedette quanno jetteme a spusà, nce aveveme affittato no doje mantice, e me ricordo sempe...

FELICE: Ca simme ruciuliate tutte e duje, io sotto e tu da coppa... lo ssape tutto lo paese stu fatto!

CARLINO: Ma non nce sta che sulo stu Sciacquavrite che tene cavalle? Nun nce sta nisciuno cchiù?

TORE: Nce starria lo mulo de l’ammolafuorfece, ma chillo è gnappo e tene n’uocchio cecato.

FELICE: Sicuro, jeveme a piglià lo ministro co no mulo gnappo e n’uocchio cecato.

GAETANO: M’è venuto no pensiero...

MENECHELLA: Ah! Bravo D. Gaetano! A vuje sulamente venene sempe li bone penzate... me ricordo sempe diece anne fa quanno...

FELICE: Statte zitta, fallo parlà.

MENECHELLA: Mamma mia, non se po’ maje dì na parola.

GAETANO: Si se cercasse nfavore a lu Marchese de nce prestà la carrozza soja, mò adda j ala stazione co lo figlio, e saccio che tene duje cavalle che correno comme a lu viento.

FELICE: Ma aggia appurà... che ne dicite Cavaliè?

CARLINO: Impossibile.

FELICE: Impossibili.

MENECHELLA: Impossibilu.

TORE: Impossibibo.

FELICE: E po’ chillo è de lo partito opposto, non lo fa.

MENECHELLA: E po’ è accussì superbo! Me ricordo l’anno passato, quanno fuje la fiera, era venuto abbascio a lo castiello co lo figlio, e me ricordo sempe...

FELICE: E finiscela co sto libro de li ricorde, e invece ajuteme a penzà chi bestia potimmo attaccà a lo Ministro.

MENECHELLA: E miettatence tu ca sì na bella bestia.

TORE: Signor Cavaliere, comme se po’ rimedià?

FELICE: Aspettate... m’è venuta na bella idea.

CARLINO: Sentiamo.

MENECHELLA: E dilla subeto.

FELICE: Sentite... ma primme... nce stesse chella mala lengua de lo farmacista, ca chillo è capace de nce janchià ncoppa a lo giornale.

GAETANO: Non nce sta, è ghiuto co lo Marchese.

FELICE: Ecco qua, la mia idea sarebbe de j a la stazione co la carrozza de Sciacquavrite co uno cavallo. Appena arriva Sua Eccellenza noi tutti facciamo la dimostrazione... Sentiteme buono. Appena Sua Eccellenza sarrà sagliuto ncarrozza, mentre la popolazione strillarrà pe la contentezza, ntramente se schierene li bannere, la banda intuonerà la marcia, e la campana de la parrocchia ntunerà la rumanella, nuje approfittammo de la confusione e de lu fracasso, da mmiezo a la folla facimmo partì na voce: staccamme li cavalle, e nuje facenno eco, strillammo, li cavalle, li cavalle! Allora no cierto nummero de giovinotte svelte, che sarranno de li nuoste, e a li quale le dammo la consegna, levammo l’unico cavallo da sotto a la carrozza, se nfilarranno sotto a li stanche, e portarranno S.a E.a glorioso e trionfante nfì a mmiezo a la piazza!

TORE: Che bella idea! Me pare quasi impossibile che non è venuta a me!

CARLINO: Stu progetto, non so che dice, è abbastanza bene immaginato! Se poi non riuscisse?

FELICE: E pecché non avarria da riuscì?

CARLINO: Prima di tutto ci manca il tempo per metterlo bene in esecuzione. E poi nce vularriene cinque o sei uomini forti, robusti, e de bona volontà.

FELICE: Oh! Per questo Signor Cavaliere, me ne incarico io, non dubitate!

TORE: E anche io.

FELICE: Nce putimmo servì degli stessi operai che hanno lavorato sti giorni per conto del Comune.

TORE: E putite sta sicuro che S.a E.a sarrà tirato meglio da nuje, che da chilli scortecune de cavalle.

MENECHELLA: Justo dint’a stu paese mancano proprio uommene forte, e robuste! Nce ne starranno 50che sò capace d’aizà nu Comune! Nce sta Ciccio de Rosa, Ciccaniello, Cepparulo, Zavaniello, lo Galluccio...

FELICE: ’O Turcheciello?...

CARLINO (a Tore):Chi sò sti signori?

TORE: Tutti Consiglieri Municipali!

CARLINO: Benissimo!...

MENECHELLA: Io intanto vaco a chiudere la poteca ed accunciarme nu poco. (Entra in casa.)

CARLINO: (L’idea è buona e aggio da fà capì a lo Ministro che sò stato io che l’aggio combinato... chi sa! chi sa! che non mi frutti qualche cosa). (A Felice:) Intanto io vado a dà n’occhiatina ai preparativi. (Via.)

FELICE: Tore, pensa alla grande responsabilità che stasera te spetta... quanto me sento corrivo che non nce sta la luna, pensa alla tua responsabilità nella qualità di Direttore delle feste, inserviente comunale e Capobanda.

TORE: Non dubitate Signor Sindaco, che me saccio fà onore.

FELICE: Va al tuo posto.

TORE: All’ordine! (Fa il saluto militare e via a destra.)

FELICE: Che bello Capobanda che tengo! (Procurerò de fà capì a S.a E.a che l’idea del tiramento è mia! Io non sono ambizioso, ma infine dei conti, danno la croce a tanta gente... chi sa...). Ma addò è ghiuto l’onorevole?

GAETANO: È ghiuto a lo cafè.

FELICE: Mò lo vaco a ncuntrà. (Via a destra.)

GAETANO: Si non era pe lo Sinneco, rimmaneveme mbrugliate comme a lo pullecino dinta a la stoppa. Voglio fa sapé a S.a E.a che l’idea de tirà la carrozza è stata la mia.

SCENA SESTA

Felice, Marchese, Ernesto, Ignazio, e detto, poi Menechella sulla finestra.

FELICE: Venite onorevole, volete che andiamo verso la stazione?

MARCHESE: Andiamo pure, io sono a vostra disposizione. Qui non ci è altro da fare.

FELICE: Niente affattissimo. Tutto va a gonfie vele. Si farà un ricevimento degno di noi, e della persona che ci onora della visita.

MENECHELLA (dalla finestra):Guarda Felì, si va buono accussì. (Mette una coverta alla finestra.)

FELICE: Nu poco cchiù abbascio, commoglieme chilli casecavalle. Ricordete de preparà li lume a giorno.

MENECHELLA: Stanne preparate ncoppa a la seggia ccà vicino.

FELICE: Mentre nuje jammo a la stazione, tu vestete, che appena arriva S.a E.a te porto a fà li visite de grammatica...

IGNAZIO: (Latino!).

MENECHELLA: Va bene. Portete lo mbrello Felì, ca veco lo tiempo nu poco ntruvuliato, ti avessa cogliere uno sguazzone!

FELICE: E damme ccà, dà. (Prende l’ombrello.)

MARCHESE: M’hanno detto però che era succeduto non so che cosa... un cavallo che era caduto... che sò... è vero?

FELICE: Purtroppo è vero... ma però abbiamo rimediato!

IGNAZIO: Avite già trovato n’auto cavallo? e addò se è lecito?

FELICE: Addò? Addò? Sò cose che non vi riguardano, s’è trovato e basta.

IGNAZIO: Scusate, Signor Sindaco, non intendo rubarvi i vostri segreti di Stato.

FELICE: Ma che segreti di stato! Il bucefalo è rimediato, e basta.

MARCHESE: Dunque, miei cari signori, è meglio incamminarsi, non manca più di mezz’ora per l’arrivo del treno.

FELICE (trae l’orologio):No, scusi, 25minuti, io vado col medio evo di Roma.

MARCHESE: E tu, Ernesto, vieni con noi?

ERNESTO: Se non disturbo...

FELICE: Ah, sicuramente, anzi è un onore... (Grida di applausi di dentro.) Oh! Ecco, incomincia la baraonda.

POPOLO (fuori, tutti gridano):Evviva il Sindaco!

FELICE: Bravi! Bravi! Il vostro entusiasmo vi fa onore. Oggi dobbiamo festeggiare uno dei nostri più illustri concittadini, una gloria del paese, ed io spero che vi comporterete con quella calma, quella dignità il quale... la quale...

GAETANO: (Lu sinneco se mbroglia).

FELICE: Quella calma... il quale...

GAETANO: Evviva lo Sinneco!

POPOLO (batte le mani e grida):Evviva lu Sinneco!...

FELICE: (Che ommo è chillo barbiere!). Grazie... grazie... io non merito i vostri Evviva. Io non desidero che di mettere all’indisposizione del paese quel poco di buona volontà, di buon senso che m’ha dato Madre natura il quale... la quale... (Fa segni al barbiere.)

GAETANO: Evviva il Sindaco!...

POPOLO: Evviva lo Sinnaco!...

GAETANO: Signor Sindaco lo capostazione ha fatto già lu signale colo lume rosso, ha aiZato la bannera.

FELICE: Oh! Lu capo stazione è amico mio, m’avvisa che lo treno è partito dalla stazione limitrofa successiva a questa. (A Carlino che viene:) Ebbene?

CARLINO: Il treno sta per giungere.

MARCHESE: Se vogliamo andare, la mia carrozza aspetta innanzi alla parrocchia.

FELICE: Andiamo pure, ma prima se mi permettete vorrei dire altre due parole al mio popolame. (Alla folla:) Popolo di Roccapulita. Io vado in carrozza alla stazione come si conviene alla mia qualità di vostro rappresentante. (Lazzi.) Sì, popolo, io vado in carrozza... ma il cuore viene a piede con voi...

GAETANO: Evviva lu Sinneco!

POPOLO: Viva lu Sinneco!

FELICE: No! gridate tutti... Evvia il Ministro Paolo Rivelli!...

POPOLO: Evviva!

FELICE: Ricordatevi che un sacro dovere ci aspetta: Ordine, serietà, dignità e... (Si ode un grosso colpo di gran cassa, e suona la musica. Incomincia il corteo coll’ordine seguente):

1. La banda preceduta da Tore che si ferma in linea a lato dritto seguitando a suonare fino che cala la tela.

2. Società dei caprai di Roccapulita, con la bandiera alla testa.

3. Società di arti e mestieri, con la bandiera alla testa.

4. Società fratellanza agricola, con la bandiera alla testa.

5. Circolo Indipendente, con la bandiera alla testa.

6. Asilo infantile preceduto da Rocco, con la bandiera alla testa. Nell’uscire l’asilo infantile suonano le campane della parrocchia e lumi di bengala.

(Passato il corteo Tore grida alla musica).

TORE: Avanti, marche! (E sfila seguito dalla folla.)

FOLLA: Viva lu Sinneco! Viva Paolo Rivelli!... (Al voltare le spalle il Sindaco.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

Camera della casa destinata al Ministro. Balcone nel mezzo che guarda sulla piazza. A dritta seconda quinta la comune. Prima quinta porta che esce anche nel palazzo. Prima e seconda quinta a sinistra camere che mettono nell’appartamento. Una scrivania ingombra di carte e giornali, vicino alla scrivania uno straccia carte, poltrone, sedie ecc. ecc.

SCENA PRIMA

Giulietta, poi Ernesto.

GIULIETTA (rientrando dal balcone):Chesta è proprio na cosa da ridere... Sta gente ha perduta la capa! Se po’ dì che mò è fatto juorno, sò l’otto appena e già stanno tutte all’aria mmiezo a la piazza per vedere Sua Eccellenza. Povera gente, quant’ammoina pecché è arrivato no Ministro.

ERNESTO: Giuliè.

GIULIETTA: Ah, siete voi, signor Marchesino.

ERNESTO: Le signorine si sono alzate?

GIULIETTA: Sicuro! Co sti strille che sta gente sta facenno da stammatina a li cinche!

ERNESTO: Starranno pure seccate d’essere venute.

GIULIETTA: Uh! Altro che seccate. Aieressera S.a E.a dicette che era stanco e se la sbrigaje subeto subeto. Ma stammatina isso e la signora hanno da ricevere tutto lo paese.

ERNESTO: L’aveva promesso d’accompagnarle a fà na passeggiatina pei dintorni.

GIULIETTA: Sarranno quase pronte... Ah! sta venenno chillo curiuso del segretario.

SCENA SECONDA

Carlino e detti.

CARLINO (dalla comune affannando con delle carte):S.a E.a s’è alzata?

GIULIETTA: Nonsignore!

CARLINO: Oh! signor Marchesino, vi riverisco.

ERNESTO: Cavaliere. (Salutando.)

CARLINO: Giuliè, va dinto da Sua Eccellenza e dille che l’aggio da parlà subito per affari urgenti.

GIULIETTA: Ma ha ditto che non vò essere disturbato.

CARLINO: Giuliè non me fà osservazioni. Va subeto ad annunziarmi. (Giulietta via borbottando:) Tutte de na manera sti cammarere, non nce se po’ dà tanto de confidenza.

ERNESTO: Eh! Bisogna compatirle, caro Cavaliere.

CARLINO: Seh, seh, compatirle... io la libertà la darria sulo a chi se la mmereta!

ERNESTO: Dunque, voi rimpiangete il tempo passato.

CARLINO: Mezzo sì, e mezzo no.

ERNESTO: E con queste idee servite?...

CARLINO: Si stesse a me, caro Marchesino, v’assicuro...

SCENA TERZA

Nannina e detto.

ERNESTO (a Nannina che esce):Signorina Nannina.

NANNINA: Signor Marchesino.

ERNESTO: Avete dormito bene?

NANNINA: Non tanto.

ERNESTO: Chi sa... se adesso... in questi giorni di festa vi resta un po’ di tempo per pensare agli amici.

NANNINA: Ah, Ernesto, perché mi dite questo...

ERNESTO: Dunque, non vi siete dimenticato i progetti che facemmo mesi fa sulla galleria dei bagni di Castellammare?

NANNINA: Sì, ma dubito che i sogni nostri si possano realizzare.

ERNESTO: E perché?

NANNINA: Avete parlato con vostro padre?

ERNESTO: Ci ho parlato più di una volta.

NANNINA: E che dice?

ERNESTO: Da principio voleva dissuadermi da questa idea, ma poi...

NANNINA: Acconsente?

ERNESTO: Non è che ne sia contentissimo, perché st’idea di alleanza di due famiglie con un avversario politico lo secca no poco.

NANNINA: Al diavolo la politica! Si sapisseve che odio che ci tengo, perché è l’origine di tutti i dispiaceri della nostra famiglia. Papà è diventato collerico, fastidioso... e se solo gli si parla di una cosa di famiglia diventa una bestia! Mammà, poverella gliene ha parlato diverse volte, ma isso non ne vo sapé.

ERNESTO: Meno male che vostra madre è dalla parte nostra.

NANNINA: Oh, per questo, mammà sarebbe contenta.

ERNESTO: Dunque abbiamo un’alleata potente?

NANNINA: E intanto non basta! La paura più grande di papà è che qualcheduno potesse dì che ha acconsentito a stu matrimonio pe fà nu passo verso gli avversari.

ERNESTO: E intanto?

NANNINA: E intanto... mò parlammo tutte e duje a mammà, e ci assicurammo che ci protegge.

ERNESTO: Ah! Certamente!

NANNINA: Ma pe fà meglio, m’avarrisseve fà nu piacere.

ERNESTO: Ma qualunque cosa!

NANNINA: Avarrisseve procurà di secondare na debolezza che tene... sapete, a questo mondo ognuno ha le sue.

ERNESTO: Ma non comprendo.

NANNINA: Ecco qua. Dopo che papà è diventato Ministro, mammà ci tiene a chillo beneditto titolo d’eccellenza. Anzi ieri me faceva osservà che, tanto voi che papà vostro, in tutto il tempo che ci trovammo insieme in carrozza, pareva che foste di accordo pe non le dà maje sto titolo.

ERNESTO: Ma se è per questo, la chiamo Eccellenza fino a che vò!...

NANNINA: Povera mammà, bisogna compatirla!...

SCENA QUARTA

Carmela e detti.

CARMELA: Disturbo forse?

NANNINA: Oh! Mammà, hai riposato bene?

ERNESTO: Mi permetta S.a E.a di domandarle come sta?

CARMELA: Non sto male, grazie, ma starria meglio si non avesse passata na notte d’inferno su certi materassi che sembrano pieni di patate. Ah! Che differenza dai letti nostri! Uh! Che paese! Che paese! Io non capisco che smania è venuto a mio marito de venì in questi luoghi, e non nce faceveme nu viaggio in Africa.

ERNESTO: Capirà, Eccellenza, l’affetto al proprio paese.

CARMELA: Ma si pe disgrazia io fossi nata a stu paese vi rinunzierei subito... che ne dice Nannì?

NANNINA: Ma, mammà, t’ha fatto proprio n’impressione così brutta?

CARMELA: Bruttissima! Che gente! Che gente!... E po’ ve pare n’abitazione decente questa? Me pare nu suppegno; non saccio capì che ha fatto tanti giorni qua chillo carissimo segretario. Ma si pe stasera non mi procura altri materazzi, domani mattina col primo treno me ne torno a Roma.

ERNESTO: Abbia un poco di pazienza eccellenza, e poi si ricordi che in questi giorni vi sono due persone che sperano tanto nel di lei appoggio per veder realizzati i sogni...

NANNINA: Sì, mammà, ricordati de chello che m’hai promesso.

CARMELA: Sì, sì, faccio quello che posso, ma non v’avite illudere... Sua Eccellenza non vò assolutamente sentirne parlà.

ERNESTO: Ma chi sa che parlandone mò a Sua Eccellenza, mò che sta tanto soddisfatto del ricevimento di ieri sera...

CARMELA: Embè, vedrà... gliene parlerò di nuovo...

NANNINA: Sì, sì, bravo!

CARMELA: Ma perché ieri sera non ve presentasteve a S.a E.a mio marito? Rimarcò la vostra assenza sapete, e anche quella di papà vostro che sparì subito... tanto più che a voi poi non vi conosce nemmeno di vista.

ERNESTO: Ma che vuole eccellenza, con quella confusione che era alla stazione, papà non me potette nemmeno presentà.

SCENA QUINTA

Giulietta, poi Felice, Menechella, e detti.

GIULIETTA: Nce sta il Sindaco Signor Felice e D.a Meneca sua moglie che vonno vedé S.a E.a.

CARMELA: Che seccatura, potevano venì addirittura all’alba!

ERNESTO: Ci vuol pazienza! Sono gl’incerti ministeriali, noie inevitabili. Io intanto vi lascio. Tornerà più tardi pe sapé la risposta di S.a E.a. Ma si ricordi che confidiamo in lei!

CARMELA: Farò il possibile!

ERNESTO: Abbiamo un aiuto troppo forte p’avè de perdere. Coraggio!...

NANNINA: E speranza!... (Ernesto saluta e via.)

CARMELA: Fa trasì chilli seccante!

GIULIETTA: Il Signor Cavaliere Sciosciammocca e la sua signora.

FELICE: (Statte zitta piccerè non sò ancora Cavaliere).

MENECHELLA: (Dalle na meza lira t’ha chiamato Cavaliere).

FELICE: (Quanno parte le dongo na lira).

MENECHELLA: Oh! Signora Ministressa mia! E accussì comme jammo? Stamme buone? Hanno dormito buone? (A Nannina:) Ma viene ccà, figlia mia, fammete guardà nu poco... che bella figliola che te si fatta! Proprio na rusella de primavera. Tu m’haje da permettere che te parlo co lo tu. (Felice le tira la veste.)

NANNINA: Oh! Fate pure.

FELICE: Scusate Eccellenza, perché la mia signora è nu poco vascialola!...

CARMELA: Ma fate i vostri comodi, parlate come vi piace. Giulietta, dà da sedere a questi signori. (Giulietta vuole avvicinare delle sedie, ma ne viene impedito da Felice e Menechella che le pigliano da loro.)

FELICE (a Giulietta):(Al giorno della partenza te dà na lira).

GIULIETTA: (Me vò fa magnà de grasso!). (Via.)

MENECHELLA: Già, maritemo mio, me l’aveva ditto primma che voi ardri, anche venendo dalla capitalo non site superbiosi, che site cristiani comm’a nuje, e po’ neh, mamma mia, s’addà essere accussì quanno s’addà fà co tanta gente. Non pe niente, siamo donne pubbliche!

CARMELA: Come sarebbe a dire?

FELICE: Scusate, perché la mia signora è scherzosa, e piglia qualche lapisillazzolo con la lingua.

NANNINA: Non fa niente, lasciatela parlà comme le piace.

MENECHELLA: Lo vì, brutto criticone. E po’ nce sà poche cerimonie da fà nfra nuje aute! Tra pariente! Pecché nuje simme cugini sapete?

CARMELA: Sicuro, S.a E.a mio marito, mi ha detto che fra voi due esiste una lontana parentela.

MENECHELLA: Luntana? Luntana?... Tutt’auto! Mamma mia era figlia de nu frate de la nonna del padre di vostro marito, di Sua E.a  comme lo chiammene mò. (Batte sulla gamba di Carmela.)

FELICE: Menechella, non sta bene battere sul cornicione della minestressa.

MENECHELLA: E che male nce sta? E accossì che ne dicite de stu paisiello nuosto? non è bello? Non è ariuso? E ccà quanno se tratta de fa feste, quanno se tratta de fa li rimostrazioni, non nce sta nisciuno che nce appassa!

NANNINA: E non possiamo fare a meno di esservi riconoscenti.

MENECHELLA: Riconoscenti? Ma che? Piccerella mia, simme nuje poveri paisane che v’avimmo da essere sconoscenti a voi pe l’annore che nce avite puoste nfaccia!

CARMELA: (Uffa! n’auto ppoco me fa venì na convulsione!).

MENECHELLA: Nun sarrà nu gran paese chisto nuosto, ma la gente tene tanto de core!

CARMELA: Ma comme facite a passà tutto l’anno dinto a sta scorza de noce?

FELICE: Lei sa, eccellenza, quel proverbio che dice: povero quel volatile che nasce in cattivo bosco.

MENECHELLA: Ma no, agge pacienza! Sino a che lo diceno lloro se po’ compatì, pecché sò capitaliste, non hanno ancora avuto lo tiempo de vedé tutto lo paese’ ma tu Felice mio, tu non avarrisse parlà accussì!... Ccà non nce manca niente! Nc’è bona aria, nu bello Cielo, na bella vista, nu bicchieriello de vino paisano che consola, bella gente, la strada de fierro che passa pe nnanze la porta de la casa!...

FELICE: (Lo fummo trase pe lo balcone!).

MENECHELLA: Tenimmo l’acqua potabile, lo spetale, lu telegrafo, la banda musicale, l’asilo infantile, le scole toniche...

FELICE: Tecnica...

MENECHELLA: È lo stesso. Duje lampiune che s’appiccene quanno non nce sta la luna, che non nce stanno li simmele nemmeno a Napole! Na farmacia, chella de D. Ignazio Torriaca, addò nce sta tutto, tene lichenina Lombardo, che è no peccato a non tené la tosse!...

FELICE: Basta, Menechella...

MENECHELLA: Lasseme fenì. Teniamo lo campanaro che è lo cchiù buono de tutta la provincia, e po’ si è overo chello se dice, priesto nce mettene pure lo tramuass.

FELICE: Menechella, basta.

CARMELA: E fatela parlà, povera donna!... Capisco io pure, come co tutte sti vantagge, pure qua si può vivere bene tutto l’anno.

MENECHELLA: Accossì è. E pe mò sò 25 anne che non me smovo da ccà, non me sò fatta nemmeno na passiata nfi a Napole. L’inverno passato, quanno mariteme jette a Roma...

CARMELA: Ah, voi siete stato a Roma?

FELICE (con importanza):Fui a Roma... nella città dei Cesari!

MENECHELLA: Voleva portà pure a me, ma io le dicette: No, caro Felice, va tu sulo ca pe me è na seccatura. E po’ chella Città s’addà lassà a li signurune! Capisco che comme a mogliere de lu Sinneco, avvarrìa avuto j a fa visita a li ministresse, a tutte li deputatesse e alle Sinnachesse, ma io non sò fatta pe fà sti cose. E po’ se io jeva a Roma a chi lassava la puteca? mmano a li giuvene? Sti figlie de cane! Duje anne fa avette j a nu paese ccà vicino pecché teneva na sora malata; embè, dinta a cinche juorne m’arrubbajene, a chello che potette vedé, cinche rotole de sacicci, duje caciocafalli e nu pregiotto... io non me pozzo movere da ccà... auto che Roma! De lu viaggio che facette mariteme ne parlajene anfi li foglie, e anze maritemo, saccio, che venette a sta a la casa vosta.

FELICE: Sissignore, ho avuto quest’onore. Anzi, se la memoria non mi falla, ho avuto il piacere di pranzare a casa vostra il giorno del vostro onomastico.

CARMELA: Sarà benissimo ma non me ne ricordo. Viene tanta gente da noi!...

NANNINA: Ma io mi ricordo benissimo. Il Signor Felice era da noi la sera che abbiamo ricevuto il Ministro del Re di Malabar. (Si alza.)

FELICE: Già il Ministro del Re di Mabalaar.

CARMELA: Ah, sì, quell’indiano!

FELICE: Che bella testa! Che bella memoria che ha la signorina! Ah! Quello là è un grand’uomo. Mi parlò per più di un’ora di politica Indiana. Io non lo capivo ma era lo stesso.

MENECHELLA: T’avive dedicà tu a la politica! Chi sà che sarisse a chest’ora.

NANNINA: Ecco papà. (Tutti si alzano.)

SCENA SESTA

Ministro, Carlino e detti.

MINISTRO: E così, Carmela, come vai? hai riposato bene?... E tu Nannina? (Le abbraccia e bacia.)

NANNINA: Caro papà...

MENECHELLA: Sempe chillo stesso, che patre, che core!...

MINISTRO: Oh! caro Felice, comme jammo? E voi D.a Meneca? Volete che vi dica na cosa? Per voi gli anni non passano. Voi state fresca e bella comme a na rosa.

FELICE: (Sì, la lengua è sempre fresca!).

MENECHELLA (pavoneggiandosi):Ma che dicite, Eccellenza.

MINISTRO: Ma che Eccellenza d’Egitto!... Vedete, io ve sto parlanno in dialetto, pecché non me sò scordato comme parlate vuje... Eh! gli onori non mi hanno cambiato, e desidero conservarmi il vostro amico de na vota! Saria na cosa ridicola che me scordasse lu passato pecché sò addeventato Ministro.

MENECHELLA: Lu passato non se scorda, no, me ricordo sempe...

FELICE: (La vì lloco la vì, ncè simme!).

MENECHELLA: Me ricordo li parole voste quanno partisteve pe ghhì a studià a Napole, me dicisteve: Meneche...

FELICE (a Menechella):(Ma statte Zitta che aggia mprovvisà lo discorso che me sò mparato a memoria).

MENECHELLA: (Parla tu! nu bello discorso, sà!).

FELICE: Ministro! È un grande onore quello che voi... che tu ci fai a chiamarci tuoi amici... ma permettimi intanto che prima di parlarti di me io ti ringrazio a nome di tutta la popolazione Roccapulitana... i quali Roccapulitani mi hanno affidato l’onorevole incarico d’interpretare i loro sentimenti per ringraziarti dell’onore la quale, dell’onore... il quale. Evviva il ministro, evviva l’Italia!

MINISTRO: Basta! basta!... ho capito caro Felice, tu pure me volarisse fà nu discorso, ma che male t’ho fatto io?... Meh, viene ccà, stringiamoci la mano da buoni amici, da buoni parenti, e voi pure Menechella, mia buon’amica, state sicuri del mio affetto, lassate sta i complimenti e cerimonie che non posso soffrì!

MENECHELLA: Oh, eccellenza, cioè mo, mio caro Paolo, è troppo onore pe nuje aute... forse maritemo non s’è saputo spiegà buono... voleva dì che...

MINISTRO: Sì, sì, aggio capito quello che voleva dì, ma dicite a Felice che si tene nu discurso... se l’astipasse pe stasera al desinare... ove parlerà anch’io... per forza... ma mò ve lo dico francamente non tengo voglia de sentì discorsi.

MENECHELLA: Paolucciò mio, tu sì sempe chillo stesso!

MINISTRO: Ecco! questo è il più bel complimento che mi potete fare. Io sono sempre lo stesso, e me ne vanto, non ho mai cambiato bandiera...

FELICE: Nuje avimmo cambiata la settimana passata, pecché la gatta de lo Municipio l’aveva spurcata.

MINISTRO: Voleva dì... che non ho mai cambiato opinione, perché il cambiare opinione vuol dire... che... ma vedete... vedete che cosa è l’abitudine; adesso senza volerlo ve faceva io no discorso. Dunque, se mi permettete, bisogna che me spiccio alcuni affari di premura. Spero per altro che stamane resterete a far desciunè con noi...

FELICE (a Menechella):(Desciunè che vò dì?).

MENECHELLA: (E che ne saccio!).

FELICE: (Sarrà quaccheduno che isso aspetta che se chiama Desciunè... Siente Menechè, potarrieme invità le signore a venì a fà na passeggiata con nuje?).

MENECHELLA: (E dincello tu).

FELICE: Scusa eccellenza fino a che vene come avite ditto vuje...

MINISTRO: Ah! Dello asciolvere?

FELICE (a Menechella):(Capisce, lo trapazzo, lo viaggio, ncià combinato chesto...) ma non ve spaventate eccellenza chesta è cosa de niente...

MINISTRO: Che cosa?

FELICE: Asciolvere!

MINISTRO (a Menechella):È capito, asciolvere vò dì colazione!... (Lazzi.) Permettete Eccellenza che prima de la colezione conducessimo le signore a fare un giro del paese?

MENECHELLA: A vedere le rarità noste. L’uorto de Gaetano, la casa addò nascisteve vuje, l’orologio che sta nfaccia a lo campanaro, e che non se dà mai corda.

FELICE: (Bestia, chillo è guastato!). Ma teniamo na bella meridiana in buono stato, e la teniamo coperta pe non la fà guastà da lo sole.

MINISTRO (alle donne):Se volete andare...

CARMELA: Io non posso andare... (t’aggio da parlà).

FELICE: Allora ci portiamo la signorina.

NANNINA: Vado a mettermi il cappello e torno subito. (Via a sinistra.)

MENECHELLA: Caro Paolo, tenite na bardascella veramente accunciulella pe figlia, è bella, è bona... e non penzate de la mmaretà?

MINISTRO: Uh! C’è tempo.

MENECHELLA: E po’ chi sà che pretenzione che tenite. Pe la figlia vosta nce vò almeno no principe, n’ambasciatore, no ministro...

MINISTRO: Ministro no, pecché sò tutte viecchie... del resto questo è un affare suo. E po’ a me, me basta che sia un uomo onesto, ma galantuomo.

CARMELA: In teoria sì, ma in pratica è na cosa diversa.

NANNINA (torna col cappellino):Eccomi ai vostri ordini, volimmo j?

MENECHELLA: Vedarrai, mia cara eccellenzotta, che accoglienza te faciarranno pe lo paese. Tutto te voglio fà vedé... po’ te porto a la casa e te voglio fà assaggià fà bicchieriello de rosolio de limone, che a Roma non se veve.

FELICE: D.a Meneca, andiamo... (Le due donne viano. Felice per andare poi torna e batte sulla pancia del Ministro.) Addio Paoluccio! (Via.)

MINISTRO (alla moglie):Che è che stai così stralunata?

CARMELA: Sto stralunata, e nce sta la ragione... Non aggio chiuso uocchie tutta la notte.

MINISTRO: Oh! diavolo! E perché?

CARMELA: La colpa è tutta del tuo Signor Segretario, il quale da quello che pare, ci ha pigliati pe na famiglia de zingari.

CARLINO: Eccellenza! Ma comme poteva fà, se su questa benedetta montagna non se trova niente di niente.

CARMELA: Se dinto a lo paese non nc’era niente, s’aveva penzà a tempo per provvedere facendo venì tutto. Io non pretendo n’appartamento, ma...

CARLINO: Eccellenza, io sono spiacente del più profondo...

MINISTRO: Ma abbi un poco di compassione pe sto povero D. Carlino che è pieno di attaccamento per noi.

CARMELA: (Sì, per noi!).

CARLINO: Eccellenza, io la ringrazio... si farà quello che si potrà...

MINISTRO: Sì, sì, va bene, ma intanto se tu permetti ho degli affari...

CARMELA: No, per mo, me faje lo piacere de lassà la politica, pecché t’aggio da parlà de cose più serie... Oh! A proposito, nce sta Fannj, la mia canella che sta ancora senza mangiare... ma è possibile che dinto a stu paese non se po’ truvà no poco de latte fresco?

CARLINO: Ma Eccellenza, io dovrei...

CARMELA: La prego di risparmiarmi le sue osservazioni, Fannj non puè aspettare!

MINISTRO: Va, jate a trovà no poco de latte.

CARLINO: Procurerà di servire le eccellenze loro... (Si non la faccio nun io a chella cacciuttella, non me chiammo cchiù Carlino). (Via a destra.)

MINISTRO: Ma tu lu tratte proprio comme si fosse no servitore.

CARMELA: E tu non lo paghi perché ci servisse?

MINISTRO: E che lo pago io? Lo paga il governo.

CARMELA: E tu non sei il governo, ed io come tua metà, sò la metà del governo.

MINISTRO: Non dì ciucciarie!

CARMELA: Basta lasciamo stare questi discorsi. C’è qualche cosa che mi preme di dirti, tanto più ho promesso a Nannina che in giornata te ne avrei parlato.

MINISTRO: E tornammo da capo! Tu sai che non ne voglio sentì parlà.

CARMELA: Ed io invece te ne volevo parlà, primme di qualche altro.

MINISTRO: E chi è che me ne và parlà?

CARMELA: Prima di tutto, Nannina, che poverella, innammorata comm’è, non ne po’ fà ammeno de te lo dì, e appena che ti saprà più tranquillo te ne parlerà il Marchesino stesso, e forse pure lo padre.

MINISTRO: Lu padre... se guarda bene de me ne parlà, conosco troppo che superbia tene chillo nobilone che sape fà appena la firma soja! Se dà n’aria comme si la luna l’avesse fatta isso! E po’ haje visto ierisera? È venuto alla stazione pe fà la gradassata di offrirmi un posto nella sua carrozza e po’ non s’è fatto cchiù vedé. Si lo figlio fosse stato tanto innamorato di Nannina nostra si sarebbe degnato di farsi presentà, io non lo conosco nemmeno di vista!

CARMELA: Forse vorrà aspettare un momento più favorevole...

MINISTRO: E have voglia d’aspettà... ho detto no, e sarà no! Questo è il mio ultimatum!... (Musica e voci interne Evviva Rivelli. Evviva il Ministro.) Che è st’ammuina?

CARMELA: Sè sti quatte cafune de paisane tuoje, che accommincene priesto. E penzà che songo li 10. Figuriamoci fino a stasera che t’hanno dà fà? Se fosse io ministro pe na mezz’ora, ve volarria dà na dimostrazione!

SCENA SETTIMA

Carlino e detti, poi Giulietta.

CARLINO (affannando):Eccellenza, tutto lo paese è in moto, e desidera vederla. Parecchie centinaie di persone se sò radunate sulla piazza.

CARMELA: Avite truvato lo latte pe Fannj?

CARLINO: Il popolo è festante.

CARMELA: Avete trovato il latte?

CARLINO: La cagnolina eccellenza è stata servita... venga, venga a vedere Eccellenza che bello spettacolo!

MINISTRO (va al balcone):Sì, proprio magnifico!

CARLINO: Non sarebbe opportuno rivolgere loro qualche parola?

MINISTRO: No mò non è il momento. (Grida e applausi.) Ma quello che posso fare è di affacciarmi. (Va al balcone le grida si raddoppiano.)

CARLINO (a Carmela):Eccellenza, si faccia vedere anche lei?

CARMELA: Jatevenne, manco pe suonno!

CARLINO (al balcone):Dio, quanta gente! Si stacca un gruppo di cittadini, venene da chesta parte (grida) gli altri li seguono. Vonno trasì tutte dinto a lo palazzo; ma comme se fa ad impedirlo pe non fà succedere disordini. Dinto a lo paese nce sò doje guardie solamente.

MINISTRO: Ma che guardie e guardie, si spalanchi il portone, e si facciano entrare tutti!

GIULIETTA (in fretta):Eccellenza!... la dimostrazione, sta saglienno pe li grade, chille trasene dinta a la casa, comme se fa?

MINISTRO: Il cortile è grande. Vengo io abbasso. (Grida. Viva il Ministro. Giulietta via.) Che brava gente!...

CARMELA: Si, falle venì tutte dinta a la casa, anze mmitele tutte a pranzo!

MINISTRO: Si lo potesse fà! Lo faciarria. Del resto io non me sento mai tanto tranquillo, tanto a posto, come in mezzo a quella brava gente!... Me pare de respirà meglio. Carlino, andiamo. ( Viano. Grida fragorose.)

CARMELA: Chesta è la casa del pubblico! Avanti cafune senza scarpe, stringete la mano al Ministro, che vergogna, che onore!

SCENA OTTAVA

Ernesto e detta, poi Carlino.

ERNESTO: E così, ha parlato a S.a E.a?

CARMELA: Purtroppo! Ma non se ne combina niente, sempe pe causa della signora politica. Ha tornato a dì che no! Ma per non perdere tempo, sarebbe meglio che lei si presentasse subito a S. E. che ancora non lo conosce!

ERNESTO: Per me gli parlo anche subito. Gli faccia dire che c’è qualcuno che lo aspetta, senza dire che sono io.

CARMELA: No, perché allora si farebbe peggio... potrebbe credere che vogliamo prenderlo in mezzo coi sotterfugi. È meglio non far misteri. Ora glielo mando, dicendogli che il signor Marchesino è qua, che lo aspetta.

ERNESTO: Come crede, eccellenza.

CARLINO (uscendo):Eccellenza...

CARMELA: Che c’è?

CARLINO: S.a E.a la prega di venire un momento giù in cortile, perché non fo per dire, è arrivata na commissione de lavannare che vò offrì nu buchè ed un indirizzo.

CARMELA: Uh! Mamma mia, li lavannare mò!

CARLINO: Abbia pazienza è sempre na dimostrazione di stima.

CARMELA: Basta, dicite a chelli femmene che vengo subito. (Carlino via.) Lei dunque aspetti qua, le mando subito S.a E.a.

ERNESTO: Si, signora. (Carmela: via destra prima quinta.) Ah! Pare incredibile che non me n’addà riuscì una bona!

SCENA NONA

Giulietta e detto, poi Ignazio.

GIULIETTA: Che è che ve disperate?

ERNESTO: Viene ccà Giuliè. (La prende per le mani.) Te pare che sò no partito disprezzabile?

GIULIETTA: Gnernò, ve pare!... Me parite chillo pompiere che nce faceva io l’ammore a Roma.

ERNESTO: Tante grazie, Vì che paragone... dunque, te pare che sò no simpatico giovane... so ricco... e pe la politica non me vonno dà a Nannina.

GIULIETTA: Mannaggia all’arma de la politica, e chi l’ammentaje!

ERNESTO: Ah! Puozz’essere benedetta! Viene ccà Giuliè, fammete abbraccià.

GIULIETTA: Stateve sodo... Oh!...

ERNESTO: No, fammete abbraccià. (L’abbraccia.)

IGNAZIO (caccia la testa):No, fate, fate! (Per ritirarsi.) Non voglio disturbare la fusione dei partiti... (Giulietta: via.) E come, lei Signor Marchesino, figlio di un deputato di destra, abbraccia una cameriera di sinistra?

ERNESTO: Ma caro Tonaca, vuje sapite che per arrivare al potere, tutti i mezzi sono buoni.

IGNAZIO: Basta, non entro nel tabernacolo della famiglia... mò te dico pecché io sò venuto: guarda, ascolta, ma silenzio. (Mostra un telegramma.) Siente che dice stu telegramma. (Legge:) «Ignazio Torriaca. Roccapulita. Agente. Affidandoci vostra persona influente paese, preghiamovi penetrare presso Rivelli, intervistando circa sue idee particolari nuovo partito incoraggiato dal Ministro».

ERNESTO: Cosicchè?

IGNAZIO: Cosicchè, io nella mia qualità di giornalista, profittando della dimostrazione che me fa trovà li porte aperte, senza passare pel canale del Sindaco, aspetto quà S.a E.a e lo abbordo.

ERNESTO: Ma haje fatto male li cunte tuoje: mò, l’aggio da abbordà primma io.

IGNAZIO: No, tu me faje lo piacere de cederme la piazza, si no non faccio a tiempo a spedì lo telegramma.

ERNESTO: Non po’ essere!

IGNAZIO: Chesta è cosa de 10 minute.

ERNESTO: Mbè! Co lo patto che te spicce subeto?

IGNAZIO: 10 minuti e non più.

ERNESTO: Va bene.

IGNAZIO: Zitto... sta venenno... vattenne!... (Ernesto via.) Oh! eccomi diventato uomo di Stato!...

SCENA DECIMA

Ministro e detto.

MINISTRO: Che brava gente, che cuori eccellenti, è una cosa che consola! (Vede Ignazio.) (Ah! ecco il signor Marchesino!)

IGNAZIO: Eccellenza... io sono...

MINISTRO: Lo conosco perfettamente, mi fà già annunziata la sua visita!...

IGNAZIO: (Avarranno telegrafato pure a isso!). Allora io non credo di aver bisogno di spiegare il motivo... il mio nome, e la mia qualità, è tutto, come si direbbe, un programma.

MINISTRO: (Che prosopopea, tutto il padre!). La pregherei però di far presto.

IGNAZIO: Sarò breve, anzi, se S.a E.a permette, le rivolgo subito una domanda.

MINISTRO: Parli, si accomodi. (Seggono.)

IGNAZIO: Si potrebbe sapere che cosa Ella ne pensa di questa nuova alleanza?

MINISTRO: (La prende alla larga, da diplomatico). Le dirò francamente, che non ne comprendo proprio la necessità, né la convenienza.

IGNAZIO: Ma... ma non le pare che quando questi due partiti... che poi sono, come si direbbe, due persone, si unissero... il paese ne riceverebbe gran vantaggio.

MINISTRO: Non capisco che c’entra qui il paese... io per me non vedo alcun vantaggio da questa unione.

IGNAZIO: Sta bene. (Chesto mò lo telegrafo subeto a Roma.)

MINISTRO: Questo connubio, è assolutamente impossibile!

IGNAZIO: E se avvenisse senza il consenso di Vostra Eccellenza?

MINISTRO (la guarda minaccioso, Ignazio si scosta con la sedia):Come? Contro la mia volontà? La prego di misurare i termini... si vede che Lei non sa il mio carattere.

IGNAZIO: Ma si persuada, noi siamo potenti. Faccia da sua parte qualche concessione, e noi ne faremo dalla nostra...

MINISTRO: La ringrazio della carità che vuol farmi; ma per sua regola la camorra non mi fa paura... Ho detto no! E sarà no!...

IGNAZIO: Io non comprendo la parola camorra... Comprendo soltanto che lei ha valutato tutta l’importanza del connubio, che si farà senza la sua volontà!...

MINISTRO: Oh, signore basta così! (Si alzano.) Ho tollerato abbastanza per dovere di cortesia. Ora la prego di uscire e subito, e sappia che io coi miei principii non fo nessuna transazione... Ella è in libertà!

IGNAZIO: (Ed io me ne vaco contento che l’aggio fatto parlà. Le sorti di un ministro sono nelle mani di un farmacista!). Eccellenza... (Vaco buono, vaco buono proprio!) (Via.)

MINISTRO: Non si può essere più sfacciato!

SCENA UNDICESIMA

Carmela e detto.

CARMELA: E accussì? L’haje parlato?...

MINISTRO: (Che canaghia, birbante!).

CARMELA: Ma pecché murmulie?

MINISTRO: Murmuleo, perché il tuo signor Marchesino, è un cattivo soggetto, superbo e male educato!...

CARMELA: Lu Marchesino? Ma tu non saje manco chello che dici... superbo, male educato, lu Marchesino? Ma si chello è timido, buono e gentile come una giovinetta.

MINISTRO: Si, bella cosa!

CARMELA: Ma tu fusse pazzo? Ma che ha fatto per parlarne così?

MINISTRO: Che ha fatto? Mi ha minacciato... mi ha accennato ad una fuga.

CARMELA: Non è possibile, non ce credo... cheste sò cose nove...

MINISTRO: Io dico quello che è!

CARMELA: Vattè, che te sarraie sonnato!

MINISTRO: Sarà così, ma per regola tua ti avverto che de stu matrimonio non ne voglio sentì cchiù parlà, è impossibile!

SCENA DODICESIMA

Nannina, Menechella, Felice e detti.

NANNINA (che ha udite le ultime parole) Ah! Povera a me, ma che v’aggio fatto che me trattate accussì?...

MINISTRO: Tu si na peccerella senza capa come a tua madre!

CARMELA: Ti prego di non insultarmi!...

NANNINA: Pe me non nce sta cchiù niente ncoppa a sta terra, me voglio j a chiudere dinto a nu convento, voglio nurì!... (Siede.)

MINISTRO (gridando, spavento di Felice):Sarebbe assai meglio andarti a chiudere in convento che dare dispiaceri a tuo padre.

NANNINA: Ma che aggio fatto io, che v’aggio fatto?

MENECHELLA: Ma se po’ sapé che è succieso?

MINISTRO: Oh! Benedetto Dio!... Ma vi prego lasciarmi in pace, perché in questo momento tengo tante cose per la testa!

MENECHELLA (al marito):Ma che sarrà?

FELICE: (Affari domestici... sarrà meglio che squagliammo!).

NANNINA: Ah! Mamma mia, mamma mia! Mò moro! Comme me sento male!

CARMELA: Nannì... Nannì... ma che me la vuò fà murì a sta criatura!...

NANNINA: Me sento na cosa ccà. (Indica la gola.) Me sento soffocà!...

MENECHELLA (che col marito era per uscire, si volta e torna presso la sedia dove Nannina è assistita dalla madre):Meh, Meh, angiulillo de mamma soja, fatte coraggio, papà fa accussì, ma po’ te vò bene.

SCENA TREDICESIMA

Giulietta e detti.

GIULIETTA: Nce sta lo Marchesino Fiore che và parlà con S.a E.a.

MINISTRO: Comme! Ma che imprudenza è questa?

CARMELA: Fallo passare. (La figlia si solleva.)

MINISTRO (gridando):Non lo fate entrare. Ditegli che se ha tanto coraggio di presentarsi lo butto dalla finestra! (Nannina dà un grido.)

NANNINA: Ah! (Sviene.)

CARMELA: Oh! Dio mio, ma sta piccerella me more!... Giuliè, va subeto a trovà nu miedeco, e dì al Marchesino che più tardi lo riceverà io!...

MINISTRO: Ti proibisco assolutamente!

CARMELA: Ed io lo voglio ricevere, perché mi deve dare delle spiegazioni!...

MINISTRO: A casa mia, comando io, e non voglio assolutamente che egli passa per quella porta. Obbedisci... va!... (Gridando.)

GIULIETTA (fa per andar via di fretta e trova Felice davanti):E levateve da nanze! (Via. Durante tutta la suddetta scena, pausa di Felice.)

MENECHELLA: Felì, va priesto, va piglie no poco d’acito!

CARMELA: Non respira più! (A Felice:) E vuje che facite llà co la vocca aperta!... avite ntiso? No poco d’acito!...

FELICE: Ma io non conosco la tipografia della casa. (Di dentro.)

VOCI: Evviva il Ministro! (Applausi.)

SCENA QUATTORDICESIMA

Carlino e detti.

CARLINO: Eccellenza, la popolazione è festante, e desidera vederla.

CARMELA: Ma mannate a fà squartà tutti sti cafune na vota pe sempe!

MENECHELLA: (Cafune!!).

CARLINO: Bisogna sbottonarla... (Si avanza per eseguire.)

CARMELA: Ma che vulita fà?... Jamme, jate a na farmacia a piglià no calmante, quacche cosa p’addurà, nu poco d’acqua de melissa. Ma nun vedite che sti duje tipi, stanno ccà comme a doje statue de sale!... Priesto, no calmante, jate! (Carlo via e poi torna.)

FELICE: (Si mme ne potesse j). Vado in cerca del Dottore. (Via.)

CARMELA: Meh. Fatte coraggio, Nannina mia. (Grida di dentro.)

VOCI: Evviva il ministro! (Applausi.)

CARMELA: E tu, padre senza core, curre, curre, va a farte vedé sti zampitti de paisane tuoje, va addò sti cafune che puzzene da ciente canne lontane!...

MINISTRO: Carmela, pensa almeno che non siamo soli!

CARMELA: Non me ne mporta niente, già tu sì nato ncoppa a sta montagna, mmiezo a sta specie de gente!... Nannina... Nannina mia, fatte coraggio!...

GIULIETTA: Lu miedeco è stato chiamato a nu paisiello ccà vicino, e non nce sta. (Via.)

CARLINO: Il farmacista ha chiuso per causa delle feste, e poi è dell’opposizione, e non conviene servirsene! (Via.)

CARMELA: Lo vì, aggio ragione o no che non nce voleva venì a stu paese d’urze!

MENECHELLA: (Paese d’urze! Mò non ne pozzo cchiù!). Neh, mia signò?!

CARMELA: Sì, sì, paese d’urze, e ve faccio n’annore chiamarlo accossì!

NANNINA: Mammà, mammà!...

MENECHELLA: Neh, eccellenza, eccellè? ma li mmane non li tiene pe sunà nu paccaro a mugliereta?!

CARMELA: Nu paccaro a me!...

MINISTRO: Ma Carmela!...

CARMELA: Nu paccaro a me? A la mugliera de lu Ministro?!

MENECHELLA: Tu vuò che te la dico comme me la sento? La signora de li quarte quarte!…

CARMELA: Levateme a chella da nanze, si no overo me scordo che sò na signora!

MENECHELLA: Tu qua signora me vaje cuntanno; ma che te si scurdata che ire na lavannara che stive ncoppa a no cufenaturo. (Esce Felice, e trattiene la moglie.)

FELICE: Menechè!...

MENECHELLA: Ma tu lo ssaje che nuje lo sapimmo che Paolo...

FELICE: (Addio Sindacato!).

MENECHELLA: Te spusaje senza niente!

CARMELA: Neh, grannissima lazzarona!...

MENECHELLA: Cafune... puzzolente... urze!... a nuje!...

CARMELA (vorrebbe afferrarla).

NANNINA: Mammà!... (La ferma.)

MINISTRO: Carmela!...

MENECHELLA: Ma lassatela, io ne voglio diece femmene comme a essa!...

MINISTRO: Ma Felice, portela via. (Felice per eseguire.)

MENECHELLA: Te voglio scippà quanta zirele tiene ncape!... Lasseme Felì, lasseme!... (Mentre stanno per venire alle mani, Felice si leva la sciarpa dalla vita e la mette alla moglie come un bavaglio e la tira fuori.)

VOCI (di dentro conforti applausi):Evviva il Ministro! (La musica suona. Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

ATTO TERZO

L ‘istessa scena del secondo atto.

SCENA PRIMA

Ministro e Carlino.

MINISTRO (apre lettere e telegrammi e li passa a Carlino):Vi assicuro che a fare il Ministro è un gran brutto mestiere. Che abbiamo di nuovo?

CARLINO: D’importante non ci sono che due telegrammi del Presidente del Consiglio. Nel primo, prega V.a E.a di non accennare a politica nei discorsi.

MINISTRO: E poi, l’altro?

CARLINO: E poi, pare, c’è la maggior parte del Gabinetto tenda ad una politica di conciliazione, ad un connubio.

MINISTRO: Bravo! Sà io a che cosa tendono! Che altro abbiamo?

CARLINO: Una quantità di suppliche, domande d’impieghi...

MINISTRO: Il solito.

CARLINO: Raccomandazioni, sonetti, poesie d’occasione?...

MINISTRO: Bene! buttate tutta questa roba nel cestino.

SCENA SECONDA

Giulietta e detti.

GIULIETTA: Eccellenza c’è fuori...

MINISTRO: Ma perché venite ad annunziare voi? È sempre ammalato il cameriere?

GIULIETTA: Sissignore, Eccellenza.

MINISTRO: Bene, chi c’è fuori?

GIULIETTA: L’onorevole Marchese Orazio Fiore.

MINISTRO: L’onorevole Marchese Orazio Fiore?... (Bravissimo, ho proprio desiderio di sfogarmi un po’ col padre, giacché non potetti farlo con quella canaglia del figlio.) Mi faccia il piacere di lasciarmi solo. (A Carlino.)

CARLINO: (Non me lo fo dire due volte!). (Nell’andare dà un pizzicotto a Giulietta.) (L’aria de la montagna te fa bene, te sì fatta comme a na nocella!)

GIULIETTA: (Stateve attiento che li nocelle scognene li diente!). (Carlino le caccia la lingua e via.) (Quanto è brutto!)

MINISTRO: Fallo passare. (Giulietta via poi torna subito.)

SCENA TERZA

Giulietta, Marchese Fiore, e detto.

GIULIETTA: L’onorevole sta trasenno. (Introduce e via.)

MINISTRO: Onorevole.

MARCHESE: Eccellenza.

MINISTRO: A che debbo l’onore della sua visita?

MARCHESE: Vengo a giustfficarmi, per aver mancato al pranzo dell’altra sera.

MINISTRO: Lei non ha obbligo di giustificazioni. S’accomodi, prego. (Seggono.) Venga all’argomento.

MARCHESE: Ecco... Anzitutto sarei a pregarla di lasciare un momento la veste di uomini politici, per ragionare come due padri di famiglia.

MINISTRO: Parli pure.

MARCHESE: Ella sa che io ho un unico figlio, Ernesto, al quale voglio un gran bene.

MINISTRO: Me ne rallegro tanto.

MARCHESE: Mio figlio, e questo anche lo saprà, s’incontrò questa estate con sua figlia ai bagni di Castellammare, e...

MINISTRO: Lo sò, lo sò... capricci di gioventù!...

MINISTRO: Perdoni! per parte di mio figlio, posso assicurarle che non è un capriccio.

MINISTRO: Ebbene?

MARCHESE: Ebbene Commendatore, mi accordi le circostanze attenuanti in vista delle transazioni che fo colle mie idee. Io sono suo avversario politico, e discendente dai Marchese Fiore, la prima nobiltà del paese! Mi presento a lei per domandarle la mano di sua figlia per mio figlio.

MINISTRO: Ah! E dunque una grazia la sua di venir Lei, nobilissimo discendente dei nostri Feudatari, a domandare la mano di mia figlia, di un ex professore. Io sono povero, ma orgoglioso dello stato che mi sono creato da me! E ho la soddisfazione di rispondere al Signor Marchese Fiore, che io plebeo, non voglio l’onore della sua alleanza!

MARCHESE: Senta, forse mi sarà spiegato male, che c’entra la nascita? I nostri figli si vogliono bene, ecco tutto. Pensi solo al piacere di vedere sua figlia contenta e felice!...

MINISTRO: Lei parla bene... ma è impossibile, dopo il colloquio che ebbi con suo figlio.

MARCHESE: Mio figlio si è presentato a lei? Ma lei sbaglia.

MINISTRO: No, no, è venuto qua, con arroganza, con prepotenza, minacciando persino di fare uno scandalo!

MARCHESE: Ma quando è venuto?

MINISTRO: Ieri, poco prima della dimostrazione.

MINISTRO: Ma è impossibile, egli mi ha detto che appena ieri tentò di parlare, ma ella non volle riceverlo.

MINISTRO: La seconda volta?

MARCHESE: Ma no!

MINISTRO: Insomma, le dico che è stato qui ieri, e se a lei non l’ha detto, vuol dire che aveva rimorso del modo come si era comportato.

MARCHESE: Sono dolente dell’accaduto, e pure lo credo ancora un malinteso.

SCENA QUARTA

Carmela e detti.

CARMELA: Scusate se disturbo.

MARCHESE (alzandosi):Stavo appunto per andarmene, signora.

CARMELA (saluta; poi al marito):Ci è questo telegramma per te.

MARCHESE: Ma io voglio levare il disturbo... Signora... Commendatore...

CARMELA: Signor Marchese...

MINISTRO: Onorevole. (Lo accompagna alla porta. Marchese via, poi suona il campanello.)

SCENA QUINTA

Giulietta e detti.

GIULIETTA: Sua Eccellenza ha chiamato?

MINISTRO: Consegna stu telegramma al mio segretario, digli che lo decifrasse e me lo porti subito.

GIULIETTA: Sì, Eccellenza. (Aveva da cadè malato lo servitore pe diventà na femmena de Stato pur’io!) (Via.)

CARMELA: Te si fatto proprio de nu carattere insopportabile!... staje sempe co lo veleno mmocca.

MINISTRO: E ne ho ragione. Ti ho detto tante volte di non aprire i telegrammi di Stato, me vuò fa mettere in caricatura dai giornali?

SCENA SESTA

Carlino e detti.

CARLINO (agitato con telegramma in mano):Eccellenza, il telegramma che mi ha mandato a decifrare è della più alta importanza!

MINISTRO: Chi è che telegrafa?

CARLINO: S.a E.a il presidente del Consiglio.

MINISTRO: Legga, legga...

CARLINO (legge):«Il Fanfulla pubblica telegramma da Roccapulita. Suo corrispondente dice aver parlato con lei progetto di conciliazione partiti. Ella averla accanitamente combattuto. Questo fatto è inesplicabile, e costituirebbe gravissima imprudenza, contrario impegni assunti con me. La invito smentire, se possibile, colloquio, aggiungendo preghiera tornare subito capitale».

MINISTRO: Ma che vò dì stu pasticcio?

CARMELA: Ma tu haje parlato o no co sto corrispondente?

MINISTRO: Ma io non ho visto alcun giornalista.

CARMELA: Ma allora devi smentire per telegrafo.

MINISTRO: E subito. (A Carlino.) Telegrafi subito al Ministro e gli dica che non solo non c’è l’ombra di vero in quello che dice il giornale, ma quanto l’assicuro che non ho parlato, né visto alcun corrispondente.

CARLINO: Eccellenza, sì. (Via.)

MINISTRO: Fammi il famoso piacere de farme sta cujeto colle tue opinioni. Lasciami solo, ho paura di diventare matto! (Carmela via.) Tengo la capa comme a nu pallone. Pare impossibile che vi possano essere dei giornalisti così leggieri da inventare certe cose di sana pianta!...

SCENA SETTIMA

Giulietta e detto, poi Rocco e coro di bambini.

GIULIETTA: Eccellenza, nce sta lo maestro de li scole comunale.

MINISTRO: Dille che non nce sto... che sò muorto!

GIULIETTA: Eccellenza, è già la terza vota che si presenta.

MINISTRO: Sa che vuò fà, lascialo trasì.

GIULIETTA (via, poi torna subito con Rocco e bambini):D. Rocco Stoppino, direttore dell’asilo infantile.

MINISTRO: Nce voleva pure lo stuppino! (Entra Rocco e ragazzi. Rocco alla testa dei ragazzi che al suo comando si schiereranno in fondo alla scena.)

ROCCO: Eccellenza... la sacra missione pedagogica di guidare i figli del popolo sul tramite spinoso della virtù, è tale e sì elevato incarico, che costituisce un pesante fardello per chi non ha la rettitudine dei vasti intendimenti, e la purezza della coscienza, imperocchè il fanciullo che nei doveri della famiglia non attinge come a limpido ruscello alle ispirazioni delle popolazioni neglette ed abbandonate, mal riesce non solo a coltivare se stesso, umile fronda sbattuta dalle bufere della vita, che nel pelago delle umane vicende, lo rendono qual fragile barchetta...

SCENA OTTAVA

Carlino e detti, poi Carmela.

CARLINO (con telegramma):Veda Eccellenza, se va bene così.

MINISTRO: Perdoni, egregio signore, se la interrompo, ma si tratta di cosa urgente. (Legge il telegramma:) Sì, sì, va benissimo. Aggiunga che domani parto col primo treno per Roma, e andrà di persona a ripetere la smentita.

CARLINO: Eccellenza, sì. (Via.)

MINISTRO: Dunque, dicevamo?

ROCCO: Dicevamo, che quel fragile barchetta...

CARMELA (uscendo con due giornali):... ecco qua i giornali... ecco il Fanfulla.

MINISTRO: Perdoni se la interrompo... (Legge agitato passeggiando:) Ma questa è un’infamia... un indegnità!...

CARMELA: E accussì?...

MINISTRO: Liegge... nei telegrammi c’è tutto il colloquio col corrispondente.

CARMELA (dopo letto):È na canagliata!... Dunque pretennene che tu hai ricevuto a chillo giornalista?

MINISTRO: Io non aggio parlato co nisciuno!...

CARMELA: E accussì se fa la storia.

MINISTRO (a Rocco):Oh! Perdoni, signore... Dunque ella diceva?...

ROCCO: Qual fragile barchetta...

MINISTRO: Ma stamme sempe dinta a la barchetta!

ROCCO: Che fra le scoscese avversità e i malcelati inganni della vita si presenta l’umile servo, rivolgendo all’E.a V.a poche domande di segnalati favori e magnanime grazie.

MINISTRO: Dica, dica, in che posso servirla?

ROCCO: La modesta provvigione che a me concede il Comune, non basta, non dico a procurarmi gradevoli passatempi, ma neppure a soddisfare il giornaliero manducamento.

MINISTRO: Ne prendo nota, e parlerà col Sindaco...

ROCCO: Inoltre, la scuola educativa manca di molte suppelletteli.

MINISTRO: Sarà provveduto anche a questo.

ROCCO: Orsù bambini, ringraziate il Signor Ministro.

(I ragazzi cantano il seguente Coro):

Ci hanno detto stamattina,

Che il Ministro è giunto qui;

E il nostro Direttore

C’insegnè a parlar così

Viva, viva, sì bel giorno

Che l’egual non si può dar

Tutti muovonsi d’intorno

Il Ministro a salutar!

(Replica gli ultimi due versi.)

SCENA NONA

Giulietta, Felice, Tore e detti.

GIULIETTA: Ncè sta lu Sinneco e lo capobanda de lo paese.

MINISTRO: Avanti avanti... Scusi, signore.

FELICE: Eccellenza, secondo il desiderio che vi siete degnato ierisera, vengo a presentare... maestro, vi saluto... il nostro Tore Rapesta... l’organizzatore, l’anima di tutte le nostre feste.

MINISTRO: Son contento, di stringere la mano a un così benemerito cittadino!

TORE: Eccellenza, questa stretta di mano, è il più bel giorno della mia vita.

FELICE (al Ministro):(La signora toja sta ancora offesa co Menechella? Si sapisse comme sto mortificato io; ma che t’aggio da fà, chella moglierema tene na lengua!... ma voglio che te venesse a cercà scusa perà).

MINISTRO: (Siamo noi invece che dobbiamo domandà scusa, anzi ti prego di andarla a prenderla... e portarla ccà, pecché non voglio che ci siano altri dipiaceri l’ultimo giorno che sto fra voi).

FELICE: (Grazie, vado subito)... a proposito, dimme na cosa, hai letto gli ultimi giornali che so’ venute da Roma, co li dispacce dell’Agenzia D. Stefano? (Lazzi.)

MINISTRO: Sì, appunto mia moglie li sta leggendo.

CARMELA (che sta leggendo i giornali) Sì leggevo appunto i telegrammi... un giornale contradice l’auto! Guardate: questo dice: «Oggi Ministro Rivelli, giunse Roccapulita, suo paese natio. La popolazione festante, con banda alla testa, gli fece un entusiastico ricevimento. In un momento di sublime entusiasmo, la popolazione staccà i cavalli dalla vettura, che volle trascinare dalla Stazione al paese, trasportando così il Ministro in trionfo...».

FELICE (a Tore):(Se l’hanno mmuccato lu fatto de li cavalle!).

CARMELA: «Assistevano al ricevimento 10 Senatori».

FELICE: Scusi, dirà suonatori.

CARMELA: No, Senatori, che creda che io non sappia leggere?

FELICE: E ve credite che io non conosco la gente che tengo dinto a lo paese? So otto strumenti, lo capobanda 9, e lo clarino che sta malato 10. Questa è la mia truppa.

CARMELA: Va bene, andiamo avanti, «10 Senatori e 22 deputati. Dopo poche ma sentite e cordiali parole del Sindaco Cavaliere Felice Sciosciammocca, il ministro rispose con uno splendido discorso che destò l’ammirazione generale».

FELICE: E bravo, per Bacco, fa piacere a leggere sti giornale!

CARMELA: E sentite chist’auto mò: «Oggi, Ministro Rivelli, giunse Roccapulita, suo paese natio. Ad onta che questo viaggio fosse strombazzato da quindi giorni, con tutti i segretari inviati prima a preparare il terreno, il ricevimento da parte della popolazione fu freddo, glaciale! L’entusiasmo è stato provocato da pochi parenti ed amici che hanno fatto una dimostrazione in parodia. Per mancanza di cavalli, la carrozza del Ministro è stata trascinata da gente prezzolata...».

FELICE: (S’è scoverta la magagna!).

CARMELA: «Il Sindaco pronunziò sconclusionate parole, alle quali rispose il Ministro con un discorso slavato. Mando corrispondenza, unendovi al ridicolo schizzo del naso del capobanda, l’intiera caricatura di questo Sindaco cretino».

FELICE: Le voglio dà io la caricatura si arrivo a conoscere chi è sto giornalista.

TORE: Le voglio fà vedé io lu profilo de lu naso!... Signor Ministro non potrebbe mandare in galera vita natural durante questo Signor giornalista?

MINISTRO: Ma del resto, lo dissi io, che non voleva assolutamente farmi trascinare in carrozza dai miei concittadini, che hanno voluto per forza pigliare il posto delle bestie, per far fare a me il trionfo di Mardocheo!

TORE (a Felice):(Chi è sto Mardocheo?).

FELICE: (Il Presidente del Consiglio dei Ministri!).

TORE: Ma comme se poteva fà a fermà l’entusiasmo.

MINISTRO: Ma l’entusiasmo non poteva mai far dimenticare la propria dignità! Basta, Felice, va a prendere tua moglie.

FELICE: Vado, vado. Sta ccà, abbascio a la cantina che me sta aspettanno. Del resto, tu non te si pigliato collera cu me, io non nce aggio colpa.

MINISTRO: No, no, e po’ dimane me sentananno a Roma.

FELICE: Comme te ne vaje? Me dispiace che vaje addo isso a farte ragione, capisce co chillo benedetto carattere!

MINISTRO: Ma chi?

FELICE: Mardocheo.

MINISTRO: E chi è Mardocheo?

FELICE: Il Presidente dei Ministri.

MINISTRO (dando un urlo):Eh!... (Felice scappa via.)

ROCCO: (Fa cenno ai bambini di ricominciare).

(Coro dei bambini):

E noi poveri bambini

Che tremiamo al tuo splendore

Ti facciamo tanti inchini

Per mostrarti il nostro amore

Un Ministro più potente

No, nel mondo, no, non c’è.

(Replica questi ultimi due versi.)

MINISTRO: (E io moro!...). (Vede Felice e Menechella sotto la porta.) Avanti.

SCENA DECIMA

Felice, Menechella e detti.

FELICE: Ecco la statua del pentimento!

MINISTRO: D.a Menechè, vi eravate proprio offesa?

MENECHELLA: Ma veramente...

MINISTRO: Basta, vi domandiamo scusa; anzi, ci è qui mia moglie, dispiacente di quanto è accaduto...

MENECHELLA: No, sò io addolorata che non me sapette frenà. Io sentette parlà male de li paisane mieje, e perciò risponnette de chella manera.

FELICE: Amor di patria!...

SCENA UNDICESIMA

Nannina e detti, poi Giulietta, Marchese e Ernesto, Carlino e Giulietta.

MENECHELLA (vedendo venire Nannina):Ah! Ccà sta la malatella nosta.. embè, comme te siente?

NANNINA: Nu poco meglio, non è stato niente, grazie.

CARLINO: Eccellenza, l’onorevole Marchese Orazio Fiore e suo figlio sono qui, questa stupida di Giulietta li ha fatti passare.

GIULIETTA: Sissignore, pecché eccellenza vedite...

CARMELA: Hai fatto bene, falli entrare... avanti... (Via Giulietta.)

MARCHESE: Permetta, Commendatore, che io le presenti mio figlio Ernesto, il quale desidera assicurarla personalmente che sino ad ora non ha mai avuto l’onore di essere ricevuto, e per conseguenza non ha potuto parlarle.

ERNESTO: Tenevo a fare personalmente questa dichiarazione, che è la pura verità.

MINISTRO (stupito):Ma come questo è suo figlio?... (A Felice:) Veramente suo figlio?).

FELICE (dopo pausa):(Bisognerebbe domandare alla madre?).

MINISTRO: E allora io ieri con chi ho parlato che l’ho preso per il Signor Marchesino?

ERNESTO: Eccellenza, lei ha creduto di parlare con me, invece era il farmacista.

TORE: Che è giornalista.

ERNESTO: Ed è corrispondente del Fanfulla.

CARLINO: Ecco!

FELICE: Ecco!

CARLINO: Ecco!

MINISTRO: Allora, signor Marchese, le chiedo scusa dell’equivoco. (Gli dà la mano.)

MARCHESE: Che fortunatamente s’è spiegato subito.

MINISTRO: Io poi a quel tale veramente parlai, ora mi ricordo... di alleanze... conciliazioni... ed io l’ho preso... ed egli ha capito...

CARMELA: Va llà, che non sì proprio tipo pe fà lo Ministro!

MINISTRO: Hai proprio ragione, e te piglio in parola. (Va al tavolino e scrive.)

CARMELA: E mò che te vene ncapo?

MINISTRO (scrivendo):Lo saprai più tardi.

CARMELA: Non farne qualcuna delle tue!...

NANNINA (a Ernesto):(Papà certamente se piglia le dimissioni, pe nuje è na cosa bona, e pure pe isso).

MINISTRO (a Carlino):Cifri questo telegramma, e lo spedisca immediatamente.

CARLINO: Subito. (Via e poi torna.)

MINISTRO: Ah!... mi son levato un gran peso dallo stomaco!

MENECHELLA (a Felice):(Tu haje capito niente?).

FELICE: (Io no). (A Tore:) (E tu?)

TORE: (Oh, me ne guarderei bene!).

CARMELA: Ma pecché che haje fatto?

MINISTRO: Da questo momento non sono più Ministro, ho dato le mie dimissioni.

TUTTI: Che!!

NANNINA: Oh! che piacere!...

MARCHESE: Allora, Commendatore... pensi un poco a questi poveri innammorati.

MINISTRO: Sì, sì, capitolazione completa, sposatevi e che Dio vi benedica... Marchese, ecco la mia mano; e poiché vedo riunita la parte più eletta della cittadinanza, prego di partecipare che come primo atto della mia indipendenza, ho accordata la mano di mia figlia al figlio del vostro Deputato!...

SCENA ULTIMA

Giulietta e detti.

GIULIETTA (con piego):Eccellenza, hanno portato chisto plico per voi.

MINISTRO: Vediamo: Bravo, il tuo decreto. (A Felice.)

MENECHELLA (fra sé commossa):(Oh! Povera me, nce simme, la croce, mò me vene na cosa...).

FELICE: (Zitto, Meneché, coraggio!).

MINISTRO (leggendo):«E son ben contento di comunicarti che Sua Maestà, con decreto del quindici corrente, nominava Felice Sciociammocca, Sindaco di Roccapulita...».

FELICE: Cavaliere della Corona d’Italia?

MINISTRO: No, Salsamentario della Real Casa. (Felice sviene nelle braccia della moglie.)

FELICE: Ajutateme!...

MINISTRO: Cosa c’è Felice?

FELICE: Io aspettava la croce, capisci.

MINISTRO: Non fa niente, contentati, contentati.

FELICE: Sì!... basta che è contento questo rispettabile Pubblico!!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

Fine della commedia

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 27 volte nell' arco di un'anno