‘Nu terno a forza

Stampa questo copione

‘Nu terno a forza

‘Nu terno a forza

di Giuseppe Diodati

(settembre 1990)

omaggio a Troisi

per l’asilo delle Cave di Maddaloni


Primi interpreti:

S. Gennaro                  Franco Trovato

S. Ciro                        Vincenzo Viscosi

Sagrestano                 Mario Ventimiglia,

Mario (l’ubriaco)         Domenico Senneca  

In seguito la parte del sagrestano è stata interpretata da una donna.


Interno di una chiesa. Le statue di S. Gennaro e S. Ciro, una accanto all’altra con leggera obliquità perché possano poi parlare tra loro, sono avvolte nella penombra ma la statua di S. Gennaro rifulge di più per opera dell’abbondanza di lumini e ceri alla base del piedistallo tra vari vasi di fiori. Al contrario la statua di S. Ciro è poco illuminata perché un solo lumino striminzito vi è stato posto come ex voto, è presente un solo piccolo mazzetto di fiori che sono afflosciati.Al rintocco della mezzanotte le statue si rianimano stiracchiandosi aiutandosi a vicenda con massaggini e tirando gli arti superiori l’uno all’altro, ecc. ecc.

S. Gennaro:        Che bruttu mestiere me songo scigliuto! Uh! ‘Na cosa che propete nun se po’ credere.

S. Ciro:              A chi ‘o dici Genna’. Sempe ‘mpalato caddacoppo a’ aspetta’ che vene quacched’uno che te vene a scuccia’ pe’ quacche grazia, e pe’ che cosa po’: pe’ t’appiccia’ ‘na cannella. (Guarda l’unico lumino, facendo un veloce confronto con i doni a S. Gennaro) ‘Na cannella! ‘Nu lumino. E se fanno veni’ pure ‘na cosa quanno te l’’anna appiccia’. T’’o fanno sura’.

S. Gennaro:        E quanno po’ adda’ essere fortunato che nun t’appicciano pure a te!

S. Ciro:              E che? T’è successo quacche cosa, Genna’?

S. Gennaro:        Quacche cosa? Tutto me steve succedendo, tutto! Adda’ sape’ che all’autriero è venuto ‘nu ‘mbriaco che s’era fissato che io ‘nce avevo fatto ‘a grazia.

S. Ciro:              E invece tu  nun ne saie niente?

S. Gennaro:        Niente, Ciru’, niente e se non fossimo santi te lo giurerei pure. Io nun me songo proprio miso miezzo.

S. Ciro:              E comm’è che chillo diceva chello che diceva?

S. Gennaro.        Quello, ‘mbriaco comme steva, sbandava mezzo a’ via e camminava giusto miezzo a’ via addo’ sta’ a striscia tratteggiata, ma ‘mbriaco comme steve ghieva a cca e ghieva a lla, ghieva a cca e ghieva a lla… (sottolineano queste parole muovendosi con movimento ondulatorio, ad un certo punto S. Ciro si sente male come se fosse preso da vertigini e senso di nausea)

S. Ciro:              (Interrompendo) Basta, Cirù, fermate, che me staie facenno veni’ il mal di mare, già me gira ‘a capa e me sta venendo pure quacche cosa o’ stommaco.

S. Gennaro:        ‘Aie ragione, Cirù, basta. Chillo steva sbandando e pe’ ‘nu filo, ‘na vespa nun ‘o steva mettendo sotto. Chissa’ comme ‘a fatto, ‘mbriaco e buono se ne è accorto e ‘a dato ‘n’allucca: “San Genna’, aiutame tu!” Embe’ chillo d’’a vespa a chell’allucca s’è pigliato ‘na paura tanta grossa che l’’a fatto sbanda’ e mo’ isso sta o’ ‘spitalo e ‘o ‘mbriaco sta buono. E sulo pecchè mi ha invocato chillo se credeva che io avevo fatto ‘o miracolo. E già! Mo’ ‘e miracoli ‘e ghiammo facenno accussì sulo pecchè te chiamano, come se fossero servizi di pubblico impiego.

S. Ciro:              E allora? Ch’è successo poie?

S, Gennaro:        Ne chillo s’è miso ‘ncapo ‘e  me veni’ a ringrazia’ e m’è venuto a’ appiccia’ ‘nu lumino pe’ riconoscenza.

S. Ciro:              Genna’, io mo’ nun te capisco. Ma pecchè t’allamiente? Ringrazia a Dio. Tu nun è fatto niente e t’appicciano pure ‘o lumino, che vulisse ‘e chiù?

S: Gennaro:        Embe’, quanno faie accussì, me faie proprio sagliere ‘e nierve. Ma chi ‘nce l’aveva ditto a chill’ato ‘e veni’ a’ appiccia’ lumini a chesta parte?

S. Ciro.              Si nun fosse ‘nu santo me facesso ‘a croce cu’ ‘a mana storta. Ma comme? Chillo ava ‘nu lumino gratuito senza spendere neanche ‘nu grammo, che dico ‘nu grammo? Neanche ‘nu milligrammo di santità e tu continui a t’allamenta’?

S. Gennaro:        Oi Ci’, chillo steve ‘mbriaco…

S. Ciro:              O ‘mbriaco o assennito sempe lumino gratuito era.

S. Gennaro:        E famme primma ferni’ ‘e parla’ e po’ dice chello che adda dicere. Quello quando è venuto qua sotto, perché stava ‘mbriaco, nun ‘a visto buono addo’ aveva mettere ‘o lumino e a posto d’’o mettere a terra, l’’a miso ‘ncoppo ‘o piedistallo sotto il mio piede destro. E m’’a fatto abbrucia’ tutte ‘e ponte d’’e dete d’’o pere destro (lo mostra). E meno male che è venuto  a tempo ‘o sagrestano. Osino’  mo’ a’ posto ‘e San Gennaro, cca ‘nce steva ‘na montagna ‘e gravone. Avevamo un nuovo santo: San Bruciato martire. E adda’ vede’ quanta scupate ‘nce ‘a dato o’ ‘mbriaco. Secondo me è diventato assennito a una botta. Ha pigliato ‘na corsa che s’è fermato sulo quanno è arrivato a’ casa soie, sempe si era in grado di riconoscerla in quello stato.

S. Ciro:              Certo che t’è cavata buono. Ma chesto me fa pensa’ ‘n’ata cosa..

S. Gennaro:        E che cosa?

S. Ciro:              Me fa pensa’ che ‘e santi importanti li fanno di legno     .

S. Gennaro:        Uh, Gesù! (Rintocco di campane e segno di rispetto dei due) e comme m’avevana fa’. Ma pecchè a te comme t’’annu fatto?

S. Ciro;              E comme m’avevana fa’? Di gesso! E m’aggia pure accuntenta’. Pienze che me vulevano fa’ di cartapesta. M’avevano pigliato pe’ ‘nu carro ‘e carnevale ‘e Viareggio. Ma che vulevo spera’ ‘e chiù?… ‘Nu santariello comme a me!

S. Gennaro:        E che diamine, se songo sprecati! Ma se vede che tu nun te faie rispetta’.

S. Ciro:              Ma qua’ rispetto e rispetto, cca se tratta ‘e tutte ati cose.

S. Gennaro:        E che cosa?

S. Ciro:              Nun me fa’ parla’ che è meglio.

S. Gennaro:        E che ghie’ mo’ faie ‘o scemo? E  mo’ adda’ parla’. Cca se tratta pure ‘e me, avanti parla e famme capi’.

S. Ciro:              Si ‘o vuo’ proprio… va buo’ mo ‘ t’’o dico… Genna’, cca se tratta ‘e questione politico-finanziaria.

S. Gennaro:        Politico-finanziaria? E che ‘nce traseno ‘a finanza e ‘a politica mezzo a nuie che simmo santi.

S. Ciro:              E c’entra, c’entra! Tutto sta ad accaparrarsi il posto di potere più grande: il patronato più importante! Tu, ad esempio, sei il patrono di una città grossa assai, di Napoli, conosciuta in tutto il mondo, con milioni di abitanti. Io invece che m’aggiu accaparrato? ‘Nu posto ‘e sottogoverno! Un patronato che nemmeno ‘nu beato ‘o ghiesse truvanno: io songo ‘o patrono ‘e Portici, ‘na città piccerella, piccerella, che nisciuno conosce e cu’  pochi abitanti. E ‘nce avimma accuntenta’ d’’o gesso.

S. Gennaro:        Ma nun dicere ciucciarie. Che c’entra mo’, nuie sempe santi simmo, e che fa se siamo patroni di una città grossa o piccerella. E’ l’istesso!

S. Ciro:              Nun è l’istesso, Genna’, nun è l’istesso! Il sindaco di una città come Napoli è ammanigliato molto in alto, tene chiù possibilità e pirciò a te te fanno ‘e lignammo… e a me me fanno ‘e gesso. Che m’aggia sta sempe accorto a sta buono e fermo ‘ncppo a ‘stu piedistallo, chè si passa quacched’uno chiù pesante e chiù’e corsa e fa movere ‘nu poco l’aria, vaco a sbattere a coppo abbascio e me faccio mille piezzi. Insomma io me mantengo a via via, e cu’ 'nu sciuscio ‘nu poco chiù forte me ne cado.

S. Gennaro.        E se vogliamo seguire il tuo ragionamento, dovremmo pensare che pe’ chesto ‘annu fatto d’oro  ‘a “ Madunina de Milan”, sulo pecchè Milano è una potenza politico-finanziaria più grande di Napoli?

S. Ciro:              E’ visto che l’è nutato pure tu? E siente a me è proprio accussì. Lla po’, a Milano, ‘nce sta’ quacche cosa ‘e chiù. Lla ‘nce sta ‘nu poco ‘e razzismo e se credono ‘e essere chiù meglio ‘e nuie del Sud.

S. Gennaro:        Siente, Ciru’, io non ci avevo fatto caso. Ma mo’ che me ‘nce faie pensa’, forse è vero.

S. Ciro:              Sia lodato Chi ti da i lumi!

S. Gennaro:        Ma no’ comme dici tu. Io penso che a me m’annu fatto ‘e lignammo pecchè aggia pensa’ a chiù guaie ‘e te e aggia essere chiù tuosto pe’ suppurta’ tutta chella gente. In fondo il tuo lavoro per una città piccola è poca cosa. Ma, scusa, sai quante grazie aggia fa’ io ogni ghiuorno?

S. Ciro:              Comme fosse sulo prerogativa toia . Ma pecchè io nun ‘e faccio?

S. Gennaro:        Ma maie quante e comme a chelle che aggia fa’ io. Ne vuo’ sape’ una?

S. Ciro:              Ghiammo sentimmo, ghiammo!

S. Gennaro:        E’ inutile che faie accussì! Cca se tratta pure della qualità delle grazie. All’autriere, per esempio, si è presentato qua sotto il sindaco di Napoli….

S. Ciro:              Niente di meno? Il sindaco? E che vuleva?

S. Gennaro:        Tu sai che a Napoli stanno sempe       scarse a acqua, embe’ chillo vuleva che io le facevo truva’ ‘e pressa ‘e pressa qualche fiume sotterraneo di acqua  di primma qualità e non inquinata nelle viscere di Napoli. Tanto, isso diceva, lla sotto ‘e spazio e caverne ce ne stanno quando ne vuoi. Si fosse succiesso a te, al massimo t’avessero chiesto ‘e fa’ truva’ ‘nu ruscelletto piccolo piccolo.

S. Ciro:              E forse hai ragione. Ma tu che ‘e fatto?

S. Gennaro:        E che aveva fa’? Niente! Quello è un miracolo tanto particolare che neanche S. Rita, la santa dei miracoli impossibili, sarebbe riuscito a fare. Al massimo si poteva tentare con Noè…

S. Ciro:              (Interrompendo) Noè?.. Leva mano chillo doppo a chilli quaranta giorni e quaranta notti in mezzo all’acqua d’’o diluvio ha schifato l’acqua. E piense che mo’ nun se vo’ manco fa’ ‘o bagno. Appena vede l’acqua diventa idrofobo comme ‘e cani…

S Gennaro:         Hai ragione, ma io me so’ sbagliato. Io vulevo dicere Mosè. Quello in queste cose  è un esperto: arapeva i mari, faceva asci’ l’acqua dinto ‘o deserto, ecc. ecc…. Io gli ha fatto capire bello papale papale che al massimo gli potevo fa’ truva’ ‘ncoppo a’ scrivania ‘nu bicchiere ‘e acqua ‘e mummere e limone.

S. Ciro:              Cu’ ‘nu poco ‘e bicarbonato a dinto.

S. Gennaro:        E mo’ vuo’ troppo, chello ‘nce ‘o puteva mettere pure isso, si teneva ‘o male ‘e stomaco. Comunque, nun passa ghiuorne che nun venono centinaia di persone a chiedere quacche cosa. Chi mi chiede ‘a grazia ‘e truva’ ‘nu posto ‘e lavoro, accussì  finalmente se po’ repusa’…

S. Ciro:              (Interrompendo) Comme, comme? Te cerca ‘a grazia pe’ truva’ ‘o posto  pe’ s’arrepusa’?

S. Gennaro:        E già, pecchè a Napoli quando si è disoccupati si deve faticare pe’ tira’ annanze, che so’, lave ‘e cristalli ai semafori, vinne ‘e fazzoletti e vinne ‘e sigarette ‘e contrabbando con tutta l’ansia che arriva ‘a polizia, oppure va’ cercanno ‘e cartune, ‘o fierroviecchio… e t’adda da’ a fa’ osino’ quacched’uno arriva primma ‘e te: ‘na fatica che non ti dico….

S. Ciro:              E allora?

S. Gennaro:        E allora la massima aspirazione è truva’ ‘nu posto ‘e lavoro, accussì finalmente se ponno repusa’. ‘A matina vanno lla e nun fanno niente tutta ‘a ghiurnata, tanto cu’ ‘sti sindacati chi t’’e licenzia? E stanno tranquilli!

S. Ciro:              Bello ‘stu fatto, Neh! E tu fusse capace ‘e me ne truva’ uno pure a me?

S. Gennaro:        Ma nun dicere ati  ciucciarie. Tu si’ ‘nu santo e vaie a fatica’?

S. Ciro:              Cu’ ‘na fatica ‘e tutto riposo, comme a chella che è ditto tu, io ‘nce facesse a cagno. Cadda coppa a sta’ ‘mpalato me venono pure ‘e vene varicose.

S. Gennaro:        Ma vavattenne!… Te stevo dicenno… e vene chi me cerca ‘a grazia ‘e le fa’ truva’ ‘na mugliera…

S. Ciro:              (Interrompendo) Comme comme, faie pure chesto? Aizza ‘a tonaca, famme vede’!

S. Gennaro:        (Esegue, ma dopo salta dal piedistallo) Che è visto ‘nu sorece?

S. Ciro:              No! Vulevo vede’ si purtave ‘e cazette rosse. Ma comme? Tu te mitte a fa’ ‘o ruffiano? (Intanto S. Gennaro risale sul piedistallo) Ma che santo sei? Non credevo proprio che tu fossi stato capace di abbassarti a fare queste cose. Sei proprio caduto in basso. Queste cose facimmele fa’ ‘e femmene d’’o vascio. Nuie stammo ‘ncoppo a’ ‘nu piedistallo… Genna’, me dispiace pe’ te…

S. Gennaro:        Embe’ a me tu me faie veni’ ‘e nervi. Che c’entra ‘o fatto d’’o ruffiano io nun ‘o saccio e si me facisse ferni’ ‘e parla’ senza interrompere, ce capessimo buono… Dunque, riepiloghiamo… a me me venono a cerca’ ‘a grazia ‘e truva’ ‘na mugliera… S. Ciro cerca di interrompere di nuovo)… ‘na mugliera sì, ma ‘na mugliera senza mamma, ‘na mugliera orfana di mamma… perchè accussì stanno ‘ngrazia ‘e Dio e senza suocere campano tranquilli… è capito mo’?

S. Ciro:              Beh! Accussì ‘a cosa cambia aspetto. ‘Sta grazia me pare ‘nu poco chiù santa.

S. Gennaro:        Sssss! Stammece zitti e fermi comme a statue…

S. Ciro:              (Interrompendo) Ma perché nuie che simmo?

S. Gennaro:        Ma tieni ‘nu vizio brutto assaie. Nun me faie maie ferni’ ‘e parla’. Aggiu sentuto ‘nu rummore, forse sta venendo quacched’uno.

S. Ciro:              Vero! Sssss…! (Tutti e due fermi)

Sagrest.:                (Entra scopando e tiene sotto un braccio un piumino, che userà per togliere, ogni tanto, la polvere da S. Ciro e San Gennaro, naturalmente prediligendo e usando più accortezza per quest’ultimo; questo potrebbe essere lo spunto per qualche gag ad esempio quando il piumino passa sotto il naso di S. Ciro, questo potrebbe essere tentato a fare uno starnuto, ma con l’aiuto di un dito di San Gennaro postogli provvidenzialmente sotto il naso,  evita il rumore e ringrazia a gesti il collega ) ‘N’ata passata e ‘a chiesa addeventa nova. ‘O parrucchiano ce tene p’a’ pulizia, ma ce tene pure p'e’ sorde. Guaie si ‘nce vaie a chedere di comprare una scopa nuova, t’’o fai nemico capitale!… Isso dice che ce tene p’’o pavimento. Ma comme, dico io, si ‘a scopa è nova, ‘o pavimento se po’ scupa’ meglio, cu’ chiù energia. “ E chesto è” dice isso “si tu scupe cu’ chiù energia, va a ferni’ che ‘o pavimento si può danneggiare e po’  chi s’’i mette a senti’ a chilli delle belle arti, va a ferni’ che mi addebitano il danno”. Chesto è chello che dice isso. Ma pe’ me è tutta ‘na scusa. Secondo me chillo se mette appaura che a scupa’ cu’ chiù energia, ‘a scopa se consuma chiù ampressa e isso ‘n’adda accatta’ ‘n’ata nova. E nun accatta ‘na scopa nova che so’ tre anni e chiù. E a me mi obbliga a scupa’ delicatamente, coppa coppa. E po’ chesto succede, ‘o vedite (rivolto alla statua di S. Gennaro), che pe’ nun me fa vede’ da isso, io aggia veni’ a scupa’ annascuso pe’ ‘nce fa’ ‘na passata bona, fatta come si deve. E mica pozzo fa ‘a figura d’’o sporco, quanno traseno ‘e fedeli, e po’ a vuie v’avessa fa’ sta’ dinto a’ pora, va buo’ che a Napoli ‘nce sta chella munnezza pe’ mezzo e’ vie, e vuie ce site abituato, ma nun è decoroso! E po’ ‘a gente, v’’a dongo p’’a prova chella, stanno sempe pronte a parla’ arete e’ spalle. Ah!.. tra l’altro mi devo portare l’occorrente personale, ‘a scopa d’’a casa mia, osino’ rischio che si va a controlla’ ‘a scopa d’’a parrocchia e ne trova qualche millimetro mancante, m’’a sona ‘ncapo a me e me fa nuovo nuovo. ‘Nce vo’ pazienza! Ma io si nun fosse pe’ vuie, San Genna’, (i due santi , quando possono  e non sono visti dal sagrestano, sottolineano con mosse quanto sta succedendo sulla scena, in questo caso, ad esempio, S. Gennaro si pavoneggia e S. Ciro si ingelosisce, ecc. ecc.)  già me fosse licenziato. Aggiu avuto ‘nu sacco ‘e chiammate da ‘nu sacco ‘e parrucchiani… Proprio aiero è venuto a’ casa mia ‘o parrucchiano d’’a chiesa ‘e San Giorgio e me dice: “Giuva’, io saccio che si’ ‘nu bravo guaglione e vulesse che tu venisse a fatica’ cu’ me. Senza offendere, te metto a disposizione un set  completo di scope nuove, un aspirapolvere e pure una lucidatrice”. V’aggia dicere ‘a verità? Quando aggiu sentuto ‘a lucidatrice quasi quasi me stevo ammuccanno, ma po’, pensannece buono, io ghievo addo’ San Giorgio? Ma comme? Un tifoso di fede napoletana convinto comme a me  che ghieva a servi’ ‘nu santo straniero, ‘nu santo inglese comme a San Giorgio? E po’ si dinto a’ coppa de’ campioni ‘nce ‘ncuntrammo cu’ ‘o Liverpul, comme facevo a dicerle “ San Giorgio mio, facite vencere ‘o Napule!” chillo steve a sentere proprio a me, chillo tirasse sempe p’’e suoi, gli inglesi. Sarebbe proprio una cosa che non potrei sopportare. (Si sente il cigolio di una porta) Che è successo? Aggiu sentuto ‘nu rumore, a chest’ora che po’ essere, songo mezzanotte. Mannaggia a me, me so scurdata ‘a chiesa d’’a porta aperta…….

S. Ci. E S. Genn.:(Correggendo)‘A porta d’’a chiesa aperta! (Fermi e ritti)

Sagrest.:                (Prima interdetto, ma poi deciso) ‘A porta d’’a chiesa aperta! E’ meglio che m’annasconno, mo’ me metto accaddareto (dietro San Gennaro). San Genna’, nun v’’a pigliate a male si me metto ‘nu poco addareto a vuie e vi faccio fare da scudo, ma io nun me voglio fa’ vede’ ‘e scupa’ a chest’ora. Si ‘o vanno a dicere o’ parrucchiano, aggiu passata ‘o guaio. (Si nasconde)

Mario:                (Entra furtivo tenendo in una mano una bottiglia di vino e nell’altra una candela, si avvicina a San Gennaro, appoggia la bottiglia a terra e a questo punto San Gennaro fa capire a S. Ciro a cenni che si tratta dell’ubriaco di prima e che lui non è tanto contento di rivederlo) Menu male che steva ‘a porta aperta. S. Gennaro mio, tenevo  ‘na grazia  speciale ‘a ve chiedere, ‘Na cosa che proprio nun me putite annia’. V’aggiu purtato ‘sta cannella (La pone su un candelabro e l’accende, ma S. Gennaro, di nascosto, soffierà per spegnerla, manifestando così il suo rifiuto, e questo succederà per più volte) Ma ‘nce adda’ sta’ ‘nu bellu vintariello dinto a’ ‘sta chiesa. (Alla fine la candela resta accesa) Vuie ‘o vedite, io stongo sempe cca a’ appicciarve qualche cannella o qualche lumino. Anzi vi devo chiedere scusa, si l’ata vota è successo ‘o sbaglio. Ma, sapite, io stevo ‘nu poco allegretto (Gag di S. Gennaro per dire che era completamente ubriaco) e nun aggiu fatto apposta… Ma mo comme sta ‘o pere?… (Lo controlla) Sta ‘nu poco niro ma sta bunariello. Nun s’è abbruciato tutto quanto. Vedo che ‘nce a’ facite ancora a mantenervi all’erta. Allora è cosa ‘e niente! E po’ a vuie che ve fa? Abbasta che dicite ‘na parola, ma che dico?… Abbasta che ‘o pensate sulo e ve cresce ‘n’atu pere. Pe’ vuie è cosa ‘e niente. Che dicite mi avete perdonato?… (Si mette come in attesa di una risposta, così farà anche dopo) Comme?… Nun aggiu sentuto… Che ghie’ nun parlate?… State ancora arrabbiato cu’ me?… E va buo’, nun facite accussì che me facite piglia’ collera… Comme?… Avite ditto quacche cosa?… No ! Allora vuol dire che mi avete perdonato. Si dice che chi tace acconsente, Vuie avete taciuto e allora vuol dire che mi avete perdonato (naturalmente San Gennaro avrà sottolineato in maniera negativa questo passaggio). Io lo sapevo, vuie site proprio un santo santificato e io ve ringrazio. Mo’ me sento meglio e ve pozzo chiedere un’altra grazia. Ma non comme a chella d’’a vespa che si nun ‘nce steveve vuie mo’ chissà addo’ stevo… è ‘na cosa molto più semplice, ‘na cosa ‘e niente pe’ vuie. Vedite, S. Genna’, io m’aggiu sunnato ‘na cosa strana. ‘Nce steva ‘nu signore che faceva ‘o pazzo. Aveveva a vede’ vuie: smaniava a destra, smaniava a sinistra, alluccava comme a ‘nu pazzo, appunto, e correva, correva. A’ ‘nu certo mumento ‘a ‘ncuntrato ‘nu monaco. (I due santi seguono con attenzione      e preoccupazione sempre più viva) Nun ‘a manco visto, c’è zumpato ‘ncuollo, ‘nce ‘a tirato ‘o vestito ‘a cuollo e a chistu punto è successa ‘na cosa strana: ‘o monaco è diventata femmina e mo’ steva annura. Allora chillo chiù pazzo ancora, se n’è ghiuto ‘e capo, ‘a vista ‘a femmina annura e… (estrema tensione dei santi) ‘nce ‘a fatto ‘na resata ‘nfaccia (grosso sospiro di sollievo dei santi), ma una ‘e chelli resate che nun v’a saccio dicere. Io mo’, per come che era venerdì, ci ho fatto i numeri: 22 ‘o pazzo, che veramente, detto tra noi uomini, visto chello che ‘a fatto quando ‘a visto ‘a femmina annura, nun saccio si ‘nce avessa mettere 23 ‘o scemo, 37 ‘o monaco e 19 ‘a resata. S. Genna’, me li sono giocati terno secco sulla ruota di Napoli, pe’ rispetto a vuie. E vuie sulo me putite fa’ ‘sta cortesia. Dimane, quanno tirano ‘e numeri, vuie ve mettite areto ‘o criaturo che sta bendato, tanto vuie site invisibile, chi ve vede? Pigliate a uno a uno 23, 37, 19 e ‘nce ‘e mettite  mano a isso, ‘o criaturo.

Sagrest.:             (Che nel frattempo pure a volta aveva sottolineato con mosse in maniera negativa quanto sta succedendo, da dietro la statua e contraffacendo la voce) Ma come ti permetti, vile marrano!

Mario:                E chi ha parlato?

Sagrest.:             (Come sopra) Io! E chi altri?

Mario:                (Guardando la statua) San Genna’, vuie’? Proprio vuie?

Sagrect.:             (C. S.) Io proprio io. E tu vieni a quest’ora a disturbare la quiete dei santi, fuori orario di apertura della chiesa , e per un volgare fatto di numeri, cabala, terni e lotto. Vai via perché noi dobbiamo pensare a cose più importanti.

Mario:                Ma chesta è ‘na cosa importante! Io cu’ chilli soldi ‘nce campo ‘na settimana. Sapite, ‘a fatica scarseggia e uno s’arrangia comme po’.

Sagrest:              (c.s.) E t’arrangi male! Vai via e trovati un lavoro piuttosto e non mi disturbare più.

Mario:                S.Gennà, facite ‘o bravo. Nun ve riconosco più. Mo ve mettite a parlà italiano. Né, niente niente fossevo addeventato Sant’Ambrogio?

Sagrest.:             (c.s.) Ma che Sant’Ambrogio d’Egitto…!

Mario:                (Interrompendo) No! Io dicevo quello di Milano.

Sagrest.:             (c. s.)Ma che Egitto, Milano o Torino. Tu te ne devi andare. Ora chiamo il sagrestano. (A voce alta sempre contraffatta) Sagrestano!… Sagrestano!… (Poi con voce propria come se venisse da lontano)… Che ghie’, San Genna’, mo’ vengo subito.

Mario:                No! Chillo no ! Chell’ata vota , quanno fuie ‘o fatto d’’o lumino, me pigliaie a scupate.

Sagrest.:             (Uscendo dal  nascondiglio) E mo’ te faccio ‘o riesto. Ma comme tu a chest’ora, apposta ‘e durmi’ vieni a sfottere ‘e sante che dormono e pecchè po’, pe’ ‘nu terno. Ma ghiesce fora, cammina, vattenne a’ casa (e a scopate l’accompagna fuori , mentre sta ritornando verso le statue si riaffaccia Mario)

Mario :               Scusate, almeno me pozzo piglia’ ‘a butteglia?

Sagrest.:             (Rincalzandolo con la scopa) Ma vavattenne! (Si avvicina a San Gennaro)S. Genna’, avete visto? Vi ho liberato da uno scocciatore, ma voi m’arraccumanno, dimane sulla ruota di Napoli fate uscire 18, 20 e 35. Nun ‘o date retta a chillo. Buona notte, S. Genna’,, e buona notte pure a vuie San Ci’. E famme chiurrere ‘a chiesa che oggi è viernerì, saie quanti se ne veneno p’’o stesso fatto! ( Fa per uscire poi si gira verso i santi  S. Genna’, avete capito? 18, 20 e 35 (dopo aver ripetuto più volte quest’ultimo ritornello esce e le statue tornano a rianimarsi).

S. Ciro:              E ci hai proprio ragione, Genna’. Cca ‘a gente va truvanno tutte cose ‘a te.

S. Gennaro:        Hai notato il sagrestano? ‘A fatto tutta chella commedia e mica pe’ me? Chillo l’’a fatto pecchè se metteva a paura che osinò io facevo asci’ ‘e numeri ‘e chill’ato. Chesta è l’umanità! ‘a perso il rispetto p’’a santità: vo’ solamente! E chesto è niente. Chisto almeno ‘a ditto che ‘e numeri se l’è ghiucati, ma ‘n’ata vota me tuccaie uno che vuleva a forza ‘o miracolo d’’o terno ‘a me, embè chillo nun ghiero manco ghiuto a ghiucarsi ‘e numeri.

S. Ciro:              E comme vuleva vincere?

S. Gennaro:        E diceva che si se le fosse ghiucati, potrebbe essere stata una vincita regolare, come si sarebbe potuto riconoscere il miracolo? Accussì invece senza ghiucarsi ‘e numeri, sarebbe stato un miracolo autentico senza ombra di dubbio.

S. Ciro:              Gesù! Gesù!

S. Gennaro:        Tu che ne vuo’ chiù. Ohi Ci’, buona notte, statte buono e buon riposo.

S. Ciro:              Buon riposo, Genna’!

S. Gennaro.        E vide ‘e nun te sunna’ niente che già tengo tutti i numeri impegnati fino al 2010!

S. Ciro:              Genna’, e mo’ me vuo’ offendere pe’ forza! E’ overo che io songo ‘nu santariello ‘e gesso, ma fino a chesto ‘nc’arrivo. Qalche numero ‘o saccio fa’ asci’ pure io.

S. Gennaro:        E nun t’’a piglia’ che stevo pazzianno.

S. Ciro:              Menu male.

S. Gennaro:        Buona notte, Ciru’!

S. Ciro:              Buona notte, Genna’! (Ritornano immobili, mentre si chiude il sipario e calano le luci)

Fine

In caso di messa in scena si prega informare l’autore per semplice conoscenza, inviando eventuali foto, filmati o articoli a:

Diodati Giuseppe

Via Brecciame 30 81024 Maddaloni (CE)

Tel. 0823 408456 mail: giuseppediodati@alice.it

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 26 volte nell' arco di un'anno