‘Nu turco napulitano

Stampa questo copione

’NU TURCO NAPULITANO

’nu turco napulitano

da Le Parisien, di A. N. Hennequin

Personaggi

D. Pasquale Catone

D. Ignazio

D. Felice

D. Peppino

Errico

Michele

Carluccio

Giulietta

Angelica

Lisetta

Clementina

Mariannina

Concettella

Luigi

Salvatore

Gennarino

Raffaele

Suonatore

Due Suonatori che non parlano

La scena è a Sorrento, epoca presente.

ATTO PRIMO

Magazzino di Pasquale — porta in fondo che dà alla strada — porte laterali. In fondo a destra contuar —. A sinistra scrittoio con moltissime carte e libri di conti, occorrente da scrivere molte canestre sparse per la scena ligate e suggellate e sacchi pieni — vi saranno pure delle canestre vuote — Sul contuar due piccole cestine con noci e fico secche. Al muro in fondo a destra vi sarà un grosso calendario da sfogliare, poi una lavagna dove sta scritto col gesso delle partite —. Al muro a sinistra in fondo due cartelli stampati, al primo sta scritto «Nuova mustarda, specialità della casa Catone, cent. 75, il vasetto» Al secondo sta scritto «Avviso, fico-secche e pacche secche di 1a qualità —. Castagne molle» sullo scrittoio una bancale, note, ed un biglietto di visita —. Sedie rustiche sparse per la scena.

SCENA PRIMA

D. Peppino seduto al contuar, D. Michele seduto allo scrittoio che scrive Luigi, Salvatore e Gennarino mettono le ceste a posto — poi Giulietta.

PEPPINO (a Gennarino che esce dalla prima a sinistra):Gennarino, il principale che sta facendo?

GENNARINO: Sta accuncianno cierti sacchi dinto a lo deposito.

PEPPINO: Benissimo! A noi dunque, sottovoce.

LUIGI: D. Peppì, io aggio che fà.

MICHELE: Io non pozzo perdere tiempo.

SALVATORE: Io aggio da j a stazione.

PEPPINO: è affare di un momento. Andiamo, cacciate le carte.

LUIGI: (Vuje vedite che guajo che avimmo passato co chisto). (Tutti cacciano dei pezzetti di carte di musica. Peppino caccia dal petto una bacchetta ed una carta di musica.) Avanti, sottovoce. (Si situa in mezzo, tutti cantano egli porta la battuta.)

TUTTI: Oh che giorno d’allegria. Che delizia, che goder. Per gli sposi, questo sia. Un principio di piacer.

PEPPINO (con falsetto) : Oh che piacere.

LUIGI: Ched’è?

PEPPINO: è il soprano che risponde, non ho potuto ancora trovare il soprano, che peccato. (Canta:) Oh! Che piacer! A voi.

TUTTI: Viva, viva la sposina pien di grazia e di beltà...

PEPPINO: Basta. Che fate?

PEPPINO (con falsetto):è una stella mattutina.

TUTTI: è una rosa in verità

In ve...rità

In ve...rità...

MICHELE (guarda a dritta):Zitto, la signora. (Tutti vanno ai loro posti.)

GIULIETTA: Ched’è stiveve cantanno?

MICHELE: Nonsignore, eccellenza, eccellenza, era na pazzia.

LUIGI: è stato D. Peppino che...

GIULIETTA: No, ma seguitate, seguitate pecché me facite piacere, io amo il canto, amo la musica, amo l’arte!...

PEPPINO: Oh, signora, che possiate essere benedetta, amate la musica, allora vuol dire che avete cuore, avete sangue nelle vene, il nostro principale invece, odia la musica, e nemico della poesia.

GIULIETTA: Ma caro D. Peppino, il vostro principale, disgraziatamente, mio marito, non è un uomo, e un animale qualunque!... Che stiveve cantanno?

PEPPINO: è un coro che ho composto io, da cantarlo in occasione del matrimonio della vostra figliastra, non voglia il Cielo che il principale sapesse che ho fatto questo, sarebbe capace di licenziarmi, mentre vi assicuro signora, che m’è riuscito un capolavoro.

GIULIETTA: Ma come! Voi sapete la musica? Siete capace di scrivere un coro?

PEPPINO: Capace di scrivere un coro, ma signora, voi che dite! Io ho scritto delle opere colossali!

GIULIETTA: E come va poi...

PEPPINO: Non sono stato compreso, o pure diciamo, non ho avuto fortuna!... Informatevi signora, informatevi a Napoli chi era il maestro Giuseppe Rosso, ho scritto molto e ho guadagnato poco, non ho avuto incoraggiamento. Per poter tirare avanti la vita, faccio da cassiere in questo negozio... io!... io che sognava la musica, l’arte... essere obbligato a star là, e segnare una partita di fichi secche, o una spedizione di aringhe ovate, oh, credetemi, è troppo dolore... ma quando tengo un poco di tempo, faccio dei versi, ci adatto la musica... che volete, è l’arte che me lo impone, faccio il cassiere per vivere, ma io sono nato artista, guardate la mia testa, guardate i miei capelli, o signora. (Si leva il berretto e fa scendere i suoi lunghi capelli sulle spalle.)

GIULIETTA: Uh! Vuje teniveve tutte sti capille?

PEPPINO: Non li ho mai tagliati.

GIULIETTA: (Vì che bella cosa!).

PEPPINO: Non vi pare una testa artistica?

GIULIETTA: Sicuro!

PEPPINO: Sono stato disgraziato anche col cognome, se invece di Rosso, mi fossi chiamato Verde, sarei stato un secondo Giuseppe Verdi.

GIULIETTA: Differenza di colore.

PEPPINO: Perfettamente.

GIULIETTA: E quel coro lo cantate domani sera?

PEPPINO: Sissignore, ma ho bisogno ancora di concerti, c’è Luigi e Salvatore che stonano come due cani!

LUIGI: Vuje che bulite da nuje, quanno maje avimmo cantate, e pò si lo principale se n’addone, sapite che nce ncuitammo?

PEPPINO: Adesso non abbiamo più paura, siamo protetti della signora.

GIULIETTA: No, scusate D. Peppì, io non voglio mischiarmi in mezzo a queste cose, quello è un uomo terribile, non voglia maje lo Cielo e sentesse che li giuvene de lo magazzino so’ protette da me, mamma mia, succedarrìa no chiasso! Figurateve che tanto de la gelosia, non me pozzo manco affaccià a la fenesta, quanno voglio ascì no poco aggio d’ascì co isso.

PEPPINO: Su questo poi hai ragione.

GIULIETTA: Ma che ragione, scusate questo si chiama rendere infelice una donna. Io capisco che uno pò essere geluso, ma arrivà a chillo punto poi no! Chillo l’autriere, arapette la gabbia e ne facette fuì lo canario.

PEPPINO: E pecché?

GIULIETTA: Pecché dicette che io lo voleva troppo bene, e isso non poteva soffrì sta cosa.

PEPPINO: Oh! oh! Questa è bella.

GIULIETTA: Che ne vulite sapé, chillo è n’affare serio. (Papà, pecché era ricco me lo volette fà spusà pe forza, e aggio passato chisto guajo). Mò si me trova ccà bascio, sapite che se fà afferrà?...

SALVATORE: Signò, sta venenno lo principale.

GIULIETTA: Non dicite che steva ccà. (Via a destra, tutti si mettono al posto, Peppino si mette il berretto.)

SCENA SECONDA

D. Pasquale, e detti.

PASQUALE (dalla sinistra con sacchetto di mandorle e 65 lire in tasca): Gennarì, monna st’ammennole pulite pulite, e fà subeto, llà stanno li ficosecche che s’hanno da mbuttunà.

GENNARINO: Subito. (Li prende e via seconda a sinistra.)

PASQUALE: Tu Salvatò, và piglie lo carrettino pecché s’ha da fà sta spedizione pe Napole, fà subeto.

SALVATORE: Va bene. (Via pel fondo.)

PASQUALE: Peppì, cheste so’ 65lire, mettetele in cassa, e scasse lo debete de Carmeniello, haje capito?

PEPPINO: Va bene. (Essere parlato col tu, io?!).

PASQUALE: Michè, primme che me scordo, segna dinta all’ordinazione 60 vasette de conserva all’albergo della Sirena.

MICHELE: Va bene.

PASQUALE: Va trova, Giulietta mia, mò che sta facenno... A proposito, mò me scordava... mannaggia la capa, mannaggia! s’hanno da spedì a Napole duje sacche de noci e doje casce de ficosecche, a D. Vincenzo lo negoziante. Segnate. Luì, che faje lloco, và dinto, và arape chelli fìcosecche.

LUIGI: Va bene. (Via prima a sinistra.)

PASQUALE: Assolutamente aggio bisogno de no segretario, de na persona de fiducia, che guardasse gl’interessi miei, primme steve in società co Ignazio, e se vedeva isso tutte cose, po’ nce simme divise, e so’ rimasto io sulo, io da che me so’ nzurato n’ata vota, la capa non m’aiuta cchiù... aspettava no giovene che s’aveva da presentà stammatina. Neh, fosse venuto quaccheduno che ghieva trovanno a me? (A Michele.)

MICHELE: Sissignore, poco primme è venuto no giavinotto, ha ditto che torna cchiù tarde, m’ha rimasto sto biglietto de visita. (Lo dà.)

PASQUALE (legge):«Felice Sciosciammocca» Sissignore chisto è isso, chisto è chillo che me raccommanaje lo Deputato. Ma pecché non l’haje fatto aspettà?

MICHELE: Chillo ha ditto che non v’avesse incomodato, che se faceva no giretto pe dinto Sorriento e po’ tornava.

PASQUALE: Va bene. No giovene raccomandato da no Deputato ha da essere afforza buono. Va trova Giulietta mia che sta facenno... (Fiuta.) Neh, diciteme na cosa, che è stata moglierema ccà bascio?

MICHELE: Nonsignore.

PASQUALE: Comme nonsignore... io sento l’addore.

MICHELE: (Comme fosse no cane!). Io ve dico che la mogliera vosta ccà non è venuta.

PASQUALE: Peppì, me l’assicurate tu pure tu?

PEPPINO: Che cosa?

PASQUALE: Che moglierema non steva ccà poco primme?

PEPPINO: Nonsignore, ve l’assicuro io. (Canta sottovoce.)

Un principio di piacer...

Oh! che piacer!...

Quanto pagherei una voce di soprano.

PASQUALE: Quanto cchiù nce penso, cchiù veco che aggio fatto male a me nzurà n’auta vota, e pe ghionta po’, me l’aggio pigliata giovene e bella, tengo no pensiero che non me fa durmì, pare che l’aria me l’arrubbasse, l’aggio mise ma cammarera vicino, la quale quanno io non nce stongo me fà sapè tutto chello che fa, ma non ne songo sicuro però, li cammarere so’ sempre cammarere e me metto paura che non me dice na cosa pe n’auta, si potesse trova na persona di gran fiducia, mò che sta ancora figliema dinta a la casa, meno male, ma dimane a sera che chella se ne va, pecché se mmarita, resta sola addirittura!

SCENA TERZA

ConcettelIa e detti.

CONCETTELLA (dalla destra con premura):Signò, signò...

PASQUALE: Che è stato?

CONCETTELLA: Vuje m’avite ditto che vulite sapé tutto chello che fa la signora quanno vuje non nce state?

PASQUALE: Sì, pecché?

CONCETTELLA: Poco primme ha voluto essere lavato pulito pulito Sciurilbo lo cacciuttiello.

PASQUALE: E pecché?

CONCETTELLA: Mò sentite. Pò doppo l’ha pettinato tanto bello, nce ha mise la polvere, e lo sta mparanno a fà li gioche.

PASQUALE: Li gioche!

CONCETTELLA: Già, l’ha mise dinto a n’angolo de muro, e le dice: Ferma Sciurillo, non te movere! Credo che aggio fatto buono a dirvelo.

PASQUALE: Sicuro che haje fatto buono, va bene che non è na gran cosa... ma pecché tanta premura pe sto cacciuttiello?

CONCETTELLA: Avita vedé quante vase che l’ha date.

PASQUALE: L’ha vasato? L’ha vasato? stasera sparo lo cacciuttiello. Te raccomanno, statte attiente, famme sapé tutte cose. Tiene astipete sti ficosecche. (Glie le dà.)

CONCETTELLA: Grazie tanto. (Vì che bello complimento che m’ha fatto!). (Via poi torna.)

PASQUALE: Quanno è ogge, piglio lo cacciuttiello e lo regalo a Gnazio io non capisco pecché lo vò mparà a fà li gioche, me li mpare a me a fà li gioche... (A Peppino che batte la musica.) Peppì, che state facenno?

PEPPINO: Niente, sto assommando certe cifre.

PASQUALE: E p’assommà li ccifre puorte la battuta?

PEPPINO: Io porto la battuta? Nonsignore! Siccome non mi trovava col totale mi sentiva rabbia, e diceva dove sarà l’error, dove sarà l’error?

PASQUALE: (Io credo che sto Peppino adda essere miezo pazzo!).

MICHELE: A proposito, principà, ogge è scaduta la cambiale de D. Attanasio, che s’adda fà?

PASQUALE: Comme che s’adda fà, damme ccà. (Prende la cambiale.) Peppì, va incassa sta cambiale. (La dà.)

PEPPINO: Subito. (Si leva il berretto si mette il cappello, e via cantando sottovoce.) Un principio di piacer! Oh! Che piacer!... (Via pel fondo.)

PASQUALE: No, chillo Aversa lo portano.

MICHELE: E chesto fa, canta sempre. (Ride.)

CONCETTELLA (con premura):Signò, signò...

PASQUALE: Che è stato?

CONCETTELLA: La signora ha avuta na visita.

PASQUALE: Na visita? E che visita?

CONCETTELLA: è venuta la commara nzieme co lo figlio.

PASQUALE: Lo figlio?... Va bene che chillo è no guaglione de 12 anne, ma a li vote no piccerille de chisto te combina quacche piattino... vattenne ncoppa che io mò vengo... tiene cheste so’ quatte noce. (Le dà.)

CONCETTELLA: Signò, ma vuje me dicisteve che me diveve meza lira ogne mmasciata.

PASQUALE: No, te dicette mezza lire ogne mmasciata positiva, mmasciate serie. Quanno so’ cose semplici, cose de poco momento, te dongo o noce o ficosecche, và, và ncoppa.

CONCETTELLA: Va bene. (Via.)

PASQUALE: Michè, si vene quaccheduno, fallo aspettà, io appena se ne va la commare scengo, chillo è venuto lo guaglione, capisce?

MICHELE: Va bene. (Pasquale via.) Poverommo, da che s’è nzurato non conchiude cchiù; ma have ragione però; chella mogliera è bona assaje, io quanno la veco, che saccio, me sento fà li carne pecune, pecune!

SCENA QUARTA

Errico, e detto.

ERRICO (dal fondo):Neh, scusa e... Che veco, Michele!

MICHELE: D. Errico!... E come va da chesti parte?

ERRICO: So’ venuto pe n’affare. E tu che faje ccà?

MICHELE: Vuje lo ssapite, io era giovene de Notaro, avette l’occasione de trovà sta piazza, e mò faccio lo scrivano.

ERRICO: E lo principale tujo se chiamma D. Pascale Catone?

MICHELE: Sissignore, ricco negoziante.

ERRICO: Benissimo! Michè, dimme na cosa. Poco primme ccà, fosse venuto no giovinotto, no certo D. Felice Sciosciammocca?

MICHELE: Sissignore, ha rimasto lo biglietto de visita sujo, dicenno che a n’auto poco tornava.

ERRICO (ridendo):Ah! ah! Sangue de Bacco. te voglio fà fà l’arma de li rrise!

MICHELE: E pecché?

ERRICO: Pe no servizio che l’aggio combinato, o sia non è altro che na rivincita che m’aggio voluto piglià. Mò te lo dico tutto, ma Michè, te raccomanno?...

MICHELE: Oh, ve pare...

ERRICO: Sto D. Felice Sciosciammocca, è amico mio strettissimo, nce conoscimme da quinnice, sidece anne, jeveme a una scola, nce vulimmo bene comme a duje frate. Nce avimmo fatte sempe degli scherzi scambievoli, senza pigliarce maje collera, perché finalmente poi non erano gran cose. Quatte mise fa chisto andevina che me combina? Io m’aveva da spusà na figliola co 30 mila ducate di dote, la mamma e lo padre erano due bravissime persone. La sera io aveva da j a firmà lo contratto, siccome era di Carnevale, quest’assassino che pensa de fà? Me manna na lettera firmata dal padre della sposa, addò diceva: Carissimo Genero. Essendo carnevale, ho pensato di firmare il contratto di matrimonio con gl’invitati tutti vestiti in maschera, ve l’ho voluto avvisare, acciò scegliete un bel costume e fate una bella sorpresa. Vostro ec. ec. Io me lo credette comme se l’avarria creduto chiunque, e la sera me presentaje mmiezo a tanta signori vestito da selvaggio. (Michele ride.) Figurate, co tutte li gamme da fore, tutto tignuto, succedette una risata generale! Lo padre e la mamma de la sposa se nfuriajene, dicettene che io l’aveva offesi, e non me volettene dà cchiù la figlia. La matina, appriesso, trovaje a chillo assassino e me dicette che era stato isso, appunto pe me fà scombinà lo matrimonio, pecché se io me sarría nzurato, sarebbe finita la nostra amicizia. Intanto pe no scherzo, me facette perdere 30 mila ducati!

MICHELE: Aggio capito, vuje mo pe ve levà la preta da dinta a la scarpa, l’avite combinato quacche cosarella?

ERRICO: Na cosa che non se la pò maje aspettà.

MICHELE: E che cosa?

ERRICO: Isso juorne fa se presentaje da ziemo lo Deputato per essere piazzato in qualche posto come segretario o contabile. Ziemo scrivette a sto D. Pascale Catone, proponendogli un giovine di gran fiducia. Questo accettò, e l’aspettava stammatina con la lettera di presentazione. Io aiere appuraje tutte cose, currette da ziemo e lo pregaje tanto e tanto fino a che lo persuadette a farle fà chello che diceva io.

MICHELE: E che le facisteve fà?

ERRICO: Nella lettera di presentazione, all’ultimo, l’aggio fatto mettere na cosa, che quanno lo principale tujo lo legge, nce facimmo no sacco de risate.

MICHELE: Ma che cosa? che cosa?

ERRICO: Mò non te pozzo dicere niente cchiù Michè, pò essere che vene e me trove ccà, io non me voglio fà vedé, quanno è dimane, torno e me saje a dicere che è succieso?... haje voglia de ridere. Statte buono.

MICHELE: Stateve bene. (Errico via pel fondo.) Và trova che diavolo l’ha fatto mettere dinto a chella lettera! Chesto significa quanno uno non have a che penzà, lo zio sta buono, tene sulo a isso e le fà passà qualunque golìo.

SCENA QUINTA

Lisetta, Pasquale, e detto, poi Concettella (Lisetta esce avanti e Pasquale la segue).

PASQUALE: Io voglio sapé che significa sto risponnere accussì alterato. Io sono padre, e come padre intendo di essere rispettato, capisci?

LISETTA: Io vi rispetto, vi stimo, vi voglio bene, sò che mi siete padre, ma non avete il diritto di rendermi infelice per tutta la mia vita!

PASQUALE: Non parlà italiano che me tuocche li nierve!

LISETTA: Il dialetto non lo sò parlare.

PASQUALE (a Michele):Chelli canchere de monache francese, me l’hanno mparata accussì superba! Io voglio sapé la ragione pecché non te vuò spusa a D. Carluccio lo nepote de Gnazio, è giovine, simpatico, coraggioso che non se tene na parola da nisciuno, tene ne gran premura pe te, che auto vaje trovanno?

LISETTA: Per voi tutte queste cose bastano, per me no, io non l’amo!

PASQUALE (gridando):Ma pecché?

MICHELE (fa un salto):(Puozze sculà! Vì che zumpo che m’ha fatto fà!).

LISETTA: Perché è un uomo rozzo, senza maniera, senza gentilezza, io mi voglio maritare con un giovine distinto, nobile, aristocratico...

PASQUALE: Te voglio chiavà no punio ccà ncoppa. Vì quanta cose s’è mparata sta muzzecutela, io aggio data la parola e a chillo t’haje da spusà. So’ seje mise che facimme sempe chesto, primme dice che si, e po’ quanno sta nganna nganna dice che no, dimane a sera s’adda firmà lo contratto assolutamente!

LISETTA: Ma io...

PASQUALE: Zitto! Vattenne ncoppa! March! (Lisetta via.)

MICHELE (alzandosi):Ma pecché non lo vò a D. Carluccio?

PASQUALE: E io che ne saccio, quacche vermezzullo tenarrà ncapo. Chesta è la terza vota che lo fa, quanno vene lo notaro che tutto è pronto, essa piglie e dice che non lo vò cchiù. Io pò, Michele mio, francamente, me metto paura de Carluccio, chillo è malandrino, pò essere che me fà quacche cosa.

MICHELE: Oh, chesto è certo.

PASQUALE: Pe tutto Sorriento sà comme lo chiammano? L’ommo de fierro, tanto de la forza che tene.

MICHELE: (Io pe me lo faccio lo primmo sbruffone!).

CONCETTELLA (con premura):Signò, signo...

PASQUALE: Che è stato?

CONCETTELLA: La signora se sta lavanno la faccia.

PASQUALE: E che aggia fà?

CONCETTELLA: Ve l’aggio voluto dicere, aggio fatto male?

PASQUALE: No, ma ne potive fà a meno, se tratta de na lavata de faccia, basta, vattenne ncoppe, e non te movere da vicino a essa.

CONCETTELLA: Li ficosecche me li bolite da?!

PASQUALE: Tiene. (Le dà.) Vattenne. (Concettella via.) Mannaggia quanno maje me so’ nzurato, non bastano li pensiere de lo negozio, nce voleva pure chillo de moglierema, me volarria spartere pe mmità, miezo ccà bascio, e miezo ncoppa a la casa mia, e pe ghionta de ruotolo pò figliema se vò spusà no giovine distinto.

MICHELE: Principà, sta venenno chillo giovene che ha lasciato lo biglietto de visita.

PASQUALE: D. Felice Sciosciammocca?

MICHELE: Sissignore.

PASQUALE: Fallo trasì.

MICHELE: Favorite, favorite.

SCENA SESTA

Felice, e detti.

FELICE: Grazie tanto. (Con lettera.)

PASQUALE: Favorite, favorite. Vuje site D. Felice Sciosciammocca?

FELICE: A servirvi.

PASQUALE: Favorirmi sempre. Vi ha mandato il Deputato Cardi?

FELICE: Perfettamente il quale vi saluta tanto, dice che non vi dimenticate le ficosecche mbuttunate.

PASQUALE: Sono pronte, domani sarà servito! Sempre che il Deputato mi dà ordine, io mi credo troppo onorato.

FELICE: Lui mi disse che voi avevate bisogno di un Segratario, e ha creduto di preferire me.

PASQUALE: Bravissimo. Che età avete?

FELICE: 32 anni e quattro mesi. Sono stato 10 anni con Ravel a Napoli...

MICHELE: Faciveve li sacicce? (Lazzi.)

FELICE: Dunque sono stato 10 anni con Ravel, poi me ne sono andato perché non mi voleva aumentare, da Ravel stesso, vi potete informare io chi sono.

PASQUALE: Non c’è bisogno d’informazioni, vi conosce il deputato e basta.

FELICE: Questa è la lettera di presentazione. (La dà.)

PASQUALE (la prende):Accomodatevi. Michè va dà na mano a Luigi ad arapì chelli ficosecche, avite ntiso che lo deputato li bò, agge pacienza.

MICHELE: Sissignore. Eccomi qua. (Mò che steva a lo meglio, mò me n’aggia da j). (Cerca scusa a Felice, lo saluta ed entra a sinistra prima porta.)

FELICE: (Ma che è no brello chiuso!).

PASQUALE (apre la lettera e legge):«Caro Pasquale. Il porgitore della presente è il giovine che ti proposi, egli fa per il tuo negozio, è di buonissimi costumi, educato, istruito, e senza pretenzioni, puoi benissimo affidargli tutti gli affari tuoi, perché è un giovine di sperimentata fiducia, e fedele come un cane. Debbo dirti però, che è molto disgraziato... (Pasquale lo guarda da capo a piedi.) A me però ha confessato tutto. Fino all’età di 15 anni, è stato guardiano di un Arem in Costantinopoli. Voglialo bene, perché se lo merita. Ti saluto, Tuo aff.mo Cardi». Bravissimo, la lettera parla molto bene di voi.

FELICE: Grazie, è bontà del Deputato.

PASQUALE: Io da questo momento vi prendo con me, co lo stipendio di 100 lire al mese, mangiare e dormire, siete contento?

FELICE: Tutto quello che fate voi, sta ben fatto.

PASQUALE: Io vi metterò a parte di tutti gli affari miei, di tutti i miei segreti, e voi pure dal canto vostro, vi dovete confidare con me.

FELICE: Oh, si capisce, sarete per me un secondo padre.

PASQUALE: Io credo che voi dovete essere molto disgraziato?

FELICE: Eh, così, così... (E pecché so’ disgraziato?!).

PASQUALE: Ah! Povero infelice! Povero infelice!

FELICE: (Ma che m’aggio da j a mpennere a stu paese?!).

PASQUALE: Avite fatto marenna?

FELICE: Nossignore, non ancora.

PASQUALE: Aspettate, mò ve servo io. (Alla porta a destra chiama.) Concettella? Concettella?... Mò ve faccio fà na costata, co no bello bicchiere de vino, e ve mettite no poco in forza, n’avite piacere?

FELICE: (E che, so’ debole dinte a li gamme!). Comme volete voi.

PASQUALE: Pò doppo calate, e incominciate a fà qualche cosa, ma cose leggiere sà, v’avisseve da credere che ve faccio faticà assai, io sò la vostra posizione quanto è critica, tenete la volonta, ma...

FELICE: (Chisto che dice!). Fate voi, io dipendo da voi.

PASQUALE (chiama):Concettella?

SCENA SETTIMA

Concettella e detti, poi Ignazio, indi Carluccio.

CONCETTELLA: Comandate.

PASQUALE: Porta sto giovene ncoppa a la cammera de mangià, falle na costata, e dalle no bicchiere de vino buono.

CONCETTELLA: A sto giovene? (Meravigliata.)

PASQUALE: A sto giovene, sì!...

FELICE: Mò comincene l’invidie, lo principale ordene na cosa, e voi trovate difficoltà.

CONCETTELLA: A me? Nonsignore!

PASQUALE: Jate, jate co sta figliola.

FELICE (a Concettella):Vuò vedé che me ne mangio doje costate?

CONCETTELLA: Mangatevenne pure tre! Favorite.

FELICE: Grazie. (Entra.)

CONCETTELLA: (Guè, chillo è tanto geluso, e po’ fà saglì sto giovene ncoppa). (Entra.)

PASQUALE: Povero giovene, me fà na compassione che non se po credere.

IGNAZIO (con chiave):Buongiorno Pascà.

PASQUALE: Salute Gnà.

IGNAZIO: Pascà, agge pacienza, chillo fore nce sta Carluccio nepoteme, ha ditto che non trase si tu non lo vai a ricevere.

PASQUALE: E ched’è stamme ancora co ste cerimonie, dimane a sera se sposa a figliema.

IGNAZIO: Agge pacienza, Pascà, facimmolo contento, tu sai chillo quanto è terribile, po’ essere che se piglie collera... Aissera pigliaje a n’ommo e lo vuttaje pe ll’aria!

PASQUALE: Nientemeno!

IGNAZIO: Succedette no chiasso!

PASQUALE (va in fondo):Favorite, favorite D. Carlù.

CARLUCCIO (mattinè e calzone strettissimo, cappellino all’italiana con falde molto strette, e bastone):Io ve ringrazio tanto; ma sto D. Carlù, a la verità, non me piace, me potarrisseve chiammà de n’auta manera.

PASQUALE: E de che manera, scusate?

CARLUCCIO Comme, io dimane a sera m’aggio da spusà la figlia vosta, e vuje me chiammate co lo Don? Me pare che sia na caricatura che me vulita fà.

PASQUALE: Nonsignore, ho creduto...

IGNAZIO: (Pascà, non lo risponnere...).

PASQUALE: (Eh, uno ha da parlà. .).

CARLUCCIO: Da oggi in poi voglio essere parlato co lo tu... nce simme capite?

PASQUALE: Va bene.

IGNAZIO: Pascà, chillo sta no poco arraggiato pe no fatto che le seccedette aissera. Carlù, contele lu fatto d’aissera.

CARLUCCIO: Jh, che ghiate contanno, so’ cose de niente.

PASQUALE: Ma che te succedette neh Carlù?

IGNAZIO: Contancello Carlù.

CARLUCCIO: Io steva assettato vicino a lo Cafè mmiezo a la piazza, e steva facenno quatte chiacchiere co n’amico, quando tutto nsieme vedimmo na folla vicino a la preta perciata, me sose e corro, appena vedettene a me, tutte quante se scustajene... che d’è, che è stato? Sta signora furastiera, dicette uno, sta chiagnenno, pecché l’è ghiuto l’aniello de brillante dinta a uno de sti pertose, comme se fà mò, comme se piglie? Se tenevene mente nfaccia e nisciuno se moveva. Luvateve, luvateve da nanze, m’acalaje nterra, e co sti doje dete aizaje la preta perciata.

PASQUALE: (Comme fosse stata na salera).

CARLUCCIO: Po’ co no fiammifero, scennette, pigliaje l’aniello e nce lo dette a la signora. Mentre chella me ringraziava, piglie e vene Ntonio lo perucchiere nfaccia a me, è uno che se crede malamente, ma non è overo, e dice: Scusate D. Carlù, mò sta preta chi la mette n’auta vota a lo pizzo sujo, chella sta proprio vicino a la poteca mia... e che aggio da fà, chiamme nu pare de facchine e falla mettere. E chiammatele vuje. E tu nfaccia a me dice: chiammatele vuje... ppa, le dette nu schiaffo e le facette fà tre capriole. Se sose, arape l’uocchie e caccia lo revolvere, da dinto a la poteca ascettene n’auti quatte amice suoje ca li revolvere mmano mpustate nfaccia a me, io poverommo steva senza niente; ma co tutto chesto non me perdette de coraggio, me fermaje a no pizzo, e arreparava li palle... sparate, sparate... pp, ppò, ppù... li carugnune doppo saprate se mettettene a fuì, io li corrette appriesso, finalmente me ne venette uno mmano... io mò che t’avarria fà, t’avarria da strafucà? Non mporta, faje compassione, vattenne, lo pigliaje e lo vuttaie pell’aria!

PASQUALE: (Comme fosse stato no muscillo!). Che bella forza, che bello coraggio!

IGNAZIO: Pascà, chisto è no giovene che va denare assaje, figlieta fa la fortuna soja, mare chi le dice na parola quanno s’ha pigliato a chisto.

PASQUALE: (A proposito, Gnà, chillo quanno s’ha pigliato a figliema, l’avessa piglià e l’avesse vuttà pell’aria, io po’ addò me la vaco a piglià ncoppa a no 3° o no 4° piano?).

IGNAZIO: (No, questo non lo fa, poi è un giovine educato).

CARLUCCIO: A proposito D. Pascà, io v’aveva dicere na cosa riguardo a sto matrimonio. La piccerella vosta pare che poco me potesse alleggerì, facite che dimane a sera, avesse da dicere n’auta vota che non me vò cchiù, io po’ si non aggio fatto maje niente, e non me ne so’ incaricato, dimane a sera facimmo no poco d’opera.

PASQUALE: Nonsignore, dimane a sera se fanno, tutte le cose in regola.

IGNAZIO: Non voglia maje lo Cielo, Pascà, chella dimane a sera, avesse da fà quacche tirata de mente, nuje addò nce jammo a mettere co chisto?

CARLUCCIO: No, pecché capite, io non nce veco cchiù, e a chi paleo, paleo!

PASQUALE: Nonsignore, non nce sarrà bisogno de palià a nisciuno.

IGNAZIO: Io aggio preparata già la gallaria, e restammo comme combinaieme. Io metto li cannele e penzo pe li sunature, e tu pienze pe li gelate, li dolce e lo rosolio.

PASQUALE: Perfettamente.

IGNAZIO: 12 mila ducati de dote, e quatt’anne de tavola franca.

PASQUALE: Nonsignore, rimmanetteme duje anne de tavola franca.

IGNAZIO: Uh! Pascà, non accommincià mò, io te dicette quatt’anne!

PASQUALE: E io che te risponnette? Quatt’anne non ve le pozzo dà.

IGNAZIO: E io te dicette, duje anne non me conviene.

CARLUCCIO: Psss, va buono... (A Pasquale:) Dateme quatt’anne.

PASQUALE: Ma io...

CARLUCCIO: Dateme quatt’anne...

PASQUALE: (Io te darria 15 anne de reclusione!).

IGNAZIO: (Mò pe duje anne de mangià te miette in urto co chisto?). (A Pasquale.)

PASQUALE: Va bene, non ne parlammo cchiù, siene quatt’anne.

IGNAZIO: Bravo, Pascale!

CARLUCCIO: Vulite che vaco a piglià zi zia?

IGNAZIO: Sì, Carlù, chella starrà aspettanno, non esce da tre ghiuorne, poverella. Tiene, chesta è la chiave, falle fà quatte passe pe la strada nova, che io mò ve vengo a ncuntrà.

CARLUCCIO: Va bene. D. Pascà, permettete? (Saluti con lazzi e via.)

PASQUALE: E tu mogliereta la tiene sempe nzerrata neh Gnà?

IGNAZIO: Eh, caro Pascale, non aggio saputo trovà auto mezzo che chisto pe sta sicuro, tu pazzie, chella tene 27 anne, e io ne tengo 56.

PASQUALE: La stessa posizione mia, anze, io ne tengo 59e essa 26.

IGNAZIO: Tu mò me cride, Pascà, io co tutto che la tengo chiusa, pure quanno esco stongo co no pensiero... che brutta cosa che è la gelosia.

PASQUALE: Eh, dimmello a me. La gelosia te fà cadé malato e non te n’adduone.

IGNAZIO: Te ne fà scennere da dinta a li panne.

PASQUALE: Mò però aggio pigliato no giovene, che s’incarica di tutti gli affari miei, e accussì pozzo sta sempe vicino a essa.

IGNAZIO: Haje pigliato no giovene, e addò sta?

PASQUALE: Sta ncoppa, sta facenno marenna.

IGNAZIO: E tu lo faje stà ncoppa?

PASQUALE: E che me ne preme, chillo po’ sta quanto vò isso.

IGNAZIO: E pecché?

PASQUALE: Pecché?... teh, liègge sta lettera. (Gli dà la lettera Ignazio legge piano.)

IGNAZIO: Oh, vedete che combinazione!... (Sangue de Bacco! chisto sarría buono pe guardà a moglierema...) Pascà, si te cerco no piacere, me lo faje?

PASQUALE: Che piacere?

IGNAZIO: Chiedammillo a me sto giovinotto, doppo che te n’aggia trovà io n’auto a te.

PASQUALE: E pecché?

IGNAZIO: Comme pecché, io me ne servo pe n’auta cosa!

PASQUALE: Che cosa?

IGNAZIO: Comme, tu non nce sì ghiuto all’idea? Le faccio fa la guardia a moglierema, e addò lo trovo meglio?

PASQUALE: Tu che dice!... Sicuro!... (Sangue de Bacco, io non nce aveva pensato!... e chesto lo faccio io!...)

IGNAZIO: Che dice, neh, Pascà?

PASQUALE: Gnazio mio, è impossibile, non te lo pozzo cedere.

IGNAZIO: E nieghe stu favore a n’amico come a me?

PASQUALE: Ma che amico, agge pacienza, tu m’haje apierto la mente, la guardia la faccio fà a moglierema!

IGNAZIO: Ah, neh? E bravo!

SCENA OTTAVA

Concettella, e detti.

CONCETTELLA (con premura):Signò, signò...

PASQUALE: Che è stato?

CONCETTELLA: Eh! che è stato? mò certo m’avita dà la meza lira.

PASQUALE: Pecché?

CONCETTELLA: Primme de tutto, la signora se sta vestenno nzieme co la figlia vosta, e ve manna a dì che vò ascì no poco.

PASQUALE: Va bene, quanno so’ pronte dincello che scennessero che io l’aspetto ccà bascio.

CONCETTELLA: Vulite che scennesere ccà?

PASQUALE: Sissignore.

CONCETTELLA: Va bene, io accussì le dico. Po’ avita sapé, tanta la signora, quanto la figlia vosta, vedenno a chillo giovene che sta ncoppa, l’hanno addimmannate tanta cose, e po’ all’urdemo l’hanno reduto nfaccia. Io appena aggio visto chesto, aggio ditto mò nce l’aggio j a dì a lo patrone.

PASQUALE (freddamente):Già, haje ragione, haje fatto buono; ma da oggi in poi non te n’incarricà de chillo giovene, lassalo j.

CONCETTELLA: Comme! Chelle l’hanno reduto nfaccia?

PASQUALE: E che fa, non te n’incarricà.

CONCETTELLA: Eh, quanno lo dicite vuje li ficosecche me li vulite dà?

PASQUALE: Nonsignore, basta mò, te n’aggio date assaje, po’ te fanno male.

CONCETTELLA: Comm’è, manco li ficosecche pozzo avé? Embè, nuje avimmo fatto lo patto?

PASQUALE: Che patto! Non me rompere la capa! Lasceme sta! Va munne quatte ammennole nzieme co Gennarino llà dinto. (Mostra a sinistra)

CONCETTELLA: Comme! Non aggio da j ncoppa?

PASQUALE: Ninsignore, va mmunne l’ammennole t’aggio ditto.

CONCETTELLA: Va bene. E la mmasciata a la signora chi nce la fa?

PASQUALE: Quà mmasciata?

CONCETTELLA: Che quanno so’ pronte hanno da scennere ccà?

PASQUALE: Ah, già, allora và nce lo dice.

CONCETTELLA: Eccome ccà. (Io pe me non ne capisco niente cchiù.) (Via.)

PASQUALE: Gnazio mio, io te ringrazio, tu m’haje fatto riflettere na cosa che io comme a no ciuccio, non nce aveva pensato. (Ignazio passeggia turbato e non gli bada.) Chi meglio d’isso me po’ sta attiento a moglierema, e io intanto pozzo fà li fatte mieje, pozzo sta sicuro de pensiero... Gnà, ched’è, che è stato?

IGNAZIO: Niente Pascà, me so’ attaccato li nierve.

PASQUALE: Ma, caro Gnazio, tu ne potarrisse fà a meno de te piglià collera, te pare che io te poteva cedere a chillo giovene, era impossibile.

IGNAZIO: Io te l’aveva cercato come favore.

PASQUALE: Ma è no favore che io non te pozzo fà.

IGNAZIO: E va bene.

PASQUALE: Ah, eccolo ccà.

SCENA NONA

Felice, e detti.

FELICE: Io vi ringrazio, sapete, me so’ proprio consolato, tenete no bicchiere de vino, che difficilmente se trova a n’auta parte.

PASQUALE: Quello è vino puro, è vino delle mie terre. Io credo che nemmeno in Costantinopoli se trova no bicchiere de vino accussì, è vero?

FELICE: Sicuro. (E io saccio chesto!) Ho avuto l’onore di conoscere vostra figlia, e la vostra brava signora.

PASQUALE: Benissimo! E comme ve parene?

FELICE: Sono due belle figliole!

PASQUALE: Veramente?

FELICE: Veramente!

PASQUALE: Guè, vuje n’avite viste che n’avite viste, mò non ve fanno cchiù impressione.

FELICE: (Io tengo la sventura de non capì a chisto, io sto viecchio non lo capisco!).

PASQUALE: Dunque, venimmo a nuje, io v’aggio ditto che ve voleva dà ciente lire a lo mese, invece ho pensato meglio, ve ne darò 120, va bene?

FELICE: Io ve ne ringrazio sempre.

IGNAZIO: Giovinò, io so’ amico de Pascale, qui presente, primme steveme in società, po’ nce simme divise, e ognuno se vede lo ssuio. Si vuje venite co me, io ve passo 150 lire a lo mese.

PASQUALE: Oh, Gnà, chesto po’ non è da galantomo.

IGNAZIO: Ccà non c’entra lo galantomo, ognuno cerca de fà li fatte suoje.

PASQUALE: E io te dico che sto giovene non me lascia.

FELICE: Scusate, chillo m’ha mise 30 lire de cchiù.

PASQUALE: E io ve dò 170 lire al mese.

IGNAZIO: E io ve ne dà 200.

PASQUALE: E io 250.

IGNAZIO: E io 300.

PASQUALE: E io... già, queste non sono azioni che si fanno... ma non mporta 350.

IGNAZIO: 400 lire.

PASQUALE: 500.

FELICE: (Ncasate a mano!).

IGNAZIO: 501 lire.

PASQUALE: 550è una... e due...

FELICE: (Mò se libera! Ma che so’ addeventato na specchiera?).

IGNAZIO: 560.

PASQUALE: 600.

IGNAZIO: Ma addà volimmo arrivà? Neh Pascà? Cheste non so’ azione che se fanno!

PASQUALE: Non te n’incarricà, tu haje da risponnere.

FELICE: Se capisce, voi o lasciate o mettete.

PASQUALE: Dunque, 600 è una... e due...

IGNAZIO: 610.

FELICE: Uh! Vuje jate troppo muscio.

PASQUALE: 700.

IGNAZIO (dopo pausa):720.

PASQUALE: 800, 900. Mille! Mille! Mille!

IGNAZIO: (E che so’ pazzo! Che me l’aggio d’attaccà?).

PASQUALE: 1000, e una... 1000, e due... ched’è, non rispunne cchiù? E una... e due... e una e due... e tre!

FELICE: (S’è stutata la cannela!).

PASQUALE: Dunque voi starete con me.

FELICE: Va bene.

IGNAZIO: Io avarria potuto mettere de cchiù, ma aggio visto che nce tenive na gran premura, e me so’ fermato. (A Felice:) (Se caso maje ve contrastate co 1550, venite da me, e io ve dongo sempe 700 lire a lo mese).

FELICE: Va bene. (Io aggio da essere na gran cosa, e non me ne so addunato!).

IGNAZIO: Pascà, statte buono, nce vedimmo dimane a sera.

PASQUALE: Statte buono.

IGNAZIO: Scuse, sà, so’ affare, uno non s’ha da piglià collera.

PASQUALE: No, e che collera?... (Puozze sculà, da ciente lire m’ha fatto arrivà a 1000 lire!).

IGNAZIO (a Felice):(Dunque avite capito? Sempe 700 lire!).

FELICE: (Va bene). (Ignazio via.)

PASQUALE: Vì che ciuccio, se voleva mettere co mmico.

FELICE: Ma scusate D. Pascà, pecché ha fatto chesto? Pecché teneva tanta premura pe me?

PASQUALE: Pecché?... pecché isso pure tene la mogliera giovene, capite, ve voleva tenere isso dinto a la casa, nonsignore avite da sta co me.

FELICE: (Neh, io addò so’ capitato!). Ma vedite D. Pascà, io volarria fà no contrattiello.

PASQUALE: E che paura avite, io so’ no negoziante conosciuto, del resto quanno è dimane ve firmo lo contratto.

FELICE: Va bene. Oh, mò vularria sapé che aggio da fà pecché so’ 1000 lire a lo mese, io intendo di lavorare. Mò me metto ccà e vuje me dicite che aggia fà. (Siede al contair.)

PASQUALE: Nonsignore, luvateve a lloco chisto è lo posto de lo casciere!

SCENA DECIMA

Peppino, e detti, poi Michele, poi Salvatore, poi Luigi e Gennarino indi Concettella Giulietta e Lisetta.

PEPPINO: Eccome di ritorno, ho incassato la cambiale.

PASQUALE: Ecco, guardate, questo è il cassiere.

PEPPINO: Per servirvi. (Va al contair.)

FELICE: Favorirmi sempre. Allora me metto ccà. (Va alla scrivania:)

PASQUALE: Nonsignore, luvateve da lloco chisto e lo posto de lo scrivano.

MICHELE: Li ficosecche l’avimmo aperte.

PASQUALE: Ecco qua, questo è lo scrivano.

MICHELE: Sissignore, io so’ lo scrivano.

FELICE: Tanto piacere.

PASQUALE: Michè, miettete llà.

SALVATORE (dal fondo con carrettino):Ccà sta la carrettella, jammo co la spedizione.

PASQUALE: Sti cinche caneste pe Napole. (Salvatore incomincia a prenderle.)

FELICE: Mò l’aiuto io. (Esegue.)

PASQUALE: Luvateve da lloco... ma che site pazzo... chesto nce sta chi lo fà. (Chiama:) Luigi, Gennarino?

LUIGI: Commannate.

GENNARINO: Eccome ccà.

PASQUALE: Jammo, jammo, la spedizione pe Napole.

LUIGI: Subito. (Insieme a Gennarino alzano le caneste e le mettono sul carrettino.)

CONCETTELLA: Ecco ccà la signora.

GIULIETTA (con cappello):Eccoci pronte. Pascà, agge pacienza, stammatina è proprio na bella giornata, e volimmo piglià no poco d’aria.

LISETTA (con cappello):Nce facimmo na bella cammenata.

GIULIETTA: Credo che non te dispiace?

PASQUALE: A me me fà piacere.

GIULIETTA: E pigliete lo cappiello, fà priesto.

PASQUALE: Io aggio che fà, non ve pozzo accompagnà.

GIULIETTA: Uh! E che nce accompagna?

PASQUALE (a Felice il quale ha preso una granata e spazza il magazzino): Posate sta scopa. (Gliela leva.) Chesto l’adda fà Concettella. (Gridando.)

FELICE: Scusate, chello l’adda fà lo cassiere, chello l’adda fà lo scrivano, chello l’adda fà Gennarino e Luigi, chello l’adda fà Concettella, e io che aggia fà?

PASQUALE: Che avite da fà? Giuliè, miettete sotto a lo vraccio de sto giovene. (Giulietta esegue) Tu Lisè da chell’auta parte. (Lisetta esegue.) Accompagnate mia moglie e mia figlia, questo è quello che dovete fare sempre, questo è il vostro impiego!

FELICE: Ah! Io questo debbo fare? E allora va bene! e allora va bene. (Mentre sta per andare con le donne, con sorpresa di tutti.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

Camera semplice in casa d’Ignazio — porta in fondo, 3 porte laterali e finestra 1a quinta a sinistra del pubblico — In fondo due conzole con orologi — lampiere nel mezzo, dove invece delle candele ci sono 24 lampioncini di tutti i colori — Un piccolo tavolino tondo con tappeto e 10 sedie di Vienna.

SCENA PRIMA

Ignazio e Raffaele.

IGNAZIO (dal fondo a sinistra in calzone nero stretto e corto, gilè bianco e cravatta bianca):Jammo, jammo. Rafaè, non perdimmo tiempo, sti duje candelabri ncoppa a li conzole.

RAFFAELE (calzone nero, ghetti langhé, e livrea rossa esce appresso a Ignazio con due candelabri accesi con candele da 2 soldi l’una):Subito. (Situa i due candelabri su di una conzola.)

IGNAZIO: Che hai fatto, animale! n’haje da mettere uno pe conzola, jammo, io non lo pozzo fà pecché po’ essere, che me va no poco de cera ncuollo, e chesta non è na giacchetta qualunque, chesta è sciassa.

RAFFAELE (esegue):Va bene accussì?

IGNAZIO: Va buono. Mò sà che haje da fà, vattenne fore a la sala, e quanno vene quaccheduno l’haje d’annunzià co na bella voce.

RAFFAELE: Signore mio, non ve pozzo servì, na vota teneva na bella voce, 35, 36 anne fa, aggio fatto pure lo corista a S. Carlo, mò me so’ fatto viecchio.

IGNAZIO: Rafaè, dì la verità, tu p’annunzià a quaccheduno, te vulisse fà na cantata?

RAFFAELE: Vuje avite ditto co na bella voce.

IGNAZIO: Co na bella voce, voglio ntennere bella, forte!

RAFFAELE: Ah, non dubitate.

IGNAZIO: E quanno viene ad annunzià, statte attiento alle desinenze.

RAFFAELE: Hanno da venì pure ccà stasera?

IGNAZIO: Chi?

RAFFAELE: Le desinenze.

IGNAZIO: (Mò che auto ha capito? Comme m’è venuto ncapo de le fà fà lo servitore a chisto stasera). Li desinenze significano lettere de li parole capisce?

RAFFAELE: Signò, scusate, io non capisco.

IGNAZIO: Tu mò si lo guardaporta mio, e te chiamme Raffaele, andiamo, Raffaele comme fenesce?

RAFFAELE: Facenno lo guardaporta, comme aggio da fenì... la semmana passata pe punto e punto perdette lo terno, si asceva 37, lo guardaporta non lo faceva cchiù.

IGNAZIO: (Mò vide che paccaro le dongo e faccio ascì 38). Rafaè, tu saje scrivere?

RAFFAELE: Sissignore, no pocorillo.

IGNAZIO: Embè, dimme na cosa, si tu avisse da scrivere: è arrivato lo sposo, il signor Carlino, che sarría nepoteme?

RAFFAELE: Sissignore.

IGNAZIO: Lo Carlino, comme lo faje fernì?

RAFFAELE: E nce vò tanto: quatto rane de pane, cinco rane de casecavalle, e no rano rafanielle e sale.

IGNAZIO: (Puozzo sculà, chillo che ha capito!). Va buono Rafaè, vattenne fa chello che buò tu.

RAFFAELE (guardando il lampiere ridendo):Ma signò, scusate, ccà stasera che nce sta la festa de Piedigrotta?

IGNAZIO: Pecché?

RAFFAELE: Aggio visto li lampiuncielle appise. (Ride.)

IGNAZIO: Tu non ne capisce niente, vattenne fore.

RAFFAELE: No, ma fanno belle, avite fatta na bona penzata, li lampiuncielle. Ah, ah, ah! (Via ridendo.)

IGNAZIO: Vì che piezzo d’animale, già chillo è no guardaporta, capisce chesto. Io aggio voluto fà na novità, oramai s’è resa na cosa usuale, tutte quante mettene cannele, e po’, io me ne so’ asciuto co 24 solde, no soldo d’uoglio ogne lampiunciello... Ah, ecco ccà moglierema... comme sta bella, e comme sta arraggiata neh?

SCENA SECONDA

Angelica, e detto, poi Raffaele e 3 suonatori.

ANGELICA (in abito da festa, ma non di lusso, esce e va alla finestra).

IGNAZIO: Angelicuccia mia, ched’è, non saccio comme te veco?

ANGELICA: Sapite che ve dico D. Ignà, stasera, non me parlate, non me dicite niente, lasciateme stà!

IGNAZIO: Ma pecché? Che è stato? Co chi l’haje?

ANGELICA: E me l’addimmannate pure? l’aggio co buje proprio!

IGNAZIO: Co me? E pecché?

ANGELICA: Pecché non me fide cchiù de fà sta vita, si vuje m’avisseve ditto de fanne stà sempre chiusa dinta a la casa, io non me sarría mmaritata. Ajere ascette na mez’ora e me ritiraje, stammatina so’ stata chiusa da dinto tutta la jornata, ma perché, domando io, perché?

IGNAZIO: Pecché?... pecché te voglio troppo bene, sciasciona mia me metto paura de tutto, voglio che non te guardassero nemmeno. So’ geluso assaje, che aggio da fà.

ANGELICA: Ma che gelosia! Chesta non è gelosia, è oppressione!

IGNAZIO: Quanto staje bella stasera, me pare na palummella, na tortorella... E vuje me parite no scorpione!

IGNAZIO: Dimme chello che buò tu, io da te me soffro qualunque cosa.

ANGELICA: Io po’ non capisco che avite combinato ccà, avite mise li bampiuncielle?

IGNAZIO: Pecché stanno malamente?

ANGELICA: Ma se capisce, comme v’è venuto de fà chesto, vedite che figura infelice avimmo da fà nuje.

IGNAZIO: Pecché figura infelice, quella è una novità.

ANGELICA: Bella novità, veramente degna de vuje.

RAFFAELE (annunziando). I professori d’orchestra.

IGNAZIO: Ah bravo! Avanti.

RAFFAELE: Favorite. (Escono 3 suonatori con trombone e violino, quello che suona il violino è cieco.)

I SUONATORE: Felicesera.

ANGELICA: Vide lloco vì, uh! Mamma mia, io mò me vaco a spuglià!...

IGNAZIO: Che cos’è, Angè?

ANGELICA: Comme che cos’è, non vedite che chillo è cecato, vuje che avite fatto?!

IGNAZIO: Eh, ma io chesto non lo sapeva. Professò, scusate, vuje po me portate no cecato ccà?

I SUONATORE: Pe na lira che ghiate trovanno.

IGNAZIO: Pss, va bene ho capito. (Ad Angelica:) Ha ditto che è cecato, ma è una celebrità. Trasite llà. (indica, a sinistra) Mò vengo io e v’acconcio lo tavolino co li lume. (I tre entrano.)

ANGELICA: Pure è buono che nuje non conoscimmo a nisciuno, e nisciuno nce vene, si no sà che bella figura se faciarria!...

IGNAZIO: Ma pecché, agge pacienza, chillo ha da sunà co la vocca no co l’uocchie.

ANGELICA: Jatevenne, jatevenne, non ve voglio sentì cchiù, lasciateme sta! Ah, io co st’ommo certo me ne moro. (Via seconda a destra.)

IGNAZIO: Angelicuccia, Angelicuccia... comme me venette ncapo a me de me nzura... chella have ragione, è figliola, è friccecarella.

SCENA TERZA

Raffaele e detto poi Peppino, indi Raffaele, Michele, Luigi, Salvatore e Gennarino.

RAFFAELE: Il signor Giuseppe Giallo.

IGNAZIO: Giallo?

RAFFAELE: No... me pare Giuseppe Blù... no Bianco...

IGNAZIO: Se po’ sapé che colore è?

RAFFAELE: Non me ricordo, aspettate. (Via e torna subito.)

IGNAZIO: Va trova che cancaro sarrà... chi è?

RAFFAELE: Il signor Giuseppe Rosso.

IGNAZIO: Avanti, favorisca.

PEPPINO (soprabito nero, gilè bianco e calzone nera):Rispettabilissimo Signor D. Ignazio.

IGNAZIO: Oh, caro D. Peppino.

PEPPINO: Il mio principale con la moglie e la figlia, fra poco sarranno qua, egli ha invitato a tutti i giovani del suo negozio, credo che non vi dispiacerà?

IGNAZIO: Oh, per carità, anzi mi fà piacere. (Che me ne mporta a me, pe li gelate e li dolce nce ha da pensà isso.) E così D. Peppì, Pasquale come vi tratta, dopo la nostra divisione?

PEPPINO: Non ne parliamo, caro D. Ignazio, non ne parliamo, lavoriamo sempre, e dice che non facciamo mai niente, alle volte mi fa certe mortificazioni in pubblico che io non merito. Io non era nato per essere maltrattato. Caro D. Ignazio, a me nisciuno mi conosce, ma io sono un genio.

IGNAZIO: (Vì che bello genio teh!).

PEPPINO: Poi da che è venuto un certo D. Felice, che sà, come suo confidente, ha perduta la testa, non c’è altro che D. Felice per lui. Da che era tanto geloso della moglie, nientemeno adesso la fa accompagnare da quello là, io non ho potuto capire perché, perché tanta affezione e tanta fiducia per quell’uomo.

IGNAZIO: Ma come voi non sapete niente? (Ridendo.)

PEPPINO: Di che?

IGNAZIO: Quello llà, quel tale D. Felice, a Costantinopoli...

RAFFAELE: (Annunziando). Quattro signori distinti!

IGNAZIO: Quattro signori distinti! E chi songo? Avanti.

RAFFAELE: Favorite. (Escono i quattro giovani di Pasquale in calzone nero, gilè bianco, e sciasse molto larghe, cravatte bianche e guanti.)

MICHELE: Buonasera.

LUIGI: Mille auguri felici.

SALVATORE: Pe cient’anne.

GENNARINO: E co bona salute.

IGNAZIO: Grazie tanto. (Vì che quatte signori distinti!). (A Gennarino e Salvatore.) Vuje pure site venute?

SALVATORE: Sissignore.

GENNARINO: Nce l’ha ditto lo principale.

IGNAZIO: (Ha pigliato li facchine e nce la mise li sciasse ncuollo).

LUIGI: Si ve fa dispiacere, nce ne jammo.

IGNAZIO: Nonsignore, quanno l’ha fatto Pascale, sta bene. (Si aveva da caccià io li gelate, stiveve frische!).

PEPPINO: Poi D. Ignà, questi qua stasera dovevano venire per forza, perché abbiamo preparata una sorpresa per gli sposi.

IGNAZIO: E che sorpresa?

PEPPINO: Eh, non si può dire, se no finisce il bello, sentirete, sentirete.

IGNAZIO: Va bene, fate voi. Permettete no momento, io vado ad accuncià l’orchestra.

PEPPINO: Fate pure. (1 4 s’inchinano.)

IGNAZIO: (Acquaiuò!...). (Via a sinistra.)

PEPPINO (guarda intorno):Non c’è nessuno. A noi, facciamo la prova generale, cacciate le carte. (1 4 cacciano le carte e cantano il coro della 1a scena del 1°  atto.) Oh, che piacer! (Cantando.) E non tenere una voce di soprano... che peccato!... (Cantano, mentre dicono.) In verità, in verità...

SCENA QUARTA

Raffaele e detti, poi Carluccio.

RAFFAELE (annunziando):D. Carlino, lo sposo. (I 5 non gli badano, esce Carluccio in soprabito nero molto stretto, gilè e calzoni neri stretti e guanti neri, cravatta bianca e con cappello alto con falde strette, si ferma e guarda i 5.)

CARLUCCIO: Pss, guè... ched’è levateve da miezo, stateve zitte! Me parite cinche cane!

PEPPINO: Scusate, noi siamo degli invitati.

CARLUCCIO: E comme a mmitate, v’avita sta co tutta l’educazione e l’umiltà. Vuje venita dinta a na casa de uno, e ve mettite ad arraglià de chesta manera!...

PEPPINO: Ma vedete...

CARLUCCIO: Pss, statte zitto, vuje site invitate e assettateve llà.

PEPPINO: Ma io...

CARLUCCIO: Haje capito assettete llà? Ma quanno maje io dico na cosa doje vote! (Peppino siede.) Vuje pure site mmitate?

MICHELE: Sissignore. Noi siamo i giovani del negozio di D. Pasquale.

CARLUCCIO: Va bene, assettateve lloco e non ve movite. (1 4 seggono.) Vuje forse non sapite io chi songo? Io songo lo sposo! (I 4 muovono il capo.) Io songo lo sposo! (I 4 fanno lo stesso.) (Gue, io dico che songo lo sposo, e chille fanno co li cape accussì!). Ma vuje educazione ne sapite o no! Comme, io songo lo sposo, e vuje non me facite cerimonie?...

PEPPINO: Scusate, signore, noi non vi conoscevamo, e quando siete venuto, stavamo provando un coro, che ho composto io, da cantarlo questa sera, in occasione del vostro matrimonio.

CARLUCCIO: Ma che coro, e coro, e provà, lo coro non se prova, se vede co li fatte, se tene mpietto.

PEPPINO: No, avite capito una cosa per un’altra.

CARLUCCIO: Aggio capito na cosa pe n’auta?! Comme te chià, mò me faje fà na pazziella e bonasera, vuò vedé che te chiavo no caucio e te faccio avutà tuorno tuorno pe n’ora e mmeza?

PEPPINO: Nonsignore, non v’incomodate. (Siede frettoloso.)

CARLUCCIO (passeggia):Io credo che vuje non sapite co chi avite che fà... nfaccia a me, avite capite na cosa pe n’auta! Ringraziate lo Cielo che v’è benuta bona, e sapite pecché? Pecché stasera aggio da spusà, e non voglio fà sentere lo nomme mio. Si sti parole l’avarrisseve ditto ajere, a chest’ora starrisseve a lo spitale (I 4 ridono, Carlo li guarda e loro si fermano.) Pecché io, capite, io ncapo non nce tengo doje cervelle, nce tengo doje spogne, nfose dinte all’acqua de raso. (I 4 Ridono c.s.) lo sango mio, non è sango è petrolio! (I 4 come sopra.) perciò comme me guardate io m’appiccio tutto quanto!... (Dopo pausa ai 4:) Guagliù, vuje pare che state redenno?

MICHELE: Nonsignore! E pecché avevene da ridere?

CARLUCCIO: No, me credeva.

SCENA QUINTA

Ignazio e detti, indi Raffaele Clementina e Mariannina.

IGNAZIO: Guè, Carlù, sì benuto?

CARLUCCIO: Sissignore, bacio la mano.

IGNAZIO: Comme staje bello, bravo Carluccio.

CARLUCCIO: La sposa non è venuta ancora?

IGNAZIO: No, ma chille mò li bide venì.

CARLUCCIO: Zì Gnà, io po’stasera primme de firmà lo contratto, volarria parlà co D. Pascale pe riguardo a li 4 anne de tavola franca.

IGNAZIO: E che le vuò dicere?

CARLUCCIO: Voglio sapé isso che ntenne de me dà a magnà, io aggio fatto na notarella de tutto chello che non me piace, e tale e quale se mette dinto a lo contratto. (Caccia una noticina.) Ecco ccà. (Legge:) «Cibi che non piacene a lo sposo; Menesta verde; Fasulille co l’occhietielle, ova cotte...».

MICHELE: E papere! (Lazzi.)

CARLUCCIO (seguita):«Fecato fritto...».

MICHELE: E baccalà! (Lazzi.)

CARLUCCIO (seguita):Moglignane a fungetielle, patane «co la nzogna, cucuzzielle case e ove, nzalata de cetrole, e lattuga romana».

IGNAZIO: Va bene mò vedimmo. Ma te pare che potimmo mettere sta notarella dinto a lo contratto, doppo spusate, amichevolmente se dice, vedite che sti piatte non me piacene.

CARLUCCIO: Nuje facimmo na quistione, io piglio a D. Pascale e lo mengo abbascio!

IGNAZIO: Nonsignore, non nce sarrà sto bisogno.

CARLUCCIO: Va bene, io ve l’aggio avvisato.

IGNAZIO: Piuttosto dinto a lo contratto, sa che mettimmo, che ogne matina a tavola t’hanno da dà...

RAFFAELE (annunziando):Chelle che stanno sotto a buje.

IGNAZIO (seguitando):Chelle che stanno... (st’animale mò me lo faceva dicere pure a me!). Avanti avanti... (Escono Clementina, Mariannina, vestite da festa piuttosto caricate.)

CLEMENTINA: D. Ignazio, buonasera. Signori...

IGNAZIO: Cara D. Clementina, cara D. Mariannina.

CLEMENTINA: Angelica stammattina ci ha invitate, e nuje avimmo accettato con gran piacere. (Porta guanti bianchi un poco rotti con qualche punta delle dita fuori.) Dovete scusare solamente che siamo venute un poco tardi, a causa che mia nipote qui presente, la quale quanno addà j a quacche parte, è capace che se sta vicino a la toletta doje ore.

MARIANNINA: Non è overo, dicite la verità, pecché vulite dà la colpa a me. Aveveme date ad accuncià li stivalette a lo solachianiello, e mò nce l’ha portate li vedite, comme l’ha fatte belle. (Mostra un piede.) Ha voluto doje lire.

CLEMENTINA: Ma te staje zitto o no! Che stupida, pe se discolpà, trova na scusa accussì inconcludente. Nuje tenimmo tre pare de stivalette pedono.

IGNAZIO: (Non è overo, vanne scauze pe la casa). Io lo sò, lo sò, quella ragazza scherza.

MARIANNINA: Neh, D. Ignà, stasera s’abballa?

IGNAZIO: Se capisce, dentro sta l’orchestra preparata.

MARIANNINA (battendo le mani):Che bella cosa, che bella cosa!

CLEMENTINA: Neh, ma Angelica addò sta?

IGNAZIO: Eccola ccà, sta venenno.

SCENA SESTA

Angelica, e detti.

ANGELICA: Oh, cara D.a Clementina, cara Nannina.

MARIANNINA: Buonasera.

CLEMENTINA: Come staje, staje bona?

ANGELICA: Eh, non c’è male. Assettateve.

CLEMENTINA: Grazie tante. (Seggono.) Finalmente doppo tanto tiempo, avite data na festa de ballo! Che vulite, ogne tanto, uno s’ha da divertì no poco, e io credo che si non se fosse data l’occasione de sto matrimonio, manche niente avarrisseve fatto.

ANGELICA: Che nce vulita fà. D.a Clementina mia, che nce vulita fà, io tengo no marito che a tutto penza, fuorché ai divertimenti.

CLEMENTINA: Ma D. Ignazio mio, scusa te, vuje facite malamente, chella è figliola, e ogne tanto, l’avita da fà spassà no poco.

IGNAZIO: Ma cara signora, io tengo gli affari miei.

CLEMENTINA: Ma che affari, che affari, aggiate pacienza, che la vulita fà nun a sta povera figliola. Io, so’ io, e si non abballo almeno ogne otto juorne, cado malata.

IGNAZIO: E che vuol dire, a voi forse piace di ballare, a noi no.

ANGELICA: Cioè a voi non vi piace, ma a me si! Basta, non parlammo de chesto, si no songo certa che me ntosseche la serata. Una cosa ve dico però: non me chiudite cchiù da dinto, si no faccio cose de pazze.

CLEMENTINA: Comme, comme! Te chiude da dinto?

ANGELICA: Già, quanno esce, me chiude da dinto e se porta la chiave.

CLEMENTINA: Oh, D. Ignà, chesto è troppo, scusate.

IGNAZIO: Lo faccio per affezione.

ANGELICA: Io st’affezione non la voglio, vuje ve credite che facite buono, invece facite male assai, e quanno lo volite sapé, io vaco trovanno lo pilo dinta all’uovo pe nce spartere, pecché non me fide cchiù.

CLEMENTINA: E avite ragione, quanno avite da stà accussì, è meglio che ve spartite.

IGNAZIO: Sempe è buono no consiglio de na vicina... D.a Clementi chiste so’ affare che a buje non ve riguardano, perciò faciteme lo piacere de non ve n’incaricà.

CLEMENTINA: Uh! Scusate! Scusate, D. Ignà, io na parola aggio ditto.

IGNAZIO: E avite ditto na parola che non aviveva da dicere quanno avite da stà accussì, è meglio che ve spartite, chiste so’ consiglie de femmenelle!

CLEMENTINA: D. Ignà, badate comme parlate, ca ccà nisciuno è femmenella.

IGNAZIO: Femmenella e mmeza! Quanno parlate accussì!

CLEMENTINA: Io pe regola vosta, D. Ignà, so’ na signora, e tutto Sorriento me conosce, nisciuno ancora m’ha chiammato femmenella!

IGNAZIO: N’auta vota mparateve l’educazione.

CLEMENTINA: No, io l’educazione la saccio sà, e te ne pozzo dà pure lezione, capisce?

IGNAZIO: Vattenne leziò, tu sei na lazzarona qualunque!

ANGELICA: Non ve n’incaricate D.a Clementi...

CARLUCCIO: Va buono zizì, quanno la vulite scamazzà me lo dicite!

CLEMENTINA: No, Angè, statte bona, me ne voglio j n’auta vota, jammoncenne Mariannì.

MARIANNINA: No, io non me ne voglio j, io voglio abballà. (Piange.)

CLEMENTINA (forte):Jammoncenne te dico!...

MARIANNINA (piangendo forte):No, no, io voglio abballà, voglio abballà. (Battendo i piedi a terra.)

ANGELICA: D. Clementì, che significa sta cosa, embè, me vulite tanto bene, e po’...

CLEMENTINA: No, scuse, Angelica mia, maritete m’ha offesa, si se retira li pparole che m’ha ditto me stongo si no mò proprio nce ne jammo.

MARIANNINA (piangendo):No, no, io me voglio stà, me voglio stà.

CLEMENTINA: Statte zitta tu!

ANGELICA (va da Ignazio):Vi prego di ritirarvi le parole che avete detto a D.a Clementina.

IGNAZIO: (Tiene mente che pacienza).

CARLUCCIO: (Zizi, ritirateve le parole, è femmena, che vulita fà?...).

IGNAZIO: Va bene, io mi ritiro le parole che vi ho detto. Site contenta?

CLEMENTINA: Benissimo! Avete fatto il vostro dovere! Allora restiamo.

MARIANNINA (battendo le mani):Oh, che piacere, che bella cosa! che bella cosa!...

IGNAZIO: (Quanto è antipatica chella guagliona!).

SCENA SETTIMA

Raffaele e detti, poi Pasquale, Giulietta, Lisetta e Felice.

RAFFAELE: Arriva la sposa! (Tutti si alzano.)

IGNAZIO: Oh, finalmente! (Escono i suddetti, Felice è vestito da turco con frustino.) Pascà, pecché accussì tarde?

PASQUALE: E non lo ssaje, li femmene quanno hanno da fà toletta, è n’affare serio, non se vedene maje spiccià. Carluccio bello!

CARLUCCIO: Caro papà, io vedennove tricà, aveva cominciato a fà quacche cattivo pensiero e aggio ditto: vuò vedé che la sposa non nce vò venì?

PASQUALE: Oh, non nce penza pe chesto, chella le parevene mill’anne de venì. (Le donne parlano fra di loro.)

LUIGI: Neh, Gnà, agge pacienzia, che haje mise li lampiuncielle?

IGNAZIO: Sì, comme fanno belle, dì la verità?

PASQUALE: Belle assaje, sulo tu potive fà sta pensata!

IGNAZIO: A proposito, Pascà, D. Felice, comme se porta?

PASQUALE: Benissimo, Gnazio mio, aggio fatto n’affarone, si non me venive a rompere ll’ove dinto a lo piatto, me sarria costata na miseria, ciente lire a lo mese.

IGNAZIO: Tu po’ te lo pigliave pe ciente lire?

PASQUALE: Comme, chillo era tanto contento, pecché a la fine po’, non ha da fà nisciuna fatica.

IGNAZIO: Haje fatto buono che l’haje vestuto da turco.

PASQUALE: L’abito adattato, l’aggio mannato apposta a procurà, a Napole.

IGNAZIO: Psss. (A Felice:) Venite ccà?

FELICE: A me?

IGNAZIO: Sissignore. (Felice si avvicina.) Comme ve trovate co Pascale, avete dormito bene?

FELICE: Benissimo! Non ho proprio di che lagnarmi, e vi dico francamente, che sono mortificato di tante gentilezze che mi usa D. Pasquale. Stamattina appena fatto giorno, la serva mi ha portato il latte e caffè dentro il letto; credetemi, tanto della mortificazione, che m’è venuto da piangere, perché sono attenzioni che io non ho avuto da nessuno.

PASQUALE: Che c’entra, è dovere!

IGNAZIO: (Si v’appiccecate co isso, e venite co me ve dongo la cioccolata).

FELICE: (Va bene)

GIULIETTA: Ce l’aggio ditto a sta scema, na vota che tu non lo può vedé, che non te piace, che non lo vuò bene, dincello a pateto: quatte e quatte otto, io non lo voglio!

LISETTA: Nce I’aggio ditto tanta vote, ma isso niente, pe forza me lo vò fa spusà, stanotte aggio fatta la nottata sempe a chiagnere!...

ANGELICA: Lisetta mia, pe carità, si te l’haje da piglià senza genio, minete cchiù priesto abbascio, accussì muore una vota, e non nce pienze cchiù. Saccio io che significa no matrimonio fatto afforza!

CLEMENTINA: Oh, chesto è certo, e pecché la vonno infelicità, povera figliola!

ANGELICA: Lo bello è che non sì cchiù a tiempo, a n’auto ppoco vene lo notaro, comme se fa? (Parlano fra di loro.)

CARLUCCIO: Papà, io po’ doppo spusato, ve faccio sapé quacche piatto che non me piace.

PASQUALE: Sissignore, se capisce! (Parlano fra di loro. In questo frattempo ignazio ha parlato nell’orecchio di Peppino, mostrando Felice, Peppino si meraviglia, poi parla all’orecchio di Michele, questi a Luigi, e quest’ultimo a Salvatore, e a Gennarino. Tutti guardano Felice. Peppino gli gira intorno.)

FELICE (Va trova chisto che bò da me!).

PEPPINO: (Sorte ti ringrazio, ho trovato il soprano!).

CARLUCCIO: Scusate, vuje pecché ve site vestuto accussì?

FELICE: E che ne saccio, pecché D. Pascale accussì ha voluto.

CARLUCCIO Ma ched’è Carnevale?

FELICE: Vuje che vulite da me, dicitencello a isso.

CARLUCCIO: Vuje le diciveve, aggiate pacienzia, sto vestito non me lo voglio mettere.

FELICE: E non nce lo poteva dicere chesto.

CARLUCCIO: Pecché?

FELICE: Pecché chillo me dà mille lire a lo mese, e doppo che me vò fà vestere da cane, io m’aggio da stà zitto.

CARLUCCIO: Vulite sapé la verità? Io sta cosa non la capisco.

FELICE: Io non la capisco io, come la vulite capì vuje!

PASQUALE: Neh, Gnà, io aggio fatto venì la stufa co li gelate, cierti dolci, e cierto rosolio, sta tutte cose fose, vuò venì a vedé addò s’adda mettere?

IGNAZIO: Ah, sicuro. (Di dentro si sente suonar un valzer dai tre strumenti.) Oh, bravo, la musica... Pascà, comme te pare?

PASQUALE: Ma che, stanno sonanno ccà?

IGNAZIO: Già, dinto a la galleria.

PASQUALE: Io me credeva che sonavano da miezo a la strada.

IGNAZIO: Neh, trasite dinto, incominciate a fà quacche cosa, nuje mò venimmo. (Via fondo a destra.)

PASQUALE (a Felice):Si moglierema vò abballà, facitele abballà co buje, sa, co buje sulo.

FELICE: Va bene. (Io non capisco chisto che marite è!) (Pasquale via pel fondo Peppino entra a sinistra i 4 lo seguono.)

ANGELICA: Giuliè, jammo dinto.

GIULIETTA: Jammo, jammo.

ANGELICA: Venite D.a Clementi.

CLEMENTINA: So’ pronta.

MARIANNINA: Jammo, jammo abballà. (Battendo le mani tutte entrano a sinistra.)

CARLUCCIO: Io non saccio j co tanta cerimonie... Bella piccerè, vienetenne.

LISETTA: (Eh! Mamma mia, quanto e antipatico). Ma dico io, non sapite parlà meglio?

CARLUCCIO: E comme aggio da parlà, quanno uno vò bene a na figliola, chello che le vene mmocca, chello rice.

LISETTA: (Chello rice... neh D. Feli?).

FELICE: (E che vulite da me?).

CARLUCCIO: Jammoncenne, jà. (La prende per la vita e viano a sinistra. La musica cessa.)

FELICE: Quanto è bona sta fìgliola è n’affare serio. Si sarría venuto no mese primme, me nce metteva a fà l’ammore io, e me l’avarria spusata co tutto lo core... e la mogliera de D. Pascale? un altro pezzo rispettabile... eh, e la serva?... Ccà, so’ tutte bone! Intanto, vedete chi se poteva immaginà de trovà chesta fortuna. Chello che non pozzo capì, pecché m’ha vestuto de chesta manera, e m’ha dato sto scorriato mmano, me fà fà na figura ridicola, non capisco pecché...?

SCENA OTTAVA

Peppino e detto, poi Lisetta.

PEPPINO (gentilmente):Buonasera.

FELICE: Felicenotte.

PEPPINO: Con quest’abito state proprio bene.

FELICE: Sicuro, me pare no pupo!...

PEPPINO: Voi non potete credere che piacere abbiamo avuto tutti gl’impiegati che siete venuto voi, siete simpatico a tutti quanti.

FELICE: Veramente? Vì che piacere teh.

PEPPINO: In me specialmente non troverete un amico, ma un fratello, un fratello affezionato.

FELICE: Grazie tanto.

PEPPINO: Solamente, voleva chiedervi un gran favore.

FELICE: Non me cercate denare, pecché non tengo manco no soldo, m’hanno promesse 1000 lire, ma non aggio avuto niente ancora.

PEPPINO: Nonsignore, pe carità, che denaro... quanto siete curioso!...

FELICE: Vì chi parla!...

PEPPINO: Dovete sapere che io ho composto un coro da cantarlo in occasione di questo sposarizio verso mezzanotte, l’una, sotto le finestre di questa casa. è tutto pronto, vi assicuro che è bello assai. Però ci stanno due rispostine per soprano, se no il coro perde d’effetto... fino a questo momento non sono stato buono di trovare una voce di donna.

FELICE: E che vulite da me?

PEPPINO: Fatemi voi questa gentilezza.

FELICE: Frato mio, è impossibile, io non vi posso servire e che tengo la voce de soprano? Io ho cantato sempre da baritono.

PEPPINO: Uh! Non dite sciocchezze. (Carezzandolo.)

FELICE: (Neh, ma chisto pecché fà lo farenella!).

PEPPINO: Dite piuttosto che non mi volete fare questo favore — guardate, quelle so’ due piccole risposte (caccia la carta di musica) la prima volta «Oh, che piacer» e la seconda risposta « è una stella mattutina» questo è tutto.

FELICE: Ma io non posso.

PEPPINO: Va bene, voi potete, non vi fate più pregare fatemi questa gentilezza.

FELICE: Vuje vedite che guajo che aggio passato!

PASQUALE: Poi il motivo è facilissimo, un paio di volte che lo facciamo subito ve lo imparate. A un altro poco mentre tutti quanti si prendono i gelati, noi andiamo in una stanza di questa, e lo concertiamo due tre volte... che ne dite? Io, se mi fate questo pacere, senz’offesa, vi regalo 5lire.

FELICE: 5lire?

PEPPINO: Sissignore.

FELICE: Anticipate?

PEPPINO: Anticipate! tenete. (Gliele dà.)

FELICE: (M’aggia mangià cinche lire de chisto!) Va bene, lasciatemi la carta.

PEPPINO: Eccola qua. (Dà la carta.) Grazie tante. Vedete, noi ce ne andiamo dentro quella stanza là. (Indica seconda a destra) cuiete, cuiete...

FELICE: Va bene. (Vede uscire Lisetta.) Signorina, che cos’è?

LISETTA: Niente, mi sono intesa girare un poco la testa.

FELICE: Accomodatevi qua. (Lisetta siede.)

PEPPINO: Dunque, a rivederci tra poco?

FELICE: A rivederci. (Peppino via a sinistra.) Ma adesso come vi sentite?

LISETTA: Me sento, meglio, grazie tanto. Ah! Ma pecché aggio da essere accussì disgraziata io! Sarria meglio si muresse!

FELICE: E perché volete morire, signorina, voi così giovane, così bella, e poi questa sera dovete stare allegramente, fra poco verrà il notaio, si firmerà il contratto.

LISETTA: Non me lo ricordate, per carità!...

FELICE: Ma perché, signorina? Confidatevi con me, forse lo sposo non vi piace?

LISETTA: Non mi piace! Non l’amo! E non l’amerò mai!

FELICE: Possibile!

LISETTA: è antipatico, pesante, rustico quanto mai, poi con certi modi...

FELICE: Avete ragione, signorina, avete ragione, io non sò come vostro padre l’ha potuto scegliere per vostro marito... Oh, che sbaglio, che sbaglio!... Ma vostro padre non sà voi chi siete, non ha saputo apprezzare la vostra bellezza, tiene una perla e non la conosce! Egli con questo matrimonio, non fa altro che prendere un grosso brillante e farlo ligare in ottone, prende una rosa di Maggio e la mette in bocca ad un cane!

LISETTA: (Che bello paragone!).

FELICE: (Ma che belli paragoni che tengo io!). Voi però siete ancora libera, dite a papà che assolutamente non lo volete!

LISETTA: Non lo pozzo fà cchiù chesto, pecché l’aggio fatto tre bote.

FELICE: Meglio allora, chille nce so’ abituate! Sentite a me, non ve lo sposate, non firmate, ve ne prego, sparambiatemi questo dolore!

LISETTA: Ma comme! Se io firmo, vuje n’avite dispiacere?

FELICE: Assaj, si assaj! Perché dovete sapere, signorina, che dal momento che v’aggio vista, io me so’ ntiso sbattere mpietto aggio ditto fra me e me: quanto è bella, chesta sarria na figliola che io volarria bene cchiù de la vita mia, le starria sempe vicino e le diciarria sempe: sciasciona, zucchero, simpaticona mia!

LISETTA: Pe ccarità, v’avisseve da sentì quaccheduno?

FELICE: No, non me sente nisciuno... E vuje diciteme la verità, me spusarrisseve co piacere?

LISETTA: A buje?... Oh, sicuro!

FELICE: Allora jate addò papà e dicitencello, bello, risoluta: papà, io a chillo non lo voglio bene, e non lo voglio no, no, e no... sento rummore. (Va a guardare in fondo.) Ah, è D. Ignazio, jatevenne, vuje mò avite capito?

LISETTA: Va bene, io a n’auto poco me lo chiammo e, ce lo dico, a chello che ne vene!...

FELICE: Bella, simpatica, aggraziatona mia!...

LISETTA: Zucchero, tesoro, scisciunciello mio, io te volarraggio bene assai, assai... tu soo core mio, tu s

FELICE: Va signori, mò ve n’avita j mò!... (La fa entrare a sinistra.)

SCENA NONA

Ignazio e detto, poi Angelica, indi di nuovo Ignazio.

IGNAZIO (con paniere di bottiglie di rosolio):Lo rosolio, lo mettimmo dinto a sta cammera... Oh, D. Felì, state ccà?

FELICE: Sissignore, vulite essere aiutato?

IGNAZIO: No, grazie tanto. Sapite che piacere voleva essere fatto? Si muglierema vò abballà, pigliatevella vuje, e facitela fà vuje 3 o 4 gire, quanno vedite che se stanca la lassate.

FELICE: Ah! Sissignore.

IGNAZIO: Scusate, il disturbo, sapete?

FELICE: Niente affatto.

IGNAZIO: Io vaco ad accuncià lo buffè, e sto sicuro, capite, pecché saccio moglierema co chi sta.

FELICE: Va bene.

IGNAZIO: Ah, eccola ccà, sta venenno... io me ne vaco da ccà, essa vene da llà, vedite che bò. (Via a destra poi torna.)

FELICE: Chiste o so’ pazze, o vonno ncuità a me.

ANGELICA: Scusate avete visto no ventaglio?

FELICE: Sicuro! Eccole ccà. (Lo prende sulla sedia e ce lo dà.)

ANGELICA: Grazie tanto, me l’aveva dimenticato. E voi che fate, non venite dentro?

FELICE: Che sò, signora mia, me metto vergogna, così vestito.

ANGELICA: E che vergogna, io vi dico francamente che con quest’abito state bene.

FELICE: Grazie, sono gli occhi vostri.

ANGELICA: Ma scusate, io poi vorrei sapere perché vi siete vestito così?

FELICE: E quello che domando pur’io, cara signora, è stata una stravaganza di D. Pasquale, io non mi ho potuto negare, capite, perché la piazza è buona, io sto comme a no principe!

ANGELICA: Vi piace Sorrento?

FELICE: Oh, assai. Non solo Sorrento, ma anche le sorrentine.

ANGELICA: Ne avete conosciuto molte?

FELICE: No, poche, signora, poche; ma quelle poche, ma quelle poche che ho conosciute, vanno per mille.

ANGELICA Oh! Allora vuol dire che hanno da essere belle assai queste poche che avete conosciute. E chi so’, scusate, perché sapete, le belle in un paese, si conoscono.

FELICE: La prima, siete voi.

ANGELICA: Oh, per carità siete troppo gentile... Uh! Mariteme!... (Si scosta.)

FELICE: No, non ve ne ncaricate.

IGNAZIO: Neh, e ched’è, tu staje ccà, non vaje abballà?

ANGELICA: Si, mò vaco, me so’ venuto a piglià lo ventaglio che m’aveva scordato ncoppa a la seggia.

IGNAZIO: E và, và abballe, te lagne sempe che non te spasse maje. Eccolo là, quello è il tuo cavaliere. D. Felì, ve raccomanno?

FELICE: Vi servirò a dovere!

IGNAZIO: Io sto accuncianno lo buffè, mò vengo. ( Via fondo a dritta.)

ANGELICA: E che significa sto cambiamento?

FELICE: Sapete pure che ho trovato di buono a Sorrento? Che i mariti non sono affatto gelosi.

ANGELICA: Voi che dite, anzi sono gelosissimi.

FELICE: E come va poi che vostro marito vi permette di ballare con me?

ANGELICA: E chi lo sà, io pure mi sono maravigliata, forse terrà molta fiducia in voi, perché del resto voi siete un galantuomo.

FELICE: Oh! Questo è certo, ma fino ad un certo punto però, quando poi si vedono due occhi come i vostri, quando si parla un quarto d’ora con voi...

SCENA DECIMA

Peppino ed i 4 impiegati, poi Peppino, indi Pasquale, Ignazio e Raffaele, poi Giulietta.

PEPPINO (esce e i quattro lo seguono, guarda Felice e con gli occhi gli fa segno di entrare con lui, poi viano a destra).

FELICE: (Pure va a fernì che io lo sciacco a chillo!).

ANGELICA: Basta, io vi aspetto per ballare... venite presto.

FELICE: Fra poco verrò. (Angelica via a sinistra.) E chesta pure è bona! (Comparisce Peppino di nuovo, e batte la bacchetta sul cappello.)

PEPPINO: Psss. sapete, noi vi aspettiamo.

FELICE: (Vuje vedite chillo comme è seccante!). Jammoncenne facimmo ampressa. (Lazzi ed entra con Peppino a destra.)

IGNAZIO: Rafaè, sti dolce miettele dinta a li guantiere!

RAFFAELE (con 2 grossi cartocci):Va bene. (Entra prima quinta a destra.)

IGNAZIO: Pascà, agge pacienza, haje fatto male de spennere tanta denare, tutte chilli gelate, tutti chilli dolce.

PASQUALE: E tu che m’avive pigliato pe te, che haje mise li lampiuncielle e li cannele de duje solde l’una.

IGNAZIO: Che c’entra, io ho voluto fare una novità.

GIULIETTA: Pascà, staje lloco? Io t’aggio da parlà seriamente, D. Ignazio se n’ha da j.

PASQUALE: E di che si tratta?

GIULIETTA: Na cosa necessaria.

PASQUALE: Gnà, permetti, quanto parlo no momento co moglierema.

IGNAZIO: Fate i fatti vostri, io vaco accuncià lo buffè. (Via prima a destra.)

PASQUALE: Che è stato?

GIULIETTA: Comme che è stato? Ccà, stasera, certo succederà no chiasso. Poco primme, Lisetta, steva chiagnenno assettata a lo divano, lo sposo l’è ghiuto vicino pe sape che era, e chella l’ha risposto: Non l’aggio da dicere a vuje, non aggio da dà cunto a vuje, figurete isso comme sta, ha ditto che stasera vò fa succedere lo 31, pecché è la quarta vota che le facimmo chesto!

PASQUALE: E se capisce!

GIULIETTA: Essa po’ è venuta da me chiagnenno, e m’ha ditto: Pe carità, non me sacrificate, non me facile infelice a me poverella, parlate vuje co papà, aiutateme!

PASQUALE: E comme s’aiuta mò, che figura se fa, e po’ io me metto paura de D. Carluccio, chillo po’ essere che me da quaccosa, chillo è malandrino.

GIULIETTA: Vattenne, malandrì, chillo è nu sbruffone qualunque! Tu non te n’incarricà, co D. Carluccio nce parlo io. A te te fa dispiacere si sto matrimonio se scombina?

PASQUALE: No, ma non vorria fà questioni, capisci.

GIULIETTA: Non te n’incarricà che quistioni non se fanno. Guardate che porcheria, lampiuncielle, cannele de duje solde l’una, e per orchestra tre sunature de miezo a strada, chesto addò se vede, se ne metteno scuorno o no! E vanno mmitanno pure a la gente!... E po’ pecché s’ha da rendere infelice na povera guagliona, chella stasera tremma tutta quanta, fa proprio compassione? Ah! Eccola qua.

SCENA UNDICESIMA

Lisetta, e detti, poi Carluccio, Angelica, Mariannina, Ignazio, poi Felice, Peppino, Salvatore, Luigi, Gennarino, e Michele, in ultimo Raffaele.

LISETTA: Papà mio, papà mio... (Piangendo.)

PASQUALE: Mannaggia ll’arma toja mannaggi, io te lo dicette che stasera faceveme lo stesso, e accussì è stato!

LISETTA: Io po’ non lo voglio, io non lo pozzo vedé, io lo volarria sparà!

PASQUALE: Stalle zitta, non alluccà, che chillo spara a nuje!... Va bene, mò vedimmo che se po’ fà.

LISETTA: No, senza che dicite mò vedimmo, io lo contratto non lo firmo, io voglio bene a n’auto giovene, e a chillo me voglio spusà!

PASQUALE: Ah! Pecchesto! Mò aggio capito! E chi è st’ato giovene, parla!

GIULIETTA Non te mettere paura, dincello chiaro chiaro... Vuò sapé chi è?... mò te lo dico io, è D. Felice!

PASQUALE: Che!! D. Felice!!! E a chillo te vuò spusà? (Ride.)

LISETTA: Si, papà, chillo me piace, o isso, o nisciuno!

PASQUALE: (E staje fresca!) Figlia mia, è impossibile, levete sto pensiero da capo, D. Felice non te lo pozzo dà!

LISETTA: E pecché? Vuje stesso avite ditto che è no buono giovene, che lo Deputato ve n’ha fatto tanti elogi.

PASQUALE: Sissignore, ma come segretario non come marito.

GIULIETTA: E chesto che c’entra, quanno uno è buono, è buono sempre.

PASQUALE: (Io mò che l’aggio da dicere a chesta?...).

GIULIETTA: Io non capisco pecché nce truove tanta difficoltà?

PASQUALE: Pecché?... ah, lo buò sapé? E teh, liegge sta lettera. (Da la lettera che ha portato Felice nell’atto a Giulietta, la quale se la mette a leggere. Di dentro si sente suonare, e dopo poche battute di musica, Carluccio fa cessare la musica, dicendo:)

CARLUCCIO (di dentro gridando):Stateve zitte, non ve voglio sentere cchiù, mò ve mengo abbascio! (La musica cessa Carluccio esce con Clementina Mariannina e Angelica.) D. Pascà, io intendo de parlà co buje, e seriamente, io non so’ fatto lo pulecenella de nisciuno. La figlia vosta se crede che have che fà co quacche scemo, ma io non so’ scemo! (Gridando.)

LUIGI (escono Ignazio, Felice, Peppino, e i 4 impiegati).

IGNAZIO: Che cos’è che è succieso?

CARLUCCIO: è succieso ca ccà mbruoglio nc’è sotto, la sposa sta chiagnenno da stasera, l’addimanne ched’è, e me fa no sfastidio, e che so’ fatto no picchiapacchio! (Gridando:) Io non so’ picchipacchio!

FELICE: Pss. mò facite correre la guardia!

CARLUCCIO: Voglio fà correre la guardia!

IGNAZIO: Ma insomma se parlasse chiaro, che nce sta quacche novità?

GIULIETTA: La novità è chesta: Lisetta non vò bene a lo nepote vuosto, e nun se lo vò spusà!

IGNAZIO: Che!!

PASQUALE: (Và trova mò chi va pe ll’aria....).

CARLUCCIO: E io l’aveva capito... e chesta è a quarta vota che me l’avite fatta... (Di dentro la musica suona. Carluccio corre a sinistra vicino la porta.) Stateve zitte! Mò spare a tutte quante! (La musica cessa.)

FELICE: (Mò vanne li palle dinto a lo trombone!).

CARLUCCIO: E chesta è la quarta vota che me l’avite fatta, aggio obbligazione a stu turzo de carcioffola de ziemo!...

PASQUALE: (Non lo risponnere, non lo risponnere!).

CARLUCCIO: Ma non ve n’incarricate ve voglio fà vedé che ve sape combinà Carluccio... mò stongo vestuto da sposo, tengo li guante, e non pozzo fà niente...

PASQUALE: (Oh! Guanti provvidenziali!).

CARLUCCIO: Ma D. Pascà, nce vedimrno, nce vedimmo!... (Di dentro suona la musica e Carluccio va via pel fondo a cadenza di musica.)

IGNAZIO: Neh, Pascà?

PASQUALE: Neh, Gnà? E che aggio da fà?...

IGNAZIO: Comme che haje da fà? E tutto sto spesato che aggio fatto io.

PASQUALE: (All’arma de lo spesato!).

IGNAZIO: Cheste non so’ azione che se fanno! Ma quanno è dimane vengo io e nepoteme a lo magazzino, e nce ne darai strettissimo conto! (Alla moglie.) Jammoncenne dinto. (Via con Angelica seconda a dritta.)

CLEMENTINA: E intanto mò nce n’avimmo da j nuje pure?

MARIANNINA: Senza dolci, e senza niente.

PEPPINO: E il coro per chi si canta?

FELICE: Lo canterete in questi giorni in casa di D. Pascale, dove troverete pure i dolci, perché se gli fa piacere, se acconsente, a Lisetta me la sposo io!

PASQUALE: Voi?! (Ridendo:) Ve la sposate voi? Jammoncenne Giuliè... (a Clementina) Signò, jatevenne, che li dolce non li provate cchiù... Gue, vò spusà?... (Via pel fondo.)

CLEMENTINA: Jammoncenne Nannì, chisto la pigliene a pazzie! Felicenotte. (Via pel fondo con Nannina.)

PEPPINO (ridendo):Volete sposare voi ah, ah, ah!... (Via.)

MICHELE (c.s.):E tenite chisto coraggio, ah, ah, ah!... (Via.)

LUIGI (c.s.):Ve la pigliaveve la confidenza, ah, ah, ah! (Via.)

GENNARINO (c.s.):Vuliveve spusà?... ah, ah, ah! (Via.)

SALVATORE (c.s.):Ma che, site pazzo? ah, ah, ah! (Via.)

LISETTA: Ma io non capisco...

GIULIETTA: Jammoncenne Lisè, che non è cosa... ma vuje pure, stiveve tanto lontano, comme v’è venuto ncapo da venì ccà, tornatevenne n’auta vota llà, sentite a me, che llà state buono. (Via con Lisetta.)

FELICE: Chesto che cos’è! A me che m’è succieso! Io chi songo!... steva tanto lontano, e addò steva?

RAFFAELE (dalla prima a dritta con guantiera piena di dolci):Neh, scusate, pozzo fà la primma cacciata?

FELICE: Sicuro! dateme ccà (prende la guantiera) (jate a piglià lo rosolio).

RAFFAELE: Subito. (Via prima a dritta.)

FELICE: Mannaggia all’arma vosta! (Rovescia tutti i dolci in un piccolo tappeto che sta sul tavolino, poi l’avvolge, lo prende e va via pel fondo.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

ATTO TERZO

La medesima scena del primo atto, con 3 sacchi pieni.

SCENA PRIMA

Michele ed Errico.

MICHELE: Venite, venite, D. Errì, che non nce sta nisciuno.

ERRICO: Michè, conteme tutte cose, tutto chello che è succieso.

MICHELE: è succieso, che lo principale l’ha vestuto da turco, e nce stamme facenno l’anima de le rise, la voce s’è sparsa pe tutto Sorriento, e D. Felice fino a mò s’è appiccecato co quatte perzune.

ERRICO: Benissimo!

MICHELE: Po’ lo casciere nuosto, aveva scritto no coro, e siccome le mancava la voce da soprano, la voleva fà fà a isso. (Ridendo.)

ERRICO (ride):Ah, ah, ah! Bravissimo!

MICHELE: Una cosa però D. Errì, v’aggio da dicere, che vuje na grande rivincita non ve l’avite pigliata.

ERRICO: E pecché?

MICHELE: Pecché lo principale, essenno geluso de la mogliera, se ne serve pe le fà fà la guardia, e le da mille franche a lo mese, mangià e dormì. Capirete che chillo sta comme a no principe!

ERRICO: Tu che dice!

MICHELE: Eh, che dico, chillo se po’ dì, è lo patrone de tutte cose, chello che vò mangià mangia, chello che bò fà fà. Mò è asciuto co la signora e la signorina, e so’ ghiute cammenanno pe lo paese.

ERRICO: Sangue de Bacco! E allora non l’aggio fatto niente?

MICHELE: E se capisce! Isso ve facette perdere 30 mila ducale, e vuje invece l’avite fatte trovà mille lire al mese.

ERRICO: E già, pecché chillo l’ha mise a guardia de la mogliera, credenno de sta cchiù sicuro... Non te n’incanicà, aggio fatto la penzata... mò te faccio vedé che lo combino... tu haje ditto che lo principale tujo è geluso assaje? Mò te servo io!...

MICHELE: Ma che vulita fà?

ERRICO: Niente, po’ vederraje... D. Pascale mò addò sta?

MICHELE: Sta ncoppa, sta facenno colazione, chillo a n’auto ppoco scenne.

ERRICO: E io a n’auto ppoco vengo... li mille lire nce l’aggio da fà annuzzà nganna. (Via pel fondo.)

MICHELE: Ma sentite... Va trova che auta penzata avanà fatta. Aggio appaura che sti duje amice affezionate, all’urdemo se chiavene ll’aneme de li palate!

SCENA SECONDA

Peppino e detto, poi Pasquale e Concettella, indi Luigi.

PEPPINO (dal fondo a sinistra con carta di musica in mano):Ho fatto di un’altra maniera, quello che doveva rispondere il soprano, adesso risponde il basso

MICHELE: D. Peppì, vuje co sto coro site no guajo!

PEPPINO: E non ci sta male, perché fà così: (canta da basso:) Oh! Che piacer!

MICHELE: (Mamma mia, lo mammone!).

PEPPINO: Io poi non capisco come va che quel D. Felice non tiene voce di soprano?

MICHELE: Addò! Chillo stunava peggio de nuje... zitto, vene lo principale. (Vanno ai loro posti.)

PASQUALE (esce portando per mano Concettella):Viene ccà, voglio essere cuntato tutto, voglio sapè tutte cose.

CONCETTELLA: Sissignore, e mannatene a chilli llà.

PASQUALE: Peppì, Michè, faciteve na cammenatella, e po’ tornate, aggiate pacienza.

MICHELE: Niente.

PEPPINO: Quello che comandate, quello si fa.

MICHELE: (Nuje chesto jeveme truvanno). Jammoncenne D. Peppì.

PEPPINO: Sono con voi. (Si mettono sotto al braccio fanno per andare, Peppino canta.) Un principio di piacer. (Da basso.) Oh! Che piacer!...

MICHELE: Sbreglie pe lo saccone! ( Viano pel fondo.)

PASQUALE: Dunque che m’haje da dicere?

CONCETTELLA: V’aggio da dicere, patrone mio, che chillo D. Felice che vuje tenite co tanta fiducia, a me non me persuade, io sospetto cose grosse assaje.

PASQUALE: Ma chello che t’aggio ditto, tu non nce cride?

CONCETTELLA: Addò! Io non nce credo, e faciarria qualunque scommessa che a buje v’hanno cuffiato.

PASQUALE: Ma pecché? Tu che haje visto? Che sospetto haje fatto?

CONCETTELLA: Primme de tutto, ajere quanno vedette la mogliera vosta e la figlia vosta, accomminciaje a fà lo farenella, tutto se smorzava, faceva l’uocchio a zennariello, po’ aissera io sentette che parlava co la signora e le diceva: Ah, si v’avesse conosciuto primme de D. Pasquale, a chest’ora me sarrisseve già mogliera.

PASQUALE: Scuse!

CONCETTELLA: Eh! E chesto ched’è, chesto è niente. Vuje avite ditto che non tene forze? Mannaggia all’arma de la mamma! Aiere matina quanno le portaje lo latte e cafè, m’afferraje e non me voleva lassà, io dicette: guè e ched’è sta cosa, lassateme, e isso: Niente, te voglio vasà almeno la mano... e tanto che facette che me la vasaje!

PASQUALE: Tu che dice! Tutto chesto nce sta, e tu non me dicevi niente?

CONCETTELLA: E quanno ve lo diceva, mò aggio avuto no poco de tiempo e ve l’aggio ditto, regolateve vuje, pecché non ne voglio sapé niente cchiù.

PASQUALE: Va buono, vattenne ncoppa.(Concettella via.) Sangue de Bacco, e sarría possibile! Allora vò dicere che lo Deputato m’ha ditto na cosa pe n’auta, o isso ha mbrugliato pure lo deputato, facennose credere chello che non è... e pecché po’ aveva da fà sta finzione co lo deputato?... non credo... eh, ma si non è accussì, pecché lo deputato m’aveva da mbruglià a me? Uh! Mamma mia, io mò perde la capa! E io l’aggio mannato co moglierema e figliema, l’aggio fatto fà marenna nzieme, e si è comme ha ditto Concetta, io aggio fatto no guajo... po’ essere pure che Concetta ha mmentate chelli cose pecché non lo po’ vedé... Comme avarria fà pe m’assicurà de sto fatto?... Aspetta... isso m’ha ditto che è stato diece anne co Ravel? Mò faccio no telegramma a Ravel, e accussì appuro la verità. (Siede allo scrittoio e scrive:) «Ravel-Toledo-Napoli-Desidero conoscere se vostro “impiegato passato Felice Sciosciammocca”... e come metto mo?... ah... “se vostro impiegato passato Felice Sciosciammocca fu scartato dalla leva, e per quale ragione. — Pasquale Catone» Ecco fatto... E n’auto telegramma lo faccio a lo deputato. (Scrive:) «Deputato Cardi-Mergellina 26 Napoli - D. Felice Sciosciammocca, è veramente turco o no? “Ditemi verità, posizione mia critica, io tenere moglie e tenere figlia, capite! Pasquale». (A Luigi che esce dalla sinistra.) Luì, a tiempo a tiempo, và a lo telegrafo, e fa sti duje telegramme.

LUIGI: Va bene.

PASQUALE: Li denare li tiene?

LUIGI: Sissignore.

PASQUALE: E bà và. (Luigi via pel fondo.) Mò subeto appuro la verità. Chillo pecchesto aissera dicette: me voglio spusà io a la figlia vosta... ma comme po’ lo deputato m’ha scritto chello?... io non ne capisco niente cchiù! (Di dentro si sente ridere Giulietta, Lisetta e Felice.) Ah, eccoli ccà, stanno venenno... meno male, steva co no brutto pensiero.

SCENA TERZA

Giulietta, Lisetta, Felice, e detto.

GIULIETTA: Ah, ah! Io non me fido cchiù de ridere. (Escono Felice li porta al braccio.)

LISETTA: Io mò moro! (Ride:) Ah, ah, ah. (Felice ride anche lui.)

PASQUALE: Che è stato, pecché redite?

GIULIETTA: D. Felice se sta appiccecanno co tutte chille che trove pe la strada, mò che simme venute, n’avimmo trovato uno che era no poco cchiù scostumato dell’aute!

PASQUALE: Ma pecché, che ha fatto?

FELICE: S’è mise appriesso, e non se ne voleva j, quanta guaglione trovava, li chiammava, e faceva nfaccia a me, lo vì, lo vì, curiuso curiu... eh, scusate, quanno aggio ntiso chesto, non nce aggio visto cchiù, n’aggio afferrato uno de chille, e l’aggio fatta na cauciata nummero uno.

PASQUALE: Vuje!... l’avite fatto na cauciata?

FELICE: Sicuro!

PASQUALE: E avite tenuta la forza?

FELICE: Guè, chillo D. Pascale dice: E avita tenuta la forza, e si non la fenescene de me ncuità, no juorno de chiste, certo passo no guajo!

GIULIETTA: No, chesto è overo, io quanno l’aggio visto afferrà a chillo, me so’ meravigliata, non l’ha fatto movere cchiù.

FELICE: Io ve prego D. Pascà, faciteme luvà sto vestuto da cuollo, io che baco facenno co sta coppola ncapo, e po’ pecché aggio da j vestito accussì?

PASQUALE: Ma comme, non v’hanno maje fatto vestere accussì a buje?

FELICE: A me? Quanno maje! E io po’ me vesteva, mò pe tanto me so vestuto accussì, che me l’avite ditto vuje, pecché me pagate bene, e non ve pozzo fà dispiacere, si no ritenete che non ghieva facenno sta figura infelice!

PASQUALE: (Va buono, aggio capito tutte cose!).

FELICE: No, pecché sapete che cos’è? io ascesse sulo, va bene, ma io porto camminando la signora a la signorina, voi me fate no bello costumetto svelto svelto, capite, e io cammino più libero, anche perché porto due belle figliole con me, non è così?

PASQUALE: Sicuro. (Lo voglio vestere pure bellilo!) e addò site state tanto tiempo?... pecché avite tricato sicuro n’ora e meza?

GIULIETTA: Te l’haje da piglià co isso, pecché cammenanno cammenanno, nce ha fatto mbruglià la strada, e nce simme trovate dinta a na massaria, e llà po’ m’ha fatto mettere na paura...

PASQUALE: Pecché, che ha fatto?

FELICE (ridendo):Ah chillo scherzo che v’aggio fatto?

GIULIETTA: Io steva guardanno ciert’uva nera che era na bellezza, quanto tutto nzieme, so’ ghiuta pe m’avotà, e non aggio visto cchiù, né a isso, e né a Lisetta.

LISETTA (ridendo):Ah, ah, ah!... ma nuje vedeveme a buje però.

FELICE (ridendo):Già, nuje vedevene a buje.

GIULIETTA: Io, llà mmiezo, sola, non sapeva che era succiesso, me so mise a cammenà, allora mi hanno chiamata, e m’hanno fatta na resata nfaccia.

LISETTA (ridendo):V’avite mise la paura.

FELICE (ridendo):V’avite mise la paura.

PASQUALE (ridendo):Ah, ah! è stata bella!... Ma lloro addò stevene che tu non l’haje viste?

GIULIETTA: S’erene annasconnute sotto a na pagliara. (Felice e Lisetta ridono.)

PASQUALE: Avite fatto lo scherzetto? Va bene! (Mannaggia all’arma de mammeta mannaggia, se l’ha portata sotto a la pagliara!) Va, jatevenne ncoppa mò.

GIULIETTA: Tu aiere diciste che stammatina nce vulive portà a vede Massa, e che mangiavene pure llà?...

FELICE: Si, voglio vedé Massa...

PASQUALE: Va buono, nce jamme cchiù tarde.

FELICE: Mò jamme ncoppe, nce facimmo na bella lavata de faccia, nce riposammo no poco, e po’ jammo, avite capito?

PASQUALE: Aspettate, avite capito?... mò vanno loro ncoppe, vuje rimmanete ccà, pecché v’aggio da dà cierti ordinativi.

FELICE: Era pe stà vicino a loro.

PASQUALE: Lo capisco... non mporta lassatele sta sole, jatevenne, scennite a n’auta mez’ora.

GIULIETTA: Va bene. (Via a destra.)

LISETTA (a parte):(Papà, fecitemmello spusà a D. Felice... chillo m’è tanto simpatico).

PASQUALE: (Va bene, po’ ne parlammo, vattenne ncoppe). (Lisetta via salutando Felice.) E bravo, ve site annasconnuto sotto la pagliara.

FELICE (ridendo):Quanta risate che nce avimme fatte.

PASQUALE: (Quante pacchere che t’aggia consignà!).

FELICE: A proposito de risate D. Pascà, aissera pecché se mettettene a ridere tutte quante, quanno io dicette che me voleva spusà la figlia vosta?

PASQUALE: Perché, capite... voi non tenete una posizione, comme spusate?

FELICE: Guè, comme spose, io tengo Mille franche a lo mese, anze D. Pascà, vedimmo de fà sto contratto, perché francamente io non voglio stà accussì.

PASQUALE: E quanto vulite a lo mese da me?

FELICE: Quanto avite ditto vuje, mille lire.

PASQUALE: Vattenne mille lì, io pazziaje, quello fà no scherzo... ma ve pare, io ve deve mille lire a buje? Ma pe fà che?

FELICE: Oh, scusate, chesto mò me giunge nuovo... e quanto me vulite dà, no 600 lire, dicite la verità?

PASQUALE: Ve voglio dà... (io certo, certo, non ne songo ancora, si non aggio la risposta de li telegramme). Va bene più tardi ve dico quanto ve pozzo dà a lo mese.

FELICE: Facile ampressa, pecché io tengo chi me vò pe 700 lire a lo mese e la cioccolata la matina.

PASQUALE: Va bene, cchiù tarde ve lo dico. (Comparisce il carrettino.)

SCENA QUARTA

Detti, Salvatore e Gennarino, poi Carluccio.

SALVATORE: Principà quale so’ li sacche che s’hanno da spedì pe Napole?

PASQUALE: Chilli llà, e facite priesto. (Gennarino e Salvatore incominciano a prendere i sacchi ma non hanno forza di alzarli.)

SALVATORE: Non avite paura nce sta lo tiempo, nce vò cchiù de n’ata ora pe la partenza.

GENNARINO: Vì comme pesene, mall’arma vosta!

PASQUALE: D. Felì, datele na mano.

FELICE: A me? E scusate, questa non è incombenza mia.

PASQUALE: Pe mò datele na mano, po’ appriesso se vede.

SALVATORE: Lassatelo j, princepà, chillo non se fide, non mporta.

FELICE: Ha parlato sto toro, levete da lloco, mò te faccio vedé io comme se fà. (Prende i sacchi a uno a uno da solo e li mette sul carretto.)

PASQUALE: (Mannaggia all’arma toja, chillo tene chella forza!).

FELICE: Jammo, s’ha da aizà niente cchiù, dicitemmello, io aizo qualunque viaggio!

CARLUCCIO: Levateve da miezo co sta carretta vuje, cammenate! (Salvatore e Gennarino viano col carretto dei sacchi.) D. Pasquale rispettabilissimo.

PASQUALE: (Oh! E chisto nce mancava mò!).

CARLUCCIO: D. Pascà, io so’ benuto, pecché nuje avimmo da fà, li cunte nuoste! Tutto Sorriento ha saputo la figura infelice che aggio fatto aissera, e tutte quante, una voce: Comme, s’è fatta st’offesa a Carluccio, all’ommo de fierro, mò vide che succede, mò vide Carluccio che fà! Perciò, caro D. Pasquale, io non la pozzo fa passà liscia, na cosa l’aggia fà!

PASQUALE: D. Carlù, vuje o facile, o dicete, mai niente ne ricavate, chella non ve vò, che vulite da me?

CARLUCCIO: Ma chesto non è parlà da ommo, è parlà de criatura. Comme, che bolite da me? Vuje m’avite data la parola!

FELICE: Scusate, la figlia vosta non lo vò?

PASQUALE: No.

FELICE: Embè, spusatevello vuje.

CARLUCCIO: Tu non risponnere, pecché si no me la sconto lo ttico!

FELICE: Tu te la scunte co mmico?... Và llà, vattenne!

CARLUCCIO (dopo pausa):Nfaccia a Carbuccio, l’ommo de fierro, tu dice: Va llà... vattenne!... (Con mosse.)

FELICE: Eh! Và llà, vattenne!...

CARLUCCIO: Ah, sango!... (Per inveire:) Già tu haje ragione, tu non sì de Sorriento, e non saje io chi songo...

FELICE: Ma me n’addone da la faccia!

CARLUCCIO: D. Pascà, io parlo co buje, e voglio essere risposto da ommo, capite, da ommo! Quanno la figlia vosta non teneva ntenzione de me spusà, non aveva da venì a la casa aissera, non m’aveva fà avvisà lo Notaro. Io non pozzo scomparì co li compagne mieje. Ogge è Lunedì, si pe tutto Giovedì a sera la figlia vosta non vene a la casa a firmà lo contratto, io vengo ccà e ve faccio no brutto carezziello!

FELICE: Ma scusate signor Ommo de fierro...

CARLUCCIO: Quanno parle co me, bevete la coppola. (Felice esegue poi si copre.)

FELICE: Voi dovete ragionare, mi pare che vi si è detto che la piccerella non ve vò... sto povero padre che ha da fà? Voi che siete tanto buono, ve ne jate e non nce penzate cchiù; pecché si no si seguitate a dì carezziello e non carezziello, po’ essere che site venuto co la capa sana, e ve jate co la capa rotta! (Carluccio e Pasquale restano meravigliati.)

CARLUCCIO: Dimme na cosa, bello guagliò: e si po’ fosse, la capa chi me la rompesse.

FELICE: Io stesso!

CARLUCCIO: Tu sì no carognone.

FELICE: Vattenne, sbruffò!

CARLUCCIO: A me sbruffone! Io non tengo armatura!

FELICE: E io manco!

CARLUCCIO: E comme nce la volimmo fà?

FELICE: Alice e pummarole!

CARLUCCIO: Non pazzià!

FELICE: No, io non pazzeo! (Gli da un forte schiaffo.)

PASQUALE: (Permettete!).

CARLUCCIO: Seh! M’haje dato ll’aneme de lo piacere!

FELICE: M’ha mmustata chella bella faccia!

CARLUCCIO: M’haje fatto cadé na mola. (La mostra.)

FELICE: All’ommo de fierro l’è caduta na mola d’acciaro.

CARLUCCIO: Ma songo io o non songh’io!

FELICE: No, mò sì tu mò!

CARLUCCIO: Sta mola mò me la faccio ligà in argento, e me la metto vicino a la catena dell’orologio, e quanno la veco...

FELICE: La vì lloco lo pacchero che avette...

CARLUCCIO: Tu tiene mamma? Povera mamma toja e come chiange.

FELICE: Povera vocca toja e che dolore!...

CARLUCCIO: Stalle buono, bello guagliò!... (Via.)

FELICE: Tanti rispetti a sorella.

PASQUALE: (Chisto nce teneva sto poco ncuorpo, e io l’aggio fatto accompagnà a moglierema... meno male che me ne so’ addunato ampressa!). Che ha fatto, se n’è ghiuto?

FELICE: Sissignore.

PASQUALE: Io me metto paura che non avesse da tornà, e ve ncuitate seriamente.

FELICE: No, non nce pensate chillo non torna, io li saccio chilli malandrine llà!

PASQUALE: E parola d’onore, si torna, le faccio io na cauciata!... Mò sapite che bolite fà? Na vota che tenite chesta forza, avite aizate li sacche de chella manera jate ccà, dinto a lo deposito, e accunciate chilli sacche uno ncoppa all’auto tanto bello.

FELICE: Va bene, vi servo subito. (Entra prima a sinistra.)

SCENA QUINTA

Errico, e detto.

ERRICO: Scusate, signore, voi siete il negoziante Pasquale Catone?

PASQUALE: Per servirvi.

ERRICO: Favorirmi sempre. E avete con voi un impiegato che si chiama Felice Sciosciammocca?

PASQUALE: Sissignore.

ERRICO: Oh, finalmente, non ne posso più, sto camminando da stamattina. Dovete sapere che io sono D. Cesare, il suo compare. Ieri sono stato a casa sua a Napoli, e ho trovato un vero squallore, quella povera donna che piange dalla mattina alba sera, perché tutto assieme è scomparso, e non si è ritirato più. Lo stato di quella povera giovane fà compassione. Se assolutamente egli non vuole ritornare a Napoli a casa sua, vi prego, signore, di assegnare tanto al mese a quella disgraziata, e ve lo ritenete dal suo stipendio.

PASQUALE: Ma scusate, questa disgraziata chi è?

ERRICO: è la moglie, la misera Filomena!

PASQUALE: La moglie!

ERRICO: Si, o signore, la moglie!... Forse vi ha detto che non era ammogliato?

PASQUALE: No... cioè, io non ce l’ho domandato...

ERRICO: Sì, è ammogliato, e tiene due figli, Ciccillo e Caterina, i quali muoiono dalla fame! Egli non lo vuol far sapere, dice che non tiene a nessuno. Per carità, signore, pensateci voi.

PASQUALE: Caro signor D. Cesare, io non posso far niente io a n’auto ppoco ne lo caccio, a me non mi conviene.

ERRICO: Tutti quanti dicono lo stesso, non trova mai lavoro per quello che fa alla famiglia.

PASQUALE: A me sto servizio sapite chi me l’ha combinato, l’onorevole Sig.r Deputato Cardi che m’ha scritto che era no bravo giovine, io però l’aggio da mannà cierte fico secche mbuttunate, da dinto nce metto tutte ammenole amare.

ERRICO: (Seh, e io me l’aggio da mangià pur’io!). Ma sapete, io credo che il Deputato non ci ha colpa, perché quello si finge un buon giovine.

PASQUALE: Va bene. Fatemi il favore de metterve ccà dinto, ve voglio fà sentì a buje comme lo tratto.

ERRICO: Sì, sì, mi fa piacere, può essere che perdendo anche questo posto, mettesse giudizio. .

PASQUALE: Se capisce. (Errico entra 2a a sinistra.) Vuje vedite chi era capitato dinta a la casa mia, mannaggia all’arma de la mamma! Nzurato e co duje figlie, aveva fatto st’affare aveva fatto, e se voleva spusà a Lisetta, vi che coraggio!

SCENA SESTA

Ignazio e detto poi Felice, indi Errico fà capolino.

IGNAZIO: Pascà, Carluccio, nepoteme, ha ditto che a figlieta isso nce pensa cchiù, pecché s’ha pigliata la soddisfazione, chello che ha fatto a D. Felice, comme l’avesse fatto a te, pecché chillo è impiegato tujo.

PASQUALE: E che l’ha fatto a D. Felice?

IGNAZIO: Comme! Dice che l’ha dato no schiaffo.

PASQUALE: Isso a D. Felice?

IGNAZIO: Già.

PASQUALE: Gnazio mio, haje ntiso malamente, D. Felice l’ha dato a isso.

IGNAZIO: Tu che dice!

PASQUALE: Eh, che dico! Mò nnanze a me, D. Carluccio, tuo nipote, l’ommo de fierro, ha avuto no panesiglio nummero uno.

IGNAZIO: Veramente? Allora è no sbruffone!

PASQUALE: E ched’è, tu non te n’ire addunato ancora?

IGNAZIO: E D. Felice, è stato capace...

PASQUALE: D. Felice, è no birbante, io steva passanno no brutto guaje, Gnazio mio, non è vero che è stato a Costantinopoli, non è overo che è debole, invece a Napole tene la mogliera e duje figlie.

IGNAZIO: Scuse!... E chi te l’ha ditto?

PASQUALE: D. Cesare, lo comparo sujo che sta ccà dinto.

IGNAZIO: Possibile!... Embè, lo Deputato?...

PASQUALE: Lo Deputato s’è fatto mbruglià pur’isso, ha pigliato no sbaglio.

IGNAZIO: Embè, isso è Deputato, e piglie no sbaglio?

PASQUALE: Eh, sarrà lo primmo... Mò, sotto a lo colpo lo chiamo, e ne lo caccio. (A prima a sinistra.) D. Felì, venite ccà.

FELICE (di dentro):No momento, io lo servizio ve l’aggio fà buono.

PASQUALE: Te credive tu! Gnà, haje ntiso, lo servizio me lo vò fà buono.

IGNAZIO: E chillo che era scemo!

PASQUALE: Non ve n’incaricate, lasciate stà li sacche, venite ccà.

FELICE: Che cos’è?... Oh caro D. Ignazio, buongiorno.

IGNAZIO: Padrone mio.

PASQUALE: D. Felì, in poche parole, luvateve la coppola, spugliateve, e ghjatevenne.

FELICE: Addò?

PASQUALE: Addò volite vuje, io saccio chesto, voi non fate più per me, io vi licenzio.

FELICE: E a me non me passa manco pe la capa! Io tengo sto signore che me dà 700 lire a lo mese, e la cioccolata la matina, jammoncenne.

IGNAZIO: Addò? Io non ve voglio dà manco sei solde l’anno. (Errico fa capolino e ride.) Sicuro, deve 700 lire a isso!

FELICE: Scusate, voi me l’avete detto?

IGNAZIO: E vuje l’avite creduto, io aggio pazziato!

FELICE: Ma questo non è agire da negozianti onesti, dopo cacciata na parola, se dice: avimmo pazziato, embè che avimmo che fa co li criature?

PASQUALE: Non mporta, nuje volimmo essere criature, e vuje mettite capo, e penzate a chell’aute criature!

FELICE: Quà criature?

PASQUALE: Guè Gnà.

IGNAZIO: Guè Pascà.

PASQUALE: Quà criature! (Ridendo.)

IGNAZIO: Quà criature! (Ridendo.)

PASQUALE: Fa lo scemo.

IGNAZIO: Fa lo stonato.

PASQUALE: Non sape quà criature: Ciccillo e Caterina!

FELICE: Ah, sicuro, chesta è na canzone.

PASQUALE: Guè, Gnà.

IGNAZIO: Guè Pascà.

PASQUALE: è na canzone!

IGNAZIO: Seh, è na canzone!

PASQUALE: Vergogna!... sappiamo tutto!... abbiamo appurato tutto! Perché avete lasciata quella povera Filomena?

FELICE: Chi Filomena?

PASQUALE: Guè Gnà.

IGNAZIO: Guè Pascà.

FELICE: (Mò li tozzo a capo a capo tutte e duje!).

PASQUALE: Chi Filomena?

IGNAZIO: Chi Filomena?

PASQUALE: Ah! sapete chi Filomena? E già voi non lo volete far sapere a nessuno... Bifolco!... Ma noi l’abbiamo saputo però, D. Cesare nce ha ditto tutte cose.

FELICE: D. Cesare!... E chi è sto D. Cesare.

PASQUALE: Guè Gnà.

IGNAZIO: Guè, Pascà.

FELICE: Guè, Pascà.

PASQUALE: Non sape manco D. Cesare.

IGNAZIO: Non sape manco D. Cesare.

PASQUALE: Il vostro Compare!

FELICE: Lo compare mio?

PASQUALE: Meh, dicite che non lo sapite manco?

FELICE: Io non saccio a nisciuno! Vuje che cancaro, state dicenno! Filomena, D. Cesare, Ciccilio, Caterina, ma chi li conosce sta gente, ma che site pazze!

PASQUALE: Ah! So’ pazzo? (Alla porta.) D. Cesare, favorite.

SCENA SETTIMA

Errico e detti, poi Peppino e Michele, indi Concettella.

ERRICO (esce ridendo):Io mò moro da la risa, mò me vene ne cosa!

FELICE: Che beco! Errico! Aggio capito.

PASQUALE: E buje pecché redite?

PASQUALE: Chillo v’ha cuffiato, l’ha fatto apposta pe fà na pazzia co mmico, nuje simme amice, dincello, puozze passà no guajo!

ERRICO (ridendo):Sissignore, siccomme me n’ha fatto tante a me, io mò nce n’aggio fatto una a isso.

FELICE: Puozze sculà!

PASQUALE: E non è overo che è nzurato?

ERRICO: Nonsignore, e la lettera che avite ricevuta da mio zio il Deputato, è stata dettata da me, pe le fà n’aula pazzia.

PASQUALE: Aggio capito. E voi siete nipote al Deputato?

ERRICO: Sissignore.

FELICE: E che nce steva scritto dinto a chella lettera?

PASQUALE (ridendo):Lo bolite sapé? E leggite. (Gli dà la lettera del primo atto.)

FELICE (leggendola).

IGNAZIO (ridendo):Veramente è stata na pazzia no poco spinta.

ERRICO: Vuje che dicite! Chillo na vota me fece perdere 30 mila ducale!

FELICE (che ha letto):Chillo apposta m’ha vestuto accussì... Mannaggia all’arma de mammeta, aggio capito tutte cose; ma cheste non so’ pazzie che se fanno, agge pacienza.

CONCETTELLA: Patrò, lo guardaporta ha sagliuto sti duje telegramme. (Li dà.)

PASQUALE: Ah! Forse li risposte... (Apre il primo e legge:) Mio passato impiegato Felice Sciosciammocca, fatto servizio militare tre anni. Ravel».

FELICE: E che c’entra questo?

PASQUALE: C’entra, perché io ho mandato a domandare a Ravel.

FELICE: Vedite che figura aggio avuto da fà co Ravel io.

PASQUALE: Vedimmo chist’auto. (Legge:) «Desiderio mio nipote fare uno scherzo, essendo amico del raccomandato, perdoniamo insieme la gioventù: Cardi». Intanto vuje pe pazzià me venite a ncuità a me.

ERRICO: Scusate D. Pascà.

PASQUALE: Va bene, non ne parlammo chiù, io per troppo rispetto a vostro zio, Io faccio stare con me in qualità di segretario, e ve dongo, comme ve dicette, ciente lire a lo mese.

SCENA ULTIMA

Giulietta, Lisetta e detto.

GIULIETTA: Pascà, nuje stamme ccà, nce ne volimmo j?

PASQUALE: Sì... anze nce ne jamme tutte quante a mangià ncampagna. (A Errico:) Voi ci farete l’onore di essere dei nostri?

ERRICO: Con tutto il cuore.

PASQUALE: Mò jammo a piglià la mogliera de Gnazio e nce ne jammo.

LISETTA: Papà... (Fa segno a Felice.)

PASQUALE: Aggio capito!... Tu pe forzate lo vuò spusà? Va bene. Acconsento!...

FELICE: Sciasciona mia!

LISETTA: Feliciello mio. (Si abbracciano.)

GIULIETTA (meravigliata):Comme!... Pascà?

PASQUALE: Chello che diceva dinto a la lettera, non era vero, è stato no scherzo fra amici.

GIULIETTA: No scherzo? (Ridendo:) Ah, ah, ah! Ma allora è stato proprio no bello scherzo! (Tutti ridono.)

FELICE: No Bello scherzo?

GIULIETTA: Sicuro! Bello assai!

FELICE: Speriamo che il pubblico, dicesse pure accussì!!!!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

Fine della commedia

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 3 volte nell' ultima settimana
  • 7 volte nell' ultimo mese
  • 59 volte nell' arco di un'anno