Nu’tern pe’ murì

Stampa questo copione

Nu'tern pe' murì

I ATTO

Si apre la scena. Ferdinando va avanti e indietro per la stanza.

Bussano alla porta, Ferdinando va ad aprire, poi rientra nella stanza seguito dal portiere.

FERDINANDO         : Trase viene ca', fa mpress

GIACOMINO                        : veng, veng, i quanta press

FERDINANDO         : tant tiemp pe' sagli'

GIACOMINO                        : aggià furnut e scupa a scala e pò so saggliuto

FERDINANDO         : Giacumì tu si stat ignorant dalla nascita, ogni volta ca me fai nu servizio t l'aggia dicer tre o quatt vote, e bigliett che ti ho mandato a giuca ier mattina, nun le iucate o ver? Ia, damme e nummer e  e sold

GIACOMINO            : E ca io vu vulev, vi credete voi che m'aggio scurdate. Appena mo dicisteve, lasciai tutte cose e currette o bancolotte, m’ dicett " chesta vota don Ferdinando non me deve richiamare”.

FERDINANDO          : Ah, le iucate a ier mattin eh?

GIACOMINO                        : Don Ferdinà voi siete una persona che merita, e mi dispiaceva se non vi favorivo.

FERDINANDO          : Ma comme dico io, me fatte sempe spandecà, e prorpio mo te si arricurdate!

GIACOMINO                        : Avete visto don Ferdinà, così questa volta non mi mortificate.

FERDINANDO          : Io t'arapessa a capa, ma guard nu poco comme se ranne e

cumbinazione, e addò stanno e bigliett.

GIACOMINO                        : Eccoli qua, nun've l'aggia purtate aiere pecchè nun teneve o' tiemp,

sta mio cognato o' spital, mogliereme sta vicino, e, se mise a cas,  e o palazzo e capirete, proprio perché vi stimo, aggià fatte asci o' tiemp pure pè vvuie

FERDINANDO          : Ma quand sì carnale, va' Giacumì va' nun' de voglio fa perdere cchiu' tiemp, Comunque grazie!

GIACOMINO                        : Pe' carità è mio dovere vers a' persona vosta.          

FERDINANDO          : Aspette nu mument, famme natu piacere, viste ca stammatina si accussì servizievole, fa na corsa da Donna Rachele

GIACOMINO                        : Chi a sognatrice?

FERDINANDO         : Si, e capite buono, chella ca fa è nummere che suonno, e dille e veni subut ca’, che l’aggia parlà.

GIACOMINO                        :Vado, volo. Don Ferdinà', ma io nun saccio come vi vedo , ma è succies coccose.

FERDINANDO          : Non no niente, nunne succies nient e po’ nun aggià dà cunte a te.

  .

GIACOMINO            : Vabbè, nun va arrabbiate,nun parle cchiu'. Don Ferdinà' però, si iesce o tern nun ve scurdat e me, va raccumann.

FERDINANDO        : Ma cadda sci', statte bbuone Giacomi'.


GIACOMINO                   : Bona iurnata. (ed esce).


Una casa modesta, (camera da pranzo) Ferdinando Cammarota cammina per la stanza pensieroso, è mattino presto. Entra Carolina.


CAROLINA


: (distendendosi e spicciandosi gli occhi) Buongiorno Ferdinà, Che cos'è ci siamo alzati presto stamattina.(Ferdinado non risponde, Carolina insiste) Ferdinà, ma che te è arrivata qualche cambiale?


FERDINANDO    : Carulì lassamme sta.

CAROLINA         : Io sono tua moglie e l'agia sapè se tiene qualcche problema me lo devi dire che, te lo risolvo subbete.

FERDINANDO    : Carulì questo è un problema di numeri.


CAROLINA


: Allora è cosa mia.


FERDINANDO    : Carulì tu la scrittura non la conosci, e fatt a primma elementare,Figurati si hai che fa cu a matematica.

CAROLINA         : UEE nun accuminciamm ad offendere, sei nervoso già a  primma matina, e pigliati nu poco e bromure, Ferdinà, cercammo e nun ce tussuca stu Sabbeto  (sta per uscire Ferdinando la trattiene)

FERDINANDO    : Non signore vien cca, nun te le piglia, me sento nu poco strano, forse è perché tengo nu poco paura.

CAROLINA         : (interessata) Paura? E de che?

FERDINANDO    : Carulì io to dico, però tu nun ce le dicere a nisciuno, nun l'aggia

ditt a nisciun fino a mo pe scuorno.

CAROLINA         : Ferdinà, è un altro nostro segreto.

FERDINANDO    : Comma cchell'ata vota, o sapett puro o zio a Roma.

CAROLINA         :(offesa) Ferdinà sa che vuo fa', nun voglio sapè niente.

FERDINANDO    : (conoscendo il carattere della moglie)  non tela prendere, solo ca cheste è na cosa molto delicata e a te ti piace parlare , non lo fai per cattiveria, voi donne siete fatte così, vi incontrate dal pizzicagnolo o dal parulano e mentre facite a spesa parlate, parlate nun vi rendete conto e chelle ca ricite, ma parlate.

CAROLINA         : E comme fai longa, io te vulevo aiutà, ma viste comma a pieze, tienatelle pe te o’ segrete, schiatta, io me ne vaco.

FERDINANDO    : E va bene, hai ragione, mo te racconte tutto cosa.

CAROLINA         : Mò vuo dicere a forza e, fa ambressa ca tengo che fa

FERDINANDO    : Ad ogni modo Lunedì a nott, me sunnaio o riavolo

CAROLINA : O diavolo

 

FERDINANDO          : Io le dicette che le nostre condizioni nun erano tant brillant che stavamo chine e riebbete e che, ci voleva un terno pe me met¬tere a posta che cervella.

CAROLINA            : (interessata) Allora! !

FERDINANDO      : Allora, lui mi disse ca me vuleva aiuta, e che me diceva e tre nummere

CAROLINA : E te dett, te dett.

 

FERDINANDO    : Comma nun me dette 17 – 2 - 51 e me li sono giocati pure

CAROLINA         : Emb’, questa è la preoccupazione tua.

FERDINANDO    : Aspietto fammè ferni, stanotte me l'aaggià sunnato nata vota, a stes¬sa faccia, e stess corna e rideva, rideva, io l'aggia domandat pecchè rideva, l'aggia ditt "ne signor diavolo scusate, ma che tengo a fac¬cia e scem" accussì se stato zitto e se innervosito "Ferdinando Cammarota io non do mai niente senza avere qualcosa, tu hai accettato il terno senza condizione e io, in cambio mi prendo la tua anima. Il terno che ti ho dato è la data della tua morte il 17 febbraio del 51 morirai ed io mi prenderò la tua anima. Capisce!!

 

CAROLINA : NO!!

 

FERDINANDO    : Carulì, oggi è sabato 28 gennaio -1951, si esce o terno io fra 20 iorne more.

CAROLINA         : Ferdinà, che vai pensanno, foss a maronna che ascess o tern

FERDINANDO    : Carulì, forse nun è capite buon,  è si more?

CAROLINA         : E che ci vuoi fare, un padre s'adda sacrifica per la famiglia (ed esce) Mentre

Ferdinando si preoccupa, pensieroso e diffidente si guarda intorno entra FRANCESCOo secondo figlio di Ferdinando.

FRANCESCO      : Mannaggia o diavolo.

FERDINANDO    : (sentendo il diavolo salta e pauroso domanda al figlio) Ta ditt Coccos!!

FRANCESCO      :Chi!!

FERDINANDO    : Oh diavolo.

FRANCESCO      : Papà ma che state dicendo, mannaggia o diavolo, nuin riesco a truvà e scarpe.

FERDINANDO    : E tu, pecchè nun truova e scarpe, nomini il diavolo. Lo sai ca nun se dice, stu fetende

FRANCESCO      : Papà , io non ho detto niente di strano, aggia ditto solo Mannaggia o diavolo nun trovo e scarpe.

FERDINANDO    : E lo chiami un'altra volta, quello viene, ti fa trovare e’ scarpe, e po doppo nu poco muore, e capite! !

FRANCESCO       : Papa ma ve sentite buone

FERDINANDO    : (continua a parlare) quello  si fa la risata e fra 20 giorni si viene a piglia l'anima.

FRANCESCO      : (guarda meravigliato il padre) E chi ve capisce (ed esce)

FERDINANDO    : Niente, nisciune me creda, io sto ascenn pazzo.(e si apparta in un angolo pensieroso.)

Entra Lisa figlia di don Ferdinando seguita dalla suocera donna Filomena.

 

LISA :Mamma questa situazione si deve risolvere, è una vita insopportabile, io faccio a ssschiava a casa e mio marito fa o milord se ne va a passeggio.

D. FILOMENA : E con questo,Pasqualino mio non ti fa mancare niente .Puoi dire forse che ti manca qualcosa?

LISA : Un marito Mamma, un uomo vicino, il diavolo mi tenta e isso nun so fa passa nemmeno pà capa. Mamma parliamoci chiaro la nostra unione è diventata insopportabile, la mia vita un inferno e Pasquale è il diavolo, io me so scucciate voglio il divorzio, accussì io so libera, iss è libero e ognun fa chella ca vo.

 

D. FILOMENA          : (si accorge della presenza di Don Ferdinando e cerca aiuto a lui avvicinandosi e chiamandolo) Don Ferdina' ma vuie a sentite e nun dicite niente.

 

FERDINANDO : Vattene diavolo, te vuo piglia anche l'anima e figlieme, ma sta vota so furbo, non me fa scemo "va addereto satana" (ed esce)

(Lisa e D. Filomena  rimangono sorpresi dell'atteggiamento di Ferdinando  e si guardano l'un l'altra entra FRANCESCO con le scarpe in mano)

FRANCESCO : Eccole qua, chi sa chi ncela mise. Uè che state facendo.

 

LISA : Francè, le vist a papà stammatina, secondo te è normale

FRANCESCO : Veramente l'ho visto nu poco strano, poco fa steve cercanne e scarpe e ho imprecato"Mannaggia o diavolo" e luinon appena l'ha sentito è diventato comma nu pazzo.

LISA : L'ha fatto pure chu me, ma io ò saccio che non mi può vedere (al fratello) Vi siete messi d'accordo tutti, la verità è che me vulite luvà a nanze e pure, tu pè primme, (alla suocera) ma io a casa addo Pasqualino nun ce torn’,avite capito, chiuttosto vado dall'avvocato, vi inguaio, sentirete parlare di me (ed esce).

FRANCESCO : Ma che de stammatina, si so svegliati tutti con la luna storta. Mammà ma che successo?


CAROLINA            : Niente Pascalì  niente (ed esce).

FRANCESCO          : Bò e chi ce capisce niente

D. RACHELE          : E' permesso, buongiorno a tutti.

FRANCESCO          : A siete voi, accomodatevi donna Rache'


RACHELE


: Buongiorno Francè e tuo padre ci sta?


FRANCESCO            : Donna Rachè stamattina non è aria si è svegliato nervoso


RACHELE                   : Mi ha mandato a chiamare lui, dice che mi deve parlare

FRANCESCO                        : Accomodatevi o faccio venì subito (chiama uscendo) Papà Papà

              (entra Carolina pronta per andare a fare la spesa col cappotto in mano)

CAROLINA : Donna Rachele buongiorno, come mai da queste parti?

D.RACHELE :Donna Carulì buongiorno, don Ferdinando ha bisogno di me mi ha mandato a             chiamare con urgenza, credo che l'aggia spiega nu suonn

CAROLINA : Avete proprio indovinato, è un segreto però

(Entra Ferdinando interrompendo il discorso di Carolina)

FERDINANDO : Però che cosa

CAROLINA : Niente vac a fa a spesa ve lo dice lui arrivederci donna Rachele

FERDINANDO    : Dunque donna Rachè veniamo subito al dunque, non devo fare i nu meri questa volta, voi che siete così esparta nei sogni, mi dovete spie gare alcune cose. Me le potete spegà?

D. RACHELE : Certamente, non pe niente m chimmene donna Rachele a sognatrice che v'aggia spiega un sogno?

FERDINANDO : No no, a me il mondo dei sogni mi affascina, e vulesse qualche cunsiglio pe capì i sogni come so fatti, da dove provengono e, che c'è di vero nei sogni con i relativi numeri.

D. RACHELE : Aaaa.. ho capito, voi vulite sapè comme si giudicano i sogni, va bè dunque, prima di tutto bisogna stabilire se un sogno è veritiero o bugiardo, s'è è buono o malign.


FERDINANDO          : E da che si deduce.


D.RACHELE : Nu mument don Ferdinà e faciteme arriva. Dunque ne sogno veritiero può essere buono o cattivo, i sogni bugiardi sono la confusione della mente, quando ve ne ricordate niente del sogno, mi sono spiegata.

FERDINANDO : Si, va be' parliamo dei sogni veritieri.

D.RACHELE : Allora, il sogno veritiero è o sogno che uno ricorda nei minimi parti­colari, e min se scorda niente, i numeri più azzeccati in un sogno so­no, quando ve li da una persona cara defunta, oppure nu prevete, o che vaggia dicere un'angelo. Invece poi nei sogni bugiardi e cattivi ci sta sempre di mezzo una persona che ve vo male, oppure o riavule stesso.

FERDINANDO : (col finto scettiscismo) O diavolo, ma che dicete.

D.RACHELE : Si don Ferdinà proprio il sogno del diavolo in mezzo e, il più perico­loso, è vero si possono fare i nummeri per i terni e le quaterne però, quasi sempre il diavolo in cambio vuole qualcosae di conseguenza e solde del terno o quaderna che sia portano queie e disgrazie.


FERDINANDO          : Donna Rachè queste sono sciocchezze.

D.RACHELE              : Sciocchezze? Don Ferdinà è una vita che trasformo i sogni in numeri

e state certo che cocca cosa ne capisco. Ve voglioraccomandà na' cosa sapimmo siile tutte e duie pecche chill'ato c'ho sapeva, è muorto!

FERDINANDO         : (preso dal panico ma non credendo)Fatemi sentire mi incuriosite

D.RACHELE            : Ve lo ricordate don Ciccillo o pizzaiuolo?

FERDINANDO         : Come no, quello che mori sotto il treno.

D.RACHELE        : E pecchè? Pecchè?

FERDINANDO    : (tremando) pecchè si sunnaio o diavolo?


D.RACHELE           : Esatto!


FERDINANDO    : E vinte iuorne prima ca mureva, vincetto un terno o bancolotto

D.RACHELE        : Na settimana dopo prima che si ritirava a vincett e a mugliera dopo nu poco murett pure essa sapete come morì

FERDINANDO    : Fu un indigestione, se mangiaie chellu poco! !


D.RACHELE           :E la causa chi è?


FERDINANDO    : Del diavolo! !

D.RACHELE        : Con i soldi che aveva vinto il marito comprò tutta quella roba da man­giare e morì di indigestione, e o figlio?

FERDINANDO    : Pure o figlio ! !

D.RACHELE       O figlio, con i soldi del padre si comprò a macchina sportiva, fece un

incidente e morì quel terno distruggetta na famiglia e chi ciò retto, se no o riavolo. Mo dicetto don Ciccillo dui iuirno prima ca succedeva a disgrazia.

FERDINANDO    : Voi dite?


D.RACHELE


: Don Ferdinà sentite a me quanto sognate il diavolo diffidate se non vi volete far capitare quaccosa adesso, scappo pecche tengo cierte impe­gni so scocciature ca nun ne pozze fa a meno. Vi saluto don Ferdinà buona giornata.


FERDINANDO    : (pensieroso) Arrivederci(poi la chiama) Donna Rachè ne siete sicu­ra??


D.RACHELE


: Don Ferdinà è il male .Arrivederci.


Ferdinando si avvicina al quadro della Madonna e facendosi un segno della croce incomincia a pregare.


FERDINANDO : "Madonna, e mo che faccio vac all'infern? È certo si o diavolo si pi­glia 1' anima mia mie a pò purtà' mparaviso, chi sa comme si sta all'inferno , l'unica consolazione è che non si soffre il freddo, e poi se uno che fatica tutta a vita, è fa o buone va mparaviso, ecco un'altra consolazione, non si lavorerà.

Entra FRANCESCO e lo sorprende che parla con la madonna.

FRANCESCO             : Papà, ma che de, ti si convertito o non ti senti bene, quando uno cer­ca perdono, a fatto cattiveria e ovè.


FERDINANDO : Ma quale cattiveria, uno come me, si trova nella mia condizione pecchè  cosa ha fatt  e’ cose a occhi chiusi, si ci avess raggiunat, o si teness o tiemp e raggiunà, io ci spiegass, o faciarria cagnà idea primma che esce l'estrazione, anzi sa che faccio, mo me ne vac a dujrmi e non voglio essere disturbato pò nisciuna ragione.


FRANCESCO        : Papà , ma che centra l'estrazione? E stu parla che state facenne ?

FERDINANDO     : O ssaccio io o saccio ( ed esce )

FRANCESCO rimane solo sulla scena mentre sfoglia un giornale entra Carolina

CAROLINA            : Pascalì tu staie ca' me credevo ch'era andato a fatica?

FRANCESCO           : Mamma,vi prego,non la nominate proprio quella parola ,pecchè io sulo si a sente mi sento le ossa rotte per la stanchezza.

CAROLINA               : Vorrei sapere come fai a startene tutto il giorno seduto senza fa niente.

FRANCESCO            : E no mamma, mo siete ingiusta, lo sapete bene ca quando si deve mangiare mi aizo e vado in cucina senza mai pretendere che voi me lo portate fino qua..



CAROLINA : Grazie tante a mammarella toie e marraccumanne nun te movere ca se vene a furtuna nun te trove.

FRANCESCO : Nooo,e chi se move,io ca sto., ho come un presentimento, stanotte Ho sognato che eravamo tutti ricchi.

CAROLINA : E' questo un bel sogno, siile nu terno ce putesse salva.


FRANCESCO           : Chi sa, ho giocato tre numeri, e viste ca vi stando   fastidio mo vaca int a stanza mia a sentì l'estrazione.

CAROLINA               : Miett e pier nderr Pascalì, e cirche di fare profitto del tuo tempo, io nun o dico per me, ma per te, può ave più soddisfazione. Io nun me pozzo rimprovera niente.

FERDINANDO          : Niente da fare, non riesco a piglia suonno.

CAROLINA               : A tu stai qua, che de te muore suonno.

FERDINANDO         : Non signore, vulevo parla co diavolo, ma niente nu riesco a dormì

CAROLINA              : Ferdinà ma sti pensanne ancora o suonno, queste sono sciocchezze è po' non hai visto nemmeno l'estrazione. Deve essere già uscita (entra FRANCESCO) ah ecco FRANCESCO,allora hai sentito l'estrazione

FRANCESCO       : Si mamma, l'ha fatt mo mo pe' radio,nun aggio pigliato manco mi

nummero

FERDINANDO    : (tremando) Pecche a Napule che e sciuto.

FRANCESCO      : A Napoli 35-48-17-2-51

FERDINANDO: SENTENDO I NUMERI GLI VIENE UN INFARTO E CADE SULLA SEDIA PANCIA IN ARIA E CON LO SGUARDO FISSO AL SOFFITTO.

CALA LA TELA

FINE PRIMO ATTO


II ATTO

La stéssa camera del primo atto, però molto rinnovata e molto abbellita con quadri, specchi etc. Un tavolo rettangolare al centro con sedie. Entra Pasquale nervoso e cammina per la scena avanti e indietro ragionando tra so. Entra Carolina tutta schic, molto nervosa, guarda Pasquale, che la vede e si ferma.

PASQUALE   : Buon giorno mamma', mi volete parlare?

CAROLINA   :   (gli   va  vicino e  gli   molla uno schiaffo)   Mascalzone,   te

credive ca te devo ragione, famme senti'  che tieni da dire

PASQUALE   :  Mamma'

CAROLINA:   (si   fa avanti   e gli   molla un'altro schiaffone)  Statte zitto e'   nun parla',   fetente!   cu na  figlia,   nun  te miette scuorne, Che de  te  stai   zitto?  non hai  niente; da dire  in  tua discolpa?

PASQUALE   :   (si   allontana)   Mamma'   nun  e'   colpa  mia,   e'   Annarella che e' fissata,   e'   può'   domanda'   a papa',  mi   da'   ragione pure  lui.

CAROLINA:   Tuo padre? che ne  sa  tuo padre,   quando vede a mugliereta me     par  che  vede o  riavolo.

Entra Annarella   anche  lei benvestita.

ANNARELLA :   Si è    o'   vero,   a  quando  a pigliato o’ terno,   nun o capisco più'. Ma che tene contro a me

CAROLINA   : Non lo sai o fatt do suonno, e' convinto che deve morire, e' nun pò vede a nisciuno, si nun fosse stat pe me e soldi da vincita nun l'avess manco ritirat, comunque adesso riconcili­atevi, e tu Annarè, circ do capi' a Pasqualino, lui ti vuole bene, (poi minacciosa verso Paqualeo) e' vero che la vuoi bene.

PASQUALE   :  E' vero mamma', è vero.

CAROLINA   : Ecco, cosi' va meglio, adesso iamm a pripara pe mangia'.

PASQUALE   : Mamma', ma Francesco e Luisa vengono qua, c’aggià dicere se andiamo o ballo in maschera assieme.

CAROLINA: O ballo in maschera? Cu patete che sta e chella manere? E po’ tu si spusate.

Annarella:        : Ce l’aggia chieste io e me purtà.      

CAROLINA:   Tu  si   n'ata capa  gloriosa, ad ogni modo sono andati comprare i vestiti pe Carnevale

Iamm a  vede c'avimma   fa' in cucina , viene Annarè. (ed esce)

PASQUALE: Annarè ma tu sapjs papa' che vo, ha fatto la riunione di tutti i parenti stretti

ANNARELLA: Pascà tu si o’ figlio e’ sape’ tu a patete che l'aggire pe dinte a cap’  (ed esce)

Pasquale s i siede a leggere il giornale, entra Ferdinando con la faccia pallida triste e si guarda intorno.

FERDINANDO: Niente, so undici giorni ca dormo e nun so capace do vedo, "ti prego, ti    scongiuro, so mi sentite fatevi vedere che vi devo parlate".

PASQUALE   : (che non era stato vislo) Papa'!!

FERDINANDO: (Fa un salto di spavento) Chi e', ne Pasquà sei tu? e chi ti aveva visto.

PASQUALE   : Me n'ero accorto, ma cu chi stivene parlann, nun me dicite che pensate ancora o suonn?

FERDINANDO: Tu nun me cride, ma io mi sono informato, Donna Rachele, il parroco, mi hanno detto ca quando si sogna il diavolo e' un brutto segno. Comunque, io mi sono rassegnato, e sto facendo il dovere di padre , primme ca moro debbo mettere tutto a posto anzi, sa che vuo fa, vai a comprare dei fogli di carta bollata che tra mezz'ora viene il notaio, ed io faccio testamento annanza a tutti quanti.

PASQUALE   : Papa" voi state solo un poco esaurito, non ci penzate.

FERDINANDO: Sono ancora io il capo di famiglia, ancora aggia muri' i consigli li devo dare ancora io, va, fa comme to dico, va:

PASQUALE   : (si alza) Va bene, comme vulite. (ed esce)

FERDINANDO: (Resta solo sulla sena, e si gnaula intorno) Niente,

non ti vuoi far vedere, ma io ti ricordo belio in faccia, e quando vengo all'inferno, facimm’ e cunte, ti faro' rimpian­gere di essere un diavolo.

A questo punto come un’ invocazione; si sente una risata satanica, entra Francesco vestito da diavolo, che sarebbe l'abito per il ballo in maschera.

FRANCESCO: Anima perduta, trema che la tua ora è giunta.

FERDINANDO: Mamma mia bella, ma chi e'! !(facendo un salto di spavento)

FRANCESCO: Non mi riconosci? guardami bene, sono il diavolo.

FERDINANDO: (impaurito) Ma non siete quello che mi ha fatto fesso,  v i ha madato lui?

FRANCESCO  : No, mi ha mandato Satana, pel prendere la tua anima.

FERDINANDO: Ma come, signò diavolo, siete in anticipo, ci mancano nove iuorne, o saccio ca siete fetent e cattiv, ma no nu riavol e nient.

FRANCESCO            : Ma che dici misera anima, osi offendermi?

FERDINANDO         :(e.s.) No, pe carità', nu vvoglio offendere a'nnisciune, ma e patt so' patt, addumandat o’ colleg vuost, commo so chiamine? Ma vuie oi.sapite meglio e me.

FRANCESCO            : Non m'importa, io ho un ordino e lo devo portare a termine, e poi all'inferno si sta bene, (e la per ucciderlo con il forchettone).

FERDINANDO         : (riparandosi dietro una sedia) Ma aspettate, ragioniamo,

io so' dieci giorni che dormo per mettermi in contatto con

quel fetente del vostro collega, mo’ che siete venuto voi

ve lo dico a' vvui, io vorrei una proroga per la mia morte.

FRANCESCO            : (fa un'altra risata Satanica)Sei buffo Ferdinando Cammarota.

FERDINANDO         : Io l'aggia ritte che tengo a faccia e sceme.

FRANCESCO                        : Zitto, e preparati a morire.

FERDINANDO         : Aspettate, facitame saluta' perlomeno e figli miei, e a mia moglie.

                                     Io faccio  abbresse che ci posso mettere al massimo due , tre anni.

FRANCESCO                        : No, non posso aspettare.

FERDIANDO            : La sapete una cosa? le ne ho conosciuto di diavoli, ma vui, site o riavul cchiu’ fetente.Facimm’ a’ cussì ,vui ve ne aiate e io aspetto che torna o colleg vuosto.

Mentre FRANCESCO si avvicina con il Forchettone in pugno entra Luisa vestita d'angelo.

LUISA                        : Fermo lurido servo dogi i inferi, non |permetterò che tu ti pigli un'altra anima, lui vrrrà con me in paradiso.

FERDINANDO         : (prima impaurito poi entra nella discussione)

Un momento, nun v'appiccicate, io vi laccio contente a tutte dd'uie, nun vaco ne’ all'inferno, ne’ in paradiso, resto n'goppe a terra. ( e sfoga in un pianto nervoso)

LUISA                        : Dio mi ha mandato in missione io la porterò' a termine, ti caccerò' all'inferno da dove sei venuto internale demonio.

FERDINANDO         : Insomma, io aggi a murì a’ fforza, (l'angelo e il diavolo incrociano 1e spalle)

FRANCESCO                        : Anima del signore para questo colpo, e' indiavolato.

 LUISA                       : non mi fai paura questo e' un colpo da maestro.

FRANCESCO            : Ahh, mi hai colpito maledetto: ma mi vendicherò, e soprattutto su di te' Ferdinando Cammarota.

FERDINANDO: Ma che avete combinato, L'avete ucciso, mo vene chill'ato o so piglia cu cu me.

LUISA                        : Non preoccuparti mortale, ci sono io a difenderti. Ti porterò con me.

FERDINANDO: (al limite della sopportazione) Basta, basta nun volgio muri' basta nun c'ia' faccio cchiu' (scoppia in un pianto di disperazione, Luisa e FRANCESCO sì rendono conto della situazione)

FRANCESCO: Papa' ma che re non ti e' piaciuto o' scherzo.

LUISA                        : Sono i vestiti di carnevale.

FERDINANDO: (si ferma di scatto, poi fissa i due) a site vuie?(fanno cenno di si con il capo) ca' puzzat passa nu guaio tutte e duie (e sì abbandona sulla sedia mentre Luisa e FRANCESCO meravigliati ragionano sottovoce)

Entra Carolina con della roba da mettere a posto si forma a guardare la scena poi a

FRANCESCO.

CAROLINA      : A voi state qua, che de e' venute già carnevale, o ball' si fa il 28

FERDINANDO: Voi al ballo non ci  andate!!

FRANCESCO: E  pecche'?

FERDINANDO: Perché il 28 voi sarete in lutto per la mia morte.

CAROLINA   : Ferdina', ma tu issa asciut' scem, so già 10 iuorne che arraggiun' sul' tu.

FRANCESCO: Papa' vi dovreste fa vedere da un buono medico.

LUISA                        : Papà forze è megli nu mierec’ de pazzi, pure si nun è tant’ bbuon’.

FERDINANDO: Possibile che non mi credete, a questo pensate, a quanto aggia pigliato o temo, o ballo, a festa a passegiata. Tu già' nun faticav’ primm’ figuriamoci adesso, fai proprio o milord, e poi nun avete proprio coscienza, con un lutto imminente in casa voi non vi interessate, invece di compatirmi.

FRANCESCO: Papa', perche' compatirvi.

FERDINANDO: Ma comme’ pecche' io aggia muri' o vero, ci metto la mano sul fuoco.

CAROLINA   : Uh, Ferdina' e cagna nu poco o disco.

FERDINANDO: Voi vi dovete convincere, mo che viene dorma Rachele ve lo faccio spiegare da essa che sape tutt’ cose coppe’ e suonn’.

FRANCESCO: Papà non vi preoccupale, vi faremo un bel funerale, andiamo Lui ' .

LUISA                        : Piangeremo tutti, la sentiremo la vostra mancanza.

FERDINANDO: Tante grazie ,bontà vostra(a Carolina)  io vaco a fa natu tentativo mi addormento un'altra mezz'ora, deve venire donna Rachele ed il notaio, appena vengono vienimi a svegliare, è capiti? (poi guarda Carolina con tenerezza) Caruli' ce piens’ ci restano solo 10 giorni.

CAROLINA   : Nati dieci Ferdinà? E speriamo ca passano ambress. (ed esce)

FERDINANDO: Nient , mi pigliano po' scemo, mi sentirete dopo la mia morte. (ed esce)

Entra Pasqualino con Giacomino il portiere reca in mano un mazzo di fiori.

GIACOMINO            : Don Pasquali' Ho saputo che Don Ferdinando oggi fa il testamento, una voce in giro dice che e' grave e che deve morire.

PASQUALE   : Gìacumi' chi te' dice ste fesserie.

GIACOMINO            : Come? Lo .sanno tutti che la morte di don Ferdinando è imminente, io ci vengo a dare 1e condoglianze.

PASQUALE   : Giacumì tiene proprio la faccia da malia ciorta, e statte zitto, e po' nun c:apisco le condoglianze si danno ai parenti del defunto quando si fanno u funerali, e no' dieci giorni prima e allo stesso defunto.

GIACOMINO: Io ho pensato che oggi fa il  testamento e siccome le condo­glianze sono la partecipazione disinteressata al dolore dei parenti e dello stesso defunto, io ho pensato bene di darle personalmente a don Ferdinando mio amico fedele (accenna ad un pianto di commozione) e si ricorderà di me s'altro.

PASQUALE   : Io lo sapevo che era questo il vostro interessamento alla questione.

GIACOMINO: Don Pasquà voi mi offendete .

PASQUALE   : Giacumi', faciteme o piacere’.

GIACOMINO            : Io me ne scengo sta o palazzo sulo, ma non sta bene dubitare del mio dolore, requie e pace all'anima soia, arri vederci Don Pasquale.

PASQUALE   : Statemi bene don Gìacumì (Giacomino esce) vuie vedite nu poco che faccia tosta (entra Carolina)

CAROLINA   : Che de’ Pascalì t'aggia senduto e allucca".

PASQUALE   : No, steve parlann’ cu Giacomino o guàrda porta, e' venuto a

dare le condoglianze a papa' per la sua morte.
           

CAROLINA   : Ma me vulissene fa asci' scema .

PASQUALE   : Mamma', io sentenne stu fatto a poco a poco me sto’ convincenne

pure io, oggi ho parlato con Donna Rachele e mi Iia spiegato , tutto, Mamma' co' riavul' nun se scappa.

Bussa il capanello d'ingresso.

ANNARELLA: (da fuori) Accomodatevi donna Rachele (entrano sulla scena).

D. RACHELE : E' permesso disturbo, donna Carulì servà vostra.

CAROLINA   : Donna Rache' e' un piacere vedere la vostra persona, accomoda­tevi .

D.RACHELE : Ue’ Pasquali' ci stai pure tu?

PASQUALE   : Ai vostri ordini donna Rachele, gradite qualcosa.

D.RACHELE : No, grazie devo andare a mangiare, va a fernì ca s’ chiurr’ o’ stommac’e sapete come sono fatti gli uomini, va a finire che mio marito se piglia collera perché non mangio.

CAROLINA: Come desiderate.

D. RACHELE : E Don Ferdinando dove sta' dice che aveva bisogno dei miei servigi, ne e' pecchè me guardate accusi, e succise coccosa.

PASQUALE   : Donna Rachele, papa' stai dormendo è andato a vedere se si sognava il diavolo, pecchè l’addà parlà, sono diciotto gioirni da quando a pigliato o terno c.a nun fa at’ ca' durmi, crere ca more.

D. RACHELE            : Io non so il fatto, però da quello che  mi hanno detto; coccosa aggia potuto capì

ANNARELLA: Donna Rachelè quello il diavolo lo vede da pertutto, e special mente quando vede a me"'.

CAROLINA   : Lisè, nun te piglia' collera e' solo un poco nervoso vedrai che passera'.

PASQUALE: (a Lisa) Ma dice sempre fesserie cu sta vocca.

ANNARELLA: Fesserie? quella è na  messa in scena pe' me luva' annaze e piere, ma io non ci sto' , sarebbe troppo comodo.

D.RACHELE: Eeee! nu mument io riun aggia capito niente.

I tre accennano a parlare insieme ma D. Ruchele li blocca

D.RACHELE : Nu mument , stateve zitte tutt’ quant(si fa silenzio) parla tu  Pasquà.

PASQUALE   : Dunque io già vagg’ ditte coccola, ma adesso vi dic’ o’ riest’.Papa' il lunedì se sunnaie o riavul (nel frattempo entra Ferdinando senza essere visto si mette ad origliare alle spalle dei tre coperto da d. Rachele)che egli fece un discorsetto di compassione e ci chiese un terno sicuro, dopo di che sognò lo stesso sogno con gli stessi numeri per altre due volte. Con la norma del bancolotto che dice: quando uno si sogna per tre volte consecutive vuoi dire che e' un segno della fortuna e quindi i numeri si giocano necessariamente, cosi' mio padre se li è giocati.

D. RACHELE : Male, don'Ferdinando ha fatto male.

PASQUALE   : Donna Rachele, faciteme dicere o’ riesto, dunque dicevo se li è giocati venerdì ma, quando e' stata la notte ha sognato di nuovo il diavolo che ci ha spiegato il trucco e il prezzo che doveva pagare per quel terno.

D.RACHELE : Lo sapevo, male ha fatto, male. 

PASQUALE   : Donna Rachele non è finito dopo parlate, cu sta faccia ca facite mi facite mettere paura è parlà, dunque quel terno che poi è uscito il sabato annunciava la morte di papa' che poi dovrebbe avvenite tra dieci giorni esatti all'incirca verso mezzogiorno, e cioè dal momento in cui hanno fatto l'estrazione, mi sono spiegato?

D.RACHELE : Non c'era bisogno avevo già capito tùtto.

CAROLINA   : Donna Rachè io nun ci crere tant’ ma da' faccia ch’' tacite me facite

preoccupa'.

D.RACHELE : Donna Caruli' mi vorrei sbagliare ma l’esperienza mi costringe a parlarvi chiaro.

FERDINANDO: (tra se') O’ sapevo me lo sentivo.

D.RACHELE : Donna Caruli' e' triste ma e' cosi' don Ferdinando purtroppo sa fatt' fa' fesso e adesso deve subire, molte pene, subirà le pene dell'inferno.

PASQUALE   : Donna Rachè ma come fate ad essere cosi' sicura!

D.RACHELE : Pasqua' tu non puoi capire e' un dono divino il mio, interpretare i sogni e' il mio mestiere, e a quanti ne ho salvati  da questa situazione,  mi ricordo un caso uguale, non si rivolse a me giocò e dopo si trovò  nella stessa condizione  di don Ferdinando e non vi dico che passò  nelle ultime ore uno sperpetuo.   (Férdinàndo che sente si  dispera) una cosa da non credere e ancora adesso io-ho un contatto con quella persona e mi dice tutte le diavolerie che subisce.

ANNARELLA: Ben gli stà, così finisce di fare il prepotente

CAROLINA     : Povero Ferdinando e chi l'avrebbe pensato, che faceva questa

D.RACHELE   : A quello non gli piaceva pasta e cocozza, e gli fanno mangiare sempre pasta e cocuzza, faceva il falegname, e di conseguènza non gli piaceva, ne lavorare ne martellare soprattutto, o il diavolo che fa, che fa?

PASQUALE     : Che fa??

D.RACHELE   : Lo lavorare sempre senza un attimo di riposò, e ogmi tanto gli molla due o tre martellate in testa, gli ha fatto la testa chiena e bobboloni, insomma , tutto quello che non.gli piaceva di fare nella vita terrena lo sta facendo all'inferno.

CAROLINA     : Povero Ferdinando, nun ha faticato mai in vita sua.

D. RACHELE : IO, a questo signore l'ho assistito nella sua morte e non vi' dico un paio d'ore prima incominciarono i primi disturbi, si sentiva giramenti di testa, poi mal di stomaco, poi si sentiva soffocare e cacciava l'uocchie a' fora, poi si paralizzava un braccio, poi una coscia, na frèva a quarantott’ poi si sentiva staccare prima le unghie una ad una po' a pèlle, poi ancora si sentiva martellare alle tempie,   ,  sparpatiaie fino a che riun chiuretto l'uocchie e murette. [Ferdinando sentendo il discorso aveva subito  sentito su di lui tutto quelle che aveva detto D.Rachele, appoggiandoci ad una sedia stramazza a terra privo di sensi).

FERDINANDO: Madonna mia aiutami tu'.

(Carolina si. volta sentendo il rumore seguita dagli altri)

PASQUALE     : Che e' succiese  Papà?.

LISA                 : E’ muort’  prima do tiempo.

D. RACHELE  : Sono i primi sintomi della sofferenza, lo sapevo, lo immagginavo

Losollevano, lo fanno sedere

CAROLINA     : Ferdina' ne' Férdina' che de', che succiese.

 PASQUALE    : Papà, ca’ ci sta D. Rachele.

D.RACHELE   : Don Fedinà come vi sentite, descrivetemi la forma dello  svenimento.

LISA                 : D. Rachele, e facitel’ riciatare.

FERDINANDO: (Si riprende) Mamma mia aiutame tu', nun cia' faccio chiù' (poi incomincia a piangere) nun voglio muri', nun voglio muri'. Donna Rachè, aiutatemi voi.

D.RACHELE   : Mi dispiace don Ferdina' nun pozz fa niente, me lo dovevate  dire prima, quello che è fatt è fatto:

FERDINANDO: D. Rache', allora io aggia' muri'.

D.RACHELE : Si don Férdinà, morirete.

FERDINANDO: Pe' fforza!!

D.RACHELE : Pe fforza, don Ferdinà

FERDINANDO: (di scatto) Sta' bene allora morirete tutti quanti cu mme (afferra un coltello insegue le persone presenti poi avvista LISA) accumiitinciann a te'!! (entra il AVVOCATO che incontra faccia a faccia sulla scena)

AVVOCATO : Io sono il AVVOCATO Federico Cipolla, ho visto la porta aperta e sono entrato.E’ lei che mi ha mandato a chiamare ?, voi siete il signore Ferdinando Cammarota.

FERDINANDO: Si.

AVVOCATO : Deve fare testamento?

FERDINANDO: Lo dovevo fare il testamento, nun ce n'e' più' bisogno, tra mezz'ora non avrò' più eredi.(tutti scappano, in scena restano solo Ferdinando e il AVVOCATO)

AVVOCATO   :Don Ferdinà calmatevi, cosa è successo?

FERDINANDO: (passando dalla rabbia alla disperazione) E’ successo che mi hanno raggirato, imbrogliato.

AVVOCATO:  Non vi agitate, su raccontatemi tutto con calma e dal principio.

FERDINANDO: Dunque, io ho vinto al bancolotto e mo’ qualcuno dice che il merito della vincita è suo e vuole essere pagato.

AVVOCATO:  Fatemi capire, perché questo qualcuno vuole i soldi da voi, il biglietto l’avete giocato insieme?

FERDINANDO:No, solo io, pure volendo lui non poteva.  

AVVOCATO:    Allora non vi dovete preoccupare, se questo signore avanza delle richieste, noi lo quereliamo.

FERDINANDO:Ma quello della vostra denuncia non se ne importa proprio.

AVVOCATO   : Come sarebbe che non se ne  importa, noi lo facciamo chiamare dal tribunale

FERDINANDO: Ma quello non viene. E’dispettoso.

AVVOCATO : E’dispettoso. E noi lo facciamo andare a prendere dai carabinieri. 

FERDINANDO: E quello non viene lo stesso.

AVVOCATO : Scusate don Ferdinà, ma chiè la persona che vista ricattando coccurune è cosa nostra

FERDINANDO: Peggio avvocà, peggio, è il diavolo in persona.

AVVOCATO : Il diavolo? Fatemi capire bene, voi intendete quello con le corna e il forchettone?

FERDINANDO: Si. Proprio quello.

AVVOCATO : (ironico) Io dovrei credere che il diavolo in persona è venuto qui si è seduto

FERDINANDO: Si, proprio sulla vostra sedia(l’avvocato istintivamente fa un balzo), ma non vi dovete preoccupare è stato in sogno.

AVVOCATO   :In sogno, Arrivederci Don Ferdinà , voi avete voglia di scherzare e io non tengo tempo devo andare in tribunale( si alza e va via).

FERDINANDO: (lo rincorre ) Avvocà dove andate non mi lasciate,aiutatemi, legalmente non possiamo fare niente?

AVVOCATO:  Don Ferdinà vuie tinite a capa fresca.Arrivederci.

FERDINANDO:( piagnucolando)Non mi crede, povere a me, morirò, morirò.       

CALA LA TELA

FINE II ATTO


III ATTO

La stessa stanza di prima, pero' con un lettino al centro circondato da quattro candele coperto da un manto nero.I mobili della stanza sono coperti da lenzuola, insomma c'è'

tutto manca solo il morto.Entra Carolina seguita da tre signore tutte vestite di nero,

con il viso coperto.      .          

CAROLINA               : Trasite, signò, trasite, accomodatevi, e seggie stanne affianco o liette.

UNA SIGNORA        : D.Carulì ma io non veca a niscun, ma a chi ciamma chiagnere o lietto?

CAROLINA               : Che ore sono?

LE SIGNORE                        : Sono le undici!!

CAROLINA               : Embe, ci manca ancora un'ora, o muorte e Ferdinando

(si commuove) povero marito mio ha dovuto soffrire venti giorni prima di morire.

LA SIGNORA           : Donna Caroli', ma faciteme capì? ma don Ferdinando quando è muorto?

CAROLINA               : Fra un'ora, a Mezzogiorno, (singhiozza) povero Ferdinando!!

LA SIGNORA           : Donna Caruli', ma vi sentite bene?

CAROLINA               : O ssaccio, me credite pazza ma è troppo lunga da spiegare;

ad ogni modo vuie appena vedite: a don Ferdinando piangete, strillate, faciteve sentì,trasmettetegli il dolore più forte  che tenete in cuorp. A proposito quante vi pigliati all'ora?

LA SIGNORA           : A noi ogni ora e ora di strilli normali , sono tre lire ciascuna, poi ci stanno e strille pure e quattro lire, come siete disposta voi.

CAROLINA               : Aspettate facitemo senti' o chiante e tre lire..

LA SIGNORA           : Va bene, iamme picere' a fatica (le donne accennano a strilli di pianto).

GIACOMINO                        : (entra di corsa ben vestito con una cravatta nera che spicca

e col solito mazzo di fiori)Che perdita, che perdita, nu piezz’ d’omm’ a iss’, buono comm’ o ppane , tennere comme an’agnellino o’ furn,

CAROLINA               : Giacumi', state facente marenn?

GIACOMINO            : Ma che diciate, io volevo bene D. Caruli' e mò comme facimme, e chi se l'aspettava povero don Ferdinando facitemo o vede' pa l'urdema vota, guardate me sò miso il lutto pure io, povero don Ferdinando.

CAROLINA               : Giacumi', ata furnute?

GIACOMINO            : Pecche", nun aggia' chiagnere?

CAROLINA               : I comme state appezzate, ancora adda* muri".

GIACOMINO            : Nun ancora? Ma io aggia" intiso e Iucche.

CAROLINA               : (infastidita) Stavamo provando il pianto.

GIACOMINO            : E avvisatemi io tengo che fa nun pozze mica perdere o tiempo a chiagnere pe niente (ed esce)

CAROLINA               : Ma vedite nun poco che se passa, allora simme dacccrdo tre lire

a l'ora e marraccumanne chiagnite forte adda sentere tutto o ti        quartiere quando o vulevo bene, (si sente un trambusto temendo)

CAROLINA               : E mo' che sta succerenno?

Entra Ferdinando tutto impolverato gridando come vorrebbe far sentire qualcuno

FERDINANDO         : Mamma mia che fatica, commo hello lavorare luvateme tutto ma no a fatica,io senza fatica mora, aggia faticat tutta a vita.

CAROLINA               : Ferdina' ma che cumbinato.

FERDINANDO         : Caruli' ho allargato la cucina.

CAROLINA               : Ma cornine tu nun e' vulute meli re mai nun chiove per appendere nu quadro.

FERDINANDO         : Non ti permettere nemmeno do dicere io aggia faticato a quando so nato pecché a fatica me piace, anzi tengo nu poco di appetito, fammi na bella caccavella e pasta e cucozza.

CAROLINA               : A pasta e cucozza Ferdina1 io taggia priparata una lasagna che nun furnescio mai.

FERDIANANDO      : A lasagna che schifo, che fetenzia meglio morto, a me me piace a pasta e cucozza bella saporita (C.D.) comme e bella a pasta e cuccozza, a lasagna baa!! che schifo.

CAROLINA               : Ferdina' sono le undici e dieci che so' e primi sintomi.

FERDINANDO         : Aggia ditto accussi' e basta (e si lascia cadere su una sedia non appena si siede le donne incominciano:'a strillare, Ferdinando ia un salto di spavento mentre entra Giacomino il portiere con il solito mazzo.)

GIACOMINO                        : Povero don Ferdinando e ehi se lo aspettava era cosi

giovane cosi buono il migliore inquilino del palazzo e l'abbiamo perso.

CAROLINA               : Giacumi1, ma state appezzato!!

FERDINANDO         :(fa uno strillo per calmare l'ambiente ) Ueeel Ma che succieso?

CAROLINA               : Ferdina' e il mio dolore per te mi costano tre lire all'ora.

FERDINADO            : Si va be, ma che alluccano a fa? maggia assettato e hanno fatto chestu poco, e quando mor?

LE SIGNORE            : Don Ferdina' mio nui quando faticammo simme serie e solde ce guadagnamme poi vamma visto cade ncoppo a seggia ce pensavame ca sivene mmuorte.

FERDIANDO            : Uè ma tenite tutti fretta mancano ancora quaranta minuti e pò quando io moro nun voglio a nisciuno vicino, non dovete avere un brutto ricordo nun voglio che me vedite e sparpetia. (piange)

Bussano alla porta, entra Giacinto vicino di casa.

GIACINTO                : E permesso buongiorno ai presenti donna Carulì, future condoglianze, Don Ferdina' perdonatemi ma devo scappare in fabbrica hanno bisogno di me, sono venuto a darvi l'estremo saluto.

FERDIANDO                        : Don Giaci' troppo disturbo.

GIACINTO                : Per voi? Don Ferdina voi stesso non potete capire la perdita che subiamo, ma comme è possibile io non ci credo.

FERDINANDO         : Eppure e' vero.

CAROLIANA                        : Povero Ferdinando sono sconvolta (ed esce)

GIACINTO                : Don Ferdina' permettetemi di salutarvi con un bacio e promettetemi di venirmi a trovare qualche volta in sogno.

FERDINANDO         : Vi devo portare qualche terno?

GIACINTO                : No,No per carità' il gioco non e' il mio forte, comunque

all'esequie viene senz'altro mia moglie noi ci vediamo domenica al camposanto a proposito che fiori preferite?

FERDINANDO         : Don Giacì m’ facite nu’ piacere?

GIACINTO                : l'ultimo desiderio non si nega mai.

 FERDINANDO        : Jate a fatica che facite tarde, jate.

GIACINTO    : A si arrivederci a più' tardi possibile don ferdina' (uscendo) che perdita e chi se lo aspettava, così giovane.

FERDINANDO         : Ma vedite che se passa nun se pò muri manca ngrazia di Dio

(e si lascia cadere sulla sedia le donne non appena si siede 'incominciano a strillare, e Ferdinando ancora una volta fa un salto di paura) Uee, ma chest e un abitudine. Ssss, zitte statave zitte, (ed esce)

Entra  Carolina con Donna Rachele

D.RACHELE             : Posso donna Carulì, don Ferdinando sta calmo?                 

CAROLINA               : D. Ractiele l'altra volta e' stata una scarica di nervi.

D.RACHELE             : Una scarica di nervi? a me mi dava l'impressioine di una esplosione ì una centrale elettrica, - va be' sorvoliamo-Percne' sto qua?    

CAROLINA               : Si nun o sapite vuoie?

D. RACHELE            : Si dunque stanotte ho parlato con l'aldilà sapete , non faccio per dire, ciò' molte conoscenze.

CAROLINA               : A, ve cunoscene pure di la' allora site proprio una persona conosiuta?

D.RACHELE             : Jo mi posso definire quasi un postino tra i vivi e i morti defunti.!

CAROLINA               : A capisco.

D. RACHELE            : Che capite, donna Caruli', queste sono cose ca capisco solo io'

D. Rachele a sognatrice.

CAROLINA               : Va be, ma che vulite a Ferdinando?

D. RACHELE            : In verità mi aveva chiesto se gli potevo prenotare un posticino tranquillo.

CAROLINA               : E! all'albergo VESUVIO, D. Rachele ma mi volete fare uscire scema a me, e tutto assurdo.

D.RACHELE             : Assurdo? Donna Caruli' vi voglio raccontare un fatto

CAROLINA               : No, no per carità' l'urdema vota che avete raccontato un fatto e succieso o finimondo.

Entra Pasquale con in mano una croce.

PASQUALE               : Buongiorno mamma, D. Rachele illustre.

CAROLINA               : Pasquale ( poi si avvicina) povero Ferdinando (piange)

D.RACHELE             : E' sarà indimendicabile per tutti noi.

PASQUALE               : Ma che, già' è muorte?

D.RACHELE : No, no secondo i calcoli manca mezz'ora, ma deciteme  na’cosa non si è manifestato ancora nessun sintomo?

CAROLINA               : Si cocc'cosa si vere, le rotelle del cervello già1 min funzionano chiù'.

D.RACHELE             : Ad ogni modo, io me n'aggia ie donna Carulì mi raccomandp

durante la mia assenza annotatevi tutte le manifestazioni che si manifestano cosi' io posso fare il punto della situazione.

CAROLINA               : D.Rachele ma vuie vi rendite conto che e' mariteme che mora! no o cane do salumiere a abbascio.

D. RACHELE                        : E' una cortesia che vi chiedevo comunque ce verimme chiù tarde.

PASQUALE               : (con tristezza) Mamma!

CAROLINA               : Pasqualì

PASQUALE               : Te piace (mostra la croce) e l'urdeme regalo che voglio fa a papa', e' l'ultimo modello sai, pero' comme sarà' brutto preparare il proprio funerale, ha sta piglianno cu filosofia,che de nun sta durmenno chiù'?

CAROLINA               : Ma che ? so quattro giorni che fatica comme nu cane, notte e jurn’ e va alluccann pò tutta a casa” le cose più belle della mia vita sono a fatica e a pasta e cucozza”, io non capisco che le sta succedenno.

PASQUALE               : Mammà sono i  sintomi hamma da' ragione a D. Rachele.

CAROLINA               : Uè, ma che de stu fracasso.

Entra Francesco con la fidanzata Luisa, la suocera Ermenegilda.

FRANCESCO                        : Trasite mamma trasite.

ERMENEGILDA:     Buon giorno donna Carulì, comme state?

CAROLINA               : Signora Gilda che piacere vedervi. Con la morte imminente di Ferdinando certo comme vulite ca stongo, tengo nu peso qua indica il petto) che non si vuole togliere per nessuna ragione.

ERMENEGILDA      :Ve capisco donna Carulì pire io so passata pe sti strade.

PASQUALE               : Don Federico pure moretto pe mezzo do diavolo?

LUISA                        : No, no papa' buonanima teneva altri problemi.

ERMENEGILDA      :Io mi riferivo al fatto che sono restata vedova.

CAROLINA   : E’ questo e' niente, è la perdita di Ferdinando la più' grave sciagura ve rendite conto, si nun a vulute mai fatica, a tenute sembe e vizio, specialmente ncoppo o mangia, cia migliaia e difetti ma capiteme a tennere n'ommo tant'ann annanze me so affezionata del resto tene pure e late suoi positivo.

Nel frattempo entra Ferdinando trascinando faticosamente una cassa sulle spalle, ha sentito tutto il ragionamento mette la cassa a terra si siede sulla sponda del letto e un sospiro di sollievo, le piangia-trici appena lo avvistano incominciano a strillare. Ferdinando fa un salto di spavendo poi rivolgendosi alle tre.

FERDINANDO         : Che puzzate passa un guaio nire, chiù nire de vestite che purtate ma che me vulite fa muri primmo do tiempo?

CAROLINA               : Ferdinando te siente buone.

PASQUALE               : Papa' comme state.

ERMENELGILDA    : Don Ferdina1 già siete pronto.

FERDINANDO         : Peche' avete piglia' posto in prima fila?

ERMENELGILDA    : Don Ferdina' voi mi offendete io sto ca’ per partecipare al dolore dei vostri cari .

FRANCESCO            : Papa' nu’ facito o cattivo, pure lurdeme mumente da vita vosta.

FERDINANDO         : Uee, io nun aggia ditto niente, poi scusatemi sapite comme è n'esperienza nuova , nun saccio comme m'aggia’ cumpurta'. che ore so'?

PASQUALE               : Mancano venti minuti pe miezzi iuorno.

FERDRINANDO      : Scusatene furnesco chest'ata fatica e pò maggia i’ a priparà (a Caroliana) si e' visto nisciuno?

CAROLINA               : No, ma a chi erama vede’.

FERDINANDO         : No niente, ci vedimm’ a natu poco (prende la cassa ed esce

faticosamente)

LUISA                                    : Donna Caruli ', a me me scappa a chiagnere verament’.

Mentre cala il silenzio di commozione Alberto, una delle piangitrici, si scopre il volto.

ALBERTO                 : Mamma mia, nun cia faccio chiù' chest’ attesa mi innervosisce.

CAROLIANA            : (che sente la voce maschile si impressiona)Uee ma chesta e mascule.

LA PIANGITRICE    : Sicuro è mio figlio Alberto , e chistat’ e' mio filgio Aniello.

ANIELLO                  : Mamma statte zitta, me metto scuorn’.

FRANCESCO            : Aee, hammo appart a serata.

ANIELLO                  : in qualche modo hamma manggia'.

ERMENELGILDA    : Chest so cose e pazze, travestite da donne e piangono il morto, questa è una truffa bella e buona.

LE SIGNORE            : Uee! nun accummiiicciamm, ca truffa e imbroglio, noi il pane ce lo guadagnamo onestamente e po' e striile di dolore so sempre chille, Guagliu’ la signora non e' stata soddisfatta dalla prova, facimmele senti' comme si chiagne' (cominciano a strillare, agli strilli segue Giacomino con un pianto a dirotto.)

GIACOMINO            : Don Ferdina' pecche' ci avete lasciato siete senza cuore poveri noi mo’ comme lacimme (poi si trova Luisa dì frontefreddamente) condoglianze avete perso un suocero d'oro m'a addo' sta'?

CAROLINA               : (infastidita)Giacumi ' avete finito?

GIACOMINO                        : Donna Caruli' io so' dispiaciuto.

FRANCESCO                        : A me me pare ca' o tonite’ copp’ o stommaco.

Entra Annarella e Pasquale tutti ben vestiti, Annarella porta un ventaglio in mano e si soffia di tanto in tanto.

ANNARELLA           : Buongiorno a tutti, a che punto stamm’?

PASQUALE               : Mamma' tutto e' pronto, ho parlalo pure con il parroco, ma rerut’ in faccia !

CAROLINA               : Si capisce, tu che le cuntate

PASQUALE               : Tutto mamma tutto.

FRANCESCO                        : Ca’ si nun moro papà ci portano o manicomio a tutte quante.

CAROLINA               : Ce vo ca ce portano o manicomio? o manicomio sta già' ca', io nun eia faccio chiù' me scoppia a capa.

ERMENELGILDA    : Donna Carulì calmatevi se no fino a domani nun’ cià facite a sta'.

Cala di colpo il silenzio perchè vedono entrare Ferdinando.

FERDINANDO         : Ma cherè mun parlate’ chiù, ecco, il primo attore sta' qua
che ore sono?, mezzogiorno meno dieci e ancora nun ma' dà
venì niente.     

CAROLINA   : Fosso o cielo ca ci avessemo sbagliato, Ferdinà fino a mo' ca te tenevo annaz sive supierchio, mo' accumminciamm a senti' a mancanza toia. (piange)

FERDINANDO         : No, no nun chiagnite astipateve e lacreme pe’ doppo, e' ora ca ci salutamm’, pecche' ve ne dovete andare tutti fuori,voglio murì ngrazia di Dio poi trasite (si avvicina a Pasqualino)statte buono Pasquali', ora tu diventerai il capo famiglia marraccummanno, a mammat' riguardatella.

PASQUALE               : Papa'

FERDINANDO         : No nun dicere niente, va' e puortete a muglierete!(Pasquale esce trascinandosi la moglie). Giacumi' tu stai sempe mieze hai messo nu pare e piante pe scale e foro o palazzo?

GIACOMINO                        : Tutto a posto, come avete comandato.

FERDINANDO         : Va, va salirai a suo tempo, a piangere per la mia morte, ci verimme Giacumi'.

GIACOMINO                        : Buon Viaggio don Ferdina ' . (ed esce)

FERDINANDO         : Parto pa' America, Franee' tu cumpuortete buono e circ’

e’ fatica', si no nun mang, e genitore nun campano sempe.

FRANCESCO                        : Papa, nun ve no preoccupate muorte vuie andrà tutto bene.

FERDINANDO         : Si va bene, va' ca o tiemp passa,arrivederci signora Ermenegilda, statte bona Lui'.

LUISA                                    : Buona fortuna papa'.

ERMENELGILDA    :Non ho parole per esprimere il mio dolore, nun ve rico niente mi ricorderò nei mici rosari.

FERDINANDO         : Grazie signora Ermenegilda nu’ pensiero gentile (ed escono)

FERDINANDO         : (commos.so)Carulì (e fa un passo avanti )

CAROLINA               : (commossa) Ferdinà (e fa un passo avanti )

FERDINANDO         :(commosso)Carulì ( e fa un altro passo)

CAROLINA               :(commossa) Ferdinà (e fa un altro passo in avanti)

FERDINANDO         : (serio riferito alle piangitrici)Carulì? Ma chesti ca' nun se ne ponne i foro.

CAROLINA               :(commossa)No, Ferdina', no sono il mio dolore hanno sta presente alla tua morte.

FERDINANDO         :(rassegnato) VA be' Carulì, te volevo dicere, t'aggia vulute sempe bene:.

CAROLINA               : Ferdina' lascia sta' e ricordi che è peggio.

FERDINANDO         : Me sento nun poco strano e' il momento, lo sento quanto manca?

CAROLINA               :(piangendo)cinque minuti.

FERDINANDO         :(non appena si sdraia fa uno strillo di dolore)Carulì me prora a coscia.

Le signore allo strillo di Ferdinando incominciano a strillare tutti si precipitano dentro.

PASQUALE               : Papa'

ERMENELGILDA    : Già e morto?

LUISA                                    : (si abbraccia la madre) che abbiamo perso.

GIACOMINO            :(col solito mazzo di fiori)Don Ferdinà pecche' ci avete lasciato,

(piangono e strillano abbracciandosi l'uno con l'altro dimendicandosi il morto, in tanto Ferdinando seduto sul lettino si gusta scocciato tutta la scena poi fa uno strillo)

FERDINANDO         : Uee, e stateve zitto, (tutti sentendo la voce di Ferdinando

ammutoliscono, entra Annarella con portamento tragico)

ANNARELLA           : Che disgrazia, povero suocero mio.

FERDINANDO         : Che stammmo facendo l'Otello, è entrata Desdemona.

PASQUALE               : Ma papa chella e' Anna rella, già' non ci vedete bene?

GIACOMO                : E' diventato cieco!

FERDINANDO         : Ma mi volete fa' accumuincià? Nun m’avite nemmeno fatto sdraià ca’ già' me vulivene vede' muorto, e me vulite fa' spantecà nu poco, me facite fa' duie sperpetue? sono permessi gli sperpetui? Posso soffrire?(si innervosisce)ma chest' e' n'esagerazione e che diamine, chest'ate tre so privo e m'assetta' ca fauno luccu e pazz, e che miseria quand racconderete la mia morto e che decite? e' che dicete? Don Ferdinando e' morto e subbete, ma qua fate uscite fuori la volontà di Dio.

LE SIGNORE            : Sentite voi, e' vero che mi pagano ma io non posso perdere o' tiempo, a quando ve facile venì  a voglio e muri', e gagliune si so sfastiriate e spetta?

FERDIANNDO         : E guagliuue! Pecchè non sono donne?

ANIELLO                  : Simme uommene, pecche' non vi piace il nostro pianto?

FERDIANDO            : Site uommene? siete uommene? Caruli' ma a chi me mannate a chiagnere.

CAROLINA               :Ferdinà e tu che vulive pe' tre lire, o coro da scala e Milano!

FERDIANNDO         : Carulì che schifo di funerale

Entra D. Rachele tutta affannata gridando .

D.RACHELE             : Don Ferdinà, don Ferdinà ho una bella notizia per voi nun murite chiù

PASQUALE               : Pecchè, avete parlato con l'aldilà, e nun ci sta posto?

D. RACHELE                        : Non signore faciteme calmà e vi conto tutto cose.

FERDINANDO         : Calmatevi d. Rachè, calmatevi (tutti si fanno intorno a d. Rachele)

D.RACHELE             : Mi ha fermato il parroco per parlarmi, ma ditto che

Pasqualino era andato a parlate per il funerali e ci ha , raccontato il fatto parola per parola, e lui difficilmente diceva che non era possibile che da' nu suonn puteva. muri' na persona, e mi ha fatto notare che il sogno

l'avete fatto di lunedì notte, capito! di lunedì           

FERDINANDO         : E be' !

D.RACHELE             : Io con la mia vasta conoscenza dei sogni e con la mia capacità, e con la vasta esperienza mi e' venuto in mente che quando uno si sogna il lunedì, il sogno si avvera in parte, quindi a voi e' avverata la vincita del terno, e di cónseguenza non si avverrà' la vostra morte. Capite? arrivate al ragionamento, se mi state a sentire, vi voglio raccontale una esperiènza vissuta di''sogni fatti il lunedì (tutti la guardano minacciosi, lei si guarda intorno)Eee lasciamm perdere amma pazziate..

       CALA la  TELA

THE END

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 8 volte nell' arco di un'anno