Stampa questo copione

‘Nzula

‘Nzula

storie siciliane

d’amore , follia e sogno

di

Francesco Randazzo

Premio Nazionale 2a Rassegna“Schegge d’autore”

del Sindacato Nazionale Autori Drammatici ed ENAP

3 Febbraio 2002 - Teatro Belli - Teatro Tordinona - Roma

1° Premio Miglior Spettacolo - 1° Premio Migliore Attrice Protagonista

2° Premio ENAP all’Autore

Premio Battipaglia - ISTITUZIONE MAGNA GRAECIA

19 Febbraio 2002 - Teatro Bertoni - Battipaglia

Premio della Critica per l’Autore - Premio del Pubblico per lo Spettacolo ‘NZULA

di Francesco Randazzo

Compagnia degli Ostinati

con

Matilde Piana e Junio Ambrogio

Musiche originali composte ed eseguite dal vivo

Calogero Giallanza

Regia dell’Autore

2

francesco randazzo - ‘Nzula Storie d’amore, follia e sogno

CORO

Sicilia

Terra di terre e uomini

Terra di nuvole e sogni

Sicilia

Terra di mare

Isola di isole

Sospiro di venti

Alito del sole

Sostanza del pensiero

Alambicco dell’assurdo

Terra di storie e d’invenzione

popolata di personaggi

che sono uomini

che sono donne

che sono vite immerse

nel mare immenso

di variopinte e crude

rappresentazioni

Qui tutto è storia

anche i pupazzi

s’animano e raccontano

Tutto si rappresenta

e si fa vita

Naviga quest’isola

da millenni

e sembra sempre ferma

eppure

dentro

dentro di sé

attraversa il mondo

creandone di nuovi

Gran teatro di voci

Fondali d’illusioni

Costumi d’invenzione

Nostalgia di terraferma

Paura della realtà

Storia di storie

Anime di corpi

che passano

ma lasciano

nel sospiro del passaggio

pennellate profonde

che danno

colore e forma

a quello che verrà

Per questo tutto resta

E la memoria

3

francesco randazzo - ‘Nzula Storie d’amore, follia e sogno

La memoria

O Dei

Non è qui

un atto razionale

Ma soltanto

un modo di sudare

eventi

che non sono nostri

di noi che qui viviamo adesso

eppure eppure

stanno nella nostra carne viva

come il colore degli occhi

che ci fu donato

da qualcheduno

che mischiò il suo sangue

e con l’amore

ci creò così.

E ci diciamo

uomini del mondo

Ma il nostro mondo

è

questa Sicilia

che solo noi sappiamo

e a volte non vogliamo

Sogni di quest’Isola

Ricordi d’uomini

vissuti ed inventati

che qui tutto si racconta

e tutto è vero

e tutto è solo musica

di un pensiero talmente complicato

che bisogna impazzire per pensarlo

O c’è chi fugge da millenni

O è cacciato dalla sua paura

E chi costretto oltre del mare

Aspetta di tornare

e grida e piange

E con la nostalgia

fa versi e poesia

di dolore

che gli sorride dentro

Nostalgia millenaria

Sogni di uomini

e uomini sognati

Storie

Storie vere

Invenzioni

di vite e di idiomi

4

francesco randazzo - ‘Nzula Storie d’amore, follia e sogno

Perché siamo pazzi, da queste parti, un po’ tutti, un po’ nessuno, - e guai a dirlo -

eppure qui s’impazza ch’è una meraviglia, e più di tutti, in questo come altrove,

s’impazza, per amore...

A volte per amori che mai sono esistiti ma che vivono veri come realtà vissute e

confondono non solo chi si perde la ragione ma anche chi li vuol guarire...

Come ‘Nzula la fanciulla sconosciuta che per amore impazzì e per amore visse

sognando e nel sogno fece entrare, innamorandolo, il Barone Pisani suo dottore...

.....................................................

5

francesco randazzo - ‘Nzula Storie d’amore, follia e sogno

‘Nzula

a Matilde

6

francesco randazzo - ‘Nzula Storie d’amore, follia e sogno

‘NZULA

Amicu di lu ventu fu l’amuri

ca mi purtò lu nìuru ‘ntra lu cori,

chiddu c’haju passatu ‘un si po’ diri,

ca ciatu mi ciusciò prima 'ntra l’arma

e dopu s’annigghiò scura la notti:

chianciu ora ju senza cchiù l’occhi,

sprimennu lacrimi c’oramai su’ sicchi,

ca lu disertu abìta lu me corpu,

abbannunatu, asciuttu, senza sorti.

‘Divìgghiati Rigina di la Notti,

chiama la vita inutili a la morti,

sciogghi la pena e l’àrmula cunsola,

comu na picciridda ‘mbrazza, annàca

a ‘Nzula, ca ccu lu cori abbòla,

figghia di l’aria, soru di la luna,

ca si pirdiu com’una ca ‘mbriaca

s’annoppia di piaciri finu ca duna

nnummeri cu la testa e cu lu cori,

e spera di murìri e mai nun mori.

BARONE PISANI

Ella non sa, povera ‘Nzula pazza, dove si trova, in quale tempo abita, qual sono le

persone e quali larve, creatura che non scerne più nulla del vero, e assomma sogno e

veglia, sempre tutto, como se fosse fatto ciò che non ha cagion, né fondamento

alcuno nel mondo di quaggiù, dal qual purtroppo, ancora è presa, ma fuggita ella ne è

già nell’alma.

Ella non sa chi sono, ma mi ravvisa, com’io fossi per lei, qualcuno ch’ella amò e,

paradosso, crede che io, reale, in carne e ossa nel mondo vero, sia per il suo, soltanto

imago, d’una cosa che fu, vago ricordo.

‘NZULA

Principi fattu di la stirpi e sangu,

cipressu schittu, arvulù rittu,

ju t’arrrivoddu, lu sacciu ca ti sonnu,

ma è beddu allusionarisi lu cori,

crirennu ancora a tia vicinu a mia.

Arabu princi, fantasima luntana,

nun mi parrari ca ti poi svaniri,

lassa ca ti taliu nun diri nenti,

ca ti lu dicu ju chi fu l’amuri,

ca ti lu dicu ju chi fu duluri,

ca ti lu dicu ju ca nun si mori,

si lu ricordu è vivu comu ‘n suli.

‘Nzula ju sugnu, a nica, t’arricoddi?

Dda picciridda niura e sarbaggia

ca teniri nun potti nudda gaggia,

ca ccu tia fici moviri l’ali frimenti,

ca poi tu, duru, ridducisti a nnenti.

‘Nzula cu ccui jucasti a lu maritu,

‘Nzula ca ci dicisti di n’amuri raru,

‘Nzula ca t’adorò comu si fora suli,

‘Nzula ca traiziunasti, ca lassasti,

‘Nzula ca mai accabò di amari

lu principi assulutu d’u so cori.

7

francesco randazzo - ‘Nzula Storie d’amore, follia e sogno

Mi vidi ora comu m’arridducii

ppi circariti comu na spidduta,

passannu munni e munni di pauri,

buscannu patimenti e umiliazioni,

mi vidi, ma ‘un ti scantari, amuri miu,

ora ca ti truvai, lu sai, mi sentu

ca staju turnannu bedda com’a ‘n tempu.

Lassati arrispirari, arabu persu,

ca lu rispiru abbivira la vita

e ju diventu arreri comu a prima.

BARONE PISANI

Io la trovai così, tutta stracciata, negli abiti e nell’anima, dispersa, per una strada, fra i

campi essiccati dal sole dell’agosto, già son sette anni. Chiusa, agginocchiata a terra,

riparata sotto d’un muro a secco, cogli occhi aperti, spalancati all’astro diurno, come

una che non vede o troppo sogna. Lei non mi vide, né intese parola che le rivolsi,

cauto, interessato. Compresi ch’era assorta in altro mondo e la condussi qui, per

darle asilo, umano conforto... ma devo riconoscere la deformata mia curiosità, me la

mostrò anche appassionante caso, nuovo, pregiato...

‘NZULA

Pirchì s’ascura l’occhiu e rattristata

cala la vucca e mori lu to risu,

nun t’avviliri, ormai nun c’è cchiù cura,

e dopu tantu ju t’haju pirdunatu.

Mostrami la curuna di li denti,

fammi giuìri, fammi vidìri,

li perli ca ‘ammucci ‘ntra li labbra,

sì, sì, accussì: quantu si’ beddu!

No, nun ti preoccupari, arabu miu,

ca ccu st’amuri nun si po’ ‘ntristìri,

e puru Diu quannu ti talìa,

ci scappa la carizza e ti pirduna.

Amuri miu, nìuru raru, arabu

duci, vita, ciàuru, abbèntu miu,

alligirìsci ‘u pettu c’un suspiru,

ju ‘Nzula sugnu ccà sulu ppi tia,

nun c’è nenti di fari contr’ a la sorti,

ca ni scucchiò viulenta e suffrirusa,

e ora n‘ancucchia arreri, amurusa.

Dammi la manu, ca ora ti la cuntu,

la storia di lu viaggiu binidittu

ca mi purtau ppi fini avanti a tia,

ca ti pirdii e ora sugnu ricca,

ascuta princi beddu, ascuta tuttu.

BARONE PISANI

Ed ella rimirandomi, son io per lei lémure antico, mi racconta, rinnovellando l’anima

sua perduta, del grande amore che per me ha nutrito, eterno e che ancora dura, oltre

la verità, oltre la paura, più reale per lei d’ogni altra cosa.

Io son per lei arabo e principe, che la comprò piccina al gran mercato, delle schiave

bambine, nella grande città dell’Africa lontana, dov’ella fu portata, rapita da predoni

del mare e della terra, infedeli pirati, che razziarono paesuzzi costieri del girgentino,

in un tempo lontano, ora confuso.

8

francesco randazzo - ‘Nzula Storie d’amore, follia e sogno

‘NZULA

Ju era arraggiatissima e scantata:

ca mi facìa stizza la viulenza avuta,

ma mi scantava di la morti eppuru.

E ammuzzicava manu, tirava cauci,

e ccu li vrazzidda dava corpa fitti fitti,

e jttava vuci e ccu l’occhi chianceva.

E mi purtarunu dda, ‘ntra lu mircatu,

e mi lavaru, e mi vistiru bona,

e mi vanniàru forti e mi mustraru.

“L’accattu ju, nun c’è mircatu!”,

gridasti tu scinnennu di la seggia

vulanti ca ti purtava a spassu,

“La picciridda è bedda, mi l’accattu.

Alì mircanti, fissa tu lu prezzu,

portimilla a palazzu e chissu è tuttu.”.

Nuddu ciatò davanti a sti paroli,

e ‘Nzula fu la schiava di lu suli.

Mi criscisti comu rosa ‘nsirrata

‘ntra lu vitru ca la pruteggi

di l’aria, di lu cauru, di lu friddu;

mi curasti comu bistiola priziusa,

esotica, comu l’unicu esemplari

d’animaluzzu di lu Paradisu;

m’addivasti comu picciotta sperta,

‘nsignannumi la musica e lu ballu,

la puisìa e l’arti di la scienza pricisa;

e quannu fu lu jornu di lu vattìu russu

ca fa di picciridda giuvinetta vera,

tu mi pigghiasti comu sposa tua

e ju fui fatta principessa cu lu cori,

nobbili di carizzi e bbrazzi e vàsi,

riggina di lu princi, e ‘nnammurata...

BARONE PISANI

Ella non vuole ch’io le parli mai, teme che io dispaia, e soltanto mi chiede

d’ascoltarla seduto accanto a lei. Ella racconta bene, e il fatto è quello, ma ogni volta

c’è un di più, un’aggiunta, un arabesco di particolare, una voluta di figure ancora, e

mi pare sempre di ascoltarla, come fosse la prima volta la sua storia, sebbene sian

sette anni che l’ascolto ormai. Sette anni che ricerco chi ella sia, interrogando,

investigando, cercando, chiedendo, pregando, seguendo tracce di bambine perdute,

rapite, plebee, nobili, dell’isola e continentali, arabe e greche: ma nulla mai ho

scoperto, nulla ho saputo che non fosse il favoloso e triste racconto dell’amore arabo

perduto, la storia di una vita che non fu.

‘NZULA

La luna accarizzava lu giardinu,

la musica accumpagnava li me passi

mentri ppi tia ballava ‘ntra li ciùri,

e ti cantava cosi di l’amuri e tu

e tutta la tu corti, sittàti tutti ‘ntunnu

di mia, facivati la guerra di puìsia

a lu cchiù bravu ca pittava a mia

cu li paroli e li versi cchiù rari,

ju era giudici e Diu di ‘sta battagghia

9

francesco randazzo - ‘Nzula Storie d’amore, follia e sogno

e sempri pi amuri e maistrìa tu

èrutu signuri e granni vincituri,

e lu premiu sulenni era ‘nu vàsu,

e lu premiu assolutu era ‘u me cori.

Comu lu corpu è quartàra di l’arma,

comu li sensi sunnu paroli muti,

pinseri silenziusi e vucitàri, comu

lu ciàuru, lu prufumu di l’amuri

trasìu dintra di mia e mai si fuju,

e comu ancora dopu ca tuttu bruciò,

tuttu si fici nenti e sugnu sfrazzata,

ancora e ancora sentu lu piaciri

di tia, ccu tia, dintra di mia, tua.

BARONE PISANI

Alcune volte ella s’infervora a tal punto che la frenesia, l’eccessivo entusiasmo,

l’eccitazione la conducono a stati di agitazione esasperata i quali, purtroppo, infine, le

procurano crisi nervose tali da parere in tutto e per tutto smagamenti epilettici,

ossessioni fisiche e di terribili visioni che la lasciano segnata, esanime in terra, in

profondissimo stato di prostrazione e catatonia. Io credo ch’ella sia altra persona da

colei che dice e crede d’essere, e forse un’emozione, un evento violento, una frattura

tragica nella sua precedente reale esistenza abbia causato questo suo modo d’essere

avulso, protetto e imprigionato da un sogno che la ripara dal mondo ma che al

contempo per altra sua tragedia di delirio la distrugga nell’interiore suo vieppiù,

ripetendosi sempre, credo, fino a che ella, povera foglia d’albero colpito da fulmine

tremendo, non cada nell’ultimo e sempiterno suolo della morte.

‘NZULA

Allàtrunu li cani ‘nsarbaggiti,

si ùnchia l’acqua nìura di lu mari,

vugghi la terra e trema svinturusa,

si scìcunu li carni li cristiani,

l’armali si scannanu furiusi,

lu suli nun c’è cchiu, vacanti è ‘u celu!

Jttatimi ‘ntra ‘n fossu, jttatimi piatùsi

di na muntagna jàuta ‘nfinu a sutta,

faciti straziu d’a me carni abbannunata,

cummigghiati di petri duri lu me corpu,

bruciatimi ccu sali dintr’all’occhi,

facitimi spariri di stu munnu vilinusu!

Vogghiu addivintari pruvulazzu lurdu,

arina di disertu stirminatu e sparsu,

nèula di munnizza, catarru di li porci,

schifezza e nenti di lu nenti vacìu

vogghiu sìri ppi sempri aòra ca la luci

si fuju, meu habibi, princi, ciatu ‘i l’arma,

vastasu, lurdu, tradituri, ‘nfami,

m’abbannunasti comu na svintura:

malidittu! Amuri! Possa murìri!

Ti vogghiu beni comu a l’acqua pura!

Sangu di diavulu, figghiu di lu ‘nfernu!

Paradisu di ‘Nzula, ciàuru di cori!

Aiutu aiutu aiutu aiutu

Jesu Signuri, Allah putenti

facitimi murìri ca nun ci pozzu

1 0

francesco randazzo - ‘Nzula Storie d’amore, follia e sogno

stari d’accussì scannata, cu lu cori

tagghiatu ‘ntra li manu. Aiutu aiutu!

BARONE PISANI

Un anno fa, forse per caso, forse per causa che al finale muove i fatti, i più minuti

dell’universo umano, qualcosa accadde ma non fece luce.

Venne qui, alla mattina, a bussare alla porta e chiese di me, Barone Pietro Pisani,

direttore della Real Casa dei Matti di Palermo, una donna velata, dal portamento e

dalle vesti nobile per sicuro, ma volle restare incognita e tale per sempre ella resterà.

Questa nobildonna, mi chiese se fosse vera la dicerìa che qui nell’ospitale vi fosse

chiusa anche una donna che fiabeggiava di principi e d’Arabia. Io dissi che sì, che

era verità, e ch’ella era un mistero da sette anni e nessuno mai aveva saputo darmi la

pur minima traccia di chi fosse invero né che avesse passato. Ella mi chiese allora

con grande agitazione se potesse vederla ché forse, facendole una prova, mostrandole

una cosa, ella avrebbe potuto intendere se la folle fosse la persona che lei sperava

fosse.

‘NZULA

Ju ‘n sugnu nuddu,

sugnu morta e viva,

sugnu nu spiritu

lassatu ccà ‘nsirratu

dintr’a ‘n corpu,

ma nunn’esistu,

puru si camìnu,

puru si parru,

puru si patìsciu,

sugnu lu nenti ca resta

quannu mori ‘u cori.

BARONE PISANI

Io prontamente la condussi nella cella della povera ‘Nzula. Lei stava come sempre

accoccolata in terra con lo sguardo fisso, verso la luce, come cieca, ottusa. La

nobildonna entrò, io la seguii. ‘Nzula ci vide e cominciò ad urlare.

‘NZULA

Mannàtila mannàtila!

Fòra fòra di cca buttana

e lurda, facisti tradimentu,

ora chi vòi? Principi miu,

pirchì m’abbannunasti?

BARONE PISANI

Con moto improvviso, ‘Nzula si volse verso la mia persona e si mise ai miei piedi, a

terra, con la guancia posata sull’assito, io rimasi immobile, aspettavo, che qualcosa

finalmente si scoprisse. La dama allora, senza far rumore, s’avvicinò a me e trasse da

una piega dell’abito un libretto, lo porse a me sussurrando: “Mostrateglielo...”, ed

io lo presi e lo misi per terra, vicino al viso della disperata. Ella rimase qualche lungo

istante a fissare il libretto e dopo alzò la testa, mi guardò, mi sorrise, prese il libro, e

per la prima volta in sette anni, vidi nei suoi occhi uno sguardo presente, vivo, reale,

cosciente. Si alzò e fu a me dinanzi con il libro fra le mani e me lo porse.

1 1

francesco randazzo - ‘Nzula Storie d’amore, follia e sogno

‘NZULA

Nun sacciu leggiri.

BARONE PISANI

Si volse al fine verso la finestra chiusa da inferriata, e volta al sole si perse

nuovamente nel suo mondo di sogno e di tormento. Tacque. Ma piangeva.

Uscimmo io e la dama, la quale subito volle andare via, senza spiegare, senza dire

nulla, lasciandomi così in gran tormento. Quando fu sul portone, quasi a sgravarsi

ma con gran paura, mi disse: “Non lo so, Barone, non lo so. Non credo che sia lei.

Ma potrebbe esserlo. Anche se ormai, anche se fosse, adesso non è più. Scusatemi.

Addio.”, e se ne andò e più mai la rividi.

‘Nzula non seppi mai chi fosse, mai d’allora nulla accadde, né nulla cercai scoprire

di lei. Ma ogni giorno, fino al giorno in cui Dio volle chiamarla, andai da lei ad

ascoltare, il suo amore per il principe Arabo, che io non ero, ma con lei sognavo.

‘NZULA

Ciàuru di l’amuri dispiratu,

fici di mia la schiava di lu suli,

e sempri ti talìu luci mia duci,

focu, disertu, amicu tradituri.

Nun m’arripentu no di chist’amuri,

Arabu principi ascùtimi ‘un parrari,

resta ccu mmia ca ti vogghiu cuntari,

li cosi ca passò quannu fu sula,

circannu sempri a tia, povira ‘Nzula...

.......................................................

1 2

francesco randazzo - ‘Nzula Storie d’amore, follia e sogno

Biaggia

1 3

francesco randazzo - ‘Nzula Storie d’amore, follia e sogno

Nella grande casa vuota della sua padrona, palazzetto padronale di Canicattì, del

quale aveva in uso la stanzetta sua al pian terreno, assistemata al meglio, concessa

dagli eredi per compassione ed espiazione di una colpa leggera che con gli anni s'era

fatta di marmo, il 23 marzo del 1999, Biaggia ha chiuso gli occhi per sempre.

Dormendo, se n'è andata. Accanto a lei dormiva, nella piccola culla di ferro e tulle,

Saro, figliuzzo suo, ignaro ed incosciente. Era un venerdì, e Biaggia se n'era andata a

letto, stancuzza e curva come sempre, verso le otto e mezza, dopo che s'era presa,

dividendola col Saro, la sua tazza di latte e pane, perfetta per lei e per il figlio, senza

denti entrambi.

Come ogni sera e come ogni mattina, Biaggia aveva pregato Dio:

Signuruzzu Beddu

assittatu vrazza e peri

'n su la Cruci Santa,

Marunnuzza Virgini,

Matri splinnenti di Diu,

Piatusa di l'umani cori,

E tu Patri Grannissimu

ca tuttu vidi e tuttu poi,

facìtimi la Santa Grazia,

purtati a cumpimentu

la speranza mia,

Biaggia zuppidda

a Vui vi l'addumanna

pi l'amuri e la fedi ca vi porta

e cu custanza di tant'anni

aspetta,

facitilu appariri 'stu maritu

ca vinni lestu 'n jornu

e poi sparìu

e sula mi lassau,

sula sulidda,

e sula sugnu

cu 'stu figghiu miu,

figghiu d'amuri

e figghiu d'abbandonu

ca ora è tempu

e sugnu stanca ormai,

l'anni mi pisanu 'nta schina

e 'u picciriddu ancora nun camina...

Chissu Vi pregu,

facitilu cumpìri,

In nomi di lu Patri,

In nomi di lu Figghiu,

E di lu Santu Spiritu,

Amèn...

Spogliata s'era dopo e posta la camicia di panno per la notte, accunzato aveva il figlio

per la culla, e taliannulu, così, picciriddu, picciriddu, nicu nicu ancora, baciando le

manuzze di porcellana aveva sussurrato:

“Vulissi Diu, figghiuzzu duci, vulissi ‘a Marunnuzza, ca puru fussi l’ura...”

E nel letto accostata s'era per l'ultimo suo sonno.

1 4

francesco randazzo - ‘Nzula Storie d’amore, follia e sogno

Da anni e anni, Biaggia l’aspettava questo suo promesso sposo e con fede

incrollabile aveva ricamato e pronto un corredo di pizzi e di ricami che a stenderlo

per terra arrivato sarebbe da Canicattì ad Agrigento tanto era ricco e grande. E certo

in sessant’anni di lavoro non poteva ch’esser così, tanto era il tempo che ci lavorava.

Biaggia era di novant’anni e forse più, ché esattamente il giorno e il mese e l’anno

della nascita sua non si sapevano, ella diceva con certezza incrollabile e sicura che era

nata l’anno del temporale estivo c’aveva spaccato con un lampo la roccia dell’alzata

sopra al duomo, e questo era per lei data scientifica e bastante. Era nata piccola e

prematura, un poco con la testa strapazzata ché la madre, allo stremo dei parti

innumeri già avuti, avea tentato di spurgarsi dal gravio di lei ingurgitando beveroni di

prezzemolo e cardi spinosi, piscio cotto d’asina e cenere d’ossa di maiale, col

risultato solo ch’ella morì di parto vomitando bile e la povera Biaggia prematura,

zoppetta e ritardata n’era venuta al mondo. E c’era rimasta a dispetto delle disgrazie

sue fisiche e del senno, fino a una età che anche i re belli e ben nati affannano a

raggiungere. Fin da bambina era entrata a servizio dei Baroni di Canicattì, addetta ai

lavori umili, di cucina e subbìzzo e poi verso li anni che si fece donna, pur se piccola

e scema le venne su un seno prosperoso e ricco di latte, sebbene mai avesse figliato

ella al desìo della luna nuova si rigonfiava di materno umore, e perciò fu nutrice

della famiglia in primis, che risparmiare si dovevano le belle poppe delle baronessine

madri, e occasionale dei figli di Signori amici dei Baroni. Ma il sogno vero di

Biaggia, fin da quando era bambinetta era di maritarsi con un uomo, un uomo - e ci

teneva a rimarcare la parola per abbrillantare forte l’aggettivo - maschio che forte

forte ci doveva piantare figli suoi sopra di lei che l’aspettava, così che il latte suo

fosse dei suoi e poi di quelli degli altri. Più di sessant’anni prima il nonno della

baronessina, ora morti entrambi, Accursio Argenti Barone di Canicattì, allora

giovinotto e spiritoso le avea imbastito alla povera Biaggia uno scherzo feroce, in una

notte d’ubriacatura solenne, le aveva presentato un amico suo, cadetto piemontese e

d’accordo con lui s’era inscenata una farsa d’amoroso corteggiamento e nel giro di

un amen, Biaggia s’era trovata promessa sposa al Capitano Vittorio Salvati di

Alessandria, che l’indomani partì per guerre e conquiste necessarie in luoghi lontani,

dicendole però d’attenderlo che lui tornato sarebbe e sposo suo. Tutta la vita

Biaggia vi credette, morì il Barone Accursio ma non la di lei speranza, e ancora

allora, nel giorno della sua morte, ella ansiosa aspettava, vecchissima, l’uomo che

l’avrebbe resa madre.

C'era, in verità il figlio, ch'ella aveva avuto per così dire, per procura e con

condizionale: Saruzzo, bambolotto di pezza e porcellana che dopo i primi vent'anni

d'attesa Biaggia aveva richiesto, voluto a tutti i costi, anche in assenza del padre. I

Signori l'avevano presa a ridere in principio, poi, visto che Biaggia s'era ammalata

davvero e stava in abbandono del fisico suo, vaneggiando e gridando la notte, con

deliri, urli dolorosi e disperati, che risvegliavano la casa e disturbavano il riposo e la

tranquillità di tutti, s'era deciso di regalarle la bambola. Sperando che bastasse. E

bastò. Biaggia la prese e disse:

Tu si' Saro,

figghiuzzu miu

e di lu capitano

ca è lu me zitu.

Iddu ti mi mannau

pirchì sapi ca ci sugnu divota.

Arrivasti pi cunsolu

e pi spiranza

Ora stai cca ccu mia

1 5

francesco randazzo - ‘Nzula Storie d’amore, follia e sogno

e dopu mi nasci di la panza.

Dandosi così speranza nuova e credendo che con le nozze il figlio lei l'avrebbe

covato, ponendolo sotto l'abito nuziale e, così disse sicura, sarebbe nato uguale ma

più vivo. E sarebbe cresciuto. Cosa che invece mai non avvenne, perché mai il

Capitano venne per sposarla e perché nel mondo che stava e sta fuori dai sogni della

povera Biaggia, i bambolotti non diventano bambini.

Ma Biaggia questo non lo sapeva, né gliene importava. La sua verità era la sua

speranza, la sua vita fu lunga per la forza di una potentissima illusione.

Tanto da farla sempre sorridere, anche nel pianto, anche nella solitudine, anche

durante la guerra, anche quando tutti morivano nella casa, anche quando lei

invecchiava e rimaneva sola: lei c'era e ci rimaneva a questo mondo perché doveva

esserci, non poteva andarsene perché aveva questo da fare, portare a compimento la

propria felicità, coronare un sogno d'amore grande e di maternità.

E nell'attimo del passaggio dalla vita alla morte, in un attimo sospeso fuori dal tempo,

nel sogno estremo della fine ch'era un batter di ciglia, un sospiro leggero, un ultimo

battere d'ali della speranza, Biaggia realizzò, sognandolo, il suo sogno.

Vide un cielo perfetto e popoloso sopra di lei. Un cavaliere la invitò dall'alto, lei gli

sorrise e si staccò da terra.

In volo di tulle imbastito col cotone, bianco e rosa di fiori in ricamo, rifulgente il

merletto, paloma finalmente liberata dall’attesa, disciolta dalle catene dell’illusione

cattiva che l’aveva avvinta per anni ed anni, lunghi e dolorosi, nel sogno d’un Pegaso

che non era giunto, col viso ormai avvizzito ma splendente, con la bocca sdentata

maravigliosamente aperta nel solare sorriso dell’avvento, Biaggia librava il corpo

rinnovato dall’abito di sposa, verso l’amore suo cadetto, andava con forza ed energie

che il fisico d’incanto elettrizzava, verso le nozze mistiche col sole suo ultimo, nel

cuore la rosa del suo tramonto, fra le dita la croce spinosa del destino suo.

Rivide la divisa da ufficiale, rivide il corpo bellissimo e il volto chiaro e sorridente,

l’occhio azzurro sereno del suo promesso sposo. Sul cavallo nero con la criniera

sfrangiata dal vento e dalla luce, lui discese dal sole, in cielo, arrivò accanto a lei e

con il braccio forte la prese con sé e la abbracciò continuando a tenere le redini del

formidabile animale celeste. I loro occhi si fusero nell’amore e nell’eternità del

sogno. Biaggia fu finalmente sposa. Volarono via verso il sole che li attendeva alto e

trionfante come un grande palazzo sospeso nel giardino del cielo. Così sparì

nell’aria, vestita di bianco tulle, accanto al suo attesissimo sposo, sul nero cavallo

dell’illusione e mai più il corpo suo fu visto sulla terra.

In quel momento e solo per un istante, la bambola di Biaggia, Saro figliuzzo suo di

pezza e porcellana, aprì gli occhi di vetro azzurro, sorrise e disse: "Mamma", poi volò

su nel cielo, gli angeli gli mostrarono la via, e la raggiunse, sogno nel sogno di un

sogno...

..............................................................

1 6

francesco randazzo - ‘Nzula Storie d’amore, follia e sogno

Shà-milà

1 7

francesco randazzo - ‘Nzula Storie d’amore, follia e sogno

Ehi, piano!

Fai luce, fai luce qua!

Aspetta, aspetta, ci vuole qualche minuto...

C’è troppa polvere.

Il muro è crollato!

Sì, sì...

Era solo un diaframma sottile...

Ma stava lì almeno da trecento anni!

Di più forse...

Forse.

Ecco, ecco, arriva la luce, ho azionato il gruppo elettrogeno.

Accendi il proiettore, su dai...

Ecco, sì, non troppo forte, sì, così...

Ehi, ehi, ma...

C’è qualcuno...

Dove?

É impossibile!

Sarà un’ombra...

L’ombra di uno di noi...

No, sembra....

... è....

... un uomo...

Sì...

... è un uomo...

... è vivo...

... impossibile...

... ci guarda...

... impossibile...

... questo posto è murato da secoli...

... sta alzando una mano...

... è vivo...

... incredibile...

- Shalom!

E così, anche se nessuno ci voleva, né ci poteva credere, l’hanno trovato. Venti

metri sotto terra, in una stanza murata, da secoli.

A Siracusa, durante gli scavi di restauro di un antico......... (bagno rituale ebraico)

che si trova nei sotterranei di un antico palazzo di Ortigia, alla Giudecca, la

proprietaria è Amalia - chi non conosce Amalia? - una signora col pallino degli

affari e dell’arte. É un posto praticamente sconosciuto, ad Amalia il merito di

averlo rivalutato: a venti metri sotto il livello della strada, vi si arriva scendendo

una lunga e stretta scala intagliata nella pietra, e lì c’è, scavata, una grande stanza

sommersa d’acqua, piena di anditi e in posizione predominante la vasca rituale

ebraica. Intorno, si sospettano cunicoli ed altre occulte vestigia, reticoli di un

mondo scomparso, ancora lì custodito, cristallizzato e sepolto sotto secoli di

costruzioni che si sono stratificate sopra ed intorno.

Quasi incidentalmente, è crollato quel diaframma d’argilla. In un piccolo vano

chiuso, l’unica apertura era quella appena fatta, hanno trovato un uomo, vivo, un

uomo di cinquecento anni ma dall’aspetto giovane, che ha detto di chiamarsi

- Isaq. Lo meo nomine est Isaq. Ju sabia que viniera qualchi hominu. L’aspittava.

Shalòm.

En esto momento me alegro molto, pirchì ahora illa veni, finalementi, qui tantu tempo

1 8

francesco randazzo - ‘Nzula Storie d’amore, follia e sogno

estevi aquì en longa et paciente espectativa. Ju la perdivi en la notti ultima de mea

persecutioni.

Tucto accumenzau cum lo edicto regio del dieciotto de junio del anno

milliquattrucentu novanta i dui se ordinava la cazada de todo lo judio stanti en la

Sicilia.

Sicuru que ahora non hanno nullo judio en Siracusa, veritas? Tucti christiani novi!

E diceva di stare lì dalla notte in cui lo torturarono come ebreo apostata.

Per editto reale di Ferdinando e Isabella,cattolici sovrani di Spagna, Sicilia,

Pantelleria, Gozo, Sardinia, Malta e quant’altro, che già lo stesso giorno della

partenza di Cristoforo Colombo e le tre caravelle, 2 agosto 1492, con partenza di

altra ultima nave dal medesimo porto, avevano concluso l’esodo degli ebrei dalla

Spagna.

L’editto spagnolo fu pubblicato in Sicilia il 18 giugno 1492, ma per riuscire a

toglier tutto agli israeliti, tutto espropriare, tutto pagare in balzelli e vessazioni,

l’esodo ebbe vita fino al termine inderogabile del 12 gennaio 1493.

- Li cristianissimi et zelantissimi di la fidi christiana, Isabella et Ferdinando,

proclamavano la necessitate di expelliri et extirpari la apostasia et iniqua pravitate

Iudayca pir li quali, operanti loru pratica et conversacioni, hannu cadutu multi

cristiani novi in herisia et in alcuni erruri.

Et cum ipso nenti si potiva traìri seco, ni danari, ni cosi, et lo comercio de li beni

prohibido. Sulamenti esto se potiva traìre: unu di li loru vestituri comuni, dui

mataraczi di loru lectu cum dui para di linczola et loru coperti... et etiam quilli

vittuagli li darannu necessarij per lu camminu et loro usu, et tarì sei per testa.

Ju Isaq et quilli homini et edicti et vessationi semper en mea vita ebbi de fugire. No

haveva multi anni qui me venni aquì de la Ispania traendome una esposa iudea de lo

arabo regno, de dieci et cinque anni, Shà-milà, que me enamorò in Granada de li

Turchi de Ispania et illa ju enamorai et li dui insiemi escapammo pir lo mare finu a

Sicilia grandi et propitia a li Iudei. Siracusa fue nostra casa de amore et felicitate.

Pero allor que quando la Ispania catholica cazò li Turchi de Granada, repente li

sovrani in dopo la victoria expresarono lo edicto en contra de Iudei, et esto en contra

de lo facto que li Iudei mismi pagato havevano la guerra en contra de li Turchi con

donationi al Regio exercito catholico. Et in vero forte haveva la pressanza del la Santa

Inquisizione et de lo tremendo padre de Torquemada.

Shà-milà era en quista epoca in la etate de dieci et otto anni in verso, et suo amore era

mea vita, meo suspiro, mea sorrisa, mea ratione maxima de existenzia.

- Si tu es devinas

y devinas bil haq

dime cuand me vernad

meo habibi Isaq

Il Papa ha potere e giuridizione su tutti. Può anche giudicare gli Ebrei. Può farlo se

essi agiscono in senso contrario alle regole moralei della loro legge e non vengono

puniti dai loro prelati, e ugualmente quando incorrono in eresie rispetto alla loro

propria legge. É per questa ragione che i papi hanno fatto bruciare i loro libri.

Perché contenevano molte eresie.

- Pero vinni que lo edicto refusava a tucti li iudei: aut tucto lassari aut christiani novi

convertirse?

1 9

francesco randazzo - ‘Nzula Storie d’amore, follia e sogno

Et granni cum duluri, ju fici publico acto de christiana et obligata conversione. Et

Shà-milà meco.

Sed mea sposa Shà-milà iamai me perdonau esto acto, de salvazione, sed etiam, de

granni viltadi. Contra lu Diu unicu et perfectu di li patri nostri et di li patri di li nostri

patri, Adonai Sabaoth, pir amuri di quilla felicitati que jamai volsi haviri como ante...

In alternativa all’esilio agli ebrei fu offerta la conversione, alla quale furono

esortati dalle promesse di perdono dei vescovi e del viceré, e successivamente da

una “paterna esortazione” di Torquemada. Poiché l’incremento delle finanze regie

costituiva per il sovrano il principale obiettivo, Ferdinando ordinò che ai neofiti “si

mantenesse la promessa condonazione dello sfratto; ma che riguardo alla

rilassazione de’ beni, questa non si osservasse che a condizione di pagar eglino il

quaranta per cento alla Regia Corte, ed inoltre il cinque per cento a’ deputati delle

cause de’ beni degli ebrei: giacché (...) a tutta ragione si poteva temere che la

conversione fosse infinta, e non piena di voglia”.

In tal modo i neofiti acquistarono il privilegio del battesimo cedendo il 45% dei loro

patrimoni: malgrado l’esosità di questa tangente sulla fede, le dure condizioni

imposte agli esuli convinsero molti ebrei ad entrare nel gregge cristiano.

Ma il giudaismo, più che una semplice fede, è stato sempre soprattutto un norma di

vita codificata dalla legge mosaica, da ogni ebreo volontariamente accolta e

rigorosamente applicata...

- Multi anni pasarono, et cum nomine novo, de Andrea ju, et Mannuzza Shà-milà, en

secreto vivendo nostra credentia iudaica, et in vero sine mala intentione contra lo

christiano, sulamenti pirchì impossibili est cumandari la fidi en un Dio que no est lo

que te creò quando nascisti, et lu meo et de Shà-milà fu et est Javhé, granni, putenti et

misericurdiusu.

Pero la Inquisitioni, addopo de casi dieci et otto anni de amenaza, ebbi la permissioni

di lu Re a culpiri et accumenzò ex abrupto et granni cum crueltati a perseguiri et

attorturari et matari abbruciandoli, tucti li sospechosi iuei conversi, li christiani novi,

que seguitavano in la leggi de Moysi.

(...) Si quis habet intentionem servandi legem Moysi et si sibi opportunitas adesset,

eo quia credit illam adhuc durare et obligare haereticus est vel verius apostata,

quamtumcumque foris nullam cerimoniam dicte legis servaret, et ille dicitur

haereticus credens

Se qualcuno ha intenzione di osservare la legge di Mosé e gli manca l’opportunità

di farlo, il fatto stesso che egli creda che la detta legge sia ancora valida e che lo

obblighi a rispettarla costituisce eresia o più precisamente apostasia, e anche se in

ipotesi egli non abbia osservato alcuna precisa cerimonia, è da considerare lo

stesso come eretico credente.

(...) nam qui semel fuit haereticus, semper praesumitur haereticus

poiché colui che è stato eretico anche una sola volta, è sempre da presumere

eretico.

- En un Sancto Sabato li sgherri armati cum violentia et acti et paroli de umiliationi

grannissima arruinarono la porta di la mea casa, me atacarono li catini et cum bastuni

2 0

francesco randazzo - ‘Nzula Storie d’amore, follia e sogno

et lanze et insulto me trassiru a la carceri di la inquisitioni. La sposa la ‘mmucciavi

sutta li ligni larghi di la latrina, que mi pirduni Diu pir l’actu immondu, pero fu bonu

pir la salvationi de illa.

Cum cordi et ferru, cum focu et sali, cum paroli et ammminazi, cum preci et violentia

me atorturarono in finu a quannu l’Altissimu me divi la forza di sputari en la facci di

lu parrinu niuru et impietusu, cum sputazza et sangu, lu spregiu miu et di la me’ genti

pir illu et lu so Diu que ammazza pir cunvertiri.

Pir quistu mi jttaru comu mortu, dopu ca mi marcaru cum focu et ferru, ‘n menzu a

corpi de disgraciati, finu a quannu, mi dissiru, veni lu jornu di lu focu ultimu, lu rogu,

tuu et di la femina tua puta et haeretica, que esta nocti la vamu arristari.

Gritai et nun teniva la boca pir farlu, gritai en el sangu et en el duluri, gritai:

“Fugi amuri, fugi! Que te vannu a ‘mmazzari! Fugi Shà-milà!...”

Et dopu nenti me fuit claro innanti.

Durmivi. Aut no. Nun saccio.

Pero en la claritate di lu novu jornu que nasciva, Uriel, angilu putenti vinni et mi

purtavu aqui et me dixi: “Assettati et cum fidi et amuri aspettala que si cum forza et

putenza et creyenza lo faci, illa veni et semper in unioni maxima et divina de amuri

serunt.”

Cumdamnati al rogo en persona aut en statua simbolica pirchì escaparono vilmenti

aut recumciliati a la Sacta Madre Chiesa cum carcere et confisca di li beni, li dicti

iudei en Siracusa:

Sul rogo in persona Pietro Montemagno ( la moglie riconciliata); sul rogo in statua

Andrea Monilla et la moglie Mannuzza.....

Uriel me dixi esto. Et esto serà. Ju l’aspettu havi tempu et tempu, tantu ca nun lu

sacciu quantu est, ca nun si poti cuntari. Pero sugnu aqui et l’amu ancora. Ancora et

ancora et sempri pir sempri. Illa havi a veniri, pir certu et sicuru comu ca ju sugnu

ancora aqui.

A questo punto hanno riso. Un po’ perché era assurdo e impossibile. Un po’ per

nervosismo ché certe cose inquietano. E poi s’è sentita una musica che era come un

soffio, un respiro lungo che veniva dall’eternità, dal dolore, dal ricordo,

dall’amore.

Dalle scale di pietra dei passetti veloci come di bambina, e una figuretta di donna

delicata e affannata come una che ha corso e cercato per secoli, è apparsa nella

stanza segreta.

- Qui est illa qui veni

pulchra talis luna

clara comu suli

maravigliosa comu exercitu apparatu cum banderi?

- Yo soy de mi amado,

Y conmigo tiene su contentamiento.

- Shà-milà!

2 1

francesco randazzo - ‘Nzula Storie d’amore, follia e sogno

- Isaq! Ven, oh amado mío, vamonos

- ‘Mprimime comu signu en tu cori,

comu marca en tu brazo,

insaziabili comu la morti est l’amuri,

affamatu comu lu ‘nfernu est l’arduri,

et su vampati sunt vampi de focu

et su focu est focu di Diu!

- Ponme como un sello sobre tu corazón,

como una marca sobre tu brazo:

Porque fuerte es como la muerte el amor;

Duro como el sepulcro el celo:

Sus brasas, brasas de fuego,

¡Fuerte su llamas, llamas de Dios!

- Nunc ante illa

ju sugnu comu unu

qui a la paci adveni...

- Ahora yo soy

en sus ojos

como la que halla paz.

Non hanno detto più nulla, ma i loro occhi erano vittoriosi. Come per un miracolo

toccante di un Dio che da qui è stato cacciato via cinquecento anni fa, gli scopritori

hanno pianto una lacrima per loro. E prima che la lacrima toccasse terra, Isaq e

Shà-milà sono spariti, come se quel Dio, in quel cielo di pietra dimenticata,

finalmente avesse chiuso gli occhi, per riposare, con amore e dolore, senza

vendetta.

2 2

francesco randazzo - ‘Nzula Storie d’amore, follia e sogno

TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI A NORMA DI LEGGE

Copyright:

© Francesco Randazzo

Iscr. SIAE n° 73463

C.P. 207 S.Silvestro - 00187 - Roma Centro

Via degli Orti Gianicolensi 5, 00152, Roma

Tel. 06/5813966 - 338/8409336 - Fax 06/23313166

E-Mail: randazzomail@libero.it

Home Page: http://digilander.iol.it/francescorandazzo/

2 3

francesco randazzo - ‘Nzula Storie d’amore, follia e sogno

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno