‘O balcone ‘e Rusinella

Stampa questo copione

ATTO PRIMO

’O BALCONE ’E RUSINELLA

da La Jole repassence, di Vasseur

commedia in tre atti.

Personaggi:

Felice

Biase

D. Peppino

Salvatore

Antonio

Michelino

Luigi

Errico

Nicolino

Giovanni

Rusenella

Luisa

Teresina

Bettina

Annarella

Filomena

Due comparse, testimoni.

Quattro professori di chitarra.

Otto professori di fanfara

Popolani

Popolane

L’azione è a Torricella presso Napoli.

ATTO PRIMO

Villaggio. A destra del pubblico caffè con tabella: Caffè degli Amici. Bir­ra e Gazzosa. A sinistra prima quinta bottega con sopra finestra e tabel­la con su scritto: Stiratrice. Fuori al caffè vi saranno due tavolini con sedie.

SCENA PRIMA

All’alzarsi del sipario, internamente si sente una fanfara. Giovanni, Nicolino, Errico e Luigi, giocano ad un tavolino del caffè, accanitamente. Cessata la musica, Antonio comparisce dalla sinistra poi Peppino.

NICOLINO: Meza lira a 7.

GIOVANNI: È ghiuta.

ERRICO: Cinche sorde a 3.

LUIGI: Meza lira a cavallo.

GIOVANNI: Puntate, puntate.

NICOLINO: Chiano, chiano.

GIOVANNI: 7 è fatto.

NICOLINO: Sta lira a donna.

ERRICO: E meza lira pe me. (Vedendo Antonio: che s’avvicina.) (Totonno, Totonno). (Luigi nasconde le carte gli altri conservano il danaro.)

ANTONIO: Nun ve mettite paura, sta vota a buje nun ve dico niente, sta vota parlo cu D. Peppe.

LUIGI: Ma vedite, D. Antò.

ANTONIO: Statte zitto tu, li carte te l’haje annascunnute tu dinto a la sacca, e nun te movere da poco. Mò vedimmo si me trattate cchiù pe scemo. (Chiamando:) D. Peppì, favorite nu mumento qua fuori.

PEPPINO (d.d.o.): Eccomi qua.

ANTONIO: Ma mò, pecché nun pozzo perdere tiempo.

PEPPINO: Subito. (Fuori.) Oh, D. Antonio bello, che v’aggia servì?

ANTONIO: Gué, ccà nun nce sta D. Antonio bello. Tu quanno vide a me t’haje da luvà la coppola e t’haje da stà zitto m’haje capito

PEPPINO: Sissignore. Ch’è stato, ch’è succieso?

ANTONIO: È succieso che t’aggio ditto tanta vote che nnanze a stu cafè nun s’ha da jucà a lo zicchinetto.

PEPPINO: Se capisce, pecché, stevene jucanno?

ANTONIO: Pecché, tu nun lo ssapive?


PEPPINO: Ncuscienza mia nun ne saccio niente, m’hanno cercato la butteglia co lo cognac e nce l’aggio purtato.

ANTONIO: Li carte cumme le tenevene?

PEPPINO: E che saccio, l’avevano da tenere lloro, parlate, puzzate sculà!

LUIGI: Sissignore D. Antò, li tenevo io, ma nuje nce spassaveme ac­cussì, a nu soldo a vota.

ERRICO: Pe perdere nu poco de tiempo.

ANTONIO: A nu soldo a la vota, pe perdere nu poco de tiempo? Aggio ntiso io che chi puntava na lira e chi meza lira... Purcarie... fosse pure nu soldo, pure 2 centeseme, nun s’ha da jucà de chesta jurnata.

PEPPINO: E se capisce, avite ragione. La vigilia de S. Anillo, lo prutet­tore nuosto, chi ioca de sta jurnata? Manco de cchiù ebbrei, e po’ io appartengo lo Circolo Clericale, so’ socio da tanto tiempo, e nun pozzo permettere sta cosa. D. Antò, aggiate pacienzia, chille nun lo fanno cchiù.

ANTONIO: Io pacienzia n’aggio tenuto assaje, comme te chià. Io aggia fà lo duvere mio... mò scrivo la cuntravenzione, e po’ te lo vide tu e lo Sinnneco. (Caccia un taccuino, e incomincia a scrivere.)

PEPPINO: Aspettate, D. Antò, c’avita scrivere, vuje me facite chiudere lo cafè. Io ve prometto che da oggi in poi, nun faccio jucà manco a scopa.

ANTONIO: Chesto s’è ditto sempe, e nun s’è fatto mai.

PEPPINO: E mò se fà, pecché mò me stongo io attiento, nun screvite D. Antò...

ANTONIO: Cheste so’ cose ca li vaje a dicere a lo Sinneco, io aggia fà lo duvere mio. (Errico porge a Peppino la bottiglia di cognac ed un bic­chierino, dicendo con gesti: fatelo bere.)

PEPPINO: Ma pe st’ultima vota nun c’è niente de male che me facite stu favore. Vuje sapite che v’aggio sempe stimato e rispettato, la puteca stà a vostra disposizione de tutta, manera. Onorateme, na presa de cognac.

ANTONIO: Grazie, pecché sti cerimonie.

PEPPINO: Ma no, nun so’ cerimonie, io ve l’offro cu tutto lo core, ac­cettate.

ANTONIO: Ma comme amico, comme Antonio Volpe, borghese, nun comme a guardia?

PEPPINO: Se sape, comme a guardia nun me sarria azzardato.

ANTONIO: Allora, l’accetto. (Beve.) È buono, è nu buono cognac.

PEPPINO: In occasione de la festa, me n’aggio fatto venì 6 butteglie da Napoli. Vevitevenne n’ata presa, chesto nun fa male.

ANTONIO: Sl, l’accetto cu piacere. (Beve.)

PEPPINO: Ve pozzo offrì nu buono sicario?

ANTONIO: Damme pure lo sicarro che t’aggia dicere.

PEPPINO (caccia 4 sigari): Chiste so’ tutte e 4 buone, pecché me l’ave­va scigliuto pe me, onoratemi.

ANTONIO: Seh, so’ fronna nera e sicche. (Se ne prende uno.) Grazie.

PEPPINO: Serviteve, pigliataville tutte e 4, chesto che cos’è.

ANTONIO: Ma no comme a guardia, vì?

PEPPINO: Se sape, luvammo la guardia da mmiezo, comm’amico.

ANTONIO: Grazie tante. (Accende il sigaro con un cerino che gli dà Peppino.) Io mò c’aggia fà, pozzo fà nu male a n’amico? Ecco cca, stracciammo la contravvenzione, e nun ne parlammo cchiù. (Lacera la carta.)

PEPPINO: Grazie, D. Antò, lo Cielo ve lo renne.

ANTONIO: Lasseme stà mò, statte buono, aggia j nu mumento mmizo a la piazza... duje guardie stanne malate, ne simme rimaste quatte, io mò funziono da capurale, pecché Biase Grammegna sicomme ogge sposa la figlia de lo Sinneco pe stammatina l’ho dato lo permesso de se vestere da burghese e de nun prestà servizio fino a li 5. Perciò io aggia badà a tutto, a miezo juorno esce da la messa cantata, se sparano da 50 botte, e nce avimma da stà attiento, capite. Permettete. Giovinò ve raccumanno?

LUIGI: Nun dubitate, nun ghiucammo cchiù.

ANTONIO: Pensate ch’è sta santa festa, lo protettore de Torricella, nce vò nu poco de muralità. (Via a destra, tutti ridono.)

LUIGI: Vì c’hanno fatto chelli doje prese de cognac e chille 4 sicari (Ridono.)

PEPPINO: Sì, ma da oggi in poi, nun ghiugate cchiù nnanza a la puteca mia, si no nce ncuitammo, e nce ncuitammo seriamente.

GIOVANNI: Va buono D. Peppì, nun ve pigliate collera, nun ghiucammo cchiù.

LUIGI: Uh! D. Peppì, sta venenno chillo D. Michelino lo pittore che fa la cummedia co la nepota vosta.

PEPPINO: Ah, stà venenno? E comme me trova mò, sta frisco.

SCENA SECONDA

Michelino e detti.

MICHELINO: Signori. (Siede al tavolino.) D.a Teresì, scusate, la solita tazza de caffè.

PEPPINO: D.a Teresina nun nce stà, nce stongh’io. Comandate?

MICHELINO: Scusate nun v’aveva visto. Siccomme lo cafè me lo porta sempe la nepote vosta...

PEPPINO: Na vota, ma mò no, mò ve lo porto semp’io, e quanno venite vicino a sto cafè, chiammate a me, avite capito? chiammate a me!

MICHELINO: Va bene.‑(I 4 ridono.) Io credeva che nun nce fosse stato niente de male. Na vota c’aggia chiammà a buje, chiammo a buje... Oh, ma che c’entra sta resata vularria sapé, me pare che non sia la maniera.

LUIGI: E che redimmo pe buje?

ERRICO: Nuje stamme redennno pe fatte nuoste.

PEPPINO: Mò ve vaco a piglià lo cafè... Io pagnuttino lo vulite?

MICHELINO: No, nun voglio niente, nun tengo appetito, nun me sento

buono.


PEPPINO: Ma quanno ve ne tumate a Napole? I lavori a lo municipio nun so’ fernute ancora?

MICHELINO: Poc’ati juorne, la facciata è tutta completa, avimma da fà sulo lo curnicione.

PEPPINO: Ah, avita fa sulo lo curnicione? E po’ ve ne jate?

MICHELINO: E po’ nce ne jamme. Si vulite che ve rinnovo lo cafè, che ve pitto sti piezze d’opera...

PEPPINO: Nonsignore, nun voglio rinnovà niente, e nun voglio pittà niente, voglio fà stà lo munno comme se trova.

MICHELINO: Va bene.

PEPPINO: (Ah, pacienzia, pacienzia, nun me lassà!). (Entra nel caffè.)

MICHELINO: (Isso have voglia de fà, have voglia de dicere, ma io a Te­resina nun la lasso, vì, a rischio de qualunque cosa!).

LUIGI: D. Michelì, levateve stu pensiero che tenite ncape, sentite a me, vuje cu Teresina perdite lo tiempo, nun ne cacciate niente.

MICHELINO: E pecché, che ne sapite vuje?

LUIGI: Lo saccio, pecché D. Peppino è ricco, stà buono, nun ha fatto figli, tene sulo chella nepota, ve pare ve la dà a buje che nun tenne niente?

MICHELINO: Non tengo niente?... io tengo l’arte, mio caro, io so’ arti­sta, io so’ pittore e stuccatore... quanno fatico piglio 1,70 a lo juorno.

LUIGI: 1 e 70? e site arrivate.

NICOLINO: Magnate de grasse.

ERRICO: Ve n’accattate pane e aulive. (Ride.)

MICHELINO: Chiste, scusate, nun so’ affare che ve riguardano.

LUIGI: Oh, chesto è certo. (Ride.)

GIOVANNI: Ma aggiate pacienzia, io cierti cose nun li pozzo vedé. Chillo è artista, è giovene, e da nu mumento a n’ato po’ fà na fortuna.

MICHELINO: Se capisce. Lo penniello fà miracoli.

GIOVANNI: Vuje lo zio, l’avite ditto maje niente?

MICHELINO: No... nun aggio tenuto maje lo curaggio.

GIOVANNI: La figliola ve vò bene?

MICHELINO: Oh, de chesto ne so’ certo.

GIOVANNI: E allora che nc’aspettate? Presentateve a lo zio, e diciten­cello chiaro chiaro: D. Peppì, io la nepota vosta me la voglio spusà.

LUIGI: Bravo! Si no chillo se crede che vulite pazzià.

ERRICO: E se capisce.

NICOLINO: Quanno uno fà ammore, ha da tenere curaggio.

MICHELINO: Seh, dicite buono, accussì aggia fà.

GIOVANNI: E mettiteve nu vestito chiù meglio, comme ve presentate de chesta manera, mò so’ ghiurnate de festa.

LUIGI: N’ato vestito lo tenite?

MICHELINO: No... ma aspettate, me, pozzo mettere lo subrabito de lo principale mio, lo gilè, lo cazone, tutte cose, pecché so’ duje juor­ne che sta dinto a lo lietto malato, nuje durmimmo dinto a la stes­sa cammera, capite, mò me faccio mprestà tutte cose.

GIOVANNI: Perfettamente. Po’ nce facite sapé c’ha detto, e c’avite cumbinato.

MICHELINO: Va bene.

ERRICO: (C’ha da cumbinà, chillo abbusca!).

GIOVANNI: Nce vedimmo a n’atu poco. Bona fortuna.

MICHELINO: Grazie. Io mò me piglio lo cafè, e po’ me vaco a vestì.

GIOVANNI: Bravo.

LUIGI: Coraggio e faccia tosta. Alla fine isso po’ chi è ? Nu misero ca­fettiere, meglio de vuje addo lo trova.

MICHELINO: E se capisce.

LUIGI: Avita essere risoluto. La nepota vosta me la voglio spusà, ppà, una avutata. (Piano a destra.)

MICHELINO: Sì hanno ragione, io so’ troppo timido, aggia essere riso­luto, io la nepota vosta mela voglio spusà, ppà, un’avutata. Chillo appena sente chesto, ppà, me chiave nu paccaro e stateve bene! E che me ne mporta a me, io a Teresina nun la lasse, doppo c’avesse avé ciente pacchere a lo juorno!

SCENA TERZA

Teresina e detto, poi Peppino.

TERESINA (d.d. a.s.): Va bene, non dubitate, mò lo faccio venì subeto subeto.

MICHELINO: Essa! Sangue de Bacco! E si esce lo zio, comme facimmo?

TERESINA: Ah, comme stà bella co la veste de sposa, me pare na pu­patella... Che! Michè stai ccà?

MICHELINO: Sì, stò ccà, simpaticona mia, e tu addò stive?

TERESINA: Stongo da stammatina dinta a casa de D. Luisa de Rusina, de la quale a n’atu ppoco sposa, e l’avimmo vestuta tanto bella.

MICHELINO: E nuje quanno spusammo?

TERESINA: Quanno vuò tu, io so’ sempe pronta, hai da parlà cu zì zio.

MICHELINO: Sì, nce parlo, nce parlo, e me vuò bene?

TERESINA: Assai assai!

MICHELINO: E io pure zuccariello mio!

TERESINA: Sta venenno zì zio, vattenne pe mò.

MICHELINO: A n’atu ppoco torno. (Fugge a sinistra.)

PEPPINO (esce con caffe): Ecco ccà lo cafè, e addò stà, addò è ghiuto? Vuje vedite chillo pazzo nun me vò lassà j, ordina primme lo cafè e po’ se ne va, e io comme a nu ciuccio, nce aveva fatto pure frisco, pecché dinto a lo cocoma de stammatina nce steva nu scarrafone, si sapeva le purtava chello. Si torna n’ata vota le scasso la giantiera ncapo. Teresì, che faje lloco?

TERESINA: Luisella vò che io vaco a dicere a lo si Biase, lo pate de Ru­sina che venesse ambresse.

PEPPINO: Nonsignore, nun te movere da ccà, chillo mo vene, tu lo ssaje che io nun voglio che cammine sola pe la strata?

TERESINA: E che fa, chille so’ duje passe.

PEPPINO: O duje passe, o tre ficosecche, t’aggio ditto che nun voglio, e basta.


TERESINA: Va bene, zi zì, avita vedé, Rosina com’è contenta sposa

PEPPINO: E se capisce, e che d’è nun vuleva essere contenta... Se piglia a D. Felice che stà buono, è sulo, nun tene a nisciuno, la zia nm­manette la chiù bella casina che stà dinto a lo paese, è professore de chitarra, dà lezione, e abbusche belli solde, che va truvanno? Essa po’ a la fine chi è ? Na misera stiratrice, lo pate, lo si Biase, primme faceva da vaccaro, o Sinneco nuovo pe protezione, pe co­noscenza, lo facette caporale de li guardie municipale. La truvasse ogne figliola chella sciorta.

TERESINA: Sì, ma che saccio, zi zì, a me me pare troppo friddo. Rosina m’ha ditto ch’è nu mese che nun lo vede, da che s’appuntaje lo matrimonio.

PEPPINO: Ecco ccà, nepota mia, tu hai da sapé che D. Felice è n’ommo allero, pazziariello, nun ha vuluto maje sapé de se nzurà, ha fatto la cummedia cu paricchie femmene, se credeva de fa lo stesso su Rusenella! Lo si Biase, chella sera, lo ncucciaje, fore a lo balcone, e succedette chell’ammuina, te ricuorde?

TERESINA: Comme nun me ricordo, nuje abitaveme dinto a lo stesso palazzo, a fianco a lloro, lo truvajene fore a lo balcone de la cam­mera de Rusina, chillo a puntone de la strata.

PEPPINO: Già, isso avette voglia de truvà scuse, nun ne cacciaje niente, lo si Biase le dicette, o te spuse a figliema, e si no te scanno comme a na vacca, e isso avett’accunsentì, nun nce fujene chiacchiere.

TERESINA: E se capisce, si no chella povera Rusina addò cumpariva chiù.

PEPPINO: Vì che paura se pigliaje muglierema chella notte, e la sora, e lo marito de la sora D. Attanasio l’avvocato fujeva pe tutte le cam­mere, pecché se credevane che se steva abbruscianno lo palazzo.

TERESINA: Approposito, zi zì, so’ arrivate a Genova, v’hanno scritto?

PEPPINO: Sì, stammatina aggio avuto lo telegramma, so’ arrivate, e stanno buone.

TERESINA: Ma io dico accussì, chill’era, n’affare de zì Carmela e lo ma­rito l’avvocato, c’hanna avuta j llà p’esigere cierti denare, che nc’è ghiuta a fà pure zì Concetta, la mugliera vosta?

PEPPINO: Pe si divagà nu poco, ha vuluto j nzieme co la sora, puverel­la, nun va maje a nisciuna parte... ma pecché se trattava de poche juorne, si no la faceva partì.

TERESINA: E se capisce, a me me pare accussì brutto senza lloro.

PEPPINO: Ah, mò che me ricordo, muglierema primme de partì, me dette nu cartoccio sigillato che l’aveva cunsignà a D. Felice quann’era spusato, appena scenneva da coppa a lo municipio, dice ch’è lo regalo che le fa essa, va trova che nce stà dinto, a me Cun­cetta nun me lo vulette dicere. Me raccumannaje de nun l’arapì, e de cunsegnarlo mmano a isso, che po’ quanno turnava da fore me diceva tutte cose. Io credo che sarrà na pazzia. Lo tengo dinto a lo teraturo de lo bancone, stammatina nce lo dongo.

TERESINA: Allora mò nce lo vaco a dicere che vuje nun m’avite vulu­to fa cammenà sola?

PEPPINO: Se capisce.

TERESINA: E chella lo patre pe chi lo manna a chiammà?

PEPPINO: Pe chi vò essa, afforza tu aviva j? Vattenne ncoppe e nun te movere, hai capito?

TERESINA: Va bene. (Via a sinistra.)

PEPPINO: Eh, li figliole s’hanna da sapé tené, stamme a nu brutto munno! Ma a me nun me la fanno. (Via nel caffè portandosi la guantiera.)

SCENA QUARTA

Felice poi Antonio.

VOCI (da dentro): Lo sposo, lo vì lo sposo, viva lo sposo!

FELICE (da dentro): Nun me rumpite chiù la capa! mannaggia chi v’allattate, jatevenne!

VOCE: Viva lo sposo!

FELICE (uscendo): Si nun ve ne jate ve piglio a prete, ve sciacco a uno de vuje. Venite appriesso, venite appriesso, facimmo la prova. (Con una pietra in mano. Fischi di d.) Puzzate sculà tutte quante!

ANTONIO (esce dalla destra): Ch’è stato D. Felì, ch’è succieso?

FELICE: Addò stive tu? La siente st’ammuina? È possibile che nu ga­lantomo dinto a stu paese nun po’ cammenà qujeto?

ANTONIO: Ma pecché, che v’hanno fatto?

FELICE: Me stanno venenno appriesso da stammatina. Viva lo sposo, viva lo sposo, m’hanno luvata la capa, nun me ne fido cchiù.

ANTONIO: Embè, e che male nce sta, chille sanno che a n’atu ppoco ve pigliate chella palummella, a pe la troppa cuntentezza se mettene alluccà. Anze a buje v’ha da fà piacere, chella è na priezza che fan­no!

FELICE: Quale priezza, quale piacere, Totò lasseme stà. Chisto è nu matrimmonio che va trova comme va a fenì, va trovà che guajo ag­gia passà! (Esce Peppino con cartoccio e si mette a sentire.)

ANTONIO: Ma pecché? Forse la sposa nun ve piace? Chella è na pu­patella, è na rusella de Maggio?

FELICE: Lo saccio, ma c’aggia fà, io nun nce tengo premura, nun me tira... io pagarria qualunque somma pe nun me la spusà, pecché saccio de cierto che doppo 15 juorne nce spartimmo.

ANTONIO: Ma chesto, scusate, nce aviveva penzà primme. Vuje sapiveve Rosina la figlia de Biase lo vaccaro chi era, che l’aviveve pi­gliata pe quacche femmena de chesta? Chella è na piccerella che nun la fatto maje ammore cu nisciuno, che nun s’è fatta mai sente­re dinto a stu paese. Vuje jate ncoppe, de sera, nce parlate, e po’ v’annascunnite fore a lo balcone, se capisce che ve l’aviveve da spusà, che ghiate truvanno.

FELICE: E afforza chesto vonno dicere... Totò, io chella sera nun era juto ncoppe addò Rosina, era juto a n’ata parte, era juto a truvà n’ata femmena.


ANTONIO: N’ata femmena? E chi femmena?

FELICE: Na femmena che stà de casa dinta a chillo stesso palazzo, ma Totò, te raccumanno?

ANTONIO: Oh, ve pare.

FELICE: Na sciasciona, na cosa troppo bella, erano 6 mise ca la jevo ap­priesso, nun nc’aveva potuto mai parlà da vicino. Na sera finalmente me facette sapé che a li 10 m’aspettava, io puntualmente nce jette, mentre steveme parlanno, tutto nzieme sentetteme tut­tulià la porta, nun avenne pe dò fuì, me nzerraje fore a lo balcone, io pe paura de nun essere ncucciato, accumminciaje a scavalcà da nu balcone a n’ato, pe vede si me ne puteva scennere pe lo fene­stone che steva all’angolo de la strata, la disgrazia vulette che capi­tai dinto a lo balcone de la cammera de Rusina, a chillo mumento passaje Biase lo patre cu n’ati duje guardie, chillo è primo piano, capisce, me vedette, e succedette chello ppoco d’ammuina.

ANTONIO: Aggio capito mò; ma scusate, vuje allora pecché nun avite provato stu fatto, se chiammava sta femmena, e se faceva dicere la verità.

FELICE: E nun l’aggio potuto fà chesto pecché chella femmena è mmaretata, capisce?

ANTONIO: Ah! E mmaretata?

FELICE: Tene nu ntontero pe marito, uno che me pare nu scarrafone. E io p’essere troppo galantomo, aggia passà chisto guajo!

ANTONIO: E chi fuje che tuzzuliaje la porta mentre stiveve parlanno?

FELICE: Chillo piezzo d’animale de lo marito, lo quale chella sera era juto a lo Circolo Clericale, e s’aveva ritirà a mmeza notte, che sac­cio che succedette, li socie erano poche, nun putettero parlà, e se ritiraje, e 10 e meza. (Peppino a questa scena ha fatto gesti di sorpre­sa, a questo punto via nel caffè.) Io nun teneva ntenzione de me nzurà, te pare, che me ne mportava a me. Vide si può parlà cu Bia­se, lo putisse fà capace tu?

ANTONIO: Vuje pazziate, ccà s’è fatto tutte cose, li carte pronte, lo Sin­neco sta aspettanno, la figliola s’ha fatto lo curredo, Biase s’ha fat­to lo vestito nuvo, che nce appurate cchiù. E po’, vedite, lo fatto sarrà comme dicite vuje, ma tutto lo paese sape che vuje fora a lo balcone chella sera, stiveve pe Rusina, la figliola ha cacciata na brutta annummenata.

FELICE: Ma essa però puteva dicere che fuje nu sbaglio, che io chella sera nun era juto pe essa.

ANTONIO: E chella, scusate, che ne sape, anze essa stà co la capa ca chel­la sera vuje saglisteve pe lo balcone, pe ghì dinta a la cammera soja.

FELICE: Guardate che combinazione.

ANTONIO: Una speranza tenite, che Rosina stammatina dicesse: Nun li voglio cchiù, nce aggio pensato meglio, acceriteme, scannateme, ma nun lo voglio!

FELICE: Vulesse lo Cielo, Totò.

ANTONIO: Ma sarrà difficile, ve pare, na figliola de chisti tiempe, lo mumento de spusà dice: Nun lo voglio cchiù... Seh, mò li femme­ne pe se mmaretà, fanno qualunque cosa, se nce menene de capa.

FELICE: E chi t’ha ditto, tutto pò essere.

ANTONIO: Ah, chesto è certo.

SCENA QUINTA

Luisa poi Rosina, Teresina e detti.

LUISA (vestita da festa caricata): D. Felì, vuje state ccà? Finalmente ve site fatte vedé, chella povera Rusina parla sempe de vuje, pecché nun site trasuto? Vuje sapite che Rosina m’è commarella, e la casa mia, è casa vosta. Stanotta Rosina ha durmuto cu me pecché stam­matina s’aveva mettere la veste de sposa che l’aggio cusuta io cu li mmane meje. Si la vedite, ve la magnate de vase, quanto pare bel­la. (Alla porta.) Teresì, Teresì, ascite ccà fore, fà uscì a Rusenella, ccà nce stà lo sposo D. Felice... Mò vedite, mò vedite che fatella.

TERESINA (uscendo): Eccola ccà.

RUSINELLA (in abito da sposa): Buongiorno.

FELICE: Buongiorno.

LUISA: Ecco ccà lo sposo, mò me pare che può essere contenta?

RUSINELLA: Sì, ma che saccio, io ve lo torno a dicere, lo veco troppo friddo, troppo indifferente, stammatina avimma da spusà, e se ne vene a chest’ora.

LUISA: Eh, scusate, ncoppa a chesto me pare c’have ragione, putiveve venì nu poco cchiù ambresse stammatina, che diavolo, se tratta che v’avita spusà chesta gioja de guagliona, chisto tesoro! Ma già, se capisce, vuje po’ nun site fatto nu figliulillo de chisto, che quan­no Nanna da spusà, fanno nu sacco d’ammuina, che tanta vote se fanno cuffià... vuje no, vuje site n’ommo serio, vuje nun tenite fummo, vuje site tutto arrusto è ovè ?

FELICE: Se capisce... che ne facite lo fummo.

LUISA: Io pe me, si tenesse na figlia, le desse sempe a n’ommo de nu 34, 35 anne pecche sarria certa ca la vulesse bene, e le facesse na bona compagnia.

TERESINA: No, io no giovinuttiello nun me l’avarria, mai spusato... io diceva sempe: Cielo mio, si hai destinato de me fà mmaretà, man­neme a n’ommo serio, n’omme positivo, e lo Cielo me l’ha mannato.

FELICE: (E io lo ringrazio).

LUISA: Tutto lo paese n’avuto piacere de stu matrimmonio, pecché vuje po’, s’ha da dicere la verità, ve mettisteve a nu brutto rischio pe causa soja, putiveve sgarrà lo pede, ve puteva avutà la capa, ive­ve abbascio, e stateve bene.

FELICE: Ah, sicuro.

LUISA: Ma primma de chella sera, addò iveve a parlà, addò iveve a fà ammore?

RUSINELLA: A nisciuna parte. Io le stirava li cammise, l’aggio ncuntra­to quacche vota pe la strata, m’ha guardata, ma nun m’ha ditto mai niente.


LUISA: Ma tu sapive che chella sera t’aveva venì a truvà?

RUSINELLA: No, cummà, nun sapeva niente. (A Felice:) Sapeva nien­te?

FELICE: Nonsignore, nun sapeva niente.

LUISA: Aggio capito, passasteve pe llà, ve venette lo pensiero... e... nun badasteve a niente cchiù. Eh, a capa nostra ched’è ? È nu sfuo­glio de cepolla, è segno c’accussì era destinato. Io tanto de la priez­za che Rusina se mmarita so’ 3 ghiuorne che nun aggio fatto sti­rà... de figliole hanno fatto festa e so’ pagate.

TERESINA: Gnorsì, ajssera avetteme la settimana.

LUISA: C’aggia fà, io a Rusinella la voglio troppo bene, pecché è na bona piccerella, faticatora, affezionata.

TERESINA: E io pure la voglio bene assai, pecché se lo mmereta.

RUSINELLA: Ma nonsignore, io nun mmereto niente, è bontà vosta. Ma papà quanne vene, pecché trica tanto?

ANTONIO: Me lo vaco a chiammà io, lo faccio venì subeto subeto.

RUSINELLA: Grazie tanto, scusate.

ANTONIO: Niente, ve pare. (Via.)

RUSINELLA: (Cummà, ma D. Felice accussì vene a spusà, cu chillo vestito ncuollo?).

LUISA: (A me pure m’ha fatto meraviglia... aspetta). D. Felì scusate, già, mò v’aggia chiammà cumpariello, e buje m’avita chiammà cummarella.

FELICE: Se sape.

LUISA: Allora cumpariè, scusate, diciteme na cosa, vuje ancora v’avi­ta vestì?

FELICE: Pecché che stongo annude?

LUISA: No, nun state annude, se capisce, ma nun v’avite miso ancora lo vestito da sposo.

FELICE: Pecché, chisto nun è buono?

LUISA: È buono, lo saccio... ma vuje me ne nzignate, nun è vestito pe spusarizio; nce vularria lo tubo, lo flacchisciasso.

FELICE: Ah, sicuro, mò me lo vaco a mettere; però vularria dicere do­je parole a D.a Rusinella a sulo a sulo si permettete?

LUISA: Comme, ve pare, vuje site lo patrone, a n’atu poco l’avita esse­re marito. Cummarè, lo cumpariello t’ha da parlà, nuje nce ne tra­simmo dinto, quanno vene lo si Biase, ascimmo.

RUSINELLA: Sissignore.

LUISA: Jammo. Teresì, jammoncenne. Quanto site belle! Che bella cocchia c’avite fatto, puzzate essere beneditte. (Via a sinistra con Teresina.)

RUSINELLA: Dunche, parlate, che m’avita dicere?

FELICE: Ecco qua, D.a Rusinè, io v’aggia parla seriamente riguardo a stu matrimonio nuosto! Lo matrimonio, comme se dice, e come così è... è una catena, e uno, primma de spusà nce ha da penzà buono, accussì doppo nun nce stanno pentimente.

RUSINELLA: Ah, se capisce.

FELICE: A me pare che stu matrimonio nce farrà essere infelice a tutte e duje.

RUSINELLA: E pecché?. Pe parte mia me credo d’essere la figliola la cchiù furtunata de sta terra.

FELICE: E vi sbagliate, bella mia, pecché lu ssapite, io chella sera nun me trovavo pe buje fore a lo balcone.

RUSINELLA: Io nun lo saccio, ma del resto, comme fosse stato, pecché tutte quante hanno creduto che fore a lo balcone stiveve pe me.

FELICE: E già, avite ragione. Ma vedite, D.a Rusinè, voglio parlà chia‑

ro, è fatto p’amice, io a buje nun ve voglio bene.

RUSINELLA: E invece, vedite la cumbinazione, io ve voglio bene assai.

FELICE (pausa): D.a Rusinè, scusate si ve dico na cosa. Vuje me site antipatica.

RUSINELLA: E buje pe me, site nu simpaticone.

FELICE: Veramente?

RUSINELLA: A parola mia.

FELICE: Ma D.a Rusinè, badate, vuje spusanneve a me, passate nu guajo, pecché io tengo nu sacco de difette.

RUSINELLA: Uh! e che difette.

FELICE: Primma de tutto, io so’ nu forte bevitore de vino, la sera, per lo più, me retiro sempe mbriaco.

RUSINELLA: E che fa, pure papà era accussì, da che pigliaje na caduta, che se sciaccaje, e che stette nu mese dinto a lo lietto; facette giuramento de nun bevere cchiù. Po’, se sape, n’ommo sta sulo, va a cenà cu l’amice, beve assai e se mbriache, ma quanno tene na mu­glierella a la casa che l’aspetta, cu na bella tavulella apparicchiata, assicurateve pur che nun và cchiù a cenà co l’amice.

FELICE: E va bene, chesto sarria niente, ma io, per esempio, la notte fumo, fumo la pippa, so’ capace che me sceto, me sose e passeo pe dinta a la cammera co la pippa mmocca.

RUSINELLA: Uh! E ched’è, chisto me lo chiammate difetto? Se sape, tutte l’uommene fumano la pippa, e po’ io tengo lo suonno pesan­te, quanno me so’ addormuta, nun sento manco li cannunate.

FELICE: Ah, lo suonno lo tenite pesante?

RUSINELLA: Avite voglia.

FELICE: E bravo. Po’ sapite ched’è, tengo sempe lo stommaco mala­to, nun pozzo mangià niente sapurito pecché me fà male.

RUSINELLA: Uh, me dispiace... ma io, quanno simme spusate, ve fac­cio fà na bella cura, e ve sanate.

FELICE: E va bene... ma ccà nce sta na cosa chiù forte. Io la notte so’ abituato a durmì sulo, vuje po’ site contenta che ve cuccate dinto a n’ata cammera?

RUSINELLA: Sicuro, contentissima... anze me fà chiù piacere.

FELICE: Ma io ve tratto comme fusseve na sora mia. Ve lo prevengo, pensatece buono.

RUSINELLA: Io nun aggio che pensà, pe me spusà a buje so’ contenta de tutto.

FELICE: E va bene (e nun te ne incaricà).

RUSINELLA: M’avita dicere niente chiù?

FELICE: Niente chiù.

RUSINELLA: Allora io me ne traso dinto, quanno vene papà, me chiam­mate. E assicurateve pure, che io, co la maniera mia, ve faccio levà tutt’e difette, e po’ sapite comme se dice: ‘A bona mugliera fa ’o buono marito. (Via a sinistra.)

FELICE: Io mo’ c’aggia fà, chella nun è brutta, ma a me nun me vò trasì ncape. Nun me pozzo luvà da nanz’all’uocchie chella sciasciona de Carmela, e mo’ che me nzoro, stateve bene, chi la vede cchiù. Mannaggia a la sciorta mia mannaggia! però l’ultima parola non è detta ancora! La cummara ha ditto che m’aggia mettere n’atu ve­stito, m’aggia mettere lo flacchisciasso, lo tubo... voglio vedé si me riesce na cosa. Cielo mio aiuteme tu. (Via fondo a sinistra.)

SCENA SESTA

Peppino, poi Michelino, poi voci di dentro, poi Luisa, Teresina e Rosina, poi Antonio e detti.

PEPPINO (Con lettera aperta in mano, cartina con capelli, e un ritratto a fotografia:) Piezze de scellarate, piezze de birbante, piezze de ga­liote tutt’e duje! E comme! Cuncettella muglierema, è stata capa­ce de me fà chesto, chisto sorte de tradimento! Ah, me ne voglio vevere lo sangue! Have ragione ch’è partita... E D. Felice, D. Feli­ce, che me faceva l’amico, me strigneva la mano, e me cumbinava chisto piattino! La femmena ch’era juto a truvà chella sera, era muglierema, chella nfama! E nun c’è dubbio, pecché ccà tengo la prova. (Legge la lettera:) «Angelo mio. Ho ricevuto il biglietto con l’appuntamento e te ne ringrazio. Stasera, come mi dici, quella be­stia di tuo marito, và al Circolo Clericale, e si trattiene là fino a mezza notte... io alle 10 in punto sarò da te, e ti coprirò di baci. Tuo Felice». Svergognati! Traditori! Ccà nce stanno li capille de D. Felice, pure li capille s’aveva fatte dà, e chisto è lo ritratto sujo. Appena ha visto che D. Felice se nzora, l’ha mannato la lettera, li capille e lo ritratto, e me vuò mannà justo a me? Assassina, scelle­rata! Perciò ha vuluto partì nzieme co la sora, pe nun stà dinto a lo paese, quanno chillo spusave, pe nun avè stu dulore! Ah, me l’ag­gia magnà a morze! E a D. Felice che l’avarria da fà? Comme me putarria vendicà? che mezzo tenarrie?... A fà la causa nun me cun­viene, faccio nu scandalo, appurene tutte quante, e faccio peg­gio!... Ah, stasera l’aspetto che se retira, me metto de dereto a lo muro accuvato, e quanno passe lo sparo, po’ vaco ngalera e stateve bene. Nonsignore, nce vularria n’ata vendetta, na bella vendetta... che putarria fà?

MICHELINO (dal fondo a sinistra con grosso soprabito cannella, lungo di vita e di maniche, gilè di colore, grossa cravatta, cappello caricato e bastone): Accussì credo che stò buono. Lo vì ccà D. Peppino, chi­sto è lo mumento curaggio...

PEPPINO: La cosa bella sarria, de fà a isso chello c’ha fatto a me. Mò che sposa io l’avarria fà lo stesso co la mugliera.

MICHELINO: D. Peppì, quanno nu giovene, tene bona ntenzione, nun se mette paura de niente...

PEPPINO: Sarria na bella vendetta, ma all’età mia nun po’ essere, chel­la cu me nun se mette...

MICHELINO: Io so’ venuto risoluto e deciso.

PEPPINO: Ah, si tenesse 20 anne de meno, lo faciarria correre buono, ne lo faciarria fuì da dint’a stu paese... have ragione!

MICHELINO: D. Peppì, scusate...

PEPPINO: Ccà nce vularria nu giuvinotto, nu simpatico giovinotto, lo quale avarria fà tutto lo possibile...

MICHELINO: D. Peppì, io nun tengo né mamma e né patre, e perciò me presento io stesso...

PEPPINO: Vuje che vulite? Che cancaro vulite da me?

MICHELINO: Quanno nu giovene vò bene veramente a na figliola, tene curaggio, e nun se mette paura de niente, perciò D. Peppì, è inutile che ve facite brutto, pecché io nun me spavento. Io ve so’ venuto a dicere che faccio ammore cu Teresina, la nepota vosta, la voglio bene, essa pure me vò bene, e me la voglio spusà.

PEPPINO: Vuje? E io devo a nepotema a buje, a nu misero stuccatore, a uno che nun tene niente, a uno ca a stiento po’ campà isso sulo... Jatevenne ca nun po’ essere, e si vulite fà buono, vicino a stu cafè, nun nce venite cchiù!

MICHELINO: Va bene, sarete obbedito... ma badate che nu giovene cumme a me nun lo truvate. Sarraggio un misero stuccatore, nu tengo niente è overo, ma però tengo core, tengo maniera, e na femmena m’ha da vulé bene pe forza. Nun me so’ nzurato ancora, pecché lo pensiero mio era Teresina, si no a chest’ora... Uh! Li fi­gliole accussì, appena le guarde, comme le dico na parola, perdo­no la capa e fanno tutto chello che voglio io.

PEPPINO: (Sangue de Bacco! Chisto sarria proprio lo tipo adattato, è giovene, è simpatico. Sicuro, chisto po’ fà li vendette meje!). D. Mi­chelì, io aggio pazziato, l’aggio fatto pe vede che diciveve. Io ac­consento a stu matrimonio.

MICHELINO: Veramente?

PEPPINO: Veramente... anze voglio raddoppià la dote, invece de 200, nce dongo 400.

MICHELINO: E io ve ringrazio.

PEPPINO: Lo curredo, invece de nce lo fà a 6 a 6, nce lo faccio a 10 a 10.

MICHELINO: Oh, che piacere.

PEPPINO: A buje, si tenite diebbete, ve li levo tutte quante.

MICHELINO: Nun ne tengo, ma li pozzo fà. E quanno spusammo?

PEPPINO: Subito, ma però a na condizione che nepotema nun ha da sapé!

MICHELINO: E che condizione, parlate, io faccio tutto.

PEPPINO: Vuje avite ditto, che appena guardate a na femmena appena le dicite na parola, perde la capa, e fà chelle che vulite vuje?

MICHELINO: È overe, D. Peppì, ve putite nformà.

PEPPINO: Benissimo. Vuje avita fà tutto lo pussibile de nammurà na figliola de stu paese, che ogge se marita, pe nu fatto mio, pe nu sfi­zio mio. Quanno nc’avite parlato, che l’avite fatta accunsentì, che l’avite fatta cadé, allora spusate e nepotema.

MICHELINO: Oh, chesta è bella, mò, chesta è curiosa, vale a dicere che io pe me spusà a Teresina l’aggia prima tradì.

PEPPINO: Perfettamente.

MICHELINO: E pecché?

PEPPINO: Pe n’affare mio, doppo ve lo dico.

MICHELINO: E si Teresina, l’appura?

PEPPINO: Nonsignore, nun le facimmo appurà niente.

MICHELINO: E sta figliola chi è ?

PEPPINO: A n’atu ppoco ve la faccio vedé, stateve ccà e nun ve ne jate.

MICHELINO: Ma pensatece buono D. Peppì, io me pozzo ncuità co lo marito.

PEPPINO: Nun nce sta che penzà, si ve vulite spusà a Teresina, chesta è la cundizione.

MICHELINO: E va bene. Pe Teresina mia, faccio tutto. (Voci di popolo di dentro.)

PEPPINO: Ah, zitto, chisto che sta venenno, è lo patre. (Guardando, in fondo a destra.)

LUISA (uscendo): Ch’è stato, ch’è succieso?

TERESINA: E lo si Biase che vene.

LUISA: Ah, finalmente!

ANTONIO (uscendo): Sta venenno lo si Biase, lo Sinneco à dato l’ordi­ne la fanfarra che accumpagnasse li spuse a lo Municipio. (Via.)

LUISA: Che bella cosa, che piacere! (Di dentro la fanfara esegue una marcia.)

SCENA SETTIMA

Escono 8 persone di fanfara, suonando, poi Biase, Salvatore, Giovanni, Nicolino, Errico, Luigi, Annarella, Bettina, Filomena, Popolani e Popo­lane, poi Rosina, Biase, vestirà caricatamente calzone colorato, gilè fio­rato, stiffellius molto stretto, guanti di cotone bianco. Tutti escono con buchè di fiori d’arancio, Salvatore da guardia municipale, con kepì un po’ stretto.

TUTTI (gridando): Viva lo si Biase, vivene li spuse!

BIASE: Io ringrazio a tutte quante, a tutto lo paese de l’annore che m’avite fatto, e de la priezza che facite pe stu matrimmonio. E lo primmo che ringrazio cu li lagreme all’uocchie e tutto cuntrito e murtificato è lo Sinneco nuosto, lo quale pe troppa bontà soja, m’ha dato lo permesso fino a li 5, de nun me fà mettere l’uniforme de guardia municipale, e po’ ha dato l’ordine a la fanfara c’accum­pagnasse li spuse a ghì e venì da lo municipio.

TUTTI: Evviva lo Sinneco!

ALTRI: Vivano li spuse!

SALVATORE: (Bià, staje na bellezza, ma nun t’avutà pecché s’è scusuto lo suprabeto justo mmiezo a li rine).

BIASE: (E comme va, io mò me l’aggio miso).

LUIGI: Ma la sposa quanno se vede, chiammatela.

LUISA: Jamme, Rusì, jesce, fatte vedé. (Prende Rosina per la mano.) Eccola ccà.

TUTTI: Evviva la sposa!

RUSINELLA: Papà mio, caro caro. (Abbraccia Biase.) Zio mio bello. (Abbraccia Salvatore e poi ritorna ad abbracciare Biase.)

PEPPINO: (Chesta sarria la figliola).

MICHELINO: (Chella llà, la sposa?).

PEPPINO: (Perfettamente).

MICHELINO: (Va bene!).

PEPPINO: (Cercate de ve fà vedé, e adderezzateve, spuntateve lo su­prabito!). (Michelino esegue.)

BIASE: T’aggio ditto, nun facimmo sti cose che me piglio collera. Tu te scuse a uno che sta buono, e niente te mancarrà. Rieste dinto a lo stesso paese, e ogne ghiuorno te vengo a truvà, vengo addim­mannà comme stai, e si te serve niente. (Piange.)

SALVATORE: Bià, ma pecché fai chesto mò... ogge hai da ridere, hai da sta allegramente..

LUISA: Ma se capisce, ched’è stu chiagnere. Se ne jesse fore, va bene, ma chella resta ccà, sempe vicino a nuje. E chi se fidarria de sta senza vederla.

BIASE: Povera figlia, nun tene mamma, tene sulamente a me e a buje. (A Luisa.)

LUISA: Che l’aggio cresemata e la voglio bene cchiù de mamma.

ANNARELLA: Ma tutte quante la vulimmo bene, pecché è stata na bo­na compagna.

BETTINA: Nun ha avuto mai che dicere cu nisciuno.

FILOMENA: E na figliola de core, e affezionata.

RUSINELLA: Io ve ringrazio a tutte quante, chello che me decite è trop­po, nun è overo, so’ l’uocchie vuoste che me vedono accussì. (Campana di dentro.)

SALVATORE: Miezo juorno, mò esce la Messa cantata. (Tutti si levano i cappelli.)

BIASE: Figlia mia, stu matrimmonio, afforza t’ha da purtà furtuna, pecché spuse juste ogge, ch’è la vigilia de S. Aniello, lo protettore de stu paese, e isso te pozza benedicere, comme te benedico io a chisto mumento. Benedetta figlia mia.

PEPPINO (a Michelino): E sì, mo ve presento io, che male nce sta? Sì Bià, ve presento stu giovene, D. Michelino... lo cugnome?

MICHELINO: Zeppolella.

PEPPINO: D. Michelino Zeppolella, pittore e stuccatore.

BIASE: Tanto piacere.

PEPPINO: Se trova dinto a stu paese, pecché è venuto a rinnova la facciata de lo municipio, è nu buono artista, e se fà vulé bene da tutte quante, è figlio de n’amico mio che tengo a Napole.

BIASE: Biase Grammegna, li cummanne vuoste.

MICHELINO: A servirvi sempre.

PEPPINO: E chesta è la figlia, la sposa, Rusinella.

RUSINELLA: Serva vosta.

MICHELINO: Padrona mia.

TERESINA: (Comme va che Michelino ha fatto tant’amicizia cu zì zio!).

ANTONIO: Neh, ma lo sposo, addò sta, quanno vene?

SALVATORE: Mò è tarde, facimmo ambresse.

RUSINELLA: Poco primme steva ccà.

LUISA: Se sarrà ghiuto a mettere lo vestito da sposo. (Fischi di dentro.)

BIASE: Ch’è stato, che so’ sti fische?

LUISA: Ah, è D. Felice che vene.

SCENA OTTAVA

Felice, 2 comparse e detti.

FELICE (con grosso cappello a tubo che gli va larghissimo, grossa sciassa e grosso buchè al petto. Le 2 comparse vestono egualmente, uno è gob­bo, e 1 altro ha un occhio coperto da una benda, buchè di fiori sul pet­to): Eccoci qua a noi. (Tutti ridono.) Embè, ma che significa che­sto? Fische da llà, resate da ccà... mò me ne vaco, nun sposo cchiù, e felicenotte! (Risate.)

BIASE: Ma ve putisseve mettere nu cappiello cchiù stritto, na sciammeria che fosse juta meglio.

PEPPINO: Eh, me pare.

FELICE: Io chesta teneva. Si ve conviene, e si no nun spusamme cchiù.

SALVATORE: Chesto è bello! Nun spusamme cchiù.

BIASE: Comme se trattasse de nu fatto serio. Me dispiace che nu galantomo comme a buje, se veste de chesta manera! Li fische c’avi­te vuje, l’have pure figliema, e chesto nun sta.

FELICE: Che v’aggia dicere, io nun teneva ata rrobba.

BIASE: Va bene. Chilli duje chi songo?

FELICE: So’ li testimoni.

BIASE: Comme, Alesio lo craparo, e Mineco lo nzalataro?

FELICE: E io nun teneva nisciuno, a chi aveva purtà? Si ve piacene, bene, e si no che vulite da me, nun spusamme cchiù.

SALVATORE: E chesta è na canzona.

BIASE: E mò dicite n’ata vota chesto? Nun spusate cchiù.

RUSINELLA: Ma papà, nun ve site accorto che chillo pazzea, ha fatto chesto, s’è vestuto accussì, pe nce fà ridere, pe nce fà sta allegre... e io ve dico la verità, che vestuto de chesta manera, me piace cchiù assai, m’è chiù simpatico, è na cosa nova, è na toletta capriccio­sa!... Jamme, mettimmece sotto a lo vraccio, quanno se vò bene a n’ommo, nun se bada a niente, qualunca cosa se mette, qualunca cosa fà, è sempe bello. (Si mette a braccetto con Felice.)

SALVATORE: Have ragione Rusina. Evviva li spuse!

TUTTI: Evviva!

ANTONIO: Musica! Musica! (La fanfara suona, tutti sfilano come in con­certo. Di dentro, suono di vampane e campanelle. Sparo di botte, al secondo giro che faranno i personaggi.)

Nce steva na figliola ca di nenne

Era a cchiù cara e chiù bella guagliona,

Cianciosa, fresca aggraziata e bona

Ma de spusà nun ne vuleva sapé.

Però, sta nenna mò nc’è capitata

Ha visto ’o giuvinotto e nce caduta

Faceva ’a cuntignosa ’a sostenuta,

Ma pò nun s’è pututo cchiù tené!

Ma tutt’ ’o vonno

’O ninno bellino

’O sposo carillo

Ognuno ’vò...

Chi dice no

Fa apposta ma po’

S’ ’o piglia mò mò

’cchiù priesto ’o vò.

II.

Sapite di chi parlo amice mieje,

Sapite mò chi è sta piccerella?

E ‘a figlia ’o sè Biase, è Rusinella

Ca pe cient’anne pozza mbrufecà!

Pozza fà ’a vita de na principessa,

Pozza aunnare comme aonna ’o mare,

Cu chillo ninno affianco addà campare

Contenta e semp’allere pozzo stà!

Ma tutt’ ’o vonno

’O ninno bellillo

’O sposo carillo

Ognuno ’o vò...

Chi dice no

Fa apposto ma po’

S’ ’o piglia mò mò

cchiù priesto ’o vò.

(Cala la tela.)

FINE DELL’ATTO PRIMO

ATTO SECONDO

Un cortile. A sinistra e a destra porta con sopra balconi praticabili. In fondo 2 archi a pilastri dai quali si vede il giardino. Sugli archi vi sarà un tavolo con sopra bottiglie, bicchieri e guantiere con freselline. A diverse parti vi saranno lampioncini accesi. È sera. Sul tavolo di fondo, vi sarà una chitarra.

SCENA PRIMA

Giovanni, Nicolino, Errico, Luigi, Michelino, Peppino, Teresina, Luisa, Rosina, Annarella, Bettina, Filomena, Popolani e Popolane.

TUTTI (mangiando i tarallini e bevendo): Evvivano li spuse!

RUSINELLA: Bevite, mangiate spassammece.

LUISA: Quanto sì bella, che bello core che tiene, haje campà cient’anne!

TERESINA: Puozze avé tanta cuntentezza, pe quanto ne desidero pe me.

LUIGI: Signori miei, scusate, permettete. (Con bicchiere in mano.)

ANNARELLA: Nu brinnese, nu brinnese, sentimmo.

TUTTI: Sentimmo, sentimmo.

GIOVANNI: Silenzio!

LUIGI: Stu vino ch’è nu barzeme addavero. E che m’ha dato Rusinella nosta. M’ha fatto venì ncapo nu pensiero! E che ve lo dico cu na faccia tosta! Oi neh, si nun te fusse mmaretata E fusse ancora libe­ra e zetella Parola mia, facesse una surchiata, Nu quartarulo de vi­no e Rusinella!

TUTTI: Bene! Bravo!

LUIGI: Ma già c’hanno cugliuto chisto sciore, Sta rosa de primmavera, chesta gioia, io bevo e stongo a dì cu tutto lo core, Buona fortuna, e a la saluta toja!

TUTTI: A la salute toja! (Bevono.)

GIOVANNI: Permettete? (Con bicchiere alla mano.)

ERRICO: Silenzio!

GIOVANNI: Che songo li ricchezze e li tesore, A fronte a stu bicchiere che m’ha dato, Chesta guagliona nosta tutta core, Chist’angelo che nterra è capitato, io songo ricco, nobele e signore, Tenenno sulamente stu bicchiere, Chesto nun è cchiù vino, è nu liquore, Dato da essa è vino furastiere, Addeventa na cosa troppo bella, Guagliù, alluccate: Evviva Rusinella!

TUTTI: Evviva! (Bevono.)

PEPPINO: (Dicite quacche cosa vuje).

MICHELINO: (E che dico?).

PEPPINO: (Facite nu brinnese, na cosa qalunque). Signori, scusate.

MICHELINO: Permettete?

LUIGI: Silenzio.

MICHELINO (col bicchiere in mano): Io nun teneva niente preparato, chello che dico, lo dico mò, cu tutto lo core.

TUTTI: Dicite, dicite.

MICHELINO: Dimme chi t’ha date sti capille, E chi t’ha dato st’uocchie accussì belle, Si scure notte e nun nce stanno stelle Nce stanno st’uocchie e bastano pe me. Si fosse tutto lo mio stu vecariello Tutte li case nterra menarria. Nce restarria sultanto lo balcunciello Addò s’affaccia sempe nenna mia. E votete la ccà, votete la llà, Comme stai bella vestuta accussì!

ANNARELLA: Ma cheste li sapimme, cheste so’ canzone.

MICHELINO: Già, so’ canzone, ma so’ sempe belle. Mò vene lo nnuo­vo. Io pover’ommo... cu stu bicchiere mmano che pozzo dire, Ve­nuto dinto a stu paese pe pittà Vedette a Teresina... o sia vedette a Rusinella, E me cadettere nterra li pennielle e la caccavella. Chilli bellizze, chella faccia de fata Me fanno sbarìa sera e matina Si me date nu regno vuje nun me cuntentate, A passiona mia è Teresi­na... (Rimettendosi.)... è D.a Rusina!

TUTTI: Bene! Bravo!

MICHELINO: Io bevo stu vino... e bevenno... bevo E dico... bevim­mo... che chi beve canta E a la salute de tutte quante! (Bene.)

TUTTI: Bravo! Bravissimo!

PEPPINO: (Quanta smuccarie avite ditto, m’avite fatto avutà lo stom­maco!).

RUSINELLA: Vuje m’avita scusà si mariteme nun è stato cu nuje, pec­ché ha avuta correre a Napole pe n’affare.

LUIGI: Nce dispiace, la festa sarria stata cchiù bella.

GIOVANNI: Oh, se capisce.

RUSINELLA: Ma nun fà niente, nce simme spassate lo stesso... Chillo sape che io stongo allegra, che me sto divertenno e sta a pensiero quieto.

LUISA: (Che purcaria, a lassà sola la mugliera doppo lo primmo juor­no spusato. Vì che bello marito...!).

LUIGI: Bettì, canta nu poco, jamme.

ALTRI: Overe Bettì, canta nu poco.

GIOVANNI: Professò, ascite ccà fore. (Chiamando alla porta a sinistra.)Accumpagnate a Bettina la canzona nova, D. Michelì, jamme, ac­cumpagnate vuje pure.

MICHELINO: Subito. (Escono 4 comparse con chitarra e mandolini.)

GIOVANNI: Ammore puveriello. (Benina canta la canzone: «Ammore Puveriello», dopo tutti applaudiscono.)

TUTTI: Bravo! Ebbiva Bettina!

LUIGI: E mò guagliù si Rusinella permette, jammo abballà nu poco, e po’ nce ne fiamme.

LUISA: Sì, pecché s’è fatto bastantemente tarde.

GIOVANNI: Se capisce... nuje po’ nun vulimmo abusà.

BETTINA: N’atu pucurillo, nce truvammo justo pe quanno se spara lo fuoco.

RUSINELLA: Ma sì, jamme, jamme.

LUIGI: Prego. (Offrendo il braccio a Rusinella.)

RUSINELLA: Grazie. (Via a sinistra con Luigi.)

MICHELINO: Chillo l’ha fatto primma de me, c’aggia fà?

PEPPINO: E se capisce, quanno vuje nun ve muvite, è mez’ora che ve sto facenno segno! Mò che ghiammo dinto, mmitatela a ballà.

MICHELINO: (Ah, se sape). (Tutti viano a sinistra restano Luisa e Te­resina.)

LUISA: Teresì, che ne dice de stà cosa, comme, doppo lo primmo juorno de lo spusarizio, lo marito lassa la mugliera e se ne va?

TERESINA: E che ne saccio, principala mia, cheste so’ cose nove, so’ cose che nun se so’ viste mai. (Chi puteva credere, per esempio, che zì zio pigliave tant’affezione pe Michelino... oh, ma io assolu­tamente l’aggio addimmannà comme va sta cosa.)

SCENA SECONDA

Biase e Salvatore da Guardie municipali.

SALVATORE: Camina Bià, frato mio, tu pare comme tenisse li ghiorde dinto a li gamme.

BIASE: Salvatò, tu sì curiuso, io stò cammenanno da stammatina, che m’è pigliato che songo de fierro. Eccoce ccà a nuje. Simme arriva­te tarde, e subeto nce n’avimma j, pecché, primma de tutto, stà na folla mmiezo a la piazza che nun se po’ manco passà, e po’ pecché lo Sinneco, m’ha mannato a chiammà de pressa, e aggia j a vedé che bò. Ve site spassate, ve site divertite? Rusinella stà allegra? Lo sposo che fà?

LUISA: C’adda fà, si Biase mio, c’adda fà... Io sposo stà da stammatina a Napole.

BIASE: A Napole? E ch’è ghiuto a fà a Napole?

LUISA: E che ne saccio, forse pe fatte suoje.

BIASE: Pe fatte suoje! E lassa a Rusinella sola?

SALVATORE: Doppo lo primmo juorno de matrimmonio!

LUISA: Che v’aggia dicere, è stata na cosa c’ha fatto meraviglia a tutte quante.

BIASE: Ma quanno è ghiuto a Napole, pecché è ghiuto, c’ha ditto?

TERESINA: Ecco ccà, mò ve lo dico io. Comme sapite, Rusinella pe na quindicina de juorne ha vuluto che fosse rimasta cu essa, e m’ha assignate chella cammarella llà, là vedite? (Indica il balcone a de­stra.)Aissera, doppo lo spusarizio, io li salutaje, e me ne sagliette doppo na mezz’ora, m’affacciaje e vedette che stevene tutt’è duje ccà mmiezo, assettate, senza parlà, senza dì na parola, e cu li spalle vutate.

BIASE: Cu li spalle vutate?

SALVATORE: Forse avevano fatto qualche quistione?

TERESINA: E che ne saccio. Io me ne trasette dinto, chiudette, e me mettete a guardà da dinto a li lastre. Doppo tanto tiempo, final­menfe. Rusinella, se susette, e se ne sagliette ncoppe.

BIASE: E isso jette appriesso?

TERESINA: Addo! Nun se muvette nemmeno. Io pe vedé che faceva, nun me jette a cuccà, me passaje lo suonno. Neh, lo credarrisseve, chillo a stu pizzo ccà assettato, s’ha fumato 7 sicarre. Appena fatto juorno, m’è venuto a tuzzulià.

BIASE: A te?

SALVATORE: Aveva sbagliata la porta?

TERESINA: No, dice che m’aveva fà na mmasciata pe Rusinella. Io ag­gio fatto passà nu poco de tiempo, aggio fatto vedé che me sò ve­stuta, e so’ scesa.

LUISA: E che vuleva, che vuleva?

TERESINA: M’ha ditto accussì: dicite a Rusinella che io aggia j assolu­tamente a Napole, che mangiasse pecché torno stasera.

BIASE: Chesto t’ha ditto?

TERESINA: Chesto m’ha ditto.

SALVATORE: E niente cchiù?

TERESINA: Niente cchiù, nun m’ha dato lo tiempo manco de rispon­nere, là pe là se n’è ghiuto.

BIASE: E bravo! E quanno hai fatta sta mmasciata a figliema, essa c’ha ditto?

TERESINA: Figurateve n’avuto assai dispiacere, s’è fatta una lampa de fuoco e ha ditto: Ah! isso accussì me tratta? E va bene, quanno torna, parlammo! Ha invitate tutte li ccumpagne soje, la princepa­le, zì zio, amice de zì zio, amice nuoste, stasera li stà facenno ma­gnà, vevere e abballà.

SALVATORE: E ha fatto buono! A la faccia soja! (Di dentro si suona.)

TERESINA: Permettete, io vaco dinto. Princepà venite. (Via a sinistra.)

LUISA.: Jamme, jamme. Sì Bià, trasite.

BIASE: No, voglio j primma de lo Sinneco pe vedé che bò, po’ torno, e lo sposo ha da parlà nu pucurillo cu mmico...

LUISA: Nun ve pigliate collera, si Bià, nun ve pigliate collera, so’ cose che s’acconciano, forse avettene che dì fra de loro... calmateve e agite cu prudenza. (Mamma mia, a che brutt’epoca simme arriva­te! La primma notte de lo spusarizio, se lassa la mugliera sola. Seh, tale e quale mariteme Tummaso, chella sera che spusajeme, se mettette vicino a me, e nun me lassaje cchiù!). Avite capito mò, si Bià nun ve pigliate collera, so’ cose de niente, so’ cose che s’accon­ciano. (Via a sinistra.)

BIASE: Cose de niente, cose che s’acconciano? Comme, chillo fà j a cuccà a figliema sola, se ne va a Napole, la tratta de chesta manera, e chi ommo se regola accussì lo primmo juorno de lo matri­monio?

SALVATORE: So’ cose de passà nu guajo!

BIASE: Sì, ma Salvatò, io non lo passo lo guajo! Chillo nun teneva ntenzione de se la spusà, hai capito? Vuleva fà la cummedia, la vu­leva ncuità, la vuleva ngannà abbuoncunto, ha visto che se l’avuta spusà cu na capezza nganna, e mò la disprezza. Va bene, penz’io. Jammuncenne pe mò... tu damme n’uocchio mmiezo a la piazza, pecché so’ venute tanta mariuncielle de li paise vicine, io vaco ad­do Sinneco, e a n’atu ppoco nce vedimmo.

SALVATORE: Ma nun te piglià collera però, pecché la collera fà male, fà chello che buò tu, ma cu freddezza, cu sciultezza.

BIASE: Sì hai ragione, và Salvatò, nun perdere tiempo. (Salvatore via fondo a destra.)L’aggia fà vedé chi songh’io, cu chi have che fà. (Via fondo a sinistra.)

SCENA TERZA

Michelino poi Felice.

MICHELINO: Ma chillo D. Peppino è n’affare serio, sapite, afforza me vò fa fà na spiegazione amorosa a D.a Rusinella; io nun capisco pecché, pe quà ragione. Pozzo avé pure na cancariata, e me pozzo pure ncuità. E po’ chella Teresina, nun me leva l’uocchie da cuol­lo. Da stasera me stà dicenno, ricordateve la condizione, si vulite che ve dongo a Teresina, avita fà chello che v’aggio ditto... Facite cerimonie a la sposa, accustateve, parlatece. Ma chello nun me ve­ne, c’aggia fà... Mò l’aggio fatto na mossa accussì. (Fa segno con l’occhio.) Pe la fà ascì ccà fore, sperammo c’avesse capito. E mò che vene che le dico? Ah, ecco cca, D.a Rusinè, io so’ nu giovene... che quanno veco na giovene... che sia, na giovene, quanno veco na stella... ma che stella... quanno veco na luna! na bella luna! Ma che nc’azzecca stà luna... D.a Rusinè, poche chiacchiere, vuje m’avite apierto nu fuculare dinto a stu core... Bravo, accussì... Nu fuculare, na carcara de fuoco, che senza che nisciuna la scioscia, abbruscia, abbruscia, e se fà sempre cchiù grossa! Seh, accussì va buono... po’ l’atu riesto vene mano mano. Vuje m’avite apierto nu fuculare dinto a lo core, na carcare de fuoco, che senza che nisciu­no la scioscia...

FELICE (uscendo dal fondo a destra): Che so’ sti lampiuncielle butte­glie de vino, biscotte... E chillo chi è ?

MICHELINO: Na carcara de fuoco, che senza che nisciuno a scioscia, abbruscia, abbruscia... (Si volta.)(Sangue de Bacco lo marito!). Bonasera.

FELICE: Bonasera, scusate, vuje chi site?

MICHELINO: Michelino Zeppolella, pittore e stuccatore, so’ venuto da poco dinto a stu paese, co lo princepale mio, pe rinnovà la facciata de lo Municipio. Tutto è fatto, avimma fà sulo lo cumicione.

FELICE: Ah, bravo. E comme ve truvate ccà?

MICHELINO: So’ venuto nzieme cu D. Peppino lo cafettiere, lo quale è stato invitato da la sposa.

FELICE: Ah, aggio capito mò. La sposa ha data sta festa, e ha invitato pure a D. Peppino lo cafettiere, nzieme cu D. Peppino site venute vuje.

MICHELINO: Ecco, bravo! Ma che serata allera, che divertimenti, lo vi­no li biscotte se so’ ghiettate, nce l’avimmo menate proprio pe la faccia, che core che tenite, che sciampagnaria, avita campà, cient’anne, vuje e la mugliera vosta!

FELICE: Grazie. E nce stanne gente assai dinto?

MICHELINO: Eh, mò nun tanto, pecché na bona porzione se ne so’ ghiute, ma n’ora fa, nce stevene cchiù de 70 perzune.

FELICE: E che ne parlammo a fà, aggio aperta la cantina. (Ma comme, senza permesso mio, che songo lo patrone de casa, senza che ne saccio niente, se mette a mmità gente, e a fà chesta ammuina, allo­ra io ccà dinto songo lo si nisciuno!).

MICHELINO: La verità, tenite na bella casa, e comme fa bella tutta illu­minata. Che core che tenite, che sciampagnaria! L’uommene comme a buje, nun hanna mai murì!

FELICE: Faciteme lo piacere chiammateme a Rosina, facitela ascì nu mumento.

MICHELINO: La mugliera vosta? Subeto, me faccio nu pregio... Vuje m’avita cummannà sempe, io nun songo ato che nu servitoriello vuosto. Ve vaco subeto a servì.

FELICE: Grazie tante.

MICHELINO: (Me so’ fatto amico de lo marito, aggio fatto lo colpo!). (Via a sinistra.)

FELICE: Si nun me faccio sentere a lo principio, chesta se ne piglia, e stateve bene. Si è mò e se mette a dà feste, senza permesso mio, appriesso cha da fà? M’ha vuluto? Lo patre pe forza m’ha vuluto fà spusà, e mò ha da stà sottoposta a me. Stanotte aggio fatta a nut­tata chiara chiara ccà fore, me sento acciso... ma c’aggia fà, io nun nce tengo premura, nun me tira... So’ stato a Napole, currenno da ccà e da llà tutta la jurnata. Io steva tanto bello ccà dinto, sulo, chi se puteva mai credere c’aveva passà chistu guajo!

SCENA QUARTA

Rosina, Peppino, poi Biase.

RUSINELLA: Ah! vuje state ccà? Finalmente!

PEPPINO: Carissimo D. Felice.

FELICE: Caro D. Peppino.

PEPPINO: La sposa ha fatto cose de pazze stasera, ha fatto rimmané ncantate a tutte quante, e comme abballa, me pare na palummel­la, ha fatto stancà a tutte li giuvinotte. Tenite veramente na pupa­tella, và... ve lo dico cu tutto lo core!

FELICE: Va buono, D. Peppì, chesto ne parlammo dopo.

RUSINELLA: M’avite fatto chiammà, che m’avita dicere?

FELICE: D. Peppì, scusate, jatevenne nu mumento dinto, quanto dico due parole a muglierema.

PEPPINO: Subeto, facite li fatte vuoste. (S’avvia.)(Vogliosentì che le dice.) (Si nasconde in fondo dietro il pilastro.)

FELICE: Scusate, credite che sia na cosa bella chesto c’avite fatto? Pa­re c’accumminciammo malamente.

RUSINELLA: Pecché? C’aggio fatto?

FELICE: Comme, ve mettite a dà na festa, a mmità gente, senza per­messo mio?

RUSINELLA: E che male nce stà? M’avite rimasta sola, me seccava, e aggio fatto venì paricchie amiche meje, e amiche de papà, pe stà nu poco in compagnia. Chesto è tutto, me pare che non sia na gra­ve mancanza c’aggio fatta.

FELICE: Comme la pensate vuje, lo capisco, ma comme a pens’io, e comme la pensa ogne galantuomo, è stata na mancanza grossa assai!

BIASE (uscendo): Ah, eccolo ccà. (Fà per nascondersi e trova Peppino.)Chi è ccà?

PEPPINO: Zitto, sentimmo. (Fanno capolino.)

FELICE: Aggio fatta stà bella figura co la gente che so’ venute, tutte quante avarranno ditto: E st’ommo chi ha da essere nu pupazzo, nu turzo de carcioffele! E io ve faccio riflettere che nun so’ nu tur­zo de carcioffele, so’ n’ommo serio!... Papà, quanno vò mmità l’amice, li fà j a la casa soja, quanno nun sape l’educazione, nce la mparo io... capite? (Biase vuole avanzarsi, ma Peppino lo trattiene, e torna al suo posto.)Li cumpagne vuoste, l’avita fà venì quanno nce stongo io... Chesto c’avute fatto vuje, na bona mugliera, nun lo fà.

RUSINELLA: Mugliera? Ma vuje m’avite fatto capì chiaramente, che me vulite trattà comme fosse n’estranea. Ajssera m’era seccata de stà ccà fore, senza dì niente, all’unnece me venette lo suonno e me jette a cuccà. Stanotte, erano li 3 quanno me so’ scetata, e buje nun nce stiveve... c’aveva fà, me so’ avutata da chell’ata parte, e me so’ addurmuta n’ata vota.

BIASE: (Povera figliola!).

PEPPINO: (Stateve zitto, sentimmo!).

RUSINELLA: Appena fatto juorno, Teresina m’ha fatta la mmasciata vosta, e me so’ maravigliata, la verità. Stanotte nun ve site cuccato, stammatina ve ne site juto, e scusate, chesto nu buono marito, nun lo fa.

FELICE: Vuje nun me putite dicere niente, pecché ve l’avvisaje, ve lo dicette primme, e chello che facette ajssera, lo faccio sempe! (Me­desima controscena dei due.)

RUSINELLA: Oh, scusate, na vota po’ che dicite chesto, io ve risponno, che nun me cunviene, me ne vaco e me metto a fà n’ata vota la stiratrice.

FELICE: E già, faciarria st’ata bella figura, nu galantomo, nu professo­re de chitarra, permette ca la mugliera se ne va dinto a na puteca mmiezo a la strata, e se mette a stirà n’ata vota.

RUSINELLA: E se capisce, quanno nu marito è tanto puorco, chesto succede!

FELICE: Puorco! A me?

RUSINELLA: Sì, puorco, puorco e mmiezo! E dimane appena schiara juorno, me ne vaco!

FELICE: Bravissimo! E io metto ccà dinto la primma bella figliola che trovo!

RUSINELLA: E io me sceglio nu giovinotto simpatico e bellillo.

FELICE: Ah! veramente?

RUSINELLA: Veramente! Pecché ve dispiace forse?

FELICE: Niente affatto! Ma songo certo che chesto nun lo facite.

RUSINELLA: E mò vedimmo!

SCENA QUINTA

Luigi e detti.

LUIGI: D.a Rusinè, dinto ve vonno.

RUSINELLA: Eccome ccà. Permettete? (Infila il braccio di Luigi e via con lui a sinistra.)

FELICE: Io lo sapeva che a chesto jeva a fernì.

BIASE (avanzandosi): D. Felì, bonasera.

FELICE: Oh, bonasera, Bià.

BIASE: Pe regola vosta, io steva da llà dereto, e aggio ntiso tutto, capi­te, tutto!

PEPPINO: Si Bià, chiano chiano.

FELICE: Ah, avite ntiso tutto, bravo! Ma però chesto nun se fà, nu ga­lantomo nun se mette a fà la spia dinto a la casa de l’aute!

BIASE: Io, primma de tutto, nun steva facenno la spia me so’ truivato pe combinazione, e po’ chesta è la casa de figliema, hai capito? È la casa de figliema!

PEPPINO: Chillo è lo patre, e po’ venì sempe che bò.

FELICE: D. Peppì, scusate, stateve zitto vuje, pecché so’ affare che nun ve riguardano.

BIASE: Figliema, per regola vosta, ha da essere trattata comme so’ trattate tutte li figliole che se mmaritene, che ve credite che v’avite pigliata na serva, o na cana! La primma notte de lo matrimmonio se cocca essa sola, e appena fatto juorno ve ne fate a Napole.

PEPPINO: Chesto addò se vede.

FELICE: E l’avite vuluto vuje, pecché io ve dicette che fore a lo bal­cone nun steva pe essa, me truvava llà pe n’ata persona.

PEPPINO: (Lo ssaccio!).

FELICE: La figlia vosta nun me passava manco pe la capa! Me metti­steve, comme se dice, lo chiappo nganne, e pe forza me l’aggia avuta spusà. Io nun era nu giuvinuttiello de primmo pelo, cierti cose che putevano succedere l’aviveva capì. Mò che vulite da me, che me venite a cuntà. So’ affare de famiglia, e nce l’avimma vedé io, e essa! (Prende una bottiglia di vino e un bicchiere.)Mò me vaco a bevere sta butteglia de vino, mmiezo a de chill’albere, m’assetto a chillo sedino cchiù basso e a notte, quanno me vene ncapo, me va­co a cuccà, e si no me metto a passià pe ccà mmiezo fino a che schiara juorno! Vulite trasì dinto a li fatte mieje, me l’aggio spusa­ta? E che vulite mò?... Stanotte nun me so’ cuccato, pecché nun teneva suonno, aggia dà cunto a buje? Sia fatta la volontà de lo Cielo! (Via pel fondo a sinistra.)

BIASE: Dicite vuje, aggia passà nu guaio o no?

PEPPINO: Hai ragione, hai ragione. Si fosse capitato lo stesso a na figlia mia, a chest’ora starria già ngalera! Vedite che svergognato! La mugliera stà dinto cu tanta gente, e isso se va a bevere la butteglia de vino mmieza a li albere, so’ cose de curtellate a lo core!

BIASE: E va bene, ossà... mò vedimmo si pure stanotte nun te vaje a cuccà. D. Peppì, permettete? Voglio fà n’abuso, stanante voglio fà revutà o paese. (Via fondo a destra.)

PEPPINO: Hai ragione, hai ragione! Ah! che piacere si la fanno na paliata, me ne voglio j ncampagna! Tanto so’ cuntento quanno lo veco distutto, quanno me so’ vendicato de chello che m’ha fat­to!

SCENA SESTA

Tutti i personaggi della prima scena.

LUISA: Statte bona, cummarè.

RUSINELLA: Stateve bona, cummà.

LUIGI: Bonasera, e grazie tante.

ANNARELLA: Felicenotte Rusinè.

RUSINELLA: Felicenotte.

GIOVANNI: Di nuovo, mille augurii.

RUSINELLA: Grazie, grazie.

FILOMENA: Nce vedimmo dimane.

ERRICO: Salute e figli mascole.

RUSINELLA: Grazie, Teresì accumpagna la cummare.

TERESINA: Subito.

TUTTI (viano dicendo): Felicenotte, bonasera. (Resta Peppino e Miche­lino il quale esce col mandolino.)

MICHELINO: D. Peppì, si a D.a Rusinella nun le dispiace, io me resto n’atu ppoco dinto a stu curtile, me ne vaco quanno s’è sparato lo fuoco.

PEPPINO: Rusenè, che ne dice?

RUSINELLA: Restateve quanto vulite vuje, chesta è casa vosta.

PEPPINO: Grazie tante.

MICHELINO: Tutta chella folla, la verità, nun me piace, quanno veco gente assai, me secco. (La finestra in fondo a sinistra s’oscura.)

PEPPINO: Allora statte n’atu ppoco. Io pe me ne vaco, pecché è tarde, e dimane m’aggia sosere priesto.

MICHELINO: Stateve buono.

PEPPINO (a Rosinella): Se secca de tutte cose, nun saccio c’avarria fà pe lo distrarre nu poco, sta sempe a na cosa! Lo patre lo stà aspet­tanno a Napole, ma isso, niente, nun se vò movere da dinto a stu paese.

RUSINELLA: E pecché?

PEPPINO: Pecché dice che ccà stà buono, ccà è felice! (Michelino si met­te a suonare sul mandolino l’aria della Cavalleria Rusticana: 0 Lola che ha di latte ecc.)

RUSINELLA: Comme sona bello!

PEPPINO: Oh, pe sunà, po’ nun nce pensà, sona bello assai, nun nce stà chi l’appassa: ma povero giovene, lo veco e lo chiagno, fenisciarrà malamente.

RUSINELLA: Uh! e pecché?

PEPPINO: Pecché patisce nu poco cu de cervelle, s’ha mise ncape c’ha da murì, che nu juorno de chiste s’ha da accidere.

RUSINELLA: Vuje che dicite! e pe quà ragione?

PEPPINO: Pecché s’ha miso nu pensiero ncape che se l’ha da luvà. Ru­senè, io te dico tutto, ma pe carità sà, tu haje da fa comme nun t’avesse ditto niente, p’ammore lo Cielo.

RUSINELLA: Oh, ve pare?

PEPPINO (con precauzione): Chillo è pazzo pe te, de lo primmo juorno che te vedette, nun ha pututo truvà cchiù pace, pensa sempe a te, sbarea sempe! Stammatina m’ha ditto: che nce campa a fa cchiù, na vota che Rosina s’è mmaretata, voglio murì, stanotte me sparo, e io perciò l’aggio purtato ccà, pe lo fà calmà nu poco, ma aggio fat­to peggio, aggio fatto peggio, pecché appena t’ha visto, ha accu­minciato a tremmà tutto quanto ma io nun l’aggio lassato però, lo so’ ghiuto sempre appriesso.

RUSINELLA: Vuje vedite lo diavolo!

PEPPINO: Tu nun te ncarricà, nun dà retta, a te nun te cunviene, e t’haje da mantené co lo decoro tujo, tu sì mmaretata. Va bene che nun haje avuto na bona sorte, che haje truvato nu marito che nun te cure fatto, ma nun avarrissa essere tu, avarrissa essere n’ata fem­mena, io te cunosco, saccio cumme la pienze... tu me può rispon­nere ma cierti vote la capa se ne va, e una pe currivo, se leva la pre­ta da dinto a la scarpa. Sì, chesto lo capisco, è succieso tanta vote, una è na bona figliola, na bona mugliera, sì, ma fino a nu certo punto. Che t’aggia dicere, fa chello che buò tu. Si cride e le dà quacche speranza; de le dì quacche parola, dincella nun lo fa spa­rà, tene 21 anne, e nu simpatico giovene... è proprio nu peccato! E po’, quanno mariteto vede che nu giovene ha perzo la capa pe te, che te vene appriesso, che t’è simpatico, ritiene, che nun se regola cchiù comme se stà regolanno, tu vedarrie nu cambiamento. Se sape, quanno uno tene na mugliera che nisciuno la guarda, nisciu­no le dice niente, sta a pensiero quieto e nun la cura. Fa tu, vide si può salvà na povera famiglia, che chillo se se spara, lo juorno ap­priesso da mammà e lo patre, tanto da lo dispiacere, morene pure lloro. È na rovina, è nu precipizio! (A Michelino:)A te, guè, mò è lo mumento, curaggio! (Via fondo a destra.)

RUSINELLA: Na vota che sunaveve lo mandulino accussì bello, nce putiveve fà na sunata stasera?

MICHELINO: Oh, ve pare, me sarria fatto nu pregio, ma siccome nisciu­no m’ha ditto niente... (Ccà si vene lo marito a tiempo, sà che su­nata me fà!).

RUSINELLA: State da paricchio tiempo dinto a stu paese?

MICHELINO: No, so’ na ventina de juorne: ma l’anno passato nce stette 2 mise, ma pe piglià nu poco d’aria, pecché teneva na pucuntria dinto a la vocca de lo stommaco.

RUSINELLA: E ve passaje? Nce truvasteve giuvamento?

MICHELINO: Eh, accussì, nun tanto veramente, pecché a me nun nce vuleva l’aria nce vuleva n’ata cosa.

RUSINELLA: E che cosa, scusate...

MICHELINO: Nce vuleva... nce vuleva... basta, nun ne parlammo cchiù... Ma che serata allegra, che divertimento, lo vino de biscot­te se so’ ghiettate, nce l’avimmo menate proprio pe la faccia. Che core che tenite, che sciampagnaria, avita campà cient’anne, vuje e lo marito vuosto.

RUSINELLA: Grazie tante.

MICHELINO: Tenite veramente na bella casa, e comme faceva bella chella cammera tuttailluminata.

RUSINELLA: Ve site spassate?

MICHELINO: Oh, assai!

RUSINELLA: Almeno pe stasera nun avite pensato a tanta cose mala­mente. Chillo è lo diavolo che ve tenta pe se piglia l’anema vosta. Quanno ve vene chillo brutto pensiero, faciteve la Croce, e guar­date ncielo!

MICHELINO: Ah, sicuro.

RUSINELLA: Pensate che a Napoli tenite a mammà e a papà e si ve spa­rate, a lo juorno appriesso, tanto de lo dispiacere, morene pure llo­ro.

MICHELINO: Oh, ve pare, e che so’ pazzo? pecché m’avarria sparà.

RUSINELLA: D. Peppino accussì m’ha ditto.

MICHELINO: Ah, D. Peppino ve l’ha ditto? (Aggio capito!) Sì, io dico sempre che me voglio sparà, che nce faccio ncoppa a sta terra, che ne faccio de sta vita quanno nun pozzo avé chello che desidero... Io, vedite... sarria capace... ma che serata allegra! che divertimen­to! Lo vino a li biscotte se so’ ghiettate, nce l’avimmo menate pe la faccia...

RUSINELLA: E chesto me l’avite ditto.

MICHELINO: Ah, già. D.a Rusenè, poche chiacchiere. Vuje m’avite apierto nu fuculare dinto a stu core, na carcara de fuoco, che senza che nisciuna la scioscia, abbruscia, abbruscia sempe, e se fà sempe cchiù grossa!

RUSINELLA: (Che piàcere si mò venesse mariteme!).

MICHELINO: Io da che v’aggio vista, nun ragiono cchiù, vuje site la cchiù bella figliola de stu paese. Diciteme na parola, una sola paro­la, e io sarraggio l’ommo lo cchiù felice de sta terra? (S’ingi­nocchia.)

RUSINELLA: (Ma D. Felice addò sta, che se n’è fatto?). Susiteve, che­sto che cos’è, pensate che so’ mmaretata.

MICHELINO: E che me ne mporta a me, io pe buje me metto a qualun­que rischio!

SCENA SETTIMA

Teresina in osservazione, poi Felice.

MICHELINO: Nun penso a pericolo, nun penso a niente. Si nun me da­te na speranza, io me sparo, ccà nnanze a li piede vuoste. Dicite, diciteme na parulella.

RUSINELLA: Va buono, dimane se ne parla.

MICHELINO: No, mò, mò, me l’avita dicere, faciteme vasà sta manella.

RUSINELLA: (Mamma mia, chisto ha fatto l’uocchie de pazzo!). Dima­ne, dimane se ne parla! Chesto è lo vino che ve fà sbarià. Jateven­ne, passiate, e faciteve la croce. (Via a sinistra chiudendo la porta.)

MICHELINO: E comme, me rimmanite accussì? (Si volta e vede Tere­sina.)Che! Teresina!

ANTONIO: Bravo! Me fa tanto piacere, overo che vaje bello! birbante! Assassino! E tu ire ommo de fà chesto a me? E me preferì a n’ata femmena... tu! Grandissimo pezzentone! Disperatone!

MICHELINO: Aspetta, Teresì, chesta è stata na funzione!

TERESINA: Nun t’accustà vicino a me che te piglio a pacchere, sà, me te magno a mórze! Me faceva lo languido, lo capone stunato, e te­neva stu poco de rrobba ncuorpo!... Ah! perciò sì venuto ccà stase­ra, perciò sì stato tanto allegro, perciò me sì ghiuto fujenno tutta la serata. Ma nun te ne ncarricà te voglio fà passà nu guajo, te ne vo­glio fà ascì muorto da dinto a stu paese!

MICHELINO: Ma sienteme nu poco...

TERESINA: Vattenne! Nun te voglio sentere cchiù!

MICHELINO: Chillo è stato D. Peppino.

TERESINA: Vattenne si no te sciacco!

FELICE: Che cos’è neh, ch’è succieso?

MICHELINO: (Lo marito! Pe carità, Teresì, nun dì niente dimane te conto tutte cose).

FELICE: Teresì, te sì arraggiata, cu chi l’hai?

TERESINA: No niente... me so’ pigliato nu poco de collera, pecché stu giovene... Io vedite... stu giovene... m’è venuto a dicere ca lo nnammurato mio, ch’è amico sujo, s’è miso cu n’ata femmena... e m’ha mannato a dicere che me facesse li fatte mieje, pecché isso, nc’ha pensato meglio, e nun me vò cchiù!

MICHELINO: No, scusate, nun è stata chesta ha mmasciata... Lo povero giovene, ha ditto che chell’ata femmena, è na condizione, è na co­sa apposta, è pe nu sfizio, ma isso a buje vò bene.

TERESINA: Ah, tene a chella pe sfizio, e po’ vò bene a me, aggio capito mò. Vattenne, pecché si no l’arraggia che tengo, me la sconto cu ttico!

FELICE: Stateve zitto.

MICHELINO: Sissignore.

FELICE: Ma scusate, D.a Teresì, vuje ve pigliate tanta collera, v’arrag­giate tanto pecché lo nnammurato vuosto v’ha lassato e s’è miso cu n’ata femmena? E che ve ne preme a buje? A chesta faccia, uommene nun ne ponno mancà.

TERESINA: Ah, certamente! E sarranno uommene, e gente positive, nun già criature e scafecchie!

MICHELINO: Oh, scafecchie po’...

FELICE: Stateve zitto, lassatela dicere, a vuje che ve ne mporta, sca­fecchie! Scafecchie!

MICHELINO: Ah, se sape, e che l’have cu mmico.

FELICE: A buje mò pe ve calmà, sapite che nce vularrìa? Nce vularrìa n’ommo che ve dicesse quatte parole azzeccose, quatte parulelle doce come voi meritate. E si nun ve dispiace, ve le dic’io... Vuje te­nite duje upcchie che so’ doje stelle! E quanno v’attaccate li nier­ve, se fanno cchiù belle!

TERESINA: Veramente?

FELICE: A parola mia! Tenite na vucchella che dice nfaccia a la gente: Vasateme, vasateme! D.a Teresì, dateme sta rosa che tenite mpiet­to, la voglio tenere pe ricordo vuosto.

TERESINA: Oh, è troppo onore pe me... tenite. (Gli dà la rosa.)

FELICE: Ah, comme addora, che bellezza!

MICHELINO: (Eh, ma chesta è cosa de murì!).

FELICE: Vuje m’avite data sta rosa, e io ve dongo nu bello carofene, lo mettite dinta a la biancheria, mmiezo a li cammise voste. Si aspet­tate nu mumento ve lo vaco a piglià, e ve lo porto.

TERESINA: E io L’accetto cu tutto lo piacere. Permettete mò, me ne sa­glio ncoppa a la cammera mia, pecché s’è fatte tarde. (S’incammina a destra.)

FELICE: E ve pozzo dicere n’ata cusarella?

TERESINA: Pe mò niente cchiù. (Apre la porta, entra e chiude.)

FELICE: Have ragione, io vaco troppo de pressa: ma mò simme llà, chesta m’è simpatica assai, me tira. (Alla porta.)D.a Teresì, e lo ca­rofane comme ve lo dongo?... Nun me risponne. Aspetta, essa ha chiusa la porta, ma nce stà lo balcone. La passione mia songo li balcune! Tanto aggia fà, c’aggia trasì, doppo c’avesse rompere li la­stre mò penz’io. (A Michelino:)Vuje jatevenne, che nce facite ccà? Avite purtata la mmasciata! E ghiatevenne.

MICHELINO: Ecco ccà, me ne vaco. (Felice via fondo a sinistra.)Nfame! birbante! Io faccio tanto p’essa, e me tratta de chella manera, dà la rosa a chillo, aspetta lo carofane, e bravo!... E stu piezzo d’anima­le, ajere spusaje, s’ha pigliato chillu piezzo de burro, e già va facen­no lo farenella cu l’ati femmene, e po’ co la nnammurata mia? E nun te n’incaricà che da dimani in poi, chello c’aggio fatto apposta fino a mò, lo faccio overo, voglio fà cose de pazzo!

SCENA OTTAVA

Rosina, poi musica da dentro, poi Biase, Salvatore e Antonio, poi Rosina e detti.

RUSINELLA (dal balcone a sinistra): Va trovà si chillo giovinotto se n’è ghiuto... Ah, no, stà ccà... E mariteme che nun vene, mò vide che manco stanotte se retira? Sarria buono si truvasse a chisto ccà sot­to? Mamma mia comme passea arraggiato, mò vide che se spara ccà mmiezo, e io passo lo guajo! (Lo chiama:)Pss, pss...

MICHELINO: Chi è ?... Ah, essa?

RUSINELLA: Jatevenne, retirateve, pensate a mammà e a papà, facite­ve la croce.

MICHELINO: No, io da ccà nun me ne vaco, ve voglio troppo bene, arapite nu mumento la porta, v’aggia parlà seriamente.

RUSINELLA: Nun pozzo, parlammo dimane. A chest’ora nun s’arapene porte. Retirateve. (Entra e chiude il balcone.)

MICHELINO: Ah, nun s’arapene porte? E mò vedimmo si nun trase. (Via fondo a sinistra. Di dentro si sente la fanfara che suona in lonta­nanza il motivo del coro finale secondo atto dell’operetta originale: Siamo belli in verità ecc.: dopo poche battute dal fondo a destra esce Biase, Salvatore e Totonno terminata la musica.)

BIASE: Nun nce stà.

SALVATORE: E addò è ghiuto?

ANTONIO: Stesse ncoppe?

SALVATORE: Addimmannammo, Bià. (Biase fa un fischio sotto il bal­cone a sinistra.)

RUSINELLA (esce dal balcone): Papà, che vulite?

BIASE: Mariteto stà lloco?

RUSINELLA: No, papà. Io nun saccio pecché me so’ mmaretata.

ANTONIO: Che svergognato!

SALVATORE: Che galiota!

BIASE: Và te cocca, figlia mia, và te cocca, dimane se ne parla.

RUSINELLA: Comme vulite vuje. Felicemente... Ah! (Sospira, entra e chiude il balcone.)

BIASE: Avite visto?

SALVATORE: Ma addò starrà?

BIASE: Se sarrà mbriacato buono buono, e mò starrà pe dinto a lo ciardino. Jamme a vedé, ma zitto zitto.

SALVATORE: Nun nce facimmo sentere.

BIASE: Sì stanotte nun se cocca, lo sparo!

ANTONIO: Badate a chello che facite, si Bià, penzate che tenite sta scorza ncuollo.

BIASE: Si te miette paura, vattenne.

ANTONIO: Paura a me? Vuje pazziate! Jammoncenne.

SALVATORE: Facimmo nu giro pe tutto lo ciardino.

ANTONIO: Po’ essere che nce penza buono e se vene a cuccà.

BIASE: Sarria na furtuna pe isso!.:. Nun facite rummore.(Via fondo a sinistra.)



SCENA NONA

Felice, poi Michelino, poi Teresina e Rosina, in ultimo Biase, Salvatore e Antonio.

FELICE (dalla destra con una scala che mette vicino al balcone): Muglie­rema se sarrà cuccata, stà tutte cose lo scuro, e po’ io nun me fac­cio sentere. (Prende la chitarra che stà sul tavolo sale sulla scala, a scavalca il balcone.)Stanno li purterine nnanze, nun se vede nien­te. (Cerca di guardare.)

MICHELINO (dal fondo a sinistra con scala): Aggio truvato sta scala nterra lo ciardlno. Che fortuna! (Mette la scala vicino al balcone a sinistra, poi prende il mandolino che ha lasciato sul tavolo, sale la scala e scavalca nel balcone.)Sangue de Bacco, ha chiuse pure li porte, e comme faccio? (Felice arpeggia.)

FELICE (cantando):

Pe te, tutto faciarria

Nenna bella, nella mia

Pe nu vaso, pe n’abbraccio,

Tutto azzarde, tutto faccio!

Chi è che m’accumpagna c’ o mandulino?

(Guarda, non vede nessuno, e seguita a cantare):

E si nu poco te faje vedé

Io sò cuntento cchiù ’e nu Re

Tà tà tà tà tà tà

Apre sta porta

Tà tà tà tà tà tà

Famme trasì (ripete).

(Escono dalle loro porte Rosina, Teresina sulla punta dei piedi.)

TERESINA: Rusenè, mariteto stà fore a lo balcone mio.

RUSINELLA: E chillo giovinotto, amico de zieto, stà sunanno lo mandulino llà ncoppe.

TERESINA: E chillo sai chi è ?

RUSINELLA: Chi è ?

TERESINA: È chillo che fà ammore cu me.

RUSINELLA: Tu che dice?!

TERESINA: Zitto. Trase tu là, e io ccà, arapimme e appena trasene li pigliamme a pacchere.

RUSINELLA: Bravo! Haje fatta na bella pensata, cagnamme stanza!

TERESINA: Perfettamente.

RUSINELLA: Zitto, zitto. (S’incamminano per parti opposte. Escono Biase Salvatore e Antonio.)

BIASE: Che facite ccà bascio?

RUSINELLA: Zitto papà, jatevenne, mariteme stà llà. (Indica.)

TERESINA: Aggio fatto na bella pensata...

SALVATORE: Ma nuje...

RUSINELLA: Zitto, jatevenne. Dimane po’ ve conto, cammenate chia­vo chiano. (Antonio, Salvatore e Biase vanno via a piccoli passi come in concerto. Teresina entra nella porta sinistra e Rosinella in quel­la a destra sempre camminando sulla punta dei piedi.)

FELICE (cantando): Tà tà tà tà tà tà

Apre sta porta

Tà tà tà tà tà tà

Famme trasì

(Tutto sotto voce e pianissimo. Appena sono spariti le donne e i 3 uomini.)

(Cala la tela.)

FINE DELL’ATTO SECONDO



ATTO TERZO

Bottega di stiratrice. Porta a sinistra in fondo e grande finestrone a de­stra. Una porta a sinistra e una finestra a destra prima quinta. Grande tavola in mezzo con tappeto e panno bianco per stirare i panni. Tra la porta a sinistra e quella di fondo, vi sarà tesa una corda con sopra 8 camicie stirate. A terra grossa mappata di panni. A destra vi sarà uno stipo. Sedie di paglia. A sinistra tavolino. A destra fornello con ferri. Un ventaglio.

SCENA PRIMA

Luisa e Bettina, Rusinella di destra, poi Teresina e detti.

RUSINELLA (d.d. canticchiando): «Ma n’atu sole, cchiù bello oi neh, lo sole mio stà nfronte a te, ecc.».

BETTINA (stirando una tovaglia): Eh, canta lloco e nun te ne ncarricà! Chella mmece de chiagnere, doppo lo guajo c’ha passato, se mette a cantà. Si foss’io nun araparrie manco la vocca.

LUISA (bagnando alcuni panni sul tavolino a sinistra): C’ha da fà chella povera figliola, s’ha d’accidere, bastantemente la collera che s’ha pigliata.

BETTINA: Ma princepà, quanno è venuta? stammatina?

LUISA: Appena fatto juorno m’è venuta a tuzzulià a porta, io nun sa­peva chi era a chell’ora, me so’ menata da lo lietto e la so’ ghiuta arapì. Ch’è stato, ch’è succieso? Pecché sì venuta ccà? Voglio tur­nà a fà la lavannara e la stiratrice, voglio turnà a fà chello che face­va. Ma nonsignore, chesto nun stà, torna da mariteto. Niente, nun ce pensate, nun ce torno cchiù. Ma pecché? Pecché aggio visto ca la vita retirata nun fa pe me. Ma io credo che chillo birbante de lo marito, stanotte, l’avesse fatto la seconda de cambio!

BETTINA:Seh, e mò fà marenna so lo si Biase, chillo lo cchiù poco se lo magna! E mò che stà facenno?

LUISA: Stanne lavanno cierte cammise essa e Teresina. Basta Bettì, tiene, va cunsegnà sti cammise a D. Vicienzo, lo miedeco, che li sta aspettanno da stammatina. Ccà stà la naturella, la vì, t’ha da dà 1,60..

BETTINA (prendendo la cesta con le camicie e la nota): Va bene. (Via pel fondo.)

LUISA: Na figliola comm’a chella, n’at’ommo se l’avarrìa tenuta dinto a li cartee chillo ha tratta de chesta manera. Aggio fatto buon’io che nun aggio vuluto sapé cchiù de me mmaretà. L’uommene so’ comme li mellune, l’addure, lo tuocche, te cride ch’è buono, e quanno lo taglie, esce malamente. Io doppo la morte de Tumma­sino, l’uommene li vaco fujenno, me metto paura... hanno voglia e me venì appriesso che nun ne cacciano niente, proprie niente! (Chiamando alla porta di sinistra:)Teresì, Teresì?

TERESINA (di d.): Che vulite princepà?

LUISA: Jesce nu mumento ccà fore, agge pacienza.

TERESINA: Eccome ccà. (Uscendo.)Che vulite?

LUISA: Rusinella che stà facenno?

TERESINA: Stà lavanno li cammise de D.a Rachela.

LUISA: E che dice, che dice?

TERESINA: Niente, mò de lo marito nun ne parla cchiù. Nu poco stà al­legra e canta, n’atu ppoco se mette de mal’umore. Poco primme s’è avutata da chella parte, pe nun se fà vedé, e s’è mise a chiagnere.

LUISA: Povera guagliona. Vedite addò s’aspettava sta sorte?

TERESINA: Lo bello, che essa nc’è trasuta, lo vò bene.

LUISA: E se capisce, pecché chella è na guagliona, de core, affeziona­ta... Ah! Ca lo pozzano scannà addò stà mò!... Teresì io vaco esige­re cierti denare a la strata nova, te raccummanno la puteca?

TERESINA: Jate a pensiero quieto.

LUISA: Io mò torno subeto. (Mostrando la mappata.)Chiste so’ tutte panne che s’hanna lavà, li bì?

TERESINA: Va bene.

LUISA: Tengo n’arraggia ncuorpo pe stu fatto, che nun può credere, me fa pena, puverella, t’assicuro che si lo ncontro pe la strata, l’ab­boffo de maleparole, e si me risponne lo piglio a pacchere, lo sciac­co!

TERESINA: Lo credo! (Luisa via pel fondo.)Nce vularria na bona lezio­ne, la verità, a isso e al signor D. Michelino, lo quale ajssera avete duje schiaffe da me, che se li ricurdarrà fino a che more, po’ lo vut­taje n’ata vota fore a lo balcone, chiudette, e là sarrà stato tutt’a notte. Rusina nun m’ha vuluto dicere niente, ma credo che pur’es­sa se regulaje accussì co lo marito. Intanto D. Felice, se crede ca li schiaffe l’avute da me, nun sape che nce li dette la mugliera. (Ri­de.)Quanno nce ncuntrammo siente la risa.

SCENA SECONDA

Felice e detta.

TERESINA (vedendo sotto l’uscio della porta in fondo Felice pallido): Uh! Zitto, lo vì lloco! (Si mette a stirare.)Voistate qua?

FELICE: (Che faccia de cuorno! Che spudoratezza! Io mò teneva na gran simpatia pe chesta, e mò invece m’è antipatica, nun la pozzo vedé, e se capisce, pecché io credeva c’avesse tenuto nu poco cchiù de contegno, che nun se fosse abbuccata accussì ambressa).

TERESINA: (Stà pensanno a li schiaffe c’ha avuto).

FELICE: (Chello che stò facenno, però, è indegno d’un galantuomo, non si fa. Muglierema ha lassato la casa, e m’hanno ditto che tur­nava ccà a fà n’ata vota la stiratrice. E io posso permettere ciò? Oh, mai! Povera figliola, l’aggio trattata malamente assai. Alla fine chella che male ha fatto? Lo male lo facett’io, che capitai dinto a lo balcone sujo. Assolutamente c’aggia parlà, e l’aggia fà turnà a ca­sa. Che figura facimmo dinto a lo paese, e po’, io aggio tuorto, ag­gio tuorto assai. Stanotte, per esempio, vaco a trasì detto a la cam­mera de chesta, senz’avé ritengo che de rimpetto nce steva la cam­mera de muglierema. Cheste so’ cose de pazzo. Già, io steva mbriaco, chello vino m’aveva dato ncapo... si nun steva mbriaco nun lo faceva... Chesta però nun ha da dicere niente a Rusina, e si no, stateve bene, chi la capace cchiù). Teresì?

TERESINA: Che vulite? (Si guardano poi abbassano gli occhi.)

FELICE: Cride c’avimmo fatta na bella cosa? Nun te può credere quanto so’ pentito. E tu?

TERESINA: Oh, io io io nun so’ pentita affatto.

FELICE: E io sì, io sì. Te raccumanno però de nun dì niente a Rusina, me faciarisse nu male.

TERESINA: Ma niente, de che? Ah, aggio capito, lo fatto de li schiaffe?

FELICE: Lo fatte de li schiaffe? Quale schiaffe?

TERESINA: Chille che v’aggio date appena aggio apierto lo balcone. Si ne vulite n’ati 2 so’ pronte?

FELICE: (Questo poi è il colmo della faccia tosta!). Teresì, ricordete buono, tu schiaffe nun me n’haje dato.

TERESINA: Comme? Nun v’aggio dato duje schiaffe appena site trasuto?

FELICE: No, tutto lo cuntrario, chesto me credeva che facive, ma nun l’hai fatto. Tu m’haje fatto truvà pure a cammera a lo scuro, tanto che so’ ntuppato nfaccia a lo tavulino, e l’aggio fatto j nterra. Ri­cordate buono, Teresì.

TERESINA: (Aggio capito, Rusina nun tenette lo curaggio de lo piglià a pacchere... basta, è stato meglio accussì). Vedite... me pare che vu­je, quanno trasisteve... trasenne, trasenne...

FELICE: Trasenne, trasenne, trasette... Teresì, cierti cose nun se pon­no negà, agge pacienzie... ma te raccumanno, silenzio cu Rusina.

TERESINA: Oh, ve pare. La vedite ccà, stà venenno. (Vedite la cumbi­nazione! E che le dice mò?)

SCENA TERZA

Rosina e detti.

RUSINELLA (da lavandaia): Teresì, nce stanno cchiù panne da lavà?

TERESINA: Sta mappata che stà lloco nterra.

RUSINELLA: Va bene. (Prende la mappata.)

FELICE: (Quanto è simpatica vestuta accussì, me metto paura de nce parlà).

RUSINELLA: Ah, vuje state ccà? Scusate, nun v’aveva visto.

FELICE: Oh, e che fà, nun fà niente. Sò arrivato poco primma, pecché siccomme m’avevene ditto... (Sarria buono si chesta se ne jesse.) Io so’ venuto, pecché...

RUSINELLA: Aggio capito, pecché ve servene li cammise, so’ pronte, a n’atu ppoco l’avite fino a casa. Oh, nun nce pensate, la princepala mia è puntuale, le piace l’esattezza e la precisione. Na puteca de stiratrice comme a chesta, nun se trova manco a Napole. Avite fat­to buono de mannà la biancheria vosta ccà, pecché ccà se lava buono, e se stira meglio. E panne nun se lavano co la putassa, han­na ascì bianche tutto a forze de vraccio. Vedite comme stò rossa, de la fatica che nce fa fà accussì. (Teresina batte forte il ferro da stiro sulla tavola. Felice fà un salto.)

FELICE: Me piace che state allegra, che vulite pazzià, ma fino ad un certo punto però. Rusinè, finnimola. Io aggio tuorto, so’ pentito de chello c’aggio fatto, jammuncenne a casa.

RUSINELLA: A casa? Quà casa? La casa mia sta abbascio a li putechelle, de rimpetto a la parrocchia, e vuje lo sapite. (Marcato:)Tengo na cammarella appriesso a papà, cu nu bello balcone, c’affaccia mmiezo a la piazza, e chillo balcone, vuje pure lo sapite. (Marca­to:)Dinta a chella cammarella so’ nata, là dormo, e là voglio murì. Quanno me vulite truvà de juorne, me truvate dint’a sta puteca, addò vengo a li 7 de la matina, e me ne vaco a li 10 de la sera. Quan­no nun lavo, stiro, e quanno nun stiro, lavo. Chesta è la vita che fa­ceva, e chesta è la vita che voglio fà. (Altra botta di ferro.)

FELICE: Io te so’ marito, e chesto nun lo pozzo permettere.

RUSINELLA: Ma qua’ marito, qua’ marito! Jatevenne, sentite a me. Lassateme stà. Nuje avimmo pigliato nu sbaglio tutte e duje. Vuje siteve buono, teniveve na casa e na massaria de proprietà vosta, ireve nu galantuomo, e nun ve putiveve spusà a me, ch’era na mi­seria stiratrice, senza dote, senza niente, e io nun aveva fà stu ma­trimmonio, pecché aveva capì che vuje nun faciveve pe me... pe me nce vuleva nu giovene de strata, nu faticatore, uno ca m’avesse aiutato a lavà ed appiccià lo fuoco pe nfucà li fierre. Chillo, sì, chil­lo m’avarria fatto felice, e mò starrieme tranquille, qujete, e nce vularrieme bene! (Altra botta di ferro.)

FELICE: Dalle, dà! Voglio vedé si la fenisce!... Embè, Rusì, io da oggi in poi chesto voglio fà. Te voglio appiccià lo fuoco, te voglio abba­gnà li panne, quanno tu nun te fide de levà, me metto io vicino a lo cufenaturo. (Teresina ride.)Nun ridere tu (amica traditora, amica falsa!). Voglio fà qualunque cosa, insomma te voglio aiutà, nun me voglio movere cchiù da vicino a te. Jammo c’aggia stirà, c’aggia lavà?

RUSINELLA: Allora parlate cu Teresina, è essa che ne ncarica de spartere la fatica.

FELICE: Teresì, c’aggia fà?

TERESINA: Che v’aggia dicere... pe mò nun nce stà da fà niente. Sciusciate nu poco sotto a stà fumacella.

FELICE: Eccome ccà. (Prende il ventaglio e si mette a soffiare al fornello.)

TERESINA: Bravo! Pe mò facite chesto, dimane po’ se vede addò ve putimmo mettere.

FELICE: Va bene.

TERESINA: Rusinè, viene, jamme a lavà st’ati panne, la princepale pe ogge vò luvà tutte cose da miezo.

RUSINELLA: E ghiammoncenne. (Comme me so’ purtata?)

TERESINA: (Bona, bona, assai!). Permettete?

FELICE: Fate. (Teresina via ridendo a sinistra Rusinella: la segue.)Have ragione, have ragione, io me mmereto peggio! Ma che figliola, che carattere, che sentimenti! Ma che saccio, vestuta da lavannara me pare cchiù chiatta, mi fà impressione.

SCENA QUARTA

Peppino e detto.

PEPPINO: Vurria sapé D. Michelino addò cancaro è ghiuto! (Vedendo Felice.)(Ah, ecco qua l’infame, il seduttore!) Buongiorno D. Felì.

FELICE: Buongiorno.

PEPPINO: Che cos’è, che facite cu stu ventaglio mmano?

FELICE: E nun lo vedite, stò sciuscianno lo fuoco, e n’atu ppoco me metto a lavà, a stirà e forse pure a scupà.

PEPPINO: Uh! E pecché?

FELICE: Pecché è na cosa che fà piacere a muglierema, e io lo faccio cu tutto lo core.

PEPPINO: E comme va, vuje nun la putite sufrì, v’è tanto antipatica?

FELICE: Na vota, ma mò no, mò invece la voglio bene.

PEPPINO: Bravo, me fà piacere! Ma comme, accussì tutto nzieme?

FELICE: Che v’aggia dicere, chiano chiano, a poco a la vota, chella fi­gliola è stata capace de me fà cambià.

PEPPINO: (Benissimo! La mia vendetta sarà più completa. Mò è lo mu­mento de mettere nterra e sfucà!). A proposito D. Felì, ajere me scurdaje de ve cunsignà na cosa che me dette Concettella, muglie­rema. Me raccumannaje tanto tanto, che ve l’avesse data appena scenniveve da coppa a lo Municipio.

FELICE: A me? E de che se tratta?

PEPPINO: Na cosa curiosa. Ecco ccà, na carta cu cierti capille, na lette­ra, e lo ritratto vuosto.

FELICE: Aggio capito.Dateme ecà, si esce muglierema e vede sta rrob­ba, so’ arruinato! Grazie D. Peppì. Chesta è na cosa che deve rima­nere fra di noi.

PEPPINO: (Mò lo passo lo guajo! e che nc’aspetto!). Sapite pecché ve so’ venuto a purtà io stesso tutte cose?

FELICE: No... Ah, pecché forse v’aggia cunsignà chello che tendo de lo sujo? È giusto, è regolare. Ecco ccà 3 lettere, e stu cierro de ce­pille. (Dà la roba.)

PEPPINO: Pure li capille? Bravo! (A isso l’aggia taglià la faccia, e a essa l’aggia fà la causa, l’aggia mannà ngalera!) (Apre una lettera e legge:)«Tesoro mio. Io pure ho tanto piacere di vederti e di parlarti da vicino». Bravo! (Ma chisto nun me pare lo carattere de muglie­rema.)

FELICE: D. Peppì, e io v’aggio pregato, astipate sti lettere.

PEPPINO: Nu mumento. (Legge:)«Sento che non posso vivere senza di te. Questa sera alle 10 ti aspetto, salirai per la piccola scala del giardino. Non temere di nulla; perché mio marito deve andare al Circolo Clericale, e non si ritira prima di mezzanotte. Tanti e tanti baci dalla tua eterna Carmela». (Comme! Carmela? La sora de Cuncettella? La mugliera de D. Attanasio lo paglietta? E già, chillo pure è socio de lo Circolo Clericale comme a me. La scaletta de lo ciardino va proprio dinta a la cammera lloro, e io credeva invece... che ciuccio che so’ stato, c’animale! Mò chi sà che guajo faceva, pecché? pe nu sbaglio!) D. Felì, venite ccà, abbracciateme, mò ve voglio cchiù bene de primme.

FELICE: E pecché?

PEPPINO: Niente, pe na cosa mia. Amico affezionato e sincero! (Lo bacia.)

FELICE: Ma ch’è stato? Ch’è succieso?

PEPPINO: Niente, ve voglio bene assai, ve voglio vasà. (Lo bacia.)

FELICE: D. Peppì, ve raccumanno sti lettere, sapite, datele proprio mmane a essa.

PEPPINO: Non ci pensate, state a pensiero qujeto.

FELICE: Aggio fatto na pensata. Voglio j a truvà nu mumento a Biase, lo patre de Rusinella, e lo voglio purtà ccà, ha da fà tutto lo pussibi­le de capacità la figlia de se ne turnà a casa mia.

PEPPINO: Perché? Rusinella sta ccà?

FELICE: Sissignore, vò fà n’ata vota la stiratrice, m’ha lassato, nun me vò sentere cchiù... e io, c’aggia fà, nun pozzo stà senza chella gua­gliona, la voglio bene, la voglio bene assai. Permettete? (Via pel fondo, portandosi il ventaglio.)

PEPPINO: La vò bene assai, e io che l’aggio cumbinato chillo servizio cu D. Michelino, mentre stu povero ommo era innocente, nun m’aveva fatto niente... e comme se fà, io mò tengo nu rimorso... e chi po’ durmì la notte!... Ma già, chillo D. Michelino, è na mazza de scopa, nu scemo, so’ sicuro che nun è arrivato a niente... e chi lo ssape... tanta vote, quanno meno te cride, nu scemo de chisto te cumbina lo piattino!

SCENA QUINTA

Michelino e detto, poi Felice.

MICHELINO: D. Peppì, state ccà? Ve stò ghienno truvanno pe tutte parte.

PEPPINO: E io pure ve jeva truvanno.

MICHELINO: Lo cafè m’hanno ditto che stiveve ccà, e subeto so’ venuto.

PEPPINO: Sì curruto? Pecché? M’haje da dicere quacche cosa?


MICHELINO: No, vuleva vedé.

PEPPINO: (Nun tengo curaggio d’addimannà, me tremmene dint’e gamme).

MICHELINO: (Nun lo voglio dicere che ajssere avette duje schiaffe, si no, stateve bene!).

PEPPINO: E accussì... D. Micheli... nun me dicite niente? A che stam­me cu chill’affare?

MICHELINO: Ah, cu chill’affare? Eh... cammina.

PEPPINO: Ajssera ve facisteva dà l’appuntamento?

MICHELINO: Se capisce. All’11.

PEPPINO: All’11? E nce isteve?

MICHELINO: Se, sape, embè, comme nun nce jevo.

PEPPINO: Essa v’arapette la porta?

MICHELINO: Immediatamente!

PEPPINO: E po’?

MICHELINO: E po’... (Si mò le dico c’avette li schiaffe, perdo a Teresi­na.) E po’... sentite... la cosa è delicata, vuje vulite sapé tutto?

PEPPINO: Si, tutto!

MICHELINO: Vedimmo si nce stà nisciuno. (Precauzione.)

PEPPINO: Nun nce stà nisciuno, mò chiudo pure la porta. (Chiude a chiave la porta di fondo.)

MICHELINO: Stamme sule?

PEPPINO: Stamme sule.

MICHELINO: POZZO parlà?

PEPPINO: Parla, mall’arma de mammeta!

MICHELINO: Nce so’ riuscito!

PEPPINO: (Ah, aggio fatto lo guajo!).

MICHELINO: E mò, D. Peppì, faciteme spusà subeto a Teresina?

PEPPINO: Che? Che dice? Spusà a Teresina? Ma tu, credo, che sarraje pazzo! Te faccio spusà a Teresina dopo chello che hai fatto?

MICHELINO: Uh! Mamma mia! Vuje pe forza me l’avite voluto fa fà.

PEPPINO: E tu non l’aviva fà, io t’aggio vuluto sperimentà, aggio vulu­to vedé comme la pensave, nepotema nun sarrà maje la mugliera toja!

MICHELINO: (E allora mò le dico la verità). Aspettate. D. Peppì, io v’aggio ditto na cosa pe n’ata...

FELICE (dal finestrino in fondo): Distratto aggio rimasto lo bastone, e m’aggio purtato lo ventaglio.

MICHELINO: Avita sapé che appena trasette...

PEPPINO: Zitto, nun te voglio sentere cchiù, chella è la mugliera de l’amico mio D. Felice, capisce? Nun aviva fà mai chello c’hai fatto.

MICHELINO: Io nun aggio fatto niente.

PEPPINO: Nun hai fatto niente? Lo dice mò chesto, ma poco primme hai confessato tutto però. Hai profittato ca lo marito nun nce ste­va, e all’1l hai tuzzuliato la porta, t’hai fatto arapì, e sì trasuto din­to a la cammera soja.

FELICE: Che sento!

MICHELINO: Lo marito!

FELICE: Nun lo facite fuì, tenitelo. (Scompare dal finestrino.)Lo vo­glio rompere li gamme! (Gridando.)

MICHELINO: E chesto nce mancarria!

PEPPINO: Vedite la combinazione!

FELICE (di dentro): Aprite la porta!

MICHELINO: Nun arapite, si no dico che site stato vuje che me l’avite fatto fà.

PEPPINO: No, pe carità!

FELICE: Aprite sta porta, si no la scasso! (d.d.)

MICHELINO: Annascunniteme a quacche parte.

PEPPINO: Ccà, dinto a stu stipo, facite ambresse. (Apre lo stipo e vi chiude dentro Michelino, poi va ad aprire la porta in fondo.)

SCENA SESTA

Felice, poi Bise, Salvatore e Peppino, poi Rusinella e detti.

FELICE: Addò stà, addò è ghiuto?

PEPPINO: M’è sfujuto da dinto a li mmane, e s’è menato pe la fenesta.

FELICE: Pe la fenesta? E già, chella è vascia, subeto se n’è scappato, ma io lo ncoccio però.

PEPPINO: Nun ve pigliate collera. D. Felì è na disgrazia, lo capisco, ma nun succede sulamente a buje, succede a tanta gente, calmateve.

FELICE: Me calmo, me calmo? Na parola! Io quanno lo trovo, me l’aggia magnà a morze! L’aggia arapì tutto chesto!

RUSINELLA: Ch’è stato, ch’è succieso?

FELICE: Ah, ch’è stato? Ch’è succieso?... V’aggia parlà seriamente.

RUSINELLA: A me?

FELICE: Sì, a voi!... D. Peppì, jatevenne, aggia parlà nu mumento cu muglierema.

PEPPINO: Sissignore. (Mò vide che succede ccà dinto, e tutto pe causa mia! Povero D. Felice!) (Bacia Felice.)

FELICE: D. Peppì, nun me vasate cchiù! (Peppino via per il fondo.)

RUSINELLA: Dunche, che vulite? Che m’avita dicere?

FELICE: V’aggia dicere che nun puteva mai credere che faciveve chel­lo c’avite fatto, io saccio tutto, capite, tutto!

RUSINELLA: Ma tutto de che?

FELICE: Vuje, ajssera all’11 facisteve trasì nu giovene dinto a la cam­mera vosta. Negatelo, se potete?

RUSINELLA: Negarlo? Niente affatto..

FELICE: Lo confessate?

RUSINELLA: Lo confesso, sì, è overo, ajssera all’11, facette trasì nu giovene, simpatico, e aggraziato!

FELICE: (E me lo dice rifaccia!). Lo quale v’ha ditto che ve vuleva bene.

RUSINELLA: Che ghieva pazzo pe me!

FELICE: E l’avite risposto?

RUSINELLA: Oh, niente. Io nun aggio tenuto lo curaggio de dicere manco na parola.


FELICE: Bravissimo! Perciò avite lassata la casa, perciò avite vuluto turnà a fa la stiratrice, perciò site addeventata accussì fredda e in­differente cu me. Ma io ve ne faccio pentì, però, farraggio cose de pazzo!

RUSINELLA: Ma vuje po’, ve pigliate tanta collera pe stu fatto... ched’è, vuje nun avite fatto lo stesso? Nun site juto vuje pure da na femmena?

FELICE: Sì, da na bella femmena, da na femmena, simpatica, aggrazziata e cianciosa...

RUSINELLA: La saccio, la saccio, è n’amica mia. Teresina, la nepota de D. Peppino lo cafettiere.

FELICE: Perfettamente!

RUSINELLA: L’avite ditto ca la vuliveve bene.

FELICE: Che ghieva pazzo p’essa.

RUSINELLA: E essa che v’ha risposto?

FELICE: Che nun puteva stà senza de me, che pe me faciarria qualun­ca cosa!

RUSINELLA: (Che busciardo!). Dunche, vedite, che nun nce putimmo appiccecà, avimmo fatto lo stesso tutte e duje.

FELICE: Va bene. Ma certamente, doppo chesto ch’è succieso, tutto è finito fra di noi?

RUSINELLA: Oh, se capisce!

BIASE (uscendo con Salvatore e Peppino): (Lo vì ccà, stà ccà dinto!).

SALVATORE: (Io te l’aggio ditto!).

FELICE: Me voglio spartere, e subito!

RUSINELLA: Pe me, pur’ogge, pure mò! (Via a sinistra.)

BIASE: Lasseme Salvatò, lasseme! lasseme!

SALVATORE: Ma che buò passà nu guajo!

BIASE: Lo voglio passà! (Gridando:) Lo voglio passà! Nun aggia dà cunto a te!

FELICE (prendendo un ferro): (Si s’accosta le chiavo lo fierro nfronte!).

PEPPINO: Si Bià, calmateve.

BIASE: M’è stancato, nun me fido manco de parlà.

FELICE: E va te cocca!

BIASE: Me vaco a cuccà? Lassa, Salvatò. Siente, grandissimo svergognato! Io mò nun te faccio niente, pecché stai dinta a la casa de la cummare. Tu te sì sempe apprufittato che io tengo sta scorza ncuollo, e nun me pozzo movere. Mò vaco a chiammà n’avvocato, lo faccio venì ccà, lo faccio parlà cu figliema, e subeto subeto ha da fà le carte pe ve fà spartere pe mane de tribunale. Po’ doppo me va­co a spuglià.

FELICE: E te cucche?

BIASE: Me vaco a spuglià da guardia, me metto li panne da burghese e t’aspetto ccà fore. T’aggia chiavà na curtellata sotto a la panza. (Caccia un grosso coltello a piegatoio.)

SALVATORE: Bià, p’ammore de lo Cielo!

MICHELINO (cacciando la testa dallo stipone): (All’arma de la sfarziglia!).

BIASE: E nun te credere che dico chesto, pecché so’ sicuro che nun tiene armature. No, Biase Grammegna, nun è state mai na caro­gna. (Caccia un coltello simile al suo.) Tiene, miettete chisto ncuol­lo, quanno jesce fore, caccia tu pure lo curtiello. (Getta il coltello.)

FELICE (alzando il coltello): E va bene, mò vedimmo si nun faccio lo guajo.

PEPPINO: Ma c’avita fà, calmateve, so’ cose che s’acconciano.

FELICE: Tutto chesto, D. Peppì, è succieso pe causa de la nepota vosta.

PEPPINO: Pe causa de nepotema?

FELICE: E se capisce, pecché essa ajessera, nun m’aveva fa trasì dinta a la cammera soja, aveva capì che io steva nu poco luvato a vino.

PEPPINO: Comme! Ajessera, Teresina, ve facette trasì dinta a la cammera soje?

FELICE: Perfettamente!

PEPPINO: E addò stà chella faccia tosta, m’ha da spiegà tutto, m’ha da dicere si sta cosa è overe. Ah! Ha da stà là dinto lavanno. Mò ven­go, mò vengo. (Via a sinistra.)

BIASE: Te voglio fà vedé io chi è Biase Grammegna. Ommo senza scuorno rifaccia, senza core, senza sango dinto a li vene, ommo de niente!

SCENA SETTIMA

Rusinella e detti.

RUSINELLA (esce e si mette a sentire).

FELICE: (Ccà si faccio vedé che me metto paura, è peggio). Cheste mò so’ chiacchiere inutile, tu nun hai d’offendere, quanno nce tru­vammo mmiezo a la strata, parlammo.

BIASE: Te vuò mettere in guardia mò?

FELICE: Nonsignore, chesta è la casa de la cummara, e nun cunviene, quanno ascimme fore, nce facimmo a zumpata.

BIASE: E tu sì ommo de zumpà cu mico?

FELICE: E mò vedimmo chi zompa meglio.

BIASE: E va bene, pe mò vaco a chiammà a D. Rocco l’avvocato, che justo stà ccà vicino de casa, faccio dà la libertà a figliema, a chella povera bardascia, e po’ parlammo. Jammuncenne. (Via pel fondo.)

SALVATORE: Quanno po’, Biase, t’acciso, pecché chillo t’accide ritie­ne, tanno po’ hai da parlà nu poco cu mmico. Te voglio fà vedé si ti ire ommo de trattà la famiglia mia de chesta manera. Doppo c’haje zumpato cu’isso, haje da zumpà cu me.

FELICE: Tu pure zumpe?

SALVATORE: Pure zompo... io, co lo curtiello mmano songo n’arillo. Addimmanne, addimmanne dinto a lo paese chi è Turillo Gram­megna, soprannominato,’o nzisto! Cinche, 10, 15 perzune, e pure 20, so’ niente a fronte a me, addeventano tanta pampuglie.

FELICE: E tira mano?


SALVATORE: No, no, e mò nun va, mò stongo vestuto da guardia, me fai passà nu guajo mò, e chesto nun stà. (Via pel fondo.)

FELICE: Mò vedimmo si nun vaco a fanì ngalera, io nun faccio zumpo, quanno esco fore, lo primmo che me dice na parola nu poco stor­ta, nce lo nfilo dinta a la panza.

RUSINELLA (avanzandosi): Ma io credo che chesto sia inutile, na vota che ve site spartute da me pe manno e tribunale, nun nce stanno cchiù chiacchiere da fà, ognuno se fà li fatte suoje, e nun ne par­lammo cchiù.

FELICE: No, chesto nun po’ essere, nun ha da fernì accussì ha da scorrere lo sango. Doppo chello che m’hai fatto ajssera, se ne vene pa­tete e me vò fa fà pure la zumpata. Io insomma, aggio essere tradi­to, e aggia pure abbuscà.

RUSINELLA: Ma vuje, ajssera, avita fatto lo stesso?

FELICE: Sì, sì, aggio fatto lo stesso, aggio mancato, ma pecché aveva bevuto, pecché teneva lo vino a la parta de la capa, e po’, me ne so’ pentito, so’ venuto ccà p’essere perdonato, pe t’abbraccia, pe te va­sà, pe te dicere che nun faceva cchiù chella c’aggio fatto. Te vuleva fà turnà a casa cu me, pecché nun puteva stà io sulo, nun m’hai vu­luto sentere, e m’hai miso a sciuscià sotto a la firnacella, c’aveva fà cchiù? Tutto nzieme appuro che ajssera faciate trasì n’ommo din­to a la cammera toja, t’addimmanne, e me dice che sì, ch’è overo, e chesto è troppo.

RUSINELLA: Che vulite da me, c’aggia fà, io l’aveva fà trasì pe forza, chillo aspettava fora a lo balcone, tuzzuliaje tanto tiempo, po’ se mettette a cantà na canzone accussì bella, che me facette perdere la capa, nun me l’aggio pututa scurdà. (Cantando:)

Pe te, tutto faciarria,

Nenna bella, nenna mia!

Pe nu vaso, pe n’abbraccio.

Tutto azzardo, tutto faccio!

E si nu poco te fai vedé

Io so’ cuntento cchiù e nu Re’

Tà tà tà tà tà tà

Apre stà porta

Tà tà tà tà tà tà

Famme trasì.

FELICE: (E chesta è la canzona c’aggio cantata a Teresina!).

RUSINELLA: Io a chillo mumento, nun aggio pututo cchiù, l’aggio apierto, e l’aggio fatto trasì.

FELICE: Tu?!

RUSINELLA: Io, sì, che nzieme cu Teresina, zitto zitto, avimmo cambiato casa, essa se n’è sagliuta ncoppa a la cammera mia, e io me ne so’ sagliuto ncoppa a la cammera soja.

FELICE: Possibile! Allora chella femmena c’aggio abbracciata, c’ag­gio vasaia?

RUSINELLA: Era io, era io!

FELICE: Ah! Rusenella mia, abbracciame! Quanto te voglio bene! (S’abbracciano.)

SCENA ULTIMA

Luisa, Bettina, poi Peppino e Teresina, poi Biase, Salvatore e detti.

LUISA: Che beco! State abbracciate? Bravo! Accussì ve voglio, vò di­cere c’avite fatto pace?

RUSINELLA: Sì, cummara mia, ha jurato che nun me fà piglià cchiù collera.

FELICE: Mai cchiù!

LUISA: Bravissimo!

BETTINA: Che piacere che n’aggio avuto.

PEPPINO (uscendo con Teresina): Comme! Era la mugliera?

TERESINA: Sissignore. Chillo che io arapette, era Michelino.

MICHELINO (uscendo dallo stipo): E me diste duje pacchere.

TERESINA: E se capisce, pecché tu nun avive...

PEPPINO: Basta, nun ne parlammo cchiù. Io accunsento a farve spusà.

TERESINA: (Ma comme zi zì, chillo...).

PEPPINO: (Statte zitto, po’ te conto tutte cose...).

BIASE (uscendo con Salvatore): L’avvocato ha ditto che mò vene, se steva vestenno.

LUISA: E che vene a fà l’avvocato?

BIASE: Pecché figliema s’ha da spartere da lo marito.

SALVATORE: Accussì non ponno stà.

RUSINELLA: No, papà, nun nce spartimmo cchiù, tutto s’è mise nchiaro. Da oggi in poi nce vulimmo bene, e nun facimmo cchiù quistione.

BIASE: Veramente?

FELICE: Sissignore, mò me la piglio, e me la porto a casa.

PEPPINO: Io ve lo diceva, chesto so’ cose che s’acconciano.

SALVATORE: So’ appicceche che fra marito e mugliera fenescene a brenna!

BIASE: E avite fatte pace?

RUSINELLA: Sì, papà. (Abbraccia Felice.)

BIASE: Dateme lo curtiello.

FELICE: Tenite, aggio sparagnata na zumpata!

BIASE: Venite ccà, strigniteme dinto a sti bracce figli miei cari. (Abbraccia Felice e Rusinella.)

TUTTI: Bravo! bravo!

BIASE: D. Felì, ve raccummanno mò, nun facite cchiù chiacchiere, cercammo de nun fà ridere cchiù la gente.

FELICE: Bià, siente. Ricordate chesto che te dico: Lo juorno che nun facimmo ridere cchiù la gente... chiagnimme nuje!

(Cala la tela.)

FINE DELL’ATTO TERZO

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 5 volte nell' ultimo mese
  • 41 volte nell' arco di un'anno