‘O ballin di affari

Stampa questo copione

Titolo provvisorio Ûn mäio pe’ a Nunzià


COMMEDIA BRILLANTE

IN TRE ATTI

di

ENRICO SCARAVELLI

Personaggi:

GAITAN   PESTARIN                                        - contadin

CAROLINN-A CANESTRELLO                      - a moggê

NUNZIA’                                                              - a figgia 

SAMANTA                                                           - a figgia

MEDEO CABONA                                              - aggiûtto do Gaitan                                        

CESARIN PESTELLO                                       - gioielliere               

TEODOLINDA                                                    - colf                                        

DON CAMPANA                                                 - curatto do pàise                                         

COMMENDATOR GALLO                              - mediatô

Dr. GIULIO ROGITO                                        - notäro

Ai Zovi ai giorni nostri

ATTO PRIM0

SCENA I

(Carolinn-a – Teodolinda - Nunzià – Gaitàn)

    Ai giorni d’oggi in una vallata dell’entroterra. Locale di campagna con  un tavolo e relative sedie, consolle con specchiera. Una porta centrale conduce al giardino; due porte laterali; quella a destra va all’esterno, quella a sinistra va alle camere, ecc. Un caminetto, attaccapanni, campana da mucche sul tavolino, telefono. Si ode il vento fischiare e qualche tuono.

CAROLINN-A:- (fregandosi le mani per riscaldarle dal freddo) “Tronn-a. Mae moae a me dixeiva che quande tronn-a quarchedûn o sta contando de micce. Che freido stamattin.. son zeà da e onge di pë finn-a ai cavelli” (pausa) “A donna a no s’è vista. Troppa néie dai bricchi e pe' de ciù o Medeo o  l’ha scc-iappòu pöca legna pe’ o fogoà.. Brr.. (Additando alle camere di sopra) “E quella a l’è sempre in letto… A gh’è faià o nïo” (va verso la porta che conduce alle camere e parla a voce alta) “Scignorinn-a Nunzià, l’è mattin da ‘na pezza e t’è ancon accoeigà in letto.. (tra sé)“Paegiade seu poae..” (verso le camere) “T’orriae mïga che te porte anche a colaziòn?”

NUNZIA'         :- (da fuori) E vegno!"

CAROLINN-A:- (borbottando tra sé) “Comme a fa a trovà màio s’a dorme ciù che ‘na marmotta..” (rumore dall’esterno e poi la voce di Teodolinda che mugugna)

TEODOLINDA:- (da fuori) “Ma no v’han daeto da mangià ancheu?.. Pövie beste” (si sente il richiamo alle galline)“Piiio…piiiio.."

CAROLINN-A:“A l’è arrivà” (chiama la domestica) ”Teodolinda!” (nessuna risposta. Prende la campana da mucche dal tavolino e suona) "Teodolinda"

TEODOLINDA:- (Entra dal giardino lasciando la porta aperta. Il vento fischia più forte. Campagnola, poco garbo. Giaccone con sotto un grembiule con pettorina. Vuol parlare italiano con evidente còcina genovese) “La signora ha chiamato?”

CAROLINN-A:- “Ho chiamato e poi ho dovuto suonare anche il campanello”

TEODOLINDA:- (tra sé ma non troppo) “Chissà che fadiga.. credeivo che con quello a l’avesse ciammòu e vacche “

CAROLINN-A :- “E comme mai coscì tardi?”

TEODOLINDA   :-“Son arrivà appenn-a ho posciûo. La corriera ha dovuto mettere le catene per la néie e così ha ritardato.. Prima di entrare mi sono fermata approvo alle galline.. Con questo freddo hanno le sampe che sembrano candiöti”

CAROLINN-A:- “E Medeo è arrivato?”

TEODOLINDA:- “No l’ho visto.. Lui non ha bisogno di prendere la corriera. Abita qua ai Giovi”

CAROLINN-A:- “Vai su di sopra a portare il caffé a quella.. “(si corregge) “Ad Annunziata.. E dille che è ora che si alzi” (le dà un vassoio con la cuccuma del caffè e latte, una tazza, ecc.)

TEODOLINDA:- “Comme a comanda”(tra sé)“A dev’ëse arraggià s’a parla in italian" (sta per gli ordini ma la padrona la ferma con un comando alla militare)

CAROLINN-A:- “Alt!”

TEODOLINDA:- (si blocca e arretra)

CAROLINN-A:- “Ti ghe vae cö giaccòn?”

TEODOLINDA:- “E come ci devo andae, in miande? E poi o no spûssa miga.. Tutt’al più saprà di pollaio”

CAROLINN-A:- (la fulmina con lo sguardo) “In questa casa ci sarà presto una mëghessa,  e l’è ben commençà a avéi do gàibo”

TEODOLINDA:- “Oh, sci ben.. ho accappìo..” (porge il vassoio a Carolinn-a, si toglie ilgiaccone e lo mette nell’attaccapanni. Poi, sorniona, fra sé, facendole il verso) “Presto sarà mëghessa..e ti peu accapì, a deve ancon finì e medie”(prende il vassoio ed esce allasinistra)

GAITAN          :- (entra da sinistra) “E saera quella porta..” (indica la porta del giardino)“Ti me veu fà piggià 'n'aççidente?"

CAROLINN-A:- “Magara fisse a votta bonn-a.. T’è pëzo de teu figgia..” (va a chiudere la porta del giardino)“A ghe fa l’euvo in letto”

GAITAN          : - “Calla a vöxe se donca t’addesci i vexin”

CAROLINN-A:- “I vexin?.. I vicini sono andati a lavorare da una péssa”

GAITAN          :- (ironico)“Se o saveivo ghe davo anche o nostro terren da sappà..”

CAROLINN-A :- “No te basta o Medeo?”

GAITAN          :- “Pe’ quello che ghe daggo o fa finn-a troppo…me domando o perché o l’àgge accettòu o maeximo.. O Virgi o ghe dava de ciù ma lé o l’ha preferïo travaggià da noiätri.. Mah.. O l’è pronto o caffè?”

CAROLINN-A:- (ironica)“Agli ordini signor Gaetano Pestarino.. Ecco il caffè.. anche se preferisce il vino” (gli indica in malo modo la caffettiera e una tazzina che si serva da solo)

GAITAN          :- “Che servissio!” (riempie la tazzina e si accinge a bere.. ha una reazione di disgusto e sputacchia un po’ di caffè per terra. Poi, sarcastico) “O mette angoscia. Se a Nunzià, quande a se sposià a fà o caffè arrescadòu com- me questo a faià ben fissà anche a daeta do divorzio insemme a quella do matrimonio.. Ti l’è bevûo tì ascì?”

CAROLINN-A:- “Figûremmose..” (sbrigativa)“Ooohh.. s’o no te va ti te ïssi primma e ti te o fae fresco.. anzi.. cädo.. Gh’ammanchieva ancon de straggià anche o caffè.. con e palanche che ti me lasci pé a spéiza ..In fondo l’è quello avanzòu véi mattin”

TEODOLINDA:- (rientra da sinistra col vassoio)“Il caffè arrescaldato non lo vuole” (lo posa ed esce a sinistra col lenzuolo)

NUNZIA’         :- (entra ancora in camicia da notte o con la vestaglia pesante. Sbadiglia, vede uno scialle all’attacapanni e se lo mette) “Che freido.. saiemo sotto zero..”

CAROLINN-A :- (ironica) “E ti comme ti fae a saveilo?.. Sotto i lenzeu no gh’éa cädo abbastanza?” (le toglie con malo modo lo scialle) “Questo no ti l’hae manco da toccà.. o l’è de teu seu.. ‘na figgia d’öu QUELLA!”

NUNZIA’         :- (guarda il padre e questi scrolla le spalle come a dire: che ci vuoi fare, è fatta così)

CAROLINN-A:- “L’è inûtile che ve parlae senza dì.. Ti e l’ätra teu moggé l’éi faeta coscì e tì, ti o sae ben.. Ha l’ha quaexi quarant’anni e no gh’è manco ‘n can morto ch’o ghe stagghe appreuvo..e ghe l’emmo sempre chi..” (pausa, scimmiottando Teodolinda) “Il caffè arrescaldato non lo vuole.. E cöse a se credde d’ëse..”

GAITAN          :- (con serietà) “A credde d’ëse mae figgia.. e poi acciantila ‘n po’.. A l’è timida, a no l’ha de malissia.. a no ghe pensa ancon a ‘ste cöse..”

CAROLINN-A:- “Ma famme o piaxei malissia .. E poi saieva oramai ôa ch’a ghe pensesse.. Anche mì èo timida e..”

GAITAN          :- (interrompe con ironia) “Timida ti?.. Ma famme o piaxéi..”

CAROLINN-A:- “Segûo.. timida e ingenua..credeivo a quello che dixeivan in to pàise.. Gran lavoratore il Gaitano.. o l’ha due man d’öu e tûtto quello teren derré a Gëxa o l’è o so.. “(ironica)“Tsè.. derré ä gëxa gh’è o camposanto..”

GAITAN          :- (salace) “O l’è ‘n terren che ‘n giorno ghe ne saià anche pe’ tì!”

CAROLINN-A:- “..e coscì son arrestà fregà.. Maiò vidduo e figgia ch’a dorme ciù che o releuio e mì che ghe fasso da serva..”

GAITAN          :- (severo e triste)“Semmai.. da mamma.. da segonda mamma”

CAROLINN-A :- “E mì.. ch’ho daeto a mente a mae mammà.. <Ti te scistemmiae ben.. ti fae a giornà bonn-a>, a me dïva.. eccome chì a fa a giornà bonn-a.. “

GAITAN          :- “Na votta t’éi ciù aggaibà”

CAROLINN-A :- “L’è a sta con voiätri ch’ho perso o gàibo, sempre chì in ti grébani, dovve no posso fa vedde a mae capaçitae.. mì ch’o sempre avûo o ballin pe’ i affari”

NUNZIA’         :- “Ma a voei ciantà ‘n po’ lì?.. Tûtti i giorni semmo da maexima.. uffa!” (esce alla sinistra)

GAITAN             :- (alla moglie) “E cöse ti pretendeivi.. O principe azzûrro?.. O te vegniva a piggià proppio tì..”

CAROLINN-A :- “Pe’ teu norma e regola a me mi stavano approvo i più meglio del paese”

GAITAN          :- “E t’accapiae.. quattro despiae ch'éan zà vëgi quande tì t'éi zovena. Dui son i galéa pe’ debiti e i ätri duì no san fa manco a propria firma.. Ti ne veu savei ûnn-a di teu duì.. letterati?.. Quande l’anno passòu in municippio doveivan firmà pe’ sollecità o Comûne a fa passà o tûbbo do gasso, o Federico o l’è arrestòu titûbante e alloa o segretäio o l’ha accapîo e o gh’ha dïto: <non si preoccupi.. faccia una croce> poi, quande ghe toccòu firmà a-o Venänzio, maexima cösa e o segretäio o ghe dïxe anche a lé: <faccia una croce al posto della firma..>”

CAROLINN-A :-“E ben.. cöse gh’è de mä..? ‘na votta miga tûtti andavan a scheua”

GAITAN          :-“D’accordiscimo, ma lè invece de fäghe ‘na croxetta o te gh’ha fae-

                             to ‘n riölo comme ‘n cû de gotto e o segretäio o gh’à domandou o perché.. E ti sae o teu ex pretendente cöse o gh’ha dïto?..”

CAROLINN-A :- “E mi che ne so, no gh’éo miga”

GAITAN          :- “O gh’ha dïto: <Ma mì no me ciammo mïga comme o Federico

   ch’o l’ha faeto a croxetta>” (scimmiottando comicamente)“A me, mi stavan approvo i più meglio del paese..”

CAROLINN-A   :- “Va ben mia.. demmoghe ‘n taggio.. Comunque bezeugna pensà pe’ teu figgia.. se a no se-o trova lé.. ghe penso mì a trovaghe ‘n màio ch’o vadde ben..”

GAITAN            :- “Zà..” (ironico) “Ti gh’è sprescia de levatela de torno.. a l’è ancon zovena.. a l’ha poco ciû de trent’anni...demmoghe tempo”

CAROLINN-A :- (con sfottò)“A ghe n’ha squaexi quaranta e quella a ghe sta ätri quaranta fantinn-a”

NUNZIA’         :- (rientra immusonita) “Intanto son solo trenteutto”

CAROLINN-A :- “Datte ‘n po’ recatto e vanni in zû in bûttega a accattà ‘sta röba che staséia vegne o commendatò Gallo“ (prende il biglietto sul caminetto e lo porge a Nunzià)

GAITAN          :- (insospettito) “E chi l’ha ciammòu?.. Cöse o vegne a fa quello lì?”

CAROLINN-A   :- “Quello lì, comme ti o ciammi tì, o fa o mediatò.. o vende scïti, terren, e o l’ha de palanche.. “

GAITAN          :- “Ti ghe l’hae contae?”

CAROLINN-A :- “O l’è ûn ch’o porrieiva andà ben pe’ teu figgia”(civettuola, ravvivandosi i capelli)“Poscito ëse.. se fïsse viddoa o piggieiva mì..”

GAITAN          :- (tocca comicamente ferro o fa le corna)

CAROLINN-A :- “Con lui.. se vede altra gente.. altro mondo!”

GAITAN          :- “Quello o l’è lé squaexi a l’ätro mondo.. e poi no gh’è bezeugno de ëse viddoa.. ti piggi o tréi de coppe e ti vae, sensa fa de ciassäte”

NUNZIA’         :- “Ma mi no veuggio ‘n vëgio...”

CAROLINN-A : - “Ciûttosto che ninte màjo vëgio..

NUNZIA'         :- "E ti peu accapì!"

CARPòONN-A    :- "E poi o no l’è vëgio,o camminn-a ancon sensa bacco” (a Nunzià)“Intanto vatte a cangià..Chì gh’è a notta de quello che me serve” (porge un foglietto)

NUNZIA’         :- (prende, scrolla le spalle ed esce alla sinistra)

GAITAN          :- “Cöse ti stae tramando?.. Mia che a Nunzià ti l’hae da lascià quëtà, ti a devi trattà a-o stesso moddo da Samanta. Con i figgi no se fan differenze. E poi no gh’è bezeugno de rûffiann-a pe’ çercäghe màjo..  e donne, a-a giornà d'ancheu, l’ommo se l’attreuvan da sole”

CAROLINN-A :- (cercando di convincerlo) ”Ma l’è solo pe’ parlà.. o l’è ‘n’ommo de çerta etae.. con esperienza.. o no beive, o no fûmma..”

GAITAN          :- (ironico)“O no mangia.. o no..” (sornione cerca di farsi capire) “.. o no va ciû a cavallo.. E poi all’anima de ‘na çerta etae… o l’è fin troppo bazanotto.. ‘na mëzacartûccia..”

CAROLINN-A :- “O l’ha anche a Mercedes..“

GAITAN          :- "Ah! O gh'ha 'n'ätra donna?"

CAROLINN-A :- "A Mercedes.. 'na macchina" (sorniona) “Porriescimo sta ben anche noiätri”

GAITAN          :- (sarcastico) “Perché.. o ne sposa tûtti?”

CAROLINN-A :- “T’hae accappìo beniscimo”

GAITAN          :- “Mì.. staggo ben solo quande no te veddo..”

NUNZIA’         :- (rientra con una sporta, vestita non troppo bene.. ha una camminata goffa, alla marinara) “Vaddo”  

CAROLINN-A :- “Desandià a ‘sto moddo? Ma chi t’eu che te stagghe appreuvo se no ti te dae manco ‘na pëtennà comme se deve.. ti me paggi ‘na strìa” (come una macchinetta) “Mettite a posto i cavelli e dätte ‘n po’ de roscetto in te lèrfe e due gaggiuaè in te ganasce.. coscì diventan rosse”(le pizzica le guance)

NUNZIA’         :- “Ahia!.. Ma no te ne va ben ûnn-a”

CAROLINN-A :- “E poi no se caminn-a a quello moddo; ti me pàggi ‘n mainà appenn-a sbarcòu.. Ammïme mì che te mostro” (fa due passi sculettando comicamente)

GAITAN          :- (alla figlia) “Guarda, osserva, impara e stupisci.. senti lei..che ti istruisci .. donne naveghae comme lé ghe n’è pöche”

CAROLINN-A :- “Cöse t’orriesci dì?.. Ciù fïto a l’attreuva maio e ciù fito ..”

GAITAN          :- “Che affetto materno!”

CAROLINN-A :- “Ha parlato l’uomo delle caverne.. Tì t’è ‘n cacciòu che oramai ha sparato tutte le cartûcce.. T’è carbonizzòu!.. Sei incenerito e non ciai più buono”

GAITAN          :- “Senti chi parla... a parla lé.. l’affarista ..Ammìa che o proverbio o dïxe che quande a donna a vegne vëgia a perde ogni virtû, a pelle a se gh’arrappa e.. a chitära a no ghe seunna ciù”

CAROLINN-A :-(innervosita) “E alloa stagghe tì appreuvo a teu figgia, mi fasso finn-a troppo comme moiegna” (esce alla sinistra sveltamente)

GAITAN          :- (alla figlia) “No te a piggià.. In fondo a veu che ti fassi bella figûa.. che ti te scistemmi ben..”

NUNZIA’         :- “Scì, con ûn ch’o porrieiva ëse mae poae.. Sorviatûtto a veu che porte via a santiscima coscì a gh’avià solo a Samanta.. armeno quella a l’è figgia seu!”

GAITAN          :- “No dì coscì.. in fondo a l’è anche teu seu.. de segondo letto ma sempre teu seu.. e voiätre due me pä ch’andae d’accordio e questo me fa piaxéi..”

CAROLINN-A :- (rientra e alla ragazza) “Semmo a tïo?.. Camminn-a ‘n po’ ”

NUNZIA’         :- (fa goffamente due passi)

CAROLINN-A:- “Animo ragazza.. sculettare, sculettare.. I ommi ammia e gambe, il didietro..”

GAITAN          :- (interrompendo con ironia)“.. e o poggiolo..” (mima)

NUNZIA’         :- “Eh, scì.. sculettare.. O sei cöse ve diggo? Mì v’accianto tûtti e me ne vaddo a Zena.. Là posso anche sculettare..”

CAROLINN-A :- “Pe mì.. contento teu poae.. ti peu andà anche a ballà in te discoteche.. in sciò cû.. ”

GAITAN          :- (severo) “Bella educassiòn che ti ghe insegni..”

CAROLINN-A :- “E lascime finì.. dixeivo a ballà in sciò cûbbo, comme fan vedde ä televixon.. e poi mia.. a figgia a l’è a teu e arrangitela ‘n po’ tì”

NUNZIA’         :- "Va ben coscì? (esce sculettando esageratamente. Fuori scena inciampa)

SCENA II

(Carolinn-a - Gaitàn - Samanta)

SAMANTA     :- (entra da sinistra. Bella ragazza, pantaloni stretti, sui vent’anni. Ha uno zainetto e si ferma compiaciuta davanti ad uno specchio)

CAROLINN-A :- (orgogliosa al vedere la figlia, parla al marito) “Gaitan.. ammìa ‘n po’ chi gh’è”

GAITAN          :- (ironico) “Ciao figgia.. Dormito bene?.. L’è za tanto che.. ti t’è arzà oua?”

CAROLINN-A :- “Ha l’ha stûddiò finn-a a tardi véi séia”

GAITAN          :- “E dovve che no l’ho vista pe’ ninte?”

SAMANTA     :- (imbarazzata) “Ehm.. ecco.. ho studiato latinoda.. Don Prospero”

GAITAN          :- (scettico) “E.. o l’è staeto ..prospero finn-a a tardi?”

CAROLINN-A :- “Ti o sae che ch’o latin a l’è in difficoltae..”

GAITAN          :- “Mì n’accapiscio perché studian o latin..a cöse o serve.. Doviesci imparà ‘n po’ de agraria, comme ho faeto mì”

SAMANTA     :- “E’ una lingua che aiuta a studiare le altre lingue, a ragionare... anche se è una lingua morta”

GAITAN          :- (sarcastico) “Ti faiae l’interprete pe’ i morti” (guardando la moglie e parlando a Samanta) “E poi dimme ‘n po’.. perché ti tè issà tardi e teu moae a no te sbraggia?”

SAMANTA     :- “L’è n’òa che son arzà.. lo specchio porta via molto tempo..”

CAROLINN-A :- “La mia bambina.. Si cura il viso ed il corpo..”

SAMANTA     :- “Esatto: Mens sana in corpore sano”

GAITAN          :- (sornione)“Questo dillo ai morti. Saian contenti de saveilo”

CAROLINN-A :- “Non dargli a mente.. C’è il lattuccio caldo e del cacao..”

GAITAN          :- “Se preferisci il caffè che ha assaggiato tuo padre, o l’è lì!”

SAMANTA     :- “Ma pà.. lo sai che il caffè..”

GAITAN          :-“..o l’è grammo. Lo so e poi o fa anche mà.. specialmente quello lì”

SAMANTA     :- “Bacco tabacco e venere riducono l’uomo in cenere..”

GAITAN          :- (comico) “Questo dipende dalla Venere..”(guarda significativamente Carolinn-a) “.. e delle volte non ti resta altro che Bacco e tabacco…”

CAROLINN-A :- “Quando diventerai mëghessa curerai tutto il paese e i paesi vicini.. Che sodisfasione! La dottoressa Samanta Pestarino..”

GAITAN            :- “Che toglie il caffè il tabacco e il vino.. Ma dimme ‘n po’.. ninte scheua stamattin?”

SAMANTA     :- “C’è un’assemblea e ci sono due ore di buco. Vado altrimenti perdo la corriera”

CAROLINN-A :- “Croviti bene che fa freddo..”

SAMANTA     :- (correggendola, saputella) “Copriti!”

CAROLINN-A :- “Ma io non esco”

GAITAN          :- (alla moglie) “A no te diva de crovïte ti.. a te insegnava o latin..”

CAROLINN-A :- “Non ti ascordare il telefonino”

SAMANTA     :- “C’è l’ho.. ciao.. ci vediamo” (esce)

CAROLINN-A :- (soddisfatta) “A mae figgetta.. com’a l’è intelligente..”

GAITAN          :- (ironico) “Tùtto merito di Don Prospero.. pe’ o latin s’intende” (si appresta ad uscire) “Vaddo a Torriggia a vedde se han riparòu o motosappa…” (indossa una giacchetta ed esce)

SCENA III

(Carolinn-a - Teodolinda - Medeo)

CAROLINN-A:- (si avvicina alla porta e chiama)“Teo… Teodolinda!”

TEODOLINDA:- (rispondendo da fuori un po’ alla sua maniera, senza fronzoli)“Se gh’è?”

CAROLINN-A:- “T’hae finîo?.. “

TEODOLINDA:- (entra con dei panni o lenzuola)“Staggo mettendo in lavatrice i lenzeu da piccinn-a.. son finn-a neigri in fondo da-i pé.. Ma a no se i lava?”

CAROLINN-A :- (alterandosi un poco) “Pe’ teu norma e regola a Samanta a l’è ‘na scignorinn-a pulita.. a-o conträio da Nunzià.. La mia piccola si scambia tutti i giorni..” (con sussiego) “.. e si profuma anche”

TEODOLINDA:- (aprendo la porta del giardino) “Saieiva mëgio ch’a l’addeuviesse meno profûmmo e ciù savon.. Ci sono anche le fodrette sporche di belletto.. e unte di tubetto.. guardi” (mostra) “E ho attrovato anche delle cicche sotto il letto.. sarà meglio che ci dia un po’ più a mente alla ragassa”

CAROLINN-A:- “Cicche? (scrolla le spalle) “E be.. a l’è ‘na figgia moderna.. ghe piaxe ëse sempre appari..” (non trova il vocabolo) “appari..”

TEODOLINDA:- (comica) “Apparissione?”

CAROLINN-A :- “Ma che Paiscion e Bargaggi.. Insomma a veu apparì sempre bella.. do resto comm’a l’è”(cambiando argomento) “Comunque caccili in ta lavatrice do magazin e metti quelli puliti”

TEODOLINDA:- “Non sono mica abertoelata.. quelli puliti l’ho zà missi.. Compermisso” (esce dal centro)

CAROLINN-A :- (tra sé)“Staseia, quande vegne o commendatò Gallo attasto o terrén pe’ a Nunzià.. Coscì, ‘na votta scistemmà e feua de casa gh’arresta solo a Samanta” (estasiata)“A mae piccinn-a.. A diventià mëghessa.. che soddisfasiòn..” (bussano alla porta) “Chi l’è?”

MEDEO           :- (da fuori del giardino) “Son o Medeo.. posso intrà?”

CAROLINN-A :-(cerca di darsi un’aggiustatina ai capelli, al vestito e poi)“Intra pûre”

MEDEO           :- (sulla cinquantina. Vestito da contadino, stivali di gomma e giubbotto, berrettone di lana) “O no gh’è o Gaitan?”

CAROLINN-A :-“O l’è andaeto e Toriggia a vedde se gh’han aggiûstòu a motosappa”

MEDEO           :- (cercando di essere galante, ma fuori della sua natura) “Sempre regaggîa a Scià Carolinn-a, eh?”

CAROLINN-A :- (fingendo di schernirsi) “E figûremmose” (sospirone) “Sempre chì.. mentre.. a mae natûa a saieiva quella di xeuà, ëse in to commercio, in ti affari.. gh’ho sempre avûo o ballìn di affari.. mi sento addosso la seconda giovinezza!” (accenna un giro di valzer, canticchiando)

MEDEO           :- (goffo, gli molla una pacca sulle spalle, che vorrebbe essere di apprezzamento) “Che gambette agili”

CAROLINN-A :- (stupita barcolla e lo guarda severamente) “Ma diggo! Ti e tratti coscì e scignoe?… Oa accapiscio perché t’è ancon fantin”

MEDEO           :- “Robûsta comme t’è pe tì l’è ninte..” (controlla come se si trattasse di un cavallo) “Belle spalle. Dentatûa sann-a, musculatûa ch’a l’arrezze do peizo.. Beato o Gaitàn..”

CAROLINN-A  :- “Beato’n corno!.. Cöse ti m’hae piggiòu pe’ ’n cavallo da tîo?”

MEDEO           :- (guardandosi attorno)“.. a Nunzià a no gh’è?”

CAROLINN-A :- (diffidente) “E perché.. cöse ti veu da lé?”

MEDEO           :- “Ninte… e.. o galante a l’ha attrovòu?”

CAROLINN-A :- “Scì.. la mucca carolina” (misteriosa) “E a tì che te ne frega?.. Peu anche däse ch’o segge in arrìvo.. ma tì, stanni lontan. Quella l’è më-gio ch’a l’attreuve ûn de feua”

MEDEO           :- “Coscì.. più lontana va.. più le manovra interne avranno successo”

CAROLINN-A :- “Son affari che no te riguardan” (pensosa) “Ma dimme ‘n po’.. l’è vea che t’hae refûou d’andà a travaggià cö Virgi?.. Comme mai?”

MEDEO           :- (imbarazzato) “Ma l’è che o Virgi.. ti veddi..”

CAROLINN-A :- (interrompendo) “O no l’ha de figgie..”

MEDEO           :- “Ma cöse gh’intra… L’è che a-o Gaitan che son affezionòu.. O m’ha visto ch’eo 'n bardasciamme e poi l’ho faeto anche pe’ ‘na pro- missa faeta a mae moe primma de moì: <m’arraccomando>, a m’ha dïto, <stanni arente a-o Gaitàn comme an poae..o l’è ‘n brav'ommo e o te veu ben.. tegnilo avvardòu..>

CAROLINN-A :- “Comunque levite da-a testa a Nunzià e sorviatûtto a mae Samanta…" (dal giardino entra Teodolinda) "Pe’ lé se ghe prepara ‘n’avvegnì radioso.. a diventià importante.. a no faià a mae fin”

TEODOLINDA:-“Tûtto faeto.. Ciao Medeo.. ah, o Gaitan o l’ha dïto se ti porti ‘na galinn-a a Don Campana, o nostro curatto“

CAROLINN-A :- “Quello ho pitta davanti e derré.. E comme mai o l’ha dito a tì invece de dïllo a mì?.. Son meno che a serva òua?”

TEODOLINDA:- “Ch’a no s’arragge.. o m’ha visto e ghe vegnûo in mente”

MEDEO             :- (ironico, a Teodolinda) “Eh, scì, o l’ha visto a Teo e gh’è vegnûo in mente a galinn-a..”

TEODOLINDA:- “Cöse t’orriesci dì?”                 

MEDEO           :- “Scherzo, scherzo..”

CAROLINN-A :-(a Medeo)“Piggia a ciù magra in to frigidaire che tanto pe’ lé a va ben  o maeximo.. L’ätra votta o l’ha dïto che in Gëxa o no gh’aveiva ciù de vin gianco pe’ a messa e o se ne portò via ‘n bottiggiòn” (bussano)

TEODOLINDA   :- (va ad aprire e saluta il prete che entra)“Se parla do diäo e spunta..”

SCENA III

(Carolinn-a – Medeo – Teodolinda – Curatto)

DON CAMPANA:- (entrando e interrompendo Teodolinda) ".. l'aegua santa.. Pace e bene a tutti.. Comm'a va Scià Carolinn-a?.. Ciao Medeo, sempre alla ricerca dell'anima gemella? Buongiorno anche a ti Teodolinda"

CAROLINN-A    :- “Come mai da ‘ste parti?.. O l’ha sentîo ciössà e galinn-e?”

DON CAMPANA:- “Passävo a salûave. A propoxito de galinn-e..o Gaitan..”

CAROLINN-A :- “Son a-o corrente.. o Medeo o stava andando..”

MEDEO           :- “De là in to frigi..”

CAROLINN-A :- (lo interrompe bruscamente) “..in to pollà!” (a Medeo, con intenzione)

MEDEO           :- (avviandosi verso la porta centrale) “.. in to pollà.. Compermisso.. vado a fare un gallinicidio”

DON CAMPANA:- “Bella grassa eh?..”

TEODOLINDA   :- (tra sé, intanto che netta con uno straccio) “Poi te o saviò dì”

MEDEO           :- (esce e rientra subito e al parroco) “Reverendo.. la vuole nuda o con le piume?”

DON CAMPANA:- (a Medeo) “Lascia perde.. ghe pensià a Clotilde, mae seu, no sta a perde ätro tempo”

MEDEO           :- “Scià stagghe tranquillo che in te’ n’attimo son chì” (si ferma ad ascoltare davanti alla porta di centro)

CAROLINN-A :-“Don Campana ch’o me digghe ‘n po’..che tipo o l'è Don Prospero?"

DON CAMPANA:- (rabbuiandosi) “Beh..Praeve o no l'è ancòn.. o no l'ha finìo i stûddi a o Semenäio, o m'aggiûtta qualche votta in Gëxa, e meno male per- ché no ghe saieiva nisciûn se donca..no ghe son abbastanza zoeni con a vocassiòn e coscì se fa o poscibile.. Speremmo ch'o finisce i stûddi e ch'o vegne chì, in to pàise. ”

MEDEO             :- (che stava ad ascoltare scappa un colpo di tosse)

DON CAMPANA:-“Ma t'è ancòn chì? Vanni pûre cäo se no a galinn-a a dimagrisce”

MEDEO           :- “Vaddo, vaddo” (escendo) “Ciû magra de coscì”

TEODOLINDA:- (a Carolinn-a) “Intanto vado a fare le stansie.. compermisso” (esce a sinistra)

DON CAMPANA:- (con sussiego e mistero) “Son vegnûo anche pe'.. l'Annunziata..”

CAROLINN-A :- “Cöse a l’ha combinòu?” (accenna la sedia accanto al tavolo)

DON CAMPANA:- “Oh, ninte, a sente solo a mancanza d'affetto da parte seu"

CAROLINN-A :- “Mì?.. Ma se ghe veuggio ciù ben a momenti che a-a Samanta.. anzi.. ghe staggo finn-a çercando màio”

DON CAMPANA:- “Appunto.. Scà vedde scià Carolinn-a.. L'è o moddo con o quale a ghe çerca o màio..E’ il motivo recòndito per il quale lei si muove”

CAROLINN-A :- “Recondìto?.. n’accapiscio.. comunque è tutto per il suo bene”

DON CAMPANA:- “Scià l'agisce comme scià faieiva pe' a Samanta, in fondo son figge do stesso poaè"

CAROLINN-A :- (con aria di rimprovero) “E coscì.. a l’è vegnûa a lamentäse con Voscià”

DON CAMPANA:- “No, no.. pe' caitae.. Son mi che ho capìo, parlando con lé, che cöse l'éa che a rendeiva triste, ecco tûtto” (guarda verso la porta) “O Medeo o ghe ne mette do tempo..”

CAROLINN-A :- “Tranquillo.. a galinn-a a l'èa za pronta” (riprendendosi) “Voeivo dì che mae màrìo o l'aveiva zà preparà pe' lé"

DON CAMPANA:- (fingendo di schermirsi)“Oh, no l'è pe' quello; o Medeo o me pâ ûn brav'ommo.. lavoratore.. e.."

CAROLINN-A :- (interrompendolo) “E o me o vegne a dì a mì?”

DON CAMPANA:- “De figgie in to pàise no ghe n'è mïga tante”

CAROLINN-A :- “Sciò cûratto.. e figge non son galinn-e da piassà”

DON CAMPANA:- (sornione) “Se a-o dïxe lé.."

CAROLINN-A :- “E poi o Medeo o no l’è ciù de primmo péi manco lè”

DON CAMPANA:- (con una frecciatina) “Sempre ciù zoeno de.. qualche mediatô.."

CAROLINN-A :- (sta per replicare ma entra Medeo)

MEDEO           :- (ha un sacchetto di plastica) “Ecco Sciò cûratto.. nuda.. bella spelacchiata e incartata”

DON CAMPANA: (si alza, prende il sacchetto, lo soppesa facendo capire che è leggerino) “Pe' ëse staeta appena-a ammazzà..a me pâ ciûttosto zeà"

CAROLINN-A   :- “Ma perché.. a l’è.. a l’è stata sembra a l’ombra”

DON CAMPANA:- “Comunque grazie e scià ghe pense a quello che gh'ho dïto.. Arriveddise”

CAROLINN-A :- (accompagnandolo alla porta) “Staeve ben”

DON CAMPANA:- (soppesa perplesso il pacchetto.. leggero, ed esce)

SCENA IV

(Carolinn-a – Medeo –Pestello- Nunzià)

CAROLINN-A :- “Che galinn-a ti gh’hae daeto?”

MEDEO           :- “Quella ch’a ranghezzava.. quella piâ ch’a l’èa in to frigidaire”

CAROLINN-A :- “Oa vanni a fa quello che t’ha dïto o Gaitan che mi devo sciortì”

MEDEO           :- “Va ben.. vaddo a levà a neie da-o strazetto verso a stalla.. se donca no se peu manco camminà” (esce)

CAROLINN-A :- (si da un’aggiustatina e si pavoneggia) “Eh, scì.. Doveivo piggià quel- l’ätro..l’Ixidòu.. primma ch’o l’andesse in America a fa fortûnn-a.. Peccòu che no se peu tornà inderré..” (suonano alla porta) “Chi l’è?”

PESTELLO      :- (da fuori)“Sono Cesare Pestello”

CAROLINN-A :- (cerca di rassettarsi  e poi, tra sé) “O sciò Cesarin?.. Quello scì ch’o l’è n’ätr’ommo pin de palanche, zoveno bell’aspetto..” (bussano ancora) “Vengo immantinente” (va ad aprire)

PESTELLO      :- (sulla quarantina circa, ben vestito, cappotto col collo di pelliccia, cappello) “La prego di scusarmi per l’ora in cui mi presento ma..”

CAROLINN-A :- (interrompendo) “Ma nessun desturbo si figuri.. è che.. sono un po’ desandiata perché non mi aspettavo la sua visita.. mio marito non c’è.. ma per cosa..”

PESTELLO      :- (con fare da seduttore) “Le dirò.. sapevo che il signor Pestarino non c’era..” (con scopo mirato) “Sono venuto..” (si avvicina) ”..per lei..”

CAROLINN-A :- (stupita) “Per.. per io..?” (comicamente civettuola sculetta offrendogli una sedia) “Ma.. signor Pestello io..”

PESTELLO      :- (con slancio, le prende una mano portandosela al petto) “Mi chiami pure Cesare, o Cesarino se preferisce”

CAROLINN-A :- “Ma.. ma signor Cesarino io.. non me l’aspettavo..” (tra sé e verso il pubblico) “O no poeiva presentäse quarche anno fa?..” (a Cesare) “Non deve invescigarmi io.. io sono sposata ed ho anche una figlia.. anzi.. due.. anche se pe’ dì a veitae ûnn-a l’ho attrovà za faeta”

PESTELLO      :- (sempre con molta galanteria) “Lungi da me dal volerle mancare di rispetto ma.. sapesse quanti anni sono che lei mi piace.. ancora prima che prendesse il signor Pestarino”

CAROLINN-A :- (le scappa di cuore) “E perché Scià no me l’ha dïto primma?” (riprendendosi) “Volevo dire.. che oramai ero già impegnata col Gaitano.. ma non capisco.. non ci sono delle ragazze da marito nei dintorni? O më- gio ancon in città dove lei, a quanto ne so, svolge la sua attività e che attività!.. Un bel negossio da gioielliere in via Luccoli..”

PESTELLO      :- (imbarazzato) “Eh?.. Ah, già..in via Luccoli..Ma sapesse quante spese.. milioni per comperare la merce, assicurazioni, tasse, sofisticati mezzi d’allarme, porte blindate e poi il dover stare sempre all’erta per il timore dei furti”

CAROLINN-A :- (lusingata, compiacendosi) “E.. come mai viene adesso a farmi questa.. uscita?”

PESTELLO      :- (titubante, si guarda attorno) “Perché.. perché.. avrei bisogno anche di una socia fidata, che sappia combinare degli affari e dare un tono di prestigio alla mia attività”

CAROLINN-A :- (stupita) “Soccia?.. A mì?.” (pensando) “Ma signor Pestello, anzi.. Cesarino.. per farsi soccia di un negossio come il suo.. anche se l’ho visto ‘na votta sola.. ci vorranno dei soldi, oppure lo devo al suo gentile pensiero nei riguardi della mia persona medesima?”

PESTELLO      :- “Beh.. innanzitutto perché lei sarebbe stata il mio tipo.. E poi vedo che sa trattare gli affari e.. in quanto ai soldi.. è anche vero che per partecipare ad un’attività già avviata da anni, da padre in figlio, occorre portare un contributo.. acquistare una quota della proprietà.. e trattandosi di lei, basterebbe solo.. una modesta somma”

CAROLINN-A :-“E.. quanto sarebbe questa.. modesta somma”?

PESTELLO      :- “Considerando che altri premono per diventare soci.. occorrerà batterli sul tempo con.. almeno..cento milioni "

CAROLINN-A :- (ha uno scatto e sta per scapparle una parolaccia ma si tappa poi la bocca) “E mou bellan.. ehm.. perdindirindina..cento milioni..e circa anche.. all'anima di una modesta somma”

PESTELLO      :- “E’ quella che occorrerebbe.. per il momento, e per una gioielleria sono bazzeccole, briciole.. pensi che ci sono diamanti, collane di perle che non si acquistano neppure per quella cifra”

CAROLINN-A :- (frastornata, dispiaciuta) “E mì dovve i piggio?”

PESTELLO      :-“Non mancano certo i soldi a suo marito con tutto il terreno che ha”

CAROLINN-A :- (salace e comica) “Scì.. derré ä Gëxa!”

PESTELLO      :- “Appunto”

CAROLINN-A :- “Guardi che quello dietro alla Chiesa.. va ben, lascemmo perde..” (sospettosa) “E così.. questo suo interessamento alla mia persona medesima è per.. “ (mima i soldi) “..diventare soccia con lei?”

PESTELLO      :- “Il mio interessamento per lei, gliel’ho detto, è più che altro.. affettivo.. lei mi è sempre piaciuta e se diventasse mia socia.. saremmo spesso accanto l’uno all’altra”

CAROLINN-A :-“Però prima che prendessi il Gaitano, sapendo che.. il terreno dietro alla Chiesa io non l’avevo, non potevo diventare sua soccia, vero?”

PESTELLO      :- “Vede signora, c’è un qui pro quo..”

CAROLINN-A :- “Anche quello?”

PESTELLO      :- “C’è un equivoco di fondo. M’interessa la sua persona, la sua verve, la sua capacità negli affari. Si vede dall’occhietto vivo che lei sarebbe un’ottima socia e.. potrebbe cambiare ambiente..”

CAROLINN-A :- “Questo l’è vea.. ma le palanche sono del Gaitano.. sono della sua prima figlia, la Nunziata.. e lei che ha ereditato la quota di sua madre.. io sono venuta dopo.. “ (tra sé) “E o piggiò ‘na bella fregatûa.. Anch’io credevo al terreno dietro alla Chiesa.. ma quello o l’è vixin a-o camposanto.. Caro il mio signor Cesarino, oggi il terreno, se non è fabbricabile non lo vuole nessuno.. Gh’è troppo da giaminà pe’ travaggiälo e francamente anche mì orrieiva poei andà in çittae, magara in te ‘n’oreficeria in mëzo ä gente ch’ha l’ha di dinae da spende..e invece sono qua.. “

PESTELLO      :- “Credevo che.. comunque ci provi. ”

CAROLINN-A :- (capendo) “E così tutto il suo slancio.. o l’è finîo.. “

PESTELLO      :- “Ma no.. ci mancherebbe altro..lei rimarrà sempre nel mio cuore..” (si sente un tuono)

CAROLINN-A :- (tra sé) “Questo o l’è o segnale de ‘n’ätra miccia.. diceva?”

PESTELLO      :- “Questo è il mio biglietto da visita col numero di telefono e del cellulare” (lo porge) “E così Annunziata ha ereditato la parte della mamma.. interessante.. E.. adesso dov’è?”

CAROLINN-A :- (guardandolo salace) “Perché?.. Vorebbe farla sua soccia?”

PESTELLO      :- “E perché no?”(allusivo) “Naturalmente sotto la sua guida..Lei mi aiuti ed io.. le sarò riconoscente”

CAROLINN-A :- “Scià me pâ 'n bello gancio"

PESTELLO      :- "Allora?"

CAROLINN-A :- “Ne parliò e poi vediemo.. Ma.. comme mai Scià l’ha bezeugno de ‘na soccia..? O poeiva attroväse anche ‘n soccio ghe pä?”

PESTELLO      :- “Una presenza femminile è sempre ben vista dagli acquirenti, specialmente se questa.. fosse lei”

CAROLINN-A :-“Specialmente se porta anche delle palanche..”

PESTELLO      :-“Sono certa che riuscirà.. Vedo che lei è nata per gli affari” (le bacia la mano. Carolinn-a resta incredula con la mano a mezz’aria mentre entra Nunzià dall’esterno a testa bassa che controlla nella borsa. Cesarin, che indietreggia guardando Carolinn-a in un saluto silenzioso, non se ne accorge ed i due hanno un impatto. A Nunzià cade la borsa della spesa. Cesarin si volta tenendosi una mano ai lombi ed esce di scena)

                                        SI CHIUDE RAPIDAMENTE IL SIPARIO

FINE DEL PRIMO ATTO

ATTO SECONDO

(stessa scena del primo atto)

SCENA I

(Samanta – Nunzià – Medeo)

                              (Samanta e Nunzià sono sole. Sedute, stanno raccontandosi i fatti propri)

SAMANTA     :- “E così Don Prospero mi raccontava un po' i suoi fatti personali e ogni tanto mi teneva la mano.. mi no saveivo comme comportäme”

NUNZIA’         :- “Mi creddo che quello o no se faià ciù praeve.. Ma comm’o vive?.. Travaggià o no travaggia, a-o Semenäio o no ghe va.. Stanni attenta.. o no me pä né carne né pescio.. no l’ho mai visto con a tonaca”

SAMANTA     :- “Però col latino ho migliorato. Non capisco il perché se ne stia sempre lì, nascosto tra le sue scartoffie.. Mi ha raccontato che quella era la casa di sua madre e che lui ci veniva durante le vacanze”

NUNZIA’         :- “Ti sae chi ho attrovòu chi in casa l’ätro giorno? O Sciò Cesare Pestello”

SAMANTA     :- “Il nome non mi è nuovo”

NUNZIA’         :- “Se semmo daeti ‘na patta dentro.. Lè o faxeiva retromarcia e mi..”

SAMANTA     :- “Retromarcia in casa?”

NUNZIA’         :- “O faxeiva o baxaman a-a mammà.. Ho faeto finta de no veddilo e ho asbasciò a testa e coscì.. panfete!”

SAMANTA     :- “Oa me vegne in cheu .. deve avere degli affari nel centro storico di Genova.. Ne parlava la mamma col papà per dei soldi da investire”

NUNZIA’         :- “O l’è finn-a ‘n bell’ommo.. fìn..”

SAMANTA     :- “La mamma insisteva col papà perché voleva diventare socia di Pestello.. Poi hanno parlato sottovoce e.. no ho ciù accappio 'n berettin" (bussano alla porta centrale)

NUNZIA’         :- “Avanti, gh’è averto”

MEDEO           :- “Oh, belle figgie.. sole?”

SAMANTA     :- “La mamma è andata a Genova e papà è nei campi”

MEDEO           :- (si avvicina) “Scignorinn-a Nunzià.. ho sacciû che ghe son di pretendenti a quante pare”

SAMANTA     :- (ironica, a Medeo) “Sì.. stà facendo la lista”

NUNZIA’         :- (a Medeo) “E a tì chi te l’ha dïto?”

MEDEO           :- “Si dice il peccato ma non il peccatore”

SAMANTA     :- “Sarà l’Angiolina..Non ha la televisione e a sta alla finestra a guar- dare gli arrivi e partenze”

MEDEO           :- “Comunque me fa piaxei pe’ tì.. Posso mettime in notta?”

NUNZIA’         :- (si alza) “Medeo, acciantila lì se no mae moiegna a te manda a vende e rostïe anche in to méize de luggio”

SAMANTA     :- “La mamma vuole un partito come si deve per Annunziata”

MEDEO           :- “Scì.. proppio partito..” (accenna alla partenza) “E pensà che l’ommo pe’ tì o l’è de chì.. ai Zövi”

NUNZIA’         :- “Ah, scì? E chi o saieiva?

MEDEO           :- (dandosi un atteggiamento da Don Giovanni) “Il sottoscritto: Amedeo Cabona, scapolo, benestante..”

SAMANTA     :- “Capirai...benestante.. miscio comme ‘n despiòu”

MEDEO           :- “Oua.. Benestante in to senso che staggo ben in salûtte”

SAMANTA     :- “Se non giocasti sempre al lotto o al totocalcio, forse qualche risparmio l'avresti”

MEDEO           :- “Question de fortûnn-a, sensa un po’ de fortûnn-a no se fa ninte.. Ma chi vivrà vedrà.. perintanto son libero.. e a portà de man” (suonano alla porta)

SCENA II

(Gallo – Medeo – Samanta – Nunzià - Carolinn-a)

                          (Samanta va ad aprire ed appare il Commendator Gallo, un signore anziano, un po’ malfermo, ben vestito. Ha con sé una cartella o borsa ventiquattr’ore)

GALLO            :- “Salute a tutti. Cercavo la signora Pestarino.. posso parlarle?”

TUTTI             :- "Buongiorno, buongiorno..

MEDEO           :-“Sciò Gallo, scià no l'ha ancon imparòu o zeneize?"

GALLO            :-“Posso parlare in napoletano se vuole. E poi è mia abitudine parlare in italiano dovendomi presentare a persone facoltose, istruite.. senza offesa s'intende”

MEDEO           :- (spiritoso) “Alloa Scià parle pûre italian”

NUNZIA’         :- “Ch’o no ghe dagghe a mente.. o ciocca come na lamma”

GALLO            :-“Posso sedermi?”

SAMANTA     :- “Prego” (accenna ad una sedia)

NUNZIA’         :- “Cöse o voeiva da mae moae?”

GALLO            :- “Desideravo farle una proposta molto interessante”

MEDEO           :- “Interessante pe’ chi?”

GALLO            :- “Per tutti e due naturalmente ma soprattutto per lei"

NUNZIA’         :- “E de cöse se tratta?”

GALLO            :- “Voi sapete che faccio il mediatore: compra e vendita di beni immobili, terreni e financo oggetti antichi”

MEDEO           :- “Financo o l’è ‘n nomme che no ho mai sentîo”

SAMANTA     :- (saccente) “Significa: <ed altresì> , capito Amedeo?”

MEDEO           :- “Cöse veu dì studià eh?.. Ûn o vegne chì.. o te sbatte in sciò muro ‘na parola comme ‘financo’ e te combinn-a di affari”

SAMANTA     :- “Ho capito.. scusate.. vaddo nella mia stanza a giocare con la  play station è più divertente che starvi a sentire” (esce)

MEDEO           :- "E cöse a l'è a <Play station?>.. 'na stazion inglese?"

GALLO            :- “Continuando quello che stavo per dirvi, avrei bisogno della signora Pestarino”

NUNZIA’         :- “Posso savei de cöse se tratta..? Doppotûtto son seu figgia”

GALLO            :- (titubante) “Per la verità sono alquanto titubante”

MEDEO           :- “Ma Scià no titûbbe.. noiätri semmo de casa”

GALLO            :- “Ecco la faccenda sarebbe alquanto delicata.. tuttavia.."

MEDEO           :- “Si esterni pure" (a Nunzià) ”Ghe l'ho dïto in italian!"

NUNZIA'         :- (a Medeo) "Tì, ti frequenti a casa ma no t'è de casa!"

GALLO            :- "Beh.. in questo caso.. ritengo di non esternarmi"

NUNZIA’         :- “Ma armeno ûn accenno..”

GALLO            :- “Scignorina Nunziatina.. A voi personalmente non posso dirlo.. Siete la persona direttamente interessata e poi.. con un estraneo in casa..” (allude ad Amedeo) “Comunque ne ho già parlato con la signora Carolina Pestarino e lei sarebbe d'accordo”

MEDEO           :- “Se a Scià Carolinn-a a l’è d'accordio.." (a Nunzià) "..gatta ci cova”

NUNZIA’         :- “Ti pensa a-i faeti teu”

GALLO            :- “Ci sentiremo..Mi fissi un appuntamento, anzi le darò io una telefonata” (riprende la cartella, si alza) “Statteve bboni” (si avvia all’uscita accompagnato da Nunzià)

NUNZIA'         :- “Ghe scommetto che a l’è mae moiegna ch’a l’innandia tûtto ‘sto raväxo”

MEDEO           :- (si alza e si avvicina intenzionato a Nunzià. Lei è voltata e non se ne avvede. Comicamente Medeo si avvicina e l’abbraccia. Lei ha un grido scappa inseguita dall’uomo il quale scontra una sedia e si fa male ad una gamba. Mugugna e zoppica saltellando. Entra in quell’istante Carolinn-a, ben vestita)

CAROLINN-A :-“E cöse ti fae?.. O ballo da carega?”

MEDEO           :- (imbarazzato, continua a lamentarsi) “O ballo da carega?.. Eh za! Ghe stavo mostrando.. coscì a carlevà poemmo andà a festa do pàise..”

CAROLINN-A :- (a Nunzià, sospettosa) “Comme mai sei soli voiätri duì?”

NUNZIA’         :- “Veramente gh’éa anche a Samanta, ch’a l’è andaeta de däto. L’è appenn-a sciortîo o commendatò Gallo.. No ti l’hae incontròu?”

CAROLINN-A :- “Mì no.. “(circospetta) “E.. o l’ha dïto quarcösa?”

MEDEO           :- “Scì.. o voeiva parlà de affari e..”

CAROLINN-A :- (sul chi va là) “Con voiätri?..” (a Medeo) “E tì cöse ti gh’intri?”

MEDEO           :- “Questo me l’ha za dïto anche a Nunzià, o voeiva..” (a Nunzià) “Digghelo tì.. da o momento che mi son ‘n’estraneo”

NUNZIA’         :- “O voeiva parlà de affari con tì che tì n’è a-o corrente”

CAROLINN-A :- (imbarazzata si volta per nascondere meglio il suo pensiero) “A mì o no m’ha dïto proppio ninte..” (stizzita, tra sé) “I ommi!.. No san tegnì a bocca serrà!”

MEDEO           :- “Comunque o telefona pë avei ‘n’appuntamento”

CAROLINN-A :- “Ma diggo! No ti doviesci ëse a travaggià?..”

MEDEO           :- “Vaddo, vaddo.. manaman me l’attreuvo zà faeto“ (esce)

CAROLINN-A :- “T’ho dïto de no incoraggiälo, de lasciälo perde.. Quello lì o no te portià mai da nisciûnn-a parte.. e o saià de lungo miscio.. i pochi dinae ch’o guagna o se i straggia a-o lotto e a-o totocalcio invece de pensà a-o seu avvegnì.. O l’è tanardo”

MEDEO           :- (rientra) “Ti m’hae ciammòu?”

CAROLINN-A :- “Ti stavi a sentì derré a-a porta?”

MEDEO           :- “Me n’avvardo ben.. chissà cöse sentieiva.. Voeivo dï che o Gaitan o no vegne a dormì.. Con di amixi dan a caccia a ‘n cinghiale.. a-o porco sarvaegho insomma.. a meno che o no cange idea”

CAROLINN-A :- “Va ben, ti me l’hae dïto.. Alloa?”

MEDEO           :- “Va ben, vaddo, a rimanam.. se vedemmo” (esce)

CAROLINN-A :- “No me fîo guaei de quello lì.. Va a finì che ghe seunno l’archetto e-o mando a spigoà!. Vegni sciù che te devo parlà”(escono alla sinistra)

SCENA III

(Gaitan – Carolinn-a - Teodolinda)

GAITAN          :- (entra dall’esterno, appende la giacca, chiama la moglie) “Carolinn-a!” (nessuna risposta) “Carolinn-a!” (silenzio, poi tra sé) “Veuggio vedde se oa a l’arriva..” (con voce alta) “Carolinn-a m’han pagòu i arretrae do laete.. dovve e metto e palà…”

CAROLINN-A :- (entra rapidamente prima che finisca la frase) “Ti m’hae ciammòu?”

GAITAN          :- (verso il pubblico, con comicità, sottolinea la sua previsione)”Scì.. voeivo dïte che son arrivòu!”

CAROLINN-A :- “Ma.. t’hae dïto quarcösa d’ätro che.. no ho accapìo ben”

GAITAN          :- (sornione) “Mì?.. No me pä”

CAROLINN-A :- (grattando) “Me paiva d’avei sentïo parlà de.. palanche..”

GAITAN          :- (comico) “Veramente no ho faeto in tempo.. ho dïto solo <palà..> e t’è arrivà.. Scì.. “ (palpandosi la tasca con finta noncuranza)”M’han pagòu o laete de sei meixi”

CAROLINN-A :- (si avvicina sorniona e lo prende sottobraccio) “L’éa òa.. coscì poemmo pensà a quell’affare..”

GAITAN          :- (con comicità) “Tranquilla; zà pensòu.. te ne metto comme a-o solito ‘na parte in sciò comò pé-e speize de casa e l’ätra..”

CAROLINN-A :- (fatalona) “E l’ätra.. pe’ quell’investimento cö Sciò Pestello e diventà seu socci..”

GAITAN          :- “L’ätra.. doman mattin vaddo a depoxitäli in banca”

CAROLINN-A :- (cercando di convincerlo con affabilità) “Comme ti veu.. vorrià dì che ti i prelievae doppo e faiemo l’affare.. Quella a saieiva ‘n’ätra risorsa, ätri guagni, oltre a-o terren..”

GAITAN          :- “Davvei?.. Ma a proposta o l’ha faeta a mì o a tì?”

CAROLINN-A :- “O l’ha faeta a mì.. o sa che gh’ò o ballin pe’ i affari”

GAITAN          :- “E alloa cöse gh’intro mì.. Fanni pûre se ti creddi..” (sornione) “A teu nomme natûralmente. Intanto non abbiamo la comunione di beni e le responsabilità sono divise…Vorrià dì che o guagno o saià tûtto o teu”

CAROLINN-A :- “E mì dovve i piggio?”

GAITAN          :- “Questo no so.. Fatteli imprestà.. Ti gh’è tanti ammiratori.. O com- mendatò Gallo.. i teu ex pretendenti.. E.. coscì tanto pe’ savei.. quante o vorrieiva?”

CAROLINN-A :- (cercando di minimizzare) “No te l’ho dïto?.. Manco tanto.. solo.. solo çento milioni "

GAITAN          :- (ha uno scatto, poi, con comicità)“Solo?..Pài, me credeiva finn-a de ciù”

CAROLINN-A :- “E alloa ti porriesci mette anche a teu firma coscì dividemmo”

GAITAN          :- “Nibba!.. No me incallo in cöse che no conoscio”

CAROLINN-A :- (adirata) “E mì ti sae cöse te diggo? Ti te ne pentiae.. Mi attroviò e palanche e mi metterò in proprio!..Frequenterò l’alta società.. diventerò una signora IO.. spilorcio!”

GAITAN          :- “Non si alteri signora Carolina Canestrello, non si irriti se donca ti m’iriti mì, ti t’iriti tì, ti l’iriti lé!” (fa un inchino sfottente)

CAROLINN-A:- “Tirititera.. ma cöse ti dixi?”

GAITAN          :- “Che te auguro de fa de palanche.. E poi mì tûtti quelli dinae no l’ho mai visti.. Emmo ristrutturou a casa, ammodernòu l’allevamento de vacche, faeto l’impianto de irrigazion pe’ a campagna, pagòu a stradda che da-a provinciale a l’arrîa a ca nostra. Mi no m’intendo de gioielli, de braççaletti e releuj..Me mincionnieva comme veuan .. Se me mostran ûn cû de gotto in te ‘n’anello e me dan da intende ch’o l’è ‘n diamante va a finì che ghe creddo. Ognidûn o so mesté.. Comunque, se t'attreuvi o merlo ch’o te i dà..”

CAROLINN-A :- (seccata e delusa) “Te faiò vedde mì cöse sa fare la Carolina Canestrello. Diventerò una signora, io! E tì, t’arrestiae sempre ‘n villàn” (mette una giacca ed esce)

GAITAN          :- (dispiaciuto per la situazione, tristemente) “A diventà scignoa no abbasta solo i dinae.. “ (borbotta) "..l’alta società..Scì..la società di mutuo soccorso ..Chissà.. magara a-o diventià pen davei” (raccoglie sul tavolo un biglietto) ”E questo cös’o l’è?” (legge) “<Ti aspetto domani alla solita ora, nel solito posto. Non mancare. Tuo Cicci..> Cicci?.. E chi o l’è?”(resta un attimo perplesso) “Cicci..che imbroggio gh’è sotto?”

TEODOLINDA   :- (entra dalla porta centrale con della legna) “Oh, Sciò Gaitan.. Tûtto ben?“ (pausa, lo vede pensieroso) “O veddo penscieroso.. cöse gh’è che no va? A vacca pessà a no l’ha ancon partorìo?”

GAITAN          :- (sornione) “Macché vacca e vacca.. Indovinn-a chi ho visto?.. “

TEODOLINDA:- “La mucca pazza”

GAITAN          :- (provando a vedere se sa qualcosa) “O Cicci!”

TEODOLINDA   :- “Ah, scì? Me fa piaxei.. E chi o l’è.. o conoscio?”

GAITAN          :- “Mi no so, dimme tì”

TEODOLINDA:- “Cöse gh’è sotta?”

GAITAN          :- “No se peu ascondite ninte eh? Teo o so che t’è ‘na brava donna.. son tanti anni oramai che ti vegni chi..”

TEODOLINDA:- “Ciù de trenta. Vegnivo che a Nunzià a l’èa ancon piccinn-a e a pövia seu moggé, a Mariëta, a l’éa ‘na mae amïga.. a me confiäva tûtto.. “ (facendo capire che sapeva molte cose) “..anche de so màjo”

GAITAN          :- (allerta) “A l’àvià avûo ben poco da contà”

TEODOLINDA   :- (con lieve sguardo di rimprovero) “A sentì quello ch’a me contava.. ghe n’éa ben ben.. A saveiva anche e seu.. dimmoghe.. scappatelle.. “

GAITAN          :- (ancora più allerta) “Scì.. quelle in ta societae di caccioéi”

TEODOLINDA   :- “Ma mì, sempre sitta.. no me son mai azardà de ninte.. a saveiva anche i nommi de…” (resta titubante)

GAITAN          :- (comincia ad alterarsi) “I nommi do beliscimo.. E levite o rospo da-o göscio.. coscì i so anche mì”

TEODOLINDA   :- “Se proppio o ghe tegne.. ûnn-a a l’éa a pövia Suntinn-a..”

GAITAN          :-“Ah!..” (cerca di fare lo gnorri) “E chi a saieiva a Suntinn-a?” (siede)

TEODOLINDA   :- “Ö sa beniscimo chi a l’èa.. A moae do Medeo.. E so anche che a gh’ha raccomandò a-o Medeo de sta vixin a-o Sciò Gaitan..comme a’n poae!”

GAITAN          :- (ha uno scatto comico) “Pòscito ëse.. o saià mïga..”(pensieroso, tra sé) “Ecco perché o no l’hae andaeto da o Virgi a travaggià.. Cöse a gh’a- vià mai dïto ä Suntinn-a? O deve sta lontan da-a Nunzià o porrieiva ëse mae fi..No, no..a me l’avieiva dïto” (si deterge il sudore)

TEODOLINDA   :- “Colpito nel segno eh?.. Senza contà poi de ätre.. Ghe fasso quarche nomme?”

GAITAN          :-“Basta coscì. No veuggio savéi ciù ninte”(si asciuga la fronte)

TEODOLINDA   :- “O se sente poco ben?”

GAITAN          :- (salace) “Staggo beniscimo.. comme se ti m’ ësci daeto ‘na magnà in te bële. Basta coscì! L’è passou tanti anni oramai che l’è mëgio no andà a rivangà..”

TEODOLINDA:- “’na quarantenn-a..”

GAITAN          :-(tra sé, sta contando) “..na quarantenn-a?.. Ti che ti sae tûtto, quanti anni o l’ha o Medeo?”

TEODOLINDA:- “Semmo lì”

GAITAN          :- “Semmo lì.. finn-a a dovve?”

TEODOLINDA   :-(sorniona)“Tranquillo..ch’o se rilasse..O l’éa za in fabbricaziòn quan-

                           de ve sei conosciûi..e seu poae o l’è morto primma de veddilo nasce”

GAITAN          :- (rilassandosi con un sospirone) “E no ti me o poeivi dì sûbito invece de famme sta in sciè é spinn-e? T’è ‘n po’ de gancio scì..”

TEODOLINDA:- “O l’ha faeto o birichin e voeivo fällo ‘n po’ tribulà.. Tranquillo, so tegnì a bocca serrà.. S’avesse dûbitou che a Nunzià e o Medeo fïssan staeti.. figli dello stesso padre.. gh’avieiva impedìo de fa o scemmo appreuvo ä figgia”

GAITAN          :- “Teo oa basta! “ (pausa) “Ma a Mariëta com’a faxeiva a savei che..”

TEODOLINDA   :- “Probabilmente da-a solita ch’a l’ammîa a televixon da-o barcon.. a milaneise”

GAITAN          :- “La piccola vedetta lombarda! L’Angiolinn-a, il binoccolo della valle!.. A no l’ha de denti ma da lengua…Ha l’ha squaexi novant’anni, a no sciorte ma a sa tûtto e de tûtti.. va ben demmoghe ‘n taggio. Mi voeiva savei se ti sae chi o l’è ‘sto Cicci”

TEODOLINDA   :- “Ghe l’ho dïto, no, no so e poi mì.. me fasso i affari mae”

GAITAN          :- “Veddi de fà anche i mae, fanni de indaggini e riferiscime” (ironico) “Semmai ti o domandi.. alla vedetta lombarda”

TEODOLINDA   :- “Vediemo.. Questa legna a se peu mette a bruxà?”

GAITAN          : " Scì, mettila lì”

TEODOLINDA   :- (uscendo) “Cicci.. mah..”

GAITAN          :- (legge il biglietto) “Ti aspetto alla solita ora.."

TEODOLINDA   :- (equivocando) "A mi?"

GAITAN          :- "Ma famme o piaxei brava.. che ti vaddi"

TEODOLINDA:- "E vaddo, vaddo" (esce dal centro)

GAITAN          :- (rileggendo il biglietto) "Ti apetto alla solita ora nel solito posto. Non mancare, tuo Cicci” (comico) “De segûo o no l’è pe mì..Mah, andemmo a fa quarcösa” (mette il biglietto in tasca e si accinge ad uscire quando bussano alla porta) “Chi l’è?" (va ad aprire)

             

SCENA  IV

(Gaitan – Don Campana)

DON CAMPANA: (apre ed entra) “Posso? Pace e bene”

GAITAN          :- “Oh, Sciò Cûratto.. a l’éa bonn-a a galinn-a?”

DON CAMPANA:- “Scì, grassie..L'è vea a che a caval donato non si guarda in bocca ma.. quella a l'èa proprio pelle e osse"

GAITAN          :- “A l’éa ‘na galinn-a albanese! Paziensa Sciò praeve.. saià pë ‘n’ä- tra votta.. Euve ne fan poche.. d’inverno ghe dan ‘n po’ de ciàtto”

DON CAMPANA:- “Ch'o no se preoccupe. Son vegnûo a portaghe o programma pe' a festa parrocchiale.. femmo 'na lotteria, 'na commedia.. emmo bezeugno de palanche pe' o restauro do campanì"

GAITAN          :- “Perché? O loccia?”

DON CAMPANA:-“Semmo lì e dovemmo provvede primma ch'accapite quarcösa de irreparabile ma.. son vegnûo a parlaghe anche de 'n'ätra cösa. O mae dovei o no l'è solo quello de dì' de messe ma anche de fa do ben ä nostra comûnitae"

GAITAN          :- “Anche a mì?”

DON CAMPANA:- “Posso assettäme?”

GAITAN          :- “Segûo.. Scià me scûse”

DON CAMPANA:- (siede) “Ne sente nisciûn?”

GAITAN          :- “Gh’è de là a Teodolinda.. ma quella a no sente, a no parla, a no vedde.. poi a sa tutto o maeximo.. Alloa.. Scià se confesse pûre”

DON CAMPANA:-“Spiritoso..” (un po’ a disagio) “Voeivo proponnighe 'n'affare”

GAITAN          :- “Anche Voscià?”

DON CAMPANA:- “Perché, chi gh’è d'ätri?”   

GAITAN          :- “Mae moggé.. Ha l’ha o ballin di affari, a dïxe lé.. Se ghe desse a mente saieiva anche mi tra i seu questuanti sciò curatto..”

DON CAMPANA:- “Stavo dixendoghe ch'éo vegnûo a fäghe 'na proposta che a porrieiva vegnighe ben, se se sposesse ûnn-a de seu figgie”

GAITAN          :- (sospettoso) “N’ätro pretendente da arrembà a-a Nunzià?.. Gh’è za chi se dà da fa”

DON CAMPANA:- “No, no, scià stagghe tranquillo. Son vegnûo da voscià primma che o saccian i ätri, magara.. qualche mediatò.. Me spiego: ghe saieiva a poscibilitae de accattà, a 'n prëxo vantaggioso, o rûstego do sciò Prospero Tacchini.."

GAITAN          :- “O praeve?”

DON CAMPANA:- (un po’ stizzito) “Ma che praeve e praeve.. quello o no ghe pensa pe' ninte a fässe praeve.. ho accappio ch'o l'ha ben ätre idée pe' a testa..Ghe veu a vocassion e penso che quello lì o l'àgge tûtto meno che quella. Seu moae a l'è morta lasciandoghe poche cöse.. forse qualche puffu o lé o vorrieiva vende a casa e-o m'ha domandòu se conoscevo quarchedûn affidabile ch'o l'intendesse accattäla"

GAITAN          :- “Ma mì a casa ghe l’ho zà”

DON CAMPANA:- “Scia pense a-e seu figgie. Quella ch'a se sposa e a veu staghe vixin a porrieiva avei 'na casa in bon stäto, da fäghe qualche travag-gio voendo e ch'a l'è in te 'na bonn-a posiziòn. In fondo saieiva anche 'n bon investimento"

GAITAN          :- “Me pä de sentì a Carolinn-a.. E, coscì, solo per curiositae.. quante o vorrieiva?”

DON CAMPANA:- “Tegnindo presente ch'ha l'è in sciè duì ciaen, ampio orto.."

GAITAN          :- (ironico) “Scià batte o mediatò Gallo. Alloa quante?”

DON CAMPANA:- “O s'accontentieiva de çento milioni in contanti"

GAITAN          :- (salace) "‘Sti çento milioni gïan comme ‘na ventoela.. Ma comme mai questo interessamento?”

DON CAMPANA:- “Ch'o reste ûn segreto fra nuiätri.. Scià vedde, se o vendo mì ghe saieiva 'n bon ûtile segge da parte do venditò segge, me auguro, da parte de l'acquirente e porrieiva commençà i travaggi pe' o campanì"

GAITAN          :- (interrompendo) “Ho accappìo.. Ma mì çento milioni no ghe l’ho”

DON CAMPANA:- “Penso che se porrieiva vegnì a 'n'accomodamento dandoghe magara 'na bonn-a somma sûbito. L'è sempre mëgio investïli in to mòn che riscc-iäli in te 'n'oreficeria, specialmente se no s'è do mesté"

GAITAN          :- (stupito) “L’ho sempre dïto che i praevi ne san ûnn-a ciù che o diào”

DON CAMPANA:- (sorridendo) “E’ l'è ben pe' quello che o semmo combatte. Alloa, cöse scià ne dïxe da mae proposta?. O scïto a vale armeno 15O milioni"

GAITAN          :- (grattandosi la nuca, pensieroso)“Scià me ghe fasse pensà, poi ghe daiò a risposta”

DON CAMPANA:- “D’accordio, ma fïto perché quello o veu realizzà sûbito e no vorrieiva ch'o ghe fesse e scarpe con ätri. Di villezzanti m'han domandòu se ghe son di scïti rûstici in vendita ma.. preferieiva fa stà ben 'n bon parocchian.."

GAITAN          :- “E no perde a percentuale!” (estrae il foglietto che aveva trovato) “Don Campana..Cangiando discorso..Voscià che Scià sa tûtto e de tûtti..”

DON CAMPANA:- “Oua no esageremmo”

GAITAN          :- “Scià conosce ûn certo.. CICCI?”

DON CAMPANA:- “No me pä.. e chi o saieiva?”

GAITAN          :- “Veramente vorrieva saveilo da Voscià”

DON CAMPANA:- “Mai sentìo.. Domandiò in gïo"

GAITAN          :- “No, no.. pe’ a caitae.. l’è mëgio no spantegà a-o vento notissie incerte e mette in sciò chi vive o Cicci..Vorreiva rintraccià chi ha scrï- to questo biggetto.. Scià conosce a calligrafìa pe' cäxo?" (lo porge)

DON CAMPANA:- (legge e resta un attimo perplesso. Intuisce e poi si alza di scatto, restituendo imbarazzato il biglietto) “No, no.. no a conoscio..Scià me scûse ma..  devo andà.. devo andà a.. dì 'na messa”

GAITAN          :- “A quest’òa?”

DON CAMPANA:- “A l'è 'na messa in suffraggio.. Se vedemmo" (esce rapidamente e poi rientra) “Pace e bene!” (scompare)

GAITAN          :- “Quello o no me a conta giûsta.. Paiva che l’avesse punzeggiòu ‘na vespa.. Oa andemmo ch’ò za perso tempo” (prende il giaccone, lo indossa e si avvia all’uscita quanto suonano) “Se vedde che ancheu no devo andà a travaggià.. Chi lè?”

SCENA V

(Gaitan – Rògito - Teodolinda)

ROGITO          :- (dall’esterno) “Son o dottor Rògito, o notàro”

GAITAN          :- (va ad aprire) “O sciò notäro, che sorpreiza.. comme mai chi?”

ROGITO          :- (ha con sé una cartella che posa sul tavolo; indica la sedia) “Posso?”

GAITAN          :- “Oh, scì, segûo.. Scià me scûse ma éo ‘n po’ distraeto.. a cöse devo ‘sta vixita?”

ROGITO          :- (estrae dei documenti) “L’è pe’ o so testamento. Scià m’aveiva dïto de cacciä zû due righe e mì, visto che passävo de chì pe’ andà a Zena ä conservatorìa di registri immobiliari, ho faeto ‘n passo pe’ lëzighelo primma de mettilo a rogito. Ma se destûrbo se vediëmo ‘n’ätra votta”

GAITAN          :- “No, no.. ‘n’attimo solo” (apre la porta centrale e chiama) “Teo..”

TEODOLINDA:- (da fuori) “Son chì a mondà e patatte”

GAITAN          :- “Se vegne a Carolinn-a avvisime pe’ tempo perché son impegnou”

TEODOLINDA:- “Se a veddo.. ”

GAITAN          :- (richiude l’uscio e va a sedersi accanto al notaio) “Alloa?”

ROGITO          :- “Ghe o lëzo, sätanto e premesse” (legge e parla) “<Dinnanzi a me Dott. Giulio Rògito, notaro in Torriglia, è apparso il signor ecc, ecc, in piena facoltà di intendere e volere, il quale in data, ecc. ecc. mi ha dettato le sue ultime volontà. Alla mia morte..>”

GAITAN          :- (si muove .. toccando ferro) “Scià scûse ma, me fa ‘n po’ senso.. Scià  vegne a-o dunque”

ROGITO          :- “D’accordio, tanto tûtto l’è arrestòu comme primma. Gh’emmo da mette insemme quella variazion che Scià m’aveiva dïto.. Dunque.. <in caso di..>”

GAITAN          :- (interrompendolo) “..e questo l’emmo za dïto”

ROGITO          :- “Alloa, a casa a va a-e so figge restando a so moggé ‘n’ûsufrûto limitòu e trasferendo in sciò terren acquistou con a Scià Canestrello, quota parte del terreno delle figlie, coscì a l’avieiva ciù proprietae in to terren e ninte pe’ a casa che resterebbe di intera proprietà delle figlie. Coscì faxendo, in cäxo che e due figge ësan bezeugno de vende a casa, a Scià Canestrello a no l’avieva da inträghe perché l’ûsufrûto o l’è limitòu “(chiedendo) “Perché Scià veu fa in questo moddo?”

GAITAN          :- (si guarda attorno e poi) “Pë precauziòn.. lè ha l’ha o ballin di affari a dïxe, o no orrieva ch’a l’inflûensesse e figgie a mette a firma e-a vende. Cautelo e figgie e in fondo anche mae moggè, no se sa mai”

ROGITO          :- “Beniscimo. Alloa procediò in te questo senso. Ghe devo dì che so moggé a l’è vegnûa da mi pe’ savei quarcösa in merito a-o testamento”

GAITAN          :- (ironico) “Eh, eh.. l’è pe’ quello che me cautelo. O pe’ caitae, a no l’è gramma, a se lascia solo invexendà..Capiscio anche mi che ‘n giorno e mae figgie probabilmente, se ne andian, no avian bezeugno de sappà.. però con questo vivan e de questo mangian e allantò se saian reuze scc-iuiàn.. Gh’è de l’ätro? No orrieva ch’arrivesse a Carolinn-a e doveighe dà de spiegazioìn”

TEODOLINDA   :- (entra di fretta) “Sciò baccàn.. sta arrivando ‘na macchina e ghe a Scià Carolinn-a”

GAITAN          :- “’na macchina?.. Presto Sciò Rògito.. Scià passe da-o giardin con a Teodolinda, coscì evitemmo descorsci”

ROGITO          :- (raccoglie sveltamente i documenti lasciando sul tavolo le chiavi dell'auto ed esce con Teodolinda)

SCENA V

(Gaitan – Carolinn-a - Rògito)

CAROLINN-A :- (entra e si guarda attorno sospettosa) “Comme mai in casa?”

GAITAN          :- “Stavo sciortindo.. Come t’è arrivà?”

CAROLINN-A    :- “Con a corriera”

GAITAN          :-  “Credeivo d’avei sentìo ‘na macchina" (sornione) "A l’éa mïga quella.. do CICCI?”

CAROLINN-A :- (cercando di cambiar discorso) “Che Cicci? L’éa o commendatò Gallo. Però tì.. Cöse ti ghe faxeivi chì con o notaro Rògito?”

GAITAN          :- “T’hae installòu a telecamera a circito chiuso?.. Cöse te fa credde che gh’éa chi o notäro?”

CAROLINN-A :- “Gh’è a so macchina davanti a-a casa”

GAITAN          :- “Che tanardo!.. Comunque o se n’è andaeto.. “

CAROLINN-A :- “Ah, scì eh?” (apre l’uscio della porta del giardino ed il notaro quasi casca dentro)

GAITAN          :- “Ma Sciò notäro?.. O credeivo ciù fûrbo.. cöse gh’aveivo dïto?”

ROGITO          :- “De sciortì da-o giardin pë no famme vedde da so moggé e mì l’ho faeto.. “

GAITAN          :- (salace) “Complimenti.. Scià m’ha misso a mae àggio”

CAROLINN-A :- “Ah, a l’è coscì eh.. E poi?”

ROGITO          :- “..poi doveivo piggià a macchina ma ho lasciòu e ciävi lì in scià tòa..” (le prende) “.. e pe’ de ciù l’è sûccesso ‘n guaio.. che se peu rimedià perché ghe gh’ho a coppia in scagno"

GAITAN          :- “Oh, bella Madonna cäa”

ROGITO          :- “Me son cheiti i papé pë taera e ‘na vacca a se l’è mangiae!”

GAITAN          :- “Coscì anche e vacche oua san tûtto!”

CAROLINN-A :- (sospettosa, al notaio) “E cöse gh’éa scrïto che mi no doveivo savèi?”

ROGITO          :- (balbetta) “Ecco..”

GAITAN          :- (prendendo subito la parola) “Gh’éa scrïto che in caxo m’ascordesse de respià.. “ (fa le corna) “Tì.. tì, ti erediti tûtto!” (si ode lo scoppio di un forte tuono)

(SI CHIUDE IL SIPARIO)

FINE ATTO SECONDO

ATTO TERZO

SCENA I

(Gaitan - Samanta)

GAITAN          :- (entra col biglietto in mano ed è sempre perplesso) “Tuo Cicci.. Ma chi o l’è e perché ‘sto biggetto o l’éa in casa..”

SAMANTA     :- (entra in scena vestita da viaggio. Ha una valigia)

GAITAN          :- (la osserva incuriosito) “Ti vae scheua con a valïxe?”

SAMANTA     :- “Ma te l’avevo detto che vado una settimana in vacanza premio a Londra con la scuola..viaggio pagato, per imparre bene l'inglese. Mi sa che stai perdendo la memoria”

GAITAN          :- “Ti me l’aveivi dïto?..No me ricordo proppio. Credeivo che t'ande- sci a Romma a imparà o latin in te catacombe.. A-o sà a mamma?”

SAMANTA     :- “L’ho vista l’altro giorno in oreficeria a Genova, sono passata a salutarla”

GAITAN          :- (serio) “A sta ben?”

SAMANTA     :- “Mi pare di sì. Era dietro al banco con..” (tituba)

GAITAN          :- “No avei anscietae.. dinni pûre o Cesare Pestello.. do resto a se n’è andaeta pe’ lé”

SAMANTA     :-“Lui non c'era..e poi non è vero che se ne sia andata per lui. La mam- ma ti vuole bene.. Va a dormire dalla zia Giustina. Voleva solo dimostrarti che è tagliata per gli affari. Il signor Pestello era partito per non so dove.."

GAITAN          :- (salace) "O saià andaeto a prelevà ‘n bolacco de brillanti a Valenza con i dinae che teu moae a l’ha attrovòu pe’ appixonâlo. E alloa chi gh’éa derré a-o banco, ‘n’ätro neuvo ammiratö?”

SAMANTA     :- “C'era un ufficiale della Finanza e lei non sapeva dovve mettere le mani..“ (sorride) “Le è anche sfuggito di bocca 'chi me l'ha faeto fà',  ma io ho fatto finta di non aver sentito.. Controllavano libri, bolle, fatture, bolle di carico e scarico” (ha le spalle voltate rispetto al padre)

GAITAN          :- “Peu däse che o Sciò Pestello o ritorne in tempo e che segge tûtto in regola..” (pausa) “Cangiando descorso, voeivo dïte che.. HO VISTO O CICCI!”

SAMANTA     :- (trasale e volta le spalle) “O..Cicci?”

GAITAN          :- (che intuisce. Severo) “Gïte e ammïme in faccia quande parlo”

SAMANTA     :- (si volta ed è seria e apprensiva)

GAITAN          :- “Alloa.. t’hae ninte da contäme?.. Chi o l’è?”

SAMANTA     :- “..E'..è uno studente che mi tacchina e mi riempie di biglietti e di messaggi.. ma.. come fai a conoscerlo?"

GAITAN          :- (allunga il biglietto) “Veramente no l’ho mai visto”

SAMANTA     :- (ha un sospiro di sollievo. Prende il biglietto e lo legge) “E come mai hai questo biglietto?"

GAITAN          :- “Tranquilla.. a mì o no me sta appreuvo.. O l’èa chì, in sce-a tòa.. Tì l’aviae perso..”

SAMANTA     :- (rinfrancata) “Comunque non darti pensiero..” (con noncuranza) “E' solo pieno di fantasie “

GAITAN          :- “A dì a veitae credeivo ch’o fïsse de teu moae”

SAMANTA     :- (sorridendo le si avvicina) “Adreitûa! “

GAITAN          :-“Però, pe’ ûn ch’o te sta appreuvo e che o no te interessa..o te dava appuntamento a-o solito posto, veu dì che sei in duì a-avei de fantaxie”

SAMANTA     :-“Ti spegherò un'altra volta. Ora vado altrimenti perdo la corriera"

GAITAN          :- “Ma t’è segûa d’aveimelo dïto?”

SAMANTA     :- “Eh.. ätro che!” (si ode un tuono)

GAITAN          :- (accennando al tuono) “Teu moae a dïjeva che..”

SAMANTA     :- (l’abbraccia con affetto inusitato) “Ciao pà.. stammi bene e abbiti riguardo" (si gira sveltamente avvicinandosi all’uscita)

GAITAN          :- (perplesso) “No ti m’hae mai abbrassòu coscì... Manco se ti scappesci de casa.. Ciao, stanni attenta e vegni fïto.. “

SAMANTA     :- (esce)

GAITAN          :- (pensieroso) “Valle a capì e donne. Questa a no m’ha mai salûtòu e oa a m’abbrassa. Quell’ätra a l’ha faeto feugo e sciamme e a m’ha lasciò pe’ o ballin di affari.. No gh’accapiscio ciù ninte”

SCENA II

(Gaitan – Nunzia’)

NUNZIA’         :- (entra da fuori) “Dovve a va a Samanta con a valixe?”

GAITAN          :- “A 'na ‘na gita scolastica a Londra”

NUNZIA’         :- “Ti o saveivi?”

GAITAN          :- “Veramente da ‘n po’ de tempo pare che m’ascorde e cöse di ätri. Lé a dixe d’aveimelo dïto e mi no me ricordo”

NUNZIA’         :- “Papà.. assettime ‘n momento che te devo parlà”

GAITAN          :- (mentre sta eseguendo) "Tè mïga da proponnime ‘n’affare tì ascì o ti vae a fa ‘na gita a Pariggi contàndome d’aveimelo dïto?”

NUNZIA’         :-(sedendole accanto)“Scì, parla, parla ma mì ho sacciûo o teu segreto!”

GAITAN          :- (allarmato) “E mou bel.. T’è parlòu co-a Teo?”

NUNZIA’         :- (non capendo) “Cösse gh’intra a Teodolinda?”

GAITAN          :- (rilassandosi) “Ninte, ninte… Do resto perché a dovieiva inträghe?  Ma de che segreto se tratta?.. Mì segreti no n’ho”

NUNZIA’         :- “Ho parlòu con Don Campana”

GAITAN          :- “Ah!”

NUNZIA’         :- “E voeivo ringraziäte anche da parte da Samanta”

GAITAN          :- “Ma ti parli a rate?.. No ho ancon accappìo ‘n berettìn..cöse gh’in- tra o praeve, tì e a Samanta?”

NUNZIA’         :- “O m’ha confiòu che t’hae accattòu a casa de Don Prospero”

GAITAN          :- (sbottando) “Ah!.. Gh’aveivo dïto de no dì ninte e quello.. Se no san tegnì ‘n segreto i praevi stemmo freschi.. Comunque gh’o daeto solo ‘n’antiçipo. Ma tì t'è contenta perché a mamma a no l’è ancon riûscîa a scistemmäte?”

NUNZIA’         :-“No t’hae dïto che òa son e donne che san çercäse l’ommo adatto?”

GAITAN          :- (si alza) “No stamme a dì che tì.. Figûremmose.. O conoscio?”

NUNZIA’         :- (facendo un po’ la difficile) “Segreto.. Ti o saviae quande lé.. o l’è disponibile a dïtelo”

GAITAN          :- “Bontae seu..Ûnn-a a va e l’ätra a vegne..la legge di compensazione. L’importante l’è ch’o segge bravo, onesto e ch’o l’agge cuae de travaggià. Oa vaddo se no no combinn-o ninte. Ciao”

NUNZIA’         :- “Ciao.. Ancheu te preparo mì da mangià”

GAITAN          :- “Ahia.. se säta pasto..e cöse ti sae fa?”

NUNZIA’         :- “Spaghetti cö tonno”

GAITAN          :- (ironico) “Che piäto complicòu.. e pe’ segondo magara ‘n’euvo södo.. Saià mëgio che ti impari dä Teo, ciao” (esce)

NUNZIA’           :- (compone un numero col cllulare) “Ciao.. credeivo de veddite ancheu” (pausa) “Ghe l’ho accennòu a mae poae senza fa de nommi.. O l’è arrestòu perplesso ma, o me pàiva contento” (suonano o bussano alla porta) “Ghe quarched’ûn, ciao.. t’aspëto” (bussano, posa il ricevitore) “Arrivo!” (va ad aprire)

SCENA III

(Nunzià – Gallo)

GALLO            :-(vivace) “Scignorina Nunziatina..che bello vederla sola finalmente”

NUNZIA’         :- (scocciata) “Cöse o veu torna?”

GALLO            :- (indicando la sedia) “Posso assettarmi.. le devo parlare”

NUNZIA          :- “Prego..”

GALLO            :- “So venuto a piedi dalla provinciale e sono ‘nu poco stracco”

NUNZIA’         :- (malignetta) “Eh.. a seu etae o no dëve andà senza bacco”

GALLO            :- (impermalito) “Ma io non ne ho bisogno di bacco"

NUNZIA'         :- (tra sé) "E manco de tabacco e de Venere"

GALLO            :- "E poi quando vedo lei mi sento tutto regaggitto”

NUNZIA’         :- (con tono brusco) “Cöse o voeiva da mì?..fïto perché ho da fa”

GALLO            :- “Vengo subito al sodo. La signora Carolina m'aveva assicurato che tra noi due“ (accenna a lei) “Si poteva arrivare ad una conclusione soddisfacente con buona pace per gli affari di famiglia"

NUNZIA’         :- “Ah, scì?..e.. quali saieivan i affari de famiggia?”

GALLO            :- “Ma bella figgia ca-a, quelli di mettere su una famiggia.. del resto è ben per questo che le ho anticipato cento milioni!"

NUNZIA’         :- (tra sé) “Ah.. Ecco dovve a l’ha attrovae”

GALLO            :- “Allora la faccenda posso considerarla.. in porto?.. In questo caso sarei disposto a lasciare i cento milioni da gestire come vuole vostra mamma e noi.. convolare a giuste nozze con una bella crocera ai Caraibbi.. Cosa le pare?"

NUNZIA’         :- (sferzante) “Primma de tûtto no son ‘na merce de scangio.. poi ai Caraibbi, comme scià dixe voscià, no saieiva manco segûa s’o ghe a fa a-arriväghe. Queste proposte, cäo sciò Gallo, Scià vadde a fäle con qualche Galinn-a da seu etae e no a ûnn-a ch’a porrieiva ëse so figgia.. Ma o no ghe l’ha vergheugna?.. Cöse ghe serve.. ‘na balia a gratis?”

GALLO            :- (balbettando) “Ma veramente sua madre.. dopo che le ho dato le palanche mi aveva assicurato che...."

NUNZIA’         :- “Ch'o s'arrage con lé. Mì no son 'n'oggetto de compra-vendita" (indica l’uscita) “Scignorîa.. a porta scià o sa dovv’a l’è..”

GALLO            :- (si alza scornato avviandosi all’uscita) “Non finisce qui.. I miei cento milioni.." (adirato, gesticola come un invasato dimenticando il cappello)“..li voglio tutti, uno sull'altro"

NUNZIA'         :- "O cappello!"

GALLO            :- (ritorna indietro) "Mi scordavo pure o cappiello"( prende il cappello e accusa un dolore ai fianchi ed esce)

NUNZIA’         :- “E quello o l’è liquidòu! ..Andemmo a vedde cöse a fa da mangià a Teodolinda” (indossa una giacchetta ed esce dal giardino)

SCENA IV

(Gaitan – Don Campana)

GAITAN          :- (entra in casa dal centro seguito da Don Campana. Stanno discutendo) “Ghe fasso stradda.. Comme mai Scià ghe l’ha dïto a mae figgia do scïto?.. L’acquisto o doveiva restà 'n segreto tra noiätri duì e coscì oua o savià tûtto o pàise”

DON CAMPANA         :- (bonario) “Cösa fatta capo ha.. E poi o gh'ha faeto 'n bon prëxo consciderando o pagamento a tempo" (è sulle spine) “Ma.. pe' quello che ghe devo dï.. l'è mëgio che scià s'assette"

GAITAN          :- (nel frattempo mette in tavola un fiasco, due bicchieri e versa del vino) “Visto che semmo assettae, se ne bevemmo ‘na lampetta.. Non son guaei abituò a-o vin.. ma in compagnia.. Cin cin”

DON CAMPANA:- “Prosit”

GAITAN          :- “Barbera del Monferrato… Bon eh? A mì o me dà ‘n po’ a-a testa”

DON CAMPANA:- “Ottimo.. se de votte ghe n’avansesse 'na bottiggia..”

GAITAN          :- (mima che se l’aspettava e tra sé) “Eh.. provvediòu.. alloa cösse Scià voeiva dïme?”

DON CAMPANA:- (si vuota da bere) “Fasso o mädûcòu ma o l'è proppio bon.. e pe' quello che ghe devo dï o ghe veu. Vino veritas..” (beve)

GAITAN          :- (nel frattempo controlla contro luce la bottiglia per constatarne il livello) “Speremmo ch’a no segge ‘na cösa grave se donca o no l’abasta”

DON CAMPANA         :- (si pulisce le labbra con la manica) “Ecco.. no so da che parte com-            mençà..”

GAITAN          :- “.. ‘n’ätro gotto?”

DON CAMPANA:- “No, no.. grassie.. “(scherzoso) "Se no riscc-io de contäne troppe. Dunque.. ho scoverto chi o l'è..o Cicci!”

GAITAN          :- “E l’è tûtto lì?.. O so anche mì”

DON CAMPANA:- (stupito) “Davéi?”

GAITAN          :- “O l'è 'n compagno de scheua da Samanta”

DON CAMPANA:-“Ciù che 'n compagno de scheua, dïjeva ch'o l'è ûn ch'o l'insegna"

GAITAN          :- “No so se quello seu compagno o l'insegna anche"

DON CAMPANA:- “Scià sa o seu nomme?”

GAITAN          :- “A no me l’ha dïto.. ma tanto no o conosceiva o maeximo”

DON CAMPANA:- “Scià o conosce e comme..”

GAITAN          :- “Ah, scì? E comme o se ciàmma?”

DON CAMPANA         :- “O gh'ha vendûo o seu scïto!"

GAITAN          :- (ha un sobbalzo) “DON PROSPERO!”

DON CAMPANA:- (alterandosi) “Ma che DON e DIN.. o l'è solo il signor Prospero, Prospero Tacchini e basta. O l'aveiva bezeugno de dinae pe' telläsela con.. con seu figgia, a ciù piccinn-a!”

GAITAN          :-(salta dalla sedia)“A Samanta? Porco.. Scià me scûse, ciù 'n po' a me scappa.T’hae accapîo o Prospero? Ätro che gita scolastica a Londra!”

DON CAMPANA:- “L'è anche corpa mae che no ho accappìo ch'o l'aveiva bezeugno de palanche pe telläsela. Ho anche sacciûo che a polizia a sta indagando in sciò seu conto" (scaldandosi) "E no risulta manco ch'o l'àgge frequentòu o Semenäio!"

GAITAN          :- (si versa rapidamente da bere) “E coscì o Cicci.. o l’è lé?!”

DON CAMPANA:- “Me pàiva d'avei riconosciûo a seu calligrafia in sciò biggetto, ma ho vosciûo fa 'n'accertamento e coscì.. l'è sciortìo l'inghippo"

GAITAN          :- (versa altro vino) “E lessiòin de latin!” (fa un singhiozzo da.. vino) “Consoliamoci Don.. un altro gotto?” (Beve)

DON CAMPANA:- “No grazie”

GAITAN          :- (un po’ alticcio) “Beva Don.. son scappae con e mae palanche.. ich.. mae moggé a l’è scappà con e palanche de ‘n’ätro.. chissà de chi.. ich.. tracanni Don.. mi faccia compagnia.. ich”

DON CAMPANA:- (si alza e gli va vicino) “Oua basta; ghe fa mä. Tanto quello che l'è faeto l'è faeto… O Segnô o l'ha sempre 'n seu disegno"

GAITAN          :- “Ma o me poeiva anche avvertì.. ich”

DON CAMPANA:- “E poi non tutto il male vien per nuocere. Seu figgia a l'è contenta da casa, coscì a porrià sposà o.."

GAITAN          :- (interrompendo) “Quella mëza cartuccia do commendatò Gallo, che ciù che gallo o l'è 'n cappòn!"

DON CAMPANA:- (sorridendo) "Ah, ah, ah..Ma o no l'è lé. A Nunzià a l'ha mandòu a fässe fot..” (alza gli occhi in alto) “Scusae Segnò benéito, stavo ripetendo e parolle de seu figgia"

GAITAN          :- “E chi saieiva quest'ätro spasimante.. o gioielliere?”

DON CAMPANA:- “Ho dïto anche troppo” (si alza)

GAITAN          :- “Sciorto anche mì.. ho bezeugno de ‘n po’ d’äia.. Me vegnûo cädo.. ich” (escono)

FINE DEL QUADRO

 LA SCENA SI FA BUIA POI SI RIACCENDE ED HA INIZIO IL SECONDO  QUADRO

SCENA V

(Nunzià - Medeo - Gaitan)

NUNZIA’         :- (rientra) “Quaexi, quaexi ancheu cheuxo due patatte che a mae poae ghe piaxan e poi ghe fasso ‘na fettinn-a ai fëri intanto che a Teo a prepara de là a pastasciûta cö tocco”

MEDEO           :-(entra dall’esterno. E’ vestito elegantemente)“Ciao Nunzià..Gh’éa averto”

NUNZIA’         :- (stupita) “Ma.. t’hae guägno a-o semenäio?”

MEDEO           :- “Cianta a-o posto!”

NUNZIA’         :- ”Dai, no scherzà.. Ti vae a Zena?”

MEDEO           :- (gongolante e con andatura cittadina) “No.. Me son vestïo dä domenega.. per andare dalla mia ragazza.. con ‘na bella notissia“

NUNZIA’         :- “E quale?”

MEDO             :- “Questa!” (mostra una scheda del lotto)

NUNZIA’         :- “Famme vedde”

MEDEO           :- “A tegno mì.. manaman a s’arrovinn-a e no me dan ciù i…çento milioni da vincita”

NINZIA’          :- “E ciàntila de scherzà de longo ..”

MEDEO           :- (con aria dottorale) “Osserva e controlla, UOMA di poca fede” (mette sul tavolo il giornale e fa controllare la giocata)

NUNZIA’         :- “<13 – 47 – 87>.. Ma.. ma o l’è terno secco!”

MEDEO           :- “I numeri de mae mamma.. l’ho zûghae fin che no son sciortìi.. me piggiävi pe’ o pané e oa ho avûo un po’ de fortûnn-a, anzi tanta fortûnn-a, anche perché finalmente ti m’hae dïto de scì!” (si abbracciano)

GAITAN          :- (entra e vede la scena. Resta perplesso)

NUNZIA’         :- (imbarazzata si allontana. Gaitan non conosce Medeo che gli dà le spalle) “Ehm.. ciao papà..”

GAITAN          :- (severo) “Eh, scì..ciao anche mì.. e chi o l’è quello damerin?”

MEDEO           :- (si volta) “Son mì”

GAITAN          :- “Eilalà.. No t’aveivo conosciûo drento a’n vestì neuvo.. Ma cöss’a l’è sta confidenza con mae figgia?..”

NUNZIA’         :- (intervenendo) “Ma papà..”

GAITAN          :- “Ti taxi.. veuggio sentì o Medeo bardòu a festa.. Perché ti stavi leppegando co-a Nunzià?”

MEDEO           :- “Oa no esageremmo.. A l’è ‘na questiòn molto semplice.. Mi son staeto sempre appreuvo a-a Nunzià ma e idee da Carolinn-a ean tûtte de ‘n’ätra visuale.. a me l’allontanava e coscì aveivo perso e speranze. Poi..l’è scc-iûppòu un corpo de tròn..”

NUNZIA’         :- “Méde.. ‘n fûrmine ti voeivi dì”

GAITAN          :- “Lascia perde, tanto derrè a-o fûrmine ven o tròn.. e alloa?”

MEDEO           :- “Eo vegnûo pe’ domandâ, comme se ûsava ‘na votta, a man de a Nunzià.. me son vestîo a festa pe’ quello..”

GAITAN          :- (titubante) “Ma.. no l’è che pe’ cäxo piggiae o trei de coppe e ve ne andae via dai Zövi.. comme a Carolinn-a e a Samanta?”

NUNZIA’         :- “No papà.. no te lascemmo solo”

GAITAN          :- (con slancio) “E alloa.. anghaezi che no séi ätro.. perché no me abbrassae?” (i due l’abbracciano mentre entra Teodolinda dal giardino)

SCENA VI

(Nunzià – Medeo – Gaitan – Teodolinda - Gallo)

TEODOLINDA   :- (resta un attimo a guardare) “Che bello” (si scioglie l’abbraccio, poi, sorridendo, a Gaitan) “Meno male che o Medeo o l’è figgio de so poaè..”

GAITAN          :- (si raschia la gola come a dire che non faccia insinuazioni)

MEDEO           :- (incuriosito)“Comme?”

TEODOLINDA   :-“Voeivo dì che o no l’è ‘n foresto, che ti t’assomiggi a-o bon’anima de teu papà..Scûsae ma l’è pronto, andemmo de là a mangià” (esce)

NUNZIA’         :- (sospirando e prendendo a braccetto Medeo) “Mì no gh’ho cuae.. e tì?”

MEDEO           :- “Veramente mì.. ‘n pittinin ghe l’avieiva!” (suonano alla porta)

NUNZIA’         :- (sorridendo va ad aprire) “Quarchedûn o l’ha sentîo l’ödô do tocco”

  (apre ed entra nervoso Gallo)

GALLO            :- (con cipiglio) “Bongiorno!”

GAITAN          :- “A cösse devo l’onore de questa vixita.. in te l’òa do disnà?”

GALLO            :- (molto nervoso) “Le chiedo vénia ma son venuto a protestare e a dirle che sono stato trattato come un sorbetto e..”

GAITAN          :- (sornione) “E da chi?”

GALLO            :- (alzandola voce) “Come da chi?.. Da sua moglie!”

GAITAN          :- (c.s.) “E pe’ quae question?”

GALLO            :- “Lo sa benissimo!"

NUNZIA’         :- “Papà.. l’è pe' a faccenda..” (mima i soldi)

GAITAN          :- “Tì taxi e andae tûtti duì de là” (Nunzià e Medeo escono al centro)

GALLO            :- “Le ho dato cento milioni perché aveva da combinare un affare"

GAITAN          :- (tra sé) “Ecco o merlo..” (a lui) “E in base a quae contraêto?”

GALLO            :- (che sente di essere in fallo) “Non c'è stato un vero e proprio contratto.. era sulla parola.. come una dote in promessa del..” (a voce bassa) “..del matrimonio di Annunziata con..”

GAITAN          :-(interrompendo “Molto gentile, coscì quande a Nunzià a se sposià con l’ommo ch’a veu lé a gh’avià ‘na dotte dovûa a-a seu generoxitae”

GALLO            :- “Generosità del picchio! Belle balle queste!.I centomilioni glie l’ho dati perché a si sposasse con me e non con un altro..”

GAITAN          :- (ha uno scatto) “Cöse?.. Ma a no l’è mïga ‘n scïto ch’o se vende e-o s’accatta.. cäo o mae commendatò Galletto, il suo non è un contratto, è una donazione e lei non vedrà più un berrettino"

GALLO            :- (alterandosi) “La vedremo.. andremo in tribunale e tutti sapranno che la famiglia Pestarino non ha rispettato la parola data!"

GAITAN          :- “Semmai la signora Carolina Canestrello, mì no gh’intro, non sono responsabile né in solido né manco in liquido.. Divisione dei beni!”

GALLO            :- (alterato sta per replicare.. Poi barcolla, cerca di allargare il collo della camicia e cade seduto sulla sedia o divano) “Mi manca il fiato, l'aria"

NUNZIA’ e MEDEO:- (entrano)

MEDEO           :- (si avvicina a Gallo, lo schiaffeggia leggermente per fargli passare il malessere) “Commendatò.. coraggio…”

GALLO            :- (si riprende, è molto nervoso) “E mò pure a sberle mi prendete..”

NUNZIA’         :- (a Medeo) “Méde..cöse ti dixi se quelle palanche che t’hae guagno..”

GAITAN          :- “Guagno?”

NUNZIA’         :- “..çento milioni a-o semenäio”

GALLO            :- (balbetta) “Centomilioni?…”

MEDEO           :- “Ma Nunzià.. se i demmo a lé.. restiemo misci”

GAITAN          :- “T’hae accappîo o Medeo? “ (alla figlia) “O l’ha raxon.. son dinae seu e no l’è giûsto.. mi l’ho speizi pe’ a casa e no n’ho..”

NUNZIA’         :- (convince con lo sguardo Medeo)

MEDEO           :- “Commendatò.. O no se i meritieiva pe’ quello ch’o voeiva fa con a mae Nunzià.. Chì gh’è a riçevûa do lotto e chi gh’è o giornale..  Ch’o controlle i numeri.. me son informòu.. Son ciù o meno çentomilioni e semmo pari.. però.. “ (alzando la voce minaccioso) ..”ch’o vadde a fässe frizze!”

GALLO            :- (controlla ancora, guarda con alterigia Gaitan) “Ho i testimoni, eh?. La ricevuta del lotto mi è stata data di sua spontanea volontà!" (si alza)

GAITAN          :- (con aria da prendere in giro) “E qui casca l’asino perché mì no ho sentìo ninte”

GALLO            :- (si volta di scatto e si risente male)

MEDEO           :- “O no se riferiva a Voscià”

GALLO            :- “Bene.. allora siamo pari….A non rivederci” (esce)

GAITAN          :- “Medeo.. l’è staeto ‘n gesto nobile quello che t’ha faeto.. ma t’arre- sti senza dinae.. Comunque.. gh’aviei a casa e appenn-a porriò, poco a poco, faiò in moddo de ridätele" (sia avviano per uscire. Suonano alla porta)

SCENA VII

(Gaitan – Nunzià – Medeo – Pestello – Carolinn-a - Teodolinda)

NUNZIA’         :- (Nunzià va ad aprire) “O l’è torna chì”

PESTELLO      :- (mogio, entra) “E' permesso?”

GAITAN          :- “Con che coraggio ..”

PESTELLO      :- “Chiedo scusa ma, sono venuto per onorare il mio nome"

GAITAN          :- “In che moddo?”

PESTELLO      :- “Avevo urgente bisogno di liquidi per pagare l'usuraio che mi aveva finanziato e che mi perseguitava con delle minace.. Poi, qualche affare non troppo limpido.. la finanza.. Per farla breve ho dovuto cedere l'attività e le ho portato un assegno circolare dei centomilioni avuti da sua moglie" (porge l’assegno a Gaitan)

GAITAN          :- (controlla e lo porge a Nando) “Tegni Nando.. te i restituiscio..” (a Pestello) “E mae moggè?..”

PESTELLO      :- “E' fuori che aspetta un suo cenno per entrare. Arrivederci" (esce)

NUNZIA'         :- (esce appresso a Pestello e rientra subito con Carolina)

CAROLINN-A :- (entra a capo chino) “Ciao Gaitan.. ”

GAITAN          :- (gli va incontro, serio) “Alloa?”

CAROLINN-A :- “Te domando scûsa.. domando scûsa a tûtti.. Credeivo che andesse tûtto ben e invece.. T’aveivi raxon tì Gaitan.. ognidûn o so mesté… Posso restà?”

NUNZIA’         :- (l’abbraccia) “Bentornà.. mamma”

CAROLINN-A :- (al marito) “E tì?.. Ti no dixi ninte?” (vede il marito serio, a braccia conserte che gli volta le spalle, poi con voce fioca) “Credeivo da fa ben ma..ho sbagliòu.. ma chi no sbaglia no impara..” (si volta per uscire)

GAITAN          :- (voltandosi a sua volta) “Dovve ti vae?… Questa a l’è casa teu! Però... basta cö o ballin di affari.. se semmo accapìi?”

CAROLINN-A :- “Promisso.. Ma Gaitan, comme femmo con i dinae che m’ha daeto o commendatò Gallo?”

GAITAN          :- “Quelli pe’ scistemmà a Nunzia?.. Tranquilla o Gallo o l’è stato pagòu dä o Medeo.. çentomilioni!“

CAROLINN-A :- “O Medeo?”

NUNZIA’         :- “O l’ha guägno a-o lotto!.. O l’ha rinunziò ..pe’ tì”

CAROLINN-A :- “L’è proprio véa che in ta vitta no se impara mai abbastansa”

GAITAN          :- “Poi, t’hae visto tì ascì, l’è vegnûo o Pestello e o l’ha portòu l'as- segno de çentomilioni”

CAROLINN-A:- (sorpresa) "O no m'ha dïto ninte"

GAITAN          :- (triste) "Quello che me despiäxe l'è che a Samanta a se ne segge andata via de casa.. coscì de botto.. con quello bibbin.. o Tacchini.."

NUNZIA’         :- “Ogni comme ‘n’öxello o çerca o so nïo..”

GAITAN          :- “Lascemmo perde l’öxello“

TEODOLINDA:- (entra da destra, soddisfatta) "Ammiae chi gh'è.. la rondine è ritornata al nido"

SAMANTA     :- (entra e posa la valigia) “Posso? ..Son ritornà.. Perdonnaeme o l'éa ‘n mascarsòn ma l’ho acciantòu a Londra e son tornà inderé..a casa”

CAROLINN-A :- (l’abbraccia) “Anche mì son tornà.. No bezeugna mai pretende troppo dä vitta.. Ma oua ninte ciù ballin di affari, pensemmo solo a e cöse pratiche.. a l’avvegnì vostro!”

GAITAN          :- “E alloa.. bentornè tutte due!” (si abbracciano)

CAROLINN-A :- (pensando) “Gaitan, senti ‘n po’.. avieiva 'n'idea pe’ rimedià.. e fa ‘n po’ de palanche..con solo çinquanta milioni ghe saieiva ‘n’affare da combinà..”

GAITAN          :- (si imbestialisce e sbotta) "Cöse?.. Poscito scavenate o collo!" (la insegue con una roncola)

LE FIGLIE       :- (corrono in cerchio a loro volta dietro al padre e poi escono di corsa. Frasi a soggetto)

                               (IN QUELL’ISTANTE SI ODE IL ROMBO DI TUONO ED IL SIPARIO SI        CHIUDE RAPIDAMENTE. MUSICA)

F I N E

 

 

                              

  


 

 

        



    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 14 volte nell' arco di un'anno