O barban do castello

Stampa questo copione

0 BARBAN DO CASTELLO

O BARBAN DO CASTELLO

COMMEDIA IN DIALETTO GENOVESE

                                  

TRE ATTI

                                      

di

BATTISTINA RAMBELLI  e  ENRICO SCARAVELLI

PERSONAGGI:

NANE BUSCHETTI                     - padròn de casa

SANTINN-A CHIAPPARINO     - moggé de Gennaro Palumbo

GIANCA MONTELLI                 - a serva

BERTO MARINI                          - notäro

GENNARO PALUMBO               - màio da Santinn-a Chiapparino

ANGELITTA BUSCHETTI         - lalla do Nane

ROBERTO ROSSI                        - ispettô de polizia

RENATO FRIZIONE                   - chaffeur

FRANCESCA SPELLINZONI    -  notäro

                                                             -

In te 'n castello in ti dintorni de Zena, ai tempi nostri

O BARBAN DO CASTELLO

ATTO PRIMO

La vicenda si svolge in un piccolo e antico castello a Genova. La scena rappresenta un soggiorno molto elegante con sedie, poltrone, divano, tavolini, buffet, telefono, attaccapanni, ecc. Sul fondo  una porta - finestra adduce al giardino, ai due lati due porte: una va all’uscita ed ai servizi, l’altra alle stanze e allo studio.

SCENA PRIMA

(Nane - Santinn-a)

  Nane, sui sessanta-settant’anni, è seduto e legge. Santinn-a, più giovane di una ventina di anni,

in piedi, passeggia agitata.

NANE             :- “E ben? Têu màio cös’o l’ha dïto?”

SANTINN-A  :- “E cose ti vêu co digghe?.. Ah.. ma chi la fa l’aspetti.. tra zûgäse e palanche e       corî apprêuvo a-e fädette o s’è mangiôu tûtto“ (rivolgendosi con affetto a Nane)”..e se no fïse staêto pé ti, che ti mantegni i mae duì figgeu che, purtoppo

                            son staêti momentaneamente affidaê a lé.. Eh.. o despiaxéi ciû grosso o l’è quello de no aveili chì, insemme a mì”

NANE             :- “E questo no l’è mïga corpa maê ti o saê.. perché teu seuxa a moieiva da-o de-

                              spiaxéi se vegnissan con ti..”

SANTINN-A  :- “Coscì o dïxe lé” (immagonata) ”Ma i maê figgi m’ammancan”

NANE             :- (alzandosi) “E va ben.. vorrià dî che invece de fäli vegnì solo a-o sabbo doman-

                             diemo de aveili due votte a settemann-a.. cöse te pâ?”

SANTINN-A  :- “T’è ‘na pasta d’ommo”

NANE             :- “Scì.. ’na pasta frolla”

SANTINN-A   :- “No so comme fà a dimostrate a maê riconoscensa”

NANE              :- “Lascemmo perde a riconoscensa Santinn-a.. son mi che dovieiva esite ricono-

                               scente pé avei portôu ‘n po’ de calore in ta casa de ‘n vëgio amigo de teu poaê

                                bon’anima”

SANTINN-A  :- (affettuosa) ”Vëgio ti? Ma no ti dimostri i anni che t’haê”

NANE             :- “Ma ghe son e i porto tûtti.. anche a gente ca me incontra a dixe che i porto ben"

                               (ironico) “Ma son segûo che o fan pe’ arruffianâse con e maê palanche.." (fa-

                               ceto) “però se poësedàgghene ‘n po’... de anni, s’accapisce, son segûo che ni-

                               sciûn i vorrieiva.. mi çerco de fäte vive ben, in to bon sta, de däte o piaxéi de quarche regalìn.. a propôxito, a te piäxe a spilla che t’ho portôu véi?”

SANTINN-A   :- “Figûrite sa no me piäxe.. l’ha visto a Gianca e a l’è arrestà a bocca averta..”

                             (imitando la donna di servizio ”A me fà: scià saià contenta e affortûnà.. In ca

                               maê de quelle cöse lì no n’è mai intrôu”

NANE              :- "E o creddo ben.. quello che sêu màio o guagnava o se i beveiva. Ancòn da saê

                              che quando a l'è arrestà vìddoa l'ho piggià mì a servissio comme chêuga e go-

                               vernante se donca.."

SANTINN-A  :-  "Son segûa che chì a ghe sta ben"

NANE             :-  "Cöse ti ne dïxi se descimo ' na festa.. mïga tanta gente s'accapisce.. mi, ti, i

                                têu figgu, o dotor Marini, che comme ti saê o l'è o notäro de famiggia e, se

                                ti vêu, quarche têu amïga"

SANTINN-A  : - "Oh, e amighe lascemmole perde.. quelle se vegnan a troväme ô fan solo pe'

                                fà di ciaêti appenn-a fêua dä porta. Perché ciûttosto no ti faê vegnì a lalla

                               Angelitta; da quando gh'è morto sêu màio a no va ciû da nisciûnn-a parte"

NANE             :- "T'haê avûo 'na bella idea.. in te questi ûrtimi tempi l'ho 'n po' trascûrà pé

                               sta apprêuvo ai maê affari e.. diggo a veitaê.. anche pe' pigrissia"

SANTINN-A  :-  "A no l'è mïga 'na parente da trascûrà quella lì.. in gîo se dïxe ca l'ha ciû di-

                               naê lé che 'n sceicco;.. palassi, ville a-o sô.. titoli , ôu.. oh, no l'è che a mi me

                               interesse, intendemmose"

NANE             :-  "E no l'è solo quelle che se dïxe.. l'è véa, a l'è pinn-a de palanche"

SANTINN-A  :-    (interessata) "E allòa ti veddi ca l'è 'na bella cösa fäla vegnì a çenn-a?"(cam-

                              biando tono) " E a festa quando pensiescimo de inandiäla?"

NANE             :-  "Se pe' ti va ben.. dieiva sabbo.. L'è anche o têu compleanno.."

SANTINN-A  :-  "Oh, Nane.. ti te l'è ricordôu?"

NANE             :-  (avvicinandosi, affettuoso) "L'ho forse mai ascordôu?"

SANTINN-A  :-  "No, l'è véa.. Allòa femmo comme t'haê dïto, poca gente"

NANE             :-  "Poca brigata, vita beata.. ah, a lalla l'avviso mì, vaddo a piggiäla co-a mac-

                               china" (posa la pipa sul tavolino)

SANTINN-A  :-  "Beniscimo"

NANE             :-  "E ôua te despiäxe piggiäme o cappottòn e cappello, che devo andà pe' 'n con-

                               tratto molto interessante.."

SANTINN-A  :-  (alzandosi e uscendo alla sinistra) "T'accatti 'n'atro scïto?"

NANE             :-  "No.. m'è accapittôu 'n terren in sci i Zövi.. 'na bella ciann-a a prexo bon.."

SANTINN-A  :-   (nel frattempo rientra con cappotto e cappello. Fa per aiutare Nane che rifiuta e

                              lo indossa da solo proseguendo)

NANE             :-  "..e s'a va ben peu vegnighe fêua 'na dexenn-a de villette, magara comme se-

                               gonda casa vixin a Zena"

SANTINN-A  :  "Proppio no ti vêu sta tranquillo.. ma no t'haê bezeugno de spremite o çervello. Ti pêu vive ben.. ti gh'haê abbastansa dinaê pe' fa 'na vitta in moscitaê, sensa straggià ma anche con 'na certa abbondanza"

NANE            :-   (che intanto aveva indossato il cappotto e cercava nelle tasche la pipa che poi

                              prende da tavolino) "I dinaê no guastan mai.. te-o dïxe ûn co se n'accapisce..

                              e poi no son bon de sta sensa fà ninte.. Fermi se ghe sta zà da morti"

SANTINN-A :-  "Amen.. fanni quello che ti te senti.. contento ti.."

NANE            :-  "No te-a piggià.. dimme invece cöse te faieiva piaxei pe' o teu compleanno"

SANTINN-A :-  (fingendo di ricusare l'offerta) "Ma no.. no l'è o cäxo.. no ho bezêugno de ninte..

                             basta o pensiero.."

NANE            : - "Comme ti vêu" (fa per avviarsi)

SANTINN-A :-  (temendo di non avere il dono, con rapidità) "Però!.. se proppio t'inscisti.."

NANE            :-  "(fermandosi) "Veddiô de insciste.. o pensiero solo o peiza poco" (fa per avviar-

                            si) "Ah, o cappello" (lo prende dalle mani della donna) "No vorrieiva piggiäme

                             'na costipaziòn"

SANTINN-A  :-  "Ti preveddi de arrivà fïto pe' çenn-a?"

NANE             :-  (che si era messo il cappello, consulta l'orologio) "No primma de sett'öe"

SANTINN-A  :-  "Allòa faiô preparà pe' sette-e-mëza"

NANE             :-  "Va ben, ciao"

SANTINN-A  :-  "Ciao"

NANE             :-  (fa un cenno di saluto ed esce alla destra)

                                                                

SCENA SECONDA

(Santinn-a  -  Gianca)

SANTINN-A  :-  (non appena Nane è uscito chiama la domestica) "Gianca?.. Gianca!"

                             

GIANCA        :-  (domestica, sulla cinquantina, entra con fare marziale e poco garbo) "Scià me

                              digghe!"

SANTINN-A  :-  (ironica) " O sciò Nane o l'arrivià pe' sett'öe e pe' frizze e granatinn-e de ri-

                             so bezêugna aspëttà co segge arrivôu"

GIANCA        :-  "Va ben !"

SANTINN-A  :-  "In tôa ca mette o 'dolcetto' d'Alba, quello che n'ha regallòu l'onorevole"

GIANCA        :-  "Beniscimo !"

SANTINN-A  :-  "In quanto a-o döçe dovieiva esighe arrestôu 'n tocco de torta de méie"

GIANCA        :-  "A torta do <marine>"(con sfottò) "Tanto no ghe n'è ätra"

SANTINN-A  :-  "Quella do <marine> a va ben.. i americani ghe van matti.."

GIANCA        :-  (con prosopopea) "Perché no san comm'o l'è bon o nostro pandöçe"

SANTINN-A  :- "Oa no esageremmo.. ca vadde de là a preparà che tanto mi telefono ä sarta

                              pe' o mae tailleur"

GIANCA        :-  (Fa una giravolta alla militare ed esce)

SANTINN-A  :-  (compone nel frattempo il numero al telefono) "Oh, o l'è libero.. Pronto?.. La

                              signora Pomelli?.. Sono la signora Chiapparino.. volevo venire per la misura

                              del mio tailleur..." (pausa) "E comme mai o no l'è ancòn pronto?(pausa)       "Bacere!La rosolìa alla lavorante?.. Allòa saià ben stagghelontan perché io, quella cosa lì.. la rosolìa, non l'ho mai fatta; ho fatto le <rossazze>" (pausa) "Eh, accapiscio anche mì, ci vuole pazienza. Scì..dica alla lavorante che si curi bene.. scignoria, scignoria"(posa il ricevitore e chiama) "Gianca?.." (tra sé) "Me sa tanto che doviôu accattamene un za confezionòu"

GIANCA        :-  (entra alla solita maniera) "Scià l'ha ciammôu?"

SANTINN-A  :- "No.. ho sciguôu.. ca l'acciànte li tûtto e pe' piaxei ca vadde in tintoria.. a ghe

                              porta o maê vestì de vellûo, quello che me son inciastrà ä commenion do Ri -

                             co. A-o fa tinze de neigro, coscì o pa' unn-'ätro, e che o segge pronto pe' sab-

                              bo in mattinâ"

GIANCA        :-  "E comme mai? O tailleur o no l'è pronto?"

SANTINN-A  :-  "No!. La lavorante ha preso la rosolìa.."

GIANCA        :-  "Ah! E rossazze"

SANTINN-A  :-  "No: La rosolìa. E rossazze, quelle, l'ho faeête anche mì"

GIANCA        :-  "Ma son a maêxima cösa "

SANTINN-A  :-  (sorpresa) "Ma và?.. Ho faêto a figûa da nescia co-a sarta.. ma tanto lé a no l'è zeneize e a no l'avvià accapîo 'n berettìn"

GIANCA        :-  (togliendosi il grembiulino) "Allòa mi vaddo"(esce rapidamente)

SANTINN-A  :-  (accende la radio per ascoltare un po' di musica e poco dopo bussano alla porta-

                             finestra del giardino. E' GENNARO, il marito separato di Santinn-a)

 

SCENA TERZA

(Santinn-a - Gennaro)

GENNARO    :-  (da fuori) "Songh' io.. Gennaro.. mi apri?"

SANTINN-A  :-  (spegne seccata la radio e va ad aprire) "Che ci fai qui? Lo sai che Nane o no vêu vedde a têu faccia, visto comme ti m'hae trattôu"

GENNARO    :-  (che userà l'accento(napoletano o meridionale, risponde con disinteressata stra-

                               fottenza) "Ma io l'ho visto uscire, e allora.."

SANTINN-A  :- (amareggiata e scocciata) "Eh zà..m'ascordavo che t'è de longo in gïo a 'sta ca-

sa in agguato comme o tenente Colombo.. Ma se pêu savei cose ti vêu ancòn?"

GENNARO    :-  (che osserva intanto gli oggetti di valore sul tavolino o i quadri alle pareti, con

                             ostentato interessamento) "Che domande del picchio che mi fai.."(con faccia di

                             bronzo) "Dovresti saperlo..c'è da pagare la retta della palestra dei ragazzi..."

                             (calcando) "I nostri figli.. devo comperargli i libri..vestirli decorosamente si

                              capisce per mandarli all'Istituto.. la casa da mantenere.."(subdolo) "La vita,

                              si sà, è cara.."

SANTINN-A  :-  "Pé chi no ha cuaê de travaggià, è sempre cara.."(adirata)" Ma io soldi non

                               ne ho.. non posso mica chiederli sempre a Nane"

GENNARO    :-  (sempre calmo e strafottente) "Abbi pazienza ma.. mi racconti delle MICCE..

                              Non ti conterà mica i soldi, con tutte le palanche che tiene"

SANTINN-A  :- "Ma che razza de discorsci ti me faê.. mi, ti o saê, v'aggiutto voentea.. gh'am-

                              manchieiva ancòn.. i figgi son anche i maê"(con serietà) "Ma mì no son miga

                              a sêu convivente e tanto meno son sêu moggé.. visto che no son libera!.. E de

                              segûo no l'è che ti te deciddi diversamente pe' 'n motivo sentimentale ma.. pé

                              ben ätro..." (accenna ai soldi)

GENNARO    :-  (infingardo) "Ma io debbo stare all'uocchio mia cara.. se ti concedessi il divor-

                              zio, si fa per dire intendiamoci, potrei avere sì qualche 'palanca', ma poi..

                              NIBBA.. Ma senti un po' se dico bene: perché dovrei lasciarti libera.. mettia-

                              mo il caso che tu un giorno diventassi straricca, io perderei tutti i miei dirit-

                              ti, invece.. così.. Cerco, insomma di.. di tutelare i diritti dei figli.. ho reso l'i-

                              dea?"

SANTINN-A  :-  "Ciû che l'idea, t'hae réizo ancòn de ciû a têu vera natûa..I diritti di figgi.. ti

                               me faê vegnì in chêu o bon'anima do rïe. Ti tûteli l'interesse a-o zeugo, a-e

                               donnette " (malinconica) "No capiscio perché i figgi l'àggian affidaê a ti.."

GENNARO   :-  "Cambiamo discorso, tanto noi, ci conosciamo assai bene.."(cercando di lusin-

                               garla) "Santina.. potresti darmi un po' di.. grana?"

SANTINN-A  :-  "L'è ben pe' questo che t'è vegnûo, no?"

GENNARO    :-  "T'assicuro che questa volta non li giocherò: Mi servono per..pertirare avan-

                                ti.." pausa) "E allora?"

SANTINN-A  :-  "No doviaê manco state a sentì ma ti, ti ghe faê de longo intrà i figgi e coscì..

                               ti me lighi e brazze" (sospirando) "Mi ghe n'ho solo quattroçentomilla, te

                               bastan?"

GENNARO   :-   "Ma io m'accontento anche di... cinquecentomila.. per adesso !"

SANTINN-A  :-   (rassegnata) "E va ben. Però veuggio i figgi no solo a-o sabbo, ma anche in te

                              'n'ätro giorno da settemann-a, capîo?"

GENNARO   :-  "Allora dammi di più"

SANTINN-A  :-  "Se mai de meno, visto che no mangian con ti.." (si alza e con severità) "Aspë-

                               time chi.." (esce)

GENNARO   :-   (soddisfatto) "E chi si muove.. se me ne vado 'nu becco ciû ninte'.. però.. non è

                              mica un cattivo affare.. arrivano le 'palanche' senza travaggiare..e chiamami

                              fesso"

SANTINN-A  :-  (rientra e gli porge una busta)"Ecco qua.. sono cinquecentomila.. e pe' 'n po no

                              fäte ciû vedde.. inteixi?"

GENNARO    :-  (prende la busta, sbircia dentro perché vorrebbe contare i soldi, ma non sa come

                              fare) "Allora sono.. cinquecentomila.."

SANTINN-A  :-  (seccata) "Se no ti te fîi, còntili!"

GENNARO    :-  (allarga la busta e sbircia) "No, no.. mi fido.."

SANTINN-A  :-  "E veddo ben.. E oa, vira de bordo" (accenna alla porta)

GENNARO    :-  "E come Garibbaldo rispondo: OBBEDISCO !"

SANTINN-A  :-  "Scì, ôua che t'haê a busta 'obbedisco'.. T'haê o muro comme e lastre"

GENNARO    :-  "E che centra il 'muro'.."(avvicinandosi lezioso) "Tu si sempre 'nu babbà e..

                                non mi meraviglio se lui.."

SANTINN-A  :-  (Offesa, interrompe) "Ma comme ti te permetti!.. Io sono una donna onesta"(in-

                             dicando l'uscio con imperiosità) "Vattene, vattene prima che arrivi Nane"

 GENNARO   :-  (flemmatico) "Ihhh tranquilla.. non ho nessuna intenzione di guastarti il..'me-

                              nage'..ci rimetterei anch'io e poi, noi.." (quasi minaccioso) "Siamo d'accordo

                              in tutto, no?"

SANTINN-A  :-  "In tûtto? E allòa divorzia!"

GENNARO   :-  "E che, son scemo?.. In tûtto, meno che in quello"

SANTINN-A  :-  (con sfogo) "E allòa tegnite ben streiti i dinaê che t'ho daêto e cöri..."

GENNARO  :-     (avviandosi lemme, lemme alla porta) "Vado, vado.. arrivederci.." (quasi sul-

                             l'uscio) "E se per caso avesti bisogno di me.. chiama.. basta un fischio ed io

                              sarò qui, di corsa.. con le mani aperte.." (porge le palme delle mani come a

                              chiedere altri soldi, poi esce)

SANTINN-A  :-  "Na cannonà te spariaê, ätro che ciammàte.. Ma che cröxe, che cröxe..Eh, se

                                no fisse  pe' i  figgêu o faia corî comme 'na lippa"

SCENA QUARTA

(Santinn-a - Gianca)

GIANCA       :-  (entrando) "Eccome de ritorno. O vestì o l'è in tintoria, comme scià l'ha ordi-

                             nòu"

SANTINN-A  :-"L'importante l'è co pàgge  nêuvo intanto che a sarta a me  fa quell'atro..ros-

                              sazze permettendo"

GIANCA        :-  "Ho visto sciortì o sciò Palumbo.. o me  pàiva tûtto fiero"

SANTINN-A  :-  (seccata che l'abbia visto) "Eh, zà.. quella lenza de maê màio; ma.. o passava

                              de chi  pe' cäxo"

GIANCA        :-  (che nel frattempo stava riallacciandosi il grembiulino) "Oh, pé mì.. scià peu ri-

                              çeive chi scià vêu.. sorviatûtto quando o padròn o no gh'è"

SANTINN-A  :-  "E perché questo tòn?.. A l'avià mïga intenziòn de riferïghelo? Se mai o fas-

                               so mì"

GIANCA        :-  "Ma cöse scià va a pensà.. Ciûttosto scignòa.. ghe da dà da mangià.. alle care

                               bestiole" (accenna verso il giardino)"..Quelle in ta vasca.."

SANTINN-A  :-  (inorridita) "Ca me fasse o piaxéi, quelle, solo che a pensäghe, me fan andà o

                               o sangue in in ti scapìn"

GIANCA        :- "Allòa  ne parliô cö sciò Nane quando o l'arrïa.."(con aria funerea) "Ma saià

                              ben daghene fïto perché g'han 'n comportamento che mì.. ghe passo da  lon-

                              tan.." (avviandosi all'uscita)"Però.. che gûsti!" (esce)

SANTINN-A  :-  "Zà.. che gûsti.. ciû i ommi son ricchi ciû son strani e ciû son strani, ciû devan

                               dimosträlo. O poeiva accontentäse de duî pesci, magara due salamandre?No,

                               se salamandre doveivan ëse o doveiva trovale fêua de mezûa.."

                               (scuote il capo uscendo) "E che mezûa!"

               (MUSICA DI SCENA PER LA CHIUSURA DEL PRIMO QUADRO)

SCENA V

(Renato - Angelitta - Nane)

                         (Si riaccendono le luci. Entra NANE seguito da ANGELITTA che è sorretta da

                           RENATO)

NANE            :-  "Gianca?"

GIANCA        :-  (entra e Nane dà la schiena per farsi sfilare il soprabito:Vede Angelitta con Re-

                            nato, che stanno entrando, e la saluta) "Benvegnûa, scià Angelitta" (le ritira la pelliccia e con inconsueta gentuilezza) "E-o cappelìn..scià ò o tegne?"

ANGELITTA :- "Scì.. ôu tegno"

GIANCA        :- (esce sorridendo)

RENATO       :-  (un giovane autista di bell'aspetto, sorregge l'anziana Angelitta con un braccio)

                             "Scià stagghe attenta che chì, gh'è da çeivia"(accenna al pavimento)

ANGELITTA:- (si appoggia anche sul bastone. Ha un cappellino con veletta ed una borsetta)

                           "No avei anscietaê zoenotto.. staggo attenta. So  ben che se me rompo 'na

                             gamba  no posso ciû montà i schaên  da Lanterna  pé vedde Zena da l'äto"

NANE            :-  (guardandosi attorno) "A Santinn-a a no gh'è.. a dev'ëse ancon da pëtenêa o

                             dä massaggiatrice"

ANGELITTA:- (che intanto è stata fatta accomodare in poltroncina)"A  fa  ben a cûrase o fixi-

                             co e poi.." (sorniona) "i anni passan e ghe vêu sempre ciû tempo ..orriaê an-

                             che mì andà a fäme duî massaggi.." (con ironia) "Foscia a mì, invece che duî

                             massaggi me ghe ne vorrieiva 'n çentanà.. e poi vorriaê däme 'na spegassinà

                             ai cavelli..magara biondo-çenie.."(sospirando) "Ma se me-i fasso toccà va a fi-

                             nì che ne  perdo a ciocche"

NANE            :- (adulandola) "Ma ti, lalla, no ti  n'haê  de  bezêugno,t'è fresca comme 'na rêu-

                            za"

ANGELITTA:-  "Scì.. de  papé"

NANE            :- "Ma no.. t'è pimpante comme 'na figgetta e nisciûn te  porrieiva dà tuìtti quelli

                              anni che t'haê"

ANGELITTA:-  "Ammia, ex zoenotto, che i 'tûtti', comme ti dïxi ti, son solo çinque ci di têu,

                               son l'ûrtima da niâ.. andavo a l'asilo ch'éo zà têu lalla..ma ammîa 'n po', o se

                               credde ancòn un zovenotto lé.. ma ti tè ammiôu in to spëgio?.. Comunque i

                               anni son quelli che son e  l'è  mëgio no contäli..commençan a pesà in scià

                                schenn-a.. comme quello.. quello gigante mitologico.." (cerca nella memoria)

                              "quello.."

NANE             :-   "Sìsifo?"

ANGELITTA:-   "Ecco, quello Sisìfo.. eh, de votte perdo anche a memöia"

NANE             :-  "Oh, quella a perdemmo 'n po' tûtti.. De votte vaddo de filata in to maê stud-

                                dio a piggià quarcösa e poi, arrivôu lì, me domando cöse gh'éo andaeto a fa,

                                tanto che devo rifà o traêto a l'inverso pe' fämelo vegnì  in  mente..Do resto

                                lalla e cöse stûdiae in to ginnasio s'ascordan.. doppo'tûtti' questi anni"

 AGELITTA  :-  (altera ed usa a comandare)"E a  ridagghela con 'tûtti'.Mi  me  ricordo quaêxi

                               tûtto quello che l'è sûccesso in ta maê zoentû, mentre invece no me ricordo

                               'n berettìn de quello che, magara, o mangiôu véi... se vedde che gh'ho a me-

                                möia RETRODATATA "

RENATO       :-   "Sempre argûta a scignôa e, se  scià me  permette, anche molto spiritosa"

ANGELITTA:-   "Scì, spirito de patatta"

RENATO       :-   "No, no, diggo davvéi.. arguta, drita a-o södo, senza tanti regîi de canâ, com-

                                me dixeiva ma nonna bonanima"

ANGELITTA:-     (al nipote, con sottile ironìa) "Ma dimme 'n po'..quante ti ghe daê a-o tê u

                                chaffêur?"

NANE             :-   "Sempre co péivie a lalletta, eh?"

ANGELITTA: -  "Va ciû 'na grann-a de pèivie che ûnn-a de sûcca" (si agita malamente sulla

                              poltroncina, poi, al nipote) "Renato, e anche ti Nane, daeme 'n po' 'na man a

                                issäme che cangio de pötronn-a.." (al nipote, con voce severa)"E fanni 'n po'

                               aggiustà e molle.. ghe n'è ûnn-a rotta ca m'arrunsa in scié 'na sc-ciappa"

RENATO       :-   "Scià me porze o brasso, scignôa"

                               ANGELITTA SI ALZA ADAGIO AIUTATA DA NANE E RENATO. LE CADE IL

                               BASTONE E RENATO PER RACCOGLIERLELO LE SCONTRA IL CAPPEL-

                              LINO CHE LE VA DI TRAVERSO E CADE ANCH'ESSO, ANGELITTA, MAN-

                              CANDOLE IL SOSTEGNO DI RENATO, CADE ADDOSSO ALL'AUTISTA, NA-

                              NE PERDE A SUA VOLTA IL CONTROLLO DELLA SITUAZIONE E CADE

                              COMICAMENTE A TERRA ASSIEME AGLI ALTRI.

 RENATO      :-  "Ahia!.. Che massoâ" (con voce soffocata) "Ma scià Angelitta.. scià m'ha pig-

                               giòu pe' 'na strapunta?"

NANE             :-   (alzandosi indolenzito) "Ahimemì.. che botta!"

RENATO       :-  "Domando scûsa, ma vorrieiva sciortì de chi sotta"

ANGELITTA:-   (aiutata da Nane e poi da Renato che si rialza) "Ûn po' de ommi che sei ascì.."

                             (divincolandosi innervosita) "Manco boìn de dà o brazzo a 'na scignôa"

RENATO       :-   (che con Nane, l'hanno avvicinata alla poltrona) "Ecco chi.. scià se faêta mâ?"

ANGELITTA:- "Stavo ciû ben primma"

NANE             :- "Lalla, t'haê sette vitte comme i gatti "

ANGELITTA:-  "A t'è andaêta mâ, eh?"

RENATO       :- (che aveva nel frattempo raccolto il bastone lasciando a terra la borsetta)

                            "Ecco chi, o bacco"(lo porge ad Angelitta)

ANGELITTA:- (lo prende e minaccia) "Ve-o daieiva in to coppûsso"

NANE             :- "Ecco, assettite.. Renato, attento.."

ANGELITTA:- "Scì, attento a-o maê bacco"

NANE             :- "Comoda?"

ANGELITTA :- "Abbastansa .. chi e molle no son ancòn sc-cianchaê"

RENATO       :- (prende e porge la borsetta; è un po' confuso per la caduta) "Scià borsetta scià

                             pigge l'Angelitta... Ehm.. voeivo dì.. Insomma ecco chi!"

ANGELITTA:-  (al nipote, con solita ironia) "Ma quante ti gh'haê promisso de mancia?"

NANE             :- "O Renato o l'è 'na personn-a molto edûcà.. e poi o l'è 'n bravo chaffeur.. pé

                             ninte o se ciamma Frizione.." (all'autista) "Penso che ti possi andà"

RENATO       :- "Comme scià dexidera.. Vaddo a spostà a macchina e-a mettila in to box"

                             ( Ad Angelitta) "Compermisso, scignôa"

ANGELITTA:- "Comodo"

RENATO       :- (mette il berretto da autista in testa e con scatto militare fa dietro-front ed esce) ANGELITTA:-  "O me piaxe.. se t'accapita de mollälo, dimmelo, porrieiva aveine de bezugno

                              mì"                            

NANE             :-  "Ma no l'e o cäxo de straggià di dinaê.. ghe son sempre mì a teu disposiziòn..

                               ciûttosto ti vêu beive 'n caffè.. ûn thé?..  Ciàmmo sûbito a Gianca"

ANGELITTA:-  "Macchè caffè.. o fa mâ.. e poi o thè, quello o se fà solo quando vegnan in cà

                               gente de 'na certa importanza"

NANE             :-  "Ma o thé a l'è 'na bevanda delicà e o te fa ben"

ANGELITTA:-  " O fa ben pe'n  pedilûvio.. Ciûttosto, no gh'è n cicchettìn?"

NANE             :-  "Ûn cicchettìn a têu etaê?.. No, no.. voeivo dì che i licöri fan mà a qualunque

                                etaê"

ANGELITTA:-  "Ben no fan de segûo.. però.. se ti me ne versi 'n dîo" (accenna un dito nella sua lunghezza)

NANE             :-  "Un dìo..coscì" (accenna col dito orizzontalmente)

ANGELITTA:-  "Ma che spilorcio che t'è.. Ne vêuggio ûn dîo, ma coscì!"(mostra il dito in ver-

                              ticale)

NANE             :-  (scrolla il capo e provvede a prendere un cabaret con bottiglia e due bicchierini).

                             "No doviaeìe piggiänemanco mì ma.. te fasso compagnia" (Si avvicina alla zia

                              e inizia a versare nel bicchierino. Quando ritiene che basti fa per versare nel

                              proprio ma la zia lo blocca e accenna con la mano, ad alzare il livello del suo;

                              Nane provvede e quando passa a servire se stesso, la scena si ripete: Nane,

                              stupito, provvede passando poi a servire se stesso.Guarda contro luce la botti-

                             glia) "No ghe n'è tosto ciû"

ANGELITTA:-  (controlla anch'essa controluce il bicchierino, ne odora l'aroma da intenditrice)

                             "Mi no te n'ho bevûo de segûo.. Magara ti te servi da ascöso"

NANE             :-  (alza il bicchierino assieme alla zia) "Saià a Gianca ca beive de badda.. Cin cin

                             a têu salûtte"..

ANGELITTA:-  "Ä nostra salûtte e in to brêuxo a quelli che ne vêuan mâ"(bevono)

NANE             :-  "No t'ho mai sentîo parlà coscì abbréttio"

ANGELITTA:-  (che intanto si versa ancora da bere) "E no ti m'haê mai sentîo perché quande

                             mando a dà de l'organo quarchedûn de solito son sola, però..." (con soddisfa-

                             zione, guardando il bicchierino vuoto) "..Che prô te fa quando ti pêu fälo con

                            quarchedûn de fidûccia.. o l'è 'n sfêugo co t'arricilla.."(fa cenno al nipote di                  avvicinarsi e, ridendo, gli sussurra qualcosa all'orecchio)

NANE               :- (tra il serio ed il faceto) "Ma lalla! Queste cöse dä bocca de 'na scignôa.. t'è pëzo de' camallo!"

ANGELITTA:- (ridendo) "Se l'è pe' quello, ah, ah.. ne so anche de quelle da pëtenà co-i sàsci..

                             ma no vorrieiva fate diventà rosso"

NANE              :- "Oh, son segûo che ti ne saê de pëzo!"

ANGELITTA :- "Oh, quante balle.. l'è inûtile che ti me fassi a predica ä maê etaê: a misciòn

                             e-a galéa lascian, a votte, l'ommo comm'o l'éa: No se pêu cangià ôa; comun-

                             que anche ti, sciben che ti faê o santificetum, quanto t'éi zoveno t'éi 'n bello

                             monaêgio: ballerinn-e, scignôe de manega larga.."

NANE              :  (preoccupato guarda verso la porta e fa cenno alla zia di zittire)

ANGELITTA :-  "..caffè chantant.."

NANE              :- "Ma quelli gh'éan ai têu tempi"

ANGELITTA :- "E a ridagghela con i têu tempi!.. E va ben.. cose scimili.. cabarette.. nigghe-

  te-clubbete. Insomma, ti t'è demuôu ma ôa penso che t'aggi attrovôu, a scar-

                              pa pe' o têu pé" (cambiando tono, quasi a rimproverarlo) "Intendemmose, mì   no l'è che appreuve a teu comportamento, che ti stagghi insemme 'na donna sposà.. anche se ä giornâ d'anchêu nisciûn ghe fa ciû cäxo"

NANE              :-  "No posso negà ca me piäxe.. comunque chì a l'è ospite.. e poi a l'è divisa"

ANGELITTA  :-  "A no l'è né in divisa né in borgheise.. a sta chi de casa, ecco tûtto"

NANE               :-  "Sêu màio o tegne de longo a corda tià, pe' via di figgi, o dïxe"

ANGELITTA  :- (riversa per sé dell'altro liquore) "A ti ninte co te fa mà.. E ti pensi che segge

                              pé i figgêu o pe' i têu dinae?..Perché mì, o Gennaro, ô conoscio ben. O l'avei-

                              va tre macchine de lûsso, donnette, barca a véia, o l'andava a fa o safari in -

                              intanto che a moggé a l'éa impegnà a tegnì i figgi e tante atre cöse che costa-

                              van e costan de belle palanche. Insomma o s'è mangiôu tûtto e ôa.."(beve e se

                               ne compiace) "..no vorriaê che quarchedûn o ghe mollesse"(guarda il nipote)

NANE             :-  "E figûrite.. creddo che quarcösa o fasse.. me pâ o se interessa de terren, de

                               immobili, a quante ne so"

ANGELITTA:-  "Mediatò.. bello mesté!. Mi de mediatoî no ne vêuggio savei. Quando sento

                              parlà de mediatoî me ven drïti i cavelli. Se vendo 'n scïto ghe metto ben ciaêo

                              e netto a clausola: 'inintermediari'. Chi accàtta deve trattà con mi e t'assegûo che no me imbroggian.. Ma ti saê comme faê voiätri ommi:'oh que-

                              sta a l'è 'na vëgia rimbambîa, sola, e a freghemmo che manco a se n'accorze"

                             (fa un gestaccio con l'avambraccio) "TIE'.. a vëgia rimbambîa!"

NANE              :-  "Ma lalla! Te l'ho zà dïto; 'na scignôa a no se deve comportà coscì"

ANGELITTA:-  "Mi son scignôa con chi me tratta ben e villann-a con chi me tratta mà. Me

                               despiäxe solo che vegnà o momento che no accapiò ciû ninte manco mi, e

                               con a scûsa che te ven l'arterio, a confûxòn senile e via discorindo, te fan in-

                               goà de pilloe che te rimbambisciàn ancôn de ciû, cäo Nane"(decisa)" Ah, ma

                               primma de rimbambî do tûtto ho faêto testamento.. o zà disposto tûtto e gh'è

                               ben scrito ciaêo: 'nel pieno possesso delle mie facoltà mentali'.. no devan im-

                               broggiäme manco dopo morta"...

NANE              :-  "No te agità che te fa mâ"

ANGELITTA:-  "...e se me fregan doppo che mì.."(accenna alla dipartita") "..chiunque segge..

                               vegno inderré e ghe fasso o bolittigo sotto ai pé tûtte e nêutti!"

NANE              :- (che stava muovendosi, accenna istintivamente al solletico sotto i piedi cam-

                            minando comicamente come sentisse veramente il solletico) "Sempre battagliera

                             eh?.. Anche.. doppo.." (cerca di portarle via la bottiglia ma viene arpionato al

                             braccio dal manico del bastone della zia)  "..ìua no ghe pensà.. pensa a campà

                               che l'è mëgio"

ANGELITTA:-   (riversando del liquore) "T'haê raxôn.." (alzando il bicchierino) "..e questo o

                              me da 'n po de tòn"(beve)

NANE             :-   "No vorriaê ëse troppo indiscreto ma.. in to testamento gh'è.. gh'è tanta gen-

                              te?"

ANGELITTA:-  (ha un singulto da..liquore) "Ip.. eh?.. Tanta gente?.. Stanni tranquillo.. ghe son quelli che ghe devan ëse"(si versa da bere)

NANE             :-  (agitato) "Insomma.. mi, ghe sòn?"

ANGELITTA:-  "T'haê sempre a stessa faccia rotta" (tenendolo sulle corda) "Mi lascio tûtto

                              a.." (interrompe per bere)

NANE             :-  (che non sta più nella pelle) "Te s'è incantôu o disco?"

ANGELITTA:-  "..a quella pövia donna de maê nessa"

NANE             :-  (che c'è rimasto male) "A têu nessa?.. Ti vêu di ä nessa de têu màio!"

ANGELITTA:-  (divertendosi come il gatto col topo) " A s'è dimostrà 'na donna pinn-a de sen-

                             timento... a me fa da governante, a me sta apprêuvo comme a fïse 'na figgia...

                             Ip... e poi lascio ben ben anche a l'istitûtto de Orfanelle da parrocchia dove

                             son  sempre andaêta a fa da beneficenza... Ip... "

NANE            :-  ( rabbuiato)  "Capiscio.. beh, o so anche mì che vivo in te 'na certa agiatessa in

                            te questo castello do milledûxento, con a sêu töre antiga, comme gh'aveiva i

                            scignori de 'na votta.. che gh'ho servitû, macchine.. ûn commercio ben inan-

                            diô.."

ANGELITTA:- (interrompendolo) "..'na vasca con duî.."

NANE        :- (interrompendola a sua volta) "E va ben!.. 'na vasca con duî.. 'n po' d'eccentricitaê a fa nomme, ma doppo tûtto son anche o têu nevo ciê streito"

ANGELITTA:- (sorniona) "Ciû che streito t'è elastico.. Ti vegni quando te fa comodo"

NANE             :- (dimostrando noncuranza) "E va ben lalla.. t'haê deciso coscì e mi rispetto a têu

                            decisiòn"

ANGELITTA:-"Anche perché no ti pêu fà ätro"

NANE             :- (cercando le parole) "Mi.. t'ho invitôu chì, no pe' quello che ti pêu pensà, ma

                            perchè aveivo cuaê d'aveite 'n po' vixin.. in fondo t'è sempre a sêu de maê 

                            poae bonanima "(sottilmente) "Che o te voeiva tanto ben!"

ANGELITTA:- (sottile) "E ti, natûralmente, t'è sêu figgio; no commençemmo co-i sentimenta-

                              lismi.." (cambiando tono) "Ma chi no se mangia? Mi son abituà a mettime tòa a sei öe e l'è quaexi sett'öe"                 

NANE             :- "Pazienta 'n pittinin; aspettemmo i figgi da Santinn-a e-o notaro Marini che

                             da duî o trei meizi o cûra i maê affari.. 'n zovenotto in gamba.. fûrbo comme

                             'na vôrpe.. Penso co faiâ da stradda"

ANGELITTA:-  (sospettosa) "Ûn zovenotto? E ti, ti faê vegnî di zovenotti in casa, chì da têu

                             moggé?.. Pardòn da têu.. scì insomma quello ca l'é.."

NANE             :- "Ma comme t'è sospettôsa.. .E poi a Santinn-a a l'è a figgia do maê amigo o

                             Franco, ti o sae co m'ha sarvôu a vitta in tempo de guaêra e questo, mì, no me

                             l'ho mai ascordôu"(un po' scocciato si alza e vaalla porta-finestra)

SCENA VI

(Angelitta-Nane-Gianca-Maria- Santinn-a)

GIANCA       :-  (entrae si rivolge a Nane) "O Renato o l'ha portôu i figgêu a-o staddio a vedde

                            Genoa e Sampdoia in nottûrna.. han dïto che se mangiàn 'na pizza"

ANGELITTA:- "E ti saê a mì quanto me ne frega do Genoa e do Sampedoia.."(a Gianca con

                             dolcezza) "Gianca.."

GIANCA        :- (anch'essa con dolcezza) "Scì, scignôa"

ANGELITTA:- "Vanni pûre a preparà perché se no me ven a pansa lunga"

GIANCA        :- (sorridendo) "Vaddo, vaddo, ma a scignôa a l'ha dïto de preparà pe' sette e

                           mëza.. ghe son e granatinn-e de riso e.." (allarmata) "O ROSTO, o me se brû-

                            xa" (esce sveltamente)

NANE            :- (che stava osservando alla porta-finestra del giardino) "Oh, gh'è chi a Santinn-a

                           co notaro Marini"

SANTINN-A  :- (entra seguita da Marini) "Bonn-a séia lalla Angelitta, ben vegnûa" (si china a

                           dare un bacetto alla donna e poi si rivolge con un saluto a Nane)

MARINI       :- " Bonn-a séia a tûtti" (ad Angelitta) "Ma lei.. non è per caso la signora del com-

                             pianto dottor Tarella?"                          

ANGELITTA:-  (sospettosa) "E voscià comme scià fà a saveilo?"

MARINI        :- "Permette?.. Umberto Marini" (fa un inchino accennando ad un baciamano)

                            "Suo marito, oltre ad essere il mio medico è stato anche il mio primo cliente"

SANTINN-A :- (che indossa il vestito ritirato alla tintoria) "Ma allòa se conoscemmo tûtti.."

                           (a Nane) "Figûrite, Nane, che con o dotor Marini se semmo conosciûi anni fa,

                            in barca a véia.. Compermisso; vaddo a vedde se a Gianca a l'ha preparôu tûtto"

MARINI        :- "Proppio coscì .. éo ancòn stûdente" (ai presenti) "..Quando se dïxe a combina-

                             ziòn"

ANGELITTA:- (sospettosa)  "Zà.. quante combinazioìn"

NANE            :- "E allòa, visto che se conoscemmo tûtti, andemmo a tôa che tra 'na portà e l'ä-

                             tra porriemo ciaciarà o maêximo"

ANGELITTA:- (viene aiutata da Marini ad alzarsi) "Oh, finalmente se mangia..gh'ho zà e gam-

                             be molle.. anche perché o mangiôu poco.. "

NANE           :-  "..e bevûo tanto"

ANGELITTA:- "..ho dovûo piggià de pastiglie pe' a circolaziòn" (sempre aiutata da Marini, si

                              avvia alla sinistra)

NANE           :-  (lascia il passo e porge il bastone alla zia) "Attenta lalla no ingambate in to bac-

                            co se no demmo n'ätra salaccà pe' taêra"

ANGELITTA:-" Scì, staggo attenta e stanni attento anche ti , do resto no ti becchi ninte"

NANE               (che stava per aiutare la zia, ritira il braccio scherzando) "E allòa mi te mollo"

ANGELITTA:-"Sciò notaro, scià l'è testimonio, eh?"

MARINI        :- "Ma o sciò Nane o scherza"

ANGELITTA:- (a Nane) "Mai 'na votta che ti me fassi a sûppa de pescio"

NANE           :- "E perché doviaê fatela?.. Tanto no ti m'haê misso in to testamento" (escono)

            

SI CHIUDE IL SIPARIO

FINE DEL PRIMO ATTO

 

                                                       

                                                                

                                         

                                                             

                                                       

                                

 

ATTO SECONDO

SCENA PRIMA

                                                      

Stessa scena del primo atto

(Santinn-a - Marini)

Marini e Santinn-a entrano in salotto

MARINI        :- "Chi l'avrebbe mai detto che dovevamo incontrarci dopo tanti anni?"

SANTINN-A :- "Davvéi dotore"

 MARINI    :- "Ma toglimi una curiosità.. non siete ancora sposati tu e il commendator Buschetti?"

SANTINN-A :- "Ma cosa dici?.. Mi dà ospitalità ed aiuta me e i miei figli.. e poi.. come potrei

                              sposarlo?.. Certo che la situazione è poco simpatica"

MARINI        :- "..e poco reddittizia.. oh, intendiamoci, te lo dico come notaio.. se o sciò Nane o

                             tîa o gambìn sensa avéi faêto testamento, no te tocca manco ' citto"

SANTINN-A  :- "E ti vêu che nö sàcce?.. Ma da o momento che t'è tì o notaro de famiggia.. ti

                              porriesci däme 'na drïta, in to lecito s'accapisce"

MARINI         :- "Fatte fûrba"

SANTINN-A  :- "Eh, scì.. fatte fûrba.. t'è 'n bello dì; no posso mïga domandaghe s'o l'ha faêto

                              testamento e in che moddo.. O l'è anche sûperstizioso e de çerti argomenti

                              con mì o no ne vêu parlà e mì, no me incàllo.. Ti sae cös'o dïxe?: 'Commenço

                              a diventà vëgio. Ma quello che me rincresce de ciû l'è de dovéì moî' "

MARINI         :- "Ma non pretenderà mica di campare più di te, perché allora và tutto a ba-

                              gno"

SANTINN-A  :  "Ma notaro.. datti una regolata.. Ti raxonn-i a 'na mainéa che ti me metti a di-

                              saggio"

MARINI         :- "O mestè de votte o rende crûo e i sentimenti se mettan da parte"

SANTINN-A  :-  "Comunque a segge, mi no me sento de parlaghe de testamento e poi.. a maê

                              vantaggio"

MARINI         :-  "Però.. una mano te la potrei dare.." (con affettazione) "..lo sai che.. avevo un debole per te.."(guardandola) "..e ti posso assicurare che il tempo ti ha migliorata" (avvicinandosi con intenzione) "Anzi..ti me piaxi ancòn" (prosegue il suo avvicinamento)

SANTINN-A  :-  (lo blocca con un gesto) "Fermite lì, se no ciàmmo a Gianca!.. O lô o perde o

                             péi ma o no perde o vizio.."

MARINI         :- "Sto fermissimo.. stai tranquilla"  (sornione) "Però, per parlare con te in tutta         calma, penso che potresti venire nel mio studio.. magari sabato.."(tenta ancora di avvicinarsi) " e vediemo o da fäse"

SANTINN-A  :-  (sulla difensiva) "A-o sabbo gh'ho i maê figgi"

MARINI         :- "E ti vegni primma.. Comunque la cosa più importante e necessaria è quella

                              di farsi sposare.. Gh'è veu o papé-é.."

SANTINN-A  :-  "Ma se maê màio o no vêu, l'è inûtile pestà l'agua in to mortà"

MARINI         :-  (serio e pensoso) "Tuo marito, con le buone o con le cattive, dovrà lasciarti li-

                              bera.."(passeggiando pensoso) "Vedrai che un modo lo troveremo"

SANTINN-A  :-  (preoccupata) "Ohei, diggo.. ma quaê moddo?"

MARINI         :-  "Tranquilla.. non sono mica uno sprovveduto.. Intendo dire un modo per con-

                             vincerlo.. un cavillo.. un ricattino.. magari con una somma ragionevole.. Ne ho parlato col commendator Buschetti e ti dirò che non vede l'ora di sposarti"

SANTINN-A  :-  " O l'è 'n brav'ommo o Nane.. ti pêu immaginà se no me faieiva piaxéi.."

                               (sospirando) "Ma 'sto matrimonio o me pa distante comme a lûnn-a"

MARINI         :-  "Però in sciè a lûnn-a che son arrivaê.. Ma òa stanni tranquilla e.."(con dop-

                               pio intento) "..vëgnime a trovà.. andremo in un localino ritirato e.. faiemo 'na  carellata di vgi tempi"

SANTINN-A  :- "No gh'è nisciûnn-a carellata da fà"

MARINI         :- "Parliemo solo, stanni tranquilla.." (estrae un biglietto da visita) "Chì gh'è o

                              mae nûmero de telefono.. mi dai una telefonata ed io.. aspetterò con ansia"

SANTINN-A  :-  "E têu moggé?"

MARINI        :-  "Maê moggé? E ti sembra che uno come me si sia sposato?.. Se lo avessi fat-

                              to avrei perso, probabilmente, le mie clienti.. fantinn-e e maiaê." (se la ride)

SANTINN-A  :-  "T'è sempre staeto avido de tûtto"

MARINI        :-  (con aria di sufficienza) "Si fa quel che si può; ogni lasciata è persa.. Ma se de-

                              vo fare sul serio, stai tranquilla che sono di un'abilità diabolica, e il tuo caso

                               non puoiimmaginare come mi stia a cuore"

SCENA SECONDA

(Santinn-a - Marini - Nane - Angelitta - Gianca)

NANE             :-  (entra con zia Angelitta, sorreggendola per un braccio) "Ecco, assettite là"

                            (indica la precedente poltrona)

ANGELITTA:- "A l'è quella bonn-a?"

NANE             :- "A l'è quella de primma"

ANGELITTA:-  (si siede facendo qualche smorfia per i dolori) "Eh, i anni passan e son pinn-a

                             de dolori... me sento stanca"

SANTINN-A  :- "A votte a l'è anche a digestiòn ca fa vegnì e gambe molle"

ANGELITTA:- "Dagghene di nommi.. a veitaê e l'è sempre quella.. E ôa, cäo Nane.. vorriaê

                              andà a casa; son abituà a-andà a dormì co-e galinn-e"

NANE             :- "Ma e galinn-e spûssan.. Mìa, se piggemmo 'n'amäo pe' tegnise in forma e

                              poi t'accompagno.." (sottile) "Tanto pe' quella pratica.."

ANGELITTA:-  (diffidente) "Quaê pratica?"

NANE             :- (ostentando indifferenza) "Quella do testamento.. ne parliemo.. gh'è tempo.."

ANGELITTA:- (decisa) "No veddo cöse gh'è da parlà.. quel che è fatto è fatto"

NANE             :- (che non demorde) "Però.. se ti te ghe ripensciesi, te porrieiva conseggià pe'

                             mëgio o notaro chi presente, o dotor Marini"

ANGELITTA:-  (annuendo furbescamente) "Son segûa che o me conseggieiva pe' o mëgio.."

MARINI         :- "Comme in te 'n confesciònàio"

ANGELITTA:- "No dimmo eresie"

NANE             :- "De lé ti te pêu fiâ.. o l'è ûn di mëgio de Zena.. oh, solo se ti te ghe vêu ripen-

                              sà.. No vorrieva che ti pensesci che t'ho invitôu pe' o motivo do testamento.."

                              (A Marini) "Nevvea dotore?"

MARINI         :-  (con eloquenza) "Il commendator Buschetti dice, come sempre, parole sensa-

                             te"

ANGELITTA:-  (ironica)"E disinteressate"

 NANE           :- "Ma ôa lalletta, parlemmo d'ätro.."

ANGELITTA:-  (interrompendo) "Scì.. portime l'amäo"

NANE             :- (che intanto provvede anche per Marini) "..Tanto ti ghe ripensiaê con calma...

                             fortûnatamente t'haê 'na salûtte de faêro"

ANGELITTA:- (intanto fa scena sorseggiando l'amaro con Nane) "Anche o faêro o fa a rûzze"

MARINI        :- "Se devo essere sincero, le dirò che raramente ho visto una signora, di una

                              certa età, portare gli anni così bene"

ANGELITTA:-  "A no l'è 'na certa età.. a l'è 'n'etaê segûa.." (Intanto  versa ancora l'amaro

                            e beve) "e poi se l'è pe' quello i porto tûtti, no ne perdo manco ûn"

MARINI         :-  "Ma signora Buschetti io, più che altro, mi riferivo alla sua arguzia, alla lu-

                              cidità e quando si è così.. si può stare tranquilli"

ANGELITTA:-  "Mi staggo tranquilla se campo.. no so lé"(accenna ironicamente a Nane) "Co-

                             munque saià ben che tocche faêro, no se sa mai"

SANTINN-A   :- "Ma lalla, chi tûtti te vêuan ben"

ANGELITTA :- "Ti, intanto, no ciammame lalla che têu lalla no son"

MARINI         :-  "Spiritosa a scignôa.. e quande s'è ironici a vitta a l'è lunga"

ANGELITTA:-  (faceta) "Basta no ascordäse de respiâ"

MARINI         :-  "Spiritosa e simpatica.."( le prende una mano per baciarla con galanteria)"Per

mette?" (esegue)

ANGELITTA:-  (ritrae comicamente la mano e poi se la guarda lusingata tenendola alzata)

                           "Simpatico chi, o dotöre"

NANE             :- "Nonché notaio di famiglia"

ANGELITTA:-  (sbottando) "Ho accapîo, ho accapîo.. notaro de famiggia.. Ma che sciûgabële

                            che t'è.. E vorrià dî che se n'ho de bezêugno o ciàmmo.." (accenna ad alzarsi)

                           "Allòa, ti me porti a casa scì o no? Son arrestà fêua anche troppo"

NANE             :- "Son pronto" (chiama la domestica) "Gianca?"

GIANCA        :- (con fare solito) "Cose gh'è?"

NANE            :-  (dopo aver dato uno sguardo severo a Gianca) "Maê lalla a va a casa. Digghe

                             a-o Renato co prepare a 'mercedes' "

GIANCA       :-  "E chi a l'è a Mercedes?"

SANTINN-A :-  "Ma Gianca, a mercedes a no l'è 'na spagnolla, a l'è 'na macchina nêuva che o

                               sciò Nane o l' ha accattôu"

GIANCA        :- "Ah.. ho accapìo.. Maê màio invece o l'aveiva a 'carolinn-a'"

MARINI         :- "La carolina?"

GIANCA        :-  "A sêu topolino; o-a ciammava coscì"

MARINI        :-  "Le macchine sono delicate come le donne; bisogna trattarle bene e.."

GIANCA        :- "Perché voscià scià-e tratta ben?"(si appresta ad uscire e viene bloccata da

                              Nane)

NANE            :-  "Gianca, primma pe' piaxéi a sêu pelliçça "(indica la zia) "E o maê cappotto

GIANCA       :-  (accenna di sì ed esce ad eseguire l'ordine)

MARINI        :- "..dicevo di non prestarle, le macchine.  Per questo hanno, il più delle volte,

                              dei nomi di donna"

NANE            :- "Allòa accompagmo a casa a lalla" (si avvicina alla zia per aiutarla. Questa

                              accenna al alzarsi quando Nane desiste per rivolgersi a Marini.Angelitta si ri-

                             siede scocciata) "Dotöre, se scià no l'ha sprescia, scià m'aspëte chi.." (nuovo

                             movimento con la zia che si prepara al l'avvicinarsi in tenzionato del nipote e

                             si ripete la situazione precedente) "Intanto scià se pigge 'n 'amäo.. Gh'è faià

                             compagnia a Santinn-a"

MARINI       :- (recitando) "Ma se facesse tardi?.. Non vorrei disturbare la signora, anzi, potrei dire la mia amica Santina che, come ormai lei sa, conoscevo prima di laurearmi"

NANE           :- (che nel frattempo si era avvicinato alla zia per aiutarla e la zia si appresta ancora

                           ad alzarsi, ma Nane si attarda ancora a parlare) "Ah, zà.. me ricordo, a me l'a-

                            veiva dïto " (accenna a Santinn-a) "Eh, o mondo o l'è piccin; allòa me racco -

                          mando; scià no se ne vadde che ghe devo parlà: saiô chi a momenti"

ANGELITTA:- (all'avvicinarsi del nipote l'aggancia col manico de bastone e si fa aiutare)

MARINI        :-"No me mescio" (Ad Angelitta che finalmente era riuscita ad alzarsi) "I maê

                            rispetti, scignôa"

ANGELITTA:- (sorniona) "Riverito, sciò notaro"    

SANTINN-A  :- "A rivedisce scià Angelitta, ca vegne fïto a troväne"

ANGELITTA:- (dà uno sguardo sibillino ai due e poi,uscendo con Nane) "Se o Segnô o vorrià"

GIANCA        :- (entra in scena con pelliccia e cappotto e si sofferma sulla soglia ad osservare i

                             due)

SANTINN-A  :- "Chissà cöse o vêu dïte"

NANE             :-  (uscendo) "GIANCAAA. .o cappotto..."

GIANCA         :- (come scuotendosi riprende il suo passo ed esce dalla parte opposta)

MARINI         :- "O n'ha lasciôu soli" (si avvicina)

SANTINN-A  :-  (che sta in guardia, chiama) "Gianca?"

GIANCA        :- (da fuori) " Vegno sûbito"

SANTINN-A  :-  "No l'è o cäxo.. voeivo solo savèi se ti gh'éi"

GIANCA        :- (sempre fuori scena e rispondendo con tono) "Ghe son, ghe son e sono nei pres-

                            si"

MARINI         :- (che si era prudentemente arrestato) "Ma non hai sentito il commendatore?

                             Qui si parla solo di affari e sono certo che ha qualche idea per la testa"

SANTINN-A  :-"T'aviaê stûdiû lezze ma no t'hae l'intuiziòn de noiätre donne. O vorrià par-

                             late de l'ereditaê de sêu lalla... Figurite che o Nane o ne parla anche quando o

                             dorme.. l'ätra nêutte o dixeiva: ' e case saiàn 'na dëxenn-a.. o pàise de dato

                             ..a-o lago, tûtto sêu.. i miliardi'.. ôu sentivo da-a maê stanzia, 'saiàn dozze

      o chinze.."

 MARINI        :- (stupito) "Baccere!.. Mi pare d'esserle entrato in simpatìa e se la pratica la            curo io.." (soddisfatto) "..puoi dormire su due guanciali, e con tutti quei miliardi, tolto una fettina per le mie prestazioni, zia, nipote, futura nipote che

                            diverresti tu e naturalmente al notaro, che sono io.."

SANTINN-A  :-  "Ma.. 'na fettinn-a ti te l'è zà levà primma"

MARINI        :- "Una per le prestazioni del dottor Marini e l'altra per le pratiche del notaio

                              Marini" (si avvicina ancora intenzionato)"..vedrai cara.. con tutti quei soldi.."

SANTINN-A  : -  (allarmata) "Giancaaa?.. Gianca!"

GIANCA        :-  (riappare, burbera) "E cöse scià vêu?" (guarda malamente Marini)

MARINI         :-  (a Gianca) "Veramente a doveiva dì: 'la signora ha chiamato?' "

GIANCA        :-  "E perchè?.. ho sentîo beniscimo ca l'ha ciàmmôu"

SANTINN-A  :-  (imbarazzata) " Voeivo.. solo savéi s'a gh'éa ancòn"

GIANCA        :-  "Ghe son, ghe son.. no l'è ancòn l'ôa da discoteca" (guarda di traverso il notaro) "Scià stagghe tranquilla e scià ciàmme pûre se scià l'ha de bezêugno"

MARINI         :-  "E perché quelle êuggiaê a mì?"

GIANCA        :- "E-o me domanda anche o perché.. pövio loro.. Perché più conosco gli uomini

                             più amo le bestie"

MARINI        :-  (ironico) "Anche quelle in ta vasca in giardìn?"

GIANCA        :- (rabbrividendo)"Pe' a caitaê.."(esce rapidamente e si scontra con Nane che

                            entrando in quel momento)

SCENA TERZA

(Santinn-a - Marini - Nane - Gianca)

NANE             :- (dopo l'impatto fortuito con Gianca, si toglie il cappotto) "Oh, bene sciò notaro,

                            scià m'ha aspettôu"

MARINI        :- "Son a sêu disposiziòn commendatöre"

NANE            :- "Santinn-a, noiätri andemmo de de là, in to maê stûddio.. da questa parte dotö-

                              re.." (escono parlando verso sinistra)

GIANCA        :-  (entra e si guarda attorno) "Scià l'è ciû tranquilla ôa?"

SANTINN-A :-   (un po' a disagio) "Eo tranquilla anche primma, ma quello Marini, con a scû-

                             sa che se semmo conosciûi quarche anno fa.."

GIANCA       :-  "No gh'è da fiäse.. o l'è comme o sc-cêuppo do praê Miché.. o tîa a tûtto"

SANTINN-A  :-  "E lé, comme a fà a saveilo?"

GIANCA        :-  (glissando la domanda, imbarazzata) "Ma.. veramente.. ben, se scià no l'ha

                             de bezêugno avieiva 'n po' da fà de là"

SANTINN-A  :- (fa cenno che può andare e Giancaesce col suo passo marziale ) "Quella a no

                             me a conta giûsta.. sa va ben quell'inciastro o se daêto da fà anche con lé"

                             (uscendo disgustata) "I ommi!"

GIANCA        :-  (entra furtiva. Si accerta di essere sola; legge un biglietto e compone un numero

                             telefonico) "Pronto?.. Scignòa son mì, a Gianca.." (pausa e poi con dolcezza)

                             "L'ho adescià?" (pausa) "Meno male, me saieiva despiaxûo se no.." (pausa)

                             "A camamilla?.. Ma poeivo fäghela mì.. perché scià no me l'ha dïto" (pausa)

                            "Devo ciammàla pe' nomme?..  Oh, scignôa, no me permettieiva" (pausa)

                            ".. e va ben.. ghe proviò.. allòa inteixi; domenega a l'è a mae giornà libera e     vegnôu a troväla.. coscì scià me contià o segreto ca se porta apprêuvo fin da

                             zovena, comme scià m'à confiôu.." (pausa) "Va ben.. bonnaneutte scignorîa"

                            (posa la cornetta del telefono mentre da fuori si ode la voce di Nane)

NANE            :-  (entrando con Marini) "Va ben dotòre, a rivedise..Gianca, accompagnilo"

GIANCA       :-  (indicando l'uscita) "De là!" (escono i due)

NANE            :-  "E òa, demmo da mangià ..alle care bestiole.. se no se innervosiscian"

                            (si appresta ad uscire verso il giardino mentre entra Santinn-a)

SANTINN-A:-  "Dove ti vaê?"

NANE            :-"In giardin, a dà da mangià.. ai piccin"

SANTINN-A:- "Brrr.. ciàmmimeli piccin.. quando bägian se ghe vedde finn-a l'obrissallo"

NANE           :-  (con voce che vuol sembrare minacciosa) "Bägian perchè.. crescian!" (esce)

                        SI FA BUIO E SI ODE UNA MUSICA DA THRILLING. QUANDO LE LUCI SI

                        ACCENDONO SONO IN SCENA SANTINN-A E MARINI

QUADRO II

SCENA IV

(Santinn-a - Marini)

SANTINN-A:-  "Allòa, spieghime 'n po' comme t'haê faêto a fà cangià o testamento ä lalla An-

                              gelitta"

MARINI      : - "Quando l'altra sera è arrivato il commendatore mi ha dato,  senza rendersene

                             conto, un'idea che io ho sviluppato"

SANTINN-A:-  "Cioè?"

MARINI      :- " Mi ha raccontato che la zia, da signorina, non era uno stinco di santa e, anche

                             se non era molto al corrente delle sue avventure, aveva sentito dire che ne

                             aveva combinato di tutti i colori e così.." (dandosi importanza) "..mi sono dato

                             da fare.. le donne, anche quando hanno cent'anni, sono sempre donne.. Il

                            commendatore aveva due biglietti per andare a vedere la Traviata e me li ha

                            dati. Così mi sono precipitato dalla signora Buschetti e le ho detto che avevo   prenotato due posti all'opera per noi, sperando che mi avrebbe fatto compagnia"

SANTINNA  : - "T'haˆ'n po' de muro scì"

MARINI       :-  "Beh, non ci crederai, ma quando siamo usciti non la smetteva più di cantare:

                             'E sempre libera deggìo...' a dire la verità, così per strada, mi sentivo un po'

                              in imbarazzo"

SANTINN-A:-  "Ti in imbarazzo?.."

MARINI     :- "Per dirla tutta eravamo stati prima al buffet del teatro e le avevo fatto trangugiare qualche bicchiere di champagne.."

SANTINN-A  :- "Insomma, l'hai circuita"

MARINI         :-  "E' il risultato che conta.. Indovina un po' che data ha il testamento.. 15 otto-

                              bre"

SANTINN-A  :-  "Che imbroggiòn che t'è.." (incuriosita) "E..in che moddo o l' staeto modifi -

                              còu?"

MARINI         :-  (misterioso) "O grosso o l'è.."

SANTINN-A  :-  " De.."

MARINI        :-  "O lè o têu"

SANTINN-A :-  "Davvei?.. T'è pëzo do barbàn"

MARINI        :-  (che non comprende) "O barbàn?"

SANTINN-A :-  "Ma sì.. l'orco.. il diavolo"

MARINI       :-"Ah!.. Al commendatore spetta una parte, con una clausoletta per una buona

                            pensione alla donna che accudisce la signora Angelitta, ossia sua nipote ed un

                            contentino di una trentina di milioni a sua sorella"

SANTINN-A :-  "Ma..  in sostanza.. quanti milioni son?"

MARINI        :- (dandosi importanza) "Dedotto quanto già detto.. meno i dinaê pé mette a posto

                            a serva.."

SANTINN-A :-  "A collaboratrice domestica"        

MARINI      :-"..cangia o sostantivo ma no cangia a sostanza.. dicevo, meno quanto stabilito per.. la collaboratrice domestica, meno l'onorario per il sottoscritto e meno un bel mallocco di tasse.. belli, puliti e arrûxentaê.. resterebbero sempre una dozzina di miliardi"

SANTINN-A  :- (facendosi vento col ventaglio) "Me sento mà.."

MARINI       :-  "Su, su.." (le batte il dorso delle mani) "Non sei tu che devi sentirti male.. se mai o l'è 'n'ätro"

SANTINN-A :-  "T'haê ancòn finîo de contà di miliardi?"

MARINI       :-    "Non ancora.. dicevo che i miliardi di prima più quelli del commendatore e

                              questo castello raggiungono, grosso modo, la somma.. diciamo di.. venticinque miliardi!"

SANTINN-A :-   ( si fa ancòra vento ) "Ma, andià tûtto a-o Nane.. mì, no son sêu moggé"

MARINI       :-  (con l'aria di chi sta complottando) "Fidati di me.. Sai, pensavo che una parte di miliardi prenderanno il giro della Svizzera e non conviene neppure avere troppi immobili: troppe tasse!.. Beni invisibili, tasse invisibili.. Purtroppo però, finchè tu non riesci a farti sposare, non si potrà realizzare nulla. Occorre il tuo matrimonio con lui e vedrai che un giorno.." (con aria da cospiratore) "Saremo il signore e la signora Marini.." (avvicinandosi come un felino) "E se godiëmo tûtto"

SANTINN-A :-  (affatto compiaciuta) "T'haê 'na mente diabolica!"

MARINI    :- "Astuzia mia cara, astuzia.. L'unica cosa che non servirà in questo castello saranno quelle due care bestiole che il commendator Buschetti tiene in ammollo nella vasca del castello"

SANTINN-A :-  "Quando l'ho viste me son spaventà e voeivo andamene, ma lé.. premûroso e

                              gentile o m'ha dïto: 'Ma dove ti vêu andà benedetta donna, in sciè 'na   stradda?.. Ghè son mi, che devo a vitta a têu poaê e chì, ti restiaê fin che te parriâ"

MARINI       :-  "Gentile da parte sua.. e riguardo alla bestie?"

SANTINN-A:- "O s'è misso a rïe e o m'ha dïto: 'appartengono alla famiglia dei Loricati'.. ancòn da saê che no son guaêi cresciûe"

MARINI       :-  (avanzando passo passo per spaventarla scherzosamente) "Ma crescian, crescian e poi.." (l'afferra per un braccio) "..T'ABBRANCAN !"

SANTINN-A :-  (spaventata, lancia un urlo ed ha un sobbalzo) "Ahh!.. Ma t'è matto?"

MARINI       :-  "Non ti spaventare.. chissà che un giorno non ti facciano un bel servizio"

SANTINN-A :-  (seria) "Cose ti vêu dî?"

MARINI       :-  "Oh, niente di speciale.. 'n pensiero.. 'n'idéa.. scherzavo.. ma cambiamo discorso; quel poco di buono di tuo marito dovrebbe decidersi a concederti il divorzio. Gli ho offerto, per conto del commendatore una cifra da leccarsi i baffi"

SANTINN-A :-  "O Nane?.. Ma, a mi o no m'ha dito ninte"

MARINI        :-  "..però, non sono riuscito a convincerlo. Anzi, con una faccia da schiaffi mi ha

                              risposto che sarebbe un fesso ad accettare; semmai è la Santina che dovrebbe circuirlo e farsi mettere tutto in testa a lei, così non c'è bisogno né di divorzio, né del testamento.. Capito?"

SANTINN-A :-  (sbottando) "E quello o saieiva maê màio!"

MARINI       :-  (passeggia pensando ad alta voce) "Saieiva 'na bella cösa so te lascesse vìddoa"

SANTINNA  :-  "Ti t'è pëzo de lé.. No bezêugna augurà a morte a nisciûn, manco a-o têu nemigo, pé grammo co segge"(nervosa) "S'accapisce che chì o l'ha attrovôu a corda bonn-a e 'n'ommo generoso comme o Nane.. e poi no ghe pensà manco a quello che t'haê dïto.. o l'è san comme  'n pescio"

MARINI      :- "L'apparenza inganna; De votte ti veddi 'na personn-a tûtta regaggîa e poi, magara, scopri che ha preso uno 'schincapiede' e.. PLUFF.."

SANTINN-A :-  "PLUFF ?"

MARINI        :- "Sì.. PLUFF.. potrebbe cadere, che ne so, nell'acqua.. in mare per esempio ..Comunque riproverò; aumenteremo la cifra e vedremo di convincerlo.." (oscuro) "A mali estremi.. ESTREMI RIMEDI!"

SANTINN-A :-  "Ti parli a'n moddo che no t'accapiscio"

MARINI        :-  "Non darti pensiero. Conosco tutti i labirinti di legge, le sue crepe..vedrai che

                             riuscirò a sistemare tutto per il meglio. A volte la situazione si risolve da sola   ed il 'puzzle' va a posto"

SANTINN-A :- (timorosa)"Mia che no ghe devan ëse cose illecite, saê?"

MARINI        :-  "Quello che sembra illecito oggi, se vinci, diventa lecito domani. Sono solo due aggettivi e sono intersecati come l'edera all'albero..Tu cerca di tenere in buona salute il commendatore;..non irritarlo così diventa allegro e vedrai che prima o poi, potrai sposarlo....Vorrà dire che, semmai, lo farai arrabbiare..dopo"(consulta l'orologio) "Caspita, s'è fatto tardi.. Ci vediamo domani. M'ha invitato il commendatore.. ciao" (esce dal giardino)

SCENA QUINTA

(Santinn-a - Gianca - Gennaro)

GIANCA       :-  (entra col vassoio con due tazze, caffettiera e zuccheriera) "Ecco chi o caffè"

SANTINN-A :-  "E chi l'ha ordinôu?"

GIANCA       :-  "O sciò notaro"

SANTINN-A :-  "Ma quande o te l'ha dïto?"

GIANCA   :- (che intanto posa il vassoio) "O l'è intrôu da-o giardìn, mentre stavo arrecheug-

                             gendo do baxaicô pé fa-o pesto,.. scià sà che o sciò Nane o vêu o pesto faêto cö

                             baxaicô do sêu orto.. e o notaro o me dïxe: 'devo parlà co-a Santinn-a, intanto prepara 'n bon caffè' "

SANTINN-A :- "Ah!.. cö-a Santinn-a.. manaman so l'azzunzeiva 'con a 'scià' Santinn-a' ghe 

                             cazzeiva l'ernia"

GIANCA       :-  (sibillina) "Questo succede quando se dà troppa confidenza.. "

SANTINN-A :-  (guardando seria Gianca e alludendo a lei) "Me ne staggo accorzendo"

GIANCA       :- "O l'è complimentoso e anche 'n bell'ommo"(sospirando) "Capiscio perché o

                             l'ha tante clienti"

SANTINN-A :-  "Gianca?.. Saià mëgio che se sciorbîmmo noiätre o caffè.. coscì o no và strag-

                             giôu.. ca s'assette"

GIANCA       :-  (esegue) "Grassie" (si siede e prende la zuccheriera e il cucchiaino)

SANTINN-A :-  "Cöse a l'indendeiva dì a propoxito co l'ha tante clienti?"

GIANCA       :-  "Che o ghe se fà..o l'è 'n'ommo co sa tiäse a simpatìa, intelligente"(attingendo il cucchiaino nella zuccheriera e rivolta a Santinn-a) "Ûn comme a-o solito?"

SANTINN-A :-  (accenna di sì e Gianca esegue) "Fûrbo ciuttosto"(Poco dopo suonano alla porta)

GIANCA       :-  (che ha fatto appena in tempo a bere un sorso di caffè, sbotta e si alza) "E chi l'è che rompe ôa?"(A Santinn-a, accorgendosi della gaffe) "Oh, scià me scûse" (intanto si alza e va ad aprire.Entra Gennaro Palumbo)

GENNARO   :-  (vedendo che Santina non si volta accenna ad un colpo di tosse)

SANTINN-A :-  (senza voltarsi; contrariata) "Torna chi? Ma cöse ti vêu ancòn?.. Ti me vêu

                            vedde proppio moî"

GENNARO   :-  (con la solita aria da..men'impippo) "Ci mancherebbe altro.. Non si può deside-

                             rare la..DEFUNZIONE di chi ti dà da vivere"

GIANCA       :-  "Che scòrpena !"

GENNARO   :-  (A Gianca, con malagrazia) "Senti 'nu poco, donna delle pulizie, tarocca che

                             un tà chiammato nisciuno"

GIANCA       :-  (seccata) "Scignòa.. vaddo,.. mi son de là" (guardando in malo modo Gennaro)

                           "Ma no troppo in là" (prende il cabaret ed esce)

GENNARO    :- "Ma come si permette quella di trattarmi in questo modo.."

SANTINN-A  :- "Perché ormai a te conosce.. A sa ben che no ti vegni chì pé portame 'n mazzo de rêuze.. ti vegni solo pe'.." (accenna ai soldi) "T'è pëzo de 'na sanguetta..

                             Ma arregordite che chi troppo vêu sûssà, fito  s'ingöa"

GENNARO    :- "Parli sempre ostrogoto, ma credo di aver capito lostesso..Mi servono un po'

                             di liquidi per.."

SANTINN-A :-  (interrompendo) "Pe' andali a zûgà o-a beive.. Oppûre stavotta s'è guastôu o motore da barca a vèia o a vèia da barca a motore?"

GENNARO   :-  "Niente barca.. ti dirò la verità. Avevo scoperto un sistemino sicuro per vincere alla roulette e..invece.." (fingendo imbarazzo) "..M'è rimasta una cambialetta.. roba da poco intendiamoci.. una stupidaggine"

SANTINN-A :-  "Quanti zeri a l'ha questa.. stupidaggine?.. Quattro çinque?"

GENNARO   :-  "Sei!"

SANTINN-A :-  "Sei zeri?.. Ma ti t'è bello matto"

GENNARO   :-  "Ma intanto gli zeri, non valgono nulla"

SANTINN-A  :-  "Davanti no van ninte, ma derré.."

GENNARO    :-  "Ma quante storie per alcuni zeri davanti o dietro.. stiamo lì a pignolare.."

SANTINN-A :-  "Già, che pignola eh?.. Ma intanto mì dovve vaddo a piggiäle e palanche?..A l'è a solita stöia.." (pausa) "Ma, dimme 'n po'.. davanti a quelli zeri.. che numero gh'è?"

GENNARO   :-  (titubando) Uno.. No, due"

SANTINN-A :-  "Ammìa che mì no n'ho.. perquindi, càlla"

GENNARO   :-  (come fosse un'inezia) "E va bene.. E' solo un milioncino"

SANTINN-A :- (scimmiottandolo) "E va bene, è solo un milioncino.. comme o fïse 'n cioccolatìn. Ti vêu capî che mi palanche non'ho?"

GENNARO   :-  (con faccia di bronzo) "Ma lui, sì!"

SANTINN-A :-(sbottando) "Ma mì son stûffa de domandaghele"

GENNARO:-  "Come vuoi.. vuol dire che la.. cambialetta andrà in protesto e che la.. 'bratta' come dite voi in genovese, ricadrà sui nostri figli"

SANTINN-A :--  (esasperata) "Ma se no ti saê manco d'aveili missi a-o mondo. Solo mì ghe son

                            sempre staeta apprêuvo; ti de longo in gïo a fà baldoria co-i têu amixi.. a spantegà pé drïto e pé traverso.." (accorata) "..finchè no n'ho posciûo ciû.. Ma ti, tè 'n mascarsòn.. ûn desgraziôu.. Mia, vattene, vattene primma che te piggie a bottigiaê in testa.." (cerca una bottiglia sul tavolo ma non c'è)

GIANCA      :-  (entra imperiosa con una bottiglia e poi, con aria sepolcrale la offre a Santinn-a)

                         "Scià çercava mïga questa?"

SANTINN-A :-  (si copre il viso con le mani a fa cenno di no)

GIANCA        :- (la lascia sul tavolo) "Comunque mi ghe a lascio" (minacciando l'uomo)"Se fïse pe' mì.. avieiva zà rotto a bottiggia in scié quella sûcca" (esce)

GENNARO   :-  (che al gesto di Gianca era istintivamente arretrato, gira i tacchi lamentandosi)

                           "Si vede che oggi non è la giornata" (esce)

SCENA VI

(Nane - Santinn-a - Gianca)

NANE           :- (entra dal giardino e vede Santinn-a accasciata) "Ti te senti mâ?..T'è..t'è gianca"

GIANCA      :- (entrando, a Nane) "Scià m'ha ciàmmôu?"

NANE           :-  "Ho dïto che a Santinn-a a l'è gianca"

GIANCA      :-  "Scià me scûse..se a Santinn-a a l'è Gianca, mì, chi son?.. A Santinn-a?"

NANE           :-  (stizzito) "Mia.. vanni, vanni de là"

GIANCA      :-  (esce mugugnando) "Primma o me ciàmma e poi o me dïxe d'andämene"

SANTINN-A :-  "No te preoccupà.. o l'è solo 'n gîamento de testa"

NANE         :-  (affettuoso) "Ormai te conoscio ben.. Ti t'haê avûo quarche contrarietaê..Te veddo inversa, cö sappìn comme 'na figgetta.. Sciû, contime; Ti o saê che ti me staê a-o chêu.. ciû de quello che ti te immagini.. E dài.. manco t'avessan

                             rapinôu"

SANTINN-A :-  (col magone) "E ti gh'hae daêto cianta a-o posto, e-o rapinatô o l'è appenn-a

                             sciortïo"

NANE             :-  "Ma cöse o vêu torna?.. Perché o no te lascia in paxe!"

SANTINN-A  :-  "O l'è vegnûo pé palanche, solo e sempre palanche.. O l'è a maê cröxe.. o mae

                               castigo.."

NANE            :-   (si avvia a sedere estraendo il blocchetto degli assegni) "E quanto o ne spilla stavotta o scignoretto?"

SANTINN-A :-  (accenna timidamente col dito) "Ûn.."

NANE            :- "Ûn milione?"

SANTINN-A :-  (rapida) "E mëzo!"

NANE            :-  (si accinge a compilare l'assegno) "Ma mì credeivo de pëzo.. no fà di drammi..

                            Mia, proppio vèi ho vendûo 'n tocchettin de terren in to paveise. Pensa che l'aveiva accattôu maê poaê pe' 'na castagna baûssà sûbito doppo a guaêra e coscì, ho faêto ûn bon affare.."(intanto sta terminando di compilare l'assegno "Digghe 'n pittin a quell'ommo co se leve di 'n ti pé, co te lasce libera de rifäte 'na vitta.." (quasi sottovoce) "magara con mì.." (dà l'assegno)

SANTINN-A :-  (con devozione) "Grassie, Nane.. te daggo tanti fastidi.."

NANE          :-   "Ma ti no ti saê quanta feliçitaê ti m'hae portôu, Ti m'haê levôu di anni..foscia,

                            no l'ho mai visciûi. Me sentivo 'n'orso in te questo castello.. me sentivo solo o

                            padròn.. ma ôa con ti che di gîi in questa casa.. me sento 'n'ommo"                              

SANTINN-A :-  (con affetto) "O mëgio de tûtti i ommi"

NANE            :- "Oa no esageremmo, se no poi ghe creddo e me daggo de äie...T'è ciû tranquilla ôua?"

SANTINN-A :-  "Scì.. grassie a tì"

                              ( SI ODONO DELLE GRIDA, URLA. ENTRA GIANCA AGITATISSIMA )

GIANCA      :-  "Fïto, fïto..bezêugna telefonà a-o pronto soccorso,.. ä polizia.. ai carabiné.. Che

                             desgrassia, che desgrassia.." (si copre il viso con le mani inorridita)

NANE            :-  "Pronto soccorso.. carabiné?.. Ma Gianca.. cöse l'è sûccesso?"

SANTINN-A :-  (che si era intanto avvicinata alla domestica) "S'è faêto mâ quarchedûn?"

GIANCA     :-  "Ätro che mâ.. gh'è 'n'ommo in ta vasca co gallezza e.. o Segnô.. me ven da

                             caccià.."

NANE            :-  (ESCE PRONTAMENTE MENTRE SANTINN-A RINCUORA GIANCA)

SANTINN-A :-  (agitata anch'essa) "Gianca.. t'haê visto che gh'è in ta vasca?"

GIANCA       :-  (fa cenno di si col capo)

NANE            :-  (RIENTRA FRETTOLOSAMENTE , VA AL TELEFONO E COMPONE UN

                            NUMERO)

SANTINN-A :-  "Nane.. chi.. chi o l'è?"

NANE            :-  (fa cenno a Santinn-a di aspettare) "Pronto?.. 113?.. Presto, mandate un dottore e una autoambulanza al Castello Buschetti" (pausa) "Perché?.. perché c'è un uomo nella piscina della villa.." (pausa) "No, non fa il bagno.. è stato morsodai coccodrilli.." (pausa) "Vuol sapere chi è?.. Si chiama.. anzi si chiamava.. GENNARO PALUMBO!" (in quell'attimo Santinn-a sta per svenire e viene sorretta da Nane e da Gianca mentre il sipario si chiude con adeguato sottofondo musicale)

FINE DEL SECONDO ATTO

                            

 

ATTO TERZO

SCENA PRIMA

(Gianca - Santinn-a Marini)

GIANCA        :- (mentre Santinn-a, seduta sta sfogliando delle riviste entra Gianca ed annuncia)

                            "L'è arrivôu o notaro Marini"

SANTINN-A  :- (rassettandosi con civetteria i capelli) "Fälo intrà"

GIANCA        :- "Scià s'accomode" (quando Marini entra, Gianca esce )

MARINI        :-  (pimpante) "Buongiorno Santina. Non vedevo l'ora di sapere come stavi.." (sornione) "..specialmente adesso che sei moglie legittima del commendator Buschetti.. e néssa dä scià Angelitta che, poverina, è ricoverata in clinica.. Eh, eh.. tutto va a gonfie vele"

SANTINN-A :-  "Sempre i soliti discorsci irriverenti.. son appenn-a duî meizi che gh'è staêto

                              quella desgrassia e zà ti pensi a'n secondo morto?.. Ûn po' de rispetto Segnô

                              cäo"

MARINI        :- (ironico) "Lascia perde che tanto, tûtti dovéi moî"

SANTINN-A :-  "Ah, ti natûralmente no"

MARINI        :-  "Non posso, non ho tempo. Ma a parte gli scherzi, non capisci quanti altri miliardi ti piovono addosso se tua zia.." (accenna alla..dipartita) "Del resto ha un bel po' di anni" (  SQUILLA IL TELEFONO )

SANTINN-A :-  (chiama) "Gianca!.. Rispondi pé piaxéi"

GIANCA        :- (entra, va al telefono ed alza il ricevitore) "Pronto.. Castello Buschetti, sì, del commendator Buschetti.." (pausa) "Già, purtroppo è chiamato così: 'O Bar-           ban do Castello'.. ma lui di barbano non ha proprio niente.." (alludendo e guardando Marini) "Invece c'è qualcuno che gli assomiglia un mucchio.. ma scusi, chi parla?" (Pausa) "Ûn momento pe' piaxéi"(mette una mano sulla cornetta e aSantinn-a)"O l'è l'ispettò Rossi da Polizia"

SANTINN-A :-  "Torna a Polizia?.. E cöse a vêu?"

GIANCA        :- "O vorrieiva parlaghe e savéi quande o pêu vegnî"

SANTINN-A :-  (che vuol prendere tempo) "Digghe che.. digghe che in questo momento no ghe

                             son"

GIANCA        :-  "Dice che non c'è.." (pausa) "Va bene..riferirò, buongiorno"(posa il ricevitore e  fa per andarsene quando il telefono squilla ancora) "No l'han manco lasciôu

                             diventà fréido" (risponde) "Pronto?.. Chi?.. La clinica?.. Un momento prego,

                             CI passo la nipote" (a Santinn-a, porgendole la cornetta) ".. Dä clinica"

SANTINN-A :- "Pronto?.. Sì, sono la nipote.. è successo qualcosa?.." (pausa) "Oh, e quando?"

                             (pausa) "Vengo subito..grazie.." (posa il ricevitore ed è molto seria)

MARINI         :-  "E allòa?"

SANTINN-A   :-  (dispiaciuta)"L'è morta a lalla Angelitta"

MARINI          :-  (sta per fare un gesto di contentezza, ma poi si trattiene)

SANTINN-A :-  "Gianca, digghe a-o Renato co prepare a macchina e avverti o sciò Nane s'o

                               ciàmma" (a Marini) "Ti, penso che ti posci anche andà: Se vediemo 'n'ätra                                                  

                               votta" (va verso le camere ed esce)

SCENA SECONDA

(Marini - Gianca)

MARINI        :- "Allòa, Gianca, tutto và comme deve.." (si fretta le mani)

GIANCA        :-  "Zà!"

MARINI        :-  "A Santinn-a ôua a l'ereditià dä scià Angelitta e.."

GIANCA        :-  (come se la sapesse lunga, con ironia) "..e chissà che sorpreize"

MARINI        :-  "Mi no diaê.. Ormai se sa quello che saià"

GIANCA        :-  "Gh'è 'n proverbio co dïxe de no vende a pelle de l'orso in antiçipo.."

MARINI        :-  "Beh, o secondo morto in to gïo de duî meixi.. A Santinn-a a me deve da rico-

                              noscenza.."

GIANCA        :- "A scià Santinn-a a ghe vêu ben a-o sciò Nane e no creddo ca l'àgge ninte da spartì con nisciûn ätro"

MARINI        :-  "E figuriamoci.. Ma tu, puoi stare tranquilla che se anche gli avvenimenti dovessero prendere un'altra piega, avrai sempre il tuo posto in questo castello.."            (avvicinandosi galante)  "..e.. anche meglio"

GIANCA        :- (tenendo le dovute distanze) "Pêu däse che ghe seggian di ätri avvenimenti e se

                            mai vediemo in che direziòn andiàn!" (sibillina) "E comme a l'è andaêta a finì l'inchiesta pe' o morto.. apparentemente mangiôu dai coccodrilli?"

MARINI        :-  "Apparentemente?.. Ma hai ben visto anche tu quel pover'uomo nella vasca,

                            no?.. Realtà, cara mia, realtà, altro che apparenza: Del resto l'inchiesta l'ha

                            ben appurato: 'non luogo a procedere'; il mio amico perito, dopo l'autopsìa, ha stabilito, senza ombra di dubbio, come sono andati i fatti: il pover'uomo

                            è morto dopo essere stato azzannato dalle due care bestiole in piscina"

GIANCA        :-  "E zà.. ma comme o gh'è andaêto a finì 'il pover'uomo' lì dentro?"

MARINI        :-  "E mi che ne sò?.. Sarà scivolato.. Comunque abbiamo anche l'ordinanza: i due coccodrilli devono essere inviati al giardino zoologico"

GIANCA        :  "Mëgio coscì.." (guardando sottecchi Marini) "No se sa mai che ghe scûgge quarchedûn ätro.."

MARINI        :- "Ho zà daêto o benestare pe' conto do commedatô anche se, in fondo, gh'han faêto 'n piaxéi"

GIANCA        :- "No so a chi l'han faêto o piaxéi.. ma scià se ricorde che tûtto ven a galla e che a fin do ratto.. a l'è quella d'ëse mangiôu da-o gatto"

MARINI        :-  "Ti parli a'n moddo che no t'accapiscio"

SCENA TERZA

(Santinn-a - Marini - Gianca)

SANTINN-A :-  (rientrando in scena) "Ho cangiôu idea.. ghe vaddo doppo dä lalla"(notando

Marini) "T'è ancòn chì?"

GIANCA        :-  "Scignòa, se scià me permette, vorrieva faghe 'n säto mi dä scià Angelitta"

SANTINN-A :-  "E comme mai, ti?"

GIANCA        :-  "Perché.. me sento in dovéi d'andaghe.. poi ghe spieghiôu"

SANTINN-A :-  "E va ben.. chì m'arrangio mì.. vanni"

GIANCA       :-  "Grassie.. Riverito sciò notaro"(esce)

MARINI        :-  "Comme mai t'haê cangiôu idea?"

SANTINN-A  :-  "Son vegnûi i ommi a portà via i coccodrilli e me son sentìa 'n po’ angôscià..

                               meno male che no ghe son ciû.."(nervosa) "No se sa mai.."

MARINI        :-  "Non si  può negare che si sono succeduti avvenimenti importanti in questi

                              ultimi tempi.. e, dimmi un po', dopo che siete ritornati dalla crociera.. tutto

                               bene?.. E i tuoi ragazzi?"

SANTINN-A  :- "Tutto ben.. in quanto ai figgêu, proseguiàn i stûddi e doppo o i scistemiâ con un bon travaggio"

MARINI        :-  (avvicinandosi alla Rodolfo Valentino) "Ma in quel momento ci sarò io che farò loro da papà"

SANTINN-A  :- "Cosa vorresti dire?. Spiegati meglio"

MARINI        :-  "Nulla in particolare: solo che lui ha già qualche annetto e.. siccome non c'è due senza tre.."

SANTINN-A :-  (spaventata) "Ma diggo.. te gîa o berettìn.. ma cöse ti t'è misso in testa?"

MARINI       :-  (spazientito) "Oei, dico.. parliamoci chiaro..Tu mi hai fatto capire che se diven- tavi libera avremmo regolarizzato un eventuale nostro rapporto"

SANTINN-A :-  (ridendo nervosamente) "Ah, ah, ah.. Quando sarei stata libera.. Questo l'hai

                             macchinato tu; io non ho mai detto niente del genere. E poi è inutile fare delle discussioni perché, come vedi, libera non sono!"

MARINI      :-    (agitato) "Per ora!" (imponendosi la calma) "Ma.. non si sa mai cosa potrà

                             capitare in avvenire"

SANTINN-A :-  "Preferiscio no pensà a quello che porrià accapità doman.." (sedendo stanca)

                            "Son ancòn sciätà pe' quello che l'è capitôu a-o Gennaro.. Ma ti sae che a gente a dïxe che in te questo castello gh'è ascöso 'n barbàn?"

MARINI        :-  "Gente ignorante e superstiziosa"

SANTINN-A :-  (come spiritata) "O BARBAN DO CASTELLO..."

MARINI        :-  "E ti, ti ghe creddi?"

SANTINN-A :-  (scuotendosi) "Saià ben che vadde in clinica mì ascì.. Ti m'accompagni?"

MARINI        :-  (con esagerato salamelecco) "Ai suoi ordini, signora Buschetti"

SANTINN-A :-  (andando verso le camere) "Piggio a borsetta"(esce)

MARINI        :-  "E cöse gîan pe' o verso giûsto.."

SANTINN-A :-   (riappare pronta per uscire) "Ti parli da solo?.. Andemmo" (escono)

SCENA QUARTA

(Gianca - Nane - Voce fuori campo)

 GIANCA        :-  (entra e mugugna) "Quelli duî no me a contan giûsta.." (compiaciuta e con aria misteriosa) "Se savessan.. Eh.. e palanche ne fan fa da stradda.. in scià bella e in scià brûtta.. O notaro o l'ha zà cangiôu de macchina.." (pensando)    " 'Na testa..gianca, no.. 'na testa rossa.. una fuori serie.. o festézza lé.. eh, và

                            ciû 'n bon nomme che tûtti i dinaê do mondo.." (con comicità) "Però se pêu avéi anche 'n bon nomme e tanti dinaê!"      

NANE             :- (entrando dal giardino) "A scignòa?" (posa il cappotto su una sedia)

GIANCA        :- "A l'è andaêta in clinica dä scià Angelitta, che o Segnô l'àgge in gloria"

NANE             :- "Da 'n po' de tempo a 'sta parte, quando se parla de maê lalla, ti faê a vöxe

                            döçe.. L'ha accompagnà o Renato?"

GIANCA        :- "No, o Renato o lè.." (imbarazzata) "O l'è de là co me dà 'na man in cûxinn-a ..l'ha accompagnà o notaro.. E, scià me scûse, a scià Angelitta l'han scistem- mà ben?"

NANE          :-   "Pâ ca dorme"

GIANCA        :- "Se dïxe sempre coscì, però.."

                            (SQUILLA IL TELEFONO. GIANCA FA PER RISPONDERE MA NANE   ACCENNA CHE RISPONDE LUI)

NANE          :-  "Pronto?"

VOCE          :-  (voce fuori campo) "Parlo col commendator Buschetti?"

NANE          :-  "Scì, son mì.. chi parla?"

VOCE          :-  "Sono il professor Quartetti, il perito che ha fatto l'autopsìa sul.."

NANE          :-  (interrompendo) "E allòa?"

VOCE          :-  "No le ha riferito nulla in proposito, il dottor Marini?"

NANE          :-  "Sì, mi ha riferito che il signor Palumbo era.. tutto morto"

VOCE          :-  "Intendevo dire per quel che attiene l'inchiesta definitivamente conclusa.. per la disgrazia dei coccodrilli insomma"

NANE          :-  "Veramente la disgrazia NON è capitata ai coccodrilli.. anzi.."

VOCE          :-  "E' stato stabilito, a seguito della MIA perizia, che si tratta di disgrazia acci -

                            dentale e conclusasi, quindi, con un non luogo a procedere"

NANE          :-  "La ringrazio professore, ma questo lo sapevo già"

VOCE          :-  "Mi scusi sa ma, Marini.." (titubante) "..mi aveva promesso che se la perizia si fosse conclusa in un certo modo.. qualcuno avrebbe pensato a me.."

NANE          :-  (che aveva mangiato la foglia) "Scià sente professò SQUARTINI.."

VOCE          :-  "No!.. QUARTETTI"

NANE          :-  "Va bene, SQUARTETTI.. Io spero che qualcuno pensi a lei.. magara 'na bella figgia, per il resto, senta se dico male.. Se è stata una disgrazia, come lei asse-

                            risce e, data la SUA perizia, non lo metto in dubbio, non capisco perché qual-

                            cuno dovrebbe esserle riconoscente..Se mài, dovieiva fà 'n regallo ai coccodril- li, ghe pâ?.. Scignorîa." (posa il ricevitore) "Tangentopoli!.. Mah.. chi sotta gh'è quarcösa che no combinn-a.." (esce dal giardino)

GIANCA        :- (entra, si guarda attorno e và al telefono; compone un numero) "Pronto?.. Sci -norinn-a gh'è o notaro Spellinzòni?.. Chi?.. Son Gianca.."(pausa) "No gianca perché no son neigra.. me ciàmmo Gianca.. Bianca Montelli pe' a precisiòn.." (pausa) "Scì, aspëto.."(mugugnando) "..allora se è bianca non è nera.. che scemma" (al telefono) " Oh,.. Scià notaro. Voeivo riferighe che a a scià Ange- litta a l'è mancà.." (pausa) "Stanêutte.." (pausa) "Va ben, me faiôu vedde appenn-a poscibile. Scià scûse destûrbo.. scignorîa" (posa la cornetta e il te- lefono squilla ancora) " Pronto? .. Ah, scià l'è voscià Ispettô.. La signora non c'è.. Eh?"(pausa) "..E' andata all'ospedale" (pausa) "Sì, c'è un altro morto.  No, non è il signor Buschetti, è sua zia" (pausa) "No, i coccodrilli non c'entra- no" (pausa)"Va bene, riferirò.. Prego" (posa il ricevitore) "E ôa, vêuggio vedde se ti sêunni torna" (si allontana e altrosquillo) "Me pâiva finn-a giûsto" (risolleva la cornetta) "Pronto!.. Ah, scià l'è voscià scignòa? ..Scì, o sciò Nane o l'è rientrôu sûbito" (pausa) "Va bene; riferirò.. intanto mi caccio a pasta" (posa il microfono e si allontana guardando sospettosa il telefono)

NANE          :-   ( rientra Nane da giardino) "Gianca?"

GIANCA     :-  "Scì?"

NANE          :-  "Con ti parlavi primma a-o telefono?"

GIANCA     :-  "Con 'n'Ispettô de Polizia"

NANE          :-  "Ûnn'Ispettô?.. E cös'o voeiva?"

GIANCA     :-  "Veramente o no me l'ha dïto.. comunque o se faià vedde quanto primma"

NANE          :-   "A Polizia?.. Saià senz'ätro quarche firma, se sé che a burocrazìa a l'è.. a l'è comme a burocrazia" (pausa) "Ma.. me pàiva d'avéi sentîo de l'ätro a-o te- lefono.. o me sbaglio?"

GIANCA       :-   (titubante) "Ma no.. no me pâ.."

NANE            :-  "Ma no ti parlavi cö notaro?"

GIANCA       :-  (titubante) "O notaro?.. E quaê notaro?"

NANE            :-  "Saià ben o notaro Marini, quanti notari ti conosci?"

GIANCA       :-  "Ah, scì.. o notaro.. o l'éa.." (con rapidità) "O-notaro-signorinn-a-Spellinzoni"

NANE            :-  " 'n'ätro?.. E perché o l'ha ciammôu chì?"

GIANCA       :-  (mentendo) "Veramente no sò.. Ha l'ha domandôu notizie da scià Angelitta e

                                coscì.. gh'ho riferìo che.."

NANE            :-  " 'n'accapiscio cöse a gh'intre 'sta SPELLINZIGONI"

GIANCA       :-  "SPELLINZONI"

NANE            :-  "E va ben.. quella lì.." (pensoso)  "Ne parliôu cö Marini"

SCENA QUINTA

(Nane - Gianca - Santinn-a - Rossi)

SANTINN-A :-  (entrando) "Ciao.. son staêta ä clinica.. pövia donna.."

NANE            :-  "Zà.. però e so mattann-e a l'ha faête e ôua gh'è chi ne dïxe ben e chi ne dïxe de tutti i colori.. anzi.. ca n'ha faêto de tûtti i colori quando a l'éa zovena"

GIANCA        :-  (a difesa) "Saiàn e solite cornacchie" (esce)

NANE             :-  "Figûrite che m'han vosciûo contà che se parlava ai sêu tempi de 'n figgio o

                            de 'na figgia daêta, in zoventû, in affidamento.. o missa in te'n collegio.. Ma mì no gh'è creddo.. Tutte balle.. çerta gente a l'ha solo a lengua in bocca.. Ma ôa

                            devo andà.. ti saê, i soliti papé pé o fûnerale.. Ciao, se vedemmo" (esce dal giardino)

                           (SUONANO ALLA PORTA)

SANTINN-A :-  "Gianca?"

GIANCA       :-  "Scì, scignòa"

SANTINN-A :-  "Ma no ti senti che sêunnan?"

GIANCA       :-  "Vaddo, vaddo" (esce e da fuori ) "Chi desidera?"

ROSSI           :-  (da fuori) "C'è  la signora in casa?"

GIANCA       :-  (sempre da fuori) "E voscià chi scià l'ha l'è?"

ROSSI           : "Son 'n'Ispettô de Polizia"

GIANCA       :-  "Scià s'accomode" (entra in scena e annuncia) "Scignòa ghe l'Ispettò.."

ROSSI           :-  (entrando e presentandosi a Santinn-a) "..Roberto Rossi"  (mostra la propria tessera) "Piaxéi de fà a sêu conoscenza"

SANTINN-A :-  "Me fà finn-a piaxéi sentì 'n'Ispettô de Polizia co parla zeneize..No ghe semmo abituaê.. ma forse scià voeiva parlà con maê màio"

ROSSI           :-  "Pêu däse anche con lé, ma saià mëgio, pé o momento, che parle con voscià. Penso che scià savià dame e spiegazioìn che staggo çercando"

SANTINN-A :-  "Ma mì no l'è che sacce ciû de quello che se sa.. Penso che scià segge vegnûo pe' quello no?"

ROSSI           :-  "Scì.. pé definì çerti di particolari"

SANTINN-A :-  "Scià vêu spiegäse mëgio?.. Scià s'accomode"

ROSSI           :-  (esegue) "Grassie.. Vorrieiva mette a parolla 'fine' dixemmo.. in ta desgrazia accapità a seu màio.. o primmo s'intende"

SANTINN-A :-  "Dixemmo? E perché 'dixemmo'?.. L'han attrovôu in ta vasca addentôu da-i coccodrilli e, a quante ne so, han anche accertôu che s'è trattôu de 'na desgra-

                            zia.. o no?"

ROSSI           :-  "Mah!.. In questo baillamme gh'è quarcösa che no me convinçe.. quarcösa ca se perde in ta nebbia.." (sibillino) "Ôu diggo anche in to sêu interesse"

SANTINN-A :-  "In to maê interesse? E comme saieiva a dî?"

ROSSI           :-  "Saieiva a dî che in fondo éan duî coccodrilletti e.."

SANTINN-A :-  "Mïga tanto piccin.. éan quaêxi duî metri e con di denti da mette pùîa.. A l'éa 'na mania de maê màio.. o secondo, s'intende.. una eccentricità, comme o diva lé"

ROSSI           :-  "Eccentricitaê ca l'è costà a vitta de seu màio.. o primmo s'intende"

SANTINN-A :-  (seccata) "Scì, va ben, o primmo natûralmente.. anche se devo dïghe a veitaê, o no l'éa 'n stinco de santo.."(sospirando) "Scià savesse quante sangue marso o m'ha faêto fà.. ma 'na fin coscì no ghe l'avieiva augûrà de segûo"

ROSSI           :-  "Ne son convinto.. comme son convinto che i coccodrilli no seggian a causa principale da sêu morte"

SANTINN-A :-  (sorpresa e interessata) "Ah, no?.. Ma, allòa.."

ROSSI            :-  "Posso assegûâghe co no l'è staêto né avvelenôu e manco drugôu.. tûtto a-o ciû.. o porrieiva ëse cheito in te l'aëgua.. senza o sêu consenso.."

SANTINN-A :-  (stupita) "E comme o ghe saieiva chèito?"

ROSSI           :-  (con rapido gesto fa la mossa di uno spintone)

SANTINN-A :-  "E chi scià vêu che gh'àgge daêto ûn sponciôn?.. Mi no son da Polizia ma, chi aveiva interesse de sbarassäse de lé, purtroppo, éo solo mì e, eventualmente mae màio..o secondo s'accapisce.. Ma se dà o cäxo che noiätri eivimo insemme ä servitû"

ROSSI           :-  "Questo l'è véa e o l'è staêto anche verificôu, ma.. porrieiva sempre trattäse de 'n delitto, ammisso co se posse provà.. ûn delitto faêto pé conto terzi"

SANTINN-A :-  (alzandosi agitata) "Ûn delitto? Ma scià vorrià scherzà?"

ROSSI           :-  (alzandosi a sua volta) "Scignòa.. gh'hö diggo in to sêu interesse e s'a me pro-

                            mette de no parlane a nisciûn.. e intendo dì manco a sêu màio.. porriemo ren- de giûstizia e salvaguardà e personn-e che no gh'intran.. compreiso voscià!"

SANTINN-A :-  "Mi?"

ROSSI           :-  "..Perché se porrieiva dimostrà, senza lascià di dûbbi, che voscià scià no gh'intra veramente"

SANTINN-A :-  "Ma mì no gh'intro pe'n davvéi! E non c'è ombra di dubbio.. gh'ammanchieiva ancòn"

ROSSI           :-  "Chi ätro, oltre a voscià e-a sêu màio, poeivan avéi interesse che a-o sciò Gennaro Palumbo ghe poesse sûccede, dimmoghe.. 'na desgrazia?.. Pe' quante me risûlta o no voeiva concedighe o divorzio"

SANTINN-A :-  "Beh..pe' dì a veitaê, penso che quarche nemigo o ghe l'àgge avûo. O l'éa 'n scroccòn,  e-a votte, o l'éa anche pin de puffi.. ma i sêu creditoî aveivan l'interesse co campesse, coscì poeivan rischêuve.. ghe pâ?"

ROSSI           :-  "No l'è mïga dïto. In çerti ambienti, se no se paga ä scadenza, se ghe rimette a pelle.. Ma.. scià segge sincera, no gh'éa nisciûn ätro?.. Quarchedûn co poesse piggiäse l'iniziativa pé eliminaghe quest'ommo che, in fondo, o ghe impediva de rifäse 'n'avvegnì cö commendatô Buschetti?!"

SANTINN-A :-  (trasale e si porta le mani al viso) "Scià vêu dî che.. quarchedûn o l'avieiva  agîo coscì pé.. famme 'n piaxéi?"

ROSSI           :-  "E perché no?.. Se ne vedde tante"

SANTINN-A :-  "Ma questo o no l'è 'n piaxéi.. o l'è 'n delitto!"

ROSSI           :-  "E voscià, scià me deve dà 'na man e coscì eliminemmo i sospetti in scià sêu

                              personn-a, intanto"

SANTINN-A :-  "Oh, Segnô.. E in che moddo dovieiva aggiûttälo?"

ROSSI           :-  (spostandosi di tanto in tanto) "Quello sêu amigo notaro.. scià-o conosceiva da tempo?"

SANTINN-A :-  "Scì.. poi se semmo persci de vista e se semmo ritrovaê chì"

ROSSI           :- "E o no gh'ha mai accennôu ninte circa..l'ostacolo che ghe bloccava a poscibili-

                            taê de sposà o sciò Buschetti?" (guardandola fissa, con severità) "Insomma scignòa, dimmoselo francamente, o no gh'ha mai prospettôu l'idea de fäla diventà.. RAPIDAMENTE libera'"

SANTINN-A :-  "Ispettô.. penso che scià scherze. Mi no creddo proppio che o dottor Marini o gh'intre in te quest'imbroggio"

ROSSI           :-  (con l'aria di chi la sa lunga) "Scignôa.. mi a metto in scié l'avviso.. scià ghe pense ben.. se scià l'ha quarche sospetto scià tegne presente che quello che l'è accapittôu a-o sêu primmo màio, pêu accapittà anche a-o secondo.. e no basta!"       

SANTINN-A :-  (trasalendo) "Ma i coccodrilli no ghe son ciû"

ROSSI           :-  "Gh'è sempre a vasca e.. mille atri moddi pé.. 'na desgrazia e questa.. a por -      rieiva accapittà anche a voscià!"

SANTINN-A :- (ha un sobbalzo) "A mì?"

ROSSI           :-  "Se scià vêu quëtà, scià deve aggiûttäme a incastrà o vero colpevole"

SANTINN-A :-  (scossa) "E.. cöse dovieiva f?"

ROSSI           :-  (sorridendole) "Ûsà e armi de 'na bella donna. In çerti cäxi i ommi diventan imprûdenti.. se confessan.. Scià stagghe a sentì.. voscià, scià fissa 'n'appuntamento a-o sciò Marini, pé fa 'n'esempio e.." (intanto si allontana verso il giardino prendendola a braccetto) "Scià-o fa parlà e mi saiôu ascöso chì derré e in-

                            terveniòu a-o momento giusto" (escono)

GIANCA       :-  (entra e vede uscire i due) "Cöse aviàn da ciccioezzâ quelli lì.. mah.." (và al telefono e chiama) "Pronto?.. Scià l'è voscià dottoressa Spellinzoni?.. Son a Gianca.. Bianca Montelli.." (pausa) "Ah, ho accapîo.. pé-o momento a ringrazio.. scignorîa" (posa il ricevitore e si fretta le mani contenta. Poi compone un'altro numero) "Parlo con la sarta Pomelli?.. Sono la signora Montelli. Per favore mi manda subito il vestito che CI avevo ordinato?... Grassie" (contenta, posa il ricevitore) "E ôa, se demoemmo!"

SCENA SESTA

(Santinn-a - Marini - Gianca - Rossi)

                           (SUONANO ALLA PORTA.GIANCA VA AD APRIRE. E' MARINI SCURO IN VOLTO)

MARINI        :-   (entra sveltamente) "A no gh'è a Santinn-a?"

GIANCA       :-   (con aria di sfottò) "Scià vêu dî, a scià Buschetti?"

SANTINN-A :-   (entra in quel momento) "Ah.. t'è ti?"

MARINI        : - "Mi hai chiamato al telefonino per una cosa urgente e poiché ero nei pressi mi   sono affrettato" (a Gianca) "E ti, cöse t'aspeti a taroccà?"

GIANCA       :-  "E cose gh'emmo ôua.. 'un nêuvo padròn?" (esce squadrando malamente Marini)

SANTINN-A :-  (titubante e nervosa) "Aggi pazienza se t'ho destûrbôu ma.." (stringe nervosa le mani) "Te devo parlà!"

MARINI        :-  (siede) "E cosa c'è di così urgente da non poter aspettare un altro momento?.. Come vedi, mi sono precipitato"

SANTINN-A :-  "Gh'è che.. ti doviaê diradà e vixite e.. ciàn cianìn.. no vegnì ciû"

MARINI        :-  "E perché?"

SANTINN-A :-  "Ho l'impresciôn che o Nane o ne tegne d'êuggio e no vêuggio co pense quello

                             che invece no l'è"

MARINI        :-  (sorridendo con ironia) "Non mi dirai mica che è diventato geloso"

SANTINN-A :-  "Cose te devo dî.. se vedde che.. çerti avvenimenti fan cangiâ i propoxiti"

MARINI        :-  (alzandosi) "Ma io non mi sono mai accorto di queste fisime.. e poi io.. ho tutto un progetto in testa"

SANTINN-A :-  (lanciando l'esca) "A meno che.."

MARINI        :-  (interessato) "A meno che?"

SANTINN-A : -  "A meno che.. no s'attrêuve ûn RIMEDIO!"

MARINI        :-  "Che rimedio?"

SANTINN-A :-  "Non saprei.. un.. un rimedio RADICALE"

MARINI        :-  (pensoso) "Ci si può sempre sbarazzare di un ostacolo.. si può trovare il modo di eliminarlo, l'ostacolo, s'intende"

SANTINN-A :-  (agitata e sibillina) "Ti vêu dì che o porrieiva fà.. a fìn do Gennaro?"

MARINI        :-  (ridendo con sarcasmo e cinismo) "E perchè no?.. Ma non l'hai ancora capito che l'ho fatto per te, per noi, per un nostro futuro?"

SANTINN-A :-  (spaventata) "Ma.. allòa i coccodrilli.. no gh'întran.."

MARINI        :-  "Quelli mi hanno dato una mano.. Era un ostacolo come quest'altro.." (come esaltato) "Tutte quelle enormi ricchezze saranno di noi due.. T'ho ben data questa possibilità, ed è ora che anch'io ne faccia parte.. insieme le godremo.." (si avvicina euforico)

SANTINN-A :-  (ponendosi dietro ad una poltrona) "Parla pe' ti perché mì da desgrassia che l'è sûccesso no ne saveivo proppio ninte"

MARINI        :-  "Ah!.. A scignòa a se ne vêu lavà e man!.. Io ho fatto tutto e tu vorresti goderti i miei risultati"

SANTINN-A :-  "T'è 'n'assascîn e se no staggo attenta ti me faiësci fà a stessa fìn.. ma no ti me imbroggi.. mì te denunzio!" (fa per scappare verso il giardino ma viene fermata da Marini che, invasato, la prende per il collo)

MARINI        :- " Se ti pensi che me segge ammacciôu de 'n delitto pe' lasciäte tûtte quelle pa-

                               lanche ti te sbagli!"

SANTINN-A :-  (si agita per divincolarsi dalla morsa dell'uomo)

                            (IN QUELL'ISTANTE ENTRA L'ISPETTORE ROSSI CHE PUNTA LA

                             PISTOLA CONTRO MARINI)

ROSSI            :- "Fermi tutti ..polizia!"

MARINI        :-  (spaventato, lascia la presa e guarda esterefatto l'Ispettore) "Ma..ma.."

ROSSI            :- (alla donna che tossiva per la stretta al collo) "Scià se calme scignòa; ôa l'è tût-

                            to finîo e 'sto belinòn o s'è incastrôu da solo"

SANTINN-A :-  (toccandosi la gola) "O me voeiva strangoà!"

MARINI        :-  "Non è vero.. vuole solo incastrarmi.." (a Rossi) "Ma lei come si permette di trattarmi in questo modo?.. Lei non sa chi sono io"

ROSSI           :-  (alludendo al passato storico) "Sta frase l'ho zà sentîa.."

MARINI        :-  (cercando di divincolarsi) "La farò espellere dalla Polizia.. ho conoscenze in alto loco, io!"

ROSSI           :-  "Scià se calme, sciò notaro.. semmai scià çerche de l'Ispettô Rossi, quando scià sciortiâ.. se no ghe dan l'ergastolo.." (fa abbassare le mani e lo ammanetta)

SCENA SETTIMA

(tutti)

( ENTRANO NANE E LA DOTTORESSA SPELLINZONI)

NANE                :-  (avvedendosi della situazione) "Ma cöse l'è sûccesso?"

SANTINN-A     :-  (accorata) "Oh, Nane.. ti savesci.."

NANE                :-  (vedendo Marini ammanettato) "E come mai o dotor Marini.."

ROSSI               :-  "E' in arresto"

NANE                :-  "In arresto?"

SANTINN-A     :-  "Te spieghiëmo tûtto, ma.. chi a l'è a scignorinn-a?"

SPELLINZONI:-  "Sono il notaio Spellinzoni e sono qui per incarico della signora Angelitta

                                 Buschetti"

MARINI            :-  "E cosa c'entri tu.. la signora Buschetti è una mia cliente"

SPELLINZONI:-  (decisa) "Prima!"

NANE                :-  "Scignòri.. ûn momento pe' piaxéi.. vorrieiva savèi, primma de tûtto, cöse      l'è sûccesso" (guarda interrogativamente Rossi)

ROSSI               :-  "Ho appena arrestato il colpevole della morte del signor Gennaro Palumbo"

NANE                :-  "Scià l'ha arrestôu i coccodrilli?"

ROSSI               :-  "Ecco chi o coccodrillo.. Questo galant'ommo o l'ha faêto in moddo che i coccodrilli se piggessan a corpa"

SANTINN-A     :-   "Probabilmente o l'ha tramortîo primma de.."(accenna allo spintone) "cac-

                                 ciälo in ta vasca"

MARINI            :-  (agitatissimo) "Non è vero.. vuole solo liberarsi di me.."

ROSSI               :-  "L'autopsia ha rilevato che il Palumbo è stato colpito al capo con un corpo contundente e poi, ormai, gh'è anche a confesciôn indiretta ottegnûa con l'aggiûtto da scignòa" (accenna a Santinn-a)

MARINI            :-  (urlando) "T'è 'na vipera!"

SANTINN-A     :-  (c.s) "E tì, t'è 'n BARBAN!"

ROSSI               :-  (trascinando fuori Marini) "Andemmo sciò coccodrillo" (escono)

NANE                :-  (ancora stupito) "O maê notaro de fiduccia.. t'haê accapîo che röba?"

SPELLINZONI:-  "E ôua, scignori, parlo mì ascì"

SANTINN-A     :-  (indicando) "Scià s'accomode"

SPELLINZONI:-  (estrae dalla borsa una cartella ed un foglio che si appresta a leggere) "Gh'è 'n'ätra novitaê"

NANE               :-  "Torna?.. E va  ben..  scià digghe"

SPELLINZONI:-  (guardando i presenti) "Veramente gh'ammanca 'na personn-a"

SANTINN-A     :-  "E chi?"

SPELLINZONI:-  (consultando il foglio) "La signora Bianca.."

SANTINN-A     :-  (interrompendo sorpresa) "A Gianca?"

NANE                :-  (chiama) "Gianca!"

GIANCA           :-  (entra, cambiata d'abito.Ben vestita e tutti la guardano) "Son chi"

SPELLINZONI:-  (dà inizio alla lettura) "Lëzo o testamento da scià Angelitta Buschetti, sätan-  do i preamboli"

NANE                :-  "Ma o testamento o l'aveiva zà faêto o notaro Marini"

SPELLINZONI:-  "Scì, in daêta chinze de ottobre. Questo.." (mostra) "..comme scià vedde o l'è sûccessivo e annulla ogni e qualsiasi scritto precedente; quindi.." (dà inizio alla lettura) "Lascio a mio nipote.."

NANE                :-  (interessato, interrompe curioso) "Scì?"

SPELLINZONI:-  "..le terre nei pressi di Piacenza, a sua moglie Santina.."

NANE                :-  (un po' deluso, interrompendo) "E l'è tûtto chi?"

SPELLINZONI:-  (scocciata per le continua interruzioni, dà un'occhiataccia a Nane)"..lascio l'ap-

                                partamento di via XX settembre affinchè ne faccia buon uso per i suoi figli"

SANTINN-A     :-  (con un pizzico d'ironìa) "Mëgio che 'na diâ in te 'n'êuggio ..ma, e o resto?" 

SPELLINZONI:- "A mia nipote Mariella, che mi ha accudito in questi ultimi anni, lascio la  casa nella quale abbiamo abitato ed una somma di cento milioni"

NANE                :-  "E quelli no-i becchemmo ciû"

SPELLINZONI:-  "Al  notaio dottor Marini, che tanto si è dato da fare per farmi fare quello che voleva lui, lascio.. UN FICO SECCO! Le rimanenti proprietà, appartamenti ai laghi, ai monti, anche se non propriamente specificato in questo testamento, vanno a.." (guarda con intenzione i presenti per tenerli sulla corda)

                            "A mia figlia BIANCA ANGIOLETTI"

SANTINN-A    :-  "E chi a saieiva?"

GIANCA          :-  (avanzando signorilmente di un passo) "Quella.. saieiva.. MI' "

SANTINN-A     :-  "Ma no t'è Montelli?"

GIANCA           :-  "Da maià; ma da fantinn-a, o nomme che m'ha daêto e suore da Misericordia.. Bianca Angioletti.. Ghe son staêta affidà quande son nasciûa e-e suore han sempre riçevûo o necessäio pe' fäme stûdià.. stûddi che poi ho acciantôu perché me son maià.. Ma doppo a morte do maê ommo, ho dovûo arrangiäme e ho piggiôu servizio chì, da o sciò Nane, co m'ha sempre trattôu ben"

NANE                :-  "Ôua accapiscio perché maê lalla a s'è quaêxi imposta perché ti vegnissi chì da mì.. pe' poeite vedde senza dâ in te l'êuggio.. che birichinn-a"

SPELLINZONI:-  "Ei finîo?.. Se me interrompì de longo no-a finiô mai ciû"

NANE                :-  "Prego"

SPELLINZONI:-  "Comme ho zà dito, l'erede principale a l'è a figgia: BIANCA ANGIOLET-

 TI.. e òa, vediemo se cö tribûnale se porrià, quanto meno, azzunze o nom-

 me de 'Buschetti', comme a l'ha lasciôu scrïto"

NANE                :-  (a Gianca) "Diventiemo parenti"

GIANCA           :-  (commossa) "Mi, l'ho sacciûo da poco comme stavan e cöse.."(a Santinn-a) "Scià Santinn-a.. son contenta che quell'anghaêzo do Marini ho l'agge  avûo quello co se meitava.. o l'éa 'n malémmo.. anche con mì o çercava de imbroggiäme e o voeiva savéi e debolezze do sciò Nane.."

NANE                :-  (sorpreso) "Mì?.. E perché?"

GIANCA           :-   (sorniona) Perché o çercava de attrovâ 'n scistema ciû segûo di coccodrilli!"

NANE                :-  "Ahh.." (fa le corna, tocca .... ferro, ed esce di scena)

SI CHIUDE IL SIPARIO MENTRE C'E' LA MUSICA FINALE

FINE

                                         

                             

         

                        

                         

             

                                         

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno