O bastian contraio

Stampa questo copione

O panorama da-o barcon

DUE ATTI BRILLANTI

 DI

ENRICO SCARAVELLI

Personaggi: 

BASTIAN                                      - penscionòu

BICE                                    - a moggè

TERESA¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - n'am√Įga

MARIA¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - n'am√Įga

MASSIMO                           - o figgio

GIACOMIN¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - 'n'am√Įgo

INES                                       - 'na badante

MERELLO                          - padronn-a de casa

BASILIO¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† - 'n'am√Įgo

MARCELLO                       - operatore cimiteriale

PATRIZIA                           - a figgia

A Zena, in ti carruggi ai giorni nostri

¬†O O BASTIAN CONTR√ĄIO

ATTO PRIMO

Interno di una casa nei "carruggi" di Genova. Modesto appartamento. Cucina con lavandino e stufa a gas. .La cucina potrebbe essere anche fuori scena, visibile in parte dalla porta.  Piastrelle bianche alle pareti. Finestra sul fondo o ad angolo. A dedesinistra una porta va alle camere e a sinidestra si va all'esterno. S'i intravvede dalla finestra il palazzo di fronte.Tavolo da cucina, alcune sedie. Bice, con grembiule, sta ai fornelli dove una pentola èe sul fuoco. Guarda dentro e rimescola.:

 

SCENA I

(Bice e voce esterna di Bastian)

BICE        :- (sta brontolando) "Coraggio Bice, visto che no ti sae cöse fa.. e che" (molto ironica) "no t'haegh'ho tempo de andà in palestra a fätamme i muscoli.. remescianemmo o menestron.." (canticchia ad es. Un'ora sola ti vorrei.. pe' fate un' po passà di guai..comoditae no ghe n'ho mai.. me tocca giaminà..…"

BASTIAN  :- (dall'esterno, chiama) "Biceee…."

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (non sente e continua a canticchiare una canzone di Wanda Osiris: "Sentimental.. comme 'n fr√Ľto cand√Įo‚Ķ‚Äú(i, Iinterrompendosi per assaggiarech√© assaggia il minestrone) "O l'√® insc√¨pito.." (aggiunge il sale e rimescola)

BASTIAN  :- (da fuori) "O Bice.. t'è sorda?"

BICE        :- (che ha sentito si avvia alla finestra) "Cösse o veu quello li?" (apre e guarda in basso) "Cösse t'hae da crià?"

BASTIAN¬† :- "Me son ascordou a dent√©a in sce-o comm√≤.. Cacciamela z√Ļ pe' piaxei"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ma ti t'√® bello matto.. 'na dent√©a ch'a costa √Ľn'na m√Ľggio√† de dinae te a caccio z√Ļ‚Ķ, .. cosc√¨ a s'a se rompe t'arresti senza e te tocchi√† mangi√† do semolina prescinseua"

BASTIAN¬† :- "Gh'ho sempre de riserva quella do Gi√§xo ch'o se ne faeto √Ľnn-a neuva"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (schifata) "Te lascio d√ĮBeh, che schifo.. Asp√ęta che te a callo con o cavagnin" (esce a sinistra mugugnando e rientra con un fazzoletto che contiene la dentiera.¬†Prende il cestello vi pone il tutto ed inizia a calarlo)"A l'arriva..‚ĶMa se peu savei donde ti vae?.. In te l'ost√†ia immagino, a beive do cancaron con i teu socci de bocce e con quello beccamorto do Basilio.."

BASTIAN  :- "Invece no. Vaddo in campeggio a da recatto a.."

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ti no ti va a d√† recatto a nisci√Ľn... maniaman in to momento bon te scappa a dent√®a e ti fae de br√Ľtte fig√Ľe .."

BASTIAN¬† :-"Ma no d√ģ scemm√†ie comme o teu solito...Vaddo a scistemm√† a "dinette", a stiva e a cangi√† e guarnizioinni di veddri do camper di, perch√© i Vernengo perch√© van in ferie pe' Pasqua e m'han domand√≤u se ghe'ho testa de faggohe e riparazioin. Ciao"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Vegni f√Įto che staggo preparando o disn√†" (chiude la finestra) "I Vernengo.. tze..Quelli son semprede longo in ferie.. Soperemmo che o pagan perch√© son de quelli che dixan de longo <pe' oua grassie, poi s'arrangemmo>.. e poi.. no se vedde ci√Ļ 'n berettin> " (si riavvicina ai fornelli a controllare la situazione. Suonano alla porta. Mugugnando va ad aprire)

SCENA II

(Bice ‚Äď Teresa ‚Äď voce esterna di Maria√ęta)

TERESA¬† :- (vicina di casa di Bice) "Ciao Bice.. te dest√Ľrbo?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Fig√Ľremmose..‚Ķ" (ironica) i"In te l'√∂a che √Ľnn-a ase prepara o disn√† no se dest√Ľrba mai..‚Ķ T'hae bezeugno de quarc√∂sa?"

TERESA¬†¬†¬† :- (si guarda attorno con circospezione) "Ti a sae l'√Ľrtima?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (sempre accanto ai fornelli, alza il coperchio della pentola e mette una manciata di sale, poi rimescola e chiude la pentola. A Teresa, con ironia) "A l'√® za sciort√ģa?"

TERESA  :- (stupita) "Ti o sae za?"

BICE        :- (un po' spazientita) "Cösse?"

TERESA  :- "Chi a l'è…"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ma chi?.. Mia T√©erre.. dinni quello che t'ha da d√Į che femmo ci√Ļ f√Įto"

TERESA¬† :- "Quella ch‚Äôa l‚Äô√® sciort√Įa da l‚Äô√Ľspi√†, aA Jolanda.. a l'√® sciort√ģa da l'√Ľspi√†!" (appare trionfante per la notizia)

BICE        :- "Me fa piaxei pe' quella zovena.. E cöse a l'aveiva?"

TERESA  :- (misteriosa)"Han daeto da intende che l'han operà de.. de.. DIVERTENTICOLI ä pansa.."

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Poscito √ęse... Ma no se d√Įxe DIVERTICOLI?.. Armeno me p√§.."

TERESA  :- "Se scrivià diverticoli e se dijà divertenticoli.. Comunque.. a mi a no me ghe dàa perché..… " (si guarda attorno)

BICE          :- "Perché?"

TERESA¬† :- (contenta di svelare un segreto) "Perch√©quella.. de seg√Ľo... .."(mima la pancia rotonda).".. a L'E' INCINTA!"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "E fig√Ľrite..‚Ķ l'√® tanto ch'a l'aveiva di dolori. ..Seu moae a me d√Įva che dai raggi no accapivan o motivo di seu dest√Ľrbi..‚Ķ Comunque son c√∂sse delicae e l'√® m√ęgio √ęsse pr√Ľdenti e no parl√§ne con nisci√Ľn.. tanto poi a veitae a ven a sempre a galla"

TERESA¬† :- "Ho anche sacci√Ľo ch'a l'√® molto delic√† in to mangi√†..‚Ķ ha l'ha di problemi... a no peu mangi√† √§tro che..‚Ķ"

BICE        :- (interrompendo e andando sveltamente verso la cucina)"O menestròn!"

TERESA  :- "Ma che menestròn,.. solo in gianco e .."

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "O mae menestr√≤n.. o me se stava attaccando t√Ľtto"

TERESA¬† :- "M'arraccomando Bice, .. no-o sa nisci√Ľn..‚Ķl'ho d√Įto solo a ti e... "

BICE        :- "Tranquilla"

MARIA    :- (dalla finestra di fronte,volendo visibile al pubblico) "Biceee!"

BICE        :- "A l'è a Maria" (apre la finestra)"T'è ti Maria?"

MARIA¬†¬†¬† :- "Sc√¨, son mi. Ti a sae l'√Ľrtima?"

BICE        :- "No..…no veddo l'òa de saveilo,.. tanto a quest'öa no so cöse fa"

MARIA¬†¬†¬† :- "Voeivo dite che a Jolanda a l'√® sciortia da l'√Ľspia"

TERESA  :- (ha un gesto di stizza mentre Bice la guarda con sarcasmo)

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (d√† un'occhiata significativa a Teresa) "E ti comme ti l'√® sacci√Ľo?"

MARIA¬†¬†¬† :- "Me l'ha d√Įto a T√©erre. M'arraccomando, fanni mostra de no saveilo"

TERESA  :- (a disagio) "Bice te lascio perché... veddo che t'hae da fa.. ciao" (esce svel- tamente) BICE                 :- (fa un cenno di saluto e continua a parlare dalla finestra)"Faiòu mostra.. Gras-

                    sie de l'informazion. Ma se ti crìi da-o barcon o saià 'n segreto de Pulcinella. Ciao"

MARIA¬†¬†¬† :- "Asp√ęta 'n momento. Voeivo d√Įte che pare, cos√¨ m'han d√Įto, ch'a segge¬†¬†¬†¬† ¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†incinta... e a no l'√® manco spos√†.."

BICE        :- "Ma pensa ti… saià ma no ghe creddo… Oua te lascio perché staggo inandiando o mangià pe' o mae Bastian"

MARIA    :- "Cöse ti ghe prepari?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ti sae comm'o l'√® l√©‚Ķ Se ghe diggo: te fasso a pastasci√ľta o veu o menestron... se ghe diggo: te fasso o menestron o veu e trippe. O l'√® proppio 'n Bastian contr√§io (ironica) Gli far√≤ ceci ripieni"

MARIA       :- "Çeixài pìn?.. E comme se

BICE        :- (fa un cenno di saluto e continua a parlare dalla finestra)"Faiòu mostra.. Gras-

                    sie de l'informazion. Ma se ti crìi da-o barcon o saià 'n segreto de Pulcinella. Ciao"

MARIA¬†¬†¬† :- "Asp√ęta 'n momento.. Voeivo d√Įte che pare.. cos√¨ m'han d√Įto.. ch'a segge¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† incinta..e a no l'√® manco spos√†.."

tima?"

BICE        :- (sempre accanto ai fornelli, alza il coperchio della pentola e mette una manciata di BICE      :- "Ma pensa ti.. saià ma no ghe creddo.. Oua te lascio perché staggo inandiando o mangià pe' o mae Bastian"

MARIA    :- "Cöse ti ghe prepari?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ti sae comm'o l'√® l√©.. Se ghe diggo: te fasso a pastasci√ľta o veu o menestron.. se ghe diggo: te fasso o menestron o veu e trippe..O l'√® proprio 'n Bastian contr√§io"(ironica) "Gli far√≤ ceci ripieni"

MARIA    :- "Ceci ripieni?.. E comme se fan?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (salace) "Ogni chiccoo‚Ķ lo riempio con una siringa! Se sentimmo, ciao" (richiude la finestra) "Cosc√¨ a l'impara a fa a cui√ľsa" (va ad assaggiare il minestrone) "Sai√† m√ęgio che gh'asmorte" (suonano alla porta)

SCENA III

(Bice ‚Äď Massimo)

BICE        :- "Voeivo ben dì" (va ad aprire. Entra il figlio Massimo)

MASSIMO:- (sulla trentina, entra e da un bacetto alla mamma) "Ciao m√†,.. t√Ľtto ben?"

BICE        :- "Ciao Massimo... comme mai a quest'öa?"

MASSIMO :- "Ti m'aveivi d√Įto che ti me preparavi e trippe accomodae e son vegn√Ľo a piggiale pe' port√§le a casa"

BICE        :- (a cui passa un'ombra di malinconia) "Ah, za..… a casa teu..…"(riprendendosi)"Bambin.. vaddo de de là a piggiätele" (fuori scena, parlando) "Te l'ho faete comme piaxan a tì..…" (rientra con un tegamino e ne scopre il coperchio) "Ammia..…"

MASSIMO:- (guarda e annusa) "Mmm.. che prof√Ľmmo"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (ritenendolo ovvio) "Prof√Ľmmo de trippe accomodae;.. sSon sempre m√ęgio che mangi√† pan e.. comme se ciamman..quelli ber√∂di moderniah, sc√¨, pan e v√ľrstelle... e ‚Ķ chiss√† che mescc-iuia gh'√® drento"

MASSIMO:- "Ti l'hae faete anche pe' o papà immagino"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "No perch√©.. perch√© o l'ha di problemi con i denti.. Comunque gh'ho prepar√≤u 'n bello menestron e poi l√© o s‚Äôaccon- tenta‚ÄĚ

                    preparòu 'n bello menestron e poi lé..o s'accontenta… o l'è de bocca bonn-a"

MASSIMO :- "Beato l√© che con a mis√©ia che gh‚Äô√©a all√≤aguaera o l'ha imparou fin da figgieu a mangi√† de t√Ľtto"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (perplessa al dire del figlio) "Beato l√© 'n corno!.. Pecc√≤u che no ghe ne segge staetstaeta √§tra mis√©iao de √§tre perch√© t'aviesci imparou ti asc√¨ a mangi√† de t√Ľtto. Ma amammia 'n po' che descorsci. Tegni!" (gli d√† il tegamino)

MASSIMO:- "Ma t'hae accappìo mä.. No intendeivo dì a quello moddo"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ma ti l'hae d√Įto..‚Ķ C√∂sse ti creddi che ghe no ghe saieiva c√§o a mangi√† quarche votta c√∂se strane,.. assazz√§le armeno..‚ĶmMa ghe veuan di dinae e l√©,.. anche s'o l'√® in penscion,.. o √ßerca de fa quarche tappullo pe'.. pe' aggi√Ľtt√† i seu figgi, che non n'han de bezeugno ma che per√≤.. pittan voentea..‚Ķ Oh, intendemmose, .. ne fa anche piaxei..‚Ķ Per√≤, √Ľn po' de riguardo ne faieiva piaxei asc√¨(con tenera tristezza)√¨‚Ķ comme ne faieiva piaxei vedde anche nostro nevetto.."

MASSIMO:- (imbarazzato) "O Jhonny o sta ben..‚Ķ¬†gh'√® passou a costipazion e poi quande a Dina a va a travaggi√† gh'√® a baby-sitter .e.. comunque te o portiou f√Įto"

BICE        :- (con sottile ironia) "Armeno primma ch'o vadde a sordatto"

MASSIMO :- "Oua no esageremmo,.. ti l'è visto che no l'è tanto"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "√õnn'anno fa..‚Ķo l'aveiva √Ľn meize..‚ĶMa.. l'importante l'√® che ti vaddi d'accordio con teu mogg√©"

MASSIMO:- (a capo chino) "Ti veddi mamma..… a Dinaa no veu däghe di vizi a-o figgieu e alloa..…"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (comica) "Oh, pPe' caitae..‚Ķ noi√§tri no semmo laure√® e maniaman.." (calcando sul nome straniero) "..‚Ķo Jhonny o l'impara a √ęsse ed√Ľcou √∂o maeximo. Per√≤ ghe scommetto che teu seuxa a peu veddilo e ninn√§selo‚Ķ, mi no.Va ben mia.. vanni, porta e trippe √§ Dina e fagghe tanti sal√Ľtti"

MASSIMO:- (bacia la mamma) "Ciao mM√†..‚Ķ ripassiou f√Įto"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Te prepari√≤u o porpetton. Ciao" (l'accompagna alla porta che poi chiude. Ha un po' di magone) "√čsse moae de votte l'√® √ęsse anche seuxa e alloa,.. se no gh'√® 'n po' de tolleranza..‚Ķe se no gh'√® 'n po' d'affetto..‚Ķ"

SCENA IV

(Bice ‚Äď Giacomin)

(suonano alla porta)

BICE        :- (si avvia ad aprire brontolando) "Pä imposcsibile... quande l'è l'öa do disnà seunnan ä porta. Chi l'è" (apre)

GIACOMIN:- "Son mi, o Giacomin"

BICE          :- "Oh, Giacomin.. O Bastian o no gh'è,.. o saià chì da chi 'n po'... Se ti te veu fermà gh'è do menestron"

GACOMIN:- "Grassie,.. sai√† pe' 'n'√§tra votta...Voeivo dite che mae mogg√© a m'ha d√Įto de d√Įte, che ghe l'ha d√Įto a T√©erre, che a Jolanda a l'√® sciort√Įa da l'√ľspia e pare che..¬†"(si guarda attorno furtivo) "... a segge incinta, ..de chi, no se sa... ma de f√§ mostra de ninte perch√© no deve saveilo nisci√Ľn..‚ĶTe di√≤ in confidenza che a m√¨ no me ne frega 'n beliscimo ¬†per√≤ se a t√¨... "

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (con atteggiamento eloquente per il.. segreto) "Euh a m√¨.. t'accapiae..‚Ķ oua che o so me vegne o menestron ci√Ļ bon.. "

GIACOMIN:- "Ah, a s‚Äô√®se raccomand√†discrezion,.. anche perch√© √∂ semmo solo noi√§tri trei, ci√Ļ a Teresa, nat√Ľralmente"

BICE        :- (ironica, segnando tre con le dita) "Scì, in trei... t’ommi, donne e figgieu!accapiae…"

GIACOMIN:- "Va ben, .. te lascio e bon appetito" (si appresta ad uscire e intanto parla) "Digghe a-o Bastian che gh'√® a ri√Ľnion in ta societae con o Basilio e quarched√Ľn √§tro pe' prepar√† a festa de Pasqua,.. ¬†faiemo o ballo liscio, due frisciolae pe' sta 'n po' insemme. Ciao" (esce)

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (guarda l'ora all'orologio della parete) "Ven t√ľtto freido e quello o l'√® de longo in g√Įo" (esce alla sinistra)

SCENA V

(Bice ‚Äď Bastian)

BASTIAN  :- (entra) "Ciao Bice.. l'è pronto?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (fuori scena) "Sc√¨..‚Ķ t'hae faeto f√Įto ancheu" (rientra e prepara intanto i piatti)

BASTIAN¬† :- "Pe forza,.. qQuande son arriv√≤u in Cretto, i Vernengo no gh'ean e mi me son faeto port√† in z√Ļ da o past√≤ sardo ch'o vegniva a Zena.." (esce verso la cucina e parla intanto che la moglie prepara i piatti) "Me daggo 'na r√Ľxent√† a-e moen..‚Ķ Ah,.. ti sae c√∂se m'han cont√≤u in campeggio? Che a Jolanda a l'√®.."

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (sarcastica) "Incinta! Ma de no dillo a nisci√Ľn perch√© o l'√® √Ľn segreto!"

BASTIAN  :- (appare sulla soglia mentre sta asciugandosi le mani) "E ti comme ti fae a saveilo?"

BICE        :- (con comicità) "Segreto!.. Dai assettite e mangia"

BASTIAN  :- (mentre mette il tovagliolo) "Notizie de teu figgio?"

BICE        :- (serve in tavola) "O Massimo o sta ben; o l'è passou e gh'ho allungou 'na tianinn-a de trippe accomodae da portäse a casa..… ti o sae che ghe piaxan"

BASTIAN  :- "E se ghe piaxan perché a no ghe-e fa a Dina?" 

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "E acciantila li de mogogn√†... poi dixan de donne" (fanno scena mangiando e bevendo) "T√Ľtte e votte che ti parli di nostri figgi ti me d√Įxi:TEU FIGGIO, TEU FIGGIA,.. ammia che son anche i teu"

BASTIAN¬† :- "No, no, son i teu..‚Ķ t'hae vosci√Ľo arrembaghe quelli nommi che mi no voeivo, quindi son i teu!"

BICE        :- "Ancon con 'sta stöia doppo squaexi trent'anni. Belli nommi che ti ghe voeivi mette..… a Ancon da sae che in Comune no l'han accettae"

BASTIAN¬† :- "Perch√© son t√Ľtti de p√©goe, ..t√Ľtti conformisti... seguono la moda.. Mi son contr√§io a 'ste c√∂sse"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ti t'√® contr√§io a t√Ľtto.. Se m'azzardo a d√Įte:<Bastian, c√∂se ti ne d√Įxi se..‚Ķ> ti, senza manco sav√©i c√∂se intendo d√¨, ti me rispondi che t'√® contr√§io"

BASTIAN¬† :- "Perch√© immagino za quello che ti me veu d√Į"

BICE        :- "Pensa 'n po' se avessan accettòu i teu nommi da dà ai figgieu.."

BASTIAN¬† :- "Te l'ho d√Įto, .. t√Ľtti p√©goe..‚ĶsSi segue il binario. A-o mascc-io ti gh'√® arrembou o nomme Massimo a l'√§tra Patrizia.. t‚Äôaccapiae che novitae!"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Sempre m√ęgio di teu. O Massimo ti l'aviesci ciamm√≤u Minimo e a Patrizia invece.."

BASTIAN¬† :- (interrompendola) "Plebea! A gente a l'avieiva cap√Įo che mi no son √Ľn ripetente"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :-"C√∂se gh'intra o ripetente... No l'√® m√Įga o caxo che saccian che t'√® stato bocciou √§ scheua ci√Ļ de 'na votta"

BASTIAN¬† :- "Ripetente in to senso ch'andieiva a ripette i nommi di √§tri. Ghe n'√® 'n m√Ľggio che se ciamman Massimo e Patrizia... Nisci√Ľn invece che se ciamma Minimo e Plebea.. Anche o popolo o l'ha i seu diritti e o dev'√ęse nominou.. Eh, eh..Oggi si chiamano Monia, Clarence, Samanta, Johnathan, .. Della.."

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Della l'√® anche o nomme de quella v√ęggetta de d√§to ch'a l'√® staeta tanti anni in America"

BASTIAN  :- "Coppian da-e telenovele… no gh’han de fantaxiacopian e ricopian.."

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "E ben? Vegnan se mai vegnan in to teu carruggio..‚Ķson nommi neuvi e feua d√§ tradizi√≤on... Ti te ricordi c√∂se o d√Įva o Massimo de quello generale italian ch'o l'ha firmou √Ľn manifesto in ta primma guaera mondiale?"

BASTIAN¬† :- "Me ricordo ben perch√© o conferma quello che diggo m√¨..‚Ķ ¬†sono delle pecore che seguono l'andazzo...√Ą fin do manifesto de Luigi Cadorna gh‚Äô√©a, gh'√©a scr√Įto: Firmato, Cadorna,. e-a tanti figgieu nasci√Ľi in quell'epoca gh'an misso o nomme Firmato, credendo che fisse o nomme do generale. Pecore e pecoroni!"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Va ben mia... tanto comm'a l'√® e l'√® l√¨. Te fin√Įo?"

BASTIAN¬† :- "L'√§tro giorno √©o pe' a stradda con o Giacomin e gh'ho d√Įto che o mondo o l'√® pinde scemmi e che ghe l'avieiva dimostrou. <Stanni a vedde> - ghe diggo - E pe' mostr√§ghe me metto a cri√†, comme se ciammesse quarched√Ľn: <A scemmooo.."

BICE        :- "E ti te giou?"

BASTIAN  :- "Mi no, ma s'è giòu tanta de quella gente che ti doveive vedde: Ecco dimostrato perché il mondo va a rovescio"

BICE        :- "E teu solite mattaie. Alloa,cöse ti veu pe' segondo..?"

BASTIAN  :-  (sottile) "Trippe?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "No ghe n'√® ci√Ļ e poi no ti e digerisci.. Gh'√® da formaggetta de crava e..una specialit√† che √® la fine del mondo" (cercando la parola) "Pinzimonio!"

BASTIAN¬† :- "C√∂sse?!.. Mia che mi metalli, .. antimonio cose di√§o ol'√®, ..no ne mangio... no son m√Įga 'n robotte"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ma che metalli e f√ęri.." (prende un giornale e legge) "O l'√® in sce-o giornale dovve a votte ghe son e ricette da c√Ľxinn-a: " (legge) <"Pinzimonio: Condimento con olio, pepe, sale in cui si intingono ortaggi crudi come sedani, carciofi, finocchi, ecc"> ¬†(porge il giornale)

BASTIAN¬† :- "Lascemmo perde i fenuggi..‚Ķ E no faxeivan ci√Ļ f√Įto a ciammalo <garbuggio de insalatta de crava?>" (prende il giornale e lo sfoglia) "Me vegne in cheu o mae am√Įgo o Basilio., . che in te 'n ristorante gh'han port√≤u.. comme o se ciamma..quello pap√© che te d√Įxan quello che gh'√® da mangi√†.."

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "O men√Ľ"

BASTIAN¬† :- "E ben o d√Įxe che gh'√©a scr√Įto:<pesce galoppante del Baltico con pasticcio di mais>. E ti sae c√∂se o l'√©a?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "E mi che ne so? Non son m√Įga 'na cheuga de ristorante... anche se foscia a votte son m√ęgio"

BASTIAN¬† :- "O l'√©a polenta e baccal√†! T'hae accapp√ģo..? <Pesce galoppante del Baltico con pasticciodi mais!>. Con 'sti reg√Įi de parole te fregan in sce-o pr√ęxo"

BICE        :- "Alloa pe' segondo?.. Pesce galoppante.. o 'na frittä?"

BASTIAN  :- "No veuggio ätro,.. oO menestron o l'impe abbastanza. Pìggio 'n caffé"

BICE        :- "Anche mi" (si alza ed esce di scena)

BASTIAN¬† :-¬† (continuando a guardare il giornale) "E questo chi o l'√®?" (legge) "E' stato arrestato a bordo del suo y-a-c-th J-e-a-n¬† F-r-a-n-√ß-o-i-s-e Villard" (leggere letteralmente le lettere in italiano) "..‚Ķpericoloso malvivente internazionale" (comicamente guarda la moglie che rientra, guarda i propri abiti ed esclama) "Malvivente.. con quella po' po' de barca?.. Ma s'o l'√® malvivente √Ľn ch'o vive ¬†¬†comme l√©,.. noi√§tri c√∂se‚Äôsemmo‚Ķ e semmo.. barbo√¨o√¨n?"

BICE        :- (da un'occhiata al giornale) "L'han mostròu in televixon.. o l'è 'n malemmo"

BASTIAN¬† .- "Ghe ne pe' cosc√¨ in to mondo gente che vive in mis√ęia..‚Ķquelli sc√¨ che son mal-viventi.. e s'a va avanti cosc√¨ se ghe n'azzunzian di √§tri.. Con a pensci√≤n no ghe a femmo ci√Ļ a-arriv√† √§ fin do m√©ize. Quello che primma costava mille l√Įe oua o costa √Ľn euro, che son quaexi duemial√Įe. Ti veddiae che se no ghe mettan rimedio f√Įto, i mal-viventi aumentian in sce-o serio.. No s'arr√ģa manco ci√Ļ √§ fin do meize," (pensando) "aA meno che o Governo o no fasse a riforma do calendario: <i mesi saranno di quindici giorni, cos√¨ i pensionati non si lamenteranno pi√Ļ!>"

BICE        :- "Ma ti te l'asseunni de neutte 'ste baggianate?"

BASTIAN¬† :- "A saieiva 'na sol√Ľzi√≤n" (legge) "Stanziati miliardi di dollari per esplorare Morte.. eh?" (strabuzza gli occhi)

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (gli prende il giornale e legge) "Che ti te metti i sp√ęgetti..‚Ķ Marte e no morte... Sta vegnindo sci√Ļ o caff√®!" (va in cucina)

BASTIAN  :- "T'hae raxon..… Miliardi di dollari... E pensà che con meno da meitae de quelli dinae se porrieiva levà a famme da-o mondo. Ma quella a no fa notissia"

BICE        :- (salace, fuori scena) "Chi invece fan e diete pe' dimagrì"

BASTIAN¬† :- "Bastieiva ch'andessan a fa 'n po' de ferie in to Biafra o in √§tre parti de l‚ÄôAfricaAlbania e la dieta... verrebbe da s√©..‚Ķ Pe' forza vegnan t√Ľtti in Italia.. Ammiani nostri programmi√§ televixon dovve fan i <quizze> ese ti sae che o Natale o vegne o 25 de dexembre ti peu gu√§gn√† 'na m√Ľggi√† de Euro.. e se no abasta te fan vedde che per il tuo cane o il tuo gatto ci vogliono i bocconcini prelibati... e loi√§tri, che no gh'hanmanco da lev√§se a ci√Ļ grossa, c√∂se fan? Vegnan ch√¨ pensando che o mangi√†noi√§tri o straggemmo"

BICE        :- (rientra col caffè) "Mi no straggio proprio 'n bello ninte"

BASTIAN¬† :- "Questol'√® v√©a,.. mangio de longo robba ricicl√†!"(suonano alla porta) "Han sent√Įo l'√∂d√ī do caff√®"

SCENA V

(Bice ‚Äď Bastian ‚Äď Ines ‚Äď Maria fuori campo)

BICE        :- (al marito) "Domanda 'n po' chi l'è"

BASTIAN  :- (senza muoversi) "Chi l'è?"

INES        :- (da fuori) "Soy yo, Inès"

BASTIAN¬† :- "A l'√® l'ecuadoregna da Scia Pil√Ľcchi, a nostra vexinn-a"

BICE        :- (al marito) "E perché no ti arvi?"

BASTIAN¬† :- (polemico) "Tanto pe' √ęse precisi, ti m'hae d√Įto de domand√† chie l'√® e mi l'ho faeto"(si alza e va ad aprire) "Oh,.. se√Īnorita Ines.. Si accomodisca"

INES¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (bella ragazza, entra con un grembiule davanti. Indossa pantaloni) "Desculpe.. tiene un pochitnode peres√¨l?.. Comoe se lliama.." (pronuncia 'giama') "Ah, si.. prezzemolo para la se√Īnora Pilucchi"

BICE        :-"Guardo nella cantia della dispensa.. Un momento solo" (esce alla sinistra)

BASTIAN  :- (ringalluzzito, la osserva da capo a piedi) "Comme a va scignorinn-a.. sempre regaggìa eh?"

INES        :- "Como?.. "

BASTIAN  :- "Como?.. No, qui siamo a Genova"

INES        :- "Yo no intiendo bien vostro idioma"

BICE        :- (rientra con un fascettino di carta straccia che porge) "Ecco qui il prezzemolo"

INES¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Gra√ßias.. Asta ma√Īnana. Ah, anche un pochito de aceite por favor"

BASTIAN  :- "A veu 'n po' d'axòu"

BICE        :- (esce e rientra con una bottiglietta di aceto) "Ecco. Aceto di vino bianco;: nNe avevo due bottiggette" (porge)

INES        :- "Non es aceite de oliva"

BICE        :- "No,.. nNoi l'aceto lo facciamo col vino e l'olio con le olive"

INES        :- "Ecco... recuerdo...in italiano es <Olio de oliva>"

BICE        :- (riprende la bottiglietta di aceto) "Vado a prenderle un pitino d'olio.."(esce)

INES¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Muygentile.."(pronuncia 'ghentile') "..se√Īnora Bice"

BICE        :- (rientra con un bicchiere d'olio e lo dà a Ines) "Glie ne do un bicchiere perché.."  

BASTIAN  :- "Perché o l'èa cäo"

INES        :- "No hablo bien el italiano... me disculpe"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Si √® spiegata fin troppo bene..Ecco;.sSpero che abasti perch√© non ce n'ho squaexi pi√Ļ"

INES        :- "Graçcias"

BASTIAN  :- "Pregos"

INES        :-  (esce sculettando seguito dallo sguardo interessato di Bastian)

BICE        :- (ironica) "Bastian.. lascia perde se donca te cazze a dentéa... O no l'è pan pe' i teu denti"

BASTIAN  :- "Ma i euggi no gh'han i denti "

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (si toglie il grembiulino) "Ah, ci√Ļ 'n po' m'ascordavo. Vaddo 'n momento d√§ Maria a faghe a punt√Ľa"

BASTIAN  :- "E o caffè?"

BICE        :- "Beivi o teu e lascimeo mae.. Me l'ascädiòu quande vegno;.. corpa de quella Ines" (sculetta come la ragazza e poi apre la finestra e chiama) "Maria… " (pausa) "Maria.."

MARIA    :- (fuori campo) "Dinni Bice"

BICE        :- "Maria, metti a-ascädà a fialetta che vegno a fäte l'iniezion"

BASTIAN  :- (va sveltamente alla finestra prima che la moglie la chiuda) "Maria.. mettila a bagno-maria" (riprende il giornale)

MARIA    :- "Sempre scherzoso o Bastian"

BICE        :- (gli dà una spinta)"Sempre pronto a dì di streppelli"

BASTIAN :- "Non arunsi signora Bice e vada a punturare la signora Maria.. nella guancia sinistra" (mima il didietro) "Tanto.. non si nota la differenza con il viso"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (avviandosi) "Leva un po' a toagia invece de l√ęze o giornale.. differenza!"

BASTIAN¬† :- "Mia... semmai vaddo m√¨ a fa a punt√Ľa √§ Maria"

BICE        :- "Te saieiva cäo, eh? MaPoscibile che t'aggi de longo a testa a-e solite cöse.." (salace.e Esce)

SCENA VI

(Bastian ‚Äď Ines)

BASTIAN¬† :- "P√∂sa o giornale e leva a to√§gia... Melezi√≤u ato√§gia.A mugugna de longo" (esegue. Suonano alla porta) "De seg√Ľo a s'√® ascord√† quarc√∂sa" (apre)

INES¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :-"Me desulpe se√Īnor.. mi patrona quiere de aver, se posibile, un pochito de agua mineral, porqu√© la agua del'edifitio non es buena" (muove le palpebre rapidamente.. da ammaliatrice)

BASTIAN¬† :- (comicamente incantatatoidal movimento di ciglia, risponde come in estasi) "Sci√† guardi... non compriendo l'espa√Īnol... ma noi agua mineral no ne tegnimmo per nada,.. costa delle palanche,.. ma quella dell'acquedotto... del'edifitio, ¬†come dice lei... √© potabile e.."

INES¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :-¬† (interrompendo) "Comprendo se√Īnor ma.. su esposa non sta aqu√¨√†?"

BASTIAN  :- "E appena sciortita per andare a fare una puntura nel..…" (mima la posizione)."..a una signora che sta di là" (alza il pollice al cielo anziché indicare il palazzo di fronte e la ragazza ha capito <all'al di là>)

INES¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (portandosi una mano alle labbra, dispiaciuta) "Puntura a una se√Īnora che es <al di l√†>.. muerta?"(sifa il segno della Croce)

BASTIAN  :- "A no se ciamma <muerta>, a se ciamma Maria"

INES        :- "Pobreçita, Maria es muerta" (fa il segno dellaCroce)

BASTIAN  :- "Scignorinn-a, me pà che no s'accapimmo.. No se compriende un tubbo"

INES        :- "Tubbo?.. Che es <tubbo>?"

BASTIAN  :- "Poi glielo spiego.. " (la guarda, le gira attorno) "Ma scià me digghe 'n po'... Sono tutte così carine al suo paese?"

INES        :- (si pavoneggia) "Graçias de su complimento.. querido"

BASTIAN  :- (non comprende ed equivoca) "Che rido? Veramente non vedo cosa ci sia da ridere"

INES        :- "Yo no hablo bien vostro idioma..…me desculpe.. ma querido es... gentile" (fa moine come prima)."..gentile con migo..… con Inès.. comprende?"

BASTIAN  :- (sospirone)"Eh,.. saià..… Ma riguardo all'agua mineral,.. forse non lo sa, ma la vendono anche in bottega"

INES¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Bodega? Ma se√Īnor Bastiano in bodega ci vogliono dinero e aqu√¨√† esta meno dispendioso"

BASTIAN¬† :- (comico) "Ah! T'hae accap√¨o a se√Īnorita..‚Ķ Non capisce l'idioma ma.. a me p√† divent√† ci√Ļ zeneize de m√¨" (mima che gli viene un'idea)."..a meno che..."

INES        :- (avvicinandosi con intenzione) "Si?"

BASTIAN  :- "Mae moggé.."

INES        :- (interrompe e storpia la parola in genovese) "Moggé?"

BASTIAN¬† :-"Mia moglie,.. mi esposa..‚Ķ deve avere una bottiglia vuota che c'era stata dell'acqua minerale che aveva portato il mio amico Basilio.., la riempiamo con l'acqua del bronzino e alla vecchia.. pardon alla signora Pilucchi le dice che √® minerale,.. capito se√Īnorita.. Ines?"

INES        :- "Ma agua tiene..… bollicine?"

BASTIAN  :- (che comincia a scocciarsi) "E ma belandi..…semmai ci sciusciamo dentro..… Mi dispiace ma le bollicine non ce l'ho, le ho finite..e no gh'ho e cartinn-e pe' fa l'aegua de Vichy..… Semmai le dice che le bollicine sono svanite nel ballatoio... Allora?"

INES        :- (sorridendo) "Su idea es brigiante" (pronincia <brighiante>)"Sì,.. facciamo"

BASTIAN  :- (prende la bottiglia vuota e va in cucina)

INES        :- (apre la finestra e guarda fuori) "Buena idea de agua di bronzino"

BASTIAN  :- (rientra con la bottiglia piena d'acqua e la porge alla ragazza) "Scià vedià che a no se n'accorze manco..Chissà quanta acqua minerale compriamo che ne viene dal bronzino.. L'importante e crederci" (con comicità)".. e pagäla anche se no ha le bollicine"

INES        :- "Muy gentil.. graçias" (esce dimenandosi seguito dallo sguardo interessato di Bastian)

BASTIAN¬† :- "De ninte <che rido>.. o se di√† <che-rida?>..Mah,.. se sente parl√† t√Ľtte e lingue, meno che l'italian e o zeneize" (suonano alla porta si avvia ad aprire pensando sia Ines) "A vorri√† e bollicinn-e" (apre ed entra la moglie)

SCENA VII

(Bastian ‚Äď Bice ‚Äď voce di Maria)

BASTIAN  :- (deluso) "Ah.. t'è tì?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "E chi doveiva √ęse?"

BASTIAN¬† :- (mogio) "Ninte... t'hae faeto f√Įto"

MARIA    :- (voce esterna) "Biceee..."

BICE        :- (andando alla finestra e brontolando) "Ma cöse a veu torna.."

BASTIAN¬† :- (ironico) "Doppo a punt√Ľa a vorri√† 'na flebo"

BICE        :- (alla finestra) "Maria cöse gh'è..? Se semmo appena-a lasciae.."

MARIA    :- "Chi a l'è quella bella figgia ch'a s'è affaccià a-o teu barcon quande ti stavi attraversando o caruggio per ritornà a casa teu?"

BASTIAN  :- (scattando, con comicità) "Ma quella lì a no ghe l'ha a televixon?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ma c√∂se ti d√Įxi?.. Chi gh'√® solo o Bastian.. t'aviae sbagliou de barcon"

BASTIAN  :- (nel frattempo impreca, mima i binocoli, fa scena)

MARIA    :- "Oh, no... l'è o barcon da dovve ti stae parlando"

BASTIAN¬† :- (adirato, si avvicina alla finestra e diretto verso l'altro edificio, sbotta) "Ma no ghe l'√©i a televixon?.. Li i programmi son ci√Ļ belli che ammi√† o barcon di √§tri" (si toglie stizzito dalla finestra)

BICE        :- (chiude la finestra, si mette le mani sui fianchi e squadra il marito aspettando una spiegazione) "Alloa?"

BASTIAN  :- "Alloa, cösse?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "No fasso in tempo a sciort√¨ che in te 'n men√Ľto ti gh'√® za de donne che vegnan in casa?!"

BASTIAN¬† :- (reagendo) "De donne?..Intanto a l'√©a solo √Ľnn-a.. e pe' de ci√Ļ 'na figgetta .. a l'√©a a badante da Sci√† Pilucchi ch'a voeiva de l'aegua minerale"

BICE        :- "Primma o porsemmou, doppo l'euio, ..oua l'aegua minerale ma a no ghe van mai a accattà?"

BASTIAN¬† :- "Costa meno vegn√¨ da nui√§tri... Cosc√¨.." (sorridendo della trovata)‚Ķg"Gh'ho imp√Įo quella bottiggia, dovve gh'√®a staeto l'aegua minerale, con l'aegua do

¬†bronzin e intanto ch'√©o de de l√† a dev'√ęssise affacci√† a-o barcon.. t√Ľtto l√¨"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (riferendosi a Maria) "Oua, quella lengua de biscia a spanteghi√† in g√Įo che ti fae vegn√¨ de donne in casa quande mi no ghe son"

BASTIAN  :- "Lascia perde,.. la reclame è l'anima del commercio"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Piggieivan 'n'√§tra fregat√Ľa.. Ma vanni a dorm√¨, reclamme!"

BASTIAN¬† :- (siede e apre il giornale)"Ah, ti sae che o Marcello l'han piggi√≤u a travaggi√† in Com√Ľne?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬† :-"Meno male meschinetto. O veuoeiva mette sci√Ļ famiggia ma senza 'n mest√®.."

BASTIAN¬† :- "O mest√© o ghe l'aveiva; o faxeiva o brazeur, poi a ditta a l'ha dov√Ľo serr√† e o se attrovu a spasso"

BICE        :- (sempre indaffarata; perplessa)"E.. o fa o brazeur in Comune?"

BASTIAN¬† :- (sornione) "M√ęgio ancon: O FA O BECCAMORTO!"

BICE        :- (sorpresa) "Ma davvei?"

BASTIAN  :- "No da-v'éi.. da doman!.. Veramente se dovieiva dì <operatore cimiteriale> nevvea"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "E beh.. anche quello se no o fa nisci√Ľn.. "

BASTIAN  :- (interrompendo, comico) "Mettieivan o self-service..… Ti te l'immagini?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (redarguendolo) "T'hae sempre cuae de d√¨ de baggianate. Da quande t'√® in ¬†penscion tidixi ci√Ļstreppelli t√¨ che a televixon. Ci√Ľttosto fra pochi giorni l'√® Pasqua e bezeugn√† fa 'n regallin √§ Teresa, √§ Maria..."

BASTIAN¬† :- "Quante a te d√†a Maria pe' f√§ghe e punt√Ľe?"

BICE        :- "No teo diggo manco se ti cianzi in cineise. Son dinae che me servan... Con a teu penscion femmo solo o bolittigo a-e speize. A proposito, .v Vanni 'n po' in negossio da mae amiga Martina; gh'ho ordinou duì'n pacchettin con quarche scemmàia..… no se sa mai cöse regalà"

BASTIAN  :- (diffidente) "Ti l'hae zapaghaehae?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "No avei anscietae,.. passo mi a pag√†... con i teu dinae nat√Ľralmente"

BASTIAN¬† :- "Nat√Ľralmente"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "A l'√® 'na scattoeta rossa;, gh'√® 'n fr√ęxetto sotta perch√© a b√Ľttegh√®a a sa ch'a l'√® a mae, e √Ľnn-a verde"

BASTIAN  :- "No ti ghe poeivi andà tì?..Devoandà in societae con o Giacomin.., emmo da organizzà a festa pe'Pasqua"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "L'√® m√ęgio che ti vaddi t√¨.., ¬†mManiaman vegne torna a..‚Ķ" (comica, imitando poi la camminata diInes) "..se√Īnorita de de l√† a domandate de l'√§tra aegua minerale"

BASTIAN¬† :- (indossa nel frattempo un indumento e si avvia alla porta, scimmiotta la moglie) "L√© a l'anchezza molto m√ęgio de t√¨..Vaddo, ciao" (esce)

 

SCENA VIII

(Bice ‚Äď Merello - Bastian)

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (riassetta la casa)"Arriva Pasqua e bezeugna fa √§tri regalli. T'haninvent√≤u anche a festa da mamma, quella do pap√†, quella de San Valentino..‚Ķ poi gheson icompleanni‚Ķ O l'ha raxon quello mugugnon demae m√†io.. T√Ľtto pe' f√§anne cacci√† feua didinae.. E no abasta o pensiero,.. ghe veu anche a sostanza"(suonano alla porta) "S'a l'√® a se√Īnorita ch'a vegne a dimand√† de l'√§tro, ghe mostro dovve ghe son i negossi" (apre. E' la signora Germana Merello, proprietaria dell'appartamento. Snob) "Oh, Sci√† MerelloMerello,.. che sorpreiza"

MERELLO :- (si ferma sulla soglia. Piena di s√©, benvestita,suiquarant'anni o poco pi√Ļ. Ha con s√© un pacchettino fasciato con carta azzurra. Parla con modi sofisticati)"Dest√Ľrbo?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ma ch' a se fig√Ľre; anzi.. A c√∂sse devo a vixita da padronn-a de casa?"

MERELLO:- (curiosa attorno, cammina con passo da mannequin e posa il pacchetto sul tavolo.: Parla come se le parole cadessero dall'alto del suo piedistallo) "P√Ľra cortexia. Mae mar√ģo, o dottore MerelloMerello, o l'√® andaeto a z√Ľg√† a golf con i seu amixi..; l‚Äôav-L'avvocato Gritta, l'inzegn√© Pilastri, o m√ęgo Fibrilla.. e √§tri.." (con posa da annoiata)"A d√¨ a veitae ovoeiva ch'andesse anche m√¨i chein macchina..‚Ķ" (calcando) ."..'na Limusine, ..gh'√©a posto; o l'ha tanto inscist√ģo,.. ma m√¨ ho prefer√Įovegn√¨ ch√¨,.. a vedde √Ľn di mae sc√Įti..‚Ķ Bezeugna mantegn√¨, dimmoghe i contatti con ipropriinquilin,.. vedde comme stan, nevv√©a..‚Ķ"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "E controll√† se t√Ľtto l'√® a posto"

MERELLO:- (con distacco) "Ah.. gh'ho portòu 'n pacchetto pe'  Pasqua.. Ninte de speciale.. Tanto pe'o pensiero.."

BICE ¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Eh, accapiscio, cont√Ľtti i inquilin che Sci√† l'ha.. ghe veuantanti pensieri... Sci√† veu vedde o so sc√Įto Sci√† Merello?"

MERELLO:- "Ma no son vegn√Ľa pe' quello... per√≤, z√† che son ch√¨..‚Ķ Ma Sci√† me ciamme p√Ľre Germana.. Anche se, con questo, no gh'√® bezeugno de intr√† in confidenza nevvea..‚ĶSon ci√Ļ de trent'anni che stae ch√¨; sbaglio?"

BICE        :- "Quaranta.. Scià se ricorda che o palazzo o l'éa staeto bombardou e che se voeivimo intrà doveivimodägghe recatto nuiätri...a nostre speize?"

MERELLO :- (fingendo di non ricordare) "Peu däse...nome ricordo... a quelli tempi l'éa padron mae poae bon'anima..… Alloa,.. visto che Scià l'insiste, vedemmo l'appartamento"

BICE        :- "Prego" (escono di scena mentre Bice continua a parlare) "Emmo faeto di miglioramenti, misso a doccia, eciappelle a-o cesso.. .pardon, alla.." (letteralmente)"toilette" (la voce sfuma)

BASTIAN  :- (entra, mette le chiavi in tasca e posa il pacchetti sullasediae l'ombrello accanto al tavolo) "Bice… Se ci sei batti un colpo." (cade l'ombrello facendo rumore) "Il colpo c'è stato.. la Bice c'è"(riprende l'ombrello e lo mette altrove)

BICE        :- (entra, fa segno con la testa e fa gli occhiacci al marito che si comporti a dovere perché, dietrodilei, apparirà la signora Germana Merello)

BASTIAN¬† :- (che non capisce) "T'√® vegn√Ľo 'na tor√ßeuia a-o collo e te parpellan i euggi ancheu?"

MERELLO:- (entra con l’a solita aria da snob) "Sciò Passalaegua buongiorno..… O veddo ben"

BASTIAN  :-"Scià l'ha  'na bonn-a vista;. B buongiorno. A cösse devo l'onore da so vixsita?"

MERELLO :- "Comme st√§vo dixendo √§ so..‚Ķ" (guardandola con un po' di commiserazione) "dimmoghe..‚Ķ scign√≤a, son vegn√Ľa a portave 'n pensierin pe' Pasqua" (indica il pacchetto azzurro sul tavolo) .".. e intanto ch'√©o ch√¨, vista l'inscistenza de so mogg√©‚Ķ‚ÄĚ

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (ironica) ‚ÄúSc√¨‚Ķ. Ho inscist√ģo tanto‚Ķ‚ÄĚ

MERELLO.- ‚Äú..., ho vixit√≤u o sc√Įto e devo d√¨ che, anche se no sei gente.. sci√Ļ, senza offeizas'intende, o tegn√¨ ben"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Grassie‚Ķ" (sottile) " Anche se no andemmoa z√Ľg√† a golfe, ne piaxe st√† in to netto. Tra l'√§tro aveivimo pens√≤u anche noi√§tri a f√§ghe 'n pensierin pe' Pasqua... anche se, comme Scia m'insegna, basta o pensiero nevvea"

BASTIAN  :- (tarda a comprendere) "Ah scì?. Gh'emmo faeto 'n presente?"

BICE        :- (ammiccando o segnando il pacchetto rosso sulla sedia) "Sebastiano, non scherzare di longo. O pacchettin rosso..ti l'è pösòu in sce-a carega, no?"

BASTIAN  :- "Ma no l'éa pe' a.."

BICE        :- (interrompendolo rapidamente) "APPUNTO! Pe' a Scià Merello. Allunghimelo pe' piaxei"

BASTIAN¬† :- (che finalmente ha compreso) "Ah, ma l'√® ben quello che stavo pe' d√ģ" (d√† il pacchetto alla moglie che a sua volta la d√† alla signora Merello)

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Con tanti aug√Ľri de 'na bonn-a Pasqua"

MERELLO:- ‚Äú√Ątrettanto anche da parte mae e de mae mar√¨o,o.."

BASTIAN  :- (comico) "O dottore!" 

MERELLO :- "Appunto. L'arvi√≤ appena-a arriv√† in ta mae villa perch√© a Pasqua andemmo a fa 'na <crociera> a-e isole Cayman..‚Ķ C√∂sse voei mai..‚Ķ oua t√Ľtti van in crociera e ref√Ľ√† me parrieiva de fa a snob"

BASTIAN¬† :- (con sottile ironia) "Ma s'accapisce.. Ho letto in sce-o giornale che e isole ¬†Cayman son √Ľn paradiso..‚Ķ" (insinuante) ."..fiscale..‚Ķ Ma son seg√Ľo che o vostro scopo o l'√® quello de ripos√§ve da-e fad√Įghe..‚Ķ"

MERELLO :- "E voiätri dovve andae de bello?"

BASTIAN  :- (pronto) "A CRETA!"

BICE        :- "A Creta?"

BASTIAN¬† :- "E perch√© no?" (salace) "Ma chi l'√® che √§ giorn√† d'ancheu o no va a fa de crox√©e..‚Ķ p√†i. Quelli in cascia integrazion e i disoccupae ghe van t√Ľtti... Han dotempo libero... Ddi penscionae poi, no ne parlemmo manco..‚Ķ no san com-me pass√§se o tempo e van magara a-e <Cinquecelle>"

MERELLO:- "Sci√† vorri√†d√Į a-e <Seycelles>"

BASTIAN  :- "L'han aumentae?"

MERELLO :- "A Creta senti√®i parl√† greco e t√Ľrco"

BASTIAN¬† :- "Ne parri√† d'√ęsse a Zena. Anche ch√¨ se sentan parl√† lingue diverse... arabo, spagnollo, r√Ľscio, albaneisealbanese,.. meno che o zeneize"

BICE        :- (imbarazzata) "Ma Bastian.. ti scherzi de longo..…  noiätri a Creta?"

BASTIAN  :- (comico) "E se no saià Creta, saià Cretto!..Question de 'na vocale"

MERELLO :- "Ben.. oua velascioperchè devo andà dai ätri mae inquilin...  Ah, m’a-scordavo…za che son chì..…" (cerca nella borsetta, estrae una busta che dà a Bice)

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (prende la busta) "Pe' m√¨?.. Ma Sci√† s'√® dest√Ľrb√†..‚Ķ anche a b√Ľsta... Grassie"

MERELLO :- "De ninte, ch'a se fig√Ľre,.. lL'ho faeto voent√©a. Beh, oa me ne vaddo. Stae- aeve ben"

BICE        :- (l'accompagna alla porta mentre Bastian la saluta. Merello esce)

BASTIAN¬† :- (comico) "E chi no ghe vain crox√©a? Se faieiva br√Ľtta fig√Ľa, te p√§?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ma anche ti a ti√† feua Creta... c√∂sse t'√® vegn√Ľo in mente?"

BASTIAN  :- "Ma dimme 'n po', ti m'hae faeto dà o paccheto rosso ch'o l'éa pe' a Maria e oua bezeugna accattäne 'n'ätro"

BICE        :- "Ma chche ätro... Ghe demmo quello da Scià Merelloe quello verde o demmo ä Teresa"

BASTIAN¬† :- "Gi√Ľsto. Ricicliamo. Arvi √¨n po' a b√Ľsta che vedemmo quante a n'ha daeto"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Speremmo ch'a segge staeta generosa. Con t√Ľtte e palanche do muttuoch'emmo ti√≤u feua" (apre e legge un foglio sorridendo, poi il sorriso sparisce, resta attonita e passa la busta al marito)

BASTIAN  :- "Ti l'hae za letta?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :-(triste) "M'√® abbast√≤u l√ęze o finale"

BASTIAN  :- (legge) "Gentile signor Sebastiano Passalacqua via, ecc. ecc. Essendo aumentate le speseperdell'appartamento, ed a seguitoanche della svalutazione in atto, tenendo conto altresì del prezzo di mercato e venendo a decaderele agevolazioni fattevi per il rifacimento dell'appartamento danneggiato per cause belliche, lo studio degli avvocati Arraffa, a nome e per conto della Signora Germana Merello, chiede un aumento del canone d'affitto e delle spese di amministrazione, del 10 % a partire dal primo del mese prossimo. In caso di mancata accettazione sarà dato corsoalla procedura di sfratto. Firmato: Studio avvocati Arraffa!" (abbattuto, ha lo sguardo nel vuoto)"Bice" ..'n'ätro FIRMATO!"

SI CHIUDE IL SIPARIO

FINE DEL PRIMO ATTO

 

ATTO SECONDO

SCENA I

(Basilio ‚Äď Giacomin)

(Basilio e Giacomin sono seduti al tavolo; stanno discutendo e prendono appunti)

BASILIO    :- "Allòa tì, Giacomin, ti te interessi, con a Maria, da gara da torta pasqualinn-a. Coscì aviemo e torte a gratis che mettemmo in lotteria"

GIACOMIN:- "Daiemo in premio quarche vaso de fiori che ne regalla a fiorista." (scrive) "Fiori per i premi della torta Pasqualina"

BASILIO    :- "Da lotteria se neinteressa a Teresa,.. piggia notta Basilio... A Téerresa con a lengua ch'a l'ha a dovieiva vende tanti biggetti"

GIACOMIN:- (scrive)".. la Teresa, che con la lingua che ha.."

BASILIO¬†¬†¬† :- "Ma c√∂se ti scrivi?.. Metti solo: lotteria se ne interessa la Teresa. Cosc√¨ femmo e palanche e ripristinemmo o campo da bocce" (scrive) "Pe' o momento faiemo o t√ģo a-o garriccio[1]; √Ľn Euro ogni man. Ah, gh'√® anche a cirulla. Scrivi Basilio: aperta ad ambo i sessi"

GIACOMIN:- "No parlemmo de sesso. Ghe metto: aperta a tutti"

BASILIO¬†¬†¬† :- "Metti √Ľn Euro pe' ogni man"

GIACOMIN¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "A Bice a gh'e nemette a torn√†. O Bastian o n'ha faetost√§ chi intanto che l√© a l'andava a fa a punt√Ľa giornaliera√§ Maria, ‚Ķ ma a quest'√∂a a dovieiva √ęse ch√¨"

BASILIO    :- "Ma no ti te ricordi ch'a l'andava a preparà o menestron e a inandià a sala pe' a festa?"

GIACOMIN:- (scrive) "Bice, menestrone e inandio della sala. Ah, ghe metto anche che preparerà anche le trippe e i friscioli con Maria e Teresa, va ben?"

BASILIO    :- "Beniscimo. Pe' o vin ghe pensa a Cantinn-a Sociale do Streppelli. 'Na damixann-a de dolcetto da Cremolin.. A propoxito de vin, no gh'emmomanco 'n gottìn pe' bagnäse e tonsille"

GIACOMIN:- (si alza) "Asp√ęta.. vaddo de de l√† a vedde se gh'e quarc√∂sa" (va in cucina)

BASILIO¬†¬†¬† :- "T'attroviae ben poco; ci√Ļ che 'n caff√® no ho mai piggi√≤ in c√† do Bastian"(intanto scrive o legge gli appunti di Giacomin)

GIACOMIN:- (fuori scena) "Sotta o lavellogh'è da poligrinn-a, çeivia, aiax,.. savon de Marseggia e di strassi da lavà pe' taera"

BASILIO    .- "Danni 'n'euggià in dispensa, no se samai"

GIACOMIN:- "Vaddo"(subito dopo si sente un fracasso di cose che cadono)

BASILIO    :- "Giacomin..… t'è sempre intrégo?"

GIACOMIN:- (spunta lemme lemme con un po' di carta igienica su una spalla e la giacca con tracce difarina. Ha una bottiglia in mano)

BASILIO    :- (stupito e comico) "Ma Giacomo.. a carta igienica pe' oua a no me serve. Se peu savei cöse t'hae combinòu?"

GIACOMIN:- "L'√®derr√Ľ√≤u t√Ľtto; gh'√©a da r√∂bainbilico e m'√® cheito da faenn-a ad-dosso, di rotoli de carta igienica e via andare" (trionfante)"Ma derr√© √§ carta igienica ho attrovou questa!"(mostra trionfante la bottiglia)

BASILIO    :- (si alza e l'aiuta a pulirsi la giacca) "Assettite che çerco duì gottin" (esce oli prende dalla credenza che potrebbe essere in scena)

GIACOMIN:- (guarda intanto la bottiglia controluce per controllarne il livello) "No ghe n'è guaei..… Lava ben i gotti che 'n gotto mä lavòu o piggia presto l'axòu"(legge l'etichetta) "  <Passato di Pantelleria>"

BASILIO¬†¬†¬† :- (rientra emette sul tavolo i bicchieri) "O sai√† Passito di Pantelleria e no passato, dai versa. Son seg√Ľa che o Basilio o no sa manco che gh'√©a 'sta bottiggia m√ęza veua"

GIACOMIN:- (riempie i bicchierini) "Bevemmo primma che intre a padronn-a, poi l'alleughemmo torna derrè ai rotoli da carta igienica"

BASILIO    :- "Cin cin"

GIACOMIN:-¬† "Mi asc√¨" (bevono) "O l'√® bon davv√©i" (controlla l'etichetta) "Gradi diciotto... O l'√® d√∂√ße, per√≤ o va z√Ļ comme‚Ķcomme.."

BASILIO¬†¬†¬† :- "Comme s'o f√Įsse Pass√Įtode Pantelleria" (versa ancora da bere) "O prim- mo o l'√©a l'assazzo, oua vegne o g√Ľsto. A ricincin" (bevono. Alza il bicchiere e canticchia l'aria della Cavalleria Rusticana) "Viva il vino spumeggiante.."¬†

GIACOMIN:- (gli fa eco) "Nel bicchiere scintillante..." (d√† un'occhiata controluce alla bottiglie e versa ancora) "Sal√Ľtte, pan, vin e brenno.. e 'na go√† de quellobon‚Ķ C√∂sse ti veude ci√Ļ?"

BASILIO    :- (comincia ad avere la lingua.. impastata) "Quarche palanca insaccoccia"

GIACOMIN:- (anche lui perde qualche colpo) "Dinae, sempre dinae... sSpi-spilorcio comme t'è. Ti o sae che i dinae de l'avaròn van in bocca aaa-o ladron. Dunque... dovve semmo arrestaecö pro-programma?"

BASILIO¬†¬†¬† :- "A o pa-pass√¨to. No,.. √§‚Ķ torta pa-pasqualinn-a" (versa e beve) "Giaco-comin.. o l'√® proprio bon.. o va z√Ļ comme l'aegua.. 'n'√§tro gott√¨n?"(versa)

GIACOMIN:- "Poi no-no ghe ne resta ci√Ļ..‚Ķ pensemmo √§ fe-festa.Doviemo ciamm√† l'or-l'orchestra"

BASILIO¬†¬†¬† :- "No gh'emmo di-dinae pe' l'orrrrchestra. Ho z√† contat-contatt... insomma ghe l'ho d√Įto a-o Semenza, a-o Grigoae a-o Pitta-Pittalorso.."

GIACOMIN:- "Il <Trio senza voce>.. Ogni nomme 'na gara-garanzia"

BASILIO¬†¬†¬† :- "Vint'anni fa a v√∂xe ghe.. ghe l'aveivan" (controlla il livello della bottiglia) "Gia-Giacooooomin, ne piggemmo so-solo 'n d√ģo po-poi gh'azzuuun-zemmo de l'aegua e l'alleuuughemmo torna derr√© √§ ca-carta igienica"

GIACOMIN:- "In to cesso?"

BASILIO    :- "In ta di-dispensa, no?" (vuota, bevono e vanno.. in orbita)

GIACOMIN:- "Ba-Basilio..‚Ķ" (si alza, eleva il bicchiere e traballa) "Sa-sa-sal√Ľtte" (bevono) "Me loccian √Ľn po' e gambe.. Ba-Basilio, veddo ball√† a t√≤ua.. c√∂sse sa-sai√†?"

BASILIO¬†¬†¬† :- (a sua volta si alza) "T'hae ra-rax√≤n... anche mi a veddo... Sai√† 'n terre-terremotto... L'√® m√ęgio che scio-sciortimmo... In questia ca-caxi l'√® ben√ęsse instradda, maniaman ne ca-cazze o soieu in testa e se incia-incia-inciastremmo c√∂ zetto." (si avvicinano tenendosi comicamente spalla contro spalla) "Gia... Giacomo..‚Ķ l'aegua in ta, in ta bottiggia"

GIACOMIN:- "√Ąsp√ęta; ho visto 'na ca-caraffa dede l√† con l'aegua..‚Ķ Beh, aegua, .. che schifo... Scostite cianin... leva a spalla da dosso a m√¨... eccocosc√¨. Vaddo" (esce di scena traballando)

BASILIO:- (con la testa fra le mani) "Basilio, che conf√Ľx√≤n che t'hae in te-testa"

GIACOMIN:- (rientra, sempre malfermo sulle gambe. Ha una caraffa d'acqua, Basilio, pure lui  con la mano tremolante, prende la bottiglia. Comicità perché nessuno dei due riesce a tenere salde le mani per versare l'acqua nella bottiglia. Molta acqua vaper terra)

BASILIO    :-(a un certo punto controllano il livello della bottiglia) "Me pà-pà che ghe sem- semmo. Vanni a me-mettila in di-dispensa"

GIACOMIN:- (esce con caraffa e bottiglia, barcollando comicamente. Poco dopo si sente un gran fracasso)

BASILIO¬†¬†¬† :- "F√Įto Gia-Giacomin..‚Ķ o terrrrremotto"

GIACOMIN:- (rientra, prende a braccetto l'amico e uscendo cercano di cantare con voce impastata) "Viva il vi-vino spu-spumeggiante.."

BASILIO    :- (con voce che si sta allontanando fino a sfumare) "Nel bi-bi-cchiere sci-scintillante.."

SCENA II

(Bice ‚Äď Maria)

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (entrano Bice e Maria.; i due si mettono sull'attenti im modo comico. Maria posa una borsa sul tavolo) "Son pass√† in farmacia a piggi√† 'na maexinn-a che o m√ęgo o l'ha ordin√≤u pe' o Bastian. Sai√† 'n problema f√§ghela ingo√†.. Quell'a√ß√ßidente l√¨ o no veu mai piggi√† ninte, ..o no se f√ģa... o d√Įxe che fanci√Ļ m√§ che ben.. O l'√® propprio 'n bastiancontr√§io.".. Assettite Maria"

MARIA¬†¬†¬†¬†¬† :- (non molto giovane e non molto bella. Tipo da contadinotta, trasandata, posa a sua volta una borsa sul tavolo) "T'hae sent√ģo quei du√¨ imbriaeghi?.. Ean proprpio-pio ciucchi"

BICE          :- "Ma assettite Maria"

MARIA      :- "Poi m'assetto, grassie"

BICE          :- (siede) "Son proppio stracca. Emmo traffegòu finn'òua in societae e chi travaggia son sempre i maeximi .O Bastian o dijeiva che gh'è chi dà solo conseggi e chi travaggia… Beh, o menestròn pe' trenta personn-e l'emmo inandiòu, i frixeu i preparemmo a-o momento"

MARIA¬†¬†¬†¬†¬† :- "Indovinn-a chi l'√® vegn√Ľo da mi l'√§tro giorno?"

BICE          :- "O Marcello?.. So ch'o te piäxe"

MARIA      :- "Magara..… Invece l'éa o padron de casa"

BICE          :- "O Sciò Merello?"

MARIA¬†¬†¬†¬†¬† :- (un po' gi√Ļ di corda) "Propprio l√©.. O m'ha port√≤u 'n pacchettin pe' Pasqua e quande √©o in sce-o contento-andante pe' o regalin ch'o m'ha faeto, o me d√† 'na b√Ľsta. L'ho ringrassi√≤ perch√© credeivoche in ta b√Ľsta ghe f√¨ssan.."

BICE          :- (interrompendola) "De palanche"

MARIA¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ma..‚Ķ o te l'ha d√Įto?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "No, ..o l'ha faeto!.. 'Na b√Ľsta con l'aumento da pix√≤n e de l'amministrazi√≤n... e che aumento..‚Ķ Ma assettite no?"

MARIA      (scosta una sediae s'accorge dell'acqua sul pavimento) "Til'hae poipiggiòu o can?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Eh, me saieiva staeto c√§o,ma o Bastian o l'√® contr√§io; o d√Įxe che poibezeugnaport√§lo a spasso, port√§sse appreuvo a paletta, o sacchetto... anche se tanti se ne fregan de inciastr√† o marciap√©. Per√≤ o me faieiva compagnia...son sempre sola"

MARIA      :- (indicando il pavimento) "Allòa chi ha bagnòu in taera, o Bastian?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (alzandosi) "Ma c√∂sse ti d√Įxi?"

MARIA¬†¬†¬†¬†¬† :- "Amm√ģa"

BICE          :-. (guarda per terra) "O porco can!"

MARIA      :- "Ah, ma allòa ti ghe l'è o can"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Set'ho d√Įto de no!" (pensando) "A meno che o Bastian..."

MARIA¬†¬†¬†¬†¬† :- (interrompendola e indicando il pavimento) "Ti d√Įxi che segge staeto o Bastian?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (esce a prendere uno straccio e rientrando) "Ma c√∂se ti d√Įxi brava" (asciuga, annusa lo straccio) "A l'√® aegua" (esce portando lo straccio con s√©)

MARIA      :- (vede gli appunti sul tavolo, dà un'occhiata) "T'hae lasciòu di appunti pe' a festa..…Veddo che mi dovieiva interessäme da gara da torta pasqualinn-a"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (rientrando) "Ti permetti? Famme vedde" (guarda gli appunti) "A no l'√® a calligrafia de mae m√†jo...Chi sai√† mai vegn√Ľo?..Vaddo a vedde se in ta stanzia ghe f√Įsse o Bastian ch'o se fa 'na pisa√†ggi√†a" (esce)

MARIA      :- (guarda gli appunti) "Che sgorbi,.. se vaddo in farmaciacon questo me dan de maexinn-e" (legge) "Lotteria se ne interessa la Teresa; la fiorista ci darà qualche pianta..…"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (sta brontolando fuori scena) "Ma chi l'√® che l'ha invers√≤u a faenn-a e cacci√≤u pe' taera a carta igienica?" (rientra adirata e colta da un sospetto controlla gli appunti) "Questa a l'√® a calligrafia do Giacomin...Poscito √ęsse... Se vedde ch'o l'aveiva sae perch√© a caraffa a l'√® squaexi veua"(colta da sospetto) "√õn momento!..A carta igienica in taera,.. a faenn-a sparpaggi√†...O PASSITO!" (esce sveltamente)

MARIA¬†¬†¬†¬†¬† :-"C√∂sse gh'intra o pass√Įto?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (rientra con la bottiglia ene controlla il livello controluce) "O gh'√® ancon t√Ľtto" (la posa sul tavolo e, con aria di chi fa finta di voler offrire) "Sc√Ľsa se no te ne offro ma con e punt√Ľe che ti fae o te faieiva m√§"

MARIA¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ti d√Įxi?.. Pasiensa..‚ĶT' hae poi sacci√Ľo chi l'√©a quella bella figgia af- affacci√† a-o teu barc√≤n?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (che intanto guardava gli appunti) "Sc√¨, l'ho sacci√Ľo"

MARIA      :- "E allòa?"

BICE          :- "Allòa, cösse?"

MARIA      :- "Chi a l'éa?"

BICE          :- "Ma te interessa proppio?"

MARIA      :-"Propprio pe' ninte" (pausa comica, poi non resiste) "A conoscio?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ancon da s√©che no te interessa; a l'√©a a badante da Sci√† Pil√Ľcchi ch'a voeiva de l'aegua minerale e intanto che o Bastian o l'arviva obron... veuggio d√¨.....intanto ch'o √ßercava a bottiggia, l√® a l'ha averto o barc√≤n pe‚Äô '..." (salace) ."..pe' fasse vedde da t√¨ savendo che poi ti me l'aviesci d√Įto. Contenta?"

MARIA¬†¬†¬†¬†¬† :- "Oh, pe' quello che me interessa.. Comunque l'ho sempre d√Įto: i ommi bezeugna tegn√Įli sott'euggio... no se sa mai..."

BICE          :- "Ti, a son de tegnì d'euggio l'Asdrubale, ti l'hae faeto scappà comme 'na lippa"

MARIA¬†¬†¬†¬†¬† :- (un po' acida) "P√ęzo pe l√©! O s'√® z√Ľg√≤u o seu avvegn√¨.. Primma o faxeiva l'innamu√≤, .."(sospirando) ."..o me portava sempre di armo√¨n ch'o cheuggeiva in ti boschi invexendandome de belle parole e doppo o no me n'ha ci√Ļ port√≤u..‚Ķ" (cambiando tono)."..e all√≤a m'√® vegn√Ľo o d√Ľbbio che ghe f√Įsse 'n'√§tra de m√ęzo e.." (sforzandosi di commuoversi) ".. gh'ho d√Įto: <Asdrubale, tu mi fai patire, lo sai quanto ho soffritto per te..‚Ķ>"

BICE          :- "Soffritto?"

MARIA¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ma sc√¨, pat√ģo... <Porti mica gli armoni a un'altra donna?Non sono pi√Ļ la tua tenera rosellina?> - e l√© o se l'√® piggi√† e ti sae c√∂sse o m'ha risposto?‚ÄĚ

BICE          :- "E mi che ne so? No gh'éo!""

MARIA¬†¬†¬†¬†¬† :- "O m'ha risposto: <Gh'√® 'n proverbio zeneize ch'o d√Įxe che anche a ci√Ļ bella reuza a diventa √Ľn grattac√Ľ[2]> T'hae accappio che main√©e? E doppo o me fa: <Vaddo a accatt√§me i sig√§ri e poi arrivo>. No so da che tabaccante o segge andaetoperch√© son za seimeixi che no gh'ho seu notissie"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :.- "O sai√† andato a C√Ľbba..‚ĶTe l'ho d√Įto,.. pe'tegn√ģ streiti i ommi, bezeugna fa mostra de ninte... f√§sse dexider√†"

MARIA¬†¬†¬†¬†¬† :- "T'hae 'nbello d√Į... Intanto l'Asdrubale, a son de famme dexider√†.. o l'ha port√≤u via i tacchi"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (con noncuranza) "O sai√† andaeto a pitt√† da 'n' √§tra parte... Cio√®... voeivo d√ģ... Insomma no t'hae perso guaei,.. in fondo o no l'√©a manco tanto bello"

MARIA¬†¬†¬†¬†¬† :- "Pe' mi √∂ l'√©a,.. anche se se vedeivimo squaexi sempre quande gh'√©a poca l√Ľxe"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Eh, accapiscio; a-o ciaeo da cand√©ja anche o canev√†sso o p√§ t√®ja" (tra s√©) "Va ben che fra t√Ľtti du√¨..."

MARIA¬†¬†¬†¬†¬† :- "Cangiando discorso.." (estrae della borsa un pacchetto rosso e lo d√† a Bice) "T'ho port√≤u 'n regallin pe' Pasqua... √Ľn pensiero"

BICE          :- "Grassie;.. aAnche mi gh'o 'n pensierin pe' ti" (porge ilpacchetto azzurro avuto dlaMeorello. Scena tra marito e moglie poi,comica.Oosserva il pacchetto rosso e si avvede del "frexetto" delbottegaio, lo scrollaall'orecchio e poi sorniona) "'Sto pacchettinrosso me pä de conoscilo… Ti o sae cösse gh'è drento, vea?"

MARIA      :- (messa in allerta e con cipiglio) "Se te lo accattòu, o saviòu ben, no?"

BICE          :- (con sottigliezza) "E allòa dimmelo coscì no l'arvo finn-a a Pasqua"

MARIA¬†¬†¬†¬†¬† :- (imbarazzata ma decisa) "Preferiscio che ti o screuvi da sola, se donca a no l'√® ci√Ļ 'na sorpreiza"

BICE          :- "Proviò a indovinäghe.…. Gh'è drento..… 'na caffettéa!"

MARIA      :- "Indovinòu!"

BICE          :- "Sbagliòu!"

MARIA      :- "Sbagliòu?"

BICE          :- "Questo pacchettin te l'ha daeto oa Sciòà Merello.."

MARIA      :- (a disagio) "E ti... comme ti fae a saveilo?"

BICE          :- "Perché ghe l'ho daeto mi a sue moggé in cangio do seu pacchettin fasciòu con da carta celestinn-a; lé a l'ha daeto a tì o mae pachettin rosso e tì ti oua time o o dae amì!"

MARIA¬†¬†¬†¬†¬† :- (in imbarazzo) "Peu d√§sse che quello che t'ho accatt√≤u, invece de d√§llo a ti l'avi√≤u daeto √§ T√©erre...ch'agge conf√Ľso i pacchetti"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "No te a piggi√†. S√Ľccede. Me immagino o Bastian q.. Quandeo √∂ vedde:oe dij√†:<Te l'ho d√Įto m√¨>" (se la ride mentre Maria scrollale spalle)

SCENA III

(Bice ‚Äď Maria ‚Äď Bastian ‚Äď Marcello)

BASTIAN  :- (entra dall'esterno) "Ciao Maria" (alla moglie) "Ciao moglie..… gh'ho 'na famme che a veddo... T'hae accattòu o xambòn da-oNesto?"

BICE          :- "Ma noMano ghe n'éa ancòn quarche fettinn-a in tofrigidaire?"

BASTIAN¬† :- (sarcastico) "Sc√¨,.. marse, ..defunte... p√†ivan de plastica e l'ho cacciae inta r√Ľmenta primma che ti me l'arrembi sotto forma de porpette"

BASTIAN¬† :- (vede il pacchetto rosso, lo prende in mano e con sarcasmo) "No stamme a d√ģ.."

BICE          :- "No te-o diggo"

BASTIAN¬† :- "E te l'ho d√Įto m√¨!" (suonano alla porta) "Vaddo mi,sai√†oMarcello" (apre la porta ed entra Teresa)

TERESA    :-(con atteggiamento triste. Ha un pacchettino verde in mano)"Bongiorno"

BASTIAN  :- "Che faccia allegra"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ciao T√©erre..‚Ķ immagino che ti meporti quarchebr√Ľtta notissia"

TERESA    :- "A Scià Della, l'americana..… a l'è morta"

MARIA      :- "L'è morta Della?"

BASTIAN  :- (comico) No! No l'è morta-della... l'è morto o xambòn!"

BICE          :- "Meschinetta..… a l'aveiva zà i seuanni e armeno oua a l'èinpäxe... Ma parlemmod'ätro"

TERESA¬†¬†¬† :- (porge il pacchettino fasciatodiverde ¬†a Bice) "T'ho port√≤u √Ľn regallin pe' Pasqua... ninte de speciale o l'√® solo √Ľn...."

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :-(interrompe rapidamente)"...pensiero..." (a Maria)"Son t√Ľtti da stessa inforn√†"

BASTIAN¬† :- "Anche noi√§tri gh'emmo prepar√≤u √Ľn.. pensiero, vea Bice?" (d√† alla moglie il pacchettino rosso riavuto da Maria)

BICE          :- (lo dà a Teresa)"Tegnilo pe' tì però, no riciclälo"

MARIA    :- (indicando ilpacchetto verde di Teresa)"Quellopacchettin verde ö conoscio.. l'aveivo daeto a-o Sciò Merello"

TERESA¬†¬†¬† :- (imbarazzata) "Eh.. s'assomeggian t√Ľtti.. Ma m√¨ conoscio quello celeste ch'aveivo daeto a o Sci√≤ Merello"

MARIA      :-(presa in castagna)"Va ben…, va ben.. Da chi 'n po've lascio perché devo anda a accata-accattà"

BICE          :- "Doviò andaghe mi ascì. Spendemmo tanti de quelli dinae anche pe' o mangià che no te diggo"

BASTIAN  :- "A pensciòn a serve solo pe pagà a pixòn, o telefono, e l'amministrazion..e o riscaldamento… quande a va ben"

MARIA¬†¬†¬†¬†¬† :- "E pe' de ci√Ļ a Sci√† Merello a n'ha daeto a letterinn-a "

TERESA    :- "Anche a tì?"

MARIA¬†¬†¬†¬†¬† :- "Doppo o regallo do pacchettin... a b√Ľsta con l'aumentoda pix√≤n"

BASTIAN  :- "Prima la carota e poi il bastone. Bice, bezeugna imparà a mangià 'na votta sola a-o giorno"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Senti chi parla. Perch√© no ti commensi s√Ľbito? Fanni finta de mangi√§te o xamb√≤n"

SCENA IV

(Bice ‚Äď Maria ‚Äď Bastian ‚Äď Teresa ‚Äď Marcello)

(suonano alla porta e Bice va ad aprire)

BICE          :-"Ciao Marcello"

MARCELLO:- (un giovanotto brillante; entra allegro)"Allegri gente.. comm'a va?"

TUTTI        :- (saluti a soggetto)

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ho sacci√Ľo che no ti fae ci√Ļ o brazeur e che t'han piggi√≤u in Com√Ľne"

MARCELLO:- "No l'√® d√Įto che no fasse ci√Ļ o brazeur. Anche comme <Operatore Cimiteriale> se pe√Ļ sald√†... magara de casce damorto"

BASTIAN  :- "Che allegria"

TERESA¬†¬†¬† : (civettuola) "Sci√≤ Marcello.. sempre es√Ľberante, allegro.."

MARIA      :- (c. s) "Gente allegra il ciel l'aiuta.."

BASTIAN¬† :- "Ma gh'√® ancheo proverbio ch'o d√Įxe: <aiutati che Dio ti aiuta>. E alloa bezeugna daghe 'na man"

MARCELLO:- "Ma mi son allegro de nat√Ľa. O l'√® o mae carattere; son faeto cosc√¨"

TERESA    :- "E Scià l'e faeto ben... Scià sa navegà in ta vitta!"

BASTIAN  :- (comico, ironizza sulle due donne verso Marcello) "Marcello è uno dei nostri mari"

MARIA      :- "No capiscio"

BASTIAN  :- "Vedemmo se me-i ricordo: gh'emmo o Mar Mediterraneo, o Mar Tirreno, o Mar Jonio e.. o Mar-cello"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (al marito; prendendolo in giro) "E o Mar-sala, che ti te saiae bev√Ľo!"

MARCELLO:- "Bastian... a Bice a l'è diventà spiritosa.."

MARIA¬†¬†¬†¬†¬† :- (facendo gli occhi dolci a Marcello) "Affort√Ľnn√† quella donna..."

MARCELLO:- "Quae donna?"

TERESA¬†¬†¬† :- "Perch√©.. ghe n'√® ci√Ļ de √Ľnn-a?"

BASTIAN  :- "Euh, ätroche. Quelle che l'angoscian.." (fa l'attodi vangare) "..oua o-ei sottaera"

MARIA¬†¬†¬†¬†¬† :-(indispettita) "Sc√Ľsae ma devo and√†. Ciao a t√Ľtti.."(facendo gli occhidolci a Marcello)"A riveise Marcello" (salutata da tutti, esce)

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (al marito) "Vegni de de l√† che ti me dae 'na man a scistemm√† a dispensa" (ai presenti) "Sc√Ľsae,.. vegnimmo s√Ľbito. Intanto assettaeve ebevei 'n po'de pass√Įto. Ch√¨ ghe son du√¨ gottin" (escono)

TERESA    :- (a Marcello, cercando di circuirlo) "E coscì Scià l'ha cangiòu travaggio"

MARCELLO:- "M√ęgio che ninte,.. anche quello o va ben"

TERESA    :- "E..… solope' curiositae..…agalante?"

MARCELLO:- (intanto che riempie i due bicchierini) "A galante?.. Appena-a gh'ho d√Įto che faxeivo l'operatore cimiteriale a m'ha ciant√≤u l√¨ in sce du√¨ p√ę!"

TERESA    :- (gattona) "Ma comme l'è mai poscibile..Mi,no l'avieiva maifaeto.. Se se veu ben veramente a 'na personn-a.. <anche le strade irte di chiodi si percorrono>, nevvea.."

MARCELLO:- (tra sé) "Comme i fachiri" (a Teresa)"Che belleparolle"

TERESA¬†¬†¬† :- "Me son vegn√Ľe spontanee"

MARCELLO:- "Me p√§ d'aveile lezz√Ľe in te 'n libro de Carolina Invernizio"

TERESA    :- "A l'avià copiae da mì"

MARCELLO: (ironico) "Senz'√§tro. Brindemmo √§ nostra sal√Ľtte: Cin, cin!"

TERESA    :- "Alla salute e..… all'amoree…" (bevono)

MARCELLO:- (guarda il pubblico, strabuzza gli occhi e poi spruzza fuori la.. bevanda)"Ma questa.. a l'è aegua colorà!" (dà colpi di tosse mentre Taresa gli batte una mano sulla schiena)

TERESA    :- "A dì a veitae..… o l'è 'n pittìn leggero"

MARCELLO:- "Ûn pittìn?... Questo o l'è 'n broddoallungòu"

TERESA    :- (pavoneggiandosi innanzi a lui e facendo una piroetta) "Sciò Marcello.. commeScià me treuva?"

MARCELLO:- "No saviae..… Dieijvabella..."(si interrompe per tossire)

TERESA    :- (interrompendolo con un gridolino di gioia)"Bella?.. Oh, Marcello..." (si avvicina intenzionata)

MARCELLO:- (scatta in piedi .. proteggendosi con la mano avanti) "Bella.. in carne"(oppure, se è il caso:Bella magra)

TERESA    :- "Ma 'n'ommo o no peu arrestà sempre senza 'na donna e mì... sonLIBERA Marcello cäo!"(l'abbraccia. mentre Llui resta fermo come un palo e fa le corna)

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (entra in quel momento ed ha un gesto di sorpesa) "Oh! Sc√Ľsae"(fa per uscire di scena ma viene fermata dalla voce di Marcello)

MARCELLO:- (imbarazzato) "Sc√Ľsime Bice, ma mi no..."

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "No preoccupaeve... l'√® sempre bello vedde che in ta vitta gh'√® sempre¬† posto pe' l'am√ī"

TERESA¬†¬†¬† :- (gattona)"O no s'√® sacci√Ľo tegn√¨... O l'√® part√ģo de slancio"

MARCELLO:- "Cösse?.. Ma se a l'è staeta le che..."

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "No daeve anscietae.. " (guarda i bicchierini) "Sai√† staeto o Pass√Įto... No p√§ ma o fa di graddi e se √Ľn o no l'arr√ęze ben..‚Ķ"

MARCELLO:- "Di graddi? Questo chì!.." (prende la bottiglia) .".. o fa meno tréi,.. assazzilo ti ascì" (fa l'atto di versare in un bicchierino)

BICE          :- "Pe' a caitae... mManiaman me metto a cantà.." (sorride)

TERESA    :- "No creddo, .. o l'è mooolto leggero"

BICE          :-  (l'assaggia, lo spruzza a chiama il marito) "Bastian!"

BASTIAN  :- (rientra) "Se gh'è?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Questa bottiggia a l'√©a asc√∂sa in ta dispensa.. ma a quante ris√Ľlta o passito o l'√®... svapor√≤u. Ti ne sae ninte ti?"

BASTIAN¬† :- "Perch√©?.. Gh'√©a do pass√Įto senza che mi o savesse?"

MARCELLO:- "Assàzzilo e dimme comm'o l'è" (versa)

BASTIAN¬† :- (beve e poi spruzza il liquido dalle labbra) "Che schifo!.. Ma Bice, t'√® misso 'n po' de Pass√Įto in te 'na bottiggia d'aegua?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "E fig√Ľrite‚Ķ.." (colta dal dubbio) "O Basilio e o Giacomin!"

BASTIAN¬† :- "E c√∂sse gh'intran con l'aegua in to pass√Įto?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "No ti gh'√® d√Įto de asp√ętt√§te in casa nostra e de cacci√† z√Ļ o programma pe' a festa de Pasqua?"

BASTIAN¬† :- "Quello sc√¨, m‚Ķ Ma t'eu d√Į che... E dovve ti l'aveivi alleug√†?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "In dispensa" (ragionando tra s√©) ‚Ķ"I du√¨ imbriaeghi checantavan, i..I appunti da festa sociale, l.. L'aegua pe' taera, poscito √ęse!.... Se son scoa√™ a bottiggia e gh'han azzunto de l'aegua, t'hae accapp√¨o che am√Įxi?"

BASTIAN  :- "A l'è coscì eh? A mì ti me dae de l'aeugua.. e loiätri... a te sta ben!"

MARCELLO:- (ridendosela)"Ah, ah,ah, ..Bastian, sai√† m√ęgio che ti n'accatti n' √§tra e che ti l'alleughi ci√Ļ ben"

BASTIAN  :- "Se l'alleugo mi no a trova manco a Bice"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "A ti o vin o te resc√§da davanti e derr√©..‚ĶA popoxito de resc√§do, ch√¨ gh'√® son e pilloe che t'ha ordin√≤uom√ęgo"

BASTIAN  :- "Ma.. devo proppio piggiäle?"

BICE          :- "Fanni ti, ..tanto mi anche s'arresto viddoa no me ne fasso ninte"

MARCELLO:- "Sai√† m√ęgio che ti piggi e pilloe Bastian"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Alloa Marcello, complimenti pe' ote neuvo travaggio. A l'√® 'n' opera sociale √Ľtile e indispensabile"

TERESA    :- (gattona) "E anche con quello mesté se a donna a veu ben a-o seu ommo...no ghe son problemi,.. vVéa Marcello?"

MARCELLO:-¬† "Eh? Ah!. Euh!.. Sc√Ľsae ma devo and√†... gh'ho 'n'appuntamento"

TERESA    :- (rapida)"Sciorto anche mi"

MARCELLO:- (sconfortato allarga le braccia) "A peu anche restà, .. conoscio a stradda"

BASTIAN  :- "Attenta Téerre,o Marcello o l'è 'n sciätafädette"

TERESA    :- (brillante) "Marçellin..… voemmo andà?.."

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (ironica) "O no l'asp√ęttava √§tro"

MARCELLO:- (a Bice, incavolato) "Grassie... ben gentile!"

TERESA¬†¬†¬† :- (aggrappandosi al braccio di Marcello) "Ciao a t√Ľtti"

MARCELLO:- (togliendo il braccio di Teresa) "No me päe o cäxo nevvéa" (escono)

BICE          :- "Osta fresco con a Téerre"

BASTIAN¬† :- "Quella √§ n√∂ molla ci√Ļ" (guarda lew medicine)

SCENA IV BIS

(Bice ‚Äď Bastian ‚Äď Giacomin ‚Äď Basilio)

(Ssulla credenza c'è una caraffa con dell'acqua, un imbuto ed alcuni bicchieri. Mentre Bastian sta guardando i medicinali, si sente da fuori il canto di due avvinazzati)

I.a VOCE ESTERNA:- "Viva il vino spumeggianteee.."

II.a VOCE ESTERNA- "Nel bicchiere scintillanteee.."

BICE          :- "Stanni a vedde che son i teu duì amixi: i fratelli Bevilacqua!"

GIACOMIN         .- (fuori scena, con voce impastata come il compare) Ba-Bastianooo"  (suonano noalla porta)

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (nervosa) "Son ciucchi, no arv√Įghe"

BASTIAN  :- "Ma son o Giacomin e-oBasilio, .. son 'n pittin allegri..."

BASILIO    :- (suona e chiama) "Ba-. Bastianuccio...abbiamo una bottiggia di quello buo-buono. Apri-..apriticivi.. Arvine insomma!"

BASTIAN  :- (si alza) "Se no ti gche arvi tì ghe penso mì"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- ‚ÄúNo arv√Įghe, cMa no. Cosc√¨i pensan che no semmo in casa"

BASTIAN  :- "Ghe o diggo." (dalla porta) "Me despiäxe amixi ma.. no semmo in casa... semmo sciortìi"

BASILIO    :- "Alloa se..… se seiscio-sciortìi,andeiemo a beive da 'n'ätra parte"

BASTIAN  :- (scrolla la testa ed apre di colpo la porta. I due quasi cascano all'interno)

GIACOMIN:- (stupitoe barcollante) "Ma.. no-no eivi scio-sciortìi?

BICE          :- "Seiproppio trei bellianghaezi"(esce alla sinistra)

BASTIAN  :- "Locciae comme de banderolle... Assettaeve prima de dà 'na patta pe' taera"

BASILIO    :- (come Giacomin, siede. Ha il berretto o la coppola per traverso ed il viso graffiato)

BASTIAN¬† :- "T'hae o muro sgranfign√≤u.. c√∂se t'√® s√Ľccesso?" (ironico) "No stamme a d√¨ ch‚Äôo l'√® o ben serv√¨o de 'na donna"

BASILIO¬†¬†¬† :- (si aggiusta il berretto) "T√Ľtto corpa de 'na <belladonna>‚ÄĚ

BASTIAN¬† :- "E bravo Basilio, .. no l'avieiva mai d√Įto che t√¨..‚Ķ"

GIACOMIN         :- "E inve-vece a l'è staeta pro-proppio coscì... O camminava 'n po' in sbandellòn..…" (come scusante) ."..corpa do vin..."

BASILIO¬†¬†¬† :- "E sc√¨.. pe-perch√© t√¨, ti camminavi dri‑ito..!"

GIAAICOMIN     :- "Ma mì me son affermòu in te-tempo.. t'è tì che t'è cheito a pescio in te 'n co-costo de <belladonna> e ti t'è sgranfignòu o muro"

BASTIAN  :- "Ah, ah,.. òua che ghe semmo,.. me pàiva strano che o Basilio…"

BASILIO¬†¬†¬† :- (che si sente offeso) "Co-comme saieiva a ddd√¨?: Mi e do-donne √ę tratto ben e con ri-rispetto.."

BASTIAN  :- "L'à corpae de quello cancaron che bevei"

BASILIO    :- "Ta-tanto pe' incommençà, questo o no l'è cancaron,.. anzi..." (guarda con occhio complice il compare) "Vea Giaco-comin?"

GIACOMIN         :- "A-atro che.. " (sottovoce, con complicità) "A l'éa in te 'n ca-canto in societae..."

BASILIO    :- "... sola..… pàiva ch'a ne cia-ciammesse…" (con voce ..…lontana)  "<son 'na bottiggia de grignolin…béivine pe' piaxeiiii qualche gottìn>"

GIACOMIN:- "E co-coscì.. emmo pe-pensòu anche a tì. Daì piggine 'n gottin"

BASTIAN  :- (si avvicina alla credenza, guarda se arriva la moglie, prende il bicchiere che posa sul tavolomentre Giacomin versa)

BICE          :- (entra sveltamente in scena. Ha con séla bottiglia di passito che posa sulla credenza, poi al marito) “TTiI vin no ti n'è da beive, .. o t'arrescäda e con e maexinn-e che tidevipiggià o no va ben" (prende il bicchiere del marito) "Me sacrifichiòu mì!" (lo trangugia d'un fiato.. strabuzza gli occhi, tossisce e poi si riprende dandosi un tono di superiorità)

BASTIAN  :- (che haguardato stupito con gli altri)"Moggé! Che göa... Nö saveivo"

BICE          :- "Manco mì"

BASILIO    :- (si accinge a riempire il bicchiere lasciato vuoto) "A-assazzilo ti ascì Bastian"

BICE          :- (precede il marito e tracanna ancora) "A ti o te..."

BASTIAN  :- (stizzito) "…O m fa mä e con e maexinn-e.. che barba Bice"

GIACOMIN         :- "Bastian o l'éa armeno bon?"

BASTIAN  :- "Gh'ha a delega a Bice. Domandaeghelo a lé ch'a s'è torna sacrificà a-o mae posto!"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (trattenendo un comico singhiozzo) "C√∂sse nofaieiva pe' o mae Bastian.."(barcolla per un attimo) "O dev'√ęse o mangi√†... me g√Įa 'n po' a testa"

BASTIAN¬† :- "Se t'avesci bev√Ľo l'aegua a testa a no te gi√§va"

BICE          :- (a mezza voce) "A propoxito de aegua"(prende la bottiglia del..passito e con comicità) "E òua,.. pe’ scangiave o piaxei do grignolin,.. ve bevéi 'n po' de passito de Pantelleria"

BASILIO¬†¬†¬† :- (guarda Giacomin con occhio triste) "No, ..no,.. grassie... no volemmo fa da me-mescc-i√Ļia... maniamann"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (imperiosa) "M√¨ ho bev√Ľo o vostro grignolin e voi√§triassazzae o mae pass√Įto!" (versa per i due)

GIACOM.E BAS.:- (si guardano e rassegnati devono stringendo gli occhi, come prendessero una purga)

BASTIAN¬† :- "Che facce!.. Mmanco s'o f√Įsse euio de ricin"

BICE          :-(intanto che i due bevevano prende, non vista, la bottiglia di grignolino; và verso la credenza, mettel'imbuto alla bottigilia e dalla caraffa viversa dell'acqua. Poi., Nnotata solo dal marito, rimettela bottiglia sul tavolo) "Alloa, comm'o l'éa opassito?"

BASILIO    :- "Ehm,.. o l'éa... o l'éa bon, vea Gia-Giacomin?"

GIACOMIN¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :-(titubante) "Sccc√¨,.. per√≤ √≤ua...s'aggi√Ľstemmo a bocca con o gri-grignolin"(versa per loro due e a Bice) "Bi-Bice... anche a t√¨?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "No, grassie.. m√¨ a bocca me l'ho za aggi√Ľst√†"

GIACOM. e BAS.:- (bevono. Strabuzzano comicamente gli occhie spruzzano per terra la bevanda)

BASTIAN  :- (sornione) "Quarcösa no va?"

GIACOMIN:- "Miracolo!.. Oo vin. O l'è diventòu aegua!"

BASILIO    :- "Ta-taxi nescio.. è la vendetta del pa-passito tradito!"(fa cenno al socio di..tagliare la corda)

GIACOMIN:- "Ve le-levvemmo o dest√Ľrbo" (si avviano, barcollando, alla porta accompagnatida Bastian)

BICE          :- "A vostra bottiggiabottiglia... no ascordaevela"

GIACOMIN:- "No, no grassie... pe' ancheu abbasta coscì" (escono)

BASTIAN¬† :- (sorride, si avvia al tavolo scrollando la testa) "Bice! T'√® staeta 'na dr√Įta. I mae complimenti. Per√≤.. per√≤ t'haecacci√≤u z√Ļ√¨ da o cannello duigotti de vin comme ninte..‚Ķ Ma c√∂sse t'√® gi√≤u... o t'ha daeto √§ testa?‚Ķ?"

BICE          :- "Ho faeto finta. Però,.. me ghe veu 'n bello caffè forte" (avviandosi alla porta di sinistra) "Piggite e maxinn-e,. l'aegua a gh'è.. a l'è lì" (indica mentre esce)

BASTIAN  :- (alzando la bottigliadi grignolino) "A l'è anche chì!"

BICE          :- (esce)

SCENA VI

(Bice ‚Äď Bastian- Massimo)

BASTIAN¬† :- (intanto che toglie il ‚Äúbugiarduni‚ÄĚfoglietto esplicativo dalla confezione) "Ti sae che son ci√Ľttosto contr√§io a piggi√† de m√ęxinn-e... Vedemmo primma c√∂se gh'√® scr√Įto nelle indicazione per l'uso" (legge dopo aver messo gli occhiali)<Prendere due pastiglie al giorno, dopo i pasti. Non bere alcoolicidurante la cura>Alcoolici? L'√® imposcibile, no ghe n'√® e quande ghe n'√® ghe mettan de l'aegua. <Non somministrare ai soggetti che non tollerano il prodotto> "E mi comme fasso a savei se:<non tollero il prodotto?>"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (da fuori) "Semplice!Se ti veddi ch'o te fa m√† veu d√Į che no tio tolleri"

BASTIAN  :- "Bella scoverta. E se me ven 'na cricca?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (comica) "Veu d√Į che no ti e-i doveivi piggi√†"

BASTIAN¬† :- "E brava! Magara ‚Äėna√§ mattin m'addescio che son bello morto"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (rientra per pulire il tavoloo la credenza) "No te preoccup√†..‚Ķ Ti gh'aviescioMarcello ch'o te fa o servissio. (ironica) "Poi ti me spieghi comme ti faie-scia addesciate se t'√® morto... Se o m√ęgo o te l'ha ordinae o savi√† che ti peu pigg√§le, no?"

BASTIAN  :- "Perché o no se e piggia lé?" (allontana la confezione)

BICE          :- (prende il foglietto e continua a leggere) "<Può provocare leggeri collassia coloro che soffrono di disturbi cardiocircolatori.."

BASTIAN  :- "Bice,.. fanni 'na preuva ti"

BICE          :- "E mi cösse gh'intro? O l'è 'n prodotto pe' a prostata"

BASTIAN  :- "No vorriae däte o fastidio de lasciate viddòa... Me daieiva 'n po' fastiddio"

BICE          :- "Preferiscio restäghe mi e piggiäme o fastiddio"

BASTIAN¬† :- "Spiritosa!.. Famme l√ęze primma de cacci√§le in ta r√Ľmenta" (prende il foglietto e continua la lettura))"<Arresta i radicali liberi> "I radicali?..'namaexinn-a ch'a l'arresta i radicali..? E o Governo c√∂sse o fa? L'ho d√Įto mi.. No gh'√® ci√Ļ de libertae. E quest‚Äô√§tre pilloe‚Ķ(legge) <Non somministrare ai soggetti in stato interessante>" (perplessit√†) "Bice... sai√≤u m√Įga.. incinto?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ti m'hae za st√Ľff√≤u con e teu baggianate... arrangiate,.. ma novegn√¨ a lament√§te se no ti te senti ben"

BASTIAN  :- "Va ben; ma responsabilitae a l'è a teu" (suonano alla porta) "Stanni, vaddo mi" (apre ed entra il figlio Massimo)

MASSIMO :- "Ciao pà,.. t'attreuvo ben"

BASTIAN¬† :- "Ciao. Foscia l'√® perch√© no me c√Ľro"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ciao Massimo... T√Ľtti ben a casa?"

MASSIMO :- "Scì. Voeivo portäte o figgieu ma pare che veugge cieuve e alloa no me son fiòu"(vede la scatola delle pastiglie e legge il prodotto) "Pe' chi son?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Saieivan pe' teu poae ma ti sae ch'o l'√® contr√§io a t√Ľtto"

MASSIMO :- "O e-i piggi√§va anche o poae de 'n mae am√Įgo"

BICE          :- (al marito) "Ti veddi..?" (al figlio) "Gh'han faeto ben?"

MASSIMO :- "O l'è morto"

BASTIAN¬† :- (con comicit√†) "Alloa gh'han faeto beniscimo perch√© oua o stai√† ci√Ļ ben"

MASSIMO :- "Ma c√∂sse ti d√Įxi... O l'√® stato invest√Įo da 'na macchina"

BASTIAN  :- "Dimme 'n po'... ean bonn-e e trippe?"

MASSIMO :- "Ottime! A l'è in gamba a mamma a fa damangià"

BASTIAN  :- "Me fa piaxéi...A mi a m'ha faeto a frittà de giaê..… ghe l'ho ancon in sce-o steumego"

BICE          :- "No stagghe dà a mente,.. oO mogogna de longo.. Dimme do piccin"

MASSIMO :- "O Jhonny o cresce ben..… o sbava 'n po' pe' via di denti"

BASTIAN¬† :- "Paegio de mi... anche a mi me s√Ľccede pe' via di denti"

MASSIMO :- "Scì ma a lé perché ghe crescian"

BICE          :- "E a teu poae perché gh'ammancan"

BASTIAN  :- "Ma dimme do Giovanni"

MASSIMO :- "Chi o l'è?"

BASTIAN¬† :- "Mae n√ęvo, no?"

MASSIMO :- "Ah..… ti veu dì o Jhonny"

BASTIAN  :- "E va ben... quello nomme lì… za mi con i nommi…"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "O d√Įxe quarche parolla?"

MASSIMO :-"O ciamma a Tata, a baby-sitter per√Ľviann-a. .. Tti savesci che b√Ľffo ch'o l'√®"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (triste, siede) "Z√†... ti savesci... Me saieiva c√§o saveilo. Son vegn√Ľa due votte con teu poae pe' veddilo ma o l'√©a sciort√Įo con..."

MASSIMO :- "Con a Carmen"

BASTIAN  :- "Chi a l'è?"

MASSIMO :- "A Tata, a baby-sitter.. Quando l'è bello tempo a-o porta ai giardinetti"

BASTIAN  :-  (serio) "E de teu seu..… t'hae notissie?"

BICE          :- (si mette a singhiozzare)

BASTIAN  :- (triste) "Son meixi che no gh'emmo seu notissie..."

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "A l'√®andaeta in America appreuvo a quell' anghaezo de ballerin... A n'hae daeto 'na telefon√† e poi... ci√Ļ ninte" (si asciuga le lacrime)

MASSIMO :- "A sta ben... a m'ha telefonòu a settemann-a passà e..."

BICE          :- (accorata) "Ma perché a no ciamma anche noiätri?.. "

MASSIMO :- (tergiversa) "Te diggo ch'a sta ben... a travaggia in te 'n ristorante italian e poi,.. quande a se saiàl'è scistemmà a se faià sentì... Ha  m'ha domandou de voiätri e... quello ballerin..… o l'ha mollà"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Mascars√≤n!.. Ma alloa a peu ritorn√†... digghelo, digghelo che l'asp√ęttemmo a brasse averte...che aperdonemmo...basta ch'a torne.."

MASSIMO :- "Eh,.. vediemo ma….. ma ghe son di problemi"

BASTIAN¬† :- "O Segn√≤..‚Ķ a l'√® m√Įga..‚Ķ "impastiss√† con a droga(mima la pancia)"..incinta?"

BICE          :- "E gh'ammanchieiva anche questa"

BASTIAN¬† :-(semiserio) "A no gh'ammanchieiva proprio pe' ninte!.. a gh'accresceiva.. Bice, s'a fisse cosc√¨, a no porrieiva piggi√† a mae pastigli‚ÄĚe"

BICE :- "Anche in questi momenti no ti saeri a bocca"

BASTIAN¬† :- (avvicinandosi triste alla moglie) "Voeivo solo no f√§tteammagon√† de ci√Ļ.. sc√Ľsime" (esce lentamente verso le stanze)

MASSIMO :- "Ma c√∂sse andae a pens√†... Tranquilla m√§.. In fondo a ne vegne da 'na famiggia.." (sorridendo) "..ch'a p√§ squintern√† ma che invece a l'ha di prin√ß√ģpi saen e anche i teu figgi, mamma, son bravi figgi... Magara anche noi√§tri emmo da barcamen√§se con e nostre mogg√©, o i nostri m√†j√Į, ma ve voemo ben"

BICE           :- (si alza, abbraccia il figlio e piange)

    

SCENA VII

(Maria fuori campo ‚Äď Bice- Massimo ‚Äď Bastian)

MARIA      :- (dalla finestra di fronte) "Biceee.."

BASTIAN  :- (rientra e va alla finestra) "Cöse ti veu?"

MARIA¬†¬†¬†¬†¬† :- "A punt√ľa"

BASTIAN  :- "Da mì?"

MARIA      :- "E perché no?"

BASTIAN¬† :- "L'√® m√ęgio de no. No me pi√§xe o panoramma"

BICE          :- (che nel frattempo s'era asciugata gli occhi, si avvia alle camere facendo cenno al marito che va da Maria) "Digghe ch'a prepäre che vaddo"

BASTIAN¬† :- "A vegne s√Ľbito.. Prep√§ra o repertorio intanto, ciao" (chiude)"Dimme 'n po' de questa Tata... a l'√® 'n tipo comme a badante da nostra vexinn-a?"

MASSIMO :- "A l'è de colore"

BASTIAN  :- "Ah, scì? E de che colore?"

MASSIMO :- "E de che colore t'eu ch'a segge, neigra no?"

BASTIAN¬† :- "A parte che mi non son razzista... perch√© se d√Įxe ‚Äėde colore?‚Äô... Manco se √Ľn o fisse viola, verde o pirul√≤"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (rientra per uscire dalla parte opposta) "No t'√® razzista eh? Parolle..‚Ķ orriae veddite se o Massimo o l'avesse spos√≤u √Ľnn-a de colore"

BASTIAN  :- "Il problema non sussiste perché amche a Dina a l'è de colore, colore gianco. E poi al cuor non si comanda, qualunque segge o colore da pelle"

BICE          :-  (al figlio, con un po' di tristezza) "Te veddiòu quande ritorno dä Maria?"

MASSIMO :- "Penso de no..… oua oua vaddovaddo anche mi"

BICE          :-  (l'abbraccia) "Allòa ciao"

MASSIMO :- (l'accompagna alla porta) "Ciao mà..te faiou avei notissie"

BICE          :- (afferma malinconica col capo ed esce lentamente)

MASSIMO :- "Ti sae c√∂sse o l'ha combin√≤u teu n√ęvo l'√§tro giorno?"

BASTIAN  :-  (siede) "E comme fasso a saveilo?"

MASSIMO :- "A Carmen a l'aveiva assett√≤u o piccin insce-a scrivan√Įa do mae studio,.. addossoa di documenti importanti e l'√®.. o tegh'ha faeto apip√¨ insimma"

BASTIAN  :- (comico) "O l'hae faeto a pipì in sce-i papé do papà"

MASSIMO :- (che non aveva seguito bene) "O papé in sce-a pipì..?"

BASTIAN  :-"Lascia perde"

MASSIMO :- "Ah, t'hae letto in sce-o giornale d'ancheu?" (lo toglie dalla tasca e legge)"<Si è spento alla veneranda età di novantotto anni, l'illustre accademico direttore della Clinica Geriatriacittadina>. O l'éa o poìn da Dina"

BASTIAN  :- (commentando) "Si è spento?.. Sempre e differenze sociali. I ätri meuan e lui invece..…(con comica irriverena) sièspento. F. finn-a in ta morte se meue diversamente"

MASSIMO :- "Anche quello o ne te va ben?"

BASTIAN  :- " E fan de differenze anche in ti compleanni, se no ti o sae"

MASSIMO :- " 'N'ätra neuva.. e in che moddo?"

BASTIAN¬† :- "Se no ti l'√® st√ľdi√≤u te o diggo m√¨. Me ricordo beniscimoche quande gh'ea oRe o no festezz√§va mai o seu compleanno"

MASSIMO :- "Comme saieiva a dì?"

BASTIAN  :- "Festeggiava il suo..…" (cerca la parola giusta)."..gene..… genetli..…"

MASSIMO :- "Genetliaco?"

BASTIAN  :- "Ecco, quella roba lì! Veddo che ti o sae"

MASSIMO :- "Ma l'è a maexima cösa"

BASTIAN¬† :-"Proppriope' 'n bello ninte.. Mi e t√¨ no femmo o gene..genetli.. sci insomma quella parola l√¨:.. fFemmoicompleanni.. S'assunzemmo √Ľn anno in ci√Ļ comme loi√§tri per√≤ con 'n'√§tro moddo de d√¨,.. no comme di p√∂vieimeschinetti, ti veu mette?"

MASSIMO :- (guarda il suo orologio) "Va ben, va ben..Devo and√†.. sal√Ľtime a mamma. Ciao p√†" (si avvia)

BASTIAN  :- "Ciao... Danni 'nbaxetto a-o..." (con sfottò)."..IONNI"(letteralmente)

MASSIMO¬†¬†¬†¬† :- (scocciato) "L'√® sempre m√ęgio de quello nomme cheti me voeivi arremb√† a m√¨... Minimo!. Ciao" (esce)

SCENA VIII

(Bastian ‚ÄďIn√®s ‚Äď Bice)

BASTIAN¬† :- (siede, prende un taccuino e legge) ‚ÄúMe¬† son za rotto con o rendiconto da festa sa fa in societae. Tutti i anni a l‚Äô√® a paegia‚ÄĚ(suonano e va ad aprire)

)INES¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Buenas tardes se√Īor Bastiano, disculpeme si es posibile haber de las

pepas de sapallo (pronuncia: SAPAGIO) por Cacatua"

BASTIAN  :- (ha uno scatto comico) "Cösse?"

INES           :-  "Cacatua"

BASTIAN¬† :- "Se√Īorita‚Ķ Mi senta bene! Io quelle cose le faccio in casa mia... Ma comme Sci√† se permette?"

INES¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "No se enoje (pronuc. ENOCHE acca aspirata). Cacatua es un papagallo (pron. PAPAGAGIO) que se√Īora Pilucchi a tra√¨do de Nueva Gunea

                        SCENA VII

(Bastian ‚Äď In√®s ‚Äď Bice)desde hace (pron: HASE ) muchos a√Īos"

BASTIAN¬† :- (siede, prende un taccuino e legge) "Me son za rotto con ¬†orendiconto da ¬†festa da fa in Societae. T√Ľtti i anni a l'√® da paegia"(suonano alla porta. Va ad aprire)

INES            :- "Buenas tardes senor Bastiano, disculpemesi es posibile haber de las pepas de sapallo (pronuncia: SAPAGIO) por Cacatua"

BASTIAN  :- (ha uno scatto comico) "Cösse?"

INES           :-  "Cacatua"

BASTIAN  :- "Senorita.. Mi senta bene! Io quelle cose.. le faccio incasa mia.. Ma comme Scià se permette?"

INES           :- "No se enoje (pronuc. ENOCHE acca aspirata). Cacatua es un papagallo (pron. PAPAGAGIO)que senora Pilucchi a traìdo de Nueva Guinea desde hace (pron: HASE) muchos anos"

BASTIAN  :- (sorpreso) "Ah!.. Ma lo sapevo benissimo..… era uno scherzo"(tra sé) "Ma ammia 'n po' che razza de pappagallo"

INES           :- "Cacatua es un raza de papagallo que vive tambien en Australia"

BICE          :- (rientrando)"Torna chì? Cosa le manca..… l'acqua con le bollicine?"

INES¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Pregunto si por favor tienen ..‚Äô"semi di zucca‚Äô" para mi se√Īnora"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† "A s'√® missa amangi√† quella r√∂ba l√¨?"(al marito, sudi voce)"T√Ľtte e sc√Ľseson bonn-ae ¬†pe infi√§se ch√¨ in casa. ‚Ķ E c√∂se a credeiva questa chi,che mi no ghe f√Įsse?"

BASTIAN  :- "Ma cöse ti vae a pensà"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- ¬†"Mi de 'sta gente no me f√ģo e de t√¨ meno ancon!"

BASTIAN¬† :- "Ma s'a ci√Ļ l'√® ci√Ļ zovenade nostra figgia. Porrieiva √ęsse seu poa√®"

BICE          :- "Comunque no veuggio ch'a vegne in casa se mi no ghe son"

BASTIAN¬† :- "Per√≤ ti gh'√®. Lascia perde..‚ÄĚ

BICE          :-“Vegnan chì e arröban o travaggio ai nostri zoveni..… Me sa tanto che àggian attrovòu l'America in Italia.. E poi stemmo attenti..… no vorrieva che sparisse quarcösa d'in casa"

BICE          :- "Parla cianin,.. maniaman a capisceo zeneize"

BASTIAN¬† :- "Ma famme o piaxei, A.. ghe veu t√Ľtta ch'a l'accapisce l'italian"

INES           :- (alterandosi, sbotta e parlando in genovese) "Ah, sci eh? Ma no ghe l'éi vergheugna? Stae tranquilli che mi no v'arröbo ninte in casa. Veddo che ve sei ascordae de quande i nostri partivan proppio da o porto de Zena pe' andàa çercà travaggio inAmerica o in Argentinn-a perché in Italia faxeivan da famme!?"

BICE e BASTIAN:- (al sentirla parlare in genovese restano attoniti, si guardano stupefatti)

BASTIAN  :- "Ma..… ma... a parla zeneize?"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (preoccupata) "Bastian..‚Ķ alloa a l'ha sempre accappio t√Ľtto!"

INES¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "E s'accapisce ch'accapiscio ozeneize!. ¬†Son zeneize!A Zena m√¨, gheson nasci√Ľa!"

BASTIAN¬† :- "Ma.. all√≤a perch√© Sci√† fa finta d'√ęsse 'n'equadoregna?"

INES¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "L'hodov√Ľo fa pe' attrov√† travaggio. Me son present√† a tante famiggie pe' fa a baby-sitter, a badante, a colf ma quande sentivan ch'√©o italiann-a, pensavan s√Ľbito ch'avieivan dov√Ľo mettime in regola..‚Ķ √Ątro che lev√† o travaggio ai nostri zoeni..‚ĶO dov√Ľo famme creddech'√©o de l'Ecuador e s√Ľbito me son scistemm√†!.. Sci√≤ Bastian, sci√† predica bene ma a-o contr√§io de quello che sci√† d√Įxeseu id√©e m'accorzo che Sci√† l'√® anche√Ľn razzista"

BICE          :- "Bello scherzo do berettin!"

BASTIAN¬† :-"Razzista m√¨?..Ma manco pe' r√Įe. NNascemmo t√Ľtti a-o stesso moddo, tribulemmo pe' vive, e semmot√Ľtti sotto a cappa do √ß√©!"

INES¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Sc√Ľsaeme s' ho dov√Ľo fa cosc√¨... no l'√©a pe' piggi√§ve in g√Įo, ma l'√®a

INES :- "Sc√Ľsaeme s' ho dov√Ľo fa cosc√¨.. no l'√©a pe' piggi√§ve in g√Įo, mal'√®ape' poei travaggi√†. Bonn-a seia"

BASTIAN  :- "Eh, bza, buenas tardes...veuggio dì bonn-a séja e m'arraccomando o cacatua!"

INES           :- "Scignorìa" (esce)

BICE          :- "E parla a moddo, parla"

BASTIAN  :- "Se vedde che no ti te n'accapisci comme mi. O cacatua a l'è 'na razza de pappagallo, quelloche gh'ha a Scià Pilucchi"

SCENAIXVIII

(Bastian- Bice ‚Äď Massimo)

(suonano alla porta)

BICE          :- (suonano alla porta) "A saià torna ..l'equadoregna… zeneize,.. mMa a mando aspigòà"o maeximo (apre ed entra Massimo)"Che sorpreiza!.." (scherzando) "Mia che o stocche no te l'ho ancon preparòu"

MASSIMO :- (allegro) "Ciao a t√Ľtti"

BASTIAN  :-"Comme t'è allegro.. T'han aumentòu o stipendio?"

MASSIMO :- "Son allegro perch√© ho ri√ßev√Ľo notissie de mae seu"

BICE          :- "A Patrizia?"

MASSIMO :- "Che mi sacce gh'è solo quella"

BASTIAN  :- (semiserio) "A sta ben?"

MASSIMO :- "A sta ci√Ļ che ben..‚Ķ as'√® spos√† inAmerica"

BICE e BASTIAN:- "Sposà?!"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (col magone) "Ma..‚Ķ ma cosc√¨..‚Ķ senza d√Įne ninte.."

MASSIMO :- "Nov'ho d√Įto ninte perch√© ghe l'aveivao promisso"

BASTIAN  :- "Ma chi a l'ha sposòu?"

MASSIMO :- "√õn m√ęgo"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- (triste) "Baccere‚ĶAdreit√Ľa √Ľnm√ęgo!?"

BASTIAN¬† :- "E quande l'√®staeto√Ľccesso?"

MASSIMO :- "Quattro meixi fa"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "E ti neo d√Įxi solo √≤ua?"

BASTIAN  :- (con lo sguardo a terra, serio) "A ne scrivià armeno?"

MASSIMO :- "A fai√† de m√ęgio,.. a veu che o figgieu ch'a l'asp√ęta o nasce a Zenain Italia, a Zena"

BICE          :- "Ûn..… figgieu?"

BASTIAN  :- "Ma che sprescia"

BICE          :- "E.. quande a l'arrivià?"

MASSIMO :- "Quande?¬† SMa s√Ľbito.. stan montando e sc√§e: M√†jo e mogg√©" (apre la porta ed esce)igenitorivanno sul ballatoio)

BASTIAN  :- (va sul ballatoio e rientra subitorientra barcollando, sorretto dalla moglie, scura in viso)

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- ¬†"No t‚Äôemozion√† bell‚Äôommo c√§o‚Ķ assettite‚ÄĚ

BASTIAN¬† :- ‚ÄúBice‚Ķ o m√†jo‚Ķ om√†jo da Patrizia‚Ķ‚ÄĚ

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- ‚ÄúE ben?‚ÄĚ

BASTIAN  :- “No… no… no l’è poscibile…OO  l'è...o l'è…DE COLORE!" (si accascia svenuto sulla sedia mentre Bice si mette le manial volto)

MASSIMO :- (facendogli vento) ‚ÄúPap√†‚Ķ ma no t‚Äô√©i antirazista?‚Ķ‚ÄĚ

 

SI CHIUDE RAPIDAMENTE IL SIPARIO

F I N E

SI CHIUDE RAPIDAMENTE IL SIPARIO

F I N E

sale, poi rimescola e chiude la pentola. A Teresa, con ironia) "A l'√® za sciort√ģa?"

TERESA      :- (stupita) "Ma.. ti a sae za?"

BICE            :- (un po' spazientita) "Cöse?"

TERESA¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ch'a l'√® sciort√ģa"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ma chi?.. Mia Terre.. dinni quello che t'ha da d√Į che femmo ci√Ļ f√Įto"

TERESA¬†¬†¬†¬†¬† :- "A Jolanda.. a l'√® sciort√ģa da l'√Ľspi√†!" (appare trionfante)

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Me fa piaxei pe' quella zovena.. A Mari√ętaa.. ti sae quella ch'a sta infaccia. a-o de l√† do caruggio, a m'aveiva cont√≤u ch'a probabilmente l'aveiva di diverticoli a l'intestin.. p√∂via donna.. cosc√¨ novena"

TERESA      :- (gongolante e malignetta, mima un rigonfiamento della pancia) "Ciammimeli.. <diventerticoli>! "

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Diverticoli. e poi no capiscio.. c√∂se t'intendi d√Į?"

TERESA¬†¬†¬†¬†¬† :- "O l'√® 'n segreto.. No o sa nisci√Ľn ma.. a quante ne so.. a l'√©a incinta!"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "Fig√Ľrite.. l'√® tanto ch'a l'aveiva di dolori..Seu moae a me d√Įva che dai raggi no accapivan o motivo di seu dest√Ľrbi.. Comunque son c√∂se delicae¬† e l'√® m√ęgio √ęse pr√Ľdenti e no parl√§ne con nisci√Ľn.. tanto poi a veitae a ven a sempre a galla"

TERESA¬†¬†¬†¬†¬† :- "Ho anche sacci√Ľo ch'a l'√® molto delic√† in to mangi√†.. ha l'ha di problemi.. a no peu mangi√† √§tro che.."

BICE            :- (interrompendo e andando sveltamente verso la cucina) "O menestròn!"

TERESA      :- "Ma che menestròn.. solo in gianco e .."

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "O mae menestr√≤n.. a sta a ciacciar√† o me se stava attaccando t√Ľtto"

TERESA¬†¬†¬†¬†¬† :- "Bice.. l'ho d√Įto solo a ti e.. m'arraccomando eh?"

BICE            :- "Tranquilla"

MARI√čTA:- (dalla finestra di fronte, non visibile al pubblico) "Biceee!"

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "A l'√®a v√∂xe da Mari√ęta" (apre la finestra) "T'√® ti Mari√ęta?"

MARI√čTA:- "Sc√¨, son mi. Ti a sae l'√Ľrtima?"

BICE            :- "No..no veddo l'òoa de saveilo.. tanto a quest'öa no so cöse fa"

MARI√čTA:- "Voeivo dighe che a Jolanda a l'√® sciortia da l'√Ľspia"

TERESA      :- (ha un gesto di stizza mentre Bice la guarda con sarcasmo)

BICE¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† :- "E ti comme ti l'√® sacci√Ľo?"

MARI√čTA:- "Me l'ha d√Įto a Terre. M'arraccomando, fanni mostra de no saveilo"

TERESA        :- (a disagio) "Bice te lascio perché t'hae da fa.. ciao" (esce sveltamente)  

BICE            :- (fa un cenno di saluto e continua a parlare dalla finestra) "Grassie de l'informazion. Ma se ti crìi da-o barcon o saià 'n segreto de Pulcinella. Ciao"

MARI√čTA:- "Asp (richiude la finestra. Va ad assaggiare il minestrone) "Sai√† m√ęgio che gh'asmorte"

SCENA III


[1]Gariccio- gioco da ragazzi con bilie o alle bocce ,che devono andare in apposite buche

[2] Grattac√Ľ ‚Äďseme della rosa canina

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno