O bastian contraio

Stampa questo copione

O panorama da-o barcon

DUE ATTI BRILLANTI

 DI

ENRICO SCARAVELLI

Personaggi: 

BASTIAN                                      - penscionòu

BICE                                    - a moggè

TERESA                              - n'amïga

MARIA                                - n'amïga

MASSIMO                           - o figgio

GIACOMIN                          - 'n'amïgo

INES                                       - 'na badante

MERELLO                          - padronn-a de casa

BASILIO                              - 'n'amïgo

MARCELLO                       - operatore cimiteriale

PATRIZIA                           - a figgia

A Zena, in ti carruggi ai giorni nostri

 O O BASTIAN CONTRÄIO

ATTO PRIMO

Interno di una casa nei "carruggi" di Genova. Modesto appartamento. Cucina con lavandino e stufa a gas. .La cucina potrebbe essere anche fuori scena, visibile in parte dalla porta.  Piastrelle bianche alle pareti. Finestra sul fondo o ad angolo. A dedesinistra una porta va alle camere e a sinidestra si va all'esterno. S'i intravvede dalla finestra il palazzo di fronte.Tavolo da cucina, alcune sedie. Bice, con grembiule, sta ai fornelli dove una pentola èe sul fuoco. Guarda dentro e rimescola.:

 

SCENA I

(Bice e voce esterna di Bastian)

BICE        :- (sta brontolando) "Coraggio Bice, visto che no ti sae cöse fa.. e che" (molto ironica) "no t'haegh'ho tempo de andà in palestra a fätamme i muscoli.. remescianemmo o menestron.." (canticchia ad es. Un'ora sola ti vorrei.. pe' fate un' po passà di guai..comoditae no ghe n'ho mai.. me tocca giaminà..…"

BASTIAN  :- (dall'esterno, chiama) "Biceee…."

BICE        :- (non sente e continua a canticchiare una canzone di Wanda Osiris: "Sentimental.. comme 'n frûto candïo…“(i, Iinterrompendosi per assaggiareché assaggia il minestrone) "O l'è inscìpito.." (aggiunge il sale e rimescola)

BASTIAN  :- (da fuori) "O Bice.. t'è sorda?"

BICE        :- (che ha sentito si avvia alla finestra) "Cösse o veu quello li?" (apre e guarda in basso) "Cösse t'hae da crià?"

BASTIAN  :- "Me son ascordou a dentéa in sce-o commò.. Cacciamela zù pe' piaxei"

BICE        :- "Ma ti t'è bello matto.. 'na dentéa ch'a costa ûn'na mûggioà de dinae te a caccio zù…, .. coscì a s'a se rompe t'arresti senza e te tocchià mangià do semolina prescinseua"

BASTIAN  :- "Gh'ho sempre de riserva quella do Giäxo ch'o se ne faeto ûnn-a neuva"

BICE        :- (schifata) "Te lascio dïBeh, che schifo.. Aspëta che te a callo con o cavagnin" (esce a sinistra mugugnando e rientra con un fazzoletto che contiene la dentiera. Prende il cestello vi pone il tutto ed inizia a calarlo)"A l'arriva..…Ma se peu savei donde ti vae?.. In te l'ostàia immagino, a beive do cancaron con i teu socci de bocce e con quello beccamorto do Basilio.."

BASTIAN  :- "Invece no. Vaddo in campeggio a da recatto a.."

BICE        :- "Ti no ti va a dà recatto a nisciûn... maniaman in to momento bon te scappa a dentèa e ti fae de brûtte figûe .."

BASTIAN  :-"Ma no dî scemmàie comme o teu solito...Vaddo a scistemmà a "dinette", a stiva e a cangià e guarnizioinni di veddri do camper di, perché i Vernengo perché van in ferie pe' Pasqua e m'han domandòu se ghe'ho testa de faggohe e riparazioin. Ciao"

BICE        :- "Vegni fïto che staggo preparando o disnà" (chiude la finestra) "I Vernengo.. tze..Quelli son semprede longo in ferie.. Soperemmo che o pagan perché son de quelli che dixan de longo <pe' oua grassie, poi s'arrangemmo>.. e poi.. no se vedde ciù 'n berettin> " (si riavvicina ai fornelli a controllare la situazione. Suonano alla porta. Mugugnando va ad aprire)

SCENA II

(Bice – Teresa – voce esterna di Mariaëta)

TERESA  :- (vicina di casa di Bice) "Ciao Bice.. te destûrbo?"

BICE        :- "Figûremmose..…" (ironica) i"In te l'öa che ûnn-a ase prepara o disnà no se destûrba mai..… T'hae bezeugno de quarcösa?"

TERESA    :- (si guarda attorno con circospezione) "Ti a sae l'ûrtima?"

BICE        :- (sempre accanto ai fornelli, alza il coperchio della pentola e mette una manciata di sale, poi rimescola e chiude la pentola. A Teresa, con ironia) "A l'è za sciortîa?"

TERESA  :- (stupita) "Ti o sae za?"

BICE        :- (un po' spazientita) "Cösse?"

TERESA  :- "Chi a l'è…"

BICE        :- "Ma chi?.. Mia Téerre.. dinni quello che t'ha da dï che femmo ciù fïto"

TERESA  :- "Quella ch’a l’è sciortïa da l’ûspià, aA Jolanda.. a l'è sciortîa da l'ûspià!" (appare trionfante per la notizia)

BICE        :- "Me fa piaxei pe' quella zovena.. E cöse a l'aveiva?"

TERESA  :- (misteriosa)"Han daeto da intende che l'han operà de.. de.. DIVERTENTICOLI ä pansa.."

BICE        :- "Poscito ëse... Ma no se dïxe DIVERTICOLI?.. Armeno me pä.."

TERESA  :- "Se scrivià diverticoli e se dijà divertenticoli.. Comunque.. a mi a no me ghe dàa perché..… " (si guarda attorno)

BICE          :- "Perché?"

TERESA  :- (contenta di svelare un segreto) "Perchéquella.. de segûo... .."(mima la pancia rotonda).".. a L'E' INCINTA!"

BICE        :- "E figûrite..… l'è tanto ch'a l'aveiva di dolori. ..Seu moae a me dïva che dai raggi no accapivan o motivo di seu destûrbi..… Comunque son cösse delicae e l'è mëgio ësse prûdenti e no parläne con nisciûn.. tanto poi a veitae a ven a sempre a galla"

TERESA  :- "Ho anche sacciûo ch'a l'è molto delicà in to mangià..… ha l'ha di problemi... a no peu mangià ätro che..…"

BICE        :- (interrompendo e andando sveltamente verso la cucina)"O menestròn!"

TERESA  :- "Ma che menestròn,.. solo in gianco e .."

BICE        :- "O mae menestròn.. o me se stava attaccando tûtto"

TERESA  :- "M'arraccomando Bice, .. no-o sa nisciûn..…l'ho dïto solo a ti e... "

BICE        :- "Tranquilla"

MARIA    :- (dalla finestra di fronte,volendo visibile al pubblico) "Biceee!"

BICE        :- "A l'è a Maria" (apre la finestra)"T'è ti Maria?"

MARIA    :- "Scì, son mi. Ti a sae l'ûrtima?"

BICE        :- "No..…no veddo l'òa de saveilo,.. tanto a quest'öa no so cöse fa"

MARIA    :- "Voeivo dite che a Jolanda a l'è sciortia da l'ûspia"

TERESA  :- (ha un gesto di stizza mentre Bice la guarda con sarcasmo)

BICE        :- (dà un'occhiata significativa a Teresa) "E ti comme ti l'è sacciûo?"

MARIA    :- "Me l'ha dïto a Téerre. M'arraccomando, fanni mostra de no saveilo"

TERESA  :- (a disagio) "Bice te lascio perché... veddo che t'hae da fa.. ciao" (esce svel- tamente) BICE                 :- (fa un cenno di saluto e continua a parlare dalla finestra)"Faiòu mostra.. Gras-

                    sie de l'informazion. Ma se ti crìi da-o barcon o saià 'n segreto de Pulcinella. Ciao"

MARIA    :- "Aspëta 'n momento. Voeivo dïte che pare, così m'han dïto, ch'a segge                     incinta... e a no l'è manco sposà.."

BICE        :- "Ma pensa ti… saià ma no ghe creddo… Oua te lascio perché staggo inandiando o mangià pe' o mae Bastian"

MARIA    :- "Cöse ti ghe prepari?"

BICE        :- "Ti sae comm'o l'è lé… Se ghe diggo: te fasso a pastasciüta o veu o menestron... se ghe diggo: te fasso o menestron o veu e trippe. O l'è proppio 'n Bastian conträio (ironica) Gli farò ceci ripieni"

MARIA       :- "Çeixài pìn?.. E comme se

BICE        :- (fa un cenno di saluto e continua a parlare dalla finestra)"Faiòu mostra.. Gras-

                    sie de l'informazion. Ma se ti crìi da-o barcon o saià 'n segreto de Pulcinella. Ciao"

MARIA    :- "Aspëta 'n momento.. Voeivo dïte che pare.. così m'han dïto.. ch'a segge                     incinta..e a no l'è manco sposà.."

tima?"

BICE        :- (sempre accanto ai fornelli, alza il coperchio della pentola e mette una manciata di BICE      :- "Ma pensa ti.. saià ma no ghe creddo.. Oua te lascio perché staggo inandiando o mangià pe' o mae Bastian"

MARIA    :- "Cöse ti ghe prepari?"

BICE        :- "Ti sae comm'o l'è lé.. Se ghe diggo: te fasso a pastasciüta o veu o menestron.. se ghe diggo: te fasso o menestron o veu e trippe..O l'è proprio 'n Bastian conträio"(ironica) "Gli farò ceci ripieni"

MARIA    :- "Ceci ripieni?.. E comme se fan?"

BICE        :- (salace) "Ogni chiccoo… lo riempio con una siringa! Se sentimmo, ciao" (richiude la finestra) "Coscì a l'impara a fa a cuiüsa" (va ad assaggiare il minestrone) "Saià mëgio che gh'asmorte" (suonano alla porta)

SCENA III

(Bice – Massimo)

BICE        :- "Voeivo ben dì" (va ad aprire. Entra il figlio Massimo)

MASSIMO:- (sulla trentina, entra e da un bacetto alla mamma) "Ciao mà,.. tûtto ben?"

BICE        :- "Ciao Massimo... comme mai a quest'öa?"

MASSIMO :- "Ti m'aveivi dïto che ti me preparavi e trippe accomodae e son vegnûo a piggiale pe' portäle a casa"

BICE        :- (a cui passa un'ombra di malinconia) "Ah, za..… a casa teu..…"(riprendendosi)"Bambin.. vaddo de de là a piggiätele" (fuori scena, parlando) "Te l'ho faete comme piaxan a tì..…" (rientra con un tegamino e ne scopre il coperchio) "Ammia..…"

MASSIMO:- (guarda e annusa) "Mmm.. che profûmmo"

BICE        :- (ritenendolo ovvio) "Profûmmo de trippe accomodae;.. sSon sempre mëgio che mangià pan e.. comme se ciamman..quelli berödi moderniah, scì, pan e vürstelle... e … chissà che mescc-iuia gh'è drento"

MASSIMO:- "Ti l'hae faete anche pe' o papà immagino"

BICE        :- "No perché.. perché o l'ha di problemi con i denti.. Comunque gh'ho preparòu 'n bello menestron e poi lé o s’accon- tenta”

                    preparòu 'n bello menestron e poi lé..o s'accontenta… o l'è de bocca bonn-a"

MASSIMO :- "Beato lé che con a miséia che gh’éa allòaguaera o l'ha imparou fin da figgieu a mangià de tûtto"

BICE        :- (perplessa al dire del figlio) "Beato lé 'n corno!.. Peccòu che no ghe ne segge staetstaeta ätra miséiao de ätre perché t'aviesci imparou ti ascì a mangià de tûtto. Ma amammia 'n po' che descorsci. Tegni!" (gli dà il tegamino)

MASSIMO:- "Ma t'hae accappìo mä.. No intendeivo dì a quello moddo"

BICE        :- "Ma ti l'hae dïto..… Cösse ti creddi che ghe no ghe saieiva cäo a mangià quarche votta cöse strane,.. assazzäle armeno..…mMa ghe veuan di dinae e lé,.. anche s'o l'è in penscion,.. o çerca de fa quarche tappullo pe'.. pe' aggiûttà i seu figgi, che non n'han de bezeugno ma che però.. pittan voentea..… Oh, intendemmose, .. ne fa anche piaxei..… Però, ûn po' de riguardo ne faieiva piaxei ascì(con tenera tristezza)ì… comme ne faieiva piaxei vedde anche nostro nevetto.."

MASSIMO:- (imbarazzato) "O Jhonny o sta ben..… gh'è passou a costipazion e poi quande a Dina a va a travaggià gh'è a baby-sitter .e.. comunque te o portiou fïto"

BICE        :- (con sottile ironia) "Armeno primma ch'o vadde a sordatto"

MASSIMO :- "Oua no esageremmo,.. ti l'è visto che no l'è tanto"

BICE        :- "Ûnn'anno fa..…o l'aveiva ûn meize..…Ma.. l'importante l'è che ti vaddi d'accordio con teu moggé"

MASSIMO:- (a capo chino) "Ti veddi mamma..… a Dinaa no veu däghe di vizi a-o figgieu e alloa..…"

BICE        :- (comica) "Oh, pPe' caitae..… noiätri no semmo laureè e maniaman.." (calcando sul nome straniero) "..…o Jhonny o l'impara a ësse edûcou öo maeximo. Però ghe scommetto che teu seuxa a peu veddilo e ninnäselo…, mi no.Va ben mia.. vanni, porta e trippe ä Dina e fagghe tanti salûtti"

MASSIMO:- (bacia la mamma) "Ciao mMà..… ripassiou fïto"

BICE        :- "Te prepariòu o porpetton. Ciao" (l'accompagna alla porta che poi chiude. Ha un po' di magone) "Ësse moae de votte l'è ësse anche seuxa e alloa,.. se no gh'è 'n po' de tolleranza..…e se no gh'è 'n po' d'affetto..…"

SCENA IV

(Bice – Giacomin)

(suonano alla porta)

BICE        :- (si avvia ad aprire brontolando) "Pä imposcsibile... quande l'è l'öa do disnà seunnan ä porta. Chi l'è" (apre)

GIACOMIN:- "Son mi, o Giacomin"

BICE          :- "Oh, Giacomin.. O Bastian o no gh'è,.. o saià chì da chi 'n po'... Se ti te veu fermà gh'è do menestron"

GACOMIN:- "Grassie,.. saià pe' 'n'ätra votta...Voeivo dite che mae moggé a m'ha dïto de dïte, che ghe l'ha dïto a Téerre, che a Jolanda a l'è sciortïa da l'üspia e pare che.. "(si guarda attorno furtivo) "... a segge incinta, ..de chi, no se sa... ma de fä mostra de ninte perché no deve saveilo nisciûn..…Te diò in confidenza che a mì no me ne frega 'n beliscimo  però se a tì... "

BICE        :- (con atteggiamento eloquente per il.. segreto) "Euh a mì.. t'accapiae..… oua che o so me vegne o menestron ciù bon.. "

GIACOMIN:- "Ah, a s’èse raccomandàdiscrezion,.. anche perché ö semmo solo noiätri trei, ciù a Teresa, natûralmente"

BICE        :- (ironica, segnando tre con le dita) "Scì, in trei... t’ommi, donne e figgieu!accapiae…"

GIACOMIN:- "Va ben, .. te lascio e bon appetito" (si appresta ad uscire e intanto parla) "Digghe a-o Bastian che gh'è a riûnion in ta societae con o Basilio e quarchedûn ätro pe' preparà a festa de Pasqua,..  faiemo o ballo liscio, due frisciolae pe' sta 'n po' insemme. Ciao" (esce)

BICE        :- (guarda l'ora all'orologio della parete) "Ven tütto freido e quello o l'è de longo in gïo" (esce alla sinistra)

SCENA V

(Bice – Bastian)

BASTIAN  :- (entra) "Ciao Bice.. l'è pronto?"

BICE        :- (fuori scena) "Scì..… t'hae faeto fïto ancheu" (rientra e prepara intanto i piatti)

BASTIAN  :- "Pe forza,.. qQuande son arrivòu in Cretto, i Vernengo no gh'ean e mi me son faeto portà in zù da o pastò sardo ch'o vegniva a Zena.." (esce verso la cucina e parla intanto che la moglie prepara i piatti) "Me daggo 'na rûxentà a-e moen..… Ah,.. ti sae cöse m'han contòu in campeggio? Che a Jolanda a l'è.."

BICE        :- (sarcastica) "Incinta! Ma de no dillo a nisciûn perché o l'è ûn segreto!"

BASTIAN  :- (appare sulla soglia mentre sta asciugandosi le mani) "E ti comme ti fae a saveilo?"

BICE        :- (con comicità) "Segreto!.. Dai assettite e mangia"

BASTIAN  :- (mentre mette il tovagliolo) "Notizie de teu figgio?"

BICE        :- (serve in tavola) "O Massimo o sta ben; o l'è passou e gh'ho allungou 'na tianinn-a de trippe accomodae da portäse a casa..… ti o sae che ghe piaxan"

BASTIAN  :- "E se ghe piaxan perché a no ghe-e fa a Dina?" 

BICE        :- "E acciantila li de mogognà... poi dixan de donne" (fanno scena mangiando e bevendo) "Tûtte e votte che ti parli di nostri figgi ti me dïxi:TEU FIGGIO, TEU FIGGIA,.. ammia che son anche i teu"

BASTIAN  :- "No, no, son i teu..… t'hae vosciûo arrembaghe quelli nommi che mi no voeivo, quindi son i teu!"

BICE        :- "Ancon con 'sta stöia doppo squaexi trent'anni. Belli nommi che ti ghe voeivi mette..… a Ancon da sae che in Comune no l'han accettae"

BASTIAN  :- "Perché son tûtti de pégoe, ..tûtti conformisti... seguono la moda.. Mi son conträio a 'ste cösse"

BICE        :- "Ti t'è conträio a tûtto.. Se m'azzardo a dïte:<Bastian, cöse ti ne dïxi se..…> ti, senza manco savéi cöse intendo dì, ti me rispondi che t'è conträio"

BASTIAN  :- "Perché immagino za quello che ti me veu dï"

BICE        :- "Pensa 'n po' se avessan accettòu i teu nommi da dà ai figgieu.."

BASTIAN  :- "Te l'ho dïto, .. tûtti pégoe..…sSi segue il binario. A-o mascc-io ti gh'è arrembou o nomme Massimo a l'ätra Patrizia.. t’accapiae che novitae!"

BICE        :- "Sempre mëgio di teu. O Massimo ti l'aviesci ciammòu Minimo e a Patrizia invece.."

BASTIAN  :- (interrompendola) "Plebea! A gente a l'avieiva capïo che mi no son ûn ripetente"

BICE        :-"Cöse gh'intra o ripetente... No l'è mïga o caxo che saccian che t'è stato bocciou ä scheua ciù de 'na votta"

BASTIAN  :- "Ripetente in to senso ch'andieiva a ripette i nommi di ätri. Ghe n'è 'n mûggio che se ciamman Massimo e Patrizia... Nisciûn invece che se ciamma Minimo e Plebea.. Anche o popolo o l'ha i seu diritti e o dev'ëse nominou.. Eh, eh..Oggi si chiamano Monia, Clarence, Samanta, Johnathan, .. Della.."

BICE        :- "Della l'è anche o nomme de quella vëggetta de däto ch'a l'è staeta tanti anni in America"

BASTIAN  :- "Coppian da-e telenovele… no gh’han de fantaxiacopian e ricopian.."

BICE        :- "E ben? Vegnan se mai vegnan in to teu carruggio..…son nommi neuvi e feua dä tradiziòon... Ti te ricordi cöse o dïva o Massimo de quello generale italian ch'o l'ha firmou ûn manifesto in ta primma guaera mondiale?"

BASTIAN  :- "Me ricordo ben perché o conferma quello che diggo mì..…  sono delle pecore che seguono l'andazzo...Ä fin do manifesto de Luigi Cadorna gh’éa, gh'éa scrïto: Firmato, Cadorna,. e-a tanti figgieu nasciûi in quell'epoca gh'an misso o nomme Firmato, credendo che fisse o nomme do generale. Pecore e pecoroni!"

BICE        :- "Va ben mia... tanto comm'a l'è e l'è lì. Te finïo?"

BASTIAN  :- "L'ätro giorno éo pe' a stradda con o Giacomin e gh'ho dïto che o mondo o l'è pinde scemmi e che ghe l'avieiva dimostrou. <Stanni a vedde> - ghe diggo - E pe' mosträghe me metto a crià, comme se ciammesse quarchedûn: <A scemmooo.."

BICE        :- "E ti te giou?"

BASTIAN  :- "Mi no, ma s'è giòu tanta de quella gente che ti doveive vedde: Ecco dimostrato perché il mondo va a rovescio"

BICE        :- "E teu solite mattaie. Alloa,cöse ti veu pe' segondo..?"

BASTIAN  :-  (sottile) "Trippe?"

BICE        :- "No ghe n'è ciù e poi no ti e digerisci.. Gh'è da formaggetta de crava e..una specialità che è la fine del mondo" (cercando la parola) "Pinzimonio!"

BASTIAN  :- "Cösse?!.. Mia che mi metalli, .. antimonio cose diäo ol'è, ..no ne mangio... no son mïga 'n robotte"

BICE        :- "Ma che metalli e fëri.." (prende un giornale e legge) "O l'è in sce-o giornale dovve a votte ghe son e ricette da cûxinn-a: " (legge) <"Pinzimonio: Condimento con olio, pepe, sale in cui si intingono ortaggi crudi come sedani, carciofi, finocchi, ecc">  (porge il giornale)

BASTIAN  :- "Lascemmo perde i fenuggi..… E no faxeivan ciù fïto a ciammalo <garbuggio de insalatta de crava?>" (prende il giornale e lo sfoglia) "Me vegne in cheu o mae amïgo o Basilio., . che in te 'n ristorante gh'han portòu.. comme o se ciamma..quello papé che te dïxan quello che gh'è da mangià.."

BICE        :- "O menû"

BASTIAN  :- "E ben o dïxe che gh'éa scrïto:<pesce galoppante del Baltico con pasticcio di mais>. E ti sae cöse o l'éa?"

BICE        :- "E mi che ne so? Non son mïga 'na cheuga de ristorante... anche se foscia a votte son mëgio"

BASTIAN  :- "O l'éa polenta e baccalà! T'hae accappîo..? <Pesce galoppante del Baltico con pasticciodi mais!>. Con 'sti regïi de parole te fregan in sce-o prëxo"

BICE        :- "Alloa pe' segondo?.. Pesce galoppante.. o 'na frittä?"

BASTIAN  :- "No veuggio ätro,.. oO menestron o l'impe abbastanza. Pìggio 'n caffé"

BICE        :- "Anche mi" (si alza ed esce di scena)

BASTIAN  :-  (continuando a guardare il giornale) "E questo chi o l'è?" (legge) "E' stato arrestato a bordo del suo y-a-c-th J-e-a-n  F-r-a-n-ç-o-i-s-e Villard" (leggere letteralmente le lettere in italiano) "..…pericoloso malvivente internazionale" (comicamente guarda la moglie che rientra, guarda i propri abiti ed esclama) "Malvivente.. con quella po' po' de barca?.. Ma s'o l'è malvivente ûn ch'o vive   comme lé,.. noiätri cöse’semmo… e semmo.. barboìoìn?"

BICE        :- (da un'occhiata al giornale) "L'han mostròu in televixon.. o l'è 'n malemmo"

BASTIAN  .- "Ghe ne pe' coscì in to mondo gente che vive in misëia..…quelli scì che son mal-viventi.. e s'a va avanti coscì se ghe n'azzunzian di ätri.. Con a pensciòn no ghe a femmo ciù a-arrivà ä fin do méize. Quello che primma costava mille lïe oua o costa ûn euro, che son quaexi duemialïe. Ti veddiae che se no ghe mettan rimedio fïto, i mal-viventi aumentian in sce-o serio.. No s'arrîa manco ciù ä fin do meize," (pensando) "aA meno che o Governo o no fasse a riforma do calendario: <i mesi saranno di quindici giorni, così i pensionati non si lamenteranno più!>"

BICE        :- "Ma ti te l'asseunni de neutte 'ste baggianate?"

BASTIAN  :- "A saieiva 'na solûziòn" (legge) "Stanziati miliardi di dollari per esplorare Morte.. eh?" (strabuzza gli occhi)

BICE        :- (gli prende il giornale e legge) "Che ti te metti i spëgetti..… Marte e no morte... Sta vegnindo sciù o caffè!" (va in cucina)

BASTIAN  :- "T'hae raxon..… Miliardi di dollari... E pensà che con meno da meitae de quelli dinae se porrieiva levà a famme da-o mondo. Ma quella a no fa notissia"

BICE        :- (salace, fuori scena) "Chi invece fan e diete pe' dimagrì"

BASTIAN  :- "Bastieiva ch'andessan a fa 'n po' de ferie in to Biafra o in ätre parti de l’AfricaAlbania e la dieta... verrebbe da sé..… Pe' forza vegnan tûtti in Italia.. Ammiani nostri programmiä televixon dovve fan i <quizze> ese ti sae che o Natale o vegne o 25 de dexembre ti peu guägnà 'na mûggià de Euro.. e se no abasta te fan vedde che per il tuo cane o il tuo gatto ci vogliono i bocconcini prelibati... e loiätri, che no gh'hanmanco da leväse a ciù grossa, cöse fan? Vegnan chì pensando che o mangiànoiätri o straggemmo"

BICE        :- (rientra col caffè) "Mi no straggio proprio 'n bello ninte"

BASTIAN  :- "Questol'è véa,.. mangio de longo robba riciclà!"(suonano alla porta) "Han sentïo l'ödô do caffè"

SCENA V

(Bice – Bastian – Ines – Maria fuori campo)

BICE        :- (al marito) "Domanda 'n po' chi l'è"

BASTIAN  :- (senza muoversi) "Chi l'è?"

INES        :- (da fuori) "Soy yo, Inès"

BASTIAN  :- "A l'è l'ecuadoregna da Scia Pilûcchi, a nostra vexinn-a"

BICE        :- (al marito) "E perché no ti arvi?"

BASTIAN  :- (polemico) "Tanto pe' ëse precisi, ti m'hae dïto de domandà chie l'è e mi l'ho faeto"(si alza e va ad aprire) "Oh,.. señnorita Ines.. Si accomodisca"

INES        :- (bella ragazza, entra con un grembiule davanti. Indossa pantaloni) "Desculpe.. tiene un pochitnode peresìl?.. Comoe se lliama.." (pronuncia 'giama') "Ah, si.. prezzemolo para la señnora Pilucchi"

BICE        :-"Guardo nella cantia della dispensa.. Un momento solo" (esce alla sinistra)

BASTIAN  :- (ringalluzzito, la osserva da capo a piedi) "Comme a va scignorinn-a.. sempre regaggìa eh?"

INES        :- "Como?.. "

BASTIAN  :- "Como?.. No, qui siamo a Genova"

INES        :- "Yo no intiendo bien vostro idioma"

BICE        :- (rientra con un fascettino di carta straccia che porge) "Ecco qui il prezzemolo"

INES        :- "Graçias.. Asta mañnana. Ah, anche un pochito de aceite por favor"

BASTIAN  :- "A veu 'n po' d'axòu"

BICE        :- (esce e rientra con una bottiglietta di aceto) "Ecco. Aceto di vino bianco;: nNe avevo due bottiggette" (porge)

INES        :- "Non es aceite de oliva"

BICE        :- "No,.. nNoi l'aceto lo facciamo col vino e l'olio con le olive"

INES        :- "Ecco... recuerdo...in italiano es <Olio de oliva>"

BICE        :- (riprende la bottiglietta di aceto) "Vado a prenderle un pitino d'olio.."(esce)

INES        :- "Muygentile.."(pronuncia 'ghentile') "..señnora Bice"

BICE        :- (rientra con un bicchiere d'olio e lo dà a Ines) "Glie ne do un bicchiere perché.."  

BASTIAN  :- "Perché o l'èa cäo"

INES        :- "No hablo bien el italiano... me disculpe"

BICE        :- "Si è spiegata fin troppo bene..Ecco;.sSpero che abasti perché non ce n'ho squaexi più"

INES        :- "Graçcias"

BASTIAN  :- "Pregos"

INES        :-  (esce sculettando seguito dallo sguardo interessato di Bastian)

BICE        :- (ironica) "Bastian.. lascia perde se donca te cazze a dentéa... O no l'è pan pe' i teu denti"

BASTIAN  :- "Ma i euggi no gh'han i denti "

BICE        :- (si toglie il grembiulino) "Ah, ciù 'n po' m'ascordavo. Vaddo 'n momento dä Maria a faghe a puntûa"

BASTIAN  :- "E o caffè?"

BICE        :- "Beivi o teu e lascimeo mae.. Me l'ascädiòu quande vegno;.. corpa de quella Ines" (sculetta come la ragazza e poi apre la finestra e chiama) "Maria… " (pausa) "Maria.."

MARIA    :- (fuori campo) "Dinni Bice"

BICE        :- "Maria, metti a-ascädà a fialetta che vegno a fäte l'iniezion"

BASTIAN  :- (va sveltamente alla finestra prima che la moglie la chiuda) "Maria.. mettila a bagno-maria" (riprende il giornale)

MARIA    :- "Sempre scherzoso o Bastian"

BICE        :- (gli dà una spinta)"Sempre pronto a dì di streppelli"

BASTIAN :- "Non arunsi signora Bice e vada a punturare la signora Maria.. nella guancia sinistra" (mima il didietro) "Tanto.. non si nota la differenza con il viso"

BICE          :- (avviandosi) "Leva un po' a toagia invece de lëze o giornale.. differenza!"

BASTIAN  :- "Mia... semmai vaddo mì a fa a puntûa ä Maria"

BICE        :- "Te saieiva cäo, eh? MaPoscibile che t'aggi de longo a testa a-e solite cöse.." (salace.e Esce)

SCENA VI

(Bastian – Ines)

BASTIAN  :- "Pösa o giornale e leva a toägia... Meleziòu atoägia.A mugugna de longo" (esegue. Suonano alla porta) "De segûo a s'è ascordà quarcösa" (apre)

INES        :-"Me desulpe señnor.. mi patrona quiere de aver, se posibile, un pochito de agua mineral, porqué la agua del'edifitio non es buena" (muove le palpebre rapidamente.. da ammaliatrice)

BASTIAN  :- (comicamente incantatatoidal movimento di ciglia, risponde come in estasi) "Scià guardi... non compriendo l'españnol... ma noi agua mineral no ne tegnimmo per nada,.. costa delle palanche,.. ma quella dell'acquedotto... del'edifitio,  come dice lei... é potabile e.."

INES        :-  (interrompendo) "Comprendo señnor ma.. su esposa non sta aquìà?"

BASTIAN  :- "E appena sciortita per andare a fare una puntura nel..…" (mima la posizione)."..a una signora che sta di là" (alza il pollice al cielo anziché indicare il palazzo di fronte e la ragazza ha capito <all'al di là>)

INES        :- (portandosi una mano alle labbra, dispiaciuta) "Puntura a una señnora che es <al di là>.. muerta?"(sifa il segno della Croce)

BASTIAN  :- "A no se ciamma <muerta>, a se ciamma Maria"

INES        :- "Pobreçita, Maria es muerta" (fa il segno dellaCroce)

BASTIAN  :- "Scignorinn-a, me pà che no s'accapimmo.. No se compriende un tubbo"

INES        :- "Tubbo?.. Che es <tubbo>?"

BASTIAN  :- "Poi glielo spiego.. " (la guarda, le gira attorno) "Ma scià me digghe 'n po'... Sono tutte così carine al suo paese?"

INES        :- (si pavoneggia) "Graçias de su complimento.. querido"

BASTIAN  :- (non comprende ed equivoca) "Che rido? Veramente non vedo cosa ci sia da ridere"

INES        :- "Yo no hablo bien vostro idioma..…me desculpe.. ma querido es... gentile" (fa moine come prima)."..gentile con migo..… con Inès.. comprende?"

BASTIAN  :- (sospirone)"Eh,.. saià..… Ma riguardo all'agua mineral,.. forse non lo sa, ma la vendono anche in bottega"

INES        :- "Bodega? Ma señnor Bastiano in bodega ci vogliono dinero e aquìà esta meno dispendioso"

BASTIAN  :- (comico) "Ah! T'hae accapìo a señnorita..… Non capisce l'idioma ma.. a me pà diventà ciù zeneize de mì" (mima che gli viene un'idea)."..a meno che..."

INES        :- (avvicinandosi con intenzione) "Si?"

BASTIAN  :- "Mae moggé.."

INES        :- (interrompe e storpia la parola in genovese) "Moggé?"

BASTIAN  :-"Mia moglie,.. mi esposa..… deve avere una bottiglia vuota che c'era stata dell'acqua minerale che aveva portato il mio amico Basilio.., la riempiamo con l'acqua del bronzino e alla vecchia.. pardon alla signora Pilucchi le dice che è minerale,.. capito señnorita.. Ines?"

INES        :- "Ma agua tiene..… bollicine?"

BASTIAN  :- (che comincia a scocciarsi) "E ma belandi..…semmai ci sciusciamo dentro..… Mi dispiace ma le bollicine non ce l'ho, le ho finite..e no gh'ho e cartinn-e pe' fa l'aegua de Vichy..… Semmai le dice che le bollicine sono svanite nel ballatoio... Allora?"

INES        :- (sorridendo) "Su idea es brigiante" (pronincia <brighiante>)"Sì,.. facciamo"

BASTIAN  :- (prende la bottiglia vuota e va in cucina)

INES        :- (apre la finestra e guarda fuori) "Buena idea de agua di bronzino"

BASTIAN  :- (rientra con la bottiglia piena d'acqua e la porge alla ragazza) "Scià vedià che a no se n'accorze manco..Chissà quanta acqua minerale compriamo che ne viene dal bronzino.. L'importante e crederci" (con comicità)".. e pagäla anche se no ha le bollicine"

INES        :- "Muy gentil.. graçias" (esce dimenandosi seguito dallo sguardo interessato di Bastian)

BASTIAN  :- "De ninte <che rido>.. o se dià <che-rida?>..Mah,.. se sente parlà tûtte e lingue, meno che l'italian e o zeneize" (suonano alla porta si avvia ad aprire pensando sia Ines) "A vorrià e bollicinn-e" (apre ed entra la moglie)

SCENA VII

(Bastian – Bice – voce di Maria)

BASTIAN  :- (deluso) "Ah.. t'è tì?"

BICE        :- "E chi doveiva ëse?"

BASTIAN  :- (mogio) "Ninte... t'hae faeto fïto"

MARIA    :- (voce esterna) "Biceee..."

BICE        :- (andando alla finestra e brontolando) "Ma cöse a veu torna.."

BASTIAN  :- (ironico) "Doppo a puntûa a vorrià 'na flebo"

BICE        :- (alla finestra) "Maria cöse gh'è..? Se semmo appena-a lasciae.."

MARIA    :- "Chi a l'è quella bella figgia ch'a s'è affaccià a-o teu barcon quande ti stavi attraversando o caruggio per ritornà a casa teu?"

BASTIAN  :- (scattando, con comicità) "Ma quella lì a no ghe l'ha a televixon?"

BICE        :- "Ma cöse ti dïxi?.. Chi gh'è solo o Bastian.. t'aviae sbagliou de barcon"

BASTIAN  :- (nel frattempo impreca, mima i binocoli, fa scena)

MARIA    :- "Oh, no... l'è o barcon da dovve ti stae parlando"

BASTIAN  :- (adirato, si avvicina alla finestra e diretto verso l'altro edificio, sbotta) "Ma no ghe l'éi a televixon?.. Li i programmi son ciù belli che ammià o barcon di ätri" (si toglie stizzito dalla finestra)

BICE        :- (chiude la finestra, si mette le mani sui fianchi e squadra il marito aspettando una spiegazione) "Alloa?"

BASTIAN  :- "Alloa, cösse?"

BICE        :- "No fasso in tempo a sciortì che in te 'n menûto ti gh'è za de donne che vegnan in casa?!"

BASTIAN  :- (reagendo) "De donne?..Intanto a l'éa solo ûnn-a.. e pe' de ciù 'na figgetta .. a l'éa a badante da Scià Pilucchi ch'a voeiva de l'aegua minerale"

BICE        :- "Primma o porsemmou, doppo l'euio, ..oua l'aegua minerale ma a no ghe van mai a accattà?"

BASTIAN  :- "Costa meno vegnì da nuiätri... Coscì.." (sorridendo della trovata)…g"Gh'ho impïo quella bottiggia, dovve gh'èa staeto l'aegua minerale, con l'aegua do

 bronzin e intanto ch'éo de de là a dev'ëssise affaccià a-o barcon.. tûtto lì"

BICE        :- (riferendosi a Maria) "Oua, quella lengua de biscia a spanteghià in gïo che ti fae vegnì de donne in casa quande mi no ghe son"

BASTIAN  :- "Lascia perde,.. la reclame è l'anima del commercio"

BICE        :- "Piggieivan 'n'ätra fregatûa.. Ma vanni a dormì, reclamme!"

BASTIAN  :- (siede e apre il giornale)"Ah, ti sae che o Marcello l'han piggiòu a travaggià in Comûne?"

BICE          :-"Meno male meschinetto. O veuoeiva mette sciù famiggia ma senza 'n mestè.."

BASTIAN  :- "O mesté o ghe l'aveiva; o faxeiva o brazeur, poi a ditta a l'ha dovûo serrà e o se attrovu a spasso"

BICE        :- (sempre indaffarata; perplessa)"E.. o fa o brazeur in Comune?"

BASTIAN  :- (sornione) "Mëgio ancon: O FA O BECCAMORTO!"

BICE        :- (sorpresa) "Ma davvei?"

BASTIAN  :- "No da-v'éi.. da doman!.. Veramente se dovieiva dì <operatore cimiteriale> nevvea"

BICE        :- "E beh.. anche quello se no o fa nisciûn.. "

BASTIAN  :- (interrompendo, comico) "Mettieivan o self-service..… Ti te l'immagini?"

BICE        :- (redarguendolo) "T'hae sempre cuae de dì de baggianate. Da quande t'è in  penscion tidixi ciùstreppelli tì che a televixon. Ciûttosto fra pochi giorni l'è Pasqua e bezeugnà fa 'n regallin ä Teresa, ä Maria..."

BASTIAN  :- "Quante a te dàa Maria pe' fäghe e puntûe?"

BICE        :- "No teo diggo manco se ti cianzi in cineise. Son dinae che me servan... Con a teu penscion femmo solo o bolittigo a-e speize. A proposito, .v Vanni 'n po' in negossio da mae amiga Martina; gh'ho ordinou duì'n pacchettin con quarche scemmàia..… no se sa mai cöse regalà"

BASTIAN  :- (diffidente) "Ti l'hae zapaghaehae?"

BICE        :- "No avei anscietae,.. passo mi a pagà... con i teu dinae natûralmente"

BASTIAN  :- "Natûralmente"

BICE        :- "A l'è 'na scattoeta rossa;, gh'è 'n frëxetto sotta perché a bûtteghèa a sa ch'a l'è a mae, e ûnn-a verde"

BASTIAN  :- "No ti ghe poeivi andà tì?..Devoandà in societae con o Giacomin.., emmo da organizzà a festa pe'Pasqua"

BICE        :- "L'è mëgio che ti vaddi tì..,  mManiaman vegne torna a..…" (comica, imitando poi la camminata diInes) "..señnorita de de là a domandate de l'ätra aegua minerale"

BASTIAN  :- (indossa nel frattempo un indumento e si avvia alla porta, scimmiotta la moglie) "Lé a l'anchezza molto mëgio de tì..Vaddo, ciao" (esce)

 

SCENA VIII

(Bice – Merello - Bastian)

BICE        :- (riassetta la casa)"Arriva Pasqua e bezeugna fa ätri regalli. T'haninventòu anche a festa da mamma, quella do papà, quella de San Valentino..… poi gheson icompleanni… O l'ha raxon quello mugugnon demae màio.. Tûtto pe' fäanne caccià feua didinae.. E no abasta o pensiero,.. ghe veu anche a sostanza"(suonano alla porta) "S'a l'è a señnorita ch'a vegne a dimandà de l'ätro, ghe mostro dovve ghe son i negossi" (apre. E' la signora Germana Merello, proprietaria dell'appartamento. Snob) "Oh, Scià MerelloMerello,.. che sorpreiza"

MERELLO :- (si ferma sulla soglia. Piena di sé, benvestita,suiquarant'anni o poco più. Ha con sé un pacchettino fasciato con carta azzurra. Parla con modi sofisticati)"Destûrbo?"

BICE        :- "Ma ch' a se figûre; anzi.. A cösse devo a vixita da padronn-a de casa?"

MERELLO:- (curiosa attorno, cammina con passo da mannequin e posa il pacchetto sul tavolo.: Parla come se le parole cadessero dall'alto del suo piedistallo) "Pûra cortexia. Mae marîo, o dottore MerelloMerello, o l'è andaeto a zûgà a golf con i seu amixi..; l’av-L'avvocato Gritta, l'inzegné Pilastri, o mëgo Fibrilla.. e ätri.." (con posa da annoiata)"A dì a veitae ovoeiva ch'andesse anche mìi chein macchina..…" (calcando) ."..'na Limusine, ..gh'éa posto; o l'ha tanto inscistîo,.. ma mì ho preferïovegnì chì,.. a vedde ûn di mae scïti..… Bezeugna mantegnì, dimmoghe i contatti con ipropriinquilin,.. vedde comme stan, nevvéa..…"

BICE        :- "E controllà se tûtto l'è a posto"

MERELLO:- (con distacco) "Ah.. gh'ho portòu 'n pacchetto pe'  Pasqua.. Ninte de speciale.. Tanto pe'o pensiero.."

BICE        :- "Eh, accapiscio, contûtti i inquilin che Scià l'ha.. ghe veuantanti pensieri... Scià veu vedde o so scïto Scià Merello?"

MERELLO:- "Ma no son vegnûa pe' quello... però, zà che son chì..… Ma Scià me ciamme pûre Germana.. Anche se, con questo, no gh'è bezeugno de intrà in confidenza nevvea..…Son ciù de trent'anni che stae chì; sbaglio?"

BICE        :- "Quaranta.. Scià se ricorda che o palazzo o l'éa staeto bombardou e che se voeivimo intrà doveivimodägghe recatto nuiätri...a nostre speize?"

MERELLO :- (fingendo di non ricordare) "Peu däse...nome ricordo... a quelli tempi l'éa padron mae poae bon'anima..… Alloa,.. visto che Scià l'insiste, vedemmo l'appartamento"

BICE        :- "Prego" (escono di scena mentre Bice continua a parlare) "Emmo faeto di miglioramenti, misso a doccia, eciappelle a-o cesso.. .pardon, alla.." (letteralmente)"toilette" (la voce sfuma)

BASTIAN  :- (entra, mette le chiavi in tasca e posa il pacchetti sullasediae l'ombrello accanto al tavolo) "Bice… Se ci sei batti un colpo." (cade l'ombrello facendo rumore) "Il colpo c'è stato.. la Bice c'è"(riprende l'ombrello e lo mette altrove)

BICE        :- (entra, fa segno con la testa e fa gli occhiacci al marito che si comporti a dovere perché, dietrodilei, apparirà la signora Germana Merello)

BASTIAN  :- (che non capisce) "T'è vegnûo 'na torçeuia a-o collo e te parpellan i euggi ancheu?"

MERELLO:- (entra con l’a solita aria da snob) "Sciò Passalaegua buongiorno..… O veddo ben"

BASTIAN  :-"Scià l'ha  'na bonn-a vista;. B buongiorno. A cösse devo l'onore da so vixsita?"

MERELLO :- "Comme stävo dixendo ä so..…" (guardandola con un po' di commiserazione) "dimmoghe..… scignòa, son vegnûa a portave 'n pensierin pe' Pasqua" (indica il pacchetto azzurro sul tavolo) .".. e intanto ch'éo chì, vista l'inscistenza de so moggé…”

BICE        :- (ironica) “Scì…. Ho inscistîo tanto…”

MERELLO.- “..., ho vixitòu o scïto e devo dì che, anche se no sei gente.. sciù, senza offeizas'intende, o tegnì ben"

BICE        :- "Grassie…" (sottile) " Anche se no andemmoa zûgà a golfe, ne piaxe stà in to netto. Tra l'ätro aveivimo pensòu anche noiätri a fäghe 'n pensierin pe' Pasqua... anche se, comme Scia m'insegna, basta o pensiero nevvea"

BASTIAN  :- (tarda a comprendere) "Ah scì?. Gh'emmo faeto 'n presente?"

BICE        :- (ammiccando o segnando il pacchetto rosso sulla sedia) "Sebastiano, non scherzare di longo. O pacchettin rosso..ti l'è pösòu in sce-a carega, no?"

BASTIAN  :- "Ma no l'éa pe' a.."

BICE        :- (interrompendolo rapidamente) "APPUNTO! Pe' a Scià Merello. Allunghimelo pe' piaxei"

BASTIAN  :- (che finalmente ha compreso) "Ah, ma l'è ben quello che stavo pe' dî" (dà il pacchetto alla moglie che a sua volta la dà alla signora Merello)

BICE        :- "Con tanti augûri de 'na bonn-a Pasqua"

MERELLO:- “Ätrettanto anche da parte mae e de mae marìo,o.."

BASTIAN  :- (comico) "O dottore!" 

MERELLO :- "Appunto. L'arviò appena-a arrivà in ta mae villa perché a Pasqua andemmo a fa 'na <crociera> a-e isole Cayman..… Cösse voei mai..… oua tûtti van in crociera e refûà me parrieiva de fa a snob"

BASTIAN  :- (con sottile ironia) "Ma s'accapisce.. Ho letto in sce-o giornale che e isole  Cayman son ûn paradiso..…" (insinuante) ."..fiscale..… Ma son segûo che o vostro scopo o l'è quello de riposäve da-e fadïghe..…"

MERELLO :- "E voiätri dovve andae de bello?"

BASTIAN  :- (pronto) "A CRETA!"

BICE        :- "A Creta?"

BASTIAN  :- "E perché no?" (salace) "Ma chi l'è che ä giornà d'ancheu o no va a fa de croxée..… pài. Quelli in cascia integrazion e i disoccupae ghe van tûtti... Han dotempo libero... Ddi penscionae poi, no ne parlemmo manco..… no san com-me passäse o tempo e van magara a-e <Cinquecelle>"

MERELLO:- "Scià vorriàdï a-e <Seycelles>"

BASTIAN  :- "L'han aumentae?"

MERELLO :- "A Creta sentièi parlà greco e tûrco"

BASTIAN  :- "Ne parrià d'ësse a Zena. Anche chì se sentan parlà lingue diverse... arabo, spagnollo, rûscio, albaneisealbanese,.. meno che o zeneize"

BICE        :- (imbarazzata) "Ma Bastian.. ti scherzi de longo..…  noiätri a Creta?"

BASTIAN  :- (comico) "E se no saià Creta, saià Cretto!..Question de 'na vocale"

MERELLO :- "Ben.. oua velascioperchè devo andà dai ätri mae inquilin...  Ah, m’a-scordavo…za che son chì..…" (cerca nella borsetta, estrae una busta che dà a Bice)

BICE        :- (prende la busta) "Pe' mì?.. Ma Scià s'è destûrbà..… anche a bûsta... Grassie"

MERELLO :- "De ninte, ch'a se figûre,.. lL'ho faeto voentéa. Beh, oa me ne vaddo. Stae- aeve ben"

BICE        :- (l'accompagna alla porta mentre Bastian la saluta. Merello esce)

BASTIAN  :- (comico) "E chi no ghe vain croxéa? Se faieiva brûtta figûa, te pä?"

BICE        :- "Ma anche ti a tià feua Creta... cösse t'è vegnûo in mente?"

BASTIAN  :- "Ma dimme 'n po', ti m'hae faeto dà o paccheto rosso ch'o l'éa pe' a Maria e oua bezeugna accattäne 'n'ätro"

BICE        :- "Ma chche ätro... Ghe demmo quello da Scià Merelloe quello verde o demmo ä Teresa"

BASTIAN  :- "Giûsto. Ricicliamo. Arvi ìn po' a bûsta che vedemmo quante a n'ha daeto"

BICE        :- "Speremmo ch'a segge staeta generosa. Con tûtte e palanche do muttuoch'emmo tiòu feua" (apre e legge un foglio sorridendo, poi il sorriso sparisce, resta attonita e passa la busta al marito)

BASTIAN  :- "Ti l'hae za letta?"

BICE        :-(triste) "M'è abbastòu lëze o finale"

BASTIAN  :- (legge) "Gentile signor Sebastiano Passalacqua via, ecc. ecc. Essendo aumentate le speseperdell'appartamento, ed a seguitoanche della svalutazione in atto, tenendo conto altresì del prezzo di mercato e venendo a decaderele agevolazioni fattevi per il rifacimento dell'appartamento danneggiato per cause belliche, lo studio degli avvocati Arraffa, a nome e per conto della Signora Germana Merello, chiede un aumento del canone d'affitto e delle spese di amministrazione, del 10 % a partire dal primo del mese prossimo. In caso di mancata accettazione sarà dato corsoalla procedura di sfratto. Firmato: Studio avvocati Arraffa!" (abbattuto, ha lo sguardo nel vuoto)"Bice" ..'n'ätro FIRMATO!"

SI CHIUDE IL SIPARIO

FINE DEL PRIMO ATTO

 

ATTO SECONDO

SCENA I

(Basilio – Giacomin)

(Basilio e Giacomin sono seduti al tavolo; stanno discutendo e prendono appunti)

BASILIO    :- "Allòa tì, Giacomin, ti te interessi, con a Maria, da gara da torta pasqualinn-a. Coscì aviemo e torte a gratis che mettemmo in lotteria"

GIACOMIN:- "Daiemo in premio quarche vaso de fiori che ne regalla a fiorista." (scrive) "Fiori per i premi della torta Pasqualina"

BASILIO    :- "Da lotteria se neinteressa a Teresa,.. piggia notta Basilio... A Téerresa con a lengua ch'a l'ha a dovieiva vende tanti biggetti"

GIACOMIN:- (scrive)".. la Teresa, che con la lingua che ha.."

BASILIO    :- "Ma cöse ti scrivi?.. Metti solo: lotteria se ne interessa la Teresa. Coscì femmo e palanche e ripristinemmo o campo da bocce" (scrive) "Pe' o momento faiemo o tîo a-o garriccio[1]; ûn Euro ogni man. Ah, gh'è anche a cirulla. Scrivi Basilio: aperta ad ambo i sessi"

GIACOMIN:- "No parlemmo de sesso. Ghe metto: aperta a tutti"

BASILIO    :- "Metti ûn Euro pe' ogni man"

GIACOMIN         :- "A Bice a gh'e nemette a tornà. O Bastian o n'ha faetostä chi intanto che lé a l'andava a fa a puntûa giornalieraä Maria, … ma a quest'öa a dovieiva ëse chì"

BASILIO    :- "Ma no ti te ricordi ch'a l'andava a preparà o menestron e a inandià a sala pe' a festa?"

GIACOMIN:- (scrive) "Bice, menestrone e inandio della sala. Ah, ghe metto anche che preparerà anche le trippe e i friscioli con Maria e Teresa, va ben?"

BASILIO    :- "Beniscimo. Pe' o vin ghe pensa a Cantinn-a Sociale do Streppelli. 'Na damixann-a de dolcetto da Cremolin.. A propoxito de vin, no gh'emmomanco 'n gottìn pe' bagnäse e tonsille"

GIACOMIN:- (si alza) "Aspëta.. vaddo de de là a vedde se gh'e quarcösa" (va in cucina)

BASILIO    :- "T'attroviae ben poco; ciù che 'n caffè no ho mai piggiò in cà do Bastian"(intanto scrive o legge gli appunti di Giacomin)

GIACOMIN:- (fuori scena) "Sotta o lavellogh'è da poligrinn-a, çeivia, aiax,.. savon de Marseggia e di strassi da lavà pe' taera"

BASILIO    .- "Danni 'n'euggià in dispensa, no se samai"

GIACOMIN:- "Vaddo"(subito dopo si sente un fracasso di cose che cadono)

BASILIO    :- "Giacomin..… t'è sempre intrégo?"

GIACOMIN:- (spunta lemme lemme con un po' di carta igienica su una spalla e la giacca con tracce difarina. Ha una bottiglia in mano)

BASILIO    :- (stupito e comico) "Ma Giacomo.. a carta igienica pe' oua a no me serve. Se peu savei cöse t'hae combinòu?"

GIACOMIN:- "L'èderrûòu tûtto; gh'éa da röbainbilico e m'è cheito da faenn-a ad-dosso, di rotoli de carta igienica e via andare" (trionfante)"Ma derré ä carta igienica ho attrovou questa!"(mostra trionfante la bottiglia)

BASILIO    :- (si alza e l'aiuta a pulirsi la giacca) "Assettite che çerco duì gottin" (esce oli prende dalla credenza che potrebbe essere in scena)

GIACOMIN:- (guarda intanto la bottiglia controluce per controllarne il livello) "No ghe n'è guaei..… Lava ben i gotti che 'n gotto mä lavòu o piggia presto l'axòu"(legge l'etichetta) "  <Passato di Pantelleria>"

BASILIO    :- (rientra emette sul tavolo i bicchieri) "O saià Passito di Pantelleria e no passato, dai versa. Son segûa che o Basilio o no sa manco che gh'éa 'sta bottiggia mëza veua"

GIACOMIN:- (riempie i bicchierini) "Bevemmo primma che intre a padronn-a, poi l'alleughemmo torna derrè ai rotoli da carta igienica"

BASILIO    :- "Cin cin"

GIACOMIN:-  "Mi ascì" (bevono) "O l'è bon davvéi" (controlla l'etichetta) "Gradi diciotto... O l'è döçe, però o va zù comme…comme.."

BASILIO    :- "Comme s'o fïsse Passïtode Pantelleria" (versa ancora da bere) "O prim- mo o l'éa l'assazzo, oua vegne o gûsto. A ricincin" (bevono. Alza il bicchiere e canticchia l'aria della Cavalleria Rusticana) "Viva il vino spumeggiante.." 

GIACOMIN:- (gli fa eco) "Nel bicchiere scintillante..." (dà un'occhiata controluce alla bottiglie e versa ancora) "Salûtte, pan, vin e brenno.. e 'na goà de quellobon… Cösse ti veude ciù?"

BASILIO    :- (comincia ad avere la lingua.. impastata) "Quarche palanca insaccoccia"

GIACOMIN:- (anche lui perde qualche colpo) "Dinae, sempre dinae... sSpi-spilorcio comme t'è. Ti o sae che i dinae de l'avaròn van in bocca aaa-o ladron. Dunque... dovve semmo arrestaecö pro-programma?"

BASILIO    :- "A o pa-passìto. No,.. ä… torta pa-pasqualinn-a" (versa e beve) "Giaco-comin.. o l'è proprio bon.. o va zù comme l'aegua.. 'n'ätro gottìn?"(versa)

GIACOMIN:- "Poi no-no ghe ne resta ciù..… pensemmo ä fe-festa.Doviemo ciammà l'or-l'orchestra"

BASILIO    :- "No gh'emmo di-dinae pe' l'orrrrchestra. Ho zà contat-contatt... insomma ghe l'ho dïto a-o Semenza, a-o Grigoae a-o Pitta-Pittalorso.."

GIACOMIN:- "Il <Trio senza voce>.. Ogni nomme 'na gara-garanzia"

BASILIO    :- "Vint'anni fa a vöxe ghe.. ghe l'aveivan" (controlla il livello della bottiglia) "Gia-Giacooooomin, ne piggemmo so-solo 'n dîo po-poi gh'azzuuun-zemmo de l'aegua e l'alleuuughemmo torna derré ä ca-carta igienica"

GIACOMIN:- "In to cesso?"

BASILIO    :- "In ta di-dispensa, no?" (vuota, bevono e vanno.. in orbita)

GIACOMIN:- "Ba-Basilio..…" (si alza, eleva il bicchiere e traballa) "Sa-sa-salûtte" (bevono) "Me loccian ûn po' e gambe.. Ba-Basilio, veddo ballà a tòua.. cösse sa-saià?"

BASILIO    :- (a sua volta si alza) "T'hae ra-raxòn... anche mi a veddo... Saià 'n terre-terremotto... L'è mëgio che scio-sciortimmo... In questia ca-caxi l'è benësse instradda, maniaman ne ca-cazze o soieu in testa e se incia-incia-inciastremmo cö zetto." (si avvicinano tenendosi comicamente spalla contro spalla) "Gia... Giacomo..… l'aegua in ta, in ta bottiggia"

GIACOMIN:- "Äspëta; ho visto 'na ca-caraffa dede là con l'aegua..… Beh, aegua, .. che schifo... Scostite cianin... leva a spalla da dosso a mì... eccocoscì. Vaddo" (esce di scena traballando)

BASILIO:- (con la testa fra le mani) "Basilio, che confûxòn che t'hae in te-testa"

GIACOMIN:- (rientra, sempre malfermo sulle gambe. Ha una caraffa d'acqua, Basilio, pure lui  con la mano tremolante, prende la bottiglia. Comicità perché nessuno dei due riesce a tenere salde le mani per versare l'acqua nella bottiglia. Molta acqua vaper terra)

BASILIO    :-(a un certo punto controllano il livello della bottiglia) "Me pà-pà che ghe sem- semmo. Vanni a me-mettila in di-dispensa"

GIACOMIN:- (esce con caraffa e bottiglia, barcollando comicamente. Poco dopo si sente un gran fracasso)

BASILIO    :- "Fïto Gia-Giacomin..… o terrrrremotto"

GIACOMIN:- (rientra, prende a braccetto l'amico e uscendo cercano di cantare con voce impastata) "Viva il vi-vino spu-spumeggiante.."

BASILIO    :- (con voce che si sta allontanando fino a sfumare) "Nel bi-bi-cchiere sci-scintillante.."

SCENA II

(Bice – Maria)

BICE          :- (entrano Bice e Maria.; i due si mettono sull'attenti im modo comico. Maria posa una borsa sul tavolo) "Son passà in farmacia a piggià 'na maexinn-a che o mëgo o l'ha ordinòu pe' o Bastian. Saià 'n problema fäghela ingoà.. Quell'aççidente lì o no veu mai piggià ninte, ..o no se fîa... o dïxe che fanciù mä che ben.. O l'è propprio 'n bastianconträio.".. Assettite Maria"

MARIA      :- (non molto giovane e non molto bella. Tipo da contadinotta, trasandata, posa a sua volta una borsa sul tavolo) "T'hae sentîo quei duì imbriaeghi?.. Ean proprpio-pio ciucchi"

BICE          :- "Ma assettite Maria"

MARIA      :- "Poi m'assetto, grassie"

BICE          :- (siede) "Son proppio stracca. Emmo traffegòu finn'òua in societae e chi travaggia son sempre i maeximi .O Bastian o dijeiva che gh'è chi dà solo conseggi e chi travaggia… Beh, o menestròn pe' trenta personn-e l'emmo inandiòu, i frixeu i preparemmo a-o momento"

MARIA      :- "Indovinn-a chi l'è vegnûo da mi l'ätro giorno?"

BICE          :- "O Marcello?.. So ch'o te piäxe"

MARIA      :- "Magara..… Invece l'éa o padron de casa"

BICE          :- "O Sciò Merello?"

MARIA      :- (un po' giù di corda) "Propprio lé.. O m'ha portòu 'n pacchettin pe' Pasqua e quande éo in sce-o contento-andante pe' o regalin ch'o m'ha faeto, o me dà 'na bûsta. L'ho ringrassiò perché credeivoche in ta bûsta ghe fìssan.."

BICE          :- (interrompendola) "De palanche"

MARIA      :- "Ma..… o te l'ha dïto?"

BICE          :- "No, ..o l'ha faeto!.. 'Na bûsta con l'aumento da pixòn e de l'amministraziòn... e che aumento..… Ma assettite no?"

MARIA      (scosta una sediae s'accorge dell'acqua sul pavimento) "Til'hae poipiggiòu o can?"

BICE          :- "Eh, me saieiva staeto cäo,ma o Bastian o l'è conträio; o dïxe che poibezeugnaportälo a spasso, portässe appreuvo a paletta, o sacchetto... anche se tanti se ne fregan de inciastrà o marciapé. Però o me faieiva compagnia...son sempre sola"

MARIA      :- (indicando il pavimento) "Allòa chi ha bagnòu in taera, o Bastian?"

BICE          :- (alzandosi) "Ma cösse ti dïxi?"

MARIA      :- "Ammîa"

BICE          :-. (guarda per terra) "O porco can!"

MARIA      :- "Ah, ma allòa ti ghe l'è o can"

BICE          :- "Set'ho dïto de no!" (pensando) "A meno che o Bastian..."

MARIA      :- (interrompendola e indicando il pavimento) "Ti dïxi che segge staeto o Bastian?"

BICE          :- (esce a prendere uno straccio e rientrando) "Ma cöse ti dïxi brava" (asciuga, annusa lo straccio) "A l'è aegua" (esce portando lo straccio con sé)

MARIA      :- (vede gli appunti sul tavolo, dà un'occhiata) "T'hae lasciòu di appunti pe' a festa..…Veddo che mi dovieiva interessäme da gara da torta pasqualinn-a"

BICE          :- (rientrando) "Ti permetti? Famme vedde" (guarda gli appunti) "A no l'è a calligrafia de mae màjo...Chi saià mai vegnûo?..Vaddo a vedde se in ta stanzia ghe fïsse o Bastian ch'o se fa 'na pisaàggiàa" (esce)

MARIA      :- (guarda gli appunti) "Che sgorbi,.. se vaddo in farmaciacon questo me dan de maexinn-e" (legge) "Lotteria se ne interessa la Teresa; la fiorista ci darà qualche pianta..…"

BICE          :- (sta brontolando fuori scena) "Ma chi l'è che l'ha inversòu a faenn-a e cacciòu pe' taera a carta igienica?" (rientra adirata e colta da un sospetto controlla gli appunti) "Questa a l'è a calligrafia do Giacomin...Poscito ësse... Se vedde ch'o l'aveiva sae perché a caraffa a l'è squaexi veua"(colta da sospetto) "Ûn momento!..A carta igienica in taera,.. a faenn-a sparpaggià...O PASSITO!" (esce sveltamente)

MARIA      :-"Cösse gh'intra o passïto?"

BICE          :- (rientra con la bottiglia ene controlla il livello controluce) "O gh'è ancon tûtto" (la posa sul tavolo e, con aria di chi fa finta di voler offrire) "Scûsa se no te ne offro ma con e puntûe che ti fae o te faieiva mä"

MARIA      :- "Ti dïxi?.. Pasiensa..…T' hae poi sacciûo chi l'éa quella bella figgia af- affaccià a-o teu barcòn?"

BICE          :- (che intanto guardava gli appunti) "Scì, l'ho sacciûo"

MARIA      :- "E allòa?"

BICE          :- "Allòa, cösse?"

MARIA      :- "Chi a l'éa?"

BICE          :- "Ma te interessa proppio?"

MARIA      :-"Propprio pe' ninte" (pausa comica, poi non resiste) "A conoscio?"

BICE          :- "Ancon da séche no te interessa; a l'éa a badante da Scià Pilûcchi ch'a voeiva de l'aegua minerale e intanto che o Bastian o l'arviva obron... veuggio dì.....intanto ch'o çercava a bottiggia, lè a l'ha averto o barcòn pe’ '..." (salace) ."..pe' fasse vedde da tì savendo che poi ti me l'aviesci dïto. Contenta?"

MARIA      :- "Oh, pe' quello che me interessa.. Comunque l'ho sempre dïto: i ommi bezeugna tegnïli sott'euggio... no se sa mai..."

BICE          :- "Ti, a son de tegnì d'euggio l'Asdrubale, ti l'hae faeto scappà comme 'na lippa"

MARIA      :- (un po' acida) "Pëzo pe lé! O s'è zûgòu o seu avvegnì.. Primma o faxeiva l'innamuò, .."(sospirando) ."..o me portava sempre di armoìn ch'o cheuggeiva in ti boschi invexendandome de belle parole e doppo o no me n'ha ciù portòu..…" (cambiando tono)."..e allòa m'è vegnûo o dûbbio che ghe fïsse 'n'ätra de mëzo e.." (sforzandosi di commuoversi) ".. gh'ho dïto: <Asdrubale, tu mi fai patire, lo sai quanto ho soffritto per te..…>"

BICE          :- "Soffritto?"

MARIA      :- "Ma scì, patîo... <Porti mica gli armoni a un'altra donna?Non sono più la tua tenera rosellina?> - e lé o se l'è piggià e ti sae cösse o m'ha risposto?”

BICE          :- "E mi che ne so? No gh'éo!""

MARIA      :- "O m'ha risposto: <Gh'è 'n proverbio zeneize ch'o dïxe che anche a ciù bella reuza a diventa ûn grattacû[2]> T'hae accappio che mainée? E doppo o me fa: <Vaddo a accattäme i sigäri e poi arrivo>. No so da che tabaccante o segge andaetoperché son za seimeixi che no gh'ho seu notissie"

BICE          :.- "O saià andato a Cûbba..…Te l'ho dïto,.. pe'tegnî streiti i ommi, bezeugna fa mostra de ninte... fässe dexiderà"

MARIA      :- "T'hae 'nbello dï... Intanto l'Asdrubale, a son de famme dexiderà.. o l'ha portòu via i tacchi"

BICE          :- (con noncuranza) "O saià andaeto a pittà da 'n' ätra parte... Cioè... voeivo dî... Insomma no t'hae perso guaei,.. in fondo o no l'éa manco tanto bello"

MARIA      :- "Pe' mi ö l'éa,.. anche se se vedeivimo squaexi sempre quande gh'éa poca lûxe"

BICE          :- "Eh, accapiscio; a-o ciaeo da candéja anche o canevàsso o pä tèja" (tra sé) "Va ben che fra tûtti duì..."

MARIA      :- "Cangiando discorso.." (estrae della borsa un pacchetto rosso e lo dà a Bice) "T'ho portòu 'n regallin pe' Pasqua... ûn pensiero"

BICE          :- "Grassie;.. aAnche mi gh'o 'n pensierin pe' ti" (porge ilpacchetto azzurro avuto dlaMeorello. Scena tra marito e moglie poi,comica.Oosserva il pacchetto rosso e si avvede del "frexetto" delbottegaio, lo scrollaall'orecchio e poi sorniona) "'Sto pacchettinrosso me pä de conoscilo… Ti o sae cösse gh'è drento, vea?"

MARIA      :- (messa in allerta e con cipiglio) "Se te lo accattòu, o saviòu ben, no?"

BICE          :- (con sottigliezza) "E allòa dimmelo coscì no l'arvo finn-a a Pasqua"

MARIA      :- (imbarazzata ma decisa) "Preferiscio che ti o screuvi da sola, se donca a no l'è ciù 'na sorpreiza"

BICE          :- "Proviò a indovinäghe.…. Gh'è drento..… 'na caffettéa!"

MARIA      :- "Indovinòu!"

BICE          :- "Sbagliòu!"

MARIA      :- "Sbagliòu?"

BICE          :- "Questo pacchettin te l'ha daeto oa Sciòà Merello.."

MARIA      :- (a disagio) "E ti... comme ti fae a saveilo?"

BICE          :- "Perché ghe l'ho daeto mi a sue moggé in cangio do seu pacchettin fasciòu con da carta celestinn-a; lé a l'ha daeto a tì o mae pachettin rosso e tì ti oua time o o dae amì!"

MARIA      :- (in imbarazzo) "Peu dässe che quello che t'ho accattòu, invece de dällo a ti l'aviòu daeto ä Téerre...ch'agge confûso i pacchetti"

BICE          :- "No te a piggià. Sûccede. Me immagino o Bastian q.. Quandeo ö vedde:oe dijà:<Te l'ho dïto mì>" (se la ride mentre Maria scrollale spalle)

SCENA III

(Bice – Maria – Bastian – Marcello)

BASTIAN  :- (entra dall'esterno) "Ciao Maria" (alla moglie) "Ciao moglie..… gh'ho 'na famme che a veddo... T'hae accattòu o xambòn da-oNesto?"

BICE          :- "Ma noMano ghe n'éa ancòn quarche fettinn-a in tofrigidaire?"

BASTIAN  :- (sarcastico) "Scì,.. marse, ..defunte... pàivan de plastica e l'ho cacciae inta rûmenta primma che ti me l'arrembi sotto forma de porpette"

BASTIAN  :- (vede il pacchetto rosso, lo prende in mano e con sarcasmo) "No stamme a dî.."

BICE          :- "No te-o diggo"

BASTIAN  :- "E te l'ho dïto mì!" (suonano alla porta) "Vaddo mi,saiàoMarcello" (apre la porta ed entra Teresa)

TERESA    :-(con atteggiamento triste. Ha un pacchettino verde in mano)"Bongiorno"

BASTIAN  :- "Che faccia allegra"

BICE          :- "Ciao Téerre..… immagino che ti meporti quarchebrûtta notissia"

TERESA    :- "A Scià Della, l'americana..… a l'è morta"

MARIA      :- "L'è morta Della?"

BASTIAN  :- (comico) No! No l'è morta-della... l'è morto o xambòn!"

BICE          :- "Meschinetta..… a l'aveiva zà i seuanni e armeno oua a l'èinpäxe... Ma parlemmod'ätro"

TERESA    :- (porge il pacchettino fasciatodiverde  a Bice) "T'ho portòu ûn regallin pe' Pasqua... ninte de speciale o l'è solo ûn...."

BICE          :-(interrompe rapidamente)"...pensiero..." (a Maria)"Son tûtti da stessa infornà"

BASTIAN  :- "Anche noiätri gh'emmo preparòu ûn.. pensiero, vea Bice?" (dà alla moglie il pacchettino rosso riavuto da Maria)

BICE          :- (lo dà a Teresa)"Tegnilo pe' tì però, no riciclälo"

MARIA    :- (indicando ilpacchetto verde di Teresa)"Quellopacchettin verde ö conoscio.. l'aveivo daeto a-o Sciò Merello"

TERESA    :- (imbarazzata) "Eh.. s'assomeggian tûtti.. Ma mì conoscio quello celeste ch'aveivo daeto a o Sciò Merello"

MARIA      :-(presa in castagna)"Va ben…, va ben.. Da chi 'n po've lascio perché devo anda a accata-accattà"

BICE          :- "Doviò andaghe mi ascì. Spendemmo tanti de quelli dinae anche pe' o mangià che no te diggo"

BASTIAN  :- "A pensciòn a serve solo pe pagà a pixòn, o telefono, e l'amministrazion..e o riscaldamento… quande a va ben"

MARIA      :- "E pe' de ciù a Scià Merello a n'ha daeto a letterinn-a "

TERESA    :- "Anche a tì?"

MARIA      :- "Doppo o regallo do pacchettin... a bûsta con l'aumentoda pixòn"

BASTIAN  :- "Prima la carota e poi il bastone. Bice, bezeugna imparà a mangià 'na votta sola a-o giorno"

BICE        :- "Senti chi parla. Perché no ti commensi sûbito? Fanni finta de mangiäte o xambòn"

SCENA IV

(Bice – Maria – Bastian – Teresa – Marcello)

(suonano alla porta e Bice va ad aprire)

BICE          :-"Ciao Marcello"

MARCELLO:- (un giovanotto brillante; entra allegro)"Allegri gente.. comm'a va?"

TUTTI        :- (saluti a soggetto)

BICE          :- "Ho sacciûo che no ti fae ciù o brazeur e che t'han piggiòu in Comûne"

MARCELLO:- "No l'è dïto che no fasse ciù o brazeur. Anche comme <Operatore Cimiteriale> se peù saldà... magara de casce damorto"

BASTIAN  :- "Che allegria"

TERESA    : (civettuola) "Sciò Marcello.. sempre esûberante, allegro.."

MARIA      :- (c. s) "Gente allegra il ciel l'aiuta.."

BASTIAN  :- "Ma gh'è ancheo proverbio ch'o dïxe: <aiutati che Dio ti aiuta>. E alloa bezeugna daghe 'na man"

MARCELLO:- "Ma mi son allegro de natûa. O l'è o mae carattere; son faeto coscì"

TERESA    :- "E Scià l'e faeto ben... Scià sa navegà in ta vitta!"

BASTIAN  :- (comico, ironizza sulle due donne verso Marcello) "Marcello è uno dei nostri mari"

MARIA      :- "No capiscio"

BASTIAN  :- "Vedemmo se me-i ricordo: gh'emmo o Mar Mediterraneo, o Mar Tirreno, o Mar Jonio e.. o Mar-cello"

BICE          :- (al marito; prendendolo in giro) "E o Mar-sala, che ti te saiae bevûo!"

MARCELLO:- "Bastian... a Bice a l'è diventà spiritosa.."

MARIA      :- (facendo gli occhi dolci a Marcello) "Affortûnnà quella donna..."

MARCELLO:- "Quae donna?"

TERESA    :- "Perché.. ghe n'è ciù de ûnn-a?"

BASTIAN  :- "Euh, ätroche. Quelle che l'angoscian.." (fa l'attodi vangare) "..oua o-ei sottaera"

MARIA      :-(indispettita) "Scûsae ma devo andà. Ciao a tûtti.."(facendo gli occhidolci a Marcello)"A riveise Marcello" (salutata da tutti, esce)

BICE          :- (al marito) "Vegni de de là che ti me dae 'na man a scistemmà a dispensa" (ai presenti) "Scûsae,.. vegnimmo sûbito. Intanto assettaeve ebevei 'n po'de passïto. Chì ghe son duì gottin" (escono)

TERESA    :- (a Marcello, cercando di circuirlo) "E coscì Scià l'ha cangiòu travaggio"

MARCELLO:- "Mëgio che ninte,.. anche quello o va ben"

TERESA    :- "E..… solope' curiositae..…agalante?"

MARCELLO:- (intanto che riempie i due bicchierini) "A galante?.. Appena-a gh'ho dïto che faxeivo l'operatore cimiteriale a m'ha ciantòu lì in sce duì pë!"

TERESA    :- (gattona) "Ma comme l'è mai poscibile..Mi,no l'avieiva maifaeto.. Se se veu ben veramente a 'na personn-a.. <anche le strade irte di chiodi si percorrono>, nevvea.."

MARCELLO:- (tra sé) "Comme i fachiri" (a Teresa)"Che belleparolle"

TERESA    :- "Me son vegnûe spontanee"

MARCELLO:- "Me pä d'aveile lezzûe in te 'n libro de Carolina Invernizio"

TERESA    :- "A l'avià copiae da mì"

MARCELLO: (ironico) "Senz'ätro. Brindemmo ä nostra salûtte: Cin, cin!"

TERESA    :- "Alla salute e..… all'amoree…" (bevono)

MARCELLO:- (guarda il pubblico, strabuzza gli occhi e poi spruzza fuori la.. bevanda)"Ma questa.. a l'è aegua colorà!" (dà colpi di tosse mentre Taresa gli batte una mano sulla schiena)

TERESA    :- "A dì a veitae..… o l'è 'n pittìn leggero"

MARCELLO:- "Ûn pittìn?... Questo o l'è 'n broddoallungòu"

TERESA    :- (pavoneggiandosi innanzi a lui e facendo una piroetta) "Sciò Marcello.. commeScià me treuva?"

MARCELLO:- "No saviae..… Dieijvabella..."(si interrompe per tossire)

TERESA    :- (interrompendolo con un gridolino di gioia)"Bella?.. Oh, Marcello..." (si avvicina intenzionata)

MARCELLO:- (scatta in piedi .. proteggendosi con la mano avanti) "Bella.. in carne"(oppure, se è il caso:Bella magra)

TERESA    :- "Ma 'n'ommo o no peu arrestà sempre senza 'na donna e mì... sonLIBERA Marcello cäo!"(l'abbraccia. mentre Llui resta fermo come un palo e fa le corna)

BICE          :- (entra in quel momento ed ha un gesto di sorpesa) "Oh! Scûsae"(fa per uscire di scena ma viene fermata dalla voce di Marcello)

MARCELLO:- (imbarazzato) "Scûsime Bice, ma mi no..."

BICE          :- "No preoccupaeve... l'è sempre bello vedde che in ta vitta gh'è sempre  posto pe' l'amô"

TERESA    :- (gattona)"O no s'è sacciûo tegnì... O l'è partîo de slancio"

MARCELLO:- "Cösse?.. Ma se a l'è staeta le che..."

BICE          :- "No daeve anscietae.. " (guarda i bicchierini) "Saià staeto o Passïto... No pä ma o fa di graddi e se ûn o no l'arrëze ben..…"

MARCELLO:- "Di graddi? Questo chì!.." (prende la bottiglia) .".. o fa meno tréi,.. assazzilo ti ascì" (fa l'atto di versare in un bicchierino)

BICE          :- "Pe' a caitae... mManiaman me metto a cantà.." (sorride)

TERESA    :- "No creddo, .. o l'è mooolto leggero"

BICE          :-  (l'assaggia, lo spruzza a chiama il marito) "Bastian!"

BASTIAN  :- (rientra) "Se gh'è?"

BICE          :- "Questa bottiggia a l'éa ascösa in ta dispensa.. ma a quante risûlta o passito o l'è... svaporòu. Ti ne sae ninte ti?"

BASTIAN  :- "Perché?.. Gh'éa do passïto senza che mi o savesse?"

MARCELLO:- "Assàzzilo e dimme comm'o l'è" (versa)

BASTIAN  :- (beve e poi spruzza il liquido dalle labbra) "Che schifo!.. Ma Bice, t'è misso 'n po' de Passïto in te 'na bottiggia d'aegua?"

BICE          :- "E figûrite….." (colta dal dubbio) "O Basilio e o Giacomin!"

BASTIAN  :- "E cösse gh'intran con l'aegua in to passïto?"

BICE          :- "No ti gh'è dïto de aspëttäte in casa nostra e de caccià zù o programma pe' a festa de Pasqua?"

BASTIAN  :- "Quello scì, m… Ma t'eu dï che... E dovve ti l'aveivi alleugà?"

BICE          :- "In dispensa" (ragionando tra sé) …"I duì imbriaeghi checantavan, i..I appunti da festa sociale, l.. L'aegua pe' taera, poscito ëse!.... Se son scoaê a bottiggia e gh'han azzunto de l'aegua, t'hae accappìo che amïxi?"

BASTIAN  :- "A l'è coscì eh? A mì ti me dae de l'aeugua.. e loiätri... a te sta ben!"

MARCELLO:- (ridendosela)"Ah, ah,ah, ..Bastian, saià mëgio che ti n'accatti n' ätra e che ti l'alleughi ciù ben"

BASTIAN  :- "Se l'alleugo mi no a trova manco a Bice"

BICE          :- "A ti o vin o te rescäda davanti e derré..…A popoxito de rescädo, chì gh'è son e pilloe che t'ha ordinòuomëgo"

BASTIAN  :- "Ma.. devo proppio piggiäle?"

BICE          :- "Fanni ti, ..tanto mi anche s'arresto viddoa no me ne fasso ninte"

MARCELLO:- "Saià mëgio che ti piggi e pilloe Bastian"

BICE          :- "Alloa Marcello, complimenti pe' ote neuvo travaggio. A l'è 'n' opera sociale ûtile e indispensabile"

TERESA    :- (gattona) "E anche con quello mesté se a donna a veu ben a-o seu ommo...no ghe son problemi,.. vVéa Marcello?"

MARCELLO:-  "Eh? Ah!. Euh!.. Scûsae ma devo andà... gh'ho 'n'appuntamento"

TERESA    :- (rapida)"Sciorto anche mi"

MARCELLO:- (sconfortato allarga le braccia) "A peu anche restà, .. conoscio a stradda"

BASTIAN  :- "Attenta Téerre,o Marcello o l'è 'n sciätafädette"

TERESA    :- (brillante) "Marçellin..… voemmo andà?.."

BICE          :- (ironica) "O no l'aspëttava ätro"

MARCELLO:- (a Bice, incavolato) "Grassie... ben gentile!"

TERESA    :- (aggrappandosi al braccio di Marcello) "Ciao a tûtti"

MARCELLO:- (togliendo il braccio di Teresa) "No me päe o cäxo nevvéa" (escono)

BICE          :- "Osta fresco con a Téerre"

BASTIAN  :- "Quella ä nö molla ciù" (guarda lew medicine)

SCENA IV BIS

(Bice – Bastian – Giacomin – Basilio)

(Ssulla credenza c'è una caraffa con dell'acqua, un imbuto ed alcuni bicchieri. Mentre Bastian sta guardando i medicinali, si sente da fuori il canto di due avvinazzati)

I.a VOCE ESTERNA:- "Viva il vino spumeggianteee.."

II.a VOCE ESTERNA- "Nel bicchiere scintillanteee.."

BICE          :- "Stanni a vedde che son i teu duì amixi: i fratelli Bevilacqua!"

GIACOMIN         .- (fuori scena, con voce impastata come il compare) Ba-Bastianooo"  (suonano noalla porta)

BICE          :- (nervosa) "Son ciucchi, no arvïghe"

BASTIAN  :- "Ma son o Giacomin e-oBasilio, .. son 'n pittin allegri..."

BASILIO    :- (suona e chiama) "Ba-. Bastianuccio...abbiamo una bottiggia di quello buo-buono. Apri-..apriticivi.. Arvine insomma!"

BASTIAN  :- (si alza) "Se no ti gche arvi tì ghe penso mì"

BICE          :- “No arvïghe, cMa no. Coscìi pensan che no semmo in casa"

BASTIAN  :- "Ghe o diggo." (dalla porta) "Me despiäxe amixi ma.. no semmo in casa... semmo sciortìi"

BASILIO    :- "Alloa se..… se seiscio-sciortìi,andeiemo a beive da 'n'ätra parte"

BASTIAN  :- (scrolla la testa ed apre di colpo la porta. I due quasi cascano all'interno)

GIACOMIN:- (stupitoe barcollante) "Ma.. no-no eivi scio-sciortìi?

BICE          :- "Seiproppio trei bellianghaezi"(esce alla sinistra)

BASTIAN  :- "Locciae comme de banderolle... Assettaeve prima de dà 'na patta pe' taera"

BASILIO    :- (come Giacomin, siede. Ha il berretto o la coppola per traverso ed il viso graffiato)

BASTIAN  :- "T'hae o muro sgranfignòu.. cöse t'è sûccesso?" (ironico) "No stamme a dì ch’o l'è o ben servìo de 'na donna"

BASILIO    :- (si aggiusta il berretto) "Tûtto corpa de 'na <belladonna>”

BASTIAN  :- "E bravo Basilio, .. no l'avieiva mai dïto che tì..…"

GIACOMIN         :- "E inve-vece a l'è staeta pro-proppio coscì... O camminava 'n po' in sbandellòn..…" (come scusante) ."..corpa do vin..."

BASILIO    :- "E scì.. pe-perché tì, ti camminavi dri‑ito..!"

GIAAICOMIN     :- "Ma mì me son affermòu in te-tempo.. t'è tì che t'è cheito a pescio in te 'n co-costo de <belladonna> e ti t'è sgranfignòu o muro"

BASTIAN  :- "Ah, ah,.. òua che ghe semmo,.. me pàiva strano che o Basilio…"

BASILIO    :- (che si sente offeso) "Co-comme saieiva a dddì?: Mi e do-donne ë tratto ben e con ri-rispetto.."

BASTIAN  :- "L'à corpae de quello cancaron che bevei"

BASILIO    :- "Ta-tanto pe' incommençà, questo o no l'è cancaron,.. anzi..." (guarda con occhio complice il compare) "Vea Giaco-comin?"

GIACOMIN         :- "A-atro che.. " (sottovoce, con complicità) "A l'éa in te 'n ca-canto in societae..."

BASILIO    :- "... sola..… pàiva ch'a ne cia-ciammesse…" (con voce ..…lontana)  "<son 'na bottiggia de grignolin…béivine pe' piaxeiiii qualche gottìn>"

GIACOMIN:- "E co-coscì.. emmo pe-pensòu anche a tì. Daì piggine 'n gottin"

BASTIAN  :- (si avvicina alla credenza, guarda se arriva la moglie, prende il bicchiere che posa sul tavolomentre Giacomin versa)

BICE          :- (entra sveltamente in scena. Ha con séla bottiglia di passito che posa sulla credenza, poi al marito) “TTiI vin no ti n'è da beive, .. o t'arrescäda e con e maexinn-e che tidevipiggià o no va ben" (prende il bicchiere del marito) "Me sacrifichiòu mì!" (lo trangugia d'un fiato.. strabuzza gli occhi, tossisce e poi si riprende dandosi un tono di superiorità)

BASTIAN  :- (che haguardato stupito con gli altri)"Moggé! Che göa... Nö saveivo"

BICE          :- "Manco mì"

BASILIO    :- (si accinge a riempire il bicchiere lasciato vuoto) "A-assazzilo ti ascì Bastian"

BICE          :- (precede il marito e tracanna ancora) "A ti o te..."

BASTIAN  :- (stizzito) "…O m fa mä e con e maexinn-e.. che barba Bice"

GIACOMIN         :- "Bastian o l'éa armeno bon?"

BASTIAN  :- "Gh'ha a delega a Bice. Domandaeghelo a lé ch'a s'è torna sacrificà a-o mae posto!"

BICE          :- (trattenendo un comico singhiozzo) "Cösse nofaieiva pe' o mae Bastian.."(barcolla per un attimo) "O dev'ëse o mangià... me gïa 'n po' a testa"

BASTIAN  :- "Se t'avesci bevûo l'aegua a testa a no te giäva"

BICE          :- (a mezza voce) "A propoxito de aegua"(prende la bottiglia del..passito e con comicità) "E òua,.. pe’ scangiave o piaxei do grignolin,.. ve bevéi 'n po' de passito de Pantelleria"

BASILIO    :- (guarda Giacomin con occhio triste) "No, ..no,.. grassie... no volemmo fa da me-mescc-iùia... maniamann"

BICE          :- (imperiosa) "Mì ho bevûo o vostro grignolin e voiätriassazzae o mae passïto!" (versa per i due)

GIACOM.E BAS.:- (si guardano e rassegnati devono stringendo gli occhi, come prendessero una purga)

BASTIAN  :- "Che facce!.. Mmanco s'o fïsse euio de ricin"

BICE          :-(intanto che i due bevevano prende, non vista, la bottiglia di grignolino; và verso la credenza, mettel'imbuto alla bottigilia e dalla caraffa viversa dell'acqua. Poi., Nnotata solo dal marito, rimettela bottiglia sul tavolo) "Alloa, comm'o l'éa opassito?"

BASILIO    :- "Ehm,.. o l'éa... o l'éa bon, vea Gia-Giacomin?"

GIACOMIN         :-(titubante) "Scccì,.. però òua...s'aggiûstemmo a bocca con o gri-grignolin"(versa per loro due e a Bice) "Bi-Bice... anche a tì?"

BICE          :- "No, grassie.. mì a bocca me l'ho za aggiûstà"

GIACOM. e BAS.:- (bevono. Strabuzzano comicamente gli occhie spruzzano per terra la bevanda)

BASTIAN  :- (sornione) "Quarcösa no va?"

GIACOMIN:- "Miracolo!.. Oo vin. O l'è diventòu aegua!"

BASILIO    :- "Ta-taxi nescio.. è la vendetta del pa-passito tradito!"(fa cenno al socio di..tagliare la corda)

GIACOMIN:- "Ve le-levvemmo o destûrbo" (si avviano, barcollando, alla porta accompagnatida Bastian)

BICE          :- "A vostra bottiggiabottiglia... no ascordaevela"

GIACOMIN:- "No, no grassie... pe' ancheu abbasta coscì" (escono)

BASTIAN  :- (sorride, si avvia al tavolo scrollando la testa) "Bice! T'è staeta 'na drïta. I mae complimenti. Però.. però t'haecacciòu zùì da o cannello duigotti de vin comme ninte..… Ma cösse t'è giòu... o t'ha daeto ä testa?…?"

BICE          :- "Ho faeto finta. Però,.. me ghe veu 'n bello caffè forte" (avviandosi alla porta di sinistra) "Piggite e maxinn-e,. l'aegua a gh'è.. a l'è lì" (indica mentre esce)

BASTIAN  :- (alzando la bottigliadi grignolino) "A l'è anche chì!"

BICE          :- (esce)

SCENA VI

(Bice – Bastian- Massimo)

BASTIAN  :- (intanto che toglie il “bugiarduni”foglietto esplicativo dalla confezione) "Ti sae che son ciûttosto conträio a piggià de mëxinn-e... Vedemmo primma cöse gh'è scrïto nelle indicazione per l'uso" (legge dopo aver messo gli occhiali)<Prendere due pastiglie al giorno, dopo i pasti. Non bere alcoolicidurante la cura>Alcoolici? L'è imposcibile, no ghe n'è e quande ghe n'è ghe mettan de l'aegua. <Non somministrare ai soggetti che non tollerano il prodotto> "E mi comme fasso a savei se:<non tollero il prodotto?>"

BICE          :- (da fuori) "Semplice!Se ti veddi ch'o te fa mà veu dï che no tio tolleri"

BASTIAN  :- "Bella scoverta. E se me ven 'na cricca?"

BICE          :- (comica) "Veu dï che no ti e-i doveivi piggià"

BASTIAN  :- "E brava! Magara ‘naä mattin m'addescio che son bello morto"

BICE          :- (rientra per pulire il tavoloo la credenza) "No te preoccupà..… Ti gh'aviescioMarcello ch'o te fa o servissio. (ironica) "Poi ti me spieghi comme ti faie-scia addesciate se t'è morto... Se o mëgo o te l'ha ordinae o savià che ti peu piggäle, no?"

BASTIAN  :- "Perché o no se e piggia lé?" (allontana la confezione)

BICE          :- (prende il foglietto e continua a leggere) "<Può provocare leggeri collassia coloro che soffrono di disturbi cardiocircolatori.."

BASTIAN  :- "Bice,.. fanni 'na preuva ti"

BICE          :- "E mi cösse gh'intro? O l'è 'n prodotto pe' a prostata"

BASTIAN  :- "No vorriae däte o fastidio de lasciate viddòa... Me daieiva 'n po' fastiddio"

BICE          :- "Preferiscio restäghe mi e piggiäme o fastiddio"

BASTIAN  :- "Spiritosa!.. Famme lëze primma de cacciäle in ta rûmenta" (prende il foglietto e continua la lettura))"<Arresta i radicali liberi> "I radicali?..'namaexinn-a ch'a l'arresta i radicali..? E o Governo cösse o fa? L'ho dïto mi.. No gh'è ciù de libertae. E quest’ätre pilloe…(legge) <Non somministrare ai soggetti in stato interessante>" (perplessità) "Bice... saiòu mïga.. incinto?"

BICE          :- "Ti m'hae za stûffòu con e teu baggianate... arrangiate,.. ma novegnì a lamentäte se no ti te senti ben"

BASTIAN  :- "Va ben; ma responsabilitae a l'è a teu" (suonano alla porta) "Stanni, vaddo mi" (apre ed entra il figlio Massimo)

MASSIMO :- "Ciao pà,.. t'attreuvo ben"

BASTIAN  :- "Ciao. Foscia l'è perché no me cûro"

BICE          :- "Ciao Massimo... Tûtti ben a casa?"

MASSIMO :- "Scì. Voeivo portäte o figgieu ma pare che veugge cieuve e alloa no me son fiòu"(vede la scatola delle pastiglie e legge il prodotto) "Pe' chi son?"

BICE          :- "Saieivan pe' teu poae ma ti sae ch'o l'è conträio a tûtto"

MASSIMO :- "O e-i piggiäva anche o poae de 'n mae amïgo"

BICE          :- (al marito) "Ti veddi..?" (al figlio) "Gh'han faeto ben?"

MASSIMO :- "O l'è morto"

BASTIAN  :- (con comicità) "Alloa gh'han faeto beniscimo perché oua o staià ciù ben"

MASSIMO :- "Ma cösse ti dïxi... O l'è stato investïo da 'na macchina"

BASTIAN  :- "Dimme 'n po'... ean bonn-e e trippe?"

MASSIMO :- "Ottime! A l'è in gamba a mamma a fa damangià"

BASTIAN  :- "Me fa piaxéi...A mi a m'ha faeto a frittà de giaê..… ghe l'ho ancon in sce-o steumego"

BICE          :- "No stagghe dà a mente,.. oO mogogna de longo.. Dimme do piccin"

MASSIMO :- "O Jhonny o cresce ben..… o sbava 'n po' pe' via di denti"

BASTIAN  :- "Paegio de mi... anche a mi me sûccede pe' via di denti"

MASSIMO :- "Scì ma a lé perché ghe crescian"

BICE          :- "E a teu poae perché gh'ammancan"

BASTIAN  :- "Ma dimme do Giovanni"

MASSIMO :- "Chi o l'è?"

BASTIAN  :- "Mae nëvo, no?"

MASSIMO :- "Ah..… ti veu dì o Jhonny"

BASTIAN  :- "E va ben... quello nomme lì… za mi con i nommi…"

BICE          :- "O dïxe quarche parolla?"

MASSIMO :-"O ciamma a Tata, a baby-sitter perûviann-a. .. Tti savesci che bûffo ch'o l'è"

BICE          :- (triste, siede) "Zà... ti savesci... Me saieiva cäo saveilo. Son vegnûa due votte con teu poae pe' veddilo ma o l'éa sciortïo con..."

MASSIMO :- "Con a Carmen"

BASTIAN  :- "Chi a l'è?"

MASSIMO :- "A Tata, a baby-sitter.. Quando l'è bello tempo a-o porta ai giardinetti"

BASTIAN  :-  (serio) "E de teu seu..… t'hae notissie?"

BICE          :- (si mette a singhiozzare)

BASTIAN  :- (triste) "Son meixi che no gh'emmo seu notissie..."

BICE          :- "A l'èandaeta in America appreuvo a quell' anghaezo de ballerin... A n'hae daeto 'na telefonà e poi... ciù ninte" (si asciuga le lacrime)

MASSIMO :- "A sta ben... a m'ha telefonòu a settemann-a passà e..."

BICE          :- (accorata) "Ma perché a no ciamma anche noiätri?.. "

MASSIMO :- (tergiversa) "Te diggo ch'a sta ben... a travaggia in te 'n ristorante italian e poi,.. quande a se saiàl'è scistemmà a se faià sentì... Ha  m'ha domandou de voiätri e... quello ballerin..… o l'ha mollà"

BICE          :- "Mascarsòn!.. Ma alloa a peu ritornà... digghelo, digghelo che l'aspëttemmo a brasse averte...che aperdonemmo...basta ch'a torne.."

MASSIMO :- "Eh,.. vediemo ma….. ma ghe son di problemi"

BASTIAN  :- "O Segnò..… a l'è mïga..… "impastissà con a droga(mima la pancia)"..incinta?"

BICE          :- "E gh'ammanchieiva anche questa"

BASTIAN  :-(semiserio) "A no gh'ammanchieiva proprio pe' ninte!.. a gh'accresceiva.. Bice, s'a fisse coscì, a no porrieiva piggià a mae pastigli”e"

BICE :- "Anche in questi momenti no ti saeri a bocca"

BASTIAN  :- (avvicinandosi triste alla moglie) "Voeivo solo no fätteammagonà de ciù.. scûsime" (esce lentamente verso le stanze)

MASSIMO :- "Ma cösse andae a pensà... Tranquilla mä.. In fondo a ne vegne da 'na famiggia.." (sorridendo) "..ch'a pä squinternà ma che invece a l'ha di prinçîpi saen e anche i teu figgi, mamma, son bravi figgi... Magara anche noiätri emmo da barcamenäse con e nostre moggé, o i nostri màjï, ma ve voemo ben"

BICE           :- (si alza, abbraccia il figlio e piange)

    

SCENA VII

(Maria fuori campo – Bice- Massimo – Bastian)

MARIA      :- (dalla finestra di fronte) "Biceee.."

BASTIAN  :- (rientra e va alla finestra) "Cöse ti veu?"

MARIA      :- "A puntüa"

BASTIAN  :- "Da mì?"

MARIA      :- "E perché no?"

BASTIAN  :- "L'è mëgio de no. No me piäxe o panoramma"

BICE          :- (che nel frattempo s'era asciugata gli occhi, si avvia alle camere facendo cenno al marito che va da Maria) "Digghe ch'a prepäre che vaddo"

BASTIAN  :- "A vegne sûbito.. Prepära o repertorio intanto, ciao" (chiude)"Dimme 'n po' de questa Tata... a l'è 'n tipo comme a badante da nostra vexinn-a?"

MASSIMO :- "A l'è de colore"

BASTIAN  :- "Ah, scì? E de che colore?"

MASSIMO :- "E de che colore t'eu ch'a segge, neigra no?"

BASTIAN  :- "A parte che mi non son razzista... perché se dïxe ‘de colore?’... Manco se ûn o fisse viola, verde o pirulò"

BICE          :- (rientra per uscire dalla parte opposta) "No t'è razzista eh? Parolle..… orriae veddite se o Massimo o l'avesse sposòu ûnn-a de colore"

BASTIAN  :- "Il problema non sussiste perché amche a Dina a l'è de colore, colore gianco. E poi al cuor non si comanda, qualunque segge o colore da pelle"

BICE          :-  (al figlio, con un po' di tristezza) "Te veddiòu quande ritorno dä Maria?"

MASSIMO :- "Penso de no..… oua oua vaddovaddo anche mi"

BICE          :-  (l'abbraccia) "Allòa ciao"

MASSIMO :- (l'accompagna alla porta) "Ciao mà..te faiou avei notissie"

BICE          :- (afferma malinconica col capo ed esce lentamente)

MASSIMO :- "Ti sae cösse o l'ha combinòu teu nëvo l'ätro giorno?"

BASTIAN  :-  (siede) "E comme fasso a saveilo?"

MASSIMO :- "A Carmen a l'aveiva assettòu o piccin insce-a scrivanïa do mae studio,.. addossoa di documenti importanti e l'è.. o tegh'ha faeto apipì insimma"

BASTIAN  :- (comico) "O l'hae faeto a pipì in sce-i papé do papà"

MASSIMO :- (che non aveva seguito bene) "O papé in sce-a pipì..?"

BASTIAN  :-"Lascia perde"

MASSIMO :- "Ah, t'hae letto in sce-o giornale d'ancheu?" (lo toglie dalla tasca e legge)"<Si è spento alla veneranda età di novantotto anni, l'illustre accademico direttore della Clinica Geriatriacittadina>. O l'éa o poìn da Dina"

BASTIAN  :- (commentando) "Si è spento?.. Sempre e differenze sociali. I ätri meuan e lui invece..…(con comica irriverena) sièspento. F. finn-a in ta morte se meue diversamente"

MASSIMO :- "Anche quello o ne te va ben?"

BASTIAN  :- " E fan de differenze anche in ti compleanni, se no ti o sae"

MASSIMO :- " 'N'ätra neuva.. e in che moddo?"

BASTIAN  :- "Se no ti l'è stüdiòu te o diggo mì. Me ricordo beniscimoche quande gh'ea oRe o no festezzäva mai o seu compleanno"

MASSIMO :- "Comme saieiva a dì?"

BASTIAN  :- "Festeggiava il suo..…" (cerca la parola giusta)."..gene..… genetli..…"

MASSIMO :- "Genetliaco?"

BASTIAN  :- "Ecco, quella roba lì! Veddo che ti o sae"

MASSIMO :- "Ma l'è a maexima cösa"

BASTIAN  :-"Proppriope' 'n bello ninte.. Mi e tì no femmo o gene..genetli.. sci insomma quella parola lì:.. fFemmoicompleanni.. S'assunzemmo ûn anno in ciù comme loiätri però con 'n'ätro moddo de dì,.. no comme di pövieimeschinetti, ti veu mette?"

MASSIMO :- (guarda il suo orologio) "Va ben, va ben..Devo andà.. salûtime a mamma. Ciao pà" (si avvia)

BASTIAN  :- "Ciao... Danni 'nbaxetto a-o..." (con sfottò)."..IONNI"(letteralmente)

MASSIMO     :- (scocciato) "L'è sempre mëgio de quello nomme cheti me voeivi arrembà a mì... Minimo!. Ciao" (esce)

SCENA VIII

(Bastian –Inès – Bice)

BASTIAN  :- (siede, prende un taccuino e legge) “Me  son za rotto con o rendiconto da festa sa fa in societae. Tutti i anni a l’è a paegia”(suonano e va ad aprire)

)INES            :- "Buenas tardes señor Bastiano, disculpeme si es posibile haber de las

pepas de sapallo (pronuncia: SAPAGIO) por Cacatua"

BASTIAN  :- (ha uno scatto comico) "Cösse?"

INES           :-  "Cacatua"

BASTIAN  :- "Señorita… Mi senta bene! Io quelle cose le faccio in casa mia... Ma comme Scià se permette?"

INES           :- "No se enoje (pronuc. ENOCHE acca aspirata). Cacatua es un papagallo (pron. PAPAGAGIO) que señora Pilucchi a traìdo de Nueva Gunea

                        SCENA VII

(Bastian – Inès – Bice)desde hace (pron: HASE ) muchos años"

BASTIAN  :- (siede, prende un taccuino e legge) "Me son za rotto con  orendiconto da  festa da fa in Societae. Tûtti i anni a l'è da paegia"(suonano alla porta. Va ad aprire)

INES            :- "Buenas tardes senor Bastiano, disculpemesi es posibile haber de las pepas de sapallo (pronuncia: SAPAGIO) por Cacatua"

BASTIAN  :- (ha uno scatto comico) "Cösse?"

INES           :-  "Cacatua"

BASTIAN  :- "Senorita.. Mi senta bene! Io quelle cose.. le faccio incasa mia.. Ma comme Scià se permette?"

INES           :- "No se enoje (pronuc. ENOCHE acca aspirata). Cacatua es un papagallo (pron. PAPAGAGIO)que senora Pilucchi a traìdo de Nueva Guinea desde hace (pron: HASE) muchos anos"

BASTIAN  :- (sorpreso) "Ah!.. Ma lo sapevo benissimo..… era uno scherzo"(tra sé) "Ma ammia 'n po' che razza de pappagallo"

INES           :- "Cacatua es un raza de papagallo que vive tambien en Australia"

BICE          :- (rientrando)"Torna chì? Cosa le manca..… l'acqua con le bollicine?"

INES           :- "Pregunto si por favor tienen ..’"semi di zucca’" para mi señnora"

BICE          "A s'è missa amangià quella röba lì?"(al marito, sudi voce)"Tûtte e scûseson bonn-ae  pe infiäse chì in casa. … E cöse a credeiva questa chi,che mi no ghe fïsse?"

BASTIAN  :- "Ma cöse ti vae a pensà"

BICE          :-  "Mi de 'sta gente no me fîo e de tì meno ancon!"

BASTIAN  :- "Ma s'a ciù l'è ciù zovenade nostra figgia. Porrieiva ësse seu poaè"

BICE          :- "Comunque no veuggio ch'a vegne in casa se mi no ghe son"

BASTIAN  :- "Però ti gh'è. Lascia perde..”

BICE          :-“Vegnan chì e arröban o travaggio ai nostri zoveni..… Me sa tanto che àggian attrovòu l'America in Italia.. E poi stemmo attenti..… no vorrieva che sparisse quarcösa d'in casa"

BICE          :- "Parla cianin,.. maniaman a capisceo zeneize"

BASTIAN  :- "Ma famme o piaxei, A.. ghe veu tûtta ch'a l'accapisce l'italian"

INES           :- (alterandosi, sbotta e parlando in genovese) "Ah, sci eh? Ma no ghe l'éi vergheugna? Stae tranquilli che mi no v'arröbo ninte in casa. Veddo che ve sei ascordae de quande i nostri partivan proppio da o porto de Zena pe' andàa çercà travaggio inAmerica o in Argentinn-a perché in Italia faxeivan da famme!?"

BICE e BASTIAN:- (al sentirla parlare in genovese restano attoniti, si guardano stupefatti)

BASTIAN  :- "Ma..… ma... a parla zeneize?"

BICE          :- (preoccupata) "Bastian..… alloa a l'ha sempre accappio tûtto!"

INES           :- "E s'accapisce ch'accapiscio ozeneize!.  Son zeneize!A Zena mì, gheson nasciûa!"

BASTIAN  :- "Ma.. allòa perché Scià fa finta d'ësse 'n'equadoregna?"

INES           :- "L'hodovûo fa pe' attrovà travaggio. Me son presentà a tante famiggie pe' fa a baby-sitter, a badante, a colf ma quande sentivan ch'éo italiann-a, pensavan sûbito ch'avieivan dovûo mettime in regola..… Ätro che levà o travaggio ai nostri zoeni..…O dovûo famme creddech'éo de l'Ecuador e sûbito me son scistemmà!.. Sciò Bastian, scià predica bene ma a-o conträio de quello che scià dïxeseu idée m'accorzo che Scià l'è ancheûn razzista"

BICE          :- "Bello scherzo do berettin!"

BASTIAN  :-"Razzista mì?..Ma manco pe' rïe. NNascemmo tûtti a-o stesso moddo, tribulemmo pe' vive, e semmotûtti sotto a cappa do çé!"

INES           :- "Scûsaeme s' ho dovûo fa coscì... no l'éa pe' piggiäve in gïo, ma l'èa

INES :- "Scûsaeme s' ho dovûo fa coscì.. no l'éa pe' piggiäve in gïo, mal'èape' poei travaggià. Bonn-a seia"

BASTIAN  :- "Eh, bza, buenas tardes...veuggio dì bonn-a séja e m'arraccomando o cacatua!"

INES           :- "Scignorìa" (esce)

BICE          :- "E parla a moddo, parla"

BASTIAN  :- "Se vedde che no ti te n'accapisci comme mi. O cacatua a l'è 'na razza de pappagallo, quelloche gh'ha a Scià Pilucchi"

SCENAIXVIII

(Bastian- Bice – Massimo)

(suonano alla porta)

BICE          :- (suonano alla porta) "A saià torna ..l'equadoregna… zeneize,.. mMa a mando aspigòà"o maeximo (apre ed entra Massimo)"Che sorpreiza!.." (scherzando) "Mia che o stocche no te l'ho ancon preparòu"

MASSIMO :- (allegro) "Ciao a tûtti"

BASTIAN  :-"Comme t'è allegro.. T'han aumentòu o stipendio?"

MASSIMO :- "Son allegro perché ho riçevûo notissie de mae seu"

BICE          :- "A Patrizia?"

MASSIMO :- "Che mi sacce gh'è solo quella"

BASTIAN  :- (semiserio) "A sta ben?"

MASSIMO :- "A sta ciù che ben..… as'è sposà inAmerica"

BICE e BASTIAN:- "Sposà?!"

BICE          :- (col magone) "Ma..… ma coscì..… senza dïne ninte.."

MASSIMO :- "Nov'ho dïto ninte perché ghe l'aveivao promisso"

BASTIAN  :- "Ma chi a l'ha sposòu?"

MASSIMO :- "Ûn mëgo"

BICE          :- (triste) "Baccere…Adreitûa ûnmëgo!?"

BASTIAN  :- "E quande l'èstaetoûccesso?"

MASSIMO :- "Quattro meixi fa"

BICE          :- "E ti neo dïxi solo òua?"

BASTIAN  :- (con lo sguardo a terra, serio) "A ne scrivià armeno?"

MASSIMO :- "A faià de mëgio,.. a veu che o figgieu ch'a l'aspëta o nasce a Zenain Italia, a Zena"

BICE          :- "Ûn..… figgieu?"

BASTIAN  :- "Ma che sprescia"

BICE          :- "E.. quande a l'arrivià?"

MASSIMO :- "Quande?  SMa sûbito.. stan montando e scäe: Màjo e moggé" (apre la porta ed esce)igenitorivanno sul ballatoio)

BASTIAN  :- (va sul ballatoio e rientra subitorientra barcollando, sorretto dalla moglie, scura in viso)

BICE          :-  "No t’emozionà bell’ommo cäo… assettite”

BASTIAN  :- “Bice… o màjo… omàjo da Patrizia…”

BICE          :- “E ben?”

BASTIAN  :- “No… no… no l’è poscibile…OO  l'è...o l'è…DE COLORE!" (si accascia svenuto sulla sedia mentre Bice si mette le manial volto)

MASSIMO :- (facendogli vento) “Papà… ma no t’éi antirazista?…”

 

SI CHIUDE RAPIDAMENTE IL SIPARIO

F I N E

SI CHIUDE RAPIDAMENTE IL SIPARIO

F I N E

sale, poi rimescola e chiude la pentola. A Teresa, con ironia) "A l'è za sciortîa?"

TERESA      :- (stupita) "Ma.. ti a sae za?"

BICE            :- (un po' spazientita) "Cöse?"

TERESA      :- "Ch'a l'è sciortîa"

BICE            :- "Ma chi?.. Mia Terre.. dinni quello che t'ha da dï che femmo ciù fïto"

TERESA      :- "A Jolanda.. a l'è sciortîa da l'ûspià!" (appare trionfante)

BICE            :- "Me fa piaxei pe' quella zovena.. A Mariëtaa.. ti sae quella ch'a sta infaccia. a-o de là do caruggio, a m'aveiva contòu ch'a probabilmente l'aveiva di diverticoli a l'intestin.. pövia donna.. coscì novena"

TERESA      :- (gongolante e malignetta, mima un rigonfiamento della pancia) "Ciammimeli.. <diventerticoli>! "

BICE            :- "Diverticoli. e poi no capiscio.. cöse t'intendi dï?"

TERESA      :- "O l'è 'n segreto.. No o sa nisciûn ma.. a quante ne so.. a l'éa incinta!"

BICE              :- "Figûrite.. l'è tanto ch'a l'aveiva di dolori..Seu moae a me dïva che dai raggi no accapivan o motivo di seu destûrbi.. Comunque son cöse delicae  e l'è mëgio ëse prûdenti e no parläne con nisciûn.. tanto poi a veitae a ven a sempre a galla"

TERESA      :- "Ho anche sacciûo ch'a l'è molto delicà in to mangià.. ha l'ha di problemi.. a no peu mangià ätro che.."

BICE            :- (interrompendo e andando sveltamente verso la cucina) "O menestròn!"

TERESA      :- "Ma che menestròn.. solo in gianco e .."

BICE            :- "O mae menestròn.. a sta a ciacciarà o me se stava attaccando tûtto"

TERESA      :- "Bice.. l'ho dïto solo a ti e.. m'arraccomando eh?"

BICE            :- "Tranquilla"

MARIËTA:- (dalla finestra di fronte, non visibile al pubblico) "Biceee!"

BICE            :- "A l'èa vöxe da Mariëta" (apre la finestra) "T'è ti Mariëta?"

MARIËTA:- "Scì, son mi. Ti a sae l'ûrtima?"

BICE            :- "No..no veddo l'òoa de saveilo.. tanto a quest'öa no so cöse fa"

MARIËTA:- "Voeivo dighe che a Jolanda a l'è sciortia da l'ûspia"

TERESA      :- (ha un gesto di stizza mentre Bice la guarda con sarcasmo)

BICE            :- "E ti comme ti l'è sacciûo?"

MARIËTA:- "Me l'ha dïto a Terre. M'arraccomando, fanni mostra de no saveilo"

TERESA        :- (a disagio) "Bice te lascio perché t'hae da fa.. ciao" (esce sveltamente)  

BICE            :- (fa un cenno di saluto e continua a parlare dalla finestra) "Grassie de l'informazion. Ma se ti crìi da-o barcon o saià 'n segreto de Pulcinella. Ciao"

MARIËTA:- "Asp (richiude la finestra. Va ad assaggiare il minestrone) "Saià mëgio che gh'asmorte"

SCENA III


[1]Gariccio- gioco da ragazzi con bilie o alle bocce ,che devono andare in apposite buche

[2] Grattacû –seme della rosa canina

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno