‘O cardillo ‘e Tummasino

Stampa questo copione

‚ÄėO cardillo ‚Äėe Tummasino

‚ÄėO Cardillo ‚Äėe Tummasino

commedia in tre atti di Vincenzo Di Giovanni


PREFAZIONE

La commedia è ambientata negli anni '60, un periodo di ricostruzione e riorganizzazione che seguiva il fardello del dopoguerra; un momento fiorente dunque che, però, non aiutò tutti: alcuni per mancanza di capacità ed altri per le sfortune della vita, rimasero ingoiati dall'uscente crisi. Tra questi il caso di un artigiano, personaggio segnato dagli anni e con scarsa attitudine al lavoro...

Prologo:

Costretto, per la cattiva gestione, a chiudere la falegnameria (tra l'altro, ben avviata dal padre, un uomo di  carattere che morì durante le famose 4 giornate di Napoli), Geppino Palumbo non riesce a riemergere in alcun modo e vive, arrangiandosi, con piccoli lavori eseguiti nel suo stesso domicilio che, purtroppo, non gli fruttano nemmeno lo stretto necessario.

La sua situazione diventa ancora pi√Ļ grigia quando, per rimediare le materie prime alla propria attivit√†, si indebita con Ferdinando; uno spietato usuraio che, con ripetute minacce, gli rende impossibile l'esistenza.


Personaggi in ordine di apparizione

RAGAZZINO bricconcello

l'OPERAIO Elettricista

GIOVANNI, il portiere

FERDINANDO, usuraio

LUIGI, nipote orfano ospite in casa Palumbo.

MARIA, moglie del portiere (voce interna)

GEPPINO Palumbo

ASSUNTINA, figlia di Geppino

DONNA FORTUNA, vedova del piano di sopra

DON RAFELE Punto, pretendente di Assuntina.

CARMELA, moglie di Geppino.

GIGINO Russo, fidanzato di Assuntina.

COMMISSARIO Zeppa.

MICHELE Dalbene, benefattore.



primo atto

La scena si svolge all'ingresso di un palazzo in Via S. Caterina da Siena dove abita da anni la  famiglia Palumbo. All'interno, sulla parete a sx, ben visibile l'atrio con la guardiola del portiere; sullo sfondo, a dx, s'intravedono le scale che portano ai piani. Il boccascena funge da strada, di tanto in tanto passano viandanti o biciclette.

Su una parete esterna del palazzo (a dx guardando la scena),  accanto al palo di un lampione, poggia una scala lunga che scompare verso l'alto; vicino ad essa lavora un   operaio dell'Enel (cerca di riparare un corto circuito al lampione) mentre un bambino gli gironzola intorno infastidiendolo....

OPERAIO: E vide si se ne va.... (il bambino continua incurante)  ...T’agge ditte puose 'a pinza!

Nun ce sta niente 'a fà! Chest'è quanne 'e genitori sò dissamorati... Primme fanno 'e figli e po 'e ghiettene miez’’a via (pausa). Se ne 'mportano addò vanne jenne..., basta c'a se levene 'a 'nanze.... (il bambino sale sulla scala pericolosamente)

Uhe! Stu piezze 'e caliotte! (gli da uno schiaffo sul sedere e lo fa scendere)

Vuò vedè comme t'he fà male ?

BAMBINO: (quasi piangendo) Stu ciuccione accussì gruosso, se mette 'ncuolle 'e piccerille.... vulevo vedè si ce steve papà!

OPERAIO: Manneme a patete, mammeta...

Manneme a chi vuò tu, basta c'a te lieve 'a 'nanze 'e piede mije!

Ah! E questo che cos'è! (riprende a lavorare)

BAMBINO: Va bbuò, me ne vaco, ma diceteme sule 'na cosa...

pure 'a Dummeneca state 'e chesta manera ? (scappa)

OPERAIO: (di scatto, quasi a rincorrerlo, poi trattenendosi) Stu scustumato. Guardate nu poco che addariggio..!  (riprende il lavoro, poi borbotta) ...nu quarto d'ommo...

(tutto questo accade mentre Giovanni il portiere, nei pressi della guardiola, discute con Don Ferdinando. I due, che fino ad allora hanno solo mimato una conversazione animosa, arrivano sulla soglia del portone e continuano...)

GIOVANNI: (umilmente) Ma carissimo don Ferdinando, ve sto dicenno ca nun è 'o caso 'e saglì.

Crediteme! Sulla stima che vi porto!

(spiegando) Geppino Palumbo abita qua, e qui non ci piove! ....ma pe' problemi personali, c''a io manco saccio, sta fuori casa già da quacche juorno.

...Provate domani!

FERDINANDO: Ho capito!

Sicchè voi mi assicurate che è fuori Napoli

(con apparente calma) ...On Giuvà, ascoltatemi bene: chesta è 'a siconda vota che vengo inutilmente e spero per Voi c''a nun me state piglianno in giro....

Il vostro amico Geppino...

GIOVANNI: (lo interrompe) Amico? Quello è un condòmino.

FERDINANDO: ...Il vostro condòmino, mi deve dei soldi da tre mesi ! 'Na vota s'è scordato, n'ata vota tene 'a freva, mò è partuto!...   E provate oggi, e venite domani....

(iroso) Io me songo scucciato di essere pigliato pe' fesso...  Avete capito !

Appena lo vedete, ditegli c'a 'o tiempo è scaduto e che me stanno prurenne 'e mmane.

(allusivo) Riferite, a isso e pure a chille c'a 'o cummoglieno! (si avvicina minaccioso)

E ricurdateve c'a quando vaco 'nfreva se chiurene l'uocchie e votto mazzate 'a cecato! (nella stizza afferra la scala sulla quale  sta operando l'operaio che, quasi perdendo l'equilibrio, impreca) (puntualizzando) Arricurdateve!    …Statevi bene! (via per la strada).

GIOVANNI: (si toglie il berretto) Ossequi don Ferdinà, ossequi. (Preoccupato) Ma vedite nu poco, vedite nu poco!    Cà và a fernì c''o posto d'abbuscà isso, abbusco io.

Quello me l'ha detto chiaramente!   Che situazione! …Mò, comme m’aggia spartere!

(pausa di riflessione) Chillo nun 'e tene! Comme fà! M'addò 'e piglia!...(venendo fuori al portone e lanciando, per caso, uno sguardo all'operaio)

...vedite nu poco che guaio aggia passà !

OPERAIO: (pensando si rivolgesse a lui per il frastuono provocato durante il lavoro) Guardate ca 'o guaio l'aggia passato io!

GIOVANNI: Pecchè ve vò vattere pure a vuje ?

OPERAIO: Chi?

GIOVANNI: On Ferdinando?

OPERAIO: Ma che state murmulianne né…  Mò me vulite pure sfruculià?

GIOVANNI: Ma chi, io?

OPERAIO: No, e allora chi? Ca stamme sulo io e voi!  

(con sarcasmo) ....Chesta è a fatica mia… Il mio lavoro è rumoroso e io nun ce pozze fa niente!

GIOVANNI: Embè, e che tengo 'a vedè! …Facite rummore

...Sfruculiavo juste a isso!

OPERAIO: (minaccioso, poi dominandosi) Voi continuate!...

Insomma, v'avessa dà 'o riesto appriesso?

GIOVANNI: (c.s.) Neh, ma 'o riesto 'e che?

E voi vi state agitando tutto quanto!   E calmatevi nu poco!...

OPERAIO: Calmatevi! Vuje avite cuminciato!

GIOVANNI: Io?!?

OPERAIO: Ma come non mi avete detto:

- guardate che guaio aggia passato!

GIOVANNI: Ahaaa! Ora ho capito! Guardate che ve site ombrato! …Non ce l'avevo con voi! Quelli sono i tarli che ho per la testa… Mi fanno parlare da solo (pausa).

OPERAIO: Ah, ecco! …Parlava cu’e tarli!

E c’aggia dicere io? Cu chi n’aggia parlà? …per quello che avete combinato!

...qua il guaio vero lo sto passando io solo!

GIOVANNI: Mo nce facimme natu duetto!

Ma comm‚Äô√® ca state ‚Äėnquartato ‚Äėe chesta manera?

Voi stammatina siete arrivato così tranquillo...

Ci abbiamo preso nu bellu cafettuccio….  Pieno di zucchero…

OPERAIO: E ggià! …Mi avete dato lo zuccherino… E’ vero?

(vede che l’allusione non scalfisce e quindi riprende) Ma pecchè non l'avete ancora capito?

GIOVANNI: No!... Non l'ho capito!

(esitante)  C'era da capire,...allora!

OPERAIO: E' certo!

GIOVANNI: Veramente? Guardate...!

No, pecchè io me pensavo c'a accussì ireve fatto...

Sapite uno si inquarta, po se squarta....

(la risposta l'ha insospettito, così inizia a preoccuparsi) Bene, bene...  C'è una raggione!...

OPERAIO: E si... se squarta... Iamme ‚Äėo maciello (pausa) La raggione c'√®!

GIOVANNI: Ah! …c’è!

OPERAIO:  Eh! (pausa) Stammattina, quando sò stato cumannato,

stevo là là pe smuntà da una faticosa nuttata e me ne turnà a casa.

Quando...una segnalazione: ‚Äúcorto circuito a nu lampione‚ÄĚ.

GIOVANNI: Questo qua?

OPERAIO: Esattamente! Aggio ditto: - ‚Äúva bbu√≤ ci vado!‚ÄĚ

anche pe nun me mettere a tuzzo c'o principale; ci’agge ditto:

- ‚Äúvuol dire che rimando di un'altra mezz'oretta chilli duje servizielli...‚ÄĚ

GIOVANNI: Embè, vuje state ccà già 'a doje ore?

OPERAIO: E ggià, da due ore !...

E secondo me aggia venì pure domani, se considero 'o pasticcio che ho trovato là sopra!

GIOVANNI: Overamente? E che avete trovato?

OPERAIO: Pecchè, voi non sapete niente?

GIOVANNI: (fingendo) No! ...Ma che cosa?

OPERAIO: L'alimentazione d'o lampione! 

Nientedimeno ce stanno 'na catasta 'e fili che, facenno ponte tra di loro, portano 'a currenta  chiossà a quanti ccase!

…Stu lampione?

Stu lampione era addivintato 'a succursale sconosciuta da centrale elettrica!

Va truvanne 'o corto circuito! 

...Chillo, per lo sforzo sostenuto, s'è appicciato tutte cose!

GIOVANNI: Gies√Ļ, voi che dite?

Allora, se ho capito bene, dinte a stu palazzo.... s'arrobbano 'a currenta ?

OPERAIO: ...e già, s'arrobbano a currenta.

GIOVANNI: (incredulo) Vedite nu poco, vedite nu poco!...

E sti fili addò vanno a fernì ?

OPERAIO: Un pò dovunque!

Anzi, uno pare che porta giusto giusto al vostro quartino (lo indica).

GIOVANNI: Ma che ghiate dicenno!…

(poi, dando un occhiata al soffitto del palazzo) Ges√Ļ, Ges√Ļ, √® o'vero!¬† Guardate!

(si veste da estraneo e dopo una pausa di riflessione) Vuò vede c'a forse è proprio pe chesto c'a pagamme nu sacco 'e soldi 'e luce. …Abbasta c'a nun s'o pigliano pure a me!

OPERAIO: A certo… può anche darsi. (poi,con ironia)  Ma questo lo possiamo subito stabilire... Chiammamme a nu brigadiere,  trasimme insieme a casa vostra e, in pochi minuti, stabiliamo la funzione c''a svolge stu cavo.

GIOVANNI: (tra se) E' chello ce mancasse sulo chesto !

(all'operaio con garbo) Va bbuò lasciamo stare.

Quello può darsi che l'inquilino che abitava prima di me facette quacche "marcingegno" a mia insaputa...  ...e va a fernì che io pavo 'a scialata!

OPERAIO: (ironico) Guardate comme se passano 'e guaje!

GIOVANNI:(capisce che è meglio evitare discussioni) Non vi preoccupate!

Vi garantisco che doppe, piglio 'o scaletto, e lo stacco con le mie mani.....

OPERAIO: (sorrisino ironico) Se è per questo non c'è n'è bisogno.

L'aggio già disattivato!

GIOVANNI: ...E io vi ringrazio!

OPERAIO: ...purtroppo, il tempo mò lo perderò per staccare gli altri!

GIOVANNI: Overo!... embè vulisseve 'na mano? Sapete, io songo abbastanza  pratico!

OPERAIO: (arrabbiandosi) ma allora nun me songo spiegato?

'E mane ll√† vvicino nun l'avita mettere cchi√Ļ! (pausa)

E’ pratico! E’ pratico ...Po dicite che sono nervoso? ....vuje me facite innervosì!

GIOVANNI: E che vi debbo dire:... avete raggione!

(lunga pausa) Ma mò che state facenno?

OPERAIO:(seccato) E vide si se ne và!

Aggia vedè o no se veramente s'o tutti cavi clandestini?...

Si nun ve ne ghiate levo 'na cosa pe n'ata!

(pausa, poi riprendendo) ...E pure fernesce c''a per non fare la spiata, e nguaià a quatte-cinche famiglie ccà dinte, nce vaco a fernì io pe sotto!

GIOVANNI: No, pe carità! Vedite buono 'e fatti vostri!...

Anzi, scusatemi pe l'arroganza, io nun 'o sapevo…

OPERAIO: Va bbu√≤, va bbu√≤! ...M√≤ levatevi 'a ‚Äėnanze e faciteme risolvere stu 'mpiccio...

Doppe tengo che ffà !

GIOVANNI: Qualsiasi cosa...

(rientra nella guardiola borbottando tra se...) Amma fernuto 'e fà ! 

Mo ci'amma sta accorte pure 'a luce...

LUIGI: (nipote orfano che da qualche anno soggiorna  dagli  Zii Palumbo, scende dal vano scala) Don Giovanni bello!

GIOVANNI: Uè guagliò! Guarda llà, guarda.

Bello frisco frisco...eh, come √® bella la giovent√Ļ!

LUIGI: On Giuvà ma qua frisco, frisco.

Stò ghienno a faticà e sto pensanno c’aggio fatto 'na nuttata senza chiudere uocchio!

GIOVANNI: Overo! E come mai ?

LUIGI: E' stato pe vvia 'e cierti rummori strani ca venevano 'a miez'e scale...

Comme v'essa dicere (pensa)...comme ‚Äėe na mazza vicino ‚Äėa ‚Äėna ringhiera...

Po, mieze a ventecata ca ha fatto stanotte, ‚Äėna specie ‚Äėe rummure 'e catene!

(pausa) Ma pecche nun avite 'ntise niente...

GIOVANNI: (cereo dalla paura) Ma c'aggia sent√¨! P√≤, quale viento, ca stanotte a fatto nu cavero ‚Äėe pazzo! ‚ĶM√≤ m'impressiono e bonanotte! Accuss√¨ nun saglie manco cchi√Ļ 'e scale!

LUIGI: nientedimeno!

GIOVANNI: Eh! proprio. Tu mica si 'o primmo ca me parla dè cose strane ca succedene dinte a stu palazzo!

LUIGI: Ma pecchè che altro è successo?

GIOVANNI: Quello √® nu periodo ca nun sto capenne cchi√Ļ niente! Miezo a tutti 'e guaje ca stanne succerenne dinte a stu palazzo, s√≤ accuminciate pure 'e visione da Vedova d'o piano 'e coppe.

LUIGI: Chi? Donna Fortuna?

GIOVANNI: Proprio! Quella l'altra sera, s'affacciaje do barcone, ....e chine 'e paura, me chiammaje condicenno si avevo visto uscire nu signore 'a dinto 'o palazzo.

Le dico: - No signò, di qui non mi sono mosso da stamattina....e v'assicuro che non è nè entrato, nè uscito nisciuno.

Me fa: - Maronna, che dicite! Sto tremmanne tutta quanta .

Facette na faccia bianca! Currette 'ncoppe, accussì m'arapette 'a porta e me dicette:

- Don Giovà, era nu fantasma!

...e me svenette ‚Äėmbraccio!

LUIGI: Ehe! Vuje quanto site ingenuo!

...Chella 'o facette apposta!

GIOVANNI: Ma quale ingenuo, pure io 'o penzaje.

Capirete, chella è bona! Avevo  avuto 'o piacere d'a tuccà!

Dicette tra me e me: - "chesta cio vvò" -

...Luì, in confidenza, io a mano allungaje.

LUIGI: Che vi dicevo? ....quella è una svergognata!

GIOVANNI: Ma che !?  Facette 'o cunto 'a ghì!...

Chella overo era svenuta! Nun appena se ripigliaje, me mettette a posto malamente!

(rimproverandosi) ...'Na figura 'e quatte sorde!

LUIGI: Ma voi che dite? Nun se stette ?

GIOVANNI: Ma quando mai? Addirittura, mi dovetti scusare.

Ce ricette c''a 'a mano m'era sciuliata.

LUIGI: (ridendo) Ve sciuliaje 'a mano? Certo c'a avite fatto proprio 'na figura 'e niente!

....Embè, come mai svenette, ch'era succieso?

GIOVANNI: (raccontando) Dice cha bussaje a porta stu sconosciuto e ‚Äėnce chiedette 'nu paje ‚Äėe scarpe. 'A vedova le spiegaje che viveva sola, e scarpe per uomini non ne aveva. (esce per un attimo dal racconto) Tu sai, quella, per l'impressione, ittaje tutt'a rroba do marito.

O' signore insisteva:

- vedite buono cha vuje nu pare e scarpe l'avita tenè!

Doppe nu poco 'e battibecco, 'a Signora s'arricurdaje, improvvisamente, c''a nu pare 'e scarpe nuove do marito 'e teneve aspartate e se l’era scordata de ghittà: - aspettate forze avite raggione!

Jiette dinte ‚Äėo suppigne e, 'ncoppe a tutto, truvaje 'o scatolo cu ‚Äėe scarpe scurdato.¬†¬†

'O pigliaje, ciò dette a stu signore e chiudette 'a porta.

Per√≤, dice ca quest‚Äôuomo a facette nu poco impressione, dice ca teneva coccose ‚Äėe familiare.

Perciò s'affacciaje e me chiammaje.

LUIGI: (Con clamore) Ges√Ļ, guardate nu poco !

Mo me facite impressionà pure a me....

MARIA: (Dall'interno del "Basso" con tono) Giovanni, Giovà.

LUIGI: E va bbu√≤ me ne vado, se fatto tardi e chi ho sente ‚Äėo masto.

Vedete, ca ve sta chiammanne vostra moglie!

Statevi bene...e nun v'impressionate! (via)

MARIA: (c.s.) Giovanni…

GIOVANNI: (con tono) che c’è!?

MARIA: …Ma è mancata 'a luce?

GIOVANNI: (verifica accendendo per un attimo la luce delle scale) Nossignore!

MARIA: (come sopra) Embè, comme se spiega stu fatto?

'O cuntatore sta aizato per√≤ ‚Äėe luci nun s'appicciano !

GIOVANNI:(riflettendo, poi ricordatosi della ragione del guasto  e notando che l'operaio avrebbe potuto ascoltare,  con tono basso) Uè, cala 'a voce!

MARIA: (incurante) Pecchè nun fai vedè nu mumento all'elettricista che sta lloco fore?

GIOVANNI: (si precipita dentro per dare spiegazioni) Tagge ditte "Statte zitta!" 

(ritornando fuori)  'E vvote 'a faccio proprio scema.... (inizia a spazzare)

GEPPINO: (dal vano scala interno al palazzo, si tiene nella penombra mostrando diffidenza nel venire fuori. Con voce roca, bisbigliando...)  Psss! Pssssss! Giovanni, Giovanni!

GIOVANNI: (Si guarda intorno, poi preoccupato, alza la ramazza e parlando a vuoto con voce tremula)  ...Chi è?! Che volete!?

(capta la provenienza del bisbigliio e, non  avendolo riconosciuto, sta quasi per colpire Geppino).

GEPPINO:  Uhè, Giovanni fermo! Sò Geppino  (lo blocca).

Ma ch'è stato! Ve fussene scemunuto ?

GIOVANNI: (ancora tremante) Geppino!

Puzzate passà mai niente! Ma che scherzi sono questi ?

GEPPINO: (resosi conto di averlo spaventato) M'avita scusà...

Guardate!? Quello stà  sudando freddo!

(Prende la sedia dalla guardiola) Sedetevi! Mi dispiace....

GIOVANNI: Vi dispiace?

...Nu mumento, e v'arapevo 'a capa!

GEPPINO: Ma pecchè po tutta sta paura?

GIOVANNI: Ma comme!? Vuje facite a voce 'e l'oltretomba....

Me pensavo c'a era 'o Munaciello.

GEPPINO: Sii! Pecchè vuje po, 'o Munaciello, 'o pigliaveve c'a mazza?

GIOVANNI: Ma io che ne saccio...! Stamattina a jurnata   già è cuminciata storta.... 

Vuje ve mettite a pazzià....

(spiega) Me credevo fosse tornato 'o fantasma.

GEPPINO: 'O fantasma?

GIOVANNI: Sissignore! 'O fantasma.

Mò, vedite, basta niente c''a subbito m'impressiono...

E mentre sta per dare spiegazioni a riguardo del racconto del fantasma, nota che il suo interlocutore non lo ascolta  affatto; ha assunto, invece, un atteggiamento guardingo,e si fa scudodi lui, anche se poi vorrebbe dare altra impressione.

Giovanni, così, si ricorda dell'irascibile Don Ferdinando e intuisce che il povero Geppino teme che lo spietato usuraio possa sopraggiungere da un momento all'altro.

GIOVANNI: (alzandosi come ripresosi improvvisamente dallo spavento)

Se, seh! 'A nu fatto ascimme a nate.

M'ero quasi scurdato di quello che vi dovevo dire.

GEPPINO: Che cosa?....'o fatto d'o fantasma ?

GIOVANNI: Eh, proprio accussì!

'O fatasma che ve stà facenne piglià paura mò...

(Geppino finge di non capire) Sto parlanne 'e on Ferdinando  Geppì...

...Guardate, nun v√≤ voglio ripetere cchi√Ļ.

Sta storia adda fernì!

E' inutile c''a facite  finta 'e nun capì! (pausa)

Ma dico io, si amm’ abbuscà tutt'e dduje, nun è meglio ca abbuscate soltante vuje?

Io che ci'azzecco che mazzate voste!

GEPPINO: (impaurito) Ma pecche che stato?

GIOVANNI: Eh, ch’è stato.... E' turnato a venì!

GEPPINO: (con un nodo alla gola) On Ferdinando?

GIOVANNI: In carne ed ossa! Anzi pi√Ļ carne che ossa!

Saranno, ...una diecina di minuti.

GEPPINO: 'E visite se stanne facenne cchi√Ļ insistenti.

(con riflessione) Chiste nun v√≤ sap√® cchi√Ļ raggione!

GIOVANNI: Proprio accussì!  Geppì, stavolta 'o veco deciso!

...Chillo, vuleva saglì pe forza!

GEPPINO: M√≤, vuleva addirittura sagl√¨ ‚Äėngoppe?

GIOVANNI: Sissignore..., ma gli ho detto c'a nun ce stivene.

Che siete partito e che forse rientravate domani.

GEPPINO: (disappunto) Ma comme! …Dimane?!

GIOVANNI: (tentennante) Ho detto ‚Äúforse‚Ä̂Ķ

...E che dovevo dire?

GEPPINO: Non lo so..., torna tra un mese, tra un anno... forse nun torna cchi√Ļ! ...E che diamine !

Assuntina, è scesa per parlare col padre. Due occhi grandi e lo sguardo profondo, la sua incantevole presenza nasconde l'umile vestitino che indossa. Il suo passo deciso diventa lento e morbido mentre, nell'avvicinarsi ai due, carpisce il dialogo senza farsi scorgere.

GIOVANNI: Sentite, ma state pazzianne o facite overo?

Quello già se nè quasi accorto c'a sto dicenne tutte fesserie!

E chi sà qua vota 'e chesta acchiapparraggio nu paliatone mai visto.....

Io, ve st√≤ cummiglianno solo pecch√® site na brava persona.... Che pozze fa cchi√Ļ?

GEPPINO: (abbassa la testa umiliato)   ....Avete raggione! Scusatemi!

‚ÄėA verit√† e che nun ce sta nisciuna possibilit√†‚Ķ Non ci sono altre fonti...

'A mio nipote che pozze chiedere cchi√Ļ.

Quello, già  è troppa la sua collaborazione...

Poi, prima o poi s'adda spusà e i soldi servono pure a lui.

GIOVANNI: Certo, scusate se mi permetto, ma vuje state bello ‚Äėnguaiato!

...E' 'na situazione molto difficile! (pausa)

Ma st'attività vostra nun assicura proprio niente?

GEPPINO: Macchè! Chella 'a puteca, come voi sapete, nun ghieve bona, me l'avetta levà;

...Mò, nun faccio altro che arrangiarmi cu cocche piccolo serviziello a richiesta. Lavoretti che eseguo stesso a casa...

Ho cercato pure lavoro fuori...

Ma dite voi, chi me piglia!...Ormai l'età è chella ch'è.

Figuratevi che andai perfino a parlare addu Donn'Alberto, 'o masto 'e mio nipote!

Ce dicette c'a tenevo anni di esperienza in mobilio e arredamento; ma nun c'è stato niente da fare!.... Quello, sapete addirittura che mi rispose?

- Che già mio nipote Luigi assoperchiava!

Avite capito che m'avevena sentì e dicere sti rrecchie!

Mio nipote, c'a arape 'e locali 'a primma matina e li chiude a tarda sera; carica ll'ordini de clienti ncoppe 'e camion; se preoccupa da contabilità e tratta perfino con il pubblico.

GIOVANNI: Fa tutte chesti cose?! ...Guardate!

GEPPINO: E chella meza cazetta ma ditto "che assoperchia!"

GIOVANNI: ...Quindi, nun ‚Äėo pava nemmeno buono?!

GEPPINO: E che vi credete!

Dopo la scuola che gli ho fatto: pecchè nella mia falegnameria, non per dire, se 'mparai uno di tutto; l'avessa pagà, senza esagerare, tre vote tanto !

GIOVANNI: Ges√Ļ, va capisce 'a ggente!

ASSUNTINA: (Interrompendo, dando a credere di essere giunta solo in quell'istante)  Papà....

GIOVANNI: Signorina!

GEPPINO: (nasconde il suo stato d'animo) Uhè Assuntina mia! Ecco, on Giuvà, questa è la cosa che m'è riuscita meglio!

La vedete? …Questa è la speranza!

Con la bellezza che si ritrova, amma sperà solo che trova un "buon partito"!

(ad Assuntina) Ch'è successo a papà?

ASSUNTINA: Siccome Luigi si è dimenticato la colazione (gliela porge in un sacchetto), la mamma ha detto che dovresti portargliela un'attimo tu.

GIOVANNI: (con tono secco) Ah !

GEPPINO: (stesso tono)  Ah!

ASSUNTINA: (affermando) Eh!

GEPPINO: ...Non è possibile!

GIOVANNI: Non è proprio possibile !

GEPPINO: Oggi non posso uscire. …Nun c'e può gghì tu nu mumento, a papà ?

ASSUNTINA: Non te l'ho avrei proprio chiesto!

Tengo ‚Äėnu provino per un lavoro, non voglio correre 'o rischio di fare tardi.

GEPPINO: (richiede a Giovanni con uno sguardo, ma ottiene un cenno di rifiuto).

(rassegnato) Ho capito, ci'aggia jì afforza io...

Va bbuò, permettete! (via tornando verso le scale interne).

ASSUNTINA: Ma addò vaje? La colazione 'a tieni ggià mmano.

GEPPINO:(mentre sale le scale) 'O saccio, vaco a piglià 'o cappotto

ASSUNTINA: Cu stu caldo?

GEPPINO: (dalle scale) ...tengo 'e brividi 'nguolle (via)

GIOVANNI:  Eh, pover'uomo! Sta troppo preoccupato!

Piccerè cerca e te da 'a fà, vedi di trovare un rimedio,  che saccio: un lavoro "reumativo".

Cerca di sollevare  un pò la famiglia  e soprattutto, il "moralismo" di tuo padre.

ASSUNTINA: E me lo venite a dire juste a me?

Avete sentito dove sto andando!....

GIOVANNI: Ho sentito, ho sentito... e speriamo sia la volta buona...

ASSUNTINA: Lo spero anche io! Pure mammà sta molto agitata. Benchè i miei fanno di tutto per nascondere la precaria situazione, il loro stato d'animo li condanna.  (pausa)  ...Pò so scema.

Purtroppo si vive con patemi e paure, e io non sopporto pi√Ļ di vederli in quello stato.¬†¬†

...Se non so bene quanto serve un sostegno: v'assicuro che sarei anche disposta a fare i lavori forzati

GIOVANNI: Eeh! ...che brutta situazione!

GEPPINO: (Scende con un cappello in testa ed il soprabito che lo copre fino e sotto agli occhi, esce dal portone e senza fermarsi) Piccerè, mi raccomando, fai cose buone. 

On Giuvà, "spero" di rivedervi fra un quarto d'ora.

GIOVANNI: Arrivederci ! ...lo spero anch'io.

ASSUNTINA: Ma c'adda ji' in Siberia ?

GIOVANNI: (smorfia di disappunto, riprendendo) Ma in quella sartoria, dove lavoravate prima,¬† non¬† andate¬† pi√Ļ?

ASSUNTINA: No! (abbassa la testa) Mi sono licenziata!

GIOVANNI: Ma comme, cu chisti chiare 'e luna?

Quello, per detta di vostro padre, pagava benino...

Forse il lavoro era troppo sacrificato?

ASSUNTINA: No...

GIOVANNI: Troppo lontano?...

ASSUNTINA: No...

I due non si avvedono che, presso la soglia d'ingresso  del palazzo è giunta Donna Fortuna, la vedova di cui si parlava poc'anzi. Porta con se diverse buste con la spesa appena fatta, le posa per recuperare le forze e raddrizzarsi e, a loro insaputa, ascolta...

GIOVANNI: e allora?

ASSUNTINA: Sapete, gli chiesi un piccolo aumento...

Chillu rattuso e zozzo sapete che mi disse: - "vediamo cosa si può fare..."

...E così, mi mise una mano sul fondoschiena.

GIOVANNI: Nooo!? ‚ÄúAdderete!‚ÄĚ

ASSUNTINA: Eh! ....Il signore aveva sbagliato palazzo!

GIOVANNI: Io nun aggio idea!  Che zuzzuso d'omme!

DONNA FORTUNA:(Portamento giovanile e piacente, frequenta un benestante Commerciante di Firenze: uno scapolo anzianotto che, spacciandosi per lo Zio, spesso viene a trovarla. La sostiene economicamente al punto da permettergli diversi lussi) ...E ggià!

GIOVANNI  E  ASSUNTINA: Buongiorno!

DONNA FORTUNA: Buongiorno!

E' proprio vero, c'è una categoria di uomini (allusiva) rattusi e zuzzusi!

Io non dico che non si deve essere conquistatori, per carità, sinnò che sfizio ce stesse a essere femmena!

Però, un minimo di simpatia, che saccio...

di accunsentimento, dall'altra sponna s'hadda pure avè....

Invece, ti comporti civilmente....(c.s.) e a loro gli sciuliano le mani.

ASSUNTINA: Gli sciuliano?

DONNA FORTUNA: Piccerè, nun si mai jiuta dinte a nu tramme affollato?

Avvolte te capita 'e nguccià a chillo ca mano morta.

(imita l'azione) La mano penzolona, priva di vita, inizia a fare il toccheggiamento, ...che diventa sempre pi√Ļ frequente, fino a quando non si posa .

Il bello è che spesso sono pure insistenti, nonostante gli  faccia capire c'a nun'è cosa... (pausa)

Poi, mai qualche pezzo d'uomo, bello e deciso...

Ah! perlomeno con soddisfazione!

GIOVANNI: (con ironia) Scusate, così per curiosità!

…Quand'è che un uomo adda essere deciso?...Diciamo così: sicuro di non sbagliare?

DONNA FORTUNA: (tono scontroso, poich√® ancora risentita per il passato) Nu bellu guaglione, ‚Äúcon peso e misure!‚ÄĚ tene¬† nu cuofeno di probabilit√† di successo!

E...comunque, quando 'a femmena ci'o vvò, 'o fà capì!

GIOVANNI: (si tocca il mento) Ah ecco! Sicchè nu bellu guaglione... Diciamo così: tiene il lasciapassare?

DONNA FORTUNA: Diciamo che è forte di un probabile successo! …Ma non è il caso vostro!

Va bbuò! (guardando l'orologio e riprendendo  parte delle buste) Mò è meglio c'a me movo. Stasera vene zio Tonino da Firenze...  Ci'aggia fa truvà na bella cenetta.

GIOVANNI: Ah! stasera viene... (accentando) "Zio" Tonino!

DONNA FORTUNA: Pecchè vi dispiace?

GIOVANNI: A me? figuratevi! …Nun me ne passa manco pa capa!

DONNA FORTUNA: Mi pensavo!...

Assuntì, bella da signora. Vaje 'e pressa?

Nun me può da 'na mano pe sistimà 'a spesa a casa?

ASSUNTINA: Veramente,… ho fatto già molto tardi….e

GIOVANNI: Ghiate signurì, ghiate. A Donna Fortuna ci penso io!

 

ASSUNTINA: Ah, grazie! …Scusatemi ma debbo proprio scappare.

DONNA FORTUNA: Vai vai, non ti preoccupare.

ASSUNTINA: Arrivederci! (via per la strada a passo svelto).

DONNA FORTUNA: Arrivederci! (la guarda con ammirazione) Che bella guagliona! Bella e garbata. (Giovanni, intanto, sta per prendere il resto delle buste, che la vedova non aveva ancora sollevato, ma viene repentinamente anticipato dalla stessa)

 Grazie, faccio da sola! Con permesso! (smorfia)

GIOVANNI: (con antipatia) Ma prego, prego! Anzi, scusatemi tanto! (la signora, ora con tutte le buste, si avvia verso le scale e Giovanni, di spalle, gli fa un gesto di disappunto e tra se...)Va a ffà bbene ngoppe 'a faccia da terra (...poi, entra nella guardiola).

DON RAFELE:(Personaggio ricco e di grande temperamento, conosciuto e rispettato da tutti. E' il titolare di una Società di appalti per costruzioni che, primeggiando a scapito della concorrenza, conduce gli affari spesso loscamente. Fuori al palazzo, guarda verso l'alto e scruta un pò tutta la zona, poi si accorge del portiere...)

GIOVANNI: (esce celeramente dalla guardiola, poi, riconosciuto il personaggio...)

Carissimo Don Rafele, quale onore...

DON RAFELE: Voi siete il portiere del palazzo?

GIOVANNI: A servirvi!

DON RAFELE: (Con aria fumosa, finge per carpire informazioni) Cercavo... un falegname... per affidargli un lavoro....  Mi hanno detto che qua ne abita uno.

GIOVANNI: Mi spiace debbono ‚Äúavervigli‚ÄĚ dato un indirizzo sbagliato.

DON RAFELE: Voi che dite?

GIOVANNI: Sicuro! Figuratevi se non conosco tutti i condomini. (Poi ci pensa per un attimo)  Forse, l'unico che potrebbe trattare un pò l'argomento è Geppino Palumbo...

DON RAFELE: Palumbo! …Ecco!...

GIOVANNI: Si ma tempo fa chiudette puteca!

Oggi si arrangia solo con piccoli lavori fatti stessi in casa: ...cose di vimini, che saccio... cestini.

DON RAFELE: Cestini?  ....però era falegname?

GIOVANNI: Già!?!?

(tra se) Vuò vede ca pure chiste add'avè coccose e sorde.

(A don Rafele) ...Adesso non ha pi√Ļ lo spazio e quindi si limita con dei lavori..."poco impegnativi"! E poi..., con pochi guadagni...

(ci pensa sopra) Comunque, non è in casa!

DON RAFELE: Ah, non c'è! ...ma non abita da solo.

GIOVANNI: Noho! Ha moglie, una figlia e un nipote...

DON RAFELE: A ci'ha un nipote (pausa)...e pure una figlia?

GIOVANNI: Come! Assuntina, un pezzo di figliola... (si rende conto di aver parlato troppo)

Scusate se mi permetto,¬† sapete il ‚Äúprofessionalismico‚ÄĚ del mio impiego, ma pecch√® me state facendo tutte 'ste domande su Geppino Palumbo?

DON RAFELE:  L'ho detto prima, mi serve un falegname!

(riflette) Anzi, visto che vi state mettendo a disposizione, considerando la vostra professionalità...

(tira fuori una banconota), vi dispiace se vi offro un caffè per il disturbo?

GIOVANNI: Voi mi offendete!... (prende la banconota senza esitare controlla l’autenticità e l'intasca) ...Il caffè non si rifiuta mai! (con grande disponibilità) Dunque, ...dite!

DON RAFELE: Bene! Dicevo: siccome questo Palumbo, √® un ex-falegname; e siccome, oggi, non √® pi√Ļ impegnato con la falegnameria; penso... potrebbe fare proprio al caso mio.

Io, potrei affidargli un lavoro di un certa consistenza e, soprattutto, di una certa continuità!

Per questo ho bisogno di maggiori ragguagli sulla sua persona.

GIOVANNI: Ho capito !

...E modestamente avete a che fare con un buon consultiere!

Dunque, veramente secondo il mio parere?… Avete sbagliato palazzo!

DON RAFELE:(perplesso) Come? Allora non abita qua!

GIOVANNI:  Noho, questo no! Volevo dire…

(confidenziale) Detto tra di noi, chillo, anche  se dice che era il suo mestiere, comme falegname nun è mai ghiuto niente! Chiudette puteca pecchè, è vero ca 'o locale era nu poco  pericolante; ma, principalmente, pecchè nun 'o sapeva fà!

DON RAFELE: Praticamente un falegname di "serie B".

GIOVANNI: Praticamente!

DON RAFELE: Dunque, voi me lo sconsigliate!

GIOVANNI: Io non mi ‚Äúaffiderebbi‚ÄĚ!

DON RAFELE: Ma non è che state in urto?

GIOVANNI: Ma no! Pe carità! ...Voi fate le domande e io vi rispondo sinceramente...

E poi, figuratevi! Comme persona nun se discute proprio: onesto e bravuomo, lui e tutta la famiglia.

DON RAFELE: (indaga senza far intendere la sua vera mira)

...la famiglia quindi, è formata da brava gente!

GIOVANNI: Questo senza ombra di dubbio !

don Geppino ci'ha: un nipote orfano che si ‚Äúprotica‚ÄĚ per loro in un modo incredibile, manco fosse nu figlio! Questi con i suoi risparmi, fa in modo che la barca non v√† a picco; poi ci‚Äôha una moglie, casalinga, tutta casa e chiesa e poi..., (con adulazione) una figlia, ma una figlia, che √® nu vero gioiello, in tutto e per tutto...¬† Si chiama Assuntina.

DON RAFELE: (quasi sospirando) ...Assuntina!

Deve essere molto bella...

GIOVANNI: Uhuu! Na favola! …Che vi debbo dire...,

(sotto voce) vulesse tenè venti anni mancanti!

DON RAFELE: Ho capito!  Quindi sarà pure ...fidanzata!

GIOVANNI: In verità, non credo! (riflette come se avesse intuito qualcosa)

Quella tiene 'na schiera di corteggiatori, questo sì…

Ma nun me pare che lega con qualcuno in particolare.

DON RAFELE: Credete?!

GIOVANNI: Non ve lo giuro! Però sono quasi convinto pecchè, come avete afferrato…, (si guarda intorno, poi confidenzialmente) …siccome la famiglia nun stà in buone acque, per questo il padre spera che trova a nu "buonu partito".  ...E la ragazza conosce bene le esigenze della casa...

FERDINANDO:(sopraggiunge di colpo)  Uhe!? Don Rafele amabile!

DON RAFELE: Ferdinando!?

FERDINANDO: Ma vedete che combinazione! ...Come mai da queste parti?

DON RAFELE: niente..., di passsaggio.

FERDINANDO: Avevo deciso che, pi√Ļ tardi, sarei venuto giusto da Voi...

Sapete, volevo proprio parlarvi di quella commissione di cui mi avete incaricato.

DON RAFELE: Sì! (con interesse) ....e il risultato?

FERDINANDO: Tutto a posto!...(si ferma, poi con uno sguardo al portiere lascia intendergli che è d'incomodo)

GIOVANNI: (intuisce) Scusate! Debbo rivedere delle note!

Sapete 'e cunte, 'o condominio...   Permettete! (via verso l'interno del Palazzo)

FERDINANDO: (subito dopo) E' stata deliberata!

DON RAFELE: Mi compiaccio con Voi!

FERDINANDO: All'inizio ho avuto delle difficoltà.... 

Tra i consiglieri, sapete, c'è sempre qualche moralista.… - Il verde, gli alberi che non si toccano, ecc., ecc….  Ma poi, con opera di persuasione (ridacchia) ....è rientranto nei ranghi!

DON RAFELE: Aveva dato qualche fastidio?

FERDINANDO: Un poco! Ma non vi preoccupate‚Ķ Ha mise a coda mieze 'e coscie e non ha pi√Ļ fiatato! Potete stare tranquillo‚Ķ¬† Parola di Don Ferdinando!

OPERAIO: (passa srotolando un cavo elettrico) Per cortesia vi potreste spostare?

 Debbo prendere delle misure....

(i due infastidi, si spostano di malavoglia e sostano sulla soglia del palazzo)

OPERAIO: (tra se) Acchiappe  'a chist'ati duje!...

Chist' è 'o palazzo de spicciafacenne! …Ghiamme belle, ghià!

FERDINANDO:(udendo)  Nè uè, e chedè sta confidenza!

OPERAIO: (di pari tono, minacciando con la tenaglia) Ma chi ve credite d’essere...

GIOVANNI: (fermando l'operaio, poi rivolto a Ferdinando) Aggiate pacienza, quello è un poco nervoso.

FERDINANDO: E dicitencello ca se stesse 'o posto suoje!

GIOVANNI: (portando l'operaio lontano dai due) Ma vuje overo nun ve vulite arritir√† cchi√Ļ 'a casa? (battute a soggetto)

FERDINANDO: Don Rafè scusate...

DON RAFELE: (continuando il discorso) ....Vi affidai il compito pecchè ero sicuro che sareste riuscito... E anche stavolta, le porte legali sembravano chiuse! Voi,  invece, avete trovato la feritoia per infilarvi... Complimenti! ...Avete con voi l'autorizzazione?

FERDINANDO: No! Ma se vi serve con urgenza, ve la porto tra un'oretta in ufficio.

(strofinandosi le mani) Ho da sistemare una sciocchezzuola proprio in questo palazzo....

Roba di pochi minuti (intanto dopo aver allontanato l'operaio e con la scusa di spazzare, Giovanni continua ad origliare)

DON RAFELE: Qua dentro?

FERDINANDO: Sì, un miserabile che mi deve saldare un piccolo debito in danaro. Una fesseria sapete, ma io ci tengo!

Mi sta prendendo in giro da circa tre mesi... L'ultima volta mi disse: - "state sicuro! appena me li trovo ve li dò, parola di Geppino Palumbo"!...

DON RAFELE: Ah! Palumbo?

FERDINANDO: Lo conoscete?

DON RAFELE:  (tentennante) ...Così, per caso.

FERDINANDO: ...questo "non appena me li trovo"...è durato circa 3 mesi! Don Rafè credetemi, non è per i soldi, ngoccio e niervi quando vengo pigliato in giro!

Gli voglio far capire che con me nun se pazzea!

(si volta e si accorge che il portiere sta origliando.. .e rivolgendogli la parola)

Avite capito, ...nun se pazzea!

GIOVANNI: Proprio chesto steve pensanno: 'na persona seria chillu Don Ferdinando, ..non vuole giocare (...rincasa).

DON RAFELE: Evidentemente non ha una lira.  

....Comunque, io  vi consiglierei di pazientare qualche altro giorno perchè può darsi che, proprio a questo Palumbo di cui parlate, gli affidi un lavoro di una certa consistenza.

E' facile che racimola i soldi che vi deve...

FERDINANDO: (Meravigliato) A Geppino Palumbo?!

Forse non lo conoscete come  lo conosce il sottoscritto.

(confidenziale) Quello, chiuse bottega  pecchè come falegname nun ghieve manco nu quarto 'e vino e na gassosa.... Poi, pare abbia debiti anche con altre persone.

DON RAFELE: Altri ancora!  Allora chiste sta 'nguaiato overamente!

FERDINANDO: Proprio! (ribadendo) Volete affidare un lavoro importante a quello scellerato? ...Lasciate perdere! Ditemi piuttosto che dovete fare, vi porto io da un amico di fiducia...

DON RAFELE: (lo interrompe) No, grazie! Come vi ho detto, "può darsi" che mi serva di lui! Debbo ancora decidere!...

E poi, tutto dipende da alcune circostanze...

Altrimenti mi indirizzerò altrove!

FERDINANDO: Va bene, come meglio credete!

(non riesce ad immaginare quale  presupposto possa celarsi intorno agli  interessi  per quell' uomo,  carpisce  l'esistenza di un  qualcosa che  Don Raffaele non vuole svelare e quindi cambia discorso) ...Allora vado ad assolvere subito il mio compito e archiviamo la faccenda vostra con il Comune. (Pausa poi, sicuro di accontentare Raffaele) Vuol dire che il mio problemino con Geppino Palumbo lo rimando di qualche giorno...

DON RAFELE: Ed io ve ne sarò grato!

FERDINANDO: ...Ci vediamo tra un quarto d'ora?

DON RAFELE: (guarda l'orologio, poi tira fuori dalla tasca una piccola agendina) No, tra un quarto d'ora non è possibile!

(guardando i suoi impegni) ...dunque, anche nel tardo pomeriggio... (annota l'appuntamento)

Tanto non c'è fretta! L'importante e che la cosa è andata in porto!

Ho ancora tutte le maestranze impegnate nella costruzione del  "Parco dei girasoli"...

                       

FERDINANDO: La cooperativa?

DON RAFELE: Esattamente!

FERDINANDO: Ah, mi ricordo! 'Na cosa grossa!

Embè, convincisteve 'o colono?

DON RAFELE: Convingevo? Quello il parco è quasi finito!

Don Ferdinà, quello il colono o se ne jieva….., o se ne jieva!

FERDINANDO: (sorridendo) E ggià! Una bella alternativa...

...E i tre quartini glieli avete concessi?

DON RAFELE: Tre?  ...Uno! Ne avrà uno solo! ...Forse

FERDINANDO: Uno? Tutto quel suolo per un solo appartamento?

DON RAFELE: Embè!? ...Ferdinà, l'affarista sono io!...

FERDINANDO:(Con adulazione) voi siete un portento!...

E allora quando debbo venire al vostro studio?

DON RAFELE: Nel tardo pomeriggio vi sta bene?

FERDINANDO: Don Rafè, mi sta bbene? Voi dovete solo comandare e il vostro Ferdinando si mette a disposizione!

DON RAFELE: Facciamo..., verso le sei nel mio ufficio?

FERDINANDO: Alle sei precise sarò da voi!

DON RAFELE: Così, vi darò anche il compenso pattuito (continuano a soggetto).

Intanto Geppino sta rientrando, ha già portato la colazione al nipote. Giunto sull'ala del portone, si immobilizza, ha riconosciuto Ferdinando che, all'istante, gli volge le spalle.

Si attacca al muro per non farsi scorgere, poi, pensa di scappare ma, alzando gli occhi e guardando la scala che l'operaio  al momento non sta adoperando, trova la soluzione per rincasare senza essere notato.

L'operaio che ha osservato tutto dall'inizio, dopo essere rimasto un attimo allibito, lo rimprovera con grande impeto....

OPERAIO: Ne uh√®! Ve site mpazzuto! scennite immediatamente¬† a loco ngoppo. Cos 'e pazzi! Mo pure ‚Äėa ggente d'et√†!

Io nun cia faccio cchi√Ļ, purtateme 'o manicomio... (continua imprecando e prendendo a calci tutto quello che ha davanti.... mentre cala il sipario)


secondo atto

Prime ore del Mattino in casa Palumbo, ambiente in modestissime condizioni. Sulla parete centrale  (guardando la scena): - a Sx, la porta d'Ingresso e a Dx l'accesso alle camere da letto.

Sulla parete di Dx: - (vicino al boccascena) accesso al balconcino; mentre in fondo, piccolo divano.

Su quella di Sx, invece: - porta d'accesso alla cucina (vicino al boccascena); al centro, porticina del ripostiglio; sul fondo Armadio antico alto e stretto.

Geppino entra in scena (dalla cucina) con una vecchia caffettiera; è riempita di "acqua raggia" e gli serve per conservare i pennelli utilizzati il giorno prima.

Alza gli arnesi inzuppati, li fa colare e poggia il recipiente sul tavolo. Intanto, dalla porta di accesso alle camere si affaccia Luigi, sta preparandosi per andare a lavorare: porta la camicia sbottonata, ancora  fuori  dai calzoni, e si tiene le brache con una mano.

Nota la brocca  e pensa che lo zio abbia fatto il caffè. Attende che quest'ultimo ritorni in cucina ed entra in scena con passo felpato.

LUIGI: Birbante! So' ffà a sulo a sulo...  (versa  in una tazza, beve ma non ingoia, corre verso il balcone e sputa in basso ricevendo insulti dall' operaio che lavora di sotto).

Eeh, Calma!  Che succieso! Vi chiedo scusa! 'O soltanto sputato... (diverbio tra i due) Comme!...

Uh mamma mia!... E state sempe 'e 'na manera....

Ma quant'anni pensate 'e campà... (ascolta)

Si, sii (minaccioso) ...E io scengo, ve  pensasseve c'a me mettesse paura....

(rientrando)  Iih comme stanne a primma matina 'a gente!

GEPPINO:(dalla cucina, in mano pennelli e barattolo di vernice)  Ma ch’è stato?

LUIGI: Ch’è stato?

Stammatina avite decise 'e m'assassinà, cu chella zoza di cafè c'avite priparato.

GEPPINO: 'O cafè?  ....Quale caffè?

LUIGI: Chello che stà dinte a sta cafettera!

GEPPINO: Guagliò, ma quale cafettera!  Me vulisse sfottere! Quello è nu recipiente viecchio che io uso per nun fa secca 'e pennielli sporchi di pittura (cala un pennello nel recipiente)

LUIGI: Pittura?

GEPPINO: Già, pittura nera! Serve pe' tegnere chilli cesti.

LUIGI: Uh, Gies√Ļ! Pittura? (sputa pi√Ļ volte)

Mamma mia! …Me sente male! (dopo pausa) ...e sta' rrobba se po' bevere?

GEPPINO:(ironizzando) A pittura? …Comme! Quella è una specialità!

LUIGI: Noo, dico…, nun pò fa male....

Vedite, sullo scatolo che c'è scritto?

GEPPINO:(legge sul barattolo) No, Noho! nun te preoccupà! Puoi stare tranquillo.

LUIGI: Perchè?

GEPPINO: Dunque, qua dice (leggendo) - se conservata bene scade tra due anni...

LUIGI: 'O zi nun pazziate! Io me sento e venì meno, me sto preoccupanne seriamente

GEPPINO:(serio)  Ma pecchè, overamente te l'hè bevuta?

LUIGI: Nun 'o saccio! Che sarrà stato..., nu surzo!

'O riesto l'aggia sputata tutto 'ncape all'operaio che stà faticanno c'abbascio.

GEPPINO: Chillo da luce?

LUIGI: Eh! ...chille vicino 'o lampione.

GEPPINO:(imprecando) Proprio a isso! ...mannaggia!

(si affaccia) ...Aggiate pacienza (ascolta)

Noo, pe carità... (puntualizzando) E' caffè...

Nossignore! ...qua pittura! ....sapite ‚Äėa macchinetta nuova. Noho‚Ķ

Qua pittura! …Il caffè è un po’ stantio… ma è caffè!

...'E scene ?! (ascolta) Ah! ...na famiglia 'e scieme! Servirò...

(tra i denti) ...lle 'e mammete.

(rientrando) Statevi bene.

LUIGI: Ca ditto?

GEPPINO: Niente,...a ditto, stateve cchi√Ļ accorte!

(osservando il nipote) Tienemente, tene 'a lengua nera!...

Viene cu me, vienete a sciacqua’ la bocca!

(stanno per andare verso la cucina) Tu pò te bevi 'a pittura.....

LUIGI:  Pecchè è normale c'a jate a mettere 'e pennielli dinte 'a 'na cafettera...

GEPPINO: Ma pecchè nun se sente addore?

LUIGI: M√≤ ‚Äėa colpa √® ‚Äėa mia! ‚ĶIo stevo ancora chino 'e suonno....

'A furtuna mia pò: - 'a pittura c'o stesso culore do cafè!

GEPPINO: Siente a me, si accussì fesso ca si fosse stata vernicia lucida,

tu te credive ch’era fatto 'o thè...

Chille songhe mesi c'a nun se fa cchi√Ļ caf√® dint'a sta casa...

Oh ghieve truvanno stammatina!

Viene cu me, viene! Ben ti stà! Tu fai lo sfottitore? Eh, e oggi ti è andata male!

 ..."Sfutte, sfutte è rimasto sfuttuto!" (Via).

(dopo qualche secondo, suona il campanello  due volte)

 

ASSUNTINA: (Dalla camera da letto) Sii, un momento! (entra in scena frettolosamente, mentre sta per indossare la vestaglia e si dirige verso la porta...) …Eccomi!   ...Chi è?

DONNA FORTUNA:(da fuori) Sono la Signora Fortuna

ASSUNTINA:(apre) Buongiorno!

DONNA FORTUNA: Buongiorno Assuntì, tuo padre non c'è?

ASSUNTINA: Sarà in cucina! Lo vado a chiamare?

DONNA FORTUNA: No, parlo con te e lo stesso.

ASSUNTINA: Dite pure.

DONNA FORTUNA: 'O parente mio di Firenze,  Zio  Tonino, tra qualche giorno se  n'adda turnà!

Mi ha chiesto se tuo padre ce po' preparà nu cassone di legno..., 'na cassapanca!

(porge un biglietto)  Ecco, vedi? Quà sopra  ci stanno le misure.

ASSUNTINA:(leggendo)  Un metro  e novanta,  per settanta,  per....

(riflettendo) Adda essere accussi grossa?

DONNA FORTUNA: Ve faccio abbuscà qualche cosa 'e sorde!... No?

Però mi raccomando, massimo tre giorni e l'adda consegnà! 

Capirai..., quello poi se ne deve ritornare a Firenze.

ASSUNTINA: Signora Fort√Ļ non vi preoccupate, ce faccio io ‚Äėa 'mmasciata.

DONNA FORTUNA: Grazie! Eh, sì proprio na bella piccerella!

E poi, secondo me, tieni anche l'animo buono.

Vedi, io sono convinta c'a chi tene l'aria funesta, sotto sotto, è pure cattivo....

Facci  caso, tutti quelli che non hanno un animo quieto, lo tengono scritto in faccia!

Tu, sicuramente tiene nu core pieno di sentimenti!

ASSUNTINA: Signò, stamattina tenite genio e me sfottere...

DONNA FORTUNA: No, dico seriamente! Io ti stimo molto!

Anzi..., se me lo permetti…. questo è nu pensiero pe tte! Tieni te lo regalo!...

(porge un vestitino corto tra l'entusiasmo di Assuntina) ....Tonino me l'hà purtato da Firenze, ma mi và nu poco stretto. Di certo, a te, starà 'na meraviglia!

(Assuntina lo poggia sul corpo)  'O vvì! Mò puoi fare pure nu provino cinematrografico?

ASSUNTINA: Grazie, troppo buona....

Fosse 'o cielo  diventasse n'attrice! Risolvesse i problemi dei miei genitori...

Chille se vanno sempre arrampecanne! Mi dovete credere Donna Fort√Ļ, avvolte mi sembra di stare all‚Äôinferno! E stanno sempe ‚Äėe ‚Äėna manera, sono continuamente nervosi.

DONNA FORTUNA: Eh mi dispiace. Ma vedi che tu potrai fare sicuramente qualcosa!

Hai queste possibilità (riferendosi  alla sua presenza fisica)

Tiene chist’armamento!

(complimentandosi) Ajere ti ho vista maltrattare a Rafele Punto...

La¬† persona pi√Ļ¬† ricca¬† del quartiere!

La meta di conquista 'e tutte 'e figliole d'o rione!... (pettegola)

Io l'avevo già capito da tempo  pecche, quando ti vede, gli brillano gli occhi.

Ma tu fai bene a non accettare subito !

ASSUNTINA: Ma voi che dite...!

DONNA FORTUNA:(continuando) ....cos√¨ si fa con gli uomini: tu gli dici "no!" e chille cchi√Ļ s'intestardiscono, cchi√Ļ se cocene...

Embè, ti voglio rivelare un mio segreto!  (si avvicina, e sottovoce portandola verso il boccascena) 'O Commerciante e Firenze, il benestante  Zio Tonino, nun  m’appartiene, non è mio zio!

...Quello è 'o 'nnamurato mio!

ASSUNTINA:(Scontato) Donna Fortuna,  quello se  n'è sono accorte pure 'e criature che pazzeano c'abbascio! …Ma quanno mai 'e Zii si salutano col bacio sulla bocca!

Voi dite il segreto....

DONNA FORTUNA:  Intanto, segreto o non segreto,  io mi sono acconciata la vita: 'O vestetiello; 'a cullana; 'a sera, quando sta ccà, vaco 'o "naighette clubs"...

(ritorna sul discorso precedente) Pienzece buono, nun piglià a calci la fortuna!

Fallo fernì di vollere e pò....

ASSUNTINA: Signò, quello per me pò pure evaporà!

(ci pensa un attimo) Noho, non mi interessa,....è troppo arrogante e prepotente.

Si sente un padreterno! Tutto deve essere alla sua portata....(poi, spiegando...)

Ajere, proprio quando m'avite vista vuje, ho sapite comme è ghiute a fernì?....

...Nun ha fatto 'ntiempo a me mettere 'na mana 'nguollo, c'a l'hè arrivato nu pacchero c'a tenarrà ancora 'o segno.

DONNA FORTUNA: Gies√Ļ! Nu schiaffo a Don Rafele?...

Piccerè tu sei irragionevole assaje! (Pausa)

Hai buttato a mare una grande occasione… (pausa)

Vedi bene, può essere che nun te si ancora compromessa...

(incredula) Ma comme, tu può essere femmena 'e denari! 

Potresti possedere armadi di pellicce; vivere da principessa e pò, soprattutto,...

può risolvere 'e problemi da famiglia toja!

ASSUNTINA: (Fortuna ha toccato il punto debole ‚ÄďAssuntina manifesta il dispiacere...) Si, lo s√≤.

Chest’ è l'unica cosa cha me fa penzà...   (fantasticando)

Sistemà 'a famiglia mia!  Dargli un pò di benessere.... (poi riprendendosi)

...ma io voglio bene a Gigino! Gli ho fatto una promessa… 

Non può essere diversamente… lui è il mio uomo!

DONNA FORTUNA: Eeh! sei buona, sei bella ma sei pure scema.

Gigino! Sarebbe 'o figlio d''o bidello? ...'O sfasulato!

Chillo nun tene 'na lira!  Nun  fatica nemmeno!

ASSUNTINA:(sospirando) Si, ma mi vuole veramente bene.

E po, è intelligente, ...e quando uno è intelligente è difficile cha rimane squattrinato.

(pausa) ...Pensatela come vi pare, ma a mè me piace assaje!

DONNA FORTUNA: Nun'he capito niente d'à vita !....

Comunque, fai come vuoi tu. Ci vediamo!

(sta per andarsene) Ah! Arricuordete 'e d'à 'o biglietto a tuo padre.

Zio... cioè, 'o Fiorentino, se trattene solo pochi giorni.

L'uommene, che ne sai tu! Devi fare ancora esperienza! (via)

 ASSUNTINA: Arrivederci.   (poggia il biglietto  sul tavolo)

Uè, chesta se fettea a tutti quanti!

...sape 'e fatti 'e tutto 'o quartiere!

(guarda il vestito con gioia... Poi seria d'un tratto, lunga  pausa di riflessione)..

'E cullane, ...'e pellicce.  Io toglierei prima tutti i debiti a papà, poi, poi...

facesse nà rinnovazione a sta casa, accussì tetra e malinconica.   Poi....,

Poi comprerei.... (mentre sta per avviarsi verso le camere)...

CARMELA:(Porta scatola per lavorare ad uncinetto, quasi si scontra con la figlia Assuntina) Neh, ma cu chi stive parlanne?

ASSUNTINA: Era 'a Signora Fortuna.

CARMELA: Ah, la svergognata! E che voleva?

ASSUNTINA: E' venuta a ordinà ...che saccio: 'na cassa 'e legno!

Però, dice, adda essere bella grossa... Stà 'o biglietto ncoppe 'a tavola cu’e misure.

CARMELA: Ah meno male!¬† Se vede coccose ‚Äėe sorde...

(tono basso) Può essere che si calma un poco : ...e comme stà nervoso!

ASSUNTINA: Chi, papà?

CARMELA: Proprio!

Piccerè, qua la situazione peggiora giorno dopo giorno.

...Continuando di questo passo iamme a fernì diritti diritti al manicomio (Assuntina la conforta).... (cambiando tono) Ma che tieni in mano?

ASSUNTINA:(mostra il regalo appoggiandolo sul suo corpo)  Te piace?

Me l’ha regalato 'a signora Fortuna.

CARMELA: ...è na bella maglietta, ma nun è nu poco longa?

ASSUNTINA: Maglietta? Mammà quello è nu vestitino!

CARMELA: Nu vestitino? Ges√Ļ, Ges√Ļ accuss√¨ curto!

....Non c'√® pi√Ļ religione! (raccomandando) Nun te fa vede a tuo padre!

...chillo già tiene nu diavolo pe capille.

ASSUNTINA: Mammà, quella e la moda!...

CARMELA:(con tono di rimprovero) Và 'a spannere 'o bucato! Và!

(siede e inizia il lavoro ad uncinetto. Assuntina, via verso le camere) ...'A moda…

Ges√Ļ! Ges√Ļ! ...Sti figliole di oggi, camminano cu tutte cose a fore!

Ai tempi miei...  Se, se, stive pace!

 ...Ncoppe a spiaggia, per esempio, purtaveme il costume fino e sotto 'o ginocchio...

(pausa)  Eravamo tutte da scoprire!... 

Invece m√≤, accomodatevi: ..."'o primo, o‚Äô sicondo e pure ‚Äėa frutta!"

...A stiento se intravedeva la caviglia... (pausa)

Si facevano gli apprezzamenti ai piedi!

...Oggi: -" oh, signorina s'è vista 'a mutandina!

- Oh, oh!...ih quanta rrobba se port'appriesse 'a signurina!"

(scuotendo il capo e bisbigliando) Cu tutte cose 'a fore!

(Pausa) Quando cunusceveme a nu bellu giuvinotto, noi serie, composte. 

...Tenevamo tre pare 'e vestiti primme da carne!

(lunga pausa) ...Però, quande ce 'ncuntravemo di nascosto…

Maronna, e che fatica pe ce spuglià! (poi sovrappensiero).

GEPPINO: Carmè Buongiorno! Carmè, Carmela.

Si è insordita mia moglie! (vicino urlando) Buongiorno.

CARMELA:(Salta) Maronna! Che succieso!

(Assuntina mette la testa fuori alla porta per ascoltare).

GEPPINO: Niente, che stato,...ho detto "buongiorno".

CARMELA: Geppì ma tu fusse scemo! E deciso 'e me fa venì n’infarto!

E tu me manne diritto diritto 'o "Murbillo"!

...Chesta è 'a siconda paura primme ca schiare ghiuorno.

GEPPINO: Ehe! Che modo di risponnere!

Eri assente, stive sovrappensiero ...Nun me ne sò accorto.

CARMELA: Eh, ero assente!

Ero assente pecchè stò pensando juste a ttè…

Geppì, tu stai nervoso, e mi fai stare nervosa pure a mme!

GEPPINO:(pausa) Va bbene, hai ragione! ....e c'aggia fà?

CARMELA: Ti devi calmare!

GEPPINO: Ecco qua, sono calmo! (mostra le mani tremanti) ...E' ‚Äėna parola!

Ma che tengo ‚Äėa currenta pe dinte ‚Äėe vvene!

(riflette) ...po, comme sarebbe a dire "'a siconda paura"?

CARMELA: Vedi, non ti rendi nemmeno conto!

(spiegando) Ma stanotte che hai passato? Ma che tenevi 'e turcimienti!

Nientedimeno, ...m'è zumpato o' core pe' ll’ aria:

(racconta) Erano essere a via 'e quatte.  Me sò vutata 'a parta toja, e aggio visto n'a capa ...deforme.

GEPPINO:(si tocca la testa) Deforme?! Comme deforme!

CARMELA: Eh! …Era tutta storta!

Aggio appicciate 'o lumetto da culennetta, nientedimeno chille erano 'e piedi!

Stavi dormendo c'a capa sotto e che piedi ncoppe!

...A risico pure ‚Äėe mur√¨ affucato.

GEPPINO: Aah, mò se spiega! Quanne On Ferdinando me ha acchiappato pe canne!

....E' stato tutto nu suonno!

CARMELA: 'O suonne?  Si nun te scummigliavo facive 'a fine e nu sorice. 

Pe nun te scetà, aggio durmuto che piere a fore tutt'a nuttata....

GEPPINO: Certo ca dinte a stu suonno me l'avraggia vista brutta:

On Ferdinande me vuleve accidere ‚Äėa na parte e‚Ķ 'e piedi tuoje a chell‚Äôata !

CARMELA: Meno male che ti è rimasto un po’ di spirito!

GEPPINO: Eh, e io a chelle vaco a fern√¨: ‚Ķ‚Äôna passata ‚Äėe spirito

CARMELA:  ....a dinte 'o suonne,  continuave a dicere:

- On Ferdinà state tranquillo  io sono un uomo di parola, non vi preoccupate vi pagherò...

Geppì, ti devi calmare! Perlomeno a notte!

Stai troppo agitato bello da sora!  (Assuntina con aria dispiaciuta rientra)

GEPPINO:(seccato) Don Ferdinando… Quello pure in sogno mi rompe l'anima!

...me dicette c'a a fine 'o mese vuleva e sorde.

CARMELA: Embè, stamme ancora 'o quindici....

GEPPINO: Eh! Ce leva da quindici juorne fà...

Stu fatto, me fa paura, chille è nu prepotente! E’ gente malamente!

M'avetta fa prestà 30 mila lire pe pavà 'o padrone 'e casa: teneveme quelle piggioni arretrate..., due mesi dopo 'o 'ncuntraje c'abbascio e me dicette:  - "Aspetto un altro mese, pò nun voglio sentì ragione, te vengo a sucutà fine e sotto 'o palazzo".

...Con il sangue agli occhi, faceva impressione (col dito verso Carmela come fosse un pugnale).

CARMELA:(stupita) 'o  curtiello?

GEPPINO:(guardandosi intorno e impaurendosi) ...Chi è?

Maronna, 'o curtiello? Addo stà! (impaurisce anche Carmela, poi riprendendosi)

...Ma quale curtiello?

CARMELA: Tu hai fatto segno così !

GEPPINO:(rassicurandosi)  Col dito Carmè, col dito  (Mostra il dito)

Che t’anno accidere!

....Stamme 'o quarto mese e ancore add'avè na lira... Me sto fruculianno da paura! (pausa)

Quello pure Michele Dalbene deve avere ventimila lire, te lo ricordi?

CARMELA: Comme no! …’O benefattore!

GEPPINO: Eh, propr‚Äôisso! Deve avere ventimila lire‚Ķ, ma chillo √® na brava persona, pu√≤ aspettare.... (pausa) ‚ÄėO guaio gruosso √® don Ferdinando! Chill‚Äô√® ‚Äėo turmiento mio!¬†

Nun sto scennenne pe paura d'o 'ncuccià fore 'o rione.... Che ne sai tu…

Dici stò nervoso? ....Ajeressera obbì, scennette pe ghittà 'a munnezza dinte 'o casotto

(racconta rivivendo l' episodio) cacciaje 'a capa fore 'o palazzo;

guardo a destra, nessuno...; a sinistra, nemmeno... "via libera!"

...Metto 'o pero fore 'o purtone, me sente 'na mana gelida  ncoppe 'o cuollo! 

Se ne scennette 'a lengua ‚Äėnganne!

CARMELA: Maronna! E chi era?

GEPPINO: Era On Giuvanne 'o guardaporte!

Sango do Diavolo, ma che tene ‚Äėe ghiaccioli 'o posto de mane!

CARMELA: E no! Accussì non si può andare avanti! S'adda trovà  'na soluzione...

E pò nun se ponne cerca sempre soldi a tuo nipote Luigi;

chillo nun √® fatto cchi√Ļ ‚Äėo guagliunciello! Mo √® gruosso ne ha bisogno pure lui.... (pausa)

A proposito, addo stà, nun l'aggio proprio visto.

GEPPINO: Luigi?  Sta dinte 'a cucina! 

Tene 'a lengua sporca 'e pittura nera… Stà cercanne do' levà con l'acqua.

CARMELA: Pittura?!? …A lengua?

GEPPINO: Proprio! Stamattina s'è bevuto Acqua Raggio e Pittura a dinte 'o recipiente addo io metto 'e pennielli. ….Si credeva che avevemo fatto 'o caffè !

CARMELA: Tu che dici! Povero figlio!

Luigi, Luì (via in cucina).

GEPPINO:(da solo) Cocche vvote, c'o ppoco e viento, se sente l'addore d'o caffè di qualche altra casa....  Chillo jieve truvanne 'o cafè  cu chisti chiare 'e luna.

LUIGI:(esce con la zia) Aggio avuto 'o buongiorno!

CARMELA: Ma ch'’e fatto? Te siente buono?

LUIGI: Abbastanza! Mò è passato, non vi preoccupate.

Mi √® rimasto solo un brutto sapore in bocca... Po‚Äô amma ved√® m√≤ che vaco dinte ‚Äėo bagno!

‚ĶMa ‚Äėo peggio l'aggio cunsignato all'operaio che st√† qua sotto.

Benfatto! Accussì se 'mpara a dà fastidio a primma Mattina

CARMELA: Nipote mio, primme steveme parlanne juste 'e te.

LUIGI: Overe? E che si diceva? …Ca sò scemo

CARMELA: No, quando mai, cheste sò cose che succedono.

LUIGI:(a Geppino come per accusarlo) Comme!

…Quanta ggente 'a matina se  sceta e degna d'acqua raggia 'e cafettere!

(pausa) ...E allora che si diceva?

CARMELA: No, Niente di male, anzi....,

si parlava dei tuoi sacrifici per sostenere la nostra situazione....

LUIGI:(seccandosi) Aha, uffà, n'ata vota!

A Z√¨, gi√†¬† vi ho detto di non pensarci pi√Ļ...

CARMELA:  ....Si diceva  che è overo che questa  è pure casa tua, ma  sti soldi  che  ci dai

....me dà l' impressione comme si n’apprufittasseme nu poco troppo.

LUIGI: Ma quando mai! ‚ĶNon vi preoccupate, sono sicuro c'a si fossene vivi pap√† e mamm√† sarriano cuntenti che mi comporto cos√¨. E p√≤, 'o mangi√† e 'o durm√¨ mio, pure √® 'na¬† spesa, no. Si vaco in albergo nun ce refongo tierzo ‚Äėe capitale?

GEPPINO:(mentre prende un cesto) Chisto √® n‚Äôalbergo oscuro! Nun teno manco ‚Äėna stella! (pausa) Tu sei un ragazzo in gamba, ma hai due grandi difetti: - uno, si nu grande¬† sfuttitore; nun fai sta cuieto a nisciuno; - chill'ato, molto peggio, sei troppo altruista.¬† Accuss√¨ fernesce ca 'llate n'approfittano¬† sempe 'e te.

Lasciamo perdere la nostra situazione, che siamo in famiglia, e và bene…

Ma quella meza cazetta d'o masto tuojo, il grande mobiliere llà, abusa troppo di te.

Quello ti deve dare l'aumento, pecchè: dopo cinque anni c'a he fatto 'o falegname dinte 'a puteca mia; e dopo altri spesi alle sue dipendenze; sei ormai diventato uno specialista nel settore... 

M√≤, √® fernuta ‚Äėa zezzenella, t'adda mettere a posto!

Senza la tua grande disponibilità  chille, …adda chiudere soltanto.

Glielo devi dire: - mi dovete inquadrare, sennò me ne vado!

LUIGI: 'O Zì  parlate facile, chillo è 'o nummere uno e tutt' 'e tirchi!

 Appena sente 'a parola "aumento" sfila 'a curona e mi conta tutte e guai suoje!....

CARMELA: Guardate! Cu tutte 'e denari c'a tene!...

Te vuò perdere d’animo? …Tu cuntice 'e nuoste!

(inizia a preparare la colazione al nipote) Che perucchiamma! Io nun’aggia idea…

LUIGI: ...A proposito, ajere ca scusa ca vuleve assaggi√† ‚Äėe mulignane,

chelle che me priparaje 'a Zì,

nunn’avimma fatte 'a marenna mieze per'ono. Vuje che sapite!    

'O juorne c'aggia deciso d'ò fa murì le dico: - Onn'Albè mi dovete inquadrare!

GEPPINO: E fallo' murì! Cos'’e pazze!

Avimme a cche fà che scieme, che tirchi, che prepotente, …tutti che sorde, però!

Sono fortunati.... Io comme Fortuna cunosco solo 'a vedova do piane 'e coppe.

Che denari stongo appiccecato!

Nè, comme se po fà, comme veco quacchecosa 'e sorde, nun aggio mai 'o piacere e me mettere dinte 'a sacca.

(si guarda le tasche) Aggio fatto 'e feline dinte.

(continua la rifinitura di un cesto) Cos''e pazze!...

LUIGI: Va Buò 'O Zi non ci pensate, anzi, arricurdateve: - Beati i poveri.... (prende la giacca dall'armadio, nel chiudere la porta fà cadere la cornice ornamentale che era sull'estremità superiore, la raccoglie e la poggia sul fianco dell'armadio all'insaputa dei presenti e tra se) Pa miseria! Ma sta curnicia se ne cade sempe!

(Poi, mentre infila la giacca...) A proposito di prepotenze.... ajere, aggia 'ncuntrato a chillu miezo buffunciello dinte 'o bar, ‚Ķma ditte:¬† - dicci a Zitete c'a l'adda fern√¨ 'e f√† 'o scurdariello¬† ...e sto perdenno ‚Äėa pacienza!

GEPPINO:(spaventandosi) On Ferdinando?

LUIGI: Proprio! ...'A verità l'aggio visto nu poco arraggiatiello...

(serio) 'O Zi ma che va truvanno?

GEPPINO:(nascondendo la realtà) No, niente... 'Na piccola dimenticanza.

LUIGI:(come per dire: - vi difendo io?) 'O zì, se ci sono problemi...

GEPPINO: Nessun problema, ...fesserie!

Nun te preoccupà, fa cunto comme si già fosse risolto...

(tra se) …quando me mannarrà a chill’atu munno!

ASSUNTINA:(entra  con un secchio di panni  senza salutare e con un’aria da cimitero)

Ah, Papà, la Signora Fortuna ha ordinato 'nu cassone 'e legno.

Le misure stanne dinte a chillu biglietto 'ncoppe 'o tavolo (sta andando verso il balcone)....

LUIGI: Nè, Buongiorno! Ma che è passata la sorella di Giacomo Leopardi.

ASSUNTINA: Fa poco lo spiritoso e pigliete poca confidenza!

LUIGI: Tene la luna storte mia cugina stamattina!

CARMELA: Lascia stà! E’ da qualche giorno ca sta accussì...

Chi 'o 'ssape che ha passato pure lei!

(al marito) L'abbiamo infettata!

LUIGI: Ma io la voglio bene comme si fosse na sora mia.... Non vi applicate (pausa)

E va bbuò! Signori, il vostro Luigi và a mettere mano...

(la Zia sta per incartargli la colazione) ...Noho, 'a Zi, 'a  marenna mia facitela doje parte!

Chille, Onn'Alberto, sicuramente me chiede un assaggio.

(la zia esegue borbottando) Buona jurnata (esce).

(nel frattempo Assuntina a posato la bacinella fuori al balcone e, mentre sta andando via poichè si è accorta  che mancano le mollette, non si avvede che  è comparso dalla solita scala dell'operaio il fidanzato Gigino. Arrampicatosi al balcone per vederla, rimane sulla scala in attesa che Assuntina  venga a stendere la biancheria)

ASSUNTINA:(rientrando) Mammà, addò stanne 'e mullette?

CARMELA: Stanne fore a quell'altro balcone (Assuntina esce verso le camere)

GEPPINO:(nell'alzarsi nota la cornicetta fuori posto)

Carmè, l'hai levata tu 'a curnicetta 'e l'armadio?

CARMELA: Levavo 'a curnicetta! Nun tenevo che ffà!

...Se ne sarà caduta n'ata vota!

GEPPINO: Insomma, è mai possibile cha nun 'a riesco a fissà na vota e pe sempe.....

CARMELA: Spije chi t'ho dice: chest'√® sarr√† ‚Äėa quarta vota che ce miette 'e mmane!

E menu male cha fai ‚Äėo falignamme!

GEPPINO:(non facendosi capace) Possibile! Nun ha mantenuto?

Io ci'aggio miso nu dito 'e quella colla Americana che me purtai tuo nipote....

Quello mi disse: - "questo √® l'ultimo ritrovato della scienza moderna" - "Una piccola goccia, arriva a sopportare fino a nu carico ‚Äėe duje quintali!"

Nun me ricordo quanto dicette c'‚Äėa custaje!

CARMELA: Ma quanne maje! Chist'è scemo!

A colla americana...

Viene ccà, famme vedè... (Geppino gli porge la cornicetta, Carmela annusando... e dopo un gesto di disgusto)  Si, si! …E' proprio quella fetamma!

'A facette proprie isso ‚Äėnnanze all'uocchie mije.

Dicette: - Zia Carmè, questa è una mia invenzione!

...'avetta butta pure 'na pentola seminuova!

GEPPINO: Luigi? Luigi facette 'a colla?

CARMELA: Proprio! Ma me pare che l'invenzione serve solo a ghittà 'e pentole!

...Nuje assaje ne tenimme!

GEPPINO:(Imprecando) Ma chiste è scemo!

(ricordandosi) ...Ges√Ļ, chillu piezze 'e fetente!

Io ci’ aggio vennuto pure nu barattolo a On Giuvanne 'o Guardaporta!

Chillo √® pure ‚Äėmpicciuso!.... Appena torna te faccio sent√¨!

CARMELA:(ridendo) Quello è uno sfottitore, e tu ancora te lo devi imparare.

Ah, Si nun fosse pe isso, obbì!

Mieze a tanti guai, l'addore 'e n'a resata 'a porta solo chillu nipote mio!

E i problemi li tiene pure lui...

D’o lavoro, spesso se lamenta: 'o masto, 'a fatica, 'e sorde

...'A nnammurata  ogni tanto  gli viene il cattivo tempo...

(con malcontento) ...'a nnammurata: non si è mai degnata di farci una visita.

Ci considererà sicuramente degli approfittatori....

Uè, con tutto ciò, quel santo del nipote nostro appena trase pe chella porta, lascia tutti i suoi guai fuori e ci dà il conforto per superare i nostri.

GEPPINO:(che intanto fa controscena, a preso un chiodo enorme ed il martello)

Mo ti faccio vedere io come sistemo l'armadio,

p√≤ me fai sap√® quanno se ne cade cchi√Ļ chella curnice.

CARMELA: E' meglio cha lasci perdere, và a fernì cha buttiamo pure l'armadio.

GEPPINO: Embè 'o jiuorno che me dici "Bravo" vene 'o Giudizio Universale (sale su una sedia ed inizia ad inchiodare la cornicetta sull'armadio).

(Nel frattempo Assuntina, dalle camere,  và  fuori al balcone con le mollette in mano. Al primo impatto, vedendo Gigino, si spaventa e fa cadere le mollett. Poi,  riconosciutolo,  fa cenno di stare zitto e rientra per un attimo nella stanza...)

CARMELA: Ch’è stato nè?

ASSUNTINA: Niente, sono cadute le mollette…

(esce nuovamente fuori al balcone e abbraccia Gigino. Di tanto intanto da un occhio dentro....

Geppino inchioda e Carmela lavora ad uncinetto)

GIGINO: Mi √® venuta voglia ‚Äėe te ved√®.

ASSUNTINA: Tu sei pazzo! Ma dove hai preso la scala?

GIGINO: Dall'operaio quaggi√Ļ. Non se n'√® accorto!

Dobbiamo festeggiare, perchè dopo tanti sacrifici, sono finalmente Ragioniere!

ASSUNTINA: Veramente! ...che piacere!

GIGINO: Adesso mi √® pi√Ļ facile trovare lavoro, dopo di ch√® vengo a parlare con i tuoi

 e, finalmente, …ci sposiamo!

ASSUNTINA: A parlare...?

GIGINO: Sicuro!

ASSUNTINA:(tentennando) Forse è meglio che ci pensiamo bene.

GIGINO:(arrabbiandosi) E che cosa dobbiamo pensare!?!

ASSUNTINA: Vedi Gigì, io ti voglio un bene che tu nun può manco immaginà, ma...

GIGINO:(c.s.) Ma quale "ma"....

Tu hai capito che io mi aspettavo di vederti saltare dalla gioia!...

Dopo quello che ti ho detto, tu esordisci con i "forse e con i ma"?

E tutti i bei discorsi fatti: 'a casetta..., 'e bambini....  Erano tutte fesserie?

ASSUNTINA: Io voglio bene a te, ma voglio bene pure i miei genitori...

Loro hanno bisogno di un grosso sostegno  economico e qualcuno lo deve pur dare

GIGINO: Assuntì io non sono uno sceicco, mi sono diplomato,

presto lavorerò, ....ma tu me stai chiedenne 'a luna!...

A stento potremo mettere assieme i soldi per sposarci.

ASSUNTINA: E non potrei pretendere altro da te. Pero, loro non hanno nessuno che li può aiutare. E' mio dovere fare qualcosa per cercare di farli vivere meglio ed io....

sto pensanne a comme se po fà.

...Non ti cerco niente, solo… Lasciami riflettere.

GIGINO: Che devi riflettere!? Ma tu vuoi sapere la verità ...tu non sei poi così attaccata a me.

Mi vuoi pi√Ļ bene?.... Tu nun me n'hai mai voluto! ...Mi sono soltanto illuso!

(continuano a soggetto mimando la discussione, intanto nella stanza....)

GEPPINO:(scende dalla sedia realizzato)¬† Voglio sap√® comme se ne care cchi√Ļ!¬†

Carme', si miette 'na bomba ccà dinte, l'armadio andrà in mille pezzi ma chella curnice, a vire…

rimane attaccata ‚Äėngoppe a chella traversa. ‚ĶParola mia!

CARMELA: Sarà la prima volta che hai aggiustato qualcosa dinte 'a sta casa....

(leggendo) Geppì, hai letto stu biglietto 'e  Donna Fortuna?

Nun te pare strano, ha chiesto 'na cascia 1.90 per 70 per 40...

GEPPINO: Overo dici? Asse fa 'a Madonna!

Accussì abbuscamme coccose 'e sorde.

CARMELA: 1.90 per 70 ? ....

GEPPINO: Embè, è meglio!

Cchi√Ļ √® grossa e cchi√Ļ ce guaragno no!

CARMELA: ...ha scritto, sienteme buono: ..." Serve per mio Zio di Firenze".

GEPPINO:(riflette) Ah! ha scritto 'o zio invece 'e scrivere 'o "cumparo"?

Cheste vuò dicere? E che teniamo da vedere noi!

CARMELA: No, nun è cheste ...Dico le misure! ...'E misure nun te fanno sospettà?

Sono pi√Ļ o meno le mesure d'o Fiorentino! (pausa, poi vede che Geppino non raccoglie)

...L'altro ieri tenevo 'a porta aperta: ‚Ķisse, ‚Äėo Fiorentino, saglienne, salutaie cu nu filo 'e voce

(con tono roco) - "buongiorno! Permettete…". 

'Na faccia bianca cadaverica e 'a mano ncoppe 'o stommeco...

GEPPINO: Evidentemente nun se senteve bbuono!

CARMELA: Nun se senteve...? Stamattina nun he 'ntiso 'e rumori c'a venevano da casa...

(concludendo le considerazioni) Mo te dongo duje  nummeri obbì:

Isso è vicchiariello; Onna Fortuna tene 'o pepe... (mima la relazione)

...E accussì se arricettato 'o Fiorentino!

GEPPINO:(riflette, poi...) Aah! (terrorizzato) Aah aah, .....vò nnasconnere 'o cadavere!

CARMELA:(convinta) Se ne vò sbarazzà! 

...Evidentemente nun vò spennere 'e sorde pò trasporto funebre fino a Firenze!

GEPPINO: Vuò dicere c'aggia preparà 'na specie 'e cassa da morto?

 (cenno di conferma di Carmela).  

No! Non può essere! Onna Fortuna arrivave a chistu punto? (pausa)

(Ci ripensa)...Carmè, ma ccà ce servono 'e sorde!

Tu fai tutte sti pensieri... Ma a nuje che ce ne 'mporta!

CARMELA: Ma comme!?.... (campanello)

GEPPINO:(impaurendosi notevolmente) On Ferdinando!

Chisto è On Ferdinando cha va truvanno 'e sorde! (non sa dove nascondersi, prova sotto il tavolo, fuori alla finestra, poi cerca di aprire l'armadio per nascondersi, ma non vi riesce) Carmè, pecchè l'he chiusa a chiave?

 

CARMELA:(anche lei allarmata) a chiavi?

Ma quanne mai st'armadio ha tenuto 'e chiave!

GEPPINO:(verso la porticina d'ingresso al ripostiglio)

Vire chi è (entra e si sentono forti rumori per la caduta di oggetti vari, poi polvere e fumo, esce per un attimo cosparso di polvere bianca e tossendo).

CARMELA: Né, ma ch’è stato?

GEPPINO:(arrabbiandosi e rientrando nel vano) Mannaggia ‚Äėo suricillo!¬† ...Vire chi √®.

CARMELA:(dall'interno vicino alla porta) Chi è?

GIOVANNI:(dall'esterno) Songhe on' Giuvanne, Signora Carmela.

CARMELA:(al marito) Iesce fore, è 'o Guardaporta.

(apre) Accomodatevi!

GIOVANNI: (nota Geppino che, rassicuratosi, esce dal nascondiglio: tutto cosparso di farina e polvere)  ...Ma allora 'o vuoste è nu vizzio....

Aha, aggie capito!.... me vuliveve fa 'o scherzo d'o fantasma?

Vuje site nu birbante!

GEPPINO:  Eh ggià, che vulite fà, ogni tanto scherzo un poco... 

Ma ormai mi avete scoperto....(tra i denti) adda pass√† ‚Äėnu guajo....

GIOVANNI: Guardate che cape che tene!

Cu chisti chiare 'e luna!...

Ma fate bene, s'adda essere¬† ‚Äúallecri‚ÄĚ!¬† Si campa di pi√Ļ!

CARMELA: Ma che hai cumbinato? (spolverandolo)

GEPPINO: Ch'aggio cumbinato? Ma Comme 'o pusate 'a robba dinte 'o ripostiglio! ...Vulesse sape cu quale criterio! Nientedimeno me arrivato 'ncape l'inverosimile: farina; butteglie 'e pummarole; trave 'e lignamme; caccavelle; mattune, …fino 'e mattune... (poi ricordandosi dell'armadio) ...ma pecchè hai chiuso a cchiave l'armadio?

CARMELA: Nata vota m'ho ddice? (scandendo le parole e accennando un balletto)

Quest'armadio chiavi - nun - l'ha - mai - avute! He capito?

GEPPINO:(abbozzando una tarantella ironica) Ma ‚Äď allora - pecch√® - nun - s'arape?

Eh, e facimmece ‚Äėna tarantella‚Ķ ¬†(poi tentando di forzare la porta dell‚Äôarmadio)

CARMELA:(affianca Geppino con paura) Sarà stata 'na scossa 'e terremoto?

GIOVANNI: Noho!  

(dopo un’attenta riflessione nota qualcosa) Aspettate!

Datemi ‚Äėna pinza...¬† 'A tenete 'na pinza? (Geppino, gli passa quanto richiesto e, dopo un grosso sforzo, il portiere estirpa il lungo¬† chiodo che impediva l'apertura delle ante).

Ma comme!? 'Nu chiuovo 'e dieci per mantenere 'na curnicetta 'e quatte gramme?

E vuje cu chistu piezzo ‚Äėe chiove avite tumulato l‚Äôarmadio.

CARMELA: Io, avevo parlato troppe ampresse!

(come per schernire il marito) ...Quella una cosa è sicura On Giuvà. Quanne mio marito ce mette 'e mmane potete stare tranquillo, tutti i problemi sono risolti.

GEPPINO:(seccato)  Scusate, ma che site venuto a ffà?

GIOVANNI: Eeh, ...comme v'innervosite ampresse! 

Volevo dirvi un fatto strano. ....Strano, ma buono.

CARMELA: E' muorte 'o patrone 'e case nuosto?

GIOVANNI: Che centra! ...io ho detto "strano"!

CARMELA: Embè, non è una cosa strana?

Fino ad oggi, 'e ghiastemme che 'o buttato nun hanno maje cogliuto!

GIOVANNI:(sorridendo) Nossignòre, mi dispiace! L'ho visto l'altro ieri…

Anzi m'ha ripetuto sempe 'a stessa cosa: sapite comme s'atteggia isse (cercando d'imitare una persona di alto rango) - "Ha informato i Palumbo che hanno due pigioni arretrate.... Gli dica pure che, dal mese prossimo, voglio l'aumento che avevamo pattuito l'anno scorso. Riferisca! E gli dica che, altrimenti, li sbatto fuori dalla mia proprietà!" 

Tutto attillato, c'o bastunciello e c'a lenta 'ncoppe all'uocchio.

Signò, purtroppo per voi, steve chino 'e salute!

CARMELA: Chi ve l'ha detto! Tutto può succedere... Stamme sotte 'o cielo!

GEPPINO:(tornando al discorso precedente) E allora, stu fatto strano?

GIOVANNI: Ah, già!

Dunque, 'na mez'oretta fa, stevo fore 'o purtone e m'è passato pe nnanze 'On Ferdinando.

GEPPINO:(con paura) Vuleva saglì cc'à?

GIOVANNI: No! …Ed è questo il fatto strano!

Me passato davanti m'ha ditte: -"Buongiorno!"

...(vede che Geppino aspettava che concludesse) ...e basta.

(nota lo stupore) Eh! …Proprio accussì, ...a ditte "Buongiorno" e se nè ghiuto!

GEPPINO:(con stupore) Se n'è ghiuto?! Comme, se n'è ghiuto senza dicere niente?

GIOVANNI: Esattamente!

GEPPINO: Strano!

GIOVANNI: Quello che dicevo pure io!

Sinceramente, me pensavo c'a saglievo ‚Äėncoppe e ve avesse fatto 'na granda mazziata!¬† Invece...

GEPPINO: Va bbuò, è meglio accussì!

Pecchè de sorde do debbete, po mumente, nun se ne parla proprio!

(pausa, prende il biglietto tra le mani) …A limite posso pagare il propietario!

Anzi, faciteme 'a cortesia, se l'ho vedete, riferite che se viene gli dò le due pigioni arretrate....

Per l'aumento, se ne parla l'anno prossimo, ma le due pigioni arretrate gliele pago.

GIOVANNI: Avite arrecuggliuto?

GEPPINO: Sapite, nu poco l'aiuto 'e Luigi, po 'a signora Fortuna ci ha ordinato na cassa...

GIOVANNI: Pecchè na cassa 'a facite pavà accussì cara?

GEPPINO: Mi ha ordinato… (mostra il biglietto)

…’na cassa 1,90 per 70! (pausa) ...Non vi dicono niente queste misure?

GIOVANNI: Beh (riflette), bella grande!....

GEPPINO:(sottovoce) Noi sospettiamo ca ce vò mettere dentro 'o cadavere dell'amante!

GIOVANNI: 'O Fiorentino! ....il Cadavere?

GEPPINO: La cassa deve nascondere il misfatto… Quello era anzianotto….

Si sarà arricettato per la troppa emozione.... (lascia intendere la relazione tra i due)

GIOVANNI: No!  …Io 'o dicevo. .....Assassina!

GEPPINO: Assassina? Nun esagerate mò.

Quello, in fin dei conti, si è suicidato!

GIOVANNI: Pecch√® essa nun ‚Äėo sapeva che quello teneva un'et√†?

M'è stata sempre antipatica!

...Uè, ogni volta che mi vede, mi fissa negli occhi!

Sapite onna Carm√®, cu chillu sguardo ‚Äúlanquito‚ÄĚ, interessato....

Ma cu mme nunn'attacca!

GEPPINO:(tra se) Siente, siente... Vuttava l'uosse 'o cane.

CARMELA: Sicuramente ve vò arruffianà, pe ve tirà coccosa 'e sorde dalla tasca...

GIOVANNI: Mica per i soldi? E chi 'e tene! ...quella lo sà bene.

Alla signora gli piacciono gli uomini!

CARMELA: Ahah? Ecco, …gli uomini. (lo guarda dal basso in alto)

GIOVANNI: Mò, però, ha fernute 'e fà 'a libertina!

...S'adda avvisà subbito 'a polizia! (sta per andarsene)

GEPPINO: No! Aspettate!

Primme avimma essere sicuri ca....

(suona il campanello) ‚ĶObb√¨ ‚Äėlloco l‚Äôacqua!

( interrompe la conversazione e và a nascondersi nell'armadio).

GIOVANNI:(osservandolo) Se, se! …Stateve cu sta capa!

La questione Donna Fortuna la risolvo io... (apre la porta e con stupore) Don Rafele?! 

Don Rafele amabile! (gli vede paste e spumante in mano) Vedo ca siete in visita....

Ma sicuramente avite sbagliato porta.

DON RAFELE: Pecchè..., non è casa Palumbo?

CARMELA:(perplessa)  Prego accomodatevi!

(va verso l'armadio dal marito)

GIOVANNI: Allora dovevate entrare proprio qua! 

Tolgo il disturbo (saluta Don Rafele con adulazione) Onna Carmè, con permesso...

E state tranquilla, 'a signora ncoppe, l'acconcio io p'e feste!  ...Di nuovo (via).

DON RAFELE: Prego!

GEPPINO: (che intanto è uscito fuori dal nascondiglio aiutato dalla moglie)  Don Rafele! Quale onore...  (nota i pasticcini e lo spumante)

Come mai in cerimonia? (con Carmela ansiosissimi)

CARMELA: Accomodatevi e scusate la nostra modesta dimora.

DON RAFELE: Scusate, consentitemi l'indiscrezione! …Ma stavate aspettando qualcuno poco gradito?  ...sapete, credo di aver capito che stavate nascondendovi..

GEPPINO: Veramente..., io.., cioè...

CARMELA: No… sapete, voleva fare uno scherzo al Portiere.

DON RAFELE:(fingendo di essersela bevuta)  Aah, uno scherzo!

CARMELA: Già, gli piace scherzare (guarda Geppino cercando di capire se ha afferrato il motivo della illustre visita. Intanto Don Raffaele si guarda intorno)

GEPPINO:(Fa cenno di non aver spiegazioni)  ...Vedete con i piccoli  guai che possono succedere in una casa umile ed onesta, si cerca di mantenere una certa allegria.

DON RAFELE: Capisco! Quando ci sono i guai si cercano le svagatezze per non pensarci.

Si nasconde per non rompere l'armonia familiare. 

...Ma basta una minima cosa storta, un cavillo, e quel qualcuno si tradisce!…

GEPPINO: Esatto! (Cenno a Carmela che non ha capito niente)

DON RAFELE: …Infatti, la persona che ci sta vicino se ne accorge proprio perchè la reazione non è commisurata al futile incidente successo, è vero?

GEPPINO: E’ vero! (come sopra)

DON RAFELE:(dopo una pausa, vede i due coniugi preoccupati e decide di essere pi√Ļ esplicito)

La mia visita vi ha lasciati un attimino perplessi vero?

…E siccome mi dispiace tenervi in tensione, vi darò subito delle spiegazioni…

Sò che  non state vivendo un momento del tutto agevole e…

(tagliando a corto, cambiando tono) ...Signor Geppino, parlammece chiaro, voi avete 'na situazione debbitoria un pochettino pendente.

Il mio amico Ferdinando, trovandosi a parlare.... mi ha detto!

GEPPINO:(impaurendosi) Và mannate On Ferdinando?

DON RAFELE:(ridendo) Ma voi dove vivete?

E secondo voi, Ferdinando, era omme 'e cumannà al sottoscritto?

GEPPINO: Chiedo scusa.

(A Carmela) Quello,¬† Don Rafele √® assaje cchi√Ļ importante ...Nun puteva essere!

DON RAFELE: Non me voglio adulare troppo! …Io pozze sapè tutte 'e cose do quartiere....

GEPPINO:(in sordina a Carmela)  Ma chiste 'a nuje che vvò?

DON RAFELE: ...Ma state tranquilli, non vi preoccupate!

Io, ho preso  a cuore la vostra situazione.

In fondo, si trova sempre un amico disposto a dare una mano (stupore dei coniugi)

Vedete, in Via dei Mille ho un negozio appena sfittato e mi servirebbe qualcuno che lo gestisse.  Trattando mobilio, arredamento, e perche nò, anche vimini, avevo pensato....

per farla breve, ...di affidarvelo.

Per l'avviamento e le spese varie, non vi preoccupate, ci penso io… Che ne dite?

GEPPINO:(commosso) Che vi dobbiamo dire?

A vuje v’ha mannate 'o cielo!

CARMELA: Scusate (non fidandosi mettendo fisicamente da parte il marito)...

Scusate la mia poca fede, ma come mai venite a proporcelo giusto a noi?

GEPPINO:(trattiene Carmela rimproverandola) ...Carm√® ma che te ne ‚Äėmporta!

(quasi tra se) …Chesta è scema!

DON RAFELE: No, la signora ha ragione! Giusta osservazione!

...E siccome siete così schietta, vi risponderò con tutta sincerità!

(gioca di anticipo, in quanto, sa di non aver nessun riscontro dalla pretesa) Conosco, da tempo ormai,  Assuntina vostra figlia, e mi farebbe piacere…

avere anche il vostro consenso se la nostra amicizia diventasse, diciamo cos√¨, cosa pi√Ļ seria.

GEPPINO: Assuntina?!?

CARMELA: Assuntina? (guarda Geppino come per dire: siamo alla fine dei nostri guai)

 ...stà stendendo i panni fuori al balcone...

DON RAFELE: Vedete, io sono una persona corretta…

è sono venuto da voi per informarvi delle mie serie intenzioni.

GEPPINO: (ospitalissimo, quasi saltellante dalla gioia) Accomodatevi!

…E voi siete rimasto in piedi!

(porge la sedia contemporaneamente alla moglie e la ripongono contemporaneamente. Poi con disappunto verso la moglie) Ci’a damme sta seggia!

Fate come se fosse casa vostra!

Carmela, chiamme a Assuntina.... (a Raffaele fibrillante) Quella mò subito viene…

Ci fà na tazzulella 'e caffè.... (alla moglie) Và, digli che c'è Don Rafele.

(a Don Rafele) ...e comme fa 'o cafè mia figlia nun 'o fà nisciuna guagliona del quartiere.

CARMELA:(verso il balcone parlando tra se) ‚ÄėO caf√®? E add√≤ ‚Äėo piglio m√≤ ‚Äėo caf√®!

Assuntina, Assuntina!

ASSUNTINA: (che nel frattempo era con Gigino sul retro del balcone, entra di soprassalto col secchio vuoto)  Sì mammà...

CARMELA: E' venuto a trovarci l‚Äôamico, il ‚Äútuo amico‚ÄĚ Don Rafele...

Pap√† ha chiesto ‚Äėna tazza 'e caff√®! (dirigendosi poi col marito verso la cucina e rimproverandolo) ‚ÄėO caf√®? Cretino! Addo ‚Äėo piglio m√≤? (via)

ASSUNTINA:(intanto lo osserva, poi abbassa la testa. E mentre Rafele gli si avvicina...)

Voi state qua?...Dopo la ramanzina che vi ho fatto ieri, continuate  a perseguitarmi? 

...Poi a casa mia?

DON RAFELE:(si tocca la guancia) Me la chiamate ramanzina?

Ma voi mi conoscete ancora poco… Io per voi impazzisco!

Nessuna  donna  me fa pruvà  chelle ca  sento  pe' vuje. 

....Io sono disposto a sposarvi! (la prende il braccio, ma Assuntina si libera con disappunto).

Piccerè (spazientito)  Io sò capa tosta!          

(poi calmandosi) Ho una posizione che, ...volendo, vi potrei coprire d'oro!

ASSUNTINA: Con i vostri soldi non potete comprare i miei sentimenti.

Non sono un bambolotto in vendita… L'amore col denaro non si compra!

DON RAFELE: Voi cambierete vita e …faremo cambiare vita anche ai vostri vecchi!

Ci pensate non patiranno pi√Ļ! (Assuntina immagina per un attimo la gioia che potrebbe trasmettere ai suoi genitori. S'intenerisce, il suo sacrificio per la felicit√† della famiglia. E' un momento profondo, che inevitabilmente la confonde, rimane alcuni istanti perplessa. L'astuto Raffaele capta che la preda sta per cadere...)

Ma pecchè po’ io fosse tanto brutto? (la riprende il braccio)

Riuscir√≤ a svegliare i vostri sentimenti e vivremo pi√Ļ felici‚Ķ ‚Äútutti‚ÄĚ, compreso la vostra famiglia!

ASSUNTINA:(con pedulanza senza pi√Ļ ribellarsi) ...Vi preparo il caff√®!‚Ķ

Lasciatemi riflettere (via verso la cucina).

GIGINO: (intanto, fuori al balcone, ignaro della clamorosa svolta, era rimasto intrappolato. L'operaio, senza rendersene conto, aveva sottratto la scala e il malcapitato, dopo aver gi√† provato pi√Ļ volte¬† a¬† scendere gi√Ļ in altre maniere, intuisce che l'unico modo rimastogli era quello di restare in attesa di un momento propizio, per entrare nella stanza ed uscirsene poi dalla porta di casa. Avrebbe quindi atteso l'attimo giusto, quando non vi fosse¬† stato nessuno nell'ambiente). Ha levato ‚Äėa scala stu disgraziato! ‚ĶE m√≤? ‚Ķcomme me ne vaco?

GEPPINO:(dalla cucina e avvicinandosi a Don Rafele) E’ una ragazza educata e rispettosa.  

Non pecchè songhe 'o pate, …ma mia figlia sape fa uno di tutto.

DON RAFELE: Lo so! …Di donne me ne intendo.

GEPPINO: Vi ringrazio! troppo buono...

DON RAFELE: Per carità, sono io che vi ringrazio.

GEPPINO:(pausa, non sa cosa dire, poi di colpo...) ...E qua bisogna brindare!

Se mi date 'o permesso, vi volevo fare assaggiare nu bellu bicchierino 'e liquore.

Liquore genuino! L'ha fatto Assuntina con le sue mani.

Poi darete il vostro giudizio.

DON RAFELE: Grazie! Giusto un sorso, sapete, debbo scappare.

(Don Rafele, rimasto solo, si alza¬† dal tavolo e dopo aver fatto un giro per la stanza si va a sedere¬† sul divanetto di lato al balcone. Gigino, pensando che non vi fosse pi√Ļ nessuno, entra nella stanza in punta di piedi¬† avviandosi verso la porta d'ingresso)...

DON RAFELE:(di scatto lo afferrà per la maglia) Uè! Mariuò!

Dove ti credi di andare?

GIGINO:(tremante) Ma c'è un errore, io non sono un mariuolo

DON RAFELE: Ah, non sei mariuolo... e allora chi sei?...

Si da il caso che i conoscenti bussano alla porta.

ASSUNTINA:(entra col caffè) E' mio cugino! (cordiale con Raffaele) E' mio cugino burlone.

Spesso fa questi scherzi… Ma stavolta gli è andata male (finge un sorriso).

DON RAFELE:(lo lascia) E lo poteva dire subito, no!

GIGINO: Permesso (via dalla porta).

ASSUNTINA: Poverino! Sapete è ragioniere, ma disoccupato.

DON RAFELE: Ah, è Ragioniere... (riflette)

Se vi sta così a cuore....   Lo convocherò nel mio ufficio.

Se risulta un tipo in gamba farà il ragioniere da me...

Tanto quello che c’è adesso mi ha seccato, è un mezzo rimbambito (continuano a soggetto).

GEPPINO:(entrando e andando verso la cucina)  Carmela! Carmè.

CARMELA:(uscendo, sottovoce) Ch’è stato mò?

GEPPINO:(agitandosi) 'A butteglia 'e liquore che fine ha fatto?

CARMELA: Liquore? …Quale liquore?

GEPPINO: Ahe, …quello cha facette Assuntina!

CARMELA: 'O Rosolio? …Geppì ma quanti vvota te l'aggia dicere?

L'ultima vota ‚Äėo vulive offrire 'o prevete quanne venette a benericere 'a casa! Ti sei scordato?

GEPPINO: Ah, fernette?....

CARMELA:(spazientita) Te dicette c'a lo regalai a mia sorella p'o matrimonio della figlia.

Mò te lo ricordo nata vota.

GEPPINO: Ne uè, con calma! (riflette) …E mò?

CARMELA: ‚ÄúM√≤‚ÄĚ che cosa?

GEPPINO:(indica Don Rafele) Chille sta aspettanne ‚Äėo liquore!

CARMELA: Gepp√¨, tu stai cumbinanne nu cuofene ‚Äėe guaje....

GEPPINO: Io!? …Ma che vaje dicenne?

CARMELA: Che vaco dicenne? ‚ĶM√≤ vu√≤ ‚Äėo liquore,¬† ‚Ķprimme vulive ‚Äėo caf√®‚Ķ

GEPPINO: Embè?

CARMELA: Emb√® che cosa?¬† ...Io addo ‚Äėo pigliave ‚Äėo caf√®?

GEPPINO: Uh, overo! ...Managgia o suricillo! …Embè addò l’hai pigliato?

CARMELA: L‚Äôaggia chiesto ‚Äėa signora affianco.... Mo ‚Äėo liquore add√≤ ‚Äėo piglio?

GEPPINO: (A don Rafele che, fino e allora ,ha  recitato battute a soggetto con Assuntina)

Don Raf√®, mi dispiace ma il liquore √® finito! L‚Äôha usato nel rag√Ļ‚Ķ

CARMELA:(in sordina) ‚ÄėO rosolio dinte ‚Äėo rag√Ļ? ‚ĶMa pecch√® nun te stai zitto, ca √® meglio!

DON RAFELE: Non vi preoccupate, lasciate stare!

Immagino la sua bontà per le grazie che tiene la figlia vostra.

Ah! ....A proposito di grazie, …mi ha parlato di vostro nipote Gigino.

GEPPINO: Luigi?

DON RAFELE: Certo! Ho deciso di farlo lavorare con me,

e non vi preoccupate.... lo pagherò bene (continua con Assuntina)

GEPPINO: Carmè, tu  hai capito? Tuo nipote lavorerà con Don Rafele.

Hai sentito? Ha detto che lo pagherà bene.

CARMELA: Mamma mia! Che piacere… Ma che sta succedenne…

He visto? Quello pensava cha Assuntina nun 'o puteve avvedè, invece ci'ha miso 'a bona parola.

DON RAFELE: Bene, ora scusatemi, ma si √® fatto tardi!‚Ķ (bacia la mano di Assuntina, poi si rivolge ai genitori, e mentre li saluta) Oramai non avete pi√Ļ da preoccuparvi.

Vi darò una mano e vedrete che il negozio farà faville.

Nu poco 'e rinnovazione alla casa… e poi daremo una bella festa  per il fidanzamento ufficiale.

GEPPINO: Si, si, organizzamme n'a bella festa.

DON RAFELE:(Guardando l'orologio) Il dovere mi chiama, debbo proprio lasciarvi, sapete una volta alla settimana ho una riunione d'affari con i miei soci. 

Ci sentiremo appena possibile.

(ribacia la mano ad Assuntina) Signor Geppino, Onna Carmela, statevi bene…

E state senza pensieri, parlerò col mio amico Ferdinando, state sicuro che vi darà il tempo necessario per risolvere la vostra situazione.

Arrivederci (via)

(Carmela e Geppino si abbracciano gioiosamente)

GEPPINO: Carmè, chiste è nu suonno! Ce pienze, avimme fernute 'e spandecà.

Io l‚Äôaggio sempe ditte ca Assuntina era ‚Äėa speranza nosta!

CARMELA: Che dice figlia mia! Hai fatto la fortuna tua e la nostra....

Ma comme mai nun ce ditte mai niente?

Te pare ca nuje, che stamme cumbinate e chesta manera, potevamo nun essere cuntente?

GEPPINO: Cchi√Ļ 'e cheste.....

ASSUNTINA: Avete ragione! Pare proprio fatto pe nuje, ...però (scoppia in lacrime)...

CARMELA: Nè Assuntì a Mammà, pecchè stai chiaghienne?

ASSUNTINA: Niente, niente. Sò cuntenta, sò lacreme di gioia…

Accussì ce sistimamme tutti quanti (piangendo verso le Camere).

(Mentre Geppino e Carmela si guardano meravigliati, non riuscendo ad afferrare bene il comportamento della figlia, suona il campanello. Geppino stavolta non ha ragione di scappare, appare addirittura spavaldo...)

GEPPINO: Carmela, vai ad aprire.

DONNA FORTUNA: Buongiorno! Onna Carmè, scusate se vi disturbo, tenisseve 'na sega?

...Però una di quelle con i denti doppi.

CARMELA:(sospettosa) 'Na sega?!  Geppì vide, me pare ca sta 'ncoppe all'armadio.

DONNA FORTUNA:  Stà jurnata è iniziata storta, speriamo ca fernesce ambressa (riceve la sega da Geppino) Grazie! Ve la riporto tra 'na mezz'oretta. Arrivederci.

CARMELA:(dubbiosa) 'Na sega? ...E mò chesta c'adda fa ca sega?

(campanello, riapre Carmela)

DONNA FORTUNA: Scusate ancora, dimenticavo! Vostra figlia vi ha detto di quella grossa cassa da preparare?

GEPPINO: Sissignora, …la inizio subito in giornata, non vi preoccupate.

DONNA FORTUNA: Aggiate pacienza, facitela cchi√Ļ piccerella

...Ho trovato un'altra soluzione (indica per caso la sega).

GEPPINO:(a Carmela impietrito) ...’E Capito! Ha truvato n'ata soluzione... (mima il segare)

CARMELA:(inorridita) E quanto s'adda rimpicciolì?

DONNA FORTUNA: Dunque, (riflette) Facitemmelle grossomodo qualche cosa meno di un metro per un metro... (indicando la piccola taglia)

(Carmela spaventata a morte, gli mancano le forze. Geppino la sorregge)

GEPPINO: Sentite, a nuje 'e sorde c'interessano,  ma cheste nun sta a significà c'avimma collaborà pe forza al vostro "macabro rito"....

Magari sulo pe ve fà sparagnà qualche decina 'e migliaja 'e lire.

DONNA FORTUNA: Macabro rito?! Guardate io nun ve capisco, ma che dicite?

‚ĶVoglio na cassa chi√Ļ piccerella ...Grossa come l'avevo ordinata nun me serve cchi√Ļ.

Che ci azzecca mò stu "Macabro rito".

CARMELA: E 'o Fiorentino?  ...Segare a pezzi 'a Buon'anima d'ò Fiorentino...

Comme 'a mettimme a 'nnomme?

DONNA FORTUNA: 'A Bonanema? Sciò, sciò!

Quello è vivo e vegeto, ...si, qualche giorno fa ha avuto nu poco d'intossicazione, ...io ce lo dissi: "Tonì 'e puparuoli a quest'ora sò pesanti"....

Ma quello sta meglio di me e di voi messi assieme. 

Va tuvanne 'a bonanema....

GEPPINO: Aah! Ma allora 'a cassa nun serveva pe nasconnere 'o cadavere?

DONNA FORTUNA:(furiosa) ...e tienemente!

Ma quale cadavere!  Ma stisseve poco buono tutt'e duje.

GEPPINO: Abbiate pazienza, forse ci siamo sbagliati!

DONNA FORTUNA:(c.s.) Insomma con chi vi credete 'e havè a che fare?

...Ma vedite nu poco, vedite nu poco!

GEPPINO: Signora, perdonateci!

DONNA FORTUNA: ...Quello Tonino, ha avuto una combinazione!

Si √® comprato na partita 'e coperte cinesi, dicimme 'e contrabbando (fa segno: rubate). Non¬† sapendo come trasportare il carico, per non dare nell'occhio, amma penzato ca na cassa troppo grossa faceva sospettare e allora io ci'aggia procurato na' valigia e a vuje v'aggia chiesto na cesta cchi√Ļ piccerella.

Siete contenti! V'aggia ditte 'e fatti miej!

CARMELA: E la sega?  'A sega a che ve serve ?

DONNA FORTUNA: A sega? (a Geppino) che centra la sega cu stu fatto mò.

GEPPINO: Non lo sò...  (a Carmela)... che c'entra.

DONNA FORTUNA: Stammatina se rotta na mensola do suppigno e sò carute tre bottiglie di pomodoro.  ...Mò stevo mettenno a posto.

V'aggia da cunto pure ncoppe a cheste? (sbraita ininterrottamente)

GEPPINO:(a Carmela, che si è resa conto dell'abbaglio) Aah, mò si spiega il frastuono che abbiamo sentito, se rotta 'a mensola (Donna Fortuna impreca)

...Abbiate pazienza, ma la colpa è pure vostra, pecchè quanne avite parlato della cesta, avete detto: "ho trovato un'altra soluzione" ....avete fatto con la sega così e così  (indica il segare) un movimento che non ci azzeccava nulla con quello che stavate dicendo...

DONNA FORTUNA:(ormai fuori di se)  Ma vuje 'a gente pe chi 'a pigliata!

Ma tenite mente nu poco!...'a sega, 'o cadavere,  'o rito macabro...

GEPPINO: Perdonateci, c'è stato un piccolo equivoco...

CARMELA: Sapete, un malinteso...

DONNA FORTUNA: Ma ccà c'è sta d'ascì pazze!

Macchè scherziamo! Ma faciteme 'o piacere... (volta le spalle e apre la porta per andarsene, ma  di faccia trova il portiere con una guardia ed il Commissario).

GIOVANNI:(l'immobilizza, poi vedendo la sega....) Eccola!

Commis√†, √® lei la ‚Äúculatrice‚ÄĚ di cadaveri. Disarmatela!

COMMISSARIO:(Mostra il distintivo) Polizia! Mi dica subito dove ha nascosto il cadavere del commerciante fiorentino... il suo amante!

DONNA FORTUNA: Ma quale cadavere? Pure 'a polizia mò.

Lasciatemi immediatamente cha vi denuncio.

Luvateme 'e mmane 'a cuolle! (per liberarsi della presa sbatte il portiere contro al muro, che rimane infortunato al naso)  .....Questa è una sporca menzogna!

Venite sopra,  v'ò faccio vedè io 'o cadavere.

Chillo è vivo e vegeto, ve lo posso assicurare io ....tene ancora parecchia sustanza!

Gies√Ļ, Gies√Ļ, cheste s√≤ cose 'e manicomio...

(a Geppino e Carmela che sono rimasti senza parole per il guaio combinato) ...Sti quatte miserabili invidiosi (gli butta la sega davanti ai piedi, ...poi al Commissario) Venite, vi presenterò il cadavere! (via sbattendo la porta)

CARMELA:(lunga pausa Giovanni, con il fazzoletto sul naso indolensito, guarda i coniugi allibito, Carmela rompe il silenzio)

Po vuje subbito 'a Polizia!

GIOVANNI: Vuje accussì avite ditte!

CARMELA:  ...Ma stavamo ancora indagando.

GIOVANNI:(allibito) Si, ...ma vuje che me avite cuntato.

GEPPINO: C'è stato un piccolo malinteso.

(Giovanni guarda prima Geppino poi Carmela, rimasti impietriti, e allarga le braccia.....  intanto cala il sipario).


terzo atto

Stessa stanza del precedente atto. L'ambiente però, questa volta, lascia intendere che c'è stata una entrata di benessere.

La scena, infatti, appare totalmente rinnovata: tende; soprammobili; parato nuovo; al posto del vecchio armadio, un mobile basso porta-liquori, sopra il quale poggia  un antico arazzo di valore; il tavolo e le sedie  nuove, ecc..

In scena Geppino e Giovanni (il portiere), sono seduti al tavolo a discutere. Compare per un momento Carmela che, dalla cucina, porta il caffè ai due per poi rientrare.

L'atteggiamento del portiere è sfacciatamente rispettoso e servile.  La ragione del comportamento così adulativo assunto dall'ospite (al quale non manca, sicuramente, un pizzico di invidia) è legato alla attuale buona posizione economica che la famiglia Palumbo ha acquisito.

Geppino sa che ha avuto il classico colpo di fortuna, sa bene che componente fondamentale del risvolto è stata verosimilmente la bellezza della figlia che ha conquistato il cuore del ricco e rispettato Raffaele Punto. Tuttavia, anche per una questione di orgoglio, cerca di far intendere che non dipende poi unicamente da quello....

GEPPINO: E allora che mi dovete dire?

GIOVANNI: Niente, una sciocchezza! Vuje, qualche mese  fa, stivene 'nguaiate 'e chella manera e io nun tenette 'o curaggio 'e va turnà arreta:

(mostra un barattolo che aveva poggiato ai piedi della sua sedia) ccà dinte 'nce sta chella colla "Americana" c'a me vennisteve.....    V'arricurdate?

GEPPINO: Colla? ....Ah, ggià 'a "colla Americana" che facette... (corregendosi)

...che purtaje Luigi! ....Embè, nun è bbuona?

GIOVANNI: Ma non lo so..., in verità sti Americani nunn’’e capisco! Fanno tanti ccose bbone, …ma avvote pure pigliene cierti diece 'e sciuliate!

"E' nun è bbona"... che v'aggia dicere:

Tenevo nu poco 'e sola scullata annanze, 'nce mettete 'na goccia 'e sta colla..., pecchè vuje accussì me dicisteve: - "'na piccola goccia" - ...e quanne me turnaje a mettere 'a scarpe, perdette 'a sola cu tutto 'o tacco (mostra la scarpa rovinata. …Geppino l’allontana disturbato)

...Ma chesta nun è niente!

'O gruosse succerette c'o cardillo 'e Tummasino...

GEPPINO: 'O cardillo 'e Tummasino?!

GIOVANNI: M'ò sto sentenne ancora dinte 'e recchie!

...Chillo sta piglianne 'na malatia!

GEPPINO: 'O cardillo!??

GIOVANNI: Ma no! ‚Ķ Mica l‚Äôauciello! ...Dicevo Tummasino! ‚ĶChisto do piano ‚Äėe coppe!

Ultimamente truvanneme addu isso, ascette fore 'o barcone suoje; e vedette c'a teneva 'a caiola 'e legno, sapite quelle tutte ornamentate? Eh! …Teneva 'o piano 'e sotto c'a se steve scullanne.

Và truvanne chi mò dicette a me! ....Jiette 'a piglià 'a colla vosta abbascio 'a guardiola e, nun cuntento dell'esperienza passata (mostra nuovamente la scarpa che Geppino nuovamente respinge con disappunto) …Ma che dè?

GEPPINO: Ma comme che dè? …On Giuvà parlate senza gesti!

GIOVANNI: Io ‚Äėna scarpa v‚Äôaggia fatte ved√®!

GEPPINO: Ma qua scarpa on Giuv√†! Chesta tra a puzza da colla e ‚Äėo fieto mbrigniate de piere vuoste √® divintata ‚Äėna Camera a gas trasportabile!

GIOVANNI: Uh mamma do Carmene! (rimette la scarpa nella busta)…

Dunque dicevo… Pigliaje stu fondo e  'nce dette 'na mano e sta rrobba ncoppe 'o bordo sotto 'a caiola...

GEPPINO: mbè...

GIOVANNI: 'A matina appriessa, Tummasino, ascenne fore 'o barcone, truvaje 'o funniello da caiola 'nterra 'e 'o cardillo, va trova addo se ne vulaje...

Geppì m'avita credere! Facette 'a faccia 'a chiazze rosse e gialle!...

Ce steve venenne nu panteco!

GEPPINO: Pe stu cardillo!

GIOVANNI: Era addestrato..., quello, addirittura ci parlava!

GEPPINO: Sò cuccava pure vicino… a notte?

GIOVANNI: ‚ÄėE pazziate, quello veramente √® caduto in depressione!

GEPPINO: Me dispiace pe Tummasino, ma che vi debbo dire..., (riflettendo) forse c'e stato uno scambio di sostanze e a vuje 'o posto 'e ve vennere a colla, v'aggia dato "'o scollante"...

Questo qua svolge, naturalmente, 'a funzione opposta...

GIOVANNI: Ah, ecco! lo scollante!... (lo guarda come per dire: a me non mi serve!)

GEPPINO:(intuisce) Comunque, nun fa niente!

Se lo volete rendere.... Lasciatelo qua..., lo faccio vedere al mio fornitore.

(estrae dalla tasca il portafoglio colmo di banconote e gli rende il denaro)

GIOVANNI: Aggiate pacienza, quello poi, a voi non vi manca!

(Affacciandosi nel portafoglio) Guardate llà, guardate! …A fisarmonica!

(prende i soldi, poi, guardando la stanza...) Veco c'a 'e ccose stanno jenno proprio bbone!

GEPPINO: Certo nun me pozzo cchi√Ļ lament√†...

La clientela aumenta giorno dopo giorno... e i profitti si vedono! 

Sapite, quella è una zona d'elìte.

GIOVANNI: D' Eli...chè

GEPPINO:(marcando l'accento gli viene un piccolo sputo) D'elìtte!

...E' francese. Significa "di lusso", "signorile".

GIOVANNI: Mannaggia ‚Äėo suricillo (pulendosi l'occhio) ‚ĶSarr√† comme dicite vuje ...ma √® meglio ca parlate napulitano ....a me stu francese nun me piace!

(riprendendo) Ma o'veramente po, 'a ggente, s'accattano tutti questi mobbili?

GEPPINO: Sicuro! Quando ce stanno 'e renare...

GIOVANNI: E Don Rafele?

V'ha dato 'a gestione e nun v'ha chiesto niente?

GEPPINO: Come no! Ci siamo messi d'accordo.

Comunque, siccome sto mettendo da parte un p√≤ di "sparagni",¬† proprio qualche giorno fa ci'aggia chiesto di vendermi il locale, cos√¨ mi sentir√≤ pi√Ļ "'dipendente".

GIOVANNI:  E isso pò, ve lo cede?

GEPPINO: E perchè no! quali problemi può avere lui.

GIOVANNI: Certo, comme se dice: "ve site accunciato quattro uova dinte 'a nu piatto!"

GEPPINO: Vedete, vi spiego 'na filosofia assai importante, state bene attento.

Viene un momento nella vita che la fortuna vi passa davanti... (indica un semicerchio, come se fosse qualcosa di materiale che attraversa il suo campo visivo).

GIOVANNI:(interessato, assottiglia gli occhi)   Sì...

(e man mano si avvicina fino ad arrivare guancia a guancia  con Geppino per cercare di vedere qualcosa).

GEPPINO:(infatidito) Ma che state facenne!?

GIOVANNI: Sto cercanne 'e vedè!

GEPPINO: Ma c'avita vedè!  Quella è una cosa da immaginare. Voi vi azzeccate!...

Trase Carmela, ce trova accussì, ce piglia pe duje fegatielli? …che le dicimme?

Steveme guardanne 'a fortuna?

GIOVANNI: Avite raggione!

GEPPINO: E' stateve 'o posto vuosto! Dunque, che steve dicenne? ‚ĶM‚Äôavite fatto perdere ‚Äėo filo!

Ah sì, dunque... dicevo, quando la fortuna si fa avanti, in quel momento, bisogna avere "il fiuto nel naso" e approfittare subbito…

GIOVANNI: (interrompendo) …Chè?!

GEPPINO: …Il fiuto (ci pensa sopra) …l’intuimento!

Pecch√® p√≤ succedere sapete? Anzi √® facile, che poi simili circostanze non s'appresentano cchi√Ļ nell'arco dell'intera vita!

GIOVANNI: Allora pò succedere pure a mmè ?

GEPPINO: Perlomeno una volta nella vita capita a tutti!

(pausa) Site sicuro c'a nun v’è già succieso ?

GIOVANNI:(guardandosi) Non credo!

(ricordandosi) Ah! ...Na vota truvaje cinquanta centesimi perterra !

Nun voglio credere c'a chelle è stata e chelle è....

Sinnò, m'è passato pe'nnanze 'a schifezza 'e tutt'e furtune!

(ci ripensa) Noo, che io mi ricordo,  so' stato sempe sfurtunato...

Jo, si me mette 'a vennere 'e scarpe, ajesce ‚Äėa moda d‚Äôo cammen√† scaveze!

GEPPINO: Ecco, vedete! Qua sta il segreto !

Pure io me pensavo c'a era accussì. Ma vi assicuro c'a nella vita, per ottenere qualsiasi cosa, s'adda tenè 'a custanza di crederci overamente!

....Voi non avete costanza!

GIOVANNI:(un po’ infastidito dalla spavalderia) Scusate, ma la fortuna di cui parlate; quella che voi, comme dicite, avete fiutato nel  naso... Qual'è?

Addo stà 'a custanza vosta? (pausa)

Geppì, nun ve pigliate collera si vò dico, pecchè a mè  me piace 'e parlà nfaccia, nun è invidia:

- ma vuje 'avita ringrazià vostra figlia  per le grazie che possiede!

GEPPINO:( prima esitante, poi..) ...E' certo!

GIOVANNI: Embè, 'a custanza vostra, qual'è stata?

GEPPINO:(c.s) Quella di credere in mia figlia!

GIOVANNI: Allora la vostra fortuna - è stata vostra figlia?

GEPPINO: Certo! Anche! (ragionando) La mia fortuna è stata anche quella di avere una figlia bella..., ma non vi dimenticate che io ho sempre sperato in lei! ...Vi scordate?

GIOVANNI: No...(dubbioso) ho capito! Ed è vero pure questo!

(riflette) Ma l‚Äôavite vista ‚Äėa mugliereme? (Geppino lo ascolta perplesso) ‚ĶIo, cu quale custanza putevo sper√† 'e fa 'na figlia bella comme Assuntina cu 'na mugliera brutta 'e chella manera?

Ditemi voi, come potevo sperare ?

GEPPINO: Ecco, questa è la questione! (risoluto) Siamo arrivati al nuocciolo!

L'avete detto stesso voi: "cu na mugliera e chella manera!".

(sicuro della sua filosofia) Avete sbagliato a sposarvi!

... Magari la fortuna vi proponeva un'altra ragazza: una ragazza di buona famiglia, che non aveva problemi economici... Ecco, mo 'nce vò 'o fatto 'e primma, voi non avete avuto il fiuto!

(ribadisce) Avete sbagliato a sposarvi!

GIOVANNI:(inizia ad accettare la tesi) ...Ho capito !

(riflettendo...) E a chi stevo attuorno allora ?

(commemorando, poi all'improvviso)¬† ‚ÄėA castagnara!...

Embè, chella primma venneve 'e castagne... (pausa) e mò, lo stesso.

Anzi m√≤ e venne pure 'o marito.... Chille se puzzano ‚Äėe famme! (si arrende)...bah!

Sarà comme dicite vujie, ma io nun me trovo! (guarda l’orologio)

Va bbuò, è meglio c'a me ne scengo!

(avviandosi verso la porta)  Aggia rimasto 'a guardiola sola!

GEPPINO: Aspettate! Mò scennimo assieme!

Debbo andare da Luigi al negozio (infila la giacca).

ASSUNTINA:(dalle camere, elegantissima) Buongiorno!

GEPPINO E GIOVANNI: (mentre stanno per andarsene) Buongiorno!

ASSUNTINA: Papà, ma non dovevi stare al negozio?   (si va a  sedere al tavolo e da le spalle alla porta d'ingresso. In mano un piccolo specchio e l'occorrente per il trucco).

GEPPINO: Sto andando adesso, ho fatto un poco tardi.

Ci vediamo a pranzo (via con Giovanni).

CARMELA:(qualche secondo, poi dalla cucina, in mano panno per spolverare) Se ne s√≤ scesi?¬† E' nu poco 'e tiempo c'a ncoppe 'a sta casa nun se capisce cchi√Ļ niente!

Me pare 'o ritrovo 'e tutti quanti.

(preleva le tazzine lasciate sul tavolo) Obbì, ci'aggia sta appriesso appriesso!

(pulisce il tavolo, poi riprende)  Uè, e comme invìta lui!

(imitando) - Prego, accomodatevi! Cosa possa offrire...

Carmelaaa! Ci prepari due caffè! (pausa) ...L'ha pigliate p'o bar!

(pausa) Ueh, Comm'è disponibile sà! 

Fino a qualche tempo fa nisciune ce pensava.... Teneveme ‚Äėa rogna!

Mo' che si vivacchia, li tiene a tutti quanti attuorno! (va a posare le tazze in cucina).

Suona il campanello e Carmela, ritorna per aprire...

CARMELA: Buongiorno !

GIGINO:(porta uno stupendo fascio di rose che gli copre il volto) Vengo da parte del Sig.Raffaele Punto, …porto i suoi personalissimi auguri per la signorina Assuntina.

CARMELA:(verso Assuntina che continua a truccarsi e a dare le spalle alla porta) Ci sta una persona di Rafele... (sottovoce e rallegrata) nun saccio quanti rrose ha purtate. ...Che emozione!

ASSUNTINA: E fallo trasì! L'he rimasto fore 'a porta?

CARMELA: Prego!

GIGINO: Permesso?

ASSUNTINA:(senza guardarlo) Accomodatevi!

(mentre continua a truccarsi)... poggiate pure sul Tavolo.

Mammà, prepara 'na tazza 'e caffè al signore.

CARMELA: Uh scusate! Mi sono distratta... Sapete stiamo ancora mezze ‚Äėnzallanute per questi lavori in casa che ancora debbono finire...

(confidenziale) Stiamo preparando per la sua festa di ‚Äúfitanzamento‚ÄĚ ufficiale.

GIGINO:(si guarda intorno) Capisco.

CARMELA: Permettete! (via in cucina)

GIGINO: Ho sentito che siete in procinto di grossi preparativi;

vedo che avete rinnovato...  (da un altro sguardo all'appartamento) ...e che lusso!

(getta i fiori sul tavolo e con improvviso tono raggiante) Chissà si tenite 'a faccia tosta 'e m'invità!

ASSUNTINA:(dopo aver riconosciuto la voce, rimane pietrificata, poi, si alza di scatto e sospirando)  Gigino !

(sul suo volto: prima, un accenno di gioia che commemora, per un istante, il tempo trascorso insieme al suo vero amore; poi, una trasformazione dell'espressione in un senso di vergogna.    China il capo quasi volesse sparire)

GIGINO:(pur avendo intuito lo stato d'animo di Assuntina, il suo volto non fa una grinza; inamovibile, perlomeno esternamente) Eravate bella, ma adesso siete stupenda!

Oramai mi sono convinto..., "la salute dovrebbe essere la prima cosa! Ma se non ci sono i soldi, non c'è la vera salute!".....  

(poi guardando e indicando prima la casa, poi lei..)  " Voi scoppiate di salute! "

ASSUNTINA:(quasi a ribellarsi) Non è vero!

Non usare quel tono.... Nun l'he mai pensate.....

GIGINO:(la interrompe) Nun l'avevo! Nun l'avevo!...

Bisogna adeguarsi alle circostanze, ai tempi.

All'inizio ho cercato di dimenticare, di non pensarci...

ma comme facevo,

…io t'aggio overamente voluto bbene!

Comme facevo ...se un nodo alla gola quasi m'affucava;

comme faceva ...si l'uocchie me lacrimavano e io nun 'e riuscevo a trattenè...

comme facevo… Ma a tte che te ne mpurtava?

I pensieri tuoi erano altri...

e allora?... Allora aggia ditte basta!

Mi sono deciso,  e ci'aggia miso na preta 'ncoppa!...

Ho saputo soltato adesso, quando m'ha dato l'indirizzo per  portare le rose qua,

…c'a m'he raccomandato a lui, al tuo sceicco. (sorriso amaro)

M'ero pure illuso c'o posto l'avevo guadagnato da me...

Po, addirittura sarei tuo cugino...

ASSUNTINA: Gli hai detto....

GIGINO:(la interrompe) Nun l'aggio fatto capì niente!

Se è solo questo c'a te fa sta 'mpensiero, nun te preoccupà, ...io sono un gentiluomo!

Nun te preoccupà, (con disprezzo) la tua pagnotta è salva! (pausa)

Che meschinità, che delusione sei stata!...

Mi hai dato "il ben servito" facendomi lavorare col tuo amante!

E io, povero stupido, me pensavo che eri un fiore candido...

Ma adesso è finita! Mi debbo licenziare! Io sono capace di badare a me stesso!...

...Non ho bisogno dell'aiuto di nessuno!

ASSUNTINA: Finiscila! Ti voglio bene, finiscila!

GIGINO:(ormai in pieno sfogo) Me vuò bbene ?

(riso di scherno, poi serio) Ho imparato la lezione, nun me fai cchi√Ļ specie.

ASSUNTINA:(disperata) Statte zitto! Nun dicere cchi√Ļ niente, si nno comme faccio?

....ma tu nun può capì.

GIGINO: Comme fai a fa che ccosa? …'A signora?

...A te mettere 'o vestetiello ? ...chest'aggia capì!

(Assuntina scoppia in lacrime, mentre dalla cucina....)

CARMELA:(con vassoio e caffè) Ecco! Pren…dete....

(nota la figlia singhiozzare)  Assuntì che succieso?

ASSUNTINA:(cerca di contenersi)  Niente, niente mammà.

GIGINO:(lesto) Ehm..., gli ho recitato una poesia.... Una poesia, molto commovente, che scrissi alla mia fidanzata (cenno di affermazione di Assuntina con la testa).

CARMELA: Nientedimeno! E tu te fai venì chestu ppoco?

(poi dubbiosa...)  Una poesia eh! …M'avite incuriosito, perché non me la fate sentire?

GIGINO:(pronto, poichè la poesia veramente l'ha scritta)

Prima che si fà freddo....(finisce  il caffè poi...)

Dunque s'intitola: ‚Äú NUN IRE TU' ‚ÄĚ

   Sta faccia bella comme è na luna,

   cu duje uocchi 'e  mandorle scure,

¬†¬† fuje a cchi√Ļ grossa 'e tutte 'e furtune

   'ncuntranne stu ciore chino 'e culure.

Passajeme 'nsieme tanta jurnate

comme è criature a  fantasticà.

Ma 'o suonno, dinte 'a na sola nuttata,

svanette p√≤...¬† senza¬† cchi√Ļ riturn√†.

   Mo 'na preta 'o posto do core

   ha  stutato sta luce fatata.

   S'è scurdata de momenti d' ammore

   c'hanna brillato dinte 'e ssere passate.

Quanta vote je t'aggia  pensata

e quanta juorni me fatte sbarià,

quanta notte c'aggia chiagniuto

e quanto, quanto tiempo pe te scurdà

   Tanti  vvote ci'avimma strigniuto

   nun 'o ssape chille che ta pigliato?

   Tutt''o  bbene c'a t' aggia vuluto

   e tutte 'e vase c'a 'nce simme dato?

Pe' nu mumento …t'aggia 'ncuntrato

era overo, nun me pensavi cchi√Ļ!

C'o vestito, 'o cappiello, tutta  pittata...

Chillu juorne capette...  "nun ire tu".

CARMELA: Veramente molto bella! …E l'avete scritta voi?

GIGINO: Si.

CARMELA: Ma è 'na storia vera?

GIGINO: Purtroppo si... (guarda Assuntina) ...Era 'a guagliona mia.

CARMELA:(guarda i due)  Ho capito.... Mi dispiace!...

GIGINO: Scusate, ma adesso debbo andare (va verso la porta).

CARMELA:(gli apre la porta) Buona giornata!

GIGINO: Arrivederci! (poi ad Assuntina) Signurì, auguri anche da parte mia...

(dinuovo a Carmela) Complimenti, tenete veramente 'na bella figliola (via).

CARMELA:(sbalordita) Ma chisto √® 'o raggiuniero ‚Äėe Rafele?

ASSUNTINA: Si.

CARMELA: 'O figlio do bidello?

ASSUNTINA: Si, è proprio isso.

CARMELA: S'è fatto proprio nu bellu guaglione, overo?

ASSUNTINA: Si..., è overo! (lacrime agli occhi, si dirige verso le camere).

CARMELA:(Ha afferrato qualcosa, rimane perplessa e dubbiosa) Pò essere maje....,

meglio c'a nun ce penso proprio! (via verso la cucina con vassoio, tazzine e fascio di rose).

All'ingresso entra dinuovo Geppino seguito, stavolta, da Michele Dalbene un uomo serio e di cuore; atteggiamento quasi da prete, disposto ad aiutare chi ne ha bisogno. Interpreta questo ruolo come se fosse la missione della sua vita.

GEPPINO:(scosta una sedia dal tavolo e lo fa sedere) Signor Michele, accomodatevi!

MICHELE: Grazie !

GEPPINO:(apre il mobile che prta i liquori) Cosa posso offrirvi?  

Un Whisky..., un bicchierino di Anice?...

MICHELE: Si, Grazie! Un pò di anice lo accetto volentieri, però non ho ancora capito la vostra fretta di avermi come ospite. Sarei potuto venire tranquillamente in un altro giorno, visto pure che voi stavate correndo al negozio!

GEPPINO:(sorride, ha molto insistito affichè Michele salisse sopra) Non vi preoccupate, stavolta non debbo chiedervi nulla.

Ringraziando Iddio, le cose sono notevolmente cambiate!

(versa l'anice in due bicchieri, poi siede al fianco dell'ospite) Vedete, caro Michele, ieri ero 'o pezzentone sacrificato a vivere: c'o proprietario a chiedere le pigioni arretrate; 'e creditori prepotenti fuori alla porta e la famiglia naturalmente a tirare continuamente il carro in salita.

A tutto questo, mettitece la mancanza di riguardo da parte d'o vicinato, degli amici e anche dei parenti.

Una mancanza, credo, dovuta dal timore che potessi chiedere aiuti.

In un paese Cristiano?...   sembra incredibile, ma è così!...

La non curanza delle persone ch'appartengono a categorie di ceto superiore, 'a mancanza di umiltà, l'egoismo da ggente: - "che t'a fai a fà cu chillu muorto 'e famme, tanto nun ce'jesce niente!".

Se andate a vedere poi: ...tutti credenti!

Tutti frequentatori della chiesa....  Ma che pazziamme!

Quanne vanne 'annanze 'o Signore, s'avessena mettere scuorno!

I parenti pò, nun ne parlamme proprio!

Si tenevo 'a peste era meglio!

Quanne era vivo papà, e le cose andavano bene…

t‚Äô‚Äôe truvave a tutti quanti ‚Äėnnanze 'e piedi

chi si metteva a disposizione di qua chi di là.... Quel branco di ipocriti e falsi!....

MICHELE: Sono daccordo con voi! Il mondo sta regredendo con cuore e sentimenti.

Evidentemente le ultime guerre hanno insegnato poco!

Egoismo e ipocrisia in ogni angolo della terra, questa è la realtà che vige.

Ma io che centro! Credo che proprio voi conosciate bene la mia filosofia.

GEPPINO: Infatti! E scusatemi se mi sono sfogato con voi!¬† Ma io vi considero una delle persone pi√Ļ giudiziose e benevoli da quando ho acquisito lo strumento della ragione.

Vi ho invitato con gran piacere! Anche se, in verità, avevo fatto tardi e steve currenne 'o negozio. …Ma questo non importa !

Voi non me le avete pi√Ļ chieste, ma io ricordo benissimo che vi debbo ventimila lire.... Adesso posso permettermelo e mi voglio sdebitare¬† (dallo stesso minibar, dove a preso il liquore, sotto ad un vassoio preleva delle banconote e le volge a Michele).

Credetemi, vè ttorno cu tutt'o core!

Voi siete l'unica persona, dico l'unica, che non mi ha martellato il cervello. Che ha capito di avere a che fare con un altro essere umano...

MICHELE:(prendendo le banconote) Se non me le davate, non ve le avrei mai chieste.

L'onesta e la dignità sono argomenti in via di estinzione, le poche persone che ce l'hanno sono facilmente riconoscibili.

E' per questo che non vi ho mai turbato.

Sapete io non ho problemi economici, quindi, non ne ho bisogno, ma... possono servire a qualcuno che ne ha! (si alza e intasca le banconote. Poi, mentre i due si salutano...)

(campanello, Geppino va ad aprire)

LUIGI: Uhè 'o Zi, qua state?

GEPPINO:  Eh! Qua stò io... e quà stai pure tu!...

(arrabbiandosi) Ma 'o negozio chi 'o sta guardanne ?

LUIGI: Nun ve mettite paura, aggio chiesto nu mumente 'o piacere a Ciro,

'o guaglione d''o bar.

GEPPINO:(preoccupato) a Ciruzzo?

Ma tu fusse scemo ! 'E lasciato 'o negozio mmane a nu criaturo e dieci anni?

Cose' 'e pazzi! Don Michè, scusate, scendiamo. Aggia correre subito llà.

'E denari l'hanno sconvolto 'e cerevelle.

(al nipote mentre sta per andarsene) Ma mò quando viene?

LUIGI: Aggia chiedere ‚Äėna cosa ad Assuntina e p√≤ vengo.

GEPPINO: Vire 'e fa ampresso  (chiude la porta, via con Michele)

LUIGI: Assuntinaa, Assuntì (si avvia verso le camere da letto e, dopo qualche secondo, ne esce con Assuntina...)

LUIGI:(iroso) Ma tu sei matta? Sacrificare così la tua vita?

Si è vvero, qua l'atmosfera era diventata invivibile ...ma secondo te, così, hai risolto la situazione? (pausa) Ma ti rendi conto di quello che sarà la tua esistenza dopo? 

Stare vicino ad un uomo che non ti fa esprimere nessun sentimento di affetto?

ASSUNTINA: Abbassa la voce!  …Da chi l'hai saputo?

LUIGI: 'A guagliona mija, ajeressera.

Mi ha detto pure che ti ha giurato c'a nun diceva niente 'a nisciuno...

ASSUNTINA: Aggia visto! Bella amica...

LUIGI: Non te la prendere con lei, sono io che l'ho costretta.

Te issa credere c'a sò scemo! Io, già me ne ero accorto di qualcosa.... Poi ho intuito che t'eri sfogata con lei e che quindi sapeva  qualcosa e.... lo costretta a parlare.

Però, mi ha fatto prima promettere c'a nun l'era dicere a nisciuno.

ASSUNTINA:(rassicurata) Mi raccomando... Tienilo per te

LUIGI: Troppo tardi! Poco tempo fa…, è passato Gigino pe nnanze 'o negozio.

Me pareva na bestia ferita: 'e capilli aizati  e 'o sanghe all'uocchie.

L'aggia ditte: - " Uè Giggì, ma che t'è succieso!".

M'ha risposto che era stato ccà. M'ha raccontato tutto quello che t' ha consegnato.

Assuntì, nun ce l'aggio fatto a me sta zitto.

Nun era  giusto... gli ho spiegato tutta la verità!

ASSUNTINA: No!

LUIGI:(prosegue) Ti odiava a mmorte!  …E questo non stà bene.

Dopo tutto il coraggio che hai avuto... Non stava bene.

ASSUNTINA:(preoccupatissima) Madonna! Ma tu e capito c'he cumbinato!

Quello m√≤ non si ferma pi√Ļ! ‚ĶM√≤ affronter√† qualsiasi ostacolo.

(pausa) E quando 'o vene a ssapè Rafele che succede.....

Quello è prepotente, …sarà capace di qualsiasi sciocchezza!

CARMELA:(entra dalla cucina, in mano i ferri per il lavoro ad uncinetto, nota il nipote) E che stai facenne tu ccà?

LUIGI: Steveme parlanne di una grossa sciocchezze.... (guarda Assuntina) ...una sciocchezza di un cliente: (ci pensa) figurati se vuleve accattà 'o bancone dietro il quale serviamo i clienti. 

(ridendo) Se pensava fosse nu mobbile in vendita.

ASSUNTINA: Certa ggente è proprio strana...

CARMELA:(dubbiosa) Vuje nun ma cuntata justa! …Chiossà che me state nascunnene...

(ad Assuntina con rabbia) Me pare 'a signora dei misteri!...

LUIGI:(interrompe) Va bbuò, io debbo andare.

Vengo a orario di pranzo con Zio Geppino. ...Arrivederci!  (via)

CARMELA: Coccosa me stai nnascunnenne!

Se tieni qualche problema dimmelle! Vedimmo d'o risolvere assieme... Nun songo na vecchia c'a nun capisce niente, posso sempre darti un consiglio no (pausa)

Piccerè…, tenisse nu poco e panzella?

ASSUNTINA:(spazientita) Eeh mammà, 'a panzella... 

Aggia capito, mo me vaco a ffà 'nu bagno e buonanotte! (via verso le camere).

CARMELA:¬† (con tono) E fai bene.... Fattelle vullente per√≤! ‚ĶAccussi se scioglie nu poco ‚Äėo sistema nervoso‚Ķ

(rimasta sola si siede e inizia il solito lavoro ad uncinetto. Dopo lunga pausa)

Nu tarlo me l'aggia levato: ...sicuramente non è incinta, si nnò nun avess'agito accussì.

(pausa di riflessione) Però l'atteggiamento è cambiato.

 ...Stamattina, per esempio, quando 'a parlato c'o figlio do bidello:

(rimembra) 'A poesia ‚Äėa faceva chiagnere....¬†

... pò so scema! (pausa)

Mò c'o cuggino, natu mistero...  Chi 'o ssà e che stevene parlanne!

(decisa) Embè, aggio acchiappà a Luigi mo che torna e me l'aggia mettere sotto!

M'adda dicere tutto chelle che sape...(pausa) qua scherziamo col fuoco!

(lunga pausa, nella quale il volto di Carmela esprime meditazione e preoccupazione per gli atteggiamenti della figlia... Poi, viene distolta dal campanello).

CARMELA: (va ad aprire e con stupore) Uhe, Rafè!?

Che fate qua, non avevate la riunione di affari con i soci?

DON RAFELE:(piuttosto sconvolto. Ha dietro di se il commissario che, però, si tiene fuori alla porta come se non volesse farsi riconoscere) Si!  L'abbiamo sospesa un momento.

Volevo sapere se è venuto 'o raggiuniero, ...vostro nipote!

CARMELA: Mio nipote...'o raggiuniero? E mica Luigi è raggiuniero!

DON RAFELE:(perdendo la calma) Sto parlanne 'e Gigino, 'o figlio d'o bidello?

CARMELA:(spaventata e ansiosa) 'A quello? …'o raggiuniero vuosto?

E' venuto a portare le rose e se n'è andato... (pausa)  

Ma quello mica è mio nipote!

DON RAFELE:(Sbalordito) Voi che dite! Nun'è vostro nipote?

CARMELA: Ma quando mai!

DON RAFELE:(guarda fuori alla porta e parla al commissario che finalmente viene allo scoperto)

...Nun è 'o nipote?!?

COMMISSARIO:(viene fuori) …Nun è 'o nipote?

CARMELA:(tesissima) Io lo conosco appena di vista!

Stamattina è stata la prima volta che è salito a casa mia.

Ma pecchè che è successo?

DON RAFELE: Niente!

(con il sangue agli occhi, al commissario) Ma allora Assuntina che m'ha cuntato.

(a Carmela)  Assuntina... Assuntina, addò stà!

CARMELA: Sta in bagno... Mò la vado a chiamare! (via)

DON RAFELE:(al commissario) Ma stu pazzo, che vi ha detto precisamente.

COMMISSARIO:(con reverenza) Io non volevo riceverlo, poi appena ho sentito dire:

 - "sono cose importanti sul conto del Signor Punto Raffaele...".

Allora non ho esitato a farlo entrare.

DON RAFELE: Era solo?

COMMISSARIO: Certo! Ho chiuso la porta e l'ho fatto accomodare, mi fa: - " sono il ragioniere di fiducia di don Rafele già da qualche mese. Quello che vi sto per dire è qualcosa di grosso e di estremamente illegale, perciò spalancate bene le orecchie"

...Cosi, cos√¨ e cos√¨. Mi ha detto, ad uno ad uno, gli affari¬† di cui siete in procinto di occuparvi. M'ha consegnato stu registro di "entrate sospette" che ha prelevato dal vostro ufficio (porge a Rafele) e infine ha detto queste testuali parole: - "Commiss√†. recatevi voi ed i vostri uomini, in questo preciso momento, all'ufficio di Don Rafele e li sorprenderete tutti con le mani nel sacco‚Ķ Troverete anche qualche pregiudicato‚ÄĚ

Doppe sta deposizione, ha vutato 'e spalle e se n'è ghiuto!

DON RAFELE:(sfoglia il suo registro) Guardate che piezz 'e...? (sopraggiunge Carmela).

CARMELA: Assuntina si sta facendo il bagno, se volete aspettare...

DON RAFELE:(iroso) Ma c'aggia aspett√†! ‚ĶDitegli che vengo pi√Ļ tardi!

(fa uscire il commissario) Andiamo, Commissà.

COMMISSARIO:(a soggetto) E mò addò sarrà juto?......

CARMELA:(vicina alla porta)  Rafè, ma che è succieso?

DON RAFELE:(esce e dalle scale) Ci vediamo pi√Ļ tardi! (via)

CARMELA:(a se stessa) Ma che sta succerenne!

Chella, nun  ha vuluto ascì 'a dinte 'o bagno; …chist'ato me pare 'na bestia.

(risolutiva) E nnò! Mò basta! (si mette il soprabito ed un fazzoletto in testa) Mò me sò scucciato. Mò vaco addu Luiggi e m'adda dicere tutto quello che sape...

Anzi, mò faccio venì ccà pure 'o pate.

Mò vedimme si se scioglie sta matassa! (esce, ma nella fretta lascia la porta aperta).

GIOVANNI:(da fuori, s'incrocia con Carmela)  Signora,  vi volevo dire c'a 'o cuntatore....

CARMELA: N'ata vota, n'ata vota on Giuvà… Mò vaco 'e pressa! (via, frettolosamente)

GIOVANNI:(segue con lo sguardo Carmela, poi con passo esitante verso la soglia dell' entrata) Permesso! (entra)

C'è nessuno? (si fa un giro per la stanza, si sporge in cucina) ...Permesso?

(poi verso le camere) C'è nessuno?...Assuntinaaa

(si siede vicino al tavolo, prende una mela dal cestino, la pulisce sul pantalone e comincia  a mangiarla) Tanto a loro nun le manca...

(dopo qualche morso, effettuata una accurata cernita con le altre, ne prende un'altra la pulisce e la mette in tasca)...

DONNA FORTUNA: (dalle scale, mentre scende, ha visto il gesto ed entra) Ma che schifezze sono queste! Ma comme, jiate dinte 'a casa da ggente a rrubbà?  Mettetevi scuorno!

GIOVANNI:(in difficoltà) Ma... ma.. come vi permettete? Moderate i termini!

DONNA FORTUNA: Vi ho visto con i miei occhi.

Tenete pure il coraggio di negare?

GIOVANNI: Mi sono preso una mela...una mela, innocentemente!

Questo è tutto! (mostra la mela che sta mangiando).

DONNA FORTUNA: E' quella che avete messo in tasca?

GIOVANNI:(perplesso e balbettante) In tasca?...ah, in tasca...ehm...

(si fa coraggio) Sign√≤, ma vuje ce l'avite c√Ļ mm√®! Facite le apparizzioni sempe pe' m'umili√†!

Una, due, tre mele…

Che importanza tene pe 'na famiglia che che non ha problemi e vive nel benessere!

DONNA FORTUNA: Ah no, mi dispiace! Questo non significa niente!

…Quello che conta è l'azione! Voi vi siete comportato da mariuolo!

GIOVANNI:(con i nervi a fior di pelle) Signò, mò basta!

Mò m'avite proprio sfuttuto! Voi mi siete sempre stata antipatica… (inizia uno scambio verbale che và man mano precipitando) ...pò vedete nu poco chi parla!

DONNA FORTUNA:(ira in crescendo) Pecchè che tenisseve a dicere ?

(compare Assuntina, accappatoio addosso e capelli alzati. Per un attimo osserva i due che discutono ardentemente)

GIOVANNI: Voglio dicere chelle c'avite capito!

DONNA FORTUNA: C'aggia capì, io sono una Signora!

GIOVANNI: A signora? ‚Ķ‚ÄėA signora spenna polli! (gira intorno al tavolo cercando di evitare lo scontro con la donna) ‚ĶAhah (si morde le mani)¬† E' meglio che me stongo zitto!

DONNA FORTUNA:(furibonda) Noo, continuate! Faciteme senti che tenete ‚Äėa dicere!

Ma comme ve permettite! Ma quanta cunferenza! St'omme 'e niente (sta per dargli addosso, ma viene trattenuta da Assuntina).

ASSUNTINA: Smettetela!

GIOVANNI:(Nuovo accenno di rissa, in realtà è solo la Signora che trattenuta cerca di infierire. Il portiere finge la reazione  ma nel contempo indietreggia impaurito... Poi, arrivato alla porta)

Guardate che se fa venì ...Sta fuchera!

Ringraziate 'a signurina c'a m'ha mantenuto sinnò chi 'o ssà comme glieve affernì (scappa via).

ASSUNTINA:(molla la presa)  Ma vi siete impazziti!

DONNA FORTUNA: Avite n'tise c'a ditte? …Ma chiammata fuchera!

Fuchera a mme? …Io sono una signora!

(prende da terra un piede di una sedia che si √® rotta durante il parapiglia) Noo, ma io nun cia faccio bbona... Noho! Io l‚Äôaggia arap√¨ ‚Äėa capa! (via per le scale).

ASSUNTINA:(cerca di fermarla invano, poi esclama) Ma 'a chi 'o vvonne!

...Mancavano sulo lloro!

(rimette ordine nella stanza poi siede vicino al tavolo con le mani in fronte).

GIGINO:(compare sull'uscio) Assuntina!

ASSUNTINA: Gigino! (gli va incontro e lo abbraccia)

GIGINO: Assuntì, non sto sognando! E' la mia Assuntina!

ASSUNTINA: Gigì, perdonami! Perdonami per tutto il male che ti ho fatto!

GIGINO: Sei tu che mi devi perdonare... Tuo cugino m'ha raccontato tutta la verità.

Ora ho capito tutto! (si abbracciano ancora).

ASSUNTINA: Ma dimmi, che hai fatto.....Ch'è succieso c'u Raffaele Punto!

(Mano nella mano si vanno a sedere vicino al tavolo: lui di spalle alla porta, lei vicinissima e di lato)

GIGINO:  La sua, è una attività sporca! Prevale sui concorrenti con imbrogli e camorra.

…Si muove anche con conoscenze di grossi personaggi politici...(pausa)

L'aggia denunciato! Ho riferito tutto al commissario.

A quest'ora può essere che l'hanno già arrestato!

ASSUNTINA: Ma tu che stai dicendo? Quello dieci minuti fa è stato qua, lui e il Commissario.

GIGINO:(stupito) C'o Commissario Zeppa?

(Fuori alla soglia, mentre i due si tengono abbracciati, giunge Don Raffaele. Si mantiene nella penobra ed ascolta).

ASSUNTINA: Proprio! Hanno chiesto di vedermi.

Ma non sono uscita! Avevo capito che la situazione stava precipitando ed ho detto a mammà che stavo ancora facendo la doccia, e che non potevo muovermi...

GIGINO:(si mette le mani in fronte e disperandosi) Che fesso, che fesso che sono stato!

Quelli sono sicuramente d’accordo tra loro! Ma perche non ci ho pensato prima!

E adesso come si fa!....

(pausa durante la quale Assuntina, mentre lo consola con delle carezze, si avvede della presenza di Raffaele che è rimasto fermo all'ingresso, senza fiatare e la guarda come una belva che ha rincorso e trovato la preda. Rimasta di sasso e con il volto cereo, gli mancano le forze per avvertire il suo Gigino, che intanto continua ignaro...)

GIGINO:(perplesso) Mi starà già cercando per punire con rabbia il mio gesto.... (pausa, poi, d'un tratto risoluto)  Ma si! …Mò basta!  Sta tarantella adda fernì!

Ti ho ritrovata e non permetto pi√Ļ a nessuno di ostacolare il nostro affetto e il nostro futuro.

L'ho affronterò personalmente!

Glielo dirò in faccia una volta e per tutte: - Don Raffaè, questa partita l'hai persa!

Gli farò capire che deve mettersi da parte...

 (sta per alzarsi, ma viene trattenuto da Assuntina che, senza fargli notare quella presenza, evita di farlo girare).

ASSUNTINA:(mentre abbraccia Gigino e guarda quell'ombra scura e immobile...) Aspetta!

...Nun te fa piglià dall'odio che tieni!

Lui adesso ha capito che noi due non saremmo mai  riusciti a separarci...

D'Altronde nun s√† p√≤ pigli√† pi√Ļ di tanto: √® stato lui¬† ad insistere, a chiedermi di tentare.

...Sapeva benissimo che era 'na forzatura!.... E ora? Ora io non ci sono riuscita.

Ho sbagliato certo! Lo so....

Ma quando papà e mammà hanno creduto che ero 'a guagliona 'e nu signore accussì benestante...,

l'aggio viste abbracciati, comme è duje 'nammuratielli.

...Può darsi che s'è convinto che nella vita tutto non si può avere

e ci lascerà vivere in pace il nostro sogno.

(pausa, poi riprende) Diceva che provava molto affetto per me e che si stava attaccando anche alla mia famiglia.... Diceva che non gli era mai successo!

Aveva avuto la sensazione di aver ritrovato il papà e la mamma che perse da piccolo…

E per questo che ci lascerà stare...Vedrai... lascerà stare!

(poi in sordina e direttamente a Don Raffaele) Lasciaci stare…

 (Assuntina si appoggia alla schiena del suo amore e continua a guardare quell'ombra che, dopo alcuni secondi rimasta inamovibile, d'un tratto diventa barcollante. Poi china la testa e rimettendo il cappello, volta le spalle andando via con lo sguardo a terra).

ASSUNTINA:(gioia sospirata, poi alludendo a Raffaele...) Gig√¨, Gigino. Nun torna cchi√Ļ!

GIGINO: Ma che dici...

ASSUNTINA: Aveva tanti difetti ma era un uomo di principio!

(i due si alzano e si abbracciano intensamente.

Dalla finestra, intanto, una dolce melodia sulla quale si ode un lungo cinquettìo. Poi, all'improvviso...)

GEPPINO:(a voce alta, dalle scale, già prima che comparisse in scena)

 ...'O cardillo 'e Tummasino, ...'o cardillo 'e Tummasino!

(alla soglia della porta ansimante, in mano un retino) ...'O cardil....

(alzando gli occhi, si blocca, vedendo i due fidanzatini ancora mano nella mano. Poi, alquanto imbarazzato) Scusate! Scusatemi tanto!

On Giuvanne m'ha ditto c'a fore 'o barcone s'è pusate 'o cardillo 'e Tummasino!

Chille se ne fujette, e Tummasino steve piglianno 'na malatia...

Dice, sta 'ncoppe a ringhiera nostra...!

Si l'arrive a pigliàrlo sa comme 'o faccio cuntento,

(mostrandolo) aggia pigliato pure 'o retino!

(mentre s'avvicina al balcone, con tono basso) 'O viglianne!

(intanto alla porta giungono anche Carmela e Luigi, si fermano subito dopo la soglia e restano a guardare)

GEPPINO: Guardate! ce ne stà pure n'ato!

(sorridendo) Sarà 'a 'nnamuratella!

(scuro in volto, prima con passofelpato, poi con un scatto felino si scaglia fuori al balcone e, con la apposita rete, riesce ad agguantare il cardillo) ...Preso !

(rientra nella stanza e parlando con l'uccello attraverso la rete) Eh, eh! Mò sa comme sarrà cuntento 'e te vedè Tummasino! Riempie un'altra volta la caiola ornamentata...

(poi, guardandolo, inizia ad intenerirsi)

Ma no, nossignore! …nun tiene a te preoccupà!  …llà 'o mangià nun manca...

'O mangià, l'acqua, l'altalena...!

(osservando dinuovo fuori al balcone sorpreso...)

Caspita! 'A cumpagnella toja sta ancora llà!

Vedite 'nu poco, quella non se n'è scappata!

Ma allora pe tte ce tene overamente!...

...chi 'o ss√† quanti vvote sarr√† venuta fore ‚Äėa caiola a te truv√†!... Eh! Birbantello!

(pausa) E mmò essa rimane fore e tu tuorne llà dinte.

Che vu√≤ f√†! Chesta e ‚Äėa vita‚Ķ A volte so necessit√†!

Amico mio, il tuo destino è ritornare llà!…

Nella caiola! …dal tuo padrone!....

(Lunga pausa, Guarda Assuntina e Gigino con grande tenerezza dopodichè si dirige verso il balcone e dinuovo al cardillo, con la stessa tenerezza usata poc'anzi)

O ssai che sto pensanne?

Ca si stive buono dinte 'a sta caiola a chest'ora già fusse turnate 'llà...(mollando la presa)

Và vola!

Nun 'o da retta a Tummasino..., vola!

Vola c'a cumpagna toja, và!

Vola verso la libertà!

(con i gomiti sulla ringhiera mentre osserva i due uccellini che si allontanano accompagnati da quella musica...)

S I P A R I O

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 12 volte nell' arco di un'anno