‘O duvere ‘e chi è spusato

Stampa questo copione

'O duvere 'e chi è spusato

‘O duvere ‘e chi è spusato

Commedia in tre atti

di

Salvatore Macri

Autore Posizione SIAE 184727 - Codice Opera SIAE 885008A

 

mail: macrisa@libero.it - anno 2008

Personaggi:        Aldo               Allevatore, fratello di Elisa       U             

Elisa              Medico, moglie di Pietro                  D

Erica              Moglie di Roberto                          D

Matrona         Moglie di Aldo                               D

Pietro             Poliziotto, Marito di Elisa         U

Roberto          Onorevole, Marito di Erica       U

Rosetta          Giovane dottoressa                        D             

Scena:               Un signorile appartamento di Napoli, ai giorni nostri; uscita a destra; a sinistra porta per le camere interne, porta centrale per accesso in cucina e salone; a destra l’ingresso; un tavolo al centro con sedie, un divano, un mobile in fondo, un appendiabiti.


ATTO PRIMO, SCENA PRIMA: Elisa, Pietro, Aldo, Matrona

Elisa                   (vicino all’uscita, rivolta verso l’esterno) Arrivederci Onorevole! Arrivederci, signor Ministro! Arrivederci a tutti!  E grazie!

Pietro                 E finalmente è fernuta! Si’ cuntenta? ‘E festeggiato buono? Penzavo peggio… tutti ‘sti papaveri, me mettevo paura che s’appiccecavano… ma tenevano famme overamente! E quanto ‘anno magnato! Ahhh! famme rilassa’ ‘nu poco! (si siede sul divano e si allenta la cravatta)

Aldo                   (seduto al tavolo, lievemente alticcio) Me dispiece pe’ chella muzzarella… hic! Nun ce l’aggio fatto a tiempo a pigliare manco ‘nu pezzicciullo… hic! …che è scumperuta…! (fa un largo e lento gesto, da ubriaco, come di magia) Eh, si ce steveno ll’animali miei, cca’, s’ ‘a vereveno bona… hic!

Elisa                   (ancora in piedi, lo fulmina con lo sguardo) Nun te permettere! Stanno ancora p’ ‘e scale! Nun puo’ parla’ ancora!

Aldo                   Ue’, nun fa’ ‘a sprucida! Uno te va a fa’ ‘nu cumplimento… hic! Dice buono ‘o pruverbio… Femmene, cane e baccalà, p'essere bbone s'anna mazzia’! Hic!

Matrona              (seduta al tavolo)  Eli’, aggie pacienza! Alduccio sta ‘nu poco ‘mbrieco… tu ‘o saje, nun è abituato a magna’ cu’ lle perzone elleganti… se trova meglio a magna’ ‘e tielle ch’ ‘e pecurelle, ch’ ‘e valline…

Pietro                 Ah, quanto so’ bellelle quanne ‘e chiammo e veneno! Ce facimmo cierti magnate! ‘Nu juorno, sapisseve…

Pietro                 (interrompendo) Beh, so’ rimasto cuntiento pe’ te… e tu si’ soddisfatta?

Elisa                   (sedendosi sul divano) Si’, si, è ghiuto tutto buono…! Aggio parlato pure d’ ‘a crisi c’ ‘o Ministro e cu’ ll’Onorevole… ‘a dumanda è passata! Ce vo’ sulo ‘a firma ‘e ll’Onorevole in Commissione e ce pigliammo ‘nu paro ‘e belle cummesse… ma no comme te pienze tu, che ‘e parlato sulo ch’ ‘e femmene! Tieni sulo ‘e femmene n’ capo, viecchio ‘nzallanuto!

Aldo                   Ue’, nun abbiate a v’appicceca’, mo’… io vaco ‘nu poco ‘a lla’… hic! …tengo ancora ‘nu poco ‘e languidezza… e ce sta ancora ‘nu poco ‘e robba avanzeta… hic! …pure ‘o vino…! Tutto ‘o lassato è perduto! hic!

Elisa                   Fussi capace ‘e magna’ l’avanzi d’ ‘e piatti? Miettatelle a parte, pe’ l’animali tuoi… e già ca ce stai, quann’ è fernuto leva a tavola, e miette ‘a robba ‘a lava’ tutta ‘nzieme… piatti cu’ piatti, bicchieri e bicchieri… ‘e capito? Dimane vene ‘a signora… e facimmo lava’ tutte cose!

Matrona              Ce penzo io…! Me so’ purtete li sacchetelle da casa… e te faccio ‘e piatte tutte pulite, comme ce putisse magna’ n’ata vota…

Aldo                   Allora, mo’ jammo… hic! Matro’, tu arepe ‘e sacchetielle, e io ce svacanto ‘e piatti… hic! …e po’ ‘e vai e mettere vicino ‘a machina ‘e Pietro… hic! …accussi’ nun c’ ‘e scurdammo! Stipa ca truovi! Pie’, lassa sta’ chello che dice sorema… hic! ‘E chepito? Nun ‘a penza’! (si alzano ed escono, lui con passo incerto)

Pietro                 Tu, po’, te miette a dicere cierti cose!Io aggio parlato ch’ ‘e femmene? E tu nun ‘e parlato sulo cu’ l’uommene? Chella specie ‘e Onorevole, po’…! Pareva n’assatanato, cu’ chill’uocchie a binocolo, sempe ‘ncuollo a te! Lassammo sta’… si no me ‘ntosseco! Ma mo’ vulesseme mettere ‘nu poco a posto ‘a casa? ‘E lietti l’anno smuossi tutte quanti cu’ chilli cappotti, e s’anna fa’… jammo bella, ja’, ca cammerieri nun ce ne stanno, e ‘a signora vene dimani, ‘e tre!

Elisa                   Allora facimmo mita’ perono! Io adderizzo ‘o lietto nuosto e ‘o riesto ‘o fai tu!

Pietro                 Si, eh? Tu addirizze ‘o lietto nuosto… te ce mini ‘ncoppa, t’adduormi, e bona notte! E ll’ati lietti? Chi ce penza? L’essa fa’ io, e ‘essa pulezza’ doje stanze sane sane e fa’ ‘a cucina, cu’ tutti chilli piatti e bicchieri spuorchi? Po’ vulisse pure che scopo e lavo pe’ terra? E po’ m’aggia cura’ pure a fratete, a n’ato poco, chillo s’addorme aro’ se trova, e bonanotte…! E chesta è ‘a collaborazione toja? Po’ dice che vuo’ bene all’ati…

Elisa                   Certo che ‘e voglio bene! Si no, vinti perzone chi l’invitava? Me n’abbastavano sulo quatto… sei ‘o massimo… e po’, tu m’ ‘e lassata sola a cucena’!

Pietro                 Ma io nun saccio cucena’, ‘o sai… e po’, ce steva ‘o cuoco! E pure Rosetta e Matrona t’ ‘anno aiutata! Io addo’ me mettevo? Steva tutto occupato! Nun ce steva posto manco pe’ ‘na spingulella… ‘ate cacciato fore pure ‘o gatto!

Elisa                   Ue’, io tengo mal’ ‘e capa! Aggio bevuto ‘nu’ poco…

Pietro                 Seee! ‘Nu poco! Tu e fratete facevate ‘a gara!

Elisa                   …e perciò nun ce ‘a faccio! Vienatenne a cucca’ pure tu, e dimane vene ‘a signora e s’ ‘a vere essa!

Pietro                 Accussi’, eh? E si vene cocche visita dimane matina, che le dicimmo? Che ‘a signora vene ‘e tre?

Elisa                   Uffa, comme si’ scucciante! Vienatenne… anzi… vavattenne a durmi’ int’ ‘all’ata stanza, ca me serve spazio dint’ ‘o lietto! Fa cavuro! Bonanotte!(si alza ed esce)

Pietro                 E m’ ‘a ‘ncastrato ‘nata vota! Nun se po’ lassa’ ‘a casa accussi’… si dimane matina ‘amma offri’ ‘nu bicchiere d’acqua, che figura ce facimmo? Dimane tengo ‘o juorno libero, aggia sulo accumpagna’ Alduccio e ‘a mugliera ‘a vede’ ‘nu poco ‘a città…, magari doppo mangiato… ce sta ‘o tiempo pe’ durmi’! Ancuminciammo!


ATTO PRIMO, SCENA seconda: Pietro, Erica

                         (bussano)

Pietro                 E chi sarra’? Forse Rosetta s’ ‘a scurdato ‘e chiavi… (va ad aprire)

Erica                   (entra con decisione) Permesso, scusate!

Pietro                 Dottoressa, prego, entrate… avete dimenticato qualcosina?

Erica                   No, niente… la signora? Gli altri?

Pietro                 Ah! Sono andati via…! Mia moglie è… andata… a farsi una doccia! Sapete, la stanchezza, la tensione…! Mia figlia è  uscita… e mio cognato e la consorte stanno… stanno riposando nel salone!

Erica                   Ah… ‘na doccia, eh? Sienteme buono, mo’ stammo suli, famme arripusa’ e… dammece ‘o “tu”, in privato! (si toglie il soprabito e lo butta su una sedia, si sdraia sul divano, si sfila le scarpe e si rilassa) Ahhh!

Pietro                 (incerto, si siede su una sedia davanti a lei) Ah, si certo… grazie… cara Erica… che posso fare per te? Tuo marito…?

Erica                   (rimettendosi seduta) Chillo carugnone! S’ è ‘nfilato int’ ‘a machina d’ ‘o Ministro… ‘a ditto che jevano ‘o Gabinetto… ma ‘o saccio io, chillo gabinetto ‘e chi è! Puorco! Fetente! M’ ‘a lassata sola int’ ‘a machina! E sai che scusa ‘a truvato pe’ nun me purta’ cu’ isso?

Pietro                 Ma…

Erica                   M’ ‘a fatto purta’ ‘a micella dint’ ‘a gabbietta, dicenne che l’avevano truvata ‘mmiez’ ‘a via! Chella puverella, ‘o filippino mio ‘a pigliata sicuro ca steva già durmenne, e mo’ dorme dint’ ‘a machina! Cu’ tutt’ ‘e cure che ce metto io… figurati si se ne fujeva! Chillo fetente! ‘E penza tutte quante! Allora so’ turnata ‘ncoppa… pe’ me fa passa’ ‘e niervi, pe’ sfugarmi ‘nu poco! Si putesse… ce ‘o facesse vede’ io! Forze me facesse bene coccosa ‘e frisco…! Chillo fetente! Nun ce pozzo penza’! Ma stasera nun cumbina niente! (alza la borsetta) ‘E pastiglie soje ‘e tengo io!

Pietro                 Uh, e pecche’ nun ‘o telefonammo? E si n’ave bisogno? So’ p’ ‘a pressione, o se sta facenne ‘ati cure?

Erica                   (ridacchia) Ma qua’ pressione? See! Fossero ‘mmericine… so’… chill’integratori, capisci a me! Nun ‘e canusci? (apre la borsetta, tira fuori un flacone di pillole, e lo mostra) A proposito, ‘e pozzo lassa’ addo te? Si coccheruno guardasse dint’ ‘a borza, che figura ce faccio? Po’ isso manna ‘o segretario, o s’ ‘e vene a piglia’!

Pietro                 (cauto) Ah, aggio capito… nun ce stanno problemi… mo’ ‘e mettimmo lla’ ‘ncoppa…! (mette il flacone su un mobile e poi torna a sedersi) Nun ‘e tocca nisciuno… po’, io songo cuntrario a chesti schifezze moderne… saccio che l’integratori s’ ‘e pigliano ‘e guagliuni, doppo che ‘anno fatto sport…! Pe’ me fanno sulo male! Erica…, vulivi bere cocche cosa ‘e frisco? Te pozzo purta’ ‘nu poco ‘e sciampagne? Però l’aggia purta’ ‘a cca’… e ce l’amma bere dint’ ‘o bicchiere ‘e plastica, lla’ sta ancora comm’ ‘e lassato… e po’ ce stanno chilli duje! Cioè… ‘e cammerieri… …ma credo che nun ‘anno fatto ancora niente… ‘amma aspetta’ a dimane…

Erica                   E licenziali, ‘sti cammarieri! Ma comme se permettono? Possibile che a duje ‘e loro overamente nun ‘anno fatto ancora niente? Pigliali a cavuci, e sbattili fore! Dimane te manno ‘o filippino mio… ma dincello a muglierete che nun se mettesse niente ‘ncapo! ‘O manno sulo p’ ‘e pulizie… ‘e capito?

Pietro                 Grazie! ‘Na mano ce vulesse proprio… ‘e cammarieri nuosti so’… beh, dicene che… vedimmo dimane ‘e tre! Ma io nun capisco buono… ‘stu filippino, doppo pulezzato, che ‘ato ‘essa fa’?

Erica                   (meravigliata) Ah! Beh… ecco… ‘e massaggi!

Pietro                 Allora no, grazie…! Meglio che nun vene! Chella, muglierema, si sente ‘na cosa ‘e cheste, s’ ‘o mette sotto, d’ ‘a matina ‘a sera! Nun ‘o lassa cchiu’! Figurate, s’ ‘e vulesse fa fa’ pure ‘a me! Dice che le fa male ‘o cuollo… e io nun saccio addo’ mettere ‘e mane!

Enrica                 (sognante) Isso invece ‘o sape buono addo’ adda mettere ‘e mmane… e comme…! (decisa) Ma si è accussi’, evitammo! Chella fernisce che l’accire ‘e fatica! Però… io nun saccio che penza’… tu nun ausi l’integratori… nun te passa pe’ capo che ‘e Filippini sanno… fa’ ‘e massaggi… ma… tu tieni ‘na figlia, overo…? E’ proprio figlia… a te? Cioè… nun ‘e adottata?

Pietro                 Quanne mai? No, no… io n‘esse vuluto ave’ almeno tre o quatto… ‘o fatto e che chella… muglierema… tene sempe mal’ ‘e capa! Io po’ che spesso stongo fore… so’ passati quasi vint’anni… e a essa ‘o mal’ ‘e capa l’ è passato sulo cocche paro ‘e vote…! Fosse stato pe’ me… mah! Ormai… ce simmo fatti viecchi!

Erica                   (gli accarezza il ginocchio con il piede) Overo? Te sienti proprio… viecchio?

Pietro                 (scatta in piedi e si allontana) Beh… proprio viecchio no… però… (a disagio) Aveva ragione muglierema! …Ma comme fa cavuro…! Vaco a piglia’ ‘na cosa… ‘nu poco ‘e robba fredda…

Erica                   (avvicinandosi a lui) Niente sciampagna…! ‘Nu poco ‘e chello vino russo… d’ ‘o Vesuvio!

Pietro                 (ancora più a disagio)  Ma chillo è forte… fa veni’ cchiu’…

Erica                   (sussurrando ed avvicinandosi con fare provocante, lo abbraccia) …cchiu’ sangue… porta ‘a butteglia chiena…

Pietro                 ‘A butteglia chiena… si… (si divincola ed esce; dopo un istante, fuori scena un tonfo, rumore di stoviglie rotte e vetri infranti; dall’interno)  Ahhh! Povero a me…! (rientra, con una bottiglia mezza vuota in mano, massaggiandosi il fianco)

Erica                   Ma che è succieso?

Pietro                 ‘Na butteglia pe’ terra! Nun l’aggio vista… ce aggio miso ‘o pere ‘ncoppa, so’ caruto e… me so’ tirato appriesso tutta ‘a tuvaglia! Se so’ rotte tutte cose! Pure ‘e buttiglie ‘ncopp’ ‘o tavulino! S’ è salvata sulo ‘sta butteglia d’acqua! (la poggia sul tavolo)  Me fa male… dici che ‘o filippino tuojo nun ‘o manni, eh?

Erica                   (sorridendo) No… nun t’ ‘o manno… nun voglio che mugliereta s’ ‘o mette sotto… a fatica’! E m’ è passata ‘a voglia… basta bere, pe’ stasera! Po’ ce sta pure Serenella dint’ ‘a machina… (indossa il soprabito) Salutame a Elisa, dimane, quanne se sceta! Buonanotte! (esce)

Pietro                 (tra se’) Buonanotte, Erica… (pausa) E brava ‘a signora! ‘A capito subito che Elisa è ghiuta a durmi’! E ce ‘a tenuto pure a m’ ‘o dicere…! Mah…! (massaggiandosi) Meno male che nun se n’è accorta d’ ‘o riesto! C’è vuluto ‘nu poco ‘e curaggio e me fa ancora male… ma me so’ sparagnato ‘nu guaio cu’ muglierema e… ‘e lava’ piatti e bicchieri!


ATTO PRIMO, SCENA terza: Elisa, Pietro

Elisa                   (entrando, in vestaglia)  Ma che è? Dinto a ‘sta casa nun se po’ manco durmi’…! Chello rummore ‘e piatti…! Si’ stato tu, è overo? Se vere d’ ‘a faccia! Che è scassato?

Pietro                 E’ stato n’incidente! So ghiuto int’ ‘o salone… aggio miso ‘o pere ‘ncopp’ ‘a ‘na butteglia ca steva pe’ terra… so’ ruciuliato, me so’ fatto pure male… e me so’ tirato tutto appriesso!

Elisa                   Naturalmente tu nun te si’ fatto niente! E… che s’ è rutto?

Pietro                 (deciso) Tutte cose! Pure ‘na butteglia chiena!

Elisa                   Va buono! Bravo! M’ ‘e sparagnato ‘a fatica d’ ‘e jetta’! Io già l’evo deciso che ce vulevo ‘na cosa cchiu’ elegante… ma mo’ duje servizi ‘e piatti e bicchieri… m’accatti tu…! (minacciosa) E’ overo?

Pietro                 Si, va buono… lunneri’ vaco… mo vulesse i’ a vede’ si Alduccio ave bisogno…

Elisa                   Tu nun vai a nisciuna parte! Tu fussi capace ‘e accatta’ chilli ca costano cchiu’ poco! Tu ‘e sulo pava’! ’E piglio io dimane matina che ce servono subito! E pure doje cascette ‘e vino e una ‘e spumante!

Pietro                 Va buono… fosse sulo pe’ chesto…! Io te voglio bene… abbasta che stai bona…

Elisa                   E invece no! Te miette a fa’ rummore e me faje sceta’! ‘O faje apposta! Te pare bello, ca so’ stata duje juorne a cucina’ e…

Elisa e Pietro        (in coro) …me fa male ‘a capa!

Pietro                 Sienti, scusa… tuornatenne a durmi’, tanto mo’ rummore nun se ne fa cchiu’…

Elisa                   (annusando, si avvicina a lui) E che è st’addore… ‘stu profumo…? Aro’ vene? Te si’ miso pure ‘o profumo ‘e femmena?

Pietro                 No, no…, è vunuta ‘nu mumento Erica, ‘a mugliera ‘e l’Onorevole… ‘a lassato essa! Teneva cierti pastiglie… e vuleva bere… ma, quanne se s’ è rotta ‘a butteglia, se n’ è ghiuta… teneva pure ‘a micella dint’ ‘a machina… Ah! Mo ce dammo ‘o “tu”, in privato!

Elisa                   No, no… ‘o “tu”, nun ce ‘o dammo… pecche’ tu in privato cu’ chella… (calcando le parole) grande… signora…, nun ce vai cchiu’! Comm’ è? Essa teneva ‘o profumo, e adduri tu? Nun ce capita’ cchiù vicino, si no io te scasso ‘a faccia, ‘e capito?

Pietro                 E tu nun l’invita’ cchiu’! E già ca ce simmo, dici a chillo mamozio d’ ‘o marito ca nun stesse a guarda’ int’ ‘a scollatura toja… t’aggio vista! Te si’ acalata apposta! L’ è fatto ‘na decina ‘e vote!

Elisa                   Uocchie chini e mani vacanti! T’aggio ditto che ce serve ‘e fatica’…! Io tenevo pure ‘o reggipetto, chillo scemo che puteva vede’? Doje guardate l‘anno rimbambito, e ce ‘anno purtato doje cummesse ‘e ricerca; ‘e faccio fa’ a Pisa, addo’ fatica Rosetta, ‘e cchiu’ ‘e trentamila euro all’una…, a parte chello che se piglia isso… e po’ se vere…

Pietro                 E po’ se vere…? (sarcastico) Che ‘ato le vuo fa’ vede’?

Elisa                   Ma tu, te vulisse appicceca’? (si sfila una pantofola e la impugna)

Pietro                 No, no… tanto ‘o saccio ca è inutile, tanto fai sempe comme vuo’ tu… io ‘e cose ‘e saccio sulo quann’ ‘e veco… e po’… tieni mal’ ‘e capa!

Elisa                   (porta la mano alla testa e rimette la pantofola) Overo! Comm’ ‘e fatto a sape’?

Pietro                 (sarcastico) Eh, quanne una è comme a te, che fatica d’ ‘a matina ‘a sera… che porta ‘e sorde ‘a casa… nun po’ essere ca nun tene mal’ ‘e capa! (serio) Vatte a cucca’… si no cca’ io ‘o lietto nun ‘o veco proprio! Ce sta Alduccio ca s’ è addurmuto pe’ terra dint’ ‘o salone, ‘na casa che fa schifo, si dimane matina vene cocche visita d’ ‘e toje… stongo dicenne d’ ‘e toje, ca io nun aggio invitato nisciuno e nun tengo clienti che veneno ‘a casa… e trova chisto bailamme, che figura ce facimmo?

Elisa                   Si, io vaco… ma lassa sta’! Dimane me sceto primma, e faccio tutte cose io! E nun fa’ casino! E dimane m’ è stira pure duje panni, ca io nun tengo tiempo e ‘a signora m’adda pulezza’ ‘o salone! (esce)

Pietro                 Si… si nun ‘a scetasse io… e mo’ se ne jesce pure ch’ ‘e panni…!


ATTO PRIMO, SCENA quarta: Aldo, Pietro, Matrona, Rosetta

(entra Aldo, con camicia sporca di vino; si lascia cadere su una sedia)

Aldo                   Hic! Ah… stai ancora aizato… io nun me sento buono…! Hic! Matrona è ghiuta a pusa’ ‘e sacchetielli vicino ‘a machina… Appena se n’ è ghiuta, …hic…! …me songo bevuto ‘nu poco ‘e liquore, e me so’ addurmuto comme a ‘nu piecuro… hic…!  (si lascia cadere su una sedia) Me so’ truveto pe’ ‘nterra, e nun saccio comme ce so’ ghiuto! Me gira ‘a chepa… eh! M’aggio fatto ‘nu suonno strano… ce stive pure tu…! hic!

Pietro                 Ah… e che facevo?

Aldo                   Meh, io stevo int’ ‘o salone ‘a lla’… ce steveno piatti e bicchieri… proprio comme …hic…! …steveno primma, quanne se magnava… ‘a tuvaglia e ‘e sarviette erano comme… ‘o cielo e ‘e nuvole… hic! …io ero comme a ‘na pecurella… però  po’ tenevo ‘e scelle e so’ addiventato ‘na palummella… vulevo pe’ miezo ‘e bicchieri, comme si fussero stati sciuri…, (gesti delicati, voce bianca, mimica ampia e lenta) hic! Palummella ca zompa e vola……vulavo pe’ cca’ e pe’ lla’…e mo’ zucavo chesto e mo’ chello… e vulavo, e vulavo…

Pietro                 …e zucavi, zucavi…!

Aldo                   Si… hic! …po’ si’ trasuto tu, e tenive ‘mmeno ‘na buttiglia ‘e vino… ue’, chella addiventava cchiu’ grossa ogne mumento… hic…! …è addiventata ‘na damigiana… s’ è fatta tanto grossa che a te nun te verevo cchiu’… ce steva… hic! …sul’essa… bella, chiatta, chiena chiena, ma liggera… vulava pur’ ‘essa…! E io le vulavo appriesso! E vulanne se faceva cchiù grossa… cchiù grossa, e po’… è scuppiata! Hic! ‘A fatto ‘nu rummore comme ‘o tuono… tutt’ ‘o vino è schizzato… pareva ‘o mare… e io…

Pietro                 …e tu zucavi, zucavi…!

Aldo                   Hic! E comme ‘o sai?

Pietro                 ‘O saccio pecche’ s’ è rotta ‘na butteglia e tu te si’ ruciuliato dint’ ‘o vino! T’aggio visto e t’aggio pure sentuto quanne stivi durmenne pe’ terra! Puzzi comm’ ‘a ‘na votte vecchia! Ma te si’ visto?

Aldo                   Ma comme… chillo era ‘nu suonno…! hic…! (si guarda e cerca di pulirsi con il fazzoletto)  Overo! Me’ so’ spurcheto… è proprio vino…! E mo’ comme faccio? Chi ce ‘o dice a Matrona? Hic!

Matrona              (entra)  Nun ce ‘o dice nisciuno! Svergugnato! ‘Mbriacone! Tu si’ ‘a pecura zoppa che arruvina tutto ‘o gregge! ‘O puorco miettence 'a sciassa, sempe 'a coda 'nce pare!Vavettenne a lava’, fetente che nun si’ ato! E si’ te vene ‘nu sturzillo, te sta bene! E lievete ‘sta chemmise, che puzzi ‘e vino fracido! Pietru’, aggie pacienza! Mo’ chisto caprone s’adda fa’ pure ‘o bagno! E l’aggio lava’ io, che chisto dice che l’acqua nun è bona, che fa ‘nfraceda’ ‘e bastimiente a mmare…

Aldo                   Muglietella bellella… aggio chepito, me vaco a cagna’… hic! Bonanotte Pietru’! (si alza ed esce)

Matrona              (si siede) Io a chillo ‘o ‘cciro! Me fa fa’ cierti figure che nun aje idea! E mo’ si nun ‘o lavo io a chillo piecuro… eh, a proposito, guarda che ‘e piatti e ‘e bicchieri rutti l’aggio levate… aggio miso pure chilli dint’ ‘e sacchietelle, e aggio passato pure ‘o straccio pe’ terra… ‘a tuvaglia sporca l’aggio misa dint’ ‘a tinozza, a spugna’…

Pietro                 Ma tu si’ ‘na santa! Grazie! Allora me pozzo pure i’ a cucca’…! Ah, nun te scurda’, a chest’ora nun se po’ fa’ rummore… nun appiccia’ l’asciugacapilli… si no dimane arrivano ‘e proteste d’ ‘e vicini ‘e casa! E po’ m’ ‘e fa’ ‘nu piacere… ‘a stanza vosta, ‘o sai, tene chillo balcone… for’ ‘o terrazzo ce sta ‘o gatto! Pe’ piacere, arapece ‘a porta, e miettece ‘nu poco ‘e mengia’ dint’ ‘a scodella che sta fore… ‘a scatola sta dint’ ‘o mobile… chillo è abituato lla’… stanotte v’ ‘a dato fastidio? Forze se vene pure a mettere ‘e pieri d’ ‘o lietto…

Matrona              Gnorsì! Pure stanotte l’ ‘a fatto! E’ stato buono! M’ ‘a scarfato tutte ‘e pieri! Nun te prioccupa’, a me e mariteme ce piaceno, ll’animali!

Pietro                 E a Alduccio lassalo sta’… chillo fatica sempe e te vo’ bene… ‘na’ vota che ‘a pututo fa’ festa… e jammo… perdonalo…!

Matrona              Io ‘o ‘cciro! E’ pure ‘nu ’nfengherdo!

Pietro                 Comme?

Matrona              Si… comme dicite vuje ‘e fore paese… comme ‘o vallo che nun fa’ schiurere ll’ova…

Pietro                 Ah, infingardo! …che vuo’ fa’, ‘e figli so’ ‘nu regalo ‘e Dio…

Matrona              Si, ma pure tu c’ ‘e mettere ‘o tuojo! Ognuno adda fa’ ‘o duvere ‘e chi è spusato! Chillo ‘a sera quanne torna ‘a casa sta sempe comme a ‘nu muorto! Po’ magna, veve, e s’addorme! E fa’ chesto ‘a quanne ce simmo spusate! Io ‘o ‘cciro! Stasere ‘o ‘ffoco, comm’ ‘o purpo, dint’ all’acqua soja! Chi troppo lo sparagna, vene ‘a vatta e se lo magna! Famme i’, si no’ ‘o trovo che dorme… e nun s’ ‘e pigliato manco ‘e pestiglie p’ ‘o core! Una cosa eva fa’! Purta’ ‘e mmericine soje, e manco chello ‘a fatto! Meno male che l’aggio fatto purta’ ‘e chemmise ‘e cchiu’! Bonanotte, Pietru’… (uscendo) Io ‘o cciro!

Pietro                 Povero Alduccio…! Forze a isso servessero proprio duje integratori!

Rosetta               (entra con il soprabito ed un cesto coperto) Uhè, papino, allora io vaco!

Pietro                 Ma comme, stivi ancora cca’? E chillo poveriello, abbascio… sta aspettanne ancora?

Rosetta               E io m’eva sistema’ ‘o trucco, ‘e capilli, me so’ dovuta cagna’…! Nun putevo asci’ cu’ chillo vestito, a chest’ora! E po’… l’eva piglia’ ‘nu poco ‘e robba, pe’ chella povera nonna mia? ‘Nu poco ‘e salatini, cocche felluccia ‘e carne, doje scamurzelle, ‘nu poco ‘e verdura che le fa bene, duje dolcetti, ‘nu poco ‘e torta…

Pietro                 Salute! E meno male che si’ miedico! Ma tu ‘a vuo’ ferni’ ‘e abbutta’ ‘a gente? Nun te pare assai, pe’ ‘na perzona sola?

Rosetta               Anche ricercatrice, prego! E chella mica se magna tutto ‘nzieme! Int’ ‘o frigo e po’, ‘nu poco ‘a vota…

Pietro                 Lassammo sta’! Spicciati, che chillo se sta facenne viecchio, dint’ ‘a machina! Io me ne vaco a durmi’… bonanotte (esce)

Rosetta               Però chisto panariello pesa ‘nu poco! Meno male che ‘a nonna sta vicina… (esce)


ATTO PRIMO, SCENA quinta: Aldo, Pietro, Rosetta

                          

Aldo                   (entra con l’accappatoio e un asciugameno testa)  Vi’ che serata! S’ è sfiziata… m’ ‘a pulezzeto pure le recchie! Ma dich’io, quanne mai s’ è visto che uno beve ch’ ‘e recchie? Chelle nun se sporcheno! (si siede sul divano)  Chell’acqua m’ ‘a fatto passa’ pure ‘o segliuzzo! Che vuo’ fa’… e chi sape quanne s’asciugheno ‘sti capilli… quant’ è bella ‘a casa mia! Se po’ fa’ tutt’ ‘o rummore che vuo’, nisciuno dice niente! ‘Stu core sta facenne ‘o pazzo… mannaggia ‘o suricillo, me vaco a scurda’ ‘e mmericine… mo’ n’esse proprio bisogno…  chi ‘o sape si Pietro tene coccosa… (vede il flacone di pillole sul mobile e lo va a prendere) ue’… e cheste che songo? (legge faticosamente, sillabando) …in-di-che-zio-ni, ef-fi-che-ce con-tro an-gi-na pec-to-ris… chi ‘o sape che d’ è… …a-rit-mia…!  Chesto m’abbasta! E’ bona pure pe’ me! Ma chi ‘o sape quante pestiglie m’aggia piglia’…? Ce ne stanno… paricchie! Allora sarrenno piccerelle… mo’ me ne piglio quatto o cinche…! Ce vulesse ‘nu’ poco ‘e vino… (vede la bottiglia sul tavolo) Adda essere grappa… è poca, ma po’ abbasta’… (prende una manciata di pillole, e beve dalla bottiglia; deglutisce in fretta e poi si blocca, con gli occhi sbarrati) Manneggia ‘o suricillo! Ma è acqua! E io… me l’aggio bevuta! (con faccia disgustata, controlla la bottiglia) Che schifezza! Mettono l’acqua dint’ ‘e butteglie! So’ sciemi! ‘A vita ‘e citta’ nun fa pe’ me! (si controlla i capelli) A proposito… me pare che so’ asciutti… ‘a mmericina l’aggio truveta… ‘e chepilli sono asciuttati… tengo ‘na vocca che fa schifo, ma me pozzo i’ a cucca’!

Rosetta               (entra e vede di spalle Aldo)  Ue’…  ancora aizata?

Aldo                   (si gira)  Bonesera! ‘E aro’ si’ asciuta?

Rosetta               (impaurita) ‘O zi’, m’ è fatto veni’ ‘na cosa…! Penzavo che era mammà! Ma… che t’ ‘e succieso? Te si fatto ‘na doccia… a chest’ora?

Aldo                   E’ stata ‘na disgrazia! Io stevo facenne ‘nu suonno… vulavo comme ‘na palummella… zucavo tutto cuntiento dint’ ‘e  sciuri! E invece… stevo pe’ terra, int’ ‘a ‘na polla ‘e vino ‘e ‘na butteglia rotta! Me so’ ‘nghieccheto tutta ‘a chemmisa! E Matrona m’ ‘a vuluto fa’ ‘nu bagno… m’ ‘a lavato pure ‘e recchie!

Rosetta               Overo, eh? Zi’ Aldu’, nisciuno è mai muorto, pe’ ‘nu bagno!

Aldo                   Tu stai pazzienne! ‘E visto ‘a pellicula “Titanic”? Chilli uno bagno se’ so’ fatti… e se so’ arricettati! L’acqua è periculosa! Ma addo’ si’ stata?

Rosetta               Io e Gerardo simmo juti a purta’ ‘nu poco ‘e cena ‘a nonna… siccome m’ ‘a aspettato, pe’ premio l’aggio fatto passa’ p’ ‘a festa d’ ‘e russi… a ‘nu certo punto so’ asciuti ‘e niri, e se so’ abbiati a vettere…! Allucchi, gente che curreva, feriti, colpi ‘e pistola, Pulizia, ambulanze… nun se capeva cchiu’ niente, e ce ne simmo fiuti…! C’ è ghiuta bona… ce simmo salutati cca’ abbascio! Dimane leggimmo ‘e giurnali!

Aldo                   E pecche’ se l’anno date?

Rosetta               Pecche’??? Ma loro s’ ‘e danno sempe! Chi ‘a vo’ rossa, chi ‘a vo’ nera… e s’ è danno!

Aldo                   Cos’ ‘e pazzi! E vuje… nun ve site fatti niente?

Rosetta               No, no, tutto a posto…

Pietro                 (entra, trafelato, mentre si lega le scarpe) ‘O sapevo! nun se po’ sta’ nu’ mumento quieti! Ce vulevano pure ‘e palate, stanotte! (rivolto a Rosetta) Ah tu stai cca’? Meno male…! Nun ascite! M’anno chiammato d’ ‘a Centrale, ce verimmo… cchiu’ tardi, o dimane matina, nun ‘o saccio… parla tu cu’ mamma’! Stasera ce so’ asciuti tre feriti…!(esce)

Rosetta               Chella sta durmenne, ce ‘o dico dimane… (sbadiglia) mo’ me ne vaco a cucca’… bonanotte! (esce)

Aldo                   Mo’ me ne vaco pure io… ‘o core s’ è calmeto… ma me sento strano… (pausa)  …chi ‘o sape che liquore era chillo giallo… nun l’aggio mai assaggiato primma… era buono assai, forze è stato chillo… (altra pausa)  …me sento comme si avesse fa’… nun saccio che… o forze… ‘o saccio che aggia fa’! (corre verso l’interno, gridando) Matro’, che stai facenne? Scetete…! ‘O fierro s’adda vattere quann’ è cavuro!


ATTO PRIMO, SCENA sesta: Elisa, Renato, Matrona, Aldo

Elisa                   (entra, decisa,  in vestaglia) Ma ‘a vulisseve ferni’? …Aro’ state? Stanotte nun se dorme! M’anno primma scetato, e po’ s’ ‘a squagliano! Pietro! Aro’ stai? Aro’ te si’ annascuso? ‘O saccio ca si stato tu! Jesci fore, ca tanto te trovo! Pietro…!

                         (bussano)  

                         E te pareva! A chest’ora… chiunque è, n’ ‘o faccio cchiu’ correre che fui’… (apre) Uh, Onorevole! Prego, accomodatevi…!

Renato                Carissima… scusate… mi rendo conto dell’orario, ma io ho un grosso problema… posso? (si accomoda sul divano)

Elisa                   Ma prego, dite, se posso… scusate la vestaglia… ma sapete, dopo la doccia… ci si rilassa… (siede anche lei)

Renato                Ottima idea… rilassiamoci… siamo soli, è vero…? Allora, in privato, diamoci del “tu”… ti ricordi che mi chiamo Renato, vero?

Elisa                   (incerta) Ah, si certo… grazie… caro Renato… che posso fare per te?

Renato                M’arraccumanno, è ‘na cosa cunfidenziale, e riservata assai! Io nun trovo cchiu’ a Erica! Nun risponne ‘o telefono e ‘a casa nun ce sta! Capisci, c’ ‘a posizione mia nun pozzo i’ ‘a Pulizia e dicere che mia moglie è scumparsa! Chilli so’ capaci d’ ‘a truva’ overamente, specie si ce se mette maritete… magari ‘a casa ‘e uno che nun è simpatizzante… o peggio ancora…! Scoppia ‘nu scandalo! Ma ‘e essa nun me preoccupo… prima o poi ‘a casa ce torna, e… nun dorme certamente ‘mmiezo ‘a via!

Elisa                   Oh, me dispiace, ma allora…?

Renato                Io l’evo affidato cierti pastiglie mie… int’ ‘e sacche nun ce pozzo mettere niente, ca se sforma ‘o vestito! Siccome devano fastidio pure a essa, m’ ‘a ditto che ‘o scatulo ‘o levava d’ ‘a burzetta… vuo’ vede’ che stessero in giro ‘a cca’? ‘O fatto è che me servono, e mo’ ‘e farmacie stanno chiuse, chi ‘o sape qual’ è chella ‘e turno e po’ stongo pure senza ricetta! Tengo ‘na… riunione… e vulesse ferni’ chello che aggio ancuminciato…, ma nun ‘o pozzo fa’ si nun ‘e tengo! Che aggia fa’, è ‘na debulezza mia…!

Elisa                   E vedimmo…! Simmo stati sempe int’ ‘o salone, jammo a vede’! ‘A scatula, comm’ è, grossa, piccerella…‘e che culore è?

Renato                E chi s’arricorda? Io me piglio sulo ‘e pastiglie… m’arricordo ca so’ celesti… meza ‘a vota, ogni ora!

Elisa                   Ah! Allora so’ chill’integratori…! jammo a vede’…! (si alzano ed escono insieme)

Matrona              (entra correndo in un camicione da notte bianco e cuffietta, attraversa la scena e ritorna indietro)  Io nun ce ‘a faccio cchiu’… vulesse durmi’… stasera nun ne vo’ sape’… ‘e muri’!  (esce)

Aldo                   (entra inseguendo Matrona, anch’egli con camicione da notte e papalina)  Muglietella bellella… viene cca’, tengo n’ata ammasciata pe’ te…! (esce)

Elisa                   (entra con Renato; tornano a sedersi) Me dispiace…

Renato                Verisse a me… e comme faccio? Forze… ma tu tieni che fa’? Vulissi veni’ pure tu a ‘sta riunione? Oramai… si d’ ‘e nuoste!

Elisa                   A chest’ora? E che riunione è? Ce stanno assai gente?

Renato                Beh… s’ancumincia sempe cu’ assai gente, ma poi… sai comm’è… quanno se parla ‘e politica… se formano ‘e correnti… po’ se fanno ‘e coppie… e rimmanimmo suli!

Elisa                   Ah! Rimmanummo suli… e allora… finisce!

Renato                Veramente… è proprio allora che s’avvia ‘o bello… ‘o poco ‘e musica… ‘nu bicchieriello…

Elisa                   (sarcastica) E s’avvia ‘o bello! E tu… te sienti… bello?

Renato                Io… sicuro che songo bello! Tengo sulo ‘nu poco ‘e panzella… (le fa il piedino) …e forze tu putisse pure scrivermi ‘a ricetta p’ ‘e pastiglie…

Elisa                   (scostandosi) E allora, bello mio, nun aspetta’… avviate subito… p’ ‘e scale! Ma pe’ chi m’ ‘e pigliata? Si nun te ne vai primma ‘e mo’, te piglio a scupate, ‘e capito?

Renato                Eh, comme si’ esagerata! Era n’incontro… putevamo parla’ pure d’affari…

Elisa                   Ah, si? Mo’ se parla d’affari c’ ‘a musica e c’ ‘o bicchiariello…? (si alzano) Onorevole, arrivederci! Se volete le vostre pastiglie, rivolgetevi ‘a farmacia ‘e turno… ma io ‘a ricetta nun t’ ‘a firmo!

Renato                Di questa scortesia me ne ricordero’!

Elisa                   E io invece mi ricordero’ tutto… mo’ che te ne vai, passo ‘o pettine pe’ tutt’ ‘a casa, faccio asci’ chelle pastiglie… e po’ ‘e dongo a chi saccio io… insieme alle istruzioni per l’uso che sai tu!

Renato                Embe’? Tanto muglierema ‘o sape già…!

Elisa                   Guarda che nun parlo ‘e mugliereta… faccio piglia’ l’impronte digitali ‘a mariteme… e po’ verimmo ‘e chi so’! Chi sa cierti giurnalisti che ne penzano…

Renato                No! Tu nun farai chesta carugnata!

Elisa                   Arrivederci, Onorevole… mantieni ‘e promesse che ‘e fatto… io nun voglio perdere ‘e cummesse… si no, me ce metto ‘e ponta, e te faccio vede’ io!

Renato                (uscendo) Questo gioco non durerà a lungo!

Elisa                   A me abbasta che dura fino a quanne stai assettato lla’… doppo, quanne vai in… onorata pensione… te manno ‘a scatula ‘a casa, faccio ‘na bella raccumandata, e tanti saluti! Accussi’ forze ce pienzi ‘ncoppa, pure cu’ ll’ati, primma ‘e fa’ cierti proposte… comme chella che m’ ‘e fatto primma… e comme a chella che m’ ‘e fatto mo’! Arrivederci e… buone riunioni! (chiude la porta, sbattendola) Ahhh! E ce simmo levati ‘na sanguisuga ‘a cuollo!

Matrona              (entra correndo, attraversa la scena e torna indietro)  Ma comme aggie fa’? Mo’… me ne veco ‘ncopp’ ‘o terrazzo!  (esce)

Aldo                   (entra sempre inseguendo Matrona)  Muglietella bellella… viene cca’, nun me so’ spiegato buono…! Viene cca’… ce sta n’ata cosa che aggia pruva’! (esce)

Elisa                   ‘Aggio truvato ‘e pastiglie!

fine atto primo


ATTO secondo, SCENA prima: Matrona, Aldo, Elisa, Pietro

Matrona              (entra con un vassoio) Jamme, piglieteve ‘stu cafe’, e duje biscottelli… Aldu’, jammo… pari ‘nu muorto!

Aldo                   (seduto e chinato in avanti) Chillo me fa ancora male!

Elisa                   (seduta, prende una tazzina) Ma tu che vuo’? Chi sbaglia pava… ‘o gatto s’ è sulo difeso…! E ringrazia a Dio ca tenevo l’antitetanica cca’… almeno mo’ t’ è medica’ sulo n’ato paro ‘e vote, e passa! (prende una tazzina) Ahh… grazie, Matrona… buono veramente!

Aldo                   Chillo è ‘nu disgraziato! Me pareva che teneva quaranta zampe… e tutte a scippa’! Povero a me! Che dulore!

Matrona              Povero jatto! Si ‘o verisse mo’… ‘a magnato, e se sta pulezzenno cu’ chella bella lenguetella… ‘ncopp’ ‘o lietto!

Aldo                   Ma io nun saccio che m’ è pigliato, aiere sera! ‘O liquore giallo…

Elisa                   Ma qua’ liquore…? T’aggio ditto che so’ state chelle pastiglie ‘e ll’Onorevole! ‘A scatuletta sta sempe lla’?

Aldo                   ‘Ncopp’ ‘o mobile… (indica il flacone) e chi ‘e tocca cchiu’? Comme se dice… so’ ghiuto pe me fa’ ‘a croce… e me so’ cecato n’uocchio!

Elisa                   Matrona, io stammatina vulesse i’ ‘nu mumento a vede’ ‘nu servizio ‘e piatti… Pietro aiere ‘a fatto chillo guaio…! Vulisse veni’ cu’ me? M’aiuti pure a scegliere!

Matrona              Gnorsi’! Aldu’, che dici? ‘Ai bisogno? Vulisse che t’accatto pure ‘o giurnale? O vulisse veni’ pure tu…? Ja, nun jammo ‘e corza… overo, Lisu’? ‘A jatta pe’ fa ampressa, facette ‘e figli cecati!

Aldo                   No, no… me fa ancora ‘nu poco male… ma si truovi ‘nu scatulo ‘e cartone, purtamillo…

Matrona              E che c’ ‘e fa’, cu’ ‘nu scatulo?

Aldo                   No… è pe’… mettere sotto ‘e sacchetielle… pe’ nun fa’ spurca’ ‘a machina ‘e Pietro…

Elisa                   Stai tranquillo, chi sa quanto cartone ce jesce d’ ‘e scatole d’ ‘e piatti…! Allora, Matro’, jammo?

Matrona              Gnorsì! Jammo… nun è luntano, no? Si no m’aggie mettere ‘o russetto, m’aggia cagna’ ‘o vestito, profuma’, sistema’ ‘e capilli! Nun me pozzo fa vede’ a tante gente accussi’!

Elisa                   No, duje minuti a pere…

Matrona              Allora, jammo! Ciao, Aldu’! (mettono i soprabiti ed escono)

Aldo                   Finamente… mo’ putimmo fa’ ‘e cunti…! (estrae da una tasca un temperino di cui prova il filo)  Chillo disgraziato! Ce taglio ll’ogne… ‘a lengua… ‘e zampe… ‘a cora… ‘a capo… e ce faccio magna’ tutte cose! E po’ ‘o metto dint’ ‘o cartone e ‘o jetto, accussi’ nisciuno sape niente! (si alza e si avvia verso l’interno, con il coltello levato)

Pietro                 (entra dopo che Aldo è uscito) Ahhh…! Elisa! So’ turnato! Ma… (vede i resti della colazione)  …’anno magnato e so’ asciuti tutti quanti…! Però… ‘nu poco ‘e cafe’ me l’anno lassato! (prende la tazzina; mentre sta bevendo si sente un miagolio arrabbiato ed uno strillo fuori scena)  E che d’ è…?

Aldo                   (rientra, senza coltello, tenendosi stretto un lenzuolo al polso e lasciandone strofinare un’estremità a terra) Chillo disgreziato me vuleva svena’! Chillo…

Pietro                 Ma che è succieso?

Aldo                   Ah, tu stai cca’? E’ ‘na storia longa… stanotte m’ ‘a fatto male e me vulevo vendica’… ‘o vatto, chillo disgraziato, appena ‘a visto ‘o curtiello, ‘a fatto ‘nu zumpo, m’ ‘a sfellato accussi’ forte che pe’ poco nun me taglieva ‘a mano, cu’ chell’ogne…! E mo’ ‘o scannepecure mio… ‘o tene isso! Sta rugnulianne, e ce ‘a miso ‘na zampaccia ‘ncoppa!

Pietro                 Tu si’ buono sulo ch’ ‘e valline! Mo’ t’ ‘e mmedica’… chi sa Elisa quanne vene… e nun struscina’ ‘sto lenzuolo pe’ terra…! Famme vede’… (ispeziona il polso)  E chest’ è? Ma famme ‘nu piacere… e tu pigli ‘nu lenzuolo sano sano pe’ ‘nu scippetiello che manco se vere…?

Aldo                   Ma che ci c’entra…? Chillo teneva l’intenzione! Steva tutto ‘ngrifato e teneva l’uocchie ‘e assassino… che dici, ‘aggi i’ ‘o Spedale?

Pietro                 Te ridono ‘nfaccia! Nun è asciuto manco ‘nu poco ‘e sangue, aro’ vuo’ i’? Vatte a lava’ ‘e mani… e ‘o… curtiello ‘o vaco a piglia’ io quann’ è doppo… (sbadiglia) Mo’ me metto ‘nu poco ‘ncopp’ ‘o lietto, che stanotte nun aggio durmuto…

Aldo                   A chi? Me vulisse fa’ lava’ n’ata vota? E me lassi sulo cu’… chillo?

Pietro                 Ohè, ma che fosse? Tu tieni chell’esperienza cu’ ll’animali e nun sai caccia’ ‘nu gatto? E po’ chillo se va a fa’ ‘e giri suoi, a n’ato poco jesce, e ‘o vedimmo stasera…! Io vaco a durmi’ ‘nu paro d’ore… ce verimmo cchiù tardi… (esce sbadigliando)

Aldo                   E mo’? Mo’ l’acconcio io! S’ ‘a pigliato ‘o curtiello… e mo’ le faccio piglia’ ‘a mmerecina! (prende alcune pillole dalla confezione)  Ecco cca’…! Povera bestia, tene l’aritmia pure isso… cheste ‘o stenneno! Quanne vo’ magna’, trova ‘a tiella appriparata! Dicette ‘o pappice ‘a noce: «Damme ‘o tiempo, ca te spertoso!» Certo ca ‘sti pestiglie so’ putenti… chi ‘o sape si fossero bone pure p’ ‘e bestiulelle mie… fecessero cchiu’ capretti… cchiù pecurelle… cchiù puorcetielli…! Mo’ m’ ‘e piglio e c’ è dongo…! Tanto l’Onorevole s’ è po’ accatta’! Io nun ‘e pozzo accatta’, ca subbeto se sape int’ ‘o paese… succere ‘nu scandalo… e po’ manco m’arricordo ‘o nomme…! Ma nun pozzo lassa’ ‘a scatula vacante! Già me ne so’ pigliate cinche o sei…! Che ce metto ‘o posto loro? (esamina da vicino le pillole, le soppesa) Eppure cheste me ricordano coccosa! Io aggio visto coccosa comme a cheste…  (pensieroso, ripone la scatola e mette le pillole in tasca) …stipa ca truovi……ma nun riesco a ricurderme che d’ è!


        ATTO secondo, SCENA seconda: Rosetta, Aldo

Rosetta               (entra, sbadigliando, con un pigiamino corto)  Mammà…? Aro’ stai…? Ah, zi’ Aldu’, buon giorno! ‘Essi visto a mammà?

Aldo                   Si, è asciuta cu’ Matrona, so’ ghiute a accatta’ ‘e piatti… a pere…

Rosetta               Ah, aggio capito, canosco ‘o negozio… è bello! E tu? Nun si’ asciuto a piglia’ ‘nu poco d’aria? E jammo, muovete… nun penza’ ‘a fatica!

Aldo                   No, no… io mo’ me sto ripiglianne… chillo fetente d’ ‘o vatto… m’ ‘a fatto male cca’… (interrompe il gesto a metà, rendendosi conto che parla con una signorina) …’o vraccio! Guarda… (cerca invano il segno) …oiccanne… no, aspetta… forze è chest’ata mano…

Rosetta               Lassa sta’, si nun vulive asci’ nun c’ è bisogno d’ ‘a scusa!

Aldo                   Ma chillo overo m’ ‘a fatto male!

Rosetta               E addo’? (si alza e guarda accuratamente prima una mano e poi l’altra di Aldo) E chesto fosse? Ma nun è niente!

Aldo                   Va be’… po, quann’ è doppo… tu si’ ‘na signurina minurenne… mo’ nun m’ ‘o ricordo… t’ ‘o dico dimane!

Rosetta               (si siede e prende un caffe’, ormai freddo)  Bleah… Comme se po’ fa’ ‘na cosa accussi’? E’ ‘na vera schifezza!

Aldo                   (equivocando) Io nun aggio ditto niente!

Rosetta               ‘O zi’, ma che te piglia? ‘E durmuto buono, o si stato scetato tutt’ ‘a nuttata? E ‘a zia s’ è arripusata, o ‘a fatto ‘a stessa cosa toja? Ve fusseve… attaccati… come a cane e gatto pure stavota?

Aldo                   (alzando le mani, in segno di innocenza) Nu’ poco ce simmo appiccecati, pe’ via che essa… io… però… ‘o cane nun ce steva… …io nun aggio ditto niente e nun aggio fatto niente!

Rosetta               (lo guarda dubbiosa)  Mah! Chi ‘o sape… Ma chisti so’ chilli che ‘ate purtate vuje? Mo’ me magno ‘nu dolcino… uh, ce stanno pure ‘e salati… è ‘o taralluccio d’ ‘a zia…?

Aldo                   Pe’ carità! Io nun aggio ditto niente, nun aggio fatto niente e nun aggio sentuto niente!

Rosetta               ‘O zi’, forse è l’aria nosta che te fa male…

Aldo                   No, è stato ‘o vatto!

Rosetta               Sti’ tarallucci so’ proprio buoni…! A me me piace d’ ‘e zuca’, se fanno tienneri poco a poco e se sente meglio ‘o sapore…! A proposito… scummetto che ‘o Capitano s’ è fernuto ‘a scatuletta… Tu sai tratta’ cu’ ll’animali… che dici, ce metto l’umido o ‘e croccantini?

Aldo                   ‘E crucchentini! ‘E canosco! Oilloco che ce vuleva! Ce stessero chilli… celesti?

Rosetta               Che ne saccio? Chilli songo ammiscati, ‘e tutt’ ‘e culuri…!

Aldo                   Facimmo accussi’… voglio fa’ pace c’ ‘o vatto… dammella a me ‘a scatula, e ce ‘a metto io dint’ ‘a tiella…

Rosetta               Allora ce pienze tu…? (apre un mobiletto, prende una scatola e la porge ad Aldo) So’ pure fernuti, chesta è l’urdema scatola…! Chillo magna troppo! Mah! Comunque io me vaco a fa’ ‘na doccia… nun è che te serve ‘o bagno?

Aldo                   A chi? Ma inzomma, me vulite fa’ lava’ tutti quanti n’ata vota? Chella, ll’acqua è periculosa! Vai, va’… ‘o vatto tuoio ce penzo io! Nun te prioccupa’, le faccio truva’ ‘na bella tielluccia appriparata! Anzi…  ce ‘a vaco a mettere proprio mo’! Ah! Aspiette… tenisse una ‘e chelli belle penne chiatte chiatte… celeste? E… ‘nu paro ‘e fogli ‘e carta?

Rosetta               Nu’ pennarello? Si… (apre un cassetto e gli dà i materiali) …pure ‘a penna… ma te si’ fissato c’ ‘o blu, oggi? A che te serve?

Aldo                   No è che… voglio scrivere ‘na cosa a Matrona… e chella senza lente… ce l’aggia scrivere gruosso… sai cumm’ è…

Rosetta               No, nun ‘o saccio comm’ è…! Va buono accussì, o vulisse ‘nu blocco sano?

Aldo                   Ah, si, tu si’ ancora piccerella… nun te prioccupa’! (esce)

Rosetta               Io a chisto nun ‘o veco buono… sarra’ ‘a vicchiaia? Mah…! (esce)


        ATTO secondo, SCENA terza: Elisa, Matrona, Rosetta, Aldo

Elisa e Matrona    (entrano, in silenzio e si siedono)

Matrona              Nun so’ fatti miei, ‘o saccio… ma io nun ‘esse spiso tutte ‘sti sorde… a lu cunto ‘e sentuto lu chianto!

Elisa                   Matro’, cca’ nun stammo ‘o mercato! E forse nun ‘essemo fatto chella figura ‘e… niente, si tu nun te mettive a fa’ ‘e prove!

Matrona              Aggi pacienza… ma chillo ‘o mercato accussi’ fanno, e ‘e piatti buoni nun se rompeno! Chillo era ‘nu servizio difettuso, ce steva ‘a senga, e nun se vereva!

Elisa                   A tutt’ ‘e vintiquatto piatti?

Matrona              Gnorsi’! Si no nun se rumpevano subbeto subbeto! E po’, ‘e visto? Po’ ‘a cacciato fore chillo buono! Pecchè chill’ato servizio nun s’ è rutto?

Elisa                   Se vere che te si’ stancata ‘a mano… e meno male che nun ‘e pruvato pure ‘e bicchieri…

Matrona              Ma io l’aggio pruvati! Cu’ ll’ogne! Tu stive fecenne ‘o schek… nun se n’ è rutto niscuno!

Elisa                   Matro’… quann’ ‘e cunsegnano… nun ‘e pruva’ cchiù, va buono?

Matrona              No, nun c’è bisogno… tanto mo’ l’ è accattate! ‘E rompe Pietro!

Elisa                   E io ce scasso ‘a capa! Matro’, che vulimmo cucena’, oggi?

Matrona              Aiere ce steva paricchia rubetella… nun è rimasto niente?

Elisa                   Sulo robba… p’ ‘a sera… capisce a me… ostriche, aragosta… filettielli ‘e spigula… robba liggera… e che rinforza!

Matrona              Allore è meglio si ce ‘o magnemmo mo’, si no stasera… Alduccio… se sceta n’ata vota… nun m’ ‘a fatto durmi’! E mo’ scummetto che starra’ durmenne…

Elisa                   Allora nun c’è bisogno ‘e cucena’… (guarda l’orologio) io vaco a arapi’ ‘o studio… tu… te vulisse arripusa’?

Matrona              Gnorsi’! Mo’ levo ‘a miezo chesti quatto tazzulelle… e me vaco a stennere… Eh! Te metto pure ‘e panni int’ ‘a lavatrice!

Elisa                   Ah, va buono, grazie… Chella, ‘a signora, tene ‘nu sacco ‘e cose ‘a fa’, e ata gente nun se trova! Allora io vaco… ce verimmo appena fernisco…(mette il soprabito ed esce)

Rosetta               (entra in accappatoio che le lascia le gambe scoperte e con un asciugamani in testa)  Ohe’, ‘a zi’… ‘ate accattato ‘e piatti?

Matrona              Svergognata! E tu accussi’ te ne vieni? E si ce steva Alduccio…

Rosetta               Embe’? Che ce sta ‘a fore? Sulo ‘e cosce… e po’, stammatina ce aggio parlato c’ ‘o zio… stevo ancora c’ ‘o pigiama… curto!

Matrona              Ah…! E che t’ ‘a ditto?

Rosetta               Me vuleva fa vede’ ‘o vatto addo’ l’eva fatto male… ma nun truvava cchiu’ ‘o posto… (con enfasi) me ce so’ dovuta mettere c’ ‘a capo ‘ncoppa, pe’ vede’ coccosa! Po’ m’ ‘a ditto che ve site attaccati stanotte…      mentre ca me stevo zucanne ‘o taralluccio…

Matrona              Maronna! (si dispera, con le mani nei capelli)  Io ‘o cciro veramente! Depravato! Me sento… male! (sviene su una sedia)      

Rosetta               ‘A zi’…! Aiuto! (si rivolge verso l’interno) ‘O zi’… zi Aldo! Curre cca’! Mammà…, addo’ stai?

Aldo                   (entra, con le dita macchiate di celeste) Che c’è? Uh, Matro’… ce è succieso?

Rosetta               ‘E svenuta! Steveme parlanne e… vaco a avvisa’ a mamma’… nun risponne, chesta è ll’ora che sta ‘o sturio! Si nun po’ lassa’… ce rimango io!

Aldo                   Aspietta…! Vestete, primma… accussi’ aro’ vaje?

Rosetta               Si, vaco… dalle coccosa… ‘nu poco d’acqua! (esce)

Aldo                   Acqua? No, no… (prende una bottiglietta dalla tasca, l’apre e la fa annusare a Matrona)  …l’acqua fa’ nfracida’ ‘e bastimienti a mare… Matro’… Matro’… scetate!

Matrona              (si riprende lentamente, e si rende conto di essere sola con Aldo) Schifuso… fetente… depravato…! ‘E spurcato chella povera guegliuncella…

Rosetta               (entra vestita sommariamente, infila un soprabito ed esce) Io vaco… dalle duje schiaffetielli…

Aldo                   (rimette la bottiglietta in tasca ed esegue, con molto timore) Matro’… l’ ‘a ordinato ‘o mierico…! Nun te ‘nquarta’… brava, te stai arripiglianne… e po’ io me so’ spurcato ‘e mani… io sulo!

Matrona              Tu si’ ‘nu disgraziato! Ma comme te veneno ‘ncape cierti cose? Viecchio, rimbambito…! Mo’ mo’… acchiappo a Pietro… te faccio arresta’, te faccio chiurere ‘ngalera… tu si’ ‘nu depravato, ‘nu fetente…! Tu ‘e acciso n’anime innucente…! Schifuso! Nun ‘e vere’ cchiù ‘o sole, e ‘e muri’ dannato, in galera!

Aldo                   Pe’ ‘nu vatto? Ma nun te pare….

Matrona              Nun ce stanno parole…! ‘E spurcato ‘nu foglio ‘e carta janca… c’ ‘e menato ‘ncoppe tutt’ ‘e schifezze toje…! Tu ‘e i’ all’inferno… mo’ mo’, senze remissioni! Nun ce sta perdono pe’ chello che ‘e fatto!

Aldo                   Pe’ ‘nu foglio che aggio spurcato? Ma nun…

Matrona              Basta! Tu puo’ sta sulemente ‘miez’ ‘a ll’animali…! Si addiventato comme uno ‘e loro! Voglio divurzia’! Nun te permettere cchiu’ ‘e dicere che songo mugliera a te! Pietru’ addo stai? (uscendo) Piglia ‘e manette… e fa’ veni’ ‘a camiunetta…!

Aldo                   Mah! Mo’ aspetto ca le passa ‘nu poco, e po’ veco che è succieso… Chillo disgrezieto! S’ è magnato sulo ‘e pestiglie, ‘e crucchentini l’ ‘a lassati e se n’ è fiuto! E’ comm’ ‘a ‘na vorpe… e po’ ‘o culore nun è ‘o stesso! (si guarda le dita)  ‘O pennerello va buono sulo ‘ncopp’ ‘e deta meje! Ce vulesse cocche cosa… proprio celeste… aggio truvato! Finalmente, ce sta, ce sta…! ‘O rusario ‘e Matrona! ‘O smonto, piglio ‘e petruzzelle… chelle vanno proprio bone! Sarrenno cinquenta… no, songo ‘e cchiù… ce jesce tutt’ ‘a scatuletta! E jammo! M’ ‘e piglio tutte quante! Ce ne metto n’ato paro ‘o vatto, ll’ate m’astipo… chi sa comme sarrenno cuntienti li puorci miei! (prende il flacone ed esce)


        ATTO secondo, SCENA quarta: Pietro, Matrona, Rosetta, Elisa, Aldo

Pietro                 (entra, sbadigliando)  Ma che è succieso? Famme piglia’ ‘nu poco ‘e cafè, nun aggio capito niente… (si siedono)

Matrona              Niente cafè! Primme ‘e arresta’ chillo depravato…

Pietro                 Matrò, nun se po’ arresta’ nisciuno, si nun se sape chi è, si nun ce sta reato, si nun se sape ‘o fatto… ma chi è ‘stu depravato? Che ‘a fatto?

Matrona              Eh! Ma si te dico io, tu t’ ‘ea fida’! Pe’ l’arresta’ ‘e sape’ pure proprio tutt’ ‘e fatti? E si ‘e fatti una nun ‘e vulesse dicere…? Pe’ delicatezza… ce sta… n’anime innucente che… uno ‘a spurcheto… Tu arrestalo, e basta!

Pietro                 Matrò, e pe’ “delicatezza” nun me putive fa’ durmi’ n’ato poco? Io stanotte nun aggio durmuto…

Matrona              Manco io! Chillo depravato… ‘e Alduccio… s’ ‘a pigliato chelli pestiglie… e… nun m’ ‘a fatto durmi’!

Pietro                 Allora, si’ tu l’anima innocente? ‘Na femmena spusata?

Matrona              ‘O vuo’ sape’? E io t’ ‘o dico! Rosetta…! Chillo depravato ‘a fatto… cose turche! M’ ‘a ditto essa…

Pietro                 E l’adda dicere pure a me, ca le songo pate! Addo’ sta?

Matrona              S’ è vestuta e è ghiuta addo’ muglierete… pecche’ io so’ svenuta…

Rosetta e Elisa     (entrano)

Rosetta               ‘A zi’! Allora stai bona!

Elisa                   Comme mai si’ svenuta? Famme vede’… (le scruta la faccia e le tasta il polso) …niente! Ma comme mai…?

Matrona              Ohe’ Rose’,… dincelle pure a loro, chello che n’ ‘e ditto a me… primme che… nun te mettere scuorno! E’ stato chello che m’ ‘e fatto sveni’!

Rosetta               E che t’aggio ditto…? ‘E che m’essa mettere scuorno? Ca ‘o zio me vuleva fa vede’ ‘o vraccio addo’ l’eva fatto male ‘o vatto… ma nun truvava cchiu’ ‘o posto… e aggio dovuto guarda’ ‘a vicino, pe’ vede’ coccosa! Po’ m’ ‘a ditto che ve site appiccecati stanotte! Chesto ce simmo ditti… Ah! Aggio ditto pure che ‘e tarallucci che ‘e fatto tu so’ buoni……

Matrona              Uh… ma io evo capito n’ata cosa…

Elisa                   Matro’, io me ne scappo, tengo ‘a cliente che aspetta… me fa piacere che te si’ ripigliata! (esce di corsa)      

Pietro                 E chisto povero cristiano, ‘o vulive fa’ i’ ‘ngalera pe’ chesto? Matro’… pienzece buono, viri ‘e capi’ buono, prima ‘e accusa’ ll’ati! Io… me ne torno a durmi’! (esce)

Matrona              (a Rosetta) Ma io ‘eve capito n’ata cosa…!

Rosetta               ‘A zi’, ma che te penzassi? Chillo, ‘o zio, è tanto caro… e io le voglio assai bene, comme a te! Me dispiace quanne v’appiccecate… papà e mammà ‘o fanno spesso… ma nun fanno overo!

Matrona              Eh, si…! Chilli se vonno bene! L’ammore verace è quanno s’appicceca e se fa pace!

Rosetta               ‘O sai… (si avvicina, con fare complice)  Io fatico a Pisa, songo spesso fore… chilli se so’ abituati a sta’ suli, forze nun ce penzano… cierti vote, sapisse papà che le dice…! ‘A piglia c’ ‘o buono... ma essa tene sempe... mal’ ‘e capa! Nun vo’ mai fa’ carte!

Matrona              Ma comme, tu te miette a senti’…?

Rosetta               ‘A zi’, io songo ‘na guagliona moderna! Nun me metto a senti’… tanto saccio gia’ tutte cose! Te si’ scurdata che so’ mierico pure io? ‘O fatto e che loro nun chiurono ‘a porta, cierti vote aggia aiza’ pure ‘o volume d’ ‘a televisione, si no nun me fanno capi’ niente!

Matrona              Maronna, aiutace! Ma allora tu… ‘e capito che io e Alduccio… stanotte…

Rosetta               ‘Ate fatto paricchia ammiuna pure vuje! M’ ‘ate tenuta scetata pure a me e m’ ‘ate fatto fa’ doie risate quanne curriveve p’ ‘a casa! ‘A zi’… forse… si te mettisse ‘na cammisa ‘e notte… cchiù moderna… zi’ Alduccio facesse… ‘o duvere ‘e chi è ’nzurato… cchiù spesso! E po’… falle cocche vota ‘nu poco ‘e colazione ‘a matina… doje ova…!

Matrona              Ma tu viri che me succere! ‘Na guagliuncella… che me da’ ‘e cunzigli a me! E… comme fossero ‘sti cammise…?

Rosetta               (prende un catalogo da un cassetto) Brava ‘a zia! Guardati chisto, e scigliete ‘na bella cammisa nova…

Matrona              (sfoglia il catalogo) Maronna! Cheste teneno tutte cose ‘a fore! Ma… se fanno pure mettere ‘ncoppa li giurnali…! E nun se metteno scuorno?

Rosetta               ‘A zi’, chelle so’ pavate! Si no chi s’accattasse ‘a robba? Ecco… guarda chesta!

Matrona              Maronna! Io… no, no… siente… nun se po’ fa’ accussi’… si ce stai tu, io me metto scuorno! Facimmo ‘na cosa… io m’ ‘e veco… e po’ te dico che aggio scevuto… (sfoglia rapidamente) …forze pure ‘nu poco ‘e biancheria… doje tendulelle… però faccio pave’ tutte cose e Alduccio… Ma po’ comme faccio pe’ l’ave’?

Rosetta               E’ facile! Te faccio arriva’ ‘o pacco ‘a casa, se pava ‘o pustino… e nisciuno sape che ce sta dinto… ‘o giurnale t’ ‘o puo’ tene’, cca’ ne arriva uno ogni mese, e po’ arrivano pure a te…

Matrona              Allora me vaco ‘nu poco a arrepusa’, e m’ ‘o leggio ‘ncopp’ ‘o lietto… (uscendo, guarda ancora la rivista)  Maronna!

Aldo                   (entra, nascondendo il flacone dietro la schiena e incrociandosi con Matrona)  T’ ‘e passato ‘o quarto? ‘E fernuto?

Matrona              (nascondendo a sua volta il catalogo in maniera goffa) Quale quarto? Ma tu te stisse sunnanne? Te siente buono? (esce)

       


ATTO secondo, SCENA quinta: Pietro, Rosetta, Aldo, Renato

Aldo                   (sempre tenendo con una mano il flacone dietro la schiena) Ah, Rose’… io ce l’aggio misi chilli crucchentini… ma chillo vatto è disgraziato! Nun ce sta! Nun se fa’ vere’… se ne fosse fiuto?

Rosetta               Nun te preoccupa’, chillo nun s’ ‘a scorda ‘a via! Mo’ fa’ chello che adda fa’… me sape che tene ‘nu paro ‘e micelle… e po’ torna ‘o ristorante!

Aldo                   Vi’ che bella vita! A proposito ‘e ristorante… a me me sta venenne ‘nu poco ‘e languidezza…

Rosetta               Pe’ mangia’ ce vo tiempo! Ma tu… nun fai mai colazione ‘a matina? Mo’ te priparo io ‘na ‘mpustarella… che dici?

Aldo                   Eh, quasi quasi…! Ma no assaje… anzi… chello che ce sta… viri tu!

Rosetta               Faccio subito! (esce)

Aldo                   Meno male ca se n’ è ghiuta! ‘Sta scatula è troppo grossa… è ‘na scucciatura… (prende il flacone e lo depone sul mobile) Ecco cca’!

Pietro                 (entra, sbadigliando)  Uhe, Aldu’… che stai facenne?

Aldo                   (sorpreso, simula di spolverare)  Ah, niente… ce steva ‘nu’ poco ‘e povere…!

Pietro                 Seee! E tu viri sulo ‘a povere? Lassammo perdere…! Tutto a posto cu’ Matrona? Poco fa, che saccio, diceva che ‘eva capito ‘na cosa sbagliata…

Aldo                   Chella nun capisce mai buono… eh! Ch’ ‘e femmene ce vo’ pacienza… stanno sempe a critica’… o' ciuccio chiamma recchia longa ‘o cavallo!

Pietro                 Overo, eh…?

Rosetta               (si affaccia dalle quinte e poi rientra) ‘O zi’, vienete a fa’ ‘nu poco ‘e marenna! T’aggio fatto doje ova, ‘o zabaione, e po’ ce sta ‘o pesce c’ ‘a maionese, ‘e tartine c’ ‘o caviale, ‘nu poco ‘e vino russo, ‘o tiramisù… accussì puo’ scegliere!

Aldo                   Tieni ‘na figlia d’oro! ‘A sentuto ca tenevo languidezza… (esce)

Pietro                 E chesta nun è languidezza, è famme nera! Beato a te,  tiene ‘nu stommaco ‘e fierro! Buon appetito!

                         (bussano)

Pietro                 Ancuminciammo! Ma Elisa nun ce sta… (apre e richiude subito) Non compriamo niente! Jatevenne!

                         (bussano)

Pietro                 N’ata vota? (apre) Nun ce… oh! Onorevole!

Renato                (entra con soprabito chiuso, cappello calcato, occhiali neri in mano) Scusate, sono in incognito…!

Pietro                 E per questo non vi avevo riconosciuto! Come mai da queste parti? (non lo invita a sedersi)

Renato                E’ che, sicuramente, qui… ho lasciato una scatola di medicinali… mi servono urgentemente… per la buona riuscita di una… riunione! Ma non posso comprarli! Non trovo il medico per la prescrizione… e ci sono nuovi controlli farmaceutici… forse voi o vostra moglie ne sapete qualcosa…

Pietro                 Esatto! Voi non parlate di aspirine… verooo?

Renato                Non mi mettete in difficoltà… non voglio disturbare la dottoressa… non le volevo dare l’impressione di chiedere a lei la ricetta…

Pietro                 Che non vi avrebbe scritto… è permesso solo in specifici casi, e voi… (lo guarda)  …non rientrate!

Renato                Si, però… Aillanne! (indica sul mobile) Eccolo! E’ quello il mio flacone! Datemelo, per favore…

Pietro                 Vostra moglie è una che vede nel futuro! Mi ha detto che sareste ritornato… ma sono sicuro che voi non volete il flacone, eh, eh…, ma il contenuto…!

Renato                Ah! Lo sapete pure voi, il fatto? Eh, già… con le donne… non ci si può fidare…! Va bene! Datemi solo il contenuto… però solo la metà… se no finisce che si sforma la tasca!

Pietro                 Va bene… vi metto le pillole in un foglio di carta…

Renato                No, no… si, si, si…!  

Pietro                 (prende un foglio dal cassetto, e lo prepara sul tavolo; poi versa dalla scatola alcune pillole nel foglio, e lo chiude)  Eccovi…

Renato                (prende l’involto e lo mette in tasca) Grazie! E… datemene una sciolta, la prendo subito… anzi, metà… (si impossessa di una pillola e la mette in bocca)

Pietro                 Ma non vi serve acqua?

Renato                (cercando di spezzarla con i denti) No, no… ma comme s’ è fatta tosta! (dà un colpo deciso e si porta le mani alla bocca) Mamma mia! Che dulore! Me so’ fatto male…! E’ scappata… e me so’ muzzicato! Sento ‘o sangue ‘mmocca! E mo’ comme faccio? Addo’ me presento? (uscendo e gesticolando) Grazie…! Addio… riunione! Che dulore! Che dulore!

ATTO secondo, SCENA sesta: Pietro, Aldo, Matrona, Elisa

Aldo                   (entra) Che magnata! (rutta) Eh, si ce steveno ll’animeli miei, cca’, s’ ‘a vereveno proprio proprio bona…

Pietro                 Ma mo’, quanne se fa ll’ora… tu che fai, mangi n’ata vota?

Aldo                   E’ pe’ fa’ onore a sorema! Sicuro che magno! Forze nun me faccio ‘a tiella ‘e pasta sana sana, però…

Matrona              (entra portando un foglio tra le mani, con premura) Rosetta? ‘Ate visto a Rosetta? Rosetta! Aro’ stai? Rosetta! (esce)

Aldo                   Ma io nun saccio comme ‘a veco! ‘A casa nun fa mai accussi’!

Pietro                 Beh… (guardando verso l’interno) …è ghiuta int’ ‘a cucina… mo’ ‘a ‘ncontra e se calma!

Aldo                   Speriammo! Nun aggio ancora capito che è succieso poco fa… mah! Mo’ sa’ che faccio…? Me metto ‘nu poco ‘ncopp’ ‘o lietto… accussi alleggerisco… e pozzo magna’ ‘n’ata vota! Ah! Po’ voglio vede’ si torna ‘o vatto…

Pietro                 P’ ‘o gatto nun te preoccupa’… e riposate quanto vuo’, ca te fa bene!

Aldo                   (sbadigliando) Si… meno male ca chilli guagliuni faticano buono, ‘a casa… pozzo sta’ queto… chiammetemi, quanno se magna! (esce)

Pietro                 Che ore so’? (guarda l’orologio) Chillo scemo ‘e ll’Onorevole m’ ‘a fatto perdere tiempo! Mò, si telefono ‘a Centrale, chilli me diceno sicuro ‘e me fa’ vede’… tanto vale che ce vaco direttamente… Aldo dorme… Matrona sta cu’ Rosetta… Elisa ‘ave tiempo…

Elisa                   (entra)  

Pietro                 Ue’, io stevo ascenne… ‘e fatto primma?

Elisa                   Si… (togliendosi in soprabito)  Oggi solo doje signore… e po’ me sento ‘nu poco stanca, ‘a ieri…

Pietro                 Si, ce crero…! Certo che è stata ‘na bella cerimonia! E che mangiata! Ma comme ‘ate fatto a pripara’ tutti chill’aperitivi… ‘o timballo…, ‘a carne in gelatina…, pesce ‘e tutt’ ‘e manere… e quanti dolci!

Elisa                   Chi faceva ‘na cosa, chi ne faceva n’ata… ‘o cuoco ‘a penzato ‘o gruosso… e nuje ‘e dettagli, ‘e presentazioni… Erano purzioni piccerelle, perciò ‘ammo fatto paricchi piattielli… vinti perzone!

Pietro                 Già… oggi simmo a pochi… magari mangiammo cocche cosa che è rimasto, accussi’ nun c’è bisogno che cucini… te putisse arripusa’ ‘nu poco… stammo quase suli… che dici… te vulisse mena’ ‘nu poco ‘ncopp’ ‘o lietto? Magari… venesse pure io… ce facessemo doje chiacchiere… ‘o scuro… comme faceveme ‘na vota…

Elisa                   Ma è matina!

Pietro                 (si avvicina ad Elisa) E allora? Nun ce sta nisciuno… e nun tenimmo ‘a libertà ‘e sta’ suli n’oretta…? Po’… si ce purtassemo ‘nu poco ‘e spumante e doje ostriche …

Elisa                   Ohe’ ma che t’ ‘e miso ‘ncapo… te fai veni’ cierte idee… e a me…

Elisa e Pietro        (in coro) …me fa male ‘a capa!

Pietro                 (senza entusiasmo) Lassammo sta’…! Sienti, vaco ‘nu poco in Centrale… aiere sera c’ è stata ammuina, ‘anno fatto a palate ‘a festa in piazza… feriti gravi… aggio fatto servizio tutt’ ‘a nuttata, vaco a vede’ si pozzo aiuta’ ‘e colleghi… ma nun torno tardi, ‘a jurnata già l’aggio fatta! Ciao, ce verimmo! (esce)

Elisa                   (distrattamente) Ce verimmo! (si gira intorno e poi tra sé)  Certo che ce vulesse ‘na pulezzatella, a ‘sta casa mia! ‘A signora vene sulo ‘e tre… veco si se ferma ‘nu poco ‘e cchiù… doppo chell’invasione ‘e scustumati… (raccoglie il grano del rosario) Tiè, ce sta pure ‘a preta ‘e ‘na cullana… o n’orecchino… chi ‘o sape chi ‘a perza! (lo mette sul tavolo)    


ATTO secondo, SCENA settima: Elisa, Erica, Aldo

                         (bussano)

Elisa                   E chi sarra’? Forse Pietro s’ è scurdato ‘e chiavi… (va ad aprire)

Erica                   (entra con un collarino in mano, con decisione) Permesso, scusate!

Elisa                   Gentile… (calcando sulla parola) signora… come mai da queste parti?

Erica                   Io… sono indignata! Ecco! Vedete questo collarino? Ci sta il vostro nome sopra… e il nome del gatto! Che schifezza ‘e gusti che tenite! Comme se fa a chiammare un gatto “Capitano”? Quello è un mandrillo, altro che gatto! Mi ha traumatizzato Serenella! Non so come ci è riuscito… ma l’ho trovato sul terrazzo… lui e la mia povera, piccola Serenella… la stava… …e poi, mica hanno finito… io strillavo… e loro niente! Poi se ne sono scappati… e sono andati sul tetto vicino… e lui che continuava!

Elisa                   Gentile… signora… io non posso essere responsabile… voi sapete che i gatti sono abbastanza indipendenti… e poi… non si accoppiano se non c’ è volontà di entrambi!

Erica                   Vui l’ata taglia’… lo dovete sterilizzare! Io ho speso fior di soldi per conservare intatta la purezza della figliolanza della mia micina… e quello… e quello…

Elisa                   Eh, già… ma noi non siamo d’accordo a sterilizzare il gatto… Niente da fare! Vi da’ fastidio? Punitelo! Cacciatelo via! Ammesso che ci riusciate…! E come vi siete procurata il collarino?

Erica                   Gliel’ ho levato mentre loro… lui… non poteva muoversi… era già mezzo sfilato…

Elisa                   E allora lo potevate cacciare!

Erica                   Ci ho provato… volete vedere la fasciatura? Ho due braccia… sembrano mortadelle!

Elisa                   Bene, signora, grazie per averci riportato il collarino… ora, se non vi dispiace… avrei da fare!

Erica                   Eh? Mi mettete alla porta? Ma comme… te permietti, meza sola? …! Chella Serenella mia… puverella… mo’ sta sbattuta pe’ terra e tene ancora ‘a lengua ‘a fore! Chillo mandrillo l’ ‘a… traumatizzata! Tu m’ è pava’ ‘e danni!

Elisa                   Ah… meza sola a me…? ‘A parlato ‘a cucozza spaccata… vavattenne, ‘e capito? ‘E danni… see! Te si’ ammedicata? E mo’ vatte a taglia’ ‘e corna! Te serve ‘a sega elettrica, pe’ caso?

Erica                   Ahhh! Io ‘sta cosa nun m’ ‘a scordo!

Elisa                   Certo che tu e maritete tenite ‘na memoria bona! V’arricurdate tutte cose… però ve scurdate ‘e pastiglie in giro! ‘O vidi chillo flacone? (lo indica)  ‘O canusci? Chi ‘o sape ‘e chi so’ ll’impronte digitali lla’ ‘ncoppa… vulesse fa’ diverti’ a mio marito…

Erica                   Ue’… e che so’ ‘sti ricatti…?

Elisa                   Qua’ ricatti? ‘O flacone è ‘o tuojo…? No, eh…? E allora ‘e che te miette appaura? Dimme ‘na cosa… te serve ‘a sega a mano o chella elettrica? Guarda che fai primma…

Erica                   Ma comme te permitte? Renato me vo’ bene… e io nun permetto che…

Elisa                   E io nun tengo tiempo ‘a perdere cu’ gente comm’ ‘a te… e a maritete! Jesce ‘a cca’, e nun te fa’ vede’ cchiu’, tu e chillo chiochiero! Vidi comm’ ‘e fa’, fattella pure tu ‘na… riunione cu’ isso, e dincelle pure che è inutile che ‘a vene a dumanda’ a me! E nun t’azzarda’ cchiu’ a guarda’ a Pietro… si no te vengo a truva’… e ‘a meza cucozza addiventa pure’! (la spinge verso la porta, la fa uscire e sbatte l’uscio)  Ahhh! Ma comme me sento bona… quasi quasi… nun me fa manco male ‘a capa! (pausa) E che è chesto rummore…? (ispeziona le porte) No… vene ‘a cca’… ‘a stanza ‘e lietto… Matrona! Aldo! Site vuje…? Ma che state facenne?

Aldo                   (esce, detergendosi il sudore con il fazzoletto, con il catalogo piegato in mano) Eli’… so’ io sulo… siente… ma addo’ vuje… è normale vere’ ‘a gente… insomma ‘e guaglione… annure ‘ncopp’ ‘e giurnali?

Elisa                   Comme? Quale giurnale?

Aldo                   Chisto… (glielo mostra)

Elisa                   Ah, chi sa che me penzavo…! E cheste mica so’ spugliate… è pubblicità d’ ‘e vestiti ‘a notte!

Aldo                   Manneggia ‘o suricillo… e che ‘ato ce vo’, pe’ dicere che so’ spugliate? ‘A radiografia? Io me so’ ghiuto a cucca’… me vulevo arripusa’ ‘nu poco… e me so’ truveto chisto ‘ncopp’ ‘o lietto… e che vuo’ durmi’ cchiu’? Po’, aggio magnato pure ‘na marennella… e me sento ‘nu poco… pesante…! Tieni niente pe’ digeri’?

Elisa                   E che te si’ magnato?

Aldo                   Doje ova fritte, ‘nu tazzone ‘e zabaglione, miezo piattiello ‘e pesce c’ ‘a maionese…, po’ dieci o durici ‘e chelli tartine c’ ‘o caviale, ‘nu miezo litro ‘e vino russo, quatto felle ‘e  tiremisù… e ‘o riesto nun m’arricordo… Ah, si! ‘Na mpusterella ‘e pane pepe e ‘nzogna c’ ‘a murtadella!

Elisa                   Si… ma dico… oggi, no aiere sera… oggi che te si’ magnato?

Aldo                   E mo’ te l’aggio fernuto ‘e dicere…! Io tenevo ‘nu poco ‘e… languidezza… e quanne se magna, se cumbatte c’ ‘a morte!

Elisa                   (seria) Ma tu dici overo…?

Aldo                   Si… ma pecche’…?

Elisa                   E jammucenne! Verimmo si ce ‘a faccio, si no t’aggia purtà ‘o Spidale! Vieni ‘ncopp’ ‘o lietto… primma che te vene coccosa… e pierde ‘a battaglia! ‘Nu bello lavaggio! (lo prende per il braccio e lo tira all’uscita)

Aldo                   Lavaggio? Cu’ ll’acqua? Maronna! Che ‘ato me vuo’ lava’? Io ll’acqua nun ‘a voglio…! Io… nun ‘o pozzo fa’! Aggia asci’, me serve ‘nu rusario celeste!

Elisa                   Jammo, lassa perdere ‘sti scuse… facimmo sulo ‘na flebo dint’ ‘o vraccio… chillo l’ago è piccerillo!

Aldo                   Maronna! Nun è abbastato ‘a fore, chesta me vo’ lava’ pure ‘a rento… cu’ ll’acqua!

Elisa                   E vulisse che te faccio ‘a flebo c’ ‘o vino, pe’ caso? Cu’ tutte st’ova che te si’ magnato, si nun te spicci, addivienti giallo! Jammuncenne! (lo porta a forza verso l’interno, incurante delle sue proteste)

Aldo                   Io me metto appaura! Aggia asci’! Nun ‘o voglio ll’ago! Nun me voglio lava’…!

fine secondo atto


ATTO terzo, SCENA prima: Rosetta, Matrona

Rosetta               (seduta, rivolta verso l’uscita interna) Allora?

Matrona              (uscendo) Sta buono! ‘St’ata butteglia è quasi fernuta… ‘a n’ato poco ‘amma mettere ‘a nova…  ll’urdema! Io le vulevo dicere ‘nu rusario… ma nun trovo cchiù ‘a curona e po’… chillo fetente nun se l’ammerita! Adda i’ all’inferno cu’ tutt’ ‘e scarpe! I’ l’acciro! Quanne so’ trasuta a purtarle ‘a marenna, steva pazzianne ancora cu’ chillo giurnale… l’ ‘a cunsumato!

Rosetta               Ma… guardava sulo ‘o giurnale…? E a te, nun t’ ‘a dato retta?

Matrona              Ma quanne mai? S’ è annascuso ‘o giornale, s’ ‘a pigliato ‘a marenna… e s’ è miso a magna’, isso ‘a ‘na parte e ‘o vatto all’ata… mo’ vanno d’accordo tutt’ ‘e duje… Nun m’ ‘a ditto niente! Ma io l’aggio visto ‘o stesso! S’è miso a taglia’ ‘e fotografie d’ ‘e guaglione annure, c’ ‘a furbicella! Io l’acciro!

Rosetta               Siente, ‘a zi’… cca’ ce vo’ ‘a terapia d’urto! Mo’ che ce ne jammo a durmi’, te presto io ‘na bella cammisa… e verimmmo si se sceta o no!

Matrona              Maronna! Una ‘e chelle…? Io me metto scuorno!

Rosetta               E chi te vere? Sulo zi’ Alduccio… tanto mò fernisce ch’ ‘e lavaggi… e cchiù tardi te può ‘i a repusa’ pure tu… aspiettame cca’, io ne tengo una  nova nova… ancora dint’ ‘a scatula… ‘a vaco a piglia’… e si te piace, t’ ‘a tieni, e me n’accati n’ata!

Matrona              (si siede)  Ma tu viri che me succere! ‘Na guagliuncella… che me da’ ‘e cunzigli a me! (vede il grano del rosario, lo esamina e lo rimette sul tavolo) Ohe’… e tu che ce fai cca’? Allora ‘o rusario mio l’anno rutto! Perciò nun ‘o truvavo! E ‘o riesto? E chi sarrà stato…? Alduccio! ‘A fatto ‘a faccia janca, mentre che stevo guardanne int’ ‘a valigia p’ ‘o truva’… e io me penzavo che era p’ ‘a serenga! Chi sa addo’ ‘a miso ‘o riesto… Appena ca se sose, l’acciro! Io stavota l’acciro overamente!

Rosetta               (rientra portando una scatola delle dimensioni di un pacchetto di sigarette) Oiccanne!

Matrrona             E chesta… è ‘a cinta, sicuro… e ‘o riesto?

Rosetta               Sta tutto cca’!

Matrona              Maronna! Accussi’ piccirillo? Io me metto scuorno!

Rosetta               ‘A zi’, nun è assai piccerillo, è… vaporoso! Perciò se po’ mettere int’ ‘a scatola piccerella… e jesce senza ‘na piega! Ma mo’… tu ‘e fa’ n’ata cosa… ‘o zio se sta arripusanne… ‘a fatto marenna… stasera ce simmo tenuti liggieri… t’ è magna’ cocche cosa pure tu… si no… isso… e tu… nun jate d’accordo!

Matrona              Ma tu viri che me succere! Hai ragione… magari me putesse fa’ ‘nu bicchiariello ‘e vino…

Rosetta               … e cocche cosa primma… si no te ‘mbriachi! Vieni cu’ me… te appriparo io ‘na marennella… e po’ piglio ‘na pastigia ‘e chelle, e ce ‘a dongo annascuso ‘o zio! Anzi! Tu nun ‘a sai ‘a pastiglia ‘e Biancaneve, overo? Te ne dongo una pure a te… accussi’ state a posto tutt’ ‘e duje!

Matrona              Biancaneve? Chella d’ ‘a pellicula?

Rosetta               Si… ma nun è proprio chella… ‘a zi’, chelli pastiglie pe’ l’uommene… a Pisa, stammo facenne ‘e prove… cu’ chella p’ ‘e femmene! E se chiamma accussi’… ‘e tengo pure io… pure io ‘e stongo pruvanne… pe’ vede’ ‘o dosaggio senza che fa male, me capisci?

Matrona              Maronna! Aggio capito tutte cose! E mammeta ‘o sape?

Rosetta               No, mammà fatica diversamente, essa tene ‘o sturio… io faccio ricerca… quanne jesce ‘a fatica!

Matrona              Siente… facimmo accussi’… ma nun me guarda’, che me metto scuorno! Daccenne una pure a mammeta… accussi’ fernisce che… te può vede’ ‘a televisione! Mò jammucenne, e pure tu fai marenna cu’ me, però nun esagerammo…! Io m’aggia tene’ liggiera che po’ a Alduccio l’aggia accirere, chillo ‘a tagliato ‘o giurnale, m’ ‘a scassato ‘o rusario… (escono insieme)


ATTO terzo, SCENA seconda: Pietro, Elisa

 

Pietro                 (entrando con Elisa) Ma tu si’ sicura… nun tieni proprio niente…? Niscuno annascunnuto, scurdato?

Elisa                   (togliendosi il soprabito)  E si no’ me facevo tutta ‘sta strada… cu’ te, che te lamienti sempe?

Pietro                 Nun sulo è frato a te, nun sulo oggi nun aggio durmuto doppo a chella nuttata, nun sulo t’aggio accumpagnato… sulo ‘na vota m’ è scappato che me faceva male ‘o pere…

Elisa                   Ecco, io ‘o sapevo! Cu’ te nun ce sta dialogo! Io nun pozzo mai parla’ e si parlo, nun me sienti! (camminando nervosamente intorno a Pietro, che non riesce a parlare) Io nun saccio comme te supportano, ‘a fatica! Ave sempe ragione isso! Nun esiste dialogo, nun esiste collaborazione! Io faccio ‘a sora, ‘a mamma, ‘a mugliera… (Pietro cerca di intervenire) …’a dottoressa, ‘a consulente, me faccio tutte ‘e relazioni esterne, tengo ‘a casa pulita… (Pietro come sopra) …faccio ‘a spesa, cucino… so’ sempe io che trovo e licenzio ‘e cammariere… tu nun fai niente! Te ne jesci, dici che vai a fatica’ e santa notte! E quanne fatichi ‘a notte, ‘o juorno vuo’ durmi’ pure! E quanne fatichi ‘o juorno, nun ce stai mai! (Pietro come sopra) Stai sempe stanco… e si vuo’ sape’ ‘na cosa, me so’ stufata e…

Elisa e Pietro        (in coro) …me fa male ‘a capa!

Pietro                 (rassegnato) Lassammo sta’…! Ma mò va’ a vede’ ‘nu poco comme sta fratete… stevo penzanne che forze ‘a fernuto ‘e flebo…

Elisa                   ‘O vi’? Cu’ te nun ce sta dialogo! Me ne manni pure! (esce)

Pietro                 Vi’ che pacienza che ce vo’… Mah! Aggio fatto tutta chella strada, tutt’ ‘e chiese che ce stanno, e nisciuno che ‘o tene! Io vulesse sape’ Aldo che n’adda fa’ ‘e ‘nu rusario celeste! ‘A comme ‘a parlato, le serve proprio… forze cocche collega d’ ‘a Scientifica me putesse da’ ‘na mano… ma che le dico…? Forse… si truvassi coccosa ‘e celeste… ‘nu bello filo…  ‘nu pennarello blu… ‘nu grano e ‘nu poco ‘e colla, ‘nu grano e ‘nu poco ‘e colla…, mo’ ce ‘o faccio io! (si esamina la collanina a croce)  Ce metto chesta, e io me n’accatto n’ata… ‘o fermaglio nun ce vo’…. Si, ‘a pozzo fa’! ‘O faccio cuntiento… ma pe’ fa’ ‘e grani che ce metto? Ce ne vonno… cinquanta… cinquanta cinche… sei, sette, otto,  nove… ce ne vonno almeno sissanta, tutti uguali! Sissanta… ‘e ciceri so troppo gruossi… ‘o riso è piccerillo… ce aggia fa’ pur’ ‘e buchi… ‘a pasta nun va bona… se vere subbito… pisielli… manco… robba piccerella… comme se fa?  ‘E cunfietti celesti… chi sa si ce stanno chilli piccirilli… Forse… si accatto ‘na scatula ‘e chilli cunfietti ‘e ciucculato ‘e tutt’ ‘e culuri… me piglio tutt’ ‘e celesti… ce faccio ‘o buco c’ ‘o trapaniello a mano… (si siede e giocherella meccanicamente con il grano del rosario) Chesta adda essere chella pastiglia che è scappata a chillo… scemo… Aggio truvato! Oiccanne! So’ proprio bone! (va a prendere il flacone, e conta velocemente i grani) Mannaggia! Nun abbastano! Però… (guarda l’orologio)  …io saccio chi ‘e venne sfuse! (rimette il flacone al suo posto) Jammucenne! Me fa male ‘nu poco ‘o pere… ma nun è luntano! Accussi’ accatto pure ‘o filo, ‘a penna… che ‘ato ce vo’? (indossa il soprabito ed esce)


ATTO terzo, SCENA terza: Elisa, Aldo, Rosetta, Matrona, Pietro

Rosetta               (entra in silenzio, prende una pastiglia dal flacone, poi ci ripensa e ne prende una manciata; rimette a posto ed esce)

Elisa                   (entrando con Aldo) Lievatello ‘a capa! Nun t’ ‘o pozzo da’! Mamma mia, che pacienza che ce vo’! Tengo mal’ ‘e capa!

Aldo                   Ma tu nun vuo’ né tene’ e nè scurteca’… io me so’ addurmuto… e si nun me piglio coccosa, stanotte ‘a faccio chiara chiara…

Elisa                   Tu mò te si’ sussuto! Ringrazia a Dio che t’ è ghiuta bona! L’unica cosa che te pozzo da’ è ‘a cammomilla! ‘A vuo’?

Aldo                   ‘A campomilla? See… va’ p’aiuto e truove sgarrupo! Chella fa schifo… però… si ce mettesse ‘nu poco ‘e liquore…?

Elisa                   Ah, si…? E l’accumpagnasse cu’ ‘nu taralluccio pepe e ‘nzogna… o vulisse ‘na felluccia ‘e tortano, cu’ doje ova?

Aldo                   Ma… veramente io tengo ‘na languidezza… (vede la faccia di Elisa) …ma forze è meglio che no, eh?

Elisa                   Già! (chiama verso l’interno) Rosetta! Fa’ ‘nu poco ‘e cammomilla ‘o zio! ‘Nu quattociento grammi d’acqua e falla carica! (verso Aldo) Va buono? ‘Nu bicchiere mò, e uno primma ‘e durmi’! Io mò me n’aggia i’ ‘o sturio… tengo ‘na signora che vene ‘a fore! E nun magnà niente doppo magnato! Te proibisco!

Aldo                   E va buono! Si’ sempe stata sprucida…

Elisa                   E tu si’ sempe stato scemo! (indossa il soprabito ed esce)

Rosetta               (entrando di corsa)  Mammà…! Uh… ‘o zi’, tu ‘e capito che m’ ‘a ditto?

Aldo                   Ma tu nun ‘e sentuto…? proprio niente, …niente?

Rosetta               No, pecchè…?

Aldo                   No… pecchè… l’avevo chiesto… ‘na campomilla… ma essa ‘a ditto che ‘nu calmante era meglio… aggio durmuto troppo, e me metto appaura che stanotte nun dormo!

Rosetta               Ah! E tu stanotte… vuo’ durmi’?

Aldo                   E doppo magnato… che ‘ato vuo’ fa’…?

Rosetta               Mò ce penzo io a te… zietto bello! Te dongo ‘na cosa nova… nun ‘a tene nisciuno, è ancora sperimentale! Anzi… ammisco cierti cose che… tengo io… Accussì t’arripuosi… e si ‘a zia se vulesse fa’ doje chiacchiere cu’ te… stanotte…

Aldo                   Overo? E che robba è?

Rosetta               ‘O zi’, ‘na bella cosa… nun te preoccupa’, po’ me ringrazi…!

Matrona              (entra, lievemente alticcia) Rosette! Io… aggio fernuto! Hic!

Aldo                   (allarmato) Maronna! Matro’, che è cumbinato?

Matrona              (con gesti esagerati, da ubriaca) Rosetta è ‘na perla ‘e guagliona… hic! …e ‘na dutturessa …aspetta cummere!

Aldo e Rosetta      Ehhh?

Matrona              …spetta… culare… ma nun se dice…! (fa segno col dito) Chi dice ‘e maleparole… te porteno… hic! …’ngalera!

Rosetta               ‘A zi’, ‘nu mumento che t’aggio lassato… t’ ‘e bevuto tutto quanto?

Matrona              Gnorsi’! Hic! E chillo era sapurito… io bevevo, e me veneva sete, bevevo, e ‘a sete aumentava… e chillo è fernuto! Ma che c’ è miso, ‘a rinto?

Pietro                 (entra e si libera del soprabito) Ah, state cca’? Comme jammo? Aldu’, stai buono?

Matrona              Sta buono… hic! …stammo buone tutte quante!

Pietro                 (squadrandola) ‘O vveco! Rose’… ‘nu bello cafè forte… che dici, le fa bene…?

Rosetta               Nun te preoccupa’, mò ce penzo io! Tengo ‘na cosa nova… ‘a zi’, vieni cu’ me… (la prende sotto braccio ed escono) …mò te faccio passa’ ‘o segliuzzo…

Matrona              (uscendo) ‘O sai…? Mò nun me metto cchiù scuorno! Hic!

Pietro                 (guardando Aldo) Allora? Tutto a posto?

Aldo                   Stongo buono! Me sento ‘nu lione! Però… so ghiuto ‘nu poco a liggiero, stasera… sulo ‘na marennella…

Pietro                 Ah, no! Mò basta! Nun può magna’ una continuazione!

Aldo                   E comme se vere che te si’ spusato a sorema! Tutt’ ‘e duje ‘a stessa…

Rosetta               (entra con un vassoio) ‘O zi’… viene cca’… ‘o calmante… e coccosa pe’ nun da’ fastidio ‘o stommaco!

Aldo                   Tu si’ che me capisci! Quanne moro, te lasso tutt’ ‘e puorci miei! (prende il vassoio ed esce) Permettete! 

Pietro                 Rose’, ma chillo è stato malato…

Rosetta               E io l’aggio preparato ‘na cosa pe’ malati! Mò scusa, aggia i’ addo’ ‘a zia… (esce)

Pietro                 Meglio accussì… Pozzo ancumincia’! (guarda il flacone) Sulo che chelle so’ poche, nun ‘e pozzo ammisca’, se vede ‘a differenza ‘e culore… ma aro’ me metto…? Mò ‘o faccio dint’ ‘o bagno… accussì me faccio pure ‘a barba pe’ dimane! (esce)


ATTO terzo, SCENA quarta: Elisa, Pietro, Rosetta, Matrona

Elisa                   (entrando e togliendosi il soprabito) E finalmente è fernuta ‘a jurnata! E meno male che ‘a telefonato, si no rimmanevo lla’ comme a ‘na scema… mò me faccio ‘na bella doccia e po’ a durmi’… Ah! Primma aggia vere’ Alduccio… Rosetta! Aro’ stai? Vienete a ‘mpara’ coccosa!

Rosetta               (entra) Ue’, mammà, già ‘e fatto?

Elisa                   Chella sprucida nun è venuta! Mò aggia fa’ ‘a medicazione a Alduccio… ‘nu posto… delicato! Ah! E Matrona?

Matrona              (entra, ancora alticcia, con voce legata)  Gnorsì, eccome qua… aspetta… ecco… se dice “ecco-mi qua!” Hic! Accussì se dice! Si no… te portano ‘ngalera!

Elisa                   (a Rosetta) Tu nun sai niente, eh? Chesta è opera toja! ‘O vuo’ capi’ che nun puo’ passa’ ‘a vita a ‘mbutti’ ‘a gente? Povera Matrona! Vieni cca’… comme te sienti, che ‘e fatto, chi è stato…?

Matrona              E’ stato isso! Hic! Chillo svergugnato, io l’acciro! M’ ‘a scassato ‘o rusario, e s’ ‘a pure ritagliato ‘e fotografie d’ ‘e guaglione annure ‘a copp’ ‘a chillo giurnale! Hic!

Elisa                   Povera Matrona… vieni, te porto a durmi’… accussi’ te passa pure… ‘o segliuzzo! (a Rosetta) Me vulisse da’ ‘na mano a cagnarla, che dici…?

Rosetta               Aspetta… aspettate ‘nu mumento… forze è meglio che primma va… a lavarse ‘e mani… portacella tu… io veco si ‘o zio ‘a fernuto… e me piglio ‘o piatto… d’ ‘o gatto! Chillo ogni tanto s’adda pulezza’, si no puzza! (esce)

Elisa                   Ma te pare chisto ‘o mumento? (a Matrona) Allora, te vuò lava’ ‘e dienti…?

Matrona              Gnorzi! Hic! Jammucenne! (fa qualche passo e poi incespica; Elisa la regge)

Elisa                   E comme jammo bello! (escono insieme)

Rosetta               (rientra guardinga con il vassoio, e lo porta in cucina)

Elisa                   (fuori scena)  Ohe’, ce vulessimo spiccia’, lloco dento? Pietro, ma si’ sempe tu? E’ mai possibile che dai sempe fastidio?

Pietro                 (entrando)  Manco ‘a barba m’ ‘e fatto fa’…! (prende un rosario celeste dalla tasca)  Però è venuto proprio buono… (lo distende e ne prova la resistenza)  Si… scummetto che manco se n’accorgeno!

Elisa                   (entra e lo vede) Ahhh! Che stai facenne? Aro’ l’ è pigliato? E m’ ‘e fatto fa’ tutta chella strada…! Fetente! (camminando nervosamente intorno a Pietro, che non riesce a parlare) Io nun saccio comme faccio a te suppurta’! Cu’ te nun esiste collaborazione! Io faccio ‘a sora, ‘a mamma, ‘a mugliera… (Pietro, come prima, cerca di intervenire) …’a dottoressa, ‘a consulente, me faccio tutte ‘e relazioni esterne, tengo ‘a casa pulita… (Pietro come sopra) …faccio ‘a spesa, cucino… so’ sempe io che trovo e licenzio ‘e cammariere… tu nun fai niente! Te ne jesci, dici che vai a fatica’ e santa notte! E quanne fatichi ‘a notte, ‘o juorno vuo’ durmi’ pure! E quanne fatichi ‘o juorno, nun ce stai mai! (Pietro come sopra) E mò ‘e cacciato pure ‘o rusario! ‘O sapisse dicere, perlomeno! ‘A quanne si’ stato battezzato nun t’è fatto cchiù ‘na preghiera! (Pietro come sopra) Ateo! tu quanne muori… (interrogativa) ma quanne muori…? …vai a ferni’ all’inferno!

Rosetta               (entra con due bicchieri) Ohe’, ‘a vulesseve ferni’ ‘e fa’ ammuina?

Elisa                   E chillo è patete, che parla una cuntinuazione! (Pietro come sopra) E statte zitto, ‘e capito? Nun po’ essere che tu…

Rosetta               Basta! Silenzio! Zitti tutt’ ‘e duje! Aggio fatto ‘na bella cammomilla, mò v’ ‘a pigliate, e ve ne jate a durmi’! Io voglio durmi’, stanotte, e si nun ve calmate vuje, nun me facite arripusa’! Avanti! Chesta è ‘na prescrizione!

Elisa                   M’ ‘e fatto scurda’ chello che stevo dicenne! Uff! Però ‘a cammomilla m’ ‘a piglio… tengo sete! (beve)

Rosetta               Jammo bello, papà, tocca a te!

Elisa                   Ma che c’ è miso…?

Rosetta               Te ne si’ accorta, eh? Brava! Ce sta… ‘na goccia ‘e annese! M’ ‘a ditto ‘o zio!

Pietro                 Mò m’ ‘a bevo pure io… visto che sulo chesto pozzo fa’… (beve, poi rivolto a Elisa, con il rosario in mano)  Tie’, dancillo a fratete… l’aggio fatto io!

Elisa                   Vi’ che schifezza! (lo prende) Ma chisti grani… me parono musci… (fa per morderne uno)

Pietro                 (strillando) Nooo! Fermate…! Ce sta… ‘a colla… nun te mettere schifezze ‘mmocca… chilli po’… se ‘ntostano… me l’anno garantiti che funzionano…!

Elisa                   Mah! Chesta nun l’aggio mai sentuta… ‘e prete che se ‘ntostano…


ATTO terzo, SCENA quinta: Elisa, Aldo, Rosetta, Matrona, Pietro

Aldo                   (in camiciona da notte e papalina, entra correndo)  Aiutateme! Fermate a chella pazza! (si fa scudo degli altri)

Matrona              (entra in camiciona da notte con sovrapposto un baby doll, inseguendo Aldo)  Infingherdo! Hic! Viene cca’… ‘o vuo’ fa’ ‘o duvere tuojo, o no?

Aldo                   Chisto nun è duvere! Chisto è peggio d’ ‘a galera! (esce per la cucina)

Matrona              (lo insegue) Ah, te ne si’ ghiuto dint’ ‘o mastrillo..! Hic! Mò te cucino io! (esce)

Elisa                   Arò ‘a pigliato chella cammisa…? Rose’, tu nun sai niente, overo?

Rosetta               Ce l’aggio data io! E… mammà… ne vulisse una pure tu? ‘A viri ‘a zia, comme s’ è cagnata?

Pietro                 A me m’ è bastato ‘e vede’ a Alduccio…! Ma… io… me sento cavuro… e vuje?

Elisa                   Rose’, tu fussi scema? Ma che t’ è miso ‘ncapo… però… io nun me sento cavuro… me sento… me fa…

Pietro e Rosetta    …me fa male ‘a capa!

Elisa                   (si accascia su una sedia)

Rosetta               Maronna! Che aggio cumbinato! Mammà, scetate! (la prende a schiaffetti)

Pietro                 Elisa, scetate! Nun te ne i’! Rose’, ma che l’ ‘e dato?

Rosetta               Mammà…! Dottoressa! C’è una cliente che l’aspetta!

Elisa                   … e chi è…? Scustumata…! Senza appuntamento…!

Pietro                 (a Rosetta) Brava! (a Elisa) Dottoressa! La Commissione ha votato, e le sue proposte sono accettate!

Elisa                   … a chi vulite piglia’ pe’… (si riprende un poco; rivolta a Rosetta)  Io te… spezzo ‘e cosce! Io… te straccio ‘a pergamena! Ma comme… che m’ ‘e dato…?

Rosetta               Hi, comme ‘a fai tragica! Te sienti meglio? Chello è l’effetto d’ ‘a cammomilla… cu’ ll’annese… e doje pastiglie ‘e Biancaneve…

Elisa                   Disgraziata! Chelle nun ‘e venneno ancora! Addo’ te l’ è arrubbate…?

Rosetta               Ma quanne mai? Io ‘e tengo pe’ sperimentazione personale… e nun tengo sulo chelle…

Elisa                   (quasi normale) Allora si’ stata tu, cu’ Matrona… e Alduccio… e pure ‘o gatto!

Rosetta               Io ‘o gatto nun ce aggio dato niente! Sulo ‘o zio… ‘e cruccantini… ce l’ ‘a dati ‘o zio… chi sa che è succieso…!

Aldo                   (entra correndo)  Aiutateme! Basta! nun ce ‘a faccio cchiù! (si fa scudo degli altri)

Matrona              (entra inseguendo Aldo)  Io t’acciro! Hic! Chi troppo lo sparagna, vene ‘o jatto e se lo magna! Tu eja fa’ ‘o duvere tuojo!

Aldo                   Io nun ce ‘a faccio cchiù manco a correre! Ma pecchè ‘o cane mozzeca sempe ‘o stracciato? (esce per l’interno)

Matrona              (lo insegue) E nun t’annasconnere sott’ ‘o lietto! Hic! ‘Ncoppa è meglio! (esce)

Elisa                   Rose’, pare che ‘a sperimentazione c’ ‘a zia è ghiuta bona… pure troppo! …Voglio vede’ ‘a relazione che fai!

Pietro                 Eli’, vieni, te porto a repusa’… e po’ me ne vaco a durmi’ int’ all’ata stanza… vieni… te lasso tutto ‘o lietto… bello… (la tira su e l’accompagna fuori) …comodo, ‘o cavurillo… viri comme ce stai bona… Rose’, arapeme ‘a porta!

Rosetta               Subito (esce precedendoli)

Elisa                   (si alza, sostenuta da Pietro) Ah… nun se sente cchiù chella puzza ‘e femmena… meno male… stongo meglio… è passato…! (si svincola e cammina per la scena, con tono gradatamente crescente) Ma tu si’ proprio scemo…! Io nun saccio comme faccio a te suppurta’! Cu’ te nun esiste collaborazione! Io faccio ‘a sora, ‘a mamma, ‘a mugliera… (Pietro, come sopra, cerca di intervenire) …’a dottoressa, ‘a consulente, me faccio tutte ‘e relazioni esterne, tengo ‘a casa pulita!… (Pietro come sopra) …faccio ‘a spesa, cucino… tu nun fai niente! Te ne jesci, dici che vai a fatica’ e santa notte! E quanne fatichi ‘a notte, ‘o juorno vuo’ durmi’ pure! E quanne fatichi ‘o juorno, nun ce stai mai! (Pietro come sopra) E mò te ne vuo’ i’ a durmi’ ‘a sulo… justo stasera che nun me fa male ‘a capa…! Scemo! (esce)

Pietro                 (stupito) Stasera nun le fa male ‘a capa??? E che è succieso? Allora m’aggia spiccia’…! Eh! (sospira) Che ‘amma fa’… mò me sacrifico n‘ata vota…! Pure io aggia fa’… ‘o duvere mio! (esce di corsa) Elisa…! Aspetta, t’aggia dicere ‘na cosa…!

fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 5 volte nell' ultimo mese
  • 22 volte nell' arco di un'anno