‘O guappo viecchio

Stampa questo copione

GUAPPO DI CARTONE

‘O Guappo Viecchio

Undici scene di Salvatore Macri (Posizione SIAE n.184727   3D+7U-scena unica-pagine 28-parole 8.753).

 Liberamente tratto da “Un guappo di cartone” di Pasquale Calvino(Posizione SIAE n.180531 che ne ha autorizzato la versione-adattamento in napoletano.

Per rappresentazioni, modifiche contattare gli autori:

calvinopasquale@gmail.com cell. 347-6622400 o

salvatoremacri@    cell. 

13 giugno 2016

Personaggi (in ordine di apparizione)

1)1      Mimì                 U            Barista e pasticcier

2)2      Luciana                  D       Ragazza prostituta

3)3      Don Gennaro     U            Guappo di quartiere

4)4      Catello               U            Agente di Polizia in borghese

5)5      Giorgio              U            Agente di Polizia in borghese

6)6      Giacomo            U            Imprenditore fallito

7)7      Donna Rusina         D       Usuraia

8)8      Ciro                   U            Medico abusivo

9)9      Pinuccia                 D       Figlia di Don Gennaro, fidanzata di Ciro

10)10    Signurino           U            Giovane malavitoso

Scena: Piazza di paese, con un bar (porta praticabile) e finestra opacizzata da tendine.


Scena Prima

(Inizialmente luci basse sul palco che saranno gradatamente aumentate; la porta del bar è aperta e lascia intravedere una forte luce all’interno; la musica introduttiva diminuisce di intensità, mentre si sentono colpi alle pareti interne)

Mimì                        (dall’interno) ‘Sto fetente! Addò stai? Vieni, ca te dongo ‘na sfugliatella… vieni, bello… l’aggio misa ‘ncopp’ ‘a scopa! (Esce, con la scopa in mano, ansante). Chillo fetente! S’è fissato che adda durmi’ adderet’ ‘o furno, e si vene ‘nu controllo e ‘o quagliano llà, me fanno chiurere senza remissione! (Rientra e porta fuori in successione due tavolini e quattro sedie impilate, lamentandosi) A me me piaceno l’animali… ma sulo chilli educati, no ‘sta forma ‘e bestia che pare ‘nu jatto, e che magna comme a ‘nu cavallo! Nun ce sta niente che nun le piace… doce e salato, sciapito e piccante… pure ‘a pasta crura! E mò chi ‘o sape addò s’è annaccuvato… aggia aspetta’ a quanne le vene famme, che abbia a gnaula’… meno male che a chest’ora nun ce sta nisciuno… (sistema le sedie intorno ai tavoli, rientra e pone due vasetto con fiori al centro dei tavoli) Mò va buono!

(grida femminili fuori scena; un giovanotto col volto coperto da una sciarpa e con una borsa da donna in mano corre attraversando il palcoscenico)

Luciana                     (entra rallentando, si guarda intorno, smarrita; rivolta a Mimì) L’ ‘e visto? Addò è ghiuto?

Mimì                        Curreva… mò sicuro è arrivato int’ ‘e Quartieri… ma che è succieso… t’ ‘a fatto male?

Luciana                     (singhiozzando) Sì… m’ ‘a scippato ‘a borza… cu’ tutt’ ‘e sorde!

(entra Don Gennaro, con molta calma, ispeziona in silenzio i dintorni e l’interno del bar, poi si va a sedere su una sedia, incurante della scena che si svolge intorno a lui)

Mimì                        E che vulissi fa’? Sì ‘o truovi, che le dici? ‘O sai che, ‘a chelli parti, teneno ‘e pistole sempe pronte?

Luciana                     Ma io che le dico a Michele e Rusina? Si nun me spara chillo, saranno loro che m’accirono ‘e palate!

Don Gennaro            Scusate se m’intrometto… ma che è succieso?

Luciana                     (Si siede e singhiozza) ‘Nu giuvinotto… pareva gentile… m’è venuto vicino, senza macchina, m’ ‘a dimannato quanto vulevo e ce l’aggio ditto… po’ ‘a ditto che me pavava primma… ‘a miso a mano dint’ ‘a sacca e… ‘a cacciato ‘a pistola! Io so’ morta d’ ‘a paura… stevo paralizzata mentre isso s’ ‘a pigliato ‘a burzetta mia… e se n’è fiuto! Che putevo fa’? Le so’ corza appriesso… e quanne so’ arrivata ccà, nun l’aggio visto cchiù! (piange)

Mimì                        (L’accarezza sulle spalle) Povera Luciana! Ce parlo io cu’ Donna Rusina e cu’ Michele… le dico che aggio visto tutte cose e che tu nun tieni colpa!

Don Gennaro            Overamente ‘ate visto tutte cose? ‘O mariuolo ‘o canuscite? Comme steva vestuto?

Mimì                        Veramente… l’aggio visto sulo mentre fuieva… nun aggio fatto caso, è stato ‘nu lampo!

Don Gennaro            E allora, che le dicite a chilli duje? E chesta guagliona… si se fosse accurdata cu’ isso?

Luciana                     (sempre tra i singhiozzi) Nun è overo! Chillo è ‘nu mariuolo! Nun ‘o saccio!

Mimì                        Io a Luciana ‘a canosco ‘a quann’era piccerella… ‘a passato ‘na brutta disgrazia… essa e ‘o frato piccirillo so rimasti orfani!

Don Gennaro            Signuri’, facite ‘na cosa… jate a fa’ ‘a denunzia ‘e Carabinieri e faciteve da’ ‘o piezzo ‘e carta!

Mimì                        Sì, accussi ‘onna Rusina e Michele nun ponno penza’ a male! Vacci subito, Lucia’!

Luciana                     (Si alza, terge gli occhi e andando via) Nun ‘o saccio si ce vaco… saccio sulamente che è schiaruta ‘na brutta jurnata… ma Vicenzino adda ghi’ ‘a scola… l’aggia ghi’ a sceta’… isso nun adda fa’ ‘a fine mia… (esce)

Mimì                        Puverella… chella steva sturianne all’Università, e ha lassato tutte cose, comme se truvava… che brutto guaio…

Don Gennaro            Eh, già! ‘E guai veneno pe’ tutti quanti… pure pe’ te… justo mò!

Mimì                        Maronna! E che guaio me sta venenne? Vuie che ne sapite?

Don Gennaro            Io nun saccio niente… però tu ‘e ditto che ‘e visto ‘o mariuolo… chella mò va a fa’ a denunzia… sempe cossosa succere… che saccio, te chiammano pe’ testimonio… o veneno ccà, abbiano a dimanna’, come fanno loro, che te fanno dicere tutte cose e tu che manco te n’accuorgi!

Mimì                        Uh, è overo! Ma io tengo ‘a cuscienza pulita… nun me ponno fa’ dicere chello che nun aggio visto…

Don Gennaro            Sì, ma ‘a voce gira… ‘ncopp’ ‘o Quartieri se vene a sape’, e chilli nun sentono ragione… a te ‘a carta nun t’ ‘a danno, e pure si fosse… tu mò t’ ‘e fa’ pruteggere… ce vo’ ‘uno ‘nzisto che ‘e fa’ sta zitti e fermi, tutti quanti!

Mimì                        Ma io… io…

Don Gennaro            Ce penz’io! Tu t’ ‘e arricurda’ sulamente che io me chiammo Don Gennaro, ‘e capito? E chi vene a nomme mio l’ ‘e sta’ a sèntere, e si addimanna cocche cosa, tu ce ‘a dai, ‘e capito? Facimmo ‘na prova! Chi songo io?

Mimì                        Vuje… site Don Gennaro…

Don Gennaro            (scuotendo il capo) Nun ‘e capito niente! (Si alza) Io nun songo mai venuto ccà, tu nun sai comme me chiammo e tu nun m’ ‘e mai visto!

Mimì                        Ah… è accussì…

Don Gennaro            E’ accussì che se fa… oggi stesso te vene a truva’ ‘nu rappresentante ‘e chelli machinette videopoker… pe’ pazzia’ a denaro… ce simmo capiti?

Mimì                        E… si uno nun ‘e vulesse?

Don Gennaro            (girandosi intorno) Tu tieni ‘nu bello barretiello… pulito, ordinato… chi sa che putesse succedere si te venessero a truva’ ‘e guagliuni miei… una doje, tre vote… a loro le piace ‘ammuina… ‘e capito? (si alza) ‘A prossima vota che vengo me piglio pure ‘o cafè! (esce, senza salutare)

Mimì                        (Rimane a fissare la sedia, incredulo, poi dall’interno, si sente un miagolìo) Brutto fetente! (rientra velocemente; altri colpi interni alle pareti, poi esce e prende a scopate liberatorie la sedia prima occupata da Don Gennaro).

 


Scena Seconda

(Entrano insieme, parlando tra loro, due Agenti di Polizia)

Catello                      … tu però devi parlare poco, il tuo napoletano è stentato e potrebbe causare diffidenza!

Giorgio                     Va buono… se dice accussì?

Catello                      (Avvicinandosi a Mimì) Buongiorno… ce sta ‘o masto? Putimmo ave’ duje cafè?  Ma che state facenne?

Mimì                        (Ansante, si ricompone) Certamente… scusate, stevo levanne ‘nu poco ‘e povere!

Giorgio                     Ma io vulessi pure…

Catello                      Sicuro… padro’, so’ pronte ‘e sfugliate?

Mimì                        Accomodatevi, prego… pe’ mò so’ pronte ‘e frolle, p’ ‘e ricce ce vonno ancora duje minuti… ve servo subito! (rientra nel bar)

Giorgio                     Frolle?

Catello                      Tu assaggia, e po’ me dici…

Giorgio                     Mi fido… ho cominciato a scoprire molte cose del posto, stavo pensando addirittura di fare una vacanza qui con mia moglie… il viaggio è lungo, ma penso che il posto le piacerà!

Catello                      Ci stanno ‘nu sacco ‘e cose ‘a vede’, pigliate almeno ‘na semmana!

Mimì                        (Rientra con un vassoio con due caffè e due sfogliate) Prego, ecco servito!

Giorgio                     Grazie! (prende un dolce e inizia a mangiarlo) Scusate, sento un poco di appetito… e ‘sta cosa tiene ‘nu profumo!

Catello                      Grazie! (porge una banconota a Mimì, che gli dà il resto in spiccioli)

Giorgio                     Il posto pare tranquillo… e questa pasta è squisita! Comme ve chiammate?

Mimì                        Comme ‘o bar: “Bar Pasticceria Mimì!” e grazie, è ‘na ricetta ‘e famiglia… ‘e faccio io, niente a vedè cu’ chella robba cungelata, se fatica ‘e cchiù, ma è ‘na suddisfazione!

Catello                      (Mentre controlla il resto) Allora vuje state a fatica’ ‘a paricchio?

Mimì                        Io abbio ‘e sei, tutt’ ‘e matine… appiccio ‘o furno e ‘a machina d’ ‘o cafè e po’ subito metto a cocere ‘e paste!

Giorgio                     E stamattina non vi è capitato di vedere niente di strano, appena aperto?

Catello                      (Dà una gomitata a Giorgio) ‘O fatto è che nuje tenevemo n’ appuntamento cu’ duje amici furastieri… e nun ce simmo quagliati! Uno è ‘nu poco anziano (descrive il sommariamente il fisico dell’interprete di Don Gennaro), ‘a telefonato e ha ditto che steva vicino a chisto bar… e mentre stevemo parlanne, ‘o telefono suojo s’è stutato! L’ato è ‘nu giuvinotto luongo e sicco; nun è che l’avite visti?

Giorgio                     (che ha finito il dolce) Squisito… complimenti, signor Mimì!

Mimì                        Grazie ancora… (esitante) ma io nun me ricordo chisti duje che jate truvanne… pure si fossero passati ‘a ccà, ‘a gente nun ‘a guardo n’ faccia, penzo ‘e fatti miei! ‘A fatica ce sta e me servesse pure n’aiuto!

Catello                      (Si alza, imitato da Giorgio) Beh, tanto facimmo che l’amma truva’! Vuje però guardate buono a chi vene… nuje ce facimmo ‘nu giro e po’ turnammo… doppo ‘a frolla ce vo’ ‘a riccia… e n’ato cafè!

Mimì                        A disposizione… quante ne vulite!

Giorgio                     Arrivederci! (escono)


Scena Terza

Giacomo                   (Entra, con un giornale spiegazzato sotto il braccio) Buongiorno Mimì! Me pozzo assettà ‘nu poco?

Mimì                        Giacomino mio… tu ‘o sai che io ce fatico, cu’ segge e tavulino… aggi pacienza (prende una sedia e la sposta lontano da un tavolo); ecco… assiettete ccà, ma si vene coccheruno, fammi ‘o piacere, aizati… e miette ‘a seggia ‘o posto suojo!

Giacomo                   Non mancherò, grazie, Mimì… me leggo sulo ‘o giurnale pe’ vede’ pe’ ‘nu pusticiello…

Mimì                        Eppure tu t’aizi ampressa… t’aggio ditto ‘nu sacco ‘e vote che io tengo bisogno ‘e chi m’aiutasse!

Giacomo                   Ma io stongo in cassa integrazione! ‘E sordi so’ pochi, ma so’ sicuri… si venesse addò te… chilli m’ ‘a levano! E tu… aggi pacienza… ma tieni ‘na fatica che mò ce sta… mò nun ce sta… io faticasse pure a niro, se ce stesse ‘a pussibilità… ma tu stai ‘miez’ ‘a ‘na chiazza, e si ti veneno a cuntrulla’, ce ‘nguaiammo uno piezzo, tutt’ ‘e duje!

Mimì                        Sienti, io chesto tengo e nun pozzo fa’ ‘o passo cchiù luongo… (si pone in attesa, origliando) ‘o sienti?

Giacomo                   A chi?

Mimì                        ‘O jatto! L’ ‘e venuta famme! Mò è ‘o mumento che l’acchiappo! (entra nel bar)

Giacomo                   (Sospira, si va a sedere e sfoglia il giornale) Ma che… niente, niente, niente! (Leggendo)”Rappresentante… con partita IVA, costo campionario mille euro”, e nun è cosa… “Animatori… max trentenni, indispensabile abilità di danza acrobatica, fluenti in inglese, russo e arabo”, quanno maje…“, “Magazziniere informatico… laurea in ingegneria dei materiali, frequenti trasferte in Siberia”, e là sta buono… “Veterinario, addetto pulizie bestie feroci…”, manco p’ ‘a capa! E va buò che è ‘o giurnale che nun se pava, ma chisti sono ‘a munnezza ‘e l’annunci! E’ mai possibile che nisciuno ave bisogno ‘e n’omme ‘e fiducia, o ‘nu manovale… o uno che porta ‘e pacchi?

Rusina                      (entrando di premura) Mimì! Mimì! Dove sei Mimì?

Mimì                        (si affaccia dal bar) Donna Rusina bella, un secondo, stevo mettenne ‘o jatto int’ ‘a ‘na caiola… cosa mi ordinate? Cosa posso servirvi?

Rusina                      ‘O solito, Mimì, ‘na frolla, ‘na riccia e ‘na tazza ‘e latte e cafè... ampressa, vaco ‘e corza!

Mimì                        Ve servo subito! (rientra nel bar)

Rusina                      (Si siede e comincia ad armeggiare nella borsetta) ‘O telefono! Quanne serve, nun ‘o truovi mai! Dico io… m’aggia fa’ uno ‘e chilli gruossi comm’ ‘a ‘nu libro… sicuro che chillo ‘o trovo subito… chi sa si so’ già arrivati, ‘o sopraluogo…

Mimì                        (porta un vassoio con due paste e un bicchiere di caffelatte) Ecco servita la signora… metto in conto?

Rusina                      (addentando un dolce con voracità) Sì, abbasta che nun ‘o signi doje vote!

Mimì                        Non vi preoccupate… a ‘na cliente comme a vuje, chisti sgarri nun se fanno! (Si avvicina a Giacomo e lo guarda come per incitarlo a ordinare, ma lui si trincera dietro al giornale). E va buono… (esce scuotendo la testa).

Giacomo                   (dopo che Mimì è uscito abbassa il giornale e fiuta vistosamente nella direzione di Rusina, che ha attaccato il secondo dolce; si sposta con tutta la sedia verso di lei, a passettini, in modo da limitare il rumore). Scusate… vuje site proprio ‘onna Rusina, ‘a mugliera ‘e Michele?

Rusina                      (a bocca piena, bevendo il caffellatte) Songo io… ma a vuje che ve ne cale?

Giacomo                   Signora, i’ stongo male cumbinato; stongo in cassa integrazione pecchè ‘a ditta mia è falluta, e figliemo… ‘a dittarella ca tene… sta pe’ falli’ pure isso! Nun sia mai succeresse… tenimmo ‘e diebiti c’ ‘a banca… chilli se pigliano ‘a casa nostra… e ce ne cacciano!

Rusina                      E pecchè mi dicite tutti ‘e fatti vuostri?

Giacomo                   Signo’… se dice che, si vuje vulite, putite aiuta’ ‘a gente che le servono ‘e sordi…

Rusina                      Dipende… io ogni tanto aiuto a coccheduno, ma robba ‘e poco, e sulo pe’ beneficenza… a vuje quanto ve servesse?

Giacomo                   ‘Amma pava’ ‘e diebiti e ‘a banca… ce servono trentamila euro pe’ tre misi… ma subito!

Rusina                      Vuje state pazzianne… ‘a ‘nu mumento ‘a n’ato, addò vaco a piglia’ tutti ‘sti sordi?

Giacomo                   Eppure m’hanno ditto che… volendo… vuje facite miracoli…

Rusina                      Nun ve pozzo aiuta’, nun tengo tutt’ ‘a cifra pronta… però forze… ci sta coccheruno che putesse… però nun ‘o fa comme a me, che io interessi nun me ne piglio… chillo venne e accatta sordi… pe’ trentamila euro… a tre misi… sicuro che chillo vo’ ‘o capitale arreto cu’ diecimila euro ‘e interessi!

Giacomo                   E’ assaje… ma nun pozzo dicere che no…

Rusina                      Faciteve buono ‘e cunti… si nun ce ‘a facite… l’interessi aumentano!

Giacomo                   Abbasta che nun se pigliano ‘a casa… che nun pignorano ‘a ditta, che putimmo fa’ ‘a spesa… va buono, che ‘amma fa?

Rusina                      (Alzandosi) Ce verimmo ccà ‘e sei stasera; me raccumanno ‘a precisione, io nun aspetto manco cinche minuti! Purtate ‘e carte ‘identità vostra e d’ ‘a famiglia; ve faccio truva’ ‘a valigetta ch’ ‘e sordi e tre cambiali che m’ ‘ata firma’, s’ ‘anna pava’ una ogni fine mese… senza manco ‘nu juorno ‘e ritardo… si no, se passano tutt’ ‘nzieme ‘a banca, e allora ce penza l’ufficiale giudiziario… ce simmo capiti? (esce, senza attendere risposta)

Giacomo                   (si alza, mette la sedia vicino al tavolo e fa per andare via; poi ci ripensa, si siede e chiama) Mimì! Puortame doje sfugliate, ‘nu cafè, ‘o latte, n’arancia spremmuta, anzi fammenne doje… e po’ vedimmo!

Mimì                        (si affaccia dalla porta, asciugandosi le mani con uno strofinaccio) Ah… si’ tu, Giacumi’… ma che, ‘e fatto sordi?

Giacomo                   Ancora no, ma giuro che te pavo stasera ‘e sei… e tengo famme! Se po’ fa’?

Mimì                        (pensieroso) Se po’ fa… e pure senza niente… vieni ‘a rinto… accussì assaggi pure ‘e ritagli ‘e babà e te puorte coccosa ‘a casa!

Giacomo                   (abbraccia Mimì, che si schernisce, e entra con lui nel bar) Grazie…! Chello che fai, ‘o Cielo nun s’ ‘o scorda!

 


Scena Quarta

(Entrano Don Gennaro e Ciro)

Don Gennaro            Eccoci qua! Che te dicevo? Pulito, centrale, ‘o padrone è ‘na pasta d’omme, ‘o vuoti e ‘o giri comme vuo’ tu!

Ciro                          Sì, ma io l’aggia vede’ primma!

Don Gennaro            (si siede e invita Ciro a fare altrettanto) Mò ce pigliammo ‘nu cafè… e pure ‘na pastarella!

Ciro                          Ah, niente pe’ me… tengo a glicemia ‘o massimo… sulo ‘o cafè senza zucchero!

Don Gennaro            (chiamando verso la porta) Padrò… comme te chiammi?

Mimì                        (esce, ha un moto di sorpresa, poi va verso il tavolo) Eccomi… mi chiamo Mimì… che cosa vi posso servire?

Don Gennaro            Primma ‘e tutte cose… t’arricuorde ‘e me? Ci simmo visti stammatina ampressa!

Mimì                        (esitando) Veramente… me pare proprio che no… scusate, ma io nun songo fisiconomisto!

Ciro                          Puortace duje cafè in tazza cavura, zucchero a parte, e doje pastarelle…

Don Gennaro            A chi? Io voglio ‘na riccia e ‘na frolla, che me ne faccio d’ ‘e pastarelle?

Ciro                          Don Genna’, jateci chiano!

Don Gennaro            Mimì, fa’ come t’aggio ditto… è ‘nu guaio purta’ ‘o mierico appriesso!

Mimì                        Va bene, vaco… si vulite, ve porto ‘a saccarina invece d’ ‘o zucchero…

Ciro                          Quanne maje? Chella è ‘nu veleno… e vuje (parlando con Mimì) v’esseve sta’ accuorto pure a maniarla! Facite vede’ ‘e mani!

Mimì                        (impressionato, presentando le mani)            Io veramente auso ‘o zucchero, pe’ l’impasti… e ‘a saccarina ‘a tengo sulo dint’ ‘e bustine…

Ciro                          (si alza a metà dalla sedia, scruta le mani di Mimì e si risiede) Ecco… guardate stesso vuje comme so’ rosse e tutte arrepecchiate! Se vere subito, e’ passata ‘o stesso! Chella dint’ ‘o stommaco nun fa quasi male, ma se magna ‘e fililli d’ ‘e niervi a mani e pieri… primma sentite ‘e furmichelle, po’ s’abbia a perdere ‘a sensibilità, e allora… ‘o fatto è niro!

Mimì                        Ma allora, chella stanchezza, chella cosa che me sento ‘e pieri…

Ciro                          E’ essa! Però, primma ‘e tutto ce vonno l’analisi d’ ‘o sangue, po’ pure ‘na risonanza magnetica… e po’ n’elettromiografia!

Don Gennaro            Ciro, ma tu si’ sicuro?

Ciro                          Don Genna’, non mi offendete! Quanne maje aggio sbagliato ‘na diagnosi? Ja, dicite!

Mimì                        Scusate, dotto’… ma io… quanto po’ custa’, tutte cose? E addo’ ve trovo?

Ciro                          Si nun tenite ‘a mutua… l’analisi costano assai, almeno cinchemila euro, p’abbia’… nun s’ ‘anna fa’ ‘na vota sola, po’ ce stanno ‘e mericine… guardate che so’ cure che vanno a luongo! Quanne vulite abbia’ ‘a cura e vulite parla’ cu’ me, basta che telefunate ‘a “Clinica Bellavista”; ‘o centralino sanno sempe addò me putite truva’!

Mimì                        Bonanotte! Ma io tutti chisti sordi… nun ‘e pozzo spennere… si no, nun pozzo cchiù fa’ ‘o cummercio…

Don Gennaro            V’ ‘e facite presta’ d’ ‘a banca… c’ ‘a salute nun se pazzeia!

Mimì                        See… ‘a banca… chilli vanno truvanne pelee e scè sce… e po’ ce mettono ‘nu sacco ‘e tiempo! Scusate… ma m’ è asciuto proprio d’ ‘o core, nun vulevo offendere a nisciuno!

Don Gennaro            Beh, ce stanno pure l’amici, no? Nun canuscite nisciuno che ve presta coccosa ‘e sordi?

Mimì                        ‘Essa verè… saccio che coccheduno ‘o fa… ma se pigliano assai!

Don Gennaro            E allora te tieni ‘a malatia!

Mimì                        ‘Essa guaragna’ cocc’ ‘ata cusarella… (guardando Don Gennaro con intenzione) oggi aspettavo ‘nu rappresentante d’ ‘e macchinette a sordi… ma fino a mò nun s’è visto…

Don Gennaro            E allora sta senza penzieri, sicuro che vene cchiù tardi o dimani! Ma mò, ce vuò purta’ ‘o cafè?

Mimì                        Sicuro, scusate! (rientra nel bar con andatura improvvisamente più faticosa)

Don Gennaro            E’ fatta! Ciru’, tu si’ uno buono… si’ proprio figlio a mammeta… ma tu nun tieni ‘a laurea, comme fai p’ ‘e ricette?

Ciro                          Comme faccio cu’ l’ati clienti miei; quanne ‘o miedico ‘e turno ‘a clinica firma ‘o muntone ‘e ricette, mica ‘e guarda a una a una… l’amico mio ‘e pripara tutte quante, ce ‘mpizza chello che le dico ‘e timbra, e po’ ‘o miedico ce mette ‘o scippo! Tutto regolare!

Don Gennaro            E ‘o telefono?

Ciro                          Aggio scritto ‘o nomme mio dint’ ‘a lista d’ ‘e mierici, ‘o centralino d’ ‘a clinica; chillo è tutto pasticciato, ‘nu nomme ‘e cchiù chi ‘o va a vede’? Chiunque ‘e loro risponne, guarda llà e le da’ ‘o nummero ‘e cellulare mio… facile no?

Don Gennaro            I’ so’ cuntento che fai ‘ammore cu’ Pinuccia… nun le farai mancarrà mai niente!

Ciro                          Già… sulo che mò s’è miso ‘ncapa che ‘aggia cagna’ vita, che ce vo’ ‘nu lavoro onesto… che essa nun se trova accussì… e chesto nun è facile, ‘on Genna’!

Mimì                        (ritorna con il vassoio, reggendosi a volte dove può) Prego, accomodatevi… e… nun m’ata da’ niente… è n’omaggio ‘o duttore!

Don Gennaro            Grazie… (prende una pasta e comincia a mangiarla) Veramente bona!

Ciro                          (prendendo anche lui un dolce e mangiandolo) M’arraccumanno… levate ‘a miezo ‘a saccarina!

Mimì                        Sicuro, subito… mò ‘a metto dint’ ‘o latte scaduto… e ‘a dongo ‘o jatto! (esce, con andatura incerta)

(don Gennaro e Ciro si dedicano a consumare i dolciumi)


Scena Quinta

Pinuccia                    (entra velocemente) Papà… finalmente te trovo!

(Don Gennaro e Ciro, all’unisono, si fanno andare il boccone di traverso)

Don Gennaro            Che è succieso, Pinu’? Che d’ è chesta pressa? Nun putive telefona’?

Ciro                          Amore! Che è succieso!

Pinuccia                    E’ succieso che site spariti tutt’ ‘e duje ‘a stammatina, e cierti cose pe’ telefono nun se diceno… papà… hanno rapinato n’amica mia… tu ne sai cossosa?

Don Gennaro            A che ora?

Pinuccia                    Verso ‘e sei, stammatina… chella puverella mò ce more!

Ciro                          E’ stata scippata?

Don Gennaro            Aspietta… stammatina… no Macchiaviello o Pecurone tenevano che fa’ ‘o puorto… chest’ è robba ‘e guagliuni…

Pinuccia                    Papà, chillo teneva ‘a pistola! Ma comme s’ ‘adda fa’? Quanne ce n’ascimmo ‘a chesta vita accussì… violenta? Nun è umano, campa’ accussì! (si siede vicino a Don Gennaro)

Don  Gennaro           (sconfortato) C’ ‘o dico sempe che ‘a pistola nun l’ ‘anna piglia’! Che pacienza… Ciro, telefona tu ‘o Signurino, fallo venì ccà a pigliarse ‘nu cafè!

Pinuccia                    E’ stato isso?

Ciro                          (si alza e va in disparte a telefonare, parlando in maniera inaudibile)

Don Gennaro            A chell’ora, isso ne sape coccosa… ‘O Cecatiello e ‘e suoi faticano cchiù tardi… quanto s’è pigliato?

Pinuccia                    Nun ‘o saccio, ma Luciana ‘eva fernuto ‘e fatica’… teneva ‘a burzetta chiena, e mò Rusina vo’ ‘e sordi! Povera Luciana, ti giuro che si ‘e tenessi, c’ ‘e dessi io!

Don Gennaro            Pigliate ‘na pastarella… (sorvegliando Ciro, ancora al telefono) ‘o mierico nun ce vere! Mò pure io aggia aspetta’… tanto vale…

Pinuccia                    Papà, tu pienzi ‘e paste? Luciana sta male, ‘e capito? Chella è capace che s’accire! Però me l’avivi prumesso, che ‘e cose cagnavano… e che lassavi sta’ ‘sta vita!

Don Gennaro            Guaglio’, ma tu ‘a vulissi fernì ‘e fa’ l’esercito d’ ‘a salvezza? ‘E cose vanno accussì ‘a sempe, ce sta chi ride e chi chiagne… e si nun ce sta chi perde, nun vince mai niscuno!

Ciro                          ‘O Signurino sta arrivanne… (si siede e prende un caffè)

Pinuccia                    Ciro… si almeno a te è rimasta n’ombra ‘e dignità, diccello pure tu  a papà… che fernisse cu’ chesta vita… brutale! Ma ‘a cuscienza nun ‘a tenite? Fernitela tutt’ ‘e duje ch’ ‘e ‘mbruogli! Papà, ‘e sordi ‘e tieni… putissi campa’ buono e fa’ campa’ l’ati…

Don Gennaro            Primma che me fermo, ce vo’ tiempo! Pe’ mò nun so’ viecchio, saccio comme fa e po’… ‘o vidi chisto bar? Si nun m’ ‘o piglio io, quanto tiempo rimane senza padrone? E io m’ ‘essa fa fa’ chisto sfregio, sotto ‘o naso… int’ ‘o quartiere mio? Ma nun esiste proprio!

Pinuccia                    Ciro, almeno tu…

Ciro                          Mò abbii pure cu’ me, n’ata vota? Sienti… pecchè nun te vai a fa’ ‘nu bello ritiro addò ‘e monache? Tu ccà stai fore posto…

Pinuccia                    (si alza, rattristata) Si nun te vulesse bene, i’ veramente me facessi monaca; ma te voglio bene… cchiù ‘e quanto me ne vuoi tu… nun tengo ‘a forza ‘e te lassa’. Pe’ me si’ ‘a vita mia. Ma almeno ‘ncuminciammo a fa’ ‘na vita onesta… e durmimmo senza penzieri ‘a notte, c’ ‘a paura ‘e senti’ bussa’ ‘e Carabinieri!

Don Gennaro            Nun se dorme buono, quanne tieni fame… te si’ scurdata comm’era, ‘na vota, quann’iri piccerella? Tu si’ sulo furtunata che nun ‘e avuto fa’ comme l’amica toja… cu’ quali sordi si’ stata crisciuta? Addò venevano ‘e regali, ‘e feste, i vestitielli?

Pinuccia                    (tristemente) ‘O saccio. Ma mò nun aggio cchiù bisogno ‘e chesti cose… e me metto scuorno quanne penzo comm’ero, incusciente e egoista!

Giacomo                   (esce dal bar, accompagnato da Mimì, con un pacco sottobraccio) Mimì, dicere grazie è troppo poco!

Mimì                        Va’, ‘a casa t’aspettano, e nun te preoccupa’… ce verimmo!

Giacomo                   Ce verimmo a n’ato poco… tengo n’appunamento ‘e sei… (andando via, saluta gli altri) Buongiorno a signuria! (esce)

Mimì                        (rientra nel bar)


Scena Sesta

Don Gennaro            Guagliu’, mò jatevenne a fa’ ‘nu giro… sta venenne ‘o Signurino, e meglio che vuje nun ce state.

Pinuccia                    Papà… ‘o sai che Luciana ha fatto ‘a denunzia?

Don Gennaro            ‘O saccio… ce l’aggio ditto io.

Ciro                          Vuje che dicite, ‘on Genna’?

Don Gennaro            Me serveva che ‘a facesse… ma è ‘na denuncia contri ignoti, nun sapeva nisciuno nomme! Mò però basta; jateve a fa’ ‘na passiata, so cose che… aggia sape’ sulo io! Pigliateve ‘nu gelato… insomma, jatevenne!

Pinuccia                    Papà… nun fa’ fesserie…

Don Gennaro            (alzandosi) Tu… comme te permietti ‘e dicere ‘sti cose? Ccà cumanno io pecchè io songo ‘o cchiù forte; p’arriva’ addò stongo, aggio fatto cose che tu è meglio che nun saje… tu fusse capace pure ‘e farte scappa’ cocche cosa, ne songo sicuro!

Pinuccia                    Papà… io te voglio bene… ma nuje nun putimmo continua’ accussì; nun te riendi conto che tu si’ violento, approfittatore, nun rispietti l’ati… guarda che fernisce che rimani tu sulo… e nisciuno ‘e nuje è eterno!

Ciro                          Mò nun ancummincia’ n’ata vota c’ ‘o giudizio divino, l’anema, e ‘o fuoco e l’inferno! Jammucenne a piglia’ ‘o gelato…

Pinuccia                    Io me preoccupo sulamente che papà sta buono… e nun ‘o vulesse lassa’…

Signorino                  (entra) Buon giorno ‘a cumpagnia! Don Gennaro… i miei ossequi!

Don Gennaro            Ohè… bravo, si’ venuto a pigliarte ‘o cafè?

Signurino                  Me truvavo ‘a cheste parti, e v’aggio visto…

Don Gennaro            Bravo, assettate… tu stai troppo all’impiedi… e curri pure troppo!

Ciro                          Don Genna’, se permettete, ce ne andiamo…

Don Gennaro            Nun fa niente… tanto mò ‘o Signurino pava ‘o cafè che s’è pigliato propri  o ccà, stammatina ‘e sei, e se ne vene cu’ vuje…

Signurino                  Già… stammatina jevo ‘nu poco ‘e corza… ‘o cafè l’aggio pigliato… ma me so’ scurdato ‘e pava’! Quanto vene?

Don Gennaro            (facendoglisi molto vicino e sibilando con tono minaccioso) Tutte cose! E’ chiaro, o te l’aggia fa’ dicere ‘a l’amico mio… tu, l’amico tuojo ‘o tieni sempe dint’ ‘a sacca, o mò ausi sulo ‘a pistola?

Signurino                  Ah! (deluso, a mezza voce) Nun ce sta bisogno, ‘o Genna’… l’amici nuosti se canosceno e io ìo vuosto l’aggio già ‘ncuntrato, ‘na vota (si massaggia il collo e si rivolge a tutti) Ma chella guagliona era ‘na parente vosta?

Pinuccia                    Era Luciana, n’amica mia ‘e scola!

Signurino                  Aggio capito. Don Genna’, signurina Pinuccia, perdonatemi, nun ‘o sapevo. (prende un mazzetto di banconote da una tasca) Ecco qua, non manca niente… però me servevano pe’ pava’ ‘a neve, stasera arriva ‘o mezzo…

Don Gennaro            Daccilli ‘a figlia mia… e nun dicere fessarie, che cu’ chisti surdarielli nun c’accattavi niente!

Signurino                  (con riluttanza, porge il denaro a Pinuccia) Nun dicite accussì, ‘on Genna’… mò nun pozzo pava’ tutt’ ‘o carico!

Don Gennaro            Tu ‘o puo’ fa’. Guardati buono dint’ ‘e sacche, ammagari ce truovi cocc’ata cosa… è overo, Signuri’?

Signurino                  Nun ve se po’ annasconnere niente, ‘on Genna’… site ‘nu masto!

Don Gennaro            ‘O mestiere tuojo io l’aggio fatto primma ‘e te, e saccio comme se fa!

Pinuccia                    (prendendo il denaro, senza contarlo) Ciro, jammo… aggia correre addò Luciana… puverella, sperammo che nun ‘a fatto fessarie…

Don Gennaro            Nun te preoccupa’, ‘onna Rusina ha tenuto che fa’, oggi, e nun l’ ‘a data ‘ncapo!

Ciro                          (dando il braccio a Pinuccia) Allora jammo! (escono)

Signurino                  Don Genna’, scusate ancora, nun era vuluto…

Don Gennaro            Aggio capito. Ma tu l’è ferni’ cu’ chella pistola! Si è favuza e te sparano, nun puo’ risponnere e si’ fregato… e si è overa, fernisce che spari quanne nun è cosa… e te freghi tu sulo!

Mimì                        (esce dal bar, con andatura malferma) Scusate… ve pozzo purta’ cocc’ata cosa?

Don Gennaro            No, grazie… ‘o duttore se n’è ghiuto… e mò ce ne jammo pure nuje… bona giurnata! (esce, con Signurino che lo segue, lievemente indietro)

Mimì                        (si siede su una sedia affranto) Maronna d’ ‘o Carmine, e mò chi ‘a porta ‘a rento, ‘sta sperlonga? (si sente un miagolio, dall’interno) Ah sì, hai ragione pure tu… te sienti sulo, eh? E mò vedimmo che se po’ fa’… (si alza con cautela, prende il vassoio e, camminando con estrema prudenza, entra nel bar) Stongo venenne, aspetta, te dongo ‘o pasticciotto salato!


Scena settima

Giorgio                     (entrando) Eppure pareva una zona tranquilla! Forse potevamo pure arrestarli, quei due, per porto d’armi… con i precedenti che avranno…

Catello                      (lo segue) Sforzati ‘e mettere almeno cocche parola ‘e napulitano, quanne parli, si no sentono ‘o fieto d’ ‘o miccio… capisceno subito! E, sicondo me, ccà è comme ‘a tutt’ ‘e posti d’ ‘o munno; ce trovi ‘e buoni e ‘e malamente, comme ‘o palco ‘e ‘nu triato; quanno se fanno ‘e tragedie, e quanno se ride…

Mimì                        (si affaccia dalla porta del bar)

Catello                      Ohè, ce sta ‘o padrone… so’ pronte ‘e ricce?

Mimì                        A disposizione! Accomodatevi! Vulite pure ‘o cafè?

Giorgio                     (prendendo posto) Sì, grazie!

Catello                      Per me uno bello stretto! E purtatece doje ricce a perone! (Si siede)

Mimì                        Arrivo subito! (rientra)

Giorgio                     E se li arrestavamo per porto d’armi?

Catello                      Pe’ ‘nu paro ‘e mollette ‘a cinche centimetri? No, nun ne valeva ‘a pena… reati nun l’anno fatti, è meglio che nun ce facimmo sgama’… e po’ ce aspettava ‘a riccia… anzi due!

Mimì                        (porta un vassoio, come di consueto, continuando a camminare faticosamente) Ecco qua!

Giorgio                     Stavolta pago io! Prendete! (porge una banconota)

Catello                      Vi siete fatto male a un piede?

Mimì                        (consegnando il resto a Giorgio) Macchè… è venuto ‘nu mierico… e m’ ‘a truvato mani e pieri comme ‘na petaccia…io primma nun ce facevo caso… penzavo che era ‘a fatica, l’acqua fredda… e invece…

Catello                      ‘O sapite… ce sta ‘na strana epidemia ‘e chisti casi… vero, Giorgio?

Giorgio                     (che ha attaccato una pasta, magnificandola a gesti; cerca di rispondere, ma gli è difficile parlare a bocca piena) Eccezionale… ma scotta… cioè coce!

Catello                      ‘On Mimì… stateve accuorto… ce sta uno che gira, dice che è mierico, e fa’ asci’ ‘nu sacco ‘e malatie favuze a paricchi cummercianti int’ ‘o rione; che v’ ‘a ditto?

Mimì                        M’ ‘a guardato ‘e mani! ‘E verite comme stanno? (tende le mani verso i due)

Giorgio                     (che ha ripreso l’uso della parola) Ma allora i piedi non ve li ha visitati? Vi ha prescritto medicinali, terapie?

Mimì                        (esitante) No… quelli no… m’ ‘a ritto che me faceva ‘e ricette pe’ l’analisi… ma nun m’ ‘a scritto mericine!

Catello                      Ve ripeto… stateve accuorto… chillo fetente che dico io va facene chesto pe’ fa fa’ diebiti a strozzo… e paricchie vote è succieso che ‘a banda s’è pigliato l’interesse e pure ‘o bancariello!

Mimì                        Vuje dicite? M’ha abbiato a parla’ ‘e cinchemila euro…

Catello                      P’abbia’! Nun credite a nisciuno… jate a farvi visita’ ‘o ‘spedale… ce vonno cinche minuti… e llà nun ve ‘mbrogliano, si site malato overamente, v’ ‘o diceno subito… e ve danno pure ‘a cura!

Mimì                        Embè… io nun pozzo sta cu’ chisto verme ‘n capo! Avite ragione… ma comme faccio? Aggia chiurere ‘o bar?

Giorgio                     (si scambia un’occhiata con Catello) Adesso è stasi…

Mimì                        Eh? Che ‘ate ditto?

Catello                      (dà una gomitata a Giorgio) L’amico mio vuleva dicere che mò è ancora cuntrora… si vulite, ce stammo ‘nu poco nuje, ccà, e ve guardammo ‘a puteca… si vene coccheduno, ‘o facimmo aspetta’!

Mimì                        Io… overamente… chillo, ‘o ‘spedale è ccà vicino, overamentece vulesse poco…

Giorgio                     Andate, non preoccupatevi… vi ho visto camminare, stamattina e, se non vi siete fatto male, la vostra malattia è immaginaria!

Catello                      ‘Nzomma ve site ‘mpressiunato… jate a vedè!

Mimì                        Embe’, io ce vaco! Vuje site brave perzone, grazie p’ ‘o piacere che me facite! (uscendo, come si trova) Ah… si sentesseve gnaula’, nun ve prioccupate, è ‘o jatto ca tene famme! (esce)

Giorgio                     Gnaula’?

Catello                      Significa “miagolare”… ma tu sei un disastro, in napoletano… nun sì buono! Màgnate ‘a riccia e statte zitto!

Giorgio                     Volentieri… (prende un’altra pasta) la prima era bollente… ma questa è tiepida, preferisco così!


Scena ottava

Giacomo                   (entra e si va a sedere al tavolino libero; si guarda intorno, controlla l’orologio e riprende il giornale spiegazzato che conservava in tasca) E va buono… mentre aspettammo… (chiama verso il bar) Mimì!

Catello                      Signo’… si vulite ‘o masto, ‘ata aspetta’ ‘nu poco… è ghiuto a fa’ ‘nu servizio urgente assai, ma mò ‘o verite ‘e turna’!

Giacomo                   Ah… vabbuò… scusate, ma pe’ caso ‘ate visto si fosse venuta ‘na signora… nun saccio si’ ‘a canuscite… ‘onna Rusina!

Giorgio                     La conosciamo, sicuro!

Catello                      (dà la solita gomitata a Giorgio) Cioè… nuje canuscimmo ‘onna Rusina ‘a pisciaiola… vuje dicite chella?

Giacomo                   No, io dico a n’ata… comunque nun avite visto a nisciuna femmena?

Catello                      No, nun s’è vista niscuna, fino a mò!

Rusina                      (entra, portando una ventiquattr’ore, e si siede vicino a Giacomo; senza manifestare interesse verso nessuno dei presenti, come se non ci fossero, prende il telefono dalla borsa e avvia una telefonata)

Giacomo                   ‘Onna Rusina… buona sera… (esprime delusione per la mancata risposta, attende senza impazienza che la donna si dedichi a lui)

Rusina                      (al telefono) Sì, pronto… songh’io! Ma che fine ‘e fatto? Tu m’eva purta’ ‘e sordi… ‘e sordi miei, già stammatina! Io ‘o dico che so’ troppo bona… cu’ gente comme a te… comme a vuje… io nun me ce aggia mettere cchiù! Te lasso ‘mano a Michele, e santa notte! Ah… (pausa) no, eh? Guarda… nun te pozzo dicere tutto chello che vulessi… t’ ‘o dico a voce, appena vieni ccà! (si guarda intorno e finalmente fa un accenno con la mano verso Giacomo) Stongo ‘o Bar Mimì, chillo vicino ‘o ‘spedale, spicciati! (chiude la telefonata e butta il telefono in borsa)

Giacomo                   Signora Rusina… buona sera.

Rusina                      Bona sera. Dateme ‘e carte ‘dentità e abbiate a firma’ chesti cambiali, nun scrivite niente ‘e quanne se pavano e ‘e quanti sordi so’! (tira fuori una busta dalla borsa, dove Giacomo troverà i titoli).

Giacomo                   ‘Onna Rusi’ (esaminando i titoli), ma cheste… sulo ‘a firma?

Rusina                      Sulo ‘a firma, per esteso e che se legge!  Nun scrivite nummeri, che io nun voglio spreca’ sordi p’ ‘e marche, chelle vanno a percentuale! Spicciateve… int’ ‘a valigetta ce stanno ‘e sordi… quanne ‘ammo fernuto v’ ‘a pigliate e ve ne jate…

Giacomo                   ‘Onna Rusi’… ma nun ‘e cuntammo? (porge le carte di identità a Rusina)

Rusina                      E vuje ve vulesseve mettere ‘a fa’ chesto ‘miez’ ‘a ‘na via?

Giacomo                   Beh, sapite… tutti ponno sbaglia’… e si avisseve sbagliato vuje a mettercene ‘e cchiù?

Rusina                      Nun ve prioccupate, songo juste!

Giacomo                   E… songo pure tutte bone?

Rusina                      Ohè, commevechiammate, site venuto vuje addò me… ‘e cose stanno accussì; ‘e sorde ‘e vulite… o m’ ‘e porto?

Giacomo                   No, no… (si china a scrivere) faccio subito!

Rusina                      (anche lei si china a trascrivere i dati delle carte di identità) Chesta è ‘a vosta… po’ ce sta chella d’ ‘a mugliera vosta… e basta?

Giacomo                   Simmo sulo nuje, ‘e figli se ne so’ ghiuti…

Rusina                      Ah! Allora ‘ata caccia’ coccosa ‘e chiù pe’ l’interessi… vuje nun site cchiù giuvanotti… si ve succede coccosa… io addò ‘e vaco a piglia’ ‘e sordi?

Giacomo                   Quanto vulite?

Rusina                      Ce vonno n’ati cinchemila euro… a perone!

Giacomo                   (alzando lievemente la voce) Cioè, me date trentamila e ne vulite diecimila ‘e interesse pe’ tre misi… e n’ati diecimila pecchè putessemo… muri’! Ma nun ve pare ‘nu poco…?

Rusina                      (sibilando a bassa voce) ‘E sorde ‘e vulite… o m’ ‘e porto?

(Giorgio e Catello, che hanno seguito la scena con discrezione, si scambiano un’occhiata, si alzano  e si portano ai lati di Rusina)

Giorgio                     Non v’incomodate, signo’… ‘e sordi ce li pigliamo noi!

Catello                      (mette una mano sulla spalla a Rusina) E ‘e cuntrullammo tutte quante, pure ‘e nummeri; scummetto che nun l’avite pigliati ‘a banca… almeno quanne steva aperta, overo, signora Rosa Martino?

Rusina                      (guardandoli con aria di sfida) Ma vuje ch site?Che vulite ‘a me? Chilli so’sordi miei…

Catello                      Simmo agesti d’ ‘a Questura! (prende la valigetta, la mette sul tavolino e la apre) Sordi vuosti, eh… belli, nuovi nuovi… (ne esamina un paio) l’ate fatti stampa’ stanotte?

Giorgio                     Signora Martino, dovete seguirci in Questura!

Catello                      (Chiude la valigetta e sostiene Rusina mentre si alza; rivolto a Giacomo) Naturalmente voi ci accompagnate; non c’è manco bisogno che facite ‘a denunzia, ‘ata sulo dichiarà chello che mò ‘ate ritto!

Giacomo                   Ma io… mò comme faccio? ‘E sordi me servono…

Giorgio                     Nun questi! Sono fauzi! (a Catello) Si dice così?

Catello                      Esatto! Finalmente te stai ‘mparanne coccosa!

Mimì                        (rietra, con passo atletico) Bona sera a tutti quanti!

Catello                      Oh, Mimì… allora, comme state?

Mimì                        Stongo buono e me sento comme ‘nu lione! Nun tengo niente, ‘ate capito? Niente!

Giorgio                     N’eravamo sicuri… qua non c’è stato nisciuno che abbia addimannato di voi, tutto a posto!

Mimì                        Chello che ‘ate fatto, ‘o cielo nun s’ ‘o scorda! Grazie! Chillo fetente ‘e mierico favuzo me vuleva ‘nguaia’ uno piezzo!

Catello                      Ce fa piacere… però mò ce ne jammo… overo, ‘onna Rusi’?

Rusina                      Jammucenne… primma facimmo e primma fernisco!

Giorgio                     Io nun credo che stavota v’ ‘a cavate c’ ‘a passeggiata…

Mimì                        Aspettate! I’ v’aggia ringrazia’… ‘nu mumento… ve faccio ‘nu cafè… speciale! (entra nel bar)

Catello                      Lassate perdere, ‘on Mimì… se na parla n’ata vota! (prendendo Rusina per un braccio) Jammucenne!

(si avviano ad uscire Catello e Giorgio con Rusina tra di loro; segue Giacomo, triste)

Luciana                     (entra di corsa, senza badare a nessuno, va direttamente da Rusina e le presenta una busta) ‘Onna Rusi’, ccà ce stanno… ce sta chello che…

Catello                      (intercetta la busta) Scusate, signuri’, ‘a signora Rusina è in arresto, nuje simmo d’ ‘a Questura… che ce sta ccà dento?

Rusina                      (inviperita) Io a chesta nun ‘a cunosco! Nun è robba mia!

Giorgio                     (al collega) Dammi qua… (apre la busta e estrae delle banconote; a Luciana) Cosa è questa roba? La restituzione di un prestito?

Luciana                     (esitante) No, è che… pe’ ‘nu piacere fatto…

Catello                      E scummetto che chisto piacere ‘a signora Martino v’ ‘o fa’ tutt’ ‘e juorni che faticate… è overo?

Luciana                     L’affitto d’ ‘a stanza… cioè d’ ‘a casa…

Rusina                      Ma quanne maje! Chesta se sonna!

Giorgio                     Dovete venire pure voi in Questura, signorina… come vi chiammate?

Luciana                     Io? Ma io nun aggio fatto niente ‘e male!

Giorgio                     E’ solo per identificazione, e per capire se, oltre al reato di usura, la signora Martino ha anche favorito la prostituzione! Per favore, seguiteci, non ci vorrà molto!

Luciana                     Ah… e i soldi?

Catello                      Se sono vostri, autentici, vi saranno restituiti, non preoccupatevi!

Giacomo                   (brontolando) Sordi pe’ tutte parti… sulo io nun so’ capace… ah, si fossi nato femmena, tenessi ‘e miliuni!                    

(escono tutti)


Scena nona

Signurino                  (entra e si siede scompostamente) Ohè, guaglio’!

Mimì                        (esce dal bar, strofinandosi le mani con uno straccio) Buona sera. Che cosa vi posso servire?

Signurino                  Mhhh… ‘nu bello aperitivo… forte… pizzette e anacardi!

Mimì                        Mi dispiace, anacardi nun ne tengo… vanno bone ‘e nucelle?

Signurino                  No, che schifo… allora purtame coccosa ‘e doce!

Mimì                        Va bene, vengo subito! (entra nel bar)

Signurino                  (si guarda intorno, sbircia all’interno del bar e, non contento, va a spiare furtivamente anche attraverso la finestra, mostrando disappunto perchè non riesce a vedere bene) Nun se vere niente! Manco si fosse ‘na banca! (brontolando, ritorna a sedere)

Mimì                        (esce dal bar con un vassoio con l’ordinazione) Ecco servito! (si pone in attesa)

Signurino                  Grazie… va buono accussì!

Mimì                        Signore… manca solo un piccolo dettaglio… sono cinque euro!

Signurino                  (mangiando con avidità) Sì, vabbuono… ‘o sai chi so’ io?

Mimì                        In questo momento si’ ‘nu cliente d’ ‘o mio, e tanto m’abbasta… pe’ cortesia, vuo’ pava’ l’ordinazione?

Signurino                  ‘E mai sentuto parla’ ‘e Don Gennaro?

Mimì                        Po’ essere che pure isso è ‘nu cliente d’ ‘o mio… ma  nun ‘o canosco!

Signurino                  Forse si’ tu ‘nu cliente d’ ‘e suoi… videopoker nun ne tieni ancora, è overo?

Mimì                        Esatto… e non ne voglio neppure!

Signurino                  (alzandosi) Comme sarebbe? ‘O sai che chisto è ‘nu sgarro?

Mimì                        ‘O sgarro l’ ‘e fatto tu… che nun vuo’ pava’! E allora è meglio che te ne vai… io intanto chiammo ‘e Carabinieri! (prende il vassoio e rientra nel bar)

Signurino                  (allibito) Ohè, omm’ ‘e niente! Ma che d’è, te puzza ‘a salute? (prende il telefono e fa uno squillo) Primma ‘e appiccià tutte cose, è meglio che Don Gennaro sape ‘o fatto… (ritorna a sedersi e mette i piedi sullo schienale di una sedia vicina)  

Mimì                        (esce dal bar, prende i piedi di Signurino, li poggia a terra e mette a posto la sedia; poi gli si mette davanti, con le braccia sui fianchi) Ecco ccà, accussì state cchiù comodo, nun è overo? Ah, i Carabinieri stanno venendo…

Signurino                  E sta venenne pure Don Gennaro!

Mimì                        Va buono… verimmo chi fa primma! (rientra nel bar)

Signurino                  Io nun capisco… ma ‘essi sbagliato ‘o bar? Don Gennaro m’ ‘a ritto che ‘o barista era ‘nu puparuolo… e chisto nun se mette paura… abbasta che nun sta cù Zecchinetto… nun se po’ mai sape’… nun vulesse fa’ guai… aspettammo!

Giacomo                   (entra, sempre depresso; chiama a bassa voce) Mimì… ‘on Mimì…

Mimì                        (esce dal bar) Ohè Giacumi’! Tutto a posto?

Giacomo                   Niente a posto! Aggio firmato ‘a dichiarazione… ma chilli sordi me sape che nun ‘e veco cchiù!

Mimì                        (prendendolo da parte) Giacomi’, facimmo ‘na cosa… io ‘eva spennere cierti sordi… ma mò nun ce sta cchiù bisogno… t’ ‘e dongo, e tu ‘e scunti a poco ‘a vota, me daje ‘na mano int’ ‘o bar… comme si fusse ‘nu voluntario, senza sordi!

Giacomo                   E si venesse ‘a Finanza?

Mimì                        Le dicimmo comme stanno ‘e cose, che si’ ‘n’amico e che me dai ‘na mano, ogni tanto, pe’ senza niente! Finanzieri o questurini, sanno ccà comme vanno ‘e cose, e nun farranno storie!

Giacomo                   E… scusa, quanto me putisse da’? A me me servessero, stritto stritto, ‘nu trentamila euro, a tre misi…

Mimì                        (parlando senza farsi udire da Signurino) Beh, no tutt’ ‘nzieme… vintimila subito e n’ati diecimila a fine mese… te va buono? Nun te pozzo da’ tutto ‘nzieme, che ‘e sordi me servono pe’ fa’ ‘o cummercio!

Giacomo                   Tu si ‘o salvatore d’ ‘a famiglia mia… (lo abbraccia, commosso)

Mimì                        (svincolandosi) Jammo, nun fa’ accussì… vieni cu’ me, abbiammo subbito… d’ ‘o jatto!

Giacomo                   Comme? E che ci azzecca?

Mimì                        E chillo è ‘na povera criatura ‘e Dio… m’è venuto a truva’, nu juorno… e po’ è rimasto ccà; mò t’ ‘o faccio vedè! (entrano nel bar)


Scena decima

Signurino                  (durante il dialogo tra Mimì e Giacomo si è dedicato al telefono; alza la testa ed esclama verso le quinte) Finalmente! Quanto tiempo ce ‘ate miso! Ma pecchè nun ‘ate risposto?

Don Gennaro            (entra zoppicando) Guaglio’, aggia da’ cunto a te, mò?

Signurino                  (guardando le gambe di Don Gennaro) Ma che v’è succieso? Nun putiveve chiamma’, venevo cu’ ‘na machina, ‘nu motorino…

Don Gennaro            (raggiunge la zona dei tavolini e si siede) Ahh… che dulore! A chi vulivi fa’ passa’ ‘nu guaio? ‘O motorino tuojo è senza assicurazione e tu nun tieni ‘a patente! Io nun pozzo purta’ ‘a croce e canta’ Messa… si m’aggia fa’ cura’, nun pozzo penza’ a te… e tu chi sa che me cumbinassi!

Signurino                  Don Genna’… ve porto ‘o stesso ‘o ‘spedale! Ma che v’è succieso?

Don Gennaro            Mò ne vengo d’ ‘o ‘spedale! E’ tutta colpa ‘e chill’animale ‘e Ciro! Tenevo ‘nu calletiello che me deva ‘nu poco fastidio… tanto ‘a ditto e tanto ‘a fatto, che m’ ‘a vuluto leva’… ‘a pigliato ‘o curtelluccio… e m’ ‘a fatto ‘nu male cane! E poi è abbiato a asci’ ‘o sangue… allora isso s’è sentuto male e è svenuto, ‘o sangue che scurreva, io nun arrivavo a vede’ addò veneva, aggio alluccato, so’ venuti ‘e vicini ‘e casa, chi strillava, chi vuleva sape’ chi era stato pe’ vendica’ ‘o sgarro, chi jeva truvanne ‘e pezze, chi pigliava a schiaffi a Ciro svenuto, ‘e guagliuncielli che chiagnevano, ‘e cummare che jeveno facenne ‘e numeri… ‘a fine, nun saccio comme, me so’ truvato ‘o ‘spidale e m’ ‘anno medicato… ma me fa ancora male!

Signurino                  E site venuto fino a ccà… a pieri?

Don Gennaro            E che avisse fatto, tu? Ero rimasto sulo… chiammavo? E si se n’accurgeva coccheduno, comme a Colaprevete o Zecchinetto, ccà arrivavo ch’ ‘e cosce rotte! Me so’ miso cuoncio cuoncio e m’aggio fatta tutt’ ‘a via… ‘a strada nun è assaje… ma primme ‘e tutto me ne vulevo asci’ subito ‘a llà dinto, e po’… me vulevo piglia’ ‘nu cafè, che chillo d’ ‘o ‘spedale fa schifo!

Signurino                  Ah, vabbuo’… (si volge verso il bar) Padro’, puortace duje cafè! E fa’ ampressa!

Mimì                        (si affaccia per vedere da chi venga l’ordinazione e poi rientra)

Don Gennaro            Signurì… comme mai ‘o padrone t’ ‘a guardato brutto?

Signurino                  E che ne saccio io… chillo è brutto proprio, nun è che ‘a fatto ‘a faccia! A proposito… ma è proprio isso, chillo che ‘adda ave’ ‘e machinette? ‘O sapite che m’ ‘a ditto che nun ‘e vo’?

Don Gennaro            Me sape che nun ‘a capito buono… mò vedimmo!

Mimì                        (porta un vassoio con l’ordinazione e lo depone sul tavolo) Ecco qua! Questo è in omaggio, per lo scampato pericolo! (a Signurino) ‘O scuntrino tuojo sta aspettanne ancora!

Don Gennaro            (prendendo il caffè) Grazie… ce vuleva proprio… ma comme l’ate saputo?

Mimì                        So’ stato ‘o ‘spedale… m’anno ditto tutte cose… specie che chillo (calcando sulla parola) “mierico” che è venuto primma cu’ vuje, è n’acciracane!

Don Gennaro            Allora mò ‘o sanno tutti quanti?

Mimì                        Ce steva poca gente… ma ‘o fatto ‘o sapevano tutti quanti!

Don Gennaro            Bona notte! Mò allora m’aggia sta’ accuorto…

Signurino                  Allora, ‘on Genna’… ‘e machinette?

Don Gennaro            (a Signurino) Ma te pare ‘o mumento? I’ nun stongo buono, ‘e capito? Si ce appiccicammo e chisto caccia ‘o curtiello, va a ferni’ che m’ ‘a veco nera!

Mimì                        Allora, vulessemo mettere a posto chella quistione… sospesa? Là dinto ce sta ‘na cosa che s’è stancata ‘e aspetta’! (a Don Gennaro) Ma vuje nun ce trasite… (indica Signorino) è isso che ‘adda mettere a posto ‘a cosa… e adda caccia’ ‘e sordi, si nun è n’ omme ‘e niente! Ah, nun te scurda’ che aggio fatto ’a telefonata ‘a Questura!

Don Gennaro            Guaglio’, ma se po’ sape’ che vaje cumbinanne? Tu me fai perdere ‘o rispetto!  E sta arrivanne pure ‘a Polizia… io te manno p’aiuto e tu me puorti scarrupo?

Signurino                  Ma comme site esagerato! Pe’ cinche euro…

Mimì                        Pe’ me pure ciche euro so’ nicessari; ce putesse passa’ ‘ncoppa, però chello che nun supporto è ‘a prepotenza!


Scena undicesima

(entrano Catello e Giorgio, e si mettono ai lati di Don Gennaro)

Catello                      Voi siete il signor Di Domenico Gennaro, vero?

Don Gennaro            (sospira e annuisce) Chi site e che jate truvanne ‘a me?

Giorgio                     Siamo della Questura. Abbiamo avuto incarico di trovarvi per comunicazioni che vi riguardano!

Catello                      ‘A casa vosta nisciuno sapeva addò stiveve… simmo stati pe’ tutt’ ‘o rione e pure ‘o ‘spedale… e là’ammo saputo che eravate asciuto ‘a poco… mò state buono?

Signurino                  Isso nun ‘a fatto niente! Songh’ io che nun aggio pavato, poco fa!

Don Gennaro            Te vuo’ sta’ zitto, ‘na bona vota?

Signurino                  (rivolto a Mimì) Addò sta ‘stu scontrino? Jammo, te pavo e levammo ‘ammuina ‘a miezo!

Mimì                        Sta dint’ ‘o bar… vieni cu’ me! (entra nel bar con Signurino)

Don Gennaro            (a Catello e Giorgio) Insomma… ‘e che se tratta?

Giorgio                     Beh… oggi c’è stato un episodio… spiacevole… un certo Orefice Ciro ha causato una specie di… insomma… vostra figlia Giuseppina, che ci hanno detto essere la sua fidanzata, ha visto questo signor Orefice esanime, pallidissimo e sporco di sangue, trasportato a braccia da casa vostra verso la sua abitazione… poi è arrivata l’ambulanza…

Don Gennaro            E allora?

Catello                      Allora è succieso che ‘a signurina Giuseppina s’è sentuta male… è svenuta… e l’hanno purtata ‘o ‘spidale!

Don Gennaro            Pur’essa? E mò, comme sta?

Catello                      Ecco… forse ce steva già cocche cosa primma… insomma, d’ ‘o pronto soccorso è passata ‘a rianimazione… ma nun s’è pututo fa’ niente… insomma… è deceduta, senza dicere manco ‘na parola…

Don Gennaro            (pausa) E’ morta? Accussì giovane…senza che nisciuno l’  ‘a fatto niente? ‘A voglio vede’! Sta ancora là?

Catello                      Ci dispiace assaje… nun ‘a putite vede’, ‘o giudice ha ordinato l’autopsia… manco ‘o fidanzato ‘a avuto ‘o permesso… tra ‘nu paro ‘e juorni…

Don Gennaro            Niente… manco ‘na parola… se n’è ghiuta accussì, senza… (pausa) ha sentito dulore?

Catello                      Credo proprio che no… nun c’è stato proprio tiempo… e ce stevano chilli d’ ‘a Croce Rossa chiammati pe’ Ciro Orefice… quanno hanno visto che ‘a sigurina è svenuta, se so’ misi tutti attuorno a essa…

Don Gennaro            Ma nun c’ ‘anno pututo… overo? (si alza, malfermo) Vuluntà ‘e Dio… e pecchè nun s’ ‘a pigliata cu’ me? Io songo viecchio, aggio pure campato assaje… (rivolge le mani verso l’alto) e mò cu’ chi m’ ‘a piglio? Ogni vota che aggio avuto ‘nu sgarro, me so’ sempe potuto vendica’… e chi l’ ‘a fatto ‘a avuto ‘a lezione che s’ammeritava e nun s’è permiso cchiù ‘e aiza’ ‘a capo… te pare bello, a te che stai addereto ‘e nuvole, fai e sfai… essa nun t’ ‘a fatto niente ‘e male… (a voce più alta) pecchè essa, e no io? (ritorna a sedere, singhiozzando) E’ ‘a peggio cosa che me putive fa’… aggio campato sulo pe’ essa, per nun farle manca’ niente… si te fussi pigliato a me, fussi stato cuntiento… l’avesse lassato tutte cose, ‘a vita mia fosse stata utile… mò che me ne faccio d’ ‘e sordi, d’ ‘o rispetto, mò ce nun tengo cchiù a nisciuno? So’ rimasto sulo… nun putive aspetta’ ‘nu poco? Io vulevo… sì, vulevo chiurere tutte cose, p’ ‘a fa’ cuntenta… nun m’ ‘e dato ‘o tiempo… pecchè l’ ‘e fatto?

Catello                      Sentite, ci dispiace assaje, ma coccheduno v’ ‘o duveva pure dicere…

Giorgio                     (a Catello) Andiamo, qui non abbiamo altro da fare…

Don Gennaro            No! Nun ve ne jate ancora! Io aggio bisogno ‘e n’aiuto… comme quann’ero piccirillo e cierti cose nun l’avevo mai fatte primma… mò aggia fa’ n’ata cosa nova… e songo ‘nu povero viecchio sulo!

Signurino                  (esce dal bar, allegro) Don Genna’… ‘ammo fatto pace c’ ‘o barista, ce simmo pigliati pure ‘nu cafè speciale… a vuje tutto a posto?

Don Gennaro            Signuri’… int’ ‘a chisto bar ‘e machinette nun se mettono, né mò, né mai… ce simmo capiti?

Signurino                  (incerto) Comme vulite vuje, ‘on Genna’…

Mimì                        (esce dal bar con un vassoio) Se mi permettete… faciteve offri’ ‘nu cafè… io oggi so’ nato n’ata vota… me sento proprio buono, stongo in pace cu’ tutti quanti e ‘amma sta’ cuntienti… ‘a vita è bella!

Don Gennaro            (alzandosi) ‘A vita è bella, eh? Pe’ chi è ancora vivo… (rivolgendosi agli Agenti) Guagliu’, dateme ‘na mano, vengo cu’ vuje… me sento poco buono, stongo stanco assjae… aiutateme a cammina’, ce facimmo ‘na bella passiata … primma che me succedesse coccosa… accussì Pinuccia  mia bella sarrà finalmente cuntenta!

Signurino                  Don Genna’… ma che è succieso? Chisti duje… ‘o sapite chi songo?

Catello                      ‘O sape, chi simmo… e nuje sapimmo che oggi chisto è n’omme che vo’ fa pace pure isso… c’ ‘a cuscienza soja!

(Catello e Giorgio aiutano Don Gennaro a uscire)

Don Gennaro            (uscendo) Signuri’, quanne viri a Ciro, dincello che me venesse a truva’, addò vaco llà rimmango e nun credo che me vene ‘a voglia ‘e asci’ subito… vulesse manna’ duje sciuri a Pinuccia… nun te scurda’… e nun correre cchiù, si no ‘na fatica nun ‘a truovi!

(Don Gennaro, Catello e Giorgio escono)

Mimì                        Ma che è succieso?

Signurino                  Nun ‘o saccio… mò vaco int’ ‘o Quartiere e m’ ‘o faccio dicere! (esce di corsa)

Mimì                        (si siede e prende lentamente un caffè avanzato) Mah… ‘sti giuvinotti corrono sempe, pare che se ne vonno scappa’ ‘a chi sa che… (sorseggiando il caffè e levando la tazza, come per un brindisi) e nun sanno chello che se perdono p‘ ‘a via! (pausa - si alza) Mah… jammo a vede’ ‘o jatto e Giacumino che stano facenne… e po’ se chiure, finalmente… che jurnata! (entra nel bar; le luci si abbassano sul palco e riprende il tema musicale dell’inizio).

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 14 volte nell' arco di un'anno