‘O miedeco d’e pazze

Stampa questo copione

LO MIEDECO DE LI PAZZI

‘O MIEDECO D’E PAZZE

COMMEDIA IN TRE ATTI

di

EDUARDO SCARPETTA

Napoli

1908

Personaggi

Felice Sciosciammocca..     (ricchissimo proprietario di Roccasecca)

Ciccillo………………………    (suo nipote, studente in medicina)

Michelino…………………..   (amico di Ciccillo, cantante lirico)

Raffaele…………………….(attore drammatico)

Don Carlo…………………..(direttore della Pensione Stella)

Errico………………………..     (maestro di orchestra)

Luigi…………………………(giornalista, scrittore di novelle) 

Il Maggiore………………..     (Maggiore in pensione)

Peppino…………………….(barista)

Concetta……………………(moglie di Felice)

Amalia………………………(vedova, madre di Rosina)

Rosina………………………      (giovane ragazza figlia di Amalia)

Margherita………………..      (figliastra di Felice)

Bettina……………………..      (cameriera del Villino de Rosa)       

Carmela…………………….     (Cameriera della Pensione Stella)

1°Avventore del Caffè

2°Avventore del Caffè

Un venditore ambulante

“il Sipario”

 


ATTO PRIMO

Il caffè alla Torretta. Tavolini e sedie. Specchi alle pareti.

Scena Prima

Michelino solo ad un tavolino. Raffaele seduto ad un altro tavolino. Il Maggiore e Luigi ad altri tavolini. Peppino e un secondo cameriere girano per la scena. Luigi scrive. Raffaele legge con grande interesse. Due avventori ad un altro tavolino.

Luigi         Cameriere!

Peppino    Comandi!

Luigi         Dammi n’ata tazza e cafè.

Peppino    Subito (E so’ tre. Chisto s’abboffa e cafè!)

Maggiore  Cameriere!

Peppino    Comandi!

Maggiore  Damme nu poco ‘o Roma.

Peppino    Sta in lettura, signore.

Maggiore  Ancora una lettura! E’ un’ora che s’o stanno liggenno, ma che s’o vonno mparà a memoria? Dammi ‘o Matino, Don Marzio, ‘o Pungolo, nu giornale qualunque.

Peppino    Ve pozzo dà a Tribuna.

Maggiore  Damme a Tribuna.

Peppino    Ecco servito (dà il giornale)

Maggiore  (a Luigi). Scusate mio signò, amico, bell’ò…

Luigi        Vi ho pregato che mi chiamo Luigi De Vito.

Maggiore  Ah! Sicuro, m’era scurdato. Luigi De Vita, giornalista è vero?

Luigi        Sicuro. Cioè, scrittore di novelle.

Maggiore  E screvite sempe?

Luigi        Sono impegnato con un giornale di fare una novella al giorno.

Maggiore  E ccà ve l’avite venì a fà?

Luigi        Pecché, vi dispiace?

Maggiore  No. Ma dico putarrisseve j a scrivere a n’ato tavolino.

Luigi        E perché scusate?

Maggiore  Pecchè ccà nce stongh’io e me tocco e nierve. Voglio stà sulo.

Luigi        Va bene, vi servo subito (Sia fatta la volontà del Cielo!) (s’alza e passa ad altro tavolino)

Peppino    (con caffè). Ecco servito. (cammina dietro a Luigi fino a che questi ha trovato posto)

Maggiore  Mettere in ritiro a me, dopo sedici anni di servizio, dopo avermi acquistato il grado di Maggiore con sudori e stenti! E pecchè? Per una cosa ‘e niente, per essere caduto a coppa ‘o cavallo tre vote. E ch’è stata pe colpa mia? Io me sò fatto troppo chiatto. Ch’aggia fà? Quando monto a cavallo, me veneno ‘e giramenti ‘e capo e vaco ‘nterra. E per questo mi si mette in riposo? Vedremo, vedremo il Ministro che risponderà alla mia istanza. E si no, vaco a Roma, vì, faccio revutà ‘o Ministero.

Raffaele   Pss, cammeriè…

Peppino    Maggiò, scusate, nu poco cchiù zitto.

Maggiore  Avete ragione. Signori, perdonate.

Luigi        Che bell’argomento per una novella: Un maggiore in ritiro. (scrive)

Raffaele   (ripassando la parte). << E dite ancora che un giorno, in Aleppo, un turco audace, un ribaldo in turbante, percoteva un veneziano, e faceva insulto al vostro stato. Io per la gola serrai quel circonciso e lo scannai così>>. Quanno sò arrivato a chesto, aggio fatto ‘a botta. ‘A morte l’aggia studià bona.

Michelino Perdonate, che opera è questa?

Raffaele   Otello. Lo faccio io domenica a sera al teatro San Ferdinando.E’ una serata di beneficenza. Mi hanno tanto pregato! E’ la prima volta che recito con pubblico pagato. Io sono un dilettante appassionatissimo dell’arte drammatica, nce vaco pazzo. E se domenica avrò un successo mi do anima e corpo al teatro.

Michelino Fate bene perché avete una bella voce.

Raffaele   E una bella presenza. Tutti me l’hanno detto. Io non avrei bisogno, perché tengo un fratello che sta bene, il proprietario della Pensione Stella, al Corso Umberto I°.

Michelino Oh, qua vicino.

Raffaele   Isso avarria voluto che io avesse fatto ‘o segretario là ‘ncoppa, ma io me sò sempe negato. Che aggia fà, ‘a passione mia è l’arte drammatica. Voglio fà l’artista, pecchè so nato artista.

Michelino E chello se vede, facite buono. (Raffaele va a sedere).

1° Avven  Cammariè, famme ‘o favore, nu bicchiere d’acqua.

2° Avven  E a me portame meza granita ‘e limone.

Peppino    Subito. (via, poi torna con l’ordinativo).

Luigi        Maggiò, scusate, quanti anni avete servito nell’esercito? Mi pare che ho inteso da dieci anni?

Maggiore  Da sedici anni! Ho fatto una vita da cane, ho sciupato la mia salute!

Luigi        (Me ne so accorto!) E siete ammogliato?

Maggiore  Ammogliato, sissignore. Ma sono diviso da mia moglie, da quella sciagurata che dopo due mesi di matrimonio, mi volle lasciare, si volle dividere da me.

Luigi        Oh, e perché, scusate?

Maggiore  Pe na cosa ‘e niente. Pecchè la notte mentre dormivo, jeva pe m’avutà da chell’ata parte e cadevo  a terra. Per lo più succedeva quando la sera bevevo troppo. Essa dice che se metteva paura, che m’aveva aiutà a sosere, e sta cosa le tuccava ‘e nierve. Ma nun è overo. Fu un pretesto, fu na scusa pe me lassà. Donna senza cuore!

Luigi        (Che bell’argomento! N’ommo che passa tanta guaie p’e cadute che piglia).

Maggiore  Voglio arrivà fino alla posta pe vedè si nce stanno lettere e poi mi ritiro.

Luigi        Posso avere l’onore di accompagnarvi?

Maggiore  E perché no. (Chisto nun è antipatico, ma è nu poco seccante).

Luigi        Andremo alla posta insieme e poi vi accompagnerò fino a casa. Dove abitate?

Maggiore  Qua vicino, alla pensione Stella.

Luigi        Ah, bravissimo. Prego (offre il braccio)

Maggiore  Grazie. In riposo a me! Sangue ‘e na cannonata! Voglio fà revotà Roma. (Via con Luigi)

Raffaele   (leggendo) <<Se sei figlio dell’abbisso, sfida la morte>>

1°Avven   Ma chillo ch’è pazzo?

2°Avven   Accussì credo.

1°Avven   Ma chi è?

2°Avven   E chi ‘o sape!

Peppino    (a Raffaele che beve un bicchierino di cognac). Chisto è ‘o quarto bicchierino e cognac che ve bevite.

Raffaele   ‘O quarto, possibile!

Peppino    Possibilissimo. Stateve attiente, chisto ve dà ‘ncape.

Raffaele   Hai ragione che vuò da me, io nun me n’addono.

Peppino    Mo levo la bottiglia. (esegue)

Raffaele   Ah, sì, fai buono.

Michelino (vedendo l’orologio) Le dieci e dodici! E comme va che Ciccillo nun se vede ancora? Ieri sera me dette l’appuntamento alle nove ccà  al cafè a la Torretta. Che diavolo sarrà stato? Ma già che ha avuto essere! Stanotte comme al solito, è ghiuto a ghiucà e avarrà perduto. Eh, chillo giovane si nun lasse ‘e carte fernesce malamente. Isso s’approfitta che lo zio è ricco e le manna sempe denare da Roccasecca. Ma non è pazzo certamente e si appura che ‘o nipote invece ‘e studià medicina nun fa niente e si joca tutte cose, povero a isso, ‘o veco e ‘o chiagno! Peppì, siente, io me ne vaco a piglià nu pacchettino ‘e sigarette dal tabaccaio all’angolo. Si vene chill’amico mio, Ciccillo, o sai?

Peppino    Don Ciccillo, lo studente? Sissignore.

Michelino Eh, lo studente di medicina. Se ‘o faie aspettà, che io mò vengo.

Peppino    Va bene (Michelino via a sinistra).

Seconda scena

Errico       (con astuccio di violino e sacco di notte) Cameriere!

Peppino    Comandate.

Errico       Porteme na tazza ‘e cafè bollente e dolce, molto dolce. Nce hai mettere dinto tre solde ‘e zucchero.

Peppino    Tre solde ‘e zucchero! E che ve pigliate ‘o mmele?

Errico       ‘O mmele. Si me voglio piglià ‘o mmele aggia dà cunto a te? Io ‘o cafè accussì ‘o piglio.

Peppino    Va bene. (via e torna con caffè)

Errico       Tengo ‘a vocca amara manco ‘o fele! Mannaggia ‘a sorta mia, mannaggia! (batte l’astuccio sul tavolino).

Raffaele   Che vedo! Ma sì è isso. Don Errico ‘o maestro ‘e musica.

Errico       Oh, carissimo Don Raffaele, state qua?

Raffaele   Sì, chisto è ‘o cafè addò me trattengo ogni mattina. Che ve ne siete fatto? Nun v’aggio visto cchiù.

Errico       So quasi duje anne.

Raffaele   Sicuro, duje anne. L’ultima sera nce vedetteme al cafè d’Italia, ve ricordate? Vuje dicisteve che aviveve partì.

Errico       Già, jette a Milano, scritturato alla Scala, come direttore d’orchestra. Nun ce fosse mai juto! Non aveva cchiù che guaio passà. Appena scennette al teatro ‘o primmo juorno, pe concertà l’Africana, duje o tre professori me guardajene e se mettettero a ridere. Io, ‘a primma vota me stette zitto, facette vedè che non avevo capito. La seconda vota m’attaccaie ‘e nierve, scennette ‘a coppa ‘a poltrona, ne chiammaje a uno e l’azzeccaie nu paccaro.

Raffaele   Molto bene!

Errico       Eh, molto bene! Io nun saccio comme so vivo! Avette tale na paliata e tale na paliata da tutti i professori, che stette dinto ‘o lietto nu mese e mmiezo E quanno ascette aveva cammenà cu na guardia vicino. Po’ sò ghiuto giranno tutta l’Italia, pe dà lezioni di violino, ma addò. Me sò muorto ‘e famma, capite, morto di fame. Nu professore comme a me, cu nu diploma e sette medaglie che tengo!

Raffaele   Ma a Napoli, nun avite potuto fà niente? Al San Carlo per esempio.

Errico       Al San Carlo? E me metto a sunà dinto all’orchestra? Oh, mai, me moro ‘e famma cchiù priesto! Non c’è della mia dignità! Uno che è stato direttore alla Scala a Milano, se mette a sunà dinto all’orchestra del San Carlo.

Raffaele   Ma vuie nun arrivasteve a dirigere.

Errico       E che vuol dire? La scrittura era come direttore. A Napoli mai, all’Estero sì. All’Estero qualunque cosa. Se la sorte me fa truvà nu collega, nu professore ‘e musica che vò viaggià, aggio fatto ‘o colpo. Me lo porto con me in Spagna, in Russia, a Londra, a Costantinopoli a fare dei concerti e ve faccio vedè come torno! Là se fanne ‘e denare veramente, là si apprezza la musica, là si capisce il valore di un’artista. L'Italia per la musica è finita, non se po’ fà niente cchiù.

Raffaele   Oh se capisce (Chisto pazzo ‘o lasciaie e pazzo l’aggio trovato!)

Peppino    (uscendo col caffè) Ecco servito.

Errico       Bravo! (gira il caffè col cucchiaino)

Raffaele   E mò da dove venite?

Errico       Sò stato a Pozzuoli a dare un concerto nella sala del Municipio. Doje lire ‘o biglietto, doje lire! Con un programma straordinario. Tutti pezzi scelti, di autori celebri. Lo credereste? Aieressera venette solamente ‘o sinneco, a mugliera e doie creature.

Raffaele   E nisciuno cchiù?

Errico       Nisciuno cchiù. Nu squallore! ‘O sinneco doppo me facette cenà cu isso ‘nzieme col maestro di pianoforte e stamattina me ne so’ ghiuto! Tengo ‘o veleno ccà. (indica la bocca). Sto senza alloggio perché ‘o padrone ‘e casa avanzava duje mise e non voleva aspettà cchiù. Ajere m’arronzaie ‘a robba e me ne jette.

Raffaele   E addò sta ‘a robba?

Errico       Eccola ccà. (mostrando il sacco). ‘O vestito niro, doje cammise e ‘o violino. Chesto è tutto chello che tengo.

Raffaele   Oh, povero maestro! E addò dormite stasera?

Errico       E chi ‘o sape! ‘Ncoppa a nu sedile ‘e marmo, sotto a nu balcone, ‘nterra. Solo questo debbo provare!

Raffaele   Ma nonsignore! Voi siete un artista e non meritate ‘e stà accussì. Ci penso io. Mo ve faccio nu biglietto per mio fratello, il proprietario della pensione Stella e vi faccio avè na bella camera. Qua vicino, al Corso Umberto I°.

Errico       Grazie, grazie. Per un paio di giorni solamente, pecchè po’ aggia partì, aggia j all’estero, nun nce stanne chiacchere!

Raffaele   Avite ragione, mò vi servo io. (siede a un tavolino e scrive)

Errico       Nu maestro comme a mme, con un diploma e sette medaglie, ridotto in questo modo! E allora che aggio studiato a fà tanto tempo? Era meglio che me metteva a fà ‘o zampognaro. Mille vote.

Raffaele   (che ha scritto) Ecco qua, tenete.

Errico       Grazie!

Raffaele   Mo aggia correre alla prova al San Ferdinando perché domenica io debutto con l’Otello.

Errico       Ah, bravissimo!

Raffaele   Vi darò una poltrona. Verrete ad applaudire.

Errico       Oh, vi pare, con tutta forza!

Raffaele   Grazie. Mo v’accompagno al palazzo e stasera ci vedremo.

Errico       Quante obbligazioni, amico mio, quante obbligazioni.

Raffaele   Ma niente, per carità! (Via con Errico a destra).

Scena Terza

               

Michelino (seguendo Ciccillo). Ma insomma, se po’ sapè che cancaro è stato?

Ciccillo     Na rovina, amico mio, na rovina! Aggio passato l’ultimo guaio! Addio divertimenti, addio ‘nnammurate, addio gioco, addio tutto!

Michelino Ma che è succieso?

Ciccillo     Zì Felice sta a Napoli.

Michelino Possibile!

Ciccillo     Possibilissimo! E’ arrivato alle nove con la moglie e la figliastra. Io mò moro, nun tengo cchiù sanghe ‘ncuollo!

Peppino    Quali comandi?

Ciccillo     Niente ancora, agge pacienzia!

Venditore Forbici, temperini, nu buono rasulo.

Ciccillo     Chisto si, chisto me l’accattarria cu tutto ‘o core, pe me taglià ‘o cannarone.

Venditore (mostrando un rasoio). Due e cinquanta.

Michelino Vattenne, nun nce serve, lassece parlà. (venditore via).

Ciccillo     Stammatina, alle sei, io stavo ancora ‘ncoppa ‘o circolo jucanno, e steva perdenne magnificamente trecento lire.

Michelino N’ati trecento lire.

Ciccillo     In contanti, a fore ‘e cinquecento lire, che me vincette Don Nicolino ‘o guantaro l’ata sera e che ogge l’aggia pagà assolutamente.

Michelino Chillo mariunciello!

Ciccillo     E addò ‘e piglie? addò ‘e piglie? Mentre steva jastemmanno comme a nu turco, vedenne ‘a carta tanto contraria, è venuto ‘o fattorino del telegrafo, che sta avvisato e m’ha consegnato chisto telegramma. (lo caccia e legge).<<Dottore Francesco Sciosciammocca. Fermo posta, Napoli. Arriviamo ore nove, io, Concetta e Margheritella. Vieni stazione allegramente. Felice>> Allegramente! Io nun saccio comme nun sò morto! Immediatamente, aggio lassato ‘e jucà e so’ curruto a casa toia, ma aggio trovato ‘o palazzo chiuso, aggio tuzzuliato e nisciuno m’ha ‘ntiso. Allora sono corso alla stazione p’aspettà quanno veniva ‘o treno. Appena è arrivato zi zio, l’aggio miso dinto a na carrozza e l’aggio portato al villino De Rosa, ccà a Mergellina, che s’affittava mobiliato, l’aggio ditto che avessene posato ‘a robba, se fossene arreposati nu poco mentre io arrivava al cafè alla Torretta pe n’appuntamento che teneva cu n’amico, e so’ curruto ccà, da te, per essere consigliato, per essere aiutato, per essere salvato.

Michelino Ma salvato da che cosa?

Ciccillo     Comme da che cosa! E non hai capito? Chille sanno che aggio studiato, che sei mise fa aggio pigliato la laurea, che so’ nu buono Dottore. Dinte a tre anne che sto a Napoli, m’hanno mannato cchiù di sessantamila lire pe tanta ‘mbroglie che l’aggio scritto. Appunto tre mise fa mannajene diecimila lire che io le cercaje dicenne che me servevene per pagare un’annata anticipata allo stabilimento addò teneva quindici pazzi in cura.

Michelino Siente lloco siè… vide che va ammentanno!

Ciccillo     E già, pecchè hai sapè che zi zio s’ha miso ‘ncapa di mettere a Roccasecca nu spitale dei pazzi, e sta tanto ammuinato isso e ‘a mugliera che io aggia j llà e aggia dirigere tutto… e perciò me mannajene e denare. (disperandosi).

Michelino Che tu dinto a na settimana perdiste. Mannaggia ‘o juoco, mannaggia! E io te l’aggio ditto sempe <<Ciccillo, bada chello che faje, che tu, nu juorno a n’ato te truvarraje dinto a nu brutto ‘mbruoglio>> Non mi hai voluto mai sentere.

Ciccillo     Hai ragione, sì, hai ragione, sò stato n’assassino. Ma chi se poteva credere che venivano a Napoli accussì tutto ‘nzieme! Chille nun se ponno movere dal paese, pecchè là teneno tutti gli affari. E po’ sò stati sempe avversi a partì. Appena zi zio è sciso ‘a dinto ‘o treno, ‘a primma cosa che m’addimmannato ‘o stabilimento comme va, ‘e pazze comme stanne.

Michelino E tu, che l’hai risposto?

Ciccillo     Non c’è male… vanno bene.

Michelino Eh, vanno bene! (ride)

Ciccillo     Nun ridere, Michelì, famme ‘o piacere, nun ridere. Io tengo a freva ncuollo, sto tremmanno tutto quanto. Tu non sai zi zio comme ‘a penza, e chella vecchia  d’a mugliera quanto è terribile. Chella si appura sta cosa m’abbandona e me lassa mmiezo a na strada.

Michelino E nun te disperà tanto. Penzammo quacche cosa.

Ciccillo     Ch’avimma pensà, che putimmo pensà! Le cinquecento lire che aggia dà a Don Nicolino, chi me le dà? Comme faccio? (guardando). La padrona di casa mia, ‘nzieme c’a figlia! E chesta ‘nce mancava mò! (seggono a sinistra, Ciccillo con le spalle voltate a quelle, che entrano)

Scena Quarta

Amalia     Trase, Rusinè, pigliammece na tazza ‘e cioccolata.

Rosina     Mammà, io me metto scuorno.

Amalia     E che scuorno e scuorno, figlia mia! Chisto è nu cafè. Tutti i signori e signorine, doppo passeggiato nu poco, trasene dinto a nu cafè pe se riposà. E si no, che facimmo, camminammo sempe? Assettate, meh, assettate ccà. Cameriere!

Peppino    Comandi.

Amalia     Portateci due tazze di cioccolata e due pagnottini.

Peppino    Subito. (Via poi torna con l’ordinativo)

Amalia     Figlia mia, tu si nun te lieve stu scuorno sei antipatica e pesante. Io ti sono madre e te l’aggia dì. ‘Ncoppa all’albergo, appena vide nu furastiere, te ne scappe. Si uno t’addimanne na cosa tu nun rispunne, e questo è un brutto difetto che tieni. E chesta manera, te prevengo, tu nun te marite mai.

Rosina     E che me ne ‘mporta a me.

Amalia     E si nun ‘mporta a te, ‘mporta a mme che so’ rimasta vedova e me voglio sistemà. Nun voglio stà soggetto cchiù a frateme, nun voglio fa cchiù a serva, comme aggio fatto fino ‘a mò coppa a pensione. Quanno tu te mmarite, io me ne vengo cu te, figlia mia e faccio la padrona dinta ‘a casa.

Rosina     Oh, chesto è certo! Ma vuje nun avita j ‘e pressa. Si nun se presenta quaccheduno ch’aggia fà.

Amalia     Ch’ai fà? T’hai levà stu carattere che tieni, nun t’haie mettere scuorno ‘e tutte cose, devi essere svelta, allegra, spiritosa, hai  ridere. Tu stai sempe cu sta faccia appesa, pare sempe che hai passato nu guaio!

Peppino    Ecco servito. Panini freschissimi signorina.

Amalia     Bravo.

Peppino    Sono ancora caldi.

Amalia     Uh, veramente… comme so’ calde!

Rosina     A mme accussì me piacene. (ride forte).

Peppino    A quest’ora si trovano sempre caldi.

Amalia     Allora noi verremo sempre a quest’ora.

Rosina     Ogni giorno. (ride)

Peppino    Che bella giovine! Scusate, signora, è vostra figlia?

Amalia     Sissignore, mia figlia Rosina.

Peppino    Rosina… ha un bel nome. Pure mia moglie si chiama Rosina.

Amalia     Voi siete ammogliato?

Peppino    Da tre anni, signora mia, e tengo due figli.

Amalia     Ah! Rosì, figlia mia, e finiscela cu sta risata, me pare na creatura. (Rosina mangia).

Peppino    Permettete. (si allontana)

Amalia     Fate, fate. Pecchè ride? Ch’è stato?

Rosina     Vuje avite ditto ch’aggia ridere?

Amalia     Ma quanno nun nc’azzecca, figlia mia, me pare na scema.

Rosina     (vedendo Ciccillo). Uh, mamma mia, là sta chillo giovane miedeco che da poche juorne è venuto ad abità coppa alla pensione nostra.

Amalia     Ah! Sicuro… Don Ciccillo.

Rosina     Chisto va pazzo pe mme, addò me trova me ferma e vò parlà. Ajere me dicette: Signorina, quanto siete simpatica, quanto siete bella!

Amalia     E tu le rispunniste?

Rosina     Io le dicette: no, siete voi nu simpaticone.

Amalia     Brava! Eh, chillo, sarria, nu buono partito per te, pecchè dice che ‘o zio sta ricco assai. Ma comme va che non c’ha viste?(chiamando). Cameriè! Cameriè! (gridando)

Peppino    Comandi.

Amalia     Dateme n’ato poco ‘e zucchero, scusate.

Peppino    Vi servo subito. (via, poi torna).

Amalia     Anche per mia figlia. (gridando). Avete capito, cameriè, anche per mia figlia. Ma che è surdo? Ma sì, ti dico che è proprio lui, è Don Ciccillo. Dottò… dottò…

Ciccillo     Buongiorno, signora. Scusate stavo distratto a parlare con l’amico.

Amalia     Hai visto? E tu dicevi che non era lui. E come state, state bene?

Ciccillo     Eh, così, non c’è male.

Amalia     Come vi trovate sulla nostra pensione?

Ciccillo     Bene… molto bene. (Peppino porta lo zucchero).

Amalia     Oh, una pensione come la nostra non si trova per tutta Chiaia, perché non manca niente, c’è buon’aria, pulizia, una buona cucina… buoni letti, biancheria sempre pulita. Non è vero?

Ciccillo     Ah, sicuro!

Amalia     C’è mia figlia che è terribile, sorveglia sempre la servitù per vedere se sta tutto a posto, tutto all’ordine. Essa veramente si secca, nun ‘o vularria fa, e ha ragione, chi le da tuorto, povera figlia. A quell’età si pensa a tutt’altro, non so se mi spiego. Ma ha d’avè n’ato poco ‘e pazienza. Mo che se marita non lo fa più. (a Rosina). E’ vero?

Rosina      E già. (ridendo).

Ciccillo     (Comme faccio pe dà le cinquecento lire a Don Nicolino?)

Michelino (Fattele dà da zietto, ammenta n’ata ‘mbroglia).

Ciccillo     (E che altra ‘mbroglia pozzo ammentà? Aspè, le dico che m’aggia accattà na macchina con la quale si fa l’esperimento esatto del cranio e del cervello umano).

Michelino (Bravissimo) (ride).

Ciccillo     (Non ridere, Michelì, famme ‘o piacere, non ridere).

Amalia     (Rusì, tu m’hai ditto che va pazzo pe te, e addò sta, chillo nun t’ha guardato manco).

Rosina     (E che ne saccio. M’ha fatto meraviglia, ‘a verità).

Amalia     (Sò giuvinotte, figlia mia, accussì fanno.Comme s’allummene, accussì se stutene. Pe te nce vularria n’ommo serio, positivo, che nun facesse chiacchere, uno che tene veramente l’intenzione e se ‘nzurà. Jammoncenne, va, jammece a ritirà). Cameriere!

Peppino    Comandi.

Amalia     Quanto pago?

Peppino    Settanta centesimi.

Amalia     Ecco qua, due soldi a voi. (paga).

Peppino    Grazie.

Amalia     (che si è alzata). Arrivederci, Don Ciccì… Dottò vi saluto. Caro Don Ciccillo…

(Ciccillo saluta con la mano).

Amalia     E’ scostumato bastantemente. Jammoncenne, Rusì. (Via).

Rosina     (Quanto piglio e ride.) (via guardando Ciccillo)

Ciccillo     Se n’è ghiuta. Meno male. Vì quant’è seccante! Uno tene e canchere suoje a via d’a capa, se mette a sentere a essa. Io me vommecheo nu poco con la figlia, hai capito, perché me piace, è na simpatica guagliona, ma mo nun tengo cape, mo nun penso a niente cchiù, mo penso sulo a stu guaio che m’è caduto ‘ncuollo. Dunque, comme te pare: è na bona scusa ‘o fatto della macchina?

Michelino Che te pozzo dicere… Si nun tieni altro mezzo. Basta che se lo crede.

Ciccillo     No, se lo crede, se lo crede. Chillo è nu turzo, s’ammocca tutto cose. A proposito. Michelì, mo che nce penzo… E si vò vedè ‘o stabilimento che m’aggio affittato, addò tengo i pazzi in cura, che le faccio vedè?

Michelino E chisto è ‘o fatto cchiù serio. Tu le vaie a scrivere sta sorta ‘e bomma. Chi te lo da stu stabilimento, addò ‘e piglie sti pazze?

Ciccillo     E già… addò ‘e piglie? Statte… aggio fatta n’ata pensata. Uh, quant’è bella chesta, magnifica! Solamente io so’ capace ‘e fà sti penzate.

Michelino ‘O saccio, quanno se tratta ‘e mbruglie, tu sì ‘o masto.

Ciccillo     ‘Ncoppa all’albergo addò stongo mo, ossia albergo! Chella è na pensione, nce stanne tutte gente strane, curiose. Si le vene ‘ncapa ‘e vulè vedè lo stabilimento…

Michelino ‘O puorte là?

Ciccillo     ‘O porto là. Comme te pare?

Michelino Ma comme! Chillo pò nun capisce che nun sò pazze?

Ciccillo     Ma no, pecchè io le stongo sempe ‘ncuollo e nun le dongo ‘o tiempo d’o fà parlà assai. Po’ l’avviso che nun ha da dì niente, che a chiunque vede nun l’ha da fa capì che è pazzo. Hai capito?

Michelino  Ciccì, tu me faie avutà ‘a capa. Che vuò a me, fa chello che vuò tu.

Ciccillo     Ma si, ma si, chisto è l’unico mezzo pe me salvà. Alla fine chillo ‘na vota l’ha da vedè, po’ se ne parte e stateve bene. Anzi, aspetta, n’ata bona penzata pe nce ‘o fa credere cchiù assaie… Tu mo viene co mmico, jammo addò loro, facimmo vedè che tu sì uno dei pazzi che sta dinto allo stabilimento… sotto la mia cura.

Michelino Io?

Ciccillo     Tu sì, ma nu pazzo calmo… La follia… la follia musicale. Bravo, follia musicale. Te sì fissato che sì ‘o primmo tenore d’o munno. Benissimo! E che l’opera che t’ha fatto perdere proprio ‘a capa è stata la Traviata.

Michelino Ciccì, tu che staie dicenno?

Ciccillo     Ma si, famme stu piacere. Pecchè po’ essere che vedendo a te che sbarie, che spaparanze l’uocchie, se mette paura e nun vò vedè all’ati pazze. Jamme Michelì, nun perdimmo tempo.

Michelino No aspè, Ciccì, tu che me vuò fa fà? Dinto a che mbruoglio me vuò mettere?

Ciccillo     Che mbruoglio, na cosa ‘e niente! E’ nu favore che te cerco.Tu dice che me vuò tanto bene, che pe mme faciarrisse qualunque cosa… dammi la prova della tua amicizia. Jammo, viene co mmico. Aizete ‘o bavero del soprabito. Uocchie stralunate.

Michelino Sia fatta la volontà del Cielo! (si alza il bavero)

Scena Quinta

Concetta   (di dentro gridando). Imbecille, lazzaro, scostumato!

Felice       Ve faccio arrestà, sangue di Bacco!

(si sente un fischio forte e voci di popolo: Eh! Eh! Dalle ‘nfaccia!)

Peppino    Che è successo? (guardando)

Ciccillo     Che sento! Sò loro che trasene ccà dinto. Michelì, vattenne, viene a n’atu poco, a n’atu quarto d’ora, fai vedè che sì scappato ‘a coppa alla pensione. Trase currenno, ‘o riesto me lo vedo io.

Michelino Ma si ccà se trovane gente, che figura me faie fa.

Ciccillo     Ma no, a chest’ora, nun nce sta mai nisciuno. Famme stu piacere, te ne prego. (lo spinge, Michelino via)

Felice       (di dentro) Mannaggia che tengo ‘e femmene appriesso. Lasciatemi!

Concetta   (gridando). No, tenetelo, per carità!

Margherita (di dentro) Papà… papà!

Ciccillo     (a Felice che esce). Zi Zi, che è stato?

Felice       Niente, una cosa da niente.

Concetta   Lazzare, scostumate. Vagabondi!

Felice       Statte zitto. Finiscila!

Ciccillo     Ma che è stato zi zi?

Felice       Nuie steveme venenne ccà pe te dicere che chella casa addò ci hai portato nun è cosa, per tante ragioni. Appena simme asciute dal palazzo, duje lazzarielle se sò mise appresso e dicevano <<Arò jate, arò jate?>> Io a primma vota me credeva che veramente volevano sapè addò jeveme, aggio ditto << Andiamo al cafè alla Torretta da mio nipote che sta là>> Doppo tre passe, n’atu guaglione << Signò arò jate, arò jate?>> E allora aggio capito che nce vulevene ‘ncuità. Aggio aizato ‘o bastone e me so’ miso a correre pe l’arrivà. Nun non l’avesse mai fatto! Fischi, allucche, pernacchie, cose nun viste ancora!

Concetta   Che paura, mamma mia, che paura!

Felice       Ma comme, quann’uno cammina a Napoli ha da dicere a tutte quante addò và?

Peppino    Nonsignore, quello è uno scherzo che fanno i monelli, quando vedono un tipo curioso. Dicono subito <<Arò vaje, arò vaje?>>

Felice       Io mo sarria nu tipo curioso, comme te pare?

Peppino    No, voglio dire quando vedono una faccia nuova, un forestiero.

Concetta   Ah, avarria avuto essere vivo ‘a buonanema ‘e Totonno mariteme! Se l’avvaria miso sotto e l’avarria scamazzate ‘e ccape a chilli galiote.

Margherita Oh, chesto è certo!

Felice       Nun accummincià cu la buonanema ‘e maritate, famme stu piacere. Ti ho detto tante volte che chillo era negoziante e puorce, io so’ nu galantuomo e chello che faceva isso nun ‘o pozzo fà.

Concetta   Per regola toia, maritemo era nu galantuomo meglio ‘e te. Faceva ‘o negoziante ‘e puorce, ma era n’ommo onesto e teneva core, se faceva rispettà.

Ciccillo     Va buono zi zi, finitela.

Margherita Mammà nun alluccate.

Felice       Io nun me la volevo purtà a Napoli, pecchè sapevo chello che me succedeva. A forza ha voluto venì. Te pare chillo nu cappiello regolare? Se capisce che nce hanno ‘ncuità.

Concetta   Tu non hai idea…  Chisto me l’ha fatto ‘a primma sarta che sta al paese. Madama Palillo, ha ditto che so’ in gran moda a Napoli, si chiamano cappelli alla Scescia.

Margherita Quà Scescia, mammà, alla Gheisha.

Concetta   Già, alla Gheisha.

Felice       Vedete, se fa fà ‘o cappiello alla Gheisha! Ma chille che so, duie mazze ‘e lattughe?

Concetta   Tu nun ne capisce niente, sì stato sempe nu materiale.

Felice       Mo songh’io ‘o materiale! Chille po’ che cchiù m’hanno indisposto, so’ state sti tre giuvinotte che avimmo truvato all’angolo. Appena nce hanno visto se so’ mise a dì << Ma chi è, ma chi songo? E chella chi è? La figlia, la nipote… non credo. E chella ch’è na papera? E chi lo sa>>.

Concetta   E quanno nc’a dive na mazzata ncape, quanno?

Felice       Nc’a steva danno, ma chillo ha miso a mano dinto ‘a sacca, che me vulive fa sparà?

Ciccillo     Ma chi è stato? Ve lo ricordate se lo vedere?

Felice       Sicuro che me lo ricordo. Era nu giuvinotto alto, coi mustaccielle, na faccia ‘e galiota.

Ciccillo     Va bene, mo che ascimmo parlammo. Quanto me dispiace che nun me so’ trovato cu vuie.

Felice       Ma che. Tu non ti puoi mettere cu chella gente, la tua condizione non te lo permette, tu hai da fà chello che hai da fà. Nun fa niente. Mo che ascimmo, nce mettimmo dinto na carrozzella e facimmo aizà ‘o mantece.

Concetta   Eh, e nuje murimmo soffocate!

Felice       E allora ve state ‘a casa. Nuje, tutte e tre, a pede nun putimmo cammenà a Napoli. Che vulimmo passà nu guaio?

Peppino    Accomodatevi, signori. Che vi posso servire?

Felice       No, niente, grazie, noi andiamo di fretta.

Ciccillo     Ma na piccola cosa, na granita di limone.

Felice       Per loro, ma pe me, no. Io non voglio niente,

Ciccillo     Per voi un vermouth al selz.

Felice       Eh, piuttosto!

Peppino    (a Ciccillo) E per voi?

Ciccillo     Io non voglio niente.

Peppino    (ordinando) Due mezzi limoni e un vermouth al selz. (via, poi torna con l’occorrente).

Ciccillo     Ma pecchè site venuto ccà, io mo venivo a casa.

Felice       Te simme venuto a dicere che chella casa che nce hai trovato nun è bona, non fa per noi.

Ciccillo     Comme, chillo è ‘o villino De Rosa a Mergellina, quella posizione, quell’aria! Pe na combinazione l’avimmo truvato sfittato. E dove potete trovare di meglio? Quattro camere, saletta e cucina, luce elettrica, bagno, acqua del Serino. Tutto il confortabile. Non se fanno scale perché è pianterreno, tappeti, mobili di lusso, prezzo niente affatto caro. La padrona di casa è una persona buona, educata, gentile, pulita. Come dite che non fa per voi, non lo so. E dove potete andare? Quella sembra una reggia. Non lo dite a nessuno, sapete, perché fate una cattiva figura. Il Villino De Rosa a Mergellina! Ma è quanto ci può essere di bello!

Felice       E aspetta nu mumento, famme parlà pure a mme. Tu me pare na terocciola. Sarà bello, arioso, spazioso, tutto chello che vuò tu. Ma ‘a guardaporta ha ditto che nun nce sta biancheria, mesale, tovaglie, salviette, niente.

Ciccillo     Neanche lenzuola?

Concetta   Nemmeno lenzuola, figlio mio.

Felice       E che dormimmo ‘ncoppa ‘e matarazze? ‘A faccia addò nc’a annettammo? Forchette, cucchiaie, curtielle nemmeno nce stanno.

Margherita E che magnammo con  le mani?

Felice       Certamente nce poteveme purtà sta robba appresso?

Ciccillo     Oh si capisce! Ma non ci pensate, ci parlerò io, è questione di prezzo. Vuje po’ avita sta pochi giorni, è vero?

Concetta   Ah, se capisce! Nuie avimmo che fa al paese. Io e Margheritella nce trattenimmo tre giorni, e Felice po’ stà pure nu mese.

Felice       Nu mese! E’ troppo, comme faccio? Na ventina di giorni si.

Ciccillo     Ma no, è meglio che zi zio se ne vene cu vuje, sentite a me, e invece di tre giorni, jatevenne doppo dimane.

Concetta   Doppo dimane, e pecchè?

Ciccillo     Pe chesto. Quanno v’e lo dico io ve n’avita j. M’avita sentere. Domenica ci sta l’elezione generale, tutti i quartieri stanno in movimento, si prevedono tumulti seri fra i partiti. Tante che dimane arrivene da Roma tre reggimenti ‘e suldate e duecento carabinieri. Pecchè, v’avita mettere na paura?

Concetta   Oh, se capisce, e chi nce vò stà! Allora nce ne jammo.

Margherita Ah, sicuro, nce ne jammo.

Felice       E se sape! Ccà, stanno ‘o paese quieto, nun putimmo cammenà, figurate po’ con i tumulti! Allora doppo dimane nce ne jammo.

Peppino    Ecco servito. (versa il seltz. Felice nel bere il seltz fa uno starnuto)

Ciccillo     Bevete c’o naso appilato.

Felice       (esegue). M’aggio pigliato na purga d’uoglie e ricino. E’ nu poco forte, va dinto ‘o naso.

Concetta   A nuie po nc’è bastate ‘o piacere e te vedè, nipote mio, e de sentì tutte le belle cose che hai fatto.

(Siede ad un tavolino con Margherita e mangiano paste).

Felice       Io te scrivette tutto ‘o chiasso che nce fuie ‘o paese, quanno appurajeme che avive avuto la laurea. Tutte quante me venettene a truvà e te mannajene salutanno. ‘O Sinneco specialmente nun aveva cchiù che fa! La sera facette sunà a banda fino a mezzanotte. Io po’, lo ringraziaie cu na bella lettera.

Ciccillo     Eh, nce vuleva!

Felice       E mo che viene Natale, vide che te sta priparato!

Ciccillo     Che me sta preparato?

Felice       Te venimmo a piglià alla stazione con la fanfarra. Avimmo fa nu chiasso! ‘A sera po’, a casa nostra, hanno stà tutte lampioncielle appicciate.

Ciccillo     Ma nonsignore, è troppo!

Felice       Ma che troppo e troppo! Tu te lo meriti, pecchè hai studiato e oggi sei dottore rispettabile, e noi te ne siamo grati. Perché francamente, per mezzo tuo abbiamo acquistato altro contegno nel paese. Primme nun nce trattavene comme nce trattane mo. Questa è la verità. Tu però sì stato di talento, hai studiato, nce sì riuscito, ma hai tenuto pure na zia d’oro, che non t’ha fatto mancà niente a Napoli.

Ciccillo     Oh, questo è certo!

Felice       Quanno mannaste a cercà le diecimila lire per pagà l’annata anticipata allo stabilimento io, a verità ero nu poco contrario, ma essa no, essa dicette << S’hanno mannà, e subito>>.

Ciccillo     Grazie tante.

Felice       ‘O suolo pe fabbricà nu manicomio al paese è pronto, lo sai?

Ciccillo     E’ pronto?

Felice       Prontissimo! E non sai la novità? ‘O’ sinneco lo cede gratis.

Ciccillo     Possibile!

Felice       Possibilissimo. M’ha fatto già la concessione. Eh, dopo tutto gli conveniva: è na cosa che resta dentro al paese. Abbiamo la concessione per trent’anne. E’ stato un buon affare.

Ciccillo     Ah, se capisce.

Felice       Tu po’ là, t’hai vedè tutto cose tu. Disegno, costruzione, comme hanno venì divise le stanze.

Ciccillo     Ah, se sape, penso io a tutto.

Felice       ‘O stabilimento che tiene ccà, a Napoli, quante stanze songo?

Ciccillo     Ah, quante stanze… eh… sò na ventina. Ma ccà, a Napoli non è proprio nu stabilimento, è na pensione. L’ho chiamata pensione Stella. Nce stanno na quindicina ‘e pazze, signorsì, persone distinte.

Felice       Ma so’pazze sfrenate?

Ciccillo     No, nce ne sta quaccheduno pericoloso, ma l’ate sò tutte calme, quiete, nun s’hanno da ncuità, nun s’hanno stuzzicà, pecchè po’ sempe pazze songo.

Felice       Oh, questo è certo. Io ogge voglio venì a vedè, sa. Assolutamente, nce voglio parlà, voglio sentì che dicene.

Ciccillo     Ah, ‘e vulite vedè?

Felice       Sicuro, stu sfizio me l’aggia levà. Vengo solo io, a loro le lascio a casa, non le dico niente.

Ciccillo     Ma che piacere ne potite avè?

Felice       No, me fa piacere, ne voglio avè n’idea.

Ciccillo     Ma vedete zi zi, io ve porto, ma vuje nun avite fa capì niente, nun avite dicere che site juto là pe vedè a loro.

Felice       Oh, se capisce! (Concetta e Margherita si alzano)

Ciccillo     Mo è nu mese che sto curando un giovane di buonissima famiglia, ricchissima, unico figlio. M’o purtaiene alla pensione in uno stato eccitatissimo, nisciuno ‘o poteva tenè, sbatteva, ruciuliava per terra, chello che trovava rompeva, chi le veneva ‘e faccia ‘o sciaccava. Era terribile, faceva paura. Mò sta nu poco meglio, s’è calmato alquanto, ma sbarea c’a musica. Dice che isso è nu celebre tenore, che nisciuno ‘o po’ appassà, e che nientemeno la Traviata, Verdi ‘a screvette pe isso.

Felice       (ridendo) Ah, ah Povero giovine!

Concetta   Povero disgraziato!

Ciccillo     Bello e buono, se mette a nu pizzo, se fissa e se mette a cantà. Si chillo s’arriva a rimettere, che se guarisce perfettamente, faccio nu bello colpo, la famiglia me dà na somma… e a questo proposito zi zi, vuje m’avita fà nu piacere, state facendo tanto, seguitate a fà… m’avita dà cinquecento lire pecchè m’aggio accattà na bella cosa… na cosa che me manca e non né pozzo fa a meno… La macchina per l’esperimento del cranio e del cervello umano. Ajere ‘a vedette ‘ncoppa San Francesco Sales. Che bellezza, che invenzione! Me serve, me l’aggio accattà.

Felice       (guardando Concetta) Che dice?

Concetta   Eh, si è na cosa necessaria, si le serve, che s’ha da fa.

Ciccillo     Capisco, costa troppo… ma è una spesa che se fa una volta. E po’ è una cosa che quanno me l’aggio accattata, la tengo solo io e S. Francesco Sales.

Felice       Regolarmente, po’, t’a puorte ‘o paese.

Ciccillo     E se capisce.

Felice       Va bene. Ogge te dongo le cinquecento lire. Dimme na cosa, stu stabilimento è lontano?

Ciccillo     La pensione, la pensione Stella?

Felice       Sì, addò tiene ‘e pazze.

Ciccillo     No, è ccà vicino, doje strade appresso. Ascenno da ccà, se vota a diritta… Che veco! Ma si è isso, è chillo giovene che mò v’aggio ditto, pazzo per la musica. E chedè se n’è scappato? E comme ha fatto? Zitto, trase ccà dinto… Zi Zi, mettimmece ccà, afferrammolo… Nun ve mettite paura, chillo come vede a mme, nun se move cchiù.

Felice       Guardate che combinazione!

Concetta   Stateve attiente.

Felice        Ma comme né l’hanno fatto scappà?

Ciccillo     Forse hanno rimasto la porta aperta. Stateve zitto, e secondatelo.

Scena Sesta

Michelino (con il bavero alzato, occhi stralunati e capelli in disordine). Chi è stato che m’ha fatto venì dinto a stu cafè? Chesta certamente nun è casa mia… e pecchè aggio camminato tanto senza ragione, senza sapè addò jevo?

Ciccillo     Fermatevi! (l’afferra)

Felice       Non vi movete. (l’afferra)

Ciccillo     Mi conoscete voi?

Michelino Sicuro… Vuje site ‘o miedeco… ma nun me strillate, nun ‘o faccio cchiù!

Ciccillo     Andiamo a casa.

Michelino Eccomi qua. (vedendo Felice). E vuje chi site?

Ciccillo     E’ un nuovo custode.

Felice       (spaventato) Perfettamente!

Michelino (fissandolo) No, voi siete mio padre. Siete venuto in questa festa per farmi comprendere tutto il male che ho fatto. Ma io non sono colpevole, è stato la gran passione che mi ha spinto a questo (canta) Or testimon vi chiamo – Or testimon vi chiamo – Che qui pagata io l’ho.

                (Felice spaventato e Ciccillo che gli fa segno di secondarlo, con la voce attaccano la musica della Traviata che segue il suddetto pezzo. Concetta resta tremando ad un lato del caffè. Peppino, avventori e venditore ambulante guardano meravigliati)

(cala la tela)

FINE DEL PRIMO ATTO

 

 

ATTO SECONDO

Salotto. In fondo a destra porta comune. A sinistra porta con l’iscrizione “ Sala da pranzo”. Nel mezzo alcova con portiere. Due porte a sinistra e due a destra. Tavolino nel mezzo, sedie ecc…

Scena Prima

All’alzarsi della tela, si sente suonare forte un campanello di dentro. Carlo mettendo a posto qualche sedia. Poi Carmela. Di dentro si sentono alcune note di violino.

Carlo        (chiamando) Salvatore, Carmela! Va trova addò cancaro stanno. Niente, n’aggia mannà a tutte quante, aggia fà corte nova! (Gridando). Carmela, Salvatore!

Carmela   (uscendo dall’alcova in fondo). E nu mumento! Scusate io doje gamme e bracce tengo!

Carlo        L’avite ntiso ‘o campaniello?

Carmela   Eh, l’aggio ntiso. E’ chillo pazzo d’o Maggiore che fa chesto tutta ‘a jurnata, chiama sempe. Mo vò na cosa, mò ne vò n’ata…E’ n’affare serio… Stammatina m’ha fatto mettere na paura che nun putite credere. Nun saccio comme nun so’ morta!

Carlo        Pecchè, c’ha fatto?

Carmela   A primma matina, pe combinazione, sò passata ‘a ccà e aggio ntiso che alluccava<< Ajutateme, ajutateme, quaccheduno!>> Aggio vuttata ‘a porta e l’aggio truvato luongo luongo stise ‘nterra… dice ch’era caduto ‘a coppa ‘o lietto.

Carlo        Pover’ommo!

Carmela   Pover’ommo? Chillo p’o sosere nc’a voluto ‘a mano d’o cielo! Ha avuta venì Salvatore cu nu facchino.

Carlo        Ma comme è caduto?

Carmela   E chi ‘o ssape! Dice che la notte cade sempre. L’avisseve fa nu lietto con le due rezze a fianco.

Carlo        E sì, comme fosse na creatura!

(si bussa di nuovo).

Carlo                 Va vide che vò.

Carmela   Sarrà caduto n’ata vota (via prima a destra).

Carlo        Stu cancaro ‘e Maggiore dice che sempe se n’ha da j, e maje se ne va! Cu tutte quante s’appicceca, subito s’offende, pe na cosa e niente, vò fà nu duello. Me fa stà sempe cu nu pensiero!

 (il violino riprende le note).

Carlo                 Ma chi è cu stu violino?

Scena Seconda

Amalia     (uscendo dalla seconda a sinistra) Sa, te dico na cosa, si fratete ha da rimanè ccà, io stasera me ne vaco, no nce stongo manco n’ata jurnata ccà ‘ncoppa.

Carlo        Mo accumminciammo… Nonsignore, nce l’aggio ditto che se n’ha da j. Chillo tene ‘a casa soja, non c’è bisogno che resta ccà. Ha accompagnato n’amico sujo, maestro di musica, il quale dice che dinto a sti juorne ha da partì.

Amalia     E se n’hanna j tutte e duje assolutamente, si no ccà ‘e passaggiere se ne scappano. Ogne momento piglia ‘o violino e se mette a sunà.

(il violino di dentro tocca la prima corda).

Amalia     Siente, siè, vì che bella cosa! E avvisa a fratete che nun facesse cchiù chello c’ha fatto ogge.

Carlo        C’ha fatto?

Amalia     Siccome l’hanno portato ccà ‘a canesta col vestiario sujo per la recita c’ha da fà dummeneca, pe vedè si tutto cose le jeva buono, s’è vestito… che ssaccio… da guerriero, ed è venuto tutto nzieme dinto ‘a camera mia, pe se fa vedè. Là steva Rosina, nc’ha fatto mettere na paura terribile, nun sapeveme chi era. Io aggio jettato nu strillo, chella povera piccerella è svenuta.

Carlo        Vedite, vedite chillo stupido che s’è miso ncape!

Amalia     Quanno aggio visto ch’era isso, nun saccio chi m’ha tenuto che nun l’aggio dato na seggia ‘ncapa.

Carlo        Agge pacienzia, sora mia, chillo è nu stravagante… afforza vò fà l’artista drammatico. Vedite che pazzia!

Amalia     E ‘o vò fà ccà ncoppa l’artista drammatico? ‘O và a fà a n’ata parte.

Carlo        Mo addò sta?

Amalia     Sta abbascio a cucina, va truvanno sughero ‘e butteglia.

Carlo        Sughero ‘e butteglia? E che n’ha da fà?

Amalia     E chi ‘o ssape!

Carmela   (uscendo). Sia fatta la volontà del Cielo! Vedite chillo che vò ‘a me!

Carlo        Ch’è stato?

Carmela   Chillo, sta dinto nu giornalista che l’è ghiuto a fà visita, s’è seccato ‘e nce parlà, m'ha chiamato da parte e m’ha ditto<< Dì al padrone che cu na scusa qualunque se chiamasse a chisto, n’o mannasse, pecchè si no ‘o votto abbascio>>.

Carlo        E chesto nce mancarria! Chillo è capace d’o fa! Mo vado io nu mumento. Quanta responsabilità, quanta pensiere! (via per la prima a destra.

(Campanello elettrico).

Carmela   (vedendo l’apparecchio elettrico dei campanelli) Ventiquattro  secondo piano. Jammoncenne… e chesto faccio d’a matina a sera. (via fondo a destra).

Amalia     Ah, me parene mill’anne che me ne vaco ‘a ccà ‘ncoppa! Che vita seccante. Have ragione chella povera figlia mia ‘e stà sempe ‘e malumore… e chi le po’ da tuorto! Si ‘a sorte ‘a fà mmarità, ne vulimmo fa zumpe!

(il violino di dentro).

Amalia     Vì si ‘a fernesce cu chillo violino… nun me fido d’o sentere… tocca ‘e nierve!

Scena Terza

Ciccillo     (dal fondo a destra). Trasite, zì zì, nun ve mettite paura. (a parte) (Cielo mio, aiuteme tu). (a Felice) Trasite, che diavolo, state con me!

Felice       Non c’è paura di niente?

Ciccillo     Ma nonsignore! Questo è il primo piano, ccà stanno tutte chille quiete, tranquille. Al secondo piano no, al secondo piano ci stanno gli eccitati, i pericolosi.

Felice       E chi nce va al secondo piano! Manco si m’accideno!

Ciccillo     Nuje mo ccà stamme na mezz’ora e po’ nce ne jamme, è vero?

Felice       Na mezz’ora, n’ora… chi nce da sta pressa… io nun aggio che fà.

Ciccillo     Ma io sì, caro zio, io tengo tante visite da fà.

Amalia     Buongiorno.

Ciccillo     (salutando) Signora…  

Felice               (a Ciccillo)  (Chi è chesta?)

Ciccillo     (a Felice) (E’ na povera malata, na signora che sta ccà dinto da quattro anne. Le murette ‘o marito che le voleva tanto bene e ascette pazza. Mo dice a tutte quante che chesta è casa soia, che essa è ‘a padrona ‘e sta pensione).

Felice       (a Ciccillo) (E se capisce, doppo tanto tempo che sta ccà! Povera femmena!

Ciccillo     (a Felice) (Vuje secondatela sempre).

Felice       (a Ciccillo) (Se capisce).

Ciccillo     E così, come state?

Amalia     Bene, grazie, e voi?

Ciccillo     Eh, non c’è male.

Amalia     Il signore è amico vostro?

Ciccillo     No, questo signore è mio zio, Felice Sciosciammocca, ricchissimo proprietario di Roccasecca.

Amalia     Ah, tanto piacere… Amalia Strepponi, ai vostri comandi.

Felice       Preghiere sempre!

Amalia     Vostro nipote è un bravissimo giovine, simpatico, allegro, spiritoso. Quando sta qua tiene in allegria tutta la casa, e quando tarda a venire, tutti i signori mi domandano di lui, e io dico: verrà più tardi, verrà stasera, non dubitate. Perché dovete sapere che io sono la padrona di questa pensione.

Felice       Ah, bravo… mi fa tanto piacere!

Amalia     Si, ma non vedo l’ora di andarmene. E’ una vita che non si può sopportare… Troppe seccature, troppi pensieri. Io voglio essere libera, indipendente, voglio godere un poco. Alla fine sono ancora giovine, non è vero?

Ciccillo     Oh, certamente!

Felice       Oh, certamente!

Amalia     Appena Rosinella, mia figlia si marita, il giorno dopo me ne scappo.

Felice       (a parte)(Seh, e stai fresca!) (a Amalia) Ma perché, qua non vi trovate bene?

Amalia     Francamente no, caro signore. Ci sto perché… mo siamo llà… ci debbo stare, sono obbligata a starci, ma ci soffro, credetemi, ci soffro assai. Dovete stare sempre a contatto di gente che non si sa chi so’ lloro. E poi… tutti stravaganti, tutti pazzi. Comandano a meglio a meglio e non so’ mai contenti. E’ un affare serio!

Felice       (a Ciccillo) (Chell’essa è pazza e dice che l’ate so’ pazze!)

Ciccillo     Eh, la signora tiene una bella ragazza per figlia.

Felice       Ah bravo!

Amalia     Sissignore, unica figlia, ma non faccio per dire è una perla, una vera perla. Tiene diciannove anni… vostro nipote la sa, è carina assai. Il padre le voleva molto bene, pover’ommo, e non l’ha potuta vedere così grande. Il cielo non ha voluto. Povero Giannattasio… tanto a me, quanto alla figlia, nce guardave mmocca sperute. Diceva sempre<< Io faciarria qualunque cosa per buje, pe ve fa contente>>. N’ommo comme a chillo, è impossibile nun se trova cchiù! (Piange). Ma oramai è morto e quindi che ne parlammo a fà… perché vi debbo affliggere. E’ vero, pensiamo a noi, pensiamo a stare allegramente. (Ride).

Felice       Oh, questo è certo!

Amalia     E voi vi trattenete molto a Napoli?

Ciccillo     No, pochi giorni, è venuto a per vedere a me e per vedere questa pensione.

Amalia     Ah, bravissimo! E prendete alloggio qui?

Felice       No, per carità… ho già preso l’alloggio.

Ciccillo     Si, sta qui, poco lontano:Al Villino De Rosa.

Amalia     Oh, bravo, quello è un bel villino! Permettete un momento, vado a prendere mia figlia Rosinella, ve la voglio far conoscere… Basta che ci viene! E’ tanto scornosa! Non vede mai nessuno, capite, sta sempre chiusa. (a Ciccillo) E voi, poi, stamattina al caffè, l’avete fatta prendere molta collera. Eh, è rimasta assai dispiaciuta. Mo ve la porto. Con permesso. (via a sinistra)

Felice       Oh, povera signora, quanto me fa pena! Ma la figlia pure è pazza?

Ciccillo     La figlia steva bona, ma facendo compagnia alla mamma ccà dinto tanto tempo, mò sbarea pur’essa. Na bella guagliona, mo c’ha vedite, è n’angelo. E’ stato proprio nu peccato.

Felice       E pecche ha ditto <<Stammatina al cafè, l’avite fatto piglià molta collera>>?

Ciccillo     Ah, mo ve dico io. Pecchè quanno se piglia ‘o cafè, appena vede ‘a tazza nce spute dinto. Stammatina nce l’aggio voluto purtà io. Comme aggio visto che steva facendo a mossa e sputà, l’aggio dato nu scuppulone accussì forte che l’aggio fatta chiagnere pe mez’ora.

Felice       Povera figliola, e pecchè? Chella po’ pare che è essa!

Ciccillo     Eh, accussì se ‘mpara.

Scena Quarta

Luigi        (esce dalla prima porta a destra) Ah, Ah, ma che bello tipo ch’è chillo Maggiore, ‘o sentarria sempe! M’aggio pigliato tutti gli appunti. Cu chello che m’ha contato faccio tre novelle. (Segna col lapis su di un taccuino).

Ciccillo     (fra sé) (Sangue ‘e Bacco Don Luigino ‘o giornalista). ( a Felice). (Chisto pure è pazzo, secondatelo.) (A Luigi) Buongiorno.

Luigi        Oh, caro Don Ciccillo, state qua?

Ciccillo     Si, so’ arrivato poco primma. E voi come state?

Luigi        Eh, non c’è male. Aggio tenuto nu poco ‘e compagnia a stu Maggiore, o pe meglio, stu pazzo che sta ccà. Ma non potite credere comme me so’ spassato. Ho unito, come si suol dire, l’utile e il dilettevole. E già, pecchè, da chello che m’ha contato, pozzo fà tre novelle.

Felice       (a Ciccillo) (C’ha ditto? Po’ fà tre novene?)

Ciccillo     (a Felice) (Già, pecchè chisto in origine era zampognaro, po’ pigliaie nu terno e tanto d’o piacere ascette pazzo).

Felice       (a Ciccillo) (Guardate, guardate!)

Luigi        E accussì faccio, che ve credite! Trovo nu eccentrico, me nce metto appriesso, me faccio cuntà quacche cosa e combino la novella. E se capisce! Comme se po’ fà, scusate, na novella ‘o juorno? E po’ che me danno? Tre lire. Che novella s’ha da fa pe tre lire?

Felice       (a Ciccillo) (Aveva pagà ‘a ciaramella che le rimaneva?)

Ciccillo      (a Felice) (Si diverte).

Luigi        N’aggio fatto tre che hanno avuto grande successo in questo mese: <<Il mio povero compagno…>>

Felice       (a parte) (‘O ciaramellaro).

Luigi        <<La vigilia di Natale…>>

Felice       (a parte) (Tre lire e ‘o susamiello).

Luigi        E <<Non torno più>>

Felice       (a parte) (E se capisce!)

Ciccillo     No, queste non le so.

Luigi        Allora ve le mando io, vi mando i giornali, tutti e tre i numeri: 27, 56 e 79.

Felice       (a parte) (‘O terno che pigliaie).

Ciccillo     (a Felice) (Perfettamente). (a Luigi) Grazie tante, l’accetto con piacere.

Carlo        (di dentro, poi fuori). Va bene, va bene, vi servo subito. Ah, non me fido cchiù d’o suppurtà. Ah, carissimo dottore!

Ciccillo     Caro Don Carlo! Il proprietario della pensione, mio zio Felice Sciosciammocca.

Carlo        Carlo Sanguetta, a servirvi.

Felice       Favorirmi sempre. (stretta di mano).

Luigi        Ah, questo signore è vostro zio?

Ciccillo     Sicuro!

Luigi        Luigi De Vita, vostro servo.

Felice       Padrone mio.

Ciccillo     L’ho portato a vedere la pensione.

Carlo        Bravo… e che ve ne pare?

Felice       Bellissima. Un bel palazzo, belle scale, stanze tutte ariose.

Carlo        Ma dovete girare tutto. Ccà nce stanno spise denare assaie.

Felice       Eh, lo so!

Carlo        Io non ho badato a interesse, ho pensato solo alla comodità delle persone che vengono. Qua si trova tutto.

Felice       Ma la pigione è nu poco salata, veramente.

Carlo        Eh, non tanto sapete. A questo sito io non la trovo affatto cara. Seimila lire l’anno.

Felice       (a Ciccillo) (Tu me diciste diecimila).

Ciccillo     (a Felice) (Seimila lire di pigione e quattromila lire acqua e luce elettrica).

Felice       (a Ciccillo) (Ah, bè).

Carlo        C’è la sala da bagno, gabinetto idroterapico, la camera per la ginnastica.

Ciccillo     E lui fa tutto, lui bada a tutto, fa pure da direttore.

Felice       Ah, bravo.

Carlo        Eh, qua, senza di me, caro signore, non se po’ fà niente. E vostro nipote lo sa. Ccà avite che fà cu certi pazze che ve fanno menà da coppa abbascio.E’ vero Don Ciccì?

Ciccillo     Altro che! Nce ne stanno certe che l’avisse vattere, ma nun se ponno vattere.

Carlo        Nun voglia maje ‘o Cielo, pò passà nu guaio!

Luigi        Direttò, io tengo nu poco d’appetito, vorrei mangiare.

Carlo        Aspettate là (indica la porta in fondo a sinistra), nella sala da pranzo e sarete subito servito.

Luigi        Grazie. Na piccola cosa: doie ova, nu poco ‘e mozzarella arrostita.

Carlo        Va bene.

Luigi        Con permesso. Caro Don Ciccillo. (a Felice). Signore…

Felice       Buon Appetito.

Luigi        Grazie. (a parte) (Che bello tipo, quanto me piace!) (via nella porta in fondo a sinistra, guardando Felice).

Felice       (fra sé) (E pecchè me guarda? Che vò da me?)

Carlo        Vi voglio far vedere la sala da bagno. Favorite.

Felice       Ma non c’è nessuno dentro?

Carlo        No, a quest’ora non c’è mai nessuno. Poi vi farò vedere la camera della ginnastica, quella sta al secondo piano.

Felice       Al secondo piano? No, non fa niente… la camera della ginnastica non la voglio vedere. Non me fido ‘e salì scale, capite.

Carlo        Come volete voi. Favorite.

Felice       Ciccì, viene.

Ciccillo     Eccomi qua.

(Carlo fa passare avanti Felice e lo segue alla seconda a destra).

Ciccillo     (fra sé) (Sto una zuppa de sudore! Cielo mio, aiuteme tu!). (Fa per andare).

Scena Quinta

Michelino (dal fondo a destra). Ciccì, stai ccà? E zieto addò l’hai rimasto?

Ciccillo     Mo proprio è trasuto ccà. Se l’è portato Don Carlo, pe le fà vedè la sala da bagno.

Michelino Tu mo proprio hai da scennere nu mumento abbascio all’angolo d’o vico, addò sta aspettanno Don Nicolino ‘o guantaro, arraggiato comme a nu cane. Vò ‘e cinquecento lire che te vincette l’ata sera e nun vò aspettà, manco n’ato mumento. Ha ditto che isso, quanno ha perzo ha pagato sotto ‘o colpo, che bastantemente quanto t’ha aspettato.

Ciccillo     E comme faccio? Chillo zi zio non me l’ha dato ancora.

Michelino E viene nc’o dice tu. Vide si ‘o può calmà. Ha ditto che isso nun è ommo d’essere cuffiato ‘a te. Ha saputo ch’è arrivato zieto ‘a fore e vò saglì cca ncoppa pe parlà cu isso. Io nun saccio comme l’aggio trattenuto fino a mo. Scinne tu nu mumento, vide che le può dicere. Le firme na cambiale cu nu poco d’interesse. Chello che vò isso, basta che se ne va.

Ciccillo     E se capisce.

Michelino Fa ambressa, jamme.

Ciccillo      E zi zio resta sulo?

Michelino Che fa, per dieci minuti! Tu subito tuorne.

Ciccillo     Cielo mio, penzece tu! (via per il fondo a destra).

Carlo        (uscendo a braccetto con Felice). Che ve né pare, dite la verità?

Felice       Ma che m’ha da parè, è una cosa troppo bella! Ma mio nipote, dove sta, scusate.

Carlo        E nun saccio, steve venenno appriesso a nuje. Forse sarà calato un momento.

Felice       E comme le vene ‘ncapa, Me lasse a me solo ccà!

Carlo        E che fa? Quello mo torna. Accomodatevi. (gli dà una sedia).

Felice       (siede). Grazie… e voi non sedete?

Carlo        Io m’assetto? E comme m’assetto, volesse ‘o cielo! Io aggia j, aggia venì, mò ccà, mò llà… non tengo mai nu mumento ‘e tiempo. Mo, se lo gradite, ve voglio fa provà ‘o cafè che faccio io. Vi assicuro che non se trova a nisciuno parte. Me lo manda Don Michele Pizzicato. Caffè magnifico, superiore a tutti i caffè!

Felice       Grazie tante.

Carlo        (chiamando). Carmela, Carmela ! Sono stato troppo ardito veramente. E’ una cosa da niente, accetterete il pensiero. (chiamando più  forte). Carmela, Carmela!

Carmela   Comandate. (dal fondo a destra).

Carlo        Fa na bona tazza ‘e cafè e portala subito al signore.

Carmela   Va bene. (via)

Felice       Chesta è na cameriera?

Carlo        Sissignore, una buonissima giovine, svelta, faticatora, onesta. Sta con me da tre anni.

(Di dentro suona il campanello del telefono).

Carlo        Na chiamata al telefono. Che v’aggio ditte? Pozzo stà assettato? E’ impossibile. Permettete, scusate. (via fondo a destra).

Felice       (alzandosi). Oh, che nce faccio mo io ccà. Chillo cancaro ‘e Ciccillo addò è ghiuto?

Scena Sesta

Amalia     (Uscendo parla internamente). Viene, cammina, nun te mettere scuorno. Rosì, nun fà chesto che t'azzecco nu pacchero, vì. Cammina. (prende per mano Rosina). Ecco qua mia figlia.

Felice       (scostandosi) Tanto piacere.  

Amalia     Questo signore è lo zio di Don Ciccillo il medico. Accomodatevi, prego.

Felice       Grazie tante. Ma io vado di fretta, capite.

Amalia     E nu momento, chesto che cos’è! Non possiamo aver l’onore di fare quattro chiacchere con voi? Vi dispiace forse?

Felice       No, anzi, mi fa tanto piacere. (siede e guarda in fondo).

Amalia     Vostro nipote dove è andato?

Felice       Sta qua, fuori alla scala. Mo viene.

Amalia     Che volete, noi quando vediamo delle persone simpatiche, ci fa piacere di parlarci. Qua, in questa pensione non si può dire una parola con nessuno. Sò tutte pazze. E poi superbe, fastidiose, melanconici, gente intrattabile. Mia figlia, poveretta, passa la sua vita a leggere. E legge sempe. Che deve fare? Sta sempe sola, la sua compagnia sono io, è vero? (a Rosina) (Dì quacche cosa).

Rosina     (ad Amalia) (Parlate vuje, che parla a fà io).

Amalia     (a Rosina) (E parlo semp’io?)

Rosina     (ad Amalia) (E che vulite ‘a me? Io ve l’aggio ditto che me mettevo scuorno).

Amalia     (a Rosina) (Ma ‘e chesta manera te pigliane pe muta, pe scema. ‘O capisce o no?) (Le dà un pizzicotto).

Rosina     (gridando) Ah, Stateve soda! (piange)

Amalia     Eh, scusate, abbiate pazienza. Ma chesta s’ha da ‘mparà. L’aggio dato nu pizzico, embè. Nun vò mai parlà, se mette scuorno ‘e tutte cose. Me fa sentere nu corrivo che non potete credere. Certi momenti l’accidarria. (vedendo che Felice si alza). Dove andate?

Felice       Volevo chiamare mio nipote.

Amalia     E quello mò viene. Accomodatevi. Così bella, così carina e deve tenere questo maledetto difetto, mentre che poi è tanto svelta, tanto allegra. (a Rosina che piange). Zitta, basta.

Rosina     Mo, quando me metto ‘a veste scollata, se vede ‘a mulignana vicino al braccio.

Amalia     E che fa? E’ una molignana che ti ha fatto tua madre. Nessuno ti può dire niente, perché è una molignana onesta.

Rosina     (ridendo). Molignana onesta, ah, ah.

Amalia     L’ho fatta ridere, avete visto? Io le voglio tanto bene, ma certe volte me fa toccà e’ nierve. D’altra parte, poi, il non parlare, l’avere soggezione di tutto è un difetto, per una ragazza. Che ne facite ‘e sti capallerte, sti spiritose di oggi giorno? Per essere troppo svelte e allegre, diventano civette scostumate. Non è così?

Felice       Oh, certamente.

Amalia     Pss, basta mò. (Rosina cessa di ridere).

Carmela   (esce con cabaret, caffettiera e tazza). Ecco servito.

Felice       Ah, il caffè bravo… (Carmela versa il caffè).

Carmela   (Piano a Felice). (Signorì, non la date retta a chesta, nun nce perdite ‘o tiempo).

Felice       (a Carmela) (Pecchè?)

Carmela   (a Felice) (Pecchè dice sempe ‘o stesso. So’ doie pazze, essa e ‘a figlia).   

Felice       (a Carmela) (‘O saccio).  

Amalia     (a Rosina) (Chisto è ricco assai, sarria nu buono partito per te).

Felice       (prendendo la tazza) Posso offrirvi?

Amalia     Grazie adesso l’ho preso.

Felice       (a Rosina). E voi?

Rosina     Grazie, non ne voglio.

Amalia     Dice così pe cerimonie. Le piace tanto il caffè. (a Rosina) Ma non si dice: non ne voglio. Se ne accetta un sorso. Dateme qua. (prende la tazza dalle mani di Felice e la porge a Rosina).

                   (Carmela via)

Felice       (fra sé) (Stateve bene! Mo chella nce sputa da dinto e io nun m’o piglio cchiù).

Amalia     Ecco, se ne ha preso due sorsi.

Felice       Bravo… (beve il caffè).

Amalia     A voi, scusate, come vi piacciono le donne? Serie, positive, sostenute o allegre e spiritose? Dite la verità.

Felice       Veramente, preferisco quelle quiete, tranquille, positive.

Amalia     Bravo, come mia figlia, per esempio. E dove la trovate più quieta, più tranquilla e più positiva di questa? Questa non fa chiacchiere, vedete, quando ha detto una cosa, quella deve essere. Non perché è mi è figlia, ma io dico sempre: beato quell’uomo che se la sposa, si mette vicino un angelo di bontà.

Felice       E pure di bellezza.

Amalia     Grazie tante. (a Rosina) Rispondi.

Rosina     Grazie tante.

Amalia     L’altra bella cosa che tiene poi, che non va appresso ai giovinotti come fanno tutte le ragazze della sua età. Niente affatto. Essa dice sempre: <<Mammà, io se mi debbo maritare, mi voglio prendere un uomo di una quarantina d’anni, pecchè saccio certo che me vò bene e non me fa piglià collera>> E dice bene, io l’approvo.

Felice       E io pure.

Amalia     Per esempio, che fortuna sarebbe per lei se trovasse uno come voi… ah, io glielo darei a cento mani.

Felice       Oh, sarebbe troppo onore per me.

Amalia     Per carità, l’onore sarebbe nostro. Rosinè, te piaciarria nu marito come questo signore?

Rosina     Oh, sicuro, è tanto simpatico!

Amalia     Guardate che combinazione! Ma allora, se volete, questo è un matrimonio che si può fare. Essa vi piace, voi le siete simpatico, io sò contenta. Mi pare che non ci sia nessuna difficoltà.

Felice       Oh, questo è certo! E allora va bene.

Amalia     Acconsentite?

Felice       Io? Sicuro, con tutto piacere.

Scena Settima

Errico       (di dentro) Cameriè, nu bicchiere d’acqua. (gridando fuori). Cameriere!

Amalia     (fra sé) (Justo mò stu seccante). (a Felice). Noi ce ne andiamo, pecchè mo nun putimmo parlà cchiù. Domani combineremo tutto.

Felice       Va bene. (Fra sé) (E stai fresca!)

Amalia     A rivederci!

Rosina     A rivederci!  

Felice       Vostro servo.

(Amalia e Rosina viano seconda porta a sinistra).

Felice       Chisto mo chi è? Ma chillo cancaro ‘e Ciccillo addò è ghiuto?

Errico       (gridando) Cameriere! Puozze sculà! Io non capisco che razza ‘e casa è chesta. ‘E campanielle non soneno, ‘e cammariere non te danno retta. Sarria meglio si ‘a chiudessene sta pensione. Che sta aperta a fa? Ma già chille fanno accussì cu mmico, perché nun so’ ricco e non me ponno scortecà buono comme fanno cu l’ate. Ma si non sò ricco però, sò n’artista e m’avita rispettà. (gridando al fondo). Avete capito? Pecchè si non me rispettate, me faccio rispettà, ve metto a dovere a tutte quante. (a Felice) Buongiorno, signore.

Felice       (spaventato) Buon giorno.

Errico       Scusate,se ho gridato un poco, ma non sò io, so’ ‘e niervi. E’ n’ora che aggio cercato nu bicchiere d’acqua e nun ‘o pozzo avè. (gridando) Porcheria, chesto non se vede a nisciuna parte! Aggio obbligazione a Raffaele che m’ha fatto venì ccà.

Felice       (fra sé) (Va trova chi è stu Raffaele).

Errico       Con chi ho l’onore di parlare?

Felice       Felice Sciosciammocca di Roccasecca.

Errico       Tanto piacere. Perché vi scostate? Pare che ve mettite paura di me.

Felice       No, ma state così arrabbiato!

Errico       E che c’entrate voi? Errico Pastetta professore di violino e direttore d’orchestra.

Felice       Ah, Bravo.

Errico       E voi abitate pure qua?

Felice       Io no, io sto al villino De Rosa, qua a Mergellina. Sono venuto a parlare col direttore per un affare… e siccome ci ho parlato… mò me ne vado. (per andare)

Errico       Aspettate nu mumento, scusate. Avete detto che siete di Roccasecca?

Felice       Sissignore.

Errico       Bravo. Allora mi potete dare notizie del maestro di musica Don Attanasio Pascone, grande amico mio.

Felice       Pascone? Non lo conosco.

Errico       Come, non lo conoscete. Quello mi disse che era di Roccasecca, suonava l’organo.

Felice       Sonava l’organo…

Errico       Ricordatevi bene.

Felice       Don Attanasio Pascone suonava l’organo? Ah, sicuro! E quello morì.

Errico       Morì? Oh, quanto me ne dispiace… e mò l’organo chi ‘o sona?

Felice       Io…

Errico       Voi?

Felice       Si, io, ho preso io quel posto.

Errico       Ma allora siete maestro di musica?

Felice       Sissignore.

Errico       E per conseguenza, dovete suonare bene il pianoforte?

Felice       Magnificamente. Permettete. (per andare)

Errico       Aspettate, non andate di fretta, non mi private della vostra bella compagnia, caro collega.

Felice       (fra sé) (Aggio passato ‘o guaio).

Errico       Che infame professione è la nostra, dite la verità!

Felice       Oh, terribile. (fra sé)  (‘E pazze s’hanna secondà sempe!)

Errico       Nessuno apprezza veramente il nostro ingegno, il nostro valore. Siente dì, chi è chillo? E’ nu sunatore… sona nu strumento. Comme fosse na cosa ‘e niente! Ma non sai tu, imbecille, cretino, che sangue si è buttato pe sapè sunà. Io vedete, vengono certi momenti che vularria abbrucià ‘o violino, l’arco, la bacchetta, tutte cose.

Felice       E io? Io pigliasse l’organo e ‘o menarria abbascio. Spezzarrie tutte ‘e corde.

Errico       ‘E corde? Del pianoforte?

Felice       Già, del pianoforte.

Errico       L’organo tiene le canne che col mantice danno il suono.

Felice       Lo so. Spezzarria tutte cose, mantice, canne, corde, tutto.

Errico       Non c’è incoraggiamento.

Felice       Ma che! Sacc’io che aggio passato cu l’organo!

Errico       Ma il vostro è a pedale o v’hanna tirà ‘e mantice?

Felice       M’hanna tirà ‘e mantice, che questo è il guaio.

Errico       Allora è antico?

Felice       Antichissimo. (fra sé) (Si me ne putesse scappà).

Errico       Ve ne vulite scappà? E pecchè?

Felice       No… aggio ditto si me ne potesse scappà da Roccasecca, pe nun sunà cchiù l’organo, comme sarria contento.

Errico       (fra sé) (Sangue ‘e Bacco!…Chisto faciarria proprio pe me.) (guarda Felice attentamente).

Felice       (fra sé) (Oh, mamma, ajutame tu!)

Errico       Diciteme na cosa. Siete solo?

Felice       Io? Sissignore. 

Errico       Non avete moglie, figli, sorelle?

Felice       Nossignore.

Errico       Siete disposto di venire con me all’estero? Andremo in Spagna, in Francia, a Londra, in America. Faremo dei concerti di violino e pianoforte. Ci basterà un anno di giro. Nce purtammo ‘e denare con la pala, che ne dite?

Felice       Come volete voi.

Errico       Io pure so’ solo, non tengo nessuno. Che nce aspettammo? Voi farete fronte alle spese di viaggio e poi ve le tenete dall’incasso.

Felice       Va bene.

Errico       Accettate?

Felice       Accetto.

Errico       Bravo. Allora partimmo dimane matina.

Felice       Dimane matina.

Errico       Nce fermammo na jurnata a Roma e là facimmo striscioni, manifesti, reclame, tutto.

Felice       Perfettamente.

Errico       Mo me vaco a preparà tutto cose e torno. Non me movo cchiù da vicino a vuie.

Felice       (fra sé) (Eh, stai frisco!)

Errico       Permettete nu mumento. Quanto m’è piaciuta sta cosa a tambur battente.

Felice       A tambur battente!

Errico       (vicino alla sua porta) Audaces fortuna juvat. (via).

Felice       C’ha ditto? Addò vaie c’a fortuna te vatte. (ridendo). Ah, ah, ah. Ma sentite! Uno se mette paura, sì, ma po’ te fanno ridere, pecchè sò cose curiose. Me vò purtà cu isso all’estero, nun se vò movere cchiù da vicino a mme. Non voglia maie ‘o Cielo, passarria nu bello guaio… Già, chillo, a n’ato ppoco non se ricorda niente cchiù… (in fondo). Cameriè… Direttò… Mamma mia, Chi è?

Scena Ottava

Raffaele   (dal fondo a sinistra. E’ in maniche di camicia, tiene un grosso involto fra le mani. In testa ha una parrucca nera riccia, messa tutto al contrario. Nella mano destra porta un elmo, indossa i pantaloni da guerriero). Stu vestito ccà me sta buono, mo me vaco a misurà chillo dell’ultimo atto. Buongiorno, signore, scusate come mi presento perché mi sto misurando certi abiti che mi hanno portato. Gli abiti di Otello. Io sono filodrammatico e domenica debutto come artista. Non avrei bisogno, veramente, perché io sto bene, mio fratello non mi fa mancare niente, ma c’aggia fa, l’arte mi ha fatto perdere la capa… m’ha fatto ascì pazzo.

Felice       (fra sé) (Chisto s’o conosce, meno male).

Raffaele   Che bella cosa! E specialmente poi quanno uno riesce na celebrità. Per esempio come Salvini, Zacconi… Che soddisfazione, che piacere. Quanno uno fa na scena bella, forte, vibrata, nu finale d’effetto… quattro, cinque chiammate… è na cosa ‘e morì. No, ma io domenica m’e piglio quatte, ne so’ sicuro. Ma voi chi siete scusate?

Felice       Felice Sciosciammocca a servirvi.

Raffaele   Favorirmi sempre. E abitate qua?

Felice       No, sono venuto poco prima con mio nipote, per vedere questa pensione.

Raffaele   Bravo. Io vi dico il nome che porterò in arte: Eugenio Ardore.

Felice       Tanto piacere!

Raffaele   Me parene mill’anne che vene domenica. Non sto dormendo cchiù. La parte me l’aggio ‘mparata a mente, m’aggio studiato tutte ‘e mosse, ma tengo nu palpito che non potete credere. Io però mi salvo con la figura e con la voce. Per esempio, quando Otello è chiamato dal Doge al Senato. (recita): <<Illustri e venerandi patrizi, che io tolsi la figlia a quel vecchio è vero… ma è pur vero che la sposai. E in ciò sta tutta la mia offesa. Rozzo è il mio linguaggio, poiché dall’età di sette anni infino ad ora la mia vita sui campi passai e nelle guerre. Inetto sono a parlare altro linguaggio che di guerra non sia. Inetto sono a parlare in mia difesa>> Che? Che voce!

Felice       Magnifica. (fra sé) (Oh pover’ommo! E chisto nun se n’esce cchiù ‘a ccà dinto).

Raffaele   Il finale del quarto atto poi, la voce cambia, diventa dolce e tremante. Dopo la scena terribile con Desdemona che la crede colpevole, dice:<<Vi chiedo perdono. Vi aveva creduta quell’astuta veneta cortigiana che per amore fuggì dalla casa paterna e si fece sposa di Otello… Entra Emilia. (Felice guarda intorno). E voi, voi madonna, voi che esercitate l’ufficio opposto di San Pietro, poiché (forte) spalancate le porte dell’Inferno… Vedete… abbiamo finito… Eccovi dell’oro… prendete… Si è il vostro compenso… chiudete a chiave e mantenete il segreto>>. (fa il fischio come quando si abbassa la tela) Ccà, ritenete, doie chiammate nisciuno m’e leva. L’ultima scena mi fa stà nu poco ‘mpensiero pecchè nun me l’aggio studiata ancora bona. Quanno va vicino ‘o lietto e soffoca ‘a mugliera. Ma fino a doppo dimane tengo ‘o tempo.

Felice       Ah, si capisce.

Raffaele   Voi domenica a sera mi venite a sentire?

Felice       Dove?

Raffaele   Al Teatro San Ferdinando.

Felice       Ah, sicuro.

Raffaele   Che volete, nu palco o na poltrona? Francamente, senza cerimonie.

Felice       Sarebbe meglio un palco.

Raffaele   Venite con la famiglia. Bravissimo! Allora ci vediamo qua. Domani mattina vi faccio trovare un palco in seconda fila.

Felice        Perfettamente… Me lo portate qua, io vengo e me lo piglio.

Raffaele   Va bene, vi servirò. Permettete, me ne vaco a misurà l’ato vestito, quello dell’ultimo atto.

Felice       Fate il comodo vostro.

Raffaele   Ci vedremo domani.

Felice       Domani, sissignore.

Raffaele   E domenica sera, vi raccomando. (con le mani fa il segno dell’applauso).

Felice       (fra sé) (‘O piglio a pacchere). (a Raffaele) Va bene.

Raffaele   Grazie tante. (Via seconda porta a sinistra).

Felice       ‘A verità era meglio che non nce veneva… ccà si stongo n’atu ppoco, esco pazzo pur’io. (si volta e vede Luigi che esce dal fondo a sinistra). ‘O zampognaro.

Luigi        Scusate, è permesso farvi una domanda?

Felice       E’ impossibile, vado molto di fretta.

Luigi        Cinque minuti solamente. Volevo sapere: è la prima volta che venite a Napoli?

Felice       Sissignore, la prima volta.

Luigi        E vostro nipote v’ha portato a vedere questa pensione?

Felice       Sissignore.

Luigi        Bravo. Voi gli volete bene assai a Don Ciccillo, è vero?

Felice       Assai, perché se lo merita. E voi pure l’avita vulè bene, l’avita obbedì, avita fà tutto chello che dice isso. Perché certamente si chillo povero giovine spenne tanta denare ccà ‘ncoppa, lo fa per voi, per la vostra salute.

Luigi        Per la mia salute?

Felice       Si capisce. E quanto prima ve ne venite tutte quante a Roccasecca, dinto a nu bello palazzo, fabbricato appositamente per voi. A quell’aria, bastano due mesi pe ve fa tornà a casa vostra, buono, ragionevole e non farvi dire più sciocchezze.

Luigi        (fra sé) (Sangue di Bacco, aggio capito! Chesta ha da essere quacche ‘mbroglia che ha combinato Don Ciccillo). (a Felice) Ah, sicuro, dite bene.

Felice        Là, po’, a Roccasecca, potete fare pure quacche novena, nessuno ve l’impedisce.

Luigi        Quacche novena?

Felice       Sicuro. Così per divertimento, perché voi adesso non avete bisogno… pigliasteve ‘o terno.

Luigi        Io pigliaie ‘o terno? Quanno mai!

Felice       Eh, quanno mai! Ricordatevi bene 27, 56 e 79… me l’ha detto appunto mio nipote, il vostro medico.

Luigi        (fra sé) (Che piezzo d’assassino! Ma chesta è na cosa troppo bella. Cu chisto argomento io faccio na cosa scicca assai: Novella umoristica- Il medico imbroglione).

Scena Nona

Maggiore  (di dentro gridando) Cameriere, cameriere! (fuori). Servitore, sguattero, facchino! Vene sta presa ‘e cognac, sì o no? E’ mezz’ora che sto aspettanno. Quella bestia del direttore dove sta? (Gridando) Cameriere!

Carmela   (esce con bottiglia di cognac e bicchierino in cabaret). Subito, ecco servito. (porge il cabaret, stendendo la mano spaventata).

Maggiore  Finalmente! Nce vonno ‘e cannonate pe ve fa sentì, a vuje!

Carmela   Dovete scusare, io stavo…

Maggiore  Zitto, basta, non voglio sentì niente! Me parene mill’anne che me ne vaco ‘a ccà ‘ncoppa. Mi avete stancato. (beve). Io non sò abituato a dì na cosa tre vote. Pe chi m’ha pigliato ‘o direttore. Dincello che stasera me ne vaco. Hai capito? Hai capito?

Carmela   Va bene. (fra sé) (Vì quant’è brutto! Puozze sculà!)

(via fondo dal fondo a destra).

Maggiore  (beve). Che razza di pensione è questa. Che modo di agire!

Luigi        (piano al Maggiore). Maggiò, vi debbo raccontare una cosa graziosissima.

Maggiore  (gridando) Amico, non voglio sentì niente, lasciateme stà!  

Luigi        Eh, e che maniera è la vostra!

Maggiore  E che maniera e maniera! Scusate, voi da stamattina me state levanno ‘a salute, e lasciatemi in pace una volta. Nun me zucate cchiù! M’avete fatto centomila domande, ve site miso appriesso a me comme a nu cane… e che diavolo, non tenete proprio educazione!

Luigi        No, Maggiò, io per regola vosta l’educazione ve l’imparo.

Maggiore  A me? Voi imparate l’educazione a me?

Luigi        A voi, sì.

Maggiore  Sta bene… ci rivedremo.

Luigi        Quando volete voi. Io sto qua, in questa casa a vostra disposizione.

Maggiore  Siamo intesi.

(Luigi, via fondo a sinistra).

Maggiore  Isso è ommo ‘e ‘mparà l’educazione a me! Te voglio fa vedè chi songh’io. (gridando) Carogna, vigliacco!

Felice       Zitto, stanno venenno duje Maste Giorgio, fuitevenne.

Maggiore  Duje Maste Giorgio! Me ne fuio? E che m’avito pigliato pe pazzo. Sono pazzo io? Questo è un grande insulto! Chi mai ha avuto l’ardire di chiamarmi pazzo! Me ne darete soddisfazione e subito… Chi siete voi? Come vi chiamate voi?

Felice       Felice Sciosciammocca.

Maggiore  Sta bene! Signor Felice Sciosciammocca, noi ci batteremo alla pistola. Dentro ne tengo due, belle cariche. Andremo nella Villa Nazionale, viale a sinistra, vicino all’Aquarium… Facciamo lesto lesto… non ve movite ‘a ccà. Dimane po’ me spiccio a cchill’ato. (via a destra prima porta).

Felice       Eh, stai frisco! Mo me ne vaco. Chi nce vò stà cchiù ccà ncoppa! (vedendo Carmela che passa dal fondo a sinistra, seconda porta). Bella figliò, accompagneme fino abbiscio ‘o palazzo, bella figliò… Cameriè! (la segue).

Scena Decima

Michelino (dal fondo a destra). Ma guardate che combinazione! Ciccillo s’è appiccicato cu Don Nicolino e s’hanno date nu sacco ‘e mazzate, sò currute ‘e guardie, e l’hanno portate a tutte e duje ncoppa ‘a Questura. Comme cancaro se fa! (guardando a sinistra) Che veco! ‘O vì ccà ‘o zio! E chisto sape che io so pazzo! (si alza il bavero e si arruffa i capelli).

Felice       (uscendo). Niente, nun m’ha voluto accompagnà. (voltandosi vede Michelino). ‘O tenore, ‘o pazzo p’a musica. (gridando). Direttò, Direttò!

Michelino (si fissa, poi canta la Traviata, finale terzo atto “Oh, ciel, che feci” fino a “Rimorso n’ho, ah, padre mio”. (vuole abbracciare Felice).

Felice       Direttò. Quaccheduno!

Errico       (uscendo con involto e cassetta di violino). Che cos’è, che è successo? Chi siete voi?

Michelino Chi sono? Non posso dirlo. Perché lo volete sapere?  (a Felice) A voi, usciamo di qua!

Errico       Non avete paura, maestro, vi difenderò io.

Maggiore  (uscendo con due pistole). Eccomi qua. Signore, io sono pronto. Andiamo nella Villa!

Felice       (gridando). Direttò! Direttò! (fugge per il fondo a destra. Maggiore, Errico e Michelino lo seguono).

Amalia     (uscendo spaventata con Rosina). Che è stato? Pecchè corrono da chella parte?

Rosina     Ch’è succieso, mammà?

Amalia     Jamme a vedè. (viano nel fondo a destra)

Luigi        (dal fondo a sinistra). Che so’ st’allucche? Ch’è stato? (via fondo a destra).

Carlo        (uscendo fondo a sinistra). Che diavolo succede ccà bascio, se sentono ‘e strille dal secondo piano.

Felice       (dal fondo a sinistra). Se so’ scatenate tutte ‘e pazze, facitele attaccà. (fugge nella seconda porta a destra).

Carlo        Quà pazze? Chi songo ‘e pazze. (via fondo a destra).

Scena Undicesima

Raffaele   (con abito dell’ultimo atto di Otello, con grossa parrucca nera riccia, ha il volto annerito dal sughero, la sciabola sguainata, con voce bassa). << Essa è llà che dorme… Non vorrei versare il suo sangue… Ma pur… deve morire! Un bacio, ancora un bacio… e sia l’ultimo! (entra nella porta di fondo nel mezzo e chiude la portiera).

Felice       (uscendo terrorizzato). Pe ‘ddò putarria scappà? Mo me moro d’a paura! Mannaggia ‘o momento che nce so’ venuto ccà ‘ncoppa! (si volta). Diretto!

Raffaele   (apre le due portiere e caccia la sola testa) Chi è?

Felice       Mamma mia, Ajutame! (cade svenuto su di una sedia, grida di tutti internamente).

(cala la tela)

FINE DEL SECONDO ATTO

ATTO TERZO

Camera con quattro porte laterali ed una nel fondo. Mensole, tavolini, poltrone e sedie. Nella serratura di ogni porta è inserita una chiave.

Scena Prima

Bettina     (parlando alla porta a sinistra). Va bene, va bene, aggio capito. Metto doje tavole separate. (ridendo). Ah, ah, comme sò curiuse sti cafune che sò venute st’anno! Me sto facendo nu sacco ‘e rise. Aieressera ‘a mugliera s’appiccicaie c’o marito, pecchè se ritiraie tarde e stanotte hanno dormito divise. Mo m’ha ditto che manco a tavola ‘o vò vedè.

Ciccillo     (dal fondo). Bella figliò!

Bettina     Chi è? Favorite.

Ciccillo     Non nce sta nisciuno? Michelì, trase.

Michelino  (esce con precauzione). Aggia fà ‘o pazzo o no?

Ciccillo     No, no, trase. ‘O zio che sta facenno?

Bettina     Sta dormendo dinto a ‘o salotto, ‘ncopp’ o divano.

Ciccillo     ‘Ncopp’ o divano? E pecchè?

Bettina     Pecchè aieressera se ritiraie tarde e ‘a mugliera nun ‘o vulette manco vedè.Se chiudette ‘a dinto nzieme c’a figlia e s’addurmette. Ma chella vecchia è terribile, sapite! Comme s’ha jette a spusà zi zio, che diavolo! Femmene non nce ne stevene cchiù?

Ciccillo     S’a spusaie p’e denare. Chella portaie ‘e dote quattrocentomila lire.

Bettina     Ah, mò aggio capito! La vecchia è ricca. E che ne fanno tanta denare? Sò tre perzune.

Michelino  Bella mia, nce sta ‘o nepote che và pe quinnice, se magna tutte cose isso.

Ciccillo     Statte zitto! Pe chi me faie piglià.

Bettina     A proposito, signorì, a me l’affitto chi me l’ha da pagà, vuje o ‘o zio vuosto?

Ciccillo     Te l’hanno pagà loro. Chesto che cos’è? E che c’entro io? Io l’aggio proposto ‘a casa, ma loro nce sò venute ad abità.

Bettina     E va bene. Allora dongo ‘a ricevuta a zi zio.

Ciccillo     Non c’è da dubitare, sai.

Bettina     Ma no, non è affatto per dubitazione. ‘E padrone mieie, quanno vanno ‘a villeggiatura e affittene sta casa, vonno conoscere a me. Io l’aggia rispondere ‘e tutto cose.

Ciccillo     Ho capito.  Nun nce penzà.

Michelino  Ma vuje, me pare che site ‘a portinaia.

Bettina     Sissignore, tengo ‘a cammera mia vicino ‘o canciello d’o giardino. Quanno po’ s’affitta sta casa, me presto a fà quacche servizio, arricetto ‘e cammere…

Michelino  Ah, perciò state ccà?

Bettina     Sissignore. Io vaco fore, si me volite, chiammate. Permettete.

Michelino  Fate, fate.

(Bettina via dal fondo)

Michelino  Ciccì, fa ambressa, parla cu zieto, ammenta n’ata ‘mbroglia p’o fatto d’airessera e fatte da ‘e cinquecento lire p’e purtà a Don Nicolino, si no chillo te vatte n’ata vota, te prevengo.

Ciccillo     Me vatte? E che me vattette airessera? Io le chiavaie tre pacchere che s’è ricorda fino a che more. ‘O facette avutà tuorno, tuorno… e fortunatamente che se mettetteno gente p’o miezo, e m’o levaiene ‘a mano, si no ‘o struppiave buono.

Michelino  Ah, neh? E sotto all’uocchie che tiene?

Ciccillo     Ah, ccà? Fuie nu punio. Uno me ne dette.

Michelino  Uno? Io me credeva cchiù assai.

Ciccillo     No, uno, e allora fuie c’o dette ‘ncuollo.

Michelino  Ah, aggio capito… E io passaie chillo guaio! Mentre tu stive alla Questura, jette ‘ncopp’a Pensione e me venette zieto ‘e faccia. Regolarmente avetta fà ‘o pazzo. Ascettene ‘a gente, se spaventaiene e nce mettettene a fuì tutte quante.

Ciccillo     Guardate che combinazione! Ma zi zio nun appuraie niente?

Michelino  No, pecchè se ne scappaie, nun ‘o truvaieme cchiù.

Ciccillo     Meno male. Basta, Michelì, viene a n’atu poco e te faccio truvà ‘e cinquecento lire.

Michelino  Te raccomanno.

Ciccillo     Non nce penzà!

(Michelino via dal fondo).

Ciccillo     Ah, ‘e rine, nun me pozzo adderezzà. Eh, nu punio! Chille fuiene  na ventina, mannaggia l’arma d’a mamma! Mo siente a zi zio che se fa afferrà, c’ho rimanette sulo là ‘ncoppa! Eh, ma io tengo già pronta ‘a scusa se l’ha da credere afforza! (via  nella seconda porta a destra).

Scena Seconda

Concetta   Niente, è inutile, nun me faccio capace… A me nun me ‘mbroglia. Se crede ch’è venuto a Napole a fà ‘o farenello, a ghì currenno ‘a ccà e ‘a llà. Ma io attacco curto, però, io ‘o lasso e me ne vaco. Airessera se ne venette a chell’ora, stunato, rimbambito, cu na faccia bianca bianca, nun puteva accucchià na parola.

Margherita Ma vuie nun le disteve ‘o tiempo ‘e parlà.

Concetta   E se sape, pecchè io so’ femmena che capisco assai. A me nisciuno me ‘mbroglia. Va trova addò jette che fuje trattenuto e venette ‘e chella manera ccà. Po’ venette sulo, senza ‘o nepote. Pecchè Ciccillo nun steva cu isso? Quanno tu nc’addimmannaste, te ricuorde, isso dicette che non sapeva niente, che non sapeva addò steva. Svergognato, perciò voleva venì sulo a Napole! Perciò non me voleva portà!

Bettina     Signò, fore nce sta na femmena che vò parlà con don Felice.

Concetta   Con don Felice? E chi è?

Bettina     Ha ditto che se chiama Amalia Strepponi, sta ‘nzieme cu na bella figliola.

Concetta   Cu na bella figliola? E che vò da maritemo?

Bettina      Signò credo che ha da essere nu sbaglio, pecchè quanno io l’aggio addimmannato chi era, essa ha ditto: << Dite a don Felice che sono la madre della sua fidanzata e ho portato con me anche la ragazza>>.

Concetta   Tu che dice?

Margherita Oh, mamma mia!

Concetta   T’ha ditto proprio accussì?

Bettina     Proprio accussì!

Concetta   Ah, infame, scellerato, galiota! ‘O diceva io che quacche cosa nce steva sotto! A Napoli non è venuto p’o nepote, è stata na scusa. Ah, piezzo d’assassino. Io però, aggia fingere, aggia vedè chi è sta donn’Amalia Strepponi, chi è sta fidanzata. E po’ doppo parlammo. Mo dico che io songo ‘a sora e Don Felice e che tu me sì nepota, hai capito?

Margherita Va bene!

Concetta   Falla trasì.

Bettina     (alla porta in fondo). Signò, favorite.

Amalia      (uscendo con Rosina). Grazie. Buongiorno signora.

Concetta   Buongiorno.

Rosina      Buongiorno.

Concetta   Voi, signora, volete parlare con don Felice?

Amalia      Sicuro. Se sta comodo, però.

Concetta   In questo momento, vedete, non si può parlare, sta facendo il semicupo caldo per certi dolori che le so’ venute stamattina al basso ventre.

Amalia      Oh, mi dispiace… Ma che ne soffre?

Concetta   Sì, da molto tempo soffre di appendicite. Ma voi potete parlare con me, è lo stesso.

Amalia      Forse voi siete la madre?

Concetta   No, sono la sorella… la sorella più grande, e questa ragazza mi è nipote.

Amalia      Ah, bravo.

Concetta   Accomodatevi, vi prego. (Bettina da le sedie e via ridendo).

Amalia      Grazie. (seggono). Ecco qua, signora mia, si tratta di un matrimonio. Un matrimonio combinato così, come si dice: Frienno magnanno. Ieri abbiamo avuto l’onore di conoscere a don Felice, lui ha visto mia figlia e l’è piaciuta. Mia figlia l’ha trovato simpatico e ci siamo subito intesi. Io come madre, figuratevi, ho un gran dolore staccarmi da lei, ma trattandosi di un uomo serio, positivo, non vorrei perdere tempo e sono venuta per combinare, tutto lesto lesto.

Concetta   Ah, sicuro. E perché si deve perdere tempo? Una volta che vostra figlia piace a mio fratello, mio fratello piace a essa, se po’ fà tutto cose con la massima sollecitudine, con tutta la fretta possibile.

Amalia      Voi ne avete piacere?

Concetta   Io? Ma vi pare. E’ stata na cosa che m’ha fatto assai piacere! Non potete credere quanto so’ contenta!

Margherita Ma scusate, signò, fosse nu sbaglio, questo don Felice che voi dite? Che cognome tiene?

Amalia      Ah, il cognome? Sciosciammocca.

Concetta   Sciosciammocca, sissignore.

Amalia      Non è Napoletano, è di Rocca…

Concetta   Secca… di Roccasecca.

Amalia      Perfettamente.

Concetta   Perfettamente. E’ lui, è proprio lui, è mio fratello. (s’alzano). Signò, scusate, trattenetevi con vostra figlia un momento in questa camera (indica la prima a sinistra). Io adesso lo faccio venire subito subito.

Amalia      Come volete. Ma se non gli fa comodo stamattina, possiamo venire domani.

Concetta   No, no, e quello se sa che ve ne siete andate si può prendere collera… favorite… Margarì, và chiamme a Felice, dincello: <<La zia ve vò>> Ma non le fà sapè ch’è venuta sta signora con la figlia, le vulimmo dà na sorpresa.

Amalia      Ah, sicuro.

Margherita Va bene.

Concetta   Favorite, favorite.

Amalia      Grazie. (via a sinistra).

Rosina      Grazie. (via appresso).

Concetta   Hai capito, mò? Non dì niente, fallo venì subito.

Margherita Sissignore.

Concetta   Piezzo ‘e scellerato, voglio fà arrevotà ‘a casa! (via)

Margherita Ma cheste sò cose nove, sapete, chillo è ‘nzurato e se mette a combinà nu matrimonio. Ma niente, non me fa compassione. Nc’o dicevano tutte quante ‘o paese <<Donna Concè, non ve tornate a maretà, che vuie passate nu guaio, ve ne pentite!>> Accussì è stato! Ah, eccolo ccà, mo siente che succere!

Scena Terza

Ciccillo     (portando a braccetto Felice, il quale è pallido). Ma mo comme ve sentite?

Felice       Mo me sento nu poco meglio, ma ‘a capa m’ a sento stunata, pare che stongo dinto a na campana. Tu pazzie, io passai chello poco airessera! Nun saccio comme so vivo! Si non me lassave sulo là ‘ncoppa, non me sarria trovato ‘mmiezo a chell’ammuina.

Ciccillo     Ma pecchè, che succedette?

Felice       Te l’aggio ditto, succedette l’inferno, se revutaiene tutte ‘e pazze, nun saccio comme arrivaie a scappà.

Ciccillo     Embè, che vulite da me… Io avette na chiamata ‘e pressa pe nu consulto e avette correre là là. E mentre stevo tornanno, sciuliaie coppa na scorza ‘e limone e ghiette c’ a fronte ‘nfaccia ‘a rota ‘e na carrozzella. Nun saccio comme nun me schiattaie n’uocchio. Guardate ccà. (mostrando la fronte).

Felice       E bravo, passaieme nu guaio peduno!

Ciccillo     E la zia non ve volette sentere?

Felice       Niente, nun me dette ‘o tiempo ‘e me fà dicere na parola. Appena arrivaje me facetta na cancariata ch’era venuto tarde, po’ se ne jette dinto ‘a  cammera soia e se chiudette ‘a dinto. (a Margherita). E’ vero, è vero? Rispunne.

Margherita (fredda) Sissignore.

Felice       Vì che bella educazione! Già, chillo ‘o padre era negoziante ‘e puorce. Che ne vuò ricavà. Accussì si risponne?

Margherita Accussì voglio risponnere.

Ciccillo     Neh, Margarì, e che significa sta maniera?

Felice       Ciccì, famme rispettà, agge pacienzia.

Ciccillo     (a Felice) (Lasciate fare a me). (a Margherita) Ma capisci che oggi quell’uomo tu lo devi rispettare perché è il tuo secondo padre.

Margherita E perciò lo tratto accussì, pecchè penso che l’aggia rispettà. Si nun penzasse a chesto…

Felice       Me sciaccarria.

Ciccillo     Va bene, chesto ‘o può dicere mo pecchè non sto io in casa e sto pover’ommo sta sulo. Quann’io però me vengo a stabilì a Roccasecca…

Margherita Abbusche…

Ciccillo     Abbusco? Lo vedremo… Quanno vengh’io le cose devono andare diversamente.

Felice       Nun le dà audienza, Ciccì, chella è mozzecutela, non tiene educazione.

Ciccillo     E nce l’imparo io, la metto io a dovere.

Margherita Mammà ve sta aspettanno dinta ‘a cammera. Ha ditto che ghiate nu mumento pecchè v’ha da parlà.

Felice       A me?

Margherita Si, a voi.

Felice       Va bene, adesso vado.

Ciccillo     Zì zì, me vulite dà chelli cinquecento lire che ve dicette pe m’accattà chella macchina?

Felice       Ah, sicuro. Tiene. Chesta è na carta ‘e mille lire. Cambia e porteme ‘o riesto.

Ciccillo      Grazie tante. Mo subito torno. (a Margherita) Con voi, signorina, quando vengo al paese, faremo i conti. (via)

Margherita Va bene.

(Comparisce Concetta).

Felice       Andiamo a vedere mammà che vuole.

Scena Quarta

Concetta   Avete detto bene:<< Andate a vedere mammà che vuole>>. … Vi sta aspettando in quella stanza, è venuta per combinare tutto, per finalizzare tutto. E non vò perdere nemmeno nu minuto ‘e tiempo, vò fa tutto cose lesto lesto.

Felice       Ma chi?

Concetta   Come chi? La madre della vostra fidanzata. E’ venuta per combinare il matrimonio della figlia con voi… Svergognato, assassino, galiota. Ccà nun faccio chiasso pecchè stamme a Napoli e non voglio fà cattiva figura. Ma ‘o paese parlammo. Mo me metto ‘o cappiello, me piglio ‘a robba e ce ne jammo. Appena arrivo manno a chiamà a don Saverio l’avvocato e me voglio spartere. Non te voglio vedè cchiù!

Margherita E se capisce.

Felice       Ma tu che staie dicenno?

Concetta   Che sto dicenno? T’ho faccio vedè io che sto dicenno! Ah, tu avive appezzato l’uocchie ‘ncopp’ e denare mieie, ‘ncopp’ a dota mia, ma ti sbaglie. T’hai fatto ‘o cunto senza ‘o tavernaro. Svergognato, traditore, porco. (via dal fondo a destra).

Felice       Ma io voglio sapere…

Margherita Che vulite sapè, che vulite sapè? Cheste sò cose che non se ponno credere. Comme, uno è ‘nzurato e se mette a combinà n’ato matrimonio.

Felice       Ma co chi?

Margherita Con la figlia di Donna Amalia Strepponi. Jate, ve stanno aspettanno là dinto. Scuorno, scuorno a sta faccia! (segue Concetta).

Felice       Donna Amalia Strepponi? Chesta me pare… (va a guardare alla prima a sinistra) Sangue di Bacco, sissignore… chella è ‘a pazza nzieme c’a figlia… e che hanno fatto? Se ne so’ scappate ‘a coppa ‘o stabilimento? E comme nce l’hanno fatta a scappà? (chiude la porta a chiave). Vuie vedite che guaio c’aggio passato io pover’ommo! E chillo canacaro ‘e Ciccillo che se n’è ghiuto n’ata vota. Mo faccio nu biglietto a don Carlo, ‘o direttore, le dico che curresse subito  ccà, cu duje uommene. (va al tavolino e scrive). “Caro Don Carlo, venite subito in mia casa, al villino De Rosa, e portate con voi due facchini… fate presto. Vi saluto. Felice Sciosciammocca”.  (mette la lettera nella busta e scrive l’indirizzo). “Signor Carlo Sanguetta, Direttore della Pensione Stella, Corso Umberto I°. Urgentissimo”. Mo chiammo a nu guaglione e nc’a faccio purtà. (per andare) Aspè, chelle sò capace ‘e scassà ‘a porta. (Mette un tavolino vicino alla prima porta a sinistra e sul tavolino mette una poltrona).

Bettina     (con foglio in mano) Signò aggio portato a ricevuta… Si state comodo…

Felice         Se ne parla cchiù tarde.

Bettina      Signò che state facenno, ma chedè, ha da ascì a predica?

Felice         Statte zitta, nun te ne ‘ncarricà. Dimme na cosa… tiene na persona che porta stu biglietto?

Bettina     Sissignore, nce pozzo mannà a frateme.

Felice       Bravo… frateto… ma mo proprio. (dà la lettera)

Bettina     Mo proprio, sissignore. (fra sé) (Va trova che poco d’ammuina sarrà succiesa) (via)

Felice       Mo che vene Don Carlo e mette in chiaro la cosa, aggia dà na lezione a chella caurara ‘e patane comme dico io. ‘A voglio fa’ j a correre veramente da don Saverio l’avvocato. Vì che vecchia terribile! Da iere a sera non m’ha dato ‘o tempo ‘e dicere na parola. A n’ato poco ‘a voglio fa’ correre.

Scena Quinta

Raffaele   (di dentro) Va bene, ho capito, grazie.

Felice       Chi è? Mamma mia, Otello! Pure chisto ne hanno fatto scappà!

Raffaele   (uscendo) Eccolo qua. Amico mio, come state? Ancora vi mettete paura de me? E mò non sto truccato, che diavolo! A me me facette piacere assai che vuie ve spaventasteve, pecchè è segno che ‘a parte ‘a facette bona, naturale.

Felice       Ah, sicuro!

Raffaele   Tanto naturale, che ve ne facette fuì. Là tutte quante s’ha pigliaiene cu mmico. Dice che io ve ne facette scappà. Io? E che c’entro io… Vuie ve mettisteve paura, c’aggia fa’. Da mio fratello ho saputo il vostro indirizzo e sono venuto a servirvi fino a qua. V’aggio portato nu palco e quattro biglietti di platea. Chi sa… volete far venire amici vostri. Il palco è di prospetto, seconda fila numero nove. Favorite. Accostatevi, questo che cos’è! Ma di che vi mettete paura? Vedete come è rimasto impressionato. Embè, vuie ve mettite paura? E io n’aggio piacere. L’ata dummeneca, po’, ve faccio sentì Francesca da Rimini. (Declama). << T’amo, Francesca, t’amo e disperato è l’amor mio>>.

Felice       Sentite, vi voglio presentare alla mia signora. Ve la voglio far conoscere. Ne avete piacere?

Raffaele   Oh, vi pare, sarà un onore per me!

Felice         Allora favorite in questa camera, che la vado a prendere e la porto con me.

Raffaele   Sarò veramente fortunatissimo.

Felice       Pochi minuti e saremo da voi.

Raffaele   Fate il vostro comodo.

Felice         (fa entrare Raffaele nella prima a destra e chiude a chiave).Mannaggia l’arma ‘e mammeta! E so’ tre. Chisto è terribile, chisto si se ne và ‘e capa non se po’ tenè cchiù. (prende un tavolino lo mette vicino alla porta e vi siede).

Margherita (uscendo). Che facite assettato lloco ‘ncoppa?

Felice       Niente, me piace ‘e stà assettato ‘ncopp’ o tavolino. Sto cchiù comodo. V’avite sistemato ‘a robba? Site pronte pe partì?

Margherita Se capisce!

Felice       E va bene. A n’atu poco ve voglio fa’ partì comme dico io… ve voglio fa’ partì col diretto, accussì arrivate cchiù ambressa a Roccasecca. Avete capito? Ve voglio fa’ vedè chi è stu puorco, comme ha detto la signora vostra madre e che sò capace ‘e fa’.

Margherita (fra sé) (Mamma mia che brutta faccia c’ha fatto, che brutt’uocchie! Che stesse ascenno pazzo?)

Felice       Dincello a mammeta che nun se movesse ‘a dinto, che mettesse ‘a robba ‘o pizzo suio, e nun me facesse cchiù indisporre. Va, va nc’o dice. Io nun me pozzo movere pecchè tengo Otello dinto a sta cammera e nun ‘o pozzo lascià sulo.

Margherita (fra sé) (Otello? E chi è Otello?)  (a Felice) Ma vuie, scusate…

Felice       Non voglio sentere niente. Andate.

Margherita Eccome ccà. (Via seconda a sinistra guardando Felice attentamente).

Felice       Eh, io, si nun ‘e metto a dovere, cheste oggi o dimane me pigliane a mazzate.

Scena Sesta

Bettina     ‘O biglietto è stato mannato.

Felice       Bravo.

Bettina     Fore nce sta n’ommo che vò parlà cu vuie.

Felice       E chi è? Fallo trasì.

Bettina     (dal fondo) Favorite, da questa parte.

Errico       (con grosso involto, scatola di violino, una piccola canestra, borsa a tracollo, due bastoni ed un ombrello legati che terrà sotto al braccio). Grazie tante. Caro Don Felice. (Bettina via).

Felice       (fra sé) (Pure chisto se n’è scappato?)

Errico       Airessera, chillo pazzo ‘e don Raffaele ve facette mettere chella paura. Cose ‘e cortellate! Io nun ‘o pigliaie a pacchere pecchè ‘o conosco ‘a tanto tempo, è amico mio e non mi conveniva, ma le facette na bella cancariata, però. Sono scherzi che non si fanno.

Felice       E si capisce. (fra sé) (Chisto pure se n’è scappato! E comme faccio!)

Errico       Accussì chillo pazzo d’o Maggiore. Che voleva ‘a vuie?

Felice       E che ne saccio.

Errico       Io steva aspettanno che ve faceva quacche cosa! Le voleva scassà ‘o violino ‘ncapa. Voi non potete credere quanto so’ contento che v’aggio conosciuto. Nun me fidava ‘e stà cchiù ‘ncoppa a chella pensione. Se fa troppo chiasso, troppo ammuina. Io voglio stà quieto, tranquillo. Stamattina zitto zitto, mentre ‘o direttore steva ‘o secondo piano, m’aggio pigliato ‘a robba e me ne  sò scappato senza pagà manco nu soldo.

Felice       Avite fatto buono.

Errico       Dunque, io sò pronto. Partimmo pe Roma c’o treno delle due e cinquantacinque, arrivammo e’ nove, nce jamme a cuccà, dimane nce preparammo tutta ‘a pubblicità: manifesti, manifestini, ritratti, e domenica matina accomminciammo a viaggià. ‘O primmo concerto ‘o damme a Parigi.Comme ve pare?

Felice       Ah, sicuro.

Errico       Vuie site pronto? V’avite fatta ‘a valice?

Felice       Uh, da stamattina. Tengo tutte cose dinto ‘a cammera ‘e lietto. Aspettate nu mumento dinto a stu salotto qua, vedete. (indica la prima a destra). Mo me vesto e vengo.

Errico       Non me facite aspettà tanto. Dinto a sta canestella nce sta nu poco ‘e robba ‘a mangià, facimmo marenna dinto ‘o treno.

Felice       Ah, bravo.

Errico       Ma io non l’aggio accattato, me l’aggio pigliato ‘a coppa ‘a Pensione senza che nisciuno m’ha visto.

Felice       Avite fatto buono. Trasite, aspettateme là.

Errico       Facite ambressa. (entra. Felice chiude a chiave)

Felice       Mamma mia, me moro ‘e paura. Ma chillo cancaro ‘e direttore che fa, nun nce sta attiente. E allora che nce fà là ‘ncoppa? Se fa arrubbà, n’e fa scappà. E chillo povero Ciccillo non ne sape niente. Vì che bello direttore! Vedimmo che s’ha arrubbato. (apre il canestro e tira fuori un fascio di sedani, pane, e un caciocavallo). Na piccola marenna. Ma guardate, chillo mò è pazzo, ma ha tenuto ‘o giudizio ‘e se purtà ‘o mangià appriesso.

(escono dalla seconda a sinistra Concetta e Margherita che fanno capolino).

Concetta   Che fa cu chella robba ‘mmano?

Margherita E addò l’ha pigliato?

Felice       Chesto però nun nc’o dongo ‘o direttore, m’o tengo semp’io. (alla prima porta a sinistra si bussa, Felice va vicino alla porta). Stateve zitto lloco dinto e aspettate. Nun facite chiasso ch’è peggio pe vuie. Aggio mannato a chiammà ‘o direttore. Si nun ve state quiete, chillo ve vatte.

Amalia      (di dentro) Don Felì, aprite, che state dicendo?

Felice       Eh, che sto dicenno! A n’atu poco parlammo… Mo sta robba ‘a vaco a mettere dinto ‘a credenza. (via fondo a sinistra).

Concetta   (uscendo) Uh, mamma mia, e chillo sta sbarianno.

Margherita Avite visto, mammà, io ve l’aggio ditto.

Concetta   Chi nce l’ha dato chillo casecavallo, chella palata ‘e pane e chillo mazzo d’accio?

Margherita E chi ne sape niente!

Concetta   Po’ ha ditto a chelli doie là dinto << Stateve zitte che mo vene ‘o direttore e ve vatte>> Chi è stu direttore?

Errico       (di dentro bussando alla porta). Don Felì, pecchè m’avite chiuso ‘a dinto?

Concetta   Sta chiuso n’ommo dinto a chella camera! E pecchè?

Margherita E chi ‘o sape!

Raffaele   (di dentro bussando alla porta) Don Felì, aprite, v’aggia dicere na cosa.

Concetta   E là sta n’at’ommo?

Margherita Chillo ha da essere Otello.

Concetta   Otello?

Margherita Gnorsì, accussì se chiamma, me l’ha ditto isso.

Concetta   (guardando in fondo). Sta venendo jammuncenne, nun ce facimmo vedè. (via a sinistra)

Scena Settima

Felice       (dal fondo a sinistra) M’aggio astipato tutte cose. Sta canestella levammola ‘a ccà. (prende il canestro e lo mette a terra in fondo. Errico e Raffaele bussano alle porte). Stateve zitto, sta venendo ‘o direttore, cu duje maste Giorgio.

Maggiore  (di dentro) Qua abita don Felice Sciosciammocca?

Bettina     Sissignore.

Maggiore  (di dentro) E allora non me rompere ‘a capa, io pozzo trasì sempe che voglio.

Felice       Che sento, ‘o Maggiore. Pure chisto n’hanno fatto scappà! E comme ‘a combino mo?

 Maggiore         (fuori) Ah, eccolo qua! Buongiorno, signore. Nun ve mettite paura pecchè io ho capito che siete una carogna e non mi posso battere con voi. Mi fate compassione. Ho saputo il vostro indirizzo da un cameriere dell’albergo e sono venuto a domandarvi dove abita quell’amico vostro che ieri sera parlava con voi, quel giornalista, quell’imbecille, che me voleva ‘mparà l’educazione. Stamattina non s’è fatto vedè cchiù, è sparito. Ditemi dove sta, dove lo posso trovare.

Felice       Aspettate… voi forse parlate ‘e chillo giovene che s’appeccecaie cu vuie aieressera, che ‘o chiammasteve carogna, vigliacco?

Maggiore  Perfettamente.

Felice       Guardate la combinazione! E chillo mo ha da venì ccà pe n’affare, nce tengo l’appuntamento a mezzogiorno.

Maggiore  Possibile. Veramente?

Felice       Parola d’onore. Aspettatelo nu momento dinto ‘o salotto. Appena vene ve chiammo.

Maggiore  Nel salotto? E qua non posso aspettare?

Felice       No pecchè chillo po’ essere che appena ve vede se ne scappa.

Maggiore  Ah, già, dite bene.

Felice       Favorite.

Maggiore  Allora vi raccomando, sapete. Come lo vedete entrare mi chiamate.

Felice       Si capisce. Favorite. (apre la seconda a destra fa entrare il Maggiore e chiude a chiave). Puozze murì e’ subeto! M’hai fatto sudà friddo! Ma comme, se ne sò scappate tutte quante ‘a llà ‘ncoppa? (si bussa alle porte prima a destra e seconda a sinistra).

Voci          (di dentro) Aprite, don Felì.

Felice       Seh, state frische! Mannaggia chi v’ha allattate! Guè, chille vonno essere aperte. M’hanno fatto passà chesto poco. Aspetta mo ‘e faccio stà zitto subito subito. (suona un campanello).

Scena Ottava

Felice       (seguitando la battuta di sopra). Chi è stato alla porta? Come? ‘O direttore d’o stabilimento, don Carlo Sanguetta? Possibile?  E’ venuto ‘o direttore, fallo trasì. Favorite, favorite. Carissimo Don Carlo, accomodatevi. Io vi ho mandato a chiamare, perché tale era il mio dovere. L’ho dovuto fare per forza. E vi debbo dire con tutta sincerità che voi siete troppo sciolto. Per l’avvenire vi dovete stare più attento. Chille chi sò? Quatte facchini? Bravo, avete fatto bene. (Concetta, Margherita e Bettina si guardano spaventate e fanno segno di meraviglia). Mo ve li consegno tutte quante, ma vi prego però di non farli vattere perché  poi alla fine sono galantuomini, s’hanno da compatì, povera gente, non sanno quello che fanno. Come? Ah, si capisce, si veneno c’o buono allora va bene… e si no là stanno ‘e facchine nce pensano loro. Eh, lo so, voi siete molto severo… Che vulite fa vuie? Nossignore… voi siete facchini e state al vostro posto. Voi dovete aspettare l’ordine del direttore. E’ vero, dico bene?

Concetta   (avvicinandosi). Ma tu cu chi staie parlanno?

Margherita (spaventata). Papà!

Bettina     Signò!

Felice       (Oh, mò cheste me pigliano pe pazzo a me mò) Stateve zitto. Io faccio apposta. Ccà, dinto a sta casa, tenimmo cinque pazze.

Le Tre       Cinque pazze!

Felice       Sissignore. Se ne so’ fuiute ‘a copp’o stabilimento, ma io però l’aggio chiuse ‘a dinto. No nc’è paura!

Scena Nona

Carlo        (di dentro) E’ permesso?

Felice       Che sento… ‘o direttore. Favorite direttò.

Carlo        (fuori). Buongiorno signor don Felice, che volete? Perché mi avete mandato a chiamare con tanta fretta?

Felice       E me lo domandate? V’aggio avuto mannà a chiammà a forza, mio caro. Vuie ‘o direttore nun ‘o sapite fa, vuie avita fa n’ata cosa. Che maniera è questa? Vi dovete stare più attento. Sapete che se vaco a ricorrere ve ncuitate e se capisce… Dice: <<Ma io nun ne saccio niente>>. Non è una bella ragione questa. Lo dovete sapere.  Voi dovete essere responsabile di tutto quello che succede. E che s’è trattato di uno… Chille sò state cinche, che diavolo!

Carlo        Ma aspettate don Felì… vuie che state dicenno? Ma che site pazzo?

Felice       Mo songh’io ‘o pazzo. (alle tre porte si bussa forte). Nu momento, qua sta il direttore. (a Carlo). Io l’aggio chiuse ‘a dinto, faciteve sentì, alluccate.

Carlo        E pecchè aggio alluccà?

Felice       Ma vuie veramente nun sapite niente? Na bona porzione d’e pazze se ne so’ scappate e so’ venute ccà.

Carlo        E n’ata vota con i pazzi! Ma quali pazze?

Felice       Chille che tenite vuie ncoppa ‘a pensione: donn’Amalia Strepponi,  nzieme c’a figlia, ‘o Maggiore, chillo che fa Otello e Don Errico Pastetta, ‘o maestro ‘e musica.

Carlo        E stanne ccà?

Felice       Sissignore.

Carlo        Ma chille non so’ pazze, ‘o vulite capì o no, chille stanno meglio ‘e vuie.

Felice       Possibile!

Carlo        Possibilissimo. Vuie nun site venuto ‘ncopp’ a nu stabilimento ‘e pazze… chillo è albergo e pensione. Aprite chelli porte, chesto che cos’è. (Apre la prima e seconda a destra. Bettina apre la prima a sinistra).

Maggiore  Perché avite chiuso questa porta?

Amalia      (uscendo con Rosina). Che maniera è questa?

Errico       (uscendo) Don Felì ma che significa sta cosa?

Raffaele   Pecchè m’avite chiuso là dinto?

Felice       Signori miei scusate, io me credevo che ireve tutte quante pazze.

Tutti         Nuie? (ridendo). Ah, ah, questa è bella!

Carlo        Ma comme avite potuto credere chesto?

Felice       Pecchè me l’ha ditto Ciccillo nepoteme.

Carlo        ‘O nepote vuoto?

Felice       Sissignore. Ha ditto che chella era na pensione addò isso teneva quindici pazze in cura.

 (Tutti ridono)

Concetta   Che ‘mbruglione!

Felice       Che pagava la pigione diecimila lire l’anno.

Concetta   E nuie le mannaimo ‘a primma annata.

Carlo        (ridendo) Ah, ah, aggio capito mo!

Concetta   Ma tu, po’, pecchè te vulive spusà ‘a figlia d’a signora?

Felice       Pecchè essa m’o dicette, e io credenneme che era pazza, acconsentii.

Amalia      Io ve ringrazio. E me facite perdere stu poco e tempo!

Felice       Io sono ammogliato, signora mia. Ecco qua mia moglie.

Concetta   A servirvi.

Amalia      Favorirmi sempre.

Felice       Vedite chillo piezzo d’assassino che m’ha combinato!

Scena Ultima

Ciccillo     (uscendo in fretta). Zì zì, chisto è ‘o riesto (fra sé) (Che vedo! Tutte quante ccà!)

Felice       ‘Mbruglione, svergognato! Abbiamo scoperto tutto! Sappiamo tutto! Come vedete, ccà stanne tutte ‘e pazze!

Concetta   Birbante galiota!

Felice       E nce sta pure ‘o tenore. Ched’è, mo nun cantate cchiù? “Oh ciel che feci ne sento orror”.

Michelino  Isso me l’ha fatto fa’.

Ciccillo     Zì zì, ‘a verità. Io teneva nu sacco ‘e diebete a Napoli, non poteva cammenà pe nisciuna parte. Pe m’e levà, ve cercaie chelli diecimila lire e ve dicette che me servevano pe pagà l’annata anticipata ‘o stabilimento. Vuie l’avite voluto vedè e io, non sapenno comme fa’, v’aggio portato là ‘ncoppa.

Tutti         (ridono) Ah, ah!

Ciccillo     Perdonateme, non lo faccio cchiù.

Carlo        Va buono, don Felì, perdonatelo. Sono cose di gioventù.

Amalia      Alla fine non ha fatto un gran male.

Altri          Perdonatelo!

Concetta   Va bene, nun ne parlammo cchiù. Ma se n’ha da venì cu nuie a Roccasecca, e ha da stà sempe là.

Felice       Ah se capisce. (a Ciccillo) Che ne dice? 

Ciccillo     Sissignore, stongo sempe llà.

Michelino  (fra sé) (Meglio accussì).

Maggiore  Ma quel giornalista?

Felice       Io non lo conosco… nun saccio addò sta.

Maggiore  Lo troverò io. Permettete. (via).

Errico       Vuol dire che nun partimmo cchiù?

Felice       Ch’aggia partì, io nun saccio sunà nisciuno strumento.

Raffaele   E verrete al mio debutto?

Felice       Non posso… aggia partì, me ne voglio turnà ‘o paese, a Napoli me so’ stunato.

Carlo        Però ve dico na cosa: nun cuntate a nisciuno chesto che v’è succieso.

Felice       Perché?

Carlo        (quasi ridendo) Perché sò cose che fanno ridere ‘a gente.

Felice       Ne siete certo?

Carlo        Certissimo.

Felice       Io… non ancora.

(cala la tela)

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 8 volte nell' ultimo mese
  • 63 volte nell' arco di un'anno