‘O municipio

Stampa questo copione

LA BANDA DEGLI ONESTI

‘O MUNICIPIO

Due atti comici

di

Salvatore Paolillo

                                                       

COD. OPERA 903652A       NAPOLI, 10 maggio 2005

===============================

==============================================

=============================================================

‘O   MUNICIPIO

di Salvatore Paolillo

PERSONAGGI      e            TIPI                         

FILIBERTA                                             Addetta alle pulizie

CARMINE                                                         Usciere del municipio

Ragioniere MAGNONE                          Dirigente della sezione anagrafe

MESSA LINA                                          Impiegata uff. carte d’identità

Padre COSIMO                                       Sacerdote della parrocchia locale

GRINFIA                                                 Geometra del ufficio tecnico

Maria PISELLI                                       Impiegata municipale

Carmela PASTA                                      Impiegata municipale

On. E. PANZARO                                   Sindaco

CROSTATINA                                        Ereditiera

Domenica CAPRETTO                                    Abitante del paese

Dottoressa Rossella DIGIUNO                Funzionaria del municipio

Adriana AVUTI                                      Consigliera comunale

Salvatore PIETROLILLO                      Capogruppo Alleanza Paesana

Imma SBATTILOVO                             Consigliera comunale

Raffaele CUCCHIARIELLO                           Presidente commissione

Rosaria VONGOLINA                                     Segretaria del sindaco

Aldo MOSCIO                                         Capogruppo dei Tulipani

SCENOGRAFIA

La scena, ( vista dal pubblico ), rappresenta un ampio salone con un’entrata sul fondo a sinistra (la comune), sul lato destro due porte; la prima verso il fondo, con la scritta sulla porta “SINDACO”, la seconda con la scritta sulla porta “Dirigente” . Sul lato sinistro, la prima in fondo con la scritta sulla porta  Maria PISELLI e Carmela PASTA, la seconda con la scritta sulla porta  MESSALINA e un cartello con la scritta “ ATTENTI AL CANE. Una scrivania perpendicolare alla prima porta a sinistra, occupata a turno dalle impiegate. Una scrivania sul fondo verso destra, occupata dall’usciere. Dietro l’entrata della comune un’indicazione con la scritta “S.T.C.” ed una freccia con la punta rivolta verso destra. Qualche indicazione generica appesa alla parete del fondo. re correUnica entnica entrata s, rappresenta un'

1° ATTO

CARMINE:      (Usciere,  vestito con abito blu o grigio con quattro tasche e bottoni dorati, cravatta blu, camicia bianca o celeste, cappello con la scritta usciere. Giacca sbottonata che lascia intravedere la camicia che calza stretta e ha un bottone aperto, fazzoletto che pende da una tasca) Entrando dalla comune, trascinandosi con area stanca fino al centro della scena, mimando un forte dolore di schiena).

                          Ma pecche’ ‘a dummeneca sùbbeto passa? Nunte fai manco 15-16 ore e suonno ca sùbbeto è matina! Uffà… chillo ggià me fanno male e rine e comme faccio a ‘accumencia ‘n’ata semmana ‘e fatica! Sperammo ca nun è comm‘a semmana passata! Che folla avimmo avuta! Figuratevi ca avimmo avuto  fà 2 state e famiglia e ‘n’atto e morte… mai capitate in 30 anne ‘e servizio ca dinto a ‘na semmana avimmo avuta fa tutte ‘sti documenti… Azz, vuje redite? …Po’ e capitato pure o fatto e Don Saverio! Nèh,  chillo và a murì, e cu tutte e sorde ca teneva ha vuluto o funerale c’ ‘o carro do municipio!!! Shu’ pa faccia soia!!! E dinto a’ ‘o testamento che scuprimmo? Ca teneva ‘na nipota a Milano, a quale ha ereditato tutto i beni e Don Saverio. Chillo nun s’atterra manco, ca ‘a Milanesa, na certa CROSTA Tina, che nomme curiuso ca tene, pare ‘o nomme e ‘na merendina. Ha curruto sùbbeto ccà pe’ fa a pratica e l’eredità. ‘O ragioniere MAGNONE, ca ci aveva avviata a procedura, già se n’era iuto, e a Milanesa  pe’ riconoscenza e pe’ l’impegno ca c’aveve miso, c’ha rialato na’ dammigiana e 54 litri e vino, ma chello  bbuono, e 2 caciotte. Chillo nun ce steva… io c’aveva fa? Me l’aggio pigliati io. …M’ggio fatto ‘na bella magnata!!!

                          (Guarda l’orologio, e avvisa Armando di fare il segnale convenuto quando sta per arrivare il Sindaco. Pulisce la scrivania e si siede indossando il cartellino identificativo come da rituale, tutta l’operazione si svolge con ritmo e rivolto al pubblico) Vedete? Usciere di 1° livello!!! No comme Armando abbascio ca è di 2° livello! Stà sotto a mme inzomma! Chillo l’ha ditto pure ‘o Sindaco… “Carmeniè da 1 a 10 tu si ddoie”. Neh si isso  è o 1 arroppa ce stongo io!

MAGNONE:     (ragioniere vestito semplice ma in ordine, sempre a caccia di affari, in combutta con Carmine, che lo frega sempre) Buongiorno Carmeniè!!!

CARMINE:      (si toglie il cappello e canzonandolo risponde al saluto) Buongiorno dottò!!!

MAGNONE:     Carmeniè, m’hanno ditto ca a Milanesa viernarì m’ha lasciato 2 caciotte e ‘na damigiana e 54 litri e vino, addò stanno?

CARMINE:      Ragioniè, in primis a damigiana era e 25 litri e no 54, in secundis  e 2 caciotte m’aggio dovute magnà  je pecchè se stevono avarianno… e che sacrificio      c’aggio avuto fà ragionire mio bello!!!

MAGNONE:     Azz.. t’è sacrificato pure? Mannaggia e ccorne ca tiene! Embè piglia e 25 litri e vino ca m’è traso a via dinto!

CARMINE:      Ma quale 25 litri! Nuje, comma a sempe, avimma fà a mità perono, cioè 10 litri a testa. Jate a via ’e dinto ca doppo ve porta a damigianella e 5 litri vosta!

MAGNONE:     (si avvia verso il suo ufficio con sguardo dubbioso e non appena realizza si volta di scatto verso Carmine ed esclama): Mò songhe addivennate sulo 5 litri! Aggio capito,  fa ambressa a mm’o ppurtà si no  nun ‘o pprovo proprio!

LINA MESSA:   (impiegata comunale di età avanzata, nubile, vestita eccentrica  con grossi brufoli sul viso e capelli a treccine rivolte verso l’alto, sempre a caccia di uomini per provare l’emozione di un rapporto amoroso).Buongiorno ragioniè !!! Accuminciammo ‘na bbona semmana, dammece ‘nu bacio !!!

MAGNONE:     (di scatto) A chiiii! Passa a llà ca te votte o DTT ‘nguolle! (scappa nel suo ufficio. Lina incassa lo smacco e ripiega su Carmine)

LINA:                Carmeniè, chillo nun capisce niente! Vieni ccà, dammillo tu ‘nu bello bacio!

CARMINE:      (facendo appena in tempo a scansarsi inforca la sedia e si protegge il corpo)Stàteve a cuccia!!! Ca si no ve metto ‘a mussarola! Ma quanta vote v’aggia dicere ca je me vaso solo ‘e ffemmene?

LINA:                Ma pecchè, vuò dicere ca io nun so femmina?

CARMINE:      ‘O tenete ‘o pedigrì c’attesta e che razza sìte?

LINA:                ‘O pedigrì!!! Ma che vvuò dicere ca songhe ‘nu cane?

CARMINE:      Peggio! Site ‘na tigre affamata…affamata e uommene!

LINA:                Nhè, è furnute e fa o scemo? (innervosita lancia insulti verso i 2 andando nel suo ufficio fermandosi sull’uscio perché ode la  voce di Padre Cosimo Galletta da Castellammare)

COSIMO:         Pace e bene figlioli! (segno di benedizione )

CARMINE:      (va verso di lui per baciargli la mano ) Bongiorno Padre Cosimo, comme mai state ccà?

COSIMO:         Sono qui per discutere con il Sindaco ed il geometra Grinfia il progetto per la costruzione della nuova chiesa!

CARMINE:      Nun songhe venute ancora padre Cosimo! Se vulite arrangià cù mme, non me risparmiate… disponete pure di me inzomma… perché io… dicimmo… già… ecco… saccio ‘o fatto!

COSIMO:         No grazie, sei sempre molto caro! Ho bisogno di loro, perché è con i medesimi che devo combinare la realizzazione dell’opera! Vuol dire che ripasserò più tardi! Benedictorum tua passos ‘nu guaiorum cchiù oggi ca dimanem!

LINA:                Padre… padre Cosimo…posso baciarle il …cordone… ehm la mano per una benedizione?

COSIMO:         Vade retro… ti benedico da qua… figliola! Benedictom pure a teu, et stae sempum e ‘na maneram! E virem et a fa ‘na pellam!

LINA:                Padre Cosimo fate ‘na preghiera pe mmè… faciteme truvà ‘nu bello marito!

COSIMO:         E chi passem ‘stu guaium! Va bene, va bene figlia benedetta… e comme stà chesta! ( esce )

CARMINE:      Ma dico io… nun ‘o vvedite ca chillo è ‘nu prevete! Pure a cchiesa avita sfruculià! Jato… jato a via dinto a faticà! Basta ca vede  n’ommo nun fa passaggie e niente sa! (Messalina molto contrariata entra nel suo ufficio )

LINA:                Ma che c’entra! Chillo sotto a tonaca è ommo comme a tutte quante ll’ate! E’ dicere ca me piace pure! Chissà forse ‘nu miracolo, ‘na preghiera da soja e trovo a qualcheduno pure io! Famme j dinto mò và!

GRINFIA:         (geometra del comune, sempre con una matita sull’orecchio dx, squadrette in mano e righello nel taschino della giacca. Vestito alla campagnola ma non lercio, fogli in mano con disegni geometrici e calcoli ben visibili)Buongiorno Carmeniè… è venuto o Sindaco?

CARMINE:      Buongiorno geò! No, noo, ancora a dda venì!

GRINFIA:         Magnone è venuto?

CARMINE:      Si… stà a via ‘e dinto!

GRINFIA:         (va verso la porta dell’ufficio di Magnone e bussa 2/3 volte)

MAGNONE      (dd)Chi è? Si tu Carminiè?

GRINFIA          Arape songhe io! Fa ambressa ca  è tarde! ( e. d.)

CARMINE        Geò…arricurdàteve ca dinto o break e l’eredità e Don Saverio ce stonghe pure io!

PISELLI           (impiegata comunale di carattere scostante con la puzza sotto il naso, sempre vestita accuratamente e curata nell’aspetto, molto amante dei cosmetici e dell’estetica) Bongiorno.

CARMINE        Buongiorno signurì! (rivolto al pubblico, sottovoce ma con tono profondo)  E’ arrivata ‘a principessa Piselli!

PISELLI           Siente Carmine, se viene qualcuno per me fallo aspettà pecchè m’aggia fa ‘a manicure… tengo e mmane arruvvinate!

CARMINE        Pecchè… ch’è state?

PISELLI           Aiere mammà nun s’è firata e aggio avuta fà io a cucina! ‘Na tragedia! Guarda, m’aggio arruvinata l’ogne!

CARMINE        (disgustato)Uuuh overo! Che sciagura! Jate, jate principè, nun ve preoccupate, m’‘o vveco io. Shuuù pa faccia….

PISELLI           (di scatto)Neh uèh, ma pe’ caso me stisso sfuttenne? Statte a’’o posto tuoio ca c’o ddico a’’o Sindaco, è capito? E tu o ssaie, chillo pe’ me ce tene ‘o ddebole!

CARMINE        ‘O sapimmo, ‘o sapimmo!

PISELLI           Ma che sai tù! Chillo pe’ mmè stravere… me vò bbene comme ‘na figlia.  ( entra nel suo ufficio )

CARMINE        (al pubblico ) Si, proprio ‘na figlia! ‘Na figlia  e… famme sta zitto a mmè!!!

GRINFIA          (esce dall’ufficio di Magnone) M’arraccumanno Magnò, vedimmo e chiùdere ‘stà pratica e l’eredità comme sapimmo fa nuie, E’ capì? ( vàverso Carmine minaccioso)Néh Carminiè, m’ha ditto Magnone ca a nepota ‘e Don Saverio ha mannato ciertu furmaggio e ‘na damigiana e vino, e tu e fatto una veppeta, è o vvè?

CARMINE        Ma… sapite geò.. ‘nù bicchieriello, ‘na felluccia…

GRINFIA          Ma quanta vote t’havimma dicere ca nun è tuccà niente! Mò vaco a ffà ‘o ccaffè, aroppa viene dinto a t’’o piglià!

MAGNONE      (esce dall’ufficio) Carminiè m’aggia fa ‘na passata e barba si vene oCapo m’avvierte?

CARMINE        Và bbuò jate tranquillo ragioniè!

COCCO            Salute Carminiè… è arrivato o sindaco?

CARMINE        Buongiorno Peppì… no ancora adda venì ‘o masto… ah Peppì  vide ca ce stanno ‘na quarantina e fax a priparà….

COCCO            ‘O che… ‘na quarantina e fax… (volta le spalle e se ne va) mò me ne vaco ‘nata vota…

LINA                 (esce e si rivolge a Carmine) Carminiè, tutte l’uommene ca sagliono, qualsiasi documento hanna fà, mànnale dinto a ddù mè, ca c’’ò spiego io comme se fanno!

CARMINE        Si, si nun ve preoccupate! E comme stà chesta! Mò sapite che faccio? Chisto vò ‘na cosa, (indicando l’ufficio del rag. Magnone),chest’ata ne vò ‘n ‘ata, (indica l’ufficio di Messalina)Io mò me vaco a ppiglià o ccafè dinto all’U.T. (nell’uscire si incrocia con Carmela Pasta. Si scambiano i saluti. L’usciere va via mentre Carmela Pasta entra in scena ).

PASTA              (impiegata comunale, vestita molto provocante, ma non volgare. Per arrotondare lo stipendio commercializza  in biancheria intima e cosucce varie. Ha con se una grossa busta con il campionario dentro. Si ferma accanto alla scrivania di Carmine appoggiando a terra la busta e con lentezza incomincia a tirare fuori la merce). Uffaaa, mò accummencia ‘n’ata semmana ‘e  fatica! Sperammo ca nun vene nisciuno! ‘A semmana passata aggia avuta fa l’atto ‘e morte a parente da buon’anima e  Don Saverio! E che surata! Chesta è a mutandina ca m’ha urdinate Alice Salata. (verso il pubblico)Vedite quanto è bella? Nun è na meraviglia? (la posa e ne prende un altra)Chesta invece è p’a mugliera do ragioniere, o quale m’addà pavà ancora e pigiamielli ca se pigliai pe ffiglie, ma famme trasi dinto ca si arriva o Sindaco facimme n’ata vota questione! (va in ufficio frettolosamente continuando a parlottare).

SINDACO         (aspetto austero, con barba ed occhiali, bastone,  fascia tricolore sempre in evidenza.Entra in scena canticchiando e non vedendo  nessuno, specialmente l’usciere s’infuria e và verso l’ufficio di Magnone ).Neh, ma ccà nun ce stà nisciuno? Allora ‘a ggente ave raggione quando dice ca’ncoppa nun se fa niente! Famme vedè si è vvenuto o ragioniere!(col bastone bussa alla porta del ragioniere, che non ha udito la voce del sindaco)

MAGNONE      (d.d.)Nu mumento Carmeniè, me sto facenne ‘na passata ‘e barba.  (apre la porta ed appare in camicia con il volto mezzo insaponato e rasoio in mano. Vede il Sindaco)Mamma mia bella, ‘o Sindaco!!! (rimane immobile ed impaurito)

SINDACO         Ah, bene ragiuniè! Ve state facenne a passatella e barba? E bravo! (indica la scrivania  dell’usciere)E chist’atu lazzarone addo e ghiuto?  (giunge Carmine ansimando)

CARMINE        Mannaggia a morte, ‘o Sindaco! Buongiorno eccellè!

SINDACO         Nun penzo proprio ca è nu bbuono juorno pe ttè! Addò stive?

CARMINE        Aggio juto a purtà ‘na pratica dinto all’U.T.

SINDACO         Ma quale pratica!!! Te si ghiuto a piglià o ccafè è  ovè? Allora ti faccio rapporto e te faccio avè 100 euro e trattenuta ‘ncoppa ‘o stipendio, e t’aggio trattato!!! Mò va abbascio e va a scetà a chill’atu lazzarone do collega tuoio  ca stà durmenno dinto a’ ‘o casotto! Ma che figure ca facimmo cu e cittadini!

CARMINE        Va bbuono Eccellè..  agli ordini sig. Sindaco! (esce)

SINDACO         (va verso il dirigente )  Dirigè, ma che ve credite esta a casavosta? Addirittura dinto all’uffico vefacite a barba?Ve faccio rapporto pure a voi e,santa notte, vedimmo si nun o faccio rigà diritto stu Municipio! 200/250 euro e trattenuta,‘ncoppao stipendio, pure a vvuie ragiuniè nun ve lleva nisciuno! Bèh, io mo me ne traso (rivolto al pubblico con tono profondo) m’aggia fà nu paio d’ore esuonno pecchè stanotte nun aggio arrepusato.Ragiuniè, aspettate l’usciere che vene e facite attenzione ca adda veni a Milanesa pà pratica e l’eredità da buon’anima e Don Saverio, a quale, aggio saputo c’ ha mannato ‘o rialuccio, e già e tutto scumparzo, e ovè! Stammece accorte, a si no coccheduno se fa male! Ccà m’hanna dà tutte cose a mme… quanta vote l’ aggia dicere!!!

MAGNONE      200/250 euro e multa!!! Ma si io abbusco 40 euro ‘o juorno, vò dicere c’aggio faticà na semmana pe’ senza niente? Noooo, appena vene Carmine me ne vaco a casa e me metto a malatia.

TINA:                (Signora di bello aspetto, ben vestita educata e attenta) Buongiorno ragioniere, che piaceretrovarla! Leivenerdì era già andato via ed io mi sono permessa di portarle un presente per il suo interessamento alla mia pratica, e siccome non c’era, ho lasciato il tutto all’usciere. E’ stato di suo gradimento il vino e il formaggio che le ho lasciato?

MAGNONE      Buongiorno sig.ra Crostatina. ‘A verità io nun aggio assaggiato proprio niente pecchè l’usciere ha combinato ‘o piezzo e lavoro!!! Voi state qua per la pratica dell’eredità e vero?

VONGOLINA  Buongiorno ragioniè … come và… sta dinto ‘o bell’ommo…

MAGNONE      E mò mò è venuto… anzi fa chiano chiano ca ditto ca s’aveva arrepusà ‘nu poco!

VONGOLINA  E qunto mai nun s’adda arrepusà… ( va dentro ).

TINA                 Certamente! A che punto siamo?

MAGNONE      Vedite veramente, emh… comme si dice, emh sapite, ancora ….

TINA                 (intuendo che la cosa è ancora in alto mare)Ho capito! La procedura non è ancora ben avviata, è vero? Allora io aspetto, e nel frattempo, visto che l’avete presa cosi a cuore la … procedura, vi mando un’altra damigiana di vino, e magari anche qualche prosciutto. Siete contento?

MAGNONE      Azz… volevo dire, non è il caso, ma se insistete… perché certamente voi insistete… e insistete.. per non fare lo scostumato, accetto. Però, dicesso, mannatamello a casa mia, chisto è l’indirizzo! Sapite ched’è, io tengo o cellaro e o vino llà se mantene meglio, e soprattutto… stà luntano a Carmine! (Tina distratta dimentica la borsa sulla scrivania. Và via e sulla comune viene vista dall’usciere che nel stà rientrando).

VONGOLINA  (scappando e gridando) Vuje avita furnì cu sti mane… parite ‘nu purpo… sempe a manià… io songhe ‘na bona guagliona! (le grida fanno uscire le impiegate)

SINDACO         Viene ccà… tu è capite malamente… io te vulevo accuncià a camicetta, can un steve bbona…

VONGOLINA  Accunciatancella a chi sapite vuje. Io nun e faccio sti cose pe doje pacchetti ‘e sigarette… si ce mettite coccusarella e sorde vicine… allora ve faccio pazzià… (esce di scena. Il sindaco s’accorge che è in mutande)

SINDACO         Uh ma io stonghe ca mutanda… (scappa dentro)

CARMINE        Ragioniè! Aggio visto a sig.ra do vino! C’ha purtate coccosa?(nota la borsa  e tenta di afferrarla ) E chi è sta bborza?

MAGNONE      Niente, lasse. (afferra anche lui la borsa litigando con Carmine)

CAPRETTO     (abitante del paese, vestita alla campagnola con larghi calzettoni colorati e scarpe sporche di fango. Vistosa barbetta sul mento e capelli in disordine)Buongiorno.( I due si destano e riconoscendo la figura si tranquillizzano).

MAGNONE      Ueeeh! Ciào pecurè, si tù!

CAPRETTO     Preco, Capretto, Domenica Capretto. M’aggio a fa’ a carta d’’a degnità!!!

MAGNONE      Parla cu’ Carmine, io tengo che ffà!  (afferra la borsa di scatto e va nel suo ufficio)

CARMINE        Arfabetica e ‘gnurante! Se chiamma carta d’identità! L’he pigliato o modulo addù Armando abbascio?

CAPRETTO     Si, si, oiccanno oih! S’ha pigliato 5 euro stu foglio e carta ca nun pesa niente!

CARMINE        Ma pecchè, se venne a peso? L’he rignuto?

CAPRETTO     E che c’aggia mettere a dinto? ( fa il coppetto )

CARMINE        Nocelle, ciceri, e semmente!  Uffà, l’he scrivere! E’ dicere quanto si nata, addò si nata, comme te chiamme, quante si aveta  ecc. ecc.

CAPRETTO     Uffà! Io nun ‘o ssaccio scrivere! Ma po’ che bisogno ci stà? Nuie ce canuscimmo a piccirille! Gesù, nun o ssaje comme me chiammo? Pecchè   nun mo scrivo tu? Io po nun te faccio piglià collera!

CARMINE        (intuendo l’affare acconsente ) E va bbuono, assettate e rispunna a cheste domande:  quanno si nata?

CAPRETTO    Eeeee,  quanno papà era cchiù giovane, t’arricuorde?

CARMINE        Uffà… m’è dicere a data! ‘O mese , o juorno e l’anno!

CAPRETTO     Aaah! Songhe nata e ddoje e nuvembre do’ 1948.

CARMINE        Addo si nnata?

CAPRETTO     Uh Giesù.. ccà! A’ casa e pateme!

CARMINE        E va bbuò, aggio capito! Quanno si aveta?

CAPRETTO     Parecchie! Arrivo fino e llà!

CARMINE        Mamma mia, che sconforto! E… e capilli?

CAPRETTO     E ne tengo assai, pecchè nun se vede?

CARMINE        Ma ch’è capito? M’è dicere o culore!

CAPRETTO     Aaah! Songhe biondi! Ma si e bbuò e ‘n’ata manera io me tegno comme dice tu!

CARMINE        Ma che me ne ‘mporta a mmè! E l’uocchie?

CAPRETTO     Ne tengo dduje!

CARMINE        Mò te dongo ‘nu pugno ‘ncapa! Aggio capito damme a tessera vecchia!

CAPRETTO     Aiccanno! ( tira fuori una tessera vecchia, stropicciata e rotta ).

CARMINE        E ched’è stà cosa?

CAPRETTO     A tessera do pulmann!

CARMINE        E chesta nun è bbona!

CAPRETTO     Pecchè, è scaduta?

CARMINE        Uffà… me cadono e braccia!L’he purtate efotografie a culore?

CAPRETTO     Si! Ebbiccanno! ( mostra 2 quadri piccoli )

CARMINE        Ma va faaaa…(si tappa la bocca. Magnone sulla porta dell’ufficio indica a Carmine la borsa facendo teatrino. Nel frattempo ritorna la sig.ra Tina per riprendersi la borsa)

TINA                 La borsa, la borsa!!! (vede il rag. Magnone sull’uscio dell’ufficio con la borsa in mano) Ooh, meno male! L’ha trovata lei ragioniere? (dopo una breve pausa, rivolgendosi al pubblico) Speriamo che dentro c’è tutto! ( Dagl’ uffici incominciano ad uscire le impiegate nel seguente ordine):

LINA                 (a Carmine) Carminiè, aggio penzato ca vulesse avè nu figlio!

CARMINE        Ueèh, ma che site scema? E po’ nun è possibile!

LINA                 ‘Overo! E pecchè?

CARMINE        Pecchè ce vò o certificato do veterinario pe ssapè cu quale razza ve putite accuppià e addò s’hanno mettere e cuccioli!

LINA MESSA  ( arrabbiandosi ) Scè, statte accorte a tè ca t’’o ccumbine!

CARMINE        Che cosa?

LINA MESSA  Non appena te distrai… te zompo ‘nguolle e…

CARMINE        Ragiuniè, vuje avite sentuto? Ccà s’adda piglià ‘nù provvedimento cù chella!

MAGNONE      Hai raggione! Mò parlo io co Sindaco e vedimme si c’autorizza a ffà ‘nu muro ccà miezo!

PISELLI           Carmine, te piace stù culore? Dì a verità, è visto quanto è bello! Chesto s’o mmettene ‘e mmeglie attrici e dinto a televisione! Nun me fa proprio ‘na bella mano?

CARMINE        ( molto schifato ) Bella… bella assai!

PISELLI           Comme ‘o ssolito tu nun capisci niente!!! Zotico!

CARMINE        Comme vulite vvuje principè!

PISELLI           E’ inutile! Uno li vuole elevare, ma nun ce stà niente a fà! Restano sempre trappani di paese!

PASTA              ( con il telefonino in mano ) Si, t’’e pporto dimane e llenzole e ffedere! T’aggia fa vedè pure e nnuvità ‘e chist’anne! ‘E costume pa spiaggia, tengo chilli llà un pezzo! Ma so belli!

CARMINE        Neh uèee! Ma che state dinto ‘o mercato! ( le voci fanno svegliare il Sindaco, che esce per vedere )       

SINDACO         Che succede? Cosa sono questi strilli di chiasso? (tutti tacciono. Il sindaco vedendo la sig.ra Capretto chiede cosa  sta  facendo)  Cosa fa lei qui?

CAPRETTO     Aggia fà ‘a carta da dignità!

SINDACO         Carmeniè, mò pure ‘o scrivano te miette a ffà? Signò jato llà, ‘o vedite, addo stà ‘o cartello do cane, là se fa a carta d’identità! (indica la porta di Messalina, e intravede la sig.ra Crostatina ) Sig.ra che piacere… 

TINA                 ( con occhi languidi) Signor Sindaco, sono venuta a chiederle informazioni sulla pratica per entrare in possesso dell’eredità di zio Saverio.

SINDACO         Gentilissima sig.ra, è per me un vero onore esserle utile. Ora mando subito a chiamare il geometra Grinfia. Lui le darà tutte le spiegazioni in merito. ( rivolgendosi a Carmine ) Carminiè fa ampressa, và a chiammà o geometra Grinfia e facce purtà a pratica da signora Crostatina. ( rivolgendosi agli impiegati ) Andate tutti dentro!

CARMINE        Corro, volo… e comme corre ca me fanno male e piere!

SINDACO         ( rivolto alla sig.ra Crostatina ) Vede signora, ho saputo che c’è qualche intoppo per l’eredità  dell’immobile, in quanto si è scoperto che la buon anima di suo zio aveva acceso una ipoteca sulla casa chiedendo un prestito alla banca del paese.

TINA                 Come è possibile! Lo zio Saverio è sempre stato ricco! Che bisogno c’era di chiedere dei soldi alla banca. E poi, sicuramente me l’avrebbe riferito. Signor Sindaco ci deve essere sicuramente un’errore!

SINDACO         ( rivolto al pubblico ) E se se… chesta nun se l’he ammuccato!!! Io e o geometra avimmo fatto ‘nu nguacchio ‘ncoppe a’’e carte pe vedè e ce pappà ‘a terra e ‘a casa. ( verso la sig.ra Crostatina ) Vedete sig.ra brioscina…

TINA                 ( seccata ) Crosta Tina, Concettina Crosta è il mio casato!

SINDACO         Avete ragione vi prego di scusarmi ( verso la comune ) E vedite si vene ‘o geometra! Ccà nun saccio cchiù che papocchia aggia dicere a cchesta! ( dalla comune spunta Grinfia e Carmine ).

GRINFIA          M’avito chiamato eccellè? Ccà stanno e guaglione vuoste, comandate pure! ( Carmine si accomoda all’altra scrivania ).

SINDACO         Geò,  nun facito o spirituso! Ccà stà ‘a parente ‘e Saverio Conserva. Avito fatto o piezzo e lavoro ‘ncoppe procedura e l’eredità? Stàteve accorto pecchè chesta vò sapè ched’è ‘a storia ‘e ll’ipoteca!

GRINFIA          Tutto a pposto, aggio fatto ‘nu capolavoro! Mò ‘a faccio fà marenna io a’ signora!

SINDACO         Sig.ra nastrina.. ehm mottino, uffà.. e che cipolla... volevo dicero Crostatina, vi voglio rappresentare il nostro geometra municipale Franco Grinfia, espertissimo mariuolo, ehm… conoscitore di leggi e cavilli per fregare… ralla rà… per aiutarla a risolvere il suo problema!

GRINFIA          ( porgendo la mano ) Piacere di fare la vostra scunuscenza.

TINA                 ( con modo snob ) Fortunata sono io di conoscerla.   ( dopo una brevissima pausa girandosi verso gli uffici ) Sicuramente è un altro imbroglione!

SINDACO         Mentre il mio compare… volevo dire il mio collaboratore le dà tutte le informazioni io mi ritiro nel mio ufficio. Se ha bisogno di me non esiti a farmi chiamare!

GRINFIA          ( sedendosi ) Signora, la situazione è questa:   suo zio ha una ipoteca sull’immobile, che in vita non ha onorato. Pertanto è impossibile esercitare la voltura nei suoi confronti perché gli art. 6 e 29 della legge 1671 del 10.10.1902, lo impedisce…...

TINA                 (al pubblico) Eh, hanno scavato ‘o cascione!

GRINFIA          Inoltre il comune ha da tempo iniziato la procedura d’esproprio, perché sul terreno dove sorge la proprietà si devono costruire una scuola ed una chiesa.

TINA                 Ma come è possibile una cosa del genere? Comunque cosa si deve fare per risolvere la situazione? Non sarà una legge do doje a negarmi il mio diritto all’eredità?

GRINFIA          Signò, sarà pure do doje, ma comunque ancora in vigore. Quindi bisogna che si riunisca il consiglio municipale per decidere una variante alla procedura d’esproprio, o in alternativa l’annullamento alla stessa. Inoltre poi bisogna cancellare l’ipoteca con la banca!

COCCO e VONGOLINA              Vieni Rosà t’accumpagno io dinto.

TINA                 Per l’ipoteca domani stesso mi recherò in banca. Come si fa per far riunire il consiglio?

GRINFIA          Questo è assai difficile, perché in questo municipio il consiglio non si riunisce mai! E si site capace ca chisto fanno ‘nu consiglio!

TINA                 Neanche per una cosa cosi importante?

GRINFIA          Signora dipende dal Sindaco. Se lui vuole, chissà, forse la richiesta viene formulata nel percorso giusto… lei mi capisce?

TINA                 Ho capito, ho capito! Il tempo di andare in banca a prendere gli argomenti giusti! La cosiddetta… voce e ll’ommo!

GRINFIA          Vedo che lei ha un’intuito molto perspicace! Nel frattempo incomincio a preparare la relazione e avverto il Sindaco su quanto convenuto. Aaah, volevo ricordarle che per la procedura bisogna interessare molte persone, quindi lei venga munita di tanti… tanti… ma tanti argomenti!

TINA                 Vedrà geometra, porterò tanti di quegli argomenti che riuscirò a convincere tutti. ( esce di scena scuotendo la testa in segno di disapprovazione. Esce, arrabbiata, dall’ufficio di Messalina la sig.ra Capretto ).

CAPRETTO     Uffà… chesta invece e fà o lavoro suoje m’ha dimmanate si tengo quacche frate o amico ca adda fà ‘a carta da’ degnità! ( esce di scena mentre arriva Padre Cosimo ).

COSIMO          Pace e bene! Buongiorno geometra, finalmente la trovo! E il nostro amico Sindaco c’è?

GRINFIA          Buongiorno padre Cosimo, ( bacia la mano ), il sindaco è dentro!

COSIMO          Bene, vogliamo accomodarci per discutere il progetto per la costruzione della chiesa?

GRINFIA          Si padre, ma prima vorrei confessarmi, perché ho un peso sulla coscienza!

COSIMO          Ma certo figliolo, mettiamoci quà, in questo angolino! Inginòcchiati… ( inizia la confessione. Fare grammelot ). Ego absolvo tua peccatorum… adesso andiamo dal sindaco! ( bussano alla porta del sindaco ).

SINDACO         ( dd )        Chi è?

GRINFIA          Signor Sindaco songh’ io, Grinfia, cu mmè ce stà pure padre Cosimo, putimmo trasì?

SINDACO         Avanti, trasite, accomodateve! ( i 2 entrano. Escono dai propri uffici tutti gli impiegati, in ordine da stabilire, e formano una sorta di capannello vicino a Carmine che nel frattempo si è addormentato, facendogli uno scherzo)

CARMINE        Ata passà ‘nu guaio, ‘a n’atu ppoco me faciveve veni ‘na cosa! ( si toglie una scarpa e fa per buttarla adosso agli astanti, poi si frena ed incomincia a massaggiarsi il torace) Guardate, guardate me stà scuppianno ‘o core! Disgraziate!

PASTA              Carmeniè, mièttate a scarpa si nò ce fai scuppia ‘o stommaco a nuje!

PISELLI           Mamma, mà e che fieto!

LINA                Carminiè,  nun è dà retta a chesti ccà! Nun ‘mporta ca fiete, viene ‘o stesso dinto  ‘e bracce meie!

CARMINE        Ma jato a ffà ‘nculo! ( tutti ridono e tra lo stupore si chiude il sipario ).

                                     

F I N E - P R I M O - A T T O  

SECONDO   ATTO

La scena è la medesima del primo atto, ma con le due scrivanie vicino

alla parete del fondo. Un mucchio di sedie di plastica, incastonate una

dentro l’altra, posizionate nell’angolo sinistro del fondo.

 

FILIBERTA     ( Addetto  alle pulizie. Tuta con la scritta “ La schifezza “. Entra dalla comune spingendo un carrello delle pulizie, scopa, paletta e accessori per il lavoro ). Uffaaa… fava e che cipolla! Ma pecchè quanno hanno fa ‘o consiglio s’adda fa ‘a pulizia do salone? Neh tu ti siii appena abituato a t’arrepusà, ca subbeto sponta ‘a fatica! Jammo bello và… facimme sti pulizie!  Tiè, tiè… ajere hanno fatto cose è pazze ccà dinto!  Mamma mà… stà munnezza pe tutte parte! Ma chisti a chi o bbonno! Ma che se credeno ca io so fatte e fierro? Mò sapite che faccio… svacanto solo o cestino e pulezzo ‘nu poco a ceneriera e me ne vaco! Manco ‘nu poco e povera ce voglio levà! Accussì se ‘mparano a nun spurcà stà ggente! Ma che bell’impiegati ca tenimmo ‘ncoppa a stù municipio! Vulesso proprio vedè si a casa lloro songhe accussì zuzzusi! Chisti ccà invece e faticà, fanno e rucielli, e pranzetti e marennelle e rompono o c….  ( si tappa la bocca con la mano velocemente ) a mmè spurcanno pe tutte parte! O vedite comme aggio pulezzato bello? ( Guarda con circospezione sopra e sotto le scrivanie in cerca di qualcosa ) Niente… niente, mai che se scordano coccosa… che saccio ‘na penna, ‘n’oggettino d’oro, ‘nu portafoglio, ‘na borza… coccosa e sorde… niente… niente! ( nel frattempo sente arrivare qualcuno ) Famne jre ca stà saglienno coccheduno! ( sulla comune s’incrocia con la dott. Digiuno, e si scambiano alcune battute).

DIGIUNO         ( funzionaria del comune, abitudinaria ai lavori del consiglio, si muove per la scena con fare automatico. Ha con se tutto l’incartamento per l’espletamento del consiglio ). Neh, Filiberta, a questa ora stai ancora facendo le pulizie?

FILIBERTA     ( con tono ironico ) E ma me pare dottorè!  Vuje che vulite … io stongo sola… e aggia pulezzà tutto ‘o municipio! E vuje ‘o sapite comme e lasciano e stanze ‘sti belli cristiani! Po se mettono pure e consiglieri a furnì e spurcà! Chili passano spassano… La voce richiama l’attenzione di Carmine, che nel frattempo è nei corridoi ).

CARMINE        ( entrando nel salone ) Che state neh…

DIGIUNO         E tu dove stavi ? Non sei mai al tuo posto di lavoro, come vedo non ti è bastato la multa che il sindaco ti ha fatto avere!

CARMINE        Zitta.. zitta, dottorè pe carità… chillo ‘o bell’ommo stà a via e dinto… si sente facimme natavote e guarrattelle!

DIGIUNO         Sfaticato, come ti permetti di parlare così del sindaco! ( rivolta a Filiberta ) E tu cosa aspetti ad andare via?

FILIBERTA     ‘Nu mumento, ‘nu mumento… volevo cullabburà… che saccio si ce putesse menà ‘na scopa ‘nfaccia a ‘stù fetente sfaticato… ( rivolta a Carmine mostrando il sacco della spazzatura ) ohì piglia esempio a me… ca m’ammazzo e fatica…  debosciato! ( esce ).

CARMINE        ( con tono secco e minaccioso, mentre si siede alla scrivania, risponde a Filiberta ) Cu tte facimme e cunte aroppa!

DIGIUNO         Carmine fai attenzione, molta attenzione e cerca di rigare diritto! Attento a te… ( và alla porta del sindaco e bussa ). E permesso…

SINDACO         ( dd )   Ma ccà nun se po’ mai arrepusà ‘nu poco… che bbuò Carmeniè, nun ce rompere o c…. (esce in mutande, pantofole e papalina, e vedendo la Digiuno si blocca) Uh scusate dottorè… stavo sopra pensiero … stavo preparando una delibera e sapite comme… ma che stato? Che vulite dottorè?

DIGIUNO         Signor sindaco vi volevo avvertire che io sono pronta! Quanto volete,  possiamo iniziare il consiglio!

SINDACO         ( imbarazzato ) A ‘o consiglio… ma pecchè ce stà ‘o consiglio oggi? E quanno mai ‘ncoppa a ‘stu municipio se fanno e cunsiglie! Va bbuò … jate, jate dottorè ca cchiù tarde ve manno a chiammà!

DIGIUNO         Va bene a più tardi! ( rivolta a Carmine ) E tu lavora lazzarone! ( sale la scena )

CARMINE        Avite visto signor sindaco… io qualche vota ce mengo ‘na seggia ‘nfaccia a chella…

SINDACO         Hai ragione Carminiè… chella è propria ‘na scassa ‘mbrella… essa e o regolamento… l’orario d’apertura… a chiusura… a sospensione… l’o.d.g. ma a chi vò accidere a saluta. Comme si ca ‘ncoppa se facesse coccosa! Famme jre a mettere ‘o cazone, mo và, ca si arriva coccheduno me sputa ‘nfaccia! Carminiè pripare e segge pe fa ‘stà scemaria do consiglio e vide se ce stanno e consiglieri, chili belli articoli, accussi facimmo stata tarantella…

CARMINE        Va bbuò eccellè… mo veco io! Jate, jate… jate tranquillo ( appena il sindaco chiude la porta, Carmine prende le sedie e prepara, secondo l’ordine stabilito ) Mamma mà, ma che schifezza e sindaco ca tenimmo, vene solo a durmì ca ‘ncoppa… certo mo vui state penzanno ca manch’io songo ‘nu stinghe e santo… ma comme se dice: ‘o pesce fete da capa! ( arriva la cons. AVUTI )

AVUTI            Buongiorno Carmeniè… che stive dicenno… ca te fete a capa?

CARMINE        No me fete o … ehm mo che me facive dicere… Adrià, famme ‘o piacere, aggio jre a fa ‘nu servizio me dai tu n’uocchio all’esercizio… sai tante vvote … po succedere ca…

AVUTI              Si, si vattenne và, appena vide ca sa dà faticà ta squaglia,  levate a ‘nanze e piedi và … ( Carmine esce,  e Avuti si siede. Rientra in scena Filiberta )

FILIBERTA     Carmeniè… oh buongiorno consigliera! ( Avuti risponde al saluto ). Nun ce stà Carmine?

AVUTI              E’ andato ‘nu mumento all’ufficio protocollo! Chede Filibè vulive coccosa?

FILIBERTA     No è ca… ce vulevo chiedere si putesse fa… tu e sapute o fatto?

AVUTI              Quale fatto?

FILIBERTA     Comme… l’eredità… a nepota e Don Saverio Conserva… diceno ca … ce stanno e presotte, ‘o formaggio, ‘o vino, ‘a frutta e tante cose ca stanno arrivanno… chella Crostatina diceno ca stà facenne ‘nu sacco e regali… allora si putesse partecipà pur’io… sai io aggio bisogno…

AVUTI              Zitta, zitta, ma che dici! Vattenne và, primma che chiammo o sindaco!

FILIBERTA     E se,se … o sindaco… to raccumanno … chillo e morze chiù grosse e stà danno proprio isso e ‘o dirigente… famne jre và (dopo l’uscita di Filiberta arriva Vongolina )

VONGOLINA  Oh Adrià tu stai ccà, buongiorno! E che guaio… aggio fatto tarde, mò chi o sente a chisto! ( indica con il dito la stanza del sindaco ). Famme assettà ‘nu poco ca stongo accisa! ( si siede)

AVUTI              Pecchè che state Rosà?

VONGOLINA  Che state? Ajere m’aggio accattato ‘stù pare e scarpe, dinto ‘o mercatino, n’affare ( Avuti la interrompe ).

AVUTI              Uh… so belle, e quanto e pavato?

VONGOLINA  Poco, 30 euro! Solo ca chillo pecorone do guaglione, ma dato ‘o numero sbagliato! Io cio dicette pure, vide ca io tengo 43! Neh chillo ma dato o 38! A ditto ca me jevene bbone, ca me facevano o pede affusolato! Adda passà ‘nu guaio, chelle me fanno male comma che! Famme trasi và… e sperammo ca ‘o sindaco se scetato! ( Entra sculettando. Arriva Digiuno )

DIGIUNO         Eccoci qua! Ciao Adriana, ( Avuti risponde al saluto ), cerchiamo di fare presto perché altrimenti non posso andare a fare la spesa, e se non trovo il pane ed il latte e meglio che a casa non mi ritiro!

AVUTI              Nun te preoccupà Rossè, chisto è ‘nu consiglio sbrigativo, pecchè aggio sentuto e dicere ca o geometra Grinfia, su richiesta do sinneco,  a priparato già tutte cose, e quindi se tratta solo e esprimere ‘nu parere, quindi manco nu quarto d’ora e avimmo furnute!  

DIGIUNO         A meno male và, perché ho anche un sacco da fare giù, ed oggi non c’è neanche Angelo Addiavolo, che è andato a fare un corso di…  si odono delle grida dalla stanza del sindaco. Esce Vongolina)

VONGOLINA  Vuje avito a furnì e fa ‘o rattuso, ca si nò faccio venì a mio marito e chillo ve rompe ‘a capa e pure coccata cosa!

SINDACO         Ma viene ccà… tu è capite malamente… io te vulevo accuncià a camicetta ca steva abbuttunata sbagliata… te scenneva storta…

VONGOLINA  Accunciatancella a chi sapite vuje… io songa ‘na piccerella onesta, e nun e faccio ‘sti cose… specialmente pe doje caciotte… se vicine ce mettite che saccio pure ‘nu prusutte… ( viene interrotta da Digiuno )

DIGIUNO         Ma che è stato Rosaria?

VONGOLINA  E c’adda essere… comme ‘o ssolito ‘o sindaco ce prove… ma quanta mane tene… pare ‘nu purpo!

DIGIUNO         Ho capito! Vattene giù vai, prenditi una camomilla, e quando ti sarai calmata ti vieni a sedere vicina a me! ( Vongolina esce,il sindaco entra nella sua stanza  arriva Pietrolillo). 

PIETROLILLO ( barba e occhiali abbigliamento e quant’altro vedi in  S. Paolillo). ‘A bellezza vosta, piccerè! ( le 2 rispondono al saluto annuendo  e gesticolando. Pietrolillo si và a sedere al banco ).

SBATTILOVO ( capelli in disordine con forcina a molletta sulla nuca, guanti solo palmari,gomma da masticare in bocca, borsa quaderni e qualche libro in mano. Rosetto sbavato. Aria intellettuale).  Good morning! ( si siede )

Cons. AVUTI    ( sottovoce, ma rivolta al pubblico )Ah,aaah! Ccà stà pure a professoressa doooo …sasiccio! ( si tappa la bocca con la mano e si volta dall’altra parte disgustata ).

CUCCHIARIELLO  ( Franco ormai lo conosci meglio di me. Mi raccomando i baffi ). Buongiorno compagni! ( prende posto )

PIETROLILLO Salutammo… assèttete tianiello e pireti!

SINDACO         Buongiorno a tutti! ( tutti rispondono al saluto. Il sindaco chiede alla segretaria la cartella con l’o.d.g. e legge la formula di rito) Consiglio del 27.05.05 con all’o.d.g. Richiesta di parere per effettuare una variante alla procedura d’esproprio dell’immobile e del terreno del fù Saverio Conserva, come da planimetria n° 4 della particella ctastale n° 71. Si proceda all’appello nominale.

DIGIUNO         ( La segretaria fa l’appello )

MOSCIO          Dottoressa io sono presente, stavo fuori…

DIGIUNO         Moscio di nome e di fatto! Presenti n° … consiglieri… prego sig. sindaco ecco a Lei la cartellina con la documentazione per l’espletamento del consiglio! ( Prima che il sindaco possa iniziare, Moscio l’interrompe, avvicinandosi al banco )

MOSCIO          Uheee… Zazà, songhe venuto a fa sti quatte chiacchiere, e me ne aggio fuì…

SINDACO         Uno, due, tre e quattro… fuitenne Aldù… ( Moscio scappa, fino alla comune poi realizza e torma indietro ).

MOSCIO          Ma siii scemo… è un modo di dire… comme…che  saccio… aggia fa ‘na tuccata e fuga…

SINDACO         ( Il sindaco lo tocca ) Tuccato… fuje Aldù… ( si ripete la scena di prima ) .

MOSCIO          Ancora nun è capito… aggia fa quattro chiacchiere… ( viene interrotto da Pietrolillo ).

PIETROLILLO ‘A farina l’he purtata?

MOSCIO          Aggio capito… cà si nun facite e sciemi nun site vuje… ( si và a sedere. Interviene il sindaco ).

SINDACO         Va bene, tutti seduti, iniziamo il consiglio! Presenti n° ….. cons. seduta valida, nomino scrutatori i cons. ………………………, ha chiesto d’intervenire per interrogazione il cons. Cucchiariello. Ha facoltà prego!

CUCCHIARIELLO  ( Si alza in piedi ) Sig. Sindaco, prima di iniziare i lavori di cui all’o.d.g.  chiediamo 1 minuto di raccoglimento per commemorare la scomparsa, avvenuta 2 giorni fà, della gattina della portinaia del salumiere dove si serve l’on. Bassino!

SINDACO         Richiesta accettata. Prego i signori consiglieri di  alzarsi e effettuare 1 minuto di raccoglimento. ( tutti si alzano e restano immobili ) Seduti. Bene, prima di iniziare i lavori di cui all’o.d.g. è con orgoglio che voglio informare il consiglio, che finalmente, siamo riusciti dopo 25 anni di dura ed intensa attività politica, a far sostituire la guarnizione del rubinetto della fontana della piazza del paese. Questo è solo una delle tante problematiche che questo consiglio, modestamente da me guidato, è riuscito a portare a termine. Vedo che la cons. Sbattilovo con insistenza stà chiedendo di intervenire sulla questione. Prego la parola alla cons. Sbattilovo.

SBATTILOVO Sig. sindaco, sigg. consiglieri, se si è riusciti ad ottenere un risultato cosi importante, lo si deve anche e soprattutto  all’intenso lavoro mio, effettuato in circa 121580 sedute di commissione e…. ( viene interrotta con tempismo dal cons. Pietrolillo ).

PIETROLILLO Vuoi vedere che adesso dobbiamo ringraziare te per il risultato? Ma fammi il piacere! La verità è che se la fontana del paese non perde più, lo si deve solo a me che dai banchi dell’opposizione ho saputo indirizzare questa incapace maggioranza verso la soluzione. E questo non lo potete negare, anche perché sulla questione ho fatto in modo che intervenissero i Parlamentari Europei del mio partito. ( si agita la cons. Avuti che interviene )

AVUTI              Salvatore, non dire enormità. Allora vuoi dire che l’intervento della mia segretaria di partito l’on. Concetta dei Fiori, non è servito a niente? ( Irrompe Moscio ).

MOSCIO          Ma per cortesia… come dire… tante volte le soluzioni, si ottengono perché noi dei tulipani… come dire… anche la ditta jolly con l’arredo urbano… e l’intervento di Zazà… ( iniziano a brontolare un po’ tutti creando una sorta di grammelot generale, fino a far intervenire d’autorità il sindaco ).

SINDACO         Basta, basta, silenzio! Tutti seduti! Ma che figura davanti ad un pubblico cosi numeroso! Passiamo a trattare l’o.d.g.   Dunque, siamo riuniti per discutere sulla procedura d’esproprio del terreno di proprietà del fù Saverio Conserva. Ho invitato l’assessore alla N.U. la funzionaria del catasto  e la sig.ra fiesta, ehm girella… comme se chiamme… Crostatina, l’erede del Conserva, che non vedo ancora! Ho ricevuto poche fa un fax da parte dell’assessore alla N. U. che si scusava  di poter partecipare perché a letto influenzata! E mi ha anche telefonato l’architetto del catasto per dirmi che non parteciperà al consiglio in quanto convocato d’urgenza dal sig. Prefetto, per una riunione urgente. ( Il sindaco a questo punto spiga la problematica di cui all’o.d.g. ).

SBATTILOVO Sig. Sindaco, le faccio notare che per la chiesa non dovrebbero esserci difficoltà, mentre per la scuola, siccome io sono insegnante, insegno al liceo Calzini, quindi me ne intendo, basterà trasformarla in istituto superiore e i costi e gli spazi sarebbero dimezzati!

SINDACO         Mi dispiace contraddirla consigliera Sbattilovo! La necessità del paese è quella di avere un’asilo nido ed un plesso materno! I giovani possono tranquillamente andare all’istituto superiore del paese limitrofo! ( Sbattilovo protesta energicamente, fa grammelot, e abbandona l’aula per protesta contro la decisione).

MOSCIO          Sig. Sindaco chiedo d’intervenire!

SINDACO         La parola al capogruppo dei tulipani … Aldo Muscettiello… ehm Aldo Moscio, prego ha facoltà!

MOSCIO          Sig. Sindaco la prego di fare attenzione a come pronuncia il mio nome, perché presumo che lei voglia scherzare… ( viene prontamente interrotto dal sindaco )

SINDACO         Ha ragione cons. Mosca.. ehm Moscio, ma deve sapere che ho qualche problema con la dentiera ed allora ho difficoltà, molto spesso ad articolare bene le parole. Prego continui pure il suo intervento.

MOSCIO          Signori consiglieri, come dire, la situazione della scuola è abbastanza, come dire, complicata in quanto l’assessore Sporta, ci aveva assicurato che si sarebbe, come dire, costruito una scuola media, ed aveva anche avanzata una proposta per  l’intitolazione, come dire, se mi ricordo bene si sarebbe dovuto chiamare, Scuola media statale    “ Gesualdo  SOSTENGO “, ora dobbiamo capire meglio, per cui io propongo, come dire, un nuovo incontro con l’assessore Sporta per vederci, come dire, chiaro. ( inizia una sorta di caciara tra i consiglieri )

SINDACO         Silenzio, tutti seduti! Mi dispiace che la cons. Sbattilovo abbia abbandonato l’aula, ma purtroppo dobbiamo fare di necessità virtù! Per quanto riguarda la proposta del cons. Moscio, che io condivido in pieno, informo che sarà mia cura convocare una riunione di capigruppo per fissare la strategia da proporre all’assessore Sporta. ( fa ironia sulla data della convocazione )E a questo punto come dicevano i latini … memente homo operamus sic stante bus, rebus … registri consigliere Cucchiariello! ( Cucchiariello replica sorridendo ).

CUCCHIARIELLO Eeeeh … il grande Sbatta…

SINDACO         Bene… volevo spiegare perché avevo invitato anche l’assessore alla N.U. ( nel frattempo squilla il cellulare del sindaco ). Scusate… pronto… chi è? Come?  Assù… stonghe facendo ‘o consiglio… ( chiude il cellulare e rivolgendosi al pubblico ) E’ a spennata… spia chi ll’ha dato ‘o nummero mio? Scusate dicevo mi ero preoccupato di invitare l’assessore alla N.U. in quanto mi è stata richiesta, appunto da questi uffici, l’area in questione per potervi installare una discarica! Quindi potete immaginare come diventerebbe il nostro paese se decidiamo di concedere la zona! Chella solo ‘a munnezza ce manca cca! Purtroppo, con rammarico, devo registrare che a fronte di tante richieste la disponibilità del municipio è esigua! Si consideri pure che vi è anche la richiesta  della sig.ra Brioscina… ehm… Crostatina, che in qualità di legittima erede del fù proprietario dell’area in discussione,  vuole entrarne in possesso! Anzi, mi chiedo: come mai non è ancora qui presente? ( rivolgendosi alla segretaria, che nel frattempo lavora ad uncinetto ) Dott.ssa, … dott.ssa non si distragga! Ma che state facenna ‘a cazetta, invece e scrivere? Ha invitato la signora Crostatina?

DIGIUNO         Certamente, come può vedere dall’elenco degli inviti! ( la cons. Avuti chiede la parola, ed il sindaco la concede ).

AVUTI              Sindaco, voglio fare una domandina piccola, piccola! Ho saputo che il fruttivendolo del paese ha aumentato a capa soje, le patate di 5 centesimi al kg? Questo è uno scandalo!

SINDACO         Provvederò subito a chiamare la CIA e l’FBI per  effettuare dei controlli, e se non ci danno soddisfazione, farò venire gli esperti di C.S.I. e se accertata l’infrazione, il fruttivendolo sarà passato per le armi! ( nel frattempo arriva la sig.ra Crostatina ).

TINA CROSTA Buongiorno, buongiorno!  Scusate il ritardo, ho avuto un guasto all’auto. Il consiglio è già iniziato?

SINDACO         Ah, bene signora Girella! Finalmente è qui! Si accomodi pure che la ragguaglio su quanto abbiamo discusso finora! ( Moscio interrompe )

MOSCIO          Ma se ancora dobbiamo discutere di niente, come fa a ragguagliare la signora Pastarella?

SINDACO         Ma pecché avimmo pure discutere? Nun è tutto concordato? Allora facimme e pazzielle ccà… Purtroppo, così come l’avevo annunciato, gentilissima signora Frollino, le devo comunicare che non esistono i presupposti per annullare l’esproprio, e tanto meno effettuare varianti ai progetti!

TINA CROSTA Ma come… e tutti gli argomenti ( fa il segno con le mani ) che ho portato non sono serviti a nulla?

SINDACO         ( visibilmente imbarazzato ) Ma vede… ehm la questione… è stata posta male… in quanto ( viene interrotto da Cucchiariello )

CUCCHIARIELLO La questione è un fatto culturale ... qui bisogna fare chiarezza… ci vediamo costretti a congelare la nostra Presidenza di commissione… questa non è una questione locale ma riguarda la nazione, l’Europa, il mondo… ci era stato assicurato che su quel terreno si sarebbe costruito un inceneritore per il cimitero… la diversità culturale, religiosa… ( viene interrotto da Pietrolillo )

PIETROLILLO E’ ditto bbuono ... chille ce vònne! ‘E furne crematorie, ma chilli llà ‘e ‘na vota però! ( irrompe la cons. Avuti )

AVUTI              Ma che dici, sei sempre il solito prepotente! Sulla questione fate parlare me, che conosco la situaz… ( viene interrotta ).

TINA CROSTA Mi hanno spennata, dissanguata viva ed ecco il risultato! Mascalzoni sapete solo litigare tra voi! Dei problemi della gente non v’importa niente, e questo è l’esempio! 

SINDACO         Signora Crostatina, faccia silenzio! La invito a moderare i termini! Questo è un consiglio rispettabilissimo, formato da degni ricottari.. ehm rappresentanti del popolo, eletti democraticamente! Adesso avviamoci alle conclusioni. Sentiamo il parere di tutti! Consigliera Avuti lei come si dichiara?

AVUTI              Insoddisfatta, insoddisfattissima, è uno scandalo!

SINDACO         Si, si… va bbuò… E lei consigliere Pietrolillo?

PIETROLILLO Ma che tengo ‘a vedè! Pe mme se po’ scarrupà tutto cosa!

SINDACO         Sentiamo ora il cons. Cucchiariello?

CUCCHIARIELLO    E’ un fatto culturale! ( viene disturbato dal cons. Pietrolillo ) Noi comprendiamo che l’argomento non attizza,  ma intanto noi congeliamo, congeliamo tutto!

SINDACO         E tu Aldù e dicere coccosa?

MOSCIO          Ma come dire, la questione va vista a 360 gradi, come dire, in un ottica di ampie convergenze, come dire, io propongo una sospensione per definire, come dire, ma pure pe ce magnà coccata cusarella và…

SINDACO         Aldù ca si nun facimma ambressa chesta c’arapa capa! E lei signora Crostatina deve aggiungere qualcosa?

TINA CROSTA Protesto, sono scontenta, e non mi piace… ( viene immediatamente interrotta dal sindaco )

SINDACO         Signò… ‘a verità… a mmè… e vuje ca site scontenta… de cunsiglieri ca nun hanno capite niente…. da segretaria mia ca nun sa vuluto fa tastulià e l’assessora da munnezza ca vuleva a discarica…. e pure ‘e l’architetto do catasto ca nun ha pututo venì … nun me ne ‘mporta proprio niente!  A mme m’interessa solo ca stu bello pubblico è cuntento! E se vi abbiamo soddisfatto, fatecelo capire un bello applauso.

                                                         (si chiude il sipario )

                                               F   I   N   E

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 13 volte nell' arco di un'anno