‘O nzallanuto

Stampa questo copione

‘O ‘nzallanuto

di Vincenzo Rosario PERRELLA ESPOSITO

detto Ezio

28/03/2005

Personaggi:   10

Sebastiano Auricchio                    Capofamiglia

Caterina Auricchio                        moglie

Ferdinando Auricchio                    figlio

Sylvia Auricchio                            figlia

Fratello Del Gaizo                         (porta la cocaina)

il dottor Aldo Fosforo                   medico

Maria Immacolata Concepita        infermiera – sua figlia Romina con Cubano

Bianca Neve                                  vicina di casa

Tarallo Giuseppe                           ispettore comune Napoli

il poliziotto Ottaviano Sarno         poliziotto

Casa Auricchio, anno 2005. Sebastiano è un uomo affetto da una forma di morbo di Alzheimer che lo costringe a dimenticare le cose e perfino le persone. Non è ancora una forma molto acuta, in quanto egli ha dei rari momenti di lucidità. Ad approfittare di questo sua difficoltà ci pensa suo cognato Fratello, il quale è uomo che vive di espedienti che rasentano il codice penale e talvolta lo toccano in pieno. Fratello nasconde delle dosi di droga in qualsiasi tipo di cibi, per poi acquattarli in casa di Sebastiano e precismente nel suo studio (pressoché inutilizzato). Naturalmente Sebastiano è smemorato, ma anche imbranato e si imbatte in questi cibi farciti di droga. Nel frattempo sua moglie Caterina è intenta a fargli ottenere la pensione di invalidità permanente e nel contempo aiuta il poliziotto Ottaviano a risolvere le sue ricerche nel quartiere di una partita di droga. Tutti gli elementi si concateneranno e il povero Sebastiano si troverà coinvolto in una marea di guai.

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it

            Napoli, sala da pranzo di casa Auricchio. Alla stanza si accede attraverso una comune centrale. A destra, una porta conduce in cucina, camera da letto e bagno. A sinistra, l’altra porta, conduce a due stanzette e a uno studio. A centro stanza vi è un tavolo con quattro sedie. Sulla sinistra c’è un divanetto davanti a cui c’è un tavolino. Alle spalle c’è la credenza. Quadri alle pareti rifiniscono la stanza. Sulla destra, c’è poi una finestra.

ATTO PRIMO

1. [Caterina, Ferdinando e Fratello]

                       Seduti su tre sedie al centro ci sono Ferdinando, Caterina e Fratello.

Ferdinando: Inzomma, pe’ nun v’’a purtà a luongo, stanotte aggio visto a papà che

                      cammenava pe’ tutt’’a casa, annanzo e areto, annanzo e areto…!

Caterina:      E pecché cammenava annanzo e areto?

Ferdinando: E pecché nun s’arricurdava cchiù addò steva ‘o bagno!

Caterina:      (Preoccupata) Uh, mamma mia, mamma mia!

Ferdinando: Mammà, e tu nun saje ancora niente. Io, aiére, l’aggio visto ‘nmiezo ‘a via. E

                       isso, comme si nun me cunuscesse proprio, nun m’ha manco salutato!

Caterina:      (Preoccupata) Uh, mamma mia, mamma mia!

Ferdinando: E chesto nun è niente. Stammatina l’aggio visto affacciato ‘o barcone.

Fratello:        E che steva facenno, Ferdinà?

Ferdinando: Steva facenno ‘o pipì abbascio!

Caterina:      (Preoccupata) Uh, mamma mia, mamma mia! Fratello, ma tu nun dice niente?

Fratello:        Dunque, Caterì, ripeto…

Caterina:      Ripeto? Ma pecché, che he’ ditto?

Fratello:        Niente, ancora aggia parlà.

Caterina:      E tu he’ ditto “ripeto”!

Fratello:        Vabbuò, quello è un mio intercalare. Dunque, sora mia, io te voglio dicere che

                       nuje amma aiutà a Sebastiano.

Ferdinando: E che putimme fa’?

Fratello:        Dunque, ripeto…

Caterina:      No, nun ripetere niente, accummience d’’o capo.

Fratello:        Io dico che dobbiamo chiamare un dottore.

Caterina:      ‘N’ato? Ma si io l’aggio fatto visità d’’a capa ‘o pede!

Ferdinando: Ma tu nun l’he’ fa’ visità ‘o pede? L’he’ fa’ visità ‘a capa!

Caterina:      E a che ce serve ‘stu duttore?

Fratello:        E mò ripeto…

Caterina:      Fraté, ma ‘a vuo’ fernì ‘e dicere “ripeto”?

Fratello:        E vabbuò, nun ripeto cchiù! E ora ditemi una cosa: che lavoro fa Sebastiano?

Caterina:      E’ laureato in giurisprudenza, però nun fa l’avvocato.

Fratello:        E pecché?

Ferdinando: E pecché nun s’arricorda ‘e essere laureato!

Caterina:      E accussì se penza ch’è ignorante! E allora s’è mmiso a ffa’ ‘o benzinaio.

Fratello:        E che ce azzecca? Mica ‘nu benzinaio ha da essere pe’ forza ignorante?

Caterina:      Fraté, ma tu ‘o stisse sfuttenno? Chillo già sta arraggiato pecché ogni tanto,

                       ccà ffora, s’appresenta ‘nu tizio ch’’o sfotte pe’ colpa d’’o cugnomme.

Fratello:        E allora? Chillo se chiamma Auricchio.

Caterina:      Appunto, chillu tizio allucca: “Auricchio, tiene ‘o nomme d’’o furmaggio!”…

Fratello:       ‘O vero? Embé, e Sebastiano nun aésce fora e ‘o mena ‘na scarpa ‘nfaccia?

Caterina:      Ma che? Chillo dorme sulo. Anze, ‘o masto suojo ce ha dato pure tre

                       gghiuorne ‘e festa. E se capisce, chillo nun ‘ngarra a ffa’ niente!

Ferdinando: ‘O zi’, ma famme capì ‘na cosa: che ce azzecca ‘o lavoro ‘e papà?

Fratello:        Dunque, ripeto: si nuje ‘o facimme visità ‘a ‘nu buonu miereco, tuo padre po’

                       avé ‘a penzione ‘e invalidità.

Caterina:      (Preoccupata) Uh, mamma mia, mamma mia!

Ferdinando: Mammà, e statte calma.

Caterina:      Ma ch’aggia sta’ calma? Io nun ‘o voglio a tuo padre fisso ‘int’’a casa.

Fratello:        Caterì, ripeto: chesta è ll’unica soluzione. Si Sebastiano nun fatica cchiù, ‘o

                       putimme aiutà meglio. E adesso, solleviamoci!... Ripeto, aizàmmece!

                       I tre si alzano in piedi.

                       Caterì, ce vedìmme cchiù tarde.

Caterina:       Vabbuò. Cià, e grazie ‘e ll’informazione.

Fratello:        E di che? Io sono tuo fratello. Te pozzo da’ sulo cunziglie buone. E a te,

                       Ferdinà, che he’ ‘a fa’? He’ ‘a venì cu’ me?

Ferdinando: E tu quante me daje?

Fratello:        Te dongo cinquant’Euro, tutta ‘a jurnata.

Ferdinando: Affare fatto! Mammà, io vaco a faticà cu’ zio Fratello.

Caterina:      Cià, cià. Jate a ffa’ ‘e ccozzeche. E v’arraccummanno, pigliatele bone!

Fratello:        Caterì, ma io faccio ‘o tabbaccaro, no ‘o pisciavinnele! Però, p’arrotondà

                       coccosa, me metto a vennere ‘e pisce ‘e “stramacchia”! Comunque nun te 

                       prioccupà, stasera te faccio fà ‘na zuppa ‘e cozzeche comme cummanna Dio!

Caterina:      (A Ferdinando) Uhé, a te, nun piglià ‘e ccozzeche malamente. He’ capì?

Ferdinando: Nun te prioccupà. Primma d’’e ppiglià, leggo ‘a scadenza areto ‘e scorze!

                       I due escono di casa (Fratello è un po’ zoppo). Caterina sospira.

Caterina:      Ma ch’aggio fatto ‘e male, io? E vabbuò, famme chiamma a Sylvia. (Chiama)

                       Sylvia, viene a ffa’ ‘e servizie, muòvete! Dorme sempe, chella figlia mia!

                       Esce a destra sbuffando.

2. [Sebastiano e Sylvia]

                      Da sinistra ecco Sylvia e Sebastiano (in giacca, cravatta, scarpe e pigiama).

Sylvia:          He’ visto, papà? ‘Int’’o studio tuojo nun ce sta nisicunu fantasma.

Sebastiano:  (Timoroso) Si’ sicura, a papà?

Sylvia:          Nun te prioccupà.

Sebastiano:  Menu male. Grazie, ehm… a proposito, ma tu quala figlia femmena si’?

Sylvia:          Papà, io so’ ll’unica figlia femmena che tiene.

Sebastiano:  Ah, già. E comme te chiamme?

Sylvia:          Ma comme, pure chesto t’he’ scurdato?

Sebastiano:  E scuseme, io songo ‘nu poco ‘nzallanuto.

Sylvia:          Papà, io me chiamme Sylvia, con la “ipsilon” al posto della prima “i”!

Sebastiano:  Con la ipsilon al posto della prima “i”? Ma chi è ‘stu scemo che t’ha

                      chiammata accussì?

Sylvia:          Ehm… tu e mammà!

Sebastiano: Mammà? Ma pecché, tu tiene pure ‘na mamma?

Sylvia:         Sì, ed è pure tua moglie.

Sebastiano: ‘O vero? Tua mamma è pure mia moglie?

Sylvia:         E se capisce, o si no comme faccio a essere tua figlia?

Sebastiano: E già, giusta osservazione! E che vvuo’ fa’, figlia mia? Purtroppo me stongo  

                     ‘nu poco ‘nzallanenno. Menu male ch’’o masto mio m’ha dato tre gghiuorne ‘e

                     festa. Ha vuluto premià “la mia costanza nel lavoro”.

Sylvia:         Bravo, sono contenta per te.

Sebastiano: E pur’io. Però ce sta ‘nu problema: che vvo’ dicere costanza nel lavoro?

Sylvia:         Ehm… nun ‘o ssaccio, però sarrà sicuramente ‘na cosa bona.

Sebastiano: Nun ‘o ssaje? Ma pecché, tu nun he’ studiato?

Sylvia:         Come no: io tengo la licenza media. Poi mi sono messa a fare la parrucchiera.

Sebastiano: E brava. E vabbuò, allora io mò me ne scengo ‘nu poco. Prendo un po’ d’aria.

Sylvia:         Bravo. (Poi lo guarda bene) Scusa, ma… accussì vestuto?

Sebastiano: E pecché, nun te piace? Guarde ccà: ‘a giacca, ‘a cravatta e ‘e scarpe nove!

Sylvia:         Sì, però tiene ‘o cazone d’’o piggiama.

Sebastiano: E vabbuò, chi me cuntrolla a me? Ce vedimme, a papà. Cià, Sabrina!

Sylvia:         No, Sylvia.    

Sebastiano: Vabbuò, sempe cu’ ‘a “esse” accummencia e sempe cu’ ‘a “a” fernesce!

Sylvia:         Papà, ma nun puo’ ascì cu’ ‘o piggiama ‘ncuollo. E’ poco serio.

Sebastiano: Ma scherzi? E’ ‘na perzona seria, Sebastiano Auricchio.                   

                     E da fuori si sente qualcuno che grida:

Ignoto:        “Auricchio, tiene ‘o nomme d’’o furmaggio”! 

Sebastiano: Uh, ‘stu figlio ‘e…! Embé, aggia ì a vedé proprio chi è. Cià, Simona, a papà! 

                     Ed esce via di casa di corsa. Sylvia lo guarda interdetta.

Sylvia:         Simona? Ma io me chiamme Sylvia! Povero papà. Da qualche tempo a questa

                     parte, non lo capisco più. Chi sa come mai sta diventando così svagato? Anze,

                     dicimme proprio ‘nzallanuto. Me fa ‘na pena. E allora gli debbo stare vicino.

                     Va a destra.

3. [Caterina, Ottaviano e Sebastiano. Infine Ferdinando]

                     Da destra entra Caterina.

Caterina:    Chi sa si chillu ‘nzallanuto è sciso? Speramme ch’oggie nun cumbina nisciunu     

                     guajo! Ma dich’io, ‘int’a ‘stu munno ce sta tanta gente che senza ‘na raggione,

                     bell’e buono… sbam, va a fernì sotto a ‘nu treno. E invece isso no! Ma comme

                     fa? Addò ‘a piglia tutta ‘sta salute? Secondo me, s’’a zuca ‘a cuollo ‘a me!  

                     E si siede imbronciata su una sedia davanti al tavolino. Suonano alla porta.

                     ‘A porta? E chi è, mò?

                     Apre, torna con Ottaviano Sarno, poliziotto in borghese, insieme a Sebastiano.

                     Viene, trase, Ottavià.

Ottaviano:   Cià, Caterì.

Caterina:     Néh, ch’è succieso, Ottavià? Pecché Sebastiano sta cu’ te?

Ottaviano:   Steva fora ‘a porta.

Caterina:     ‘O vero? E che stive facenno, Sebastià?

Sebastiano:  Niente, stevo cercanno ‘a stanza ‘e lietto!

Caterina:     E ‘a stive cercanno fora ‘a porta?

Sebastiano:  Ah, ma allora l’he’ spustata tu?

Caterina:     (Nota il pantalone del pigiama) Ma vatte a levà ‘stu cazone d’’o piggiama.

Sebastiano:  Néh, e comme te permiette ‘e me dicere chello ch’aggia fa’? Ma tu chi si’?

Ottaviano:   Ma comme, Sebastià! Chesta è mugliereta Caterina.

Sebastiano:  Ah, già. E allora cià, Caterì. Saluteme a tuo marito! Nun te scurdà!

                      Ed esce a sinistra anziché a destra. Ottaviano e Caterina lo guardano stupiti.

Caterina:      He’ visto? S’ha scurdato pure che songo ‘a mugliera. Ma mò addò sta jenno?

Ottaviano:    A se levà ‘o piggiama ‘int’’a stanza ‘e lietto. Ma ‘na vota nun steva a destra?

Caterina:      Appunto! Vabbuò. Lass’’o sta’. Viene, assiettete.

                      I due si siedono al tavolino.

                      E allora, Ottavià, comme va si’ passato ‘a ccà?

Ottaviano:    Io faccio il poliziotto. Sto sempre “sul chi va là”, pure quando sto in borghese.

Caterina:      Giustamente! E pecché tiene ‘sta faccia?

Ottaviano:    Pecché tengo ‘sta faccia? E ch’è colpa mia? Io ‘a tengo ‘a quanno so’ nato!

Caterina:      No, ma io sto’ dicenno: pecché tiene ‘sta faccia accussì prioccupata?

Ottaviano:    Caterì, io t’’o ddico. Però l’he’ sapé sulo tu. Picciò, ‘nzierre porte e feneste!

Caterina:      E nun te prioccupà, nun ce sente nisciuno. Ja’, avvì a cuntà.

Ottaviano:    Dunque, da queste parti, ultimamente, è cominciato un giro di polvere bianca.

Caterina:      Droga?

Ottaviano:    (Ironico) No, borotalco!

Caterina:      Borotalco?

Ottaviano:    Caterì, è logico che se tratta ‘e droga! Sulo che ce sta ‘nu problema: comme fa

                       a trasì ‘sta droga ‘int’’o quartiere? Chi ‘o pporta? Caterì, tu nun saje niente?

Caterina:      Ottavià, ma io, cu’ tutt’’e guaje che tengo, me metto a penzà pure ‘a droga?

Ottaviano:    E già, effettivamente! E ppo’ tu me si’ cummara ‘e matrimonio.

Caterina:      Vabbuò, Ottavià, t’’a pozzo fa’ ‘na tazzulella ‘e café? (Si alza in piedi)

Ottaviano:    Sì, grazie. (Si alza in piedi)

Caterina:      E gghiamme ‘int’’a cucina.

Ottaviano:    Però, Caterì, t’arraccummanno: (Indicandosi l’occhio) …occhio!

Caterina:      Che cosa? Tengo ‘na cosa ‘int’all’uocchio?

Ottaviano:    No, dico, statte accorta! Se vedi qualcosa che non va nel quartiere, chiamami!

Caterina:      No, Ottavià, pe’ piacere, famme sta’ qujeta.

Ottaviano:    E no, Caterì, nun se fa accussì. ‘O ssaje pecché ‘a delinquenza è ‘na brutta 

                       bestia? Pecché ce sta troppo silenzio. Troppa omelia!

Caterina:      Ottavià, vienete a piglià ‘o ccafé, ch’è meglio!

                       I due escono a destra. Da sinistra torna Sebastiano.

Sebastiano:  Néh, ma ‘a stanza ‘e lietto addò l’hanne misa? Non si spostano così le stanze

                      in casa mia. Parola di Sebastiano Auricchio!

                      E da fuori si sente gridare:

Ignoto:          “Auricchio, tiene ‘o nomme d’’o furmaggio”! 

Sebastiano:  ‘N’ata vota? Ma famme acchiappà a st’infame.

                      Esce via e torna prendendo per il braccio Ferdinando (ha una busta di cozze).

                      Disgraziato, si’ tu che me staje sfuttenno a me? Ma tu chi si’?

Ferdinando: Ma comme, papà, nun t’arricuorde ‘e me?

Sebastiano:  (Subito lo lascia) M’he’ chiammato papà? Ma allora tu si’ mio figlio?

Ferdinando: Bravo, papà, songh’io, Ferdinando. Ma pecché, ch’è stato?

Sebastiano:  Ehm… no, niente. E che ce sta ‘int’a ‘sta busta che tiene ‘nmana?

Ferdinando: Cozzeche. L’aggie jute a ffa’ ‘nzieme ‘o zio Fratello.

Sebastiano:  ‘O zio Fratello?

Ferdinando: Sì: Fratello Del Gaizo.

Sebastiano:  E tu si’ gghiuto a ffa’ ‘e ccozzeche ‘nzieme ‘o frato d’’o cacchio?

Ferdinando: Ma qualu frato d’’o cacchio? Fratello Del Gaizo, ‘o frato ‘e mammà.

Sebastiano:  E’ ‘o frato ‘e mammà? E allora ‘o nomme nun se sbaglia proprio! A proposito,

                      ma ‘stu zio Fratello che mestiere fa? ‘O pisciavinnele?

Ferdinando: Papà, ma chillo, ‘o zio Fratello, è zuoppo!

Sebastiano:  E che significa? Ma pecché, pe’ piscà, s’ha da correre ‘ncoppa all’acqua?!

Ferdinando: No, nel senso che chillo va a piscà pe’ passione. Però fa ‘o tabbaccaro.

Sebastiano:  Ah, ecco. Embé, e quanta cozzeche he’ piscato?

Ferdinando: Beh, veramente nun l’aggio cuntate!

Sebastiano:  Cretino, voglio sapé quanta chile so’!

Ferdinando: E che ne saccio? Sarranne duje-tre chile!

Sebastiano:  Ah, bravo! Allora cheste ce ‘e ffacimme cu ‘o vermiciello!

Ferdinando: ‘O vero? Ce ‘e ffacimme cu’ unu vermiciello sulo?!

Sebastiano:  Ma po’ essere maje che tengo ‘nu figlio accussì deficiente?! In gergo se dice

                      “’o vermiciello”, ma po’ s’intende sempe ‘nu miezu chilo ‘e pasta!

Ferdinando: Ah, sì? E allora benissimo!

Sebastiano:  Embé, e chisto fosse ‘o mestiere tuojo?

Ferdinando: No, io faccio ‘o cameriere part-time.

Sebastiano:  Aggio capito. E io che mestiere faccio?

Ferdinando: Ufficialmente, ‘o benzinaio. Però tu si’ ‘n’avvocato.

Sebastiano:  Io songo ‘n’avvocato?

Ferdinando: E certamente. Tu te si’ fatto pure ‘o studio, però nun he’ mai praticato.

Sebastiano:  Io tengo ‘nu studio? Uh, accumpagname, ‘o voglio vedé. Ma se trova luntano

                      assaje?

Ferdianndo: (Ironico) Sì, amma piglià ‘a metropolitana e ‘a Vesuviana!

Sebastiano:  No, ‘e mezzi pubblici, no. E allora pigliamme ‘a machina!

Ferdinando: Ma che staje dicenno? Papà, ‘o studio tuojo sta llà, a sinistra.

Sebastiano:  Ah, sì? Ma che ce sta a ffa’ chillu studio llà ddinto?

Ferdinando: ‘O vulìmme levà ‘a lloco e ‘o mettimme a ‘n’ata parte?

Sebastiano:  (Ironico) Eh, mò ce ‘o carriàmme ‘ncoppa ‘e spalle ‘nu mumento! Ma no, io

                      voglio dicere ch’’o posto d’’o studio, ce putimme fa’ cocch’ata cosa.

Ferdinando: Per esempio?

Sebastiano:  Per esempio ‘a cucina!

Ferdinando: No, e già ce sta!

Sebastiano:  Già ce sta? E allora ce putimme fa’ ‘o bagno!

Ferdinando: No, e già ce sta.

                      I due si avviano a sinistra.

Sebastiano:  E allora, io dicesse: facimmece ‘na bella stanza ‘e lietto! 

Ferdinando: Ce sta.

Sebastiano:  E allora, ‘o ripostiglio!

Ferdinando: Ce sta!

Sebastiano:  ‘O barcone!

Ferdinando: Ce sta!

                      Ed escono via continuando.

4. [Sylvia e Tarallo Giuseppe. Poi Sebastiano e Ferdinando. Infine Caterina]

                      Suonano alla porta. Da destra accorre Sylvia: sbatte uova in un tegamino.

Sylvia:          Vengo, vengo.

                      Va ad aprire e torna col medico fiscale Tarallo Giuseppe (con valigetta).

Tarallo:        Posso?

Sylvia:          Prego. Non ci fate caso se sbatto le uova. Più tardi devo fare la maionese.

Tarallo:        Ah, sì? E brava! Sai fare la maionese, tu?

Sylvia:          No!

Tarallo:        Embé, e allora comme ‘a faje a priparà?

Sylvia:          Ci provo. Vado per tentativi. Se mi riesce, ce la mangiamo, o si no ‘a ittamme!

Tarallo:        Ottima filosofia! E senti un’altra cosa: qua abita un certo Fratello Del Gaizo?

Sylvia:          No, abita a un chilometro da qua. In questa casa abita Sebastiano Auricchio.

Tarallo:        E come mai questo Fratello Del Gaizo mi hanno detto che abita qua?

Sylvia:          E che ne so? Quello è mio zio. E tiene una tabaccheria proprio giù al palazzo.

Tarallo:        Sì, conosco la sua tabaccheria. Io sono il dottor Tarallo Giuseppe, ispettore del

                      comune di Napoli. Periodicamente effettuo delle verifiche sui commercianti.                    

                      Ed ho scoperto che, molto spesso, il negozio di tuo zio resta chiuso, e fuori c’è

                      un cartello con su scritto “Chiuso per motivi di salute”.

Sylvia:          Embé? ‘O negozio è ‘o suojo. Che ve ne ‘mporta a vuje?

Tarallo:        E qua sei in errore. Ogni negoziante deve garantire un certo numero di giorni

                      di apertura, in un anno solare. Ma tuo zio, invece, lavora la metà!     

Sylvia:          Vabbé, ma può darsi che quello veramente sta male.

Tarallo:        Vedremo. Spesso ho scoperto persone che hanno una doppia attività. E così

                      chiudono il negozio prima dell’orario di chiusura, o assumono gente a nero.

Sylvia:          (Preoccupata) Oddio! E chillo va a ffa’ ‘e ccozzeche!

Tarallo:        ‘E ccozzeche? Quali cozzeche?

Sylvia:          No, ehm… voglio dire: ma secondo voi, la maionese va bene con le cozze?

Tarallo:        No, è ‘nu ‘nguacchio! Non va bene. Comunque ti dicevo io ho scoperto tutti  

                      questi malfattori. Ma alla mia collezione, mi manca solo un tabaccaio che di

                      nascosto fa il pescivendolo.

Sylvia:          (Spaventata) Oddio! E chillo sta ‘nmiezo ‘o mercato!

Tarallo:        ‘Nmiezo ‘o mercato? Qualu mercato?

Sylvia:          No, cioè… se questa maionese non è buona, ne compro un’altra al mercato!

Tarallo:        Ah, ma tu staje parlanno d’’a maionese? Ma che me ne ‘mporta a me? Io devo

                      scovare questi porci, delinquenti, assassini! E pure i loro soci.

Sylvia:          (Preoccupata) Oddio! Ferdinando!

Tarallo:        Ferdinando? E chi è?

Sylvia:          Ehm… no, Ferdinando re d’Italia! Era un appassionato di maionese!

Tarallo:        Ancora cu’ ‘sta maionese? E mò basta! A me nun me piace nemmanco, ‘a

                      maionese! Me fa schifo! He’ capito? Me fa schifo, schifo, schifo…!

                      E se ne va celermente. Sylvia resta basita. Osserva la maionese, non convinta.

Sylvia:          Beh, effettivamente ‘o culore fa ‘nu poco schifo! Comunque aggia parlà cu’

                      zio Fratello e cu’ Ferdinando. Chiste rischiene ‘e passà ‘nu guajo niro assaje!

                      Ed esce a destra. Da sinistra tornano Ferdinando e Sebastiano.

Sebastiano:  Ferdinà, saje che te dico? ‘O posto d’’o studio, ce faccio ‘n’angolo cottura!

Ferdinando: Papà, già ce sta.

Sebastiano:  E addò sta?

Ferdinando: ‘Int’’a cucina.

Sebastiano:  E allora ho deciso: ce faccio ‘na bella veneranda!

Ferdinando: Ma quala veneranda? Se chiamma veranda!

Sebastiano:  Appunto! Vabbuò, comunque ne parlamme ‘n’ata vota. Mò aggia scennere.

Ferdinando: (Gli guarda i pantaloni) Ma comme, scinne cu’ ‘o piggiama?

Sebastiano:  E già, allora m’aggia ì a mettere ‘o cazone. A proposito: addò sta?

Ferdinando: Che cosa?

Sebastiano:  ‘O cazone.

Ferdinando: In genere sta ‘into all’armadio.

Sebastiano:  Giusto, sta ‘into all’armadio! E l’armadio addò sta?

Ferdinando: Sta ‘int’’a stanza ‘e lietto.

Sebastiano:  Anche questo è giusto. Sì, ma addò sta ‘a stanza ‘e lietto?

Ferdinando: Sta ‘a fora all’armadio!

Sebastiano:  E l’armadio addò sta?

Ferdinando: Sta ‘a fora ‘o cazone!

Sebastiano:  Ah, grazie dell’informazione!

Ferdinando: Di niente! Allora io vaco a pusà ‘sti ccozzeche ‘int’’a cucina.

Sebastiano:  Va’, va’.

                      Ferdinando esce a destra.  Sebastiano resta dubbioso.

                      Però nun aggio capito ancora ‘na cosa: addò sta ‘a stanza ‘e lietto? Ma è sicuro

                      che chesta è casa mia? E sì, questa è casa Auricchio. 

                      E da fuori si sente gridare:

Ignoto:         “Auricchio, tiene ‘o nomme d’’o furmaggio”!

                      Sebastiano va alla finestra e grida fuori:

Sebastiano:  Puozze passà ‘nu guajo tu e tutta ‘a razza toja!

                      Da destra entra Caterina.

Caterina:      Néh, ma chi è ch’allucca? (Poi nota Sebastiano) Ah, ‘o vi’ lloco, ‘o vi’! (Va

                      da lui) Sebastià! (Lo prende per il braccio e lo porta a centro stanza)

Sebastiano:  (La osserva sorpreso) Néh, ma tu chi si’?

Caterina:     Marò, t’he’ scurdato ‘n’ata vota? So’ chella scema ‘e mugliereta!

Sebastiano:  Si’ chella scema ‘e muglierema? Ma pecché, tengo ‘na mugliera scema?

Caterina:     Sebastià, scitete ‘nu poco! Ma comme, nun t’arricuorde ca io te so’ mugliera?

Sebastiano:  Comme no? Aspié, ma comme te chiamme tu?

Caterina:     Io me chiamme Ca…? Ca…?

Sebastiano:  Ca… ca… cazza* che ssi’! Ma che vvuo’ ‘a me?             *(tutto insieme: cacacazza.)

Caterina:     Voglio sapé ‘a te ‘o nomme mio.

Sebastiano:  Ma comme, tu te scuorde ‘o nomme tuojo e ‘o vuo’ sapé ‘a me?

Caterina:     Ma si’ tu che nun t’’o ricuorde.

Sebastiano:  Io nun m’’o ricordo? E chi te l’ha ditto, Filomena?!

Caterina:     Ma qua’ Filomena? Io me chiammo Caterina.

Sebastiano:  Vabbuò, te chiamme Caterina, però ‘o sicondo nomme tuojo è Filomena!

Caterina:     E invece no, io me chiammo sulo Caterina e basta! Ma comme, po’ essere  

                      maje che tu nun t’arricuorde comme ce amme cunusciute?

Sebastiano: Aspié, arricuordammello ‘nu poco.

Caterina:    Sebastià, tu mi hai abbagliato.

Sebastiano: Ti ho abbagliato? Nel senso che si’ rimasta abbagliata d’’a bellezza mia?

Caterina:    Ma qua’ bellezza toja? Tu m’he’ abbagliato, nel senso che m’he’ puntato

                     l’abbagliante d’’a cinquecienta toja ‘int’all’uocchie mie!

Sebastiano: Embé, e aroppo che ce amme cunusciute, ce amme pure spusate?

Caterina:    Sì. Ma comme, nun t’arricuorde che bellu vestito ‘e sposa che teneve io?

Sebastiano: Comme no? Io m’’o ricordo buono: era tutto bianco!

Caterina:    E se capisce ch’era bianco! Comm’’o vulive? Marrone?

Sebastiano: Aspiette, mò m’’o ricordo: teneva ‘na bella coda longa longa. E ppo’ teneva

                     chillu bellu strascino!

Caterina:    ‘O strascino? Se chiamma strascico.

Sebastiano: Siente, ma po’ simme jute pure ‘o viaggio ‘e nozze?

Caterina:     Comme no? Simme jute a Rapallo.

Sebastiano: ‘O vero? Simme jute a Rapallo? All’anema ‘e Rapallo!

Caterina:     No, no, nuje ce simme jute overamente. Siamo stati lì una settimana.

Sebastiano:  Sì? E siente ‘na cosa, Carotina…!

Caterina:     Caterina.

Sebastiano:  Caterina… ma lloco a Rapallo, io e te amme pure… cunzumato?!

Caterina:     (Seccata) Siente, si tu t’he’ scemuluto, nun è colpa mia! Io t’aggio cunusciuto

                      intelligente, avvocato e ricco, e mò te ritrovo scemo, benzinaio e sfasulato!

                      Nun saccio si aggia ridere o aggia chiagnere! Picciò, è meglio che me ne vaco.

Sebastiano:  E io che faccio?

Caterina:     Vatte a sparà, vatte a menà a mare, vatte a ‘mpiccà… inzomma, Sebastià,

                      famme addiventà vedova! He’ capì?

                      Ed esce via a sinistra celermente.

Sebastiano:  Aspié, Carmilina… no, cioè, Carotina… ma comme se chiamma, chesta? Ah,

                      già, Caterina. Uhé, Caterì, pecché te ne vaje? Nuje mò ce stamme cunuscenno!

                      Ed esce a sinistra.

5. [Ferdinando e Fratello. Infine Ottaviano e il dott. Aldo]

                      Da destra entra Ferdinando. Si siede sul divanetto.

Ferdinando: Ma chelli cozzeche nun so’ bone. ‘O zio Fratello s’è rimbambito proprio.

                      Dalla comune entra Fratello (sempre zoppicando) che gli va dietro.

                      E mò comme m’’e faccio a vennere?

Fratello:       Psss… psss…!

Ferdinando: Chi è?

Fratello:       (Si fa avanti) Ripeto, songh’io!

Ferdinando: Si’ tu? E pecché faje “psss… psss…”? A proposito, ma comme si’ trasuto?

Fratello:       (Gli siede accanto) Steva ‘a porta aperta. Forse l’ha lassata tuo padre.

Ferdinando: ‘O zi’, t’aggia parlà ‘e chelli ccozzeche.

Fratello:       No, mò nun è ‘o mumento. ‘O ssaje chi è trasuto ‘int’’a tabaccheria mia?

Ferdinando: Chi?

Fratello:       Un tizio mandato dal comune. Va appuranno si ‘e negoziante, quante chiudene

                      ‘e negozie pe’ troppo tiempo, stanne buone in salute.

Ferdinando: Embé? Tu staje sempe araputo.

Fratello:       Sì, però chiudo cchiù ambresso. E pe’ legge, nun se po’ ffa’. E si chisto scopre

                      ca io tengo ‘a siconda attività ‘e pisciavinnele abusivo, me fa passà ‘nu guajo!

Ferdinando: (Seccato) Ah, e allora si chisto scopre a te, scopre pure a me! ‘E che bellezza!

Fratello:       He’ visto? Se vede che coccheduno ha cantato.

Ferdinando: Coccheduno ha cantato? E sarrà stata ‘a figlia d’’a signora ‘o piano ‘e coppa.

Fratello:       Pecché? Tene ‘o vizio ‘e cantà?

Ferdinando: Esatto! Chella va cantanno pe’ ddint’’e locale!

Fratello:       ‘O vero? Va spianno pe’ ddint’’e locale? Ma si l’acchiappo…!

Ferdinando: Embé, e mò comme facimme? Nun putimme vennere cchiù ‘e ccozzeche?

Fratello:        No, nun se po’ ffa’ cchiù.

Ferdinando: Mannaggia, io sto’ ‘nguajato. ‘O ssaje? M’aggia spusà, e nun m’’o ppozzo 

                       permettere pecché nun tengo sorde. Picciò, ‘a ‘nnammurata mia m’ha lassato.

Fratello:        E io sto’ peggio ‘e te: ‘a tabaccheria nun sta jenno buono. Porta sulo spese.

Ferdinando: Siente ‘o zi’, mò amma organizzà assolutamente coccosa.

Fratello:        E io aspettave che m’’o ddicive tu? Saje ch’aggio fatto, ultimamente? Me so’

                       organizzato: sto incominciando una terza attività. Si tratta di polvere bianca.

Ferdinando: ‘O zi’, e che facimme cu’ ‘o bicarbonato? Nun se guadagna proprio niente!

Fratello:        Cretino, io sto’ parlanno d’’a povere che se piglia ‘int’’o naso.

Ferdinando: ‘A povere ‘int’’o naso? E a che serve? Pe’ ffa’ fa’ ‘e sternute?

Fratello:        Oh, ma a te ‘a cerevella s’è fulminata comm’a ‘na lampadina! Ferdinà, io sto’

                       parlanno d’’a cocaina. He’ capito mò?

Ferdinando: ‘O zi’, ma che si’ asciuto pazzo?

Fratello:        Ah, sì? E allora muòrete ‘e famme.

Ferdinando: (Ci riflette) Beh, del resto nun è che ce sta ‘n’ata soluzione.

Fratello:        Infatte. E ppo’ pure ‘a signora Margherita, ‘a mugliera d’’o purtiere ‘e chistu

                       palazzo, va facenno ‘a stessa cosa. E l’hanne acchiappata? No, mai!

Ferdinando: Sì, ma comme facimme a purtà ‘sta rrobba ‘int’’o quartiere?

Fratello:        La mettiamo nel pesce e nelle cozze che noi peschiamo solitamente. E lo sai

                       dove la nascondiamo tutta questa roba?

Ferdinando: ‘Int’’a tabaccheria toja?

Fratello:        A chi? Io già tengo ‘e guaje pe’ colpa ‘e chillu Tarallo Giuseppe. Io direi,

                       mettiamo tutto in una stanza che voi non utilizzate mai: ‘o studio ‘e tuo padre.

Ferdinando: Ma si’ pazzo? Chillo aroppo ‘o studio fete ‘e pesce!

Fratello:        E tu arape ‘a fenesta! E allora, accetti? Non rispondere, hai già detto di sì! E

                       allora mò viene cu’ me. E t’arraccummano, silenzio in casa. (Si alza in piedi)

Ferdinando: (Si alza) No, ma io nun m’’a sento.

Fratello:        E allora nun me fa’ perdere ‘o tiempo appriesso a te. Cià, Ferdinà.

                       Fratello esce di casa arrabbiato (zoppicando). Ferdinando si siede di nuovo.

Ferdinando: No, no, pe’ carità, nun me cunvince. Chiammateme ommo ‘e niente si mò

                       m’aìzo e vaco addù zio Fratello! (Però poi si alza) Aspié, ‘o zi’, vengo cu’ te!  

                       E gli corre dietro. Da destra entra Ottaviano: sta bevendo il suo caffè.

Ottaviano:    Ah, comm’è buono ‘stu ccafé! A proposito, addò è gghiuta Caterina? M’ha   

                       lassato ‘int’’a cucina e è sparita. E vabbuò, famme fernì ‘stu ccafé, va’!

                       Suonano alla porta.

                       ‘A porta? (Chiama) Caterì, sta sunanno ‘a porta! Viene a arapì! Ma addò è

                       gghiuta chesta? E vabbuò, mò vaco a arapì io.

                       Posa la tazzina sul tavolo, va ad aprire, torna con Aldo, che ha una valigetta.

Aldo:             E’ permesso?

Ottaviano:    Trasite, trasite.

Aldo:             Scusate, voi siete il padrone di casa?

Ottaviano: No, io sono un poliziotto.

Aldo:          Ah, ma allora chesta è ‘a questura?

Ottaviano: No, quala questura? Questa è una casa normale. Io invece sono un poliziotto.

Aldo:          Ho capito. E per la precizione, siete l’agente…?

Ottaviano: Ottaviano Sarno.

Aldo:          Nun voglio sapé cu’ qualu treno site venuto. Voglio sapé ‘o nomme vuosto.

Ottaviano: (Si arrabbia) Aggio ditto Ottaviano Sarno.

Aldo:          Eh, eh, e vabbuò. Che v’arraggiate a ffa’?

Ottaviano: Scusate, io sono un tipo nervoso. E voi invece chi siete?

Aldo:          Sono il dottor Aldo Fosforo, medico generico. A proposito, dove sta il malato?

Ottaviano: Qualu malato, scusate?

Aldo:          Ma come? Io sono stato chiamato. Mi hanno detto che qua c’è un malato.

Ottaviano: Scusate, ma chi v’ha chiammato?

Aldo:          Fratello Del Gaizo.

Ottaviano: (Si arrabbia) Sentite, nun accumminciamme a spustà cu’ ‘a vocca, una cosa!

Aldo:          Ma…

Ottaviano: Guardate ca io caccio ‘e mmanette e v’arresto per oltraggio alla forza pubblica! 

Aldo:          Néh, ma chi ha spustato cu’ ‘a vocca?

Ottaviano: E vuje m’ate chiammato “fratello del…” e nun me facite dicere ‘o riesto!

Aldo:          Ma chi ce ll’ave cu’ vuje? Io sto’ parlanno d’’o cainato d’’o signor Auricchio. E

                    allora, avanti, addò sta Auricchio? (Spazientito) Voglio Auricchio!

Ottaviano: E ‘o vulite ‘a me? Jatele a accattà ‘int’’o caseificio!

Aldo:          Ma faciteme ‘o piacere!

                    Si avvia ad uscire di casa stizzito seguito da Ottaviano.

Ottaviano: Uhé, comme ve permettite? Io vi arresto!

Aldo:          Uff!

Ottaviano: Io caccio ‘a pistola!

Aldo:          Uff!

                    I due escono via.

6. [Caterina, Sylvia, Sebastiano e Ottaviano]

                    Da sinistra torna Caterina che è molto contrariata. Parla male di Sebastiano.

Caterina:    E penzà che mammà me dicette: “Caterì, nun t’’o spusà, a chillo!”… E invece,   

                     me mettette contro a mammà e a papà pe’ colpa soja! Ha da passà tanta guaje!

                    E da destra entra Sylvia.

Sylvia:        Mammà, he’ visto a papà?

Caterina:    Nun me ne parlà! Purtroppo l’aggio visto fin’e poco fa! Pecché, coccosa?

Sylvia:        No, io ti volevo dire una cosa: zio Fratello e Ferdinando s’hanna sta’ attiente.

Caterina:    Pecché? Stanne perdenno pure lloro ‘a capa?!

Sylvia:        No, peggio! Rischiano di essere scoperti e arrestati.

Caterina:    Fosse ‘o Dio! Accussì me ne levo ati dduje ‘a nanzo. Anze, aggia vedé si se

                    pigliene pure a pateto, accussì completamme ll’opera!

Sylvia:        Ma tu pazzìe? Ccà ‘o fatto è serio. Devi aiutare a zio Fratello e a Ferdinando.

Caterina:    E che vvuo’ ‘a me, figlia mia? Ma io cu’ quanta guaje aggia cumbattere?  

Sylvia:        Ho capito. Stai parlando di papà. E se tu lo facessi ingelosire?

Caterina:    Io? Ma si chillo nun s’arricorda manco comme me chiammo!

                     Da sinistra entra Sebastiano con un dente in mano.               

Sebastiano: Caterì.

Caterina:    (Sorpresa) E che d’è, Sylvia, papà s’è arricurdato ‘o nomme mio?

Sylvia:        ‘O vi’, he’ visto?

Sebastiano: Néh, ma pecché nun m’avessa arricurdà ‘o nomme tuojo? Tu si’ mia moglie.

Caterina:    (Piacevolmente sorpresa) Ah, ehm… ma certo, tesoro mio. Che cosa ti serve?

Sebastiano: Guarde ccà… (Le mostra il dente) Bell’e buono aggio perzo ‘nu dente!

Caterina:    E tu chesto m’’iva dicere?

Sebastiano: Sì.

Sylvia:         (Fa segno a Caterina di pazientare) Ehm… vabbé, mammà, che c’è di strano?

Caterina:    (Sospira) E già. E allora nun m’he’ dicere niente cchiù, Sebastià?

Sebastiano: Chi è Sebastiano?

Caterina:    Tu! 

Sebastiano: Ah, già. Caterì, t’aggia dicere ‘na cosa incredibile. ‘A dico sulo a te e a Sylvia.

Caterina:    Ch’è succieso?

Sebastiano: Aggio scuperto ca nun riesco a gghi’ cchiù ‘int’’o bagno. So’ diventato stitico!

Caterina:    (A Sylvia) Ma tu ‘o siente a chisto?

Sebastiano: Ma pecché, ch’aggio ditto ‘e male?

Caterina:    Niente, niente, va’ ‘int’’o bagno e fatte passà ‘a stitichezza!

Sebastiano: Nun te prioccupà, mò ce vaco. Cià, Sabrì.

Sylvia:         Me chiammo Sylvia.

Sebastiano: Ah, già, con la “acca”!

Sylvia:         No, con la “ipsilon”!

Sebastiano: Appunto! Vabbuò, cià, a papà!

                     Esce via a destra. Le due lo guardano rassegnate.

Sylvia:         E che ce vuo’ fa’, mammà? ‘Nu poco ‘e pacienza!

Caterina:    E chi m’’a dà a me? Chi?

                    Si siede al tavolo rassegnata. Suonano alla porta.

                    Va’ a rapì ‘a porta, Sylvia. Pe’ piacere.

                    Sylvia va ad aprire sbuffando. Poi torna con Ottaviano che entra lamentandosi.      

Ottaviano:  Chesta è ‘na città senza giustizia, senza legge, senza né capa e né coda!

Caterina:    Ch’è stato, Ottavià?

Ottaviano:  (Si siede al tavolo, nervoso) Ma che ha da essere? Non c’è rispetto per le forze

                     dell’ordine. Neppure da parte dei medici. Hai capito?

Caterina:    Tu he’ capito coccosa, Sylvia?

Sylvia:         No! Del resto io, a Ottaviano, nun ‘o capisco proprio.

Ottaviano:  Ma io non mi sto zitto senza reagire. Io caccio ‘a pistola!

                     Si alza in piedi ed estrae la pistola. Le due si spaventano.

Caterina:    Uh, Marò, Ottavià, ma che vvuo’ fa’ cu’ ‘sta pistola?

Ottaviano:  Ma niente, io sto’ ffacenno sulo ‘na “sparata” pe’ m’attiggià ‘nu poco!  

Sylvia:         Ottavià, ma tu fusse scemo? Ma pecché nun vaje a acchiappà ‘e marjuole?

Ottaviano:  E’ chello che sto’ ffacenno. Ma tanto, ‘int’a ‘sta casa nun ce ne stanne.

                     E da destra si sente Sebastiano che si lamenta:

Sebastiano: “Néh, ma addò sta ‘a carta igienica?”…

Ottaviano:    Uh, ate ‘ntiso? ‘Int’’o bagno ce sta coccheduno. Ha da essere ‘nu marjuolo!

Caterina:      No, ma lloco ddinto ce sta…

Ottaviano:    Ssst, silenzio.

Sylvia:           Aspetta, Ottaviano…

Ottaviano:    Ho detto silenzio!

                       Si avvicina a destra. Da lì esce Sebastiano che si tiene i pantaloni.

Sebastiano:   Caterì…!

Ottaviano:    (Gli punta la pistola addosso) Mani in alto!

Sebastiano:   (Si spaventa) Uh, Marò! (E lascia scendere i pantaloni)

Ottaviano:    Ah, ma si’ tu, Sebastià? Ate visto, Caterì, Sylvia? E’ sulo Sebastiano.

                       Le due accorrono a fianco a Sebastiano.   

Caterina:      Sebastià, che te siente, coccosa?

Sebastiano:  (Ancora teso) Caterì, t’aggia dicere ‘na cosa.

Caterina:      Che cosa?

Sebastiano:  (Odora nell’aria, e poi disperato) M’è passata ‘a stitichezza!

Caterina:      Uh, accumpagnammele ‘int’’o bagno!

                      Le due gli si mettono sotto braccio ed escono a destra. Ottaviano li segue.                   

7. [Fratello e Ferdinando. Sebastiano, Caterina, Ottaviano e Sylvia. Poi Giuseppe Tarallo]

                       Dalla comune, quatti, entrano Fratello e Ferdinando, con uno scatolo a testa.

Ferdinando: (Gridando) Non ci facciamo sentire!

Fratello:        Cretino, ma si tu allucche accussì, ce faje sentì ‘a tutto ‘o palazzo!

Ferdinando: Embé,‘o zi’, che me staje facenno fa’! Si papà ce scopre, accìde a me, no a te!

Fratello:        Tuo padre nun se ne accorge proprio ‘e chello che stamme facenno. E mò

                       jamme a purtà ‘sta rrobba ‘int’’o studio suojo. Vedrai, faremo soldi a palate.

Ferdinando: Speramme che nun avìmme sulo ‘e ppalate!

Fratello:        Mamma mia, ‘e ch’ottimismo! Jammuncenne, jamme!

                       Escono a sinistra. Da destra entrano Sebastiano e Caterina.

Sebastiano:   Caterì, mò me sento meglio. ‘A pitola ‘e Ottaviano m’ha sbloccato.

Caterina:      Menu male.

Sebastiano:   Mò me ne vaco ‘nu poco ‘int’’o studio mio.

Caterina:      Va’, va’!

                       Sebastiano va a sinistra, ma si trova Fratello che sta uscendo proprio da lì. 

Fratello:        Ferinà, turno sub…!

Sebastiano:   (Lo guarda e non ricorda chi è) Prego?

Fratello:        Grazie!

Sebastiano:   Ma grazie ‘e che?

Fratello:        E tu he’ ditto “prego”!

Sebastiano:   Aggio ditto “prego”, pecché voglio sapé chi si’ e che vaje truvanno!

Caterina:       Sebastià, chisto è Fratello.

Sebastiano:   Chisto è Fratello? Ma ‘o fratello è chi?

Caterina:       E’ mio fratello Fratello.

Sebastiano:   E comme se chiamma?

Fratello:        Fratello.

Sebastiano:   Uhé, aggio capito ca si’ ‘o frato suojo! Ma comme te chiamme?

Fratello:        (Spazientito) Fratello Del Gaizo!

Sebastiano:   Ah, si’ tu, Fraté? E dillo! Tu me pare overamente ‘o Fratello Del Gaizo!

Caterina:      Vabbuò, è meglio ca me ne vaco ‘int’’a cucina. Vaco a ffa’ ‘o ccafé.

                       Ed esce a destra, seccata.

Sebastiano: Siente, e comme va staje ccà?

Fratello:      Ripeto…

Sebastiano: Ma pecché, già he’ ditto coccosa?

Fratello:      No.

Sebastiano: Embé, e allora che vvuo’ ripetere?

Fratello:      Niente! Dunque, ripeto, io ti sono venuto a trovare.

Sebastiano: Ah, sì? E allora, ripeto…

Fratello:      Che cosa?

Sebastiano: Niente.

Fratello:      E tu he’ ditto “ripeto”.

Sebastiano: Ma pecché, puo’ ripetere sulo tu? Tiene ll’esclusiva?

Fratello:      No.

Sebastiano: Embé, allora famme parlà. Dunque, ripeto, Fratello, io ti ringrazio della visita.

Fratello:      Prego, Sebastià. Ora scusami, devo andare a prendere una cosa per Ferdinando.

Sebastiano: (Riflette) Ferdinando… Ferdinando… il nome di costui non mi è nuovo!

Fratello:      E se capisce, chillo è tuo figlio!

Sebastiano: Ah, già, giusto.

Fratello:      Sebastià, bello d’’o frato, ma tu te staje proprio rimbambenno. E’ arrivato il

                     momento di dirtelo. Come si dice? Il momento clown!

Sebastiano: Il momento…?

Fratello:      Clown!

Sebastiano: ‘O ssaje che nun me n’aggio accorto? Allora m’aggia sta’ attiento.

Fratello:      Altro che! Sebastià, allora io aésco ‘nu mumento.

Sebastiano: Mò t’accumpagno.

Fratello:      (Preoccupato) Oh, no! (Poi cambia espressione) Cioè… vieni pure, caro!

                     I due escono di casa. Da destra torna Ottaviano.

Ottaviano:  Ma Sebastiano che fine ha fatto? E Caterina? Io nun riesco a capì. Ma è modo?

                     M’hanne lassato sulo a me e a Sylvia annanzo ‘o bagno. (Ci fa un pensierino)

                     Però, nun c’è male ‘a guagliona! Quase quase, torno addù essa!

                     All’improvviso suonano alla porta.

                     ‘A porta? Chi va a arapì?! (Non sente risposta) Vaco io? E sì, vaco io.

                     Va ad aprire e torna col dottor Giuseppe Tarallo.

Tarallo:       Salve! Voi siete un parente?         

Ottaviano:   No, io sono amico della signora Auricchio. Anzi, più che l’amico, ‘o cumpare!

Tarallo:       ‘O cumpare?

Ottaviano:   E certamente.

Tarallo:       Ma comme, se fanne ‘sti ccose?

Ottaviano:   Ma pecché, che ce sta ‘e male? Io, a Caterina, ‘a voglio bene. Ce cunuscimme

                     ‘a tant’anne. Penzate che ‘na vota aggio durmuto peffìno ‘int’’o lietto cu’ essa.

Tarallo:       E ‘o marito nun sape niente?

Ottaviano:   E che ne saccio? Certamente, io nun ce ll’aggio ditto. Ma tanto, chillo ormai

                     s’è ‘nzallanuto! Si uno ce ‘o ddice, chillo se scorda pure!

Tarallo:       Ho capito, e così voi ve ne approfittate del fatto che lui non capisce niente.

Ottaviano:   Io m’apprufitto ‘e isso? Sentite ma che state dicenno?

Tarallo:        No, no, niente. E con chi ho l’onore di parlare?

Ottaviano:    Io sono un poliziotto. Mi chiamo Ottaviano Sarno.

Tarallo:        Ottaviano Sarno?

Ottaviano:    Lo so, sembra ridicolo, però è così.

Tarallo:        E che dovrei dire io? Ma voi lo sapete come mi chiamo? Tarallo Giuseppe.

Ottaviano:    E che ce sta ‘e strano? Quello, Giuseppe è un nome religioso. E invece Tarallo

                      è un cognome saporito!

Tarallo:        E invece no. Io me chiammo Tarallo ‘e nomme ‘e Giuseppe ‘e cugnomme!

Ottaviano:   ‘O vero?

Tarallo:        E già. E’ stato un pasticcio fatto dai miei genitori quando io nacqui.

Ottaviano:   Aeh, allora state cchiù ‘nguajato ‘e me!

Tarallo:        E che ssapite? Io aggio acchiappato pure ‘o prévete fesso! Mi ha battezzato col

                      nome di Tarallo! E voi, invece?

Ottaviano:   Mio padre stava in Marina. Era comandante di fregatura.

Tarallo:        Ma forse volete dire di fregata.

Ottaviano:   Sì, era ‘na fregata, però visto ch’affunnava sempe, era proprio ‘na fregatura!

Tarallo:        E oggi sta in pensione?

Ottaviano:   Sì, oggi e pure ieri. Ma pure l’altro ieri. Sono dieci anni!

Tarallo:        Scusate, ma è un pensionato vero, oppure falso?

Ottaviano:   No, no, nun ve prioccupate. Mio padre è autentico. Vulite vedé ‘e ccarte?

Tarallo:        No, mi fido. Sapete com’è, tra le mie attività, mi occupo anche di verificare

                      che in giro non vi siano falsi invalidi … che vonno fregà ‘o stato! Ad esempio, 

                      in questa casa abita un certo Sebastiano Auricchio.

Ottaviano:   Ma chi? ‘O marito ‘e Caterina? Ma pecché, è malato?

Tarallo:        E come, l’avete detto pure voi prima: ha perzo ‘e ccerevelle.

Ottaviano:   Ah, e chest’è tutto?

Tarallo:        Ate ditto niente?! Quello vorrebbe la pensione di invalidità. E l’avrà. Ma

                      prima devo visitarlo. Mi accompagnate dalla moglie?

Ottaviano:    E vabbuò, jamme a destra, ‘int’’a cucina.  

Tarallo:        Ma se po’ avé ‘nu poco ‘e café?

Ottaviano:    Po’ essere pure!

                      Ed escono via a destra.

8. [Sebastiano e Fratello. Poi Sylvia, Ottaviano e Tarallo]

                     Dal centro riecco Sebastiano (ha uno scatolo) e Fratello (ha le chiavi di casa).

Fratello:      Ecco fatto. Adesso è tutto a posto. Grazie di avermi portato questo pacco.

Sebastiano: Ma che ci sta qua dentro? Sento puzza di pesce.

Fratello:      Appunto! Ci sono anche cozze.

Sebastiano: E pecché l’amme purtate ccà? Addò l’amma mettere?

Fratello:      Ripeto…!

Sebastiano: Che cosa?

Fratello:      Il concetto.

Sebastiano: Ma pecché, già he’ ditto coccosa?

Fratello:      No.

Sebastiano: Embé, e allora che vvuo’ ripetere?

Fratello:      Niente. Voglio dire che questi pesci e queste cozze le mettiamo nel tuo studio.

Sebastiano: E pecché?

Fratello:      Li deve vendere tuo figlio Ferdinando. E chello che guadagna, s’’o ppiglia isso.

Sebastiano: Ma isso mò sta ‘int’’o studio mio?

Fratello:      Sì, mi aspetta là. Però mò tu nun puo’ trasì ‘int’’o studio tuojo. Pozz’ì sulo io.

Sebastiano: E pecché?

Fratello:      Ripeto…

Sebastiano: Aggio capito, nun ripetere niente. Va’ ‘int’’o studio mio.

Fratello:      (Gli tira lo scatolo di mano) Ripeto, cià.

                     Fratello esce a sinistra, sempre zoppicando. Sebastiano lo guarda incuriosito.

Sebastiano: E pecché nun pozzo trasì ‘int’’o studio mio? Mò, cu’ tutte chilli pisce, saje   

                     comme fete? A proposito, pur’io aggio tuccato ‘e pisce. Allora m’aggia lavà ‘e

                     mmane. (Si guarda le mani e nota qualcosa) E che cos’è questa polvere bianca

                     nelle mie mani? (Ne sente il profumo) Ch’addore strano! Ma nun è ch’è droga?

                     (Sente di nuovo) No, ma qua’ droga? (Si siede al tavolino) Chesta ha da essere

                     “polvere di pesce”! E sì, è accussì. (Si sente strano) Ua’… m’arricordo tutte

                     ll’articole d’’a Costituzione Italiana. Primo: l’Italia è una Repubblica fondata

                     sul lavoro…! E per forza che me li ricordo, io sono laureato in giurisprudenza.

                     Continua ad odorarsi le mani, mentre da destra torna Sylvia.

Sylvia:         Uhé, papà!

Sebastiano: (Non la nota e continua) Ah, che bellezza! M’arricordo pure ‘a nazionale che

                     ha vinciuto ‘o mondiale nel 1982: Zoff, Gentile, Cabrini, Oriali, Collovati,

                     Scirea; Conti, Tardelli, Rossi, Antognoni e Graziani! Ua’, e chi so’?!

Sylvia:         (Che?!). (Lo guarda e gli si avvicina, sorpresa)

Sebastiano: E questa è la formazione del primo scudetto del Napoli: Garella, Bruscolotti,

                     Ferrara, Ferrario, Volpecina; Romano, Bagni, De Napoli, Giordano, Carnevale

                     e Maradona! So’ grande! (Nota Sylvia  e si alza in piedi) Cià, Sylvietta, a papà.

Sylvia:         Che cosa? Tu ti ricordi il mio nome?

Sebastiano: E se capisce, a papà. Sylvia con la “ipsilon” al posto della primma “i”!

Sylvia:         (Sorpresa) E già, è così. Ehm… a proposito, papà, ma che stavi facendo?

Sebastiano: No, niente, sto’ facenno ‘nu poco ‘e esercizie ‘e memoria!

Sylvia:         Tu faje ll’esercizie ‘e memoria? Ma pecché, tu tiene ‘na memoria?!

Sebastiano: Allora vuo’ dicere ca so’ scemo? Guarda che il Codice Civile dice che nessuno

                     può chiamare scemo a un’altra persona. Io lo so perché sono avvocato!

Sylvia:         (Si dispera) Marò, papà sta avvianno a dda’ ‘e nummere! Aggia ì a chiammà a

                     mammà. Papà, nun te movere ‘a ccà. He’ capì? (Chiama) Mammà, addò staje?

                     Corre disperatamente a destra, mentre Sebastiano si odora le mani.

Sebastiano: Néh, ma che ha passato, chella? Se stupisce ca io tengo ‘na memoria ‘e fierro!  

                     (Dubbioso) Aspié, ma ‘sta povere fosse magica? Io m’arricordo tutto cose, e

                     ppo’ me sento proprio ‘na bellezza! E allora famme vedé si ce ne sta ancora!

                     Ora mi nascondo dietro la porta dello studio, aspetto che Fratello e Ferdinando

                     escono e guardo che cosa ci sta in quegli scatoli. E sì, songo proprio ‘nu genio!

                     Da destra tornano Ottavio e Tarallo.

Tarallo:       Scusate, signor Ottaviano, ma addò hanne jute?

Ottaviano:   E che ne saccio? Forse sarranne jute a ffa’ cocche servizio.

Tarallo:       Ma ch’educazione è chesta?!

Ottaviano:  E quelli sono fatti così. Famiglia moderna!

Tarallo:       E vabbuò, mò però parlamme ‘e chello che steveme parlanno nuje.

Ottaviano:  Ah, già, dottor Biscotto!

Tarallo:       Tarallo!

Ottaviano:  Appunto! Insomma, avete sorpeso a qualche negoziante che tiene una seconda

                      attività e pure dei falsi invalidi. E’ così?

Tarallo:        Esatto. E se scopro altri imbroglioni, vi chiamo, così li arrestate. Che ne dite?

Ottaviano:   Ma certo. Anche se ultimamente sono impegnato in un’operazione anti-droga.

Tarallo:        E dove?

Ottaviano:   In questo quartiere. Ed io sospetto di tutti, pure in questa casa.

Tarallo:        Ma p’ammore ‘e Dio! Il dottor Fosforo, che è amico mio, mi ha detto che

                      questa è una famiglia al di sopra di ogni sospetto. Avete capito?  

Ottaviano:   Sapete che vi dico? Facciamoci il caffè per conto nostro. ‘A faccia lloro!

                      Vanno a destra. Da sinistra tornano Ferdinando e Fratello.

Fratello:       Ecco qua. Hai visto? I pacchi stanno nello studio. Chi si è accorto di niente?

Ferdinando: ‘O zi’, ma tu si’ proprio ‘nu mostro!

Fratello:       Mò però ascìmme. Andiamo a preparare altri scatoli.

Ferdinando: Sì, me stongo divertenno troppo assaje!

                      Escono di casa. Intanto da destra Caterina richiama Ottaviano e Tarallo.

Caterina:      Néh, ma vuje che state facenno ‘int’’a cucina mia? Ottavià, ma chi è chisto?

Ottaviano:    E’ il dottor Tarallo Giuseppe. Sta qua visitare a Sebastiano per la pensione di

                      invalidità.

Caterina:      Overamente? Uh, dottò, scusate. Ma prego, assettateve.

Tarallo:        Grazie.

                      I tre si siedono al tavolo.

Caterina:      Vi faccio il caffè?

Ottaviano:    Veramente, noi già stavamo cercando di prepararlo.

Caterina:      E scusatemi, io non avevo capito. (Chiama) Sylvia!

                      Da destra torna Sylvia.

Sylvia:          Mammà, ti devo parlare un minuto.

Caterina:      No, dopo, dopo. Adesso dobbiamo parlare di tuo padre.

Sylvia:          Ma io…

Caterina:      Fai silenzio! E prepara il caffè per tutti noi.

Sylvia:          Non lo so fare.

Caterina:      E mò ‘o vengo a ffa’ io. Scusatela, dottore. E allora, Ottaviano vi ha parlato

                      un poco di mio marito Sebastiano?

Tarallo:        Beh, più che di vostro marito, mi ha parlato delle sue indagini antidroga.

Ottaviano:    E sì, praticamente sono arrivato a una svolta delle mie indagini.

Sylvia:          Oh, no!

Caterina:      E addò stesse chesta droga?

Ottaviano:    Intorno a questa casa. E… (Nota qualcosa di strano a terra alla comune)

                      Scusate. (Si alza in piedi e va a vedere) E che cos’è questa polvere bianca?

Caterina:      Sarà la medicina di mio marito. Non penserai mica che quella polvere è…?!

                      Da sinistra entra Sebastiano con una bustina aperta con della polvere bianca.

Sebastiano:  (Non li nota) Guarde ch’aggio truvato ‘int’’a panza ‘e ‘nu merluzzo: la polvere

                      magica! E mò famme respirà ‘nu poco, va’! (Si siede sul divanetto e respira

                      nella bustina, poi…) Ua’, m’arricordo tutto cose: ‘o nummero ‘e telefono d’’a  

                      chat line è 0045-129800. ‘O nummero ‘e ll’amante mia è 3481239870. E vaiii!

                      E continua a respirare nella bustina, sotto gli occhi sorpresi degli altri.

FINE ATTO PRIMO

            Casa Auricchio, il giorno dopo.

ATTO SECONDO

1. [Il dott. Aldo, Sebastiano e Caterina. Poi Ottaviano]

                     Seduto al divanetto c’è Sebastiano, assorto. Dalla comune entrano Caterina ed

                     Aldo con la valigetta.

Caterina:    Venite, dottore, venite.

Aldo:           Grazie. (Nota Sebastiano e gli grida alle spalle) Caro signor Sebastiano!

Sebastiano: (Si spaventa) Non sparate!

Aldo:           (Lo appaia) No, ma sono io, il medico.

Sebastiano: Scusate, non vi ho sentito entrare dalla porta. Site trasuto p’’a fenesta?

Aldo:           Ma che m’ate pigliato pe’ ‘nu muscone?

Caterina:    Ma no, Sebastià, gli ho aperto io la porta.

Aldo:           Signor Sebastiano, io devo visitarvi. Sedetevi.

                     Sebastiano, senza aggiungere nulla, si siede sul divanetto.

                     Allora, come vi sentite?

Sebastiano: Ah, buono, buono. Mi sento solo un po’ di febbre.

Aldo:           Ah, sì? E allora misuriamo questa febbre.

Sebastiano: Caterì, piglie ‘o termos!

Aldo:           Ma pecché, ata mettere ‘o ccafé ‘a dinto?

Sebastiano: No.

Aldo:           E allora pecché vulite ‘o termos?

Sebastiano: Pe’ m’ammisurà ‘a freva.

Aldo:           Benedetto, ma allora volete il termometro!

Sebastiano: Ecco, bravo.

Aldo:           Ve lo do io. (Lo prende dalla valigetta) Basta che ci muoviamo. (Glielo offre)

Sebastiano: Grazie, dottò. Scusate, ma dove si mette questo termometro?

Aldo:           (Lo guarda male, poi…) Sotto il braccio. 

Sebastiano: (Così fa) E vabbuò, duttò, ‘nu poco ‘e pacienza. (Ed attende silenzioso)

Caterina:    (Triste) Duttò, ‘o vedite, ‘o marito mio? Nun ‘o capisco cchiù. Sta perdenno ‘e

                     ccerevelle. Anze, l’ha perze già. Ma ‘a che dipende?

Aldo:           Potrebbe trattarsi di altero sclerosi. Eppure è strano, perché lui non è anziano.

Caterina:    Duttò, ma che me cuntate, a me? Io che ne capisco? Ja’, vedite che putite fa’.

Aldo:           E va bene. Pensiamo al paziente.

Caterina:    E chi è?

Aldo:           Vostro marito.

Caterina:    Mio marito è paziente? Addò sta? Chillo se sfastidia ‘e fa’ tutto cose!

Aldo:           Signò, ma faciteme ‘o piacere. Allora, signor Auricchio…

                    E da fuori si sente gridare:

Ignoto:        “Auricchio, tiene ‘o nomme d’’o furmaggio”!

Aldo:           Ch’è stato?

Sebastiano: No, niente. Però è meglio che me chiammate sulo cu’ ‘o nomme.

Aldo:           E vabbé. Allora vi chiamo avvocato.

Sebastiano: Ma io faccio ‘o benzinaio.

Aldo:           Sì, però siete avvocato.

Sebastiano: ‘O vero? Songo ‘n’avvocato-benzianio? Niente di meno, pe’ ffa’ ‘o benzinaio, 

                     m’aggia avuta piglià ‘a laurea in giurisprudenza? ‘A faccia d’’o baccalà!

Caterina:    (Preoccupata) Uh, Marò, duttò, ate ‘ntiso?

Aldo:           Sì, sì, vabbé, sciocchezze. E allora, signor Sebastiano, mi date il termometro?

Sebastiano: (Esegue) E se capisce. Mica è ‘o mio? (Guarda la temperatura) Ecco qua: 37!

Aldo:           (Si riprende il termometro) Ah, ma allora state una bellezza!

Sebastiano: No, aiére stevo buono, pecché s’era levata accussì bello!

Aldo:           Che cosa?

Sebastiano: ‘A stitichezza! E oggie invece ‘a tengo ‘n’ata vota. A me me vene ogni anno!

Aldo:           (Ironico) Ma pecché, vuje tenite ‘a stitichezza annuale?!

Caterina:    (Preoccupata) Uh, Marò, duttò, ma vuje ‘o sentite?

Aldo:           Signora, ho detto di calmarvi. Signor Sebastiano, voi avete un’ottima tempra.

Sebastiano: Che tengo?

Aldo:           Un’ottima tempra.

Sebastiano: He’ capì, Caterì? Io so’ temperato!

Caterina:    (Preoccupata) Duttò, ‘o sentite?

Aldo:           Ho capito. Va bene. Scusatemi, io mi porto un secondo vostra moglie.

Sebastiano: Bravo, purtatavella!

                     I due si defilano verso destra, mentre Sebastiano prende un quotidiano e legge.

Aldo:           Signora, devo dirvi una cosa: vostro marito non mi piace proprio.

Caterina:    (Acida) E manco a me!

Aldo:           Ma io dico come salute. Una cosa è certa: deve smettere di lavorare. E vediamo

                     di fargli ottenere una pensione di invalidità.

Caterina:    Fate voi, dottò.

Aldo:           Allora posso parlare col mio amico, dottor Giuseppe Tarallo? Lui ha amicizie

                     all’INPS. S’’o vvede tutto cose isso. Aspetto il vostro monosillabo “sì”!

Caterina:    Aspettate il moposillipo “sì”? E va bene, sì. Fate pure.

Aldo:           Bene, allora vi raccomando, fate finta di niente. Arrivederci, signor Auricch…

Caterina:    No, nun ‘o chiammate cu’ ‘o cugnomme.

Aldo:           Ah, già. E allora arrivederci, signor Sebastiano.

Sebastiano: Arrivederci.

                     Caterina accompagna Aldo alla porta, poi sospirando va da Sebastiano.

Caterina:    Sebastià, vuo’ che t’ammònno ‘nu poco ‘e frutta?

Sebastiano: No, grazie. Io dicesse… famme duje porc corn!

Caterina:    E che sso’?

Sebastiano: Chilli cusarielle che se fanne cu’ ‘o grano!

Caterina:    Ah, ‘e pop corn? E vabbuò, mò t’’e vvaco a ffa’.

                     Caterina esce a destra. Sebastiano legge il suo quotidiano, ma sotto sopra.

                     Suonano alla porta.

                     E chi è mò? Boh!

                     Si alza, posa il giornale e va ad aprire. Torna seguito da Ottaviano.

                     Uhé, carissimo… carissimo…  carissimo Pompei Poggiomarino!

Ottaviano:  Ma come, Sebastià, io sono Ottaviano Sarno.

Sebastiano: Ah, già, tu si’ ‘o carabiniere!

Ottaviano:  Prego, poliziotto!

Sebastiano: Ah, giusto! E allora, a quando il lieto evento?

Ottaviano:   Qua’ lieto evento, scuse?

Sebastiano:  E comme! Io saccio che tu t’he’ spusà!

Ottaviano:   Sebastià, ma tu stisse sunnanno?

Sebastiano:  Me l’aggio sunnato? E allora scusami, caro Baiano San Giorgio!  

Ottaviano:   No, io me chiammo Napoli Sorrento…! No, cioè, Ottaviano Sarno! E come

                     stai, caro Sebastiano Auricchio?

                     E da fuori si sente:

Ignoto:         “Auricchio, tiene ‘o nomme d’’o furmaggio”!

Sebastiano:  Ottavià, nun me chiammà cchiù cu’ ‘o cugnomme, pe’ piacere.

Ottaviano:   Nun te prioccupà.

Sebastiano:  E allora come mai stai qua?

Ottaviano:   Perché ti sono venuto a trovare.

Sebastiano:  Ah, che pensiero gentile. Embé, e non mi hai portato niente?

Ottaviano:   Uh, m’aggio scurdato ‘o pacco ‘e biscotte ‘ncoppa ‘o bidone d’’a munnezza

                      ccà ffora! Aspié, mò ‘o vaco a piglià!

Sebastiano:  No, no, nun te disturbà! Ormai s’’o stanne magnanno ‘e surice! 

Ottaviano:   Senti, Sebastiano, ci sediamo un minuto? (Senza aspettare risposta) Grazie!

                      Lo afferra e lo fa sedere a forza sul divanetto. Poi gli fa qualche domanda.

                      Sebastià, riesci a ricordare come hai avuto quella polverina bianca? Sforzati!

Sebastiano:  Quala polverina bianca?

Ottaviano:   Quella che ti faceva ricordare i numeri di telefono della chat line! Ti ricordi?

Sebastiano:  Ottavià, tu quanno staje fuori servizio, nun t’he’ piglià ‘e stupefacenti!

Ottaviano:   (Si arrabbia) Io? (Poi si calma) Senti, che ne diresti di appartarci?

Sebastiano:  Ma tu me faje avutà ‘o stommeche!

Ottaviano:   Facciamo così, ora andiamo nel tuo studio e parliamo soli, soli. Ci stai?

Sebastiano:  Sì, però vai tu davanti a me! (Si alza in piedi)

Ottaviano:   Va bene. (Si alza in piedi)

                      Ottaviano si avvia a destra, Sebastiano si arma di un vaso che si trova su un

                      mobile e poi lo segue.

2. [Ferdinando e Fratello. Poi Maria e Bianca]

                       Dal centro entra Ferdinando (ha le chiavi di casa con sé) con Fratello.

Ferdinando: Zio Fratello, che peccato ch’’a polizia ha truvà ‘a rrobba che steva dint’’o

                       studio ‘e papà.

Fratello:        Hai visto che avevo ragione io? Qualcuno ha cantato!

                       I due guardano il soffitto.

                       E questoqualcuno ha pure abbuscato! Mi sono coperto la faccia con una

                       calza, l’aggio aspettata abbascio ‘o palazzo e… bungt bangt! Così la cantante

                       impara a farsi i fatti suoi. Ferdinà, tu si’ convinto ch’è stata chella ‘o piano ‘e

                       coppa overamente?

Ferdinando: ‘O zio, chella tene ‘o vizio ‘e cantà. Aggio saputo che se chiamma Romina.

Fratello:        Non peraltro, o si no l’aggio vattuta inutilmente. Intanto, ho un altro piano:

                       bomboloni alla crema, però intorno non c’è lo zucchero. Ma sai cosa ci sta?

Ferdinando: ‘O zio, ‘o ssaccio e comme! Ma tu si’ proprio ‘nu genio!

Fratello:        Sssst, silenzio, nun parlà cchiù. Ce vedìmme aroppo! Cià, Ferdinà!

                       Fratello esce quatto, quatto. Ferdinando fa considerazioni lui solo.

                       ‘O zio Fratello è ‘o mito mio! ‘Na leggenda vivente!

                       Mentre parla, entrano silenziose le vicine Bianca e Maria, due impiccione.

                       Però che peccato, aiére amme perzo tutte chilli pisce!

Bianca:          Buongiorno, Ferdinà!

Ferdinando: (Si spaventa) Chi è? (Si volta e le nota) E vuje comme site trasute?

Bianca:          Tuo zio è asciuto e nuje simme trasute!Ma ha’ ascì? E addò te n’he’ ‘a ì?

Ferdinando: Ma nun stongo ascenno.  

Bianca:          Ho capito. Allora approfitto per presentarti la mia grande amica qui presente.

Maria:          (Piamente) Io mi chiamo Maria Immacolata Concepita.

Ferdinando: Molto piacere, io mi chiamo Ferdinando.

Maria:          Piacere, Maria Immacolata Concepita.

Ferdinando: Aggio capito. E scusate, signora Bianca, ma pecché m’ate fatto cunoscere a   

                      Madre Teresa ‘e Calcut... no, cioè, ‘a signora Maria?

Bianca:         E perché lei è infermiera, allora potrebbe essere utile per tuo padre.

Ferdinando: E in che modo?

Bianca:         E chesto nun ‘o ssaccio. Questa mia amica mi aiuta sempre. E si no io comme

                      facesse? Io tengo sette figli.

Ferdinando: E voi vi chiamate Bianca Neve. Accussì ate fatto Bianca Neve e i sette nani!

Bianca:         (Ridendo) Uh, ‘e che scimmità ‘e battuta! 

Ferdinando: E voi, signora Maria, dove abitate?

Maria:          Sono venuta ad abitare da poco al piano di sopra.

Ferdinando: (Interessato) Al piano di sopra? E scusate, signora Maria, ma voi per caso

                      tenete pure qualche figlia?

Maria:          Sì, e sapisseve che voce che tene! Quella fa la cantante.

Ferdinando: Azz, è proprio essa!  

Maria:          Quella si chiama Romina. Ed è fidanzata con un ragazzo cubano che canta

                      pure lui. E cantano tutti e due insieme.

Ferdinando: E già, tutt’e dduje fanne “Cubano e Romina”!

Bianca:         Che bravi, allora sono tutti e due dei canterini?

Ferdinando: Sì, so’ duje “càntere” tutt’e dduje!

Maria:          Solo che quella povera creatura stamattina è stata aggredita da un energumeno

                      a volto coperto. Chi sa pecché?!

Ferdinando: Eh, signò, cantare troppo fa male! Ogni tanto, bisognerebbe starsi pure zitti!

Maria:          E glielo dico pure io: “Riposati, a mammà, se no ti viene la tracheite”!

Bianca:         Siente, Ferdinà, vuless’ì a salutà a mammeta!

Ferdinando: “A mammeta”?! Ua’, ‘e comm’è fine ‘sta signora Bianca Neve! E va bene, vi

                      accompagno in cucina da lei. Venite, seguitemi.

Maria:          Sei gentile. Devo farti conoscere a mia figlia Romina. Così fate amicizia!

Ferdinando: Sta bene!

                      Escono via a destra.

3. [Ottaviano e Sebastiano. Poi Ferdinando e Sylvia. Poi Bianca, Maria, Caterina e Fratello]

                      Da sinistra tornano Ottaviano e Sebastiano (dolorante al naso e al muso).

Ottaviano:   Caro Sebastiano, tu veramente non ti ricordi niente.

Sebastiano:  Sì, però nun aggio capito ‘na cosa: pecché m’he’ dato ‘nu cazzotto ‘nfaccia?

Ottaviano:   Ehm… no, quello serve per sciogliere la memoria.

Sebastiano:  Ottavià, ma tu m’he’ fatto ‘n’interogatorio ‘e terzo grado!

Ottaviano:   Ma cosa dici? Io non ti ho chiesto niente. Però se ricordi qualcosa, chiamami.

Sebastiano:  Che m’aggia arricurdà?

Ottaviano:   Tutto! Io verrò a trovarti quanto prima. Allora ciao, carissimo Sebastiano.

Sebastiano:  Oh, finalmente nun m’he’ chiammato Auricchio!

Ignoto:         (Da fuori) “Auricchio, tiene ‘o nomme d’’o furmaggio”!

Ottaviano:   Questa te la sei cercata da solo! Bene, allora io ti saluto.

Sebastiano:  E pure io.

                      Mentre Ottaviano va all’uscita, i due si osservano sempre. Poi il primo va via.

                      Ma ‘stu Ottaviano è ‘nu poco misterioso! Va truvanno ‘a polvere bianca ‘a

                      me. E addò ‘a piglio? Io nun m’arricordo chi me l’ha purtata. Mò vaco ‘int’’o

                      studio mio. Po’ essere che m’arricordo coccosa.  

                      Va a sinistra. Da destra entrano Sylvia e Ferdinando.

Ferdinando: Ma tu he’ capito? La polizia sa tutto perché qualcuno ha cantato. E sai chi?

Sylvia:          No!

Ferdinando: Romina, ‘a figlia d’’a signora Maria.

Sylvia:          Uh, overamente?

Ferdinando: E sì.Ma io non mi posso tirare più indietro. Mòaggia ì a vennere cierti

                       bombolone cu’ ‘a crema ‘nzieme ‘o zio Fratello.

Sylvia:          Ma se tratta ‘e cocch’ato affare tipo chillo d’’e pisce cu’ ‘a droga ‘a dinto?

Ferdinando: Marò, ma quanta domande ha’ ‘a fa’?

Sylvia:          Ferdinà, fance sta’ qujete. Ormai Ottaviano ha capito tutto cose.

Ferdinando: Ma che ha da capì? Al massimo, isso e ‘a polizia s’hanne purtate sulo ‘e

                      ccozzeche e ‘e pisce.

Sylvia:          E se capisce, chille se l’hanne pigliata cu’ papà. Mò vonno sapé ‘a isso chi ce

                      ha dato ‘a droga. E per fortuna tua e di zio Fratello, lui non si ricorda niente.

Ferdianndo: Ah, ma allora stanne accussì ‘e ccose?

Sylvia:          E tu te penzave ch’ire fatto fesso ‘a polizia?

Ferdinando: Aggia correre subito addù zio Fratello. Nun l’ha da purtà ‘e bombolone ccà.

Sylvia:          E addò ‘e purtate?

Ferdinando: Nun ‘o ssaccio. Sylvia, allora io vaco. E grazie delle informazioni!

                      Ed esce via velocemente. Sylvia lo osserva sconsolata. Si siede sul divanetto.

Sylvia:          E intanto, ‘a figlia d’’a signora Maria ha cantato! Ma pecché nun se fa ‘e fatte

                      Suoje? Si chella Romina se mette a cantà, zio Fratello e Ferdinando vanne

                      carcerate. Chi sa pecché, però?!

                      Entrano Bianca e Maria da destra e si avvicinano a Sylvia che prosegue.

                      Comunque, si fosse a Ferdinando, a chella Romina ‘a tenesse sott’uocchio!  

                      E’ meglio che Ferdinando nun se fa’ scuprì d’’a mamma. Chella ce tene assaje

                      pe’ chella figlia. Nun sia maje scopre che Ferdinando ‘a tene d’occhio.

Maria:          (Disperata) Uh, Marò…!

Sylvia:          (Salta in piedi spaventata) Chi è?

Maria:          (Disperata) He’ ‘ntiso, Bianca? Mia figlia mette ‘e ccorne ‘o ‘nnammurato!

Bianca:         No, e calmete, Marì.

Maria:          (Disperata) Ma che m’aggia calmà?

Sylvia:          Ehm… ma no, signora Maria.

Bianca:         No, no, Sylvia, nun parlà. Tuo fratello mò sta sbaglianno proprio!

Sylvia:          Ma perché?

Bianca:        E comme? Chillo ‘a va a corteggià, pur sapenno ch’è fidanzata cu’ ‘o cubano.

Sylvia:         No, ma faciteme spiegà.

Bianca:        No, no, nun ce sta niente a spiegà.  

Sylvia:         Sentite, ma mi volete far spiegare un momento? Praticamente…

Bianca:       Ma che praticamente? Nun se fa chello che staje facenno tu.

Maria:         E già. Tu m’he’ tradita senza manco me cunoscere.

Sylvia:         Ma no, e lasciatemi dire. Dunque…

Bianca:       Ma che dunque e dunque? Ma che serietà è chesta? Jammuncenne, Marì.

Maria:         E t’avverto, Sylvia, ‘o ‘nnammurato cubano ‘e Romina sape fa’ ‘o karaté!

Sylvia:         Ma non è il caso…

Bianca:       Ma che non è il caso? Sylvia, addio per sempre!

Maria:         E già, addio!

                     Le due escono di casa. La povera Sylvia si abbatte sulla sedia delusa.

Sylvia:         Uh, mamma mia! Mammààà!

                     Esce a destra.

4. [Sebastiano e Caterina. Poi Ottaviano e Tarallo]

                    Da sinistra torna Sebastiano e da fuori si sente:

Ignoto:        “Auricchio, tiene ‘o nomme d’’o furmaggio”!

Sebastiano: Ua’, ‘sta vota nun aggio manco ditto ‘o cugnomme mio!

                     Sebastiano si siede sul divanetto. Caterina da destra entra, lo nota perplesso.

Caterina:    Eccolo là. Me pare ‘nu viecchio ‘e nuvant’anne. Sylvia s’è fissata che l’aggia

                     fa’ ingelosì. Eh, è ‘na parola! Chillo è fatto ‘e lignammo. E famme tentà, và.

                     (Gli si avvicina) Ehm… amore!

Sebastiano: Siente, pe’ piacere, Carotì…

Caterina:    Caterina!

Sebastiano: Appunto, Caterina! (Si alza) Ma nun me l’he’ fatte cchiù ‘e porn cocc!

Caterina:    Ah ‘e pop corn? E mò t’’e faccio!

Sebastiano: Grazie.

                    Va a sinistra. Suonano alla porta.

Caterina:    Chi sa quala brutta nutizia sta p’e trasì d’’a porta?!

                    Va ad aprire e torna seguita da Ottaviano.

Ottaviano:  Che cosa? Caterì, vuo’ divorzià ‘a Sebastiano?

Caterina:    Ci sto pensando.

Ottaviano:  Ma comme sta tuo marito?

Caterina:    Assiettete e t’’o ddico.

                     I due si siedono al tavolo.

                     Ottavià, me cride? M’aggio sfastriata d’’o vedé, a chillo.

Ottaviano:  E pecché? Sebastiano in fondo ha perzo sulamente ‘nu poco poco ‘a capa!

Caterina:    ‘Nu poco poco? Assaje assaje, vuò dicere! E intanto ormai non mi pensa più.

                     Sylvia mi ha consigliato di farlo ingelosire. A te ti piace questa idea?

Ottaviano:  Azz! Fa’ accussì: truove a ‘nu fesso qualunque che te regala ‘nu mazzo ‘e rose.

Caterina:    E io già l’aggio truvato a ‘stu scemo qualunque: tu!

Ottaviano:  Io?

Caterina:    Sì, tu. Scinne e vamme a accattà trenta rose!

Ottaviano:  Ma io nun songo l’amante tuojo!

Caterina:     Ma no, chello serve pe’ ffa’ scena. Chillo Sebastiano s’ingelosisce ‘nu poco, e

                     accussì fernesce tutta ‘a farsa. Ce staje? (Si alza) E allora scinne, muovete.

Ottaviano:  (Si alza) E vabbuò. Quanta rose vuo’? Trenta? E si te ne piglio vintinove?! 

Caterina:    No, hanna essere trenta.

Ottaviano:  E così sia! Mò vaco add’’o ciuraro ccà bbascio. ‘E ch’affare aggio fatto oggie!

                     E scende via di casa.

Caterina:    Speramme che funziona. E speramme che Sebastiano s’ingelosisce!

                    Da sinistra torna Sebastiano.

Sebastiano: Caterì.

Caterina:    E comm’è, m’he’ chiammato Caterina?

Sebastiano: Ah, già, tu te chiamme Carmilina!

Caterina:    Ma qua’ Carmilina? Caterina.

Sebastiano: Allora aggio ditto buono. Siente, Caterì, me l’he’ fatte ‘e ppoppe cu’ ‘e ccorne?

Caterina:    ‘E pop corn? T’aggio ditto che mò t’’e faccio.

Sebastiano: E ffa’ ambresso, forza!

                     Ed esce via a destra.

Caterina:    Ma dich’io, chillo s’era pigliato tantu bello ‘a cocaina, s’arricurdava tutto

                     cose. Che peccato che nun ce ne sta cchiù. Marò, si me sente Ottaviano, siente!

                     Suonano alla porta.

                     E chi è mò? Ottaviano? E già sta ccà? E famm’arapì.

                    Va ad aprire e torna con Ottaviano che ha comprato… una pianta!

Ottaviano:  Eccomi qua.

Caterina:    Ottavià, e che d’è ‘sta cosa?

Ottaviano:  (Posa la pianta sul tavolo e poi risponde ironico) ‘Nu fascio ‘e friarjelle! 

                     Caterì, che ha da essere? E’ ‘na pianta.

Caterina:    Ma tu nun m’’iva piglià ‘e rrose?

Ottaviano:  Nun ‘e ttene.

Caterina:    Embé, e nun putive piglià trenta garofani?

Ottaviano:  Nun ‘e ttene.

Caterina:    E allora nun putive piglià trenta campanule?

Ottaviano:  Nun ‘e ttene.

Caterina:    Néh, ma addù qualu ciuraro si’ gghiuto?

Ottaviano:  Caterì, ma tu che vvuo’ ‘a me? ‘Sta pianta l’aggio pavata vint’Euro.

Caterina:    E vabbuò, sempe ‘na cosa è. E allora mò vatte a nasconnere areto ‘a porta.

Ottaviano:  E ‘a pianta?

Caterina:    T’’a puorte cu’ te.

Ottaviano:  Ma chella pesa.

Caterina:    E va’, nun discutere sempe. E aspetta il mio segnale. Te faccio ‘nu sisco.

                     Anze, no, io nun saccio siscà. E allora te faccio ‘nu pernacchio! E mò va’, va’.

                     Ottaviano, sbuffando, prende la pianta e va a nasconcerdi dietro la comune.

                     E mò aspettiamo che torna la mia vittima!

                     Si siede al tavolo. Da destra torna Sebastiano tutto infreddolito.

Sebastiano: Carmilì…!

Caterina:    Caterina!

Sebastiano: Ah, già. Caterì, mamma mia, e comme faceva friddo ‘int’’o bagno.

Caterina:    Faceva friddo?

Sebastiano: Sì. E comm’è addiventato stritto! Ma po’ tene ‘na luce fioca fioca.

Caterina:     Cretino, ma tu si’ gghiuto ‘int’’o frigorifero!

Sebastiano: ‘O vero?

Caterina:     Sì, e mò amma ittà tutto ‘o mmagnà.

Sebastiano: Ehm… e vabbuò, ‘o ‘ccattamme ‘n’ata vota! E mò famm’ì a cagnà ‘e vestite.

                     Si avvia a destra ma Caterina richiama la sua attenzione e lo fa fermare.

Caterina:     No, ehm… aspiette ‘nu sicondo, Sebastià. T’aggia dicere ‘na cosa.

Sebastiano: Che cosa?

Caterina:    Ehm… pzzzz!

                     Fa una pernacchia e accorre, dalla comune, Ottaviano con la pianta in mano.

Ottaviano:  Caterì, m’he’ chiammato?

Caterina:    (Si alza, finta sconvolta) Ehm… uh, e tu che cosa ci fai qua?

Ottaviano:  T’aggio purtato ‘a pianta!

Caterina:    No, ma non dovevi venire adesso.

Ottaviano:  E comme, tu he’ fatto ‘o pernacchio!

Caterina:    No, io dicevo che non dovevi venire adesso, perché c’è mio marito. (Finta)

                     Accidenti, siamo stati scoperti! No, Sebastià, non pensare male di Ottaviano.

Sebastiano: Aggia penzà male ‘e Ottaviano? Ma si io nun ce so’ maje stato a Ottaviano!

Caterina:    Sebastià, Ottaviano è chisto. Ed è il mio amante. E tu adesso l’hai scoperto.

Sebastiano: Ah, sì? E allora saje che te dico, Ottavià?

Ottaviano:  Me vuo’ accidere?

Sebastiano: No, te voglio dicere: trattammella bona a Caterina!

                     Ed esce via a sinistra. Ottaviano e Caterina si guardano in faccia sorpresi.

Ottaviano:  Caterì, Sebastiano nun se ne frega proprio ca tu ‘o faje ‘e ccorne cu’ me!

Caterina:    Ah, sì? Ah, sì? E allora scinne. Vamme a accattà ‘na scatola ‘e ciucculatine.

Ottaviano:  ‘Na scatola ‘e ciucculatine?

Caterina:    Sì, Ottavià. Io nun m’arrenno!

Ottaviano:  No, però m’arrenno io! Anze, s’arrenne pure ‘a sacca mia.

Caterina:    (Spazientita, gli tira la pianta di mano) Ottavià, damme ‘sta pianta e scinne,!

                     E se ne esce via a destra. Ottaviano osserva incredulo.

Ottaviano:  Ma tu guarde ‘nu poco che manicomio!

                     Suonano alla porta.

                     Pure ‘a porta ce vò mò? Famm’ì a arapì, và!

                     Ottaviano va ad aprire. Da sinistra torna Sebastiano.

Sebastiano: Ah, Marò, che male ‘e panza! Famm’ì ‘n’ata vota ‘int’’o bagno ‘e primma, va’!

                    Ed esce via a destra. Dalla comune entrano Ottaviano e Tarallo.

Tarallo:      Esimio signor Ottaviano.

Ottaviano:  Carissimo dottor Mollica.

Tarallo:      Tarallo!

Ottaviano:  Ah, già, Tarallo. Come mai da queste parti?

Tarallo:      Devo parlare col signor Sebastiano. Non c’è?

Ottaviano:  Sì, ci sta. Se lo volete chiamare.

Tarallo:      Sì, ora lo chiamo. Voi state uscendo?

Ottaviano:  Sì. Devo andare a comprare un regalo per la signora Caterina. 

Tarallo:      Veramente?

Ottaviano:  E certo. Mò sto’ scennenno pecché ce aggia accattà ‘na scatola ‘e ciucculatine!

Tarallo:      Ma allora lo vedete? Ho ragione io: voi state corteggiando la signora Auricchio!

Ottaviano:  E se capisce! Cioè, ma che facite dicere? Dottor Fetta Biscottata, pe’ piacere,

                     nun pazziate, ch’a me m’avota ‘a capa.

                     E se ne esce di casa stizzito.

Tarallo:      Mamma mia, e che ho detto di male?

                     Da destra torna Sebastiano. Sta rispondendo a Caterina.

Sebastiano: Eh, e che t’arraggie a ffa’, Carmilì? Aggio sbagliato bagno. Questo che cos’è?

Tarallo:       Oh, carissimo signor Auricch…!

Sebastiano: No, no, chiamatemi Sebastiano.

Tarallo:       E va bene, Sebastiano. E allora, che mi dite?

Sebastiano: Niente, che v’aggia dicere? Chiuttosto vuje che me dicite? E’ stata accettata ‘a          

                     domanda mia p’’a penzione ‘e invalidità?

Tarallo:       E nuje ancora ammia fa’ niente! Io sto qua appunto per preparare la domanda

                     insieme a voi. Poi vi farò una visita medica pro-forma, e infine mandiamo tutti

                     gli incartameni all’INPS. Siete contento?

Sebastiano: Sì, ora però andiamo nel mio studio.  

Tarallo:       Ma certo, così mi preparate una bella autocertificazione e dopo la firmate.

Sebastiano: E a chi la devo intestare?

Tarallo:       Alla commissione esaminatrice, e per conoscenza all’INPS.

Sebastiano: Per conoscenza all’INPS?

Tarallo:       Esatto.

Sebastiano: Néh, ma chi ‘a cunosce a st’INPS?

                     I due escono a sinistra (Tarallo osserva perplesso Sebastiano).

5. [Caterina e Sylvia. Poi Ferdinando e Fratello. Infine Maria e Bianca]

                     Da destra torna Caterina con Sylvia. Discutono animosamente.

Caterina:    Ma tu chi te cride ‘e essere, ‘a cuscienza mia?

Sylvia:         No. Però nun voglio tené a ‘nu frato carcerato. Pare brutto!

Caterina:    Ma pecché, addò sta scritto che l’hanna carcerà pe’ forza?

Sylvia:         Mammà, forse nun he’ capito: ‘a polizia sta cercanno a Ferdinando e pure a zio

                     Fratello! Ma tu te riende conto?

Caterina:    E io ‘o ssaccio. Saccio tutto cose. Ma comm’aggia fa’? Tuo padre già mi porta

                     via un sacco di tempo.

Sylvia:         Ma tu hai cercato di ingelosirlo?

Caterina:    E certamente. Aggio pruvato a farlo ingelosì cu’ Ottaviano, Ma nun è servuto a

                     niente. Ha ditto vicino a Ottaviano: “Trattammella bona a Caterina”!

Sylvia:         Mammà, che t’aggia dicere? Io, quase, quase, espatriasse all’estero!   

Caterina:    E io me ne venésse cu’ te!

                     Suonano alla porta.

Sylvia:         Ma che seccatura! ‘Sta porta sona sempe.

Caterina:    Va’ a arapì, a mammà. Po’ essere che ‘sta vota è ‘na bona nutizia!

Sylvia:         Beata a te che ci credi ancora!

                     Sylvia va ad aprire. Caterina va a sedersi al tavolo. Pare sconsolata.

Caterina:    Nun ‘o vvoglio dicere, ma quanno aiére Sebastiano se pigliaje “la polvere

                     bianca”, se sentette buono. Pareva ‘n’ata perzona. (Realizza) ‘N’ata perzona?

                     Ma nun è che… se putesse fa’ ‘n’ata vota? Questo dipende da Fratello.

                     E dalla comune entra Fratello con un pacco da pasticceria di dolci.

Fratello:      Buongiorno a tutta ‘a casa!

Sylvia:      Mammà, zio Fratello ha portato i dolci. Che bello! Vado a prendere i tovaglioli.

Fratello:   No, quali dolci, addò vaje?

                  Corre via a destra. Fratello la osserva perplesso. 

Caterina: (Si alza in piedi, contrariata) Siente ‘nu poco, ma tu nun m’he’ spiegà niente?

Fratello:   Ripeto, no.

Caterina: Ma inzomma, nun ‘a vuo’ proprio fernì ‘e ì contro ‘a legge. Faje sempe chesto.

Fratello:   Io? Ma pe’ chi m’he’ pigliato?

Caterina: E ‘stu pacco che tiene ‘nmana? Che dolci sono?

Fratello:  Ma no, niente. Sono certi bomboloni con la crema!

Caterina: Menu male, m’’o voglio proprio magnà, ‘nu bellu bombolone!

                  Da destra torna Sylvia coi tovaglioli.

Sylvia:      (Felice) E pure io!

Fratello:  No, ma chisti bombolone nun se ponno magnà.

Le due:    (Deluse) E pecché?

Fratello:  E pecché… pecché…  so’ pe’ bellezza!

Caterina: (Sospettosa) Fraté, ma nun è che ‘sti bombolone ténene coccosa ‘e strano?

Sylvia:      E già, tipo polvere bianca al posto dello zucchero.

Fratello:  Ma no, ripeto.   

Caterina: E io ‘o voglio assaggià.

Fratello:  E io nun t’’o cunziglio. ‘Sta rrobba fa male.

Sylvia:      E allora pecché l’he’ purtata ccà? Se li vede mio padre, te li scippa di mano.

Caterina: (Le viene un’idea) Papà? (Gli tira il pacco di mano) Fraté, miette ‘sti bombolone

                  ccà. Io ce ‘e ffacio magnà a Sebastiano, tutte quante, comme stanne!

Sylvia:      (Sorpresa) Ma… ma… ma comme, mammà?! Forse ‘int’a ‘sti dolce ce sta…

Caterina: Uhé, fatte ‘e fatte tuoje, tu! He’ capì? A papà le piacene assaje ‘e bumbulone!

                  Anze, quanno s’’e mmagna, le torna pure ‘a memoria!

Sylvia:      E vabbuò, facite comme vulite vuje. E’ meglio che me ne scengo propio, va’!

                  Ed esce via di casa.

Fratello:  Caterì, ripeto, ma che vvuo’ fa’?

Caterina: Niente. Mò vaco a astipà ‘sti bombolone. Li chiudo a chiave nell’armadio.

Fratello:  No, no, ma…

Caterina: Cosa c’è? Nun te va buono? Tua sorella non può aiutarti?

Fratello:  Ma comme, tu si’ sempe stata contraria all’attività che faccio io.

Caterina: E mò aggio cagnato idea.

Fratello:  E vabbuò, fa’ comme vuo’ tu. Anze, ripeto, pe’ me è ‘nu vantaggio. Io po’ m’’e

                  vvengo a piglià cchiù tarde… così non desto sospetti. Va bene?

Caterina: Nun aggio capito proprio niente, però pe’ me va buono. Tu aspietteme ccà.

                  Ed esce via a destra. Fratello si compiace.

Fratello:  Meglio accussì. E’ comme si chilli bombolone io l’avésse mise in cassaforte.

                  Tutto si sta mettendo per il meglio. (Guarda il soffitto) Mò aggia sultanto zittì ‘a

                  cantante spiona! Accussì se fa ‘e fatte suoje!

                  Dalla comune entrano Maria e Bianca. Vanno dietro a Fratello che non le nota.

                  E intanto ‘a guagliona è proprio bona! E tene pure ‘nu bellu nomme: Romina! Se

                  lei vede il mio sguardo seducente, rischia di rimanere stregata!

Maria:     (Disperata) Uh, Marò…!

Fratello:  (Si spaventa) Chi è?!

Maria:     Bianca, he’ ‘ntiso? Pure a chisto le piace Romina mia!

Bianca:     Sì, però ‘sta figlia toja  nun ce pare, Marì!

Maria:      Ma tu che staje dicenno, Bianca? Chella è ‘nu giglio!

Fratello:   Scusate, ma vuje comme site trasute?

Bianca:     Ci ha aperto Sylvia mentre usciva da qui. Scusate, ‘na domanda: ma pe’ caso

                  vuje fusseve rattuso?

Fratello:   Ripeto, io?

Bianca:     Eh, sì, vuje! Ma chi caspito site?

Fratello:   Ma chi site vuje, che state alluccanno ‘int’’a recchia mia?

Bianca:     Io so’ Bianca Neve.

Fratello:   Eh, e turnate ‘int’’o bosco add’’e sette nani!

Maria:      Sentite, nun ve permettite ‘e alluccà ‘ncuollo ‘a cumpagna mia. Ate capito?

Fratello:   E vuje chi site, invece?

Maria:      Io songo Maria Immacolata Concepita.

Fratello:   E ‘a do venite vuje? ‘A Lourdes?

Maria:      No, d’’o piano ‘e coppa!

Fratello:   Voi siete la mamma di quella che canta sempre? Ripeto, la mamma di Romina?

Maria:      Sì, vabbuò?

Fratello:   E allora dicitece ‘a figlia vosta che s’ha da fa’ ‘e fatte suoje. Ma comme se

                  permette ‘e ì a purtà spia? Comme se permette ‘e dicere ‘e fatte mie ‘a polizia?

Le due:     ‘A polizia?

Fratello:   Esattamente.

Maria:      Ma chi ve penza? Chella mia figlia va cantanno sulo p’’e ffeste. E ppo’ faciteme

                  capì pecché avessa dicere ‘e fatte vuoste ‘a polizia? Ch’avite fatto vuje?

Fratello:   (Dubbioso) Ripeto… vostra figlia canta alle feste? Ah, ma allora nun è che… sì,

                  inzomma…! E che cacchio ha capito Ferdinando?

Maria:      Ferdinando? E che ce azzecca Ferdinando?

Fratello:   No, niente.

Maria:      E mò scusatece, ma nuje ce n’amma ì. Tengo a mia figlia cu’ ‘a tonsillite. Infatte

                  Vogliamo chiedere alla signora Caterina se tiene un poco di miele.

Bianca:     Un poco di miele.

Fratello:   No, mò nun è cosa.

Maria:      E vabbuò, allora ce ne jamme. (Poi ci ripensa)Chella, mia figlia, ha da fa’

                  carriera. A proposito, nun è che vuje cunuscisseve a coccheduno pesante?!

Fratello:   Comme no: ce sta mio cugino che pesa cientevinte chile!

Maria:      Ma no, io dico coccheduno d’’a musica.

Fratello:   (Frettoloso) Signò, e mò basta, ve n’ata ì!

Le due:     Eh, ma che maniere!

                  Fratello le spinge via fuori casa. Poi torna soddisfatto in stanza.

Fratello:   Chillu fesso ‘e Ferdinando m’ha fatto vattere a chella povera guagliona! Chella

                  fa overamente ‘a cantante! Vabbuò, mò famme spià a Caterina addò sta

                  annascunnenno ‘e bombolone.

                  Esce via subito a destra.

Scena ultima. [Sebastiano, Tarallo, Ferdinando, Caterina, Fratello, Sylvia e Ottaviano]

                     Da sinistra tornano Sebastiano e Tarallo.

Sebastiano: Ecco fatto, la domanda è pronta. Mò tocca a voi, dottor Panuozzo.

Tarallo:       Tarallo! Non vi preoccupate. Ora vado nel mio studio, prendo ciò che serve e

                     facciamo la domanda. Caro signor Auricch…!

Sebastiano: No, mi dovete chiamare Sebastiano. Avete capito? Niente Auricchio.

                     E da fuori si sente:

Ignoto:         “Auricchio, tiene ‘o nomme d’’o furmaggio”!

Sebastiano: Mannaggia a me, m’aggio scurdato proprio! Vabbé, comunque, dottò, mi

                     assicurate che mi danno la pensione?

Tarallo:       Se siete veramente malato, non ci saranno problemi. Voi mi assicurate che

                     siete veramente malato?

Sebastiano: Dottò, ora vi faccio una confidenza: qua dentro dicono che io sono malato di

                     testa. Dicene ca io so’ ‘nzallanuto. Ma in realtà i veri malati sono loro. Ate

                     capito? E io me piglio ‘a penzione ‘a faccia lloro!

Tarallo:       E va bene. Allora vi saluto. A tra poco, signor Auricch…!

Sebastiano: ‘N’ata vota mò? Vi ho detto che mi dovete chiamare Sebastiano.

Tarallo:       E va bene, signor Sebastiano. Allora, in bocca al lupo!

Sebastiano: Crepa!

Tarallo:       Comme?

Sebastiano: Crepa!

Tarallo:       Aggia crepà io?

Sebastiano: No, ‘o lupo.

Tarallo:       E allora “crepi”!

Sebastiano: Sì, ma siccome stamme parlanno in terza persona, allora amma dicere “crepa”!

Tarallo:       Scusate, ma il detto dice così.

Sebastiano: Ed è sbagliato. Scusate, l’indicativo presente del verbo crepare come dice? Io

                     crepo, tu crepi, egli…?

Tarallo:       Crepa.

Sebastiano: Ate visto?

Tarallo:       Sì, ma nel nostro caso, non è indicativo, ma imperativo.

Sebastiano: E invece no, pecché po’ essere pure ch’è condizionale.

Tarallo:        (Spazientito) Vuje me state facenno ‘nzallanì pure a me! Cose ‘e pazze!

                      Ed esce via.  

Sebastiano:  Ma chisto nun sta buono cu’ ‘a capa? (Poi sente un profumino nell’aria) E che

                      d’è st’addore ‘e bombolone cu’ ‘a crema? ‘A do’ vene? Forse ‘a ‘int’’a cucina.

                      E già, ma mò addò sta ‘a cucina? Ah, già, a destra. E famme vedé, và.

                      Esce a destra. Dalla comune entra Ferdinando.

Ferdinando: Mammà, curre ccà!

                      Da destra corre Caterina. E’ allarmata.

Caterina:     Chi s’ha fatto male?

Ferdinando: Nisciuno. Voglio dirti che io e la mia fidanzata abbiamo fatto pace.

Caterina:     ‘O vero? E cu’ quali sorde? Cu’ ‘e sorde d’’e bombolone?!

Ferdinando: No, mammà, ‘o cugino d’’a guagliona mia fa ‘o chef ‘into all’albergo

                      Vesuvius. Mò me fa assumere pure a me.

Caterina:      (Sorpresa) Uh, Marò, e ch’è succieso? Finalmente ‘na nutizia bona?!

Ferdinando: E allora, mammà, ce vedimme aroppo. A proposito, he’ priparato ‘o magnà?!

Caterina:      Ferdinà, ma che modo’e parlà è chisto?

Ferdinando: E allora mammà hai preparato il mangime?

Caterina:      Eh, è arrivato ll’auciello! 

Ferdinando: Mammà, allora io vaco a ffa’ ‘o colloquio ‘e lavoro, e… (Sente un profumino)

                      Bomboloni alla crema. Ma è venuto zio Fratello?

Caterina:      No, per carità. Li ho comprati io per festeggiare il tuo nuovo lavoro.

Ferdinando: Ah, grazie! ìNu mumento, e tu comm’’o ssapive?

Caterina:      Ehm… caro mio, devi sapere che una mamma tiene il sesto senso.

Ferdinando: Ah, ho capito, fai senso! Va bene, allora io scendo.

Caterina:      Cià, buon viaggio!

                       I due escono di casa. Caterina cerca di trattenere un po’ di commozione.

                       He’ visto? Comme fanne cierti ggente a dicere che Dio nun esiste?! Dio esiste

                       e comme. E m’ha da aiutà pure cu’ mio marito. Ma nun te prioccupà, mò se

                       risolve tutto cose appena ce faccio magnà ‘o bombolone!

                       Asciuga gli occhi. Da dietro entra Ottaviano con la scatola di cioccolatini.

Ottaviano:    Cucù!

Caterina:      (Si spaventa) Marò! Ah, si’ tu? E che ce faje ccà?

Ottaviano:    Comm’è che ce faccio? T’aggio accattato ‘e cciucculatine. T’’e mmagne mò?

Caterina:      No, mò no. Amma rimandà a doppo.

Ottaviano:    E allora facimme ‘na cosa: mò me vaco a nasconnere cu’ ‘sta scatola ‘nmana

                      ‘into all’armadio d’’a stanza ‘e lietto toja. Accussì Sebastiano, accomme vene,

                       me trova a me cu’ ‘a scatola ‘nmana. Te piace?

Caterina:      No, p’ammore ‘e Dio! L’armadio no.

Ottaviano:    E pecché, che ce sta lloco ddinto? ‘E surice?

Caterina:      No, ehm… siente, Ottavià, io me metto appaùra ‘e t’’o ddicere che ce sta lloco

                       ddinto, pecché tu puo’ penzà malamente. Ma chello che ce sta lloco ddinto,                             

                       nun l’aggio purtato io. Anze, nun ‘o ssaccio pecché sta lloco. Hé capito?

Ottaviano:    No, nun aggio capito niente.

Caterina:      Ottavià, mò t’’o ddico chiaramente: nel mio armadio c’è la coca.

Ottaviano:    ‘A Coca cola? E che ce fa llà ddinto? Miettele ‘int’’o frigorifero!

Caterina:      Ma no, io sto’ parlanno d’’a co… d’’a co…d’’a cocaina. Ecco! L’aggio ditto!

Ottaviano:    ‘A cocaina? Quala cocaina?

Caterina:      Chella che tu staje cercanno pe’ dint’’o quartiere. Inzomma, tu staje cercanno

                       ‘e spacciatore? E tu sicuramente nun ‘e ttruove. Però saccio con certezza che

                       lloro hanne venute a nasconnere ‘a droga ‘int’all’armadio mio.

Ottaviano:    Ah, ma tu staje penzanno ancora ‘a cocaina? Ma no, nun ce sta niente!

Caterina:      Uh, Giesù, ma allora Sebastiano già se l’ha pigliata isso?

Ottaviano:    Ma qua’ Sebastiano? ‘A vuo’ sapé ‘a nuvità? ‘A scientifica ha acchiappato a

                      ‘nu guaglione che s’’a steva piglianno. L’hanne analizzata, e che d’è? Farina!

Caterina:      Farina?

Ottaviano:    Sì, tipo 00!

Caterina:      Ma… nun po’ essere.

Ottaviano:    E invece sì. ‘E spacciatore s’hanne sbagliate. Ora chi sa la cocaina, quella

                       vera, dov’è andata a finire? Si dice che stia in certi bomboloni. E io li troverò!

Caterina:      ‘Nu mumento, ma aiére, pe’ sbaglio, Sebastiano s’ha pigliato ‘nu poco ‘e

                       chella polvere bianca che steve ‘int’’e pisce. E l’ha fatto effetto. E comm’è?

Ottaviano:    E che ne saccio? Se vede ch’’a farina, a Sebastiano, le fa ‘n’effetto drogante!

Caterina:      (Ha un senso di colpa) E allora viene a vedé ‘nu mumento chella rrobba che

                       sta dint’’a stanza ‘e lietto mia. Voglio sapé ‘nu parere tuojo.

Ottaviano:    Famme véde, va’.

                    I due escono in fretta a destra. Dalla comune entra Sylvia (con le chiavi).

Sylvia:        Oh, no, aggio visto ‘a polizia ccà bbascio. Chiste so’ venute sicuramente pe’ se

                    piglià a Ferdinando e a zio Fratello. E mò comme se fa? A chi aggia chiammà?

                    Mannaggia ‘a capa lloro.

                    Da destra Fratello esce col pacco di bomboloni in mano. I due si scontrano.

                    Uh, scusa, zio Fratello!

Fratello:     Nenné, ripeto, nun fa niente. Me dispiace p’’e bombolone: s’hanne schiattate!

Sylvia:        Ancora ‘sti bombolone?

Fratello:     E già. Purtroppo Ottaviano sta facenno ‘n’ispezione ‘int’’a stanza ‘e lietto

                    vosta! E così io ho recuperato il corpo del reato!

Sylvia:        Senti, comunque zio, non puoi scappare. Quaggiù ci sta tanta polizia.

Fratello:     Uh, mamma mia. E mò comme se fa?

Sylvia:        Aspetta, io ho un’idea: dalla finestra della mia stanzetta, arrampicandoti sulle                

                    tubature dell’acqua, riesci ad arrivare sul tetto. Quello è collegato al tetto del

                    palazzo accanto. Tu fai un breve salto e ti trovi sull’altro palazzo. E poi…

Fratello:     Nenné, ma mò me vulisse fa’ fa’ Batman a chest’ora?! Io so’ pure zuoppo!

Sylvia:        ‘O zi’, o ti mangi questa minestra…!

Fratello:      O mi butto dalla tua finestra! Faccio accussì, accetto!

Sylvia:         E allora aspettami qua. Al momento giusto, ti do il segnale. 

Fratello:      Mi fai un fischio?

Sylvia:         No, non so fischiare.

Fratello:      E allora fai un pernacchio. Vai, vola!

                     Sylvia esce di corsa a sinistra. Fratello tiene stretto il pacco di bomboloni e si

                     siede sul divanetto.

                     Speramme che va tutto cose buono! Io nun voglio essere arrestato. Poco fa,

                     mia moglie mi ha dato la notizia: aspettiamo una bambina!

                     Da destra torna Sebastiano che nota Fratello e gli va dietro. Fratello sèguita.

                     E comme l’aggia chiammà, a mia figlia? E chi ‘o ssape? Chi ‘o ssape?

Sebastiano: (Nota i bomboloni e li indica gridando) Aaah!

Fratello:      (Si spaventa, si inginocchia a terra, chiude gli occhi e alza le mani) Mamma

                     mia, commissà, mi arrendo! Non oppongo resistenza.

Sebastiano: Fraté, ma che staje facenno?

Fratello:      Ah, commissà, ma conoscete pure il mio nome?

Sebastiano: Ma qua’ commissario? Aràpe ll’uocchie e aìzete, miezu scé.

Fratello:      (Così fa) Ma si’ tu? Puozze ittà ‘o veleno! M’he’ fatto invecchià ‘e trent’anne!

Sebastiano: No, veramente, io vuleve dicere: “Ah, ma allora ‘e ttiene tu ‘e bombolone?”.

Fratello:      Sì, ‘e ttengo io.

Sebastiano: Embé, e nun me ne daje uno?

Fratello:      Sebastià, veramente, questi non sono bomboloni. Sono il corpo del reato!

Sebastiano: In che senso?

Fratello:      ‘Ncoppa a ‘sti bombolone ce sta ‘a droga. E si me scoprene, t’arrestene a te!

Sebastiano: Aspié, e pecché si scoprene a te, m’arrestene a me?

Fratello:      Pecché stongo ‘a casa toja. Io commetto un sacco di reati, però tutti a casa tua!

Sebastiano: ‘O vero? Disgraziato!  

Fratello:      Sebastià, ce sta polizia pe’ tutto parte. E non solo: me sta cercanno pure

                     Tarallo. Ha scuperto tutt’’e ‘mbruoglie che faccio io.

Sebastiano: Embé, e mò che ffacimme?

Fratello:      Niente, ce sta tua figlia che me sta aspettanno ‘int’’a stanzetta soja. Sto

                     aspettando il suo segnale per scappare.

Sebastiano: ‘Nu sisco?

Fratello:      No, ‘nu pernacchio!

Sebastiano: E allora nascondiamoci e aspettiamo il segnale. Mannaggia a te.  

                     Lo prende sottobraccio, escono a sinistra. Da destra torna Caterina.

Caterina:    (Si ferma sulla porta e grida:) E allora, Ottavià, nun te movere ‘a lloco.  

                     Accomme faccio ‘o pernacchio, tu t’appresiénte ccà ddinto cu’ ‘e cciucculatine

                     ‘nmana. Néh, he’ ‘ntiso buono? Nun m’ha risposto. Se vede che ha capito!

                     Suonano alla porta.

                     ‘A porta? E chi sarrà mò?

                     Va e torna seguita da Tarallo, il quale pare contrariato.

                     Buongiorno, dottor Tarallo. Come mai da queste parti?

Tarallo:       Come mai? Credevo di fare un piacere a vostro marito. E invece ho saputo che

                     lui nasconde vostro fratello in casa sua.

Caterina:     Uh, Gesù, e perché? E poi che ha fatto mio fratello?

Tarallo:       E’ un fuorilegge.

Caterina:     (Eh, è arrivato ‘o sceriffo!).

Tarallo:       E allora, dove stanno?

Caterina:     Ma io non lo so.

Tarallo:       E cercateli.

Caterina:     E allora vado a vedere in cucina. Però state calmo. Con permesso.

                     Corre via a destra.

Tarallo:       E mò vedimme ‘e fa’ passà ‘o genio a cocche spiritoso ‘e me fa’ fesso a me!

                     Da sinistra entrano Sebastiano e Fratello con parrucche da donna e vestaglie.

Sebastiano: Trase, trase. E muòvete!

Fratello:      E ‘nu mumento.

Tarallo:       (Li nota) Che? Scusate!

                     I due si bloccano all’istante. Tarallo si avvicina e li guarda bene.

                     Ma dove ci siamo già visti, noi?

Sebastiano: (Voce effeminata) Ehm… da nessuna parte.

Tarallo:       E voi?

Fratello:      (Voce effeminata) Ehm… altrettanto.

Tarallo:       E chi siete, esattamente?

Sebastiano: Io sono la sorella del signor Sebastiano. Mi chiamo Sebina!

Fratello:      E io sono la sorella del signor Fratello. Mi chiamo Sorella Del Gaizo!

Tarallo:       E i vostri fratelli dove sono?

I due:           Boh!

Tarallo:       Va bene, allora scusatemi un secondo. Faccio una telefonata sul cellulare.

I due:           Fate, fate.

                     Tarallo si apparta verso destra, mentre i due litigano sottovoce.

Sebastiano: Disgraziato, vide ‘int’a qualu guajo me staje mettenno! (Gli da una spinta)

Fratello:      Uhé, liéveme ‘e mmane ‘a cuollo!

                     Tira via la parrucca a Sebastiano, la getta in terra e la calpesta.

Sebastiano: Uh, ma si’ scemo? Chillo mò ce scopre.

Fratello:      Ah, già. (Raccoglie la parrucca) Aspié, mò t’’a metto io. (Così fa) Ecco qua.

Sebastiano: (Sente un odoraccio) Fraté!

Fratello:      Che vvuo’, Sebastià?

Sebastiano: Ma comme fete ‘sta parrucca! ‘A quanno l’he’ calpestata tu cu’ ‘o pede tuojo,

                     stranamente tene ‘nu fieto insopportabile!

Fratello:      Famme sentì. (Si avvicina e odora) Uh, he’ raggione. Forse aggio calpestato

                     ‘na brutta cosa ‘nmiezo ‘a via!

Sebastiano: Embé, e mò me l’he’ miso ‘ncapa a me?!

Fratello:      Ssst, stattu zitto.

                     Tarallo torna dai due.

Tarallo:       Dunque, dicevamo? (Sente la puzza) Scusate, ma che cos’è questa puzza?

Sebastiano: (Imbarazzato) Ehm…

Tarallo:       Sembra… quella cosa del cane. Signora Sebina, viene dalla vostra testa.

Sebastiano: Ehm… non ci fate caso. Io tengo “’a capa ‘e merda!

Tarallo:       Ho capito. Ho capito proprio tutto. (Toglie le parrucche ai due) Ah, benvenuti,

                     signor Fratello e signor Sebastiano.

I due:           (Imbarazzati) Buongiorno.

Tarallo:       Ci siamo dati ai travestimenti. Allora aspettatevi una forte multa tutti e due per

                      aver cercato di imbrogliarmi. Parola del dottor Tarallo Giuseppe!

                     Sebastiano copre con una mano la bocca e fa una pernacchia.

Fratello:      Uh, Marò, ‘o signale d’allarme ‘e Sylvia. Io me n’aggia fujì.

Sebastiano: Addò vaje? Tu nun te muove ‘a ccà.

Fratello:      Ma nun l’he’ ‘ntiso ‘o pernacchio? E’ il segnale d’allarme!

                     E da destra entra Ottaviano con la scatola di cioccolatini in mano. 

Ottaviano:  Ecco il segnale: questi sono i cioccolatini tutti per te, Caterina!

Tarallo:       Voi, Ottaviano? Ah, signor Sebastiano, qua ci sta l’amante di vostra moglie.

Sebastiano: ‘O vero? E che me ne ‘mporta a me? Pigliatella, Ottavià!

Tarallo:       Ma insomma, che sta succedendo, qua?

Ottaviano:  Scusate, forse mi sbaglierò: ma vuje nun l’ate ‘ntiso ‘nu pernacchio?

Fratello:      No, veramente l’aggio ‘ntiso primm’io.

Ottaviano:  Ma no, chella era Caterina.

Fratello:      No, veramente, chella era Sylvia.

Sebastiano: No, veramente, ‘o pernacchio l’aggio fatto io. Era p’’o dottor Tarallo.

Tarallo:       Ah, sì? Ah, sì? E bravo. Mi avete proprio deluso, signor Auricchio.

Fratello:      (Grida) Auricchio, tiene ‘o nomme d’’o furmaggio!... Uh, ch’aggio ditto?!

Sebastiano: Ah, ma allora si’ tu che me dice sempe ca tengo ‘o nomme d’’o furmaggio!

Fratello:      Ehm… ma no, io scherzavo.

Sebastiano: E mò voglio scherzà ‘nu poco io cu’ te. Viene ccà, Fratello.

Fratello:      Marò, nun voglio murì!

                     Scappa via di casa inseguito da Sebastiano. Gli altri tre li seguono anche

                     loro. Da destra entra Caterina tutta preoccupata.

Caterina:     I bomboloni non si sono trovati più. Sopra ognuno ci stava la polvere bianca.       

                     Che peccato! Io ce vuleve fa’ magnà ‘nu bombolone a Sebastiano! Nun fa

                     niente che faccio ‘na cosa illegale e immorale, però voglio ch’’o marito mio,

                     pure sultanto pe’ diece minute, s’arricorda io chi songo! E nun fa niente, amme

                     pazziat…! (Nota il pacco sul tavolino) Uh, ‘e bbombolone! (Va a controllare)  

                     Sì, so’ loro! Si sulo mò se truvasse a passà accà Sebastiano…!

                     E dalla comune entra proprio Sebastiano, imprecando.

Sebastiano: Si acchiappo, a chillo, ‘o faccio avvedé io si tengo ‘o nomme d’’o furmaggio!

                    (Nota Caterina) Uhé, moglie!

Caterina:    Moglie? Io tengo ‘nu nomme!

Sebastiano: E già, me dispiace sulo che nun m’’o ricordo!

Caterina:    Ah, sì? E mò t’’o faccio arricurdà io! (Prende il pacco coi bomboloni e va da

                     lui) Sebastià, bello ‘e Caterina, assaggia ‘nu bumbulone. Comme so’ sapurite!

Sebastiano: (Le prende il pacco) Uh, sì, sì, a me me piacene assaje ‘e bbumbulone! Grazie.

                     E va in cucina a destra.

Caterina:    Bravo, vattìlle a magnà ‘int’’a cucina! E adesso non resta altro che aspettare!

                     Da destra torna Sebastiano tutto eccitato (ha gli occhi spalancati).

Sebastiano: Caterì, chilli bbombolone hanna essere afrodisiaci! Improvvisamente m’è

                     venuto ‘o genio ‘e me sfrenà! ‘A stanza ‘e lietto è libera.               

Caterina:    (Felice) Marò, è fatta! Comme so’ felice! Andiamooo!

                     E corrono a destra mano nella mano.

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 15 volte nell' arco di un'anno