‘O passero

Stampa questo copione

‘O PASSERO

ATTO  UNICO

di Oscar Di Maio

Un salottino A destra tavolino con necessario per scrivere: a fianco. una poltrona. In fondo mensola,specchi vasi di fiori. Due porte a destra, due a sinistra,una in fondo ché fa da comune.

SCENA 1^

Guglielmo ed Elvira

GUGLIELMO – ( Un bel giovane sui 30 anni, accurato, elegantissimo, inguantato, lisciato e profumato, catena d’oro, anelli e spillo di brillanti. Porta un sottile bastoncino che scuote e maneggia come un frustino. Al levarsi della tela passeggia per la scena nervoso, un sorriso freddo e cattivo gli increspa le labbra).Quanno io dico sette, sette songo. Tu ‘o sai cu mico nun se pazzeia. Quanno me serve ‘a scellerata lira, ha da asci.

ELVIRA – ( Una simpatica ragazza: 18 anni, veste con un certo lusso di cattiva lega, è truccata alle guancie e agli occhi, pettinata con la vistosità eccentrica delle canzonettiste: seduta sulla poltrona ha le braccia poggiate sul tavolo e nasconde la faccia, è è affronta e singhiozza) Nun ‘e tengo Gugliè, nun ’e tengo….

GUGLIELMO – (Brandendo il bastone come una frusta fa l’atto di colpirla, poi s’arresta e digrignando) Mannaggia che t’allattato mannaggia! E chi t’ha ditto che ‘e tiene e chi s’’o penza.

ELVIRA – (sempre tenendo nascosta la faccia) E’ allora?E’ allora?...

GUGLIELMO – Chi cerca trova.

ELVIRA – (scuotendo il capo) Nun capisco…nun capisco…

GUGLIELMO – Nennè….nennè… nun farme l’innocentina (puntandole la punta del bastoncino sulla fronte e calcando gradatamente) Tu m’’e ‘a capi…io voglio essere capito…Guardame…. E guardame ( per sollevarle la testa, le strappa dalla fronte una piccola ciocca di capelli)

ELVIRA – (Balzando, dolente, porta una mano alla fronte e piagnucolosa). Ah! Me faie male.

GUGLIELMO – Chi te vo bene te fa chiagnere! (appoggiandosi sul tavolo in modo da restare faccia a faccia con Elvira) Carte ‘nterra nennè. Parlammece chiaro. E’ tiempo ‘e fernì stà iacuvella. Chi troppo ‘a tira ‘a spezza. Tu me ‘ntienne?

ELVIRA – (avvilita, sgranando gli occhi sgomenta) No…no…Gugliè…io nun te ‘ntenno…io me metto appaura e ‘ntennere. Gugliè, core mio, vita mia, nun fa accussì…nun me guardà accussì, o si vuò, guardame peggio, peggio ancora… strillame, offiendeme, vatteme pechè io penzo…chello ca penzo…chello ca nun vurria penzà…ma famme sentì una cosa, una sola, una sola…è ca tu me vuò sempe ‘o stesso bene, ca tu si sempe ‘o stesso pe me… ca tu si sempe meglio ‘e me… ‘o suonno d’oro d’’a vita mia.

GUGLIELMO – (Svincolandosi) Suonno d’’o… nun me fa avutà ‘o stommaco cu stù romanticismo fora stagione.

ELVIRA – (Come per reagire)

GUGLIELMO – (Brandendo il frustino)E n’ata vota mo! Io t’aggia ditto ‘nfaccia ‘a muniglia nun pazzià… e tu vuò pazzià? Embè, parlo ‘nfaccia ‘o muro? Stasera quanno vene ‘o Barone…chillu viecchio farenella… passace na parola tu…sa…io d’’e viecchie nun so’ geluso…

ELVIRA – (Balzando)No…mai…

GUGLIELMO – (Afferrandola per un braccio e stringendola gradatamente) Nennè…faciteme ‘a finezza.. nun me facite perdere ‘a pacienza… vuie me tuccate tutta ‘a nervatura.

ELVIRA – E fammenn’ i allora, fammenn’ i.. me ne vaco… Si, me ne vaco

GUGLIELMO – Te ne vai? (Scoppiando in un riso selvaggio) Ah…ah… te ne vai? Oh quant’è bello stu poco… Guagliò abbasta mo. Io non so’ uso a sprecà tanta parole. Quanno voglio io, tanno sulo te ne può i. Quanno dico sette, sette songo. E si faie ‘a cervellotica, se fai ‘a retepere… nennè… ccà correno palate…palate ‘e morte… palate comme chiudessero! E si chesto nun bastasse ce stà sempe quacchè giuvinotto desideroso ‘e fa carriera ca se facesse onore e piacere a farve nu sceppetiello ccà…accussì…(toccandole e sfiorandole la guancia col frusino)

ELVIRA – (Abbrividisce scostandosi)

GUGLIELMO – A buon intenditore poche parole.(una breve pausa, s’accende una sigaretta) Ora vi sospendo il fastidio. Io ripasso cchiù tardi. Pensateci. Bona serata nennè (via lentamente)

ELVIRA – (Rimasta sola resta pensosa, s’alza, attraversa la scena, due o tre volte nervosa, disfatta,guardando per terra, torcendosi le mani, mordendo il fazzoletto).

SCENA 2^

Ersilia e detti indi ‘O Passero

ERSILIA -  Signurì?

ELVIRA – Che è? (c.s)

ERSILIA – Signurì ch’è stato?

ELVIRA – Niente…niente  (c.s)

ERSILIA – Signurì fore ce stà ‘o porta ceste

ELVIRA – Dincello ca se ne iesse

ERSILIA – E pecchè?

ELVIRA – (Nervosa sempre) Pe ‘cchesto

ERSILIA –(Fa spallucce ed è p.u.)

ELVIRA – No… aspè…fallo trasì

ERSILIA – (uscendo) Trase, Trase

ELVIRA – (Continua a passeggiare).

‘O PASSERO - (Sulla soglia) C’è permesso? (col berretto trale mani).

ELVIRA – Aspetta.

‘O PASSERO – Bà bè…

ELVIRA – No…vattenne…avvisa a l’impresario ca stasera nun cante.

‘O PASSERO – Nun ve sentite bona? Cantate dimane?

ELVIRA – No. Nè oggi…Né dimane…Né mai cchiù.

‘O PASSERO – Uh… e pecchè?

ELVIRA – Pecchè accussì me piace. Avessà dà cunto a te?

‘O PASSERO – ‘O cielo me ne scanza e libera. Buona sera (p.p)

ELVIRA – Aspetta

‘O PASSERO – (Fermandosi) Aspetto

ELVIRA – (continua a passeggiare pensierosa)

‘O PASSERO – Vi che abbiento!(Si guarda intorno, vorrebbe restar fermo, non ci riesce, ora alza un piede, ora un altro, ora tocca una cosa, ora un’altra. Finalmente va alla specchiera si guarda, fa delle smorfie, si mette il berretto a sghembo, imita il guerriero e finisce col fischiettare la marcia di Gugliemo Tell)

ELVIRA –(siede a destra,una pausa)Portacè

‘O PASSERO –(Togliendosi il berretto e mettendosi sull attenti) Pronto.

ELVIRA – Viene ‘accà, assettete lloco. Assettate, tu me pare nu buono giovane. Dimme: tu ‘o cunusce a Don Guglielmo mio?

‘O PASSERO – (col fischio e l’atto della mano indica: Sicuro, altro che, vi pare?)

ELVIRA – E… e… è nu buono giovane?

‘O PASSERO – (Fa un versaccio)

ELVIRA – Che dice?

‘O PASSERO – Niente dico… (rifà il versaccio)

ELVIRA – Si curiuso

‘O PASSERO – E pecchè?

ELVIRA – Dimme na cosa. E’ ‘o vero, ca paganno na somma se po’ fa sfrigià a na perzona senza passarne niente?

‘O PASSERO – (nuovamente col fischio ripete: Altro che!)

ELVIRA –  E’ ‘o vero?  E’ ‘o vero?

‘O PASSERO – (accennando col capo)Gnorsì. (un silenzio) E io ‘o ‘ssaccio propetamente sicuro.

ELVIRA – Tu?... (fissandolo) ah…già…tu pure starrai int’’a mala vita.

‘O PASSERO – Gnernò signurì. (sorridendo) Io ce stevo…ma me ne cacciaieno

ELVIRA – E pecchè?

‘O PASSERO – Embè pe nu difetto ca tengo. Nu piccolo difetto. Io me metto appaura

ELVIRA - (scuote il capo) Eh!

‘O PASSERO – Ussèvero ‘a signurina nun me crede! ‘A cuscienza ‘e l’anima. I me mecc’ ’a paura. Mbè guardate. Sempe, ‘a quann’era tantillo, guaglione io nun teneva che una passione: ‘o triato, ‘e pupe, Linardo! Orlando! Mbè io quanno veco a don Federico Stella che sono quatto fecozze a Pirone, quanno veco Linardo il il prode Sir di Montalbano ascì mieze ‘e mulignanelle…olà… << Fatti indietro canaglia…tu proverai se Durlindano taglia…) Embè, signurinella mia, che sa me sento nu triemmolo cca, dint’’e denocchie, ‘nu fuoco à ‘o stommaco…vularria fa nun sa che cosa…atterrà na muntagna, sbranà nu lione, combattere cu n’esercito sano sano ‘a parola signurì, io ce patesco. E me dicette chist’è tutto curaggio? E…e…(grattandosi la testa) e accussi nu giorno mme truvaie mmiez’a l’onorata suggità. Ma..quanno iettemo a ‘e primme prove…’ndranghete. Signurì vuie me sentite?

ELVIRA - (che non lo ascolta e segue il suo pensiero intimo) Dunque ‘o sfregio?

‘O PASSERO – Ecco cca. Nu giornome dicettero: si vuò passà picciutto l’occasione è chesta. E me cunzignaieno nu rasulo e me fecero appustià. Era sera. ‘A vascio          spuntaie finalmente ‘a piccerella. M’avevano ditto: na botta ‘a cca… (fa il gesto di Guglielmo)

ELVIRA – (suggestionata per il ricordo segue il racconto sgomenta)

‘O PASSERO – Essa veneva: era fina fina; bionda bionda; teneva na faccella ca pareva na fronn’’e rosa, chi sa a che penzava? Cammenaca e  redeva sola sola, io penzaie: aggio dà na botta accussì…peccato…che bella faccella! E me sentette ‘o triemmolo int’’e ginocchia, ‘o fuoco ‘o stommaco, fece pe me menà

ELVIRA – Dio!...

‘O PASSERO – Essa me guardaie e redeva appena appena,

ELVIRA – E tu?

‘O PASSERO – Io dicette: bona sera e me levaie ‘o cappiello.

ELVIRA – E ‘o sfregio?

‘O PASSERO – Ah no. Mannaggia Pulicano! ‘A paura me vincette. ‘E forze me mancaieno. Essa passaie…e io fuie cacciato dall’onorata suggità

ELVIRA – (compiaciuta) Tu te chiamme?

‘O PASSERO – ‘O Passero

ELVIRA – Ma ‘o nomme tuio?

‘O PASSERO – ‘O passero. Nient’ato

ELVIRA – E che significa ‘O Passero?

‘O P ASSERO – (con lieve tristezza)‘O Passero, è n’auciello ca costa ‘nu soldo. N’animaluccio ca tremma ‘e friddo ‘e famma miez’’a via, ca campa cu na mullica’e pane, ca si canta pare ca piccea e si piccea pare ca chiagne, na cusarella abbandonata ca fa pena, na miseria ca vola (riscaldandosi) na criatura caduta ‘a dint’’o nido e spennata d’’e guagliune, doie scelle e na canzone: tanta voce quanta basta pe chiagnere e tanta carne quant’abbasta pe’ patè. ‘O Passero…nu piccerillo abbandonato ‘a Dio e a l’uommene: senza pate e senza mamma, senza cammisa e senza scarpe, tutt’uocchie e tutto famma, tutt’ossa e tutto friddo. ‘O passero ca cantava appriess’’e pianine, zumpava ‘nnanza ‘a banda, strillava cu ‘o pazzariello, magnava cu ‘e cane, ‘o passero. Io.

ELVIRA – ( pur attraverso il dolore trasportata dalla fecondia naturale del ragazzo) Comme parle!

‘O PASSERO – ‘E passere mo cantano dint’’a polvere e mo ‘ngoppe ‘e titte, embè quann’io trovo chi me stà assentì me piace ‘e parlà: Scunnetto?

ELVIRA – No, nun scunniette di, di…

‘O PASSERO – E mo nun ce riesco. Embè aggio patito tante, nun me ricordo manco quante, ma na sola cosa avarria vuluto

ELVIRA – Che cosa?

‘O PASSERO – (con malinconia, abbassando gli occhi) Cunoscere ‘a mammà!

ELVIRA – (Turbata) Mammà!

‘O PASSERO – Ha da essere bello a tenè ‘a mamma è ove?

ELVIRA – (accenna di si)

‘O PASSERO – Io nun l’aggio mai tenuta (un silenzio)

ELVIRA – Tu… tu nun l’avarrisse lasciata ‘a mamma toia?

‘O PASSERO – Io?! Io avarria fatta l’arte d’’o sole p’’a tenè dinto ‘e carte: me l’avarria trattate cu ‘e mullechelle…manco muorto, avarria lassate ‘a vicchiarella mia…

ELVIRA – Tu nun l’avarrisse dato dolore…

‘O PASSERO –Io avarria acciso a chi l’avesse guardata storta.

ELVIRA – Tu non l’avarrisse abbandunata pè n’ate…

‘O PASSERO – Abbandunà ‘a mammà…a mamma mia?

ELVIRA – (tenendogli la mano) Passero  quanto vale cchiù ‘e me…

‘O PASSERO – (impagliato, senza osare stringe la mano) A me signurì? E pecchè? Vuie?

ELVIRA – Io…io? Chi te cride ca songo io? Io ‘a teneva a mamma mia, ‘a tenevo e ‘a lassaie pe n’ato, pe nu sbruvugnato, n’ommo ‘e niente…ca me tortura, ca m’accide, ca m’assassina…Io ‘a tenevo e ‘a lassaie.

‘O PASSERO – (grave) Facisteve malamente. (scuotendo il capo) Turnate

ELVIRA – Cu quà core presentarme a essa

‘O PASSERO – Bu…ba…

ELVIRA – E po’…isso…Don Guglielmo…nun me ne lassarria i

‘O PASSERO – Bu…ba…

SCENA 3^

Ersilia e detti indi Francisco

ERSILIA – Signurì…fora ce stà nu viecchio ca ve va truvanno …Però io ce aggio ditto ca nun ce state, aggio fatte buono?

ELVIRA – Nu’ viecchio? E chi è?

ERSILIA – Dice ca se chiamma Don Francisco

ELVIRA – (subito) Fallo trasì…fallo trasi…

ERSILIA – Va be.(esce)

ELVIRA – Che sarrà?

‘O PASSERO – (come ricordando) A proposito signurì, a cesta.

ELVIRA – Mo…mo… (andando verso il fondo) che sarra?

‘O PASSERO – Che sarrà? Che sarrà? (canticchiando)

ERSILIA – (d.d.)Trasite. Trasite

FRANCISCO – (60 anni, veste da contadino. Arrivato sotto la porta si sofferma, guarda intorno)Scusate, cca ce sta.

ELVIRA – (andandogli in contro a braccia aperte) Zi Francì.

FRANCISCO – (arrestandola con un gesto della mano) Scostate. Io non so zi Francisco. Zio Francisco, chillo che te criscette ‘ncopp’’e braccia soie è muorto e l’accediste tu ‘o iuorno ca te ne iste d’’a casa toia…’o iuorno ca te ‘ncannaccaste accussì…

‘O PASSERO – Bu…ba…

FRANCISCO – (amaramente fissandola) Na signora comm’’a te nun po tenè nu zio…comm’’a me.Io songo uno accussì N’estraneo. Cca manco muorto m’avarriano purtato. Ma si tutte t’hanno scurdata, una sola nun t’ha scurdata, si tutte t’hanno maledetta una sola nun t’ha maledetta.

ELVIRA – Mammà…

FRANCISCO – Mammeta.

‘O PASSERO – (grattandosi la testa) Bu…ba….

FRANCISCO –  Da quanno l’è lassata, è stata e stà tanto male.

ELVIRA – Mammà (sgomentata)

FRANCISCO –   Oggi ‘o miedeco ha ditto: Cca ce vo ‘a figlia. Mammeta m’ha guardato. Io so’ venuto. E tu?

ELVIRA – (subito) Io vengo.Io vengo

FRANCISCO – Accussì? A Marano?         

ELVIRA – Io vengo addo mamma mia, vengo pè sempe…che me mporta d’ ’a gente… mamma mia me vò…mamma mia me chiamma…Ersì?...Ersì?...(a Francisco) Sta male assai…male assai mamma mia?

FRANCISCO –  Sta male. Ma chi sa… vedennote…

ELVIRA – Ersilia….  

‘O PASSERO – Brava!Brava!Bissi…  

  SCENA 4^

Ersilia e detti indi Gugliemo

ERSILIA – Signur’…

ELVIRA –  Portame ‘a mantella scura…’o cappiello niro…no…lascia mo veco io… (via a destra in fretta, poi torna)

ERSILIA - (via nuovamente dal fondo).     

‘O PASSERO – ‘O zio, ‘a mamma stà grave?  

FRANCISCO – (accenna di si) 

‘O PASSERO – Non c’è speranza?

FRANCISCO – (accennando il cielo) Isso po tutto… ma che strazio… che strazio…   

ELVIRA –  (ha indossato una modesta mantella scura e messa una sciarpa sulla testa, porta una borsetta a mano)Iammo…Iammo. ( al Passero) ‘ Passaro… Mo saie tutto tu. A chiunque te dimanna ‘e me di ca so morta. Addio (dandogli la mano)

‘O PASSERO – ‘O Signore v’accunpagne e ve benedice!

(Tutti si avviano in fretta verso il fondo)

GUGLIELMO – (sulla soglia) Ve servesse nu guaglione pe purtà ’o bagaglio? 

‘O PASSERO –  ‘Ndranghete..Can’’e Maganze!

ELVIRA – (andandogli incontro fiduciosa) Gugliè…Gugliè…. Mammà mia sta male…. Mammà mia me vò vedè… io vaco…. Io parto…

GUGLIELMO – (bruscamente rigettandola indietro) Va là vattè…va là vattè ‘a mamma e ‘a zia…

FRANCISCO –  Neh…bell’ ò  

GUGLIELMO – (brusco gli da uno spintone) Viecchio levate ‘a miezo tu

ELVIRA – Comme, nun me cride? E dimanne a zi Francisco.

GUGLIELMO – (a zi Francisco) Che è sta storia?

FRANCISCO – (a ‘o Passero) Ma chi è chisto?

‘O PASSERO – (a bassa voce) E’ ‘o mierco. 

GUGLIELMO – So’ ‘o patrone

FRANCISCO – (si toglie il cappello equivocando)Ah… ‘o patrone?Sta a servizio cu vuie? E’ giusto. Guardate; io song’’o zio: ‘a mamma sta male, sta tanto male… a vò vedè…

GUGLIELMO – Bè… va bene… quann’è dimane venimmo tutt’’e duie.

FRANCISCO – Tropp’onore…Tropp’onore…grazie ‘o scellenza… Ma ‘a piccerella se ne po’ venì cu me stasera. Dimane?...Eh! ‘o dimane sta mmano ‘o Signore.

GUGLIELMO – Io quanno aggio ditto sette sette so. Aggio ditto dimane. ‘E dimane; (agitando il bastoncino)

ELVIRA – No…no…Gugliè…fallo pe’ chi tiene ‘mparaviso… famme i…

FRANCISCO – Guglielmo?! Famme i! (afferrando Elvira) ma dimme..dimme.. chi è chisto?

ELVIRA – (affranta) E’ isso!

FRANCISCO – (comprendendo, si drizza altero fissando Guglielmo sdegnosamente, si rimette il cappello) Ah… Mbè… Susete Elvì. Quanno ‘ncannaccata e lucente m’’e chiammato zio… t’aggio ditto: No.. io so’ n’estraneo. Io so muorto pe’ te. Ma mo ca te veco sola e abbandonata mmano a nu schifus’ ‘e chisto, io ca saccio can un mancaste pe’ vizio ma pe’ passione te dico: No, nun so’ zio-Francisco, so’ papà tuio, ‘a famiglia toia, so’ ‘a casa toia…ca t’arape ‘e braccia, ca te perdono, ca te dice ccà, ccà…figlia mia, figlia mia sventurata! Nun avè appaura, stà gente cca nun fa mpressione a nisciuno. Ccà sta papà tuio.

ELVIRA – (si abbraccia a francisco)

‘O PASSERO – Bravo! Bis!

GUGLIELMO – (si volta furioso e lo guarda di sbieco)

‘O PASSERO – (si scappella e lo saluta inchinandosi umilmente)

FRANCISCO – E mo iammo! (avviandosi e trascinando Elvira)

GUGLIELMO – (sulla soglia, senza spostarsi, sardonico sempre, agitando il frustino avanti agli occhi fi Francisco) E brav’’o nonno! M’’e fatta na bella sbrasata! Mi dispiace che non gi ho moneta spicciola se no t’’a pavasse. Ma.. per norma e regola vosta: ‘a cca nun s’esce…pecchè ’a guagliona serve a me…

‘O PASSERO – Embè chella mazzarella me stà facenno avutà ll’uocchie!

GUGLIELMO – (si rivolta furioso c.s.)  

‘O PASSERO – (c.s. sberrettandosi umilmente)

FRANCISCO – Io te dico levate ‘a lloco, scostate…

GUGLIELMO – E io te dico c’’a cca nun esce manco na mosca si io nun ‘o permetto.

FRANCISCO – Ah no? Peggio pe’ te…(alzando il bastone e avventandosi).

‘O PASSERO – Dalle.    

GUGLIELMO – (scansa il colpo e gli strappa il bastone) Ooh… mò m’’e seccato. Ma che te cride che iucammo a mazz’ e piveze….Ma tu ‘o saie c’’a vita mia nun ‘a curo manco na pampuglia… ca na bott’ ‘e curtiello pe’ me è na fumat ‘e pippa? Ma tu ‘o saie ca te n’’e ‘a i pecchè ‘a piccerella  è robba mia…

ELVIRA – (afferrandosi a Francisco) No…no…

GUGLIELMO – (c.s.) Iammo… iesce… vattenne… aiza…

FRANCISCO –   Hai ragione… io so’ viecchio… so’ viecchio….

GUGLIELMO – Iammo… scostate… lassala… (alzando il frustino per percuotere elvira) Tu ‘o saie…   

‘O PASSERO – (afferrando a volo il bastone, strappandoglielo) Tu ‘o saie che m’’e spacienzato? Tu ‘o saie ch’’a putarrisse pure fini? Tu ‘o saie ca si nun foss’ ’a paura io pigliasse stà mazzarella ‘e fisco e t’ ’a rumpesse ‘nfaccia…accusì… (spezzandola e buttandogliela ai piedi)

GUGLIELMO – (calmo, ironico) Ah…ah… la cosa cambia. Mettimm’ ‘o paraggio?

‘O PASSERO – ‘O paraggio  tuio ‘o truove dint’ ‘a chiaveca.

GUGLIELMO –  Salutammo ‘o palatino d’’e belli figliole.

‘O PASSERO – Buongiorno lutamma.

GUGLIELMO –  T’è simpatica ‘a signurina? 

‘O PASSERO – Me si antipatico tu.

GUGLIELMO –  E va bene, ‘o passero. Io dico ca ‘o viecchio ‘o ruciuleo p’ ‘a scalinata e ‘a guaglione m’ ‘a tengo.

‘O PASSERO – E pecchè?

GUGLIELMO – Pecchè accussì voglio io… e quanno dico sette… sette songo… (accendendo una sigaretta)

‘O PASSERO – E’ giusto. Ma io dico ca ‘a mamma aspetta a chella povera guagliona e ca stasera essa ha da stà a d’ ‘a mamma.

GUGLIELMO – E’ pecchè? 

‘O PASSERO – (accendendo la pipa) Pecchè accussì voglio io… ‘o passero… e quanno dico sette… so’ sittantasette  

GUGLIELMO – Va bene. (sotto l’uscio cavando una rivoltella) Stamme a senti: Vuie state int’ ‘a casa mia, Int’ ‘a borza d’ ‘a signurina ce sta robba mia. Io te sparo e comm’ ‘a  mariuolo e nun ne passo niente.

‘O PASSERO – Gioia d’’a frato, si me cuoglie… e ‘e ‘a fui… e ‘a signurina va p’ ‘e fatte suoie a d’’a mamma, si nun me cuoglie…e allora songo io c’accido a te. Legittima difesa. Te pave pe quanto vale… pe stà cicca ‘e sigaretta .

GUGLIELMO – Ma insomma to ‘o capisce ca è tiempo ‘e fernirla, ca chella femmena me serve, e tu te iuoche ‘a vita?

‘O PASSERO – E d’’a vita mia che te ne preme? Che ne saie tu d’’a vita mia? Nisciuna mamma me chiagne, nisciuna sora m’aspetta, nisciuno… nisciuno… Embè no iuorno o n’ato accussì aveva ‘a fini… E’ curiosa no? Avria voluto murì pe cunoscere ‘a mammà… e invece moro pe na mamma ca non cunosco. Elvì si moro dimme nu requiematerna.

GUGLIELMO – Jamme fernimmola. T’arrienne? E’ uno

‘O PASSERO – Chillo pazzea. Scustateve. (si segna brevemente) 

FRANCIESCO E ELVIRA – (si rincantucciano tremanti) 

GUGLIELMO –E doie (puntando il revolver)

‘O PASSERO – ( piantandosi) Sbruffò ‘o sparammo sto mascolo?

GUGLIELMO –E tre.

‘O PASSERO – ( fischia)

GUGLIELMO – (tira) Ce l’ha voluto! (si lancia su Francisco)

‘O PASSERO – (cade)

FRANCIESCO E ELVIRA – (dando un grido)

‘O PASSERO – (balza dal suolo l’afferra e lo uccide) 

GUGLIELMO –Ah…

‘O PASSERO – (un silenzio fissando grave il moribondo) Ussèvero chillo overo more

ELVIRA – Passero, ch’è fatto? Ll’ he acciso.

‘O PASSERO – ‘A mala pianta se schianta.

FRANCISCO – E mo cu Dio?

‘O PASSERO – Pe’ mo l’aggio acciso, po’ ce parlo io cu Dio!

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 33 volte nell' arco di un'anno