‘O perucchiuso

Stampa questo copione

‘O Perucchiuso

‘O Perucchiuso

due atti in dialetto napoletano di

Paolo Cappelloni

Personaggi

Sergio - ‘o perucchiuso

Titina – la domestica

Margherita – la vicina di casa

Giorgio – amico di Sergio

Patrizia – figlia di Sergio

Lina – la moglie

Antonietta – la suocera

(annunciatrice radiofonica)

TUTELA SIAE

L'uso senza permesso da parte di chiunque, in qualunque forma, è assolutamente vietato.

Per eventuali comunicazioni contattare l'autore.

cell: 338 9 338 116

e mail: paolocappelloni@yahoo.it

Nel caso di rappresentazione dichiarare alla SIAE il titolo originale.

Primo Atto

(La scena rappresenta un vecchio e rimediato soggiorno arredato in modo essenziale. C'è un'uscita che porta all'ingresso, una che dà alle altre stanze e una finestra. È necessario che fra gli arredi di scena ci sia una vecchia radio)

(All'aprirsi del sipario si trova in scena Titina, la domestica, che sta cantando e spolverando i pochi mobili con uno straccetto lacero e consunto)

Titina -                "Non son degno di te… Non ti merito più…" (Guardando lo straccio) Guarda 'ccà che schifo 'sto straccio! E pretende pure che leva a pòvere cu chisti buchi. (Lo scuote fuori della finestra. Mentre lo scuote scorge la dirimpettaia alla finestra) Bongiorno signora Margherita. (La voce di Margherita non si sente. Titina l'ascolta) Sempre peggio. Io nun saccio comm'ha fatto chella povera mugliera a suppurtarlo pe' tant'anni. (Ascolta) Sto esaggerando? No, no… è 'o minimo! I' fatico da duje anni… (Abbassa la voce) 'o sapite quante mesate aggio avuto fin a mo'?? (Forma il numero "tre" con le dita) Ah, vi meravigliate? P'a televisione parlano accussì bello d'o vuluntariato… Bè, io stanno in d'a 'sta casa faccio cchiù assai d'o vuluntariato! (Ascolta) Eh! L'unica cosa è ca nun ce sta niente a fà: Aggia fa' 'o lietto, lavà a cammisa 'na vòta 'o mese, dóje mutande… Pe' fà 'a spesa nun ce vò niénte… (Ascolta) Pecché?? E che ce vo' a accattà nu panino ca pummarola fresca! (Ascolta) No, no tutt e juorne: nu juorno 'a pummarola e nu juorno 'o furmaggio… però nu poco pecché nu pezzetto dura 'na semmana! (Ascolta) 'O vino?? … 'a dumméneca! Co' duje biscotti tanto pe' fa' nu sbafaramiento! (Ascolta) Eh, 'o saccio… Pe' mme è 'na cosa esaggerata! (Ascolta) Arrubbà, io, 'n copp'a spesa?? Nun sia mai!! Quando torno m'aspetta nu carabbiniero sott'a porta! (Ascolta) Eh, venite 'ccà e ve n'accurgite. (Ascolta, poi, sempre sottovoce) Ah, facite comme vulite. I nun 'o tuccasse manco muorto. (Ascolta) Va' buó mo' aggia continuà a faticà pecché sì me vede parlà me leva pure e sorde d'o tiempo ch'aggio perso, i è conzeguenza me da 'a mesata fra seje mise. Bongiorno signora Margherita. (Esce per la porta interna e rientra subito con un aspirapolvere che aziona mentre canta) "Nun chiagnerò mai 'n coppa e sorde che spenno, né che avrò, forse cchiùùù"

(Dopo qualche secondo entra Sergio, vestito con una vecchia giacca da casa e un paio di pantaloni informi. È scuro in volto. La prima cosa che fa è quella di agire sull'interruttore abbassando così la luce in scena)

Sergio -               Che è 'sto burdello? (Guarda l'aspirapolvere) Mannaggia a me e a chélla vota che m'aggio fatto cummencere a accattà chillo mamozio. Nun è meglio si usi 'a scopa? E' mai possibbile che… (Non riesce a parlare a causa del rumore dell’aspirapolvere) E' mai possib… E' mai… E stuta 'stu sciarabballo ca cunsuma l’ira 'e dio!!… E' possibbile che pe' ttirà nu poco e munnezza m'aggia fa' zucà a currente 'a nu coso cum'a chisto??… 1000 watt a zucata pe' pó svacantà e jettà tutto chello che s'ha 'nghiuttuto?

Titina -                Che vulite fa', vulisseve recogliere pure a munnezza, mo'?

Sergio -               Eh, e il riciclaggio che l'hanno inventato a fare? Chillo è l'invenzione cchiù civile di questi ultimi tempi! Invece, basta che tutti quanti jettano 'a robba! Jettano tutte cose! Ce sta 'a smania dell' usa e getta! S'accatta a robba p'ajttà dint'a munnezza! Guardano che or'è e jettano 'o r'ilorgio. Se sosciano 'o naso e jettano 'o fazzuletto. Magnano e jettano piatti e furchette. Beveno e jettano butteje e bicchiere. Fanno doje telefunate e cagnano 'o telefono.

Titina -                (Ironica) Vanno int'o cesso e jettano 'a carta…

Sergio -               E' inutile che fai la spiritosa ca nun c'è sta nient a rire… Pecché è accussì che se jetteno e sorde! Se jetteno 'e sentimenti! 'A vita, se jetta! Simmo arrivati a 'o punto che ce jettammo pure nuje!!

Titina -                Visseve sta' zitto. A mugliera vosta l'ite perza…

Sergio -               Perza?? Co 'o divorzio 'e muglierema aggio chiuso nu pertuso, aggio tamponato una perdita a getto continuo! Co 'o divorzio aggio guadagnato, altroché! A parte 'a mesata che ce aggio passà ca nun è niente a confronto co' chello ca me faceva spennere prima. Scialaccona, sperperatrice da interdizione! Ah, mo' ha da tirà a curréa, cu chillo, pecché aggio saputo che s'è misa a faticà! Accussì 'a fernisce e scialaccà cu 'e sacche meje! E che song'io, a Merica?

Titina -                (Seduta tranquillamente) Bravo. Che discorso!

Sergio -               O vide? O vide? I te parlo e tu te ne approfitti pe' sta' scialaccata ca' 'e mane 'ncòpp' 'a panza! E io scemo ch'a te trattengo cu e considerazioni meje! Pija a scopa e fa' 'e cose comme se deve! (Esce)

Titina -                (Rimasta sola, riaccende la luce) Ma è possibbile… (Accantona l'aspirapolvere e prende una scopa) Ma chi me l'ha fatto fa' a fa' Madre Teresa di Calcutta? (Spazzando) Però i me dimannno e dico comme facesse nu cristiano accussì a campa' sulo, senza nisciuno che nun 'o facesse arriducere peggio 'e nu barbone? (Mentre spazza s'accorge che la scopa ha raccolto un biglietto del superenalotto) Che d'è sta cosa? Nu bijetto d'o superenalotto (Lo osserva) E’ buono, è pe ' sabbato. Nun è possibbile che l'ha accattato isso pure se 'a giucata è de n'euro. Isso nun jettasse maje e denare accussì. (Lo intasca e continua a spazzare. Si sente suonare il campanello d'ingresso) Chi è? (Va ad aprire e torna con Margherita)

Sergio -               (Si affaccia) Chi è?

Margherita -       (Entrando) So' Marcherita, a dirimpettaja vosta.

Sergio -               E che vulite?

Margherita -       Niente, penzavo ca… se ve putesse servì coccosa a vuje … visto ch'a simmo vicin'e casa, senza offesa…

Sergio -               No, grazie, spenno già abbastanza cu chesta accà.

Margherita -       Ma io non volevo esser mica pavata!

Sergio -               Nun è possibbile. (Uscendo, tra sé) A 'a prìmma trasuta, guardàteve 'e sacche!

Titina -                Sentite co' chi va a cumbattere?

Margherita -       Detto tra nuje, signora Titina: I so' vedova, mariteme, buonanima, m'ha lasciato sul 'e riebbete, tengo nu figlio ca studia ancora e francamente nun me facesse schifo nun avé cchiù preoccupazioni economiche. Lo sapete quant' è difficile tirà a carretta?

Titina -                E vuje sperate che 'o signor Sergio ve risolve e preoccupazioni voste? Puverell'essa! Facite primma a vencere 'o totocalcio… si 'o ffacite solo pe' i sorde, se invece provate coccosa pe' isso significa ca tenite coccosa dint'a capa ca nun ve funziona!

Sergio -               (Si affaccia) Che state facendo, salotto? Siente 'na cosa, Titì: Oggi nun vaco 'o negozio, aggio a fa' cierti cunte, perciò te ne puoi andare prima, accussì tu sparagni 'a fatica e i 'e denare. (Esce)

Titina -                (A Margherita) Ite sentuto l’antifona?

Margherita -       Brutto nun è….

Titina -                No, brutto nun 'è… o' fatto è che è perucchiuso. Ma proprio uno 'e chille tirate. Chillo è stitico pe' nun jettà a robba!. (Ripone la scopa e si prepara ad uscire) I vaco. Si vulite rimanè cu isso, facite pure.

Margherita -       Oggi nun me pare 'a jurnata giusta…

Titina -                E quand’è a jurnata giusta? Solo se s'embriaca cu 'na butteja 'e vino regalata 'a cocc'runo! (Escono entrambe)

Sergio -               (Sbircia in scena, poi entra) Se ne so' ghiute... Guarda che spreco 'e luce… Chi song i', l'ENEL? (Agisce sull'interruttore abbassando la luce) Poi dicene ca nun esistono 'e vampire... Ce stanno, ce stanno!! I so' circondato da vampiri zucasanghe! Pecché 'a gente, doppo ch'ha jettato 'e sorde e tutto 'o riesto comme fussero coriandoli, 'e vulesse pijà addó nun ce sta 'a sudà. Loro nun 'o sanno quant'aggio sudato pe' mettere 'stu negozio 'e ferramenta. Quanta salta mortala aggio fatto pe' mettere 'o pizzo 'e sorde uno 'ncoppa a n'ate, e sacrifici ch'aggio fatto! E all'ate è tutto dovuto! Cumincianno 'a muglierema ca mo' sta buona addò sta e nun m'interessa cu' cchi! E pò figliema, ca pur'essa è nu debbeto continuo, scuppiassero tutte quante! (Si accorge di un chiodo abbandonato sul pavimento) Ecco!, 'o vide? Chesto è comme scopa chella disgraziata! Ce steva nu chiuove 'nterra e manco 'nze n'è accorta. (Prende il chiodo e se lo mette in tasca) S'i perdesse nu chiuove 'o juorno, dinto 'o giro 'e… quacc'anno me facess'i' ritto ritto in fallimento! Me menasse a mare co' tutt' e panne! Eeeh, nun ce sta a se fidà 'e nisciuno… e nun vale manco 'a pena 'e spreca' 'o fiato, pe' certa gente accussì. (Campanello) N'ata vota 'o campaniello. Ma che dè oggi? (Esce dalla porta esterna e rientra con Giorgio)

Giorgio -             Son passato 'o negozio tuoie e m'hanno ditto ch'a stive a casa.

Sergio -               Sì. Aggio a fa' cierti cunte, 'na cosa longa, e sti cose 'e preferisco e fà a casa mia, luntano d'e 'ndricacazze.

Giorgio -             Allora me ne vaco

Sergio -               No, no, statte buone. Aroppo 'e ffaccio.

Giorgio -             Comme staie?

Sergio -               Mah. Tiramm annanzi, ma è sempe cchiù difficile. A vita, caro Giorgio, costa sempe cchiù assaie!

Giorgio -             Ma dai! Tiene chillu negozio che frutta accussì buono! Ch'ess'a dicere io, ca tengo 'o stipendio 'e nu dipendente?

Sergio -               'O ssai, Giorgio, ca pe' 'na parte t’invidio? Tu stai tranquillo: a fine d'o mese te danno 'o stipendio e nun 'e penzà a niente… io invece: tra 'e fornitori, 'e commessi, 'e tasse, 'e debbitori è na cosa impossibbile! Oh, a proposito de debbitori, tu si n'amico ma 'a rata 'e chillu prestito che t'aggio fatto è scaduta 'a tre juorne!

Giorgio -             'O saccio, Sergio, ma pur' io: tengo 'e tasse 'a pavà, 'e bullette, figlieme ca me costa nu patrimonio…

Sergio -               E io ch'aggio a essere, l'ultim'a recogliere?

Giorgio -             Bè, 'e dicere pure ca cu nu prestito e mill'euro, 'o 20% d'interesse è nu tasso 'e usura.

Sergio -               (Si scalda) Nun m'annumenà chella parola, pe' carità! L'unico usurato song' io! Dint'a 'sta casa s'usura tutte cose e si nun arrivasse quacche sordo ogni tanto… jess'a fernì malamente!

Giorgio -             Statte calmo, dimane è ventisette e te rongo tutto chello ch'avé. (Nota un calendario dell'anno precedente appeso alla parete) Ma che tiene, ancora 'o calendario 'e l'anno passato?

Sergio -               Certo. I 'o cagno ogni quatt'anni! Mica ogni anno aggio 'a accattà nu calendario nuovo? I saccio per asempio ca 'e quinnece 'e marzo là vene 'e lunnerì invece è marterì e 'o prossimo anno e de miercurì. Roppo quatt'anne so' costretto a cagnà pecché è l'anno bisestile e 'o cunto addiventa complicato. Pacienza… Eeeh, 'na vota tutti te 'e deveno gratìs! Nun saie quante casse aggio rignuto…!

Giorgio -             Chesto nun 'o vulevo sentì… E che ne facive?

Sergio -               'E vennevo a peso!

Giorgio -             Va' buó... Pe' piacere, Sergio, me daie…

Sergio -               (Interrompendolo) No.

Giorgio -             Ma vulevo solamente nu bicchiere d'acqua!

Sergio -               Ah! Allora 'a prossima vota accummincia dicenno: “… Nu bicchiere d’acqua, me lo dai?” Accussì nun me fai venì 'na cosa nervosa! (Esce un attimo per prenderglielo)

Giorgio -             (Ad alta voce) Nun m'o regnere fin en coppa, basta nu poco.

Sergio -               (Rientra con un bicchiere d'acqua, non pieno) Tiè, bive chiano ch'è gelata.

Giorgio -             (Beve) Nun è gassata…

Sergio -               Gassata?? E’ d'o rubbinetto. Ma tu veramente vulisse l’acqua minerale??

Giorgio -             No, no, statte calmo, nun te faccio spendere… Ajère t'aggio regalato pure 'o biglietto d'o superenalotto! È probabbile ca vince nu cuofane e miliune accussì nun me preoccupo cchiù d'o rebbeto.

Sergio -               Ah, nun ce crero a 'sti gioche. So' tutte denare jettati. Ma pò, scusa, pure si vincisse, che c'azzecca co 'o rebbeto? So' duie cose differenti!

Giorgio -             Sergio, tu si 'na cosa impossibbile! (Campanello)

Sergio -               E dalle! 'Nata scampaniata! Ce stesse uno ch'a bussasse! Facesse meno rummore e sparagnasse coccosa! (Va ad aprire e rientra con Margherita) Si accomodi ma v'aggio ditto già ca nun me serve niente.

Margherita -       (Civettuola) Maronna mia, signor Sercio, me trattate comme si ve vulesse vennere coccosa. (Vede Giorgio) Bonciorno.

Giorgio -             Bongiorno, signora.

Sergio -               Nun è accussì?

Margherita -       No, ciuro, m'ess'a fulminà!

Sergio -               Mm, allora che jate cercanno?

Margherita -       Niente. Semplicemente penzavo ca le faceva piacere nu poco 'e cumpagnia… ma veco che è impegnato perciò tolco 'o disturpo.

Giorgio -             No, no, signo'. Song io ca me ne sto ghienno, nun ve preoccupate. Ciao Sergio, allora ce vedimmo dimane pe' chella cosa nosta, va buó'?

Sergio -               Va buó, Giorgio. Oh me raccumanno, a si no 'ccà…. (Allarga le braccia)

Giorgio -             Sta' tranquillo ca nun t'arriduce misero. (Galante) Bona giornata, signora. (Esce)

Sergio -               Accomodatevi, tanto oggi è ghiuta accussì.

Margherita -       Grazie.

Sergio -               Dicite.

Margherita -       Steve penzanno, signor Sercio, ca vuje faticate troppo. Vi veco pigliato assaje p'a fatica vosta. Vi dovesse rilassare, sbariare nu poco c'a capa. E comme se fa??

Sergio -               Scusate ma… a vuje ca ve ne fo…

Margherita -       (Lo interrompe) Maronna mia, signor Sercio! Simmo cristiani! E vedere uno ca corre sempe, sempe c'o musso a sotto, sempe che 'ffa… non da piacere pe' niente!

Sergio -               Vi ringrazio ma io sto accussì cuièto. Proprio faticanno io me rilasso. Quando me mett'a fa 'e cunte pe' me è nu mumento maggico, romantico, addirittura. E’ comme piglia' 'e sciure a primavera: ogni milione è comme nu mazzulillo profumato ca faccio frutta' e 'e frutti so' cchiù profumati e sapurita d'e sciure, e io godo quanno cu' chilli pozzo fa' cierte curóne abbundante. Me danno nu senzo 'e frischezza, 'e solidità… pecché quelle non s'ammosciano mai, mi capite? E me rilassano… 'A stizza me vene quando 'a gente vó piglià 'e frutte mie c'a rraggia e je fa fòra 'nda quatto e quatt'otto. Chist'è 'o probblema, cara signora…. signora….

Margherita -       Marcherita.

Sergio -               Bel nome… 'A margherita è nu fiore semplice ed economico.

Margherita -       Sì, ma 'e petale d'a marcherita cadono ampresso.

Sergio -               Abbasta ch'arrecoglie subbeto.

Margherita -       Ma levateme 'na curiosità, signor Sercio: Pecché state sempe accussì ch'e mane 'ncoppa 'e scianche?

Sergio -               Pecché tengo paura che se ne fuje 'a robba 'e dint' 'e sacche.

Margherita -       Nun ve fa brutto raccogliere… tutti questi sciuri e nun spartilli cu' ate persone? Nun sentì l'addore co' coccurun'ate e recriarsi assieme d'a grazia e … d'o romanticismo che cacciano?

Sergio -               (Sospettoso) Addò vulissev'arrivà?

Margherita -       'A niscuna parte, solo che, se io tenesse per asempio… 'na bella pizza, m'a piacesse 'e mangià co' quaccurun ate! Che sfizio ce sta a 'nguzzarse sulo 'e muzzarella e pummarola senza dicere a chi te sta vicino: "Azz quant'è buona!"… mi capite, signor Sercio?

Sergio -               (C.s.) Ve capisco accussì bello…

Margherita -       Ecco: Mo', vuie nun it'a penzà' ca sia 'na cacciatrice 'e ll'uommene, pe' carità!

Sergio -               (Ironico) Pe' carità! Nun me passava manco p'a capa!

Margherita -       Ma, parliamoci chiaro, signor Sercio… Proprio dint'a chisti juorne stevo penzanno ca… insomma… i so' vérela, vui site divorziato…

Sergio -               Voi tenete nu figlio…

Margherita -       Che mangia poco! E’ nu sticchino! Nu fresino! 'na mazza 'e scopa! Nu rachidito!

Sergio -               Ha da essere 'na bellezza 'e figlio…

Margherita -       I' nun song una 'e chelle femmene cu 'e grille p'a capa ca le piace 'e spennere a destra e a sinistra! E che ce sta 'e male unì 'e solitudini nostre e vivere chisti poc'anni che ce rimanene e aiutarci cu nu poc' 'e  tenerezza e sparagno? (Avvicinandosi impercettibilmente ad Sergio) Signor Sercio, ma so' proprio 'e iettà?

Sergio -               No. Che dicite? Io nu ghietto mai niente.

Margherita -       (Civettuola) Grazie! Pure vuie sit' ancora…. nu bell’omme.

Sergio -               (Lusingato) Bè, me mantengo.

Margherita -       (c.s.) La solitudine è 'na brutta bestia pe' 'na femmena ancora giovane.

Sergio -               Me l'immaggino.

Margherita -       (Avvicinandosi ancora un po') Senza n' omme al suo fianco…

Sergio -               È normale.

Margherita -       Ca ve fa sentì ancora desiderabile. Signor Sercio, Diciteme coccosa…

Sergio -               'A tenete 'na penzione 'e reversibilità?

Margherita -       (Delusa) Bè, coccosa m'arriva, pure si è poco.

Sergio -               I ve dico 'na cosa: nu tengo nisciuna intenzione 'e me spusà.

Margherita -       E chi sta parlanno 'e spusà! A me m'abbasta solo 'a convivenza. Pe' da' e avé nu poco 'e serenità…

Sergio -               … economica.

Margherita -       Pure…

Sergio -               Mo' ce penzo.

Margherita -       (Alzandosi) Ma facite amprèsso, signor Sercio pecché… ogni lassata è perduto…

Sergio -               Va buó, Margherita.

Margherita -       Pure pe' me va buono, Sercio.

Sergio -               Ce vedimmo.

Margherita -       (Andandosene con movenze molto femminili) Ce vedimmo…

Sergio -               Ah, Margherita…

Margherita -       Sercio…

Sergio -               Casomaje, te suggeresse…

Margherita -       (Civettuola) Sììììì?

Sergio -               'E cunte separate….eh?

Margherita -       Po' ne parlammo (Esce)

Sergio -               (Rimasto solo) Po' dicene ca nun so' buono 'e core! Si 'a gente ce sapesse fa', 'a me avessero tutt'e ccose… in prestito. (Estrae dalla giacca un vecchio quaderno consunto che pone sul tavolo ed inizia a fare dei conti) Dunque, repigliammo 'o discurso: 'E trenta aggio avé 200 euro da Pistoni, 'o meccanico, ca ma darà o 'e sorde o ma fa 'o collaudo d'o furgone gratis. 'O primmo d'o mese jè 'o turno 'e Grattapurzia, 'o pittore, 150 euro. Pure chisto, o me da 'e sorde o me pitta 'o negozio. 'E doje tocca 'o dottor Paposcia, l'urologo. Chisto m'addarà sol 'e sorde. 'E tre… nun tengo a nisciuno, è 'na jurnata nera. 'E quatto aggio avé 250 euro da Cannòla, l'acconciatùbbo (Ci pensa su) …a chisto ci aggio a umentà 'o tasso. Ecco, e co' chisto aggio fornuto 'e gudé, mo' accumenciano e dulure: Mille euro pe' muglierema se pozza accattà tutte medicine!. Cinquecento… a proposito… addó aggio miso chillu biglietto d'o superenalotto ca m'ha regalato Giorgio? (Cerca nelle tasche, poi tra le pagine del quaderno, nel cassetto del tavolo chiuso a chiave, poi apre altri cassetti, tutti chiusi a chiave, usando un mazzetto di chiavi che tiene in tasca) Guarda nu poco… 'na vota ca me regalano coccosa 'o perdo pure. Addó l'avraggio miso? (Cerca ancora) Nu varrà niente ma… nun se po' mai sapé. (Ribalta varie cose per cercarlo) Puozze murì accìso! Addó te si annascunnuto? (Minaccioso) L'estrazione è dimane, si pe' dimani nun ghiesci fòra te rongo fuoco! (Gli viene un sospetto) Nun l’avrà spirato Titina cu' chella cazz 'e spirapovere?? O l'avrà truvat'essa e se l'ha miso dint'a sacca?? Chella è capace 'e tutte cose! Pure d'arrubbà 'a gente onesta! (Esce)

Buio

(È sabato mattina)

Titina -                (Entra con un sacchetto della spesa, accende la luce e canta) "Fatti mandare dalla mamma, a d'accatt' 'o latte, devo dirti una cosa, ca 'nteressa a noi due" (Appoggia il sacchetto della spesa sul tavolo e lo apre) Allora: 'o panino, 'a pummarola… 'a pummarola, 'o panino… Me pare ca nun manca niente. (Chiama) Signor Sergio! Aggio fatt'a spesa! (Ricanta) "Banane, frambuasso, chi c'era cu te… chi c'era stasera… ué ué!"

Sergio -               (Entra e agisce sull'interruttore abbassando la luce) Ch'hai pigliato?

Titina -                'O caviale l'avevano fernuto accussì apparammo cu 'a pummarola, aggio fatto malamente?

Sergio -               Il senso dell'umorismo tuoie me fa vummecà'. E 'o riésto?

Titina -                Guardate ch'a battuta fenisce accussì…

Sergio -               Volevo dicere 'o riésto de' sorde!

Titina -                'O riesto de' sorde? Ma l'aggio cacciati io!!

Sergio -               Ah sì? Allora t'e mmetto 'ncoppa 'a prossima mesata.

Titina -                'E qual anno?

Sergio -               So' rimasto nu poco arreta cu 'e mesate tuoie, è 'o vero? Statte tranquilla, lunnerì te rongo tutt cu l'int… va bbuó po' facimmo 'e cunte. A proposito, Titina, isse truvato pe' caso nu biglietto d'o superenalotto?

Titina -                Dove?

Sergio -               'Cca.

Titina -                Dint'a 'sta casa? Nooo. E' comm 'a truva' 'nu purp miezzo 'o Sahara.

Sergio -               Chesta è la terza fessarìa da stammatina, 'a quarta te votto a coppa abbasc'! Insomma l'e visto o no?

Titina -                No, nun l'aggio visto.

Sergio -               Nun è ch'è ghiuto a fernì dint'o stommaco 'e chella zucacorrente d'a spirapovere?

Titina -                Nooo, a si no s'esse incastrato 'mmiezz'e rienti!

Sergio -               (Fa il gesto di darle un manrovescio) Mi raccomando, Titina, si l'iss'a truvà dammello subbeto, capito?

Titina -                State tranquillo, signor Sergio, lunnerì ripasso c'a scopa.

Sergio -               No! Lunnerì è troppo tardi! L'aggio a controllà stasera! Disgraziata!

Titina -                Allora faccio 'o pussibbile.

Sergio -               Ecco, brava… fa' 'o possibbile.

Titina -                Nun ite dint'a putega stamattina?

Sergio -               No. Signora 'ngiucessa. (Prende la spesa ed esce)

Titina -                (Riaccende la luce. Tra sé, sbirciando il biglietto che ha intascato) Nun se vince niente ma… m'aggia luà 'stu sfizio. (Canta) "Quel topo campagnolo, che salti che fa… Me lo pigli papà?… E comme no?" (Campanello. Titina va alla porta esterna)

Sergio -               (Si affaccia) Mo', chi è?

Patrizia -             (Entra insieme a Titina che si mette ad ascoltare il colloquio fra padre e figlia) Ciao papa'.

Sergio -               (Entra e agisce sull'interruttore abbassando la luce) Oh, com'è ca mia figlia sta 'ccà il sabato mattina? E succiesso coccosa a mammeta??

Patrizia -             No.

Sergio -               Che peccato… Allora?

Patrizia -             V'ess'a parlà.

Sergio -               Parla pure, nun costa niente.

Patrizia -             A quatt'uocchie.

Sergio -               (Fissando Titina) Tu, Titina nun tiene niente 'a fa', stamatina?

Titina -                Comme no. Vac'a fà 'o lietto e apprufitto pe' coce l'aragosta. (Esce)

Patrizia -             L'aragosta??

Sergio -               Lassala perde. Oggi è in vena di umorismo ca nun c'azzecca proprio…. Dimmi pure.

Patrizia -             Papà…

Sergio -               Eh.

Patrizia -             So' prèna.

Sergio -               (Dopo un attimo di sbandamento) Scusa, nun aggio sentuto buono. È succiesso coccosa? No?

Patrizia -             Papà, hai sentito benissimo.

Sergio -               (Sospettoso) E… che vulisse 'a me?

Patrizia -             (Si alza e fa per andarsene) Niente.

Sergio -               (Si tranquillizza) Aspetta, allora. Vene accà, statte cuièta. (Patrizia si risiede) Dunque, riepiloghiamo 'o cuncetto…. Me pare d'avé capito ca tu sì nu poco… incinta, giusto?

Patrizia -             Sì.

Sergio -               Benissimo… Benissimo… E chi è stu fetente?

Patrizia -             Stu fet… 'o pate fosse… è… Luigi.

Sergio -               (Esterrefatto) Luigi chi? 'o figlio d'o barbiere?? Dimme 'a verità, Patrì… è 'o figlio d'o barbiere??

Patrizia -             Sì. Ma me vo' bene e pure io 'o voglio bene!

Sergio -               (Come se non riuscisse a comprendere una simile bestialità) Gli vuoi bene?? Al figlio de nu barbiere?? E di cosa ti sei innamorata, d'o scuzzetto ca porta a reto?? Eh?? E di tutti gli insegnamenti che t'ho dato che ne hai fatto? Nu taglio e via?? Ma comme se fa, io me domando e dico, una ragazza bella comm'a te, intelliggente - fino ad oggi - amica di figli d’avvocati, di dottori, di ingegneri, e te vutte dint'e braccia d'o figlio d'o barbiere!!! Sciagurata! Ve faccio 'o pilo e 'o contrapilo!

Patrizia -             Adesso è inutile gridare tanto ormai è fatta. Luigi mi vuole sposare.

Sergio -               Pure! I ve faccio 'na bella sfumatura a tutt'e duje accussì nun v'a scurdate cchiù!

Patrizia -             (Piangendo) 'O sapevo che reagivate accussì! Me l'è ditto pure mammà!

Sergio -               E che altro t'ha detto, mammeta?

Patrizia -             Ca si ce vulimmo bene veramente, nun ce sta nessun probblema.

Sergio -               Aeje. La solita palummèlla superficiale. Avrà già penzato 'e fa' nu matrimonio alla grande invitando miezza Napule…

Patrizia -             Sì.

Sergio -               (Infuriato) 'O vide? 'O vide? E chi ess 'a pava', second' essa? Pantalone? Ah ma si se crede e fa' affidamento in cuollo a me se sbaglia 'e gruosso!

Patrizia -             Papà, io son venuta qui solo per informarvi senza pretendere niente da voi. Io qualcosa guadagno, Luigi aiuta suo padre dint'o negozio perciò in qualche modo tireremo avanti. Allora se non tenete nient’altro da dire o da sbraità, i vaco. (Si alza)

Sergio -               Aspietta, aspietta, Patrì. Vèn accà. (Comprensivo e paterno) Pure se tengo 'na figlia scema so' sempe patete, no? E capisco 'e spese ca 'dda fruntà 'na coppia ca se sposa… A cominciare per esempio… d'e cunfiette…

Patrizia -             Chelle so' scemenze.

Sergio -               Lo dici tu! Cu chello che è aumentato 'o zucchero!! (Magnanimo) Comunque p'e cunfiette nun te preoccupa' che ce penz'io. Tengo giusto nu commerciante 'e Sulmona ca tene 'o debbete cu me e ce faccio firmà 'e cambiali in natura… cuntenta?

Patrizia -             (Rassegnata) Si, papà.

Sergio -               E pe' quando sarebbe previsto stu cuntratto, voglio dire… stu matrimonio?

Patrizia -             Avevamo pensato pe' settembre.

Sergio -               (Sfiorandola con una carezza) Mm… Ma, va 'a gente dint'o barbiere?

Patrizia -             Certo. Faticano pure buono.

Sergio -               Mm. Allora che vuó ca te dica?…cercate d'essere felici, tutt' e duje

Patrizia -             (Con uno slancio filiale, nonostante tutto, abbraccia il padre)

Sergio -               Su, su. (La scosta e le asciuga le lacrime) Stamm'a sentì, Patrì. Vullise rimané a mangià co 'o papà tuoje?

Titina -                (Si affaccia e lo fissa)

Sergio -               Forse è meglio 'e no, dint'e condizioni toje 'e mangià buono e sostanzioso.

Titina -                (Fa un cenno di assenso e scompare)

Patrizia -             Nun ve preoccupate, papà. Oggi song ospite d'e genitori 'e Luigi.

Sergio -               Brava! figlia mia, brava! Mo' te riconosco!… Vai, vai… E statte tranquilla.

Patrizia -             Grazie, papà. (Esce)

Sergio -               Essa, sta tranquilla… i pe' niente.

Titina -                (Entra cantando) "Tra i monti di prèta pò nascere un fioreee…"

Sergio -               (Le risponde dapprima cantando poi concludendo con la minaccia) A te, chesta sera…. Te ietto coccosa dint'e rine!.

Titina -                Non la facevo così amoroso e… generoso, signor Sergio.

Sergio -               Tu bada a nun fa' la 'ntricante e pienza a truvà stu biglietto. (Esce)

Titina -                (Riaccende la luce e va alla finestra dalla quale rivede Margherita) Sempe affacciata a fenestra? State aspettando 'o principe azzurro? (Ascolta) Ah, l'avete già trovato? E chi fosse, si nun songo troppo impicciona? (Ascolta) Isso?? 'O principe buzzurro? E già s'è dichiarato? (Ascolta) Ah, ieri! Chissà se è sempe d'a stessa idea… (Ascolta) Eh, bè, proprio oggi è succiesso 'na cosa ca cagna nu poco 'e carte in tavola. (Ascolta, poi risponde a bassa voce) 'A figlia… (Fa il gesto della gravidanza poi ascolta) … Eeeeh, sì. Bè, vedite vuje comme s'ha da fa. (Si allontana dalla finestra cantando) "Bella Belinda 'nnamurata, parla da sola cu la scarola. Nu guarda 'o piatto ma sta a fenesta…"

Sergio -               (Affacciandosi) "Te rongo nu cavece dint'a pacca desta…" Te vuó sta zitta nu poco?

Titina -                Che ce pozzo fà si me piace Gianni Morandi l'eterno giovinotto?… Signor Sergio! Pozzo venì a scupa' dint'o studio? Nun è che l'ite perzo là, 'o biglietto?

Sergio -               (Rientra e agisce sull'interruttore abbassando la luce) Va', ma nun mettere sott'an coppa 'a stanza!

Titina -                (Esce)

Sergio -               Ce mancava pure nu nepote… E a penzà ca veneno tutti quanti a du me! (Si affaccia alla finestra dalla quale vede Margherita) …Bongiorno. (Ascolta) Eh, me sto pijanne nu poco d'aria fresca. (Ascolta) Male. (Ascolta) E vuje che sapite?? (Girandosi verso la porta dalla quale è uscita Titina) Oh brutta… Mo ce rongo l'otto juorne, a chell' arrunzòna! (Grida) E nun 'a liquido nemmeno!! (Torna a parlare con Margherita) No, no, niente. (Ascolta) Eh già… 'o problema 'e chi tene 'na figlia: Pe' nu poco' va buono e tutto in t'a 'na botta: 'na mazzata a reta 'a capa! Ite capito? Da piccirilli avimm'a spennere pe' fa diventa' cchiù chiattulilli e quanno so' cresciuti imm'a spennere pecché s'abboffano! (Ascolta) E che me putite fa'? (Ascolta) Ah, si vulite, venite 'cca… (Campanello. Sergio guarda stupefatto la porta esterna e fuori della finestra) E che sanghe d'a miseria! E' 'na sajetta? (Esce e rientra con Margherita)

Margherita -       (Entrando) Insomma ha fatto 'a frittata.

Sergio -               Sì, cu nu carciuoffolo.

Margherita -       State cuièto, signor Sercio: Sarà sicuramente 'na gran bella sposa!

Sergio -               E 'na gran bella spesa!

Margherita -       Ma nun penzate sempe ai sorde!

Sergio -               E ch'aggio a penzà'?

Margherita -       Ce stanno tanta cose 'a penzà! Sapete, per asempio, che da ieri v'ho sempe penzata?

Sergio -               E pecché?

Margherita -       (Evanescente) Accussì… Ci possiamo dare del tu?

Sergio -               Se preferisci…

Margherita -       Aggio penzato a come putesseme sta' buono inzieme… io e te…

Sergio -               Addò?

Margherita -       'Cca.

Sergio -               Ah, me pareva… E 'a casa toja?

Margherita -       Ma io sto in affitto.

Sergio -               Aheje. E, te vulisse trasferì 'cca, cu figliete…

Margherita -       Ma 'o criatura si accontenta di poco! Nu lietto, nu piatto càvero…

Sergio -               Tu, Margherì, si trasuta 'e sicche e te s'i mise 'e chiatta…. 'O saje ca nun t'aggio prumise  niente ancora!

Margherita -       'O saccio. Ma dint'all' uocchie tuoje veco coccosa ca me fa spera' 'o bello…

Sergio -               Mah, si 'o dici tu…

Titina -                (Da fuori scena) Signor Sergio! Se vulite venì a mangià… 'A tavola è pronta!

Sergio -               Allora vac'a mangià. Ti inviterei ma…

Margherita -       Ma…?

Sergio -               Niente, fernesce accussì.

Margherita -       Nun te preoccupare. Oggi aggio preparato 'na bella tiana 'e maccarune… fatti tutti da me, accussì sparagno! E tu che mangi?

Sergio -               (Accompagnandola all'uscita) Mah, veco che m'ha priparato Titina. Credo ca ce sta nu prodotto al forno co nu trionfo 'e verdumma matura.

Buio

(Luce piena. Titina è in scena. Sta mettendo a posto le ultime cose per poi prepararsi ad uscire)

Titina -                (Canta) "Appiccialo tuuu chesto sole ch'è spento. L'ammore 'o sai, squaglia i cuori di chiaccio" Eeeh, signor Sergio… 'O pane c'a pummarola pe' tre vote 'a semmana… Ma comme se fa? Le fosse venuta a cunzerva d'int'e budella! (Chiama) Signor Sergio!! I vaco! Pure 'sta semmana m'aggio guadagnato 'o paradiso!

Sergio -               (Entra e agisce sull'interruttore abbassando la luce) E truvato 'o biglietto?

Titina -                Che biglietto? Ah! Chello d'o superenalotto? No. Mi dispiace.

Sergio -               Tanto non pò essere sparuto accussì!

Titina -                Ite penzato 'e surece? Dint'e case vecchie ogni tanto n'esce uno.

Sergio -               Ma 'e surece mica giocano 'o superenalotto!. Si invece ce stesse 'na zoccola….

Titina -                (Andandosene senza porgli ascolto) Bè, bona domenica, signor Sergio. Dimane iate a' mmessa e faciteve 'a comunione… accussì mangiate coccosa e cchiù. E fuss'a Maronna accussì facite coccosa 'e buono!

Sergio -               (Rimasto solo) Però. Nun è 'na brutta penzata…

Giorgio -             (Entrando) Aggio approfittato d'a signora Titina che steva ascenno…

Sergio -               (Lo scruta) E purtato 'e sorde?

Giorgio -             Sì, sì.

Sergio -               Mm. Allora va bbuó.

Giorgio -             Po' stasera tiene pure 'a speranza 'e vencere e miliardi co 'o biglietto che t'aggio regalato.

Sergio -               Nun me parlà 'e chillu biglietto pe' carità!

Giorgio -             E pecché?

Sergio -               Pecché nun 'o trovo cchiù!

Giorgio -             Come sarebbe? 'Na perzona comm'a te…!

Sergio -               Eh, l'ha perzo! Non m'era mai capitato e perdere coccosa!

Giorgio -             Bè, si pe' curiosità 'o vulisse controllà, m'aggio scritto i nummeri 'ncoppa a 'stu foglio.

Sergio -               No, no. Tu si scemo? E si ce stanno?? Fosse 'na cosa 'a se mangià 'e mane!

Giorgio -             Si e nummeri nun so' chilli te miette l'animo in pace … e accussì te lieve o dubbio.

Sergio -               Ma tu vide 'nda che penziéro me ghiuto a mettere!

Giorgio -             Io?? Si' tu ch'e perso 'o biglietto, no io!

Sergio -               I po' so' stato sempe cuntrario a chisti gioche! Sono tutto nu 'mbruóglio! Uno ess'a punta' 'e sorde solo si è sicuro 'e vencere.

Giorgio -             Eh…! E che tipo e juoco fosse?

Sergio -               Nu juoco meraviglioso!

Giorgio -             Ma lascia perdere!

Sergio -               Famme vedé 'stu biglietto. (Giorgio glielo porge e Sergio lo legge) 53 - 61 - 67 - 71 - 76 - 84… che schifo 'e nummeri! E chiste nun ghiesceno maje!

Giorgio -             A na poco fa l'estrazione e controllammo.

Sergio -               Eh che bella soddisfazione! È comme da 'o ppane a chi nun tene 'e riente!

Giorgio -             Fa' comme te pare. (Fa per andarsene)

Sergio -               Eh, vien accà, addó vaje?

Giorgio -             Ci hai ripensato, eh?

Sergio -               Ma ch'e capito? M'i a dà 'e sorde d'a rata!!!

Giorgio -             (Dandogli i soldi) Ah, già, nun m'arricordavo cchiù.

Sergio -               (Intascandoli) I sì.

Giorgio -             Allora? Che vuo' fa'?

Sergio -               Che or'è?

Giorgio -             Quasi 'e  'llotto.

(Entrambi osservano una vecchia radio posta su di un mobile)

Sergio -               Io nun pozzo sta accussì pe' tutta 'a vita…

Giorgio -             E’ chello ca dich'i. Pure si ce stesse 'na possibilità su cento ca vincesse coccosa.

Sergio -               Picciò l'e dato a me!

Giorgio -             (Andando vicino alla radio) L'appiccio?

Sergio -               Appicciala… accussì cunzumammo pure chella.

(Giorgio va ad accendere la radio dalla quale esce della musica, dopo qualche secondo si sente la voce dell'annunciatrice)

Voce -                Vi diamo ora i numeri estratti del concorso odierno del Superenalotto: 53…

Sergio -               (Controllando il biglietto) 'O tengo!

Voce -                61…

Giorgio -             (Sbirciando il biglietto che tiene in mano Sergio) 'O tengo!

Voce -                67…

Sergio -               (Lascia il biglietto ad Giorgio e cercando una sedia su cui si cade a sedere) 'O tengo!!

Voce -                71…

Giorgio -             'O tengo!

Voce -                80…

Giorgio -             Tenimmo l'84…

Sergio -               (Sudando freddo) Ringraziamo 'a Maronna!

Voce -                Numero jolly: 3. Appena possibile vi comunicheremo se vi è stato qualche 6 o 5 + 1. A più tardi. (Torna la musica)

Giorgio -             Sergio!!! Imm 'azzeccato QUATTO nummeri!!!

Sergio -               (In catalessi) Puozza jettà 'o sanghe!!

SIPARIO

FINE DEL PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

(È domenica mattina. Sergio è in scena e si trova in un stato pietoso: riverso su una poltrona con una pezzuola bagnata sulla fronte. Luce bassa in scena)

Sergio -               Cinquemila euro…Ai quattro vanno cinquemila euro…! Ai quattro… a me, invece… NIENTE! Maronna mia ca nuttata ch'aggio passato! M'aggio sunnato milioni 'e buglietti d'o superenalotto ca m' abballavano attuorne e me redeveno in faccia… Po' scumpareveno e rimaneva solo nu buco enorme e dint'a chillu buco asceva fòra Giorgio ca diceva: "Nu regalo pe' te!… Nu regalo pe' te!" E ancora sto sudando friddo c'a capa ca me scoppia! (Campanello) Chi è ca mo' rompe? (Si alza a fatica e va verso la porta esterna) Che perdita… che perdita maronna mia…!

Margherita -       (Entrando, sente le ultime parole di Sergio e lo vede in quello stato pietoso) Ch'è successo, Sercio? 'Na disgrazia?

Sergio -               (Tornando stancamente sulla poltrona) 'Na cosa gravissima!.

Margherita -       Oh Maronna mia! È succiesso coccosa a tua figlia?

Sergio -               Peggio!

Margherita -       All'ex mugliera toja?

Sergio -               Si aggio ditto "peggio"…! Chello fosse nu miracolo!

Margherita -       Dimme tu, allora!

Sergio -               Aggio perso nu biglietto d'o superenalotto ca valeva cinquemila euro!!

Margherita -       (Si butta anche lei su una sedia, colpita dalla tremenda notizia) Oh Maronna mia che traggedia! Ma come hai fatto a perderlo??

Sergio -               Nun 'o saccio, Margherita mia, nun 'o saccio! È tutta stanotte ca cerco 'e me scervellà addó putesse  esse iuto a fernì, chillu fetente 'e biglietto!

Margherita -       'O vide che capita quand'uno vuò fa 'e cose sol isso? Senza 'na femmena ca te sistema 'e cose? E’ chesto ca m'intendo quando parlo 'e n'aiuto recipruoco! 'O vide comme te si arredotto! Vuoi che ti faccio nu caffè, Sercino?

Sergio -               Sì, grazie.

Margherita -       (Si dirige verso la porta interna)

Sergio -               Addó vaje?

Margherita -       A fa' 'o cafè…

Sergio -               Ma io nun 'o tengo!. Si m'o vuó fà me l'è fa' a casa toia…

Margherita -       (Uscendo, disarmata) Sercio, Sercio…

Sergio -               Eh, chi so', io, 'o milorde? Certa gente non se  sape proprio comportà! (Ad alta voce) Lascia 'a porta aperta accussì nun 'e bussa'!… (Si mette una mano sulla testa, per il dolore) Io non me repiglio cchiù 'a 'na cosa accussì! (Mentre Sergio è immerso nelle sue tristezze e alle prese col mal di testa, sulla porta d'uscita, alle sue spalle, compare Lina, la moglie, in atteggiamento battagliero)

Lina -                  (Secca) Sergio!

Sergio -               (Fa un sobbalzo sulla poltrona) Maronna! (Si volta) Lina! Tra tante disgrazie mancava solo tu!

Lina -                  Figliema m'ha ditto tutt'e cose.

Sergio -               Pure a me.

Lina -                  Vojo dicere ca m' ha ditto comme l'hai trattata!

Sergio -               E essa comme s'è comportata co' nuje? Dòppo tutte 'e raccomandazioni ca l'immo 'mbarate?

Lina -                  Eh. Proprio delle belle 'mparate! A vulive fà addivintà 'na tirchia comm'a te! Pe' fortuna c'ha pigliato 'e me!

Sergio -               Che bella sciòrta! Quanno se fa gròssa tenarrà 'e mane bucate!

Lina -                  Insomma, Sergio, amméno dint'a chesta occasione fa in modo 'e essere nu pate esemplare!

Sergio -               Eh… E io pago!

Lina -                  Certamente! Vedi che è una cosa normale!

Sergio -               Lo dici tu! Pe' me è 'na cosa contro natura!

Lina -                  (Osservandolo con disgusto) Si tu che si' contro natura. Nu vide comme te se' arredotto cu tutto ca si' chino 'e sorde? Vide comme stai 'nguaiato… Nu scuóglio ca nun fa patèlle!… Che vergogna!

Sergio -               I song 'o ritratto della sobrietà!

Lina -                  Eh, pittato da nu pittore 'mbriaco!

Margherita -       (Entrando con due tazzine di caffè) Ecco il caffè, Sercino… (Vede Lina) Ops… Bonciorno, signora.

Lina -                  E chesta chi è?

Sergio -               Lina ti presento Margherita, la dirimpettaia mia …

Margherita -       So' a dirimpettaja soia.

Sergio -               Margherita, chesta è  la ex – ex - ex mugliera.

Lina -                  (Ignorando Margherita e rivolta ad Sergio) L'anema tója! Ecco cu chi preferisce spartere 'o patrimonio invece d'aiuta' 'a figlia, 'o sanghe d'o sanghe sujo! Ah ma… pure 'sta vota metto miezzo l’avvocato e vedimmo comme va a fernì. Statte buono… Sercino. (Esce)

Sergio -               Ma io ch'aggio fatt'e male pe' ma merita' na valanga 'e chiste guaie accussì gruosse??

Margherita -       (Sedendosi vicino a lui) Nun ce penzà, Sercio. Bive 'o cafè ca te vene 'o buonumore… (Con fare birichino) Anduvina ca ce aggio misso dinto…

Sergio -               (Guardando Margherita negli occhi e sorseggiando con lei il caffè) C'hai messo nu schizz 'e ànnese…?!

Margherita -       Sììì.

Sergio -               Maliarda… (Affascinato) E sei brava pure in cucina, Margheritina?

Margherita -       Oddio… Si aggio a mettere coccosa 'ncoppa 'o fuoco… nun m'abbrucio mica e' ddete!

Sergio -               Pecché nun me faie mangià coccosa 'e buono, ogni tanto? Te putesse fa e cumplimente co 'e delizie toje.

Margherita -       Che vuó ca te faccio?

Sergio -               Tutt' e cose. Si sapisse fa, per asèmpio 'e friarielle?

Margherita -       C'a saciccia?

Sergio -               C'a saciccia. Oppure nu dolce… 'a pastiera!

Margherita -       Co fior d'arancio?

Sergio -               Co fior d'arancio!

Titina -                (Entra e vede il romantico quadretto) Aggio spezzato 'o filo?

Sergio -               Tu spiezzi tutt'e cose, c'a voce 'e papera! (Aggrappandosi all'ultimo disperato tentativo) T'è venuto 'a mente addò potesse sta 'o biglietto?

Titina -                Che biglietto? Ah chillo d'o superenalotto? No. Tanto l'estrazione l'hanno già data…

Sergio -               (Agitandosi) Appunto!! Song asciuti quatto nummeri 'e chillo biglietto!! Battilocchio!! Cinquemila euro jettati nun saccio addó!! Che ponn'essere jute a fernì dint'e sacche e quaccheruno e nun saccio chi…

Titina -                Oh! Nun vulisse mica 'nsinuà' ca so' stata io?? Ca, si ce sta quaccheruno ca da da' 'e sorde nun song io…

Margherita -       Pecché nun vieni nu poco addu me, Sercio? Accussì fai faticà grazie 'e ddio 'a signora Titina e tu ti distragli nu poco cagnando ambiente…

Sergio -               Me fa n'ato cafè?

Margherita -       Certo.

Sergio -               Cu 'o schizzo…?

Margherita -       (Sensuale) Pure doie…

Sergio -               Jammo, allora. Titina, guarda buono dint'a tutte j angule d'a casa… (Si alza ed esce con Margherita)

Titina -                (Rimasta sola, accende la luce) Cinquemila euro… Francamente penzavo cchiù assai. Ma ci aggio fa' passà 'e pene d'inferno, a ‘sto perucchiuso! (Prende la scopa e si mette a spazzare cantando) "Ritornerò, 'ddunucchiata da teeee… L'altra non è, non è niente per meeee!"

Giorgio -             (Si affaccia) Bongiorno.

Titina -                Oh, bongiorno signor Giorgio.

Giorgio -             Sempe a faticà, eh?

Titina -                Eh, bè… Ormai la mia la è una missione.

Giorgio -             Santa Titina, v'essev'a fà, a vuje! Santa Titina vergine e martire!

Titina -                Me pare nu poco troppo impegnativo… M'abbasta sulo il martirio!

Giorgio -             Sergio dov’è?

Titina -                Sta in dolce compagnia c'a dirimpettaia soja ca 'o sta facenno repijà.

Giorgio -             Aiere sera steve 'nta nu stato pietoso. M'ero addirittura preoccupato!

Titina -                Stamattina sta dint'e stesse condizioni d'ajere, si nun s'mbriacasse cu l'ànnese.

Giorgio -             Certo ca, pe' uno comme isso, vedè e scumparì cinquemila euro… è na cosa da collasso!

Titina -                Eh già…

Giorgio -             Chello ch'a nun me faccio capace comm' ha fatto a lu perdere! Isso che mangia 'e nummiccule cu 'e spingule! Che nu jetta manco 'e cerine ausati pecché aroppo fa a pónta e l'usa comme stuzzicadente!

Titina -                Mah…

Giorgio -             E fa rabbia pure a me pecché son sicuro che mess'alleggeruto nu poco 'o debbete mio!

Titina -                Eh, 'o saccio…

Giorgio -             (Abbassando la voce) Ma, detto fra noi…

Titina -                Sì…

Giorgio -             Voi credite 'o veramente ca se 'nzóra cu Margherita?

Titina -                Ma voi, ca site n'amico 'e vecchia data, ancora nun it'a capì che razza 'e d'omm'è? Chillo ha già penzato comme l'ha da sfruttà, ce promette coccosa e  aroppo, quanno accummencia a mangià 'a foglia… chi s'è visto s'è visto!

Giorgio -             Da 'na parte me fa pena.

Titina -                Pure a me.

Sergio -               (Rientra con un pacco di caffè e agisce sull'interruttore abbassando la luce) Ciao Giorgio. (Porge a Titina il pacco di caffè come una cosa preziosa) Titina, astipa stu pacco 'e cafè dint'a credenzina addó tengo 'e turz d'e mele… E nun 'o piglià fin quando nun t'o dich'io.

Titina -                (Senza che Sergio se ne accorga, fa un gesto ad Giorgio per dire: "Come volevasi dimostrare", quindi esce)

Giorgio -             Pecché astipi i turz 'e mele?

Sergio -               Pe' fa' 'o decotto 'e mele! Ogni dièce tuorze 'e faccio vòllere nu poco dint'all'acqua co' 'e scorze, poi 'e lascio arrepusà fin'a che nun resta nu leggero addore 'e mela. E’ assai buono! È meglio 'sti cose fatte dint'a casa anziché accattà s'ti bevande che fanno solo male e costano nu mare 'e denare.

Giorgio -             Nun se jetta niente eh?

Sergio -               E chi song i 'o Banco 'e Napule?

Giorgio -             Comme jamme stammatina?

Sergio -               Come vuo' che va? 'Na chiàveca!!

Giorgio -             Nun t'a pijà assaje, Sergio, d'altronde chille cinquemila euro nun ne tenive né oggi né ajere, quindi nun è cagnato niente!

Sergio -               (Cercando intorno a sé qualcosa da tirargli) Che ci agg' a tirà?? Sentite nu poco che razza 'e filosofia sgarrupata ha da tené n'essere del genere!!

Giorgio -             T'aggio capito. La signora Margherita t'ha dato troppo caffè e tu nun si abbituato… Statte buono. (Si avvia)

Sergio -               Vien'accà, cazzelluso!… Stamm'a sentì: Che tiempo 'e validità tènene, chilli biglietti?

Giorgio -             Mah, tre mise, credo.

Sergio -               (Titanico) 'Nda chisti tre mise so' cazz 'e ribaltà tutta 'a casa, mettere sott'en coppa tutto o quartiere, ribalto pure 'a città e 'a revoto comme 'o cappotto mio ma chillu biglietto ha da ascì fora!! (Esce verso le camere. Giorgio cerca distrattamente il biglietto in qualche angolo, sotto qualche mobile, finché non entra Margherita)

Margherita -       (Entrando, in ciabatte) Buonciorno signor Ciorcio.

Giorgio -             (Sorpreso carponi mentre guarda sotto un mobile) Oh, bongiorno signora Margherita, scusateme 'a posizione…

Margherita -       Figuratevi! Mi t'ha scusà vuje ca songo co' 'e pantofole. Me paro 'na zingara!

Giorgio -             'O cuntrario, siete assai cchiù bella in versione… casereccia, e chelli pantofole ve donano assaje.

Margherita -       Vi rincrazio, signor Ciorcio. Sercio addó sta?

Giorgio -             Sta là, ancora sott 'en goppa p'a storia d'o biglietto.

Margherita -       Certo ch'è 'na cosa che fa fregnere dint'o stommeco!

Giorgio -             Specialmente a isso.

Margherita -       Me lo immacino.

Giorgio -             Bè… isso è fatto accussì! (La osserva) Ma 'o sapite ca stammatina purtate nu bellu vestito, signora Margherita?

Margherita -       (Smorfiosa) E' 'o vero…? Penzate ca me l'aggio fatto tutto quante co 'e mane meje.

Giorgio -             Allora site 'na sarta fine! Sarann oro, chelli manelle…

Margherita -       (C.s.) M’arrancio… Sa, poiché  aimm'a tirà 'a carretta!… Vuje siete amico 'e vecchia data con Sercio?

Giorgio -             Eh!! 'na vita!. Da quando, da piccerille, jucavamo e isso m'arrubbava sempe 'e biglie. Po’, aroppo l'aggio continuato a frequentà nu poco per amicizia e nu poco pe' cumpassione, specialmente quando s'è lasciato c'a mugliera pur'isso.

Margherita -       (Colpita e interessata) Pecché, site divorziato pure vuje?

Giorgio -             Sì, 'a quatt' anni.

Margherita -       Ah, ecco… Nun 'o sapevo.

Giorgio -             Invece i aggio saputo ca site vedova.

Margherita -       Eh sì. 'A cinq' anni… (Guardando Giorgio negli occhi) 'A cinq' anni…

Giorgio -             Aggio capito.

Margherita -       Pecché… Nun se vede ma tenco un’età.

Giorgio -             Ma state pazzianno? Site ancora 'na guagliuncella! Site dint'o fiore degli anni!

Margherita -       Grazie, siete centile, ma nun songo cchiù nu bocciuòlo!… Scusate la facciatosta ma sapete che voi mi sembrate una personcina fatta proprio per bene? Vi veco sempre cu cheste belli maniere… pure in t'è confronti di Sercio…

Giorgio -             Vi ringrazio. Pure vuje parite 'na donnina (La osserva) per bene.

Margherita -       Fernimmola ch'e cumplimenti, a si no addivento tutta rossa.

Giorgio -             (Sottovoce) Fusseve ancora cchiù bella.

Margherita -       Vùje m'affascinate… ma quanno m'avvampo me veneno 'e schioppe rosse.!

Giorgio -             Proprio comme 'e petali d'a rosa!

Margherita -       (Si schernisce) Oh maronna mia!!… Però è piacevole 'nciuciare co' nu poeta comme vùje.

Giorgio -             Pure co' vùje. 'O sapite ca da primma vòta ca v'aggio vista desideravo 'e ve dicere coccosa? Ma sapete… aggio visto ca ìreve… n'amica 'e Sergio, nun m'aggio permiso.

Margherita -       E avite fatto… ma nun ce putimmo da' del tu?

Giorgio -             Certamente.

Margherita -       E' fatto malamente, Ciorcio. Non c'è sta mica niente tra me e Sercio.

Giorgio -             I credevo…

Margherita -       'A verità nu penziero l'evo fatto ma pò m'è venuto nu dubbio ca….

Giorgio -             Ca…?

Margherita -       Ca me sta a piglianno in ciro.!

Giorgio -             In che senzo?

Margherita -       Nel senzo ca… 'nvece 'e spàrtere 'e cose cu mme vo' fa' comme faceva cu 'e biglie tuje…

Giorgio -             Bè, co' nu tipo comme Sergio tutto è possibbile.

Margherita -       (Gli si fa più vicino) Tu si' impiacato, è vero?

Giorgio -             Sì. Nun tengo 'e sorde 'e Sergio ma sicuramente vivo méglio d'isso.

Margherita -       'A vita s'ha da gudé fin'a quand'uno pò… Ciorcio.

Giorgio -             Parole sante… Marche... Margherita. I stongo accussì bello dint'a casa mia a dùie piane co' 'o garace e 'a mansarda…

Margherita -       Pure 'a mansarta? Ma è tutto tuoje?

Giorgio -             Sicuro. Aggio fatto tant' ann'e sacrifici ma mo me la sto gudenno.

Sergio -               (Voce fuori scena) Giorgio!

Margherita -       Te pozzo offrì coccosa allà a ddu me?

Giorgio -             Nun ce penzo proprio, se mai songo io ca t'offro coccosa 'nta nu posto 'cca vicino, oggi è dumméneca!. Te va, Margherita?

Margherita -       Me va, Ciorcio… (Escono entrambi)

Sergio -               (Da fuori) Giorgio, cu chi stai parlanno? Vien accà! (Si affaccia, poi entra) Ma dd'è ghiuto? (Si affaccia alla finestra, guarda di sotto, poi in alto, verso la finestra della Margherita) E’ sparuto…. Pare ca nun ce sta manco Margherita… Mah… (Si sporge un po') Maronna! In compenzo stanno arrivanno 'e  barbari!

(Entrano Lina, Patrizia e Antonietta)

Lina -                  'O vi' lloco. Vedite 'o puparuolo… Allòra, signor scuzzone, assiettete e priparate a 'ncassà 'a botta. L’avvocato m'ha ditto ca si nun vuo' problema hai da partecipà 'o matrimonio 'e figlieta!

Sergio -               Certo che partecipo! Se m'invita…

Lina -                  Partecipà co' 'e sorde! Nun 'o fa apposta 'e nun capì! (Indicando la madre) Aggio purtato pure 'a testimmonia!

Sergio -               Ate che testimmonia …mammeta avisse fa' 'o boia.

Antonietta -        'O facesse co' tutt 'o core, cu' n' assassino comm'a te!

Patrizia -             Mammà, nun v'appiccicate…

Lina -                  Cà nun se tratta 'e s'appiccicà ma menà 'e curtellate… si tutto va buono.

Antonietta -        Si tutto va buono…

Lina -                  (Ad Sergio) Allora, facenno 'na botta 'e cunte, luato l'aiuto ca ce pozzo fà io, a 'sta figliola ce mancano ancora cinquemila euro.

Sergio -               (Dopo un leggero sbandamento) Pecché proprio cinquemila?

Lina -                  Pecché è venuto accussì. Tieni qualcosa 'a dicere?

Sergio -               Sicuro ca tengo qualcosa 'a dicere! E che song io, 'o puzzo 'e San Patrizio? Ma 'o saie quanti song cinquemila euro?? Mica e trovo sotto 'o lietto! (Gli sorge un dubbio e si affaccia alla porta che da alle camere gridando) Titina! Da' 'n'occhiata sotto 'o lietto e sott'a culunnetta! (Torna da Lina) Dunque… che stevo dicenno? Ah sì… Oh! Nun so' mica spicciole! Si essa nun vuleva mettere dint'e guaie 'a gente ce avìa da penzà primma! L'aggio sempe ditt'io: Oggiggiorno è tutto nu jittà! Nisciuno se stipa cchiù niente!

Titina -                (Entra e si mette in disparte)

Sergio -               Nun te so' abbastati tutt 'e sorde ca t'aggio sempe dato e ca te sto dando ancora? Si vuo' ca te rongo l'ati sorde mi ha dà tutte 'e quote ca t'è pigliata! Damme 'e titoli!

Antonietta -        (A Lina) Lina… dacce 'e titoli.

Lina -                  Vuoi 'e titoli?: Tié: mappina, tirchio, trappano e scurnacchiato!

Sergio -               Trappana sì tu e tutti e 48 pariente tuoje!

Lina -                  Ma nun te miette scuórno 'e parlà accussì annanz'a figlieta?

Sergio -               E dalle! 'Cca è essa che s'ha da mettere scuórno!

Patrizia -             Jammuncenne, mammà.

Lina -                  Tanto 'o saje ca 'a tavulata l'ha da pavà 'o pate d'a spósa!

Sergio -               'A tavulata…! Nu spuntino…

Lina -                  Ma tiene 'na figlia ca se sposa e ce vuo' fa' fa' nu spuntino? Magari ch'e pummarulelle toje???

Sergio -               (Vergognandosi un po' di se stesso) Bè… si l'uoffre c'o stuzzichino pareno 'e bon bon … facesse 'na bella figura.

Lina -                  (Fuori di sé) Song io ca t'envezze… no co 'o stuzzicchino ma cu 'n'accetta!

Antonietta -        Chella pe' trità 'o lardo!

Titina -                (Facendosi avanti) Stàteve calma, signora. Il signor Sergio, in fondo in fondo, è nu papà bravo e 'a figlia vosta nun ce fa mancà niente.

Sergio -               Che vulisse dicere?

Antonietta -        Che vulisse dìcere?

Lina -                  Nuje, 'cca, stammo cumbattendo all'arma bianca e vuje me venite a dicere ca in fondo è nu bravo pate?

Titina -                Sì. Pecché mo 'a figlia vosta esce accà cu cinquemila euro.

Sergio -               Ma ha da ascì currenno, pecché io 'a corro a reto co' 'o laganatùro!

Titina -                (Estrae il biglietto del superenalotto e lo mette nelle mani di Patrizia) Ecco, chesti sono cinquemila euro ca putite ji a retirà pure sùbbeto.

Sergio -               (Non credendo ai suoi occhi) Ma chillo è 'o biglietto mio d'o superenalotto!!

Titina -                Certo. E a chi potesse ji si non a figlia vosta?

Sergio -               (Lina, Patrizia e Antonietta se ne escono alla chetichella) Se só spartùte 'a cammisa 'e Cristo! (A Titina) Oh, brutta… Me só scarfàto 'na sèrpe 'mpietto e nun me n’ero accorto! Ma i te piglio a mazzate! Te faccio a piezze! 'E cane 'e canciello t'hann' accidere a te! I te denuncio! Te manno 'n galera pe' sottrazzione 'e biglietto vinciente! Te faccio da' l'ergastolo!! (Si accascia sulla poltrona) Vattenne 'e 'sta casa! Vattenne annanze all'uocchie mie! Te rongo l'otto secondi! Sì licenziata!

Buio

(Al riaccendersi della luce Sergio è ancora accasciato sulla poltrona, da solo, con poca luce)

Sergio -               (Dopo un lungo silenzio) Puozza jettà 'o veleno.

Margherita -       (Si affaccia) Puozzo tràsì?

Sergio -               (Guardando distrattamente) Trase, trase… Oramaje 'ccà tràseno cane e puórci…

Margherita -       (Offesa) Te rincrazio p'o cumplimènto.

Sergio -               No, no… nun era pe' te.

Margherita -       Pecché stai dint'o scuro?

Sergio -               Io sto sempe dint'o scuro. Se penza 'cchiu buóno e non se cunzuma 'a luce.

Margherita -       Pure io stevo penzando ca … me credevo ch'ire 'e n'ata manèra, Sercio.

Sergio -               Pure io me credevo diverso… nun me riconosco 'cchiù.

Margherita -       Credevo 'e spàrtere 'e cose a mità, cu' te.

Sergio -               E che t'eva fa', 'a pastiera pur'io?

Margherita -       'O vide? Tu sì troppo materialistico, Sercio. A me me piacesse 'e sentì pure nu poco 'e tennero, dall’ommo ca me sta vicino. Allora, p'onestà te vulevo infurmare ca…

Giorgio -             (Entrando) … Ca Margherita ed io ce simmo misi insieme e essa vene a sta' a casa mia.

Sergio -               Cuntento tu… (Ironico) Che t'ha dato, l' ànnese pure a te?

Giorgio -             No, l'aggio offerto coccosa io, pecché nun so' nu perucchiuso cumm'a te.

Sergio -               Sentite, sentite comme me ringrazia… doppo tutt 'e favore ca l'aggio fatto!

Giorgio -             (Disgustato, si rivolge a Margherita) Chesta, Sergio, t'a putive pure sparagnà.

Sergio -               Ah ma, chi song io…?

Giorgio -             'N omme 'e mmerda! Jammo, Margherita, pecché 'sta casa me fa vummecà! (Si avviano)

Margherita -       Addio, Sercio…

Sergio -               Nun me chiamo "Sercio"! gnuranta! Me chiamo Sergio! Sergio!

Margherita -       Allora schiatta!… ausuraro e sanquètta! (Esce)

Sergio -               (Ad alta voce) Giorgio! Ce vedimmo 'o mese ca trase p'a rata d'o debbete!

Giorgio -             T'a manno pe' posta! (Esce)

Sergio -               Prioritaria, mi raccomando!… Puozzano murì accise tutti e duie… Guarda 'ccà… (Va ad affacciarsi alla finestra e grida) Quanno ce stanno 'e sorde miezzo ognuno penza a vozzola soia! (Tra sé, tornando a sedere) Caro Sergio… nun ce stanno 'cchiù l'euro, nun ce sta cchiù Titina, se n'è ghiuto Giorgio, Margherita… Se ne so' ghiuti tutti quanti. Ma pecché? Forse pecché me piace ammuntunà 'e sòrde? Che ce sté 'e male? Va' a domandà a nu collezionista 'e francobolli si te regala nu piezzo d'a collezione soia … te caccia a cavece in d'e rine o se pija nu cuofane 'e sorde! Oltretutto 'e sorde so' buone pure 'e doppioni!!! Anzi, 'cchiù ne tieni e meglio è! Ma 'a gente nu tene 'sta sensibilità! Diceno ca 'e denare nun fanno felicità e in parte è 'o vero ma… nun fanno manco chiagnere! (Estrae un fazzoletto dalla tasca e si asciuga una lacrima)

Titina -                (Si affaccia e accende la luce. Ha un sacchetto della spesa in mano) Che s'è mangiato 'e buono, oggi, signor Sergio?

Sergio -               (Senza voltarsi) Doje….

Titina -                Pommarole… comme 'o solito! Venite cu' mme, iammo a magnà coccosa assieme.

Sergio -               (C. s.) Nun tengo fame.

Titina -                (Materna) Nemmanco si v'appriparo nu ruóto 'o furno affiancato a nu bicchiere 'e vino? Oggi è dumméneca!

Sergio -               E chi ha pavato, tutte 'sti cose?

Titina -                Nun 'o saccio pecché , ma è nu regalo do mio.

Sergio -               (Si volta verso Titina) Ci sta pure nu poco 'e ricotta?

Titina -                (Pazientemente) Ci sta pure 'a ricotta.

Sergio -               (Si alza di finta malavoglia e si avvicina a Titina) 'O vide, Titina, quanno fai accussì te desse tutti l'arretrate ca vuo'… nu iuorno o l’ato. (Escono verso la cucina)

SIPARIO

Qual è il valore dei soldi?

Sergio è disposto a tutto: anche a non mangiare, anche a speculare su chi gli presta assistenza, sull'amicizia; anche a non vivere una storia d'amore!

Ma il destino è beffardo, e quando l'unico affetto della sua vita, sua figlia, ha bisogno di lui, gli riserva la più difficile delle prove…!

Paolo Cappelloni

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 72 volte nell' arco di un'anno