‘O rialo e Natale

Stampa questo copione

‘O RIALO E NATALE

‘O RIALO E NATALE

Musica di “Tu scendi dalle stelle”, poi marito e moglie in scena.

Moglie                       Maritino mio, mo che viene Natale, tu me a purtà nu bell’ cresemisso.

Marito             E che è stu cresemiss’?

Moglie                       Ma come: è o regalo che mi hai sempre promesso e maie m’è dato.

Marito             Mugliera mia bella, cu chesta disperazione, tu vaie truvann’ pure o cresemiss’. Al massimo nu poc’ e capitone.

Moglie                       ‘O capitone?

Marito             Chist’ è o rialo ca te pozz’ purtà.

Moglie            Io vac’ truvann’ cappiell’ e scarpine, nu par’ e mutande cu duie suttanine, n’aniell’ e brillante, nu par e recchin’, riloggio e bracciale, e nu bell’ombrellino.

Marito             Mugliera bella, vattenne ca sto disperato.

Moglie            No, io voglio a rrobba ca t’aggio cercato, si no faccio a pazza.

Marito             E io piglio na mazza, te rong’ o rialo e te mann’ a curcà.

Moglie            Tutte e marite quann’ è Natale portano o cresemisso e mugliere. Invece so dieci anni ca (indicando il marito) st’animale purtasse mai na bella cosa mmano.

Marito             Mugliera bella, ma tu che tieni int’e cervelle? Ma che, a forza a forza me vuò ‘ntussecà Natale? Stasera vaco ‘ncoppa e bancarelle, vaco a fa a spesa e te porto o rialo. T’accatto nu par’ e cazette e cottone, n’aniello e nichel e na spingola a torre, nu velo pa notte, nu pare e scarpune, na molla pe ricci e na carta e buttone.

Moglie            Io voglio a rrobba ca t’aggio cercato.

Marito             Mugliera bella, t’aggio ditto pure primm’: vattenn’ ca sto disperato.

Moglie            Io voglio a rrobba ca t’aggio cercato, e capit’, sinnò faccio a pazza.

Marito             E io piglio na mazza, te rong’ o rialo e te mann’ a curcà.

Moglie            E pigliala a mazza, pigliala.

Marito             Eh, a piglio, e capit’ ca a piglio.

Moglie            E a chest’ si bbuono tu, sul’ pa mazza.

Marito             Ma tu me miett’ pe spalle ‘nfaccia o muro.

Moglie            (Piagnucolando) Na povera mugliera aspetta n’anno p’avè nu poco e cresemisso e chill’ se ne vene cu a mazza. Ihhhhhhhhhhhh (piange più forte) ihhhhhhhhhhhh.

Marito             Ma guardate che guaio aggio passato.

Moglie            (ancora più forte) Ihhhhhhhhhhhhhhhh.

Marito             Uèèèèèèèèè, statte zitta.

Moglie            Io voglio o cresemiss’, io voglio o cresemiss’.

Marito             Io mo te ciacco e faccio correre a poliss’.

Moglie            E puortem’ o cresemiss’, puortem’ o cresemiss’.

Marito             E t’aggio ditt’ ca cchiù tardi sceng’ e to o vaco a accattà ‘ncopp’ e bancarell’.

Moglie            O daie a soreta a rrobba e copp’ e bancarell’.

Marito             Ma che bbuò da me?

Moglie            Io voglio a rrobba ca t’aggio cercato.

Marito             N’ata vota. Mugliera bella, vattenne ca sto disperato.

Moglie            Io voglio a rrobba ca t’aggio cercato, e capit’, sinnò faccio a pazza.

Marito             E io piglio na mazza, te scass’ a cucozz’ e te mann’ a curcà.

Moglie            Vatten’, muort e fame.

Marito             Va jett’ o veleno.

Moglie            Tu e soreta.

Marito             No, tu e tutta a razza toia.

Moglie            No, tu e tutta a razza toia.

Marito             A razza toia, saglienn’ e scennenn’.

Moglie            Sciù.

Marito             Pa a faccia toia.

Insieme          (Si guardano soddisfatti) Ah.

 

 

N.B. Da Christmas è venuto fuori cresemissocon il quale si designa un dono natalizio per il quale a Napoli mancava la parola equivalente a strenna.  

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 10 volte nell' ultima settimana
  • 33 volte nell' ultimo mese
  • 373 volte nell' arco di un'anno