‘O sarto d’ ‘e ffemmene

Stampa questo copione

LOGO COMPAGNIA

 


COMMEDIA COMICA IN TRE ATTI DI

PASQUALE CALVINO

                                (numero di posizione SIAE  180531- 9donne-6 uomini) 

Libero adattamento e traduzione in italiano da

“TAILLEUR POUR DAMES”

di GEORGES FEYDEAU

(1887)

Versione napoletana di

PAOLO DI PERNA


PERSONAGGI E INTERPRETI

(In ordine di entrata)

IOLANDA, cameriera di casa Molino                              _____________________

ANTONIO, cameriere di casa Molino                             _____________________

VINCENZO, cuoco di casa Molino                           _____________________

GIOVANNA, moglie del dottor Molino                                     _____________________

UMBERTO MOLINO, medico e… sarto                         _____________________

ARTURO BISOGNI, amico di Umberto                        _____________________

LUISA CIOTOLA, madre di Giovanna                            _____________________

SUSANNA, amante di Umberto                                               _____________________

ARMANDO CARDELLINO, marito di Susanna              _____________________

MARCHESA CUCCURULLO, cliente snob della sartoria   _____________________

GIULIETTA DE BONIS, giovane cliente della sartoria  _____________________

MARIANNA, cliente svampita della sartoria                            _____________________

ELENA SCAROLA, altra cliente della sartoria                _____________________

SALVATORE, fornitore e creditore della sartoria          _____________________

ROSA PASSERA, ex moglie di Arturo Bisogni                _____________________


ATTO PRIMO

Il salotto di casa Molino.

Porta sul fondo che immette nell’anticamera. Porta a sinistra, in prima quinta, che immette nelle stanze di Giovanna. Porta a sinistra, in seconda quinta. Porta a destra, in prima quinta, che immette nelle stanze di Umberto. Porta a destra in seconda quinta. Un tavolo da lavoro a destra della scena. A sinistra del tavolo una grande poltrona, giornali di medicina e tutto ciò che può servire ad un medico. A sinistra due sedie, l’una accanto all’altra, mobili a piacere.

All’alzarsi del sipario la scena è vuota. Fa appena giorno.

SCENA PRIMA

(IOLANDA, poi ANTONIO, indi VINCENZO)

Iolanda         (Entra in punta di piedi per non farsi sentire e va a spiare nel buco della serratura della camera del dottore, poi tra sé, sottovoce) Uh mamma mia! Il dottore non si è ancora ritirato… Ddoje songhe ‘e ccose: o ha abbandonato la fresca sposina e se n’è gghiuto a quacche festicciola cu’ quacche bella figliola, oppure ha fatto le orine, cioè le ore piccole, cu’ quacche ato vezziuso comme a isso. In tutti e due i modi, nun sta dint’‘o lietto, chi sa mò addo’ sta durmenno schiato a quatto ‘e bastone… durmenno mò, diciamo pure chi sa dint’a qua’ lietto se starrà addecrejanno… Povera signora mia, s’è spusata a ‘nu bell’ommo sì, ma ‘na capallerta come ce ne sono poche… Manco se so’ spusate e già sta bell’e incorniciata… (Facendo il segno delle corna) Ma chi sa qua’ juorno ‘e chiste se sceta da ‘o suonno e l’appesantisce ‘a capa pur’essa a isso… (Si sentono dei passi) Sta venenno quaccheduno, meglio ca me ne vaco… (Via sempre molto cautamente)

Antonio         (Entra dalla porta di destra in seconda. Ha in mano una scopa, un piumino, uno strofinaccio e tutto ciò che serve per le pulizie domestiche. Posa il piumino e la scopa, apre la porta di fondo per dare aria, sbadiglia e farfuglia a voce normale) Mamma mia, e comme me sento ‘ntrunato! Quanno me sceto ‘a matina, nun capisco ‘o riesto ‘e niente… ce vo’ sempe ‘nu poco ‘e tiempo pe’ me fa capi’ chi songo e addo’ me trovo… e chesto vo’ dicere ca tengo ancora suonno… Poi, doppo ‘nu poco ‘e tiempo, più o meno ‘na mez’ora, appena me rendo conto ‘e chi songo e addo’ me trovo, ringrazio ‘o Signore ca m’ha fatto sceta’, pecché quanno ‘a sera me vaco a cucca’ penso sempre: «Chi ‘o ssape si dimane me sceto dint’a ‘stu munno oppure annanze a San Pietro!” (Spalanca enormemente la bocca sbadigliando) Aaaaah! Nun ce sta niente ‘a fa’: è sempre quanno ‘è ‘o mumento ‘e se sosere ca uno vo’ durmi’ ancora e tene cchiù suonno ‘e primma! (Sospirando) ‘O lietto… che bella invenzione! ‘E ccose cchiù belle se fanno dint’‘o lietto! Nientedimeno dicono che gli antichi romani mangiavano nel letto… «‘O lietto se chiamma Rosa, si nun se duorme ce s’arreposa, e si nun ce s’arreposa, se fanno tante ati belle ccose!». E tie’, tie’, stammatina ‘o suonno e ‘o lietto m’hanno fatto addeventa’ pure poeta… (Sbadiglia nuovamente spalancando enormemente la bocca) Aaaah! Ueh, ma io a furia ‘e fa’ ‘sti caspite ‘e sbadiglie, va a ferni’ ca me slogo ‘e mascelle… forse sarrà ‘o stommaco… Lo chiederò al dottore. Che bella cosa sta’ a servizio ‘e ‘nu duttore: s’have sempe ‘nu duttore al proprio servizio! E pe’me ca so’ cagionevole ‘e salute, sono… sono… (Tira fuori un foglietto dalla tasca) ah, ecco qua, me l’aggio fatto scrivere ca si no nun  me ‘o fosse arrecurdato maje: (Leggendo) sono di costituzione nervoso-linfatica, astenico, abulico e psicastenico, e poi sono pure… comme sta scritto ccà? (Legge meglio) Ah sì, sono oligo-fenil-piruvico! Va vide po’ che significa… Bah! Io auso ‘nu linguaggio semplice, democratico, no comme ‘o duttore ca hadda fa abbede’ ca have studiato e ca sape tanti ccose… Je nun dico ca songo… astitico… aburlico… insomma, comme sta scritto ccà ‘ncoppa, no, io dico che fatico assaje ma non troppo, infatti non è ca songo ‘nu grande faticatore, pecché secondo me il troppo fa male, tant’è vero ca ‘e duttore agli ammalati che consigliano? ‘O riposo, maje ‘a fatica! Ecco, io cerco di fare un lavoro di prevenzione, io cerco d’arrepusa’, ‘e durmi’, pe’ nun cade’ malato. Io da piccolo so’ stato malato assaje, haggio avuto ‘nu cuofeno ‘e malatie, pure ‘a meningite, e ce ‘o dicette pure a ‘o duttore, e isso m’arrispunnette: «Con la meningite o se more o s’addeventa scieme: tu nun si’ muorto…» (Ci pensa un attimo) Chi ‘o ssape che me vuleva dicere? Bah! Comunque qua stongo buono ‘overo, pure si me truvavo meglio sei mise fa, primma ca ‘o duttore se ‘nzurasse. Non che mi lamento, p’ammore ‘e dDio: ‘a signora Giovanna è ‘overo ‘na bella femmena, e visto ca ce n’aveveme piglia’ a una, chesta è proprio ‘a femmena adatta a nuje, pe’ ‘o duttore e pe’ mme… almeno me sciacquo ll’uocchie… (Cambia tono, deciso) Jamme bello, mettimmoce a ffatica’, cioè jammo a sceta’ ‘o duttore Umberto e mettimmoce a posto ‘a cammera soja. Je po’ me chiedo che ci si sposa a ffa’ si adoppo se dorme spartute: ‘o marito dinta a ‘na cammera e ‘a mugliera dinta a ‘n’ata… ma pare ca ogge accussì s’ausa, pure all’estero e nell’alta suggità… Bah! (Bussa alla porta in prima quinta a destra e chiama) Signore… Signor dottore, vi dovete alzare… Dottor Molino! (Tra sé) Azzò, sta durmenno pesante stammatina! (Apre la porta) Dottore!

Vincenzo       (Entra, è il cuoco) Ueh, ma ch’è stato? Te sto sentenno ‘e murmulia’ ‘a mez’ora!

Antonio         ‘O duttore ha durmuto fore, cioè cu’ quacche bella figliola… quacche femmena ca nun è ‘a mugliera… oppure è succiesa quacche disgrazia.

Vincenzo       Ma qua’ disgrazia?! ‘E ssapimmo ‘e pririmiente e don Umberto, e sapimmo pure ca s’‘e va a sfuga’ cu’ ati ffemmene, e fa buono! Fino a che si è giovani e forti e se trova quacche figliola ca te da… dicimmo l’amicizia, l’affetto, l’ammore, ‘o sesso… He’ visto ‘a fine ch’aggio fatto io? Doppo tant’anne ‘e fedeltà, ‘e sacrifice, ‘e rinunzie, ‘a femmena mia… (Singhiozza) m’ha lassato e se n’è gghiuta cu’ ‘nu guaglione ‘e vint’anne! Essa, ‘na femmena ‘e cchiù ‘e cinquant’anne… ‘o boy putesse essere suo figlio, ma che dico, figlio? Putesse essere ‘o nipote… Nonna e nipote! ‘E ffemmene so’ cattive e furbe, è ‘na lotta ad armi impari, pecché lloro teneno cchiù ccose ‘e nuje mascule. A me me piace Iolanda, ‘a cammarera d’‘a signora Giovanna, ma me metto appaura ‘e me ne ‘nnammura’ pe’ nun piglia’ ‘n’ata fregatura… “Chi dice donna dice danno, pigliane mille ma nun te ne spusa’ manco una!”

Antonio         Ma nun è ‘o caso d’‘a signora Giovanna… ‘A padrona è tanto ‘na brava femmena: buona, dolce, onesta, intelligente, nun dice maje buscie… ‘O duttore è ‘nu busciardo viziuso, pure si nun è ‘nu politico… È machiavellico, secondo me ha studiato di più “Il Principe” ca ‘a medicina: dice buscie pure si nun ce ne sta bisogno, ‘e ddice pe’ partito preso; nun è ‘nu duttore, ma ‘nu busciardone professionista… tradire la sua dolce metà, spusata ‘a pochi mise, cu’ qualunque femmena le capita sotomano, basta ca respira… È ‘nu schifo, n’essere spregevole, e chi sa cu’ quanta femmene ha passato ‘a nuttata! Isso ama sulo Bacco, Tabacco e Venere, mentre ‘a povera signora dorme fiduciosa: questo non sta bene, e io visto ca so’ pavato ‘a isso, l’aggia difendere pure!

Iolanda         (Entra in scena e si rivolge ai due con fare altezzoso ed arrogante) Ecco qua, invece ‘e fatica’ perdimmo tiempo a ffa’ ‘e ‘nciucie, po’ dicono ca songo ‘e ffemmene ca ‘nciuceaneo sempe… Ce stammo arrubbanno ‘o stipendio?

Vincenzo       ‘A vi’ lloca, a’a vi’: è arrivata ‘a generalessa… la direttrice generale! Piccere’, ccà si ce sta quaccheduno ca s’arrobba ‘o stipendio, si’ propeto tu! Io so’ stato assunto come cuoco e faccio ‘o duvere mio: ‘a matina jesco ampressa pe’ secgliere e accatta’ ‘o meglio mangia’: pesce fresco, carne, salame… vengo a casa e accummencio a cucena’, po’ ‘o pomeriggio lavo ‘e piatte e appriparo ‘a cena, nun tengo manco ‘nu minuto libbero pe’ perdere ‘o tiempo… Totonno leva ‘a povere, lava, mette a posto, serve a tavola e fa tutto chello ca ‘o signore lle dice ‘e fa’… ma tu ca si’ ‘a cammarera d’‘a signora, che ffaje?

Iolanda         Che ffaccio io? Pe’ primma cosa nun aggia da’ cunto a tte… Je faccio chello ca nun facite vuje, e so’ stata assunta sulo pe’ servi’ ‘a signora Giovanna: pe’ ce fa’ cumpagnia, pe’ ce cunziglia’ ‘e vestite, ‘e spese personali, pe’ l’appripara’ ‘o bagno, pe’ ce lava’ ‘e spalle…

Vincenzo       E facimmo a cambio: tu faje ‘a spesa, cucini, pulisci ‘a cucina, lave ‘e piatte… e io aiuto ‘a signora a se fa’ o bagno e tutto chello ca faje tu…

Iolanda         Ma fusse asciuto pazzo? Si propeto avessa ‘a fa’ a cambio, ‘o facesse cu’ Antonio, che sta sempe vicino ‘o signor Umberto…

Antonio         Ma è possibile ca v’appiccecate sempe? Ma ‘o ssapite che i più grandi amori accummenciano propeto cu’ ll’appicceche? Vuje primma o poi ve mettite a ffa’ ammore. L’appicceche ce starranno sempe, però se fa pace pe’ quacche gghiuorno, po’ ce s’appicceca ‘n’ata vota e accussì’ se passa ‘o tiempo… ‘a vita: tu amerai Iolanda e essa amerà te!

Iolanda         Io amare quello là? Meglio a me fa’ monaca ‘e clausura!

Vincenzo       Ed ecco a voi… La monaca di Monza! (Zittisce vedendo uscire Giovanna dalla sua stanza) Signora!

SCENA SECONDA

(GIOVANNA e detti)

Giovanna      (Entra dalla prima a sinistra) Il signore si è alzato?

Antonio         (Balbettando) Eh? No, no… Sì, sì…

Giovanna      Come sarebbe: «No, no… Sì, sì…» Ma che avete? Mi sembrate agitato.

Antonio         Io agitato? Noo, al contrario, guardateme buono signo’, ve sembro agitato?

Giovanna      Sì, se no mica te lo dicevo! (Si dirige verso la porta della stanza di Umberto)

Iolanda         (Entrando nella stanza di Giovanna, come a volersi togliere di mezzo) Io rifaccio il letto e pulisco la camera!

Antonio         (A Giovanna che si dirige nella stanza del dottore, vivacemente) Signo’, nun trasite!

Giovanna      (Stupita) Che idea! E perché mai?

Antonio         (Molto imbarazzato) Perché… perché… il signor dottore è ammalato!

Giovanna      Malato? Ma appunto: il mio dovere è curarlo, fargli compagnia, coccolarlo…

Antonio         (Correggendosi) No, ma io quando dico ammalato esagero… e poi… ce stanno tutte ‘e ffeneste arapute! Ci sta assai polvere ‘a llà, e io sto facendo, comme tutte ‘e matine, ‘e pulizie dint’‘a stanza d’‘o signore.

Giovanna      Come, mentre mio marito è malato? Ma che jate dicendo, site pazzo? (Entra nella stanza di Umberto)

Antonio         Ma signo’… (Al pubblico) Ecco qua, s’è fritto ‘o fegato… Comunque peggio pe’ isso, io tutto chello ca putevo fa’, l’aggio fatto!

Giovanna      (Uscendo agitatissima) Il letto è ancora intatto! Maritemo ha passato tutta ‘a notte fuori! Ah, complimenti Antonio, ‘o signore v’‘e pavarrà bbuono ‘sti servizi!

Antonio         Signo’, io overamente nun ve vulevo fa’ piglia’ collera, nun ve vulevo fa’ dispiace’… ‘o duttore nun è trasuto ancora nei… panni maritali, se sente ancora scapolo… forse starrà da qualche ammalato… ma cambierà.

Giovanna      Cambierà… Infatti sta cambiando, ma sempre in peggio. Scusatemi Antonio, siete tanto buono e caritatevole e vi ringrazio. Dopo solo sei mesi di matrimonio… è spaventoso!

Vincenzo       (Cercando di confortarla) Signo’, nun è spaventoso. Ll’uommene cchiù intelligenti so’ chilli llà che amano tanti ffemmene… i più affettuosi, ca so’ capaci di amare sempre, e che danno il loro amore a tutte… Signo’, pensate a quanti povere femmene tenessero bisogno ‘e ‘nu vaso, ‘na carezza, ‘nu poco d’affetto… ‘Nu dottore hadda fa’ tutto pe’ fa’ sta’ buono ‘e pperzone, hadda essere affettuoso cu’ tutte quante.. Penzate a ‘e musulmane ca ponno ave’ tanti ffemmene, ma… (Enfatico) Una è ‘a primma, la migliore, la più amata.

Giovanna      Vince’, ma faciteme ‘o piacere! Solo una donna non musulmana potrebbe capire il mio dolore. Ll’uommene ‘e mò so’ contro ‘e ffemmene, forse mammà me putesse capi’, ma nun ‘a voglio fa’ dispiace’… Buona giornata e buon lavoro.

Vincenzo       Signo’, che vulite a pranzo ogge? Io quando sto un poco giù mi vendico cu’ ‘o  magna', mangio tutto chello ca trovo…

Giovanna      Io no, sono tutta al contrario: se sto allegra mangio assai, se sono triste se chiude ‘o stommaco e faccio il digiuno, sono anoressica…

Vincenzo       Anoressica? E che vo’ dicere?

Giovanna      Anoressica è una che mangia pochissimo, praticamente una che non mangia mai.

Vincenzo       Ah, e io invece che magno sempe che sono?

Giovanna      Bulimico: uno che mangia di continuo è bulinico.

Vincenzo       Ah… Bulimico… È ‘nu poco difficile, me l’aggia scrivere accussì si me capita d’‘o dicere nun faccio brutte figure.

Giovanna      Comunque torniamo al pranzo: in questa casa ci siete anche voi che dovete mangiare, poi ci sta il signor dottore che… (Sottolineando) spreca tante energie con le donnine allegre… Fate voi Vince’, a piacere vuosto. Io vado nel mio studio. (Esce)

Vincenzo       Va bene, aspetterò gli ordini del signor dottore che tene sempe assai appetito. (Esce)

Iolanda         (Esce dalla camera di Giovanna da dove ascoltava tutto quello che accadeva) Io, si stesse dinte ‘e panne d’‘a signora Giovanna, che contengono ‘na bella guagliona, me truvasse ciento amanti ‘e tutte ‘e specie: giuvene, gruosse, anziane, accussì me vendicasse buono ‘e chello che fa’ ‘o duttore cu’ chelli vrenzole che frequenta. (Vede che Antonio non le presta ascolto) Vabbuo’, invece ‘e me perdere in chiacchiere cu’ ‘sti maschilisti, me ne vaco dint’‘o studio a cunfurta’ ‘a signora e a pripara’ ‘nu bellu piano ‘e vendetta. (Enfatica) Vendetta… Tremenda vendetta! (Via nello studio di Giovanna)

Antonio         (Rimasto solo) Povera femmena! Ma ‘o duttore meriterebbe tutto il mio disprezzo. Dint’a ‘sti ccose non transigo: ‘sti ccose nun se fanno… almeno nun se fanno accussì sfacciatamente… facennose avvede’’a tutte quante… Dice buono ‘o ditto antico: “Uocchio ca vede, core ca soffre e odia… Uocchio ca nun vede, core ca nun soffre!”

SCENA TERZA

(ANTONIO e UMBERTO)

Si sente bussare alla porta esterna dell’anticamera.

Antonio         Chi è?

Umberto       (Da fuori) Arape, sono io!

Antonio         Ah, è turnato ‘o duttore… (Va ad aprire per rientrare subito seguito da Umberto) Il signore ha passato la notte fuori?

Umberto       (In abito nero, col viso sfatto e la cravatta slacciata) Sì, silenzio… No… Cioè, sì! Muglierema sape quacche ccosa?

Antonio         Beh… ‘a signora mò mò è asciuta ‘a ccà, e se l’avesse giudica’ d’‘a faccia…

Umberto       (Inquieto) Ah, sì? Mannaggia, se puteva sceta’ cchiù tarde!

Antonio         Ah signore, è assai grave quello che fate, e si vulite sta’ a senti’ a n’amico…

Umberto       Quale amico?

Antonio         Io, signore!

Umberto       Ueh Anto’, manteni le distanze e non te piglia’ troppa confidenza… (Annusando l’aria) Piuttosto sento ‘na puzza, un cattivo odore, come qualcosa di vecchio, di non lavato… Anto’, ma nun te si’ lavato stammatina?

Antonio         Dotto’, io mi lavo tutte ‘e matine.

Umberto       Evidentemente nun he’ cagnato l’acqua dint’‘a vasca, te si’ lavato nell’acqua puzzolente d’ajere e puzzi! Ah, Dio mio che notte! Ho dormito ‘ncoppa a ‘na panchina nel giardino, è ‘nu miracolo si nun m’aggio pigliato ‘na ventina ‘e reumatisme… Prima che mi ci riprendano al ballo del San Carlo…

Antonio         (Tra sé) Allora è isso ca nun s’ha pututo lava’ e fete… (Ad Umberto) Ah! Il signore è andato al San Carlo?

Umberto       Sì… cioè no… Insomma, fatte ‘e fatte tuoje!

Antonio         Come volete, ma si vede ‘o stesso d’‘a faccia: nun ce sta bisogno ‘e nisciuna malizia pe’ capi’ ca ‘o signore se l’è spassata tutta ‘a nuttata…

Umberto       (Seccato) Va bene, Antonio, mò vai dinto ‘a cucina e dici a Vincenzo ‘e pripara’ ‘nu bellu pranzo, sto digiuno da più di diciotto ore, sto tutto infreddolito e voglio magna’ buono e in abbondanza.

Antonio         Vado subito, ma che cosa devo ordinare?

Umberto       ‘Nu bello gateau, la pizza di patate, io amo le patate, in tutti i modi: fritte, al forno, all’insalata, ma amo soprattutto il gateau di patate con salame e mozzarella. Me piacciono assai pure le mozzarelle, anzi per secondo ‘na bella caprese: mozzarella di bufala e pomodoro. E per chiudere fragole e gelato al pistacchio. Amo le fragole, le mozzarelle, i pistacchi… amo il cibo e l’amore…

Antonio         Il signore sarà servito direttamente da me! Per il cibo ovviamente… (Esce)

SCENA QUARTA

(UMBERTO)

Umberto       Seh, primma ca m’acchiappano ‘n’ata vota al ballo al San Carlo! ‘O Cielo m’è testimone ca nun ce vulevo trasi’, ma chella bella sciasciona ‘e Susanna Bonetti me fa fa’ tutto chello ca vo’… Per principio non bisognerebbe mai avere una donna maritata come paziente, è assai pericoloso. ‘O San Carlo, per esempio, è ‘na mania ca tene. «Ci vediamo a mezzanotte in punto fuori al Gambrinus.», che vuleva dicere… «Aspettami… in eterno!» E io aggio aspettato, sperando che fosse ‘a vota bona pe’… concludere, capimmoce… Aggio aspettato fino all’una passata, comme a ‘nu stru… volevo dire comme a ‘nu citrullo, poi, quando l’ho vista davanti a me… quando l’ag-gio vista… la cosa… la cruda realtà, ovvero quando aggio capito ca Susanna nun veneva cchiù, me ne so’ juto, ma stevo comme a ‘nu toro… ‘ncazzato e… nun sulo ‘ncazzato, a dicere ‘a verità… A parte ‘o toro comunque, me sentevo tutto scassato, accussì me ne so’ turnato a casa, consolandomi all’idea di una cena abbondante e di una bella dormita, ma quanno so’ arrivato fore ‘a porta me so’ addunato ca nun tenevo ‘a chiave! Me l’ero scurdata dinto ‘o cazone ‘e tutte ‘e juorne. Si avesse sunato, avesse scetato a muglierema. ‘a porta nun ‘a putevo scassina’ pure pecché nun tenevo attrezzi, allora, disperato, me so’ rassegnato e aggio aspettato ‘o juorno passanno ‘a notte ‘ncoppa a ‘na panchina d’‘o giardino. (Si siede a destra) Ah, chi nun ha mai passato ‘na nuttata ‘ncoppa a ‘na panchina nun po’ capi’ che significa… Me sento stracco e strutto, tengo sete, fame e suonno…. (Bruscamente) Ma sì, è un’idea: mi farò ‘na bella ricetta! (Ripensandoci) Sì, ma se curo me stesso, come farò a curare i miei pazienti? Pe’ cura’ a me ce vularrà assaje tiempo… E se invece mandassi a chiamare un medico vero? Uno bravo, di quelli ca te fanno sta’ buono in poco tempo, no ‘nu scafesso comme a me… Ah, si putesse cagna’ ‘stu carattere… Cu’ ‘na mugliera bella e affezionata, dolce e sensuale, io vaco passanno ‘e nuttate ‘ncoppa a ‘e panchine dint’‘o giardino? Ma fusse malato ‘overamente? Allora avesse ‘a consulta’ ‘nu psichiatra, perché se io non cambio quella cosa llà… comme se chiamma… la minestra, io non mi eccito… e poi aggio ‘a senti’ ‘o pericolo… È ‘na malatia strana… E poi appartengo a quel tipo d’uomo a cui piace la cosa… ‘a menesta, prima di mangiarla. Forse sono più felici l’uommene a cui la cosa… sempe ‘a menesta… ce piace solo doppo ca l’hanno assaggiata e perciò ‘a vanno truvanno ‘n’ata vota, chella e sulo chella ch’hanno assaggiato e gradito assaje…

SCENA QUINTA

(GIOVANNA e detto)

Giovanna      (Uscendo dalla sua camera) Ah, eccoti qua finalmente!

Umberto       (Alzandosi di scatto come spinto da una molla) Sì, eccomi! E tu… hai dormito bene? Come sei mattiniera! Perché ti svegli tanto presto, soffri d’insonnia? Se vuoi ti prescrivo qualcosa contro l’insonnia, è accussì bello dormire, per chi ci riesce…

Giovanna      (Amara) Pure tu te si’ scetato ampressa, no?

Umberto       (Imbarazzato) Io?... Eh, sì… avevo un lavoro da fare.

Giovanna      (Martellando ogni sillaba iniziale di ogni parola) Dove… hai… trascorsa… la notte?

Umberto       (Fingendo di non aver capito, per prendere tempo) Eh?

Giovanna      (Amara) Dove hai trascorso la notte? Addo’ he’ durmuto Umbe’?

Umberto       Sì, aggio capito… Dove ho passato la notte… Ma comme, nun te l’aggio ditto? Ieri, quando sono uscito, non ti ho detto: «Vado da Arturo Bisogni»? Oh, povero Arturo, è tanto malato… Povero Arturo!

Giovanna      (Incredula) Ah, e hai passato la notte da lui?

Umberto       (Con disinvoltura) Certo… Oh, tu non sai in che stato si trova Arturo, adesso…

Giovanna      (Beffarda) Pecché, non sta in Italia, no?

Umberto       Nun fa’ ‘a spiritosa Giova’, io sto parlando seriamente: stanotte ho dovuto vegliarlo!

Giovanna      (C.s.) Comme a ‘nu muorto? Per questo t’he’ miso l’abito scuro?

Umberto       (Arrampicandosi sugli specchi) Esatto, proprio per questo… No, che me faje dicere, mò te spiego: Arturo… Arturo è talmente malato, che la più piccola emozione lo ucciderebbe, ecco… Deve stare allegro e sereno, assai tranquillo Giova’, allora per nascondergli la cosa… la cardiopatia… l’ipertensione… abbiamo fatto finta… abbiamo organizzato una piccola festicciola a casa sua… con molti medici. Un vero consulto in abito nero, poi abbiamo dovuto ballare… sempre per nascondergli la grave malattia… E allora, sempre ballando, facendo finta di niente, noi cantavamo… Era divertentissimo! Spesso con i malati si debbono usare dei sotterfugi, non bisogna mai dire la verità… Bisogna mentire!

Giovanna      Geniale, veramente geniale! E così è assai malato… è spacciato?

Umberto       (Con convinzione) Sì, spacciatissimo: non se la caverà! Se poi, con il tempo e la mia genialità medica, riuscirò a farlo alzare vivo dal letto... Con la mia genialità medica…

SCENA SESTA

(ANTONIO, ARTURO e detti)

Antonio         (Entra dal fondo annunciando) Il signor Bisogni. (Via)

Arturo          (Entrando) Caro Umberto, buongiorno!

Umberto       Uh Madonna mia, proprio isso?! (Va incontro ad Arturo dicendogli rapidamente e a bassa voce) Statte zitto, si’ malato!

Arturo          Chi, io? Ma quando mai!

Giovanna      (Insidiosa) E… state bene signor Bisogni?

Arturo          (Fanciullone) Benissimo, come vedete… mi sento un leone!

Umberto       (Rapidamente) Sì, come si vede sta male, malissimo… (Sottovoce ad Arturo) Te vuo’ sta’ zitto? T’aggio ditto ca staje malato!

Giovanna      Ma perché vuoi che il signor Bisogni sia malato quando lui stesso ti dice…

Umberto       Ma che ne sa lui?! Non è medico. Quando io, che sono un insigne, un illustre medico, dico che è malato, vuol dire è… grave, è quasi spacciato.

Arturo          (Sussultando) Io sono spacciato?

Umberto       (Sottovoce ad Arturo) Soprattutto si nun te staje zitto! (Ad alta voce) Ma sì, soltanto che abbiamo cercato di nasconderti la situazione… (Tra sé) Ma sì, peggio pe’ isso, po’ pure schiatta’, si vo’ isso…

Arturo          Oddio mio, ma che stai dicenno?

Giovanna      (Con intenzione) Ahimè! È proprio per questo che mio marito ha passato l’intera notte accanto a lei…

Umberto       (Tra sé) Ecco qua, avimmo fatta ‘a frittata!

Arturo          Ha passato ‘a nuttata vicino a me, lui?

Umberto       Pecché, nun te ne si’ addunato? (A Giovanna) Lascialo stare, non vedi che delira? È in uno stato delirante acuto! (Sottovoce ad Arturo, andandogli incontro) Ma te vuo’ sta’ zitto o no? Nun ‘o vvide ca staje facenno sulo guaje?

Arturo          (Tra sé) Secondo me ‘o malato è isso

Giovanna      Suvvia signor Bisogni, si curi bene. Eppure avete un bell’aspetto per essere un uomo in agonia… cu’ tutto ca è ‘n’agonia che dura da un bel pezzo!

Umberto       Sì, è… un’agonia cronica… in stato delirante acuto… È delirante…

Giovanna      I deliri sono le malattie meno mortali. (Tra sé) Mò è tutto chiaro: me tradisce! Ma mò dico tutte cose a mammà! (Rientra nelle sue stanze)

SCENA SETTIMA

(UMBERTO ed ARTURO)

Umberto       Ma insomma, nun he’ capito niente? È ‘nu quarto d’ora ca staje facenno ‘na fesseria appresso a ‘n’ata! Niente, nun capisci niente: le allusioni, gli ammiccamenti, i segni ca te facevo… e che cacchio!

Arturo          Cacchio a parte, ch’aggia capi’?

Umberto       La situazione generale.

Arturo          Ma quale situazione?

Umberto       Si t’aggio miso in agonia, avevo le mie buone ragioni! Ce putive rimane’, no? Se un medico, e quindi uno scienziato, dice una cosa, nun l’he’ cuntrasta’. T’he’ ‘a sta’ zitto, nun he’ parla’ cacchio!

Arturo          E so ddoje… (Alzando il dito come un bimbo che deve chiedere alla maestra un permesso) Scusa Umbe’, posso parlare? Permetti?

Umberto       Che cacchio si’ venuto a ffa’? Si’ venuto a ffa’ confusione? A contrastare la mia diagnosi?

Arturo          Umbe’ ma tu che cacchio vaje truvanno? (Tra sé) ‘Nu cacchio ce l’aggio dato pur’io a isso…

Umberto       Nun te putive sta’ a casa? Nun putive tene’ ‘a delicatezza ‘e nun veni’ ccà? Almeno m’avvertive primma ‘e te presenta’…

Arturo          Ma io che ne sapevo? Come potevo indovinare?

Umberto       (Caricandosi) Che cacchio! Il giorno seguente la prima del ballo al San Carlo non si va a casa della gente che ha scelto a te come pretesto pe’ dicere ‘na buscia alla propria moglie!

Arturo          Umbe’, ma pecché nun me l’he’ ditto? Si m’avisse avvisato…

Umberto       (Bruscamente) Ma che ne sapevo io? Comunque, mò staje ccà… che si’ venuto a ffa’?

Arturo          Ah, sì, mò te lo dico. (Fanciullescamente) Tu ‘o ssaje, io vengo sulamente si ce sta ‘nu piacere ‘a fa’…

Umberto       (Riaddolcendosi) Ah, va bene, questo mi consola un po’. Si si’ venuto pe’ me fa’ ‘nu piacere, m’he’ fatto ‘nu bellu piacere!

Arturo          (C.s.) Noo, è un piacere ca he’ fa’ tu a me, no io a te.

Umberto       Ah, è per… (Tra sé) Mi avrebbe stupito il contrario. (Ad Arturo) Siente Artu’, m’he’ ‘a scusa’, ma sono proprio stanco: ho dormito male, ‘ncopp’a ‘na panchina fore ‘o giardino…

Arturo          (Complimentoso) Nun te preoccupa’, nun fa niente.

Umberto       Ti ringrazio, ma aspetto mia moglie che viene da Sorrento, e allora capisci…

Arturo          Sì! Bene, ecco di che cosa si tratta…

Umberto       (Tra sé) Che cacacacchio! (Ad Arturo) Scusami solo un attimo. (Suona un campanello)

SCENA OTTAVA

(ANTONIO e detti)

Antonio         (Entra dal fondo e si ferma sull’uscio) Il signore ha suonato?

Umberto       (Gli si avvicina, sottovoce) Sì, ti prego, liberami da questo signore, da questo cacacac… he’ capito, no? Fai così: tra cinque minuti suona, puortame ‘nu biglietto ‘a visita, non importa quale, e dimmi che ci sta una persona che mi vuole parlare. Penso che accussì chisto saraà costretto ad andarsene…

Antonio         Aggio capito: ‘o rimedio contro ‘e scucciature. State ‘mmano a me, nun ve ne ‘ncaricate. (Via)

Arturo          (Riprendendo il discorso) Dunque, come sai, un anno fa, in seguito alla mia eredità…

Umberto       La tua eredità?

Arturo          (Alzandosi) Comme! ‘E sorde ca me lasciaje mio zio… M’aggio accattata ‘na casa a Napoli, in via Chiaia, 70. I miei locali però, non si riescono ad affittare, e così sono venuto da te…

Umberto       Vuo’ affitta’ ‘e locale a me? E che me ne faccio?

Arturo          Ma no, che hai capito?! Tu qui hai un bel po’ di clienti‘, puoi chiedere a qualcuno di loro se sono interessati ad affittarne qualcuno… e po’ te faccio pure ‘nu bellu regalo, nun te preoccupa’. (Così dicendo gli dà dei prospetti)

Umberto       (Infuriato) Ma si’ pazzo? E viene fino a ccà e me faje appicceca’ cu’ muglierema pe’ me dicere chesto?

Arturo          Aspetta Umbe’, nun te ‘ncazza’, tu nun tiene niente ‘a perdere, ma tutto da guadagnare! Le mie case sono molto umide e malsane. Si me daje ‘na mano ad affittarle, gli inquilini si ammaleranno e io li mando da te. Ti mando tantissimi clienti… pazienti paganti…

Umberto       Artu’ ma vattenne! E già, mò consiglierò le tue case malsane ai miei pazienti…

Arturo          (Vivacemente, impaurito) Ma no tutte! Per esempio, ho un appartamentino all’ammezza-to completamente ammobiliato. È un’occasione: era occupato da una sarta che se n’è ghiuta senza paga’. (Ridendo) È una storia curiosa: pensa che la sarta…

Umberto       Eh, me ne importa assaje delle tue storie, del tuo appartamento e della tua sarta! Che me n’aggio ‘a fa’ d’‘a sarta?

Arturo          Permettimi, non è della sarta…

Umberto       Aggio capito, ma putive scegliere n’atu mumento pe’ me ne parla’! Si penso che pe’ tramente, muglierema, povera femmena… (Torna verso il fondo, a sinistra)

Arturo          (Amaramente) Ah, è vero, tu hai una moglie… La mia purtroppo l’ho perduta, nun l’aggio vista cchiù!

Umberto       (Distratto) Su, andiamo: chi dice donna dice danni… Meglio per te che l’hai perduta… e peggio pe’ chi l’ha vista… l’ha truvata… pe’ chi se l’è pigliata… Meglio accussì, siente a me, meglio accussì!

Arturo          Come sarebbe “Meglio accussì”?

Umberto       (Correggendosi) Volevo dire: “Che disgrazia! Che disgrazia! Che immane disgrazia! Povero Arturo!”

Arturo          Ma nun è ca me staje sfuttenno?

Umberto       Ma no, non è il caso di sfotterti, sono davvero dispiaciuto!

Arturo          (Amaramente) Cos’è mai la vita, tu non mi crederai… Mi è stata portata via in pochi minuti!

Umberto       (Annoiato) Portata via? Un colpo apoplettico? Un infarto?

Arturo          No…

Umberto       Un ictus? ‘Na morte ‘e subbeto?

Arturo          No, un soldato. L’avevo lassata ‘ncoppa a ‘na panchina dinto ‘a Villa Comunale e ‘nce avevo ditto: “Aspettami qua, vado dal tabaccaio a prendermi un sigaro”. Quando so’ turnato, nun ce steva cchiù. È passato ‘nu sacco ‘e tiempo, non l’ho più ritrovata… (Suonano al campanello) Suonano.

Umberto       (Tra sé) Antonio…

Antonio         (Comparendo sul fondo) Signore, ci sta un signore che vuole parlare con voi. Mi ha dato il suo biglietto da visita.

Umberto       (Scambiando un sorriso d’intesa con Antonio) Vediamo… ah, benissimo. (Ad Arturo) Artu’ scusami, è ‘nu cacacacchio, ma l’aggia ricevere afforza!

Arturo          Un seccatore? Ma lo so come succede, fallo entrare… (Si siede a destra) Io resto qui, così sarà costretto ad andarsene…

Umberto       (Tra sé) Che cosa? Vo’ rimmane’ ccà? Che faccia tosta! (Ad Arturo) Artu’, chisto, si aggio capito buono, vo’ parla’ cu’ mme a sulo a sulo.

Arturo          Allora è un’altra cosa… Chi è chisto? (Prendendo il biglietto da visita dalle mani di Umberto) De Falco… Ah, sì, De Falco, ‘o cunosco buono! Sarò felicissimo di rivederlo… Me ne andrò dopo.

Umberto       (Sconcertato) Che cosa?... No, non puoi… Non è lui… è ‘o pate!

Arturo          Ma si nun l’ha mai avuto!

Umberto       Allora lo zio! Vuole essere visitato e non vuole essere visto. Vattenne, va’… esiste la “privacy”, (Lo dice come si scrive) la praivasai… insomma, la riservatezza… (Costringe Arturo ad alzarsi)

Arturo          Ah, benissimo! (Fa per uscire dal fondo, poi, giunto alla porta, la evita e si dirige verso la seconda a destra) Facimmo ‘na cosa: aspetterò dint’a chest’ata stanza!

Umberto       (Tra sé) Madonna Santa, nun se ne va ‘e nisciuna manera, sa’? Ma paggio per lui: mò ‘o faccio aspetta’ tutta ‘a jurnata!

Arturo          Mi è venuta un’idea: si ‘stu cacacacchio te rompe ‘e scatole cchiù d’‘o necessario, saccio io ‘nu sistema pe’ te ‘o leva’ ‘a nanze! Io suono, ti faccio consegnare ‘o biglietto mio e accussì tu dice ca io songo ‘nu scocciatore ca he’ ricevere afforza.

Umberto       Sì, va bene, ma mò vattenne, va’! E si te siente stanco adduormete, ce sta ‘nu bellu divano comodo… (Arturo via nella stanza)

SCENA NONA

(UMBERTO ed ANTONIO)

Umberto       Uffa! ‘O fatto se complica… (Si lascia cadere su di una poltrona)

Antonio         E pensa’ ca ‘o signore è miedeco e nun approfitta ‘e ‘stu vantaggio pe’ se libbera’ d’ ‘e scucciature…

Umberto       Aggio pensato ca nun se ne jeva cchiù!

Antonio         Dotto’, si fusse a vuje, ‘o curasse cu’ ‘e stupefacente, le desse ‘nu sonnifero bello potente.

Umberto       Ah, no! Da stamattina ho avuto troppe emozioni, me sento distrutto, scassato, tutto indolenzito. Cercherò io di dormire… almeno un’oretta. (Si stende sulla poltrona) Anto’, nun me facite disturba’ ‘a nisciuno.

Antonio         State tranquillo, dottore. (Si avvia verso la porta di centro)

Umberto       (Chiudendo gli occhi) Ah, come si sta bene! Penso proprio che non ci metterò molto ad addormentarmi… po’ essere pure ca me faccio un bel sogno…

Antonio         (Sotto l’arco della porta) Vi devo svegliare?

Umberto       (Ad occhi chiusi) Sì, domani, o dopodomani… ma se dormo nun me sceta’!

Antonio         Va bene, allora ci vediamo uno di questi giorni… Buonanotte… cioè, buona mattinata… buon sonno… insomma, sogni d’oro! (Via seconda a destra)

SCENA DECIMA

(LUISA CIOTOLA e detto, poi GIOVANNA)

Una pausa durante la quale Umberto si addormenta e russa. Dopo un istante, si sente suonare. Rumori fra le quinte

Luisa              (Da dentro) Mia figlia! Mio genero! Voglio vederli!

Antonio         (Entrando come un fulmine) Signore, c’è vostra suocera! (Entra nella camera di Giovanna, parlando fuori scena a Giovanna) Signo’, ci sta vostra mamma! (Torna rapidamente in scena e va via per il fondo)

Luisa              (Irrompe dal fondo con una borsa in mano che poserà sul fondo) Ah! Figli miei! Figli miei!

Giovanna      (Uscendo dalla sinistra) Mammà! Mammà…

Umberto       (Svegliato di soprassalto) Ueh! Che sta succedendo?! ‘O terremoto?! (Sbalordito, vede Luisa) No, peggio, ‘a fine d’‘o munno: mia suocera!

Luisa              In persona!

Umberto       Ah! Che delitto svegliare la gente in questo modo!

Luisa              (Abbracciando Giovanna) Figlia mia… Caro genero, beh, che fai, non mi abbracci?

Umberto       (Ancora evidentemente assonnato) Come no! Ve lo stavo proprio per chiedere… Ma voi capite? La sorpresa… lo sbalordimento ‘e s’addurmi’ senza suocera e di trovarsela al risveglio! C’è sempre un momento di… (Sardonico) piacere… gioia… Abbracciatemi, suocera mia! (Luisa gli getta le braccia al collo) Sì, però calmateve, nun me sbrunzuliate troppo, pecché quanno se sta durmenno…

Luisa              Stavi dormendo?

Umberto       Ehm… sì, mi sono appena svegliato.

Luisa              E se vede! Hai la faccia di uno che ha dormito assaje!

Umberto       Ve ne siete accorta, eh? Siete proprio… fisioniomista!

Luisa              (Scoppiando improvvisamente a piangere) Ah, figli miei! Figli miei, come sono felice di rivedervi…

Umberto       Ma che vi succede? (Tra sé, al pubblico) E chesto pecché è felice, e si le dispiaceva che faceva?

Giovanna      Su mammà, nun chiagnere…

Luisa              (Singhiozzando in modo convulso) Non piango… sono forte, non piango…

Umberto       (Tra sè) Noo, p’ammore ‘e dDio… Piove!

Luisa              È l’emozione di rivedervi… Ma come ti sei dimagrito, Umbertuccio mio! Comme he’ fatto? (A Giovanna) In compenso tu, al contrario… Ah, Umbe’, il matrimonio ha dei lati positivi… Ma perché staje vestito ‘e scuro? Devi andare a qualche funerale?

Umberto       (Con vivacità) Sì, è per voi!

Luisa              (Facendo il gesto delle corna) Ueh, sciò sciò, ciucciuve’!

Umberto       (Correggendosi) Ma no, che avete capito? Io dicevo in vostro onore! Me so’ miso elegante pe’ vvuje!

Giovanna      (Amara) Mammà, Umbertuccio tuo, ha vegliato uno dei suoi ammalati… ‘Nu malato cu’ l’agonia cronica!

Umberto       Ecco!

Luisa              (Ad Umberto) Ma pecché, mò faje pure ‘o servizio notturno?

Umberto       Ehm… no! Ma quando c’è di mezzo un ballo… (Correggendosi) Un balato… cioè un malato… un medico si deve dedicare ai suoi ammalati…

Luisa              Ma staje ‘catarrato?

Umberto       Un po’…

Luisa              Giovanna, e tu non gliela prepari una bella tisana a tuo marito?

Giovanna      (Seccamente) Mio marito se fa’ cura’ dint’‘a casa d’‘e malate suoje, quando fa i suoi consulti… coreografici!

Luisa              Mamma mia, sei veramente acida con tuo marito! (Sembra che dica “mentacida”)

Umberto       (Vivacemente) ‘Overo, è mentacida… mentacida assaje!

Luisa              Ma è succiesa quaccheccosa fra tutt’e dduje?

Umberto       No, ma quaccheduna stammatina s’è scetata malamente…

Giovanna      E quacchedun’ato invece nun  s’è susuto proprio!

Umberto       (Tra sé) Umbe’, piglia, impacchetta e porta a casa!

Luisa              E ghiammo, calmateve. Menu male ca ce stongh’io ccà: per evitare l’appicceche tra marito e mugliera nun ce sta niente ‘e meglio d’‘a suocera!

Umberto       (Tra sé) Eh sì, ‘na bella distrazione… (Ad alta voce) È vero, come dice il proverbio? “Tra moglie e marito non mettere il dito… miettece ‘a ‘gnora d’‘o marito”, accussì fernesce tutto a pisce fetiente… (Correggendosi) Ehm, volevo dire accussì tutto se mette a posto, e marito e mugliera se vonno cchiù bene ‘e primma..

SCENA UNDICESIMA

(ANTONIO e detti)

Antonio         (Entra dalla seconda a destra con un biglietto da visita) Dottore, il signore di poco fa mi ha pregato di consegnarvi questo biglietto…

Umberto       (Alle signore) Permettete? (Legge il biglietto) Di Arturo!? Ah, questo no: Anto’, digli che ne avrò per un mese! S’hadda ammala’, chistu ccà, po’ vedimmo comme ‘o curo…

Luisa              Che succede Umbe’?

Umberto       No, niente… È il mio barbiere…. Solo che lui la barba, la fa venire… ‘a fa crescere! (Ad Antonio) Anto’, fa’ ‘na cosa: vai nella mia camera, ‘ncoppa a ‘na seggia ce sta ‘a vestaglia mia: prendila e portala, va’…

Antonio         (Stupito) Come avete detto? Putite ripetere?

Umberto       Anto’, ho detto: vai in camera mia, ce sta ‘a vestaglia mia, pigliala e portala.

Antonio         Ah! Come siete buono dotto’, nun saccio comme v’aggia ringrazia’… Grazie, grazie assaje, che Dio vi benedica! (Via in prima quinta a destra)

Umberto       (Che non ha capito) Ma che tene ‘a ringrazia’ chisto? Io ‘a vestaglia ce aggio chiesto…

SCENA DODICESIMA

(ARTURO e detti)

Arturo          (Esce dalla seconda a destra) Dotto’, ma te si’ scurdato ca je stongo ccà dinto ‘a ‘n’ora?

Umberto       (Ricacciandolo nella stanza) ‘N’ata vota? No, no, te n’he’ turna’ dinto! Tornatenne ‘a via ‘e dinto! (Arturo rientra sospinto da Umberto)

Luisa              (Stupita) Ma chi è quello?

Umberto       No, niente, è un mio amico ammalato.

Giovanna      (Ironica) Molto ammalato!

Luisa              E perché lo cacci?

Umberto       (Con disinvoltura) Ha una malattia contagiosa.

Luisa              ‘Overo?

Umberto       Sì sì, la più contagiosa di tutte: quando uno la prende non se ne libera più.

Giovanna      (C.s.)    Eppure è un malato che sembra crepare… di salute!

Umberto       (Tra sé) Muglierema me fa crepa’ a me… M’accide ‘e mazzate!

Luisa              (Tra sé) No, no, qua sicuramente ce sta quaccheccosa ca nun va. Aggia parla’ cu’ mia figlia… (Ad alta voce) Umbe’ per favore, lasciaci sole, a’mma parla’ ‘e cose ‘a femmene…

Umberto       Ma con piacere… (Tra sé) Quanno muglierema sta accussì, è meglio ca ce stongo luntano…. È capace ca ‘a mamma ‘a calma ‘nu poco. (Via nella prima a destra)

SCENA TREDICESIMA

(LUISA e GIOVANNA)

Luisa              (Spingendo la figlia verso le sedie di sinistra) Jamme bella, che sta succedendo? Pecché tratti accussì male a Umberto, ‘o vuo’ perdere, sì? Che t’ha fatto? (Siedono entrambe)

Giovanna      (Scoppiando in singhiozzi) Oh mamma, mammina… Sono tanto infelice!

Luisa              Oh Dio mio! Ma me vuo’ dicere che sta succedendo?

Giovanna      Mammà, Umberto ha durmuto fore!

Luisa              ‘Overo, e quando?

Giovanna      Stanotte, stanotte stessa! (Alzandosi) E chissà quante altre notti, senza che io me ne accorgessi…

Lusia              Comme, senza ca tu te n’addunasse? Cheste so’ ccose ca se vedono, specialmente di notte!

Giovanna      Come?

Luisa              E che marina! Qual è ‘a cammera vosta?

Giovanna      Quale, la mia?

Luisa              ‘A toja, ‘a soja… ‘a cammera vosta insomma… ‘a cammera ‘a lietto!

Giovanna      (Indicando le due stanze alternativamente) Io dormo di là, e Umberto ‘a ccà.

Luisa              Comme comme comme? Tu ‘a llà e mariteto… Doppo sei mise?

Giovanna      Ma ‘a parecchio tempo ca durmimmo accussì.

Luisa              (Vivacenmente) Ma nun se fa accussì, è sbagliatissimo! ‘A cammera ‘e lietto, come dire, è la salvaguardia della fedeltà coniugale…

Giovanna      Sì? No, pecché Umberto dice ca…

Luisa              Nun da’ retta, so’ tutte fesserie! ‘O fatto è ca ‘a cammera comune, mantene aunite pure ‘e pperzone ca convivono liberamente… Piccere’, ma questo è elementare, è matematico!

SCENA QUATTORDICESIMA

(ARTURO e dette)

Arturo          (Rientrando) Scusate signora…

Luisa              (Si rifugia dietro le sedie di sinistra) Uh mamma mia… ‘o malato contagioso! Turnatavenne ‘a llà, pe’ piacere!

Arturo          (A Giovanna) Volevo parlare con il dottor Molino.

Giovanna      (Aggressiva) Per ve mettere ‘n’ata vota d’accordo, è ‘ove’? Fate proprio un bel mestiere, caro signore, complimenti!

Arturo          (Sbalordito)Ma signora, io… (Muove un passo verso Luisa)

Luisa              (Spaventatissima) Jatevenne! Turnatavenne dint’‘o lietto, p’ammore ‘e dDio!

Arturo          (Avanzando verso di lei) Come sarebbe? Me n’aggia turna’ dint’‘o lietto?

Luisa              (Girando intorno alle sedie per sfuggirgli) E certo, quando si è malati, si sta a letto! Jate, jate dint’‘o lietto!

Arturo          (Tra sé, al pubblico) Dint’a ‘sta casa teneno ognuno quacche ccosa… (Tentando di avvicinarsi di nuovo a Luisa) Allora direte al dottor Molino…

Luisa              (Spaventatissima, allontanandolo con il gesto) Sì, certamente… appena lo vedo glielo dirò!

Arturo          (Ridacchiando) Vi ringrazio, mi permette di baciarle la mano?

Luisa              No! No… niente affatto! (Tra sé) E già, ce manca sulo ca me vasa ‘a mana… (Ad Arturo) Potete andare tranquillo, arrivederci

Arturo          Arrivederci. (Rientra nella seconda a destra)

SCENA QUINDICESIMA

(LUISA e GIOVANNA)

Luisa              (Riprendendo scena) Dà fastidio mio genero, però… Gli ammalati li dovrebbe lasciare a casa loro, oppure in ospedale! Chesta è ‘na casa, no ‘nu ‘spitale… Vabbe’, torniamo a noi, mi stavi dicendo che Umberto ha passato tutta ‘a notte fuori?

Giovanna      Fuori come di più non è possibile, mammà! Come sono infelice…

Luisa              Nun chiagnere, e pe’ primma cosa famme capi’ buono. Umberto ha durmuto fore, sì, ma con chi?

Giovanna      Con chi?

Luisa              E che diavolo! ‘Nu marito nun dorme a ‘n’ata parte pe’ passa’ ‘a notte isso sulo… Hai scoperto quacche ccosa?

Giovanna      (Prendendo un guanto da donna dal corsetto)  Nun saccio niente mammà, sulo ca ajere aggio truvato ‘stu guanto dint’‘a sacca d’‘o vestito sujo…

Luisa              Un guanto da donna… è un indizio… E fra le sue carte?

Giovanna      (Ingenua) Veramente non ci ho guardato.

Luisa              Nun he’ guardato dint’‘e ccarte soje? Ma figlia mia, è l’unico modo pe’ ssape’ quello che ci sta scritto dentro: tutte ‘e mugliere ‘o ffanno!

SCENA SEDICESIMA

(UMBERTO e detti)

Umberto esce dalla sua camera.

Luisa              Mariteto!‘Lassa fa’ a mme… (Giovanna esce)

Umberto       (Tra sé) Sperammo ca nun s’è scuncecato niente! Sperammo ca ‘a mamma ha miso pace!

Luisa              Umberto!

Umberto       (Falso) Amabilissima mammina… di mia moglie.

Luisa              Nun ce perdimmo in chiacchiere: conosci questo guanto?

Umberto       Se lo… Ah! Bene! Se sapeste quanto l’ho cercato… (Cerca di prenderlo)

Luisa              (Dandogli col guanto un colpo sulla mano) Statte fermo! Di chi è questo guanto?

Umberto       Eh… di chi è… Io… (Con improvvisa disinvoltura) È mio!

Luisa              Tuo? Accussì piccirillo?

Umberto       Ehm… Certo! Per rimpicciolire la mano, no? Quando s’indossano indumenti stretti… gli organi… la mano non si ingrossa ma si rimpicciolise, non lo sapevate? E allora pecché ‘e ffemmene se metteno busti e panciere?

Luisa              Ma famme ‘o piacere: è un guanto da donna!

Umberto       (Sempre con disinvoltura) Sembra… perché si è bagnato! Ha preso la pioggia  si è ristretto ancora di più!

Luisa              (Spiegando il guanto in tutta la sua lunghezza) Ma è troppo luongo!

Umberto       Precisamente: si è ristretto e si è allungato! Con l’acqua ha guadagnato in lunghezza quello che ha perso in larghezza: è un effetto che si produce sempre… Anche voi, se vi bagnaste… (Mima a gesti qualcosa di molto lungo e molto stretto)

Luisa              Ma ‘a vuo’ ferni’ ‘e dicere strunzate? Ma m’avisse pigliata pe’ scema? (Indicando un punto del guanto) Ccà ce sta ‘a misura: sei e mezzo!

Umberto       (Pronto) No! Nove e mezzo… L’acqua ha capovolto il numero!

Luisa              Umbe’, t’aggio ditto ‘e nun me piglia’ pe’ scema: je nun me metto ‘o cappiello astritto pe’ me rimpiccioli’ ‘e ccerevelle! Vuo’ sape’ ‘a verità? Sei un marito abominevole, ti comporti come un dissoluto lussurioso!

Umberto       Io?

Luisa              Sì, tu! Passe ‘e nuttate fore d’‘a casa, e po’ se trovane ‘e guante ‘a femmena dint’‘e ssacche d’‘o vestito!

Umberto       Ma vi ho detto che è colpa dell’umidità! (Luisa lo fulmina con lo sguardo, Umberto capisce che non può continuare con questa farsa e cambia atteggiamento) E va buo’, ve dico ‘a verità, tutta la verità, nient’altro che la verità…

Luisa              Aspetta, mò chiammamme ‘o giudice e quacche testimone…

Umberto       Signora Luisa, nun pazziammo, ve dico tutte cose, pure si nun me fa tanto piacere…

Luisa              E quale fosse ‘sta verità, sentimmo?

Umberto       Ecco… la verità è che… il guanto l’ho trovato… e dato che colleziono… purtroppo… indumenti intimi femminili… guanti, calze, reggiseni… me lo sono tenuto.

Luisa              Umbe’ ma chi te crede? Siente Umbe’, si tu tradisce a figliema, tenarraje a che ffa’ cu’ mme, e cu’ mme nun se pazzeja, he’ capito? Arricuordatello sempe: mò si’ ‘nzurato, tiene ‘na mugliera…

Umberto       (Tra sé, tra i denti) Mannaggia ‘a marina, ma chi me l’ha fatto fa’? Stevo accussì bello io sulo… cu’ Antonio…

Luisa              (Continuando) E di conseguenza, hai giurato fedeltà! Tu sai bene che per il codice civile la moglie deve seguire il marito, pertanto: noi ti seguiremo!

Umberto       ‘Onna Lui’, ‘o codice civile dice ca ‘a mugliera hadda segui’ ‘o marito, nun dice ca ‘a ‘gnora hadda segui’ ‘o genero, aggiate pacienza!

Luisa              Genero snaturato! E tu vulisse spartere ‘na figlia d’‘a mamma?

Umberto       (Esasperato) Ma jate ‘o diavulo… Vedite addo’ avit’‘a ji’!

Luisa              Comme te permiette?

Umberto       Sentite: vuje site venuta ccà apposta pe’ me’ turmenta’! Dopo tutto, io sono padrone delle mie azioni, nun aggia da’ conto a nisciuno, e vuje m’avite proprio rutto ‘e... scatole!

Luisa              Io t’aggio rutto… ?

Umberto       Sì, e mò jatevenne a… chillu paese!

Luisa              Ecco, e po’ diceno ca songo ‘e suocere ca appicciano ‘o ffuoco… Quindi tu vorresti dire che io sono di troppo in questa casa?

Umberto       Ah, certamente, se diventate causa di discordia tra me e Giovanna.

Luisa              (Drammatica) E così mi cacci… Mi cacci dalla casa di mia figlia!

Umberto       Io?

Luisa              (C.s.) E va bene, non dovrai ripeterlo una seconda volta!

Umberto       (Alzando le braccia sulla suocera) Ah, sentite, io… (Poi, tra sé, ripensandoci) No, è meglio ca m’arretiro… ‘Sta femmena fosse cacchia ‘e fa’ perdere ‘a pacienza pure a Giobbe! (Via a destra in prima quinta)


Luisa              (Calmatasi dopo l’uscita di Umberto) Nun ce sta niente ‘a fa’: so’ tutte eguale! ‘O stesso ‘o faceva maritemo cu’ ‘a ‘gnora, cioè cu’ chella santa donna ‘e mammà… Comunque io non passerò la notte qui, nun è proprio cosa, a costo ‘e me ne ji’ dint’a ‘nu dormitorio pubblico!

SCENA DICIASSETTESIMA

(ARTURO e detta)

Arturo          (Uscendo dalla seconda a destra) Ma insomma. che modi sono questi di fare aspettare la gente?

Luisa              (Continuando a parlare tra sé ad alta voce, non accorgendosi della presenza di Arturo) Pe’ tramente, voglio vede’ si riesco a me truva’ n’appartamentino ammobiliato…

Arturo          (Che ha sentito le parole di Luisa) Cercate un appartamento? Ho quello che fa per voi!

Luisa              (Spaventata) Il contagioso… ancora! (Si sposta rapidamente in modo da mettere il tavolo tra lei ed Arturo)

Arturo          (Tra sé) L’è venuto ‘n’ata vota l’attacco… (A Luisa) Ho quello che fa per voi: un appartamentino graziosissimo ad un piano ammezzato, da affittare subito, completamente ammobiliato…

Luisa              (Sempre preoccupata) Davvero?

Arturo          Sì, ed è anche qui vicino, in via Chiaia, al numero 70. (Le tende un biglietto da visita che Luisa, dopo qualche tentennamento, prende con la punta delle dita)

Luisa              (Con ansia) E… ci abitavate voi?

Arturo          No, no, una sarta. Tra l’altro è anche una storia molto buffa: figuratevi che la sarta…

Luisa              Vabbe’, vabbe’, d’‘a sarta nun m’interessa, piuttosto, è sano? C’è umidità?

Arturo          Oddio, dipende: se è per abitarci…

Luisa              E se capisce!

Arturo          Ah! No, perché sapete, talvolta lo si affitta per qualche scappatella…

Luisa              (Scandalizzata) Ma che state dicenno? E ve pare ca io…

Arturo          (Correggendosi e cercando di riparare) Oh, certo, non è il vostro caso… Insomma, è sano… come tutti gli appartamenti. Finchè non ci si busca niante. (Tra sé) In fondo io a chesta nun ‘a cunosco, ma è ’a ‘gnora d’Umberto, e tra amici ci si deve aiutare…

Luisa              Benissimo, andrò a vederlo oggi stesso!

Arturo          Che bello! Ah si ‘o putesse affitta’!

SCENA DICIOTTESIMA

(UMBERTO e detti)

Umberto       (Uscendo dalla sua camera) Ce mancava sulo chesto: ‘a vestaglia mia nun ce sta e Antonio nun me porta ‘o resto ‘e niente!

Luisa              (Tra sé, andando nella stanza di Giovanna) Mio genero… gli cedo il posto!

Umberto       (Vedendo Luisa andare via agitata, tra sé) A quanto pare ancora nun s’è calmata.

Arturo          Dice ‘a verità, ‘a vecchia rompe, eh?

Umberto       Ah, tu stai ccà? Benissimo: sei il benvenuto!

Arturo          No! Dimme ca è ‘overo e nun sto sunnanno… Fosse ‘a primma vota!

Umberto       È ‘overo, è ‘overo… Ho pensato bene a quello che mi hai detto.

Arturo          ‘E che staje parlanno, Umbe’?

Umberto       Prendo in affitto l’ammezzato.

Arturo          Veramente? (Tra sé) Si ‘o ssapevo giocavo un po’ al rialzo…

Umberto       Sì Artu’, me serve… A te t’‘o pozzo dicere, si’ n’amico e ‘na perzona discreta: io tengo ‘n’amante… Oddio, amante proprio no… diciamo che tengo una relazione al momento solo platonica, con una donna sposata.

Arturo          Platonica? Ma essa ‘o ssape?

Umberto       E certo ca ‘o ssape, Artu’! Platonica pe’ ‘o mumento, no? È stata una mia cliente per molto tempo.

Arturo          Cosa aveva?

Umberto       ‘O riesto ‘e niente, e tanto ho fatto che l’ho guarita.

Arturo          E ‘o marito che dice?

Umberto       E che ne saccio? Nun ‘o cunosco e nun ‘o voglio conoscere, che me ne ‘mporta?

Arturo          Ma allora non ami tua moglie? Non le sei fedele?

Umberto       Nossignore, amo mia moglie ma non le sono fedele. Tutte ‘e marite so’ busciardi e traditori: l’infedeltà è insita nella funzione di marito. Ma mò nun te ‘ntrica’ d’‘e fatte mieje, piuttosto, quanto vuo’ pe’ l’ammezzato?

Arturo          ‘Nu milione!

Umberto       ‘Nu milione all’anno? È buono, lo prendo!

Arturo          ‘Nu milione ‘o mese! He’ capito o no ca sta a via Chiaia? E po’ ‘e sfizie se pavano…

Umberto       Manco so’ trasuto e già m’he’ aumentato ‘e chesta manera? E va buo’, nun fa niente, m’‘o piglio ‘o stesso… (Tra sé, al pubblico) Cu’ tutte ‘e sorde ca avanzo da ‘e visite me vene gratis…

Arturo          Qaundo ti servono le chiavi?

Umberto       Anche oggi stesso.

Arturo          (Aggiustando macchinalmente i risvolti del vestito di Umberto) Per me va anche bene, ma è ancora tutto sottosopra, ci sta ancora tutta ‘a rrobba d’‘a sarta, pecché, comme te stevo dicendo, è ‘na storia buffa assaje. Pensa che la sarta,,,

Umberto       No Artu’, ‘stu fatto d’‘a sarta m’‘o cunte n’atu juorno.

Arturo          Come vuoi. Comunque l’appartamento non è ancora sistemato del tutto.

Umberto       E va bene, pe’ tramente cercherò di adattarmi, ch’aggia fa’? Piano piano me lo metterai a posto.

SCENA DICIANNOVESIMA

(ANTONIO, SUSANNA e detti)

Antonio         (Entra indossando la vestaglia di Umberto) Signore, c’è la signora Cardellino.

Umberto       Ah, bene. (Ad Arturo) Artu’, tu vai di là e accummencia a pripara’ ‘o cuntratto. (Arturo via nella seconda a destra. Ad Antonio) Guarda guarda! Nun facimmo complimenti, eh? Ci siamo messi pure la mia vestaglia…

Antonio         (Ingenuo) E si capisce! Voi mi avete detto di prenderla e di portarla, e io l’aggio pigliata e ‘a sto purtanno…

Umberto       Ma tu ‘overo faje? (Fa per aggredirlo ma si blocca nel vedere entrare Susanna Cardellino)

Susanna         (Entrando vivacemente) Buongiorno cherì!

Umberto       (Fa segno ad Antonio di allontanarsi. Antonio va via per il fondo. A Susanna facendo il broncio fanciullescamente) Sei venuta, cattiva, cattiva cattiva! Nun se fa accussì, nun se fa aspetta’ ‘na perzona tantu tiempo ‘e notte fora a ‘o Gambrinus inutilmente.

Susanna         Sono mortificata cherì: speravo che mio marito se ne andasse per conto suo, così potevo restare libera, invece nun m’ha lassata tutta ‘a serata!

Umberto       In verità l’ho pensato. Il matrimonio è ‘na catena troppo pesante da portare in due. Io ti aiuto Susanna, accussì almeno ‘a purtammo a tre…

Susanna         Grazie dell’aiuto cherì. Da qualche giorno mio marito mi accompagna dappertutto. Ogni tanto le veneno ‘sti crisi. Per esempio, mò sta giù, mi sta aspettando in macchina. Chillo vuleva sagli’, per fortuna so’ riuscita a farlo resta’ abbascio!

Umberto       Hai fatto bene, non ci tengo proprio a fare la sua conoscenza. (Tra sé) Me venessero ‘e scrupole, ‘e sensi ‘e colpa… (A Susanna) Mia cara, dolce, piccola Susanna… (L’atti-ra verso le due sedie)

Susanna         Ah, Umberto, sono colpevole di ascoltare le tue dichiarazioni

Umberto       Ma no, che vaje pensanno, non devi sentirti così…

Susanna         Sì, ma ora è troppo tardi, è vero?

Umberto       Beh, insomma…

Susanna         Tu ‘o ssaje che è la prima volta che mi capita…

Umberto       Sì Susanna, me l’avrai detto un milione di volte, e la cosa mi dà veramente tanta gioia. Ma stamme a senti’: nun ce putimme vede’ ccà tanto facilmente. Le visite mediche sono sì una buona scusa, ma non potranno durare a lungo: la gente che ci sta intorno prima o poi lo noterà ca viene spesso, e allora ci saranno ‘nu sacco ‘e chiacchiere, ‘e ‘nciucie e si scoprirà la verità. Capiranno ca nun simmo ‘o miedeco e l’am-malata ma due cuori innamorati… due anime elette che si desiderano… che prendono il volo verso il Paese della tenerezza…

Susanna         (Andando al sodo) Insomma cherì, si scopriranno gli altarini, diciamolo papale papale!

Umberto       Praticamente sì. Ma se vuoi, possiamo vederci oggi stessi, in campo neutro…

Susanna         Dint’a ‘nu campo? Io preferirei dint’a ‘na casa…

Umberto       Brava. E pensa che io ho un appartamentino all’ammezzato dello stabile di via Chiaia, al numero 70. Là ci potremmo vedere anche oggi stesso. È tutto ammobiliato e poi è qui vicino, all’angolo della strada… Ci arriviamo subito subito

Susanna         (Esitando) Mascalzone, accussì mi tenti… (Bruscamente) E va bene, ma senza seconde intenzioni. Il mio amore è etereo… spirituale… immateriale… platonico…

Umberto       Ma sì, amore mio, sempre, sempre platonico! (Al pubblico) Po’ ce ‘o faccio vede’ io l’ amore etereo e platonico, lassa ca stammo io e essa a sulo a sulo…

Susanna         Perché tu lo sai, io sono fedele a mio marito Armando!

Umberto       Se sei fedele a tuo marito? E chi mai potrebbe dire il contrario! Anche se… io penso che si può avere un amante senza tradire il marito.

Susanna         Ma non dicere scemità! Allora siamo intesi: ci vediamo tra un’ora in via Chiaia, al numero 70, all’ammezzato. (Cambiando tono) Questo è male, Umberto, è assai male, ma tu ‘o ssaje: è ‘a primma vota ca me capita!

Umberto       Sì, sì, lo so! (Tra sé)Allora ha accettato… Hehehehe in amore, quanno ce se mettono ‘e ffemmene dell’alta suggità so’ chelle ca te danno meno ‘mpicce!

Susanna         (Andando verso il fondo) Allora io scappo!

Antonio         (Compare improvvisamente sul fondo) Signore, c’è il signor Cardellino.

Susanna         Maritemo!

Umberto       Isso? Nun ‘o voglio vede’!

SCENA VENTESIMA

(ANTONIO e detti, poi ARMANDO)

Susanna         (Mentre entra Armando preceduto da Antonio) Amore mio, sei salito? Stavo per scendere.

Armando       (Molto disinvolto) Allora vai, ti raggiungo. Il tempo di dire due parole al dottore. (Vede Umberto in abito nero e gli getta il cappotto fra le braccia. Ad Umberto) Lasciateci. (Ad Antonio che è in vestaglia, tendendogli la mano) Dottore…

Umberto       (Tra sé, sbalordito) Che cosa? Hahaha questa è bella!

Susanna         (Ad Armando) Ma amore mio…

Umberto       Zitta, lascialo fare, preferisco così. (Accompagna Susanna al fondo e poi esce dalla prima a destra)

Armando       Caro dottore, ero giù ad aspettare mia moglie ed ho pensato: “Mò salgo a chiedergli un parere”. Figuratevi che ‘a ‘nu poco ‘e tiempo, mi sanguina il naso e la circolazione del sangue si arresta.

Antonio         (Dopo un gesto di stupore) Benissimo! Prendete la chiave della sala da pranzo.

Armando       Deve essere proprio la sala da pranzo?

Antonio         Nei limiti del possibile sì, la sala da pranzo. Pigliate la chiave e mettetevela sulla schiena.

Armando       La sala da pranzo… E va bene!

Antonio         E restate circa un’ora e mezzo col naso e la bocca immersi, senza ritirarli, in una bacinella piena d’acqua.

Armando       E comme faccio a respira’?

Antonio         Respirate, respirate, nun ve preoccupate… L’importante è ca restate col naso e con la bocca nell’acqua! Tutto qui: è un rimedio radicale! I vecchi rimedi della nonna…

Armando       ‘A verità avesse preferito quacche ata cosa, comunque… Guardate qua, guardate la mia lingua: che ne pensate? (Tira fuori la lingua)

Antonio         Penso che la mia è più lunga. (Tira fuori la lingua)

Armando       (Sbalordito) Ma che jate facenno?

Antonio         E poi la mia è lunga, invece la vostra è rotonda, me pare ‘na cutaletta! (Tira nuovamente fuori la lingua)

Armando       Eh no dutto’, chesto no!

Antonio         Ma qua’ duttore e duttore? Io non sono dottore: sono sì, assai dotto, molto colto, ma nun songo miedeco.

Armando       (Sobbalzando) Non siete medico? Non siete il dottor Molino?

Antonio         Nossignore, ma è la stessa cosa: sono il suo cameriere!

Armando       Un cameriere? E come osate parlare con me?

Armando       Ma vedete, io non ci tengo, io parlo con tutti… Sono un tipo assai… democratico. E po’ nun tengo niente ‘a fa’… ‘A verità a me nun me piace proprio ‘e fatica’: preferisco ‘e sta’ senza fa’ niente… pensare… meditare… filosofare…

Armando       (Tra sé) Ma allora a chi aggio dato ‘o cappotto? (Torna verso il fondo)

SCENA VENTUNESIMA

(UMBERTO, ARTURO e detti)

Umberto       (Esce dalla prima a destra; indossa una finanziera) Allora? Sono pronto.

Arturo          (Esce quasi contemporaneamente dalla seconda di destra) Ecco il contratto. (Gli consegna il contratto)

Umberto       Grazie, amico mio.

Arturo          Ma in tutto questo nun t’aggio ancora raccontato ‘a storia. He’ ‘a sape’ che la sarta…

Umberto       Sì, Artu’, m’‘o ddice cchiù tarde, mò me l’aggi’ ‘a svigna’ subbeto subbeto. (Va rapidamente verso il fondo)

Armando       (Fermando Umberto mentre passa) Scusate dottre…

Umberto       (Tra sé, rapidamente) E mò m’aggia spiccia’ a chisto! (A voce alta) Non sono il dottore… (Via per il fondo)

Armando       Ah, site n’ammalato? Scusate… (Vede Arturo e gli va incontro. Tra sè) Allora è chisto ‘o duttore! (A voce alta) Signore, sono rimasto per chiederle scusa.

Arturo          (Che stava lisciando il cappello, non capiesce e si gira intorno per vedere Armando a chi abbia rivolto la parola, poi si accorge di essere lui l’oggetto delle attenzioni di Armando) A me? Chiedere scusa a me? E per cosa?

Armando       Come per cosa? Per il cappotto, no?

Arturo          (Non capendo) Per il cappotto, certo… Ma non c’è di che! (Ritornando alla sa idea fissa) Senta, mi permetta di raccontargliene una bella: s’immagini che io avevo come inqulina ‘na sarta che aveva una sartoria proprio nel mio appartamento. ‘A cosa bella è ca…

Armando       (Che suo malgrado è stato accompagnato fin sul fondo da Arturo) Ah, benissimo… Ma le chiedo scusa. Onoratissimo! (Gli stringe la mano e va via per il fondo)

Arturo          (Tra sé, sbalordito) E se n’è ghiuto pur’isso… (Scorge Antonio che è rimasto e lo guarda con un sorriso ebete. Tra sé) Ah, il cameriere! (Ad Antonio) Ora ve ne racconto una bella…

Antonio         (Ritornato serio) Purtroppo per me… ho da fare… aggia’ fatica’!

Arturo          (Non lo ascolta e lo fa sedere accanto a sé a sinistra) Sì… Allora: figuratevi che la sarta aveva… (Approfittando di un momento in cui Arturo, immerso nel racconto, non lo guarda, Antonio se la svigna a mo’ di Pantera Rosa. Sorpresa di Arturo nel trovarsi da solo. Inizia una scena muta durante la quale cerca di capire come ha fatto Antonio ad uscire; va verso il fondo, poi ritorna a proscenio) Se n’è ghiuto! (Al pubblico) Allora: ‘o fatto è breve: Figuratevi che ‘sta sartina, ‘na bella guagliona, aveva… (Su queste parole l’orchestra lo interrompe. Arturo cerca di dominarla continuando a parlare, ma il sipario gli si chiude in faccia)

Sipario

FINE DEL PRIMO ATTO


ATTO SECONDO

L’ammezzato in via Chiaia, 70.

Porta sul fondo, con la serratura rotta, che immette sul pianerottolo della scala, visibile al pubblico. Ai due lati della porta d’ingresso, una sedia. In fondo a sinistra, non lontano dalla porta, un manichino con un abito da donna. Porte a destra e a sinistra, in secondo piano.

A destra e a sinistra, in primo piano, tavoli di sartoria, su cui si trovano alla rinfusa scatole, pezze di stoffa, stampe di moda, forbici, eccetera. A sinistra, accanto al banco, una sedia. A destra, un divano.

All’alzarsi del sipario la scena è vuota, poi compare dal fondo Umberto.

SCENA PRIMA

(UMBERTO, poi la MARCHESA CUCCURULLO)

Umberto       (Nell’entrare si guarda intorno, circospetto. È solo) L’ammezzato sicuramente è questo qua. Ah, la serratura non funziona! Cominciamo bene, sai che spasso cu’ ‘a porta ca nun se chiude? Aggia dicere ad Arturo che l’ha da mettere a posto. (Si gira rapidamente ma si trova faccia a faccia con il manichino; istintivamente fa un salto) ‘Na signora! Ah, no, è ‘nu manichino… D’altronde ccà ce steva ‘na sarta, Arturo me l’ha ditto… Va be’, sistemerò ‘st’appartamento al meglio… (Mette una sedia per non far aprire la porta) Sarrà proprio bellillo quanno sarà svuotato ‘e tutta st’ammuina. (Riflette) ‘O ssaccio ca chello ca sto facenno nun è ‘na cosa bona… Quando uno tene ‘na mugliera bella comme ‘a mia nun l’hadda fa’ cierti ccose… Me sento ‘nu rimorso… Sento ‘o rimorso ma nun ‘o stongo a senti’, sono sordo… E poi così vuole la natura umana… l’ommo desidera ‘a femmena e ‘a femmena desidera l’ommo… ch’aggia fa’? È una delle cose più interessanti dint’a ‘sta vita chiena ‘e probblemi: mangiare e amare sono cose assai piacevoli, pe’ chesti ccose se fatica tanto… Io aggio studiato medicina, una facoltà assai dura e difficile, e io so’ stato furtunato pecché papà me truvava sempe ‘na raccomandazione quanno io avev’‘a fa’ n’esame… Eh, sì, ma ‘nu paro d’argomenti me l’aveva ‘mpara’ a forza… E poi tutto il lavoro del medico è assai depressivo: se fatica assaje! E meno male ca ce sta ‘na bella ricompensa monetaria… Lo dice pure un proverbio: “SI LAVORA E SI FATICA, PER LA PANCIA E PER… E PER…” Pe’ che ccosa? Ah, sì: “PER L’AMORE!” Però accussì nun fa rima… bah! È vero pure che ‘na vota ca se passano ‘e cient’anne, sempe si se passano, se sente sulo ‘a famma d’‘o magna’… (Sente bussare alla porta e guarda l’orologio) È l’ammore mio che è puntualissimo: viene a saziare di baci il suo passerottino… (Si avvicina alla porta ma non la apre) Amore mio! Mio unico desiderio… passerottina bella del passerotto tuo…

Marchesa     (Con voce maschile) Aprite! Aprite! Non sono la passerottina… È un’ora che aspetto!

Umberto       Ma nun è ‘a passerotta… è ‘nu maschiaccio, sarrà ‘nu condor… ‘nu gufo… mamma mia! (Toglie la sedia e apre pian piano; entra una signora anziana molto ben vestita) E voi chi siete? Che volete da me?

Marchesa     (Con toni enfatici) Sono la Marchesa Flora Cuccurullo, moglie del barone Stanislao Giordano, e vengo a portarvi il mio ultimo vestito scollato realizzato in questa sartoria qualche tempo fa, perché le coppe del reggiseno sono difettose e spesso il seno fuoriesce…. Ma dov’è la sarta? Sono cose da donna, cioè tra marchesa e sarta.

Umberto       Purtroppo la sarta non c’è, dovrete dire a me che sono sarto… sia per i maschi che per le femmine… i maschi li vesto, le femmine le sves… ehm, le servo. Ma non vi preoccupate, dite tutto a me, io riferirò alla mia socia e…

Marchesa     Innanzitutto quando vi rivolgete a me chiamatemi Signora Marchesa Cuccurullo Baronessa Giordano, non vorrei essere confusa con altre marchese; per quanto riguarda il vestito, per accrescere la mia bellezza in società, c’è bisogno che il corpetto reggiseno sia più piccolo… perché il mio seno probabilmente si è rimpicciolito, non è ben protetto dalle coppe e può fuoriuscire.

Umberto       Signora Marchesa Cuccurullo Baronessa Giordano, peccato ca ancora nun hanno inventato ‘o sistema pe’ abbuffa’ il seno accussì comme s’abboffano ‘e pallune, ‘e rrote d’‘e biciclette e chelle d’‘e machine. Io nun so’ capace ‘e fa’ miracule, ma sicuramente posso riferire alla mia socia-sarta che deve diminuire la misura del volume delle coppe perché ciò che contengono s’è marcito… s’è seccato… ‘nfracetato… insomma, s’è rimpicciolito!

Marchesa     Faccia poco lo spiritoso perché lei, e il mio lei è per metterla a grande distanza da me, in quanto se io le dessi il tu vorrebbe dire che siamo sullo stesso piano, capito? Dunque dicevo: lei faccia poco lo spiritoso, perché lei si trova davanti una delle più importanti, nobili e colte dame dell’alta aristocrazia di Napoli. Mia sorella ha sposato nientedi meno che un principe… io sono un’esperta linguista, conosco sei lingue, e inoltre sono un’eccellente, molto eccellente, anzi, eccellentissima, ho la licenza poetica, esperta di arte culinaria, ha capito adesso?

Umberto       Signora Marchesa Baronessa sorella di Principessa comme se chiamma, se lei sa usare e usa bene la lingua, cioè se lei conosce sei lingue e ha il marchesato, il baronato e il culinaria, sappi che io non sono da meno perchè io sono il dottor sarto stilista… (Cerca un nome) Ignazio Ignazi! Avrà sentito parlare di me, no? Conoscerà quello che ho fatto per la moda, no? Sì o no?

Marchesa     (Un poco impressionata) Veramente questo nome non l’ho mai sentito… non l’ho mai sentito o forse non lo ricordo, e…

Umberto       (Eccitato per finta) Allora lei o è ignorante, perché ignora le mie gesta, il mio vissuto artistico, oppure è malata, ed è affetta da… da agnosia compulsante e compulsiva anancastica.

Marchesa     (C.s.) E che sarebbe?

Umberto       Sarebbe… ecco… un tipo di demenza che non consente il ricordo… È una malattia studiata dal grande dottore Umberto Molino, di cui mi onoro di essere suo amico nonché suo sarto personale!

Marchesa     Tutte queste cose non mi riguardano e non mi interessano, ora devo andare via, mi raccomando: riferisca a chi di dovere. (Gli ridà il vestito che aveva poggiato sulla sedia) I miei amici dell’altissima aristocrazia mi aspettano per una gita in barca, un pranzo ed una partita a carte…

Umberto       Vada, vada a scopare… cioè giocare a scopa, a briscola, a scala ottanta… (Tra sé) Pe’ festeggia’ ‘o prossimo compleanno… (La marchesa esce senza chiudere la porta; Umberto non se ne accorge e va a contemplare il lato B del manichino) Guarda ccà, gua’… sembra la Venere Callipigia… la Venere dal bel sedere! (L’accarezza e si guarda in giro, mentre entra dal fondo Susanna)

SCENA SECONDA

(SUSANNA e detto)

Susanna         (Entrando dal fondo) Sono io.

Umberto       (Senza voltarsi) ‘Sta vota nun me sbaglio, è Susanna! (Si volta) La mia bella Susanna… tutta panna!

Susanna         (Che vorrebbe chiudere la porta) Uh, non si chiude!

Umberto       (Che è tornato verso il fondo ed è davanti a Susanna) Nun fa niente, metterò una sedia contro la porta. (Dispone la sedia come detto)

Susanna         Ma potrebbe entrare qualcuno, non c’è pericolo?

Umberto       (Venendo avanti insieme a Susanna) Ma che pericolo ce ha da sta’?

Susanna         Ah! Se qualcuno ci vedesse… mi sentirei davvero colpevole!

Umberto       (Tra sé) Ih che bella morale! (A Susanna) Ma no, siamo soli, assolutamente soli, solissimi, Susanna mia! Vieni, vieni vicino a me. (Siedono sul divano e Umberto le prende le mani) Ma dai, non tremare così!

Susanna         Nun te preoccupa’, mò me passa. Pure Armando mio marito, che ha fatto il militare nella riserva dell’amministrazione, me dice sempe ca pure i più valorosi tremmano quanno accummencia ‘o ffuoco, ma po’ passa tutte cose!

Umberto       Ah, isso dice ca… E allora che problema c’è? Su, mettiti in libertà, lievate ‘o cappotto…

Susanna         Ma si’ pazzo?! Posso restare solo un momento. Armando è giù, po’ sagli’ ‘a nu mumento a ‘n’ato, passerà da qua fuori, e si accorgerà di tutto.

Umberto       Mariteto sta ccà ‘bbascio?

Susanna         Sì, m’ha vuluto accumpagna’ pure mò…

Umberto       Ma allora gli hai detto…

Susanna         Sì!

Umberto       (Molto contrariato) Ma che fesseria he’ fatto? Nun se fanno ‘sti ccose! E lui è contento di questi… diciamo incontri di sua moglie?

Susanna         Ma che hai capito? Io gli ho detto che dovevo andare in sartoria. Tu m’he’ ditto ca ccà ce steva ‘na sartoria e accussì haggio fatto ‘sta penzata!

Umberto       Ah, mamma mia! M’he’ levato ‘nu peso ‘a coppa ‘o stommaco!

Susanna         Non immagini che fastidio che mi ha dato il fatto che m’ha vuluto accumpagna’ a forza, ma non potevo rifiutare, avrebbe sospettato… e po’ nun vulevo fa’ aspetta’ pure a te… So’ stata gentile o no?

Umberto       Ma certamente! La mia buona Susanna… (Tra sé) Però è ‘o stesso: ‘o fatto ca Armando sta abbascio non mi eccita… me fa’ gela’! (A Susanna) La mia buona Susanna…

Susanna         (Sorridendo) Già me l’he’ ditto…

Umberto       (Balbettando) Veramente? Possibile? La mia buona Susanna tutta panna… E com’è buona Susanna tutta panna… Sei il mio gelato: te mangiasse, t’alliccasse… comme a ‘nu gelato! Si’ bona, sei buonissima!

Susanna         (Stando al gioco) E quattro! Cinque… Sei buona, buonissima… Ma non sai dire altro? Me l’he’ ditto quatto-cinche vote!

Umberto       È ‘overo, quatto-cinche vote, io so contare! Ma tu si’ bona, troppo bona, che colpa ne ho io? Me piace assaje assaje, sei buonissima: te vulesse assaggia’, te vulesse mangia’, so’ sicuro che sarai saporitissima!

Susanna         (Sorride) Pure chesto già me l’he’ ditto! (Ritorna seria) Ma mò ti chiedo una cosa: per favore, dimmi ca nun sto facendo ‘na pazzia…

Umberto       (Annoiato) Ma no, ma no, ma quale pazzia?! Mica noi siamo pazzi! Noi siamo schiavi dell’amore… è ‘na cosa bellissima!

Susanna         Tu ‘o ssaje ca è ‘a primma vota…

Umberto       Sissignore, lo so! (Tra sé) Comme me fa senti’ a disagio chillu marito llà bascio… Me pare ‘e cammena ‘ncoppa a ‘o bordo ‘e ‘nu precipizio!

Susanna         E tu cherì, sei felice?

Umberto       Ma certamente! Ma non son felice solo io, saremo felici tutti e due! Lo dice pure la canzoncina: (Canta) “Tu mi darai la fe… tu mi darai la fe… tu mi darai la felicità…” (Continua a canticchiare con aria di completa prostrazione) Ma certamente! Ma sicuramente saremo felici: felici e sazi! Si è felici dopo aver fatto l’amore in modo stupendo, non prima… (Tra sé, dopo un attimo di riflessione) Non si è felici quando si ha fame, ma quando si è sazi!

Susanna         Perché mai sazi?

Umberto       (Prendendole le mani) Perché quando due uccellini si amano… un passerotto ed una passerotta si desiderano e raggiungono l’apice dell’amore, del piacere… dopo ci si sente felici, paghi, sazi… Ci stanno anche molte canzoni che sottolineano questi rapporti d’amore: (Canta) “Io ti darò la cosa più bella che ho… Tu mi darai la cosa più bella che hai…” oppure: “Io ti darò di più… Io ti darò di più… Di tutto quello che tu hai dato a me…” Dopo l’orgasmo si è sazi e felici! Bisogna orgasmare, cioè amare con orgasmo, non in modo platonico… Si deve amare in modo epicureo… Almeno io la penso così: ci vogliono la chitarrina ed il clarinetto, la musica dolce dell’amore!

Susanna         Ma tu sei un poeta! (Lo guarda) A che stai pensanno?

Umberto       Io?... A niente… Cioè, a te, a te… E tu a che pienze?

Susanna         Ti sento freddo… non è che mi disprezzi?

Umberto       (Esaltandosi a freddo) Ma no, Susanna, come puoi dire questo! Io vorrei passare tutta la vita ai tuoi piedi!

Susanna         Vabbuo’, cheste so’ ccose ca se diceno…?

Umberto       (Mettendosi in ginocchio) Ecco la prova! E mò spogliate, amiamoci… (Susanna si convince ed inizia a spogliarsi, ma ad un certo punto…)

SCENA TERZA

(ARMANDO e detti)

Armando       (Entrando rovescia la sedia) Uh Madonna mia! Aggio fatto cade’ tutte cose!

Umberto       (Completamente sbalordito e sempre in ginocchio) ‘O marito! Armando! Non si può entrare!

Armando       Come sarebbe, non si può entrare?

Umberto       Volevo dire… Entrate, cosa aspettate? (Si alza)

Armando       Grazie, so’ già trasuto! Mi annoiavo giù per strada, e così m’è venuta l’idea ‘e sagli’.

Umberto       Ah, è un’ottima idea! (Tra sé) Proprio chesto me stevo addimandanno, si le prodevano ‘e ccorna e saglieva!

Armando       (Fanciullescamente) Ma non vorrei disturbare… Susanna, ti stavi spogliando… Continua, fai come se io non ci fossi…

Umberto       Ah? Beh, è facile a dirsi…

Armando       Stavate prendendo le misure a mia moglie, vero? Ho visto, e fate pure, io non sono geloso dei sarti né dei medici… è il loro lavoro. E poi spesso sono… (Si ferma ma fa capire che intendeva dire omosessuali)

Susanna         (Coglie la palla al balzo) Esatto! Il signore mi stava misurando la vita.

Umberto       (Borbottando) Infatti… la vita… la misura della vita… centoventi di circonferenza.

Susanna         (Vivacemente) Come centoventi? È sempe stata sessanta, per la miseria!

Armando       (Ridendo) Sì, sessanta!

Umberto       (Cercando di riprendere un contegno) Certamente… Novanta, sessanta, novanta… sono le misure ideali! Soltanto, sapete, per abitudine i grandi sarti raddoppiano tutto…

Armando       Pure i conti?

Umberto       Ah, no, no… i conti li triplicano. Sa, noi abbiamo un sacco di spese, ed è questo che ci distingue dalle piccole sartorie. E poi, capirete bene, così… senza metro… ad occhio… Nun è ca tenisseve ‘nu metro dint’‘a sacca?

Armando       (Ridendo) No, no, penso proprio di no. Ma pecché, vuje nun ‘o tenite?

Umberto       No! Io non ce l’ho… ‘O tenevo però… sì, ne tenevo uno grande e n’ato cchiù piccirillo, ‘e dieci centimetri… e poi ne tengo ancora tantissimi, pure troppi, ma stanno tutte quante nell’atelier, anzi, negli atelier… nei miei vasti atelier…

Armando       Ma comm’è strano ‘stu sarto! Ma diciteme ‘na cosa, signor… signor…? Comme ve chiammate?

Susanna         (Cercando un nome che non le viene) Signor…

Umberto       (Animatamente) Pinco… Signor Pinco!

Armando       Pinco! Aspettate ‘nu mumento… Già l’ho sentito da qualche parte ‘stu nomme…

Umberto       Sicuramente! Pinco è molto diffuso. Siamo veramente tanti, noi Pinco… Abbiamo un grandissimo albero genealogico…

Armando       Ma pure la vostra faccia non mi è nuova… Addo’ v’aggio visto? Addo’ v’aggio pututo cunoscere?

Umberto       (Cerca di nascondere il viso e parla volgendo quasi le spalle) Non saprei… (Tra sé) Sperammo ca nun m’arricunosce! (Ad Armando) Ma sicuramente in un luogo pubblico, che ssaccio, fore ‘o San Carlo… dint’‘a Villa Comunale… fore ‘o Gambrinus…

Armando       No… Ah, lo so: dal dottor Molino, il medico di mia moglie! Vi ho intravisto proprio là, ve facite cura’ pure vuje dal dottor Molino?

Umberto       (Cercando di assumere un’aria distaccata) Ah, no, pochissimo… Io nun aggio bisogno ‘e miedece… Tanto, pe’ chello ca fa…

Armando       Tenite ragione, è un cialtrone!

Umberto       (Sconcertato) Ah, nooo, non dico questo… È ‘nu bravo duttore, ma purtroppo la medicina nun po’ cura’ tutto… (Riflette) Ma voi veramente lo credete un ciarlatano?

Armando       (Ingenuamente stupito) E a vuje che ve ne ‘mporta?

Umberto       Beh, è il mio medico e ‘o vulesse sape’, gli sono legato…

Armando       E come disse Rhett Butler in “Via col vento”… “Dopo tutto, me ne infischio!” (Siede sulla sedia di sinistra che sistema di fronte ad Umberto) Ma che state facendo a mia moglie?

Umberto       (Vivacemente) Io? Niente… nun ve vulisseve credere ca io…

Armando       Come sarebbe a dire “niente”?

Umberto       (Correggendosi) Cioè, sì… Volevo dire… una polacca, in tulle… con sbuffi in pelliccia… ornati di jais… sul pantalone.

Armando       E addo’ sta ‘o pantalone?

Umberto       Quale pantalone? Ah, sì… quello di sotto, pecché, nun se vede?

Armando       Me pare ‘na mesca francesca ‘nu poco strana… ‘E sbuffe ‘e jais ‘ncoppa a ‘o pantalone… Susa’, nun te fida’ ‘e ‘sti ccose eccentriche… (Ad Umberto) Signor Pinco, scusate, ma nun ‘o tenite ‘nu modello?

Umberto       ‘Nu modello? Ah, sì, sì, ne tengo tantissimi… Ma non si possono vedere, sono negli atelier, insieme ai metri… Sapete, sto ristrutturando la sartoria e i miei modelli ‘e ttengo chiusi sottochiave… M’avite ‘a capi’, ‘a concorrenza farebbe presto a soffiarmeli… Quelli sono modelli unici!

Armando       E quindi nun ‘e putimmo scegliere?

Umberto       Sceglierli? Ah… ma sì, sicuramente, si possono scegliere ma nun se ponno vede’… Usiamo i numeri: primo modello, secondo modello… (Tra sé) Ma quanno se ne va?

SCENA QUARTA

(GIULIETTA DE BONIS e detti)

Giulietta      (Entrando dal fondo) Buongiorno a tutti, signori.

Susanna         ‘Na femmena?!

Umberto       (Sbalordito) E chi è chesta? (Per un momento cala il silenzio, tutti si guardano con aria interrogativa)

Giulietta      Non c’è la signora Marzano?

Umberto       La signora Marzano? (Guarda successivamente Susanna ed Armando, poi, dopo un po’ di silenzio) No, la signora Marzano non c’è!

Giulietta      Che peccato, dovevo vederla per il mio conto.

Umberto       Il conto? Quale conto?

Giulietta      Quello dei vestiti che la signora Marzano mi ha mandato a casa!

Umberto       Ah, certo, ‘a signora Marzano fosse ‘a sarta.

Giulietta      Ma perché, nun ‘a cunuscite?

Umberto       (Animatamente) E come no? Ma certo, certo che la conosco, la signora Marzano… è la socia mia! (A parte) M’‘o puteva dicere chillu scemo d’Arturo, ca ‘sta sarta ha lassato ‘a clientela abbandonata. Si ne veneno assaje, saje che spasso?

Giulietta      Allora va bene, se siete il suo socio, posso rivolgermi a voi. Sono la signorina Giulietta De Bonis… (Facendo la gattina) Però m’avite ‘a fa’ ‘nu poco ‘e sconto, chella fattura è troppo cara…

Umberto       Ma certo, quello che vuole… (Tra sé) Pe’ chello ca me costa, basta ca se ne va… (Estrae di tasca una matita)

Giulietta      (C.s. mostrandogli il conto) Ecco, guardate: trecentoquarantamila lire per quell’abituccio ca m’avite fatto, v’‘o ricurdate? Il vestito in crepe de chine?

Umberto       Certo… in crepe de chine… e comme faccio a nun m’‘o ricurda’?

Giulietta      È esagerato, nun dicite?

Umberto       Sì, è ‘overo, è troppo esagerato, io penso ca è proprio indecente! E quanto vulite sparagna’ su trecentoquarantamila lire?

Giulietta      Nun ‘o ssaccio, ma penzo ca trecentomila lire ponno abbasta’.

Umberto       (Alla buona) Ma certamente! Allora si levammo trecentomila lire, ne restano quaranta, ve va buono quarantamila lire?

Giulietta      Ma che dicite? Ve state sbaglianno!

Umberto       Ma no, signori’, i conti li so fare bene: trecentoquaranta meno trecento, fanno quaranta… Negli affari so’ sbrigativo!


Giulietta      E va bene, si ‘e ccose stanno accussì ve ringrazio. Non avrei mai creduto ca me faciveve ‘nu sconto accussì forte… Comunque vi debbo dire che v’aggio purtato ‘nu vestito ‘e l’anno passato, pecché fa difetto… (Mostrandosi) Sono dimagrita e mi va troppo largo, me l’avita mettere a posto ampressa ampressa, e prendete bene le misure perché pure quello che mò vi ho pagato già mi va ‘nu poco largo… Io sto sempe a dieta… (Guardandosi intorno) Ma qua ci sta ‘na confusione enorme, dove mi posso cambiare d’abito?

Umberto       Dove volete voi, ma facite ampressa, nei grandi saloni non è possibile… Ecco, cambiatevi là , nuje nun ve guardamme.

Giulietta      (Si mette in un angolo con il viso rivolto verso il muro, poggia un pacchettino e poi si toglie la gonna, ma nel voltarsi vede che tutti la stanno guardando) Ah, no! M’avevate promesso ca nun me guardaveve!

Umberto       Avete ragione, scusate me so’ distratto… (Guarda in avanti) Comunque non sono un guardone… sono costretto a vederne tante di donne nude…

Giulietta      Nude? E che fate, il medico o il sarto? (Si toglie il corpetto guardando verso Umberto) Mò vi sto guardando, nun ve girate!

Umberto       Faccio ‘o sarto, ‘o sarto… Ma pure i sarti per signora vedono un sacco di donne spogliate. (Mentre Giulietta indossa l’abito da sistemare) Io poi faccio pure l’intimo: reggiseni, culotte, mutande… tutto su misura.

Giulietta      Ecco fatto, mò ve putite gira’. Guardate ccàcomme me va largo… piglia teme ‘n’ata vota ‘e mmesure!

Umberto       (Vede uno spago, lo prende e si avvicina a Giulietta) Vediamo la vita…

Giulietta      Ma non ce l’avete il metro?

Umberto       Ne tengo tanti, ma accussì me trovo meglio… (Lo guarda) È lungo trenta centimetri… (Dopo la vita le misura il bacino e si imbarazza, come si imbarazza nel misurarle  la circonferenza del busto)

Giulietta      (Sottovoce) Si me facite ‘o stesso prezzo, vengo quando state sulo e ve faccio piglia’ tutte ‘e mmesure ca vulite, anzi ve faccio fa’ tutte cose… (Si corregge) Vulevo dicere, tutte ‘e prove ca vulite… E poi me faccio fa’ pure reggiseni e culotte…

Umberto       (Sottovoce) Site spusata?

Giulietta      (C.s.) No, sono ‘na ragazza illibata!

Umberto       (C.s.) E allora non è pericoloso però non c’è fascino… Vedete, je songo comme a Casanova: ho bisogno del pericolo… (A voce alta) Bene, lasciatemi il vestito, ‘o facimmo allarga’… volevo dire stregnere.

Giulietta      E mò girateve ‘n’ata vota, così me lo tolgo e ve lo lascio. Poi vi porterò la stoffa per un vestito nuovo… però m’avite ‘a fa’ ‘o stesso prezzo dell’ultimo! (Va verso il fondo)

Umberto       Venite fra otto giorni, vi faremo lo stesso prezzo!

Armando       (Ridendo, al pubblico) Hanno ‘a essere ‘na bella maneca ‘a mariuole, ‘sti sarte, pe’ ffa’ ‘sti sconti…

Giulietta      (Nota la presenza di un separè) Ma come, tenete il separè e m’avite fatta spuglia’ senza?

Umberto       (Guardando il separè) Ah… eh… non è il caso. S’aveva ‘a arapi’ e se puteva rompere…

Giulietta      Va be’, arrivederci, ce vedimmo tra otto giorni! (Via dal fondo)

Armando       (Guardando l’orologio ed alzandosi) ‘A faccia mia, s’è fatto miezujuorno! Me n’aggia ‘a scappa’! (Tra sé, al pubblico) Me sta aspettando Rosa, faccio a tempo a tempo… (Ad Umberto) Vi lascio mia moglie, occupatevi di lei. Fatele qualcosa di raffinato… di molto aderente… E prendetele bene i fianchi… il petto… insomma, facitela cuntenta in tutto e per tutto, m’arraccumanno…

Umberto       Lo farò, state certo… L’accontenterò in tutto e per tutto con molto piacere… sono sarto! Ho preso pure le misure a chella… (Non trova la parola) Vabbuo’, a chella ca se n’è juta mò mò!

Armando       Beh, arrivederci! (Via dalla porta in fondo)

Umberto       (Appena Armando è uscito, si precipita contro la porta, e vi appoggia contro la sedia, sulla quale si lascia cadere annientato) Uffà, se n’è juto!

Susanna         (Ritornando verso il fondo) Ah, cherì, siamo in un bel pasticcio! E mò che pensi di fare?

Umberto       (Con convinzione) Che penzo ‘e fa’? Me ne fujo, e ti giuro che ‘na cosa ‘e chesta non capiterà mai più!

Susanna         Nun ce penza’ nemmeno… Nun ‘o puo’ ffa’!

Umberto       E perché, sentiamo?

Susanna         Perché… Perché mio marito se penza ca tu si’ ‘o sarto mio, e perché po’ pure turna’! E si torna e nun te trova, capisce ‘a verità e, si ‘o cunosco buono, te vene a cerca’ e accide primma a tte e po’ a mme!

Umberto       (Ribellandosi) Ma nun tene ‘o diritto ‘e fa’ chesto! Passerebbe un guaio: Polizia, Carabinieri, processo, carcere… mica è miedeco! (Distrutto) Ah, Susanna mia, in che guaio ce simme cacciate? (Si sentono dei rumori) Nasconditi, nun ce facimmo vede’ sempe azzeccate azzeccate… (Susanna apre il separè e si nasconde dietro di esso) Forse tuo marito s’è scurdato quacche ccosa?

SCENA QUINTA

(MARIANNA e detti)

Marianna      (Umberto apre la porta e trova una signora, Marianna, che è caduta e che prima di rialzarsi, dice) Mamma mia, aggio avuto ‘nu mancamento… ‘nu giramento ‘e capa e so’ caduta ‘nterra!

Umberto       (Aiutandola a rialzarsi) Ch’è succieso signo’, avete la pressione bassa?

Marianna      Sì, tengo la pressione bassa, ma vuje che ne sapite, site ‘nu miedeco?

Umberto       Io un medico? No, no, io sono un sarto, ‘nu grande sarto… un artista! Non avrei mai potuto fare il medico… sempre a contatto con i malati… tristi… depressi… spesso pure a contatto con la morte… che tristezza! Ma voi chi siete? (La signora si rialza)

Marianna      So’ venuta a purta’ ‘a stoffa trasparente pe’ ‘e cammise ‘a notte, ‘e culotte e ‘e mutande. Finalmente aggio truvata ‘a stoffa ca me piaceva a me: è di un colore rosa pallido, trasparentissima. Ma vuje site ‘nu collega d’‘a signora Marzano, ‘a sarta? ‘A vulite vede’? (Umberto rimane basito) Ueh, sto parlanno cu’ vuje… me parite ‘nu poco stunato, a che state penzanno? (Alzando la voce) ‘A vulite vede’ sì o no?

Umberto       Nun ‘o ssaccio… m’‘a vulite fa’ vede’ ccà? (Riflette) Aspettate ‘nu mumento, ma che cosa me vulite fa’ vede’?

Marianna      Comme che v’aggia fa’ vede’?’A stoffa! A me me dicono ca songo ‘na stunata, ma vuje nun me vedite proprio!


Umberto       Avete ragione, scusate… Sapete, anche io soffro di pressione bassa… poi tengo ‘nu cuofeno ‘e problemi… Lassateme ‘a stoffa e vi faremo delle belle camicie da notte rosa trasparente, e pure mutande, culotte e tutto chello ca vulite dint’a pochi juorne. Quando ve le metterete, faranno ringiovanire di trent’anni vostro marito.

Marianna      Ma qua’ marito?! Io songo ancora signurina e songo pure comme mammà m’ha fatta… M’aggia spusa’ tra duje mise e ‘e cammise me servono p’‘a primma notte d’am-more. Sulo ca ‘a sarta ancora m’ha da piglia’ ‘e mmesure: io nun ‘e voglio molto larghe, e visto che le indosserò nuda, ‘e misure hanno ‘a essere precise. Mò me spoglio annuda!

Umberto       Nooo! (Sottovoce) Pe’ ve fa’ piglia’ ‘e misure annuda avite ‘a veni’ oggi pomeriggio, vuje sola senza ‘o futuro marito… (Innervosendosi) Avite capito? Sola!

Marianna      (Quasi impaurita) Va bene, va bene, me ne vaco… tornerò oggi pomeriggio, comme avite ditto vuje, verso le diciassette. (Via dal fondo. Umberto la segue, chiude la porta, vi rimette la sedia per bloccarla e va a sedersi mettendosi le mani in testa)

SCENA SESTA

(ARTURO e detti)

Arturo          (Apre bruscamente la porta e rovescia la sedia su cui è seduto Umberto, gettando questi contro il divano. Nell’entrare urta contro la sedia) Ah, mamma mia, ma che sta succedendo?

Umberto       (Che si è quasi distorto il pollice) E statte accorto! Ma è chesta ‘a maniera ‘e trasi’?

Arturo          Mannaggia a te, ma pecché staje assettato annanze ‘a porta?

Umberto       E ‘a porta toja pecché nun se chiude? Affitti dei locali completamente sfasciati!

Arturo          Ma che vaje truvanno? Io te l’aggio ditto, l’aggio pigliato poco tiempo fa, non ho avuto tempo né modo di metterlo a posto.

Umberto       Ma ‘e serrature avessero ‘a funziona’, che diavolo! Ccà dinto se trase comme dint’a ‘nu negozio, è insopportabile: ‘o primmo fesso ca trase…

Arturo          Ah sì, e chi?

Umberto       Chi è è… in questo caso tu, va bene?


Arturo          Ah, no, io non conto. In tutti i modi chiamerò il fabbro e sistemammo ‘a serratura. Mò ti spiego pure che è succieso: l’altro giorno, dopo che l’inquilina se n’era andata, aggio avuto fa’ furza’ ‘a porta, ma poi ‘o fabbro se n’è ghiuto a magna’ e nun l’aggio visto cchiù, ma tornerà. Comunque serratura a parte, si’ soddisfatto?

Umberto       È meglio ca nun ne ‘parlammo… (Indicandogli Susanna che fa capolino guardando di sbieco e di spalle, a sinistra) Ma mò m’he’ scusa’, non sono da solo…

Arturo          (Salutando Susanna) Ah, scusami, non avevo visto la signora. (A Susanna) Non si preoccupi signora, non deve andare via, non si senta di troppo… non ho segreti da raccontare. Mica ve ne andate per colpa mia? (Si siede sul divano)

Umberto       (Tra sé) Ih che sanguetta, ce mancava sulamente isso!

SCENA SETTIMA

(ELENA SCAROLA e detti, poi GIULIETTA DE BONIS)

Elena             (Facendo capolino dalla porta di fondo) Scusate, la signora Marzano per favore?

Umberto       Ancora? Oh, no… no… no!

Susanna         Eh, no, e mò è troppo!

Elena             (Entrando) Vengo per il mio vestito a giacca.

Umberto       (Si porta sull’estrema destra, poi torna verso il fondo, poi viene avanti) Ah, sì? Ebbene, non è pronto per oggi, dovete venire Domenica… Che me ne importa a me del vostro vestito a giacca?

Elena             (Risentita) Va bene, vuol dire che non pago, per me è lo stesso!

Umberto       Figuratevi per me…

Elena             Per lo meno sono gentili con i clienti, qua dentro! (Via per il fondo)

Susanna         (Sottovoce ad Umberto) Senti un po’, ma questo non se ne va?

Umberto       (Sempre sottovoce) Aspetta, mò ‘o spedisco ‘a via ‘e fore… (Si dirige verso Arturo)

Arturo          (Ad Umberto che cercherà invano di interromperlo) Ah, caro mio, ho avuto una grossa emozione poco fa! Figurati ca me penzavo di essere sulle tracce di mia moglie, pecchè m’avevano indicato una certa signora Bisogni in via Filangieri…

Umberto       Sì, vabbuo’ Artu’, m’‘o cunte cchiù tarde!

Arturo          Ma no, aspetta! ‘A signora po’ resta’… Dunque dicevo della signora di via Filangieri: ma nun era muglierema, era ‘na perfetta sconosciuta! Le dico: «Vi chiedo scusa, cercavo una donna…» E chella me risponne: «Certo signore, come la desiderate?» Che figura ‘e mmer… (Correggendosi) ‘e niente!

Giulietta      (Aprendo la porta di fondo) Scusate…

Umberto       (Tra sé) ‘N’ata vota chesta! (A Giulietta) Signuri’, v’aggio ditto tra otto giorni!

Giulietta      Sì, lo so, solo ca m’aggio scurdato ‘nu pacchettino… (Lo trova) Ah, ojccanne! Di nuovo… (Facendo gli occhi dolci ad Umberto) Vengo tra otto giorni. (Via dal fondo)

Arturo          Vi accompagno, devo andare dal tabaccaio… Torno subito. (Via dietro a Giulietta)

SCENA OTTAVA

(SALVATORE e detti)

Salvatore    (Da fuori) C’è nessuno? Addo’ sta ‘a sarta? (Entra dal fondo sbattendo la porta. Susanna, impaurita, si nasconde da qualche parte) Ah, finalmente vi ho trovato! So’ sei vote ca vengo ccà e nun trovo a nisciuno… me so’ scucciato. Si nun me pavate mò mò faccio ‘na strage, ‘na carneficina… Je aggio have’ ‘e sorde mieje, avite capito? (Umberto lo guarda inebetito e terrorizzato) Mi dovete pagare duecento metri di stoffa e ‘nu sacco ‘e materiale ‘e sartoria!

Umberto       (Balbettando) Ma, ma… a chi chi li aaaavete dati i ddd duecento mm metri di stoffa?

Salvatore      (Minaccioso, gli si avvicina faccia a faccia balbettando involontariamente anche lui) Li ho ddd dddada dadati alla sasa… (Si riprende) Mò me facite balbetta’ pure a me! Li ho dati alla sarta, a chi l’avevo ‘a da’?

Umberto       (Guardando a terra, c.s.) E e e… dalla sasa…dalla sasarta vi dododo…dodovete far papapagare, nnnon cre… credete?

Salvatore    (Prendendolo per la cravatta come se volesse alzarlo) Siente, si nun me pave mò mò, faccio ‘na strage… faccio ‘na carneficina! (Con l’altra mano estrae una pistola dalla tasca e la punta vicinissima al volto) He’ capito? Me so’ spiegato bbuono?

Umberto       (Smette di balbettare ma le gambe gli tremano) Benissimo… ho capito benissimo e provvedo subito… se me lo permettete…


Salvatore    (Si allontana sorridendo maliziosamente) ‘O parla’ chiaro è fatto pe’ ll’amice… (Mette una mano in tasca e istintivamente Umberto alza le mani. Salvatore estrae un foglietto su cui è riportato un conto e gli dice) A’mma aumenta’ ‘st’importo del dieci per cento pe’ tutte ‘e vvote ca so’ venuto e nun aggio truvato a nisciuno… (Minaccioso) He’ capito?

Umberto       Certamente, è giusto… il tempo è denaro… è moneta… è oro, è tutto giustissimo. (Legge il foglietto e rimane basito) Ma io ‘sti sorde nun ‘e guadagno mamanco dint’a n’anno! (Salvatore riprende la pistola e soffia sulla canna. Umberto deciso) Ma li papago volentieri, visto che la sasa..sarta mia socia ha pigliato tutto ‘stu ben di Dio ‘e stoffe e materiali… (Prende un libretto di assegni) Me popozzo assetta’?

Salvatore    Assettate e fa’ ampressa… e si ‘a banca nun me pava, appiccio ‘a casa e po’ t’accido!

Umberto       (Si siede alla meglio e compila l’assegno) La ba…banca pagherà tutto, fino all’ultima lira… Ma dodo… dovrete poportare due valigie capienti, e…

Salvatore    Cheste so’ cose ca nun te riguardano, nun te preoccupa’, penza a tte, ‘a casa toja e ‘a famiglia toja.

Umberto       (Consegna l’assegno e mentre Salvatore lo controlla dice) No! ‘A famiglia no! Tengo ‘na suocera che adoro… m’arraccumanno, nun ‘a facite male!

Salvatore    (Lo riprende per la camicia) Si ‘a banca nun me pava, ‘a ‘gnora toja sarrà ‘a primma a ffa’ ‘na brutta fine, he’ capito? (Lo lascia e si avvia verso l’uscita) Io vaco a me piglia’ ‘e sorde! (Via dal fondo. Umberto prende un pezzo di stoffa bianca e lo adopera per avvolgere la testa dolorante)

SCENA NONA

(SUSANNA e detto, poi ARTURO, indi LUISA)

Susanna         (Esce pian piano dal nascondiglio) Ti sei spaventato, passerottino?

Umberto       Sì, passerottina mia bella, e adesso avrei bisogno di tanto conforto e di tantissimi baci… tantissimi bacini…

Arturo          (Entra infastidendo di nuovo Umberto che si aspettava i baci di Susanna) Aggio fatto ‘na vulata! ‘O tabbaccaro steva proprio sotto ‘o palazzo… ‘Sta casa vale assaje… pensa ca vicino a ‘o tabbaccaro, ce sta pure ‘a farmacia… (Nessuno dei due lo ascolta) E poi ‘na salumeria, ‘na macelleria… tutte ‘e negozi! È centralissimo!

Luisa              (Da fuori) L’appartamento deve essere questo qua.

Umberto       (Sobbalzando) Oddio! Mia suocera, proprio mò?!

Susanna         (Furiosa) Ancora gente? Ma allora ‘o fanno apposta!

Luisa              (Entrando e scorgendo Arturo, tra sé) Ah, il contagioso! (Ad alta voce) Sono venuta a vedere l’appartamento.

Arturo          (Tra sé) Uh Madonna mia, m’ero scurdato ‘e chesta! (A Luisa) Sono mortificato signora, ma già l’ho affittato.

Luisa              Affittato? Ma come, stamattina mi avevate detto… (Nel girarsi scorge Umberto) Mio genero?

Umberto       (Amabilissimo) In persona, cara suocera!

Luisa              (Vedendo Susanna, con severità) E che ci fai qua? Penso che ho il diritto di saperlo…

Umberto       Ah, ma…

Luisa              Nun me vuo’ rispondere? Statte attiento, tengo ‘o diritto ‘e supporre parecchi ccose.

Umberto       (Con disinvoltura) E che tenite ‘a supporre? Io sto in casa di una mia cliente ammalata.

Luisa              Comme?

Umberto       (A voce alta e strizzando l’occhio a Susanna senza farsene accorgere) Non è vero, signora, che siete una mia cliente?

Luisa              (Vivacemente e con cortesia) Ma cara signora, non ne ho mai dubitato!

Susanna         (Recitando la parte della padrona di casa) E allora posso sapere, signora, a che cosa devo l’onore…

Luisa              (Molto imbarazzata) Beh, signora… vi chiedo scusa… io ero in cerca di… in cerca di…

Susanna         (Con gravità canzonatoria) Ah, ma allora è un’altra cosa! Le signore dame di carità sono sempre benvenute in casa mia… (Trae una banconota dal portafogli) Eccole cinquemila lire…

Luisa              (Sbalordita) Che cosa? Mi date dei soldi?

Umberto       Ma non ve mettite scuorno a trasi’ dint’‘e ccase ‘ell’ate a chiedere soldi?

Arturo          (Tra i denti) Tiene mente… ‘a vecchia scroccona!

Luisa              Ma io nun aggio chiesto ‘o riesto ‘e niente! Riprendetevi i soldi, signora cara, io nun sto cercanno cinquemila lire, io sto cercanno n’appartamento!

Susanna         Oh, signora, scusatemi… (Luisa tende le cinquemila lire ad Umberto per passarla a Susanna ma lui macchinalmente le intasca. Susanna, che lo ha notato, stende la mano e dice) E allora?

Umberto       (Restituendo i soldi a Susanna) Uh, scusate…

Susanna         (Con disinvoltura) E allora, dottore, perché non ci presenta?

Umberto       (Sbalordito) Eh, bisogna… (Susanna gli fa cenno di sì, lui fa le presentazioni in tono agro) La signora Luisa Ciotola, mia suocera… (Con una certa voluttà nella voce) La signora Susanna Cardellino…

Luisa              Susanna Cardellino… Oh, ma ne ho sentito parlare molto bene! (Ironica ed allusiva) E i vostri uomini stanno bene?

Susanna         (Che non capisce) Quali uomini?

Luisa              Susanna al bagno con i due vecchioni che la concupiscono… Nella Bibbia, no? (Indicando Arturo) Il signore è uno dei due vecchioni, suppongo… (Sbalordimento generale)

Umberto       (Rapidamente) Ma è un anacronismo spaventoso! Una battuta satirica, sardonica e blasfema…

Luisa              (Subito) Oh, signora, ritiro tutto… (Tenta di cambiare discorso) E così, siete in cura da mio genero?

Susanna         (Imbarazzata) Sì, certamente… (Rapidamente) E pure mio marito!

Luisa              Ah, me fa piacere… Ma che ha vostro marito?

Umberto       (Animatamente) Un eczema! Un eczema impetiginoso complicato da desquamazione dell’epidermide e micosi… una conseguenza del parto.

Luisa              Come del parto? Isso?

Umberto       (Correggendosi) Ma no isso, ‘a mugliera!

Susanna         Come? Io…

Luisa              Allora, signora, siete madre?

Susanna         Ma niente affatto, signora…

Umberto       (Ingarbugliandosi) Ma no, non lei, lui… Insomma ‘o marito! (Vede gli altri stupiti) Cercate ‘e me capi’: ‘o marito se pensava ca… quanno ha saputo, praticamente, ca essa nun era incinta… la... la… l’emozione… il turbamento… ‘o sanghe gli si è girato… ‘nu giretto! Eh, chella ‘a psiche fa brutti scherzi… Insomma, l’è venuto st’eczema. Ecco! E ora, cara suocera, si me vulite fa’visita’ ‘a signora… che ne vulite capi’ vuje ‘e medicina? (Tra sé) Chello nun ne capisco niente manco io!

Luisa              (Ritornando verso il fondo) E va bene, vi lascio… Si avesse ‘a veni’ Giovanna dicitincello ca me ne so’ juta…

Umberto       (Accompagnandola) State senza pensiero, m’‘o vvech’io. Arrivederci cara suocera… A proposito, poco fa è venuto ‘nu signore ca ve vuleva cunoscere… mò è juto dint’‘a banca… è ‘nu buono partito, ricco assaje… v’‘o vulesse fa’ cunoscere… putesse essere pe’ vvuje ‘nu cumpagno nuovo…

Luisa              (Sulla soglia della porta) Ma comme si’ gentile… me vuo’ truva’ ‘nu marito? (Dignitosa) Ma io saccio comme m’aggia cumpurta’ annanze ‘a gente!

Umberto       (Garbatissimo) Allora farò in modo da invitarne sempre tantissima, cara suocera. (Tra sé) Fino a quando nun t’aggio levata ‘a nanze all’uocchie mieje!

Luisa              (Facendo una riverenza) Arrivederci cara signora…

Susanna         (Salutando) Signora…

Umberto       (Che è rimasto sul pianerottolo, scorgendo Armando che torna, rientra con un balzo) Mamma d’‘o Carmene… ‘o marito! (A Susanna) Sta turnanno mariteto!

Susanna         (Spaventata) Oh Madonna mia! (Esce rapidamente a sinistra)

Luisa              (Sbalordita, verso Umberto che vuol farla uscire a sinistra con Susanna) Ma che d’è?

Umberto       Niente: jatevenne ‘a llà cu’ ‘a signora!

Arturo          (Segue Umberto che è uscito a sinistra insieme a Susanna ed a Luisa) Aggio ‘a veni’ pur’io?

Umberto       (Facendo passare solo la testa dalla porta socchiusa) No, tu rimani qui a ricevere il signore. Chiederà di me, del signor Pinco, perché per lui sono il signor Pinco. Dicci chello ca vuo’ tu: ca songo occupato… ca tengo ‘nu colloquio cu’ ‘a regina d’‘a Groenlandia se vuoi, nun fa niente, ma io nun ‘o voglio vede’! (Richiude bruscamente la porta in faccia ad Arturo)

Arturo          Va bene, aggio capito… ‘nu scassacacchio, saccio comme funziona… (Poi, tra sé, al pubblico) Umberto nun sta cchiù buono cu’ ‘a capa, s’avesse ‘a fa’ vede’ ‘a ‘nu buono miedeco!

SCENA DECIMA

(ARMANDO e detto, poi, da dentro, LUISA)

Armando       (Entrando dal fondo) Rieccomi! Ma il signor Pinco non c’è più?

Arturo          (Di fronte al pubblico e voltando le spalle ad Armando) No, il signor Pinco non può ricevervi.

Armando       (Riconoscendo Arturo) Ah, il dottore!

Arturo          (Girandosi verso Armando) Esattamente, il dottore! Perciò vuje sapite… (A parte) Ma allora pecché se fa chiamma’ Pinco? (Ad Armando) E comunque no, non vi può ricevere.

Armando       (Andandogli incontro) Il nostro carissimo dottore…

Arturo          (Ripetendo come lui) Sì, il nostro carissimo dottore…

Armando       Non mi aspettavo di trovarvi qua. È vero che anche il signor Pinco viene spesso da voi, mi ha parlato di voi proprio poco fa. Anche lui usufruisce quindi delle vostre cure…

Arturo          (Che non capisce) Delle mie cure… ma certo, dei riguardi che ho per lui, perché poi lui abbia … abbia delle cure… dei riguardi verso di me.

Armando       E si capisce, mica lavorate gratis… Nessuno fa niente pe’ senza niente!

Arturo          Sì, nessuno… (Tra sé) Ma che canchero sta dicenno?

Armando       E ditemi una cosa, sta assaje malato il signor Pinco?

Arturo          (Che mentre parla slaccia macchinalmente il cappotto di Armando che se lo riallaccia ogni volta) Ah, ve ne siete accorto pure voi, eh? Secondo me tene quacche rotella fuori posto.

Armando       Eh, chesto l’avevo capito, e vuje che gli ordinate, vecchi metodi come le docce o corrente elettrica, o le nuove cure con medicinali e psicofarmaci? Che gli ordinate, queste nuove cure?

Arturo          (Slacciando) Beh, io gli ordino…

Armando       (Sottraendosi al tic di Arturo e riallacciandosi) Ma me lassate sta’ ‘o cappotto?

Arturo          Dicevo che gli ordino… no… perché non mi riguarda… Ma che rimanga tra me e vuje… Docce e bagni molto caldi: fanno calare l’eccitazione e rasserenano…

Armando       E ce credo! Ma visto che siete qui ve voglio chiedere ‘na cosa. Io songo ‘nu tipo molto esuberante, dal sangue caldo…

Arturo          (Togliendo di tanto in tanto qualche granello di polvere dal vestito) Meglio, tanto meglio!

Armando       Bene, però ogni tanto ‘a circolazione d’‘o sanghe se ferma, ho degli intorpidimenti e… quando me trovo cu’ quacche femmena… vuje me capite…

Arturo          Eh? Ah, sì… e questo è male, molto male… anzi… peggio, molto peggio!

Armando       N’aggio parlato pure cu’ ‘o cameriere vuosto ultimamente.

Arturo          (Aggiustandogli i risvolti del cappotto) Ah, conoscete il mio cameriere? E chi, Giuseppe o Battista?

Armando       (Sottraendosi ancora) Nun ‘o ssaccio, ma mi consigliava cose impossibili!

Arturo          Caro mio, pe’ mme v’avite ‘a fa’ sulo massaggi!

Armando       E ci ho provato, ma nun so’ serviti a niente!

Arturo          E perché forse nun l’avite sapute fa’! Vuje pigliate ‘na bella e brava massaggiatrice, no? ‘A facite spuglia’ annuda e ‘a facite stennere ‘ncoppa ‘o divano, e poi la massaggiate e l’accarezzate pe’ ‘n’oretta. Poi, se il vostro sangue non circola ve facite massaggia’ vuje ‘a essa pe’ ‘n’ata ora. Se poi, doppo tutto chesto, il vostro sangue non circola… eh, caro mio, che v’aggia dicere, vo’ dicere ca nun ce sta niente ’a fa’… ca nun avite ‘a penza’ cchiù a ‘e ffemmene! Però nella vita ci stanno un sacco di altre cose piacevoli… il cibo, per esempio… Penzate a belli magnate!

Armando       A mangia’ non tengo problemi, ho anche una dentiera favolosa… Ad amare tengo quacche problema… Comunque proverò i massaggi che mi avete consigliato. Vi ringrazio tanto, proverò! Ma questo non è tutto, si può vedere il signor Pinco?

Arturo          (Con aria misteriosa) Oh, no… È a colloquio con la regina… la regina di Groenlandia!

Armando       (Con ammirazione) Nientedimeno?! La regina di… ‘a faccia mia! Ma allora è ‘nu sarto assaje importante! L’hanno fatto entrare perfino a corte… veste le regine… Eh, però ha da essere carestuso assaje!

Arturo          Si vulite turna’ n’atu juorno…

Armando       Eh, no, non posso! Gli devo annunciare una cliente, la signora Domini-Lamberti, una mia cara amica. Ha vuluto essere purtata addo’ ‘o sarto ‘e mia moglie. So’ venuto primma pe’ nun ‘a fa’ ‘ncuntra’ cu’ muglierema… pe’ chesto so’ venuto, pe’ vede’ si muglierema sta ancora ccà o si se n’è ghiuta…

Arturo          Ah, perché, quella che stava qua poco fa era ‘a mugliera vosta?

Armando       Sì, sì.

Arturo          Ma sapete che l’infedeltà ‘e ‘na mugliera accummencia nell’attimo in cui riesce a penza’ ‘e se pute’ cuncedere a n’ato? E vuje ‘a lassate veni’ ccà a essa sola?

Armando       Ah, ma non c’è nulla da temere… l’aggio accupagnata io stesso!

Arturo          (Con aria canzonatoria) Ah, bene, allora…r

Armando       Ma diciteme ‘na cosa: secondo voi ce mette assaje tiempo’ ‘o sarto cu’ ‘a regina?

Arturo          E pe’ fforza! Quando ce sta pe’ miezo ‘na regina ‘e chella putenza… ‘e chell’impor-tanza…

Luisa              (Da fuori) Che vulite? Me stanno aspettanno, me n’aggia ji’!

Arturo          (Al pubblico) Mamma mia, ‘a suocera d’Umberto! E chesta nun m’ha da scappa’… Mò l’aspetto fore ‘e scale, voglio vede’ si me riesce ‘e ce ammulla’ n’ato appartamento… cchiù brutto… meno sano… ma sempe n’appartamento è! (Esce dal fondo)

Armando       (Che non si è accorto che Arturo è uscito) Ma diciteme ‘na cosa, dotto’… (Girandosi) E addo’ sta? (Chiamando) Dottore… Dottore… Bah! Se n’è ghiuto… Che tipo strano! (Torna verso il fondo)

SCENA UNDICESIMA

(LUISA e detto)

Luisa              (Entrando) Io vado. Non capisco pecché a forza me vonno fa’ sta’ ccà!

Armando       (Ha preso il cappello sul fondo, tra sé) La regina! (A voce alta) Signori, la corte! (Si inchina)

Luisa              Ma che sta dicenno chisto?! (Salutando) Signore…

Armando       (Con salamelecchi) Altezza…

Luisa              (Stupita) Come avete detto?

Armando       Nulla, mi inchino alla maestà vostra!

Luisa              (Civetta) La mia maestà! Mi trova maestosa… E posso sapere con chi ho l’onore…

Armando       (Inchinandosi) Armando Cardellino.

Luisa              Ah, il marito della signora Cardellino per caso? Quella che ho conosciuto poco fa, una donna affascinante… (Bruscamente) E l’eczema vostro come sta?

Armando       (Sconcertato) Prego?

Luisa              Ho detto: “L’eczema vostro come va?”

Armando       (Si sposta a destra e a sinistra guardandosi le mani da una parte all’altra) Scusatemi, ma io non ho nessun eczema!

Luisa              Oh, scusatemi! (Tra sé, al pubblico) Nun ce l’aveva chiedere, me pare ca s’è pigliato collera… ‘N’ata figura ‘e niente! (A voce alta) Scusate signor Cardellino, ma penso di aver fatto un anana… ananale, no un ananas… ma no un… ah, ecco, sì, un anacronismo, o una gaffe come dice mio genero. Ritiro, signor Cardellino, ritiro tutto!

Armando       Un anacronismo? Ma no, nessun anacronismo… nessun anale… e nessuna gaffe.

Luisa              Ah, ma voi siete toppo indilgente… (Tra sé) Ma sì, alla fine me fa piacere ch’aggio canusciuto ‘o marito… (Salutandolo) Signore…

Armando       (Salutando) Altezza… (Luisa esce)

SCENA DODICESIMA

(UMBERTO e detto)

Armando       Mamma mia, la regina! Ma chi lo direbbe vededola così… Pare ‘na mammina buona, e poi nun se ‘a penza pe’ niente! Le piace ‘e chiacchiera’ cu’ tutte quante… (Riflettendo) E parla pure a schiovere! (Vede entrare Umberto) Ah, siete qui? (Viene avanti)

Umberto       Isso! Sta ancora ccà! (Vedendo che Susanna sta entrando dopo di lui, la spinge nuovamente nella camera chiudendo bruscamente la porta) Torna di là!

Armando       Che succede?

Umberto       (Innocentissimo) Eh? Niente!

Armando       Mia moglie se n’è andata?

Umberto       Oh, da molto tempo! M’ha detto: «Se viene mio marito ditegli che vado in Villa», quindi, se la volete raggiungere…

Armando       (Conducendolo al proscenio) Noo, quando mai?! Va buono accussì, pecché, in confidenza, ce sta ‘na signora… ‘na signora amica mia ca m’hadda veni’ a piglia’.

Umberto       Qui? (Tra sé) Tiene mente, chisto va danno appuntamente a casa mia!

Armando       E certo, nun s’hadda incontra’ cu’ muglierema!

Umberto       Aah, tenimmo ‘n’avventura p’‘e mmane, eh?

Armando       (Ridendo) Beh, una piccola avventura… Perciò è inutile ca mia moglie sape quaccosa..

Umberto       (Con intenzione) Ma certamente… potrebbe poi applicare la legge del taglione…

Armando       (Con convinzione) Noo, nun è possibile!

Umberto       (Con credulità canzonatoria) Aaah, si ‘o ddicite vuje…

Armando       Eh, caro mio, io ho un fiuto infallibile! Aggio sempe avuto storie cu’ femmene spusate, a me nisciuno me fa fesso, saccio tutte ‘e trucchetti!

Umberto       (C.s.) Ah, voi…

Armando       (Sicuro) Tutti! Mica sono comm’a tutta chella massa ‘e mariti imbecilli… (Ridendo) Figurateve, aggio cunusciuto a uno ca accompagnava ‘a mugliera a tutte l’appunta-mente nuoste. Essa diceva ca jeva add’‘a chiromante… Ero io ‘a chiromante! E ‘o marito steva abbascio a l’aspetta’. Ce sta ‘a se schiatta’ ‘e resate hahahaha… Ma se po’ essere accussì scieme… fessi… baccalà… deficiente… hahahaha (Si tiene la pancia dal ridere)

Umberto       (Ridendo anche lui e dandogli una manata sulla spalla) Oligofrenici fenilpiruvici… Sicuramente vuje nun site ‘nu fesso accussì demente… accussì oliogofrenico…

Armando       E comunque muglierema nun se permette… ‘o ssape buono ca si ‘a becco cu’ ‘n’ato non esiterei manco ‘nu minuto…

Umberto       (Ansioso) ‘Nu bellu duello, eh?

Armando       Noo, nun me saccio battere a duello… (Umberto tira un sospiro si sollievo)

Umberto       Allora accedite ‘a mugliera vosta?

Armando       Ma quando mai?! Si aggia accidere a quaccheduno, accido a isso… ‘o sparo ‘ncuollo ‘nu caricatore sano… (Facendo il gesto di sparare) Pam, pam! E l’accido! Sono pure un buon tiratore e agirei secondo la legge, avendo trovato a essa in fragranza… volevo dire in flagrante reato… e po’ ‘a putesse pure tradi’ senza ‘e m’annasconnere…

Umberto       Me veneno ‘e brividi sulo a penza’ a chillu puveriello acciso ‘a ‘nu caricatore sano!

Armando       Comunque non sono qui pe’ parla’ ‘e ‘sti ccose… (Cambiando tono) Signor Pinco!

Umberto       (Che ormai non pensa ad altro) Signor Pinco?... Ah, sì.. (Con lo stesso tono di Armando) Signor Cardellino…

Armando       Signor Pinco, ve voglio fa’ felice, ma assaje felice!

Umberto       Ah! Ma veramente io… (Tra sé) Chisto me sta facendo caca’ sotto!

Armando       Sapite che v’aggio purtato? (Umberto fa segno di no, sempre tremando un po’) Una cliente!

Umberto       (Indietreggiando) ‘Na cliente? E pe’ ffa’ che?

Armando       Comme pe’ ffa’ che? Dei vestiti, no?

Umberto       (Tra sé) Ancora? (Ad Armando) Ah, sì, bella idea, la vostra…

Armando       (Soddisfatto) Le mie idee so’ sempe accussì… belle, geniali… pecché io so’ ‘nu fantasioso… ‘nu creativo… come del resto i sarti, gli stilisti…

Umberto       (Dimenticando) Ah, grazie tante! E vuje pensate ca io nun tengo niente ‘a fa’, eh? E la mia medicina? (Si morde subito dopo le labbra accorgendosi dello sbaglio commesso)

Armando       Che ce azzecca la vostra medicina? Forse tutto questo v’impedisce ‘e ve piglia’ ‘na medicina? Ma che è, ‘na purga?

Umberto       Sì, purtroppo. M’aggia purga’ spesso pe’ me disintossica’ ‘o stommaco… Ma nun è chisto ‘o problema

Armando       (Esaltandosi un poco) E vulesse vede’… Nun s’è mai visto ‘nu sarto lamentarse pecché tene troppi cliente…

Umberto       Non dico di no.

Armando       E nun ‘o ffacite sulo pecché facite ‘e vestiti pe’ ‘e ccape curunate…

Umberto       Io? Io faccio ‘e vestite pe’ ‘e ccape?...

Armando       Ma insomma facite ‘o sarto, sì o no?

Umberto       E certamente ca faccio ‘o sarto, ce mancasse pure… (Tra sé) E pe’ fforza, si nun ‘o facesse, m’acceresse!

SCENA TREDICESIMA

(ELENA SCAROLA e detti)

Elena             (Entrando timidamente) È permesso? Sono io, la signora Elena Scarola… so’ venuta a vedere se siete meno impegnato, per il mio vestito a giacca… (Armando va a sedersi sul fondo)

Umberto       (Afferrando la palla al balzo) Ma certamente signora… Entrate, entrate pure… (Ad Armando) Si io faccio ‘o sarto, hahaha

Elena             Toh! Adesso è gentile… (Ad Armando) Lei permette, signore?

Armando       Ci mancherebbe altro, prego signora…

Elena             (Mostrando la schiena ad Umberto) Guardate, il corpetto non mi va bene… grinza.

Umberto       (Con convinzione) Ah, sì, è vero… grinza assaje!

Elena             È troppo largo… Sicuramente lo avete tagliato voi… dovreste tagliarmelo di nuovo!

Umberto       (Sconcertato) Io?

Elena             Sì, e subito, perché ho fretta.

Umberto       (C.s.) Ah, io avesse ‘a taglia’…

Armando       Ma sì, certamente, che cosa ve lo impedisce?

Umberto       A me? A me niente!... Ah, volete che io tagli?... Aspettate! (Va a prendere le forbici e comincia a tagliare l’abito. Fra sé) Madonna mia aiutame tu… chi sa che cumbino!

Elena             Ma che state facendo?

Umberto       Eh, è chello ca me sto dicenno pure io… Signo’, siete voi che volete che io tagli.

Elena             No! Ora avete visto quello che c’è da fare, quindi potete mandarlo a prendere! (Ritorna verso il fondo, poi viene avanti) Ah, però non abito più dove stavo prima…

Umberto       (Inebetito) Ah, bene, me fa piacere… ‘Na casa cchiù bella…

Elena             Sì, cioè no… Abito al piano di sopra, ma sempre in quel palazzo… Signori, arrivederci.

Umberto       (C.s.) Grazie dell’informazione: sarà servita. (Elena esce dal fondo. Umberto rimane con gli occhi fissi, il pensiero altrove, aprendo e chiudendo meccanicamente le forbici)

Armando       (Lo osserva ridendo) Ma che aria sperduta che avete… (Alzandosi) Sapete che mi hanno detto? Che vuje v’avisseve ‘a fa’ certi docce…

Umberto       (Lo guarda sbalordito) Io? E chi ve l’ha ditto?

Armando       Il dottor Molino!

Umberto       (Alza la testa e lo guarda un istante per vedere se non è uscito di cervello) Il dottor Molino?!

Armando       Sì, il dottor Molino che ho appena lasciato

Umberto       Ah, l’avete lasciato… (Dopo un istante) Ma perché, siete malato, voi?

Armando       Perché? Perché ho visto il dottore? Ma no, non è così… l’ho incontrato per caso!

Umberto       Seh, seh… ‘n’aggio ‘ntise fesserie, ma comme a chesta maje!

SCENA QUATTORDICESIMA

(ROSA e detti)

Rosa               (Entra dal fondo con un cagnolino vivo in braccio) Ah, stai ccà?

Armando       (Correndole incontro) Buongiorno, mia cara…

Umberto       (Tra sé) ‘A faccia d’‘o cacchio! E ‘a mugliera sta sempe ‘a llà…

Armando       La signora Domini-Lamberti di cui vi ho parlato poco fa…

Umberto       (Girandosi) Molto lieto. (Riconoscendola) Rosa Passera!

Rosa               (Tra sé) Scicchebello! È proprio isso!

Armando       V’aggio purtata ‘na cliente degna di voi. La signora Domini-Lamberti appartiene alla grande aristocrazia napoletana

Rosa               (Tra sé) Scicchebello m’ha riconosciuta, ce aggia parla’ assolutamente! (Ad Armando) Tesoruccio, è vero, ma ora vedi? Frufrù sta drizzando le orecchie, vo’ scennere. (Passandogli il cane) Puortalo a fa’ ‘na passeggiata e torna cchiù tarde…

Armando       Ah no… chesto no! È troppo umiliante, agge pacienza!

Rosa               (Aggrottando le sopracciglia) Che stive dicenno?

Armando       (Umile) Ca ‘o porto subbeto! (Tra i denti) Pure ‘o cane a spasso! Rosa nun tene proprio crianza… È assurdo! (Canta in modo stonato) Donna, tutto si fa per te… Donna, pur di piacere a te… Per un sì… Per un no… Per avere qualcosa da te… (Via dal fondo)

SCENA QUINDICESIMA

(ROSA ed UMBERTO)

Rosa               (Andando incontro ad Umberto) Scicchebello!

Umberto       (Andando verso di lei) Rosa Passera! (Si salutano affettuosamente)

Rosa               Chi non muore si rivede! Tu, ch’aggio cunusciuto ‘o Lavenaro…

Umberto       Sì, quando studiavo medicina.

Rosa               E dimmi, l’hai presa poi quella famosa laurea?

Umberto       (Con le mani in tasca e muovendo il corpo avanti e indietro) Beh, come vedi…

Rosa               Io veco ca te si’ miso a ffa’ ‘o sarto!

Umberto       (Dopo un momento di riflessione) Eh?... Ah, sì, sì… per distinguermi! Vedi, per un medico, fare il medico è banale, mentre per un medico che fa il sarto, è bello, molto bello… è speciale… è scicco, scicco e bello! Poi modestamente sono un grande sarto, ‘nu sarto importamte… Comme a mme ce ne stanno pochi… pochissimi… al massimo ddoje o tre!

Rosa               (Espansiva) Ah, bravo il mio Scicchebello!

Umberto       Zitta, nun allucca’!... (Tra sé) ‘A llà ce sta Susanna, mannaggia!

Rosa               (Meravigliata) Ma che d’è, ce sta ‘nu malato per caso?

Umberto       No, ma nun è ‘o caso ca tu strille ‘e chesta manera e me chiamme Scicchebello! Pure pecché mò nun so’ né scicco e né bello comme all’epoca d’‘o Lavenaro…

Rosa               E invece sì, nun si’ cagnato pe’ niente!

Umberto       E va bene, sarò ancora scicco e ancora bello, ma nun so’ cchiù Scicchebello… ‘Stu nomme jeva bbuono abbascio ‘o Lavenaro. Adesso sono un uomo serio… arrivato… saggio… posato…

Rosa               E allora dimme comme t’aggia chiamma’. Comme te chiamme? Io t’aggio sempe cunusciuto cu’ chillu nomme…

Umberto       Io? Umb… (Correggendosi) Pinco… mi chiamo Pinco, Pinco Pallino.

Rosa               (Ad alta voce) Che nomme scemo, nun è meglio Scicchebello?

Umberto       Zitta! T’aggio ditto ca nun he’ allucca’! E po’ che vuoi da me? Ognuno nasce dint’a ‘na famiglia, mica s’‘a po’ scegliere? Io so’ nato nella famiglia Pallino!

Rosa               (Passandogli cerimoniosamente davanti) Va bene! Si tu nun si’ cchiù Scicchebello, io nun so’ cchiù Rosa Passera… Sono la signora… (Rimarcando) Signora Domini-Lamberti!

Umberto       Allora te si’ sistemata?

Rosa               (Sedendo sul divano) Accasata tutt’al più. Pe’ primma cosa me so’ spusata.

Umberto       Tu?

Rosa               Io! M’aggio sposato ‘nu battilocchio!

Umberto       E vabbuo’, chesto s’era capito, nun ce steva bisogno d’‘o dicere…

Rosa               E così, una volta regolarizzata la mia posizione… doppo duje juorne ‘e luna di miele… l’aggio lassato pe’ ‘nu generale!

Umberto       Caspita, un generale! È raro un generale, addo’ l’he’ truvato?

Rosa               Dint’‘a Villa Comunale, mentre mio marito era juto addo ‘o tabbaccaro pe’ s’accat-ta’ ‘e ssigarette.

Umberto       (Che alle ultime parole ha alzato la testa) M’hanno cuntato già ‘na storia ‘e cheste… sulamente ca erano sigari! (Si sente un rumore di stoviglie rotte. Umberto tra sé) Uh Maronna! M’ero scurdato ‘e Susanna! Mò se starrà sfucanno scassanno quaccheccosa!

Rosa               Che succede? Chi ha fatto ‘stu rummore?

Umberto       (Con disinvoltura) Nessuno!

Rosa               Tieni quacche animale?

Umberto       (Vivacemente) Sì, uno struzzo! Uno struzzo che mi hanno mandato dall’Africa… Per le piume, sai… Sono richiestissime.

Rosa               (Alzandosi) Uh, lo voglio vedere… ja’, fammelo vedere…!

Umberto       No, non è possibile! Non ama la gente chella bestia… A proposito di bestie, e a mariteto po’ l’he’ visto cchiù?

Rosa               Noo! Mai più, e nun ‘o voglio vede’! Me serveva pe’ me lancia’, sulo a chesto! ‘Na vota lanciata, aggio pigliato ‘o nomme di Signora Domini-Lamberti! (Nuovo rumore di stoviglie) Caspita, se sta scatenanno il tuo uccello… ‘o struzzo!

Umberto       (Inquietissimo) Eh, abbastanza… Aspetta, mò ce vaco a parla’!

Rosa               Allo struzzo? Nun serve a niente, statte ccà!

SCENA SEDICESIMA

(SUSANNA e detti)

Susanna         (Entrando in scena furiosa) Ma insomma, qui si prende in giro la gente?

Umberto       (Tra sé) Susanna… Sul’essa ce mancava!

Susanna         (Vedendo Rosa) ‘N’ata femmena? E no, mò è troppo! (Sempre furiosa si dirige verso il fondo e poi ritorna avanti)

Rosa               (Ad Umberto) E chi è ‘sta femmena?

Umberto       (Sottovoce a Rosa) Niente, è lo stru… è la cassiera. Tene ‘na malatia nervosa, è isterica, nun ‘a da’ retta. (A Susanna) Susanna ti prego, nun facimmo scandali!

Susanna         (Nervosissima) Me lo dovevi dire ca tenive intenzione ‘e me lassa’! Me l’avive ‘a dicere ca stive cu’ l’amante!

Rosa               (Sobbalzando) Ma che sta dicenno chesta? Neh signo’, ma pe’ chi m’avite pigliata? Io songo ‘na cliente! So’ venuta pe’ ordina’ ‘nu vestito! (Le due donne si sono avvicinate e sono separate solo da Umberto)

Susanna         Nun ‘e vvenite a cunta’a mme ‘sti ccose!

Rosa               Come sarebbe?

Umberto       Ma ti assicuro…

Susanna         (Ad Umberto) E pure tu… Ih che bella faccia tosta ca tiene!

Rosa               (Molto acida) Caro mio, quando si è l’amante della propria cassiera, la prima cosa è di evitare alle clienti affrronti del genere!

Umberto       (Prorompendo) Esagerata! L’amante della cassiera mò…

Susanna         (Vivacemente) Che cosa? Ma quala cassiera… Ma che sta dicendo chella?

Umberto       (Sbalordito) Ma niente, niente… Non sta parlando di te!

Rosa               (Vivacemente) Signori’, io so’ ‘na femmena onesta! Il signore qui è il mio sarto.

Susanna         Ancora?!

Rosa               (C.s.) Sì, ancora! E la prova che il signore non è nient’altro che il mio sarto, sta nel fatto ca io so’ venuta cu’ mio marito!

Susanna         (Ridendo ostentatamente) Hahahaha! Vostro marito… ‘O vulesse proprio vede’!

Rosa               (C.s.) E tra poco ‘o vvedite! È sciso a purta’ ‘o cane a passeggia’!

Umberto       (Tra sé) Si vene ‘onn Armando succede ‘o quarantotto… anzi, ‘o nuvantaseje! Sperammo ca ‘o cane s’è sciugliuto e ‘o sta facenno correre pe’ tutta Napule!

Rosa               ‘Oiccanno, oj’… Sento ca sta venenno… (Torna verso il ondo)


SCENA DICIASSETTESIMA

(ARMANDO e detti, poi GIOVANNA, indi ARTURO)

Rosa               (Vede entrare dal fondo Armando con il cagnolino in braccio) Vieni avanti, fatti vedere… Questa donna non crede che sei mio marito.

Armando       (Girandosi) Io? E come no! (Riconoscendo Susanna) Muglierema!

Susanna         (Prorompendo) Maritemo! (Tutta questa scena dovrà essere recitata con ritmi elevati e senza pause)

Umberto       S’è fritto ‘o pesce!

Susanna         Maritemo?! Mò m’aggia vendica’! (Esce rapidamente)

Armando       (Che vuole lanciarsi all’inseguimento della moglie) Susanna… Susanna… (A Rosa, passandole il cane) E pigliate ‘stu coso, tu!

Rosa               (Cercando di trattenerlo) Armando…

Armando       (Divincolandosi) Ma va fa’… (Via seguendo Susanna)

Rosa               (Tenendo il cane sotto il braccio) Disgraziato! Madonna… me sento ‘e sveni’… (Cade tra le braccia di Umberto)

Umberto       (Accogliendo Rosa con il braccio destro e prendendo il cane sotto il braccio sinistro) Te siente male?! Rosa… Rosa, nun facimmo sciocchezze, eh?

Giovanna      (Entrando dal fondo) Mammà hadda sta’ ancora ccà…

Umberto       (Si gira e si trova di fronte la moglie) Mamma d’‘o Carmene… Muglierema!

Giovanna      Oddio! Maritemo cu’ ‘na femmena fra le braccia! (Tornando rapidamente verso il fondo) Addio, caro signore, nun ce vedimmo cchiù! È tutto finito tra noi…

Umberto       Ma Giovanna, stamme a senti’…

Giovanna      Nossignore, nun sento niente cchiù… So’ addeventata sorda! (Via dal fondo furiosa)

Umberto       Ma aspetta… famme spiega’! E mò a chesta e ‘o cane addo’ ‘e metto?

Arturo          (Entrando dal fondo) Umbe’ siente…

Umberto       Ah, si’ arrivato a tiempo a tiempo! (Gli passa Rosa ed il cane) Pigliate a chesta e pigliate pure a chisto... (Esce correndo) Giovanna... Giovanna!

Arturo          Ma che sta succedendo? (Riconosce Rosa) Uh Madonna! Ma chesta è muglierema! (La bacia con gioia e passione)

Rosa               (Che ha ripreso i sensi a contatto delk bacio) Ma chisto è maritemo! (Lo schiaffeggia. Arturo sbalordito sprofonda sul divano mentre Rosa esce rapidamente dal fonco)

Sipario

FINE DEL SECONDO ATTO


ATTO TERZO

La stessa scena del primo atto.

SCENA PRIMA

(IOLANDA, poi VINCENZO)

Iolanda         (Intenta a pulire la porta della camera di Giovanna) Povera signora mia… camere separate e ‘nu marito che dà il suo amore a cento donne e no a essa… Cose ‘e pazze… cose ca nun se credono! (Fermandosi nel pulire) Ma comme, tu tiene ‘na mugliera bella comme ‘o sole, doce comme ‘o zucchero… cu’ ‘nu bellu davanzale… (Facendo il segno di un seno prosperoso) E invece ‘e penza comme he’ ‘a fa’ pe’ ffa’ nascere ‘nu bellu criaturo e te fa’ ‘na bella famiglia serena e felice, vaje perdenno ‘o tiempo appresso a tutte ‘e vunnelle? Ma allora si’ fesso! Ha fatto buono ‘a signora, ca l’ha lassato e se n’è juta cu’ ‘a mamma… Io me fusse truvata subbeto subbeto ‘n’at’ommo… pure senza ‘e ccosce, senza ‘e mmane e senza… niente… sulo pe ce fa’ ‘nu dispietto! ‘O primmo ca m’avesse guardata… Nun saccio che l’avesse cumbinata a ‘o dottorino si fosse stato marito a mme! Primma ce avesse scassata ‘a capa cu’ ‘o mattarello… (Vincenzo sta per entrare ma si ferma per ascoltare non visto ciò che dice Iolanda) Po’ me fosse spugliata, avarrìa araputa ‘a porta e a ‘o primm’ommo, dai venti ai novant’anni, ce avesse ditto: «Vuoi fare l’amore con me?», o meglio, comme dice ‘a canzone, in francese… (Canticchiando “Lady Marmalade”) «Voulez vous coucher avec moi, c’est soir?» Ma pure ‘a legge ‘o ddice: «Il marito deve soddisfare le esigenze amorose della moglie…» Tu pienze all’avventure cu’ Susanna tutta panna, t’affitte ‘na sartoria, faje abbede’ ca si’ sarto… L’avessero manna’ a ‘o manicomio, ‘o duttore Molino!

Vincenzo       (Entrando) Che sta facendo di bello la mia Iolanda?

Iolanda         Nun songo ‘a Iolanda toja… Nun songo ‘a Iolanda ‘e nisciuno! E po’ nun ‘o vvide ca sto facenno? Sto pulezzando ‘a porta d’‘a signora.

Vincenzo       ‘A verità, io t’aggio ‘ìntisa ‘e parla’ senza ‘e te vede’ ‘e fatica’.. Comunque si me dai ‘nu vaso nun dico niente a nisciuno.

Iolanda         Si tu parle malamente ‘e me cu’ ‘a signora, io le dico ca ajere te si’ purtato a casa ‘na teglia ‘e cannellone, ‘nu tegame ‘e saciccie cu’ e friarielle, e po’ mozzarelle, frutta e tant’ati ccose ca nun aggio arrivata a vede’… E per il bacio, sappi ca io nun ‘e regalo a ‘e scunusciute!

Vincenzo       Chello ca me so’ purtato ajere era tutta rrobba rimasta, ca s’aveva ‘a jetta’! (Allusivo) Tu ajere te si’ fatta ‘na bella panza ‘e cannellone, saciccie e banane, e io me so’ cunzulato cu’ ‘e muzzarelle, pecché erano assaje squisite e fatte cu’ latte ‘e bufala speciale! Il bacio nun ‘o regalasse pecché lo cambieresti con uno dei miei ca songo ‘a fine d’‘o munno… in qualunque posto ‘na femmena ‘o pruvasse! E per finire, io nun songo ‘nu sconosciuto, songo ‘o chef ‘e chesta casa!

Iolanda         Sì, è ‘overo, si’ ‘o chef d’‘a casa, ma si’ pure l’unico esecutore degli ordini ca daje tu stesso… In merito al bacio, quello reciproco, se putesse pure vede’, ma quanno vide ca ‘e matrimonie vanno comme a chillo d’‘o duttore, capisce ca è meglio a resta’ sule… ce stanno troppi problemi di coppia oggi come oggi!

Vincenzo       E tu nun ce pienze a quanno uno se fa viecchio… settanta, ottant’anne… ce stanno ‘e figlie, e si uno nun ne tene, nun è mai n’estraneo… ce sta sempe l’affetto doppo tant’ anne ‘e vita assieme…

Iolanda         Siente, allora facimmo accussì, m’è venuta ‘n’idea: vedimmo comme fernesce ‘o fatto d’‘o duttore e d’‘a signora. Si ‘a mugliera torna a casa e perdona ‘o marito, nuje ce fidanzammo, si invece ‘a signora nun torna e le cose vanno malamente, nuje ce stammo ognuno pe’ fatte d’‘e suoje, che ne pienze?

Vincenzo       (Dopo una brevissima pausa di riflessione) Sì, se po’ ffa’! Facimmo decidere a ‘o destino. Però ‘amma segui’ bene tutte ‘e fatte… ce avimmo ‘a nascondere e vede’ buono comme va annanze ‘a storia… e ce vonno pure ‘nu bacio e n’abbraccio comme anticipo!

Iolanda         E va bene, accetto! (Si abbracciano e si danno un bacino. Si sente suonare, momento di silenzio) Mò nun ce facimmo abbede’… annascunnimmoce! (Si nascondono dietro le quinte)

SCENA SECONDA

(ANTONIO e UMBERTO)

Antonio         (Da fuori scena) Non fa niente, signore!

Umberto       (Esce ansioso dalla prima a destra) Hanno sunato! Chi po’ essere? (Chiamando) Antonio… Allora, Antonio?

Antonio         (Comparendo sul fondo) Dite signore.

Umberto       Chi è alla porta?

Antonio         (Alza le spalle e fa per tornare verso il fondo) Oh, niente…

Umberto       Come sarebbe “niente”?

Antonio         No, era un malato che vuleva essere visitato. M’ha chiesto si vuje ce stiveve, ce aggio ditto ‘e sì, e allora m’ha ditto ca se sentiva buono e se n’è juto.

Umberto       Che imbecille! Comunque, quando non c’è nessuno, he’ veni’ ccà e me dice: «Signore, non c’era nessuno!»

Antonio         Penzavo ca fosse ‘na fatica inutile.

Umberto       (Irritato) Vabbuo’, mò vattenne!

Antonio         (Nota la tristezza di Umberto, lo considera brevemente) ‘O signore è preoccupato, ‘o ccapisco. Eppure gliel’avevo detto! Chillu veglione a ‘o San Carlo nun era ‘na cosa bbona, nun l’avarrìa purtato furtuna! E po’, ‘e ccose si s’hanna ‘a fa’, s’hanna ‘a fa’ come si deve… con discrezione, senza ‘e se fa’ vede’ ‘a tutte quante!

Umberto       Ma che vulisse dicere?

Antonio         Dotto’, sempre parlanno cu’ rispetto, ma mi potevate dire: “Anto’, vado al ballo!” Me fusse miso io dinto ‘o lietto vuosto!

Umberto       Nel mio letto?!

Antonio         E certo, mica me facesse schifo?! (Umberto alza le spalle) Adoppo v’avesse cagnato ‘e llenzole, è chiaro, ma almeno avessemo salvato ll’apparenze… e non solo quelle!

Umberto       (Preso dalla sua idea fissa) Ma addo’ starrà Giovanna?

Antonio         (Che ha, come Umberto, un aspetto triste e pensieroso) Già, è chello ca ce steveme chiedenno pure nuje dint’‘a cucina poco fa…

Umberto       (C.s.) Fra un’ora saranno giuste ventiquattr’ore ca se n’è ghiuta d’‘a casa…

Antonio         (Con slancio) Dotto’, si ‘e ccose se ponno accuncia’, vedite ‘e ll’accuncia’, m’arraccu-manno!

Umberto       (Scoraggiato) È ‘na parola!

Antonio         (Molto ingenuo) Sì, dotto’, facitelo pe’ mme! Nun me piace tene’ gente di umore nero vicino a me… so’ sensibile, mi contagio… e allora addevento pur’io depresso, nervuso,e chesto nun me piace, nun me fa bene… Io aggio ‘a sta allero pe’ sta’ buono: aggio ‘a ridere, ridere e po’ ridere… L’allegria e il riso fanno buon sangue! (Campanello)

Umberto       (Alzando la testa) Hanno suonato.

Antonio         (Sempre con lo stesso tono) Nun fa niente… Non importa…

Umberto       Ma comme “non importa”?

Antonio         Ah, nun se po’ trasi’ sempre si io nun arapo, allora…

Umberto       (Spazientito) Sì, va bene, ma mò va’ a vede’ chi è, muovete, fa’ ampressa!

Antonio         Grazie! (Tende la mano, ma Umberto non gli tende la sua, quindi stringe il vuoto) Grazie!

Umberto       Una cosa: non ci sono per nessuno, sulo pe’ muglierema!

Antonio         Nessuno nessuno?

Umberto       Manco si fosse ‘o papa! Nessuno! (Rientra nelle sue stanze mentre Antonio va ad aprire)

SCENA TERZA

(ANTONIO ed ARMANDO)

Antonio         (Sul fondo, impedisce ad Armando di entrare) No, signore, il dottore non c’è!

Armando       (Entrando) E ghiammo, ‘o purtiere abbascio m’ha detto che ci sta!

Antonio         E a me me l’ha ditto proprio isso in persona ca nun ce sta! Penzo ca ‘o saparrà meglio d’‘o purtinaio, no?

Armando       E va bene, allora ditegli che ci sta il signor Armando Cardellino!

Antonio         E non posso: m’ha ditto: “Manco si fosse ‘o papa!”… E vuje nun site manco ‘nu sacrestano…

Armando       Ma io l’aggia vede’ afforza a causa di mia moglie!

Antonio         E isso nun vo’ vede’ a nisciuno a causa di sua moglie.

Armando       A causa di mia moglie?

Antonio         No, a causa di sua moglie… ‘a mugliera d’‘o padrone mio… ‘a mugliera d’‘o duttore!

Armando       E perché?

Antonio         (Con importanza) Eh, no, ‘sti ccose nun ponno asci’ fore ‘e mura d’‘a casa! ‘E segreti d’ ‘e padrune riguardano soltanto a loro… e ai domestici. E io, sapete, sono la discrezione impersonificata! Si vuje me venisseve a chiedere: «Anto’, ma è vero ca ‘a quacche ghiuorno c’è burrasca in famiglia?... Ca ‘o signore l’ata notte ha durmuto fore d’‘a casa? È ‘overo ca stanotte, cosa assaje cchiù grave, ‘a signora nun è turnata e stammo tutte quante scetate pe’ l’aspetta’ ancora?» A tutte ‘sti domande, io ve rispunnesse…: «No, no, nun saccio proprio ‘e che stacite parlanno!»

Armando       Ah, la signora Molino non è rientrata ancora?

Antonio         (Ingenuamente) E vuje comme ‘o ssapite?

Armando       Me lo avete detto voi!

Antonio         Io? (A parte) Vedite che faccia tosta! Chisto fa’ ji’ ‘ngalera ‘a gente…

Armando       Nun è turnata… comme a muglierema! Dopo lo scandalo di ieri nun l’aggio vista cchiù: è incredibile!

Antonio         (Ridendo stupidamente) Ah, pure ‘a mugliera vosta? Allora se tratta ‘e ‘na malatia contagiosa!

Armando       Ma non potrà durare: io ‘o ssaccio ca hadda veni’ ccà, accussì aggio fatto ‘a penzata ‘e ce veni’ pur’io! Io ‘o ssaccio ca a chest’ora vene sempe addo’ ‘o duttore!

Antonio         Sì, ma sapete, pe’ ‘a signora vosta, come pe’ tutte quante, oggi la porta resta chiusa… almeno fino a che nun se trova ‘a mugliera d’‘o duttore! (Campanello) Hanno suonato, scusateme ‘nu mumento… (Esce rapidamente dal fondo)

Armando       (Al pubblico) Nun ce sta niente ‘a fa’: Muglierema m’ha da da’ ‘na spiegazione… Io negherò di conoscere Rosa, ecco qua!

SCENA QUARTA

(ANTONIO e detto, poi LUISA e GIOVANNA)

Antonio         (Rientrando rapidamente) Sono proprio loro, le signore! È meglio ca ve ne jate!

Armando       Quali signore?

Antonio         La signora Molino con la mamma!

Armando       La moglie del dottore? Che furtuna, ‘a soja è turnata…

Luisa              Antonio, chiamate subito il dottor Molino e ditegli ca ccà ce sta la signora Ciotola!

Antonio         E chi è?

Luisa              Comm’è chiu è? Sono io, ‘nzallanuto!

Armando       (Tra sé) La signora Ciotola… Sua Maestà!

Antonio         Vado subito, il dottore sarà felice! (Via dalla prima a destra)

Luisa              So’ fatte d’‘e suoje, ma la cosa mi stupirebbe, ‘a verità.

Armando       (Tra sé) Sua Maestà… La signora Ciotola? E comm’è possibile?! (A Luisa) Vi chiedo scusa, ma allora voi non siete…

Luisa              Che cosa non sono?

Armando       La regina di Groenlandia!

Luisa              ‘A regina ‘e Groenlandia… Io? (Ride. Tra sè) Lle starrà turnanno l’eczema… Guardate ‘nu poco: ‘na malattia della pelle che provoca demenza…

Armando       No? Ma allora aggio pigliato lucciole per lanterne… fischi per fiaschi… ‘o cuoppo ‘e ll’aulive pe’ ‘o Campanaro d’‘o Carmene!

Luisa              Ma che state dicenno?

Armando       No, niente, non vi volevo dire questo… (Salutando) Oh mamma mia, signora, penso che dovete parlare con il dottore… Me ne vaco, arrivederci!

Luisa              Ma signore…

Armando       (Uscendo incrocia Giovanna che entra) Signora… (Tra sé) È bona forte ‘a mugliera d’‘o duttore!

Luisa              E tu, m’arraccumanno, nessuna debolezza… Nun te ne scennere appena ‘o vide!

Giovanna      Nun te preoccupa’, mammà!

SCENA QUINTA

(UMBERTO e dette, poi ARTURO)

Umberto       (Entrando, va di slancio verso Giovanna) Giovanna, finalmente! Non sai in che agitazione mi hai messo!

Luisa              (Fermandolo mentre passa) Altolà signore!

Umberto       Eh?

Luisa              Nun te fa’ illusioni sul motivo della nostra presenza qui! Tu avisseve ‘a essere dilapidato… no, vulevo dicere lapidato… insomma, t’hanno ‘a jetta’ ‘nu terremoto ‘e prete ‘ncuollo!

Umberto       Ma che state dicenno?

Luisa              Ah, pensave ca tutte cose ferneva a tarallucce e vino, eh? No! Io conosco i doveri che mi sono imposti dalla mia condizione di madre!

Umberto       (Tra sé) Mannaggia! Si se mette chesta ‘mmiezo so’ dulure…

Luisa              Caro genero, si ancora accussì te pozzo chiamma’, ti riporto tua moglie…

Umberto       Ah, cara suocera… che bel gesto! (Sta per slanciarsi)

Luisa              (Fermandolo) Indietro! Addo’ vaje? Non è come pensi… Io e Giovanna ci abbiamo pensato a lungo e mò ti dico quello che abbiamo deciso…

Umberto       (Eccitandosi) Oh cacchio! Si Giovanna v’è stata a senti’ ci sta poco da stare allegri…

Luisa              Fra te e tua moglie è tutto finito.

Umberto       (Rdendo con amarezza) Ecco qua, e io che avevo detto?

Luisa              In un primo momento avevo deciso che mia figlia doveva venire a vivere da me, per questo abbiamo passato la notte al Royal, camera 432, quarto piano, con una bella affacciata sul lungomare; ma datosi che nun ce vulimmo mettere ‘mmocca a tanta gente, pe’ salva’ le apparenze, Giovanna torna a vivere ccà, sotto il tuo stesso tetto.

Umberto       (A parte) Benissimo! Mò ‘a faccio fa’, poi, quando essa se ne va e io starò sulo cu’ muglierema…

Luisa              E io abiterò cu’ essa!

Umberto       (Sobbalzando) Che cosa?

Luisa              (Continuando senza dargli retta) Accussì sarò la sua consigliera, la sua difesa… difess… difen… di fenditrice, ecco!

Umberto       Bellissimo! Sarà spassoso assaje!

Luisa              Vivremo qui pe’ fatte nuoste, spartennoce a mmità ‘a casa. (Mostra le stanze di Umberto) ‘A ccà ll’uommene, ‘a chest’ata parte (Mostra le stanze di Giovanna) ‘e ffemmene e ccà mmiezo sarà campo neutro, zona promiscua…

Umberto       E certo, s’ha da parlamenta’ tutte quante a quacche parte…

Luisa              Ecco come intendo regolare la nostra esistenza e portare la pace in famiglia.

Umberto       (Ridendo sarcasticamente per nascondere la rabbia) E brava, vi faccio i miei complimenti! (Prorompendo) Ma faciteme ‘o piacere, nun possibile, è pazzesco! Ma alla fine ch’ag-gio fatto ‘e male, ‘e che cosa m’accusate? Jamme, Giova’, dillo tu: ‘e che cosa me stacite accusanno?

Lusia              (Vivacemente, mentre Giovanna sta per dire qualcosa) Giova’, statte zitta, nun rispondere!

Umberto       (Furioso) Ah, nun ‘a vulite manco fa’ parla’?

Luisa              Calmatevi signore… Giovanna si avvale della facoltà di non rispondere… Io sono la sua avvocatessa.

Giovanna      No mammà, mò basta, fernmmola! (Ad Umberto) Ma comme, tiene pure ‘o curaggio ‘e me chiedere ‘e che cosa t’accuso?

Luisa              Sì, ‘o tene ‘o curaggio… è curaggiuso… e ‘mbruglione comme a tutte ll’uommene!

Umberto       (Brutale) Stateve zitta! Nun aggio parlato cu’ vuje.

Giovanna      Innanzitutto quando parli con mia madre sii gentile ed educato, nun te scurda’ ca è ‘na signora!

Umberto       Sì… signora… va bene, ma ‘o ffaccio pe’ te, Giova’, sia chiaro! E allora? Ancora non hai risposto alla mia domanda: ‘e che cosa me staje accusanno?

Giovanna      Ma comme? Ti sorprendo dint’a ‘na sartoria in intimo colloquio cu’ ‘na femmena di dubbia moralità… mentre te l’abbracce…

Umberto       (Vivacemente) Ma nun era d’‘a mia!

Giovanna      Chi?

Umberto       Chella femmena: nun era ‘a mia, me l’hanno purtata! (Accompagna la frase con una mimica esplicativa)

Giovanna      Ah, sì? Te l’avevano mannata pe’ posta? Via aerea o raccomandata con ricevuta di ritorno? E chi te l’ha purtata, ‘o pustino? Pe’ chesto t’‘a stregnive tra le braccia, sì?

Umberto       Io? Ma quando mai! Si avisse guardato bbuono, te fusse accorta ca nun ‘a stregnevo!

Giovanna      Umbe’, tu ‘a stregnive e essa ansimava… steva tutta eccitata… steva male… teneva bisogno ‘e…

Umberto       (Afferrando la palla al balzo) ‘E ‘nu miedeco! Ecco, ‘o vvide? Stava male, e quindi teneva bisogno ‘e ‘nu miedeco. Questo ti dimostra a sufficienza…

Giovanna      Ma che staje ‘mpapucchianno, Umbe’? Tu curre appresso a tutte ‘e sartine e a tutte ‘e femmene, basta ca te danno facilmente ‘a… ‘a cosa, comme se chiamma… ‘a corda… insomma basta ca respirano…

Luisa              E po’ dici ca songo clienti…

Umberto       (Con volubilità) Ah no, chesta è ‘n’ata cosa, nun ‘mbriacammo ‘e llengue… (A Luisa) La signora che avete visto voi, è la signora Susanna, la moglie del signor Cardellino, mentre l’altra…

Luisa              (Acida) Era ‘a mugliera ‘e chi?

Umberto       (Rapidamente) Del signor Cardellino!e tu?

Luisa              (C.s.) Ah, sì, e che è, bigamo?

Umberto       (C.s.) E certamente! Eh? Ma no, ma no, ma no! Oh, mamma mia, nun ce riuscimmo a capi’! (Luisa) Site vuje ‘mbriacate ‘e llengue, ma ‘e che v’impicciate? Cheste so’ ccose ca nun ve riguardano, abbiate bontà!

Luisa              Ma comme ‘e che m’impiccio? Se tratta ‘e figliema, della mia creatura… che io aggio purtato dint’‘a pancia…

Umberto       (Furioso) Sì, ma ve mettite ‘mmiezo dint’‘a vita privata! Nun m’aggio spusato a vuje, me pare, e perciò aggia da’ spiegazione sulo a muglierema, e nun tengo bisogno ‘e vuje!

Luisa              Nun t’illudere ca te lascio a te sulo cu’ Giovanna… E già: chella povera criatura dint’ ‘e mmane ‘e ‘nu maniaco sessuale… ‘e ‘nu pedofono… podologo… pirofilo…

Giovanna      Pedofilo, mammà…

Umberto       (Alzando le spalle, esasperato) Ma nun dicite sciocchezze! Nelle mie mani… che parole grosse! Io nun voglio adescare né imbrogliare a nessuno: v’aggio ditto ca voglio parla’ sulo a sulo cu’ muglierema, penso ca tengo ‘o diritto d’‘o ffa’, o no?

Luisa              No!


Umberto       (Con voce rauca, soffocando un grido di rabbia) Site ‘na femmena impossibile! (Sente di essere sul punto di volere strozzare la suocera, ma si trattiene, va verso il fondo a grandi passi, poi ritorna avanti) Mannggia ‘a miseria, io aggio ‘a fa’ ‘na strage… ‘na carneficina… Aggio ‘a vede’ ‘o sanghe ca scorre a fiumi… e poi sarà quel che sarà…

Giovanna      Mammà, fallo cuntento, per lo meno nun tenarrà niente ‘a ce rimprovera’…

Luisa              (Con un filo di voce) Ma io te cunosco… Tu te faje fa’, ce cade ‘n’ata vota…

Giovanna      Mammà, stai tranquilla, saccio chello ch’aggio ‘a fa’.

Luisa              E va bene, vi lascio. (A Umberto) Non mi potrai accusare di non metterci la buona volontà… (A Giovanna) E tu, mantiene ‘o punto, nun cedere! (Tra sé) Povera creatura mia… E menu male ca ce stongo io, si no stesse ‘n’ata vota cu’ ‘o marito comme si nun fosse succieso niente! (Facendo una smorfia a Umberto) Mhuuuu… mhuuuu… Toro infuocato! (Via dalla seconda a sinistra)

SCENA SESTA

(GIOVANNA e UMBERTO, poi LUISA)

Umberto         (Dopo una breve pausa succeduta all’uscita di Luisa, si dirige a passi lenti e silenziosi verso Giovanna, poi calmissimo) Senti, Giovanna, dimentica per un momento che hai una madre e credi a me. Quelle due donne sono un segreto del signor Cardellino, non mio. Io nun ‘e ccunosco! Quando ti dico che sono due… due casi clinici, ecco, mi devi credere! Mi hanno chiamato come medico… per un fatto patologico curiosissimo… di medicina del sistema nervoso! Nun te pozzo spiega’, Giovanna, è roba scientifica, ce vonno studi speciali… ma credimi, è tutto finito! Mi hai sorpreso mentre facevo un esperimento, che non è riuscito e che ho lasciato perdere… non ne farò più.

Giovanna      È facile parlare, adesso!

Luisa              (Facendo capolino dalla porta) Avete finito?

Umberto       (Brutale) No! Quanno avimmo fernuto ve chiammammo!

Luisa              (A Giovanna) Nun ‘o da’ retta, t’arraccumanno! (Rientra chiudendo la porta)

Umberto       (Tra sé, in collera) Mannaggia a essa! (A Giovanna, con molta dolcezza) Ti assicuro che quello che ti ho detto è vero. (Tra sé) Ci sono dei casi in cui un gentiluomo ha da cagna’ ‘a verità…

Giovanna      (Cedendo) Si sulo te putesse credere…

Umberto       (Con trasporto) E credimi allora!

Giovanna      Sarebbe bello potere avere fiducia ‘n’ata vota, ma non posso: tu menti sicuramente!

Umberto       (Infervorato) Io nun saccio cosa t’‘o ffa credere!

Giovanna      Mammà!

Umberto       (Con rabbia concentrata e ridendo amaramente) Ah, tua mamma! La mammina adorata… Ma nun è ‘na ragione, ‘a mamma!

Giovanna      (Che non chiede altro che di cedere) E quindi avresti il coraggio di giurare…

Umberto       Ma…

Giovanna      Sulo pe’ convincere a mammà! Giura che mi dici la verità e soprattutto ca me vuo’ bene e non mi farai più ingelosire cu’ ati ffemmene… Io potrei mettere una pietra sul passato, però starò attenta, attentissima al futuro…

Umberto       (Tra sè, con convinzione) E quant’è scucciante ‘a mamma! (Alzando la mano) Giuro che dico la verità, tutta la verità, nient’altro che la verità… (Al pubblico) Questo sì, lo giuro davvero… (Ad alta voce) Giuro e prometto che non darò più adito a gelosie coniugali!

Giovanna      Grazie, Umbe’! Quindi la donna che ho visto non la conosci?

Umberto       Siente ‘na cosa: si tu me truove ‘n’ata vota cu’ chella femmena, ti permetto ‘e me tradi’ cu’ ‘o primmo ca capita… ‘e pute’ fa’ ‘o paragone cu’ ‘n’ato ommo, pecché si ‘e marite permettessero alle mogli di avere un amante per fare il paragone, ci sarebbero molte più mogli fedeli, e molti meno matrimoni ‘nguajate! (Poi ci ripensa) Forse sto esagerando ‘nu poco… Facimmo accussì: si me truova ‘n’ata vota cu’ chella femmena, ti permetto… ‘e penza’ chello ca vuo’, va bene? Mi perdoni? (Cerca di baciarla)

Giovanna      No, no, che staje facenno? Non così… più tardi… quanno se ne va mammà!

Umberto       E va bene, ma per lo meno abbracciami! (I due si abbracciano)

SCENA SETTIMA

(ARMANDO e detti)

Armando       (Compare sul fondo della scena e vede i due abbracciati; stupito, tra sé) Oh cacchio! Pinco è l’a-mante d’‘a mugliera d’‘o duttore! Che casino! (Resta ad ascoltare sulla soglia della porta)

Umberto       Sei un angelo!

Giovanna      Ma sarai giudizioso e non farai più come l’altra notte? Invece di passarla qui, dove sei stato? Esigo spiegazioni!

Armando       (Scandalizzato) Oh!

Umberto       Nun te preoccupa’, non avrai mai più niente da rimproverarmi.

Giovanna      Io ti rimprovero di essere un marito cattivo che non ama la moglie!

Umberto       Eh no! Sei tu che non ami tuo marito! Quando si ama il marito, si ha fiducia in lui, e pure se lo si trova a letto cu’ ‘n’ata femmena, nun s’hadda maje dicere ca ‘nu marito non ama ‘la propria moglie… Si chiede con dolcezza al marito: «Marito caro, pecché t’aggio truvato dint’‘o lietto cu’ chest’ata signora? Devo pensare che non mi ami più?»

Armando       (Scandalizzatissimo) Ah, questa poi è nuova! (A voce alta ed entrando) Io sto ccà… mò mò so’ arrivato, nun aggio ‘ntiso niente!

Umberto       (Tra sé) Isso! Ecco qua, mò ‘nguaja tutte cose! (A voce alta) Signor Cardellino, le presento la signora Molino.

Armando       Sì sì, saccio tutte cose! (Ride nel salutare) Ha ha ha vecchio marpione! Complimenti…

Umberto       (Stupito) Ma che ha passato?

Armando       Ma a parte questo, come va? Si è occupato di noi?

Umberto       (Rapidamente) Ma certamente! (Tra sé) Mò scoppia ‘a bomba atomica!

Armando       Avete incominciato il vestito di mia moglie?

Umberto       Sì sì, ma parliamo d’altro… Siete stato alla riunione del partito oggi?

Giovanna      (A cui non era sfuggita la domanda di Armando) Ma quale vestito?

Umberto       (Assumendo un tono distaccato) Oh, nulla, ‘na vestaglia… Cioè, no… ‘nu vestito ch’aggio fatto fa’ p’‘a mugliera, ‘nu vestito… termo… termostatico, ecco!

Giovanna      Termostatico? E che vo’ dicere?

Umberto       (C.s.) ‘Nu vestito termostatico… che dentro ci ha l’elettricità… È ‘na cosa scientifica… (Tra sé) Mamma mia, si ‘o putesse fa’ sprofonda’! (Poi riflette e spiega a voce alta) Cerco di spiegarti: quando sentiamo freddo stiamo male, non possiamo lavorare bene… soffriamo… Quando invece fa molto caldo, il nostro sistema nervoso impazzisce… il vestito termostatico fa in modo che la temperatura del nostro corpo sia sempre costante ed ottimale. (Tra sé) Me meraviglio ‘e me stesso… so’ stato proprio bravo a cunta’ ‘sta fesseria, nun era ‘na cosa semplice…

Giovanna      Io nun ce veco chiaro…

Umberto       Ma no, nun te mettere ‘ncapa ati ccose!

Armando       Le dà del tu davanti a me… Nun tene ‘nu poco ‘e discrezione!

Umberto       Nun essere sospettosa… Tu devi avere sempre fiducia in me! Si te dico che non amo e non amerò che te, e chesto t’ha da basta’, no?

Giovanna      (Dubbiosa) Mah… nun ‘o ssaccio!

SCENA OTTAVA

(ARTURO e detti)

Armando       (Vedendo entrare Arturo Bisogni) Mamma mia! ‘O marito! (Estrae il fazzoletto e fa disperati segnali ad Umberto che gli volta le spalle)

Umberto       Te lo ripeto ancora: ti amo, ti amo, ti amo! E ti amerò sempre…

Arturo          (Canta) T’amo e t’amerò,,, perdutamente t’amerò… Ah, edificante!

Armando       (Facendo dei segnali) Ehi, signor Pinco… Signor Pinco… (Accorgendosi che Arturo lo guarda, per darsi un contegno finge di farsi aria col fazzoletto, mentre manda saluti ad Arturo. Arturo, stupito, estrae il fazzoletto ed esegue gli stessi gesti di Armando)

Umberto       (Con tenerezza) Giovanna?

Giovanna      E dai, non davanti a tutti!

Umberto       E perché? Mica ho vergogna!

Armando       Ma questo è il colmo! E ‘o marito ca nun fa ‘na piega! (Vedendo che Arturo si dirige verso Umberto) Ah, no, mò gliene dice quattro sicuramente!

Arturo          (Avanza con comica gravità e batte sulla spalla di Umberto) Ueh, Umbe’, guarda ca io sto ccà!

Armando       Mò scoppia, sarà tremendo!

Umberto       (Di malumore, senza neanche prendersi la briga di girarsi) E io ch’aggia fa’?

Artuto          (Fanciullone) Beh, buongiorno, no? Nun me dice manco buongiorno?

Umberto       Ah, certo, buongiorno… buongiorno a te…

Armando       (Sbalordito) E chesto è tutto? (Ad Umberto) Ma come, signor Pinco…

Giovanna      (Vivacemente) Pinco? Ma pecché te chiamma Pinco?

Umberto       (Imbarazzato) Come? Credi che m’ha chiammato… Possibile che sia accussì maleducato? (A parte) Si nun faccio asci’ a Giovanna chisto me cumbina quacche guajo gruosso! (A Giovanna) Mi sembra ca te sta chiammanno mammà…

Giovanna      (Accompagnata da Umberto verso la porta della stanza, passa davanti ad Arturo che si trova al centro della scena) Ma no…

Umberto       Ma sì, ma sì… Andiamo, vieni… fa’ ampressa… (Esce con Giovanna dalla seconda a sinistra)

SCENA NONA

(ARMANDO ed ARTURO)

Armando       (Momento di silenzio. Armando ed Arturo si guardano. Poi Arturo indica col dito la porta da cui è uscito Umberto ed entrambi scoppiano a ridere. Armando tra sé, continuando a ridere) No, allora è un cinico! (Ad Arturo) Ma vuje nun dicite niente?

Arturo          E di che?

Armando       Eh, di che… ‘e niente! (Tra sé) Ma fosse surdo?

Arturo          (Ridendo) Che dicite, l’avimmo disturbati?

Armando       (Sbalordito) Penso di sì, io… (Tra sé) Ma in che periodo viviamo?!

Arturo          (C.s.) So’ accussì bellille…

Armando       (Ridendo ma per compiacenza) Bellille assaje! (Tra sé) Ma nun tene manco ‘nu poco ‘e senso morale? (Ad Arturo) Caro signore, io nun songo ‘nu bigotto, ma nun arrivo a capi’ pecché nun sorvegliate ‘nu poco meglio ‘a mugliera vosta!

Arturo          (Sorpreso) Muglierema? (Tra sé) Che uomo scombinato! (Ad Armando) E che diavolo, dateme ‘o tiempo… l’aggio ritrovata sulo ajere!

Armando       Ah, l’avite ritrovata sulo ajere?

Arturo          Sì! (Tra sé) Ma pecché me parla ‘e muglierema? (Ad Armando) Avite ‘a sape’, ca m’a-veva lassato…

Armando       Pe’ se mettere cu’ ‘o sarto…

Arturo          No, pe’ ‘nu militare!

Armando       Ah, pure? (Tra sé) Ma allora è proprio ‘na zoccola!

Arturo          Sì, ‘a stevo cercanno ‘a paricchio tiempo e ajere, quando meno me l’aspettavo, zac! ‘A trovo tra le braccia di chi?

Armando       Del signor Pinco?

Arturo          (Sbalordito) Bravissimo, Pinco! Ma comme ‘o ssapite?

Armando       Ah, beh, non è difficile indovinarlo… (Tra sé) Certo ca comme marito è di una filosofia ammirevole… Forse è proprio ‘nu filosofo!

Arturo          Quanno m’ha visto, tanto d’‘a gioia, ppoh! M’ha dato ‘nu pacchero… Ah, so’ proprio cuntento!

Armando       Sì, curnuto e cuntento… Ma nun me meraviglio!

Arturo          (Tra sé) No, si meraviglierà Umberto quanno adoppo ce presento ‘a muglierema!

SCENA DECIMA

(UMBERTO e detti)

Umberto       (Entrando) Ecco fatto! La suocera più o meno l’ho quasi convinta… (Ad Arturo) Amico mio buongiorno, scusami per prima se ti ho non ti ho salutato come avrei dovuto…

Arturo          Nun fa niente, capisco benissimo.

Armando       (Tirandosi Umberto in disparte, sottovoce) V’aggia parla’! (Arturo, ingenuamente, li raggiunge per ascoltare. Armando, a disagio per la presenza di Arturo) Scusate …

Arturo          (Ingenuo) Fate con comodo, fate come se io non ci fossi…

Armando       (Ridendo con imbarazzo) Eh, ma vuje state ccà… Sentite, è ‘na cosa personale.

Arturo          Ah, allora m’assetto llà. (Indica il tavolo di destra, dove va a sedersi e dove sfoglierà un libro mentre Umberto ed Armando parlano tra loro)

Armando       (A mezza voce ad Umberto) Sto aspettando a muglierema, chesta è l’ora in cui vene ccà a se fa’ visita’, e datosi ca nun ‘a veco d’ajere…

Umberto       Ah cacchio!

Armando       Come avete detto?

Umberto       Niente, ho detto: «Ah, caspita!»

Armando       Scusatemi, m’era parso ‘e senti’ ‘n’ata cosa… Io mò aggio ‘a sistema’ ‘sta cosa, pecché s’ha da chiari’, è da stupidi non farlo… Sulo ca nun saccio comme ce aggio spiega’ ‘a storia ‘e Rosa…

Umberto       E già, nun è facile… Mah!

Armando       (Subitamente) Ah! M’è venuta ‘n’idea meravigliosa! Sulo ca v’aggio ‘a chiedere ‘a cortesia ‘e nun me contraddicere…

Umberto       Ma stammo pazzianno? Tra uomini ‘sti ccose nun s’hanno manco dicere…

Armando       (Contento) Dirò che Rosa è la vostra amante!

Umberto       (Che ha accondisceso con la testa) Benissimo! (Realizzando all’improvviso) Ma che state dicenno? Noo, manco per sogno!

Armando       (Naturalissimo) Ma che ve ne ‘mporta? Lo saprà solamente lei!

Umberto       Non esiste proprio! Penzate ‘n’ata cosa…

Armando       (Supplicandolo) Pinco… caro signor Pinco!

Umberto       È ‘na pazzia, stateme a senti’… No, no, non posso… Che direbbe la signora Molino?

Armando       (Sbalordito guarda Arturo e lo indica con la testa) Ah, vuje pensate ca…

Umberto       Ma è logico! Chiedetelo a qualcun altro!

Armando       E a chi?

Umberto       E che ne saccio? (Arturo canticchia e attira l’attenzione di Umberto che lo indica ad Armando) Addimannatelo a isso, per esempio… (Armando fa un gesto di assenso)

Armando       (Scandalizzato) A isso? E vuje credite ca ‘a signora Molino nun dice niente?

Umberto       (Molto ingenuamente) E che se ne ‘mporta ‘a signora Molino?

Armando       (C.s. allargando le braccia) Ma addo’ so’ capitato! Dio mio che gente immorale! E va buo’, facimmo accussì…

Umberto       (Ad Arturo che, sempre canticchiando, si è alzato dopo aver gettato il libro sul tavolo) Artu’, ‘o signore t’ha da addimanna’ ‘na cosa. (Detto ciò si trae in disparte fino al tavolo di destra)

Armando       (Ad Arturo) Caro signore, me vulite fa’ ‘nu grande favore?

Arturo          (Inquieto) Io?

Armando       Sì, voi, un favore grande… immenso!

Arturo          (Imbarazzato) Mannaggia… ‘o fatto è ca… stammo ‘a fine d’‘o mese e… nun tengo assaje dint’‘a sacca…

Armando       (Rassicurandolo) State tranquillo, nun avite ‘a caccia manco ‘na lira.

Arturo          (Rassicurato) Ah, si nun se tratta ‘e caccia’ denare, ditemi tutto… ‘E che se tratta?

Armando       In questo momento sono in contrasto cu’ muglierema… M’ha sorpreso cu’ ‘n’ata femmena… la mia amante!

Arturo          (Ridendo, molto ingenuamente) Hahaha guarda che combinazione!

Armando       (Ridendo per compiacenza) Sì, ma pe’ mme è stata ‘na cattiva combinazione. (Serio) Per farla breve, essa vene ccà ‘fra poco. Vuje cunuscite a muglierema. Bene: L’avite ‘a dicere ca ‘a signora Domini-Lamberti, l’amante mia, è l’amante vostra, è chiaro?

Arturo          (Canzonando) Ma bene! Questa è ‘na bellissima idea!

Armando       Sì? Vi piace la cosa allora?

Arturo          (Piroettando) La cosa è cattiva, è ‘na grandissima buscia!

Armando       Non vorrete mica dirmi di no?

Arturo          Esattamente! A me nun me piace ‘e dicere buscie!

Umberto       (Sottovoce ad Arturo, raggiungendolo) Accetta, Artu’… È presidente di parecchie società ca stanno nascenno… È capace ca le servono immobili!

Arturo          (Ad Umberto, sottovoce) Tu ‘overo staje dicenno? (Umberto annuisce col capo; Arturo risolutamente, ad alta voce) Va bene accetto, ce aggio ripensato… Accetto!

Armando       ‘Overo dicite?

Arturo          Ma mi obbliga a quacche ccosa? Me custarrà quacche ccosa?

Armando       Già ve l’ho detto: niente… proprio niente! È ‘nu regalo… ve la regalo!

Arturo          (Dondolandosi) E ditemi ‘na cosa… È carina?

Armando       Chi, la…? Sì, assaje!

Arturo          (Ridendo) Un’allegrona?

Armando       Sì, abbastanza… ride sempe!

Arturo          (Ridendo e dandogli un colpetto) Ma no, ch’avite capito? Io dicevo… una donnina allegra… frivola… capite a mme…

Armando       (Ridendo) Ah, vuje vulite dicere… Sì, sì, ma molto per bene! E comunque tengo ‘na fotografia, eccola qua… (Prende una fotografia dal portafoglio e la consegna ad Arturo) Anzi, facitela vede’ a muglierema accussì la cosa è più veritiera…

SCENA UNDICESIMA

(ANTONIO e detti, poi SUSANNA)

Antonio         (Entrando dal fondo e annunciando) La signora Cardellino!

Armando       (Mette la foto nella tasca del cappotto di Arturo. Sottovoce) Muglierema! Stateve zitto e annascunniteve ‘a fotografia. (Tra sé) A tiempo a tiempo! (Antonio esce)

Umberto       (Andando incontro a Susanna) Buongiorno, carissima signora!

Armando       (Timidamente) Ciao Susanna.

Susanna         (Sdegnosa) Ah staje ccà? Bene, allora posso ritirarmi!

Armando       (Vivacemente) Susanna, stamme a senti’… ascoltami! Ti giuro che sono innocente!

Susanna         Va bene, lo dirai al tribunale quando sarà il momento.

Armando       Al tribunale? Ma neanche per sogno! Cercammo ‘e ce spiega’: Nun ce simmo capite per un malinteso. Tu m’he’ visto cu’ ‘na femmena, è ‘overo, ma io nun ‘a saccio a chella! E t’‘o pozzo pruva’: sta con il signore! (Ad Arturo) È ‘overo o no?

Arturo          (Senza convinzione) Sì, sì… sì, sì…

Armando       He’ visto?

Susanna         Dicitincelle a quacchedun’ata ‘sti ccose!

Umberto       (A Susanna) Non siate così crudele, signora.

Armando       Susanna m’he’ ‘a credere, ti garantisco ca te si’ sbagliata! (Sottovoce ad Arturo) Facitele vede’ ‘a fotografia, è ‘o mumento!

Umberto       (Cercandola nella tasca) Sì…

SCENA DODICESIMA

(ANTONIO e detti, poi ROSA)

Antonio         (Entra dal fondo annunciando) La signora Bisogni!

Arturo          (All’annuncio torna rapidamente verso il fondo) Oh, vieni… vieni…

Susanna         Oh Dio, l’amante ‘e maritemo!

Arturo          (Presentando Rosa ad Armando) Vi presento…

Armando       (Che, preoccupato, non aveva fatto caso all’ingresso di Rosa, girandosi la riconosce) Oh Madonna… Rosa… Che guajo! (Scappa ed esce dalla prima a destra)

Arturo          Ma ch’ha passato chillo? (Ad Umberto) Carissimo Umberto, ti presento mia…

Umberto       (Alzando la testa) Mamma mia… Rosa qui! Me n’aggio ‘a fuji’! (Scappa via ed esce dalla prima a sinistra)

Arturo          Ma che sta succedendo?

Rosa               (Offesa) Ih che belli scostumate!

Arturo          Nun ce fa caso… sarrà ‘a sorpresa! (Torna verso il fondo, a Susanna) Signora, se permettete vi presento…

Susanna         Signora, io non vi conosco! (Via dalla seconda a destra)

Rosa               Ancora?

SCENA TREDICESIMA

(GIOVANNA e detti, poi UMBERTO, indi ARMANDO)

Arturo          Evidentemente ‘a signora nun ha capito bbuono. (Dalla seconda a sinistra compare Giovanna) Ah, la padrona di casa! (A Giovanna) Signora, permettete che vi presenti…

Giovanna      (Stupita, a Rosa) Voi qui? (Ad Arturo) Complimenti signore, vedo che continuate nel vostro bel mestiere… (Rientra bruscamente nella seconda a sinistra)

Rosa               (Furiosa) E mò basta! Qui davvero stammo esagerando!

Arturo          (Fanciullone) Ma no, nun ce fa’ caso… a me me capita tutte ‘e juorne.

Rosa               E tu nun dici niente?

Arturo          Sì, sì… (Ritorna verso la seconda a sinistra) Aspetta ‘nu mumento…

Umberto       (Esce e corre da Rosa credendola sola; rapidamente e sottovoce) Digraziata ma che faje? T’ap-prisiente accussì, a casa mia… ma si’ pazza?

Rosa               E pecché? Io sto ccà cu’ maritemo!

Umberto       Mariteto? E addo’ sta?

Rosa               Arturo, ovvilloco! M’ha ritrovata ajere.

Umberto       (Sbalordito) Comme, Arturo?

Arturo          (Intromettendosi tra i due) Che d’è?

Umberto       Niente… (Gli scoppia a ridere in faccia mentre Rosa si sposta sulla destra)

Armando       (Uscendo dalla destra, rapidamente e sottovoce a Rosa) Rosa, p’ammore ‘e dDio, nun facimmo scandali! Vatenne, muglierema sta ccà!

Rosa               E basta mò, sto accummencianno a me scuccia’!

Arturo          (Raggiungendo Armando) Ma pecché parlano tutte quante a bassa voce?

SCENA QUATTORDICESIMA

(GIOVANNA, LUISA, SUSANNA e detti, infine VINCENZO, IOLANDA ed ANTONIO)

Giovanna      (Entra da sinistra accompagnata da Luisa, mentre da destra entra Susanna; al marito) E no, Umbe’, mò è troppo! Te mancava sulo ‘e purta’ a casa ‘e sartine toje!

Umberto       Ah, ma è ‘na fissazione! Ma addo’… quale sarta?

Giovanna      (Indicando Rosa) ‘A signora llà!

Rosa               Io?...

Luisa              (Indicando Susanna che è rimasta sulla soglia della seconda a destra) No, l’altra signora!

Susanna         Io?

Umberto       Pecché nun accummenciammo a ce spiega’ ‘nu poco tutte quante?

Armando       (Indicando Susanna) Scusate, Susanna  è muglierema.

Arturo          (Indicando Rosa) E Rosa è ‘a mugliera mia, perciò primma ‘e parla’ riflettete bene!

Tutti              ‘A mugliera?!

Arturo          Precisamente!

Armando       ‘A mugliera… e io ce aggio dato pure ‘o ritratto! (Ad Arturo) Sentite, ridateme ‘a fotografia…

Arturo          Come? La… ah, certo, è giusto. (Toglie la fotografia dalla tasca e vuole guardarla)

Armando       (Vivacemente) No, nun ‘a guardate…

Arturo          (Allontanando Armando con la mano sinistra e prendendo la fotografia con la destra) E perchè no?

Armando       (Insistendo) Per piacere, nun date retta!

Arturo          (Guardando il ritratto) Oh perbacco!

Armando       (Fra i denti) Ecco qua, s’è fritto ‘o pesce!

Arturo          Gesù Gesù! Comm’è strano, assumiglia a muglierema… (Ad Armando) Non vi pare?

Armando       (Assumendo un tono distaccato) Eh?... Oh, no, no… non troppo!

Arturo          (Ad Umberto) Guarda buono, Umbe’, nun te pare ca assumiglia a muglierema?

Umberto       Chesta ccà?... Beh, nun tene abbastanza…

Arturo          (Alla moglie) Allora guarda tu!

Rosa               Ma che stai dicenno, Artu’… comme si’ cattivo cu’ mme!

Arturo          ‘Overamente? (Guarda di nuovo la foto) Beh, sì… in effetti è vero… nun t’assomiglia proprio, aggio pigliato ‘n’abbaglio!

Susanna         (Ad Armando) Ma allora è tutto vero?

Armando       Ma si è ‘n’ora ca t’‘o sto dicenno!

Susanna         Ah, caro il mio Armandino!

Armando       Ti perdono, Susanna.

Giovanna      E tu mi perdonerai, Umbe’?

Umberto       No, non chiedermi perdono, sarebbe troppo!

Luisa              Ma quanto so’ scieme! Menu male ca se stongo io ccà, si no ‘sti dduje dimane accummenciano d’‘o capo!

Giovanna      Marito mio adorato!

Umberto       (Sussultando) Mugliera ‘e chistu core!

Armando       (A cui non sono sfuggite le parole di Giovanna) ‘O marito? Ma allora il dottor Molino…

Umberto       (Imbarazzato) Eh? Il dottore…?

Arturo          (Indicando Umberto) Ma è isso!

Umberto       Che imbecille!

Armando       Io pensavo ca faciveve ‘o sarto…

Umberto       (In tono confidenziale) Zitto! Sì, l’aggio fatto pe’ procura… Mia zia faceva ‘a sarta!

Armando       Ah, sì? E pecché nun l’avite ditto?

Umberto       Non potevo!

Armando       E perché?

Umberto       Motivi di famiglia… (Tra sé) Ma quanta cacchie va truvanno, chisto?!

Luisa              Basta mò, basta con le stupidaggini! Tutto è bene quel che finisce bene… E quando due cuori si amano, non ci sono se e non ci sono ma che tengano! Si perdona tutto… tutto! Però sulo ‘na vota, se perdona l’errore… Comme dicevano ‘e latine: “Errare umanum est, perseverare autem diabolicum” Sbagliare è umano, persevrerare è diabolico! Ci vuole razionalità in tutto, s’ha da capi’ che cosa è meglio pe’ nuje… pe’ l’ ammore, s’hanno ‘a segui’ i comportamenti buoni, non quelli cattivi. Ovidio diceva: “Video meliora proboque: deteriora sequor”, che se putesse tradurree con il Boiardo: “Vedo il meglio ed al peggior m’appiglio” E questo lo dico soprattutto ai signori uomini, che sbagliano a correre appresso a tutte le gonnelle... a tutte le donnine allegre e compiacenti, soprattutto quando amano la loro compagna, fidanzata, moglie, convivente che sia e la ricerca di un’altra donna è sulo ‘nu sfizio.

Tutti              E brava donna Luisa! (Applauso generale che attira anche l’attenzione di Vincenzo, Iolanda ed Antonio che entrano dalle rispettive uscite)

Vincenzo       Signori, un attimo di attenzione, dobbiamo fare un annuncio! Visto ca l’ammore è turnato a splennere tra ‘e patrune nuoste, nuje… io e Iolanda (Che gli si avvicina e gli dà la mano) ve comunicammo ca ce simme fidanzate e vulimmo l’approvazione vosta. Si ‘e ccose andranno bene pure tra noi, ve prumettimmo ca faremo ‘o lavoro nuosto al meglio, si invece nun ghiessero bbone, pe’ nun darve fastidi ce ne jammo a fatica’ a quacche ata parte, ma io credo ca pure tra nuje ce sarrà l’ammore vero, chello ca vence tutte cose… (Altro applauso da parte di tutti)

Antonio         Vulevo dicere ‘na cosa alla signora Luisa. Avete detto delle parole bellissima, avete espresso dei concetti meravigliosi. Signora Luisa, si vuje fusseve disponibile, pur’io so’ disposto a perdere ‘a libbertà e tutte ‘e ffemmene mie pur di essere il vostro grande amore! (Le azioni si bloccano, quadro plastico. Luci a scelta del regista)

Sipario

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 29 volte nell' arco di un'anno