‘O scarfalietto

Stampa questo copione

                         

’O  SCARFALIETTO

 di

Eduardo Scarpetta

(1881)       

adattamento di

Antonello Avallone

Roma, febbraio 1983

 

Personaggi in ordine di apparizione 

 

Rosella Paparella

Michele Pascone

Felice Sciosciammocca

Amalia Maruzzella

Gaetano Papocchia     

       

 

ATTO  PRIMO

                                     

Napoli, 1881. Camera da pranzo in casa di Felice. Sullo sfondo, ampia finestra  che da accesso alla terrazza. A sinistra, una porta  che conduce in camera da letto. A destra,una  porta  che  conduce  nel   corridoio. Nel mezzo, tavola apparecchiata per due.Avanti, a destra piccolo salotto. E’ circa mezzogiorno.

ROSELLA - (Entra) Nun ce sta nisciuno. Doppo ‘a nuttata ‘e stanotte starranno durmenno  ancora. Mamma mia     e che gente, che gente! Manc’’a notte stanno cuiete.

MICHELE - (entra) Neh, Ruse’, che è stato ?

ROS - Ah, Michè, so’ sagliuta pe’ due cose: primma pe’ dicere a ‘o signore che stamattina è venuta ‘ na persona che se  vo’ fitta’ ‘a casa a’ ‘o primmo piano; e po’ vulevo sape’ comme è ghiuto a ferni’ l’appicceco ‘e stanotte.

MIC - E’ ghiuto a ferni’ ca doppo tante strille, doppo tante allucche, ‘a mugliera s’è addormuta ‘ncopp’’a na pultrona, e don Felice, ‘o marito, s’è addormuto ‘nterra.

ROS - Ma vuie verite che gente stravagante! Ma pecchè fanno sempe  quistione ?

MIC - E pecchè...pecchè don Felice nun s’aveva ‘a spusa’ accussì priesto e pigliarse ‘na capricciosa, ‘na pazza comme a chella. Tutte cose le da fastidio, pe’ niente s’attacca ‘e nierve. C’’e facesse attacca’ io ‘e nierve!

ROS - Ma poi tu staie ‘a parecchio tiempo a servizio ‘don Felice!

MIC - Uh, nce stongo ‘a diece anne, da che murette ‘a mamma. E fino all’anno passato io nun ero mai nu servitore, facevo chello ca vulevo io. Don Felice non andava ‘a na parte, si nun purtava a me; mangiavo a tavola cu’isso...insomma io ero tutte cose. ‘A n’anno a chesta parte ca s’è spusato, io nun aggio cchiù pace. Da che facevo chello che vulevo io, mo’ nun posso manco arapì ‘a vocca. Ma se mi riesce chello che sto facenno....

ROS - Che stai facenno, neh, Michè?

MIC - Niente, niente, mo non t’’o pozzo dicere. Vattenne, che si esce chell’arpia d’’a mugliera, siente ‘e strille!

ROS - Si, dice buono, allora traso a n’atu ppoco pe sapè che risposta vonno dà a chillo signore che se vò fittà ‘a casa. (Esce a destra)

MIC - Mo vedimmo si arrivo a chello che dico io. Tanto fuoco aggi’a mettere, tante cose aggi’a fà, fino a che don Felice nun si divide d’’a mugliera. (Dalla strada si sente suonare un trombone e una grancassa con piatti che fanno molto rumore.) Ah, chiste sò loro! (Corre alla finestra.) Jammo guagliù, ‘ncasate forte ... (Viene avanti ballando.) A chiste le dongo meza lira a ‘o juorno pe’e ffà sonà ccà sotto. Mo vedimmo si ce riesco.

FELICE - (Da sinistra, prima di dentro) Stà storia ha da fernì, mannaggia all’anema ‘e mamme vuoste. (Esce in camicia da notte con berretto e calze da notte e poi va alla finestra.) Neh, scustumatone! (trombone, Felice chiude e poi riapre.) Levateve ‘a lloco sotto ca ve mengo na cosa ‘ncapa! (Come sopra.) Voi per chi mi avete preso! (chiude di corsa, quando riapre come prima.) Io sono un galantuomo! (Come prima.) All’anima vostra! E ccà è meglio che me ne vaco si no abbusco pure!

AMALIA - (da sinistra in vestaglia e berretto, andando verso la finestra.) Ecco qua la solita grancassa co’ i piattini. ‘O solito stunamiento!

FEL - Sta cosa co i giocoliere nun me fa capace. Michè, da na cosa a sti curiuse ccà sotto e mandali via!

MIC - Subito. (Va alla finestra, tira i soldi e fa segno ai giocolieri di tornare il giorno dopo. Rimane in balco­ne.)

FEL - Ma posso mai credere che da no mese a chesta parte sti giocoliere veneno sotto ‘a finestra mia, ogne matina alla stessa ora?

AMA - Accussì, spontaneamente.

FEL - Senza ca nisciuno le dice niente?

AMA - Senza che nisciuno ‘e paga.

FEL - Quaccheduno ha da essere che ‘i fa venì!

AMA - Quaccheduno cià da stà che l’ha rifresca!

FEL - Io pe me non li rifresco certo.

AMA - E io manco!

FEL - E’ impossibile. Pecchè si chille non fossero pagate, non venessero a fà fanto fracasso! Io comunque aggio appurato tutte cose: quei ridicoli sono pagati da voi!

AMA - Da me? Mo me fai pure ‘a parte faticata. Chille sò pagati da te!

FEL - Da me? Uh, io pagava a chille pe farli fa ‘nfringhe­te, ‘nfrunghete, ‘nfrù?

AMA - Si, da te, che stai facendo tutte cose pe fa’ schiat­tà’’ncuorpo a me puverella. ‘A n’anno a chesta parte che simme spusate io aggio perzo ‘a pace. E mo pe na cosa e mo pe n’ata, non pozzo sta mai cuieta! Stanotte aggio fatta chella nuttata!

FEL - E che l’avete fatta pe’ me ‘a nuttata?

AMA - E se capisce, pecchè tu m’haie fatto brucia’ c’’o scarfalietto!

FEL - Lo scaldaletto? Io? Voi l’avete messo nel letto e poi è succiesso chillo guaio!

AMA - Uh, io l’aggio miso? Io l’aggio trovato dint’o liet­to! Vattenne, vattenne briccone. Sta vita nun ‘a pozzo sopportà cchiù. Me ne vogl’ì, me voglio spartere, nun te voglio vedè cchiù! (Esce a sinistra.)

FEL - Oh, che dispiacere! Io chesto vado truanno! Mannaggia all’anema toja, vi’ che me sta facenno passa’. Mo t’acconcio io, t’acconcio!

MIC - (Che ha spiato la litigata dal balcone) Ah, ah, ah, comme jammo bello. Mo vedimmo si nce arrivo. A me n’ato imbroglio. (Va alla tavola) Levammo sta sal­vietta a don Felice e mettimmoce invece chiste. (Va alla credenza, prende una mutanda da uomo piegata come una salvietta, facendo in modo che il pubblico non se ne accorga, e la mette vicino al piatto.) Mo siente ‘e risate!

ROS - (Entra da destra con due piatti, uno con carne e uno con uova.) Michè, che fanno ‘e signure? (Intrigante.)

MIC - Che fanno? Che ponno fà? Mo proprio s’hanno fatta n’ata spellicciata.

ROS - Mamma mia, e chiste fanno un’arte dalla mattina alla sera? Stanotte è succiessa chella ammuina! Dico io po’, quanno hanno ‘a sta accussì, non è meglio che si dividono?

MIC - E’ quello che dico io, perchè si spartono? Eh, ma tu la sai tutta la storia?

ROS - Qua’ storia?

MIC - Vieni con me. (Si dirige verso il quadro a sinistra) Lo vedi a questo?

ROS - E chi è? (Pulendo un bicchiere)

MIC - Chisto è la buon’anima ‘e don Ciccillo. Fatti ‘o segno ‘e croce.

ROS - (Esegue.) E chi è ‘sto don Ciccillo?

MIC - Tu devi sapere che don Felice è figlio alla buon’ani­ma di don Ciccillo ... fatt’’a croce, fatt’’a croce.

ROS - N’ata vota?

MIC - Pace all’anema soia! ... Che teneva na puteca ‘e pesce.

ROS - Che teneva?

MIC - Na puteca! Nu negozio ... Rose’, un officio di pesce e baccalà! E guadambiava nu sacco ‘e solde. Infatti non faceva altro che lavorare. Eh, chillo lavorava giorno e notte, sta sempre mmiezzo a ‘o pesce. Pesce ‘a matina, pesce ‘o pomeriggio, pesce ‘a sera, chillo s’’e ppurtava pure dint’’o lietto quanno se coricava. Insomma lo chiamavano baccalà. Quanno murette ...

ROS - Lo facettero al forno!

MIC - Lo facettero al ... Ma che me faie dicere? Quanno murette lasciaie tutte cose a don Felice che dint’’a ‘n’anno fallette pecchè se spendeva tutte ‘e solde in feste e divertimenti!

ROS - Aeh!

MIC - Seguimi. (Va verso il quadro di destra.) La vedi a chesta? Chesta è la bon’anema di donna Filomena Maruz­zella! Fatt’’a croce, fatt’’a croce ...

ROS - E n’ata vota mo?

MIC - Fatt’’a croce, fatt’’a croce! (Rosella, scocciata, esegue) Sai chi è chesta?

ROS - ‘A moglie d’’o baccalà!

MIC - ‘O stoccafisso! Rose’, tu nun capisce niente! Chesta è donna Filomena Maruzzella, buon’anema, fatt’’a croce, fatt’’a croce!

ROS - Vide se la fernesce cu sta croce!

MIC - Sta donna Filomena la chiamavano ...

ROS -  ‘A sogliola!

MIC - Ma Rosè, me vuò fa parlà o no? Insomma, la chiamavano ‘a pertusara.

ROS - Comme?

MIC - ‘A pertusara! (Pausa) Rosè, chella che spertusa! ROS - Ah! (non ha capito)

MIC - (Spazientito) Faceva ‘e buchi! ROS - ‘E buchi? E addò e faceva sti buchi?

MIC - Addò le capitava! Faceva buchi ‘ncopp’’e rrecchie, ‘ncopp’’e cinture ...

ROS - ...’ncopp’’e cinture?

MIC - Eh! Col punteruolo. E spesso e volentieri pure ‘ncopp’’a qualche sedere.

ROS - (Allarmata) Col punteruolo?

MIC - Ma no, co ‘a siringa!

ROS - Gesù, e tu faie accussi co ‘a mano!

MIC - Insomma, fa n’affare oggi, fa n’ato affare dimani, sta donna Filomena teneva soldi, proprietà, stu palaz­zo ‘e casa e pure na bella figliola di nome Amalia.

ROS - E accussì chella vota l’affare ‘o facette don Felice! Ma io dico ... invece ‘e sta cuiete! Non le manca niente, doie perzune senza figlie ... (rumore di dentro). Uh, zitto, sta arrivanno don Felice. (esce a destra)

FEL - (Con vestito) Michè, dì a ‘o guardaporta che portasse mo proprio sta lettera al suo indirizzo. Bada che è n’affare di premura, un avvocato.

MIC - Vulite che la porto io stesso?

FEL - Michè, tu, ‘o guardaporta, chi ce va ce va, basta che facite ambresso.

MIC - Va bene. (Fa per andare. Entra Rosella con dei piat­ti).

AMA - (Entra vestita e con una lettera) Michè, porta mo’ proprio sta lettera al suo indirizzo, un avvocato.

MIC - Scusate, signò, aggia portà prima sto biglietto d’’o marito vuosto.

AMA - ‘O puorte doppo. ‘O mio è de premura.

FEL - ‘O mio è d’urgenza!

AMA - ‘O mio è pressantissimo.

FEL - ‘O mio è importantissimo!

AMA - ‘O mio è urgentissimo!

FEL - ‘O mio è grandissimo!

MIC - (Ogni volta fa per dirigersi verso ognuna delle lettere e alla fine si ferma.)

ROS - Va buò, Michè, fa no zumpo e portale tutte e doie!

MIC - (Esce)

ROS - Ma comme, signò, e vuie avite ‘a sta sempe appicceca­te? E mo pe na cosa ‘e niente v’avite ‘a piglià tanta collera?

FEL - No, mo fi. nisce tutto

AMA - A n’atu ppoco s’accomoda tutte cose.

ROS - Assettateve, facite colazione. Ccà sta ‘a genovese e ccà stanno le uova. (Si siedono dandosi le spalle) E chesto che cos’è? Site  spusate ‘a n’anno, v’avisseve ‘a vulè bene, invece facite sempe chiacchiere!

FEL. - Tu ‘ntrichete ‘e fatt tuoie!

AMA - Cheste so’ cose che non ti riguardano.

FEL - Tu sei una serva e stai al posto tuo.

AMA - Vattenne fore.

FEL - Ma vattenne ‘n cucina!

ROS - Eccomi qua, me ne vaco, Io si aggio parlato è stato p’’o bene vuosto. Ma po’ v’appiccecate, non v’appicci­cate, ve pigliate a mazzate, ve scummate ‘e sango, ma murite ‘e subbeto tutt’’e duie, che me ne preme a me! ‘A serva, ‘a cucina! Sacc’io forse che la mattina vengono i giocolieri con grancassa, tammure e piattini e non si sa se li manda la signora o il signore? O che avete litigato stanotte perchè s’è rotto ‘o scarfa­lietto dint’o lietto? Io mi faccio i fatti miei, cari signori, ‘e fatte mieie.

FEL - E meno male che se fa ‘e fatte suoie!

AMA - (Dopo pausa) Vuo’ sapè ‘a verità? Io mo mangio si no me faccio secca secca, moro e chillo se ne piglia n’ata. Chesto mai. Nun ce l’aggia da pe’ vinta! (Canta e si serve abbondantemente.)

FEL - (osservandola) Mo mangio pur’io si no chella se fa fore tutte cose. (Senza accorgersene si mette la mutanda come salvietta.) L’ho messo io ‘0 scarfalietto dint’’o lietto?

AMA - E che ce l’ho messo io?

FEL - Va bene, questo poi si vedrà. (Tutti e due afferrano con le loro forchette la stessa fetta di carne. Pausa. Si guardano.) Ma vedete che sto appezzanno, e faciteme appezzà ‘n grazia ‘e Dio.

AMA - E io pure stevo appezzanno!

FEL - Ma a me me pare che appezza prima il marito.

AMA - No, mio caro, sei in errore: appezza prima la moglie! Ma già, è che mi vuoi sempre contrariare in tutto. Tu hai visto che io steva magnanno e haie ditto: «Io a chesta nun l’aggia fa magnà! L’aggia torturà, l’aggia fa suffrì!» Nun è ‘o vero? Haie ditto accussì, si? E va bene, non magnammo chiù. E’ fatto. (Lascia la forchetta e gli volta le spalle.)

FEL - (Dopo una pausa) E nemmeno io voglio mangiare. Stam­mece diune comme duie cane. (Smette di mangiare.)

AMA - Già, questa è l’educazione che avete avuta da vostro padre ... ‘no baccalaiuolo.

FEL - Mio padre non era baccalaiuolo ... nonsignore ... era negoziante ‘e bacalà!

AMA - E non è lo stesso?

FEL - Niente affatto, c’è una “C” di meno. Ricordatevi invece di vostra madre ch’era ‘na pertusara. Ueh, mammeta se pigliava cinche solde a’’o buco!

AMA - Mammema? (Alzandosi) Ueh, nun parlà ‘e mammema, sà, ca ‘nce ‘ncuietammo seriamente!

FEL - (Alzandasi e lasciando vedere le mutande) E voi non parlate di mio padre ...

AMA - Uh ... (ridendo) Chillo ca s’ha miso ‘nganna? ‘Na mutanda!

FEL - (Sorpreso) E io comm’è ca tengo sto coso ‘nganna? Va bene, questo è un altro scherzo che mi avete fatto. M’avite miso ‘o sottocazone dint’’o piatto?

AMA - Io? Aveva ‘a essere pazza! Facevo ‘o scherzo a isso!

FEL - Intendo: se mo me vedeva quaccheduno faciveve ridere sulle spalle mie?

AMA - E tu chesto faie sempe, faie ridere!

FEL - No, però, m’è piaciuto: invece del salvietto, la mutanda. Ma questa, cara signora, la porterò in tribu­nale, questa mutanda la farò vedere al Presidente! (La mette sulla credenza e prende un libro da leggere.)

AMA - E quello il Presidente aspetta a te con la mutanda in cuollo!

FEL - Mangiate voi perchè io non tengo appetito.

AMA - Oh, meno male, accussì sto cuieta. (Mangia)

FEL - (Apre il libro appoggiandolo alla bottiglia dell’ac­qua e si mette a leggere.)

AMA - (Prende la bottiglia dell’acqua facendo cadere il libro e si versa l’acqua.)

FEL - (Prende la bottiglia del vino e vi poggia il libro.)

AMA - St’acqua assoluta comm’è disgustosa (prende la botti­glia del vino per metterne un po’ nell’acqua e fa cadere di nuovo il libro.)

FEL - Ma insomma, stu coso addò vulite che ‘o poso?

AMA - Miettelo addò vuò tu!

FEL - E vuie m’avite levato ‘a primma e ‘a seconda butte­glia, po’ dicite ca songh’io.

AMA - Non c’aggio badato, si no non te devo tanta confiden­za.

FEL - Non aggia manco leggere? E non leggimmo, non leggimmo cchiù. (chiude il libro.)

MIC - (Entrando a destra) ‘E biglietti so stati portati.

FEL - Bravissimo.

MIC - Signò scusate, non riesco a trovare il cartoccio con lo spezzato di carne per il cane.

FEL - E lo vieni a chiedere a me?

AMA - L’avrai messo dentro alla dispensa e non te lo ricor­di.

MIC - E no, signora mia c’aggio guardato e dentro ci sta solo il filetto di vitella che ho comprato per il pranzo vostro.

FEL - Michè, tu alle volte sei cretino, manchi proprio delle basi alimentari della logica. Tu vedi che non stiamo mangiando il filetto di vitella, quindi noi ... (si blocca)

MIC - ... Ve site mangiato ‘a carne d’’o cane?

FEL - Mannaggia ...

MIC - E mannaggia si, don Felì, sapite cha a ‘o cane non ce piace ‘o filetto, chillo è accussì difficile. Comunque fore ce sta Rosella ca ve vò parlà.

AMA - Falla trasì, vedimmo che vò.

FEL - Mo non è ora perchè io sto facendo colazione ... ossia stò guardando.

AMA - E io voglio sentì che vò!

FEL - E io no. Io sono il marito e la moglie deve stare sottoposta al marito.

AMA- No no, ti sbagli. Sei tu che devi stare al di sotto di me.

FEL - Quando lo voglio io. Mo pe’ qualche gentilezza che vi ho usato ...

AMA - Quà gentilezza ... Michè, falla trasì, vedimmo che vò.

MIC - Trase, Rosè.

FEL - Ma questa è un castigo di Dio!

ROS - Signò, stamattina è venuta ‘na perzona ca se vularria affittà ‘a casa a ‘o primmo piano.

AMA - E’ ommo o è femmena?

ROS - E’ ‘na femmena.

AMA - Aah, aah, è ‘na femmena? Felì, è intiso è na fe .. mme .. na.

FEL - E che ‘nc’aggia fa che è na fe .. mme .. na?

ROS - M’ha dato sto biglietto ‘e visita. (a Felice) Signò, leggite.

FEL - (leggendo) Emma ... Carcioff, ballerina.

AMA - Aah, aah, è na ballerina! E tu che hai detto?

ROS - L’aggio ditto che ‘o patrone non vo’ fittà ‘a casa a femmene senza uommene.

FEL Aah, aah!

AMA - Ueh!

FEL - Secondo me qua ci stava bene!

AMA - (a Rosella) E essa che ha risposto?

ROS - M’ha risposto che oggi vene a parlà no signore co ‘o padrone.

AMA - E’ inutile che viene!

FEL - No, ma pecchè nce perde ‘a venuta?

AMA - Pe chesto: pecchè non voglio che dint’’a casa che aggio portato pe’ dote e che m’ha lassat’’a felice memoria e mamma’, nce va a abità na femmena ‘e cheste!

FEL - Ma in questo modo la casa non la fitteremo mai?

AMA - E che me ne ‘mporta a me, resta sfitta. Nce mettimmo ‘e palumme ‘a dinto!

FEL - Ma oggi, presentemente, il padrone sono io!

AMA - E no, caro mio, la padrona sono io, la casa è robba mia!

FEL - Stai in errore, già, perchè prima, è vero, prima era tua ... adesso è mia!

AMA - Ah, si? E chisto ‘o vedimmo a n’atu ppoco. Rosè, vattenne.

ROS - Ma vedite chella che m’ha ditto ...

AMA - Vattenne t’aggio ditto si no te mengo nu piatto ‘n’faccia.

ROS - Subito.(Esce)

AMA- E così haie ditto che la casa è robba tua?

FEL - Sicuro ... ohine’, io per la casa ti ho sposata!

AMA - Ah, me fa piacere, ma ... capirai benissimo che “di chi è la casa” è una cosa delicata, la deve decidere il tribunale, non la puoi decidere certamente tu, che si ‘na bestia, no cretino, n’imbecille. ( pausa) Non no, però l’idea me piace: la casa è robba mia! Insomma tu sei il proprietario, il padrone. Ma il proprietario ‘e chi? Padrone ‘e che? Ah, ecco ... (ride) di bacalà sei il padrone, si ‘o proprietario. Tu puzzi ‘ bacalà, puzzi che appesti. Puzzi, puzzi, Felì, tu puzzi! (esce)

FEL - (odorandosi addosso) M’avessi scurdato no piezzo ‘e bacalà dint’’a sacca?

MIC - (entra con Rosella e sparecchiano, poi Rosella esce con il vassoio.) Ah, don Felì, che avete fatto! Vi siete andato a sposare, voi stavate accussì bello!

FEL - Eh, sì, ma mo è fernuto tutte cose. Ho mandato a chiamare l’avvocato e me voglio dividere assolutamen­te, assolutamente. Anzi, siccome mo me ne vaco a cambià, stai attento se viene quaccheduno pecchè voglio che l’annunzi co na bella voce.

MIC - Signore mio non ve pozzo servì; na vota, quanno ero no piccerillo tenevo na bella voce, penzate che aggio fatto pure ‘a voce bianca al San Carlo ...

FEL - Michè, dimme na cosa, tu pe annunzià te vulisse fa na cantata?

MIC - Gesù, voi avete detto cu na bella voce!

FEL - Cu na bella voce voglio intendere bella, forte!

MIC - Ah, si, nun dubitate.

FEL - e quando vieni ad annunzià, statte accorto alle desinenze!

MIC - Ah, pecchè hanno ‘a venì pure loro?

FEL - Chi?

MIC - Le ......enze.

FEL - Mo che altro hai capito? ‘E desinenze sò l’ultime lettere delle parole. Per esempio tu sì ‘o cammeriere mio e te chiammi Michele. Jammo, come finisce Michele?

MIC - Comme ha da fernì, don Felì, facenno ‘o cameriere! ‘A settimana passata perdetti ‘o terno; si asceva 37, ‘o cameriere nun ‘o faceva cchiù, sentite a me!

FEL - (uscendo) Quando uno è alfabetico, è alfabetico, nun ce sta niente ‘a fa!

MIC - Mah, da quando s’è spusato io a chisto non ‘o capisco cchiù! (Suonano alla porta, esce e rientra seguito da Gaetano Papocchia.) Trasite, signò, trasite.

GAETANO - E’ in casa il signor Felice Sciosciammocca?

MIC - Si, mo v’annunzio subito. (Fa qualche tentativo di respirazione poi ...) Signò, vui comme finite?

GAE - Finisco come l’anema ‘e mammeta! Ma guardate che scostumato!

MIC - Comunque dovete aspettare che il padrone sta un momento in camera. (esce a destra)

FEL - (entrando da sinistra) Uh, e chi è sto scarrafone?

GAE - Oh, il signor Felice Sciosciammocca?

FEL - Già, sono io.

GAE - Favorirvi sempre.

FEL - Prego, accomodatevi.

GAE - Grazie. (si siede e rimane fermo in comica posizione)

FEL - (pausa) Ma chisto chi cancaro è? Ah, ho capito, ‘o guardaporta me fa sempre sto scherzo. Signò, avete sbagliato, non è qua, è all’ultimo piano!

GAE - (immobile) Che cosa?

FEL - La fotografia!

GAE - E che’aggia fà cu sta fotografia?

FEL - E voi vi volete fare il ritratto.

GAE - Niente affatto.

FEL - E voi ve site miso in posizione. (lo imita)

GAE - Ah, ho capito. Quella è una graziosità che tengo io. Io sono tutto grazioso!

FEL - Vì quant’è bello! (pausa) Ma voi siete ...

GAE - Già.

FEL - Uh, scusate, stavo sopra penziero. Con quanta ansia vi aspettavo! Posso offrirvi qualcosa?

GAE - No, vi pare ...

FEL - Na piccola cosa ...

GAE - Se insistete mi prenderò un po’ di latte e menta.

FEL - Bravo! Michele!

GAE - Però mi dispiace che vi disturbate ... (entra Miche­le)

FEL - Per carità. Michè, porta no bicchiere di latte e menta. Signor avvocato, voi mi dovete aiutare, voi dovete essere il mio salvatore, avvocà, io sto nelle vostre braccia.

GAE - Non esageriamo, e poi perchè mi chiamate avvocato?

FEL - Bravo, mi piacete, site nu tipo semplice, alla buona e quindi di miti pretese ...

GAE - Ma io non capisco di che pretese andate parlando ...

FEL - Siete veramente modesto comunque io mi voglio divide­re da mia moglie.

GAE - Pure voi?

FEL - Come?

GAE - No, dicevo, mi dispiace ma io ...

FEL - Da un anno che songo ammogliato io aggio perzo ‘a pace, non sto una giornata cuieto ...

GAE - Ma io però ...

FEL - Per esempio la mattina verso ‘e sette, mentre sto dormendo saporitamente, sò svegliato da na grancassa, tammure e piattini. Tre imbecille veneno a fa i giuo­chi sotta ‘a fenesta mia.

GAE - E che c’entra vostra moglie?

FEL - Pecchè è essa che li paga per farli venire.

GAE - Possibile?

FEL - Possibilissimo.

GAE - Ma io non voglio sapere questo perchè sono venuto per .

FEL - ... il fatto di stanotte! L’avete saputo pur voi? Io me moro po’’o suonno! Dovete sapere che sul principio che me la sposai essa me facette capì che durmeva co la lampada accesa, al contrario di me che se non tengo tutta la stanza all’oscuro, nun pozzo piglià suonno!

GAE - E va buò, due abitudini diverse. Ma io ...

FEL - Due o tre giorni dopo, vaco pe me scetà la notte e la trovo assettata miezzo a ‘o lietto. «Neh, Amà, pecchè non duorme?» «Pecchesto. Io non pozzo piglià suonno, chella lampa è troppo miccia io voglio n’ata lampa.» Allora io nce appicciaie n’ata lampa e accussì stette cuieta pe no paro ‘e mise. Doppo sto pare ‘e mise na notte vaco pe me scetà e non la trovo dint’’o lietto. Amalia addò sta, Amalia addò sta? Neh, chella addò steva? Fore ‘a loggia. «Tu che ffaie lloco fore? Trase dinto che te piglie no raffreddore.» «No, io voglio sta ccà perchè non tengo tutte le comodità della casa mia ... io non pozzo dormì perchè sto troppo all’oscu­ro ... io voglio n’ata lampa!»

GAE - Una terza lampada?

FEL - Credete a me, chella camera ‘e lietto pareva diventa­to no salone pe ‘e feste! Comunque per un po’ di tempo, quanno essa s’era addormuta, io scenneva da ‘o lietto e ghievo a stutà zitto zitto ‘e lampe. Stanot­te, dopo nu poco che io avevo stutato ‘e lampe, aggio ‘ntiso che essa strillava comme a na pazza: «Ah, sei tu che hai stutato ‘e lampe perchè hai deciso ‘e me fa murì!» Non vi dico, è corruta ‘a cammerera, ‘o camme­riere, ‘o guardaporta, na folla accussì sotto ‘o palazzo. Se credevano ch’era ‘n’incendio. Allora io aggio apppicciato n’ata vota ‘e lampe e ce simmo addormute. Io ‘a no pizzo ‘o lietto e lei a l’ato. (gaetano ride, Felice lo riprende.) Quanno tutto inzieme vaco pe stennere ‘a gamma e me sento scuttà nfaccia a ‘o purpone.

GAE - No, no polpaccio, volete dire.

FEL - No là, qua, vedete, nfaccia a ‘o purpone.

GAE - Ho capito, ma si dice polpaccio.

FEL - Io ho sempre detto purpone.

GAE - E avete sempre detto male, si dice polpaccio.

FEL - Forse in legge?

GAE - Seh, in legge! Mo ‘a legge cagna ‘i parole!

FEL - Basta, chiamatelo come vulite vuie. Dunque vaco pe’ vedè e chella che era? Na butteglia d’acqua bollente!

GAE - Ah, ho capito, ma tutti la usano d’inverno! Io la usavo molto quando stavo in alta Italia. Sapete come si chiama? Il monaco.

FEL - Ecco, si, appunto ... Io sono andato per voltarmi e ho visto che vicino a mia moglie ci stava ...

GAE - ... Il monaco!

FEL - (pausa) Sentite a me, diciamo bottiglia. Me sona accussì brutto stu monaco vicino a moglierema!

GAE - Allora dite scaldaletto.

FEL - Bravo, dicimmo scarfalietto.

GAE - E chi l’aveva messo dentro il letto?

FEL - Essa, essa. E si no chi nce l’aveva ‘a mettere! Io me so ‘ntiso scuttà e l’aggio vottato da ‘a parte soia, essa da ‘a mia. Insomma, votta io votta essa, s’è rotta a butteglia e noi nun ce ne simmo accorti. Doppo nu poco che m’ero addormuto, sento na cosa calda, le gambe ‘nfose. Vaco a vedè e veco tutto ‘o lietto bagnato, ma di un’acqua tiepida, caldiccia, azzeccosa ...

GAE - Mamma mia e che era?

FEL - Vi siete impressionato anche voi? Ed anch’io, al punto tale che ero venuto all’idea che fosse stata una mia mancanza involontaria ... (ride)

GAE - Ah, ah, ah! Questa è veramente da ridere! La mancanza involontaria. (ride, impedendo a Felice di parlare.)

FEL - E vide chisto si me fa parlà! INsomma ‘o scarfalietto nun ‘o voglio vedè cchiù, avvocà!

GAE - Ma insomma basta di chiamarmi avvocato, don Felì, io sono Papocchia, Gaetano Papocchia; stamattina è venuta na signora per fittarsi la casa al primo piano. PAPOC­CHIA!

FEL - Papocchia? Ma non siete l’avvocato Settembruogli?

GAE - A chi? Te ‘mbruogli tu e mammeta.

FEL - Chillo nun po fa niente e io me metto a raccuntà ‘e fatte mieie a isso!

GAE - Io vurria sapè chi v’ha pregato ‘e dicere ‘e fatte vuoste! L’unico consiglio che ve pozzo dà è di risol­vere la cosa benevolmente, perchè n’avvocato ve leva qualche migliaio di lire ... Io me ne intendo.

FEL - Perchè , che mestiere facite?

GAE - Ma che ve ne preme a vuie?

FEL - Io v’aggio raccontato tutti i fatti miei, mò me l’avete ‘a dicere!

GAE - E va buò, da na settimana sono diventato giudice!

FEL - E voi con quella faccia vi azzardate a fa ‘o giudice?

GAE - E già, mo ce vò ‘a faccia pe fa ‘o giudice.

FEL - Ma poi il giudice non è l’istesso dell’avvocato?

GAE - E no, don Felì, non è l’istesso manco p’’a capa! E poi, vi prego, sono qui per affari personali. Dicevo: è venuta na signora a chiedere ‘e fittarsi a casa vostra al primo piano?

ROS - (ha seguito quest’ultino dialogo facendo finta di spazzare e silenziosamente esce a destra.)

FEL - (cercando di riprendersi dalla delusione) Ma si, si, ma no na signora ... na ballerina, si ... una certa ... Emma Carciofo.

GAE - Carcioff! (annuisce muovendo comicamente la testa) Per l’appunto. E le è stato detto che il proprietario non la voleva fittà a donne.

FEL - Ebbeh, perchè così vuole mia moglie.

GAE - (idem come sopra) Bravo!

FEL - Ma che tene ‘a capa fissata co ‘a molla?

GAE - Me lo sono immaginato, perchè forse ha sentito balle­rina e va trova che se crede. Ma sapete che ci sono le eccezioni ..... ci sono le buone e le cattive ..... Emma ......... Emma ..... è un angelo. Emma ..... è un fiore di virtù!

FEL - Scusate ma voi a questa Emma che le siete ... fratel­lo?

GAE - Fratello? ... (ride comicamente) Uh, fratello!

FEL - E nun facite sta brutta faccia!

GAE - Io sono uno che le vuò bene comme a na figlia ....

FEL - Allora site ‘o pate. GAE - Uh, il padre! (Idem come sopra)

FEL - Il tutore.

GAE - Uh, il tutore! (idem come sopra)

FEL - Famme sta zitto si no chisto me fa tutta l’opera de’ pupi.

GAE - Mo ve dico comme ‘a conoscette.

FEL - Va buò ma a me che me ne preme?

GAE - E come, vuie avite parlato pe n’ora mo facite parlà pure a me!

FEL - Ma io mica songo avvocato!

GAE - E manch’io! Dunque sentite: un giorno, mentre passeg­giavo per Via Caracciolo ...

FEL - Ah, perchè voi andate lì a passeggiare?

GAE - Si, spesso, al giorno

FEL - E la sera?

GAE - A Toledo ... e quello è di moda, si usa ... come dire ... è grazioso ... e io ve l’ho detto sono tutto grazioso. Dicevo la vedo passeggiare e ... (entra Michele) Scusate, posso approfittare del vostro came­riere?

FEL - In che senso?

GAE - Nel senso se mi fa un momento la parte della signori­na.

MIC - A chi?

FEL - (ridendo) Michele, mi piace, fai quello che dice il signore.

MIC - Ma che aggia fa?

GAE - Senti Michè, tu dovresti camminare lentamente lungo sta linea.

MIC - Ma don Felì, come sarebbe?

FEL - Michè, fai quello che dice il signore che ci spassam­mo nu poco!

GAE - Si, si, coraggio, Michè, incomincia a passeggiare.

MIC - Ma tu vide che se passa!

GAE - Dunque, don Felì, sentite a me. La vedo passeggiare con incedere elegante e sensuale, quando ad un certo punto ... e no don Felì, non mi ispira, guardate come cammina!

FEL - Troppo elegante?

GAE - Come elegante?

FEL - Troppo sensuale?

GAE - Ma chillo me pare uno scaricatore di porto!

MIC - Insomma comm’aggia cammenà?

GAE - Nu poco cchiù femminile!

MIC - Comme nu poco cchiù femminile, don Felì?

FEL - Michè, sii uomo, e fai la signorina.

MIC - Che scuorno! (comincia ad ancheggiare vistosamente)

GAE - Ecco, così, così! Oh, come mi ricorda la mia Emma!

MIC - Don Felì, ma questo veramente fa?

FEL -

GAE - Vi dico la verità la sua bellezza mi stordì!

FEL - Roba da restarci secchi!

GAE - Quando tutto inzieme viene un forte temporale, lampe, tronole, n’acqua tremenda e ...

MIC - No e no, io stu gioco nun ‘o voglio fa!

GAE - Don Felì ...

FEL - Don Gaetà, non le date retta, andate avanti.

GAE - Dicevo: lampe, tronole, n’acqua tremenda ...

MIC - No, no e no!

GAE - Ma perchè?

MIC - Voglio l’ombrellino!

GAE - Ma quello Emma non teneva l’ombrellino!

MIC - Va buò, mo co sta pioggia andava senza ombrello.

GAE - Ma sì, infatti io colsi l’occasione, mi accostai e le dissi: (esegue la scena con Michele e rimangono in posa) «Signorina, riparatevi qua sotto!»

FEL - Lei, presa dal panico, si spaventò, fuggì ...

GAE - No, no, perchè doveva spaventarsi, perchè doveva fuggire?

FEL - E vui faaciste quella voce: «Signorì, riparatevi qua sotto!»

GAE - Ah, si, il tono calante, ma quello era per essere galante per essere grazioso; io ve l’ho detto ....

FEL - .... e voi site tutto grazioso!

GAE - Appunto. Aspettate che vi faccio vedere un’altra volta.

FEL - No, basta, per carità!

GAE - Dunque, lampe, tronole ... (si avvicina a Michele): «Signorì, riparatevi qua sotto!»

MIC - Levate ‘a miezo, scorfano.

GAE - Don Felì, e quello si prende delle iniziative perso­nali!

FEL - Ma pecchè Emma non disse così?

GAE - No, niente affatto accetò l’invito e io l’accompagnai fino a casa.

FEL - A casa vostra?

GAE - A casa mia? Non voglia mai ‘o cielo, io sono ammo­gliato. Chella si ‘a vedeva muglierema ‘a jettava ‘a coppa a bascio.

FEL - E lo credo, guardate là, ci vuole uno stomaco a resistere!

MIC - (stizzosetto) Don Felì, come vi permettete?

FEL - Uh, scusami, Emma!

GAE - Insomma, l’accompagnai fino a casa sua.

FEL - Michè, perfavore, adesso puoi andare.

MIC - Ciao, Gaetanuccio. (Michele esce)

FEL - Scusate, don Gaetà io vorrei sapere perchè sta Emma Carciofola ...

GAE - Carcioff, Carcioff, vi prego! Con due «f».

FEL - Si, vorrei sapere perchè questa ... con due «f»?

GAE - Si, si due «f»!

FEL - Insomma questa Carcioffola se ne vuole andare da dove sta di casa.

GAE - Per la lontananza che essa tiene dal teatro. Essa abita sopra alla Cesaria ed è stata scritturata al Mercadante, fa la ballerina ‘e primma fila ...

FEL - Co tutte ‘e cosce ‘a fore?

GAE - Eh, tutte! Fino a qua!

FEL - Alla faccia ‘e mammeta!

GAE - Fa la danza delle ore, sapete, quella che fa ... (canta) Insomma la vostra casa era proprio adatta ... qua vicino ... esposta a mezzogiorno ... M’hanno detto che si pagano 70 lire al mese. Io, se me la date, ve pago l’annata anticipata. L’ho portata con me: 840. Uh, scusate me bevo nu poco d’acqua.

FEL - Sangue de Bacco, aggio fatto ‘a penzata: chisto è no giudice, se io ce dongo ‘a casa, me fa sicuramente vincere ‘a causa co muglierema. Si, si aggio fatto ‘o colpo. Sentite, caro signore, io voglio ascoltare prima mia moglie, perchè, capite, io senza il suo consenso non faccio niente.

GAE - E’ giusto. Lo vedete che in fondo siete un maritino affezionato?

FEL - Come avete detto?

GAE - Lo vedete che in fondo siete un maritino affezionato?

FEL - Maritino affezionato? Ricordateve sta parola.

GAE - E pecchè me l’aggia recurdà?

FEL - Po’ essere vhe ve serve. Rosella! Venite signò, accomodiamoci qua.

ROS - Comandate, signò?

FEL - Rosè, dici alla signora, che se sta comoda, se le fa piacere, venisse nu momento qua che l’aggia dicere na cosa importante.

ROS - Subito vi servo. Permettete?

GAE - Ma prego. (Si incanta un po’ su Rosella) ... Speriamo che se fa capace!

FEL - Mio caro signore, io da parte mio ho tutte le buone intenzioni, ma, credetemi, mia moglie è un’arpia, quella come sente parlare della casa, ce piglia a cauce a me e a voi! Poi mi darete ragione che mi voglio separare.

GAE - Ma no, non credo, sapete, na parola io, na parola voi . (continuano a parlare)

ROS - (entra con Amalia) Si, signò, date retta a me, perchè prima ho incontrato Margherita, la serva dell’avvocato che avite mannato a chiammà ed essa m’ha ditto che vi conviene risolvere la cosa tra di voi, perchè quello, l’avvocato se piglia nu sacco ‘e denare!

AMA - Rosè, tu che dici?

ROS - Si, signò, è proprio accussì; e po’, senza volere ho ‘ntiso che stu signore che se vò fittà ‘a casa è nu giudice!

AMA - Ah, senza volere haie ‘ntiso.

ROS - Beh, signò, veramente passavo di qua ...

AMA - Ho capito, ho capito, ma mo vattenne che ce penz’io.

FEL - ... No, è la più sgarbata, la più antipatica ...

AMA - Eccomi qua maritino mio bello!

FEL - Chi è?

GAE - Rispettabilissima signora ... Don Felì, che grazia!

FEL - Seh, aspettate, avite ‘a vedè appriesso che succede! Mogliettina mia, il signore qua presente è venuto per fittarsi la casa al primo piano.

AMA - Con piacere!

GAE - Avete visto, don Felì?

FEL - Non le date retta, mo spara! (a Papocchia)

AMA - E avete fatto l’affitto, amore mio dolce?

FEL - No, l’affitto non l’abbiamo fatto ancora, sai che io senza il tuo consenso non faccio niente.

AMA - Il mio consenso? E a che serve? Il padrone sei tu, marito mio.

FEL - Ma no, la padrona sei tu.

AMA - No, sei tu, maritino mio.

FEL - No, sei tu, mogliettina mia.

AMA - No, tesoruccio mio, sei tu.

GAE - Chisti comme so’ farenielle tutte e due!

FEL - Dunque ce la vogliamo dare?

AMA - Si tu nce la vuò da, dancella!

FEL - No, si nce la vuò da tu, ‘nce ‘a dammo.

AMA - Se vuoi tu, io pe me nun ce la do.

FEL - E io manco.

GAE - (che ha seguito fiducioso il dialogo, dopo pausa) Cioè, sapite, vuie nun me la date pe’ senza niente. Io ve dongo ‘a bellezza di 840 lire, n’annata anticipata!

FEL - Ma non si tratta di questo. Mia moglie ancora nun sape pe chi serve ‘a casa, capite?

AMA - (con ingenuità caricata) Ah, non serve per lui!

GAE - E no, serve per una mia vecchia zia malata ...

FEL - ... che balla co tutte ‘e cosce ‘a fore ...

GAE - Stateve zitto, nun facite sapè ‘e fatte mieie.

FEL - La casa serve per quella tale ballerina ... la Car­cioffola!

GAE - Seh, ‘a mulignana!

AMA - Ah, va bene, se il signor giudice ha pensato ...

FEL - No, no, comm’è stu fatto, comme sai che isso è giudi­ce?

GAE - Beh, io modestantamente so conosciuto, non faccio per vantarmi, ma quando vado in giro per via Caracciolo ...

FEL - Stateve zitto vuie! Allora?

AMA - (con imbarazzo) Beh, l’ho saputo. Comunque che male ci sta a fittarla ad una ballerina?

GAE - Bene, allora stiamo a posto ...

FEL - Stateve zitto! Come, tu vuoi fittarla ad una balleri­na?

AMA - Voglio? .. Ma io non voglio niente. Se tu credi, io so contenta, la tua volontà è pure la mia.

GAE - Brava, vera moglie obbediente.

AMA - Moglie obbediente? Ricordateve sta parola.

FEL - Papò, e faciteve ‘e fatte vuoste!

GAE - Insomma, don Felì, come vedete dipende da voi!

FEL - Aspettate ... io me stracciasse tutte ‘e panne da cuollo per quanto è certa la morte! Ma moglie mia cara, cara, come, tu stamattina eri tanto avversa a fittare la casa a una ballerina e mo’?

GAE - E mo’ s’è fatta capace e mo’ la vò da!

FEL - Stateve zitto.

AMA - Ma nonsignore, è stato isso che non l’ha voluta mai fittà!

FEL - Io? ... Ma moglie mia cara, cara, non dire bugie. Tu, mezz’ora fa n’atu ppoco facive correre ‘a cavalleria!

AMA - Io? ... Ma tu si pazzo!

FEL - Pazzo? Signore, ricordateve che m’ha detto pazzo! (ad Amelia) Già, haie ragione, perchè si non era pazzo, nun m’avesse spusato na stravagante comme a te!

AMA - Stravagante? Segnateve stravagante!

FEL - (gridando) Signore ...

GAE - Oddio, che d’è?

FEL - Signore, è un anno che io sto nell’inferno. Questa donna non è una donna, è una tigre!

AMA - Tigre? (idem)

GAE - E ccà nce vo’ no quinterno ‘e carta!

AMA - Vattenne, tu non eri degno di sposarti a me.

FEL - Io? Io ero un signore. Tua madre era na pertusara. Signore, la mamma ‘e chesta se pigliava cinche solde a ‘o buco ...

GAE - Ma a me che me ne preme?

AMA - T’aggio ditto mille volte nun parlammo ‘e mammema. La famiglia mia t’ha nobilizzato.

FEL - A me, m’ha nobilizzato? Vattenne (spinge Gaetano) Io l’ho sposata senza cappello!

AMA - A me? Vattenne baccalaiuolo!

FEL - Ah ... segnatevi baccalaiuolo!

GAE - E dalle dà ...

FEL - Vattenne, zantraglia!

AMA - Zantraglia a me? Tu si nu puorco e ringrazia ‘o cielo che l’avvocato che avevo chiamato m’ha chiesto tremila lire e non le tengo, se no finiva in tribunale.

FEL - No, sei tu che devi ringraziare ‘a Madonna che l’av­vocato mio vò quattromila lire e nun le tengo, se no ti facevo causa.

AMA - A chi? Tu a me?

FEL - E già, io a te!

AMA - Ma vattenne, va!

FEL - Ma vattenne tu, famme ‘a carità!

GAE - Ma signori basta, basta, un po’ di silenzio, vergo­gnatevi! Oramai la vostra posizione è precipitata. E voi volete avere ragione tutti e due! (pausa) Qui ... qui ci vorrebbe una persona ... neutrale, una persona che vi aiuti a ragionare ... ad affrontare la cosa con calma ... una persona che dall’esterno ... Ma perchè mi guardate così?

FEL - (afferra Gaetano da una parte) Dunque io sono dispo­sto a darvi la casa e invece ‘e 70 lire me ne date 50.

GAE - Uh, e comme va, comme va?

FEL - E comme va ... va che io ve dong’a casa, ma voi dovete dire che tengo ragione io.

GAE - Addò? Ma io che c’entro?

FEL - Dovete ricordarvi che m’ha detto «puorco e bacca­laiuolo».

GAE - Vuie site pazzo, amico mio. E’ impossibile, non può essere.

FEL - Perchè non può essere?

GAE - Ma io manco ve conosco e m’aggia ‘mpiccià ‘e fatte vuoste?

FEL - (pausa) La casa v’’a dongo pe’ 40 lire a ‘o mese.

GAE - Ma senza impicciamme ‘e fatte vuoste.

FEL - Si.

GAE - Bravo ...

FEL - Dicenno solo che tengo ragione io!

GAE - E nun ce penzate, ‘a casa non la voglio manco si me la date pe’ senza niente.

AMA - (lo avvicina a sè) Signò, senza fa tante chiacchiere, voi avete ‘a dicere che tengo ragione io.

GAE - Signora mia, ma io che c’entro? Chiste so pazze tutte e doie. Sentite a me, se nun vulite fa pace, ve fate na causa e ve ne ghiate a ‘o tribunale e sperate che quel giorno non sarò il presidente perchè se no ... povero me!

AMA - Noi i soldi per gli avvocati non li teniamo! Se volete, la casa, ve la dò pe’ 20 lire al mese.

GAE - Ccà fernesce che me danno loro la mesata a me!

FEL e AMA - (si avvicinano tutti e due e parlano contempo­raneamente a Papocchia)

GAE - Insomma basta! Io non voglio entrà dinto a ‘e fatte vuoste! Uh, uh!

FEL - Ah, è così? E allora vorrà dire che io vado da ‘a mugliera vostra e lle dico che tenite una cunuscenza ... una certa ballerina ... Emma Carcioffo­la. (entrano Rosella e Michele)

GAE - No, pe carità, don Felì, noi siamo amici ...

AMA - Già, io vado da ‘a mugliera vostra e lle dico che sta Carcioff ...

GAE - No, signori, vi prego, non scherzate ...

FEL - Mo v’assettate cuieto cuieto e ve sentite ‘e fatte nuoste.

GAE - Un momento, un momento, signori, ragionate con calma. Se non fate causa, io non ve posso spartere legalmen­te!

FEL - Ma siccome nuie nun tenimmo denare pe’ fa na causa, voi domani ve ne venite qua bello, bello ... ve por­tiamo nu par’’e testimoni, il mio cameriere Michele ..

MIC - Aggio passato ‘o guaio!

AMA - ... la mia cameriera Rosella ...

ROS - ... Uh, povera a me!

FEL - ... sentirete i fatti e poi direte che tene ragione e chi tene torto tra me e mia moglie.

GAE - Ma accussì che avete risolto?

AMA - (pausa) Che se Felice tiene torto ha da sta sottomes­so a me per tutta la vita.

FEL - E che se Felice invece tene ragione, ha da cumannà ‘a mugliera fino a che more.

AMA - Parola d’onore?

FEL - Parola d’onore! (si stringono la mano)

ROS - Michè, sbaglio o questa è la prima volta che vanno d’accordo?

MIC - Già!

FEL - Papocchia, lasciatemi l’indirizzo.

GAE - (imbarazzato) Ehm, Vico Franceschiello 17.

FEL - Benissimo. (scrive)

AMA - Signò, dove abitate?

GAE - (idem) Ehm ... Strada Santa Teresa 80.

FEL - Potete andare, domani parlammo.

AMA - Andate, signò, dimane parlammo.

GAE - (fuggendo) Seh, state frische. He ‘ vedè si me truo­ve!

AMA - E così m’hai chiamata zantraglia!

FEL - No, zantraglia no, pure papera e ‘nzalatara.

AMA - E tu si no baccalaiuolo appresso a tuo padre. Su questa battuta inizia la musica del pazzariello e i  due continuano a scambiarsi improperi rientrando a sinistra se-guiti da Rosella e da Michele che balla la tarantella.

FINE PRIMO ATTO

ATTO SECONDO

La stessa scena del primo atto. Michele sta spazzando. Entra Felice trafelato.

FELICE - Mannaggia all’anema d’’a mamma!

MICHELE - Che è stato signò?

FEL - Non me ne fido cchù ‘e cammenà! Aggio girato tutta Napoli pe’ truvà chillo cancaro ‘e don Gaetano Papoc­chia! Penza che so stato all’indirizzo che m’ha dato isso, Vivo Franceschiello 17; è asciuto no viecchio e io l’aggio addimannato gentilmente: “Scusate, stasera se vengo trovo Papocchia?” “Sissignore, aspettate.” E’ andato dentro ed è asciuto co na perecoccola in mano ‘e chesta purtata, che si non me scappava, chillo me rumpeva l’ossa. Va trova che se sarà creduto ... Poi però, me sò ricordato che Emma Carcioffola, l’amante di Papocchia lavora al teatro Mercadante, ccà vicino e lì aggio ‘ncucciato a Papocchia. S’è miso na paura! Mo tra mezz’ora sta ccà!

MIC - Ma mo vene ccà?

FEL - E chesto aggio ditto.

MIC - Lloco mmocca?

FEL - Comme lloco mmocca?

MIC - Mmocca lloco!

FEL - Come mmocca lloco?

MIC - Lloco mmocca, mmocca ccà!

FEL - Lloco mmocca, mmocca lloco, mmocca ccà ... se po’ sapè che stai accucchianno?

MIC - Insomma, viene qua!

FEL - Michè, statt’’accorto ... tu he’a dicere ca tengo ragione io, si no te pierde ‘o posto ‘e cammeriere. (esce)

MIC - Uh, mannaggia.

AMALIA - (entrando) He, capito? Papocchia vuleva fa scema a me, a donna Amalia Maruzzella! Seh! Indovina addò so ghiuta?

MIC - A passeggio.

AMA - So’ stata a Strada Santa Teresa 80, l’indirizzo che mi aveva dato Papocchia ed indovina che ho trovato?

MIC,- Nu viecchio co na perecoccola in mano ‘e cheste purtata!

AMA - Imbecille, che dici? A Strada Santa Teresa 80 invece ‘e no palazzo, nce steva na cantina!

MIC - Allora ve site bevuto ‘o vino?

AMA - Quello è stato don Gaetano che mi ha dato l’indirizzo sbagliato. Eh, ma siccome io nun so scema, indovina addò so ghiuta?

MIC - Al teatro Mercadante.

AMA - Al teatro Merc ... Gesù, e tu come lo sai?

MIC - Voci di corridoio.

AMA - A teatro aggio visto a Papocchia che andava facenno ‘o ciccisbeo co la Carcioff!

MIC - Ha detto che non può venire, è vero?

AMA - A chi? Appena ho cominciato a parlà m’ha fatto: “Comme, site stata a Strada Santa Teresa 80, scusate, ma io avevo detto 180”. Stu bugiardo, ce fa pure ‘o giudice!

MIC - E’ vero che è no bugiardo, è meglio non fidarsi ‘e nu tipo simile! Nun ‘o facite venì ‘a casa, signò, pe carità!

AMA - Tra mezz’ora sta qua!

MIC  - Lloco mmocca?

AMA - Che è lloco mocca?

MIC  - Mmocca lloco?

AMA - Che mocca lloco?

MIC - Lloco mocca, mocca cà?

AMA - Michè che è sto lloco mmocca, mocca ccà?

MIC  - Insomma viene ccà?

AMA - E io che ho detto? Michè, statte accorto eh, perchè quando Papocchia ti interroga, piuttosto, tu l’he ‘a dicere ...

MIC - ... che tenite ragione voi.

AMA - Altrimenti te perdi ‘o posto ‘e cammeriere. Chiaro?

MIC - Chiaro. (entra Rosella)

AMA - (a Rosella) Ueh, Rosè, tu te ricuorde quello che devi testimoniare?

ROSELLA - Eh, signò, io saccio tutto a memoria!

AMA - Dunque, io m’aggia recurdà pure che m’ha chiamata: zantraglia, strega, stravagante e ...

ROS - Papera e ‘nzalatara!

AMA - Mannaggia, mo me so innervosita e nun me ricordo cchiù. Vediamo: ehm ... zantraglia, strega, stravagan­te e ... ma comm’è che nun me rimane ‘n mente?

ROS - Nun ve preoccupate, caso mai vi suggerisco io. Papera e ‘nzalatara.

AMA - Si, mo me ricordo. Zantraglia, strega, stravagante e ... gallina!

ROS - No, signò, papera e ‘nzalatara!

AMA - Uh, Rosè quanto si scucciante! (Escono)          

Bussano alla porta. Michele va ad aprire. Entra Felice. Rientra Michele che impaurito fa gesti strani all’indirizzo di Felice.

FEL - Che d’è? ... l’insalata ‘e ravanelli ... ‘a pizza c’alici ... n’inguacchio ... na schifezza ... ah Papocchia!

GAETANO - (entra pallido con il cappello in mano e una mappata di giornale) Permesso?

FEL - (andandogli in contro) Uh, don Gaetano!

GAE - Aggio suonato due volte, alla terza me ne andavo.

FEL - Don Gaetanino mio! Eh, dice che non veniva don Gaeta­no ... ‘O galantommo sempe galantommo è Quant’è bello don Gaetano! Quant’è bello! (gli tocca i capelli)

GAE - (allontanandosi) E levate sti mmane ‘ cuollo, si rovina il matinée.

FEL - Don Gaeta’, ricordatevi puorco e baccalaiuolo!

GAE - Seh, io mo penzo justo a vuie! Tengo ato p’’a capa. Don Felì, mia moglie tiene qualche sospetto che io la tradisco.

FEL - E a me che me ne preme?

GAE - He ‘a vedè che me ne preme a me ‘e te?

FEL - No, voglio dire che oggi non me ne preme, forse mi preme domani.

GAE - E a me me preme oggi e dimane.

FEL   - Ma no dicevo così per dire.

GAE  - Eh don Felì dicite bene ma voi non sapete che fa muglierema quanno se ‘nfoca.

FEL   - E che fa?

GAE  - Spruzza.

FEL   - E che è na vongola?

GAE  - Don Felì voi tenete voglia ‘e scherzà.

FEL - Don Gaetà, assettateve qua, vicino a me!

GAE - Vì, quant’è seccante!

FEL - Don Gaetà, sò succiesse certe cose ... mi raccomando, voi mi dovete aiutare!

GAE - E dalle! Ma io tengo ‘e guaie mieie!

FEL - Don Gaetà, accontentateme, che io po’ me levo l’ob­bligazione. Ho preparato na cosa che po’ ve manno a ‘casa ... na cosetta che ve farà piacere. Dice: “Ma che cos’è?” Non lo so, non si può dire. (accomodando­gli i capelli, il vestito) Vuie faciteme nu buono servizio che io po’ non me lo tengo. Vedrete che bella sorpresa ... Dice: “Ma che cos’è?” Non lo so, non si può dire.

GAE - No, chiste è miezo pazzo. Don Felì, io tengo ‘e fatte mieie! Voi penzate che ierissera che so’ tornato nu poco tardi a casa, muglierema me facette na mazziata nummero uno!

FEL - (ridendo) Ve vattette?

GAE - Me vattette? ... Io stongo ancora co i dulure. Tengo na spalla che nun la pozzo movere. Ma vi prego, non dicite niente a nisciuno.

FEL - Chesta è bella!

GAE - No, perchè io me metto vergogna!

FEL - Michè!

GAE - So cose private ...

MIC - Comandate, signò!

FEL - ‘A muigliera ‘o vattette!

GAE - Embè, vi avevo pregato.

FEL - Mo che esco l’aggia dicere a tutte quante.

GAE - E già; mo mettimmo ‘e manifiesti!

FEL - (cantando) Don Gaetano ha buscato d’’a mugliera.

GAE  - Mo ‘o sape Napoli e tutt’e trentasei casali.

FEL - Michè, siente. (si appoggiano tutti e due sulle ginocchia di Gaetano) Ieri sera è tornato tardi e la mugliera c’ha dato nu sacco ‘e mazzate ...(ridono entrambe)

GAE - No, dico, vulesseve na culunnetta, na scanzia, no cuscino? Levateve ‘a lloco!

FEL - No, ma io scherzo non vi preoccupate.

GAE - Vuie facite ‘o spiritoso, ma io tengo ‘a capa che me va pe l’aria! Stanotte aggio fatto na nottata chiara chiara io e chella povera infelice ‘e muglierema.

FEL - E lo credo infelice!

GAE - Ma che, quella è incinta di sette mesi.

FEL   - Ah, si e chi è stato?

GAE  - (pausa) No io me ne vado.

FEL   - No dicevo che è stato?

GAE  - E ca’ da essere, don Felì, le solite cose ... e dopo l’ap­piccecodi ieri sera s’è ntisa male. Sto co nu penziero che nun ve putite credere. L’aggio rimasta cu i dulure stanno tutti e pariente a ‘casa ... tra le altre cose sapete che io tengo tre figlie femmine e vi assicuro che me tuccarria assai ‘e nierve si facesse n’ata femmina.

FEL - E lassate fa ‘o cielo, po essere che avete na bona notizia.

GAE - Aggio rimasto ditto a’ cammarera che appena mogliera figlia me lo venisse a dicere e me facesse sapè si è mascolo o è femmena. Si è femmena, Michè, parola d’onore ‘a regalo a te!

FEL - Signò, jatevenne, che dicite?

GAE - ‘A vulite vuie, don Felì, senza cerimonie ...

FEL - E si, mo l’ha pigliata pe na cucciolata ‘e cani.

GAE - Me raccomanno, Michè, appena viene a cammeriera mia, me fai sapè si muglierema ha fatto ‘o masculo, ... o ‘a femmena.

FEL - Si, state tranquillo, ci penza Michele. Rosella!

GAE - Voi capite la mia situazione ...

ROS - Comandate?

FEL - ‘O Presidente è venuto!

ROS - C’’o dico subbito a’ signora.

GAE - (sconsolato) Michè, fa ‘o mascolo?

MIC - Sicuro!

GAE - Parola d’onore, si è femmena ‘a regalo a te!

FEL - N’ata vota! Don Gaetà, assettateve ccà. Vi ho riservato il posto.

GAE - Eh, dint’’a chiesa.

FEL   - No, dint’’a casa.

GAE - Don Felì, basta! Io tengo ‘e penzieri!

FEL - Ma che tenite dinto a chella mappata?

GAE - Ah, si, il cambio. Sapete questa è la mia prima causa! M’aggio purtato ‘o nesesser!

FEL - (a Michele) Che ha purtato?

MIC - ‘O cess ‘ sera.

FEL - Ma siamo in pieno giorno!

GAE - ‘O nesesser d’’o giudice: toga, cappello, campaniello e martelletto!

FEL - Don Gaetà, chisto e nu batticarne!

GAE - E’ vero, si vede, eh? Sapite, chillo ‘o martelletto me lo scassaie ‘ncapa muglierema stanotte e aggio rimediato co chisto!

FEL - Aspettate che vi aiuto! (Papocchia si veste. Felice va a sedere a destra, vicino a Michele) Michè, tu hai visto quant’è bello vestito così?

MIC - E chillo pare prorpio San Gaetano!

FEL - Se stai buono te ne compro uno uguale!

MIC - Si può avere la coppia?

AMA - (entra con Rosella e vanno a sinistra) Ecco l’infame!

MIC - Don Felì, vi conviene fargli un sorriso.

FEL - A chì?

MIC - A vostra moglie.

FEL - Ma io te faccio pazzo, Michè! Chella m’ha fatto passà chillu poco!

MIC - E voi sorridete, facite vedè a Papocchia che è essa la birbante.

FEL - Ah, ho capito, dici bene. Allora mo le faccio na gentilezza?

MIC - Sicuro, sicuro.

FEL - (si alza e va in tutt’altra direzione) Ah, questo è il mondo!

MIC - Don Felì, addò jate?

FEL - No, io faccio vedè che ci capito pe’ caso. (Arrivato vicino ad Amalia si inchina e sorride) Signora ... (Amalia si gira dall’altra parte) Mannaggia, m’hai fatto fa chesta figura!

MIC - Bravo, bravo, n’aggio avuto piacere.

FEL - Sangue de Bacco, ma è forte sà! Chella ave tuorto e vò fa pure ‘a parte sostenuta.

AMA - Vì che assassino, tene pure ‘o curaggio ‘e me fa ‘o sorriso.

FEL - (scattando in piedi) Quando uno saluta, bisogna rispondere!

MIC - Stateve zitto, don Felì, non parlate con lei!

FEL - Io non parlavo co essa. Io parlo ‘e na perzona che l’aggio salutata e non m’ha risposto. Io si ‘o sapevo non la salutavo!

AMA - (scattando in piedi) Io non tengo ciento facce comme ‘e tieni tu!

ROS - Signò, non parlate co isso!

AMA - Ma io non l’aggio co isso. Io l’aggio co na perzona che sta diventando ridicola bastantemente.

FEL - Oh, ridicolo poi ...

MIC - (ridendo) Bravo, bravo!

FEL - Chist’ato ccà, che se ricrea!

MIC - Don Felì, v’ha detto solo ridicolo. Mannaggia, io avrei voluto che vi avesse fatto altre cose ...

FEL - E già, si invece me scassava na seggia ‘ncapa ...

MIC - Ma no, se solo esce “baccalaiuolo” sa che accusa che facciamo!

FEL - Eh, accusa tre tre e Napule a coppe, Michè!

GAE - (che per tutto il tempo ha giocato con un pezzo di carta, ad un gioco tipo sfoglia la margherita) Masco­lo, femmena, mascolo, femmena ... femmena! Mannaggia!

FEL - Presidè, qui siamo pronti.

GAE - Chi sa se muglierema ha figliato!

FEL - Presidè, embè?

GAE - Ah, si, cominciamo. (Suona il campanello) Avanti! Vuie, signurì, chi site?

ROS - Rosella Paparella, cammerera.

GAE - Assettateva ccà. Giurate ‘e dicere ‘a verità, tutta la verità, nient’altro che la verità. Dicite “Lo giuro”.

ROS - Lo giuro.

GAE - (si leva gli occhiali e guarda interessato) Ah, ma vuie site ‘a cammerera e don Felice!

ROS - Per servirvi.

GAE - (Prendendogli la mano) Brava, brava, a me me piaccio­no tanto ‘ e cammerere!

FEL - A stu presidente le piacciono tutte quante!

GAE - Se mai ve ne avesse ‘a ì da casa ‘e don Felice, faci­temelo sapè, perchè vi piglio a mio servizio. Io tengo tre figlie femmine e sta arrivanno ...

FEL - ... ‘ a quarta!

GAE - ... Sta arrivanno ‘o mascolo! Sapite, signurì, me servirebbe proprio n’ata cammerera!

ROS - Terrò presente, signor giudice. Ma mammema me diceva sempre che è meglio nun fidarsi degli uomini, special­mente di quelli che so nu poco ... donnaiuoli!

FEL - Ah, ah, ah, Presidè, uno quando sente donnaiuolo, subbeto s’accorge che site vuie!

GAE - Eh! E quando uno sente babbuino, subbito s’accorge che site vuie! Don Felì, ma come ve vene?

FEL - Scusate, ma il fatto è che io proprio non capisco come una donna si possa innamorare di uno come voi!

GAE - E ‘ncasate ‘ mano, sà? Signorì, dicite quello che sapite. (campanello) Avanti!

ROS - Io aggia dicere prima di tutto che songo na figliola riservata e che quanno sento na cosa che non mi ri­guarda da un orecchio trase e dall’altro se ne esce. Ad ogno modo ‘o fatto è chisto: Don Felice s’era miso ‘ncapa ..... ‘e fa murì ‘e friddo ...... chella puve­rella d’’a mugliera. Perchè durante la notte ..... non le voleva mai fà tenè vicino ‘o scarfalietto.

AMA - (in piedi) Brava!

GAE - (in piedi) Brava (ricomponendosi) Ehm, silenzio, silenzio. Psss ...Psss... si, lo scaldaletto, il monaco, come si dice in alta Italia. (campanello) Avanti!

ROS - Esattamente, presidè, di notte non voleva fa sta ‘a mugliera a letto co ‘o monaco!

FEL - (scattando) Mi oppongo! Papocchia, e io v’ho pregato, a me stu monaco me sta antipatico!

GAE - Uhm, avete ragione, è allusivo, eh?

FEL - E pure nu poco schifensivo!

GAE - Va buò, allora, signurì dicite scaldaletto. (campa­nello) Avanti!

ROS - E po’, quello, don Felice, siccome nun le bastava ‘e fa murì ‘e friddo ‘a mugliera, le vuleva pure fa perdere ‘o suonno, e ogni mattina pavava dei saltin­banchi che ghieveno facenno rumore sotto ‘o balcone, con grancassa, tammure e piattine!

FEL - Mi oppongo, nun è ‘o vero, presidè, questo lo faceva essa a me!

GAE - (suonando forte il campanello, battendo con il mar­telletto) Silenzio, silenzio. Psss ... psss .... Silenzio o faccio sgombrare l’aula!

FEL - Papò, qua “faccio scompraro l’aula”, questa è casa mia!

GAE - (sempre rumorosamente) Don Felì, basta, basta! Facite parlà sta povera guagliona che altrimenti ... si intimidisce.

FEL - Alla faccia ‘e mammeta!

MIC - Ma non è possibile ... (parlano a voce alta)

GAE - E un po’ di silenzio da quella banda, da quella banda ... (quasi cantando)

FEL e MIC - (concludendo) ... da quella banda!

ROS - Io continuo eccellenza, perchè noi siamo tutti qui riuniti per essere giustiziati.

FEL - L’ha pigliato pe’ boia.

ROS - (in piedi) Don Felì, stateve zitto! (forte)

GAE - ( Suona delicatamente il campanello per farla tacere)

FEL - A chello ce lo fa co’ ‘a morbidezza!

GAE - (dstratto) Signurì, secondo voi muglierema fa’o mascolo?

ROS - Comme, presidè?

GAE - Signurì, si fa n’ata femmena la regalo a voi! (campa­nello) Avanti!

FEL - Ma stesse purtanno no tram? (soggetto tram)

ROS - E po’ voglio dicere che il signor Felice tormentava ‘a mugliera tutto ‘o santo juorno, ora pe’ na cosa e ora pe’ n’ata, specialmente nell’ora di colazione e d’’o pranzo!

GAE - Va buò, potete andare. (campanello) Avanti!

FEL - Prossima fermata Riviera di Chiaia.

ROS - (alzandosi) Scusate se v’ho aiutato poco, ma io non saccio niente perchè me faccio ‘e fatte mieie! (a posto)

FEL - (in piedi) Po’ facimme ‘e cunte io e te!

ROS - (in piedi poi seduta) Tiranno!

FEL - Ueh, tu sei licenziata da questo momento e ringrazia ‘o cielo che sei una donna e non posso mettermi con te. Mandami una persona tua e ce la vedremo! (si siede)

ROS - (in piedi poi seduta) Va bene, vi manderò mio fratel­lo.

FEL - Brava! Già che ci stai mandaci pure a tua sorella!

GAE - No, no, no, no, no, no, ....

FEL e MIC - (come sul tram) ‘O scambio, ‘o scambio, ‘o scambio.

GAE - Silenzio, silenzio! Psss .... psss ... (continuano a parlare Felice e Michele) Psss ... psss ...

FEL - A ‘o presidente le perde ‘o rubinetto!

MIC - Ce vorrebbe nu poco ‘e stoppa.

FEL - E si, ci fa da guarnizione.

GAE - Basta! (campanello) Avanti! Sentiamo ora il vostro servitore.

FEL - Presto si scende. (va con Michele al banco)

GAE - Come vi chiamate?

FEL - Michele Pascone.

GAE - Mo tene ‘o segretario! Dunque, giurate ‘e dicere ‘a verità .... dicite “giuro”.

MIC - Lo giuro.

GAE - (distratto) Michè, muglierema fa ‘o masculo?

MIC - (allargando le braccia per dire non so) Aaaah!

GAE - Mamma mia, e chisto puzza ‘e cipolla. Levate ‘a lloco!

FEL - Preside’, e mo me pare che questa sia mancanza di rispetto nei miei confronti. Questa è perzona mia e qua deve stare, oh, oh, oh!

AMA - Ha sfiatato ‘a creatura!

GAE - Ma chillo puzza ‘e cipolla!

FEL - E che vuol dire che puzza di cipolla? Il signore questo ha potuto e questo ha mangiato. Signor Presi­de’, ma poi cos’è questa cosa? Puzza di cipolla e non puzza di cipolla. V’avotate a chell’ata parte e non la sentite cchiù ‘a puzza di cipolla!

GAE - Ma è un profluvio!

FEL - Il signore questo ha fatto colazione! Aggio sfucato!

MIC - Ah! (verso Felice)

FEL - Michè, quanto puzzi!

GAE - (voltato per non sentire la puzza) Signor Pascone ...

MIC - ....

GAE - Signor Pascone ...

MIC - (si alza e chiama) Signor Pascone!

FEL - Bestia, si’ tu!

MIC - E quello dice “signore”.

GAE - Assettateve. Signor Pascone, sapete voi come mai ogni mattina venivano i saltimbanchi sotto ‘o balcone ‘e don Felice?

FEL - (cambiando voce) Li mandava donna Amalia, ‘a muglie­ra!

AMA - Non è vero, non è vero, è un bugiardo. Presidente ...

GAE - Silenzio, silenzio!

AMA - Signor presidente, mio marito ...

GAE - Ho detto silenzio, o sospendo tutto! Allora, Michè, che dicite? (ora lo guarda anche se arretrando)

FEL - (parlando dietro a Michele) Li mandava donna Amalia, ‘a mugliera!

GAE - (sorpreso) Ma che site ventriloquo?

MIC - No.

GAE - Insomma chi li mandava?

FEL - (Michele si muove e lo scopre) Li mandava ...

GAE - (Vede Felice e scatta) E don Feli’, don Feli’, perfa­vore, mo veramente ve faccio arrestare. Eh! Levateve ‘a ccà e metteteve ‘a st’ata parte! Dunque, Michele Pascone, ‘o scarfalietto chi l’ha miso dint’’o lietto, ‘o mascolo o ‘a femmena ...

FEL - Seh, ‘o nennillo o ‘a nennella?

GAE - Ehm, volevo dire il marito o ‘a mugliera?

MIC - ‘A mugliera!

FEL - (Battendo sul cappello di Gaetano) Bravo!

GAE - Ma puozze passà nu guaio! M’avite rovinato ‘o cap­piello!

FEL - Aggiate pacienza, preside’, è stato pe fa na mossa ‘e piacere.

GAE - E che piacere, scusate.

FEL - Il mio.

GAE - Sia fatta la volontà di Dio. Michele Pascone, jate­venne. (Si siedono discutendo) Venga la signora. (Amalia va a sedersi) Dite il vostro nome.

AMA - Amalia Sciosciammocca nata Maruzzella.

GAE - Don Feli’, ma come, ve ghiate a spusà ‘na Maruzzella?

FEL - Che c’entra, quello è cognome.

GAE - Ma anche il cognome deve essere bello.

FEL - E’ bello ‘o vuosto. (con Michele) PAPOCCHIA!

GAE - E se capisce, ve riempie ‘a vocca: PAPOCCHIA!

FEL - Che schifo. (sputa in faccia a Michele)

GAE - Signo’, ripetete appresso a me, sempre appresso a me: giuro di dire .... nient’altro che la verità.

AMA - Giuro di dire .... tutt’altro che la verità.

GAE - Ma che “tutt’altro”, nient’altro. Ho detto appresso a me, sempre appresso a me: nient’altro che la verità.

AMA - Nient’altro che la verità.

GAE - (distratto) Signo’, muglierema fa ‘o masculo?

AMA - Signo’, muglierema fa ‘o masculo?

GAE - E si mo tengo ‘o pappavallo!

AMA - Ah, si, e come si chiama?

GAE - Che cosa?

AMA - ‘O pappavallo?

GAE - E chesta me vo’ fa asci’ pazzo a me. Signo’, per favore ... (cerca di calmarsi, si leva gli occhiali ed osserva meglio Amalia che comincia a fare la smorfio­sa) ... vuie site na signora accussì bella ... io farò di tutto per essere comprensivo. (sdolcinato) Dunque signo’, che ve faceva chillu birbante ‘e vostro mari­to? Ve faceva suffrì?

 AMA - (indifesa) Me vuleva fa murì, facendomi tutti i giorni tanti e tanti dispetti.

GAE - Oh, poverina!

FEL - Mo accumencia co ‘a mugliera mia, mo.

GAE - E ‘o fatto dei tammure e dei piattini?

AMA - Oh, vi giuro è no sconforto! Non riesco chiù a durmi’ ‘a notte. E na vota va stutanno ‘e lampe e io al buio nun ce pozzo sta; n’ata vota va rumpenno ‘o scarfa­lietto perchè nun m’’o vo’ fa tene’; ogne matina è nu stunamiento co’ chielle che fanno ‘nfringhete ‘nfrun­ghete ‘nfrù.

GAE - Povera signora bella, tenite ragione. E po’?

AMA - E poi mio marito m’ha chiamato zantraglia.

GAE - Questo lo so pur’io. E poi?

AMA - E po’ m’ha chiammata stravagante e strega.

ROS - Signo’, mo vene.

AMA - (al giudice) Mo vene.

GAE - Chi vene?

AMA - (a Rosella) Chi vene?

ROS - ‘A papera.

AMA - (al giudice) ‘A papera.

GAE - Vene na papera ccà?

AMA - (a Rosella) Vene na papera ccà?

GAE - E chi la porta?

ROS - E ‘nzalatara.

AMA - (al giudice) ‘A ‘nzalatara.

GAE - ‘A ‘nzalatara porta na papera ccà?

ROS - No, no, vostro marito.

AMA - (al giudice) No, no, vostro marito.

GAE - Mio marito, donna Ama’!

AMA - Ehm, vostra moglie.

GAE - Mia moglie porta na papera ccà?

ROS - No, chiamò papera.

AMA - (al giudice) No, chiamò, la papera.

GAE - Mia moglie chiamò la papera.

ROS - E ‘nzalatara.

AMA - (al giudice) E la ‘nzalatara.

GAE - Mia moglie chiamò la papera e la ‘nzalatara.

ROS - No, a voi, a voi.

AMA - (al giudice) No, a voi, a voi.

GAE - No, a me, a me. Ma voi che state accucchianno? (spazientito) Se po’ sape’ chi porta sta papera?

AMA - (a Rosella) Rose’, statte zitta. (al giudice) Insomma mi diceva sempre nu sacco ‘e male parole.

GAE - Va buo’, potete andare.

AMA - Grazie, signor ministro. GAE - Che ministro, presidente.

AMA - Grazie signor presidente.

ROS - Cavalier presidente.

AMA - Grazie signor ministro cavaliere presidente.

GAE - Assettatteve!

AMA - Rose’, mannaggia a te, m’hai fatto mbruglia’, stavo andando accussì bene.

ROS - Signo’, ma voi avevate ‘a dicere solo papera e ‘nzalatara.

AMA - Tu e mammeta.

GAE - Basta, per carità, andiamo avanti, jamme, jamme, jamme!

FEL e MIC - ..... Jamme, jamme ..... (cantano)

GAE - (disperato) Ma pecchè, pecchè, pecchè?

AMA e ROS - E pecchè, pecchè ‘ndringhete ‘ndra ... (canta­no)

GAE - (ormai fuori dalla realtà canta l’aria della danza delle ore)

FEL - Preside’ ...

TUTTI - Embè! (Felice e Michele parlano)

GAE - Felice Sciosciammocca! (ripetuto tre volte)

AMA - Te sta chiammanno.

FEL - Presente! Sono qua io.

GAE - E allora venite.

FEL - Me volete lloco?

GAE - No, no, no, volete che vengo io llà? Venite?

FEL - Uh, madonna, Michè, suggerisci che non mi ricordo niente.

GAE - Assettateve.

FEL - Dunque, signor presidente io prima di tutto volevo dire che secondo me vostra moglie fa sicuramente mascolo!

GAE - Ma ficiteve ‘e fatte vuoste!

FEL - Ma come voi l’avete chiesto a tutti quanti?

GAE - E da voi nun ‘o voglio sape’!

FEL - Come volete.

GAE - Dite quello che dovete dire e basta.

FEL - (Fa segno a Michele di cominciare a suggerire) Signor presidente qui non si tratta .... di fare una causa pe’.....

MIC - .... un omicidio premeditato.

FEL - .... per un micino che prima s’è grattato ...

MIC - ... e po’ ci prodeva ancora.

FEL - ... e po’ ci prodeva ancora.

MIC - Un omicidio premeditato.

FEL - Un omicidio premeditato o per un ... furto con assas­sinio ma ...

MIC - Ma solo si stratta ....

FEL - Ma soreta si gratta ...

GAE - Mia sorella si gratta?

FEL - Vostra sorella si gratta, non lo so.

MIC - Ma solo si tratta!

FEL - Ma solo si tratta di ... un povero marito sventurato ...che viene ... viene innanzi a voi ... voi ...

MIC - .... signor presidente ...

FEL - .... signor puzzolente ...

GAE - Eh, ma insomma!

FEL - No, scusate, signor presidente, m’è scappato. Per mostrarvi con i fatti le torture che le faceva conti­nuamente la moglie. Quello che ha detto la cameriera ... ci mostra tutta la sua colpa ... e ... e ...

MIC - Voi Papocchia signor Gaetano ...

FEL - E la parrochhia ‘e san Gaetano ...

MIC - Sè, ‘a confraternita e san Vincenzo.

FEL - Si, voi Papocchia signor Gaetano, uomo ... uomo ...

MIC - .... uomo imponente ...

FEL - .... uomo impotente ...

GAE - Ma insomma un po’ di rispetto!

FEL - Perdonate, m’aggio sbagliato, volevo dire uomo impo­nente e saggio, sa bene che ...

MIC - Quando andò per fittarsi la casa ...

FEL - ... che quaranta ova co la frittata co ‘o cacio ...

GAE - Ma che frittata state accucchianno?

MIC - Quando andò per fittarsi la casa ...

FEL - Quando andò per fittarsi la casa ...

MIC - ... la signora Sciosciammocca si contrastava con la propria metà ...

FEL - La signora Sciosciammocca ... si coccava l’estate co ‘a provola ‘mbocca.

AMA - Io me coccavo l’estate co ‘a provola ‘mbocca?

FEL - Si, t’ho visto io.

MIC - (scende sotto al tavolo) Si contrastava con la pro­pria metà ...

FEL - ... si contrastava con la propria metà ...

MIC - ... cioè con me ...

FEL - ... cioè con lui ...

MIC - No, con me, voi.

FEL - ... con me, voi.

MIC - No, no con me, ma con voi.

FEL - ... sia con me che con voi e con lui ...

MIC - No ...

FEL - Insomma si contrastava con tutti.

MIC - ... se preme a voi giustizia ...

FEL - ... se prude a voi e a Giustina ...

GAE - Ma chisto è proprio nu rodimento generale!

FEL - (soggetto sotto il tavolo) Michè tu devi scandire se no io non capisco.

MIC e FEL - (soggetto treno) Se preme ... a voi ... giusti­zia ... potete ... credere ... che questi ... contra­sti ... erano sempre ... causati ... da mia ... mia moglie ...

AMA e ROS - E no, e no, e no, e no ....

GAE - Ueh, ueh, ueh, ueh. Fermateve!

FEL - Siamo arrivati.

MIC - (tragicamente) E poi guardate stu pover’ommo.

FEL - E po’ guardate stu pover’ommo e dite voi stesso se in questo viso può esservi ... può esservi ... malvagità. Signor presidente ... io non sono colpevole, è mia moglie ... che ...

MIC - Vuole paglia per cento cavalli.

FEL - Come?

MIC - Vuole paglia per cento cavalli.

FEL - Vuole pane e caciocavallo.

AMA - Io voglio pane e caciocavallo?

MIC - Paglia per cento cavalli.

FEL - Non te capisco!

GAE - (con calma e sopportazione) Paglia per cento cavalli.

FEL - Grazie.

GAE - Prego! (poi scattando) Ma insomma me facite mbroglia’ pure a me.

FEL - Scusate, non avevo capito.

MIC - E po’ ditemi francamente ...

FEL - E po’ ditemi francamente che ... chi ...

MIC - ... chi di noi non tene core ...

FEL - ... chi di noi non tene ‘e corna!

MIC - Qua jame carcerate tutte quante! Chi di noi non tene core!

FEL - Chi di noi non tene core. Chi tene ‘o sangue nelle vene non può far altro che darmi ragione.

MIC - Io concludo ...

FEL - Meno male me credevo che nun ‘a ferneva cchiù. Io concludo ...

MIC - Se m’avite ‘a da una pena ...

FEL - (grave) Se m’avite ‘a da na pera ...

MIC - Datancella, preside’.

FEL - Datancella, preside’!

MIC - Una pena.

FEL - Se m’avite ‘a da una pena, o ... o ....

MIC - ... o che la condannate o che m’assolvete ...

FEL - O che la .... o che la ... o chella ‘e mammeta o chella ‘e soreta ...

TUTTI - ... o chella ‘e zieta!

FEL - ... o ‘e chi v’è vivo!

MIC - O che la condannate o che mi assolvete.

FEL - O che la condannate a lei o che m’assolvete a me!

MIC - Ah, ha sgravato!

FEL - Preside’, ha sgravato.

GAE - Ha sgravato? Muglierema ha sgravato?

FEL - Ma no, ha sgravato, nel senso ho finito.

GAE - All’anema vostra! Insomma, mo che m’avete raccontato sto cuofano ‘e ciucciarie, mi volete dare qualche prova più valida, più tangibile, più intima della vostra presunta innocenza.

FEL - Una prova più intima? Ce pozzo fa vede’ ‘e mutande!

GAE - Don Feli’, ma insomma, nu poco ‘e pudore!

FEL - Sicuro, preside’! Michele, fai vedere le mutande al presidente!

MIC - ‘On Felì, ma che dicite?

FEL - Ho detto fai vedere le mutande al presidente!

MIC - (si schernisce, poi fa per tirarsi giù i pantaloni e tutti urlano)

GAE - Ma insomma è una vergogna!

FEL - Miche’, ma che hai capito? Lloco sopra, le mutande, ‘o sottocazone!

MIC - Ah, chisto, ‘o cazonetto! (lazzi)

GAE - Ditemi piuttosto ‘o fatto della grancassa e dei tammure.

FEL - Preside’, era nu stunamiento tale che io ogni matti­na, di tasca mia ero costretto a darle na lira ...

GAE - Ah, avimmo scoperto chi li pavava, ve site deciso a confessa’.

FEL - Ma no, io volevo dire che per mandarli via ...

GAE - Signo’, come vedete avevate ragione voi.

MIC - (che era uscito, torna di corsa) Presidè, ha figliato ‘a mugliera vostra.

GAE - Ha figliato? E ha fatto ‘o mascolo?

MIC - Nossignore.

GAE - (rassegnato) ‘A femmena!

MIC - Nossignore.

GAE - (sorpreso) E che ha fatto?

MIC - Tre femmene!

GAE - Tre e tre sei. Signori miei lassateme correre a casa.

FEL - (mentre Amalia e Rosella parlano contente tra loro) E va buo’, pure questa volta hai voluto ave’ ragione con l’inganno! Me ne vado, lasso ‘a casa ma voglio vedere cosa farai senza di me. Addio! (fa per andare)

MIC - No signo’, pe’ carità, aspettate, mo aggia parla’! ‘O scarfalietto dint’’o lietto l’aggio miso io; io facevo veni’ ogni mattina ‘e giocolieri sotto ‘o balcone; tutti sti ‘mbrogli l’aggia cumbinati io.

AMA - E pecchè hai fatto chesto?

MIC - Pecchè, pecchè primma ‘e spusà, don Felice me tratta­va ‘e na manera e doppo sposato nun me trattava cchiù comme a na vota. Io aggia fatto tutte cose pe fallo allontanare da voi.

AMA - Adeso ho capito.

FEL - Ma all’anima tua! Io per colpa tua stevo perdenno stu piezzo ‘e zucchero.

MIC - Signo’, perdonateme.

FEL - Vattenne, nun te voglio vede’ chiù.

ROS - Signo’, perdonatelo.

FEL - Tu sta zitta che già sei stata licenziata.

ROS - Signo’, perdonatelo l’ha fatto pecchè ve vole bene.

FEL - E va buo’ io ti perdono ma ... tu mogliettina, perdo­na me.

AMA - Vattenne birbante, me vulive lassa’!

FEL - Ma no, mogliettina mia è stato tutto un malinteso. Vedrai cha da oggi in poi non litigheremo più.

AMA - Veramente?

FEL - Veramente.

AMA - E allora da oggi in poi dobbiamo pensare solo a noi, a stare felici e ad avere dei bambini! (Michele e Rosella tossiscono) Felicie’, a me me piacerebbe tanto na femmenella.

FEL - Ah, si, na femmenella ... certo che pure ‘o mascolo ...

AMA - No, ‘o mascolo no, ‘a femmenella è cchiù bellella!

FEL - Eh, si, ma ‘o mascolo è chhiù forte.

AMA - Io preferirei ‘a femmena.

FEL - Io preferirei ‘o mascolo.

AMA - Io dicesse femmena.

FEL - Io dicesse ‘o mascolo. (Michele e Rosella escono)

AMA - Quando dico ‘a femmena, vuol dire che voglio ‘a femmena.

FEL - Quando dico ‘o mascolo, vuol dire che voglio ‘o mascolo.

AMA - ‘A femmena!

FEL - ‘O mascolo! (continuano a discutere, mentre dal fondo compaiono Michele e Rosella con valigia che salutano i loro padroni e se ne vanno)

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 4 volte nelle ultime 48 ore
  • 11 volte nell' ultima settimana
  • 31 volte nell' ultimo mese
  • 187 volte nell' arco di un'anno