‘O sorice ‘e Natale

Stampa questo copione

Caro Danilo,

'O SORICE 'E NATALE

di Giulio Caso

Personaggi: 4u ? 3d

Giorgio

Gatta

Topo

I Comare

II Comare

Figlio: Gigino

Don Gaetano

Si apre la tenda, vi è buio fitto che lentamente si rischiara lasciando intravedere una stanzetta con credenza, un mobile con foto di persone di famiglia, un tavolo e sedie alla rinfusa.

Il Topo sporge la testa e, quatto quatto, entra e va a rosicchiare un pezzo di formaggio; nell?euforia si agita e fa cadere un pentolino dal tavolo. Mentre finisce di rosicchiare entra la I comare e quasi si scontra col topo (lazzi). Il topo scappa via dal lato opposto alla comare e poi si nasconde.

I Comare ? Aah! Aiuto, ajuto (smorzato, poi strozzato; ripiglia la voce) ? mamma mia! 0?..?o sorice currite (nel frattempo si è messa al riparo su una sedia e si tira la sottana da notte. I soccorsi tardano e lei ripiglia a chiedere aiuto) Currite...

Giorgio ? (Entra calmo, mogio e rilassato) Neh! ch?è stato , ch?è succieso (si siede, sempre con calma, sbadigliando ancora e si accorge solo ora della I Comare sulla sedia) ? E che faje llà ?ncoppa, forse ?nce sta nu poco ?e polvere sulle sedie? (Si alza, spolvera e si risiede) ? E? pulita, assettate.

I Comare ? Ahhh! (Si morde le mani, poi con voce decisa) ? Nun ?o buò capì, ccà ?nce vo? ?a gatta; e surece ccà dint abballano. Ccà ?nce vò Bianchina. Dimane stesso, vaje da don Gaetano e te la faje prestare, maddà leva ?a nnanze chillu sorice. (Lentamente si ripiglia, lascia la gonna, ma rimane sulla sedia impalata.

(Entra la II Comare pure in camicia da notte)

II Comare ? (Fissa meravigliata la I Comare sulla sedia) ? Cummà ch?avite... mamma mia aggia sbandata a dint?o ?o suonno.

I Comare ? E io? Io nu? stavo durmenno sapuritamente, quanno aggio ?ntiso nu rumore e po? na? botta, é corza vengo ?nda cucina e che te veco: nu sorice che scappa quase annanze e piere mie; figurateve che paura, po? maggia truvata ?ncoppa ?a seggia alluccanne aiuto! Aiuto! E che fa mio marito? Viene subito in mio soccorso? Macché , Tomo tomo, mmiezzo addurmuto, cumm?è sempe, mme dice: (imita il marito) ? Cchè stato, ch?è succieso, e che faje llà ?ncoppa (ritorna se stessa ? ironica) ? E ch?aggia fa, ?a notte m?a passo ?ncoppa ?a seggia o bbì (scende lentamente aiutata dal marito senza molto impegno)

II Comare ? Cummara bella, vuie site troppo paurosa, e va bene! Ccà nce stanne ?e surece, ?nce so? sempe state, bisogna abituarsi. Io ve l?avevo ditto, ve ricurdate? , quanne site venuta ?e case vicino a mme. Però cumma, avimma considerà che loro ?nce steveno primma ?e nuie (vanno via).

(Rimane in scena solo Giorgio, il sipario si chiude e lui si sposta lentamente sul proscenio).

Giorgio ? Carissimo pubblico, questo fatto è succieso tre giorni fa, anzi due giorni e una notte per essere precisi, aspettate, ?nu poco ?e pacienza e ve racconto ?o riesto ? (si ferma a riflettere) ? Ah! Po? avimma pigliata ?a gatta. (Continua mentre il sipario riapre lentamente e lui rientra, lentamente, sulla scena da personaggio) ? Io sto da tant?anne ?nda sta casa e mme so abituato agl?inquilini siano loro surici o persone, io rispetto e me faccio rispettà. A sera m?affaccio guardo tutto e nun veco niente, so assorto ?a ?sti stelle cchiù lucente quanno fa friddo, quanno cchiù friddo fa.

(Nel frattempo che lui filosofeggia passa il topo sulla scena inseguito dal gatto. Giorgio si va a posizionare su una sedia e guarda distrattamente; il topo dietro una sedia parla al gatto).

Topo ? Grigetta non farmi più quella faccia, dai che ho paura, ma non hai mangiato? Lasciami andare!

Gatta ? ?O pranzo, cena e colazione mia sì tu.

Topo ? (Si rivolge a Giorgio) Signore, per favore, mi aiuti ad uscire ed io vo via.

Giorgio ? Va bene, va, Grigetta viene a ccà!

Gatta ? Vuje jatevenne se sti scene ve fanno impressione, stu suricillo ca ?o sape fa ?o innocente, ma ?o saccio io che tene mmente.

Giorgio ? Forse pe chesta vota se po? fa n?eccezione, ?o sorice se ne va fora e ccà nun torna cchiù.

Gatta ? E si chille torna chi ?a sente ?a padrona (imita la padrona) ? Stu gatto dorme da matina ?a sera, nun fatica, tale e quale ?o padrone, ?e surece abballano e isso dorme.

Giorgio ? (Colto sul vivo) Allora fa ?o mestiere tuojo, e nun me disturbate.

Gatta ? (Beffardo) E? visto simmo arrivate ?a resa de? cunti, pe? tte nun c?è sta scampo.

Topo ? Perchè non tieni un poco di pietà, il cibo non ti manca e tieni la tua casa, fammi tornare alla mia (nel frattempo si avvicinano le due comari ed il topo cerca di intenerirle)... da mammà.

I Comare ? Si se parla ?e mamma io me commuovo... va buò Grigè va, chillo nun torna cchiù doppo ?a paura ch?à pigliato.

II Comare ? Chello ca faie nun è cosa bella e po? ?o vide che è troppo piccerillo p?arrubbà?

Gatta ? Ma comme ll?uommene se teneno ?o gatto ?nda casa sulo pe? chesto, e nu poco ?e cumpagnia, mo? ?e pruvviste nisciuno ?e tocca ci sto io.

Topo - Ma io ero solo di passaggio, anzi di passeggio, che qua vicino debbo andare; al ritorno, ti prometto che altra via io fo e qua giammai ritornerò.

Giorgio ? (Fa per alzarsi, rivolto al gatto) Basta mo? decido io...

Gatta ? (per nulla intimorito) ..e si po? ve lamentate che ?o furmaggio è rusecato io ch?aggia fa? A matina guardate dinto ?e scarpe pe? vedè se ?nce sta niente? Peffino ?ndo bagno....( a gesti fa capire che Giorgio guarda il water prima di sedersi), ma nun me fate parlà.

(Giorgio e le due comari non sanno cosa rispondere e ritornano ipocritamente alle loro faccende, il topo cerca una improbabile via d?uscita. Dopo un poco entrano Don Gaetano e Gigino figlio della II Comare).

Figlio ? Mammà viene a vedè ce sta ?o presepio ch?a fatto don Gaetano, ch?e luce, ch?e Re Mage e colla stella ?ncoppa ?a grotta, e quanto è bello!

Gaetano ? Modestamente l?ho fatto con ispirazione e fantasia, se vi volete accomodare, faccio strada. (le due comari approfittano per andarsene e Giorgio capendo di dover rimanere solo a dirimere la faccenda si accoda).

Giorgio ? Aspettate che vengo anch?io.

(Segue qualche minuto di scena muta e mimica ?miao miao in tono aggressivo e zi zii in tono piagnucoloso? con il topo che vorrebbe fuggire ed il gatto che lo previene.

Gatta ? Ride e digrigna i denti ? Eh! eh! eh! ( si inarca) ecc.

Topo ? Quasi piange e prega sottovoce per la sua fine.

La scena viene bruscamente interrotta dalla voce del figlio.

Figlio ? Grigè, Grigetto bello (esce sulla scena seguito dalla II Comare), vide nu poco che te porta mamma mia?

II Comare ? Te porto ?o purmone ?o vì quant?è sapurito?

Esce anche la I Comare.

I Comare ? (avvicinandosi alla gatta) Ll?aggia accattato frisco stammatina, mangia, mangia.

Esce anche Giorgio e va ad accarezzare la gatto ? Mangia a sbafo, quanno è festa è festa.

Lentamente tutti attorniano la gatta che inizia a gustare il bocconcino)

Figlio ? (rendendo complice anche il pubblico) Suricillo fuitenne, fuitenne.

Tutti assecondano tale proponimento, infatti quando la gatta si gira cercano di coprirle la visuale e di distrarla. Il topo ad un certo punto riesce a ?sgattaiolare?.

Nel frattempo:

I Comare ? ?O vì quant?è sapurito, c?aggia mise na ?ntecchia d?aglio appena, justo pe te fa bene pa? digestione e p?a brunchite.

II Comare ? E ?nce sta pure nu poco ?e cipolla che fa bene p?o core e leva ?o zucchero ?a rinto ?o sangue.

Don Gaetano ? In verità io aggia cunsigliato e ?nce mettere nu pizzico ?e pepe accussì te fa bene e po cimurro.

Figlio ? (Tirando la gonna alla mamma, tutto soddisfatto) Mammà, mammà, io invece zitto zitto aggie miso ?nda tiella nu poco ?e rafaniello, pecchè dicette ?o dottore che fa bene po? culere..

Gatta ? Uh! (sputa) ma che me vulite ?ndussecà?

II Comare ? (Rassicurante) Ma che, chillo ?o guaglione nun si è espresso buono, voleva dire che il rafaniello tiene azione coleretica, cioè fa bene po? fegato.

(A questo punto la gatta s?accorge che il topo è fuggito)

Gatta ? Avite visto ch?avite fatto, ?o sorice è scappato, ma l?avite fatto apposta, e mo chillo se va a magnà tutto ?o furmaggio.

Giorgio ? Sino è o vero, l?avimmo fatto apposta; ma sai cummè.. quanno simmo jute dinto, annanze ?o presepio ch?a fatto Don Gaetano, ?nce simme guardate nfaccia tutti quanti e avimmo pensato che fra poco è Natale e chillu povero suricillo nunn?à mai pruvato che sò.. ?e struffele.

Figlio ? ?O capitone

II Comare ? ?O panettone

Don Gaetano ? ?A muzzarella filante

I Comare (concludendo) ?E noce e nucelle e fiche secche.. , perciò facimmo venì cca, facite pace, sulo pe? feste, c?a po?, l?anno che vene Dio pensa.

Tutti ? Suricillo viene a cca. Nisciuno te vo fa cchiù male ecc.

Topo ? (Entra cautamente e si pone al centro) Si, però, nun ve scurdate che cchiù e llati cose, a me me piace sempe ?o furmaggio. (Tutti ridono)

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 22 volte nell' arco di un'anno