‘O vedovo… consolabile

Stampa questo copione

‘O VEDOVO.. CONSOLABILE

COMMEDIA COMICO BRILLANTE IN DUE ATTI

di

RAFFAELE CAIANIELLO

Personaggi


ANDREA                     vedovo

SERENA                       moglie defunta

LUIGI                           dottore amico di Andrea

CATERINA                  sorella di Andrea

ARMANDO                 marito di Caterina

PIA                                ragazza madre

ELIANA                        amica di Luigi

ROSENA                      amica di Luigi

AMBROGIO               amico di Andrea

RENATO                      impiegato agenzia matrimoniale                                              

ASSISTENTE               una  poco di buono

MARIETTA                    vicina di casa


Salone grande, con tavolo sedie  un divano . Una comune al centro e due porte laterali e una finestra . Sulla scena, Andrea,Caterina, Luigi.

ANDREA: (  siede sul divano, mostra segni di sofferenza e ha una scolla in fronte . mentre Luigi, gli misura la pressione. Una figura femminile “ Serena” ,invisibile a tutti ,si muove leggera e a piacere sulla scena   )  è ancora alta?

LUIGI: dammi il tempo …. e ti saprò dire …. si  effettivamente è ancora un po’ altina, stai prendendo le compresse che ti ho prescritte?

CATERINA: ( sulla quarantina ,saccente e un po’ ignorante, sbaglia con noncuranza i vocaboli. Prende la scatola con le compresse e le mostra al dottore) niente dottò, nun  se n’ha pigliate manc meze !, guardate ca guardate,, nun s’ha pigliate manc ‘o pinnolo  cà c’ha prescrivuto  l’urologo!  Je ce l’agge ritte : Andrè guarda ca si  nun te cure, te faie ‘a “ cartella”

LUIGI: tua sorella , ha ragione. Io come cardiologo, ti parlo con il cuore in mano. Il mio collega urologo invece , ti parlerà con …

 ANDREA: e no! il collega urologo è meglio che scrive! chille già a fatte danne   cu dite!

LUIGI: ahh ahha , comunque  caro Andrea, così andiamo male! capisco il dolore che hai provato, la stanchezza fisica e morale che hai addosso, ma devi reagire. Devi curarti. Non ci tengo proprio a stendere un altro certificato di …. e lasciamo perdere.

ANDREA: lo so tieni  ragione, ma … non riesco, non riesco a pensare che Lei non possa più esserci! Sono passati sei  mesi dalla sua scomparsa  e mi sembra ieri. A volte ho persino l’impressione che è qui insieme a me!

LUIGI: no scusa Andrea, io adesso non voglio entrare nel merito, però …. non mi sembra che ti abbia lasciato poi tutto questo vuoto eh, non eri tu quello che ogni volta che entravamo in argomento, non facevi che lamentarti, dicevi che eri allo stremo, che era una lotta continua, che eri al limite della sopportazione! (Serena. Gli passa leggermente il lembo del suo vestito sul naso, Luigi fa si agita come a liberarsi da una mosca)

ANDREA: si , è vero,  ma po , tutte finiva e..

CATERINA: e po s’accuminciava ro cape!!

 ANDREA:ormai, ci ero ormai abituato! Per me era tutto, come la mamma!povera mamma!

CATERINA: ah peccheste è overe! Cainateme era tale e quale a mammà|

Andrea, nun muveva nu  dite senz ‘o cunsenso ra mugliere!. Chelle sule ncoppe a fatica nun l’accumpagnave . Le sceglieve  ‘e vacanze, ‘e vestiti, ‘e scarpe e pure ‘e mutande! ‘o purtava ‘o  supermercato, a farmacia, addò duttore … e mo se sente perze.

LUIGI: si lo so,Andrè,secondo me,tu non hai perso solo la moglie, hai perduto  il capo!  il direttore dei lavori e ora non hai più chi ti guidi!

ANDREA:  e che debbo fare!

LUIGI: ti devi risposare! Sei ancora giovane eh,hai bisogno di compagnia,di qualcuna che si prenda cura di te!

CATERINA: sicuro! ‘O  duttore tene  ragione! Io nun pozz  venì  semp  a te fa ‘a badante, tenco nu   marito che l’agge ra   cunto. T’è piglià na siconda mugliera!

ANDREA: comme si fosse facile. Sai le ultime parole che mi ha detto Serena prima di lasciarmi? Andrea,io sono arrivata alla meta del mio cammino terrestre. Con te sono stata bene e tu sei stato un buon marito. Io sto per lasciarti ma non ti abbandonerò .Ti sarò sempre vicino.

LUIGI:no Andrè senti a  me ,convinciti, la tua cara Serena, ora è serenamente in compagnia con  chi solo  Lei  sa. Angeli o Demoni! Ma certamente non è più di questa terra! ( Serena,si avvicina a Luigi e con una mossa veloce, gli fa cadere gli occhiali a terra che si rompono) Porca miseria, gli occhiali nuovi!( li prende da terra , li guarda e mestamente li mette in tasca) li ho comprati, ieri sera!

ANDREA:  e che sarà  mai  a perdita  degli occhiali in confronto alla mia perdita!

LUIGI:  sei irrecuperabile! Senti a me sposati!

ANDREA: e  addò a trove   una ca  piace pure alla mia defunta Serena!

CATERINA: chi cerca trova! Invece e te sta a casa  a  fa  ‘e  fung  , jesc! femmene  ce ne stanne  tante cà ponn  piacè alla tua strapassata Serena.

LUIGI: fatemi capire,che c’entra poi la tua cara defunta con una ipotetica tua seconda moglie?

ANDREA: c’entra eccome!prima di spirare, mi disse, quando io non ci sarò più, se senti il desiderio di risposarti, ebbene, la donna che sceglierai,dovrà piacere anche a me. Solo allora,potrò riposare in pace e lasciarti in pace!capisci ora? vivo nella paura di trovare una moglie che mi piace  e poi pentirmene se alla mia ex non piace

LUIGI: ah ahha hha senti a me , i morti non sono mai tornati indietro , trova la donna che ti piace e sposala ( Serena, continua con il lembo del vestito e Luigi , si agita) ma ste mosche!

CATERINA: si ma stavota  però, vir ‘r nu sbaglià, pe te ce vò na mugliera  assatanata, ubbidiente  e affettuosa. ( Serena  gli fa le smorfie)

ANDREA: eh si, è una parola! Adesso metto l’annuncio sul giornale: cercasi moglie assennata, affettuosa,  e ubbidiente   ! Luigi!

LUIGI: ma , non hai amiche? Non conosci nessuno che possa presentartene una? Può anche darsi che la incontri per caso , chissà!

CATERINA: duttò, mio fratello è pigro! Chiù passa ‘o  tiempo e chiù  le passa .. ‘a voglia! È  nu  fracetone comme a mio marito  cà int ‘a tre anni nun è stato capace manc è me ra nu figlio!

ANDREA : non dire stronzate, io non sono pigro,  sono.. sterile , sono..  come si dice dottò?

LUIGI:azoospermetico

CATERINA: e che vò ricere?

LUIGI : vuol dire   che  nel  suo liquido seminale non ci sono spermatozoi e quindi non può concepire una gravidanza

CATERINA: ah! E fosse pure  mariteme  azoospertico? Duttò vuje l’avità cuntrullà

LUIGI: si si , poi vediamo di fargli fare delle analisi, ora Andrè, prendi le tue compresse e vedi di uscire fuori dal tunnel eh! e  mi raccomando, trovati una moglie!

ANDREA:  è facile dire così,dove la trovo una moglie tale e quale  alla mia defunta!

CATERINA:  Andrè, ma allora sì scemo!

LUIGI:siii!!comunque, stammi a sentire, appena si presenta un’occasione,ti porto a conoscere un paio di mie amiche, sono sicuro che ti piaceranno . cosi potrai scegliere, conosco un mio caro amico che gestisce un’agenzia matrimoniale,Lui troverà quella che ci vuole per te!

ANDREA:    e tu sei sicuro che troverà quella che ci vuole per me?

LUIGI: un poco  difficile credo ,secondo me,per te ci vuole un psicologo

ANDREA: meglio un psicologa!

CATERINA: duttò, forse ce vò pur pe mio marito! Po’,  stev penzanne, siccome  mio  marito, tene pur nu poc’e prosta artrite, nun sarrà pe chest cà ..nun è produttivo?

ANDREA: ( Andrea ride insieme a Luigi )  ahhahh  l’artrite alla prostata  ahhhhhh  ne dicesse una buona!

LUIGI: ahahhha, siete proprio divertente. Ditemi una cosa ma non è che fate usi di  anticoncezionali ?prendete la pillola, usate il diaframma, la spirale.

CATERINA: nossignore sti   schifezze anticoncezione  nun l’avimme maje usate!!  quanne ereme fidanzati, io e mio marito faceveme  ‘e coyoti  interrotti . mo invece jamme  lisci lisci!

LUIGI: i coyoti!  Ahhh ahhh , Va bene poi con calma lo visitiamo  eh!

CATERINA:  si ma quanne vò porto a mio marito?

LUIGI: anche domani sera, ciao  e … ricorda: trovati una moglie!I morti non tornano indietro (si alza, fa per uscire ma Serena gli mette un ostacolo davanti e lo fa cadere, si rialza,toccandosi il braccio) per la miseria e che botta! Ahia … fammi andare a fare una radiografia, non vorrei che mi fossi rotto. ( esce

ANDREA: trovati una moglie, come se fosse facile! la persona scomparsa, rimane come presenza interiore  ed io talvolta, ho l’impressione che Serena, non se ne sia mai andata (A Caterina) dammi quelle maledette compresse e un bicchiere d’acqua e poi vai, prima che tuo marito, si presenta , io  voglio riposare  ancora un po ( campanello , Caterina , va ad aprire ed entra Armando) come non detto!

ARMANDO:  eh lo sapevo che eri qui! come sta l’inconsolabile? ( Andrea, fa cenni di insofferenza)

CATERINA: ma è mai possibile cà nun pozzo ascì mezora cà subbet m’è venì appriesso?

ARMANDO:  e che devo fare?  Da solo mi annoio

ANDREA: lo vedi? pure a Lui, se gli muore la moglie … è un uomo finito!

CATERINA:  ma allora si  scemo? ‘A mugliera song io. Soreta! ( fa cenno di corna) tiè!

ARMANDO: su adesso non cominciate ( tira fuori un pacchetto) ecco qua, sono uscito e vi ho pensato(scartoccia) ecco qua eh, due sfogliatelle fresche, Andrè, mangia una di queste ,che ti fa salire la voglia di vivere

CATERINA: tu già te l’è magnate?

ARMANDO: poco prima al bar

CATERINA: e … nun t’è sagliuto  niente?

ARMANDO: a sienti Andrè? Batte sempre ncoppe o stesso tasto

CATERINA: e qual altro tasto aggia battere? Tu cà manc nu figlio sì stato capace e mè ra int a tre anni!

ANDREA: e per favore! Io già sono depresso, poi vi ci mettete pure voi

ARMANDO: soreta  è impossibile!è convinta  della quantità, non della qualità

CATERINA: ma quala quantità?facimme ammore  sulo na volta ‘a semmana e ‘a chiamma … quantità! E po quala qualità? Se sò vist ‘e risultat No? e allora? fa na cosa, miett n’annunce  ncoppe ‘o giurnale: Vendesi orcano inutilizzato, quasi nuovo!

ANDREA: Caterina! E smettila! Lo stai mettendo in difficoltà! Va bene che sono suo cognato ma …. non è giusto declamare le sue carenze sessuali in pubblico!

ARMANDO: ma quale carenze sessuali, mo ti  ci metti pure tu?io so  nu toro! ( Serena , gli tocca il fondo schiena e Armando,reagendo, fa un gesto particolare)

CATERINA: ( fa segno con la mano) acala zuzzose!

ARMANDO: nu montone (Serena gli tocca il capo  e Lui si porta le mani alla testa, saltellando)

CATERINA: acala scimmione!

ARMANDO: nu cavallo!

CATERINA: e cugnomme! Ma ‘e fatt sì nu ciuccio!

ARMANDO: ciucco a me ciuccio nun ma ditte maie nusciune!

CATERINA:  e tò dic io! È ‘a n’anno cà le  sto ricenne c’addà jì addu nu duttore a se fa na bella visita! Ma iss niente, se mette scuorne e ricere cà  nun è buone!

ANDREA: mo non esagerare! Può darsi che è sfortuna,che è solo una leggera disfunzione ormonale

CATERINA:  a maggior ragione addà jì addò duttore ,te fa l’analise comme agge fatte je ! o  ginelogogo  ma  fatte fa  pur ‘o  talpone vaginale  e  a radioscopina  e ha ritto cà tenc  tutt a posto!

ARMANDO:   il talpone? Ma che dice? Che tengo la vagina io?

CATERINA:  scè tu t’è fa sul ‘a  radioscopina  accussì capimme pekkè sì deficiente!

ARMANDO: ahhh!  ma perché il Padre eterno  non ha previsto per le donne ignoranti ,il bottone di spegnimento!

CATERINA:  e pecchè pe  l’ uommen… di “qualità  comme a te invece , ‘o pataterne  ha previsto  solo  accensione , ‘a partenza e niente ripetizione !

ANDREA:ahh! Ora basta!fatemi un piacere, mi fa male la testa, andate a bisticciare da un’altra parte eh, lasciatemi riposare

CATERINA: nun ti arraggià (nun t’encazzà), sì nun ce sfugamme cun te cun chi allora? M’arraccumanne, pigliete ‘e pinnele , nuie  jamme , jamme a fa nu poche  e ..qualità! Cià

ARMANDO: ciao Andrè e … ce vo  a pazienza con tua sorella

CATERINA: no, ce vò ‘a quantità! Jammuncenne! ( escono)

ANDREA: mamma mia, sempre la solita storia! Ah comeè brutto essere vedovo , nessuno capisce che vivere da solo con i  rimorsi che ti assalgono, riuscire a convivere con il dolore  e superare la sofferenza di un lutto così grave, richiede tempo ed energia. Fanno presto a dire,Ci vuole una moglie!  : (bussano alla porta Andrea apre)  

MARIETTA: ciao Andrea ho visto che sono andati via tua sorella e tuo cognato … sei solo … magari ti faccio un po’ di compagnia (Serena gli passa il velo del vestito davanti agli occhi facendole come un prurito) ma che  tengo l’allergia

ANDREA: si Mariè ma nun è ò mumento (chesta a forza se vo mena ) sto poco bene sto ancora tutto nzallanuto per la pillola che ho preso

MARIETTA: va bene vado dendro ma ricordati che se ti senti solo … chiamami

(Marietta mentre sta per andare via Serena gli mette lo sgambetto che per poco non finisce a terra )

ANDREA: uhhhh mamma do carmene

MARIETTA: niente niente so inciampata (esce)

ANDREA: e cheste e nata ca vo addeventà mugliera chella Serena mia nun a suppurtava da viva figurati da morta (Serena fa cenno con la testa)  chesta ma fatto sempre o filo (bussano alla porta con insistenza) e che è! il pronto soccorso! ( va ad aprire e Pia,si infila in casa senza velocemente e chiude la porta)   ma..ma  che significa? Non sarai mica una moglie?

PIA: vi prego aiutatemi!nascondetemi!

ANDREA:ma..che succede, chi siete e perché devo nascondervi?

PIA: la polizia ,mi vuole  prendere …

PIA: la polizia ,mi vuole  prendere …

ANDREA: la polizia? Ma siete matta?che avete fatto?

PIA: niente, vi giuro niente!

ANDREA:  e allora perché, vi nascondete?

PIA: sono stata accusata ingiustamente !(bussano alla porta)

ANDREA:va bene, andate nella mia camera

PIA: … grazie ( via)

ANDREA: ( va ad aprire) salve,posso fare qualcosa per voi?

ASSIST.:avete visto una donna , Bionda  ( 0ppure bruna)  vestita di rosso, altezza media con un bel viso scappare?

ANDREA: no! non ho visto nessuno

ASSIST.: strano … eppure mi e sembrato di averla vista entrare qua…(guardando in giro per vedere se e nascosta) dove si sarà cacciata, sicuro di non averla vista?

ANDREA:  ma certo,  io sto  sono chiuso in casa … sono vedovo da pochi mesi  e non esco …

ASSIST.: e va bene,

ANDREA: scusate ma che è successo ha fatto qualcosa?

ASSIST.:no niente sono una sua amica la cerco perché ….  perché tengo un lavoretto per lei … eh si … pe ce fa guadagnà quaccosa e sordi

ANDREA: (capendo che è una bugia) ho capito vabbe che dirvi … qua non c’è  statevi bene

ASSIST.: (tra se e se) mi è scappata anche questa volta! (ad Andrea) Arrivederci!

ANDREA: arrivederci ( rientra, si avvicina alla porta della sua stanza) mah una poliziotta in borghese, doveva essere un della Digos. Speriamo che non mi ficco in un guaio.  Potete uscire. Sono andati via ( nessuna risposta) ehi. Dico a voi, uscite!

PIA: un momento …. .sono in bagno!

ANDREA: pure!  Ma tu vedi oggi che mi doveva capitare (si sente il rumore classico dell’acqua che scroscia) si può sapere cosa sta combinando nel mio bagno? ( nessuna risposta mentre si sente il rumore  della serratura della porta di ingresso girare e subito ricompare Caterina )  ecco!ora siamo a posto!

CATERINA: che cape ca tenche ! È inutile appena sappresenta mariteme , vado in infusione. (si guarda intorno come cercasse qualcosa) ma addò è fernuto?

ANDREA: che  cosa addò è fernute?

CATERINA: o  fulard  mie!

ANDREA:(si mette a cercare pure Lui)niente! Si sicura ca o tenive  ?( Serena si mette a cercare anche Lei)

CATERINA: ma certo! Ah, forse sta dinto  ‘o bagno ( si dirige e sente l’acqua che scorre)ma  pe case ‘e  lasciat ‘a doccia aperta?

ANDREA: eh  si! eh !stavo preparando l’acqua per il bagno e … ( si mette davanti alla porta)

CATERINA:  e levate ananze, mica ta chiure

 ANDREA: (  davanti alla porta) ti assicuro ca dinto o bagne nun ces stà. E poi è meglio can un ce trase, me so appena avizate a coppe  cesso!

CATERINA: almeno ‘e arapute  ‘a fenesta? Ca ‘e mmure so accussì suttile ca ‘ a puzz (‘o fieto) s’infile pe tutte parte!

ANDREA:si ,si l’agge  aperta ma mo vattenne  va! to  trove  io o foulard !

CATERINA: a cost ‘e  mettere tutt  sotto e ncoppe  ma  ‘o fulard addà ascì! ( Serena gli posa il foulard sulla spalla senza farsene accorgere da nessuno)

ANDREA: ( da un’altra occhiata e poi li vede) ma scusa non è chille ca tiene ncoppe e spalle ?

CATERINA: (lo prende , lo guarda)  ma tu vir ‘o pataterno ! E vabbuò, mò me ne vak.  Ma …   ( si sente un rumore nel bagno e lo indica) uhmmm…. cà  song rimast ’e ttronole?

ANDREA: ma no! sarà  o soffione do scarico , è un poche difettoso  e ….( si apre la porta del bagno e compare Pia in vestaglia)

PIA: (  sorpresa di tutti) oh! Scusatemi  ( si richiude nel bagno)

CATERINA: (guarda in modo strano il fratello) e chella  chi è?  ‘A fata magagna! tu,tu, tien n’amante? E ‘a quann?

ANDREA: ma no, ti assicuro che …. caspita ma vedi quella!

CATERINA: seeeeeh ! … l’agge vist.  ‘o vedovo, l’inconsolabile, ‘o depremuto! All’anima ro  scurnacchiato! Allora?  chi è chella? Vulisse negà pur l’evitenza?

ANDREA: no … ma … io …!

CATERINA: inutile negare! Mica so mugliereta! E ringrazia ‘o Pataterne  cà nun ce so! A sì no, all’ora ‘e mo fosse  già arrevata l’ambulanza a recogliere i tuoi resti! Porcello! ( sbatte  la porta e va via)

ANDREA: ma tu vedi oggi che mi deve capitare! ( bussa alla porta del bagno) signora? Per favore esca!

PIA: si, esco, ( esce ancora con la vestaglia) mi dispiace, pensavo foste solo. Non  sapevo che sarebbe arrivata vostra moglie

ANDREA:  per fortuna non era mia moglie,era mia sorella!

PIA: Ah si? meno male!

ANDREA:si ma adesso rivestitevi e andate! Ma poi dico, come vi è venuta in mente di farvi la doccia nel mio bagno?

PIA: non lo so! ero tutta sudata, ho visto un bel bagno profumato e istintivamente ,l’ho fatto!

ANDREA: fate sempre così ogni volta che entrate in casa altrui?

PIA: no!  ma..è successo!

 ANDREA: va bene, ma ora , toglietevi quella vestaglia  e andate via!

PIA: è di vostra moglie?

ANDREA:  era di mia moglie

PIA: ah, siete separato?

ANDREA: no, purtroppo sono vedovo.

PIA: oh, mi dispiace. E.. da tanto?

ANDREA:  da quasi sei mesi!

PIA:  sicuramente , avrà lasciato in voi un gran vuoto.( si tocca la vestaglia) doveva essere una donna di classe! ( Serena approva)

ANDREA: si, era una donna particolare .. ma, ora vi prego andate, io non  vi conosco nemmeno, siete entrata prepotentemente nella mia casa  e ora  dopo aver usato il mio bagno,volete conoscere anche la mia vita!

PIA: avete ragione, scusatemi, mi rivesto e vado via!( si ritira nel bagno e Andrea da fuori gli parla)

ANDREA: da  dove venite?

PIA: sono Moldava, sono venuta in Italia tre anni fa in cerca di lavoro e … sono costretta a lavorare in nero perché, ho il permesso di soggiorno scaduto

ANDREA: e come mai non avete rinnovato il vostro permesso?

PIA: ( esce ) ora siete voi che volete sapere della mia vita! Vi interessa?

ANDREA: no.. così … era per parlare

PIA: bene, vi ringrazio ora devo andare! ( si dirige verso la porta e fa per uscire mentre Serena gli infila nella borsetta il portafoglio di Andrea)

ANDREA: va bene  e …. la prossima volta che siete in fuga ….  Bussate ,così,potete fare un’altra doccia

PIA: ( ride)  ahhh  ahhh  .. sarà difficile che capiti da queste parti ma … mai dire mai! Ciao e grazie di tutto! ( esce)

ANDREA: però …  bella donna davvero! ( va verso il mobile bar. Prende una bottiglia di liquore , un bicchiere e si versa da bere) si senza dubbio una bella donna! Beh forse Luigi non ha tutti i torti, ora mi faccio una bella doccia anch’io e poi si vede ( entra nel bagno, si sente l’acqua scrosciare e subito dopo suona il campanello .Esce dal bagno mezzo bagnato con l’accappatoio e va alla porta) chi è?

AMBROGIO: sono io caro Andrea, il tuo caro amico Ambrogio!

­ANDREA:( apre  ed entra Ambrogio ,è Gay ed è suo amico di infanzia , si muove con eleganza ed è sempre in movimento)Oh il caro amico filosofo ,sempre a rompere e scatolette  nei momenti meno opportuni, oggi non hai lezione? Stavo facendo una doccia! su entra, come va? Sempre in caccia di emozioni?

AMBROGIO:  e tu sempre rintanato in casa? Possibile che   dopo  una  settimana di lavoro,passi tutti i tuoi Weekend In casa? Ma dai, esci, non restare a commiserarti , la vita continua!

ANDREA: si la vita continua,ma come faccio  a godere di nuovo della vita e dimenticare che sono passati appena sei mesi da una cosi grave perdita?

AMBROGIO: essere capaci di godere ancora della vita, non significa non sentire più la mancanza della persona amata e il tempo necessario per sentirsi meglio non è una misura per valutare l’amore che portavi a tua moglie!

ANDREA:  e dalle  ca  filosofia! Forse tiene  ragione  ma …,   ( prende un bicchiere)  un po’  di wisky? Serviti da solo , io intanto finisco di fare la doccia eh ( rientra nel bagno)

AMBROGIO: si, va bene ,prendo  un goccio, grazie ( si  versa il liquore)  il fatto che che mi dai ragione non serve, devi convincerti  a ricominciare!

ANDREA: ( dal bagno) comme si fosse facile, non basta soreme  e Luigi, mo  ti ci metti pure tu! Lo vuoi capire che per me ormai  tutto è cambiato. Come è  triste la vita, vuota e senza speranze

AMBROGIO: è la speranza la luce che devi mantenere sempre accesa! A volte inciampiamo su ostacoli che noi stessi abbiamo seminato lungo il percorso della vita.

ANDREA: riserva le tue lezioni per i tuoi studenti, io non ne ho bisogno. la mia vita ormai scorre nell’oblio!

AMBROGIO: La vita è bella se si vive!Ricorda il Carpe Diem oraziano? Prendi quello che ti capita e non crearti tanti problemi!Se tu uscissi la sera e frequentassi un po’ il mondo,forse non parleresti così,invece vuoi per forza fare il vedovo inconsolabile

ANDREA: che ci posso fare se non riesco a venirne fuori

AMBROGIO: no! caro amico, la vita è fatta a scale,  c’è chi scende e c’è chi sale, tu hai deciso di scendere e sempre più in giù!

ANDREA: ( esce dal bagno con l’accappatoio io, ho deciso di scendere! Semmai è stato il destino

AMBROGIO: certo,inizialmente. Posso capire  il dolore, e si scende di un  gradino, lo sconforto e si scende di un altro gradino,la solitudine, e si scende ancora ma … poi bisogna che ti fermi. Altrimenti continuando a scendere poi non si ha più la forza per risalire.

ANDREA:) Sienti a me, meglie essere cornuto che vedovo!

AMBROGIO: a proposito di cornuti, l’hai saputo di Corrado?

ANDREA: ( prende anche lui un bicchiere e si versa un po di liquore) no!, le so cresciute corne?

AMBROGIO: e che corna!la moglie con la scusa di andare in gita con una sua amica, ha passato una settimana in crociera con il suo direttore!

ANDREA: caspita! ma po è turnata a casa?

AMBROGIO: certo! le donne , hanno le lacrime nelle borsetta! Una lacrimuccia di pentimento, qualche smanceria e …. la promessa di non  farlo più! Come non si sapesse che chi solleva la gonna una sola volta, la solleverà sempre!

ANDREA: beh questo non sempre è vero!

AMBROGIO:non lasciarti incantare,le donne sono tutte uguali. Per tenere un uomo,sanno piangere e commuovere,sono senza scrupoli e alla prima occasione si concedono credendo di renderlo schiavo per sempre ma con me hanno poco da stare allegre,a me non mi fregheranno mai!

 ANDREA: per forza tu sei Gay! Mi dispiace per Corrado,povero amico mio,non capisce niente sull’infedeltà di una donna!

AMBROGIO:  ecco, bravo! ( gli si avvicina e lo accarezza) noi uomini siamo più fedeli,più seri … più..

ANDREA: ( lo scosta con le mani) Ambrò,nun accumiciamme . Siamo amici da bambini, ti voglio bene ma …. come amico! A me piacciono sulo e femmene!, ta rassegnà! (bussano alla porta , Andrea , va ad aprire ed entra Luigi)

ANDREA: eh ecco  il nostro caro amico dottore che mi vuole vedere sposato a tutti i costi e lui intanto continua a fare lo scapolone!

LUIGI: (entrando)  “L’ uomo solo è come una nave in balia della tempesta ed è votato all’eterna solitudine, madre della malinconia!”

AMBROGIO: (accarezza Andrea) belle parole  ma se ha un caro amico che gli vuole bene,non soffrirà mai di solitudine!vero?

ANDREA: Ambrò, te l’agge  già ditto! pure io ti voglio bene ma …..come amico Ambrò …. come amico!

LUIGI:ah ahh  Ambrò, senti a me rassegnati,il nostro amico, ha bisogno  di una donna! Ed io Caro Andrea,sono qui perché forse ho trovato il modo di fartene conoscere un paio!

AMBROGIO:  o solite ruffiano!e va bene,prova pure a combinare le tue tresche ma … Andrè, ricorda che …. io sono sempre disponibile! Però.. sono proprio  curioso di conoscere le donne del dottore!

LUIGI: certamente sarai invitato,domani, organizzeremo una piccola festicciola per il compleanno di Andrea , e in quell’occasione ci saremo tutti!

AMBROGIO: oh che bello!

ANDREA: ehi u nu momento! A chi è venuta questa idea bizzarra? Io nun tenche  intenzione di festeggiare niente!

LUIGI: ma dai! Non ricominciare! Basta con la solitudine o ti ammalerai per davvero e poi tua sorella ha già organizzato tutto.

AMBROGIO: che sorella d’oro!

ANDREA: o sapevo! Lo dovevo immaginare!chella squinternata di mia sorella!

LUIGI: che non puoi permetterti di contrariarla altrimenti …..sei finito! Quella ti molla e ti fa campare nella monnezza a meno che non ti trovi una badante!

ANDREA: questo mai! E va bene,festeggiamo, ma … senza fa troppa ammuine!

LUIGI: certo. non preoccuparti, tu però cerca di essere gentile   con le mie amiche! ( ciao! ( esce)

ANDREA: gentile! Lo hai sentito? Me vo pe forza sistemà!

AMBROGIO: peccato,  ( si versa un  bicchiere di acqua e fa per bere) sarei stata per te una buona compagnia,insieme tutti e due, saremmo stati benissimo!( Serena gli fa cadere il bicchiere di acqua addosso) porca troia! Mi sono tutto bagnato il pantalone! E adesso come faccio? Avevo un appuntamento con un mio amico

ANDREA: semplice, sfilateli, vai in bagno, prendi il fono e asciugali! Fa conto di essere a casa tua

AMBROGIO: ma si hai ragione, oh non me ne ero accorto c’è anche una macchia  ( la fa vedere ad Andrea ) e questa come la tolgo?

ANDREA: pensa prima ad asciugarlo , quando hai finito  ti do uno smacchiatore

AMBROGIO: ok, vado ( entra in bagno)

ANDREA: ( si siede sul divano e mentre sorseggia il suo liquore, il tempo di dare  un’occhiata ad una rivista ,quando si apre la porta e compare Caterina. Ha in mano la busta della spesa) Ah già sei qui? ( a parte) e vide nu po’  se nun sapppresenta nei momenti meno opportuni

CATERINA: t’agg  purtat chell  ca serve pe dimane , in più agg ordinato duje dolcini, e doje butteglie ‘e sciampagna .

ANDREA: già!hai organizzato tutto eh? Luigi, le sue amiche … la festicciola ruffiana.

CATERINA: tu invece eh! ‘o vedovo inconsolabile, ‘o depremuto, e poi se scopre cà riceve ‘e femmene  rint ‘a  casa.

ANDREA: t’agge ditte ca   è stato tutto un equivoco.

CATERINA: si?  un equiloco ca vestaglia e muglierete ncuolle?  e  ‘a sotto … niente, va va, famm metter sta rrobba int ‘a cucina c’aggia jì addò parrucchier( entra all’interno)

ANDREA: basta ca faie ambresse! ( esce Ambrogio dal bagno, è in mutande e con il pantalone in mano)

AMBROGIO: ecco fatto! Asciutto. Mi dai ora lo smacchiatore?

ANDREA: shhh!damme ca o cazone e trasitenne  subito dinto o bagne ca ci penso io!

AMBROGIO: e perché, faccio io!

ANDREA: t’agge ditte ca ci penso io! , rientra nel bagno e..silenzio!

AMBROGIO: ( si avvicina ad Andrea, carezzandolo nel momento che entra Caterina ed osserva dal di dietro la scena) oh  quanto sei amorevole.,il mio caro Andreuccio ( a queste parole Serena,lo spinge e Ambrogio viene a trovarsi in braccio ad Andrea che rimane seduto sul divano)

CATERINA:e  brav…brav! ke schif  è ?…. ke  schif! Mò frateme è pur Ricchione!( Andrea ed Ambrogio, rimangono per un attimo allibiti)

ANDREA: ( scosta Ambrogio ,il quale si alza ,prende i pantaloni e scappa nel bagno) ma che ricchione e ricchione, ma che hai capito!

CATERINA: cà chist è n’at equiloco ‘e  puttanizia! E io cà me lamentavo di mio marito! Almeno  iss  è un esterosessuale.  ke schifo … ke schifo ( esce)

ANDREA: aspetta lascia ca te spieghi …..ma tu vedi che casino! ( ad Ambrogio) Ma  dico, comme te venuto in mente e sedermi addosso!

AMBROGIO: e  io che ne so! si vede che è stata l’attrazione, ho perso l’equilibrio e ti … sono atterrato addosso!

ANDREA: eh si scherzi pure, intanto mo chella  scema di mia sorella è andata via convinta che so passato all’ata  ..sponda!

AMBROGIO: ( si avvicina e gli passa dolcemente una mano sul viso) magari! Non preoccuparti , ora passo da Lei e gli spiego tutto. Ciao tesorone ( esce ed entra Marietta)

MARIETTA: Andrea per caso ti trovi un pò di  prezzemolo due uova e un mezzo kilo di spaghetti

ANDREA: (tra se e se) ma pigliato pò salumiere … cara Marietta lo sai io da quando e morta Serena a casa mia non cucino più si vede tutto mia sorella io a casa qua non ho piu niente penza che dint’ò frigorifero ci tengo e cravatta

MARIETTA: vabbé  scusa … era per non scendere poi quando scendevo te lo ricompravo … uffa sempre solo .. faccio un bel caffè e torno cosi ci facciamo un po’ di compagnia (Serena gli fa il solletico sotto al naso) e…eeeetttcccccciiiiii

ANDREA: Mariè non è il momento ti prego voglio sta nu poco solo tu Caterina Luigi Armando basta vi prego … solo … solo

MARIETTA: e solo solo … tu stai sempre solo (Serena sbatte una sedia a terra) uhhh marò (Marietta si spaventa ed esce)

ANDREA:  ma va a ….ahhhhhha !( si butta sulla poltrona ) nooo ! di questo passo finisco veramente male. Forse hanno ragione, devo seriamente pensare a trovarmi una moglie e non pensare più alla defunta, devo dimenticare le sue  ultime parole, ha ragione Luigi. I morti non tornano indietro. Si devo dimenticare tutto e ricominciare  daccapo..( comincia ad appisolarsi)  devo …. si devo  ( si addormenta)

SERENA: ( gli si avvicina e comincia a toccarlo lievemente) Andrea, Andrea , sono qua,( Andrea, risponde sempre dormendo)

ANDREA:  ( in condizione di dormiveglia) ah si..ancora tu! Ma perché non mi lasci in pace?

SERENA: te lo avevo detto no? non ricordi le mie ultime parole? Veglierò su di te  e ti sarò sempre accanto

ANDREA: ma perché? basta,… basta!  lasciami in pace,perché  continui a tormentarmi?

SERENA: perché non sopporto questa stupida situazione!tu vivo ed io … defunta!

ANDREA: è stato il destino a scegliere

SERENA: Già! il destino! Però mi dici che necessità hai di risposarti? Sei vedovo? E continui a farlo!   ( dolcemente) io ….. sarò sempre vicino a te!

ANDREA: ma perché non rispetti i patti?

SERENA: quali patti?

ANDREA: quelli stipulati con  Signore? Ha forse dimenticato la famosa frase .. “ Ciò che la morte separa, nessuno riunisca” quindi, stattene al tuo posto e fa che io mi rifaccia una  vita.

SERENA: io il patto l’ho fatto con il diavolo!

ANDREA: con il diavolo? E quale patto hai fatto?

SERENA: lui, mi concederà di essere spirito vagante in questa casa fino a quando non ti sposerai di nuovo ed io questo … non lo permetterò a meno che la cosa non piaccia anche a me!ahhhh ahhhha ( Andrea, si sveglia)

ANDREA: (svegliandosi di soprassalto)no! … no! è un incubo! Non è vero..è un incubo! (continua a gridare dimenandosi mentre entra Caterina ed Armando )

CATERINA: ( gli corre vicino e lo abbraccia) calm, calm, statte calme ! nun sì ricchione! Ti crerimme! Ambrogio c’ha cuntate tutt cos!

ANDREA: ( come ripresosi da un brutto sogno) ah  si .. si è vero non sono ricchione…   Certo che non lo sono! O Dio mio! Che confusione!

ARMANDO:  nessuna confusione, calmati. a canosci a tua sorella ! appena vede una cosa subito passa alle conclusioni! E’ proprio vero!  Donna dai capelli lunghi ha pensieri corti!

CATERINA: è arrivato Alessandro N’Domazz!

ANDREA:  senti a questa!

ARMANDO: e come nun a  sento! Voglio vedere quando impari ! hai fatto un casino!

CATERINA: vabbè,  scusa , me so sbagliata, mò però stennimme nu vel peloso e verimme  c’avimma fà pa festa rò compleanno tuoje!

ANDREA: oh no!la festa!

CATERINA: cherè? Nun te piace?

ANDREA: no non è che non mi piace è che …..forse è ancora prematuro fare delle feste in fondo sono appena sei mesi e..

CATERINA: ma che prematuro! È ora c’o chiurimme stu  capitolo! Invece ‘e me ringrazià cà me song brodificata pò  bene tuoje, faje pur stori? e pò mica è na festa rumorosa  ch’è fuochi artificiati .

ANDREA: ma i condomini che penseranno?

CATERINA :Ma c’hann ‘a penzà.   Tien ‘a   furtuna ‘e tenè nu bellissimo  terrazzo addò se vere  tutt ‘o golfo ‘e Napule  e pe giunta , luntan da occhi  indiscretini  e quindi nisciune s’addunnarrà ‘e  niente.

ARMANDO: na vota tanto,tua sorella tiene ragione, faccio fatico a riconoscerlo ma..è così.

CATERINA:  è semp accussì!  ( Serena la disturba con il suo velo e lei fa curiose mosse come a scacciare le mosche) primm cà jesc vott nu poc d’   insetticidio altrimenti  stasera stì mosche s’apposano ncoppe ‘e dolci e c’arrruvinano ‘a festa.

ANDREA: e va bene, però ora, fatemi vestire che scendo un pò giù, voglio comprare un giornale e fare una passeggiata per il fresco.( Andrea  entra  nel bagno)

ARMANDO : a bene , esci, libera i tuoi pensieri, fatti na bella doccia,noi intanto prepariamo il tutto e poi ,… la faremo anche noi!

CATERINA: eh! sì arrivate! fine del programma! ( fa  segno con il dito)Oh! ma allora nun ce pienze propeto chiù!

ARMANDO: ho dimenticato qualche cosa?

CATERINA: dimenticato? Armà, tiene  ‘e cervelle dint ‘o …….! jammuncenne  va,    ‘a doccia ta facc fa cu l’acqua vullente accusì se scungela tutt cos

ARMANDO:  e penze sempe a stessa cosa!

CATERINA: a nu figlio Armà, e fin a quanne  nun arriva  te ‘a ra ‘a fà!

ANDREA: ( esce ) hai capito Armà, non hai scampo! Ora scusatemi ,vado in camera a vedere cosa mettermi tu intanto Caterina, sistema tutto  altrimenti questo salone sembrerà un bazar! ( esce)

CATERINA: l’uommen senz na femmena …..sit perz! E tu…. ( ad Armando) ringrazia ‘o Pataterno cà m’è spusata!

ARMANDO: ( non visto fa  delle mosse ) Nun è stata na scelta spontanea  ( bussano alla porta ,Armando va ad aprire ed entra Ambrogio)

CATERINA: Ambrogio? E che ce faje cò tu? nun tenive n’ appuntamento cu n’amico ro tuoje?

AMBROGIO: saltato! Ha preferito uscire con una donna!

ARMANDO: chiamalo fesso!

CATERINA: tu statte  zitto! pienz piuttosto a tuo figlio! ( Serena, si incuriosisce e si sposta  ora da l’uno ora dall’altro)

ARMANDO: quale figlio?

CATERINA: chille c’avimme avè scè!

AMBROGIO: oh, è una bellissima notizia e quando?

ARMANDO: forse subito, Ha cominciato a tenè  nu poche  e  nausea  e qualche dolorino così gli ho  fatto fare  le analisi del sangue e aspettiamo il responso

CATERINA: si,  si , aspettammo  l’ analisi, ma  chesta  vota, a differenza e l’urtema vota , tenche nu  bellissimo preservativo!

AMBROGIO: e allora niente! Se lo hai usato ….

ARMANDO: ma che usato! Voleva dire presentimento! Ma tu guarda si ne dicesse una bona!

CATERINA: e vabbuon … comme sìi precisino! Piuttosto , prega cà l’analisi jescene positive altrimenti  il tuo caro amico Mario s’ho pò scurdà ‘e te purtà a verè ‘a partita in trasferta ro  Napule …..  si joca in casa .Vieni Ambrogio jamme  int ‘a cucina a priparà ‘o cocktail ( escono)

ARMANDO: Speriamo veramente che  ste analisi siano positive altrimenti chelle  mi  si scola tutto! ( bussano alla porta, Armando va ad aprire ed entra Renato)

RENATO: ( Gay,ben vestito,ha in mano un portadocumenti ) Oh salve ,come va?( tende la mano) io sono Renato e mi manda Luigi.

ARMANDO: Luigi? Ah il dottore  ,prego si accomodi

RENATO: ditemi solo una cosa, quanti anni avete?

ARMANDO:io? 38! Ma scusi perché?

RENATO: ah siete ancora un bel giovane!

ARMANDO: grazie ma … vedete io …

RENATO: ( aprendo il portadocumento, tira fuori un catalogo con foto di donne) he eh, fatemi fare, ecco qui, che ve ne pare di questa? Cosi è in abito da sera , così in costume eh?

ARMANDO: si … ma … (guarda le foto) però … interessante eh! ( si affaccia Caterina e non vista, ascolta)

RENATO: la preferisce bionda o bruna ?

ARMANDO: beh a me piacerebbe bionda sa io ho già esperienza con le brune comunque …

RENATO:beh facciamo così ve ne porto due una bionda e una bruna , guardi questa eh? che ne dice ha un …. bel costume da bagno

ARMANDO:  ( accalorato) caspita ! e non solo! ( Serena lo punge con un ago)Ohh!

RENATO: vi piace eh?  e quest’altra ? bella eh? Che dite?

ARMANDO: stasera! Qui?  tutte e due?  io dico che …( Serena lo ripunge) Ohh

 CATERINA: ( entra Caterina) e fa pure  “ OHH” cherè! te sì fumato ‘e cervelle! T piacesse eh? ta  rong io ‘a bionda!

RENATO: mi scusi ma Lei chi è!

CATERINA:  comme chi so? Song ‘a mugliere ‘e chistu babbeo allupinato

RENATO: la moglie?  ( ad Armando) ma Luigi mi ha detto che eravate vedovo!

ARMANDO: ( magari!) non io! Mio cognato.

RENATO: e perché mi fate perdere tempo

ARMANDO: io ho cercato di spiegarmi ma …

CATERINA:  ma s’è  perze rint all’albummo re femmene annure!

RENATO: veramente signora , queste sono tutte donne oneste che vogliono farsi una famiglia! 

CATERINA: appunto! E isso ca teneve ‘a guardà?

ARMANDO: ma io credevo che fosse il vedovo!

CATERINA: ( ad Armando) te piacesse eh? (entra Andrea)

ANDREA: si può sapere che succede? Chi è il signore?

RENATO:  ( si alza dalla sedia) Il signor Andrea? Il vedovo? ( Andrea fa cenno di si  allargando le braccia rassegnato) io sono Renato dell’agenzia “ matrimonio sicuro” e mi manda Luigi.

ANDREA: ah, già qui. bene ditemi tutto ,predo  accomodatevi ( Serena gli sposta la sedia e Renato cade a terra)

RENATO: ( si rialza lamentandosi , scusate, riapre il catalogo ) ecco, come stavo dicendo a suo cognato …

CATERINA: Suo cognato non c’entra , continuate

RENATO: va bene. Ecco Il signor Luigi, mi ha chiesto di fargli scegliere due signore di vostro gradimento, per presentargliele domani alla sua festa

ANDREA: ma devo proprio?

CATERINA: ma certo, almeno te puorte doje femmene cà te piacene ( Serena gli passa un dito sotto il naso e Renato comincia a starnutire )

ARMANDO: e non mancano! Io per esempio sceglierei questa!

CATERINA: nun ‘o rate rette!

ANDREA: ma sono solo foto, non c’è altro?

RENATO: e come no! c’è una scheda per ognuno di loro! Età, altezza, carattere, condizione economica, nazionalità eccetera   eccetera

ANDREA: beh se devo proprio, datemi qui che ci do un’occhiata

ARMANDO: se posso consigliarti..

CATERINA:  tu è ‘a  fa sul na cosa: viene cu mico int ‘a cucina a priparà ‘o buffetto! M’arraccumanne Andrè, giovane, assatanata, tranquilla e ubbidiente! jammunenne!( escono)

ANDREA:si ,si  assatanata   come te! (Comincia a sfogliare l’album mentre Serena lo osserva) uhmmm c’è n’è di tutti i gusti eh

RENATO: eh si! ma a me non fanno ne caldo e ne freddo!

ANDREA: (ammiccando) e già! (continua a sfogliare mentre entra Ambrogio)

AMBROGIO: ciao, mi hanno detto che stai scegliendo!oh salve, io  mi chiamo Ambrogio

RENATO: ciao, io sono Renato, (con malizia) amico del signor Andrea?

AMBROGIO: amico … di infanzia non amico … amico

ANDREA:  e ci mancherebbe! ( continua a sfogliare  ed ad annotare)

AMBROGIO: prendi qualcosa?

RENATO:si grazie

AMBROGIO: ( prende due bicchieri e una bottiglia) vieni,  andiamo più in là,mettiamoci comodi e lasciamo che scelga con comodo ( si spostano sul divano posto sul lato opposto e continuano a chiacchierare)

ANDREA: beh penso che queste due vadano bene ( si alza e va verso una porta, Serena lo fa, inciampare, fa per cadere ma si afferra al tavolo) porca miseria …  Caterina, vieni?

 CATERINA: ( da dentro con affanno) e mo verimme, dipende da Armando!

ANDREA: pure cà!? Madonna Santa. ( si siede di nuovo) cheste si nun ave nu figlie nun a fernisce!! ( Ambrogio e Renato, si fanno complimenti a vicenda con smorfie e sorrisetti) beh vediamo ancora qualcosa. ( sfoglia ancora l’album)

AMBROGIO: Andrea, sai che Renato è davvero simpatico?

RENATO: si ma anche  Ambrogio.. che carino

ANDREA: ma tu vire a chille! ….( entra Caterina un po’ scapigliata) ah cè l’hai fatta!

CATERINA: e mica tanto …. Rice!

ANDREA: io avrei scelto …. Eccole  che te ne pare?( Caterina osserva Ambrogio e Renato)

CATERINA: chill so fatte l’uno per llate!

ANDREA: nun chille duie !chesti cà!

CATERINA: (osserva, poi legge le schede ) beh , a uocchie pare ca ponne je….. cà  po… quanne venene ca e canusce ‘e perzone e scigli ‘o meglio!

ANDREA: si. hai ragione, Signor Renato, ( Renato è in effusione con Ambrogio) ehhemm e signor Renato,( Renato si accorge dei essere chiamato) scusatemi, avrei scelto

RENATO: oh si certo scusatemi voi , fate vedere ( Andrea gli porge le schede) ah benissimo, domani sera, saranno qui!

AMBROGIO: ( va verso Andrea) caro Andrea, non ti dispiacerà se domani ,viene anche Renato, in fondo siamo fra amici

ANDREA: ma no certo! Falle venì pure a isse .(- fra se-) ha trovato l’anima gemella

RENATO: o che bello. Grazie!, ora però devo andare, devo avvisare le signore  vedrete,sarà una serata stupenda

AMBROGIO: sicuramente, vieni, ti accompagno, Ciao a tutti ( escono)

CATERINA: Armando? Jammece a priparà pure nuje

ARMANDO: ( uscendo)  si cara, andiamo. Ciao a  domani ( escono)

ANDREA: ah meno male, sono andati via tutti. (entra Marietta)

MARIETTA: vedi sempre solo e io che mi prodigo a starti vicino ….

ANDREA: (tra se e se) chesta casa e nu puorto e mare sempre solo  ….Mariè ti prego tengo che fare mi devo vestire e devo scendere devo uscire (accompagna Marietta alla porta ed esce) Mo speramme ca me fanne sta nu poco cuiete  voglio . ( comincia a vestirsi, prima la camicia ) ci mancava solo l’incubo,mamma mia sembrava tutto o vere!,( si infila i pantaloni)  e se lo fosse per davvero? No, no è stato solo il solito brutto sogno dovuto al mio stato,( si mette le scarpe) non devo più pensare a niente, uscire, ecco uscire in mezzo alla gente, andare in un bar e bere un bel caffè come una volta ( mette la giacca e poi si mette le mani in tasca) dove è finito il mio portafoglio? ( lo cerca invano) maledizione è scomparso! M’hanne futtute  , si certo era qui appoggiato sul tavolo …. la donna!  Ma certo, si è fatto la doccia ed ha rubato anche il mio portafoglio! Devo andare subito alla polizia ( fa per andare poi si ferma) per la miseria non posso, cosa vado a raccontare che l’ho nascosta in casa per non farla arrestare? No non posso, mi accuserebbero di complicità! Andrè …..si rimasto futtute! ( bussano alla porta) oh no! ( va ad aprire ed entra Pia , ha il portafoglio in una  mano )

PIA: ( indossa un abito corto , ben truccata e con un sorriso che colpisce) salve, ( indicando il portafoglio) sono venuta a rendergli questo.

ANDREA: (rimane sorpreso  ad osservare Pia e non bada tanto al portafoglio) si , si grazie … ma  … ecco io mi domandavo appunto dove fosse finito.

PIA: nella mia tasca e credetemi non so come! Sono arrivata a casa e mi sono accorto del portafoglio. L’ho aperto e dai documenti , ho scoperto che era il vostro   ( glielo porge ) ecco controllate pure, non manca niente.

ANDREA: (prende il portafoglio) grazie, non serve controllare.( lo mette in tasca )

PIA:  ah ,grazie per la fiducia!

ANDREA:  se ti va una doccia …. accomodati

PIA: eh non sarebbe una cattiva idea ma..devo andare …( Serena fa gesti di approvazione)

ANDREA:quanta fretta! Ti và un drink? ( Serena non approva) almeno lascia che ti ringrazi per avermi riportato il portafoglio!

PIA: ( guarda l’orologio) non vorrei fare tardi

ANDREA: hai qualche appuntamento?

PIA: ehi, è un interrogatorio?

ANDREA: ma no … così per curiosità, ti aspetta un amico?

PIA: curiosità eh? no nessun amico, devo andare a prendere mio figlio da una mia amica ( Serena si incuriosisce)

ANDREA: un figlio, allora sei sposata?

PIA : no: non sono sposata,dovevo sposarmi … ma il padre del bambino non c’è più. Ha avuto un incidente e così …. Ora sono come si dice … una ragazza madre.

ANDREA: quanto anni ha il bambino?

PIA:  ha appena cinque mesi e quando ho qualche lavoro, lo affido ad una mi amica

ANDREA: che tipo di lavoro?

PIA: quello che mi capita, cameriera, barista, badante ….

ANDREA: e per queste cose , si scomoda la polizia , fino ad inseguirti?

PIA: scusami , ti ho detto una bugia... la donna che mi inseguiva non era della polizia, è un assistente sociale. Vuole per forza che io stia in comunità io non voglio e quando la vedo scappo! Dice che vuole affidare mio figlio ai servizi sociali  ma ho sentito una sua telefonata lo vuole vendere ad una coppia che non ha figli e una donna senza scrupoli .. ma  …   ( secco) ma non capisco perché  ti sto dicendo tutto queste cose!

ANDREA: forse perché ti sono simpatico  o forse   per riconoscenza per  l’averti  aiutato … allora? (prende una bottiglia  e un bicchiere) allora verso?

PIA: no  , meglio di no! è già tardi!

ANDREA: capisco, posso allora accompagnarti? Anche io stavo uscendo. Che dici?

PIA: va bene, se ti fa piacere … andiamo! ( Serena fa gesti di disapprovazione)

ANDREA: benissimo, andiamo ( apre la porta ed escono)

SERENA: (  fa gesti di stizza ) ah si? non appena rientri te la faccio pagare! Sarò il tuo incubo notturno! Te la faccio vedere io la simpatia …( si apre la porta ed entrano Caterina e d Armando)  ah ecco la cara cognata con il suo scudiero. ( gira intorno a loro)

CATERINA: (  ha in mano una busta, l’adagia sul tavolo e  chiama Andrea , non ricevendo risposta , teme qualcosa e  fa il giro delle stanze)  Andrè, Andrè …Uh mamma mje addò sta? …   che l’è succiese ?

ARMANDO: ( si affaccia alla finestra)  non gli è successo niente! Finalmente  è uscito!

CATERINA: uscito? Iss sul? Oh! e addò va? Oh! … teng  paura cà pò fa nu cataplasmo!

ARMANDO: ma quale cataplasmo! Tranquilla, è in compagnia!

CATERINA: co duttore? ( Armando fa segno di no)cu Ambrogio? ( Armando fa segno di no)  e cu  chi cazzarola è asciuto? Parla mammallucco!

ARMANDO ( fa per parlare e Serena gli fa il solletico con il velo) ahhh ahhhh ahhh è ahhh ahhhhh

CATERINA:   ma guarda a stu scemo ! che tiene a rirere?

ARMANDO: è  che … ahhhh ahhhhhh è uscito con ahhhhh  ahhh  è uscito con una donna! Ahhhh ahhhhhh

CATERINA: comme? ( Serena gli fa il solletico) ahhhhh ahhhhhhh è  asciuto cu  ahhhh ahhhh na femmena?

ARMANDO: e tu perché ridi? (Serena si alterna con il solletico)ahhhhhhh  ahhhhhh.

CATERINA: non ossacce  …. Ahhhh ahhh e tu ?

ARMANDO: ahhhh ahh neanche io?

CATERINA:  ahhhh ahhha, agg capit … m’è  trasmettuta a scemaria! Ahhh ahhhh-  ahha hahhhhha!

FINE PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

Stessa scena del primo atto.  Andrea siede va avanti ed in dietro dal bagno alla camera da letto,poi si sofferma a fare il nodo alla cravatta mentre Caterina è intenta a sistemare la tavola.

CATERINA:  ( si accosta ad Andrea )  insomma se po sapè  chi era chella femmena  cà sì asciuto a ieri ssera?

ANDREA: e si può sapere perché ti interessa tanto? È già la quarta volta che me lo domandi.

CATERINA: nun ossacce . è comme si rint a capa mia tenesse  na preammonizione, sento cà te sta succerenne  coccosa.  Rimme ‘a verità, è ‘a stessa femmena c’agg quagliate a ier rinto ‘o bagn tuoje?

ANDREA: e va bene è a stessa ma …. non è come pensi. Non sta succedenne un bel niente!

CATERINA:  Ma sì sicur?  A me nun me  pare , si turnat a casa cu nu spiritodiverso

ANDREA: ma qualu spirito diverso!

CATERINA : sient  a me  , je so femmena! Agg capit tutt cos!!

ANDREA:  ma che hai capito?

CATERINA: chell cà sul ‘e femmene sann verè int all’uocchie ‘e n’omme! Chella femmena te piace!

ANDREA: ma si a conosco appena!

CATERINA: ah già, na botta e via!

ANDREA: ma quale botta e botta! È stato solo un equivoco.

ARMANDO: ( entrando da una porta interna, porta un vassoio di caramelle) ecco qua! Dove le metto?

CATERINA:  e addò e vuoie mettere    ncoppe  o  tavolo do terrazzo no!  (Caterina guarda il vassoio) ma che so sti  cose ?

ARMANDO: caramelline!

CATERINA:caramelline? Ma allora si sceme!

ARMANDO: chiste  è  o  pacco ca  ma  cunsegnato o pasticciere!

CATERINA: E site duje sciem, tu e ‘o pasticciere .Io agge  ordinato nu vassoio e mignottine

ARMANDO: mignottine?

CATERINA: si . ‘e paste piccerelle no ‘e caramelline! jammuncenne, mò me sent chillu buon a niente ( escono)

ANDREA:  che roba! ( prende un giornale, si siede sul divano mentre Serena, gli si siede accanto. Fa per leggere e Serena lo disturba passando la mano come un’ombra sul giornale. Andrea si  strizza gli occhi con le mani) ma che …( butta il giornale) al diavolo loro e la festa,sono così agitato che non riesco nemmeno a leggere! Però tutto sommato Caterina mi sa che ha ragione, quella donna,mi ha mezzo stregato!Sarà che neanche ci pensavo più  ma intanto …. Ma! ( bussano alla porta, Andrea va ad aprire ed entra Pia, ha un bambino piccolo in braccio e una borsa in mano) Pia? Viene entra!

PIA: ( entrando) ho bisogno ancora di te! Ti prego aiutami!

ANDREA: certo si, ma che succede?

PIA: puoi tenermi il bambino per una  serata? Ti prego non dirmi di no

ANDREA: ( preso alla sprovvista ) beh si .. ma

PIA: ( gli mette il braccio il bambino, gli da la borsa) grazie, sapevo di poter contare su di te, ora dorme e nella borsa, c’è tutto ciò che serve. Io verrò appena posso ( esce)

ANDREA: ( rimane un attimo sorpreso ) Oh Dio mio io non sono pratico e poi  proprio stasera! Per fortuna dorme, ora lo metto nella mia  camera , speriamo che non si svegli! ( entra con Serena  nella sua camera proprio mentre entra Armando e Caterina)

CATERINA: oh! Mò si che stamme apposto ( sistema il vassoio sul tavolo insieme allo spumante) ma addò ‘e jut Andrea? (comincia a chiamarlo a voce alta) Andrè,Andrea, addò staje?

ARMANDO: non sarà uscito di nuovo? ( guarda dalla finestra) no!

ANDREA: ( esce , seguito da Serena, con il dito sul mento, indicando silenzio) shhhhh  piano , parlate piano

CATERINA: piano? E pecché?

ANDREA: perché … perché …. Vuoi  forse far sapere  a tutto il condomino che qui! a casa di un fresco vedovo c’è una festa?

CATERINA: ma quale fresco vedovo! So passate sei mise! ( Serena, gli passa la mano sui capelli e Caterina, si gratta)

ANDREA: embè ? discrezione, desidero discrezione altrimenti niente festa!

 CATERINA:  e vabbuono,( ad Armando) ‘e capito tu? Ssshhh con iscrizione!( Serena continua a passare la mano sui capelli di Caterina la quale si agita come ad allontanare le mosche)  ma l’hai buttato l’insetticidio? (bussano alla porta. Caterina va ad aprire ed entra Ambrogio)

AMBROGIO:( entrando, con un pacchetto) Salve, eccoci!

CATERINA: calma, trase  ma con inscrizione!

AMBROGIO: con l’iscrizione?

ARMANDO:  con discrezione ….

AMBROGIO: e va bene … ( si avvicina ad Andrea e lo abbraccia) caro amico, questo è un bel giorno!questo giorno segnerà la fine della tua solitudine! ( gli porge il pacchetto)Questo è per te

ANDREA: grazie ( fa per aprirlo) vediamo un po’ che c’è dentro ,oh molto bello!

AMBROGIO: bello e originale ( va verso il divano, Serena ,lo fa inciampare,si lamenta poi, si siede ) ahia!  Che sbandata! Ma  Renatino  quando viene?

ANDREA:  Renatino?già siamo al vezzeggiativo?

AMBROGIO: oh si, abbiamo scoperto di avere tanti punti in comune!

CATERINA: allora sit na bella coppia,  ve putessive pure spusà ! Che fa sì sit uomini intersessuali  È giusto Armando?

ARMANDO: È giusto!Perché mai  loro dovrebbero salvarsi dalla disgrazia di un matrimonio

AMBROGIO:magari si potesse ma qui siamo in Italia mica in Francia , Spagna, Belgio o America!

CATERINA: ( ad Andrea che sta ancora guardando il regalo )  cherè  stu coso?

ANDREA:  ( a parte) non l’ho capito ancora! ( bussano alla porta, Caterina ,va ad aprire ed entra Luigi mentre Ambrogio si avvicina ai due )

LUIGI: ( entra  anche lui con un pacchetto in mano) è qui la festa? ( va verso Andrea, lo abbraccia)  caro amico, questo è un bel giorno!questo giorno segnerà la fine della tua solitudine ( gli porge il pacchetto) Questo è per te

 ANDREA: (guarda prima Ambrogio e poi Luigi ) ve la siete studiata insieme? ( i due sorridono ) scommetto che in questo pacchetto c’è  lo stesso regalo che stava nel pacchetto di Ambrogio ( apre, lo guarda mentre si avvicina anche Caterina ) bello!

CATERINA: e chist’ate   aggeggio?

ANDREA: non l’ho capito! ( Ambrogio e Luigi sorridono) e no ragazzi scusate ma… vorrei capire eh,

CATERINA: e pur io! ( lo guarda meglio)me pare nu servizio ‘e tolette

LUIGI: in un certo senso mio cara! È un kit di cura per il proprio pisellino,completo di spazzola,forbicina per ciuffetti disordinati, specchietto e collarino metallico per serate speciali! ( Serena ,lo punge e anche Lui mette le mani sul di dietro) ahia!!!! :

ANDREA:   pure la mossa eh!( con ironia) grazie, mi serviva proprio! ( ridono tutti) E quello di Ambrogio, (prende il pacchetto di Ambrogio)

AMBROGIO semplice è  un elegante e stiloso gratta palle, per gli uomini di un certo livello, che, con stile, vogliono comunque adempiere ad una pratica tipicamente maschile ( Serena, lo punge con un ago)  ( mette le mani sul didietro facendo una smorfia ) ahia!!!

ANDREA: anche tu con la mossa eh!( sempre con ironia) davvero originale, (ridono tutti) oh io vorrei sapere dove li avete trovati

ARMANDO: pure io!

CATERINA: zitt tu!

AMBROGIO:  C’è li ha consigliati Renatino! Che persona squisita e originale!

CATERINA:  e comme no! ( ad Ambrogio) ‘e te, nun me meraviglie, ma dò duttore cà spenne sorde  pe cierte schifezze!

LUIGI: suvvia, voleva essere una goliardata  fra amici!  E poi sono cose utili !

CATERINA: e se capisce!!( indicando il basso ventre ) piuttosto duttò , è a quanne cà simme sagliute ca quanne me tocco ccà ..  me fa male.

LUIGI: e tu non ti toccare!hai la colite!

CATERINA: e cheste fosse ‘a diocesi vosta?

LUIGI: la  mia diocesi?

ARMANDO: abbiate pazienza, voleva dire diagnosi!

LUIGI: si è la mia dioce … ahhh la mai diagnosi!

CATERINA:  No duttò, forse ci siamo. Chiù tardi Armando andrà a ritirare le analisi dò sang pe verè sì so prena! Io però m’ho sento. Chesta è ‘a vota bona!

AMBROGIO: o che bellezza! ( si sente un lamento di bambino dalla camera di Andrea) e questo chi è?

ANDREA:  niente ,è la radio, che sciocco, devo averla lasciata accesa,vado a spegnerla . Voi intanto  accomodatevi  in terrazzo, qui si soffoca dal caldo ( va  con Serena nella sua stanza)

CATERINA: ma si , jate, lok state frische! Ahh ahh ( cominciano ad uscire tutti  meno Caterina, la quale,si siede sul divano carezzandosi il ventre) si,  si so sicura,staje cà, cà figliu mio, bambino mio! ( si sente ancora il lamento di un bimbo) ma che fa? Già  s’allamenta? Ah già ,ma chille  a radio quanne a stute?  ( esce Andrea  e va verso la sorella)

ANDREA: Caterina, tu mi devi aiutare! ( si sente un gemito del bambino)

CATERINA: che te sta succerenne? Nun a saje stutà  a radio?

ANDREA: io ho … ecco io ho un bambino nella mia stanza

CATERINA: nu bambino? Dint  a cammera ‘e lietto toja ! Cumm’ è possibile? E mo rice accussì?

ANDREA: eh  eh  … così! Me l’ha lasciato Pia!

CATERINA:  mo  capisco! Il figlio della colpa! Pia eh? era chella femmena c’agg truvat cà? ‘pa stessa cà si asciuto eh?

ANDREA: si ma … non è come pensi! Lo sai che non ne posso avere!

CATERINA:  mè pigliate   forse pe na scema?e chi lo sa così era con Serena ma…

ANDREA:   ma  no ! è che … adesso insomma ….

CATERINA: Certi uommene ce crerene  tutte sceme a nuje femmene . E tenene  ragione. Chelle però can nun sanne   è  cà simme sceme  sulo quanne vulimme nuje!  Tu non ma  cunt juste!

ANDREA: si tiene ragione ma ora, ho bisogno del tuo aiuto! ( il bambino piange)

CATERINA: il figlio della colpa, sta chiagnenne … jamme e pò parlamme ( escono)

ARMANDO: ( entra, non vede nessuno e comincia a chiamare Caterina) Caterina, Andrea …  ( apre la porta del bagno ) Caterina dove sei ( esce Andrea)

ANDREA: shhhhh , che hai da gridare! Che c’è?

ARMANDO:  dov’è Caterina?

ANDREA: Caterina? Ah  si … è scesa un attimo giù è andata ….. dal droghiere

ARMANDO: dal droghiere?

ANDREA: eh perché è vietato? Mancavano   le candeline ed è andata a prenderle

ARMANDO: le candeline? Ma quelle c’è l’ha già date il pasticciere

ANDREA: si lo so ma a me non sono piaciute , scarne, comuni …. A me piacciono quelle più corpose, più luminose eh .. ( si sente il gemito del bambino) scusami …la radio  ( esce proprio mentre bussano alla porta)

ARMANDO: mah   ( va a d aprire ed entra Renato ,seguito da  Eliana e Rosena ) oh Salve ,prego entrate ( Guarda le donne ) e queste sono proprio bone! Venite, accomodatevi

RENATO:  ciaoo, come va? Venite ragazze, e gli altri dove sono?

ARMANDO: in terrazza!( si avvicina con fare da galletto alle donne)

RENATO: anche Ambrogio?

ARMANDO: ma si! ( entra Andrea)

ANDREA: salve, che magnifica visione!

RENATO:  grazie! ragazze, questo è  Andrea  il padrone  di casa, il festeggiato! e  questo è Armando

ELIANA: ( veste scollata, gonna corta, e molto provocante) oh piacere, io solo Eliana. Auguri! ( gli porge la mano, poi  fa la stessa con Armando ed Armando la stringe con trasporto)

ROSENA: ( veste con eleganza, porta i guanti e ha sempre una confezione di  fazzoletti profumati a portata di mano) ciao, io sono Rosena, Auguri! ( si toglie il guanto,porge la mano e poi prende il fazzoletto e la pulisce e rindossa i guanti. La stessa cosa fa con Armando)

ARMANDO:(guarda Andrea) ma ca mise e mane  dinta monnezza!

AMBROGIO: ( entrando insieme a Luigi )Renatino, sei qui! oh che belle ragazze !

ANDREA:  signore, vi presento il mio caro amico dottore!

LUIGI: ( andando verso le due donne) permettete,  io sono Luigi! ( Eliana porge la mano con calore)

ELIANA: ah, voi siete il cardiologo! Single incorreggibile  vero? Io sono Eliana!

LUIGI: verissimo! Solo che a differenza di Renato, a me le donne piacciono tantissimo! ( va verso Rosena )  e tu bella signora?

ROSENA ( ripete il suo cerimoniale) piacere , io sono Rosena!

 LUIGI: oh, due nomi veramente originali

AMBROGIO: venite ragazze, accomodatevi sul divano che vi servo un bel drink ( le ragazze si siedono) e tu Renatino non vieni?

RENATO: vengo subito Ambrogino! ( ad Andrea  sottovoce)  quale   delle due vi piace?

ANDREA:  non so, vedremo … 

LUIGI: a me la bionda mi intriga molto!

RENATO:  ah, li però se non andare con argomenti seri, ci tozzate con il muso, Rosena è una donna seria! In tanti hanno tentato di andarci a letto  ma .. sono andati in bianco!

LUIGI: Giovanotto, stammi a sentire:Se  la donna  dabbene è tentata e resta onesta ,vuol dire che non è stata bene tentata! Ed io modestamente ….. ci so fare. Comunque  se la bionda resiste c’è sempre   la bruna !

ANDREA:  ( a Renato ) non ho capito se le donne le ha fatte venire per me oppure per Lui

RENATO: ma che importa, siete ambedue scapoli

LUIGI: parole sante! Su che aspettiamo, andiamo a conoscerle meglio ( si avvia )

ANDREA: :  ma tu vedi a quello! ( entra Caterina non vista da Armando )

ARMANDO: Vi piace la musica ?venite , venite, ( Armando si porta vicino ad Eliana,le prende la mano) vieni, bella signora  ca  te faccio ….( si accorge della moglie ) … che ti faccio conoscere mia moglie.

CATERINA: (  fa un segno ad Andrea poi va incontro ad Armando e ad Eliana) BBonasera!

ANDREA: io intanto, arrivo subito ( entra nella sua camera)

ARMANDO: ( fa la presentazione ) Eliana, mia moglie!

CATERINA: piacere,  voi siete l’amica di Renato,  venuta per  canoscere mio fratello non è vero?

ELIANA: ma certo, anche io come suo fratello desidero rifarmi una vita!

CATERINA:  (ammiccando a d Armando) Bene. Quindi nun site   interessata  a qualche stupido uomo sposato?

ARMANDO:  ma di chi parli?

CATERINA: Sto parlanne ‘e te, ‘e te! Tiene  presente chillu sceme ca ogni matina vire riflesso dint ‘o specchio? Ecco, tu!

ARMANDO:  ( con disappunto ) ma non eri andata a comprare le candeline?

CATERINA: ( lo ignora) Cara Eliana, io sono la sorella di Andrea, me piacesse conoscerla meglio, sa nun  vulesse  Cà mio fratello facesse na scelta sbagliata.

ELIANA: se è per questo nemmeno io! Vede il mio ex marito non valeva niente e non vorrei fare lo stesso sbaglio! Ma perché mi da del Lei, diamoci del tu!

CATERINA: certo, dimmi ma si vedova pure tu?

ELIANA: oh no sono divorziata!

CATERINA: e perche mai se non sono indiscrepita?

ELIANA: indiscrepita?

ARMANDO: voleva dire indiscreta, non ci fare caso ogni tanto mia moglie fa la guerra alla grammatica!

CATERINA: Chi stà appicicata  ca grammatica non è ditto ca è ignorante nei sentimenti e …. nel buon senso. Chelle cà manca a te! ( ad Eliana ) Se nun  ‘o vuo ricere  nun fa niente

ELIANA: oh no, nessun problema. Sa io sono una donna a cui piacciono ..i piaceri della vita, una gaudente ecco! E così,l’ho lasciato per scarso rendimento! Sa a letto era molto ….  assente, praticamente non valeva niente! 

CATERINA: ( guarda Armando)  ha tenute ‘o coraggio! Se è per questo  cu mio fratello, nun ce stanne  problema! È nu cavallo ‘e razza. 

ELIANA: ah bene! Molto bene!

CATERINA: solo che … ecco ….  Comme se rice ….  è onnipotente!

ELIANA: onnipotente?

ARMANDO: voleva dire impotente! Ma non è come credi, è solo che pur essendo molto virile  … non è capace di avere figli!

ELIANA: se è solo per questo, nessun problema, oggi si possono adottare

CATERINA: ah brava!  ( esce Andrea seguita da Serena la quale, si sistema vicino ad Eliana!) ciao Andrea, tutto bene ?

ANDREA:  si tutto bene ( si avvicina a Caterina ) per ora dorme!

CATERINA:  sa, facevo doje chiacchiere cu Eliana, molto simpatica!

ANDREA:  è  anche una splendida donna!

ELIANA: oh grazie! Molto galante!

ANDREA: prendi qualcosa di fresco?

ELIANA:  si grazie ma   per carità niente alcolici, sa,  subito mi vanno alla testa!un analcolico se c’è!

ARMANDO: ( si alza ) qui abbiamo tutto! (prende una bottiglia e dei bicchieri e versa prima a d Eliana poi  a tutti)

CATERINA: è nu poco giggiolone ma molto servizievole!

 ELIANA: grazie! ( prende il bicchiere e comincia a bere ) veramente fresco! ( Serena comincia a darle fastidio, toccandola sulla pancia provocandole dei rigurgiti)  hich … mi dispiace  …. hich , adesso passa  ( Serena continua a disturbare  e gli  mette una  mano  sulla testa  e uno sulla pancia)  ....  hich

ANDREA: ma che cos’ha?

CATERINA:  niente! tene ‘e  rottamazioni int ‘o stommaco ( si alza e invita Eliana ad andare con Lei ) vieni andiamo nel bagno, ( Eliana la segue )

ARMANDO: cose che succedono! ( si sente un gemito di bambino ) cos’è?

ANDREA: niente! È sempre quella maledetta radio!  arrivo subito  ( entra nella sua stanza seguito da Serena)

ARMANDO: uhmmm cè qualcosa che mi sfugge!

 CATERINA: (  esce con Eliana ) visto? Tutto a posto

ELIANA: meno male! sarà stato la bibita fredda,vado a prendere un po’ di aria fresca sul terrazzo  ( esce)

CATERINA : Ma addò sta Andrea?

ARMANDO: nella sua stanza!

 CATERINA: ah!  La radio della sveglia! Cioè la sveglia della radio! ( entrano Luigi e Rosena, Armando si alza e presenta Rosena a Caterina)

ARMANDO: ah ecco anche la signora Rosena, Signora Rosena, questa è Caterina la sorella di Andrea

ROSENA:) ah, molto piacere ( nel presentarsi, ripete il solito rituale)

CATERINA: piacere,(poi vede Rosena pulirsi le mani e guardando  Armando) che teng ‘e mani ca fetene?

LUIGI: no, non vi offendete, lo fa con tutti, la signora Rosena, mi ha spiegato. E’ come si dice una igienista. Lei lava tutto ciò che tocca, ha paura dei batteri!

CATERINA:  ‘e batteri? Cioè chilli  vermicielli piccirilli piccirilli?

ROSENA: esattamente! Ho sempre paura che mi prendo una infezione

CATERINA:  ma accussì nun campate chiù! Scusate ma se poi vi sposerete comme farete cu vostro marito? (A Luigi ) Ah ecco, mo  agg capito a che serve il vostro regalo!

ROSENA: ma no. ora non pensate che stia sempre a lavarmi le mani! Lo faccio la prima volta quando ancora non ho conosciuto a dovere la persona! Quando mi assicuro che non ha malattie, allora non ho problemi! ( entra Andrea )

ANDREA: ah finalmente, eccomi qui!

 LUIGI: allora siamo pronti a spegnere le candeline?

CATERINA:  siamo pronti ? ( guarda Andrea  , il quale fa cenno di assenso)  si , siamo pronti! Andiamo tutti di là!

ANDREA: forse  sarebbe meglio … spegnerle qui, siamo più …. raccolti!

ROSENA:   e poi è più igienico, in terrazza ci sono i moscerini!

CATERINA:  si .. . si  . Armando, vai a piglià la torta e la bottiglia di sciampagna

ARMANDO:  e le candeline? Non dovevi cambiare le candeline?

CATERINA: le candeline?

ANDREA: (  strizzando l’occhio) ma si quelle che sei andata a comprare dal droghiere

CATERINA:  ah … ah  si  già fatto!  Vaje  vaje , io vaco a piglià ‘e fiammiferi ( va nella stanza di Andrea)

ROSENA:  io vado a chiamare gli altri ( esce)

LUIGI: ( ad Andrea ) come va con la bruna?

ANDREA: mah, potrebbe andare ,mo vediamo e  ..la bionda?

LUIGI: ( storcendo il naso ) che vuoi che ti dica, ci ho provato,  troppo igienista! Non la si può sfiorare che subito … si allontana!…. Sembra davvero  irreprensibile!pensa solo al matrimonio  e quello caro amico …. Non fa per me!

ANDREA: ragazza seria allora e …. pure una bella femmina! Forse vale  la pena di conoscerla meglio ( arrivano tutti ) oh eccoli qui! venite, ma …. piano mi raccomando senza schiamazzi altrimenti i condomini …. penseranno  che io sia impazzito!

ARMANDO: (entrando) ecco la torta e lo  champagne! ( guarda tutti ) ma dov’è Caterina? ( la chiama ) Caterina … Caterina ( Caterina esce dalla stanza )

CATERINA: ( entra con Serena )  eccomi! Ma che allucchi? ( prende i fiammiferi e accende le candeline) ecco Andrea ,tutte pe te! ( Andrea, si porta vicino alla torta  fa per abbassarsi per spegnere le candeline ma  Serena, lo precede)

ANDREA: oh e che succede! Un colpo di vento? Caterina ,riaccendi ( Caterina esegue, Andrea ripete il suo movimento ma Serena lo precede di nuovo. Ridono tutti ) ho capito, a qualcuno, piace scherzare. Caterina ,riaccendi! ( Caterina esegue ) stavolta ( si guarda intorno) non mi fregate! ( fa un movimento rapido all’unisono con Serena , si spegnano le candeline e tutti ad applaudire e a fare gli auguri) eh  eh  mattacchioni!

LUIGI: ( alza il bicchiere  e invita tutti ad un brindisi) Ad Andrea, con l’augurio che  possa  ritrovare la serenità e una ritrovata voglia di vivere!

 AMBROGIO:  ben detto ! anche perché, a  rincorrere il passato è un  male. Affrontare il presente  a volte, può apparire più difficile ma è l'unico modo per continuare a camminare verso il futuro. Auguri! ( tutti applaudono, bevono e assaggiano il dolce)

RENATO: un vero filosofo, il caro Ambrogino! ( Serena gli fa il solletico ) ahh ahhhha Vieni Abrogio  ritiriamoci, sul nostro bel divano sul terrazzino

AMBROGIO: si caro andiamo ( Serena gli fa il solletico ) ahhh ahhhh si   andiamo ( escono)

CATERINA: ma che tenene ‘a rirere? Mi sa cà song nu po sciem!

LUIGI: (si avvicina a Rosena) le va un po’ di musica sul terrazzo?

ROSENA: ah si! la musica è la mia passione!   Ma non vorrei essere di disturbo ai due …. colombi

LUIGI: ma no,  non si accorgeranno nemmeno della nostra presenza,vieni balliamo ( escono)

ANDREA:  in sottofondo , mi raccomando …  (  si avvicina Eliana  gli siede accanto mentre Serena,si  posiziona in piedi dietro di loro)

CATERINA:Armà, vien, ramm na mano int ‘a cucina

ARMANDO: a fare cosa scusa?

CATERINA:  a nun fa ‘o cannelotto allerta ! jammuncenne! ( si sente un flebile gemito che Caterina subito copre con la sua  voce ) anzi va tu annanz cà io subbet vengo ( Armando tentenna ) ho detto và và .. guardone! ( Armando esce  e Caterina va nella stanza di Andrea)

ELIANA: ah finalmente soli!

ANDREA: eh già!

ELIANA: Quindi tu da sei mesi ….  Stai cercando una moglie!

ANDREA: veramente è stata un’idea di mia sorella e di Luigi comunque … forse hanno ragione , un altro po’ di champagne?

ELIANA:  si ma poco, non vorrei andare fuori giri ! (Andrea  versa e Serena mette della polverina nel bicchiere)

ANDREA: (porgendo il bicchiere) prego, devo dire che sei proprio una bella donna!

ELIANA: oh grazie ,  sei molto simpatico, mi piacerebbe uscire con te! ( beve)

ANDREA: perché no! sarebbe una bella occasione per conoscerci meglio!

 ELIANA: (  comincia a riscaldarsi ) oh si, e perché non conoscerci subito ( si apre la camicetta e comincia a strofinarsi su Andrea )

ANDREA: ( preso alla sprovvista) ma  veramente …

ELIANA:  ( insiste )  ma si, dai, hai sei mesi  di arretrati e lo starti vicino mi fa ribollire il sangue! ( lo spinge giù sul divano) su fatti assaggiare

ANDREA: e che so na pizza (si divincola mentre Eliana si siede sul divano )  no  non qui ti prego.. aspetta  non sul divano, qui viene gente!

ELIANA : ( come presa da un raptus)  ma che importa , sul divano sotto il divano, per terra! Ahhhhhhh

ANDREA:  mamma mia!  (scappa nel bagno e si chiude dentro mentre Eliana, cerca di forzare la porta)

ELIANA: che fifone! Ahhhhh ( vede Armando uscire dalla cucina e gli va incontro) Armando .. vieni Armando!

 ARMANDO: ( sorpreso , rimane come imbambolato mentre Eliana gli si avvicina e cerca di abbracciarlo) ma  no …. No  ( entra Caterina Eliana presa da un raptus di follia amorosa abbraccia Caterina e gli da un bacio)    

CATERINA: ( rimane un’ attimo sorpresa poi spinge Eliana , prende un oggetto e si avventa sui due) ah sti puorche! Traditori! ( comincia a menare botte mentre Eliana si rifugia dietro il divano, Armando subisce)

ARMANDO:  ahha    ahhiaaa, fermati posso spiegarti! Non è colpa mia! ( esce Andrea dal bagno)

ANDREA: ( va verso Caterina e la blocca) fermati, ha ragione non è colpa sua

CATERINA: ah si? e di chi allora! pareva nu bello quadretto e io juste miezo ‘a fa ‘a curnuta

ANDREA: no era al  contrario! Quella donna , Eliana, è una assatanata! All’improvviso mentre eravamo sul divano mi si è incollata  addosso come una sanguetta, sono riuscito a scappare e Armando entrando, ne ha subito l’attacco

ARMANDO: non mi ha dato nemmeno il tempo di scappare! Ah  però …

CATERINA: però ?

ARMANDO: però …. Che donnaccia!

CATERINA:  ecco bravo!  e mo facimme ‘e cunte cu .. l’assatanata!  Con la ruba marito!

ANDREA:  ma su Caterina! Lascia stare, non è il caso! ci penso io!

ARMANDO: lascia che sia Andrea a chiarire , in fondo sei una donna

CATERINA: Song na femmena  cà all'occorrenza sape ausà  ‘e ppalle, no comme a cierti uommen cà ‘e  tenene  sule  pe mubilie . ( va verso il divano e invita Eliana ad alzarsi) esci fuori da lì

ELIANA:  io … io vi chiedo scusa non so cosa mi è capitato!

CATERINA: ossaje bbuon chelle cà t’è succies! Chella ca nun saje  è chell cà te succerarrà a na poco sì nun aize  ‘e tacchi e te ne vaie

ELIANA: ma vi prego non so cosa sia successo tutto un tratto non ho capito niente come se …. qualcuno si muovesse al posto mio

CATERINA: e mo tu te muove a cumanne mio … sparisci subbeto

ANDREA:  ma Caterina …. Calma. Ci vuole calma!

ARMANDO: si …  moderazione cara, moderazione!

CATERINA:  zitt tu fetigrafo! ( Ad Eliana ) fuori ! ( Eliana raccoglie le sue cose ed esce) ah! E mo verimme! ( entrano Renato ed Ambrogio  )

AMBROGIO: ma che succede, abbiamo sentito urlare!

ANDREA: niente, un malinteso

AMBROGIO:  meno male!ci siamo spaventati

RENATO: È successo qualcosa?

CATERINA: ma nooooo! avimme scuperto na zoccola rint a casa

RENATO: una zoccola oh mio Dio …. Io ho paura! (si stringe ad Ambrogio) si ma  adesso dove stà?

 ANDREA: per fortuna …. L’avimme cacciata!

AMBROGIO: ma come è possibile? in un appartamento, in un condominio così lussuoso … da dove è entrata

CATERINA: semplice, è trasuta pa porta … e pa porta se n’è juta! 

 RENATO: sentite  non prendetela  a male, vi dispiace se io e Ambrogino ,ce ne andiamo? Non vorrei che tornasse!

ANDREA: ma si certo andate pure! A proposito ma Luigi e la signora Rosena , sono ancora sul terrazzo?

AMBROGIO: fino a pochi minuti fa, poi sono andati nella camera degli ospiti e …

ANDREA:  ho capito … l’igienista  si è fatta contaminare!

CATERINA: signor Renato ,ma sti femmene cà c’ avit purtato ..ate cà signore! song zoccole veraci!

RENATO: ma Caterina che dite, le ha scelte Andrea dal nostro catalogo!a proposito dov’è Eliana!

CATERINA: ncoppe ‘’o  marciappiedi

RENATO: sul marciapiedi?

ANDREA: ma si, Caterina voleva dire che a quest’ora sarà già arrivata a casa. Ha avuto un impegno improvviso e … se ne è andata!

AMBROGIO: beh allora andiamo anche noi ( Serena gli fa il solletico) ah ah ah ah

RENATO; si  andiamo, caro Andrea, è stato un piacere, se ha bisogno di me, sa come contattarmi  ciaooooo! ( Serena gli fa il solletico) ah ah ah ah ah ah ( escono)

CATERINA: sti dduje se  song scimuniti! (ad Armando) mò vattenne! Pass dall’analizzatore e fatt rà ‘e risultati ‘e l’ analisi e sì so negativi, pover a te! …..! ( Caterina entra nella stanza di Andrea seguita da Serena)

ARMANDO: mamma mia e come sta! Andrè, meno male che te la sei scampata con Eliana. Quella è della stessa razza di tua sorella, ti avrebbe scolato! ( esce)

ANDREA: oh Signore che giornata! E speriamo che finisca qui! ( sente dei gridolini dall’interno )ah  Luigi sta ancora qui e chissà ca starrà   combinanne,soreme tene  ragione , due zoccole! ( entrano Luigi e Rosena )

LUIGI: oh caro Andrea; sapessi, Rosena è una donna stupenda!

ROSENA: oh grazie Luigi,anche tu sei un uomo speciale!

LUIGI: ( ad Andrea) ho finalmente incontrato la donna della mia vita

ROSENA: ed io finalmente il mio uomo!

ANDREA: beh mi fa piacere che  vi troviate in sintonia è stato forse un duplice colpo di fulmine? Sarebbe un vero avvenimento per te caro Luigi che hai sempre professato il celibato! Non eri tu che dicevi : Le donne? Meglio avere un cane come amico che una donna come moglie!

LUIGI: perché non avevo ancora incontrato quella giusta!la vita ti fa incontrare molte persone ma sta a te decidere chi volere al tuo fianco e chi lasciar andare via.

ANDREA: quando è così, ne sono contento! Almeno tu, ti sei sistemato!

LUIGI: e tu con Eliana … Niente?

ANDREA: niente, si vede che questo è il destino!

LUIGI: oh no! vedrai, la cercheremo e la troverai quella che fa per te! Ora  scusaci … è meglio che andiamo. Abbiamo da dirci tante cose, è vero Rosena cara

ROSENA: si tesoro, andiamo e ( ad Andrea)… grazie di tutto,ah mi saluti sua sorella e suo cognato poi , avremo tempo di conoscerci meglio.  Ciao  ( escono)

Entrano Michele e Marietta due vicini curiosi e pettegoli

ciao Andrè  ma che è na festa …. E comme mai 

MARIETTA:  ciao Andrè  ma che è na festa …. ho visto nu poco e gente e trasì e po’ cierte femmene tutte vestite belle …. ma ….

ANDREA: ma che … niente e niente Mariè che stai a dicere io pensa sempe a muglierema ( Serena muove la testa come per dire di no) po chist  so amici … l’avimma invitati solo pecchè mi devo distrarre sto sempe chiuso dentro oggi e il mio compleanno

MARIETTA: Auguri Ndrè.. (va per baciarlo e lui si sposta) ma io ti invito sempre a casa mia ma tu me dice sempre nun tengo a capa e po’ a bonanima e Serena ti vuleva accussi bene ti trattava comme e nu re sulo che si nu faceve chella ca vuleva essa …. faceva a pazza (Serena gli fa le smorfie)

ANDREA: ja mangiati nu dolce .. pigliati nu bicchiere e champagne (lo versa)

MARIETTA: grazie assai ma io me ne vado sono entrata pecchè ho sentito a gente statti  bene e auguri ancora e quando ti senti solo o sai nun ce bisogno ca to dico (esce)

ANDREA:meno male , sono tutti andati via (chiama Caterina) Caterina, via libera, puoi anche uscire tranquillamente ( Caterina esce con il bambino, seguita da Serena)

CATERINA: se ne so jut tutt quant?

ANDREA: si pe furtuna!

CATERINA: ( coccola il bimbo ) comme è bello stu criaturo! E comme ‘o vulesse pur io nu criature accussì! ( Andrea, si accosta )

ANDREA: si è veramente un bel bambino! Quanto l’ho desiderato anche io! Ma non è stato possibile e non lo sarà mai!

CATERINA: ‘o può semp adottà!

ANDREA: ma che dici, non affidano un bambino ad un uomo  che è solo!

CATERINA: allora spusat!

ANDREA: e già !ma tu le hai viste a quelle?

CATERINA: e comme no! però chella Rosena nun me pareva tanto  una  ‘e chelli là!

ANDREA: infatti , ha colpito il cuore di Luigi! E …..mi sa che l’ha fregato ,in senso buono , si capisce 

CATERINA: vache a cagnà ‘o pannuline ‘o ninnillo  e speramme cà a mamma , torna ambress! ( esce)

 ANDREA: ( si versa un bicchierino )   eh già speriamo che torni presto altrimenti è un bel guaio! (bussano alla porta) speriamo che è Lei! ( apre ed entra Armando)

ARMANDO: il bambino  … il bambino … avremo  un bambino ( esce  Caterina con il bambino in braccio) ma , ma come ha fatto? È arrivato prima di me?

CATERINA: (mette il bambino fra le braccia di Andrea ) un bambino ? oh che bello un bambino tutto nostro! Che bello! ( abbraccia il marito  un po’ confuso)

ARMANDO: perché quello di chi è?

 CATERINA: di Andrea!

ARMANDO: di Andrea?

ANDREA:  ma no non è mio …. me lo hanno affidato per un po’!

ARMANDO: ( si avvicina al bambino)  lo avevo detto che c’era qualcosa che non quadrava!  si è molto bello, ( a Caterina) anche il nostro sarà bello!

CATERINA: si si,  sì assumiglia …. ‘o pate

ANDREA: sono veramente contento, almeno se non avrò figli, avrò un nipote ,oh il bambino si è addormentato

CATERINA:  vieni ,mettimmele  ncopp ‘o  divano ( Caterina,lo sistema in modo che non cada e Andrea, lo copre dolcemente con una tovaglia e Serena gli si siede accanto e lo controlla dolcemente)

ARMANDO: ( andando verso Caterina ) oh mia cara, però adesso , devi  stare attenta a non affaticarti molto . niente sforzi inutili

CATERINA: M’aggia sta accorta! Aggia fa tutt chello cà me rice ‘o duttore e  pe  primma cosa non dormirò più in posizione suina, a sì no ‘o criaturo se po’ fa male!

ANDREA:supina mia cara  e per i primi tre mesi,non dovrai affaticarti nei servizi domestici

CATERINA: si ossacce, sì no me venene ‘e ven faticose!

ANDREA:  ho capito devo trovarmi una  cameriera , una badante!

ARMANDO: meglio una moglie

ANDREA: ancora? Le hai viste no

CATERINA: vabbuon, ma nel mondo ci stanne tanta femmene! Basta cà truov chella giusta!

ANDREA: è una parola! Le donne! A volte quelle che ti piacciono, sono proprio quelle che non puoi avere! ( bussano alla porta, Caterina , va ad aprire ed entra Pia, è molto agitata) prego accomodatevi!

PIA: grazie! ( va verso Andrea ) dov’è … il bambino, ha pianto?

ANDREA: non temere , è tutto a posto, ora sta dormendo ( gli indica il divano)

PIA: oh sapevo si potermi fidare di te! ( va verso il divano , lo guarda , lo bacia dolcemente)

ANDREA: veramente, mi ha  aiutato  mia sorella! Io non sono molto pratico di … bambini

PIA: grazie, vi sono riconoscente, ora però …

CATERINA: mò però, statte calmo , ‘o criature dorme, mica ‘o vulisse scetà?

PIA: no è che io …. Vi debbo una spiegazione

ANDREA: su, adesso  siediti, calmati e poi se vorrai, ci dirai ….

PIA: io non vorrei approfittare della vostra gentilezza, avete già fatto tanto!

ANDREA: ma che, certo non è stato facile, oggi a differenza degli altri giorni , la mia casa era tutto una movida

 CATERINA :oggi è ‘o compleanno di Andrea   e so arrivati degli ospiti e quindi ..

PIA: oh mi dispiace avervi procurato fastidi , comunque auguri Andrea …

ANDREA: grazie ! però ora devi accettare un dolcino e …( gli porge un dolce)

ARMANDO:   ( prendendo la bottiglia e un bicchiere ) e un bicchiere di champagne!

PIA: va bene, siete tutti molto gentili! ( prende il dolce e il bicchiere) ancora scusatemi, oggi è stata una giornata terribile

ANDREA: mi spiace,cosa è accaduto?

PIA: avevo un impegno di lavoro presso una pizzeria e come sempre, ho portato il bimbo dalla mia amica ma … la mia amica non era in casa, aveva avuto un incidente , da Lei c’era l’assistente sociale che mi aspettava

ANDREA:  quella di cui mi hai parlato?

PIA :si proprio Lei, ha tentato di farmi salire sulla sua macchina , ma io sono riuscita a scappare

CATERINA: e chi è na maniglia sessuale?

PIA: è l’assistente sociale , mi vuole potare in un centro e il mio  bambino lo vuole vendere io non ho un lavoro fisso! con me ha sbagliato i conti. Ho avuto un figlio perché, amavo il mio ragazzo e ora , rimasta sola  con il mio bambino, lei vorrebbe togliermelo per darlo ad una coppia sterile sotto compenso e tutto abusivamente è un arpia

CATERINA: che disgraziata! Vivi sola?

PIA: si, ho in affitto uno scantinato e lavoro, giorno e notte per assicurare tutto ciò che serve al mio bambino . Sono venuta in Italia per lavorare onestamente e non ho nessuna voglia di perdere il mio bambino e di affidarlo ad una coppia di sconosciuti  e l’unica cosa che ho della mia vita e del ricordo dell’uomo che amavo che la vita mi ha tolto ingiustamente in un incidente stradale

ANDREA: l’assistente sociale può venire a casa tua e portarti via tuo figlio

PIA: ci ha già  provato ed io ho paura, per questo, ho chiesto aiuto alla mia amica.

CATERINA: puverella , mò capisco pekké t’agg  truvata cà aier ammatina

ANDREA: infatti, scappava da lei per non farsi portare in un centro e perdere il bambino  ( bussano alla porta, Caterina va ad aprire , non fa neanche  in tempo a chiedere chi è che Umberto, si precipita dentro)

ASSIST.: ( con tono minacciosos)  ah è così! Allora non mi ero sbagliato! ( Verso Andrea)   e tu se il tipo che ieri mi ha detto di non averla vista! ( Pia, e Caterina, spaventate, vanno verso il divano come a proteggere il bambino)

ANDREA: chi siete e come si permesso di entrare in casa mia, fuori!

ARMANDO( si accosta ad Andrea per dar man forte ) non ha sentito mio cognato, fuori da questa casa!

ASSIST.: certo ma con me, verrà via lei e la porterò in un centro e suo figlio affidato ai servizi sociali (rivolto a Pia) fate quello che vo dico altrimenti ….peggio per voi

PIA: no! non voglio,che tu sia maledetta! Non voglio!

CATERINA: vattenne va! Cà te puozze strafugà!! ( a queste parole, Serena, avvolge con un foulard la gola dell’ Assistente Sociale che si sente strozzare e si mette le mani alla gola!

ARMANDO: (a Caterina ) azze, lo hai colto!

ASSIST.: ( tossisce e respira appena ) ai ai aiuto  so soffoco! Oh  oh ( Serena lascia la presa e l’assistente  spossata si siede su una sedia) cosa è successo! Oh stavo soffocando

ARMANDO: ( raccoglie la pistola a terra) ora tu da qui non ti muovi! Andrea, chiama i carabinieri! E diciamogli che vuole vendere il bambino

ASSIST.: no, no vi prego, se mi lasciate andare, vi giuro che non tornerò più e lascerò in pace Pia e suo figlio!

ANDREA: ( guarda Pia ) che faccio?

PIA: lasciala andare, è una delinquente e poi , meglio non alzare polveroni con le forze dell’ordine, sarei costretta a dare loro molte spiegazioni ma ho la registrazione della telefonata e della vendita del bambino

ANDREA: e va bene, va via! Ma darai le dimissioni perche se starai ancora a fare l’assistente sociale ti denunceremo abbiamo tutto registrato … non hai sentito?             ( l’Assistente, si alza e fa per dirigersi verso la porta )

CATERINA: ( sentendosi forte) e arrricuordete,  nun venì chiù, altrimenti …. na  parola ra mia  e … si morta!

ASSIST.: (fa per andare e Serena ,lo sgambetta, cade a terra ) mai più ve lo giuro mi licenzio e mi ritiro a vita privata .. (si alza dolorante e scappa via) è una strega … si è una strega una strega!!!!!!! Aiutooooo ( esce)

ARMANDO: quando ci si mette! (Comincia a piangere il bambino  e Pia ,lo prende in braccio)

PIA: poverino,( lo culla  con le braccia)

CATERINA: forse tene famme

PIA: si, ( prende la borsa del bimbo, tira fuori una bottiglietta) Può scaldarla!

CATERINA : ma certo! Armà, jammuncenne! ( esce con Armando!)

ANDREA: e ora che farai

PIA: appena  Raffaele, ha mangiato, ce ne andiamo, e domani si vedrà

ANDREA:si chiama Raffaele

PIA: si, si chiama Raffaele

ANDREA: come il mio papà!oh guarda la combinazione!

PIA: e dov’è tuo padre?

ANDREA: magari fosse qui! è scomparso due anni fa poverino! ( guarda Pia con trasporto) ecco  io ….  Ecco tu …. sei molto carina  ( entrano Caterina ed Armando  i quali ascoltano le parole di Andrea)

 CATERINA: ecco qui il latte per il bebè!

 PIA: grazie (  si porta sul divano , si siede e fa mangiare il bambino) su bello di mamma, ecco qui , su  mangia, Serena gli si siede accanto e guarda con tenerezza)

CATERINA: ( a Pia ) sapite na cosa ? pur io e Armando, aspettamme nu criature, l’avimme  saputo stasera! So tre anni cà steveme aspettanne

PIA: è una cosa bellissima!

ANDREA:  sai come si chiama il Bambino di Pia? Raffaele

CATERINA: comme a nostro padre!

ANDREA:  come gli sarebbe piaciuto avere un nipote con il suo nome!

CATERINA: ( a Pia ) ma mò ve ne jate?

PIA: si, appena Raffaele finisce di mangiare!

CATERINA: e dimane comme faje co lavoro sì l’amica toja sta ‘o spitale?

PIA: non ho soldi per tenere il bimbo in un asilo nido e credo che tornerò al mio paese,li ho una casa ed i miei che mi aiuteranno

 CATERINA: stamme a sentì, sì na brava guagliona,e sì vuò, Andrea, te po’ ospità almeno fino a dimane, a Raffaele ce penzo io, me serve nu poco ‘e pratica eh ! che dici?

PIA: ma  non so, vi ho già dato tanti problemi

ANDREA: nessun problema, Caterina, ha ragione, sei una brava ragazza e noi ti aiuteremo.

PIA: grazie, non so  che dire, siete delle persone splendide!

CATERINA: (indicando la porta) chella è ‘a stanza degli ospiti, vedrai, starai benissimo(  si avvicina Ad Armando ) Armà: che ne dici sì ce bevimme nu bicchiere ‘e sciampagna ncopp ‘o terrazzino  e festeggiamme pur nuje?

ARMANDO: ma possiamo farlo anche qui e..

CATERINA: Armà sì  ‘o solito cetrullo, jamme!( escono)

PIA: tua sorella è simpaticissima!

ANDREA: si è una donna … speciale! 

PIA : anche tu, sei una splendida  persona

ANDREA: grazie . senti io ….   Ecco …

PIA:   ecco, ha finito, ora vedo di addormentarlo e poi vengo a farvi compagnia ( va verso la porta e fa cenno ad Andrea) a dopo!

ANDREA:  a dopo. ( si stende sul divano e Serena gli si avvicina )  che fare? Pia mi piace ma  avrò il coraggio di dirglielo? Non vorrei che scambiasse la mia sincerità con un tentativo di approfittarne della situazione  Mi sento come Amleto essere o non essere, questo è il dilemma.

SERENA: sei sempre stato l’eterno indeciso

ANDREA: cosa? Sei tu ma come , dove sei, no … ho le traveggole! Sono stanco

SERENA: non sei stanco, sei solo confuso?

ANDREA:  ancora tu?   ( si alza dal divano )Allora non eri un sogno, sei reale, dove sei, fatti vedere

SERENA : non puoi, sono eterea, ricorda cosa ti dissi prima di morire? Ti sarò sempre vicino. Ebbene così è stato. Ora è venuto il momento che ti decida.

ANDREA:  a fare cosa?

SERENA:hai anche dimenticato quello che ti dissi in caso volessi risposarti? Quando io non ci sarò più, se senti il desiderio di risposarti, ebbene, la donna che sceglierai,dovrà piacere anche a me. Solo allora,potrò riposare in pace e lasciarti in pace!

ANDREA: no non l’ho dimenticato proprio  per questo  non ho mai cercato di farlo.

SERENA: dimmi una cosa, Pia, ti piace veramente?

ANDREA: si,  e anche il suo bambino!

SERENA : ebbene diglielo!  Quel momento è arrivato, Pia è una brava ragazza,  e tu saresti un buon padre per il suo bambino

ANDREA: e tu? Tu me lo permetterai?

SERENA: si, sei stato un buon marito e ti ho voluto bene e saperti felice, mi aiuta ad andarmene definitivamente , quel bambino, ha toccato il mio cuore e sapere che finalmente, hai trovato non solo una buona moglie ma anche un figlio, mi ha fatto decidere! Ora devi deciderti tu!

 ANDREA: si ma se Lei non accetta?

SERENA: solo una donna conosce un’altra donna! Tu  le piaci, l’ho colto  sui suoi occhi!

ANDREA: speriamo che tu abbia ragione, per me sarebbe come  rinascere!  ( entra Caterina  e si dirige in cucina )  e   tu dove vai?

CATERINA:  rint a cucina, pecché?

ANDREA:  non stavo dicendo a te ma a Lei

CATERINA: ( si guarda intorno )Lei chi scusa? Ca nun ce sta nisciune. Forse a Pia ?

 ANDREA: no … a Lei … a … Lei

CATERINA: ma te sient bbuone?

ANDREA: ( come ripresosi da un sogno)  si … si … sto bene  ( entra Armando)

CATERINA: Pia s’è jut a cuccà?

ANDREA: no non ancora, ha portato Raffaele a dormire, ha detto che poi sarebbe tornata

ARMANDO: ah bene così  facciamo due chiacchiere ,è cosi simpatica

CATERINA: Andrè, ‘o vuoi nu cunziglie? Nun  ta  fa  scappa’, è a femmena  giusta pe te. E’ onesta, è na bella guagliona, tene  bbona educazione  e pure nu figlio! Che vuò chiù!

 ANDREA: si hai ragione me lo ha detto anche Lei

 CATERINA :   nata vota! Lei chi?

 ANDREA:   Serena!  è stato un sogno!me l’ha detto in un sogno

ARMANDO: però …. Alle volte uno dice  ( esce Pia)

 PIA:  eccomi qui, Raffaele si è addormentato

ANDREA: ora puoi rilassarti e prenderti qualcosa di fresco

CATERINA: a proposito di fresco, Armà, avimme lasciato  ‘o frigo apierto, jamme o se scongela tutt cos

ARMANDO:  ma io l’ho chiuso!

 CATERINA: è  ‘o cerviello  ca  tiene  chiuso, jamme babbasone! (  escono)

ANDREA: ( ammiccando ai due ) a volte mi chiedo come fanno ad andare d’accordo ma devo convenire che vivono un bellissimo rapporto

PIA: è quello che anch’io ho sempre sognato purtroppo …. è la vita

ANDREA: eh sì, la vita però ti riserva sempre  nuove sorprese ,oggi per esempio ne ho avute fin tante!

PIA: ah si? beh capisco, trovarsi di fronte una donna senza scrupoli che per una manciata di soldi è capace di togliere la mamma ad un bambino e venderlo  e grazie a te che l’hai presa di petto e il massimo mi sono sentita protetta

ANDREA: questa è stata una delle spiacevoli ,per fortuna c’è anche il rovescio della medaglia

PIA: ah si, il tuo compleanno festeggiato con gli amici

ANDREA:  a parte, c’è ne stata un’altra ancora più bella, quella di averti incontrata!

PIA: oh via, a dire il vero non mi hai incontrata, mi hai subita!

ANDREA: in certo qual modo in un primo momento ma poi …. ho desiderato di incontrarti di nuovo e non sapevo come fare

PIA: allora sei stato tu che mi hai messo il portafoglio nella tasca?

ANDREA: no, ti sbagli non sono stato io ma benedico quel portafoglio

PIA: ad essere sincera pure io, quando mi hai accompagnata ieri sera, hai portato nel mio cuore serenità e fiducia, per questo, quando mi sono trovata in difficoltà, ho subito pensato a te

ANDREA: solo serenità e fiducia?

PIA: potrei dirti altro ma … non oso pensare altro! Chissà quante donne conosci  e comunque dovrò partire  e quindi mi dimenticherai subito

ANDREA: Le donne che dimentico  subito,sono quelle che mi sono passate  davanti e che non hanno  suscitato  in me  nessuna emozione. Tu invece hai scatenato in me una tempesta ormonale! Un’emozione unica!

PIA: sei davvero sincero?

ANDREA: si! sei ormai il mio pensiero fisso, entrato nella mia mente per restarci fino ad ieri ,pensavo, che fosse impossibile poter far entrare nella mia vita un`altra persona ma le cose belle capitano quando meno te l'aspetti ..... in questo momento sei la cosa più importante che ho, si sento d’amarti come non mai! E se tu vuoi, il tuo bambino sarà anche il mio ( gli si avvicina e con dolcezza gli prende la mano e la porta alle labbra)

PIA:oh Andrea, dopo tante sofferenze, neanche io credevo più di amare! E invece il destino ha voluto farci incontrare. Si si lo voglio anch’io! ( si abbracciano mentre entrano Caterina e Armando i quali rimangono fermi e stupiti)

ANDREA : ( li vede ) Caterina, Armando, venite,quello che avete visto è solo l’inizio, io e Pia e Raffaele saremo una sola famiglia!

CATERINA: che cosa bella, faciteve  abbraccià, ossapev io cà eri chella giusta!

ARMANDO: finalmente, in questa casa , è tornato il sorriso

(Raffaele piange e Caterina Armando e Pia vanno nella camera dove sta il bambino)

MARIETTA: scusate a porta era aperta .. pe caso … me parse e sentì nu creature e chiagnere

( approfitta che Armando e Caterina  sono con Pia, Serena entra nel corpo di Marietta e lo bacia sulla guancia , Andrea, si mette la mano sulla guancia )

SERENA: solo questo mi è stato concesso , un bacio , ora vado e per sempre , spero non mi dimenticherai, hai trovato la giusta donna per te e io non posso che benedirti, adesso so di andare via per sempre perché so che ti lascio in buone mani (entrano Caterina Armando e Pia)

CATERINA: Mariè, stai nata vota ccà .. uè ma ti si nzallanuta

MARIETTA: nun o saccio … mi gira a capa  … vaco dinto ….  stateve buono

ANDREA:( girandosi come in trance) addio …. addio !

CATERINA: Andrè!  Ma a chi saluti? 

ANDREA: ( a Caterina ) alla solitudine!

ARMANDO: evviva   evviva ! ( si stringono e si abbracciano  mentre Raffaele ricomincia a piangere)

PIA: Raffaele , sta piangendo ( corre nella stanza )

ANDREA: mio figlio, sta piangendo ( corre anche Lui )

ARMANDO:  mio nipote sta piangendo ( fa per correre e Caterina lo blocca)

CATERINA: addò vaje citrullo, nun tenene bisogno ‘e te . accummence  a fa  ‘o pate pur tu ( prende la mano di Armando e se la porta al grembo)

ARMANDO: ( accarezzando) si si ,il mio bambino! il nostro bambino!

FINE

.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 76 volte nell' arco di un'anno