Oggi è lu luni dumani lu marti…

Stampa questo copione

OGGI E' LU LUNI DUMANI LU MARTI

OGGI E’ LU LUNI DUMANI LU MARTI...

Scene di vita contadina

di

ALDO LO CASTRO


testo rivisto e corretto il 6 luglio 2002


Personaggi

‘GNA SANTA, una donna anziana
VINCENZO, un contadino
ROSA, figlia di Vincenzo
TANO, un altro contadino
NUNZIA, moglie di Tano
ZU’ CARMINE, il vecchio del cortile
SALVATORE, un terzo contadino
CARMELO, quarto contadino, muto
CATERINA, nipote di ‘Gna Santa
TERESA, altra nipote di ‘Gna Santa
VANNI, marito di Rosa
ANSELMO, anziano, ricco borghese 

I Bambini: 

MARIA
VANNI
ROSA


L’azione si svolge in un qualunque paesino della Sicilia, agli inizi del ‘900.



QUADRO INTRODUTTIVO

Un cortile rustico. Vi si affacciano le povere abitazioni dei contadini.
Al tramonto d’un giorno d’estate.
Le luci coglieranno i personaggi in posizioni plastiche diverse: il vecchio Carmine ripara una cesta; Gna Santa racconta una favola ai bambini; gli uomini, zappa in spalla, rientrano dal lavoro... Il pubblico dovrà avere la netta sensazione di guarda-re una vecchia foto d’epoca. Poi i personaggi si animano e si leva, dolce e melan-conica, una canzone...

Oggi è lu luni, dumani lu marti...
Venimi in sonnu, venimi Sorti.
Vogghiu, stanotti, ca parri cù mmia...
Pàrtiti prestu, longa è la via...
Veni, mia Sorti e non tardari.
Veni ma non mi fari scantari.
Mpstrami, o bedda, lu mè caminu...
Dimmi qual è lu mè distinu...
Parrami ma senza inganni!
Sciogghimi da chisti affanni!
Schiodami da li duluri!
Manna ‘na sbrizza d’amuri!
Mannami Pruvvidenza!
Binidici la semenza!
Dammi vuci pì cantari!
Saluti pì travagghiari!
ATTO PRIMO

1-
(In scena, Carmelo, il muto, che soffia – peggio che può – in uno zufolo costruito artigianalmente. Il vecchio Carmine continua ad armeggiare attorno alla vecchia cesta). 
GNA SANTA – (seduta accanto all’uscio di casa. Ai bambini che stanno ancora ac-covacciati ai suoi piedi) E ora basta ca stancai. Avanti, beddi valenti, andate a giocare!
VANNI – Un’altra, ‘gna Santa! Un’altra sola!
NUNZIA – (in disparte) Ancora, Vanni! Non essere insistente!
(I due bambini – Vanni e Maria – sbuffano contrariati ma quando Nunzia con uno scappellotto, li costringe ad appartarsi, si organizzano per giocare)
NUNZIA – (si accosta a Santa) Che è rimasta sola, Lucia?
GNA SANTA – Non ci sono Caterina e Teresa cù idda...!
NUNZIA – Ah, le vostre nipoti ci tenunu cumpagnia? Menu mali, ‘a figghia... Anche perchè mi pari ca è ura. O no?
GNA SANTA – Ieri sira la luna era china. Significa che Lucia partorisce presto. Ma significa pure che non avrà altre gravidanze.
NUNZIA – (tra l’ironico e il sorpreso) Ma quanti ni sapiti?
GNA SANTA – Ascuta. Un quartu di luna, tre gravidanze. Luna a tri quarti, ultima gravidanza. Diventa vecchia anche tu e poi queste cose ci ‘nsigni a chiddi cchiù giovani...
NUNZIA – E se è luna nuova?
GNA SANTA – (si segna con la croce) Diminiscansa! Nasci un figghiu lupunariu... cù tantu di unghia!
NUNZIA – (impressionata, si segna anche lei) Scansatini daveru!
GNA SANTA – Ora basta con questi discorsi ché portano male. Avanti, cù mmia...
(Assieme a Nunzia) “A vui preiu, Virgini Maria, di mettiri l’occhiu a la via. A vui preiu, Santu Ramunnu, datici un partu grittu e tunnu...”
2-
(Entra Tano. E’ in canottiera. Rimane sulla soglia di casa)
TANO – Nunzia! Ma, insomma, ti pare bello che un povero cristiano torna dal lavoro e non c’è un cane che gli dà un poco di verso...?
NUNZIA – (con affetto ma taglia corto) ‘U piattu è supra ‘a tavula. Chi ci voli assai a scummigghiarlu? 
(Dalla casa di Lucia si affaccia Caterina)
CATERINA – Nonna! Venite! Lucia a voi vuole. Venite!
SANTA – (a Nunzia) Ci semu! (Via)
TANO – (a Nunzia) E tu chi fai, non ci vai?! Vedi se hanno bisogno d’una mano!
(Nunzia via rapidamente. I bambini continuano a giocare e ad azzuffarsi)
Zu’ Carmine... Carmelo... fatemi il piacere: un occhio ai picciriddi. Il tempo di mangiare un boccone, con la grazia di Dio. (Via)
3-
VANNI – (a Carmine) Che ci ha Lucia? Che è malata?
MARIA – (sorride maliziosamente) Sì, malata...!
CARMINE – E invece, ci ha ragione Vanni: Lucia è malata. Ma quella sua è una ma-lattia bella. Una malattia che ogni donna maritata vuole avere.
VANNI – E non ci ha paura?
CARMINE – Un poco sì, ci ha paura di soffrire ma dopo, quando tutto è passato e guarisce, lo sapete che succede? Un miracolo succede: diventa mamma. E allo-ra, è così contenta che si scorda tutte le tribolazioni...
NUNZIA – (spinge Caterina e Teresa) No, no! Senza discussioni. Voialtre non ave-te niente da fare, qua! Avanti, non su’ cosi pì du’ signurineddi...! (Richiude la porta, via. Le due ragazze rimangono dietro la porta, contrariate)
CARMINE – (alle ragazze, con un sorriso) Non ve la pigliate! Esperienza e gioven-tù non vanno d’accordo. Lasciate fare a chi ne sa di più, per ora.
CATERINA – Iù non sugnu ‘na picciridda!
TERESA – E io neppure!
CARMINE – E io, allora? Sugnu ‘u cchiù vecchiu di tutti, eppure non mi fanu trasiri.
CATERINA – Che c’entra vossia? Vossia è masculu...
CARMINE – Veru è. E cu’ ci pinsava cchiù...?
(Carmelo e le due ragazze ridono)
TERESA – (guarda Carmelo con tenerezza poi a bassa voce) ‘U figghiu... Mi fa una pena, Carmelo!
CARMINE – E perchè? E’ mutu, no’ scemu!
TERESA – Io penso che ci patisce...
CARMINE – E io penso di no. (Si rivolge a Carmelo) Vieni qua, Carmelo...
(Carmelo si alza e si avvicina)
Senti, Carmelo, abbiamo fatto una scommessa, io e Teresa. Io dico ca tu si’ cuntentu, lei, invece, dice di no. Pensa ca tu ci soffri pirchì ti manca la parola.
(Carmelo sorride, guarda Teresa. Fa cenno che ha le orecchie per sentire, gli occhi per vedere e il cuore per amare. A lui questo basta ed è contento).
Hai capito, ora? Ti sei fatta convinta?
TERESA – Non lo so...
(Carmelo s’accosta a Teresa. Tenta di farle intendere qualcosa).
Che mi vuole dire?
CATERINA – Sta dicendo che lui parla con gli occhi... e col cuore. E se tu stai un poco attenta, lo puoi capire benissimo.
(Carmelo annuisce e sorride).
NUNZIA – (s’affaccia dalla porta di Lucia, allarmata) Zu’ Carmine! Li dogghi su’ friddi! Partu difficili! Speriamo ca ‘a Madunnuzza la proteggi! (Via)
CARMINE – Speriamo...
CATERINA – (alquanto agitata) Vieni qua, Teresa! (Recitano insieme) “Santa Ma-ria, Matri di Diu, chista è l’ura di lu partu sò! Matri Santa, nun la lassati ‘ntra ‘stu tempu di nicissitati! Pirchì, Matri, la vostra ducizza ‘ntra ‘stu partu ci duna furtizza! Matri Santa, la vostra assistenza, ‘ntra ‘stu tempu, ci duna pacienza...”
NUNZIA – (appare ancora per un momento) Li dogghi ‘nfurzaru! Ci semu! (Via)
CATERINA – TERESA – (con maggiore forza) “Sant’Antuninu, mittitivi in caminu! San Binidittu, mittitilu grittu! Santa Maddalena, grittu e senza pena...”
(I due bambini, intanto, giocano e lirigano)
VANNI – Non è vero! Io avevo vinti nuciddi!
MARIA – Ma che dici? Se ti ho vinto sempre...!
VANNI – Munzignara! Munzignara e ‘nfamia! Zu’ Carmine!
CARMINE – Che c’è, che c’è? Ma sempri ca vi strariati, tutti dui?!
CATERINA – Carusi, finitila!
MARIA – Chistu, quannu perdi, chianci sempri!
VANNI – (con le lacrime agli occhi) Iù non chianciu! Però tu ‘mbrogghi sempri!
TERESA – Ancora! Ma vi pare il momento, questo?
VANNI – E’ idda!
MARIA – E’ ca si’ picciriddu e scimunitu!
(I due bambini si accapigliano. Tutti gli altri corrono a dividerli. Improvvisamente, il pianto d’un neonato. I presenti si guardano e ammutolisconio per un istante poi esplodono di contentezza)
CATERINA – TERESA – Nasciu! Nasciu!

4 –
NUNZIA – (entra esultante) Fimmina!
CARMINE – Cù saluti!
TANO – (entra) Nunzia! E allura...?
NUNZIA – ‘Na fimminedda!
TANO – Sugnu cuntentu. E Lucia sta bene?
TERESA – Sta bene, no?
NUNZIA – Ha avuto un parto travagliato, ‘a figghia... E’ stanca ma ringraziannu a’ Madunnuzza, sta bene.
TUTTI – Appostu! – Dio sia ringraziato! – Meno mali! – Chissà, che gioia!
(Improvvisamente, Nunzia – quasi colta da un raptus – corre in casa investendo anche Tano che si trova sull’uscio)
TANO – (commenta perplesso) Mè muggheri ‘mpazziu! (All’indirizzo di Nunzia) Ma chi sta’ facennu...?
NUNZIA – (voce f.s.) Lo so io! Tu mutu! (Rientra, sempre di corsa. Ha fra le mani una bacinella d’acqua e del sale che va versando davanti alla porta di Lucia) “Acqua e sali! Acqua e sali! E zoccu diciunu li mavari non pozza giuvari! Ti toccu e non ti toccu! Ti viju e non ti viju! Furcu, Befurcu, Lurcu, Catacurcu! Ti curcu, ti sturcu, t’infurcu! Cù acqua e sali ca la virtù havi”!
TANO – (sconcertato) Finisti?
NUNZIA – (soddisfatta) Finìi. 

5 –
(Entra Santa, visibilmente affaticata. Tutti la interrogano)
SANTA – Ahu, e chi è? Fatemi respirare, prima! Non vi pare che me lo merito pure io un minuto di requie?
NUNZIA – E come no, Gna Santa! (Ai presenti) Si non era pì idda...!
TANO – Santa di nomu e santa di fattu!
SANTA – Bonu, bonu... Ancora non ne ho fatti miracoli!
CATERINA – Possiamo vedere ‘a picciridda?
TERESA – Com’è, Gna Santa, com’è?
SABTA – (sorride) ‘N’amuri! Bedda, salaratu! Bedda comu ‘na stidda! ‘U sapiti quantu pisa? Tri chili e menzu!
CATERINA – Io la voglio vedere!
TERESA – Nonna, ci putemu iri?
NUNZIA – Venite che v’accompagno io... ma senza disturbari a Lucia, va bene?
(Nunzia, Catrina e Teresa, via).

6 –
SALVATORE – (entra. Anch’egli in canottiera. Appena alzatosi dal letto) Chi suc-cedi? Pirchì ‘sti vuci?
TANO – (lo schernisce) Ma tu unni ha’ statu?
SALVATORE – Veramente m’appinnicai ‘mpocu...
TANU – Ma comu, Lucia partorisce ‘na bedda picciridda e tu dormi?!
SALVATORE – Daveru? Brava a Lucia! E Vincenzo lo sa?
TANO – Chiddu, criaturi, ancora non s’ha ritiratu d’a campagna...! A propositu, pen-saci un pocu macari tu o’ travagghiu ca non ti fa mali!
SALVATORE – E certo che ci penso. Ora, pì Sant’Antonio, vaiu a’ Chiana a metiri.
TANO – Menu mali, vah! Mi pareva che pensavi sulu a dormiri e a Caterina!
(Rientrano Nunzia, Caterina e Teresa)
TERESA – Matri, ch’è bedda ‘sta picciridda!
CATERINA – Troppu duci daveru!
NUNZIA – (attira l’attenzione di tutti) Oh! Vado a pigliare i bicchieri! Qua ci vuole un brindisi! (Via)
CARMINE – Chista sì che è una bella pensata!
MARIA – T’aiuto, mamma! (Corre dietro a Nunzia)
VANNI – E io che faccio?
TANO – Varda chi fai... Tu vo’ pigghia ‘a chitarra ché ora ci facciamo una cantata ch’e nocchi! Forza, curri!
(Vanni, via)
Gna Santa... mi pare che arrivò il momento di assaggiare quel vostro vinello...
SANTA – Quale vinello, birbante?
TANO – Chiddu ca tiniti ammucciatu per le grandi occasioni!
SANTA – E tu comu ‘u sai?
CARMINE – I mura hannu aricchi e sentunu, cara Gna Santa!
SANTA – E chi sorta d’aricchi! Vardati ‘stu mascaratu! Va bene, va bene, lo vado a pigliare. (Via per qualche istante).
(Rientrano tutti: coi bicchieri, il vino, la chitarra... E mentre si beve e si ride, can-tano allegramente)
Si semu puvireddi chi s’ha fari?
Ni resta sulamenti di cantari.
Cantamu cù la vuci chiara e forti
e ni scurdamu tutti i cosi storti!
‘Nta ‘stu curtigghiu è natu ‘nciuri duci!
Ch’è bedda, salaratum la so’ vuci!
Perciò, cantamu tutti, tutti in coru
a la saluti di ‘stu cocciu d’oru!
Viva lu nannu
Viva la nanna
Evviva nuatri
Evviva vuatri!
Balla lu nannu
Balla la nanna
Balla lu patri
Balla la matri
Balla la figghia
Balla lu figghiu
Ballamu tutti
‘nta ‘stu curtigghiu!
VANNI – (Guarda verso la Comune) C’è Vincenzo!
TANO – Unn’è?
VANNI – Qua è. Sta arrivando!

7 –
(Palesemente stanco e afflitto, entra Vincenzo).
TUTTI – Auguri, Vincenzo! – Nasciu! – Auguri, “papà”! – E’ ‘na bedda fimmined-da! – Cù saluti daveru!
VINCENZO – (anche se frastornato, sorride contento) Nasciu...? (Via, in casa)
(Si riprende a bere e a cantare qualche strofa della canzone precedente. Poi, rien-tra Vincenzo, il volto teso).
NUNZIA – (a Vincenzo) E’ tutta sua madre, vero? Un bocciolo di rosa!
SANTA – E com’è bedda china! ‘U Signuri ci ha dari tanta furtuna!
NUNZIA – Oh, Vince’, che è quella faccia? Comu... invece di essere contento...
TANO – E lascialo stare, Nunzia! Certo che è contento...
VINCENZO – Ma sì, sì che sono contento! Che debbo fare? Mi debbo mettere a bal-lare? Che faccio, ballo e canto pure io? E vuol dire che ora ballo e canto!
SANTA – Ma iù a chistu no’ capisciu!
NUNZIA – Vardati chi sorti di cristianu...!
TANO – Vicenzu... successi cosa?
(Nessuna risposta)
SANTA – E allora? Chi ti cascò la lingua?
NUNZIA – E allora?
VINCENZO – E allora! Allora non so più dove sbattere la testa! La mula...
SANTA – Ma insomma, te le dobbiamo tirare con le tenaglie, le parole?
TANO – Un poco di pazienza, Gna Santa! (A Vincenzo) Che ci ha la mula?
VINCENZO – Non lo so. So solo che è malata e non può lavorare. Penso proprio che sta morendo...
SANTA – Arrivò il medico di levante! Che ne sai, tu, se sta morendo?
VINCENZO – Io non quella mula ci passo tutta la giornata! Ci parlo, pure! E volete che non capisco quando sta bene e quando sta male?
SANTA – E si ci parri, perchè non ci domandi che si sente?
VINCENZO – Io mi danno l’anima e voi ci scherzate! Il fatto è che Nostro Signore ha deciso di mandarmi tutte le disgrazie di questo mondo! Una appressu all’altra! Prima il raccolto, poi la mula... e ora...
NUNZIA – Il Signore, invece, vi dovrebbe fare cascare la lingua!
SANTA – Ma lo sai che stai bestemmiando, grandissimo ignorante?! Certe cose non si debbono nemmeno pensare! Ma come, la Provvidenza ti manda un angelo del Paradiso e tu... ‘U sai chi ti dicu? Che non sei degno mancu di vardarla dda picciridda!
NUNZIA – Vincenzo, che è parlare da cristiani, questo? (Si segna) Patri, Figghiu e Spiritu Santu!
TANO – Ora, finitela! Non lo vedete che è disperato e non sapi chiddu ca dici? (A Vincenzo) Io lo so che stai passando um momento difficile ma sono sicuro che con l’aiuto del Signore, tutto si accomoda. Intanto pensa...
VINCENZO - ... alla mula che sta morendo penso! A quest’altra bocca che ho da sfamare, penso!
CARMINE – Vincenzo, io sono vecchio e nella mia vita ho passato troppe giornate brutte... Lo sai perchè sono riuscito a tirare avanti? Perchè ho sempre pensato che, per fortuna, Dio vede e provvede.
VINCENZO – Lassatimi stari, Zu Carmine ch’è meglio!
CARMINE – Invece di fari ‘u pazzu, ascutami. Iù no’ sacciu qual è il male della tua mula... ma te l’ho detto: sugnu vecchiu e n’haiu sintutu tanti! Forse una speran-za c’è- Dimmi ‘na cosa: la mula si può muovere, può ancora camminare?
VINCENZO – Sì, forsi. Ma... chi vuliti diri?
CARMINE – Portala alla fonte di Calascibetta.
SANTA – Veru è. Dicono che c’è un’acqua miracolosa...
CARMINE – Bagnala cù ‘st’acqua, la tua mula. Poi, scippa dalla coda un ciuffo di pelo e piantalo nella terra umida, vicino alla fonte. Questo devi fare e, forse, l’animale si salva.
VINCENZO – Accussì diciti e accussì fazzu. Che ci rimetto?
TANO – A tutto c’è rimedio nella vita. Solo dalla morte non si guarisce.
MARIA – (tira Vincenzo per la giacca) Vincenzo...! Vincenzo!
NUNZIA – (rimprovera la bambina) Non ci dare fastidio ai grandi...!
MARIA – Ma io volevo domandare una cosa a Vincenzo!
NUNZIA – E io ti sto dicendo di no!
VINCENZO – Lasciatela stare, Nunzia. Vieni qua, Maria. Che mi volevi domandare?
MARIA – Senti, Vincenzo... ora che sei diventato papà, sei contento, non è vero?
VINCENZO – Sì, sono contento.
MARIA – Anche se è una femmina?
TANO – Ma viditi quant’è sfacciata! (A Nunzia) Tu non ci dici nenti a tò figghia?
VINCENZO – No, no, Tano... che c’è di male? Ascuta, Maria... Tu si’ nica ma io so-no convinto che già cominci a capire tante cose... Vedi... Noi siamo dei poveri cristi... Io, tuo padre, tutti quelli di questo cortile... siamo contadini. La terra, da noi, è buona ma se tu non hai braccia per lavorarla e sudore per bagnarla, allora diventa cattiva. Mio padre, buonanima, lo sai che disse quando sono nato io? “Il Signore è stato generoso: me l’ha mandato maschio. Ora, speriamo che cre-sce sano e con due buone braccia pì travagghiari”. Questo disse mio padre. Di lui non ricordo un sorriso, una carezza... Ma non era cattivo, sai? E’ che non ci riusciva a sorridere... nessuno glielo aveva insegnato. Da bambino, anche a lui, gli avevano messo una zappa sulle spalle e gli dissero: “Se vuoi mangiare, vai a lavorare”. Non imparò mai a leggere e a scrivere. I suoi maestri furono la di-sgrazia, la fame e il patimento. Ecco perchè diventò duro come la pietra lavica. Lo sai, Maria, quando cominciò ad accorgersi di me? Quando io finìi di essere “carne di latte” – come diceva lui – e potevo finalmente lavorare la terra. Era orgoglioso di questo suo figliolo, capace di stare dodici ore sotto il sole, con la schiena curva e senza mai lamentarsi...
MARIA – E allora, pure tu volevi un figlio maschio. Ci sei rimasto troppo male che è nata una femmina?
NUNZIA – Ora basta, Maria! Se no ti faccio assaggiare il manico della scopa!
VINCENZO – Sono contento, invece. Maschio o femmina, è sempre una creatura del Signore...
MARIA – E poi, le braccia non ce l’hanno anche le femmine? Che sono queste?
VINCENZO – (ride) Veru è. Sono braccia pure queste. E quando arriva il loro turno, si metteranno a lavorare.
TANO – (a Maria) Avanti, signurina, vatinni a ghiucari cù Vanni, ora! (A Vincenzo) Su’ terribili ‘sti picciriddi: chiddu ca pensanu, diciunu!
CARMINE – Una bella abitudine che con l’età andiamo perdendo, purtroppo!
VINCENZO – Oh! Chi è ‘stu martoriu? Avanti, continuate a cantare! ché anche a Lucia ci fa piacere! Forza, Nunzia, Gna Santa...! Cantate! Sono sicuro che il Signore non ci abbandona. Oggi è lu luni, dumani lu marti! 
CATERINA – Vincenzo! Come la chiamerete ‘a picciridda?
VINCENZO – Non avete detto che è un bocciolo di rosa? E allora, se Lucia è d’accordo, si chiamerà “Rosa”! (Via)
(Tutti cantano allegramente)
‘Nu raggiu di suli trasiu in casa...
Raggiu splinnenti di nomu “Rosa”!
‘Stu bellu ciuri, ciuriddu di sita
sbocciò ‘nta lu giardinu di la vita!
Rosa, Rusidda
varda lu munnu!
Vardalu ancora
finu a dda ‘nfunnu!
La terra e lu mari
lu suli e la luci
su’ roba tò
non t’u scurdari!
Varda lu cielu:
vidi dda stidda?
Chidda è la tò,
duci Rusidda!
Arridi, Rosa,
arridi, amuri!
E si la vita
non è tutta ciuri...
fa’ ‘na risata
e tira a campari!

(...E si continua a ridere e a scherzare...)
8 –
TANO – Gna Santa! Con la vostra voce e il vostro fisico, potevate fare l’artista!
(Tutti ridono)
NUNZIA – (a Tano) Mutu, vastasu!
TANO – E chi è ca dissi di mali?
SANTA – Beddu miu, schirzannu schirzannu, hai indovinato. Fino a qualche anno fa, io potevo cantare nei meglio teatri del mondo! Avevo un portamento...! (In modo piuttosto goffo, accenna un’andatura “leggiadra”, fra le risate e i lazzi dei presenti)
TANO – ‘A mossa!
SANTA – Ahu, e chi è? Pagastivu ‘u bigliettu? ‘A mossa faccilla fari a tò muggheri!
SALVATORE – Avaia, Gna Santa, una sula!
SANTA – Di quannu passò dda “cumpagnia di carrettu”, mi pari ca vi macchiastivu ‘u ciriveddu!
TANO – Curaggiu, gna Santa!
(Santa esegue una “mossa” alquanto improbabile che desta l’ilarità e gli applausi di tutti).
CARMINE – ‘A scafazzastivu, cummari Santa!
SANTA – Vui stativi mutu se no ci cuntu a tutti ca quand’eravate picciottu, volevate fare il ballarino!
NUNZIA – Chista è nova!
TANO – Daveru?
SANTA – Allura! ‘U ballarinu, malanova di iddu!
CARMINE – Il ballerino, sissignori! Che c’è da ridere? Col mio fisico me lo potevo permettere, una volta...!
SANTA – Quann’era giovane, ‘u zu Carmine era un manicu di scupa! Ora ca è vec-chiu, invece, è ‘na scupa senza manicu!
(Tutti ridono fino alle lacrime)
CARMINE – Chi siti spiritusa! Ora vi fazzu fari ‘na bella cumparsa, accussì vi passa ‘u spiritu! Avanti, vediamp si sapiti chista: “Beddu a vidiri, caru a ‘ccattari, si metti ‘nte’ manu e si lassa stari”. Chi è?
SANTA – L’anello. E ‘a cumparsa di Giufà ‘a facistivu vui! Vi ni fazzu una iù: “N’allarga d’arreri e n’accuzza davanti”.
CARMINE – Troppo facile: la strada.
SANTA – (delusa) Botta di sangu... ‘a ‘nsirtau!
TANO – E ora, signori e signore di questo onorevole vicinato, la mia consorte vi farà sentire una bella canzone! Attacca!
NUNZIA – (imbarazzata) Ca finiscila...
CATERINA – Forza, Nunzia!
TERESA – Avanti, cantati!
NUNZIA – Sono stanca... ‘n’autra vota.
TANO – Non ti fari priari ca iù ‘u sacciu ca a ttia ti piaci cantari!
(Nunzia canta)
Lu principi azzurru non l’aspettu cchiù
pirchì ‘ncuntrannu a ttia, truvai lu re.
Non hai mantellu, non hai cavaddu tu
ma lu tò regnu è granni cchiù d’un re!
Hai du’ vrazza c’abbrazzanu lu mari
Hai l’occhi ca cogghiunu lu cielu
Hai un cori ca mi fici innamurari
e la notti mi ripara da lu gelu...
Amuri, amuri, amuri
cù ttia vogghiu ristari
Amuri, amuri, amuri
cù ttia vogghiu cantari!
L’amuri non s’accatta
L’amuri non si vinni...
Ti cogghi all’intrasatta
comu ‘nu focu granni!
L’amuri è ‘nu tirannu
Ti teni incatinatu...
L’amuri è un ingannu
duci e desideratu...
Stringimi a ‘sti catini
Abbrazzami cchiù forti!
Tu si’ principiu e fini...
La vita e poi la morti!
(Tutti applaudono)
TANO – Mia moglie sì che può cantare nei meglio teatri!
NUNZIA – Ora basta... non mi faciti divintari russa...
VANNI – (bacia Nunzia) Che sei brava, mamma!
MARIA – (presa da gelosia attira l’attenzione di Nunzia) Mamma!... Mamma! (Ot-tiene il bacio).
9 –
(Rientra Vincenzo con la bambina in braccio. Tutti gli si avvicinano corridendo. Carmelo chiede di tenere per un pò la neonata. Vincenzo gliela porge. Car-melo la prende con estrema delicatezza ed ha gli occhi colmi di lacrime per la commozione. Si siede. Ammira rapito la bimba. Di tanto in tanto, alza lo sguardo verso gli altri e sorride compiaciuto. E alla luce delle sole lanterne che, intanto, tutti hanno acceso, cantano...)
Ninna nanna, ninna vo’
Dormi bedda, fai la vo’
Ninna nanna, ninna vo’
Dormi Rosa, fai la vo’...
Dormi dormi, cosa duci
Ca dumani spunta ‘a luci...
Ca dumani venu ‘u jornu
Senza peni nè frastornu...
(E mentre si spegne la “ninna-nanna”, ciascuno rientra lentamente nella propria casa. Vincenzo, per ultimo, riprende Rosa in braccio ed esce.
In scena, ora, alla luce della luna, solo Carmelo che sorride e volge gli occhi al cie-lo. Si sente, nel silenzio, il suono d’un lontano marranzano e il verso dei gril-li...
BUIO. 

10 –
(Le luci si riaccenderanno sulla scena vuota. Un suono sgangherato di fiati e per-cussioni esplode improvvisamente: è carnevale.
Urlanti e mascherati, si catapultano in scena Salvatore, Carmelo, Vanni – ormai cresciuto – Vincenzo e Tano. I primi tre indossano delle larghe brache, una sorta di turbante ed hanno il volto dipinto di nero; Vincenzo e Tano, invece, hanno qualcosa di simile ad una corazza ed un elmo. Tutti imbracciano dei lunghi bastoni).
TANO – Uomini e fimmini di questo cortiglio!
Nisciti fora che siete in periglio!
Li Turchi già sbarcaru alla marina!
All’armi! E damaccilli ‘nta carina!
VINCENZO – Allerta, Cristiani, nisciti fora!
Maomettani, arrivò la vostra ora!
(Ha inizio il comattimento coi bastoni)
SALVATORE – Vili cristiani cù li facci ianchi!
Sciruppativi ‘sta botta ‘nta li cianchi!
(Tutti gli altri, intanto, sono entrati in scena e, a gran voce, parteggiano per gli uni o per gli altri).
VINCENZO – ‘Mpari, curaggiu, un corpu cù la lanza!
Mentri iù, lestu, ci abballu sulla panza!
VANNI – Cumpagni, chistu troppu parra!
Damici ‘mbellu corpu di scimitarra!
TANO – Ahi, ahi! Mi dasti un corpu sulla testa!
VANNI – S’aspetti ‘mpocu ti fazzu la festa!
SALVATORE – Hau, ma chistu è forti, sacripanti!
Ci havi la forza di du’ liafanti!
VINCENZO – E ancora non ha’ vistu nenti, pidocchiu!
Dopu ‘stu corpu ti sputu ‘nta ‘n’occhiu!
TANO – ‘Mpari, li Turchi sunu cchiù di centu!
VINCENZO – Mutu e continua lu combattimentu!
SALVATORE – Ahi! Mi scunsintiu ‘u ciriveddu!
Ma chi havi ‘nte manu... un marteddu?!
CARMINE – (pone fine al “combattimento”) Firmativi, Turchi! Basta, cucinu! Ora ci voli ‘mbellu quartu ‘i vinu!
TANO – Bravo o Zu Carmine! Mi piacistivu!
SANTA – E mentri Carmine va pigghia lu vinu, iù portu supprizzata e picurinu!
VINCENZO – Gna Santa, siete la più meglio di questo cortile!
SALVATORE – La più meglio e la più bella!
VANNI – Si merita un bacio!
SANTA – Ca levati, un bacio! Quant’è lisciu!
VANNI – (la rincorre per strapparle il bacio) Un bacio solo, Gna Santa! (Finalmen-te la bacia e poi, rapido, le tinge il viso di nero, fra le risate di tutti)
SANTA – (che non s’è accorta dello scherzo) Chi su’ ‘sti risati?
CATERINA – Nonna, ora sì che siete bellissima!
SANTA – E pirchì?
CATERINA – Pirchì ora aviti un bel colore in faccia!
SANTA – Matri, c’addivintai russa?
TUTTI – No, niura! – Pari ‘na turca! – Ci manca sulu ‘u turbanti!
SANTA – (si tocca il viso e s’avvede del colore) Morti subbitania! (Rincorre Vanni che le sfugge) Si ti pigghiu...!
VANNI – A carnevale ogni scherzo vale e chi si offende...
(Si beve e si mangia in allegria)
VINCENZO – Gna Santa, dov’è Lucia?
SANTA – Vuole fare una sorpresa a tutti. Sta preparando un dolce per il carnevale. Havi di stamatina ca trafichia in cucina e non vuole essere disturbata. Mannò fora macari a mmia...!
VINCENZO – E ‘a picciridda?
SANTA – Rosa? E’ tutta contenta ca sta aiutannu a sò matri.
SALVATORE –Fimmini e masculi di lu vicinanzu, stativi muti! Attacca, Tanu!
TANO - (fra il cantato e il declamato) Chi havi la signuruzza / Chi cosa va cuntannu/ ca furria e va gridannu / ccà e ddà comu ‘na pazza?
NUNZIA – Vinisti? Ben turnasti / canazzu tradituri / Chist’è lu veru amuri / ca nesci e un torni cchiù? / Lassarimi dijuna / tri ghiorni sani sani! / Canazzu, veru cani/ mannaggia a quannu fu! / Lu cielu ti l’ha renniri / chiddu c’ha’ fattu a mmia / Speru ca t’haiu a vidiri / gridannu pì la via / e gridannu di ccà e di ddà: / “Cu’ mi la fa la carità?”
TANO – Pudda, la lingua accurziti! / Ti zitti sì o no?
NUNZI – E no, e no, e no! / Sempri ti dicu no!
TANO – Ma ci pensi, o caspitina / quannu nui erumu ziti? / Ti purtava ogni matina / li cusuzzi cchiù sapuriti: / e puma e nespuli e castagni / e li piridda ‘ncilippa-ti.../ E poi la calia a pugni a pugni / finu a che un ni vulevi cchiù!
NUNZIA – Ddi gran frutti sdisiccati! / Tutta roba di ittari! / Quattru mennuli arrappa-ti / boni sulu pì l’armali! / Ora, vatinni, tradituri! / Lassami sula e pazza! / Chi parri tu d’amuri? / Stattinni cù la tò razza!
TANO – Pudda, la lingua accurziti! / Ti zitti sì o no?
NUNZIA – E no, e no, e no! / Sempri ti dicu no!
TANO – Pudduzza, lu sai tu? / Iù sugnu priparatu... / Non ci pinsamu cchiù!
NUNZIA – Curuzzu, amuri beddu / mi lassi d’accussì? / E dammi un saluteddu / ‘Na paruledda... sì / Ricordati, curuzzu, / si tu si’ prioparatu / addiu... iù chianciu ccà. / Lu cielu ti l’ha renniri chiddu c’ha’ fattu a mmia / Tu veru non cunsideri/ quant’è la pena mia!
TANO – Pudda... tu m’ami ancora? / Si non m’ami, partirò!
NUNZIA – No, no, curuzzu, resta! / T’amu... non partiri, no!
TUTTI – E no e sì e no! / Sempri ‘stu cori è tò!
(Risate, applausi quindi cantano ancora...)
Curriti, curriti, cumpari!
E’ arrivatu lu carnalivari!
Nisciti, nisciti, cummari!
C’è lu nannu carnalivari!
Riditi e mangiati
Sunati e ballati
Cantati e satati
Lu nannu arrivò!
Lasagni e stufatu
maiali arrustutu
sasizza e sanceli
p’ tutti ci n’è!
Viniti, carusi, viniti!
Viniti tutti, puri li ziti!
Faciti la festa allu nannu
almenu pì ‘na vota all’annu!
11 –
(La presenza improvvisa della piccola Rosa, in lacrime, gela tutti...)
ROSA – Papà...!
VINCENZO – Rosa! Che è successo?
ROSA – La mamma... è caduta a terra! Non parla... non mi risponde...!
(Vincenzo, seguito da Santa e qualche altro, si precipitano in casa di Lucia. Carmelo si prende cura di Rosa che continua a piangere. Nel cortile è piombato un silenzio improvviso. Da lontano giungono i suoni e i rumori del carnevale. Poi, l’urlo di Vincenzo che squarcia quel silenzio).
VINCENZO – (voce f.s.) Lucia! Lucia!
ROSA – Mamma! (Vorrebbe correre in casa ma Carmelo la trattiene dolcemente)
SANTA – (entra scuotendo il capo, assieme a Nunzia) Gioia mia... comu si ni ivu...!
CARMINE – Ma che è successo?
SANTA – Il medico glielo disse che aveva il cuore debole ma chi poteva pensare che a quest’età... Gioia mia!
ROSA – Gna Santa! Che ci ha la mamma? Perchè stai piangendo? Gna Santa!
(Santa non sa e non può rispondere. Continua a piangere e ad abbracciare Rosa. Poi, interviene Teresa).
TERESA – Non è successo niente, Rosina, non ti preoccupare. La mamma si è sentita un poco male... ma ora ci passa...
TANO – (entra, particolarmente turbato) Povera Lucia! Lo sapete che penso, Gna Santa? Che siamo come le foglie secche... quannu cascanu dall’arvulu! Ognu ca passa li pirìa, li scafazza... senza mancu taliarli. E poi il vento completa l’opera: ‘na sciusciata e via! E non resta cchiù nenti!
SANTA – Io, invece, penso che in ogni cosa c’è la volontà di Dio.
TANO – Dio?! E come può permettere Dio ca ‘na picciridda crisci senza madri? Ma quali Diu?
SANTA – Non si bestemmia, Tano! Mai! Queste cose non si dicono ché si fa peccato mortale!
TANO – Una vita ca s’astuta a trent’anni è peccato mortale, Gna Santa! (Via)
ROSA – (s’avvicina a Santa) Voglio vedere la mamma. Voglio vedere se si sente meglio...
SANTA – E certo che sta meglio. La mamma sta riposando...
ROSA – Non mi dici una bugia? 
(Santa fa cenno di no)
Ora sono contenta. Zu Carmine, mi cuntati qualche favola?
CARMINE – (a stento frena le lacrime) E no, Rusuzza, non si può, per ora...
ROSA – E perchè?
CARMINE – Varda lu cielu e dimmi se c’è la luna.
ROSA – No che non c’è. Ancora è giorno e la luna non si vede.
CARMINE – Brava. Di giorno, la luna non si vede. Accussì sunu li cunti: di giorno non si sentono. Hai voglia, tu, a contarli e ricontarli. Ti puoi mettere anche a gridare... Nuddu li senti.
ROSA – Perchè?
CARMINE – Pirchì sunu cunti ‘nfatati. Però, di sera, quannu ‘a luna manna sbrizzi d’argentu, allura iddi si fanno sentire...
ROSA – (sospira) E allora vuol dire che aspettiamo la luna.
CATERINA – Vieni qua, Rosa, veni cù mmia che ti faccio assaggiare i biscotti coi fichi secchi, chiddi ca piaciunu a ttia... (Via con Rosa)
SANTA – (a Nunzia) La notti passata, prima di addormentarmi, ho sentito la gallina cantare e subito dopo, ‘na priula che si lamentava... Erano brutti segni e ora ho capito che cosa significavano.
NUNZIA – Nuzzintedda... se n’è andata senza viatico.
SANTA – Il viatico? Dd’anima santa era già in pace cù tutti: cù l’omini e co’ Signu-ruzzu.
(Rientrano Caterina con Rosa che mordicchia un biscotto. La bimba si ferma ad osservare Nunzia. Poi, porge a Caterina quel che resta del biscotto)
ROSA – (a Nunzia) Perchè ci hai gli occhi rossi?
NUNZIA – E’ ‘u ventu... Tira un brutto ventaccio, oggi... (Pausa) Senti, Rosa, glielo vuoi dare un bacio alla mamma? Così idda continua a dormire tranquilla...
ROSA – Certo che voglio.
NUNZIA – E allora andiamo. (Via con Rosa. Caterina le segue)
SANTA – Sta scurannu. ‘Sta iurnata scurò prestu.
CARMINE – Troppu prestu... Gna Santa.
(Entra Vincenzo, sorretto da Tano)
VINCENZO – Pirchì, Signuri? Ma unni siti, Signuri? Dov’è la vostra misericordia? Iù non vi canusciu!
TANO – Calmati, Vice’...
VINCENZO – Tutta la mè vita l’haiu passatu ‘nchiuvatu ‘nta ‘na cruci, comu a Cri-stu! E vui, ca vi chiamanu Diu d’amuri, mi chiantati ancora chiova! Un angilu v’arrubbastivu!... che era tutta la mia vita...!
SANTA – Basta... Basta, ora.
VINCENZO – (cade in ginocchio) Pigghiativi macari a mmia, ora! ‘Sta grazia vi dumannu! Pigghiatavilla ‘sta vita mia disgraziata!
SANTA – ‘U Signuri ‘u sapi chiddu c’ha fari. Noialtri, inveci, semu nenti! Vampug-ghi, semu! E nelle carte di Nostro Signore non ci possiamo leggere!
VINCENZO – Chi ci campu a fari, Gna Santa? 
SANTA – Stai facennu piccatu, Vincenzu! A tò figghia non ci pensi? A dda piccirid-da innocenti? Oppuri priamu a Diu ca si pigghia macari a idda?
(Vincenzo, le mani tra i capelli, s’accascia in un angolo: Le donne iniziano le pre-ghiere...)
SANTA – Ave Maria...
LE ALTRE – Santa Maria...
(Intercalano con “Centu milia e centu. E ludamu lu Sacramentu”. “E sempri sia lodato Nostru Diu Sacramintatu”)
ROSA – (entra) Sssttt... Non faciti vuci. Papà, la mamma si è addormentata. Zu Carmine!
CARMINE – Dimmi, Rusuzza.
ROSA – (indica il cielo) Ora la luna c’è. Lu cuntu si può sentire, ora.
CARMINE – Sì. Ora, sì.
ROSA – E allura, cuntati. Però... piano piano, se no la mamma si sveglia...
CARMINE – Si cunta e s’arricunta che una volta c’era una regina buona come il pane e bella che pareva il sole. Viveva felice con il re, suo marito e con la figlioletta, una bambina che sembrava un angelo del Paradiso, di quant’era aggraziata. In-somma, quello era un regno felice. Ma siccome la felicità, in questo mondo, non esiste o dura poco, successe che un brutto giorno, la bella regina si amma-lò. Il re fece venire i dottori più famosi della terra ma non ci fu niente da fare. La regina, ancora nel fiore degli anni, era destinata a morire di lì a qualche set-timana. Immagina la disperazione del re e di tutti i sudditi. Chi piangeva, chi gridava, chi se la prendeva anche col Padreterno. Tranne lei, la regina, che non aveva paura di morire e aspettava quel giorno con santa rassegnazione. Solo un pensiero la intristiva: il pensiero di lasciare la figlioletta, ancora troppo piccola per vivere senza la presenza della mamma. Allora, la regina, con tutta l’anima, si rivolse alla Madonna: “O Madonna, io sto per morire e sia fatta la volontà di Dio ma come posso abbandonare la mia bambina? Come farà senza di me?” E la Madonna – che è mamma pure lei e perciò capisce queste cose – le apparve e le disse: “Non devi essere triste perchè tu, dal Paradiso, potrai vederla sempre e ogni notte la verrai a trovare in sogno”. E la regina, contenta, chiuse gli occhi e volò in cielo. Da quel giorno, per merito della Madonna e di quella regina, tutte le mamme che se ne vanno in cielo possono badare ai loro figlioletti... da lassù, dal Paradiso e tutte le notti vengono a trovarli per ridere e giocare insieme.
ROSA – (con le lacrime agli occhi) Non mi piace questa favola.
CARMINE – E perchè, Rusidda?
ROSA – Perchè mi fa venire da piangere.
(Le campane suonano l’Ave Maria. Rosa canta...)
Scinni la notti supra lu tettu...
Scinni la notti supra lu cori...
Scuru mantellu ca porta rizzettu
a cu’ chiudi l’occhi... a cu’ si ni mori...

CORO – Ave Maria... Ave Maria...
Ave Maria... Ave Maria...

Si senti lu chiantu di ‘npicciriddu...
Chianci lu ventu arreri li porti...
‘Na stidda trema, lu cielu è friddu...
... e mura mura, passa la morti...

CORO – Ave Maria... Ave Maria...
Ave Maria... Ave Maria...



SIPARIO



ATTO SECONDO
(Stesso cortile del primo atto. Sono passati alcuni anni.
E’ l’alba. In scena, Carmine, seduto sulla soglia di casa. Salvatore e Carmelo, dopo aver salutato le rispettive mogli – Caterina e Teresa – si avviano al lavoro. Da lon-tano, si sente un canto...).
Semu di terra e alla terra a tutt’uri
la sorti nostra ni chiama e ni voli...
La terra assuppa li nostri suduri
Vita ni duna e cunotta lu cori.
Semu di terra, criaturi di Diu
Semu di terra e zappamu la terra
Supra ‘sta terra la semenza abbìu
Semu di terra, figghi di la terra...
VANNI – (entra, zappa in spalla, e si avvia verso la Comune) Vossia benedica, zu’ Carmine!
CARMINE – Oh, Vanni... si va all’antu di bon’ura, ah?
VANNI – L’omini di l’opira m’aspettanu ‘nta chiazza. E’ ura di mettiri manu. La iurnata, cù la grazia di Diu, cumincia.
CARMINE – Cù la grazia di Diu. E tò patri? Com’è che non veni cù ttia?
VANNI – Dice che deve scendere in città pì ‘nsirvizu. Vossia benedica. (Via)
CARMINE – Santu e binidittu.
(Si risente qualche verso di “Semu di terra...”.
Entrano Nunzia e Tano).

2 –
NUNZIA – TANO – Buon giorno, zu Carmine.
CARMINE – Buon giorno. Vi vedo un poco ‘nfruscati... Chi c’è cosa?
TANO – No, niente... E’ ca a mè muggheri, ogni tanto, ci veni ‘mpinseri novu.
NUNZIA – Cu’ è matri comu a mmia, cunsidera.
CARMINE – A ‘mprisa ca si tratta di Vanni?
TANO – E chi faciti, ‘u mavaru?
NUNZIA – Cù vossia mi pozzu cunfidari. Vi ho sempre considerato unu della mia famigghia... Mè figghiu Vanni è cangiatu.
CARMINE – Me ne sono accorto.
NUNZIA – Ha le smanie, non parra... Havi due domeniche che non mi consegna cchiù ‘a simanata... E, senza dirmi niente, s’accattò puri un birrittu novu!
TANO – Ora, io, zu Carmine, ho cercato di farici capiri a mè muggheri che i figli crescono, si fanu granni... Mè figghiu è stato sempre un carusu obbediente, as-sennato, lavoratore... E, parrannu cù vossia, io pensavo che doveva essere il ba-stone della nostra vecchiaia. Ma che si vuole fare? Il dente del giudizio oramai gli è spuntato da un pezzo e la barba pure. Ha tutto il diritto di farsi una fami-glia, no? Glielo vogliamo negare? L’importante è che si accasa cù ‘na bona ca-rusa... mi spiego?
NUNZIA – La moglie a mio figlio ci ‘a trovu iù! E prestu, prima ca mi cummina qualche maccu cù ‘na strafallaria qualunque!
CARMINE – Scusatemi... Se mi posso intromettere... Se vi pozzu diri la mia opinio-ni...
TANO – Ca certu.
NUNZIA – E ci mancassi.
CARMINE – La mia impressione è che Vanni ci ha già pensato con chi si deve acca-sare. E di ‘mbellu pezzu.
NUNZIA – Daveru?
CARMINE – E perciò mi pari inutili che vi affannate a truvarici ‘na muggheri... Tan-tu, iddu se l’è scelta pì cuntu sò.
TANO – Vossia è sicuru? (A Nunzia) E tu non sai mai nenti! (A Carmine) E cu’ è?
CARMINE – Rosa.
TANO – NUNZIA – Rosa?!
CARMINE – Ma si ‘u sannu tutti? Solo voialtri ancora non ve n’eravate accorti!
TANO – Di che cosa mi dovevo accorgere, io, zu Carmine? Iù a travagghiari pensu! Semmai, mè muggheri ca pari sperta... (A Nunzia) Mi pari ca tu divintasti orba e surda!
NUNZIA – Nuzzintedda di mia! E che ne potevo sapere? Hannu cresciutu sempri ‘nsemi tutti dui... comu frati e soru...
CARMINE – E siccomu non sunu frati e soru...
TANO – Personalmenti... a mmia... Insomma, a mmia Rosina mi piaci.
NUNZIA – Si è pì chissu, macari a mmia. Anzi, sugnu propriu cuntenta! E’ ‘na caru-sa d’oru... un vrazzu di mari, veramenti...
TANO – Avanti, visto che le cose stanno in questa maniera, viri c’ha’ fari e spurug-ghiti.
NUNZIA – (emozionata e confusa) Ah? E certu. Ora parru cù sò patri.
TANO – Tu? Facci parrari d’a Gna Santa. Mi sembra più giusto.
NUNZIA – Hai ragione. E’ ca mi sentu un pocu frasturnata. Matri, chi sugnu cunten-ta!
TANO – Calmati, ora, ca non t’ha’ maritari tu! Avanti, quantu mi spirciu. Ni videmu cchiù tardu. Salutamu, zu Carmine! (Via)
CARMINE – Addiu, Tanu. 

3 –
NUNZIA – Me lo sapete dire pirchì mi sentu accussì nirvusa?
CARMINE – La spiegazione c’è.
NUNZIA – Sì?
CARMINE – ‘A prima t’a maritasti. ‘U secunnu t’u sta’ maritannu... e dunque ti stai accorgendo ca diventi vecchia. E ‘stu fattu ti fa stari nirvusa. (Ride)
NUNZIA – E pacienza, no? Comu si dici? “Cu’ campa, vecchiu si fa”! A proposito, zu Carmine, si può sapere pirchì vossia non si vosi maritari?
CARMINE – Pì non divintari nirvusu comu a ttia. Senza figghi, senza pinseri e senza coliri, come vedi, sono arrivato alla bellezza di novant’anni, friscu e tranquillu.
NUNZIA – Sì, va beni, vah...! (Bussa alla porta di Gna Santa) Gna Santa! C’è per-messo?
SANTA – (voce f.s.) Trasi, Nunzia!
(Nunzia, via)

4 –
(Entra, eccitata, Teresa)
TERESA – Buon giorno. Novità, stamatina, vero?
CARMINE – Novità? Chi novità?
TERESA – Avanti, non facissi finta ca non sapi nenti. Ho sentito tutto.
CARMINE – Ah, sì?
TERESA – Senza volere, naturalmente. Ero vicino a’ finestra e senza volere...
CARMINE - ... e senza volere, non ti pirdisti ‘na virgola! Certu ca ‘nta ‘stu curtig-ghiu farisi i fatti so’ è comu fari piccatu mortali!
TERESA – Bih, comu ‘a sta facennu tragica, vossia!
CARMINE – Comunque, questi sono affari che non ci debbono riguardare. Giusto?
TERESA – Giustissimo. Sono d’accordo. (Chiama a gran voce) Caterina! Caterina!
CATERINA – (entra) Che c’è?
TERESA – Cose grosse! Vanni e Rosa... (Continua a bassa voce)
CARMINE – E menu mali che era d’accordo! Ah, li fimmini...!
(Teresa e Caterina si avvicinano all’uscio di Rosa)
CATERINA – TERESA – Rosa! Rosina!
ROSA – (si affaccia alla porta) Che c’è? C’aviti?
CATERINA – Novità!
ROSA – Novità? Ma... perchè non entrate?
TERESA – Che c’è tuo padre?
ROSA – Ma perchè, se c’è lui non potete entrare?
CATERINA – No, no, no! Vieni, è meglio che parliamo fuori! Vieni qua!
ROSA – (chiude la porta alle sue spalle e si avvicina alle due) E allora, mi volete spiegare...
CATERINA – (la bacia, imitata da Teresa) Auguri!
ROSA – Ma perchè, che cos’è, oggi?
CATERINA – Oggi? Un giorno bellissimo!
TERESA – Ti dico solo una parola. Anzi, un nome...
CATERINA – TERESA – Vanni! 
ROSA – (in imbarazzo) Ma... che significa...? Io...
TERESA – Che fai, diventi rossa? (L’abbraccia con tenerezza) Gioia mia! 
CATERINA – E allora, la vuoi sapere la grande notizia o no?
TERESA – In questo preciso momento, Nunzia sta discutendo con la Gna Santa...
CATERINA - ... sulla richiesta di matrimonio a tuo padre! 
ROSA – (piange e ride di gioia) Io... moglie di Vanni?!
CATERINA – Sei contenta? Ti piace, Vanni?
ROSA – Se mi piace? Vanni è la mia vita! Però non credevo... non pensavo che così presto... (In uno slancio di gioia, abbraccia le due donne) Vi voglio bene! (Corre ad abbracciare anche Carmine) Zu Carmine! ‘U vogghiu beni!
CARMINE – A cui?
ROSA – A vossia! Vi vogghiu beni a tutti! Mi avete fatto nascere, mi avete cresciu-to...! Ti ricordi, Caterina? Mi facevi mangiare sempre i biscotti coi fichi secchi e una sera... mi venne un gran mal di pancia! E... Teresa! Ti ricordi di quella volta quando mi portasti a raccogliere ciliege? Io cascai dall’albero ma non mi feci niente. Tu, invece, eri svenuta dallo spavento e ho dovuto chiamare ‘a Gna Santa! E vossia... Vossia che mi raccontava le favole... Lu cuntu di la regina... Si ricorda? Io, ‘nta ‘stu curtigghiu, se Dio vuole, voglio continuare a viverci per altri cento anni!
(Rosa canta)
Vardu lu cielu e vidu lu suli
Vardu la terra e vidu li ciuri
Mi vardu attornu e vidu culuri
Sentu lu cori ca scoppia d’amuri!
Vola cori, tu vola cuntentu
Vola cantannu cù sintimentu
Abbrazzami ventu, abbrazzami forti
Sugnu cuntenta di chista sorti!

Iù ti preiu, Gesù miu
Fammi viviri felici
Iù ti preiu, Granni Diu
E ‘st’amuri benedici.
Oh, Dolcissima Madonna
Pruvvidenza pì campari
Sulu chistu vi dumannu
E ‘nu figghiu da vasari!
Gesù caru binidittu
Manna gioia a tutti e a mmia
‘mpezzu ‘i pani duru e schittu
Ma tanta paci... e così sia.

5 –
(Entrano Santa e Nunzia. Alla loro vista le tre donne si dileguano rapidamente).
SANTA – Ma chi è tutta ‘st’agitazione, oggi?
CARMINE – Unni ci su’ fimmini, c’è confusione!
SANTA – E unni ci su’ vecchi, c’è mortoriu!
NUNZIA – E poi, comu si dici? “Unni c’è resta, c’è festa”, no?
SANTA – Dunque, Nunzia, semu d’accordu, figghia. Ci parru iù con Vincenzo.
NUNZI – Io lo so che è dovere delle madri contrattare il matrimonio ma visto che Rosina ‘a matruzza non ci l’havi, pinsai di disturbari a voi che siete la persona giusta p’accumudari ogni cosa.
SANTA – Non mi costa nenti, ti dicu. Vi ho visto nascere a tutti, ‘nta ‘stu curtigghiu e quello che faccio per voialtri, lo faccio col cuore.
CARMINE – Non c’è stato un solo matrimonio, qua, unni non ci ha trasutu ‘a Gna Santa. Di rittu o di chiattu...
SANTA – Cù la bona parola, sempri!
NUNZIA – Sempri. Le cose, io, non me le scordo. Quannu fu pì mè figghia Maria, si non era pì vui... Cù dda testa dura di mè maritu sulu vui ci putistivu cummattiri e cunvincillu a falla partiri. Ci l’haiu luntanu, è veru, ma sacciu ca è cuntenta, ca non ci manca nenti, ca si voli beni cù sò maritu... e chistu mi basta.
SANTA – I cosi giusti: si pigliò ‘mbellu partitu, Mariuzza! ‘A roba c’è e l’amuri ma-cari. Ora, si voli Diu, circamu d’abbissari a Vanni e Rosa.
NUNZIA – Sempri cù la grazia di Diu. Mi ni trasu. Vui quannu siti comodo, parrati cù Vincenzu...
SANTA – Quannu sugnu comoda? Ci parru subitu, senza perdiri tempu.
NUNZIA – Tante grazie, Gna Santa. Vi sono obbligata. (Via)

6 –
SANTA – Eh, sì. ‘Sti cunfetti si debbono mangiare presto, se no i carusi si squetano e ni cascanu malati...
CARMINE – I picciotti non sanno aspettare, si sapi.
SANTA – I picciotti non “possono” aspettare, caru zu Carmine! (Pausa) Vincenzo s’ha vistu, stamatina?
CARMINE – No. Ancora non l’haiu vistu nesciri.
(Ancora molto eccitate, rientrano Teresa e Caterina)
CATERINA – Nonna, virissi ca Vincenzu è intra.
TERESA – Sì, intra è.
SANTA – E a vuatri chi v’interessa?
CATERINA – No, nenti... Siccome penso che ci dovete parlare...
CARMINE – Havi di stamatina ca fannu comu li signi!
TERESA – E... quand’è che Vanni ci porta il nastro rosso a Rosa?
SANTA – (sorride) A te quando lo portò Carmelo?
TERESA – E cu’ ci pensa cchiù?
CATERINA – ‘A ‘nsinga si porta all’appuntamentu, no?
SANTA – Caterina s’u riorda, ha’ vistu? Avanti, ora facitimi fari ‘st’ambasciata.
CATERINA – Certu. Si spirciassi, nonna!
SANTA – Bih! Ma ci ‘a vuliti finiri tutti dui? Ma vardati chi su’ beddi, oggi! (Si av-via alla porta di Vincenzo) Vincenzo! O Vincenzo!
VINCENZO – (si affaccia) Gna Santa, c’avemu? Aviti cumanni?
SANTA – Quali cumanni! Se hai un poco di tempo, ti debbo parlare.
VINCENZO – Per voi, il tempo ce l’ho sempre. Accomodatevi.
SANTA – Grazie. (Mentre entra lentamente in casa di Vincenzo, si lamenta degli acciacchi) Ahi... Chi su’ brutti ‘sti duluri! E quant’è bella ‘a gioventù!
TERESA – (quasi a spingere Santa) Ca trasissi!
SANTA – (Le lancia un’occhiataccia) E quant’è caurulina... ‘sta gioventù! (Via, con Vincenzo).
CARMINE – E mentri ca ci sugnu mi ni trasu macari iù ca mi fazzu qualchi sirvizu. (Via)

7 –
(Teresa e Caterina cominciano a cantare...)
Rosa, lu tempu vinni di l’amuri
Vinni lu tempu tantu disiatu
Lassa li peni e scorda li duluri
Un ciuri ‘ntra lu pettu t’è sbocciatu
Grapi l’ucchiuzzi e cchiù non suspirari
Curri lu tempu, volanu li jorna
Cogghi ‘st’amuri e cchiù non piniari
La gioventù passa e non ritorna...
Cogghi l’amuri
a manu chini!
Cogghilu tuttu
non aspittari!
Curta è la vita
Longhi li peni
Cumincia la festa
ed è già finita!
Lu cielu è scuru?
Non c’è ‘na stidda?
No, non importa
bella Rusidda!
Fantasticari
e puri cantari
fannu la rima
cù lu verbu “amari”!
(Durante la canzone, la scena va trasformandosi. Vi si respira aria di festa. Dalla Comune, entrano – e si uniscono nel canto – Salvatore, Tano, Santa, Vin-cenzo, Nunzia e poi Carmine e Carmelo. Tutti, cantando, si adoperano ad addobbare la scena con festoni colorati. Finalmente entrano gli sposi: Vanni e Rosa. E al suono d’una “Fasola”, si brinda in allegria).
TANO – (a Vincenzo) Cumpareddu, ni ficimu vecchi! I “picciriddi” crisceru!
VINCENZO – Allura! E ora, mi tocca divintari puri nonnu!
SALVATORE – Muti! Tutti muti ché ora Vanni ci fa un bel discorso!
VANNI – (imbarazzato) Ma quali discorso...
(Carmelo fa dei cenni a Vanni)
TERESA – Carmelo ti vuole dire che il discorso, quando mi sposò, l’ha dovuto fare anche lui che non ha la parola... e non vuoi farlo tu? Lui, allora, lo fece coi ge-sti ma tu...!
VANNI – Ma io non so parlare... E poi, che posso dire? Che sono l’uomo più felice... del mondo... Che altro posso dire?
ROSA – Mio marito non sa che dire perchè è commosso, emozionato... Veramente pure a me trema il petto per l’emozione... E’ difficile trovare le parole. E’ diffi-cile dire quello che uno sente nel cuore. Ma io ci provo lo stesso. Papà, io ti ringrazio per tutto quello che hai fatto per me. Tu sei stato mio padre e anche mia madre. Hai sacrificato la tua vita per me. Non hai mai voluto riprendere moglie perchè, dicevi che la mamma, per te, non era mai morta. E la sua pre-senza, nella nostra casa, la sentivo pure io... nei momenti brutti, soprattutto... ma anche nei momenti di gioia. Sei stato tu, papà, ad insegnato che una perso-na finisce veramente di vivere solo quando è morta dentro il nostro cuore. Dico grazie anche a mio suocero che si è tolto il pane dalla bocca per dare a Vanni un piccolo podere. Io vi ringrazio a tutti... Siete voi la mia grande famiglia e io vi voglio bene. (Piange, commossa)
SANTA – (anch’essa in lacrime) Oh, oh! E che è? Invece di ridere, ci mettiamo a piangere? Zu Carmine, vossia nenti dici? Ca si smuvissi, no? Maliditta ‘a vic-chiania!
CARMINE – (si scuote e improvvisa) Un brindisi! Voglio fare un brindisi!
SALVATORE – Forza, zu Carmine!
VINCENZO – Vecchiu sì, ci ha diri ma ancora firrigno!
CARMINE – ‘Stu bellu vinu odora di lumìa. Un brindisi a ‘sta bella cumpagnia!
SANTA – Malanova! Si strapazzau! Ca si livassi! Muti! “Prima ca m’imbriacu. fazzu ‘na cosa: un brindisi a Vanni e Rosa!” Comu ci vaiu?
TUTTI – Benissimo! – Brava daveru! – Puitissa nata!
(Tutti bevono. La musica copre il vocio dei presenti. Cala la sera. Gli sposi vanno in casa, fra lo schiamazzo generale. Via, Vanni e Rosa. Carmelo corre a prendere una chitarra. Il vecchio Carmine canta una serenata in onore dei due novelli sposi).
Chi notti duci e lucenti
Chi oduri ‘i gelsuminu
Notti fatta pì l’amanti
Pì du’ cori e ‘nu destinu...
La luna penni d’o cielu
Misteriusa, ianca lanterna
Ca sciogghi o’ cori lu gelu
Ca gira lucenti, eterna...
Trimulia lu firmamentu
‘nto silenziu di stanotti
‘Na cascata tutta argentu
Chiovi lenta su li tetti...
L’acidduzzi su’ curcati
Li finestri sunu chiusi
Du’ labbruzza ‘nnamurati
Su’ trimanti, sunu schiusi...
(Lentamente, buio).

8 –
(Le luci si riaccendono sulla scena vuota. Un momento dopo, si apre un uscio ed entra Vanni che, rapido, si dirige verso la Comune. Sulla soglia di casa, ap-pare anche Rosa).
ROSA – Vanni!
VANNI – (si arresta) Torno subito.
ROSA – (gli si avvicina) Stai attento. Ho paura.
VANNI – Paura? E di che?
ROSA – Non lo so. Ho brutti presentimenti...
VANNI – (l’abbraccia) Babba ca si’! Che sono ‘sti discorsi, ora? Don Anselmo non sarà un santo ma non è nemmeno cattivo. Se gli dico di aspettare qualche mese, sono sicuro che me la concede la proroga.
ROSA – E se ti dice di no?
VANNI – Non mi dice di no.
ROSA – Ma se ti dice di no, mi prometti che resti calmo? Che non fai imprudenze?
VANNI – Non ti preoccupare. Se mi dice di no, giro le spalle e me ne torno a casa. Va bene?
ROSA – Non glielo dovevi chiedere quel prestito...
VANNI – E come facevamo, Rosa? Senza gli attrezzi, come la lavori la terra, con le unghia? E anche dell’asino abbiamo avuto bisogno...
ROSA – ‘U sacciu. Solo che ora...
VANNI – Don Anselmo una mano gliel’ha sempre data ai poveracci come a noialtri. Io ci ho fiducia.
ROSA – E io, invece, no. Tutti lo conoscono ‘nto paisi. E’ vero, i soldi li presta ma con interessi da usuraio.
VANNI – Tu lo sai com’è la gente. Parla, parla... ma poi, la verità valla a sapere qual è. E comunque, da me si sta pigliando solo gli interessi giusti. Ora famminni i-ri. Vedrai che tutto si accomoda. (La bacia e si avvia) A più tardi, Rosina! (Via)
ROSA – La Madonna t’accompagni.

9 –
(Si ode, da lontano, una banda musicale paesana. Il vocio indistinto d’una proces-sione. E’ il Venerdi Santo. I fedeli seguono il Cristo morto. Rosa, nei pressi della Comune, guarda il marito che si allontana. I suoni della processione vanno avvicinandosi. E’ il crepuscolo. Il corteo religioso scorre davanti al cortile. In scena, tremolio di luci per il passaggio di fiaccole. L’ombra della Croce si dovrà stagliare, per qualche istante, sul palcoscenico).
ROSA – (in ginocchio e a mani giunte) Gesù! Tu che sei morto per noi! Ca t’inchiuvaru in cruci come un brigante...! In questo Santo Venerci, ti prego, non ci abbandonare! Padre Nostro...
(La musica della processione coprirà la voce di Rosa che recita la preghiera.
Lentamente, buio).

10 –
(Un momento dopo, le campane in festa annunciano la Pasqua. Uno alla volta, gli usci si aprono e uomini e donne si buttano in ginocchio).
TUTTI – Abburisciu! ‘U Signuri abburisciu! – Viva Gesù! – Gesù Cristo è risorto! – Alleluia! – Alleluia!
(Tutti si scambiano gli auguri e si baciano).
SANTA – Avanti, carusi, ‘a Santa Missa sta niscennu, spirciamini! Zu Carmine, vos-sia veni cù mmia! (Via, assieme a Carmine)
CATERINA – Teresa! Sei pronta?
TERESA – Mi pigghiu ‘u scialli e vegnu!
TANO – Nunzia!
NUNZIA – Vegnu!
SALVATORE – Forza, Carmileddu, facemu strata. I fimmini venunu pì cuntu sò. (E-scono assieme).
TERESA – Qua sono, amuninni. E tu, Rosa...?
ROSA – Aspetto a Vanni e a mio padre. Vi raggiungiamo in chiesa.
CATERINA – Non faciti tardu.
ROSA – No, no... Roba di qualchi minutu.
(Escono tutti. Rosa rimane da sola, nei pressi della Comune a spiare se arrivano Vanni e Vincenzo).
ROSA – Come mai ancora non si vedono? Dovevano fare un salto in campagna e tornare... Mi pigghiu ‘u scialli, accussì quannu arrivanu iddi, sugnu già lesta... (Via).

11 –
(Entra Anselmo il quale si avvicina lentamente verso l’uscio di Rosa che, nel frat-tempo, appare).
ROSA – (sorpresa) Don Anselmo?! Voi qua?
ANSELMO – Ti salutu, Rosa.
ROSA – Buon giorno. Mi dispiace, mio marito non c’è... Per la verità, doveva essere già di ritorno ma si vede che... Se volete, comunque, gli dico di passare da voi, nel pomeriggio...
ANSELMO – No, no, non c’è bisogno. Anzi, se parlo con te, è meglio. Non mi fai entrare in casa?
ROSA – (imbarazzata) Non certo per scortesia, don Anselmo... Voi lo capite... sugnu sula e...
ANSELMO – (ride) Chi ti pari ca ti mangiu?
ROSA – Non è per questo, che c’entra...
ANSELMO – (la osserva a lungo e sorride) Oggi è la Santa Pasqua. Non ci facciamo nemmeno gli auguri? (Le si avvicina per baciarla ma Rosa si ritrae energica-mente e le porge la mano)
ROSA – La buona Pasqua a voi.
ANSELMO – (trattiene la mano di Rosa nella sua) E la buona Pasqua anche a te. (Rosa, a fatica, si libera da quella stretta di mano) Dunque, dunque... (Tira fuori dalla tasca un foglio di carta) Lo sai che cos’è questo?
ROSA – E’ la carta che avete fatto firmare a mio marito. C’è qualche problema?
ANSELMO – (ridacchia) Altro che, figghia mia! Il problema c’è ed è grosso... quan-to il vostro podere!
ROSA – Allora è meglio che ne parlate con Vanni. Io non ci so leggere...
ANSELMO – Non è vero. Tu le cose le capisci mehhjiu di un masculu! E poi, lo co-nosci a Vanni. E’ un bravu carusu ma quando qualche cosa non gli va a genio, gli sale il sangue negli occhi e combina minchiate! Tu, invece, sei una picciotta assennata, con la testa sulle spalle... Insomma, se vuoi, ci possiamo mettere d’accordo, senza tirare in mezzo a tuo marito... (Le afferra la mano) Dipende da te.
ROSA – (si ritrae ancora una volta e con maggiore decisione) Non vi capisco.
ANSELMO – (le sventola il foglio in faccia) Non mi capisci? Eppure è così chiaro! Mi basterebbe presentare questa carta al giudice e, in due giorni, il tuo podere passerebbe nelle mie mani!
ROSA – E voi avreste il coraggio di fare un’zione come questa?
ANSELMO – Cara Rosa, gli affari sono affari. Quando Vanni firmò questa carta, a-veva tutti i sentimenti a posto. Sapeva bene quello che faceva: il podere a ga-ranzia del prestito.
ROSA – (con grande dignità) Non vi preoccupate. Noi, il nostro debito, lo paghiamo. A costo di mangiare pane e pane o di non mangiare neppure quello! Dateci un mese di tempo. Un mese solo. Che vi costa? O volete buttarci veramente in mezzo a una strada? Quel podere è la nostra unica ricchezza... lo sapete, no?
ANSELMO – Lo so. E non pensare che mi fa piacere. Quando sono costretto ad agire in questo modo, io, per primo, ci patisco. Non ci godo a vedere ‘na carusa bed-da comu a ttia finire in miseria...(Le afferra di nuovo la mano e gliela bacia, prima che Rosa possa staccarla)
ROSA – Dateci questo mese e ve ne saremo grati per tutta la vita!
ANSELMO – (ride) La gratitudine?! E che me ne faccio della gratitudine? Si man-gia? La metto sulla tavola a posto del pane, la gratitudine?
ROSA – Voi siete ricco... Il pane certo non vi manca.
ANSELMO – Rosa. Perchè non provi a ragionare? Perchè non vuoi capire? (Attira la ragazza a sè con violenza)
ROSA – (molto scossa ma reagisce con energia) Don Anselmo, io non voglio capire perchè non cè niente da capire! Se volete aiutarci, noi non possiamo che dirvi grazie. Ma solo grazie. E se, invece, avete deciso di rovinarci... grazie lo stesso.
ANSELMO – E perchè, ora, questo tono, babba? Se sono venuto qua, a parlare cù ttia, è segno che vi voglio aiutare... E’ segno che vi voglio bene... (Insiste nei suoi tentativi, tenta di accarezzarla ma senza fortuna)
ROSA – E allora aiutateci! Senza avere... pretese che offendono me e voi!
ANSELMO – Io non pretendo niente. Io affari faccio. E, secondo me, tu fai male a pigliarla in questo modo. Volevo solo evitarti di morire di fame...
ROSA – Non abbiate pensiero per me. La gente come me ci ha due pelli addosso. Una pelle per vivere, come ce l’hanno tutti, e un’altra per sopravvivere... per sopportare tutte le sventure...!
ANSELMO – (la stringe e l’accarezza nonostante la ragazza cerchi di svincolarsi) Io vedo solamente una pelle magnifica... morbida... profumata...!
ROSA – (ora ha davvero paura ma tenta di nasconderlo. Ancora una volta, si sottrae all’abbraccio) Finitela con questi discorsi! E andate a santificare la Pasqua con la vostra famiglia! Qua, voi, state perdendo tempo!
ANSELMO – (sventola nuovamente il foglio di carta) Lo vedi questo? Questo rap-presenta la vostra condanna a morte! Ma io non voglio essere il tuo carnefice! Sono pronto – ora, in questo momento! – sono pronto a strapparlo! A cancella-re ogni debito... per amor tuo! (La bacia)
(In preda al panico, Rosa corre verso la Comune ma Anselmo le sbarra la strada e l’afferra, ansimante).
Accontentami, Rosa! E Vanni non dovrà darmi neanche un centesimo! Niente più debito, Rosa, pensaci...!
ROSA – Accontentarvi?! Voi siete pazzo! Andatevene! E’ megghiu! E’ meglio per voi ed è meglio per tutti! Andatevene e dimenticherò ogni cosa!
ANSELMO – (in preda ad un’eccitazione crescente) No, non mi ni vaiu! Mi fai sali-re il sangue al cervello, tu! Lo sai che di notte ti penso sempre...? E immagino di fare l’amore con te... Ah, lo sai? (L’attira a sè con violenza)
ROSA – Lasciatemi! Siete un uomo senza onore!
ANSELMO – Ma non lo capisci che sto andando contro i miei interessi? Che sto ri-nunciando ad un mucchio di soldi per te? Per avere te! Perchè tu mi piaci, Ro-sa, mi piaci!
ROSA – (lotta furiosamente) Miserabile! Se arriva mio padre o mio marito, vi scan-nano! E io non voglio che si rovinano per uno come a voi! Per uno che non va-le manco uno sputo! (Scoppia a piangere disperatamente. In tono implorante) Lassatimi, don Anselmo, per carità!
(L’uomo non l’ascolta neppure. Le strappa il vestito e la spinge contro il muro).
ROSA – (urla con tutto il fiato che ha in gola) Mamma! Mamma! (Cade svenuta)

12 –
(In quel momento, entrano Vincenzo e Vanni)
VINCENZO – (un attimo di smarrimento) Rosa!
VANNI – (corre dalla moglie) Che t’ha fatto, Rosa? (La ragazza è ancora svenuta)
VINCENZO – (si scaglia su Anselmo, rimasto impietrito) Chi ci facistivu a mè fig-ghia? (Lo scuote) Parrati!
ANSELMO – (balbetta confuso) Niente... niente... 
VANNI – (si lancia con violenza su Anselmo) Quant’è veru Diu, v’ammazzu!
VINCENZO – (ferma Vanni) Pensa a Rosa, tu! Portala intra! A mè figghia pensa! Ché a ‘stu miserabili ci pensu iù! Vai, ti dico!
(Vanni torna da Rosa, la prende in braccio e la porta in casa. Via)
Don Anselmo Madonia! A quanto pare non vi basta più mangiare il nostro pa-ne e bere il nostro sangue! Non vi basta rubare la casa e la terra ai poveracci! (Lo schiaffeggia) Ora anche le nostre donne volete! Tutto vi volete pigliare, con la forza o con l’inganno. Tutto!
(Anselmo tenta inutilmente la fuga)
Unni iti? C’aviti primura? Oramai che siete venuto, che ci volete privare della vostra preziosa compagnia...? E mi volete togliere il piacere d’ammazzarti?
ANSELMO – (impaurito) Ma che sei diventato pazzo? Io, a tua figlia, niente ci ho fatto! Domandalo a lei stessa, se non mi credi!
(Vanni, intanto, schiumante di rabbia, è rientrato. Vincenzo non si gira: ha sentito i passi).
VINCENZO – (con una calma sinistra) Vanni, entra in casa. Stai vicino a tua moglie. Non t’immischiare.
VANNI – Non mi devo immischiare?! Si tratta di mia moglie! ‘St’omu di nenti ha violentato mia moglie!
ANSELMO – Non ho violentato a nessuno, io! E ora, facitamminni iri... Tu e tuo ge-nero state rischiando la galera!
VINCENZO – (col tono di chi non ammette repliche) Vanni, vatinni.
(A malincuore, Vanni, via)
ANSELMO – Ero venuto per dare la risposta a Vanni... per la proroga che mi aveva chiesto... Poi... è stato solo per un momento: ho perso la testa. Lei... Lei faceva la civetta... Io sono un maschio... Non sono fatto di ferro... Ma non l’ho nem-meno toccata... Io un padre di famiglia sono...
VINCENZO – (gli sputa addosso) Siete un uomo senza Dio! Uno che ha venduto l’anima al diavolo per il denaro! (Lo afferra con violenza) Se siete un padre di famiglia, ditelo ai vostri figli da dove proviene il pane che si mangiano! Dite-glielo che siete un usuraio senza scrupoli! E ditegli che vi bastò l’animo di ve-nire a infangare la mia casa! A fare violenza supra a mà è figghia! (Gli assesta un pugno. Anselmo cade giù ma si rialza prontamente e tira fuori un coltello)
ANSELMO – Hai fatto male, Vincenzo, a non lasciarmi andare. No, a Rosa non l’avevo ancora toccata... ma, parrannu cù ttia, mi sarebbe piaciuto...!
VINCENZO – (accecato dall’ira, gli salta addosso) Bastardo! T0ammazzu!
(Durante la breve colluttazione, Vincenzo riceve una coltellata: Cade a terra ur-lando dal dolore. Si contorce).
ANSELMO – (inebetito) Iddu fu... Iddu fu... (Fugge via per la Comune)

13 –
(Entrano Vanni e Rosa che lancia un urlo. Entrambi corrono da Vincenzo, riverso a terra morente)
ROSA – Papà!
VANNI – Vincenzo! Parrati!
VINCENZO – (rantola) Rosa... (Volge lo sguardo al cielo e sussurra) Lucia... (Muo-re)
(Vanni – piangendo di rabbia e di dolore – corre dentro casa e torna in scena ar-mato di fucile. Si dirige verso la Comune...)
ROSA – No! Vanni, no! Fallo per me! Fallo per quel Cristo che oggi è risorto!
VANNI – (fra le lacrime) Lassami stari. Sangu chiama sangu!
ROSA – (si aggrappa al marito) A che serve la vendetta? Guardami! Ti prego, guar-dami. (Vanni gira il capo verso di lei) Non fare pazzie, Vanni. Se ammazzi a iddu, ammazzi macari a mmia!
(Si odono alcune voci concitate)
1 VOCE – Don Anselmo Madonia era ! Pirchì scappava?
2 VOCE – E ddi vuci?
3 VOCE – Ma chi successi?

14 –
(Entrano tutti in scena. Ciascuno andrà ad assumere una posizione plastica. Santa, Nunzia e Teresa vanno ad abbracciare Rosa; Tano e Salvatore sul corpo di Vincenzo; Carmelo verso Vanni; Carmine e Caterina guardano, sbigottiti, il corpo di Vincenzo. I personaggi entreranno in modo confuso e concitato ma, guadagnate le proprie posizioni, rimarranno fermi e in silenzio: come se il tempo si fermasse. Dal gruppo plastico, viene fuori, ora, Rosa che canta...)
Signuri ca scinnisti dalla cruci
Signuri ca patisti li duluri
Ascuta Signuruzzu la mè vuci
Ascuta ‘sta preghiera, Diu d’amuri...
Gesù, dammi lu rizzettu
Dammi la consolazione
E scippami da lu pettu
Chista granni afflizioni
Dammi forza pì campari
Sugnu o’ scuru, Gesù miu
Dammi luci pì vardari
‘Ntra la notti non ci viu
Dammi luci Gesù miu
Dammi paci mio Gesù...
(Interviene il coro degli altri. I personaggi, muovendosi in modo lento e controllato, canteranno)
Gesù, dammi lu rizzettu
Dammi la consolazione
E scippami da lu pettu
Chista granni afflizioni
Dammi forza pì campari
Sugnu o’ scuru, Gesù miu
Dammi luci pì vardari
‘Ntra la notti non ci viu
Dammi luci Gesù miu
Dammi paci mio Gesù...
(Lentamente, buio)

15 –
(Una domenica mattina. Vanni, pensieroso, è seduto sui gradini davanti casa. Pù in là, Carmine fuma la pipa e lo osserva. Da lontano, si sente abbaiare un cane, il cigolio d’un carretto che passa, il suono d’uno zufolo...)
CARMINE – Vanni...
VANNI – Ditemi, zu Carmine.
CARMINE – I vecchi... sulu i vecchi si avviliscono. I picciotti, no. Loro hanno san-gue buono nelle vene! E perciò hanno il dovere di lottare.
VANNI – E io sto lottando. Solo che mi sembra di non combinare mai niente di buo-no. E’ come se mi trovassi sempre davanti a un muro!
CARMINE –Dove c’è un muro, c’è anche un cancello o un varco... Secondo me, il tuo guaio è questo: ti fermi davanti al muro e non cerchi il cancello.
(Entra Carmelo. Fa un cenno di saluto ai due che rispondono. Poi, aiutandosi con la mimica, interroga Carmine: Che ha Vanni?)
CARMINE – Che cos’ha? Vanni sta scoprendo che la vita è dura. E lui ha paura di non farcela.
(Carmelo si accosta a Vanni e cerca di rincuorarlo)
VANNI – Ma che puoi fare contro i malicristiani e contro la cattiva sorte? Che puoi fare quando anche la giustizia ti dà torto? Se mio suocero è morto, la colpa è solo sua! Questo ha detto il giudice. Ddu sant’uomo di Anselmo Madonia si è difeso. Punto e basta. L’aggressione a mia moglie? La violenza? Ma che vio-lenza! E’ stata lei che civettava con quel padre di famiglia! Questo ha saputo dire il signor giudice! E devo pure ringraziare il Padreterno se Madonia non s’è ancora preso il podere!
ROSA – (entra sorridendo) Ma come... io m’ammazzo di fatica e tu te ne stai bello seduto a conversare tranquillamente...? (Gli dà un byffetto affettuoso)
VANNI – Oggi è domenica e mi riposo, no?
ROSA – E allora mi riposo pure io e oggi, anche se è domenica, non si mangia. (Gli siede accanto)
VANNI – Non ne ho voglia di ridere, oggi, Rosa...
ROSA – Io, invece, sì. (Vannila la guarda senza capire) E poi, non è piangendo che si risolvono i problemi.
VANNI – Ma che piangere! Io ci ho tanta di quella rabbia dentro che vomiterei lava!
ROSA – E nemmeno con la rabbia si aggiustano le cose.
VANNI – Se penso a tuo padre...! La colpa è stata mia!
ROSA – Ma che dici?
VANNI – “Non t’immischiare” mi disse! E io... io... bestia! Bestia che gli ho dato ret-ta!
ROSA – (lo bacia sulla guancia) Ora basta. Papà ha pensato, prima di tutto, a te e a me. (Pausa) E ora, me la vai a prendere un pò di legna, per favore?
VANNI – Ora ci vado. (Riflette) Ma... l’hai presa sempre tu, la legna. Perchè stavol-ta...?
ROSA – (sorride) Perchè tua moglie non si può affaticare.
VANNI – Stai male?
ROSA – Tistuni! Sono incinta!
VANNI – (raggiante) Incinta? Sei sicura?
ROSA – Sì.
(I due giovani si abbracciano felici.
VANNI – Zu Carmine! Vossia ha sentito? Rosa aspetta un bambino!
CARMINE – Un bambino? (Si commuove) Vieni qua, Rosa. (Rosa gli si accosta) La mia Rosina aspetta un picciriddu... ! (L’abbraccia) Carmelo! Avaja, gioia, ma chi si’ addurmisciutu?! Hai sentito o no? (Carmelo fa cenno di sì e mostra contentezza) Appunto, dico: sei mutu no’ surdu!
(Carmelo abbraccia Rosa)
(Sopraggiunge Tano. E’ euforico)
TANO – Salutiamo a tutti! Vanni e Rosa: vi porto buone nuove!
VANNI – Un’altra? Non ci posso credere!
TANO – E perchè, quali altre novità ci sono?
CARMINE – Caro Tano, ti sta’ facennu vecchiu! Ti fai capace che sei quasi nonno?
TANO – Nonno?! Rosa...? (L’abbraccia)
VANNI – Siamo in attesa!
TANO – (ride) Tutti e due?
VANNI – Accussì veni megghiu!
TANO – Veramente, ai miei tempi, era sulu ‘a fimmina che aspettava... Ma forsi è per questo ca unu (indica Vanni) non mi vinni bonu! 
(Tutti ridono)
E ora vi comunico qual è la bella notizia che porto io. Don Anselmo...
VANNI – (s’incupisce improvvisamente) Quel nome, oggi, non lo voglio sentire!
TANO – Aspetta... stai calmo... Se ti dico che è una buona notizia...! Mancu a mmia mi piaci ddu cristianu... però, visto che mi ha mandato a chiamare, io ci sono andato...
VANNI – E che voleva?
TANO – (tira fuori il famigerato foglio di carta) Mi ha dato questo. Certe volte suc-cede il miracolo: anche le persone peggiori di questo mondo si ravvedono e fanno qualche buona azione. Sarà stato il rimorso o forse il Signore l’ha illumi-nato, non lo so... Fatto sta che questa carta la potete strappare, mi ha detto. Non vuole più niente. Il debito te l’ha cancellato.
ROSA – (a Vanni) Hai visto? Hai visto che Dio non ci abbandona?
VANNI – (sorride) E’ il bambino che deve nascere a portarci fortuna!
ROSA – O... la bambina. Che ne sappiamo se è maschio o femmina?
TANO – Carusi, oggi è una bella giornata! Unni su’ i fimmini?
CARMINE – In Chiesa. Parteru prestu, stamatina. Per sentire la prima Messa.
TANO – Carmelo, amuninni! Andiamoci incontro! (Via, con Carmelo)
VANNI – (a Rosa) Ti vado a pigliare la legna! (La bacia e poi via canticchiando)

16 –
ROSA – Zu Carmine... mi posso sedere un momento qua? (Gli si accosta)
CARMINE – Ma certo. Sulu ca iù sugnu vecchiu e i vecchi non su’ di buona compa-gnia pì ‘na picciuttedda!
ROSA – Ma chi dici vossia? (Si siede accanto, così come faceva da bambina) Non c’è compagnia più bella di chidda d’o zu Carmine! Vossia si ricorda quando ero bambina e me ne stavo accoccolata a terra... e vossia mi raccontava i cun-ti...? (Carmine sorride) Sembra ieri. E invece, è passato tanto tempo... Sono successe tante cose... Se dicessi che sono del tutto felice, direi una bugia. Per essere veramente felice, lo sapete... Insomma avrei voluto che, ora, qua, ci fos-sero pure mio padre e mia madre... Come sarebbe stato bello! Non sono felice. Però sono serena. Questo, sì. Ho un marito che mi vuole bene e adesso ho que-sta creatura dentro di me... E dunque, devo stare contenta se no faccio peccato mortale. Non è vero?
CARMINE – Verissimo.
ROSA – Zu Carmine... vossia me lo fa un piacere?
CARMINE – Tutto quello che vuoi.
ROSA – (si siede ai suoi piedi) Me lo racconta ancora ‘u cuntu di la regina?
CARMINE – (la guarda con dolcezza. Sorride. Le accarezza i capelli) Si cunta e s’arricunta che una volta c’era una regina buona come il pane...
(La scena si rabbuia. Solo una luce su Carmine e Rosa. Si risente la canzone “Oggi è lu luni...” che copre la voce di Carmine. Poi, 


SIPARIO

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 18 volte nell' arco di un'anno