Ogni cosa o sò postu

Stampa questo copione

“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

Ogni cosa o sò postu

Commedia in tre atti

di

Santo Capizzi

Santo Capizzi

Cell. 347 80 60 577

santocapizzi1@alice.it

www.santocapizzi.it


1


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

Alla mia dolce nonna,

ultimo retaggio di un mondo

che purtroppo non esiste più.


2


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

Questa storia è semplicemente frutto della fantasia, pertanto ogni riferimento a persone, fatti e luoghi è del tutto casuale.

S.C.

Sinossi.

Una donna anziana, si ritrova a vivere la meschina esperienza dell’essere diventata per i suoi figli, esclusivamente una fonte di denaro. Soltanto una dei quattro figli, riserva per la madre cure amorevoli senza l’interesse di un tornaconto pecuniario. L’an ziana donna allora, con l’aiuto di una sua amica, si finge uscita di senno al fine di constatare quanto i figli riescano a tirare la corda. Ma la corda ad un certo si spezza e la donna decide di donare tutto quanto le resta all’unica figlia degna di questo nome.

Nota dell’autore

Il sorriso della senilità é come quello dell’infanzia, entrambi sereni racchiudono il mondo, l’uno la storia trascorsa l’altro quella che verrà. In mezzo ci sta l’uomo adulto con la sua vicenda presente totalizzante ed avvincente, con il sorriso abbandonato in un canto, trascurato durante l’affannoso tentativo di ascesa sociale; l’uomo che lotta, vince, perde e che spesso diserta la sfera degli affetti, eludendo i doveri filiali ritenuti inutile sperpero di tempo. Ma l’ultimo vestito é senza tasche e quando arriveremo in fondo alla nostra strada non conterà la pecuniaria ricchezza ma quanto amore abbiamo dato e quanto ne abbiamo ricevuto. Le case si fanno e si demoliscono, la nostra memoria resterà nel tempo.

SCENA UNICA


3


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

“Ogni cosa o sò postu”

Personaggi

Angelina

Mamma

Nella

Figlia Angelina

Lia

Figlia Angelina

Vito

Figlio Angelina

Nora

Figlia Angelina

Serena

Nipote Angelina

Za’ Cuncettina

Amica Angelina

Dottore Marletta

Medico di famiglia

Dottore Sapuppo

Notaio

Signor Fiorenza

Segretario (balbuziente) del notaio

Ragioniere Fisichella

Agente immobiliare

Garzone panettiere

Signor Macaluso

Antiquario


4


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

ATTO PRIMO

Solotto di una casa modesta. Una donna anziana sonnecchia seduta su di una poltrona.

Scena I

(Mamma, Nella, Lia, Serena,  Za’Cuncettina )

La porta d’ingresso viene aperta con eccessivo vigore; entra una donna entra e senza degnare di uno sguardo l’anziana si dirige verso un telefono.

MAMMA - (sobbalzando sulla poltrona)chi fu? Ci c’e’? Mattri Nella mi facisti veniri l’a ltarizzi a mamma!

Non poi trasiri cu menu impetu? Insomma tannicchia chiu’ duci!

NELLA - (in modo secco ed arrogante)muta statti e cecca di dommiri fozza!

MAMMA - e chi c’e’ bisognu ca ti patti di sta manera cu to mattri?

NELLA - (stizzita alza il tono della voce )ti dissi cecca di dommiri, ca gia’ a parratu assai. Anzi, ora stattimuta ca haju a fari na talefonata. Muta ah! Non diri mancu na parola!

MAMMA - (quasi fra se)vadda che bella chista va, talia chi m’haja a sentiri diri a me casa.Iddra sa fari na telefonata co me telefunu e ju m’haja stari muta.

NELLA - ancora stai parrannu, rimbambita!(Gridando)muta, basta!

MAMMA - meghiu ca m’appinnicu va. Talia chi vicchiania ca mi ni vinni; su non fussi pi me figlia Lia, suttaall’acchi da marina m’avissa timminatu.

NELLA - (cambiando tono e diventando smielata)carissima Margherita, bella mia, come stai?(Pausa)ma chefa ti disturbo? Sicura? Comu? A c’avevi u sugu supra… si, si cettu o arriminulu, t’aspettu ccà tranqui lla tesoru…no chi mi richiami tu, tranquilla t’aspettu in linea…

MAMMA - ca cettu tantu chi ci metti do to; a bulletta appoi a pavu ju.

NELLA - ti voi stari muta vecchia stunata ca non si auttru!

MAMMA - spatti! Pero’ quannu c’è di nesciri soddi a mamma e’ bona, quannu c’e’ d’ammuccarisi a pinzioni,non sugnu rimbambita!

NELLA - a Magherita tunnasti? Peccio’ comu finivu cu dru fattu?

MAMMA - e chi ti l’ha cuntari tuttu ora pi tilefunu? Vidi ca u sugu s’abbrucia, fossi e megghiu ca ni parrati dipresenza. O vacci a casa, accussi’ mentri ni parrati iddra u rimina, ascuta a mia.

LIA - (entrando)buongiorno mamma.

MAMMA - ciao, cu si? Nora tu si a mamma? Bih finalmente ti svinturasti a vinirimi a truvari?

LIA - mamma non Nora, sugnu Lia.


5


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

MAMMA - a Lia scusami a mamma m’hava passu ca era to soru, avi ca na vidu, a iddra e a dru cocciu di pirudi to frati. Non poi immaginari quantu mi spiccia u cori di vidilli!

LIA - u sacciu mamma, hai raggiuni, ti capisciu.

MAMMA - a su non fussi pi tia ca si accussi’ divota a mammuzza! Su era pe to soru a st’ura all’abbeggum’avuna jittatu.

LIA – ma, no chi dici mamma!

MAMMA - a chi ducu a mamma, eru bona quannu vi crisci a fozza di sacrifici e travagli; eru bona quannnuputevu badari e vostri fighi nichi mentri vuauttri facevudu auttri cosi; eru ancora chiu’ bona quannu spattevu soddi a tutti, ora nuddru havi chiu’ bisognu di sta vicchiareddra e nuddru peccio’ a cecca. Sulu a tia mi staju vidennu in vicchiania.

Nella – va bene Margherituccia ora staju chiudennu, ni sintemu dopu.

LIA - a Nella,  tu ci si? Non t’hava vistu, ciau a soru.

Nella senza rispondere al saluto, riattacca la cornetta e si dirige verso un comodino dal quale tira fuori dei soldi.

MAMMA - u vidi a chi sugnu bona? Arrivuni e abbruddranu. Tantu chiddru non e’ n’cassettu, no, chiddru e’n’puzzu di soddi frischi. Ca finu a quannu ci sunu, tutti biniditti!

NELLA - chi hai ca ti lamenti rimbambita? Muta statti.

LIA - auh ma u sai ca si maleducata appiddaveru? Chi e’ modu di pattiriti ca mamma?

NELLA - tu muta, a mamma e’ macari da me e mi ci pattu comu voghiu e quannu voghiu.

LIA - o pughiula sta cussa, st’auttra e’ di fora completa comu n’baccuni ‘nda na sirata di stati.

NELLA - senti a propositu u me misi sta scarennu, ora a chista a pighi e ta potti ah , ca ju haju u me chi fari. Juvogliu essiri libbera di nesciri quannu voghiu, di disporre della mia vita come ritengo opportunamente di fari. Ci amo capiti?

LIA - senti beddra, intanto p’accuminciari, non stai parrannu di n’cani ma di to mattri!

Secondariamente, u sai benissimo senza bisognu ca tu rivoddu, ca a mamma sta sempri cu mia. Ni sti deci jonna, ripetu deci jonna e non misi, a mamma a statu ca a so casa sulu picchi’ puttroppu m’appa arricoverari pi farimi cetti accettamenti. (Ironica) Ci siamo capiti?

NELLA - a mia non m’interessa ju mi stancai.

MAMMA -ma di chi ti stancasti a mamma? Ju sugnu a me casa, e tu ti fai avvidiri sulu pi telefonari e abbuddrai i manu ‘ndo comudinu pi pighiari soddi. O fossi ti stancasti picchi na vota o jonnu mi fai n’piattu di pasta.

NELLA - ma chi dici, si tu ca non t’arrivoddi nenti pi cuppa di l’alteri, rimbambita!

LIA - ancora cu sti paroli!


6


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

SERENA - (entrando)mamma fozza comu finivu?

MAMMA - appoi ciao Serena a Mamma! A chi haju addrivatu pocci?

SERENA - si ciao, ciao. Mamma i pighiasti dri cosi?

NELLA - si a mamma i pighiai.

LIA - i pighiavu, i pighiavu e comu su i pighiavu!

MAMMA - si gia’ to mattri  abbruddravu. Tranquilla ca oggi v’addivittiti a fare compre.

SERENA - avanti allura amuninni ca e’ taddu.

NELLA - (uscendo)a senti, vidi ca a mamma s’ha lavari.

LIA - va beni, s’ha sciacquari a facci picchi s’appinicav u tannichieddra!

NELLA – no, c’a fari u bagnu ca sta fitennu viva.

LIA - ma comu? Havi deci jonna ca na lavi?

NELLA - ju mi schifiu! Manu d’incoddru a dra vecchia non ci ni mettu. E comu ti l’haja a diri?

LIA - tu non si na fighia, si na bestia!

ZA’ CUNCETTINA - (entrando)si po? E’ pemmesso?

MAMMA - trasi Cuncetta, trasi.

ZA’ CUNCETTINA - potto disturbo?

NELLA - ci mancava sulu stavuttra vecchia; ora u spiziu e’ a completu. Serena amuninni a mamma, lassamulifra iddri a sti rimbambiti (esce).

LIA - ma vadda chi cosi, c’addumannu a cottesia di badari a mamma pi deci jonna, e chiddra si ni frega. Mancusu non fussu so mattri, su non l’avissa addrivatu, su non s’avissa livatu u magiari da vucca macari pi iddra. Chiddra non e’ na figlia e’ un armale di geb bia.

MAMMA - tranquilla Lia, ca napara jonna fa vinni to figlia Rosetta e mu fici iddra u bagnu. Sugnu bella pulita.

LIA - mamma u problema non e’ u bagnu, e’ u so compottame ntu. Sti malanovi mi fannu fari u sagnu acqua.

MAMMA - e picchi’?

LIA - ca pi comu si compottuni, i me soru e me frati!

MAMMA -e chi ti prioccupi tu? Su non fussi pi tia e pe to fighi, fussi abbandonata. Anzi ju t’arringraziu, e arringraziu u Signuruzzu ca mi desi na figlia cuscinziousa. A vulissinu aviri tutti in vicchiania na fighia comu a tia. Pi to frati e i to soru, chi ci putemu fari? Chista e’ a vita. Crisci fighi cu tuttu u cori e l’affettu, cu sacrifici e dedizione e appoi chi n’h ai? Na bella pidata ‘ndo culu.


7


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

LIA – mah, comu voli u Signuruzzu. Senti mamma staju jennu a fariti tannicchieddra di spisa, ti possu lassari?

MAMMA - cettu, tranquilla ca sugnu ca za’ Cuncettina.

LIA - va beni. Allura ni videnu chiu’ taddu.

MAMMA - ciao.

ZA’ CUNCETTINA - ciao Lia a zia.

Scena II

(Mamma,  Za’Cuncetta  )

ZA’ CUNCETTINA - Angelina, chi hai? Mi pari avviliata.

MAMMA - ca cettu, mi pighiu di collira pi sta situazioni ca si vinni a criari che me fighi. Ju vulissi ca ci fussi apaci, l’armonia, e inveci c’e’ sempri schifiu pi cu ppa me.

ZA’ CUNCETTINA - e tu chi cuppa n’hai?

MAMMA - a cuppa di essiri vecchia e non sevviri chiu’ a nenti. Addivintai ‘npisu pi tutti.

ZA’ CUNCETTINA - ma chi vai dicennu Angelina? Intanto cu campa vecchiu si fa’, e ascuta a mia civulissunu arrivati tutti a to eta’ accussi’ azzilla e indipendenti. E appoi cu tu dissi ca non vali nenti? Ca addivintasti ‘npisu? Cu tu dissunu i to fighi? Cui Nella ca ti tratta che pedi! Oppuri Nora ca si vidi ogni motti di papa, o fossi dru pileri di to fighiu Vitu, ca l’ultima vota ca si visti ancora Sofia Loren aveva u pettu ca stava femmu senza impalcaturi e Gina Lollobrigida aveva ancora i so veri capiddri e no dda parrucca ca c’havi ora!

MAMMA - ju sacciu sulu ca cascai supra e spaddri di me figlia Lia. Cetti voti pensu ca fussi meghiu su michiurissunu ‘nda ‘nabbeggu pe vecchi. Si luvassunu tutti i penseri, si vinnissunu sta casa, s’acchiappassuni sti quattro soddi e fussuni tutti chiu’ contenti, appatti Lia.

ZA’ CUNCETTINA - cettu s’acchiappassunu i soddi e fussunu felici e contenti. D’altronde iddri i soddivolunu, sulu chiddri.

MAMMA - e si, e appoi u bellu je’ ca ju soddi non ci n’haju , appatti qualche piccolo risparmio che alla fini civulissi dari a cu su merita appiddavru. Su non fissu pi dri du liri da pensioni sociali quasi quasi mancu putissi mangiari.

ZA’ CUNCETTINA - (pensierosa)e gia’ i soddi c’appitiasciunu. I soddi fannu pass ari tutti i stinnicchi, fannutunnari l’affettu, avvicinari parenti lontani, insomma i soddi abbessuni tutti i cosi.

MAMMA – c ettu,  pi cu l’havi!

ZA’ CUNCETTINA - ca cettu pi cu l’havi… o pi ciu fa finta di avilli.

MAMMA - in che sensu, non ti staju capennu?

ZA’ CUNCETTINA –  senti, mi vinni na bella pinsata, dicemu ‘nsghezzu.


8


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

MAMMA - ‘nsghezzu?

ZA’ CUNCETTINA - si’nsghezzu, e a rializzallu c’ha pinsari tu, con i l mio aiuto s’intende.

MAMMA - ju? E comu?

ZA’ CUNCETTINA - ascutami. Abbiamo detto propriu ora, ca l’unica cura pi tutti i malanni e i stinnicchisunu i soddi, giustu?

MAMMA - giustu.

ZA’ CUNCETTINA - ora tu soddi non ci n’hai e peccio’ dri cosa fitusi de to fighi, tranni Lia , non ti ceccunupi nenti e ti trattano comu na cosa inutili.

MAMMA - purtroppo e’ veru. Si fannu avvidiri sulu quannu pighiu a pinzioni, abbuddrunu a manu ‘ndocandaranu, arraffunu zoccu ponnu pighiari e cu sa vistu sa vistu.

ZA’ CUNCETTINA –perfetto! A situazioni e’ comu pinsava ju. Quannu vidunu a grana s’alluppunu come e muschi e quannu i piccioli temminanu avvolunu all’istante. Ma su vinissunu a sapiri, dicemu pi sbaghiu, ca tu hai misu da patti un bel gruzzoletto di denaro, diciamo…15… 20 mila euro, chi succidissi?

MAMMA - chi succidessi? No sacciu!

ZA’ CUNCETTINA -tu dicu ju. Su dri avvoltoi de to fighi avissunu na notizia del genere, si chiantassuru ca da matina a sira e non si dassunu u canciu mancu pi ghiri a lavarisi a facci.

MAMMA - e comu fazzu? Accussi’ di punto in bianco mini nesciu chu sta storia de soddi misi di latu?

ZA’ CUNCETTINA - no, allura u bellu da sghezzu unni e’. I to fighi non ti dicunu sempri ca si stunata,rimbambita, ca oramai c’hai l’alteri! E ora arrivav u u mumentu di fari a stunata.

MAMMA - aspetta, fammi capiri bonu. Ju avissa fari finta ca stunai e avissa dichiarari ca c’haju 20 mila euroammucchiati?

ZA’ CUNCETTINA - giustu, brava!

MAMMA - ca cettu ca c’hai na fantasia, Cuncittina.

ZA’ CUNCETTINA - ma a tia chi ti costa? Tantu auttru chi fari non ci n’hai; amemnu jucamu tanicchieddra eni facemu du risati.

MAMMA - e quannu avissa accuminciari a fari l’altiriusa?

ZA’ CUNCETTINA - quannu si fannu avvidiri i to figli?

MAMMA - ma veramenti ajeri pighiai a pinzioni, peccio’ sugnu sicura ca tra oggi a massimu dumani, napassiata ccà sa fannu tutti.

ZA’ CUNCETTINA - allura semu d’accoddu u primu fighiu ca trasi, accuminci a commedia.


9


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

MAMMA - ma macari cu Lia? A figlia, iddra e’ l’unuca ma mi bada p’amuri e non ha mai vuluti na lira di mia.

Pensa ca quannu mi fa  spisa, mi c’haja acchiappari pi tunnarici i soddi ca spinnivu.

ZA’ CUNCETTINA - u sacciu, ma u sghezzu p’arrisuttari sa fari cu tutti.

MAMMA - e va beni. O primu fighiu ca trasi stonu.

Scena III

(Mamma,  Za’Cuncettina, Nora, Vito  )

NORA - eccocci qua’, macari stu misi(va al comodino e prende dei soldi dal cassetto).

ZA’ CUNCETTINA - e stavuttru papa mossi. Stona Jangilina, stona!

MAMMA - stunai!

NORA - staju vidennu ca ‘nda stu comodinu gia’ ci fu fatta a prima passata. Ah buongiorno za’Cuncetta.

ZA’ CUNCETTINA - ciao papareddra.

NORA - mamma arrusbighiati, sempri ca dommi si!

MAMMA - cu si?

NORA - comu cu sugnu?  To figlia Nora. Stai sdunannu attunnu!

ZA’ CUNCETTINA - mancu a mia hava conusciutu. Accussi’ tutta ‘ntuttu na di chi stavumu parrannu a chim’addumannavu cu eru. E avanti ca ci u fici capiri ca havi 50 anni ca ni canuscemu. Basta alla fine mi dissi ca s’arrivuddavu, ma secunnu mia mu dissi sulu pi farimi cuntenta.

NORA -ci mancava sulu chissa. Gia’ c’avuma a cummattiri q uannu era menza bona , figurati ora ca arrimbambivu completamenti.

ZA’ CUNCETTINA - ca cettu ti capisciu a zia. Tu propria ha statu sempri divota a to mattri e ta fattu avvidirispissu e cuntinuvu, (al pubblico) si cettu, ne jonna comu a oggi unnu c’e’ chi pighia ri.

NORA - comunque pi mia drocu po fetiri, cu ci voli pinsari ci pensa. Ju haju i me chi fari, ci manca sulu ca mimettu d’appressu a na vecchia stunata. Ca a limiti si chiudi ‘nda n’abberggu e cu sa vistu sa vistu.

MAMMA - u sai ju haju 82 anni.

ZA’ CUNCETTINA - no Jangilina hai 92 anni, chi ti fai u scuntu?

MAMMA - dò 15 sugnu. Quantu c’haju daccussi’ ?

ZA’ CUNCETTINA - 92 anni.

MAMMA - a chi sacciu ju! Dò 15 sugnu. Quantu dicisti 92 ?

ZA’ CUNCETTINA - si propriu d’accussi’.

MAMMA - bih e comu haju campatu 92 anni? Pari ajeri ca eru na picciriddra.


10


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

NORA -  mamma t’arrivoddi di mia?

MAMMA - ca cettu ca m’arrivoddu chi ti pari ca eru stunata?

NORA - e cu sugnu?

MAMMA - ca comu cu si! Ca si… ca si…        (si rivolge alla za’Cuncetta) cu e’ chista?

ZA’ CUNCETTINA - Nora, e’ to figlia Nora.

MAMMA - ah. Ma senti a stu misi a pighiai a pensioni?

NORA - si mamma a pighiasti. A cettu ca pattivu completa, attunnu!

VITO - buongiorno a tutti. Au sorella a cettu ca si chiu’ puntuali di un orologio svizzero. Ogni misi non sgarridi un solo minuto, arrivi, acchiappi e ti nni vai! (Apre il comodino e prende dei soldi). Anzi onestamente mi staju stranizzannu ca ancora t’attrovu ccà, di solitu fai toccata e fuga, o meglio acchiappata e fuga.

NORA - sta parrannu chiuddru ca si vidi ogni jonnu inveci. A mamma ti vidi sulu quannu veni ad arraffariqualche cosa. Non ti facisti vivu mancu quannnu c’era d’abbissari u tammuso ca ci chiuveva intra. A mamma appa chiamari ‘nuraturu cu ‘nfighiu ca e’ mas tru di prima.

VITO - tu pensa pi tia. Ju c’haju na famiglia.

NORA - picchi’ ju chi c’aju ma sqattra di palluni?

ZA’ CUNCETTINA - e’ pazzescu! Stannu jammannu na scerra dui ca sunu diciannove soddi cu na lira. Si e’no, su mettunu insemi u tempu ca ‘nda ‘nmisi passu nu cu so mattri accucchiunu ‘nquattu d’ura. Appunto u tempu necessario pi prelevari i soddi do comodinu. E’ veru al peggio non c’e’mai fine!

MAMMA - haju 82 anni. Do 15 sugnu.

VITO - chi hai mamma, chi dici!

MAMMA - io ci ho 82 anni.

ZA’ CUNCETTINA - no hai 92 anni.

MAMMA - e do 15 sugnu. Accussi quanti anni haju?

NORA - mamma tu dissi ‘n minutu fa, hai 92 anni.

MAMMA - 92? Sono una bambinella ancora.

VITO - ma chi va dicennu?

NORA - Vito non l’hai caputu ancora? A mamma ci vinnunu l’ alteri, niscuvu di sentimenti!

VITO - e va beni chi ci fa? Tantu oramai o so vita si l’ha fattu. Ha statu sempri bona e in saluti. Ci vulissinuarrivari tutti a so eta’, com’e’ iddra.


11


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

MAMMA - ju c’haju 82 anni. Sugnu do 15.

NORA - mamma ora basta u capemu!

MAMMA - chi e ca c’hai ca sdillirì?

VITO - a postu semu! Ma tantu quali e’ u problema, si chiudi ‘nda na casa di cura e bonanotti.

MAMMA - senti a pighiai a pensioni a stu misi?

VITO - si mamma.

MAMMA - e quantu pighiai?

VITO - ca quantu o solitu.

MAMMA - e quantu e’ u solitu?

NORA - sunu quasi 500 euri.

MAMMA - e accussi’ quantu sunu in soddi?

VITO - quasi ‘miliunu.

MAMMA - mah, chi sacciu, ju cu st’euro non ci capi’ chiu’ n enti. Pero’ ‘n miluni sunu ‘n zaccu di soddi e chin’haju a fari ju cu tutti sti soddi?

NORA - tu nenti, ma nuavuttri u sapemi chi n’hama a fari.

ZA’ CUNCETTINA - ca cettu, ti pareva su sti sciacalli non sapevunu chi farasinni che soddi ca s’ammuccunusenza mintiricci nenti do so.

VITO - va benu ju mi ni staju jennu.

NORA - ma unnu vai? Ama decidiri chi fari da mamma.

VITO - semplici! Ora ca finalmeti ci niscenu i miruddra, a putemu mettiri all’abbeggu de vecchi, o spiziu va!Ni vinnemu sta casa, e n’ammuccamu stavuttri soddi. Chi c’e auttru chi fari?

NORA - si va beni, ma prima non e’ meghiu ca ni parramu cu Lia e Nella ?

VITO - senti sorellina, ju mi ni staju fregannu faciti zoccu vuliti, abbasta ca mi dati a me patti de soddi davinnita da casa.

NORA - ma allura si bestia e ottusu appiddaveru! U problema non e’ su mittilla o spiziu o no, e’ in qualimittilla pi fari arristari a nuavuttri quacche soddu di pensioni.

VITO – ah, su e’ pi chistu! Allura decidemu assemi.

NORA - oh, ti faciasti cunvintu?

MAMMA - haju 82 anni. Sono giovinetta.


12


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

Scena IV

(Mamma,  Za’Cuncettina, Nora, Vitu, Lia, Nella, Serena)

LIA - cca’ sugnu mamma tunnai.(Con un poco di insofferenza)Oh e chi ci faciti ca tutti e dui? I soddi s’u misio solitu postu, ne truvasturu?

NORA - si, gia’ ni pighiamu.

NELLA - e chi ci faciti tutti pari ca, chi e’ festa oggi?(Va verso il comodino per prendere altrisoldi ma lo trova vuoto) sbarattasturu tutti i cosi?

VITO - nenti c’e! Non arristavu nenti sorellina .

NELLA - Serena, dri belli stivali i cattamu u misi prossimu a mamma, va beni?

SERENA - va bene mamma. Senti io me ne vado, ci sentiamo dopo(esce).

LIA - avanti a pinsioni va spattisturu macari sta vota comu a ogni misi, ora chi vuliti ancora? Chiaducchiasturu, ci v’ata ammuccari?

NORA - auh ma cettu ca si privinuta.

LIA – ah, spatti sugnu privinuta! Non sulu v’ata calatu anchi e patanchi e spatti hai u curaggiu di parrai?

NELLA - ju vi lassu sbattiri.

VITO - unni stai jennu tu? Femma ca ama a parrai di na cosa importanti.

NELLA - e di chi hama parrai nuavuttri ca havi deci anni ca non ni rivulgemu a parola?

NORA - da mamma.

NELLA - a chi m’hava passu! Parrati vuauttri ca a mia non mi interessa nenti(va per uscire).

VITO - da pensioni da mamma ama a parrai, e di sta casa.

NELLA - allura restu!

LIA - e ti pareva. Ma ju chi ci centru u sapiti ca ju soddi da mamma non ni voghiu e ci badu sulu p’affettu, eappoi chi c’entra sta casa.

NORA - chi c’entra a casa? E secunnu tia ju in questi anni chi haja vinuti pa to beddra facci?

LIA - pa me bella facci, no! Ma speru pi vidiri a to mattri.

VITO - si cettu pi vidiri a na vecchia arrappata.

LIA - e allura picchi’ facitimi capiri! Ata vinutu sulu pi pighiarivi i soddi da pensioni, e non pi vidiri amamma?


13


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

NORA: e babba!

NELLA - sintiti insomma ju c’haju chi fari, parrati oppuri mi ni vaju.

NORA - allura mittemu i catti ‘ntavula na vota pi tutti e livamuni stu pinseru.

LIA - ma quali catti? Di chi stati parrannu? Chi niscisturu di sentimenti tutti pari?

VITO - no cara mia, ccà cu niscivu di sintimentu e’ la tua  cara mammina.

NORA – si, a mamma stunavu tuttu ‘ntuttuna.

NELLA - oh, finalmente!

LIA - ma comu finalmente? Ma chi stati farneticannu? Su antura quannu nisci’ da casa era peffetta.

NORA – era! Mi dissi a za’ Cuncetta, ca tuttu ‘nda na vota accuminciavu a dari i nummira. Veru zà Cuncetta?

ZA’ CUNCETTINA -e si, purtroppo je’ veru. Accussi’ tuttu ‘ntuttuna, di chi ‘ parravumi tranquilli a chi accuminciavu a diri cosi ca non stavano ne in cielo ne in terra.

LIA - (andando verso la madre)mamma chi hai, chi ti senti?

MAMMA - cui ju? Ju sugnu magnifica. Ma tu cu si?

LIA - mamma sugnu Lia, non mi stai ricanuscennu?

MAMMA - ah Lia tu si?(verso za’ Cuncetta)ma cu e’ chissa?

ZA’ CUNCETTINA -  Angelina e’ to figlia Lia, a granni.

MAMMA - io ho 82 anni, sugnu do 15. Sono giovinetta ancora.

NELLA - u dicevu ju ca era rimbecillita attunnu.

LIA - (commossa)mamma, mammuzza mia, ma chi ti succidivu?

ZA’ CUNCETTINA -e a zia, purtoppo e’ la vita. Si nasci e semu piccididdri, appoi criscemu, e alla fine su u Signuruzzu ni duna a razzia si campari assai, invecchiamo e tunnamu di novu piccididdri. Ma d'altronde e’ megghiu d’accussi quannu ci sunu situazioni comu a chiddra di to matttri.

VITO - chi voli diri za’ Cuncetta?

ZA’ CUNCETTINA -chi voghiu diri? Semplici. Vidi caru Vituzzu da zia, to mattri e to pattri, paci all’anima so, v’hana crisciutu comu gioielli. Pi vuautri ana travaghiattu comu e muli, s’hana livatu u pani da vucca, hana chianciutu per vostri disgrazi, priannu u Signuri di supplizziari a iddri inveci di vuauttri fighi. Ma tutti chistu e’ normali, chistu fa ‘npatt ri, chistu fa na mattri, arriala tuttu e fighi, dalla vita finu o so cori, e nenti pritenni arreri.

Pero’ puttroppu capita u spissu na vita, ca i fighi crisciunu e pighiunu a so strata e non sulu si scoddanu di iddri, de genitori, ma addirittura peddunu u rispettu a l’affettu,e a chiddri ca avissunu a trattari comu divinita’ , i trattunu che pedi.


14


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

NORA - e chi voli Za’ Cuncetta, chista e’ a vita.

ZA’ CUNCETTINA -cara mia chista non e’ a vita, chisti su i cristiani! U Signuruzzu allura chi pinsavu bonu di fari, pi non fari moriri na mattri addannata. Pa collira di vidiri ca a postu di fighi a crisciutu pocci, tuttu ‘nda na vota ni fa tunnari picciriddri. Si propriu d’accussi’! Ni fa scuddari tutti i cosi tinti , ripotta a paci e a tranquillita’ ‘ndo nostru cori, e alla fin e ni fa moriri sereni. E ora arrivavu u mumentu pi vostra mattri, ca ha statu na santa cristiana, di scuddarisi tutti i mali cosi ca c’ata fattu pi truvari ‘npo cu di quieti ‘ndo so cori.

VITO - avaja za’ Cuncetta chi stati dicennu?

ZA’ CUNCETTINA -  a virita’, sulu a sacrosanta virita’.

MAMMA - u sapiti, c’haju 82 anni, sono giovinetta ancora, giovinetta.

ZA’ CUNCETTINA -  si gioia, si giovinetta, pi futtuna tunnasti a ghessiri

Jovinetta.

NELLA - sintiti ora basta cu tutti sti piagnistefiri.

NORA - giustu. Allura a mamma oramai niscuvu di testa, e chistu e’ chiù ca evidenti, edessendo nisciuta di testa, oramai sta casa non ci sevvi chiu’.

LIA - ma chi dici? Capaci e’ na cosa momentanea.

NELLA - ma quali momentanea, havi raggiuni Nora. Sta casa non ci sevvi chiu’, ora na vinnemu en’ammuccamu stavuattri soddi.

NORA – si, sugnu d’accoddu.

VITO - macari ju.

LIA - ma chi stati dicennu? A casa e’ da mamma e finu a quannu campa non si tocca.

NELLA - ma chi problemi ti fai? Tantu po campari nauttra para di misi. Non vidi comu e’ arriddutta?

VITO - si e appoi macari ca rinsavissi, cosa ca non e’ possibili, non po stari sula ccà, peccio’ sta casa e’  inutile.

LIA - non aviti cori, siete delle bestie.

NELLA - cca’ l’unica bestia si tu ca in questi anni non t’h a pighiatu mai soddi da pensioni e ora non ti voipighiari mancu chisti da casa.

LIA - ma e’ possibili ca sapiti pinsari sulu e soddi?  E a mamma non ci pinsati?

NORA - auh ora mi noiasti cu sta mamma e sta mamma. A mamma si metti all’abbeggu e a casa si vinni, puntue basta. Tantu Vito e Nella su d’accoddu cu mia, veru?

VITO - cettu.

NELLA - ovvio.


15


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

ZA’ CUNCETTINA -  e ti pareva ca pi spattirisi i soddi non si mittevunu d’accoddu e non facevunu a paci.

LIA - a mamma, anzi me mattri, o spiziu non ci va, ammenu affinu a quannu ju campu e ci pozzu badari, ucapisturu? Ma tegnu a me casa, comu haja fattu in tutti st’anni, o vi pari ca a mamma ha arrivatu a st’eta’ accussi in forma e curata sulu pi vittu’ do spiritu santu?

VITO - Ta vo teniri tu? Accollatilla! Tutta da to e’ su ti fa piaciri.

NELLA - no a to casa a mamma non ci va!

NORA - si a to casa non ci va!

LIA - e picchi’ a vuauttri chi v’intaressa?

NELLA - dissi no e ha ghiessiri no, e basta!

MAMMA - ma quantu pighiu ju di pensioni? A, quantu pighiu?

NORA - muta statti tu, muta!

MAMMA - c’haju siti, c’haju siti, c’haju siti.

LIA - mamma ta pighiu ju tannichieddra di acqua(va in cucina).

VITO - ma mu diciti picchi’ siti tantu cuntrari o fattu ca s’accolla Lia?

NELLA - imbecille non capisci nenti. Su sa teni Lia , ci bada cu tutti i crismi, capaci ca sutta sollecitazioni amamma ci passunu l’alteri, tonna bona e addiu casa vinnuta.

NORA - appuntu brava, e chistu voli diri ca prima d’ammuccarini i soddi hama aspittari ca sa quaglia. Chissahavi gia’ 92 anni e sta meghiu di mia, pi saluti parrannu.

NELLA - non vosi moriri chiu’!

NORA - su inveci a mittemu ‘nda na tinta casa di riposu, ‘ a bbiunu n’da ‘na gnuni, sa scoddunu e talia ca’ntempu quacche misi stira i palitti.

NELLA - ‘ndo frattempo siccome a pinzioni e’ poca non c’abb asta pi pavari u spiziu, cu ci junci sti soddi?

VITO - a ju no di cettu!

NELLA - ju mancu, ovviu.

NORA - e sicuramenti non ci mettu ju.

VITO - e allura cu ci metti?

NORA - e allura ci metti to soru Lia! Ma siccome soddi non ci n’havi, sara’ costretta ad accettare ca nivinnemu sta casa, e che soddi ca ci varagnamu, nuavuttri ni gudemu tranquilli e iddra ci pava l’abbeggu a mamma.


16


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

NELLA - ora e’ chiaru picchi’ non si l’ha puttari a so casa ?

VITO - chiarissimu!

LIA - (entrando)te mammuzza, te l’acqua.

VITO - allora e’ deciso a mamma va o spiziu. Anzi, zà Cunc etta lei ca e’ ‘ndo giru della vicchiania agonistic apre mortica, si l‘ha fattu una idea di chiddru ca c’e’ peri peri? Insomma nu po consigliari quacche abbeggu? Lei l’avissa a canusciri tutti no?

ZA’ CUNCETTINA -e senti Vitu, tu ca si ‘narmali di fera, mu po cunsighiari ‘nchianchieri di prima, tantu tu i macelli di Catania i canusci tutti no?

NORA - taghiamu cuttu. Deciso?

NELLA - deciso!

LIA - ju non sugnu d’accoddu gia’ vu dissi.

NORA - ma tu si sula e nuavuttri semu tri, peccio’ a to parola non passa. U sapenu nuavuttri chiddru ca e’meghiu pi nostra mattri.

ZA’ CUNCETTINA -  ca cettu chiddru ca e’ meghiu pi so mattri, comu no!

NELLA - avanti e’ deciso ju mi ni staju jennu.

NORA - va beni na sti jonna ni sintemu; mi ni vaju macari ju.

VITO - e ju chi fazzu ca? Gia’ haja pidduti troppu tempu.

MAMMA - ma ju quantu pighiu di pinzioni?

ZA’ CUNCETTINA -  Jangilina ca pighi qualche 500 euri.

MAMMA - a 500? E allura di 50 mila euru ca c’haju di latu comu mi l’haja accucchiatu?

ZA’ CUNCETTINA -  ah no sacciu Jangilina. Ca cu sacrifici pensu.

Nella, Nora e Vito che stavano uscendo si fermano e tornano sui loro passi.

VITO - quantu dissi, 50 mila euri?

NELLA - a mia mi passi di capiri d’accussi’.

NORA - macari a mia.

VITO - va beni ma tantu e’ stunata, potti diri quacche fissiria.

ZA’ CUNCETTINA -mah a mia non mi pari na fissaria. U sapiti quannu s’arrimbambisci e si tonna picciriddri, munzignari’ non si ni dicunu chiu’, si dici sulu a virita’ e spatti pi comu si pensa, senza filtri va. Pi comu veni na cosa si dici.


17


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

NORA - appiddaveru dici za’ Cuncetta?

ZA’ CUNCETTINA -ca cettu! Meghiu di mia ca sugnu nella vicchiania agonistica pre mortica cu l’ha sapiri? Vito, tu l’hai vistu mai ‘n picciriddru ‘nuccenti c a dici na munzignaria o ca s’anventa na storia accussi’ importanti?

NORA - no, veramenti no.

NELLA – Za’ Cuncetta ma lei comu i sapi sti cosi?

VITO - ma chi dumanni su chisti? Ca comu i sapi, ca essendo macari iddra entrata nell’epopea della vicchianiadecrepita, sti cosi i sapi picchi c’attocca di sapilli.

NORA - e allura sta vecchia, cioe’ la mia mammina, havi appiddaveru 50 mila euru savvati?

ZA’ CUNCETTINA -  secunnu mia e’ molto probabile, anzi su vuliti a me opinioni, e’ sicuru!

NELLA - mamma, mammuzza beddra, mammina del mio cuore! E senti unni sunu sti soddini?

MAMMA - e cu su rivodda. Oramami stunai e cetti cosi non mi rivoddu chiu’.

NORA - ma chi dici luci de me occhi e ciatu do me cori! Ma quali stunasti, ancora si azzillissima, ci vulissumuarrivari tutti alla tua veneranda eta’ accussi’ in saluti. Mammina mia ti voglio bene. Ma senti non cridu ca sti soddi su ‘nda librettu da posta ca nuvauttri scanuscemu?

MAMMA - no ma quali posta, ju non mi fidu da posta. I soddi sunu ammucchiati ‘nda postu sicuru ca canuscuju sula.

VITO - mammina mia bella duci e azzuccherata, mia generatrice preferita…

ZA’ CUNCETTINA -  a picchi’ quantu n’hai?

VITO - e non t’urrivoddi quali e’ stu pusticeddru?

MAMMA - no a mamma, puttroppu no.

NORA - ma su sti soddi non sunu a posta o a banca e sunu ammucciati ‘nda ‘npostu sicuru, voli diri capraticamente sunu di cu i trova!

NELLA - praticamente.

VITO - e sta vecchia non s’arrivodda unni sunu,vadda chi cosi. Maliditta vicchiania.

MAMMA - chi dicisti a mamma non ti sentu?

VITO - nenti mamma, dicevu , dicevu…a si dicevu, ma quantue’ beddra e duci a me mammuzza, si quantu e’ duci azzucchirrata.

ZA’ CUNCETTINA -  cettu 50 mila euru sunu ‘nzaccu di soddi.

NORA - un zaccone.


18


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

ZA’ CUNCETTINA -  e a cosa brutta e’ ca su a mamma non s’arrivodda un ni sunu, sti soddi vannu pessi.

NELLA - veru je’.

ZA’ CUNCETTINA -e su va a finiri ‘nda na tinta casa di cura, chiddri sa scoddunu ‘nda na gnuni e sta puvureddra va murennu ‘nsupini ‘nsupinu, e si potta stu segretu cu iddra.

NORA – chi? Me mattri ca s’astutari in un tintu ospizio? Mai!

NELLA - la mia adorata mamma, che deve subire l’indifferenza di una casa di cura? E chi era sula ‘nda stumunnu? E chi e’, non aveva fighi?

VITO - non s’ha diri mancu pi sghezzu finu a quannu ju campu, ca me mattri ha arristari sula e scuddata ‘ndana casa di cura tinta e fitusa. Non sia mai, mai!

NELLA - allora e’ deciso!

NORA - ovviu e’ deciso.

VITO - e chi c’erunu dubbu? E’ decisissimo!

NELLA, NORA, VITO - a mamma non si movi di ca!

ZA’ CUNCETTINA -  ecco qua’. Il ritorno dei figli al portico!

FINE PRIMO ATTO


19


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

ATTO SECONDO

Stessa scena del primo atto. Qualche giorno dopo.

Scena I

(Mamma, Nella)

Nella con guanti, grembiule, mascherina (insomma tutta parata) da’ da  mangiare alla Mamma.

NELLA - vadda na cristiana chi ha fari p’amuri…

MAMMA - chi dici Nella a mamma? Non ti capisciu.

NELLA - mammina mia, dicevu fra di me, vadda na figlia chi fa, nonostante tutti i so impegni i so chi fari, lesue cose, vadda chi fa na figlia pi amuri.

MAMMA - grazie a mamma, u sacciu ca mi voi beni, grazie.

NELLA - (al pubblico)u beni veni da chiana. Ju ci dugnu a magiari a sta vecchia rimbambita p’amuri si cettu,ma p’amuri de soddi. Ju di ccà non mi scugnu su non mi dici unnu sunu sti soddi ca c’havi ammucciati; e cu si movi, cu s’alluntana! Su dri avvoltoi di me soru e me frati u venunu a sapiri prima di mia, s’ammuccunu tutti cosi e addiu eredita’.

MAMMA - Nella a mamma, ma picchi’ ti metti i guanti pi d’ar imi a mangiari, chi fai ti sdigni di mia pi casu?

NELLA - ju? No, ma chi dici, e comu mi putissi sdignarimi di tia che mi hai messo al mondo, che mi haicresciuta privandoti di tutto pi darammillu a mia, di tia che hai vissuto negli stenti pi farimi crisciri in saluti. Non putissi succediti mai, mai! Ju mi mettu i guanti pi questioni di igieni.

MAMMA - di igieni?

NELLA - ca cettu di igieni. Vedi cara, bella, duci, priziusa, mammina mia, oramai ca si vecchia rimbambita…ecioe’ vuleva diri oramai ca si tannicchieddra avanti cu l’eta’, il tuo ogganismico accumincia a divint ari deboluccio.

MAMMA - ma cui ju avanti cu l’eta’? Io sono ancora giovinet ta, c’haju 82 anni, sono giovinetta.

NELLA - ca cettu! Comunque i guanti mi mettu pi evitari che i microbi passunu dalle  mie mani alla tua bocca.

Ti putissunu veniri macari malattie virolussogiche.

MAMMA – ah, pi mia u fai?

NELLA - ovvio mammina cara e bella.(Al pubblico)ca quali, i guanti mi mettu pi non tuccari dra peddriarrappata! Mattri suli a pinsaricci mi veni di vomitari.

MAMMA - eppuri u sai chi ti dicu? Nonostante che ancora sono giovinetta, quacche duluri u cumuncio asentiri.

NELLA - chi hai mamma? Chi ti senti, voi ca chiamu u dutturi? Prima ca u chiamu, mentri semu suli mi vo diriquacche cosa, qualche segreto, chissacciu per esempio unni ammucchiasti i soddi?


20


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

MAMMA - no non c’e’ bisognu do dutturi, non mi sentu accuss i’ mali.

NELLA - e pe soddi?

MAMMA - i soddi! Quali soddi?

NELLA - chiddri ca c’hai misu di latu; non tu arrivoddi unni i mittisti veru?

MAMMA - a dri soddi, chiddri ca haju accucchiatu ‘nda na vita di sacrifici.

NELLA - si mamma chiddri.

MAMMA - si si, mi staju arrivuddannu, chiddri ca ammucciai pi non puttalli a posta picchi’ non mi fidavu.

NELLA - per l’appunto.

MAMMA - chiddri ca misi in un posto segreto che conosco solo io.

NELLA - brava mamma, brava pensicci bona.

MAMMA - tutti cosi mi staju arrivuddannu.

NELLA - tutti cosi?

MAMMA - tutto!

NELLA - proprio tutto tutto?

MAMMA - ti dissi tutto!

NELLA - macari unni i mucciasti?

MAMMA - unni i mucciai? Chi cosa amucciai.

NELLA - ca i soddi mamma! Unni i cucciasti tu rivoddi?

MAMMA - (dopo una pausa di riflessione)unni i muicciai? No, unni i mucciai non mu staju arrivuddannu.

NELLA - (fra se)e malanova di tia e da to vicchiania. A a no ca parravi prima! Stai tranquilla mammina chegrazie al mio accudimento la memoria ti tornera’, ( fra se) ta fazzu tunnari ju sta memoria, e comu su ta fazzu tunnari ju a memoria.

Scena II

(Mamma, Nella, Vito, za’ Cuncetta, Nora)

VITO - eccocci qua’.

NELLA - eccolo qua’. Ma tu non hava a veniri dumani, caro fratellino? Oggi hava dittu ca a mamma ci badavaju.

VITO - e chi voli diri? Talia ca ‘nfighiu non po ghiri a truvari na mattri quannu ci pari e piaci o quannu ci facori.


21


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

NELLA - ha statu macari misi e misi senza vidiri a to mattri e ora u sintimentu ti vinni tuttu ‘nda na vota?

VITO - talia cu sta parrannu! Chi e’ ti passanu tutti i chi fari ca c’avevi ogni vota ca c’era di badari a ma mma?

Comunque comu sta?

NELLA - chista meghiu di mia sta. Cetti mumenti comu a ora e’ completamenti assenti, auttri c’acchiappunul’atterri e accumincia a parrai a vanvera, auttri ancora e’ lucida e tranquilla. Cista a nuavuttri vurrica.

VITO - e meghiu accussi’ no? Chiossai campa lucida e chiu’ possibbilita’avemu ca s’arrivodda u postu. ZA’ CUNCETTINA - comu sta a mamma?

VITO - meghiu di mia sta.

ZA’ CUNCETTINA -  meghiu d’accussi’. Vinni a faricci t’annicchia di c umpagnia.

NELLA - non c’era di bisognu Za’ Cuncetta, a mamma e’ in bu one mani. Appoi non vulussi ca troppaconfusioni ci distubbassi.

VITO - e allura accumincia a ghiratinni ca ccà mamma ci st aju ju. Fozza o fatti i to cosi.

NELLA - non c’e’ di bisognu ca nenti c’haju chi fari. Ju ca  sugnu e ca arrestu.

NORA - tutti ccà semu i parenti da zita?

VITO - tu chi ci fai ccà? U to jonnu di badari a mamma fu ajeri.

NORA - e tu chi ci fai, u to jonnu non e’ dumani?

VITO - sintevu a mancanza da mammuzza.

NELLA - comunque fattu sta ca di quant’havi ca si sappi di dri soddi non pidditi occasioni pi stari gnunati avecchia.

MAMMA - aih, aiaih.

NELLA - eccola s’arrusbighiavu. Chi fu, chi hai ora?

MAMMA - C’haju ‘ncaddru ‘ndo peri ca ci manca sulu a parola . Non pozzu appoggiari u pedi ‘nterra caanniricu do duluri.

NELLA - e cara e dolce mamma mi dispiaci, ma po caddru ju nenti ci possu fari, non ni capisciu.

MAMMA - eppuri a mamma, mi putissi dari aiutu.

NELLA - cui ju?

NORA - ca cettu, di cui e’ oggi, da to!

MAMMA - e si.


22


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

NELLA - e comu?

MAMMA - semplici ora tu spiego, tu devi solo segurire passo passo chiddru ca ti dicu.

NELLA - ca va beni. Pi 50 mila euru quacche sacrificiu u possu fari.

MAMMA - talia chi fai. Supra dru cantaranu c’e’ un limone f iddruliatu. Pighiani du fettini (Nella esegue).

Ecco, brava a mamma, ora leviti i guanti.

NELLA - mi levu i guanti?

MAMMA - e pi fozza, allura l’esperimentu non arrinesci, u limoni ca plastica de guanti s’appizza. Ecco bravaora talia chi fai, levimi sta quasetta.

NELLA - ti… ti levu a quasetta, senza…senza guanti?

NORA - rigorosamente, allura non arrinesci.

VITO - chi fai ti schifiì di to mattri? Figlia non figghiata!

NELLA - mammina bella, duci e carissima, ma ti posso trasmettere i microbi, i barattelli.

MAMMA - no, ma chi dici, u limoni di chi minnu e’ munnu, i microbi e i barattelli si l’ha mangiatu picolazioni, e’ uno sterilizzato potentissimo.

ZA’ CUNCETTINA -  veru je’ confermo, confermo.

NELLA - 50 mila euro! No ma ju non ca fazzu mi sdignu. Ma su 50 mila. No mi schifiu!

MAMMA - fozza a mamma, videmu su mi passa stu duluri ca mi sta mangiannu viva, ca fossi su s’acquieta mirilassu tannicchia e u ciriveddru s’allibbera di tutti cosi e riemergono vecchi ricordi.

NELLA - riemeggono…vecchi ricoddi? 50…50 mila euro! Mah, alla fini n’auttra para jonna ponnu essiri appoi cu tutti dri soddi mi possu fari disinfettari tutta para, macari i pila d’aricchi mi fazzu sterilizzari.

MAMMA - allura pighia du feddri di limoni e allippali supra o caddru. Appoi pighia na gazza e c’attacchi disupra.

NELLA - ma si sicura di stu metudu? E appoi quali e’ u beneficiu?

MAMMA - stu metudu e’ vecchissimo ed efficacissimu. U cadru ca all’inizio indisturbato era duru ‘npettra e sisinteva tuttu puseddru, appena senti un ciavuru do limoni, si pirisci e accumincia ad arrettrari, arrettranu arrettrannu in preda all’aggitazioni arrimoddra e addiventa trattabili.

NELLA - e dopu ca arrimoddra chi fai?

MAMMA - ju nenti possu fari, ma tu si! Pighi a lima ca c’e’ ‘ndo casciolu e alleggiu alleggiu arraspi u caddruindebolito e mu scippi attunnu.

NELLA - chi fazzu?

NORA -  na sentisti a mamma, pighi a lima e araspi a soru!


23


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

NELLA - fozza e coraggio(leva la calza e mette il limone).Ecco fatto, pi ti mamma ah, sulu pi tia. VITO - e chi e’ non ti vo lavi i manu?

NELLA - e picchi’ m’avissa a lavari i manu. Pulita e’ a mam ma.

NORA - ma chi c’entra non e’ pa mamma e po limoni ca mania sti.

NELLA - e’ inutili ca insisti ju di ca non mi scugnu. Anzi u sapiti chi vi dicu siti vuouttri ca vi n’ata ghiri. Oggie’ u me jonnu!

VITO - ma chi dici, ju non mi ni vaju.

NORA - mancu ju.

NELLA - e inveci vi n’ata a ghiri.

VITO - no.

NELLA -: si.

NORA -  non n’ha parrari.

Scena III

(Detti, Lia, Medico di famiglia)

LIA - ma chi sta succidennu ccà? Chi aviti ca vanniati?(Va a salutare la Mamma).

Ciao mamma. Comu ti senti?

MAMMA - ca comu m’haja a sentiri, comu e vecchi.

LIA - tranquilla ca ora t’arricupighi. E poi non sei contenta ca c’hai a casa china?

Hava a ghessiri na sti condizioni a mamma pi vidirivi assemi pi chiossai di du jonna consecutivi.

NELLA - pi cottesia finiscila ca ci manchi sulu tu. C’abbastunu to soru e to frati ca vinnunu oggi ca nonc’attuccava.

LIA - a capisco, siti in trattativa.

MEDICO - c’e’ pemmesso?

LIA - prego. Buongiorno Dutturi Marletta, e lei chi ci fa ccà?

MEDICO- cusate il disturbo, ma mi ha chiamato ieri la signora Nora dicendomi dell’improvvisopeggioramento della condizioni della signora Angelina.

VITO - va beni ora non esaggeramu. Peggioramento delle condizioni, ca chiamamu i cosi co so nomu e dicemuca stunavu.

NELLA - e appoi non c’e’ bisognu di nessuna visiti privata, me mattri bona sta. Dutturi, chi a fari ca nuavuttriniscemu da stanza e lei parra sulu cu me mattri?


24


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

MEDICO - no, no signora, faro’ solo un anamnesi preventiva ed una visita generale.

NELLA - abbasta ca non ama a nesciri da stanza.

MEDICO - non servira’signora. Le devo dire che apprezzo molto il vostro attaccamento alla signora Angelina,vi fa onore, siete decisamente dei fighi da imitare, da emulare.

NELLA - dutturi pi favuri non parramu d’ammulari ca ja c’e’  ‘ncaddru bellu e prontu pi essiri ammulatu.

NORA -  prego dottore i lassassi peddiri a questi ignorantoni, visitassi a me mamma.

Il medico visita la Mamma.

VITO - ma senti Nora, picchi’ facisti veniri u dutturi?

NORA - ca pi capiri quantu po’ tirari ancora avanti a vecchia. Non e’ ca ju possu stari notti e jonnu appressu aiddra.

NELLA - e ci staju ju.

NORA - t’hava piaciutu veru? Inveci no, videmu chi ni dici u dutturi e appoi decidemu. Accussi’ non putemujiri avanti, havi du simani ja’ ca ci stamu d’appre ssu e ancora non c’ha nisciutu nenti pa jatta.

NELLA - senta dottore mentri ca a sta visitannu e ci metti i manu d’incoddru, pi cottesia u po tastari u caddrupi vidimi a chi puntu je’. E sutta o limoni.

MEDICO - sta arimuddrannu signora, sta arimuddrannu. Chistu su ci lassa u limoni tutta anuttata, a massimu dumani a matinu e’ bellu e prontu pi essiri sdirignatu.

NELLA - dumani?

MEDICO - si proprio domani, bellu e prontu per l’asportazione.

NELLA – Vitu, dumani e’ u to jonnu peccio’ all’esportazione  callifera ci devi pinsari tu bello mio.

NORA - allora duttureddru chi ni dici. Chi havi me mattri.

MEDICO - semplice signora, molto semplice. Si tratta si senilita’.

NORA - chi signurilita’?

VITO - non po ghessiri dutturi.

MEDICO - come no? E perche’ mai?

VITO - ca picchi’ me mattri havi a secunna elementari e proviene di na famighia modesta, peccio’ stasignurilita’ ca lei dici, non quattra pi nenti.

MEDICO - ma cosa avete capito? Senilita’. Signori vostra madre e affetta da una sana e naturale vecchiaia.

NELLA - a vicchinia e’?


25


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

MEDICO - si, e’ soltanto il normale decorso del tempo; e’ la vita. Come si dice cu campa vecchiu si fa, no?

NORA - e quantu ci duna di vita ancora.

MEDICO - o questo non lo posso dire. Vede sua madre dal punto di vista sistemico ed organico e’ sana comeun pesce. Dunque allo stato attuale quando passera’a miglior vita puo’saperlo soltanto il buon Dio.

NELLA - allura e’ sulu stunata?

MEDICO - beh signora le sue parole sono per cosi’ dire…un tantino crude, ma se vogliamo metterla in questi temini, si, vostra madre accusa solo un poco di demenza senile.

C’e’ da dire pero’ che dalla mia anamn esi evinco che la forma della quale e’ affetta la signora e’ quella di Orleans. Una forma non definitiva che consente a chi ne e’ appunto affetto, di avere anche dei momenti di estrema lucidita’, diciamo barlumi, che si alternano con altri di buio completo e profondo. Bene se e’ tutto io andrei, sapete ho altre visite domiciliari da fare.

LIA - grazie dottore, arrivedecci.

MEDICO - allora felice giornata a voi(esce).

Scena IV

(Detti, notaio, segretario del notaio )

VITO - mi ouh addirittura a sindrome di Ollando! Ata caputu a mamma, muta muta, pareva chiddra ca non cicuppava e si fici veniri nenti di menu che la sindrome di Ollando il furioso, la sindrome della dormienza del seno che il dottore nei suoi anni o misi, chistu no capi’ bonu, ha affettato con i bulloni completamenti al buio. Cosi, cosi, ca mancu a Nicolosi!

NELLA - ma chi dici babbu, quali Orlando e l’opira de pupi!

VITO - auh u dutturi u dissi: vostra matre ci havi la dormienza del seno di Oralando.

NORA - si a dormienza do pettu di Orlando e u bruciori de murroidi di Rinaldu.

SEGRETARIO - (entra e parla balbettando)pe…pe…pepe’…pepepe’…

Vito prende spunto dalla balbuzie del segretario per ironizzare; esasperandola e con atteggiamento marcato, anche fisico, inizia a cantare a ballare coinvolgendo le sorelle.

VITO - pepe pe pe, pe pe. Brasil a nustaggia do brasil, ti dissi vegnu do brasil, ma chi mi cunti do Brazil,Brazil, Brazil…

NORA - ma chi mi stai facennu fari? Femmi, muti.(Al segretario)prego desidera? A cu cecca?

SEGRETARIO - buo… buo…buongiorno, sono il signor Fior…Fior… Fio    r…

ZA’ CUNCETTINA -  fiorin fiorello l’amore e ‘ bello vicino te…

SEGRETARIO -(da adesso in poi l’attore balbetti a suo piacimento seguendo pero’ il copione dove richiesto) so…sono il signor Fiorenza, segretario del signo’ Notaio Sapuppo. La presenza del signo’Notaio e’ stata richiesta dalla signora Nella. La suddetta signora e’ qui’ prisente?


26


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

NELLA - sono io, sono io.

NORA - aspetta ‘nminutu, ca non ci stju capennu nenti. Nella, picchi’ chiamasti u notaju?

NELLA - eh…e…veramenti ju u chiamai po beni di tutti.

VITO - chi voi diri non ti staju capennu?

NELLA - voghiu diri, ca sta situazioni non po ghiri chiù avanti. Notti e jonnu ccà, appressu a mamma,aspittannu ca s’arrivodda unni misi i soddi. Nuddru di nuavuttri s’alluntana, picchi’ dicemuni a virit a’, nuddru si fida di l’auttri e ci pari ca su pi casu a vecchia ci rivela u nascondigliu a quacche dunu chiddru mutu mutu s’ammucca tutti i sghei.

VITO - ju sti cosi non l’haja pinsatu mai, non mittemu paroli avanti.

NORA - mancu ju c’haja pinsatu.

NELLA - ca cettu non c’ata pinsatu,i tipi siti. Comunque ci pinsai ju a risolvere il problema.

Chiamai u notaju accussi’ facemi n’bel lu testamentu di chiddru testamentariu e semu tutti tranquilli e appostu.

NORA - in effetti arriflittennucci bona a pinsata non e’ malvaggia.

SEGRETARIO - allura semu tutti d’accoddu e a conoscenza? Posso fare entrare il signo’ notaio?

VITO - picchi’ e’ ccà fora?

SEGRETARIO - ovvio.

VITO - e picchi’ non traseva cu lei?

SEGRETARIO - il signo’ notaio vuole che la sua persona venga presentata prima di entrare in un qualsivogliacontesto.

NORA - e cu l’ha presentari.

SEGRETARIO - me stesso medesimo.

VITO - a lei stesso signor Cosimo, ca allura non piddemu tempu, signo’ Cosimo ni rappresentassi sta pessonadel notaio notarilico.

SEGRETARIO - si…sisi…sisisi..signore e…e..ee…                                         si…sisi…sisi…si…  signori…

NELLA - e cu je’ Pippo Baudo chistu?

SEGRETARIO -     si…sisi…sisisi..signore e…e..ee… si…sisi…sisi…si…signori…ho l’ono…ho l’ono…ho

l’ono…

VITO - segretario u capemu non c’e bisognu ca nu ripeti chinnuci voti, chi ci pari ca l’avi lei sulu, macarinuavuttri ci l’avemu.

NORA - ma chi c’avemu?


27


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

VITO - ca l’anu, anche detto il buco portuoso.

SEGRETARIO - scusate ju c’haju quacche piccolo probblemuccio di pronuncia.

ZA’ CUNCETTINA -  piccolo probblemuccio?

SEGRETARIO - pero’ su vuauttri ogni tannicchia m’interrumpiti, mancu pe pammu u notaru trasi!

NORA - muti semu, non parramu chiu’.

SEGRETARIO     -      ooh,      voghiu      avvidiri.      Allora       dicevo…si…sisi…sisisi    ..signore      e…e..ee…

si…sisi…sisi…si…signori…ho l’ono…ho l’ono…ho l’ono…

VITO - na cosa, sulu na cosa haja diri. Segretario sta patti in qualche modu a capemu, non fussi meghiu supassassi oltre?

SEGRETARIO -si raggiunu c’havi. Vi presento il dottore Austino Sapuppo signo’ notaio della repubblica italiana.

VITO - aaaattenti!

NOTAIO - (entrando)comodi, comodi. Allora, mi trovo recato qui’ per richiesta della signora Nella Privitera,la quale mi disse che la madre, detta Testa in Privitera, manifestava il lucido desiderio di redigere scrittura testamentaria a favore totalmente esclusivo della suddetta signora Nella Privitera.

NORA - bella lestofanti si sorellina! Ma comu non l’hava chiamatu pi risolviri u problema? A cettu i problemi ivulevi arrisovviri, ma sulu chiddri to.

VITO - a si ‘nbellu cocciu di piru. Affruntiti.

NELLA - cu j’è fissa si sta a casa.

NORA - e tu pi fissa a nuavuttri vulevi pighiari. Ma menomali ca ju sugnu na volpi. U sapevu ca era meghiu canon mi scugnavu mancu ‘n minutu di ccà. Di vuauttri dui non ci si po fidari.

SEGRETARIO - il signo’ notaio e’ spiacente della vostra situazi one, ma non ha tempo da perdere dunque senon volete fare il testamento lui andrebbe.

NORA - no, no oramai ca u signo’ notaiu e’ ca u testamentu u facemu e u depositamu.

NOTAIO - bene allora do lettura alla bozza che avevo gia’ stilato.

NORA - signo’ notabile, mi senta in questo bozzolo ovviamenti non veniamo ammunziddrati ne io ne me frativeru?

NOTAIO - vero.

NORA - e una domanda, pe curiosita’ mia personale, nel testamento me mattri ci po fari scriviri zoccu voli?

NOTAIO -qualsiasi cosa ritenga opportuna. Al sua morte, che le auguro avvenga fra almeno 100 anni, il testamento verra’ letto e in quel momento si valutera’ la fattibilita’ di quanto scritto.


28


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

VITO - signo’ notaio repubblicano, mi scusi ma no capi’ ch iddu ca dissi.

SEGRETARIO - il concetto e’ semplicissimo. So mattri ‘ndo tista mentu ci po fari scriviri macari ca vi lassa avilla bellini cu tutta a signa e i papiri da funtana cintrali, o notaru non ci interessa. Appoi fra 100 anni quannu v’ata a spattiri l’eredita’, si vidi in effe tti chiddru ca c’e’ di spattiri e zoccu v’attocca.

VITO - ora u capi’, e stato chiarissimo.

NORA - allora notaio stu testamentu ciu’ dettu ju.

NOTAIO - veramente signora, sua madre dovrebbe dettarmelo.

NORA - a me mattri ci manca a vuci, non po parrai. Mu dissi a mia zoccu voli ca ci scrivi.

NOTAIO - va bene, ma quantomeno sua madre dovra’ firmarlo.

NORA - pi chistu non ci sunu problemi.

NOTAIO - Segretario, calamaio e carta.

VITO - u dicevu ju ca stu segretario non era tantu bonu. E’calamaru.

NELLA - ma chi dici?

VITO - ca no sentisti chi dissi u notaru. Segreatario calamaru, dammi a catta.

SEGRETARIO - ecco la carta. Il calamaio ha finito l’inchiostro, per oggi usi una normale penna.

VITO - su voli ‘nda na cussa i vo cattu 2 sicci, pi l’inch iostru…

NORA - allora notaio scriva: Io, sugnu addritta, Jangilina Testa, nel piu’ pieno delle mie fecondita’mentecatte… impongo orinandolo che…

NOTAIO - ma cosa mi fa scrivere signora? Lasci fare a me l’intestazione rituale, lei inteverra’ su miosuggeriemento. Allora” io sottoscritta, e non sugna ddritta, Angela Testa in Privitera, nel pieno delle mie facolta’ mentali, e non nel piu’ pieno delle mi e fecondita’ mentecatte, dispongo e non impongo orinandolo, che… ”Avanti ora detti lei signora, adesso puo’ dire tut to quello che vuole ed io sono tenuto a trascrivere alla lettera le sue parole.

VITO - ma su e’ tinuti comu scrivi?

NELLA - ca mutu scunchiurutu. Secunnu tia picchi’ e’ notaiu pi nenti! Ca voli diri ca ciu’ ‘nzignunu a scola d inottambuli a scirviri mentri sunu tinuti.

NORA - …dispongo che tutti i…

VITO – scusate, sulu na cosa mentri ca semu ‘ndo scriviri e non ni costa nenti, mintemaccilla a villa bellini cututta a signa e i papiri, non si po mai sapiri…

NORA - allora:dipongo che, a pattire di questo preciso istante istantaneo, tutti i me beni, sia chiddri solidificatiche quelli liquefatti, ci aspettano nella stissa quantificabilita’ quantifica e quantica, ai miei 4 fighi. Nel


29


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

monento stissu di quanno attisero’ li palitti, i miei eremiti, potranno prendersi tutto quello che ci

attocca, e potranno fanne tutto          quello che ci aggrada e ci piace al loro cuore di figli.

E alla fine del finale, per finire questo testamento testamentario donatorio dei miei possedimenti possessivi, espongo che le volonta’ che volontariamente ho voluto dare nella piu’ completa libbetta’, sono e saranno per sempre definitive, e non avro’ alcun diritto di cambiarle mai” notaio u sottolineas si mai,”e arripeto mai, insino alla morte ed anche ol tre di essa, in tutta l’eternita’.

NOTAIO - bene tutto fatto. Lo sistemero’ con calma in ufficio. Io ho finito il mio compito   qui’.

VITO - va beni, e allura mentri ca tutti i cosi sunu a postu, e tuttu e’ di tutti, e nuddru po futtiri nenti a nuddru,ju mi ni vaju ca c’haju chi fari, arrivedecci.

NELLA - mi ni vaju macari ju ca gia’ haja pessu troppu tempu(esce).

NORA - buone cose a tutti(esce).

ZA’ CUNCETTINA -talia chi funu lesti a scapparasinni auh. Havi du simani ca non si scugnunu mancu pi ghiri o bagnu e ora ca su tutti ereditieri alla pari, ora ca fu fattu u testamentu, non pessunu mancu ‘nsecunnu pi tunnari e so facennii. Comu su so mattri s’hava arricupighiatu tutta antuttuna.

LIA - eza Cuncetta chi t’aspittavi. Chiddri hana statu ca pe soddi no p’amuri, ma chi ti dicu tu sti cosi i sai gia’. Comunque signor notaio, l’accompagno alla por ta.

ZA’ CUNCETTINA -  veramenti su u notaio si po cunnuciri c’avissa a spiari cetti cosi pi mia.

NOTAIO - non c’e’ problema signora, sono qui’ a su completa  disposizione.

LIA - va bene, allora col vostro permesso ne approfitto pi ghiri a fari n’pocu di spisa allura oggi a mamma nonmangia. Dri cosi fitusi sbacantanu ‘nfiggiteri, sbacantanu. A dopo. Notaio, segretario si non ni videmu vi auguro una felice giornata (esce).

NOTAIO - a lei signora.

SEGRETARIO - arrivederci.

NOTAIO - allora signora, mi dica.

MAMMA - veramente signo’ notaio ci vuleva parrai ju.

NOTAIO - ma a lei non ci mancava a vuci?

MAMMA – no, ju bona sugnu. Ma ora su havi tannicchia di pazienza, ci spiegami tutti i cosi.

ZA’ CUNCETTINA -  notaio s’assittassi comodu ca a storia e’ longa.

FINE SECONDO ATTO


30


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

ATTO TERZO

Scena I

(Mamma , Za’ Cuncettina, Vito, agente immobiliare )

MAMMA - Cuncettina, u sai chi t’haja a diri?

ZA’ CUNCETTINA pappra Angelina, chi m’ha diri.

MAMMA - staju pinsannu ca appatti Lia, dri cosa fitusi de me fighi non si fannu avvidiri di dru jonnu cachiamanu u notaru pi farisi fari dru testamentu.

ZA’ CUNCETTINA -  si c’haju fattu casu macari ju’. Ma tantu quali fus si a nuvita’?

MAMMA - nuvita’ non ci ni sunu, sulu ca stu sgezzu, chiamamulu d’accussì, ca misumu in scena, sta tuccannusulu a me figlia Lia, ca appoi e’ l’unica ca non su merita picchi’ ha statu sempri l’unica presenti pi sentimentu e non pi cumminenza.

ZA’ CUNCETTINA -  cara mia, u sgezzu sta pi timminari e a patti chiu’ bella ancora ha veniri. Ti fidi di mia?

MAMMA - ca cettu ca mi fidu!

ZA’ CUNCETTINA -allura potta sulu nauttru pocu di pasienza, e alla fine mi dirai su sta misa in scena appi un senso, oppuri no.

MAMMA - ca va beni aspittamu.

VITO - prego s’accomodassi, prego.

ZA’ CUNCETTINA -  Angilina, c’e’ qualche d’unu, arrimbambisci prestu.  Chi fu drocu? Cu e’?

VITO - tranquilla Za’ Cuncettina, ju sugnu Vito

ZA’ CUNCETTINA -  ah tu si?  E chi fai ccà, ancora non e’ junnata di  pinzioni.

VITO - u sacciu, u sacciu. Vinni cu ‘n signori, una agenda immobiliriaristica pi farici vidiri a casa.

ZA’ CUNCETTINA -  ma comu, non avura aristatu che to soru ca per ora a casa non si tuccava?

VITO - si cettu, avuma aristatu di sta manera, ma u sai comu e’ Za’ Cuncettina no?

ZA’ CUNCETTINA -  veramenti ju comu e’ non sacciu. Mu voi spiegari tu?

VITO - cara mia Za’ Cuncettina io nella mia vita sono sempre stato un uomo prevenuto, nel senso va cheprevenisco il futuro. Insomma cecco di puttarimi avanti ‘nde cosi, di pinsaricci in tempo utile e non all’ultimo minutu, picchi’ comu si dici?

ZA’ CUNCETTINA -  comu si dici?

VITO - la gatta frettolosa fa i gattini sordi.


31


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

ZA’ CUNCETTINA -  na vota veramneto erunu ciechi.

VITO - poco importa, ciechi o suddi, sempri difittusi sunu.

ZA’ CUNCETTINA -  Angilina a chistu chi u facisti di primura, veru?

VITO - vedi za’ Cuncettina sta casa prima o poi s’ha vinni ri.

ZA’ CUNCETTINA -  prima o poi!

VITO - meghiu prima ca poi! Allura dicu ju, prima ci mittemu manu e prima ni livamu u pinseri.

ZA’ CUNCETTINA -  ca cettu, tu drocu l’hai u pinseri.

VITO - ma chi fici ragiuneri Fisichella, arristavu avanti a potta? Prego s’accomoda, vinissi cca!

FISICHELLA - e bene, c’e’ pemmesso?

VITO - prego, prego. Ragiuneri le presento la Za’ Cuncettina, una cara amica di mia madre.

FISICHELLA - e bene, molto piacere signora.

VITO - quella imbalsamata nella pottrona, e’ la mia quasi defunta madre.

FISICHELLA - e bene, ma perche’ dice cosi’ mio caro signore, ved o con piacere, e bene, che sua madre none’ ancora perita, e bene!

VITO - parranno cu lei faceva cuttunati.

FISICHELLA - e bene, cuttunati? Non capisco.

VITO - me mattri. No dicu mattri scoli non n’havi, quali peritu e geomittra, me mattri modedisticamenteparlando, havi a secunna elementari.Ma attenzioni, non e’ ca staju parranno da secunna di oggi ah, parru di chiddra di prima da guerra. A dri tempi, e’ un concetto priatoriamente riconosciuto di tutti gli stati del mondo provincia, a scola si ca era scola, no oggi! Ragioniere, senza uffisa pa genti illustrata come lei beni intesu ah!

FISICHELLA - e bene, mi sento di darle ragione, e bene.

VITO - ragiuneri Fisichella, ci cuntu chista pi €faricci c apiri di zoccu parru e poi ci fazzu avvidiri a casa. Mefigliu, u minzanu; scoli elementari senza mancu un problema, auh dicu unu sulu? No, mancu chistu.

FISICHELLA - e bene, non ha avuto problemi perchè studiava e dunque e’ stato sempre promosso.

VITO - no, e’ o cuntrariu. Ha statu sempri promossu picchi’ non ha avutu mai problemi, no senzu ca non ce nehanno mai assegnati! Ca cettu ‘nda 5 anni di scola, u primo pi ambientarisi, picchi’ oggi dicunu ca i bambini che cominciano la scuola si devono ambientare pe non avere contraccolpi pesacologici.

FISICHELLA - e bene, e’ corretto, i bambini devono abituarsi gradualmente al nuovo ambiente che licirconda.


32


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

VITO - ma quali nuovo ambiente, quali bambini, quali effetto pesacologico. Ju accuminciai a fari u muraturi caci avevu 9 annuzzi. U primu minuti do primu jonnu di travaghiu, il mio grande mastro pi farimi ambientari u sapi chi mi dissi?

FISICHELLA - e bene, no, che le disse.

VITO - mastru allegria, u chimavunu d’accussi’ picchi era sempri tannicchieddra allegru, insomma brillu va,comunque, mastru allegria si misi di facci a mia, ca eru scugnizzeddru chi ci pari? Si misi di facci e mi dissi con la voce attisicante di chi conosce bene la proria arte: “Vituzzu, da oggi accuminci stu bell u misteri. E’ faticusu e disgraziatu, ma stai tranquillu ca sutta e me manu tu addiventerai un mastro di prima categoria. Ora pi arriscaddariti la muscolatura dei muscoli muscolari, alleggiu alleggiu acchiana dru materiali affinu a terrazza do quattu piani di stu pallazzu”.

FISICHELLA - e bene lei sali’ quel poco di materiale aiutandosi con l’ascensore.

VITO - pocu di materiali? C’erunu quantu 125 mettri quattrati di mattunelli, 6 rotuli di guaina, 7 sacchi dicucina di 25 kg, 3 di cimentu di 20 kg e sacchi di azzolu a tinchi te’, ca ancora i staju cuntannu. Ma oggi, oggi grazie a quegli sfozzi, grazie a quel maestro, posso dire di canusciri un mestiere. No comu a sti carusi moderni ca sturianu tanti anni e alla fine non sannu fari mancu a o co bicchieri. Ah, ci stavu dicennu di me fighiu. Insomma camu fu e conu non fu, ammuttunu e a ruzzuluni, arrivau a pigiarisi a licenza elementari, sotto pressioni di so mattri u scrivi’ a scola media, e macari dra in soli 5 anni s’arriniscivu a pighiari a licenza. Pero’ drocu mi desi suddusfazioni, i cosi giustu s’ana a diri. Intanto fu promossu cu la sufficienza, au non cu 4 o cu 5, ragiuneri ca parramu di sufficienza, non so se mi spiego!

FISICHELLA - si spiega, e bene, si spiega.

ZA’ CUNCETTINA -  (ironica)stu picciriddru sempri intelligenti ha statu, cu u sapi di cu pighiavu?

VITO - (orgoglioso)ca di cui pighiavu za’ Cuncetta, di cu pighiavu secunnu tia!

Ma a sudisfazioni chiù granni ce l’ho avuta leggendo la pagella finale. Ragiuneri lei ca c’havi i scoli cettamente u sapi ca quannu un carusu nesci da scola media, i prufissuri nda pagella ci cunsighianu chiddru ca a fari dopu; e allura a cettuni ca su scecchi e non su pi nenti intelligenti ci cunsighianu na scola gerenica, di chiddri babbi ca c’a po fari chu e ghie’, chi sacciu un liceo scientifico, oppuro classicu. A chiddri ca non sunu tantu gnurantunu ci cunsighianu un istituto professionistico, mentri a chiddri che si sono distinguiti pe la cottura…

ZA’ CUNCETTINA -  si, calici a pasta…

VITO - a chiddri che si sono distinguiti pe la cottura e che gia’ sono arrivati all’anice della conoscenzaumanistica, ci dicono, come hanno fatto con mio figlio:”si consiglia calorosamente di trovare attivita ’ lavorativa manovale”.

FISICHELLA - e suo figlio si e’ trovato un lavoro?

VITO - nonsi. Ju ci ‘u dissi: o papa’ t’ha ghiutu bonu fin u a oggi, ha statu sempri futtunatu, hai raggiunto iltraguardo tanto ragguagliato della licenza media, picchi’ ha fuzzari a sotti. Macari i prufissuri tu dissunu: si consiglia un lavoro da manovale”. Veni a travaghiari cu mia, fra 5 o 6 anni a massimu si mastru!

FISICHELLA - e bene, e lui che ha fatto.


33


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

VITO - ca chi fici! Mi desi na grandissima delusione. Si scriviu a scola superiori, spatti non ni una qualsiasi,nda chiddru cu ‘n occhiu a Santa Mariesu. Dice che vuole diventare pirito elettronico. Mah, cuntentu iddru; pi quantu mi riguarda ju preferisciu ancora u metudu tradizionali, chiddru all’antica.

FISICHELLA - e bene a cosa si riferisce?

VITO - e bene, ragiuneri ca e pirita mi riferisciu? Ca quali piriti elettronici, chi voli mettiri a soddisfazioni diunu bellu, genuinu, al naturale, cu tutti sti cosi modenni?

Comunque ragiuneri taliamu a casa fozza, non ci vulissi fari peddiri tempu.

FISICHELLA - e bene, cominciamo. E bene, la casa si presenta in discrete condizioni considerata l’eta’, ebene. La vetusta’?

VITO - bene grazie, non c’e’mali. Appatti cetti jonna ca c ‘haju tannicchi di sciatica mancianti, ca m’acchiap pacca’ a pattiri do cudiddru da carina e scinni affinu e caccagni.

FISICHELLA - e bene, cosa dice?

VITO - ca lei mu dumannavu. Come sta?

FISICHELLA - e bene, le chiedevo la vetusta’, cioe’ quanto e’ ve cchia questa casa.

VITO - a chistu vuleva sapiri? Ca pensu si e no almenu 100 anni l’havi. Chi dici za’                Cuncettina?

ZA’ CUNCETTINA -  ca su per giu’ tantu c’hannu i casi ‘nda sta strada .

FISICHELLA - e bene, direi di vedere anche le altre stanze ed il  cortile, e bene, e dopo fare la         stima.

VITO - no ragiuneri, nuavuttri genti bona semu. Istimi non ni facemi e non ni mannamu!

FISICHELLA - la stima signo Vito, la stima. Voglio dire facciamo il prezzo.

VITO - ah, allura quannu e’ chistu, e bene, prego dopo di lei.

Scena II

(Angelina , Za’ Cuncettina, garzone panettiere, Vito, agente immobiliare)

MAMMA - talia chi haja a vidiri. Cosi de pazzi. Cu mia ancora intra dru cocciu di piri si sta vinnennu a casa.

ZA’ CUNCETTINA -  hai ragiunu, ma chi ci po fari? Ammenu na vota pi tutti svilanu i catti.

MAMMA - gia’ i catti ci l’hava liggiutu. E appoi chi m’haja a sentiri diri: “quella imbalsamata nella pottrona ,e’ la mia quasi defunta madre”. Chi tristezza dopu ca l’haja addrivatu.

GARZONE - c’e’ pemmesso?

ZA’ CUNCETTINA -  trasi papareddru, trasi.

GARZONE - s’abbenedica za’ Cuncettina. Puttai i du cucciddrat i ca oddinavu. Ancora sunu belli cauri cauri,pi comu ci piaciunu a vossia.


34


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

ZA’ CUNCETTINA - grazie beddru, appoggiali dra’. Non ti siddriari picchì avanti ca mi susu ju di sta seggia,u pani ca c’hai ‘nde manu addiventa comu o ghiaccio e u to principali a nisciutu macari a ‘nfunnata da sira.

GARZONE - avanti za’ Cuncittina, non s’abbiassi accussi’ ‘n t erra ca tantu ju non ci cridu.Ancora e’ una, comu dici a za Angilina ultimamanti?

MAMMA - ancora sono una giovinetta, una bambinella.

GARZONE - a ecco, appuntu, chistu vulevu diri. Grazie za’ Angelina…ma comu, m’arrispunnivu pe rimi?

Allura chi ci tunnanu i sentimenti?

ZA’ CUNCETTINA -  ca macari gioia u Signuruzzu ascutassi i to paroli! No, e’ ca ogni tantu patti sula.

GARZONE - ah patti sula? A mia m’hava passu ca s’ava arricupi ghiatu tannicchieddra!

ZA’ CUNCETTINA -  puttroppo no.

GARZONE - mi dispiaci. Comunque za’ Cuncettina, torniamo a noi. Quannu ci veni cu mia a ballari. Havianni ca ci u dumannu, e lei fa a priziusa.

ZA’ CUNCETTINA -quacche sira di chisti ci jemu, m’ha dari sulu u tempu d’accattarimi n’bellu vistitu russu fiammanti. Tu inveci, chi si dici?

GARZONE - a chi s’ha diri, tutto vecchio.

ZA’ CUNCETTINA -  chi dici a zia? Pi nuvauttri e’ tuttu vecchiu! Pi vuauttri carusi e’ tuttu novu!

GARZONE - ca comu dici vossia. Ma allura, appatti u sghezzu, comu sta a za Angilina?

ZA’ CUNCETTINA -  mah, tutto summatu, tannicchia chiu’ meghiu.

GARZONE - speriamo ca s’arricupighia. E’ na brava cristiana,si merita na vicchiania tranquilla e che sentimenti.

ZA’ CUNCETTINA -  ca speriamo, speriamo. Teni,  ccà ci sunu i soddi p o pani; u restu tenitillu.

GARZONE- grazie za’ Cuncittina, buona giornata. S’abbenedica za’ Angilina. Zà Cuncittinam’arraccumannu, su accattassi prestu stu vistiti russu (esce).

ZA’ CUNCETTINA -  ca cettu, chiu’ taddu scinnu a via Etnea e videmu chi attrovu.

VITO - allura raggiuneri, che mi dice? Quantu a putissunu vinniri sta casa?

FISICHELLA - e bene, la casa non e’ malaccio, e bene. Certo ci vorrebbe una bella ristrutturazione. Peresempio si potrebbe buttare giu’ questa parete e bene, creare un ambiente piu’ grande. E bene un unico gesto che dia spazio.

VITO - ragiuneri cu tuttu u rispettu, non pensu ca p’abbiari ‘n terra u muru c’abbasta un unico gesto; ca na paradi jonna si ni vannu.


35


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

FISICHELLA - e bene, il tetto a volta permette si ricavare un piano sopra, e bene, il cortile e’ spazioso,e bene, la zona e’ centrale, e bene…

VITO - e bene, raggiuneri taghiamu cutti. Quantu vali  sta casa?

FISICHELLA - e bene, all’incirca una settantima di migliaia di euro.

VITO - e bene? E’ benissimo!(Come ragionando a voce alta)Settanta mila divisu in quattro fussunu quasi 18mila a testa, su appoi Lia non ni voli fussunu quasi vintiquattru mila a capoccia. Ragiuneri bonu sunu, vinenmu!

FISICHELLA - e bene, allora andiamo in ufficio così, e bene, mi firma la procura a vendere, e bene.

VITO - ragiuneri, pi 70 mila euru, auttru ca procura, ci fimmu tuttu u tribunali, visula pi visula! E bene!

FISICHELLA - e bene, allora andiamo? Arrivederci signore, e bene.

VITO - ragiuneri ma lei e’ sicuru ca gli inquirenti ni dununu sti soddi veru?

FISICHELLA - e bene, ne sono sicurissimo.

VITO - allura amuminni raggiuneri, o fimmamu di tutta cussa(escono).

ScenaIII

(Angelina , Za’ Cuncettina, Nora, Antiquario )

MAMMA - bih eppuri non mu spittavu ca sta casuzza valeva tutti sti gran soddi.

ZA’ CUNCETTINA -e cara mia, oggi comu oggi, na casa non si po accattari chiu’. A genti, pari ca niscivu pazza. Cu vinni isavu i pezzi, e 100 mila liri i fici addivintari tranquillamenti 100 euru, facennu finta di non capiri ca su u duppiu. E allura, na casa ca na vota custava 30 o 40 miliuni ora costa 50 mila euru. Pi non parrai de casi comu e nostri ca sunu singuli, indipendenti e ca vulennu ci si po costruiri di supra. Pighianu valuri.

MAMMA - ca meghiu d’accussi’, voli diri ca ammenu quannu mi ni vaju lassu qualcosa di bonu e sustanziusu.

NORA - trasissi signor Macaluso, trasissi.

MAMMA - (sottovoce)e chi e’ junnata di visiti oggi?

ZA’ CUNCETTINA -  videmu chi ci aggiuva a st’auttra.

NORA - ciao za’ Cuncettina, ti presento u signor Macaluso.

MACALUSO - buongiorno signora.

ZA’ CUNCETTINA -  arrivedecci.

NORA - allora signor Macaluso, accuminciamu di ‘sta stanza, anche se pa virita’ i pezzi chiu’ meghiu sunu adra banna.


36


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

ZA’ CUNCETTINA -  Nora a zia, chi succidivu qualcosa?

NORA - no, stassi tranquilla za’ Cuncettina, non succidivu nenti. U signo’ Macaluso di misteri fa l’antiquato .

ZA’ CUNCETTINA -  l’antiquato? E chi beni a diri?

NORA - comu chi beni a diri? Avaja Za’ Cuncettina, na fimmina bissagliela comu a lei, non sapi chi misteri e’chiddru di l’antiquatu?

ZA’ CUNCETTINA -e chi voi? Saro’ pure una fimmina comu dici tu bersagliera, ma non e’ ca haja a travaghiatu all’ufficiu di collocamentu, e sacciu tutti i misteri ca esistunu?

NORA - comunque, il signo’ Macaluso e’ un antiquato. Cioe’ voli diri ca iddru pi misteri accatta mobili vecchi,si vinni a genti ca ci piaciunu a ci varagna soddi di supra.

ZA’ CUNCETTINA - chi fa? Chi fa? Arricoghi munuzzaghia e s’a vinni? Ingigniusu e u signori. Non ci mettinenti do so’ e spatti ci varagnia. In pochi paroli è comu a chiddru do ferru vecchiu, pero’ pe mobili.

NORA - brava, propriu d’accussi’!

ZA’ CUNCETTINA -  e ccà chi voli? Chi vinni a fari? Chi havi to mattr i mobili vecchi di ittari?

NORA - no, paccomora no. Ma siccome a mobilia da mamma e’ abbastanza antica, e ci su pezzi ca ci lassavuaddirittura so mamma, ci staju addumannannu o signor Macaluso su si ponnu vinniri e quantu valissunu.

ZA’ CUNCETTINA -ancora e’ nenti e gia’ va stati vinnennu a pezzu a vostra mattri, figuramuni quannu e’ ca sara’!

NORA - zia, prima o poi…

ZA’ CUNCETTINA -aspetta tu dicu ju: prima o poi sti mobili s’hana a vinniri. Allura picchi’ peddiri tempu, i facemu prezzari ora, d’accussi’ ni puttamu avanti . Giustu? Non e’ chistu u discussu?

NORA - esattamente. Brava. U vidi ca mi capisci al volo!

ZA’ CUNCETTINA -  ci mancava ca non ti capeva. Ju tutti cosi’ gia’ ca pi’.

NORA - signor Macaluso prego, accuminciassi.

MACALUSO - allora, vediamo. Questo e’ un bell’articolo. In art e povera.

NORA - a pi puvitta’ modestamente na putemu vantari. ‘Nda sta casa a mancatu di tuttu, a mancatu chimangiari, di chi vistirini, cetti voti a saluti, a mancatu travaghiu, na vota vinni a mancari macari ‘n canuzzu ca c’avevumu, ma pi puvitta’ parranno, graz ie a Dio cca’ non n’ha mancatu mai.

MACALUSO - e’ un pezzo pregiato. Valutazione circa 2000 euro.

NORA - 2000 euru pi stu cosu vecchiu? E Ju ca u vuleva jittatri! Cioe’ voglio dire, cetto e’ pregiato, 2000 e uroe’ u minimu ca ni putissunu dari.

ZA’ CUNCETTINA -  alla faccia do munnizzaru ca s’arricoghi i mobili vecchi! Chistu ci mangia finu.


37


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

MACALUSO - vediamo quell’altro. Bello, bellissimo. Raffinato, elegante, distinto, prezioso.

NORA - tutti sti cosi, e nuavuttri havi na vita ca ci mintenu i tuvaghi pa tavula!

MACALUSO - sono un poco indeciso. Non so se si tratti di un Giorgio V o di un Luigi XVI!

NORA - signo’ Macaluso, stassi tranquillu, non si cunfunnissi, non si cassariassi. Ciu’ dicu ju chiddru chi e’.

Chiddu e’ un Carmelo 700.

MACALUSO - un Carmelo 700? Non mi pare di conoscerlo, chi e’ questo Carmelo del ‘700 ed a quale scuolafa riferimento.

NORA - Carmelo, e’ a bonamma si me pattri. 700 lire e’ qua ntu ci custavu stu mobili all’epoca da secunnaguerra. A scola di riferimentu era a Filippo corridoni, a cifuli, pero’ a diri a virita’ non e’ ca ci jeva tantu o spissu, erunu auttri tempi chiddri, auttri tempi! Veru Za’ Cuncettina?

ZA’ CUNCETTINA -verissimu, auttri tempi. A dri tempi ma cristiana prima di vidirisi livati i mobili di sutta a l’occhi hava stirari i palitti. Ma oggi tutti sunu affissati ca s’hana a puttari avanti!

MACALUSO - no signora cosa ha capito? Io credo sia un Luigi.

NORA - pi mia e’ un Carmelo, appoi facissi lei.

MACALUSO - valore circa 3000 euro.

NORA - quantu 3000? Luigi! E’ sicuramente un Luigi. E chi ci ponu essiri dubbi?

MACALUSO -(Gira per la stanza) Quel pezzo, valore circa 500 Euro, questo 300, ecco vediamoquest’altro…fra i 650 ed i 750 euro, questo invece 550. Questo non vale niente. Olalala’, olalala’, o-la-la-la’!

NORA - ole’, ooole’. Torero, torero, Ole’!

MACALUSO - Cosa vedono i miei occhi?

NORA - chi vidunu?

MACALUSO - Non riesco a crederci. Cosa vedono?

NORA - chi fu? Chi e’ ca non cridi?

MACALUSO - Cosa vedono?

NORA -  signo’ Macaluso, l’anzia anziogina mi sta facennu v eniri. Mu voli diri chi e ca visti, pi cottesia!

MACALUSO - questo candelabro! Questo candelabro! Dove lo avete preso?

NORA - chi dru ferru vecchiu? E tuttu stu cassariamentu, ale’ , ali’ ala’, pi dru ferru arruggiatu?

MACALUSO - signora lai non si rende conto. Si ricorda dove lo avete preso?


38


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

NORA - ca cettu, ca mu rivoddu! Qualche annu fa me pattri, ca era cori dranni, passanu po mercatinu de pulcida piazza Carlo Albertu, ancuntravu un vecchio amico ca vinneva cianfrusaglie. Ci passi mali a ghirasinni che manu leggi e si pighiavu dru cosu. Mi pari ca ci desi quacche 7000 liri!

MACALUSO - signora voi avete fatto tombola.

NORA - e pi quali rota signor Macaluso?

MACALUSO - pi tutti signora, pi tutti. Questo candelabbro, ne sono certissimo, e’ il mancante di una coppiache apparteneva alla marchesa di Giarratana. Il padre per problemi di soldi era stato costretto a vendere tutti i beni di famiglia. Una volta ritornati ricchi hanno riacquistato tutto, ma non hanno trovato solo questo candelabro ed ancora oggi gli eredi lo cercano. Sono disposti a pagare fino ad 25 mila Euro.

NORA - tutti sti gran soddi pi ‘npotta cannili, ca su s’at taccunu a luci non ci costa chiu’ pocu?

MACALUSO - signora Nora, questa casa e’ una miniera di tesori d’arte. Andiamo a vedere le altre stanze.

Chissa’ quali altri splendori nascondono.

NORA - e ju ca pinsava ca sti cosi erunu boni pa pressa. Cca’ m’abbessu na vota pi tutti! Andiamo a dra bannapresto, non c’e’ tempo di peddiri (vanno nelle altre stanze).

ZA’ CUNCETTINA -  Angilina, ha statu ricca na vita e’ non l’hai saput u?

MAMMA - Cuncettina, e’ veru haju a statu ricca na vita. Ma i ricchizzi pi mia non hana a statu soddi opussidimenti. Hana a statu, un maritu ca era un santo, quattro fighi sani, a saluti e u travaghiu. Chi putevu addumannari chiossai? Soddi? Non m’hana interessatu mai.

ZA’ CUNCETTINA -u sacciu, u sacciu, stavu sghizzannu. Nuavuttri semu cresciuti umili e macari su avissumu avutu tutti i tisori do munnu, avissumu fattu a stissa identica vita ca ficiumu, senza canciari mancu na viggola. Tu a fari i cuttunati e ju a satta.

MAMMA - veru je’. Drocu hai raggiunu.

MACALUSO - signora, e’ inutili ca continu. Gia’ appena rapivu a potta e visti chiddru ca c’e’ a dra banna micassariai di quanti cosi belli. Haja a tunnari nauttra vota, puttannumi qualche libru, pi fari ma perizia comu si devi. Ci sunu troppi cosi e di valuri. A occhiu e cruci ci sunu na cinquantina di migliaia di euru.

NORA - appatti un candelabbru!

MACALUSO - ovviu, appatti chiddru! Taliassi chi fa signora, passasi chiu taddu do me negoziu, ca ni mittemud’accoddu pi quannu haja a tunnari. Va beni?

NORA - va binissimu! Allura a dopu.

MACALUSO - a dopu.  Signore arrivedecci(esce).

NORA - e cu l’hava a diri ca me mattri n’hava a sevviri ch iossai in vicchiania ca di carusa.

A vecchia ni lassa ‘n bellu rivoddu, ni lassa.

ZA’ CUNCETTINA -  a quantu si affettuosa, a zia.


39


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

NORA - zia ognunu s’ha vaddari i propri interessi, e appoi cu e’ fissa si sta a casa. Mi ni vaju, arrivedecci(esce).

ZA’ CUNCETTINA -(urlandole dietro) tranquilla Nora ti ni poi iri, di nenti havi bisognu to mattri,tranquilla. Ah malasuttati!

Scena IV

(Angelina , Za’ Cuncettina, Nella,  )

NELLA - ciao za’ Cuncettina.

ZA’ CUNCETTINA -ampleini! Ciao beddra. Ma chi e’ a vostra mattri, non a salutati quannu trasiti ‘nda so casa?

NELLA - ma picchi’ haju a peddiri tuttu stu tempu? Picchi’ haja a fari sta fatica, tantu non mi capisci, e’stunata. Appatti u fattu ca ammenu all’inizio della stonatura qualche cosa a diceva: “ cio’ 82 anni, s ono giovinetta”. Si puttava a testa, ma ammenu parrava, ora e’ addirittura muta giubba!

ZA’ CUNCETTINA -  ca cettu gioia. Ti sta dispiacennu, veru?

NELLA - a mia pi nenti. Ora pi cottesia statti muta ca haju a fari na telefonata importantissima(compone ilnumero).

ZA’ CUNCETTINA -  ca parra, parra, muta sugnu. A, su putissi parrai ju, vi ni di cissi quattro a tutti pari!

NELLA - pronto, Margherita? Ju sugnu Nella. Distubbo? Ah stavi facennu u sugu?

MAMMA - (alla Za’ Cuncettina)  chi fa sempri sugu chista? Non ci stufa?

NELLA - si, ci sono andata la’, cetto, cetto, quella cosa l’ho fatta. Ovvio, gli e l’ho detto a lei.

ZA’ CUNCETTINA -e picchì sta parranno in codici? “Ci sono andata la ’, ho fatto quella cosa, ci u dissi a chiddra”! Pari l’agenti 007 de poveri? Iddra però a postu di 007 e’ sulu 00, comu a farina.

NELLA - no tranquilla parla pure. Non ti preoccupare, ho un contratto particolare. Ho le telefonate gratis.

MAMMA - ca cettu, a stu prezzu! Si fici ‘n contrattu speciale, una nuova promozione ca anvintanu sulu pa sobeddra facci. Iddra telefona e ju pavu. Chiu’ gratis d’accussi’.

NELLA - va beni, su c’hai chi fari ci sentiamo dopo.

ZA’ CUNCETTINA -  brava , prima ca si ci appiglia u sugu e abbrucia a pignata.

NELLA - Anzi u sai chi ti dicu? Hai chi fari sta sira? A no! Allora vieni a cena da me? Va bene, allora a stasera. No, non devi portare niente, no niente. Ouh non insistere. Si, va bene a dopo. Ciao, si ciao, ciao. Mi raccomando ah, non portare niente o m’affennu, penso a tutto io. Ciao, ciao.

ZA’ CUNCETTINA -  era propriu una telefonata importantissima, di importanza vitale.


40


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

NELLA - (pensando ad alta voce)allora, allora, chi ci putissi fari a Margherituccia? Na bella cutuletta! No,canni no. Pari ca voghiu iri o rispammiu. Ci vulissi tannicchia di pisci pi secunnu, spadu fussi meghiu. ‘N bellu piattu di pasta comu primu! Ma comu ci u fazzu?

ZA’ CUNCETTINA -comu jè ghè, basta ca non c’a fai co sugu, ca c’haju l’impressioni ca l’amica to stu sugu u putissi aviri tannicchieddra stufu.

NELLA - in effetti, non e’ ca ci possu fari pasta co sugu semplici! E comu c’a fazzu? A ecco trovato. A fazzucon tocchetti di spadu. Si! Fazzu pasta co pisci spada e spadu arrustutu pi secunni. ‘N pocu di frutta, un gelato e semu appostu. Si, si, bonu je’.

ZA’ CUNCETTINA -  avanti putemu apparechiari.

MAMMA - e tu talia di unni i pighia ora tutti sti cosi.

NELLA - Za’ Cuncettina senti na cosa.

MAMMA - drocu semu!

NELLA - Lia ha fici a spisa pi me mattri oggi?

ZA’ CUNCETTINA -  cettu, iddra ogni jonnu c’a fa.

NELLA - e oggi ci pighiavu pisci comu o solitu, no? Iddra dici ca e’ chiu liggeru, comu su dra rimbambitavecchia u capissi chi sta mangiannu?

ZA’ CUNCETTINA -si ci u dissi u dutturi: a mamma a mangiari spadu. Oggi spatti, du cori grani di to soru, a sue spese, c’accattavu magari i quattro gamberoni ca a to mattri c’hana piaciutu sempri.

NELLA - ottimu. Allura pi secunnu fazzu spadu e gamberoni, accussi’ c’accucchiu a me bella compassa.

ZA’ CUNCETTINA -  chi e ca dici Nella, non ti capisciu.

NELLA - nenti, nenti.(Fra se)quantu vaju in cucina a pighiarimi u necessariu. Speriamo ca c’e’ macari menzuchilu di pennetti rigati e na buttighia di pummaroru. I pessica ci sunu sicuru, i visti ajeri. (va in cucina).

MAMMA - e ju u sapeva unni jeva a parari. “Ci fazzu u spadu arrustutu, a pasta co spadu”. Si ma co spadu didra rimbambita di me mattri.

Scena V

(Angelina , Za’ Cuncettina, Vito, Lia, Nora, Nella)

VITO - ju sugnu, tranquilli!

ZA’ CUNCETTINA -  di novu ca si? Chi ti scuddasti Vito?

VITO - no nenti. L’agenti immobiliaristico mi ciccavu un documentu. Sicuramenti e’ ammenzu all’auttri catti adra banna, quantu u vo ceccu (esce).

MAMMA - ma chi sta cummunannu dru me fighiu? Documenti, agenti immobiliaristici. Ambrisa ca tantu fa,ca mi lassa senza ‘n tettu supra a testa!


41


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

ZA’ CUNCETTINA -no tranquilla. Tu dissi u notaiu no? Anfina ca campi si tranquilla e nuddru ti po tuccari nenti.

MAMMA - ca videmu. A proposito di notaio, mi pari ca avissa a ghiessi ‘ndo veniri.

ZA’ CUNCETTINA -  si, pensu di si.

LIA - buongiorno.

ZA’ CUNCETTINA -  oh, finalmenti na facci amica.

LIA - scusate u ritaddu, ma haja a statu a spurughiari documenti pa mamma. Ciao mammuzza, comu ti senti?

(Da un bacio alla mamma) nenti veru Za’ Cuncettina?

Nessun miglioramentu oggi, veru?

ZA’ CUNCETTINA -onestamenti parranno, qualche migioramentu, nicu ah s’intendi, comunque pi quantu nicu, ju u vaju vidennu.

LIA - ca speriamo ca s’arricupighia ‘n pocu, pi iddra sti ssa. Mi fa na pena a vidilla ‘nchiuvata ‘nda ddra s eggia.

Iddra ca ha statu sempri ‘npipi spezzi, sempri in movimentu, mai femma.

ZA’ CUNCETTINA -  potta pazienza a zia, ca tutto s’abbessa.

LIA - quantu mi vo lavu i manu.

NORA - drocu vu lassu e drocu v’attrovu! Non vi scugnati mancu di ‘n millimettru, veru?

ZA’ CUNCETTINA -  no ti sbaghi. Tunnamu ora ora da villa, no vidi ca avemu a panza ciatu?

Nora va verso il candelabro e lo mette dentro una busta.

ZA’ CUNCETTINA -  chi e ‘ a zia, u stai livannu prima ca pighia polveri?

NORA – e si. Mu pottu a casa accussi’ ci dugnu na puliziata, ca havi assai ca no fazzu.

ZA’ CUNCETTINA -veramenti non l’hai fattu mai. (Entra Nella che era in cucina) Pero’ cettu 25000 euri, a voghia di fari i sivvizza a fannu veniri.

Entra Nella.

NELLA - quali 25000 euru?

NORA - quali 25000? Di chi parri?

NELLA - a Za’ Cuncettina u dissi.

Entra Vito

ZA’ CUNCETTINA -no nenti. Mi riferivu sulu a dru candelabbru ca to soru s’anviccavu intra a dra bossa pi puttarasillu a casa. Beninteso sulu pi pulizziallu e tunnallu immediatamneti dopu.

NELLA - e chi centra che soddi dru ferru vecchiu?


42


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

ZA’ CUNCETTINA -ah ju non ni capisciu, ma u signo’ Macaluso, l’anti quatu ca arricoghi mobili vecchi, diceva ca vali su per giu’ quacche 25000 euru.

NELLA - e tu cosa fitusa, tu stavi arrubbannu? Molla l’ossu lattra.

NORA - auh alleggiu che paroli. E a appoi tu ca mi dici lattra a mia, chi hai intra a dri bustu ah?

ZA’ CUNCETTINA -nenti, nenti. Sulu un chilo di pennetti rigati, na buttighia di pummaroru, u pisci spada e i gamberoni di to mattri.

NORA - ah si? Brava, belli cosi fai. C’arrobbi u mangiari a mamma?

ZA’ CUNCETTINA -  e chi fa, c’e’ Margherituccia a cena e non ci fa at truvari nenti?

VITO - a cettu ca siti du belli tipi tutti e dui. Ci vulissunu i carrabbineri pi cuntrullarivi pi tutti i 27 uri di najunnata.

NELLA - si ca tu si tantu chiu’ meghiu. Chiuttostu chi su dri catti ca c’hai ‘nde manu?

VITO - nenti. Su cosi me.

ZA’ CUNCETTINA -comu no! Ovviu. E bene, i documenti di proprieta’ di sta casa, ca c’a puttari all’agenti immobiliarista pi vinniratilla e bene, su cosi to! mi pari giustu.

NORA - ‘nfamuni, chi ni vulevi fregari i soddi?

NELLA - picchi’ tu chi vulevi fari?

VITO - tu muta ca mangi a sbafu. E tu macari, arrobba potta cannili arruggiati.

I tre litiganio urlando contemporaneamente.

Scena VI

(Detti, Notaio, Lia)

LIA - (arriva di corsa)ma chi sta succidennu? Picchi’ stati vanniannu?

ZA’ CUNCETTINA -nenti a zia. Falli scannari tannicchieddra, tantu fra iddri sunu, a massimu si ponnu pighiari a muzzucunu.

LIA – Basta! Femmi! Cammativi, pi favuri. Non v’acchiappati. Basta! NOTAIO - permesso?(A cusa delle urla non lo sentono)E‘ permesso? LIA - si notaio, s’accomodi. Basta finitila di scannarivi ca c’è genti!

I tre vedendo il notaio fanno silenzio

NELLA - viditi ca non finisci ca!

NORA - ca cettu. Dopu m’ata a dari tutti i spiegazioni.


43


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

VITO - chiu’ taddu m’ata a dari cuntu e suddisfzioni.

LIA - notaio scusi sta confusioni. Arrivavu in un monento un poco particolare.

NOTAIO - no quali scuse. Anzi siete voi che mi dovete scusare. Ho suonato, ma non mi sentivate, dopoqualche minuto vedendo la porta aperta e sentendo il baccano, mi sono preoccupato e mi sono permeso di entrare.

NORA - notaio mi scusi, ma lei ccà chi ci fa?

NELLA - si, e’ vero. Il testamento gia’ no ficiumu. (Rivolta ai fratelli)o u chiamasturu vuauttri pi fari qualcheintrallazzu?

VITO - ju a nuddru haju chiamatu.

NORA - e mancu ju.

NELLA - e allura chi sta succidennu, si po capiri?

MAMMA - ora vu spiegu jù chi sta succidennu!

VITO – mi, ouh,  a vecchia si sdirrimbambiu!

NELLA - chi ti tunnanu i miruddra?

MAMMA - a mamma, grazie a Dio, i sentimenti non l’haju ancora pessu.

NORA - e allura chi ha fattu finta?

MAMMA - per l’appunto.

VITO - e picchi’?

MAMMA - picchi a mamma? E’ presto detto. Vidi fighiu miu, ‘ n pattri, na mattri, dassunu a so vita pe fighi. Pituttu i fighi, sia chiddri bonu, ca chiddri tinti. I crusciunu cu amuri, e non c’addumannunu mai nenti. Appoi s’addiventa vecchi, comu sugnu ju ora, e purtroppo s’ccumincia a aviri di bisognu de fighi. Non si pretenni nenti di nuddru, sia chiaro, pero’ quannu na figlia, ‘n fighiu, e’ presenti, affettuosu, b onu, insomma e’ ‘n fighiu, ti possu assicurari ca fa pia ceri, e comu su fa piaceri a un genitore. Ci sunu casi pero’, unnu i fighi si scodduni tutto, e si fannu avvidiri sulu quannu e’ ura di mangiari. Ora, sti fighi si voluni beni u stissu e sempri. Tutti i fighi sunu i stissi pi na mattri, tutti sunu pezzi do stissu cori. Su pero’ na nattri non po’ fari differenzi, na cristia na si, i po’ fari, livannu ‘n pocu di sintimemtu e mintennu tannichieddra di raggiuni. E jù d’accussi fici. Tu e i to soru, Nella e Nora, m’ata ciccatu sulu p’acchiappari, e ju vi l’haja datu i soddi cu piaci ri e cu amuri pur sapennu di chi pasta eruvu fatti. Ma chi ci putevu fari sempri i me fighi eruvu. Grazie a mia v’ata fattu na posizioni, e aviti tutti e tri na casuzza. Vostra soru Lia inveci no! Iddra non ha vuluto mai nenti di mia. Mi diceva sempri ca u faceva p’amuri e ca a pighiarisi na lira s’avissa sintutu umiliata. E puvureddra, oggi e’ povera e pazza e cu nu sprattu supra e spaddri.

NORA - mamma chi ni voi diri?

MAMMA - ju nenti. Ju fini’ di parrai. Notaio pi favuri, dri catti ca puttavu pi farammilli fimmari, i po leggiriad alta voce, accussi’ tutti ponnu sentiri?


44


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

NOTAIO - certo, come desidera signora. Do’ lettura del documento testamentario che, come richiesto dallasignora, ho scritto in maniera breve e chiara: io sottoscritta Angela Testa in Privitera, nel pieno possesso delle mie facolta’ mentali, dispongo che alla mia morte tutti i miei beni mobili, nello specifico, denaro liquido per una quantita’ di almeno Euro 40000 (questa e’ la cifra da me posseduta alla data odierna) e qualsiasi altra eventuale ricchezza dovessi accumulare fino al giorno del mio trapasso, vadano tatalmente ed esclusivamente alla signora Lia Privitera, mia figlia.

NELLA - chi dici? Ma chi e’ niscisti di sennu? Rimbambita ca non si auttru! Non ci po lassari tutti i cosi a Lia,nuavuttri semu i to fighi!

MAMMA - e tu stai arrivuddannu sulu ora ca ju sugnu to mattri? Ora ca c’e’ chi spattiri?

VITO - stu testamentu non e’ validu notaio! Gia’ me mattri u so testamentu u fuci in nostra presenza, e spatti civosi scriviri spontaneamente, ca chiddri erunu l’ultimi so vulunta’ e che non poteva piu’ cambiare ide a. E chidru ca e’ scrittu oramai e’ scrittu!

NOTAIO - si sbaglia mio caro signore.

VITO - in che sensu? Parrassi chiaru?

NOTAIO - nel senso che, si e’ vero che sua madre aveva gia’ dettato un testamento, sulla cui spontaneita’pero’ avrei da ridire molto piu’ di qualcosa. Comun que, la legge mio caro signore, e mie care signore, consente al testamentario di cambiare idea e dunque riscrivere il testamento mille ed altre mille volte, finche’ e’ in vita ed in grado di intendere di vol ere. E mi pare che vostra madre sia pienamente in vita ed in grado di decidere.

MAMMA - anzi notaio, u sapi chi ci dicu, visto ca lei dissi ca u me testamentu u possu canciari macari 100voti…

NOTAIO - mi dica signora.

MAMMA - vulissi frari un’aggiunta!

NOTAIO - detti pure e la scrivero’ immediatamente.

MAMMA - oltre e soddi, a me fighia Lia ci lassu macari tutta a mobilia, ca Nora ebbe a buona idea di fariprezzari, e ca sappi vali tanti soddi. Ci u po scriviri notaio?

NOTAIO - gia’ fatto signora.

NORA - e no! Macari i mobili no!

MAMMA - a no! E pecche’ no? Anzi u sai chi ti dicu, dru candelabbru ca t’ammucciasti intra a bossa, cecca diniscillu ca non t’attocca. E’ di to soru.

NELLA - talia sta vecchia stunata chi ni sta cummunannu!

VITO - almenu a casa n’attocca a nuavuttri?

NORA - n’attocca, n’attocca tranquillu. Ju m’hava informat o. A casa tocca in uguali parti a tutti i figli,e nuddruna po livari. (Ironica) veru mammuzza beddra?


45


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

NELLA - ti fregamui vecchia rimbambita!

VITO - ammenu n’ammuccamu chista.

MAMMA - hai ragiunu figlia me.

NORA - avete visto? Dicevu giustu?

MAMMA - dicevi giustissimu. A casa alla mia morte toccava a tutti i fighi na stissa misura.

NELLA - chi voli diri tuccava?

MAMMA - semplici. Voli diri ca sta casa non va possu l’assari.

VITO - ma chi dici? A casa da mattri passa e fighi!

MAMMA - cettu, ma sta casa non e’ mia, non piu’.

NORA - senti parra chiaru chi voi diri?

MAMMA - sta casa c’ha vinni’ a vostra soru Lia.

LIA - a mia? E quannu?

MAMMA - a tua insaputa. Tu rivoddi quannu l’auttru jonnu, a za’ Cuncetta, ti dissi di fimmari i documenti pipighiari l’aiuti alimentari do cumuni, ca m’attucca vunu?

LIA - si cettu.

ZA’ CUNCETTINA -  chiddri erunu i documenti di vendita da casa. Di dru mumentu sta casa e’ da to!

LIA - da mia?

NORA - ma si po fari notaio?

NOTAIO - certo. E’ un semplice atto di compra vendita. Legalissimo.

VITO - e quantu c’ha vinnisti?

MAMMA - un euro.

NELLA - quantu?

MAMMA - picchi’ ti pari pocu a mamma? E chi voi, u sai ca ju cu st’euru non c’haju caputi mani nenti!

NOTAIO - signora, il testamento e’ pronto. Se vuole firmarlo sara’mia premura          depositarlo.

VITO - a chistu a primura ci vinni tutta ora, ci vinni.

MAMMA - unni fimmu?

NOTAIO - qua’ signara, e poi qua’.


46


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

La mamma firma.

NOTAIO - ecco fatto. Bene, se la signora non ha altri comandi io andrei.

MAMMA - no, niente altro notaio. Grazie di tutto.

NOTAIO - allora, arrivederci a tutti(esce).

MAMMA - arrivederci.

NORA - acqua davanti e ventu d’arreri!

NELLA - speriamo ca sciddrica e si rumpi u coddru.

VITO - fozza ca dru parrucchinu ca c’havi ‘nda testa ci sc iddrica davanti l’occhi e o scuru va a n’ tappari ‘ nda‘n muru spigulusu.

Scena VII

(Detti)

LIA - no mamma. Ti ringrazio ma ju non possu accettari tutti sti cosi ca mi voi lassari.

MAMMA - e perche’ no?

LIA - non e’ giustu ne confronti de me soru e di me frati .

MAMMA - a mamma, tu c’hai u cori troppu granni, si troppu bona. Nonostante comu s’hana cumputtatu cu tiai to soru e to frati, ancora ci pensi.

LIA - e chi ci possu fari, sunu sempri u me sagnu.

MAMMA - e macari u me. Tranquilla Lia, ti assicuru ca particolarita’ non ni staju facennu.

Si, e’ veru, ora ti staju lassannu qualche soddu e a casa. Ma non cridiri ca e tosoru non c’haja datu nenti in tuttu st’anni. U mutuvu, cu quali soddi tu chiuristi Nora? Non tu rivoddi?

NORA - cu chiddri ca mi prestasti tu.

MAMMA - cu chiddri ca ti pristai e ca ancora non haju vistu.

NORA - ma chi c’entra appoi ti tonnu.

MAMMA - si cettu appoi. Ma tranquilla a mamma, quannu ti desi u sapevu ca ne videvu chiu’. Ma ti desi cututti u cori, picchi’ sapevu ca ti putevu aiutari, ti videvu contenta e vidennu felici a tia eru felici ju. E tu Vito tu scuddasti comu t’accattasti dra casuzza a mari veru? Nella a to machina nova e tutta a bella vita ca fai tu e to figlia, e’ grazie e soddi ca attruvati sutta a visual? Ma va bene. Va benissimo. V’haju aiutatu cu tuttu l’amuri di na mattri, e sugnu felici su haju arrinisciutu a darivi qualche cosa. Ma ora, ora e’ u turnu di Lia, ca non m’addumannatu mai nenti, e cumpuri ca abbita ni na casa vecchia e c’havi macari u sprattu supra e spaddri, mai, e dicu mai, ha vulitu na lira di mia.

LIA - e ne voghiu mancu ora mamma.


47


“ Ogni cosa o sò postu ” – 3 Atti di Santo Capizzi

MAMMA - oramai su de to, e chiddru ca ni voi fari ni fai. Ju addisidirassi ca ti tinissi, e finalmente a mamma,dopu tanti stenti e sacrifici, ti gudissi tannicchieddra a vita. E grazie a mamma, grazie pi tuttu chiddru ca ha fattu pi mia. Haju patturutu 4 voti, ma in pratica pi tutta a vita m’haju attruvatu sulu na figlia. A tia.

NELLA - a mia non m’interessa chiu’ di nuddru, vu staju dic ennu chiaru e tunnu ah!

ZA’ CUNCETTINA -  ma picchi’, quannu mai t’ha interessatu di qualcunu ca non eri tu stissa o to figlia?

NORA - va beni u capi’ ca non ci nesci chiu’ nenti, meghiu ca mi ni vaju.

VITO - si, raggiuni c’hai.

MAMMA - si, jitavinni pe vostri strati fighi mei. Ma arrivuddatavillu sempri. L’ultimu vistitu e’ senzasacchetti! Peccio’ quannu arrivamu ‘n funnu a nostr a strada, non cunta quantu semu ricchi di soddi e possedimenti, picchi’ nenti ni putemu puttari. Cunta quantu amuri hama datu, quantu n’hama ricivutu; i casi si fannu e si sdurubbuni, u nostru nomu, su e’ bonu, arresta.

SEGRETARIO - pepe’, pepe’, pemmesso?

ZA’ CUNCETTINA -  prego s’accomoda.

SEGRETARIO - ce…ce…cece’… ceccavo il notaio. Pi casu chi e’ anc           ora ca’?

ZA’ CUNCETTINA -  no segretariu, si ni jivu ora ora.

SEGRETARIO – a va beni. Allura voli diri ca timminavu. Abbissavu tutti i cosi?

MAMMA - si tutto. Ora finalmente ogni cosa e’ o sò postu!

SIPARIO


48

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 1 volte nell' arco di un'anno