Oh, Olimpus Dei!

Stampa questo copione

OH, OLIMPUS DEI!

Di

Valerio Di Piramo

PERSONAGGI

ARISTODEO, il ladro;

TETI, sua moglie;

CIECO/ZEUS;

ERA, sua moglie;

ATTORE/ZEUS;

ATTTRICE/ERA;

ATTORE/EROS;

ATTRICE/AFRODITE;

I PASTORELLA;

II PASTORELLA;

UNA GUARDIA;

La scena si svolge all'aperto, in un vecchio teatro

nelle vicinanze della città di Delfi nell'antica Grecia;

A sinistra una comune con una strada che conduce alla

città di Delfi sul fondo un tempio abbastanza mal ridotto;

sulla scena rovine disseminate un pò dappertutto; a destra

l'uscita che va in aperta campagna.

Sia il primo che il secondo atto si svolgono sull'ora del

tramonto di due giorni di luglio uno successivo all'altro.

ATTO PRIMO

SCENA I °

ARISTODEO, UNA GUARDIA.

                                                (Aristodeo entra sulla scena di corsa da sinistra; si guarda

                                                intorno, e sentendo dei rumori si nasconde dietro una colon-

                                                na di fondo; entra una guardia armata e si ferma colta dal

                                                fiatone)

 

 GUARDIA                            Maledetto! Anche stavolta mi  sfuggito! Ma come riesce a

                                                correre cos veloce? Sembra che abbia le ali ai piedi come

                                                Ermes! Scommetto che in tutta Delfi non esiste un'altro

                                                uomo più veloce di lui...e nemmeno più ladro! In dieci giorni

                                                avrà derubato almeno tre viandanti...ed io non riesco mai a

                                                prenderlo! Ma...ma che cos' questo puzzo di formaggio? Mhà,

                                                forse la fame e la stanchezza mi giocano brutti scherzi...

                                                sarà meglio che torni in città, prima che il buio mi sorpren-

                                                da in questo luogo...(Esce da dove era entrato)

S CENA II °

ARISTODEO

  ARISTODEO                       (Uscendo dal nascondiglio) Finalmente se n' andato! Credevo

                                                non togliesse più le tende...certo  che sto correndo un pò

                                                troppi rischi, e qualche volta...zac! Mi troncano il collo...

e poi almeno ne valesse la pena! Eh no, non c' più la gente

                                                ricca come una volta: e se c'è si nasconde bene! Un tempo

                                                eravamo in pochi a esercitare questa professione...ma che

                                                dico...un'arte! La nostra  un'arte. Adesso tutti rubano.

                                                Chi per la fame, chi per ingordigia, chi per sentirsi diver-

                                                so dagli altri... qui finisce che a forza di sentirci uno

                                                diverso dall'altro diventiamo tutti uguali. Perfino i ricchi

                                                rubano al prossimo, spinti dal desiderio di avere sempre di

                                                più. Eh sì...artisti come me ne sono rimasti pochi! La gente

                                                ha paura, e nasconde tutto ciò che ha di prezioso...sono

                                                ormai tre anni che mi devo accontentare di merce scadente!

                                                Oggi sono riuscito a trovare solo questo pezzo di formaggio,

                                                e da come puzza deve essere anche andato a male...trovassi

                                                almeno un pò di pane! Eh, ma ormai si sa: questo è  il destino

                                                dei poveri! Ti manca sempre qualcosa per essere veramente

                                                felice. Per Zeus! Ma perchè non sono nato ricco? Almeno, anche

                                                se rubavo ugualmente, avrei trovato il modo di sistemare

                                                sempre le cose senza essere punito...una pecora a Tizio...

                                                una caciotta a Caio... eh no, caro Aristodeo...il mondo non è

                                                fatto per te... il mondo  fatto per quelli che se lo possono godere!

Tanto valeva che non fossi mai nato...sempre a

                                                correre, per inseguire un viandante o fuggire alle guardie.

                                                Zeus, Zeus, ma perchè non mi aiuti? Non sono anch'io una

                                                tua creatura come tutte le altre? Non ho forse anch'io il

                                                diritto di vivere, mangiare, dormire? Ah Zeus, come sai

                                                essere duro!

SCENA III °

ARISTODEO,ATTORE ZEUS.

  ATT.ZEUS                                       (Uscendo da dietro il tempio) Qualcuno mi ha chiamato?

  ARISTODEO                       Chi c'è? (Girandosi) AHHH!!!!! (Cade in terra e si copre il

                                                volto)

  ATT.ZEUS                           Mi  sembrato di udire una voce che invocava il mio sacro

                                                nome: sei forse tu il padrone di quella voce?!?

  ARISTODEO                       No...sì...no, forse...hai capito male...

  ATT.ZEUS                                        Io...CAPITO MALE?!? Perchè, o mortale, hai pronunciato il

                                                mio sacro nome?

  ARISTODEO                       Ti stavo...ti stavo ringraziando per avermi fatto trovare        

                                                questo pezzo di formaggio...

  ATT.ZEUS                           AH SI'?!? E dimmi, mortale...Come ti chiami?

  ARISTODEO                       Aristodeo...

  ATT.ZEUS                           Aristodeo? Accidenti, che brutto nome! E ora a noi. Scommetto

                                                che ti starai chiedendo perch mi sono mostrato in tutta la

                                                mia magnificenza ai tuoi occhi!

  ARISTODEO                       No, no...

  ATT.ZEUS                           COME NO?!?!

  ARISTODEO                       Sì, sì...

  ATT.ZEUS                           Bene. Devi sapere che sull'Olimpo noi Dei ci annoiamo a

                                                morte, e che cerchiamo sempre nuovi giochi per trascorrere

                                                il tempo in modo piacevole. Tempo fa c'era Odisseo che ci

                                                faceva divertire con quelle sue astutissime trovate, e ti

                                                confesser che noi Dei l'abbiamo aiutato svariate volte; ma

                                                una volta tornato a Itaca il divertimento è cessato, e tutti

                                                noi siamo sprofondati ancora una volta in una noia tremenda...

                                                fin quando non abbiamo individuato in te una fonte di gaudio:

                                                ed eccomi qui.

  ARISTODEO                       Io...io sarei dunque una fonte di gaudio?

  ATT.ZEUS                           Non ancora,ma ti posso assicurare che lo diverrai molto presto.

  ARISTODEO                       Ti prego, sommo Zeus,non farmi del male...a casa ho una moglie

e una vecchia madre che mi attendono...è già tardi, e non vo-

                                                rei che la pena le tormentasse...anzi, vado subito da loro...

ATT.ZEUS                           FERMATI, MISERO MORTALE! DOVE CREDI DI ANDARE? Cosa credi di poter fare senza il consenso di Zeus? Ma non sai che con un

                                                semplice gesto POSSO INCENERIRTI?

  ARISTODEO                       Ne ho sentito parlare...

  ATT.ZEUS                           Non sai che con un piccolo battito di ciglia posso renderti zoppo

                                                per tutta la vita?

ARISTODEO                       (Tra se) Questo come si muove combina dei guai...(A Zeus) NO! Ti prego, grande Zeus, zoppo no! Io devo correre!  

ATT.ZEUS                            Va bene...la grandezza di Zeus non conosce confini. Come so punire so anche perdonare.

  ARISTODEO                       (Prostrandosi) Grazie...grazie...

  ATT.ZEUS                                       Aristodeo, adesso alzati e ascoltami attentamente: ciò che sto

                                                per dirti cambierà la tua vita.

  ARISTODEO                       Parla pure, o sommo...ormai sono rassegnato al fato!

  ATT.ZEUS                           Abbiamo scommesso su di  te.

  ARISTODEO                       Avete...cosa?

  ATT.ZEUS                                       Scommesso, Aristodeo, scommesso...io e mia moglie, Era. Poi

                                                sono entrati nel gioco anche Eros e Afrodite.

  ARISTODEO                       Ed io...io cosa dovrei fare?

  ATT.ZEUS                           La prima parte della scommessa  già finita...io ed Eros

                                                dicevamo che tu saresti sopravvissuto alla mia visione, Era

                                                ed Afrodite sostenevano di no....tu sei ancora vivo, vero?

  ARISTODEO                       Mha...(Tastandosi) credo...credo di sì...

  ATT.ZEUS                           Molto bene. Allora abbiamo vinto io e Eros.

  ARISTODEO                       Sono proprio contento...ora posso andare?

  ATT.ZEUS                           NO!!! Manca ancora la seconda parte, quella più difficoltosa..

  ARISTODEO                       E   sarebbe?

  ATT.ZEUS                           Devi chiederci un dono: ciò che chiederai ti sarà concesso.

                                                In base al tuo comportamento futuro vedremo chi vincerà la

                                                seconda parte della scommessa.

  ARISTODEO                       (Tra se) A me? Una simile fortuna è capitata proprio a me?

                                                e adesso...adesso cosa chiedo? Potrei chiedere di farmi

                                                diventare ricco...eh già! E se poi muoio a che mi servirebbero

                                                le più grandi ricchezze del mondo? Potrei chiedere la salute!

                                                Già...per continuare a correre tutta la vita!

 ATT.ZEUS                            E allora? Possibile che tu non abbia nemmeno un desiderio?

 ARISTODEO                        Ci sto pensando...non è una cosa così semplice...

  ATT.ZEUS                           Dimmi, Aristodeo, che mestiere eserciti?

  ARISTODEO                       IO? Il...il mercante.

  ATT.ZEUS                           Bravo! I mercanti sono il futuro del mondo..e cosa mercanteggi,

                                                formaggio?

  ARISTODEO                       Formaggio, pane...quello che mi capita di rub...di trovare...

  ATT.ZEUS                           Ah, ecco. E allora? Hai pensato al desiderio?

  ARISTODEO                       Ecco, sommo Zeus...una cosa ci sarebbe...

  ATT.ZEUS                           Ebbene? Perle? Pietre preziose? Oro? Parla, poichè mi sto

                                                spazientendo!

  ARISTODEO                       Vorrei...vorrei diventare un Dio e vivere per sempre sul-

                                                l'Olimpo insieme a voi.

  ATT.ZEUS                           Cosa!? Tu vorresti...ah, ah! Un Dio! Aristodeo il mercante

                                                vorrebbe diventare un Dio! Ah, ah!

  ARISTODEO                       Perchè mi deridi, o incommensurabile? Ho forse detto uno

                                                sproposito?

  ATT.ZEUS                           PER LE TENEBRE DELL'ADE!!!! Come osi tu. Piccolo e insignifi-

                                                cante mortale, polvere nella polvere, niente nel niente,

                                                chiedere tanto? Ma non sai che per una richiesta così sfac-

                                                ciata io posso toglierti quella tua squallida e inutile vita

e scaraventarti tra le braccia di Minosse?

  ARISTODEO                       (Prostrandosi) Perdonami, o saggio Zeus... non immaginavo che

                                                la mia richiesta potesse irritarti così...ma è vero, sono

                                                solo un presuntuoso....

SCENA IV °

ATTRICE ERA e DETTI

  ATT.ERA                             (Entrando da dietro il tempio) La tavola è imbandita già da

                                                un pezzo... attendiamo solo te, o Zeus, per dare inizio a

                                                quella che sarà una delle più lunghe notti di questa splendi-

                                                da estate.

  ATT.ZEUS                           Per le tenebre dell'Ade! Mi ero completamente dimenticato della

                                                festa! Vedi Aristodeo? E' tutta colpa tua! Ma dimmi, o divina

                                                Era, cosa festeggiamo?

  ATT.ERA                             Se tu potessi invecchiare, ti direi che invecchi proprio male,

o sommo Zeus! Chi  la tua figlia prediletta?

  ATT.ZEUS                           Afrodite.

  ATT.ERA                             E oggi la bella Afrodite con chi si è unita in matrimonio?

  ATT.ZEUS                           Con il valoroso Efesto.

  ATT.ERA                             E allora, mio smemorato compagno?

  ATT.ZEUS                           Ah già! Adesso ricordo tutto! Andiamo pure...

  ARISTODEO                       Un momento! E io?

  ATT.ERA                             E costui chi sarebbe? Un Dio minore? Strano, non ricordo di

                                                averlo veduto nè sull'Olimpo nè in altro luogo...

  ATT.ZEUS                           Ma come! Non vedi che è solo un comune mortale? E' l'ogget-

                                                to della scommessa di poco fa.

  ATT.ERA                             Scommessa? Che scommessa?

  ATT.ZEUS                           E  poi hai il coraggio di dire che invecchio male io!

  ATT.ERA                             Ah,"quella" scommessa! Ora ricordo tutto...è ancora vivo?

  ARISTODEO                       Col vostro permesso...

  ATT.ERA                             Benissimo...così io e Afrodite abbiamo vinto anche questa

                                                volta. Andiamo ora, ci stanno attendendo.

  ATT.ZEUS                           Voi avete...che cosa? No,guarda, la scommessa l'abbiamo vinta

                                                io e Eros!

  ATT.ERA                             Ma neanche per sogno! Ricordo tutto benissimo! Voi dicevate

                                                che sarebbe morto di spavento, io e Afrodite che sarebbe

                                                sopravvissuto.

  ATT.ZEUS                           PER LE TENEBRE DELL'ADE! Osi forse mettere in dubbio la paro-

                                                la del sommo Zeus?

  ATT.ERA                             La parola no, ma la testa sì!

  ARISTODEO                       Scusate...non credo sia il caso...

  ATT.ZEUS                           SILENZIO!!! E la seconda parte della scommess? Quella te la

                                                ricordi?

  ATT.ERA                             Certamente. Gli hai dato ciò che ti ha chiesto?

  ARISTODEO                       Lo stava per fare, ma poi...

  ATT.ZEUS                           SILENZIO!!! Sai almeno cosa ha avuto l'ardire di chiedere?

  ATT.ERA                             Me lo posso immaginare...avrà chiesto del denaro...

  ATT.ZEUS                           Ma che denaro! Ha chiesto molto di più...vuole diventare un Dio minore!

  ARISTODEO                       Minore, minore...non troppo minore!

  ATT.ZEUS                           SILENZIO!!!

  ATT.ERA                             E tu hai osato chiedere tanto? Ma non sai che per diventare

                                                Dei  necessario essere puri di spirito?

  ARISTODEO                       Ecco...veramente questo non lo sapevo...

  ATT.ZEUS                                       Dunque devo dedurre che tu sei contraria!

  ATT.ERA                             Certamente! Mancherebbe solo uno come lui sull'Olimpo!

  ARISTODEO                       Lo sapevo che non era possibile...via, allora io tornerei da

                                                mia moglie...grazie di tutto...

  ATT.ZEUS                           FERMO!!! Come puoi credere che mia moglie conti più di me?

                                                Torna domani sera prima di questa ora: quello che hai

                                                chiesto ti sarà concesso.

  ARISTODEO                       Davvero? Grazie, o potente, grazie!

  ATT.ERA                             Aspetta a ringraziarlo...ti renderò la vita così difficile

                                                che maledirai questo giorno! (Esce da destra)

  ATT.ZEUS                           Hai visto che hai fatto? E' tutta colpa tua! Addio, e non

                                                dimenticare di tornare domani sera...(Esce da destra) Era!

                                                Era, ascoltami...

SCENA V °

ARISTODEO

  ARISTODEO                       Accidenti che avventura! E pensare che sono solo un povero

                                                ladro! Se tutto quello che mi  capitato stasera andrà in

                                                porto per il meglio, potrò finalmente dire di aver avuto

                                                un pò di giustizia...io, Aristodeo, un ladro, magari bravo,

                                                ma pur sempre un ladro, sarò trasformato in un Dio per mano

                                                dello stesso Zeus! E che importa se sarò un Dio minore?

                                                Andrò ad abitare sull'Olimpo, e lassù godrò come solo gli

                                                Dei sanno godere! Basta con il rubare il formaggio puzzolente,

                                                basta con il digiuno, basta con le corse mozzafiato insegui-

                                                to dalle guardie! D'ora in poi tutti mi adoreranno, e chi non

                                                lo farà lo farò fulminare dal mio nuovo padre...e se Zeus mi

                                                trasformasse in un Dio maggiore? Io, Aristodeo, fratello del

                                                bellicoso Ares, del bellissimo Eros, della stupenda Afrodite!

                                                Potrei anche cavalcare Pegaso e volare fino alla luna... mi

                                                spiace solo per mia madre e per Teti, mia moglie...ma prima

                                                di andare ad abitare sull'Olimpo farò in modo che stiano

                                                bene tutta la vita. Ma soprattutto...non sentirò più urlare

                                                mia moglie...MAI PIU'!

SCENA VI °

TETI e ARISTODEO

  TETI                                      (Da sinistra, urlando come un'ossessa) AH, SEI QUI!!! E' DA

                                                OGGI POMERIGGIO CHE TI STO CERCANDO!!!

  ARISTODEO                       (Tra sè) Come non detto.

  TETI                                      (Picchiandolo) VAGABONDO SCANSAFATICHE! Cosa ci fai in questo posto buio e desolato? Ti sei nascosto per paura dei credi-

                                                tori? E chi c'era con te? Mi  parso di udire delle voci...

                                                con chi stavi parlando? C'è un'altra donna? Eh? Dov'è?

                                                Dov'è che le cavo gli occhi? Dov'è che le strappo i capelli?

                                                RISPONDI, STUPIDO MARITO SENZA CERVELLO!!!

  ARISTODEO                       (Fermandola in qualche modo) Calmati TetiNon c' nessun'altra

                                                donna...tu mi basti e mi avanzi! E poi, un giorno non lonta-

                                                no potresti pentirti di avermi trattato in questo modo...

  TETI                                      E come ti dovrei trattare? Come deve essere trattato un ladro,

                                                un farabutto che lascia la propria moglie digiuna per due giorni?

  ARISTODEO                       Lascia che ti spieghi...

  TETI                                      MA COSA VUOI SPIEGARE! LADRO! Mi sposasti giurando e spergiu-

                                                rando che non avrei mai più fatta la fame; mi sposasti promet-

                                                tendomi mari e monti, oro e argento, perle e pietre preziose:

                                    e tua madre! Tua madre a ripetermi continuamente "Vedrai che

                                                non ti pentirai di aver sposato mio figlio! Un giorno ti farà

                                                felice!" E invece eccomi qua, a cercare un marito che fugge

                                                inseguito dai creditori...oh, come vorrei che Zeus ti folgoras-

                                                se!

  ARISTODEO                       ZITTA! Zitta, per la carità! Lascia stare Zeus, tu non devi

                                                nemmeno nominarlo!

  TETI                                      E perchè? Con tutta la gente che c'è in Grecia pensi forse

                                                che perda il suo tempo ad ascoltare proprio noi? Ha ben altro

                                                da fare, lui!

  ARISTODEO                       Chi lo sa, Teti, chi lo sa...

  TETI                                      Cosa vuoi dire?

  ARISTODEO                       Quello che ho detto. E ora fila a casa...tieni, prendi questo

                                                pezzo di formaggio e dividilo con mia madre; io ti seguirò

                                                tra poco.

  TETI                                      Formaggio? FORMAGGIO!?! Oh, che brav'uomo che sei! Come mi

                                                sbagliavo sul tuo conto! Che Zeus ti mantenga così sano e

                                                forte!

  ARISTODEO                       E anche di più! Siamo già d'accordo...

  TETI                                      Ma che dici? Lo sai che stasera sei strano? Parli di Zeus come

                                                se sapessi dov'è e  cosa fa... sembra quasi che sia un tuo

                                                amico! Stai cominciando a farneticare come tua madre, quando

                                                dice che tu e Zeus avete tante cose in comune...

  ARISTODEO                       Lascia stare i deliri di quella vecchia e vattene a casa: io

                                                non tarderò molto.

  TETI                                      (Uscendo) Torna presto, tra poco sarà buio...

SCENA VII °

ARISTODEO

  ARISTODEO                       E' davvero difficile farla rigare dritto. Vorrebbe comandare,

                                                vorrebbe che io facessi tutto ciò che desidera...a me!

                                                Ad Aristodeo, un futuro Dio! (Pausa) Ma in fondo mi vuole

                                                bene...quando sar sull'Olimpo l'aiuterò, e non le farò

                                                mancare nulla..avrà pane e formaggio tutti i giornie qualche

                                                volta anche del vino...(Guardandosi intorno) Ma ora sarà

                                                meglio tornare a casa, finchè c'è ancora un pò di luce...

                                                (Esce da sinistra)

SCENA VIII °

ATTORI:ZEUS, ERA, AFRODITE,e EROS.

                                                (Entrano da destra, facendo attenzione che in scena non ci

                                                sia nessuno)

  ATT.ZEUS                           Avete visto? Quello era l'uomo di cui vi parlavo... che ve

                                                pare? Non merita questa burla?

  ATT.AFROD.                       Come hai detto che si chiama?

  ERA                                      Aristodeo! Avete sentito un nome più brutto di questo?

  ATT.EROS                           E adesso? Che cosa avete intenzione di fare?

  ATT.ZEUS                           Ancora non lo so, ma qualcosa escogiteremo... bisogna farglie-

                                                la pagare…se lo merita per la sua presunzione. Poteva chiedere

                                                del denaro? No! Dovevate sentirlo: Voglio diventare un Dio!

                                                Ebbene, noi lo puniremo; non so ancora come, ma lo puniremo.

  ATT.AFROD.                       Io non ho capito una cosa.

  ATT.EROS                           Non  una novità.

  ATT.ERA                             Adesso non cominciate, voi due...che cos'è che non hai capito?

  ATT.AFROD.                       Voi due...come facevate a essere qui?

  ATT.ZEUS                           Il fato, cara Afrodite, il fato! Questo pomeriggio, appena

                                                finita la commedia che stiamo rappresentando al teatro di Delfi,

                                                siamo voluti venire a vedere com'è ridotto questo posto...

                                                dovete sapere che questo  stato il teatro dove io e mia

                                                moglie (Abbraccia Era) abbiamo recitato per la prima volta...

                                                quanti ricordi! Là (Indica il pubblico) sedevano gli spet-

                                                tatori, e qui recitavamo noi. Avevamo una paura! Ti ricordi?

  ATT.ERA                             Eh sì! Mi ricordo anche che quando la commedia fu finita

                                                piansi come una vite tagliata...

  ATT.ZEUS                                       Ma lasciamo stare i ricordi e torniamo a noi. Eravamo qui,

                                                seduti a guardare malinconicamente tutti quei posti vuoti,

                                                quando improvvisamente udimmo correre della gente; entram-

                                                mo nel vecchio tempio, e vedemmo uno strano tipo che venne a

                                                nascondersi proprio dietro quella colonna; subito dopo ar-

                                                rivò una guardia, ma andò via senza averlo trovato. Fu proprio

                                                in quel momento che mi venne l'idea di giuocargli uno scherzo.

                                                Allora uscii dal mio nascondiglio e mi spacciai per Zeus...

                                                il resto lo conoscete già.

  ATT.ERA                             Sì, ma adesso? Hai detto poco fa che questo Aristodeo verrà

                                                domani qui, e si attende che tu lo trasformi in un Dio...

                                                come farai?

  ATT.ZEUS                           Bhà, una mezza idea l'ho già in mente...

  ATT.AFROD.                       Sù, diccela, non tenerci sulle spine...

  ATT.ZEUS                           Piano, piano...ogni cosa a suo tempo...devo pensarci ancora

                                                un pò, perchè non voglio che questa burla venga scoperta per

                                                qualche disattenzione. Però ricordatevi che avrò bisogno

                                                anche di voi due, e dovrete fare quello che vi dirò...vedrete

                                                che ci divertiremo, e daremo una bella lezione a questo

                                                presuntuoso ladro!

  ATT.ERA                             Adesso andiamo a dormire...domani ci attende una lunga serata

                                                piena di sorprese e risate. (Escono tutti da destra)

SCENA IX °

ARISTODEO, UNA GUARDIA

                                                (Solita scena dell'inizio; Aristodeo si nasconde dietro la

                                                solita colonna)

  GUARDIA                           (Entra in scena col fiatone) Non ce la faccio più! Mi devo

                                                fermare, altrimenti mi scoppia il cuore..(Guardandosi intorno)

                                                Guarda guarda! Non sono nel solito teatro di poco fa? Quel

                                                maledetto! Ma perchè fugge sempre in questa direzione? Che

                                                abbia qui il suo covo? E se non fosse solo? Se fosse il compo-

                                                nente di una banda? (Rabbrividendo) Bhè, ormai è buio, e non

                                                troverei nemmeno un cavallo...sarà meglio che torni a casa.

                                                (Uscendo da sinistra) Per Zeus! Se lo prendo gli mozzo le

                                                orecchie e gliele faccio mangiare!

SCENA X °

ARISTODEO

  ARISTODEO                       (Uscendo cautamente dal nascondiglio) Sono stato veramente

                                                un pazzo! Ma cosa cerco? Cosa voglio? Non mi basta la fortu-

                                                na che ho avuto? Per un pelo quella guardia non mi prendeva!

                                                Ma si sa...l'occasione fa l'uomo ladro...e io comincio a

                                                credere che più ladri di me non ci sia nessun, nè in cielo

                                                nè in terra! Stavo tornandomene a casa, quando ho visto quel

                                                bel mercante grassottello che prometteva di avere con sè mil-

                                                le delizie...a quest'ora di notte, poi...solo come un cane...

                                                ed io non ho resistito. Sono andato pian pianino dietro le

                                                sue spalle e l'ho assalito...e in quel preciso istante è ar-

                                                rivata la guardia! E per cosa? Per questo pezzo di pane!

                                                Pazzo, sono stato un pazzo...e pensare che a casa mi attende

                                                mia moglie con un pezzo di formaggio! Basta. Quello che

                                                stato  stato...adesso vado a casa, e giuro che non cadrò più

                                                in tentazione...(Si avvia verso sinistra)

SCENA XI °

ARISTODEO, IL CIECO

  CIECO/ZEUS                      (Entra da destra) C'è qualcuno qui? Mi è sembrato di udire

                                                dei passi...se c'è qualcuno lo supplico di non farmi del male..

                                                non sono che un povero cieco...aiutatemi...(Aristodeo muove

                                                un passo verso di lui) Chi c'è là? Ti ho sentito, sai? Ma

                                                perchè non parli? Che cosa...cosa vuoi farmi? Le tue non pos-

                                                sono essere intenzioni oneste, altrimenti mi avresti già

                                                salutato...non puoi nemmeno essere un animale, perchè ho impara-

                                                to già da molto tempo a distinguere i passi umani...ma allora

                                                chi sei? Ah, ho capito...non puoi essere che un ladro...se è

                                                così ti avverto che stai perdendo il tuo tempo, poichè ormai

                                                non mi sono rimasti nemmeno gli occhi per piangere sulle mie

                                                sventure...

  ARISTODEO                       (Tra sè) Per il cielo! Costui  cieco, eppure ha indovinato

                                                subito che sono un ladro! Figuriamoci cosa potrebbe fare se

                                                potesse vedere!

  CIECO/ZEUS                      Insomma, perchè non parli? Sei forse muto? Che bella coppia

                                                saremmo! Un muto e un cieco...

  ARISTODEO                       Che dici vecchio? Cosa stai farneticando?

  CIECO/ZEUS                      Finalmente! Allora non sei muto! Spero solo che tu sia una

                                                brava persona, poichè ho sempre paura di incontrare dei fara-

                                                butti...ho tanta fame..ormai sono due giorni che non incontro

                                                anima viva...sono allo stremo delle forze..tu mi puoi aiutare?

  ARISTODEO                       Ti aiuterei volentieri, vecchio, ma purtroppo non possiedo

                                                niente...

  CIECO/ZEUS                      Non importa, non importa...dicono tutti così...tanto io non

                                                li posso vedere. Ma non  stato sempre così, sai? Un tempo

                                                anch'io vedevo ciò che tu vedi, ma poi la luce cominciò ad

                                                andarsene, non so per quale prodigio... e da allora il buon

                                                Zeus mi ha tenuto sempre al buio.

  ARISTODEO                       Buono? Ma perchè lo chiami buono dopo ciò che ti ha fatto?

  CIECO/ZEUS                      Perchè forse mi ha messo alla prova per vedere se riesco a

                                                superare gli effetti negativi del fato...e poi non posso

                                                dimenticare che mi ha creato, e se ora non vuole più che io

                                                veda le cose che mi circondano una ragione deve esserci...

                                                in fondo ho imparato più cose in questi ultimi cinque anni che

                                                in tutta la mia vita...addio. Non voglio farti perdere altro

tempo...so che il tempo  prezioso, per chi può vedere...per me, invece...(Si avvia)

  ARISTODEO                       No, aspetta...non andartene...

  CIECO/ZEUS                      Che cosa desideri? Non posso restare qui tutta la notte...

                                                perchè è notte, vero? Non sento più da tempo il calore del

                                                sole che accarezza il mio volto...

  ARISTODEO                       Povero vecchio, quante ne devi aver passate! Ed io che crede-

                                                vo di essere sfortunato! Grazie, Zeus! Grazie per  ciò che mi

                                                hai donato! Grazie per queste mani, per questi occhi, per

                                                quelle stelle! Grazie per avermi fatto incontrare questo vec-

                                                chio, questo splendido cieco che ha ridato luce a questi miei

                                                poveri occhi spenti! Tieni, vecchio, per ora non ho che

                                                questo...(Gli dà il pane) spero che basti a saziarti...

  CIECO/ZEUS                      Che cos'è? Pane? Tu..tu fai questo per me? Per uno sconosciuto?

  ARISTODEO                       Tu non sei uno sconosciuto, vecchio...è tutta la vita che ti

                                                aspetto, e finalmente sei arrivato...tu sei la mia coscienza,la

                                                mia anima, quella che mi sono sempre rifiutato di ascoltare...

                                                ma adesso non ho più scusanti. Avevi ragione, sai, vecchio?

                                                Io sono un ladro della peggiore specie, un farabutto che è

                                                sempre vissuto derubando il prossimo...ma da oggi basta.

                                                Non ruberò più, dovessi morire di fame...farò una vita onesta,

e mi guadagnerò il pane lavorando. In quanto ai tuoi occhi...

                                                le tue preoccupazioni stanno per finire. Quello che sto per

                                                dirti forse ti sembrer strano, ma ti giuro che  la verità:

                                                io conosco Zeus.

  CIECO/ZEUS                      Tu...conosci Zeus? Ma allora sei un Dio!

  ARISTODEO                       No vecchio, non lo sono. Ma potrei diventarlo domani.

  CIECO/ZEUS                      Ma...ma che stai dicendo?

  ARISTODEO                       Sto dicendo che lo potrei diventare, ma non lo farò. Pregherò

                                                invece il sommo Zeus di ridare la luce ai tuoi occhi...lui

                                    capirà, e tu potrai finalmente tornare a vedere le stelle.

  CIECO/ZEUS                      Dimmi, o mio generoso amico, qual'è il tuo nome?

  ARISTODEO                       Aristodeo.

  CIECO/ZEUS                      Aristodeo? Un bel nome, mi piace...

  ARISTODEO                       E   tu? Come ti chiami?

  CIECO/ZEUS                      Che importanza ha? Chiamami pure vecchio.

  ARISTODEO                       D'accordo...ora devo andare...tu dove andrai?

  CIECO/ZEUS                      Se non trovo un rifugio saranno guai...tra poco questo posto

                                                sarà popolato di bestie notturne.

  ARISTODEO                       Là c'è un tempio... ti accompagno io, così per stanotte non

                                                dovrai temere nulla...(Si avviano verso il fondo mentre

                                                cala il sipario)

FINE PRIMO ATTO
SECONDO ATTO

SCENA I °

PASTORELLE

                                                (Solita scena del I °atto; la sera successiva)

I PASTOR.                            (Entra da sinistra, seguita dall'altra pastorella) Perchèmi hai condotta in questo luogo desolato?

II °PASTOR.                          Per farti vedere con i tuoi occhi dove l'ho incontrato questa mattina, per farti assaporare le dolci sensazioni che ancora adesso sono qui, attorno a noi, come sospese a mezz'aria...e infine perchè in fondo al cuore spero di rivederlo ancora.

I PASTOR.                             Come puoi sperare di rivederlo? Tu stessa hai detto che altri non poteva essere se non un Dio, vista la sua meravigliosa belezza!

II °PASTOR.                                      Non so, ho come una sensazione...lui mi ha colto, mi ha amata,

mi ha sussurrato parole così dolci che sono scese dentro di me come nettare di Dei...mi rifiuto di credere che sia finito tutto così...

IPASTOR.                              E  non ti ha detto chi era? Cosa faceva in questo posto, da dove veniva, dove andava...

IIPASTOR.                             Senti, Neleo... io so solo che tornerà...

I PASTOR.                             Ma figurati!Figurati se un Dio o chiunque esso sia si prenderà la briga di tornare da questa povera e sedotta pastorella!Lui, mia cara, ha ottenuto ciò che voleva e per di più con la tua collaborazione! Scendi dalle nuvole, o sconsiderata Iris! Ma non ti accorgi della tua enorme stupidità? Ma davvero l'amore ha colpito così forte il tuo cuore?

II °PASTOR.                                      (Rumori) Zitta, zitta...non senti anche tu?

I PASTOR.                             Che cosa?

II °PASTOR.                                      Dei passi! Senti? Ti prego, Zeus, fa che sia lui!

I °x PASTOR.                         Sarà meglio nascondersi..se poi fosse colui che aspetti usciremo  di nuovo allo scoperto. Ma ora cerchiamo di essere prudenti , poichè questo posto non mi sembra dei più sicuri  per due pastorelle come noi..e tu ne sai qualcosa, vero? (La prende

                                                per un braccio e la trascina dietro le colonne di fondo)

SCENA II °

ATTORI:ZEUS,ERA,AFRODITE,EROS

                                                (Entrano da destra;il primo sar Zeus)

  ATT/ZEUS                           Tra non molto dovrebbe arrivare... ora vi illustrerò il piano

                                                che ho in mente.

  ATT/ERA                             Ma tu credi davvero che verrà? Io ho paura che abbia sentito

                                                puzza di bruciato, e che ci faccia attendere per niente.

  ATT/AFROD.                       E  così la burla la subiremmo noi!

  ATT/EROS                           Io vi devo confessare una cosa...quel poveretto mi fa un pò

                                                compassione...dopo tutto che male ci ha fatto?

  ATT/ERA                             E' un ladro, no? E questo basta e avanza!

  ATT/AFROD.                       Non capisco perchè ti vuoi tirare indietro...

  ATT/EROS                           Io non mi tiro affatto indietro! Stavo solo cercando di capire

                                                perchè gli dobbiamo fare del male.

  ATT/ZEUS                           Male? Ma che male! Uno scherzo. Solo un'allegro scherzo. Se poi

                                                lui lo prenderà male tanto meglio, gli servirà da lezione...

                                                ha chiesto di diventare un Dio? Ebbene, noi gli faremo credere

                                                di esserlo diventato davvero!

  ATT/ERA                             E come?

  ATT/ZEUS                           Ho preparato un piano dettagliato... (A Eros) Piuttosto, mio giovane amico, sei venuto stamani a fare ci che ti ho detto?  

ATT/EROS                             Sì, ho fatto tutto...(Al pubblico) E anche qualcosa di più!

(Indica verso una grossa pietra, sul fondo) Eccolo là.

  ATT/ZEUS                           E' quella? (Si avvicina alla pietra) S,  proprio questa,

                                                la riconosco.

  ATT/AFROD.                       Insomma, mi volete spiegare cosa state facendo?

  ATT/ZEUS                           Adesso vi metto al corrente del mio piano...ma prima, mia

                                                dolcissima amica, prova ad alzare questa pietra.

  ATT/AFROD.                       Alzarla? Io? Ma se non ci riuscirebbero neanche dieci uomini!

  ATT/ZEUS                           Non preoccuparti...tu prova e basta.

  ATT/AFROD.                       Va bene...(Prova a sollevare la pietra, e con sua grande

                                                sorpresa vi riesce senza alcuno sforzo) M... ma com'è possibile?

  ATT/ZEUS                           E' possibilissimo, poichè questa è una finta pietra costruita

                                                da me stanotte, con un pò di paglia e  del letame...

  ATT/AFROD.                       (Fregandosi e annusandosi le mani) Letame? Che schifo!

  ATT/ERA                             Non capisco...ma a cosa servirà quella pietra?

  ATT/ZEUS                           E' presto detto. Prima che arrivi Aristodeo, voi due (Indica

                                                Eros e Afrodite) vi nasconderete, mentre io e la mia compagna

                                                continueremo a sostenere le parti di Zeus e Era.

  ATT/EROS                           Ma non temi che gli Dei possano offendersi?

  ATT/ZEUS                           Sono sicuro che capiranno, anche perchè in fondo non facciamo

                                                nulla di male...

  ATT/ERA                             E' solo una burla...

  ATT/ZEUS                           Già, proprio così... solo una burla. Quando arriverà Aristodeo

                                                gli farò credere di averlo trasformato in un Dio minore.

  ATT/ERA                             E come farai a farglielo credere?

  ATT/ZEUS                           Semplicissimo, mia dolce metà... gli dirò che ha assunto dei

                                                poteri, e lo sfiderò a  metterli in pratica. Per prima cosa

                                                gli dirò che  diventato forte come Eracle, e gli chiederò

                                                di alzare quella pietra.

  ATT/AFROD.                       Comincio a capire...

  ATT/EROS                           Chi, tu? Ma non farmi ridere!

  ATT/ERA                             Smettetela, voi due.

  ATT/ZEUS                           Subito dopo gli farò credere di avere acquistato il potere

                                                dell'invisibilità...ed è a questo punto che entrerete in

                                                scena voi due, spacciandovi per comuni mortali qual siete

                                                veramente, e farete finta di non vederlo nemmeno se lui danzerà

davanti ai vostri occhi...poi ce ne andremo. Immaginatevi

                                                la sua faccia quando scoprirà, a sue spese, che questi poteri

                                                altro non sono se non una voluta di fumo!

  ATT/ERA                             C'è da impazzire...

  ATT/ZEUS                           Ed è questo l'epilogo tutto da ridere! Il tragico risveglio

                                                dopo una notte passata come un Dio sognando di mettere in

                                                pratica tutti questi poteri il giorno successivo! Ma ora

                                                andiamo a preparare gli ultimi dettagli... sono sicuro che

                                                presto vedremo giungere il nostro uomo. (Escono da destra)

SCENA III °

PASTORELLE

  II °PASTOR.                        (Uscendo dal nascondiglio seguita dall'altra) Mi sembra impossibile...

  I PASTOR.                           Visto? Altro che Dio! Un volgare farabutto, che approfitta

                                                dell'ingenuità altrui per fare scherzi crudeli!

  II °PASTOR.                        Però è bello, vero? Hai visto com'è bello?

  I PASTOR.                           Sì, questo è vero, è proprio bello...ma in quanto a essere un

                                                Dio...non ti fidare  mai degli uomini...specie di quelli belli!

  II °PASTOR.                        In fondo sono contenta che sia solo un comune mortale...se fos-

                                                se stato davvero un Dio sicuramente non l'avrei mai più rivis-

                                                to, ma ora le mie speranze sono maggiori.

  I PASTOR.                           Sconsiderata pastorella! Non ti è bastato ciò che ti ha fatto

                                                questa mattina? Vuoi davvero provare ancora un'umiliazione

                                                così profonda?

  II °PASTOR.                        Magari tutte le umiliazioni fossero così!

  I PASTOR.                           Va bene, ho capito: sei così avvolta dall'amore che con te

                                                non si può ragionare...ma ora incamminiamoci verso casa; tra

                                                poco scenderà la sera, e dobbiamo ancora riportare le pecore

                                                all'ovile.

  II °PASTOR.                        Andiamo, ma promettimi che più tardi torneremo qui: sono

                                                curiosa di vedere come andrà a  finire questa storia.

  I PASTOR.                           Va bene, ti accompagnerò: ma ora andiamo.

SCENA IV °

PASTORELLE, ARISTODEO

                                                (Le pastorelle stanno per uscire da sinistra, ma entra Aristo-

                                                deo)

  ARISTODEO                       Guarda guarda! Cosa fanno due piccole pastorelle come voi in

                                                un luogo solitario come questo?

  II °PASTOR.                        Stavamo andando via...

  I PASTOR.                           Andiamo via subito!

  ARISTODEO                       Eh, quanta fretta! Non avevo intenzione di spaventarvi, e se

                                                l'ho fatto vi prego di perdonarmi...ma cosa state facendo?

  I PASTOR.                           Abbiamo perduta una pecora, e la stavamo cercando.

  ARISTODEO                       E   non l'avete ancora ritrovata?

  II °PASTOR.                        No...

  ARISTODEO                       Tra non molto sarà buio, e se non la ritroviamo subito se la

                                                mangieranno gli animali feroci...ora vi aiuto a cercarla, tanto

                                                sono in anticipo.

  II °PASTOR.                        No, no! Facciamo da sole!

  I PASTOR.                           E  poi non accettiamo aiuti dagli sconosciuti.

  ARISTODEO                        Se è solo per questo, mi presento subito: il mio nome è Aristodeo.

  I PASTOR.                           Aristodeo?!? Oh, poverino!

  ARISTODEO                       Poverino? Perch dici così?

  II °PASTOR.                        (Dando una gomitata alla compagna) No, niente, niente... gli

                                                ricordi un montone che avevamoa cui eravamo tanto affezionate..

                                                si chiamava proprio come te, Aristodeo...un giorno lasciò il

                                                gregge e se ne andò...non è più tornato...

  I PASTOR.                           Chissà, forse se l'è mangiato il lupo...

  II °PASTOR.                        Sì, ma ora dobbiamo andare...

  ARISTODEO                       Un momento...e la vostra pecora?

  I PASTOR.                           Qui non c'è, abbiamo già guardato...la cerchiamo in un altro

                                                posto...(Escono da sinistra)

SCENA V °

ARISTODEO

  ARISTODEO                       Che strano modo di comportarsi! Sembrava quasi che quelle due

                                                pastorelle avessero paura di me...Aristodeo! Ma dico, io! E'

                                                un nome da dare a un montone? (Guardandosi intorno) Ma...

                                                il cieco? Forse sarà ancora nel tempio... ora vado a vedere,

                                                così se lo trovo lo porto qui, e appena arriva Zeus gli fac-

                                                cio rendere la vista... povero vecchio, come deve essere

                                                infelice! Sempre solo, indifeso, a lottare contro l'oscurità

                                                che gli nasconde mille insidie e pericoli! Bhè, vediamo

                                                di trovarlo...( Entra nel tempio)

SCENA VI °

ATTORI:ZEUS, ERA. ARISTODEO, CIECO.

  ATT/ZEUS                           (Entra da destra seguito da Era) E' molto strano che non sia

                                                ancora arrivato...ieri sera sembrava così felice che pensavo

                                                avesse pernottato qui, pur di non perdere questo appuntamento!

  ATT/ERA                             Frena la tua impazienza, mio geniale compagno; vedrai che tra

                                                poco Aristodeo sarà qui, e diverrà l'oggetto delle nostre at-

                                                tenzioni...ma chi c'è nel tempio? Mi  sembrato di udire dei

                                                rumori. (Aristodeo esce dal tempio tenendo il cieco sottobraccio)

  ATT/ZEUS                           E' lui! Ma...ma non è solo...chi è quel mendicante?

  ARISTODEO                       Sono felice di rivederti, o sommo Zeus... (Si prostra)

  ATT/ERA                             Anche noi lo siamo, ma pensavamo che tu venissi da solo...chi è costui?

  ARISTODEO                       Un cieco...solo un povero cieco che giunse in questo luogo

                                                ieri seranon appena voi ve ne foste andati...ha dormito dentro

                                                al tempio, per difendersi dai lupi...

  CIECO/ZEUS                      Aristodeo, questa onesta persona che il fato ha voluto farmi

                                                incontrare, mi ha detto chi siete...ancora non ci posso credere!

  ATT/ZEUS                           Credici pure, vecchio...io sono Zeus, e questa  mia moglie Era.

  ATT/ERA                             E allora, Aristodeo? Come hai trascorsa questa tua ultima not-

                                                te da comune mortale?

  ATT/ZEUS                           Sei pronto a divenire un Dio minore?

  ARISTODEO                       Non vorrei che ciò che sto per dirti possa in qualche modo of-

                                                fenderti, o grande Zeus, ma io...io ho cambiato idea.

  ATT/ERA                             COSA?!? Hai cambiato idea? Ora che Zeus ha convinto anche me

                                                ad accettare ciò che hai esosamente chiesto ieri sera tu...

                                                tu hai cambiato idea? ZEUS, SAETTALO!

  ATT/ZEUS                           Un momento, un momento...prima di trasformarlo per sempre in un

                                                nero pezzo di carbone fumante voglio conoscere la ragione di

                                                questo improvviso cambiamento..non hai pi fiducia in noi?

  ARISTODEO                       No! Non è questo...avrei solo cambiato richiesta...

  ATT/ERA                             Ha cambiato richiesta! Sentitelo! Lui ha cambiato richiesta!

E si può sapere cosa desidera il signore? Forse non si ac-

                                                contenta più di diventare un Dio minore? Forse vuole diventa-

                                                re il figlio prediletto di Zeus?

  ARISTODEO                       La trovo una bellissima idea, affascinante Era, ma  so che non

                                                È possibile... no, niente di tutto questo. Mi accontento di

                                                molto meno...vorrei che rendeste la vista a questo povero cieco.

  ATT/ZEUS                           E   tu...tu rinunci a diventare un Dio solamente per rendere

                                                la luce agli occhi di un povero e sconosciuto mendicante?

                                                Ma hai la più pallida idea dell'occasione che stai per perdere?

  ARISTODEO                       Sì, lo so...ma ormai ho preso la mia decisione, e niente può

                                                farmi tornare indietro.

  ATT/ERA                             Quello che tu ci chiedi non  poca cosa...ormai le scommesse

                                                tra gli Dei sono cresciute, e non so se sarà possibile tornare

                                                indietro...

  ATT/ZEUS                           E' opportuno andare sull'Olimpo per poter prendere una decisione

                                                ...voi aspettateci qui. (Escono da destra)

ARISTODEO                         Hai sentito, vecchio? Sono andati a consultarsi con tutti gli

                                                altri Dei! Vedrai, amico mio, che Zeus, nella sua infinita

                                                bontà, ti farà rivedere la luce!

  CIECO/ZEUS                      Sei così sicuro di ciò che dici...così ottimista per quanto

                                                riguarda il futuro...e mi dispiace che per causa mia tu ti

                                                privi della possibilit di diventare un Dio...

  ARISTODEO                       Non preoccuparti, vecchio...sai, quando parli con quella voce

                                                amorosa mi ricordi mia moglie...avete la solita voce dolce e

                                                gentile...

SCENA VII °

CIECO,ARISTODEO,TETI

  TETI                                      (Da sinistra, urlando) MA INSOMMA, SI PUO' SAPERE PERCHE' TI

TROVO SEMPRE IN QUESTO POSTO?!? COSA CI TROVI DI COSI' BELLO?

E CHI E' QUEL VECCHIO? RISPONDI, AFFAMATORE DI

                                                FAMIGLIE!!!

  CIECO                                  Ma chi è?

  ARISTODEO                       La proprietaria della voce dolce e gentile...

  TETI                                      ALLORA?!? Sto aspettando!

  ARISTODEO                       Teti, calmati! Abbi almeno un pò di rispetto! Non vedi che

                                                c'è una persona? Cosa penserà di noi?

  TETI                                      Cosa vuoi che mi importi che cosa penserà! Avrà già pensato

                                                tutto il male possibile dopo averti visto!

  ARISTODEO                       E' cieco, Teti...

  CIECO/ZEUS                      Non fa nulla, non fa nulla...ormai ci sono abituato...

  ARISTODEO                       Si può sapere perchè mi sei venuta a cercare fin qui?

  TETI                                      Per due ragioni...la prima  che del tuo formaggio di ieri

                                                sera non  rimasta che la scorza, e tua madre, che ormai ha

                                                perduto tutti i denti, è tutto il giorno che la ciuccia...

  ARISTODEO                       Va bene, tra poco vi porter qualcos'altro...e la seconda ragione?

  TETI                                      E' venuta una guardia a cercarti.

  ARISTODEO                       Una...una guardia?!?

  TETI                                      Sì, proprio una guardia...

  ARISTODEO                       Per Zeus! E ti ha detto cosa voleva da me?

  TETI                                      No. Ha detto solo che tornerai più tardi, quando sarai rientrato.

  ARISTODEO                       Senti, Teti, ora tu tornatnea  casa...quando verrà la guardia

                                                fatti dire cosa vuole, e dì che stasera non rincaserò.

  TETI                                      EH?!? Non rincaserai?

  ARISTODEO                       Ma sì... solo per la guardia, capisci?

  TETI                                      Va bene. Non ho capito nulla, ma va bene lo stesso. Cerca di

                                                non tornare a mani vuote, percha  casa ho già preparato un

                                                robusto ramo d'ulivo.(Esce da sinistra)

  ARISTODEO                       Sentito? Questa  mia moglie.

  CIECO/ZEUS                      Non addolorarti...dal tono di voce ho intuito che non è cat-

                                                tiva, anche se lo vorrebbe sembrare.

  ARISTODEO                       E' vero, mi vuole un gran bene, ma non sempre riesce a

                                                dimostrarmelo...

  CIECO/ZEUS                      Cosa sono questi rumori?

  ARISTODEO                       Sono loro! Sono gli Dei! Fatti coraggio, vedrai che tutto

                                                andrà per il meglio!

SCENA VIII °

ATTORI:ZEUS,ERA. ARISTODEO,CIECO

  ATT/ZEUS                           (Entra da destra insieme a Era) Ah, eccovi qui. Ho riunito

                                                tutti gli Dei dell'Olimpo, e abbiamo presa una decisione.

  ARISTODEO                       (Al cieco) Che ti avevo detto?

  ATT/ERA                             Ciò che hai chiesto non  possibile; ormai le scommesse sono

                                                talmente tante che devi per forza diventare un Dio minore...

  ARISTODEO                       Ma come! Non vi muove a compassione questo povero cieco? Non

provate nulla di fronte ad un uomo che non potrà mai più vedere la luce del sole?

  ATT/ERA                             Ti assicuro che siamo commossi quanto te, o povero mortale...

                                                ma quello che è detto è detto. Se tu avessi espresso questo

                                                desiderio ieri, le cose sarebbero andate diversamente...a

                                                questo punto devi necessariamente diventare un Dio minore,

                                                poichè noi desideriamo vedere il tuo comportamento futuro.

  ARISTODEO                       Se  questa la volontà degli Dei, è inutile opporsi...mi

                                                spiace, vecchio...ho fatto il possibile...

  CIECO/ZEUS                      Non devi crucciarti, Aristodeo...sei un brav'uomo, ma ora

                                                devi smetterla di preoccuparti per gli altri, e pensare al

                                                tuo futuro...in quanto a me, io ho più risorse di quante tu

                                                possa immaginare.

  ATT/ZEUS                           Sei pronto a diventare un Dio minore? Sei pronto a ricevere

                                                dentro di te poteri inimmaginabili per i comuni mortali?

  ARISTODEO                       Sentirò male?

  ATT/ZEUS                           Assolutamente niente...ora sbatterò tre volte le ciglia: al

                                                terzo battito tu sarai un Dio minore. (Esegue) Fatto.

  ARISTODEO                       (Tastandosi) Ma sei sicuro, o incommensurabile? Io non sento niente!

  ATT/ZEUS                           Ora hai poteri grandissimi, anche se dovrai imparare a usarli

                                                in modo graduale.

  ATT/ERA                             Il primo potere che hai acquistato  la forza. Anche se ti

                                                sembra di essere come prima, tu hai una forza paragonabile so-

                                                lamente a quella di Eracle.

  ATT/ZEUS                           E ora lo constaterai direttamente...vedi quella pietra laggiù?

                                                (Indica la finta pietra) Prova a sollevarla, e vedrai che si

                                                alzerà verso il cielo come un mucchio di paglia e letame!

  ARISTODEO                       (Si avvicina alla pietra, la afferra e la solleva) Per le

                                                tenebre dell'Ade! Sono diventato fortissimo! Voglio provare

                                                ancora! (Si avvicina ad una pietra ancora pi grande)

  ATT/ERA                             NO!!! Quella  troppo grande!

  ARISTODEO                       (Sollevandola come la precedente) Troppo grande? Ma se è leg-

                                                gera come una piuma!

  ATT/ERA                             (A Att/Zeus) Perchè non mi hai avvertita che le pietre erano due?  

  ATT/ZEUS                           Ma...veramente...

  ATT/AFROD.                       (Entrando da destra seguita da Eros) Passavamo di qua per caso

                                                ed abbiamo udito dei rumori...

  ATT/EROS                           Cosa sta accadendo?

  ATT/ZEUS                                        (A Att/Era) Sono arrivati in anticipo!  

  ATT/ERA                             Ci penso io. Voi due mortali capitate a proposito.lo sapete chi siamo noi?       

  ATT/AFROD.                       No...

  ATT/ERA                             Questi al mio fianco  Zeus, padrone e signore di tutto e di

tutti, ed io sono la sua compagna, Era. (I due si inchinano) Tu, Aristodeo, vattene nel tempio insieme a questo vecchio;

                                                quando ti chiamerò ritornerai qui, ed allora ti accorgerai di

                                                aver acquistato un altro grandissimo potere! E questi due

                                                mortali saranno testimoni di questo evento.

ARISTODEO                       Farò come tu dici: vieni, vecchio, appoggiati alla mia spalla. (Entrano nel tempio)

  ATT/ZEUS                           Voi due...voi due siete arrivati troppo presto! Per poco non

                                                gettavate al vento tutto lo scherzo!

  ATT/AFROD.                       (A Att/Eros) Cosa ti avevo detto? Era troppo presto!  

  ATT/EROS                           Non mi va di continuare ancora questa commedia...finchè quel ladro era solo, passi... ma ora c'è di mezzo anche un cieco...

  ATT/ZEUS                           Ormai andiamo fino in fondo...di cosa hai paura?

  ATT/EROS                           Degli Dei, ho paura...non si pu sfidare cos impunemente la

                                                volontà di Zeus!

  ATT/ERA                             Zeus, Zeus! Non temere, lui ha ben altre cose a cui pensare!

                                                Figuratevi se si interessa ad una burla...e poi, ormai ci ho

                                                preso gusto, e voglio vedere come finisce...solo non capisco

                                                perchè non mi hai avvertito che le finte pietre erano due...

  ATT/EROS                           Due pietre? Come sarebbe a dire due pietre?

  ATT/ZEUS                           Veramente la pietra era una sola...eccola là...

  ATT/AFROD.                       Perchè? Cos' successo?

  ATT/ERA                             E' successo che Aristodeo, dopo aver alzato la finta pietra,

                                                ha sollevato senza sforzo apparente anche quella laggiù...

  ATT/EROS                           Cosa?!? Ma  impossibile! (Si avvicina alla pietra, e prova

a spostarla senza successo) E' pesantissima...ma siete sicu-

                                                ri? Io non riesco neppure a muoverla!

  ATT/ZEUS                           E  nonostante ci ti assicuro che l'ha sollevata...

  ATT/ERA                             Forse abbiamo avuta una visione...

  ATT/ZEUS                           Chiamiamo Aristodeo...mi raccomando, voi due. Fate finta di non

                                                vederlo. (Chiama) ARISTODEO! Puoi uscire, ora. Ti stiamo attendendo.

  ATT/ERA                             Vieni, presto Aristodeo, prima che il sommo Zeus perda la

                                                pazienza!

SCENA IX °

ARISTODEO e DETTI

  ARISTODEO                       (Solo la voce fuori campo; in tutta la scena egli non compari-

                                                rà mai) Ma io sono qui! (Tutti si guardano intorno meraviglia-

                                                ti)

  ATT/ZEUS                           Qui? Ma...qui dove? Non riusciamo a vederti...

  ARISTODEO                       E   bhè? Non  forse questo il potere che mi avete conferito? Ed

                                                ora come potete pretendere di vedermi?

  ATT/ERA                             Sì...no...ma com' possibile?

  ARISTODEO                       Semplicissimo...voi mi avete fatto diventare invisibile, ed ora

                                                io lo sono davvero...forse, potente Zeus, non puoi vedermi nep-

                                                pure tu…Eppure sono pronto a scommettere che mi senti benissimo!

                                                (ATT/ZEUS come se avesse preso un calcio nel fondo schiena)

                                                Vedete, cari e falsi Dei, in quel tempio mi sono state svelate

                                                un sacco di cose... cose di cui nè io e nè tantomeno voi sospet-

                                                tavamo neanche lontanamente l'esistenza... capisci, o bellis-

                                                simo Eros? (ATT/EROS prende uno schiaffo) Là dentro mi  anche

                                                stato spiegato perchè riesco a correre più veloce di qualunque

                                                altro essere sulla terra...che meravigliosi capelli, o dolce

                                                Afrodite! Lascia che te li accarezzi un poco...(Gli tira i

                                                capelli fino a farla cadere all'indietro) Ecco perchè riuscivo

                                                sempre a sfuggire alle guardie! Non è vero, mia cara Era?

                                                (Era tenta di fuggire, ma inciampa in qualcosa di invisibile

e cade) E pensare che vi avevo creduto! E pensare che che fino

a poco tempo fa ero convinto di essere diventato un Dio!

  ATT/AFROD.                       Ma...ma che succede?

  ATT/ZEUS                           Non lo so, non lo so!  Non chiedetelo a me!

  ATT/EROS                           Che vi avevo detto? Abbiamo fatto adirare gli Dei!

  ATT/ERA                             Andiamocene di qui, presto! (Vanno verso destra, ma la voce di

                                                Aristodeo li ferma; sono come incatenati, non riescono a muovesi)

  ARISTODEO                       FERMI! Pensate dunque di poter sfuggire alla giustizia divina?

                                                Credete che sia così facile fare del male a qualcuno e restare

                                                impuniti?

  ATT/ZEUS                           Ma che cosa vuoi da noi? Cosa ti abbiamo fatto di così grave?

  ATT/ERA                             Ti prego, liberaci da queste invisibili catene!

  ATT/AFROD.                       (Isterica) LIBERACI!!!

  ATT/EROS                           E' inutile gridare...gli Dei sono adirati con noi, e ci aspetta

                                                la giusta punizione.

  ATT/ZEUS                           Ma di quale punizione vai borbottandoEsolo uno stupido trucco!

                                                Non ci sono gli Dei dietro tutto questo!

SCENA X °

ZEUS,ERA e DETTI

                                                (Si ode una voce fortissima, molto profonda, seguita da

                                                un tuono e bagliori di saette)

  CIECO/ZEUS                      ORA BASTA!!!

                                                (Crolla il tempio, sollevando polvere e facendo un rumore

                                                infernale; dentro al tempio ci saranno due troni che saran-

                                                no occupati dal vero Zeus (Cieco) e dalla vera Era. Aristodeo

                                                saàr seduto ai piedi di Zeus)

  ATT/ZEUS                           Il... il cieco! Dunque tu... tu sei...

  ZEUS                                    Io sono Zeus! Il vero, unico Zeus...e voi non siete che quat-

                                                tro imbroglioni, quattro farabutti che non hanno esitato a

                                                compiere il crimine più immondo tra tutti i crimini: prendersi

                                                gioco dei sentimenti, con l'unico scopo di divertirsi alle

                                                spalle di un poveretto!

  ERA                                      Potente Zeus, gli Dei dell'Olimpo chiedono una punizione

                                                esemplare per tre di questi quattro mortali; in quanto a lui

                                                (Indica l'att/Eros) egli è protetto dalle tre Grazie, le

                                                quali chiedono clemenza in nome dell'amore.

SCENA XI °

PASTORELLE e DETTI

 °x PASTOR.                                      (Entrando da sinistra seguita dall'altra) Ma che succede?

  II °PASTOR.                        Non lo so, Neleo,non lo so...andiamocene di qui!

  ZEUS                                    FERME! Sta per compiersi un grande prodigio questa sera, e

                                                voi ne sarete allo stesso tempo partecipi e testimoni.

  ATT/ERA                             (A Aristodeo) Ma infine, tu chi sei?  

  ERA                                      Ve lo dico io...è un Dio, anche se l'ha saputo solo pochi istanti fa... uno dei tanti figli di Zeus, anche se io non ho alcun merito in questo...(insinuante, a Zeus) Non  vero, o sommo?

  ZEUS                                    Ehm...sì...però, Era, qui...davanti a tutti...

  ERA                                      Racconta tutta la storia, raccontala!

  ZEUS                                    Ma non vorrei...insomma, è proprio necessario?

  ERA                                      Eccome se è necessario! O racconti tutto tu oppure parlo io.

  ZEUS                                    Ma non pensarci nemmeno! Chissà cosa saresti capace di dire...

                                                Bene. Dovete sapere che circa una trentina di anni fa volli

                                                recarmi a Delfi, per stare vicino alla gente, capire come vive-

                                                va e vedere con i miei occhi se mancava loro qualcosa...

  ERA                                      E mancava nulla, o  grande Zeus?

  ZEUS                                    Smettila di rivolgerti a me con quel tono ironico... ormai è

                                                acqua passata...e poi, sono trascorsi pi di trent'anni!

  ERA                                      Vai avanti, vai avanti...

  ZEUS                                    A Delfi incontrai una fanciulla che fu così gentile da ospitarmi

                                                dentro la sua casa...era molto povera, ma buona di cuore: e

                                                così divise con me il suo pane, il suo vino...

  ERA                                      ...e il suo letto!

  ZEUS                                    Ti prego, Era...ti ho già detto poco fa che non so come possa

                                                essere accaduto...

  ERA                                      Invece lo dovresti sapere benissimo, visto che questa è la

                                                sessantasettesima volta in soli cinquant'anni!

  ZEUS                                    Era, ti prego...

  ERA                                      Naturalmente io conosco solo una parte di verità..chissà quante

                                                altre volte mi avrai tradita!

  ZEUS                                    Insomma, per finire la storia, quella fanciulla altri non era

                                                se non la madre di Aristodeo.

  ARISTODEO                       PAPA'!

  ZEUS                                    Ti ho già detto dentro al tempio che non tollero queste confi-

                                                denze...io non ti ho voluto, sei nato per caso!

  ERA                                      Sentitelo! Per caso!

  ZEUS                                    Non sapevo di aver generato un figlio... l'ho scoperto solo

                                                pochi giorni fa, quando Ermes mi portò la notizia che a Delfi

                                                esisteva un uomo velocissimo...quando poi mi disse che aveva

                                                circa trent'anni, mi venne il vago sospetto che potesse trat-

                                                tarsi di un figlio mio.

  ERA                                      Con i tuoi continui tradimenti mi hai riempito il mondo di

                                                Dei! Tutti i giorni ne spunta uno nuovo! Ma non potevi stare

                                                un pò più attento?

  ZEUS                                    Basta. Ora voglio punire questi mortali in maniera esemplare.

  ATT/ZEUS                           Ti prego, Zeus, non farci del male!

  ATT/ERA                             Ti supplico! Era solo una burla!

  ATT/AFROD.                       Io sono ancora giovane...ti prego, bellissimo Zeus...sono

                                                pronta a fare qualsiasi cosa...

  ZEUS                                    Ma proprio...tutto tutto?!?

  ERA                                      ZEUS!!!

  ZEUS                                    Va bene, va bene...stavo solo scherzando...(Cambia tono) Tu

                                                (Indica l'att/Zeus) che non hai saputo vedere al di là del

                                                tuo naso, ferendo i sentimenti umani accecato dalla tua sete

                                                di divertimento, diverrai cieco, e vagherai senza una meta

                                                lungo le strade della Grecia fin quando non troverai qualcuno

                                                disposto a sacrificare la propria vita per ridare luce ai

                                                tuoi occhi. Tu (Indica l'att/Era) poichè non hai saputo tappare

                                                le tue orecchie ai cattivi consigli del tuo compagno, d'ora

                                                in avanti non udrai più nemmeno il fragore di una cascata...

                                                in quanto a te (Indica l'att/Afrodite) che non hai saputo

                                                usare le parole per scoraggiare questo stupido scherzo, sarai

                                                muta per sempre...

  TUTTI                                   Pietà! Pietà!

  ZEUS                                    CHE TUTTO CIO' CHE HO DETTO SI COMPIA! (Forte tuono; i tre

attori si ritirano da destra reggendosi l'un l'altro tra forti lamenti)

  ERA                                      E lui? (Indicando l'att/Eros)

  ZEUS                                    Ah, già...bene, non credere di passartela liscia solamente

                                                perchè sei protetto dalle Grazie! Io ti condanno ad unirti in

                                                matrimonio insieme a colei che hai amato questa mattina, pro-

                                                prio in questo posto.

  ATT/EROS                           (Abbracciando la pastorella) Grazie, o giusto Zeus...

  ZEUS                                    Aspetta a ringraziarmi tra tre o quattro anni di matrimonio...

  ERA                                      Bene...manca solo una cosa: Aristodeo. Ora pensiamo a lui.

                                                (Zeus e Era si consultano a bassa voce; entra Teti da sinistra

                                                seguita da una guardia)

SCENA XII °

TETI,GUARDIA e DETTI

  ARISTODEO                       Qui? L'hai portato qui?!?

  TETI                                      Per forzaha talmente insistito... dice che  per il tuo bene..

                                                (Indicando il tempio distrutto) Non sarai mica stato tu?

  GUARDIA                           Il capo delle guardie ha deciso di allargare l'organico,perciò

                                                mi ha mandato a chiederti se  accetti di venire a lavorare

                                                con noi.

  ARISTODEO                       Io...io una guardia?!? Ah, ah!

  GUARDIA                           Non ridere, Aristodeo...sappiamo benissimo che sei un ladro...

                                                ma sappiamo anche che in tutta la Grecia non c' un uomo più

                                                veloce di te. Se accetti di venire con noi ti sarà perdonato

                                                tutto il passato.

  TETI                                      Ti prego, accetta! Mangeremo tutti i giorni...pensa a tua madre!

  ARISTODEO                       Sapessi quanto ci ho pensato stasera!

  TETI                                      Che vuoi dire? E chi  quella gente? (Indica Zeus e Era)

  ARISTODEO                       Zitta, non parlare più...questa è una notte di prodigi...

  ZEUS                                    Abbiamo deciso, Aristodeo...anche se nato per caso, tu sei pur

                                                sempre figlio di Zeus...perciò verrai a vivere con noi sul-

                                                l'Olimpo. Questo è ciò che ti spetta.

  ARISTODEO                       Ti ringrazio, padre, per la fiducia che mi concedi...e credimi,

                                                ciò che sto per dirti mi spezza il cuore: io non verrò.

  ERA                                      Perchè? Rinneghi dunque la tua stessa origine?

  ARISTODEO                       Non  questo, bellissima Era...il fatto è che devo badare a

                                                mia madre e a Teti; (Abbracciandola) se io vengo con voi, che

                                                ne sarà di loro?

  ZEUS                                    Puoi sempre provvedere a loro stando sull'Olimpo.

  ARISTODEO                       Ti ringrazio ancora, sommo Zeus, ma non posso accettare...

                                                ormai la mia vita  questa. Troppi anni ho vissuto come mortale

                                                perchè possa dare un calcio a tutto e ricominciare da capo.

                                                No, padre, non posso... e poi il Fato mi ha dato una mano,

                                                facendomi trovare un lavoro sicuro, un lavoro che finalmente

                                                mi farà mangiare tutti i giorni.

  TETI                                      Lo sapevo...lo sapevo che feci bene a sposarti...

  ZEUS                                    Bene. La tua grandezza d'animo è venuta ancora una volta a gal-

                                                la....e per la prima volta in vita mia posso dire di essere

                                                fiero di avere un figlio come te.

ERA                                      (A Zeus) Ma perché i  figli come questo li vai a fare con  le altre? (Ad Aristodeo) Addio, Aristodeo...peccato tu non voglia venire sull'Olimpo...avresti molte cose da insegnarci! 

ZEUS                                    Questo è il primo ladro onesto che ho conosciuto in vita mia!  

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 10 volte nell' arco di un'anno