Ol cunì al met tot apost

Stampa questo copione

AUTRICE

GIUSEPPINA CATTANEO

http://giusicopioni.altervista.org/

POSIZIONE S.I.A.E. N° 193077

Codice opera Siae 933124A

TITOLO

OL CÜNI’ AL MET

TÖTAPOST

COMMEDIA BRILLANTE IN DUE ATTI

Personaggi

CESCO suocero

CAROLINA nuora

PALMINO carabiniere

DON FERMO parroco

SANTINA vicina di casa

BETTINA vicina di casa

FREDO marito di Bettina

CONTESSA vedova

TRAMA

Il suocero Cesco, affetto di un importante difetto di udito,si oppone al matrimonio della nuora Carolina (vedova del figlio) con il carabiniere Palmino. I due innamorati cercheranno in tutti i modi di far cambiare idea a Cesco con denaro, regali, e travestimenti. A nulla possono gli interventi delle amiche e la confessione del parroco.All’arrivo della Contessa le cose si complicano in un vortice di equivoci.

ATTO PRIMO

A casa di Cesco. Una casa di contadini negli anni 60.

Destra e sinistra è vista dalla parte del pubblico.

SCENA I

Carolina, poi Fredo

CAROLINA. (Sta lavorando a maglia sul divano)a fo adoma che’ngogià! A go in dèl guardaròbe setantadù magliù. Me ölèrès fa dotèr. Ol me suocero al ma dicc de ingogià-sö i calsì! Ma me a ma santèndie andà a laurà, troas coi me amise, èdèm col me Palmino! Ol Palmino alè ü bèl carabinier e me a ga piase. Pensì che apena al sè presentat,me ere capit che al sa ciamaès Panino. A ghera anche al me suocero e lü al ga respondit che al ga pias mia ol panino e strinù! Se a ghè ergü che al völ ol me suocero a gal regale. Però, regordis che a ghi mia de portamèl indre! A ghi de saì che ol me poèr òm, ol me Tonietto, alè mort e quando alera in veta a ma sèmpèr abitat che col sò padèr e che al sarèspò ol me suocero. E da quando alè mort, ol me suocero al ma domandat de stache amò in cà con lü, perchè isse me a ga regordae amò ol sò scètt. Maledetto chèl de che a go dicc de se. Ma perchè, a ma so mia piada la lèngua!? Ma perché a mè mia egnìt öna parentesi ala boca! Daltronde, però come fae, a so sèmpèr stacia figlia unica e pèr giunta orfana! Ol Palmino, alo est adoma dò olte, öna olta in cesa intat che an disia sö ol rosare ala madona e öna olta al feneral dèl me visì. (Sognante) e alè stacc ase a fam vègn ol colpo di frusta! Ölie dì ol colpo di fulmine! Pensì che al feneral al ma dacc ü biglietì con scricc:” Carlina, vuoi sposarmi?”. Me a ma sa ciame Carolina, spere pròpe che al sa siès demèntegat de scrissö la “o” e che labe mia sbagliat persuna se de nò, a ga do ol colpo de fulmine ma anche ol colpo de frusta!

FREDO. (Entra dal fondo)Carolina, ada che alèndre che al ria. (Esce al fondo).

CAROLINA.(Al pubblico) madona santisima al ria!Alè la prima olta che al sa presenta a cà. A go de mèt in urdèn!E ala svèlta. (E’ agitata, si alza prendi i cuscini e li mette al posto dei soprammobili. Sbatte il tappetino che si trova all’entrata e se lo mette sulle spalle. Poi prende il golfino che tiene appoggiato sul bracciolo del divano e lo mette al posto del tappetino). A ma sa quarce-zo perché ado scandol, a ma sa èt ü tochelì de còl. (Si accorge che quello che indossa non è il golfino) ma cosa a go sö pò me?! Che sterlöca! Al so piö gnià chèl che fo adès! (Risistema il tutto. E poi si accorge dei cuscini e dei soprammobili) e cosa fai i cüsì che? Mandoei i me sopramòbèi? (Li vede sul divano) madona santisima, chèsta cà alè infestada de fantasmi che i sposta i me laur! (Li sistema).

FREDO. (Entra dal fondo) Carolina,alè che. A ghè che ol Pulmino. (Esce al fondo).

CAROLINA. A ghè chè ol pulmino? Ma Fredo, ada che me a go dendà indighèlöc! A so metida pò be! I fantasmi che i ma sposta la ròba e ol Fredo che al capes negot!

SCENA II

Carolina e Palmino

PALMINO. (Entrando dal fondo in divisa) permès ...

CAROLINA.(Girata di spalle) cribbio a ghè che delbù ol’autista dèl ... (si gira) Palmino!

I DUE SONO IMBARAZZATISSIMI E TANTO TIMIDI

PALMINO. Carlina ...

CAROLINA. Come ... come ... come ... come ...

PALMINO. (Al pubblico) al sè’ncantat ol disco!

CAROLINA. Come ... a me’ciamat?!

PALMINO. Car ... (si ferma) rolina.

CAROLINA. Carrolina con dò erre?

PALMINO. (Al pubblico) ivvest come lè bèla? (Incantato) nò, con döna èlle.

CAROLINA. Öna ... elle? (Al pubblico) ma erela mia la erre?

PALMINO. Carolina ...

CAROLINA. Se ... (Al pubblico) aià dicc giöst! Ma ... Pulmino ... al sa ... (viene interrotto).

PALMINO. Ma ... ma ... ma ...

CAROLINA.(Al pubblico) madona santissima a ghè egnit ü cattus ala boca!

PALMINO. Come ... met ciamat?

CAROLINA.(Al pubblico) e-sciao! Niente cattus. A to ciamat ... (pensa. Al pubblico) a to ciamat Pulmino invece de Palmino! Alè chèl Fredo là, che al ma sbambosassö! Palmino, e che an sa sènta-zo söl’otomana.

PALMINO. Indoe?

CAROLINA.Forse lè mèi sentaszo söl divano alura. (Si siede in mezzo alla sinistra dal pubblico).

PALMINO. (Si siede in mezzo alla destra del pubblico).

CAROLINA.(Si accorge che sono troppo vicini e piano piano si allontana. Finisce sulla sponda).

PALMINO. (Si accorge che sono troppo vicini e piano piano si allontana. Finisce sulla sponda).

I DUE SIGUARDANO E POI DISTOLGONO LO SGUARDO SUBITO IN SEGNO DI TIMIDEZZA

PALMINO. Carolina ...

CAROLINA. Palmino ...

PALMINO. Carolina ...

CAROLINA. Palmino ...

PALMINO. Me ...

CAROLINA.Se ...

PALMINO. Me ...

CAROLINA. Se ...

PALMINO. Èco ...

CAROLINA. Se ...

PALMINO. Èco ...

CAROLINA. Se ...

PALMINO. (Al pubblico, incantato) che bèi discors che la fa.

CAROLINA.(Al pubblico, incantata) come al parla be!

PALMINO. A go mia ol coragio.

CAROLINA. Ü carabinier sènsa ol coragio?

PALMINO. Mia chèl de coragio, ma ol coragio-coragio.

CAROLINA. (Ironica ma sempre timida) adès se che o capit.

PALMINO. (Fra sé) coragio, saltèm adòs.

CAROLINA.(Al pubblico) spere che al vègne aladè prima che al rie ol me suocero.

PALMINO. Carolina ...

CAROLINA. Se ...

PALMINO. (Al pubblico) a ga rie mia. Carolina, quat tep an gai amò?

CAROLINA. Ai vöndès ol teatèr al sera-fò.

PALMINO. Me fa al svèlta alura. (Si avvicina piano piano finché si ritrova al centro del divano).

CAROLINA. (Si avvicina piano piano finché si ritrova al centro del divano).

PALMINO. Carolina, ölèt ispusam?

CAROLINA. Se Palmino, al völe.

PALMINO. A ta-al be de che tri mis?

CAROLINA. A me a ma-a be anche ier.

PALMINO. A ta ma fe la persuna piö cönteta sö chèsta tèra.

CAROLINA. E te, a te me facc la segonda persuna piö conteta sö chèsta tera.

PALMINO. A pöde brasa’fò?

CAROLINA. Se cèrto.

(Stanno per abbracciarsi quando entra da sinistra il suocero)

SCENA III

Carolina, Palmino e Cesco

CESCO. Cosa söcedèl che! Carolina, quate olte a to dicc de daga mia confidensa ai sconosciuti.

CAROLINA. (Si stacca subito e si mette in piedi a sinistra del divano).

PALMINO. (Si stacca subito e si mette in piedi a destra del divano).

CAROLINA. Cesco, al varde che alè mio ü sconosciuto, alè ol Palmino.

PALMINO. Se, me a so chèl Palmino che an sè conosit ... (viene interrotto).

CESCO. L’asìt ala ma ocor mia, ammlà apena comprada.

CAROLINA. Cesco, alà dicc che “a si conosit” e mia asit.

PALMINO. Se, an sè conosit fò dèla cesa. Me a ghere dicc ol me nòm, Palmino, e lü l’era capit, panino. Sa regordèl?

CESCO. Bordèl? Che bordèl pò?! Come ta sa permèt de dì chèla parola in chèsta cà onorata. Che di bordèi annè mia e annè mai stacc.

CAROLINA. “Regordèl” la dicc. Al ta dicc se a ta sa regordèt. (Piano a Palmino) porta pasienza, alè üm po surt.

PALMINO. (Piano a Carolina) otèr che’mpo! Al capes Tone pèr bilone!

CESCO. Ta sa ciamèt Tone?

PALMINO. (Al pubblico) cos’ere dicc?

CAROLINA. Cesco, al sa ciama Palmino e al fa ol carabinier.

CESCO. Te, a saro anche surd ma a so mia òrp! E cosa fal che ala me cà? Carolina a ta-avre mia ciapat di mölte andà in gir a pè nè?!

PALMINO. Nò, niente mölte. Me a so che perché öle la mà dèla Carolina.

CESCO. La mà dèla Carolina?

PALMINO. Se.

CESCO. (Al pubblico) cosa annà farà dèla mà dèla Carolina?! (A Carolina) te cosa dighèt?

CAROLINA. Me dighe de se.

CESCO. Se al ta-a be a te, daglà.

CAROLINA. Grasie Cesco. Grasie!

PALMINO. Grasie! Al vèderà che la tratero be.

CESCO. Fam vèt söbèt alura.

CAROLINA. Come ... söbèt?

CESCO. Daga ‘sta mà, docà! A so curius de saì cosa al ve dòpo.

PALMINO. Me a ma sant’endìe la mà in dèl senso che ... (viene interrotto).

CESCO. Alura Carolina! Agglà det pò ‘sta mà?

CAROLINA. Cesco, al varde che ...

CESCO. (Prende la mano di Carolina e la mette nelle mani di Palmino) oh! E adès?

PALMINO. Ol me alera ü mòdo de dì, però, mèi isse. Cesco, me öle spusà la Carolina.

CESCO. La Carolina la spösa?(Puzza) Carolina, ma se’mmia laada-zo stamatina? Fam sènt? (Le va vicino e la odora).

CAROLINA. Ma nò Cesco, cioè se, a ma so laada-zo e spöse mia. Ma ol Palmino alà dicc ün’otèr laur.

PALMINO. Me öle spusà la Carolina.

CESCO. Ölèt indà in cantina? (Piano a Carolina) Carolina, ma el a post pèr te chèl carabinier le? Per me a ga manca öna quac rödèle.

CAROLINA. Se, alè apost gran tat. (Alzando il tono di voce) Cesco, me öle spusam.

CESCO. Ölèt spusas?

CAROLINA. Se.

CESCO. Ma se cèrto, quando a t’ancuntrere ü brao scèt come ol me Tonietto, e perciò fra öna quarantina de agn, a man parlerà.

PALMINO. Quarantagn? Fra quarant’agn me a so mort!

CESCO. E magare anche prima de quarant’agn!

CAROLINA. (Alzando il tono di voce) suocero Cesco, ol Palmino al völ spusam fra tri mis!

CESCO. Cos’è? Cos’è?

PALMINO. Se, me öle spusà la Carolina fra tri mis.

CESCO. La Carolina la sa spuserà de che quarantagn.

PALMINO. Ma che manera de che quarantagn?

CESCO. A ta ölere mia che la porte ol luto adoma per trèntagn forse?!

CAROLINA. Ma Cesco, alè zamò pasat vintagn!

CESCO. Alura annà manca amò inte.

PALMINO. Cesco, al pöl mia tègn la Carolina seradasö pèr sèmpèr che.

CESCO. Pèrsèc? Nò nò grasie, i pèrsèc ai ma pias mia.

CAROLINA. Ma quai de persèc! (Alzando il tono di voce) la dicc che me a go ol diritto de spusam!

CESCO. Va be! Va be! Ma cosa usèt pò!? A so mia surd nè?! A ta gher resù, a ta ghe a te ol dirito de spusas.

CAROLINA. (Contenta) a dighèl delbù? A pöde spusà ol Palmino? (Abbraccia Cesco).

PALMINO. Grasie Cesco. Grasie. (Abbraccia Cesco).

CESCO. A sis indre a fà? Me o dicc che ta pödèt ispusas, cèrto, ma mia con lü.

CAROLINA. Come ... mia con lü?!

PALMINO. (Guardando in alto come se si rivolgesse a Dio) cèrto che öna a ta pödìèt famla andà be!

CAROLINA. Cesco, me öle spusà ol Palmino e adoma ol Palmino.

PALMINO. E meno mal.

CESCO. Ma a me ol Palmino al ma-a mia be.

CAROLINA. PALMINO. Che manera?

CESCO. Manera? (Si guarda la mano) alè mia nera la me ma. Fim mia ciapà chi stremese che!

PALMINO. Che manera, e mìa la sò mà che alè mia nera, al ma öl mia?

CESCO. A me i carabinier ai mè mai piasit. Salvo i presenti.

CAROLINA. Se lè,“salvo i presenti”, al völ dì che alura ol Palmino al ta pias.

CESCO. Alura, a salve gniac i presenti! E adès me a so stöf e ando a bötam-zo ün po. Söl lècc a ma santènde. E te, signor carbiniere, a ta pödèt anche indà ala tö cà. (Esce a sinistra).

PALMINO. Carolina, cosa an fai adès?

CAROLINA. A mi scapa.

PALMINO. A mi scapa? Ma me a so ü carabinier e pöde mia portat ivià.

CAROLINA. Alura ... an sequestra ol Cesco!

PALMINO. Carolina, ada che me a so ü carabinier e a libere i persune, ai sequestre mia.

CAROLINA.  Alura ... a mal costringe cola forsa a lasaga spusà.

PALMINO. Niente forsa, me a so ü carabinier che al ga de mèt pace.

CAROLINA. Palmino, o capit perchè a ta ga piasèt mia al Cesco, con te al sa pöl fa negot!

SCENA IV

Carolina, Palmino, Bettina e Santina

BETTINA. (Entra dal fondo) alura? Com’ela’ndacia?!

PALMINO. Mal! Che piö mal al sa pödìa mia.

SANTINA. Alura l’èndacia be.

CAROLINA. Ah, pò be, al völ mia che ol Palmino al ma spuse.

BETTINA. Ma alura lè facia. Se al völ mia che ol Palmino al ta spuse, diga che ta se te che ta ölèt spusà ol Palmino.

CAROLINA. Bettina, dom!

SANTINA. (Con modo seducente e avvicinandosi a Palmino) se ol Cesco al völ mia che voi due vi sposiate, vuol dire che il Palmino è libero. Vero Palminino.

PALMINO. Ma ... ma ...

CAROLINA. Zo i mà dèl me Palmino. Notèr an völ sèmpèr spusas. Adoma che ... adoma che ...

PALMINO. Adoma che an ga de troà ü mòdo pèr convincì ol Cesco.

BETTINA. Pèr me a tal convince a portaga che, ü regal.

SANTINA. Pèr me ol regal piö bèl alè che otèr du a va lasì. E pò dòpo te “Palmi”, vieni insieme a me.

PALMINO.  Santina, mochela pèr piaser a to zamò dicc mela olte che a so mia interesat a te. 

SANTINA. Però te a ta me interèsèt.

CAROLINA. E lü invece nò!

SANTINA. Ma a me al ma pias.

CAROLINA. Scolta Santina, o tla mochèt, o ta casèt det piö ol nas che in de me cà.

SANTINA. Va be, va be, a tal’lase. (Al pubblico) pèr ol momènt.

PALMINO. Alura cosa an fai? Che regal pöde faga me?

BETTINA. Me pènse che con i solcc o ergot che al brille a tal comprèt dèl sigür.

PALMINO. A ghè mia problemi, töt chèl che go, a gal do olentera.

SANTINA. E se pèr caso, ol Cesco alvöl mia chèl che ta ga portèt, a ta pödèt damèi a me.

CAROLINA. Santina, a set indre amò?

SANTINA. Ma cosa oi dicc adès?

BETTINA. Ma scolta Carolina, mia per fà i tö afare, ma ol tò poer òm cosa al digherès se aialsès che ta sa spusèt?

SANTINA. Bettina, e chèsto al sarès fà mia i sò afare? (Al pubblico) ma pensì se la ga disia che la ölia fa i sò afare, indasaì cosa la ga domandaa! Magare di domande sessuologiche.

CAROLINA. Ol me òm, prima de mör, al ma dicc che se ghere öia a pödie spusam amò.

PALMINO. Alura lè facia.

CAROLINA. Però alà agiungìt che a ghere de domandaga ol pèrmès al sò padèr finchè alera in veta.

BETTINA. Alura an sè apòst. An fa fò ol Cesco.

CAROLINA. Bettina, ma meraviglie de te che ta dighèt ü laur dèl gènèr. Chèla risposta le ala ma sarès ispetada dala Santina.

SANTINA. Te, ada che a so mia scema nè?

CAROLINA. Meno mal che ogni tat a ta ragiunèt.

SANTINA. Se, chesse mort ol Cèsco te a ta pödèt ispusà ol me bèl Palmino.

CAROLINA. A ma sömea-a a me.

PALMINO. Carolina, me adès ando in banca e porte che, töt chèl che go. O quase. Se de nò an vive de cosè dòpo notèr?!

BETTINA. (Sospirando) vivrete d’amore ...

SANTINA. Macche amore e amore! Aiè talmènte ècc che i ormoni aiè scapacc. E se a ganè restat vergü, aiè morcc. Morti e sepolti.

BETTINA. Santina, fa sito docà.

PALMINO. Me ando. E sperem in be. Ciao tesoro. (Esce al centro).

CAROLINA.Ciao tesoruccio.

SANTINA. (Scimmiottandoli) ciao tesorini. Scüsa Carolina, se otèr a sa spusì, (al pubblico) e al söcederà mai, (a Carolina)ol Cesco alè ol tò suocero pèr via dèl to òm, ma saral anche ol suocero dèl Palmino? Nò perchè, che, a gasarès ü suocero che al quadra mia.

CAROLINA. Me al so mia Santina come ai ta pödìt ciamà Santina, che de santa a ta ghe pròpe negot.

SCENA V

Carolina, Palmino, Bettina, Santina e Fedro

FREDO. (Entra dal fondo) alura com’ela’ndacia? A quando ol matrimòne?

BETTINA. Fredo, an sè amò in alto mare. La Carolina al ga’sse òia de spetà prima de spusas. Alè ol Cesco ol problema. Ol Palmino al ga pias mia.

FREDO. Al ga resù, al ma pias gniac a me.

BETTINA. A spererès.

FREDO. A me a ta ma piasèt adoma te Bettina.

SANTINA. A me però al ma pias ol Palmino.

CAROLINA. Santina!

SANTINA. Ma come amico. A ta ma interompèt sèmpèr! Ma lasèm finì de parlà o nò!?

FREDO. Però, cosa an fai adès per gli innamorati?

BETTINA. Al sis cosa an fa? An va in cesa a pregà per ol tò matrimone Carolina.

CAROLINA. Se dai, perchè a go pròpe imbisògn tat.

FREDO. Sperae in vergot de mèi, però ... dom in cesa.

FREDO. CAROLINA. BETTINA. (I treescono al centro).

SANTINA. (Al pubblico) chèle dò le? I ga fa adoma pèrt ol tep al Signur! Spere pròpe che aia scolte mia, ma che però al ma scolte me che al preghe che al’idaghe töt a bale. (Esce al centro).

SCENA VI

Cesco e poi Palmino

CESCO. (Rientra da sinistra) meno mal che aièndacc töcc. Ma cosa ga salta in mènt ala Carolina de spusà ü carbinier?! Ai ma facc negot i carabinier nè, ma me ai pöde mia soffrì. E al so mia gniac ol perchè!

PALMINO. (Entra dal fondo, si ferma sulla porta e ascolta).

CESCO. Ma perchè la Carolina la sè mia innamurada dè ü ... Palmino?!Aiè isse brai i cuochi! E a tla troèt sèmpèr pronta!

PALMINO. (Entra) buongiorno sciur Cesco.

CESCO. Buongiorno. A, ta se te. Cosa fet amò che?

PALMINO.Arie adès dala in banca.

CESCO.Cos’è? In barca? A ga pènse gniac de ègn in barca con te. A ma-e ol mar de mar andà’nbarca.

PALMINO. Mia barca, ma banca!

CESCO. La panca? Cosa a ga èntra adès la panca! Me a dovre i scagne.

PALMINO.(Alza la voce) a son’dacc in banca e a go portacche chèsce solcc per lü.

CESCO. Solcc pèr me? (Li guarda).

PALMINO. Se.

CESCO. E che manera aiè pèr me?

PALMINO. Ma a ga piasèil?

CESCO. Ai ma pias eccome. A chi ai ga piaserès mia? Domandeghèl al pubblico e i ta dis de se poà lur.

PALMINO. Alura ansè apòst.

CESCO. Se mi ragala ...

PALMINO. Aiè i sò.

CESCO. Ma ... aiè i me? ... sensa negot in cambe?

PALMINO. Negot in cambe.

CESCO. Alura ai porte in dè me banca.

PALMINO. In doca al völ.

CESCO. Benissimo.

PALMINO. Benissimissimo.

CESCO. Lè sigür nè?

PALMINO. Otèrfacc,

CESCO. Me ando.

PALMINO. Se cèrto. Anche se ...

CESCO. Èco, al sere me che ghera la fregada.

PALMINO. Niente imbròi. Adoma che me e la Carolina ...

CESCO. Te e la cavrina? Ma chè cavrina?

PALMINO. La Carolina, mia la cavrina.

CESCO. Niente Carolina. Ciapa i tò solcc che ai manterèsa mia.

PALMINO. Ma Cesco ...

CESCO. Ma Cesco negot. Via. Aria. Raus!

PALMINO. Ando, ando. (Al pubblico) ma lè mia finida che. (Esce).

CESCO.(Al pubblico) ivvest? Al völìa compram con ün po de palanche. Ma me a ma sa vènde mia! Me a ma sa vènde mia!

SCENA VII

Cesco e poi Parroco

PARROCO. (Entra dal fondo) permès. Buongiorno Cesco Cesco.

CESCO. Buongiorno sciur preòst. Che manera che?

PARROCO. A son in gir a benedì i cà cà.

CESCO.Alura al ghera mia de egnì che. Me a go adoma du gacc e tri papagai. De cà me anno mia.

PARROCO. Ma cosal capit Cesco. Me a benedese la cà, la sò casa casa.

CESCO.Al ma scüse, ma diolte al ma scapa öna quac paroline paroline. (Si mette nell’orecchio un apparecchio con cui sente meglio. Al pubblico) isse adès a gavrès de sentì be. Alè tat che la me Carolina ammla regalat ma a me al ma da ün po fastöde.

PARROCO. Al’è’mpo che al vede piö in cesa a mèsa prima prima.

CESCO. Al ma èt mia, perchè a ègne a mèsa segonda segonda.

PARROCO. Ma el indre a töm in giro?

CESCO. Me nò, adoma che a sentì lü a parlà isse a parle anche me isse isse.

PARROCO. Al capese perchè, me parle isse perchè ala parla isse la me perpetua perpetua.

CESCO. Eco perchè la mèsa ala düra ün’ura e mèsza mèsza!

PARROCO. Al faghe sito. Al ve a msa quase piö nigü nigü.

CESCO.Ial sa cosa an fai adès? Adès, an sa concentra e an sirca de pensaga mia a come la parla la sò perpetua perpetua. Me a ma so concentrat. Èdel che o dicc concentrat adoma öna olta olta? Forse a ma so mia concentrat asè.

PARROCO. (Concentrato in modo simpatico) me a go libèr la mente adès.

CESCO.(Concentrato in modo simpatico) a poame. Bene, an sè apost alura. Sciur preost, al varde che la cà aià zamò benedida setimana pasada, sa regordèl piö?

PARROCO. Ma el sigür?

CESCO. Otèr che sigür! Al ma bagnat töcc i mòbèi che aiè amò impregnacc de acqua!

PARROCO. Epör o est coi me öcc che söl fòi a ghera scricc ol sò indiris.

CESCO. Al ma faghe èt?! Me a ma scapa öna quac paroline ma lü al pöl vès anche ün po orbecio.

PARROCO. (Prende il foglietto)Francesco Sordino via dei Cipressi 2.

CESCO. Alè giöst.

PARROCO. Ölèt vèt che l’è stacia la me perpetua che la sbagliat sbagliat?

CESCO. Sciur preost scömète che al’èndre a pensaga ala sò perpetua perpetua.

PARROCO. A ma sömèa che a so mia adoma me che a ga pènse pènse.

CESCO. Pèr forsa,lü aià nöminada nöminada!

PARROCO. Lasèm indà a èt in doca a go dendà a benedì i cà incö incö. Saluti saluti.

CESCO. Buongiorno buongiorno.

PARROCO. (Si ferma) a proposèt, adà che alè’mpo che a ta sa confèsèt piö piö.

CESCO. Come “ün po”? Ma se a ma so confesat a Nedal Nedal.

PARROCO. Se, ma mia de me. A setimana chie chie. (Esce al fondo).

CESCO. Meno mal chel’èndacc l’èndacc! E meno mal che parle come Dio comanda. (Si siede) a garie mia a tiram vià dèl co chèl carabinier che al völ portam vià la me Carolina.

SCENA VII

Cesco e Palmino (Cuoco travestito da Palmino)

PALMINO. (Entra dal fondo con un paio di pentole. Dialetto ma con l’accento francese e con la erre moscia) bongiur!

CESCO. Buongiorno. (Al pubblico) e chi el chèsto? (Al cuoco) chi el lü?

PALMINO. Ma come? Al ma èt mia? A so ü cuoco.

CESCO. Chèsto alere est a me. Ma cosa ölèl che ala me cà?

PALMINO. A so che perchè öle ol cör dèla Carolina.

CESCO. Cos’è? Ol ... ol ... cör dèla me Carolina? (Al pubblico) al völ ol cör pèr dòpo mètèl in de padèla!I cuochi ai fa cös töt! Ga manca a chèla. (Al cuoco) e cosa annà fa dèl cör dèla me Carolina?

PALMINO.Al mète insèma al me de cör.

CESCO. Du ... du cör? (Al pubblico) o che a ga pias mangià adoma ol cör! 

PALMINO. Se, due cuori e una capanna.

CESCO. I due cuori ai starès dòpo in d’öna capana?

PALMINO. Se. Noi due soli soletti in döna capana.

CESCO. I cuori.

PALMINO. Se i cuori.

CESCO. E se invece al fès adoma ü cor e insèma al ga mèt det i fons?

PALMINO. Niente fons, ma due cuori.

CESCO. (Al pubblico) a pöde mia che lasaga mangià ol cör dèla me Carolina, ala ga denacc amò öna eta. A ma sa sacrifichero me pèr le. Sciur cuoco, a ga do ol me cör.

PALMINO.(Meravigliato) ol sò ... cör?

CESCO. Se, ol me cör.

PALMINO.(Si allontana) al ma scüse, ma me a sarès interesat adoma ad un cuore femminile.

CESCO. (Al pubblico) me quando mange i cör a garie mia a capì se aiè mascc o femmina. Svèt pròpe che chèsto cuoco alè innacc.

PALMINO. Ma ... da quando lü ... a ga pias i cör ... maschili?

CESCO. Pèr me maschio o femmina alè töt bù.

PALMINO.(Al pubblico) ivvest ol Cesco come alè moderno!

CESCO. O al ciapa ol me de cör o al va fò cola fam.

PALMINO. Nò, nò, al sa ofènde mia ma me ol sò cör al völe mia. Me a so amò la ègia, a ma pias i fommle.

CESCO. Intreghe? Ma se ala dicc che al völadoma ol cör?!

PALMINO. Se, ol cör. Anche se in chi casi che, al sa sirca anche la mà.

CESCO. A ga pias anche i mà dèla me Carolina? (Al pubblico)chè göscc chèl’ga! Indasai come aià fà indà chèle?! Söla graticola o a vapur? Mèi che ga pènse mia. Al varde che me a ga do negot dèla Carolina.

PALMINO. E alura come foi a spusala?

CESCO. Cos’è? Al völ spusà la me Carolina e pò dòpo mangiava vià ol cör e i mà? Ma ... ma ... ragiunèl?

PALMINO. Ma nò, a go zamò dicc che me la öle intrega!

CESCO. E dòpo aià mèt indoe intrega? In de pèntola a pressiù? Che pentola a pressiù gal santissima! Negot de fà, gniac intrega e gniac a metà.

PALMINO. Ma perchè sciur Cesco al völ mia che la spuse? Al varde cha la tratero de regina.

CESCO. Se, regina di “cuori”! Fò söbèt dèla me cà! E al sa scorde la me Carolina!

PALMINO. Al varde che ... (viene interrotto).

CESCO. Al varde negot. O dicc dendà via se de nò me a ciame ... i carabinier! (Al pubblico) adès che al ma sarès vegnit bu ol Palmino!

PALMINO. Ando, ando ... (al pubblico) ma rie söbèt! (Esce al fondo).

CESCO.Ma ivvest cosa al mè capitat? Al völìa spusà la me Carolina e mangiaga vià ol cör i mà! Me al so mia in doca la me Carolina aià conosit chèsto che! E pò dòpo alera anche bröt come ol pecat. Pèr fürtüna che a so che me a salvà la me Carolina. Piötòst de dagla a chèl ... chèl mangiù de ü, a gla do ... al carabinier!

SCENA VIII

Cesco e Palmino

PALMINO. (Che si sarà tolto in fretta il cappello e la giacchetta da cuoco) pronti!

CESCO.A ta parlèt dèl diaol e al compar la pèl.

PALMINO. Me a so che, sèmpèr pèr o stès motivo!

CESCO. Adès che a ta arde be, a ta se mia, isse mal. (Al pubblico) des mela olte mèi de chèl cannibale dèl cuòco.

PALMINO. Alura al ma dà la Carolina?

CESCO. Te, arda che alè mia ü pac la Carolina nè?

PALMINO. Alè mia ü pac ma alè un grasioso fiore.

CESCO. Se, un fiore che tu non ci coglierai.

PALMINO. (Al pubblico) mè che proe a compral amò. (Prende dalla tasca due gemelli d’oro per i polsini) chèsce gemelli aiè per lü.

CESCO. (Li prende, li guarda e li riguarda) cosa annà faroi me de chèsce? Adà che me a so di Pesci e mia di Gemelli!

PALMINO. Ando söbèt a cambiai.

CESCO. A ta pödèt lasà-stà perchè me, a ma sa vènde pèr negot al mont! E adès, và a fà ol tò mester!

PALMINO. Ma sciur Cesco me ...

CESCO. Me ü bèl negot. Lavoro. Laurà. Trabajo!

PALMINO. Ando, ando. (Esce al fondo).

CESCO. Al völìa compram con chi stròss le! Ma me, a ma sa vènde mia! (Esce a sinistra).

SCENA IX

Carolina, Palmino e parroco

CAROLINA. (Entra dal fondo con palmino e parroco).

PALMINO. Carolina, ada che alè gnèc passa’fò!

CAROLINA. Cesco a ghè che ol preòst che... (non lo vede) al saràn’dacc de là!

PARROCO. A go zamò dicc al tò suocero che al confese setimana chie, a pòde mia adès indà a diga de confesas adès adès.

CAROLINA. Setimana chie alè tròp tarde.

PALMINO. Che manera al völ cönfesà ol Cesco? (Al pubblico) alì starà sota ü mis!

CAROLINA. Perchè intat che aià confèsa al ga domanderà anche che manera al völ mia che al ga spuse.

PALMINO. Che ideona che al ga it!

PARROCO. Alè öna richiesta dèla Carolina. E me a so pèr ol vòst matrimone. E perciò al cönfesero indomà indomà.

CAROLINA.Al so mia come a go de ringraziala ringrasiala.

PALMINO. Se töt al va, come a mi spera, a mal inviderà al nòst matrimone matrimone.

PARROCO. Mè chen’daghe. (Sta per uscire).

CAROLINA. Sciur preòst, gal amò chèla perpetua perpetua?

PARROCO. Se, sèmpèr le le.

PALMINO. Ammlera capit capit.

PARROCO. Saluti saluti. (Esce).

PALMINO. Anche me ando. A ta spète in cesa stasira. Ciao amorino amorino (Esce).

CAROLINA. Se amoretto amoretto.

SCENA X

Carolina e Cesco

CESCO. (Entra da sinistra) a chi a ghe dicc,amoretto?

CAROLINA. (Non volendosi fare scoprire) a nigü nigü.

CESCO. (La guarda) scömète che a te est ol preòst.

CAROLINA. E lü come fal a sail sail?

CESCO. Miracolo miracol!

CAROLINA. (Al pubblico) ma l’iscoprirà mai che me stasira a ma sa ède col me bèl carbinier! (Esce a destra).

CESCO. (Al pubblico) cosa vala dicc che o mia capit? (Controlla l’auricolare e ogni qualvolta che non capisce lo toccherà) la sarà’ndacia-fò la pila. Chè trebülà che al ma dà. 

SCENA XI

Cesco e poi Contessa

CONTESSA.(Entra dal fondo) buongiorno.

CESCO. Buongiorno. (Al pubblico) che bèla spusòta. Troì mia a otèr?

CONTESSA. Mi scusi se mi presento a casa sua ma l’ho seguita.

CESCO. A se? A ma so mia nincorzit. Lè mia che la ma öle rapinà forse nè?!

CONTESSA.No, stia tranquillo. Mi presento, sono la Contessa Ginetta.

CESCO. Ela öna reginetta? De belèsa? (Al pubblico) alè ün po marüda però!

CONTESSA.Contessa, non reginetta. Contessa.

CESCO. Contèsa? Ela la Contèsa che l’abità che al castèl?

CONTESSA. Si, sono io.

CESCO. Orpo, alora ci devo parlare in itagliano. Piacevole di farci la conosiensia.

CONTESSA.Ma no, parli pure il dialetto che lo capisco perfettamente.

CESCO.Lei tiene tutto a mente? Beada lei, me a ma sa regorde gniac che stamatina ai sèt o facc colasiù.

CONTESSA.Beh, la memoria anche a me va e viene. Però intendevo che capisco bene il dialetto.

CESCO. Anche a me a ma pais andà a letto. A fo-sö de chèla durmide. Sènsa parlà di roncade. Ma ... l’ascolte, ala ma gniamò de dì che manera ala ma inseguìa.

CONTESSA.Io la vedo sempre al cimitero e mi fa tenerezza vedere con quanto amore lei guarda le foto dei suoi familiari. Perlomeno presumo che siano i suoi familiari

CESCO. Se, aiè la me fommla e ol me scèt. A ga ölìe pròpe gran be. Ma ölela fa cosè, chi prima e chi dòpo an va töcc al trentü. Oramai ai ga sarà piö gnà i òs. (Al pubblico) la lengua dèla me fommla ala sarà amò intrega. A so sigür. Ma la scolte, lè le la contèsa o la spusat ü conte?!

CONTESSA.Sono io contessa. Non sono sposata anche se il mio amore è un giardiniere.

CESCO. Cos’è? (Al pubblico) issentit? Il suo amore è per un carabiniere! Che grasia! Chèsse al lasa stà la me Carolina. (Alla contessa) la scolte, ma lè tat che la parla insèma?

CONTESSA.Da tanti anni.

Al CESCO.(Al pubblico) chèl disgrasiat de ü e al ga anche ol coragio de fa ol cascamort cola me Carolina. Al mète apòst me apena al vède.

CONTESSA.Ora devo andare ma sono contenta di aver fatto la sua conoscenza.

CESCO. Poame. Lei mi ha devrito gli occhi. Arrivedorci. 

CONTESSA.A presto. (Esce al fondo).

CESCO. Al ma segna-a a me ol sanc che la ghera mia de spusà chèl carabinier! E aià spuserà mai finchè a sto in veta.

SIPARIO

ATTO SECONDO

SCENA I

Palmino, poi Cesco

PALMINO. (É in scena con una scatola contenente una tv) con chèsta al pöl mia dim de nò. Alè l’öltèm modèl de televiü che a ghè egni’fò! La ga töcc i canai dèla Rai. Dü! Ol prim e ol secont. E i culur aiè ü splendore! Töcc in bianc e nighèr! Me a glo zamò e a ma pias ol Carosello. E adès o comprat chèsta pèr regalagla al me futuro, e spere prèst, suocero dela me Carolina.

CESCO.(Entra da destra con l’auricolare in mano) al völ mia’ndà! E se che o cambiat i baterie! (Si accorge di Palmino) cosa fe’cche amò?!

PALMINO. A go ü regal pèr lü. L’öltima invensiù dèla storia.

CESCO.Sanatoria? Te, a tandere te al sanatòre! Adà che me a so mia malat nè?

PALMINO. O dicc storia e mia sanatoria! Ma cèrto che lè mia malat lü Cesco. Al so che lù al ga mia la tubercolosi.

CESCO. Cos’è? Foruncolosi a me? A ghere gniac i bignü quando a ghere quindes agn, annavro adès che a ga no ... quaranta?

PALMINO. Nò, mia foruncolosi, ma tubercolosi! (Si accorge di ciò che ha detto) quaranta? Quace agn la dicc chel’ga?

CESCO. Perchè? A ta-a mia be i agn che go?

PALMINO. Nò, nò, ai ma-a benissimo. Anse, se a ga arda be, glialsa che al dimostra anche meno de quarant’agn? Anche trenta.

CESCO. Polenta a me? Te, a da che me ... (viene interrotto).

PALMINO. Trenta, mia polenta! (Al pubblico) incö al sömèa infena piö surt dèl solèt. Trenta!

CESCO. Ma set indre a töm in gir? Come faroi a iga trent’agn se annà de piö la me Carolina? (Rimette l’auricolare) adès se che al và.

PALMINO. Perché con quaranta se nè? Al’iscolte Cesco, chèsta alè la televisiù.

CESCO. La televisiù? (Compiaciuto) delbù? Chèsta lè la televisiù?

PALMINO. Se. Lè la televisiù come chèla che tande a èt dèl tò vicino. Con chèsta a ta pödèt vèt ol Carosello e ol Lascia e Raddoppia che ala tò cà.

CESCO. Ol Lascia e Raddoppia dèl Michele Bongiorno? Alè ü quis che al ma pias tat. 

PALMINO. Lè che, töta pèr lü.

CESCO.(Contento) che bèl! E che manera chèl bèl regal che pèr me?

PALMINO. Lü al ga arga ala televisù intat che me ... a ga arde ala Carolina.

CESCO.La Carolina? (Ricordandosi)niente da fare! Nisba! Porta via chèl cianfèr che, che al ma ocor mia.

PALMINO. Ma come? Ma prima la dicc che ...

CESCO. Prim alera prima, adès alè adès. Cosa annà faroi de chèsta scatola che la parla?

PALMINO. Al varde che con chèsta ... (viene interrotto).

CESCO. La öle mia a to dicc! 

PALMINO. Ma ... ol Michele Bongiorno e ol Carosello?

CESCO.A me a ma pias la buonasera e mio ol Bongiorno. E ol Caroselo al ma fa spènt adoma di solcc. E tirà vià dal co la Carolina perché me“so tutto”!

PALMINO. “So tutto”? E de cos’è?

CESCO. Ta dighèla negot “contessa”?

PALMINO. Lo esta ier ma la ma dicc negot!

CESCO.  La ta dicc negot perchè te a ta fe i fati! Vià dèla me cà. Sloggiare! Smammare! E lasà stà la me Carolina o tande a finì mal.

PALMINO. Ando, ando. (Al pubblico) me al so mia cosa ga pasa in dèl co al Cesco incö. (Esce al fondo).

CESCO. Ivvest? Al völia compram con chèla scatola de sardèle che la parla. Ma me a ma sa vènde mia! Adès pò che o scoprit che al parla insèma ala Contèsa, mèi amò.

SCENA II

Cesco e Carolina

CAROLINA.(Entra da destra con un grembiule che sta stirando) cosa gal amò de bruntulà Cesco? Al ma dighe mia che al sa trata amò del Palmino! Cesco, me ga öle be al Palmino.

CESCO. E me, invece, a ga öle mal! Carolina, a go ü laur de dit ma al so mia come ditèl.

CAROLINA. Al proe ... cola boca.

CESCO. Però a go pura de fat dèl mal. (Al pubblico) come foi a diga che ol sò Carabinier al ga fa i corègn cola Contèsa?!

CAROLINA. Al proe coi gesti alura.

CESCO.A ga proe. (Vuole mimare: un cuore infranto. Ci prova con le mani ma non ne è capace e mima “altro”. Poi prova a mimare un fucile, con un’accètta e una forbice. Oppure vedete voi cosa imitare ma il tutto deve essere simpatico). Capit adès?

CAROLINA. Ehm ... mia tat. Forse lè mèi che a mal dighe coi parole.

CESCO. Va be Carolina, a sirchero de ès piö gentile e piö sessibile che pöde. A dovrero töt ol tatto posebol. (Al pubblico) a go di giraga in giro.

CAROLINA. Va be, al ma dighe.

CESCO. Carolina, ol tò Palmino al ta fa i corègn!

CAROLINA. Ma ... ma ... ma Cesco, cosa dighèl?(Al pubblico) chèla Santina le! Indasaì cosa la sarà indacia a diga al Cèsco! I amise!

CESCO. Chèl che o dicc con töt ol tatto posebol: ol tò Carabinier al ta trades!

CAROLINA. Ma nò. Alè le, che la ga standre, ma a lü ala gan’terèsa mia! A tle esta a te come la fa la lösa quando la-e che. Ol Palmino aiè èt gniac!

CESCO.(Al pubblico) ma cosa dighela pò? Quando lè stacia che la Contèsa col Palmino?! La me Carolina, ala ga sta piö col co. Che ol carabinier al gabe facc ol lavagio di orègie? ... ölie ì, dèl servèl? (A Carolina) Carolina, set sigüra de stà be?

CAROLINA. Ma se Cesco. Apena la ède la mète apòst me chèla Santina.

CESCO. Santina? A ga set ol nòm dèla Contèsa?

CAROLINA. La Santina la sa ciama Contèsa de cognom?

CESCO. Al so mia me. Nom e cognòm a ta me facc ègn ol mal de co. Ando a posà ü momènt. (Esce a sinistra).

CAROLINA. Chèla Santina le, quando la sa fisa! L’ampasat a ga piasìa ol sotramort e la sè facia pasà pèr morta per atirà la sò atensiù. L’an prima a ga piasìa ü pilota de aerei e l’era facc la scöla per dientà hostess, pecat che la pensaès che la sa fa-a in döna cantina. Però se ol Cesco la dicc isse ergot de vero al ga sarà, alè mia bambo ... dèl töt. Al mète apòst me ol Palmino quando al vède. (Esce a destra).

SCENA III

Palmino, poi Carolina

PALMINO.(Entra sbirciando dalla porta in fondo, ansimando) meno mal che al ghè mia. A ma toca egnì che de nascundù a troà la me Carolina. (Ansima)che corse che a ma toca fà quando pase-fò dala farmacia. A ghè ol farmacista che töte i olte che al ma èt al sa mèt söla porta e al ma manda i bacetti. Al so mia me che manera, ma a ga piase. A me al manterèsa pròpriamènta mia. Agglo mai dicc ala Carolina perché al so mia come là ciaperès sta notisia. Ma alè ü tormènto nè sto farmacista! Spere che al desmète e ala svèlta. Carolina! Carolina, ga set? Carolina!

CAROLINA. (Entra da sinistra) a ta se te.

PALMINO. Si, sono io orsacchiotto mio.

CAROLINA. Scolta, istrice, ada che so gnièca con te!

PALMINO. Che manera?

CAROLINA. Che manera?! Ada che “a ga so töt!”.

PALMINO.(Al pubblico) cribbio la sait dèl farmacista!

CAROLINA. El vira alura?

PALMINO.Ada che me a cèntre mia.

CAROLINA. I dis töcc isse.

PALMINO. Carolina, me a so mia interesat a chèl tipo de “dòna”.

CAROLINA. Ai ma dicc che invece a ta set intersat eccome.

PALMINO. Chi me? Te, adà che me a so ü uomo a töcc i efecc!

CAROLINA. (Triste) perchè me a ta bastae mia?

PALMINO. Ma cèrto che a ta ma bastèt. Te a ta se la donna dei miei sogni.

CAROLINA. Me a so chèla dèi sogni e le invece alè chèla vera a?! Vià de che!

PALMINO. Ma Carolina, fa mia isse. A to dicc che a ghè negot! Me a ta öle adoma te! Ma scüsa, chi ta dicc dèl farmacista?

CAROLINA. Oltre al farmacista aià dicc anche ol Cesco al sa dèla Santina.

PALMINO.(Al pubblico) ol Cesco e la Santina ai ga sà che ol farmacista al ma standre? O me santissimo disgrasiat!

SCENA IV

Palmino, Carolina e Contessa

CONTESSA. (Entra dal fondo con un cappello) permesso. O scusate, pensavo ci fosse il signor Cesco.

CAROLINA. Buongiorno. Alèn’dacc a bötaszo ü tantì.

CONTESSA. Buttarsi ... giù? E si è fatto tanto male?

CAROLINA. Mia in chèl sènso. Bötaszo ma söl lècc. Riposarsi su il letto. Ci ha capito?

CONTESSA. Ora si. Mi ha fatto prendere uno spavento ... anche perchè ho visto il signor carabiniere e ho pensato fosse qualcosa di grave.

PALMINO. No no, me so che perchè a ga fo ol fil a chèla bèla scèta che.

CAROLINA. Se, ma chèla bèla scèta che, anse, bellissima, ala ga öna mèza intensiù de rompèl chèl fil.

PALMINO. Carolina, fa mia isse.

CONTESSA. Scusate, non mi sono ancora presentata, sono la Contessa?

CAROLINA. Contessa? Ela öna pareta dèla Santina? Perchè anche le ala ga ol sò stès cognòm.

CONTESSA. Cognome? Ma ... non so ... non credo ... ho trovato questo cappello sulla tomba di suo marito e credo si tratti di quello di Cesco.

CAROLINA. Se, lè pròpe ol sò. Alè stacia pròpe gentile a portal che.

SCENA V

Palmino, Carolina, Contessa e Cesco

CESCO. (Entra da destra con l’auricolare all’orecchio) adà che bèl triangol! Palmino e Contesa, a ghi pròpe ü bèl coragio egnì che, in cà me e dèla Carolina!

CAROLINA. Ma cosa ga salta in mènt Cesco de tratà isse la sciura Contèsa? Ala ta porta’che ol tò capèl che te lasat al cimitero.

PALMINO. Carolina, e a me a ma difèndèt mia?

CAROLINA. Nò. Con te a fo i cöncc dòpo.

PALMINO. El pèr via amò dèl farmacista?

CAROLINA. Alè per vià dèla sò cüsina, la Santina.

PALMINO. Set gnièca pèr la Santina che alè la sò cüsina? (Al pubblico) chi ga capes det vergot alè brao.

CESCO. Certo che cara la me Contèsa, la pensae ön’otra fommla.

CONTESSA. Prego? Non capisco ...

CESCO. Carolina, mandèi vià de chèsta cà pèr piaser.

CAROLINA. Ma Cesco, cosa dighèl pò?!

CESCO. Carabinier dei me stivali, dighèl te o ga dighe töt me.

PALMINO. Cosa goi de diga me? Me a go negot de dì. (Al pubblico) la storia dèl farmacista la dighe mia.

CESCO. La parle le Contesa o a gla dighe me ala Carolina.

CONTESSA. Ma io ... ma io ... non so di che stia ... parlando.

CESCO. (Deciso) Carolina, ol to Palmino al ta trades.

PALMINO. Lè mia ira, me a ga arde gniac! Alè lü che al ma fa ol fil!

CAROLINA. CONTESSA. CESCO. Lü????

PALMINO. Lü ... le ... al so mia come aia ciama!

CAROLINA. Cosa ghere dicc Cesco! Al Palmino a ganterèsa mia la Santina.

PALMINO. La Santina? Ma certo che la manterèsa mia chèla petegola-sanguisuga-cacciatrice! (Al pubblico) meno mal che a lè mia saltaffò ol farmacista!

CESCO. Cosa cèntra adès la Santina!? Me a sere mia indre a parlà dèla Santina, ma de ergü de piö in volt. (Insinuando la Contessa).

CAROLINA. Piö in volt? Al Palmino a ga pias la Teresina chèla che l’abita sura de notèr?

CESCO. Ma parleral insèma cola Teresina che la ga de fa i sèntagn?!

CAROLINA. Al so mia me. A chèsto punto a ma sa meraviglierès de negot.

CESCO. Se, adès al parla insèma ... col farmacista! Carolina, derfò i öcc! La Contèssa che presente alè la sò amante.

PALMINO. Le?

CONTESSA. Io?

CAROLINA. La cüsina dèla Santina?

CONTESSA. E chi la conosce questa Santina?

CAROLINA. Ma la conòs be ol me Palmino. Ol me ex, ölie dì.

PALMINO. Ma cosa a sindre a cöntasö pò. Me chèla siura che, la cönòse mia. La Santina la conòse, ma la manterèsa mia! 

CONTESSA. Ed io, oltre a non conoscere questa famosa Santina, è la prima volta che vedo questo carabiniere.

CAROLINA. Èdela come ala sè imbrogliada? Come fala a saì che lè ü carabinier?

CONTESSA. Dalla divisa che indossa.

CAROLINA. Scömète che a tle caada sö apòsta!

PALMINO. Ma se so sèmpèr vestit isse?!

CESCO. Carolina, crèdega mia, ammlà confesat a me la Contèsa. La ma dicc che lè mia spusada ma che il suo amore alè ü carbiniere.

CONTESSA. Giardiniere io le ho detto! E non carabiniere!

CAROLINA. Me al so piö a chi go de credega.

PALMINO. Carolina, ada che me alo mai vesta chèsta sciura. Crèdem.

CONTESSA. Ed io lo stesso. Io amo il giardiniere Poldo. E presto convoleremo a nozze.

CESCO. Carolina, credega mia, chèl Poldo le alè öna copertüra.

CONTESSA. Poldo Cesoia è il mio amore le dico. Questo è il suo cappello. Io me ne vado e la saluto. Essere insultata a questo modo! Io che sono una Contessa! (Esce al fondo).

CAROLINA. Ol Poldo Cesoia? Ol Poldo cesoia alè ol giardinier di noscc vicini. Cesco, gherèl sö l’aparechio ier?

CESCO. Cosa cèntrèl adès ol me aparechio adès!?

PALMINO. Al cèntra, al cèntra.

CAROLINA. Le alavrà dicc giardiniere e te a taavre capit carabiniere. Cesco, quando aià èt, a ga conve domandaga scüsa.

PALMINO. Scüse, come chèle che te adès adès a ta ma farè.

CAROLINA. Palmino, scüsa se o dubitat de te. Scüsa.

CESCO. Machè scüse, al so mia con chi, ma chelle al ta trades.

PALMINO. El’indre amò Cesco?

CAROLINA. A ga sarès amò la Santina.

PALMINO. Dai Carolina, invièt amò a te è!

CAROLINA. Al so che piötòst dendà cola Santina a tande ... frà. Anche se o mia capit be la storia del farmacista.

PALMINO.(Affrettandosi) Cesco, adès che a ghè töt apòst, cosa dighèl de me e dèla ... Carolina?

CESCO. Töt apòst? Mandoe!? Che a ghè cambiat negot! A me i carabinier ai ma pias mia! E piötòst de datla a te, a gla do ... a ü indiano.

CAROLINA. PALMINO. A ü indiano?

CESCO. Se, a ü capo indiano! A töcc ma mia a te! E adès, raus! Via dala me esta. E che quando turne a ta ga sabèt piö! (Esce a destra).

CAROLINA. Insoma, a ghè negot de fa. Al so piö cosa fa Palmino.

PALMINO. Carolina, me a go ön’idea. Al mìa apena dicc che al ta darès a ü capo indiano?

CAROLINA. Ma set balurd? A ta ma fare mia spusà ü indiano nè? A ma èdèt là in chèla tènda?

PALMINO. Carolina, Carolina, a ta ghe mia de spusà ü indiano qualsiasi.

CAROLINA. A grasie, ü indiano che ta conosèt? Lè mia de dì che al cambie de tat.

PALMINO.Carolina, fidèt de me, fidèt.

CAROLINA. Me a ma sa öle fidà, ma öle mia spusà ün’indiano. A so alèrgica ai pène di poia.

PALMINO. Niente pène de poia nè pène de scriss. Adès, a t’amaccompagnèt del rotamàt e isse a ta spieghe töt.

CAROLINA. (Al pubblico poco convinta) spere adoma de fa mia öna bröta fì.

SCENA VI

Palmino, Carolina, Bettina e Santina

BETTINA. (Entra dal fondo) ciao Carolina e Palmino.

SANTINA.(Entra dal fondo) ciao Palmino. E basta.

CAROLINA. Santina, mochela pèr piaser.

BETTINA. Carolina, adès notre an farà töt ol posebol pèr convincì ol Cesco a lasat ispusà ol Palmino. El mia ira Santina?

SANTINA. (Mentendo) ma cèrto. Töt chèl che an pöl pèr fat’ispusà ol Pierino.

CAROLINA. Palmino a ta ölere dì.

SANTINA. Ma se cèrto, indasaì che manera a ma so sbagliada?!

PALMINO. Ma recomande, convincènti al masimo.

CAROLINA. E se a gariì a va fo ü regal bèl gròs. Notèr an va lasa. Ma recomande.

SANTINA. Preocupis mia, a si in di mà bune.

CAROLINA. PALMINO. (Escono al fondo).

BETTINA.Dai, ciama ol Cesco.

SANTINA. Chi me? No, no, ciamèl te. A talse che lè mia tat göstus.

BETTINA. Proe a fa piano. (Piano) Cescooo.

SANTINA. Isse ai ta sènte gnià me, quase. Dai al ciame me. (Pianissimo) Cescooo.

BETTINA. A perchè a ciamal isse al ta sènt! Se an völ mia sentile sö, che, mè ciamal dolcemente. Ceschinoooo.

SANTINA. Ma Ceschino pò? Alè matusalemme a te! Me digherès de ciamal ... cantando. Al cesco a ga pias la müsica. (Cantando come una cantante lirica) Cescooo.

BETTINA. Ma Santina, a set indre a fa pò?! A ta ma sömèèt quando ai ga tirà ol còl a öna poia! Ada coma la sa fa. (Canta lirica) Cescooo.

SANTINA. A pèrchè te a ta cantèt pò be! (Ricanta) Cescooo.

BETTINA.(Canta) Cescooo.

SANTINA. (Canta) Cescooo.

BETTINA. (Canta) Cescooo.

SANTINA. (Canta) Cescooo.

BETTINA.(Canta) Cescooo.

SANTINA. (Canta) Cescooo.

SCENA VII

Bettina, Santina e Cesco

CESCO. (Entra da destra con l’auricolare) ma cosa söcèdèl che? La Lina la lasat indà i oche?

BETTINA. Al ga scüse Cesco an sè adoma notre.

CESCO. Avrès preferit che ga födès che i oche, isse ai mangiae. Ai sarès istace meno selvadeghe de otre. Cosa fis che?

SANTINA. An sè che a troaf, adoma a troaf senza motivo.

BETTINA. Ma cèrto, an sè mìa che a convincil de lasà spusà la Carolina col Palmino. An ga pènsa pò gniac.

CESCO. Cosa cèntra la me Carolina col Palmino?

SANTINA. Negot ai cèntra chi du le. Alè tat che a so dre a dil, ma nigü al ma da mai scolt.

BETTINA. Cesco, lü al ma conòs de quando a so nasida e al conòs töta la me famèa.

SANTINA. (Al pubblico) cribbio se aiò tösö larga!

BETTINA. E perciò chèl che ga dighe alè erità. Al varde che ol Palmino alè öna braa persuna. E al ga mia de iga pura. Lü al ga öl be.

CESCO. (Quasi convinto) dighèt delbù Bettina?

BETTINA. Se Cesco, alè isse.

SANTINA. Pròpe. Alè isse öna braa persuna che al völ portaga vià la sò amata Carolina sènsa ol sò permès.

CESCO. Alè brao pèr negot! Se me a gado mia ol permès, lü, aià lasa stà la me Carolina. Chèl carabinier le, a me al ma pias mia.

BETTINA.(Piano a Santina) fa sito docà!(A Cesco)Cesco, al dighe mia isse. Al varde che notèr an ga de ringrasià i carabinier pèr töt chèl che i fa pèr notèr. E iga ü carabinier in cà alè de prestigio al de, dèncö.

CESCO. (Quasi convinto) se’sigüra Bettina? A pensaga be, i ladèr ai starès de luntà de chèla cà che.

SANTINA. Se, i ladèr. Ma a me al ma piaserès gniampo iga in cà öna pistola però. Ma pènse sciur Cesco se ol Palmino al dièntès gnièc con lü o co la sò carolina e a ga puntès la pistola! Me a gavrès pura de tègn in cà ü nòm dèl gènèr. (Al pubblico) me al tegnerès volentera però.

CESCO. Orpo a ta ghe resù. I pistole aiè periculuse pèr töcc. Me annà öle mia de carbinier in chèla cà che.

BETTINA.(Piano a Santina) stòpa chèla bocasa le! (A Cesco) se aià öl mia in cà, alura lè töt sistemat. Ol Palmino alì spusa la Carolina e al và ad abità vià. Chesse lü Cesco, al ga piö gniac de mantègn la Carolina. Quace solcc che al tegnerès a mà!

CESCO. (Quasi convinto) a chèsto a ghere pròpe mia pensat! La sömèa isse magra, la me Carolina, ma la costa de mangià nè?! Quase ... quase ...

SANTINA. E isse, invece dendà vià öna boca, annà e che dò de boche de sfamà! Ma aialsa mia Cesco che i novelli sposi ai va sèmpèr di suoceri a mangià? I fa colasiù di suoceri, i disna di suoceri e ai sena di suoceri.

CESCO. Cos’è?

SANTINA. E sènsa parlà dèla merènda! A ghè a chèi che i fa merènda di suoceri. E, se an völ dila töta anche o spuntino notturno. (Al pubblico) ol noturno col Palmino al sarès ol me pà!

BETTINA.(Al pubblico) me al so mia cosa ga farès!

CESCO. Dù? Chesse alè ase gnià la me pensiù! Niente da fare, ol Palmino alì stà ala sò cà e la me Carolina ala sta che ala me cà e la mangerà insèma a me. A sirchero de tègnela ün po indre.

BETTINA. (A Santina) con te a fo i cönc dòpo.

CESCO. Bettina, o decidìt, che annà-e mia det, de carabinier. Alè öna me precisa decisiù e a ma sa lase influensà de nigü. (Ricordandosi) mè che’ndaghe de là, a go sö ol padèlì cola camamèla! (Esce a destra).

BETTINA. A set conteta?

SANTINA. De cos’è?

BETTINA. De ès la colpevole dèl mancato matrimonio fra ol Palmino e la Carolina.

SANTINA. Te, ada che me a ga no mia de colpe, aià dicc anche ol sciur Cesco che alè stacc “influènsat” de nigü.

BETTINA. Ma che coragio che ta ghe.

SANTINA. Perchè te a taggle mia ol coragio a fa spusà ol Palmino cola Carolina quando a ghè de mès ön’otra persuna?

BETTINA. E chi sarèsela?

SANTINA. Me!

BETTINA. Te? Ol Palmino al ta èt gniac. Cosa ando a diga adès ala Carolina?

SANTINA. Che te facc ü bus in de l’acqua.

BETTINA. A ta fogherès te, in del’acqua!

SANTINA. (Al pubblico) ivvest che risposte? Che manera pò? Pèr me a chèla le, a ga fa mal la menopausa.

SCENA VIII

Bettina, Santina e Palmino (vestito da capo indiano a piedi nudi, sporchi)

PALMINO. (Entra dal fondo).

BETTINA.(Appena lo vede si spaventa).

SANTINA. (Appena lo vede si spaventa).

BETTINA. An sè in guèra Santina!

SANTINA. Gli’ndiani aià ciapat l’Italia!

BETTINA.(Piano a Santina) an ga de fa finta de iga mia pura o se de nò ansè in di guai.

SANTINA. (Piano a Bettina) a ta ghe resù.

BETTINA. Buongiorno sciur indiano.

SANTINA. (Piano a Bettina) ma cosa fet po’? Ölèt fal dientà gnièc! Al sa fa mia isse a salüdà gl’indiani. Ardèm me.

BETTINA. Augh! (Alza la mano destra).

SANTINA. Augh! (Alza la mano destra).

PALMINO. (Con timore) augh! (Al pubblico) ma cosa al völerà dì” augh”? Ölif vèt che ai ma mia conosìt? Adès alura a ma sa dierte. (Alle due) chi siete voi, visi pallidi?

BETTINA. Visi pallidi? (Guarda Santina) Santina, al ga resù, a ta se pròpe ün po smorta.

SANTINA. A perché a ta se rossa te in facia?! A ta se le che ta sömèèt ü cadaèr!

BETTINA. Noi siamo la Bettina e la Santina, lui invece come si chiama?

PALMINO. Io mi chiamo … Geronimo.

SANTINA. Come ol me papà!

BETTINA. Santina, ol tò papà al sa ciama Giromino, e alè ün po divèrs. Non ci dia ascolto alla mia qui amica, lei ci confonde spesso sui nomi.

PALMINO. Lo avevo capito. Di che tribù siete?

SANTINA. Tribù? Noi non c’abbiamo la tribù però da poco abbiamo la tivù.

BETTINA.(Piano a Santina) ma cosa andet a diga!? Lui invece di che tribù è?

PALMINO. (Al pubblico) adès cosa ga dighe me a chèste?

BETTINA. (Piano a Santina)adès che a ma e immènt, o lesìt ü libèr, in doca ai disia che gl’indiani ai vive mia in di sità o pais come notèr, ma in di tribù. A ghera i Apache, i Sioux, i Piedi Neri e i Navajo.

SANTINA. (Si avvicina a Palmino e si fa mostrare i piedi. Al pubblico) chèsto alè di Piedi Neri, ardiga come aiè nigher de sporc!

PALMINO. Ma cosa a sindre a dì?

BETTINA. Santina, ü indiano che al parla ol bergamasc!

SANTINA. O senti’di che ol bergamasc alè conòsìt in töt ol mont e alè pròpe ira a quanto pare.

PALMINO. Ma me so ol Palmino e mia ü indiano! Alì gniamò capì?!

SANTINA. Ol … ol … Palmino?

BETTINA. Ol Palmino … alè dientat ü indiano?

PALMINO. A so mìa dientat ü indiano, a ma so adoma traestìt. Alè pèr ol Cesco, nèla speransa che al ma daghe la Carolina.

SANTINA. Scüsa, ol Cesco al ta da-a mia la Carolina quando a ta serèt normal, ölèt che aia daghe a ü indiano? A me invece a pias gl’indiani. Specialmènt chè che ai sa ciama Palmino.

BETTINA. Mochela Santina.

SCENA XI

Bettina, Santina, Palmino (vestito da capo indiano a piedi nudi) e Cesco

CESCO. (Da fuori scena)ma cosel töt chèl casòt che in de me cà.

PALMINO. Al ria ol Cesco. Via de che otre!

BETTINA. Se, se an va. An sé alèrgiche al sanc vivo.

SANTINA. Però se a ta ölèt vergü che al ta cüse-sö i feride, me a so dispòsta.

BETTINA.Infermiera dèla mutua, dom che’nva! (La spinge fuori scena al fondo).

CESCO. (Entra da destra) al sa pöl saì … (vede l’indiano) ma … ma … buongiorno.

PALMINO. (Pensa come salutalo e si ricorda del saluto di Bettina) augh! (Alza la mano sinistra e si accorge subito che ha sbagliato e così l’abbassa e alza subito la destra).

CESCO. Augh … a chi?

PALMINO. A lei.

CESCO. A se? Augh a me? (Pensando fosse una parolaccia) a me al ma dis mia augh né! E se lü a mal dis augh a me, alura anche me a gal dighe a lü “augh”. E al varde che me, a so mia ü, che al dis i parolacce.

PALMINO. “Augh” essere nostro saluto indiano.

CESCO. Ah. Al pödìa dil söbèt. E cosa fal ü indiano che ala me cà?

PALMINO. Capo, indiano.

CESCO. Capo o coda, al ma dighe.

PALMINO. Io volere sposare Carolina. 

CESCO. La me Carolina? E come al facc lü a conòsela che lè maivegnida in Americhia.

PALMINO. Io conosciuta per lettera.

CESCO.Delbü? E in che lingua a va scriief?

PALMINO. Scritto in lingua ... (Al pubblico) cosa ga dighe me a chèsto? (A Cesco) lingua ... salmistrata.

CESCO. Salmistrata? La lingua salmistrata alè öna scritüra? (Al pubblico) pensae che ala sa mangia-a e basta!

PALMINO. Lingua salmistrata è scrittura antica.

CESCO. Antica? Antica quanto?

PALMINO. Molto antica, tanto antica, antica e più antica dell’antica.

CESCO. Quace agn che la ga chèla scritüra! Ma, l’iscolte, comela che lù ün indiano dèl’Americhia al capes ol bergamasc?

PALMINO. (Non sa che rispondere) noi indiani ... andare a scuola ... a Carolina del nord.

CESCO.  La me Carolina certo che lè dèl nord, an sè a Berghèm!

PALMINO. Io volere dire che in America, scuola, trovarsi regione Carolina del nord e regione Carolina del Sud. Come voi Lombardia.

CESCO. Tu c’hai regione quando dici Carolina del Nord ma non regione quando dici Carolina del Sud. La me Carolina alè dèl Nord! Ma l’iscolte, se lü alè indiano, cosa fal che de me a Berghèm?

PALMINO. Carolina dire me che Cesco volere sposare Carolina indiano. E io indiano.

CESCO.Li scolte, me a go negot cuntra i indiani, ma pöderèsèl mia, spusà la Carolina del Sud?

PALMINO. No, io volere tua Carolina.

CESCO. Mia Carolina, rimanere mia Carolina.

PALMINO.E perchè tu nondare tua Carolina a me?

CESCO. Perchè io ciò paura che voialtri indiani ci tagliate lo scalpo.

PALMINO. Io niente scalpo, io indiano buono.

CESCO.E se a te se bù, alora vai a trovare la Carolina del’Est! O se de nò chèla del’Ovest!

PALMINO. Ma io volere ...

CESCO. Tu volere un bèl negot. E adès, fò dèla me cà. E ala svèlta! Perchè noi qui non c’abbiamo i caiboi, ma c’abbiamo i carabinieri!

PALMINO. Allora vado. Bravi carabinieri, bravi.

CESCO. Quase töcc, meno ü.

PALMINO.  Uno no bravo? Io dico uno bravissimo.

CESCO. Nò, ü alè mia brao. Adès, fò dèla me cà. Aria!

PALMINO. Va bene, va bene. (Esce al fondo).

CESCO. (Al pubblico) zecc, disì mai ergot tat pèr dì, perchè prima o poi a sa avvera.  (Esce a destra).

SCENA XII

Palmino (vestito da capo indiano a piedi nudi) e Carolina

CAROLINA. (Entra dal fondo) e de det!

PALMINO.(Entra dal fondo).

CAROLINA. Alura? Com’ela’ndacia?

PALMINO. Mal! Al ma dicc dendà dela Carolina del sud o de chèla dèl’Est o de chèla dèl’Ovèst.

CAROLINA. Cos’è? 

PALMINO. Alà dicc isse tat pèr dì.

CAROLINA. Sperem, perchè fra Contèsa, Santina, a ga manca a töte chèle Caroline le. Dai, va a cambiat che adès al ria ol preòst a confesà ol Cesco e isse spere de ègn a saì cosa a ta ga pias mia de te. E intat te pensa ergot de regala amò.

PALMINO. Ma gnianche se ga regale töt ol mont a ga rie a convincil! Però forse ... forse a ghè amò ü laur.

CAROLINA. Va alura, va.

PALMINO. Vado. Ciao bocconcino. (Esce al fondo).

CAROLINA. Ciao polpettina. (Al pubblico) sperem che ol preòst al ga rie a fansèma ergot o se de nò a ma toca restà vedova a eta.

SCENA XIII

Carolina, parroco (balbetta) e poi Cesco

PARROCO.(Entra dal fondo) per ... per ... permesso.

CAROLINA. Buongiorno sciur preòst. Grasie de ès vegni’che!

PARROCO. Ma ... ma ... la sa fi ... fi ... figüre!

CAROLINA. Lü alè la me ... me ... me öltima speransa. (Inizia a balbettare anche lei).

PARROCO. Me ... me ... a faro dèl töt pèr sircà de ... de ... convincil a lasala spusà col ... col ... Palmino.

CAROLINA. E me ... me ... me a pre ... a pre ... a preghe che al ga rie.

PARROCO. In do ... in do ... in doel?

CAROLINA. Al ... al ... alè de là, pènse. Ma ... ma ... che manera al be ... be ... betega?

PARROCO.P ... p ... perchè o ... o ... o cambiat la perpetua. E chèsta alà ... alà ... betega!

CAROLINA. O ... o ... capit, ma se an va ... an va ... an vannacc isse al ve meszanòcc sènsa finì la ... la ... la comedia! E ago zamò dicc che ol te ... ol te ... ol teatèr al sèra fò ai vö ... vö ... vöndès. Adès notèr an sa ... an sa ... an sa concèntra e an betega piö.

PARROCO. A ... a ... ta che ghe resù, an ... an ... an proa a fa isse.

CAROLINA. (Si concentra in modo simpatico).

PARROCO.(Si concentra in modo simpatico).

CAROLINA. Me a ma so concentrada be e adès a parle normal.

PARROCO. A poame adès.

CAROLINA. Alura a ga ciame ol me suocero. (Esce a destra).

PARROCO.(Al pubblico)sperem de riaga a convincì ol Cesco per chi du scècc che.

CESCO. (Rientrando da sinistra) ma me a go negot de confesà Carolina.

CAROLINA. (Rientrando da sinistra) se al sa sforsa, al vederà che ergot al troerà.

PARROCO. Buongiorn sciur Cesco.

CESCO. Cosa fal zamò che? Ela zamò pasada öna stimana?

CAROLINA. I de ai gula Cesco.

CESCO. Se, poa i asègn!

PARROCO. Bene dai. Adès an cominsa a fa ol sègn dèla crus.

CESCO. PARROCO. CAROLINA. Nel nome del Padre e del ...

CESCO. Carolina! Cosa fet te che? Adès a ghè la confesiù in gruppo! An ciama che amò ergü dato che an sè indre.

CAROLINA. Me ... ölìe adoma ...

CESCO. (Fra sè mentre si toglie l’auricolare) amò turna, al ma funsiuna piö. Scolta Carolina, va de là pèr piaser.

CAROLINA. Ando, ando. (Al parroco piano) ma recomande! (Esce a destra).

PARROCO. (Piano a Carolina) la lase fa a me.

CESCO. Ogni trì per dù al ma-a mia!

PARROCO. Alura Cesco, al ma dighe tutto.

CESCO. Brutto? Ma come al sa pèrmèt!

PARROCO. O dicci tutto e mia brutto.

CESCO. Perchè lè bèl lü!

PARROCO.(Alzando la voce) al ma dighe tutto!

CESCO. Al sarà mèi. Alura, a cominsa a diga che quando me ègne a mesa seconda, a fo sèmpèr la questua.

PARROCO. Pecat che la mèsa seconda al ghè mia in chèsta cesa.

CESCO.Delbù? Al pènse che anche a me a ma pias la fesa.

PARROCO. Che fesa pò? O dicc “cesa”! Mèi indannacc dai. (Al pubblico) me che a rie al punto. Cosa ma dighel alura del Palmino?

CESCO. A dighe che go de cambial. Ma come fal a saìl lü?

PARROCO. Saì cosè?

CESCO.Che a go il tegamino de bötavià. Agglà dicc la Carolina?

PARROCO. Ma cosa al manteresa a me del sò tegamino. Al ma dighe che manera a ga pias mia chèl brao carabiniere.

CESCO.Chi la dicc che al ma pias mia? A me al ma pias ol Gigi Riva.

PARROCO. E chi sarèsèl?

CESCO. Ol cannonire del’Italia. Ma al sa regorda mia che al ma domandat che manera a ma piasìa mia ol brao cannoniere?

PARROCO. O dicc “carabiniere” e mia cannoniere! Li scolte Cesco, a èdèl mia come la sòffre la Carolina per la sò presa de posisione?

CESCO.Ada che me a ciapat pròpe negot. Ier sira a ma mangiat la turta e me o mangiat adoma la me porsione.

PARROCO.(Urlando) o mia dicc porsione, ma presa de posisione!

CAROLINA. (Rientra da destra) ma cosa ghè de usà!

PARROCO. Ol tò suocero al capes negot de chèl che ga dighe!

SCENA XIII

Carolina, parroco, Carolina e poi Palmino, Santina, Bettina e Fredo

CAROLINA. Al ga funsiunerà mia ol’aparèchio. Al ma faghe èt? (Lo tocca. A Cesco) ga sèntèl be adès?

CESCO. Se, a ga sènte be. Come sèmpèr.

PARROCO. E alura cosa an fai con sto carabinier?

CESCO. Amò? Ma an vai mia innacc cola confesiù?

PARROCO. Come an fai che ghè che la Carolina? Sciur Cesco, al varde che ol Palmino al ga öl be ala Carolina. Aià lase spusà.

PALMINO. (Entra in scena)al ga resù ol preost, a ma lase spusà la Carolina.

CAROLINA. (Piano a Palmino) le’lasat de fò?

PALMINO. (Indica si con la testa).

CESCO. Cosa fet che te? O dicc che a ta ma piasèt mia.

PARROCO. Ma che manera dighèl isse?

CESCO. Al somia, ma al ma pias mia.

SANTI. BETTINA. FEDRO. (Entrano dal fondo).

SANTINA. A me al ma pias ... ìa.

CAROLINA. Ol Palmino al ma öl be adoma a me e se a ghè ergü che aià spusa, chèla a so me.

BETTINA. Ma cèrto. Ala Santina adès a ga pias ol farmacista ma lü aia fila mia.

PALMINO. Ol farmacista? A ta crède!

FEDRO. La me Bettina, la ma dicc che ol farmacista al ga facc di domande sö de te Palmino.

PALMINO. Sö de me? Svèt che alè ün po che al ma èt piö andà in farmacia e al pensaa che a sere malat. (Affrettandosi) e comunque an sera indre a parlà dèla Santina che ga pias ol farmacista e mia de me. A ta piasèl isse tat Santina?

SANTINA. Otèrfacc. Infena piö a de te. Ma ivvest che lineamènti che al ga? Piö bèi di me. A ma prima o poi a ga faro pèrt ol co.

PALMINO.  Ol co? Nò crède ol co?!

CAROLINA. Ma cosa a gan’terèsa a notèr dèl farmacista! O ghè ergot che a ma scapa?

PALMINO. (Affrettandosi) a ghè negot col farmacista. Niente de niente. Alura Cesco?

PARROCO. Alura, a ga dighe de se docà Cesco.

CESCO. O dicc de no! De nò e basta! Prim, perchè a ta se bröt. Secont, perchè la me Carolina ala pöl mia faga ü tort al me scèt. Tèrs, perchè a ta se mia adato ala Carolina.

PALMINO. (Esce al fondo).

CESCO. Brao, va che lè mèi. Pèr la me Carolina a ga öl ü dutur, ü ingegner ...

PALMINO. (Entra con un coniglio).

CESCO.(Da le spalle a palmino e non lo vede) ... ü aocat, ü president de ergot, ü archeologo, ü musicista, ü scritur, ü ... (si gira e lo vede) ü ... cunì!

PARROCO. SANTINA. BETTINA. FREDO. Ü cünì?

CESCO. Di ... di ... chi el chèl cünì le?

PALMINO. CAROLINA. Alè per lü!

CESCO. (Felicissimo) pèr me? Grasie!

CESCO. Che bèl chèl cünì che!

CAROLINA. Cesco, al ma da ol pèrmès de spusà ol Palmino?

CESCO. (Guarda Palmino serio. Tutti pensano che stia per cacciarlo di casa. Invece no) Carolina, cosa fal amò in pe ol tò Palmino. Ma fal santaszo o nò? Al sa còmode. Ma alè pò bèl sto cünì!

PALMINO. Alura pöde spusala?

CESCO. Ma sensotèr! Alè tat che ga dighe ala me Carolina che la ga de spusat. (Prosegue ad ammirare il coniglio).

PARROCO. Ando söbèt a dighèl ala me perpetua che ... che ... a ... a ... ghè de preparà per matrimone.

CAROLINA. Brao sciur pre ... pre ... preòst. Al ga mia de ... de ... de pensaga ala sò perpetua.

PARROCO. Al ... al ... so.

SANTINA. Fo ... fo ... forse al gaavrès de cam ... cam ... cambiala.

BETTINA. E cia ... cia ... ciapan öna piö ... piö ... piö zuena.

FEDRO. E che la ga ... ga ... gabe mia di difècc.

PALMINO. Al pre ... pre ... prepare per ol ma ... ma ... matrimòne pèr sabat. Ga al be Cesco, sa ... sa ... sabat per ol matrimone?

CESCO.Sabat al va be ... be ... benone. Pèr me an pöl fa anche ve ... ve ... venerde.

PARROCO. SANTINA. BETTINA. PALMINO. CAROLINA. FREDO. Evviva gli sposi!

CESCO. Evviva ol cünì!

SIPARIO

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 0 volte nell' arco di un'anno