On Ciccillo adda murì

Stampa questo copione

ON CICCILLO ADDA MURI’

N° SIAE 913483A

Commedia in 2 atti scritta da Gennaro Tagliaferri

PERSONAGGI:                                                                                              INTERPRETI:

Don Ciccillo Salluzzo, patrigno delle tre sorelle Spirito               _________________

Filomena Spirito, sorella maggiore                                                           _________________

Assunta Spirito, sorella mezzana                                                   _________________

Carmela Spirito, sorella minore                                                     _________________

Sergio Cammisa, amico-fidanzato di Carmela                              _________________

Padre Salerno, sacerdote amico di don Ciccillo                                       _________________

Carminuccio, factotum di Padre Salerno                                                 _________________

Bettina, sorella di don Ciccillo                                                       _________________

Dottor Serio Mario, notaio                                                                        _________________

Tommaso Ascione, agente impresa funebre                                _________________

Ceretiello, operaio impresa funebre                                             _________________

Felocciello, operaio impresa funebre                                                        _________________

Dottor Strambelli, medico                                                             _________________

Salvatore, piagnone a pagamento                                                _________________

Adriana, piagnone a pagamento                                                   _________________

PRIMO ATTO

SCENOGRAFIA PRIMO ATTO:

Ambiente di una sala da pranzo. Sulla sinistra un cucinino con un vano con tenda, sulla destra un mobile ed una poltrona con vano con porta che va all’esterno e citofono, sul fondo una comune decentrata verso sinistra, un divano letto, un mobile con televisore, uno specchio e un appendiabiti. In mezzo, verso il cucinino un tavolo con 2 sedie e un tavolino con telefono fisso. Altre 2 sedie vicino alle pareti sul fondo e a sinistra. Quadri ai muri, vasi e foto di defunti con fiori e lumini su un mobile.

La scena inizia col palcoscenico al buio e solo una luce che illumina un vecchio su una sedia a rotelle intento a fare una telefonata. Il vecchio è on Ciccillo Saluzzo, vedovo, pensionato, malato che vive con le tre figlie della sua seconda moglie deceduta anch’essa. Il vecchio Ciccillo sta telefonando al Notaio dott. Mario Serio per esporgli gli ultimi ragguagli riguardo il suo testamento visto che sente ormai giunta per lui la fine.

CICCILLO: Allora, vediamo un po’ (tossisce)… 8692347 è, speriamo che risponde, è, è, e che ce vò?

NOTAIO: Pronto…

CICCILLO: È il dottor Serio.

NOTAIO: Si chi è al telefono?

CICCILLO: Ma Marettiè, comme chi è? So on Ciccillo Salluzzo.

NOTAIO: Ah on Ciccillo, scusatemi non vi avevo riconosciuto, ci avete sta voce..?

CICCILLO: Lo so, non sto tanto bene, me sente e murì, Marettiè, me sente e murì…

NOTAIO: E me chiammate a me? chiamate il dottore, non so il prete…

CICCILLO: Mo chiamme o schiattamuorte… Marettiè…

NOTAIO: Scusatemi on Ciccillo, è che non so che posso fare io…

CICCILLO: Tu saie gia che fa! Mo è o mumente. Viene a case e spieghece e guaglione tutte cose… accussì comme te l’aggia ditte ie.

NOTAIO: Ma non vi sembra troppo affrettato, forse è solo un malore…

CICCILLO: No Marettiè, m’ò sente, sta succerenne…

NOTAIO: Ma on Ciccilo, pigliatevi qualcosa ca vi passa e…

CICCILLO: Ma allore si sceme Marettiè, t’aggia ditte ca sto murenne!

NOTAIO: E scusatemi on Ciccillo.

CICCILLO: E sule cheste sai dicere, scusatemi…

NOTAIO: E che debbo dì, condoglianze…

CICCILLO: Scè, ma che staie dicenne, ma ie vide che caspite e nutaie aveva truvà. Marettiè hai ragione ca patete ere amiche mie, sennò quanne o truvave nu cliente comme a me.

NOTAIO: Avete ragione on Ciccillo, scusatemi ancora. Ho capito, verrò quanto prima a casa vostra.

CICCILLO: Subbete, te a movere, sto murenne, sto murenne, sto sto…

entra Filomena che accende le luci e Ciccilo attacca il telefono tossendo

FILOMENA: Buongiorno, buongiorno on Ciccillo

CICCILLO: (farfuglia qualcosa)

FILOMENA: O sacce, o sacce, a colazione, o lattucce. Adesso v’ò pripare.

CICCILLO: (farfuglia ancora e mostra la gola)

FILOMENA: Sentite fridde (gli avvolge una sciarpa al collo col gesto di strangolarlo), ecco qua. Meglio adesso?

CICCILLO: (farfuglia ancora)

FILOMENA: E vuie nun v’accuntentate maie… famme chiamma a chesti doje, sennò fanne tarde. Assuntaaaaaa, Assuntaaaa, né ma si sorde?

ASSUNTA: (da dietro le quinte) Nun te risponghe!

FILOMENA: E pecche? A gia! Susiiiiiii

ASSUNTA: (da dietro le quinte) Si dimmi!

FILOMENA: Susy cara, fai tardi a lavoro… muovete scemute.

ASSUNTA: (da dietro le quinte) Me sto truccanne…

FILOMENA: E fa ambresse ca o latte gia è pronte. E chest’ate che sta facenne? Carmèèè, Carmela…

entra Carmela silenziosa che legge il libro, si siede e comincia a fare colazione leggendo

FILOMENA: E nun se dice neanche buongiorno?

CARMELA: Buongiorno!

FILOMENA: Che c’è? Staie nervose?

CARMELA: (in modo nervoso) No, nun sto nervose, aggia fa n’esame stammatine e nu me sente priparate, nun sto nervose… sto calme, calmissima.

ASSUNTA: (entrando) Ma che è? Pecchè ve state appiccecanne?

FILOMENA: No, niente… Carmela. Adda fa n’esame. Sta nu poche agitate, pensierose… nervose.

CARMELA: Nun sto nervose!

ASSUNTA: P’ammore e Die. Io ti vedo calmissima. Spruzze serenità a tutte parte. Fatte na camumille a sò, fatte!

FILOMENA: Lassa a sta Susè… s’adda laurea. Avremo un avvocato in casa. We Susè ma che c’è, nu, nu capille janche.

ASSUNTA: Tu che staie dicenne, uh mamma mi! (corre allo specchio per guardarsi) fa ambresse, piglie a forbice, tagliammille.

CARMELA: Che c’è a so, staie nervose?

ASSUNTA: Tu nun capisce niente. P’o lavore che facce, l’aspette estetiche è importante.

CARMELA: Si, o lavore! L’accompagnatrice a ore.

ASSUNTA: L’hostess, l’hostess, l’hostess di convegni,  ricevimenti e serate importanti.

CARMELA: E dopo ca è fernute a serate?

ASSUNTA: Doppe nun te ne mporte, e capite?

FILOMENA: Ja nun v’appicecate. Facite colazione. Facite ndussecà pure a on Ciccille, o verite. Stammatine nun parle proprie.

ASSUNTA: Meglie ca nun parle, tante dice sule strunzate.

FILOMENA: We, non si dice così ad una persona anziana.

CARMELA: Anziana… malata, viziosa, presuntuosa, arrogante e ca nun ci appartene.

FILOMENA: È stato il marito di mamma.

ASSUNTA: O siconde.

CARMELA: E nuje nun simme figlie a isse.

FILOMENA: Ma cia sempe mantenute.

ASSUNTA: Cia sempe sfruttate.

CARMELA: E trattate male.

FILOMENA: Piglie tremila  e treciente eure e penzione o mese.

ASSUNTA: È sule nu particolare.

FILOMENA: So tremila e treciente particolare.

ASSUNTA: Vabbè qualche sfizio pure nuie ciò pigliamme.

FILOMENA: Ce pigliamme tremile e treciente sfizie.

ASSUNTA: Eee, e baste Filomè, e te le mbarate a canzone, tremile e treciente… e che sarrà maie, anche io lavoro e si vulesse… me putesse aizzà pur ie tremila eure o mese.

FILOMENA: E muovete Susè, ca te staie facenne vecchie. E capille bianche, ne vide?

ASSUNTA: Se, guarde chi parle… a toie è sule gelusie. Quande maie e viste a n’omme.

FILOMENA: Verrà o mumente…

ASSUNTA: Sarrà troppe tarde. E po’ a trentacinghe anne nun saie manche che de o sesse.

FILOMENA: Nun e vere o sacce… dincelle pure tu Carmè.

CARMELA: Ma ie che ne sacce, e poi che me ne mporta a me… (Filomena si intristisce) mò però nun te piglia collere Filumè…

FILOMENA: Ma no, sule ca e vote me pare ca interessene e servene sule a me sti sordi ca piglie stu viecchie.

ASSUNTA: Servene a tutte quante, ma ie nun me posse curà e isse, pecchè fatiche.

CARMELA: Ie vado a scuola e studie.

FILOMENA: Ie, invece, nun fatiche, nun studie…

ASSUNTA e CARMELA: … te staie accorte o viecchie.

FILOMENA: Accussì spreche a vita mie. Ma ne vale a pene?

ASSUNTA e CARMELA: Vale tremile e treciente vote a pene, Filumè.

FILOMENA: Tremile e treciente vote.

(il vecchio abbassa la testa e fa cadere il bicchiere)

FILOMENA: On Cì, avite buttate o bicchiere a terra? On Cì non si fa, è puppù, siete proprie nu scustumate. Me chiammavene e o bicchiere vo pusave ie. (Assunta e Carmela guardano il vecchio che non reagisce all’impeto di Filomena) Invece guardate cà, tenite sempe o ciate pe ve lamentà, e mo nun v’era rimaste nu suspire pe me chiammà.

ASSUNTA e CARMELA: (cercando di calmarla) Filomè, Filumè…

FILOMENA: e tiene mente, ie aggia sguffà pe isse, lave, stire e ammire, dalla a magia, fallo durmi, valla a lavà, po piglie e me butte o bicchiere nterre…

CARMELA: a facce, Filumè! Ed eravamo noi che non rispettavamo a na persone anziane.

FILOMENA: Me so fatte piglia, sto nervose.

ASSUNTA: E po’… nun vide… nun risponne

CARMELA: Nun se move…

FILOMENA: Se, è muorte.

ASSUNTA e CARMELA: È muorte!

ASSUNTA: Ma nun puo’ essere muorte, on Cì, on Cì

CARMELA: Filumè chiste è muorte overamente.

FILOMENA: Embè, ce simme levate nu penziere.

CARMELA: No Filumè, ce simme levate tremile e treciente penziere.

FILOMENA: Uh mamma mì, chiammamme o duttore, magare stamme ancore a tiempe… chiamme chiamme

CARMELA: Aspè, Filumè… acchiappe a cheste.

FILOMENA: Chiamme…

CARMELA: Aspè… calmete, ferme, respire.

FILOMENA: Ufffff, uffff

CARMELA: Respire buone

FILOMENA: Fffffffffffff

ASSUNTA: Comme respire brutte, Filumè.

CARMELA: Ma o vuò capè? Si mo chiammamme o duttore, chille decrete o decesse e automaticamente niente pensione.

FILOMENA: Aaaaaaaa fffffffff nooooooo… e comme se fa?

ASSUNTA: Innanzitutte, appuriamo stu decesse.

FILOMENA: O che?

ASSUNTA: Cercamme e capè si è muorte o sta durmenne. Ce vo n’amiche ca ce capisce qualcose… Carmè.

CARMELA: Ie? Io di medicina nun capische niente, io sto studiando legge.

ASSUNTA: Ma no, Sergio, l’amiche tuoie. Sta studianne pe fa o duttore?

CARMELA: Si ma non è ancora medico.

ASSUNTA: Ma sicuramente ne capisce chiù e nuie.

CARMELA: Si ma isse è azzeccuse, a forze se vo mettere cu me.

FILOMENA: Overe? Comme so cuntente. È proprie nu brave guaglione…

ASSUNTA: Filumè zitte tu (tirandola via). Carmè chiamme a stu Serge, muovete.

CARMELA: Aspettate cà, tenghe o telefono in camera. (va in camera sua, intanto Filomena fa delle smorfie al vecchio)

ASSUNTA: Ma che staie facenne?

FILOMENA: O sto sfuttenne… tante nun me vede…

CARMELA: (arriva parlando al telefono) Sergio, vedi di muoverti… si, si, ciò pensato. La risposta poi te la dò. Lo so che mi pensi, lo so… Serge muovete! Aaaaaaaaa!

FILOMENA: Ca ditte?

CARMELA: Ha detto che sta venendo.

ASSUNTA: Ma addò steve?

CARMELA: E che ne so? Forse a casa sua.

ASSUNTA: Wa, chille sta di case a chell’ata parte do paese…

(suona il citofono. Carmela va a rispondere mentre le altre due si agitano)

ASSUNTA: Uh mamma mi, e chi po essere?

FILOMENA: E che ne sacce!

ASSUNTA: Annascunne a chiste. (Filomena gli butta la coperta in testa) Scè, tu accussì o fuoche.

FILOMENA: Embè chille gia e muorte.

ASSUNTA: Nun o sapimme si è muorte.

CARMELA: A vulite furnì? È Sergio, sta saglienne.

FILOMENA: Wa gia sta cà?

ASSUNTA: Steve fore a porte?

FILOMENA: Ammore mette e scelle!

CARMELA: Sta da mezz’ore abbasce, aspettave a me pe m’accumpagnà a scole. Ma mo che saglie chi cio dice?

ASSUNTA: Cio diche ie nun ve preoccupate.

(arriva Sergio)

SERGIO: buongiorno principesse (rivolto a F. e A.), buongiorno mia regina (rivolto a Carmela)

FILOMENA: E pecchè esse a regine e ie a principesse?

ASSUNTA: Stattu zitte.

SERGIO: Buongiorno on Ciccì. Mia cara Carmela, dimmi, cosa avevi di così tanto importante da dirmi.

CARMELA: Parle cu Susy…

ASSUNTA: Ciò diche ie, allore Serge sienteme nu poche. Me staie sentenne. Sienteme buone. Me sentute?… apposte! E capite mo? Mo vide tu!

SERGIO: Ma ie non ho capito niente!

ASSUNTA: E che diamine Serge, eppure staie studianne miedeche. Fatt’o spiegà a esse. (mettendo avanti Carmela)

CARMELA: Sergio io… io…

SERGIO: Dimmi cara

CARMELA: Sergio io… io… fatt’o spiegà a esse. (mettendo avanti Filomena)

FILOMENA: ce l’aggia dicere ie? Siente Sergio… belle e buone stammatine a fatte potopò, ie oooooo, e isse (smorfia), po pure Susy e pure Carmele, ooooo, ma isse (smorfia). Nun è ca forse… chi o sapè, po sempe essere, però boh, vide nu poche tu… po ce faie a sapè ia.

SERGIO: Ma che cosa devo vedere e che vi devo far sapere?

FILOMENA: Oi Sé, vide nu poche, ma on Cicce è muorte?

SERGIO: (affranto) On Cicce è muorte?

ASSUNTA: Accussì pare.

SERGIO: O mio Dio, e come è successo?

FILOMENA: E chi o sape?

SERGIO: Chille mo steve buone.

CARMELA: Sergio, pure tu mo staie buone, ma si na furnisce e fa o sceme te donghe na mazzate ncape e po nun staie buone chiù.

SERGIO: No, no, me calme, me calme.

CARMELA: Ja, vedi un po’. C’avimma fa?

SERGIO: Chiammate nu dottore…

FILOMENA: e avimme chiammate a te…

SERGIO: a gia, ma… ma ie non sono ancora nu dottore.

ASSUNTA: Ma staie studianne medicina, quaccose sicuramente saie.

SERGIO: È vero… ma a me fa mpressione o sanghe.

CARMELA: Serge chille o viecchie a chiuse sule l’uocchie, miche s’è squartate.

SERGIO: Che devo fare?

CARMELA: Accumience a vedè si è muorte overe.

SERGIO: Si subito.

(comincia a visitarlo in modo goffo, con l’attrezzatura della sua borsa da medico)

CARMELA: Allora… ?

ASSUNTA: Allore dottò?

FILOMENA: È maschio o è femmina?

ASSUNTA e CARMELA: Filomè… ma ca parturite?

FILOMENA: Uh over… Sergio, on Cicce è vive o è muorte?

SERGIO: Ahimè, credo proprio che il caro on Ciccillo se ne sia andato.

FILOMENA: E addò e jute, uh mamma mie, chille è viecche, nzalanute, se po perdere…

ASSUNTA: Filumè… on Cicce sta cà.

SERGIO: Se ne andato nel senso che è deceduto.

ASSUNTA: Tu si sicure ne Sé.

SERGIO: Bhè si, almeno per la poca esperienza che ciò… posso dire che…

CARMELA: Oi Sé, e che ce vo?

SERGIO: È muorte, è muorte…

(le tre sorelle cominciano a piagere)

SERGIO: Ma su non fate così, on Cicce ere vicchiarielle e chine d’acciacche…

TUTTE E TRE: Teneve tremile e treciente acciacche.

SERGIO: Tremile e treciente acciacche? Ma al massime puteve tene o diabete e o colesterolo alte.

TUTTE E TRE: A tremile e treciente.

SERGIO: A tremi… a facce… steve nguaiate.

CARMELA: Serge siente, mo simma vedè che dobbiamo fare e tu ce aiutà.

SERGIO: Certo, per prima cosa chiamiamo un medico abilitato e facciamogli appurare il decesso… mo lo chiamo io… (leragazze si guardano tra loro furtive)

CARMELA: Aspè, Serge… e che staie facenne?

SERGIO: Sto chiamando il dottor Strambelli, quello è un amico mio e …

CARMELA: Puose stu telefene… ma allore ne capite niente?

ASSUNTA: On Cicce nun è muorte.

FILOMENA: Nun po essere muorte.

SERGIO: Ma come, ma si chille nun…

CARMELA: Sssst, nun fa o sceme…

ASSUNTA: Allore ne capite proprie niente.

FILOMENA: Eppure e studiate.

SERGIO: Ie aggia capite sule na cosa… ca, ca…

CARMELA: E ie mo te facce cape no una cosa, ma tremile e treciente…

SERGIO: tremi… ma che so?

CARMELA: Eure, tremile e treciente eure, quante a penzione che pigliave on Cicce.

ASSUNTA: e si on Cicce muore… addio penzione.

FILOMENA: Tremile e treciente eure… on Cicce n’adda murì.

SERGIO: Ma voi siete pazze, è illegale, qua ci arrestano.

CARMELA: No, si nisciune sape niente.

SERGIO: Ma se ne accorgeranno.

ASSUNTA: E di che? Chille gia nun parlave e nun se muveve.

SERGIO: Comincerà a putrefarsi.

TUTTE E TRE: Cò?

SERGIO: A nfracetarsi.

CARMELA: E noi o mettimme dinte o congelatore e quando o venene a truvà o cacciamme.

SERGIO: E po puzze.

ASSUNTA: E nuie arapimme porte e feneste.

SERGIO: E fa fridde…

FILOMENA: E nun ce ne mporte proprie… on Cicce n’adda murì.

CARMELA: E po’… Sergio, ma tu mi vuoi bene a me, a vuò bene a regina toie?

SERGIO: Si assaje.

CARMELA: Allore piglie a on Cicce, miettele dinte o frigorifere e stattu zitte.

(insieme prendono a Ciccio e lo mettono in frigo)

ASSUNTA: Apposte. Filomè ie vache a fatica, gia è tarde.

CARMELA: Infatti, ie aggia correre all’università. Andiamo Sergio.

FILOMENA: E io o sapeve! Comme al solito lasciate sempe a me sole a badà o viecchie.

ASSUNTA: Filomè ma chille è muorte… nun e badà a nisciune.

FILOMENA: Vabbuò, però almene quanne ere vive, me faceve cumpagnie si me senteve sole.

ASSUNTA: Fa na cose, quanne te siente sole, arape a porte do frigorifere e te faie na chiacchieriate cu isse.

CARMELA: E nun te scurdà… on Cicce…

FILOMENA: N’adda murì, on Cicce n’adda murì, tremile e treciente eure, n’adda murì. (escono lasciando sulla scena Filomena)Adda murì on Cicce? no, n’adda murì! adda murì? Si adda murì, no no n’adda murì, n’adda murì… ma chille gia è muorte. (suona il citofono) E mo chi è? Chi èèèèè?

PADRE SALERNO: (voce fuori scena) Filomena apri sono padre Salerno.

FILOMENA: Ah, a, we padre Salerno, come state? tutto bene?

PADRE SALERNO: Ehm… si, non ce male. Ci sta on Ciccillo?

FILOMENA: Si, si sta dinte o frigo.

PADRE SALERNO: Sta dinte o frigorifere?

FILOMENA: No, sta piglianne o limoncelle a dinte o frigorifere.

PADRE SALERNO: E apri so venuto a salutarlo.

FILOMENA: E vi saluta pure lui.

PADRE SALERNO: Ma apri che lo saluto da vicino.

FILOMENA: N’avite dicere a messe?

PADRE SALERNO: Filumè, l’aggia ditte gia.

FILOMENA: Vabbè chelle a chest’ore venene e vicchiarelle a se cunfessà, jate a vedè.

PADRE SALERNO: si lo so. Gia me l’aggia spicciate, dai apri.

FILOMENA: Eeee, e comme sta vostra madre?

PADRE SALERNO: Filumè mia madre è morte, e si ere vive, mo teneve treciente anne…

FILOMENA: Tremile e trecienteeee… vabbè ja ci sentiamo.

PADRE SALERNO: Aspè Filomè, ma che faie? ce sta pure Carminuccio qua, apri.

FILOMENA: We Carminuccio, e comme sta? Passatammille nu poche…

PADRE SALERNO: Filumè araaaape.

FILOMENA: We e dateme o tiempe… e cheste sarebbe a carità cristiane? Mannagge e mo… che facce? (corre a prendere il vecchio dal frigo lo mette sulla sedia a rotelle, lo sistema alla meglio) Ecco qua… me pare vive. Me pare? Adda essere vive. On Cicce n’adda murì. A padre Salerno ce do nu poche e limoncelle, accussì s’embriaca, Carminuccio gia sta tutte nzalanute. Ok! N’avessena capè niente. (bussano alla porta, lei da gli ultimi aggiusti al vecchio e va ad aprire). Eccomi. Prego avanti!

PADRE SALERNO: Filomena, ma che è passate? Me pareve ca nun me vulive fa trasì.

FILOMENA: No stavo un pò indisposta…

CARMINUCCIO: (con aria da ebete) È bellelle eh eh

FILOMENA: Aggia ditte ca chiste se nzalanute.

PADRE SALERNO: Addò sta l’amico mio?

FILOMENA: Sta là, nun o vedite? … ma nun o facite affaticà, chille ogge sta stanche.

PADRE SALERNO: Chille sta durmenne proprie?

FILOMENA: È si dorme, dorme sempe, salute a padre Salerne (gli prende la mano e fa per salutare).

PADRE SALERNO: Ae, e tu me le ditte po citofene, steve dinte o frigorifere, eh Ciccillo, chiò chiò.

CARMINUCCIO: Èèèèè chiò chiò.

FILOMENA: Chiò, chiò… e quindi ogge niente scupone.

PADRE SALERNO: E gia, che peccate.

CARMINUCCIO: Eeeeee ooooo.

FILOMENA: Vabbè, tutt’apposte allore, ci vediamo, cia padre Salè, cia Carminù, ci vediamo domani a messa.

PADRE SALERNO: Aspè Filomè, e che fai, ce staie caccianne?

FILOMENA: No, èèèè… uhm… niente scupone…

PADRE SALERNO: Embè, nu poche e limoncelle c’a sturdute a on Ciccille a nuie nun cio faie pruvà. Tu che dice Carminù?

CARMINUCCIO: Èèèè è buone o limoncelle, èèèè.

FILOMENA: Si si, subbete. (prende il limoncello mentre Carminuccio infastidisce il vecchio)

PADRE SALERNO: Lascio sta, nun vide ca sta durmenne.

CARMINUCCIO: Eeee bebbè.

FILOMENA: Ecco qua, bevete. (i due bevono tutto d’un sorso) ok v’è piaciute? Stateve buon mo.

PADRE SALERNO: Aspè Filomè, n’atu goccine. Tu ne vuò Carminù?

CARMINUCCIO: Èèèèè nappoche. (versa ancora e ribevono)

FILOMENA: Mo site sazie?

PADRE SALERNO: N’ata prese ma facesse. E tu Carminù?

CARMINUCCIO: Èèèè a prese.

FILOMENA: E facite na cose pigliateve tutt’a butteglie, ma jatavelle a bere a chiese ca ie mo aggia che fa, aggia fa e servizie. (li accompagna alla porta)

PADRE SALERNO: Vabbè noi andiamo. E allora ce vedimme dimane po scupone.

FILOMENA: Si, si, ce vedimme dimane pe l’estreme unzione e e e po scupone cia cia. (i due escono) mamma mie aiuteme tu, comme è schiarate sta jurnate. Uh o muorte. Chille se nfracete. L’aggia mettere dinte o frigorifere (e va a rimettere il vecchio in frigo, ma da sola non ce la fa). Nun cia facce, nun cia pozze mai fa. Mo chiamme a chelli doje e vedimme (prende il telefono per chiamare). Pronto, pro… we Susy, viene subbete cà, fa ambresse. (entra Assunta che corre allo specchio).

ASSUNTA: Aspette nu mumente, sto venenne…

FILOMENA: E muovete, nun cia facce sul’ie a mettere a on Cicce dinte o frigorifere…

ASSUNTA: N’attimo ca me cambie e te do na mane…

FILOMENA: Ma qual’attime? E ciungò subbete a case mò, mò…

ASSUNTA: Filomè, io sto gia a case…

FILOMENA: Staie a case… e che te miette a parlà a telefene cu me dinte a case…

ASSUNTA: Filomè, ie sto cà, staie parlanne sule tu a telefene.

FILOMENA: nun cia facce, nun cia facce

(entra Carmela arrabbiata)

CARMELA: Ie o sapeve, ie o sapeve…

ASSUNTA: Ma che cose?

CARMELA: Ie o sapeve sul’ie, sul’ie o sapeve…

FILOMENA: E cio vulisse fa sapè pure a nuie?

CARMELA: Che cose?

FILOMENA: Stu fatte che sapive sule tu.

CARMELA: Niente, niente…

ASSUNTA: We, ma staie nervose?

CARMELA: Nun sto nervose!!!!

FILOMENA: O vizie da camumille nun o vuò proprie piglià è?

CARMELA: Per colpa vostra, so arrivate tarde all’appelle… e n’aggia putute fa l’esame.

FILOMENA: Vabbuò sora mia o faie a prossima vote. E tu Susy, comme maie staie gia cà?

ASSUNTA: Il mio cliente… nun è venute!

FILOMENA: Ma nun aviva fa l’hostess a nu convegne?

ASSUNTA: E eeere o stesse cliente o stesse convegne, insomma o stesse.

FILOMENA: Aaaa hostess, o stesse… aggiu capite… nennè facite na cose viste ca state a case, mettite vuie a on Cicce dinte o frigorifere, stateva accorte nu poche vuie a isse ca ie mo vache a fa a spese. (toglie il grembiule ed esce)

CARMELA: Aspiè Filomè, e nun sapimme neanche chelle c’avimma fa.

FILOMENA: Allore, on Cicce e diece se piglie o cafè, po o pinnele pa pressione, e l’unnece l’avita accattà o giurnale, a gazzette do sport…

ASSUNTA: (interrompendola e tirandogli dietro una scarpa che la fa fuggire via) vattenne va, iesce vattenne. A gazzette do sport…

CARMELA: Susy e mo che facciamo?

ASSUNTA: Chelle ca ditte sorete, o mettimme o frische.

CARMELA: Che schife! E si vene qualcune?

ASSUNTA: O cacciamme (suona il citofono). E mo chi è?

CARMELA: Mamma mie, e mo nun ho mettimme chiù dinte o frigorifere?

ASSUNTA: E co mettimme a fa, si po l’avimme caccià nata vote?

CARMELA: E mettimmele nu poce ja, pe fa vedè.

ASSUNTA: Carmela nun fa sceme, rispunne o citofene ca ie sisteme o viecche.

CARMELA: E si se n’accorgene?

ASSUNTA: Carmè tu staie troppe nervose.

CARMELA: Nun sto nervose (risuona il citofono)

ASSUNTA: E rispunne o citofene.

CARMELA: (stizzita) chi è?

ZIA BETTINA: So… sono zia Bettina

CARMELA: E che vulite?

ZIA BETTINA: e… ere venute a truvà a frateme.

CARMELA: Ma n’avite che fa?

ZIA BETTINA: We ma staie nervose?

CARMELA: Nun sto nervose.

ZIA BETTINA: E arape, fa ambresse.

ASSUNTA: Carmè, nun me dicere ca è…

CARMELA: È zia Bettina…

ASSUNTA: Mamma mie Carmè, cheste capisce tutte cose.

CARMELA: Nun te preoccupà, chelle a zie penze sule e sorde do frate, se ne mporte assaie si è vive o muorte. (bussano alla porta e va ad aprire e entra zia Bettina) We zia, buongiorno. E come mai da queste parti?

ZIA BETTINA: So venute a trovare a frateme, come ogni dieci del mese.

CARMELA: A jurnate ca se ritire a penzione.

ZIA BETTINA: Come?

CARMELA: No niente.

ZIA BETTINA: Nennè a zie, tu te fa vedè nu poche do neuroleghe. Tu staie piglianne e nerve belle a zie.

CARMELA: Nun sto nervose, a zie. 

ASSUNTA: No zia Bettì, sta sule pensierosa per gli esami…

ZIA BETTINA: A brave, brave a zie. Studie sempe. Frateme, addò sta frateme? Ciccillo, comme staie?

CARMELA: Frische e tuoste…

ASSUNTA: Fridde fridde e tiseche tiseche…

ZIA BETTINA: (si siede vicino a on Ciccillo) guarde cà comme sta belle ogge frateme, che piezze d’omme, sprizze vite a tutte parte… è vero no?

ASSUNTA: Eeee ai voglie… (rivolta a Carmela) ma cheste è sceme?

CARMELA: T’aggia ditte ca penze sule e sorde.

ZIA BETTINA:Allore ja Ciccì, dimmi a sore quante te voglie bene ie a te? (rivolta alle sorelle) avite viste? Avite sentute? Chille o dice pur’isse… o dice…

ASSUNTA: Ma che dice?

CARMELA: Ma pecchè parle?

ZIA BETTINA:Facite finte e nun sentì è? A ditte ca ce songa rimmaste sul’ie. L’unica sore ca o sta sempe vicine.

CARMELA: Aaaa si è vero, o dice sempe pure a nuie… ragazze chi è l’unica sore che mi sta vicine…?

ZIA BETTINA:Chi è? Chi è?

ASSUNTA: Ca vene tutte e mise…

ZIA BETTINA:Chi è? Chi è?

CARMELA: Precisamente, il dieci e ogni mese…

ZIA BETTINA:Vabbuò mo, chi è? Chi è?

ASSUNTA: E sule tante, po nun se fa vedè chiù fine e al dieci do mese successive.

ZIA BETTINA:Ja mo me vulite sfottere, vulite sfottere a zie? Nemmeno o rispette ca so anziane. E tu ne Ciccì, nun dice niente?

ASSUNTA: E c’adda dicere?

CARMELA: Aspè (avvicinando l’orecchio alla bocca di Ciccillo) è vabbuò ja, e mo cio diche… nun ve preoccupate on Ci. Riposatevi.

ZIA BETTINA:Ca ditte? A rimaste ditte quaccose pe me?

CARMELA: Si a zie, a ditte on Ciccillo ca ogge sta stanche, magari si turnate dimane...

ZIA BETTINA:Ma a me nun a ditte accussì, ma ditte aspiette nu poche ca t’aggia da na cose.

ASSUNTA: Accusì va ditte?

ZIA BETTINA:Si, a ditte t’aggia da chella cose ca te donghe tutte e mise.

ASSUNTA: Ma ve la ditte mo stu fatte?

ZIA BETTINA:È si, pure mo me sta chiammanne, me vò, (corre verso il vecchio)

CARMELA: Oè Susè acchiappe a cheste

ZIA BETTINA:faciteme vedè che dice…

CARMELA: Mo vo diche ie (avvicinando l’orecchio alla bocca di Ciccillo)  è, è, si ok va bene, ciò diche.

ZIA BETTINA:Ca ditte?

CARMELA: Passe dimane…

ZIA BETTINA:Ma comme, e ie comme facce…?

ASSUNTA: A zie nu juorne e chiù, une mancante, sempe ve l’adda da no. Tanta avite truvate a zezzenella doce e ve site appise a vicine comme a nu vampire a zuca sempe, zzzzuuu zzzzuuu.

ZIA BETTINA:Ma comme te permiette ne nennè ie, ie…

ASSUNTA: Ie, ie, e zughete zughete, ma sempe se tire e zizze on Ciccille…

ZIA BETTINA:Carmè ma tu a siente che dice bell’a zie? E tu nun dice niente?

CARMELA: A zie, passe dimane…

ZIA BETTINA:E vabbuò me ne vache, tante dimane pure vene… cia Ciccì, stateve bone. (ed esce)

CARMELA: Ci avimme salvate pe nu pile…

ASSUNTA: Chelle nu sta bone, o senteve e parlà o senteve…

CARMELA: Susè l’avimma mettere un altro po’ in frigo?

ASSUNTA: Carmè… ja vedimme e mettere stu casatielle in frigo

(cominciano goffamente a muoverlo)

CARMELA: Susè, piano piano…

ASSUNTA: Piano, piano…

CARMELA: Acchiappa qua, io piglie accà…

ASSUNTA: O aizze…

(Carmela lascia Susy da sola a sollevare il vecchio fingendo fatica)

CARMELA: Aizze…

ASSUNTA: E avizze Carmè… sul’ie nun cia facce… ma… puozze passa niente o staie facenne avizzà sula a me?

CARMELA: Nun sapeve addò l’aveva piglià, steveme stritte.

ASSUNTA: Puozze passà niente, mo me veneve na cose.

CARMELA: E mo l’avizze sul’ie ja… ooooo

ASSUNTA: Tu nun cia faie…

FILOMENA: (entrando) We ma che state facenne?

ASSUNTA: Steveme mettenne o purpe dinte o frigorifere…

FILOMENA: Quande maie lasciate sta, ce sta nu signore a parte e vascie, dice che è un avvocato amiche e on Ciccillo, sta chiedenne addò sta di case.

CARMELA: Uh mamma mi, e che vò?

FILOMENA: E che ne sacce. A chieste pure a me informazione.

ASSUNTA: E tu che ce ditte?

FILOMENA: Gli ho detto di chiedere al portiere del palazzo.

CARMELA: Ma del palazzo nostro?

FILOMENA: Si.

ASSUNTA: Ma tu si scema proprie? Chille mo ce dice c’abite cà.

FILOMENA: Uffa… ma che ne sacce ie?

(Suona il campanello della porta)

ASSUNTA: E viste? Gia sta cà. Mo to spicce tu.

FILOMENA: No, no, rispondete voi, facitele trasì vuie. Ie aggi ie dinte o bagne. A on Ciccille l’annasconne di là. (prende a on Ciccillo con la carrozzina e lo porta dietro le quinte)

ASSUNTA: Addò vaie… mannagge… Carmè a porte, e dumande primme chi è.

CARMELA: Ma perché sempre io?

ASSUNTA: Perché sei quella che parla meglio l’italiano. Muovete!

CARMELA: Chi è?

DOTT. SERIO: Sono il dottor Serio, avvocato, nonché notaio emerito proveniente da discendenze di principi del foro oltre che da generazioni di illustrissimi giudici e magistrati che hanno scritto pagine e pagine, direi quasi enciclopedie, di diritto civile e penale che sono ancor oggi i pilastri della giurisprudenza italiana e non.

CARMELA: Susè, ma quanta gente ci sta qua fuori?

ASSUNTA: Pecchè?

CARMELA: Hanno risposte dutture, avvocate, notaie, giudice, magistrati…

ASSUNTA: Dumande meglie…

CARMELA: Scusate, ma in quanti siete?

DOTT. SERIO:Io, io solo.

CARMELA: E tenite tutti sti nomi?

DOTT. SERIO: No, solo il mio.

CARMELA: E qual è? Nun l’aggia capite.

DOTT. SERIO: Io sono il dottor Serio, avvocato, nonché notaio emerito proveniente da discendenze di principi del foro oltre che da generazioni di illustrissimi giudici e magistrati che hanno scritto pagine e pagine, direi quasi enciclopedie, di diritto civile e penale che sono ancor oggi i pilastri della giurisprudenza italiana e non… ma perché non aprite scusate?

CARMELA: Io apro, ma entrate uno alla volta, no tutt’insieme.

DOTT. SERIO: Finalmente, ce l’abbiamo fatta. Buongiorno.

CARMELA: Buongiorno. (resta sulla porta guardando fuori)

DOTT. SERIO: E perché non chiudete la porta.

CARMELA: Devono entrare gli altri?

DOTT. SERIO: Ma chi? Chi altri? Ci sono io, il dottor Serio.

CARMELA: È, voi siete il dottor Serio?

DOTT. SERIO: Si, sono io.

CARMELA: E devono entrare pure l’avvocato, il principe, il giudice…

DOTT. SERIO: Non deve entrare più nessuno, chiudete sta porta.

ASSUNTA: Carmè, si sempe tu. L’avvocate, o principe e o giudice se saranne offese e se ne so andate.

CARMELA: Wa, per così poco.

DOTT. SERIO: Ma… lasciamo stare. Ehm… voi siete le figlie di don Ciccio Salluzzo?

CARMELA: Figliastre prego.

DOTT. SERIO: Si lo so, ma non eravate tre?

ASSUNTA: La prima sorella è in bagno. È venuta da fare sciuopping e stava tutta scuncecata.

CARMELA: Io sono Carmela la minore… piacere.

ASSUNTA: La scuncecata nel bagno è la prima, si chiama Filomena.

DOTT. SERIO: E lei?

ASSUNTA: Io sono Assunta, la mezzana.

DOTT. SERIO:  La mezzana?

ASSUNTA: Chelle e miezze. Nuie simme tre? (mostrando le dita) cheste è Filumena, che sta di la in bagno tutta scuncecata, che è a primme. (indicando il medio)

CARMELA: Cheste so io… la più piccola. (indicando il pollice)

ASSUNTA: E cheste e miezze so ie, a mezzane. (indicando l’indice)

DOTT. SERIO: Mamma ma, addò so capitate?

ASSUNTA: E voi? Come vi chiamate?

DOTT. SERIO: N’altra volta? Io sono il dottor Serio.

ASSUNTA: E chi lo mette in dubbio.

DOTT. SERIO: Cosa?

ASSUNTA: Che siete un dottore serio, ce stanne tanta dutture scieme, vuie site serio. Carmè tu miette in dubbio ca o duttore è serio.

CARMELA: Ie? Ie nemmene o cunosche, sacce si è serie o no. Non mi mai visitato.

DOTT. SERIO: Ma che devo visitare, ascoltatemi bene. Io non sono un medico, sono il dottor Serio, Serio è il cognome, mi chiamo Mario Serio, e sono il notaio… avite capite mo?

CARMELA: Si, più o meno.

ASSUNTA: Ie sule o cugnome non ho capito. Aggia capite ca è nu cugnome serie, ma ancore ce l’avita dicere.

DOTT. SERIO: Lasciamo stare, veniamo al motivo della mia visita. Comincio a parlare a voi o aspettiamo che torna la terza sorella?

CARMELA: Secondo me, cominciate a parlare dottò, quella Filomena stava troppo scuncecata. Ci metterà tempo.

DOTT. SERIO: Vabbè… ehm… innanzitutto il signor Ciccillo Salluzzo dove sta?

CARMELA: E… sta di là, sta riposando.

DOTT. SERIO: Ma sta bene, cioè sta bene in salute?

CARMELA: Si, si è vivo.

DOTT. SERIO: Ma io mica vi ho chiesto se è morto?

ASSUNTA: Dottò ma quando uno è vivo sta buone? Embè quante sottigliezze.

FILOMENA: (arrivando tutta sciatta) oh, buongiorno

ASSUNTA: Ah, giusto in tempo, dottò è arrivate.

DOTT. SERIO: A gia infatti. Io prenderei un caffè, grazie.

CARMELA: A me un cappuccino con briosce.

ASSUNTA: Io un succo di mandorla.

FILOMENA: Subito. Ma che è arrivate o guaglione do bar? Ma comme ve permettite?

DOTT. SERIO: Scostumate ste cameriere polacche, le dovete licenziare…

ASSUNTA: Ma no, ma c’avite capì. Dottò questa è nostra sorella maggiore.

CARMELA: La più grande.

DOTT. SERIO: La scuncecata?

CARMELA: È…

DOTT. SERIO: E accussì, s’è accunciate? Mamma mie… Io sono il dottor Mario Serio, e Serio è o cugnome, sono il notaio del vostro patrigno. Prego signora si sieda…

FILOMENA: Signorina prego… (guarda incantata il notaio)

DOTT. SERIO: E ciò credo, chi o teneve stu curaggie. Allora torniamo a noi… (estrae un plico dalla borsa) il signor Francesco Salluzzo, nel pieno delle sue facoltà fisiche e mentali ha decretato sue dirette…

FILOMENA: Chi?

DOTT. SERIO: Chi cosa?

FILOMENA: Chi l’ha detto sto fatto? Avete fatto un nome?

DOTT. SERIO: Il signor Francesco Salluzzo.

FILOMENA: E chi è? Chi o cunosce a chiste?

DOTT. SERIO: Ma come chi è? Il vostro patrigno.

ASSUNTA: Aspettate dottò, mia sorella ha ragione… il nostro patrigno si chiama Ciccillo, no Francesco.

DOTT. SERIO: Ma Ciccillo è il diminutivo di Francesco… nun cia facce, nun cia facce

ASSUNTA: Aaa, come Susy è il diminutivo di Assunta.

DOTT. SERIO: È…

ASSUNTA: E Mena è o diminutive e Filumena…

CARMELA: E o diminutivo di Carmela qual è?

FILOMENA: È facile, Mela…

CARMELA: E nun me piace…

DOTT. SERIO: E chiammatele percoche, cresommele, nespele,… signorine l’abbiamo finita sta lezione e grammatica dei nomi, aaaa

ASSUNTA: Dottò, ma voi avita studiate giurisprudenza, è vero?

DOTT. SERIO: Si ma che centra?

FILOMENA: O vide Carmè che fine se fa? Chille che studiene giurisprudenza, stanne sempe nervuse.

DOTT. SERIO: Ma io nu sto nervoso… scusatemi, dicevamo. Il signor Fancesco o Ciccillo, Salluzzo, ha incaricato me, dottor Serio, Serio di cognome, di redigere il suo testamento e comunicarlo ai suoi diretti discendenti o chi per essi in caso di suo improvviso decesso.

ASSUNTA: Ma nun è ancore muorte!

CARMELA: È vivo, è vivo.

FILOMENA: È, tene l’uocchie chiuse e nun se move, ma è vive.

DOTT. SERIO: Ma lo so, on Ciccillo ha una salute di ferro. Mi ha telefonato stamattina pregandomi di venirvi a comunicare i suoi ultimi desideri… diceva che si sentiva morire… sciocchezze…

ASSUNTA: So senteve e scennere…

CARMELA: Zitta!

DOTT. SERIO: Ma ha insistito tanto che ho deciso di accontentarlo… sapete, mi paga anche bene.

ASSUNTA: Avite viste chi se sparte e sorde mancante ncoppe a penzione?

FILOMENA: A zia Bettine e o notaio.

CARMELA: Volete stare zitte ed ascoltare! Andate avanti dottore.

DOTT. SERIO: Certo, grazie… (colpito dagli sguardi ammalianti di Filomena) ma perché mi guarda in quel modo, signorina Filomena, giusto?

FILOMENA: Come lo dite bene…    

DOTT. SERIO: Cosa?

FILOMENA: Il mio nome, Filomena, in bocca a voi me pare natu nomme.

DOTT. SERIO: Voi state inguaiate, tutte e tre. Ma insomma, la vuole smettere, Filumenaaaaa.

FILOMENA: Comme o dice belle… dottò ma siete nzuarato?

DOTT. SERIO: Co… come? Nzuarate? Ma che ma pigliato pe nu cachisse, nzuarato.

ASSUNTA: Voleva dire nzurato.

CARMELA: Sposato dottò. Nostra sorella deve essersi innamorata, tene o penziere pe vuie.

DOTT. SERIO: Overe? E dicitece a vostra sorella ca pigliasse stu penziere e o jettasse, e doppe se jettasse pure esse appriesse. Me lo volete far leggere sto testamento o aspettiamo davvero che il vecchio muore?

CARMELA: No, no leggete leggete.

ASSUNTA: Avessa murì belle e buone.

FILOMENA: Avessa murì mo mo.

DOTT. SERIO: Chille adda campà cient’anne. Ma sule on Ciccillo però. Allora andiamo avanti. Il signor Francesco Salluzzo, nel pieno delle sue facoltà fisiche e mentali ha decretato sue dirette ed uniche discendenti e quindi aventi diritto alla equa spartizione del suo patrimonio le sue figlie adottive, nonché figlie legittime della sua seconda moglie, Rosa Corallo gia deceduta, le qui presenti signorine Filomena, Assunta e Carmela Spirito (ad ogni chiamata le tre sorelle si alzano e dicono “presente”, come a rispondere ad un appello) avute dal primo matrimonio della Rosa Corallo con il signor Gaetano Spirito gia deceduto. L’unico obbligo da parte delle gia citate tre sorelle, sarà quello di utilizzare per il corteo funebre una bara azzurro cielo segno della dedizione e dell’amore che aveva il de cuius Salluzzo per la squadra del Napoli.

FILOMENA: Parle troppe belle, ma nun se capisce niente.

ASSUNTA: Ie si aggia capite buone amma fa o taute celeste.

CARMELA: Dottò scusatemi e a quanto ammonterebbe questo patrimonio che dovremmo spartirci?

DOTT. SERIO: A gia, scusatemi, ho dimenticato la parte migliore. Allora tre villini bifamiliari situati in località Palinuro del valore di trecentocinquantamila euro l’uno, quindi uno a testa e settecentocinquantamila euro in contanti da dividere in tre, quindi duecentocinquantamila euro a testa. Le spese notarili, di bollo, successione e deposito sono gia state date dal buon Ciccillo.

(Le tre si siedono e si guardano l’un l’altra ignorando la presenza del notaio e rispondendogli solo con flebili mugugni)

DOTT. SERIO: È gia, capisco lo stupore. È una bella cifra.

(mugugni)

DOTT. SERIO: O Dio io, e credo anche voi, ci auguriamo che on Ciccillo viva a lungo.

(mugugni)

DOTT. SERIO: Bene, fatto il mio dovere, posso anche andare. È stato per me un piacere conoscervi e salutatemi a on Ciccillo.

(mugugni)

DOTT. SERIO: No, no fate con comodo conosco la strada. Stateve bone. (se ne va)

CARMELA: A villa a Palinuro.

ASSUNTA: Ducientecinquantamila eure

DOTT. SERIO: (tornando) Ah, scusatemi, ma non dimenticate la clausola, cioè la bara azzurro cielo, forza napoli, o taute celeste, vabbuò nun fa niente ja. Stateve bone. (esce)

CARMELA: O taute celeste? Pure o carre celeste.

ASSUNTA:  Pure o pulman che tifose.

CARMELA: E bandiere do napele.

ASSUNTA:  E trumbettelle.

CARMELA: On Ciccille alè olè, on Ciccille alè olè.

ASSUNTA: Filumè, e tu nun dice niente? Ma te si ngantate?

FILOMENA: (ridestatasi) on Ciccille, alè ooo, on Ciccille adda murì, no n’adda murì. Adda murì on Ciccille? No n’adda murì, n’adda, n’adda. N’adda murì? Adda muri! On Ciccille adda murì, on Ciccille adda murì.

FINE PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

SCENOGRAFIA SECONDO ATTO:

La sala da pranzo del primo tempo stavolta senza tavola e sedie e col divano letto aperto al centro con sedie intorno. Specchio coperto da panno nero. Successivamente bara azzurra a sinistra.

In scena, mentre On Ciccillo è preparato sul letto di morte, il notaio discute con Carmela e Assunta le ultime postille del testamento in attesa di Filomena per appore le firme di accettazione.

ASSUNTA: Avvocato e quanti scudetti dobbiamo mettere?

DOTT. SERIO: Quali scudetti? Dove?

ASSUNTA: Vicino al tauto azzurro, ci dobbiamo mettere gli scudetti?

CARMELA: No Susè, mettimece o ciucciarielle ca è chiù belle.

DOTT. SERIO: Ma che state dicendo? O ciucciarielle, pensiamo alle firme per l’eredità piuttosto.

ASSUNTA: Si, si l’ererdità…

DOTT. SERIO: Ma non mi sembrate tanto affrante dalla dipartita del vecchio Ciccillo da onorarlo come si deve per il bene profuso in vita e non, per voi e sicuramente per le vostre prossime generazioni.

ASSUNTA: Ma ca ditte?

CARMELA: Boh, parle troppo complicate.

DOTT. SERIO: O viecchie è muorte e vui penzate sule e sorde…

ASSUNTA: Ma no quanne maie…

CARMELA: Avvocà, ma come si permette, noi stiamo morendo nel cuore.

ASSUNTA: Na sofferenza che voi non potete capire.

DOTT. SERIO: Si si, a sofferenze… ma piuttosto perché avete preparato la salma qua in sala da pranzo e non in camera da letto?

ASSUNTA: Pecchè qua sta chiù vicine a porte.

DOTT. SERIO: E che significa scusate?

ASSUNTA: Accussì subbete cio levamme ananze e piede.

DOTT. SERIO: Non ho capito, come?

CARMELA: Niente avvocà, quello sta qua perché la camera da letto è piccola, invece qua c’è più spazio.

ASSUNTA: Si casomaie accumence a fetì ce sta chiù arie.

CARMELA: Ce sta chiù arie, ci sta più spazio nel caso venga troppa gente a trovarlo.

DOTT. SERIO: Vabbè ho capito… ma dove sta vostra sorella? Chiamatela, così mettiamo ste firme e vado via.

ASSUNTA: Si sta preparando, stava troppo affranta… scuncecata…

DOTT. SERIO: Ae, chelle gia stava tutta scuncecata, figurati mo… mamma mie…

Entra Filomena con abito nero e velo davanti al viso

DOTT. SERIO: (spaventato) O mio Dio, è arrivata la morte. Viene a prendersi a on Ciccillo… (indicando la salma) sta là, sta là o vedite…

ASSUNTA: Ma quando mai avvocà, quella è Filomena.

DOTT. SERIO: Fi Fi Filomena… oi ma. Mettimme sti firme ja…

CARMELA: Avvocà e non gli fate nemmeno le condoglianze?

DOTT. SERIO: Condoglianze… (Filomena si alza il velo che le copre il viso), nooo, mamma mia… che spavente. Cosa vuole…

ASSUNTA: Avvocà o bacette.

DOTT. SERIO: Noooo

CARMELA: Su avvocato, sia galante.

DOTT. SERIO: L’aggia fa proprie è? Facimme sto sforzo, su, sono un uomo. Chianu chiane. (le bacia la guancia) Ok apposte. Mettiamo ste firme che io vado, ho altri impegni.

Le tre sorelle firmano, ognuna in modo personale con Filomena che lascia addirittura il suo numero di telefono su una pagina dell’agenda dell’avvocato, pagina che prontamente quest’ultimo strappa.

DOTT. SERIO: Bene così. Quanto prima riceverete notizie mie e dalla banca per confermare il credito e il passaggio di proprietà… vi faccio ancora le mie condoglianze… e arrivederci. (esce)

ASSUNTA: Filomena, però ha ragione l’avvocate… ma comme te si cumbinate?

FILOMENA: Aggia fatte colpe è?

CARMELA: Tu le fatte venì nu colpe.

FILOMENA: A perze a cape pe me l’avvocate… o saccio. Ie pirciò me so mise o meglie vestite.

ASSUNTA: E figurammece o pegge. (suonano alla porta)

CARMELA: Chiste adda essere Sergio. È andato a chiamare la ditta di pompe funebri. (entra Sergio)

SERGIO: Tutto ok ragazze, ho chiamato l’amico delle pompe funebri, sta arrivando. Comunque mi congratulo con voi… avete fatto bene, mentire sulla morte di on Ciccillo solo per continuare a prendere i soldi della pensione sarebbe stata una cosa squallida.

CARMELA: Si Sergio, d’altronde, tremila e trecento euro non ti cambiano la vita.

FILOMENA: Ma ducentecinquantamile t’accappottene proprie…

SERGIO: Come?

CARMELA: No niente, Filomena sta ancora scossa.

ASSUNTA: Lei era legata a on Ciccillo.

SERGIO: Vabbè magari dopo il funerale, se volete, vi do le chiavi della casa a mare di famiglia. Può darsi che si riprenda un po’.

ASSUNTA: È si magari.

CARMELA: Dove ce l’hai la casa a mare ne Sergio?

SERGIO: A Varcaturo…

FILOMENA: Ma famme o piacere, cu chella ville a Palinure…

SERGIO: A ville a Palinure?

ASSUNTA: Serge, niente sono i pochi beni che on Ciccillo ha lasciato in eredità a noi.

SERGIO: Az, a ville a Palinuro ma chiamme pochi beni?

FILOMENA: E duecentocinquantamila euro.

SERGIO: A facce… ducientecinquantamila…

FILOMENA: A testa!

SERGIO: Uhhhh… mo ho capito.

ASSUNTA: E che capite ne Sergio?

SERGIO: Che ho capito, che ho capito!

CARMELA: Sergio, Sergio…

SERGIO: We…

CARMELA: Nun fa o sceme.

SERGIO: No, no…

CARMELA: Ma tu a me vuò bene, a vuò bene a regina toie?

SERGIO: Si, si… (suonano aalla porta)

CARMELA: E allore muovete, arape a porte. Chiste anna essere e schiattamuorte.

Apre la porta ed entrano Ascione proprietario di pompe funebri insieme ai due aiutanti Felocciello e Ceretiello

SERGIO: Prego entrate, accomodatevi… ragazze questo è il mio amico Tommaso.

ASCIONE: Buongiorno e condoglianze.

CARMELA: Grazie, grazie…

ASSUNTA: Mi raccomando fate un bel lavoro.

ASCIONE: Non si preoccupi la ditta onoranze funebri Ascione spa è la migliore.

CARMELA: Anche la più cara.

ASCIONE: A spese vale a mpese cara signora.

CARMELA: Signorina… prego.

ASCIONE: Mi scusi, signorina, capisco il dispiacere, ma non stia così nervosa…

CARMELA: Nun sto nervose…

SERGIO: Carmela per favore…

ASCIONE: (rivolto a Filomena) Leideve essere la vedova? Condoglianze, mi spiace tanto per…

FILOMENA: Ma comme te permiette… ma secondo te posse maie essere a mugliere e chillu viecchie e sittant’anne?

ASCIONE: Nooo?

FILOMENA: Io ho solo 35 anni, giovane, celibe e illibata…

ASCIONE: Guarde nu poco! Non l’avrei mai detto.

SERGIO: Tommaso loro sono le tre figliastre di on Ciccillo… nun me fa fa figure

ASCIONE: Nun te preoccupà… mi dicevi della bara azzurro cielo…

SERGIO: È un desiderio del defunto, azzurro è il colore del napoli.

ASCIONE: Ah ecco.

ASSUNTA: Si potrebbe avere pure il disegno do ciucciariello… chille on Ciccillo ce teneve assai.

ASCIONE: Ma certo, nessun problema, solo che dovrete pagarmi in anticipo.

SERGIO: We, e pecchè ne Tommà, e che fiducia è cheste?

ASCIONE: Mettite ca o funerale nun o facite chiù… ie quanne o venghe nu taute celeste, quande more o grande puffe?

ASSUNTA: E chelle nun se po maie sapè, s’avessa scetà belle e buone on Ciccille…

FILOMENA: No, no, on Ciccillo adda murì, on Ciccillo adda murì…

CARMELA: (interrompendo Filomena) chille gia è muorte, va bene, tutto ok… Sergio pensaci tu al signor schiattamuorto… i soldi stanno nel solito posto… (a Filomena) tu te calmà e capì…

ASCIONE: Io sarei il signor schiattamuorto… io sono Tommaso Ascione…

SERGIO: Vabbuò Tommà viene a cà, te donghe e solde, chelle e figliole stanne scosse.

ASCIONE: Va bene, guagliù intante vuie priparate o muorte.

FELOCCIELLO: Subbete ze mà

CERETIELLO: ze mà chianu chianu, cuonce cuonce

ASCIONE: Ma qua piano, vediamo di muoverci, abbiamo altri impegni.

FELOCCIELLO: Ma addò? Cà so tre mise ca nun ce chiamme chiù nisciune…

CERETIELLO: A gente nun more chiù, nun vo murì chiù… ma nu bellu juorne me sfasterie, scenghe abbasce a piazze cu nu rangille n’mane e zacchete, zacchete, facce na strage.

ASCIONE: We ma si sceme, che dici, lui scherza… è vero?

FELOCCIELLO: Ceretiè… ma che dice cu sta vocche, ma si pazze… però se mà tene ragione… e facimme nuie nu pare e muorte…

SERGIO: Ma chi sono sti pazzi, Tommà?

ASCIONE: Ma nun e da rette… loro scherzano…

CERETIELLO: Se mà, nuie accirimme e chiù vecchie.

FELOCCIELLO: Da sissant’anne a salire…

ASCIONE: La vogliamo finire di scherzare?

CERETIELLO: Sittante…?

ASCIONE: Baste mo, priparate stu muorte e facite ambresse.

FELOCCIELLO: Avimme fa pure ambresse…

CERETIELLO: Me pare ca o sta aspettanne quaccune a chiste…

SERGIO: Ma… ma queste due bestie sono i tuoi operai?

ASCIONE: Si, Felocciello e Ceretiello… duie brave guagliune… allore steveme dicenne….

I due cominciano stranamente a prendere le misure alla salma e a fare le prove di movimentazione sotto lo sguardo basito dei presenti. (muovono gambe e braccia, lo mettono seduto, gli lucidano la testa pelata, lo sollevano facendo il giro della casa e qui intervengono per un attimo i presenti…)

CARMELA: Uh mamma mì, ma che state facendo?

ASCIONE: Niente signora fanno le prove di carico… vedono se ce l’ha fanno a portarlo.

ASSUNTA: Embè cia facite.

CERETIELLO: so quatte ossere e nu pile …

FELOCCIELLO: Si, si ngia facimme.

ASSUNTA: Scusate e si nun cia facivene?

FELOCCIELLO: Faceveme duie viagge.

CERETIELLO: è è, un a per’one.

CARMELA: In che senso scusate?

FELOCCIELLO: O tagliaveme doje, tre parte.

CERETIELLO: co rangille, zacchete, zacchete…

ASSUNTA: Ma che state dicenne?

ASCIONE: Ma stanno scherzando… muviteve scieme.

I due continuano l’improbabile misurazione.

ASCIONE: Bene, il servizio è pagato… ragazzi vuie a che state?

FELOCCIELLO: Apposte…

CERETIELLO: cio putimme pure purtà…

ASCIONE: Avete preso tutte le misure?

FELOCCIELLO: Se se…

CERETIELLO: So quatte ossere e nu pile…

ASSUNTA: Ma che ci devono fare un vestito?

ASCIONE: Fateci lavorare, fateci lavorare… allora ragazzi, andiamo. Sergio, signore… signorine scusatemi, ci vediamo fra poco e ve porte pure la bara. Stateve bone.

SERGIO: Vi accompagno…

CARMELA: Sergio lascia la porta aperta, non si sa mai che arrivi qualcuno per le condoglianze

SERGIO: Si, si… (arriva zia Bettina tutta affranta) we zia Bettina…

ZIA BETTINA: Cicciiiiiiiiillo….

ASSUNTA: Mamma mie, Serge, a putive chiudere a porte…

FILOMENA: Mo a può lascià pure aperte, tante pegge e cheste nun pò trasì.

ZIA BETTINA: Ciccillo, e comme è succiesse?

ASSUNTA: A chiuse l’uocchie e cia cia…

ZIA BETTINA: Pecchè si muorte?

FILOMENA: Tutte quante avimma murì.

ZIA BETTINA: Tu stive accussì belle…

CARMELA: Tu invece nun staie proprie bone…

ZIA BETTINA: Ma comme facite a sta accussì indifferente… manche na lacrime ve scorre?

ASSUNTA: Nuie stamme accussì male…

ZIA BETTINA: E nun se vede proprie… pareve c’aspettavene a morte e Ciccillo mie… guarde cà comme è belle.

CARMELA: (rivolta alle sorelle) We noi qua dobbiamo fare un po’ di scena, cheste si capisce o fatte e l’eredità nun cia levamme chiù a tuorne.

FILOMENA: eeeeeeeeeeeeeeeeee (comincia a piangere esageratamente come la sirena di un antifurto)

SERGIO: Ma che è? È partite a sirene?

ASSUNTA: È partute l’antifurte pe quanne trasene e scieme.

FILOMENA: Eeeee papino miooooo eeeee

CARMELA: (rivolta a Filomena) … ma che passate?

ASSUNTA: Zia Bettina, guarde comme soffre Filomena, guarde… (facendo un segno d’intesa con Carmela)

CARMELA: Aaaa aggia capite… che strazio per il nostro cuore zia Bettina

SERGIO: E pure pe recchie meie…

FILOMENA: Babboooo… Ùùùùù… ùùù (un auto in velocità)

SERGIO: Mene a siconde, se sta ngulfanne.

FILOMENA: paaa… paaa… papà, e dice quacche cose… fa nu discorso… cante nu poche…

CARMELA: E viste zia, come soffre Filomena?

ASSUNTA: Sta a fa cheste a tre juorne…

ZIA BETTINA: Ma si è muorte ogge!

FILOMENA: Ma ie mo senteve e scennere eeeeeee.

ZIA BETTINA: Vuie invece niente è, nun ve fa niente stu fatte?

 A queste parole anche Assunta e Carmela cominciano a piangere esasperatamente

ASSUNTA: Babbuccioooooo

CARMELA: Babbinooo… Serge e chiagne pure tu.

SERGIO: Ma comme…

CARMELA: Serge me vuo bene, a Regina toia, a principesse e tutto e rieste appriesse?

SERGIO: Si si

CARMELA: E chiagne, sinno te donghe na mazzate ncape te facce chiagnere ie… (anche Sergio cade in ginocchio e piange)

ZIA BETTINA: Serge pure tu a zie…

SERGIO: e vide nu poche tu a zie… on Ciccì che me fatte a me (piangendo)

ZIA BETTINA: Ciccillo, Ciccì è fernute tutte cose.

ASSUNTA: è fernute pure a zezzenelle…

ZIA BETTINA: Ve sita mise quatte contro a uno? Mo ce penze ie. (uscendo di corsa) Mo subbete venghe nata vota e vedimme chi a vence…

CARMELA: Sciò, sciò cicciuvuettola…

ASSUNTA: Puozze passa niente se ne andata… (Filomena continua la nenia) we Filomè e baste, a zie se ne è  andata… basta cu sta lagna.

FILOMENA: A, se ne andata… però a faceve bone a parte è?

SERGIO: Guarda Filomè, lo potresti fa pe mestiere…

FILOMENA: Overe? E addò o fanne stu mestiere… ma pavene buone?

ASSUNTA: Filomè ma pe piacere…

CARMELA: Sergio caro, potresti farci una cortesia?

SERGIO: Dimmi cara…

CARMELA: All’ufficio dell’inps, vai subito a comunicare il decesso di on Ciccillo per l’annullamento della pensione. E fai venire anche il medico, quell’amico tuo, il dottor Strambelli, adda fa o certificato e morte. (lo ripete più volte in modo sempre più veloce e isterico)

SERGIO: Certo cara, vado e torno subito (ed esce).

CARMELA: E anche questa è fatta… (guarda fuori che arriva Padre Salerno con Carminuccio) uh uh Filomè, sta venenne Padre Salerne con Carminuccio.

ASSUNTA: Saranne venute pa benedizione do muorte, continuà a chiagnere Filumè, continue…

FILOMENA: E chi paga? Avite ditte ca o putesse fa mestiere? Allore m’avita pagà.

ASSUNTA: Filumè, avimme viste ca a finte a faie bone… vulimme vedè overe comme chiagne? (tirandola per i capelli)

FILOMENA: No, no, uuuuuu… papà, papino mio. (entrano il prete e Carminuccio)

PADRE SALERNO: Care figliole, non disperate… il caro Ciccillo adesso si trova in paradiso.

CARMINUCCIO: O paravise èèèè

PADRE SALERNO: La sua anima veglierà su di voi in questa casa.

CARMINUCCIO: All’aneme e on Ciccillo hip hip hurrà.

PADRE SALERNO: Carminù a vuò furnì e fa o sceme?

CARMINUCCIO: O sceme mmmm.

CARMELA: Padre Salè, ma… che vulite dicere co fatte e l’aneme…

PADRE SALERNO: L’anima di on Ciccillo resterà al vostro fianco per sempre.

FILOMENA: Comme a nu fantasme…?

ASSUNTA: O munaciello…

FILOMENA: Noo me fa mpressione… è andato in paradise e dicitece ca restasse là.

PADRE SALERNO: Ma figliola, cosa dici?

FILOMENA: Gia l’avimme suppurtate in vite, mo pure da muorte ce l’avimma tenè.

PADRE SALERNO: Ma, Filomena….

ASSUNTA: Ma che staie dicenne ne Filumè… Padre Salè quella sta scossa…

CARMELA: Voleva dire, che il vecchio on Ciccillo gia ha sofferto tanto sulla terra, adesso merita il dovuto riposo lassù in paradiso.

PADRE SALERNO: Gia infatti, scusami cara Filomena, come ti capisco.

CARMINUCCIO: Pure ie a capische èèè.

PADRE SALERNO: Fa na cosa Filomè, prendi quel limoncello che tanto amava la buonanima e brindiamo alla sua memoria e alla sua anima.

CARMINUCCIO: All’aneme e on Ciccillo cin cin.

CARMELA: Padre Salè ma l’avimme fa sta benedizione o no?

PADRE SALERNO: Prima beviamo alla salute di on Ciccillo.

ASSUNTA: Ma qua salute chille è muorte.

CARMINUCCIO: Oooo è muorte?

FILOMENA: Si, è muorte (fa smorfie)

PADRE SALERNO: va bene, e facciamo questa benedizione, Carminuccio prepariamoci. Figliole ad ogni invocazione ripetete amen.

CARMINUCCIO: Amen

FILOMENA, ASSUNTA E CARMELA: amen

Padre Salerno e Carminuccio iniziano la benedizione in latino maccheronico e cospargendo di acqua santa la salma e i presenti che a determinati segni di Carminuccio in coro ripetono amen.

PADRE SALERNO: ora pronobis

CARMINUCCIO: amen

FILOMENA, ASSUNTA E CARMELA: amen

PADRE SALERNO: nunzio vobis

CARMINUCCIO: amen

FILOMENA, ASSUNTA E CARMELA: amen

PADRE SALERNO: autobus filobus

CARMINUCCIO: amen

FILOMENA, ASSUNTA E CARMELA: amen

PADRE SALERNO: calle, trippe e pede o musse

CARMINUCCIO: amen

FILOMENA, ASSUNTA E CARMELA: amen

Torna tutta di fretta zia Bettina con altri 2 figuri e Carminuccio con le tre sorelle come la vedono ripetono ancora la nenia

CARMINUCCIO: amen

FILOMENA, ASSUNTA E CARMELA: amen

FILOMENA: Zia Bettììììì, mo staie nata vote cà?

ZIA BETTINA: Oè, chille frateme è muorte, addo aggia sta?

ASSUNTA: A ve truvà a fatiche, pecchè è furnute a zezzenelle…

CARMELA: A zia, e questi chi sono?

ZIA BETTINA: Sono i miei nipoti, e nepute pure e Ciccillo… so venuti anche loro a piangere per la sua morte… è vere? E chiagnite, chiagnite. (piangono)

CARMELA: Zia ma io non me li ricordo a sti nipoti di on Ciccillo.

ZIA BETTINA: E vengono da lontano, da fuori Napoli è vero? Da dove venite?

SALVATORE: Da Cardito…

FILOMENA: Az da Cardito fuori Napoli?

ZIA BETTINA: Ma quande maie, quello è Cardito in provincia di Milano… ne siente che chiagnene milanese, facitece sentì, e facetece sentì o milanese….

ADRIANA: We ne, on Ciccillo perché sei crepato, io sto propeto malo nguè nguè

ASSUNTA: Ma comme o parlene strane stu milanese…

ZIA BETTINA: So emigranti, tenene a cadenza napoletana… (rivolta ai nipoti) ma che miserie manche milanese sapite parlà, ma che ve paghe a fa?

SALVATORE: Signò pecchè vuie sapite parlà o milanese?

ZIA BETTINA: Zitte, me chiammà a zie…

ADRIANA: A zie, siente nu poche ma simme sicure ca chiste o viecchie a rimaste e sorde…

ZIA BETTINA: Uuuu sta chine e sorde… chiagnite. (cominciano a piangere) Ciccillooooooo, pecchè si muorte… Carmè belle a zie, quante a rimaste o viecchie?

CARMELA: Papà e comme e state… a zie a Carmela soie, tu pirciò staie cà?

ZIA BETTINA: Ciccillo, me pare che dorme… Carmè a zie, ma tu pienze sempe a stessa cose?

CARMELA: Papà, pure muorte si brutte… a zie tu invece pienze sule a na cose… e sorde do muorte?

Comincia così un concerto di pianti, a destra la zia Bettina con i nipote, a sinistra le tre sorelle Spirito, al centro la salma di on Ciccillo sul letto e davanti a loro Carminuccio che sembra dirigere l’orchestra del pianto.

ZIA BETTINA + NIPOTI: Ciccille… o zi Ciccì, pecchè si muoooorte.

TRE SORELLE + SERGIO: Papàààà… pate miii, e comme è staaaate.

ZIA BETTINA + NIPOTI: Ciccille… fratu miii, arape l’uoooocchie.

TRE SORELLE + SERGIO: Papàààà… comme si belle, fa nu discoooorse.

ZIA BETTINA + NIPOTI: Ciccìììì… me accise o core, mo comme faaaacce.

TRE SORELLE + SERGIO: Papàààà…che brutta cose, pare che duoooorme.

PADRE SALERNO: oè ma che state facenne? Ma vuie site jute a scemì… e me state accerenne e recchie cu stu lamiente… e che miserie, dategli un po’ di pace… e ce manche sule ca on Ciccille se scete e dice…

CICCILLO: (mettendosi seduto sul letto)ma che è stu casino, ma che sta passanne a Maronne e l’arche?

PADRE SALERNO: Uh Madonna santa!!!

ZIA BETTINA: Ciccillo, Ciccillo o fantasme e on Ciccillo…

CICCILLO: Ma qua fantasme?

ZIA BETTINA: È deventate nu zombi uuuu. (e fugge via insieme ai falsi nipoti)

CARMELA: On Ciccillo è resuscitato.

ASSUNTA: È turnate, è turnate nata vote pe ce purtà cu isse.

FILOMENA: On Ciccillo è muorte, è muorte, è muorte, n’è muorte, è muorte o n’è muorte? Ie nu sto capenne niente chiù!

CARMINUCCIO: (agitandosi) pipì, pipì… paula, paula!

CICCILLO: Ma che dice Carminù, Paola?

CARMINUCCIO: Me sto cacanne sotte!

CICCILLO: Sta o bagne allà. (Carminuccio corre via) Allora si può sapere cosa è successo?

ASSUNTA: On Ciccì, ma vuie irene muorte!

CARMELA: Noi vi credevamo morto…

ASSUNTA: Vuie nun ve muvivene chiù…

CARMELA: Nun parlavene chiù…

FILOMENA: E vedè comme stivene belle… (posa ad occhi chiuse con mani giunte sul patto)

CICCILLO: Ma faciteme o piacere… ie, ie me ricorde sule ca nun me senteve buone, po’ boh, aggia avuta svenì?

ASSUNTA: Ma nun ve scetavene chiù…

FILOMENA: E vedè comme site svenute belle… (idem)

CICCILLO: Nata vote…

CARMELA: Comunque sembravate proprio morto…

ASSUNTA: Nu muorte over…

FILOMENA: Nu bellu muorte (idem interrotto da sguardo di Ciccillo)… scusate.

PADRE SALERNO: E figliole avevene chiammate pure a me pa benedizione… ma ie o diceve ca l’amiche mie Ciccille è na prete… mo brindamme, figliò pigliate o limoncelle…

ASSUNTA: Padre Salè n’è o mumente, anzi facite na cosa jate a vedè Carminucce comme sta jate (ed esce Padre Salerno). Mo chi ciò dice a chille do taute?

ASCIONE: (entra Ascione dell’impresa di pompe funebri con la bara azzurra che i due aiutanti mettono in piedi in un angolo) Buongiorno, buongiorno signorine, ancora condoglianze.

CARMELA: Grazie… ma non ce bisogno

ASCIONE: Dovere, dovere… (poi va a stringere la mano a on Ciccillo) condoglianze, voi siete un parente, fratello, cugino?

CICCILLO: No ie so o muorte.

ASCIONE: Oh mi dispiace, condoooooo… mamma mì o muorte, o muorte che parle

FELOCCIELLO: Quarantasette

ASCIONE: Chille parle e se move

CERETIELLO: Quarantasette e nove? Fanne cinquatasei

FELOCCIELLO: Jucammancille tutte e tre 47, 9 e 56…

ASCIONE: Ma che state dicenne ne scieme… o muorte nun è muorte

FELOCCIELLO: O muorte nun è muorte ancore? E l’accerimme nui, Ceretiè piglie o rangille.

CERETIELLO: Tagliammele piezze piezze, zacchete, zacchete…

CICCILLO: We ma che vulite accidere… piezze, piezze o rangille ma che è venute o chianghiere?

ASCIONE: Signorine ma che scherzi sono questi, la mia è una ditta seria.

CARMELA: Ma noi non sapevamo.

ASCIONE: Bando alle ciance, o taute de puffe ve l’aggia fatte e vo tenite. Tante gia l’avite pavate, jammuncenne guagliù.

FELOCCIELLO: Ma che miserie, erene tre mesi ca nun ce faceme nu muorte, une che ne avimme truvate se scete pure.

CERETIELLO: Che ciorte… ma accerimmele nuie, tante so stevene chiagnenne gia.

CICCILLO: Ma voi siete pazzi.

FELOCCIELLO: Scusate signor quase muorte, ma vuie ci avita capè pure a nuie… ca stamme a probleme, nu muorte ogge l’avimma fa… e mo me so nzeriate.

ASCIONE: Jammuncemme guagliù…

CERETIELLO: o ffugamme primmee po o tagliamme piezze piezze, accussì n’allucche.

CICCILLO: Adesso chiamo la polizia e vediamo chi allucche…

ASCIONE: mo ce n’avimma ie… tutte e tre e subbete… (ed escono)

ASSUNTA: Mo avimma pavate pure o taute… e che n’avimma fa mo?

CARMELA: Jettammele a me fa impressione.

FILOMENA: No pecchè? Usammele comme dispense…

ASSUNTA: È, ce mettimme a seccà e salame a dinte.

CARMELA: No jettammele, l’avimma jetta.

CICCILLO: Ma quande maie, pecchè o vulite jetta? Ie me l’aggia astipà pe ricorde. Avite realizzate e desiderie  mie… penzanne ca ie ere muorte m’avite fatte o taute azzurre, comme era chieste dinte o testamente. Chest’è dimostrazione ca me vulite bene, me vulite bene veramente e dicitammelle, dicitamelle.

CARMELA: Te vulimme bene…

ASSUNTA: Te vulimme bene…

FILOMENA: Te vulimm’appennere… sotte e trave…

CICCILLO: Comme Filumè…?

FILOMENA: No, o taute, l’appennimme sotte e trave, comme a nu lampiere.

CICCILLO: Ma no, comme sta, sta buone, accussì chiunque trase o vede.

In quella entrano Sergio con il dottor Strambelli

SERGIO: Sono tornato mie care, (vede la bara) mamma mì che paura… comunque ho portato con me il dottor Strambelli… (Carmela fa segno a Don Ciccillo) ma che c’è mia cara ti vedo, spaventata… ma che c’è hai un tic… (si accorge anche di Don Ciccillo) si l’ho visto a on Ciccillo, buongiorno on Ciccillo tutto bene… dicevo ho portato con me il dottor oooooooooon Ciccillooooo.

CARMELA: Calmate Serge, calmati…

Sergio sviene e si chiude il sipario. Il sipario si riapre con il medico che sta visitando on Ciccillo ancora sul letto, Sergio sulla sedia si è ripreso e le tre sorelle sono intorno in ansia per il  riscontro del medico. La bara è sempre appoggiata al muro.

STRAMBELLI: Bene…

FILOMENA: È muorte, è muorte?

STRAMBELLI: Ma chi?

FILOMENA: On Ciccillo, on Ciccillo è muorte, è muorte?

STRAMBELLI: Ma che dite? Ma non lo vedete che è vivo, sta qua.

ASSUNTA: Vabbuò, ma sta murenne è? È vere ca sta murenne?

STRAMBELLI: Ma nossignore, Sergio queste signore stanno troppo agitate…

SERGIO: Loro, avita vedè ie comme sto.

CARMELA: Dottò, lasciateli stare… quello on Ciccillo mo era morto e mo e vivo un’altra volta, capisce… è un colpo all’improvviso.

ASSUNTA: Un fulmine a cielo sereno.

FILOMENA: Nu ciele ca serenamente ce carute comme a nu fulmine ngape.

CARMELA: Piuttosto dottò, ma che è successo a on Ciccillo.

STRAMBELLI: Bhe, come dire, vi siete spaventate per nulla. Trattasi di coma temporaneo e improvviso dovuto alla senilità del signor Ciccillo… vecchiaia insomma.

CARMELA: Dottor Strambelli, ma la cosa potrebbe anche ripetersi?

STRAMBELLI: Sicuramente, ed è per questo che vi consiglio, la prossima volta di consultare subito un medico e di aspettare prima di fare certi preparativi… (indica la bara)

SERGIO: Ha detto che può succedere ancora una cosa del genere?

STRAMBELLI: Certo, come ho gia detto la vecchiaia fa di questi scherzi.

FILOMENA: E nuie a prossima vote o mettimme direttamente chiuse dinte o taute.

STRAMBELLI: Ma come… che dite?

CICCILLO: Filomè ma che dici? Dottò quella scherza, anzi fate na cosa lasciate il vostro numero alle ragazze in mode ca se si ripete il coma, loro chiamano direttamente a vuie.

STRAMBELLI: Ma certo, a disposizione, ecco a voi (lascia il bigliettino che passando progressivamenta tra le mani di Sergio e delle sorelle viene gettato nella spazzatura da Assunta). Ma piuttosto, non ho capito come mai, tu Sergio, non ti sei accorto dell’errore.

SERGIO: Beh ie veramente…

CICCILLO: Ne Serge, ma tu nu staie studianne medicine?

SERGIO: Ma che centre… me so spaventate pur’ie vabbuò?

STRAMBELLI: Eh eh, povero Sergio, d’altronde se non li cominci a fare sti esami, quando diventi medico.

CARMELA: In che senso, scusate dottò, cominciare?

STRAMBELLI: Il nostro Sergio è iscritto a medicina da quattro anni, e ancora deve fare un esame,

CARMELA: Manche n’esame e fatte… (prendendolo per le orecchie)

ASSUNTA: Az e gia s’attiggiave a miedeche, stu sceme.

FILOMENA: Chiste nu raffreddore o pigliave pe na gravidanze, sciocco.

STRAMBELLI: Signore vi saluto, saluto anche voi on Ciccillo e mi raccomando stia forte, Sergio mi accompagni?

SERGIO: Si subito.

I due escono e le tre sorelle si guardano tra loro e guardano il vecchio, con aria anche minacciosa

CARMELA: Guarde là, guarde, sta frische e tuoste.

ASSUNTA: Ie nun o posse guardà.

FILOMENA: Ie nun mo fite proprie do vedè.

CICCILLO: Tutti quanti insieme un’altra volta…

LE TRE SORELLE INSIEME: Èèèèèèè

CICCILLO: Carmela mi porta a passeggio.

CARMELA: Èèèèèè

CICCILLO: Assunta mi compra il gionale.

ASSUNTA: Èèèèèè

CICCILLO: Filomena mi fa il bagnetto.

FILOMENA: Èèèèèè

CICCILLO: Come vi voglio bene e come mi volete bene. È vero che mi volete bene?

CARMELA: Aspè nun te movere, c’avimma fa?

ASSUNTA: E che vuo fa?

FILOMENA: Ie nun sacce che ce facesse.

CARMELA: Ducientecinquantamila eure, a testa. Filumè che dici?

ASSUNTA: Na villa a mare a palinuro, a testa. Filumè che dice?

FILOMENA: On Ciccille, on Ciccille addà murì, addà murì, on Ciccille adda murì… aaaaaaaaaa

E corrono sul letto addosso al vecchio che urla. Si chiude il sipario.

FINE

Per contatti e info: 3388598778

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 13 volte nell' arco di un'anno