Ora ca a mamma muriu, cu su teni u papà?

Stampa questo copione

Ora ca a mamma muriu, cu su teni u papà

Ora ca a mamma muriu, cu su teni u papà ?

(commedia brillante in tre atti)

(di Calogero Maurici e Rosanna Maurici)

Personaggi

Santo                            (il vedovo)

Matilde                (la figlia maggiore)

Caterina               (la figlia minore)

Luca                     (il figlio)

Biagio                  (il marito di Matilde)

Franco                 (il figlio)

Mario                            (il marito di Caterina)

Irene                    (la moglie di Luca)

D. Saridda           (la vicina di casa)

P. Angelo             (il sacerdote del paese) 

                                             

                                                 (elaborata da Pietro Maurici)

                                                          (TEL. Autore 090/638009)

Ora ca a mamma muriu, cu su teni u papà?

Commedia brillante in tre atti

     (di Calogero Maurici)

Il sig. Santo Crapanzano, rimasto vedovo da pochissimo tempo della sua amata e compianta Carmela, ha tre figli: Matilde, Caterina e Luca. Egli ancora autosufficiente nonostante l’avanzata età, potrebbe e vorrebbe continuare ad abitare da solo, ma i tre figli tutti sposati, riescono a convincerlo, cercando con una rinunione preliminare chi fra di essi sarebbe più disponibile ad accettare in casa il padre. Incredibilmente il vecchietto si ritrova ad assistere suo malgrado a questa riunione raccapricciante, intuendo che anche fra i suoi figli cominciano a prevalere interessi di ogni sorta.Mentre Luca in preda della moglie Irene, cerca di svincolarsi, facendo capire alle sorelle che sta provvedendo per i suoceri. Ma Santo non sententosi sufficientemente coccolato, escogita un raggiro per farsi rispettare e coccolare di più. Divertentissima commedia piena di ritmo, per’altro molto attuale. Il primo e secondo atto si svolge in casa della figlia maggiore Matilde, sposata con Biagio Colletti. Il terzo atto in casa della figlia Caterina, sposata con Mario Contello.

La scena rappresenta una porta d’ingresso ed una che porta alle stanze, un tavolo con tre sedie sulla destra, una poltrona sul fondo, un mobile con una radio sopra, quadri, un calendario…(per la sigla iniziale si consiglia: Il vecchietto dove lo metto di Domenico Modugno) 

A T T O  I°

(SCENA I°)

(Matilde, Franca, D. Saridda)

Fra.   ( o “Franco” vestito stravagante mentre mangia patatine o mastica una gomma americana, subito dopo apre la radio ascoltando una musica ritmata mettendosi a ballare, dopo circa trenta secondi entra la madre  vestita di nero, seccata spegne la radio e Franco si gira di scatto)

Mat.  Ma comu ragiuni, to nonna avi  ‘nna simana chi muriu e tu addumi a radio…(nel frattempo apre l’asse da stiro)

Fra.   Chi si esagerata, ricordati ca ‘u rispettu si porta no cori…Quantu mi ‘nni vaiu ‘nna me stanza…(va)

Mat.  Va fatti i compiti tu…(Franco va, mentre Mat. inizia a stirare) Mah! Quannu una è nicaredda, picchi è nicaredda, quannu semu granni picchi semu granni, i problemi dintra ‘nna casa non   mancano mai…(si commuove)  Me matri mischina quantu sacrifici chi fici pi nautri! (bussano, entra donna Saridda, vicina di casa molto pettegola, invadente alla ricerca di sapere tutto e di tutti)

D.Sar. E’ permissu!…Condoglianze!

Mat.  D. Saridda, quannu arrivastivu di Torinu!

D.Sar. Mezzura fà, ‘u tempu di pusari i valigi e mi telefonau me cummari

            Cuncetta pi dirimi a notizia di tò matri…Matilde, ristavu quasi un’ura

             senza paroli, modda…modda…

Mat.     Pazienza! Assittativi…(si siedono)

D.Sar.  Ma chi ci vulia a fari un colpu di telefonu, per ora fussi priparata

e sapia chiddu chi diri ‘nni sti occasioni…invece ora comu ora, sugnu        senza paroli, non mi veni mancu di parlari tremu tutta…

Mat.   Vui eravu ‘nni vostru figliu a vidiri ‘u niputeddu e cci telefonava pi diri

            ca muriu me matri?!

D.Sar.  (si commuove) A lassavu bona e mancu a potti vidiri muriri, ristavu cu

             ‘nna cosa ccà dintra. (si tocca la pancia) ma muriu cosi di bonu e bonu

             mentre era viva?

Mat.     Purtroppo tempu deci jorna si  ‘nniu!

D.Sar.  (smette subito di commuoversi) Unni si ‘nniu, ‘nni so figliu?

Mat.     Ma chi capistivu! Si ‘nniu, ‘u Signiruzzu sa pigghiau!

D. Sar.  Ah! Scusa, sugnu cunfunnuta, ancora mancu ci cridu ca è suttaterra,

              (allargando le mani) chi pazienza c’avia, chi modi, chi cori, (in quel

              momento entra Franco-a)

Fra.      Mamma…

D.Sar.  Ciao Francuzzu.

Fra.      Mamma aviamu statu un pocu in paci…(facendo smorfie a D.Sar.)

Mat.     Chiccè, hai fami?

Fra.      Un pocu l’avia, ora mi passau…pi oggi non vulia nesciri chiù, ma

             vidennu a signora “mille paroli” nesciu subitu asinò a testa mi diventa

             quantu un palluni.

D. Sar.   Sempre scherzusu, birbanti, si po diri ca ti criscivu, di quantu latti chi

               di detti!..

Fra.       Mamma ma comu sugnu ancora vivu…

Mat.      Picchi…( mentre chiude l’asse da stiro)

Fra.       Di quantu vilenu c’avi, menumali ca non mu misi ‘no latti!

Mat.     Basta e vidi a unni a iri. (Franca esce, facendo smorfie a D.Saridda)

             D. Saridda non ci facissi casu, u sapi com'è iddia, avi cunfidenza

             e  scherza…poi accamora è un pocu…cu sta morti  di me matri…sa

             sintiu troppu, i niputi  sunnu chiddi ca sa piglianu chiassai di tutti…

D.Sar.  Non ci pinsari…(si avvicina la sedia con invadenza) chiuttostu, to patri

             mischinu chi dici, chi dici… Sempre arzillu mu ricordu, ma…ma…per

             ora unnè, 'nni to soru o nni  tò frati?

Mat.    'Nni so frati è, me ziu su vozi teniri pi ‘nna para di jorna…ora videmu

             chi decidemu cu me soru Caterina…

D.Sar.  Cu tò soru? E picchi cu to frati non discutiti?

Mat.     (alzandosi) Chiddu cu dda mugghieri c’avi, a iddu fa decidiri! I nori

   sunnu nori e i figli sunnu figli, sempre accussi sarà ‘u munnu!

D.Sar.   Però io penso ca fussi giustu diriccillu, picchi poi trovanu a scusa e

              dicinu: a nautri non ‘nni dicistivu nenti…

Mat.     Veru è, appena mi  sento cu me soru ci dicu ca ci lu dicemu puru a me

             frati Luca e a ddà bedda di me cugnata, poi comu vonnu fari fannu. (si

             risiede)

D.Sar.  Matilde, mi permettia di diri sti cosi picchi di tanti anni ca semu

             vicineddi di casa, n’avemu sempre rispittatu…qualcunu pensa ca mi

             vogliu intromettiri e chi parlu assai, inveci oggi cu sta notizia di tò matri

             non  mi veni mancu di parlari…non la potti vidiri muriri…

Mat.     Non vi  preoccupati…(D.Sar. si alza ripetendo: mischina)

D.Sar.   Mancu haiu sistimatu i valigi ancora, me maritu sava fari ‘u bagnu e si

              non ci priparu tutti cosi mancu si lava, pari peggiu di un picciliddu…e

              iu mancu pozzu ristari chiassai ‘nni qualchi vicina di casa a discutiri…

Mat.      Chi voli ognuno avi i sò abiudini! (in quel momento entra Franco)

Fra.       D. Sari…si sapia chiù tardu vinia, ma non 'nnavi chiffari dintra?

D.Sar.   Si non sapissi ca scherzi, veru mali ci ristassi…

D.Sar.   Ora mi ‘nni vaiu Matilde, si hai di bisognu basta tuppiari…

Fra.      ‘U fattu è ca ccà dintra tuppiati sempre vui D.Sari…

D.Sar.   Bonu mi nnivaiu (stava per uscire, ritorna verso Franca e con una mano

              gli smuove il mento) Biddazza, quantu latti chi ti pigghiasti di mia.(esce)

Fra.      (seccata si tocca il mento) Mi da un fastidiu quannu mi fa accussi…

 

S C E N A  II°

(Matilde, Franco, Biagio)

Fra.    Tu sbagli a diricci ca scherzu! Vilenu ‘no latti non ci ‘nni misi, però cu

           sapi si cci mittia qualchi autra cosa, picchissu haiu sempre duluri di

 panza.

Mat.  Bonu ora, dimmi unni isti andura.

Fra.   No nonnu, mi detti milli liri, appena niscivu p’accattarimi ‘u gelatu m’accurgivu ca eranu deci mila liri.

Mat.  Deci mila liri? Per ora è stolito me patri, non ci fici casu!

Fra.   Talia, haiu novimilaliri di restu…(in quel momento entra Biagio)

Bia.   Dunaccilli a tò matri…(si siede)

Fra.   Mizzica papà, giustu giustu ora aviatu arrivari!

Bia.   Non sai ca iu arrivu sempre no mumentu giustu?

Mat.  Stancu si veru Biagiu, chi voi mangiari…

Bia.   Pripara chiddu chi voi…novità cinnè!

Mat.  Ancora no, ora ci dicu a me soru Caterina ca a ma discutiri, picchi ora avi ‘nna simana ca è cu so frati…(Mat. entra nella stanza per prendere qualcosa per apparecchiare)

Fra.   Papà forse sta cu nautri ‘u nonnu..

Bia.   (si alza di scatto ed entra Mat.) Cu nautri? E picchi cu to soru no, o cu to frati Luca…

Fra.   Papà si sta cu nautri a pensioni va pigliati vautri, i zii non ponnu pretendiri nenti…

Bia.   Zittuti tu, a pinsioni…cu nautri…i sacrifici tutti l’amaffari, ‘u patri è di tutti e tri.

Mat.  E non fari vuci, ora facemu a riunioni cu me soru, me frati e videmu.

Bia.   Io vogliu essere presente, picchi tò cugnatu Mario voli fari ‘u scaltru.

Fra.   Papà ammia mi pari ca ‘u nonnu è chiù furbu di tutti nautri.

Mat.  (che già aveva apparecchiato) Avanti, assittamuni ca to patri avi fami.

Fra.   Non mi ‘nni veni fami…

Mat.  Mangia…

Fra.   Non haiu fami…

Mat.  Mangia ti dissi…

Fra.   Mi sentu ‘nna cosa di traverso, forse fu ‘u gelatu…

Mat.  Ti dissi mangia..

Fra.   Non haiu fami…Papà falla finiri…

Bia.   (adirato) Oh! Finitila tutti e dui, picchi iu gia…

Fra.   Papa, mamma, va diri ‘nna cosa…a zia e ‘u ziu dicianu ca si non si trova un accordu…ci sarannu scerri pi du pizziceddu di terrenu!..

Mat.  Ah! Signiruzzu! Me soru non sapi chiddu chi dici, Biagiu ora facemu subitu sta riunioni…

Bia.   Ora ammia mi cadi ‘u figatu malatu!..

 

Fra.   ‘U ziu Mariu dicia ca soldi sarvati non cinnè, a cui c’interssa tenilu…Papà ma a pinsioni sempre a piglia, quindi si sta cu nautri…

Bia.   Basta ammia mi passau a fami…(si alza nervoso)

Mat.  Puru ammia!

Fra.   A quannu a quannu ammia m’avia vinutu a vauri vi si chiudiu…

Bia.   Matilde sparecchia e cerca di organizzare subitu sta riunioni, io mi riposu un pocu picchi vogliu essere beddu lucidu pi discutiri stu fattu.(entra nell’altra stanza)

 Fra.  Mischina pi ora a nonna dintra a bara si vota e si rivota!..

Mat.  Non putiau cuntari sti cosi dopu mangiatu, almenu aviamu a panza china!

         (si siede) Me matri avi ‘nna simana ca muriu e già ci sunnu discussioni e sparti di luntanu, figuramuni appena semu vicini (si alza deciso) Franco vai ‘nna zia Caterina e ‘no ziu Luca, dicci ca i vogliu ccà. (Franco và)

S C E N A  III°

(Matilde, Caterina, Biagio)

Mat.  Speriamo ca 'u Signiruzzu ‘nna manna bona, picchi si non si trova 'nn’accordu ospizio va finisci! (entra Caterina)

Cat.  (vedendola commossa) Matilde chiccè!

Mat.  (abbracciando la sorella) Caterina, ‘u papà circamu di fallu ristari cu nautri, non l’abbannunamu.

Cat.  E cu sta dicenuu ‘u cuntrariu! Ora truvamu ‘nna soluzioni, videmu chi dici Luca puru… ‘u patri di tutti e tri è, non picchi iddu è masculu…’u papà che bonu sulu pi dari…(gesto dei soldi)

Mat.  Si Luca, cu so mugghieri Irene, chidda cummatti cui soi, to cugnata non po cummattiri cu tri vecchi!

Cat.  A soru circamu di esseri beddi uniti, tu parla cu tò maritu, iu parlo cu me maritu, accussi non facemu ridiri a nuddu, per ora sunnu tutti pronti c’aspettanu ca nni sciarriamo…

Mat.  Menumali ca non ci sunnu proprietà forte asino…(in quel momento entra Biagio)

Bia.   Ah! chissu è u fattu, siccomu non lassau nenti, non sapemu cu su teni.

Cat.  Un pizziceddu di terrenu c’è…

Bia.   Quattru ficudinie e tutta  erba…

Mat.  C’è puru a casetta…

Bia.   ‘Nna pagliarola (o baracca) senza bagnu, ca pi falla a ma nesciri fora…

Mat.  Chiuttostu a soru, ora emu a pigliari nautri stessi o papà, strada facennu passamu ‘nni Luca, ‘nni to maritu e facemu sta riunioni ccà…

Bia.   I rinioni si fannu sempre ccà, sta casa mi pari a casa de sofferenti, a casa de ricoveri, a casa de conferenzi…

Mat.  (mentre si mette una giacca) Quantu predichi, ora vinemu. (esce con Cat.)

S C E N A  IV°

(Biagio, D. Saridda, Franco, Santo, Matilde,)

Bia.   (passeggia nervoso) Certu ca ora i pigliamu belli grossi, sicuramente si decide ca mi la teniri iu e a pensioni vonnu puru…putemu fari testa o     cruci! Certo ca me cugnata Caterina e so maritu Mariu sunnu scaltri, pi     non parlari di me cugnatu Luca e so mugghieri Irene...Luca 'u‘figliu do cori...Ma pinsannuci bonu, putissimu fari un misi l'unu...e cu cumencia?

         Sicuramente me mugghieri datu ca è a figlia chiù granni…S’avissi avutu a me patri ccà dintra, ci dicia ca postu non avia…(prende la foto del padre posta su un mobiluccio) Papà ma non putiatu moriri dopu..! Almeno tu eratu bravu, cu me soggiru cu ci cummatti di quantu è camurriusu!..

(bussano, entra D.Saridda col grembiule)

D.Sa. Oh! Biagiu, sulu si, comu mai!...

Bia.   Eru a pigliari a me soggiru.

D.Sa. (veloce senza far parlare Biagio) Matri, decidistivu gia…vu tiniti vautri?

         Si vidi c’aviti un cori d’oru…

Bia.   (seccato) D.Saridda…(viene subito interrotto e si gira dandole le spalle)

D.Sa. Iu c’hu dissi a tò mugghieri, livati occasioni, non faciti ridiri a nuddu,  

          picchi puru nautri ‘nvecchiamu!…

Bia.   (stessa scena girandosi verso lei ) D.Saridda…(ma non riesce a parlare e si rigira)

D.Sa. Tanti mi dumannanu, cu su teni stu vicchiareddu, mancu arrivavu di     

            Torinu e già cumencianu a curtigghiari…

Bia.   (si gira di scatto molto arrabbiato) D. Saridda mi faciti parlari…mi stati  facennu scoppiare a testa, ancora non sapemu nenti, viniti dumani si vuliti sapiri qualcosa…

D.Sa. Matri finu a dumani?! Ma chi ci dicu e vicini, chiddi addumannanu  ammia…(prima che finisce di parlare entra Franco)

Fra.   Ciao papà, D.Saridda sintivu diri ca dumannanu tutti cosi a lei, certu è megliu di un ufficiu informazioni…

D.Sa. Francuzzu si u nonnettu sta cu vautri a voglia di lecca lecca e gelato…

Fra.   D. Saridda quannu a finisci, ‘u lecca lecca, ‘u latti, ‘u gelatu ma chi ci pari ca sugnu ancora neonatu?

D.Sa. Pi mmia sempre na piccilidda si, quantu voti t’addummiscivu 'ncapu sti gammi…

Fra.   Papà ma mi criscistivu vuatri o idda…

D.Sa. Mi 'nni vaiu, ca haiu  ancora qualchi valigia di sistimari, però poi vegnu…

           Ma tutti linguti siti nni sta casa! (esce salutando)

Bia.   Chi focu di testa.

Fra.   Papà mangiamu qualcosa.

Bia.   Non haiu fami!

Fra.   Ogni vota ca iu haiu fami, vautri nenti... ccà dintra semu sballati…

Bia.   Sta arrivannu to nonnu, a zia Caterina cu so maritu, u ziu Luca cu sò mugghieri…

Fra.   Tuttu ‘u reggimentu!

Bia.   Ma tu chi dici ca si nu tinemu ccà o nonnu ci guadagnassimu?

Fra.   Papà a pinsioni nenti ti pari, o postu di darimilli tu i soldi mi duna  u nonnu...

Bia.   C’havia pinsatu, tu non diri nenti, fai parlari sulu a nautri…

Fra.   Stai attento però, ca sunnu tutti scaltri…( si sentono rumori, entrano Matilde e Santo sorretto dalla figlia, con un bastone e tiene un borsone in mano, somatizza per essere coccolato di più, in realtà è ancora arzillo)

Fra.  Nonno, chi sugnu cuntentu di viditi…(Biagio gesticola insofferente) 

Mat.  Avanti, assettati e stai tranquillo…(Santo indica col bastone che vuole sedersi in un altro posto) Papa ‘u stessu ccà è…(Ma Santo insiste e Franco

         gli mette la sedia dove gli indica) Assettati ora…(poi si accorge della poltrona anche se un po’ malandata:)

San.  Chidda voglio…( cominciano tutti a sbuffare, mentre Franco gli prende la poltrona e lo fa accomodare, subito esce un fazzoletto nel quale c'è scritto grande in nero: Carmela, e si mette a piangere gridando Carmela…)

Mat.  (lo confortano) Franca tu nesci ora, picchi asinò appena semu tutti ccà criamu confusioni…

Bia.   Già semu fusi non confusi!

San.  Tu avi ‘nna vita ca si fusu (risata ironica) Megghiu ca ridemu picchi si pensu a me mugghieri…(si commuove e ripete Carmela…)

Fra.   Mamma ma io non pozzu stari a sta riunioni? Non fazzu parti da famiglia!

San.  Megliu ca nesci, picchi si capita ca si sciarrianu e volanu cazzotti, i pigghi.

Mat.  Nuddu si sciarria papà…

Fra.   Beata me cuscina Luisa ca sta tri misi a Parigi e non vidi nenti…mi ‘nni vaiu un pocu o compiuter di Luisa (esce)

S C E N A  V°

(Biagio, Santo, Matilde, Caterina, Mario)

Mat.  Papà voi qualcosa!

San.  Nenti vogliu, vulisi sulu muriri…

Bia.   (si alza di scatto) Proprio ‘nni stu mumemtu no! Ora vennu l’autri dui figli e sunnu capaci di pinsari ca ‘u ficimu moriri nautri.

Mat.  Papà a decideri chi voi fari, cu cui voi stari.

San.  Ma iu magari sulu vulissi stari, ma vautri mi vuliti!..

Mat.  I figli picchi ci sunnu…

San.  Deciditi vautri, appena deciditi vi dugnu a me benedizione!

Bia.   Ci assolve di tutti i peccati…

San.  Biagiu tu chi pensi…

Bia.   Iu avi assai chi non pensu..

San.  Allura veru fusu si…(risata da vecchietto)

         (bussano, entrano Caterina con Mario…che ha un tic)

Mar. (inizia col tic) Salutamu…

Cat.  Comu ti senti papà!

San.  Ancora è presto pi dillu…(le due sorelle si siedono vicino al padre)

Mar. (si siede vicino a Biagio) Biagio chi si stancu?

Bia.   Tu inveci si arripusatu…si vidi ‘nna facci!

Cat.  Comu mai ancora me frati Luca non arriva.

Mar. (si alza) A chiddu a discussioni non c’interessa, ‘u sapiti tutti e faciti finta

di nenti, avi ragiuni me cugnatu Biagiu, picchi chiddi chi chiangemu semu sempre iu e me cugnatu Biagiu (gli  mette la mano sulla spalla)

Bia.   A ditta appoggiu falliu, poi tu pi chiangiri minestra si specializzatu.

Cat.  Papà, vidi ca semu ccà riuniti pi ttia ‘u capisti?

San.  E chi ti pari ca sugnu rimbambinutu..basta ca non vi sciarriati! (in quel momento entra Luca con la moglie Irene, elegante nell’abbigliamento e nell’atteggiamento, l’unica a non avere il lutto)

Luc.  Salute a tutti…ciao papà (lo bacia, poi Matilde e Caterina li fanno sedere al loro posto mentre loro rimangono all’impiedi)

San.  (con grande attenzione) Luchinu miu, mi pari chiù siccu, stai mangiannu pocu?

Ire.    Papà non si po’ fari comu un toru, non deve esagerare, picchi tuttu chiddu chi mangia ci fa profittu…profittu…

Bia.   Cuminciamu già…prima di cuminciari!

Mar. Hai ragiuni ‘u cugnatu (mano sulla spalla)

Bia.   (seccato gli e la toglie) Stasira mi duni ragiuni in tutti cosi tu…

San.  Basta ca non vi sciarriati, asinò staiu sulu…

Cat.  Ognuno esprimissi u so pareri, poi i mittemu tutti assieme…

Bia.   (subito) E facemu a frittata…

Mar. Hai ragiuni ‘u cugnatu…(stessa scena di prima)

Bia.   Mi stai alliscianu troppu ‘u pilu tu…

San.  Chi sugnu cuntentu… (al pubblico)

Mat.  Irene voi cuminciari tu a parlari?

Ire.    (di scatto) Chi bisognu c’è di cuminciari io, nautri vinnimu pa’ presenza, i chiù interessati siti vautri…veru Luca?…Parla puru tu…(Luca annuisce con imbarazzo)

Mat.  Cumenciu iu allura…ccà dintra a ma decidiri: ora ca a mamma muriu, cu su teni ‘u papa?

San.  Ma chissu già ‘u sapemu…

Mat.  Iu e me maritu non avemu nenti in contrario, prima picchi è me patri, però semu tri e i sacrifici l’amaffari tutti e tri…

Cat.  Giustu, i sacrifici tutti, mittemuni d’accordu e truvamu ‘nna soluzioni…

         Io penso ca tu Irene…

Ire.    (di scatto) No…no, u sapiti comu sugnu cuminata iu…Luca parla puru tu…(sta per parlare ma Irene lo blocca subito continuando a parlare veloce) iu haiu a me patri a e a me matri, sunnu sofferenti e ogni tanto ci vaiu a sistimalli, poi ancora semu sposini e si decidemu d’aviri qualchi figliu…Luca parla puru tu…(stessa scena di prima) poi comu facemu cu dui addevi, picchi i vicchiareddi diventanu comu l’addevi, io ci porto tanto rispetto a me soggiru ma…Luca parla puru tu…(Luca stavolta si assicura che può parlare, poi si alza)

Luc.  Io pensu ca vautri siti chiù liberi, ci sapiti fari megliu…tu chi dici papà!

San.  Io non m’ intrometto, basta ca non vi sciarriati…

Mar. Irene, ricordati ca è ‘u patri di to maritu…

Bia.   E tu ricordati ca è  u patri di tò mugghieri…quasi quasi u vulissivu accullari ammia…ccà dintra oggi a ma stabiliri tutti cosi, a ma mettiri i puntini ‘ncapu li I…oggi e dumani ca non campa chiù….(Santo scatta dalla poltrona facendo gli scongiuri) e ci sunnu spisi…

Luc.  Ma a sti cosi certo ca provvedemu tutti dato ca a pensione 'nna spartemu…

Bia.   (si alza) Chi spartemu e spartemu, avi 'nna vita ca mangi chiassai di tutti.

Mar.  Hai ragiuni  cugnatu…

San.  Chi sugnu cuntentu…mi staiu divertennu tuttu…

Ire.    (con tono acceso) Luca u sapia io, appena si parla di soldi sa piglianu subitu cu ttia…poi dicinu ca a tinta sugnu io…

Mat.  Pi favuri calmamuni…Caterina chi dici si facemu un pocu l’unu…

Cat.  Tu chi dici Mariu.

Mar. L’idea fussi bona, vistu ca semu in tri…(ogni tanto il solito tic)

Ire.    Diccillu Luca…parla…

Luc.  Mariu u sai ca haiu a casa chiù stritta di tutti, ‘u papà merita di stari beddu comudu…                  

Ire.    Si vu tiniti vautri, nautri vinemu spissu, semu sempre a disposizioni…

San.  Quannu c’è di pigliari!

Ire.    (alzandosi) Forse c’haiu mancato mai di rispetto?

San.  Mai…mai…(poi al pubblico) Pi ddà para di voti chi n’amu vistu!

Cat.  A soru lassamalu stari a Luca o megliu a (entrambe le sorelle) IRENE!…

         videmu comu putemu fari io e tu…

Bia.   Iu avi cu sapia!...

Mar. Hai ragiuni u cugnatu…(poi al suocero) vossia chi dici…

San.  Io non m’intrometto, basta ca non vi sciarriati e chi staiu bonu, comudu,

         servitu, reviritu, sereno e coccolato…

Ire.    Io sugnu sempre disponibile, quannu sa va fari a spisa, purtari i medicinali, pigliari a pensioni…

Bia.   No…a pensione a pigghiamu nautri, a posta è vicinu…

Mar. Luca ma to mugghieri avi 'nna facci tosta però!

Ire.    (seccata e con tono acceso) U vidi Luca, a tinta sugnu sempre iu…tu non ci cridi, i tò soru eranu d’accordu e mancu ammiraru ca nautri vinnimu…parla Luca!…

Luc.  Mario u sai chi ti dico, ca a facci tosta l’hai tu e tutti vautri, escluso me patri…

San.  Menumali…

Mat.  Calmati ‘u frati, non facemu ridiri  cristiani…papà tu stai cu mmia e cu me soru…io sugnu d’accordu, Caterina puru, Mario puru, tu puru, quindi chissa è a decisioni…

Bia.   Io non ci sugnu veru!…

Mat.  E quannu mai hai cuntatu tu! E non fari u spiritusu…

Cat.  Comu facemu tri misi l’unu…

Mat.  Megliu un misi, tu chi dici Biagiu.

Bia.   Finalmente m’interppelasti…facemu un misi…

San.  (al pubblico) Certu asinò tri misi ci ghettanu pisanti…

Luc.  Menumali, sugnu cuntentu ca ni misimu d’accordu…

Bia.   U sacciu io, a stu prezzu! 

Ire.    Luca amuninni, ca c’ha ma dari ‘nna facciata a me patri e a me matri…

Luc.  (si alzano) Papà ti salutu e ricordati ca chiddu chi cunta è  ’u cori.

San.  E puru u figatu…

Ire.    Vossabenedica e circassi di stari tranquillu ca semu tutti vicinu a vossia.

         (escono baciandolo)

S C E N A  VI°

(Biagio, Mario, Caterina, Santo, Matilde)

Cat.  A vidisti a soru, tempu ‘nna simana si livau ‘u luttu!

Bia.   E si lavaru i mani…

Mar. Hai ragiuni ‘u cugnatu…

Bia.   E finiscila di darimi sempre ragiuni…

Mar. Hai tortu u cugnatu…

Mat.  Finitila di babbiari e decidemu cu cumencia, decidi tu papà?…

San.  Io non decidu nenti, decidistivu tuttu vautri, deciditi puru chissu e a saziza è fatta…

Bia.   Facemu testa o cruci…

San.  (al pubblico) Divintavu un sorteggio…speriamo ca non nesci cruci asinò veru in cruci mi mettunu…

Mar. ‘Nni misimu d’accordu pi tenilu e 'nna ma scuraggiari a decideri cu a va cuminciari? Biagiu lassamu decidiri a tutti dui soru…

Cat.  Magari mentre lavamu o papà decidemu, amuninni dai…

Bia.   Cuminciati a lavaricci i spaddi…

San.  (mentre si avviano) Non fari ‘u spiritusu, vogliu vidiri appena arrivi a me età…si ch’arrivi!..(Biagio fa gli scongiuri)

Mar. Avi ragiuni…

San.  Tu sulu ragiuni sai dari. (entrano nel’altra stanza) 

Mar.  (si alza, si accosta vicino alla porta, poi ritorna da Biagio) Ma chi ci lavanu veru i spaddi?

Bia.   Ma chi sacciu iu…(Mario si siede a destra del cognato, entrambi imbarazzati fanno gli stessi gesti, si accavallano la gamba destra, pochi secondi e poi la scendono, poi si strofinano gli occhi, poi accavallano la gamba sinistra pochi secondi e la scendono…chi vuole anche a soggetto)

Mar. (rompe il ghiaccio) Ma diri nenti?

Bia.   Iu nenti haiu di diri…

Mar.  (si alza) Si ma diri qalcosa e ti la teni ancora sbagli…hai torto!

Bia.   Avi ‘nna jurnata ca mi duni raguni e ora haiu tortu…

Mar. ‘U sacciu ca pensi ca ora nautri nu tinemu e Luca fa ‘u scaltru…

Bia.   (si alza) Hai ragiuni ‘u cugnatu…

Mar.           ‘U sapia ca pinsavatu a chissu e io ti dugnu ragiuni.

Bia.   Chissu ‘u sacciu…(al pubblico) Ragiuni è a megliu cosa chi sapi diri…

Mar. A ma fari in modu ca Luca e so mugghieri non fannu i scaltri…

Bia.   A ma stari attenti o vicchiareddu, picchi chiddu ammucciuni duna duna…

         appena piglia a pensione si metti i soldi di latu pi Luca..e dici sempre: addevu è in difficoltà e voli aiuto…io avi ‘nna vita ca sugnu in difficoltà!

Mar.  Io non permetto, anchi cu me mugghieri mi sciarriu…

Bia.   Puru io…(si stringono la mano) 

Mar.  Maritu e mugghieri hannu mangiatu troppu assai, a casa e c’ha ficiru, a

           machina c’haccattaru, soldi ogni vota chi piglia a pensioni a volontà…

 Biagiu iu nenti haiu avutu…

Bia.   Tu nenti, iu cchiù picca di nenti e sparti ora nu stamu tinennu.

Mar.  Ormai semu d’accordu, abbiamo fatto un patto e rispittamulu

(si stringono di nuovo la mano) Non facemu capiri nenti e fimmini…

Bia.   Prima o poi  n’aviamu a fari sta discussioni…(in quel momento entrano le moglie con il padre, già cambiato con giacca da camera e cappello da notte)

Mat.  Eccoci qua, taliati che beddu profumato, pari un giovanotto…(Santo si avvicina ai due generi e di scatto fa odorare le ascelle, i due tossiscono e Santo ride e si va a sedere)

Mat.  Allura papà stu misi stai cu me soru o prossimu cummia.

Bia.   ‘U sapia c’aviamu a cuminciari nautri…

San.  Biagio scherza, ‘u sacciu ca mi voli beni, è troppu bravu…

Bia.   Talia che ruffiano…

Mat.  Vautri di chi parlastivu ‘nni stu frattempo.

Mar.  Matilde, tu u sai ca io e to maritu parlamu piccaredda!

Bia.   Secunnu tia, mi mittia a parlari cu iddu?

Cat.  Non scambiastivu mancu nna parola?

Bia.   Dissimu sulu ca tuttu sommatu a stu mischinu qualcunu s’avia a teniri.

Mar.  Megliu cosi, abbiamo deciso senza scerrie…un pocu Luca…

San.  ‘U sapiti com’è iddu è un pocu accussi, ma è troppu affezionato.

Cat.  Me frati ogni tanto fa arrabbiare, pero avi un cori granni, si unu ci duna

         (fa il gesto) tantu, poi iddu…

Bia.   Mar.  (interrompendo) Poi voli tanto…(gesto più grosso e con più enfasi)

Mat.  Chi siti beddi…Caterina chi facemu ‘nni mangiamu qualcosa?

San.  Spicciativi c’ haiu fami…spicciativi..spicciativi!

Bia.   Cuminciamu già!

Cat.  Natravota a soru, ancora haiu un saccu di cosi di fari…

San.  Stasira a televisioni fannu ‘u pugilatu, mu vidu di sicuru…

Bia.   Già si prenotau, stasira veramente c’è a partita…

San.  Ammia non mi piaci a partita, ‘u pugilatu mi piaci…

Bia.   (al pubblico) Mancu un jornu avi e gia voli cumannari.

Cat.  Biagiu pi stasira faccilla vidiri.

Mar.  (si alza adirato) Tu fatti i fatti toi, per ora è dintra di iddi…

Mat.  E finitila, stasira poi si vidi…

Cat.  Si fici tardu, ciao papà poi ‘nni videmu…

San.  Quannu fra un misi?

Mar.  Ma chi dici, chi stamu un misi senza vidilu!

Bia.   (prima che escono, guarda il calendario) Mario, senti, oggi n’avemu trentunu, non è chi nautri facemu un jornu superchiu…ricurdativi ca ‘u misi inizia do trentunu! (escono)

San.  (risentito si alza adirato) Mi nnivaiu ca è megliu…(lo calmano)

Mat.  Sedi papà, iddu scherza…Biagiu diccillu…

San.  U sacciu ca scherza, però pari ca stavota dicia veru…Io vogliu stari serenu, reveritu, servitu e coccolato.                    (Fine primo atto)

A T T O  II°

S C E N A  VII°

(Santo, Franco, Biagio, Matilde)

San.  (sta facendo un solitario) Sti carti napulitani non i canusciu boni, ora mi fazzu accattari chiddi siciliani, io sicilianu sugnu…(ogni tanto si aggiusta la sedia sulla quale è seduto) Sta seggia è scomuda, ora mi fazzu accattari ‘nna poltrona bona, io vicchiareddu sugnu e a stari comudu…comunque megliu ca finisciu di giucari cu sti carti, picchi non i canusciu…(si alza bello arzillo e ride) quannu ci sunnu iddi…moscio..moscio (si abbassa) quannu non ci sunnu iddi tisu..tisu (su) Ora mi sentu un pocu di musica…(va ad accendere la radio, sta per sedersi quando sente la canzone ”Il vecchietto dove lo metto” Santo rimane basito e poi fa scena) Quandu cambiu canale     (va, cambia canale sta per andare a sedersi, quando la canzone che sente è:“Vecchio, di Renato Zero”stessa scena, poi adirato va a spegnere e si va a sedere) Sti scherzi mi farà me niputi…

              (entrano Matilde e Biagio)

Mat.  Ciao papà, comu ti senti stamatina, teni a pensione e vidi chiddu cheffari.

Mat.  (prende la moglie sottobraccio) Secunnu tia ci sunnu tanti cosi di fari? ‘Nna cosa sula ci fussi di fari cu sta pensione! (Santo contava i soldi, poi si alza e si mette al centro dei due)

San.  Chissi…(fa scena come se stesse per darglieli) mi mettu ccà (tasca davanti)

         Chissi…(Mat. e Biag. si erano allontanati e subito si riavvicinano) mi mettu ccà…( l’altra tasca) E chissi invece…(stavolta ci stanno credendo…)

         Mi mettu ccà…(tasca di dietro…si va a sedere nella poltrona mentre i due rimangono immobili guardandosi)

Mat.  Papà si fici vidiri qualcunu nel frattempo.

San.  Haiu l’impressione ca entro oggi qualcunu veni!

Mat.  Papà voi mangiari…

San.  Non haiu fami, mangiati vauri ca io mi riposu un pocu ddà dintra.

         (Matilde lo accompagna ed in quel momento entra Franco)

Fra.   Mischinu fa pena!

Bia.   Ma si sta megliu ccà dinta ca in un albergo di lusso…cusapi si quannu sugnu vecchiu iu l’haiu tutti sti fortuni!

Mat.  (entra) A me patri non u capisciu, piglia a pensione a sa sarva tutta, pari ca unnu sapi c’avemu un saccu di spisati.

Fra.   Forse non ci fici caso.

Bia.   Chiddu tutti cosi calcolati avi…

Mat.  Apperecchiamo va…

Bia.   Videmu si putemu mangiari…(squilla il telefono)

Mat.  (lo prende, mentre Biagio aiuta ad aparecchiare) Ciao Luca, bonu è, non c’e bisogno ca veni…proprio oggi…va beni veni…

Bia.   ‘U sapia ca qualcunu entro oggi vinia…e sapi puru ‘u jornu precisu da pensioni, ma avi qualchi amicu a posta?

Fra.   Papà tutta a nautri a duna, nautri nu stamu tinennu…

Bia.   Per ora l’avi tutta sarvata e bona sparti…

Mat.  Ora assittauni e magiamu…

Fra.   (tutti seduti) Che bello quannu (con gioia) semu tutti a tavola e putemu mangiari tranquillamente! (in quel momento dall’altra stanza si sente Santo che inizia ad espettorare per circa dieci secondi, mentra gli altri fanno scena)

Bia.   (posa le posate bruscamente) Non è vita chi si po fari, mi veni di rovesciari, ogni vota ca semu a tavola, iddu di ddà dintra cumencia a…a…mancu dillu pozzu…

Fra.   A scracchiari…a scracchiari papà…(Mat. e Biag.accennano al vomito)

Mat.  Sparecchiamo, quannu voli Diu mangiamu….

Fra.   Io penso ca prima do nonnu muremu nautri, non mangiamu mai, ‘nni stu modu a dui famigghi si porta a tomba, sulu ‘u ziu Luca si salva… 

Bia.   Iu arrivu 'ncampagna, mi vaiu rasserenu ca a testa mi sta scoppiando.

Fra.   Papà vegnu cuttia, mi sta scoppiannu a panza senza mangiari…(escono)

 

S C E N A  VIII°

(Matilde, Santo, D.Saridda, Luca)

Mat.  (seduta con tanta stanchezza) Non sacciu chiù comu a fari…(Entra Santo)

San.  Vautri non mi vuliti, non mi vuliti…megghiu ca staiu sulu…Ma chi ti pari ca sugnu stolitu!?

Mat.  Papà a capiri  ca haiu ’nna famiglia ‘ncapu i spaddi, tu ti lamenti ca televisioni unni dormi non cinnè, u matarazzu affunna, a seggia sfasciata...

San.  Ti scurdasti i carti, m’accattari chiddi siciliani. (ride)        

Mat.  Hai puru ‘u babbiu…

San.  Ora di ddà dintra non nesciu chiù, picchi non siti cosa di rispittari un anzianu…(va nella stanza)

Mat.  Avi ragiuni me figliu Franco, iddu campa cent’anni e nautri muremu subitu…(bussano, entra Luca)

Luc.  Ciao a soru…(entra Santo gioioso)

San.  Beddu meu…subitu capivu ca era a to vuci (si baciano)

Luc.  Bonu ti vidu papà… Biagio e Franco comu ma non ci sunnu…

San.  (ride) Oggi ficiru sciopero da fami…

Luc.  Avi c’avia veniri, dai oggi, dai dumani…

San.  Giustu, giustu… vinisti oggi!         

Luc.  Matilde chi hai, papà ma chi fai ‘u monellu? Ccà dintra non ti manca nenti.

San.  Si, nenti!

Luc.  Non fari ‘u stizzusu…

San.  Mai mi la dittu stizzusu, sta parola non ma scordu!

Mat.  Veru stizzusu sta divintannu…

San.  Chiuttostu stu niputeddu arriva a non arriva…

Luc.  Papà ci stamu pruvannu.

San.  Prova, però non ti stancare assai asinò ti deperisci. (Mat. si sente chiamare da D.Saridda) ‘U telegiornale ti chiama…

Mat.  Quantu vidu chi voli (esce)

Luc.  Non vidu l’ura ca pigliu u stipendio papa, i soldi mi fineru già…

San.  Dicci a tò mugghieri ca i teni cchiù stritti…(esce dei soldi) Teniccà…

Luc.  Ma chi pigliasti a pensioni? Non mu ricurdava!..

San.  Teniccà prima c’arriva to soru o to cugnatu, ti vulia dari chiassai ma ti dugnu chiù picca pi ddà parola: stizzusu! (Luca si mette i soldi in tasca)

Luc.  Perciò papà, comu ta passi…

San.  Avissi bisogno di tanti cosi, ‘nna poltrona, ‘nna televisioni…

Luc.  Si fussitu ‘nni mia ti facissi iu…

San.  (al pubblico) Cu i soldi mei! (entrano Matilde e d. Saridda)

D.Sar.  Santo, hai un deboli pi Matilde , accussi dicinu i cristiani.  

 

Mat.  D.Sari, menumali ca me patri non avi soldi sarvati e si pi casu l’avia nautri non ‘nni sciarriavamu comu fannu in certe famiglie…

D.Sa. Veru è, vautri siti ‘nna famiglia unita…chi figli d’oru c’hai Santo…

San.  A iri o bagnu, chiù tardu veni P. Angelo a visitarimi, e mi cunfessu.

Mat.  Avi assai chi non si fa vidiri.

San.  Ora c’hu ricorda Luca…

D.Sa. Santo ma chi hai piccati grossi pi cunfissariti?

San.  Tutti chiddi chi fici in gioventù, i vulissi eliminari ora! Scusati ma mi scappa… (fa scena) quantu vaiu…

Luc.  Aspetta ca ti saluto papà…

San.  (fa cenno che non può resistere) e spicciati! (và)

(poi Luca saluta gli altri ed esce)

D.Sa. (la solita invadente) Matilde ma to patri a pigghiau a pensioni? Cu sapi si

            piglia chiassai di me patri…ma va spartiti tutti e tri? Cunta comu faciti…

          (Santo per liberarsene chiama la figlia dalla stanza)

Mat.  Quantu videmu chi voli!

D.Sa. Voli esseri stuiatu puru!?

Mat.  No, tutti cosi sulu si fa.

D.Sa. Spicciati ca t’aspettu ccà…

 

Mat.  No, perdu tempu, poi veni ‘u parrinu…

D.Sa. Va beni, vegnu dopu (Mat. va, e D.Sar. prima di uscire) ma pi cunfissarisi chi peccati pò aviri…Mah! me patri mai si cunfessa (esce)

S C E N A  IX°

(Santo, Matilde, P.Angelo, Franco)

San.  (mentre entrano) Ma comu a supporta so maritu! (e si siede)

Mat.  Prima o poi puru so figliu si stuferà a Torinu…(Santo si alza adirato)

San.  Cu sti battuti chi voi fari capiri…(si agita) Ora mi ‘nni vaiu accussi stati tranquilli…

Mat.  Sempre accussi dici tu…

San.  Stavota u fazzu veru, mi pigliu i robi…(Mat. lo trattiene e lo invita alla calma) chi fazzu restu o mi ‘nni vaiu?

Mat.  Assettati pi favuri…

San.  Allura resto…(si siede)

Mat.  Voi un pocu d’acqua e zucchero?

San.  (si agita)Non vogliu nenti, calmu sugnu…calmu…(bussano, entra P.Ang.)

P.Ang.  Il vecchietto che dice…Io dovevo venire ieri, poi ho avuto una riunione

              del consiglio pastorale, si fici tardu e vinni oggi.

San.      (al pubblico) Menumali ca non è parente…oggi è jornu di pensioni!

Mat.      P.Angelo, chi ci offru, un bicchirinu, un cafè…

San.       No…no, cosi eccitanti ca quannu mi cunfessu non mi senti bonu poi…

P.Ang.   Circati di farivi vidiri a missa!

Mat.      Avi ragiuni, ma amu avutu troppi ‘mpicci…

San.      (sottovoce) Parrì, non sapianu cu m’avia a teniri, prima ca si misiru   d’accordu! (Mat. però sente tutto si avvicina al padre e stringendolo nervosamente per le spalle:)

Mat.     P.Angelo me patri avi vogghia di scherzari!…

P.Ang.  Santu vidi ca iu canusciu a tutti ‘nni stu paisi, e sacciu tuttu di tutti.

San.      Mi cuntassi ‘nna pocu di cosi ammia!…

P.Ang.   Il segreto della confessione è inviolabile!…

San.      Quannu cumencia  a parlari difficili mi fa veniri i nervi (agitandosi)

Mat.     Ci spiegassi chi significa asinò poi…(va per il caffe)

P.Ang.  INVIOLABILE …si tu ti cunfessi non pozzu diri a nuddu nenti.

San.     A nuddu a nuddu!

P.Ang.  A nuddu a nuddu!

San.      Mancu si ci puntano ‘nna pistola o pettu?…ma ogni parrinu fa accussi o 

              ci sunnu parrini e parrini?                                               

P.Ang.   Basta ora Santo…

San.       (ride) Capivu ca è omu di panza…anzi parrinu di panza…(gli solletica

               la pancia e ride subito dopo entra Mat. col caffè)

Mat.      No ci facissi casu a chiddu chi dici ( mentre P.Ang. porta la tazzina per

    bere, Santo con la mano lo blocca dicendo:)

San.     A ma essiri suli…

P.Ang.   Certo…(sta per prendersi il caffè e viene bloccato nuovamente)

San.      Ma di unni a ma cuminciari…

P.Ang.   Cumencia di unni voi…(sta per bere e stavolta lo blocca Matilde.)

Mat.      (gli tocca il braccio con la mano e P.Ang. comincia a seccarsi) Io vaiu

              ‘nni D.Saridda, P.Angelo ccà dintra non ci manca nenti…

San.       (Mentre P.Ang. sta per bere, viene bloccato ogni qualvolta nomina

              

               quello che gli manca)  Si nenti… ‘nna poltrona, ‘a televisioni, i carti,

              a poltrona…(P. Angelo arrabbiato si alza)

P.Ang.    Ma mu fai piggliari stu cafè  ca si fici friddu…(beve in fretta)

Mat.       Permette  P.Angelo (esce)

San.       Finalmente soli…

Mat.       (entra) P.Angelo u vidu poi…

P.Ang.    E chissacciu…

Mat.       Allura u salutu ora…(poi esce)

San.       Ma liberari di chiddu c’haiu ccà dintra…nesci da me panza e trasi ‘nna

               so panza…(gli tocca la pancia e ride)

Mat.       (entra) Mi scusa P.Angelo…papà i linticchi i voi passati…

San.       Passali, stricali, basta ca non trasi chiù…(Mat. esce)       

P.Ang.   Quantu ti pensa to figlia…

Mat.      (entra) Scusassi…

San.     (nervosissimo,si alza ) Sta cunfissioni a va cuminciari e idda trasi e nesci,

             nesci e trasi…

Mat.    Papà ti vulia diri, pi secunnu chi voi ‘nna fettina di carni?

San.     Non vogliu nenti, mi fazzu un paninu cu salami e mi curcu…

P.Ang. Calmati Santu, anzi to figlia si preoccupa. (Mat. esce, un pò di silenzio

mentre Santo rimane immobile, P.Angelo lo guarda gli fa gesti con la mano e dopo qualche attimo) Santu chi fai dormi, non parli chiù?

San.     Aspittamu…videmu si trasi nautra vota…(si alza arzillo posando anche il

             bastone e si va ad accertare, P.Angelo lo guarda stupito)

P.Ang.  Santo ma ti vidu beddu tisu…

San.     Quannu ci sunnu iddi (fa scena) musciu…musciu…quanu non ci sunnu,

tisu..tisu…musciu…tisu…(ride e si siede) io non staiu bonu, ci dugnu  fastidiu, si sciarrianu pi sta misera pinsioni, haiu un matarazzu c’affunna…mancu i carti siciliani…

P.Ang.  Ma tu a capiri ca non ti ponnu accattari tuttu chiddu chi voi…

San.     Pi carità…cu i me soldi l’avissiru a fari, a sta età m’avissiru a coccolare

             un neonatu inveci sugnu di pisu…

P.Ang.  (si alza) Si ti trattanu mali, parlu cu i to figli…

San.      (si alza) No, no…mi metti nei guai!

P.Ang.  Parlu cu i to jenniri!

San.     Peggiu di peggiu, poi si sciarrianu cu i mugghieri…paru ‘nna bannera,

             un misi ‘nni sta casa…un misi di nautra, e menumali 'n'ahiu tri figli!

P.Ang.  Se ci sono interessi io non lo permetto, loro hanno il dovere di tenerti,

             aiutarti, amarti, in quanto padre…

 

San.      Cosi mi va piacennu…

P.Ang.  Ti dico di pregare, affinchè il Signore illumini la nostra mente, la mente

              dei tuoi, e vedrai che tutto si sistemerà.

San.      Prigannu prigannu di ccà ca ‘u Signiruzzu m’accuntenta iu moru! Ora     a situazioni a risolvo io, haiu un piano ‘nna menti…

P.Ang.  Un piano! Sintemu…

San.      Semu sempre sutta confessioni veru? E la confessione è inv…inv…

P.Ang.  Inviolabile!…

San.      Ora ci dicu a me figlia c’haiu trenta miliuna sarvati…ci fazzu capiri ca  io e me mugghieri accucchiavamu, e chi stu segreto s’avia sapiri a morte mea o di me mugghieri…

P.Ang.  Guarda caso, muriu tò mugghieri prima!

San.      Ci dicu MATILDE: a cu mi rispetta chiassai a la mia morte ci tocca chiassai…livannu i spisi do tabutu, pa’ missa, i jhuri….e a stessa cosa ci dicu a Caterina…(P.Angelo s’innervosisce)

P.Ang.  Santu io non mi sento di sentiri sti raggiri, ora parlo chi to figli e sistimamu tuttu…(Santo si alza e si mette dietro di lui)

San.      Ah! no…P.Angelo, non po’ parlari cu nuddu, semu sutta confessioni, la mano di Dio si poserebbe su questa spalla…(gli tocca la spalla sinistra)

P.Ang.  (di scatto gli toglie la mano) Ma quale su questa spalla…

San.      (velocissimo sulla spalla destra) Allura su questa…

P.Ang.  ( si alza e più nervoso di prima gli toglie la mano) Santu basta ora…

             Cerca di non farlo e speriamo ca ‘u Signuri t’illumina!..

San.      Puru io u speru, ‘nna me stanza sugnu o scuru!…

P.Ang.  Ora mi nnivaiu, s’hai bisognu chiamami e pensaci bonu…(mentre esce)

San.      Lei è un parrinu d’oru (appena esce) ca facci di brunzu…(entra Franco      si avvicina al nonno apre la mano) Nonno decimila e non dicu nenti a nuddu, sintivu tuttu e io non sugnu parrinu… (Santo glie li dà)

San.      Chissu di crasticeddu passau a beccu!  (Franco esce)

S C E N A  X°

(Santo, Caterina, Matilde, Biagio)

San.  Mi fici sudari però c’ha fici…c’ha cuminari a tutti e tri…veramente a

           Luchinu u lassassi stari…ma no, c’hu dicu puru a iddu…(bussano)

Mat.  (da fuori) Papà pozzu trasiri…(era bello teso)

San.  Calati Santo…(si piega ed entra Matilde)

Mat.  Ti voi ripusari papà…

San.  Chiù tardu, prima ta diri ‘nna cosa importanti…pigliati a seggia e t’assetti

          vicinu…avi ca l’haiu dintra  a panza, ora vinni ‘u mumentu…

Mat.  (indifferente, si mette in un angolo del palco alla destra del padre) papà a priparari, ca a mumenti veni Biagiu e poi si siddia…

San.  Poi appena sapi stu fattu si calma…Cara Matilde, tu si a figlia chiù  granni, chiù sensibili, chiù costanti…

Mat.  (seccata) Spicciati…

San.  E non mi fari primura, un po’ di filosofica ci voli…io e tò matri ficimu sacrifici, accucchiavamu…accucchiavamu e misimu di parti…

Mat.  (subito prende la sedia e gli si mette vicino ) Soldi?!….

San.  E chi pidocchi? Soldi…(Mat. si sistema meglio la sedia e lo coccola)

San.  To matri, dissi a la nostra morte, anchi si figli sunnu uguali, a cu rispetta chiassai, ci tocca chiassai…

Mat.  Giustu papà…tu ‘u vidi, tutta pi ttia sugnu, anzi c’havia dittu a Biagiu d’accattariti i carti siciliani…

San.  A poltrona, ‘u matarazzu, a televisioni…

Mat.  Certo, a picca a picca…

San.  Cara figlia, accucchiamu trenta miliuna…

Mat.  (emozionata) Matri…trenta miliuna…Mi vinni a pelle d’oca…

San.  Puru ammia m’arrizzau ‘u pilu!

Mat.  Papà ti vaiu accattu un pocu di filettu? Avi assai ca non ‘nni mangi.

San.  No lassa stari…Vidi ca to soru e to frati non sannu nenti, e non haiu intenzioni di diriccillu, tu dissi attia picchi si a figlia chiù granni…

Mat.  Si chissa è a tò volontà! Va beni…

San.  Dillu sulu a Biaginu…Ora mi vaiu a riposu…

Mat.  Ti voi curcari ‘nna stanza di lettu? ?U materazzu è ortopedicu…

San.  Ormai dumani sugnu ‘nni to soru, mu fai truvari o prossimu misi.

         (mentre Mat.sistema le sedie, Santo fa un gesto al pubblico come a voler dire:”a prima a sistimavu” poi entrano nella stanza e subito Matilde esce euforica, prende la foto dlla mamma)

Mat.  Santissma donna, ma comu facisti accucchiari sti soldi (camminando da una parte all’altra) appena ‘u sapi Biagiu…e me soru e me frati chi ponnu pinsari appena u vennu a sapiri ca vulia fari a furba? (entra Biagio ma Matilde non se ne accorge) Intanto ancora non sapi nenti nuddu…vidi chi situazioni! (Biagio vedendola che cammina da una parte all’altra, la guarda stupito)

Bia.   Ma chi si esaurita…menumali ca è l’ultimu jornu…(Mat. gli fa cenno di no gridare) Si, piano..mi mittissi a ghittari vuci…(gridando, ma Matilde lo tira dalla giacca e lo invita alla calma)

Mat.  Sedi ca a ma parlari. (in quel momemto Santo inzia ad espettorare)

Bia.   Cuminciamu gia…aspetta ca vegnu iu pi cuminciari a scra…a scra… mancu dillu sacciu (proprio in quel momento entra Franco)

Fra.   A scracchiari papà…(Bia.accenna al vomito) non putemu mangiari mancu oggi?

Mat.  (euforica) Biagio sedi ca a ma parlari…

Bia.   Parla…

Mat.  Franco vai a fari cumpagnia o nonnu.

Fra.   Accussi mi dinchi tuttu di scracchi! (Santo chiama il nipote)

Mat.  Vai, po’ esseri ca ti duna soldi (Franco và)

Bia.   Semu cuminati beddi ccà dintra…(Mat. và vicino la porta che accede alle stanze per assicurarsi che nessuno senta, e Biagio si siede)

Mat.  Biagio assettati ca  a ma parlari…(mentre guarda verso la porta) Ti dissi assettati…(Biagio stupito)

Bia.   Ma chiffà non vidi, avi mezzura ca sugnu assittatu…

Mat.  (accanto al marito) Biagio…se…mu…ri…ricchi!

Bia.   E nuddu ‘u sapi…

Mat.  Semu ricchi…

Bia.   E nuddu ‘u sapi…

Mat.  Veru nuddu ‘u sapi…

Bia.   Certu a fami davanti e ‘u ventu appressu!…

Mat.  Me patri avi tre…tre…

Bia.   A tremarella, puru chissa ci vulia!

Mat.  Avi trenta miliuna sarvati…

Bia.   Chi vinciu o lottu? E tu ammucchi, non ci cridu…

Mat.  Biagiu semu ricchi…

Bia.   Non lu diri chiù asinò ‘u sannu tutti…io non ci cridu…E’ furbacchiuni!

         (esce Franco con centomilalire)

Fra.   ‘U nonnu nisciu pazzu, mi detti centomilaliri senza feste, senza chi fici ‘u compleannu…ora ca to matri sapi a verità mi dissi: teniccà! Ma di quali verità parla…

Fra.   Ma picchi attia ducentu!...

Mat.  Ci cridi ora Biagiu?

Fra.   (comincia a saltellare) Sugnu a niputi do cori, che bellu, che bellu (esce)

Bia.   E’ difficili cridicci, ma quannu mai c’ha datu centumilaliri!..

Mat.  Vidi ca unnu sapi nuddu…(Santo comincia a scracchiari) Papà ti senti mali!…

San.  (dalla stanza) E’ sta bronchiti!

Bia.   Non si preoccupassi, quannu ci veni non si trattinissi asinò poi si senti chiù mali…

Mat.  Vacci ddà dintra, cu tratta megliu, ci lassa chiassai…

Bia.   Chi mi tocca fari (và dal suocero)

Mat.  Ora c’haccattamu ‘u materazzu ortopedicu, a televisioni…mischinu a va stari comudu…(entra Biagio toccandosi col pollice e l’indice il naso)

         Chi ti dissi…chi ti dissi..

Bia.   Ca bucca nenti… ma appena trasivu ghittau quattru pirita ca ‘u fetu si mori…ma aspetta sempre ammia…Cheffari, nesciu e accattu ‘u materazzu, i carti siciliani…

Mat.  Chi si  esageratu pi quattru pirita! (entra Santo)

San.  Biagiu, haiu i soldi da pensioni, ora vi dugnu e m’accattati ‘nna televisioni.

Mat.  (premurosa) Non ti preoccupari papà, Biagiu mu dissi ieri sira, ci pinsamu nautri veru Biagiu!?…(colto di sorpresa)

Bia.   Si, proprio assira parlavamu…

San.  Chi sugnu cuntentu!

Mat.  Puru io sugnu cuntenta e puru Biagiu!

Bia.   Si, si…sugnu cuntentu…

San.  Picchi sugnu cuntentu io?

Bia.   Quannu vossia è cuntentu, tutti semu chiù cuntenti…

San.  Megliu accussi, quannu c’è cuntitizza si campa chiassai…(ride) 

Bia.   ( si distacca un poco, poi al pubblico) Sugnu sempre chiù convintu ca muremu tutti prima di iddu.

San.  Chi dicisti…

Bia.   Nenti…nenti, mi dispiaci ca ‘u misi sta finennu…

San.  Non ti preoccupari o prossimu misi sugnu ccà!…Però a televisione a vogliu pagari io…tiniti i soldi.

Mat.  Papà sarvatilli, chissu è un regalu ca ti facemu nautri…(Biagio fa segnale alla moglie di prendere i soldi) Lassa stari papà…veru Biagio!…

Bia.   Certu avi d’assira chi parlamu…

San.  Va beni, non insistu…(si conserva i soldi)

Bia.   A voli a colori?

San.  A chi ci siti accattatila bona…Ora mi vaiu a riposu…(sta per andare)

        

Bia.   ‘U telecomandu  ‘u voli?

San.  Si, mancu pi susimi spissu o disturbari a vautri…(sta per entrare) e non vi scurdati a poltrona!

Mat.  Certu papà, Biagiu m’avia dittu…(santo entra)

Bia.   Almeno avissimu pigliatu i soldi da poltrona! Mancu chiddi, ora tuti cosi a rate putemu pigliari.

Mat.  Pazienza, pensa a i soldi chi pigliamu dopu…per ora ci facemu a televisioni, ‘u materazzu, o prossimu misi ci facemu u restu.

Bia.   Sta casa diventa un Hotel di prima categoria…(esce)

Fra.   (entra) Mamà unni stava ennu ‘u papà tuttu di primura…

Mat.  Avia accattari ‘nna cosa…

Fra.   ‘Nna cosa di mangiari non ci cridu, picchi ormai è proibitu mangiari ccà…

Mat.  ‘Nna cosa pu’ nonnu…

Fra.   Mamà haiu famiiiiii, vidi su nonnu dormi e mangiamu…ah! mamma aspetta, mi dissi a zia Irene ca poi veni, dici ca  è troppu ‘ntaffarata!

Mat.  Mischina!

Fra.   Mamà vidu iu su nonnu dormi (và, dopo alcuni secondi rrientra)

Mat.  Franca, non cià dumannari autri soldi o nonnu, ca non ti po dari …

Fra.   (con un sorrisino) Mi duna…mi duna…anzi quantu c’hu vaiu a dicu.(va)

          (entra Biagio con uno scatolone contenente un televisore di 14 Pollici)

Mat.  Prestu facisti Biagiu…

Bia.   M’accumpagnau ‘u sig. Manganaru. (entra Franca)

Fra.   Ma si po sapiri chiccè ccà dintra!

Bia.   L’ovu di Pasqua!

Fra.   Bellu grossu è, almenu ‘u cioccolatu è al latti? (tolgono il cartone) ‘Nna televisione! Pi mmia papà…

Mat.  Pu nonnu…

Fra.   Ma chi niscisti pazzu papà…

Bia.   Ecco i carti…

Fra.   Papà non ti staiu canuscennu chiù, chiamamu ‘u neurolugu? (entra Santo)

San.  Chi primura c’avistivu!

Bia.   Basta c’avemu a saluti.

Fra.   Ccà dintra a stamu perdennu, non mangiamu mai!

San.  Quantu canali piglia…e i carti i purtastivu? (Mat. gli e li dà, poi Santo bacia Biagio) si ‘u megliu jenniru c’haiu..mi veni a pena ca dumani vi lassu, menumali ca fra un misi sugnu ccà (ride)

Fra.   Si semu vivi! Si non cuminciamu a mangiari pi ripigliarini…

San.  Sugnu emozionato, ora vaiu e mi fazzu ’na chiangiutedda…(mentre và)

         CARMELA…(alza il viso verso l’alto) i carti m’accattaru…CARMELA…

Bia.   (appena esce Santo) CARMELA…(stessa scena) puru a televisione c’haccattamu…

Fra.   (stessa scena) CARMELA…STAMU MURENNU DA FAMI!…

Mat.  Ti rispittau, tu fici ‘u scontu?

Bia.   Fra tri anni finemu di scontalla…(entra Santo)

San.  Ah! Biagio, pu materazzu pa’ poltrona, non vi preoccupati, l’importanti ca fra un misi quannu ritornu mi faciti truvari (risata ironica, e sipario)

         A T T O  III°

 

             (La scena del terzo atto si svolge in casa della figlia Caterina)

S C E N A  XII°

(Caterina, Mario)

Cat.  Mariu, circamu di fari chiù picca trafficu possibili, picchi iddu è stizzusu e poi finisci ca perdemu a paci ccà dintra.

Mar.  Ccà dintra paci ci ‘nna statu piccaredda, ora cu tò patri a perdemu completamente…

Cat.    Ultimamente pari abbacchiatu!

Mar.   Ma si è chiù tisu di mia!

Cat. Certi voti pari un pezzu di pani.

Mar.  Si unu si rusica stu pezzu di pani cadunu i denti…(entra Santo)

San.  (si siede) Menumali ca scherzi, veniccà ca ti dugnu un bacettu.

Mar.  Cuminciamu cu i bacetti, prima ca finisci ‘u misi ‘ni squagliamu…

          (si baciano)

Mar.  Quantu vaiu a vidu ddà bulletta do telefonu, Caterina unnè ‘nna stanza di lettu? (Cat. annuisce) A pigliu e a pagamu (guardando il suocero, và)

S C E N A  XIV°

(Caterina, Santo, Mario, Franca)

 

San.   Vulia ca pagava io a bulletta…avia truvatu u fissa.

Cat.  Cerca di non mi fari esauriri puru tu…

San.  Ma iu mischinu chi fazzu…(entra Mario) portami ‘nna me stanza…

          Sta stanza è troppu nicaredda…

Cat.  (sempre dalla sanza) Chissa è!

San.  Televisione non cinnè… (entra Mario e si siede disperato)

Cat.  Quannu voi ti senti a radio…

San.  Stu materazzu non è ortopedicu…

Cat.  (entra Caterina) Statti bonu ca io a fari un saccu di cosi. ‘U sintisti Mariu…

Mar. Mancu trasiu, e si già avissimu affari l’elencu di chiddu chi voli non ci basta ‘nna penna pi scriviri…

Cat.  Papà dormi, fatti un pisolinu…

San.  U Pisellinu?……

Mar.  (sbatte la testa contro una parete) Ma chi ci fici o Signuri! (poi si siede)

               (in quel momento entra Franco)

Fra.   (guarda gli zii affannati e tristi) Chiccè cu sta facci di funerali, chi muriu ‘u nonnu?

Mar.  Peggiu di peggiu! Ancora vivu è! Cusapi quantu campa!..

Fra.   Zia me matri già accattau a poltrona, a televisione…

Mar.  ‘U vidi chi fa fari a pensioni…Ora mangiamu qualcosa…(mentre 

            apparecchia Caterina)

Cat.  Mah! Me soru nenti mi dissi di sta televisioni, sta poltrona…

Mar.   Chiddi non fannu sti confidenzi a nautri…

Fra.   Ziu forse su scurdaru…zia a chi ‘u nonnu dormi mangiu ccà, a nostra casa non ‘nni facia mangiari mai…

San.  (dalla stanza) Caterina…Caterina , portami un fazzolettu, sugnu raffreddatu.

Mar.  Cummogghialu bonu, asinò ci veni a frivuzza…(Cat. và)

          Francuzzu ‘nni stu misi ‘u nonnu ti ‘nni detti soldi?

Fra.   Mi detti centumilaliri…(entra Caterina)

Cat.  E’ un pocu raffreddatu…(mentre prendono le posate, Santo inizia ad espettorare, e soprattutto Mario posa tutto bruscamente)

Fra.   Puru ‘nni nautri facia accussi, ficimu un misi di sta vita, ogni vota ca cuminciavamu a mangiari, iddu scracchiava…(Mario accenna al vomito)

         Quantu ‘u salutu e poi mi ‘nnivaiu. (Franco entra dal nonno)

Mar.  Pi un misi allura non si mangia…

Cat.  Ma forse picchi è raffreddatu…(entra Franco)

Fra.   No, anche quannu non è raffreddatu scracchia…

Mar.  (stessa scena di prima) Pi favuri Francuzzu, basta..basta…

Fra.   Certi voti fa pena! Vi salutu ora…

Mar.  Aspetta ca t’accumpagnu, cosi passo du bar e mi pigliu ‘nna limunata, asinò i budedda fradici mi diventanu…(escono, e Caterina sparecchia)

S C E N A  XV°

(Caterina, Santo)

Cat.  Certu ca ccà dintra a ma canciari abitudini, quannu me figlia Luisa si marita, non sa va teniri a nuddu dintra, asinò si ‘nfelicita a vita…

San.  Caterina…Caterina, mi stancavu a stari ‘no lettu, vegnu docu..

Cat.  Santa pazienza! (Santo entra)

San.  Ti vulissi parlari a figlia (esce centomililire) teniccà, appena veni Luisa ci duni…Non ti scurdari poi d’accattarimi a poltrona, ‘u materazzu, to soru m’accattau già…

Cat.  Chi camurria…papà tu ‘u sai ca Mariu piglia picca di stipendio, me soru pi fariti sti cosi voli diri ca l’aiutasti…non mi fari perdiri a paci in famiglia.

San.  Caterina, mi voi sentiri un minutu, mettiti chiù vicina…m’ascutari bonu.

Cat.  Parla ca ti sentu…(indifferente)

San.  Non ti scurdari poi i carti siciliani…

Cat.  (seccata) Chissu era ‘u discursu….

San.  Sparti ti siddii! E’ proprio vero, i proverbi non sbagliano mai: un patri campa centu figli e centu figli non ponnu campari un patri…

Cat.  Papà finiscila e vidi chiddu chi mi voi diri.

San.  Tu dicu picchi chissa era a volontà di to matri.

Cat.  (si commuove) Mischina, idda si ca era ‘nna Santa cu tutti…'nna Santa!

San.  Cu sapi sa fannu beata! Ascutami, io e tò matri mentre vautri crisciavu accucchiavamu, stringennu di tutti i lati accucchiavamu…(Cat.comincia ad aprire gli occhi, facendo scena)  anche picchi quannu unu crepa spisi cinnè assai…stringennu…stringennu accucchiamu, Tre…tre…tre…

Cat.  (con molta attenzione gli si avvicina) Parla papaneddu meu…

San.  Accucchiamu trenta miliuna pi vautri..

Cat.  (stupita, di scatto si siede accanto al padre coccolandolo) Santo celu! Ma comu facistivu…staiu  svinennu…

San.  ‘U dissi attia prima picchi si a figlia chiù nicaredda…non ‘u  sapi nuddu…

Cat.  Allura me soru e me frati non sannu nenti…

San.  Non sannu nenti, e sugnu cuntentu ca to soru e Biagiu si comportaru boni, mi trattaru cu i guanti gialli…m’accattaru a televisioni, ’u materazzu…

Cat.  Papà puru io, avi chi l’avia pinsatu!

San.  Si ci dicia sti cosi a tò soru, putia pinsari ca mi trattavanu bonu pi stu motivu, invece…però poi c’hu dicu puru a idda, poi a cu merita chiassai avrà chiassai…

Cat.  Papà non pinsari mali si ora t’accattamu a televisioni, ‘u materazzu…

San.  A poltrona, i carti siciliani…iu ‘u sacciu ca tu accattavi sti cosi…ma io ti dissi sti cosi picchi si a chiù nicaredda…

Cat.  Proprio ieri ci dissi a Mario ca t’aviamu a fari qualchi regalu, mancu su fici diri…però a rate mi rispunniu.

San.  Non ti preoccupari, chiddu chi cunta è ‘u cori…Ora mi vaiu a riposu, mi sento stanco…(si alza lamentandosi per il mal di schiena)

Cat.  Puru Mario quannu si sedi docu si susi sempre mortu…ora a livamu di mezzu e accattamu ‘nna poltrona…(mentre Cat. sistema la sedia, Santo verso il pubblico: “A CHISSA  A SISTIMAVU  PURU”)

San.  Priparami stu lettu…(entrano nella stanza e subito dopo arriva Mario)

S C E N A  XVI°

(Mario, Caterina )

 

Mar.  Caterina (risponde dalla stanza)

Cat.  Ccà sugnu, staiu sistimannu a me patri…

Mar.  E sistemalu bonu, ‘u sistimassi pi festi almenu…mancu milli liri di pensioni ‘nni duna, iddu duna sempre a so figliu Luca e a so figlia Matilde, e Mario teni a cannila! (entra Caterina, euforica)

Cat.  Mariu, tutti sti nervi ora ti passanu in un baleno…

Mar.  Chi parli fina…in un baleno!

Cat.  Zittuti, ca ancora non sai nenti, sti nervi ti passanu in un baleno…

Mar.  Natra vota cu stu baleno!…

Cat.  Vacci puru tu e ci duni un bacettu…

Mar.  A cui!

Cat.  A me patri…

Mar.  Ma chi si pazza!?

Cat.   Va beni…(va nella stanza perché Santo tossiva)

Cat.   ( rientra) A tussi ci vinni…

Mar.  A tussi nenti è in confronto a quannu scra…

S C E N A  XVII°

(Caterina, Mario, Luca)

Cat.  Non parlari assai ca sti nervi ti passanu in un baleno…

Mar.  Ma ti fissasti cu stu balenu…

Cat.  Assettati e ascutami bona…ca sti nervi ti passanu.

Mar.  Miracolu! Non dicisti in un baleno…

Cat.   E finiscila…Antura mi chiamau me patri e mi dissi…

Mar.  Ca voli a televisioni! (seccato)

Cat.   Non mi dissi chissu, però vai e pigghiaccilla subitu…

Mar.  Pazza…pazza nisciu…

Cat.  Mariu, forse ‘nni sistimamu…

Mar.  Pi festi!

Cat.  Dici ca accucchiavanu…accucchiavanu, e ricuglieru tre…trenta miliuna.

Mar.  (rimane basito, poi aumenta il tic) Chissa sarà ‘nna pinsata di furbacchiuni, non ci pozzu cridiri, e comu mai tu dissi attia prima.

Cat.  Picchi sugnu a figlia chiù nicaredda…non sapi nenti nuddu…

San.  (dalla stanza) Caterina…Caterina…

Cat.  Si svegliau..dicci qualcosa, chiamalu papà…

Mar.  (lentamente và, prima di entrare dice:) e si sarà veru? (entra)

Cat.   (mentre passeggia contenta, entra Luca)

Luc.  Ciao a soru, chi dici ‘u papà.

Cat.  E’ raffreddato (esce Mario)

Mar.  Dici ca voli ‘nna pizza…(prende sottobraccio la moglie e di nascosto) Mi detti centomilaliri…

Luc.   Ma non ci fa male a pizza.

Mar.  (prima di uscire) Pa…pa…papà a voli margherita!

San.  (dalla stanza) Chiassai ingredienti ci sunnu megliu è!

 

Mar.  Avi un stomacu di ferru.(esce)

S C E N A  XVIII°

(Luca, Santo, Caterina)

Luc.  Comu si senti ‘u papà…(Santo in quel momento esce)

San.  Bonu…bonu sugnu (si salutano)

Cat.  Luca pi Natali mangiamu tutti assieme…

Luc.  Me mugghieri mi dissi ca pi natali semu ‘nni me soggiri, pi Santo Stefano ‘nni me cugnati…

San.  Pi capodannu ‘nni to zii e pi Pasqua nni to cuscini…Caterina haiu voglia i ‘nna fetta di figatu…stasira ma mangiu.

Cat.  U capivu, nesciu e vaiu accattari ‘nna fetta di figatu…

San.  Luca No vidia l’ura ca ti vidia…beddu meu (lo stringe e lo bacia)

Luc.  Puru io papà, però non vulissi ca i me cugnati pensanu ca vegnu quannu

           pigli a pensione!

San.  Tu a tò patri veni a vidi, fregatinni.

Luc.  Infatti, quannu pigghi a pensione fai metà a me soru Matilde e metà a

           Caterina, tu dicu io stessu…si poi qualchi cusuzza a voi dari ammia.

San.  Io non fazzu particolarità…ma stu niputi nasci o non nasci.

Luc.  Ci stamu pruvannu papà, megliu ca 'nni stu misi non nesci incinta, avemu

            troppu spisi…

San.  Non ti preoccupari, anzi appena resta incinta ti regalu un miliuni.

Luc.  Un miliuni? E unni ‘u pigli…

San.  ‘U pigliu…u pigliu…ora ti cuntu tutti cosi, e mi levu stu pisu!..

Luc.  Quali pisu!

San.  Spicciamuni prima ca veni to soru, u vogliu diri attia prima picchi si u

           figliu mezzanu…Dopu 'nna vita di sacrifici e di stringiri di tutti i lati io e

           tò matri accucchiamu trenta miliuna e sunnu sarvati cu l’interesse.

Luc.  Ma veru! (si alza di scatto) Mi salvasti, un pocu di debiti mi pozzu livari.

San.  Ci sunnu puru i to soru…

Luc.  (deluso) Giustu, non poi dari tuttu ammia…

San.  Però a cui merita di più, avrà chiassai…non diri nenti a i tò soru…

Luc.  Sugnu mutu comu ‘nna tomba.

San.  (esce dei soldi) Teniccà…

Luc.  Lassa stare papà, io pi viditi vegnu…

San.  Pigghiatilli prima ca veni to soru…(  Luca,li prende veloce e se li mette in

            tasca) Quantu sacrifici chi ficimu pa’ ccucchiari…(entrano Cat. )

Cat.  Papà ora ti fai ‘u bagnu…

Luc.  Ti salutu papà…(Cat. e santo entrano nella stanza)

S C E N A  XIX°

(Mario, Caterina, Santo)

Mar.  (entra con la pizza appoggiandola sul tavolo) Caterina unni si…

Cat.  Ccà sugnu, ‘u papà si sta facennu ‘u bagnu, ricordati d’accattari poi ‘u borotalco ca sta finennu..

Mar.  ‘U borotalco? Comu i picciliddi…Caterina a pizza pronta è!

Cat.  A mumenti finisci…

Mar. Ancora non mi veni di cridicci…(entra Caterina)

Cat.  Non ci cridi ancora…ora ora mi dissi:cusapi qantu interessi fruttaru!…

Mar.  ‘Ncuntravu a to frati, chi vulia.

Cat.  Vinni a vidiri a me patri…e poi spunta D.Saridda.

Cat.  Papà spicciati ca  a pizza si fa fridda…(entra Santo)

San.  Ci cridi ca mi passau a fami!

Cat.  Tagliaccilla Mariu…taglia…

Mar.  Si pa…pa…papà, a tagliu io!

San.  Ma ci sunnu i funghi, si sunnu vilinusi e moru prima do tempu vi lassu mezzu i guai e P.Angelo mi manna all’inferno…sugnu saziu!

Cat.  Ma comu aviatu desideru di pizza.

San.  Cu me jenniru ca mi chiama papà, sugnu saziu, m’arrizzu tuttu!...

Cat.  Ora t’accattamu a televisioni, veru Mariu!...

Mar.  Io vulia aspittari pi pigliarini una chiù sofisticata!

San.  Ma io semplici a vogliu…

Cat.  ‘U sintisti Mario, non c’è motivo d’aspittari a voli semplici!

San.  Appena veni Luisa c’haccattu ‘u steriu (Mario comincia a crederci di più)

Mar.  Caterina vaiu a pigliu sta televisioni?

Cat.  Vacci…vacci…

Mar.  Quattordici pollici…

Cat.  Quinnici…sidici…

San.  Facemu diciottu o vinti e non s’affenni nuddu.

Mar.  (guarda la moglie) Va beni...va beni…(sta per uscire)

San.  Mario, non ti scurdari ‘u borotalco, e di passata informati pu’ materazzu.

Cat.  Certu…Mario c’havia pinsatu, veru Mariu!

Mar.  Avi ca ci pensu…(esce)

S C E N A  XX°

(Le figli, i generi, Santo, Luca, Irene, Franco, P.Angelo)

 

Cat.  Papà, ma ci fai casu di quantu è bonu to jenniru Mariu! Chidda chi cunsumau a me frati Luca, è to nora Irene, mai ‘nna festa assieme mai…

         Quannu si fici zita, i primi jorna comu s’arruffianava…divintau ‘nna scroccona…

San.  Non ci fari casu…mi chiamava papà…(in quel momento entra Luca con Irene, stavolta vestita di lutto e più premurosa)

Ire.    Papà, chiccè pari ca stavi chiangennu…

Cat.  Stava pinsannu a mamma…

Ire.    Caterina, facitilu svagari, non ricurdaticci mumenti brutti…papà chissa è a vita (lo tiene per mano) a va stari sereno! (poi si siedono) Luca ogni tanto nu purtamu a nostra casa  senza stabiliri jorna e misi, sti cosi si fannu ne famigli unni si pensa all’interessi…tu chi dici Caterina…

Cat.  (adirata) Ci putiatu pinsari prima…

Ire.    Chi significa sta battuta…Luca a sintisti a to soru, parla puru tu…

Luc.  Caterina giustu dici Irene…

Cat.  (animando la lite) Vulissi sapiri comu mai vi stati pigliannu ora di pena.

Ire.    Su vulemu dintra ogni tanto non ‘u facemu pi scopu!

Cat.  Scopu? Ma quali scopu, ora parlati assai.

San.  (adirato) Non faciti polemica…(entra Mario col televisore ed il borotalco)

Mar.  Ma chi sunnu sti vuci, finu o negozio si sentunu…

Ire.    A televisione…u borotalco…(entrano Biagio, Matilde, Franco)

Fra.   Chiccè riunioni di famiglia…nonno comu stai…

Mat.  C’aviti cu sti fungi!

Bia.   Mario chiccè…

Mar.  Io ora arrivavu, non staiu capennu nenti.

Cat.  A signora Irene ci stannu vinennu i scrupoli di cuscenza, ogni tanto si vulissi purtari o papà dintra…

Mat.  Comu mai ci stai pinsannu ora e non ti sei degnata di faricci  ‘nna visita…

Ire.    Comu mai vi stati bruciannu…

Cat. Mat.  (al fratello) Divintasti un pupu…

Mat.  Tutta culpa toa, (a Irene) a me frati ci livasti u sensu da famiglia unita.

Bia.   Mariu puru tu accattasti a televisioni…

Cat.  Matilde pi mmia ‘u papà po ristari sempre ccà (Santo si stringe a lei)

         Ammia non mi pisa…

Mat.  Puru ammia non mi pisa, po ristari sempre cu mmia…(Santo si stringe a Matilde, ma entrambi se lo tengono)

Luc.  (Irene gli fa cenno che anche lui può) Anche ammia…(Santo va verso di lui ma le due sorelle lo riportano al posto di prima)

Ire.    Comu mai ‘u vuliti tutti pi l’eternità e non vuliti ca sta ogni tanto cu so figliu Luca…parla puru tu Luca…

Luc.  Giustu è chiddu chi dici Irene, comu mai non vuliti.

San.  FRANCO va chiama a P.Angelo…

Bia.   Chi c’entra P.Angelo.

San.  C’entra…c’entra…(un poco spaventato)

Mar.  I panni sporchi si lavano in famiglia.

Luc.  Giustu, ora puru nautri ci vulemu lavari i panni o papà!

Ire.    Finalmente parlasti senza chi tu dissi io…

Fra.   (al pubblico) Menumali ca i centomilalire mi fici dai prima asinò puru chissi appizzava.

 

San.  Franco, ti dissi va chiama a P.Angelo (Franco và)

Bia.   Io dicissi di discutiri facennu il punto…

San.  Facennu il punto, la virgola,  i du punti….

Bia.   Irene comu mai ‘u vuliti ora, e tu Mario comu mai tu voi teniri pi sempri!

Ire.    Picchi è giustu ca i sacrifici i facemu tutti, e me maritu mi fici capiri ca sbagliamu…puru nautri ‘nni facemu vecchi…

Mat.  Mischineddi!..

Cat.  Chi divintaru bon cori!…

Mar.  E tu Biagio comu mai tu voi teniri pi sempri!

Mat.  Papà è megliu ca decidi tu, u sai ca io haiu statu sempre precisa…

Cat.  Papà puru io, forse haiu statu chiù precisa di me soru…

Ire.    Luca e tu comu si…

Bia.   Io staiu capennu tanti cosi…

Mar.  Puru io…

San.  Puru io…non vidu l’ura ca veni P.Angelo!

Bia.   Mario, io accattavu i carti,  ‘u materazzu, a televisione…

Mar.  Puru io…anzi accattavu puru ‘u borotalco, a pizza…

 

San.  Ma quannu veni P. Angelo…(entrano P.Ang. e Franco)

Giu.   Fermi tutti…ci cadistivu comu i pira cotti, dillu nonnu, non ti vergognare.

San.  Santo celu!..

Mat.  Papà ma ‘nni pigliasti in giru a tutti?

P.An.          Proprio cosi!..

Mat.  Ma ‘u sapia io sula e non l’avia a diri a nuddu…

Cat.  Papà aviatu dittu ca ‘u sapia io sula…

Luc.  Papà aviatu dittu ca io era ‘u mezzanu e ca ‘u sapia io sulu…

Ire.    Basta…basta, Luca i tò soru ti vulianu mettiri di latu…

Cat.  A soru tu  ‘u sapiatu…

Mat.  Puru tu a soru…(poi entrambe a Luca:“Puru tu ‘u fratuzzu” Luca si gira)

Ire.    Picchissu non vuliavu ca nu’ purtavamu ogni tantu…

Bia.   Basta, ora ca ‘u sapemu tutti, dividemu in parti uguali!

Mar.  Tu già ti pigliasti gran parti da pensione, e tu Luca ca pigli sempre…

San.  Oh! Circati di finilla, ma chi vi pari ca sugnu mortu, vivu sugnu…

P.An.  Circati di finilla u dicu io ora…vergogna per voi stessi, vergogna ognuno

            verso il proprio fratello, vergogna verso Dio…

San.  P.Angelo, menumali ca pigliau a parola, asinò i capiddi si tiravano…

P.An.  Zitto e vergognati!

San.  Intantu senza stu truccu, lei non fussi ccà a fari sta bella predica.

P.An. Chiedete perdono a Dio, di fronte a tale meschinità.

Ire.    Picchissu non vulianu…

P.An.            Zitta Irene, continui a sbagliare…cercate il benessere senza capire che da    

            Dio viene l’unico bene, eravate pronti per la spartizione? Volete dividere

            in parti uguali?

Mar.   E tutti in paci!

P.An.            Se non trovate la pace con Dio, non potete trovate la pace con voi stessi,

             l’interesse prevale sull’amore verso un padre!…Vergogna!…

San.  Di quantu voti ca dittu vergogna, mi pari ca non si vergogna nuddu.

P.An.  Vostro padre non ha una lira…(tutti stupiti, fanno un po’ di confusione,

             ognuno esclama qualcosa verso l’altro)

P.An.             Basta…non continuate a peccare…

San.    Vautri mi tiniavu no comu un patri!…no…comu un patri…

Luc.    Io sempre haiu vinutu a truvariti…

San.    A ura di soldi…

Mat.  A culpa è nostra, ora nu’ tinemu comu un veru patri e senza soldi sparti.

Luc.    Irene…

Ire.    (Di scatto) Senza chi mi chiami, ‘u sai ca a nostra casa è chiù nicaredda…

P.An.            Irene basta…Solo tenendolo con grande amore potete espiare questo

            peccato…pregate, pregate altrimenti non starete mai in pace con voi

            stessi. (poi fa qualche passo avanti con un sottofondo di musica,

            rivolgendosi al pubblico) A voi dico: se vi capita una cosa del genere, non

            cadete in questo peccato cosi grande e meschino…amate e onorate i vostri

            genitori con grande cuore, senza porvi mai questa domanda:

                   ORA  CA  A  MAMMA  MURIU…CU  SU  TENI  U  PAPA'? …

         (Tutti chinano il capo, mentre il sipario si va chiudendo, è preferibile mettere ”Il vechietto dove lo metto”)

        

                                                        (a mia moglie ed a mia figlia)

                                                                                               Calogero Maurici

                          

                                                               (elaborata da Pietro Maurici e dallo stesso autore)

Rappresentata al teatro S.Luigi di Camaro inf. Messina, a S. Stefano Briga, (Me) al circolo G.

Verga di S. Margherita, (me) con grande successo di critica e di pubblico per la regia

dello stesso autore. Rappresentata anche dall’attore e giornalista calabrese Mimmo Raffa

al teatro Loreto di Reggio Calabria; da Nuovi Orizzonti con la regia dello stesso autore;

dalla compagnia Gueli Aletti (Ag); dal gruppo Teatro Insieme (Me) A Masnago (Varese)

Al tetro Grottasmeralda di Catania dalla compagnia Il Nuovo carrozzone; a Lercara Friddi; a

 Lucca sicula;  in preparazione di alri gruppi teatrali.                          

                                                                                                                            

                   (Per ogni rappresentazione di questa commedia è necessaria l’autorizzazione

                    dell’autore e dell’elaboratore) tel. Autore:090/638009-3393359882.                

                                          

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno