Pallottole sul Vomero

Stampa questo copione

Pallottole sul vomero

              

     

   PALLOTTOLE  SUL  VOMERO

                                                                                   DI

                 Corrado Taranto e Antonello Avallone

                                 SCENA    UNO

Un teatro vuoto… possibilmente con le poltrone piene.

SAVELLI           Nun se ne parla proprio

VALDI                Ma sì io nun facevo accussì, nuie ‘a cummedia nun ‘a faceveme.

SAVELLI           La mia arte non ha bisogno di compromessi.

VALDI                Ma io ogni tanto posso avere il desiderio di guadagnare una mille

                             lire ?

SAVELLI            Ma pecchè, vuie vulite dicere che con le mie ultime commedie ci          avete rimesso?!..Fore ‘o teatro ‘a sera ce steva ‘a folla .

VALDI                 Il problema che ‘o teatro se faceva dinte.

SAVELLI             E si vede che il mio è un teatro per pochi.

VALDI                 E lo volessimo far diventare per tanti ?

SAVELLI             Ma la mia commedia ha bisogno di attori di prima scelta...

VALDI                 Comunque, Save’, tagliamme a curte...’O ve pigliate ‘a signurina dinto ‘a cumpagnia, oppure ve ne tornate a compilare ‘e modelle d’’e certificate ‘ncoppe ‘o municipio.

SAVELLI             E chi fosse quest’attricetta ?

VALDI                  E’ una lontana conoscente del Podestà di Casalnuovo.

SAVELLI              S’’a tene ?

VALDI                   Diciamo di sì.

SAVELLI                E che fa la signorina nella vita ?

VALDI                    ‘A vita.

SAVELLI                Fa ‘a pu...

VALDI                     Diciamo che ha avuto varie esperienze.

SAVELLI                Ma voi lo capite a che cosa mi debbo abbassare ?

VALDI                    Ma voi lo  capite  ca   forse  è  ‘a vota  bbona  ca  io  vedo na                    cusarella ‘e sorde ?  

SAVELLI                 E sua Eccellenza ci assicura il debutto a Roma?

VALDI                      Un mese, forse due.

SAVELLI                  E già, pecchè isso a Roma è di casa...ha tutte le porte aperte... e pecchè ‘e porte a me nun me l’arape mai nisciuno?

VALDI                        Ate pruvate a bussà ?

SAVELLI             Ma voi capite, ‘a parte della figlia del protagonista, affidata a ‘na...

VALDI                         Ad un’attricetta con varie esperienze.

SAVELLI                      E a Roma ci sarà la critica in sala ?

VALDI                           Ci saranno tutti.

SAVELLI                      E ‘llà ‘e voglio! Dopo lo spettacolo sfileranno uno alla volta a complimentarsi nel mio camerino.

VALDI                          Prima passano da sua Eccellenza e poi vengono a complimentarsi.

SAVELLI                      E se volessi che passassero prima da me ?

VALDI                          Veneno, ma senza fa ‘e complimente

SAVELLI                      E’ un compromesso ....E va bene,...compromettiamoci..diamo l’arte in pasto ai porci.

VALDI                           Ma nun erano ‘e perle

SAVELLI                        E gli altri attori hanno firmato tutti?

VALDI                           Tutti.

SAVELLI                        E il giovane Petrolini era libero?

VALDI                            Save’, ma vuie ‘o vero facite ?

SAVELLI                Nun ate pigliato a Petrolini?..E chi me la  fa la parte del figlio ?

VALDI                   Ho impegnato il giovane Nereo Rardi...il nuovo divo del cinema muto.

SAVELLI               Ma il mio è un teatro di parola.

VALDI                  Ma pecchè, stu Rardi ‘a lengua nun ‘a tene ?

SAVELLI               Ma in giro si dice di quel vizietto...

VALDI                   No...è cosa ‘e niente...Tira nu poco ‘e cocaina.

SAVELI                  Ma in scena sarà presente ?

VALDI                    Avite truà ‘o sistema p’’o stutà!

SAVELLI                 E la Raimondi ha firmato?

VALDI                     Sì, sì, m’ha strappato ‘o contratto ‘a mano.

SAVELLI                  Gli artisti ‘o vero hanno naso buono!

VALDI                      Nun è questione ‘e naso, è questione ‘e stommaco! Sono due anni che la signora Raimondi non fatica.

SAVELLI                  Le avete dato un anticipo per convincerla?

VALDI                       Sì, sì.

SAVELLI                   E che vi ha risposto ?

VALDI                        Aspettateme ccà, scengo nu momento ‘a cantina.

SAVELLI                     Avrà preso una bottiglia per festeggiare.

VALDI                         E’ turnata ‘a parte ‘e coppa ‘mbriaca.

SAVELLI                      La Raimondi era ‘a reggina d’’a sceneggiata, un’attrice di temperamento.. poi un giorno senza un perché lasciò il suo pubblico e sparì per due anni.

VALDI                Avette quatte anni!...Sì, fu per quella serata in onore del Duce a piazza Venezia...Sul più bello il palco sotto ‘o balcone si illuminò e arrivaie ‘a Raimondi...tutta vestuta ‘e rosso. Nun arrivaie manco a cantà, s’’ purtaiene subbito.

SAVELLI             Che v’aveve ditto...na femmena aggressiva!

VALDI                  Steva ‘mbriaca! A  ‘o commissario confessò che era convinta di stare a Crispiano p’’a sagra d’’a pummarola.

SAVELLI               Noi artisti siamo accussì...

VALDI                   ‘Mbriache ?

SAVELLI               No, distratte. E gli altri attori chi sono ?

VALDI                     Tante manch’’e cunuscite !

SAVELLI               Lo faccio solo pe’ Roma!

VALDI                    Facitelo pure p’’o Napoli.

SAVELLI                 E quando possiamo iniziare ?

VALDI                      Anche domani. Dobbiamo fare  le convocazioni in  teatro...Proviamo di mattina ?

SAVELLI                   Io direi alle sette.

VALDI                      E che hanno ‘a scennere a purta’ ‘o llatte !?

SAVELLI                  Avete ragione, è il primo giorno, li voglio svegli, riposati...facciamo alle otto e trenta-

VALDI                        Orario ‘e scola.

SAVELLI                    E come trovaroba chi abbiamo ?

VALDI                         Gennaro Iovine.

SAVELLI                      Ancora lui ?!...Vi avevo pregato che nun ‘o vulevo vede’ cchiù.

VALDI                            Iamme, tene famiglia.

SAVELLI                  Per il mio ultimo “ Amleto “ lo avevo pregato di trovarmi un teschio...Capite !?..che ce vo’ a trua’ nu teschio?.. Dovetti fare ‘a tirata di “essere non essere” cu ‘na capa ‘e puorche ‘mmano!

VALDI                       Però veneva na bella resata !

SAVELLI                   Ma quello era un dramma!

VALDI                       Ah, era nu dramma?!...dicevo io ca nun me faceva rirere.

SAVELLI                   E come rammentatore chi abbiamo ?

VALDI                        Iovine Gennaro.

SAVELLI                    Ancora isse ?!

VALDI                         Iamme..tene famiglia.

SAVELLI                     E ce avessa ‘a penza’ io ‘a famiglia ‘e Iovine ?!

VALDI                          Caso mai ci penso io:

SAVELLI                      Ma come fa a suggerire se chillo nun sape leggere ?

VALDI                          Vuol dire che gli attori se ‘mparano ‘e pparte.

SAVELLI                      E ‘e scene chi ‘e ffà?

VALDI                           A vuie che ve serve ?

SAVELLI                      Una bella scena, ariosa, ma cupa.

VALDI                            Putesseme arrangià con quella del “Giardino dei ciliegi”...tanto ‘o facettemo sei anni fa, ‘a gente mica s’’a rricorda :

SAVELLI                        E comme ‘o rappresento l’interno di una povera casa napoletana dinte a  ‘nu ciardino!?

VALDI                          Chella è ‘na bella scena...

SAVELLI                     Ma come recitano gli attori fore ‘o ciardino?!

VALDI                         E se mettono ‘n cosa ‘ncuollo!

SAVELLI                     Chiamate il direttore di scena, perfavore.

VALDI                        Sì......Iovine, venite nu mumento.

SAVELLI                    Fa pure ‘o direttore ‘e scena ?

VALDI                         Iamme, tene famiglia.

 

    

                            

 

                                 

                                   SCENA  DUE

IOVINE          Commendato’, scusate, steve fernenno ‘e pulezza’ ‘e scale d’’o bagno.

SAVELLI        Fa pure ‘e pulizie !?

VALDI             Iamme...

SAVELLI         ...tene famiglia.

VALDI             ‘On Genna’, si dovrebbero fare le convocazioni per domani mattina.

IOVINE             E che lavoro facimmo?

SAVELLI          Una mia novità.

IOVINE              Ne ha scritta ‘n’ata, n’ha scritta!?

SAVELLI           Ma come ti permetti? Stai a posto tuo e ricorda che tu sei un semplice.. un semplice...mo che sta facenno ?

IOVINE                Commendato’ e che aggia appripara’ ?

VALDI                 Lo dovete chiedere al regista.

IOVINE                Fa pure ‘a regia, fa?!

SAVELLI              Pecchè, che d’è ?

IOVINE                 Niente, niente...comme dice ‘o detto antico:” Chi s’accontenta, trova un tesoro”

SAVELLI              E che significa ?

VALDI                   Nun v’applicate, ogni tanto sbarea cu ‘e proverbie.

SAVELLI                Ma ‘e ‘mmesca?!

VALDI                    E perciò v’aggio ditto ca sbarea.

IOVINE                   ‘A prova v’e ‘a facite a tavolino ?

SAVELLI                 Solo domani, poi stiamo in piedi fino al debutto.

IOVINE                      E  nun ve stancate ?

SAVELLI                    E v’aggio pregato, stateve a ‘o puosto vuoste.

IOVINE                        Io ‘o dicevo pe’ vvuie..Comme dice ‘o ditto antico : ‘A gatta pe’ ‘ffa’ ‘e pressa, se scurdaie ‘e fa’   ‘e figlie

SAVELLI                      Ma nun è accussì?!

VALDI                           Va buo’, ma che ve ne ‘mporta ?

IOVINE                          E pe’ dimane ‘mmatina che ve serve ?

SAVELLI                        Io direi un bel tavolo lungo...

IOVINE                           ‘E sseggie ce ‘e metto ?

SAVELLI                          E che  ce assettamme ‘nterra ?

IOVINE                             Le inchiovo al palcoscenico casomai...

SAVELLI                         Ma io quanto aggia supporta’ ancora ?

IOVINE                             ‘E lascio libere!...Comme dice ‘o ditto antico . chi è causa del suo mal...ci lascia lo zampino.

SAVELLI                             Ne ha ‘nguaiate n’ate !

IOVINE                                E l’acqua ve serve ?

SAVELLI                          Sì, sì, portane na ventenella ‘e litre.

IOVINE                             Eh, amme fatto ‘a cumpagnia cu gli attori africane.

SAVELLI                           I miei attori bevene assaie.

IOVINE                              Servene pure ‘e cupione ?

SAVELLI                             E che ce leggimmo ‘o giurnale?!

IOVINE                               E quante ve ne servono ?

SAVELLI                              Sei per la compagnia, uno per me, uno per il Commendatore..fai otto copioni.

IOVINE                     Sette vanno ‘buono ‘o stesso ?

SAVELLI                   Ma pecchè ‘e nummere pare, nun te piaceno ?

IOVINE                      Io ‘e cupione ‘e scrive a ‘mmano; uno ‘o scrivo io, uno muglierema, cinche figlie...e so’ sette.

VALDI                         E a nuie ce ne servono otto.

IOVINE                        E m’ata fa fa’ n’atu figlio?

SAVELLI                      E vuol dire che tu ne scrivi due.

IOVINE                         E il commendatore m’ha da da’ ‘na meza iurnata libera ?!

SAVELLI                       E  te  ‘a  da’!

IOVINE                          Allora oggi ‘e cammise nun v’’e stire ?

SAVELLI                       ‘O tenite pure a servizio?!

VALDI                            E’ per farlo arrangiare....

IOVINE                           Tenghe famiglia.

SAVELLI                         Scusate ma vuie comme facite a scrivere, ca nun sapite leggere ?

IOVINE                             M’o cunta muglierema chello che aggia scrivere.

SAVELLI                         E pecchè nun ve ‘mparate a leggere?

IOVINE                             Ma vuie pecchè nun ve ‘mparate a scrivere?

SAVELLI                           E io voglio parla’ afforza, sa’ !

VALDI                               Per la lettura me pare ca nun ce serve niente cchiù.

IOVINE                              ‘E facimme arriva’ na quindicina ‘e cafe’ ?...S’avessere addurmì?!

SAVELLI                            E vire si ‘a fernesce!...Oh, commendatore, io avrei bisogno di un aiuto....

VALDI                                  E a me chi mi aiuta ?

SAVELLI                              Intendevo un aiuto regista.

VALDI                                 No, non se ne parla proprio. A meno che nun ve pigliate Iovine.

SAVELLI                               Va buo’, aggio capito, me la vedo da solo ?

VALDI                                 Io mi auguro che venga qualcuno .

SAVELLI                             Dovrete chiamare la polizia...

IOVINE                               Commme ‘o ‘ssolito.

SAVELLI                           E mo’ vedimme.

IOVINE                             E ‘a cummedia comme se chiamma ?

SAVELLI                         Pasqua nella dimora dei signori  Tuppiello...Eh ?!

IOVINE                            ‘Nuie faceveme chelli belli cumpagnie ‘e sceneggiata..

SAVELLI                          Signori, tra poco ha inizio la prova.

IOVINE                             Comme dice ‘o ditto antico: t’è piaciute ‘o capretto ‘e                 Pasca ?    E mo’ magnate ‘e ccorna.

                                                 B U I O

                              SCENA   TRE

SAVELLI                         Iovineeeeeeee.!

IOVINE    (entrando)        Che è stato ?

SAVELLI                          Addo’ stanno ‘e ssegge ?

IOVINE                             Ne ho trovate solo tre di cui una era sfonnata e n’ata le mancava ‘nu pere e allora aggio penzato che la prova ve la fate in piedi.

SAVELLI                           Iovine, porta ‘e segge

IOVINE                              Ma nun ve putite assetta’ in sala ?

SAVELLI                           A prova s’ha da fa in palcoscenico.

IOVINE                               E allora v’’a facite allerta.

SAVELLI                             Ah, ma mo che vene ‘o commendatore mi sentirà..eh, se mi sentirà !

VALDI(entrando)                Ci sono problemi ?

SAVELLI                             No e pecchè !?

VALDI                                  Sta arrivando Nereo Rardi, l’aggio visto che s’è fermato addo’ tabaccaro.

SAVELLI                             Commendato’, io lo provo prima.

VALDI                                  Non vi preoccupate. Ma ‘e sseggie addo’ stanno ?

IOVINE                                Sentite, io tengo che ffà.

                                   

                                             

SCENA  QUATTRO

RARDI                      Cavissimi amici...Pevdonate pev il vitavdo, ma ‘a gente, foto co i bambini, gli auotogvafi..io po’ nun saccio scviveve, miettete a ‘ffa’ tutte chelle cvocette... una noia.

VALDI                       Il grande Nereo Rardi... vieni, vieni, voglio presentarti il regista e autore dello spettacolo.

RARDI                        Neveo Vavdi... con la evve.

SAVELLI                     Come Voma?!

RARDI                         Cavo Savelli, ho letto la vostva commedia..un’opeva geniale...un dvamma popolave, ma pev palati bovghesi... Tvoppo bella , tvoppo bella. E poi quel pevsonaggio della piccola Cosetta, così umano, così fvagile...  Eppo’  ‘o titolo: I MISEVABILI. Un successo ga-van-ti-to.

SAVELLI                      Ma chi ‘a sape a sta Cosetta ?

VALDI                           Rardi, ma tu che hai letto ?

RARDI                            Quel copione giallo che mi avete mandato.

SAVELLI                        Ma io il copione non ve l’ho mandato !

RARDI                             Gesù, io me so’ ‘mpavato puve ‘a pavte !

SAVELLI                          E poi  I MISERABILI non li ho scritti io, sono di Hugo.

RARDI                               Ma già, che vimbambito.. il gvande Ugo..come faceva di cognome ?

SAVELLI                           Iovineeee. Commendato’, chisto è n’artistone !

VALDI                                Ma come , l’aggio strappato a tre impresari.

SAVELLI                            E ce lo potevate lasciare.

IOVINE              Che è stato?

VALDI                Ma vuie ‘e cupione l’ate fatte ?

IOVINE               Ancora na paggina e so’ pronte.

SAVELLI             Ma agli attori che gli avete mandato?

IOVINE                 ‘Nu libro.

SAVELLI               E pecchè ?

IOVINE                 Pe’ ‘e ffà leggere ‘na cosa!...Commendato’..io l’ho fatto pure pe’ lui.

SAVELLI               Pe’ mme ?

IOVINE                 Accussì per lo meno se fanno ‘a vocca ‘bbona.

RARDI                    Simpatico..vevamente simpatico. E voi che lavovo fate ?

IOVINE                 Tutti.

VALDI                    Iovine, jatevenne, quando avete finito i copioni ce li portate.

IOVINE                  Comme dice ‘o ditto antico..Chi troppo vuole...è a meta’ dell’opera.

SAVELLI                Ma nun è accussì!

VALDI                     Save’, e peffavore.

RARDI                     Caro Savevio, e il mio vuolo com’è, com’è ?

SAVELLI                 E’ il figlio del protagonista.

RARDI                     Ma pavla assai ?

SAVELLI                 Diciamo che è un personaggio di facce.

RARDI                      Meglio, meglio, pevchè, cavo amico mio, io vi debbo confessave una cosa..E’ un segveto, non so se posso...

SAVELLI                  Dite.

RARDI                   Io tengo un leggevissimo difetto di pvonuncia.

SAVELLI               Vuie che dicite ?

VALDI                    Savelli.

RARDI                    Mi vaccomando...shhh.

SAVELLI                Commendato’, che c’è ?

VALDI                     Save’, ma ‘a cummedia è bbona ?

SAVELLI                  Stamme ancora chesto ?

VALDI                      No, dato che qua mi chiederanno anticipi...

SAVELLI                  Date, date, sono soldi spesi bene.

VALDI                      Tanto non so’ ‘e suoie!

RARDI                      Commendato’, scusate una pavola...Ma amministvazione quando si fa ?

VALDI                        E io chesto dicevo! Nuie ancora amme  accumincià..E po’ te dette l’anticipo...

RARDI                        Ma cavo mio, io tengo le spese..quei quattvo pidocchi che m’avete dato, sono diventati polveve.

VALDI                        E tu nun ‘a fa tutta  ‘sta polvere.

RARDI                         Io sono un divo, devo stave sempve tivato a lucido.

VALDI                         E tu nun tira’.

RARDI                         Commendato’, date, date..Rardi è di naso buono.

VALDI                           E a me chello me preoccupa.

RARDI                          Me li dai contanti, me li dai ?

VALDI                           Facciamo cinque lire?

RARDI                         (glieli strappa di mano) Tovno subito.

VALDI                      Sto nu poco preoccupato.

SAVELLI                  State tranquillo, male che va, ‘a prossima cummedia ‘o facimmo fa’ Pinocchio, sa’ che se fida ‘e tirà !

IOVINE                      Cca’ ce stanno ‘e cupione, iamme che so’ cavere cavere..

SAVELLI                    Ma che staie purtanno ‘e pizze ?!

IOVINE                       Magari fossero pizze, perlomeno servessero a coccheccosa.

                                      SCENA  CINQUE

                                                                                                                      

VINCENZO               (entrando) Allontanatevi per un raggio di venti chilometri.

SAVELLI                 Dateci il tempo ‘e piglia’ ‘o treno pe’ Caserta.

VINCENZO               Evitate gli assembramenti e teniteve ‘e criature.

SAVELLI                  Ma che sta’ passanno ‘o Circo ?!

VINCENZO             (dopo aver controllato intorno) Puoi entrare Putipu’.

DIANA                      Buongiorno, buongiorno, buonasera, buonasera, ciao a tutti,

tutti tutti tutti, ciao, ciao.

VINCENZO               V’aggio purtato l’attrice.

VALDI                         Don  Vincenzo, proprio a voi stavamo aspettando.

VINCENZO                 E che v’aggia dicere ?

VALDI                         Non lo so, che mi dovete dire ?

VINCENZO                 Io ‘o ssaccio che v’aggia dicere.

VALDI                          E allora dicitemmello.

VINCENZO                  Io so’ passato a piglia’ Diana, era pronta, ma ha ditto che vuleva’ arriva’ co ‘na  mezz’orettta ‘e ritardo pecchè na grossa artista accussì fa’. Vuie ‘o ssapite comme so’ fatte ‘e femmene, so’ tutte zocc....

VALDI                           Don Vincenzo, volevo presentarvi il nostro autore, nonché attore e regista..il famoso    Piersavelli

VINCENZO                  Ahh, è nu piacere gruosso assai..Hai visto Putipu’, tu dicive ca nun’’o ssapive a chiste...qua ci sta Pirandelli...E’ possibile che v’aggia studiato ‘a scola ?

VALDI                         Chiedo scusa, il signore si chiama Saverio Piersavelli

VINCENZO                  Qua’ signore ?

VALDI                            Chiste.

VINCENZO                     E ch’amma ‘a fa’?

DIANA                            Pucci pucci...

VINCENZO                     Statte zitta Putipu’ e famme parla’.(vuole sedersi)

VALDI                            Una sedia per don Vincenzo.

SAVELLI                         Facimmece duie passe.

VINCENZO                No, no, preferisco stare in piedi, tanto mo me ne vaco, che me ne fotte a me ‘e chelli quatto fetenzie che dicite vuie, io v’aggio purtato a Diana pecchè è nu mese ca tutte ‘e juorne me fa na capa tanta pe’ fa ‘o tiatro. Pe’ m’’a lua’ ‘a tuorno, ate capito ?

DIANA                             Pucci pucci...

VINCENZO                   Statte zitta Putipu’ e famme parla’.

SAVELLI                       Se ho ben capito, vuie site ‘o sigritario ‘e sua Eccellenza.

VINCENZO                    ‘O sigritario..’o sigritario ??

SAVELLI                        Maronna e ch’aggio fatto ??     

VALDI                            Per carità, chillo scherza, sapite è comico.Lo sa che voi siete Eccellenza, caro don Vincenzo, era un complimento per dirvi che siete giovane.

VINCENZO                     Uhm...Stai bbuono Vicie’, non vottare ‘e mmane. Dunque vuie facite ‘o comico?

SAVELLI                        Diciamo di sì.

VINCENZO                     E facendo così non volete invecchiare?

VALDI                             Ehm...e così andremo a Roma.

VINCENZO                      Brave, brave, e quando partite ?

VALDI                               Dicevo..con tutta la compagnia.

VINCENZO                      Giusto. Valdi, voi da Roma nun ve ne jate cchiù!

SAVELLI                            Ma che d’è, ‘na minaccia ?

VINCENZO                         E site tutte...comme se dice..artiste?

SAVELLI                            Senza diciamo così.

VINCENZO                        Brave, brave..per me gli artisti sono..comme se dice...

VALDI                               Eclettici.

VINCENZO                       No, no, comme se dice..sono...

SAVELLI                           Verace.

VINCENZO                        ...’a munnezza d’’a gente.

RARDI  (entrando)             Eccomi pvonto all’uso.

VALDI                                Voi senz’altro conoscete il grande Nereo Rardi.

VINCENZO                          E chi è ?

VALDI                                  Lui stava nel cinema.

VINCENZO                        Nun m’’o ricordo, addo’ steva assettato.

RARDI                           Simpatico, vevamente simpatico.(da una pacca a Vincenzo)

VINCENZO                      Uhm...stai bbuono Vicie’ e non vottare ‘e mmane! Signammoce ‘o nomme ‘e chisto.

SAVELLI                           E così la signorina fa l’attrice.

VINCENZO                Le piace assai il contatto co ‘a gente.

SAVELLI                    Ma no ?!

VINCENZO                Io ce l’aggio ditto: Putipu’, te porto a piazza Venezia, hai voglia ‘e gente....ma niente

SAVELLI                    Bene, vogliamo iniziare la prova ?

RARDI                        Io sto fvemendo

VINCENZO                Che ha ditte ?

VALDI                        Tiene la erre moscia.

VINCENZO                Sulo a erre ?

VALDI                        Io saccio ‘e fatte suoie ?

DIANA                         Pucci pucci...

TUTTI                         Statte zitta Putipu’ e fallo parla’.

VINCENZO                 Grazie.

TUTTI                          Prego.

VINCENZO                 Allora me ne vaco..

SAVELLI                      E quando tornate a prendere ..la cosa, come si chiama...

DIANA                          Vicie’, m’ha chiamato cosa.

VINCENZO                     Uhm....

TUTTI                              Stai bbuono , Becie’ e non vottare ‘e mmane.

VINCENZO                     E mo io nun me ne vaco cchiù. Aggia sta cca’.  ‘O primmo ca s’avvicina a Fragolina mia...Becie’, fa tu.

SAVELLI                          Ma io non ammetto estranei alle prove.

VINCENZO                      E allora jatevenne, nun ce pigliammo collera.

SAVELLI                    Commendato’, ma voi non dite niente.

VALDI                         Vulite ca v’accumpagno ?

SAVELLI                    E va bene, se le cose stanno così....resto!

DIANA                          Signor Rardi, avete della polvere bianca sul naso.

RARDI                         E’ bovotalco.

DIANA                        Ma come ve lo mettete ?

RARDI                         E.....E la moglie chi la fa ?

VALDI                         (sottovoce) La Raimondi.

RARDI                         Chi ?

VALDI                          (idem) La Raimondi.

RARDI                          Non ho capito.

VALDI                           Maria Addolorata Raimondi.

VINCENZO                   Nu mumento !

SAVELLI                       S’è sciolta ‘a cumpagnia.

VINCENZO                    Chi  ‘a fa ?

VALDI                           La Raimondi, don Vincenzo.....ma fu un errore quella sera, fu un incidente..Mi dovete credere, Eccellenza...Save’, parlate voi..

SAVELLI                       La signora Raimondi è un’artistona.

VINCENZO                    E chi se ne fotte.

SAVELLI                       Tutto se po’ dicere tranne che nun è nu signore.

VINCENZO                    Valdi, si pe’ causa vostra ho dei fastidi a Roma io non ve faccio niente . Chiamo la squadra mia, avete capito qual è la squadra mia, e ve faccio rompere ‘e ccosce.

VALDI                            La Salernitana ?

SAVELLI                        Ma che gioca a ‘o pallone ?

VALDI                       Statte zitto, Save’. Don Vincenzo, la signora Raimondi è a posto..Figuratevi che le è morto il marito e lei è contenta perché si può vestire completamente di nero.

                            SCENA  SESTA   

REIMONDI                  (in abito rosso)      E che teneno ‘sta  chiorma ‘e guagliuncelle ccà  fora..chiste nun so’ figlie d’’a lupa, chiste so’ figlie...’e femmene oneste.

Aspettavate a me ?

VINCENZO                  E che d’’è sta vesta rossa ?

VALDI                          A me sembra rosa forte...

VINCENZO                  Ma forte assai.

VALDI                          Signo’, dicite, vuie mica siete socialista ??!!

REIMONDI                   Nooooo.

VALDI                           Voi siete fa...fa...

REIMONDI                   Famosa.

SAVELLI                       No, no...fa...fa...

REIMONDI                   Facoltosa.

SAVELLI                       No, no, guardate a me..Fa...fa...

VALDI                            Faciteme ‘o favore, purtatevella.

VINCENZO                     Putipu’ io me vaco a’ leggere ‘o giurnale ‘ncoppa ‘a na pultrona.   Tu staie cu tante d’uocchie aperte, ca chille, l’artiste so ‘ una maniata ‘e fetiente.

SAVELLI                          C’ha salutate.

RARDI                              Ma quando si comincia, io mi sto ammosciando.

VALDI                             E’ già finito l’effetto.

SAVELLI                (alla Raimondi) Signora, io sono emozionato all’idea di dirigervi.

REIMONDI            Ma comm’’è sta cummedia, fa chiagnere ?

SAVELLI                E’ un dramma, ma vissuto da dentro..

REIMONDI             Ah, è ambientato dint’’a nu carcere ?

SAVELLI                 No, veramente.....

REIMONDI              Io facette  ‘a  mamma  in “ Ma pecchè m’hanno dato vint’anne”.

SAVELLI                 Ah, ho capito, è la storia di quella ragazzina che dimostrava di più dell’eta’ che aveva.

 

REIMONDI               Ma chi ? Ma pecchè m’hanno dato vint’anne se ero incensurata.

SAVELLI                  Ah, ecco,veramente è ambientata in una povera casa.

REIMONDI                Si era dint’’a  nu carcere era meglio.

VALDI                        Save’, nun ‘e putimme fa tutte carcerate ?

IOVINE                        E pecchè comme penzate che fernesce.

REIMONDI                 Io me truvavo ‘a parte già fatta...ce sta nu cafe’ ?

VALDI                        Cchiù tarde arriva ‘o cafe’.

REIMONDI                  A me, corretto.

SAVELLI                      Vi metto una goccia di Sambuca nel caffe’ ?

REIMONDI                 Mettite ‘o caffe’ dint’a butteglia ‘e sambuca, po’ m’’o veco io.

VALDI                           Suo figlio lo fa il grande Rardi.

REIMONDI                    Ma allora parla !?...Al cinema l’aggio visto nun parla mai, infatti me crerevo che era muto.

RARDI                            Pavlo e sono pvopvio onovato.

REIMONDI                     Va buo’, stateve zitto che è meglio.

SAVELLI                       (a Diana)  Signorina, voi sapete dire solo Pucci pucci o pure altre cose ?

DIANA                             Io so cantare e so’ fare anche le imitazioni.

VINCENZO                    Brava! Brava! (applaudendo)

SAVELLI                        Chella ancora  ha da fa’ niente.

VINCENZO                    Ma pecchè, vuoi dicere che non è brava ?

VALDI                            Per carità, non diceva questo.

VINCENZO                    State accorto, pollicino, ca io te tengo puntato.

SAVELLI                        Dunque, signorina, ci volete far vedere qualcosa ?

VINCENZO                     Che t’ha da fa vede’, che t’ha da fa vede’?

SAVELLI                        Niente, che m’ha da fa vede’! Una poesia la sapete ?

DIANA                            Sììììììììììììì. Una

SAVELLI                        E fatemi un verso.

DIANA                            (fa una boccaccia)

VINCENZO                     Brava, brava Putipu’, si’ grande.

SAVELLI                          M’aggia convincere che è brava.

REIMONDI                      Sentite, se vulimme accummencia’ pecchè a me me fanno male ‘e piede.

DIANA                              Dovete provare a mettervi le scarpe basse...io quando lavoravo sul marciapiede, la sera si facevano due piedi così

VALDI                              Sì...perché la signorina faceva teatro di strada.

RARDI                               E adesso lavovate ancova in stvada ?

DIANA                               Nooo, sto sopra a una casa, ma Pucci pucci ha detto che mi leva.

VALDI                               Sì, perché lavorava in un teatro piccolo, sembrava una casa  e  mo'  Pucci pucci...ehm, Sua Eccellenza l'ha scoperta e ce l'ha data a noi.

RARDI                              E che geneve facevate ?

DIANA                             Pucci pucci diceva che facevo bene...

VALDI                             ..il melodramma.

SAVELLI                         No, faceva l’opera.

REIMONDI                       L’opera ?

SAVELLI                          Sì, la traviata.

REIMONDI                       Allora site na cantante ?

VALDI                              Sì, ma fa pure l’attrice... fa nu poco tutte cose

SAVELLI                          Basta ca uno paca.

RARDI                               E ultimamente dove avete lavovato ?

VINCENZO                        Ueh, ma vuie quante fatte vulite sape’ ?!?

RARDI                                 Eva pev conoscevci meglio.

VINCENZO                        Che he ‘a cunoscere, che he ‘a cunoscere !!??

RARDI                                 Va bene, ma qui non si può pvopvio pavlare più.

VALDI                                   Garantisco io per la signorina.

VINCENZO                          E io ccà che faccio ?

VALDI                                   Per carità, don Vincenzo, era per alleggerirvi.

REIMONDI                           E ce sta nu copione ‘e sta cosa ?

SAVELLI                               Ne ho fatte preparare otto copie, ma prima vorrei introdurre la trama. A proposito, commendato’, non mi avete detto chi fa la parte del marito di Ninuccia.

VALDI                                   Avete ragione, stiamo aspettando a Stanislao Sigismondi. Ma vedo che sta in ritardo. Nel frattempo, se non vi disturba lo potrebbe sostituire...(indica Iovine)

SAVELLI                                 Mo, fa pure l’attore.

IOVINE                             Ueh, io non ci tengo a fatica’ cu’ te, pecchè io so’ cchiù meglio ‘e te.

VALDI                             Avanti, Iovine, solo per oggi.

SAVELLI                         Mo lo pregate pure?

IOVINE                           E va buo’, lo faccio solo per il commendatore però.

REIMONDI                      Mo me sto accummencianno a sfasterià.

DIANA                            Certo che da Madame c’è più movimento...gente che va ,,gente che viene...

RARDI                              Da Madame ?

VALDI                             Sì, il teatro Madame a Parigi..la gente pagava il biglietto e potevano entrare o uscire quando volevano.

REIMONDI                       Ma na seggia se putesse ave’, ccà pare che stammo aspettanno ‘o tram.

SAVELLI                           Sediamoci che vi racconto la storia.

TUTTI                                Facimmece duie passe.

SAVELLI                           Pasqua nella dimora dei signori Tuppiello.

REIMONDI                        Maronna, e che d’’è ?

SAVELLI                           Il titolo

REIMONDI                        Si nu fosse che me servono ‘e sorde !!!

SAVELLI                            E la storia di un uomo che vive all’oscuro...

DIANA                                Perché, gli hanno tolto la corrente ?

SAVELLI                             Vive all’oscuro di tutto quello che accade in casa sua. Luca Tuppiello si isola nel suo mondo e pensa solo a preparare il suo panettone.

IOVINE                               Ma nun è meglio ‘a pastiera?

SAVELLI                           Iovine, io v’ho pregato.

IOVINE                             Nun è bbona sta cosa.

SAVELLI                          La moglie lo tiene all’oscuro...

RARDI                           Che cattiva..e come fa il povevello a fave il panettone all’oscuvo ?

SAVELLI                      Lo tiene all’oscuro di quello che succede...il figlio è un fannullone buono a niente..

RARDI                         La pavte mia è bella.

SAVELLI                      Il fratello di Luca vive con loro e mette a disposizione il suo stipendio...

DIANA                         Ma non si ride mai ?

SAVELLI                     Questo è un dramma in chiave intimista..e vi ho pregato di non intervenire.

IOVINE                          Nun è bbona sta cosa.

SAVELLI                       La figlia di Luca è sposata, ma ha un amante ed  il marito è all’oscuro....

REIMONDI                    Ma dint’’a sta cummedia nun ce sta nu poco ‘e luce ? E mettitancella na lampadina!

SAVELLI                        E’ all’oscuro dell’adulterio...Quando Luca Tuppiello lo scoprirà, il suo mondo gli crollerà addosso e lui si ammalerà gravemente.

RARDI                             Peccato che non lo posso fare io Luca, le parti da moribondo mi vengono così bene.

SAVELLI                         Il figlio di Luca si prenderà finalmente le sue responsabilità e diverrà il nuovo capofamiglia. Sipario.....Va buo’, nun avite capito niente. Pigliateve ‘e cupione ce vedimmo  lunedì alle otto e trenta.

REIMONDI                     A me sta storia m’ha fatto sceta’ na famme.

DIANA                            E alla fine la malafemmina devo fare. E’ destino..Madame me lo dice sempre, lo tengo nel sangue.

VALDI                   E’ piaciuta Save’, è piaciuta assai.

SAVELLI               Però nun ‘o danno a vede’ !

VINCENZO            E questa l’avete scritta tutta voi ?

SAVELI                  Tutta.

VINCENZO            Nun s’ha da vede’ niente cchiù.

REIMONDI             Valdi, si putisse ave’ n’anticipo..

VALDI                     Veramente non mi trovo i contanti.

REIMONDI              E cercateli, v’aspetto ‘a cantina.

VALDI                       Signo’, però al tavolo, no sotto.

REIMONDI                (a Savelli) Bella cosa ate scritto..certo ‘o titolo è nu poco debbole, ‘a storia è chella che d’’è, ‘e personagge so’ abbozzate...ma tanto ve pavano ‘o stesso..e allora che ce ne fotte.

RARDI                       Valdi, voi non ci cvedevete, ho smavvito l’anticipo.

VALDI                        Diciamo che si è polverizzato.

RARDI                        V’aspetto alla cantina.

VALDI                        ‘O cantiniere nun ha mai avuto tante cliente

 RARDI       (a Savelli) Bella stovia, complimenti. E poi è.. è...eeehhh!

VINCENZO                 Bravo, m’ate commosso. M’ha pigliate ccà, ‘a vocca d’’o stommaco...m’ha dato nu senso ‘e pesantezza...me ‘o fa  tale e quale quando me magno ‘e puparuole ‘a sera.

DIANA                         Bravo, avete scritto veramente un bel film.

VALDI                          I miei ossequi, Eccellenza. Signorina Diana ! E grazie, grazie assai.

IOVINE                         Scusate, signor registro, ma cumm’è che ‘a cummedia se chiamma Pasqua etc etc e Tuppiello fa ‘o panettone ?...’O ì, t’aggio miso in difficoltà. Nun è bbona sta cosa, nun è bbona.

VALDI                          Io vado alla cantina, Save’, voi venite ?

SAVELLI                      Me trattengo n’atu ppoco ccà.

VALDI                        Save’, che ve ne sembra ?

SAVELLI                     ‘E che ? io nun saccio cchiù manco comme me chiammo !

VALDI                          Ma ‘a commedia è bbona ?

SAVELLI                      Voi avete fiducia in me ?

VALDI                           Non tanto. (esce)

SAVELLI                        E mo vedimmo. Hanno asci’ articole a sei colonne ‘ncopp’’e giurnale. Si parlerà solo di me.

                              SCENA  SETTIMA

Savelli       Allora, la signora Reimondi è Concetta, la signorina Diana è Ninuccia, Nereo Rardi è Tommasino...commendato’ ma sto Sigismondi quanno vene’?

Valdi         Cchiù tarde, pe mo’ facite leggere a Iovine.

Savelli      E certo, chillo tene famiglia. Ma po’ come fa’ che nun sa leggere ?

Iovine        Ueh, grande registro,  faciteve ‘e fatte vuoste, mo vec’io comme aggia fa’ .

Savelli      E va buo’: Allora Iovine è Nicolino e io Luca. Cominciammo.

Raimondi    (urlando) Luca, Luca .

Iovine         Chi è, chi sta chiammanno ?

Savelli       Ma voi vi chiamate Luca ?

Iovine         No.

Savelli       E allora stateve zitto.(alla Raimondi) Voi pecchè alluccate.

Raimondi    Io quanno facevo ‘a mamma alluccavo sempe.

Savelli       E ccà un avite ‘a allucca’. Chillo,  Luca,  sta durmenno, le facite veni’ na cosa primma d’’o tiempo. Facite dolce dolce.

Raimondi    Luca, Luca. Sorgi dal talamo.

Diana        Cos’è il talamo ?

Savelli      Signorì, in linguaggio poetico il talamo è il letto.

Diana       E questi tengono i sorci nel letto ?

Rardi        Pevmettete, Save’? Signovina, significa : alzati dal letto, è la moglie che lo avvevte.

Diana        Ah, ecco, è come dico io, l’avverte di alzarsi perché ci sono i sorci.

Rardi         No, è che...

Savelli       Rardi, lassate fa ‘a Maronna, jamme avanti. Riprendiamo dall’inizio.

Raimondi    Luca, Luca, sorgi dal talamo, l’orologio batte le nove.

Diana         (ride)

Savelli       Signori’, che altro c’è adesso ?

Diana         Mi viene da ridere perché anche io comincio a battere alle nove.

Savelli       Basta con le interruzioni, andiamo avanti

Raimondi    Luca, Luca, ti prego alzati, le nove sono ormai trascorse.

Savelli       Oh, mia cara, mi stai dicendo che sono le nove?

Raimondi    Sì, caro: sorbisci il tuo caffè, l’ho tosto...

Diana       L’ho tosto...ah, ah...lo dice sempre Pucci pucci, l’ho tosto, è vero Pucci pucci ?

Vincenzo   Statte zitta Putipu’ e falli parla’.

Raimondi   Sorbisci il tuo caffe’, l’ho tosto sistemato sul tuo comodino.... Luca, per l’amor del cielo, affronta il nuovo giorno, sono le nove.

Savelli    Ah, sono dunque le nove ?

Rardi     Posso fare una domanda?   Luca è cevebvoleso?

Savelli   Rardi,  per favore, almeno voi. Continuiamo.

Rardi      Ah, ho capito,  è sovdo.

Savelli    Ah, son dunque le nove ? Son già battute le nove: Al calar del sole, non appena ti poni sul guanciale divengono immediatamente le nove.

Diana      Io questa non l’ho capita. Luca fa il salumiere ?

Savelli    No, e pecchè ?

Rardi       No, la signovina intendeva pev via del guanciale.

Savelli     Oh, madonna mia...signurì, il guanciale è il  cuscino.

Diana       Ah, ecco. Non l’ho capita uguale.

Raimondi   Ma chesta chi l’ha mannata ?

Savelli      Mia diletta, ritieni che la temperatutra al di fuori sia rigida ?

Raimondi   Sì, caro, molto rigida. C’è pericolo di congelamento.

Savelli    Non ne dubitavo. La qual cosa mi era parsa ben evidente durante la notte. Non riuscivo a riscaldare il mio corpo.( Sbadiglia)

Valdi       Va buo’, Save’, ma se sbadigliate voi che l’avete scritta nuie avessimo a durmi’ già ‘a tre quarti d’ora.

Savelli     Lo sbadiglio è di copione. (sbadiglia, ad uno ad uno lo seguono tutti )

Valdi        Save’, luate stu sbadiglio, ja’, che ccà s’addormono tutte quante.

Savelli      E leviamo ‘o sbadiglio. Mia cara, ritieni che la temperatura al di fuori sia rigida ?

Iovine        N’ata vota ! Tene raggione Erremoscia, chiste è proprio un celebre leso.

Valdi         Iovine,  stateve zitto, vedimme comme fernesce.

Savelli       Ripeto: Mia cara, ritieni che la temperatura al di fuori sia rigida ?

Raimondi    Sì, rigida, estremamente rigida, assolutamente rigida, inesorabilmente rigida. E’ proprio rigida, rigida rigida.

Iovine         Pur’’a mugliera però, ha da pati’ nu poco c’’a capa.

Savelli       Dov’è il panettone ?

Rardi         Pevchè, si mangia ?

Savelli       E’ battuta di copione.

Rardi          Chiedo scusa.

Savelli        Dov’è il panettone ?

Raimondi     E’ qui, mio Luca: nessuno ha osato rendergli sacrilegio.

Savelli        Quest’anno ho ferma intenzione di preparare il panettone più buono di tuti gli altri anni. Ho fatto la planimetia, l’assonometria. E poi ho una nuova ricetta: il grano al posto dello zibibbo.

(Parte la musica che poi sfuma su una parte di lettura successiva)

Savelli        Tommaso, figlio mio, sorgi dal giaciglio l’orologio ha battuto le nove.

Iovine          Allora è nu vizio ‘e famiglia.

Rardi          Fovse si vitivano un poco tavdi la seva.

Savelli        (alterando la voce per farli tacere) Non è buon costume

Diana          La Buoncostume, devo scappare....

Valdi           Signori’, no,  è un modo di dire non è quella Buoncostume  è quel buon costume..

Rardi           E’ maschile

Diana           Non sapevo che c’era anche quella per i maschi.

Rardi            No, è che....

Raimondi       Maronna, si le putesse da na cosa ‘nfaccia.

Savelli          Per favore! E voi Rardi, state attento che tocca a voi. Non è buon costume attardarsi tanto in una simile operazione. Coraggio, destati.

Rardi            Vovvei un covvobovante desinave.

Iovine            Ma c’ha ditto ?

Rardi          Vovvei un covvobovante desinave.

Iovine          Nun se capisce !

Savelli      Vorrei un corroborante desinare.

Iovine        Nun se capisce uguale.

Rardi        Don Save’, io pevò v’avevo pvegato, tvoppe evve, tvoppe.                               Io dovvei esseve sfvuttato per la mia mimica . Posso sostituive la battuta con una faccia ?

Valdi         ‘A faccia d’’famme !

Rardi         Così, guavdate.(fa un’espressione)

Savelli       Andiamo avanti, casomai vi levo qualche erre. Levate il condizionale, vorrei, e mettete il presente indicativo.

Rardi         Che devo metteve, scusate ?

Raimondi    Ammo fatto ‘a riunione d’’o  premio Nobel per la letteratura.

Savelli       Dite voglio e non vorrei.

Rardi          Ah, gvazie, mo ho capito. Voglio e non vovvei un covvobovante desinave.

Savelli        Accussì dicevo. Sempre desinare: hai confuso il tuo letto con un desco.

Iovine          Nu teschio ? Ma che d’è n’ata vota l’Amleto ?

Savelli        Ho detto desco, è la tavola. Raggiungi la cucina dove la tua genitrice provvederà ad alimentarti.

Rardi        Voglio e non vovvei un covvobovante desinave.

Savelli      Se ti alzi e andrai in cucina dopo tuo padre ti sorprenderà. Sto preparando il panettone. Ti piace ?

Rardi        Non mi piace il panettone.

Savelli      Come non ti piace, il panettone è una cosa religiosa!

Rardi        Eh, una cosa veligiosa con il gvano al posto dello zibibbo.

(la musica parte per sfumare su un nuovo pezzo di lettura)

Raimondi   Cosa hai fatto, figlia mia ?

Diana        Ho voltato le, spalle e sono, andata, via, via via via via... posso dire tre volte via ?

Savelli      No grazie, ne basta uno.

Diana        Io ne vorrei dire tre.

Savelli      Ho detto che ne basta uno.

Vincenzo    Ueh, guaglio’, falle dicere via, quante vote vo’ essa, ca si no t’arapo ‘a capa.

Savelli      Sì, forse tre volte è rafforzativo.

Raimondi   Figlia mia, e se il tuo non amato consorte viene qua ?

Diana        Io non, ne, posso, piùùùù. E’ un uomo che mi tor...che mi tor...menta...tormenta ? Ah, sì, il vento. Allora lo dico meglio. E’ un uomo che mi toooormeeenta con la gelosiaaaa.

Raimondi    Ma tu non lo devi tradire.

Diana         Mappe...mappi..

Iovine         Mappina.

Diana         Mappe...mappe..

Valdi          Mappetella.

Diana         Mapperchè, io che, faccio. Non mi fate ridere. Ah, ah. Il fatto vero è che io sono una stupida.

Iovine         Meno male che s’’o  cunosce

Diana         No, io questa battuta non la voglio dire.

Savelli       Ma vedete signori’, non è indirizzata a voi, voi siete Ninuccia e quindi è lei che parla, perciò dovete dire io sono una stupida.

Vincenzo     Ueh, cap’’e vacca, comme ve permettite ‘e dicere stupida a Putipu’?

Savelli       Ma non sono io , è il testo che l’impone.

Vincenzo     Ma pecchè,  nun l’hai scritta tu sta fetenzia ?

Savelli       Sì, cioè...come fetenzia ?

Diana        Io non lo voglio dire.

Valdi         Save’ e perfavore, non vi ostinate.

Savelli       Va buo’, facite accussì, dite: io non sono una stupida.

Diana         No, è troppo poco, io voglio dire che sono intelligente.

Savelli       Dicite come vulite vuie.

Diana         Il fatto vero è, che, io, sono una intelligente, altrimenti l’avrei già, lasciato.

(ancora stacchetto musicale)

Diana         Scusate, don Saverio, io non capisco questa battuta.

Iovine          Perché l’altre l’ha capite?

Savelli        Dite pure, signorina.

Diana          Come avete detto ?

Savelli        Mi avete chiesto una spiegazione ? Ho detto, dite pure.

Diana          Pure.

Savelli        Ma no, io dicevo...

Diana          Lo so, lo so, era una battuta spiritosa, se adesso non si può neanche scherzare...

Rardi           Signovina, io ho viso tanto

Savelli         Allora, signorina, che mi dovete dire ?

Diana           Perché Ninuccia quando litiga con la madre rompe il panettone in testa al fratello? Se fosse torrone sarebbe più divertente.

Savelli         Ma il panettone è un simbolo del suo disadattamento nei confronti della vita.

Diana           Secondo me il torrone è più divertente.

Savelli         Ma no...

Vincenzo       Falle rompere chello che vo’ essa!

Iovine           ‘Na cosa in particolare ‘a sa rompere bbuono.

Savelli         Ma chesta nun è na farsa, è un dramma.

Vincenzo       No, chesta è na traggedia. So’ tre ghiuorne che sto assettato llà ‘ncoppa e che me state scassanno ‘e rrecchie. ‘E sorce int’o lietto, ‘e zoccole in palcoscenico, ‘o guanciale d’’o salumiere, ‘o panettone ‘e chi t’è vivo. Niente funziona. La pasqua non è bbona come festa. Basterebbe spostare tutto a Natale e tutto andrebbe meglio. ‘A gente ce piace cchiù ‘o Natale che ‘a Pasqua.

Savelli         Impresa’, ma questo come si permette, dite qualcosa!

Valdi            Beh, certamente, l’autore si’ tu, è giusto, ma chesta è un’ipotesi buona assai.

Savelli         Commendato’, basta compromessi.

Rardi            Cevto che l’idea del Natale è gvaziosa.

Raimondi       Anche a me, me pare na bella cosa.

Iovine            Comme dice ‘o ditto antico: A Natale...ogni scherzo vale.

Savelli          Questo è ammutinamento. Va buo’, io me ne vaco.

Vincenzo        E vattenne va, accussì me vaco a fa’ na bella partitella a briscola.

Savelli          Commendatore, ma voi non dite niente ?

Valdi                    Aspetta, aspetta nu mumento, Save’, non essere così impulsivo. Eccellenza non ha torto, anzi facciamocelo spiegare meglio. Scusate, Eccellenza, illuminateci.

Vincenzo            Che v’aggia illumina’ ? ‘A gente ‘o mese ‘e dicembre si riunisce attorno ‘o focolare. Luca invece ‘e fa stu panettone, nonostante la miseria, dovrebbe ostinarsi a fare ‘o presepe. ‘O presepe per Luca è  un’evasione dalla realtà che lo circonda, nu pertuso dove infilare la testa per non affrontare i problemi di tutti i giorni, che sulamente ‘a mugliera, più forte di lui caratterialmente, sa risolvere e sa nascondere al marito, conoscendone la sua indole infantile e poco pratica. La negazione del prsepe e non del panettone da parte del figlio, rappresenterebbe il conflitto tra i maschi della famiglia e la figlia invece ‘e scassa’ ‘ncapa ‘a ‘o frate il panettone o ‘o torrone, potrebbe semplicemente scassare il presepio del padre a simboleggiare la rottura dei sogni di un padre bambino.

Valdi            E’ geniale.

Rardi           Supevba.

Iovine           Ch’avite ditto ?

Rardi             Supevba.

Iovine             Io nun ‘o capisco mai a chisto.

Raimondi        Tutta n’ata cosa.

Valdi               E’ affascinante, la commedia prenderebbe corpo.

Iovine              Comme dice ‘o ditto antico: Chi fa da se’...fa da se’.

Savelli            Io non do la mia arte in pasto ad un....

Valdi               Save’!

Savelli            Ma insomma, commendato’...Luca deve fare il panettone.

Valdi                    E te lo facciamo fare, tanto Eccellenza dice che lo ambientiamo a Natale. Glielo fate fare il panettone, Eccellenza ?

Vincenzo             Dietro le quinte po’ fa chello che vo’ isso.

Savelli                  Ma so’ cose ‘e pazze ! La cosa bella è proprio il fatto  che lui lo fa a Pasqua. L’ho già detto, è il punto fondamentale  del lavoro. Questo è un dramma psicologico.

Valdi                     Ma solo un pazzo farebbe il panettone a Pasqua.

Rardi                     E’ meglio spostare tutto a Natale.

Savelli                 Allora, se volete tutti che sia ambientato a Natale, Luca deve fare la pastiera.

Iovine                     Chisto sta proprio scumbinato.

Savelli                    Commendato’, io abbandono l’impresa.

Valdi                         Save’, non ci conviene.

Vincenzo             Siente a me, guaglio’, il soggetto è na schifezza, ‘e dialoghi strozzano ‘e budella, i personaggi so’ na chiavica, ‘o titolo è da cagna’, ma il resto è buono.

Savelli               Ma  come sarebbe il resto....

Vincenzo          E poi la gente nun parla accussì comme ‘a fai parla’ tu. Damme ‘o cupione, ce penz’io. Ce vedimme dimani. Puntuali: otto e mezza. Jammuncenne Putipu’.

Savelli              Io abbandono.

Valdi                   Save’ e jamme ja’, che Eccellenza ti fa’ scegliere  ‘o titolo. E’ vero, Eccellenza ?

Vincenzo           E prova nu poco

Savelli               Commendato’, ma vi rendete conto ?

Valdi                   Scegli ‘o titolo, Save’, siente a mme.

Savelli               Ma non so...io...

Valdi                   ‘O titolo, Save’, ca pierde pure chillo. Eccellenza, Saverio avrebbe una proposta.

Vincenzo             Dite, dite pollici’ !

Savelli            Vediamo...25 dicembre nella dimora dei signori Cupiello.

Vincenzo              E che d’è sta dimora ?

Savelli                  La casa.

Vincenzo               E allora dici “casa”. Ci vuole un titolo con la parola casa e che faccia riferimento al Natale.

Valdi                       Forza, Save’, impegnati.

Savelli                  Allora....casa Cupiello, 24 dicembre 1925.

Vincenzo                No...troppi numeri.

Savelli                   Allora...Dalla grotta di Betlemme a casa dei Cupiello.

Vincenzo                No...troppo religioso.

Savelli                   Casa Cupiello: è Natale.

Vincenzo                 No...

Iovine                        Ne ‘ngarrasse  uno!

Savelli                 Mi arrendo.

Vincenzo                Natale in casa Cupiello.

Valdi                         Save’, e che ci voleva !

                             Fine  primo  atto

                             

                      SECONDO  ATTO

Gli attori stanno facendo una prova ben fatta di “ Natale in casa Cupiello”.

Elementi fondamentali: il letto di Luca, centrale. Quello di Tomasino, una toletta con specchio, uno o due comodini, tre sedie due a sinistra e destra del matrimoniale, uno vicino alla toletta.(resterà così per tutto il secondo tempo)

CONCETTA                Lucarie’, Lucarie’...scetate songh’’e nnove........Lucarie’, Lucarie’..scetate songh’’e nnove..Lucarie’, Lucarie’, e scetate, songh’’e nnove.

LUCA                            Ah,...uhm  songh’’e nnove ?(si riaddormenta)

CONCETTA                   Pigliate  ‘o ccafe’.....Lucarie’, Lucarie’, scetate songh’’e nnove.

LUCA                              (si leva le coperte che aveva  attorno al volto) Ah, sono le nove ? Già si sono fatte le nove! La sera sei privo di andare a letto che subito si fanno le nove del giorno appresso. Conce’,  fa freddo fuori ?

CONCETTA                    Hai voglia, si gela.

LUCA                               Io me ne so’ accorto stanotte: Non riuscivo a prendere calore.(sbadiglia) ‘O ccafe’, Cunce’?

CONCETTA                      Sta sopra al comodino.

LUCA                                  Ah, già.(prende la tazza) Conce’, fa friddo fuori ?

CONCETTA                        Sì, Lucarie’, fa friddo. Fa friddo e basta.

LUCA                                   Eh, questo Natale si è presentato come comanda Iddio, con tutti i sentimenti si è presentato. (beve un sorso di caffè) Che bella schifezza che hai fatto, Conce’!

CONCETTA                        E già , mo le facevemo ‘a cioccolata. E’ nu poco lasco ma è tutto caffe’.

LUCA                                   Ma perché vuoi dare la colpa al caffè che in questa tazza non ci è mai stato ?

CONCETTA                           Ti sei svegliato spiritoso stamattina ? Beato a te, beato a te.

LUCA                                    Non lo sai fare e non lo vuoi fare, perché vuoi risparmiare. Col caffè non si risparmia. E’ pure la qualità scadente. Tra l’altro puzza ‘e scarrafone.  Conce’, fa friddo fuori ?.

CONCETTA                           Sì, Lucarie’, fa friddo assai: fa friddo, ma che sì ssurdo?

LUCA                                  Questo Natale si è presentato...

CONCETTA                         Come comanda Iddio: Pure questo l’abbiamo detto.

LUCA                                   Pure questo l’abbiamo detto. Conce’, se noi ci mettiamo a vedere quello che abbiamo detto e quello che non abbiamo detto, noi due non parliamo più.  Addo’ sta ‘o presepio ?

CONCETTA                           Sta là, ‘o  ‘ì, nessuno te lo tocca.

LUCA                                      Hai squagliato la colla ?

CONCETTA                            Lucarie’, io adesso mi sono alzata.

LUCA                                      Ancora non l’hai scaldata ? E io come faccio?

CONCETTA                            Aggio capito, andiamo a sguagliare la colla, per  il nostro Lucariello. Stamattina mangiamo colla. Cos' ’e pazze......

LUCA                                  Ti sei fatta vecchia, Cunce’, vecchia. (si alza pian piano)

Tummasì, Tummasì, scetate songh’’e nnove. Io lo so che stai svegliato, è inutile che fai finta di dormire. Tummasi’, scetate, songh’’e nnove. E questo vuoi fare! Vedite si è na cosa regolare, nu cetruolo chiatto chiatto che dorme fino a chest’ora. Io all’età tua alle sei e mezzo mi alzavo al letto come un grillo per accompagnare mio padre che andava a lavorare. Lo accompagnavo alla porta, ci baciavo la mano, perche’ allora al genitore si baciava la mano..poi me ne tornavo e mi coricavo un’altra volta.

Svegliati, hai capito ?

TOMMASINO              ‘A zuppa ‘e latte.

LUCA                             E questa è la sola cosa che pensi: “ ‘A zuppa ‘e latte, ‘a cena, ‘a colazione”. Alzati, ‘a zuppa ‘e latte te la vai a prendere in cucina perché non tieni i servitori.

TOMMASINO                Se non me la portate dentro al letto non mi sòso.

LUCA                               No, tu ti sòsi, se no ti faccio coricare all’ospedale. Avanti che tuo padre deve finire di fare il presepio. Ti piace come sta venenno ?

TOMMASINO                  No.

LUCA                                Certo non è finito ancora, ma tengo certe idee. Tra le altre cose faccio un laghetto e faccio scendere l’acqua vera.

TOMMASINO                 Seh, l’acqua vera !

LUCA                               Si, metto l’enteroclisema dietro, apro la chiavetta e scende l’acqua. Ti piace?

TOMMASINO                   No.

LUCA                                 Ma come fa a non piacerti, quello il presepio è una cosa religiosa.

TOMMASINO                    Sì, mo na cosa religiosa con l’interoclisemo dietro.

SAVELLI                            Va buo’, questa scena la riprendiamo domani.

RARDI                                  (spaesato) Papa’, che dite non vi capisco.

SAVELLI                              Come non mi capite, ho detto che la continuiamo domani. E poi perché mi chiamate papa’ ?

RARDI                                  Uh, scusate, don Save’, voi siete così natuvale che mi paveva battuta di copione. Apposta non viuscivo a compvendeve.

SAVELLI                             Va buo’, mo pruammo la scena di Ninuccia e la madre.

  Sempre che Sua Eccellenza è d’accordo ?

VINCENZO                        Fate, fate, grande registro.

RAIMONDI                        Iamme, Putipu’, tocca a noi.

DIANA                                Ma proprio adesso dobbamo farla ?

RAIMONDI                         E quanno ? Hai sentito ‘o registro c’ha ditto. E allora alza chelli chiappe e viene a fatica’.

 VINCENZO                            ( a parte) Save’, Fragolina m’ha ditto che si vergogna nu poco quanno ce sto io ‘nnanze. Accussì io faccio vede’ che me ne vaco e me nascondo in fondo alla sala.

SAVELLI                           Come volete, Eccellenza.

VINCENZO                        No, Save’, nun me chiamma’ Eccellenza.

SAVELLI                   Grazie, allora vi chiamerò Don Vincenzo.

VINCENZO                No, Save’, leva stu “ Don”  ‘a miezo, chiammame Becie’, he capito, Becie’, e basta. Ormai siamo colleghi, o no ? Ueh, Save’ complimenti ‘o spettacolo è ‘na meraviglia. Due o tre giorni ‘e prova e  sarà  un capolavoro.

SAVELLI                      Merito vostro, don Vincenzo..eh...Becie’!

VINCENZO                Bravo. Allora io me ne vaco. Putipu’, passo a te piglia’ fra nu paro d’ore, va buono, così fai tutte cose tranquilla, è ‘o vero ?

DIANA                        Sì, Pucci pucci. Solo che devi dire qualcosa a Saverio: Quello vuole che io la dico a memoria.

VINCENZO                 E comme, non era questo che volevi.

DIANA                         Sì, ma a me no mi va di studiarla a memoria. E’ piena di parole difficili.

VINCENZO                  E allora  ‘o dicimmo a Iovine. Genna’, peffavore vedite ‘e suggeri’ quacche parola a Putipu’, che chella  se tocca ‘e nierve ‘e se la studia’ a mente.

IOVINE                         Io nun saccio leggere, ce dico chello che m’arricordo.

VINCENZO                    Statte bbona, Putipu’.

                  

DIANA                            A più tardi  Pucci pucci.

SAVELLI                       Allora siamo pronti ? La signora Raimondi e la signorina Diana per la scena di Ninuccia.                                 

             

CONCETTA                   E accussì, che he cumbinato, figlia mia ?

IOVINE                           Ho voltato le spalle...

DIANA                             Ho voltato lè,....

IOVINE                             ..spalle

DIANA                               ..spalle.

IOVINE                               E sono andata via.

DIANA                                 E sono andata.

IOVINE                                 Via.

DIANA                                Via....Via...(a Iovine )Via?

IOVINE                                 Via.

DIANA                                  Via, che ?

IOVINE                                  Via...vattenne.(fa segno tre con la mano)

DIANA                                    Via... vattenne... 3.

SAVELLI                                  Signorì, ma che d’è,  n’indirizzo ?

DIANA                                      Ma lui ha fatto segno tre, con la mano,

SAVELLI                                   Iovine, ma site asciuto pazzo ?

IOVINE                                      Io aggio fatto segno tre, perché vuie, signurì,  avite ditto  che volete dire tre volte via.

DIANA                                Ah, è vero, questo è il pezzo forte mio. Ora mi ricordo. Ho voltato lè, spalle e sono andata via via via via. Uh, ne sono usciti quattro! Si, ma qui va bene uguale perché Ninuccia voleva proprio andare via, vero Save’.

SAVELLI                           Perfetto, andate pure avanti.

CONCETTA                       Ueh, mamma mia, ma che si’ pazza ?

DIANA                                Saverio, scusate.

SAVELLI                           Ma non dovete interrompere ogni volta la prova...che c’è?

DIANA                               Secondo me , la signora non dovrebbe dire mamma mia perchè io sono la figlia, non la madre.

RARDI                                 Ossevvazione molto acuta, signovi’.

SAVELLI                             Per cortesia, signorina Diana, quella è un’esclamazione, la signora non sta chiammanno a voi,  può invocare la madre, la figlia, chi vuole lei.

RAIMONDI             Putipu’, fatte ‘e fatte tuoie, io  invoco a chi vogl’’io, he capito ?

IOVINE                                Andiamo avanti.

CONCETTA                   Uh, mamma mia, nonno benedetto, suocera del Carmine, ma che si’ pazza ? e chillo mo, mariteto, vene ccà!

IOVINE                            Io non ne posso più.

DIANA                              Neanch’io.

IOVINE                             Io non ne posso più.

RAIMONDI                       A me me fanno pure male ‘e piede.

IOVINE                              Io non ne posso più.

SAVELLI             No, io non ch’’a faccio cchiù. E per favore, è battuta di copione!

DIANA                                (ride) Davvero ? Che divertente, e noi che pensavamo....

SAVELLI                            Per cortesia, un po’ di attenzione.

IOVINE                                 Io non ne posso più.

DIANA                                  Io non ne, posso, più più più più più.

IOVINE                                  E’ un uomo che mi tormenta con la gelosia.

DIANA                                    Ah, già, questa è la battuta del vento forte. E’, un uomo, che mi tooormeeeentaaaa, con la... con la...

IOVINE                                     Gelosia.

DIANA                                      Ah, si: gelosia.

VALDI  (entrando con alcune buste) Signori, si mangia!

SAVERIO      E quando si prova qua ?

RARDI           Oh, c’e’ giustizia a questo mondo. Qualcosa di solido.

REIMONDI    Sperammo che ce sta pure quacchecosa di liquido.

DIANA          Evviva, evviva , si mangia. (vanno tutti e tre verso le buste su un tavolo)

 

IOVINE         Comme dice ‘o ditto antico: tanto va la gatta al lardo… che va sano e va lontano.

SAVERIO      Mo comincia n’ata vota.

RARDI     Commendato’, io giusto tengo un buco qua.

VALDI      Le riparazioni degli abiti di scena…. sono a carico vostro.

RARDI       Io parlavo dello stomaco.

VALDI       Voi mi avevate chiesto ?

RARDI        Un panino al tonno.

VALDI        Prendete voi  tanto li ho fatti fare uguali per  tutti.

RARDI        (agli altri)  Panini al tonno per tutti.

RAIMONDI    Di me vi siete ricordato ?

VALDI            Ecco qua, due litri di rosso.

RAIMONDI     Le cose solide non riesco a buttarle giù mi si irrita la trachea.

IOVINE            Pecchè ‘a tenite ancora ‘a trachea ?

SAVERIO         Diretto’, ma due litri non sono troppi ?

VALDI            Per carità, due anni fa, faceva  quattro litri a replica.

SAVERIO       E quanto verrebbe  a fare a chilometro ?

VALDI            Eh, mo’ al chilometro, quanto site spiritoso.

IOVINE           No, no, tene ragione, nell’ambiente la chiamano Isotta Raimondi Fiaschini.

SAVERIO        Diretto’, ma quando lo cacciate a quello?

DIANA          Direttore, io avrei bisogno di un paio di rossetti.

VALDI           I  trucchi di scena dell’attore… sono a carico vostro.

SAVERIO     Mi raccomando , non macchiate gli abiti di scena.

VALDI          La pulizia degli abiti di scena…..

TUTTI         …sono a carico nostro.

RARDI          Ma  come ce li macchiamo ?

SAVERIO      Con l’olio del tonno.

RARDI          Diretto’, questo è un panino al tonno senza tonno.

VALDI         L’artista si deve mantenere leggero.

RARDI         Io se non mangio, in scena mi si attacca la lingua e recito male.

SAVERIO     State digiuno da parecchio tempo?! (a  Valdi che mangia) Diretto’, che mi  dite  della prova ?

VALDI          Non si può fare, Save’.

SAVERIO      Addirittura ?

VALDI           Voi mi dovete dire chi se lo compra ?!

SAVERIO       Lo trovate un po’ pesante ?

VALDI            Una lira al chilo !

SAVERIO       Ma perché  voi lo vendete al chilo ?

VALDI           Insomma, con un pezzetto che ci fate ?

SAVERIO      Ah, no, non sono d’accordo con voi..o si comprano tutti e due gli atti, o niente…E che si fa…. uno vede il primo atto e se ne va ?

VALDI         E così il provolone non l’ho preso.

SAVERIO     E io ch’aggia fa ?

VALDI          Gesù, voi mò-mò me l’avete chiesto ?

SAVERIO      La prova, qua’ provolone, commendato’!

VALDI           Bella!…Specialmente l’inizio, quando si fa tutto scuro scuro e parte quella musichetta…

SAVERIO       Veramente quella è la fine.

VALDI             E non la potete mettere all’inizio?

SAVERIO          E l’antefatto dove lo metto ?

VALDI        Save’, sentite a me, con la luce bassa noi possiamo pure evitare di mettere la scena, così io mo riporto il letto a casa e non dormo pure stanotte sulla poltrona.

SAVERIO      No, commendato’, è meglio che dormite ancora sulla poltrona.

(al commendatore che ancora sta mangiando)  Mangiare è proprio una cosa che non capisco, io mangerei solo polvere di palcoscenico.

VALDI           E non vi si attacca la lingua ?

DIANA         (a Rardi) Io in camerino dovrei avere della marmellata…

RARDI         Io adovo la mavmellata.

DIANA         Madame lo dice sempre: gli uomini prima li prendi per la gola, poi li prendi per…

RARDI         Andiamo !(fa per portarla via)

SAVERIO    Fermi, fermi, dove andate, si va avanti con la prova.

RAIMONDI      Save’, io mi vado a stendere due minuti, se non mi sveglio voi strillate..se nemmeno mi sveglio, voi tuculiate…se nemmeno mi sveglio…

SAVERIO      …Vi mando un carro a otto cavalli. Signora, non vi muovete che  dobbiamo ripetere la scena vostra. La signorina Diana e la signora Raimondi in palcoscenico.

RAIMONDI     Tiranno.

 VALDI            E basta, Save’, me li state sfibrando, e dategli un poco di tregua!  E poi, che provate a fare, tanto… (esce)

SAVELLI         Grazie per la considerazione.  Va buo’, per oggi può bastare. Ci vediamo domani mattina a mezzogiorno: Arrivederci a tutti.

RARDI                 Signovina, poiché abbiamo finito un poco prima venite a pvendeve una sfogliatella da Caflish.

DIANA                 Io devo aspettare  Pucci pucci.

RARDI                  Sì, ma quello Pucci pucci vevvà tva un paio d’ove.

DIANA                  Allora andiamo. Ma non avete mica intenzione di mettermi le mani addosso, perché con me non attacca.

 RARDI                Signovina, non mi pevmettevei mai.

DIANA                 Ah, no ? Che peccato.

RAIMONDI          Stateve buono, Save’, ce vedimmo dimane: ma quante me fanno male ‘e piede.

IOVINE                 Io che ve saluto a fa’, tanto ce vedimme tutte ‘e juorne. E po’ come dice ‘o ditto antico ?

SAVELLI              Comme dice ?

IOVINE                 Nun m’’o ricordo.      

                                             SCENA     DUE

 

SAVELLI              ( è restato da solo e si lascia andare ad alcune considerazioni)

                               Certo che come scrittore io so’ proprio ‘na schifezza. C’aggia mise sei mesi per scrivere sta cummedia, arriva chillo e in una serata l’ha riscrive sana sana. E funziona, funziona! ‘A signora Raimondi, po’,  a parte ‘o fatto che sta quasi sempe ‘mbriaca, ha dato nu spessore a chillu personaggio ‘e Cuncetta.  Rardi è nu poco svagato, ma quanno sta in scena è nu bravo guaglione, tene na faccia simpatica, basta ca nun parla. Iovine tene ‘a dicere duie battute, manc’’o vedono. Ma chella ! Maronna mia, si ‘a putesse caccia’ ! Tene ‘na voce ca me pare na zampugnella, nun capisce mai niente, nun tene nu minimo ‘e sensibilità, è sempre stonata...Maronna mia , si ‘a putesse caccia’ !

VINCENZO          Save’.

SAVELLI              (trasalendo) Don Vince’, voi state qua ?

VINCENZO           Stevo llà ‘ncoppa. Te l’avivo ditto, nun t’’o ricorde ?

SAVELLI                Gesù, ma voi avete ‘ntiso tutte cose ?

VINCENZO            E m’hai pigliato pe’ surde ?

SAVELLI                Don Vincenzo, Eccellenza, non penserete ca io stevo facenno veramente. Stevo pruanno nu monologo nuovo che volevo inserire, dopo il vostro consenso, si capisce.

VINCENZO              Ah, era un monologo nuovo ?

SAVELLI                  Eccellenza, era un momento di sconforto tutti  gli artisti possono averlo. Non crederete che io penso veramente quelle cose della signorina Diana.

VINCENZO               E perché no ?

SAVELLI                    Perché la signorina Diana è un’ottima interprete, ha saputo dare al personaggio di Ninuccia una incisività, una efficacia inaspettata, una sottile ironia, oserei dire...

VINCENZO                 Putipù fa schifo ! Ogni vota ch’arape ‘a vocca me sento avutà ‘o stommaco. E’ una coltellata al cuore, è una purga ‘ncuorpo a nu malato che soffre di diarrea acuta, è l’attrice più cagna che uno spettatore abbia mai potuto vedere.....

Tieni qualchecosa da obiettare ?

SAVELLI             Don Vincenzo, avete ragione, ma la parte non ha un peso accussì forte nella storia, può passare inosservata.

VINCENZO           Ammazza il mio spettacolo.

SAVELLI                Il vostro spettacolo, il mio spettacolo.

VINCENZO             E va bene il nostro . Se ne deve andare.

SAVELLI                 Ma don Vincenzo...

VINCENZO              T’aggio ditto che m’he ‘a chiamma’ Becie’, non don Vincenzo , Becie’.

SAVELLI                   D’accordo, Becie’, ma ormai mancano pochi giorni al debutto e può essere controproducente...

VINCENZO                 Lasciami in pace...

SAVELLI                     Siente a mme, Becie’...

VINCENZO              Lasciami in pace, t’aggio ditto. Al solo pensiero di quella voce che me trase dint’’e rrecchie...

SAVELLI                  Siente, sabato debuttiamo con lei, se proprio non dovesse dare risultati, proviamo con una sostituta.

VINCENZO               La dobbiamo sostituire subito.

SAVELLI                    Siente, Becie’, ce penz’io. Mo le faccio  nu paro d’ore ‘e prove al giorno  oltre l’orario stabilito. Vedrai che al debutto andrà benissimo.

VINCENZO             Ma comme, proprio tu poco fa hai detto “ si ‘a putesse caccia’ “!

SAVELLI                 E lo so, ma ormai mancano pochi giorni, mi sembra che ci facciamo la fetenzia.

VINCENZO             Ma pecchè, essa nun sta facenno na fetenzia a noi ?

SAVELLI                 Becie’, ti prometto che fra cinque giorni, al debutto, vedrai Putipu’ trasformata.

VINCENZO              Io nun ce stongo a ‘o debutto.

SAVELLI               E mo m’’o faie pe’ dispietto!

VINCENZO            No, tengo che fa a Roma: Ci sta ‘o Duce che m’aspetta. Pozzo turna’..’o quindici d’’o mese prossimo.

SAVELLI                 Me dispiace, Becie’, nun t’’o vide ‘o debutto. Il quindici hai detto ? ‘O quindici ‘e marzo stamme a Napule, al Vomero e lì vedrai Putipu’ trasformata, figuriamoci, dopo  ‘na  ventina ‘e repliche ! Se poi vedo che non migliora, te la rimando a casa.

VINCENZO             Save’, nun me ruina’ ‘o spettacolo .

SAVELLI                    Stai tranquillo, ti dico.

VINCENZO              Save’, io vaco, ma statte accorto. Se al mio ritorno Putipu’ ‘a veco comme sta mo’, io so’ capace ‘e fa cose ‘e pazze. He capito ?

SAVELLI                  Certo, stai tranquillo, la farò diventare una stella, ti faccio restare a bocca aperta.

VINCENZO               Io, invece te la chiudo. Statte buono, Save’.(esce)

SAVELLI                   Ma io pecchè nun me sto zitto. Isso ‘a vuleva sostitui’ e io aggio ditto ‘e no. Ce penz’io, ‘a trasformo...Comme scrittore so’ na chiaveca ma comme ommo so’ proprio strunzo.

                                     SCENA   TRE

RAIMONDI             (con fiasco in mano) Almeno ‘na seggia ce sta?! E meno male...’nu mese ‘e prove se so’ fatte ‘e piere comme a dduie pallune.

SAVELLI                  Siete pronta , signora ?

RAIMONDI               Sì, sì, ma m’avite ‘a fa nu favore.

IOVINE                      Manca nu quarto d’ora alla prima.

SAVELLI                    Ho capito.

IOVINE                      Potrebbe essere l’ultima ! Io, per sicurezza, aggio lasciato il camioncino con il motore acceso.

SAVELLI                     Senti, Iovine...

RAIMONDI                 Allora m’’o facite stu favore ?

SAVELLI                      Ditemi.

RAIMONDI                   Me putite manna’ a chiamma’ ‘o giovane d’’o cantiniere ‘e rimpetto ?

SAVELLI                       Pecchè, che è succieso ?

RAIMONDI                    Iamme, vuie m’avite ‘a dicere a me..che vino è chesto .

SAVELLI                        (odorando)   E’ aceto.

RAIMONDI                      E’ ‘o terzo boccione che me manna accussì..po’ dice che veneno ‘e malattie ‘e stommaco.

SAVELLI                           E vuie iettatelo.

RAIMONDI                        E pecchè, nun l’aggio ittato ?

IOVINE                               Tutto ‘ncuorpo.

SAVELLI                            (prendendo un mazzetto di fiori che teneva nascosto) Signora io mi sarei permesso....

RAIMONDI                         (pensando si riferisca al vino) Grazie, già l’ho pagato.

SAVELLI                             No, intendevo, se posso insistere...

RAIMONDI                          Caso mai, doppo me pavate na birra.

SAVELLI                              Questi sono per voi.

RAIMONDI                           E ch’aggia fa ?

SAVELLI                                Sono fiori.

RAIMONDI                            E quante l’ate pavate ?

SAVELLLI                              Tre lire.

RAIMONDI                              Tre lire ?  ‘O Gragnano sta a 50 lire ‘a butteglia, nuie ce ne accataveme sei butteglie e ne faceveme salute. (non prende i fiori)

RARDI                                    Mi sento bene...me sento tvoppo bello..’sta roba fa mivacoli...(si imbatte in Iovine) Cipvia così, non se ne fa più!...Quando iniziamo?

IOVINE                                 Tenite ‘o naso bianco bianco

RARDI                                      E’ bovotalco.

SAVELLI                                Rardi, siete pronto ?

RARDI                                    Stiamo avvotando le lame pev la pvima battaglia.

SAVELLI                  E perfavore al primo atto, quannno state ‘int’’o lietto nun v’addurmite veramente. L’altro giorno, alla prova generale c’avite miso nu quarto d’ora pe ve sceta’.

RARDI                           Mi evo appena appisolato.

SAVELLI                       Comunque, mi raccomando. Il teatro è finzione.

RARDI                            Io lo facevo per esseve più vevo. Se voi vedete che non mi sveglio insistete un po’.

SAVELLI                         Ma che aggia insistere vuie attaccate la battuta giusta e nun v’addurmite.  E poi fate molte facce.

RARDI                            E’il forte mio.

SAVELLI                        Ma senza aggiungere battute.

RARDI                             Lo faccio muto...come se avessi contvatto una pavesi.

SAVELLI                          Nun aggio capito, ma basta ca nun parla.

SAVERIO        ( A Valdi che entra)    Diretto’, scusate, non vuole essere una polemica, ma l’arredamento è un po’ misero…

VALDI          Voi avete detto una casa povera…

SAVERIO      Ma questa è troppo povera.

VALDI           Mo’ mando Iovine  a casa mia, dovrei tenere ‘na seggia sfondata, una senza una gamba e due piatti incrinati.

SAVERIO      Basta solo ‘na seggia, l’avessemo fa deventa’ ‘a reggia ‘e Caserta.

VALDI        La sala è bella piena.

SAVERIO     I giornalisti già sono arrivati ?

VALDI          E se ne sono pure andati.

SAVERIO     E da me non sono passati.

VALDI           State tranquillo, mi hanno assicurato che non scrivono niente.

SAVERIO      Ma che hanno visto ?

VALDI           Il   necessario.(fa per andare)

SAVERIO      Un momento…Nel mio camerino c’è una zoccola.

VALDI           Sh…Non vi fate sentire da Sua Eccellenza, che qua succcede il ’48 !

SAVERIO      Nooo, io parlavo di una zoccola- zoccola

VALDI           E io pure.

SAVERIO       Commendato’, nu topo tanto!

VALDI            Save’, e usate bene le parole..voi siete un autore…un grosso topo.

SAVERIO       Enorme. Tanto così.

VALDI            ‘A zoccola !

SAVERIO        Non si può fare niente ?

VALDI             Mo vi mando a Iovine…

SAVERIO        E certo, più trappola di lui..

VALDI             Save’, d’ora in poi, per qualsiasi cosa…

SAVERIO         Si’?

VALDI              Non contate su di me.(esce)

SAVERIO         No aspettate, v’aggia dicere un’altra cosa.

VALDI              L’ultima, Save’, l’ultima.

SAVERIO         La signorina Diana si sta lamentando del  camerino.

VALDI              Ma come, ho fatto mettere pure il velluto rosso alle pareti ! Che ato va truanno ?

SAVERIO        Vuole il letto a baldraccona.

VALDI              Voi oggi andate cercando guai. A baldacchino, Save’, a baldacchino

SAVERIO         Uh, scusate, m’è venuto spontaneo, sapete, baldacchino..baldrac…

VALDI              Comunque, che vulite a me, il letto glielo faccio portare da Iovine, ‘a baldraccona già ce sta e così levammo ‘o fraceto ‘a miezzo.

 SAVERIO     ( a Putipu’ che sta entrando) Giusto di voi si parlava con il direttore ,    fra qualche minuto vi mandano il letto. Come risentite, siete emozionata ?

DIANA                             La sera sopra la casa di Madame mi sentivo tutta sbattuta.  Adesso dopo un mese di recite mi sento tutta sbattuta uguale...Non è cambiato niente.

SAVELLI                       Stasera c’è un pubblico che vi guarderà...

DIANA   Pure sopra la casa c’era sempre qualcuno che mi guardava mentre lavoravo.

SAVELLI                         Ma qua saranno sei o settecento persone.

DIANASopra da Madame il sabato e la domenica spicciavamo anche trecento clienti.

SAVELLI                        A’ faccia ‘e mammeta! Per il resto , tutto bene?

DIANA                              Non mi ricordo nemmeno una parola.

SAVELLI                          Chi vi dice che è una disgrazia ?

RAIMONDI              (rientrando) Ma comme se po’ ffa’, se so’ spezzate ‘e tacche.

SAVELLI                            E faciteve presta’ nu pare ‘e scarpe d’’a signurina.

RAIMONDI                         E dove me ‘e metto.  Io tengo il piedino sottile e lungo.

SAVELLI                              Quanto portate ?

RAIMONDI                           Quarantuno e mezzo.

SAVELLI                                E m’’o chiammate piedino?

RAIMONDI                         Allora resto co ‘e papuscie.

SAVELLI                             No, ce vonno ‘e scarpe!  Doppo  ‘a  primma  scena, Concetta  esce a fare la spesa, addo’ va ‘ngiro co ‘e papuscie a dicembre.

RAIMONDI                           Si aspettate na mezz’oretta, vaco e m’’e accatto.

SAVELLI                               Fra cinque minuti andiamo in scena !

RAIMONDI     E allora ‘a faccio zoppa  ‘a na coscia, che vulite ‘a me.(esce)

                       

IOVINE                             Chi è di scena !

SAVERIO                         Madonna mia, c’è troppo nervosismo, ccà fernesce malamente.( si infila nel letto)   (Parte la musica e in lontananza si sente: Lucarie’, Lucarie’ scetate, songo ‘e nnove)

                          

SCENA   QUATTRO

                                                LO SPETTACOLO.

CONCETTA                 Aiutateme, aiutateme.

TOMMASINO              Mamma’, come sta papa’ ? Mi sembra un poco meglio.

CONCETTA                 No, no, a me nun m’’a conta iusta....Tu  t’’o ricuorde come era ?..Parlava semp’isso, nun faceva sta cuiete a nisciuno...poi aiere, quanno sapette ‘o fatto ‘e tua sorella..è stato comme se l’avessero luata ‘a currente...s’è miso ‘into ‘o lietto e nun parla cchiù.

TOMMASINO                Ma il marito di Ninuccia dove sta ?

CONCETTA                   Comme sapette ‘o fatto c’’a mugliera teneva l’amante, se ne scennete ‘a coppa ‘a casa e c’ha mannato a dicere che a Ninuccia nun ‘a vo’ vede’ cchiù.

TOMMASINO               Gesù e perché?

CONCETTA                  S’è portata l’amante pure a casa del marito.

TOMMASINO               ‘A zoccola !

SAVELLI                        Rardi, non aggiungete battute fuori testo.

TOMMASINO               Don Save’, ma voi come la chiamereste una donna che si compovta così ?

SAVELLI                       Zoccola.

TOMMASINO                Appunto.

CONCETTA                  Ma tua sorella tiene solo vint’anne!

TOMMASINO               E allora è na zoccolella.

NINUCCIA                    Ciao mamma, ciao Tommasino.

CONCETTA                  Figlia mia, nun  era meglio che te ne stive a’ asa a’ aspetta’ mariteto ?

NINUCCIA                  Basta, mamma’, basta: Ho deciso : lo lascio e vado via con Vittorio.

CONCETTA                Ma tu hai visto pateto comm’è ridotto ? Nun te faie capace ? Tu devi tornare da tuo marito.

NINUCCIA                  Io da mio marito non ci torno più.

CONCETTA                 Tu a pateto ‘o vuoi fa muri’ ?!

NINUCCIA                  Io da mio marito non ci torno più.

CONCETTA                 Ninuccia, figlia mia....

NINUCCIA                   Io da mio marito...

TOMMASINO               Signori’, solo due volte.

NINUCCIA                    Io da mio marito ci torno solo due volte.

LUCA                             Speriamo che non l’ha sentita nessuno. Rardi voi fate un po’ di facce così la gente si distrae.

NINUCCIA                    Papa’, papa’, come vi sentite ? Non mi fate mettere paura..(comincia a scuoterlo) Papa’, papa’, rispondete, papa’.

LUCA                             Il teatro è finzione.

NINUCCIA                     Avete chiamato il dottore ?

TOMMASINO                Lo stiamo aspettando.

CONCETTA                    Sì, ma nun se vede’ ancora. Aveva ‘a trasì due battute fa .Tommasino vide nu poco, mi pare che hanno bussato alla porta.

TOMMASINO                 Niente affatto, mamma’.

CONCETTA                    Tommasino, vai a vedere fuori alla porta perché il dottore non arriva ancora.

IOVINE                            Commendato’, nun trovo ‘o dottore.

VALDI                              Sta chiuso in bagno. L’è venuta na cosa a ‘o stommaco. Iovine, pienzace tu.

IOVINE                       Io? Commendato’, io aggio fa’ l’amante !

VALDI                        E fai pure ‘o dottore.

IOVINE                       Ma comme ?

VALDI                        Fai ‘o dottore, esci e poi fai l’amante.

IOVINE                       Ma nun saccio ‘e battute!

VALDI                         Iovine, trase dinto, p’’ammore ‘e Dio.

TOMMASINO            (alla porta) Mamma, ci sta Vittorio, l’amante di Ninuccia.

IOVINE                       No, veramente io songo ‘o miedeco.

TOMMASINO            Il medico  ? Ma Iovine nun faceva la    parte di...

LUCA                           Tommasino, a papa’, è vero che è arrivato’o dottore ?

TOMMASINO              Sì, ma assomiglia all’amante di Ninuccia.

CONCETTA                  Dotto’, vogliamo fare la visita ?

IOVINE                          Sì, sì, facimmo ambresso ambresso, che io tengo che fa.

LUCA                             Iovine, disgraziato, che sta succedendo, addo’ sta Paoloni ?

IOVINE                          L’e venuta na mossa ‘e viscere.

LUCA                             Muovetevi, cominciate con la visita.

IOVINE                           Come vi sentite ?

LUCA                             (fa segno così così)

IOVINE                           Si sente così così.

CONCETTA                    La pressione non gliela controllate ?

IOVINE                           Come va la pressione ?

LUCA                                (idem)

IOVINE                            Ce l’ha così così.

LUCA                                Iovine, ma comme ‘a state facenno sta visita ?

IOVINE                            Na chiaveca, ma nun l’aveva ‘a fa io.

CONCETTA                     Dottore, allora ? Gliela do la medicina ?

IOVINE                             Ma che ‘a sprecate a fa.

CONCETTA                     Non me date nisciuna speranza ?

IOVINE                  Signo’, che vulite ‘a me, io m’aggia sbriga’, aggia fa l’amante.

NINUCCIA                       (Piange forte)

LUCA                                Signorì, fate piano.

CONCETTA                      Bussano alla porta, vai Tommasino.

IOVINE                             Permesso ?

TOMMASINO                  E voi chi site ?

IOVINE                              Io so’ Vittorio, l’amante ‘e Ninuccia.

TOMMASINO                   Madonna e come assomiglia al medico.

LUCA                                 Rardi non sottolineate troppo questa cosa.

TOMMASINO                    Faccio vedeve che  la somiglianza è voluta.

IOVINE                               (in ginocchio da Concetta) Signo’, scusate, se vostro marito sta accussì è anche colpa mia. Facitemelo saluta’.

LUCA                                  Niculino, Niculino.

CONCETTA                        Maronna, l’ha scambiato con il marito ‘e Ninuccia.

TOMMASINO                    Ma perché Iovine fa pure il marito ?

LUCA                                  Rardi stateve zitto. Nicolino, Nicolino.

CONCETTA                          Sì, Lucarie’, è Niculino.

LUCA                                   Bravo Niculino. Ninuccia, Ninuccia addo’ staie ?

NINUCCIA                           Sto qua, papa’.

LUCA                                     Tu ‘o vuo’ bene ?

NINUCCIA                            Sì, tanto.

LUCA                                     E tu ‘a vuo’ bene ?

IOVINE                                  Sì, tanto.

LUCA                                      E allora promettetemi che non litigate più.

NINUCCIA                             Sì,papa’.

LUCA                                       Datevi un bacio.

TOMMASINO            Ma a questo punto non doveva entrare  ‘o marito ‘e Ninuccia ?

CONC         Madonna mia ! Tommasino, vai a vedere se arriva il marito di Ninuccia.

TOMMASINO              (in quinta) Impresa’, ma  il marito di Ninuccia quando entra ?

 

VALDI                                 Rardi, non lo trovo. Improvvisate.

TOMMASINO                     E che dico ?

VALDI                                   Non lo so, improvvisate a soggetto.

CONCETTA                      Allora Tommasino, vene o no vene ‘o marito ‘e Ninuccia

NINUCCIA                        Iovine, basta adesso con questo bacio.

IOVINE                        Il registro ha detto che il bacio deve continuare finchè  non entra Nicolino.

NINUCCIA                        E va bene, allora continuiamo.

TOMMASINO                   Ehm...meno male che il marito di Ninuccia non è arrivato altrimenti vi accideva a tutti e due.                     

BUIO

SCENA   CINQUE

SAVELLI                       Non se ne parla proprio.

VALDI                             Alluccate a bassa voce che ce sta ‘o pubblico.

SAVELLI                         Si doveva debuttare a Roma

VALDI                              E ci andremo.

SAVELLI                           Dovevamo fare due mesi.

VALDI                                E li faremo.

SAVELLI                            C’avevano ‘a sta ‘e giurnaliste.

VALDI                                 E li avremo.

SAVELLI                              E’ ‘nu mese che dobbiamo debuttare a Roma. In trenta

repliche siamo saliti e scesi da sopra tutte ‘e muntagne e ‘e muntagnelle dell’Agro Aversano.

VALDI                              Ma voi dovete ringraziare il cielo che siete ancora in scena. Dopo quel catastrofico debutto ad Afragola, non pensavo che le cose si sarebbero messe così bene, ci siamo salvati perché l’hanno pigliata tutti per una farsa. Lo spettacolo adesso, finalmente, funziona, stasera stiamo qui a Napoli, la nostra città, nel quartiere Vomero, che ghiate truanno ? La prossima replica è a Roma.

SAVELLI                     E po’, mi avevate promesso gli altri tre attori. Dove stanno?

No, no è una vera debacle.

VALDI                          Non si può dire.

SAVELLI                      Come non si può dire, è proprio una debacle totale.

VALDI                           Save’, dicevo non si può dire quella parola la’

SAVELLI                       Quale parola ?

VALDI                            Debacle.

SAVELLI                        E perche ?

VALDI                             Comme perché, perché è straniera.

SAVELLI                         E allora comme aggia dicere ?

VALDI                              Sconfitta, rovina...

SAVELLI                          Ecco, è proprio una rovina.Insomma dei tre attori che mi

avevate promesso,uno, ormai l’abbiamo dovuto sostituire con Iovine e il risultato lo conosciamo tutti. A parte tutto Iovine che fa l’amante di Ninuccia, ma l’avete guardato bene, non ha il phisiche du rolle.

VALDI                              Save’.

SAVELLI                           Che d’è ?

VALDI                               Dalle ! Chella parola !

SAVELLI                           Quale ?

 VALDI                               Comme ?.. ‘O phisic...non si può dire.

SAVELLI                                  Manco ?

VALDI    E no, dite non ha il fisico del ruolo, non è adatto fisicamente.

SAVELLI                               E va buo’, non è adatto fisicamente. Va bene ? La parte del dottore, poi, avete deciso di farla voi..e che vi devo dire..voi pagate e voi decidete..

VALDI                            E pecchè vuoi dicere che nun ‘’a faccio bbuono ?

 SAVELLI              No, no, per carità, e chi si permetterebbe.  L’altro attore, però, che  vi avevo pregato di sostituire perché abbaia, sta malato e, invece di chiamare un attore vero,  ve ne uscite che lo volete sostituire   con Sua Eccellenza. So’ cose ‘e pazze. Vi avevo avvertito che quando si fanno i lavori importanti bisogna avere sempre un jolly per una sostituzione.

VALDI                          Save’, allora lo fate apposta !

SAVELLI                      Che cosa ? Manco sostituzione si può dire ?

VALDI                           No, sostituzione la potete dire, è jolly ca nun putite dicere.

SAVELLI                       E che dico ?

VALDI                            Giullare.

SAVELLI                         Giullare ?

VALDI                            Eh, giullare, pagliaccio, factotum.

SAVELLI                        E va buo’, bisogna avere un giullare per una sostituzione.

VALDI                         Save’, vuie nun capite proprio niente. Ma vi rendete conto che la presenza in compagnia di don Vincenzo ci faciliterebbe ancora di più le cose ? Chillo tene addirittura la possibilità di intepretare una  piece  davanti al Duce.

SAVELLI                      Commendato’ ?

VALDI                           Che c’è ?

SAVELLI                        Non si può dire.

VALDI                            Che cosa ?

SAVELLI                        Chella parola..piece.

VALDI                             E comme aggia dicere ?

SAVELLI                          Lavoro, testo, scritto teatrale...stateve accorto, eh!

VALDI                               Insomma ha l’opportunità di interpretare un suo testo davanti al Duce

SAVELLI                    Commendato’, come sarebbe un suo testo...?

VALDI                          Insomma, Save’, dicimmo ‘a verità , ha contribuito o no in maniera determinante ?

SAVELLI                      Beh, un pochino sì

VALDI             Eh, diciamo un pochino. Da na chiavica ha tirato fuori nu capolavoro! Se voi foste un poco più intelligente vi rendereste conto che Don Vincenzo è un tipo ambizioso e, se prima voleva favorire la sua Putipù,  mo’ terrebbe una motivazione ancora cchiù forte per mandare avanti il lavoro e potrebbe aprirci un sacco  di porte.

SAVELLI                       Io non glielo chiedo di fare la parte del marito.

VALDI                            E’ solo per questo ?

SAVELLI                        In particolare per questo.

VALDI                             E non vi preoccupate, glielo ho già chiesto io.

SAVELLI                         Ma pecchè, è già arrivato ?

VALDI                              Sì, sta nel camerino della signorina Diana.

SAVELLI                          E glielo avete chiesto senza chiedermi il consenso? Ma io nun conto proprio niente ccà ?

VALDI            Save’, ma ancora a chesto stammo ? E’ chiaro che nun contate niente !

SAVELLI              E io stasera non debutto.

VALDI                   Save’, sentite a me, nun facite fessarie.

SAVELLI               Non debutto.

IOVINE                   Signori, un quarto d’ora.

SAVELLI                Maronna, comm’è tarde, Signora Raimondi, Rardi, jamme belle, sbrigatevi che ‘o pubblico aspetta.

VALDI                     Tene ‘a fermezza che è bella.

                 SCENA  SEI

SAVELLI                      Don Vince’...

VINCENZO                   Save’ !

SAVELLI                       Giusto, Becie’, comme va ?

VINCENZO                    He saputo ‘a nuvità ?

SAVELLI                        Che tenimo un nuovo attore in compagia !

VINCENZO                     Va buo’, tengo quatte battute, me dispiaceva dicere ‘e no a ‘o cummendatore.

SAVELLI                          He fatto buono.

VINCENZO                       So’ passato a saluta’ a Putipu’, m’ha ditto cha avuto successo.

SAVELLI                           ‘O spettacolo è na bellezza, Becie’, ogni sera applausi, fiori per tutti.

VINCENZO                        Pur’essa è ghiuta bbuono ?

SAVELLI                             Hai letto ‘e giurnale: un testo impegnativo con punti di grande comicità...

VINCENZO                         Sì, ma Diana...

SAVELLI                             Uno spaccato napoletano in cui si mescolano...

VINCENZO                       (lo prende per il collo)    Save’, t’aggio chiesto ‘e Diana.

SAVELLI                            Diana riceve sempre nu sacco ‘e complimente.

VINCENZO                        E’ migliorata ?

SAVELLI                            E’ migliorata ?

VINCENZO                         L’aggio chiesto io.

SAVELLI               Ah, sì, giusto...certo è migliorata

VINCENZO          Abbastanza da non rovinare lo spettacolo.

SAVELLI             Abbastanza.

VINCENZO         Ne parliamo nell’intervallo tra il primo e il secondo atto. Va buo’, me vaco a pripara’, ce vedimme ‘ncopp’’o palco.

SAVELLI             A casa Cupiello !

VINCENZO         Save’, nun pazzià, pecchè se Putipù fa ‘a solita schifezza, a Roma non ci viene.

SAV                    E pecchè ?

VINC                  Perché a Roma davanti al duce, nun putimmo fa chesta figura.

SAV                   Hai ragione, Becie’, ma non essere così aggressivo. Decidiamo con calma durante il primo intervallo.

VINC                 Ti aspetto alla fine del primo tempo.

SAV                   Sicuro, e lì decideremo con calma, troveremo una soluzione insieme, con molta calma...

VINC                 Guarda, Save’, che se non ti presenti in camerino da me, ti vengo a cercare io e con calma, con molta calma, te strappo ‘e palle, le butto nel cesso, ci piscio sopra e po’ tiro ‘a catena.  In bocca al lupo.

SAV                    Non si dice in bocca al lupo, si dice: merda!

VINC                   Io sti schifezze nun ‘’e dico.

SAVELLI           Quante bugie l’aggio ditto. Non mi aspettavo che Putipu’ facesse proprio una trasformazione, ma che io riuscissi almeno a levare qualche piccolo difetto, che saccio ...’e nun falle fa ‘o viento quanno dice  “tormenta”, cose accussì...niente, è sempre peggio. Comme scrittore, se sape, so’ na chiaveca, comme regista nun valgo niente...Che m’è rimmasto ? Ah, l’attore. Vedimmo si almeno chisto ‘o faccio bbuono. Chi è di scena !

                                            

SCENA SETTIMA

CONC          Aiutateme, aiutateme.

TOMM          (entra con la tazza e l’appoggia delicatamente sul comodino) Mamma’, come sta papa’? Mi sembra un poco meglio.

CONC     No, no, a me nun m’’a conta giusta..Tu t’’o ricuorde comm’era?

  Parlava semp’isso, nun faceva sta cuiete a nisciuno..poi iere, quanno sapette ‘o fatto ‘e tua sorella..è stato come se l’avessero luata ‘a currente..s’è miso int’’o lietto e nun parla cchiù. ‘Na casa distrutta!!!!

TOMMASINO            Ma il marito di Ninuccia dove sta ?

CONCETTA                Comme sapette ‘o fatto c’’a mugliera teneva l’amante, se ne scennette ‘a coppa ‘a casa e c’ha mannato a dicere che a Ninuccia nun ‘a vo’ vede’ cchù.

TOMMASINO           Gesù e pecchè ?

CONCETTA               Ninuccia s’è portata l’amante pure a casa del marito.

NINUCCIA                 Ciao mamma, ciao papa’, ciao Tommasino.

CONCETTA                 Figlia mia nun era meglio che te ne stive a’’a casa a aspetta’ mariteto ?

NINUCCIA                    Basta mamma’, basta. Ho  deciso, lo lascio e vado via con Vittorio.

CONCETTA                 Ma tu hai visto a pateto comm’è ridotto ?Tu devi tornare da tuo marito.

NINUCCIA                    Papa’, papa’, come vi sentite? Non mi fate mettere paura..Papa’, papa’, rispondete papa’!

CONCETTA                   Abbiamo chiamato il dottore.

TOMMASINO                Lo stiamo aspettando.(bussano) Vado io.

DOTTVALDI                  Buongiorno, è permesso ?

TOMMASINO              Mamma’, ci sta il dottore.

CONCETTA                 Dottore, visitatelo subito.

DOTTVALDI                Sono qui per questo. No, e questo se ne va.

CONCETTA                   Dottore, allora gliela do la medicina ?

DOTTVALDI                 Solo un miracolo lo può salvare.

CONCETTA                   Non mi date nisciuna speranza ?

DOTTVALDI                  Se c’è qualche novità, chiamatemi a casa. Arrivederci.

NINUCCIA                     (piange forte)

IOVINEVITT                  (entra)

TOMMASINO                 Mamma’, ci sta Vittorio.

IOVINEVITT                   Signo’, scusate, se vostro marito sta accussì è anche colpa mia: Facitemelo salutà.

LUCA                               Niculino, Niculino.

CONCETTA                      Maronna, l’ha scambiato co’’o marito ‘e Ninnucia

LUCA                                Niculino, Niculino.

CONCETTA                 Sì, Lucarie’, è Niculino.

LUCA                            Bravo Niculino, si’ venuto.Ninuccia, Niunuccia addo’ sta ?

NIUCCIA                       Sto qua, papa’.

LUCA                              Tu ‘o vuo’ bene ?

NINUCCIA                      Sì, tanto.

LUCA                              E tu ‘a vuo’ bene ?

IOVINEVITT                  Sì, tanto.

LUCA                               E allora promettetemi che non litigate più.

NINUCCIA                     Sì, papa’.

LUCA                               Datevi un bacio.

VINC                                (entra)

TOMMASINO                 ‘O marito ‘e Ninuccia !

CONCETTA                      Maronna !

VINC                                 Brava, e mo t’’o sposi ! E voi mamma’ sapevate tutte cose, ruffiana . E va buo’, rallegramenti per il matrimonio. Io per buon augurio v’aggio purtato duie confiette. (spara a Iovine e a Ninnucia)

CONCETTA                     Nooooooooooooooooo.

             BUIO,  poi saluti dello spettacolo.Si alzano tutti meno Diana.

SAVERIO         Becie’, ma comme, eravamo d’accordo che coglievi pure a Iovine !

VINC                              Mannaggia,aggio sbagliato mira.  

SAVERIO                       Va buo’, intanto acchiappamme a chesta facciamo finta che usciamo tutti e tre a braccetto. (salutano)

VALDI                 Save’, ma che d’è, La signorina tene ‘a faccia ca pare na

morta ! Non si è alzata neanche per i saluti.

VINC                      Commendato’, Diana oggi sta più sbattuta del solito.

VALDI                   Ma signori, non si uccide un artista solo perché non sa recitare!

SAVE+VINC          Chi l’ha detto ?

SAVERIO                      Commendato’, nun date retta, ho già il titolo per la commedia del prossimo anno: Filumena Sammarzano, eh !

VALDI + VINC      Save’!!!!(tutti e tre si uniscono al gruppo per  i saluti finali).

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 0 volte nell' arco di un'anno