Papà… voglio la minigonna

Stampa questo copione

                                       

PAPA’…VOGLIO LA MINIGONNA

commedia brillante in due atti

di Calogero Maurici

(titolo originale)

PAPA’ VOGGHIU A MINIGONNA

Personaggi

Silvana  Cardullo     (la quindicenne)

Alfio   Cardullo        (il padre)

Priscilla                     (la madre di Silvana)

Il prof. Pompeo        (amico di famiglia di Alfio)

Lorenzo                    (amico di Silvana)

Caterina                   (la madre di Alfio)

Apollonia                 (la madre di Priscilla)             

                                                       (elaborata da Pietro Maurici e da Rosanna Maurici)

                                                     tel autore- abit.090/638009 -   cell.3393359882

 

Papà…Voglio la Minigonna

commedia brillante in due atti

di Calogero Maurici

Avendo finito pochi giorni fa (Me soggira si voli fari zita)

fino a ieri (23/04/2004) non pensavo minimamente di scrivere questa commedia.

Durante la sera è scattata nella mia mente un’idea, un titolo, alcune battute iniziali

e questa mattina /24/04/2004) sono seduto nella mia stanzetta con il mio compiuter a scrivere questo altro lavoro in due atti, e che speriamo riesca divertente come gli altri.

Ringrazio ancora il Signore per questa creatività donatomi e che con piacere metto a disposizione degli altri; (attori, registi, pubblico)  ma lo ringrazio soprattutto per questo AMORE per il teatro, un amore pulito, sano, dove si cresce insieme agli altri con uno scambio continuo di idee anche se diverse ma sempre da rispettare.  La scena rappresenta la solita abitazione di una famiglia normale che il regista e scenografo possono impostare come meglio credono opportuno.   

Una ragazza che appena quindicenne, avrebbe il desiderio non del motorino o altro,

ma quello di indossare per il suo compleanno, per la prima volta una minigonna.

Ovviamente il padre si oppone in tutti i modi. La moglie con una mentalità più aperta  avendo vissuto per alcuni anni a Brescia, diventa complice della figlia,

cerca di fare ragionare il marito e di non rovinarle il compleanno.

Quindici anni, forse gli anni  più belli, pieni di sogni, di desideri anche inconsci, un’ età difficile  per tutti i genitori. Alfio il padre di Silvana essendo all’antica non né vuole assolutamente sapere, pero Silvana con la complicità della madre, riesce a raggirare il padre e alla fine….(ovviamente ogni compagnia puo’ apportare delle modifiche di dove ambientare la commedia)

SCENA I°

(Alfio, Priscilla, Silvana, Lorenzo)

Alf.    ( sta leggendo la gazzetta dello sport, mentre dalla stanza della figlia si sente

            preferibilmente una musica di discoteca, dopo qualche attimo si alza e da

            dietro la porta grida: Silvana abbassa sta musica)

Alf.     (Silvana abbassa il volume, Alfio si risiede) Musica…chiamamula

            musica…(continua a leggere subito dopo entra Priscilla, la moglie)

Pri.      Ma picchi a piccilidda ci dici di abbassare, sai ca dumani fa quindici anni…

Alf.     E chi significa ca fà quindici anni c’ava stunari i timpani e u ciriveddu…

Pri.      E’ eufirica a piccilidda..

Alf.     Scema…non usare vocaboli che non ti si adducono…e stasti a

           Brescia… euforica si dici…

 Pri.      Certu ca non ‘nni putemu lamentari, a quindici anni ancora non avi a testa

             sballata…mai un’uscita per andare a ballare, mai ad una festa, mai…

Alf.       Picchi truvau a un patri comu ammia…s’avissi statu pi ttia!

Pri.        Menomali ca io sugnu una mamma… all’avanguardia!

Alf.       E menomali ca io sugnu un patri di… guardia!

Pri.       Mancu ci cridu c’avi quindici anni menu un jornu ca vidu pedi pedi…

             caminari…caminari…crisciri…crisciri…non ci cridu ca è me figghia…e

             tu Alfio ci cridi?...

Alf.      Senti si tu hai dubbi tenitilli pi ttia…io ci cridu ca è me figghia…

Pri.       Sicuru si…l’esame del  D…N… I…tannu non tu facisti…

Alf.      Babbia cchiu picca asinò ti lu fazzu attia ‘nta testa.

Pri.       Senti cià ma regalari soldi?

Alf.      Non ci basta a torta…

Pri.      Comu!.. ciù stamu festeggiannu e non ci voi fari regalu?

Alf.     Ma si avi quattordici anni chi ci festeggiamu u compleannu!

Pri.      Ma quindici anni sunnu quindici anni.

Alf.     Un annu picchi era u primu annu…u secunnu picchi vinia dopu u primu...

           u terzu picchi era ancora nicaredda ma cuminciau a chiamari mamma…

           a quattranni picchi cumenciu a  capiri e a chiamari Papà…e arrivamu

           a quattordici anni e dumani a quindici festeggiannu festeggiannu.

Pri.      U prossimu annu ci sunnu sidicianni…

Alf.     Già poi diciassette, picchi giustamente è l’annu prima dei diciotto…

            Poi diciannove picchi e l’anno dopu i diciotto...e poi a ventanni….

            Ventanni sunnu ventanni…

Pri.      Picchi ti firmasti…ci sunnu i vintunu…

Alf.     I vintunu non ricordanu nenti…

Pri.     Ti sbagghi, ricordanu ca n’avota maggiorenni ci si divintava a ventunu…

           Ma si allergicu alle rico…rranze.

Alf.     Ti dissi non usare vocaboli che non sono nel tuo bagagliaro tecnico…

 

Pri.      Ammia di quantavi chi semu maritati l’onomasticu non mi l’hai mai

            festeggiato.        

Alf.      Ma picchi no calendario chi c’è puru stu nomi? PRI…SCI…LLA.

Pri.       Il sette Luglio…E’ poi è megghiu chiddu toi…Alfio!

Alf.      Di origini catanese…i mei eranu da provincia di Catania…u toi mancu si 

             sapi di unni veni? Mah! Unni lu eru a truvari stu nomi…

Pri.      Il mio è un nome di classe…del  nord, nordico…‘nveci u toi è accussi

             normali…

Alf.      Priscilla…pari ca assomiglia alla pisciatella…(ride) Pi non parlari do nomi

            di to matri… APOLLONIA…forsi eranu parenti di Apollo?

Pri.      I nostri sunnu tutti nomi di un certo spessore culturale e raffineria…

            Me patri si chiamava Espedito,  mia nonna si chiamava Adalgisa e mio

            nonno…QUIRINO.

            

Alf.     Nomi inventati e non festeggiavano mai l’onomastico..(ride)

Pri.     Ti sbagghi…Espedito il diciannove Aprile, Adalgisa il venti Aprile.

            Quirino, il quattro Giugno. Aggiornati...aggiornati…   

Alf.     Quali calendario leggi tu chiddu indianu? O chiddu Ostrogoto!? (entra

            Silvana)

Pri.      Bedda mea…finisti di ballari?..(Alfio riprende a leggere)

Sil.      Papi…ti dovrei dire qualcosa.

Pri.     Alfi, nostra figlia ti deve dire qualcosa, anzi più di qualcosa.

Alf.     Prisci…tu statti muta…Parla silvana.

Sil.     Papi…io domani compio quindici anni…quindici anni della mia vita,

          quindici anni passati bene, non vi ho cercato mai niente però adesso è

          giusto visto che comincio a crescere che inizio a cercare qualcosa

          che sia in linea con i tempi e con la mia età… anzi ho troppo aspettato…

Pri.     Oh! Si…si...si ha troppo aspettato…Parla Silvana, papi e io siamo e saremo

           vita durante naturale sempre vicini a te fino a che morte non ci separi.

Alf.    (al pubblico) Pari un parrinu chi sta maritannu! Priscilla, statti muta…Silvana

           u papà dai dimmi, chi cerchi.

Silv.    Una cosa da  niente che costa poco…

Pri.      Si costa chiassai di poco non ci fa nenti.

Alf.     Idda cià va mettiri sempre qualcosa superchiu!           

Sil.      Papà vogg…vogghiu a minigonna…(silenzio assoluto di tutti, Alfio

           scende lentamente il giornale ed occhi spalancati verso il pubblico)

Alf.     Comu la voi curta o longa?

Pri.      Matri c’ava pariri bedda me figghia cu li cosci di fora!

Alf.     Attia ti rumpu i cosci e a testa non fora ma dintra  si non ti zitti…

Sil.      Papà… non deve essere corta corta corta…

Alf.     Io ‘nna minigonna longa non l’haiu mai vistu…

Pri.      Allura u sai comu sunnu!?..

Alf.     U sacciu, accussi di sfuggita…ieri  ‘ncapu l’autobus vitti a una ca l’avia

           curta curta, sparti cu du spacchi una a destra e una a sinistra, di un coluri

           russu ma russu ca cchiù russu di accussi non c’è mancu u sangu, s’assittau

           di fronte ammia e s’accavallau puru a gamba…  

Pri.      Ma cu era chissa…

Alf.     E chissacciu mancu ‘nna facci a taliavu, a vitti di sfuggita…

Pri.     Comu!... ci facisti a radiografia e la vidisti di sfuggita…

Sil.     Certu lui guardava altro! Papi…ma ti rendi conto che domani compio

           quindici anni, i tempi sono cambiati, tutte le mie compagne vengono a

           scuola con la minigonna…il professore di musica quando cantiamo guarda  

           guarda e ci alza puru un votu superchiu a chiddi ca minigonna…

Alf.    U prufissuri di musica quannu cantati sugnu sicuru ca stona…sia di cantu

          ca di testa…

Sil.     Papi ti prego…guarda mi n’accattu una ca m’arriva ccà (la indica)

Alf.    Accussi si e no, sunnu quarantacentimetri…minimo minimo l’allungari

           di nautru metru e mezzu.   

 

Pri.     Accattati a minigonna longa a mamma…(con ironia)

Sil.     Papi…

Alf.    Non mi chiamari Papi…i papi sunnu o vaticano!

Sil.     Anzi io ti staiu chiamannu a quinnicianni Papi.

Pri.     I so compagni di scola iniziaru cu a dudici cu a tridici…e la minigonna sa

          

           cuminciaru a mettiri cu a deci cu a unnici…

Alf.     Pi mmia sa putianu mettiri puru a sett’anni…

Pri.     Tutti cosi fora tempu ha fattu e ha voluto…u cellulari a  tridici anni e i

           so compagni di scola già a deci l’avianu…

Alf.     I so compagni di scola a setti misi si livaru u ciucciu e idda ancora a quattru

           anni ciucciava…ammia mi piacinu i cosi logni…sula una cosa mi piacissi

           curta, purtroppo non ci pozzu fari nenti…

Sil.     Chi cosa papi…

      

Alf.    A lingua di tua madre!…

Pri.     E si circava u motorinu?

Alf.     U motorinu costa troppu assai…poi ci voli a benzina, u casco, cu  lu casco si

           sfascianu i capiddi e poi si li voli lavari sempre e ci voli u shampoo…quantu

           soldi ci vonnu!

Pri.      E poi è puru pericoloso…

Alf.     U motorinu è pericoloso da un lato e a minigonna è pericolosa da un altro

            lato… anzi di qualsiasi lato…Senti, t’accattu dui paia di scarpe di marca…

Pri.      I scarpi l’avi già di marca e quattru para….

Alf.     T’accattu un taglieè…

Sil.      Ne ho tre!...

Alf.    T’accattu un geanz e ‘nna magghietta.

Pri.     I geanz l’avi, puru di marca e sei para…avi  levissi, onicchissi, e hillababbi…

Sil.     Si babbi e cretini…mamma killah babe…

Sil.     Papi…haiu puru u cd di Nino D’Angelo “Un genz e nna magghietta”        

 

Alf.    Ma quannu l’accattati sti cosi sparti a quattro e a sei a sei…

           Silvana, mettiti u cori in paci, nenti minigonna…(Sil. se ne rientra)

Pri.     Chissi beddu…

Alf.     Tu puru o postu di diricci è giustu chiddu ca dici u papà, voi a to figghia

            ca minigonna…io ca minigonna non la posso vedere.

Pri.      Vistu l’occasione dei quindici anni non putiatu chiudiri un occhio.

Alf.     Ma si chiudu un occhiu io, l’autri ni aprunu quattro e grossi puru.

Pri.      Ti pregu ti staiu parlannu con il cuore in gola!

Alf.     Stai attenta si t’affuchi!

Pri.      Ma non vidi chi gammi diritti chi avi e sfilati.

Alf.     Senza minigonna ci sfilanu e si c’iadrizzanu chiassai.

Pri.      Ogni tanto puru i gambi hannu a respirare…

Alf.     Cu st’aria chiccè inquinata! Poi ci veni l’allergia ni li gambi.     

Pri.      Non ti rendi conto ca ormai è una signorina formata con tutte le sue cose al

            posto giusto.

Alf.     Picchi l’avissi aviri nel posto sbagliato?!..se mi chiede altre cose io gli e le

           concedo, ma a minigonna mai…quannu si marita sa vidi so maritu…

           (al pubblico) Basta ca si marita cu unu ca non ci piacinu i minigonni!

           (bussano, Priscilla và ad aprire, entra Lorenzo amico di Silvana)

Lor.     Buon giorno…con il suo permesso sig. Alfio, vorrei portare Priscilla a

            ballare da amici in una festa, poi ci mangiamo una pizza e poi domani per il

            suo compleanno vorrei avere il vostro permesso di portarla al cinema a

            vedere un film d’amore…(Priscilla velocissima)

Pri.      Permesso accordato.

Alf.     Ma idda balla sula, si metti a musica e balla, a pizza cià fa so matri a casa,

            u film su vidi a televisione e non chiddu d’amore idda vidi ancora cartoni

            animati.

Lor.     (ride) che spiritoso lei…menomale che sdrammatizza, perché in realtà

            quando un padre capisce che la figlia è diventata una  ( con tono diverso)

            do…nna e che Donnadonna a tutti gli effetti….una donna con la D

            maiuscola.

         

Alf.      (al pubblico) Ma chissu vinni pi farmi  lezione di crescita?! E tu sei un

             uo…mo con la U maiuscola?

Pri.      Alfio avevi detto tutto tranne la min…(entra Silv. già pronta)

Silv.     Lorenzo possiamo andare, mio papi mi aveva detto già si…

Alf.      Ma veramente…(viene interrotto)

Siv.      Papi non farò tardi…(escono)

S C E N A  II°

(Alfio, Priscilla, Pompeo, Caterina)

 

Alf.     Senti non è ca sti quindici anni hannu a essiri a me disperazione…

            È a prima vota chi và a ballare, pizzeria…

Pri.      Stai tranquillo, u sai ca è bedda giudiziosa, tu devi entrare ormai

            nell’ortica…

Alf.     Nell’ortica…nell’ottica cretina….

Pri.      Nell’ottica ca to figghia è una signorina…

Alf.     Ma si a quindici anni va in pizzeria, a sidici va o ristoranti a diciassette in gita

           a diciottu unni si nni và?

Pri.      Nesci sula cu zitu a discoteca, la settimana bianca, in estate la settimana in un

            villaggio turisticu.         

            

Alf.     Quali settimana bianca, poi io diventu niru ma  niru e cumenciu a vidimi

            Russu…si si voli inbiancari di nivi s’accatta a bomboletta e si spruzza…

Pri.       Ma u sai ca ci piaci a nivi vera…

Alf.      Quannu nivica acchiana in terrazza e si metti sutta a nivi…

Pri.       To patri mischinu non era comu attia, livava sempre occasione e

             accuntintava a tutti.

Alf.      Non mi nominari a me patri, u sai ca poi diventu deboli deboli e non dormu

             a notti (si avvicina alla foto sopra un mobiluccio) Papà non mi taliari!

     

 Pri.      Si cchiù anticu di me nonni, anzi iddi eranu cchiù emincipati.

 

Alf.      Ti dissi non parlari italiano! (bussano entra il prof. Pompeo, anziano prof.

             di filosofia in pensione...personaggio da caratterizzare)

Sil.       Si accomodi professore…

Alf.      Prufessù…com’è pronto pi iri a caccia.

Pom.     Ti vulia diri ca pi oggi non mi sentu, magari dumani…

Sil.       No dumani sira avemu u compleannu di me figghia…

Pom.    Ah! Allura nautru jornu...quanti anni fà…tridici?

Sil.       No, quindici…quindici.

Pom.    Quindici, comu si crisci…menomali ca anchi a quindici anni non vi duna

             ancora tanti pinseri…chissa è un’età difficile, cercanu tanti cosi,

             cumencianu a pinsari stranu, a mangiari picca, a nesciri sempre, a riturnari

             tardu, a  vestisi stranu...magliette curti,  minigonni.

Alf.       Eh! Si menomali ca me figghia di tutti sti cosi non nni cerca…sulu a mini…

Pom.     A mini…(Silvia guarda il marito)

Alf.      A mini…a miniminor, non sapia ca puru  pa’ miniminor ci voli a patente.

Pom.    U fattu è ca noi esseri umani comuni mortali non semu mai contenti di

             nenti (frase da caratterizzare con un certo tono) Vi faccio un esempio: i

             genitori quannu i figli sunnu nichi non videmu l’ura ca criscinu…quannu

             sunnu granni dicemu ca era megghiu quannu eranu nichi…poi quannu si

             fannu ziti non videmu l’ura ca si maritanu…non semu mai contenti di

             nenti!

Sil.       (al pubblico) Cuminciau!...Alfio senti io vaiu a pasticceria pa’ torta pi

            

            dumani…(esce)

 

Alf.      Prufessuri, voi siete fortunato, a non esservi sposato…

Pom.    Ecco con questa frase, ancora una volta io ti devo dire ca noi esseri umani

            comuni mortali non semu mai contenti di nenti…io avrei desiderato una

            famiglia, ma dai oggi dai dumani, passau u tempu, tu ca hai una famiglia ti

            lamenti…non semu mai contenti di nenti! (Alfi o fa scena facendo capire

            al pubblico che è  scocciante)

Alf.      Avi ragiuni…prufissuri, è veru però cu la famigghia c’è una responsabilità

             e pensieri forti…me figghia per il suo compleanno mi circau a minigonna.

Pom.    Ah! Picchissu pocu fa mi dicisti a mini- minor…c’era tua moglie…

             Caro Alfio anche con i figli bisogna avere il giusto equilibrio, certo io e tu

             siamo di un’altra generazione, però anche i ragazzi di oggi non sunnu mai

             contenti di nenti…a quindici anni vonnu a minigonna, a sidici vonnu stari a

             mari in topless, a diciassette si nni vonnu iri ad abitare da soli…a diciotto

             vogliono convivere…

Alf.       Si ma io già ci detti a sentenza…nenti minigonna…

Pom.     Non passa assai e troverà il modo di farti dire di si…

Alf.      S’avissi a capitari davvero ci pagu deci cene, a caccia c’iemu deci voti ca me

             machina…e la selvaggina chi pigghiu io, per dieci volte sa pigghia lei…si

             non capita, lei mi paga una cena, a  caccia due volte con la sua macchina e

             la selvaggina chi pigghia lei per quattro volte a me…(si stringono le mani)

Pom.     Ora fammi iri no dutturi, videmu che stu giramento di testa.

Alf.      Megghiu giramentu di testa ca giramento di co…

Pom.    Con questa frase mi dai un altro spunto…(Alf. si mette le mani in testa

             come a dire: ma cu mu fici fari parlari) quannu avemu giramento di testa,

             vulemu qualche autru giramentu, quannu avemu u giramentu c’hai tu per

             ora, vulemu altri giramenti…Noi esseri umani, comuni mortali, non semu

             mai contenti di nenti! (esce)

Alf.       Puru iddu ci voli…e la sua filosofia…però sti ceni, selvaggina e viaggi

             ci li scroccu…unni sarà per ora me figlia…non pi esseri esageratu, ma

             ancora è piccilidda e sa va teniri sotto controllo non vulissi ca qualcuno

            

             ma spedissi cu la marca da bollo… Ora ci telefono (fa il numero)

             Silvana, iu sugnu u papà…papi si il tuo papi…papi unni si per ora…

             Stai ballannu?  Ma chi cosa balli il liscio? Chi cosa balli…u raspusu?...

             Silvana non babbiari e non mi fari stari cu l’ansia…chi stai ballannu…

             U lentu?...comu sula o accompagnata?…ah! Si veru, sula non si po’ ballari

             u lentu…non sentu bonu u papà…dicci a chissu ca non ti stringi assai,

             picchi con lo stringimento  può venire il soffocamento e poi si po’ ghiri a

             truvari travagghiu all’ufficio di collocamento… Si a mamma è andata a

             prenotare la tua torta…comu si focosa?...(Alf.fà scena) Ah! Si, a torta a voi

             mimosa…non sentu bonu...va beni va beni non t’arrabbiari staiu chiudennu,

             concentrati…ciao ciao…(chiude, poi al pubblico) Chiudi mi dissi, ca non mi

             pozzu concentrare bona a ballare, disgraziata ci voli puru u concentramento

             pi ballari. (bussano entra Caterina la madre anziana e stizzosa)

Cat.      Alfiuzzu c’hai a mamma…

Alf.      Nenti staiu pinsannu a chiddu chi c’iaffari pi regalu dumani sira.

Cat.      (si ferma vicino la foto del marito a la prende) Ah! Si ci fussi ancora to patri

             vivu…mischinu era un santu…un santu…(Alfio si commuove)

Cat.      Guarda comu ti talia…Senti a mamma, a figghia è vostra e siti vautri a

             decideri, anzi tu ca porti i pantaloni e to mugghieri a gonna…a vitti nesciri

             cu du giovanottu, vidi ca chiddi sunnu ‘nna famigghia troppu libertini,

             nautri ancora semu all’antica, pensa ca già so figghia a tridicianni ci fannu

             mettiri a minigonna.

Alf.      Non ti preoccupari mamma, sunnu amici, certu non è ca pozzu teniri

             attaccata ca corda…

Cat.      Ca corda no, ma ca catina si…chi vergogna c’è un paisi di ragazze mancu

             quattordici anni cu sti minigonni, non c’è cchiù munnu…(entra Priscilla)

Pri.       Tutto a postu…a torta dumani alle sette è pronta …

Cat.       Priscilla non ci fari mettiri panna, ca ammia mi disgusta…

Pri.       Ma veramente a festa è di Silvana non è a soa…

Alf.      Ma comu mamma!.. ogni vota ca fai l’anni tu ci voi sempre a panna!…

Cat.      Si, quannu fazzu l’anni io fazzu un sforzu e ma mangiu! Quannu i fannu

             

             l’autri non è chi mi pozzu sfurzari sempre…

Pri.       Casomai ci leva a panna e sa mangia sula alla frutta…

Cat.      Ma livariccilla è un peccatu, pazienza p’amuri di me niputi mi sforzu…

            Chiuttostu ci vulissi fari un pantaloni chi dici…

Pri.      Pantaloni nn’avi assai.

Cat.     Vautri chi ci faciti, anzi tu Alfio chi dicidisti di faricci…

Pri.      Ancora non abbiamo deciso.

Cat.     I pantaloni i porta me figghiu e me figghiu decidi.

Pri.      U vidia io a so casa anchi ca li purtava ddu mischiunu di me soggiru cu

            decidia.

Alf.     Finitila ora, picchi io già cu vautri dui, cu me figghia ca voli a minigonna,

            cu lu prufissuri Pompeo sugnu …

Cat.     Silvana voli a minigonna…chi vergoooooogna…chi vergooooogna…stai

            attento Alfio, non ti fari covinceri, ‘nna nostra famigghia sempre cosi logni

            amu purtatu…

Pri.      (al pubblico) M’ummaginu comu l’avianu sti cosci!           

            

Cat.     Chi murmurii tu…intanto i pantaloni i porta me figghiu e decidi iddu,

            a figghia è vostra ammia non mi interessa però idda minigonna finu

            a chi sugnu viva non si nni metti e mancu quannu sugnu morta, picchi di

            morta stessa nesciu di sutta terra e la svergogno…

Pri.      Di sutta terra è difficile ca nesci…

Cat.     Ci nesciu…ci nesciu…

Pri.      Alfio allura è megghiu ca o postu di terra ci mittemu u cimentu…

Alf.      Sintiti o la finiti o vi la fazzu finiri…Mamma amuninni ca t’accumpagnu.

 

Cat.     Amuninni ca mentri caminamu ti dicu io precisamente comu a fari, ammia

            non mi interessa a figghia (mentre escono) è vostra però minigonna non ci

            n’accattari.

              

S C E N A  IV°

(Priscilla, Silvana, Lorenzo, Alfio)

Pri.     Matri chi focu di testa…ma c’iavissi un piaceri sa vidissi cu sta minigonna.

           Ma dicu io, a minigonna non ammazzatu mai a nuddu, è un piaceri di sti

           ragazze di oggi…certu quannu sa mettinu i fimmini sposati non mi piaci,

           ogni abbigliamento con il suo tempo, ma una ragazza a quindici anni menu

           un jornu e che per il suo compleanno ha il piacere di sta minigonna, picchi

           tutti sti ostacoli... (entrano Silvana e Lorenzo)

Sil.     Mamma…

Lor.    Signora…

Pri.     Silvana comu mai a mamma già di ritorno…

Sil.     Mi siddiavu iri in pizzeria…a festa ancora ballanu…mi sintia un pisci fora

          dall’acqua…avianu tutte le minigonne a dudici a tridici, anche una a

          undici anni e io…io con i geenz…tutte mi taliavanu comu a diri: ma chissa di

          unni veni…una s’avvicinau e mi dissi ma tu da quale pianeta vieni!

          e ridianu…sutta i baffi .

Pri.     Sutta i baffi non po essiri a sta età baffi ancora nonnannu!

Lor.    Mancu io ancora haiu baffi a diciottoanni…signora voli ca ci parlo io cu so

           marito, sa io dico tutto quello che pensa…

Pri.     Oh! Beddu, io dico puru chiddu ca non  pensu e non mi senti…

           Silvana non ti preoccupari ca talmente la cuminamu, ca sta minigonna

           t’accattamu…(entra il padre)

Alf.     Mangiastivu di cursa e a festa durau deci minuti?

Lor.     Adesso io vado…certo sig. Alfio sarebbe un sogno vedere le belle

            gambe di Silvana, io che le conosco, so che altri resterebbero di sasso. 

           

Alf.      E tu come li conosci le belle gambe di Silvana.

Lor.     Sig.  Alfio, al mare al mare…è gia da quando aveva dodici anni che si

            capiva le sue gambe dovevano fare rallegrare gli occhi…

Alf.     Al mare...e rimanevi di sasso…si c’era io, e ddà vicinu c’era un sasso

            ti spaccava a testa cu ddu sasso e non ti portava ospitali ma a spasso…

Lor.     Dai sig. Alfio, siamo nel duemila…coraggio…si rallegri…(esce)

   

 Sil.      Papà non capisci le esigenze di una quindicenne, non ti metti nei miei panni.

 

Alf.      Non mi chiamasti papi…non hai ancora quindici anni e nei tue panni io mi ci

            mettu, ma non vogghiu ca ti metti quel panno corto corto…ca poi l’occhi

            si rallegrano…

Siv.     (chiude gli occhi e fa passi lenti) A quindici anni una ragazza sogna ad occhi

           chiusi, pensa ad occhi chiusi, vive ad occhi chiusi, sospira ad occhi chiusi…

Alf.     Apritilli sti occhi asino sbatti!..e ricordati ca ancora quinnici anni non l’hai.

Pri.      Quindici menu un jornu…

Sil.      Io vogghiu a minigonna…a vogghiu…e mi la metto.

Alf.     Tu non ‘nta metti…tu non ‘nta metti…

Sil.      Io ma mettu…ma mettu…

Pri.      E  non la fari dispirari a piccilidda…(se ne entrano nella stanza)

Alf.     Sta minigonna chi dannu chi sta facennu…mai mi putia aspittari ca una

           minigonna era capace di farmi disperare… idda non si nni metti, e poi

           a lu prufissuri cià vinciri a scummissa… (entra Priscilla)

Pri.     Alfio, ma picchi non la sai pigghiari cu bonu…

Alf.     Tu puru ci fai a cummari…

Pri.      E la femminilità…è un’ età difficile, la morfina aumenta e la tiene sveglia…

Alf.      La morfina…cu la morfina l’addummisci…l’ endorfina  ‘ngnorante… 

Pri.      Gli ormoni sviluppano!...

Alf.      E si ci sviluppano di sta manera è megghiu ca ci bloccamu!..iu nesciu,

            appena ritorno non vogghiu cchiù sentiri parlari di  minigonna…(esce)

Pri.       Silvana…veni ccà a mamma…(enra Silvana delusa)  A mamma ho un piano

             nella testa…il suo punto debole qual’è…(guarda la foto del suocero, poi

             anche Silvana e tutti e due cominciano a sorridere) U capisti?

Sil.       Veru è…basta ca ci nominamu u nonnu iddu si cala di tutto…il suo punto

            debole! e comu facemu a cuminariccilla?

Pri.      Intanto ora appena veni ci dici che accetti e minigonna non ‘nni voi cchiù,

            però ci dici papà regalami una bella gonna lunga elegante perché domani

            sera prima dello spumante la voglio mettere e la devi scegliere tu…io ci dicu

            negozio, taglia, modello, colore e ci và iddu stessu…Nel negozio unni u

            mannu hannu gonni logni e minigonne…Poi con una telefonata dicendo di

            non dire assolutamente niente a papà, faccio cambiare…da lunga a corta…

            e cosi domani sera  prima che te ne vai a festeggiare con gli amici…

Sil.      Mamma ma si ‘nna cannonata…e si poi ma fa livari subito?

Pri.      Poi ci facemu prometteri davanti alla fotografia di so patri che domani sera

           qualunque cosa vede o sente non deve fiatare…

Sil.      Mamma grazie…sei una mente…

Pri.      A mamma io fussi capaci di scriveri tragedie! (entra Alfio)

Sil.      Papà, ci ho ripensato, vorrei festeggiare questi quindici anni più serena

            possibile.

Alf.     Anche io…

Sil.      Papi, voglio che mi regali una gonna lunga…

Alf.     Brava u papà, però ci vegnu puru io cu vautri a scegliere e vedere con i miei

           occhi.

Pri.      Non c’è bisogno…ci vai tu stesso…

Sil.     Si papà  fai tutti cosi tu, è cchiù bello e poi la voglio dieci minuti prima dello

           spumante e io me la vado a mettere…la gonna che (ruffiana) mio papi mi

           ha regalato…

Alf.     Dui suli mi fannu arrimuddari...idda e me patri…

Pri.      To patri chiassai!

Alf.     Ma io non sacciu in quale negozio a ghiri, u modello a taglia…(viene

            interrotto)

Pri.      Boutique dell’eleganza, via Cesare Battisti 45,  modello lungo di cotone,

            taglia 40, colore blu…

Alf.     (la guarda fissa e poi si gira verso il pubblico) Più veloce della luce.

Sil.      Se blu non ne ha, scegli un colore che piace a te… ciao papi (se ne entra)

Pri.      Hai sentito…puru u culuri ti fa scegliere. Alfio ma ti n’accorgi ca si fici

            un bellu fruttu… l’unico nostro frutto del nostro amor… una bella fragolina!

Alf.      L’unico frutto dell’amor è la banana…la banana…(musica:con la canzone  

            (l’unico frutto dell’amor è la banana e cominciano a ballare)

Pri.      Ora vacci…vacci ddà dintra e abbracciala forte…(Alfio và) ci la cuminari

            dumani sira per il compleanno a va vidiri a so figghia in minigonna…(sipario)

SECONDO ATTO

S C E N A V°

(Priscilla, Pompeo, Alfio, Apollonia)

Pri.     Cià ma fari ‘nna sorpresa megghiu di chidda di un ovu di pasqua…

           Per una semplice minigonna che cosa ho dovuto iscogitare…

           Ava ristari cchiù siccu di un pumadoru sutt’olio…(bussano entra Pompeo)

Pom.   Ciao Priscilla…

Pri.      Professore Pompeo si accomodi…

Pom.    Haiu un po’ di premura, sono venuto per dire che io ho in mente di fare

             un regalo a Silvana... sai quindici anni sono quindici anni…

Pri.       Professore faccia come crede più ipportuno…

Pom.    Vedrai sarà una sorpresa anche per te…ma Alfio unni…

Pri.       Si stà facennu a doccia…e si lamenta picchi pi iddu è megghiu u bagnu.

Pom.    E cara Priscilla, ho ragione io quando sostengo che noi esseri umani comuni

             mortali, non semu mai contenti di nenti! Quanti hannu a vasca, vonnu a

            doccia e quanti hannu a doccia, vonnu a vasca…

Pri.       Però ci sunnu chiddi c’hannu tutti dui cosi…

Pom.    Ma u sai quantu cinnè c’ hannu troppu e cadunu in depressione perché non

             sanno che cosa avere ancora della vita e vulissiru riturnari ad aviri picca…

Pri.       E quantu cinnè c’ hannu troppu picca e cadunu in depressione e vulissiru

             un pocu chiassai!…

Pom.    Hai ragione…cara Priscilla e questo secondo te che significa!..

Pom. Pri.   Che noi esseri umani comuni mortali…non semu mai contenti di nenti!

Pom.    Hai visto il consigliere comunale Emilio? Prima non vidia l’ura di fari u

             consiglieri di quartieri, poi consiglieri comunali, poi l’assessuri, poi u

             sinnacu…ora è candidatu per onorevole, poi vorrà fari u sottosegretario

             e poi u ministru…è proprio vero noi esseri umani non semu ma contenti di

             nenti… Ora vado asinò chiudunu i negozi e non mi và di venire senza un

             pensiero  per Silvana.

Pri.       Si, si…si sbrigassi picchi alle ottu apremu a torta e u spumante, sunnu

             i sei e mezza, prima c’arriva o negozio, prima chi scegli, poi sa va

             confezionari,  pagari, poi cè’ a strada do ritorno passa tempo e alle sette e

             mezza chiudono i negozi.

Pom.     Non ti preoccupari, ho già le idee chiare…(esce)

Pri.        Mah! Puru  iddu ci voli fari un pensiero e ha le idee chiare…(entra Alfio)

Alf.       Priscilla, ogni vota a buttigghia do shampo è sempre vuota, un dito preciso.

Pri.       Quannu cinnè un dito, basta aggiungere un poco d’acqua, sbatti sbatti e ti fa

             una schiuma paurosa.

Alf.       Paurosa!..Ccà dintra l’unica paurosa si tu…

Pri.       Sono sicura che come al solito bagnasti tutto il bagno.

Alf.     Stavolta non ho bagnato niente…

Pri.      Comu mai!

Alf.      Mi lavavo col conta gocce! (ride)

Pri.       L’accappatoio sicuro come al solito tutto assuppato...scula.

Alf.      Stavolta è tutto asciutto…

Pri.      Come mai?!

Alf.      M’asciugavu cu fonu!..(ride) Chi vulia u prufessuri.

Pri.       Nenti…dici ca non semu mai contenti di nenti…

Alf.      Veru?! Mancu u sapia!...  

Pri.       Cerca di essere allegro oggi, ca fra un’ura e mezza come oggi quindici anni

             fà nasciu me figghia…

Alf.       E me figghia! (poi entrambi: NOSTRA FIGLIA!)

Alf.       Assira du uri...tu non ta metti e io ma mettu…tu non ta metti e io ma

              mettu…quannu pensu ca ni sciarriamu pi stu motivu e non c’èra bisogno…

              bastava ca ci ripensava prima…

Pri.       Basta ora, stamatina quannu sinniu a scola mi dissi, mamma megghiu ca mi

             mettu u cori in paci…ancora l’ura per la minigonna non è arrivata.

Alf.      Veru accussi dissi?!. menomali, infatti speriamo ca stu jornu non arriva mai.

Pri.       Pero Alfio prometti a tuo padre, che oggi qualsiasi cosa vidi o senti storta fai

            finta di nenti, facci fari stu compleanno bedda allegra…

Alf.      Promesso…(poi ci pensa) ma picchi c’avissi a vidiri e sentiri!…

Pri.      Qualsiasi cosa…una parola di tua madre detta fuori posto, qualcosa chi dicu

            io, comu è vistuta me matri, ca non ti piaci mai comu si vesti, qualsiasi cosa

            di to figghia…

Pri.      Promettilu a bon’anima di to patri…(indicando la foto)

Alf.      Promesso alla buon’amima di me patri… qualsiasi cosa vidu e sentu non

            fazzu casu…allegro…

Pri.       Mischinu quantu a vulia beni a so niputi…iddu puru ca minigonna di quattro

             centimetri a facia nesciri…

Alf.      Iddu era sempre curtu di tutti cosi…di statura, di parlari…  

  

Pri.       Chiuttostu com’e sta gonna…chi ti dissi a signorina quannu isti a ritirarla.

Alf.      Nenti…auguri… è bellissima, non vidu l’ura ca cià vidu misa, quannu

             pensu ca l’ho scelta io da solo...mi emoziona chiassai.

Pri.       Ma  stamatina prestu chi faciatu nna stanza di Silvana.

Alf.      Controllavu s’ avia qualche minigonna ammucciata, e poi o postu di mettisi

             chissa longa si mittia chidda…chi ti pari ca sugnu babbu? (prende il regalo)

             ci la dugnu io alcuni minuti prima di mettisilla e a va nesciri da so stanza ca

             sugnu sicuru ca non ci sunnu sorprese…

Pri.       Senti io vaio a pigghiu a torta chidda pi so amici sa pigghia idda poi (esce)

Alf.      Sugnu emozionato, menomali ca si convinciu, comu si dici? QUANNU

              VOLI  A FIMMINA!..ma pi fregare ammia!...comunque oggi devo essere

            allegro, ho promesso a bon’anima di me patri (si commuove) Papà si eri vivu

            tu, capaci ca mi diciatu: faccilla mettiri addeva sta minigonna…e poi m’avia

            sciarriari puru cuttia e quannu mi sciarriava cuttia mi sintia sempre mali…

             Papà non mi guardari accussi…(bussano, entra Apollonia)

Apo.    (vestita elegantissima e giovanile pur essendo anziana, perché avendo vissuto

            al nord è abituata a quella mentalità…con sé ha una busta) Ciao genero…

Alf.      Ciao suocera…

Apo.    Questo è il regalo di mia nipote…genero!

Alf.      Che cos’è…suocera!

Apo.    Veramente è una sorpresa…genero…

Alf.     Allora non lo posso sapere? Suocera!

Apo.    Poi quannu è ura u sai… Alfio.

Alf.     Quannu parla italiano mi chiama sempre genero, in siciliano picchi Alfio..

Apo.    In italiano pronunciare questo nome Al…Al…lasciamo perdere…altrimenti

            si rovina la lingua italiana…

Alf.      (al pubblico) Non si putissi rovinari a so lingua!

Apo.     In siciliano Alfio, mi veni di botta!

Alf.      Botta di sangu a idda! Bello questo vestito suocera, upim o standa?!

Apo.    (gesto di classe) Oh! Upim o standa…non mi fari ridiri…u sai che io ho

             il mio sarto personale..

Alf.      Ancora campa chissu?

Apo.     Avi settantanni e li porta meglio di te…(Alf .fà scena) Silvana non c’è.

Alf.      A mumenti arriva.

Apo.     Come mai ieri ci foru discussioni per una semplice minigonna…

Alf.      E’ informatissima suocera…a figghia è mea e mi la vidu io…

Apo.      I figli sono nostri, ma non ci appartengono…genero!

Alf.        E a cui appartene allura!

Apo.      A Gesu Cristo…

Alf.       Ma iddu n’avi assai…semu tutti so figli!

Apo.      Ancora in questo secolo tu ti attacchi ad una minigonna.

Alf.        Si io non mi attaccu alla minigonna, l’autri s’attaccanu a li cosci!

              (bussano entra Caterina, vestita molto più semplice di Apollonia)

              Assettati mamma…

Cat.       Silvana ancora non turnau..

Apo.      Buona sera Caterina….

Cat.       Bona sera…Apollonia chi ci regalasti a me niputi, speru ca non ci ficimu

              u stessu regalu…

Apo.      Penso proprio di no…

Cat.       Io ci purtavu soldi, almeno si li sarva ‘nna libretta.

Apo.      Io i soldi ci li dugnu spissu, non aspetto u compleanno…

 

Cat.        Puru io ci dugnu spissu a me niputi…Alfio a risolvisti a questioni da

              minigonna?

Alf.       Certu mamma, Silvana stessa…

Apo.      Io quando mi trovavo a Brescia… più di trentanni fà, la minigonna già,

              mia figlia…(viene interrotta)

Alf.       L’avia misa…non mi dica che già l’avia misa!

Apo.     No, mia figlia la vedeva a me indossata. (Alf. che si era rallegrato rimane stupito)

              avevo quattordici anni… già con la minigonna…

Cat.      ‘Nna nostra famiglia sti cosi non si usano e mai si useranno vero Alfio…

             guarda comu ti talia u papà…rispunni…rispunni…

Alf.       Certo…vero mamma…

Apo.     Ognuno è libero di agire e di fare vedere come meglio crede…certo

             che quando ci sono cose non tanto belle da vedere è giusto non farle

             vedere…

Cat.      Alfio…u vidi ca si voli sempre sciarriari? U vidi…u vidi…u vidi…

Apo.     Sentiti, io non sono venuta per sentire prediche o piagnistei…

Cat.       Prediche…Alfio a sentisti…guarda comu ti talia u papà…

Alf.       Suocera per favore…

Cat.       Piagnistei…chi sunnu sti pagnostei…sicuramente sunnu cosi offensivi…

             Alfio…guarda comu ti talia u papà…

Apo.     Caterina calmati, oggi è il compleanno di mia nipote…

Cat.       Alfio a sentisti…di sò niputi…guarda comu ti talia u papà…

              to niputi è puru me niputi, anzi chiassai è me niputi, picchi i pantaloni i

              porta me figghiu…

Apo.      Alfio, falla finiri, io mi fazzu ‘nna passiata quando la signora si calma

              ritorno.  Per voi ci volevano sessantanni di Brescia (esce)

Cat.        Alfio u vidi di quantu è provocanti…saputella…avi a peddi tutta arrapata

               e voli fari a picciuttedda…Alfio u papà ti talia…ti talia…

S C E N A  VI°

(Alfio, Caterina, Pompeo, Priscilla, Silvana, Lorenzo, Apollonia)

Alf.    Calmati mamma…calmati picchi oggi devo essere beddu allegro, ci

           fici ‘nna promessa o papà…

Cat.    Guarda, guarda comu ti talia…non sacciu picchi, ma talia sempre attia…

Alf.     No puru attia talia!..

Cat.    Ma si avi l’occhi sempre ‘ncoddu attia…ma quanu l’apremu a torta?

           (bussano, entra il prof. Pompeo anche con una busta nelle mani)

Alf.     Prego prufessù…

Pom.   Caterina buonasera…mi sono permesso di portare un piccolo pensiero

            per Silvana..

Alf.     Ma non c’era bisogno...grazie.

Cat.     Ma non c’era bisogno…grazie.

Pom.   Alfio, l’ho vista crescere e non mi sintia di veniri senza nenti…

Alf.     Ma lo sa che lei è unu di famigghia…

Cat.     U sapi ca lei è unu di famigghia…

Alf.     Chi ci regalau chi ci regalau…(con curiosità)

Cat.     Chi ci regalau...chi ci regalau…

Pom.    Sorpresa!..Poi più tardi vedete.

Alf.      Ni stamu cuminannu peggio di un ovu di pasqua…tutti sorprese.

Cat.      Ma l’anni passati comu mai non ci ‘nna fattu regali prufessù…

Alf.      Mamma…

Pom.    Quindici anni sono quindici anni, l’altro a diciottanni…

Cat.      E chi sta tri anni senza faricci regalu?  (entra Priscilla con la torta)

Pri.       Chi fudda chi c’era a pasticceria…

Cat.      Ma Silvana comu mai ancora non veni, avissi a esseri già ccà.

             Alfio va cercala, ca asinò a torta si acidisci…

Alf.      Mamma pi favuri statti un pocu muta…(Pris. Si infastidisce)

Cat.      Ma chi mi voli livari a parola? Guarda guarda comu ti talia to patri…

Alf.      (più calmo) No, mamma, a mumenti veni non ti preoccupari…

Cat.      A torta quannu l’apremu?

Alf.      Fra un pocu…

Pri.       Caro professore non vedo l’ora ca si fa zita me figlia accussi…

Pom.     (la interrompe) Priscilla Priscilla, mi dai spunto di risponderti: prima non si

             vidi l’ura di farisi zita…poi si voli maritari, poi voli un figghiu, poi u

             figghiu u lassa matri, poi voli u secunnu figghiu e a matri cu du niputi

             e puru u patri cià va cummattiri.

Alf.       (al pubblico) E’ megghiu ca non figghia allura!

Pom.     E’ vero noi esseri umani, comuni mortali non semu mai contenti di nenti.

             (entrano Silvana con Lorenzo anche egli con una busta di regalo)

Sil.        Buonasera a tutti…

Pri.        Ciao a mamma…

Lor.       Prof. Buonasera…

Sil.        Scusate, persimu tempu picchi Lorenzo aveva un colloquio di lavoro…

Alf.       Ah! Picchi ti voi mettiri a travagghiari?

Lor.      Si, per me stesso per non gravare sui miei…

Pom.     Caro ragazzo, speriamo che capisci cosa significa il lavoro…picchi quannu

              unu non travagghia, cerca travagghiu, quannu l’avi non voli travagghiari.

              Noi esseri umani, comuni mortali non semu mai contenti di nenti….

Cat.       Cuminciamu a festeggiari asinò a torta si acidisci!...

Pri.        A torta è bella frisca…e a ma aspittari a me matri…(poi al pubblico)

              Non vidi l’ura ca si mangia a panna!

Cat.      Alfio, io cumencio a sentiri friddu…ma quannu cancia stu tempu.

Pom.     EH! Caterina, veramente non semu mai contenti di nenti…Quannu c’è

             friddu, vulemu cavudu…quannu c’è cavudu vulemu friscu…noi esseri

             umani comuni mortali (tutti tranne Caterina) Non semu mai contenti di nenti!

                  

Cat.      Ma chi parlati tutti assieme? Ma chiffà stati sfasannu? Ma pi favuri va

             tagliamo sta torta…

Sil.       Lorenzo se viene nella mia stanza ti faccio vedere lo stereo che avevo

            comprato. (se ne vanno)

Alf.      Na stanza suli?! Silvana nescilu ccà dintra u steriu…

Pri.      Alfio, ricordati…(sguardo fulminante poi  verso la foto )

Alf.     (Poi si avvicina alla moglie) Ma ddà dintra suli!

Pri.      ( sottovoce) Qualsiasi cosa vedi o senti…non ti scurdari ca to patri ti talia…

Cat.     Alfio ma fai trasiri o giovanotto sula cu Silvana? O matri mia, non vidu l’ura

            ca apremu sta torta e mi nni vaiu a me casa…

Pri.      Trasu puru io basta ca cià finisci…(và)

Pom.    Alfio, io mi nni vaiu…

Alf.      No, professù, almeno ‘nna fetta di torta si la va mangiari.

Cat.     Allistemuni prima ca si acidisci…

Pom.    Va beni…apremu sta torta…(bussano entra Apollonia)

Apo.     Buonasera professore…

Pom.    Signora Apollonia i miei omaggi…

Cat.      Prufessuri, non semu a Maggio…

Apo.    Genero mia figlia è tornata?…(rientra Priscilla)

Pri.      Eccomi mamma…

Apo .   Vedi che la torta per tutte le sue compagne l’ho pagata già io…

Alf.      Non putia pagari puru chissa!

Apo.    Genero non mi tiro mai indietro io…

Cat.     Alfio, chi dici ci vaiu io a da ricci un’occhiata a chiddi dui ddà dintra?

Alf.     Non ti preoccupari mamma…a mumenti vennu…

Cat.      E allura apri sta torta..

Pri.      Avanti assittamuni tutti ca a mumenti sunnu l’ottu e festiaggiamu i

            primi quindici anni di me figghia…

Alf.      I primi!…ma picchi chi c’iavissiru a essiri i secunni quindici anni?

Cat.     Alfiuzzu a mamma, si ci fussi to patri, guarda guarda comu ti talia…

Alf.      U sacciu ca mi talia.. poi specialmente stasira! (escono Lorenzo e Silv.)

Sil.      Allora siamo pronti?.. mancanu deci minuti…prima apremu a torta

            e subito dopu apremu u spumanti…

Alf.     Io vulissi diri qualchi cosa…sugnu cuntentu…figlia mia chissu è u regalu chi

           vuliatu, io avrei il piacere che tu vai a metterti questo che tuo padre ha

           scelto…negozio, taglia, colore, modello,via Cesare Battisti, 45 (contento) ho

           fatto tutto io…tutto io. Non ti vogghiu vidiri stasera cu stu pantaluni, vai e

           mettiti chissa…

Alf.     Priscilla pigghia a machina fotografica ca ci fazzu na fotografia mentri

            nesci…(Silv.và)

Cat.     (s avvicina al figlio) chi ci facisti…

Alf.      Una gonna longa…

Cat.      Longa finu a unni.

Alf.     Fino alle cavigghi…(contento)

Pri.      Nel frattempo apremu a torta…( e la preparano nei piattini di carta)

Cat.      Speriamo ca non si acidiu! (poi versano lo spumante nei bicchieri)

Apo.     Auguri a me niputi spero che la vita gli sorrida ogni momento…

Cat.      Io spero di campari centanni e di mangiarimi centu torti assieme a me niputi.

Pom.    Chiassai vulemu campari cchiù malanni avemu e  poi non videmu l’ura di

             muriri…noi esseri umani comuni mortali non semu mai contenti di nenti.

Alf.      (Con la macchina fotografica nelle mani contento) Ora appena nesci Silvana

             battiti subitu tutti i mani…poi ci scatto a fotografia…poi brindamu e

             mangiamu …(guarda la porta da dove deve uscire Silvana) Dai papà

             nesci…nesci…magari mi giru, appena battiti i mani mi votu…(in quel

             momento accompagnata da una musica entra Silvana con una minigonna e

         

             si ferma vicino alla porta atteggiandosi…( tutti tranne Caterina, battono le

             mani, Alfio si gira verso di lei contento vedendola cambia espressione,

             rimane fisso verso lei, poi comincia a fare scena…gli applausi si attenuano)

Sil.       Grazie papi di questo bel regalo…(Alfio rimane ancora di sasso)

Cat.       Disgraziato tu ci facisti stu regalu...svergognatu…

Alf.      Silvana va le...(viene bloccato)

Pri.      Alfio ricordati a promessa…(Alfio si ritira la voce… facendo scena)

Cat.      Io mi nni vaiu..mi nni vaiu…datimi a me fetta di torta ca mi nni vaiu….

Alf.      Silvana…va leva…(viene interrotto)

Pri.      Alfio to patri ti sta taliannu…(Alfio si ritira facendo scena)

Apo.    Madonna Santa  che hanno visto un mostro…è talmente bella!

Sil.       Papi è il tuo regalo…

Alf.      Ma io cià prenotavo longa…

Pri.      Ma forse sbagghiau di qualchi centimetru…

Alf.      Silvana va levati…(viene bloccato)

Pri.      Alfio to patri ti talia…( Alfio si ritira come in precedenza)

Cat.     Mi nni vaiu…mi nni vaiu…non vogghiu mancu perdiri tempu a pigghiarimi

            a  torta… Alfio cchiù tardu ma porti tu e non ci livari a panna…(esce)        

Alf.     (ancora si contorce) Ti dissi di…(Priscilla che già un attimo prima aveva preso la foto

              del  suocero)

Pri.      Guarda comu ti talia (Alfio si mangia le mani)

Alf.      Si…si, allegro non vitti nenti non sintia nenti…

 Pom.   Alfio pigghiatilla con fiolosofia picchi quannu semu insoddisfatti  cademu in

         

             depressione…(aveva preso già il suo regalo) puru io ci fici una minigonna.

Apo.     Puru io una minigonna scik…

Alf.       S. Giuseppe e S.Agostinu…

Lor.      Anch’io con uno spacco laterale…              

Alf.       S.Giovanni e S. Antonio…

Pri.      Alfio ormai è una donna

Alf.      Puru S.Alfio ci fici a minigonna…(sta per svenire)

Pri.      Ma chidda chi ci facisti tu è normale senza spacchi…

Alf.     (si mangia le mani si contorce, fa scena con molta espressività)

            Il tranello…come un cretinu ci cadivu…

Pom.    Alfio, priparati a selvaggina, a macchina, benzina e le squisite cene (ride)

Pri.       Auguri a mamma e mille di questi giorni…

Apo.     Silvana auguri…

 

Lor.      Silvana auguri sei più… (sensuale) donna dell’anno scorso e di ieri.

Alf.      Chissu a testa a provola l’avi! (al pubblico)

Sil.        Papà non si po’ etichettare una ragazza da una minigonna…

Apo.     Tante con le gonne lunghe, hanno il cammino corto, e  mia nipote

             con la minigonna deve avere un camino lungo…

Alf.       Prufessuri lei chi dici (con voce flebile e a stento ancora per lo shock)  

Pom.     Io dico che a quindici anni  una minigonna indossata con spensieratezza,

             con giovinezza, senza malizia, pensando alla gioventù di quanto è bella e,

             viverla in maniera pulita è meraviglioso. Non sarà certo una gonna corta a

             rovinare la serietà di una  ragazza che a quindici anni ha voluto provare

             questa euforia.

Alf.       Si ma ora va levatil…(viene interrotto tempestivamente)

           

Pri.       Alfio a promessa…

Alf.      Ah! Si a (vittima più disperato) promessa a promessa…

Pri.       Allegro…ca u papà ti sta taliannu…

Alf.       Si allegro ca a bon’arma mi talia…

Lor.      Sig. Alfio, sa pure mia sorella e le sue compagne di scuola le hanno regalato

            una minigonna…(Alfio molto espressivo verso il pubblico)

Apo.    Cara nipote per un mese puoi metterti una minigonna al giorno…

Lor.     Una minigonna al giorno…non leva mai l’occhio di torno…

Alf.      S. Lorenzo e S. Giovanni chi dannu chi ficiru sti quinnicianni! (si contorce)

Pri.       Dai facci a fotografia a to figghia…

Alf.      Accussi mezza spuggspuggh…spugghiata?

Pri.       Alfio…allegro…(viene incitato anche dagli altri)

Alf.      Ci la fazzu a mezzo busto!

Pri.       Alfio…u papà…

Alf.      Si…si u papà mi talia…(scatta la foto mentre Priscilla da i bicchieri con lo

              spumante) tutti dicono: AUGURI…Alfio continua a guardare la figlia) certo

             chissa è un’eta difficile, disgraziata, piena di  aggu…ati  e di occhi (verso

             Lorenzo) spa…lan…cati!  noi genitori non putemu fari autru chi faricci

             capiri ai nostri figghi ca quannu u mali si avvicina bisogna allontanarsi…e

             iddi, dicu iddi sannu a sapiri guardari, picchi chiassai nautri i guardamu

             prima o poi ni la cuminanu comu a cuminaru ammia…via Cesare Battisti

            45, negozio, taglia,  modello e colore…(poi guarda la figlia) u sai u papà ca

            non stai mali?

Lor.      Finalmente u capiu…avi mezzura chi cerco di fariccilu capiri!

 

Alf.       Lei chi dici prufessuri…

Pom.     Io dico che una minigonna non ha mai rovinato una donna… Un padre

             vorrebbe che la figlia rimanesse sempre piccola, la madre che crescesse in

             fretta...noi esseri umani comuni mortali  (TUTTI INSIEME)

                         NON SEMU MAI CONTENTI DI NENTI !...

               (tutti con il bicchiere verso l’alto per il brindisi)    (musica e sipario) 

(per ogni rappresentazione è necessaria l’autorizzazione dell’autore e degli elaboratori)

                                                (elaborata da Pietro, Rosanna Maurici e dallo stesso autore)

Dedicata al: Direttore artistico Prof. Pippo Micciulla, alla regista Antonella Lusco ed a tutto il gruppo G.La Pira di Sant’Agata Militello che apprezzano tutti i miei lavori;

a Osvaldo, Rosetta, Antonella, Fabiana, Nuccio, Antonino, Maria Grazia, Mirko, Paolo, Giovanni,

Maria Rita, Giusy, Francesco e tutti coloro i quali hanno fatto in precedenza parte dei “Nuovi Orizzonti” con immenso affetto.

A Giacomo Badami, Mimmo Paternostro e tutto il gruppo Cepros-Pino Palazzo di Corleone (Pa).

A Giuseppe Minnella persona disponibile, umile, professionale ed a tutti i componenti della Tela di Penelope che mi hanno promesso che faranno tutti i miei lavori perché dice Giuseppe: meritano di essere visti dal pubblico.      

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 25 volte nell' arco di un'anno