Paralisi progressiva

Stampa questo copione

 


di Franco Bicini

Personaggi

Icilio (padre)

Giulia (madre)

Violetta (figlia)

Cicci (figlio)

Torquato (fratello di Giulia)

Luigi (amico di Icilio)

Bombolino (macellaio)

ATTO PRIMO

Scena discretamente arredata. Ambiente medio-borghese. Uscita fondo. Uscita laterale. All'apertura del sipario, so­no in scena Giulia che legge una rivista femminile e Tor­quato che strappa i fogli da un libro per farne aeroplanini. Dall'interno una voce di soprano si esercita con vocalizi rumorosi. Mimica di Giulia che non sopporta i vocalizi e il volo degli aeroplanini fabbricati da Torquato.

Torquato Alé che cilacca!... 'L concerto è 'ricominciato 'n'altra volta... Sente che sinfonia?!...

Giulia (Esasperata. A voce alta). Violettaa...!

Violetta (Entra con un bicchiere d'acqua per fare i gargarismi, facendo sempre la scala musicale). Aaaah... Ooooh!... Che c'è?

Giulia Dacce pace ...tesoro... a forza de sentì' a fa' (Imita i gor-

gheggi) Aaah! Ooooh!... me gettola la testa che non ne pos­so più!... Mette 'na mano di qui... Non te dico bugia. (Mano sulla testa). E' sentito? E' sentito come me gettola?

Violetta D'accordo ...ma non posso smette.

Giulia E perché?

Violetta Perché un cantante... quando la voce je s'è scaldata... non pole smette... E' come per te col sugo... L' pole lascia' sul foco ...quando bolle 'l sugo?

Giulia No...

Violetta E allora... cossì è per me co' la voce!

Giulia Sì-ì?

Violetta Cecheme é cussi...!

Torquato Violetta...

Violetta Dimme.

Torquato A titolo informativo... Durerà 'n pezzo 'sta bega del vocali-zio drente 'sta casa?

Violetta Dieci anni.

Torquato (Spaventato) Quanto?

Violetta Dieci anni... Il maestro ha detto che per arriva' a fa' la cantante come se deve... ce vojono altri dieci anni...

Torquato Ah!... Io do le dimissioni... Io arfò domanda per artornà' a l'ospizio.

Giulia Tu sta' zitto... (Vedendo il libro e gli aeroplanini) e smettela de fa' j' aeroplanini. (Spaventata dai fogli strappati dal libro per fare gli aeroplanini)... Torquato...

Torquato Presente... che c'è?

Giulia Me sorge 'n dubbio... 'N po' famme vedé'! (Prende il libro). Oh! Signore... questa non la volevo sapé'...! Torquato...

Torquato Eqquome...

Giulia Ma j'aeroplanini con che l'è fatti... coi foji del libbro?

Torquato E con che l'evo da fa'? Miga podevo compra' i foji de carta bollata per falli!!!

Giulia Ma questo 'l libbro è del mi' marito... E' capito?... E' 'l libbro del mi' marito.

Torquato (Candido). Embè!?

Giulia Come Embè?... E' un libbro che ce teneva tanto... E' un po’ de giorni che sta sempre a capoficco... a squerciasse so­pra... E adesso come se fa?

Torquato E come se deve fa'?!... Se tal mi' cognato... 'l libbro je pre­me... chiappa e n'arcompra 'n altro.

Giulia E tu fé presto... ma p'arcomprallo ce vojono i dindini... ce vojon questi. (Accenna con le dita ai soldi).

Torquato Ma questi... 'l mi' cognato ce l'ha... Tal mi' cognato non è la grana ch'je manca... E po' se je manca ...la trova...

Giulia Sente che ragionamenti...! Ma che vol ragionà'...? Su 'sta famija non se ragiona con nissuno ...miga posso pretende de ragionà' con te!!

(Ogni tanto arrivano i vocalizi di Violetta. Dall'inizio, ogni tanto).

(Esasperata). Violetta...!

Violetta Alé che tiulla...! Che c'è?

Giulia C'è che di qui non se poi più manco parla'... Non se capiscon le parole... Di qui se sente ta te sola... 'n po' sì... ma 'n po' miga 'nn è vero che se fa cossì...!!

Torquato Ta me m'ha bel che finito de 'mmattimme... Quando so' venuto di qui... dice che ero mezzo tonto...ma adesso ...cecheme... 'l sento, no? So' diventato tonto del tutto!!

Giulia Ma sta zitto...e vergognete... vergognete de seguita' a fa' j'aeroplanini...

Torquato Guarda che io... de fa' j'aeroplanini... l'ho smessa...

Giulia E che fé allora?

Torquato Fò le barchette... Eqquole l' veh! Non ènno più aeroplanini... ènno barchette...

Giulia (Decisamente strappa il libro dalle mani di Torquato). Damme 'l libbro... Basta cossì...

Torquato Aj' ordini! Di qui me pare de sta' su 'n laghere... A l'ospi­zio... Io vojo artornà' a l'ospizio!!

Giulia Ma io...a l'ospizio... sta' attento che te ce armando!... Seguita cossì e è per te come l'osso pel cane! Sta' attento, Torquato. Sta' attento...

Torquato Io soffro de paranoia... M'anoio di qui dentro da la mattina a la sera!

Giulia E adesso smorzela... Falla finita... (Violetta gorgheggia più forte). Violetta, per favore... abassa l'audio... Dentr' a 'sta casa... non se poi littigà'... E' 'nnutile... Non se capiscon le parole.

Torquato A l'ospizio ciò j' amici... giocamo a carte... ce 'mbriacamo!!

Giulia Sta' zitto e vergognete... T'avem preso con nojaltri... t'avem lasciato i soldi de la pensione e tanto no?

Torquato I soldi de la pensione?... Stemo zitti ch'è mejo.

(Campanello porta).

Giulia Busseno... Adesso sst! Adesso sst! Mosca... E' mejo de sta' zitti... Violetta... Violetta (Entra con un bicchiere in mano per i gargarismi). Che c'è de novo?...

Giulia C'è che busseno... va' a aprì'...

Violetta Come fò andà' aprì'?!... Posso andà' aprì' col vocalizio su la

bocca?... C'è 'l tu' fratello... C'è hi' che non fa gnente tutto 'l giorno... Non ho capito... perché non ce mandi ta lu'...

Torquato Io so' 'mpegnato... 'mpegnato de brutto...

Violetta A che fa'?

Torquato A littigà'... Non posso perde' tempo.

Cicci (Da fuori) Allora... ce deciderne aprì' 'sta porta o no?

Giulia (Va ad aprire). E' Cicci... E' Cicci... (Cicci entra). Ma la chiave dove l'è buttata... Pe' aprì' la porta, non s'usa più la chiave?

Cicci Ma che ne so?... Ne so molto io de le chiavi! Adesso me metto a corre dietro anche ta le chiavi... tanto non ciò gnente da fa'!!!

Giulia Dove s'è stato?... Da dove viene, amore?

Cicci E da dove ho da venì'?!... So' stato a fa' 'n giro a poker... ma come al solito...

Torquato T'ha ditto jella. E le ducentomila lire che t'ho 'mprestato me l'arende l'anno del mai?

Cicci E bravo lo zi Torquato...! Adannete come l'è capita!... Non te ce facevo!

Torquato Ah! Sì!? Ma io te salto a la vita... Co' 'n mosco te stacco 'n orecchio... (Giulia tiene Torquato). A l'ospizio... Vojo artornà' a l'ospizio!... (Gorgheggi forti di Violetta).

Giulia (Urlando). Violetta...

Violetta Che c'è?... Ho da abassà l'audio, è vero?... E invece non l'abasso... Chi non poi sentì' tappa j'orecchi! (esce).

Giulia (A Cicci che si è tolto il soprabito e l'ha buttato là). Cicci però... mettelo mejo que lo spolverino!

Cicci Alé che nanna...! Alé che pippa ch' è ataccato!!

Giulia Cicci...

Cicci Sì..?

Giulia L'sè che sé' diventato 'gnorante 'l giusto?

Cicci Sie?

Giulia Sì...

Cicci Pazienza, mamma... Ce vol pazienza...

Torquato Non è ch'è diventato 'gnorante... Cicci No-o?

Torquato No... Per me arda' più 'ntol vilano. (Aggressivo). ...La mi' sorella la lasci fa'... sinnò io steqquolo... io te steqquolo... te disintegro... te sdrumo!

Giulia Va di là Torquato... Te preparo l'acqua e 'l sapone per fa' i bomboli.

Torquato Ah! Ibomboli sì...! A fa' i bomboli ce sto... me da gusto!

Giulia Vengo di là subito... Va di là. (Torquato esce ringhioso nei confronti di Cicci. Gorgheggi). Violetta...

Violetta Alé che nenia!

Giulia Ma abassà' l'audio miga te costa gnente!! 'Na cortesia quan se po' fa' se fa... Però Cicci... guarda 'l pastrano... E' caduto per terra... Miga 'nn è vero che se fa cossì!!!

Cicci Mamma ...ma che chiacchiere l'erba medica?! Adesso portamo rispetto anche ta i pastrani e te saluto Anna Maria!!!

Giulia Ma non è question de rispetto... E'che lo spolverino se sciupa!

Cicci Embè!... Quan s'è sciupato se n' arcompra 'n altro... e chi s'è visto s'è visto...

Giulia E già... ma p'arcomprallo... ce vojono i soldi...

Cicci I soldi... chi ce l'ha li mette...

Giulia E già... ma a mette i soldi... è sempre'l tu'babo...

Cicci Ta lu'... je da gusto de metteli... ta me me da gusto de spendeli ...Vede come ce semo acoppiati bene...! Mejo de cossì?

Giulia Sì... ma anche a frega' i soldi de la pensione ta quel porellino del mi' fratello... 'nne sta bene... via non è giusto...!

Cicci Ma 'ltu' fratello mezzo rincojonito com'è... che ce fa coi soldi...? Da magna' jel' da 'l mi' babo... l'affitto 'nne l' paga... tu l'arcutine su... e non vole sgancia' niente?... Eh! Noe... questa non è giustizia!... E po' tu...

Giulia Io che?

Cicci Tu e la mi' sorella la pelliccia con che l'avete fatta?. L'avete fatta coi soldi del tu' fratello... de quel cuccotto de Tor­quato... Sbajo? Correggerne si sbajo... 

Giulia Non t'ataccà' ta le pellicce pé' sviguolà'... Te dicevo... che te volevo di'? Madonna... Ah! sì... del gioco... Cicci... tu l'è da smette de giocà'!

Cicci E' 'na parola...! E come fò a smette?... Si 'nne scajo qualcosa col gioco... con vojaltri... 'na bella carriera... Con vojaltri faria 'na bella carriera...! Con quel che me date!

Giulia Non fa' 'l fanatico... 'l tu' babo te da quello che pole...

Cicci Ah!sì?

Giulia Sì...

Cicci Allora... con te complice... ha fatto un grande sbajo...

Giulia E scusa... quale?

Cicci Quello de metterne al mondo!

Giulia Cicci... che dice?!!

Cicci Che dico? Si non podeva damme di più... perché m'ha messo al mondo?

Giulia Cicci...

Cicci E' stato 'n incosciente... 'n incosciente come tanti altri babi! E' stato 'n incosciente e adesso paga la su' incoscien­za... E' tanto semplice... (Gorgheggi). Violetta...!

Violetta (Entra). Che c'è?

Cicci Cominciamo, a stecca'!... L'è sentita che stecca?!

Violetta Begiarello...! Quella non era una stecca...

Cicci E scusa... che era?

Violetta Era 'na nota de testa...

Cicci Detesta?                                                         

Violetta Sì... de testa... Io la voce l'ho impostata.

Cicci Sì-i?

Violetta Sì.

Cicci Allora bene... Si l'è impostata... speramo che arivi a destinazione, sinnò 'n bel casino pel tu' babo... pel sor Icilio...

Violetta Icilio... 'l mi' babo... lassol' fa'... poretto...

Cicci Poretto sì...! A mantené' anche la soprano lirica... cià da fa' 'l giusto... non se pol lamentà'...

Torquato (Entrando con una gabbia). Gente i canarini non canton più...

Giulia Non te la pijà'... Si min canton loro... dentr' a 'sta casa... c'è chi canta! Torquato...

Torquato Dimme...

Giulia Ma l'osso de seppia co' l'insalata... che fine hon fatto?

Torquato L'ho magnati io...

Giulia Ma tu sé' 'n canarino?

Torquato Canarino  proprio...  no...  ma per fischia'...  sente?  (Fischia)... Fischio anch'io!

Giulia (Rimproverandolo con rassegnazione). Torquato...!

Torquato Oh! Ch' ho da fa'?... Io m'anoio... Ho bisogno de fa' qualcosa.

Giulia Te l'ho detto dianzi... Va di là... Adesso te fò fa' i bomboli co' la cannuccia.

Torquato Allora daje... movete... 'nne sta' a parla' con quii begio. (Esce insieme a Giulia).

Violetta (Entrando). Cicci... Stasera che fé?... Me porti a balla' con te?

Cicci Per andà' a balla' ce vole l'argent... ce vojono i sesterzi... ce vojono i dindini...

Violetta Ma io i dindini ce l'ho...

Cicci Icilio...! Padre snaturato...! Babo Icilio fa le parzialità... Ta chi fijo, ta chi fijastro... Con te babo Icilio sgancia ...è tirchio solo con me...

Violetta La questione è che io qualcosina risparmio... Tu ...invece sperperi.

Cicci Molto lodevole sorellina... Visto allora che tu sé' bona a risparmià'... sgancia 'na centona e te porto a ballà'...

Violetta Me dispiace... questo è un ricatto...

Cicci Prendere o lasciare...

Violetta Telefono ta Enrico...

Cicci Tal dottore 'n agraria?... Ancora filamo co' l'agrario?

Violetta Agraria o no... l' dico ta lu'... si me viene a pijà'.

Cicci Brava... Con lu'... risparmi...

Torquato (Rientrando insieme a Giulia. Porta un bicchiere con den­tro il sapone e la cannuccia per fare le bolle. Prova a fare le bolle, ma non ci riesce). E' la cannuccia che non fa... E' la cannuccia che è atappata...

Cicci Sé' tu che non sé' bono!!

Torquato (Riprova senza risultato). Io so' bono tanto.

Cicci Vole scommette ventimila lire che io la fò funzionà'?

Torquato Quanto?

Cicci Ventimila.

Torquato Ce scommetto.

Cicci (Prende la cannuccia). Attenzione. (Fa una bella bolla). Visto? Fori le ventimila.

Torquato Quisto m'arpulisce... Quisto si non tigne ...bragia...

Cicci Forza...

Torquato L'ho di là... gimole a pijà di là. (Parlando tra sé e sé). Però ce dovria esse 'l trucco. Per me c'è 'l trucco...

Cicci Il trucco c'è... ma non si vede!... Daje ...andamo. (Escono).

Giulia (Ha preso la tovaglia). Violetta, è ora de cena... Quel disgraziato del tu' babo artorna e manco j' avemo apparecchiato. (Comincia ad apparecchiare).

Violetta Incomincia tu... che io telefono ta Enrico... Vò a balla' stasera...

Giulia Chiappe via anche stasera?

Violetta Oh! Mamma cocca ...ce arfè?... ce arfacemo? L' sé oggi come va 'l mondo... l' sé come son fatti ...oggi... j'orni.

Giulia J' orni son sempre uguali... Davanti a la donna ...coveno...

Violetta Non è vero! Quelli de oggi èn de 'n' altra pasta!... Se ne fregheno... Oggi j' orni non coveno... Si li vole l'è da andà' a cerca'... sennò ...bifera... Se li aspetti eh' ariveno... tempo aspettalli!... A trent' anni t' altrovi co' le ragnatele!

Giulia Ma tu a cercalli ce ve spesso!

Violetta Eppure non giova... E' visto?... Li vò a cerca' e non arbatto un chiodo... Figurte si non andavo a cercalli... La situazio­ne è questa... L'è capita com'è?

Giulia Ma 'st' Enrico... 'l dottore 'n agraria... cià intenzioni serie?

Violetta Non credo...

Giulia E allora... perché ce ve?

Violetta Perché cià j' amici... Provo a trova' 'l pollo tra i su' amici ...chiaro?

Giulia 'L pollo?

Violetta Ma oggi un che te sposa ...che è? Guarda 1 mi' babo... A lavorà' da un buio a 'n altro... per che fa?... Per mantené' la baracca... E allora?... Non è un pollo... Cicci (Rientrando). Che c'è per cena?

Giulia Ho fatto 'l fagiano in salmì.

Cicci Alé che biolica... Che pippa co' 'sto fagiano!! Io me so' stufato del fagiano 'n salmì... Io mangio, fori...

Giulia Di qui ho capito... ciavrem da decide!... Avrem d'andà' tutti al ristorante e non se ne parla più...

 Icilio (Da fuori chiama). Giulia... Giulia...

Giulia Oh! 'l mi' marito... Sta' zitto che j' l'ha fatta altrovà' la strada de casa. (Va ad aprire. Entra Icilio). Era ora... Co­me mai tanto tardi?... Tu almeno...

Icilio (Stanco). Lascia gì'...  Giulia... Un cliente...  m'ha fatto

aspetta'... Purtroppo l' sé com'è. Se voi guadagna' 'na lira di più è da esse schiavo de tutti!... Pé' 'n rappresentante é cossì... Oddio! Aiuteme a leva' 'sto capotto... che stasera crollo... non gnela fò più... 'Na giornata oggi! (Leva il ca­potto). Fa' piano!... Fa' piano, che dentro è tutto sdrucito!

Violetta Bonasera, papà.

Icilio Oh! Violetta.

Torquato (Entrando). Veh! Che sventola de bomboli che fa 'l sottoscritto.

Icilio Beato a te che fè i bomboli!

Torquato Beato perché?

Icilio Beato e basta... cossì... Non ne starno a discute... Io ...i bomboli non li posso fa'...

Torquato Ma si tu ne voi fa' uno... te 'mpresto la cannuccia...

Icilio No, grazie... grazie... Stimo 'l pensiero, ma non te sta' a incomoda'. E' pronta la cena Giulia?

Giulia E' pronta sì... ma la minestra ...ormai... è diventata 'n pancotto.

Icilio Figurte!

Giulia Ce roghe 'ncora! Dì, cocco, s'è artornato col culo pé l'insù?

Icilio No... ma io dicevo...

Giulia Dicevo... Dicevo... So' io che ciò da dì'!... Ma guarda questo... Artorna quando j' fa comodo e voi' la pasta cotta al dente!... Oh. Cocco smorzela... famme 'l piacere...

Icilio Va beh! Basta cossì... Via ...porta 'sta minestra... avrè ragione tu... Cicci. (Sta passando).

Cicci (Con sufficienza). Sì.

Icilio Forza... Viene a tavola...                            

Cicci Magno fori babbo...

Icilio (Pausa dolorosa e sorpresa). Fori!    

Cicci Sì ...Fori... F come Firenze...

Icilio (Aripausa). E perché mangi fori?

Cicci Perché di qui me pare più 'na mensa aziendale che altro.

Icilio Come?

Cicci Mensa aziendale...

Icilio Colpito). Ah! Sì?

Cicci Sì... (Esce).

Icilio (Pausa. Una cucchiaiata di minestra. Fa le boccacce. Passa Violetta). Violetta ...Mettete a tavola...

Violetta Grazie, babbo... Stasera vò a ballà'... Mangio di lì...      

Icilio (Intontito). Ah...! Stasera ...vè a ballà'...

Violetta Sì... vò a ballà'...

Icilio E mangi di lì...

Violetta Già... Perché?

Icilio Niente... Per niente... cossì.

(Violetta esce). (Altra cucchiaiata di minestra. Boccacce. Passa Torquato) ...Torquato.

Torquato Oilà... Icilio Manco tu viene a tavola?

Torquato E come fò?... "Nne l' vede?... Ciò da fà' i bomboli!...             

Icilio Te capisco... (Ingoia forzatamente poi chiama). Giulia...

Giulia Che te s'è sciolto adesso?

Icilio No ...gnente... Evi ragion tu... E' 'n pancotto. (Scansando il piatto).

Giulia Arfacce veh!... La colpa non è la mia...

Icilio (Alterato). La colpa è la mia... La colpa su 'sta famija è sempre la mia!

Giulia Icilio... Non me stuzzica', stasera..!. Non ce cerca'... perché si cerchi ...trovi!

Icilio So' stufo... L'è capita che so' stufo? Me tragino tutto 'l giorno... Artorno a casa stanco morto... Artorno a casa co' le mano e coi piedi... e po' l' veh! Che accojenza!

Giulia Domani sera t'aspetteremo co' l'orchestrina o co' la banda...

Icilio Vergognateve... Vergognete!! Quella va a ballà'... Piuttosto... dove va a ballà' la fiola?

Giulia L'so io dove va...

Icilio Ah!Sì?

Giulia Sì...

Icilio Va bene... l' vojo sapé' anch'io... Da oggi vojo sapé' tutto... anch'io...

Giulia Retrogrado... Sé' un retrogrado... La tu' fiola esce con persone per bene che magari tu!! La tu' fiola esce perché deve uscì'... e deve uscì' perché la vita che j' fè fa' tu... la vita che pretende de faje fà' tu... è la vita che fonno le moniche de clausura...

Icilio Ah! Sì?...

Giulia Sì... E tu che fè per le' pora criatura?... Tu non se' bono manco a compraje un vestito su 'na boutique...

Icilio Ah! Perché i vestiti si non se comprono su le boutiques... non son vestiti?

Giulia E non sé' un retrogrado?... E' sentito come la pensa 'sto retrogrado? I quadrini... Sé' ataccato tai quadrini... Ecco quello che sé'...

Icilio Io ataccato tai quadrini?... Io tutto quello che ciò...

Giulia Ma sta' zitto, Picellere... tu sé' l'antichità de Picellere!…. I fioli, pore criature ...oggi... honno bisogno de quadrini ...no de chiacchiere e de moralismi...

Icilio Ma guarda che ta la Violetta... anche l'altro ieri j' ho dato centomila lire...

Giulia E con centomila lire che ce fa?... Con centomila lire giusto si ce va a compra' 'n paio de mutandine a la Stantìa!

Icilio J' ho dato quello che potevo... come ho fatto sempre... ma te rendi conto ...po'... che oggi c'è 'na crisi che levete e scanzete?... Te rendi conto che oggi... tutte le aziende sono in crisi?

Giulia E di qui 'nn è da oggi!... Di qui la crisi c'è stata sempre, anche se questa non è un'azienda... Da quando t'ho sposa­to è stata sempre 'sta solfa.

Icilio E che t'è mancato?... Avanti, parla... (A Cicci che sta passando). Cicci... 'n po' vien qua... Ta te che t'è mancato, Cicci?...

Cicci (Con sufficienza). Babbo... lasciamo perde'...

Icilio No, 'nvece... non lasciamo perde'... spiegamoce... E' ora de spiegacce...

Cicci Babbo, te l'ho detto ...lasciamo perde'... (esce).

Icilio Ma come?... Manco me pije 'n considerazione? Semo arivati a 'sto punto? Cicci... vien qua... Cicci!

Torquato (Entrando). Sor Icilio... Me s'è atappata la cannuccia 'n' altra volta. Ce l'ete 'n fil de ferro... qualcosa pe' stappalla?

Icilio Sente quisto?!... La cannuccia?! Questo è un manicomio... non è una casa... Al CIM... me par d'esse al CIM, altro che a casa mia!!

Giulia E' vero... non te posso da torto... Ma l'è visto?... C'è fatto caso? "L manicomio 'ncomincia sempre quando artorni tu...

Icilio Ah! Sì...?

Giulia Sì... Fan bene i fijoli a trattatte cossì... L'è notato?... Non te pijeno più 'n considerazione...

Icilio Ma l'altra sera, quando tal tu' fiorino j' ho dato centocinquantamila lire, me cià preso 'n considerazione!!!

Giulia ...Pidocchioso... sé' 'n pidocchioso... E' capito?... Adesso cià 'l coraggio de rinfaccià' anche 'sta miseria de soldi che j' ja dato!

Torquato Ducente n'ha fregate ta me... Tombola!!

Giulia Ma che sono centocinquantamila lire pe' un ragazzo come 'l nostro?!... Centocinquantamila lire... non sono gnente.

Icilio Ah! No?...

Giulia Gnente.

Icilio Non enno gnente... ma ta me ... per guadagnane... l' so io 'l tempo e le strappiate che me ce vojono...

Giulia Sé' 'no snaturato... sé' 'n egoista fori del tempo... ecco quello che sé'... Sé' 'n grande egoista e basta.

Icilio Ah! Io so' 'n egoista...! E' capito a che punto semo arivati?... Ma te rendi conto ji sforzi eh' ho fatto col nolo...? Quanto ho fatto per faje pijà' 'n pezzo de carta?... Ho fatto i salti mortali per faje pijà' 'l diploma da ragioniere!... Niente!

Giulia Ma se non gne piace de fa' 'lragioniere... pora criatura... ha da fa' 'l ragioniere perché l'è deciso tu? E' robba da matti, sa!

Icilio Lasciamo perde' 'lragioniere... L'ho mandato al Liceo... gnente ...Ma che vol fà' ...che vol fà' questo di qui?... Me l' fate sapé' che ha deciso de fà'?... Cicci vien qua. (Arriva Cicci). Allora?... E' sentito?

Cicci Sì...

Icilio Che me risponde?

Cicci Tu l' sé quello che vojo fa' io... l' sé... Non fa' 'ltonto... Non fa' finta de non sapello...

Icilio Non m'arcordo... Te giuro che non m'arcordo... Damme 'na rinfrescatina... sii gentile... fammelo arcordà'...

Cicci L'sé che vojo fa' 'l corridore de formula uno... Io ciò l'inclinazione de portà' i bolidi e basta...

Icilio Ah!Sì?

Cicci Sì...

Icilio E io che te dovria fa'... 'na Ferrari?... 'na Mac Laren?... Che pretende da me? Pretende che te cavo fori centomilio-ni per fatte 'na machina da corsa?

Giulia Sarebbe nientedimeno che 1 tu' dovere...

Icilio Mannaggia a que la vijacca!... Ma dove li pijo i soldi?... Ma che volete da me?... Che li vò a rubbà'?!... Ciò la ditta dove fò 'l rappresentante che sta per vende'... è un casino...

Giulia E se è 'n casino la ditta dove ce fé 'l rappresentante... l'avem da sconta' nojaltri?

Cicci Nojaltri che c'éntramo co' le ditte?... E po'... si non va bene 'na ditta... la ditta se cambia...

Icilio Son tutte uguali... Le ditte oggi ciònno tutte ji stessi problemi! La crisi è per tutti…

Giulia Enno scuse... quiste èn tutte scuse.

Icilio Come?

Cicci Enno scuse! Ha ragion la mi' mamma... Babo... parlamose chiaro...

Icilio E' ora... E' un pezzo che predico che di qui tocca parlasse chiaro...

Cicci Tu... ormai Temo capito... sé' bono a fa' la vittima,... ma la ragione è un'altra... Su 'sta casa l' sé perché mancono i soldi?!...

Icilio Eh!

Cicci Perché sè"n fallito...

Icilio (Scattando). Che so' io?

Cicci (Cattivo). Un fallito.

Icilio (Avventandosi sul figlio che difende la madre). Ma io te

stacco 'n orecchio... Io t'azzanno 'nt la testa come 'l conte Ugolino...

Giulia (Urlando). Icilio smettela... Non t'azzarda' a tocca' 'l nolo eh!

Icilio Tutti d'accordo... Tutti d'accordo sete... Tutti contro de me... Cicci vien qua... Viene a parla' con me...

Giulia Lascia perde' Icilio.

Icilio No, 'nvece... Vojo andà' avanti... Avanti... Rispondete... Rispondeteme... Violetta... Vien qua... Violetta. (Entra). Tut­ti venite qua... che v'ho fatto manca' su 'sta famija?... Ri­spondete... Niente v'ho fatto manca'... niente, fiji de putta­na... vagabondi, delinquenti... Ho circolato co' le scarpe sfonde... ma non v'è mancato gnente... non v'ho chiesto mai gnente!!

Violetta Babo... cala per favore... cala... Di qui semo arivati al libro "Cuore"... arfacemo De Amicis.

Torquato (Entrando tutto vestito e con la valigia). Arvedecce ta tutti, io ve saluto. Giulia Dove ve?

Torquato Arvò a l'ospizio... Co' 'sto casino io non ce resisto...

(Campanello porta).

Giulia Oddio!... E chi è adesso?

Cicci E chi deve esse?... Sarà 'l dottore... Lo spasimante de la sorellina adorata.

Giulia Icilio... se' calmo?... Cerca d' esse' calmo... perché si ce fé fa' brutta figura col dottore... son noie... Datte 'na regolata eh!

Icilio Se ve fò fa' brutta figura... che fecete ...me menate?

Giulia Sta' zitto... volgarone... ignorante... Chi è?

Luigi (Da fuori). Amici...

Giulia Amici chi? (Violetta, Cicci, Torquato escono).

Luigi Amici veri.

Giulia Oggi de amici veri ...n' esiston pochini... Forza... non perdemo tempo. Chi è?

Luigi Luigi...

Giulia Gigino chi? Quello che gira per vende i detersivi?

Luigi No,.. Gigino ...l'amico de Icilio...

Giulia Dice che è 'n amico tuo... Si è 'n amico tuo vaje aprì'... (Esce).

Icilio Chi è? (Va ad aprire).

Luigi (Entrando a braccia allargate per un abbraccio). Icilio...

Icilio (Perplesso). S'accomodi.

Luigi Come s'accomodi?... Me de del vó'?...        

Icilio ...Ma io...

Luigi Gigino... ma non t'arcordi?... Gigino... Son passati vent'anni... è vero ma...

Icilio Gigino... Tu sé' Gigino detto 'l Misquola...!

Luigi Preciso.

Icilio (I due si abbracciano e si stringono la mano). Misquola che 'tte pjja 'n colpo... come stè?

Luigi Ringraziamo Iddio... Tiramo avanti...

Icilio E come mai di qui?

Luigi Di qui perché gira gira... giri, giri... e po' a la fine... c'è 'n solo desiderio... Artornà' dove sé' nato!!

Icilio Quanto so' contento d' arvedette... Che tempi... Che tempi i nostri!!

Luigi E te credo... E Nannino... Nannino come sta?

Icilio Nannino Giugliarelli detto Spillo?

Luigi Sì...

Icilio Nannino Giugliarelli... è morto...

Luigi Me dispiace... E Marsilino... 'l Gaucho?

Icilio Marsilino s'è diviso da la moje... Adesso è andato a lavorà' a Ancona... Ma tu... che fé di qui?

Luigi Che fò?... Lavoro.

Icilio E dove?

Luigi Induvina.

Icilio E come fò a 'ndovinallo?... Miga so' Nuvoletta che fa l'astrologo...

Luigi Ho comprato 'na ditta che fabbrica insaccati... mortatelle ...salami ...progiutti... 'ste cose di qui...

Icilio Ah!sì?

Luigi Sì...

Icilio Guarda che combinazione! Anch'io lavoro... fò 'l rappresentante de 'na Ditta de 'nsaccati.

Luigi Come vanno le cose?...

Icilio Beh! 'Nsomma... Come se dice... un d'j loro e tre d'j nostri... Le cose non van tanto bene...

Luigi Le cose non vanno bene perché 'l padrone non ce sa fà'!

Per andà' bene... oggi 'na ditta deve esse aggiornata... re­clamizzata... Oggi 'na ditta deve prova' a esporta'... deve fa' proposte nuove.

Icilio Certo...

Luigi Vojo fa' 'na campagna promozionale che levete e scanzete!

Icilio Misquola...

Luigi Oh!

Icilio Sta' a vede' che diventamo concorrenti!

 Luigi Concorrenti io e te? Mai... Collaboratori... ecco... questo sì... potremo diventa' collaboratori.

Icilio Collaboratori perché?

Luigi Perché la Ditta de mortatelle, progiutti... affini... dove tufé il rappresentante... l'ho comprata io.

Icilio (Perplesso). No-o?

Luigi Sì!

Icilio Oddio... Questa non la volevo sapé'... Ma allora...

Luigi Allora che?

Icilio Come fò a chiamatte Misquola?...

Luigi Guai a te si nun 'nne l' fé!... E perché io ho comprato 'na ditta tu non me vol' chiama' più Misquola?...

Icilio Beh! "Nsomma...

Luigi Tra me e te non deve cambia' gnente... Amici ventanni fa... e oggi più amici de prima...

Icilio Io... a dì... la verità...

Luigi Icilio... Come va?

Icilio Come vói che vada... La famija... sa com'è?... Co' la famija c'è sempre da 'ncazzasse.

Luigi Perché?

Icilio Perché 'nne l' sé?... I fijoli oggi... oggi i fijoli vojono... vojono ...Misquola... facemola corta... te dico la verità... gne la fò più...

(Passa Cicci). Cicci vien qua...! Te vojo presenta' 'n ami­co... 'n grande amico mio...(Rivolto a Luigi) E' 'l mi' fijolo...

Cicci (Distaccato senza dare la mano). Piacere... (Va per uscire).

Icilio Dove ve?...! Spetta... Te volevo fa' sapé' che ...'l mi' amico ha comprato...

Cicci (Interrompendo bruscamente). Ciò da fa' adesso... Me preparo p' andà' a ballà'... So' 'n ritardo... (Esce).

Icilio (A Violetta che traversa la stanza). Violetta...

Violetta (Brusca). Che c'è?

Icilio Viene qua 'n minuto... Gigino... te vojio presenta' la mi' fijola ...Violetta...

Violetta (Scostante). Babbo... abbi fede... Sto a pettinamme.

Icilio Ma te volevo presentà'...

Violetta Doppo... doppo...

(Esce mentre entra Giulia).

Icilio (Scusandosi per i figli). Scusa Gigino... scusa, ma purtroppo... (Vedendo la moglie e credendo di fare più bella figu­ra)... Giulia vien qua. (A Luigi). La mi moje... Giulia t' arcordi de Luigi?

Giulia Icilio... Sto aiuta' la fijola... Adesso non posso perde' tempo... co' le stupidaggini dei ricordi...                                                

Icilio Aspetta 'n momento... 'n momento solo!

Giulia Oh! Con questo l'arabo... par che parlo l'arabo. (Esce).

Icilio Gigino scusa... Scuseme...

Torquato (Entrando). Posso?

Icilio Che c'è?

Torquato (A Luigi). Bonasera...

Luigi Buonasera...

Torquato Scusi... lei è ‘l direttore de l'ospizio?

Luigi (Fingendo, comprensivo). Sì...

Torquato Andamo allora... Artorno giù... Me so' deciso...

Luigi Paterno). Ma no... perché non resti qui? Qui si sta bene... Qui stai tranquillo...

Torquato Sie... Sie... Sentiste!... Sentiste anche dianzi che casino! Tu qui è 'n casino a vita... è 'n casino progressivo...

Luigi Calma, giovanotto... Calma...

Torquato Voi fa' du' bomboli?

Luigi No grazie ...molto gentile...

Torquato Guardi che io non me ne schifo!... Non so' schizzinoso!...

Luigi Gradisco il pensiero... ma grazie... grazie ugualmente.

Torquato Ah! Non voi fa' manco i bomboli?... Allora vaffanculo...! (Esce).

Luigi Dopo un attimo di silenzio). Beh! Come famija non te poi' lamentà'...

Icilio Gigino... i mi' fioli... la mi' moje... son mejo de quello che

sembrono...

Luigi Senz'altro... ma 1 fatto è che tu... tiri 'lcarretto da la mattina a la sera e quando artorni (Indica il piatto sul tavolo) ...e quando artorni... l' veh! Magne da te solo... da te solo come 'n cane...

Icilio Purtroppo...

Luigi Non è giusto! Che fanno i fioli? 'L più grande che fa? Dove lavora?

Icilio Non lavora...

Luigi Me l'immaginavo...

Icilio Voi fà' 'l corridore de formula uno.

Luigi De che?

Icilio De formula uno.

Luigi E tu?                    

Icilio Io che?

Luigi Tu che dice?

Icilio Che devo dì?!... Me dispiace che non posso aiutalloa realizzà' 'sto sogno... ecco...

Luigi Quell'altra che fa...?!

Icilio (Timido). Chi?... La Violetta...

Luigi Sì...

Icilio Non fa niente... Le' voi diventà' soprano... 'na cantante lirica.

Luigi No-o?!

Icilio Sì...

Luigi Etu?

Icilio Io cerco d'aiutalla... Pago le lezioni... Speramo che un giorno o l'altro 'lSignore la possa aiutà'...

Luigi  Icilio... (Guardandolo negli occhi). Ma ta te... ta te... Chi t'aiuta?

Icilio Beh! Veramente...

Giulia (Entrando, al marito). 'Na parola... (Icilio si alza e si avvicina alla moglie). 'Stasera... 'sti fioli... li mandamo fori cossì... senza 'na lira?...

Icilio (Nella speranza che Luigi non senta). Giulia ...ma p'i fioli... t'ho dato trecentomila lire lunedì...

Giulia E' capito...? (Rivolta a Luigi). Ha sentito signore... Scusi, come se chiama, signore?...

Luigi Misquola...

Giulia Ha sentito, sor Misquola... quello ch' ha detto 'sto pidocchioso del mi' marito?... Ha dato trecentomila lire lunedì... Ma che enno oggigiorno trecentomila lire... morto de fa­me?... E adesso perché ha dato qualcosina lunedì... basta... ce fa stende la mano... ce fa chiede l'elemosina!

Icilio Ma sente Giulia...

Giulia Ma che voi sentì'?... E ringrazia 'Ddio... che i fioli sono armasti du' bravi ragazzi... perché coi tempi che corrono... senza 'na lira ...pore criature... chissà dove potevono esse arivati... anche 'n galera podevono esse finiti!!!

Icilio Gigino...

Giulia Sì, arcorre ta Gigino...! Arcorre ta lu'...! Che je ne frega ta Gigino... Non pijà le scuse... che ogni scusa è bona... Gigi­no... Gigino... Chi è 'sto Gigino che pare 'l padreterno?!

Violetta (Da dentro). Mamma... allora?...

Giulia Arivo, adesso arivo... Che ce sto a fa' di qui... le melappine?... (Uscendo). Pe' l'amor de 'Ddio!! (Silenzio imbarazzante).

Icilio Gigino...

Luigi Icilio...                             

Icilio Che dice, Misquola?       

Luigi Dico che di qui c'è qualcosa chenon funziona...

Icilio E che è secondo te che nonfunziona?

Luigi Tu... se' tu...                   

Icilio Io?...

Luigi Troppo spago... j'è fatto pijà', troppo spago ta 'sta gente...

Icilio E' vero... Io a testa bassa a lavorà'... arportà'... e loro... loro senza nessuna responsabilità... a pretende...

Luigi Tocca fà' qualcosa... subito...

Icilio Eche vol fà'?

Luigi Icilio...

Icilio Dimme tutto, Misquola...

Luigi Tarcordi da ragazzi ji scherzi che facemme?...

Icilio Pe' l'amor de 'Ddio!!

Luigi E' da fa' 'no scherzo ta la tu' famija...

Icilio Ma questi en bestie... en diventati bestie sah!

Luigi No..!. Enno fannulloni... E' gente che a forza de sta' bene e de fa' l'ozio, cercono i cojoni e basta.

Icilio E' vero, purtroppo... ma è vero.

Luigi Questa è gente che ha da prova' 'l mosco del lupo...

Icilio Del male no... non me la sento de fajelo...

Luigi Capisco... ma pensa Icilio... Facemo i corni eh!... Ma mettemo 'na disgrazia, che tu moriste...

Icilio (Fa gli scongiuri). Come?

Luigi Perché non pol succede?

Icilio Ah! Sì...!

Luigi E allora?... Se tu moriste... che succederebbe dentro 'sta casa? Ce pensi che succederebbe?...

Icilio Sarebbe lo sfascio...

Luigi D'accordo... per cui...

Icilio Per cui?

Luigi Per cui tu ...adesso... te fé pijà' subito 'na paralisi...

Icilio Come?... Scusa, non ho capito bene...

Luigi Te fé pijà' 'n attacco...

Icilio E si fò finta de famme pijà' 'n attacco de paralisi o fò finta de sta' 'nteghito su 'n fondo de poltrona... scusa... loro... nel contempo... che magneno?... Magneno l'erba medica?

Luigi Per magna', ce penso io... So' o non so' 'l tu' principale?...

Icilio Questo è vero...

Luigi Allora per te ce penso io... Ta te non te deve mancà' niente.

Icilio E loro?...

Luigi Damme retta!... Loro... li mettemo davanti a le loro responsabilità... Vedrè tu che cambiamento!... Co' 'sta gente  le chiacchiere non conteno... Co' 'sta gente ce vojono i fatti!

Icilio Ma io che ne so come se fa a fasse pjjà' 'na paralise?!

Luigi E non ce vol tanto... Cominci a dì' che nun te reggono le gambe... le gambe che te fon Giacomo-Giacomo...

Icilio Sì-i?

Luigi Certo... La bocca pò'... la bocca storta è importante... 'N po' famme vede' la bocca storta...

Icilio (Ci prova in vari modi)...

Luigi Cossì... Bravo... La bocca storta è 'mportante e la mano... anche ...anche la mano bronquola è decisiva...

Icilio Cossì?!

Luigi Più persa... più aruncinata... Bravo... a posto... Semo a posto.

Icilio Gigino... scusa... ma 'l dottore... quando toccherà chiama' 'l dottore... che j' arcontamo tal dottore?!

Luigi 'L dottore gnente... 'l dottore... non lo chiamamo...

Icilio E tu fé presto...! Che j' arcontamo che 'l por Bura è morto dal freddo 'nvece che de appendicite?!

Luigi Lascia sta' 'l por Bura!... Per dottore chiamamo 'n amico mio.

Icilio E che fa 'st'amico tuo?...

Luigi 'L macellaio...                                                               

Icilio (Spaventato). Ti macellaro?

Luigi Sì...

Icilio Ma dico... miga io so' 'n bove...

Luigi 'N bove... no, ma 'na bestia da soma... 'n somaro... sì.

Icilio Misquola...

Luigi Che c'è...?

Icilio L'idea me gusta... l'idea m'alletta...

Luigi Stamo zitti... che l'ha capita!

Icilio Quasi... quasi... domani...

Luigi Ma che domani!... Stasera... subito... 'n dolore improvviso su la schiena... le gambe che fon Giacomo-Giacomo... le mani bronquole...

Icilio La bocca...

Luigi Bravo... la bocca...

Icilio (Improvvisando). No... via... lasciamo perde'!... Non facemo i matti.

Luigi Solo cossì poi doma' la tu' famija...!

Icilio Ma 'lmi' spolverino che fin ha fatto... Dov'è?... L'hon portato di là?!

Luigi Pare...

Icilio E come mai 'sta premura tutta a 'na botta?! (Chiama). Giulia...

Giulia (Arriva). Che c'è?... Che te s'è sciolto adesso?                 

Icilio Lo spolverino... 'n po' damme lo spolverino...

Giulia Pronti... a j' ordini (Da lo spolverino). Sor Misquola... visto 'sto spolverino?... E' a l'ultima moda...

Icilio Te dava fastidio di qui?

Giulia Scusa veh! Cercavo, de daje 'n'arcugita... Di qui non se capisce più manco 'l verso... Terremotato... Io non ho visto mai 'no spolverino più terremotato de questo... (Icilio sta cercando qualcosa nella fodera dello spolverino). Che fè?

Icilio Evo nascosto centomila lire su la fodera... di qui... (Urlando). Sparite... Le centomila lire enno sparite...

(Giulia esce).

Luigi No-o?

Icilio Cecheme è cossì... Enno sparite... Questi én peggio dei piragna... Misquola...

Luigi Dimme...

Icilio E' ragione... E' pienamente ragione... La paralisi... me fò pijà' la paralisi... Non ce penso più... Paralisi. (Si irrigidisce goffamente).

Luigi Gigino... no cossi... Cossi è 'na posizione troppo forzata... E' un'esagerazione...

Icilio Brutti mascalzoni... Piutosto che fa' 'l pollo... che fa' 'l cojone... fò la commedia tutta la vita... (Cambia posizione). Cossì?...Va bene?

Luigi Sì, sì...

Icilio Daje!... So' pronto... Chiama... non me ce fa' arpensà'...

Luigi Me raccomando ... non te tradì'...

Icilio Vai siguro!... Vai col tango...!

Luigi (Disperato). Signora... Signorina... correte... correte... Svelti... venite qua... Signora... Signora Giulia...

(Arrivano tutti).

Giulia Ch' è successo...?

Luigi Icilio... Le gambe... gne reggon più le gambe...

Giulia Je 'ldicevo ta 'st'animale che non èva da beve... Non ha magnato e ha bevuto... se capisce che... (Schiaffetti). Icilio ...Icilio...

Icilio (Bocca storta... Non risponde).

Giulia Ma che eia anche la bocca storta?... Cicci... l'è visto?... Cià la bocca storta...

Cicci Provamo a fallo caminà'...

Giulia Su Icilio... su...

(Icilio ricade come un peso morto...).

Torquato Quisto 'nn arpija piguolo... J'atti 'n son belli...            

Giulia Tu sta' zitto... Icilio... parla ...dì' qualcosa...

Icilio (Farfuglia e sputicchia).

Torquato Par che piove... per me eqquoce... 'nne sta più tanto...

Giulia Aiutateme... portamolo a letto... Aiutateme a piallo.

Violetta 'N dottore!... Avremo da chiamà 'n dottore...

Giulia E' vero... Cicci va a chiama' 'n dottore.

Cicci (Cinico). Adesso?

Giulia (Severa). E quando?...

Cicci Ma non è gnente... Non facemo le tragedie... Oggi ha sentito freddo e adesso cià la reazione...

Violetta E' ragione... Se domattina sta cossì chiamamo 'n dottore.

(Suonano alla porta).

Violetta E questo è Enrico... E' già arivato...

Giulia Oh! meno male... Enrico me par ch'è dottore...

Violetta Dottore sì ...ma 'n agraria...

Giulia Embè sempre 'n dottore è! Fallo salì'...

Torquato Eh! No... Quan l'è ditto tu... E miga 'l mi' cognato è 'n pioppo o 'na cerqua che l' facem vede' tal dottore 'n agra­ria!!

Giulia Non fa' lo spiritoso...

Torquato 'L dottore 'n agraria... quan vede che sta male... che fa? J' dà i concimi chimici invece che le medicine?

Giulia Vole sta' zittino 'n momento?... Che facemo gnente?... Alora...? Che facemo?

Cicci Facem tutto meno che le tragedie... L'ho detto anche dianzi... Per me è 'na stupidaggine.

Violetta Ma se capisce... anche per me...

Cicci Enrico è venuto co'la macchina?...

Violetta Con ch'eva da venì?!

Cicci (A Violetta). Allora pija la borsa... daje, andamo...

Violetta Ma...

Cicci Ma che?... Se 'l dottore l' chiamano domani mattina... di qui che ce starno a fà?... Forza via, via... andamo a ballà'...

Violetta (Convinta). Ciao papà... andamo via pe' scaramanzia...

Cicci e Violetta      (Uscendo). Bonasera... buonanotte ta tutti...

(Pausa - Silenzio).

Giulia Torquato...

Torquato Eh?

Giulia Che volevi?... Volevi sempre artornà' a l'ospizio?...

Torquato No, no...

Giulia E perché?

Torquato Perché vojo vedé' come va a finì'... come va a finì'!!...

Fine del primo atto


ATTO SECONDO

Stessa scena di prima. C'è una poltrona in mezzo dove Ici-lio sta sdraiato con una coperta buttata sulle ginocchia. Luigi è seduto vicino alla poltrona.

Icilio (Facendo un po' di ginnastica). Oddio!... Non ne posso più... En quindici giorni che sto 'nteghito cossì... su 'sta poltrona... Cri-cru... cri-cru... sente?... Come me movo, me scricchieleno j' ossi... Gigino... scricchiolo...

Luigi Alé che lagna!... Par che mette i denti!...

Icilio Ma te rendi conto quii che voi dì' a non poté' corre?! ...Non

podé' caminà"?'... Non podé' caminà' a zoppa galina presempio?

Luigi Perché... prima... ce caminavi a zoppagalina?...

Icilio No.

Luigi E allora perché ce voi caminà' adesso?!

Icilio Perché tu non ce crede... ma a sta' cossì... pensi anche ta questo... anche a caminà' a zoppa galina... (Chiama) Gigino...

Luigi Dimme...

Icilio C'è nessuno?... 'N po' dà 'na smicciata...

Luigi (Va a vedere). No... non c'è nessuno...

Icilio Famme sfoga', allora... (Fa ginnastica. Balla fa salti).

Luigi Fa' pianino... non fa' rumore...

Icilio (Ginnastica).  Uno...  due...  tre...  quattro...  capucertola! (Esegue).

Luigi Ma che te sé' 'mmattito?... Fé anche la capucertola?!

Icilio (Euforico). Capucertola solo? Ciò voja de fa' anche 'l triplo salto mortale... Olé...!

Luigi Sst!... Piano t'ho detto... Annettete giù...

Icilio (Tornando nella poltrona). I giochi son finiti... Forza... 'l pajaccio... armettemoce giù a fa' 'l pajaccio.

Luigi Purtroppo solo cossì pole aiuta' la tu' famija...

Icilio Tu sé'convinto?...

Luigi Al cento per cento.

Icilio E io invece ciò l'impressione che di qui facem come le scarpe... andamo sempre peggio... sempre peggio! A parte le torture de sta' di qui integhito a vede' tante storture ...  senza fa' niente... senza podé' fa' niente.

Luigi Calma, Icilio... calma...

Icilio Calmo?... "Na volta o l'altra m'alzo... pù'o 'na sedia e steqquolo... steqquolo 'gni cosa...

Luigi Dovevi fallo prima...

Icilio T'è ragione... Ho sbajato... ma non è mai troppo tardi... Non resisto Misquola... non resisto... Tutte le volte che li vedo me pija 'l brutto male... me tremon le mano...

Luigi Sta giù... non te fa vede'... t'ho detto... Icilio, basta!... Non è 'l caso che rimani di qui...

Icilio E dove vò... pi tetti?... Vò a fa' 'na crociera a le Haway?

Luigi Da di qui... è chiaro... tocca smammà'... Tocca trova' 'na scusa e faje capì' che te ce vole l'aria de campagna...

Icilio Fa capì' ta chi? Tai mii... che me ce vole la campagna?...

Luigi Certo... di qui tu non regge... Non gne la fé a regge...

Icilio E tu pensi che i mii me mandono 'n campagna? Non danno più 'na lira... ma ammesso che ciavessero qualcosa, adesso che li conosce, tu pensi che l'adoprerebbero per mandamme in campagna? Ma dico... Misquola... l'è visto? ...'N quindici giorni... hon pulito tutto!... Rauss!... Non cionno armasto manco i soldi per compra' 'na scatola de solfini ...E allora... de quale campagna pariamo?...

Luigi De la mia... Icilio ...Io ciò 'na villetta a Chiugiana...            

Icilio No!!

Luigi Come no!

Icilio E allora che aspettamo, la carrozza?... Partimo... Io so' pronto!... Partimo...

Luigi  Sta' giù... Sta' calmo... Ma che te crede che un paralitico ...se pole alzà' su... cossì... e chiappa' via?! Calma... giova­notto... calma... pe' spostà' 'n paralitico ce vole 'n dottore ...ce vole 'n dottore che da l'autorizzazione... Ce vole 'na barella... Ce vole 'n'automobile...

Icilio E già... e pel dottore come facemo?

Luigi Tal dottore ciò pensato io... Ho scelto... non te n'ave' a male eh!... Ho scelto... Bombolino... 'l macellaro...

Icilio 'L macellaro?

Luigi Perché?... Te fa 'mpressione?

Icilio No... ma 'nsomma... avrei preferito...

Luigi Qui non ce son preferenze... qui ce vole uno che ce aiuta e basta...

Icilio Ma se Bombolino fa 'l macellaro... come fa a conosce' l'organismo umano?...

Luigi Tra nojaltri e le bestie non ce son tante differenze... I corni... ecco ...de notevole c'enno i corni de differente.

Icilio Ah! Perché nojaltri i corni non ce l'avemo?...

Luigi E' vero... ma sta' giù bono che ariva qualcuno...

Torquato Bongiorno ta tutti...

Luigi Buongiorno...

Torquato (Mostrando una gabbietta vuota). La gabbietta d'j uceletti dentro a 'sta casa... the end... fine... non c'entra più gnente 'nto 'sta casa... Dove la buttamo?

Luigi E perché non c'entra più gnente?

Torquato La gabbia è a lutto... Uceletti spariti... I canarini non c'en più...

Icilio Che ha preso'na paralisi anche ta loro?

Torquato No... l'ho amazzati io...

Icilio E perché?

Torquato Perché evo fame... ecco... Evo fame!

Icilio (Pausa. Guarda Luigi come se gli sorgesse un dubbio). Non me dì' che l'è magnati tu?!

Torquato E 'nvece te l' dico... L'ho magnati e... 'nt lo spito... ve dirò che 'nn en di peggio...

Icilio Misquola, aiuteme che io scatto... Non gne la fò più... Aiuto... aiuto!

Luigi Sta' calmo... Tanto oramai l'ha magnati...

Icilio Con questo tocca sta' attenti... Quando ha fame fa come 'l conte Ugolino... questo è pericoloso... Ce da 'n mosco su la testa...

Luigi Va di là Torquato...

Torquato Ma io da me solo... m'anoio...

Icilio (Urlando). Va di là... Via, via... Va di là. (Torquato esce).

Giulia (Entrando). Tu almeno, lassa fa' ta te... Pole esse' anche moribondo... ma tu non cambie mai... Vilano eri... e più vilano sé'...

Luigi Signora...

Giulia Signora che? Se urla cossì...? Oh! Sé' su 'n fondo de 'n letto... sé' più di là che di qua... e tanto no?... L'albagia ce l'è uguale... l'albagia non gne manca siguro...

Luigi Signora.

Giulia Arfacce co' 'sta signora...! Signora de che?... De le petecchie... che non ciò 'na lira?... Signora che? Co' 'st'incoscen-te... co' 'sto disgraziato ch' ha ruvinato 'na famiia e ce roga 'ncora!!

Icilio (Timidamente). Ma io...

Giulia Io che?... Ecco l' veh! Come andamo avanti nojaltri...! Guardi dentr' a la sportola... come si chiama... Misquola... Guardi dentro a la sportola Sor Misquola...

Luigi Fagioli... Vedo che ci sono dei fagioli...

Giulia Fagioli e patate... Un giorno come primo facemo le patate... come secondo i fagioli... 'L giorno doppo facemo come primo i fagioli e come secondo le patate... Si èva più giudi­zio che prima se strapazzava meno... adesso non ce tro-vamme cossì... Tèh! (Consegna una lettera al marito).

Icilio Che è?

Giulia E che ne so?... Leggela... che 'l tempo per legge adesso ce l'è. (Esce).

Icilio E' de la Ditta tua... Perché m'è scritto...?

Luigi E 'l tu 'licenziamento...

Icilio No-o?!

Luigi Come no!... Loro han da capì' che sono proprio 'n mezzo a 'na strada!

Icilio Ma dico... Misquola... te rendi conto...? La moje dà mosco... 'L cognato magna i canarini... Di qui... quan sanno che so' licenziato... addio... me saltano a la vita...

Luigi Devono tocca' 'l fondo... Da retta ta me...

Cicci (Entrando). Mamma... mamma...

Giulia Oh! S'è svejato!... E come mai? Non s'alza mai prima de mezzogiorno... Stamattina è già in piedi...

Cicci (In vestaglia e pantofole). Mamma...

Giulia Che c'è?

Cicci Ma 'l caffè? Quanto tocca aspettallo stamattina 'l caffè?

Giulia Cicci, cocco... me dispiace datte 'na cattiva notizia... ma 'l caffè... bello mio, non c'è... Si vole 'n goccio de caffè t'è d'a­rancia' col caffè d'orzo...

Cicci Mai! 'L caffè d'orzo... 'l tato... non lo pijerà mai!

Giulia Fa' tu... Io miga posso diventa' matta...

Cicci Ma putanaccia Èva!... Perché non c'è 'l caffè?

Giulia Domandol' tal tu' babo!... La colpa 'nn è la mia! (Cambiando discorso, rivolta ad Icilio). Che c'era scritto su la lettera, capo de casa...?                                        

Torquato (Entrando). Giulia!

Giulia Oh!

Torquato 'N piccione... Ho chiappato 'n piccione.

Giulia Noo...?!

Torquato Tanto...

Giulia E com'è fatto?...

Torquato Col cordino 'nt la finestra... Prima j' do le muliche del pa­ne e po'... Uà ...tiro 'l cordino!......Come l' facemo arosto?...

Luigi Ma questi... èn quilli del comune... son duri!

Torquato Ma io ciò i denti boni... 'n te preoccupà'... Giulia vien qua!... Giulia viene di là con me.

(Escono).

Icilio (Nervoso). Roba de novo genere!

Luigi Sta' calmo... Non te scompone... sta' calmo!

Icilio L'è capita?... Quello non se contenta de magna' i canarini!... Adesso s'è messo a chiappa' i piccioni.

Luigi Beh!... Lo spirito de iniziativa... lu'... almeno ce l'ha!

Icilio Ah! Non se poi nega'... Me dicevi de Bombolino... del macellaro.

Luigi Quando se veste bene fa più figura de 'n dottore... e po'... ce sta pe' 'ste cose... Vedrè tu che figurone ce fa fa'!

Violetta (Entrando). Mamma... mamma!... Ma dove s'è cacciata la mi' mamma stamattina?

Luigi E' di là 'n cucina.

Violetta Mamma... le calze... dove sono le calze?

Giulia (Entrando). Sente cocca... atacchi la messa anche tu? Le calze the end... finite... calze nove finish... finirono come i progiutti ta Sorbo!

Violetta Ma allora... come fo a uscì?

Giulia Esci senza calze.

Violetta Vojaltri sete matti!... Io non sento niente!... Trovateme 'n paio de calze sennò... di qui... finisce male!

Giulia Le mie... si vole te posso 'mprestà' le mie!

Violetta Grazie... ma io adopro le milleaghi!... Non adopro quelle delle moniche conventuali!...

Cicci (Entrando). Ma chi è che fa 'sto casino?... Su 'sta casa è da fa' domanda 'n carta bollata per trova' un minuto de tran­quillità!... Che urli, Toti Dal Monte?...

Violetta Le calze!... Su 'sta casa non se riesce a rimedià' un paio de calze!

Cicci Le calze, sorellina... correggeme si sbajo... se comprono!

Violetta Già... ma i soldi... ta me chi me li dà...?

Cicci Arancete.

Violetta (Scatenandosi). Beccamorto!... Miga io fo come te!... E tu... t'aranci sì... Tu pije la robba e la porti al Monte dei Pegni!... Tu sé' a posto!...

Cicci Begiarella... deficiente... sta' zitta!... Non fa' la spiritosa!... Non vedi che abbiamo anche gli ospiti?                              

Violetta Io me ne frego de te e dej' ospiti... de tutti me ne frego... de tutti! (Esce).

Giulia (Entrando). Ch' ha fatto la fiola?... Cicci che j'è fatto?...

Cicci Io?... ecco le prime parole. (vedendo il piccione spennato nelle mani di Giulia) De chi è 'sto piccione spennato?...

Torquato (Che è entrato con Giulia). E' 'l mio... perché?...

Cicci Dove 'l portate?... Che je fate... le esequie?...

Torquato E ta te che te frega?!... 'L piccione cià 'na destinazione ignota.

Cicci Manco pe' gnente!... Su 'na famija che se rispetta... tutti ha da sapé' che fine fa un piccione!                                      

Torquato (Ci pensa un po' poi). Ho capito.

Cicci Che?

Torquato Vien qua... te 'nsegno la caccia col cordino.

Cicci Caccia col cordino?...

Torquato Chi va a caccia co' lo schioppo... chi va a caccia col cordino... Viene a vedé'...

Cicci Aspetta... (Rivolgendosi a Luigi). Scusi sor...

Luigi Luigi...

Cicci Sor Luigi... mica ciavrà 'na sigaretta...?

Luigi Sigarette no... Fumo i sigari... Se vuole un toscano... senza complimenti.

Cicci Pe' l'amor de 'Ddio... Forza, andamo, Torquato!... Mamma.

Giulia Che c'è?

Cicci Si nun c'è 'l caffè, porteme 'l surrogato.

Giulia Quello d'orzo?...

Cicci Per forza! Quando 'n c'è altro co' la moje se va a letto! Andamo Torquato!

(Escono Torquato e Cicci).

Giulia (Con un sospiro). L'esercito capitola!... Allora, Icilio, che era que la lettera che t'è arrivata?...

Icilio 'Na brutta notizia... E' la ditta... Giulia... m'hanno licenziato...

Giulia Tombola! Quel che ce voleva!... Però 1 tu' padrone è un grande delinquente...

Luigi (Colpito). Vede... Signora.

Giulia (Urlando). Miga me l' vorrà difende?! E po'... se pol licenzia' un cristiano cossì... cossì?

Luigi Se non c'è un contratto de lavoro... sì.

Giulia E come...? 'St' imbecille del mi' marito... 'sto deficiente... lavorava così sottobanco... come lavorano j' arabi e j' algerini? (Decisa). Icilio...

Icilio (Timido). Dimme...

Giulia Ma è vero... è vero che eri senza 'l contratto?...

Icilio Purtroppo... purtroppo è vero!

Giulia Mezzo scemo... Irresponsabile... Delinquente... Non è capito mai gnente... E scusi... sor...

Luigi Gigi... o Misquola... a scelta...

Giulia Sor Misquola... Scelgo Misquola... Sor Misquola, volevo di'...

Luigi Dica... dica pure...

Giulia Dicevo... senza contratto non c'è manco la bona uscita...

Luigi No, signora...

Giulia L'è capito 'sto farabutto?!... L'è capito che regalino cià fatto?...            

Icilio Ma io...

Giulia Io che?... Sst! Sta zitto vergognoso!... Tu voi bene ta la famija?... E l'ho visto 'l tu' bene... delinquente... Tu ta la famija... j'fé fà' la fine del Conte Ugolino!...

Torquato (Entrando disperato). ...L'orloggio... Non ciò più l'orloggio.

Giulia Ma che orloggio?

Torquato L'orloggio che m'eva lassato 'l poro babo. (Giulia esce).

Luigi Guardi bene addosso... Guardi bene in camera sua.

Torquato Ho guardato dappertutto... non c'è... Cicci... Cicci...

Cicci (Entrando) Che c'è?

Torquato Cicci tira fori l'orloggio!... Pel bene de la famija, tira fori l'orloggio!

Cicci L'orloggio?... Guarda che io non ne so niente...

Torquato Cicci... t'amazzo quan' dorme... Ardamme l'orloggio.

Cicci Parla co' la Violetta... Pò darsi che te dà più informazioni de me...

Torquato Violetta... Violetta...

Violetta Che vole?

Torquato L'orloggio... Vojo l'orloggio!

Violetta Ma quale orologio?

Torquato Quello che era 'ntol saccoccino... Quello che trin-trin sonava 'ncora.

Violetta Ma quello che sonava era 'l tuo?

Torquato Preciso.

Violetta Ma io credevo che era de casa!

Torquato Ah! sì?!

Violetta Sì.

Torquato E allora?

Violetta Allora che?

Torquato Volevo di'... Allora, che fine ha fatto?

Violetta L'ho venduto.

Torquato Come?

Violetta L'ho venduto ta Gino che fa l'orloggiaro.

Torquato Tu l'è venduto... ma io te levo dal mondo!... Io te levo dal mondo.

Cicci (Lo prende). Avanti vien di qua... Vien con me.

Torquato (Trascinato via). 'L mi' orloggino... 'l mi' orloggino!... Putana... sé' 'na putana!

Cicci (Portandolo via con forza). Viene con me t'ho detto-

Giulia (Entrando) Di qui non se campa più...

Luigi No, signora... e bisogna prendere una decisione.           

Giulia Quale?

Luigi Icilio...

Giulia Che vole adesso Icilio?

Luigi Bisogna allontanarlo da qui... E' troppo malato per sopportare certi traumi.

Giulia E dove lo spedimo Sor Misquola?

Luigi In campagna.

Giulia E giusto si va giù dai pori vecchi... che... 'n campagna con che ce l' mando... co' sti quattro?... Non me facete discorre... che sinnò me trovate!...

Luigi Non si preoccupi... Penso tutto io... Lo faccio ospitare da certi parenti miei...

Giulia E dove?

Luigi Qui vicino... a Chiugiana...

Giulia Magari per vó'...! Che 'l Signore ve illuminasse!... Se me sbolognaste 'sto cancro... ta me me parrebbe d'arnasce...

Luigi Ci proveremo...

Giulia Ma pe' spostallo... io non vojo responsabilità... Me ne frego de lu' e de chi l'ha visto a nasce'!... Miga vojo paga' 'n tristo pe' 'n bono! Ce vorrebbe 'n dottore!

Luigi Certo! Al medico ho pensato io... M'ha detto che sarebbe venuto stamattina... Già è in ritardo... Non capisco come mai.

Giulia Grazie... Grazie... Meno male, Signore!... Con tante che ne von male... una almeno, una ne va al dritto!!! (Esce). (Suona il campanello).

Luigi E' 'l dottore... E' 'l dottore... Signora Giulia... Vada ad aprire per cortesia... dovrebbe essere il dottore... E' il dottore.

Giulia Me par de sì...

(Entra Bombolino).

Giulia S'accomodi puro... Scusi, se trova tutto in sale e in piano, ma... quando c'è la malattia... le'me capisce!...

Bombolino Bongiorno a tutti... Salute e bene... Riverisco...            

Tutti Buongiorno dottore.

Bombolino    Beh! Come va 'l nostro malato...?

Giulia Sempre più noioso...                                                

Bombolino Come?

Giulia Creda dottore ...è una lagna ...Non ha pace e non da pace...

Bombolino La febbre?... Come andamo, a febbre?

Giulia Mai... Non cià mai una lineetta de febbre... Io, creda... non capisco come se fa a sta' male e non avecce una lineetta de febbre!

Icilio Ma 'nsomma... quista, dottore, me vol vede' morto per forza...

Bombolino Intestino?...

Giulia Come sarebbe a di', dottore?...

Bombolino Sì... insomma... al bagno... Ce va al bagno?

Giulia Dottore è sempre di lì... E lu' 'l tempo l' passa tutto di lì' Ce va appena alzato... Qualche volta me scordo che è an­dato di lì... Lu' ce se trova bene...

Bombolino Appetito?

Icilio Non c'è malino... rinfacciato non sia...

Giulia Patate e fagioli... A casa mia se lamenton tutti de le patate e fagioli... Per lu' dottore... le patate e i fagioli èn co­me 'l caviale... Ne magna certe sbiobbe... che vedeste! vedeste!

Bombolino La lingua... Mi faccia vedere la lingua... (Icilio esegue)

Giulia Va bene, vero dottore, la lingua!?...

Bombolino La lingua signora… è 'l mijor boccone!!...

(Gesto di stupore di tutti).

Giulia Ma scusi... La lingua quale?

Bombolino Non mi distragga, signora... (Rivolto a Icilio) ...Cosa si sente?...

Icilio Io più che mai ciò 'n dolorino fisso di qui... (Indica il rene) ...di qui a...

Bombolino A la lombata... ho capito.

Icilio Sì... ai reni...

Bombolino E dopo... si sente altro?

Icilio Chi... io?

Giulia Tu ...tu... La paralise ha preso ta te... miga ta noialtri...

Icilio A di' la verità... ciò anche un po' de crampi... qui (indica la coscia)... di qui sotto...

Bombolino Di qui... dove c'è 'l tenerume?

Bombolino Sì.

Bombolino Ho capito... Le fa male... il soccoscio o il melino

Giulia Che?

Bombolino 'L melino...

Giulia Strano...

Bombolino Che?                     

Giulia Che anche 'l mi' macellaro parla cossì... Dice sempre... Scusi dove 'l tajamo... sul melino?"

Luigi Signora, per cortesia... lasci perdere... Lui è un medico chirurgo che parla così... Sa perché parla così?...

Giulia No.

Luigi Per far capire a tutti... E' un dottore alla buona!

Giulia Ah!

Icilio Ah! Che?

Giulia Ah, niente... Ah, cossì!...

Bombolino Dunque signori... il caso è chiaro... Il paziente è debole e tocca aiutallo... Tocca artirallo su... Prima de tutto quin­di... se ariguardi da le frescate... e mangi carne... sempre carne... Stia bene attento che non sia congelata... La carne fresca... tanto... è inutile che jel' dica... s'arconosce dal co­lore... (Chiama) Signora...

Giulia Dica.

Bombolino Quando la compra ce stia attenta... j'apioppon certe macerie da fa' schifo!

Giulia Ta me non me l'apioppon siguro!

Bombolino Perché... se ne intende?

Giulia No... perché non la compro... Da quando s'è amalato lu'... la carne rauss... ha toccato d'eliminalla!

Bombolino Comunque... se je dovesse capita' de compralla... stia attenta, come le dicevo, al colore e al peso...

Giulia Anche tal peso?

Bombolino Signora... parlamose chiaro... l' sa perché i macellari danno 'l banco alto?

Giulia No

Bombolino Semplice... Pé' non fa vede' tai clienti quello che armeggione.

Giulia Adesso ho capito...

Bombolino Comunque... visto che l'ammalato non è proprio sano... bisogna faje 'na curettina per rinforsaje tutto lo schienale... il lombo... il tenerume sopra 'l ginocchio... e in più... aria... aria pura de campagna e movimento!

Giulia Scusi... ch' ha detto?

Bombolino Movimento...

Giulia Ma si quisto è imparato fraido... è paralizzato... che movimento poi fà?

Bombolino Signora, abbia pazienza!... M'ero scordato... m'ero scordato momentaneamente che era paralizzato...! Ma lei... lei... scusi... non se scorda mai de gnente?

Giulia Me scordo sì! Presempio... adesso che me l'ha detto, me so' arcordata che evo da fa' 'l caffè tal fiolo... (Chiama) Cicci... Cicci...

Torquato (Entrando) Dorme... S'è adormentato 'n'altra volta...

Giulia Ma tu che fé di là da te solo?...                                     

Torquato Quattro... N'ho chiappati quattro!

Giulia (Tirandolo a parte). Ma de che... de piccioni?

Torquato De piccioni... de piccioni... Tu vedeste com' aboccheno!...

Giulia Torquato...

Torquato Si seguita cussi... arpulisco tutti quilli del Comune... fo piazza pulita...! Al posto dei piccioni j' ce fo mette' i pappagalli.

Giulia Sta' zitto... Non te fa sentì' dal dottore!

Torquato ...Scusi... Le' che è?... Un dottore?

Bombolino Se non le dispiace... sì.

Torquato (A bassa voce) Giulia, sta' attenta... Quisto... ta me... non me piace. ...Quisto cià più l'aria da beccamorto che da dottore.

Bombolino Che diceva, scusi...? Che diceva giovanotto?

Giulia (Portando via Torquato). Viene con me... Viene di qua... movete... disgraziato... (Con riso forzato). Con permesso... con permesso... (Escono).

Luigi Bombolino...   

Bombolino Aj' ordini...

Luigi Sbajerò... ma tu è da adoprà' più paroloni...

Bombolino Più paroloni?

Luigi Sì... La gente ignorante... non 'nne l' sé?... Vole i paroloni e poca confidenza...

Icilio Sbajerò... ma me sa tanto che la mi' moje ha magnato la foja!...

Bombolino  'N bel lavoro! Stana comodo! E' 'na donna ardita... Quilla ce bada poco a spaccamme qualcosa 'ntol muso! Me dispia­ce, ma io chiappo via! Tajo 'l cordame! (Fa l'atto di andarsene).

Luigi (Trattenendolo). Tu stè di qui! Non te move e seguita 'l gioco!

Bombolino Ma che artornamo 'n criatura? Giocamo al dottore come quando erme cinini? Luigi Pò darsi!

Bombolino Ho capito... ma si quilla fusse che fusse che chiama 'n dottore vero... 'n galera ce va a finì' 'l sottoscritto.

Giulia (Entrando). Allora... dottore?

Bombolino Che ore sono?

Luigi Le dieci.

Bombolino Oddio me s'è fatto tardi... ho da scappà'...

Icilio No... Le' armane di qui, dottore...

Bombolino Come sarebbe a dì'...?

Icilio Le' è gentile ...Arman di qui... Non se move...

Luigi E po' scusi... Dove deve andà' con tanta urgenza?!...

Bombolino Devo andà'... devo andà' a la camera mortuaria...

Icilio E che c'è a la camera mortuaria?

Bombolino C'è sempre 'n po' de mercé 'n frigorifero!...

Luigi A la camera mortuaria... voleva dire...!

Bombolino Certo... Volevo controlla' si evono acceso j'interruttori.

Giulia Dottore, capisco... ma è questione de pochi minuti.

Bombolino Beh!... Certo...

Luigi Dottore... insomma che le pare del malato?

Bombolino Oddio... Se potrebbe di'... Ma ecco... sì... insomma sarebbe mejo che...

Giulia Che?

Bombolino Gnente! Che... cossì...

Giulia Ah!... L'ha visitato.

Bombolino Beh! Visitato proprio no... Una ricognizione... ecco... ho fatto una ricognizione!

Luigi Per me è paralisi...

Bombolino Ah! Di qui 'nce piove!... E' paralisi anche per me...

Luigi Paralisi progressiva... Lei che ne dice?

Bombolino Ah! Progressiva senz'altro... E un ticchino... pochino, è vero... anche radioattiva.

Giulia Come, come?

Bombolino Radioattiva... Per me è paralisi progressiva radioattiva.

Icilio Bonanotte!... De speranze a 'sto punto me sa che ce n'en pochine, pochine 'n bel po'...

Bombolino   Eh!beh!

Icilio Da qui a stira' i cianchetti... 'nsomma... 'nce saria più tanto.

Giulia (Straziata). No... non me dite cossì! Fatelo campà'... Studiate quel che ve pare, ma 'st'omo se deve arguarì'...

Bombolino Speramo signora...

Giulia Si non lavora lu'... chi lavora su 'sta casa?! Arguaritelo... Armandamolo a lavorà'...

Luigi Caro dottore... sintomi... vuoi parlarmi dei sintomi?

Bombolino Ah! I sintomi?... Certi sintomi che vedeste...! Certe gnoqqole!...

Giulia Sì, eh!

Bombolino Ehhhh!

Luigi Già... ma de sintomi è mejo non parlanne...

Bombolino Certo... C'è la moje...

Giulia Ah! Per me, potete dì' tutto quello che ve pare... Non so' schizzinosa.

Bombolino   Se non se schifa... ta me me pare un fenomeno de afta patogenesica.

Giulia Come?

Luigi  (Dà una botta sulla spalla di Bombolino perché continui).

Bombolino Come ho detto prima! E anche un po' nevrotica...

Giulia L'afta?!

Bombolino Già.

Luigi Ah!

Bombolino Al metacarpo...

Luigi Con un principio di profilassi microbiologica.

Bombolino E anche un capello psipopatica.

Luigi Al subcosciente... naturalmente.

Icilio Embè...

Luigi Subcosciente superiore o inferiore?

Bombolino 'N mezzo...

Luigi Ah! Sì sì... in mezzo... l'avevo intuito.

Bombolino Ma, ad essere sinceri, mi pare di osservare una deficienza centrale con un buon orgasmo biologico.

Giulia Sìi?

Bombolino Ah! L'orgasmo biologico c'è tutto.

Luigi E dov'è?... A sinistra o a destra?...

Bombolino In mezzo... anche questo è in mezzo...

Icilio Scusate, signori luminari... C'è altro?... Dico... speramo che non ve sfugga niente. Bombolino No, me par de no...

Icilio Perché io me sentirei tutta una fiscalizzazione dej' oneri

sociali, con un drenaggio di qui (indicando il rene) che non me fa campa'.

Bombolino (Guarda nell'occhio, poi). Forsi, forsi, ma passerà. Io je prescrivo un po' de campagna... e aria, tanta aria, aria e tranquillità.

Luigi Sono dello stesso parere.

Bombolino E carne... me raccomando molta carne!

Giulia Ma dottore... carne... sempre carne?

Bombolino Sempre... Anche a colazione, anche sul caffè e latte.

Giulia D'accordo. Allora, dottore, tante grazie e stia tranquillo che lo portamo via subito... Domani dottore passerò a pagare.

Bombolino Senza fretta... Ciò tanti clienti che pagheno settimana per settimana... Arrivederci, signori... Riverisco e stateme be­ne!... Signora la carne... me raccomando... la carne. (Esce).

Luigi Signora... a vestillo... a preparallo ce penso io...

Giulia Meno male... Ho da preparà' 'l caffè ta Cicci... E' un'ora porellino che aspetta... Cicci... Cicci... Disgraziato... 'ncora è a letto. (Esce).

Icilio Oh! Bombolino è stato 'na bomba!

Luigi ...Forza, coraggio... andamo a vesticce in camera tua... cos-

 sì guadagniamo tempo... Bisogna partì' 'l più presto possi bile... Tu... di qui... sé' troppo pericoloso.

Icilio Pronti. (Si alza e cammina spedito).

Luigi Icilio...

Icilio Oh!

Luigi Ma che... te sè"mmattito?

Icilio Non c'è nessuno... Sta' tranquillo che non c'è nessuno...

Luigi Forza... Tragina la gamba.

Icilio Accidente... andamo. (Escono).

Violetta (Entrando con Torquato). No... no... no...! 'Ste calze... più le guardo e più me fanno schifo!... Torquato... tu che ne dice?...

Torquato Io dico che le vesti en troppe corte... Co' 'sta vestina se ve­de tutto 'l ciborio... Co' 'ste vestine j'omi... le calze non le guardon siguro... Cercon de vede' qualcosaltro...

Violetta Ma io non posso uscì' cossì...

Torquato No-o?

Violetta No.

Torquato E allora armane a casa...!

Violetta A casa no... A casa... la tata... non ce resta...

Torquato E dove va la tata?

Violetta L' so io dove vò...! Loro, pensono che io armango a vive in mezzo ai pidocchi... Cian preso...! (Pausa). So' bella, Torquato?

Torquato Ta me non me dispiace.

Violetta E dove te piaccio?

Torquato Eh! Beh!... Beh! Anche su la faccia...

Violetta Aj' omini piaccio! Modestia a parte, piaccio!

Torquato E allora?

Violetta E allora parto... Smammo... Vado via de casa!

Torquato E dove ve? A batte'?

Violetta Stupido... ignorante... Non vò a batte... Ma se vò via da casa... lo so io dove vò! C'è 'n tipo che son anni che me fa la corte... vedrè... vedrè!

Giulia (Entrando). 'L tu babo che fine ha fatto?... Dove s'è cacciato?

Violetta E' di là che se veste... L'aiuta 'l sor Luigi...

Giulia Lui se ne va... Lui parte... e domani comincia la tragedia...

Violetta Mamma... non esageramo...

Giulia Comincia la tragedia... Te dico questo solo... Domani non c'emo i soldi per fa' la spesa...

Violetta Embè... venderemo qualcosa... o mejo... faremo come fa Cicci... Porteremo qualcosa al Monte dei Pegni...

Giulia Cicci... lascelo fa'!... Si ha portato qualcosa al Monte de Pietà... pora criatura... non ha fatto del male ta nessuno... La robba che ha portato al Monte era tutta robba mia.. eron tutti ricordini mii... Sarò padrona... speramo... de fac­ce quel che me pare co la robba mia o no?... Oppure ho da chiede 'l permesso ta te?! Camina... va' in cucina a pela' le patate!

Violetta A pela' le patate c'è andato 'l tu fratello...

Giulia Torquato?

Violetta Preciso...

Giulia Oddio, Signore... quello me ne magna 'na metà... Corre, Violetta... corremo (escono).

Cicci (Entrando). Eh! Gente... ma non c'è nessuno?... Mamma 'l caffè... mamma...

Luigi (Entrando). Buongiorno.

Cicci Buongiorno...                                                          

Luigi Ha dormito bene?

Cicci Non c'è malino... perché?

Luigi Per niente... Mi sarebbe dispiaciuto se non le fosse bastato il sonno...

Cicci Grazie... molto gentile...

Luigi Non c'è di che...

Cicci Senta... posso?

Luigi Dica pure...

Cicci Avrei bisogno de un favore...

Luigi Se è possibile...

Cicci Me dovrebbe prestà' trecentomila lire.            

Luigi Mi dispiace... non posso...

Cicci Ho capito... Non vuol prestarmele...

Luigi Le ripeto che non posso... Visto però che insiste... le dirò che se anche potessi...

Cicci Non me le darebbe...

Luigi Bravo... molto intelligente... non ce la facevo...

Cicci Amici?... Questi sono j'amici?!

Luigi Guardi che io sono amico di suo padre.

Cicci A parole... le' è amico a parole... A parole è amico de tutti... Quando se tratta de sgangià'... invece... de aiuta'... addio!

Luigi D'aiuta' ta chi? Ta te?... Eh! Amico... parlamoce chiaro... Aiutatte a fa' più buffi?... Non te bastano disgraziato quelli che è fatto fino adesso?

Cicci Senta...

Luigi Ma che voi sentì'? Vergognete... vergognete e basta! Io a la tua età l' sé che facevo?... A l'età tua, pé' non chiede gnen-te ta nissuno, lavavo i piatti su 'na locanda... A l'età tua pé' non chiede gnente ta nessuno, m'ha toccato d'andà' a lavora' in Svizzera... Fa' come me invece de chiede... inve­ce de sta' tutto 'l giorno a bindolo... a fa' 'l bindolone... Mettete a lavorà' ch'è ora!

Cicci Io?

Luigi Tu... Tu...

Cicci Ma dico... lavorà'? Oh!... Che ciò la faccia da scemo? Guardi 'l mi' babbo!... Quel cretino del mi' babbo... ch' ha combi­nato su la vita con tutta la su' voja de lavorà'?... Gnente... non ha combinato gnente... Io me dispiace... io non so' 'na bestia da soma. Io non vojo fa' la fine del mi' babo...

Icilio (Che si era fermato sulla soglia ad ascoltare, raddrizzandosi e scattando, butta la figura del paralitico). Basta... Adesso basta... Vijacco mascalzone. (Lo prende per lo sto­maco). Cercacojoni... basta! Questo è troppo... basta!... (Entrano Violetta, Giulia e Torquato).

Torquato S'è rinvisolato... Giulia... 'l marito te s'è rinvisolato...

Icilio Basta per tutti... anche per te, signora de le Camelie... che l'è viziati, che l'è fatti venì' su senza spina dorsale... Per te signorina... Per te che se' un'illusa... Cantante? Tu... è grasso che cola si riesci a trova' un posto da commessa... (Rivolto a Cicci). Per te, imbecille, che succhi 'l sangue peggio de 'na mignatta!

Torquato   E' arguarito... Correte gente... 'L cognato arpiguola... Miraquolo!... Miraquolo... E' artornato in sesto...

Giulia In ginocchio... tutti... ringraziamo il padreterno che cià ri­dato 'l capoccia... Da domani... gente... ringraziando 'l Si­gnore se ritorna come prima...

Icilio Come prima?... Che vorrebbe dì'...?

Giulia Che èn finiti j' stenti... Enno finiti, Icilio... E' finito 'l tempo dei fagioli... En finito Cicci... de porta' l'oro al Monte dei  Pegni.

Icilio Ah! Sì?

Giulia  Sì...

Icilio E io me paralizzo 'n'altra volta.

Tutti  Come?

Icilio L' sento che me paralizzo... Aiuto... Aiuto. (Crolla su una sedia. Tutti corrono. Gridano. Confusione).

Fine del secondo atto


ATTO TERZO

La stessa scena, ma spogliata di ogni mobile e di tutti i quadri. Cassette di pomodori per mettersi seduti. Torquato è sopra un mattone.

Torquato Io vojo artornà' a l'ospizio... cossì... manco i terremotati ce vivon più.

Giulia Sta' calmo, Torquato... Non te fa' arpijà' 'n'altra volta da la crisi...

Torquato Ho capito... ma di qui ston tutti a sedè' 'nt le cassette d'j pumadori e io no... Ta, me, si me so' voluto mette a sedè'... m'ha toccato de gì a pijà' 'n matone!

Violetta Però come matone è bello... è antico.

(Violetta sta lavorando al ricamo ed è vestita molto poveramente. Poco curati anche i capelli. Anche Giulia nelle stesse condizioni di ve­stiario).

Torquato Già... ma raspa. M'è venuto 'l callo tutto di qui... come ta le scimmie... Me tocca facce i bagnoli co' la palatara.

Giulia Co' la palatara?

Torquato E con che sennò?...

Giulia Mettece 'n po' de crema...

Torquato E la crema... scusa... chi me la compra?... Per tira' fori 'na lira da di qui... è come chiedeli ta Pappagone che 'nne sputeria pe' 'n beve...

Violetta Ma de le sedie ch'avem venduto, quanto ciavemo arfatto, mamma?...

Giulia Te l'ho detto... m'han dato ventimila lire l'una...

Violetta L'avemo svendute... Quelle eron sedie che valevano settanta... ottantamila lire.

Giulia Eh! Già!... Ma i soldini ce volevono d'urgenza... perché

mangia'... se mangia tutti i giorni e allora...

Torquato E si facemme a meno dei soldi e magnanime le sedie?!...

Giulia Torquato va di là cocco...

Torquato Le sedie ciòn la paja!...

Giulia E miga semo cavalli che magnamo la paja!... Oddio!... A pastura... eqquoce... sém bel che arivati!... Si dura basta... Eqquoce... 'n altro tantino e gimo a pastura come i cavalli...

GiuliaCerto che 'sta stanza... gnuda cossì... me da 'na tristez­za...! Violetta che è 'sto libro?

Violetta E' un libro che ho trovato su 'na bancarella.

Giulia Che è un romanzo?

Violetta Addio romanzo!... E' finito 'l tempo dei romanzi!...

Giulia 'N po' fa vede'... Il Re dei cuochi... E come mai "Il Re dei cuochi" a casa nostra?

Violetta Per vede' se se poi fa' stop coi fagioli e co' le patate... Ho visto che ce sono 'n sacco de pranzetti economici...

Giulia Brava... perché di qui... Oh! Non giova manco a fa' economia... Sono otto mesi che è partito 'l tu babbo... Semo an­dati sempre peggio... Poretta a nojaltri... poretta a nojaltri!

Torquato Di qui c'è armaste da vende 'l letto... Visto che l'affitto po' ce l'emo arretrato e che... prima o poi... ce button fori de casa... preparamo il sacco a pelo... eqquoce... Non c'è più tanto... Tocca andà' a dormì' a l'addiaccio sott' a l'Arco Etrusco!

Giulia Sta' zittino, Torquato... Lascia gì' co' le previsioni catastrofiche... Me pare Nostradamus!

Violetta Guarda di qui quante ricette ce sono... De tutti i tipi... Vitello tonné... Pasticcio di fegato...

Giulia Tornamo tai fagioli e ta le patate... facem prima...

Violetta Ecco di qui... PPP... "Patate a la paesana"...

Giulia 'N po' legge...

Violetta Dunque... Prendete un chilo di patate.

Torquato Fino a di qui ce semo...

Violetta Mondatele... Tagliatele a spicchi... Mettetele a rosolare in un tegame di terra sul quale avrete versato pochissimoolio.

Torquato Avanti a tutta forza... Fino a di qui... gimo bene...        

Violetta Fate un battuto con aglio e basilico...

Torquato A posto...

Violetta Tritate finemente due filetti di vitella...

Giulia Come?

Violetta Tritate finemente due filetti di vitella...

Torquato The End... Fine dei giochi... E' la vitella che ce frega... Em­me incuminciato tanto bene!... Tanto bene la vitella ce s'eva da mette de mezzo...

Giulia Altro giro... altro premio... Non ce scoraggiamo ragazzi... passamo a un'altra ricetta.

Violetta FFF... fagioli... Provamo coi fagioli... Fagioli... ecco di qui... "Fagioli a sorpresa"... In una teglia con poco olio e un pizzico di burro... mettete a soffriggere due spicchi d'aglio...

Torquato En preso la strada bona... Daje ch' è emozionante...

Violetta Quando l'aglio è rosolato buttateci trecento grammi di fagiuoli.

Torquato Bene...

Violetta Al passo... trecento grammi di fagioli di pollo e di fagiano...

Tutti No-o!

Violetta Sì...

Torquato Putanaccia Èva... Cià tenuto sospesi fino a l'ultimo... po'...

Giulia Sbajerò... ma questo non è "Il Re dei cuochi"...

Torquato E che è?

Giulia E' "Il cuoco dei Re"... tel dico io... Buttamo via 'l libro... 'N'altra illusione... Ormai n'avem fatte 'n pajaro de 'ste illusioni...

Torquato Alora è deciso.... Anche oggi fagioli...

Giulia Anche oggi...

Torquato Come disse 'l por Pelliccia...

Giulia Che disse 'l por Pelliccia?

Torquato Patate e fagioli, ma gnente ciccia...              

Violetta Però l'avete notato?

Giulia Che?

Violetta Sbajo... o da quando ce trovam cossì ce volem più bene?

Giulia Sì... è vero...

Torquato Peccato che 'l bene non se magna... sinnò toccava fa' la cura dimagrante.

Violetta Mamma...

Giulia Sì.

Violetta Acendeme la luce... Non ce se vede più... Ho fatto tutti j' sforzi... ma vojo finì' 'ste du' fojoline...

Giulia Ma lascia perde'... Da stamattina che stè a sguerciatte sopra a 'ste tovaje! Ormai sarè stanca... Via, via... finire domattina...

Violetta No... è mejo che finisco stasera... E' sabato... E' giorno de paga... Se arporto 'l lavoro sono ottantamila lire.

Giulia Perché?... Se l'arporti lunedì... i soldi non te li danno uguale?

Violetta Sì... ma stasera ce trovo 'l fijo del principale.

Giulia E che vole da te 'l fijo del principale...?

Violetta M'ha preso a benvolé...

Giulia E' un bel ragazzo 'l fijo del principale?...

Torquato De faccia 'nnè 'n gran che... De personale invece... fa schifo!

Giulia Lascia perde, Torquato...

Violetta M'ha detto che adesso me dàa 'l tovajato còl punto de Assisi... Me fa guadagna' qualcosina di più...

Giulia Sì?

Violetta Sì, sì... Di lì 'l lavoro non manca... Anzi 'lfijo del principale...

Torquato Busso forte e calo 'l due... Arfacce col fijo del principale...!

Violetta L'altro ieri l' sé che m'ha detto...?

Giulia Eh!

Violetta Lè... è l'unica ragazza che me piace!...".

Torquato Puzzone... cornuto...

Giulia Ma che puzzone...!

Violetta Ha detto cossì... perché je piace la mi' semplicità... Ta lu' le dive je garbon poco...

Giulia Ma senti... senti...

Violetta Che stupida...! Che stupida...! Prima pensavo che per piace' ta j'orni dovevi esse più appariscente ... più vistosa...

Giulia Tutto cambia... ma j'omi... armangon sempre loro...

Violetta E' vero...

Giulia S'enno intestarditi co' la donna seria e vajelo a levà' da la capoccia!

Violetta La donna vistosa... piace sì ta j' omi... ma piace più come amante... Io non ce credevo, ma è cossì...

Giulia Allora se vole arportà' 'llavoro... ecco di qui... Mette tutto dentro la busta.

Violetta Bene bene... Me do 'na pettinata... Vo e vengo... Du balletti e so' di qui.

Cicci (Entrando. E' vestito con la tuta da meccanico. Ha macchie d'olio sparse). Permesso... se pole?

Giulia Oh! Cicci... finalmente... Vien qua... damme 'n bacio...

Cicci Se' matta?... Te sporco tutta...

Giulia Proprio per questo me l'è da da'... Sé' stanco, Cicci?

Cicci 'N po'... ma apparecchia eh' ho fame... Ciò 'na fame che non ce vedo... (Tira fuori i soldi). Queste son centomila li­re che je cambiam posizione... le mettemo di qui... (Cambia tasca).

Giulia Cicci... stama a diventà' ricchi!

Cicci Queste l'ho guadagnate co' lo straordinario... Avemo accomodato la macchina del Dott. Cianchetti che era andato a sbatte... Queste son per te... le spendi come te pare.

Torquato Cicci... porteme con te domani... Dove ve a fà' casino?

Cicci Casino?... Io domani l' sé dove vó?...

Giulia Eh!

Cicci Vò a trova' 'lmi' babo... Son du' mesi che 'nne l' vedo... disgraziato...

Giulia Non me dì' ch'è fatto lo straordinario perquesto!                                         

Cicci Sì... l'ho fatto per lu'... Quando era di qui... poraccio... 'nne l' piavo 'n considerazione!... Eppure era lu' che pensava ta la famija... Io che c'entravo?...

Giulia Adesso che non c'è...

Cicci Daje ch' ho fame!

Giulia Forza Torquato... aiuteme a apparecchia' che la Violetta artorna subito...

Cicci Vò di là a damme 'na sciacquata.

Giulia Va pure...

Giulia (A Torquato). Forza... pijela per bene 'sta tovaja... Anche questa... guarda di lì... è bella che finita...

Torquato Te l'arcompro io...

Giulia Come?

Torquato Te l'arcompro io... Adesso che Cicci... non frega... non me frega più i soldi de la pensione i soldi ce l'ho anch'io.

Giulia Bravo Torquato... L'unione fa la forza... Pija i bicchieri che io pijo i piatti...

(Suona il campanello).

Giulia Accidente... detto e fatto... E' la Violetta che artorna... Torquato va aprì'... (Torquato esegue) Torquato... Chi è, Torquato...?

Torquato Giulia... c'è 'l fantasma...

Giulia 'L fantasma?

Torquato Sì'... C'è 'l fantasma del tu' marito.

Giulia Ma che chiacchiere l'erba medica?... Chi è?

Icilio Io... so' io Giulia...

Giulia Icilio... tu?...

Icilio Io.

Torquato Non era un fantasma alora... Icilio n' po' fatte tocca'... Eh no! E' lu'... in carne e ossa...

Giulia Icilio... ma com' è fatto arivà' fino a di qui?...

Luigi Co' le gambe, signora Giulia... C'è arrivato co' le gambe sue...

Giulia Oddio Icilio! (Si abbracciano). Icilio... amore mio... corino mio... allora 'l Signore t'ha fatto la grazia... Arcamini... te sé' arguarito...

Torquato Per me quan camina pende da 'na parte, ma...

Icilio Ma ringraziamo Iddio. (Entra Cicci). Cicci... Cicci...

Cicci (Arriva con l'asciugamano). Babbo! (Si abbracciano).

Icilio Cicci... ho saputo tutto Cicci... bravo...

Cicci Domani babbo te venivo a trovà'...

Giulia Ma perché Icilio non c'è fatto sapé' niente che arcaminavi?...

Icilio Volevo esse sicuro... tra 'na ricaduta e 'n'altra... E' vero Misquola?...

Luigi Pé l'amor de 'Ddio... 'nne pariamo...

Icilio Adesso speramo che 'l Signore ce assista...

Luigi Signora... se non s'offende. (Dà una borsa con cibi vari).

Giulia Che è?

Luigi E' un pollo arrosto... patate...

Giulia Patate no... guardi...

Luigi Ma c'è dell'altro... c'è del buon prosciutto... formaggio... e guardi qua... un vinello che rinvisola i morti...

Torquato La robba... La robba... e po' tutta 'nsieme...!

Luigi Non eravamo invitati a cena... e non volevamo disturbare... metta in tavola, signora...

Torquato (Canta). Billi... billi... quando a nozze quando a grilli...

(Suona il campanello).

Giulia Icilio... questa è la Violetta... la Violetta che era andata arportà' 'l lavoro... Nascondete Icilio...

Icilio Va bene. (Esegue).

Violetta (Entrando). Che è 'sta confusione? Oh! Sor Misquola bonasera... Come mai?... E' successo qualcosa?

Torquato E' successo che chiude j' occhi... Ecco cossì... brava...

Giulia E adesso apreli... pronti via...

Icilio Violetta!. (Effusioni).

Violetta Babbo! (Effusioni).

Torquato Semo tutti... ragazzi che rimpatriata... Ragazzi se magna... La zuppa l'è cotta... la zuppa l'è cotta...

Giulia Gente... come sedie... non so se l'avete notato... Andamo malino.

Torquato Mettete di qui Icilio... questa è 'na cassetta molleggiata non c'è malino...

Giulia Le', sor Misquola, se metta di qui...

Torquato Non se mova tanto... sennò va a bagià' 'l Bambino...!

Giulia Torquato... tu arancete col sasso.

Torquato Niente sasso... Torquato s'è rimodernato... ha preso i matoni... De molleggiamento non ce ne sarà tanto... ma almeno so' al paro de la tavola... Pronti...

Luigi Icilio...

Icilio Dimme Gigino.

Luigi Domani per festeggia' 'l tu' ritorno e la guarigione, te fò 'n bel regalo.

Icilio No-o?!

Icilio Sì invece... Te regalo sei sedie e 'n bel tavolo per mangia'... perché cossì... credi... sarà originale... però quanto è scomodo...!

Icilio Grazie, Gigino...

Luigi E questa è la tu' lettera de riassunzione.

Giulia Come?... Scusi... Non ho capito bene.

Luigi Da lunedì Icilio... torna a lavorare in ditta.

Giulia Ma la ditta non l'aveva licenziato?

Luigi E io l'ho fatto riassumere!

Giulia Sì-i?

Luigi Sì.

Giulia E come ha fatto?

Luigi Ho parlato con il principale... lo conosco molto bene.

Icilio Grazie... Grazie tanto... Ringraziamo, gente.

Giulia Gnente... gnente... miga 'l principale sarà lu'?

Luigi No.

Icilio Sì... E' lu'... E' ora de dillo... 'L principale è lu'.

Giulia Lu'... Lu'... 'l Misquola?...

Icilio 'L sor Luigi...

Luigi Signora, Misquola me sta bene lo stesso. Anzi è più confidenziale.

Torquato (Canta). Quel mazzolin dei fiori... che vien dalla montagna...

Luigi Come?

Torquato Quel mazzolin dei fiori ecc.

Giulia Niente... Non ce faccia caso... Lu', quando è contento,fa cossì... Canta "Quel mazzolin dei fiori".

Luigi Ah! Sì?

Torquato Modestia a parte...

Icilio Beh! Visto allora che contento non è lu' solo... ma temoin tanti... damoje 'na mano a canta' e non ne pariamo più... Tutti Quel mazzolin dei fiori ecc.

(Cominciano a mangiare).

Cicci Bono 'sto pollo...

Torquato Bono anche 'l vino... Bono 'n bon po'...

Giulia Tu bumba... bumba... che doppo n'arparlamo.

Torquato E non volemo beve tal Signore Ognipotente che cià fatto la grazia?

Tutti Ma certo... Cin cin...

Torquato A non fa Cin-cin tal Signore ognipresente... sarebbe come a bestemmià'.

Tutti Cin cin... Cin cin.

Torquato E non volemo beve a la salute del Dott. Misquola che ha ardato la vita tal mi' cognato...? Che ce l'ha arfatto novo de zecca?

Tutti Salute!

Torquato Quel mazzolin dei fiori ecc. (Tutti lo seguono con il coro).

Luigi E perché non bevemo, amici carissimi, al futuro?

Torquato Questa è un'idea...

Tutti Cin cin.

Torquato (Intona poi tutti). Quel mazzolin ecc.

Icilio Forza ragazzi... La vita ricomincia... Ce aiuteremo l'uno con l'altro... ce vorremo più bene.

Giulia Icilio.

Icilio Sì.

Giulia La Violetta me sa che ha trovato anche l'innamorato.

Icilio No-o?!

Giulia Sì.

Icilio E chi è?

Giulia E' uno che fa l'import export de tovajati...

Icilio Come se chiama?

Violetta Liborio.

Icilio Liborio?

Violetta Sì... Stasera m'ha fatto dichiarazione.

Giulia No?!

Violetta Sì.

Luigi Ma allora diventamo parenti, Icilio...

Icilio Parenti?

Luigi ...E anche stretti... Liborio è 'l mi' fiolo.

Icilio No...!

Luigi Arfacce... Si te dico che è 'l mi' fiolo è 'l mi' fiolo...

Torquato Quel mazzolin dei fiori ecc.

Icilio Però... come è fatta la vita!... Tribboli da morì'... da scomparì' dal mondo... pò tutta a 'na botta 'na schiarita...!

Torquato E tutto arcomincia come prima...

Cicci Bravo Torquato!... Come prima... Se crea subito un'atmosfera che... Giulia Che...?                                                                        

Cicci Che io, per festeggia', stasera esco...

Giulia Esci?

Cicci Sì...

Giulia Ma come?... C'è 'l tu' babo!

Cicci So' contento... ma esco... Io per festeggia' ho da festeggia' a modo mio.

Icilio E dove vè?...

Cicci Mah...?

Giulia Non me dì' che ve a fa' 'n giretto a Poker.

Cicci Non te so di'... Permesso?... permesso?... Vò a cambiamme. Violetta viene a damme 'namano.

    

(Anche Giulia e Torquato escono).

Icilio Gigino te ringrazio.

Luigi Nessun ringraziamento... L'importante è ricrea' una certa serenità.

Icilio So' contento de esse artornato a casa... Però! Gigino...

Luigi Oh!

Icilio Visto che squallore?... Ha tribbolato 'l giusto 'sta gente!

Luigi Però 'l metodo ha funzionato.

(Si sentono i gorgheggi di Violetta. Luigi ed Icilio si guardano stupiti).

Icilio Violetta!

Violetta Sì!

Icilio Stamo a parla', abbi pazienza...!

Violetta Babbo... 'l sé che quando se comincia a gorgheggià' non se pole smette... Non se pole smette subito...

Icilio Che me dicevi, Gigino...?

Luigi Te dicevo che 'l metodo ha funzionato.

Torquato (Entrando). Vojo artornà' a l'ospizio... Vojo artornà' a l'ospizio!

Luigi Perché?

Torquato Perché Cicci è venuto 'n camera... m'ha voluto ducentomila lire.

Icilio No?!

Torquato Ah! Ah! Te dico de sì...

Giulia (Chiama da fuori). Torquato... vien qua... che te preparo l'acqua pì bomboli...

Torquato Fa' presto però. (Esce).

(Si sentono ancora gorgheggi. Entra Cicci).

Cicci Babbo... Sor Luigi... me dovete scusà'... ma ve saluto... Ciao... ciao a tutti.

Icilio Allora, esci...

Cicci Sì.

Icilio Tutto vestito bene... Vestito bene come una volta.

Cicci Già.

Icilio Dianzi ciavevi la tuta.

Cicci Sì.

Icilio Perché l'è cavata, appena so' artornato io...?

Cicci Non te lo so di'... La sicurezza... Forse è la sicurezza che me dè tu.

Icilio Sì-i?

Cicci Sì... Appena rientri tu... me sento più sicuro... più tranquillo.

Icilio Ho capito... Aspetta 'n momento prima de usci'... Te dispiace?

Cicci Sarà poco male.

Icilio Violetta...

Violetta Arrivo... (Gorgheggia).

Icilio Violetta... Quanto tempo è che non facevi più i gorgheggi?

Violetta Eh! Beh! E' un pezzo...

Icilio E perché te sé' messa a gorgheggia' tutt' a 'na botta?

Violetta Cossì... Non lo so...

Icilio Ma che pensi?... Ricominceresti co' la lirica? Ecco... questo volevo di'...

Violetta Beh! A butta' via tutto quello che ho fatto fino adesso... Sarebbe un peccato...

Icilio Certo... certo...

Torquato Icilio... Voi fa' i bomboli?... Guarda come vengon bene i bomboli...

Icilio L'ho visto... l'ho visto...

Torquato Le', sor Misquola... ne voi fà' uno...?

Luigi No... grazie... Non se stia a incomodà'...

Giulia (Entrando). Icilio... scusa...

Icilio Dimme...

Giulia Perché non avreste fatto uscì' Cicci?

Icilio Come non ho fatto uscì' Cicci?

Giulia Oh! Sente cocco... non comincia' a fa' l'ipocrita... Non comincia' a fa' l'ipocrita come 'l tu' solito eh!

Icilio Giulia...!

Giulia Giulia 'n'accidente! Non fé in tempo annette piede dentro casa che artacchi a fa' 'l padrone... a fa' 'l dittatore...?

Icilio Io?

Giulia Tu... tu... Cocco... parlamose chiaro... Se sé' artornato co' 'ste idee è mejo che archiappi via e arvè dove se' stato fino adesso.

Luigi Signora...

Giulia Signora che?... Che vole... Che je s'è sciolto?

Luigi Signora io non voglio niente.

Giulia E allora non ce se metta de mezzo!... Pensi ai cornacci de casa sua... Scusi... ma le' è come 'l giovedì, è sempre in mezzo!

Icilio Giulia va di là... Adesso basta...! Va di là...

Giulia Sor padrone... aji ordini! Io di là ce vò adesso perché me conviene de andacce... sinnò... mettete 'n testa che io di là ce vò quando me pare... perché tu ta me non me rappre­senti niente. (Esce).

Icilio (Lunga pausa) Luigi...

Luigi Dimme Icilio.

Icilio Che ne pensi?

Luigi No comment... Ossia...

Icilio Ossia che?

Luigi Tu sé' artornato... Io t'ho riassunto... ma siccome tu... di qui dentro... sé' considerato un somaro... un somaro da so­ma che arporta e basta... chiaro... 'l somaro è artornato... Pace! Addio sacrificio. Addio tutto.

Icilio Tu dice?

Luigi Per me, è cossì.

Icilio Per me, no... Per me, no... (Si accascia... Si sente male).

Luigi Icilio... Icilio... che c'è...? Che te succede?

Icilio Me sento male, Gigino... me sento male 'n bel pò'.

Luigi Che te sente?...

Icilio L'aria, me manca l'aria...

Luigi Icilio... non nne scherzà'...

Icilio Non scherzo, Gigi...

Luigi Con me non atacca... 'l sé che con me non atacca... Icilio... Icilio... (Icilio non risponde). Aiuto... Signora... Cicci... Correte... Correte.

Giulia Che c'è?

(Entrano tutti. Confusione).

Luigi Signora s'è sentito male... Sta male.

Giulia Sta male?... Non ce credo... Icilio... Icilio... Non risponde.

Violetta Non risponde.

Giulia Eh! Noe... Quanti sono questi?... Icilio... Icilio... Ma tu Icilio ce l'è con me?... ce l'è con noialtri?

Icilio (Socchiude gli occhi. Guarda tutti... non risponde).

Giulia Sor Luigi... Misquola... ma che è 'na paralisi?... 'Nà' paralisi 'n'altra volta?... Rispondeteme... Sor Misquola... è 'na paralisi?

Luigi Non lo so signora... Non lo so.

F i n e

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 10 volte nell' arco di un'anno