Parenti serpenti

Stampa questo copione

1

Arnaldo Boscolo

PARENTI SERPENTI

Commedia brillante in tre atti

in dialetto veneto


2

PARENTI SERPENTI

Commedia brillante in tre atti di Arnaldo Boscolo

PERSONAGGI

*************

Prof. Gilmo Dal Molin………………………oboista

Rosi………………………………………….sua moglie

Fannj…………………………………………loro figlioccia

Orazio Schiavetti

Loredana……………………………………..sua moglie

Professor Cadenaghi

Clotilde………………………………………sua moglie

Mauro………………………………………...loro figlio

Rafael…………………………………………patrigno di

Fannj

L’amia Taroco……………………………domestica in casa

Dal Molin

Liberata…………………………………domestica in casa

Schiavetti

Un vetturino

Silvio……………………………………..fratello di Gilmo

Olga………………………………………moglie di Silvio

In una città di provincia fuori mura


3

Atto Primo

Salottino fresco e lindo in casa Dal Molin , fuori mura.Vetrata al fondo che mette all’andito , oltre il quale un portoncino che dà all’esterno. Allorquando questo è aperto si scorge il piccolo giardino e il muricciuolo che lo cinge. Nel salotto mobili di gusto moderno a linee decise,senza intagli e sovrastrutture; ampia tavola al mezzo; a sinistra due usci; altro uscio a destra verso il fondo; più avanti una finestra, presso la quale una poltrona in pelle, bassa e soffice.

Mattinata di primavera; dalla finestra aperta, presso la quale è appesa una gabbia con un canarino, entra il sole.

Scena Prima

Gilmo – L’amia Taroco – poi Rosi e la signora Clotilde

( Il Prof. Dal Molin, sui quarantacinque anni, paffuro e sbarbato, si crogiuola al sole sprofondato nella poltrona. Ha la pipa tra le labbra e il giornale tra le mani.Scampanellata al cancello di strada. Si scorge l©amia Taroco, una serva claudicante, attraversare l’andito e svoltare a destra in giardino per recarsi al cancello.)


L’amia Taroco

Gilmo

L’amia

Gilmo

L’amia

Gilmo

L’amia

Gilmo

L’amia

Gilmo


(entrando dal fondo) Qua, professor, un telegrama.Ghe xe da firmar.

Dème quel toco de lapis che xe sora la credenza. (L’amia eseguisce;

Gilmo firma; trae dei soldi dal taschino) Toh, daghe cinque franchi.

Ma se xe proibito ?…

Va là, povari fioi…i consuma tante de quele gome de bicicleta…

Eh za!…Lu ris-ciaria anca la galera pur de butar via el suo….

La galera per cinque franchi?…

Se fusse questo solo….Ancùo xe sabo e ogni setimana cresse la

procession. Sfido mì! I se passa la parola!…

(celiando bonario) Amìa Taroco, Amìa Taroco!….

Eh amìa Taroco sì!…(sull’uscio, volgendosi) Gavesseli almanco un

fià de rispeto….Salo come che i se dise fra de lori? “Andemo da

quelo che supìa in te’l pifaro, che ‘l ga la ponga piena!...( e se ne

va al cancello a consegnare la ricevuta)

( ridendo a sé) Ah bela questa!…Quelo che supìa in te’l pifaro!…Se

val la pena de essar stai primo oboe del Metropolitan!…( ha aperto

il telegramma; legge; lo butta sul tavolinetto) Sìì ste freschi,

gnanca co le canonae!


4


Rosi

Clotilde

Gilmo

Clotilde

Gilmo

Rosi

Clotilde

Gilmo

Clotilde

Gilmo

Clotilde

Gilmo

Clotilde

Gilmo

Clotilde

Gilmo

Clotilde

Gilmo

Clotilde


(sui quarant’anni, aria dolce, finezza di tratto, viene dal secondo a

sinistra con la signora Clotilde, più anziana di lei questa, pretenziosa

nei modi e nel vestire.Essa tiene tra le mani un cestino con alcune

uova)

La passa, la passa pur de qua, signora Clotilde, che la ghe dà

un saludin a mio marìo.

Un momento solo che go za fato tardi. Bon giorno maestro, come

stalo?

Da papa, come che la vede. Bon giorno signora Clotilde.

Son vegnua a disturbarli; quela benedeta polamarola geri no la se

ga fato vedar; e se el professor mio mario no’l me buta zo le solite

do rosse d’ovo prima de la minestra el me torna a casa da scuola

che ‘l xe ‘na strassa.

(sincero, espansivo) Ma aprofitarghene, aprofitarghene sempre,

signora dei boni viçini!…Anca i ovi ze una grazia del Signor, dun-

que…

De sta stagion po’ le nostre galine ghe ne fa tanti che no riussimo

a darghene la volta…

Ma no xe miga giusto…la pol vendarli…

(celiando) Cossa disela? Portarli al marcà parchè i ne li castiga in

calcina par seta o oto mesi? Ma gnanca par idea! Piutosto ghe fasso

la fortagia par i gati, la varda!…La gala vista la mia Pacianina?

Quela gatela d’angora che se mete tante volte su la mureta davanti

de lori? ..

Me par, sì…

Quela se meritaria altro che fortagia!…La xe come ‘na creatura.

Co la xe stufa de ciapar el sol e de andar a torzio par i copi, la

Vien a batar adasio co la zatina sui veri…”ten ten ten…miao!”

Robe da magnarsela!

E co la se rampega po’ su le spale par strofinarse tuta

contro el mio viso, mi me sento, vèdela, l’omo più pacifico de la

tera!

(lievemente ironica) El se contenta de poco…

Cossa vorla?…No son fato mi par le robe complicate…Son un

spirito primitivo; nato e arlevà in campagna…

E ancora el se ne ricorda?..Sì,digo..Ghe ne xe passai dei ani…

Dopo aver girà el mondo in largo e in tondo…

Son restà tal e qual. Un fenomeno vivente, vero?

Par i tempi che core…

E xe par questo che me par de essar de un’altra razza…La zente

d’ancùo, vèdela, i zovani specialmente, i ga perso la più bela vir-

tù, l’entusiasmo. I xe bell’e stufi prima de nasser. E mi, la varda,

no me vergogno a dirlo, son ancora bon de star per ore e ore in-

cantà a contemplar…no so…un bocolo che se spana…o un s-ciapo

de formighe che se strassìna ‘na fragola…(additando Rosi) e ela xe

precisa de mi,…sala!…

El Signor ga visto e provisto…

No, go provisto mi tolendomela del mio stampo!…come imagino

gavarà fato el professor co ela…”A uomo di scienza donna cere-

brale”

Oh, par questo, in quanto a cerebralità, se trovemo de sicuro. E no-

stro fìo Mauro co nualtri.


5


Rosi

Clotilde

Rosi

Gilmo

Clotilde

Gilmo

Clotilde

Gilmo

Clotilde

Gilmo

Clotilde

Rosi

Gilmo

Clotilde

Rosi

Gilmo

Clotilde

Gilmo

Rosi

Amia Taroco

Gilmo

Amia

Gilmo

Amia

Gilmo

Amia

Gilmo


Lo credo; bel toco de toso so fìo.

E bravo! Primo ano de medicina ormai!

(scorgendo il telegramma sul tavolino) Cossa xe, Gilmo?

La solita, vissare; l’impresario Acerbi che torna a l’asalto; tre me-

Si de scritura al Cairo. El dise che ghe son indispensabile.

E lu no’l vol saverghene?

Go messo l’oboe in pèvare, cara signora!

Oh! Ma za, presto o tardi…impossibile che lu se adata par sempre

a sta vita…lu che xe abituà a le metropoli…

E cossa credela che mi gabia butà in piere gran parte dei me rispar-

mi e de la dote de mia muger, par farghe balar po’ dentro i sorzi?…

Ma no la sa che questa xe stada l’aspirazion de tuta la mia vita de

de zingaro? Una caseta mia; e fora mura; in una stradela sconta…

tanto streta da poderghe passar apena mi e mia muger a braseto.

E gnente tramvai, gnente clacson, gnente radio. La pipa e la poltro-

na! E fermo, coi piè tacai par tera. Sala che ancora adesso, butando

l’ocio fora de la finestra, go l’impression che i albari scampa via e

che me vegna incontro l’arco de qualche tunnel o la ciminiera de

qualche piroscafo?…E invesse no… la varda…tuto quel verde te-

naro; sto susuro discreto de l’acqua che score…tra i salici …..

Virgilio ga da essar passà da ste bande par ispirarse

I se stufarà presto lori da soli, cussì…

Soli, la ne dise ?…E le galine? E la gata?..E l’amia Taroco? E no-

stra fiossa Fannj ?

Cossa? I ga una fiossa in casa?

Da do giorni!

Un’opara bona…

Un’orfana?

No; la ga la mama; ma con cussì poco giudizio.…

Ciò; forse la ga credesto de sistemar la so posizion e quela de la

fia, e invesse, la se ga tolto un çerto bàgari in seconde nozze! Un

mercante de vin, la se figura, che no so più gnanca mi in cossa che

el negozia…parchè, a quanto i dise, el se lo beve tuto lù!….E a-

lora zigi e urli…; batoste co la muger e co la figliastra.L’altra sera

la ne xe capitada qua tuta lagreme, col segno de un paton sul      viso….

Cossa gavevimo da far?…Strenzarse un pocheto…e prepararghe la

camara par dormir…..

E so mama?

Par evitar barufe in casa….

La se contenta che se la tegnimo nualtri (scampanellata)

(attraversa la scena e s’avvia al cancello) S-cominçia la musica del

sabo…eco el capo tribù

Ciapè, che ve dago i bezzi….

Go qua un francheto.

No femo la tirchia, amìa Taroco! A quelo, povarasso, daghene al-

manco do, che ghe manca ‘na gamba!

El li usa, el li usa in sta maniera!…

Creature de Dio, par arivar fin qua bisogna che i se toga cussì fora

de strada…

Benon! Anca l’idenità de trasferta!…(esce brontolando) A carità su

un ponte, el se ridurà…

(facendo corna con le dita) Spetè che ve fassa tanto de corni!…


6

Clotilde

Da mi i pol far de manco de sonar la campanela; el professor mio

marito xe contribuente a la Congregazion…gavemo messo la targa

sul restelo…

Gilmo

El ga fato un bel afar; prima che i soldi ariva a destinazion.

Clotilde

Questo a nualtri no ne riguarda; co se ga la coscienza de aver dà…

Gilmo

(subito) Anca se i altri no ga riçevuo…

Rosi

(richiamandolo con dolce rimprovero) Gilmo!..

Gilmo

(tappandosi la bocca e riprendendo la celia) La me scusa sala, signo-

ra Clotilde…, ma a furia de supiar ne l’oboe…quelo che penso me

sfiata fora da tute le bande!..

Scena seconda

Gilmo – Rosi – Clotilde – Fannj – L’amia Taroco

Fannj

(viene da destra; è una ragazzina piacente, bene agghindata,

dall’aria  romantica) Bon giorno santoli!

Gilmo

Oh Fannj cara, vien, vien .(a Clotilde) Eco qua la nostra sbrindola.

Rosi

(a Fannj, presentando) La signora del professor Cadenaghi, che sta

ne la vileta qua de fianco.

Fannj

Quela co i do leoncini sul mureto?

Clotilde

Proprio, cara.

Rosi

Gastu dormio pulito?

Fannj

Go ciapà sono tardi santola. Son stada più de tre ore co la fine-

stra averta e col lume impissà…

Clotilde

Povareta; xe da imaginarselo…dopo çerti travasi…

Fannj

(ai santoli) Ah, parchè i ga dito?…No, l’aventura no me scompone;

anzi, la me esalta!…Me interessava invesse de finir un romanzo di

Stefano Vallobre:”Nel gorgo del peccato “!

Rosi

Fannj, cara; ti gavarà bisogno de far colazion, vero? Par quanto sia

squasi ora de disnar…

Fannj

(ipocrita) No, grazie santola,. A la matina no son mai bona de tor

gnente…(scampanellata)

L’amia

Musicaaa!!…Prima el zoto; adesso sarà qua l’orbo!..(s’avvia)

Clotilde

La me speta che vegno anca mi. Go za fato tardi. Grazie de tuto

signora Rosi; arivedarlo maestro.

Gilmo

Arivederla signora, ossequi al professore.(la signora Clotilde esce

con l’amia dal fondo)

Scena terza

Gilmo – Rosi -  L’amia – poi Silvio e Olga


7


Rosi

Gilmo

Fannj

Gilmo

Rosi

Gilmo

L’amia

Gilmo

L’amia

Gilmo

Rosi

Gilmo

Silvio

L’amia

Silvio

L’amia

Gilmo

L’amia

Gilmo

Olga

Gilmo

Silvio

L’amia

Silvio

Fannj

Gilmo

Fannj


(sorridendo) La te ciama maestro perché la xe convinta che sia

manco de professor…

Se la crede che par questo mi perda l’apetito…

In musica, maestro xe più de professor!

(affettuoso, bonario) E cussì, schissa, come andemio? Xeli scom-

parsi i pensieri neri de l’altra sera?…

Ghe mancaria altro che la ghe filasse adrio!…

Qua ghe xe aria, sol…e do santoli col muso alegro e col cuor

in man. Vorla darghe un morsegon?..La se comoda!…

( dal fondo) No gera miga un poareto; ghe xe invesse Silvio

(alzandosi subito)Mio fradelo?…

(indicandolo) Insieme co so muger. Ecolo qua.(entra Silvio Dal

Molin; più giovane di Gilmo, ricercato nei modi e nel vestire; lo

segue Olga, asciutta, nervosa)

(un po’ allarmato, andandogli incontro) Che bon vento, Silvio?

Cara Olga…

Xe la prima volta che vegnì da quando che semo tornai…

Ciao Gilmo. Bondì Rosi…E questa xe la Fannj…Orpo, digo!

Se semo fati un fior de creatura! Se no gavesse savuo che ti geri

qua…de sorpresa in sorpresa, ciò. (indicando l’amia) Saveu che

son restà là come un sempio co la xe vegnua a verzarme el re-

stelo…chi podeva imaginar che l’amia Taroco fusse qua co

vualtri?

Parcossa, ciò mostricio? Eco quelo che se guadagna a aver con-

sumà una vita a servizio de ‘na famegia!…

Ma no; no diseva par questo..ma ti geri sparìa da la çircolazion…

Par chi che no ga vogia de çercarme!..E sì, digo che fra ti e to fra-

delo li gavè bagnai sti zenoci…

La se gera messa co so zerman nonzolo a Santa Fosca. Apena

tornà son andà a scovarmela fora.Cossa vustu? Par ricostruirme

el mio nido de pase bisognava pur che gavesse d’atorno qualcossa

che me ricordasse la nostra vita patriarcale de un tempo…e sico-

me de la zente de alora no gera che ela…(celiando sempre) no so

che razza de afar che gabia fato…

Mi piutosto; del resto se’l vol che toga suso el do de cope…

(a Silvio) Ti te ricordi l’amia Taroco de un tempo? Ben; molti-

plichela par i trent’ani che la ga de più su la goba…e divertite a

sentirla!

(seccata) Ben…Silvio, se ti vol dirghe…

Ah! Parchè, ti ga da parlarme?

Sì. A ti…e a to muger…..

La vegna de là in cusina ela, che a quanto go capio ghe xe con-

segio de famegia…

Scusime, sa, Fannj…

Ma ghe par; mi qua dentro no son che un’estranea…

Cossa distu, macaca!..

No’l se staga a preocupar de mi, santolo. Spiritualmente go sem-

pre savuo bastar a mi stessa.Ah, mio Dio! Come sa di sale lo pane

altrui! (esce con l’amia per il secondo di sinistra).


8

Scena quarta

Gilmo – Rosi – Silvio – Olga


Gilmo

Olga

Silvio

Gilmo

Silvio

Gilmo

Silvio

Gilmo

Silvio

Gilmo

Silvio

Gilmo

Silvio

Gilmo

Olga

Silvio

Gilmo

Olga

Silvio

Gilmo

Silvio

Gilmo

Silvio

Olga

Gilmo

Silvio

Gilmo

Silvio


( a Silvio) Cossa ghe xe? Robe serie?…

Altro che serie!

Purtropo, cari. El zio Orazio…Patatrac!…

Morto?!

Pezo!

In galera?!…

In tera!

Più in tera de quelo che’l xe sempre sta…

No essar ingiusto, va là. Ultimamente el se gera tirà suso…

el lavorava…

In cossa?…

Oh Dio…, in cossa,el se inxegnava, eco..qualche afareto..

Qualche comission…; insoma el viveva co un çerto decoro…

adesso, patatrac!…El ga credesto de far un bon colpo coi titoli

americani…e sior sì che l’America ga dà scaco mato! Gnanca

più i stramassi del leto!…..

In conclusion, el vol soldi?…

No; el me xe capità qua stamatina co la zia…Ga tocà scampar

più presto che in pressa…

I xe a casa tua?…

Noo; ghe mancaria anca questa!…

I xe vegnui a casa mia…, ma ti capirà ben…come posso far

mi ?.Prima de tuto no go logo…e po’ co ela qua, amalada de

nervi come che la xe.. figurite che ciapà subito ‘na crisi..

Poareta, me dispiase…

Varda, son ancora qua che tremo tuta!…

Naturalmente no podeva miga butarli fora in strada senza

prima escogitar…cussì ga pensà de vegnir avanti mi…

Ah, parchè ti ga pensà…

Logicamente no podeva pensar che a ti…se trata dopo tuto de

l’unico fradelo de la povera mama…anca par la zente…

Te preocupela,…sì?

No vustu?…Del rsto ti ti ga ‘na casa nova, granda …ti ga po-

chi fastidi par la testa…

No ve ga fato né fredo né caldo de torve in casa un’estranea;

dunque?…

Eh za! Come logica…(grattandosi la testa) Mi veramente, a dir

tela s-cieta, la me casa me la gera fabricada pae godermela mi.

Dunque, ti ghe seri le porte sul viso?!…

Aspeta un momento…

Dime ‘na parola franca, decisiva. Anca el zio Orazio el la esi-

ge; se ‘l açeta la to ospitalità el vol farlo senza subir la

minima umiliazion. No bisogna desmentagarse chr ‘l xe un

vecio soldà


9


Gilmo

Silvio

Gilmo

Olga

Gilmo

Rosi

Gilmo

Rosi

Gilmo

Rosi

Silvio

Rosi

Gilmo

Rosi

Gilmo

Silvio

Gilmo

Silvio

Rosi

Gilmo

Olga

Gilmo

Olga

Gilmo

Silvio

Gilmo

Olga

Gilmo

Olga

Gilmo

Olga

Rosi

Gilmo

Silvio

Gilmo

Silvio

Gilmo


Caporal de cusina dei granatieri!

Ma soldà. El xe sta in Africa…,al fogo….

Sìì! De le pignate!!

Ghe xe la zia Loredana, po’, che la ga tute le so simpatie par

Rosi…

Co la more la ghe lassa un stato!…

(richiamandolo) Gilmo!!…

No; disevo cussì, par via de la simpatia!…

A Nadal e Pasqua po’ la s’à sempre ricordà; anca co gerimo a

l’estero….

Co ‘na cartolina ilustrata…

Nualtri, ringraziando Dio, no gavevimo bisogno de altro.

Mi par esempio, loconfesso, no ve go mandà mai gnanca quela

Se trata, in fondo, de do disgraziai del to sangue…

Del mio sangue…, ma no del mio giudizio…

E che colpa ghe n’ali lori?…

(vinto) Ben, ciò..infati..anca questa no xe mal dita…Se ‘l Padre

eterno ga serà la scatoleta prima de metarghe el sal? Ben, co ti

xe contenta ti…

Oh là! Tanto ghe voleva?

Ara ciò che ‘l ga anca pressa!…

Oh, ricordarse peraltro che mi vogio contribuir co la mia parte.

Su questo no transigo; zii tui, zii mii! Tien pur nota fin a

l’ultimo scheo!

Bisogna vedar piutosto come che se pol acomodarse…

Faremo metar a posto la camara grezza…par el resto…cossa

vustu far vissare…se strenzaremo!…

Alora posso andar a ciamarli.

Dove xeli?

Davanti a la ciesa del Sacro Cuore. I xe là che i aspeta in ca-

rossa…(a Silvio) Ti intanto verzi el mezo restelo.

Parchè Santi?

El zio Orazio ga dito che se no’l trova el restelo mezo averto

in segno de ospitalità liberamente offerta, el fa voltar el cavalo

e chi s’a visto s’a visto!

( comico ) Par l’amor de Dio che no me toca sta disgrazia!..

Ciao, Rosi, bondì Gilmo!

Bondì vissare. E grazie, sa!

De cossa?

De l’idea che ti ga avuo!

Oh, figurite!! (esce dal fondo con Silvio)

Aspeta che vada a serar le galine, se no le me scampa in strada

(a Gilmo, affettuosa) No ti xe miga arabià, vero, per le mie in-

sistenze?..Mi lo go fato anca par ti…par el decoro del nome…

(forzandosi allegro) Ma figurite, vissare!…Ti me conossi aba-

stanza…(Rosi esce a sinistra)

(rientra dal fondo) Eco fato…Ah! Un’altra cosa, prima che

me desmentega!

Un altro zio Orazio che ariva?

Ti ga sempre vogia de scherzar! Beato ti che no ti ga pensieri!

Doman xe el sedese…Sedici maggio…

Ti compissi i ani?


10

Silvio

Ma che!…

Gilmo

Festa Nazionale?..

Silvio

Ma noo! Scade quela cambialeta de otomila franchi che ti me

ga avalà in febraro; ara ciò che no’l se ricorda! In’sto momen-

to no son sta bon de realizar…, sì, digo..no son in condizion..

Gilmo

Ben, portime l’efeto da rinovar, che te lo firmo.

Silvio

Grazie, no dubitavo. Bisogna paraltro che ti me anticipi

anca i soldi per l’interessi.A la prossima scadenza femo

tuto un conto

Gilmo

Co queli del zio Orazio.

Silvio

Sì, parchè vogio pagar fin a l’ultimo scheo!..Tien pur nota,sa.

Gilmo

Cossa vustu che tegna nota, benedeto?…Me magnaria ‘na so-

stanza in lapis!..

Rosi

(da sinistra) Te fermistu Silvio?

Silvio

Finchè riva i zii e dopo scampo.

Rosi

Vustu tor qualcossa?

Silvio

Un deo de marsala se ti ga: co un biscotin.

Rosi

Adesso te la porto.

Silvio

No,no che vegno de là in cusina.

Gilmo

Co ti torni portimene un deo anca a mi. Finisso de lezar qua

sto articolo che me interessa, prima che ariva la carovana…

( Silvio e Rosi escono,da sinistra. Gilmo si accomoda sulla

poltrona e spiega il giornale). Ma varda ti che matinata che

me se prepara..dove gero restà?…Me par che sia una seti-

mana che go messo zo sto giornal…

Scena Quinta

Gilmo e il prof. Cadenaghi; poi Silvio – Fannj – Rosi – L’amia Taroco

Cadenaghi

(sui cinquanta; il tipo classico del professore; occhialuto e barbuto. Si pulisce

accuratamente i piedi sul piccolo tappeto prima di entrare).

Bon giorno maestro. Go trovà el cancelletto dischiuso e per questo me son preso

licenza…

Gilmo

Che vol dir, caro professore? La so signora xe stada qua fin za un

un momento…

Cadenaghi

E xe giusto in relazione a quela so visita, matutina anziché no, che lu

me vede qua adesso.

Gilmo

Prego, el se acomoda.

Cadenaghi

No, grazie maestro. Go el tempo limitatissimo: me sbrigo in poche pa-

role…Per abitudine professionale son avezzo de corar drito a lo scopo

senza esordi e senza perorazioni; passo quindi di subito all’esposizio-

ne

Gilmo

E mi son qua per ascoltarlo.

Cadenaghi

Lu xe çerto a conoscenza che mi go un figlio maschio che frequenta

l’università…

Gilmo

Perbacco!…E un bravo fio, anca…


11


Cadenaghi Gilmo Cadenaghi Gilmo Cadenaghi Gilmo Cadenaghi Gilmo Cadenaghi Gilmo Cadenaghi Gilmo Cadenaghi Gilmo Cadenaghi Gilmo Cadenaghi Gilmo Cadenaghi Gilmo Cadenaghi


Bravo, sicuro. Senonchè da l’altro giorno me se verifica un fenomeno

alquanto preoccupante che la mia sensibilità professionale no podeva

far de manco de rilevar.. Go avuo campo insoma de osservar in lu…

un çerto rilassamento nello studio, come se le so facoltà fisiche e

psichiche gavesse riçevuo un qualche contracolpo…Sì, digo; una spe-

cie di collasso intellettuale.

Oh, povareto!

Una tal quale svogliatezza…un allentamento delle facoltà mnemoni-     che

…poca precisione nel rispondere a tute le domande che mi son

uso de rivolgerghe ogni matina…tuto un quadro…

De poca vogia de studiar, insoma.

Ecco..forse la sua definizione collima con lo stato delle cose quale

realmente si verifica. Ma il guaio sta in questo: per quanto affinasse

al mio spirito di indagine paterna e professionale, ormai così perspic-

ce, non riuscivo a stabilire la genesi del fenomeno stesso. E sì, digo,

che la vita di mio figlio xe da mi controllata attimo per attimo…pul-

sazione per pulsazione, se cussì se pol dir…ma forse adesso credo

de essarghe arivà. Una parola di mia moglie or ora pronunciata, me

ga dà come el bandolo de la matassa..sì digo.., me ga squarcià el velo

che me ofuscava i oci. Loro, se è esatta l’informazione, da l’altra sera

ga accolto in casa una giovane donna, vero?

Sicuro, una toseta. Nostra fiossa Fannj.

Ecco. E i ghe ga assegnà una stanza che guarda a levante, con le fine-

stre prospicienti quindi alla camera di mio figlio.

Ah, perché so fìo dorme da sta parte?…

Per l’appunto. Svelato l’arcano. Il mio Mauro deve aver risposto ad

uno di quei richiami violenti ed improvvisi che sogliono verificarsi

negli adolescenti bene vigilati. Fenomeni psichici e fisiologici ad un

tempo che tolgono la serenità necessaria per ogni specie di applica-

zione intellettuale….Bene, mi lusingo che loro, rendendosi conto del

male latente, vorà senz’altro cambiar de stanza la signorina.

(trasecolato) Cambiarla de stanza?..E dove vorlo che la meta, creatu-

ra de Dio?..

La metta a ponente!

Ma se a ponente ghe xe la nostra camara matrimonial? Quela dove

che dorme mia fiossa la xe un buso…, piena de sol, più che suffi-

ciente per una persona sola, ma sempre un buso. Par starghe in do,

bisognaria metarse coi leti uno sora l’altro come nei bastimenti!…

Per questo…

Ah, fin a sto punto po’ no! Par mar bisogna far de necessità virtù, ma in tera

ferma ne piase star colegai uno de fianco a l’altro, co le gambe

del leto ben salde sul pavimento!

(contrariato) Cosichè lu no’l vol rendarse conto…

Ciò, mi posso anca passarghe par bone le so apprension, par quan-

to, ai ani che core, le me sembra un fià esagerate…Ma me pararia anca che’l

podesse trovar un altro rimedio!..

Quale? Me lo suggerisca!

El cambia camara a so fìo; el lo meta a levante, che cussì a la matina

el sol ghe bate sui veri e el fa più presto a svegiarse…!

Lu ga vogia de scherzar; spero che no’l vorà detar lege in casa mia!…

Ma gnanca lù ne la mia alora; par la stessa razon!

Xe sempre la dona che induce in tentazion. Mi capisso benissimo che


12


Gilmo

Cadenaghi

Gilmo

Cadenaghi

Gilmo

Cadenaghi

Gilmo

Cadenaghi

Gilmo

Cadenaghi

Gilmo

Cadenaghi

Gilmo

Rosi

Gilmo

Silvio

Gilmo

Fannj

Silvio

Rosi

Silvio

Rosi

L’amia


a lu ghe interessa de colocar presto o tardi la figlioccia; ma che venga a

sciorinarcela proprio sotto le finestre…

Mì?..Ma se no me passa gnanca par l’anticamera del çervelo!

E alora la tolga di lì. E se lei si ostina a non intendere ragioni, savarò

ben mi reclamar!

Ah, ben ! El senta: mi savevo che ghe xe dei regolamenti che multa la

zente che tien cani che sbragia.., che ghe proibisse a le serve de sbatar

i tapei fora de la finestra.., ma che ghe vieta a le tose de dormir a le-

vante, mi no so che razza de ragolamento che sia!!

Ma il regolamento della convenienza sociale, allorquando è compro-

messa la pace di una famiglia onorata! E la nostra pace è compromes-

sa, capisce?..E’ compromessa!!

(sempre bonario) Ma no, benedeto, el vegna qua. Vorlo farse cativo

sangue per ste buzare?..

Buzare,lei dice?

Par sti sempiessi, insoma. El se meta el cuor in pase, el vada là, se no

ancùo…povari i so scolari!.. El me lassa studiar el mio piano e vedaremo de

acomodarla,xelo contento?

Dal momento che lei mi fa promessa formale…

(indicando Fannj che entra allegra, con Silvio) Ecolo qua el corpo del

reato!..No’l xe da butar via, el me diga la verità!

Io non me ne intendo…

Astemio insoma. Ma no’l sarà astemio, spero, de un deo de marsala…

No, grazie.(s’avvia) E grazie anche per le uova.(s’inchina ed esce)

El se figura!(a Rosi che entra dalla cucina) Se ti ghe dà ancore vovi

a quei canibali, grama la to pele, che i ghe vada marzi, piutosto!

Parcossa?

Te contarò.(s’ode la sonagliera di una vettura)

(recandosi al fondo) I xe qua!

No se fa gnanca ora de rimetarse da un travaso…(la vettura si è fer-

mata; tutti si sono recati all’uscio di fondo; Gilmo e Fannj) Cara…

scusa sa…torna in cusina ancora un momento…el primo incontro co

i zii…la santola te gavarà dito…

Sì. Sì…

Dopo vegno a farte compagnia anca mi (Fannj ritorna in cucina dopo

aver sbirciato Silvio)

(guardando fuori, stupita) Ciò…ma no i xe miga soli…

Dasseno?..

I xe tre in carozza…

(che è pure entrata in tempo per recarsi a curiosare al fondo) Quatro

col can!


Scena Sesta

Detti – Orazio – Loredana – Liberata – Il Vetturino

Orazio                       (dal giardino) Fermo Bobi!..Fermo!..No tirar!..(entra col cane a guin-


13


Gilmo

Orazio

Loredana

Rosi

Orazio

Rosi

Loredana

Liberata

Orazio

Rosi

Orazio

Liberata

Gilmo

Orazio

Gilmo

Orazio

Loredana

Orazio

Gilmo

Orazio

Silvio

Orazio

Gilmo

Rosi


zaglio.E’ ancora un bell’uomo, elegante e impomatato;baffi arricciati,

scarpe bianche, calzoni chiari;cravatta bianca inamidata;grossi anelli

alle dita,berretto basco in capo.Dietro di lui la sua voluminosa consorte

Loredana in cappello e pelliccia, nonostante la stagione avanzata;

ad una mano un’ampia borsa, all’altra una valigia. Alla retroguardia

viene la serva Liberata, sui quaranta, arcigna e rabbiosa;anche questa

reca due valigie. Il vetturino intanto, levato da cassetta un baule, se lo

carica sulle spalle e segue la comitiva. Orazio, con esagerata commo-

zione, getta le braccia al collo a Gilmo,dopo avergli messo tra le mani

il guinzaglio) Gilmo mio!!..(singhiozza un poco) Grazie! Grazie per

quel segno…

Che segno?

De quel restelo averto averto come el to cuor!..(e fa il gesto di asciu-

garsi una lacrima col dorso della mano)

(depone le valigie e abbraccia Rosi) Rosi, vissare!..(e sbotta in un

pianto che si capisce abitudinario) Ihhh!!

Su,su zia, la se daga coragio…

(con un gesto melodrammatico)Povara dona! E dir che gavaria vossùo

farghene una regina! Andemo, Loredana!..Gnente tragedie!L’omo ga

da essar bronzeo in ogni contingenza de la vita…

(confortandola)Qua, la fassa conto de essar in casa sua.

(sempre tra le lacrime) La nostra casa, Orazio!…

(che è rimasta al fondo con le valigie in mano: burbera, astiosa) Dove

meto?

(sullo stesso tono astioso) E a mi ti me lo domandi? Pusa in qualche

parte, rangite…

(indicando il primo di sinistra) De qua, de qua…(Liberata s’avvia se-

guita dal vetturino che reca il baule sulla groppa)..

(indicando il baule) Questo lo gavemo portà a bagaglio; el resto ariva

a picola.

Go i brassi che me se destaca da le spale! (esce col vetturino)

(a Orazio, indicando Liberata) Chi xela?…

La dona che gavemo co nualtri da squasi diese ani; una disgraziata

che divide le nostre vicissitudini amare; un’amiga più che una serva.

E ve la se portada adrio?…

E cossa gavevimo da far?.Sarìa sta come destacarse da un toco de car-

ne viva!…Pensa che, pur de no lassarne, la ga rinuncià al salario. No

xe façile a trovar de sti tmpi al zorno d’ancùo…

Veramente mi voleva farghe capir che no avendo più una casa nostra...

(sbotta nuovamente in pianto) Ihhh!..La nostra casa,Orazio!…

Loredana,digo!…No gera una bona razon par desfar la famegia.Al-

manco restar tuti quatro uniti…

Ghe ne xe un quarto?!…

(indicando il cane) Ti lo ga tra le man.Bobi, povareto; l’unico che no

ariva a capir la nostra tragedia.(togliendo il guinzaglio di mano a Gil-

mo e passandolo a Silvio)Ti me fa un piasser, Silvio?…

Ma figurite, lo conduso subito in cusina.

(mettendo una mano sulla spalla a Silvio)Questo xe un toso de cuor,

vedistu!..No gavemo fato ora de presentarse a la so porta che lu, subi-

to…

El v’a condoto a la mia.(Silvio entra in cucina col cane)

Vorla cavarse,zia?..


14


Loredana

Orazio

Gilmo

Il vetturino

Orazio

Il vetturino

Orazio

Loredana

Orazio

Liberata

Gilmo

Orazio

Gilmo

Il vetturino

Gilmo

Orazio

Rosi

Gilmo

Rosi

Gilmo

Rosi

Liberata

Gilmo

Orazio

Liberata

Rosi

Liberata

Rosi

Gilmo

Orazio


Grazie tesoro;perché,a dirte la verità, co la stagion che semo,la pelissa

fa caldo. Ma dove gavevimo da metarla?(si toglie la pelliccia aiutata

da Rosi)

(a Gilmo che lo guarda come un fenomeno vivente)Ti me vardi i cavei

bianchi,eh?.(sospirando)Ah, la vita!Co le s-cominçia no le finisse più.

Te impararà.

(facendo le corna con la mano)Ciò, speremo de imparar più tardi che

xe possibile!..

(rientrando da sinistra, seguito da Liberata, a Orazio)Paronçin, eco fato.

Ah, bravo; scusime.Quanto xe?..

Otanta franchi.

(rovista nel borsellino;alla moglie) Dana, gastu ti?..

No, Orazio; go speso i ultimi in treno per la Tribuna ilustrata.

Orpo!…Co sta benedeta monèa…(e guarda Gilmo)

Mi no ghe li dago perché son sicura che no’l me li torna più

(quasi timidamente)Se ti vol…

Grazie, Gilmo.

(traendo di tasca)Eco qua.(porgendo al vetturino)Ciapè,otanta.

(intascando)E resto mancia per via che m’a tocà far anca el fachin.

Signori,servitor suo.(e se ne va dal fondo).

Vualtri gavarè bisogno de tor qualcossa, vero?

Ciò,no me vergogno a dirtelo; xe da geri de sera che no çerchemo

grazia de Dio…

Par ancùo bisognarà rimediar…

Presto fato, Rosi: ghe xe ancora nela dispensa de quele scatole de co-

tura che se gavemo portà in viagio;diese minuti in acqua de bogio e la

pasta xe bela e pronta co tuto el so consier.Parsuto ghe n’a da essar…

bisognarà pensar par el dormir, piutosto.Qua sta el busillis…se fusse

pronta la camara greza..

Ai zii,intanto, podaressimo cedarghe provisoriamente la nostra;nualtri

se pol comodarse ne la camareta in spiovar.Cossa distu, Gilmo?..

Oh, par mi!..Che’l sofito sia drito o spiovente…co go stuà el lume…

Ma la so dona, piutosto…

(timidamente)Ciò, par ela…no ghe sarìa che el soteraneo…..soteraneo

par modo de dir, perché el ga la polvere alta do dei, da tanto suto che’l

xe…..

(con rabbia contenuta)Megio alora in punèr co le galine!!No go da es-

sar sepelìa prima del tempo!!…

Ma noo!..Ghe xe tanto de finestre a pien mezogiorno…(allegramen-

te)!Gnente, ciò, trovato! Sgombero la camara dei armaroni, i metemo

in sofita…

(indulgente)Cossa volè far, creature?’Ste benedete serve le ga çerte

fisime par la testa!…

(caustica) In soteraneo che i se s-gnaca lori!!

Vado a dirghe a l’amia de far bogiar l’acqua par la pasta.(a Liberata)

Se ela intanto vol preparar la tola…

Basta che la me diga…

La vegna alora co mi (entra in cucina seguita da Liberata)

Voleu tor un fià de vermut o de marsala?..

Grazie..(Orazio e Loredana siedono alla tavola)Quanti disturbi!Grazie

Ghe xe squasi da arossir, ma speremo de incomodarve par poco…in

ogni modo…grati per la vita; et ultra!


15

Gilmo

(è andato alla consolle a prendere la bottiglia del marsala e due

bicchierini, depone tutto sulla tavola;mesce.Orazio beve mezzo bicchierino d’un

fiato)Aspetè che ve dago un biscotin se sé slanguorìì..(mentre si reca alla consolle

volgendo loro le spalle, Orazio, con rapida mossa,afferra la bottiglia e si riempie

di nuovo il bicchierino)

Orazio (sospirando) Ah!..Chi gavarìa mai dito?..Cossa gavarastu pensà co Silvio xe vegnuo…

Gilmo

Un fulmine,ciò.

Orazio

Me lo imagino. Fin che go podesto me son tegnuo sora acqua, ma po,

dopo…dies’ani che la strassìno coi denti…, go tentà tuti i

mestieri…una

scarogna! Go fato perfin la borsa nera…i altri se ga fato la

ponga..e mi son

finìo in guardina!..Xe proprio el caso de dir che no

ghe xe più religion!!

Rosi

(entrando con Liberata che regge un vassoio carico di piatti, posate e

biancheria da tavola)L’acqua gera za calda. In pochi minuti adesso…

(a Liberata)La destira pur la tovagia…(Liberata esegue)

Loredana

Vustu che te daga ‘na man?

Rosi

Ma gnanca par idea; la staga pur sentada; anca par le camare xe tuto

sistemà…

Gilmo

(per un pensiero improvviso) Orpo!!E la promessa che go fato al pro-

fessor?

Rosi

Che promessa?

Gilmo

De metarghe la tosa a ponente!..

Rosi

Cossa distu?

Gilmo

Gnente; no te go gnancora spiegà…oh, ma del resto che’l vada a farse

frisar anca lù!..

Rosi

(assegnando i posti)Qua la zia, qua la Fannj, qua el solito posto del paron de

casa…(e indica il posto capotavola, vicino alla finestra)

Orazio

Se no te despiase, Gilmo, ti dovaressi cedermelo a mi. Dopo magnà

son uso de lezar el zornal e, se no me vien el ciaro da drio le spale, me

va a torzio le parole…

Gilmo

Ma sì, acomodite pur…(e Orazio prende subito posto)

Rosi

(a Gilmo) E alora ti metite qua da viçin a la Fannj…

Silvio

Digo, creature, dal momento che go fato tardi, ghe sarìa un piato de

spagheti anca par mi ?.

Rosi

Ma sì, sì…e po’, in caso, se rimedia sempre

Loredana

(sospira) Par la fame che go mi…

Orazio

Se no ti ga fame ti, ti farà la grazia de passarme la fondina a mi.

Gilmo

(indicando Fannj) Vedistu, zio? Questa xe nostra fiossa.

Orazio

(sbocconcellando un po’ di pane) Ne ga dito Silvio, ne ga dio..una

profuga come nualtri..Mah!!..La vita!..

Fannj

(canterella)La vita non è che un valzer…

Rosi

(a Fannj) Metite qua da viçin la zia che cussì fè pulito la conossenza.

Fannj

(sedendo) Comparmesso.

Silvio

(prendendo subito posto accanto a Fannj) E qua me meto mi che ghe

fasso da cavalier servente…

Rosi

Ma…veramente el gera el posto de Gilmo…

Silvio

Va là, che da una parte o da l’altra a lu ghe fa l’istesso!..

Fannj

(toccandolo sulle empie) Oh!..Silvieto; el ga qualche caveo bianco,

qua, su le tempie!..

Silvio

Mah, cossa vustu far, picola…la vecchiaia che s’avanza…

Fannj

(declama quasi a sé, guardando lontano) Fili d’argento…refe per la

maglia che fa prigione un cuore!…(entra l’amia con il piatto dell’anti-

pasto, mentre Liberata ritorna in cucina)


16

Gilmo

Oh! A tola!…E gnente musi longhi. Quelo de megio che posso offrir-

ve nel mio nido de pase, xe un piato de bona çiera e mi pretendo che,

davanti a sta pietanza, nessun storza la boca!..(tutti si servono; Orazio

si prende la porzione più grossa, il piatto fa il giro dei commensali,

giungendo ultimo a Gilmo, al quale non resta che una minuscola fetta

di mortadella, che egli guarda in trasparenza sulla punta della forchet-

ta)

Orazio

Anima bela!!…Ma la sarìa una sconvenienza!..Al diavolo la malinco-

nia, che la vita…..

Silvio

Non è che un valzer! Come dise qua la Fannj

Fannj

(riprendendo a cantare con Orazio e Silvio)La vita non è che un valzer

nel giro che tocca a te….

Gilmo

Ben, molighe adesso…

Orazio

Reagire bisogna, perdincibarina!!(alla moglie)Dài che magnemo co la

musica! Verzi el baul, Dana, e tira fora el gramofono!..

Gilmo

Ti ga portà anca el granofono?

Orazio

L’unica distrazion che me sia restada in tante malorseghe…se dovesse

privarme anca de quela, megio un salto in canal,tira fora le ciave,Dana

Loredana

Ma mi no la go, Orazio…ti ga d’averle messe in scarsela ti…

Orazio

(seccato) Ma che…fame sto piasser!…Varda piutosto che ti ghe le ga-

varà consegnae a la Liberata…(chiamando) Liberataa!Liberataa!Libe-

rataa!..Tartaruga!..

Liberata

(sull’uscio, arrogante, mentre l’amia rientra in cucina) Cossa ghe xe?

Ciapa fogo la casa?..

Orazio

Dove xele le ciave del baul?..

Liberata

A mi el me lo domanda??…

Orazio

A ti, sì!Chi xe che ga averto par ultimo?

Liberata

Proprio lù el xe sta, par metarghe dentro la pomata par i mustaci!..

Orazio

Ma la ciave te la gavemo consegnada!!!!

Liberata

Ah, che no go vogia de savariar coi mati, mi…!

Orazio

(scattando in piedi) Mati?!..A chi ti ghe disi mati?!…

Liberata

A chi  che no ga sal in zuca!

Orazio

(facendo l’atto) Ti ti ga vogia de cavarme un stramuson!!

Liberata

(sfidandolo) See, povareto! El se prova se’l xe bon!..

Gilmo

(a mezz’aria dalla sedia) Ma andemo, via…(all’improvviso s’ode uno

schiamazzar di galline.in cortile)

L’amia

(dalla cucina,affannata) Ah, presto, i cora!!

Rosi

(che non si raccapezza) Cossa ghe xe?..

L’amia

El can ga vantà ‘na galina!..

Loredana

(alzandosi) Ah, el mio Bobi!!…

Orazio

(a Silvio) Parcossa lo gastu molà, ti?..

Silvio

Cossa vustu che me pensasse?..

Loredana

Corè, corè..cavèghela da la boca!..(Silvio, Fannj, l’amia escono di corsa) Oh, Dio,

presto!!:::

Rosi

(calmandola) Ma andemo, su zia, i xe malani da poco!..

Gilmo

Galina più, galina manco…

Orazio

Ma co le pene etuto, noo…che dopo el me sta mal ‘na setimana!…

Gilmo

(ricadendo esterreffatto sulla sedia) Ah, parchè el xe debole de sto-

mego? Ciò, un’altra volta ghe la faremo trovar anca pelada!!

Fine primo atto


17

Atto Secondo

La stessa scena dell’atto precedente; due mesi dopo.

Gilmo – Rosi – L’amia Taroco – Orazio – Loredana

(attraverso la vetrata si scorge Orazio nell’andito, in giacca da casa, che sta leggendo il giornale, sprofondato in una poltrona di vimini. Di fronte a lui, in un’altra poltrona simile, Loredana sta ricamando. Entrambi portano gli occhiali).


Gilmo Rosi Gilmo Rosi Gilmo Rosi L’amia Rosi L’amia Gilmo L’amia Gilmo L’amia Gilmo L’amia Rosi L’amia Gimo L’amia Gilmo


(in cappello e bastone, presso il primo di sinistra) Rosi, sistu pronta? Se

no se fa tardi!

Ecome,Gilmo!(entra;essa pure è vestira per uscire)

(guardando l’orologio) Xe squasi le undese, sa vecia…gastu da far tanto

fora?

No, co semo passai da la posta…bisogna mandarghe el solito vaglia a la

zia Gina, povareta; ghe n’avemo ormai tre del mese e fin dal primo la lo

speta come la mana del çielo…

Ti ga razon, ma la sucede sempre cussì: chi vive nel bombaso se desmentega

façilmente de chi no combina el disnar co la çena…Bisogna

che me lo nota in scadenziario.

(a l’amia, che sta agucchiando in piedi presso la finestra) Amia, se vien el

toso del biavarol, la varda in dispensa se ocore gnente:ogio, cafè, butiro; e no la se

stufa de racomandarghe roba fina, parchè potaci nualtri no ghe ne volemo.(osservando

contro luce una bottiglia che ha tolto dalla creden-

ziera) E la fassa portar anca ‘naltra botiglia de marsala, che qua semo scarsi…

Xela indispensabile?!…

Oh, par nualtri…! Ma i zii xe soliti a bevarghene qualche bicierin, e no vogio che

gabia da mancarghe gnente. I xe veci; e i veci, se sa, i xe tacai a le abitudini…

E alora i pol dirghele a la so camariera particolare, adesso co la se degnarà de tornar a

casa.

(burlesco) Cossa?…Voressi cedar il bastone di comando,amìa Taroco?..

Se gavesse un baston tra le man…savaria ben mi come doperarlo!…(indicando Orazio

che attrverso la porta ha osservato le mosse di Rosi) El li varda là co beli!…Tanti

pascià in composta!..In leto fin a le undese; e po’ la poltrona, el giornale, la radio, el

pisolo…

Gavè pazienza amìa, che n’avemo tanta anca nualtri. Tanto mi che mio fradelo stemo

dandose le man d’atorno par metarli a posto.

See! E lu crede che i açeta?

Ciò, co se ghe ofrisse ‘na sistemazion decorosa…

Basta che la ghe vada ben a lori!..Ma queli là farà come Bertoldo, che voleva

sceglierse l’albaro dove che i gaveva da picarlo!…Co sta cucagna che i ga trovà qua

dentro! (indicando Rosi)No’l ga sentio? Presto, perbacco, che no manca el marsalino!..

Come che sé rabiosa stamatina, amìa!

Sfido mi! Co dopo aver strussià tuto el zorno, no se dorme più gnanca la note!..Fra el

can che ghe sbragia a la luna e quelo che capita de imprevisto!..

Stanote xe sta el professor a far nassar sto tananai…

Fortuna che so muger la xe in campagna,se no, in tuti do, i tirava a basso la contrada!..

(avviandosi al fondo, indicando il 1° di sinistra) Ben andemo!(scampa-


18


L’amia

Rosi

L’amia

Gilmo

Rosi

Gilmo

Orazio

L’amia

Orazio

L’amia

Orazio

Loredana

Orazio

Loredana


nellata al cancello)

(guarda dalla finestra) Ciò, varda chi che xe!..Apena nominada…

Chi?

La signora Clotilde…in capelo…

Se vede che la xe tornada.

Xe megio che no la ne trova, Gilmo, se no stamatina no se va più fora.

Andemo via par el restelo picolo…(escono per l’uscio della cucina)

(appare sull’uscio di fondo col giornale tra le mani e gli occhiali sulla punta del naso)

Vardè che i ga sonà…

Eh, go sentio! La xe la muger del professor qua arente.

Ciò, no la gera in campagna?

(gli risponde con un’alzata di spalle,indi si reca al fondo) No’l se pensa miga de dirghe

che i me paroni i xe andai fora par la cusina, salo?(esce per aprire il cancello del

giardino)

I se la svigna par le sconte co fa i ladri!..(prende la bottiglia del marsala dalla

credenziera dove Rosi l’aveva riposta e la esamina contro luce; ha una smorfia di

rabbia; chiama la moglie) Loredana, vien qua!(Loredana appare sull’uscio di fondo)

Varda,te lo gavevo dito mi? I la ga messa al livello giusto de l’eticheta par poderne far

el controlo!..Ma se i crede de intrapolarme mi…i pol petarsela la so marsala!

E sta benedeta Liberata che ancora no se la vede! Dove la gastu mandada?

A torme i sigari, come al solito.

Orpo! Mi digo che in tuto sto tempo se compra l’apalto e anca el tabacher!


Scena Seconda

Orazio – Loredana – Clotilde – L’amia Taroco

Clotilde

(di fuori, dall’andito) Chi ghe xe alora in casa?..Chi ghe xe?

L’amia

(che è con lei) Quei soliti siori.

Orazio

(offeso) Soliti siori, la ne dise?..(alla signora Clotilde che entra) Gli zii!! Parentela di

sangue!..

Loredana

Che vol dir, signora Clotilde?

Clotilde

(in cappello, tutta affannata) Cara signora Loredana..sior Orazio el me scusa..come che

i vede arivo adesso da la stazion..un telegrama del professor mio marìo..oh Dio!..Go le

gambe che no me tien gnanca più suso dal tremasso…

Orazio

(avanzando una sedia) La se senta, perdiana!..

Clotilde

Son passada prima da lori par sentir..no me basta el cuor par entrar in casa mia…oh

Dio! Dio!…El mio Mauro, creatura!..Sali gnente lori cossa che sia successo?…

Orazio

(stupito) A so fìo?..

Loredana

Gnente de grave, che mi sapia…

Clotilde

Epur el telegrama de mio marìo…(frugando nella borsetta), dove xelo?

Ah! Ecolo qua!(lo spiega, legge) Integrità erotica Mauro seriamente compromessa.

Stop…prendi primo treno utile. Adelmo.

Orazio

(un po’ contrariato, scostandosi) Ihh! Quanta confusion par ‘na sempiada!..Se valeva

la pena…

Loredana

(sorridente) Vardava parcossa che la gera cussì scaturìa, mi!..

Clotilde

Cossa ghe xe, dunque?..


19


Loredana Clotilde Loredana Orazio Loredana Clotilde Loredana Orazio Loredana Orazio Clotilde Orazio Clotilde Loredana Clotilde Orazio Clotilde Orazio Loredana Orazio


Adesso ghe spiego in do parole(raccontando) Stanote apunto sarà sta verso le do, me

son svegliada de sorasalto, sentindo el professor a sigar…

Mio marìo?

Sì. Ciamo Orazio…e Orazio no ghe xe. Cossa gera successo?..Poco tempo prima,

Orazio gaveva sentio movarse da basso…; come verzarse ‘na porta…caminar su la

giara.., vero Orazio?

(evasivamente) Sì…sì.

Par no spaventarme mi, che soffro un pocheto de cuor, el gera andà zozo in pigiama e

papusse volendose rendar conto…e col ga averto la porta de la corte cossa galo

visto?…(indulgente) No la staga alarmarse, siora Clotilde, che le xe robe da fìoi! El so

Mauro, in maneghe de camisa, rampegà in çima a la mureta che ‘l spetava la Fannj!!…

Ancora quela tosa?!…

Se vede che i se gera messi d’acordo, parche’ anca la Fannj gaveva tanto de pergolo

spalancà..ma in quela no salta fora el professor so marìo, che, da quanto se capisse, el

stava su l’atenti?..Un repeton che no ghe digo!..Zighi, urli, abatimenti de porte!..La se

figura che el voleva fer subito un’inchiesta!…

A che scopo, po’!..

Tanto che n’à tocà còrar tuti dabasso mezi vestii..e n’à volesto del belo e del bon par

convinçerlo a rimandar tuto a stamatina!…

Esaltazion fora posto!..In fondo, co la zoventù bisogna stropar un ocio…mi lo go dito

subito…mi, che li go scoverti par primo.

El discore lù, parchè no’l gà fioi!(agitandosi un poco) El mio Mauro!..De note…in

çima a ‘na mureta!…

Eh, che no podeva succedar gnente de mal!..Sora de la mureta ghe xe ‘na restelada alta

do metri, co’ tanto de sponcioni…

Ma i tosi, se sa ben, co i xe in quei estri, i sfida altro che sponcioni!..(respira profondo;

s’asciuga la fronte col fazzoletto)

Oh! Sala cossa, piutosto?..Che ghe vorìa un fià de più sorveglianza in famegia. Quelo

sì!..Oh, no digo miga da parte sua, sala!..Par l’amor de Dio…! Da lori ghe ne xe anca

massa…ma qua, qua!.. Gali volesto torse la briga de la tosa?..Che i se la tegna de

ocio!! Xe tropo façile far i protetori cussì..nualtri podemo parlar, se capisse,parchè

semo ospiti…e ospiti de parenti! (tappandosi la bocca) Uhmm! Bocca tasi!…Ela, siora

Clotilde, me capisse!…

La me lo diga a mi, che ghe n’ò ‘na s-gionfa de parenti!…La se figura che gero adesso

in campagna da una mia cugnada…ben: se no capitava el telegrama del professor mio

marìo, tempo vintiquatro ore sarìa vegnua a casa l’istesso…

Nualtri per adesso no semo in condizion de poder far altretanto…

No miga che me trovasse mal, sali…ma cussì, çerte picolezze che urta…che

ofende…quelo che i dà, i vol darlo co le so man…, a tola i te versa sto goto de

vin…anca do, anca tre se ti vol…, ma dopo el fiasco el sparisse…le credenze serae a

ciave…

Come qua pressappoco!…(indicando la credenziera dalla cui serratura penzola il

mazzo di chiavi) E se anca i lassa le ciave suso…i mete tanto de segno…par dirghene

una, par esempio…adesso ela la xe capitada qua che la gera ‘na strazza…la ga avuo

dei momenti de emozion da far paura…sarìa sta logico, umano,doveroso…averghe

fato bagnar i lavri co qualcosa…vedela? La credenziera xe averta, la botiglia xe là che

par che la diga:”Bevime…”…e nualtri semo co le man ligae!…Prima de andar fora, la

nostra cara nipote ga segnà el livelo!…

E fusse solo per la marsala…che in fin dei conti se pol considerarla un lusso.., ma el

stomego eh, che va de rodolon par i desfriti che se magna qua dentro!…Come che

gerimo abituai a casa nostra …, ah Orazio?…

Podevimo riçevar a tola zente co’l stomego de carta velina…


20


Loredana Clotilde Loredana Orazio Clotilde Orazio Clotilde Loredana Clotilde Loredana Orazio Loredana Orazio Clotilde Orazio Loredana Clotilde Una voce Loredana Orazio Loredana L’amia Orazio Clotilde


Poco, magari, ma bon.L’ogio de seme de lin, la margarina e tante altre porcarie del

genere no savevimo gnanca dove che le stasse de casa

Ah, parchè qua invesse?…

Oh Dio…se no la xe proprio margarina pura, poco ga da mancarghe!…E no i capisse

el mal che i ne fa!…

Al cuor più de tuto…nel dover rilevar sta mancanza de riguardo, de finezza da parte

dei nevodi…

(con indulgente superiorità) Andemo, via; cossa vorlo pretendar in fondo? Bisogna

essar ragionevoli. La bote dà el vin che la ga…brava zente so nevodi, cordialoni…, ma

in quanto a finezza…

Ah, lo so ben che i vien suso dal gnente..

E la colpa no xe miga sua sali…, ma de chi che che scalda la testa…o ghe permete che

i se la scalda sa per lori…(con disgusto) professori, par esempio! Professori de cossa?

Mi, el pol star sicuro che no ghe lo digo gnanca se el pianze in greco!…So ben mi

cossa che ga strussià el mio Adelmo par guadagnare sto titolo sacrosanto!…Ma fora,

in giro, par la strada, par i cafè..là, a boca piena…”Buongiorno Professor,ossequi

Professor, Professor immenso!” Erce! No dovaria essarghe una lege, no, che colpisse

senza misericordia professori de oboe…de violin…de ocarina…!

Me sala dir po’ ela cossa che sia sto oboe?…Qua no’l lo ga mai tirà fora(indicando la

busta sopra la credenziera) Ecolo là, vedela? Sempre serà dentro in quela busta.

Oh!…Una specie de clarineto…che no ga gnanca el bochin de obaro. Una piveta,

là…come ‘na pagia, e i supia dentro in quela.

Ma possibile che’l gabia possùo far soldi co quel strigosso?

Oh, in America fa soldi anca queli che vende zeletini co la ùa!

Co la xe cussì, xe anca da metarghei so rivariti dubi che’l gabia sonà nei più grandi

teatri del mondo, come che’l dise…, el sarà andà magari in giro per qualche tabarin…

Ad ogni modo, in una maniera o ne l’altra, i soldi el li ga fati; Questo xe positivo,

senza contar i proventi che ga da vegnirghe da parte dei sui de ela…

Ah, parchè ela gala dei parenti siori?

Ai primi del mese se sente sempre parlar de un çerto vaglia de la zia Gina…

Tirando le recie, beninteso, perché no ghe xe versi che co nualtri i se confida!..

I gavarà paura che lori ghe ne aprofita!…

(dalla strada)Postaa!…

(a Clotilde) Stz! La tasa, che adesso passa quela vecia marantega che ghe fa da

serva…

Serva par modo de dir, parchè qua dentro la fa ela alto e basso come che ghe par.

Per mi, co tuta sta confidenza, ga da essarghe soto qualche mistero…se leze tante volte

nei romanzi…(in ascolto) ecola qua eh! (tutti rimangono silenziosi cercando di darsi

un contegno)

(viene dalla cucina, osserva il gruppo, borbotta) La congiura del silenzio!..Ancora qua

la xe sta cargadura…aspeta mi adesso, che la sbologno! (esce dal fondo)

Co quela bisogna star in guardia, la xe ‘na meza spia del governo!

Oh! Per quanto, quelo che digo mi , podaria sentirlo tutto el popolo comun. E se go

fato qualche osservazion sul strumento, questo rientra nel’ambito de la critica

musicale, che xe libera come el sol!


Scena Terza


21

Detti e Fannj

Fannj

(da destra, leggera, frivola, spregiudicata) Bon giorno. Xe vegnuo el postin?

Loredana

Xe andada la dona adesso..

Fannj

(accorre fuori)Amia! Amia! Ghe xe posta?

Loredana

Gala visto? (rifacendo l’intonazione) Bon giorno!…Xe vegnuo el postin?

Orazio

Quela la comparisse solo co la sente la voçe del postin o co capita qualche omo in

casa…

Fannj

(rientra sempre di corsa) El mio romanzo mensil!…(strappa la fascia, guarda la

copertina) Oh! Edgardo Stowe, in sto numaro!…Caro da Dio!(bacia la copertina)

Questo me lo bevo tuto d’un fià prima de disnar!(esce, sempre correndo, a destra).

Orazio

Come un aperitivo!

Loredana

Xela gnanca un muso roto?

Clotilde

La ga la testa al romanzo ela!…E la savarà pur in che mar de angustie se trovemo par

causa sua!…

Orazio

(inquieto, alla vetrata) E st’altra cossa ne combinela? Dove se xela fermada?

Loredana

No la xe la solfa de tuti i giorni?..Se prima no la esamina la nostra corispondenza par

drito e par storto…(a Clotilde) parchè qua dentro, se no la lo sa, semo anca segreti a

censura!…

Orazio

(all’Amia che entra con la corrispondenza) Ben, e alora?…

L’amia

(porgendogli un giornale) Qua el so giornal. El boletin dei protesti.

Orazio

(seccato) E basta?

L’amia

E basta! (deponendo una lettera sulla consolle) Questa xe del professor.

Clotilde

(ironica) Qualo professor?

L’amia

Del professor mio paron. El professor so mario se ga fato consegnar la posta sul

restelo del nostro giardin, parchè el xe drio a vegnir qua. (ed entra in cucina).

Clotilde

(alzandosi in piedi) Orpo, cossa ghe conto mi adesso?

Orazio

La ghe diga che la gavemo ciamada nualtri…

Scena Quarta

Detti - il prof. Cadenaghi - Mauro - indi Gilmo - infine Liberata

Cadenaghi

(dal fondo, seguito dal figlio; un bel ragazzo, aperto, intelligente) Permesso?…

Clotilde

(avviandosi alla porta) Adelmo, caro…

Cadenaghi

(severo,sull’uscio della vetrata, mentre Mauro rimane nell’andito) Ben!

Clotilde!?…Qua ti xe?..Nonostante l’incisività del mio telegramma?…

Clotilde

Son corsa subito, come ti vedi…, ma apena su la porta de casa nostra…son stada sul

punto de cascar…lori, povareti, che gera fora in giardin, i se ga preçipità…

Loredana

E la gavemo condota qua; la gavemo un fià tranquilizada.

Cadenaghi

Ma ti dovevi pur farme ciamar…e se no ghe gera adesso qua la dona che s’a dà

premura de avertirme…

Clotilde

(masticando amaro) Ah, parchè xe sta la dona?…

Orazio

Cossa se galo pensà po’ lu de telegrafar in quela maniera?…Se la gavesse vista!…Da

no conosserla!…

Mauro

(facendo un passo avanti, ansioso) Mama!

Clotilde

Mauro, caro!…(e gli tende le braccia)

Cadenaghi

(intromettendosi) Gnente smorfiessi, eh!… Intendiamoci bene!Prima di tutto bisogna

delucidare…stanote no gavemo possuo mettar in ciaro…


22


Orazio Cadenaghi Orazio Cadenaghi Loredana Gilmo Orazio Gilmo L’amia Gilmo Loredana Gilmo Cadenaghi Gilmo Fannj Gilmo Fannj Gilmo Cadenaghi Loredana Cadenaghi Fannj Gilmo Fannj Gilmo Fannj Orazio Gilmo Orazio Mauro Cadenaghi Orazio Mauro


Per via che gera un scuro maledeto…

Lu se diletta al zogo de parole…l’oscurità no ghe entra, l’inopportunità dell’ora,

piuttosto! Ma stamane però…ghe xelo el maestro?

No, professor, el xe fora de casa

Accidempoli!…Epur el m’aveva dà parola che per le undici…

Adesso, se no’l lo sa, i ga ciapà el licheto de andar a spasso soto l’ora de disnar; tanto

par farne star col stomego in languor.

(dall’uscio della cucina senza alterarsi) Ma cossa dizela zia? No gavemo de sti gusti

cussì barbari!..E po’, se la se sentiva slanguoria, la saveva dove metar le

man…(gioviale) Bon giorno professor…bon giorno signora..(a Mauro) el nostro

giovinotto là…(appende il cappello e il bastone all’attaccapanni)

(quasi offeso)Ma ti no ti geri andà fora co la Rosi?..

La go acompagnada solo fin al canton perché me son subito ricordà che gaveva

promesso al professor…(indicando le sedie), prego, i se comoda…(verso l’uscio della

cucina) Amia, dove xela sta letera?

(d.d.) Là, sora la giossola…

(prende la lettera, la apre) Lori i me scusa, vero? Un atimo solo…(intanto tutti, meno

Orazio hanno preso posto).

(sottovoce a Clotilde) Gala sentio?…Ai oci del mondo par che i ne dona anca el

cuor…

(che ha finito di leggere, buttando la lettera sul piano della credenza) E daghela!…Ma

la xe ‘na fissazion!…(avanzando) Ecome qua caro professor, tutto a sua disposizione..

A dire il vero, in tale contingenza, io amerei che fosse presente anche la ragazza, che

xe forse il personaggio, direi così… di centro in tutta questa faccenda…

Ghe la ciamo subito…(chiamando a destra) Fannj!…Fannj!…

(d.d.) Santolo?…

Vien de qua un momento…

(d.d.) El speta almanco che finissa sto primo capitolo…

Ti lo finirà dopo; vien, che go bisogno de ti…

(a Loredana) Capitolo de cossa?

De storia sacra no de sicuro…romanzi…

Ecco la genesi che già si profila!…

(sull’uscio) Son qua, santolo.(alzando il libro, fra le cui pagine ha posto un segnalibro

per non perdere il segno) Salo che belo?…(scorge il consesso) Cossa? Xe radunada la

Corte d’Assise?..

Sentite Fannj; là, su quela carega.

La sedia degli imputati?…

Ascolta Fannj; el professor qua, nostro ottimo amico, ghe tien, e mi, a dirte la verità,

ghe tegno forse più de lù, che sia messa in ciaro, una bona volta, la façenda che stanote

ne ga messo un poco in rivolussion…

E a mi el se rivolge?

(intervenendo) Ma no sarìa megio metarghe ‘na bela piera sora?…Maledeta la volta

che me son mosso dal leto!…

Signor no; mi no vogio che tra viçini resta dei dubi…e, se sarà el caso de tor dei

provedimenti…

(si muove irrequieto per la stanza) Ma sì, fela curta!…No ve lo go dito?…I gera là che

i se scambiava quatro ciacole…lu da la mureta, ela da la finestra! Casca el mondo!…

(balzando avanti di scatto, tutto un tremito, protendendo le braccia)

Falso!…Falso!…Tuto falso!!…

Mauro!?..

Falso che’l gera su la mureta?..

(c.s.) Falso che la signorina me spetasse mi!…Falso quelo che’l supone…


23


Cadenaghi Clotilde Mauro Clotilde Fannj Mauro Fannj Gilmo Fannj Gilmo Fannj Gilmo Orazio Mauro Fannj Gilmo Liberata Gilmo Liberata Fannj Cadenaghi Gilmo Cadenaghi Orazio Liberata Cadenaghi Clotilde Gilmo


(con più forza) Mauro, dico?!…

Lassilo parlar!…

(con intensa sincerità) Ah, papà!…Ti dovaressi conossarme…no son bon de dir una

cosa per un’altra!…Gera diverse notti che me pareva de sentir a movarse

dabasso…ora in corte da lori, ora in giardin da nualtri…; le nostre case xe cussì

viçine…no capiva ben, e finiva col convinsarme che’ gera un scherzo de la mia

imaginazion. Ma stanote i rumori i xe stai più precisi del solito, una porta ga zigà

verzendose…go subito pensà ai ladri…ah, perdio!…Go vint’ani, papà!…No scondo

più la testa soto le coverte!…Salto zo dal leto, me buto par le scale a pugni serai,

cussì! Ah, se me fusse incontrà co qualche furfante|…

(spaventata) Mauro mio, noo!..

(estasiata) Fermo! Belo!…Come Orio Milton nel “ Gorgo del mistero “!

Par la finestra del pianerotolo, salto su la mureta..(una breve pausa; con un leggero

senso di concupiscenza)…..dal pergolo de la signorina veniva una strissia de ciaro…

No podeva destacarme da Orio!…

(allarmato) Chi xelo?

E quanto più çercava de svincolarme da elo, tanto più el me strenzeva in un cerchio de

voluttà! Solo co m’à parso anca mi de sentir a movarse lo go pusà sul comodin.

Ah, el gera el romanzo!

Co la vestaglia su le spale, sporzo la testa dal pergolo… de fassa, sior Mauro su la

mureta…;sior Orazio in corte col naso voltà in suso…el professor da la terazza de sora

che zigava come un ossesso…’na confusion…un tibidoi de inferno!…E mi go ancora

da capirghene gnente; eco. (burlesca) Larga la foglia, stretta la via…disè la vostra che

mi go dito la mia!…

(Liberata è entrata dal fondo; s’indugia nell’andito oltre la vetrata)

E qua se xe ancora al punto de partenza!..Ma insoma che no ghe sia verso de saver chi

xe vegnuo abasso par primo?

Mi, come ripeto, son vegnuo zo parchè go sentio movarse…

E anca mi!..

E anca mi!..

Demodochè i primi rumori se ga fato da soli!..

( che da qualche istante è entrata in salotto) El can xe stà, che’l ga paura de le

pantegane che vien suso dal canal…

Ostrega, no ghe gavevimo pensà…varda ciò!…

Ogni note el se fa çerte maratone pel giardin…(si leva lo scialle e lo depone su di una

sedia)

(allegramente) E alora condanemo Bobi a restar diese giorni sensa ossi!…Posso

ritornare al mio Orio?…(lanciando una tenera occhiata a Mauro) Orio Milton!…Cuor

di leone in volto di fanciulla!(Mauro ricambia l’occhiata tenera; il prof. Cadenaghi,

che se ne avvede, fulmina entrambi con lo sguardo, Fannj scappa a destra)

( a Gilmo) Comunque lu capirà, caro maestro, che il pericolo è sempre latente..

El staga tranquillo professor, che se ne semo preoccupai anca mi e mia muger.

Gavemo capio che çerte responsabilità xe megio no torsele…provedaremo, el vedarà!!

Ghe ne fasso affidamento.

(a Liberata) Me gastu tolto i sigari?

Sissignor, ecoli (glieli porge)

Clotilde, levemo l’incomodo.

El ne vorà scusar…

Per carità…i speta che li acompagno fin al restelo…(a Loredana) zia, fa ti da parona

de casa…(escono Cadenaghi, Clotilde, Mauro, Gilmo, Loredana)


24

Scena Quinta

Orazio e liberata

Liberata

(dopo essersi guardata intorno con circospezione; porgendogli un cartoccio) A lu.

Orazio

A quanto te li gali pagai?

Liberata

Come el solito; a quindese queli de dindia e a tredese queli de galina.

Orazio

Ben…(intasca)

Liberata

Sì, ma xe inutile che’l me predica a mi la prudenza; el gabia un fià de quel che se ghe

dise…benedeto omo anca lu!…Che stanote el xe andà a ris-cio de farse trovar sul

fraco!…

Orazio

Quela malignasa porta del puner che ga i polesi che ziga…bisogna che ancùo, sensa

farte vedar, ti ghe daghi un poco de ogio…

Liberata

Per fortuna che’l ga possuo metar de mezo quei do povari tosi…e che mi la go

taconada co la storia del can…ma nol creda che parchè la xe andada lissa ‘na volta…

Orazio

Tasi!(Liberata si mette a riordinare;a Rosi che entra dalla cucina) Bondì Rosi!

Scena Sesta

Detti - Rosi - poi Gilmo

Rosi

Bondì, zio! (si leva il cappello e lo depone sul piano della credenziera con la borsetta)

Dove xelo Gilmo?

Orazio

In giardin; el xe andà a compagnar el professor e tuta la tribù.

Rosi

Ah, i xe vegnui po’!..

Orazio

Sì, pareva che dovesse nassar la fin del mondo e po’ tuto xe finìo in una canarina.

Gilmo

(dal fondo) Oh, sistu tornada, Rosi?

Rosi

Sì, in sto momento, novità?

Gilmo

De cossa?

Rosi

Go incontrà el postin e el m’à’’ dito che’l ga portà dele letare qua.

Gilmo

Ah,sì. Ancora Acerbi. El se xe apena consolà del rifiuto del Cairo,che’l torna a

l’assalto co un’altra proposta.Ottetto di Praga stavolta. Orpo! El me fa çerti nomi da

far vegnir l’acqueta in boca! Tuto el virtuosismo internazionale. Miguel Kurda =

violino, Davide Bela = piano e Zavascki e Carlo Sala e Minas; pecà de aver messo

l’oboe in pevare.Quel Acerbi sa lavorarseli i so polastri!

Rosi

Ah! A proposito de polastri, dime ‘na roba Gilmo: gastu mandà fora l’amia ti

stamatina?

Gilmo

Mi? Gnanca per idea; xe tre giorni che no la se move da casa…parcossa?

Rosi

Gnente…cussì  passando dal marcà, go volesto domandarghe a la nostra polamarola

sa de sta stagion le galine fa manco vovi (Liberata Sgattaiola per il giardino inseguita

da Orazio)

Gilmo

Infati…

Rosi

Sicuro, la m’ha risposto. “No la ga visto che stamatina a la so dona ghe li go pagai a

sedese?” - “La mia dona?” digo mi.-“Sissignora; la sua. Anzi el toso del biavarol,

ch’el la conosse, el ga dito: “ Anca el sonador del pifaro ga da essar in boleta, se’l

manda la dona a vendar i vovi!”

Gilmo

(divertendosi) Ah, ben! Anca questa da contar!


25

Rosi

Ma se ti disi che l’amia no se xe mossa de qua…

Gilmo

E po’, ela sì che…

Rosi

In tuti i modi vogio domandarghe (esce per la cucina con Gilmo).

Scena Settima

Liberata e Orazio - indi Fannj

Orazio

(entrando, inseguendo Liberata) Ti m’ha rangià tre franchi par vovo, vero?..

Liberata

E cossa pretendelo che mi consuma le gambe par gnente?…

Orazio

Xe più d’un mese, dunque che ti me robi!

Liberata

Caspita!…Parchè lu, col va a torli nel puner, el ghe mete zoso el tantunque!…

Orazio

Tasi!..Tasi!..No te permeto!….Cossa vustu saver, ti. In fin dei conti la xe roba de mio

nevodo; e fra parenti…

Liberata

(seccata) Ah, che mi son stufa de far da zan e da buratin e po’ ciapar ancora dei

rimproveri!!…Salo cossa che fasso?…Mi adesso vado in giardin a spifararghe tuto ala

parona e cussì…(e si avvia alla vetrata)

Orazio

(spaventato) Per l’amor de Dio! No, ciò…’scolta…

Fannj

(Sull’uscio di destra, sempre col libro in mano, seccata) Ben, cossa ghe xe? Ma no se

pol star quieti çinque minuti in ‘sta casa?…

Orazio

Lezi, lezi ti …(rincorrendo Liberata)?scolta, Liberata…(esce dal fondo dietro a

Liberata)

Scena Ottava

Silvio - Fannj - Gilmo (d.d.)

Silvio

(dal fondo) Ah, ti xe qua?

Fannj

Cossa ghe casca?

Silvio

(fremente, contenendosi) Gnente me casca!…Ma voleve vardarte nei oci, cussì…par

lezarte fin in fondo!

Fannj

Ben?!…

Silvio

I me ga contà le vostre prodezze…semo za a le conversazioni intime coi zovenoti,

vero?

Fannj

(per stuzzicarlo)Oh, Dio…da una finestra a un muro…

Silvio

A le do de note?

Fannj

Co no se pol parlarse de giorno!…

Silvio

Ah, bruta çivetona!…Dunque xe vero?!…

Fannj

(sfidandolo)E se fusse, cossa ghe ne importa a lu?…

Silvio

Cossa che me ne importa ti disi?…Cossa che me ne importa?…E mi vegniva qua tute

le matine par saludar i cari zii e par fruar le siole dele scarpe?!…

Fannj

El staga a casa che cussì el se mete in economia!..

Silvio

Za! Ma fin a la setimana passada no ti disevi cussì! E se mancava un giorno solo, ti me

scrivevi dele letare de fogo; ti me davi del ti…ti me ciamavi: “l’arcangelo del tuo

origliere “!..

Fannj

Ma no gera miga a lu che mi ghe scriveva!…

Silvio

Ah no?…E a chi alora?


26

Fannj

Al mio ideale informe!…Lu no ghe entrava.Lu no gera che la materializzazione del

sogno;…l’involucro mortale!…

Silvio

Ah, l’involucro?…Ma adesso, par che ti gabi trovà un altro involucro…più fresco del

mio!…

Fannj

(estasiata) Cuor di leone in volto di fanciulla!…

Silvio

No farme andar fora dei sentimenti, Fannj, parchè fasso un spegasso!..

Fannj

El se meta calmo, Silvieto, el vada là, che se no so muger, cussì rabiosa che la xe… (fa

l’atto di picchiare)

Gilmo

(d.d.) Silvio!…

Silvio

Vegno, Gilmo!…(a Fannj) Ma ti me la paghi, sa!…Ti e anca st’altro!…

Fannj

El me manda el conto i ultimi del mese!…Intanto vado a scominçiar el terzo capitolo

(esce a destra).

Scena Nona

Silvio e Gilmo poi Orazio - Rafael

Gilmo

(da sinistra) Co chi la gastu, ciò?

Silvio

Co la Fannj…la gera qua adesso. Vustu che te la diga? Quela ga ciapà ‘na cota numaro

uno! E la xe ‘na çerta farfala!…Megio che ti te la cavi, parchè la va a ris-cio de

brusarse le ale!

Gilmo

(grattandosi la testa) Sì…sì…lo capisso anca mi..la xe ‘na çerta gata da pelar che se

semo tolti. Epur se ti savessi come che me despiase!…In fondo, adesso, pur co

quel’aria da cocal che la ga, la xe la sola nota fresca in ‘sta casa.La nota de un violin in

un conçerto de contrabassi. Se me andasse fora dei piè…i contrabassi, sta pur sicuro

che no pianzaria!…E mia muger, povareta, manco che manco. La dise che qua dentro

ghe par de sofegarse…e no la ga miga torto! I ne diventa ogni giorno più sofistici; i

taroca o i te da de la sfinge!…Par quasi che i ne fassa una carità de açetar le nostre

premure!…E ti, gastu gnente de novo?..

Sivio

Ma che! Go parla in çento posti, ma no xe possibile trovarghe un impiego..po’ tuti dise

che ti ti xe un sior…

Gilmo

E che devo tegnirmeli sul stomego!

Orazio

(entra dal fondo seguito da Rafael, tipo di negoziante questi, dall’aria provinciale:

scarpe gialle, gilet fantasia,cravatta svolazzante ; Orazio brontola) Bruta carogna!…La

voleva tentarme el ricato!…(indi a Rafael, indicando Gilmo) Ecolo là.(a Gilmo)

Varda,ciò, Gilmo…ghe xe sto sior che domanda de ti.

Gilmo

De mi? El vegna avanti!

Rafael

(rigirando il cappello tra le mani) Servosuo. El xe lu, vero, sior Gilmo; quelo che

sona? Mi son Rafael Boragno, el paregno de Fannj.

Gilmo

(mettendosi in guardia) Ah, lu xe el paregno?..

Rafael

Sissignor, par servirla.

Gilmo

El se comoda. Vorlo dirme el motivo?…

Rafael

Che son vegnuo da lu?…Subito. Son qua par reclamar la tosa.

Gilmo

Bravo, un fià tardi, se volemo…

Rafael

Capisso; el ga razon de farse maravegia. Ma no’l creda miga che no me sia fato vivo

prima de adesso par paura o cossa sogio mi…par l’idea de sparagnar in casa!…No. Mi

saveva che la tosa qua gera in bone man…che lu xe un galantomo che se desfarave par

el prossimo…no voleva darghe un dispiaçer.., sempre sperando che lu, presto o tardi,

ghe ne ciapasse una stomegada!..Visto paraltro che no’l ghe n’ha gnancora abastanza,


27

son vegnuo mi a sonarghe st’altra campana!…Credelo che no sapia cossa che la va

disendo sul conto mio, quela bogiona? Ma co la me capita soto!…

Gilmo

Oh, le conossemo le so abitudini!…(indica il segno della lezione sulla faccia)

Rafael

(abbassando il capo) Ah!…Par via de quel papin che go molà, vero? Lo so e go avuo

torto…co go bevuo un goto…(a un sorriso di Gilmo)fasso el negoziante de vin; el vin

bisognerà pur che lo çerca, no?…Ma el prova a metarse un fià nei me pani…

Gilmo

No ghe mancaria altro!

Rafael

Fasso par modo de dir. Quela tosa xe stada la mia dannazion. E no digo miga cussì

parchè la xe ‘na fiastra, salo!Anzi, no me gavaria parso vero de poderla tratar come

‘na creatura del mio sangue…ma el xe tempo perso!Sempre i romanzi par la testa; e

po’ la vol metar subito in pratica quelo che la leze; e alora mi menestro!El se figura

che no fasseva ora de torme un novo toso de botega che ela - trachete - la ghe tirava el

lasso!In uno ghe pareva de vedar…cossa sogio mi..Apollo;in st’altro…Roldano

Lupi…

Silvio

Da la mitologia al divismo cinematografico!(a Gilmo) No te lo gaveva dito, mi?

Rafael

Tosi de botega adesso no ghe n’ho più, parchè co la crisi go ristreto el mio

comercio…el pericolo, dunque, no xe più latitante…invesse qua, a quanto me vien

dito, ghe xe qualche moscon che gira!…La Fannj ormai la ga un’età che el

straviamento dei romanzi no ga da bastarghe più…pol essarghe dei ricami de

sotovia.Fenomeni fisici e pisici.

Gilmo

(come per una divinazione) Ostrega! Questo lo ga mandà el professor!..

Rafael

Insoma! Curte le asse: Fannj, qua sola in casa sua no ghe la lasso più!…O lori me la

torna…o i se tol in casa anca so mare.

Orazio

(balzando avanti) Ah, questo po’ no! No ghe par che semo za streti abastanza?

Rafael

Cossa ghe entrelo lu?…Chi xelo?  Quelo dei gelati?

Orazio

Che gelati!..Sono lo zio! Il più anziano della casa!…(a Gilmo) No starte a preocupar

Gilmo, fin che ghe son mi, qua dentro no mete piè nissun!

Scena Decima

Detti - Liberata - Loredana - Rosi - L’amia

Rosi

(d.d.) Insoma, bisogna aver più ocio!..

L’amia

(dal secondo di sinistra con Rosi; a Orazio) Colpa sua, che i dovarìa dirghe a la so

dona che no lassar el baul averto in mezo al coridor…

Orazio

A mi me la contè? (indicando Liberata che entra dal fondo con Loredana)Rangeve co

ela, posto che la xe qua.

L’amia

Se va a ris-cio de romparse el naso, perdiana!

Liberata

(che ha udito, astiosa) La ghe diga piutosto al so paron che’l ghe meta ‘na lampadina,

che par questo no’l andarà in malora de sicuro!

Gilmo

Senti ciò, sta lenguassa!…

L’amia

E la tegna ‘na bona volta serà quel baul de la malora, che i ne ga impìnio abastansa la

casa de sorzi!

Loredana

Cossa?!…Nualtri gavemo impìnio la casa de sorzi?!

L’amia

A nìì; e i li ga portai dentro co le casse!…Una casa nova come questa, che no se

trovava un sorze par morte morir!

Rosi

(quasi supplicando) Amia, par carità..

Orazio

(tragico) A nualtri un simile affronto?…E ti, Gilmo, ti permeti?…

Gilmo

Cossa vustu che no permeta?!…Se xe stai i vostri sorzi a magnarme la gata!


28


Liberata

Gilmo

Liberata

Gilmo

Liberata

L’amia

Silvio

L’amia

Rosi

L’amia

Orazio

L’amia

Liberata

L’amia

Liberata

Loredana

L’amia

Orazio

Silvio

Gilmo

Silvio

Gilmo

Orazio

Gilmo

Rafael

Gilmo

Rafael


(indicando Orazio) Se i xe tuti una lega! Parfin a tola, viçin a la finestra i lo ga messo,

sto povaro omo, ne la speranza che quela sfesa se lo copa!

(sbalordito; a Orazio) Se ti xe sta ti a domandarmelo? (e poiché Orazio si è chiuso in

una sdegnoso silenzio) Ciò Orazio!…Parla!

(alzando il pugno chiuso) Ma se el Signor xe giusto!

Se el Signor xe giusto el dovaria farve cascar quela lengua da cortelo!

Parchè digo la verità, vero?…Come no se vedesse che ste creature cala de giorno in

giorno!…

(tutta fremente; ironica) La varda là che da fame no i more de sicuro, fin che in puner

ghe xe vovi da tirarse suso!…

Cossa diseu, Amia?…

Sior sì, sior sì! Mi go sempre tasuo, par no far nassar radeghi; par amor dei me paroni

che i xe cussì gnochi…(battendo il pugno sul tavolo) Ma qua, pardiana, i vovi sparisse

a dozene!

Amia, ve prego…tasè almanco vù!

Posso anca dirghe el numaro se la vol! Nove, luni de la setimana passada…sete, zioba;

e fra geri e ancuo quatro de dindia e undese de galina!

(ironico, masticando veleno) La ga tegnuo el libro maestro!

Sior sì! (a Liberata) E se ela se sente la cosciensa neta, la fassa un salto co mi da la

nostra polamera!…

Se la crede che gabia paura…

La vegna, po’ alora!

No, che no vogio darghe ‘sto gusto…

(imperiosa) Liberata, movite! Te impongo de andar!

Brava! La vegna co mi e la vedaremo! (esce dal fondo seguita da Liberata che lancia

un’occhiata interrogativa a Orazio)

(alla moglie)Ma no gera gnanca da degnarse!…Qua semo in pieno reato de

calunia!..Roba da corte d’Assise!…

(guardando dalla vetrata) Ostrega, Gilmo! Xe qua mia muger…no vogio trovarme co

ela!

Parcossa?

Cussì!…Te dirò…co tuti quei nervi…

Ben, va de là, in coridor..(Silvio scappa per il primo di sinistra e si chiude la porta alle

spalle)E vualtri la finirè, spero…

(solenne) Ti parlarà col mio avocato!

Ti ga anca l’avocato?!…(a Rafael) Cossa diselo lù?

Mi, a ‘sta ora lo gavaria ciapà a sberle!…

Mi?…

(indicando Orazio) Lù!..


Scena Undicesima

Detti - Olga - infine Fannj

Olga

(appare dal fondo; è sbiancata in volto; gli occhi lucidi) Buon giorno.

Rosi

Oh, cara Olga, cossa vol dir?

Olga

(recisa, convulsa) Dove xelo Silvio?

Gilmo

To marìo?…


29


Olga

Gilmo

Olga

Gilmo

Olga

Gilmo

Olga

Rafael

Olga

Orazio

Gilmo

Olga

Rafael

Olga

Silvio

Rafael

Silvio

Rafael

Gilmo

Silvio

Orazio

Loredana

Gilmo

Rosi

Gilmo

Rosi

Gilmo

Fannj

Gilmo

Orazio

Gilmo

Rafael

Fannj

Gilmo


Dove xelo, presto!

Ma, veramente,…qua stamatina no se lo ga visto…

No farme la comedia; el ga da essar qua de sicuro…el se ga sconto, vero, quela

carogna?…Sconto, magari co ela!

Ela…chi?

Co quela squinzia che ve tegnì par casa. I se la intende,’sti colombini!…

(atteggiando la bocca a un sorriso) Chi? La Fannj co Silvio? Ma fame ‘sto piasser!…

(cacciandogli sotto il naso un pacchetto di lettere) Toh, vustu metarghe el naso?…Eco

qua le so letare!…La va in brodo de giugiole par lù…

Ah, ecolo el moscon!!

La sente el fascino dei fili d’arzento!…

Zizole!!

(indignato) Ah, questa po’ no! Lo ciapo mi adesso par ‘na recia!

(spalancando decisamente l’uscio del corridoio) Silvio! Silvio! Vien fora!

(Silvio si presenta sull’uscio, tutto spaurito)

(gridando) Ah, lo gaveva dito mi, che’l gera qua!1 Sporco!Vergognoso!1...(a Gilmo e

Rosi) E vergognosi vualtri do che ghe tegnì terzo!…Questa no xe ‘na casa par ben!…

Una casa de truchi la xe!

(portandosi le mani al petto) Oh, Dio!…Oh, Dio!Me manca el fià…

(respira un po’affannosamente;indi trae un urlo e cade riversa)

Le so solite crisi!…(a Rafael) Acqua, presto!…

Dove?

De là, in cusina (indica la cucina)

Sarìa megio un goto de vin!…(esce di corsa)

(accorrendo con la boccetta dell’aceto che ha tolto dal piano della credenza) Provemo

co un fià de asèo…

Fate in là, traditor! No te conosso più par fradelo!…

Ghe voleva la to testa da çelega par no intuir…

Se adesso po’ capita ‘na disgrazia!…

La colpa xe mia, vero?!…E questo sarìa el mio nido de pase?…

(disperata) Un inferno el xe! E no poder scampar!…

(con rapida decisione) No poder?!…Varda qua, Rosi!…Vustu vedar come che se

fa?…Metite el capelo, svelta!…(si precipita alla credenza; toglie la busta dell’oboe,

caccia il cappello in testa alla moglie; afferra il bastone)

Ti vol che andemo, cussì?..

Mandaremo ordini all’amia…compraremo par viagio!…Ma via! Via! Via!

(da destra) Santoli, dove vali?

In Cecoslovacchia!

(a Gilmo) Ti scampi, adesso?…La xe ‘na vendeta!…E qua chi xe che provede?…

(fa per tirargli una bastonata) Ah, chi che provede? Chi che provede? Ti ga el coragio

de domandar? Là! Fè man bassa de tuto!…La dispensa xe averta; el puner xe pien! E

po’ deghe fogo a la casa, se volè! Ma basta!…Basta! Via!…

(entra con l’acqua) Eco l’acqua!..

(spaventata) Mio paregno!…( e scappa; Rafael lascia cadere il vassoio e la insegue).

(fugge dal fondo trascinandosi dietro la valigia e la moglie, mentre tutti circondano

Olga tutt’ora in preda alla crisi nervosa) Via! Via! Via!


Fine Secondo atto


30

Atto Terzo

La stessa scena. Nel mezzo il baule e le valigie con le quali Orazio è entrato al primo atto. La finestra è aperta; non c’è più la gabbia col canarino.

Scena Prima

Fannj - L’amia Taroco - poi Mauro

L’amia

(viene dall’andito con Fannj; più fresca e più gaia del solito) La vegna, la vegna avanti

signorina.

Fannj

Lassè el restelo averto?

L’amia

Cossa vorla…se sparagna un viagio par ogni sonada de campanela..

Fannj

No gavè paura dei ladri, alora…

L’amia

Par quelo che resta da robar in corte…?Se no i porta via i sassi…fra el can e i so

paroni, xe come che sia passada’na tempesta secca.

Fannj

Ben, e cussì? Gala notizie?

L’amia

Più gnente, dopo la letera de l’altra sera. Ma mi credo che i arivarà de momento in

momento. Par questo go pensà ben de avertirla. Ghe despiase?

Fannj

Anzi…la me ga fato un vero regalo!…Cari santoli!…I me ga impenìo de cartoline

ilustrate da tute la çità dove che i xe passai…Praga,Londra, Parigi, Marsiglia, Lione,

Roma. No vedo l’ora de butarghe i brassi al colo!

L’amia

Ma no la se fassa capir qua da sti orsi che i torna, par l’amor de Dio!Che se no i me

impianta raìse de bel novo!…

Fannj

No i doveva slogiar fin da domenega passada?

L’amia

Sicuro! (indicando il baule e le valigie) No la vede qua…e mi subito ghe go fato

scrivar ai paroni, posto che i xe cussì viçini…

Fannj

El santolo ga d’aver dà l’ultimo concerto a Torin…

L’amia

Cossa che sia successo,po’ qua mi no lo so. I xe sempre là in spolvarina da viagio

pronti par partir…e no i parte mai. Ogni giorno i speta posta…i brontola, i sospira e…i

strenze la çintura. Mi, ringraziando el Signor, un paneto in casa de mio zerman so

sempre de trovarlo; e qua ghe vegno manco che posso.Ma lori, no capisso gnanca

come che i fassa a star in piè

Fannj

No ghe gera le galine dei santoli?

L’amia

Parfin le ongie de le zate i ga magnà!…E l’altro giorno, no savendo più che santi

ciamar, i sìa parfin deciso de vendar el gramofono.

Fannj

Quel mazenin?…E gali trovà, sì?…

L’amia

Par sete e disisete. Al professor qua arente che’l se xe messo in testa de imparar

l’inglese coi dischi. Ma la se senta…la speta che strassina un fià in qua sto

baul…proprio in mezo i gaveva da lassarlo!…(mentre l’amia si curva per trascinare da

un lato il baule, Fannj getta lo sguardo fuori dalla finestra, fa un salto di gioia e si

mette a comunicare con l’esterno usando l’alfabeto muto. L’amia alza la testa e

s’avvede della mimica) Ben, cossa fala adesso! (guarda fuori) Ah, go capio! Telegrafo

senza fili…(Fannj fa un cenno come per “Vieni qua, ma sì, vieni pure” L’amia ha

capito) Cossa?…Mi digo che la scherzarà, vero? Se dopo capita quel tartaro de so

pare…

Fannj

Amia, la dovaria essar tanto bona de andar de là un momento ela…

L’amia

Proprio!…Furba l’amiga, qua!..(guardando fuori) Man de la Madona, cossa falo

adesso?…El salta la mureta!


31


Fannj L’amia Fannj L’amia Fannj L’amia Fannj L’amia Fannj Mauro Fannj Mauro Fannj L’amia Mauro L’amia Fannj L’amia Fannj L’amia Fannj Mauro Fannj Mauro Fannj Mauro Fannj Mauro Fannj Mauro Fannj Mauro Fannj Mauro Fannj Mauro


(estasiata) Varda co svelto che’ xe!…El par fato de gomma…

A ris-cio de impirarse…creature!…

Romeo fasseva de pezo per andar a trovar la so Giulieta…

Chi xelo?

Un de Verona che xe morto geri…

Tuti cussì queli de Monte Baldo!

La vada un momento de là, Amia…

Siora no, siora no; de qua mi no me movo!…

Ciò, se proprio la ghe tien de portar el mocolo…

(alla finestra, dall’esterno) Fannj!…

Mauro?!…

Posso?!…

Op-là!…(e Mauro salta dentro per la finestra)

A vu cari!…( a Mauro) No’l podeva far el giro par la porta, no, se proprio el se sentiva

sto sbiseghin?…

Siora no (scherzoso), cussì xe più poetico!..

Varda ti dove che i va a trovar la poesia!…Se po’ el restava impirà par aria come un

becafigo…

La vada, amia, par piasser..la ghe tenda ai orsi bianchi, che no i ne capita

all’improvviso!…

Ma la ga un bel muso de tola, sala, ela!…La vien…la ciama…st’altro

scavalca…paroni lori, ciò!…

No la xe stada ela a farme vegnir qua?…

Ma no miga par sta cucagna!..Se podeva imaginar!…(s’avvia lentamente all’uscio

della cucina scrollando il capo) Destrigheve almanco, vero?…(esce)

Bravo Mauro, ti ga avuo un bel coragio!…

El coragio me vien da ti!..

Se te vedeva to papà e to mama1..

I xe fora de casa tuti do; el xe dunque un coragio a bon marcà…ma se anca fusse sta

da afrontar un regimento…a vedarte aparir a quela finestra xe sta par mi…no

so…come se ancùo fosse nato el sol un’altra volta!…

Ma el sol, paraltro, bisogna che’ l vegna in çerca de ti! Quanto xe che no ti passi soto i

balconi de casa mia? Dimelo!

Tasi. Go mastegà tanta de quela bile! El papà no me lassa un momento!…Co la scusa

de ripassar la lezion de inglese che tolemo insieme col gramofono, el xe deventà la

mia ombra. No arivo a metar piè fora de casa che’l me se taca a la giacheta…

Se ti savessi che pensieri neri che me passa per la testa, spezie co me sento cussì

sola…in ‘sti giorni son stada là per tor ‘na decision, varda!…E ancora no xe dita

l’ultima parola…

(inquieto) Che decision xe che ti vol tor, Fannj?…Parla! Dime!

Prendere il velo!

(respirando) Sempia! Ti m’ha fato missiar el sangue!…

Ti credi che scherza ti!…Anche in un romanzo de Pietro Vanagro ghe xe una tosa che

se ga fato munega parchè el moroso la trascurava…

Va là che lo scrivarò mi el romanzo par ti; e dopo la vivaremo insieme!

Magari ti fussi bon de scrivar!…Bastarìa che ti descrivessi come che xe nato el to

amor par mi!…A proposito; quando, come te gogio fato colpo? E sì che mi no go

mosso una pagia par atirar la to atenzion…

Ti no, ma ga fato abastanza st’altri!…

Chi st’altri?…

Mio papà. La colpa xe tuta sua. Colpa per modo de dir…mi no me gera gnanca

inacorto che ti fussi al mondo!…


32


Fannj Mauro Fannj Mauro Fannj Mauro Fannj Mauro Fannj Mauro


Bravo! Un bel complimento!…Grazie!

(scherzoso) Non c’è di che! Ma mio papà, che atraverso i ociali el pretende de vedar

tuto, el ga scominçià la musica: “Guai se ti alsi i oci dai libri!..Ghe la farò metar a

ponente!..Guai se ti vardi a quela finestra de fassa!..” E alora mo go scominçià a

vardar. E po’ la burasca de quela note…l’inquisizion de la matina dopo…e le to

parole, Fannj!…” Cuor di leone in volto di fanciulla!”..Bisognaria essar de piera par

no smovarse!El belo xe che adesso, parchè no ti xe più qua par casa dei santoli, i se

sente tranquili come Pasque. (con improvvisa decisione) Senti: stasera, credesse de

saltar el restelo n’altra volta, verso le oto vegno in çità.

Dasseno?..E mi fasso finta de andar al corso di lavori donneschi; e filemo invesse ai

giardini…e po’ al cinematografo.

Sì, sì…

I fa anca un bel drama: “L’amante soppiantato” con Bette Davis.

Ah no! No te compagno miga!

Parcossa?

Parchè dopo te vien vogia de far come la protagonista, e ti me sopianti anca mi!…

Va là, sempio…intesi alora?

Intesi. Qua la capara, museto de zucaro! (e la bacia)


Scena seconda

Detti e Silvio , poi L’amia

Silvio

(dall’uscio della cucina, d’un balzo) Bon giorno!

Fannj

(scostandosi) Tombola!

Mauro

Da dove vegnelo fora lu?

Silvio

Da dove che vegno dentro, el vol dir…dal restelo picolo, se no ghe despiase ,(a Fannj)

complimenti!

Fannj

El ne ga fato la tira?

Silvio

Go avuo naso fin, a quanto par!…

Fannj

Pezo de Spoleta ne la Tosca! Ara, ciò; anca el polizioto diletante!…

Mauro

Ma no’l xe soto sorveglianza speciale, lu? Come galo fato a scamparghe a so

muger?…

Silvio

Questi xe afari che a lu no ghe riguarda.

Mauro

Come a lu no ghe riguarda se nualtri stemo façendo l’amor!..

Silvio

E el ga la spudoratezza de proclamarlo, anca?

Mauro

No son miga come lu, mi, che lavora soto acqua par intrapolar el prossimo!…

Silvio

Mi qua compio el mio dover, capisselo?…No posso permetar, mi, che durante

l’assenza de mio fradelo se ghe contamina cussì le pareti domestiche!!

Mauro

El saria un privilegio che’l voria riservarselo tuto par lu!…

Fannj

Più de ‘na volta el ga çercà de strucarme…qua, in ‘sto tinelo!

Mauro

Ma no’l se vergogna, a la so età e ne le so condizion?..

Silvio

A la mia età?…

Fannj

Co tuti quei cavei grigi che ghe incornisa la fronte?…

Silvio

(fremente) Cavei grigi?…Za!..No i xe più fili d’arzento, refe par la maglia…(a Mauro,

per stuzzicarlo) Cussì, salo!…Cussì la me diseva, lu che’l crede de aver conquistà la

pulzella d’Orleans!…

Mauro

Se’l spera de metarme in gelosia!..Quando che se xe ne le so condizion, ghe vol’altro


33


Fannj Silvio Mauro Fannj Silvio Mauro Fannj Silvio Mauro Silvio Mauro Silvio Mauro Silvio Mauro Silvio Mauro Fannj Mauro Fannj L’amia Fannj L’amia Fannj L’amia Fannj


che fili d’arzento par conquistar le tose!

Se se mete ben in mostra ai oci de l’amata!…

Come lu, in çima a la mureta!…

Se fa qualcossa de epico; se strangola la muger, o quantomeno, se se divide.

See!…Se gnente gnente el ghe acenasse a so muger de dividarse…quela ghe divide la

testa in do emisferi!…

Vualtri adesso ghe ne aprofitè de la mia situazion…

Ma chi xe che vien a darghe impasso a lu?

Chi xe che lo ga ciamà qua?

Erce, çivetona!

(riscaldandosi) El la rispeta lu, el la rispeta!…/

El scominçia lu par primo a rispetar sta casa! E se no’l va fora subito da quela porta,

me desmentego che son un gentiluomo e coro a ciamar so papà!…

(coi pugni tesi) No’l se azarda de farlo! Perché se lu comete sta vigliaccheria, mi son

capasse de farghela pagar! (palpandosi i muscoli dell’avambraccio) El senta qua…son

de la squadra olimpionica!

Mi no go paura gnanca de un regimento de soldai!..(scampanellata; Mauro guarda alla

vetrata)

So muger!

(con un balzo) Noo!…

Presto, el ghe la daga!…

Par carità, me racomando..(e fugge per la cucina)

No’l se indubita…eroe!(a Fannj) I xe i mii!!

Verzite tera!..Cossa ghe salta de vegnir qua?..

Anca mi bisogna che rifassa la strada de prima!…Atenta ti: sera la finestra (scavalca il

davanzale) Bondì, cioci. A stasera..(esce)

Sì caro (quasi declamando, estasiata) Va, mio fido…che il ciel ti accompagni!…

(entrando) Xe qua i Cadenaghi!

Impiastri!..

(guardandosi intorno) E st’altro dove xelo sconto?

Sui merli!

Sui merli?

De la mureta!…La li riçeva ela! (scappa dal primo a sinistra)


Scena Terza

Prof. Cadenaghi - Clotilde - L’amia taroco - Orazio - Liberata - Loredana

Orazio

(in spolverina da viaggio, viene dal secondo di sinistra, mentre

l’amia si è recata

nell’andito per ricevere i Cadenaghi) Ghe xe el postin?…Ah!…El professor!…

Cadenaghi

(entrando con un giornale tra le mani)Proprio il signor Orazio. Son ben lieto de

trovarlo. Imagino che lu no gavarà leto çertamente la “ Gazzetta del Popolo “ di

oggi…a lei; una primizia; gavemo volesto portarghela nualtri; vero Clotilde? El

professor so nevodo ga avuo uno de quei successi…

Clotilde

(che è entrata col marito) Un trionfo adiritura!…

Orazio

Ah sì?…(chiamando) Loredana!…Vien qua!…

Loredana

(dal secondo di destra, anche lei in abito da viaggio) Ben; se parte?..Oh!…Siora

Clotilde; professor…cossa ghe xe de novo?

Orazio

Sul conto de Gilmo; senti..


34

Cadenaghi

Lori sa che geri de sera el professor so nevodo ga dà l’ultimo concerto a Torino con

l’ottetto di Praga…

Orazio

Ah sì?..Questa xe la prima che sento…

Cadenaghi

A le stele!…I senta qua…(inforca gli occhiali e legge)”Tutto il concerto si svolse in

un’atmosfera di vivo consentimento, ma, laddove le approvazioni del pubblico

toccarono le vette dell’entusiasmo, fu dopo l’esecuzione del concerto in do minore di

Bach in cui l’oboista, Professor Dal Molin raggiunse il più alto grado di finezza

interpretativa.Se agli accenti di questo strumento -come dice il Berlioz -convengono a

meraviglia il candore, la grazia innocente, la gioia tranquilla, oppure il dolore senza

speranza di un vinto;bisogna constatare che il candore, la grazia, la gioia e il dolore,

trovarono nel Dal Molin il loro poeta rivelatore” (L’amia che ha ascoltato con evidente

soddisfazione, esce dal primo di sinistra)

Clotilde

Ah!...Lo go sempre dito mi: l’oboe!…Una vose umana che pianze e se rassegna!…

Orazio

Co se dise le aparenze!…A vardarlo no se ghe daria do schei!

Loredana

Sfido mi che no’l sia bravo! Dopo aver sonà co le più gran orchestre del mondo!…

Clotilde

Del resto ghe voleva poco par capir la so anima de artista…la carità par el prossimo…,

la passion per le cose primitive de la natura…çerte finezze de trato, de sentimento…

Orazio

E col merito de essarse fato da lù solo!…

Clotilde

E cussì modesto!…

Loredana

E cussì delicato!…

Orazio

Che pecà de no essarselo goduo un fià de più…

Loredana

Anca se’l dovesse tornar…(un po’ più triste) nualtri ormai…

Cadenaghi

(indicando il baule e le valigie)Vedo…vedo…tuti sti preparativi…

Orazio

(cattedratico) Vicende umane,caro professore!…Variazioni…distacchi…lembi

d’anima che se lassa lungo l’impervio cammino!…La vita!…A essar giusto peraltro,

nualtri ancùo no dovaressimo lagnarse…el posto che me xe sta oferto me riserva

soddisfazioni materiali e morali ad un tempo.Ma distacarse dai luoghi e dalle cose che

ne xe stae famigliari, deventa più doloroso man mano che se aviçina l’ora della

partenza…(s’ode il grammofono che da casa Cadenaghi suona “La canzone

dell’amore”) Sentelo, per esempio?…Sta vose no ghe voleva!…

Cadenaghi

Che vose?

Orazio

Del strumento che ne xe sta par tanti ani dileto e conforto!…

Clotilde

Questo xe Mauro che sona invesse de studiar!..

Orazio

E che no ghe passa gnanca par l’anticamera del çervelo el mal che’l me produse

qua…(e porta la mano al cuore); finchè i gira i dischi de le lezion de

inglese…psuh!…La voçe ariva quasi artefatta…, ma il suono…il canto!…

Clotilde

Adesso andemo nualtri a farlo tasar…

Orazio

I vorà scusar..ma lori, che xe gente de alta sensibilità, ariva çerto a capir…

Clotilde

Ma el se figura!…(stanno per avviarsi)

Liberata

(dal secondo di sinistra, arrogante)Ben, parona! La me lassa impiantada là, cussì, mi

sola!…

Orazio

Cossa te casca?

Liberata

Che la vegna a darme ‘na man par serar quela valisa che la s-ciopa da tute le

bande!…Oh ben, digo!…Parchè mi, più de do brassi no go e maltarandai anca

queli!…

Loredana

Cossa vustu che sia bona mi?…Vustu vegnir ti, Orazio, che ti ga più forza?..

Orazio

Aspeta che li acompagno fin in giardin

Cadenaghi

No, no; no ocore che i se incomoda. Accudiscano, accudiscano pure…(i due

Cadenaghi se ne vanno dal fondo)

Orazio

(a Liberata) Ti podaressi aver anca un fià de più bone maniere, specie co ghe xe

zente!..

Liberata

E lori fassa manco ciacole, che le ciacole ghe slanguorisse el stomego!…No i ga miga


35

più i vovi e i marsalini de ‘na volta!…

Orazio             Te lo dago mi, a momenti, el marsaline su la goba!…(escono litigando dal secondo di sinistra. S’ode sempre il grammofono che suona; Fannj viene dal primo di sinistra , va a schiudere la finestra e riprende il colloquio mediante l’alfabeto muto; strizza l’occhio; riconferma a gesti l’appuntamento; manda un bacio sulla punta delle dita; il suono del grammofono si interrompe bruscamente. Dalla strada giunge un rumore di carrozza che si arresta al cancello).

Scena Quarta

Fannj - Gilmo - Rosi - Il vetturino

Gilmo

(in giardino, non ancora visibile) Pian, che no ti me sbrissi…Lassa, lassa, che porto

mi…(cantarellando) Dolce nido, dolce nido, ti ritrovo infine intatto…(burlescamente)

ma il restello è spalancato e il giardino un cimiter!…(è già sull’uscio d’ingresso;

s’avanza nell’andito; ha una valigia per mano e la busta dell’oboe sotto l’ascella;

guardando intorno) Manco mal che i mobili ghe xe ancora!..Fioi de cani, i me ga

magnà el canarin!

Fannj

I santoli! (e si nasconde dietro le tende delle finestre)

Gilmo

In ponta de piè, che ghe femo ‘na improvvisata a l’amia!

Rosi

Distu che la ne speta?..(entrano in scena; vedono il baule e le valigie; danno un balzo)

Gilmo

Ehhh!?…Cossa xe sta roba?

Rosi

El baul dei zii?…!

Fannj

(dietro le tende) Cucù!…

Gilmo

(con un altro sussulto) Chi xe là?…I spiriti?!…

Fannj

(sempre dietro le tende, con la voce grossa) El spirito foleto!…(balzando avanti)

Santoli!…

Rosi

Fannj?…

Gilmo

Ti xe ancora qua?

Fannj

(festosissima) Da mez’ora! Par riçevarli lori…

Gilmo

Ti savevi che arivavimo?!…

Rosi

Chi te l’à dito?…

Fannj

L’oselin del verde!…Santola, no la me dà gnanca un baso?

Rosi

(che incomincia a intenerirsi) Vissare!..(e l’abbraccia)

Fannj

(a Gilmo che è ancora imbambolato, con le valigie alla mano a guardare il baule) E lu,

sior orso?

Gilmo

Ma no ti ga miga intenzion de metar quartier qua dentro, vero?..

Fannj

Ma noo!..

Gilmo

Co la xe cussì…do basi…(si baciano)

Fannj

Se i savesse che ben che me trovo adesso a casa mia!…Mio paregno?…Un altro

omo!…El dise che da quando che’l ga visto quel spetacolo!…

Vetturino

(che è entrato dietro a loro e ha deposto a terra un’altra valigia) Paronçin, posso andar?

Gilmo

Ah, bravo! Quanto xe?..

Vetturino

El fassa lù!..

Gilmo

(gli dà una moneta) Va ben?

Vetturino

Co persone come lu, andar a forfait ghe xe sempre da guadagnar. Grazie. Servo suo.(

esce dal fondo)

Gilmo

(guardando sempre il baule) Ma sto baul de chi xelo? Se pol saver?..


36

Fannj

Ciò, de sior Orazio!

Gilmo

I xe ancora qua, dunque?..

Fannj

Pararìa…

Rosi

(quasi con un lamento) Oh, Dio!!…

Gilmo

(con improvvisa risoluzione, a Fannj) Ciàmilo!

Rosi

Chi?..

Gilmo

El vetural…là…dighe che’l speta! (Fannj esce di corsa; Gilmo alla moglie che è tutta

sbigottita) No vardarme cussì, cara la mia vecia; salda in gambe! Par ‘na volta se ghe

la fa anca al diavolo…( a Fannj, che rientra) I saveva dunque anca lori che nualtri se

doveva arivar?…

Fannj

Ma gnanca par idea! L’amia me ga tanto racomandà de no farme capir…

Gilmo

Ah, parchè dunque…l’oselin del verde sarìa stà l’amia?…Quela xe ‘na pogiana

spenaciada!…

Rosi

E alora, come xeli ancora qua?..Se proprio l’amia ne ga scrito?…

Fannj

Mah!…I speta…cossa speteli po’, mi no lo so. I fa anca lori come i guerieri de le

opere vecie: “ Partiam, partiam!” E no i se move mai.

Gilmo

(quasi a sé, concretando il suo piano d’azione) Coragio Gilmo! (chiama ad alta voce)

Amia! Orazio!…Zia!…Ben?…Dove seu?…Tuti morti?…Scomparsi?…Soterai?…

Scena quinta

Detti - Orazio - Loredana - L’amia Taroco - Fannj - poi Liberata

Loredana

(d.d.) Ma te digo de sì, la xe la so voçe!…

Orazio

(d.d.)Va là, sempia!…

L’amia

(sul primo di sinistra) I paroni!..

Loredana

(sul secondo di sinistra, additando Gilmo e Rosi a Orazio) Te l’ogio dito mi?…

Orazio

Caro Gilmo, ma che sorpresa!…(lo abbraccia senza baciarlo perché Gilmo si scosta un

poco)

Loredana

Rosi, vissare!…

Rosi

La mia vecia, qua! (va incontro all’amia) Come vala?..

Orazio

(a Gilmo) Ti ga volesto far l’improvisata, vero?…

Gilmo

Sicuro. Da Torin a qua i xe do passi. Col diretissimo..

Orazio

Bravo! Ti me torni vincitor!…E de che racola!…Gavemo leto, sastu?..Ogni matina se

comprava i giornali de le çità dove che ti sonavi. Ah! E la “ Gazeta de Popolo “ de

ancùo?…(ripete) …se il candore, l’inocenza si conviene, come dice Berziol…

Gilmo

Berlioz..

Orazio

Quelo!…Il Professor Dal Molin è il suo poeta rivelatore!..Un inno!…Superfluo za del

resto…disi la verità che oramai no te fa più né caldo né fredo?…Guadagni po’…no

parlemoneghe!…Cossa zelo el denaro par ti?…Giara!..

Gilmo

(assecondandolo) Giara!…

Fannj

(sullo stesso tono di lui) El gaveva giusto intenzion de butarghene un poca su le

stradele del giardin…

Orazio

Bela macia la picola, là ; come sempre…

Gilmo

El mal xe che manca el tempo de farlo…Semo vegnui cussì de scampon…

Orazio

(meravigliato) Cossa?!…No ti te fermi?…

Gilmo

Quel tanto che basta par cambiar la roba de la valisa e far la consegna de la casa.

Orazio

Consegnarghela a chi?…

Gilmo

Ai novi paroni!

Orazio

Ti la ga vendua?…Come?..Quando?…Se qua no se ga mai visto nissun a


37


Gilmo Orazio Gilmo Loredana Orazio Gilmo Orazio Gilmo Orazio Gilmo Orazio Gilmo Orazio Gilmo Orazio Gilmo Orazio


visitarla?…Chi ga possuo cussì, a l’orba?…

L’ingegner che la ga fabricada. Nissun megio de lu podeva conosserla…dunque…

Ti sa che semo andai a un pilego de no poderte saludar?

Dasseno?

No saressimo stai boni de darse pase…

Doveva essar a Bologna fin da geri; e invesse…col mezzo del commendator Maurilio,

che mi go sostenuto candidato politico circa trent’anni fa, go possuo otener un posto di

controllore.

Ah! Manco mal…un bon posto…e po’ diritto a pensione…controllore alle ferrovie?…

No a le ferovie…

Al tram?..

No…controllore…a quel cinematografo Splendor…Mi go subito açetà…domandando

un modesto anticipo…anticipi, par principio no i ghe ne dà…go provà co Silvio; el me

ga risposto che’l ga abastanza fastidi par conto suo e che se ghe n’ho da

imprestarghene a lu..alora go scrito a Garibaldi..

Garibaldi?!…

Sì, a so fradelo qua de ela (indica la moglie) No ti lo sa che’l ga nome Garibaldi?

Semo qua che se speta el postin col cuor par aria a ogni passaggio; ma fin adesso…

Garibaldi no se fa vivo.Insoma ti va a sbregar i bilieti al cinematografo?

Sbregar…no; star atento a quelo che li sbrega…che xe una bela diferenza!…

Ah Za!..Sicuro!…

No ti aprovi?

Eh, altro! E po’, un posto de distrazion che va ben par una persona anziana come ti;

gran movimento, giovanoti, signore, modiste, sartine…

El mal xe che se tardo un altro poco, el posto va a ris-cio de andar a farse benedir!…


Gilmo Orazio Gilmo Orazio Gilmo Orazio Fannj Gilmo Orazio Gilmo Orazio Gilmo Loredana Orazio Gilmo Fannj Gilmo Fannj Vetturino


Vusto el mio consiglio? Parti subito! (guardando l’orologio) Ghe xe un treno a le

undese e trentado.

Una parola!..Lo sastu che semo stai costreti a vendar…

El can?

No!

La serva!

El gramofono!

Lo ga comprà i Cadenaghi!…

(allarmato) Ehh?!…

Figurite quindi se gavemo i mezzi…

(con improvvisa risoluzione) Te li dago mi. E te riscato el gramofono anca a costo,

varda, de pagarlo a prezzo d’afezion…

(titubante) Ciò.…podaria telegrafar intanto…me despiase adesso, lassarve soli, cussì,

apena arivai…

Mi te ringrazio; ma ghe xe poco da sceglier, Orazio mio. No ti vedi?La carozza xe là

che aspeta; o nualtri, o vualtri!…

Da aprofitarghene, Orazio…posto che la carozza xe pagada…

(decidendosi) Ciama Liberata , che la carga. Più presto che se fa…manco emozion. (a

Gilmo e Rosi) Un momento solo…(esce con Loredana dal secondo di sinistra)

(a l’amia) Disèghe al vetural che’l xe là fora, che’l vegna avanti un momento. (l’amia

esce dal fondo. A Fannj) Ti me li acompagni ti fin a la stazion, vero?…

Co no’l vol’altro, santolo…

Ti me li meti pulito in treno e ti seri ben la maniglia che a le volte no i se spanda par la

strada!

El lassa far a mi!

(dal fondo, seguito da l’amia) Son qua, paronçin!


38


Gilmo

Vetturino

Gilmo

Vetturino

Gilmo

Vetturino

Gilmo

Vetturino

Orazio

Liberata

Loredana

Liberata

Rosi

Gilmo

Orazio

Gilmo

Orazio

Gilmo

Orazio

Gilmo

Orazio

Fannj

Gilmo

Orazio

Gilmo

Orazio

Gilmo

Orazio

Gilmo

Orazio

Gilmo

Orazio

Loredana

Orazio

Fannj

Orazio

Gilmo

Orazio

Gilmo


Aspetè che dovè condur i signori a la stazion. Tolè suso quel baul.

(lo osserva) Conossenza vecia. Che i lo gabia fabricà aposta par le mie spale? Ma

intendemose paronçin: femo el solito forfait fra mi e lu?

Parcossa ciò?…No se paga dopo?…

Sissignor…par el solito, sì…; ma el capirà…

Go capìo l’antifona. No ti te fidi…

La volta passada i me ga fato far tante de quele giravolte…e po’ in fin…se no ghe gera

lu…

(dandogli del denaro) Tolè; ma a un pato; che no ghe fè perdar el treno de le undese e

trentado.

No’l dubita. In caso, molo el cavalo de cariera! (si carica il baule sulle spalle, aiutato

da Gilmo ed esce dal fondo)

Semo qua; gavevimo zà tuto pronto (entra con Loredana che reca la borsa e qualche

indumento sul braccio)

(col cane a guinzaglio) Mòvite, dai! Impiastro ti e anca i to paroni!…

(a Liberata) Meti suso intanto…

(prende una valigia e s’avvia) Bon giorno..

Cara Liberata!…(Liberata esca dal fondo)

(sottovoce alla moglie) Ironia dei nomi!…Liberati ancùo semo nualtri!…

(tendendo la mano) Alora, Gilmo…

(gliela stringe) Ciao, fa bon viagio, scrivi…

Mi parto…

(sempre stringendogli la mano) Bravo…

Sì, digo…

No comovarte….

No…diseva…

( a Gilmo, sottovoce) El vol i soldi…

Ah, za!…Scusa. Ecote…(gli dà 2.000 lire) Credo che par el viagio e le prime spese i

te bastarà.

(rigirando il denaro tra le mani) Sì…oh Dio!…Quantunque…se mai…

Ciapa; va là, go capio.(e gli dà altre 1.000 lire)

(intascando) Cussì va ben. Adesso pari! (e poiché Gilmo lo guarda stupito) Fra parenti

xe megio che no resta sospesi. Ti ti ga provisto a sto momentaneo bisogno; e mi posso

dir de aver messo ogni scrupolo nel custodirte la casa e fartela trovar neta.

Più neta de cussì!…

Go l’orgoglio cussì de aver contribuito secondo le mie forze al pieno sviluppo della

tua personalità artistica.

(mettendo mano nuovamente al portafoglio, comicamente) Ciò…se no te par che gabia

fato abastanza…

(lo trattiene con gesto dignitoso) Semo pari go dito. E adesso desmenteghemo i picoli

screzi…; quisquilie…diversità di vedute…; ma el cuor no se ga mai smentio. Vero?

Mai!

E gnente comozion…la stessa fortezza d’animo de quando semo arivai…

(commovendosi) Rosi, vissare!…

(severo) Dana?..Cossa gogio dito adesso?…Emozioni niente! Andemo Dana, no

pianzer, su…

(canticchia) No pianger Liù, se in un lontano giorno…

(scambiando la propria valigia con quella di Gilmo) Porto co mi questa…

No, che ti te sbagli! Questa la xe la mia!

Oh, scusa!…Distrazion…per il resto poi…

Lasso ordini che i te lo spedissa a picola; compreso el gramofono ben imbalà col

bombaso…


39

Fannj

Arivederci, santoli.(a Orazio e Loredana) I se desbriga se no i perde el treno!

Orazio

Andemo, Dana…(e poiché Loredana è tutta congestionata per l’emozione) Mah,

povera dona anca ti!…E dir che gavarìa vossùo farghene una regina!…

Fannj

(quasi a sé) Sì, la regina…Cornaro!…(escono Orazio, Loredana e Fannj; Gilmo e Rosi

restano alla vetrata a salutare col cenno della mano)

Scena Ultima

Gilmo - Rosi - L’amia Taroco

Gilmo

(a Rosi, furbescamente) Rosi?..

Rosi

(con eguale sorriso) Gilmo?…Oh, Dio che tremasso!…

Gilmo

Te par che vada ben cussì?…

L’amia

(guardandoli, trepidante) Ma xe proprio vero che i se ne va?

Gilmo

Stzz!…Tasè!…Par l’amor de Dio; che go sempre paura che co la scusa de essarse

desmentegai qualcossa…(s’ode il rumore della carrozza che parte)

Rosi

(alla vetrata) I va…i va…

Gilmo

Senti!…El ga molà el cavalo de galopo!!…Salvi, Rosi!…Salvi!

L’amia

Basta che no vada fora una roda!…

Gilmo

OH!…Se ciamè scalogna, ve mando via anca vu!..

L’amia

Ma alora?…

Gilmo

Torno a ciapar possesso de la mia casa, amia e meto l’oboe in pevare un’altra volta!…

L’amia

No’l la ga vendua alora?

Gilmo

Bale!…No ti ga capìo, gnancora? Basta parenti! Basta secae! Parenti, serpenti!

Adesso, prima che verza la porta a qualchedun…una mitragliatrice sul restelo! Tanto

de pelo sul cuor alto cussì!…(scampanellata, Gilmo ha un sussulto) Mariavergine, i

torna indrìo ( a l’amia) Disèghe che semo za partii…andai in fumo…sprofondai soto

tera!…Se i xe lori ghe sparo!

L’amia

(che è andata nell’andito a guardare) Ciò, varda chi se vede!…

Gilmo

No i xe lori?…

L’amia

No, el solito poareto dal sabo; quelo senza una gamba…

Rosi

Ah! Parchè el ga continuà a vegnir?…

L’amia

Le prime do o tre setimane; ma dopo, co’l ga capìo che’l fasseva la strada par

gnente…quelo el li ga visti arivar in caroza de sicuro! I lassa che’l sona!…

Gilmo

Ben…ciò…lassarlo sonar…lassarlo sonar…; se’l ne ga visto…

Rosi

No podemo miga mandarlo via cussì…

L’amia

(scrollando il capo, ironica) Go capìo; scominçia la solita storia dei diese franchi…(e

s’avvia rovistando nella tasca del grembiule)

Gilmo

Se xe tuto ‘sto tempo che no’l vien…cossa voleu metarghe in man diese franchi?

Dèghene almanco vinti…ciapè (e le porge due biglietti da dieci; facendo la voce

grossa) Oh, ma questo, intendemose, in via ecezional!…

L’amia

In via ecezional?…El vedarà che procession che quelo se ciama drìo!…

Gilmo

Amia Taroco, no stè a tarocar apena arivai…

L’amia

(sull’uscio della vetrata) El pelo sul cuor, vero?…La mitragliatrice sul restelo??..Lori

no xe boni che de ciacole!…A carità su un ponte i se rudurà - ghe lo digo mi- a carità

su un ponte!! (esce)

Gilmo

(sorridendo a Rosi) Ciò, se questo ga da essar el nostro destin…cossa ne distu

Rosi?…Anca a carità su un ponte…mi col pifaro e ti col piatelo; e femo balar l’amia

Taroco! Ma soli - nualtri tre - e i parenti…su la forca! Intanto, adesso me cavo la

giacheta, me destiro su la mia poltrona…(esegue) e me godo cussì la me caseta…cossa


40


Rosi L’amia Gilmo


me manca adesso?…

Un bon disnareto…

A quelo ghe penso mi…(e se ne va in cucina)

Rosi, dame un baso…(si baciano) ma no ti senti che pase, che serenità…

(s’ode il rumore d’una carrozza. Gilmo e Rosi si turbano e il loro turbamento cresce

man mano che il rumore s’avvicina, guardano al fondo, come attendessero un nemico.

Oltre il muricciuolo del giardino si scorge la tuba di un qualsiasi vetturino che passa e

s’allontana. Il volto di Gilmo si spiana e si illumina per il dileguare dell’incubo. Egli si

lascia andare beatamente sulla poltrona) Ah!


S I P A R I O

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 15 volte nell' arco di un'anno