Parrucu ateu e sinnacu comunista

Stampa questo copione

r

Tonarella, 10 maggio 2013

PARRUCU ATEU E SINNACU COMUNISTA

Commedia brillante in due atti di: Rocco Chinnici

----

            Che il candidato a sindaco fosse ateo, potrebbe starci, poiché di pensiero comunista; ma che il parroco ne condivida gli ideali, comincia con l’essere fuori dalla ragione… forse per chi, a credere a tutto, è stato inquadrato da piccolo e poi, da grande, fare i distunguo diventa difficile, tanto che…

PERSONAGGI

                        Santu                                      capu  famigghia

                        Sabbedda                               mugghieri

Giovanni                                 figghiu

Ancilina                                  cummari

                        Zingara (Agnese)                   zita di Giovanni

                        Patri Vicenzu                         parrucu du paisi

SCENA UNICA

(Misero soggiorno di casa di famiglia media: tavolo, sedie, una poltroncina, qualche quadro appeso alle pareti… uno raffigurante l’immagine della Madonna…)

SABBEDDA

(Giovanni, intento a studiare, mentre lei rammenda qualche indumento) Giuvanni, figghiu miu, non po’ studiari sempri, ha bisognu di nesciri, vidiriti cu l’amici comu fannu l’autri da to età…

GIOVANNI

Mamma, io preferisco rimanere in casa e leggere, arricchirmi di nuovi saperi, conoscere di più la storia, le nostre origini, e poi… preferisco stare accanto a te.

SABBEDDA

(Lo accarezza passandogli la mano tra i capelli) Ma chi dici, ciatu du me cori, non po’ ristari cu mia pi tutta a vita. Capisciu ca mi vo beni, e puru assai, ma…

GIOVANNI

Perché vuoi per forza che esca e stia con gli altri? Dì, hai paura che diventi un… mammone?

SABBEDDA

(Non capisce e si preoccupa) Chi dici figghiu miu! Chi voli diri stu mammoni? Chi è un ghjattu sarvaggiu?

GIOVANNI

Cosa c’entra un gatto, mamma! Mammone vuol dire… coccolone di mamma, ragazzo viziato insomma!

SABBEDDA

Ah, nenti di menu, un motu mi facisti pigghiari! Si ju ti dicu di nesciri è picchì ti vogghiu beni, a matri, e vulissi ca tu ti divirtissi cu i to amici; friquintassi genti nova… e si è u casu, picchi no, farimi canusciri ‘na bedda… figghiola! U vidisti a Lorenzu u figghiu di donna Bastiana, ca si fici zitu cu ‘na picciotta di Palermu? (Giovanni non capisce) No sapivi? Eh, chi fimminuna! ‘Na stanga di figghiulazza chi, pi sulu guardalla, s’havi d’acchianari supra ‘na seggia! Eccu chiddu ca vulissi! Chi tu, criscissi comu ‘na pirsuna normali.

GIOVANNI

Non capisco! Io so di essere così, perché mi sento una persona normale; si è vero… forse eccedo un po’ con lo studio, ma questo non vuol dire niente.

SABBEDDA

E comu si non voli diri! Studiannu assà, i senzi finisci ca nescinu di fora. “U suprecchiu rumpi u cuperchiu”. Li pruverbii di ‘na vota hannu raggiuni, picchì è propriu u suprecchiu ca rumpi u cuperchiu e porta l’omu a ruvina, sia ‘n beni ca ‘n mali. Pigghia sta crisi ca c’è per ora, si avissimu fattu comu ‘na vota, quannu ‘nn’accuntintavamu di chiddu c’aviamu e senza fari sfrazzi, pensi ca ci fussi tutta sta miseria e povertà?

GIOVANNI

Il progresso deve andare avanti mamma! E bisogna farne uso di esso; vedi quante cose utili esistono? La lavabiancheria… penso che ricorderai i sacrifici che facevate quando non esisteva. Anche il frigorifero… quante cose si buttavano perché non c’era come poterle conservare, e così per tante altre ancora!

SABBEDDA

Certu, ca mi ricordu tuttu, e comu si mi ricordu! Ancora i pusa mi dolinu di quantu robbi stricavu cu sapuni, azzolu e liscìa; e i dulura ‘nte manu, pi quantu i tinni a moddu, mi stannu manciannu u cidiveddu.

GIOVANNI

Vedi.

SABBEDDA

Ma ju non vulia diri ca tutti i cosi moderni non servinu e non su boni; ‘ntinnìa diri ca l’omu non s’havi a fari trascinari di tuttu chiddu chi a modernità produci; ci sunnu cosi ca su boni e cosi ca non servinu a nenti. Quantu sordi si jiettanu, a matri, nni cosi nutuli.

Ricordu quannu ‘ndi maritamu cu to patri, a festa a ficimu ‘n casa, certu eramu un pocu strittuliddi, però jintra u fistigiamu u matrimoniu; ora ‘nveci, pigghia ora, puru pi un semplici compleannu prinutamu i megghiu sali, fa cuntu ca puru pi l’onomastichi fistiggiamu, e anchi si sordi non l’avemu, cuntinuamua a fari prestiti, prestiti e prestiti; però poi avemu puru u curaggiu di lamintarinni ca non putemu rrivari a fini mesi! Pi non parrari di tutti lautri sordi ca si jettanu pi telefonini alla moda! Ai cart (i pad), ai forni (i phone)…

GIOVANNI

Ma quale carte e forni, mamma! Si dice: ai pad, e ai phone.

SABBEDDA

E si, si chissi di ddocu! Poi ci sunnu i televisori di tutti li formi e maneri chi pi ‘mpiccialli o muru, certuni, a jittari ‘na pareti ‘n terra pi quantu su ranni. Poi ci sunnu macari i robbi di marca… e certu, picchì si non su di marca, facemu malafiura; pirsinu scarpi e mutanni firmati! I mutanni ca firma! Vidi o culu chi ci nni futti di stari nne mutanni di marca o menu! Però hannu a essiri di marca, e puru chi non ci su sordi pi ccattali, facemu di tutti pi avilli, macari privannuni di cosi di prima nicissità. Mentri, e me tempi nni privavamu puru du pani e a pasta pi fari ‘na casuzza unni putiri stari. Ccattavamu ‘na piccula tinuta di terra unni chiantari e siminari robba di manciari...

GIOVANNI

Capisco tutto quello che avete affrontato per realizzare quel po’ che abbiamo, e forse… chissà che non sia proprio questo il motivo vero per cui amo studiare: privarmi volutamente di queste cose inutili che la società ci impone. Sai, sta notte ho fatto un sogno meraviglioso…

SABBEDDA

(Interrompendolo con somma curiosità) Cuntami, cuntami! Ci scummettu ca ti ‘nzunnasti ‘na stanga di figghiulazza!

GIOVANNI

Vedo che sei proprio fissata con queste ragazze alte.

SABBEDDA

Chi è, non ti piacinu chiddi javuti? Ah, si è pi mia, non ti nni ‘ncarricari, figghiu, si è avuta o bascia! A tia havi di piaciri.

GIOVANNI

Ma io non ho sognato nessuna ragazza! Ho invece sognato che…  intraprendevo (Isabella non capisce) la via del noviziato, e… se devo essere sincero, è da tempo che accarezzo questa meravigliosa idea…

SABBEDDA

(Sbalordita e preoccupata nello stesso tempo) Novi… chi?

GIOVANNI

(Con infinita dolcezza) Mi piacerebbe tanto farmi prete.

SABBEDDA

Chi cosa!!! Vo fari u parrinu? Ma chi dici figghiu! To patri non fa avutru chi ripetiri chi non c’è nenti di cchiù spricatu di parrina, e tu… Non ti fari scappari di mmucca ‘na cosa di chissa, chi un infartu ci fa veniri a ddu puvirazzu! Tu ‘mmaggini chi fiura ca facissi cu i so cumpagni di partitu? Pensa ca u vonnu puru a sinnacu!

GIOVANNI

Di che figura parli? E’ forse vergogna, o motivo di scandalo, avere un figlio prete?

SABBEDDA

Ah guarda, ju fussi cuntintissima; ma pi to patri, sicuramenti fussi ‘na vera vriogna! Però, ju nun vulia diri chissu; vulia sulu fariti capiri chi to patri è troppu abbrazzatu e so ideali, e predica chi a chiesa è l’oppiu di popoli, e dici puru chi non c’è nuddu cchiù capitalista da chiesa, e u partitu, pi sti idei rivoluzionari ca havi to patri, vonnu ca iddu facissi macari u sinnacu, non tu dissi; e u proposiru pi prossimi elezioni chi sarannu fra quarchi annu. Tu u pensi comu ci ristassi a vidirisi un figghiu parrinu, dopu chiddu ca predica? Ma di unni i pigghi du saccu figghiu miu!

GIOVANNI

Allora è per occhio della gente che non vuole! Ma noi non possiamo vivere in funzione di quello che dicono gli altri; la vita è nostra e ci appartiene, mamma!

SABBEDDA

U sacciu, u sacciu chi è nostra; ma non ti pari chi è accussì facili comu dici tu, non teniri cuntu da genti. Eh figghiu miu, a genti ti guarda chi pari ca ti facissi i lastri!

GIOVANNI

Ecco perché non cambierà mai niente! Perché tutti pensiamo con la testa degli altri; dovremmo invece trovare il coraggio e la forza di cominciare a pensare con la propria testa. Fare politica significa anche questo, liberarci dalla schiavitù del peso degli occhi altrui. Noi siamo cresciuti abituati a sopportare il peso degli sguardi della gente.

SABBEDDA

Lassali perdiri ssi paroli difficili a matri; e poi non vidi comu nni stamu ‘mpignannu l’occhi pi fariti studiari, e tu ti prisenti cu sta nisciuta ca vo fari u preti! Comu, propriu ora ora ti finivu di diri ca mi piacissi vidiriti cu ‘na figghiuledda, e tu… Ma di unni ti veninu certi pinseri! (Preoccupata) Ma… dimmi ‘na cosa, a tia piacinu i… fimmineddi?

GIOVANNI

(Imbarazzato) Mi piacciono come… sorelle.

SABBEDDA

Sulu… comu sorelli… e basta?

GIOVANNI

Si, certo, allora come!

SABBEDDA

Chi voli diri allura comu, ca ti piacinu… (allusiva) i masculiddi?

GIOVANNI

Certo che mi picciono pure loro!

SABBEDDA

(Più confusa che persuasa) Allura si… bisestili a matri?

GIOVANNI

Si, bimestrale sono. Forse volevi alludere a bisessuale?

SABBEDDA

‘Nzomma cosi di sessu, si! E ti vulia diri… tu, sì… masculu… masculu?

GIOVANNI

Sicuro che sono maschio! Come volevi che fosse!

SABBEDDA

E allura di unni ti veninu sti pinsati di fari u parrinu?

GIOVANNI

Mamma, ci sono cose che nemmeno noi riusciamo a capire da dove esse vengano, arrivano e basta. E’ come quando al poeta viene quel famoso lampo di genio creativo chiamato estro, che gli permette di realizzare un’opera; ma il poeta nemmeno lui sa da dove arriva questo impulso improvviso che noi chiamiamo ispirazione. Solo pochi nascono con questi doni, altrimenti, il mondo sarebbe pieno di utopisti, di sognatori… Neanche io so da dove mi sia arrivato questo impulso e quale che sia il mio compito, o cosa io possa creare, so di certo che sento questa grande necessità d’imboccare questa via.

SABBEDDA

E chi via si ti senti to patri! Belli paroli su figghiu miu, e cu ciù dici a iddu? Cu a pigghia sta crapa ‘o scuru? Chiddu, non tu dissi, quannu vidi tonachi, pari ca vidissi u diavulu! Comu senti parrina, dduma ca pari un fuareddu! E… dittu ‘ncunfidenza, dopu tuttu chiddu ca si senti diri ‘n giru di parrina, nun è ca lassanu pinsari bonu: a pinifalìa (pedofilia) per esempiu… chi vriogna!

GIOVANNI

Pe-do-fi-lia, mamma! Pinifarina si, la Ferrari!

SABBEDDA

(Capisce tutt’altro) Ah, si, hannu macari a ferrari i parrina? E certu cu tuttu chiddu ca pussedi u vaticanu, avutru chi ferrari! (Con eccitata meraviglia) Dicinu chi è u statu cchiù riccu ca c’è supra sta terra: palazzi, banchi, alberghi pi tuttu u munnu, eccetera eccetera; pensi chi a Gesù Cristu ‘nteressava aviri tutti sti sordi? Di caminari, comu fannu ssi quattru lagnusazza du Vaticanu, supra ddi gran machinuna? S’azzizzanu tutti chini di diamanti e ninnuli d’oru ca ci penninu di tutti i mensi, senza teniri cuntu di cintinara di picciriddi ca morinu ogni jornu di fami. Chista è n’offesa all’umanità, figghiu miu! Comu, a chiesa predica fratellanza, umiltà e poi…

GIOVANNI

Vedo che anche tu sei stata contagiata dal pensiero di papà; “non si può, di tutta l’erba farne un fascio”; mi pare che anche questo sia un vecchio proverbio che recitava il nonno… pace all’anima sua. Sappi che c’è anche gente che si spoglia dei beni che ha e muore, se occorre, per questi ideali lasciatici da Gesù Cristo.

SABBEDDA

E a chiesa è propriu pi chissu, figghiu, ca va ancora avanti! Picchì ci sunnu ancora ssi martiri ca dunanu a vita pridicannu miseria e umiltà! Chissa è a veru chiesa, e no chidda gestita di ssa maniàta di latruna e filibusteri du vaticanu ca ci hannu spiculatu custruennucci muntagni di sordi, supra ssi puvirazzi ca hannu murutu pi ssi ideali comu dici tu! Pigghia a San Franciscu, o a patri Piu per esempiu, prima i trattaru cu i pedi, e dopu sappiru comu sfruttari a disgrazia di sti du puvureddi, facennu divintari posti di pilligrinaggiu, ddi stissi posti ca mancu carculavanu. Ah, san Petru, san Petru, comu rrivamu dda supra! Tutti du crivu (setaccio) amu a passari! (Si sente arrivare gente).

GIOVANNI

Forse è papà.

SABBEDDA

(Preoccupatissima) Oh Madonna! Canciamu, canciamu discursu a matri, chi si nno avemu mala jurnata!

SANTU

(Giovanni riprende a studiare) A oj non mi nni va una bona!

SABBEDDA

(Preoccupata) E quannu mai! Chi fu, chi successi, chi ti capitò sta vota?

SANTU

Successi, chi jivu a banca a scanciari d’assegnu chi mi desiru ‘o travagghiu, e dissiru chi non avianu sordi! Ma tu u pensi, ‘na banca chi non havi sordi! Comu, su propria i banchi chi s’hannu manciatu tutta l’Italia, e dicinu di non aviri sordi! Pirsinu a banca du Vaticanu s’angrassatu supra i spaddi di puvureddi!

SABBEDDA

Eccu ddocu! Putìa essiri ca pi quantu non ti scanciaru l’assegnu non ci havia di trasiri puru u Vaticanu!

SANTU

U Vaticanu, si propriu u vo sapiri, trasi ‘nna tutti i menzi, havi i tintaculi comu li pruppa. (Guarda suo figlio che a sua volta lo guardava un po’ sconcertato, e si preoccupa) E tu, chi hai tu cu ssa facci?

GIOVANNI

Io…

SABEDDA

Chi voi ca po’ aviri, si t’arricogghi sempri cu ‘na lamintela! Ddu criaturi si dispiaci a sintiriti sempri ridduliari (lamintari).

SANTU

Ah, chissu è? E c’era bisognu di stari cu ssa facci cadaverica! A prossima vota ca c’è quarcosa chi non va, sai chi fazzu, figghiu miu, voli diri chi trasu cu a banna ca va sunannu avanti avanti! Si cuntentu?

GIOVANNI

Papà, io…

SANTU

(Si sente in colpa) U capivu, u capivu. Scusami, u sacciu chi a curpa non è tua. E’ ca ju, forsi mi lassu pigghiari di tuttu chiddu ca non funziona e poi finisci ca mi sfogu cu primu ca mi capita pi davanti.

GIOVANNI

Non mi riferivo a questo.

SANTU

Ah, no! E a ‘nzoccu allura?

GIOVANNI

(In difficoltà) Il fatto è che non so proprio da dove iniziare.

SANTU

Allura a cosa è preoccupanti! Eccu u picchì hai ssa facci sbianchiduta! E parra, così difficili è l’argumentu?

SABBEDDA

(Al marito) Sai chi fai, assettati, prima ca ti veni quarchi giru di testa e scoppi ‘n terra comu un piru fracidu.

SANTU

Giru di testa, piru fracidu, mancu si m’avissi fattu setti esami di sangu! Così gravi è chiddu ca havi di dirimi?

SABEDDA

Di cchiù, di cchiù! Cchiù tostu, cu cori comu si cumminatu?

SANTU

Puru! (Preoccupato, pensa ad un eventuale danno che avrebbe commesso il figlio) Aspetta, aspetta! Chi forsi capivu. No, non ci cridu! (Al figlio) Vo vidiri chi… mittisti ‘ncinta quarchi figghiola… e ora… Non ti rrisicari sai!

 

SABBEDDA

Macari a to parola rrivassi ‘n celu!

SANTU

(Sbalordito, alla moglie) Guardati a st’avutra ‘nchiollara chiddu ca si augura!

SABBEDDA

Io dicu ca macari tu… ti l’augurassi ca fussi chissu!

GIOVANNI

(Intimidito) Papà, io…

SANTU

Io, io, ca parra, (guardando la moglie) così difficili è ti dissi!

SABEDDA

(Preoccupata) Non guardari a mia chi non sacciu nenti!

GIOVANNI

Io… io… vorrei prendere… i voti.

SANTU

Uhm? (Non capisce e guarda la moglie).

SABBEDDA

(Interviene prima che egli capisse) No, nenti, iddu voli diri chi… a oj a scola u ‘nterrogaru, e votu non ci nni desiru, e… siccomu iddu studia assai, ora… è dispiaciutu chi…

SANTU

Tuttu chissu è! E ju ca pinsava… (facendo il gesto di pancia gravida) Non ti prioccupari ca i voti, prima o dopu, pigghialli hai!

SABBEDDA

(Fraintende) Cui, quannu! Statti mutu! Chi sta dicennu! Iddu, voti no nni pigghia!

GIOVANNI

Ma mamma!

SANTU

(Più confuso che persuaso) Curnutu si ‘nn’haju caputu nenti!

GIOVANNI

La mamma voleva dire che io…

SANTU

A vo lassari perdiri a to matri e parra cu mia, non vidi ca non sapi cchiù mancu idda chiddu ca dici! Ascuta a to patri, non ti prioccupari chi tu, i voti, i pigghirai quantu prima ti dissi, anchi si… to matri, non capisciu pi quali raggiuni, non voli che pigghi.

GIOVANNI

Ah, si? Dici davvero? Grazie, grazie papà! Allora… i voti, io…

SANTU

(Ridendo) Certu, e comu no! Pi quantu studii, si non li pigghi tu, cu l’havi a pigghiari i voti!

SABBEDDA

Ridi, si! Comu i pigghia ti vogghiu!

SANTU

E ti pari chi m’hajuta a capiri! Si po’ sapiri chi voi diri cu ssu: comu i pigghia ti vogghiu? (Preoccupato guarda la moglie) Fermati, fermati! Scummetu ca voi diri, chi voti…

SABBEDDA

Non guardari a mia ti dissi, ca ju ferma sugnu!

SANTU

Vo vidiri allura chi forsi è signu ca i voti non su pi nenti boni? (Al figlio che abbassa lo sguardo a terra) Allura veru è ca ti svintasti a testa cu ‘na figghiola, e di studiari per ora no nni vo cchiù mancu ‘nto brodu… e certu, si a testa l’ha a nautra menza, comu fa a studiari! Sai comu si dici? “O frju i pisci, o guardu a jatta”. E va beni, non ti prioccupari, tantu tu si accusì bravu chi avogghia di tempu ca hai di putiri recuperari; voli diri chi allura, per ora ti guardi ssa… jattaredda; però non ti rrisicari a cumminari quarchi ‘nzalata! Chi sacciu… mittilla pi daveru ‘ncinta! Ma… armenu… bedda è? Comu si chiama? Nun è ca è figghia du me rivali politicu? (Giovanni abbassa la testa).

SABBEDDA

Comu si chiama… cui? E di quali jatta sta parrannu?

SANTU

Da jattaredda di to… nora.

SABBEDDA

Ma quali nora, quali jatta! Già maritatu u fici!

SANTU

E chi è, prima o dopu non s’havi di maritari! Mancu si avissi di farisi parrinu… sarvannu a tavula! O… no?

SABBEDDA

(Intimorita) Non l’ha caputu ancora ca iddu… non si po’… maritari! U capisti ora picchì… voli… i voti?

SANTU

Navutra ora! Vidi, vidi quantu pritesi hannu sti parrina! Non bastanu cchiù tutti i corsi matrimoniali ca si fannu pi maritarisi! Ora, vannu puru circannu u pilu ‘nta l’ovu: vonnu macari sapiri i voti ca unu pigghia o ha pigghiatu a scola? (Preoccupato) Allura si unu è sceccu, chi fa, resta schettu pi tutta a vita? Non si po’ maritari cchiù?

SABBEDDA

Oh, babbasunazzu ca si! Ma chi capisti! Certu ca si i scecchi non si putirianu maritari pi davveru, tu ‘nn’avivi di ristari schettu! Quantu menu non vinivi a cunsumari a mia!

SANTU

(Più confuso che persuaso). Havi cchiù di menzura ca discurremu, e curnutu si ‘nn’haju caputu ‘na parola di chiddu c’amu dittu! (Bussano). E cu è ora?

SABBEDDA

Japri e u vidi! Ancora non è sinnacu e già si fici u portaborsa! (Santo la guarda stupito, mentre Giovanni esce per l’altra stanza) E moviti; a cu aspetti a carrozza? Stoccati i jammi; chi voi ca vaju ju? (Va ad aprire, ed entra la comare. Ha la pancia grossa, in attesa di partorire).

ANCILINA

(Gioiosa) Salutamu! Chi sugnu cuntenta! Chi sugnu cuntenta! (Silenzio, Isabella e Santo si guardano meravigliati) Ih, e chi è, nenti mi diciti?

SANTU

(Non capisce e guarda la moglie) A oj mi sta parennu a jurnata di quiz. Chi vuliti ca avemu di dirivi cummari?

ANCILINA

Du fattu c’aspettu!

SABBEDDA

E picchì, no sapiamu già ju e u cumpari, chi spittavavu.

ANCILINA

Certu…, sapiavu chi spittava, ma non sapiavu… quantu, nni spittava!

SANTU

E… quantu, quantu su chi nni spittati, cummari?

ANCILINA

‘Nzirtati.

SABBEDDA

Pi comu vi vju cuntenta, dicissi… dui!

ANCILA

(Sempre gioiosa) Sbagghiastivu!

SANTU

No! Non mi diciti ca su…

ANCILINA

(Contentissima, fa il gesto con la mano). Tri!!!

SANTU

(Alla moglie) Ma taliàti a st’avutra! (Alla comare) E aviti u curaggiu di essiri puru cuntenta. Ma picchì non v’attaccati ‘na petra o coddu e vi jittati ‘nto funnu di mari, vui cu tuttu a vostru maritu! E chi è cuntenta chi ‘nn’aspetta tri! (Angela rimane stupita a guardare) A prima cosa c’aviti di fari, ora, u sapiti qual è?

ANCILINA

Di jilli a battiari, certu!

SANTU

Chissu dopu! A prima cosa c’aviti di fari è: (Ancilina, sbalordita, guarda la comare) o pigghiati e ci a tagghiati o cumpari, o si nno, vui, ‘nta ddu postu vi ci mittiti un beddu tappu. Ca comu faciti ora a crisciri sti nuccenti cu sta crisi ca c’è!

ANCILINA

(Continua a non capire) Cumpari, ma èsicuru ca parrati cu mia?

SANTU

No, cu me soru a monaca parru!

ANCILINA

Cu cui? Ah, aviti puru ‘na soru monaca? U sapiti chi no sapìa! Comu vui pridicati mali di parrina, e aviti ‘na soru monaca! E’ propriu veru: unu non s’havi a fari mai meravigghia di nuddu!

SANTU

Ma chi capistivu! E’ un modu di diri. A sta ura non m’avissi affucatu appinnutu ‘nta ‘na trava, si me soru era monaca!

SABBEDDA

Ancora picca ammanca e ti ffuchi!

ANCILINA

(Non capisce) Picchì… pi a soru du cumpari ca è… monaca? 

SABBEDDA

Però, puru vui cummari! Siti così ‘ntrunata chi mancu…

ANCILINA

(Cancella, delusa, il sorriso dalla propria faccia) Ma viditi Signuri chi accoglienza! Comu, ju vinni cca cu tantu amuri e prju, dicennuvi chi spettu d’accattari sti nuccenti, e vuiavutri…

SABBEDDA

Lassatilu perdiri o cumpari a oj, chi è riddulusu, havi sempri a chi diri. I figghi su sempri ‘na gioja, quannu veninu. Certu… tri ‘nta ‘na botta…

ANCILINA

‘Na botta ‘nzoccu, cummari! U vuliti capiri chi pi sta botta, ora mi trasinu tri mila euru, avutru chi!

SABBEDDA

Trimila… chi?

ANCILINA

Tri mila euru. No sapiti chi u guvernu ora duna milli euru a figghiu; sunnu tri…, tirativi i cunta; non veninu tri mia euru?

SANTU

Evviva a cummari! Vi putiti mettiri a fabbricari figghi cu cumpari.

SABBEDDA

Cummari, e vui pinsati chi tri mila euri bastanu a crisciri tri figghi? Comu japri a bucca unu, aviti a ghinchiri tri biberoni; comu ‘ncumincianu a cacari… scusannu a nostra bedda facci, ci vonnu pronti tri pannolini; e non parramu di visti menti ca ci voli ‘na sartoria! Cummari, ssi tri mila euri, vi bastanu di Natali a santu Stefanu, avutru chi!

ANCILINA

A vuliti sapiri ‘na cosa: pari chi mi zziccavu ‘nto nidu d’aceddi di malauguriu. ‘Ntantu, ju e me maritu semu cuntenti chi non vi dicu! Voli diri ca, strata facennu, videmu chiddu ca va sirvennu.

SANTU

E comu, comu i chiamati a tutti tri? Su tutti masculi, o…

ANCILINA

Tri fimmineddi, tri fimmineddi su!

SANTU

Puru! O megghiu jemu!

ANCILIN A

E picchì?

SANTU

Va maritali!

ANCILINA

(Non capisce) Uhm?

SABBEDDA

Vi dissi di lassallu perdiri ‘o cumpari, chi havi u babbiu. (Al marito) Non po’ essiri ca si fannu tutti tri monachi?

SANTU

E allura megghiu schetti!

ANCILINA

Chi diciti cumpari; nun è chi tutti a putemu pinsari comu a vui, chi mali ci fussi si decidissiru di pigghiari i voti e farisi monachi?

SANTU

Cca navutra ci nnè stamatina cu i voti!

ANCILINA

Scusati, allura, si vostru figghiu… dicu, staju facennu ‘n esempiu, (Isabella fa segno alla comare di stare zitta) dicidissi di pigghiari i voti puru iddu, allura, vui, vui chi facissivu? (Isabella continua a fare segni alla comare).

SANTU

(Sospettoso, guarda la moglie) Tu navutra chi vonnu diri ssi signali? Aspetta, aspetta! Non è chi… un mumentu fa… to figghiu… parrava di… chisti, voti?

SABBEDDA

U dissi ju, chi tu a oj non ci si cu a testa. Po’ essiri mai chi u criaturi dicia di pigghiari… ssu geniri di voti e aviri nno stissu tempu ‘na stanguna di fimmina pi zita!

ANCILINA

Ah si, zitu si fici? E cu cui, cu cui?

SANTU

Ah, m’havia parsu stranu ca me figghiu pinsava di farisi parrinu!

ANCILINA

E chi è si vostru figghiu dicidissi di farisi preti? E’ forsi disonuri?

SANTU

Peggiu, peggiu cummari!

ANCILINA

Cumpari, a oj mi pariti un pocu assatanatu. U sapiti chi fazzu, vistu chi l’aria non è tantu bona, mi nni tornu pa casa; voli diri chi vegnu nautru jornu pi parrari cu a cummari.

SABBEDDA

Parrati, parrati cummari e dicitimi quali è u mutivu da vostra visita; faciti cuntu comu si u cumpari non ci fussi.

ANCILINA

Veramenti ju havia di parrarivi di cosi… (guarda il compare, imbarazzata).

SANTU

Amu caputu, aspittati ca mi nni nesciu; servi ca vi lassu cchiù libbiri di cuntarivi li sigreti di vuiavutri fimmini. (Alla moglie) Anzi, sai chi fazzu, ‘nn’apprufittu pi turnari a banca, cu sapi si accucchiaru i sordi pi scanciarimi l’assegnu. Vi salutu cummari e… auguri ancora pi vui e u cumpari, pi stu… trimellaggiu (esce).

ANCILINA

Chi dissi, trimellaggiu? Certu ca stranu è u cumpari. Ma chi havi? Pari muzzicatu da tarantula ballarina comu si parra di parrina.

SABBEDDA

(Dispiaciuta va a guardare se il marito si fosse allontanato) Eh, si iddu sapissi… mancu u vogghiu pinsari, cummari.

ANCILINA

Di ‘nzoccu stati parrannu? (Isabella indica con la testa suo figlio che studia) No! Non cridu! (Giovanni esce per l’altra stanza) Nun è chi vostru figghiu… si voli… fari pi daveru… parrinu, pi casu? (Isabella abbassa la testa e Angela capisce) E comu, non dicistivu chi era zitu?

 

SABBEDDA

Di essiri zitu è zitu; ma… cu Signuri.

ANCILINA

(Fraintende) Cu un signuri… masculu? Allura chi voli diri chi vostru figghiu bucca di lautra menza? Cioè chi è… (Come fosse gay).

SABBEDDA

E… chi? Ma di unni vi veninu certi nisciuti!

ANCILINA

Scusati, non dicistivu chi è zitu cu un masculu?

SABBEDDA

Cu nostru Signuri, (indicando in cielo) cu nostru Signuri è zitu, cummari!

ANCILINA

(Facendo segno col dito verso l’alto) Ah, cu…

SABBEDDA

E dici chi voli pigghiari i voti.

ANCILINA

No!

SABBEDDA

Si, ‘nveci! E comu fazzu, comu fazzu a fariccillu trasiri ‘nta testa ‘o cumpari! No vidistivu chiddu ca cummina, sulu comu senti parrari di monachi e parrina! Diu mi nni scanza e libira, un corpu ci pigghia!

ANCILINA

E no putiti attruvari u rimeddiu, ‘na soluzioni? Si ddu picciottu havi ssa vucazioni… (Pensa un po’, poi ha una trovata) Non ci putiti ‘mbrugghiari ‘o cumpari, ad esempiu, chi vostru figghiu havi di studiari ‘na materia chi cca non c’è, e havi bisognu di studialla a Milanu, o ‘nta nautra città di l’arta Italia? Così u picciottu sta luntanu di vuiavutri e po’ fari chiddu ca voli.

SABBEDDA

Certu, ‘na bedda pinsata fussi; ma comu facemu a mannallu o Nord a studiari? Sunnu grandi città, ci vonnu un mari di soldi; e poi…

ANCILINA

E poi chi? Si vostru figghiu si voli fari pi davveru preti, cu sta crisi di vocazioni ca hannu i giovani a ‘ntraprendiri ssa strata, su pigghianu subitu ‘nto colleggiu e a spisi macari di l’Istitutu stissu! Vui basta ca scriviti ‘nna unu di sti Istituti riliggiosi, e ‘n tempu ca vu dicu è dda ghintra. O cumpari ci ‘mbrugghiati ca vostru figghiu vinciu ‘na borsa di studiu e ca ci servi pi mantinirisi a scola, e u restu è fatta.

SABBEDDA

E ju, a me figghiu, non l’avissi avvidiri cchiù pi tantu tempu?

ANCILINA

Cummari, sapiti comu si dici: pi ‘n amuri milli peni.

SABBEDDA

E dopu, quannu poi u cumpari u veni scopri… picchì sapillu havi, prima o dopu, chi ci dicu, ca ju non nni sapia nenti? E non si scatina ‘na quarta guerra mondiali! U pizzuddu cchiù grossu di mia, u farà tantu (Facendo il gesto con le dita di una cosa piccola).

ANCILINA

Eeeh, ca stati facennu tragica! ‘Na cosa a vota, ‘na cosa a vota, cummari. E poi, vistu ca vostru figghiu è luntanu, e già s’ha fattu puru parrinu, mu vuliti diri chi po’ fari cchiù u cumpari?

SABBEDDA

Così… diciti?

ANCILINA

Certu. Però… avanti ca faciti stu passu, mittitivimi prima d’accordu cu vostru figghiu.

SABBEDDA

Ah, certu, cu iddu prima haju di parrari. Però vui, cummari, mi raccumannu non nni faciti parola cu nuddu e non ci faciti capiri nenti, specie ‘o cumpari, di tuttu chistu!

ANCILINA

Chi diciti, cummari! Avissi a veniri a sapiri ca ju vi fici a ruffiana; mi ‘nza ma Diu! Mi nni pozzu scappari di stu paisi! Ora u sapiti picchì havia vinutu?

SABBEDDA

Si, si, forsi è megghiu parrari di chistu, prima ca torna iddu.

ANCILINA

Siccomu sacciu… (guardinga, va a vedere se rientra Santo) chi vostru maritu, di chiesa nni mancia picca…, anzi nenti propriu, prifirisciu prima dillu a vui senza ca iddu nni sapi nenti, e vinni pi dirivi si mi battiassivu sti tri nuccenti ca mi stannu arrivannu; ci teni tantu me maritu, chi fussivu vuiavutri a farici di patrozzu e matrozza.

SABBEDDA

Cummari, ju piaciri ci pozzu pruvari a fari di matrozza a sti nuccenti; u problema iddu è, u cumpari, purtallu a chiesa! Mancu cu ‘na pala meccanica u ridducissimu! Havi di poi ca nni maritamu chi non metti cchiù pedi a chiesa; e cchiù tempu passa, peggiu è! No viditi, chi comu senti tonachi, i budedda si ci ‘ntruscianu tutti. Dici ca è pi iddi, pi parrina, ca non voli andari cchiù a chiesa. Chistu havi bisognu sicuramenti di n’esorcismu! (Si sente Santo che canta una canzone di sinistra).

SANTU V.F. SCENA

Compagni, siamo un gran partito, noi siamo dei lavoratori…

SABBEDDA

Cca è u cantanti! Sulu chista sapi di canzuna, e certi voti a canta puru di notti; attrovacci chi si ‘nzonna…

ANCILINA

U sapiti chi ‘na canusciu sta canzuna! Vinciu pi casu u festival di Sanremu?

SABBEDDA

Cummari, propriu sta canzuna cu i santi non ci havi nenti a chi spartiri; (preoccupata) e ora canciamu, canciamu discursu prima ca trasi!

SANTU

(Entra contando i soldi) Giusti, giusti su. (Alla comare) Cummari, vui ancora cca? Non aviti finutu ancora di cuntarivi… i pila?

ANCILINA

(Risentita) U sapiti chi siti un pocu rraggiatizzu! E menu mali ca vi misiru Santu di nomu! (Alla comare) Mi nni vaju cummari, voli diri chi pi stu discursu fazzu passari ‘na picca di tempu e nni torna a parramu dopu. Vi salutu cumpari, e… ogni tantu, pi stari cchiù friscu, mittitivillu u culu ammoddu (esce).

SANTU

Vui, non vi scurdati chiuttostu di mittirivi u tappu a ddu postu!

SABBEDDA

Vidisti ca tu scanciaru l’assegnu; c’era mutivu d’aggitariti! Tu, jennu avanti così, i pinni ci lassi; ma comu l’ha capiri chi a vita s’havi a pigghiari cu a carma? Comu l’ha capiri (guardando verso la stanza da dov’è uscito Giovanni) chi ognunu di nuautri, da so vita, ‘nn’havi a fari e sfari tuttu chiddu ca voli? Comu l’ha capiri…

SANTU

Oh!!! E chi è tutti sti predichi e missi cantati? Chi fu, chi successi cu tuttu stu: l’ha capiri? A vita! Ma di quali vita parri, da mia, o… da tua?

SABBEDDA

Non parru, né da mia e né mancu da tua; è di chidda di to figghiu ca parru.

SANTU

(Scatta allarmato) Di me figghiu? Nautra ora! E chi ci capitò, parra! Comu, no lassavu dintra! Chi fici, nisciju e…

SABBEDDA

E carmati, carmati, un fuareddu pari! Non ha, né niscitu e né mancu trasutu; è dda banna ‘nna so stanza tuttu avvilutu, chi si pinìa tuttu…

SANTU

Chi è, nautra vota ‘ncuminciamu cu i quiz? Si po’ sapiri chi havi, cu tutti sti misteri? I voti, a zita…

SABBEDDA

Havi, (cercando d’imbrogliarlo) chi… vinciu ‘na borsa di studiu e…

SANTU

(Sbalordito e gioioso nello stesso tempo) ‘Nzoccu? ‘Na borsa di… studiu? E quantu, quantu ci desiru di sordi, assai, assai su?

SABBEDDA

Non ‘ncuminciari cu fariti i cunta, chi chissi non su sordi pi nui; servinu pi jiddu chi havi di jiri a Milanu… così mi parsi di capiri, picchì a materia chi havi di purtari avanti è sulu dda ca a po’ jiri a studiari.

SANTU

Aaah! Vo vidiri allura chi è pi chissu, ca un mumentu fa era così cunfusu e non sapìa di unni ‘ncuminciari a parrari! Certu, macari ci parìa mali diri c’havia di jiri a Milanu.

SABBEDDA

E certu! Ci parìa mali o criaturi, e non sapìa di unni ‘ncuminciari.

SANTU

Allura u discursu di voti, era chi sicuramenti mi vulia diri ca foru così avuti di vinciri a borsa di studiu!

SABBEDDA

Oh, finarmenti, ci arrivò! E ora… siccomu a borsa di studiu è vincolata pi jiri a studiari a materia ‘nta nautra città, ci pari mali a diriti ca havi di jiri al continente… così mi pari ca dissi, Milanu. U capisti ora, tuttu l’intrippu?

SANTU

Chissu era! Nenti di menu! Mancu s’havia di dirimi ca vulia fari u parrinu! Si è pu so beni, pi mia po’ fari chiddu ca voli; no dicisti puru tu chi ognunu, da propria vita, nni po’ fari e sfari chiddu ca voli? E unni è, chiamalu ca ciù dicu ju, chi a mia…

SABBEDDA

(Preoccupata) No, no! Ora no, lassa perdiri, chi per ora è megghju lassari stari, picchì… (entra Giovanni pensieroso).

GIOVANNI

(A suo padre, deciso) Niente, ho deciso, ti dirò tutto! Papà, io…

SANTU

(Interrompendolo) Non ha bisognu di dirimi cchiù nenti; to matri mi cuntò unu di tuttu, pi filu e pi signu; e poi… c’era bisognu d’ammucciarimi sti beddi notizii!

GIOVANNI

(Non capisce e guarda sua madre) Ma… è sicuro che ha capito bene?

SANTU

Certu ca capivu, e anzi ti dicu di cchiù, ju piaciri ci pozzu pruvari a sentiri sti nutizii!

GIOVANNI

Davvero dici? (Va a inginocchiarsi sotto il quadro della Madonna) Grazie, grazie madonna mia, d’ora in poi sarò il tuo umile servitore (Santo guarda sbalordito sua moglie).

SANTU

(Preoccupato, gli si avvicina) Senti ‘na cosa figghiu miu, ma si sicuru di sintiriti bonu? Dicu… è sicuru ca u studiu non ti desi a testa e ora ‘ncuminci cu dari i numira.

GIOVANNI

Grazie, grazie papà, non trovo le parole giuste per esprimere la mia gioia. Sono certo che sarai molto fiero della mia scelta, e… chissà se non riuscirò finalmente a portarti in chiesa (Giovanni rimane a pregare la Madonna).

SANTU

(Non capisce) Unni? Allura giustu pinsavu; haju ‘na strana ‘mprissioni chi tu già partisti (nel senso di pazzia) ancora prima di partiri. (Alla moglie in disparte) Senti ‘na cosa, ma è davveru sicuru chi a chistu, cu troppu studiari, non ci funnju u cidiveddu d’un tuttu e havi bisognu di ‘na bona messa a puntu? Chi è stu discursu di priari e purtarimi a chiesa?

SABBEDDA

Certi mumenti, mi pari un pezzu di pisci stoccu ammoddu a salamoria. E accussì difficili capiri chi… dopu ca si lauria… s’intenni, ti vulissi purtari a chiesa pi quantu si marita! Non mi diri chi quannu si sposa, tu…

SANTU

Ju! Ju chi? Pi mia po’ cunviviri a vita! (Giovanni si alza avvicinandosi ai genitori).

GIOVANNI

Grazie, grazie ancora papà.

SANTU

E cuntinua cu sti ringraziamenti! E… dimmi ‘na cosa, quennu è ca pensi…

GIOVANNI

(L’interrompe fraintendendo) D’intraprendere questo viaggio, dici?

SANTU

Beh, ‘nsomma…, dicemu puru accussì.

GIOVANNI

Pure domani sarei pronto.

SANTU

Dumani! Allura voli diri ca s’hannu a priparari i valiggi prima ca scura!

SABBEDDA

Picchì, ca luci addumata non si ponnu priparari u stissu?

GIOVANNI

(Giovanni non capisce) Ehm! Preparare… cosa?

SABBEDDA

Nenti, non ti ci appricari, to patri è jattu priscialòru; dici sempri no, ma non appena si cunvinci… (A Santo) Carma, carma ca nuddu sta scappanu!

GIOVANNI

(Più confuso che persuaso) Mamma, io…

SANTU

(Al figlio, ironizzando) Dimmi ‘na cosa, figghiu miu, non è però ca comu torni di dda supra t’avissi a sentiri parrari cu “né?” (Parola che spesso ripetono i milanesi).

GIOVANNI

(A sua madre in disparte) Ma mamma, non capisco! Cosa gli è preso a papà? Sembra… (facendo con la mano segno di follia).

SABBEDDA

E cu sapi. Figghiu miu; certi mumenti u cidiveddu, pa gioia, o pi qualsiasi emozioni, si nni po’ puru jiri a spassu; ma poi ci torna, eh si ci torna! Havi a fari u sinnacu dici! Tu sai chi fai, accuntentalu a tuttu chiddu ca dici, chi dopu, ammucciuni, haju di dariti ‘na bedda nutizia.

GIOVANNI

Così dici?

SABBEDDA

E certu, tantu chi ti custa lassallu cuntentu.

SANTU

Chi è, c’aviti tutti dui?

SABBEDDA

Sai chi fai, vistu ca l’assegnu tu scanciaru, arriva a pigghiari un pocu di spisa, chi dintra non c’è cchiù nenti di chi manciari. Fatti dari puru ‘na para di bistecchi ca ci frju a Giovanni pi dumani supra u trenu.

GIOVANNI

Sopra… che?

SABBEDDA

Ah, ma allura duru si! Comu rristamu?

GIOVANNI

(Confuso, cerca di stare al gioco) E già sul treno, vero!

SANTU

Si, forsi è a megghiu cosa, e… vistu ca sugnu ‘n sordi, pigghiu puru un pocu di carni… ficatu nenti, picchì tantu, mu fati manciari tutti i jorna a mia! (Alludendo alla bile che fa durante la giornata).

SABBEDDA

Tu si ca tu vo manciari!

SANTU

Si, si, raggiuni hai; forsi è megghiu ca vaju!

SABBEDDA

Sempri chi si lamenta è! (In modo che Giovanni non senta) Ah si sapissi chiddu ca t’aspetta!

GIOVANNI

Mamma, non è che… questa specie di complotto fa parte della bella notizia?

SABBEDDA

(Va a guardare se Santo è già lontano) Propriu accussì, fa parti du pacchettu promozionali.

GIIOVANNI

Che sarebbe…?

SABBEDDA

E’, ca vincisti ‘na borsa di studiu, e a jiri a finiri di studiari a Milanu.

GIOVANNI

(Sbalordito) Io? Ho vinto una borsa… Dì, mamma, non è che anche tu, adesso…

SABBEDDA

Vo, o no, fari u parrinu?

GIOVANNI

Certo che voglio! Lo vuole anche papà!

SABBEDDA

Si, si, ammucca mmommu! Si to patri sapissi ‘na cosa di chista, ‘nna carni nni ci mittissi l’arsenicu!

GIOVANNI

Come, lui ha detto di essere contento che prenda i voti!

SABBEDDA

Cuntentu, si! Senti chi fai ora, comu torna to patri; tu… dicci ca hai di jiri a studiari a Milanu e…

GIOVANNI

(Sbalordito) Milano! Non se ne parla proprio! No, no, no, no, no!!!

SABBEDDA

Si, si, si si, si!!! Pi tu fari u parrinu, to patri non t’havi a sapiri cca; così tu finisci di fari chiddu ca vo, e poi…

GIOVANNI

E allora facciamo così: dirò di dovere andare a Milano, mentre io invece… (Escono mentre lei gli va spiegando il da farsi senza che suo padre sappia niente).

FINE PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

 (Scena come la precedente. E’ passato qualche anno. Isabella intenta a impastare un po’ di farina).

SABBEDDA

(Con tanta tenerezza) Cu sapi chi fa ddu figghittu dda supra, sulu, ‘nna dda granni città.

SANTU

Capaci ca su mancianu! E zittuti locca, ti pari chi è ancora carusu. Sicuramenti non vidu l’ura ca si lauria, così po si sposa e nni riala un beddu picciriddu!

SABBEDDA

(Allusiva) Campa cavaddu!

SANTU

Chi senti diri?

SABBEDDA

Sentu diri chi ssi sempri jattu priscialòru. U tempu ci voli a tutti cosi.

SANTU

E comu, non si lauria dumani!

SABBEDDA

Si, dumani.

SANTU

E allura?

SABBEDDA

E si figghi… no nni po’ aviri u criaturi, chi fa s’ammazza?

SANTU

Dicu ju, è mai possibili chi quannu parramu di to figghiu, è comu si parrassimu di misteri di notre dam? Prima ca capisciu ‘na parola di chiddu ca vo diri, quasi quasi rischiu mi nesci o cidiveddu di fora. Ci su sempri ‘mpidimenti. Già non po’ aviri figghi, s’ammazza…

SABBEDDA

Chi c’è di mistiriusu si ti dissi chi non putissi aviri figghi? ‘Ntantu s’havi di essiri ‘n dui pì avilli.

SANTU

Comu ‘n dui! Si a prima tu, dicisti chi è zitu cu ‘na bedda figghiola!

SABBEDDA

Ora cchiù! Havi di poi ca si ‘nn’andò a Milanu chi si lassaru!

SANTU

Si lassaru! E chi fa, ti sfilavi a bucca a dirimillu, o pensi ca ti putianu nesciri i morroidi! I cosi le veniri a sapiri sempri all’urtimu. E ju ca pinsava… Si ma non cridu ca iddu non sa truvau già nautra; e cu sapi a porta di dda na stanguna di fimmina. Dda su beddi javuti chi parinu modelli! Po’ essiri ca nni fa ‘na bedda sorpresa!

SABBEDDA

A tia, è sicuru ca ta fa! (Cerca di riprendersi, mentre lui la guardava stupito) No, nenti… vulia diri ca ti fa ‘na sorpresa nel senzu ca veni… parrannu cu l’accentu milanisi: né di cca e né di dda!

SANTU

Chiddu ca non capisciu è comu mai non ha rrivatu mai ‘na litra, ‘na cartolina…

SABBEDDA

Ancora a littra va pinsannu, e a cartollina! Oramai ci sunnu i telefonini, i compiuters chi mannanu le mele… (email).

SANTU

Si, i banani mannanu! Si dici l’emails (errori voluti). Sai chi facemu, unu di sti jorna ccattamu u compiuter, e servi ca nni videmu quannu parramu, così fannu ‘na pocu, cu sti cosi moderni, si mettinu davanti o compiuter e si guardanu mentri parranu. Voli diri chi nni facemu fari ‘na bedda panoramica da zona unni abita e servi ca canuscemu puru l’Istitutu unni si trova a Milanu …

SABBEDDA

E macari si a zona è bella u jemu a truvari!

SANTU

Bonu fussi, ci a facissimu nuiautri a sorpresa!

SABBEDDA

E vidi tu chi sorpresa!

SANTU

(Si finisce di vestire per andare allo scrutinio elettorale) Ah, senti, m’haju scurdatu a diriti ‘na cosa; tempu fa mi truvai a jiri a sedi du partitu a Palermu, sai chi visti o ‘n giuvini chi simigghiava a nostru figghiu? Precisu, ‘na goccia d’acqua! Sulu chi chistu era vistutu cu a tonaca di parrinu; pi chissu no chiamavu; e poi nostru figghiu è a Milanu dissi!

SABBEDDA

E certu! Cu ti porta a pinsari chissu! Si ognunu c’assumigghia a tia, mi l’avissi a purtari dintra, vidi tu chi affari ca facissi! Sicuramenti era quarcunu seminarista chi ci assumigghiava.

SANTU

Però… sai chi successi? Chi comu ju jivu pi guardallu, iddu si girò subitu di l’autra menza! E’ possibili?

SABBEDDA

E’ possibili, nun è possibili! E ‘nsisti puru! Sicuramenti era unu chi ci sumigghiava ti dissi.

SANTU

Così dici?

SABBEDDA

Ancora cuntinui!

SANTU

Si, si certu, forsi ha raggiuni; e poi chi ci trasi nostru figghiu si chiddu è a Milanu; anzi, a discursu, non è a oj c’avissi a veniri?

SABBEDDA

Tu scurdasti già, chi a mumentu rriva u trenu?

SANTU

A tia! Mi l’avia jittatu d’arreri u cozzu! E ora, comu fazzu? M’avissi piaciutu jiri a stazioni a pigghiallu, ma cu stu discursu du sfogghiu elettorali…

SABBEDDA

A curriera, a curriera mi dissi ca pigghia; già nni ‘ntisimu pi telefunu. No vidi chi ci staju priparannu u manciari ca piaci a iddu!

SANTU

Spiramu chi vegnu elettu, così facemu festa granni: ju diventu sinnacu, e dumani nostru figghiu diventa… (preoccupato) aspetta, aspetta; unni è ca si lauria dumani?

SABBEDDA

Unni, comu unni! A Palermu! Ha studiatu a Milanu e dumani si lauria a Palermu.

SANTU

Chi si lauria a Palermu u sacciu, o pensi ca sugnu rimbambinutu? Ju ti dicia unni, nel sensu di ‘nzoccu si lauria.

SABBEDDA

Ah, picchì no sa tu? Non ti l’haju dittu ancora?

SANTU

Si è pi chissu mancu iddu mi l’ha dittu, ddi voti ca nni sintemu pi telefunu; è possibili, dicu ju, ca i cosi le sapiri sempri all’urtimu.

SABEDDA

Certi voti è megghiu, sapilli all’ultimu i cosi. Si lauria… aspetta, aspetta, comu dissi ca si chiama?  Mi pari… eologia, si così si chiama, eologia.

SANTU

(Non capisce) Unni… chi cosa?

SABBEDDA

(Sillabato) E-o-lo-gia. Capisti ora?

SANTU

E chi è ‘na materia nova chista? E-o-lo…gia… Vo vidiri chi… siccomu Eolo voli diri Dio del vento, è signu chi me figghiu diventa Ingegnere Elettronicu; cioè chiddu ca diriggi l’istallazioni di pali eolichi, chiddi ca si vidinu nne pizzi di muntagni ca giranu, giranu…

SABBEDDA

Eh, avogghia si giranu!!! E comu!!!!!

SANTU

Certu, si c’è ventu!

SABBEDDA

(Alludendo sempre ad altro) Ti dicu chi macari senza ventu giranu!

SANTU

(Non capisce) Così dici iddu? Sarà, ma ju non ci cridu tantu sai; comu fannu a girari si non c’è ventu?

SABBEDDA

(Allusiva) Cridici, cridici ‘nveci!

SANTU

Allura… (facendo con la mano segno di girare).

SABBEDDA

Di cchiù, (facendo segno di girare più forte) di cchiù!

SANTU

Sai chi non capivu bonu.

SABBEDDA

U capirai quantu prima.

SANTU

Avi ‘na pocu di tempu chi quannu parramu di to figghiu, mi veni difficili acchiappari chiddu ca vo diri; o si tu ca non ti spiega bona, o è signu ca ju misi a perdiri corpa. Va beh, ju vaju, si nno ‘o seggiu rrivu quannu già hannu finutu u sfogghiu (esce).

SABBEDDA

(Implorando l’altissimo) Signuri, faciti ‘n modu chi me maritu acchiana a sinnacu e non veni a sapiri chi so figghiu, dumani, pigghia i voti. Ma poi, viditi chi cosa: oggi c’è u scrutiniu di vutazioni a sinnacu, e dumani u criaturi diventa parrinu. Signuruzzu, sulu vui mi putiti ajutari a sciogghiri stu ruppu (bussano). E cu è ora? (Va ad aprire) Vui (la comare) cummari?

ANCILI NA

Chi è, non vi piaciu? O aspittavavu quarcunu ‘mpurtanti? Comu finiu cu risultatu di voti, cchiana, o no u cumpari? Chi mi parsi stranu! Mu visti passari pi davanti e mancu mi salutò! Non mi vitti propria! Facìa cu a manu così (facendo il verso dell’elica che gira); cummari, non è chi ‘o cumpari, cu st’acchianata a sinnacu… (facendo il verso d’aver fuso il cervello) e vui ora spiitavavu u dutturi pi quantu u cuntrullava?

SABBEDDA

Ju, si propriu è essiri sincera, spittava chi rrivava un ancilu e mi dicia: <<Sabbedda, rilassati chi è tuttu appostu>>.

ANCILINA

Raggiuni aviti a diri chissu; certu, pi vui chisti su du jorna di ‘nfernu: a oj, u pinseri si vostru maritu cchiana a sinnacu, e dumani chiddu di vostru figghiu ca s’havi a urdinari preti… così mi pari ca si dici, urdinari, veru cummari?

SABBEDDA

Si, si così si dici, urdinari, anchi si ju mi urdinassi un beddu ricoviru o manicomiu. Pi oj sugnu cuntenta si me maritu veni elettu, ma no tantu pu fattu ca diventa sinnacu; ma quantu pu vidiri tranquillu e sudisfattu, pinsannu ca dumani nni spetta ‘na jurnàta… chi mancu ju sacciu comu… vui mi capiti, veru cummari?

ANCILINA

E comu si vi capisciu! Certu nun mi vulissi attruvari nne vostri robbi; criditimi, non sapissi propriu di unni ‘ncuminciari, pinsannu a me figghiu chi havi di pigghiari i voti e… sapiri chi poi… ‘ncumincia… u viva Maria! E ora, chi stati facennu, ‘mpastati pi sfugarivi?

SABBEDDA

A oj, pi mia e jornu di festa; haju dintra a me figghiu a manciari, e siccomu ‘o siminariu, certi cosi ca ci cucinava ju, un i fannu, ci vogghiu priparari ju comu facìa ‘na vota. Furtuna, cummari, ca ‘nna tuttu stu tempu u cumpari non ha caputu chi è a Palermu a studiari, si nno attrova chiddu c’avissi successu! Ma… picca ci mancò ca u scupria. Mi dissi un mumentu fa chi tempu arreri, mentri ca jiva a sedi du partitu a Palermu, vitti a unu ca sumigghiava a so figghiu, e no chiamò picchì era vistutu cu a tonaca. U capistivu? Picchì era vistutu cu a tonaca! Picchì jddu è cunvintu ca mai so figghiu s’avissi fattu preti! U capistivu cummari nna chi situazioni mi trovu ju?

ANCILINA

E bonu, cummari; oramai si ficiru i ficu! C’è sulu oggi e dumani. E’ tempu persu ca vi manciati ancora u cidiveddu; u grossu già passau. Vu ‘mmagginati ‘nveci si vostru figghiu, divintassi cardinali? Bellu sarìa aviri un cardinali ‘n famighia!

SABBEDDA

Ju dicu, ca me maritu, da gioja manciassi cchiossà! (Quasi a rimprovero) Cummari, videmu cchiuttostu comu supira a prima prova dumani u cumpari.

ANCILINA

Però chiddu ca non capisciu du cumpari è ca: di un latu non po’ vidiri e parrina, mentri… di l’autru latu, ci piaci chi patri Vicenzu u sta jutannu a essiri elettu.

SABBEDDA

Chissu è veru, ‘ncuscenza, puru a mia patri Vicenzu mu dissi l’autru jornu ca mi truvavu a missa: “Sabbedda, figghia, nun è picchì to maritu è un pocu leggiu di testa versu i parrina, ju non l’aiutu! Picchì… iddu, dici, di essiri luntanu di Diu! Ma pi chiddu ca fa è assaiuni cchiù vicinu a Diu di tanti avutri ca si battinu u pettu da matina a sira! E ju mi sentu d’aiutallu a cchianari a sinnacu”.

ANCILINA

E allura picchì non circati di farivi dari ‘na manu du parrinu, vistu ca cu cumpari…

SABBEDDA

Cummari, o vui non capiti, o siti ‘nchiollara d’un tuttu. U problema non è patri Vicenzu, è me maritu chi non si voli junciri cu iddu; u capistivu o ancora no ca cu i parrina non ci voli aviri a chi fari!

ANCILA

Così diciti? Ju dicu di no! E allura picchì si sta facennu jutari ‘nna campagna elettorali? Certi voti pridicamu ciciri e poi finisci ca siminamu favi. Quantu voti dicemu: chiddu non vali, chidd’autru non servi… però poi, a menti sirena u capemu quali è chiddu ca vali e chiddu ca servi veramenti. Macari iddu si ‘mpuntò ca i parrina non valinu, ma i parrina sunnu omini comu a tutti l’autri, non sunnu santi, e l’omini non sunnu tutti i stissi. U capistivu ora? Certu, non pinsati chi vostru maritu va unni patri Vicenzu e u ringrazia pi l’aiutu ca ci sta dannu! Però mancu ha dittu di non vuliri u so aiutu.

SABBEDDA

Cu sapi chi forsi non aviti raggiuni a diri chissu. Ma ju chi cosa ci vaju a dicu a patri Vicenzu, chi me maritu non voli ca me figghiu si fa preti? Ju pensu chi già, iddu u sapi chissu.

ANCILA

Ah, ma puru vui allura…! U capivu, vi pari mali a dillu a patri Vicenzu; u sapiti chi fazzu, ora nesciu e vaju ju a parrarici.

SABBEDDA

Diciticcillu ca ju vogghiu ca si fa preti. Anchi si haju di dirivi chi havi un pocu di tempu chi me figghiu mi pari stranu, quasi ca non mi cunfida cchiù nenti, non telefuna cchiù comu prima. Cu sapi si è picchì s’avvicina u jornu di voti e ci pari bruttu deludiri a so patri.

ANCILA

Cummari, non cridu chi è chistu, capaci si va facennu cchiù granni e ci pari mali cunfidarisi cu vui; macari ju, quannu era nica, ci cuntava tuttu a me matri, poi cchiù granni mi facìa, e sempri menu cosi ci cunfidava.

SABBEDDA

Così diciti ca è? Però ju u sentu chi c’è quarchi cosa ca non va.

ANCILINA

Ju vi dicissi di non manciarivi u cidiveddu, chi sicuramenti sarà chiddu ca vi dissi ju; e poi, ora non diciti chi vostru figghiu è a manciari cca, picchì non ciù dumandati. Ora vaju, ‘nno mentri chi u cumpari è ‘o seggiu. E non vi prioccupati chi ‘o parrinu ci cuntu unu di tuttu (si avvia ad uscire). Vi salutu, nni videmu quantu prima (esce).

SABBEDDA

(Preoccupata) Spiramu ca non si ‘mbrogghia st’avutra a cuntarici i cosi o parrinu. (Supplicando rivolta verso l’alto) Signuri, Signuri, giustu a mia sta prova di forza l’aviavu di dari! Aiutatimi vi nni prju; non ci a fazzu cchiù, criditimi. (Bussano e soprassalta) E cu è ora? (Va ad aprire. E’ una zingara). E vui cu siti?

ZINGARA

Sugnu ‘na zingara, e vaju jennu di cca e di dda liggennu lu distinu di tanta genti.

SABBEDDA

‘Na zingara dicistivu? ‘Na bedda figghia comu a vui?

ZINGARA

Sissi; e campu sulu di chissu. Ora (indicandosi la pancia gravida) haju di dari a manciari puru a iddu e… Dicitimi, va pozzu leggiri a manu?

SABBEDDA

E sulu vui mancavavu all’appellu. Chi aviti di leggirimi si già u me distinu è signatu?

ZINGARA

Eh, signura bedda! Semu nuiautri i patruna di lu nostru distinu. Ju vi pozzu sulu diri comu va finisci, e no comu evitari la vostra sorti. Però, alla fini, quarchi cunsigghiu vu pozzu dari. Ora ssittativi e purgitimi a manu.

SABBEDDA

Ju… veramenti… nun haju vogghia di farimi leggiri a manu, picchì già u sacciu quali è u finali da me storia.

ZINGARA

Megghiu si già u sapiti, così putiti ddunarivi si è a virità chiddu ca v’aspetta. (Isabella è un po’ intimorita) E avanti, si ssetta e mi duna ssa manu.

SABBEDDA

E va beni, ssittamunni, basta chi è ‘na cosa veloci, chi unn’è rriva me figghiu e ancora haju tanti cosi di farimi. (Siedono e le porge la mano).

ZINGARA

(Allarmata) Bih, chi trafficu ca c’è cca!!! Ci criditi chi non sacciu di unni ‘ncuminciari! Puru a negghia c’è ca ‘mpidisci a visuali! Sapiti chi facemu, pigghiati un giurnali cu l’autra manu e ciusciati (indicando la mano di lei) cca supra, si nno no nni niscemu cchiù.

SABBEDDA

Sintiti, si capiti chi u trafficu è bloccatu, lassamu perdiri, picchì ju vidissi chi tegnu tanti cosi di fari. (Prende un giornale… possibilmente l’Unità, che si trovava nei pressi, e comincia a soffiare sulla sua mano mentre la zingara è intenta a proseguire la ricerca).

ZINGARA

Ah, ora si! Sciusciati, sciusciati forti chi già ‘ncuminciu a vidiri megghiu. Vidu… vidu… un mari di parrina ca prejanu e un omu ‘ncazzatu e cu bastuni ‘n manu chi assicuta…

SABBEDDA

(Impaurita ritrae la mano) Ju, ju sugnu! A mia assicuta!

ZINGARA

Ma quannu! Chi ci trasiti vui! E’ a un masculu chi assicuta, vui siti fimmina! Datimi, datimi ssa manu, quantu vju bonu.

SABBEDDA

(Terrorizzata, gliela porge) Bedda matri, mi scantu!

ZINGARA

Sciusciati, sciusciati, quantu videmu di unni pigghiau chiddu cu bastuni! E comu fazzu a truvalli, ora, ‘n ‘mmenzu a sti strati e vaneddi. Aspetta, aspetta! Vju ‘na chiazza china di genti e un omu supra un palcu chi parra comu facissi un cumiziu… sulu un parrinu ci batti li manu! L’autri scutanu ‘n silenziu.

SABBEDDA

Allura è signu chi me maritu cchianò a sinnacu, e patri Vicenzu ci batti i manu pa cuntintizza.

ZINGARA

Vju puru, un parrinu ca chianci…

SABBEDDA

E chissu è me figghiu, nuccenti, chianci picchì penza di faricci un tortu a so patri.

ZINGARA

Sintiti, a liggiti vui a manu, o cuntinuu a fallu ju? Arrispunniti: vui figghi aviti?

SABBEDDA

Sissi, sissi, unu ‘nn’haju! E è chiddu ca viditi chianciri, picchì si voli fari parrinu e so patri non voli.

ZINGARA

E vui, vui vuliti?

SABBEDDA

Certu, m’avissi piaciutu chi me figghiu si farìa parrinu, ma non vulissi mancu dispiaciri a me maritu chi voli ca iddu si marita cu ‘na bedda figghiulazza comu a vui e ci dassi un niputeddu, ma sulu chi chistu non po’ essiri, me figghiu dumani pigghia i voti, e ju non sacciu comu dillu a me maritu, chi tra lavutru è puru cuntentu ca sapi chi dumani iddu si lauria. Capiu, ora, picchì haju a manu china di cunfusioni e non sacciu chi fari, di unni ‘ncuminciari…

ZINGARA

Vu dissi; ju un cunsigghiu vi pozzu dari… si vuliti, u rrestu veni sulu. (Prende una bottiglietta con del liquido e gliela porge) Tiniti, è ‘na sustanza di fari ‘mbiviri a vostru figghiu, servi a faricci mancari i senzi pi pochi minuti, u so cori battirà così leggiu di fallu pariri mortu di cent’anni.

SABBEDDA

(Confusa) E chi ci fazzu cu sta buttigghiedda?

ZINGARA

Ora dicistivu ca veni vostru figghiu, e, si viditi chi a vostru maritu non garbizza ca iddu si fa preti, ci dati a ‘mbiviri stu sieru a vostru figghiu, così perdi isensi e vostru maritu ‘ncumincia a prioccuparisi; u rrestu va vinennu sulu. Ju ora mi nni vaju e vi auguru tanta furtuna (si avvia).

SABBEDDA

Aspittati ca vi dugnu quarchi sordu (prende da un casseto dei soldi e glieli da) Tiniti. E… dicitimi, comu vi chiamati?

ZINGARA

Agnese, Agnese è u me nomu. E… chista chi haju ‘nna panza si chiamerà Isabella. Arrivederci e buona fortuna ancora (esce).

SABBEDDA

Chi bedda figghia! E chi bellu nomi chi havi di daricci a so figghitta comu nasci… Isabella. Ma tu guarda, u stissu nomu miu! (Poi, preoccupata, guarda la bottiglietta) E ora, chi ci fazzu cu chista? Quannu dissi chi ci l’haju a dari? Chi confusioni, chi confusioni ca haju ‘nta testa (si sentirà un megafono che scandisce le note dell’internazionale comunista, e un vociare di gente). Allura… chistu è signu chi me maritu cchianò a sinnacu! E chista è a prima. (Bussano). E cu è? Chi forsi è a cummari? (Va ad aprire). Vui, patri Vicenzu! Trasiti, trasiti.

PATRI VICENZU

Paci e beni, Sabbedda. Vidisti chi to maritu divintò sinnacu?

SABBEDDA

E si divintò sinnacu, un grazii ci l’haju a diri ju a vossia pi iddu, chi tantu sugnu sicura chi fussi pi iddu no facissi mai.

PATRI VICENZU

Nun è u ringraziu, cara Sabbedda, chi jinchi di meriti, ma l’aggiri cu onestà e saggizza; e to maritu… po’ diri di essiri macari u cchiù estremista di stu munnu, a la fini è ‘na pirsuna ca ju apprezzu: è coerenti cu chiddu ca pensa, è disponibili cu tutti, u so cori non è u so… ‘nsumma havi tuttu chiddu chi ogni omu avissi aviri. Forsi è un pocu riddulusu, veru è, ma cu di nuautri non havi piccatu; e chissu, piccatu propriu nun è. E’ u fattu chi l’havi cu tutti i parrina ca non è giustu; i parrini semu omini comu a tutti lavutri, ci su chiddi boni e chiddi tinti, anchi i politici: ci sunnu i boni e i tinti, chiddi chi pensanu pa propria sacchetta e chiddi ca pensanu pu populu… certu, chiddi ca pensanu pu populu su i cchiù picca, allura fussimu appostu. E u fattu ca iddu l’havi cu tutti chiddi cu a tonaca comu a mia, tantu chi fa di tuttu pi non parraricci, non ci duna a possibilità di canusciri a chiddi ca pensanu comu a iddu.

SABBEDDA

Comu a iddu dici? Cu, vossia a pensa comu a iddu?

PATRI VICENZU

E certu allura picchì pensi chi u jutavu a cchianari a sinnacu, si ju l’avissi pinzata comu a l’autri di partiti avvirsarii, pensi chi l’avissi fattu? Mancu u votu ci avissi datu!

SABBEDDA

(Scandalizzata) Ma… me maritu è comunista!!!

PATRI VICENZU

E allura? Puru Gesù Cristu era comunista! (Isabella si mette la mano davanti la bocca scandalizzata). Chi è, ti meravigghiasti?

SABBEDDA

Allura Gesù Cristu non era da democrazia cristiana?

PATRI VICENZU

Eh, Sabbedda, Sabbedda, s’avissimu a trasiri ‘nna ssi discursa è sicuru ca no nni niscissimu cchiù! Furtuna ca fineru i tempi di quannu i comunisti si facianu beddi manciati di piccididdi!

SABBEDDA

U sapi chi vossia parra comu a me maritu!

PATRI VICENZU

Ju parru sulu di omu onestu, e cercu di fari chiddu chi pensu sia cchiù giustu. Sai quantu voti mi doli u cori a vidiri certa genti chi veni a chiesa e si ‘nginocchia rischiannu di sfurnarisi u pettu; e poi vidiri dda stissa genti fari i piccati cchiù granni di stu munnu! Pensanu di veniri a chiesa pi truvari Diu e essiri pirdunati di tutti li malaffari ca fannu, e allura cu pensa di truvari Diu ‘nginucchiatu davanti l’artari, cu lassannu limosina, cu nni l’ostia da cumunioni… ‘nzumma, ognunu di chisti ca veni a chiesa havi oramai la so abitudini… pi furtuna, cara Sabbedda, ca ‘mmenzu a chisti ci sunnu chiddi ca veninu veramenti picchì cridinu a Diu; ma… comu i politici, macari iddi sunnu in minoranza, si nno, avissimu avutu un munnu perfettu.

SABBEDDA

Patri Vicenzu, cia pozzu diri ‘na cosa, spirannu ca nun si offenni?

PATRI VICENZU

Si è ditta ‘n bona fedi, haju picca di offenirimi. Parra, chi haj di dirimi?

SABBEDDA

Vossia mi pari un parrinu ateu (ateo). Diu non si trova a chiesa?

PATRI VICENZU

Sabbedda, Diu si trova unni egghiè. E si po’ puru priari a casa, stannu dintra e vicinu e nostri cari, si hannu bisognu! Tu pensi ca chistu ca nui chiamamu è cuntentu quannu sapi chi unu lassa dintra un parenti malatu e parti pà chiesa? A veru prighiera è chidda d’aiutari cu havi di bisognu! D’amari u prossimu! Di dari a cu non havi nenti! Lassali perdiri a chiddi ca ti jinchinu a testa di avutri cosi! (Indicando verso l’alto) Dda supra avemu un grandi occhiu ca nni guarda, e di supra sai quanti cosi ca si vidinu! Tuttu, non sfuggi nenti! Prova a chianari o pianu cchiù avutu e t’adduni di cosi ca di ‘n terra non vidi. Cchiù avutu acchiani e cchiù scopri cosi novi. Tutti sutta cuntrollu semu! E quannu acchianmu dda supra, tuttu sarbatu avemu! E’ inutili ca curamu a parti esteriori di nuiautri: spinnemu, accattamu chistu, accattamu chiddu, i vistiti di marca, nni facemu a casa, i palazzi, u yacht, curamu a linea, a bellezza… A chi servi aviri tutti sti cosi, si poi non avemu cidiveddu? E’ (indicandosi la testa) chistu chi ognunu si scorda di curari, cara Sabbedda! (Si sente arrivare qualcuno).

SABBEDDA

Forsi, rrivò Santu.

PATRI VICENZU

E finiu chi non pottimu parrari di to figghiu. Ancilina mi cuntò unu di tuttu, cosi ca ju sapiva già da tempu, e chi tu gnori. Ora non ti prioccupari chi to maritu… si, fa un pocu di sceneggiata, ma poi sapi chiddu chi è giustu fari, e poi non ti prioccupari chi ju rrestu a fariti cumpagnia. (Entra Santo con la fascia a tracollo).

SANTU

Vossia cca, parrinu! Certu, vinni pi quantu ju a ringraziu di chiddu ca fici pi mia!  

PATRI VICENZU

Tu, pigghi sempri avanti pi non cadiri, ma ricordati ca… certi caduti, servinu pi nni ‘nsignari a caminari megghiu!

SABBEDDA

A chiddu ca vju già si sinnacu! E chi l’avivi ‘nna sacchetta a fascia! (Bussano). E cu è? Po’ japri o… ora ca divintasti sinnacu è jiri ju? (Santo va ad aprire).

SANTU

Oh, vui cummari! Trasiti.

ANCILINA

(Imbarazzata, guarda Isabella, prevedendo una scenata da parte di Santo che stava per chiudere la porta) No, non chiuditi, chi c’è cca… vostru figghiu.

SANTU

Me figghiu! E unni, unni è?

ANCILINA

E’ fora ca parra cu a zà Carmela. (Santo s’affaccia a guardare).

SANTU

Ci criditi chi no vidu; c’è, unu ca sta parrannu cu a zà Carmela, ma è un parrinu.

ANCILA

Cummari priparati l’acqua e u zuccaru (Isabella esce a prendere due bicchieri, uno con acqua e zucchero e uno con dentro quel miscuglio datole dalla zingara).

SANTU

(Ad Angela) Picchì ju a pigghiari l’acqua cu zuccaru, cummari? chi forsi aviti a bucca amara?

PATRI VICENZU

Cuminciò l’opira!

SANTU

(Che non aveva capito quanto detto da padre Vincenzo) Cu mia parra, parrinu? (Rientra Isabella con i due bicchieri che poserà li accanto, pronti ad essere presi).

GIOVANNI

(Entra intimidito, e Santo non lo vede perché rivolto a parlare con padre Vincenzo) Ciao papà.

SANTU

(Si gira e rimane bloccato e sconvolto) Tu!!!!!!!!! (Si gira a guardare gli altri) Allura… vuiavutri eravu cca picchì sapiavu chi iddu… (cade a terra privo di sensi).

ANCILINA

(Scattano tutti accorrono e creando una gran confusione) L’acqua cummari, pigghiati l’acqua!!! (Angela stava prendendo il bicchiere sbagliato) No chissu! L’avutru, pigghiati l’avutru.

SABBEDDA

(Si abbassa cercando di dargli da bere l’acqua implorandolo, mentre la comare soffierà col giornale) Santu, Santu, ripigghiati, non mi lassari!

PATRI VICENZU

Su Sabbedda, non fari così, aspetta quantu videmu (gli tocca il polso e la vena del collo). Il battito è normale; non preoccuparti che a breve si riprenderà.

GIOVANNI

(Disperato) Perché, perché ho creato questo! Io… non volevo…

PATRI VICENZU

Veramente dovrei essere io a dirti queste cose. Che motivo c’era d’arrivare a tanto?

SABBEDDA

(Si riabbassa implorando suo marito) Santu, Santu arrispunni!

SANTU

(Comincia a riprendersi) Unni, unni sugnu? ‘Nzoccu mi successi? Chi botta! Mi ‘nvistiu ‘na machina? (L’aiutano ad alzarsi e lo fanno sedere. Poi, guarda suo figlio e non capisce) E tu… cu si? Comu si vistutu? (Alla moglie) Chi è carnilivari?

GIOVANNI

Papà, no, non è carnevale. Ho deciso di farne ciò che voglio della mia vita; me lo dicesti anche tu, ricordi?

SANTU

(Adirato) Ma ju non pinsava ca tu… ma cumminavi così grossa! (S’imbestialisce ancora di più) Lassatimi, lassatimi!

GIOVANNI

Papà, io…

SABBEDDA

(Lo trattiene assieme alla comare mentre lui vorrebbe liberarsi) E bonu, sta carmu, lassa perdiri, chi to figghiu non ha cumminatu nenti.

SANTU

Nenti! E tu chissu u chiami nenti! Allura tu sapivi tutti cosi?

GIOVANNI

(Finta di sentirsi male) Male, mi sento male, aiutatemi. (Isabella gli da quel miscuglio).

SABBEDDA

Parrinu, ci dassi a biviri d’acqua ca c’è unni l’avutru biccheri, u sapia chi avia di pripararinni dui.

SANTU

(Il prete gli da a bere quel liquido) Allura tu sapivi puru chissu? (Giovanni cade per terra e tutti accorrono su di lui facendo ricadere Santo).

SABBEDDA

Giovanni, Giovanni, figghiu miu, arrispunni!

PATRI VICENZU

(Invita tutti ad allontanarsi perché Giovanni avesse più aria) Su, spostatevi un po! Accussì l’aria ci manca. Aspittati ca controllu puru a iddu (rifà quanto fece con Santo, e poi si preoccupa) Eh, no! Cca a cosa non è bona! U cori non si senti propriu! E ora?

SABBEDDA

Giuvanni, Giuvanni, figghiu miu, rrispunni!

PATRI VICENZU

(A Santo, quasi in tono di rimprovero) Dicu ju, c’era bisognu d’arrivari a tuttu chistu? C’era bisognu di pigghiarivi i pinseri di vostru figghiu, di chiddu ca havi a fari e non havi a fari? Ci voli tantu a capiri chi ognunu è ‘ntestatariu da propria vita e nni po’ fari tuttu chiddu ca voli? Ci voli tantu a capiri chi ognu avissi a pinsari sulu e caddiceddi so, senza pistari chiddi di l’autri? Beni, s’havi a vuliri chiddu giustu, picchì “u suprecchiu, rumpi u cuperchiu!” E stu beni murbusi chi aviti avutu versu vostru figghiu, ora, purtò a chistu! Comu vui vi vantati di fari certi discursa, e ora… Ognunu havi a pinsari a so di vita, si veramenti vulemu ‘nsignari a crisciri i nostri figghi. Ora, a vui non mi vinissi di dirivi: chi ci purtati a fari sta fascia si non rinisciti a capiri sti cosi semplici? Eppuru non è ca vu dicu, picchì vui sciglistivu di fari u sinnacu.

SANTU

Ju… veramenti non sapia d’arrivari a chistu e chi iddu s’havia di sentiri così mali. (Giovanni va rinvenendo).

GIOVANNI

Dove sono? Cosa mi è successo?

SABBEDDA

Cca, cca sugnu figghiu miu! A mumentu passanu tutti cosi.

SANTU

Parrinu, no sacciu comu va finisci sta storia, ma di ‘na cosa sugnu certu, pi mia me figghiu po’ puru fari u parrinu…, cu a furtuna ca vinissi comu a lei.

GIOVANNI

(Mezzo intontito) E… dov’è, dov’è Agnese? E il bambino?

ANCILINA

Oh Madonna, sballò di testa! E cu è st’avutra… il bambino…

PATRI VICENZU

Spiramu chi finarmenti capistivu, prima di mettiri pedi a fari u sinnacu, quali è u veru rolu di patri. (Bussano).

SABBEDDA

E cu è ora? Japriti, cummari (Angela va ada aprire ed entra Agnese vestita senza gli undumenti da zingara). E cu siti vui?

ZINGARA

Mi chiamo Agnese.

SABBEDDA

A zingara!

SANTU

(Alla moglie) Scummetu ca sapivi puru chissu!

ZINGARA

E questa che ho nella pancia è... Isabella.

SANTU

E scummettu chi tu no nni sa mancu nenti. (Poi alla zingara), scusassi, e tuttu chistu chi ci trasi cu nuiautri?

PATRI VICENZU

Ancora non l’aviti caputu, pezzu di babbasuni? E pinsati di fari u sinnacu! Allura pi daveru bonu ‘ncuminciamu!

SABBEDDA

Aspetta, aspetta! (A suo figlio) Non è chi chista è… e tu non si cchiù… Eccu, picchì l’urtimi tempi mi parivi diversu! Allura tu…

GIOVANNI

(Comincia col togliersi la tunica e la darà a padre Vincenzo) Tenga padre, e grazie per avermela prestata. Mamma, papà, io… volevo si fare il prete, ma dopo, quando conobbi Agnese, mi accorsi di non essere più quella la mia strada, però era gia troppo tardi dirvelo, perché avevamo già combinato un altro guaio che pure questo non avresti saputo perdonare: l’arrivo di un figlio a vostra insaputa… Isabella, in questo caso. Ora, se puoi, tu e la mamma, sappi che io e Agnese aspettiamo il permesso di potervi abbracciare e avere il vostro perdono.

SANTU

(Alla moglie che guardava stupita) E scummetu chi tu no nni sapivi mancu nenti di tuttu chistu!

ANCILINA

Chi ghiurnata movimentata!

 PATRI VICENZU

(Ai genitori di Giovanni) A cu spittati abbrazzari a vostru figghiu e vostra nora?

ANCILINA

E macari a picciridda.

SANTU

(I quattro si abbracceranno, e Santo rivolgendosi al pubblico) Di nicu, cumannava me patri; di granni cumannò me figghiu, spiramu ca ora di sinnacu non cumannanu l’assissura. (Rimarranno tutti bloccati, mentre si abbasseranno le luci e, solo il prete davanti al proscenio, narrerà la morale finale. Alla fine rimarra bloccatu pure lui mentre si va chiudendo il sipario).

PATRI VICENZU

Non vi scandalizzati du me parrari,

non è sulu priannu ca nni putemu sarvari.

Vi parru comu onestu omu comuni,

di chiddu ca non fa li cosi ammucciuni.

U parrinu havi a essiri esempiu di vita,

amannu lu prossimu comu l’omu la zita.

Picchì si sgarra e ci sciddica u pedi,

pirdemu a Diu cu tutta la fedi.

Lu patri havi sapiri crisciri i figghi,

non certu sulu cu riali e minzigghi;

è lu dialugu la cosa ‘mpurtanti

si vulemu ca criscinu santi;

ma si servi, custa chiddu ca custa,

s’havi macari a usari la frusta.

E’ l’esempi chi non havi a mancari

E i primi nui l’amu a rispittari.

Cu paci prufessa e guerra cunsigghia,

amari non sapi ne figghiu e ne figghia.

L’omu, chi a sbagghiari è suggettu

è tempu persu, dopu, battirisi u pettu.

E ora, dopu tantu parrari,

un pruverbiu vi vogghiu lassari:

prima di gridari: Signuri mi pentu,

pinsati a cuntari di unu sinu a centu.

SIPARIO

                                                           www.roccochinnici.it

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 20 volte nell' arco di un'anno