Pazzie di Carnevale

Stampa questo copione

PAZZIE DI CARNEVALE

pazzie di carnevale

da Le metamorfosi di Pulcinella, scenario dell’Arte, trascritto da A. Petito

Bizzarria comica in tre atti

Personaggi

D. Alessio

Rosina

D. Camillo

Papele

D.a Virginia

Saverio

Marietta

Biase

Felice

Carmeniello

Giulietta

D. Aniello

Ernesto

Franceschino

Ciccillo

Minicuccio

Rocco

Albertuccio

Onofrio

Peppinuccio

Gilda

Carlino

Bettina

Comparse

ATTO PRIMO

La scena rappresenta una trattoria al nuovo rione del Vasto. Nel fondo grande apertura che lascia vedere la strada — Cinque tavole apparecchiate a quattro posti ognuno. A sinistra in fondo buffet compreso bottiglie di Vermout con acqua e sciroppo — All’alzarsi della tela si troveranno seduti ad una tavola a sinistra Saverio e Biase, e Aniello seduto al contuar.

SCENA PRIMA

Saverio, Biase e Aniello, poi Carmeniello.

SAVERIO (bussando al bicchiere):Ma insomma stu riesto se po’ avé?

BIASE: è mez’ora che stammo aspettanno.

ANIELLO (seduto al Contuar, a destra gridando):Carmeniello, Carmeniello? Aggiate pacienza, tuzzuliate n’ata vota, io non me pozzo movere pecché tengo la podagra.

SAVERIO (gridando e bussando):Cameriere, Cameriere?

CARMENIELLO (con piatto con moneta):Eccovi servito.

SAVERIO: E tanto nce voleva?

CARMENIELLO: Non è colpa mia signore, ho andato a cambiare, e il facchino ha tricato.

SAVERIO: Va bene. Le solite scuse. Jammoncenne jĂ . (Si prende il resto e via con Biase.)

CARMENIELLO: No, la scusa l’avite trovata vuje pe non me regalà manco no soldo.

ANIELLO: Benfatto! Benfatto! Tu lo cammariere non lo saje fĂ . (Startnuta.)

CARMENIELLO: Io non lo voglio fà, quanta vote ve l’aggio da dicere! Simme rimaste che a lo primmo de quaresima me ne vaco, e perciò non ne parlammo cchiù.

ANIELLO: Haje ragione che tengo la podagra e non me pozzo movere da ccà, si mo nò non me risponnarrisse accossì.

CARMENIELLO: Ma pecché, scusate, aggio da servì afforza vuje?

ANIELLO: Se capisce, pe tutte li ragione (starnuta) primme de tutto, t’avarrisse da ricordà che quatt’anne fa stive co lo pizzajuolo sotto porta Sciuscella, io te venette a piglià e te facette fà lo cammarriere de trattoria.

CARMENIELLO: Chesto non vò dicere niente, comme faticava llà fatico ccà.

ANIELLO: E tenive la sciassa ncuollo?

CARMENIELLO: Che me ne mporta a me de la sciassa! Pecché vuje quatt’anne fa teniveve la trattoria? Mò me facite mettere nterra e felicenotte!

ANIELLO: E che miette nterra, che miette nterra? (Starnuta.)

CARMENIELLO: Va buono D. Aniè, non ne parlammo, ogge è l’urdema Dommeneca de Carnevale, e cercammo de non fà chiacchiere. Miercorì, trovateve lo cammeriere pecché io me ne vaco.

ANIELLO: E tu trovete la cammera pecché non te voglio tenere cchiù dinta a la casa mia.

CARMENIELLO: Uh! Va bene, io chesto jeva trovanno! Me la chiamma cammera, no stanzino senz’aria, senza manco no fenestiello.

ANIELLO: E che ghive trovanno pe diece lire a lo mese?

CARMENIELLO: E avite tenuto lo core pure de ve li piglià, si non era pe me, chi v’accompagnava la sera fino a ncoppa?

ANIELLO: E tutta la rrobba che haje rotta, io pecché non me l’aggio fatta pavà?

CARMENIELLO (gridando):QuĂ  rrobba! quĂ  rrobba!

SCENA SECONDA

Papele e detti poi Carmeniello di nuovo.

PAPELE (esce, e guarda intorno):Non è venuta ancora, ma poco potarrà tricà. (Siede.)

ANIELLO: Sta tutte cose scritto, senza che allucche! (Starnuta.) Na zuppiera de porcellana, quatte bicchiere e otto piatte.

CARMENIELLO: QuĂ  zuppiera, quĂ  otto piatte?...

PAPELE: Cameriè?...

CARMENIELLO: La zuppiera era sengata, li piatte, quatte li rumpette lo cuoco, e po’ chelle sò disgrazie che succedono a tutte li locale. No compagno mio a la strada de lo Duomo, rumpette no servizio de tazze nuovo nuovo, e lo patrone non nce la facette pavà, sulo ccà dinto se vedene sti pirchiarie...

PAPELE: Cameriè?...

ANIELLO: Ogne locale tene l’use suoje... pirchiarie, e non pirchiarie mò me staje seccanno bastantamente sà Carmeniè, fa lo dovere tujo si no nce ncuitammo.

CARMENIELLO: Io lo dovere mio lo saccio, e lo faccio, ogge, dimane, e Martedì, pecché vuje non sapite conoscere la gente.

ANIELLO: No, tu non saje conoscere lì bone azione! Voglio vedé silo truove n’auto locale come a chisto!

CARMENIELLO: E io voglio vedé chi v’accompagna la sera fino all’ultimo piano.

ANIELLO: (Haje ragione... aggio da tenere afforza prudenza, mannaggia la podagra!). Pe na cosa de niente s’hanno da fà tanta chiacchiere. Viene ccà, non ne parlammo cchiù, facimmo chello che avimmo da fà. Vivete no bicchiere de Marsala.

CARMENIELLO: Nonsignore, ve ringrazio.

ANIELLO: Viene ccà t’aggio ditto, vive!

CARMENIELLO: Ma pecché, lassate stà.

ANIELLO: Voglio accossì, o me faje nfucà mò! (Carm. beve e beve un bicchiere anche lui.) Tu lo ssaje, io te voglio bene comme a no figlio, ma cierti bote me faje piglià collera.

CARMENIELLO: Vuje n’auto comme a me non lo trovate.

ANIELLO: Va buono, femimmola mò, non ne parlammo cchiù.

PAPELE: Sapete? Vuje po’ quanno avite fatto me lo dicite?

CARMENIELLO: Signore, scusate.

PAPELE: E che scusate e scusate! Questa mi pare che non sia maniera di trattare gli avventori, ccà non è trasuto uno qualunque sà!

CARMENIELLO: Abbiate pazienza, un’altra volta starò più attento.

PAPELE: Speriamo. Perché se no non finisce così!

CARMENIELLO: Sapete, vuje comme la tirate a luongo, ccà nisciuno v’ha fatto niente, ve sto dicenno scusate, abbiate pazienza, mò me ne facite j de capo!

PAPELE: Sta bene, mò va bene!

CARMENIELLO: Che v’aggio da servì?

PAPELE: Io sono il figlio del Barone Corniscione, papà sta fuori per affari mi ha rimasto a Napoli in casa di una sua sorella, la Marchesa Cornicelli, e andavo all’Istituto, condotto e diretto dal professore Camillo Capone, lo sapete, il fratello dell’antiquario?

CARMENIELLO: Sissignore, stanno nell’istesso palazzo addò abitammo io e lo patrone mio.

PAPELE: Siccome adesso abbiamo prese le feste, io invece di mangiare in casa di mia Zia la Marchesa, vengo a mangiare qua.

CARMENIELLO: Bravo! Chesto me fa piacere! Ma a me che me ne preme.

PAPELE: No, ve voglio fà sapere pecché vengo a mangiare quà, voi potreste dire c’è il caffè d’Europa, c’è il gran Caffè, locali di lusso, degni di voi è vero? No, voglio mangià ccà! E pecché? Ci deve essere una ragione?... Mò vi dico la ragione.

CARMENIELLO: (Vì che bello tipo che è chisto!).

PAPELE: Jerisera Patanella mi disse che oggi sarebbe venuta a cantare in questa trattoria...

CARMENIELLO: Patanella?... E chi è sta Patanella?...

PAPELE Na bellezza, na cosa rara! Come non lo sapete? Chella che va cantando assieme al fratello per tutti i caffè e le trattorie, si chiama Giulietta, ma io la chiamo Patanella, perché è proprio na patanella, ce vado appresso da due mesi, se papà l’appura sò rovinato, ma che me ne mporta a me, o Patanella o la morte!

CARMENIELLO: Basta, volite niente?

PAPELE: Se capisce, debbo mangiare, essa così mi ha detto, se no il fratello se n’accorge e la bastona.

CARMENIELLO: E che desiderate?

PAPELE: Fate voi, io mangio tutto.

CARMENIELLO: Mò ve porto na porzione de lasagne al forno, na genovese con patate, e no fritto? Comme ve pare?

PAPELE: Benissimo! Approvo!

CARMENIELLO: (Vì che gente vanno cammenanno per lo munno!). (Via a destra.)

PAPELE: Io credo che starà pe venì, pecché me sento sbattere lo core... quanto è bella! Quanto è cara! Peccato che non è nobile come me... e che me ne mporta, quando sarà mia moglie diventerà Baronessa! (Aniello starnuta.) — Felicità —.

ANIELLO: Grazie. Ma non ve n’incaricate non me dicite niente, io starnuto sempe, è no catarro cronico.

PAPELE: Ah? Neh? è stato buono che me l’avite avvisato.

CARMENIELLO (con piatto):Ecco servito. Che vino volete bere?

PAPELE: Quello che volete voi, io sono indifferente.

SCENA TERZA

D. Camillo, e detti.

CAMILLO: D. Aniè, buongiorno.

ANIELLO: Carissimo D. Camillo.

PAPELE: (Sangue de Bacco, lo Direttore dell’Istituto, Cameriè, metteteve nnanze pe ccarità!). (Cerca nascondersi.)

CARMENIELLO: (Che è stato?).

PAPELE: (Non me voglio fà vedé).

CARMENIELLO: Che cos’è D. Camì, che ghiate facenno da chesti parte?

CAMILLO: Siente Carmeniè. Siccome oggi è l’ultima Domenica di Carnevale, mio fratello Alessio, l’antiquario, l’è venuto lo golio de mangia cca.

CARMENIELLO: Vuje che dicite! E quanno maje D. Alessio s’è muoppeto de la casa?

CAMILLO: So’ stato io che l’aggio spinto, l’aggio ditto: movimmoce no poco, chesto che cos’è, pigliammo na vota no poco d’aria, alla fine che potimmo spennere? Isso ha acconsentito, ma saje pecché?

CARMENIELLO: Pecché?

CAMILLO: Pecché aieressera, Marietta la nepota, facette cosa de lo diavolo, se mettette a alluccà: io non voglio fà cchiù sta vita, sempe nzerrata dinta a quatte mura, si dimane non me facite ascì no poco, me votto dinto a lo puzzo!

CARMENIELLO: Povera figliola, have ragione, non vede maje li prete de Napole, sempe chiusa.

CAMILLO: Non se pò affaccià manco a la fenesta, tutte cose ribbazzate.

CARMENIELLO: Ma pecché fa chesto?

CAMILLO: Eh, pecché?... io mò te pozzo dicere... pecché ha perduta la capa, vularria che chella guagliona se spusasse a isso.

CARMENIELLO (ridendo):Uh! Mamma mia, vuje che dicite!

CAMILLO: Eh! Che dico, chillo sbarea sempe.

CARMENIELLO: Ma comme, pretenne che na guagliona comme a chella se mette vicino a isso ca tene da coppa a 60 anne? E vuje non le dicite niente?

CAMILLO: E che vuò che le dico neh Carmeniè? Tu sai la mia posizione, io ncè sto soggetto, m’ha dato doje cammere dinta a la casa soja pe senza niente, e accossì potette arapì l’istituto. Sul principio le diceva quacche cosa ma pò aggio visto lo tuosto, e non me ne so’ incaricato cchiù.

CARMENIELLO: E se capisce.

CAMILLO: Ma vide pò che ommo curioso, pretenne che la guagliona l’ha da volé bene, se l’ha da spusà, e pò le fà desiderà na vesta, no cappiello...

CARMENIELLO: Vì che piezzo d’assassino! Ma è ricco, è ricco?

CAMILLO: Ricco?... E che ne vuò sapé figlio mio, quello è omo de 4, 5milioni!

CARMENIELLO: Veramente?

CAMILLO: No, apposta: chillo sta ricco assai, e intanto chi lo vede non l’apprezza duje centeseme, ha guadagnato assaje co li forastiere, e guadagna ancora, specialmente coi quadri antichi, con le statue. E la matina annevìna quanto s’ha da spennere dinta a la casa? Pe me, isso, la govemante, e la nepote, si te lo dico non lo cride... sei lire pe lo pranzo, e doje lire pe la cena.

CARMENIELLO: Nientemeno!

CAMILLO: Figurete, nce assettammo a tavola co appetito, e doppe mangiato nce morimme de famma!

CARMENIELLO: Ah, ah, ah! Chesta è bella!

CAMILLO: Perciò Carmeniè, io l’aggio persuaso a venì ccà, ma te raccomanno, na cosa terra terra, isso ha ditto che vò spennere pure lo doppio de chello che spenne a la casa pe lo pranzo.

CARMENIELLO: Cioè, dodici lire?

CAMILLO: Perfettamente.

CARMENIELLO: Quanto Site?

CAMILLO: Quattro persone.

CARMENIELLO: Tre lire a testa... mò vedimmo, v’acconcio io na cosa, so’ chesti ghiornate, capite?

CAMILLO: Vide tu, pe la regalia a te nce penzo io.

CARMENIELLO: Va bene, non ve n’incarricate.

CAMILLO: Oh! N’auta cosa, isso ha ditto che vò venì quando non nce sta tanta folla.

ALESSIO: Allora avite da venì priesto, e ve n’avite da j a li tre, si no trovate ammoina, ve mettite a sta tavola ccà. (Indica a destra.)

CAMILLO: Va buono, mò li faccio vestere e venimmo... Siente Carmeniè, n’auta cosa, a lo pizzo mio, chisto ccà lo vì, nce miette na bottiglia de vino de Posilleco, a lo pizzo suje pò miette chelle che vuò tu.

CARMENIELLO: Va bene, nce penzo io.

CAMILLO: A proposito Carmeniè, n’ata cosa.

CARMENIELLO: N’ata cosa?

CAMILLO: Chiste so’ na porzione de manifeste che io aggio fatte stampà per l’Istituto, me faje lo piacere, li miette pe coppa a li tavole, è un avviso al pubblico che col primo di quaresima, nella mia scuola, c’è lezione di francese, disegno e ballo.

CARMENIELLO: Va bene, dateme ccĂ . (Prende i manifesti.)

CAMILLO: Grazie tanto. Nuje a n’auto ppoco venimmo, statte buono. D. Aniè a rivederci.

ANIELLO: Carissimo... carissimo... (Fa per satarnutare.)

CAMILLO: Va buono, aggio capito. (Via.)

CARMENIELLO: E chisto è n’auto bello tipo!

PAPELE: Carmeniè no bicchiere d’acqua.

CARMENIELLO: Subito. (Gli dà l’acqua.) Ma che è stato, vuje avita fatta la faccia bianca?

PAPELE: Quello è il direttore dell’istituto dove vado io, se mi vedeva qua dentro, lo scriveva a papà, e statevi bene, sono stato con una paura che non potete credere.

CARMENIELLO: E pecché sta paura, a la fine che state dinto a no bigliardo?

PAPELE: Eh! voi non sapete papà quando è tremendo.

CARMENIELLO: Basta, v’avite mangiata la lasagna?

PAPELE: Tutta quanta.

CARMENIELLO: V’è piaciuta?

PAPELE: Sissignore.

SCENA QUARTA

Gilda, Bettina, Rosina e detti poi Onofrio e Rocco.

GILDA: CcĂ , ccĂ , trasite, qui stiamo magnificamente.

BETTINA: Ma scuse, agge pacienza, la trattoria l’aveveme da scegliere nuje.

ROSINA: Eh, chisto ccĂ  fuje lo patto.

GILDA: Nonsignore, se dicette, la meglia trattoria che sta a lo Vasto, me pare che meglia de chesta non nce sta.

BETTINA: Sì, ma era meglio asse de coppa. (Escono Rocco e Onofrio.)

ROSINA: Uh! fino a Puortece, mamma mia!

GILDA: Sapete, io tengo appetito, si ve volite stĂ  ccĂ , bene, si no jatevenne e mangio io sola.

BETTINA: Mange tu sola? Sicuro! Nuje t’avimmo da fà spennere pe lo meno 50lire.

GILDA: Eh! 70!

BETTINA: Scuse, tu aieressera che diciste? Si faccio na bona serata ve porto ncampagna a tutte doje, e ve mangiate chello che volite vuje.

ROSINA: Perfettamente.

GILDA: Piano no momento... si parlò di una colezione.

BETTINA: Nonsignore, pranzo!

GILDA: Colezione!

BETTINA E ROSINA: Pranzo! Pranzo!

BETTINA: E pò chi te facette scegliere lo spettacolo? Io! Tu volive fa Ciccio e Cola, io te dicette, nonsignore, fa lo Babbeo, faciste lo Babbeo, e se facette chillo teatro.

ROSINA: Mò va truvanne tanta scuse.

BETTINA: Mò te miette paura de spennere.

GILDA: Che paura e paura, ordinate quello che volete!

ROSINA E BETTINA (gridando e ridendo):Benissimo! Benissimo! (Vanno a sedere. Quando sono uscite queste tre donne, dopo poche battute, si vedono comparire in fondo Onofrio e Rocco, i quali durante la scena passeggiano lungo la strada, e quando le tre donne seggono, essi entrano e vanno a sedere ad una tavola opposta.)

GILDA: Cameriere?

CARMENIELLO: Comandate.

ONOFRIO: Ci hanno fatto camminare un’ora e mezza, io non ne posso più.

ROCCO: Ma che tipi, che sveltezza, dite la veritĂ ?

ONOFRIO: Solamente a Napoli si trovano.

CARMENIELLO: Va bene, mò faccio io. (A Papele:) A vuje ve porto la genovese.

PAPELE: No, cameriè, sentite, io ho penzato na cosa, siccome Patanella non è venuta ancora, io mò me ne vado e torno a un altro poco, quando torno me mangio la genovese, se no capite, quando Patanella sta qua, io che me mangio?

CARMENIELLO: GiĂ , avite ragione.

PAPELE: Perciò, dateme sto conto.

CARMENIELLO: E che conto v’aggio da dà, 70 centesimi la lasagna.

PAPELE: 70 centesimi? Favorite, 14 soldi e no soldo a voi.

CARMENIELLO: Grazie.

PAPELE: Ad un altro poco ci vediamo.

CARMENIELLO: Va bene. (Via a destra.)

PAPELE (salutando):Signori. (Le tre donne si mettono a ridere.) Io non so che c’è da ridere, francamente non so. (Via.)

GILDA: Bettì, tu co sta risata si terribile sà!

BETTINA: Guè, chella primme essa ha reduto.

GILDA: Neh, guardate chille duje comme so’ simpatiche.

BETTINA: Bella cosa!... Pasquino e Marforio!

GILDA: Nce stanno guardanno... certamente si saranno innamorati di noi.

BETTINA: Vì che piacere teh!

ROSINA: Simme state, e pò l’avimme trovate duje partite.

GILDA: Ma quanto so’ belle, me parene duje micche. (Ridono tutte e tre.)

ONOFRIO: Ridono, ridono, questo è buon segno! Avvocato come dovrei fare per parlarci?

ROCCO: Non ci vuol niente, domandatele stasera al teatro, che si rappresenta.

ONOFRIO: Bravissimo! Magnifica idea!

CARMENIELLO (con prosciutto e piatto con pane):Ecco servito. (Poi a Onofrio:) I signori che comandano?

ONOFRIO: Tutto quello che mangiano quelle signore, mangiamo noi.

CARMENIELLO: Va bene. (Entra poi torna.)

BETTINA: Magnifico sto presutto, se squaglio mmocca.

GILDA: Miettece no poco de pepe.

BETTINA: Lo ssoleto, tu miette pepe a tutte parte.

GILDA: Si capisce, il pepe è rinfrescante.

ONOFRIO: Scusate signorine, possiamo aver l’onore di farvi una domanda?

GILDA: Padronissimi, per caritĂ !

ONOFRIO: C’è una scommessa fra me e l’avvocato mio qui presente, ma non una gran cosa, a chi paga il pranzo. Io dico che voi siete le attrici che la sera cantate al Politeama, il mio Avvocato sostiene di no, diteci di grazia, chi ha perduto?

GILDA: Ha perduto l’Avvocato.

ONOFRIO: Bravissimo, paga il pranzo, paga il pranzo!

ROCCO: Va bene, pagherò.

BETTINA: Quanto so’ belle! (Ridono tutte e tre.)

ALESSIO (con prosciutto e pane):Ecco servito.

ONOFRIO: Ieri sera c’era un teatrone, era la serata vostra se non sbaglio?

GILDA: Sissignore.

ONOFRIO: Noi stavamo alle poltrone a seconda fila, non ci avete visti?

GILDA: No, signore.

ROCCO: Il conte viene tutte le sere al Politeama.

GILDA: Bravissimo!

ONOFRIO: Che volete, mi piace assai la musica, e poi non si sĂ  dove andare, solo qualche sera andiamo al Bellini. E questa sera che si rappresenta al Politeama?

GILDA: Ah! stasera?

BETTINA: (Mamma mia, comme è seccante?).

GILDA: Stasera si rappresenta un’operetta nuova, intitolata Le due scimmie.

ONOFRIO: Oh! oh! Le due scimmie! Deve essere bella?

GILDA: Oh! Bella assai... poi sta in concerto un’altra operetta più bella assai, col titolo: Silenzio! Basta!

ROCCO E ONOFRIO: Come?

ROSINA: Silenzio! Basta!

ONOFRIO: Vedete che altro titolo!

SCENA QUINTA

Ernesto, Ciccillo e detti poi Papele.

ERNESTO: Lasseme stà Ciccì, lasseme stà, che stammatina me mangiarria l’aria a morze!

CICCILLO: Ma non ve pigliate collera signori, vedimmo che se pò fà?

ERNESTO: Che s’ha da fà, che s’ha da fà, tu non sì buono a niente.

CICCILLO: Ma che volite che faccio, che pozzo fĂ ?

ERNESTO: Ma comme, non se pò trovà no mezzo pe levà chella guagliona da dinta a li granfe de chillo assassino?

CICCILLO: E ve credite che sia na cosa facile? Chillo sta sempe dinta a la casa, non esce maje, e quanno la sera se va a cuccà, la chiave de la porta se la mette sotto a lo cuscino; ma capite o no che chillo s’ha chiavato ncapo de se la spusà isso?

ERNESTO Oh! Chesto non ha da succedere vì, a rischio de qualunque cosa non ha da succedere! Io vaco ncoppa a la casa, tozzoleo la porta, isso m’arape e io lo sparo!

CICCILLO: Bravo! Facite na bella cosa, pò jate ngalera e felicenotte!

ERNESTO: E che me ne mporta a me, pe salvà a Marietta voglio fà qualunque cosa. Aieressera me menaje sta lettera da coppa a la fenesta, siente ccà che me scrive. (Legge:) «Ernesto mio. Non puoi credere quanto sono infelice! Oggi ho avuta un’altra questione con mio zio, sono priva di tutto, non posso neanche prendere un poco d’aria alla finestra, posso dire che una schiava è assai più libera di me, quanto piango la perdita della mia povera madre, se durerà ancora questa vita così, sono certa, Ernesto mio, che morirò consunta! Trova tu un mezzo, e salvami per carità! La tua per sempre Maria». Comme te pare, me ne pozzo sta io a chesti parole? Na figliola senza mamma, senza padre, essere trattata de chesta manera!

CICCILLO: Ma vuje pecché non ve presentate a lo zio, e le dicite che ve la volite spusà?

ERNESTO: Non lo pozzo fà chesto, essa me l’ha proibito.

CICCILLO: E pecché?

ERNESTO: Pecché lo zio l’ha ditto, che si se presenta qualcheduno pe spusà, lo jorno appriesso la chiude dinto a no monastero.

CICCILLO: E se capisce, l’amico se vò spuzzulià isso la pollanchella.

ERNESTO: Io faciarria qualunque cosa, spennarria qualunque somma pe fĂ  no perro a chillo vecchio.

PAPELE (esce, guarda intorno e siede):Cameriere?

CARMENIELLO: Comandi.

PAPELE: Porteme la genovesa.

CARMENIELLO: Subito. (Via poi torna.)

BETTINA: Guè, chillo curiuso è tornato n’auta vota?

GILDA: Quanto è bello me pare una de chelli figure che mettene ncoppa a li scatolette de cerine.

ROSINA: Io non lo pozzo guardĂ  che me scappa la risa.

ONOFRIO: Non sappiamo se sono zitelle, o maritate?

ROCCO: Devono essere libere, una volta che mangiano sole in questa trattoria.

GILDA: Penzammo che Mercoledì avimmo da lassà Napole, me sento nu nuozzolo nganna la verità!

BETTINA: A me pure me fa dispiacere, ma che nce vuò fà, chesta è l’arte.

ROSINA: A me invece me parene mill’anne che arrivo a Milano.

BETTINA: E se capisce, pecché llà tiene la fiamma.

GILDA: Ancora faje l’ammore co chillo studente? Mamma mia! E non te sicche?

CARMENIELLO (con genovesa):Ecco servito.

PAPELE: Cameriè, comme va che non è venuta ancora?

CARMENIELLO: E io che ne saccio.

ERNESTO: Carmeniè, damme no bicchiere de Vermout.

CARMENIELLO: Subito. (Prende il Vermout.) Ecco servito... Che è stato D. Ernè, non saccio comme ve veco?

ERNESTO: Sto arraggiato comme a no cane Carmeniè, faciarria cose de pazzo!

CARMENIELLO: E pecché?

ERNESTO: Voglio bene a na guagliona bella quanto lo sole, e non me la pozzo spusĂ .

CARMENIELLO: Comme! Co li mezze vuoste non ve la potite spusĂ ?

ERNESTO: Non me la pozzo spusĂ !

CARMENIELLO: E pecché?

CICCILLO: Pecché sta guagliona tene no zio che nce ha mise isso l’uocchie ncuollo... sai chi è? La nepota de D. Alessio Capone.

CARMENIELLO: L’antiquario?

CICCILLO: Lo cunosce?

CARMENIELLO: Lo Conosco? Chillo sta de casa sotto a nuje. Uh! D. Ernesto mio, non potite credere che piezzo d’assassino è chillo, e che le fà passà a chella povera figliola, la semmana passata, le facette na vertolina, ma proprio terribile, nuje senteveme li strille da coppa.

ERNESTO: Non me lo dicere, non me lo dicere, che me faje tremmĂ  comme a no jungo.

CARMENIELLO: Isso fa lo guappo pecché chella non tene né padre, né mamma, e né nu frate pe le rompere l’osse.

ERNESTO: Nce li rompo io, non te n’incaricà!

CARMENIELLO: Io pe me, si fosse a vuje, faciarria n’auta cosa, trovate nu mezzo e fuitevenna.

CICCILLO: E che mezzo se trova Carmeniè, tu cride ca è na cosa facile?

ERNESTO: Oh! Ciccì, alle corte, si tu nun riesce a ne fà scappà Marietta da llà ncoppa, a la fine de lo mese te ne vaje.

CICCILLO: Ma vedite che auto ragionamento, che pozzo fĂ  io poverommo?

CARMENIELLO: A proposito D. Ernè, mo me scordava na cosa, stammatina venene a mangià ccà.

ERNESTO: Chi?

CARMENIELLO: Essa, la figliola, nzieme co li duje zie, e la governante.

ERNESTO: Possibile!

CARMENIELLO: Sissignore, è na campagnata che le fa fà isso pe la fà devià no poco.

ERNESTO: E quanno venene?

CARMENIELLO: Mò li vedite venì, chella è la tavola lloro.

ERNESTO: Va buono, stammatina faccio correre la cavalleria ccĂ  dinto, voglio passĂ  no guajo!

CARMENIELLO: Da me comandate niente?

ERNESTO: Niente, grazie. (Passeggia.)

PAPELE (bussando al bicchiere):Cameriere?

CARMENIELLO: Comandate.

PAPELE: Io m’ho mangiata la genovesa.

CARMENIELLO: Bravo! E volite lo fritto?

PAPELE: No, mò me ne vaco, e torno a n’auto ppoco, se no quanno vene Patanella che me mangio?

CARMENIELLO: Va bene, facite comme volite vuje.

PAPELE: Quanto vene la genovesa?

CARMENIELLO: 80 centesimi, e 10 di pane 90. (Vì che aggio passato co chisto!).

PAPELE: 18 soldi, no soldo a voi. Signori. (Via.)

GILDA: Mò se ne va n’auta vota.

BETTINA: S’ha mangiato lo pane e la carne e se n’è ghiuto.

ROSINA: Forse aveva da tené sulo na lira dinta a la sacca.

CARMENIELLO: D. Ernè, scusate, vuje site no signore, site n’antico avventore, e perciò ve voglio dicere na cosa. V’avesse da venì ncapo de fà no chiasso ccà dinto, non voglio mai lo Cielo, faciarrissive no male a me direttamente, so’ chesti ghiornate capite, e si succede n’ammoina, nce vaco io pe sotto.

ERNESTO: Non me ne mporta niente, voglio fĂ  chello che me dice la capo!

CICCILLO: Ma calmateve signori, sentite a me. Riflettimme no poco...

ERNESTO: Che aggio a riflettere, tu sì na bestia, non sì buono a niente!

CARMENIELLO: Ma scusate, diceteme na cosa, vuje non potite vedé de fà na finzione e gghì ncoppa a chella casa co la scusa... che saccio, de vennere no quadro antico, na statuetta, na cosa qualunque, e mentre parlate co isso, la guagliona se ne scappa?

ERNESTO: Io faccio tutto, tutto!

CICCILLO: E stateve zitto, io perciò dicevo riflettimmo, pensammo che se pò fà?

ERNESTO: E penzammo.

CARMENIELLO: Ma pe ccaritĂ , non facite no chiasso ccĂ  dinto. (Rocco bussa al bicchiere.) Pronto... Permettete?

CICCILLO: Ce starriene da fà mille cose, caro signore, ma io sulo non abbasta, nce volarria n’auta persona.

ERNESTO: E trovele, st’auta persona, trovele e io pago.

CICCILLO: Lassateme ricordĂ  chi conosco...

SCENA SESTA

Felice e Giulietta con chitarre, una comparsa con violino, e detti, poi Papele.

FELICE (esce con la comparsa e Giulietta e si situano a sinistra. Felice canta la canzona napolitana: ROSĂŚ NON TIENE CORE).

PAPELE (esce, fa cadere un piatto e urta Rocco).

ROCCO: Eh! Che diavolo! Siete cieco!

PAPELE: Scusate, non ci ho badato. (Siede dirimpetto a Giulietta e bussa al bicchiere.)

CARMENIELLO: Comandate?

PAPELE: Cameriere, voglio mangiare. (Guardando Giulietta.)

CARMENIELLO: Aggio capito, mò ve porto lo fritto. (Via e poi torna.)

GIULIETTA (canta la canzone napolitana:TARANTĂŚ TARANTELLA. Lazzi di Papele come in concerto).

CICCILLO: Sangue de Bacco, Feliciello è arreddutto a gghì sunanno pe dinto a li trattorie. (Giulietta va girando col piattino prima dalle donne, poi da Onofrio e Rocco, e poi da Pepele, il quale le conta nel piattino una lira e mezza di bronzo, in ultimo va da Ernesto e Ciccillo. Ernesto le dà una lira.) Guè Giuliè, comme staje?

GIULIETTA: E vuje chi site?

CICCILLO: Comme non te ricuorde cchiù de me, già, tu ire na peccerella, mò te sì fatta grossa e bella. Chillo llà, è fratete Feliciello?

GIULIETTA: Sissignore.

CICCILLO: E pateto comme sta?

GIULIETTA: è muorto, non lo tenimmo cchiù.

CICCILLO: Uh! Poverommo! (Facendo segno a Felice:) Viene ccĂ ?

FELICE (avvicinandosi):Buongiorno.

CICCILLO: Come staje? Che d’è, manco tu me conusce?

FELICE: Te conosco, te conosco, ma capirai, ridotto in questo modo, non ho coraggio...

CICCILLO: E che c’entra chesto, tu lo ssaje che io t’aggio voluto sempe bene comme a no frate.

FELICE: Lo so e te ne ringrazio.

CICCILLO: Comme va che haje lassato lo teatro?

ERNESTO: Ah! Era artista?

FELICE: Sissignore, artista drammatico, mio padre buon’anima era primo attore e io primo attor giovine.

ERNESTO: Ah! Bravo!

FELICE: Disgrazie di famiglia, la morte di mio padre capite, noi andavamo sempre nsieme scritturati, dopo la sua morte, nessuno mi ha voluto piĂą.

ERNESTO: E perché?

FELICE: Invidia, caro signore, gelosia. Io e mio padre abbiamo fatto tremare gli artisti, arrossire i capi comici... oggi che sono rimasto solo, si sono vendicati, ma la tragedia come la facevamo io e mio padre, non si sente piĂą, altro metodo, altro dire, si recitava con questo qua. (Indica il cuore.)

CICCILLO: Ma io saccio che pateto guadagnava buono, non t’ha rimasto niente?

FELICE: Manco no centesimo, me rummanette solamente na cascia chiena de perucche, vestiario, e roba de teatro.

CICCILLO: E te l’haje vennuta, dì la verità?

FELICE: Io me venneva la cascia de papà, manco si avesse avuta morì.

CICCILLO: E dimme na cosa, si lo patrone mio qua presente te pigliasse co isso come a segretario, confidente, n’avarrisse piacere?

FELICE: E me l’addimmanne neh Ciccì, sarría na fortuna pe me, basta che il signore si contenta, io l’accommencio a servì pure da mò, scasse chitarre e violino.

CICCILLO: E chesto haje da fà, pecché si riuscimmo a na cosa, haje fatta la fortuna toja.

FELICE: E che cosa, che cosa?

ERNESTO: Dovete sapere che io amo una graziosa fanciulla, sventuratissima perché priva di genitori.

CICCILLO: Tene solamente n’assassino de Zio, lo quale s’ha mise ncapo che se la vò spusà isso.

ERNESTO: E per giungere a questo, la fa vittima di tutte le torture, di tutte le sofferenze.

CICCILLO: Lo patrone mio, faciarria qualunque cosa pe nce la levĂ  da dinta a li mmane.

ERNESTO: La poveretta dice sempre, salvami per caritĂ .

FELICE: Ma scusate, essa pecché non se ne fuje?

CICCILLO: Non lo pò fà, pecché lo zio sta sempre dinta a la casa, e quanno se cocca, la chiave de la porta se la mette sotto a lo cuscino. Io aveva penzato de fà quacche finzione, de presentarme ncoppa a la casa co na scusa qualunque, e mentre se deve chiacchiere a isso, la guagliona se ne scappava. Ma capirai, caro Feliciello, chesti come non se ponno fà sulo, io avarria bisogne de n’auta persona...

ERNESTO: E questa persona dovreste essere proprio voi. Ve ne prego, non vi negate, farete un bene a me, e a quella povera fanciulla.

FELICE: Va bene, vi serviremo.

ERNESTO: Oh! Grazie, grazie, amico mio.

FELICE: Comme se chiamma sto zio?

ERNESTO: Alessio Capone, antiquario.

FELICE: Dove abita?

CICCILLO Strada Pontenuovo n. 53.

FELICE: E solamente isso e la nepota?

CICCILLO: No, nce sta n’auto Zio, ca è maestro de scola, e D.a Virginia la governante.

FELICE: Nisciuno cchiĂą?

CICCILLO: Nisciuno cchiĂą.

FELICE: Va bene.

ERNESTO: E che volete fare?

FELICE: Pe tutto dimane, la guagliona se n’è scappata.

ERNESTO: Possibile?

FELICE: Però parlammece chiaro, io aggio bisogno de quacche cosa de denaro.

ERNESTO: Riguardo a questo non ci pensate, ditemi che vi bisogna?

FELICE: 50lire.

ERNESTO: Benissimo! Eccole qua. (Le prende da un portafoglio e le dĂ .)

FELICE: Tu quanno è stasera viene a la casa mia. Via Cirillo n. 37, ultimo piano.

CICCILLO: Va bene.

FELICE: Tu sì pronto a fà tutto chelle che te dico io?

CICCILLO: Tutto! Non nce penzĂ .

FELICE: Benissimo. E si avimmo bisogno de quacche femmena, ci servirerno di mia sorella.

ERNESTO: Ah! Bravo! Tiene spirito?

FELICE: Spirito? Chella tene acque de raso adderittura. Giuliè, guè, viene ccà.

GIULIETTA: Che vuò?

FELICE: Che staje dicenno co chella mosta de tabaccaria?

GIULIETTA: Niente, m’ha addimmannato io comme me chiammava che età teneva, a chi era figlia, e addò era nata.

FELICE: Neh? Non ha voluto sapé niente cchiù?... Basta, haje da sapé che sto signore me piglia a segretario co isso, non ghiammo cchiù sonanno pe dinta a li trattone.

GIULIETTA: Veramente? Oh! che piacere!

ERNESTO: Sì, bellissima Giulietta, voi non farete più questa vita, io penserò pel vostro avvenire.

GIULIETTA: E nuje ve ringraziammo tanto tanto!

FELICE: Questa qua vedete, se non fosse morto papĂ , oggi sarebbe la prima attrice del mondo.

ERNESTO: è istruita?

FELICE: Istruitissima, avite da vedé come parla francese?

ERNESTO: Bravo!

PAPELE: (Mio caro amico, si t’haje mise ncapo de me levà a Patanella, io ti levo la vita!).

CICCILLO: Si riuscimmo a le fĂ  spusĂ  la nnammorata, nce fa no bello complimento.

GIULIETTA: E comme nce la facimmo spusĂ ?

CICCILLO: Stasera vengo a la casa e saparraje tutto. A proposito Feliciè, mò me scordavo na cosa. L’antiquario nzieme co lo frate, la governante e la nepota, a n’auto ppoco venene a mangià cca.

ERNESTO: Ah! sicuro!... Non se potarria fà quacche cosa mò?

FELICE: Venene a mangiĂ  ccĂ ?

CICCILLO: Sissignore.

FELICE (dopo pausa):Va bene.

ERNESTO: E che fate, che fate?

FELICE: Vuje non ve movite da ccà, appena venene lloro, jate a piglià nu cuppè, e lo facite aspettà vicino a la trattoria, quanno trase io e ve saluto, vuje diciteme solamente sti parole: Oh! caro Liborio, da dove vieni? E niente cchiù.

CICCILLO: Ma pecché, che vuò fà?

FELICE: Niente, non ve voglio dicere niente, facite chesto e non ve n’incaricate.

ERNESTO: Oh, caro Liborio da dove vieni?

FELICE: Perfettamente. Quanno succede l’ammoina, e vedite che li viecchie se ne scappano, pigliateve la figliola, mettiteve dinta a la carrozza e ghiatevenne.

ERNESTO: Possibile! Io non lo credo vero!

FELICE: E mò vedimmo... n’auta cosa. (A Ciccillo:) Tu haje ditto che nce sta na governante?

CICCILLO: Sì, D.a Virginia, pecché?

FELICE: Mò che vene fallo n’uocchie a zennariello, falle capì che nce vuò fà l’ammore.

CICCILLO Io? E pecché?

FELICE: Pecchesto! Non te n’incarricà. Vuje ve site affidato a me, e avite da fà tutto chello che ve dico io.

CICCILLO: Va bene.

FELICE: Giuliè, corrimmo a la casa.

GIULIETTA: Signori, stateve bene.

ERNESTO: A rivederci, carissima Giulietta.

FELICE: Non ve scurdate lo cuppè, e tutto chello che v’aggio ditto.

ERNESTO: Va bene.

FELICE: Jammoncenne. (Via con Giulietta.)

ERNESTO: Insomma non s’ha potuto sapé che vò fà?

CICCILLO: Non ve n’incarricate, io saccio comme la penza, lo conosco da tanto tiempo, quanno se mette ncapo de fà na cosa, la fa, non lo poteveme trovà meglio.

ERNESTO: Va bene, starammo a vedé, Ciccì dà na guardata fore, vide si vene Marietta e lo zio. (Ciccillo va a guardare.) (Chisto che vò che me tene mente sempe.)

PAPELE: Buongiorno.

ERNESTO: Carissimo.

PAPELE: Dovrei dirvi una parola se permettete?

ERNESTO: Padronissimo, accomodatevi pure.

PAPELE: Grazie. Dovete sapere che io sono Raffaele Cornicione figlio del Barone Cornicione, conosciuto da tutta Napole, mia madre felice memoria, era la Marchesa Cornicelli.

ERNESTO: Mi fa tanto piacere.

PAPELE: Quattro mesi fa, fu il nome mio e papà non solo mi regalò un vestito nuovo, ma mi diede pure cinque lire d’argento, e mi portò a mangiare sopra addò Pallino. Mentre ci mangiavamo i pollastrelli, tutta assieme si presentò Patanella. Io appena la vidi, fu tale la sorpresa che mi stavo affogando con una coscetella di pollo. Da quel giorno giurai di amare sempre Patanella, e di non lasciarla mai più, anche a costo della vita, e se qualcheduno tentasse di levarmi Patanella, sarei capace di qualunque cosa.

ERNESTO: Caro signore, io non so voi chi siete, non capisco quello che dite, perciò ritiratevi che sarà meglio.

PAPELE: No, io non mi ritiro sĂ . (Alzandosi:) Lo dico e lo ripeto, sono capace di qualunque cosa. (Aniello starnuta, tutti ridono.)

ROSINA: Ah ah! Comme è ghiuto a tiempo chillo sternuto.

BETTINA (ridendo):Ah, ah! Nce voleva proprio.

PAPELE: Sà, tu co sti starnute me staje toccanno li nierve: me l’haje fatta la prima e la seconda volta. Finiscila sà; e voi non ridete più, ve ne prego, se no v’imparo io la creanza!

ROSINA: A chi mpare la crianza, mò te mengo no piatto nfaccia.

GILDA: Assettete Rosì, quanta collera te piglie, non lo vide che chillo è no curiuso qualunque! (Ridono.)

PAPELE: Eh! avete ragione, io mò che vò posso dire, siete donne, non vi posso far niente.

ONOFRIO: Va bene, finitela, come siete lungo!

ROCCO: Come siete seccante!

PAPELE: Io con voi non ho parlato perciò statevi zitto!

CARMENIELLO: Va buono, jatevenne mo.

PAPELE: Sì, me ne vado! A voi, ricordatevi quello che vi ho detto, chi mi tocca Patanella, mi tocca la vita... sono capace di qualunque cosa! (Ernesto ride.) Me la vedo pure con 20 persone! (A soggetto via accompagnato da Carmeniello.)

GILDA: Ah, ah! M’aggio fatta na risata veramente de core.

ERNESTO: Ma che imbecille!

ANIELLO: A me me vene lo sternuto, e chillo se piglia collera.

CICCILLO: Signori, signori, stanno venenno.

ERNESTO: Marietta?

CICCILLO: Sissignore, mettimmece ccĂ . (Di dentro si sentono molti fischi.)

ANIELLO: Che è stato, che so’ sti fische?

CARMENIELLO: E io che ne saccio.

SCENA SETTIMA

D. Alessio, D. Camillo, Virginia, Marietta e detti.

ALESSIO: Pare che mò po’ essere contenta.

MARIETTA (sotto al braccio di Alessio):Mamma mia che scuorno, che scuorno.

VIRGINIA: Ma che è succiesso, pecché se so’ mise a fiscà?

ALESSIO: Pecché tenite la capatosta, v’aggio ditto non ve mettite sto cappiello, pe forze ve l’avite voluto mettere, avimmo fatta sta bella figura, si sapeva ve rimaneva a la casa.

VIRGINIA: Quanno simme a parlà, li fische non so’ venute pe lo cappiello mio.

ALESSIO: E pecché so’ venute?

VIRGINIA: Pecché v’hanno vista la guagliona pe sotto a lo vraccio, e siccome non ascite maje, è paruta na cosa curiosa.

 ALESSIO: Vattenne, non me fà avotà lo stommeco chella me pare na maschera!

CICCILLO: Va buono Alè, non ne parlammo cchiù, ma li fische l’avimmo avute e nisciuno nce li leva, nuje simme venute ccà pe nce divertì, pe mangià, perciò non facimmo chiacchiere. Carmeniè?

CARMENIELLO: Comandate.

CAMILLO: Ci siamo?

CARMENIELLO: Tutto è pronto, pigliate posto. (I quattro seggono alla tavola a destra.)

CAMILLO (a Carmeniello):(Non te scordĂ  la botteglia mia).

CARMENIELLO: (Va bene). Mò ve porto l’antipasto. (Via poi torna.)

ROCCO: Buongiorno, carissimo D. Alessio.

ALESSIO: Oh! AvvocĂ , state ccĂ ?

ROCCO: Sissignore, faccio compagnia al Conte, Signor Conte, ho l’onore di presentarvi il Signor D. Alessio Capone, antiquario, mio vecchio cliente.

ONOFRIO: Fortunatissimo. Conte Onofrio Pacchione.

ALESSIO: Tanto piacere.

ONOFRIO: è antiquario il signore?

ALESSIO: Per servirla.

ONOFRIO: Favorirmi sempre. E dove abita, se è lecito?

ALESSIO: Strada Pontenuovo n. 53.

ONOFRIO: Sapete perché? Avrei molti oggetti antichi che vorrei disfarmene, verrò ad incomodarvi a casa.

ALESSIO: Mi farete immenso piacere!

PAPELE: Grazie. Permette? (Ritorna a sedere con Rocco.)

ALESSIO: Me pare che t’aveva ditto addimmanna a lo cammariere a che ore non nce stevene gente, non te ne sì incarricato?

CAMILLO: Comme non me ne so’ incarricato, ha ditto: venite subeto, e ghiatevenne a li tre.

ALESSIO: Io perciò non nce voleva venì, per evitare tanta seccature.

CARMENIELLO (con piattini e due bottiglie di vino):Ecco servito.

CAMILLO: Carmeniè haje ditto che a chest’ora non nce stevene gente?

CARMENIELLO: Che volite da me, so’ combinazione.

ALESSIO: Mariè te piacene li sardine?

MARIETTA: No, grazie, non ne voglio.

ALESSIO: Vuò no poco de presutto?

MARIETTA: Nemmeno, non tengo genio.

ALESSIO: E pecché? Tu stive tanta allegra stammatina, mò tutte nzieme te si mise de mal’umore, nce ha da essere na ragione. Certamente sta campagnata s’è fatta pe te, sti denare se spennene pe te.

CAMILLO: (Vì che denare teh!).

ALESSIO: Si tu non me faciarrisse piglià collera, si nun fusse tanta dispettosa co mmico, quanta e quanta cosa avarrisse. Ma io so’ sicuro che na ragione nce ha da essere che te fa stà accossì.

MARIETTA: Che ragione nce ha da essere, nisciuna ragione.

ERNESTO (a Ciccillo):Io vaco a piglià lo cuppè. (Via.)

ALESSIO: Tu pò lo vide quanto te voglio bene, lo vide che pacienza che tengo? Ma guaje si appuro quacche cosa, quacche vermezzullo che te miette ncapo, povera a te, povera a te...! Neh lo presutto addò stà?

CAMILLO: Vaje trovanno ancora presutto, nce l’avimmo mangiato.

ALESSIO: Me fa tanto piacere, e io non l’aggia avuto. D.a Virgì!

VIRGINIA: Che volite?

ALESSIO: Che facite co la capa sempe avotata da llĂ ?

VIRGINIA: Niente, steva distratta. (Comme me guarda chillo giovene... è proprio no simpaticone!).

ALESSIO: Volite doje sardine?

VIRGINIA: No, grazie non ne voglio.

ALESSIO: No poco de burro?

VIRGINIA: Nemmeno, non tengo genio.

ALESSIO: Vuje manco tenite genio, allora mangiammo nuje.

VIRGINIA: D. Camì, dicite a lo cammeriere che portasse una bottiglia d’acqua di seltz.

CAMILLO: Pecché che tenite l’acito?

VIRGINIA: No, perché mi piace nel vino.

CICCILLO (prendendo un sifone dal riposto):Ecco servita alla signora.

VIRGINIA: Grazie, troppo buono.

CICCILLO: Niente, per carità, è dovere.

ALESSIO: Forse siete pure voi no cammariere?

CICCILLO: No, sono un avventore, ho inteso che la signora desiderava l’acqua di seltz, e mi son fatto un pregio di servirla. (Aniello starnuta.)

ALESSIO: Grazie; ma non v’ incomodate più.

CICCILLO: Va bene. (Si allontana poi a Virginia piano:) (Manderotti lettera!) Virginia (Aspetta con ansia cuor mio!).

VIRGINIA: Io non capisco che nce sta de male, sono gentilezze che si usano.

ALESSIO: Sti gentilezze io non li voglio D.a Virgì, e sapete che ve dico mettite la capa dinta a lo piatto e mangiate, si no va faccia accompagnà a la casa, e ve faccio sta tutte la jornata, sulo co lo presutto ncuorpo.

VIRGINIA: Va bene, chesto che cos’è, e comme site neh?

ROSINA: Neh, vuje vedite che belli tipi?

BETTINA: Chesta è stata na jornata proprio divertita.

GILDA: Zitto, faccio no brindisi.

ROSINA: Bravo! lo brindisi.

GILDA: Viva il vino, noi e il carnevale, tutto il resto all’Ospedale!

ALESSIO: (Tu e mammeta!).

BETTINA E ROSINA Bene! Brava. (Applausi e risate.) Mò ne faccio uno io. Questo vino mi mette in allegria, e alla salute solamente vostra, e mia!

LE 2: Brava! Brava! (Ridono.)

ONOFRIO: Veramente spiritose!

ROSINA: A me no.

Chi non ride e non beve allegramente

Speriamo che gli pigli un accidente!

LE 2: Brava, benissimo! (Ridendo.)

ROCCO, ONOFRIO: Bravissimo! (Ridono e bevono.)

CAMILLO: (Bevite e redite, all’arma vosta!). (Ridono e bevono, meno Marietta.)

SCENA OTTAVA

Ernesto e detti, poi Felice.

ERNESTO (a Ciccillo):(Tutto è fatto, la carrozza è pronta!).

ALESSIO: Io perché non nce voleva venì, appunto per queste ragioni.

CAMILLO: Va buono Alè, sono giornate di allegria, che vaje penzanno.

CARMENIELLO (con zuppiera):Ecco serviti. Vermicelli a vongole e pomidoro proprio scicche! (Nel fondo si vede fermare un cuppè.)

CAMILLO: Bravo Carmeniello.

ALESSIO: Mò faccio io li porzione. (Esegue.)

FELICE (con soprabito, cappello e tuba e piccola ghelia):Oh! mio Dio, mio Dio! che rovina! che sventura! (A Ernesto:) (Io sto ccĂ ). Carissimo amico, stai qui? Come te la passi eh?

ERNESTO: Non c’è male, e tu?

FELICE: Così, passibilmente, si vive, si strappa la vita.

ERNESTO: Caro Liborio, da dove vieni?

FELICE: Lasciami stare, amico mio, non me lo domandare. Mi stavo facendo la mia solita passeggiata per Foria, contento, allegro, come non sono stato mai, e mi dirigevo verso casa per la solita colezione. Tutto ad un tratto vedo correre pompieri, pompe, ed una folla di monelli. Che cos’è, che è stato? Ho domandato al primo che m’è venuto di faccia: Un incendio, un terribile incendio... Ma dove? Non lo so signore, lasciatemi correre. La curiosità mi ha spinto di andare anch’io appresso alla folla. Arrivati alla strada Pontenuovo, un’altra onda di popolo ci veniva incontro gridando: Ajuto! ajuto! Le guardie di Pubblica Sicurezza e i carabinieri a cavallo, facevano largo per il passaggio dei pompieri. Con questo mezzo siamo finalmente riusciti di giungere al palazzo, che le fiamme avevano mezzo distrutto. Oh! Amico mio, quale orribile vista, tutta quella povera gente che vi abitava, alle finestre gridavano: Ajuto! Soccorso! E poi pianti, urli, noi stiamo morendo, per carità, salvateci, cosa da far venire la pelle d’oca!

ERNESTO: Oh! Che disgrazia! Che disgrazia! (Tutti sentono attentamente il racconto di Felice.)

FELICE: I pompieri, veramente sempre coraggiosi, sono corsi per le scale del palazzo, ma fortunatamente e disgraziatamente, se vogliamo, la porta del primo piano era chiusa, e gli abitanti erano usciti, allora hanno scassinata la porta e sono entrati... Oh! amico mio che spettacolo, giĂą dalla finestra tavolini, sedie, statue, candelabri, quadri bellissimi...

ERNESTO: E di chi era questa casa?

FELICE: Me l’hanno detta, ma non mi ricordo... ah, aspetta, di un certo Alessio Capone, antiquario!

ALESSIO (gridando):Che!!! La casa mia!!

CAMILLO: Lo palazzo n. 53?

FELICE: Sissignore.

ALESSIO: Corrimmo, corrimmo, pe caritĂ ! (Fugge, via.)

VIRGINIA (gridando):Uh! povera rrobba mia!

ANIELLO (gridando):LlĂ  stongo de casa pure io! Carmeniello!... (Scende dal contuar.)

CARMENIELLO (con piatto):Che è stato?

ANIELLO: Se sta abbruscianno la casa nosta!

CARMENIELLO Vuje che dicite! (Gli cade il piatto e fugge.)

CAMILLO (gridando, Virginia afferra Camillo e tutte e due entrano nella carrozza fermata in fondo la quale sparisce).

FELICE: Questa ragazza, l’accompagneremo noi.

ERNESTO: Sicuro!

ROCCO: Nossignore, io sono l’avvocato di D. Alessio, e l’accompagno io.

ANIELLO: Accompagnateme a me!

ERNESTO: Niente affatto, ci siamo noi per lei!

ONOFRIO: Voi e chi siete voi?

ERNESTO: Siamo dei galantuomini!

ONOFRIO: E noi pure!

ROCCO: Signorina, venite con noi! (Prendendola.)

ERNESTO: La signorina verrĂ  con noi! (Prendendola.)

GILDA: Ma chesta che maniera è, mò l’accompagnammo nuje, venite bella figliò.

ERNESTO E ROSINA: Venite, venite. ( Viano con Marietta.)

ANIELLO: Accompagnateme a me!

FELICE: Tu sei una bestia!

ONOFRIO: E tu sei un imbecille!

FELICE: A me! E ghiesce fore!

CICCILLO: Ascite fore!

ROCCO: Sì, usciamo, usciamo, venite!

ERNESTO: Jammo! (Viano.)

FELICE: L’arraggia che tengo me l’aggio da scuntà con lloro. (Raduna tutti i piatti che sono sulle tavole.)

ALESSIO: Che volite fĂ  co sti piatte?

FELICE: Non me rompere la capa! (DĂ  una spinta ad Aniello che cade.)

ALESSIO: Mamma mia! Ajutateme!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

Camera in casa di Alessio. Nel fondo grande apertura con portiera che si tira con laccio. A sinistra un pozzo praticabile. Due porte a sinistra e una a destra. Tavolino con occorrente da scrivere, sedie antiche.

SCENA PRIMA

Marietta e Virginia, poi Ciccillo.

MARIETTA (dalla prima porta a sinistra):Niente D.a Virgì, non me facite capace, me ne voglio j, me ne voglio j, me voglio pure mettere a fà la cammarera si attocca, ma sta vita non la voglio fà cchiù, non la voglio fà cchiù!

VIRGINIA: E stateve zitta, non alluccate, Vuje facite peggio!

MARIETTA: Non me ne mporta niente, voglio essere accisa cchiù priesto, ma non voglio campà cchiù de chesta manera! Io che nce faccio dinta a sta casa? Che speranza tengo? Tutte li figliole escene, vanno cammenanno, vanno a no teatro, se divertono, e io che faccio? Sempe chiusa dinta a quattre mure! Ah! Cielo mio, pecché me luvaste a mammà, pecché me rimmaniste senza nisciuno? (Piange.)

VIRGINIA: Povera figliola, me fa proprio compassione! Non chiagnite signurì, lassate fà a lo Cielo, nce vò pacienza, che nce volite fà. Io pure non me trovo a la stessa posizione vosta?

MARIETTA: Che n’cè che fà, vuje site n’auta cosa. Ajere Ernesto steva dinta a trattoria, non lo vedisteve?

VIRGINIA: No, non nce facette riflessione. Steva llĂ , steva llĂ ?

MARIETTA: Sissignore, me facette tanta segne, ma non potette capì che diceva. Chillo me spusarria, è ricco, me vò bene, e intanto io aggio da soffrì de chesta manera.

VIRGINIA: Ma non ve disperate signurì, sentite a me, a li vote li cose li cchiù difficile a succedere, so’ succedute. Io pure, stanotte non aggio potuto chiudere uocchio, pensanno sempe a chillo giovinotto che mi offrì l’acqua di seltz, è no penziero inutile, pecché è na cosa difficilissima, e pure, che volite, io nce tengo na piccola speranza.

MARIETTA: (Sta cancara de vecchia pure me tocca li nierve). Ma stammatina vì, la faccio fernuta. Isso o me fa spusà Ernesto, o si no me votto da coppa abbascio, e le faccio passà no guajo!

VIRGINIA: Brava! Facite na bella cosa, pò morite e felicenotte.

MARIETTA: E che me ne mporta a me, voglio morì, voglio morì!

CICCILLO (dal pozzo):Signorì, signorì...

VIRGINIA (gridando):Chi è? Mariuole!

MARIETTA (gridando):Uh! Mamma mia!

CICCILLO: Stateve zitte, songh’io! (Scavalca.) Lo cammeriere de D. Ernesto.

MARIETTA: Possibile!

VIRGINIA: Lu giovinotto de la trattoria!

CICCILLO: La porta de li grade se pò arapì?

MARIETTA: è impossibile, la chiave la tene zi zio sotto a lo cuscino.

CICCILLO: Primme de tutto leggite sto biglietto che ve manna lo patrone mio. (Lo dĂ .)

MARIETTA (legge):«Mia cara Marietta. Il porgitore è un mio fedele servo, affidati a lui, fa tutto quello che ti dice, e se mi amerai quanto io t’amo, non dubitare che saremo felici. Io tuo Ernesto». Donna Virgì, pe ccanità, vedite si zi zio s’è scetato.

VIRGINIA: Non avite appaura, mò vaco a vedé. (Via poi torna.)

MARIETTA: Diciteme na cosa, come avite fatto a trasì pe lo puzzo?

CICCILLO: E che nce voleva, io aggio fatto lo puzzaro tant’anne, aggio date diece lire a Matteo lo caffettiere che sta ccà sotto, a da lu puzzo sujo, pertoso pe pertose so’ sagliuto ccà.

MARIETTA: Uh! Mamma mia, vedite a che rischio ve site mise.

CICCILLO: Eh, e chesto che d’è, chesto è niente. Io nzieme co n’amico mio e lo patrone, nce avimmo mise ncapo de ve luvà da dinta a li granfe de chillo assassino. L’affare de l’incendio aiere fuje combinato da nuje, e infatti li viecchie se n’erano scappate, si non se traseva a tiempo chillo cancaro d’avvocato, lo colpo era bello e fatto.

MARIETTA: Ma insomma Ernesto che vò fà?

CICCILLO: Lo patrono mio vò fà tutto lo possibile de ve ne fà scappà da ccà ncoppa, na carrozza sta sempe pronta abbascio a lo palazzo tutta la jurnata, e quann’è lo momento ve ne fujte a la casa de la mamma.

MARIETTA: Vuje che dicete! E la mamma pò che fa?

CICCILLO: Che ha da fĂ ? Ve stregne dinta a li braccia soje e ve fa spusĂ .

MARIETTA: Possibile!

CICCILLO: Possibilissimo! Vuje teniteve sempe pronta, stateva sempe dinta a sta cammera, e quanta gente vedite venì sta jornata, simme sempe nuje mannata da D. Ernesto. Mentre damme chiacchiere a lu zio vuosto, coglite l’occasione e ve ne scappate, avite capite?

MARIETTA: Va bene.

VIRGINIA: Sta dormenna ancora, ma chillo a n’auto ppoco se sceta, jatevenne pe ccarità.

CICCILLO: Io aggio ditto tutte cose a la signorina, vuje me volite bene?

VIRGINIA: Io... e che saccio, accossì lesto lesto... non saparria risponnere... vorria dicere...

CICCILLO: Va buono, aggio capito, secondate la signurina, facite tutto chello che ve dice essa, e saremo felici! Stateve bene, io me ne scengo. (Sale sul pozzo.)

MARIETTA Stateve attiento.

CICCILLO: Non nce pensato, io saccio lo mestiere. (Via dal pozzo.)

VIRGINIA: Che bello giovene, quanto è simpatica! Signorì che v’ha ditto?

MARIETTA: Tanto isso, quanto Ernesto, farranno lu possibile sta jurnata pe nce fĂ  scappĂ  da ccĂ  ncoppa.

VIRGINIA: Scappammo? Vuje che dicite! E comme scappammo?

MARIETTA: Lu saccio io, stateve zitta, sto giovene ha ditto che va pazzo per vuje, che ve vò spusà assolutamente.

VIRGINIA: Uh! Mamma mia, signori, vuje mò me facite venì na cosa! Veramente chesto v’ha ditto?

MARIETTA: Sissignore, perciò stateve zitta e non parlate.

VIRGINIA: Io non arapo manco la vocca.

ALESSIO (di dentro):Donna Virginia, Marietta...

MARIETTA: Sta chiamanno, jate, jate.

VIRGINIA: Eccome ccà, eccome ccà. (Per andare poi torna.) Signorì, avite visto, io ve lo diceva, lassate fà a lo Cielo, non chiagnite... se capisce, doppo tanta dispiacere, no piacere aveva da venì... mo credo che non alluccate cchiù, mo putite stà allegra.

ALESSIO (di dentro):Donna Virginia, Marietta...

VIRGINIA: Mò mò. (Per andare poi torna.) Ma signurì, dicite la verità, quanto è simpatico chillo giovene, che bell’uocchio che tene, e pò se vede che nce tene premura pe trasì ccà dinto s’è mise a rischio de morì affocato. E se capisce, vujo pazziate, no poco che sgarrava lo pede, jeva dinta a lo puzzo poveriello.

SCENA SECONDA

Alessio e dette poi Camillo.

ALESSIO: Quanno state commode de venì me lo dicite?

VIRGINIA: Scusate D. Alè, steve dicenno na cosa a la signorina.

ALESSIO Aggio ntiso poveriello, chi è sto poveriello?

VIRGINIA: Poverielro?... E chi ha ditto poveriello?

MARIETTA: Io no certo.

VIRGINIA: E io manco.

ALESSIO: Sissignore, lo stiveve dicenno vuje proprio, poveriello!

VIRGINIA: Ah! sissignore, mò me ricordo, la signurina m’ha contato che aieressera lo muscillo l’ascette tanta sango da lo naso, e io aggio risposto: poveriello!

ALESSIO: Lo muscillo l’ascette lo sango da lo naso?

VIRGINIA: Sissignore.

ALESSIO: E pure Donna Virgì, lo pensiero me dice ca lo sango da lo naso ve lo faccio ascì a vuje.

VIRGINIA: A me? E pecché?

ALESSIO: Pecchesto! Io quanno chiammo voglio essere risposto subito! Iateme a piglià lo ccafè.

VIRGINIA: Eccome ccĂ . (Via a destra.)

ALESSIO: Io lo Cielo lo ssape che nottata che aggio passata, chello ppoco che aggio dormuto, m’aggio sunnato fiamme, pompiere, guardie, popolo... mannaggia all’arma de la mamma addò sta mò, vedite che pazzie che se vanno facenno, a rischio de fà venì nu tocco a no poverommo! Lo core me lo diceva: statte dinta a la casa, non ascì! Chillo cancaro de Camillo per forza volette fa la campagnata! Bella cosa! Va tanto no poco de brodo dinta a la casa, cujeto, senza seccature, che tutte li piatte de li tratturie! Dimme na cosa Mariè, chi erano chelli figliuole che t’accompagnarono ccà?

MARIETTA: Stevene dinta a la trattoria, non li conosco.

ALESSIO: E tu sempe co sta maniera, sempe co sta malagrazia. Viene ccà, assettete vicino a me che t’aggia da parlà seriamente. (Siede.)

MARIETTA: (Lo ssolete, mò accominciammo). Eccome ccà. (Siede.)

ALESSIO: Ajere te mettiste appaura ovè?

MARIETTA: Eh, ve pare, se trattava de n’incendio. Io pò non capisco pecché ammentà tanta buscie.

ALESSIO: Pazziajene, bella mia, chillo cheste vanno facenna. Ma sbagliajene però, l’incendio nce steva, ma no dinto a sto palazzo.

MARIETTA: E addò ne Zizì?

ALESSIO: CcĂ , mpietto a me.

MARIETTA: Mpietto a vuje!

ALESSIO: Sì, mpietto a me, ed è un incendio, che nemmeno tutti i pompieri del mondo possono smorzare, mi brucia sempre.

MARIETTA:Vuje chedicite! E non ve facite vedé?

ALESSIO: (è inutile, non capisce, non capisce!).

VIRGINIA: Ecco ccà lo ccafè. (Con caffè.)

ALESSIO (prende la tazza):Va buono, jate a arricettĂ  la cammera.

VIRGINIA: Sissignore. D. Camillo m’ha addimmannato de vuje, l’aggio ditto che stiveve ccà.

ALESSIO: Va bene. (Virginia via a sinistra.) Siente ccà Manié... sienteme buono, e rispunneme a dovere.

MARIETTA: Parlate.

SCENA TERZA

Camillo e detti poi Virginia.

CAMILLO: Buongiorno Alè.

ALESSIO: Buongiorno.

CAMILLO: Non ti può immaginà che notte che aggio passata.

ALESSIO: Tu? E io? Io me sento acciso!

CAMILLO: Ma vedite che mbruglione vanno cammenanno pe lo munno. Me sto chiagnenno ancora chilli vermicielle co li vongole, pozza nun de subeto addò sta mò, me facette piglià chella currera! E fra le altre cose pò, tutta stanotte aggio tenuta na puzza d’arze sotto a lo naso. Basta, lasseme fà lo programma per la prossima apertura della scuola. (Siede a tavolino e scrive.)

ALESSIO: Dunche Marié, venimmo a nuje. Io t’aggio parlato sempe mazzecate, credennomo che tu avisse capito qualche cosa, ma na voca che tu non capisce niente, mò te parlo cchiù chiaro. Tu haje visto che dopo la morte de papà tuo, mio fratello cugino, e di tua madre, poveretta, io t’aggio pigliata cu mmico, t’aggio fatta padrona di tutta la casa. Te voglio bene, e pe te faciarria qualunque cosa.

MARIETTA: E io ve ne ringrazio tanto tanto.

ALESSIO: Eh, ma non basta però lo ringraziamento.

MARIETTA: E che aggio da fĂ ?

ALESSIO: Ecco qua. Tu sai che io sono ricco bastantemente. Da che era piccerillo non m’aggio voluto maje nzurà, pecché maje m’è capitata na femmena che me fosse piaciuta, mò veramente me so’ deciso a farlo... e andevina chi me voglio spusà?

CAMILLO (scrivendo):Quaresima. (Alessio si volta:) Apertura della scuola, ore 8 a m. tutti in classe.

ALESSIO: Camì, sottovoce, agge pacienza, lasseme parlà... (Chillo sta scrivenno, me credeva che l’aveva co mmico!) Andevina a chi me voglio spusà?

MARIETTA: A chi?

ALESSIO: A te! Proprio a te, bella mia.

MARIETTA: A me?

ALESSIO: Sì, a te! E me meraviglio comme tu non te n’ire accorta ancora. Io ti farò padrona di tutta la mia roba, tu diventerai na principessa, quanno io more sà quanto te lasso?

CAMILLO (scrivendo):Dieci lire al mese.

ALESSIO: Lo ssaje tu che le lasse diece lire a lo mese?

CAMILLO: Che cosa? Io sto scrivendo il mensile dei ragazzi, dieci lire al mese ognuno.

ALESSIO: Ah! Mò va bene. E t’aggio pregato sottovoce.

CAMILLO: Va bene. (Scrivendo:) Dieci lire al mese ogni ragazzo, compresa la declamazione.

ALESSIO: Saje quanto te basso? Ma non lo dì a nisciuno però. Duemila lire al mese di rendita, capisci? Oltre poi di una massenia a Caivano. Ah! Che ne dici? Non è una fortuna per te?

MARIETTA: Vedite Zizì... primme de tutto io ve ringrazio de tutto chello che avite fatto pe me, capisco benissimo che io era na povera figliuola, senza padre, senza mamma, e senza nisciuno, vuje m’avite accolta in casa, e co tutto ca so’ priva d’ascì, priva de piglià no poco d’aria, desiderosa de no divertimento qualunque, pure me so’ rassegnata, ve voglio bene, e ve sarraggio grata fino a la morte. Io ve stimo come a no zio, pecché me credeva che me voliveve bene come a nepota... ma... sti parole che mo’ m’avite ditte...

CAMILLO (scrivendo):Non si possono ammettere...

ALESSIO: E pecché? Perché non si possono ammettere?

CAMILLO: Che cosa?

ALESSIO: Li parole che mo’ l’aggio ditto?

CAMILLO: Io che ne saccio che dicite, io sto scrivenne: «Non si possono ammettere quei ragazzi sprovvisti d’abiti e di cattiva salute».

ALESSIO: Mannaggia all’arma de mammeta, e capita sempe a tiempe... Dunche che dicive, bellezza mia?

MARIETTA: Diceva che sti parole che m’avite ditto, m’hanno fatta n’impressione che vuje non ve potite credere. Essere mogliera vosta pe me, sarría na cosa curiosa.

ALESSIO: E pecché curiosa, pecché?

MARIETTA: Pecché, che saccio, lo marito se tratta de n’auta manera, io co vujo non potarria tené chella confidenza che tenarria co n’auto. Come a nepota io sarraggio sempe la stessa, affezionata, ubbidiente e rispettosa, ma si ve sarraggio mogliera, sapite che faccio?...

CAMILLO (scrivendo):Penitenze...

ALESSIO: Dalle dĂ ! Non lo da udienza, chillo sta scrivenno.

CAMILLO (scrivendo) O digiuno tutta la giornata, o tre ore in ginocchio fuori al balcone.

ALESSIO: Mò vedimmo si potimmo parlà. Dunche stive dicenne? Che faje si me sarraje mugliera?

MARIETTA: Me mette a no pizzo e non me movo cchiĂą. Lu penziero solamente che me sarrisseve marite, ma faciarria mettere scuorno e non ve tenarria mente cchiĂą nfaccia.

ALESSIO: E pecché che scuorno? Forse non songo comme a tutte ll’aute uommene? Capisco so’ non poco avanzato; ma non tanto però, non te credere, poi mi mantengo bene, forte, robusto, colorito. Certamente tu guardanneme nfaccia, quanno cride che pozzo morì?...

CAMILLO (scrivendo):Domenica prossima...

ALESSIO: Tu haje da morì Viernarì a notte, io t’atterro, e me te levo da tuorno! La finisce o no?

CAMILLO: Che vuò, che è stato?

ALESSIO: Haje ditto che aggio da morì Domenica prossima.

CAMILLO: Chi? Quanno maje! Io sto scrivenno: Domenica prossima Confessione e passeggiata.

ALESSIO: Si te ne vaje faje meglio, me staje toccanno li nierve tu e lo programma.

CAMILLO: Ecco ccà, aggio fatto, mò vaco da lo stampatore e lo faccio stampà. D.a Virgì, dateme lo cappiello e lo bastone.

VIRGINIA (di d.):Subito.

CAMILLO: Marié, fa chello che te dice Alessio, non lo fa piglià collera che è buono pe te. Oggi presentemente li marite giuvene fanno sempe cattiva riuscita. Alessio è no buono ommo, è no scemone, te lo vuote comme vuò tu.

ALESSIO: Io te ringrazio sĂ , me staje facenno no bello elogio.

CAMILLO: Voglio dì ca sì na pasta de mele, incapace di maltrattare la moglie.

VIRGINIA (con cappello e bastone):Ecco servito.

CAMILLO: Grazie. Dunche io mò torno, permettete? (Per andare.)

VIRGINIA: E addo jate, chella la porta sta chiusa.

CAMILLO: Ah! già, m’era scordato. (Ad Alessio:) Damme sta chiave dà.

ALESSIO: Tiene ccà. (Da la chiave:) Me parene mill’anne che te ne vaje.

CAMILLO: Stateve bene. (Via a destra.)

ALESSIO: Sto Camillo s’è fatto proprio insoffribile! Si tu acconsiente a chello che t’aggio ditto, quanno spusammo, nce pigliammo na casa nuje sule, senza seccature, senza soggezione, pò te mette na bella carrozza e te faccio fà la signora. Che dice, rispunneme na parolella?

VIRGINIA: D. Alè, stammatina che volite mangià?

ALESSIO: Non lo saccio, facite chello che volite vuje. Dunche parla, sciasciuncella mia. (Virginia le fa segno di dire sì.)

MARIETTA Vedite, io mò che ve pozzo dicere, vuje me facite mettere scuorno, lassate che nce penzo tutta la jurnata, e dimane senza meno ve dongo la risposta.

VIRGINIA: Eh! Me pare che ve potite contentĂ , chella la guagliona se mette scuorno.

ALESSIO: Vuje stateve zitta, vuje dinto a st’affare non nc’entrate. Allora aspettammo dimane, vedimmo sto core che te consiglie. (Di d. si sente una forte scampanellata.) Jate a vedé chi è. (Virginia via a destra poi torna.) Te voglio fà essere l’invidia de tutta Napole, te voglio fà paré na pupatella. Tutto chello che desidere basta che arape la vocca, avarraje.

VIRGINIA: D. Alè, è no signore furastiere nsieme co na signorina, dicene che v’hanno da parlà.

ALESSIO: No signore forastiere? Qualche compratore. Falle trasì.

VIRGINIA: Va bene. (Via a destra.)

ALESSIO: Tu vattenne dinta a la cammera toja, e non te movere da llĂ .

MARIETTA: E pecché neh Zizì? Faciteme stà cca.

ALESSIO: Nonsignore, non sta bene, nuje avimmo da parlà d’affare che nce faje ccà... va, vattenne dinto.

MARIETTA: Ma io voleva vedé chi era sta signorina.

ALESSIO: E che te ne mporta a te quanno non la saje, va, vattenne. (L’accompagna fino alla porta e Marietta via.)

SCENA QUARTA

Virginia, Ciccillo, Giulietta e detto.

VIRGINIA: Favorite, favorite. D. Abè, eccoli ccà.

ALESSIO: Favorite signore, accomodatevi. (Virginia da le sedie. Ciccillo veste un lungo soprabito nero e barba lunga rossa, cappello a tuba e guanti. Giulietta in costume scuro, e cappellino capriccioso.)

CICCILLO: Mersì monsiù.

ALESSIO: Jatevenne dinto vuje.

VIRGINIA: E pecché, non pozzo stà ccà?

ALESSIO: Nonsignore, non potite stĂ , jatevenne.

VIRGINIA: Va bene. (Via a sinistra.)

ALESSIO: Ditemi di grazia, con chi ho l’onore di parlare, e in che cosa posso servirla.

CICCILLO (attenuando la pronunzia):Lei è il signor Alessio Capone, antiquario?

ALESSIO: Sicuro, e specialista per gli oggetti di belle arti.

CICCILLO: Benissimamente, e per questo appunto noi siamo venuti. Jo sono Monsiù Alfonso Frinquel, pittore parigino, sono stato molti anni in Jtalì, ecco perché parlo discretamente l’Jtaliano. Mia nipote, qui presente, madamigella Riò, capisce un poco l’italiano, ma non lo parla affatto, perché lè la prima volta che viene in Jtalì, l’altro giorno siamo arrivati io e lei da Parigi per un affare dé grandissima importanza. Non si tratta mica di me sà, si tratta di madamigella, di suo pere.

ALESSIO: (Perè? Forse le fa male lo pere, e che vò da me). Mossiù, io non ho capito, a Madamigella le fa mala lo pere?

CICCILLO: Oh, no, no, per caritĂ ! Si tratta di suo pere... suo padre insomma.

ALESSIO: Ah! suo padre? Mò va bene! vuje dicite lo pere.

CICCILLO: Suo padre, mio fratello, era un artista celebre, ha fatto 40 invenzioni, e 50 scoperte, tiene 36 medaglie di tutte l’esposizioni del mondo. L’ultimo suo lavoro dato all’esposizione di Parigi, è stato giudicato da tutta l’arte per una vera rarità. (Giulietta si asciuga gli occhi col fazzoletto.) Non c’è artista a Parigi che possa avere il talento e l’abilità di Monfrere... di mio fratello.

ALESSIO: MonsiĂą, scusate, pare che Madamigella piange?

CICCILLO: Sicuro, pensa a suo pere.

ALESSIO: Pensa a lo pere? Va bene! Ma perché, suo padre è morto forse?

CICCILLO: Da 15 giorni signore, è morto povero, senza una camicia, all’Ospedale.

ALESSIO: Nientemeno! E come, co tanta abilitĂ , tanta medaglie?

CICCILLO: E che vuol dire? Appunto per questo, caro signore, tutti gli uomini di grande abilità, e di gran talento, vanno a morire tutti all’Ospedale.

ALESSIO: Bella cosa! Ma insomma MossiĂą, ditemi di che si tratta?

CICCILLO: Parla Madamigella Riò.

GIULIETTA (si alza dal suo posto, e va a sedere al posto di Ciccillo e Ciccillo passa a destra, parla in francese):Se il signore mò presterà un poco di attenzione, in poche parole gli dirò tutto. Mio padre a Parigi, godeva una riputazione mondiale! Le troppo scoperte ed invenzioni fatte, gli hanno cagionata la morte. Egli un mese fa lo diceva! Figlia mia, amata figlia, sventurata figlia, sento pur troppo che le forze mi mancano, e che sta per avvicinarsi l’ora fatale! (Piange.) Povero padre mio!

CICCILLO: Misero fratello! (Piange.)

ALESSIO: (Vuje vedite che guajo è venuto dinta a la casa mia!).

GIULIETTA: Ebbe un attacco alla testa, ma fortunatamente si rimise e completò il lavoro incominciato. Dopo 8 giorni fu assalito da una febbre terribile, e fu obbligato dai medici di cambiare aria. In pochi giorni signore la febbre lo distrusse. Tutti piansero la sua morte. Tutti i giornali se ne occuparono, ma intanto egli è morto povero, altro non mi ha lasciato che l’ultimo suo lavoro fatto per l’esposizione di Parigi. La statua di Servio Tullio, Re di Roma. Questa statua è di un’invenzione metallica da confondersi facilmente col marmo. Essa mediante una macchina interna con 34 rotelline, ha il manubrio all’esterno del piedistallo. Se una persona brama di farla cambiare di posizione, l’otterrà subito, girando da due a dieci volte il manubrio. Le assicuro o signore che è tale la precisione e la verità del movimento da farla sembrare non una statua, ma una persona vivente. Quando a Parigi vennero gli artisti ad osservarla rimasero tutti sorpresi e meravigliati per la grande invenzione. Ora io pensai di venderla, e col denaro ricavato erigere al Camposanto una tomba per il povero padre mio. A Parigi però nessuno sa niente, io voglio venderla in Italia, per far conoscere all’Estero, il grande, l’immenso, l’inarrivabile talento dell’autore. Se voi signore volete acquistarla, stabiliamo il prezzo, pagatemi, e la statua sarà vostra.

CICCILLO: Adesso, spetta a voi a rispondere.

ALESSIO: (Eh! è na parola, io non aggio capito niente, che aggio da risponnere). Monsiù, io non ho capito quello che ha detto Madamigella, perciò parlate voi, altrimenti perdiamo tempo inutilmente.

CICCILLO: Ecco. (Cambia con Giulietta novellamente il posto.) L’ultimo lavoro fatto da suo padre, mio fratello, per l’esposizione di Parigi, fu una statua, rappresentante Servio Tullio, Re di Roma. Questa statua è di una invenzione metallica da confondersi facilmente col marmo. Essa mediante una macchina interna con 34 rotelline, ha il manubrio all’esterno del piedistallo. Se una persona desidera di farla cambiare di posizione, l’otterrà subito, girando da due a dieci volte il manubrio. E tale la precisione del movimento da farla sembrare non una statua, ma addirittura una persona viva. Ora lei madamigella, ha pensato di venderla, e col denaro che ne riceve, vuole erigere al Camposanto una tomba a suo padre. A Parigi però nessuno ha saputo questa cosa.. Essa vuol venderla in Italia per far conoscere all’Estero, il grande, l’immenso, l’inarnivabile talento dell’autore. Venuti a Napoli, molti sensali ci hanno diretto da voi... ecco tutto.

GIULIETTA (parla francese):Se voi signore volete acquistarla...

ALESSIO: Faciteme lo piacere, non parlate vuje. (Sangue di Bacco, chisto è no buono affare, non me lo faccio scappà!) Sentite mossiù, a me mi fa piacere di acquistare questi oggetti di belle arti, e specialmente una statua, come voi avete detto, ma francamente parlando, io ho bisogno di vederla, di osservarla.

CICCILLO: Oh, si capisce, senza vederla non si può far niente.

ALESSIO: Voi dove la tenete?

CICCILLO: Qui, nel cortile, in un cassone.

ALESSIO: Ah! Benissimo! E avete i facchini?

CICCILLO: Sicuro, un solo uomo basta, non è mica pesante!

ALESSIO: Bravissimo! Allora fatela salire, io vi faccio aprire la porta grande dove entrano tutte le statue, vi faccio accompagnare dalla donna, e la piazzerete qua, dietro questo portiere. Io poi scopro, mi metto da lontano, e vedo l’effetto, così faccio pure coi quadri, capite.

CICCILLO: Oh! Sicuro, approvo perfettamente.

ALESSIO (chiama):D.a Virginia, D.a Virginia?...

SCENA QUINTA

Virginia e detti poi Marietta indi Virginia e Ciccillo.

VIRGINIA: Chi è, che volite?

ALESSIO: Facite vedé a sto signore, qual è la porta grande, e apritela. Tenite, chesta è la chiave. Pò aspettate che saglie na statua, e la piazzate al solito posto.

VIRGINIA: Va bene, venite signò.

CICCILLO: Andiamo pure. (La signorina addò stà?).

VIRGINIA: (Sta dinto, lo zio non l’ha voluto fà stà ccà).

CICCILLO: (E comme se fĂ !). (Viano a destra.)

ALESSIO: Adesso che se n’è andato Vostro zio (parlando con segni), vi voglio far conoscere la mia sposa... la mia prossima metà,... eh! diamine! Aspettate un momento, vi voglio far conoscere una bella fanciulla. (Chiama:) Marietta, Marietta?...

MARIETTA: Zizì, m’avite chiammata?

ALESSIO: Tu volive vedé la signorina? Eccola qua, madamigella Riò, figlia di un celebre artista francese.

MARIETTA: Tanto piacere.

GIULIETTA: Siete proprio una graziosa fanciulla, e mi reputo veramente fortunata di aver fatta la vostra conoscenza.

ALESSIO: Di qui a poco tempo, essa sarĂ  mia moglie... noi sposeremo.

GIULIETTA: Voi sposare lei? (Ridendo:) Ah, ah, ah! Ho capito. E come le salta in mente alla Signorina di sposare un uomo come voi? Io credo che voi siete burlato da lei, perché alla vostra età non si può sperare di essere amato da una ragazza. (Ridendo:) Ah, ah, ah! Essa vi burla, e voi come una bestia ve lo credete? Povero sciocco! Povero imbecille! Invece di pensare al matrimonio, pensate a morire che sarà meglio, così la signorina sarà libera, e potrà scegliersi un giovine di suo piacere. Ah, ah, ah! quanto mi fate ridere!

ALESSIO: (Che brutta cosa è a non capì niente, uno resta come a no ntontero senza poté risponnere). (Piano a Marietta:) Credo che mò faccio nu buono affare, si nce simme de prezzo, m’accatto na gran cosa.

VIRGINIA (dal fondo):Tutto è fatto.

CICCILLO: La statua è piazzata.

ALESSIO: Benissimo! Jatevenne dinto vuje.

VIRGINIA: Ah! e pecché, nuje volimme vedé.

MARIETTA: Zizì, faciteme stà ccà, la voglio vedé.

CICCILLO: Sicuro, fatela restare, che male c’è?

ALESSIO: Nonsignore, quando l’ho comprata la vede, si po non nce simme de prezzo, rieste co no nuozzolo nganna, jatevenne dinto.

VIRGINIA: Ma vedite nuje...

ALESSIO: Jatevenne dinto, sangue de Bacco, mò me facite nfucà mò! (Virginia e Marietta viano disperandosi.) (Eh! Io so’ buono buono, ma guai quando non mi ubbidiscono.) Mossiù, fatemi il piacere, scusate, tirate quel laccio.

CICCILLO: Subito. (Alessio si situa a proscenio a sinistra colle spalle al pubblico. Giulietta al lato opposto. Ciccillo tira il laccio e va su la portiera che scopre Felice trasformato da statua rappresentando un Imperatore Romano, alla mano destra tiene il brando, e la sinistra appoggiata nei fianchi. In testa tiene l’elmo. E situato sopra un piedistallo, a destra dal quale vi è un manubrio.)

SCENA SESTA

Felice da statua e detti.

ALESSIO: Bellissima! Magnifica! E chi avete detto che rappresenta?

CICCILLO: Servio Tullio. Re di Roma.

ALESSIO: Bravissimo! Ma come, non è marmo?

CICCILLO: No, signore, è una composizione metallica, diversamente non si poteva far cambiare la posizione.

ALESSIO: MossiĂą, scusate, fatele fare qualche movimento?

CICCILLO: Subito signore. (Si avvicina al piedistallo e prende il manubrio.) Con due sole girate, cala il braccio sinistro, alza il braccio destro e guarda a sinistra. (Esegue. Felice fa il movimento mentre Ciccillo gira il manubrio.)

ALESSIO: Ma bravissimo! Veramente bello!

CICCILLO: Tre girate, alza il braccio sinistro, e mostra il nemico, cala il braccio destro e guarda in alto. (Esegue c.s.)

ALESSIO: Benissimo!

CICCILLO: Volete ancora osservare qualche altro movimento?

ALESSIO: Sì Mossiù, mi fate piacere.

CICCILLO: Quattro girate. Dopo la battaglia. Cala il braccio sinistro, lo unisce col destro, bassa la testa, e gira un poco a destra. (Esegue c.s.)

ALESSIO: Che bellezza! Che lavoro magnifico!

CICCILLO: A secondo poi delle girate, cambia sempre posizione.

ALESSIO: Ho capito, ho capito. Va bene! (Chisto è n’affare d’oro.) Dunque Mossiù, francamente, la statua mi piace, ditemi adesso il prezzo?

CICCILLO: Tre mila franchi.

ALESSIO: Tremila franchi! Caspita, è un poco cara.

CICCILLO: Ma che cara e cara, tre mila franchi.

ALESSIO: Aspettate, non ve pigliate collera mossiĂą... allora, cinque minuti di permesso, vado a pigliare un foglio di carta bollata... torno subito. (Via a sinistra seconda porta.)

CICCILLO: Felice. Scinne da lloco.

FELICE (scende dal piedistallo):Chiammate la guagliona, facite ampressa.

CICCILLO (alla prima porta a sinistra):Signorì, signorì.

SCENA SETTIMA

Marietta, Virginia e detti poi Alessio.

MARIETTA: Che è stato?

VIRGINIA: Che avite fatto?

CICCILLO: Scappammo, scappammo!

GIULIETTA: Non perdimmo tiempo!

VIRGINIA: E comme, senza sciallo? Senza cappiello?

FELICE: E chesta penza lo sciallo e lo cappiello. Jammoncenne. (Si avviano per la porta a destra. Di dentro forte scampanellata.)

VIRGINIA: La porta! E comme se fa?

CICCILLO: Sangue de Bacco, vuje vedite la combinazione!

MARIETTA: Chillo mò esce zizio, io me metto paura!

ALESSIO (di d.):D.a Virginia, D.a Virginia!

MARIETTA: Scappa, scappa! (Entra a sinistra. Felice sale sul piedistallo e resta in un’altra posizione.)

ALESSIO (uscendo con carta):D.a Virgì, cancaro, avite ntisa la porta?

VIRGINIA: Sissignore, e steve jenno ad arapì.

ALESSIO: Chiunque è, facitele aspettà no momento fora a la sala, quanno io ve chiammo trasite.

VIRGINIA: Va bene. (Mamma mia che paura, mò more!) (Via a destra.)

ALESSIO (guardando la statua):MonzĂą, scusate, me pare che la stauta ha cambiata posizione?

CICCILLO: Sì, sono stato io, ma la rimetto subito. (Esegue. Felice si rimette alla prima posizione.)

ALESSIO: Bravissimo! Che precisione! Mò subeto subeto ve faccio sta dichiarazione. (Scrive a tavolino.)

CICCILLO: (Doppo tanta fatiche, non avimmo potuto ricavà niente, ma io non me perdo de coraggio però).

GIULIETTA: (Pe tutta stasera l’avimmo da fà lo piattino). (E Feliciello che fa?)

CICCILLO (si avvicina a Felice e gli dice piano):Nuje t’aspettammo abbascio a lu cafè, fujtenne per la porta granne.

ALESSIO: Ecco fatto. (Dà la carta a Ciccillo.) Domani favorite a mezzogiorno, e vi darò la risposta decisa.

CICCILLO: Va bene. Badate di non toccarla, perché se si guasta voi la pagherete.

ALESSIO: E si capisce. Non dubitate, io non la tocco, anzi adesso calo il portiere per non farla vedere a nessuno. (Esegue.) Oggi la faccio vedere solamente ad un amico mio artista, che se n’intende di questi lavori.

CICCILLO: Benissimo! Addio signore. (Gli dĂ  la mano.)

GIULIETTA: A rivederci signore. (DĂ  la mano.)

ALESSIO: A rivederci Madamigella. (L’accompagna fino alla porta. Ciccillo e Giulietta viano, Felice caccia la testa dal portiere e la rientra subito.) D.a Virgì, trasite.

SCENA OTTAVA

Virginia e detto, poi Rocco e poi Aniello.

VIRGINIA: Fore nce sta D. Rocco, l’avvocato vuosto, e D. Aniello lo trattoriere.

ALESSIO: D. Aniello! E che vò D. Aniello? Fallo trasì.

VIRGINIA (alla porta):Favorite, favorite.

ROCCO (con taffetĂ  in fronte):Carissimo D. Alessio.

ALESSIO: Carissimo Avvocato, assettateve. (Gli dĂ  una sedia.) Forse ci sono novitĂ  per quella causa?

ROCCO: Debbo dirvi qualche cosa che vi fa piacere.

ALESSIO: Avimmo guadagnato?

ROCCO: Non ancora, ma io credo che la causa sarĂ  inutile.

ALESSIO: Inutile! E perché? (Siede.)

VIRGINIA (alla porta):Trasite, trasite, cammenate.

ANIELLO: Eh! Cammenate, è na parola, bella mia, io tengo la podagra, se so’ nturzate li gamme de chesta manera, si non cammino chiano, non nce la faccio... damme na seggia, agge pacienza.

VIRGINIA: Sissignore, assettateve. (Gli dĂ  una sedia.)

ANIELLO (sedendo):Ah! Mò va buono. Grazie tanto sà. D. Alè buongiorno.

ALESSIO: Meglio tarde che maje. Buongiorno.

ANIELLO: Scusate si ve so’ venute ad incomodà. Doppo la paura che me pighiaje ajere, stammatina non me so’ fidato d’ascì, aggio ditto: Carmeniè va tu a la trattoria e statte attiento, mò me ne so’ scise no poco ccà bascio, pecché sulo non me fido de stà, quanno stongo sulo penzo sempe a la morte. Si ve dongo fastidio, me ne vaco n’auta vota.

ALESSIO: Nonsignore, nisciuno fastidio, basta però che ve state zitto, pecché io aggio da parlà d’affari coll’avvocato.

ANIELLO: Facite li fatte vuoste.

ALESSIO: D.a Virgì, jate a vedé Marietta che sta facenno.

VIRGINIA: Subito. (Via a sinistra.)

ALESSIO: AvvocĂ , scusate, che tenute nfronte?

ROCCO: Ah! Fuje no piatto nfaccia che avette ajere fore a la trattoria.

ALESSIO: No piatto nfaccia, e da chi?

ROCCO: Da chillo tale mbrughione che ammentaje l’affare de l’incendio, io pò aissera venette, e lo guardaporta m’assicuraje che non era succiesso niente.

ALESSIO: Niente, fà na pazzia pe me fì mettere paura.

ANIELLO: Vì che auta pazzia, rrobe de cortellate. (Starnuta.)

ALESSIO: FelicitĂ .

ANIELLO: Grazie.

ALESSIO: E pecché pò ve dette lo piatto nfaccia?

ROCCO: Pecché rimasta sola la nepota vosta, la volevene accompagnà lloro, io regolarmente come vostro amico non poteva permettere sta cosa e perciò nce appiccecajeme.

ALESSIO: Vuje vedite lo diavolo, ma già, chesta è cosa de poco momento, dimane non nce sta niente cchiù. Dunche Avvocà, stiveve dicenno la causa sarà inutile, e perché?

ROCCO: Perché? Ecco qua. Quando voi vendeste il quadro al Marchese per 25 mila lire, dopo otto giorni si divise dalla moglie, andando ad abitare ad un’altra casa, il quadro però rimase a lei, e se noi chiameremo lui in tribunale, quello è capace di negare tutto, allora poi che ci fate? Come proviamo la vendita del quadro fatta a quattr’occhi fra voi e lui?

ALESSIO: Embè allora che s’ha da fà?

ROCCO: Ho fatto io tutto, credo di aver accomodato in modo che ne resterete contento. Voi mi diceste: Avvocà fate voi, quello che fate voi sta ben fatto, è vero?

ALESSIO: Sicuro, e lo ripeto, perché ho piena fiducia in voi.

ROCCO: Grazie, troppo buono. Stamattina mi sono recato dalla Marchesa.

ALESSIO: Ah! Bravo! Avite parlato co essa, e che l’avite ditto?

ROCCO: Sul principio mi sono un poco alterato, le ho detto: Marchesa, io vengo qui per la giustizia, vostro marito ha torto! (Aniello starnuta.)

ALESSIO: Mall’arma toja! Non sapeva che era.

ANIELLO: Non ve n’incaricate, parlate.

ROCCO: Il quadro è stato venduto al Marchese, e il Marchese non ha pagato, quindi non facciamo scandali, voi siete una signora, siete una nobile, e non permettere che il vostro nome vada stampato su i giornali. E non credete che il signor Alessio Capone non avesse come provare la verità del fatto. Ci sono cento testimoni che ricordano il quadro, ed io specialmente posso assicurarlo e giurarlo, perché l’ho visto adesso nel vostro salotto, e l’ho subito riconosciuto. Perciò, sentite a me Marchesa, transiggete con D. Alessio, e levatevi questa seccatura. Ma io vedete, vorrei pagare un 10 mila franchi? è impossibile, cara signora, non mi posso compromettere per questa cifra, è troppo poco... insomma per abbreviarvi il discorso, a mille lire per volta, l’ho fatta arrivare a 15 mila lire.

ALESSIO: Benissimo! Era proprio chello che io voleva, bravo D. Rocco.

ROCCO: Ma niente, per carità! Domani mi farete la ricevuta e mi vado a prendere il denaro, così siamo rimasti con lei.

ALESSIO: Ma sicuro che mi conviene, e poi una cosa fatta da voi, sapete che non ci trovo difficoltĂ .

ROCCO: Va bene. (Alzandosi.)

ALESSIO: Avvocà, mò che se ne va stu viecchio, v’aggio da fà vedé na cosa rara che m’è capitata, un lavoro di un francese, ma na cosa scicca, na cosa, sorprendente. La statua di Servio Tullio, Re di Roma. Quanno la vedite pò v’aggio da dà na sorpresa, so’ sicuro che rimmanite co la vocca aperta.

ROCCO: Tanto che è bella?

ALESSIO: è una cosa rara! (Aniello starnuta.) D. Aniè, vuje avite fatto n’ato sternuto?

ANIELLO Aggiate pacienza, che volite da me, è no catarro cronico. (Campanello di destra.)

ALESSIO (chiamando):D.a Virginia, D.a Virginia!

SCENA NONA

D.a Virginia e detti poi Giulietta indi Marietta.

VIRGINIA: Eccome ccĂ .

ALESSIO: Jate a vedé chi è.

VIRGINIA: Subito. (Via a destra.)

ANIELLO: D. Alè, me voglio sosere no poco, dateme na mano, scusate.

ALESSIO: (Vuje vedite che guajo che aggio passato co chisto). Jammo, sositeve. (Lo aiuta ad alzare.)

ANIELLO: Grazie tanto! (Passa a sinistra.)

GIULIETTA (di d. gridando):Voglio trasì, voglio parlà con D. Alessio faciteme sta carità.

VIRGINIA (di d.):Ma non pò essere, aggio da portà primma la mmasciata.

ALESSIO: Chi è?

VIRGINIA: D. Alè, fore nce sta na guagliona, dice che è la figlia, de la spicaiola a lo puntone, vò parlà co vuje, e sta chiagnegno comme a che, che aggio da fà?

ALESSIO: La figlia de la spicajola a lu puntone, vò parlà co me, e che vò da me?

GIULIETTA (da spicaiola con fazzoletto attaccato in testa, esce e si butta ai piedi di Alessio):Signore mio pe carità, non me ne cacciate, tutto lo quartiere ve porta nchiante de mane pe lo bello core che tenite, vuje sulo me potite ajutà, lo Cielo v’ha da fà campà mill’anne! (Piange.)

ALESSIO: Ma che è stato, susete, che vuò da me?

GIULIETTA: M’avite da fà na carità signore mio, na carità grossa assai.

MARIETTA (uscendo):Che è stato, che è succiesso?

GIULIETTA: Signorina mia, quanto site bella, lassate che ve vaso la mano. (Le bacia la mano.) Vuje pure avite da priĂ  a Zizio che me facesse no gruosso piacere, e si se nega io me ne more, me ne more.

ANIELLO (piangendo):Poverella, me fa proprio compassione!

ALESSIO: Ma che è stato, se po appurà?

GIULIETTA: Avite da sapé che io songo la figlia de Ntonetta la spicajola, chella che sta a lu puntone, vicino a lo gravonaro, attaccato a lo potecaro, rimpetto a lo speziale, patemo morette duje anne fa, e nce lassaje a me a Pascalino e no povero piccerillo de tre anne, Sabatiello, mò ne tene cinche, ma si vedite quanto è bellillo, janco, russo, chiatto, me pare non squizzarotto, tutto lo vicinato tanto ch’è bello lo chiammene carufaniello, a me me vò nu bene pazzo perché io me l’aggio cresciuto, e l’aggio tenuto sempre mbraccio. L’anno passato, mammena se volette mmaretà n’auta vota, e se spusaje a chillo mbico de Mineco lo premmunaro. Signore mio non potite credere che stamme passanno dinta a la casa, chillo è miezo pazzo, è stato ad Aversa tre anne. Pe causa de la gelosia s’appiccechene sempe. Aissera rompette tazze, piatte, campane de cristallo, tutte cose, vattette a me, a mammema e a Sabatiello. Lo povero guaglione sentenno dolore dicette: quanto si brutto, puozze sculà, non fujene parole ditte, pigliaje lo cortiello e lo voleva accidere, la folla se facette vicino a la poteca, isso se ne jette, dicenno: quanno è dimane si trovo la guagliona lloco dinto, ve lu levo da lo munno. Signore mio, nuje sapimmo chillo nfame comme la penza, quanno dice na cosa la fa. Pe carità, salvate chillo piccerillo, tenitevillo pe no pare de juorne, e quanno patrieme s’è calmato, me lo vengo a piglià. Non me dicite ca no, signore mio, non me dicite ca no.

ALESSIO: Ma figlia mia, io tengo gli affari miei, comme pozzo tené sto guaglione dinta a la casa?

VIRGINIA: E che fa, lo stamme attiento nuje, chesto che cos’è?

MARIETTA: A la fine pò non se tratta pe sempe, se tratta de no pare de juorne.

GIULIETTA: Sissignore, duje juorne solamente, quanto a patrieme le passa chella verticene. Signore mio, faciteme sta carità, sarria venuta pure mammema a priarve, ma sta dinto a lo lietto co la freve e non se pò movere. Ha ditto accossì: figlia mia, curre ncoppa da D. Alessio l’antiquario, menete a li piede suoje, chillo è no buonommo, e certamente non se negarrà. L’avarria potuto portà da D.a Concetta la stiratrice, D.a Rachela la zarellara, la siè Rosa la fruttajola, Prizela la cantenera, Carmela la panettera, Luisella la chianchera, Vicenza la capera, e tant’aute che lo volevano, ma nuje non l’avimmo voluto affidà a nisciuno. Signore mio, faciteme sta carità, teniteve a Sabatiello, penzate che si more Sabatiello, morimmo pure nuje, sì morimme pure nuje! (Piange.)

VIRGINIA: Povera figliola, m’ha fatto spartere lo core! (Piange.)

MARIETTA: Me fa proprio pena poverella. (Piange.)

ANIELLO: M’ha fatto venì na cosa dinta a lo stommaco! (Piange e poi starnuta.)

ALESSIO: Chiagnite, sternutate, se pò appurà che volite fà?

ROCCO: (D. Alè, voi siete un bravo uomo, non fa niente, fate questa bell’azione).

ALESSIO: Va bene, me tengo lo guaglione, ma basta però che si tratta di due giorni?

GIULIETTA: Doppo dimane se ne va, non dubitate.

ALESSIO: Va bene.

GIULIETTA: Grazie signore mio. (Bacia la mano.) Grazie pure a vuje signorì. (Bacia la mano a Marietta.) E pure a buje (a Virginia:), mò lo vaco a piglià, chillo sta abbascio a lo palazzo, vicino a lo guardaporta, aggio portato pure lo siggione sujo, quanno sta assettato, è na pace, non lo sentite tutta la jornata. Mò vengo lesto lesto. Permettete. (Via a destra.)

MARIETTA: E bravo zi zio, m’avite fatto veramente piacere.

ALESSIO: D.a Virgì, jatele aspettà vicino a la porta, e quanno vene, lo situate dinta a la stanza da pranzo.

VIRGINIA: Va bene. (Via a destra.)

ALESSIO: Mariè, io aggio d’ascì no momento, vi raccomando la casa.

MARIETTA State a penziero cuieto.

ALESSIO: Avvocà, vuje m’accompagnate?

ROCCO: Come volete.

ALESSIO: Voglio arrivà fino a casa de D. Alberto il meccanico, e si lo trovo me lo porto ccà, le voglio fà dà na guardata a chella statua che v’aggio ditto, dimane matina pò la vedite vuje, mò sta stu viecchio nnanze.

ALESSIO: Viene Marié, viene me miette lo soprabito.

MARIETTA: Subito.

ALESSIO: AvvocĂ , voi potete favorire.

ROCCO: Grazie. (Via con Alessio e Marietta a sinistra.)

ANIELLO: Che bella educazione, m’hanno rimasto ccà comme a no tuorzo de carcioffola! Mò me ne saglie ncoppa e me cocco. Me sento no poco la freva, lo fatto de chella guagliona mi ha toccato li nierve. Vedite che birbante, va bene che non l’è figlio, ma è sempe na povera creatura. Si lo potesse vedé, le vorria dicere: piezzo de carognone che sì, tu co chi te la piglie? Co no povero piccenillo de 5anne? E che soddisfazione te pò dà chillo? Si sì ommo vidatello co mmico, fa lo guappo co me, te voglio consignà quatte ponie sotto a li mole! (TrabaIla.) Guè, mò stevejenne nterra, mannaggia la podagra, mannaggia! (Via a destra starnutando.)

MUTAZIONE

Camera con una porta a sinistra e una a destra.

SCENA DECIMA

Felice da ragazzo di 5 anni con cuffia seduto al seggiolone poi Alessio, Rocco, Virginia e Marietta..

FELICE: Me sento scennere pe dinta a li rine che aggio na brutta mazziata. Giulietta se n’è ghiuta, la govemante m’ha lassato e io so’ remasto ccà, vedimmo che succede.

ALESSIO (esce con Rocco, Virginia e Marietta; ha messo il soprabito e cappello).

VIRGINIA: Venite D. Alè, venite a vedé quanto è bello sto piccerillo.

ALESSIO: Ah! Bravo, si venuto? E te staje cujeto?

FELICE: Ti, ti.

MARIETTA: Quanto è bellillo!

ROCCO: Povero innocente.

ALESSIO: E soreta addò è ghiuta?

FELICE: è ghiuta a la tasa addò mammella, si no mammella steva cu lu penziere.

ROCCO: (D. Alè, non ve pare che tene la capa nu poco grossa?).

ALESSIO: (Nu poco? Quello è nu capissimo!). Che fuje l’appicceco d’ajersera, pateto pecché vattette a mammeta?

FELICE: Pecché truvaje a mammella che zeva pallanno tu nu zignolino, mammà ogne Zela parla co no zignolino.

ALESSIO: Neh? me fa tanto piacere! Allora papĂ  non have tuorto?

FELICE: Zì, patté izzo pule va pallanno tu li fillole.

ALESSIO: Siente lloco siè! E che nce vuò appurà, chiste fanno da buon compagne.

FELICE (gridando):Vollo la zuppetella, la zuppetella.

ALESSIO: D.a Virgì, facitele no poco de zuppetella de latte.

VIRGINIA: Subito. (Mamma mia, io mò moro da la risa!). (Via pel fondo a sinistra.)

FELICE: Vollo la zuppetella, vollo la zuppetella! (Gridando.)

ALESSIO: Mò vene, mò vene. Embè Sabatié, soreta ha ditto che ire na pace.

FELICE: Vollo allesse, volle allesse.

ALESSIO: Mò vò allesse mò. Va bene, lo zio mò scenne e te l’accatte. Dunche Marié, io me ne vaco, non tnico cchiù de na mez’ora, statte attiento a chillo piccerillo, l’avisseve da fà cadé?

MARIETTA: Non nce penzate, ve pare.

ALESSIO: AvvocĂ  jammoncenne.

FELICE: Vollo li puttuvalle, vollo li puttuvalle.

ALESSIO: Pure li purtivalle, e che ne parlammo a fà, mò, mò, mò lo zio te porte tutte cose.

FELICE: La brumma, la brumma, la brumma.

ALESSIO: è seccante sà, vò bevere, datele a bevere.

MARIETTA: Zitto, zitto, mò la zia te dà tutto chello che vuò tu.

FELICE: Bella la zia, bella la zia!

ALESSIO: Statte zitto, haje capito?

FELICE: Butto lo zio, butto lo zio!

ALESSIO: Guè, a me me chiamme brutto a me! Va, non perdimmo cchiù tiempo.

MARIETTA: Zizì, mò che chiudite la porta co la chiave?

ALESSIO: E se capisce, non nce sta manco Camillo.

MARIETTA: Embè, si chillo mò se ritira?

ALESSIO: Aspetta abbascio a lo palazzo, che aggia fà, io na mez’ora trico, quanno vengo, saglie pure isso. Avvocà, jammo!

ROCCO: Sono con voi.

FELICE: La zuppetella, l’allesse, li puttuvalle, la brumma, la brumma, la brumma!

ALESSIO: Eh! Ncasa la mano! Mannaggia all’arma de la pace... D.a Virgì, sta zuppetella!

SCENA UNDICESIMA

Virginia e detti, poi Camillo.

VIRGINIA (con piatto di pappa):Eccola ccĂ , tanto bella, tutta mollica.

ALESSIO: Datemella, non lo facite alluccà, D.a Virgì, attienta a la casa, io mò vengo.

VIRGINIA: Non dubitate, facite li fatte vuoste! (Alessio via con Rocco a destra.) Vuje che avite combinato?

FELICE (uscendo dal seggiolone):Io mò more, non me fido cchiù!

MARIETTA Ernesto addò sta?

FELICE: Sta abbascio, a lo puntone de lo vico aspettanno co na carrozza chiusa, jammoncenne.

VIRGINIA: E comme nce ne jammo?

MARIETTA: Chillo Zizio s’ha portata la chiave.

FELICE: Sangue di Bacco, e comme se fa? Scassammo la porta.

MARIETTA: Vuje che dicite!

VIRGINIA: Vuje pazziate!

ALESSIO (di d. gridando):Te si trovato proprio a tiempo, si no rummanive abbascio a lo palazzo!

CAMILLO (di d.):Meno male!

MARIETTA: Zì Camillo. (Scappa a sinistra.)

VIRGINIA: Tornate llà p’ammore de lo Cielo! (Felice torna al seggiolone.)

ALESSIO: Statte attiento a la casa. (Di d..)

CAMILLO: Non nce penzĂ ! (Di dentro.)

FELICE: La brumma! La brumma! La brumma!

CAMILLO (fuori):Chi è? De chi è sto guaglione?

VIRGINIA: è lo figlio de la spicajola a lo puntone, lo padre lo voleva accidere pecché s’è appiccecato con la mogliera, la sora ha cercato mpiacere a D. Alessio, che se lo tenesse ccà no pare de juorne, povero piccerillo.

FELICE: La brumma, la brumma, la brumma!

CAMILLO: E datele a bevere chillo tene sete.

VIRGINIA: Aspetta, la zia mò te porta la brumma! (Via a destra.)

FELICE: La zuppetella, la zuppetella!

CAMILLO: Mò, mò, aspetta no momento. Lo stampatore, m’ha ditto che pe dimane me consegna li programme. N’aggio fatte stampà tre mila. Li denare pe la pubblicità non so’ maje perdute.

FELICE: La brumma, ha brumma, la brumma!

CAMILLO: No momento, vì comme va de pressa! Pe mò tengo unnece guaglione fra gruosse e piccerille, si ne piglie n’auti nove, pure so’ contento. Vinte sculare a 10 lire l’uno, so’ dujeciento lire a lo mese. Io spese non ne porto, me li metto sane sane dinta a la sacca.

FELICE: La zuppetella, la zuppetella, la brumma, la brumma!

CAMILLO: Vi che nce vò chella pe portà no bicchiere d’acqua. Mò te la vaco a piglià io, statte zitto. (Via a destra.)

FELICE (uscendo dal seggiolone):Mannaggia all’arma de mammeta, se n’è ghiuto uno, e n’è venuto n’auto! Mò la porta non sta chiusa a chiave, sarria no bello momento. (Alla porta a sinistra:) Signori, signorì... (Entra.)

SCENA DODICESIMA

Camillo poi Virginia indi Felice.

CAMILLO (con acqua):Ecco ccà la brumma! Uh! Mamma mia, hanno tagliata la capa a lo guaghione!... Che è succieso! (Va a guardare il seggiolone.) Scuse! Chisto da derete è bacante! E che vò dicere sta cosa? D.a Virginia l’ha da sapé. Aspetta. (Si situa nel seggiolone come Felice.) La zuppetella, la brumma, la zuppetella!

VIRGINIA (uscendo):La gallina ha fatto lo cococco, mangiatillo... Che! D. Camillo!

CAMILLO: La zuppetella! La zuppetella!

FELICE (uscendo):Non vò venì, se mette paura de lo zio!

CAMILLO: La zuppetella, la brumma, la zuppetella! (Gridando.)

FELICE: Ah! Staje lloco? Vuò la zuppetella! E tiene! (Prende il piatto con la zuppa, ce lo butta in faccia e via.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

ATTO TERZO

La stessa scena dell’atto secondo.

SCENA PRIMA

Camillo, Virginia e Marietta.

CAMILLO (dalla destra):Niente, non ne credo niente, vuje m’avite da dicere la verità, m’avite da dicere chi era chillo finto guaglione?

VIRGINIA: V’assicuro D. Camì, che nuje non ne sapimmo niente, chillo certamente aveva da essere no maniuolo, va trova che se vuleva arrubbà. è stato lo cielo che v’ha fatto venì a vuje a tiempo, si no come faceveme nuje poverelle?

CAMILLO: No mariuolo?

MARIETTA: Sissignore Zizì, chillo m’ha fatto mettere na paura che non potete credere. è trasuto cca dinto e m’ha ditto, non alluccate, non facite chiasso, perché si no è peggio pe vuje!

CAMILLO: Chesto t’ha ditto?

MARIETTA: Sissignore Zizì, io non aggio tenuto forza nemmeno de dicere na parola, me so’ ntiso sconocchià dinta a li gamme.

VIRGINIA: Mamma mia, che paura, che paura!

CAMILLO: Allora s’avarria da fà sapé a la questura.

MARIETTA: E se capisce Zio mio.

VIRGINIA: Chi se fide de stĂ  co sto penziero?

CAMILLO: Pss, zitto, non alluccate, sti cose s’hanno da fà co tutta la calma possibile. Vuje m’avite ditto che chillo guaghione l’ha portato la figlia de la spicajola a lo puntone?

VIRGINIA: Sissignore.

CAMILLO: Benissimo! Allora s’ha da fà arrestà la spicajola e la figlia!

VIRGINIA: Perfettamente.

MARIETTA: Bravo zi Camillo!

CAMILLO: Pe mò non facimmo sapé niente ad Alessio mò che se ritira, non le dicimmo niente, si no chillo sapite che se fà afferra?

VIRGINIA: Se capisce!

MARIETTA: Dice buono Zizio.

VIRGINIA: E quanno pò D. Alessio non vede lo guaglione, che le dicimmo?

CAMILLO: Non nce vò niente. Dicimmo che lo guaglione s’è miso a chiagnere, non s’ha voluto stà, e la sora se l’ha venuto a pighià n’auta vota.

MARIETTA: Bravo, bravo, accossì va buono. (Campanello di d.)

CAMILLO: Chisto sarrà Alessio, jatele a arapì. (Virginia via a destra, poi torna.) Non te fà vedé sbigottita mò, miettete in allegria, levate sto seggione.

MARIETTA: Vuje pazziate Zizì, a me me sta sbattenno ancora mpietto.

CAMILLO: Haje ragione, haje ragione, me lo faccio io lo piattino, non te n’incarricà.

VIRGINIA: D. Camì, fore nce sta no viecchio, m’ha dato sto biglietto de visita, dicennome che l’aveva da conzignà proprio rnmano a vuje. (Glielo dà.)

CAMILLO (legge):«Il Cavaliere D. Ignazio Bombarda, Maggiore in ritiro, desidera parlare col Professore Camillo Capone, per affari urgenti che riguardano il suo Istituto». Affari che riguardano il mio Istituto? E che sarrà? Fallo trasì.

SCENA SECONDA

Rocco, Ernesto, Ciccillo e detti.

VIRGINIA: D. Camì, è D. Rocco l’avvocato nzieme co duje forestieri, vanno truvanno a D. Alessio.

CAMILLO: E l’haje ditto che non nce sta?

VIRGINIA: Nce l’aggio ditto, e m’hanno risposto che lo vonno aspettà.

CAMILLO: Allora falle trasì.

VIRGINIA (alla porta):Favorite signori, favorite.

ROCCO: Grazie. (Appresso a lui entrano Ernesto e Ciccillo entrambi vestiti con stjffellius nero, barbe, lenti verde e coppola rossa all’Egiziana.) Carissimo D. Camillo.

CAMILLO (alzandosi):Avvocato rispettabile. (Virginia via a destra.)

ROCCO: Come va che D. Alessio non si è ancora ritirato?

CAMILLO: Non so, forse sarà andato per qualche altro affare... Avvocà, chi so’ chilli duje?

ROCCO: Sono due forestieri, due Egiziani, che vengono a proporre un buono affare per vostro fratello.

CAMILLO: Me dispiace che non l’hanno trovato, ma quello poco può tardare, se i Signori vogliono sedere...

CICCILLO: Oh, no, grazie.

ERNESTO: Noi stiamo sempre all’impiedi.

CAMILLO: Fate come vi piace. Permettetemi intanto che mi faccio un lavoretto per la prossima apertura della scuola.

ERNESTO: Fate pure.

CAMILLO: Anzi ho l’onore di offrirvi dei programmi che ho fatto stampare. Chi sa, alle volte, qualche conoscenza...

CICCILLO (prendendo il manifesto):Ah! Sicuro. (Lo gitta via dietro di sé.)

ERNESTO: Ne terremo conto. (Fa lo stesso.)

CAMILLO: Con permesso dunque? (Va al tavolino e scrive:) Mercoldì...

ROCCO: (Signori miei, ve ne prego, non me mettite a me mmieze a sti cose, faciteme stu piacere?).

CICCILLO: Mò accomminciammo n’auta vota, avete ditte ca sì, e basta mò).

ERNESTO: (Voi siete un uomo, o siete un imbecille, una volta che avete acconsentito, non bisogna parlarne piĂą).

ROCCO: (Ma pecché ve volite servì de me?).

ERNESTO: (Perché sarà più facile che D. Alessio se lo crede).

CICCILLO: (Pe la fiducia che tene co buje, capite?).

ROCCO: (Ma vuje me facite perdere no cliente?).

CICCILLO: (Si ne perdite uno, ne trovate n’auto meglio, e po cheste so’ chiacchiere inutili, vuje o facite chello che avimmo combinato e v’abbuscate cincociente lire, o si no v’aspettammo abbascio, e ve facirnmo na paliata!).

ROCCO: (Va bene, non ne parlammo cchiù, faccio chello che dicite vuje... ma badiamo, vuje m’avite ditto che si tratta di matrimonio?).

ERNESTO: (In piena regola, non ci penzate).

ROCCO (Va bene).

CICCILLO: (Ricordateve tutto chello che avite da dicere).

ROCCO: (Pe chesto ccĂ  non nce penzate, lassate fa a me). (Campanello di d.)

CICCILLO: (Zitto! Chisto ha da essere isso! mettimece ccĂ ). (Si ritirano in fondo.)

CAMILLO: Questo è certamente mio fratello.

ROCCO: (Cielo mio, mannammella bona!).

SCENA TERZA

Alessio, Virginia e detti.

ALESSIO: Comme, lo guaglione se n’è ghiuto?

VIRGINIA: Sissignore pecché chiagneva, e la sora se l’ha venuto a piglià.

ALESSIO: Meglio accossì... Avvocà, State qua?

ROCCO: Sì, sono ritornato con questi due forastieri per parlarvi di un affare. (Ernesto e Ciccillo s’inchinano.)

ALESSIO: Vi saluto signori, accomodatevi vi prego.

CICCILLO: Grazie.

ERNESTO: Obbligato. (Virginia dĂ  le sedie e tutti seggono, Virginia via a sinistra.)

ALESSIO: Voi signori, mi dovete parlare di un affare?

ERNESTO: Sicuro.

CICCILLO: Perfettamente.

ALESSIO: Ditemi di che si tratta?

CICCILLO: Parlate voi.

ERNESTO: Sì, parlate prima voi.

ROCCO: Oh, non sarĂ  mai, parlate prima voi.

ERNESTO: Ma no, prima voi.

ROCCO: Ma perché, parlate prima voi.

CICCILLO: Ma no, ma no, prima voi per Bacco!

ALESSIO: Avvocà parlate prima voi, è lo stesso.

ROCCO: Ecco qui. Questi signori sono due Egiziani, proprietari di un bellissimo museo di antichità di tutte le specie. Ora siccome hanno venduto tutto, perché vanno a stabilirsi in America, vogliono vendere anche l’ultima cosa, che veramente è la più bella. Io li ho trovati vicino al caffè che stavano parlando col cavaliere Maretti, direttore del museo di Napoli, e mio strettissimo amico. Mi sono avvicinato e ho inteso il discorso. Non ho detto nemmeno una parola. Quando ho visto che i signori si sono allontanati perché non avevano combinato niente, li ho chiamati, e li ho fatto venire da voi.

ALESSIO: Benissimo! Quante obbligazioni. E di che si tratta? Scusate?

ROCCO: Adesso mi pare che potete parlare voi.

ERNESTO: Ecco signore. Si tratta dello scheletro del Generale Obò, che un tempo, molti anni fa, era conservato nel gran Museo Egiziano. Dopo la catastrofe che voi ben sapete. Essa fu scavata da noi, e custodita gelosamente.

CICCILLO: Siccome adesso, come diceva il signore, abbiamo tutto venduto, ci siamo decisi di vendere anche lo scheletro.

ERNESTO: Vi assicuro o signore, che è una vera rarità. Non c’è museo nel mondo che possa tenere una mummia come la nostra. Se voi credete di acquistarla, ve la faremo vedere e combineremo il prezzo.

ALESSIO: (AvvocĂ , che ve ne pare?).

ROCCO: (Non si dovete pensare due volte, queste sono cose rare, quando ve l’avete comprata, io stesso ve la faccio vendere per il doppio).

ALESSIO: (Grazie tanto, quanto siete buono!). E che prezzo fĂ , scusate?

ERNESTO: Oh! Il prezzo non ve lo diciamo se prima non la vedete.

ROCCO: è giusto.

CICCILLO: è regolare.

ALESSIO: Benissimo! E dove lo tenete?

ERNESTO: Abbasso, in una carrozza chiusa.

CICCILLO: Lo faccio subito salire. (Si alza.)

ERNESTO: Io aspetto qui, fa presto.

CICCILLO: Con permesso signore. (Via.)

ALESSIO: AvvocĂ , ma non sapite cchiĂą o meno lo prezzo?

ROCCO: No, non m’hanno detto niente, ma voi cercate di tirare quanto più potete, del resto se volete comprarla la comprate, e se non fate come credete, io non voglio forzarvi, credo che sia un buono affare, anzi un magnifico affare, ma se poi non volle, regolatevi voi. Lo scheletro come mummia, e sempre un bella cosa a tenerla.

ERNESTO: Noi la vendiamo con dispiacere, ma non possiamo fare diversamente. Voi adesso la vedrete, la osservate minutamente, noi ve la lasceremo anche fino a domani, e se poi non volete acquistarla, fa lo stesso, si porta via e buona notte. Una mummia come quella, si trova sempre a vendere, non è vero?

ROCCO: Si capisce.

ALESSIO: Va bene, così faremo... Ah! Eccola qua, la stanno portando.

SCENA QUARTA

Ciccillo, Felice da Mummia, due facchini e detti.

CICCILLO (con due facchini che portano la cassa):Avanti, avanti... qua, fermi... (Situa la cassa a destra.) Andate via. (I facchini viano, apre la cassa.) Eccolo signore.

ERNESTO: Vedete che bellezza.

ALESSIO: Magnifica! Intatta! AvvocĂ , guardate?

ROCCO: Veramente meravigliosa! (Puzzate nun de subbeto, vedite chiste che hanno combinato!)

ERNESTO: Noi ritorneremo domani per dirvi il prezzo, voi intanto, osservatela bene, fate ciò che credete, e poi ci darete la risposta.

CICCILLO: Perfettamente.

ALESSIO: Allora ci vedremo domani mattina senza meno, io sono anzioso di sapere il prezzo.

ERNESTO: Lo saprete, lo saprete.

CICCILLO: Ve lo diremo, ve lo diremo.

ERNESTO: Signore.

CICCILLO: Signore.

ALESSIO: Arrivederci.

CICCILLO: (Non nce movimmo da ccĂ  fore). Venite con noi Avvocato, per istrada dobbiamo dirvi qualche cosa.

ROCCO: A me?

CICCILLO: Sicuro.

ALESSIO: (Forse ve vorranno dicere lo prezzo, jate, jate).

ROCCO: Eccomi qua, permettete. (Via con Ciccillo e Ernesto.)

ALESSIO (guardando la mummia):Ma che bellezza! Come si è mantenuta intatta! Sangue de Bacco, chella mò è na mummia, ma pure fa impressione a guardarla... Me vene nu penziero... mo me ne faccio no piccolo disegno, accossì si dimane non nce combinammo de prezzo, me trovo na cosa almeno. (Situa il tavolino dirimpetto la cassa, siede e disegna su un foglio di carta, dopo un poco dipausa Felice bassa la testa, Alessio lo guarda e siferma.) Me pare che lo scheletro ha acalato no poco la capo, comme m’avesse salutato. (Si alza, va a vedere e Felice si rimette.) Quanto so’ ciuccio, chello sta tale e quale. (Siede e disegna, pausa. Felice esce e si mette fuori dalla cassa.) Oh! Mò non è cosa bona mò, la mummia pare che se n’è asciuta da fora a la cascia... Mamma mia me sento nu triemmolo dinta a li gamme. (Felice rientra nella cassa, Alessio si alza e piano piano va a vedere.) Chella la mummia sta a lo pizzo sujo. Voi vedete che sape fà la fantasia riscaldata me songo fatto friddo friddo. (Ritorna al tavolino c.s. Pausa. Felice esce e si nasconde dietro della cassa.) E la mummia addò sta. (Si frega gli occhi.) Oh! Chesta è bella! La mummia è scomparsa!... E comme può essere... sangue de Bacco, io non aggio maje tremmate comme amò... fosse la paura che me fa abbaglià la vista... e che diavolo, chella mò steva llà. (Si alza, piano piano arriva alla cassa dicendo:) Guè, Alè, e che cancaro, me pare na criatura!... E quanno maje haje fatto chesto?... (Guarda nella cassa poi dice tremando.) La mummia non nce sta cchiù, e che se n’è fatta? Sangue de Bacco, che questa non è cosa bona. (Va dietro la cassa Felice gira e lui lo segue, dopo due giri Alessio entra nella cassa. Felice chiude a chiave, poi si toglie la maschera.)

FELICE: Mannaggio ll’arma de mammeta, vì che nce voleva!

ALESSIO (di dentro la cassa):Aiuto! Aiuto! Soccorso!

FELICE (alla porta):D. Ernè, D. Ernè, Ciccì, trasite.

SCENA ULTIMA

Ernesto, Ciccillo, Rocco e Detti poi Marietta, Virginia, Camillo, Papele, Giulietta e i 5 ragazzi.

ERNESTO: Eccoci qua.

CICCILLO: Hai fatto lo colpo?

FELICE: La mummia sta dinta a la cĂ scia. (Alla porta.) Signori, signori, ascite ccĂ  fore.

MARIETTA: Che è stato?(Escono tutti.)

FELICE: Chisto è lo nnammurato vuosto, ve lo volite spusà?

MARIETTA: Co tutto lo piacere!

CAMILLO: Che significa questo!

ALESSIO (battendo con le mani vicino la cassa):Aprite! Aprite!

CAMILLO: La voce d’Alessio...

ROCCO: Apritelo, pe ccanitĂ !

FELICE: No momento. D. Alè, ccà se sò fatte tutte sti mbruoglie pe fà spusà la nepota vosta co no giovinotto, vuje date lo consenso?

ALESSIO (di dentro la cassa):No! No!

FELICE: Allora mò nchiuvammo la cascia, e ve menammo a mmare!

ALESSIO: No, per ccaritĂ  aprite.

FELICE: E acconsentite?

ALESSIO: Va bene acconsento.

FELICE: Benissimo! (Apre la cassa.)

ALESSIO: Io mò moro, aiutatene!

TUTTI (meno Camillo ridono):Ah! Ah! Ah!

ALESSIO: Assassini, birbanti, vado a ricorrere, vi faccio andare tutti in galera! (Gridando.)

ROCCO: D. Alè, calmatevi.

ALESSIO: Zitto voi, traditore birbante, voi per il primo mi avete ingannato! Uscite tutti di casa mia, tutti, tutti! Non voglio vedé cchiù a nisciuno!

CAMILLO: Ma frate mio!

ALESSIO: Non tengo cchiĂą frate! uscite! (Gridando.)

ERNESTO: Ma caro D. Alessio, tutta questa gente non ci ha nessuna colpa, io sono stato che ho fatto fare queste finzioni, non avendo altro mezzo come sposare Manietta.

ALESSIO: Che sposare e sposare, Marietta si deve sposare a me!

TUTTI (ridono forte):Ah, ah, ah! (1 ragazzi fischiano.)

MARIETTA: Io a vuje non ve voglio, no, no, e no!

TUTTI: Ah, ah, ah! (Ridono.)

RAGAZZI (a coro):No, no, e no!

CAMILLO: (Alè, finiscela, tu che figura faje!).

ALESSIO: Ma la statua movibile, forse?...

FELICE: Era io, nzieme co Sabatiello lo scheletro umano.

CICCILLO: Io monzù Frinquel, e l’Egiziano.

ERNESTO: Io il suo compagno. (Mette la mano alla fronte.) E le mie due sorelle... a spigaiola. M. Riò, e Pasquale Terramoto.

RAGAZZI: Bene! Bene! (Sbattono le mani.)

ALESSIO: Mannaggia all’arma vosta, vedite chiste che hanno combinato! Va bene, basta che ve ne jate da dinta a la casa mia, facite chello che volite vuje!

TUTTI: Bravo! Bravo! Via ricordatevi de nuje.

ERNESTO: D. Felice, io manterrĂ  la mia promessa, intanto vi ringrazio, di tutto quello che avete fatto per me.

FELICE: Niente, per carità! (Al pubblico:) Se crede che l’avimmo fatto pe isso... non e vero... l’abbiamo fatto per voi.

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

Fine della commedia

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 60 volte nell' arco di un'anno