Penniello, rasulo e… forbice

Stampa questo copione

penniello, rasulo e…forbice

penniello, rasulo e…forbice

atto unico

di

Corrado Grasso

P E R S O N A G G I

Mastu Ciccio, barbiere

Amalia, sua moglie

Totonno, garzone di bottega

Concetta Renda, sua madre

Mastu Pasquale, ciabattino

Margherita Gravina, sua moglie

Arturo Boscolo, avvocato

Don Filippo Spina, parroco

Mario Cacace, maresciallo dei carabinieri

Guido Mirra, segretario comunale

Rabbiele ‘o zambro, contadino

Carlo

Franco {musici

Luigi

ATTO UNICO

La scena rappresenta l’interno di un salone di barbiere tipico degli anni cinquanta. Sulla parete di fondo, al centro, ingresso con tendina moschiera fatta con tappi di birra e di gazzose ripiegati su di un filo di spago, a sinistra della porta un calendario con figure di donne in costume da bagno e, quasi ad angolo, un armadietto, a destra, sempre dell’ingresso, un attaccapanni a muro e qualche sedia; sul lato sinistro uno grosso specchio con infilate nei bordi cartoline e fotografie, sotto una mensola con su pettini, macchinette per capelli, rasoi, pennelli per barba, forbici, bacile con acqua ecc. e una scatola di latta; la poltrona da barbiere è rivolta al pubblico come se questi fosse lo specchio, per terra quasi sul proscenio, una bacinella di metallo, la famosa "sputacchiera", appesa alla parete, al lato dello specchio "la strappa", striscia di cuoio sulla quale si affilavano i rasoi; sul lato destro della scena varie sedie con un tavolino basso davanti; stampe ai muri a mo’ di quadri e una immancabile immagine sacra della Madonna con un lumino acceso davanti.

All’aprirsi del sipario, in scena, mastro Ciccio seduto sulla poltrona con un mandolino in mano suona e canta una melodia napoletana mentre Totonno, il garzone, sta ramazzando il locale.

M.CICCIO: - (uomo sui cinquant’anni, giacca bianca non troppo pulita, seduto sulla poltrona suona il mandolino e canticchia una canzone) Oj Mari’, oj Mari’, quanta suonno ca perde pe’ tte!... (poi guarda Totonno che sta scopando) Guaglio’… sott’‘o tavulino!... Nun arrunza’ comm’‘o solito... (continua a cantare) Famm’addurmi’ abbracciato nu poco cu tte...

TOTONNO: - (ragazzo sui quattordici anni, lungo ed alto, indossa dei pantaloni corti. Raccoglie qualcosa con la scopa da sotto il tavolino, poi, mentre M.Ciccio continua a cantare, gli fa qualche sberleffo dietro le spalle) Zi’ ma’ aggia fernuto. Mo’ vac’a casa a me piglia’ ‘a marenna. (fa per avviarsi)

M.CICCIO: - Aspe’ addo vaie? ‘e piettene nun ‘e vire comme so’ spuorche?... E ‘o penniello?... Quanta vote te ll’aggi’a di’ ca nun t’ê ’a movere ‘a ccà?... (alzandosi con fare minaccioso) O vuo’ pruva’ ‘a strappa?

TOTONNO: - (quasi piagnucolando) Ma i’ tengo famme! ‘o faccio mo’ ca torno!

M.CICCIO: - Gniernò, ll’hê ’a fa’ primma, e cagna pure ll’acqua d’‘o vacile e miett’‘a segatura pulita ‘int’‘a sputacchiera. Muovete, fa’ ampressa!

TOTONNO: - (sempre in tono lamentoso) Mannaggi’‘a miseria, mannaggia! (a malincuore fa quanto gli è stato detto e nel buttare l’acqua sporca del bacile fuori in strada colpisce Pasquale, il ciabattino, che sta entrando)

M.PASQUALE: - (stessa età di Ciccio, porta il grembiule tipico dei ciabattini. Ha in mano un mazzo di carte) All’anema ‘e mammeta! Ma che r’è nun ce vire? Guarda ccà gua’, m’ha ‘nfuso tutte quante! Stu scemo! (gli molla uno schiaffo)

TOTONNO: - (piagnucolando) Ma i’ nun ll’aggia fatto apposta!

M.PASQUALE: - (scrollando il grembiule) E ‘u vulive fa’ pure apposta? (rivolto a Ciccio) Ma chist’è proprio scemo!

M.CICCIO: - (a Totonno) Ne facisse una bbona, ne facisse! Aggia pacienza Pasca’! (sempre a Totonno) Quacche juorno ‘e chisto te sgommo ‘e sanghe e verimme! (e anche lui gli molla uno schiaffo)

M.PASQUALE: - Va bbuo’ Ci’ lasci’‘o sta’, chill’è guaglione. (mostrando le carte) Ce ‘o facimme nu mine e menga? (cioè una partita a scopa in due manches) O te miette appaura?

M.CICCIO: - I’ me mette paura ‘e te? Tu staie ‘a sotto ‘a ccà a Milano! Viene assiettete, m’hê ’nvitato a carne e maccarune!

M.PASQUALE: - Che ce jucamme?... ’o solito?

M.CICCIO: - Gnorsì! Toto’ va’ addu zi’ Peppe ‘o cantiniere e fatte da’ nu quarto ‘e vino e na cassosa. E fa’ ampressa ca tengo seta! (Totonno esce)

M.PASQUALE: - Vedimm’ a cchi fa carte? (ognuno prende una carta dal mazzo, chi prende la più alta fa le carte) Tocc’a tte!... (gli dà il mazzo di carte) Tié ammesca... e ammesca bbuone! Senz’arrubba’!

M.CICCIO: - M’avessa chiamma’ Pascale! Aiza!... (Pasquale taglia le carte e incominciano a giocare, il tutto con battute a soggetto) Tiene cchiù mazzo che anema!

M.PASQUALE: - Sì mazzo?... Chell’è classe!

M.CICCIO: - Se se, pirciò te chiammano "mazzolino"!

MARGHERITA: - (donna sui quarant’anni, moglie di Pasquale. Entra come una furia) I’ ‘o sapevo ca stive ccà a juca’! Invece ‘e fatica’ ‘o signurino joca! Ca te pozzeno accidere!... Ie frije cu ll’acqua (cioè cercare di risparmiare in tutti i modi) e isso chilli quatte centesime ca s’abbusca, s’‘e joca! Ca puozza jetta’ ‘o sanghe amaro!

M.PASQUALE: - (timoroso) Ma che staie a ddi’ Margari’? I’ mo’ so’ venuto e po’ ce jucamme sul’‘o sfutto’!... Nun è overo Ci’?

M.CICCIO: - Sì sì, justo pe’ perdere nu poco ‘e tiempo!

TOTONNO: - (entra in quel momento portando in mano la bottiglia con del vino bianco) Ecco il vino! Ah, mastu Pasca’, ha ditto zi’ Peppe ca ce sta’ sempe chillu cunticiello viecchio!

MARGHERITA: - Pe’ perdere ‘o tiempo è ove’?... Sul’‘o sfutto’ eh!? Pigliete scuorne!... Susete, susete va’ a fatica’ si no te scasso na cosa ‘ncapo. St’omm’‘e niente!

M.CICCIO: - Va bbuo’ Margari’, chella na partitella ce steveme facenne!

MARGHERITA: - Mastu Ci’ statte zitto pecchè i’ cu tte m’avess’a piglia’, hê capi’?

M.CICCIO: - Cu mme?... E i’ che c’entro?

MARGHERITA: - Che ci centri?... (mordendosi una mano) Ah, è meglio ca me sto’ zitta!

M.PASQUALE: - (sempre timoroso) Margari’ e mo’ ‘a vuo’ fernì!

M.CICCIO: - E no, mo’ hê ’a parla’! Forza famme senti’, che tiene ‘a dicere!

MARGHERITA: - (alterandosi sempre di più) ’O vuo’ proprio sape’?…

M.PASQUALE: - Margari’!...

MARGHERITA: - (proseguendo) ...’a colpa è ‘a toia! Sissignore ‘a toia che ‘o sfrutte e chilli quatte sorde ca stu povero scuorteco (indica il marito, che abbassa la testa) guaragna c’‘e futte tu c’‘u juoco!

M.CICCIO: - Ma tu che staie a ddi’?... Ma fusse asciuta pazza?

M.PASQUALE: - Ci’ lascia perde, nun ‘a sta’ a senti’!

M.CICCIO: - …i’ po’ perde sempe! (a Pasquale in tono alterato) C’‘u mazzo ca tiene nun riesco a vencere na partita, e chella se ne vene!... (a Margherita) Hê abbricazione ca si’ femmena ‘o vvi’, si no...

TOTONNO: - (cercando di trattenere Ciccio prendendolo per la giacca) Mastu Ci’!!!

MARGHERITA: - Si no che facisse!... Famme vede’!?... (con fare bellicoso si fa sotto a Ciccio mentre Pasquale si mette in mezzo per dividere i contendenti. Entra Amalia)

AMALIA: - (moglie di Ciccio, anche lei sui quarant’anni, porta una borsa per la spesa in mano) Néh, ma che r’è tutta chesta ammuina? Che è succieso?

MARGHERITA: - È che si mariteto nun lascia sta’ a Pascalino fernesce malamente!

AMALIA: - Pecchè che è stato?

MARGHERITA: - (continuando) ...chille assaie abbusca po’ Ciccio c’‘e lleva c’‘u juoco!

AMALIA: - (non capendo) C’‘u juoco?

MARGHERITA: - C’‘u juoco c’‘u juoco!

AMALIA: -(con sarcasmo) Ah! Allora songhe ‘e sorde ‘e mariteto? I’ me crereve ca Ciccio aveva pigliat’‘a Sisal! (così si diceva negli anni cinquanta la vincita al totocalcio)

MARGHERITA: - Ama’ nu’ pazzia’ che ‘e sorde so’ paricchie...

AMALIA: - (c.s.) ...e nuie cu chille ce simme accattate ‘e Starze e ‘e Campanelle! (località delle campagne di Caiazzo)

MARGHERITA: - Ama’ nu’ sfotte’!...

AMALIA: - (pungente) Si ‘o guaglione (riferito a Pasquale) nun sape juca’ o nun pò juca’ pecchè è criatura, tienatillo sott’‘a vunnella e nun veni’ a sfottere a maritemo. E mo’ si nun te ne vaie, tu e isso, faccio cos’‘e pazze! Hê capito!

MARGHERITA: - Che faie... che faie... i’ mo’ te scippe tutt’‘e capille ‘a capo! (lite a soggetto mentre Ciccio, Pasquale e Totonno cercano di dividere le due donne)

M.PASQUALE: - (finalmente riesce a trascinare fuori la moglie) Cammina cammina, statte zitta... (escono)

AMALIA: - (continuando) ...e nun è fernuta ccà, po’ facimme ‘e cunte!

MARGHERITA: - (da fuori) Quanne vuo’ tu!

M.CICCIO - Basta mo’, ‘a vuo’ ferni’!

AMALIA: - I’ a chella ‘a tengo ccà! (si indica la gola) Chisà qua’ vot’‘e chesta facce fa’ ‘e nummer’a Caiazzo! (così dicendo apre una scatola di metallo che si trova sulla mensola e ne prende dei soldi) E chest’è tutto?

M.CICCIO: - Ama’ i’ ‘a stammatina sule na barba aggia fatto.

AMALIA: - (guardandolo con disprezzo) E t’‘e stive pure a juca’ a carte?... Chell’è overo, nun ce sta’ pezzentaria senza rifiette!... E i’ mo’ ‘a spesa comm’‘a faccio?

M.CICCIO: - Comm’‘o solito... a crerenza! ‘O quaderno ‘o puorte?

AMALIA: - Sissignore, ovvì ccanne! (mostra un quaderno con copertina nera e con i bordi delle pagine dipinti con anilina rossa. In questi quaderni il bottegaio segnava il debito del cliente e su di un altro più grande, in suo possesso, tipo rubrica, tutti i clienti debitori, a riscontro del proprio credito) Ma putimme mai j’ ‘nnanze accussì!... Ie nun ce ‘a faccio cchiù!... (con rassegnazione) Sia fatta ‘a volontà d’‘o Cielo! (esce)

TOTONNO: - Certo che ‘a zi’ maestra steva veramente ‘ncazzata!

M.CICCIO: - Tu fatte ‘e fatte tuoie! (furtivamente rientra Pasquale)

M.PASQUALE: - Oi Ci’ aggia pacienza ma chella muglierema nun sape chelle ca dice. Fa accussì ma po’ nun è malamente!

M.CICCIO: - Sì però cu tutte chelle ca se fa asci’ d’‘a vocca, quacche vota ‘e chesta va a fernì a fieto!

M.PASQUALE: - Ma tu ‘a cunusce, chill’è ‘o carattere!... Però ce ll’aggia ditto, mo’ che ghiamm’a casa facimme ‘e cunte!

M.CICCIO: - Va bbuo’ Pasca’ ‘assa sta’… si no abbusche pure! (e lui eTotonno ridono)

M.PASQUALE: - (punto sul vivo se la prende con il ragazzo) E a tte chi t’‘a dà tanta cunfirenzia!... Vuo’ vede’ ca t’abboff’‘e paccare? (e fa per prenderlo a schiaffi)

TOTONNO: - Zi’ ma’?! (si rifugia dietro a Ciccio)

M.CICCIO: - Pasca’ lassa sta’ ‘o guaglione... Forza pigli’‘e carte e fernemmec’‘e fa’ ‘a partita. Toto’ miettete ‘ncopp’‘a porta e vide si vene quaccheruno. (Totonno esegue)

M.PASQUALE: - (esitante) No... e che ‘e carte nun ‘e porte... e po’, quann’è trasuta muglierema avimme ammescato tutte cose.

M.CICCIO: - Ma comme, na vota che jeva ‘nnanze!... Cu tte ‘e na manera o ‘e n’ata aggi’a perdere sempe!... Chella mugliereta nu’ saccio che, nu’ saccio quanno?

TOTONNO: - (dalla porta) Zi’ ma’ sta venenn’‘o zambro!

M.PASQUALE: - Chi Rabbiele?... Allora mo’ ce facimme ddoie risate!

M.CICCIO: - Pascali’ mm’arraccumanne nun fa’ comm’‘o solito, nun esagera’, si no chille aiza ‘ncuollo e se ne va... Ccà ggià Ddio ‘o sape e ‘a Maronna ‘o vvere…

RABBIELE: - (Gabriele detto "’o zambro", cioè contadino, cafone. Sui cinquant’anni, indossa un pantalone di fustagno nero che gli calza a zombafuosse, scarponi grossi ai piedi, camicia di flanella a quadroni con su un gilet di velluto, un fazzoletto legato al collo, cappello. Entra) Bongiorno a signuria! Zi’ ma’ ‘a facimme na passatell’ ‘e barba?

M.CICCIO: - E nnuie pe’ chesto stamme! Viene assettete ca facimme ampressa ampressa!

RABBIELE: - (si siede sulla poltrona) M’arracumanne zi’ ma’ pecchè ll’urdema vota pe’ gghi’ ‘e pressa m’avite ‘ntaccato!

M.CICCIO: - Tu che dici?... Chisà comme sarrà stato!... Toto’ piglia ‘a tuvaglia pulita pe’Rabbiele.

TOTONNO: - (prende un asciugamano dall’armadietto) Zi’ ma’ va bbona chesta?

M.CICCIO: - Sissignore!... (prendendo il pennello in mano) Ecco qua, a Rabbiele mo’ ce facimme na bella barba ‘e cinquanta lirelle! (sottolinea cinquanta)

RABBIELE: - No no, zi’ ma’, qua’ cinquanta lire! Vuie ‘o sapite, venticinque lire!

M.CICCIO: - (a Totonno che stava mettendo al collo di Gabriele l’asciugamano) Leva Toto’, leva!... Piglia chell’ata! (Totonno esegue prendendo un altro asciugamano più sciupato)

M.PASQUALE: - Po’ nun te lagna’ si ce scappe quacche ‘ntacca... Ma che ne vuo’ fa’ ‘e tutte chilli sorde? (ridendo) T’‘e puorte appriesso quanne muore!

RABBIELE: - Ma qua’ sorde mastu Pasca’? Vuie ve site fissato ca i’ tengo ‘e sorde!

M.CICCIO: - (mentre schiuma il pennello nella ciotola con il sapone) E pecchè nun è overo? Tu ‘e ttiene sott’‘o mautone! (così dicendo fa finta di sputare sul pennello) Puh, puh!...

RABBIELE: - (agitandosi sulla sedia mentre Pasquale e Totonno cercano di reprimere il riso) Mastu Ci’ ma che state a ffa’?

M.CICCIO: - (serio) Niente niente, nun te preoccupa’!

RABBIELE: - Ma comme nun m’aggi’a preoccupa’? Vuie avite sputate ‘ncopp’‘o penniello!

M.CICCIO: - (c.s.) E ‘o penniello ll’aggi’a spugna’ o no?

RABBIELE: - E ‘o spugnate a sputazzate?!

M.PASQUALE: - (trattenendo il riso) Rabbie’, chist’è ‘o rispetto ‘o vvi’!... All’ate, mastu Ciccio, ‘e sputa direttamente ‘nfaccia! (scoppia in una sonora risata accompagnato da da Totonno e Ciccio)

TOTONNO: - Zi’ ma’ ‘o zambro s’‘a crerute overamente! (e continua a ridere mentre Gabriele li guarda in faccia interdetto)

M.CICCIO: - (anche lui ridendo, molla uno scappellotto a Totonno) Embè che r’è tutta sta cunfirenzia? Statt’‘o posto tuoio, hê capi’? (rivolto a Gabriele) Rabbie’ ma comme?... Puteve mai esse’ ca i’ sputave ‘ncopp’‘o penniello?

RABBIELE: - E i’ che ne saccio?... A mme accussì m’è parute!

M.CICCIO: - Semmai doppo fatt’‘a barba...

M.PASQUALE: - ...te mett’‘a culonia! (continua a ridere)

RABBIELE: - (si toglie l’asciugamano dal collo e fa per alzarsi) Aggia capito oggi nun è cosa!...

M.CICCIO: - (rimettendo a sedere Gabriele) Rabbie’ embè, nun se pò cchiù manco pazzia’ nu poco?...

M.PASQUALE: - O fusse addeventato umbriuso?

M.CICCIO: - (dà il pennello a Totonno) Forza Toto’ ‘nzapun’‘a barba a Rabbiele e spugna bbuono ‘o penniello!

TOTONNO: - (rimette l’asciugamano a Gabriele) Zi’ ma’ ll’aggi’a spugna’ comm’‘o spugnate vuie? (ride)

RABBIELE: - Guaglio’ mo’ te pigli’‘a pizzicata pure tu!... (con fare minaccioso) Ie tt’azzecco c’‘a capa ‘nfront’‘o muro!

M.CICCIO: - Toto’ ‘nzapuna e nun fa ‘o spiritoso!

M.PASQUALE: - (leva il pennello dalle mani di Totonno) Levat’‘a lloco che ‘nce ‘a facc’i’ na bella passata a Rabbiele!… Guarda e ‘mparate Toto’! Deve essere la testa del cliente a girare e non il pennello! (così dicendo gira la testa di Gabriele a destra e a sinistra, poi gli insapona bocca e naso)

RABBIELE: - (sputando) Puh, puh!... Mastu Pasca’ ma addò m’‘o mittite stu penniello?

M.CICCIO: - (strappando il pennello dalle mani di Pasquale) Pasca’ e fernescela!... (a mezza voce) Chiste se ne va!... Aggia pacienza Rabbie’, tiè Toto’ continua tu! (gli ridà il pennello)

M.PASQUALE: - Va’ bbuo’, aggia capito aggia capito, me ne vaco! Rabbie’ statte bbuo’ ce ‘o verimme! (esce)

RABBIELE: - Stateve buono! (a Ciccio appena Pasquale è uscito) Tene sempe ‘a capa a pazzia tene…

M.CICCIO: - E ch’è ce vuo’ fa’, ce vò ‘a pacienza! (prende il mandolino)

TOTONNO: - Zi’ ma’ aggiu fatto!

M.CICCIO: - ‘Nzapuna, ‘nzapuna bbuono che ‘a barba d’‘o zambro è tosta! (si siede e ricomincia a suonare e a cantare)

CONCETTA: - (madre di Totonno, bella donna sui trentacinque anni, veste in modo vistoso da donna di vita. Entra) Che bella voce ca tenite mastu Ci’!

M.CICCIO: - (voltandosi) Buongiorno Cunce’!... Come mai da queste parti?

CONCETTA: - Dato ca sto’ ascenne, so’ venuta a ddi’ a Totonno che ‘a marenna ce ll’aggia mis’ ‘int’a cristalliera.

TOTONNO: - (continuando ad insaponare) Oi ma’ che m’hê appriparato?

CONCETTA: - Pane e alice.

TOTONNO: - Uffà! Quanta vote te ll’aggi’a ddi’ che a mme ll’alice nun me piaceno! Mannaggia ‘a miseria mannaggia! (nel dire questo ha un gesto di stizza e inavvertitamente infila il pennello pieno di sapone in un occhio di Gabriele)

RABBIELE: - (saltando dalla sedia) Aaah... ll’uocchio aaah... e comm’ abbrucia e comm’ abbrucia... aaah...

M.CICCIO: - (subito intervenendo) Aspe’ Rabbie’ aspe’, assiettete ce mettimme nu poco ‘e acqua ‘ncoppa...

CONCETTA: - (con fare accattivante) Aggia pacienza Rabbie’ chill’‘o guaglione nun ‘a fatt’a posta... Mo’ te ce scioscio ‘ncopp’ accussì te passa...

M.CICCIO: - (aTotonno) Ne facisse una bbona!... Hê j’ a casa a mangia’ e va’ va’! Ccà m’‘o veco i’!

TOTONNO: - (alla madre) Che i’ ll’alice nun m’‘e mangio, me faccio pane uoglie e acito! (esce di corsa)

M.CICCIO: - (dalla porta accertatosi che il ragazzo se n’è andato e che nessuno viene, si avvicina a Concetta, che è ancora tutta intenta a soffiare sull’occhio di Gabriele e a circuirlo mentre lui si schernisce, e l’abbraccia)

CONCETTA: - (tutta svenevole) Mastu Ci’ che facite?

M.CICCIO: - Te vulevo aiuta’ a sciuscia’ ‘int’a ll’uocchie ‘e Rabbiele... (e continua a stringere Concetta)

CONCETTA: - Se, cu ‘e mmane!... Stateve ferme ca pò veni’ quaccheruno!... (fa finta di divincolarsi, ma invece si struscia ancora di più)

M.CICCIO: - Ma chi vuo’ ca vene... (e continua a palpeggiare la donna) i’ po’ te sto’ aiutann’a sciuscia’. (soffia senza guardare dove)

RABBIELE: - Zi’... zi’ ma’, forze è meglio si scioscia ‘a signora Concetta... scioscia meglio e... nun s’è mangiato ll’aglio.

M.CICCIO: - È bravo ‘o zambro, nun ce pare ‘o vvi’!?... ‘o siente Cuncette’ fa pur’‘o spiritoso!

CONCETTA: - (distaccandosi da Ciccio si siede sulle gambe di Rabbiele) Ma ie nun saccio sulamente sciuscia’ Rabbie’... ie te pozzo fa’ vula’ ‘ncielo... senza scelle... (intenzionalmente) Basta metterse d’accordo...

RABBIELE: - (agitato, confuso) E... co co... co co...

M.CICCIO: - (ridendo) ...’a vallina mo’ fa ll’uovo!

CONCETTA: - Gnorsì, va bbona pure na bella gallinella... ddoie uvarelle... nu poco ‘e capecuollo...

M.CICCIO: - (con doppio senso) Modestamente ‘o capecuollo t’‘o pozzo ra’ pur’i’! (sorride)

CONCETTA: - (sempre con il doppio senso) Ma i’ ‘o vuoste ll’aggia ggià assaggiato... è chill’‘e Rabbiele ca nun saccio ancora comm’è... (lentamente si agita con provocazione sulle gambe di Gabriele mentre lo accarezza)

M.CICCIO: - Oh! Oh! E che me faie senti’ ‘e dicere Rabbie’!... Nun è fatto ancora assaggia’ ‘o capecuoll’ a Cuncettella?

CONCETTA: - (accentuando le carezze e le moine) Significa allora che i’ nun te piace?

RABBIELE: - (sempre più imbarazzato) No no...

CONCETTA: - Ah no no!...

RABBIELE: - No no, sì sì!...

CONCETTA: - Ah ‘mbè, sì sì!...

RABBIELE: - No no...

M.CICCIO: - Nèh, se pò sape’ no no o sì sì!...

DON FILIPPO: - (parroco del paese, sui sessant’anni, nell’entrare vede Concetta sulle gambe di Gabriele) Ma che cos’è questo sconcio e in un locale pubblico dove possono entrare tutti da un momento all’altro! Mastu Ci’ mi meraviglio di voi che permettete certe cose. (rivolto a Concetta) E tu miettete scuorne! Non basta chello che vai facenne p’‘o paese, lo scandalo, la vergogna... e se non mi sbaglio tuo figlio Totonno fatica ccà, e si traseva isso... povera anima innocente... (alza le braccia al cielo)

CONCETTA: - (che si era alzata, ma con calma, dalle gambe di Gabriele) Parrucchia’ ie faccio chello che ‘a ggente vò ca ie facce!... ‘O sanne tutti quante pecchè nun ‘o faccio annascuosto e po’, i’ nun tengo nè cielo ‘a vede’ e nè terra ‘a cammina’... e i figli hanna mangia’... (esce)

DON FILIPPO: - (facendosi più volte il segno di croce) Gesù Gesù miettece ‘e mmane tu!...

M.CICCIO: - (cercando di cambiare discorso) Don Fili’ in che cosa vi pozzo servire?

DON FILIPPO: - No niente, me vulevo fa’ accuncia’ nun poco ‘a chiereca... (con disprezzo) ma veco ca tiene ggente. (indica Gabriele che è restato al suo posto)

M.CICCIO: - Ma i’ subito faccio, Rabbie’ susete, susete fa’ assetta’ a zi’ prevete... (prende Gabriele per il braccio e lo fa alzare)

RABBIELE: - (con la schiuma da barba in faccia e l’asciugamano al collo si alza) Assettateve parrucchia’, assettateve ie pozzo aspettare! (si siede su una sedia)

DON FILIPPO: - (si siede e dà il cappello a M.Ciccio) Uno sconcio, quella donna è un vero sconcio, una vergogna per tutto il paese! Gli uomini vengono da tutti i paesi limitrofi...

M.CICCIO: - Lim che?... Ah! Limmatola!... (Limatola, paese vicino Caiazzo) E non sulamente ra Limmatola, venene finanche ra Beneviento!... (mette l’asciugamano al collo del prete e si accinge ad aggiustare la tonsura) Tene na bella clientela!

DON FILIPPO: - Mastu Ci’ ma che state a ddi’? ‘A clientela! Comm’a si fosse na professionista.

M.CICCIO: - (a mezza voce a Gabriele) E chella Cuncettella è professionista... (con allusione) professionista d’‘o c...

DON FILIPPO: - Non ho capito? Che avete detto?

M.CICCIO: - Io? Niente! È Rabbiele ca nun saccio che...

RABBIELE: - (che nel frattempo si è seduto su una sedia vicino al tavolino) No no... mastu Ci’ e chi a ritto niente... Parrucchia’ v’‘o ggiuro...

DON FILIPPO: - Statte zitto tu e non spergiurare. Uomo senza alcuna morale. Ti ho visto sai con quella donna sulle ginocchia.

RABBIELE: - Ron Fili’ ie nun stev’a ffa’ niente! Era essa...

DON FILIPPO: - Zitto, nun hê ’a dicere manco na parola... Un uomo sposato con figli, vergognati!... E ringrazia Iddio se non dico niente a tua moglie!...

RABBIELE: - Grazie, parrucchia’ grazie, v’‘o giuro v’‘o prumette ca nun ‘o faccio cchiù... (si alza e si inginocchia ai piedi del prete, gli prende la mano e gliela bacia ripetutamente)

DON FILIPPO: - Per questa volta ti perdono, ma che non si ripeta più, siamo intesi? E domenica ti aspetto in chiesa. Te vien’a cunfessa’!

RABBIELE: - Gnorzì! Sissignore!...

M.CICCIO: - (toglie l’asciugamano) Ecco fatto!... ‘On Fili’ serve altro?...

DON FILIPPO: - (alzandosi) Va bene così, grazie!

M.CICCIO: - (prende la spazzola) Aspettate una spazzolata... (mentre spazzola, Gabriele si va a risedere sulla sedia da barbiere per farsi finire di fare la barba. Entra il maresciallo dei carabinieri)

MARESCIALLO: - (uomo sui sessant’anni, in divisa da carabiniere) Buongiorno maestro!... (notando anche il prete) Don Filippo carissimo ai vostri comandi! (saluta militarmente)

DON FILIPPO: - Marescia’ buongiorno a voi!... Come andiamo?... E la signora?...

MARESCIALLO: - Bene bene, ringraziando Iddio!

M.CICCIO: - Comanda’ in che cosa vi possiamo servire?

MARESCIALLO: - Mastu Ci’ se fosse possibile na pulitina sul collo! ‘E capille ‘e facimme n’ata vota, con più calma, mo’ vaco nu poco ‘e pressa!

M.CICCIO: - Ma certamente! Susete Rabbie’ ca ‘o Cumandante va ‘e pressa! (riprende nuovamente Gabriele per un braccio o lo fa alzare) Prego Marescia’ accomodatevi!

MARESCIALLO: - (sedendosi sulla poltrona dopo che M.Ciccio ha capovolto il cuscino) Grazie! Rabbie’ scusa, nun te dispiace è ove’?!

RABBIELE: - Ma figuratevi marescia’!... Facite, facite cu comodo! (si risiede sulla sedia di prima)

DON FILIPPO: - Allora io me ne vado, marescia’ arrivederci e ossequi alla signora. (prende il cappello lo calza e fa per andare ma si ferma) Mo’ me scurdavo ‘o vvi’! (da una tasca della sottana caccia un grosso portafoglio da dove, dopo aver rovistato un bel po’, tira fuori un santino con l’effigie del protettore di Caiazzo S. Stefano Minicillo) Ecco a voi mastu Ci’, Santo Stefano il nostro protettore!... Nuovamente buona giornata a tutti! (esce)

MARESCIALLO: - (sorridendo) Hê capito? Don Filippo paga cu ‘e fiurelle!... È bravo a zi’ prevete!

M.CICCIO: - (visibilmente contrariato cerca di mettere il nuovo santino intorno allo specchio) E nun ce sta manco cchiù posto! Addò ll’aggi’’a mettere mo’? (gira lo sguardo attorno poi bacia il santino e lo mette vicino alla Madonna)

MARESCIALLO: - Che ci volete fare caro don Ciccio quelli (riferito al prete) sono i nostri padroni. Quelli che comandano!

RABBIELE: - Ma mica cumanneno cchiù ‘e vuie! Vuie site maresciallo!

M.CICCIO: - (mentre gli sistema l’asciugamano al collo) Giusto! Dice buone Rabbiele!

MARESCIALLO: - Beata ignoranza! E che ne vulite sape’ vuie d’‘a putenza d’‘a Chiesa, re’ prievete... e chello ca succede p’‘o munno fora... Ie ve ne putesse cunta’ ‘e fatte...

M.CICCIO: - Certo vuie site uno che ha girato.

MARESCIALLO: - Non faccio per dire, ma ‘o sottoscritto, cavaliere Mario Cacace maresciallo della benemerita, è uno che cunosce ‘o munno... Modestamente, proprio come avete detto voi maestro, (sottolineando) un uomo girato!

TOTONNO: - (entra masticando e con in mano un ultimo pezzo di pane) Zi’ ma’, aggia fatto ampressa ampressa... (si mette vicino al maresciallo)

MARESCIALLO: - Guaglio’ fatte cchiù llà! Circa ‘e nun me ‘nziva’ ‘a divisa!...

TOTONNO: - Nun ve preoccupate Cumanda’ aggia fernuto!... (si mette l’ultimo boccone in bocca e si pulisce le mani addosso)

MARESCIALLO: - (seriamente) No pecchè tu ggià staie segnalato!... Pirciò statt’attiento e filamm’‘e ritto!

TOTONNO: - (preoccupato) Ma i’ nun aggia fatto niente!

MARESCIALLO: - (facendo l’occhietto a M.Ciccio) E ll’acqua abbasci’‘a funtana chi ll’ha ‘ppicciata?

TOTONNO: - (c.s.) E i’ che ne saccio!

MARESCIALLO: - (insistendo nel gioco) Pecchè nun si’ stato tu?

TOTONNO: - (piagnucolando) No no, nun so’ stato ie!... V’‘o giuro mariscia’, v’‘o ggiuro!... Zi’ ma’ dicitancello pure vuie ca nun songo state ie!...

MARESCIALLO: - Nun dicere buscie ca i’ saccio tutto...

M.CICCIO: - (a sua volta facendo l’occhietto al maresciallo) Già, vuie tenite ‘a palummella ca v’‘o ddice... Va bbuo’ Cumanda’, pe’ chesta vota...

MARESCIALLO: - Proprio pecchè m’‘o dicite vuie mastu Ci’, ma statt’attiente guaglio’ ca ti tengo sotto controllo, appena sgarri te mett’‘o frisco! (sorride sotto i baffi)

M.CICCIO: - Nun ve preoccupate marescia’, ci penso io... ‘o tengo r’uocchio ie... (a Totonno) Tu, hê capito!?

TOTONNO: - (con gli occhi a terra, tirando su con il naso fa un cenno affermativo con la testa)

MARESCIALLO: - Benissimo, allora che stevo dicenno?... Ah sì ‘u fatte dei preti. Dunque... cchhh… (fa un rumore con la bocca e poi fa per sputare per terra, vede la sputacchiera e sputa dall’altro lato) …puhhh!

M.CICCIO: - Toto’!... (e gli fa cenno di spostare la sputacchiera dall’altro lato, dove ha sputato il maresciallo. Il ragazzo esegue)

MARESCIALLO: - (continuando) ...dovete sapere che con me ce steva nu carabiniere dell’alta Italia, Regalbuti, nu bravo guaglione, tutto chello ca guadagnava ‘o mannava a casa... Isso era ‘o primm’‘e nove figli...

RABBIELE: - Azzò, allora pure llà fanne nu sacco ‘e figlie!

M.CICCIO: - Va bbuo’, sarà capitato! Nun è accussì Cumanda’?

MARESCIALLO: - Ma che ve crerite ca sulamente ccà sapite fa’ nu cuofeno ‘e figlie?... cchhh... (stesso rumore di prima, sta per sputare dallo stesso lato ma nota la sputacchiera per terra e sputa dall’altro lato. Totonno al cenno di M.Ciccio sposta nuovamente la ciotola) All’improvviso arriva in caserma la notizia della morte d’‘o padre ‘e Regalbuti...

RABBIELE: - Uh, puveriello!...

MARESCIALLO: - Già, e ‘o puveriello appena turnaie, cu ‘e lacreme all’uocchie, me cercaie ‘o piacere ‘e ll’aiuta’ p’‘o trasferimento, pe’ sta’ cchiù vicino ‘a famiglia...

M.CICCIO: - E me pareva giusto!...

MARESCIALLO: - Niente mastu Ci’, nonostante ‘a raccumandazione mia e chella ‘e n’onorevole, niente... cchh... puhh... (stesso rumore con la bocca e stesse cose di prima, con sputo per terra dalla parte dove non c’è la sputacchiera e Totonno che sollecitamente la risposta) Guaglio’ tanto faie ca pure me ce faie sputa’ ‘a riento a ‘sta cosa!

TOTONNO: - Ma...

M.CICCIO: - (subito intervenendo) Toto’, lascia sta’!... Comanda’ continuate...

MARESCIALLO: - Insomma ‘o trasferimento non arrivava, e nun ve dico comme steva chillu puveriello. Allora qualcuno, nun m’arricordo chi, dicette a ‘u guaglione di rivolgersi al parroco d’‘o paese. Non ci crederete, ma nun passarono manco sette otto juorne e Regalbuti fu trasferito vicino casa.

M.CICCIO: - Tu hê capite niente!... Toto’ piglia ‘a culonia!...

RABBIELE: - Cumanda’ si i’ fosse a vuie nun m’‘a facesse mettere!

MARESCIALLO: - Pecchè nun è bbona?

M.CICCIO: - Ma chesta (mostrando la bottiglia che Totonno gli passa) nun è chella ca te mette a tte!

M.PASQUALE: - (entra di corsa tutto agitato) Néh avite sentute chello ca è succieso?... (vede il maresciallo) Cumanda’ vuie ccà state?

MARESCIALLO: - (alzandosi con calma) Pecchè che è stato? (sempre con calma prende il cappello dall’attaccapanni mentre Totonno con la spazzola gli va dietro spazzolandolo)

M.PASQUALE: - Don Vicienzo, don Vicienzo ‘o farmacista è stato accurtellato!...

M.CICCIO: - Uh Maronna!

MARESCIALLO: - Mastu Pasca’ ma vuie che state dicenno?...

AMALIA: - (anche lei entra di corsa e tutta agitata) Mamma mia, mamma mia, Ci’ damme na seggia famme assetta’! (nota il maresciallo) Mariscia’ currite currite, chille m’è passato vicino cu tutt’‘o sanghe ca lle scurreva aret’‘e rine...

MARESCIALLO: - Maestro allora ci vediamo, arrivederci! (esce)

M.CICCIO: - E so’ dduie! Chiste manco m’ha pavato!...

RABBIELE: - Magare zi’ prevete v’ha dato ‘a fiurelle...

M.CICCIO: - (a denti stretti) ...’e soreta!...

TOTONNO: - Zi’ ma’ ‘o parrucchiano ve n’ha data n’ata?… (ride)

M.CICCIO: - (arrabiato) Tu statte zitto e piglia nu bicchiere ‘e acqua p’‘a zi’ maestra...

TOTONNO: - (prende un bicchiere dall’armadietto e trovando la bottiglia vuota, lo riempie con il vino che aveva portato prima) Ecco qua però...

M.CICCIO: - Ancora!... (fa il gesto di dargli uno schiaffo) Mo’ t’’u ‘zzecc’uno!... (gli strappa il bicchiere di mano) Damme ccà!... Tié Ama’ bive!...

AMALIA: - Sto’ tremmanno ancora comm’‘a na foglia... (beve tutto d’un fiato il bicchiere di vino pensando fosse acqua) Che sapore curiuso ca tene chest’acqua!...

M.CICCIO: - È ll’acqua d’‘o puzz’‘e chiazza! (con curiosità) Ma tu che hê visto?

AMALIA: - Ie steve passanno ‘nnanz’‘a farmacia quanno... (schioccando la bocca) sarrà ‘a vocca mia, ma i’ chest’ acqua ‘a sento curiosa... (e continua a schioccare la bocca)

TOTONNO: - Zi’ ma’...

M.CICCIO: - Aahhh! (gli dà uno schiaffo) Comme te ll’aggi’a di’ ca nun hê ’a parla’!... (alla moglie) E allora?...

AMALIA: - (continuando) ...e allora all’impruiso è asciuto ‘e corsa ‘a rint’a farmacia don Vicienzo alluccanno: "fermat’ a sta pazza, fermat’ a sta pazza"... (continua a schioccare la bocca mentre il tono della voce incomincia ad essere da ubriaca) e quanne m’è passato ‘nnanze aggia visto tutt’‘o sanghe ca le scurreva aret’‘e rine!... (schiocca ancora la bocca) Vuie ricite ca no? Ma chest’acqua è curiosa!...

M.CICCIO: - Uffà! Famme vede’!... (prende il bicchiere dalle mani della moglie e lo annusa più volte) Certo ca pur’i’ sento n’addora strana...

TOTONNO: - Zi’ ma’... (lo afferra per un braccio e gli indica la bottiglia di vino)

M.CICCIO: - (capisce al volo. A Totonno a mezza voce) Ca te pozzen’accidere!... (fa il gesto di sputargli in faccia) Puhh! Ie te sputasse ‘nfaccia!

AMALIA: - (con la lingua impasticciata) Ch’è stato?... Che è succieso?...

M.CICCIO: - No niente è che ‘o bicchiere Totonno, puhh… (rifà il gesto di prima) nun ll’ha sciacquato bbuono e allora... (a gesti fa capire a Pasquale che la moglie ha bevuto il vino al posto dell’acqua)

AMALIA: - (con la voce da ubriaca) Sarà stata ‘a paura ma me sento ‘a capa comme a se me girasse...

M.PASQUALE: - Eh, ‘a chiamma paura! Chella s’è sculato nu quarto ‘e vino una veppeta!... (sorride)

MARGHERITA: - (anche lei entra tutta agitata) Pasca’, Ci’ avite ‘ntiso chello ca è succieso?... Mamma mia bella e che ‘mprissiona!... Dio mio, Dio mio!... Me s’è asseccato ‘nganno... rateme nu surso r’acqua... (nota la bottiglia sul tavolino e scambiando il contenuto per acqua, tracanna dalla stessa, tutto d’un fiato, l’altra metà di vino che era rimasto e tutto con una rapidità d’azione tale da impedire l’intervento di qualcuno dei presenti) Aaah, ce vuleva proprio!...

M.CICCIO: - Pasca’ se so’ sistemate tutt’‘e ddoie!...

M.PASQUALE: - Chella Margarita è astemica!...

M.CICCIO: - Pure Amalia!... Nun pò senti’ manca ‘a puzza!...

MARGHERITA: - Che state a ddi’?...

M.PASQUALE: - E che Amalia (la indica) ha visto tutte cose... S’è pigliata na paura!...

MARGHERITA: - (nota Amalia e come se la lite precedente non fosse mai successa si avvicina premurosa e con il tono di voce da ubriaca) Uh puverella!... Ama’ e mo’ comme te siente?... E che hê visto? Hê visto chi è stato?...

AMALIA: - (si alza barcollando, poi all’improvviso incomincia a ridere, ubriaca) Ah ah ah... e comme curreva, Margari’ e comme curreva... povero ‘on Vicienzo... ah ah ah... (continua a ridere) e Brigida, ‘a cummara, ca le curreva appriesso c’‘o curtiello ‘mmano...

MARGHERITA: - (anche lei ride ubriaca) Ah ah ah... allora è stat’‘a cummara... ah ah ah... è brava a ‘onna Brigida... ah ah ah... ce ha fatto stu piezz’‘e lavoro a don Vicenzino... ah ah ah... (continua a ridere)

M.PASQUALE: - Margari’ e ‘a vuo’ ferni’, calmati!...

AMALIA: - Pascalo attiento a tte ca Margarita tene pur’essa ‘a sfella... (ride)

M.CICCIO: - Ama’ basta va’ a casa!... Toto’ accumpagna ‘a zi’ maestra a casa...

M.PASQUALE: - ...e accumpagna pure a Margarita!

MARGHERITA: - (minacciosa) Pecchè i’ nun ce sacc’j’ sola?... Me gira sule nun poc’‘a capa... mica sto’ ‘mbriaca!...

M.PASQUALE: - Che hê capito?... Ciccio ha ditto a Totonno ‘e accumpagna’ Amalia a casa e...

AMALIA: - (anche lei bellicosa) Allora secondo te songh’i’ ca stongo ‘mbriaca!... Aspe’ mo’ te faccio vere’ ie!... Guarda ccà gua’!... (si mette su un solo piede ma cade tra le braccia di Pasquale. Ride) Ah ah ah!!!

M.CICCIO: - Ama’!!!

AMALIA: - (continuando a ridere) Ah ah ah steve carenne!... Mantieneme forte, Pasca’, nun me fa’ cari’!...

MARGHERITA: - (sempre con voce da ubriaca) Oh oh, lassa a sta’ a maritemo hê... hêcapito?... Sta puttana ssstronza!... (fa per avventarsi addosso ad Amalia ma non si regge sulle gambe e cade tra le braccia di Ciccio)

AMALIA: - Puttana ssstronza a mme?... Tu, te staie facenne abbraccia’ a maritemo!... Tu si’... tu si’... zoccola, zoccola e sstronza... ddoie vote!... Tu e chistu curnut’‘e mariteto!... (cerca di reagire ma non ce la fa)

M.PASQUALE: - E te pareva ca nun s’‘o pigliava ccu mme!

M.CICCIO: - Basta ‘a vulite ferni’ o no! Mo’ ve faccio capa e capa a tutt’‘e ddoie e nun se ne parla cchiù!...

AMALIA: - (passando dal riso al pianto) Ih ih... nun me fa niente Ci’, nun me fa niente, nun me vattere!... Iihh iihh Margari’, Pasca’ aiutateme!...

MARGHERITA: - Ci’ lassa sta’ Amalia o si no te faccio fa’ ‘a fine ‘e ‘on Vicienzo hê capito?... (ride) Ah ah ah... ‘a fine ‘e ‘on Vicienzo... ah ah ah... (ad Amalia) Nun te preoccupa’ ca ce sto’ ie! Viene cu mme jammuncenne jammuncenne!... Stateve bbuo’, curnute!... (prende per le spalle Amalia, che continua a piangere, e barcollando tutte e due si avviano all’uscita)

RABBIELE: - Cu chi ce ll’ave mo’ chesta?

M.PASQUALE: - Rabbie’ e tu staie senza cappiello (fa il segno delle corna) ce parene!... (ride)

RABBIELE: - Ma... (si mette le mani in testa e si tocca; poi si alza prende il cappello dall’attaccapanni lo calza e si risiede)

M.CICCIO: - Ma tu vire comme se so’ cumbinate ‘sti ddoie!... Pasca’ forz’è meglio si ‘nce vaie pure tu cu Totonno, t’‘a guard’i’ ‘a puteca!...

M.PASQUALE: - (rivolto alle donne con tono suadente) Forza, mo’ ‘nce ne jamme a casa chianu chianu... Toto’ viene aiutame! (escono tutti e quattro)

RABBIELE: - (che non si è reso conto cosa sia effettivamente successo) Mastu Ci’ ma che è stato?... Pecchè ‘e signore alluccavano?...

M.CICCIO: - No, niente Rabbie’, se so’ ‘mbrissionate p’‘u fatte ‘e don Vicienzo ‘o farmacista e allora...

RABBIELE: - Cu tutt’‘o rispetto zi’ ma’, ma chelle me parevane ca stessero ‘mbriache tutt’‘e ddoie!...

M.CICCIO: - Ma che staie a ddi’?... (contrariato) Forz’assiettete, fatte ferni’ sta barba! (nota il cappello) E levete stu cappiello!… (glielo toglie e glielo mette in mano)

RABBIELE: - (sedendosi sulla poltrona) Eh, muglierema m’‘o ddice sempe: ‘o vino sta bbuono sulamente dint’‘a votta!... (si tocca la faccia) S’è seccato tutt’‘o sapone!

M.CICCIO: - E mo’ te ‘nzapono n’ata vota! (prende il pennello e la ciotola del sapone) Cchh... puh... (fa finta di sputare ancora sul pennello)

RABBIELE: - Zi’ ma’ e mo’ abbiamme n’ata vota mo’!

M.CICCIO: - (ridendo) Azzò e comme si’ addeventato permaloso!... (insaponando la barba) C’’u Cuncettella, però, quanne te s’è assettata ‘mbraccio nun ‘o facive ‘o permaloso eh!...

RABBIELE: - E-ehh!... (sorride sornione) Comme se rice mastu Ci’, addò c’è gusto nun c’è perdenza!

M.CICCIO: - E tieni raggione Rabbie’!... Certo, ca si tu vulisse, t’‘a putisse pure fa’! Me sa me sa ca tene na forte simpatia p’‘e tte!

RABBIELE: - Se simpatia!... Si nun ‘a pave però niente!... E chisà quante se piglia?...

M.CICCIO: - Rabbie’ senza denare nun se cantano messe, ‘o ddice pure ‘on Filippo; ma chella s’accuntenta pure c’‘a rrobba ‘e casa, spicialmente si ‘e rrobba ‘e campagna, che saccio nu pullastiello, cacche pezzolla ‘e furmaggio, nu cunuglio!...

RABBIELE: - ...e si ‘o vene a sape’ muglierema me n’aggi’a sule fuj’!... (tentato) Certo che bbona è bbona!... Ma i’ nun tenesse manc’‘o curaggio ‘e ce ‘o dicere!

M.CICCIO: - Si è sulamente pe’ chesto ce penz’i’! E allora ll’amice pecchè ce stanno?... Anzi tu fa na cosa, ‘a rrobba portala ccà accussì ce ‘a rongo pure ie e a tte nisciuno te vere!... Eeeh!... Che ne rice so’ n’amico o no?

RABBIELE: - Sì sì comme no!... (indeciso) Ma nun ‘o saccio!... Ce aggi’a penza’ meglio!

M.CICCIO: - Me pare ‘o pinto a cavall’‘o fascio! (un modo di dire per chi è indeciso) Rice chiuttosto ca te miette appaura ‘e mugliereta!...

RABBIELE: - Ma no, mica è ‘a paura...

M.CICCIO: - ...è ‘a fifa!... (ride)

RABBIELE: - E va bbuo’, sfuttite vuie!... (serio) Certo però, ca manco ‘e cane, Tresina ‘o venesse a sape’?...

M.CICCIO: - U’ anema! E che maie te putesse fa!?...

RABBIELE - Vuie nun ‘a cunuscite bbona mastu Ci’!...

M.CICCIO: - Rabbie’ ma che omme si’!... Ccà se campa na vota sola e quanno vene ll’occasione nun te l’hê ’a fa’ scappa’!...

ARTURO: - (avvocato. Uomo sui sessant’anni, veste bene. Entra mentre M.Ciccio dice l’ultima battuta) Carpe diem! E bravo a mastu Ciccio facimm’‘o filosofo!

M.CICCIO: - Buongiorno avvoca’! No qua’ filosofo, steve sul’a ddi’ a Rabbiele ca ogni llassata è perduta e che quanno vene ll’occasione...

ARTURO: - Appunto! Carpe diem come diceva Orazio!

M.CICCIO: - Ah accussì diceva Orazio?... Hê sentute Rabbie’ Orazio quanne aveva ll’occasione diceva scarpe dièmme...

ARTURO: - Carpe, carpe diem mastu Ci’ e significa, appunto, cogliere l’occasione al volo quando capita!

RABBIELE: - I’ nun ce sto’ a capi’ niente cchiù! Che c’entra mo’ Orazio...

M.CICCIO: - Allora si’ scemo, aggi’a pacienza scusa?... Ll’avvocato vò dicere che Orazio, si avesse avuta ll’occasione, a Cuncetta se ll’avessa fatta pur’isso!...

RABBIELE: - E se vere ca stu Orazio nun tene na mugliera comm’‘a Tresina mia!

ARTURO: - Semmai teneva Rabbie’!… È campato duemila anni fa! Orazio era un poeta e un filosofo latino dell’antica Roma!

RABBIELE: - Allora nun faceva ‘o scarparo’? Vuie avita ritto primma ‘o fatto d’‘e scarpe!

ARTURO: - N’ata vota!... Come vi debbo spiegare?... Carpe diem, no’ scarpe, era na cosa ca diceva... ca diceva sempe stu Orazio duimila anni fa! Ecco!

RABBIELE: - A’ faccia!... E vuie v’arricurdate chelle che ha ritto Orazio duimila anni fa!

M.CICCIO: - Rabbie’ e statte zitto ca si’ proprio nu ciuccio!... Don Artu’ avimm’‘a fa’ quaccosa?

ARTURO: - (passandosi la mano in faccia) Me vulesse fa’ na passata ‘e barba si nun ce stà d’aspetta’ troppo!

M.CICCIO: - Avvoca’ ma ve pare, subito facciamo! (riprende Rabbiele per il braccio e lo fa rialzare) Rabbie’ susete fa’ assetta’ ll’avvocato!

ARTURO: - No maestro, lasciate stare, io posso pure aspettare...

RABBIELE: - (che si stava alzando si risiede)

ARTURO: - (proseguendo) ...qualche minuto!

RABBIELE: - (capendo si alza) Don Artu’ favorite, prego, io pozzo aspettare tanto ci sto’ abituato nun è ove’ mastu Ci’? E po’ è meglio si no ‘o maestro pe’ gghi’ ‘e pressa me ‘ntacca! (e con rassegnazione si rivà a sedere sulla sedia sempre con l’asciugamano al collo e il sapone in faccia)

M.CICCIO: - (prende il cuscino dalla poltrona lo sbatte, lo capovolge) Prego avvoca’ assettateve! (prende un asciugamano dal mobiletto lo mette al collo di Arturo e incomincia a schiumare il pennello) Avite sentute chelle che è succieso?

ARTURO: - No, che è stato?

M.CICCIO: - Comme, nun sapite niente? Chille ce steva scappann’ ‘o muorto, e nun è ditto ca nun c’è scappato!

ARTURO: - Addirittura!

M.CICCIO: - Avvoca’, ‘on Vicienzo ‘o farmacista è stato accurtellato d’‘a cummara!

ARTURO: - Caspita! Chi Brigida?...

M.CICCIO: - Sissignore, ‘a mugliera ‘e Carminiello ‘o stagnaro!

ARTURO: - Uhè, ie ‘o dicevo ca nun puteva dura’!... Primm’ o roppo aveva succedere quacchecosa!... E ll’hann’ arrestata?

M.CICCIO: - Nun ‘o saccio, quanno è succieso ‘o fatto ‘o maresciallo steva ccà, se steva a fa’ ‘e capille!

M.PASQUALE: - (rientra con Totonno) Oi Ci’ e che c’è vulute, addimmanne a Totonno! Speramme sulamente ca lle passa ampressa a tutt’‘e ddoie! (nota l’avvocato) Buongiorno avvoca’!

TOTONNO: - Zi’ ma’ e comme stevano cumbinate!... (ride)

RABBIELE: - ‘O dicev’ie ca steveno ‘mbriache!...

M.CICCIO: - E che me rire cretino! (molla uno schiaffo a Totonno) ’A colpa è tutt’‘a toia! Piglia ‘a scopa e pulezza ccà ‘nterra, muovete! (Totonno piagnucolando esegue)

ARTURO: - Mastu Pasca’ e p’‘o fatte ca è succieso che si dice? Ci stanno altre novit…?

M.PASQUALE: - ‘E ccose p’‘u povero ‘on Vicienzo nun se mettene tantu bbone... (con fare confidenziale) Pare ca ‘ncopp’‘o curtiello Briggida ce ha passato ll’aglio!

M.CICCIO: - Maronna d’‘o Carmene!

RABBIELE: - Azzò, allora ‘o farmacista è futtuto!

ARTURO: - Sperammo ca no, pover’ommo! (con fare professionale) Si Vicienzo more, l’ergastolo a Brigida nun ce ‘o leva nisciuno!

RABBIELE: - Avimma spera’ sulamente a nu miracolo!

M.CICCIO: - Pasca’ e a essa ll’hanno pigliata ancora?

M.PASQUALE: - Gniernò, se n’è fujuta e nun se sape addò è gghiuta. A don Vicienzo ll’hanno portato ‘o spitale ‘e Caserta!

ARTURO: - Allora mo’ ce vò veramente nu miracolo!

M.CICCIO: - Avvoca’ ‘e miracole ce ne vò cchiù ‘e uno pecchè non appena ‘o fatto ‘o vene ‘a sape’ ‘a mugliera ‘e ‘on Vicienzo e ‘o marito ‘e Briggida succer’ ‘a guerra!

M.PASQUALE: - Ma che ‘on Vicienzo s’‘a facesse cu Briggida ‘o sapevano tutti quante!

RABBIELE: - Mastu Pasca’, basta ca nun ‘o sape chi ll’hadda sape’ o fa vere’ ca nun ‘o sape e nun succere mai niente!... (dubbioso) Certo ca mo’ ‘o sape tutt’‘o paese!

ARTURO: - È bravo a Rabbiele! ‘Int’a sta puteca stamattina si fa alta filosofia!

M.PASQUALE: - Ci’ è venuto quaccheruno quanno i’ nun ce stevo?

M.CICCIO: - No Pasca’ nisciuno!

M.PASQUALE: - E faciteme j’ allora, oggi nun aggia cumbinato proprio niente. Si saccio quacch’ata cosa v’‘o vengo a ddi’!‘Ateve bbuo’! (esce)

M.CICCIO: - Certo ca quanne succerene sti ccose te fanno resta’ malamente! E meno male ca chiste nun è nu paese addò succeree spisse!

ARTURO: - Oh Ddio sono cose che dispiacciono, specialmente quando sono persone che conosciamo, ma che ci volete fare d’altronde ‘e sti fatt’‘e giurnale, ogni giorno, ne sono pieni!

RABBIELE - Certo avvoca’, ca si nun succeressere sti ccose vuie comme campasseve?

M.CICCIO: - (continuando ad insaponare Arturo) Rabbie’ che c’entra, ll’avvocato ll’avvocato hadda fa’!

RABBIELE: - Però fosse meglio si ‘o facesse pe’ ate ccose. Comm’ aggi’a rice, quanne nun ce sta ‘o sanghe pe’ miezo, ecco! Dico bbuone ‘onn’Artu’?

ARTURO: - E questo non è sempre possibile! Noi siamo chiamati per difendere e far rispettare il diritto di ognuno...

RABBIELE: - Allora site comm’‘o maresciallo d’‘e carabiniere che fa rispettare la leggia!

ARTURO: - In un certo qual senso, ma dato che a volte pure ‘o maresciallo pò sbaglia’, allora siamo noi che dobbiamo difendere le persone e far rispettare la legge.

RABBIELE: - Ma chill’‘o maresciallo Cacace è n’ommo girato, comme pò esse’ ca sbaglia?

TOTONNO: - (che con la scopa in mano, ma senza ramazzare, ascolta tutto) Seh girato!... Chille nun sape manco che r’è ‘a sputacchiera!...

M.CICCIO: - (molla un calcio al garzone) Scopa lloco e statte zitto, quanta vote te ll’aggi’’a ddi’!... Tu pe’ forza me vuo’ fa’ passa’ nu guaio!

TOTONNO: - (piagnucolando) Ma mica è colpa mia si nun ‘a cunosce!

ARTURO: - Io non mi riferivo al maresciallo Cacace, il mio era un discorso in generale.

M.CICCIO: - Comme no avvoca’, se capisce! Rabbie’ ll’avvocato se chiamma, che saccio, quanne ce sta n’appiceco, na discussione, pe’ nu cunsiglio, ecco!

RABBIELE: - A proposito ‘e cunsiglie avvoca’, ie ve vuless’ addimmana’ na cosa, ma... (impacciato) ma nun saccio si pozzo?

ARTURO: - Dimme Rabbie’ ‘e che si tratta?

RABBIELE: - (con timidezza) È… è nu fatto ca m’è succies’‘a semmana passata e nun saccio comme m’aggi’a cumpurta’?...

M.CICCIO: - Forza Rabbie’ parla, ‘on Arturo Boscolo è ‘o meglio avvocato ‘e tutt’‘o Tribunale ‘e Santa Maria!...

ARTURO: - (sorridendo compiaciuto) Non esageriamo mastu Ci’... diciamo uno dei migliori!

M.CICCIO: - No no avvoca’, il più meglio e nun ‘o dico pecchè stongo ‘nnanz’‘a presenza... (posa il pennello che aveva usato fino a quel momento e prende il rasoio, lo affila sulla strappa e incomincia a radere la barba)

ARTURO: - Allora Rabbie’?

RABBIELE: - (sempre timidamente) Avvoca’ ‘o fatto è chisto... cioè... comme dicevo no... ‘a semmana passata mente stevo ‘int’‘a stalla ‘a mogner’‘e vacche, a’ ‘ntrasatta sentiette a Tresina ‘e allucca’. Corre fora e veco ‘a muglierema che, cu na cincurenta ‘mmano, curreva appriess’a nu cane ca teneva na vallina d’‘a nosta ‘mocca "acchiapp’‘o cane, acchiapp’‘o cane" curre ‘a ccà, fuje ‘a llà, ma chillu figli’ ‘e bbona mamma ce facette tre o quatto mancine e s’‘a scuagliaie cu tutt’‘a vallina ‘mocca!

M.CICCIO: - (ridendo) Inzomma ‘o cane se futtett’‘a vallina!

RABBIELE: - Gnorzì, na bella vallinella janca!.. Ecco, i’ mo’ vulesse sape’ da vuie, ‘on Artu’, si se putesse fa’ quaccheccosa?

ARTURO: - Come no, ‘o padrone d’‘o cane è tenuto ‘a risarcirti i danni e quindi a pagarti la gallina che il cane si è rubata.

M.CICCIO: - (seguitando a radere) Ma tu hê cunusciut’‘o cane ‘e chi era?

ARTURO: - Forse l’unico problema può essere proprio il fatto che sarà difficile individuare chi è ‘o padrone d’‘o cane!

RABBIELE: - Era nu cane ‘e caccia, nu puentere (pointer) janco pezziato nire.

M.CICCIO: - E va bbuo’, chisà quante cane ‘e caccia songh’accussì!

ARTURO: - Effettivamente! Pur’i’ tengo nu pointer pezziato nire!

RABBIELE: - (esitante) Ma ie forze saccio a chi è cane!

ARTURO: - Allora non ci stanno problemi, il padrone, come dicevo, è tenuto a risarcirti tutti i danni e se non lo vuol fare basta na bella citazione... Ma tu comme fai a essere accussì sicuro?

RABBIELE: - Ie... ie ll’aggia chiammato pe’ nomme!

ARTURO: - Comme pe’ nomme?

M.CICCIO: - Ma a cchi, ‘o cane?

RABBIELE: - Gnorzì!... Mentre ce currevo appriesso me parzo d’‘o cunoscere e allora aggia allucato: "Sarchiapo’ fermate!" E ‘u cane s’è fermato...

M.CICCIO: - ...e ll’hê acchiappato!

RABBIELE: - Gniernò, pecchè chillu piezz’‘e cantaro, mente ‘o stev’acchiappanno se ne fujuto n’ata vota!

ARTURO: - (avendo capito che l’accusa è rivolta a lui) Rabbie’, dimme na cosa, ma ‘o fatto quann’è succieso?

RABBIELE: - Avvoca’ miercurì passato!

ARTURO: - Allora nun ce stanno dubbi, chillu cane figli’‘e bbona mamma, Sarchiapone, è ‘o pointer mio!... E ttu ‘o sapive!

RABBIELE: - (esitante) Non propetamente!

M.CICCIO: - Rabbie’ tu ll’aviva cunusciut’‘o cane e sapive pure che era ‘e ll’avvocato!

RABBIELE: - (c.s.) E, e... ma nun ero sicuro!

ARTURO: - E tu perciò te ne si’ gghiuto pe’ tuorne pe’ tuorne!... D’altronde è risaputo da tutti ca Sarchiapone tene stu vizio r’‘e galline, ca po’ ce pazzea solamente nun s’‘e manco mangia. Ma tu nun t’hê ’a preoccupa’, quello che è giusto è giusto, forza, dimme quanto t’aggi’‘a da’?

RABBIELE: - Avvoca’, me dispiace, ma sapite comm’è, pe’ nuie cafune ‘e campagna pure nu pullastiello tene ‘a ‘mpurtanza soia!

M.CICCIO: - (intanto ha terminato di radere la barba all’avvocato) Ecco fatto avvoca’! Toto’ piglia ‘a spazzola! (Totonno esegue e spazzola la giacca dell’avvocato che, intanto, si è alzato)

ARTURO: - Va bbuo’ basta accussi Toto’! (a Gabriele) Allora se pò sape’ quanto t’aggi’‘a da’?

RABBIELE: - (titubante) E i’ mo’ che v’aggi’‘a di’? Facite vuie!

ARTURO: - No no, e i’ che ne saccio! Forza dimme quant’è!

RABBIELE: - (c.s.) Avvoca’ pecchè site vuie, ‘ateme... ‘ateme... quatteciente lire e no’ cincuciente!... Va bbuo’?

ARTURO: - E grazie! (mette la mano nell’interno della giacca ne caccia il portafogli prende un biglietto da cinquecento lire e lo dà a Gabriele) Ecco qua! Si nun tiene ‘o riesto nun fa niente, anzi, sa’ che vvuo’ fa’, ‘o ddaie a mastu Ciccio p’‘a barba e, (a M.Ciccio) mi raccomando maestro, date pur’‘a mazzett’‘a Totonno!

M.CICCIO: - Grazie avvoca’! Toto’ ringrazia ll’avvocato!

TOTONNO: - Grazie ‘o ‘strissimo!

ARTURO: - (fa per andare ma, arrivato sulla porta, torna indietro) A proposito Rabbie’ che faccio, ‘a bulletta c’‘o cunto t’‘a mann’a casa o me vuo’ paga’ subito, ccà?

RABBIELE: - ‘A bulletta? Qua’ bulletta ‘on Artu’? (preoccupato) Ie nun tengo nisciuno cunto cu vvuie!

ARTURO: - ‘O cunsiglio Rabbie’, ‘o cunsiglio che tu m’hê addummannato e che ie t’aggia dato, nun ‘o vuo’ paga’?... Ie ll’avvocato faccio e ll’avvocato chesto fa: dà i consigli!... Mille lire e... ti ho trattato!

RABBIELE: - Ma... ma...

M.CICCIO: - (sorridendo) Si’ gghiuto pe’ grazia e hê truvata giustizia! E te conviene a pava’ subito Rabbie’, si no ll’avvocato se fa pava’ pur’‘e ‘ntresse!...

M.PASQUALE: - (entrando di corsa) Ll’hanna pigliata, ll’hanna pigliata! Hann’arrestata a Briggida!

ARTURO: - Meglio così!... Vi saluto, arrivederci! (fa per uscire)

RABBIELE: - Aspettate, aspettate avvoca’... forze... forze è meglio si ve pave mo’!... Ecco qua, cinquecento... (gli restituisce le cinquecento lire che aveva avuto prima, poi caccia dalla tasca posteriore dei pantaloni un portafogli, sdrucito e unto, ne prende un altro biglietto da cinquecento e prima di consegnarlo, lo guarda bene e ci soffia sopra per paura che potesse essere più di uno) e...

M.PASQUALE: - ...è una, è una!

RABBIELE: - ...e cinquecento che fanno mille!

M.CICCIO: - (a mezza voce a Pasquale) S’è sgravato!

ARTURO: - (prende i soldi e li mette in tasca) Benissimo, hê fatto bbuono Rabbie’, ‘e mole è megglio che uno s’‘e lleva subbito primma ca fanno cchiù male!... Buonagiornata a tutti! (esce)

RABBIELE: - (appena è uscito l’avvocato) Mannaggia chella scunsulata d’‘a M...

M.CICCIO: - (interrompendo la bestemmia) Oh oh, che ccà dinto nun se jastemma!

M.PASQUALE: - Ma ch’è stato?

RABBIELE: - (sconsolato piagnucolando) E mo’ a Tresina chi ce ‘o ddice?

M.PASQUALE: - Nèh, se pò sape’ che è stato?

M.CICCIO: - E che è stato, e che Rabbiele ha ‘ddummannato nu cunsiglio all’avvocato e s’è spignato nu pigno!

M.PASQUALE: - Ah, ‘e sorde erano p’‘o cunsiglio?… Rabbie’ ma chi t’’ha fatto fa’, (sorridendo) ’o putive addummanna’ a nnuie ‘o cunsiglio, nuie te faceveme sparagna’! Nun è overo Ci’?

TOTONNO: - Chille ‘o zambro se vuleva fa pava’ ‘a vallina ‘a ll’avvocato e invece ce ha ‘ppezzato chell’e ‘o riesto ‘a fora!

RABBIELE: - Toto’ statte zitto ca si no m’‘a sbozzo cu tte!

M.CICCIO: - I’ po’ nun te capisco Rabbie’, si manco nun ‘o cunuscisse a don Arturo; te pare mai possibile ca chille se faceva fa’ fesso ra tte?

RABBIELE: - Ma qua’ fesso mastu Ci’, ‘o cane suoio s’è mangiata a vallina mia e isso me l’aveva pava’!

M.CICCIO: - E isso te ll’ha pavata! E comme si nun te ll’ha pavata!... Ah, e nun te scurda’ che a mme m’hê pava’ pure ‘a barba soia...

TOTONNO: - (prontamente) ...e ‘a mazzetta a mme!

RABBIELE: - E comme no, addò va trenta va pure trentuno!… Mastu Ci’ facimm’ampressa, fernitem’‘e fa’ ‘a barba e facite menn’j’! (e si risiede sulla poltrona)

M.CICCIO: - Toto’ forza ‘nzapuna n’ata vota. (Totonno esegue)

M.PASQUALE: - Ci’ hê visto? Chesto significa essere ‘e principio!… (sorride)

M:CICCIO: - (sottovoce a Pasquale) Nun pazziamme cchiù ca ‘o zambro comme sta ‘ncazzato fa scennere tutt’‘o Paraviso ‘nterra!

M.PASQUALE: - (a Ciccio) Chelle era meglio si se tagliava na pacca ‘e culo e no’ a caccia’ nu centesimo! (entra Guido)

GUIDO: - (segretario comunale. Uomo sui cinquanta-sessant’anni, baffetti, veste in modo elegante e ricercato, nel paese ha fama di buon giocatore di carte) Salute a tutti! Maestro ce sta d’aspettare parecchio?

M.CICCIO: - Buongiorno segreta’! No è questione di minuti, mo’ fernesch’‘e fa’ ‘a barba ‘a e subito vi servo. Prego accomodatevi qua! (gli fa cenno di sedersi su una sedia vicino al tavolino)

GUIDO: - No grazie, preferisco stare all’impiedi, si no se maltratt’‘o cazone! (si tocca la piega del pantalone poi prende dalla tasca interna della giacca un portasigarette d’argento) Ah! Aggia fernute ‘e sigarette!

M.PASQUALE: - Me rispiace ma pur’i’ ll’aggia fernute si no ve ne reve una r’‘a mia! (e mostra un pacchetto di Alfa vuoto)

M.CICCIO: - E ‘o segretario se fummava chella schifezze ‘e sigarette ca te fumme tu! Aspettate, mo’ v’‘e faccio j’ a piglia’ ra Totonno. Toto’ lassa nu poco e va’ ‘ccatta’ ‘e sigarett’‘o segretario!

TOTONNO: - (subito posa il pennello) ’On Gui’ che v’aggi’a piglia’?

GUIDO: - Pigliame nu pacchetto ‘e Serraglio addò Umberto a Purtavete (piazza Porta Vetere) po’, primm’‘e turna’ ‘ncopp’‘o Municipio, pass’i’ e ‘o pago! (Totonno esce)

RABBIELE: - Mastu Ci’, mo’ lassamme n’ata vota?

M.CICCIO: - Rabbie’ e aspietta nu poco, nun gghi’ ‘e pressa!

GUIDO: - Che r’è Rabbie’ staie ‘ncazzato?

RABBIELE: - Lassateme sta ‘on Gui’ ca oggi nun è cosa!

GUIDO: - Ma pecchè che è succieso?

M.PASQUALE: - No niente e che ‘on Arturo Boscolo, ll’avvocato, ce ha fatto pava’ nu cunticiello ca nun ce stev’ a cunto!

M.CICCIO: - A chillo sulamente vuie, ‘int’‘o circolo, le putite alliscia’ ‘o pilo!... A proposito, avita ‘ntis’‘o fatte ‘e ‘on Vicienzo ‘o farmacista?

GUIDO: - Ho sentito, povero Vincenzo, speramme ca tutto si risolve per il meglio!

M.PASQUALE: - E mo’ comme facite ‘int’‘o circolo, ci manca un componente p’‘u pocherino?

M.CICCIO: - Segreta’ ma è over’‘o fatto che si dice ‘e don Alfonso de Fazio ca se joca na massaria a sera?

RABBIELE: - Mastu Ci’ mo’ se secca n’ata vota ‘o sapone!

M.PASQUALE: - Uffà e comme si’ scucciante, e statte zitto nu poco!

GUIDO: - Ie nun me faccio capace comme cierti fatte jescene fora d’‘o circolo, che po’ si esagera sempre!

M.CICCIO: - Eh sì, esagerazioni! ‘On Gui’, p’‘o paese ‘e fatte se sapeno!... Addirittura si dice che ‘o pate ‘e don Alfonso…

GUIDO: - Chi don Roberto?…

M.CICCIO: - Sissignore… ‘a massaria che ‘o figlio s’è jucate a sera primma, ‘u juorno appriesso ce ‘a torna ‘a ‘ccatta e ‘on Alfonso, ‘a sera stessa, s’‘a joca e ‘a perde n’ata vota, regolarmente!

M.PASQUALE: - E se sape pure chi s’‘e sporpa ‘o pullastielle! (con fare ammiccante) Si rice ca vuie site ‘o masto!

TOTONNO: - (entrando con il pacchetto di sigarette in mano) Ecco qua le sigarette!

GUIDO: - (compiaciuto) Grazie Toto’, tiè! (gli dà dieci lire di mancia. Apre con calma il pacchetto di sigarette) Ie mo’ che ve pozzo ddi’?... Prego mastu Ci’, mastu Pasca’, pigliateve na sigaretta... (i due prendono le sigarette ringraziando) Rabbie’ vuo’ fumma’ pure tu?

RABBIELE: - (si alza dalla sedia prende la sigaretta la mette in tasca) Grazie segreta’, se permettete, m’‘a fummo roppo! (si risiede) Toto’ forza, spicciate ca i’ me n’aggi’’a j’!

M.CICCIO: - Toto’ fa’ ampressa accussì ce levammo a ‘nnanze stu scassambrello!

TOTONNO: - (riprende il pennello) Zi ma’ s’è seccato tutt’‘o sapone!

M.CICCIO: - E ‘nzapuna n’ata vota! (prende gli zolfanelli, fiammiferi da cucina) Prego segreta’ appicciate! (accende le sigarette di Guido e di Pasquale) Ie pure m’‘a fummo roppo! (odora la sigaretta con piacere voluttuoso) Aaah, siente sie’ che addora!… Cheste so’ sigarette!... (la mette sull’orecchio) Allora se pò sape’, ‘o fatte ‘e don Alfonso è overo o no?

GUIDO: - (sorridendo) Insistete eh!... Ma io nun ve pozzo dicere niente, come ve lo debbo dire!... (con falsa modestia) Ie po’ nun song’‘o tipo che se va facenn’‘o buffone!

M.PASQUALE: - ‘On Gui’ e questo lo sappiamo, ma voc’‘e popolo...

GUIDO: - (sempre sorridendo) ...voc’‘e Ddio! E basta accussì!

M.CICCIO: - Abbiamo capito!... Pasqua’ non insistere ca d’‘a vocca e r’‘u segretario non esce una parola!... Toto’ hê fernuto lloco sì o no? Me staie cunzumanno nu chil’‘e sapone!

TOTONNO: - E chelle s’era seccato tutto quanto e aggi’avuta ‘nzapuna’ d’‘o capo!

M.PASQUALE: - Toto’ ‘o staie facenno asci’ nuovo a Rabbiele!

GUIDO: - Nèh, ce sta d’aspetta’ ancora parecchio?

M.CICCIO: - Ma vuie che v’avita fa’ ‘on Gui’?

GUIDO: - Niente me vuleva sulamente fa’ accuncia’ ‘e baffi e nu poco ‘e bassette!

M.CICCIO: - E m’‘o putiveve dicere subbito! Rabbie’ viene susete ‘a lloco e miettete ‘ncopp’a sta seggia, Totonno t’‘a fernesce ‘e ‘nzapuna’ ccà ‘a barba! (fa alzare Gabriele) Prego ‘on Gui’ accomodatevi! (rivolta il cuscino e fa sedere Guido sulla poltrona)

RABBIELE: - (spazientito) Zi’ ma’ mo’ aizo ‘ncuollo e me ne vaco!

M.CICCIO: - Jammo mo’, e nun fa’ accussì! Ie che ce voglio, subito faccio! (prende le forbici e si mette a lavorare) on Gui’, quanno verite ‘o sinneco, nun ve scurdato ‘e chillu fatte, vuie ‘o sapite, ie sto nelle vostre mani.

GUIDO: - Mastu Ci’ ie nun ve capisco a vvuie? Ma ve cunviene a gghi’ a fa’ ‘o bidell’‘e scola c’’u mestiere ca tenite?

M.CICCIO: - Segreta’ ie nun ce ‘a faccio cchiù a sta’ allirto d’‘a matina a’ sera e, po’ ccà, pe’ vere’ na lira ce vò ‘a mano ‘e Ddio!

RABBIELE: - E pe’ forza, si ie pe’ me fa’ na barba stong’‘a stammatina!

M.CICCIO: - Ma che c’entra chesto! Prego segreta’ siete servito, Toto’ spazzola! (Totonno mette il pennello in mano a Gabriele, che continua ad insaponarsi da solo, prende la spazzola ed esegue)

GUIDO: - (guardandosi nello specchio e lisciandosi i baffi) Quanto vi devo, maestro?

M.CICCIO: - Ma ve pare segreta’, pe’ dduie pile, se ne parla n’ata vota! Però nun ve scurdate ‘e me, chille, ‘o sinneco a vuie ve sta a senti’!

GUIDO: - Nun ve preoccupate, mo’ che vaco ‘ncoppo ce ‘o ricordo va bbuono? Allora grazie e arrivederci a tutti! (fa per uscire ma, in quel momento entrano Carlo, Franco e Luigi rispettivamente con chitarra, fisarmonica e violino)

CARLO: - Eccoci qua!

FRANCO: - Allora Ci’, simme pronte?

LUIGI: - Forza pigli’‘o mandulino! (Ciccio esegue)

RABBIELE: - Mastu Ci’ mo’ ve mettite a suna’? Ma sta sfaccimm’‘e barba ‘a vulimme fa’ o no?

M.CICCIO: - Azzò, ma vaie semp’‘e pressa! Nun puo’ aspetta’ nu minuto? (rivolto ai tre musici)… Guagliu’ simme pronte? (a Gabriele) Tu pe’‘ttramente ‘nzapuna, ‘nzapuna!... (ai tre) Uno, ddoie, tre, quattro!... (incominciano a suonare e a cantare delle melodie napoletane e mentre suonano il salone si riempie di persone che si uniscono ai canti. Vi saranno cinque minuti di pot-pourrì di canzoni napoletane che terminerà con il ritornello d’‘o surdato ‘nnammurato "oi vita, oi vita mia" che canteranno tutti tranne Rabiele che continuerà ad insaponarsi la barba)

CALA LA TELA

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno