Pensione Vedova Ferro

Stampa questo copione

PENSIONE VEDOVA FERRO

PENSIONE VEDOVA FERRO

TRE ATTI COMICI

DI

GIUSEPPE     AMATO

PERSONAGGI

Rosario             CIANCIANA      (Zamiroff)…50 anni_______________

Rosa                  CAMPISI……………………..48 anni_______________

Cav. Costantino COSTANTINI……………… 60 anni_______________

Capitano           SCARDONA………………….60 anni_______________

Ciccio               LATTUGA……………………30 anni_______________

Santina                       SPOSITO……………………   25 anni_______________

Paolo...…………………………………………23 anni_______________

Giulio…………………………………………..24 anni_______________

Giovanna          STRACUZZI………………… 50 anni_______________

Agata (cameriera)……………………………30 anni_______________

Tina (cuoca)            ……………………………30 anni_______________

Carmela (amica di Tina  ………………………30 anni_______________

'Ntoni…………………………………………..75 anni_______________

Suggeritrice……………………………………………_______________

Direttore di scena………………………………………_______________

Regia…………………………………………………..._______________

^^^^^^^^^^^^

In una grande città siciliana.   Oggi.1950

^^^^^^^^^^

La scena rappresenta un vasto ambiente ch'è, ad un tempo, sala da pranzo e sala di convegno della modesta "pensione vedova Ferro". Un corridoio centrale con una porta in fondo, a destra in  fondo si apre un altro corridoio di cui si scorge il principio.Si affacciano nella sala due porte a sinistra e due a destra Un tavolo grande al centro coperto da tappeto. Sul fondo una credenza con stoviglie varie. Sedie, poltrone ed altri mobili. Ai muri quadri, fotografie e un ingrandimento in cornice raffigurante un uomo di media età. Sulla parete di fondo due grandi affissi pubblicitari teatrali del Prof. ZAMIROFF, prestigiatore e chiromante.

ATTO PRIMO

 (Costantino è seduto su una poltrona nel lato sinistro della cena e legge attentamente un giornale che tiene spiegato. Dopo qualche istante dal fondo, Rosa che reca una tazza grande su un piatto).

ROSA: 'U latti, Cavalieri.

COSTANTINO: Oh! Finalmente! M'ha fattu stirari 'u coddu, stamatina.

ROSA: (mentre dispone il piatto e la tazza sul tavolo di centro) Chi voli?

            haiu duvutu sciri pa' spisa. 'U sapi ca Cicciu non c'è.

COSTANTINO: E lei pirchì cci duna u pirmissu? Pirchì l'incuraggia a fari u

            vagabunnu cu l'autru saltimbancu? (e intanto siede al tavolo e comincia a mangiare).

ROSA: Ci pozzu diri di no o prufissuri? E' un vecchio pensionante……

COSTANTINO:  Prufissuri, prufissuri! Chi prufissuri è?  Prufissuri di

           "mprugghiuneria"

ROSA: Chi c'entra? Un galantuomo è! Sempre puntuali, sempri o so' postu…

             non  si cci po' diri nenti.

COSTANTINO: Ma comu po' essiri un galantuomo unu ca campa

             'ngannannu 'e genti!

PAOLO: (Entra dal corridoio, chiassoso, allegro con dei libri sotto il braccio) Buon giorno! Chi avi u cavalieri si murmuria sempri?

COSTANTINO: Non ti rispunnu pirchì nun mi vogghiu avviliari a culazuioni.

PAOLO: Ca megghiu fa (va alla porta di destra e bussa chiamando) Santina, Santina…

COSTANTINO:  (Sbuffa evidentemente seccato)

ROSA:   'A lassassi dormiri ca assira si curcau tardu.

PAOLO:  E' importantissimo (c.s.) Santina, Santina!

SANTINA: (Dall'interno, assonnata) Cu è?

PAOLO:   Iu' sugnu. Pozzu trasiri?

SANTINA: No. No.  Ca sugnu nura.

COSTANTINO: (a Rosa) Oh! Che cose! Ci pari giustu a Lei?

ROSA:    Maria, su picciotti!

PAOLO: Fa prestu Santina, veni cca' ca è urgenti.

SANTINA: (Sempre dall'interno) Ma chi c'è? Ora vegnu.

COSTANTINO: Oh! Che indecenza! Chidda ci dici ca è nura. Chiddu ci dici ca aspetta  fora. Che è una casa di appuntamento questa?

ROSA:   Ma chi stanu facennu di mali?

COSTANTINO: Come? Ci pari na cosa lecita? Se fussi vivu il suo povero marito cridi ca avissi pirmissu na cosa di questa?

ROSA:   'U bonarma veramenti era un pocu curiusieddu pi sti cosi, ma in sostanza….

PAOLO:  In sostanza sti vecchi rimbambiti facissiru megghiu a non ammiscarisi nei fatti di l'autri.

COSTANTINO: Parra di mia?

PAOLO: Di Lei e con Lei.

COSTANTINO: A mia rimbambito? Signura Rosa, lei mi è testimone che questo signore mi insulta…..

PAOLO: E' lei ca insulta a mia.

SANTINA: (Apre la porta e si affaccia indossando frettolosamente una vestaglia che le lascia un po' scoperti il petto e una spalla) Chi c'è? (a Paolo) Chi hai?

COSTANTINO: (A Santina) E lei così si deve affacciare? mostrando………. mostrando….

SANTINA: (Aggistandosi la vestaglia) Scusassi…

PAOLO: (A Costantino) Vuol dire ca avi chi mustrari! Fussi scannalusu se scissi lei da so' cammira menzu nuru.

COSTANTINO: Parola d'onore,  fussi cosa….

ROSA:  Si calmassi, cavalieri.  Finissi a colazioni in santa paci.

COSTANTINO: Ca megghiu fazzu. (e sbuffando riprende a mangiare).

SANTINA: (a Paolo) Chi vuleutu, Paolo.

PAOLO:  Staiu iennu a dari l'esami di fisiologia. L'autra vota mi dasti un vasuni e mi purtau furtuna: ci pigghiai trenta e lodi. Damminni n'autru ora ca non sugnu priparatu.

SANTINA: E m'a fattu susiri pi chissu?

PAOLO:  Ti pari cosa di nenti? E' un'esame importante e iu non nni sacciu mancu 'na parola.

SANTINA: Allura cu tuttu 'u vasuni è facili ca ti boccianu.

PAOLO: E in ogni casu m'arresta 'u vasuni (porgendo la bocca) Avanti, va, ca è tardu.

SANTINA: (scherzando) Tieni (lo bacia leggermente sulla bocca, ma Paolo l'afferra alla nuca e prolunga il bacio, mentre..

COSTANTINO:( dà un forte pugno sul tavolo urlando) Basta! Questo passa i limiti!

ROSA: Motti subbitanea mi fici arrisatari !  Nunn'a  'ntisu c'a dari l'esami?

COSTANTINO: E chi c'entra l'esami! Questa è impudenza! Oscena impudenza.

PAOLO: Cavalieri si stassi mutu, masinnò mi nni fazzu dari n'autru.

SANTINA: (a Paolo) Chi si' pazzu? (ed esce chiudendo la porta dietro di sé).

PAOLO:Sta virennu? A fici scantari.

COSTANTINO: Chissa non si scanta di nuddu! (a Rosa) Ma iu mi meravigghiu di lei, signora, che permette queste cose.

PAOLO:  Iu  mi meravigghiu di lei, cavalieri, ca s'a pigghia pi sti cosi.

ROSA:   Ca in sostanza, cavalieri, scherzano.

COSTANTINO: Scherzano?

COSTANTINO:  Ma non mi facissi ridiri!  Lei, signora, ca non è 'na picciridda, cridi ancora a 'sti cosi, cridi ancora ca una ca fa ssu misteri può essiri….

SANTINA:  (entra furibonda da destra) Haiu 'ntisu tutti cosi! Chi vulissi diri, chi vulissi insinuari? Forsi pirchì aiu rifiutatu le sue attenzioni, lei si crede in diritto di parlare male di me? Ad ogni modo, ringraziannu a Diu, lei non è né mè frati, né mè maritu, e iu pozzu fari chiddu ca mi pari e piaci.

PAOLO:  Propriu!  Po' fari chiddu ca ci pari e piaci. Macari darimi n'autru vasuni.

SANTINA: (sempre a Costantino)Se m'avissi fattu accumpagnari di lei 'o cinema, o ai bagni, comu m'aveva propostu, allura….

PAOLO: E bravu 'u cavalieri!

COSTANTINO: (a Rosa) Signora, la prego di non credere a questa piccola vipera. Io non ho mai….

SANTINA: E sparti s'u nega….macari a ccena mi vuleva purtari. Diceva: "Per interrompere la monotonia di questi pasti di pensione"

COSTANTINO: Non è vero!

PAOLO:  Ava interrompere la monotonia, ah, cavaliere?

ROSA:    Cavaliere, mi meravigghiu…..

COSTANTINO:  Ma lei ci criri.

SANTINA: Sicuru ca ci cridi! Chi mi invintassi 'na cosa di chissi?

COSTANTINO: (urlanmdo)In questa pensione non si può più stari! Signura, mi facissi 'u cuntu ca mi nni vaiu ora stissu!

ROSA: Ma,  cavalieri….

PAOLO: Non si scantassi ca non si nni và! Sempri accussì dici e ppi nostra disgrazia non lu fa mai!

COSTANTINO: Ma sta vota….

SCARDONA: (entra dalla prima porta di sinistra) Signori mei, signori mei, chi è stu baccanu a capu di matina.?

PAOLO:  E' 'u solitu cavalieri ca fa 'u solitu fracassu.

SCARDONA:  Ma ca successu?

COSTANTINO: Qua mi si insulta continuamente.

SCARDONA: Chi lo insulta?

COSTANTINO: Tutti! Questa signorina, per esempio, s'a pirmissu ca iu….

SANTINA: Ca m'aveva invitatu a cena. Non è vero?

COSTANTINO: Sono innoccente come un agnello!

PAOLO: Si', agneddu! Crastu, chiuttostu!

COSTANTINO: Sta sintennu, capitanu?

SCARDONA: Calma, calma, signori miei.

COSTANTINO: E chi calma, caro capitano! Che calma. Si danno casi nella vita ca unu non ci cridi!

SCARDONA: Casi drammatici, che possono decidere di tutta una vita!  Iu, per esempio, nel 1911, facevo parte della spedizione che partì da Napoli, al comando del Generale Canova per conquistare la Tripolitania. Ero sottotenente, cioè giovane, impetuoso, ardito….

COSTANTINO: Un soldato della vecchia guardia!

SCARDONA: Appunto! Facevo parte, dicevo, dell'11° bersaglieri ed ebbi l'ordine….(la scena viene interrotta dall'entrata di Ciccio che appare dal corridoio con una valigia sulle spalle. La valigia si apre appena l'attore è in scena e da essa cadono gli oggetti più disparati: fazzoletti a vivi colori, carte da gioco, giocattoli, grossi dadi di legno, fiori di carta, maschere ed altri arnesi da prestigiatore. Ciccio che ha la testa fasciata da garza, si va a sedere)

CICCIO.  Buongiorno, sambenerica sig. Rosa. Non ci a fazzu chi sugnu cu  

                mortu ca stancu.

ROSA. Ciccio ma chi successi…viri ca sta peddennu tutti cosi casa casa

CICCIO. Chi e ca dici vossia..non ci sentu bonu sugnu ancora tuttu intronato

                Mi ora ca arrivaiu sta valigia mi pare chiù leggera, ma come stu fattu

ROSARIO l’ultima facisti,! Pezzu di insalanutu

SCARDONA (Entra in scena uscendo dalla sua camera)

ROSA:  Prufissuri ma chi avi na facci?

PAOLO: E Cicciu ?  Ca testa nfasciata?

ROSARIO: Ma u viri chi cumminasti,  ha!! Pezzu di bestia matriculatu. Tava dittu di stare attentu ca a serratura s’ava rumputu.

CICCIO chi voli vossia l’imputo? Ora taliù na valigia su du c’è , ma chi ci ha fare con l’imputo…….(si accorge della valigia vuota-mimica adeguata) porcuspinu !  si futtenu tutti cosi….professore si anno a rubato tutti cosi

ROSARIO. Ah si e ora comu facemu

CICCIO. Ci facemu na bella denuncia nei carrabbineri

ROSARIO. (sedendosi, fa apparire gli oggetti) O destino crudele ma cu mo fici fari a purtariti d’appresso.

CICCIO (vedendo gli oggetti) Professore. I ladri annu turnato e tutti cosi annu purtatu…si ascantarunu appena intisunu denuncia

ROSARIO. Ma quali ladri d’eggitto. Tava dittu ca a serratura sava   rumputu,

               no imbutu rum  pu  tu, u capisci ha! Rum  pu  tu

CICCIO. Ma pirchi parra accussi , chi sugnu babbu?

ROSARIO: no e tu chi si babbu u signori quannu fici a tia sa scurdò di mittiriti              u ciriveddu intra sa testa

CICCIU iu haia caputu ca a valigia si rapiu e persimi tutti cosi.

ROSARIO. A u capisti, mi allura si intelligente?

CICCIO avanti prufissore comi si dici bonu bonu chiddu ca finisci bonu. A genti  di stu paisi onesta è, ana truvatu a roba e subitu l’ana purtatu. Ma quannu l’ana purtatu ca iu nun mi na accuggiutu.

ROSARIO senti uomu primitivo coghi tutti cosi prima ca ti fazzu u battesimu.

CICCIO. Iu iu u battessimo mi l’aiu fattu gia. Sta storia dei robbi nun è ca a staiu capennu tanta bona, ma cu schifiu ce purtau sti robbi ca ?

ROSA. Ma insomma prufissuri si po sapiri chi successi ?

ROSARIO: Questo disgraziato! Siamu vivi per miraculu. Dico per miraculu.

COSTANTINO: Chi ci fu qualchi scontru di treni?

SCARDONA: Ci hanu statu morti?

ROSARIO: Ca quali trenu! stu mbecilli! A mala sorti mia ca m'aiu a purtari un disgraziatu di chistu pi' aiutarimi!

CICCIO: (sempre carponi) Ma iu' ci l'aveva dittu ca nun  m'u arriurdava.

ROSARIO: E mi  l'avevutu a diri davanti al pubblico? Disgraziato!

CICCIO: (c.s.) Ma iu' chi sapeva ca n'ava a finiri daccussì?

ROSARIO: Nun ti l'avevetu a fiurari, cretinu!

PAOLO: Ma chi fu u fattu?

ROSARIO: Non mi ci facissi pinsari! Tri ghiorna di scrittura appizzati e lignati sparti.

SCARDONA: Lignati?

ROSARIO: Lignati! Lignati! Corpa di seggia, pumadoru fracidi, patati sfatti! E tutto per questo deficiente!

CICCIO: (c.s.)Ma iu' chi sapeva? M’arrivau un ovo ca tanto era vecchio ca nisciu un puddicinu

ROSARIO: Comu chi sapevutu? T'ava purtatu apposta cu mia! Ca su sapeva tantu un assistente 'u truvava sul posto!

PAOLO: Prufissuri, mi scusassi, mi n'aiu a ghiri a dari l'esami. Signori a tutti.

ROSARIO: In bocca al lupo, dottore.

ROSA:   Buone cose.

PAOLO: (a Santina) Mu duni n'autru vasuni?

COSTANTINO: Ancora?!

PAOLO: Arrivederci va. (via dal corridoio)

SCARDONA: (a Rosario) Dunca ci finiu a corpa?

ROSARIO:A corpa.

CICCIO: A curpuna ! sutta a trenu megghiù ni fineva

SCARDONA: Ogni tanto si danno questi casi. Io per esempio, nel 1911 facevo parte della spedizione che partì da Napoli al comando del generale Canova.…

COSTANTINO: (interrompendolo) E ci lassassi cuntari 'u fattu de corpa.

ROSARIO: Nun mi n'ava iutu a fari tri ghiorna a Pedagaggi…..:

ROSA:   Ma chi c'è teatru?

ROSARIO: Na speci di majazzè. Ma era chinu comu n'ovu.. Ci ava dittu a sta specie di scemu: tu statti ammenzu o pubblicu. Quannu iu' dicu: "C'è nessuno che è disposto a cadere in trance per gli esperimenti di alta metapsichica e divinazione?", ti fai subito avanti e acchiani supira u palcuscenicu.

ROSA:  E iddu nun acchianau?

ROSARIO: Acchianau pi mia disgrazia!   Iu' ava spartutu nel pubblico tanti biglietti bianchi e ognuno ci aveva scritto un numero a suo piacere. Poi l'avevano piegato e misu  dintra un cappeddu. Poi iu' aveva fattu pigghiari unu di ddi biglietti di na fimmina e ci avevo dittu di leggiri u nummiru a memoria e di tiniri u bigliettu strittu no pugnu. L'esperimento consisteva nel leggere a distanza nel pensiero d'a

              fimmina il numero, trasmetterlo al soggetto, il quale doveva dirlo ad alta voce.

COSTANTINO: Caspita! E comu faceva?

ROSARIO: Trucco, cavaliere!  Ci canciava i pizzina no cappeddu. Chiddi ca ci avevunu misu mi sarbava na sacchetta e cinni mitteva autri ca purtavunu tutti u stissu numiru ca aveva scrittu iu' stissu prima.

SANTINA: 'U stissu di chiddu ca mi fici fari a mia a Zafferana.

ROSARIO: Preciso. Dunca arricogghiu i biglietti, i canciu senza ca nuddu si nnadduna e poi chiamo: (con tono professionale come se fosse al teatro) "C'è nessuno nel pubblico che sia disposto a cadere in trance per gli esperimenti di alta metapsichica e di divinazione?" A stu puntu Cicciu s'ava a prisintari.

CICCIO: (alzandosi) E mi prisintai. Tutti cosi boni fici!

ROSARIO: Mutu statti ! Comunque per farla breve, comu ci dissi: Avanti. Manifesta il numero, che ti ho trasmesso, a questi signori. Avanti! (Solenne) Il numero è…….

CICCIO: Ci criri ca nun mu ricordu mancu ora?

ROSARIO: E ddocu accuminciaru a vulari i seggi. Stu cretinu dissi "nun m'arriordu cchiui prufissuri" Seggi, pumarora…

CICCIO: Patati….

ROSARIO: L'impresariu appi arriturnari i sordi dei biglietti e sparti vuleva siri pagati i danni.

CICCIO: E vossia nun putia circari nu nummiru cchiù facili?

ROSARIO: Era 9731. Chi c'è di difficili, bestia?

CICCIO: E iu' mu scurdai.

ROSARIO: Tri jorna di scrittura persi e sparti tutti i consulti chiromantici: (a Ciccio) V'à pusari i valiggi n'a me' cammira, vah!

CICCIO: Sissignura. (esegue uscendo dalla seconda porta di sinistra)

SANTINA: Iu' mi vaiu a vestu. Con permesso. (via dalla porta a destra)

SCARDONA: Chi dici, cavalieri, ni facemu 'na passiata 'a villa ?

COSTANTINO: Jemminni, vah. Du' passi giusti. Signuri miei tanti cosi.

SCARDONA: Arrivederci. (Costantino e Scardona escono dal corridoio)

ROSARIO: Arrivederci, arrivederci.

CICCIO: (entra da sinistra con vassoio frutta) C'aiu a fari, signura?

ROSA:   Ti doli 'a testa?

CICCIO: Nonsignura, m'ha passatu.

ROSA.  A ora chiamami a Tina e viremu di soccu avemu di bisogno, Tina Tina

TINA.   Arrivo arrivo chi fù, oh! E chi è cascati da naca

CICCIO    Non sunu affari to

TINA.  (guardando ciccio)   Maria che tanfu

ROSA   Lassulu perdiri, a ciccio ci capitau na disavventura

TINA   Chi fici sa decidiu a trasiri na vasca e bagnu e a scivolo?

CICCIO Chi vulissu diri ca nun mi lavu…e comunque iu l’aria ci a canciu sempre

TINA  Ca certu, chi haiu bisogno di aromi in cucina abbasti tu!

ROSA   Avanti ora basta carusi, e tu Ciccio quannu tonni di fare a spisa ti vo fai nu bellu bagnu

CICCIO  Mi u bagnu ma fari…..mi doli ancora a testa….aiu a vista annebbiata….i iammi mi fannu Giacomo giacomu…

TINA  Ho! Mancu se l’acqua fussi u diavulu

ROSA  O to fai sulu u bagnu o to fazzu iu sparti co shampo

CICCIO  No no, mo fazzu sulu ca eè megghiù !!

ROSA   Amuni Tina facemu a lista di chiddu ca ni sebbi ca mannamu a ciccio o mercatu

TINA  E chi è sta novità ? a lista ? e quannu mai ama fattu a lista. Ci ama dittu sempri chiddu ca ni serbi e iddu ni la purtatu

ROSA  Si raggiuni hai! Ma di chiddu ca ci dicemu innu quantu ci ni porta ? sempre a metà e poi finisci sempre ca ci a ternari nautra vota.

CICCIO HO! bella e sta novità, u sapi vossia a avutu propriu na bella idea. Accussi mi rispammiu di camminari . Ora mi fa a lista …a lista…e iu chi sacciu leggiri.

ROSA  Non ti preoccupari tu ci porti a lista a don tanu, ca iddu gia u sapi, e ti duna tutti cosi.avanti tina incomincia a scriviri chiddu ca ni serbi

TINA  Sissignora. Allora  3 kg di arance….

CICCIO  Bonu accuminciamu non abbastanu chiddi ca mi tiranu

TINA  Na dozzina di ova, ma raccumannu  ana a siri fresche

CICCIO  Non ti preoccupare sulu chiddi frischi ana ristatu

TINA  Chi voli a diri

CICCIO  Voli a diri ca chiddi fracichi ni l’anna tiratu tutti a mia e o prufissuri

ROSA  E bonu cicciu non ci pinsari chiu, appoi chi autru ni servi

TINA  Pighiamu macari , un mazzu di lattuga

CICCIO  Na testa

TINA   Un mazzu, na testa a stissa case è

CICCIO: No ! No na testa marrivau.

TINA Ha! Bonu, e u pruvasti tu ?  come duci?

CICCIO  Veramente iu nun appi tempu u pruvau u ginocchiu, se e duci nun o sacciu, di essere duru era duru

TINA  Ma chi voi diri iu nun ti staia capennu

ROSA  Lassa stari tina appoi ti spiego tutti cosi paccamora finemu di fare a lista

TINA  Comu dici vossia,  pighia na poco di teste di cacoccili…

CICCIO  Ta bastunu du fasci?

TINA Ma chi e ci isti  già a fari a spisa ?

CICCIO  Ni cascanu do cielu !

ROSA Nun ci dari cuntu, avanti forza carusi ca si fici tardu e sa cucinari

TINA  Appoi chi ni sebbi chiu mi pari niente…ha! Menu mali ca mi laiu ricurdatu fatti dari un fasciteddu di aglio e unu di peperoncino, ca stasera facemu du spaghetti cu l’olio

CICCIO  Comu ti la ricurdatu u pipperoncino scurdatillu

TINA  E  pirchi

CICCIO  A pirchi…nun u sai ca u pipperoncino mi pota fastidiu assai. Appoi mi pungiunu tutti cosi, nun u pozzu tuccari u dutturi dissi ca sugnu allergenico.

TINA  Senti cosa inutile, u peperoncinu finiu e ora mi sebbi, e sparti subitu mi la pur..ta.ri.

CICCIO E tu subitu to po iri a pighiari

TINA  Hhoo!! Nun ti permettere sai, ca ti fazzu nuovu

ROSA   Oh.. oh..OH carusi ca ci a vuliti finiri, e comu aia cummattiri macari cu vuautri. Ho santa pazienza. Senti Ciccio ci dici a u zu tanu u svizzeri ca ti l’ammghia bonu pi bonu beddu pulitu na fogliu di giurnali daccussi ca nun o tocchi.

CICCIO  Cu stu pipperoncinu e sempre a stissa storia, ca u sacciu iu comi vo finisci

TINA  Come vo finisci sintemu

CICCIO  Ca ballu u rocchi e rolli stradi stradi

ROSA  Avanti cicciuzzu nu pocu di pazienza, te ca a lista…ah Tina ma u carbuni nun finiu.

TINA  Biih! Veru è ,  mi l’ava scurdatu. Dammi sa lista che ce lo aggiungo,..un sacco di carbuni. Te ca , e cerca di muviriti ca è tardu nun fari comu u solito to ca ti fermi ogni cantunera (facendo il gesto di bere) e poi mancu anzerti mancu a porta.

CICCIO  Iu iu, mi fermu pirchi mi veni siti.e…

ROSA  E se ti veni siti cicciuzzu ti vivi nu bellu bicchieri di acqua

TINA  Ma chi sta dicennu vossia ma se chiddu mancu si lava ca sa scanta di l’acqua figuramuci su du sa vivi.

ROSA   Avanti ciccio aiutati (rientra in cucina)

TINA   Nun a sentisti a signora , marciamu e di cursa sparti , forza sparisci..

CICCIO (Si avicina vicino alla credenza e si accinge a bere un bicchier di vino)

TINA  Hhoo ! ancora ca si, ma chi sta facennu….talè già sta facennu u pienu

CICCIO  O sceccu se nun ci duni a paglia nun travaglia

TINA  Ma vottinni pezzu di cosa scunghiuruta, bestia matricolatu (lo rincorre)

CICCIO  (scappa dalla scena, Tina lo rincorre)

ROSA: (rientra in scena con la cesta dei panni) Comu va prufissuri ?

ROSARIO: (sedendo con un sospiro) Eh, cara signora, gli affari vanno male!

ROSA:   Ma lei comu si v'a porta ddu cretinu di Cicciu!

ROSARIO Nun è sulu chissu. E ca oggi u miu e nu bruttu misteri!

ROSA:   Ma un uomu comu a lei non si perdi mai d'animo! Casumai fa n'autra cosa.

ROSARIO: Ci aiu pinsatu. Ormai non sugnu chiui picciuottu. Vulissi….vulissi sistimarimi. Furmari 'na famigghia. …(con allusione) trovarimi una buona donna, si capisci non troppo giovane, e iniziare, o continuare un'azienda tranquilla, chissacciu, un negoziettu, 'na pinsioni comu a chista…

ROSA:   (comprende e tace)

ROSARIO:Lei non si senti sula?

ROSA:   Certi voti, veramenti….ma pensu a chiddu ca dicissi a buonanima…

ROSARIO: C'avissi a diri se avi dieci anni ca è mortu?

ROSA:   Nenti, nenti. Iu' sugnu a fimmina di n'ominu sulu. Ebbi, si, 'a disgrazia di pirdillu, ma ci restu fedeli u stissu comu si fussi vivu. Mi lassau 'sta pinsioni "VEDOVA FERRO e "VEDOVA FERRO" a ristari.

ROSARIO: Decisa?

ROSA:   (tace)

ROSARIO: Peccato!

AGATINA: (entrando dal corridoio con la scopa e uno straccio in mano- a Rosa:) I pozzu fari i cammiri d''o capitanu e d'o cavalieri?

ROSA:   Si, ca sunu sciuti. Ma prima stuia 'sta cridenza ca è china di privulazzu. Iu vaiu a priparari in cucina. Mi permetti, prufissuri.

ROSARIO: (alzatosi) Prego, prego.

ROSA:   (via dal fondo portandosi la cesta con i panni)

AGATINA: (spolverando) Prufissuri chi avi chi fari?

ROSARIO: No. Pirchì?

AGATINA: Ma leggi 'a manu?

ROSARIO: Giustu ora?

AGATINA: Pirchì stanotti aiu fattu un suonnu.

ROSARIO: Chi sonnu?

AGATINA: Ca mi nni fuia cu unu c'aveva l'automobili.

ROSARIO: Belli sonni fai!

AGATINA: Un signuruni, sapi! E chi era beddu! Pareva chiddu d''u Grand Hotel.

ROSARIO: Chiddu d''o Grand Hotel? 'U purteri?

AGATINA: Nonsignura, non parru d''u Grand Hotel  "lucanna". Parru d''u giurnali che fuuri. M'accattu ogni simana. C'è un giovane, il conte Guido, ca è 'nnamuratu d'a Principessa. Ch'è beddu! Tuttu a chiddu ca mi sunnai stanotti!

ROSARIO: Ma chi era conti macari chiddu di stanotti?

AGATINA: Nun lu sacciu, no' sonnu non mu dissi. Ma era tuttu a iddu. 'Na fava spicchiata.

ROSARIO: E chi faceva?   (TINA. Ascolta di nascosto)

AGATINA: Maria, prufissuri….chi fanu dui ca si nni fuinu?

ROSARIO: N'automobili?

AGATINA: No. Appui mi purtau 'nta 'na villa.

ROSARIO: Ah! Allura 'na villa fu…..?

AGATINA: (confusa) Sissignura….ma leggi ora a manu?

ROSARIO: Ma chi vuoi sapiri?

AGATINA: Suddu veramenti…..c'è speranza….

ROSARIO: (sospirando) Viremu….

AGATINA: ( si asciuga la palma della mano nel grembiule e la porge aperta a Rosario)   (TINA. Rientra in cucina)

ROSARIO: La linea di Saturno s'incrocia con quella di Venere….la linea della vita con quella del cuore….c'è un seguito di piccoli segni in corrispondenza della valle delle lacrime, che si risolvono in prossimità della linea di Marte.

AGATINA: E chi voli diri?

ROSARIO: (grave) Eh!…Tanti cosi…..

SANTINA: (in abito da passeggio esce dalla propria camera e assiste sorridendo senza essere notata)

AGATINA:C'è chiddu c'automobili?

ROSARIO: Veramenti automobili non nni viru. Mi pari ca c'è 'na bicicletta.

AGATINA: Chi nn'aiu a fari c'u 'na tinta bicicletta? Schifiu!

ROSARIO: Se non nni viru automobili vuol diri ca non ci nn'è.

AGATINA: E 'u sonnu, allura?

ROSARIO: Appuntu. E' statu un sonnu.

AGATINA: Nenti. Vossia nunn'è bonu. Nunn'è bonu d'ansirtari a vintura.

ROSARIO: (scorgendo Santina) Ccà si? 'U vidi ca u diceva iu'? Comu unu non ci cunferma chiddu ca sperunu, allura non ci cridunu. (ad Agatina)Ma se t'avissi dittu ca c'era chiddu c'automobili, allura iu' avissi statu bonu?

AGATINA: Ca certu.

ROSARIO: (a Santina) U vidi? (ad Agatina) Nun pinsari a ssi cosi: automobili, principi, Grand Hotel….pensa chiuttostu ad un brav'uomo, ad un galantuomo, ca ti po' dari 'na famigghia e 'na pocu i figghi…

AGATINA: Chissu c'è 'na manu?

ROSARIO: Si….c'è…(volgendosi verso Santina come per dire "facemu chiddu ca voli")

AGATINA: Ah!  C'è?

ROSARIO: La linea che s'incrocia significa che un galantuomo presto s'invaghirà di voi, vi chiederà di sposarlo, e vivrete lungamente felici. Avrete….uno…due….tri figghi.  T'abbastunu? (con tono professinale)

AGATINA: Masculi?

ROSARIO: Due maschi e una femmina.

AGATINA: Magari a fimminedda!

ROSARIO: E avrete anche denaro perché vincerete una quaterna.

AGATINA: Beddamatri!  E i nummiri?

ROSARIO: Non ci sono.

AGATINA: Taliassi bonu !!

ROSARIO: No. Ma ve li sognerete in una notte d'inverno dopo che vi sarete sposati.

AGATINA: E…'stu bravu giovine…quann'è ca si fa avanti?

ROSARIO: Presto.

AGATINA: Oggi?

ROSARIO: Oggi! E chi è? Lampa e stampa? Quannu dicu prestu intendu diri ca ponu passari delle settimane, forse mesi.

AGATINA: Ancora tantu aiu aspittari?

ROSARIO: (a Santina) Talia ch'è bedda st'autra ca voli n'omunu cauru e vugghenti.

AGATINA: Ma vossia veramente bravu è!  Piddaveru, ah! Non ci crideva.

                   Grazie tanti, prufissuri. Quantu mi nni vaiu a fari a cammiri   

                   masinnò a signura accumincia a sdilliriari (via a sinistra)

ROSARIO: (a Santina) Ma c'haiu a fari?  C'haiu a fari? Pi forza vonu essiri abbuffiniati!

SANTINA: Ca chistu è 'u so' misteri.

ROSARIO:  Bah! Quantu mi nni vaiu a mettiri in ordini il materiale ca dda bestia ma strammatu. Con permesso. (via a sinistra).

SANTINA: a comu si ponnu ammuccari tutti cosi, e menu mali senò u prufissuri come si l’avissi a vuscari qualche pocu di sordi ! Eppure se ni buscassi assai di piccioli ci facissi l’assistente a tempo pieno, Appoi ci scrivissiru il magico Zamiroff e la sua assistente Santuzza…(esce canticchiando)

TINA  ( si guarda attorno assicuratasi che non c’è nessuno) hai capitu a sa iatta motta, sa cosa liscia “ e non u sapi chi fannu dui suli “ si ni fuiu cu unu cu l’automobile sparti macari ca villa. E iu sugnu ancora ca a fari a sguattera. Aahhh !! cu u sapi quando incontrerò l’uomo dei miei sogni, il mio principe azzurro. Chi fussi bello come ne favuli, ora io chiurissi l’occhi e iddu spuntassi  Comu mo sogno: beddissimo, fisicu da impazziri, biondo cu l’occhi azzurri…cosi all’impruvvisu sussurrandomi parole d’amore e sentire u so ciatu no me coddu, i so carezzi sul mio corpo….

CICCIO (entra con peperoncino e aglio attaccati ad un bastone con sacco di carbone sulla spalle – ascolta le parole di Tina e poi la urta leggermente con i fagotti attaccati sul bastone) 

TINA. Mari a cu si prestu s’avverau stu sognu, megghiu ca chiuru l’occhi prima ca svanisce.ho mio principe il mio cuore batte sulu pi tia, sapessi quanto ti ho addisideratu…..portami via cu tia.

CICCIO. Eehhhmmm….(Tina quasi tocca il peperoncino sfiorandolo)

TINA. No ! no! Non parlare non dire niente, stringimi fotte, fammi sentire le tue mani beddiissime e fotti. Ti prego fuggiamo lontano…..pottami con te.

CICCIO. Eemmhh..mmaa…

 TINA. Sshh..zitto zitto ti prego, questo tuo silenzio ti rende più misterioso. Questo è un momento magico..hhoo mio principe fammi sentire la tua vucca di cirasa….baciami.

CICCIO.   ( quasi la bacia)

TINA. Aahh.. che gusto , che classe, che stile scappamu via …pottami con te.

CICCIO. Ma unni schifiu ta purtari ca  avi tri ore ca mi dici pottami con te!!

TINA. Hhaa !!! ma allura….u principi….u baciu… u sognu svanii aaaaaaa..

            ( sviene )

CICCIO. Fina Fina…arricupighiati..Fina…. o u sognu svaniiu e idda sviniu. Agatina… Agatina…. signora Rosa, …pensionanti aiutu

AGATINA. Chi fu chi successi. Ho bedda matri santissima e chi successi chi avi Tina

CICCIO. Ci ha venuto uno svaniamentu do sognu

AGATINA. Ma chi dici scimunitu

CICCIO. Un furriuni di capa vah!!

AGATINA. Prestu o pigghia un poco di aceto

CICCIO. Si si… e pigghiu sulu l’acitu o macari l’ogghiu  co sali 

AGATINA. Ma secunnu mia tu tavissura fari a vediri di uno bonu, di qualche profissorone. Pirchi si propria tutto bestia matriculatu. Sulu l’acitu e moviti fai prestu. Ti vo moviri

CICCIO. Ca sugnu sta arrivannu..l’acitu nun o trovai puttai u  vino vecchio se aspittamu  un ancora pocu chistu si fa acitu…….u dissi a signora Rosa.

AGATINA. Ma comu haia a fari cu tia, statti ca ci vaiu iu a pigghiallu, intanto svintulia.

CICCIO. Intanto iu svintuliu..O senti Agatina pigghia l’acitu chiddu arromantichizzatu ca e chiu fortti pirchi ca mi pare ca e ianca……e inchissima….chista nun sa ricupighhia cui.

AGATINA. Ecco qua u trovai…. Ho gesù, Giuseppe, e maria chista nun sa ripigghia

CICCIO. E ora comu facemu.

AGATINA. Comu facemu ni sti casi chi si fa ..ha si la respirazione artificiale

CICCIO  Chi è ca fari ??  L’azioni facciali, e chi schifiu voli diri ?

AGATINA. Si si, ora ca ci pensu bonu, la respirazione bocca a bocca ci ha soffiare nella vucca accussi si arripigghia, mi la dittu Paolo ca si sta facennu dutturi…ma du fimmini nun a possunu fari..cicciu faccilla tu

CICCIO  Iu ! iu, e chi sugnu dutturi …appoi  Tina pi davvero mammazza.

AGATINA. Forza non perdiri tempo annunca chista mori pirhi nun ci arriva aria nei pormuni

CICCIO E chi ci l’haia pur tari iu l’aria nei pormoni..tu si pazza

AGATINA. Senti pochi stori forza….. mettiti ca vucca accussi…. chiu vicinu ….forza docu suscia

CICCIO (soffia)

AGATINA Chiu vicino

CICCIO (si avvicina quasi la bacia)

TINA (rinviene)..ummhh.. Hhhaa gran pezzu di  sdisanuratu ancora ci provi ..ma ora ta abbessu iu lassa ca ti pigghiu ti fazzu abbiriri di chi erba si fannu i scopi

ROSA  (rientrando)  Ma chi sta succerennu, era na terrazzina e intisi vuciari

CICCIO (scappando sotto il mobile) Iu iu chi centro idda mi risi di fari …aiutu

TINA  Nesci di doca sutta…nesci ti risi nesci

CICCIO E chi sugnu babbu !!

TINA Ciccio nun mi fari abbuttari chiù assai di quantu sugnu abbottata, pirchi u sai comu ti finisci..Ti rissi nesci

CICCIO Mancu pi sognu !!

ROSA  Tina ma ti voi calmare , ma si po sapiri chi succiriu

TINA  A prima o poi a nesceri. Appena ti pighiu ti manciu a mozzicuna

ROSA Ma insoma Fina ti voi calmari e mi cunti chi successi

CICCIO Successi ca e muzzicata dei lapuna ..e sa voli sghittari cu mia

TINA  Iu sugnu muzzicata dei lapuna ?? pezzu di disanuratu lassa ca ti pigghiu

ROSA  Veni ca Fina assettiti , Agatina vo pigghia na poco di acqua frisca, avanti ora calmati e dimmi chi fù ?

TINA  Chi fù ? da cosa tinta e puzzolente mi ha mancatu di rispettu, mi ha disonorata. Ha approfittato di me

AGATINA. Gesu Giuseppe e maria ma nun c’è chi munnu

ROSA    Ciccio ?? bedda matri santissima ma po siri mai. Ciccio veru è chiddu ca mi sta dicennu Fina?

CICCIO  A chi sacciu iu. Sacciu sulu ca prima mi rissi “ ha che bella vucca di cirasa “ e ora mi dici tintu e puzzolente

TINA  Aaahh !! cosa tinta ,botta di vilenu,megghiu ca mi ni vaiu prima ca fazzu nu spropositu (calcio al mobile dove sta Ciccio)

ROSA. Agatina vottinni dabbanna macari tu. Ciccio nesci pi subitu di doca assutta e veni ca di cursa sparti

CICCIO. Chi fici si ni iu ?

ROSA Si e dabbanna na cucina

CICCIO. Minchiuni però funzionau u vasu, sa rispigghio!! Vo viriri ca sugnu principi come na favola e nun o sapeva mancu iu.

AGATINA. U vasu, i favoli, u principe, a disonorata signora Rosa lei u vinu la mettiri sutta chiavi

ROSA. Si si vabene Agatina, senti vottinni dabbanna macari tu. E tu cosa schunchiuruta  ma chi va accucchiannu favole , principe. Insomma si po sapiri chi schifiu successi ? chi ci cumminasti a Tina ca era accussi siddiata ??

CICCIO. Iu iu nun fici propria nenti, fici tutti cosi idda. Prima ci accumincio co pipperoncino, e forsi fu chissu ca ci dessi na testa, chu u sapi ca nun è allergenica macari idda, appoi incominciau a sdilliriari..

ROSA  Come a sdilliriari chi voli diri

CICCIO. Ancuminciau a diri toccami, accarezzami, baciami, hhooo…hai a vucca e cirasa… pottami cu tia, pottami cu tia

ROSA. Ciccio nun è ca a staiu capennu tanta bona sta storia !!!

CICCIO. Mancu iu pi diri a verita !!  ma appoi unni schifiu vuleva essere puttata…iu nun l’ haia caputu

ROSA. Senti amuninni dabbanna e mentre mi aiuti a sistemari a robba mi   

             cunti bona sta storia, e a chiaremu macari cu Fina, accussi fate a paci

CICCIO. No no chidda mi fa novu, a come arraggiata

ROSA. Non ti preoccupare ci sugnu iu, e poi sta storia sa chiariri, percio e megghiu ca si chiarisce pi subitu. Amuninni

CICCIO. Lei issi avanti, ma tutti cosi a mia mi capitanu a sta iurnata (raccoglie tutto)

(si ode il trillo di un campanello)

AGATINA: Vegnu, vegnu S'accumudassi. Ora 'a chiamu. (chiamando) Signura! Signura! (esce dal fondo, da cui dopo un attimo entra Rosa).

ROSA:   Buon giorno.

GIOVANNI: Buon giorno. Ho l'onore di parlare con la signora Campisi?

ROSA:   Campisi vedova Ferro.

GIOVANNI: La padrona della pensione?

ROSA:   Si. Appunto.

GIOVANNI: Permetta che mi presenti: Giovanna STRACUZZI.

ROSA:   Piacere.

GIOVANNI: Piacere miu. Haiu vinutu…..

ROSA: Pi na cammira?  'U sapi….

GIOVANNI:  Non propriamente….Haiu vinutu pi parrari cu lei, confidenzialmente.

ROSA:   Confidenzialmente?

GIOVANNI: (misterioso) Ho un'ambasciata.

ROSA:   Un'ambasciata?

GIOVANNI: …..di un defunto…..

ROSA: (sbalordita) ..di un morto!?…..

GIOVANNI: Proprio. Ma si capisce che me ne incaricò mentre era vivo.

ROSA:   (confusa e perplessa) Ma…veramente…non capisco….S'accomodi, s'accomodi. (accenna ad una sedia)

GIOVANNI: Si! E' megghiu ca m'assettu (siedono: Rosa di fronte al pubblico al centro della scena, Giovana accanto di sbieco)

ROSA:   Dunque?

GIOVANNI: Dunque….Lei circa venticinque anni addietro, prima del suo matrimonio, canusciu un certo Salvatore Carretto, studente….

ROSA:   (evasiva) Veramente….non ricordo….mi pare….

GIOVANNI: Deve ricordare, perché amoreggiò con lui per parecchio tempo.

ROSA:   (come se ricordasse improvvisamente) Ah!! Si!! Ora mi ricordo….eru 'na carusidda tannu e iddu 'nu giovanotto…., uno scherzo, una cosa di picciriddi. Sapi comu succedi?

GIOVANNI: (resta un poco pensieroso guardando per terra, poi) No. Non ci siamo, non ci siamo, cara signora….La missione per cui haiu vinutu esige da parte sua  piena sincerità.

ROSA:   E che sincerità? Se ci dicu ca fu na picciriddiata!

GIOVANNI:  Non tanto. Perché….ci furono relazioni intime….

ROSA:   (insorgendo e alzandosi) Come si permette?!

GIOVANNI: (calmo) Signora, su lei a pigghia supra stu tonu, non cunchiuremu nenti. Iu' haiu avutu le confidenze di Salvatore Carretto, quindi è inutile fare la commedia come.…..S'assittassi. D'altra parte lei può contare sulla mia intera discrezione.                     

 TINA (esce tossendo) Ehmm…buongiorno

GIOVANNI.  Buongiorno

TINA. Signora Rosa staia niscennu n’attimu, quantu ci vo dicu na cosa a Spruzza

ROSA. Si,si vabene, ma nun ti perdiri da casa   (siede)

TINA. Vaiu e tornu !

GIOVANNI: Salvatore Carretto era il più caro amico del mio povero defunto marito con il quale emigrarono, 40 anni fa, in America. Uomo onesto e generoso. Circa un anno fa, per l'improvviso crollo di una galleria il povero Salvatore, rimase gravemente ferito. Quando andai a vederlo lo trovai morto, pace all'anima sua  (pausa) Nelle ultime sue ore trovò però modo di dettare, a un infermiera, la lettera che le leggo. Ecco (cava fuori dal portafoglio una lunga lettera e legge).Cara Giovanna, nella mia giovinezza ebbi rapporti intimi con una certa signorina Rosa Campisi di Giuseppe, residente nella mia città natale ove ancora dovrebbe trovarsi. Commisi la viltà di abbandonarla dopo averla sedotta ed emigrai non sapendo quasi più nulla di lei. Ho solo appreso, tempo addietro, casualmente, che trovò marito. Ora questo galantuomo, fu dunque tradito incosciamente e anticipatamente da me. Egli pensò forse di impalmare una donna per cui riteneva di essere il primo uomo e fu deluso nel suo desiderio di purezza cui aveva diritto. In queste ore, in cui si approssima la mia fine sento il rimorso della mia anima, e cerco di riparare indennizzando quel poveretto come posso. Ho un deposito alla Banca Import Export di New York di 20.000 dollari. Il relativo libretto al portatore lo troverai a casa mia, in un cassetto del comò. Ti do' l'incarico fiduciario e fraterno di ritirare la somma e convertirla in un assegno. Rintraccia la Campisi e suo marito e consegna a costui, nella maniera più discreta possibile, l'assegno. Se fosse morto,  lo consegnerai alla sua vedova. Se per un qualsiasi motivo la somma non potesse essere consegnata o fosse rifiutata la verserai ad una opera di beneficenza di tua scelta." (un silenzio).  I 20.000 dollari , al cambio, rappresentano oggi una somma ragguardevole. Più di 12.000.000 di lire. Ecco l'assegno signora mia. (cava dal portafoglio un assegno) Essendo morto il di lei marito, io sono pronto a consegnarlo a lei, secondo le istruzioni dell'indimenticabile amico. Lei intende riceverlo? Non dovrà fare altro che firmarmi, per tranquillità mia, una piccola ricevuta.

ROSA: dudici miliuna..ma…accussì..oh! Signuri…..Ma lei……  (che ha seguito con

GIOVANNI: Accetta       ROSA:   Mi lascia pigghiari ciatu……certu ca accettu…..Ma…..mi sentu…., Maria chi mi sentu…..mi sentu na cosa cca'…Staiu murennu….mi ..dassi….mi dassi un pocu d'acqua….(e si riversa svenuta sulla spalliera   della poltrona)

GIOVANNI:  (scuotendola) Signura, signura, signura (poiché Rosa non rinviene, allarmato chiama ad alta voce)Eih! Di casa, di casa, nuddu c'è cca'?. Aiuto, aiuto.

AGATINA: (accorrendo dal fondo)Chi fu, chi c'è?

GIOVANNI: A signura è svenuta.

AGATINA: Svinuta? Chi cci ha fattu?

GIOVANNI: Chi ci aveva a fari. Mentri parrammu si antisu mali.

AGATINA: (la scuote) Signura, signura (poiché Rosa non rinviene grida allarmata) Aiutu, aiutu!

SANTINA: (accorre da destra) C' ha successu?

AGATINA: A signura…nu strubu…

ROSARIO: (da sinistra) Ma chi c'è

SANTINA:  N'u svinimentu.

GIOVANNI: Mentri parrava cu mia, improvvisamente…

ROSARIO: Presto! Santina un pocu d'acqua di colonia.

SANTINA: (entra per un attimo nella sua camera e ne riesce con un flacone) Ecco.

ROSARIO: Facci un po' di frizione alle tempie.

SANTINA: (esegue)

AGATINA: Povira signura! (a Giovanni) Ma comu fu?

GIOVANNI: Ci ll'aiu dittu. Stavumu parrannu. Improvvisamente disse:" Mi sentu  'na cosa cca' " e sviniu. (dall'interno giungono le voci di Costantino e Scardona)

SCARDONA: (d.d.) Autri tempi, cavaliere. Autri tempi.

COSTANTINO: (d.d.) Ca si può mettere in dubbio! (entrano dal corridoio e appena scorgono la scena accorrono verso Rosa)

SCARDONA: Chi havi a signura?

COSTANTINO:  Chi fù ? Chi successi ?

ROSARIO: 'Nu svenimentu. Stava parrannu cu 'stu signuri.

COSTANTINO: Un nuovo pensionante?

GIOVANNI: No. Mi trovavo in visita.

SCARDONA: Ma chiamate un medico, santu Diu!

PAOLO: (d.d. cantanto) La donna è mobile…..

AGATINA: Ca' c'è u dutturi.

COSTANTINO: Chissu ancora nunn'è nenti.

PAOLO: (d.d.) Santina, Santina! Magnificu! Ventisette! Senza sapirini nenti! 'U vasuni mi purtau furtuna.  Ma….c'assuccessu?

GIULIO: Chi si intisi mali a signora ?

ROSARIO: Nenti, nenti. Un semplice svenimento.

SANTINA: Non rinviene. Viri tu.

PAOLO: Subito Nenti è! (esamina Rosa sommariamente)

ROSARIO: Semu sicuri ca è nenti?

PAOLO: Un comune svenimento

ROSARIO: Ma lei ci è arrivatu n'o svenimentu?

PAOLO: Chi significa?

ROSARIO: Sentu diri: ha datu l'esami supira 'i svinimenti?

PAOLO: Questi sono soccorsi d'urgenza: cosi d'infermieri.

ROSARIO: Non si sapi mai.

PAOLO: Avanti va Santina, slaccici un pocu 'a camicetta. (ad Agatina) Ci nn'e' acitu forti?

AGATINA: Sissignura. ( esce dal fondo)

PAOLO: Va pigghiulu.Avanti forza ca nenti è.Lei cavaliere mi dassi a buttigghia cu l'acqua. (Costantino eseguisce. Paolo spruzza un poco d'acqua sul viso di Rosa)

AGATINA: Ccà c'è acitu. (rientra dal fondo con una bottiglia

PAOLO: Dammi cca' (pone la bottiglia sotto il naso di Rosa)

GIULIO: Sta rinviniennu. A muvutu 'a vucca.

PAOLO: U dicieva iu. Cosa di nenti.

ROSARIO: Menu mali.

ROSA: (sospira forte) Ah!

PAOLO:Ecco. Già passato. (ad Agatina)Pigghia u cognac 'nta cridenza e gghinchi un bicchirinu. (Agatina eseguisce e da il bicchierino a Paolo che scuote Rosa) Signura, signura. Si vivissi chistu ca ci fa beni.

ROSA:   (quasi completamente rimossa,beve)….c'ha statu?…..

SANTINA: Nenti. Ci ha giratu a testa…

ROSA: Mi pareva….haiu sunnatu…mi pareva ca c'era un dudici miliuni..

SCARDONA: Chi dici?

COSTANTINO: (sottovoce a Scardona) Chi sciu pazza?

ROSA:   Mi pareva?…'no sonnu….ca c'era unu….unu ca…..

PAOLO: (incitandola a parlare) unu ca….unu ca….

ROSA:   ….unu ca vineva d'America.

COSTANTINO: (c.s.) Pazza, pazza è…

ROSA:   …unu ca vineva d'America….(si guarda in giro e scorge Giovanni e dice eccitata) Cca' è!

SCARDONA:  N'autra vota sveni.

GIOVANNI: Signura nunn'è sonnu. Sono io in carne ed ossa….(le si avvicina)

ROSA:   (toccandolo) In carne ed ossa? Allura è veru? Nunn'aiu sunnatu?

GIOVANNI: No. Quali sunnatu. E' tutto vero.

ROSA:   E l'assegno?

GIOVANNI: Nel mio portafogli. A sua disposizione.

GIULIO: Ma di chi si tratta?

ROSA:   Dieci miliuni, avvucateddu! Dudici miliuni.

SANTINA: Dudici miliuni? Chi significa?

ROSA:   'Stu signuri m'ha purtatu 12 miliuni d'America!

COSTANTINO: Ma chi va dicennu?

SCARDONA: Ma chi significa?

PAOLO: Signora, si sente bene?

AGATINA: Dudici miliuni?

GIULIO: Dudici miliuni? Ma chi è tombola, sisal?

ROSARIO: Signuri mei, calma, calma. Non faciti cunfusioni (a Giovanni) E' veru chiddu ca dici a signura?

GIOVANNI: Veramente avrei dovuto mantenere in proposito il massimo riserbo. Ma poiché la signora per prima ha comunicato…..e poiché vedo che lor signori sono come di famiglia….

COSTANTINO: Tutti vecchi pensionanti affezionati…..

GIOVANNI: (solenne) Non ho ragione di negare. Effettivamente è così:  sono latore, da parte di………un parente defunto in America, di un assegno di 20 mila dollari per la signora……(lungo silenzio)

SCARDONA: Si danno casi straordinari nella vita. Io per esempio nel 1911 facevo parte della spedizione che partì da Napoli, al comando del generale Canova….

PAOLO: (interrompendo) Ava', capitanu, chi è u mumentu di cuntari 'u fattu di Tripoli….!

GIULIO: Ca' avemu a sbagnari! Dico bene signora?

ROSA:   (ancora confusa e agitata) Certo….comu vuliti…..Agatina pigghia 'i bicchierini….

CICCIO: (entra dal corridoio con una bottiglia di vino sulle spalle) Cca' c'è 'u vinu.

AGATINA: Giustu, 'u vinu.

ROSA:   Che vino! 'Na cridenza c'è u vermut  Signori miei, sirvitivi, siti di casa (a Giovanni) Lei, signor….signor…….

GIOVANNI: Stracuzzi, a servirla.

ROSA:   'U primu lei. Ci attocca. (gli offre un bicchierino)

GIOVANNI: Troppo gentile. (gli attori in gruppo, attorno alla credenza, riempiono i bicchierini)

CICCIO:Ma c'à successu? (che ha posato il vino, ad Agatina)

AGATINA: 'A patruna addivintau milionaria.

CICCIO: Milionaria? E comu?

AGATINA: Un parenti d'America ci ha lassatu 12 miliuni.

CICCIO: Mii 12 miliuna, ma quantu sunu 12 miliuni?

AGATINA: Chi sacciu.  Ma iu' ragiuni aveva!

CICCIO: Chi ragiuni?

AGATINA: N'o sonnu ca mi sunnai stanotti: n'automobili aveva a trasiri 'nta 'sta casa.

CICCIO: N'automobili? E comu ci trasi? Non ci sunu i scali?

AGATINA: Si u cchiù bestia uomunu c'aiu canusciutu. Si dici ca trasi n'automobili quannu trasunu 'i ricchizzi.

CICCIO: Ah! Accussi? E ora chi fa a patruna? Sa teni a pinsioni?

AGATINA: E chi sacciu.

CICCIO: Varda ch'è bella! 'Na sta casa trasi n'automobili e nesciu iu'.

AGATINA: Nesci?

CICCIO: Ca certu. Se si leva a pinsioni mi licenzia e cridu ca licenzia macari a tia. E erutu tutta cuntenta! E poi dici ca bestia sugnu iu'

PAOLO: Signuri mei, un brindisi! Un brindisi ci vuoli!

COSTANTINO: Certu! Un brindisi. Cu è ca 'u fa?

SANTINA: Ca cu l'ha fari? U prufissuri. E' u pensionanti cchiù anzianu.

GIULIO: Giustu è. Non è veru signura?

ROSA:   Ci sta di cchiù tempu 'i l'autri. E' giustu.

ROSARIO:  Permettetemi,  signori,  in questa nobile e bella casa ospitale che è la pensione "vedova Ferro" e che dalla gentile padrona, donna fornita dalle più alte virtù…trae il nome.  

CICCIO: (fra sé)….e di 12 milioni

ROSARIO: Tutti noi beviamo alla salute della signora Rosa Campisi vedova Ferro, e le auguriamo che la   sorte le dia tutta la felicità, dico tutta la felicità perché il denaro non è tutto, ma occorre anche l’affetto di una persona cara che gli stia vicino a dividere le gioie e gli sconforti.

ROSA:    Prufissuri chi dici!

ROSARIO: Ma lei è ancora giovane e - mi si permetta l'espressione - piacente

ROSA: Non ci penso, lei u sapi

ROSARIO: (rassegnato) E sta bene.   Beviamo, amici. 

 TUTTI: Alla salute!

GIOVANNI:  Ed ora, signori, permettetemi che io concluda. Ho i miei affari e vorrei sbrigare al più presto questa faccenda.

ROSARIO: Troppo giusto. Ni nni jemu.

(Tutti i personaggi escono a soggetto, tranne Giulio che si attarda)

GIOVANNI: E allura, signura, scrivu iu stissu 'a ricevuta, o , dal momento c'aiu 'ntisu ca ccà c'è una signorina (accenna a Giulio) che fra qualche giorno sarà avvocato, potrà stenderla lei. Due parole, cca, per semplice formalità.

GIULIO: Comu voli. Allora diciamo: "io qui sottoscritta Rosa Campisi fu….?(prende dalla borsa della carta e penna stilografica)

ROSA:  …..Giuseppe

GIULIO: (scrivendo) fu Giuseppe, dichiaro di ricevere dal signora Stracuzzi….

GIOVANNI:  …Giovanna

GIULIO: (c.s.)…Giovanni un assegno di dollari ventimila.

GIOVANNI: Ventimila duecentodieci, pirch'ì ci sunu l'interessi, meno chiaramente le spese che ho dovuto sostenere. I cosi giusti.

GIULIO: Ventimiladuecentodieci, sulla banca?….

GIOVANNI: Import Export di New York.

GIULIO: di New York….Tale assegno mi viene versato per disposizione e per conto di…..?  di cui?

GIOVANNI: Un momento. Mi viene un dubbio.

ROSA:   Chi dubbio?

GIOVANNI: Non s'allarmassi signura. Una semplice formalità (a Giulio) Nella lettera con cui il povero donante mi dava questo incarico, lettera che ha valore di testamento a stretto rigore….

GIULIO: Senza dubbio.

GIOVANNI: …..è detto che debbo versare l'assegno al marito della signora, o - in caso di sua avvenuta morte - alla vedova. La signora ha letto la lettera. (a Rosa) E' esatto?

ROSA:   Esatto. Ma essendo mortu me' maritu…..

GIOVANNI: E cui u dici ca è mortu?

ROSA: Ma u sanu tutti.

GIOVANNI: (a Giulio) Avvocato non avrei diritto di pretendere un certificato di morte del signor Ferro? E' un caso di coscienza Dico bene? Non è diffidenza!

ROSA:   E' giustu. Proprio mi trovu un certificatu di morti da buonarma ca m'aveva fattu fari per i danni di guerra. O pigghiulu Cicciu, è supira u cantaranu 'na me' cammira.

CICCIO: (esce dal fondo)

GIOVANNI: Tuttu è a postu. Vede, signora, che io non voglio creare difficoltà?

ROSA:    Chiddu ca è giustu è giustu.

GIOVANNI: Anzi, pi fari 'na cosa cchiù regolari, sempre per formalità non per diffidenza, e per mia tranquillità, ci vulissi macari un certificatu di matrimoniu di lei col defunto.

CICCIO: (entra dal fondo) Eccu u certificatu.

GIOVANNI: Grazie.

ROSA:   Ma scusassi, 'u certificatu di matrimoniu chi c'entra?

GIOVANNI: A stretto rigore, c'entra.

ROSA:   Ma se 'u bonarma è mortu.

GIULIO: Su è certamenti mortu….

CICCIO: C'è macari a foto ddà,  taliassi, e chi era beddu.

GIOVANNI: (a Giulio) Veda avvocato, e mi rivolgo a lei perché è un competente, il povero donante scriveva esattamente….(cava fuori la lettera dal portafogli e legge) " rintraccia la Campisi e suo marito e consegna a costui l'assegno. Se fosse morto lo consegnerai alla sua vedova" Ora, una per essere vedova di uno deve essere precedentemente sposata. E' u casu precisu d'a signura c'ha mantenuto anche il cognome del defunto. Ma la formalità del certificatu di matrimoniu ci voli. Non ci pari, avvocatu?

GIULIO: Veramente giustu è.

ROSA:   No. Non ci nn'è bisognu pirchì lei a mia m'ha dari l'assegno o viduva, o schetta o maritata…..

GIOVANNI: Non-signura. Io debbo consegnarlo alla vedova. Cioè a una a cui ci ha mortu u maritu. Lei chi difficoltà avi? A 'stura 'u cavalieri già…..

ROSA: Ma è ca….Signorina , vuole pi favuri lassarimi sula colla signora Stracuzzi?

GIULIO: Certamente

GIOVANNI:Dunque?

ROSA:   U fattu è ca….cu bonarma non erumu spusati.

GIOVANNI: Allora lei non è la vedova Ferro? E' soltanto Rosa Campisi?

ROSA:   Apppunto.

GIOVANNI: Chista è una complicazione. Iu non pozzo….

ROSA:   Ma scusassi, l'amicu so' dici di dari i soldi o bonarma o s'è mortu a mia.

GIOVANNI: Non-signura. Mi dici di dari i sordi o maritu, e s'è mortu a muggheri. Ma ccà non c'è né maritu né muggheri.

ROSA:   Ma è a stissa cosa. Tutti si cridevunu ca erumu maritati.

GIOVANNI:  Nunn'è a stissa cosa.

ROSA:   Lei vuoli fari un cavillo.

GIOVANNI: Al contrario. Si tratta di sostanza non di cavilli. Perché il mio defunto amico, intendeva, con i ventimila dollari compensare, sia pure inadeguatamente suo marito d'e corna preventivi - scusi se mi esprimo così, e - in mancanza - compensare lei per avere dovuto ingannare un uomo a causa della leggerezza colpevole del seduttore. Ma se non ci ha statu matrimoniu, non c'è statu ingannu. Lei si è unita con un uomo, il quale dato che non la sposava non poteva pretendere purezza e fiori d'arancio.

ROSA:   E allura?

GIOVANNI: E allura, cara signora, io me ne posso andare. Troverò un'opera di beneficenza a cui donare.

ROSA:   (abbattendosi su una sedia) …..E allura….i miliuni….l'assegno….?

GIOVANNI:  Mi dispiace.

ROSA:   I miliuni……i miliuni….dudici miliuni…..oh!  mi sentu 'na cosa ccà….staiu murennu….mi sentu 'na cosa ccà..(si rovescia svenuta)

GIOVANNI: (la scuote) Signura! Signura! (chiama) Ehi!  Di casa!  Aiuto! (tutti rientrano in scena in tumulto)

TUTTI:   - Chi fu? - chi successi? - chi avi? - chi ci dissi?

TINA. E’ chi ci statu u terremotu cà ! ma viri chi parapigghia.

PAOLO: (cerca di aiutare Rosa) Prestu, acitu, n'autra vota.

COSTANTINO:Chi ci dissi?

GIOVANNI: Ci  dissi ca non pozzu cchiù darici i soldi.

TUTTI:    Comù –ma chi sta dicennu ?

SCARDONA: Ma pirchì?

GIOVANNI: Pirchì la vedova Ferro…non è la vedova Ferro.

TUTTI: Chi voli diri ? – comu ?

ROSARIO. Chi significa ?

GIOVANNI: Chi significa ….Significa…Insomma  il signor Ferro non era 'u maritu d'a signura. Concivevano

TUTTI: Convivevano? Oh chi scandalo!

CICCIO: Bellu porcu era 'u bonarma!

S I P A R I O

ATTO SECONDO

( All'alzarsi della tela, in scena Ciccio  che caccia le mosche, in seguito rientro di Tina)

CICCIO. ( entra facendo movimenti strani e battendo le mani ) Via scio scio……

TINA.  (Guardandosi attorno) Maria chi confusioni ca ce ni sta pensioni, nun si sta capennu chiù nenti…. CICCIO  (entra battendo forte le mani)

TINA. ….AAAHHH!! bedda matri santissima un corpu mi facisti pigghiari , motti subitanea. Chi c’è , chi voi, chi sta facennu ?

CICCIO. Ehm…ehm…ehmm….mi confunnii, quale a prima dumanna ca mi facisti ?

TINA   Ohh !! pezzu di citrolu senza sali cerca di fari menu u spiritusu cu mia. Pirchi ancora nun mi l’haia scurdatu l’ultima ca mi cumminasti. Chi sta facennu ca ?

CICCIO. Finiu u DDT

TINA. Finiu u DDT e allura chi fa ci battemu i manu ?

CICCIO A signora Rosa mi dissi di cacciari i muschi, iu ci pruvai a farici scio scio, via via ma sarà ca non ci sentunu tantu bonu. E allura ci vaiu vicinu e i fazzu scantari accussi scappanu a parti i fora.

TINA.Ha!! ho capito ma non e ca ogni tantu qualcuna ti capita in to mezzu (battendo le mani)

CICCIO (bloccandosi) mmiiihh  …. E chi dici ca sa stroppia ??

TINA. Nnnooooo !!1

CICCIO. A menu mali mava scantatu

TINA. Morunu sul colpo

CICCIO. Su du eruvu maritati ma arracumannu u certificatu di matrimoniu, nun si sapi mai avissura arrivari piccioli d’amerrica (facendo un sussulto )

TINA  a propositu, ma si po sapiri chi è sta storia dei piccioli d’America

CICCIO.  A signora Rosa quannu era giovine era….(mimica)

TINA.  Ma chi voli diri, era…(mimica) spieghiti megghiù

CICCIOVogghiu diri ca si desi di versu, insomma u muttau u.. Carrettu !!

TINA.  Iù nun ti capisciu quannu parri. Verso unni u muttau stu carrettu

CICCIO Mi pari stralunata a sta iurnata. Mancu tu mi pari. Insomma a signora da giovine sa divirtiu co Carretto

TINA.  Macari iù quann’era giovine ma divertii col carretto

CICCIO. Minchiuni  n’infernu cumminau chistu ! emm.. e com’era beddu ?

TINA.  Beddissimu

CICCIO. Robusto ?

TINA Robustissimu, figurati ca ma patri ci misi i roti da 15

CICCIO. Ma chi capisti ? . Carrettu era il nome di chiddu ca mossi, ca ci lassau i dudici miliuna po’ cunnutu, ca appoi nun sa spusau a viduva., ca perciò nun è chiù viduva.

TINA  Bhii !! chi mi sta dicennu

CICCIO. Comu rissi americana …convivevano

TINA.   Convivevano !Nun ci pozzu cririri, staia cascannu dei nuvoli,

CICCIO. Viri se ta struppii !!

TINA Ha caputu a signora !! Ma nun  hai caputu chi ci trasunu sti  piccioli d’America ?

CICCIO. A comu è pigghiata mi pari propriu ca nun ci trasunu

TINA.  Comu comu, ma chi mi sta dicennu. Spieghimi bonu pi bonu tutta sta storia (Da un colpo a Ciccio mentre rientra  in scena  Scardina)

CICCIO. Amuninni pi fora ca ti cuntu tutti cosi pi segnu e pi filu.Buongiorno capitano

SCARDORNA:  Buongiorno Buongiorno.(Si siede a leggere)

COSTANTINO:   O Capitanu, già ritornato, Ma l'avvucatu c'ha dittu? (Uscendo dalla camera)

 (Rosa, Paolo,  Santina escono rispettivamente dalla cucina e dalle camere)

SCARDORNA:  Nun u sacciù, comunque u prufissuri à gghiutu na signora

                           Stracuzzi pir circari di pirsuadilla….

COSTANTINO:  Sa chi 'mpastizza chissù ! ssu saltimbancu e prestigiatore     di quattru sordi.

SANTINA: U prufissuri è l'unica persona invece ca può cunchiudiri qualchi cosa. E' furbu. Ha giratu 'u munnu. Havi abilità.

COSTANTINO: Ma ccà non si tratta di giochi di prestigio!

ROSA:   A mia m'à parsu propriu un giocu di prestigiu. I dudici miliuni di chi c'erunu a chi nun c'erunu chiui!

COSTANTINO: E già (a Rosa) Ma.. mi luvassi un dubbio, signora. Pirchì lei e 'u bonarma?…….

ROSA:   Nun nni spusammu?

SCARDONA: Appuntu.

ROSA:   Cuminciammu accussì. U sapi comu succedi…poi…tutti ni cridevunu maritati….se n'avissumu spusati doppu, tutti avissuru saputu ca prima non lo eravamo…rimandavamo sempre….e poi morsi.  E ppi 'sta stissa ragiuni iu m'aveva cuntinuatu d'arristari accussì. Pirchì se m'avissi vulutu spusari, facennu i carti s'avissi saputu ca nun era viduva, ma nubile.

SCARDONA: E tutta la facciata di rispettabilità sarebbe crollata. Capisce cavaliere.

COSTANTINO: Capisco…capisco. Ma intanto…

SANTINA: Ma l'autri, chiddu ca ci ha lassatu 'i soldi cu' era?

ROSA:   Lassassi stari signurina. Peccati di giovantù. Ma speriamo bene. (nervosa) Ma quannu dissi ca vineva?

PAOLO: A momenti.

CICCIO: (entrando dal fondo) C'aiu a gghiri po carbuni?

ROSA:   Si. Anzi no. Aspetta.

SCARDONA: Nunn'è u mumentu di pinsari o carbuni.

CICCIO: Pirchì? Chi successi?

PAOLO: Pari ca i soldi nun su persi.

CICCIO: (deluso) No?! E comu?

PAOLO : 'U prufissuri aggiustau tutti cosi.

CICCIO: (c.s.) Daveru?

PAOLO: Pari di si.

CICCIO: Chissu prima mi fici ciaccari a testa e ora mi fa perdiri u postu.

SANTINA: Chi postu.?

CICCIO: Chistu di ccà. Se 'a patruna pigghia i picciuli nun la chiudi a pinsioni? E iu perdu u pani.

ROSA:   Cu' t'à dittu c''a chiuru?

CICCIO: No? Nun a chiuri ?

ROSA:   'A tegnu sempri. 'A fazzu nova. A tia t'accattu du' vistita.

CICCIO:  Mi ! du vistita !! Appiddaveru o vossia m’abbuffunia ?

ROSA:   Parola!

CICCIO: Allura è n'autra cosa.

ROSARIO: (d.d.) Vittoria! Vittoria!

ROSA:   Ccà è!

TUTTI: Ccà è!  'U prufisuri.

ROSARIO: (entra dal corridoio con aspetto trinfante) Vittoria. Tuttu aggiustatu! Signore e signori il gioco è fatto!

ROSA:   Prufissuri parrassi.

COSTANTINO: Non ci tenga in sospeso.

SCARDONA: Dunque.

SANTINA: Dicissi, dicissi.

CICCIO: Prufissuri ci sunu dui vistita ppi mia, m'araccumannu.

ROSARIO: C'è pocu da dire, signore e signori. La Stracuzzi paga!

TUTTI: (alternandosi) Paga?

ROSARIO: Paga. Sissignori. Paga.

ROSA:   E quannu?

ROSARIO: Bisogna sbrigare qualche piccola formalità, e dovrà quindi trascorrere qualche giorno. Ma paga.

ROSA:   (delusa) Non subito?

COSTANTINO: Ma chi formalità?

ROSARIO: Mi spiego. Signora m'ascoltassi con attenzione. E' il trionfo della mia abilità.

SANTINA: Ma parrassi!

ROSARIO: Allora, quest'uomo che muore abbandonato dagli uomini, ma non da Dio, che pensa?

CICCIO.  Cà sa sta quagliannu, e nautra anticchia  stira i  palitti….

ROSARIO  Pensa a dda ragazza che sedusse, e a ddu povero uomo ca sa spusau, il quale è stato ingannato nelle sue speranze più fondate. E allora, in quelle ore estreme, vuole indennizzare quella vittima inconsapevole.

ROSA:   Ma prufissuri chi c'entra chissu? Mi dicissi chi s'à fari chiuttostu.

ROSARIO: Mi facissi parrari: questa premesa non è inutile come vedrà.

COSTANTINO: A mia mi parunu chiacchiri!

ROSARIO: E perciò lei arristau capu-trenu! Pirchì non  capisci nenti!

COSTANTINO: Come si permette ?

CICCIU:  Raggiuni avi u prufissuri ! Tannu mi fici u verbali pirchi fici acchianari a Camilla supra u trenu

SCARDONA :  Cui ! Camilla la figlia del lattaio

CICCIU: Ca quali Camilla a mula

ROSA:   U lassati parrari.

GIULIO: (Rientra in scena dalla sua camera)

ROSARIO: (continuando) Poi quel morente considera anche il caso che la sua inconscia vittima lo abbia preceduto nell'al di là. E allora pensa di ricompensare la vedova che fu a suo tempo sedotta e che ha dovuto o subire un seguito di umiliazioni o mentire.

SCARDONA: Ma tuttu chissu u sapemu.

ROSARIO: E seguita!!  Ma lei si deve riportare a tutto ciò pi capiri u seguitu.

SCARDONA: E sintemu.

ROSARIO: Egli ha voluto compensare, come poteva, l'eventuale marito della signora di una immeritata onta. Ha voluto, in parole povere, pagare i corna, sia pure posticipatamente.

COSTANTINO: Che maniera di esprinersi.

ROSARIO: Caro cavaliere non facciamo questione di parole, diciamo pane al pane, vino al vino e….

CICCIU: corna e corna.

ROSARIO: Ecco !. Tanto più ca sti corna non ci foru.

GIULIO: E già.

ROSARIO: Pirchì non essendoci matrimonio non ci potevunu essiri corna.

PAOLO: Esatto.

ROSARIO: E chistu è u ragiunamentu ca fa a signura Stracuzzi. E in realtà non ha torto, come hanno confermato anche gli avvocati. A questo punto arrivo io, penso e dico: sissignura: i corna non ci foru. (Scandendo) ma ci potrebbero essere!

ROSA:   Chi voli diri?

ROSARIO: Chiddu ca staiu dicennu: ca ci potrebbero essere.

SCARDONA: Cioè?

ROSARIO: Se poniamo, oggi, 'a signora si marita con uno, chi c'è dubbio ca chistu s'accolla un bellissimu paru di corna?

PAOLO: Ca certu.

CICCIU: E chi è un vestito

ROOSARIO: E se ci su' i corna sorge il diritto all'indennizzo. E' chiaro?

GIULIO: Come la luce del sole.

ROSARIO: Tanto più che anche le parole della lettera, che la signora Stracuzzi mi ha fatto copiare, confermano la tesi. Chi dici infatti a littra? Eccu ccà (cava dalla tasca una carta e legge) "…ehmm… rintraccia la Campisi o suo marito e consegna a costui l'assegno…."dunque l’essenziale e che ci sia un marito, il quale automaticamente è cornuto per opera del defunto e quindi beneficabile.

ROSA:   Ma chi voli cunchiudiri.

ROSARIO: Iù?  Conclude Stracuzzi, la quale m'ha dittu ca se lei si marita, in qualsiasi momento, riconoscerà a suo marito il diritto d'aviri i soldi. Anzi un doppio diritto.

ROSA:   Doppio?

ROSARIO: Ca si capisce! Pirchì il signor Ferro, buonanima, se avissi statu so' maritu avissi avutu un sulu paro di corna, mentri chiddu d'ora n'avrà dui para: uno chiddu del donante e unu chiddu do' signor Ferro, bonarma. Entrambi, infatti, l'avrebbero preceduto a titolo diciamo di libero amore.

GIULIO: Perfetto!

CICCIU: Cà certu, avi u vistitu cu tutti i scarpi, cà ci annu fattu l’autri

ROSARIO: Quindi, cara signora, i picciuli sunu pronti. Lei nun ha fari autru ca maritarisi e il giorno stesso delle nozze la Stracuzzi versa i dudici miliuni al di lei marito.

COSTANTINO: (indignato) Ed è tutto questo chiddu ca lei ha saputu a truvari? E cantava vittoria!

ROSARIO: Megghiu d'accussì!

ROSA:   Sicchè iu avissi……?

ROSARIO: Certu. E prestu. Pirchì la Stracuzzi m'addittu ca si ferma ccà un mese in tutto e poi si nni torna in America.

ROSA:   Ma comu pozzu fari?

ROSARIO: Ca si marita!

ROSA:   E cu cui?

ROSARIO: Nun cridu ca ci haiu a truvari macari u maritu, ora?

PAOLO: Ca chi ci vuoli a truvari un maritu, ora ca avi i miliuni?

SANTINA: Avissi iu u truvassi 'ntamezzura.

CICCIU: Macari chiù prestu !!

SCARDONA: Certo non le sarà difficile.

GIULIO: Ad ogni modo la cosa mi pari aggiustata. Nuautri  ni nni jemu, averu Paolo? E' bene ca a signura resti sola per poter pensare liberamente  al da farsi.

SANTINA: Giustu è. Nesciu cu vuautri.

PAOLO: Brava. Ti purtamu o cafè. Lei Prufissuri chi fa resta?

ROSARIO: Haiu un pocu di chiffari.

PAOLO: E lei cavalieri? Lei capitanu?

COSTANTINO: Iu' restu. A signura in questo delicato frangente ha bisogno di consigli…..

SCARDONA: ….di uomini di esperienza.

PAOLO: Come credono. Arrivederci.

GIULIO: Arrivederci.

SANTINA: Arrivederla signora.

ROSA:   Tante cose signorina. (i tre escono dal corridoio)

CICCIU: Iu' mi nni vaiu 'nta cucina, p'a pulizia.

ROSA:   Si.

CICCIO: M'arraccumannu p'e vistita.

ROSA:   Stai tranquillu.(Ciccio via)

SCARDONA: In questo momento essenziale della sua vita, cara signora, mi pare che abbiamo il dovere di starle vicino, noi che costituiamo, si può dire, lo stato maggiore della pensione.

COSTANTINO: Si tratta di scegliere. E la scelta non è facile. Ma noi siamo a sua disposizione, signora, per i suggerimenti e i consigli del caso.

ROSARIO: Signori miei, mi pari ca stati facennu confusioni.

COSTANTINO: Confusioni?

ROSARIO: Ca certu. Cca non si tratta di scegliere soltanto. Pirchì quannu a signura avissi sceltu semu poi sicuri che il prescelto accetterebbe?

SCARDONA: Ca comu no!

ROSARIO: Lo dice lei! Pirchì, vabbeni ca ci su i miliuni, ma ci sunu macari i corna. Anzi i miliuni sunu in dipendenza dei corna. E quindi a signura si potrebbe trovare nella situazione di subire una umiliante ripulsa.

COSTANTINO: Ma prima di scegliere può informarsi sulle eventuali intenzioni….

ROSARIO: E comu fa?  Va na unu e ci dici: scusi, lei si voli mettiri un bellissimo paru di corna anzi due bellissimi para di corna 'nta testa, sia pure partecipando ai miliuni?

SCARDONA: Chi centra? Pari ca a signura deve posare gli occhi su un qualsiasi passante, su un qualsiasi estraneo! A signura per sua fortuna ha accanto a sé persone che non solo possono consigliarla ma ad un bisogno possono prestarsi…..

COSTANTINO: Accussì lei chi fa, poni la sua candidatura? Credo di essere il più degno, anzi il solo degno?

ROSA:   Signori miei calma. Statu parrannu comu si m'avissi accattari 'nu sceccu. Cca si tratta di un maritu ca macari iu' mu pigghiu per questa necessità, ma poi sempri maritu resta. Per la vita.

ROSARIO: Ed ecco che a signura, con il solito suo acume ha toccato il punto dolente. Quannu s'à maritatu e à incassatu i sordi, nunn'è ca ci po' diri: ora vatinni. Il marito avrà dei diritti, di tutti i generi.

SCARDONA: E perciò deve scegliere un uomo degno.

COSTANTINO: E ben conosciuto.

ROSARIO: Cioè non può scegliere nuddu di chiddi ca semu ccà.

SCARDONA: E pirchì?

COSTANTINO: Già. E pirchì?

ROSARIO: Ca pirchì pu' sulu fattu ca nuatri canuscemu l'esistenza dei miliuni semu sospetti. 'A signura può sempri pinsari ca nuatri n'a spusamu sulu pi chistu, senza apprezzarne le doti di mente e di cuore.

ROSA:   Giustu dici u prufissuri.

COSTANTINO: Ma è una sciocchezza! Dovrebbe, allura, fuori del suo ambiente, fra persone ignote…

SCARDONA: Fra persone ca non si sapi cu sunu.

ROSARIO: Ca certu! Idda avissi a circari a unu ca nun sapi nenti. Unu ca in un primu tempu accittassi di spusari la vedova Ferro. Poi si rivelerebbe l'affare dei miliuni - e naturalmente dei corna.

. A meno che qualcuno di lor signori, qualcuno di noi, nun avissi, in epoca non sospetta, cioè prima ca si sapissi 'st'affari dei soldi, manifestato in qualche modo una tale intenzione. Lei ci ha mai pensato, capitano?

SCARDONA: Veramente iù nunn'haiu mai pinsatu ca a signura putissi aviri propositi matrimoniali….

ROSARIO: E chi significa? Quannu avi un'inclinazione, cerca di farli veniri questi propositi! E lei cavalieri?

COSTANTINO: Iu'…. Veramente, non avevo mai considerato la cosa.

ROSARIO: Ma ora la considera, vero?

COSTANTINO: Ma lei chiuttostu  ca parra tantu, ci ha mai pinsatu?

ROSARIO: Sissignora.

COSTANTINO: Pirchissu parra accussì.

SCARDONA: Ma l'ha manifestato questo suo pensiero? Non basta ora diri ca ci ava pinsatu!

ROSARIO: Se l'aiu manifestatu o no, non ha importanza, perché io non mi considero candidato.

SCARDONA: No?  Allura….

ROSARIO: No. Pirchì iù, se accittassi i corna con i miliuni, non avrei attenuanti. Lei, cavaleri, bene o male, qualcosa offre in cambio: E' un distinto capo-treno a riposo, un ex funzionario. Lei, capitano, è un valoroso ufficiale. Se scoppia nautra guerra e u richiamanu può divintari macari generali. Ma iù nun sugnu nenti. Anzi sugnu un saltimbancu, comu mi chiama lei, cavaleri.

COSTANTINO: Ma iu' veramente….

ROSARIO: U sacciu ca mi chiama accussì, ed è inutile ca su nega. Dunque sugnu un saltimbanco. E quindi non offrirei nenti a signura. Sugnu fuori cuncursu.Fino a quannu nun c’erà a storia dei miliuna la cosa poteva andare ma ora è diverso. Nun è veru signora ? 

ROSA:   Maria, aiu a testa cunfusa. Ci cririti ca quasi quasi nunni fazzu nenti, tantu sugnu cunturbata.

ROSARIO: Ba. Lassamula sula. A signura ha bisognu di calma. Consideriamola. Iu' minni vaiu 'nta mo cammira. Con permesso.(via a sinistra)

SCARDONA: Forsi avi ragiuni. Macari iu' mi nni vaiu. Scusate.

COSTANTINO: Anch'io. (Scardona esce a sinistra) Ma prima di andarmene, signura, la prego di non fare pazzie. Di considerare ca un capitale ingente non si abbandona 'nta un mumentu, specie quannu si può facilmente ottenerlo facendo anche la propria felicità. Cca c'è un uomo cà ha avutu per lei sempre stima e devozione, e che, modestia a parte, può assicurare ad una moglie tranquillità e decoro. Chi vuoli circari fuori di cca? Non sarebbe saggio. E cca cu c'è? Ddu saltimbancu, ha ricanusciutu iddu stissu, non fa al caso. U capitanu…..si, nun dicu….un valoroso soldato, ma non si adatta alla vita di famiglia: surdatu….: cci aviti a dari casermi, ranci, fucili 91….: non sanno trattare una donna di qualità, pirchì i suli fimmini c'anu praticatu sunu genti di marciapiedi….Rifletta, signura, e tenga presente ca cca c'è un uomo pronto a tutto pi' lei….

ROSA:   Grazie, cavaliere, non ne dubito. Ma ancora, lei comprenderà….

COSTANTINO: Ca certu. Decida in piena libertà. Mi rendo conto….iu' anzi esco. Arrivederla, signora Ma mi tenga presente(via dal corridoio)

ROSA:   Arrivederla. (resta pensierosa un attimo)

SCARDONA: (entra) E' sula? Ha decisu?

ROSA:   Accussì? In un mumentu?

SCARDONA: Ma deve decidere. Il tempo incalza. E deve decidere nel modo migliore, nell'unico modo. Chi voli circari fora di cca? Fora da so' casa? Fora di chidda che ha consideratu fino ad ora comu a so' famigghia? E cu c'è ca rintra? Ddu prestigiatura di fora non può essiri preso in considerazione: l'ha capitu iddu stissu du restu. E l'autru, u cavalieri, lei lo conosce bene. Sempri scuntenti, murmuriusu, sciarrinu….ci facissi a vita impossibili. Allo stato delle cose la sua scelta è presto fatta. Cca c'è un uomo che ha avuto nella vita un unico miraggiu: il dovere. E ca, su lei vuole, considererà come suo alto dovere assisterla, curarla, amarla, circondarla di affetto per tutta la vita. Si danno casi in cui uno deve prendere una determinazione importante ed immediata. Iu per esempio, nel 1911, facevo parte della spedizione che al comando del generale Canova…..

ROSA:   (interrompendolo) Capitano, mi cumprinnissi, nun pozzu decidere in un mumentu. Iu' apprezzu chiddu ca m'ha dittu, ma….

SCARDONA: Troppu giustu. Troppu giustu. Me ne vado. Ma mi tenga presente. Arrivederla. (via dal corridoio)

ROSA:   Arrivederla.

ROSARIO: (entra da sinistra) Si nn'anu iutu? Menu mali. Così lei può riflettere in piena libertà. Non lasciarisi pirsuadiri de' chiacchiri d'o primu ca parra. L'ha visto comu anu 'ntisu ca ci puteva essiri pi iddi un sciavuru di sordi non hanno esitato un attimo: sannu ittatu a tumma: fussuru capaci di pigghiarisi a rivolverati. Ma no pi lei, pi miliuni. L'avrà capitu. E allura lei deve trovari qualcuno ca sa spusa pi lei stissa e ca di 'staffari nun sapi nenti.

ROSA:   Si. Ma comu fazzu? Unni u trovu? E chi putissi attruvari alla mia età e col poco tempu ca aiu? In sostanza sia u cavalieri, sia u capitanu sono persone per bene,  sono persone di decoro….e tantu l'unu ca l'autru facissuru al casu.

ROSARIO: Nossignura. Non fanno al casu. Né l'uno,  né l'autru. Tuttu ssu decoro ca anu ha scumparutu difronti e sordi. Decoro! Mi fa ridiri, signora!

ROSA:   Ma lei chi putissi pritenniri ca all'età di iddi e all'età mia ni facissimu amuri comi i carusiddi?

ROSARIO: Non dicu questo. Ma una certa inclinazione, una certa simpatia ci vuole. Virissi? Iu ci parru accussì pirchì iu sugnu fuori concorso. Non lo nascondo, e lei l'aveva dovuto capire, che io su di lei avevo qualche speranza…..

ROSA:   Chi era stupida ca nun lu capeva?

ROSARIO: Ma ora cu 'st'affari dei miliuni questa speranza è definitivamente tramontata. Aiu pinsatu ca su lei avissi dittu di si prima, oggi tutto sarebbe stato risolto da solo.

ROSA:   Ma prufisuri, comu ci puteva diri di si nella mia situazione? Lei pinsava che iu eru la vedova Ferro e tutti u pinzavunu. Non avevo il coraggio di dire a verità….

ROSARIO: Allura nun avissi avutu nenti contru di mia?

ROSA:   Contro di lei? E pirchi?

ROSARIO: Un saltimbanco……

ROSA:   Chi centra? Lei si usca u pani. Ma è un uomo….pirchì pi fari chiddu ca fa lei, ci vuole intelligenza, cunuscenza du munnu….

ROSARIO: (insinuante) E nun ci ha pinsatu mai ca pi 'sta stissa conoscenza do munnu il suo passato, i casi della sua vita, una volta conosciuti, nun avissiru pututu influiri affatto per me……?

ROSA:   Nun ci haiu pinsatu.

ROSARIO: Peccato! Ad ogni modo ora ormai è tardi. Maliritti i miliuni!

AGATINA:(entrando dal fondo) Signura ci vuoli iri na cucina pa carni?

ROSA:   Si, vegnu. Tu consa a tavula intantu. (esce dal fondo)

AGATINA: (comincia a preparare la tavola prendendo il necessario dalla credenza) Na 'sta casa, di quannu a signura ha pigghiari sti sordi nun s'arraggiuna chiui.

ROSARIO: E già. (passeggia nervoso, poi si ferma) Aitina!

AGATINA: Vossia chi voli?

ROSARIO: Nuddu s'ha prisintatu?

AGATINA: Di chi?

ROSARIO: Di chiddu ca ti dissi. Omini nenti?

AGATINA: Nossignura. Ancora nuddu.

ROSARIO: Veni ccà. Fammi abbiriri a manu. Viremu si ci sunu novità?

AGATINA: Magari Diu (porge la mano aperta)

ROSARIO: (con tono professionale) Ecco, voi giovinotta siete prossima alla vostra felicità.

AGATINA: Beddamatri!

ROSARIO: (c.s.) Vedo un uomo. Un uomo che vi sta vicino, molto vicino…

AGATINA: (volgendosi attorno) Unn'è?

ROSARIO: (c.s.) Che vi stà molto vicino. Un uomo che vi vuole bene ma che non ha il coraggio di rivelarsi…..

AGATINA: Chi è carusu?

ROSARIO: No. E' anzi un uomo di età…..

AGATINA: Vecchiu?

ROSARIO: (c.s.)……ma ben portante, ancora vegeto, un uomo d'armi. Egli vi guarda e vi desidera, ma è timido e dovete incoraggiarlo.

AGATINA: Ma cu è?

ROSARIO (c.s.) Egli non resisterà ai vostri vezzi, e in seguito sicuramente vi sposerà e vi farà felice.

AGATINA: Ma cu è?

ROSARIO:( Abbandonando il tono professionale e confidenzialmente) U capitanu…..

AGATINA: Vossia chi dici?!

ROSARIO: C'è 'na manu. Non si può sbagliari.

AGATINA: Ma iddu mai ……Veramenti, 'na vota, mentri ca faceva a cammira, mi fici 'na carizza.

ROSARIO: U viri?

AGATINA: …….Ma iu' ci resi n'arrunzuni.

ROSARIO: E pirchissu è timidu.

AGATINA: Ma mi pareva ca aveva intenzioni brutti.

ROSARIO: Certu ca l'aveva, e l'avi ancora.

AGATINA: Vossia chi dici? E allura?

ROSARIO:  Allura….allura….chi non risica non rosica….Chi ti pari ca 'u capitanu, un signore pigghia a tuttu na na vota si sposa ca cammarera? Prima s'alludiri ca è scherzu, o megghiu ca si po', diciamo… addivertiri senza piriculu…., poi l'abitudine, l'affetto…..pigghia e s'a marita!

AGATINA: Allura iu'? c'avissi a fari?

ROSARIO: Farici capiri ca fussutu disposta….

AGATINA: E su iddu…

ROSARIO: Ca lassa fari…

AGATINA: Vossia chi dici! Macari mi fa affruntari.

ROSARIO: Co pumperi non t'affruntasti?

AGATINA: U sapi?

ROSARIO: Ca certu. Haiu liggiutu a manu.

AGATINA: Macari chissu c'è?

ROSARIO: C'è tutto!

AGATINA: Ssu pezzu di mprugghiuni di pumperi mi prummittiu tanti cosi e poi…. Non criru ca cu st'autru finisci u stissu?

ROSARIO: Che c'entra! Chiddu era picciottu, testa sbintata e tu facissi mali a cridirici. Chistu è omu di età, seriu. E poi c'è scrittu na manu.

AGATINA: Ma se poi non mi spusa?

ROSARIO: E chi ci perdi? Chiui 'a strata è fatta. Ci pinsau 'u pumperi.

AGATINA: Allura vossia chi dici? Trasu na so cammira cu 'na scusa?

ROSARIO: Accussi dicissi iu.

AGATINA: Ora ci vaiu. E 'a tavula? (si sentono dal corridoio le voci di Giulio, Paolo e Santina)

ROSARIO: P'a tavula ci pensu iu'. Fa prestu prima ca trasunu chisti.

AGATINA: (bussando alla porta di sinistra) C'è pirmissu?

SCARDONA: (d.d.) Avanti. (Agatina esce a sinistra)

ROSARIO: (comincia a imbandire la tavola mentre entrunu Giulio, Polo e Santina dal corridoio)

GIULIO: Prufissuri chi fa, conza a tavula?

PAOLO: Macari u cammareri fa ora?

ROSARIO: Siccomu aiu mannatu a Agatina per un servizio e fra pocu u pranzu sarà prontu…..

SANTINA: Lassassi fari a mia prufissuri.

ROSARIO: Come vuoi.

PAOLO: Ci voli assai pi mangiari?

ROSARIO: Na menzurata, cridu.

GIULIO: (a Paolo) Senti Paolo, chi fa mo duni du libru ca ti pristai ?

PAOLO: Si. Camina na me' cammira. (Paolo e Giulio escono dal corridoio)

ROSARIO: Santina, mi dicisti na vota ca se aveva bisognu  di un assistente t'avissi pututu diri a tia.

SANTINA: Certu. Ma di sti tempi, u sapi, haiu na scrittura…..

ROSARIO: Non si tratta di teatru. Si tratta di un gioco di prestigio c'aiu a fari ccà.

SANTINA: Ccà? Un gioco di prestigio?

ROSARIO: Il più bel gioco di prestigio della mia carriera.

SANTINA: E ci aiu a fari l'assistenti?

ROSARIO: Si. Haiu bisognu macari di tia.

SANTINA: E c'avissi a fari?

ROSARIO: 'U cavalieri sempri ti veni appressu?

SANTINA: Chi c'entra chissu?

ROSARIO: Non capisci ca non si tratta d'anzirtari carti o nummira?

SANTINA: E allura?

ROSARIO: Tra nuautri nun avemu bisognu di fari cumplimenti. Dunca 'u cavalieri sempri ti veni appressu?

SANTINA: Iddu vulissi, ma iu ci l'haiu dittu chiaru di non siddiarimi chiui.

ROSARIO:Ma a spiranza non l'ha persu. Nunn'a vistu chi colira ca si pigghia ogni vota ca Paolu scherza cu tia?

SANTINA: Allura?

ROSARIO: Non…..potresti ritornare sulla tua decisione?

SANTINA: Cu iddu? Cu ssu vecchiu? Mancu ammazzata! Macari ss'arti s'ammisu a fari lei, ora?

ROSARIO: Non comprendi? Tu non devi fare nenti. A lassari fari tutti cosi a iddu.

SANTINA: E già! Chi fazzu? Chiudu l'occhi?

ROSARIO:Sentu diri ca….se tu l'incoraggiassitu a pocu….senza cumprumittiriti: quantu iddu, mittemu, ti portassi a cena,….macari sulu chissu…..mi facissutu un gran favuri.

SANTINA: A cena? Ma poi, u sapi comu succedi, non si cuntentunu d'a sula cena.

ROSARIO: Una comu a tia! Non si capaci di fallu stari cuetu? E' un vecchio dopo tutto.

SANTINA: Tanti voti i vecchi su cchiù piriculusi de' picciotti. Anu cchiù esperienza.

ROSARIO: Ma 'nsumma mu fai stu favuri?

SANTINA: Ma u sapi ca lei è curiusu? Chi ci pozzu diri? Lei quannu m'aiu truvatu in bisognu m'à aiutatu…..

ROSARIO: Chi c'entra? U favuri ca ti chiedo deve essere spontaneo.

SANTINA: Ca comu voli lei.

ROSARIO: Grazie. Ma chiù prestu ca poi.

SANTINA: Chi è urgente?

ROSARIO: Urgentissimo.

SANTINA: Sta beni.

ROSA:   (entrando dal fondo) Unn'è Aitina?

ROSARIO: L'haiu mannata iu per un minuto. 'A tavula a sta cunzannu Santina.

ROSA:   Oh, santu cristianu. A mannari a cammarera fora giustu quannu è ura di mangiari.

ROSARIO: Facissi cuntu ca è ccà.

ROSA:   Speriamo.

COSTANTINO: (entrando dal corridoio) Ci vuole molto per andare in tavola?

ROSA:   Fra un quarto d'ora è pronto.

COSTANTINO: E chi c'è oggi?

ROSA:   Pasta ca sarsa e spezzatino.

COSTANTINO: Grazie.

ROSA:    Prego. Con permesso.(esce dal fondo)

ROSARIO: (strizzando l'occhio a Santina) Iu mi va lavu i manu.(esce a sinistra)

COSTANTINO: Pasta ca sarsa e spezzatinu! Sempri i stissi cosi.

SANTINA: Pensione di famiglia è, cavalieri. Nonn'è ristorante ca lei po' aviri chiddu ca voli.

COSTANTINO: Si, giustu. Ma ogni tantu s'avissi a mangiari.

SANTINA: Macari iu certi voti sugnu stanca di manciari sempri i stissi cosi.

COSTANTINO: (con intenzione) Lei non ha voluto.

SANTINA: (bonaria) Cavaleri, cavaleri…..lei non capisci nenti.

COSTANTINO: Che non capisco?

SANTINA : Certi voti si rifiuta un invito non per scortesia, ma….per timore.

COSTANTINO: Timore? E che timore? Io sono un gentiluomo.

SANTINA: Timore di chiddu ca ponu pinsari i genti.

COSTANTINO: E chi putissuru pinsari?

SANTINA: Unu comu a lei cu mia. Si fa prestu a diri ca ci staiu per interesse. E macari se una avi un sentimentu, un'inclinazione, li deve nascondere pirchì putissuru essiri mali interpetrate.

COSTANTINO: Ma cu dutturi lei nunn'avi scrupuli?

SANTINA: Paolino? Chi c'entra. Su picciotti. Scherzano. Non ponu mai essiri piriculusi. Ma cu unu comu a lei, cu 'na pirsuna seria, non ci voli nenti ca 'na povira carusa si trova presa in una passione….e poi sunu dispiaciri, sofferenze….chi ci pari.

COSTANTINO: (lusingatissimo) Daveru?

SANTINA: (pudica) Non mi facissi affruntari.

COSTANTINO: (impacciato, confuso) Oh! Santo Dio…..santo Dio!

SANTINA: Ora lei non si nni apprufittassi. Non nni parramu cchiui.

COSTANTINO: Anzi! Parliamone, parliamone!

SANTINA: Unni? Cca? Cca non si po' parrari.

COSTANTINO: Parliamone fuori. Quannu può essiri?

SANTINA: Chissacciu? Oggi sono occupata. Stasira, doppu o tiatru. Mi passa a pigghiari no palcuscenicu.

COSTANTINO: Ceneremo assieme.

SANTINA: Pari ca iu vulissi apprufittari.

COSTANTINO: Per così poco? Ceneremo assieme. E' fatta, vero?

SANTINA: Comu voli lei.

COSTANTINO: (tenero) No. Come vuole lei. Anzi….come vuoi tu.

AGATINA: (entra da sinistra un po' turbata e in disordine)

SANTINA: (accennando ad Agatina)     Ssssttt!

COSTANTINO: Sta bene.

CICCIO: (entra dal fondo) Turnau Aitina?  Ah, ccà si? E vatinni na cucina ca a patruna ti voli.

AGATINA: Ci vaiu subitu (via dal fondo)

SANTINA: Cavalieri, mi permette.

COSTANTINO: Allora d'accordo?

SANTINA: D'accordo. (via a destra)

COSTANTINO:(si frega le mani soddisfatto, poi allegro a Ciccio) Caro Ciccio la vita è bella. Tieni mezzu sucarru (cava fuori dal taschino un mezzo toscano e glielo porge)

CICCIO: E chi c'è tirrimotu?

COSTANTINO: Accussì mi ringrazii.

CICCIO: E' u primu rialu ca mi fa di quannu sugnu ccà. Grazie. M'u fumu dopu mangiari.

COSTANTINO: La vita è bella, caru miu. Tutto va bene.

CICCIO: (confidenziale) Veru è ca a signura si marita cu' vossia?

COSTANTINO: Pare. Una donna comu a idda ha bisognu di un uomo ca ci duna decoro, dignità, un ex funzionario comu a mia.

CICCIO: Sissignura.

COSTANTINO: Certo non può predendere l'amore. L'amore, un uomo comu a mia, ca spusa una vedova anziana, le può trovare fuori di casa. Non ti pare?

CICCIO: Chi pozzu sapiri iù? Megghiu di vossia……

COSTANTINO: Vedrai, vedrai. Tutto andrà benissimo.

CICCIO: Ca certu. Iu cu' dui vistita unu leva e unu metti….

COSTANTINO: Dui vistita?

CICCIO: Nunn'a 'ntisu? Comu a patruna pigghia i sordi mi fa dui vistita.

COSTANTINO: Dui? E pirchi dui?

CICCIO: Ca se fussiru tri fussi megghiu.

COSTANTINO:Chi tri: unu t'abbasta. P''a duminica. Eccu comu su i fimmini. Comu anu quattru soldi subutu i vonu ittari d'a finestra.  Vedremo, vedremo….(via dal corridoio)

CICCIO:Varda che disgraziatu ss'autru! Va finiri ca se si spusa ca signura ci fa passari a 'ntinzioni d'e vistita. Svinturatu! Già chissu è sempri chiddu, ca mi fici pagari 50 liri di cuntravvinzioni 'nto trenu pirchì fici acchianari a mula! Mi rissi – sta mula ferma ca nun po’ stari – e ora annacamu….

SCARDONA: (entra da sinistra. E' allegro e si arriccia i baffi) Semu pronti pi manciari?

CICCIO: Picca ci voli.

SCARDONA: Bella giornata, oggi. Te ccà mezzu sicarru, Ciccio (prende dal taschino mezzo sigaro)

CICCIO: Grazie. (fra sé) E chi su' tutti pazzi, oggi? Autru chi terremoto, cà u diluviu universali si ni veni

SCARDONA: Caro Ciccio, non si direbbe a vedermi, ma mi sento ancora giovane.

CICCIO:  A vederlo propriu nun si direbbe.

SCARDONA: Tu criri ca unu comu a mia può ancora fari innamorare una giovane donna?

CICCIO: E chi sacciu. Chi sugnu una giovane donna iù?

SCARDONA: Sentu diri, ci cridissutu se tu cuntassuru?

CICCIO: Mancu se u ridissi cu l’occhi mei.

SCARDONA: E di ddocu si viri che sei poco penetrante. Che non hai l'occhio clinico. Così come mi vedi….io ispiro ancora passione travolgente.

CICCIO: A patruna? Si marita cu lei allura?

SCARDONA: Che c'entra! Quello è un matrimonio che si farà. Ma di pura convenienza. Iu ti parru d'amuri.

CICCIO: Vossia 'nnamuratu è?

SCARDONA: Megghiu! I fimmini s'innamurunu di mia.

CICCIO: Di lei !  Hahaha ….. Vossia non mi fa ridiri.

SCARDONA: Chi nni sai, tu,  pezzu di cretinu. Te lo assicuro io e basta.

CICCIO: Tutti cosi ponu essiri. Ma fussi 'na cosa curiusa assai.

SCARDONA: Eh! Si danno certi casi nella vita! Iu per esempio nel 1911 quando facevo parte della spedizione al comando del generale Canova….

ROSARIO: (entra da sinistra) Chi ci cunta, capitanu, a Cicciu! Chiddu non capisci nenti.

SCARDONA: Lo vedo, lo vedo. Basta, mi va lavu ca viru ca è ura di manciari. (via a sinistra)

ROSARIO: (a Ciccio)  Chi ti diceva u capitanu?

CICCIO: Stamatina mi parunu tutti pazzi. Chistu m'ha datu mezzu tuscanu e diceva ca si sinteva giuvini.

ROSARIO: Si?

CICCIO: Ca comu! L'autru, u cavalieri, m'ha datu n'autru menzu sicarru e mi parrava d'amuri.

ROSARIO: Magari iddu?

CICCIO: Ci dicu ca su' pazzi.

AGATINA: (entra dal fondo) Cicciu chiama a tutti ca staiu purtannu in tavula.

CICCIO: Subito (via dal corridoio)

ROSARIO: Quantu mi vo sciacquo i manu.

AGATINA: Tutti cosi.

ROSARIO: Proprio tutti cosi?

AGATINA: No. Vossia chi si cridi?….Ma…..(sottovoce) m'ha dittu ca sta notti veni na ma cammira. Chi mi fa fari, prufissuri, chi mi fa fari?

ROSARIO: Iu? E chi c'entru iù? 'A manu è.

AGATINA: Ma propriu si viri na manu?

ROSARIO: Comu in un libru stampatu.

AGATINA: Spiramu ca 'a furtuna m'aiuta. (via dal fondo va a  prendere la pasta e rientra a posarla sul tavolo)

CICCIO: A tavola! A tavola(entra dal corridoio bussa alla porta di destra e poi a quella di sinistra)

SANTINA: (entra da destra)

ROSARIO: (piano)  Comu finiu?

SANTINA: 'Stasira doppu u tiatru mi porta a cena.

ROSARIO: Brava!

SANTINA: Ma pirchì….?

ROSARIO: Gioco di prestigio. Tutto trucco. (Giulio e Paolo entrano dal corridoio seguiti da Costantino. Scardona entra da sinistra)

GIULIO:  Certu bellu esami facisti ! Se nun era pi da dumanna ca ti fici u presidenti da commissioni, autru cà ventisette, pareva ca eruvu d’accordo.

PAOLO: Sempri ca t'ha pigghi e non ti voi convinciri ca aviri amici nel posto giusto è furtuna.

ROSA:   (entra dal fondo) Signori miei, pigghiati postu ca 'a pasta s’arrifridda (si sente squillare il campanello) Ciccio va a viriri cu è.

CICCIO: (esce dal corridoio e rientra subito dopo) 'Amiricanau è. Chidda di miliuni (attenzione da parte di tutti)

ROSA:   'A signura Stracuzzi? (si affaccia al corridoio) Si accomodi, si accomodi.

GIOVANNI: (entrando) Signori buon giorno a tutti.

ROSA:   Ni stammu mittennu a tavula. Se voli favoriri macari lei….:cosi di famigghia….

GIOVANNI: Grazie, signora. Ero venuto solo per chiederle se u prufissuri le aveva comunicato come eravamo rimasti.

ROSA:   Si. Mi ha comunicato.

GIOVANNI: E che cosa ha deciso?

ROSA:   Veramente ancora…..capirà….

GIOVANNI: Capisco, ma io dovrò partire al più tardi fra due settimane. Quindi lei si deve decidere subito, in modo che  eventualmente ci sia tempo di preparare le pubblicazioni perché il matrimonio possa avvenire prima della mia partenza.

ROSA:   Ma lei deve capire ca nun è facili. Non si trova un marito così su due piedi.

ROSARIO: Egregia signora Stracuzzi, lei deve rendersi conto delle difficoltà della signora.

GIOVANNI: Ma io le sono venuto incontro come ho potuto. Anche perché quest'assegno in tasca mi brucia e vorrei liberarmene al più presto, beninteso rispettando la volontà dell'indimenticabile amico.

SANTINA: Signura, vah si decidissi.

ROSA:   Ma comu haiu a fari?

COSTANTINO: Dopo tutto io non vedo tutta sta difficoltà  signora, io sono pronto a  sollevarla da ogni incertezza.

SCARDONA: Lei? E pirchì lei? Non ci sono forse anche io? 'A signura non ha che farsi un compagno. Io sugnu a sua completa disposizione.

COSTANTINO: Mi facissi u favuri le! Lei ca è abituato a cumannari surdati ma chi ci avissi a fari abbiriri. Trasformerebbe questa pensione in una caserma!

SCARDONA: E lei in un vagone di terza classe.

COSTANTINO: Uno ca doppu trent'anni di carriera arrivau capitanu!

SCARDONA: Chisti sunu affari mei. Quando facevo parte della spedizione che nel 1911 al comando del generale Canova….

COSTANTINO: Sì, u sapemu, conquistavu menza Tripuli. Ma arristau capitanu: capitanu di bassa forza.

SCARDONA: E lei tintu capu trenu! Menzu pizzica biglietti e menzu sbirru.

COSTANTINO: A mia sbirru?

SCARDONA: Ca certu! Macari a Cicciu na vota ci fici pagari 50 liri.

CICCIO: Veru è!

COSTANTINO: E lei ci arrubbava u ranciu ai surdati!

SCARDONA: Iù?!

COSTANTINO: Sissignora. Ca scusa di tastarlu. Ci pari ca nun u sacciù?

SCARDONA: E lei certi voti si pigghiava i sordi dei viaggiatori e u bigliettu non ci lu faceva. Ci pari ca nun si sapi?

COSTANTINO: Queste sono calunnie! E iù….

ROSA:   Calma signori miei. Facennu accussì aumentati 'a cunfusioni.

GIULIO: Scusassi, signora se mi intrometto. Dal momento ca lei non si decide è logico ca succede il contrasto. Si dicidissi alla svelta e non si nni parra chiui.

PAOLO: Veramente. O l'uno o l'autru. E una volta scelto non ci sarà più ragione di scerra.

SANTINA: D'autra parti è sperabile con chiddu ca non sarà prescelto si rassegnerà in santa pace.

GIULIO: Certamente.

COSTANTINO: Non c'è dubbio. Il capitano si dovrà rassegnare.

SCARDONA: Si dovrà rassegnare lei, egregio signore.

PAOLO: Insomma si rassegnerà a cu ci tocca. Signura, si dicidissi: o l'uno o l'autru.

ROSA:   Ma iù nun sacciu….

GIULIO:Si deve decidere o l'uno o l'autru.

GIOVANNI: Stando le cose a questo punto la prego di dicidirisi. O l'uno o l'autru.

COSTANTINO: O l'uno o l'autru.

SCARDONA: O l'uno o l'autru.

CICCIO: Iù dicidissi di fari a paru e sparu. Lei cavalieri chi si pigghia paru? E lei sparu, capitanu?

ROSARIO: Basta! Basta! Sono nauseato da questo spettacolo:  E che cosa è tombola, lotteria, asta pubblica? Vuautri diciti: o l'uno o l'autru! E iu dicu: né l'uno, ne l'autru, nessuno di tutti dui è degno. Si , io capisco l'interesse, il fascino del denaro, la speranza di migliorare….ma chistu è troppu. Questo è un concorso di cornuti a premio!

SCARDONA: Lei bada come parla!

COSTANTINO: Lei è il solito ciarlatano.

ROSARIO:  Vaviti ittatu come sopra a una preda senza nemmeno salvare la forma. Nuddu di vuatri dui ha pinsatu a rivolgersi a lei con delicatezza, cercando di stabilire dei legami qualsiasi. Avete pensato ca siccome havi bisognu di un maritu qualunque,  ca s'accolla i corna e i miliuni, ognuno di vuautri faceva al caso pirchì ci purtava panza e prisenza. Ora iu ripetu: Nuddu di tutti dui. Sunu tutti dui rivoltanti. Dal momento ca a signura deve maritarisi è megghiu ca si pigghia o primu ca passa anziché unu di vuautri dui. E megghiu ca si pigghia - chi sacciu? - macari, cca a Cicciu…..

CICCIU: Iù? Daveru?

ROSARIO: Nun ci abbagnari u pani, cretinu, ca t'aiu purtatu pi' termini di paraguni.

CICCIU: Pirchì? Chi ci vulissi diri?

ROSARIO: Questi dui signori non hanno salvato nemmeno la forma. Pirchì u sapi, signura, mentre casi profferivano con lei pensavano alle loro ignobili avventure. U cavaleri, mentri ca offriva a lei il nome, ci dava appuntamentu a Santina, la  invitava a cena doppo u tiatru e si sa con quali intenzioni si fannu questi inviti:

PAOLO: Daveru? Bravu u cavalieri!

COSTANTINO: Chistu è tradimentu!

ROSARIO: E' veru o nun è veru? Santina parra tu!

SANTINA: (con finta confusione, rivolta a Rosario) Ma iù ci l'aveva confidatu comi un patri…..

ROSARIO: E iù ci u dicu a signura comu na figghia! E ssautru capitanu, ca fu 'na spedizioni di Tripuli, si priparava ppi nautra spedizione 'stanotti, na cammira di Aitina a cammarera……

SCARDONA: Come osa insinuare?

ROSARIO: Insinuo?! E dico a viritati. Mi smentisca, se può (chiama verso il fondo) Aitina! Aitina!

AGATINA: (entrando dal fondo) Cca sugnu. Chi c'è?

ROSARIO: Cava a fari stanotti u capitanu?

AGATINA: (confusa) Chi sacciu? Iù….

ROSARIO: Parra, parra….nun t'affruntari.

AGATINA: Ava ….a veniri na mo cammira…..

ROSARIO: Ecco. Certo no p'anzignarici u prisenta armi!

CICCIO: Ci ava fari l’assaltu cu l’arma bianca

SCARDONA: Ma lei come lo sa?

ROSARIO: Virissi ca è veru e non insinuo.

ROSA:    Aitina? Tu? Ssi cosi?

AGATINA: Chi ci puteva fari? Era scrittu 'na manu! E' destinu!

SCARDONA: (a Rosario) Ripeto: Lei come ha saputo?

ROSARIO: Nunn'à 'ntisu? Ci l'aiu ligghiutu na manu ad Aitina. E poi dici ca sugnu un cirlatanu.

SCARDONA: Lei è un ciarlatanu e un saltimbancu! E capisco che questo è tutto frutto delle sue trame!

COSTANTINO: Trame, sissignore, trame!

ROSARIO: E chi trami? Iu nun aspiru a divintari miliunariu. Sugnu disinteressatu. Ma certe cose, a certi uomini, mi rivoltano.

SCARDONA: Mi darà soddisfazione! Ogni tanto nella vita capitano certi casi! Quannu nel 1911……

ROSARIO: U sapemu, u sapemu. Conquistavu lei sulu tutta a tripolitania.Ma ora non ci interessa.

COSTANTINO: (a Rosario) Lei è un volgare mistificatore!

SCARDONA: Nun sacciu chi mi teni a prenderla a schiaffi.

COSTANTINO: Mi dispiace per la confidenza che le ho dato!

ROSARIO: Mi dispiaci a mia!

ROSA:   Basta! Basta! Nunni pozzu cchiui! Malirittu i soldi! Malirittu u matrimoniu! Malirittu l'ura e u mumentu ca nascivu stu 'mbradugghiu! Nunni pozzu chiui! Di quannu vinni lei, signora Stracuzzi,  na sta casa nun s'arraggiuna chiui, nun c'è chiù paci, nun c'è tranquillità, nun c'è armonia. Scerri, insulti, vituperi, seduzioni…..basta! U sapi chi ci dicu, signora Stracuzzi? U bonarma chi scriveva? Ca i sordi, se nun puteva darli a me' maritu o a mia, ci l'aveva a dari e poviri?

GIOVANNI: Esatto.

ROSA: Ci  dassi e poviri!

GIOVANNI: Come dice?

PAOLO: Signura, che fa?!

GIULIO: Signura, stassi a cura!

SANTINA: Chi è pazza, signura?

AGATINA: Nun i vo' i sordi? Beddamatri!

CICCIO: E parteru i vistita !

ROSA:   Ci dassi ai poveri! Megghiu viviri comu haiu campatu fino a ora, ma in pace, anziché con i soldi ma in continua discordia. Pirchì pensu ca, a cu spusu spusu, ci sarà sempri un infernu tra mia e ma maritu. Io ci rinfaccerò di avirimi spusatu pi soldi, e iddu …..avrà altre cose da rimproverarmi. Non sarà vita, sarà un inferno. Ci dassi ai poveri, signor Stracuzzi.

GIOVANNI: E' definitivo?

ROSA:   Definitivo. Rinuncio.

GIOVANNI: Sta bene. Allora posso andarmene.

SANTINA: Aspittassi……

GIULIO:  Si aspittassi…

GIOVANNI: Non hanno sentito la signora? Rinuncia.

ROSARIO: Signora è proprio definitivo? Veramente definitivo chiddu ca ha decisu?

ROSA:   Nun ha 'ntisu?

ROSARIO: Sicchè lei non è chiui l'ereditiera o la milionaria?

ROSA:   No. Sugnu la vedova…..no, mancu chissu….sugnu Rosa Campisi, nubile.

ROSARIO: Aviti 'ntisu tutti, signuri miei? E' la signorina Campisi. Ebbene, a questa signorina Campisi,ora ca nun è chiu l’ereditiera, ma una semplice donna, con qualche passione sulla coscienza , io, Rosario Cianciana, detto Zamiroff, mi onoro , davanti a loro signori, di chiedere la mano!

TUTTI: (hanno esclamazioni di meraviglia , a soggetto)

ROSARIO:Che cosa risponde, signorina, si o no?

ROSA:  Chi sacciu…..chi sacciu……mi sentu na cosa…..mi sentu na cosa cca…..aiuto! (cade riversa su una poltrona, svenuta)

PAOLO:Nautru svenimentu! Acitu! Acitu! (tutti si affollano davanti a Rosa, mentre )

CICCIO: (urla) Prufissuri e i corna?

ROSARIO: Mi accollu iù! Ma gratis! E' nautra cosa!

S I P A R I O

 

 

                              A T T O     T E R Z  O

    (Sono in scena Coqstantino, Scardona, Giulio, Ciccio e Giovanni).

   COSTANTINO: Però è una bella porcheria! Ecco che cosa è.

      SCARDONA: Certamente. Una porcheria.

      GIULIO: Ma scusassuru, pirchì?

      SCARDONA: Comu pirchì? Ma non lo capisce? Cu a scusa del   disinteresse, della simpatia, eccetera eccetera, chiddu si pappa i miliuni.

      COSTANTINO: E già! Intantu si spusa, poi quannu sa spusatu fa valere i diritti.

      GIULIO: Ma a signura ha rinunciatu.

SCARDONA: E chi voli diri? Ha rinunciatu pi idda, ma non pi so' maritu,  scusi.

GIOVANNI: Chisti sono sottigliezze. Pi mia ha rinunciatu. E iù pozzu, ora stissu, sciennu di cca, portare l'assegno a un qualunque istituto di beneficenza.

GIULIO: Ma poi fino ad ora a signura nun ha dittu ne sì ne no. E' semplicemente svenuta. Può darisi ca nun lu voli.

COSTANTINO: C'è bisognu di una risposta? Non si cci liggeva ne l'occhi? Caro capitanu, siamo stati giocati!

SCARDONA: Questo ciarlatano ci ha messo a terra!

CICCIO: Iù sacciu ca ci appizzai dui vistita.

COSTANTINO: Chiddu ca mi fa raggia, caro capitanu, è soprattutto pi lei! Lassamu stari iù! Un poviru capu-trenu a riposu…Ma lei, un valoroso ufficiale, un uomo ca ha fattu trimari migghiara di surdati, ca na guerra di Tripuli fici miraculi, un uomo cuomo a lei, siri misu fora cumbattimentu di un tintu saltimbancu, francamenti, fa pena!

SCARDONA: Parra di mia! Iù, a dirici a virità nun ci aveva mai pinsatu seriamente. Ma lei, un funzionariu ca nun sa faceva fari di nuddu, ca quannu unu nun aveva bigliettu pari ca u sinteva 'na l'aria, c'ha fattu trimari migghiara e migghiara di viaggiaturi, siri misu 'nto saccu di un miserabili cirlatanu, francamente, fa pietà!

COSTANTINO: No, capitano, fa pietà lei.

SCARDONA: No, cavaliere, lei fa chianciri.

COSTANTINO: E lei fa ridiri! Già è cosa di cammareri.

SCARDONA: E lei è cosa di ……., va, nun mi facissi parrari.

GIULIO: Signori miei, finumula! Ancora? Ormai è cessato la materia del contendere. Nun latu 'ntisu ca a signora Stracuzzi i milioni oggi stissu ci duna ad un opera di beneficienza? Mittitivi u cori 'npaci e nun sinni parra chiui.

COSTANTINO: Ca megghiu è.

SCARDONA: Si megghiu.

AGATINA: (entra dal fondo)

GIOVANNI:Come stà a signora?

AGATINA: Bona. Si susiu.

GIOVANNI: Menu mali.

AGATINA: Ora anzi veni.(Rosa e Santina entrano dal fondo)

SANTINA:S'assittassi, s'assittassi signora.

ROSA:   Grazie, grazie. (siede su una poltrona) (Rosario e Paolo entrano dal fondo)

PAOLO: Nenti, nenti. Ci dicu ca nun è nenti.

ROSARIO: Ma semu sicuri ca lei l'esami supira i svinimenti l'ha fattu?

PAOLO: E secuta? Ci dicu ca è cosa di nenti. E' l'emozione. Ora ci diamo un cordiale e si sentirà comu se nun avissi avutu nenti.

ROSARIO: Speriamo.

PAOLO: Ciccio, scinni cca sutta 'nto farmacista e ti fai dari chiddu ca c'è scrittu cca. (gli dà un bigliettu)

CICCIO:Sissignura, ci vaiu subitu. (via dal corridoio)

PAOLO: (a Rosa) Ora  signura, si pigghia sta midicina e si sentirà perfetta. Non è niente. Si tratta di emozioni.

ROSA:   Cu tutti sti cosi c'anu successu…..

PAOLO: Certu. Ma ora tutto è finito.

GIOVANNI: Sicchè , signura, lei è sempri ferma nel proposito di rinunciare (Rosa tace) Ci vuole una risposta precisa, signura. Io debbo sapermi regolare.

ROSA:   (a Rosario) Prufissuri chiddu ca lei m'ha dittu antura è…..sempre valido?

ROSARIO:  Come sempre valido?

ROSA:   Lei è sempre d'a stissa opinioni?

ROSARIO: Che si discute?

ROSA:   E non acconsentirebbe a…..spusarimi u stissu….ereditando?

ROSARIO: No.

ROSA:   Sicchè iu duvissi scegliere fra lei e u lassutu?

ROSARIO: Lei deve sciegliere fra me, cioè fra una sistemazione modesta,  che riposa oltre tutto su una simpatia e un affetto, o unu di 'sti signuri, cioè una sistemazione di agiatezza, ma interessata e di sicura infelicità.

ROSA:   Sicchè iu duvissi scegliere fra lei e u lassutu?

ROSARIO: Lei deve sciegliere fra me, cioè fra una sistemazione modesta,  che riposa oltre tutto su una simpatia e un affetto, o unu di 'sti signuri, cioè una sistemazione di agiatezza, ma  interessata e di sicura infelicità.

ROSA:   Io scelgo…….(esita)

COSTANTINO: (incalzante) Signura, rifletta…….rifletta….

SCARDONA: (c.s.) Almenu pigghiassi tempu!

GIULIO: Signuri mei, lasciatela decidere liberamente!

PAOLO: Daveru! Non la turbate!

SANTINA: Faciti sempri ciù cunfusioni!

ROSA:   Io scelgo……(una lunga pausa)…..a tia, Rosario.

ROSARIO:  (Le si siede accanto stringendole le mani affettuosamente) Grazie, Rosa grazie.

PAOLO:  Benissimo! Evviva gli sposi!

SANTINA: Congratulazioni ed auguri.

GIULIO: Avemu affari una gran festa!

GIOVANNI: Allora, signura, iù nunn'haiu chiù chi fari ccà.

ROSA: Scusassi, signora Stracuzzi. Ma lei ha vistu quantu dispiaciri aiu avutu di quannu vinni lei. E quanti n'avissi aviri ancora. Scusassi.

GIOVANNI: Scuse signora? Cca quali scuse. Iu ammiro il suo disinteresse e la sua forma. Mi creda, sono commossa. Penso alla buonanima di Carretto ca a st'ura, dal cielo, la guarda e la benedice. (Rosa è commossa e si asciuga qualche lacrima)

COSTANTINO: Dati gli avvenimenti, iu criru ca la mia presenza, in questa pensione, non sia più compatibile con la mia dignità.

ROSA:   Comu cridi, cavalieri.

COSTANTINO: Perciò la prego, appena può, di farimi u cuntu, pirchì mi nni vaiu.

ROSA:   Sta beni.

GIULIO: (a Costantino) Si nni va o solitu?

COSTANTINO:Stavota mi nni vaiu piddaveru. Mi si è burlato, mi si è ingannato (accennando a Santina) anche la signorina, ccà, si è evidentemente prestata….

SANTINA: Iù? E c'haiu fattu?  Lei mi ha invitatu a cena e iu aiu accittatu.

COSTANTINO: Ha accettato, ma per dare a questo……a questo signore un'arma contro di me.

SANTINA: Ma iu nunn'aiu dittu ca a cena cu lei non  ci vegnu cchiui.

COSTANTINO: Ci veni?

SANTINA: Ca se lei vuoli? ….tutto come prima.

PAOLO: Ma….doppu tuttu chiddu ca è successu….cena e basta, cavaleri.

COSTANTINO: Chisti su cosi che non la riguardano. Allora, signora, restiamo intesi. Mi fa u cuntu.

ROSA:   Sta bene.

SCARDONA: E anche il mio.

ROSA:   Macari lei si nni va?

SCARDONA: Le stesse ragioni che ha il cavaliere le ho io. Me ne vado subito.

AGATINA: Subutu? Mancu stanotti dormi ccà allura?

ROSA:   Aitina?

SCARDONA: Be!….veramente….non sacciu se potrò trovare subito un'altra pensione adatta….''nsumma me ne andrò domani mattina!

  PAOLO: Ca certu. E' megghiu ca stanotti si riposa.

SCARDONA: Lei nun facissi u spiritusu! Lei è giovane, ma quando avrà la mia età e la mia esperienza, saprà che nella vita si danno casi davvero assai strani. Io, per esempio, nel 1911 facevo parte della spedizione che al comando del generale Canova….

PAOLO: U sapemu!  U sapemu!  Fici prudigi di valore!

SCARDONA: Nossignura! Lei non sapi nenti: pirchì sta storia m'aviti fattu cuminciari a cuntari centu voti e non m'aviti mai fattu finiri!

PAOLO: N'a figuramu: lei sulu contru a centu arabi. N'ammazzau cinquanta e l'autri i pigghiavu prigionieri.

SCARDONA: Nonsignura! Non sapiti nenti e non vi figurati nenti. E 'stavota a vogghiu cuntari ppi forza o vuliti o non vuliti. Prima di iriminni di 'sta casa, si deve sapere la verità. Dunque nel 1911 facevo parte della spedizione che, al comando del generale Canova, partì da Napoli per sbarcare a Tripoli. Ero sottotenente dell'II° Bersaglieri: ero giovane, ardito, impetuoso….

PAOLO: Ni conquistava cammareri?

GIULIO: E lassulu cuntari.

SCARDONA: …..ero giovane, ardito, impetuoso e mi ripromettevo di raccogliere gloria ed allori. A vigilia d'a partenza mi pigghia un duluri di janca ca non mi faceva abbintari. Vaiu 'no capitanu medicu e mi dici: c'è una carie avanzata.  E non si po’ scippari pirchì c'è l'accesso.- E allura? - Dumani lei nun po' partiri - comu nun pozzu partiri - chi ni putemu purtari in combattimentu ufficiali ca anu duluri di janca? E accussì a spedizioni partiu senza di mia.

PAOLO: Allura non ci fu a Tripoli?

SCARDONA: Ca quali! E chissa fu a mè ruvina. Pirchì i colleghi invidiosi dissuru c'ava statu un duluri di janca intelligente, simulato…insomma si formò una macchia calunniosa sulla mia onorabilità militare….e arristai capitanu.

COSTANTINO: Ma lo aveva fattu cridiri ca era un eroe!

SCARDONA: Iù?  E quannu mai!  Iù haiu circatu sempri di cuntari u fattu. Vuautri nun m'ata fattu mai cuntari.

PAOLO: E allura mancu n'arabu ammazzau?

SCARDONA: Unni l'ava ammazzari, a Napoli?

GIULIO: E prigiunieri, nenti?

SCARDONA: Ca quali?

COSTANTINO: E miraggi, nenti?

SCARDONA:Nenti! Nenti! Nenti! E accussì ora ca atu saputu, non mi rumpiti chiui a testa.

CICCIO: (entra di corsa dal corridoio) Signura, signura!

ROSARIO: Oh! Finalmenti! 'A purtasti 'a miricina?

CICCIO: Ca quali miricina! Aggiustai tutti cosi! Signura, tuttu è aggiustatu! Nun c'è bisognu ca i miliuni ci lassa ai poveri. Si po’ pigghiari!

ROSA: Ma chi dici?

ROSARIO: Chi sciu pazzu?

SANTINA: Chi significa?

CICCIO: Sta vota no du vistita! Quattru mi nna fari!   'ncappottu!  'nparu di scarpi! E macari na chidda di cammisi!

GIULIO:Ma chi aggiustasti? Si po’ sapiri che aggiustasti?

CICCIO: Sta vinennu chiddu ca aggiusta tutti cosi.

ROSA: Ma cui?

CICCIO: Don Antoniu. Iu ci cuntai tutti cosi e….

ROSARIO: E cu è Don Antonio.

ANTONIMO: ( d.d. tossisce )

CICCIO:  Cca è. Avanti! Avanrti! Vossia trasi don Antonio.

ANTONIO: (entra dal corridoio. E' il tipico mendicante, vecchio, lacero, malandato, con barba incolta ed un bastone) Signura i miei rispetti. Signori miei, a tutti.

TUTTI: (lo guardano perplessi interrogativamente)

ANTONIO: Haiu saputu u fattu du lassitu. M'ha cuntatu Cicciu. E siccomu a signura ha statu sempri caritatevole e bona cu mia, haiu pinsatu di luvarla di ogni difficoltà facennu anche un opira di beni.

ROSA:   Ma scusati, comu putiti…..?

ANTONIO:  Un momento signura. I scali su' lunghi e sugnu ancora affannatu…..

CICCIO: Ossia s'assetta, ossia s'assetta. (gli offre una sedia, Antonio siede verso il centro della scena, gli altri gli fanno ala ai due lati).

ANTONIO: Se non sbagghiu a signura non può ereditare perché non è vedova.

GIOVANNI: E già.

ANTONIO: Iù a pozzu fari addivintari viduva subitu subitu: n'a tri o quattru iorna.

ROSARIO: Vui?

ANTONIO: A signura ha essiri viduva, veru? E ppi essiri viduva s'ammaritari. E' giustu?

GIOVANNI: Certo.

ANTONIO: Ma poi u maritu a moriri.

GIULIO: Ca si capisci, a moriri. Ma si nno nun è viduva!

ANTONIO: E allura, dicu iù a signura nun si può spusari cu unu ca sta murennu?

GIULIO: E già e cu cui.

ROSARIO: Ma prima sintemu di chi si tratta.

ANTONIO: C'è Tanu….

ROSARIO: Cu è Tanu?

CICCIO: Chiddu ca stava cu iddu na' cantunera, ca addumannava 'nsemmula.

ROSA:   Già. C'era. Ma ora non c'è chiui.

ANTONIO: Nun c'è chiui pirchì fu purtatu o spitali, u ji a truvari. E' grave.- 'Ntoni, mi dissi, staiu finennu di suffriri e haiu un sulu desideriu. Ah! se potissi  almenu mortu aviri un pocu di riguardu. Vulissi essiri vistutu di niuru, e un funerali cu tuttu u canonicatu. Iu perciò haiu pinsatu a vossia, signura. Si marita cu Tanu. Iddu, puvireddu, mori prestu. Si pigghia i sordi e ci fa 'u funerali din prima categoria. Accussì Tanu mori cuntentu. Chi ni dici? 

GIULIO: E se poi non mori?

ANTONIO: Mori, mori. Anzi amu a fari prestu pirchì masinnò u truvamu mortu.

PAOLO: Ma tanti voti……

ANTONIO: Iavi 83 anni Tanu. E poi avi u diabete, l'asma, u catarru, l'ulcera o stomucu, a pulmuniti e 'a  cataratta. A moriri ppi forza, puvireddu. Può essiri questione di iorna. Ma a essiri un funerali di lussu, signura, abbadamu! E na tomba di marmuru ca scritta.

CICCIO: E a mia i vistiti e tuttu u restu a?

ROSA:   Rosario, chi dici? Po essiri?

ROSARIO: Di essiri po essiri.

ROSA:   E tu,  poi,  fussutu sempri dispostu…….?

COSTANTINO: Ca si capisce! C'è bisognu d'addumannarici? E' disposto! E' chiaro che il suo disinteresse è stato tutto un trucco! Tutto era predisposto, preparato. Cicciu nun ci ha fattu u cumpari nei giochi di prestigiu? E ci sta facennu u cumpari macari ora!

SCARDONA: E' chiarissimo: prima ha strappatu la promessa di matrimonio fingendo di rifiutare i soldi. Ora si pigghia a muggheri cu i sordi. Lei è un vero lestofante!

ROSARIO: Iù nun ni sapeva nenti.

COSTANTINO: A chi voli prendiri in giru lei? Si luvassi, vah!

SANTINA: Veru è, prufissuri? U sapeva?

ROSARIO: Macari tu?

SANTINA: (ridendo furbescamente) Ca iù u canusciu megghiu di l'autri.

ROSARIO: Ma a mia nun mi interessa 'u vostru giudiziu. A mia interessa sulu chiddu ca di mia po' pensare la mia fidanzata. Rosa, ci criri tu ca iù canusceva questa possibilità e haiu priparatu tuttu in mala fede?

ROSA:   Non ci credo affatto.

ROSARIO: Avete sentito? E questo potrebbe bastare.Ma pi farivi  abbiriri quantu atu statu stupidi e comu atu statu ne mo manu tante marionette…..

COSTANTINO: A mia marionetta?

SCARDONA: A mia?

ROSARIO: A vuautri! Pi dimustrarivi ca pi fari un ciarlatanu comu a mia, 'u saltimbancu ci voli molto più ingegno e abilità ca  pi cuntrullari biglietti e pi cumannari centu surdati, pi dimustrarivi tuttu chissu vi farò assistere al più mirabolante esperimento del professore Zamiroff, di magia bianca.

ROSA:   Ma che cosa vuoi fare?

ROSARIO: Ora ' u viri. (con un tono profesionale) Signore e signori, voi assisterete adesso al più fantastico esperimento di magia del secolo. Voi assisterete alla sparizione di una persona,senza alcun truccho.  Io invito uno di questi signori….la signora Stracuzzi, per esempio, …. La prego si avvicini. (Stracuzzi   avanza)  Ecco grazie. Ed ora, signore e signori io prendo questa comune tovaglia da tavolo, osservate niente trucchi niente inganni . (mimica adatta). Poi prego ancora due signori fra presenti di collaborare. (a Santina) Lei signorina permette?   Ecco, si faccia avanti, si disponga al lato del soggetto. Grazie. (a Giulio) E lei, Avvocato, permette?  Ecco. Si disponga dall'altro lato del soggetto. Così. Perfettamene. Grazie. Dunque lor signori prendano la tovaglia ai due angoli e la tengano bene in alto un modo da coprire completamente il soggetto. Così, in maniera che il soggetto non possa essere visto dal pubblico.  Ed ora la massima attenzione. Non appena avrò proferito le parole magiche, il soggetto sparirà.  Il momento è solenne.   Attenzione! (scena mimica)Aburu abarà la signora Stracuzzi sparirà, Aburi aburu a signora Stracuzzi nun c’è chiù. Fatto: La signora Stracuzzi è sparita (a Santina e Giulio) Vogliono abbassare la tovaglia? (i due abbassanola tovaglia e appare Giovanni sempre al suo posto)

AGATINA: Ma se è ancora ddocu!

CICCIO: Bella fuura ci ha fattu! Finiu comu o fattu d'o' nummiru.

ROSARIO: (togliendo il tappeto dalle mani dei due e pighiando Stracuzzi sotto il braccio, a Ciccio)Zittiti, bestia, ca nun hai capitu nenti. L'esperimento, l'ultimo e il più importante esperimento del prof. Zaminoff è perfettamente riuscito. Stracuzzi non c'è chiui.

CICCIO: Comu nun c'è? Su è ddocu!

ROSARIO: Non c'è cchiui. Pirchì chista nun è Stracuzzi; Stracuzzi l'haiu 'nvintatu iù, ma non è mai esistitu. Chista è Giovanna Serrenti, una mia amica nonché collega in prestidigitazione e chiromanzia, già mio socia.

ROSA:   Comu? Ma allura?…..

COSTANTINO: I miliuni?

ROSARIO: Truccu.

SCARDONA: U lassitu?

GIOVANNI: Trucco.

GIULIO: I vintimila dolliri?

ROSARIO: Truccu.

PAOLO: A littra?

ROSARIO: Truccu.

SANTINA: L'assegno?

GIOVANNI: Un pezzu di carta qualunque. Si può strappari (cava fuori il finto assegno e lo lacera)

CICCIO: E squagliarru i vistita !!

ROSARIO: Trucco. Tutto trucco.

ROSA:   E u matrimoniu?

ROSARIO: U nostru? E' veru. L'unica cosa vera, 'nti tuttu stu truccu è l'unica cosa che lo spiega e lo giustifica.

COSTANTINO: Imbroglione! Mistificatore!

SCARDONA: Cirlatano e saltimbanco!

PAOLO: (ridendo a gran voce) Allura tutti cosi anu giratu a vuoto.

GIULIO:  (c.s.)  Allura i consigghi di l'avvucati riposavano su niente….

SANTINA: E allura i svinimenti?

ROSARIO: Inutili…..inutili….., ma necessari.   Vi spiego, signore e signori, e soprattutto a tia, Rosa (breve pausa) Iu ero fortemente attratto dalle virtù della signora. Ma ella, pur essendo io certo che non le dispiacevo, aveva qualche cosa che le impediva di realizzare la mia stessa idea. Ci sarebbe voluto un evento ca l'avissi obbligata a sciri dal riserbo di cui non comprendevo il motivo.Saputo del signor Ferro non mi fù difficile scoprire la verità Bisognava costringere la signora a rivelarsi per un lato, e per l'altro evitare che, una volta accettata l'idea del matrimonio, le sue simpatie potessero rivolgersi altrove. C'erano qui, vicinu ad idda dui pappaiaddi ca putevunu essiri due concorrenti terribili.

COSTANTINO: Parla di noi?

ROSARIO: Sissignura di vuautri. Ebbene, è stato dimostrato ca 'stu 'mbrugghiuni è meno interessato, meno famelico e più dignitoso di lor signori.

SCARDONA: Si capisci! A lei chi ci custava rinunciare ai milioni dal momento ca sapeva che non esistevano!

ROSARIO: Appuntu perchissu iù ci aveva rinunciatu in partenza, e vulevu sulu a signura….

COSTANTINO: C''a pinsioni! Sempri ' un affare lei fa! Lei si cuntenta pi cchiù picca!

ROSARIO: E lei chi si cridi ca iù nun portu nenti?

SCARDONA:  Si.   Porta chiacchiri e giochi di prestigio.

ROSARIO: Nonsignura, anch'io haiu un piccolo capitaluccio, accumulato in trent'anni di professione di ciarlatanu…

COSTANTINO: Chi è depositatu 'nta 'na banca d'America macari chissu?

ROSARIO: Nonsignura. In Italia, alla Cassa di Risparmiu. Eccu ccà u librettu. Circa 500 mila liri.

SCARDONA: Comu à fattu ssi sordi? 'Mbrugghiuni!

ROSARIO: Ci parunu assai? Nun su nenti ai tempi d'oggi.  Nun su propria nenti: ci su ciarlatani ca in un annu, uscunu miliuni. Ma chiddi su na pulitica. E così sti sordi li verserò nell'azienda, che migliorerà, s'ingrandirà e renderà di più. Iù u pani mu vogghiu vuscari.

ROSA:   Ma Stracuzzi allura?…..

ROSARIO: Ah! Dicevo: non mi fu difficili montare la storia dell'eredità e dell'assegno, coadiuvato dall'amica Giovanna Serrenti, che incontrai per caso dopo anni di lontananza. Pi nautri tutta la cosa fu un gioco, pi nuautri c'avemu travagghiatu dieci anni insemmula 'nta milli tiatri e ca ni sapemu capiri con uno sguardo. Bei tempi ah! Giovanna.

GIOVANNI: Non mi cci fari pinsari.

ROSARIO: Ma in tutte le cose c'è l'imprevisto. E l'imprevisto è stato rappresentato da Ciccio e da 'stu povero uomo . E allora sono stato  a rivelare tutto così, pubblicamente, invece che rivelarlo a quattr'occhi a Rosa, chiedendole di perdonarmi. (a Rosa) Mi perdoni? In sostanza ti ho dato una prova di affetto.

ROSA:   Si Rosario ti perdono (commossa, si avvicina a Rosario e senza parlare gli si stringe vicina).

ROSARIO:  E il gioco è fatto, signori. Ora ni maritamu, al più presto, e speriamo che la vita ci sarà benigna.

PAOLO: Benissimo! Evviva!

GIULIO: Ci amu a biviri di supira. U vermut signura.

ROSA:   (a Santina) Signurina facissi lei (ad Agatina) e tu aiutila (le due donne preparano i bicchierini e distribuiscono il vino)

PAOLO: E quannu ci sarà il matrimonio, festa grande e banchetto!

ROSARIO: Nonsignura.

GIULIO: No'

ROSARIO: Nenti festa. Col permesso, s'intende, della sposa. Faremo una cosa intimissima. 'Na chiesa. All'alba. E basta.

PAOLO: Ma veramente dopo tutte queste vicissitudini bisognerebbe solennizzare….

ROSARIO: Anzitutto non è u casu pirchì  nun semu dui picciutteddi, veru Rosa? E poi….poi….chiddu c'avissumu a spenniri per la festa, e banchetto…..

CICCIO: Chi avaru antivintau ora?

ROSARIO: Zittiti cretinu! Chiddu c'avissumu a spenniri p''a festa…..lo spenderemo per il funerale di ddu poviru uomo. 'Ntoni ci putiti diri a stu vostru poviru amicu, 'o spitali, ca avrà u funerali, cui canonici,  e a musica. E macari na piccola tomba.

ANTONIO: Daveru? Ci u pozzu diri?

ROSARIO: Parola d'onore. Ccà c'è 'a manu.

ANTONIO: (si alza) Ci u vò dicu subitu. Spiramu ca mi fanu trasiri o spitali. "U fazzu moriri cuntentu. 'U Signuri ve ne renderà merito (via dal corridoio)

ROSA:   E a tia, Cicciu, du vistitu, no. Ma un capputteddu beddu pisanti tu fazzu.

CICCIO: Sempri megghiu di nenti è!

ROSA:   (a Scardona e Costantino) E lor signori sunu sempri dicisi di jrisinni?

COSTANTINO: Certamente. Certamente.

SCARDONA: Nun putemu chiui arristari ccà.

ROSA:   (preoccupata a Rosario) Dui pinsiunati boni ca si nni vanu.

ROSARIO: Non importa! Si nni vanu dui e ni verrannu quattru.

ROSA:   Quattru? E unni i mittemu?

ROSARIO: Vedrai, vedrai. Assumo io la direzione dell'azienda. Tu ti dovrai occupare sulu d''a cucina. Al resto penso io. 'U prufissuri Zaminoff è morto. Ecco. (va alla parete e stacca i due affissi reclame) Nenti chiui chiromanzia, magia bianca e divinazione del pensiero. Ora c'è il signor Rosario Cianciana, direttore della pensione vedova Ferro.

SANTINA:  Ora ci ha canciari u nomu a pinsioni. 'A vedova Ferro non c'è chiui.

ROSARIO:  Nonsignura 'u nomu arresta. Si nni vanu sti dui matriusi e verrà tutta gente giovane.Allargheremo la pensione: n'affittamu l'appartamento contiguo: ca cci mittemu un pianoforte, na radio, 'u frigorifero e un mobile bar. Metteremo un poco di modernità.

ROSA:   Maria, chi cunfusioni.

GIULIO:  Viva la nuova pensione "Vedova Ferro"!

TUTTI:  Viva!

ROSARIO:  E adesso cara Rosa un ultima cosa  la  vogliamo dire a questi gentili signori.

ROSA:   Si Rosario ma diccilla tu ca si chiù praticu

ROSARIO: Certo cara. Come avete visto il timore, la paura del giudizio della gente “tutti avissuru saputu” a condizionato la vita di questa donna. Che con rassegnazione si è arresa ad un vincolo sociale.

ROSA:   Proprio cosi, ho rinunciato ai miei sogni alle mie aspirazioni.

ROSARIO: E’ poi i soldi, è proprio vero si dimentica prima la perdita  di un parente caro che non di una fortuna. Appena hanna sintutu ciaru di sordi s’hanna ittatu a tuma, senza la benchè minima dignità

ROSA:   Quasi tutta a genti dici sempre “ma chi ponnu pensari l’autri” e i soldi su sempri avanti a tutto.

ROSARIO: Dimenticando a cosa chiù importanti e bella  do munnu , l’amore                                                      

                                         

                                              S  I  P  A  R  I  O

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 8 volte nell' arco di un'anno