Per la regola

Stampa questo copione

ATTO III

Per la regola

Commedia Brillante in dialetto trevigiano

Di Domenico Varagnolo

PERSONAGGI

GREGORIO LUNATI procuratore della ditta M. Ceriani

Cav. MARCO CERIANI titolare della Ditta

ELENA sua moglie

 

CESARE suo figlio

RITA sua figlia

VIRGINIO DE BINI impiegato

INES ZANETTI dattilografa

GIGIA domestica di Gregorio

BEPO fattorino

Sig. VARNI rappresentante di una Casa estera

L’azione si svolge a S.Cassiano di Livenza nel 1903.

ATTO I

Un modesto mezzà di commercio, tenuto un po’ all’antica. Nel fondo, una porta a vetri smerigliati che mette nello studio del principale, e, a sinistra, un uscio che conduce alla sua abitazione. La comune è a destra. Due scrivanie, qualche scaffale con registri, copialettere ecc.. Una cassaforte alla parete di fondo. Mattina.

SCENA I

Cesare e Bepo

(All’alzarsi della tela, Bepo sta facendo pulizia nella stanza. Avvicinatosi alla parete, dove è attaccato il calendario, ne stacca il foglietto della giornata precedente e rimane appoggiato alla scopa, almanaccando).

Cesare: (entrando da sinistra- elegantemente vestito, con aria spavalda e osservando per un istante Bepo che di lui non si accorge).Wer ist da?… Bepo!

Bepo: (trasalendo  e, volgendosi, comicamente ossequioso) Oh servitor suo paronzhin. Al me scuse, no lo vee gnanca sentio…

Cesare:  Ben, càvete la bareta intanto.

Bepo:(eseguendo) Subito, sissignor, al me scuse Ere qua che fee dei conti...

Cesare: (ironico) Ah! Setu passà ala contabilità?

Bepo:  Oh no no…figurarse! Ie conti mii particolari. Era drio far al conto, al me scuse salo, de quanti dhorni che ghe manca …a tirar la paga!

Cesare: Ah! Ho capio. (si mette ad esaminare alcune carte della scrivania).

Bepo:  (Mellifluo) Eh! Lo so mi che lu le na persona intelligente…Pecà che no la basta ai bisogni…

Cesare: (alzando il capo) Chi?

Bepo:  Ciò la paga! Al se figure paronzhin che…Se ricordelo l’epoca che le partio par la …Todescheria?

Cesare: Germania, se dis macaco, Deutschland!

Bepo:  Sissignor, son un can…la rason…ma siccome mi no son mai stat da quele parti…Ben, sarà tre o quatro ani, no le vero? Lu alora l’era, el scuse la parola, un medho sbarbatel…

Cesare: (aspro) Come?

Bepo:  (corregendosi) Si insoma, picinin, magrolin…proprio come la me paga…Ades inveçe le tornà che le un bel giovinotto, grand, gros che fa piaçer… ma la me paga, capiselo,la è ancora stentada come quea volta!

Cesare: Warum?

Bepo:  (non comprendendo ) Comandi?

Cesare: E parcossa?

Bepo:  Mah! Al ghe domanda al sior Gregorio…

Cesare: Chi elo stò sior Gregorio?

Bepo: Ciò…nol sa? L’è al procurator…po’…

Cesare: Ah Lunati? Ma no le mia  al paron lu, me par…

Bepo:  No, ma al paron Marco, capisselo paronzhin, fa tuto quel  che vol sior Gregorio; e sicome sior Gregorio al tien la cassa (indica la cassaforte) ghe par che i schei che le dentro i sia sui e… al varda de molarghene manco chel pol…

Cesare: Sichè…  qua al continua a esser lu quel che comanda…?

Bepo:  Mah! Veramente lu al dis sempre che le un dipendente come tuti chealtri, ma viceversa al paron, che le cussì bon, al ghe assa far tut…

Cesare: (da sé) Ma… ades basta!

Bepo: (Continuando) Ciò,  par lu che no la fameia questa la è come casa sua… El se figura che al se fa portar qua parfin la marenda…

Cesare: Ah si?

Bepo: Sicuro! A miodì in punto tanto “ par la regola”  come chel dis lu, càpita la Gigia, quela… al scuse la parola, sbatonona dela so serva…

Cesare: Eh, una bea regola si!

Bepo:  Ma, da resto, no se pol mia dirghe un cativo on in fondo…Pecà che l’abia quea rogna dele recie…

Cesare: Ah già! Al è medho sordo…

Bepo: Al diga pure tre quarti! Specialmente co’la gente che no l’ha in pratica e quando che cambia al temp. Ma, dal resto, al capisse lo stesso, salo, quando ch’el vol…Ostregheta, al scuse la parola, al ha un ocio… e un naso…quel amigo là…Al ghe domandi, al ghe domandi ala signorina Rita so sorela o a sior Virginio…

Cesare: Oh… no ho bisogno de domandarghe gnent a nissun…Sarò bon de veder da mi sol…

Bepo:  Ah già! Perchè ades, lu paronzhin, al se stabilisse qua, no le vero?

Cesare: Ja wohl! Par  portar  un fià de aria nova e fresca!

Bepo:  Oh ho tanto piaçer!(insinuante) E… speren che co’ l’aria vegna qualcossa de novo anca par mi, ah paronzhin benedet…(Gli si pianta dinanzi appoggiandosi alla scopa)

Cesare: (in tono di comando) Ben, intanto cori a ciorme subito una scatola de thigarete…Su, presto. Schnell! (gli volta le spalle)

Bepo:  Pronto, paronzhin, ma..(stendendo la mano per ricevere il denaro) al scuse la pa… Snel cosa voleo dir?

Cesare: (guardandolo) Ancora qua setu? Su, via… marsch! (lo minaccia con un regolo)

Bepo:  (andandosene in fretta con la scopa in spalla) Ah, ho capio! Una prima sboada d’aria fresca! (esce)

SCENA II

Cesare, Marco, Rita

Marco: (entrando la sinistra insieme a Rita) Oh Cesare! Setu qua

Cesare: Si, son vegnest a darghe un’ociada al medà…

Marco: Ah benon! Scominzitu a studiar al futuro campo de combatimento…?

Cesare: Eh si… Vede che ghe sarà proprio da combater qua, se no altro çerte robe vecie…

Rita:   (a parte, mentre s’infila un lungo grembiule)Manco mal che mi no son vecia…

Marco: Atu visto al nostro bravo Gregorio?

Cesare: Chi, Lunati? Ieri ma inquò al par che nol sia gnanca arrivà. (guardando l’orologio) E si che le le nove e un quarto…

Marco: De solito, a sta ora a le rivà da un toc…Se vede che prima al sarà andà in qualche altro posto…

Cesare: E nol te a dita dove?

Marco: A mi? E parchè?

Cesare: Parchè al paron la da esser avvertio…

Marco: Oh, se lo avesse credest necessario, i lo varia fat de sicuro…

Cesare: Alora la to fiducia a le proprio ilimitada?

Marco: In Gregorio? Ma naturale e difati i se la merita. Al varà anca lu le so particolarità ma le un on da poderse fidar a oci seradi… No le vero, Rita?

Rita:   Ah… si si…..

Cesare: Ben, mi a oci serai no me fidarie de nissun…Oh nein!

Rita:   Ih, che malfidente!

Cesare: ( a Rita) E specialmente de voialtre femene…

Rita:  (un po’ piccata) Grazie del complimento gentile.

Marco: (a Cesare) Me dispiase che te la pense cussì…

Cesare: Eh! Caro mio, co se gira un po’ al mondo, no se pol pensarla diversamente…

Rita.    E alora l’è meio no girarlo…

Cesare: (a Marco) Senti, e quel altro inpiegato a che ora riveo?

Marco: Virginio? Ma veramente…

Rita:   Credo, ch’el dovesse andar…

Cesare: In un posto anca lu? E gnanca lu no l’ha dita gnent?

Rita:   Si che l’ha avvisà…

Cesare: Te alo avisà ti?

Rita:   No, ma al signor Gregorio…

Marco: Eh! No sta aver paura ch’el nostro Gregorio el se fa dir tut…E po’, anca Virginio a le un bon tosat ch’el fa al so dover… No le vero Rita?

Rita:   Oh sicuro!

Marco: E no ho mai sentio Gregorio ch’el se lamente…

Rita:   Anzi al ghe vol ben…

Cesare: E dai co’ sto Gregorio! Al’è proprio al Padreterno par valtri?

Marco: Ciò, te capirà, le lu che al dirige al medhà e ch’el ghe tende al lavoro…A le stat lu ch’el me ha consilià de ciorlo, quel tosat, proprio l’altro ano savendo che l’era de una bona fameia

Rita:   (a Cesare) Ma no te lo conosse anca ti al sior Virginio?

Cesare: (a Rita) Ma par cossa che te lo ciama Virginio? No la nome De Bini?

Rita:   (un po’ confusa)Ciò…ma qua tuti i lo ciama cussì e me  par che…

Cesare: E no! Çerte confidenze le trove proprio fora de posto…

Marco: Ma veditu, Cesare, parchè qua noialtri se traten come in fameia…

Cesare: E le mal.. In Germania, nele case commmmerciali, i paroni ie paroni e gli impiegati ie impiegati.

Rita:   E mi no son un’impiegata?

Cesare: E le malissimo. Le signorine, come ti, le ha da restar a casa. Hast du verstanden?

Marco: (a Cesare) Ma , senti te dirò che avendo qua casa e medhà tut insieme, se anca la Rita la vien dabas no la perde gnent… e noialtri come che dise anca Gre… si, insoma, troven che la è utile.

Cesare: Va ben, però sarie meio, viel  besser!

Rita:   (indispettita) Ah si? Come che te vol che anca mi ho caro…(Entra nello studio sbatacchiando l’uscio mentre Marco e Cesare continuano a discorrere piano fra loro).

SCENA III

Gregorio, detti, e poi Bepo.

Gregorio: (di fuori, dalle scale) Bepo, ohe Bepo! Com’ela, no le nessun qua ala porta?

Marco: (a Cesare) Ecco Gregorio.

Gregorio: (entra dalla comune con la scopa di Bepo in mano)Bepo! E dunque… (Vedendo i due, saluta levandosi il cappello) Servo signori…(Continuando a chiamare) Bepo! Ma dove elo andà sto benedeto on?

Cesare: L’ho mandà a ciorme le thigarette…

Gregorio: (volgendosi verso Cesare) Comandi?

Marco: (a voce più alta e indicando col gesto la porta) Ale andat a…

Gregorio: Ah! I lo a mandà via lori? Ben, me basta saverlo. Lo çerchee parchè dabas ho trovà la porta verta e sta scoa pudada là, a ris’cio che i la porte via…

Cesare: Oh poco mal!

Gregorio: Come poco mal? Veramente la è na scoa nova e se al varda i registri al vede che la ho pagada un franco e ventiçinque proprio ieri. (Posa in un angolo la scopa e si leva con cura il soprabito)

Cesare: (sarcastico) Perbaco! La pesarà tant in bilancio!

Gregorio: Cossa dilo? Al scuse salo, ma co’mi bisogna che al fae al piaçer de parlar forte e ciaro, parchè, al sa, son pitost duret de recia.

Cesare: (forte) Disee che la spesa de la scoa no pesarà tant in bilancio…

Gregorio: Oh! Dio! La pesarà quel che la pesarà,, ma bisogna pur che la ghe entre anca ela… tanto per la regola! (Si avvicina alla cassaforte).

Marco: Eco, vèdelo caro Gregorio, me fiol l’è qua stamatina…

Gregorio: Eh! Se ven vist… se ven vist anca ieri.

Marco: …a darghe un’ociada al medhà. Doman o dopodoman al scuminçiarà, come ho dita, a lavorar  regolarmente co’noaltri…

Gregorio: Va ben…va ben…(Apre la cassaforte, trae di tasca il portafoglio, vi leva dei denari, li conta e li ripone nella cassa).

Marco: (continuando) Alora lu al me fa al piaçer de meterlo un poc ala volta al corente de tut…Bisognarà ch’el ghe mostre…(vedendo come Gregorio non gli presti attenzione) Capisselo Gregorio?

Gregorio: (continuando nella sua operazione) Eh capisse… capisse…Ma al me permete intanto, cavalier, che mete via sti schei che ho ciot in Banca.

Marco: E nol pol meterli via anca dopo?

Gregorio: No, no, co se trata de valor, al sa, mi me piase   de liberarme subito. Sicome mi son responsabile…

Marco: Va ben, ma me par che ades qua no ghe sia nessun pericolo.

Gregorio: No, ma in cassaforte ghe ne ancora manco! (Riposti i denari, richiude con molta diligenza la cassa, e fa annotazione in un registro. Si leva quindi la giacca indossando quella d’ufficio e si mette in capo il berretto).

Cesare: (dopo averlo osservato in silenzio; ironico) Benedeta la comodità eh!?

Gregorio: Ah si!  La regolarità, prima de tut! ( a Marco) Ecome qua cavalier, al me dise pur…

Marco: Ghe disee dunque  che sarà ben che lu l’aiute me fiol Cesare a ciapar pratica del medhà, ch’el ghe fae conoser i afari che le drio far, ch’el ghe mostre i registri, ch’el ghe spieghe come…

Cesare: (interrompendo) Ma papà, questo le un programa de insegnamento par i tosatei de scuola e no par un che vien dala Germania… Va là, va là… che sarò bon de capir anca mi da sol.

Gregorio: Tanto più che qua le tut ciaro e in regola.

Marco: (a Cesare) Eh! Lo so ben che ti no te ha bisogno de maestro, ma sicome lu le qua ormai da vinti ani…

Gregorio: Vintidò, veramente, al primo de april.

Marco: Eco, veditu, le par questo che lu al conose l’andamento quasi meio de mi…

Cesare: (ironico) Eh un bel’andamento, si!

Marco: Ciò, mi me par che se vae abastanza ben… no le vero Gregorio?

Gregorio: Mah! Almanco par ades…

Marco: (continuando verso Cesare) çerto che ti d’ora in avanti te contribuirà a far in modo che se vae ancora meio.Metendo a profito quelo che  te ha imparà a l’estero te podarà far qualcossa anca de iniziativa e cussì  insieme…(volgendosi verso Gregorio) No le vero Gregorio?

Gregorio: (che si sarà già messo alla scrivania, tutto intento a riordinare le sue carte) Eh si si, continuè pur valtri, che mi intanto desbrighe ste faturete…

Marco: (continuando) Lu naturalmente, resta sempre al mio procurator, co’ piena libertà de far…

Gregorio: Al me dover, né de pì né de manco.

Cesare: (per tagliare corto)Si, si, papà, lassa far a mi… che ndarà tut benon…

Bepo: (entrando con le sigarette, a Cesare)Eco, le ciche, paronzhin.

Cesare: Oh finalmente!(prende la scatola ed estraendo una sigaretta, mentre Gregorio lo guarda con una certa preoccupazione) Veo cerini qua?

Gregorio: Fuminanti? Nossignor, no ghin tegnen mio. Perchè qua no se gh’in dopera…

Cesare: Ah, vietato fumare? Rauchen verboten?

Gregorio: No, no, qua no se dà bote a nissun; se trategnen de fumar par prudenza. Vedelo qua le tante carte e una fuliva la è pericolosa…

Cesare: Oh! Mi me permetarò de fumar  lostesso…

Gregorio: Ben , lu al pol far quel ch’el vol…Mi ghe lo ho dita cussì tant…per la regola, ma no posse çerto impedirghe…Anzi s’el comanda, ho qua la me scatola privata de svedesi de sicurezza che adopero ala sera par impizzarme la candela su par le scale…(Trae di tasca un mozzicone di candela, lo accende con i suoi fiammiferi e glielo porge).

Cesare: (accende la sigaretta, ma cadutagli questa, ne prende un’altra, quindi ridendo) Ah! Elo ancora de moda i mòcoi qua? Nicht wahr?

Gregorio: Oh! I mòcoi l’è roba de tuti i tempi… e de tuti i paesi…No le vero Bepo?

Bepo:  Sissignor…(a Cesare)  Parchè al sa paronzhin, qualche mocolo, al me scuse la parola, lo impizarie anca mi,   come lu, ma …ala trevisana!

Marco: Vien de là Cesare, in studio da mi, che verdaren insieme la posta… (Entra con Cesare nello studio).

Gregorio: (a Bepo, dopo che gli altri sono usciti) Bepo, ho trovà del disordine qua sul scritoio; chi elo stat a meterghe le man?

Bepo: Mah! Credo che sia stat al paronzhin… Anzi mi volee dirghe…

Gregorio: No, a ti no te spetea de dirghe gnent… Caso mai a questo ghe pense mi…(Prende alcune carte e le rinchiude nel cassetto).

Bepo: Alora, sior Gregorio, penselo anca de darme i quaranta schei che ho speso par le ciche…che vee solche quei?

Gregorio: Cossà? Questi no i ghe entra co l’ufizio.Fatelì dar da lu…(Alzandosi dal tavolo, e chinandosi poi a raccogliere la sigaretta caduta prima a Cesare) Ciapa, buta via sta cica che no nasse malani…

Bepo: E no podaria fumarla?

Gregorio: Si, ma in strada eh… se no te la paga salada.

Bepo:  Eh sissignor! (andandosene) Basta che no me toche pagarle tute! (esce).

SCENA IV

Gregorio, Virginio, poi Rita

Virginio: (entra dalla comune, si leva il soprabito e avviancosi frettoloso al suo posto) Sior Gregorio , bongiorno…

Gregorio: (traendo di tasca l’orologio e guardando l’ora, marcato) Bongiorno…Bongiorno…

Virginio: Eo tardi?

Gregorio: Abastanza, me par…

Virginio: Ma no ghe vee dita che dovee andar a…?

Gregorio: Si, ma par quel bastea un quarto d’ora…

Virginio: Po’ ho trovà par strada un che m’à fermà…

Gregorio: Erelo un  carabinier?

Virginio: Parchè?

Gregorio: Parchè sol i carabinieri pol fermar la gente par la strada e impedirghe de andar dove la e  direta; i altri se li assa impiantadi e se tira avanti…

Virginio: La era una persona de riguardo…

Gregorio: (severo) Al primo riguardo se ha d’averlo par l’uficio quando no se vive de rendita; capisselo? Per la regola! (Dopo una breve pausa) Vardè che de là lè al cav. Marco… e anca…

Virginio: Cesare?

Gregorio: Si, al signor Cesare… Come i lo salo?

Virginio: Bepo i me lo ha dita, dabass, e so anca che un de sti dì al vegnarà qua fisso…

Gregorio: E questo chi che i ghe l’a dita?

Virginio: La signorina Rita, ieri quando…

Gregorio: Ah già!

Virginio: Cossa ghe parelo?

Gregorio: De la signorina?

Virginio: No, de sto novo impiegato…

Gregorio: No l’è un impiegato.

Virginio: De sto novo paron, alora.

Gregorio: Gnanca. Al’è al fiol del paron; bisogna esser precisi, e no perdemose altro in ciacole che qua le diverse robe da far…(Porgendogli delle carte) Al vardi qua……

Rita:   (uscendo dallo studio) Sior Gregorio, al papà lo ciama un momento de là.

Virginio: Bongiorno signorina.

Rita:   Bongiorno sior Vir…

Gregorio: (a Virginio che stà guardando Rita) Ma dove vardelo? Al stae atento, al me vardi mi ades…

Rita:   Sior Gregorio, el papà lo desidera de là…

Gregorio: Va ben, ades vae… Ala gnente da far?

Rita: Si, varie da copiar sta distinta, ma ormai…(si stringe nella spalle).

Gregorio: Ormai cossa? (Rita tace) Ben, la me dirà dopo. (entra nella studio).

SCENA V

Rita e Virginio

Virginio: Signorina Rita…

Rita:   Comandi?

Virginio: Cossa ala stamatina che la è cussì…?

Rita:   Mi Gnent!

Virginio: La me par indispetia!

Rita:   Eben, si, son indispetia!

Virginio: E co’ chi, se posso?

Rita:   Co’… me fradel, eco.

Virginio: Co’ so fradel Cesare? E parchè? No ela forse contenta ch’el vegna qua?

Rita:   No, a le lu pitost che no le contento che mi reste…

Virginio: (turbandosi) Davvero? E par che motivo?

Rita:   Mah! Parchè al dis che in Germania le fie dei comercianti le sta in casa a far la calza  e nei medhà  i ciol le… datilografe patentate…

Virginio: Ma qua sen a San Cassan….

Rita:   Si, ma lu vol germanizar tut,  da quanto par.

Virginio: E… so papà?

Rita:   Oh! Al papà le ormai medho infatuà, e tut quel ch’el dis Cesare a l’è oro colà.

Virginio: Ma al signor Marco al ghe vol ben anca a ela, e s’el vedesse che a ela ghe dispiase de andar via… come che…(si arresta incerto)

Rita:   Come che…? Al continue pur…

Virginio: Si, insoma, come che ne dispiasarie anca a noaltri se no la dovesse vegner pì…

Rita:   Ah si? Anca a lu ghe dispiasarie?

Virginio: çerto signorina; e parcossa no? La capirà, ormai se vea fat una specie de abitudine…

Rita:   Oh! Se le par l’abitudine, se fa presto a cambiarla!

Virginio: Si, sarà vero, ma…

Rita:   Tanto che… par che i vopie cior anca qua una signorina datilografa…

Virginio: Come? Davvero?

Rita:   Si, si, e cussì lu al podarà abituarse anca co’ quela…(con lieve malizia) I dis che ghi ne tante de bele…Eo vero?

Virginio: No dise de no, ma…

Rita:   Cusita lu se gustarà l’ocio e mi starò de sora.

SCENA VI

Cesare e detti.

Cesare: (uscendo dallo studio) Rita!

Rita:   (sostenuta) Son qua, cossa vutu?

Cesare: (a Virginio mentre questi s’è alzato per andargli cordialmente incontro; con sussiego) Bongiorno, signor De Bini…

Virginio: (tornado a sedere  un po’ umiliato)  Bongiorno signor Ceriani,

Cesare: (a Rita) Parchè te setu fermada de qua?

Rita:   Par lassarve pì liberi, credee che volessi restar da soli.

Cesare: In te sto caso te lo varinsi dita…

Rita:   Butandome fora?

Cesare: Anca, se fusse stat necessario…Al papà l’andea avanti coi so sistemi, sistemi de na volta cara mia…

Rita:   E ti inveçe te vol la rivoluzion?

Cesare: No, ma riforme, riforme di governo…

Rita:   Ah natural! Varen… il governo di Cesare! La vedaren, la vedaren sta gran novità!

Cesare: Oh! Forse ti no te ghe ne vedarà che una, quela che te riguarda…

Rita:   Ah! Al mio licenziamento?

Cesare: Ja! Ossia al to esonero dal servizio…

Rita:   Ah se sa! Ti, te farà vegner una bionda damigella germanica, no le vero…?

Cesare: Oh par questo, podaren trovar anca qua quel che ne ocore… e…sehr gut!

Rita:   (risoluta) Ben, alora provedeghe subito satu! E lu signor De Bini magari i lo aiuta…

Virginio e Cesare:  (quasi contemporaneamente, ma in diverso tono) Parchè?

Rita:   Parchè? Parchè mi vae via subito… Oh si, si! (avvicinandosi verso l’uscio di sinistra)  Ciao, ciao caro; dighe pur al papà, che ho rassegnà in tele to man le me dimission… e presenteghe senzaltro la… sostituta…Lo salude, signor De Bini, al me ricorda a sior Gregorio  (levandosi i manicotti) e queste tegnele par la so nova colega…! (a Cesare) Gute nacht! (getta i manicotti sulla sedia e se ne va ostentando un’allegria che nasconde le lacrime).

SCENA VII

Cesare e Virginio

Cesare: (a Virginio che avrà fatto l’atto di alzarsi, quasi per trattenere Rita) Cossa stalo façendo lu qua?

Virginio: (freddo) Eco, vedeo…(gli mostra un foglio).

Cesare: (osservandolo) Come? Al scrive in italian a una Dita tedesca?

Virginio: Si, fen sempre cussì, parchè i ne scrive in italian anca lori.

SCENA VIII

Gregorio e detti

Cesare: (a Gregorio, che esce dallo studio, mostrandogli la lettera di Virginio)Al senta Lunati, che sistema de far corrispondenza elo sto qua?

Gregorio: Ah alo vist? Virginio ghe alo spiegà de cossa che se trata?

Cesare: Si, ma no capisse, perchè i scrive cussi….

Gregorio: Alora dopo ghe spiegarò mi. Permetelo che ghe dighe  intanto qua a l’impiegato…(si avvicina a Virginio).

Cesare: Va ben, al me spiegarà dopo…(entra nello studio)

Gregorio: (a Virginio) Vardè; qua le da controlar subito sta copia de comission. Al pol farse magari aiutar da…(girando intorno lo sguardo) Dove ela la tosa?

Virginio: La e andada de sora in casa…

Gregorio: (contrariato) Corpo de Baco! Ben, quando che la torna do…

Virginio: Oh! Credo che no la tornarà pì.

Gregorio: (sorpreso) Come, no la tornarà pì?

Virginio: (a mezza voce titubante) La se a inrabià co so fradel…

Gregorio: Come? La ha impizzà al fornel? No capisse…

Virginio: (c. s.)Sicome prima…

Gregorio: (irritandosi) Benedeto lu al parle forte… E cossa alo la tremariola sula lengua inquò?

Virginio: (alzando un po’ la voce, ma spiegandosi più che tutto coi gesti) Nol vol che la stae pì qua in medhà.

Gregorio: Ah! I la ao mandada via? (allude a Cesare).

Virginio: Si.

Gregorio: (ha un gesto di dispetto che subito rattiene e stringendosi nelle spalle) Ben, che i se range lori…

Virginio: E lu nol dis nient?

Gregorio: Mi? E cossa oio da dir? I è afari sui! (Dopo una breve pausa, in tono più amorevole) Ben, vardè  de no avilirve masa, ades… che nol fae pedho… e qua bisogna lavorar.

SCENA IX

Elena e detti

Elena: (entrando da sinistra, tutta agitata) Sior Gregorio, sior Gregorio! Al me dighe cossa che le suces? Cossa ghe ali fat ala me Rita? La e capitada de sora quasi piandendo e no la vol dirme al parchè Al me dise, al me dise, caro lu…

Gregorio: Comandi? Mi no so gnent, mi no posso dirghe gnent…(porgendole una sedia) La se sente…

Elena: E lu sior Virginio?

Virginio: (avvicinadosi al Elena) Le stàt, siora Elena, che so fiol… che el sior Cesare…

Gregorio: (impedendogli di continuare) Al tase lu, che noaltri no saven… che noaltri no ghe entren… Ades la se faee dir da lori… E lu al stae fermo, al tende al so lavoro, al scrive…(Virginio ammutolisce).

Elena: Ma mi voi saver subito. Dove elo el me on? Marco…Marco…(Va verso lo studio)

SCENA X

Cesare, Marco e detti

Marco: (uscendo dallo studio seguito da Cesare) Cossa elo sto bacan? (vedendo Elena) Elena, cossa che te vol?

Elena: Che te me spieghe subito, cossa che ghe vè dita, cossa che ghe vè fat ala Rita che la e de sora che la piande.

Marco: impressionato) Che la piande?

Cesare: E pensar che la è andada via scherzando, quela macaca!

Elena: Insoma, diseme, spieghème…

Cesare: Insoma, ghe ho fat capir che par ela no le decoroso de vegner  a passar al so temp qua in medhà, eco.

Elena: No le decoroso al nostro medhà? Cossa ghe trovitu mai?

Cesare: Ghe trove dele robe che no pol più andar…Verstehst du?

Elena: Mi no so cossa che te dis… E ti Marco?

Marco: Ciò, al vien da un paese moderno… dove se usa diversamente…

Elena: Ma ti paraltro, te a sempre avuo piaçer che la Rita venisse…

Marco: Si, si le vero… ma ades Cesare m’à fat capir… e insoma trove anca mi che le meio che la stae de sora…

Elena: E sior Gregorio qua che me disea ch’el era tanto contento, parchè la fea cussì pulito…

Cesare: (sbuffando) Eh! Sior Gregorio, sior Gregorio…

Elena: (A Gregorio che è tutto intento a scrivere) No le vero sior Gregorio?

Gregorio: (trasalendo) Comandi?

Elena: Lu no le stà sempre contento de la me Rita?

Gregorio: Mi? Co i e contenti lori…capisela…(si rimette a lavorare).

Elena: (volgendosi verso Virginio) E lu sior Virginio, cossa ghe parelo?

Virginio: (alquanto imbarazzato, senza neppure alzare il capo) Ma … mi…

Cesare: (bruscamente a Elena) Eh! Cossa vutu combater co’ lori? Vutu far un referendum ades?

Elena: Mi no fae gnent… Ma le anca me fia in fin dei conti!

Cesare: To fia… to fia nessun i te la toca. Tientela de sora co’ ti e nicht mehr!

Elena: Eh! Sicuro che me la tegne… pitost che la abia da sentir ste brute parole… Me dispiase sol parchè la vegnea tant volentiera… Ma valtri ve ne acordarè, saveo, de ver pers al so aiuto…

Cesare: Noaltri no perden gnent, anzi guadagnen…

Marco: Se cioen na datilografa

Elena: Cossa atu dita? Anca ti te va todescando? Cossa votu cior?

Marco: Una da-ti-lo-gra-fa… Una de quele signorine che scrive a machina…(fa il gesto relativo)

Elena: (imitandolo) Come? Una de quele… che se vede anca sui avisi par la strada? E mandè via la Rita che scrive cussì ben par ciorve una…smerdoneta che ve bate i tasti? E sior Gregorio no ve dis nient? Al’e contento anca lu?…(tornado al tavolo di Gregorio e scuotendolo per un braccio)Sior Gregorio…

Marco e Cesare:. (contemporaneamente) Ma lasselo star…

Gregorio: (al Elena con il solito tono) Comandi?

Elena: Ma no la sentio?

Gregorio. Signora no. Ho tante robe qua da tender, e po’ la sa…(si tocca l’orecchio)

Elena: Oh nient, le che i vol meter qua una…(ripete il gesto di battare i tasti)

Gregorio: Un pianoforte? Ben cussì staren alegri! (si rimette a scrivere)

Cesare: (ridendo) Atu vist che bel risultato? Va là, va là, torna de sora che le ora de finirla co sta discussion. Se fossimo in Germania…

Elena: Ma no i ha fameia quei to mercanti dela malorsega? Viveli come i orsi? E a ti oltre che la lengua te ali cambià anca i sentimenti?

Marco: (intervenendo)  Basta, basta Elena va de sora, valà…

Elena: (adirandosi sempre più) Ah! Me manditu via anca mi? (a Marco) E gnanca ti no te me vol? Gnianca ti no te me conose pì? Aspeta, caro, che mi farò losteso…

Marco: (cercando di acquetarla) Ma no Elena, nessun te dis questo; qualche volta te podarà vegner losteso…

Elena: No…no…caro…Basta par sempre… Eco … varda me fae la crose…e stà pur certo che qua no ghe mete pì piè fin che vive…(esce sdegnata da sinistra, e mentre apre l’uscio si scorge l’ombra di Rita che si ritrae e si sente la sua voce dire:) E gnanca mi!

Cesare: (a Marco) Veditu cossa che capita a no tegner le femene al so posto!

Marco. (un po’ preoccupato) Restitu qua ancora ti?

Cesare: Si, me fermarò acora un fià…

Marco: Ben, alora mi vae de sora par çercar de calmarle. Se veden dopo, a marenda …. (esce lui pure a sinistra)

.

SCENA XI

Gregorio, Cesare, Virginio

Cesare: (a Virginio che scrive) Salo cossa che i fa sta sera al teatro?

Virginio: Nossignor, no so…

Cesare: No l’ha un giornal in scarsela?

Virginio: Nossignor.

Cesare: (volgendosi a Gregorio) E lu, Lunati, alo un giornal?

Gregorio: Volo al libro giornal? Ecolo là, vedelo quel l’è al so posto. (gli indica uno scaffale)

Cesare: (forte) Ghe domande un gional de incuò… par veder che comedia che i fa sta sera…

Gregorio: Ah… no ghi no mia… i giornai politici mi li lede ala sera in let…

Cesare: (ironico) Par esser pì sicuro?

Gregorio: No, par indormenzarme prima!

Cesare: (c.s.) La rason! (gridando verso la comune) Bepo vame a comprar subito al Gazetin… (a Bepo che compare tosto di sopra) Ciò, no te se andàt?

Bepo: Ma… al scuse, paronçin, sicome… al perdone la parola…(fa capire che non ha  denari)

Cesare: Cossa elo che te sborbota? Atu bevuo?

Gregorio: (alzando il capo) Eh! No la bevuo no…, e se nol ghe da i schei delle thigarete gnanca nol magna!

Cesare: (a Bepo brusco) Ah ho capio! Ben ciapa; par le thigarete e anca par al giornal…(gli dà i denari) E ades, via, marsch… cori…

Bepo: (andandosene) Eh… core…core… cussì la fame crese!

Gregorio: (gridandogli dietro) Me racomande la porta!

Cesare: (dopo una breve pausa a Gregorio, accennando la parete) Qua farò meter al telefono! (fa l’atto di girare il campanello).

Gregorio: (imitando il gesto) Ah! Anca un organo ghe serve?

Cesare: (ironico) Si, ghe disturbelo forse?

Gregorio: A mi? Ma gnanca s’el mete un’orchestra intiera!

SCENA XII

Varni e detti.

Varni: (entrando dalla comune) E’ permesso? (saluti a soggetto) Il signor Lunati?

Gregorio: (alzandosi subito e prendendo rapido il biglietto che Varni stava per porgere a Cesare) Ecolo qua. Son mi. (leggendo) Ah ho capio! Va benissimo… Al se comode pur de qua che staren pì tranquili. (introducendolo nello studio ed entrandovi lui pure, mentre Cesare li guarda perplesso. A Virginio) Se vegnesse qualchidun…, son ocupà… (entra)

Virginio: Va benissimo…

Cesare: (a Virginio, dopo un istante di silenzio) Chi elo quel Tizio?

Virginio: No so…

Cesare: (aspro) Nol sa mai gnent lu…

Virginio: No lo ho vist ben…lavoree…

Cesare: Va ben, va ben… al continue pur a lavorar…(siede alla scrivania di Gregorio)

SCENA XIII

Gigia, Cesare, Virginio.

Gigia:             (entrando dalla comune, un po’ ansante e tenendo un cesto sul braccio, in tono di grande familiarità)  Oh semo qua! Che me sente una s’cianta parchè son straca che no ghe ne posse pì (va a sedersi accanto a Virginio) Sior Virginio paron…

Virginio: Bongiorno Gigia.

Gigia: No le al me paron?

Virginio: Si, ma le ocupà…

Gigia:             (piano indicando Cesare) Al me dise: che elo quel smilordin?

Virginio: Sst. Ale al  fiol del paron Marco…

Gigia:             Ah! Quel che l’era via? Ma… nol ghe someia gnent a…(a Cesare che la guarda, alzandosi) Servasua!…

Cesare: Chi elo ela?

Gigia: Mi signor, son la femena de casa del me paron…

Cesare: Ah! Sehr schone!

Gigia: Come? Nossignor, me ciame Gigia. Son vegnuda a portarghe la solita marenda. Anzi me dispiase che nol ghe sie, parchè incuo ho fat una minestra de brodo e no voria che la se giassese masa. Salo nient, par piaçer, s’el se desbriga subito?

Cesare: (burbero) No, no so gnent! Ma al vostro paron  me par ch’el podarie marendar a casa sua come tuti i altri…

Gigia: Mah! Le quel che prediche sempre anca mi, parchè al me fa proprio pena, povero on, vederlo magnar qua in medho a tute ste cartasse, dove no se pol pareciar un fià de tola (Comincia a fare un po’ di posto sulla scrivania, stendendovi una piccola tovaglia e disponendovi sopra i piatti che leva dal cesto) Ma le inutile, al vol cussì e cussì sia…çerto che la strada la è longheta, mi lo so, e lu chel vol esser sempre preciso… al se afanaria masa… Oh parchè, lu nol savarà, ma un on che ghe vol ben a sto medà come al me paron, no lo trova gnanca çercando co’ la candeleta… Se fosse par lu, Maria Vergine, al se portaria qua anca al let…E forse al podaria farlo parchè femena no ghi n’à, no l’ha che mi… e mi  andarie…

Cesare: A dormir qua anca ela?

Gigia: No, no càspita! A restar sola. Parchè salo…co’ lu se pol discorer poc…

Cesare: Ma coi altri ve sfoghè … paraltro…?

Gigia: Mi? Oh par carità! Al se figure che mi son una de quele femene…

Cesare: (alzandosi) Basta, basta…che questo no le posto da ciacole! (voltandole le spalle) E quel basoal de Bepo cossa alo che nol vien indrio? Voi darghe una de quele lezion!…(esce dalla comune).

Gigia: (a Virginio) Che bestia quel paronzhin? Me par ch’el vol far al paronzhon in ordine! Che aria ch’el se dà, e che dur ch’el va via… Vienlo dal paese dei maneghi da scoa?

Virginio: Mah! Costumi germanici!

Gigia: Eh! Ma cossa se credelo al fiol del re? E pensar che so sorela, benedeta, a le cussì bona, cussì ala man… Dove ela ades?

Virginio: Zita, la tase… che staltro nol torne…

Gigia: E sto benedeto paron, cossa alo incuo che nol se desbriga? A le miodì sonà e…

Virginio: Afari… afari…

Gigia: Ma che afari d’Egito! A miodì se magna:  al pì bel afar le quel!

SCENA XIV

Gregorio, Varni e detti

Gregorio: (uscendo con Varni dalla studio) Ben alora sen intesi in piena regola.

Varni: Perfettamente. Le farò avere, a suo tempo, una risposta diretta dalla Casa di Bruxelles e speriamo si possa concludere. Intanto la saluto signor Lunati.

Gregorio: (accompagnandolo fino all’uscio) Va Benissimo signor Varni, arivederlo… servitorsuo.. ( poi volgendosi a Virginio) E lu, ancora qua lè? Nol va a marendar?

Virginio: Ma…spetee… par…

Gregorio: Cossa volo spetar? Co le miodì se ha dirito de andar via e se va. Per so regola, l’orario bisogna rispetarlo tanto nel vegner come nel’andar. Alo capio? (si mette ad esaminare della carte)

Virginio: Ben, alora vae… Arivederlo sior Gregorio, bona colazion…(Gregorio risponde col gesto) Bongiorno Gigia.

Gigia: Arivederlo sior Virginio…(a Gregorio) E lu paron, quando se decidelo a cior sto fià de brodo? Al manda a magnar i altri e par lu nol ghe pensa?

Gregorio: Co voi ghe pensarò. Atu marendà ti?

Gigia: Eh cio sicuro! E ho anca digerì co’ sto fiantin de caminada…

Gregorio: Ben, alora sentete là, riposete e tasi…

Gigia: Eh! Mi no parle, ma dighe, credelo, sarie meio ch’el vegnisse a  casa a marendar… come che ha dita anca al paronzhin

Gregorio:Qual paronzhin?

Gigia: Ciò quel che era qua prima po’… Al germanico!

Gregorio: (interrompendola) Ah! Va Ben…(siede alla scrivania accingendosi a mangiare)

Gigia: Ma da resto, che poc simpatico ch’el è

Gregorio: Parchè volelo sposarte?

Gigia: No…no..Maria santa!

Gregorio: E alora no sta vardarlo e no star intrigarte.

Gigia: Eh! No…no, al stae pur tranquilo….

SCENA XV

Cesare, detti e poi Bepo.

Cesare: (entrando tutto adirato e con in mano un giornale) Quel mus de Bepo, dopo un’ora ch’el le via, al me porta l’Adriatico inveçe del Gazettin…Ah bisogna licenziarlo subito quel’individuo…Sogleich!

Gregorio: Cossa volo! No le pratico de giornai!…Al abia pazienza, e po’ la comedia del giorno…al pol trovarla su tuti…Comparmesso.(continua a mangiare)

Cesare: Ben, al scolte: chi  erelo quel foresto?

Gregorio: (alzando il bicchiere) Se sto vin le foresto? Nossignor, nostran…Al foresto no lo digerise mia…

Cesare: (con forza) Ghe domande chi che l’era e cossa ch’el volea quel sior de prima…

Gregorio: Ah…(forbendosi la bocca col tovagliolo) me dispiase, ma par ades no posse dirghelo…

Cesare: (con alterigia) Come? Ma mi ghe ripete che voi…

Gregorio: (interrompendolo col gesto e indicandogli l’orologio) Al scuse, vedeo, le le dodese e un quarto e mi ho ancora da marendar; al parmeta che magne sto bocon e quel ch’el vol i me lo dirà dopo (volgendosi a Gigia) Bona sta minestrina…

Cesare: ( in tono minaccioso e andandosene adirato e fremente) Va ben, ghe lo dighe dopo... Bon apetito! (via a sinistra)

Gregorio: Grazie, s’el comanda…

Gigia: Tirar avanti!

Gregorio: (a Gigia) Tasi ti, sprota! (e a Bepo che in quella, entra mogio, mogio dalla comune) Ciò e ti, no te marenda?

Bepo: Cossa volo, no ho pì fan…Al paronçin me al ha dat tanta de quela carne… che la me ha restada tuta qua…(si tocca la gola)

Gregorio: (sorridendo bonariamente) Davvero? Ben, ciapa, mandala do co’ sto got de vin (porgendogli il bicchiere) Cossa vutu far?…l’è inconvenienti dela Germania…

Bepo: Ah si? E alora, viva l’Italia! (alza il bicchiere  e beve).

( Fine del I atto)

ATTO II

La stanza dell’atto primo addobbata più modernamente. Una libreria, scaffali, scrivanie. Sul davanti un tavolinetto con la macchina da scrivere. Telefono, campanello elettrico, luce elettrica ecc. Mattina.

SCENA I

Rita e Bepo

Rita: (è sola e si aggira lentamente per la stanza, osservando qua e là i vari oggetti. Avvicinatasi al tavolino dov’è la macchina da scrivere, la scoperchia e la esamina curiosamente)

Bepo: (esce dallo studio, ha in capo un nuovo berretto filettato e, facendo un gran atto di meraviglia) Oh! Paronzhina benedeta! Ela qua? Era da tanto, me par, che no se avea, la me scuse la parola, al piaçer de vederla da ste bande…

Rita:   (un po’ titubante) Si.. si, ma tasè Bepo, che son vegnuda a ciorme un fià de inchiostro. No l’è mia nessun de là, vero?

Bepo: No, no paronzhina, l’è ancora bonora. Sior Gregorio, cioè, la me perdone la parola, sior Lunatico a l’è andà….

Rita:   Sior Lunatico?

Bepo: Si, sior Lunatico, perché ades el paronzhin al vol che se ciami tuti par al cognome…

Rita:   Ah! Un’altra novità germanica?

Bepo: Mah! Mi no so cosa che la sia! Par mi una gran bruta roba, Mi coi cognomi son prorpio negà, la se figure che no me ricorde gnanca al mio e lori ghe toca par forzha ciamarme Bepo se i vol che ghe risponde.

Rita:   Ben, e come se trovelo soto el novo Governo?

Bepo: Mah! Idee grande le è, el paronzhin el me tien sempre in continua manovra e… el me comanda tut a tamburo battente, sistema tedesco!

Rita:   E sior Virginio?.. cioè De Bini?

Bepo: Ah! Anca ela  trovea dificoltà coi cognomi? Eh certo, anca sior Debolini ghe toca star in riga e la da secarghe qualche volta. Mi scometo ch’el se trovea meio tempo indrio, quando che la era qua anca ela e….

Rita:   (interrompendolo)  E sior Lunati?

Bepo: Oh quel là, la sa, col vol non sente gnanca le canonade, e lu el marcia par conto suo come ch’el fea prima (Trilla il campanello del telefono) Oh…. Eco stoaltro paron qua.. El telesforo che ciama…La me scusa, paronzhina, che risponde…

Rita:   Ah! Saveo anca telefonar?

Bepo: Caspita! Par gnent no ho la bareta coi filetti! ( Va all’apparecchio) Pronti? Chi eo che parla? Qua parla Bepo il fattorino. Ah! Xeo ea signorina Zaleti?

Rita:   (Da sé ridendo) Zaleti?

Bepo: (sempre al telefono) La me assi meter dò la scoa cussì ci sento meglio (esegue) Come la dice? Ah la se intardicherà dieci inuti? Va bene ho capito, ce lo dirò subito (levandosi il berretto) La salud… Oh la e scampada! (lasciando il telefono e rivolgendosi a Rita che lo interroga con lo sguardo) Era la signorina qua del… remengon….

Rita:   Cossa?

Bepo: Si, no la sà? La signorina che tabanea co sto afar qua….(indica la macchina da scrivere) No la vede cosa che l’è scrit, machina Remengon! Parola americana… ma che almanco se capisse!

Rita:   Ah! La signorina Ines Zaneti, la dattilografa?

Bepo: Eh già, e che infati no la fa altro che bater telegrafo tuto el dì, consumando tanta de quela carta, specialmente co l’è el paronzhin che deta…

Rita:   Ah si? E sior De Bini ghe detelo mai?

Bepo: Chi, sior Debolini? Oh no credo, perché la è sempre impegnada col paronzhin. Ma mi no so se qualche  volta (tendendo l’orecchio) Ma eco a l’è proprio drio arivar cussì la pol domandarghelo ela e mi la lasse.(Uscendo) Sior Debolini buongiorno… El vardi, el vardi che bella visita ch’el ga qua…(via)

SCENA II

Rita e Virginio

Virginio: (entra dalla comune e non sa reprimere un moto di piacevole meraviglia) Oh signorina, complim…

Rita:   (con brio) Bongiorno signor De Bini. Nol se maraveie se el me vede qua, son de passaggio come una nuvola.

Virginio: Come … un ragio de sol…. La vol dir?

Rita:   Oh si! Nol vede che debota piove? (indica la finestra)

Virginio: Ma tornerie subito el seren se la restesse qua…

Rita:   Oh! Cossa credeo, che voi ritornar al me lavoro?

Virginio: Magari!

Rita:   Perché?

Virginio: Perché la saria una fortuna..

Rita:   Come? No i stà massa ben cussì?

Virginio: (con amarezza) per carità signorina…

Rita:   Alora i se trova mal? E per che motivo?

Virginio: Per tanti motivi, e me costaria masa dirghele tute.

Rita:   Ben, no voi ch’el se sforze.. Mi credee che le grandi riforme de me fradel, gavesse portà ala ditta dei vantaggi immensi e che anca i impiegati i fosse contenti.

Virginio: Oh Dio! Nei riguardi della dita no voi far aprezzamenti

Rita:   E… nei riguardi sui?

Virginio: (sospirando) eh.. purtopo l’è spesso da ingiutir amaro.

Rita:   (insinuante) Ma ghe sarà anca el so dolç.. in fondo

Virginio: Mi no lo vede… intanto…

Rita:   (Accennando alla macchina, con intenzione) Eh già, ma tra poc….

Virginio: Cossa volea dir, signorina?

Rita:   Gnente gnente! (dopo un silenzio) Ah a proposito! Come se troveo co la nova collega datilografa?

Virginio: Ah! A l’è questo che la intendea? Oh per carità signorina Rita.

Rita:   (correggendosi con finta severità) No no a pian, signorina Ceriani, prego… Nol stai a desmentegarse i novi regolamenti…

Virginio: Ma mi inveçe no son bon de desmentegarme…

Rita: (ironicamente) Le antiche abitudini forse?

Virginio: Si…e le rimpiange anca!

Rita: (ridendo) Davero? Oh bela..

Virginio: Mentre me par che ea no le rimpiange…

Rita:   E come lo sao lu?

Virginio:        Ciò la vede cussì alegra.. e po’ la sente spesso a sonar el piano…

Rita:   Ah! El me sente?

Virginio: Si, perché l’ascolte e me par che la sonada la vegna do dal paradiso

Rita:   (ridendo) Oh.. no sen mia tanto alti!

Virginio: Anca massa par mi!

Rita:   Ma se na volta el disea che la musica no la ghe piase, che no la capisse..

Virginio: L’è vero, e le merito suo se inveçe ades no vivarie sol de quela…

Rita:   Oh! No credo.. dipenderà inveçe dal piano ch’ el è bonissimo…

Virginio: (prendendole affabilmente la mano) No dipende tuto da sta bela manina che la è miracolosa…

Rita:   (cercando di ritirarla, non senza mostrarsi lusingata) Oh si, proprio..

Virginio: (tenendola stretta fra le sue) E mi dise che la saria bona de cavar dele graziose armonie anca dal più antipatico dei strumenti…

Rita:   (scherzosa) Ah si? Anca da quela machina da scriver per esempio?

Virginio: Si, anca da quela.

Rita:   Ben voleo che prove? Me fradel le andà via e po’… (fa un gesto di noncuranza) Ma lu elo bon?

Virginio: Si signorina un poco…

Rita:   Alora bisogna che el me insegne, perché mi non ghi so gnent (si avvicinano entrambi al tavolino della macchina)

Virginio: (sedendo ed introducendo un foglio di carta) Eco, vedea, se fa cussì…

Rita:   Ben, el scominzie lu a scriver qualcosa

Virginio: E cossa oio da scriver?

Rita:   Quel ch’el vol. Na bela poesia, lu ghe n’ha da saver..

Virginio: Oh stando qua le ho desmentegade tute…

Rita:   (con graziosa civetteria) Eh, ma possibile che che mi no ghe ne fae vigner in mente gnanca una?

Virginio: Ben provemo (comincia a scrivere)

Rita:   (standole accanto, segue con l’occhio lo scritto ripetendone a mezza voce le parole) Vergine bella…. Che …di sol….vestita….(allegra) Ma questa la è par la Madona?

Virginio: Si, e mi la dediche a ea….

Rita:   (ridendo) Oh che sacrilegio! (con altro tono) Ma d’altronde me piaserie anca a mi far la datilografa…

Virginio: E andar in uficio?

Rita:   No, restar in questo de mio papà…

Virginio: (stringendole le mani con tenerezza) Oh! Alora resteria anca mi pì volentiera..

SCENA III

Gregorio e detti

Gregorio: (che sarà entrato senza che i due se ne siano accorti, dopo averli un po’ osservati) Ehm…Ehm! (Rita e Virginio si volgono e rimangono un po’ sconcertati)

Virginio: (si alza subito e ritorna al suo posto, lasciando il foglio sulla macchina)

Rita:   (andando incontro a Grigorio con ostentata indifferenza) Bongiorno signor Lunati…

Gregorio: (leggermente ironico) Parona bela! Cossa voleo dir sta visita de matina bonora…?

Rita:   (prendendo dal tavolo una bottiglietta) Gnente… ere  vignesta a ciorme un fià de inchiostro… perché el mio de sora le masa ciaro…

Gregorio: Ehm! La stae atenta che questo nol sia inveçe masa torbido!

Rita:   No, no, el me va ben.

Gregorio: E se ghe va ben l’inchiostro, cossa ghe interessa la machina?

Rita:   Oh per mi, no la me interessa afato.

Gregorio: E pur me parea che prima la stesse ciolendo dele lezion..

Rita:   No, no, me fee spiegar cussi, per curiosità, da sior De Bini, el machinismo….

Gregorio: La stai atenta che quel genere de machinismi i è pericolosi per chi che no i è del mestier e bisogna starghe lontani… per no esser ciapadi nell’ingranaggio…

Rita:   Oh.. mi no vedo tuti sti pericoli

Gregorio:       E pur qualchedun li vede…

Rita:   Me fradel forse?

Gregorio: Anca el Cavalier so papà..

Rita:   Ma me papà ades no l’è

Gregorio: Ma ghe son ben mi, signorina, che lo rapresente e che bisogna che fae rispetar la so volontà..

Rita:   Sichè el me manda via?

Gregorio: No… la invite semplicemente a ritirarse…

Rita:   Che le la stessa roba! Eh ho capio… ho capio,  (un po’ piccata) Ben, ben, lo salude alora… che no voaria ch’el se comprometese…(ironicamente) Arivederci… el se conserve.

Gregorio: Anca ela signorina, e la me saludi tanto anca so mama..

Rita:   Sarà fato.(esce)

SCENA IV

Gregorio,Virginio, poi Bepo

Virginio: (con un moto d’impazienza) Uff!

Gregorio: (guardandolo) Galo caldo?

Virginio: (brusco) No…no (continua a scrivere)

Gregorio: Credee… eh… perché a far i machinisti se se scalda! (dopo una pausa) E anzi, mi lo pregarie de vardar al so tavolo inveçe de ocuparse de robe che no ghe interessa…

Virginio: Eh.. nol ha altro, per çinque minuti…

Gregorio: Che i sie anca do, anca quei i vien pagadi per el lavoro d’uficio e no perchè el dae lezion private… E l’è inutile, sao ch’el brontole.

Virginio: Ma mi no brontoe…

Gregorio: Eh vede ch’el move la sbessoa!

Virginio: (indispettendosi) Uff!

Gregorio: E no serve gnanca ch’el sufie, perché mi no me move gnanca el dio dei venti.

Bepo: (entrando) Sior Greg….sior Lunatico… prima l’ha telefonà la signorina Ribes.. no…Zaleti.

Gregorio: Ribes? Zaleti? Cossa ela tuta sta roba da magnar?

Bepo. No… el sa… la signorina.. qua…  Insoma, la me ha dita che la ritarderà diese minuti.

Gregorio: (guardando l’orologio) Diese minuti? E quanto te ala telefona?

Bepo: Sarà meza ora.

Gregorio: Benon, e da dove?

Bepo: No l’ho capio ben

Gregorio. Meio, e la te ao dita perché la ritardea?

Bepo: Nossignor perché i ne ha interoto

Gregorio. Benissimo… Quel telefono nol podarie servir meio par imbroiar el prossimo… Va, va araldo dell’avvenire!

Bepo: (andandosene) Orco can… un altro nome novo da tegner in mente! (via)

SCENA V

Marco e detti

Marco: (entrando) El sente Lunati, voleo vegnir un momento de là da mi? (passa nello studio)

Gregorio: Sissignor, ades vegne suito. (accostandosi a Virginio) El me ascolta De Bini, el se move a finir quel lavoro che le drio far, perché dopo bisogna ch’el vae in posta a veder se la è stada fata quel’operazion, el sa….

Virginio: Ma nol dovea farlo el signor Cesare?

Gergorio: Si, ma ho paura che el se sia desmentegà, dunque…

Virginio: E nol pol lassar che i se la sbrighe lu?

Gregorio: El tasi. Sicome, el me capise, se podarie aver dele conseguenze serie…

Virginio: Meio, cusita l’impara…e….

Marco: (mettendo la testa furoi dalla porta, impazientito) Ma Lunati, son qua che lo spete….

Gregorio: (rude) E mi son qua che dae dele disposizion, signor cavalier, el abia un fià de pazienza (a Virginio) Dunque se semo capii…(mette in ordine alcune carte ed entra nello studio)

SCENA VI

Ines e Virginio

Ines: (entrando, tutta gaia) Buongiorno signor De Bini…

Virginio: (alzando appena il capo) Complimenti

Ines: Uh che freddo!

Virginio: Fredo qua? No me par…

Ines: Dise, che fredo el so saludo, gao qualcossa?

Virginio: Mi? Proprio gnent…

Ines: (mentre si leva i cappello ecc.) Manco mal! Che corsa che ho fat… No ghin posse più! Al pensi che vegne dal negozio de Bocconi, da dove ho anca telefonà credendo che qua el fosse lù. Me son comprada sti fazoletini de seda che proprio me servia. El vardi che bei, ghe piasei? (Gli mostra una scatola dalla quale trae dei piccoli fazzoletti).

Virginio: (con indifferenza) Si, si, bei.

Ines: Ben, se l’ha da far un regalo ala so morosa, ghe li consiglio, i costa anca poc.

Virginio: Ma mi no ho la morosa, i lo sa.

Ines: Alora par quando che i la trovarà…

Virginio: Ma mi gnanca la çerche

Ines: (con lieve malizia) Eh ma a volte le apunto non çercandola che la salta fora! (va al suo tavolino. Meravigliandosi) Oh! I me ha descuert la machina…

Virginio: Si, son stat mi par…(Rammentandosi del foglio ivi lasciato, si alza sollecitamente per toglierlo)

Ines: (che lo ha già levato dalla macchina, leggendo) Vergine bella che di sol vestita! (allegra) Oh che bele parole ch’el me ha scrito! Ma che poche! E dopo, e dopo cossa che vien? El me lo dise….

Virginio: (cercando di prenderle di mano il foglio) Ma no signorina, no le è per ela… La me fae el piaçer la me dae quel foglio….

Ines: (schermendosi) Ah no, no … sto qua ormai l’ho mi e bisogna che i meo lasse… Lo voi tegner per ricordo..

Virginio: (insistendo) Ma no no posso, via i meo dae, la prego…(fa forza per strappargnelo. Durante la piccola colluttazione entra Cesare che osserva per un istante la scena).

SCENA VII

Cesare e detti

Cesare: (con rabbia repressa) Ma signori, cossa seo qua? (Virginio ed Ines allibiscono e vanno ciascuno al proprio posto)

Ines: Oh! Era uno scherzo.

Cesare: (togliendole di mano il foglio e dandovi una rapida occhiata) Oh sehr gut! L’eo questo el so lavoro?

Ines: No, a l’è stat sior De Bini che…

Cesare: (a Virgilio, sarcastico) Ah! Leo stat lu a scriver sto bel squarcio?

Virginio: Sissignor, e lo preghe de ridarme indrio quel foglio perché a l’è mio…

Cesare: Nossignor. Questa intanto la è carta della ditta, e mi ho el diritto de tegnerla…

Virginio: Ma….

Cesare: El me lassi inveze che me congratule cu lù perché vede che el sa far el poeta galante assai meio che no el corrispondente commercial…

Virginio: (fremendo) Quel che lu el me dise el è ingiusto…

Cesare: E quel ch’el fa lù a l’è ridicolo…

Virginio: El scusa sior Ceriani, lu l’aprofita de la sua posizion….

Cesare: A mi me par inveze ch’el sia lu che l’aprofita masa dela nostra pazienza.

Virginio: Ma so papà l’ha sempre avuo, par mi, dela stima…

Cesare: El Cavalier, mio papà.. no lo ha conosuo ancora abastanza, ma ghe farò verder mi i oci…

Virginio: Cossa voleo dir? Ma lù al me lo spiegarà…

Cesare: El sarà lu inveze ch’el dovarà spiegarme ades…(Si volge per entrare nello studio, ma sull’uscio s’incontra con Gregorio che, uscendo ha udito le sue ultime parle) Oh bravo, el torni un momento de qua…

Gregorio. (fingendo di fraintendere) Comandi? Si l’è de là so papà.

Cesare: El vegne de qua lu…

Gregorio. Mi? Ah no posse mia adess, perché ho da darghe un ordine urgente a l’impiegato. El vada, el vada lu intanto…

Cesare: (minaccioso) Va benon! (entra nello studio)

Gregorio: (a Virginio) De Bini, El cori subito ala posta, come che ghe vee dita.

Virginio: (tuttora agitato) Ma mi aspete dele spiegazion.

Gregorio. Che spiegazion? No ghe ho spiegà prima de cossa che se trata?

Virginio: No, el è el signor Ceriani che el me ha da spiegar…

Gregorio: El sior Ceriani Figlio?

Virginio: Si e su robe che me interessa personalmente.

Ines: (intervenendo) Signor Lunati, se trata de un equivoco…

Gregorio: (a Ines) Cossa che c’entra ela? La tase e la tende a la so trapola, che i equivoci no i vegne fora dale lettere! (Ines ammutolisce e torna al suo posto) E lu sior De Bini, le robe che lo interessa personalmente el le definirà dopo, ades bisogna vardar a quele del mezà, tanto per la regola!

Virginio: Ma mi ho el diritto de saver cossa che i pol dir sul me conto…

Gregorio: Cossa voleo che i dise?

Virginio: Ma bisogna che me difende anca mi…

Gregorio: El lassi star ades, che le massa agità per poderse difender. El vae, el vae a ciapar un fià de aria prima, che quea i lo calmarà,.el meti su el soprabito e el vai subito in posta! El cioe su l’ombrea ch’el no se ciape una lavada…..Avanti via, el se move (lo aiuta lui stesso ad infilarsi il soprabito e quasi lo spinge fuori) E me racomande, el fae ben e presto!

SCENA VIII

Marco, Cesare, Gregorio e Ines

Marco: (uscendo dallo studio, un po’ eccitato e seguito da Cesare) De Bini! Dove eo De Bini…, Lunati?

Gregorio: (naturale) Lo ho mandà mi in posta per un afar de la massima urgenza…

Cesare: (sarcastico a Marco) Veditu, che omo pratico che l’è el to Gregorio?

Gregorio: (a Cesare) Ciò, sicome nol ha podest andar lu….

Marco: (a Gregorio, quasi in tono da rimprovero) Ma bisognea tegnerlo qua, corpo de baco!

Gregorio: E perché, Cavalier?

Marco: Ma nol se ha acorto de cossa che l’è nat?

Gregorio. Dove? Quando? Mi no….

Cesare: Varda che ben ch’el sa cascar dale nuvoe…

Gregorio: Cossa casca dae nuvoe? Ah la piova!

Marco: Si, e qua inveçe aven la tempesta. Ma nol ha sentio gnent?

Gregorio: Si, mi ho sentio zigar, ma mi, el sa, che i zighi no i me impressiona…

Marco: Insoma, qua se trata…(prende Gregorio in disparte e gli mostra il foglio incriminato, discorrendo poi piano con lui)

Cesare: (a Ines, a mezza voce, burbero) La vae de là. Ea, in tanto, che dopo faren i conti…

Ines: (stringendosi nelle spalle) Oh! Feli pur che tanto a mi no i me interessa… Già mi no ghe entre….

Cesare: (spingendola nello studio) Sita, la vae… la vae…

Gregorio: (a marco, dopo averlo ascoltato e restituendogli il foglio) Ah! Questo po’ lo esclude assolutamente.

Marco: Come? El vol escluder che De Bini l’abia scrit queste paroe?

Gregorio: No, semo giusti, esclude che i le abia scrite col scopo ch’el crede lu….

Marco: Ma se anca la signorina la era tuta ingalussada…

Gregorio: La ao vista lu?

Marco: Mi no, ma Cesare el me ha dita…

Gregorio: Ben, de sicuro el signorin Cesare in ste robe l’ha pi competenza de mi, al vien dall’estero dunque… Ma vedeo Cavalier, mi no son afato sicuro che la signorina la fusse ingalussada par l’impiegato…

Cesare: (ironico) e per chi alora de grazia?

Gregorio: (con eguale ironia)Oh Dio! Bisognarà veder… Se podarie verder un’inchiesta. Cossa fali in sti casi in Germania?

Cesare: (aspro) In Germania se usa de no lassar parlar tant i dipendenti, e manco ancora comandar… In quant al’inchiesta, la è bela fata e no manca che far el provvedimento

Marco: Eh si, bisognarà proveder

Gregorio: Va ben, i fae pur… Me se l’è contro l’impiegato De Bini e sol per quela roba là, i varde che i fa un’ingiustizia.

Cesare: No speta a lù a giudicarne…

Gregorio: Ma mi no i giudiche, li averte….tanto per la regola!

Marco: (preso da un po’ di scrupolo) Ben ben, vedaren, pensaren….

Cesare: (a mezza voce a Marco) Ma no te vede papà, sto qua nol è el to procurator, al è al procurator de De Bini.

Marco: Si infati i lo protege tant

Cesare: La da esserghe qualche cosa fra de lori.

Marco: Mah!

Gregorio: (con forza) I se sbaglia!

Cesare: A proposito chel no ghe sente!

Gregorio: No, no ghe sente ma capisse e ghe ripete che i se sbaglia.

Cesare: Ma insoma,voleo dir che no ghe sta a cuor quel tosat? Questo, el sa, mi gheo domande…per la regola!

Gregorio: E mi, per la regola, ghe risponde che impedir un’ingiustizia e ribelarse a quei che comanda qualche volta pol esser anca un dover.

Marco: (a Cesare che vorrebbe replicare) basta, basta va là.. co tornerà De Bini lo sentiren anca lu e vedaren meio come che la è (entrando nello studio e facendone uscire Ines) La vae, la vae a continuar al so lavoroe da brava, me racomande…

Gregorio: (mettendosi alla scrivania) Oh bravi, i çerche de vederghe meio.. che sarà meio davvero.

SCENA IX

Gregorio, Cesare e Ines

Cesare: (a Ines, burbero) Signorina, la se prepare che ho da detarghe una lettera (va a mettersi vicino)

Ines: (accingendosi a scrivere) Va ben, mi son pronta…

Cesare: La scrive la data. Sala che dì che l’è ancuo?

Ines: Dì de bruto tempo, me par.

Cesare: Me par anca mi. La scrive: onorevole ditta (pausa)

Ines: Ho scrit, al pol continuar.

Cesare: (come in un soffio) Perfida!

Ines: Oio da scriver anca questo?

Cesare: Si, ma in tela so anima…

Ines: No son mia bona…

Cesare: E dopo la ghe donte: ingrata!

Ines: (ribellandosi) Oh el sente, s’el continua tant co le insolenze mi lasse tut impiantà sao? (fa per alzarsi, ma si trattiene vedendo Lunati che la guarda di sottocchio)

Cesare: (dettando) Con la presente mi pregio di informarvi….

Ines: (dopo aver scritto) informarvi…

Cesare: (con altro tono) Ma perché farme quela storia? Dopo che mi… No i ghe piase pi quei fazoleti?..

Ines: Ah al se ao forse pentio? Ades che li ridae suito, no so cosa farghene. (prende la scatola che tiene li vicina e fa per dargliela)

Cesare: (dando un’occhiata a Gregorio) La stae ferma… e la scrive.

Ines: Si ma se nol me deta…

Cesare: A che punto che resi?

Ines: O abastanza indrio! (leggendo) Con la presente mi pregio di informarvi….

Cesare: (dettando) che la merce annunciataci…(si ferma e irritandosi) Saker…! La me fa perder parfin le idee!

Ines: Oh! Per quele bele idee ch’el ha, a le meio che i le perde…

Cesare: (con altro tono) Dunque la me dise, no le era par ea quee bee paroe?

Ines: Mi no so, le ho trovade qua sula machina…

Cesare:  Ma le ghe ha fat piaçer?

Ines: Oh certo che….

Cesare: Che…cossa?

Ines: Le era meio de quele ch’el me dise lu….

Cesare: (stringendosi più vicino a lei) Sichhè mi ormai…

Ines: (seccata) Oh Dio, al stae pi in là che sior Lunati ne varda.

Cesare: Lassa ch’el varde,   tanto nol capisse gnent.

SCENA X

Marco e detti

Marco: (uscendo dallo studio) Ben mi ades vae un moment in te un posto (a Gregorio) Lunati, alo gnent da farme veder?

Gregorio: (porgendogli un foglio) Eco, s’el vol darghe un’ociada a sta letera che ho scrit ades…

Marco: (osservando il foglio) No capisse..

Gergorio: Eh natural, al è un afar che ho tratà mi…

Marco: va ben, ma......, che poco ciara che l’è sta scritura…

Gregorio: La è la me solita, Cavalier…

Marco: Si, abastanza tremolante… Se vede che deventen veci….

Gregorio: Ciò, i ani i passa par tuti, questa la è la regola, ma no crede che me sia vegnesta tuta sta tremarea in te un colpo

Marco: El sente Lunati, nol podarie usar anca lu la Remington…?

Gregorio: Come? No salo, me par de esser massa vecio per quei afari là (accenna al posto dove Cesare e Ines stanno discorrendo).

Cesare: (forte) Eh se sa, par lu saria meio la pena de oca!

Gregorio: El se figure! Almanco quela  no la se incanta!

Marco: (a Greg.) D’altronde, se lu nol se trova a scriver co la machina, al pol sempre detarghe ala signorina..

Gregorio: Ma alora la podaria esser ela che no la se trova co mi, capiselo….

Ines: Oh! Par conto mio…

Cesare: (a Ines con intenzione) Eh lo so, che a ea un o l’altro ghe fa istess..

Gregorio: Però, cavalier, se lu al comanda, ala prima ocasion çercarò anca mi, in te un modo o l’altro, de combinar..

Marco: Si, sao, perché adess ghe tegne a veder tut ciaro.

Gregorio: Eh non dubita, ghe tegne anca mi…

Marco: E ghe tegne anca che qua se se sbrighe (andando verso Cesare) E ti caro atu qualche cosa da…..?

Cesare:  No..no.. Ho fat diversa roba, ma ades no ho tempo de farte veder gnent….

Marco: va ben, alora vedarò dopo… Arrivederci (esce)

Cesare: (rimettendosi a confabulare con Ines) E alora signorina me garantissela davero?

Ines: (con impazienza) Si, si, ghe garantisse quel ch’el vol, ma finin sta lettera, per carità…

Cesare: La me dise l’ultima parola

Ines: (leggendo) E in attesa della merce….

Cesare: Ma no, l’ultima parola sua, me prometela?

Ines: Ma si, ghe lo prometo…ahff!

Cesare: (dettando) E in attesa della merce (accarezzandole la mano) Cara….

Ines: (scrivendo) E dopo? Avanti…(Cesare continua a dettarle e a discorrere piano)

SCENA XI

Detti e Bepo

Bepo: (entrando con un pacco) Sior Lunatico, la dita Boconi, la ga mandà sti sugaman…

Gregorio: Sugaman? Chi che li ha ordinadi?

Cesare: Mi, perché qua in mezà no son stat bon de trovarghene…

Gregorio. Epur sel vardea ben, là ghe ne se…

Cesare: Ben meio cusì, ades ghe ne sarà de pì e sarà pi ben net.

Gregorio: Giusto! Ma no vorie che restese neta anca la casaforte!

Cesare: Oh! No ghe sarà de sti pericoli, el vedarà…mein lieber herr.

Gregorio: Ben vedaren. Intanto alo al conto che lo ripaghe dela spesa?

Cesare: Al conto dei sugaman? (ridendo) Ma che! Lo ho butà via. Cossa voleo che importe al conto? Ho speso 18 franchi, el me li dae e se finio…

Gregorio. Eh no, al scuse, ma el conto….conta. Mi bisogna che giustifiche tuto, tanto….

Cesare: (ironico)Per la regola! Nicht war?

Gregorio: Bravo, precisamente… Dunqua anca qua me vol… come se diseo in todesco .. la peza d’apogio?

Cesare: Ben, ben, alora ghe faro mì un duplicato…(scrive rapidamente poche parole su di un pezzo di carta che porge poi con ostentata sollenità a Gregorio) Eco el documento in regola! (e torna a sedere accanto a Ines)

Gregorio. Benon.(Preso il pezzo di carta lo guarda e si mette quindi a sfogliare dei registri)

Bepo: Sior Lunatico, che scuro che l’è qua, voleo che ghe inpinzhè la luce?

Gregorio: No, no, che la luce la costa cara e mi ghe vede istess..(piano) Anca masa!

Bepo: (andando verso Cesare che è più che mai intento a discorrere con Ines) E lu paronzhin, el me scuse la parola, comandeo che ghe fasse un fià de ciaro?

Cesare: (aspro) no,no…va via!

Bepo: (andandosene piano) Porco can! Se un a l’è gato, st’altro a l’è pantegana! (guardando verso la finestra) Che scravassada che vien do a momenti!

(La scena si andrà gradatamente oscurando)

Gregorio: (prendendo con una mano il registro e con l’altra gli asciugamani e avvicinandosi a Cesare) Sior Ceriani, el vardi che qua ghe se uno sbaglio, o i lo ha imbroià. L’ha paga i sugaman a un franco e mezo l’un, mentre el so prezo a l’è 90 centesimi..Eco, el vedeo, ghe n’aven comprà de compagni proprio el mese pasà.

Cesare: (seccato) Eh! El lasa star che mi ho altro da tenderghe…

Gregorio: Ma se trata de una diferenza de 7 franchi e 20 e a Boconi bisognarie fargheo saver, Nol pol magari telefonarghe già che aven quela comodità? (indica l’apparecchio)

Cesare: E par 7 franchi e 20, el vol che me scomode a telefonar? Caro lu, mi me interesso de afari più importanti e no ghe bado a ste kleinheit…

Gregorio: (rassegnato) Ben… mi veramente no voarie passar par un m….artufo gnanca in quele robe ch’el dise lu, ma peraltro no insiste. Qua el figura lu, l’è la so firma, dunque mi son in perfeta regola.

            (dopo un istante trilla il campanello del telefono)

Cesare: Oh chi eo che seca ades! (va all’apparecchio) Pronti? Con chi parlo? Pronti? Non si capisce niente….signorina, signorina. (torna a suonare) Pronti! E dunque? (impazientendosi) Signorina, non mi faccia perder tempo… chi chiamava? Pronti! Qui parla la ditta Ceriani ed io con chi parlo? Non capisco…(adirandosi sempre di più) Insomma, che cosa c’è in questo maledetto..? Ah un contratto? Con chi? Con la Direzione dei Manicomi? (abbandonando in gran collera il ricevitore) Accidenti al telefono e a questo servizio indecente…. Ades fae mi un de quei reclami… (entra nello studio)

SCENA XII

Gregorio e Ines

Gregorio: (Che avrà osservato con la coda dell’occhio tutta la scena, ridendo tratto tratto sotto i baffi, si alza e va a mettere a posto il ricevitore del telefono. Avvicinandosi quindi al tavolino di Ines) Cò chi che i l’avea signorina? Cò Bocconi?

Ines: Nò, cò la central, ghe era un contato co la Direzion dei Manicomi.

Gregorio: Ah! A l’era in contato col manicomio? Caspita, par quel che l’era cussì furioso!

Ines: Eh sfide mi! Dopo aver tanto sigà no l’è stat bon a saver né chi che i lo ciamea né cosa che i volea…

Gregorio: La vardi ea se val la pena de aver recie bone…Mi almanco son sordo, e ringraziando Dio, de sti acidenti no i me capita.(toccando la macchina da scrivere) E qua come vala co sto tranvai? (osservando lo scritto) Me par che no se core mia tant ah? Co sta corrispondenza…Oh…oh.. cossa ala scrit qua, (leggendo) E in attesa della merce…cara… Cara? Cossa che vol dir?

Ines: (arrossendo tutta confusa) Ah! Uno sbaglio (affrettandosi a cancellare la parola con la gomma) La e una machina che la va poc ben.

Gregorio: (con finta ingenuità) Ah si? Ghe seo anca qua dei contati?

Ines: (c.s.) No, ma tanti picoi inconvenienti che fa lambicar…

Gregorio: E perder tempo, no l’è vero? Ben (osservando la scatola dei fazzoletti) e qua cossa ala de bel?

Ines: (che prima avrà cercato invano di nasconderla) Oh gnent, roba mia… Fazoletini che me son comprada stamatina…

Gregorio: Ah, l’eo questi che i l’ha fata ritardar?

Ines: Si, i me ocorea per….

Gregorio:Per sufiarse al naseto? Ben, qua la ghe n’ha anca par forbirse la boca…Oh…(esaminando la scatola) qua l’è saltà via al cartelin (chinandosi e raccogliendo da terra una piccola etichetta) Ciò varda che combinazion!(legge) fratelli Boconi lire 7 e 20!…

SCENA XIII

Cesare e detti

Cesare: (uscendo dallo studio con un foglio in mano) Eco fat el reclamo. (Si arresta sorpreso vedendo Gregorio e Ines che parlano insieme) Ah benissimo!

Gregorio: (a Cesare) Parleo co mi?

Cesare: (sarcastico) Si. Vede ch’el comincia a interessarghe anca a lu la datilo…grafia! Ghe troveo gusto?

Gregorio: (mostrandogli l’etichetta) Si, e ho trovà giusto la peza d’apogio original!

Cesare: (mordendosi le labbra ma ostentando indifferenza) Ah ho piaçer! E l’ao scoperto l’America adess?

Gregorio: Ah no, solamente quel che me interessea (mutando tono) e che spero sarà suficiente perché el fae meter in parte l’inchiesta De Bini…Eh si perché se no….

Cesare: (con intenzione) Se no… el sonerà la tromba, no l’è vero?

Gregorio: (insorgendo) Come? (quindi assumendo un tono di solenne gravità) Signor Ceriani figlio, un tal strumento in sto uficio nesun i lo ha mai adoperà. No so se ades l’ha intenzion lu de introdurlo, par completar el corredo de le novità, ma lo preghe de notar ben che par conto mio, campana fin che se vol, ma tromba…..nix (si accosta alla cassaforte ed estraendo dei denari) Eco qua, questi l’è i so disdoto franchi… el se li conta..perché dopo mi no ghe ne rispondo..(pone sul tavolo i denari)

Cesare: (a denti stretti) Oh! Me fido, lu no l’è un on che sbaglia…

Gregorio: Se la piova la cala? (dando un’occhiata alla finestra) Nossignor, la crese. (e ritorna al suo posto).

Cesare: (a Ines) E ela che furba che la è stada!

Ines: Mi no ho colpa, el è veguo qua e… l’ha vist…

Cesare: Oh! Da resto no me ne importa gnent.. El paron son mi, dopo de tut.

SCENA XIV

Marco e detti, poi Bepo

Marco: (entrando tutto inzuppato di pioggia) Corpo de Baco! Me la son ciapada tuta. Ma come che la è che no me ve rispost quando che ve ho telefonà perché me portessi un’ombrela? No avè sentio? Seo diventadi tuti come Lunati?

Cesare: Aven sentio si a sonar, ma no se ha capio gnent perché ghe era un contato..

Marco: (passando accanto a Gregorio) I seca peraltro sti contati!

Gregorio: E già … cò l’ospedal dei mati… Qussì in caso de bisogno….

Marco: Cossa che vol dir sto discorso?

Cesare: (a Marco) Ah no stà a badarghe, incuo nol ghin capisse meza…

Marco: Eh già, cò sto temp quel Lunati al’è proprio un on impossibile! Ma che scuro che l’è qua. Perché no impinzè la luce? Perbaco, la è aposta! (gira lui stesso la chiavetta della luce elettrica, quaindi entrando nello studio) E anca qua scuro completo!

Bepo: (entrando con una lettera) Sior Lunatico un dispresso par lu personale.

Gregorio: (prendendolo) Va ben…(apre e legge)

Cesare: Bepo, vien qua…

Bepo: Pronti!

Cesare: Da dove che vien quel’espresso?

Bepo: Ma… mi no so! Sula busta me parea scrit, me perdone la parola, Brucheles…

Cesare: Va ben, basta, va via…(Bepo fa il saluto militare ed esce) (a Ines) Mi ho paura che quel sior là, (indica Gregorio) cò tuta la so regola..(e incontrandosi con lo sguardo di lui-forte) Signor Lunati, buone notizie?

Gregorio. Comandi? Si, notizie mie particolari…

Cesare: (ironico) Ah… sergreti di stato?

Gregorio: No, no me se nato gnente… grazie.(intasca la lettera e si rimette a scrivere)

Cesare: (alzandosi di scatto e avvicinandosi verso lo studio) Ah! Ma stavolta no lasso mia star, l’è ora de finirla co stì misteri, bisogna farghe sputar fora tuto…oh sì! (entra nello studio)

SCENA XV

Virginio, Gregorio e Ines

Virginio: (Entra senza parlare)

Gregorio: (con premura) Oh! L’eo qua? E dunque?

Virginio: (tuttora imbronciato) E dunque no era stat fat gnient…

Gregorio: Eh lo savee mi! E alo podest combinar?

Virginio: Si, ma proprio per miracol…

Gregorio: Bravo , son proprio contento.

Virginio: El varde lu se valea la pena ch’el vegnisse dala Germania par dar de sti profiti…

Gregorio: Ben lassemo star, intanto son contento che anca questa la sia giustada..

Virginio: Ma non son mia contento mi…

Gregorio: Come? Ah! Per l’afar che i lo riguarda? El tasi, el tasi che aven giustà anca quel…(trilla il campanello dello studio)

Ines: (a Gregorio) Signor Lunati, è chiamato di là…

Gregorio: Va ben, ades vae…(a Virginio) Alora el continue pur sto lavoro che dopo parlaren… (entra nello studio)

Ines: (dopo un breve silenzio, a Virginio) Signor De Bini, no serve ch’el tegne ancora al muso duro perché ormai el processo al’è stat fat e i lo ha assolto..(scherzosa) Eh sfido mi, dopo la difesa de sior Lunati che le è il re dei avocati!

Virginio: (serio) Mi no ho bisogno de avocati per so regola..

Ines: (burlandolo) Oh anca lu per la regola? (dallo studio s’odono intanto delle voci concitate, mentre da sinistra giunge un debole suono di piano) El senta, el senta sior De Bini…

Virginio: (si alza e va ad ascoltare all’uscio)

Ines: Ma no… l’è in studio che i crida..

Virginio: E lassa che i crida…

Ines: Ah, ghe interessa al pianoforte a lu! (scappa subito al suo posto perché Gregorio esce dallo studio)

SCENA XVI

Gregorio e detti

Gregorio: (uscendo tutto fremente ed agitato, e rivolgendo ancora la parola a quelli di dentro) E adess, ghe comunicherò el resto, cussì no i avarà dubbi.(a Ines) Signorina, ela libera la macchina?

Ines: Sissignor.

Gregorio: Ben la cioe un foglio net e la scrive quel che ghe dete mi…(Ines esegue) Ela pronta?

Ines: (fa cenno di si)

Gregorio: Avanti alora, partenza, e atenta a no sbagliar. La data: 20 marzo 1903. Spettabile ditta Ceriani S.Cassiano…(vedendo Ines che lo guarda meravigliata) No la scrive? Ala qualche cossa in contrario forse?

Ines: Mi…no….

Gregorio: (dettando e cercando invano di frenare la commozione) Faccio immediatamente seguito al colloqui odierno per comunicare a codesta ditta che, persuaso….

Ines: Ma, el me scusi, el core masa…

Gregorio: (fremente) Core masa? Ma no le è stade fate aposta per corer.. quele robe là? Avanti, avanti (dettando) persuaso di non poter più corrispondere alle esigenze dei tempi nuovi e alla fiducia finora goduta…

Virginio: (non potendo trattenere la sua sorpresa) Sior Lunati…

Gregorio: Cossa ch’el vol? Nol me stae a interromper caro lu.. Avanti signorina, forza...(continuando a dettare) ...ho deciso di licenziarmi con la fine del corrente mese..(Ines s’interrompe) Ma cossa ele ste fermade?

Ines: El scusi un monento che ho sbaglià una parola..(cancella con la gomma)

Gregorio: (impazientendosi) Ah! Benedeta la pena de oca..

Virginio: Ma el senta sior Lunati, el me fassa al piaçer , el me spieghe la rason…

Gregorio: Cossa volo che ghe spieghe? Nela vita l’è chi che monta e chi che desmonta, dise al proverbio, e mi desmonte prima che i me bute do…

Virginio: Ma come mai? Lu che l’è tanto afezionà, lu che da tanti ani l’era….

Gregorio: Si, ere...Ma il sospeto distruge l’afeto, caro mio, e adess l’è ora de dimostrargheo …(a Ines) Signorina, ela sgombra la linea?

Ines: No ancora un momento

Virginio: (a Gregorio) E alora mi dovarie far altretanto?

Gregorio: No, la so posizion la è diversa…Lu l’è giovane, el pol aver dele speranze… Mi ormai, i me lo ha dita anca lori (commovendosi) tremo, son vecio, no conte pì gnent

Virginio: No l’è vero!

Gregorio: (rimettendosi) Si l’è vero, e sicome ho quel che me basta par viver, salude tuti e me ritire nela mia scorza. (a Ines) E dunque signorina, semo all’ordine?

Ines: Sissignor, Voleo che ghe dise dove che sen arivadi?

Gregorio: Eh lo so, lo so, all’ultima stazion sen arivadi. Dunque…(dettando) Rimango fin d’ora a disposizione di codesta on. ditta per la resa dei conti e per la consegna della cassa, tanto…(dopo una breve pausa) Si, per l’ultima volta voi proprio sgnacarghela, la scriva: tanto per la regola! Punto esclamativo, con distinto ossequio. E basta! (pausa). La me parecie la busta e dopo la pol andar a merenda che l’è ora… E cussì anca lu, De Bini, el vae che dopo se vedemo….e el me fassa al piaçer de mandarme su Bepo.

Virginio: Va ben, arrivederci (esce quasi contemporaneamente a Ines)

Gregorio: (dopo aver riletto e firmato la lettera, con voce sommossa) Questa almanco i la trovarà ciara e no tremolante (chiude il foglio nella busta e a Bepo che entra) Eco Bepo, consegna subito sta lettera al cavalier Marco.

Bepo: Pronto! (a parte) al me ciama su par tuto questo? El paronzhin fa scuola, se capisse (entra nello studio)

SCENA XVII

Gigia e Gregorio poi Bepo

Gigia: (entrando col solito cesto senza che Gregorio se ne accorga, parlando tra sé) Adess al me cridarà perché son in ritardo.. Ma sfido mi, co la piova che era, ho dovuo salvarme soto un portego se no, sto fià de risoto, al diventea una sopa! (si accinge a levare i piatti dal cesto) Oh quanta acqua! E tra poc ghin vien do altretanta, l’è un scuro fora che par mezanote!

Gregorio: (volgendosi, dopo essersi cambiato di giacca e mentre stà indossando il soprabito) Ah! Setu qua? E cossa setu drio far?

Gigia: Ciò nol vede? Son drio pareciar per la marenda…. Ho ritarda perché…

Gregorio:  No..no… gnent, gnent, meti via tut, meti via tut…

Gigia: (stupita) Come? Nol vol magnar ancuo?

Gregorio: No, magnerò a casa… a casa mia…

Gigia: Ah ben! Dopo che son vignesta qua co sta piova… ma parcosa?

Gregorio: Perché me comoda cussì… Presto, presto manco ciacole..(si mette lui stesso a riporre i piatti sul cesto) Che ale volte no i ghe trove del contrabando anca qua….

Gigia: Del contrabando in çesto? Ma al fai pian, benedeto lu, che no i li rompe i piatti! (a questo punto si spegne la luce elettrica e la scena rimane all’oscuro) Alo visto? Co la so furia l’ha ..fat studar parfin al ciaro..

Gregorio: No importa ghe veden lo stesso, ma sbrighete!

Gigia: Eh me sbrigo si, gnanca che fusse al terremoto!

Bepo: (uscendo in fretta dallo studio) Sior Lunatico, al temporal l’ha interot la corente, de là ie restadi al scuro, no i ghe vede pì…

Gregorio: Ah no? Ben ciapa al me mocol (trae di tasca un mozzicone di candela, come al primo atto, e glielo porge) Cussì l’è tornà utile anca questo, impinzalo e varda de no tacar fogo…

Bepo: (rientrando nello studio) benon, benon…

Gregorio: (a Gigia) E adess cori, andemo via….

Gigia: Ma nol vede che piove? Se bagnarà tut al risoto..

Gregorio: (prendendo dal cassetto un ombrello e aprendolo) Tasi, lo ripareren co sto bacalà…(piglia Gigia per un braccio e la trascina fuori).

Fine II atto.

ATTO III

Stanza in casa di Gregorio, ammobigliata con sobrietà. La comune nel fondo. A sinistra, porta a vetri da cui si scorge parte di un terrazzino. A destra, l’altra porta e una finestra. Scrivania con sopra varie carte. Sedie ecc. Mattina.

SCENA I

Gigia e Varni.

Gigia: (entrando dalla comune e introducendo Varni, tutta cerimoniosa) Al se comode pur qua signor…(gli porge una sedia).

Varni: Ma tornerà presto il signor Lunati?

Gigia: Eh sissignor! Fra diese minuti, al pol star sicuro ch’el è qua. Oh! No le pericol ch’el sgare, parchè, no so se i lo conosse, al e cussì preciso e puntual al me paron…Ciò, basta dir che i lo ciama l’on de la regola…

Varni: Eh! Lo conosco…

Gigia: Dunque vedelo: al e andà, via ,come al solito, ale 8 e tre quarti in punto, ale 9 al e rivà al medà e ale 9 e un quarto…

Varni: Scusate: a quale mezzà?

Gigia: A qual? Al so po’…ossia a quel…

Varni: Della Ditta Ceriani?

Gigia: Proprio quel…

Varni: (sorpreso) Ma come? Se sono stato ieri e m’hanno detto che il signor Lunati s’era licenziato da circa due mesi…?

Gigia: Sissignor, le vero, anzi i e do mesi e medo, ma al me paron al va lostesso ogni matina…

Varni: Non capisco.

Gigia: Eh! Ma fin ala porta solamente, salo, e al çerca anca che nessun i lo veda…

Varni: Strano! E perché?

Gigia: Parchè, sior, cossa volo? Al era abituà da tanti ani a far quela stranda che ormai nol pol pì far de manco…e cussì al continua come prima… E mi die ch’el e ancora pì puntual lu che no staltri impiegati…

Varni: Ma oggi poi è anche festa…

Gigia: Sissignor, ma lu, capiselo, l’era solito andarghe anca de festa…Oh! Al avea un atacamento par quel medà ch’el ghe sarie stà dentro dì e not…

Varni: Sicchè ora soffrirà per averlo abbandonato?

Gigia: S’el sofre? Eh! Lu no lo dis çerto, ma mi , che son fina e lo capise me acorde si che ghe fa mal, oh altro che ghe fa mal! E nol pol desmentegarselo… Vedelo ste carte (gli indica quelle della scrivania) mi no so leder, ma le a da esser carte vecie del medà. Ben , lu passa de le mede dornade, a vardarsele, a palparsele come che le fusse carte da mile…

Varni: Si capisce che per lui hanno un valore d’affezione…

Gigia: Eh! Par afezion al ghi n’à da vender a tuti, se ben no i lo dimostre…Al ghe volea tanto ben a quela fameio dei so paroni…dove, par dir la verità, al era po’ tratà come un de casa…

Varni: E perché se n’è venuto via?

Gigia: Mah! La rason no se la sa parchè quel benedeto on no parla…Ma çerto i ha d’averghene fat qualcheduna de grossa par ridurlo a quel passo. Mi salo nissun me la cava dala testa che la causa de tut sia stà quel paronzon…del paronçin…

Varni: Ah! Il signor Ceriani juniore…

Gigia: Mah! Mi no so s’el fussa un niore o un porta malore, çerto che a mi  nol me andava do e gnanca al me paron…Ma i se ne acordarà che guadagno i a fat in tel ciorselo!

Varni: Oh certo, lo credo anch’io.

Gigia:             Oh! Beato lu che almanco me dà rason…Ma par carità, signor, nol ghe fae mia capir al me paron che mi ho dita ste robe… se no quel me magna…

Varni: (scherzoso) Eh! Non sareste neanche un cattivo bocconcino…

Gigia:             (schermendosi) Oh par carità, cossa diselo? Anca mi come vedelo… son ormai in ritiro…(tendendo l’orecchio) Ma Ecolo, ecolo al me paron ch’el fa ades le scale…(andando verso la comune) Paron, le qua un sior che i lo speta. (via).

SCENA II

Gregorio e Varni.

Gregorio. (entrando) Che me spetelo mi? Chi elo?

Varni: (andandogli incontro cordialmente) Signor Lunati, buongiorno…

Gregorio: (un po’ sorpreso, ma calmo) Ah! Elo lu? Bongiorno… in cossa posso…?

Varni: Sono venuto qui da Lei… per parlarle nei riguardi…

Gregorio: (interrompendolo) Scusè, sior…Varni, me par?

Varni: Appunto

Gregorio: Prima ch’el scumizie…salo lu, che mi no son pì al procurator dela Dita Ceriani?

Varni: Si, me l’hanno detto, ma…

Gregorio: E cussì al savarà anca che de afari no me ne ocupe pì…?

Varni: Si, ma ecco senta: Io volevo dirle che la Casa Seeven di Bruxelles, la quale, in seguito alle pratiche da Lei iniziate personalmente fino dal Febbraio scorso, doveva affidare la sua rappresentanza per il Veneto alla Ditta Ceriani…Mi ascolta?

Gregorio: Si, si, lo ascolte, ma par creanza salo… no par altro…

Varni: Bene, dopo il nostro ultimo colloquio, la Casa deve averle scritto direttamente da Bruxelles… si ricorda?

Gregorio:  Se me ricorde? Sicuro! In data 16 Marzo… un espreso…E no me lo desmenteghe! E po’ ho qua tut l’incartamento…(accnna alle carte della scrivania)

Varni: Benissimo…D’allora non se ne parlò non se ne parlò più, perchè la Casa s'’ra riservata di assumere delle informazioni... Capirà: caute negotiari...

Gregorio: Si capise, ma par carità al lasse star le parole dificili che no le posse digerir… E… al cerche de vegner al struco pitost…

Varni: Come dice? Al struco?

Gregorio: Si ala conclusion insoma…

Varni: Ah! Al nòcciolo?

Gregorio: Va ben, al nòccilo, ala mandorla, al rosegot, a quel ch’el vol… purchè al fae prestin… salo mi ormai…

Varni: Ebbene ecco: le informazioni sulla Ditta Ceriani non ci risultano ora troppo favorevoli…

Gregorio: Come? La e una Dita onestissima, salo, e mi ghe posse assicurar…

Varni: Si si, va bene, come onestà non c’è nulla da dire, ma è nei riguardi finanziari, vede, che corrono delle voci assai poco rassicuranti.

Gregorio: (sinceramente colpito) Davvero?

Varni: Pare che in questi ultimi tempi, da quando cioè Ella se ne è uscito e il signor Ceriani figlio ha preso le redini della Ditta, si siano iniziati degli affari molto arrischiati e finiti poi disastrosamente…Non lo sapeva Lei?

Gregorio: No… questo no lo savee… ossia me lo imaginave si, ma no credee… che cussì presto… Oh! Me dispiase, me dispiase proprio…

Varni: La mia Casa perciò…non può più… Lei mi capisce…

Gregorio: Eh si! Capise… capise… purtrop…

Varni: Siccome però essa ci terrebbe ad avere una rappresentanza qui nel Veneto, avrebbe pensato di affidarla a lei dal momento che è stato appunto lei l’iniziatore…

Gregorio: (sorpreso) Comandi? Cossa diselo? Vedelo che ghe sente poc…

Varni: (forte) Dico che se lei volesse assumere per suo conto questa rappresentanza…

Gregorio: Cossa? Mi? Ma…lu eo mat!…ossia, al me scuse, intende dir, fora de strada…

Varni: Eh via! Sappiamo venissimo che lei, quanto a mezzi non è del tutto sprovvisto… E poi, data la sua capacità e la stima di cui gode… noi potremmo in ogni caso accordarle… Insomma, la mia proposta non dovrebbe parerle disprezzabile…

Gregorio. No…no…anzi…Ma al disprezzabile sarie mi, capiselo, se fasesse una parte simile al me vecio paron.

Varni:  Oh senta: dal momento che lei ha creduto, e certo giustamente, di lasciarlo…

Gregorio. Ma lo ho lassà apunto par ciorghe ogni sospeto che mi lavorasse par conto mio…Dunque ades no voaria darghe proprio la prova contraria! Ah! No, no… nianca per idea! Mi ormai me son ritirà e stae massa ben cussì

Varni: Eppure con le sue belle qualità, con dei meriti così indiscutibili… con delle risorse…

Gregorio: Al scuse se lo interompo…Elo la festa de San Gregorio incuò?…

Varni: Perché?

Gregorio: (mezzo scherzoso) Ciò sente ch’el me fa un esaltazion!…(cambiando tono) No, no senta sior Varni…al risparmie pur al fià… Mi no son un on che se lasse intimorir, ma nianca lusingar…Ormai son massa ruden par çerti lustramenti... e po’, se no acete, ho le me bone rason…

Varni: Che volendo potrebbero sparire…

Gregorio: Bravo! Al me fae sparir questa dele recie, se l’e bon.

Varni: E perché no? Conosco dei sistemi modernissimi di cornetti acustici che, se vuole, posso spedirle…

Gregorio: No…no… dei sistemi modernissimi, me fide poc… al se figure po’ in genere de corneti…

Varni: Dunque non ne facciamo nulla?

Gregorio: Eh! Par mi quel che ho fat, ho fat…

Varni: E questa è la sua ultima parola?

Gregorio: No, posse dirghe ancora: che me dispiase ch’el se abia disturbà, che lo ringrazie de la so bela proposta e dela bona opinion ch’el ha de mi, e che lo salude e lo riverisse tant…

Varni: (rassegnato) Allora… pace…

Gregorio: Si: pax tibi Marce…

Varni: (sorridendo) Ah! Lo adopera anche lei il latino!

Gregorio: Comandi? Oh si, ma par mi al vero latin a le al veneto, dove no l’è imbroi…parchè i lo capise tuti, anca i turchi! (congedandolo) Arivederlo sior Varni…

Varni: (volendo quasi prenderlo in parola) Arrivederci…allora…

Gregorio: Si…ma bon viaio intanto…(a Gigia che sarà comparsa sull’uscio) Eco acompagna sto sior e mostreghe al scalin che nol se inciampe (Varni esce accompagnato da Gigia, mentre Gregorio si mette a riordinare le carte della scrivania parlando piano fra sé).

SCENA III

Gregorio e Gigia

Gigia: (rientrando dopo un istante) Paron, no la fat nianca un fià de tratamento a quel sior? Chissà cossa che al varà dita…

Gregorio: (senza nemmeno alzare il capo, ruvido) Te podea pensarghe ti…

Gigia:  Si, parchè dopo al me strapaze! Ma, paron, nol pol assar star de missiar quele carte, che dopo le ghe mete malinconia e i lo fa deventar rabioso?

Gregorio: E a ti cossa te importelo?

Gigia: Me ne importa, parchè voria vederlo un po’ pì contento…A remengo! Sen qua in do scotai e ven da farse sta bela compagnia? Tanto fa alora ch’el avesse continuà ad andar in medà e che mi fusse restada sola…

Gregorio: Ciò menarosto! Creditu che me abia licenzià da l’uficio par farte compagnia a ti? Mancarie altro!

Gigia: Ben, e se me licenziesse anca mi da lu , cossa disarilo?

Gregorio: Che te se parona de farlo…

Gigia: Ah! No ghe serve pì, dunque? (suona il campanello).

Gregorio: Si, ti te me serve, ma no come che voaria mi…

Gigia: E come volarilo lu? Sentin…

Gregorio: Te lo dita çento volte: fando sol quel che te ordine…(il campanello squilla di nuovo, Gigia lo sente ma non si muove).

Gigia:  Va ben, alora farò cussì.

Gregorio:  Vedaren se ti sarà bona de durar e quant…

Gigia: Eh! Al vedarà che stavolta che dure…(rimane li immobile, mentre il campanello squilla ancora più forte e a lungo).

Gregorio: (accorgendosene) Ciò, Gigia, me par che i sona…

Gigia: Eh altro che! Le la terza volta, e mi die che a momenti i spaca anca al campanel!

Gregorio: E no te verde?

Gigia: Ciò… spetee ch’el me lo ordinasse lu…

Gregorio: (adirandosi) Eh insemenida! Anca questo ho da ordinarte? Va cori, se no te me cava un de quei…

Gigia: (andandosene) Sior si, vedelo inveçe de cavarse al soprabito se no i lo impolvera tut…

Gregorio: Va a verder te die…e al resto no sta pensar…

Gigia: (piano) Ah! Se no ghe fusse ormai cussì affezionada…(va via dalla comune mentre Gregorio esce a sinistra).

SCENA IV

Gigia e Virginio.

Gigia: (introducendo Virginio) Oh! Ma varda che bela sorpresa! Al scuse, salo, se lo ho fat spetar fora dela porta, ma ere in sofita…Son proprio contenta de vederlo; e lu come stalo?

Virginio: Cussì e cussì…

Gigia: Infati, no sarie creanza dirlo, ma al me par un fià sbatuo…Oh! Sarà efeto de la staion… opur de qualcossa altro…Al me dise, al me dise, ghe sarie forse qualche novità in vista?

Virginio: De che genere?

Gigia:  Ciò, del genere adato ala so età… Al e un bel giovinoto dunque…me par…

Virginio: Eh… la tase, la tase cara ela…

Gigia: Parchè? Volarilo forse restar sempre cussì, anca lu come al me paron, ch’el scomizia ormai a insemenirse e che, no fae par dir, ma se no me avesse mi…

Virginio: Elo de là, sior Lunati?

Gigia: Ma che Lunati d’Egito! Al dise: sior Gregorio! Che qua no aven creste! Al è de là si, ma ades al vien… Oh al lo vedarà çerto volentiera, parchè sò ch’el ghe vol ben…Al e un on che brontola, brontola, ma che in fondo, savendolo cior…Ah! Sior Virginio, se ricordelo quando…?

Virginio: La senta Gigia: ela già vegnuda la signora Elena?

Gigia: (sorpresa) La signora Elena? La parona… del paron?

Virginio: Si, ho sentio che la dovea vegner qua, incuò a sta ora…

Gigia: Qua? A far cossa?

Virginio: A parlar co’ sior Gregorio, credo…

Gigia:  Oh bela! Al spete che lo averte subito…

Virginio: (trattenendola) No, no, no ocore, lassi star che co la vien i lo vedarà…

Gigia: Ben, al senta, a proposito: come andene la do?

Virginio: Mah! Come Dio vol…

Gigia: Eh poc ben, scomete…Figurarse! Mancando la zata del me paron, no pol esser altro! E no me dispiase mia salo, specialmente par quel grandonet.. che s’intende! Fiol de un can! Se mi avesse continuà a vegner là co’ la marenda, varia finio col romperghe un piat sul muso a quel …germanico! E … al me conte: co’ staltra come vala?

Virginio:  Quala?

Gigia: Eh! La….ta….tirofola po!…quela del remengon cone ghe dis Bepo…Pararie, ah? Ch’el sior paronçin, co’ la scusa del tichete…tàchete…

Virginio: Mah! Le afari sui…

Gigia:  Eh già! Ma che almanco i andesse a remengon davvero lori soi…Parchè staltri, dopo tut, l’è bona gente, la paronçina Rita po’ specialmente…Oh! Che voia che varia de vederla…(interrompendosi) Zito, zito… le qua al paron…

SCENA V

Gregorio e detti

Gregorio:  (uscendo dalla sua stanza in veste da camera) Gigia, chi erelo? (sorpreso, vedendo Virginio) Ciò? Eo lu qua? Cossa volo dir…?

Gigia: (mentre Virginio saluta) Cossa ghe parelo? No le una bela sorpresa ch’el ne ha fat?

Gregorio: (a Gigia) Tasi, e ti va de là…(a Virginio) E lu no le in uficio? (rammentandosi) Ah! No, le festa, la rason…Ben, cossa elo?

Virginio: (un po’ impacciato) Sior Gre… Sior Lu…

Gregorio: (rifacendolo) Sior Gre…sior…Lu…Avanti al se sbrighe, eo deventà come Bepo? Cossa eo ch’el vol?

Virginio: Ho bisogno de sfogarme…

Gregorio: E… al me ha scelt proprio mi?

Virginio: Si, parchè lu le l’unica persona che me posse capir…

Gregorio: Mi, che son sordo?

Virginio: Eh! Co’ mi al ghe ha sempre sentio…

Gregorio: Si, co ere al so capo uficio, ma ades le robe le e cambiade…

Virginio: (sospirando) Purtropo…magari no…

Gregorio: Come? Ma lu dovarie esser contento de no aver pì sta secada che i lo tegnea ligà a l’orario…

Virginio: Oh… l’orario… ho paura che par mi ormai…

Gregorio: Parchè? I lo alo licenzià?

Virginio: No, ma…

Gregorio: Volo licenziarse lu?

Virginio: Gnianca, ma…Insoma, sior Gregorio, i afari dela Dita i va molto mal… e la rason…

Gregorio: Si, avanti la so… me la imagine…

Virginio: Al lavoro ades scomiçia a mancar, mi vede che l’opera mia la deventa quasi inutile; la me dignità, capisselo, me consiglia de trovarme un altro impiego…Viceversa no so deciderme e…

Gregorio:  E la rason me la imagine anca quela!

Virginio: Ah si?

Gregorio: Eh! No ghe vol mia una gran inteligenza, salo; basta un fià de memoria: (quasi declamando) Vergine bella che di sol vestita…Elo andà avanti anca col resto?

Virginio:  Ah! Dunque lu se ricorda ben de…?

Gregorio: Del so …atacamento al medà? Altro!

Virginio: Ma… i lo avea anca lu… del resto…

Gregorio: Come? Pian, pian: No sten a confonder al contenente col contenuto! Al mio era atacamento d’altro genere eh! Tanto per la regola! (da sé) Ostregheta! Era tant che no lo disee! (poi, con altro tono, parendogli quasi di trovarsi ancora in ufficio) Ben, insoma, desbrighemose che qua le tante robe da far…(indi, rimettendosi, ed alterando a forza la voce) Ma nol sarà mia veghest qua par farme de ste confidenze?

Virginio: No… mi volee pregarlo, e no parle par mi sol, de voler…desmentegarse tut quel che le stat, e ascoltar al…(s’interrompe perché sente picchiare all’uscio).

Gregorio: (fissandolo) Avanti…fora…

SCENA VI

Detti, Gigia, e poi Elena e Rita.

Gigia: (entrando) Paron, salo chi che le qua?

Gregorio: (volgendosi irritato) Chi che te ha ordinà de entrar?

Gigia: Ciò, ho batuo, el me ha dita:avanti…

Gregorio: Ma che! Ho dita avanti a lu, e ti: indrio! Indrio!

Gigia: Ma, al scuse, ma le vegnuda dela gente…

Gregorio: Dele altre secade? No ho temp….no ho temp…

Gigia: Ma no, le la parona e la paron…

Gregorio: Cossa? Cossa? Mi no conosse, né parone né paroni…

Gigia:             (forte) Le la signora Elena e la signorina Rita…

Gregorio: (alzandosi di scatto) Come? Le signore Ceriani qua? (ha un moto istintivo come per andar loro incontro, ma fatti pochi passi verso l’uscio si arresta) Ben, e cossa desiderele da mi…? Mi no le…

Gigia:  Ciò, porete, le vorà farghe visita…

Gregorio:  Ma sone malà, incuò, che tuti i vien a visitarme?

Gigia: Eh via! Nol sia cussì ruspego…Vedelo che le è de là che le speta…Oh! Mi le fae entrar…(esce).

Virginio: (a Gregorio) Ma si, sior Gregorio, i le riceve… Credo che le vopia dirghe anca lore…

Gregorio: (a Virginio fissandolo in volto) Ah! Lu savea alora che le dovea vegner? Anzi, forse i se varà mes d’acordo, no le vero? (investendolo e accalorandosi sempre più) Ah! Ades capise cossa che i vol da mi… Che ghe tegne terzo…magari…? Al sarie questo dunque al sfogo che ghe ocorea…? Al sarie questo al…

Virginio: (cercando di acquietarlo) Ma no, ma no sior Gregorio, cossa diselo? Nol me ha capio…

Gregorio: Eh! Altro che capio! No se trata mia de recie, salo, qua, ma de naso e…mi lo ho fin!

Virginio: Ma mi ghe die che son pronto ad andar via se lu crede…

Gregorio: Sicuro che l’andarà via e subito anca, prima che staltre…(chiamando) Gigia…(non vedendola) Corpo de diana! Vutu scometer che ades la me fa entrar…Ben, ben, sior De Bini, presto, presto…via…al se ritire subito in quela teraza e guai a lu s’el se fa veder…(lo spinge quasi a forza sul terrazzino, quindi da sé) Ma varda ti, se mi voi de sti trucheti in casa mia…!

SCENA VII

Elena, Rita, Gigia e detto

Gigia: (introducendo, con molta premura, Elena e Rita) Le se comode, le se comode signore…

Elena e Rita.(salutano inchinandosi).

Gregorio: (con una certa sostenutezza) Riverisco… servosuo…A cossa deve…?

Gigia: Ma le se sente, signore, vole restar in piè? (porge loro delle sedie).

Elena e Rita (siedono).

Gregorio: (aspro a Gigia) Va a tender in cusina ti, ch’el to posto le quel de serva e no de cerimoniera…

Gigia: Mi dighe che me toca far de tut…altro che…(alle signore) Compermesso (via dalla cumune).

Elena: Al scuse, sior Gregorio…

Gregorio: (fingendo di non sentire) Comandi?

Rita: (piano ad Elena) Dighe: Lunati…

Elena: Signor Lunati, me dispiase d’esser vegnuda forse a disturbarlo, ma al sa, le stà proprio par contentar qua la me Rita…

Gregorio: (lievemente ironico) Eh! Me lo imagine…

Rita:  Ah! Al sa dunque che ghe voi ben?

Gregorio: A chi? Parlemo ciari…

Rita:  A lu po’; al me vecio capo uficio…A chi volo che sia?

Gregorio: Mah! No so nient, le come che se s’intende…

Elena: Oh! Par dir la verità, la me Rita ha sempre avuo par lu una gran stima e un gran afeto…

Gregorio: Va ben… sarà benissimo…ma…

Rita:  No, no, sior Lunati, mi lo ho considerà sempre come un secondo papà.

Gregorio: Ah si? Anca quando la vegnea de scondion a ciorse l’inchiostro?

Rita: (abbassa  gli occhi e sorride).

Elena: E mi sola posse dir quant ghe ha dispiasest quela volta, che so fradel no l’ha pì volest…

Gregorio: Eh lo credo… Ma no sveien al can che dorme ades…Ormai quel che le stà le stà e aqua passada no masina pì…

Elena: (sospirando) Eh… la masena ancora inveçe! Se al savesse sior Gergorio…

Gregorio: Cossa elo suces, disgrazie?

Elena: Cossa volo! Da quando me marì se ha ciot quel tosat…

Gregorio: Qual tosat?

Rita: Eh! Cesare! Cesare!

Elena: No sen andadi pì ben…

Gregorio: Come? Con tute le inovazion ch’el ha portà? Al telefono, la luce eletrica, la machina da scriver co’ la relativa datilo…

Elena: (interrompendolo) Ah! Par carità…Nol me nomine quela machina d’inferno e quela…

Rita: Oh! Par conto dela machina la me par una roba utile, dopo tut…

Gregorio: (a Rita con intenzione) Anzi: prima de tut…la die…

Elena: (a Rita) Tasi, tasi ti… che so mi ben quel che intende…Eh s’el savesse, sior Gregorio, cossa che le vegnest drio de quela machina…L’è che qua no posse parlar…(accenna con l’occhio a Rita).

Rita: Eo par mi, mama? Se te vol, mi vae via, varda, me mete de là in terazza…(si alza).

Gregorio: (alzandosi lui pure subito per trattenerla e obbligarla a risedere) No, no, in terazza signorina… la prego; là le… una ringhiera rota e la podarie far un tombolon in strada…(a Elena) Da resto, sala signora, capisse lo stesso quel ch’ela me voaria dir…parchè… l’ingranagio de quela machina ere arivà de conoserlo anca mi…

Elena e Rita: Ah si?

Gregorio: Sicuro: parchè i oci me ha sempre servio benissimo… e là, capisela, in medà, mi, marendee si, ma… no dormie mia eh… intendemose…

Elena: E nol me ha mai dita nient?

Gregorio: Comandi? Prima de tut mi ere al procurator e no l’informator dela Dita…E po’ quei i era afari privati del signorin… e mi no ghe dovee entrar…tanto per la…(cambiando tono) Ma ades, la me scuse sala, quel che no capisse le parcossa che le abia volest far tuta sta strada par vegner qua da mi e…

Elena: Ma, me marì no le ancora stat?

Gregorio: Come? Anca so…? Anca al cavalier Ceriani ha da vegner qua? Ma alora la e proprio una comission parlamentare che se ha dà apuntamento in casa mia?

Elena: No, sior Gregorio, no se trata de apuntamento. Sicome ho sentio ieri che Marco avea intenzion de vegner a trovarlo par…afari del medà, cussì noialtre aven volest aprofitar…

Rita:  Par… apogiar co’ la nostra presenza la domanda ch’el ghe farà…

Gregorio:  Mi no so che domanda la posse esser, ma veramente coi afari del medà lore no dovarie entrarghe…

Gigia: (entrando con un vassoio e dei bicchierini) Comparmesso…

Gregorio: (vedendola) Ecola qua eh! Chi elo che te ha ciamà?

Gigia: Nessun, ma sicome credee ch’el s’avesse desmentegà come prima, cussì ho portà un fià de marsala…(posa il vassoio sul tavolino).

Gregorio:  E parcossa par tre? Te sa che mi liquori no ghe ne beve a sta ora…

Gigia: Sissignor; e no va ben? Do par le signore e un par sior Virginio…

Gregorio: (scattando) Qual sior Virginio? Chi elo? Dove elo sto sior Virginio? Qua no le né Virgini né da virginar…

Gigia: Ciò, nol era qua anca lu? Dove elo andà? (girando intorno lo sguardo) In terazza a ciapar fresco? (va per guardare).

Gregorio: (afferrandola) Ma che fresco! Ma che terazza! Là no l’è nessun e s’el era al sarà cascà do!

Gigia: (spaventata) Cascà do? Maria Vergine, cossa diselo? (si svincola da lui e corre alla terazza).

Elena e Rita: (facendo altrettanto) Oh par carità…!

SCENA VIII

Virginio e detti

Virginio: (uscendo dalla terrazza tutto sorridente) No… no… son qua…! (si avvicina a Rita).

Gregorio: (mettendosi subito in mezzo a loro per separarli) Cossa, cossa? Ah! Niente sali, in casa mia de ste comedie…Questo no le…al medà e bisogna che i fae al piaçer de andarsene…Parchè qua comande mi, son mi al paron… e de sti afari no ghe ne voi…(a Elena) E me mareveie de ela signora… A ti po’ bruta striga (cerca con l’occhio Gigia, ma questa ha udito suonare è corsa ad aprire).

Rita:  (con graziosa civetteria) Eh via, sior Gregorieto, al sia bon…

Gregorio: Ma che Gregorieto! Mi no son né Gregorieto né Mamaluchetto… e dei so pasticci no ghe ne voi saver: Tanto per la…

SCENA IX

Marco e detti

Marco: (entrando accompagnato da Gigia) Comparmesso…

Gregorio: (tutto fremente) Ah elo qua? Ben ho caro e me dispiase che no ghe sie anca al signorin so fiol… Eco, vèdelo chi che l’è là? (indica Virginio e Rita) Vèdelo che bei dogheti che i vien a combinar in casa mia? Nol crederà che i abia ciamadi mi, no le vero? Che sie d'acordo co'’lori? Al fae quel che l ha da far dunque... Al se desbrighe... Al li sisteme lu…Al è lu so pare… al l’è lu so…(vedendo Marco rimanere tranquillo) Come? Al tase? Nol se scompone gnianca? No ghe ne importa gnient? (cambiando tono) E alora…a mi me ne importa manco ancora! (fa un mezzo giro su sé stesso e si volta da un’altra parte).

Marco: Al senta caro Gregorio…

Gregorio: No: Lunati prego…Ma al senta lu pitost cavalier: lu dunque al savea che sti signori i era tuti qua e anca par che scopo i e vegnudi? E alora, al me fae al piaçer, al me dise: M’ai ciot par al sindaco forse o par al piovan, che i me fa assister a ste cerimonie?

Marco:  No, al senta: che le me femene le fusse qua mi no lo savee, ma no me dispiase che le ghe sie: Che fra Virginio e la Rita ghe fusse qualcossa savee e no savee… ma no era ancora al momento…

Gregorio:  Eh già! La dovea s’ciopar qua la bomba, par farme pì ordo de quel che son!

Marco: Ma mi, caro Lunati, son vegnest da lu par un’altra roba…

Gregorio: Un’altra bomba?

Marco: No; vorie farghe una proposta…

Gregorio: Comandi? Vedelo che forse cambia al temp e…mi devente un on impossibile!

Marco: Ma al me scolte: Me fiol Cesare, capisselo, no ghe pensa pì de star in medà parchè… insoma nol se trova ben, e po’ anca parchè i afari…

Elena: (a Marco) Eh! Va là chel sa tut…

Marco: (con accento commosso) Mi, me dispiase…pensando che su de lu avee fondà tute le me speranze…

Elena: E inveçe al è stat la causa de tuti i nostri malani…

Gregorio: (con sincera bonarietà) Mah! Sta benedeta gioventù!

Marco: (continuando) Cussì stamatina al me ha tornà dir…che dale nostre parti nol se trova e ch’el vol tornar a l’estero…Mi me fa mal al cuor…

Elena: E anca mi…Ma d’altronde pitost ch’el se rovine lu e ch’el ne rovine pedo noaltri, le meio lassarlo andar, almanco par un altro fià de temp… Cossa ghe parelo?

Gregorio: Ciò, co i è contenti lori che i è i genitori e i paroni…

Marco: E cussì, co’ lu sparirà al telefono, la luce eletrica, la machina da scriver…

Rita: Qh! La machina da scriver no, papà…

Elena: E cossa vutu far de quel’intrigo? (a Gregorio) La signorina la se ha licenzià…

Gregorio: (come parlando tra sé) Me dispiase… me dispiase proprio…

Elena: Dela signorina?

Gregorio: No…no Eh! Quela la è una colombina che troverà ben da becolar al so gran da qualche altra parte… A mi me dispiase sentir de sto medà che va desfandose…

Marco:  Ma…a lu no le era contrarie tute ste novità?

Gregorio: Come? Ah no! Sen precisi: mi no me era contrario alla novità ma al metodo…Parchè, al me creda, anca al progresso bisogna saverlo cior…co’ regola!

Marco:  Ben, al scolte ades volarilo tornar…?

Gregorio: Dove? In medà?

Elena: Oh! Magari tornasselo co’ noialtri…

Rita: Oh si, si al torne sior Gregorio…

Virginio: Al desmenteghe quela famosa letera…

Gregorio:  Mi me dispiase de contradir sto bel coro, ma bisogna che ghe risponde con un sol no… Parchè mi quando ciape na decision… no la cambie, tanto per…

Virginio: Eh! Ma ogni regola l’ha la so ecezion…

Gregorio: (a Virginio) Al tase lu, che nol centra…! (ripigliando, gli altri) Volea dir… tanto per l’abitudine!

Marco: Ma al senta: ades no le pì al posto de procurator che ghe ofre, ma quel de socio…

Gregorio: (con meraviglia) Socio? E co’ che capitai?

Marco: Co’ quei ch’el volarà o anca senza, parchè i so meriti e la so esperienza val pì de tut…Lu l’ha al pallino del comercio…

Gregorio: (scherzoso) Ah già! Parchè so far pulito le rece da mercante, no le vero?

Marco:  Eh! Al lasse là: che s’el ghe sente par medo, al ghe vede par quatro!

Rita e Virginio: (sorridendo) Ma proprio!

Gigia: (che sarà appena entrata) Eh! Se sa, quel che no va in busto va in manega!

Gregorio: (minacciandola) E ti…va fora dei piè, atu capio? (Gigia esce).

Marco: La me Dita, purtrop, ha avuo delle scosse, ma la pol resister ancora…Ora, se lu me aiuta a tegnerla su, va ben, se no, me ritire anca mi e bonanote a tuti…Dunque acetelo?

Rita: Ma si, sior Gregorio, l’acete par amor mio…

Virginio: E anca par mi…

Gregorio: (a mo’ de ritornello) No ghe sente… no ghe sente…parchè son dur…

Rita: De recia, ma tenero de cuor…

Virginio:  E noaltri ghe parlem a quel.

Gregorio: Ma al cuor le vecio e al e sordo anca lu…(forte suono di campanello). Hali sonà? Ostrega! Un’altra visita ancora?

ULTIMA SCENA

Gigia e detti.

Gigia: (entrando con in mano un dispaccio) Paron! Telefrico! Telefrico!

Gregorio: Telegrafo par mi? Ma chè! I se sbalia… Mi no ho afari urgenti co’ nessun! (prendendo e guardando il dispaccio ) Epur al nome l’è al mio… Al vien dala cità (aprendolo). E anca risposta pagata (legge).

Gigia: Telegrana, vol dir malore… Mi treme tuta…Disgrazie paron?

Rita: (scrutando la faccia di Gregorio) No: mi scomete che le bone notizie!

Gregorio: Credela si? (porgendole sorridendo il dispaccio) Ben, la ciape, la lede e po’ la me die cossa che ho da risponder…ela che la è medha avocata.

Rita: (leggendo) Prima di partire, permettomi insistere ancora mia odierna proposta. Sperando sua accettazione, spediscole catalogo cornetti. Saluti Varni.

Gigia: Ciò, quel foresto de prima che ne manda i corneti…?

Rita: (ritornando a Gregorio il dispaccio) Mi no so de cossa che se trate, ma ghe rispondarie subito: Accetto!

Gregorio: E inveçe no. (va alla scrivania per stendere la risposta. Mentre intinge la penna) Eh… che fis che le sto inchiostro! No se pol nianca scriver…

Gigia: Sfido mi, co’ tuta la polvere che fa quele cartasse nol pol deventar che polenta…

Gregorio: Tasi! Se no te lo fae magnar!

Virginio: (porgendo a Gregorio la sua penna stilografica) Sior Gregorio, volo scriver co’ questa?

Gregorio: (prendendola con diffidenza) Cossa elo sta roba? Un baston de liquirizia?

Rita: No: una penna stilografica che ghe ho regalà mi…

Gregorio: Ah! Anca lori dunque i marcia col progresso? Niente, niente, no voi de sti zogatoi (fa per deporre la penna, ma poi la trattiene e… immergendola distrattamente nel calamaio) Ben via, par stavolta molemoghe un pont. Già ormai i se mola da soi…(scrivendo) Ciò … la scrive benon… da resto… (porgendo a Marco il telegramma) Eco, al varde se le ciaro.

Marco: (legge) Accettiamo. Ditta Ceriani & Lunati. (resta sorpreso).

Rita: (allegra) Ah! Quel che avee dita mi!

Gregorio: Niete afato! Acete no le acetiamo, bisogna esser esati!

Marco: Va ben, ma acetiamo cosa?

Gregorio: La rapresentanza par al Veneto dela Casa Seeven de Bruxelles…

Marco: Davvero? Quela rapresentanza importantissima che tant desideree de otenier?

Gregorio: Proprio quela: I me l’ha oferta e mi acete par la nova Dita sociale!

Marco: (contentissimo) Ma questa a l’è una fortuna! Una risorsa che basta da sola par tirarne subito su..

Gregorio: Ciò, speren…

Elena: (giubilante) Oh grazie, grazie, caro Gregorio, lu a le al nostro angelo di salvezza…

Gregorio: (alzando le falde della vestaglia, scherzoso) Si, co’ le ale de pezza…

Virginio: Ma ancora saldo in gambe, no le vero?

Gregorio. (con finta severità) Siorsì! E lo farò star in gamba anca lu, ades ch’el me torna soto…

Rita: (con grazia civettuola) E mi, sior Gregorio, me ciapelo in medà come datilografa?

Gregorio: Comandi? In medà ela col colega Virginio? Parchè i me cambie la machina da scriver in un…automobile a do posti? Ah no…

Elena: (intervenendo) Eh, ma presto i podarà unirse anca lori…

Gregorio: In società? Ben, ho piazer, ma no i voarà mia, spere, farme entrar anca in quela?…

Elena e Marco: Eh! No, no, se capisse…

Rita e Virginio: Ghe lo fen saver tanto… per la regola!

Gregorio: (a Virginio) Ben, al senta lu…al me fae al piaçer de spedirme sto telegrama e questo e lo passarà al’archivio…(gli consegna e due moduli).

Virginio: (prendendoli) Va ben…(e dopo averne osservato uno) Ma, al me die sior Gregorio, cossa sarilo po’ sti corneti…?

Gregorio: (traendolo in disparte) Ah! Una forma de progresso anca questa, ma che riguarda mi sol, e lu…(dandogli un piccolo colpo sulla nuca a mo’ di congedo) al preghe al Signor che no l’abia da riguardarlo mai!

FINE DEL III ED ULTIMO ATTO.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 9 volte nell' arco di un'anno