Perché papà è mio figlio

Stampa questo copione

PERCHE’ PAPA’ E’ MIO FIGLIO

COMMEDIA IN TRE ATTI DI

G.RESCIGNO

PERSONAGGI:

CICCILLO

ELIGIO FRITTELLA (amico di Cicillo)

FILOMENA (suocera di Ciccillo)

LUIGINO (figlio di Ciccillo)

ELVIRA (moglie di Ciccillo)

BARTOLOMEO (marito di Filomena)

NANA’ (canzonettista)

MATTEO (servo)

RAFFAELE (ispettore in borghese)

PEPPINO (suo aiutante)

CARMELA (serva)

ATTO PRIMO

SCENA I

Matteo, Elvira poi Ciccillo e Filomena

Matt -   Eppure stammatina Don Ciccillo s’è scetato nervoso, nun ce sta matinata che s’aiza calmo, ma io ‘o saccio ‘o pecchè, s’è spusato ‘na femmena assai cchiù giovane d’isso e naturalmente nun sta maie tranquillo.

Elvi -   Matteo, mio marito è turnato?

Matt -   Nossignore, ma credo che sta a mumento pe’ veni’ (Ciccillo sotto la porta fa cenno a Matteo di andare via, lazzi, Matteo via pooi si avvicina ad Elvira coprendole gli occhi)

Cicc -   Indovina chi sono?

Elvi -   Gesù, si’ Ciccillo.

Cicc -   E comm l’he capito?

Elvi -   Aggio canusciuto ‘a voce.

Cicc -   Già, comme so’ cretino, nun aveva parla’

Elvi -   Comme va ca già si’ turnato?

Cicc -   Pecchè quando sto luntano, sto sempe ncoppo ‘e spine, tu dovresti immaginarlo il perché…

Elvi -   ‘O ssaccio, ‘o solito pensiero…la differenza di età

Cicc -   Ecco hai capito

Elvi -   Quanta vote t’aggia dicere che tu vale ciento vote cchiù ‘e tutte sti giuvinotte ‘nzipete, antipatici e tutta apparenza.

Cicc -   Ma tu sei un angelo (fa per abbracciarla, donna Filomena dalla prima a dx tossisce con malizia)

Elvi -   Mammà

Cicc -   E chi puteva essere…

Filo  -  Genero

Cicc -   Suocera

Filo  -  Quante volte vi debbo dire che in questa camera non voglio che vi abbracciate.

Cicc -   Ma scusate, questa è casa nostra? Io sono o non sono il marito di mia moglie?

Filo  -  Sissignore, m cierti cose non è detto che s’hanna fa’ dinto ‘na cammera ‘e passaggio.

Cicc -   Ccà nce simmo truvate e ccà nce l’avimmo fatto.

Elvi -   Ma di’ ‘a verità mammà, te dispiace?

Filo  -  (con finteria) A me?...No…Anzi…

Cicc -   No, vi dispiace! Ma del resto, po’ , nun ve do’ tuorto. Voi siete ancora una suocera in gamba! Insomma in voi si riscontrano tutti i sintomi della donna innamorata.

Filo  -  No…innamorata no…sapete com’è, certe velleità femminili, non sono ancora assopite. Per me la donna è come un giardino, se è curata da un giardiniere abile, il giardino diventa una serra piena di rose, ma se il giardiniere è avaro di manodopera, ‘o ciardino se secca e invece delle rose, ci trovi le ortiche.

Cicc -   Saggia riflessione.

Filo  -  Non vi nascondo che quando penso che sono stata tanto infelice con mio marito, suo padre, mi viene una tristezza, ma una tristezza, m’aveva capita’justo a me nu squilibrato comme a chillo?

Cicc -   Un maestro di musica, un compositore, se capisce che doveva essere un tipo bizzarro.

Filo  -  Bizzarro si, ma no a tale punto.

Cicc -   E già, voi pensavate, cu nu maestro ‘e musica è facile trovare l’accordo, invece…

Filo  -  Fu un disaccordo completo, un disastro. Figuratevi che nemmeno la prima notte di nozze riuscimmo a trovare la nota giusta. M’illusi di cominciare la nostra unione con un andantino mosso, poi pensai ci sarà l’allegretto e quindi finiremo in un crescendo rossiniano. Addo sta?

Cicc -   Il crescendo non venne?

Filo  -  Addò sta? E mentre io m’aspettavo il crescendo rossiniano quello se ne veniva fuori con la marcia turca di Mozart…Ta ta…(imitando la stessa)

Cicc -   Evidentemente per lui non esisteva che la musica.

Filo  -  La musica sissignore, ma tutta musica lenta, mai un maestoso, mai una toccata!

Cicc -   Nemmeno la toccata?

Filo  -  Mai. E quando qualche volta, ma molto raramente, cominciava con la toccatina, dinto ‘o meglio mi lasciava per correre al pianoforte e fissare sul pentagramma le note di una nuova romanza.

Elvi -   Povera mammà!

Filo  -  Un sola toccata facemmo e dopo quella toccata nascesti tu…

Elvi -   Mammà, ma che dici?

Filo  -  Che ho detto di strano. Senza dubbio tu sei l’unica composizione allegra che ha fatto tuo padre, il resto fu muffa…fino a che un bel giorno, poco prima che nascesse lei, se ne uscì con la scusa ‘e purta passianno a Fifì ‘a cacciuttella, so’ passate cchiù ‘e vint’anne e sta passianno ancora c’ ‘a cacciuttella.

Cicc -   Se sta facenno ‘na bella cammenata!

Filo  -  E capirete, restare comme so’ restata io non era ‘na cosa regolare, così, appena fu possibile, feci le pratiche necessarie per ottenere la dichiarazione di morte presunta.

Elvi -   Per conseguenza ti vorresti rimaritare?

Filo  -  E pecchè no? Certo tu mò pienze a tuo marito, tuo marito penza a te, e a me naturalmente mi avete trascurata, ecco perché cerco di rimaritarmi.

Cicc -   Ecco spiegato pecchè nun ve fidate ‘e vede’ quanno nuie nce abbracciammo.

Filo  -  Ciccì…nun putisseve vede’ fra i vostri amici qualche partito per me?

Cicc -   Io? Questa è bella, nu genero che fa ‘o sanzano p’ ‘a suocera!

Filo  -  ‘O sapevo che ve sarreste rifiutato…ma nun fa niente, c’ho pensato io.

Cicc -   E in che modo?

Filo  -  Lo saprete, lo saprete (via)

SCENA II

Matteo e detti

Matt -   (dalla 2 a dx a Ciccillo) Signurì…signuri…

Cicc -   Che è stato?

Matt -   Signurì, io aggio cumbinato nu guaio.

Cicc -   Che he’ fatto?

Matt -   Mentre stevo dinto ‘o studio vuosto pulezzanno chillu pupazzo ‘e gesso, ‘o turco, è gliuto’nterra e s’è rotta ‘a capa.

Elvi -   Jammo a vede’ mammà, jammo a vede’(via con Filomena a dx)

Matt -   (fa segni a Ciccillo di attendere) Signurì…signuri

Cicc -   Uh, che vuo’?

Matt -   ‘O fatto do turco è niente, nce sta ‘na cosa cchiù grossa.

Cicc -   He fatto scarrupa’ tutta ‘a stanza, che d’è?

Matt -   Isso sta a Napule.

Cicc -   Isso chi?

Matt -   Chillu llà…

Cicc -   Chillu llà chi?

Matt -   ‘O figlio vuosto!

Cicc -   Vattenne animale, Luigino sta a Tripoli.

Matt -   Sta a Napule.

Cicc -   Sta a Tripoli, s’è stabilito llà.

Matt -   Embè me facite senti scemo, ne vulite ‘na prova sicura? (si assicura di non essere visto) Tenite, chesta m’ha dato isso.

Cicc -   (apre la lettera e la legge mentalmente) Che te pozzano mpennere! E io comme faccio?

Matt -   Ve pare io nun cunuscevo ‘o figlio vuosto? L’aggio visto diece mise fa e po’…a cunusciuto isso a me.

Cicc -   (nasconde la lettera) Ma tu nun ‘o dicere a nisciuno e casomai avesse veni’ ccà, pe’te è ‘n estraneo; famme nu guaio ca io te rompo ‘a capa.

Matt -   P’ ‘o fatto ‘e chesto putite sta sicuro.

Cicc -   Io ho pensato e penso per lui…e isso ‘o sape ca ‘o pate so’ io…

Matt -   …E ca isso v’è figlio.

Cicc -   Legalmente non porta il mio cognome, pecchè nun ‘o putette leggittima a causa da famiglia mia, ‘a mamma che aveva una relazione cu me, era la moglie di un maresciallo di marina e avette penza io a farlo crescere, ma muglierema nun sape niente e niente adda sape’. Te pare ca ‘na donna ancora giovane a nu mumento a ‘n ato se trova mamma ‘e nu figlio ’e …anni. Si nce ‘o dicevo nun me avarria spusato, perciò silenzio.

Matt -   Nun ce penzate…io po’ mica so’ scemo, appena ‘a veco le dico: Signurì, vostro marito nun tene figlie.

Cicc -   Si nun t’ ‘o spia pecchè nce l’he dicere? Tu non devi aprire bocca.

Matt -   Allora va bene.(via per la comune)

Cicc -   Vedite, io ‘o faccio a Tripoli e chillo me cade ncuollo a Napule.(tira fuori la lettera e la rilegge in silenzio mentre Elvira si avvicina in silenzio e da dietro legge)

SCENA III

Elvira e detto, poi Matteoindi Don Eligio

Elvi -  (legge) Mio caro papà!

Cicc -   (sorpreso) Eh, si tu?

Elvi -   Che d’è sta lettera?

Cicc -   Niente…

Elvi -   Comme niente, io ho letto: “Caro papà”, chi è che ti scrive? Voglio vede’

Cicc -   No, sono segreti.

Elvi -   Segreti con me? (ad arte si impossessa della lettera) E allora vediamo…

Cicc -   Elvi’, damme ‘a lettera.

Elvi -   Ah, no! (legge) “Caro papà, non mi chiamare pazzo…”

Cicc -   Statevi bene …

Elvi -   (come sopra) “Ma non posso starti lontano. E’ inutile dirti che non tengo più la croce di un centesimo,mi trovo proprio al verde pisello! Aiutami, tuo figlio Luigino” P. S. La miseria è brutta assai, madre è lei di mille guai! E adesso la spiegazione di questa lettera.

Cicc -   La spiegazione? E certo, t’ ‘a dongo, del resto po’ quanto so’ scemo, pecchè ne faccio nu segreto? Sta lettera è diretta a me, ma non è mia.

Elvi -   E di chi è?

Cicc -   E’ de chisto tale Luigino, che scrive ‘o pate che è un mio strettissimo amico che mò si trova a milano, e siccome lui sa dei buoni rapporti che tengo c’ ‘o pate, m’ha scritto p’ave’ quaccosa ‘e denare.

Elvi -   E te chiamma papà? E comme se chiama st’amico tuoio?

Cicc -   Se chiamma…se chiamma Eligio Frittella. Se n’avuta fuj’ a Milano pecchè teneva l’anema de femmene.

Elvi -   Vuo’ dicere che ‘a mamma ‘e Luigino era…una ‘e cheste?

Cicc -   Ah, no! Era maritata a nu maresciallo ‘e marina.

Elvi -   Tu l’he cunusciuta?

Cicc -   (distratto) Figurati…è durato cchiù ‘e  ‘n anno

Elvi -   Che cosa?

Cicc -   (riprendendosi) La relazione con questo mio amico.

Elvi -   E isso, ‘o giovane, che fa?

Cicc -   Scrive canzoni, è poeta. Mbè, ma mò parlammo d’altro.

Elvi -   Ma mò datte da fa, scrive subito ‘o pate. Addò he’ ditto che sta?

Cicc -   A Milano.

Matt -   (dalla comune annunciando) Il signor Eligio Frittella.

Cicc -   Ma che si’ asciuto pazzo?

Matt -   Qua pazzo, chillo sta fora…

Elvi -   Comme isso? Vene da Milano…ma guarda la combinazione. (a Matteo) Fallo trasi’

Cicc -   E mò comme ‘a cumbino?

Elvi -   E’ nu bello piacere che he’ avuto

Cicc -   Sicuro! Chisto è nu piacere troppo gruosso, cu nu piacere ‘e chisto se po’ pure muri’. Fa’ ‘na cosa, vattenne dinto così nce parlo senza suggezione.

Elvi - ‘O voglio cunoscere.

Elig -  (entra dalla comune, è un tipo di vecchietto in gamba, completamente calvo ed eccessivamente raffreddato. Salutista per eccellenza) E’ permesso?...Guè, caro Ciccillo…(vedendo Elvira) oh pardon!

Cicc -   (presentandoli) Mia moglie, il mio amco Eligio Frittella.

Elig -   Fortunatissimo…sono concessionario della nota ditta China Micone unica al mondo per far crescere bene barba e capellli.

Cicc -   Chi nun ‘o crede, basta che guarda a isso (Elvira ride)

Elig -   Che c’entra. Io quando entrai nella ditta Micone, già non tenevo capelli, signo’ vostro marito che tipo allegro, che pazzaglione! Si sapisseve chisto quante n’è gliuto facenno…

Cicc -   (piano a sua moglie) Alle volte se scemunisce e piglia a uno pe’ ‘n ato, questo non te l’ho detto.

Elvi -   Puveriello (fra sé)

Elig -   (va a chiudere la finestra) Voi permettete, sto accatarrato buono…e st’aria me fa male.

Elvi -   Prego, prego.

Elig -   Cara signora, la salute innanzitutto, specie io che sono perseguitato dalla sventura. Io dovrei essere ricco e invece facenno ‘o cuncessionario tiro la vita inventando.

Elvi -   Inventore?

Elig -   Io ho fatto delle belle invenzioni che hano avuto un grande successo. (a Ciccillo) Intanto te si nzurato e non mi hai invitato, bell’amico.

Cicc -   Tu stive a Milano, comme venive?

Elig -   E va bene, mi piglierò la rivincita mò ca me nzoro. Signora mia il matrimonio è la sistemazione della vita, ‘o guaio è quanno veneno ‘e figlie…nun ce vo’ niente niente pe’ crescere, meno male che io nun ne tengo.

Elvi -   Ma che d’è nun tene ‘o figlio?(a Ciccillo)

Cicc -   He’ visto?

Elvi -   Ma nun se cura?

Cicc -   ‘E vote le veneno pure delle mosse, mò n’ ‘o faccio ‘j’! Dunque caro Eligio, grazie della visita… e vattenne.

Elig -   Io so’ venuto pe’ ‘n informazione che sulo tu me puo’ da’

Elvi -   So io lo scopo della visita, della vostra venuta.

Elig -   Voi?

Elvi -   Tengo io la lettera che vi deve consegnare mio marito.

Elig -   ‘Na lettera?! (Lazzi di Ciccillo) E scusate ‘e chi è sta lettera?

Elvi -   Di vostro figlio.

Elig -   Di mio figlio?

Cicc -   (marcato) Te si scurdato  di tuo figlio? Sti cerevelle nun t’ ‘e vuo’ cagna’?

Elig -   Chi mai ha avut figli?

Cicc -   Comme Luigino! (lazzi poi a Eligio) Di ca si, sennò te strafoco!...Puoi parlare liberamente, scappatelle ‘e gioventù…

Elvi -   Ah, certo…che peccato che nun avite potuto legittimarlo.

Elig -   Ah, sicuro…

Elvi -   E ‘a mamma po’?

Elvi -   (con disprezzo) ‘A mamma po’…

Cicc -   (con intenzione a Eligio) Quell’era maritata ad un maresciallo…

Elig -   …Di fanteria

Cicc -   Ad un maresciallo di marina! (piano ad Elvira) ‘E cerevelle nun ‘e tene cchiù

Elvi -   Ma mò vi conviene di non abbandonare quel povero giovane.

Elig -   Certo.

Cicc -   E mò te ne puo’ j’…

Elig -   Aspetta l’informazione…

Cicc -   E quale dici?

Elig -   Ho letto sul “Mattino” che hai un agenzia di matrimonio.

Cicc -   Io? Ma tu te stai scimunenno buono!

Elig -   Ccà sta ‘o giurnale (azione) Liggite vuie signo’ (lo passa ad Elvira)

Elvi -   (legge) “Vedova, giusta età, situazione indipendente, bella presenza, sposerebbe uomo di mondo. Dirigersi agenzia matrimoniale Francesco Campesi vico Concordia 34”. Ccà dice proprio ‘o nomme tuoio, ‘o stesso cugnome.

Elig -   Dunque presentami questa vedova.

Elvi -   E chi ha pututo fa’ nu scherzo ‘e chisto?

Cicc -   (pensa poi battendosi la mano in fronte) Donna Filomena! E’ stata mammeta.

Elvi -   Ma no,non è possibile…

Cicc -   Si, è stata essa, poco prima ha ditto: Ci ho pensato io. E chesta è ‘a penzata che ha fatto, metterme pe’ ncoppo ‘e giurnale, ha fatto addeventa’ a casa mia ‘n’agenzia matrimoniale! Vammella a chiamma’.

Elvi -   E calmate, calmate…nce adda sta nu sbaglio (via 2 a dx)

Cicc -   Tu che si’ venuto a fa’? Tu nun viene maie, chi t’ha ditto ‘e veni’?

Elig -   Ma che d’è?

Cicc -   E’…è che arrivanno tu ccà, m’he fatto nu guaio!

SCENA IV

Donna Filomena, Elvira e detti

Filo  -  (seguita da Elvira) Che c’è?

Cicc -   C’è che desidero sapere che vo’ dicere st’avviso dint’ ‘o giurnale. (lo mostra) Questo me fa fa’ ‘na figura ridicola cu chi me cunosce.

Elig -   (tra sé) Cesta è ‘a vedova? E’ bona!

Filo  -  Alla fine non è una cos vergognosa è una donna che cerca marito…

Elig -   E per questo io mi rovo qua.

Cicc -   Tu nun te mettere miezo pecchè nun puo’ spusa’.

Elig -   Io? E pecchè?

Elvi -   Vostro figlio…

Elig -   (fra sé) Mannaggia all’arma do figlio!

Filo  -  Nu figlio, ah, allora siete vedovo?

Elig -   Nossignore, io sono…

Cicc -   (interrompendolo) Questo significa avere delle colpe…mò che vuo’ fa’ ti devi rassegnare…

Filo  -  Ma no! Perché si deve rassegnare? In fondo…

Cicc -   (a Eligio) Vattenne!

Filo  -  Certo voi non siete più giovanissimo, ma quando c’è la salute…

Cicc -   Eh no! Ecco, l’avete detto, chisto sta sempe accatarrato. E’ overo? Quindi niente da fare.

Elig -   Ma io veramente…

Cicc -  Tu niente! (alle donne) Il signore se ne va, vuo saluta’? Signora piacere di avervi conosciuta…(ad Eligio come se filomena rispondesse) Piacere mio! (poi come sopra ad Elvira) Scusate del fastidio. (come sopra ad Eligio) Arrivederci e grazie. (lo spinge verso la comune)

Elig -   He’ fatto tutte cose tu! (via dalla comune con Ciccillo)

Filo  -  Elvì, ma Ciccillo fosse asciuto pazzo?

Elvi -   Ma mammà, tu veramente te vuo’mareta’?

Filo  -  Si, si e non capisco cosa ci trovate di strano. E’ chiaro che il giardino te lo sei scordato…

Elvi -   Quale giardino?

Filo  -  Mamma mia come sei tardiva figlia mia. Non hai pigliato nemmeno un pelo di tua madre…ma già, se tu sei tardiva e lenta e colpa dell’autore, del musicista che adorava gli adagi e odiava le fughe. “Bach, ma chi è questo Bach? Schubert è il vero, il solo, il completo musicista” E sai perché adorava Schubert?

Elvi -   Perche?

Filo  -  Per le incompiute. E io figlia mia, fui vittima delle sue incompiute. Non lo nego, quando vedo che tuo marito ti abbraccia e ti bacia, sento qualche cosa in me, una fiammata, una musica interiore e mi viene tanta voglia di sedermi al pianoforte e di fare esplodere tutta la mia femminilità in un capriccio, magari all’ungherese. Se ho messo quell’inserzione è perché tuo marito si rifiutava di procurarmi la felicità.

Cicc -   (entrando) Ho rifiutato e rifiuto, obbligatemi a balla’ ncoppo a ‘na corda, a fa’ capriole pe’ miezo a’ via, ma dire ai miei amici: sapete, tengo mia suocera…va propongo. Questo mai e poi mai.

Filo  -  Vi da fastidio pure questo? E io adotto un altro sistema, e questo qua è più spicciativo, parto mò proprio alla ricerca di un marito (via dalla comune)

Cicc -   Ho bisogno di un poco d’aria me sento ‘e soffoca’( via)

Elvi -   Beh, dopo tutto che si marirasse pure, basta ca Ciccillo nun se piglia tanta collera.

SCENA V

Matteo e detta, indi Nanà poi Ciccillo

Matt -   Signurì…

Elvi -   Chi è? Tu ‘n’ata vota primme ‘e trasi’ nun saie cerca permesso?

Matt -   Si nu l’aggio fatto e pecchè ero sicuro ‘e nun ve truva’ annuro.

Elvi -   Che modo di esprimersi che tene stu scemo.

Matt -   Scemo mò, ‘a matina quanno ve vengo a purta’ ‘o cafè dinto a cammera ‘e lietto, che d’è nun cerco permesso? Pecchè accio che llà s’adda cerca’!

Elvi -   Va bene, che vuoi?

Matt -   Fora nce sta ‘na signurina ca vo’ parla cu don Ciccillo.

Elvi -   ‘Na femmena? E’ vecchia?

Matt -   No, giovane e…cu rispetto parlanno, è pure bona. Ha ditto accussì che va truvanno ‘o marito vuosto pe’le rompere ‘a capa.

Elvi -   Ma t’ ha ditto proprio accussì?

Matt -   (uscendo) Si, si proprio accussì.

Nanà -   Permesso?

Elvi -   Ma chi volete?

Nanà -   A chi voglio? Voglioa chillu bello galantommo che invece di darmi il regalo promessomi, me lassaie ‘na poesia dint’ a ‘na busta.

Elvi -   Ma probabilmente avete sbagliato l’indirizzo.

Nanà -   Cara signora, mi dispiace dirvelo, ma io nun aggio sbagliato l’indirizzo…ca tengo ‘o biglietto ‘e visita. (glielo porge)

Elvi -     (legge) “Francesco Campesi via Concordia 34”. ‘O biglietto ‘e visita ‘e mio marito, questo è terribile! E stu signore pecchè è venuto a casa vosta?

Nanà -   Perché l’ho trovato ieri sera n via Toledo mentre uscivo dal teatro. Mi si è accostato e ha ditto: signorina vi dispiace se vi accompagno a casa. Io che non posso stare sola, ho una malattia di nervi sapete, soffro di solitudine e il medico mi ha ordinato di non dormire mai sola…e allora ho detto di si. Neh, quello in mattinata mi lascia un abusta sul comodino e se la squaglia! Ma scusate forse voi…

Elvi -     Io sono la moglie.

Nanà -   Pure ammogliato? Ma st’uommene ammogliate so’ pericolose overo.

Elvi -     Embè, cu tutto chesto, io quasi nun ce credo. E ha ditto ca nun se fidava e sta luntano a me! Aspettate mò v’ ‘o chiammo. (2 a sx) Ciccì viene ccà, c’è una signorina che ti vuole. (a Nanà) Mò che esce me l’avite fa’ dicere nfaccia

Nanà -   Sulo chesto? Mò ve faccio vede’ io in che modo ‘o ricevo.

Cicc -   (esce) Chi è che mi vuole? (riceve un ceffone da Nanà)

Nanà -   Uh! Nun è isso!

Cicc -   Cesta chi è?

Nanà -   Scusate, nun site vuie chille che vaco truvanno io.

Cicc -   E me date chistu schiaffo?

Nanà -   Vi cerco mille scuse. Io sono Nanà Margot, canzonettista, ed ho avuto la sfortuna di conoscere nu sfasulato, che invece di mantenere la promessa di un regalo, che io credevo un anello, un braccialetto, un assegno…me cunsegna ‘na busta chiusa cu ‘na poesia a dinto. “ La miseria è brutta assai, madre è lei di mile guai”

Elvi -   Aspettate, sta poesia nun m’è nova, ricordo di averla letta pure io.

Nanà -   E’ di un tale che ieri sera è venuto da Tripoli…dice pe’ truva’ ‘o pate.

Cicc -   E’ Luigino. (fra sé) Chillo animale vedite che va facenno.

Nanà -   ‘O sapite?

Cicc -   Purtroppo… e vi debbo dire cara signora Marcoffio…

Nanà -   No, no Margot.

Cicc -   Margot. Invece d’ ‘o regalo, cuntentateve d’ ‘o schiaffo che m’avite dato.

Elvi -   (siede) E da paura che m’avite fatto piglia’ facendomi credere ca mio marito me tradeva.

Cicc -   Mò nce ‘o torno ‘o schiaffo, nce ‘o torno!

Nanà -   Si, ma io sono sicura d’ ‘o ncuccia’, m’aggio leva’ ‘o sfizio e le fa ‘na ciaccatella nfronte.

Cicc -   Ma comme site venuta in casa mmia?

Nanà -   Pe’ stu biglietto ‘a visita che l’è caduto ‘a dinto ‘a sacca. (lo mostra) Me credevo che era ‘o suoio!

Cicc -   ‘O biglietto ‘e visita mio.

Elvi -   Io appena l’aggio letto, ho capito ca ire tu. Ma comme s’ ‘o truvava ‘o biglietto ‘e visita tuio?

Cicc -   Nce ‘o detto io, pe’ me fa scrivere…

Nanà -   Signurì, rinnovo le scuse e perdonatemi di quel piccolo schiaffo, poi mano di donna non offende. (via per la comune)

Cicc -  

Elvi -   Povero giovane…nun tene famiglia, va truvanno ‘e se diverti’

Cicc -   E già, isso se diverte e io aggio ‘e pacchere…intanto tu avevi sospettato di me.

Elvi -   E me pare logicamente.

SCENA VI

Donna Filomena, poi detti e Luigino

Filo  -  (da dentro) Elvira…Elvira…

Elvi -   (verso la porta) Mammà!

Filo  -  (come sopra) Viene nu mumento.

Elvi -   Pure cu Ciccillo?

Filo  -  (come sopra) No, no,sola…sola.

Cicc -   Va, va..vide. (Elvira via a Sx) Guardate comme se ntrecciano ‘e cose! No, assolutamente Luigino ccà nun adda mettere ‘o pede…

Luig -   (appare sul finire del discorso di Ciccillo) E pecchè?

Cicc -   (sorpreso) Luigino! Tu?

Luig -   Io incarne ed ossa.

Cicc -   E pe’ do si’ trasuto?

Luig -   P’ ‘a porta, steva aperta pecchè ‘o servitore sta scirianno l’etichetta, ma che d’è papà, nun t’ha fatto piacere?

Cicc -   Comme!

Luig -   Nun di’ buscie…sono dieci mesi che non ci vediamo e mi ricevi freddamente.

Cicc -   Pare a te!

Luig -   Nun pare a me, di’ che è proprio così, t’aggio ncucciato ca stive dicenno: Luigino ccà nun c’adda mettere ‘o pede! Dimmi almeno la ragione…

Cicc -   La ragione e che si’ arrivato quanno nun avive arriva’.

Luig -   Lo so…ma che vuo’ ‘a me quanno nun me so’ fidato ‘e sta luntano? ‘E tripuline nun me piacevano e appena abbistaie ‘na sardona napulitana che veneva in Italia, me ne so’ venuto appriesso a essa. Durante il viaggio aggio spiso chell’ati poche lire che tenevo, così arrivati ieri mattina a Napoli, l’amica, visto che io era scarso a denare, m’ha salutato e se n’è ghiuta, ieri stesso nun me putevo presenta’ addu te. Con gli ultimi spiccioli andai a vedere uno spettacolo di varietà, c’era una ragazza carina, l’aspettai all’uscita, feci amicizia e stammatina l’aggia lassata…

Cicc -   ‘Na poesia dinto ‘a ‘na busta…

Luig -   Comme, tu saie?

Cicc -   Tutto, chesta tale è venuta ccà.

Luig -   Qua?

Cicc -   Pecchè tu te faciste scappa’ ‘a dinto a’ sacca nu biglietto ‘e visita mio, ed essa credenno che cesta era ‘a casa toia, è venuta ccà pe’ tte ncuccia’. Come è logico ha truvato a me, e non badando mi ha consegnato nu schiaffo.

Luig -   A te? Sta cosa è divertente.

Cicc -   E’ divertente? Allora viene ccà che te faccio fa’ quatte risate.

Luig -   Papà forse è meglio che levammo sti scherzi a miezo, ma famme sape’mò pecchè me n’aggia ‘j?

Cicc -   Il perché mò non posso dirtelo.

Luig -   E allora lo dico io a te, nun me vuo’ fa’ sape’ che he’aperta ‘n’agenzia ‘e matrimonio.

Cicc -   ‘O saie pure tu?

Luig -   ‘O sanno tutte chille ca leggono gli annunci economici ncoppo ‘o Mattino

Cicc -   Vi’ che m’ha cumbinato donna Filomena! Qua c’è un equivoco, vattenne mò. Stasera ce vedimmo ‘e nove fore ‘o Gambrinus e ti spiegherò ogni cosa.

Luig -   Me n’aggia ‘j veramente?

Cicc -   Si!

Luig -   E nce vedimmo stasera?

Cicc -   Sissignore.

Luig -   E statte buono! (non si muove) Io me ne vaco! (non si muove)

Cicc -   E quanno?

Luig -   E si nun me daie primma ‘a corda…’o tram, si nun le daie l’energia elettrica nun cammina; l’automobile, si nun tene benzina nun va annanze; io si nun aggio ‘e lire nun me movo!

Cicc -   Ma te miette suorno ‘e me cerca’ denare?

Luig -   ‘O scuorno è ‘o tuoio che nun m’ ‘e daie.

Cicc -   Tu faie poesie, te fruttano niente?

Luig -   Manco nu centesimo!

Cicc -   E allora nun spreca’ carta inutilmente. (dandogli dei soldi) Teh, e miettece nu bello punto.

Luig -   Ma papà, veramente ccà nun è ‘n agenzia ‘e matrimonio?

Cicc -   Mò sbarea ‘n’ ata vota! Chella è stata ‘na pazzaria di mia suocera

Luig -   Tua suocera? Te si’ nzurato?

Cicc -   Aggio ditto mia suocera? E allora si, me so’ nzurato

Luig -   Ecco la ragione pecchè me ne vuo’ fa ‘j. Te miette paura ca me vedono e ci tieni a non far conoscere il frutto delle tue cofecchie!

Cicc -   No, nun è ca nce tengo, ma certo a muglierema nun ce l’aggio ditto, pecchè nunputevo fa vede’ ca tenevo nu figlio cchiù gruosso d’essa.

Luig -   E pecchè nun m’ ‘a fai cunoscere? Io le faccio ‘a mpruvvisata ‘e chiammarla mammà!

Cicc -   E tu chesto ‘e ‘a fa’

SCENA VII

Elvira e detti

Elvi -   Guè Ciccì! (vedendo Luigi) Uh, scusate!

Luig -   Prego signora…(a Ciccillo) Cesta è mamma? E’ bona!

Cicc -   Il signore stava per andare via.

Luig -   Si, ma è scortesia farmene andare senza nemmeno presentarmi.

Cicc -   (puozze scula) Ecco moglie mia, questo giovane è quello della lettera.

Elvi -   (siede) Il figlio del signor Frittella?

Luig -   (piano a Ciccillo) Comme?

Cicc -   (piano a Luigino) Asseconda…Perfettamente!

Elvi -   Fortunatissima di conoscervi. Ho letto per combinazione la vostra lettera e non dubitate che metterò qualche buona parola, conosco papà vostro.

Luig -   Eh! Sfido!

Elvi -   Poco prima steve ccà, me pareva ca steve nu poco arraggiato cu vuie.

Luig -   Papà? No, pare accussì, chillo papà s’arraggia ma in fondo è buono e po’ cu mme adda essere buono afforza…si no io ‘o pozzo scumbina’. (a Ciccillo) E’ vero ca si parlo ‘o pozzo fa’ nu guaio?

Cicc -   Ma tu non parlerai, si no patete te po’ fa’ asci’ pure ‘o sango p’ ‘o naso!

Luig -   Vedete signo’, vedete come vostro marito difende papà, e io ‘o stongo a senti’ pecchè so’ amici ‘e vecchia data…se po’ di’ che so’ nate insieme. Insomma per me papà e vostro marito rappresentano la stessa persona.

Cicc -   (a Elvira) Che t’avevo detto? Mbè, mò te ne puo’ ghi!

Elvi -   Pecchè non lo teniamo a pranzo con noi?

Luig -   Sicuro, accetto grazie!

Cicc -   (sussultando) Addò! Subbeto s’abbocca, è impossibile. A ‘n atu poco vide turna’ ‘o pate e se debbo perorare la sua causa è buono ca isso nun sta presente.

Luig -   Sicuro, dice bene…e po’ tengo ‘nacosa dinto ‘a sacca che devo distruggere subito. Dopo torno e si nun aggio altro materiale per la prossima distruzione…

Cicc -   E’ venuto Attila!

Luig -   Papà ave voglia ‘e se nquarta’, io ccà resto. Signo’ salutateme papà…(via comune)

Cicc -   Mò dongo ordine ‘o guardaporte ca nun facesse sagli’ a nisciuno.

Elvi -   No, pecchè…anzi ci metterà di buonumore, è così allegro, tanto più visto che mò restamme sule.

Cicc -   Sule?

Elvi -   Si, mamma nce lassa, parte pe’ nu viaggio ‘e piacere.

Cicc -   Quanno?

Elvi -   Subito, se sta facenno ‘a valigia.

Cicc -   Overo? Allora nce putimmo abbraccia’ e bacia liberamente (esegue)

SCENA VIII

Matteo e detti, indi d. Raffaele e donna Filomena, poi Peppino

Matt -   (uscendo, a Ciccillo) Signori’, fore nce stanno dduie signure, dicono che veneno pe’ ve chiudere ‘a puteca.

Cicc -   Qua puteca?

Elvi -   Chi so’?

Matt -   (alla comune) Favorite! (via)

Raff -   (seguito da d.Pepino, guardia in borghese) Buongiorno.

Cicc -   Cercate?

Raff -   Il nominato Campesi, chi è?

Cicc -   Sono io…ed i signori?

Raff -   Raffaele Catuogno, non ancora Cavaliere per uno sbaglio al cognome, invece di scrivere Catuogno, facettero Catogna.

Cicc -   Me fa tanto piacere!

Pepp -   Peppino Pappacone, ambedue agenti in borghese.

Elvi -   Gli agenti in borghese?

Cicc -   In cosa posso esservi utile, cosa volete?

Raff -   Siamo qua per fare un’inchiesta

Cicc -   Ma su che cosa?

Raff -   Fatemi sapere prima se voi siete in regola, tenite ‘o permesso? Pecchè molte volte se scrive avviso di matrimonio, ma po’ il dietroscena è tutto disonesto, io so’ fino, fino perciò so’ stato promosso cavaliere…non ancora ma ‘a croce io ll’aggia ave’!

Cicc -   Sentite se voi non vi spiegate ccà stammo fino a dimane a’ matina

Elvi -   Che significa stu dietro scena disonesto?

Raff -   Ho capito meh, c’ ‘o buono nun se fa niente. (indicando Elvira) Sta giovane ‘e do è? E’ minorenne? ‘O no?

Cicc -   Vuie che state ammaccanno cesta è muglierema!

Filo  -  (da dentro) Aprite! Aprite! Perché avete chiuso ‘a porta? Mi volete sequestrare?

Raff -   Bravo, sequestro di persona. La chiave dove sta?

Pepp -   Se non esce la chiave sfondiamo la porta.

Cicc -   ‘A tengo io

Raff -   Ccà nun ce sta nisciuno.

Filo  -  Mi avete chiuso dentro, mi volete sequestrare per impedirmi dipartire, questo è un paese libero.(fuori con la valigia)

Raff -   Un momento dove andate voi?

Filo  -  Io? Non la vedete la valigia, parto.

Raff -   Brava, ve la volete svignare. Ma a me nun m’ ‘a facite. Io tengo ‘o naso muscariello…aspettate! (a Ciccillo) Quella è vostra moglie, quest’altra chi è?

Cicc -   E’ mia suocera, per disgrazia mia.

Pepp -   Le vostre relazioni di parentela le spiegherete al commissariato. Jammo Rafe’, nun perdimmo tiempo, tutti quanti in questura!

Cicc -   In questura? Ma voi siete pazzo!

Pepp -   Pazzo?

Cicc -   Sicuro pazzo. Questa è una casa onesta e v’invito ad uscire.

Pepp – Oltraggio alla forza pubblica nell’esercizio delle sue funzioni.

Filo  -  Io nun aggio capito, che è succieso?

Cicc -   E’ succieso ca ve prode ‘a capa…che siete una suocera e tanto basta!

Elvi -   E’ pe’ chill’avviso, mò avimma ‘j ncoppo a’ quistura

Raff -   Avanti, seguiteci tutti.

Filo  -  Io non posso, devo andare alla ricerca di un marito.

Cicc -   Va’ muore ‘e subbeto.

Elvi -   Pe’ causa tua. (finale a concerto)

ATTO SECONDO

SCENA IX

Carmenella e Matteo

Carm -   (venendo dalla comune) Se, se, vattenne chianu chianu, senza pressa …accussì faccio ‘e servizie mieie e chille che spettano a te.

Matt -   Eh, che vuo’? Io so’ asciuto per ordine e don Ciccillo.

Carm -   ‘A stammatina?

Matt -   Si, e po’ io faccio chello che voglio. Tu me fai arraggia’ a me? E io te faccio schiatta ncuorpo a te.

Carm -   E’ meglio che schiatte, io aggia fa’ ancora ‘e servizie

Matt -   Overo? E pecchè nun vedimmo de fa’ nzieme sti servizie?

Carm -   Cu’ te? Manco ‘e cane.

Matt -   Ma te si’ vista o no?

Carm -   Mò t’ ‘o dico c’ ‘o buono, ferniscela si no nce ‘o dico ‘o padrone.

SCENA X

Donna Filomena e detti, indi Eligio

Filo  -  (dalla comune) Carmenè…

Carm -   Uh, ‘a signora!

Matt -   Signo’ bentornata.

Filo  -  Grazie, Figliema, mio genero, addo stanno?

Carm -   So’ asciute poco primma pe’ ghi a fa’ ‘na visita ‘o villino Barbetti.

Filo  -  E stanne buone?

Carm -   Sissignore.

Matt -   Vedite ‘a cumbinazione, proprio stammatina don Ciccillo se lamentava che era nu mese ‘a quanno partisteve ‘a Napule, ca nun ce aviveve fatto sape’ niente.

Filo  -  Ma è stato pe’ darle la sorpresa completa.

Carm -   Forse avite truvato ‘o marito vuosto e a Fifì.

Filo  -  No, che me ne ‘mporta cchiù ‘e chillo, ormai so’ libera e quello è legalmente morto. Se tratta ‘e nu marito, ma nu marito che sape fa’ ‘o marito!

Carm -   Comme, ve site rimaretata?

Filo  -  Addo he’ ditto che so’ ghiute? ‘O villino Barbetti? Mò ‘e vaco incontro, se casomai maritemo facesse primme ‘e me, fallo aspetta’. (via comune)

Carm -   Va bene.

Matt -   He’ capito? ‘A signora nun s’ha voluto priva’ d’ ave’o sfizio ‘e ‘n atu marito.(fascinoso)

Carm -   Ma statte zitto…chisto sbarea sempe (via)

Matt -   Va bene nun te ne incarica’, ma primma o poi vene ‘o mumento ca tu curre c’ ‘a lengua ‘a fora appriesso a stu masculone.

Elig -   (dalla destra) Eccomi qua.

Matt -   (fra sé) Chisto è ‘o marito da signora.

Elig -   Non c’è nessuno?

Matt -   ‘A mugliera vosta ha ditto che l’avita aspetta’.

Elig -   Muglierema?

Matt -   E’ ghiuta incontro a’ figlia co’ marito.

Elig -   (chisto che sta dicenno?) Mbè, va bene, ho capito. Ciccillo non c’è?

Matt -   Non c’è.

Elig -   Ah, per correre sto tutto sudato e mò sta currente d’aria me fa male.(cacciando il fazzoletto lascia cadere un guanto di donna)

Matt -   (raccogliendolo) Signuri’, v’è caduto stu guanto ‘a dinto ‘a sacca.

Elig -   Ah…si.

Matt -   (annusandolo) E comm’ addora!

Elig -   (se lo piglia e poi compiaciuto) Chist’è di Nanà

Matt -   Sta pelle c’addora accussì se chiamma? Comme addora a Nanà!

Elig -   ‘A pigliate pe’ ‘na mallarda, nonsignore…l’incontrai quattro sere fa al teatro Eden, la guardai, mi guardò, pigliaime amicizia e ‘a purtaie a cena (starnutisce) Eccì, e così non ci siamo più divisi. Stamattina mi ha detto “Co-co”

Matt -   ‘O vuo’ ‘o biscuttiello

Elig -   Tutte le signore perbene, di questa stagione vanno ai bagni. Tu me puorte? “Si ho detto io”…me so’ ricurdate ‘e stu villino che tene Ciccillo, così io resto qua, e essa l’aggio affittato ‘na cammera all’albergo. Accussì sparagno pure.

Matt -   E si l’appura ‘a mugliera vosta?

Elig -   Dalle cu muglierema, ma è ‘na mania ca tene sta famiglia! L’ultima volta che so’ venuto vulevano c’avesse tenuto nu figlio, mò vono che tengo ‘na mugliera, so’ tipe ‘e manicomie

Matt -   Venite dinto cu’ mme, parlammo cu’ Carmenella pe’ farve pripara’ ‘a cammera. (via insieme in una delle camere)

SCENA XI

Donna Filomena, Elvira poi Ciccillo

Elvi -   (entrando dalla comune) E brava mammà, che piacere ca me date! Chi se puteva mai aspetta’ sta sorpresa…

Filo  -  E mariteto?

Elvi -   Mò vene, è ghiuto fino ‘o municipio

Filo  -  Chi sa’ che diciarrà mò c’ ‘o sape pur’isso, nun le dispiaciarrà certo…

Elvi -   No, anzi…chillo rimanette arraggiato cu te pe’ nu lasso ‘e tiempo p’ ‘o fatto ‘e chill’avviso ncoppo ‘o giurnale, ma fortunatamente ‘o commissario ll’era amico e fernette a risate. Ma proprio stammatina m’ ha parlate ‘e te.

Filo  -  Benssimo.

Elvi -   E quando ce lo presenti tuo marito?

Filo  -  Mò vene ccà, sta a’ ferrovia p’ ‘e bagagli. Vedrai è ‘na perla, ‘na squisitezza…

Elvi -   Dove lo hai conosciuto?

Filo  -  A Roma, si ‘o cunuscette a Roma nei pressi del colosseo…

Elvi -   In un luogo piuttosto feroce…(ride)

Filo  -  Ma che feroce…mò che lo vedrai ti accorgerai che è una bontà senza confronti…

Cicc -   Eccomi qua!

Elvi -   Ciccì, mammà!

Filo  -  Genero mio. (lo abbraccia)

Cicc -   Voi?

Elvi -   E non è sola. Indovina con chi è venuta?

Cicc -   Con chi?

Elvi -   Con suo marito. S’è rimaritata.

Cicc -   E brava, site stata ‘e parola. E chi è mio suocero?

Filo  -  Questo stavo dicendo ad Elvira, ci siamo conosciuti durante una visita al colosseo, io veramente camminavo nu poco appaurata, sapete quel luogo mette sempe una specie di tremore.

Cicc -   E’ logico. Te puo’ vede’ annanze ‘o fantasma ‘e nu lione c’ ‘a vocca spaparanzata…

Filo  -  Nun fa’ ‘o spiritoso.

Cicc -   He’ visto come s’è cambiata tua madre?

Filo  -  Vi ripeto io cammenavo cu nu poco ‘e paura, isso se ne accorgette, si accostò e me dicette: signora posso tenerle compagnia? Ma m’ ‘o dicette cu ‘na vucella accussì aggraziata, ca là là me passaie ‘a paura…e in quello stesso momento pensai: chisto è isso. E dopo pochi giorni ci sposammo….

Cicc -   Bravi, ma non capisco pecchè chesti nozze le avete fatte così in silenzio.

Filo  -  Nun ve l’aggio fatto sape’ pe’ farvi ‘na sorpresa, ma vi assicuro che è ‘na perla…solamente…

I due -  Solamente?

Filo  -  nun l’aggio ditto che tenevo ‘na figlia.

Elvi -   Perché?

Filo  -  Per paura che non mi avesse sposata.

Cicc -   Guè tale e quale ‘o fatto.

Elvi -   ‘O fatto ‘e chi?

Cicc -   ‘E l’amico mio Frittella.

Filo  -  Ma vi garantisco è nu bravo giovane.

Elvi -   E brava mammà.

Cicc -   (nun bastava ‘na suocera, nce vuleva pure nu suocero!)

SCENA XII

D. Eligio e detti indi Luigino

Elig -   Guè Ciccì, staie lloco? (entrando da una camera)

Elvi -   Il signor Frittella!

Elig -   (a Filomena) Signo’, vuie state bene? Io sto aspettanno ancora.

Filo  -  E avite voglia ‘e aspetta’!

Cicc -   Comme te truove ccà?

Elig -   Ho bisogno di una camera in casa tua per una decina di giorni. Tu nun ce stive, ll’aggio ditto ‘o servitore ed ho preso possesso.

Cicc -   E bravo!

Elig -   Solamente so’ molto accatarrato e debbo sudare. Pe’ piacere famme nu decotto, m’ ‘o manne dint’ ‘a stanza.

Cicc -   ( ma vuie vedite, chiste cumanna a casa mia)

Elig -   Ti raccomando che sia tonico, calmante, emolliente, espettorante, pieno di malva, malvone, zucchero e papavero…quanto cchiù papavero nce putite mettere.(via nella camera)

Filo  -  Ma è nu bello tipo.

Cicc -   E’ nu poco malato ch’ ‘e cervelle.

Filo  -  ‘O saccio, me ricordo che se vuleva spusa’ a me.

Cicc -   Ih che curaggio!

Filo  -  Comm’he’ ditto?

Cicc -   Che era ‘o mese ‘e maggio quanno…

Elvi -   Mò nce ‘o faccio fa’ ‘o decotto.(via)

Cicc -   Vengo pure io, me voglio mettere in ordine per ricevere il caro suocero. (fra sé) Nu suocero e ‘na suocera, Pataterno aiutami tu.(via dietro Elvira)

Filo  -  Ah, ‘o marito è l’unica medicina che ringiovanisce.

Luig -   (entra dalla comune e l’abbraccia) Filomena mia! Aggio fatte tarde, ma ‘a colpa è stata tua…”Villa Elvira” ma non mi hai detto il cognome del proprietario.

Filo  -  Hai ragione Gigino mio! Io devo dirti una cosa…preparati a sentire una confessione.

Luig -   Una confessione?

Filo  -  Si, il momento è giunto!

Luig -   E parla, che è stato?

Filo  -  Primma ‘e tutto rifletti che il nostro è stato nu matrimonio ‘e simpatia…

Luig -   Se capisce…appena t’aggio vista “pah” è stato come un colpo di fulmine. Ma parla che mi devi dire?

Filo  -  Te ricuorde a Roma, dinto ‘o colosseo che me diciste?

Luig -   A Roma? Dinr’ ‘o colosseo? Aspetta famme ricurda’…ah si!

Filo  -  Bravo

Luig -   Te dicette che quanno l’imperatore metteva il pollice verso il basso significava…

Filo  -  No, nun te ricuorde, cheste venne prima, dopo, ricuordate buono…dopo il pollice…

Luig -   Dopo il pollice? E dopo il pollice la mano è fernuta. Che ce sta dopo ‘o pollice…

Filo  -  Guè, ma si scurdariello buono. Dopo avermi spiegato il fatto dei gladiatori, che faciste?

Luig -   M’è venuto a mente.

Filo  -  Bravo. Dopo avermi spiegato il fatto dei gladiatori faciste…

Luig -   Nu sternuto, perché stevo raffreddato.

Filo  -  Nossignore, ‘o sternuto venette doppo.

Luig -   Ma sei terribile sa’, te ricuorde il momento preciso in cui feci lo sternuto…

Filo  -  Io me ricordo tutto. E ricordo che quel mattino tu mi dicesti che la maggior tristezza della vita è chella ‘e nun tene’ ‘na famiglia…

Luig -   Sicuro…si…mi ricordo…’o dicette io?

Filo  -  E chi io?

Luig -   Ed è vero?

Filo  -  Ebbene, io in quattro e quattr’otto, te do ‘na figlia…

Luig -   Ma che…tu? (alludendo come se fosse incinta)

Filo  -  No, ‘na figlia nata, svezzata, cresciuta…te dispiace?

Luig -   No, anzi non c’è niente di strano si he’ avuto nu marito. Ma pecchè nun me l’he’ ditto primma!

Filo  -  Pecchè me credevo ‘e te perdere.

Luig -   Ma no, vuo’ sape’ ‘na cosa? ‘E criature me piaceno tante.

Filo  -  Nun è ‘na creatura, è maretata.

Luig -   Meglio, nun tenimmo responsabilità. E ‘o marito?

Filo  -  Ah, ti assicuro è ‘na perla. Sarà per te un figlio obbediente, accetti con piacere?

Luig -   Ma con immenso piacere.

Filo  -  Grazie, marito mio.

SCENA XIII

Elvira e detti poi Ciccillo

Elvi -   Mammà, aggio fatto prepara’ ‘a cammera…

Filo  -  Mia figlia. (indicando Luigino) Mio marito..

Elvi -   (‘O figlio ‘e don Eligio!)

Luig -   (‘A mugliera ‘e papà!)

Filo  -  E site rimaste accussì?

Elvi -   La sorpresa…

Luig -   L’emozione…

Elvi -   Tanto piacere…

Luig -   Il piacere è mio. (Oh! Che dice papà mò che sape che è mio genero? Io mò so’ suocero di mia madre e padre di mio padre! Neh che mbruoglio!)

Elvi -   (a Luigino) Ma vuie nun sapite ‘n’ata bella cosa, ccà nce sta pure papà vuosto.

Luig -   (eh ‘o saccio!)

Filo  -  Pecchè tu ‘o cunusce?

Elvi -   Si, e ‘o cunusce pure tu…don Eligio Frittella.

Luig -   (Che succede mò?)

Filo  -  L’amico ‘e poco primma? Guarda ‘a cumbinazione.

Elvi -   Allora chiammammo primma a isso.(fa per andare)

Luig -   No…no, chiammate primme vostro marito.

Filo  -  No, è buono parla’ primma cu pateto.

Luig -   No. Io nce parlo ‘o stesso.

Elvi -   (fermandosi e scorgendo Ciccillo) Ah, ccà sta pure Ciccillo. Vieni c’è tuo suocero.

Cicc -   (che è uscito a tempo) Piace…(vedendo Luigino) tu? Voi?

Luig -   Caro genero…

Cicc -   Caro suocero…(ma che caspita sta succedendo?)

Luig -   (a Ciccillo) Che? Aggio saputo scegliere?

Filo  -  Se chiamma Luigino.

Elvi -   ‘O sapimmo, ‘o pate è intimo amico ‘e mio marito.

Filo  -  E allora, ‘na vota che se trova ccà, è buono ca nce parlammo mò!

Cicc -   Cu’ chi vulite parla’?...Chillo è miezo scimunito.

Luig -   Mio genero ha ragione. Pe’ mò a papà lasciamolo stare…certo in questo momento non si troverà ben disposto. ( a Ciccillo) Dico bene?

Cicc -   Si capisce. Cchiù tarde nce parlo io.

Filo  -  Mbè, mò ve lassamme nu poco sule, certamente tenite ‘a parla tutt’e duie, permetti marito mio! (via)

Elvi -   (a Luigino) Papà, bacio la mano. (ridendo) Comme me pare strano tene’ nu pate accussì giovane è ove’? (I due si guardano in silenzio, poi lazzi dei due) (Elvira via)

Cicc -   Tu ch’è cumbinato? Hai sposato mia madre.

Luig -   E tu mia figlia!

Cicc -   Tu, mio suocero?

Luig -   E tu, mio genero!

Cicc -   Pecchè nun m’he avvisato?

Luig -   E che sapevo che era tua suocera? Trovo ‘na femmena a Roma, saccio ca tene ‘e denare assai, cumbinammo lesto lesto ‘o matrimonio e m’ ‘a spusaie…saccio che era ‘a mamma ‘e mugliereta?

Cicc -   M’he’ fatto stu guaio!

Luig -   Mò invece ‘e te chiamma’ papà, te pozzo chiamma’ figlio per causa di mia moglie.

Cicc -   Mia suocera…

Luig -   No, tua nuora…

Cicc -   Dateme ‘n’ata capa.

Luig -   Dunque, perfetto accordo tra noi e segreto di fronte a Filomena mia moglie, tua suocera e nuora. Suocera perché madre della moglie di tuo figlio, nuora perché moglie del figlio do marito di mia figlia…ed anche per rispetto a mia nuora che ha sposato il figlio del marito di sua madre…

Cicc -   Statte zitto, si muglierema appura stu fatto è capace ‘e me lassa’, in quanto a sua madre…

Luig -   Tua figlia…

Cicc -   Mia suocera…

Luig -   Tua nuora…

Cicc -   ‘O diavolo ca te porta a te e a essa! Si appura stu fatto, ccà, che succede?

Luig -   Nun succede niente. Mia moglie saprà rispettare il padre del marito. La nuora assorbe la suocera. Figlio mio lassa fa’ a papà tuoio. Tuo suocero non guasterà la tua felicità, nuie facimmo in modo che tutte ‘e doie veramente ce credono che don Eligio Frittella m’è pate.

Cicc -   E si a chillo le vene ncapo ‘e dicere tutte cose?

Luig -   Allora nce sta ‘n atu mezzo.

Cicc -   Qual è?

Luig -   Primma ‘e mò se n’adda ‘j a dinto a sta casa.

Cicc -   Chesto si, pecchè me metto  paura che chill’animale parla. (fa per andare) Zitto, veneno lloro!

SCENA XIV

Elvira, donna Filomena poi Eligio e detti

Elvi -   Avimmo penzato cu’ mammà e nce fa’ nu giretto p’ ‘o paese.

Cicc -   E ghiate, v’aspettammo.

Filo  -  Ce facite ‘j sole?

Cicc -   (a Luigino) Allora vacce tu, io resto.

Filo  -  Bravo, già vedo che si danno del tu!

Elvi -   (a Ciccillo) E tu pecchè nun vuo’ veni’?

Cicc -   Pe’ causa e don Eligio, puveriello sta malato, si vo’ quaccheccosa…

Elvi -   Eh, pe’ nu poco ‘e raffreddore.

Cicc -   Raffreddore?...Accussì sape isso…ma invece no, chella è na malattia infettiva, ha febbre e il delirio…..

Luig    - Nun se putesse purtà ‘o spitale?

Filo -   Eh! Pateto ‘o spitale?

Luig -    Pe’ farlo cura’ meglio.

Filo -     Ma no, no… preferisco sta io vicino ‘o lietto e nun lassarlo maje…chillo mm’ ‘e pate.

Cicc -   Lassà vuie cu’ isso…no mai!

Elvi -   Ma si, mammà farà le cose a dovere…jammo!

Cicc -   Neh, papà tu che dice?

Luig -   Che t’aggia dì figlio mio! (piano a Ciccillo) Uscimmo buono buono, trovo io nu’ mezzo.

Cicc -   Che succede mò …. Che succede?

Luig -   Figlia mia appoggiati qui sotto il mio braccio, tu da questa parte così. Il padre in mezzo e i figli ai lati. Come mi sento felice. Come vogliamo andare d’accordo in questa famiglia. Solamente che io come suocero debbo badare ai tuoi interessi, da oggi in poi il maneggio deve essere mio, ‘o portafoglio tuoie me l’he cunsigna’ a me.

Cicc -   E sstaie frisco. (via Ciccillo con Elvira e Luigino)

Elig -    Neh, stu’ decotto?

Filo -   Uh, mamma mia! Vuje ccà fora? Voi, con la malattia che tenete non dovete andare in giro. Ma allora voi volete proprio morire?

Elig -   Lo avete detto.

Filo -   Che cosa?

Elig -   Signò, voi la sentite una puzza di bruciato?

Filo -   (Mamma mia, ‘o delirio)  E che sarebbe questa cosa che brucia?

Elig -   Io signò ! Song’io.

Filo -   Eh sfido!  La febbre !

Elig -   No. Fin dalla prima volta che vi ho visto, ho sentito aumentare le pulsazioni cardiache…

Filo -   E’ vi dovete calmare, accussì ve po’ venì n’infarto! E’ poi è un amore impossibile: ormai sono la moglie di vostro figlio!

Elig -   ( con un urlo trattenuto) Io non tengo figli!

Filo -    ‘O ‘j lloco!...

Elig -   Signò, voi mi piacete. E’ se è per mio figlio, non abbiate paura: lo disconosco, lo elimino, lo annullo!

Filo -   Ma voi che dite?! E’ una cosa mostruosa!

Elig -   E’ pecchè? Signò, io sono un uomo di mondo! Qua siamo arretri bisogna superare certi tabù, certi pregiudizi!

Filo -   (Uh, mamma mia) E’ voi chiamate pregiudizio un incesto? Voi siete come mio padre! Ho sposato vostro figlio!

Elig -   (fremendo con rabbia trattenuta) Ah, io sono vostro padre? E allora sapete che vi dico? Che io per questo incesto ci vado pazzo!

Filo -   (Madonna, fà venì a Luigino)  (Eligio emette un violento starnuto) Lo vedete? Lo vedete? Voi state con un piede nella fossa….

Elig -   Per uno starnuto?!

Filo -   (cadendo in ginocchio) E’ vostra nuora che vi prega! Iateve ‘a cuccà!

Elig -   (avanzando verso di lei) Stà bene! Ma ‘a condizione che voi siete la mia sola medicina!

Filo -   (cacciando un grido) Ah!!! ...non vi avvicinate!

Elig -   (impaurito, fa un balzo indietro) Oddio è pazza!

Filo -   (che ha chiuso gli occhi) Voi siete infetto! Non mi toccate!

Elig -   (E’ proprio pazza)

Filo -   Abbiate pietà dei vostri figli! (oh Gesù)

Elig -   Certo, certo…State tranquilla. Sicuro, mio figlio…(oh Madonna!!!)

SCENA XV

Luigino e detti poi Ciccillo, Elvira indi Nanà

Luig -   (entra di corsa. Si capisce che ha udito al grido ed è accorso.) Filomè!!! Che è successo?

Filo -   (precipitandoglisi fra le braccia) C’è…c’è tuo padre…

Cicc -   (sopravvenendo di corsa anche lui) Ch’è stato? Eh! Ch’è successo?

Elig -   (correndo a ripararsi dietro a lui) A tiempo a tiempo! Ched’è stù pasticcio? Tua suocera me piglia per suo suocero e dice ca’ ‘o marito è figlio a me!

Cicc -   (terribile) Ma sicuro! Tu sei il suocero di mia suocera! Luigino t’è figlio! Te n’è scurdato?  (gli dà uno spintone)

Luig -   Voi siete mio padre! (lo pizzica)

Elig -   (a Luigino) Chi te sape! Chi te cunosce! Quanno maie aggio cunusciuto ‘a mammeta!

Liug -   Il delirio!

Filo  -   Puveriello!

Cicc -   Voi lo compatite? E merita compassione chi rinnega il proprio sangue? E tiene core tu?... subito fuori da questa casa!

Elig -   Me ne scacci accussì (per andare)

Filo  -  Un momento cacciarlo mmiez’’a via cu’ chella freva che tene, significa farlo morire. Restate e si avita murì, murite ccà.

Elig -   Ma pecchè aggia murì?

                                      

SCENA XVI

Nanà e detti poi Elvira, Matteo e Carmenella

Nanà -   (uscendo) Addo stà? Addò stà?

Elig -   Pure chesto !

Luig -   Nanà!!!  (si volta)

Elvi -   Neh, che stato? Chella d’ ‘o schiaffo!

Filo  -   Chi cercate?

Nanà -   ‘A stù bello mobile… m’ha lassata ncopp’ ‘a ll’albergo ed è sparito… iammo (tirando a se D. Eligio) jesce grandissimo rimbambito puorco .

Filo  -   Signurì moderate i termini… penzate che ccà nce stà ‘o figlio!

Luig -   (puozza sculà)

Nanà -   (a Luigino) Ah, tu si ‘o figlio?...

Cicc -   Si ! Due gocce d’acqua!

Nanà -   Moriglione….truffatore….

Matt -   (facendosi avanti) Neh, bella figliò ma tu fusse pazza? Chisto ‘e D. Luigino ‘o figlio e D. Ciccillo ‘o padrone mio.

Elvi -   Che sento (A D. Ciccillo) Chisto è tuo figlio? Mamma mia ‘a capa, ‘a capa! (sviene)

Filo  -  (a Luigino) Tu pure m’he tradito? Aiutateme me sento male…(sviene).

Luig -   (corre da lei) Filomenuccia mia.

Cicc -   (corre verso Elvira poi a Matteo) Vattenne…Vattenne ‘annanze all’uocchie mieie ca me faie passà nu’ guaio!

Nanà -   (a D. Eligio) E’ mo tu cammina, iesce! (lo prende a schiaffi)

Elig -   Statte quieta, Nanà…Nanà…

Luig -   Me pare nu’ saciccio mmiezo ‘o pane! (tutto come a concerto)

    

Fine secondo atto.

                                                    

  

Atto terzo

SCENA XVII

Ciccillo e Luigino indi Matteo.

Cicc -   (seduto presso il tavolo apparecchiato per il pranzo e piatti con dentro carne. Ciccillo e Luigino dormono l’uno di faccia all’altro, dopo poco entra Matteo)

Matt -   (sorpreso si ferma e ride, ha in mano due lettere) Ah!...Ah! Nhe quanto so’ belle sti duje. No, ‘a verità stanno mangianno allegramente. (si scosta e li chiama) Signurì……..Signurì….

Cicc -   (svegliandosi) Ch’ ‘è stato?

Luig -   (svegliandosi) Che vuò?

Matt -   Invece ‘e mangia’ durmite?

Cicc -   Nun tengo famme.

Luig -   E io manco.

Cicc -   Tutt’a notte nun aggio pututo chiudere uocchie.

Matt -   Ccà nce stanno sti ddoie lettere pe vuie. (gliele da)

Luig -   (ha aperto la lettera) E’ di Filomena.

Cicc -   (c. s. ) E’ di Elvira.

Luig -   (legge, così pure Ciccillo il quale segue mentalmente il contenuto della lettera che è la stessa dell’altra) “Signore è impossibile rimanere in una casa dove il ridicolo si accompagna alla mala fede.

Cicc -   (leggendo la sua lettera) “Malafede”

Luig -   ( c. s. )…. Ho scritto a mio fratello….

Cicc -   ( c. s. )…. Ho scritto a mio zio….

Luig -    …. “di venirci a prendere, e vi preghiamo quindi di mandarci le nostre valigie alla stazione”.

Cicc - ( c. s. )….stazione”,

Luig -   “ Desideriamo prendere il primo treno in partenza”.

Cicc -   …. “partenza”

Luig -   …. “per una destinazione sconosciuta”

Cicc -   …. “sconosciuta”

Luig -   ….  “Siete un porco”

Cicc -    (c. s.) Straporco!

Luig -   “Filomena”

Cicc -   E’ ne scrivevano una pe’ tutt’e duje. Aggia perdere a Evira, a chillu bucciuolo ‘e rosa. Pecchè t’è venuto ncapo ‘e diventa’ mio padre?

Luig -   Pecchè t’aggia avuta cunoscere pe’ figlio?

Cicc -   A causa ‘e chesto chi è? (mostra Matteo) Chist’animale! Che fra le altre cose è tanto bestia, ca’ si uno ‘o piglia a schiaffe nce perde ‘o tiempo.

Matt -   Ma pecchè scusate? Chella offende ‘o signorino, m’aveva stà zitto?

Luig -   E te stivo zitto…nun so’ offeso io…

Cicc -   Sti’ lettere chi te ll’ha date?

Matt -   ‘E signorine!

Luig -   So’ venute ccà?

Matt -   Gnornò, so’ ghiuto io a du lloro. Quanno aggio capito che aveva fatto ‘o guaio, aggio ditto: mò l’aggia repara’! E allora me so diretto all’albergo addò so’ ghiute lloro. Aggio tuzzuliato ‘a porta e ‘a dinto m’ha risposto ‘a mugliera vosta. (a D. Ciccillo) “Chi è? Signò arapite, so’ io, v’aggia fa ‘na mmasciata ‘e premura. “Un momento” ha ditto. (a Luigino)

Luig -   Chesta è Filomenuccia.

Matt -   M’hanno apierte e so’ trasuto. Aggio fatto a vedè ca steve tutto affannato po’ aggio ditto: “Signurì, pecchè avite lassata ‘e marite vuoste… perché sono dei mariti indegni….’o mio ha ditto: ‘a signora Filomena, me tradisce cu n’ata femmina!”  A chesta parola aggio avuto ‘n’idea magnifica… “Eh, sulo ‘o vuosto? Pecchè Don Ciccillo è scemo? Appena vuie ve ne site jute, so’ arrivate ddoie femmene….

Cicc -   Vattenne a via ‘e fora, si no te scassa ‘na seggia ‘n capa. (via Matteo)

Luig -   Ma calmati… Matteo ha tenuto nu lampo di genio.

Cicc -   ‘O chiamme lampo ‘e genio? Chillo è ghiuto a ffà cchiù guaie!

Luig -   Anzi questo è un mezzo pe’ scanaglià si nce vonno bene. Chi moglie può restare indifferente sentenno c’ ‘o marito sta cù ‘n’ata femmena? Si nce vonno bene ‘e vvide ‘e correre ccà.. O’ brutto ‘e cca si veneno nun trovano femmene?

Cicc -   Ove’? Che peccato, io ‘e ghiarria truvanno accussì nun solo nce lassano cchù ampressa, ma quanto nce fanno pure nu bello paliatone….

Luig -   Nun te n’incaricà, lassa ca veneno, che saccio io come regolarmi.

Cicc -   Chelle stanno stizzate comme ddoie bufere. Jesce sempe primma annanze tu… E a stu parente che hanno scritto nun nce pienze?

Luig -   Io pe’ mme nun ‘o cunosco… Tu ‘o saie?

Cicc -   No!

Luig -   Embè, lassa che vene, e comme se regola isso nce regolammo nuie.

Cicc -   Si Matteo ha fatto peggio m’ ‘o mangio, m’ ‘o mangio! (via a sinistra)

SCENA XVIII

Bartolomeo indi Matteo (da dentro.)

Carm -   ( seguita da Bartolomeo) Signò, ca avite ditto… Vuie sit ‘o marito d’’a signora? Chella so’ 20 anne che stà spartuta d’ ‘o marito.

Bart -   Questo marito sono io.

Carm -   E’ addò site stato tutte stu tiempo?

Bart -   All’estero. Io tenevo un’opera colossale con delle musiche di mia composizione e la prima tappa la feci a Parigi.

Carm -   Caspita!

Bart -     Che serata!

Carm -   Piacette assaie?

Bart -     Indimenticabile. Pe’ nu poco nun me sparaine.

Carm -   Uh!

Bart -   E già… me dicettero che nella mia opera c’era un po’ di tutto… Trovatore, Traviata, Pagliacci, Boheme.

Carm -   Ma era overo chesto?

Bart -     E note sette so’… Verdi, Mascagni e Puccini l’avevano fatto primma ‘e me.

Carm -   E allora?

Bart -   Vedette che Parigi nun era cosa, cambiai nome, me ne jette primma in Svizzera e poi in Lussemburgo e llà so’ stato buono, altra civiltà. Adesso sono direttore d’orchestra in uno dei primi alberghi del Liectestain e quest’anno il mio mese di riposo son venuto a trascorrerlo a Castellammare, nostalgia, nostalgia. Avite fatto ‘o cafè? Ne putesse ave’ ‘na tazzulella?

Carm -   Mò ve servo! (via)

Bart -    Eh! Comme passa ‘o tiempo, pare ca so’ partite ajere. (canta). A proposito, ‘a tulette addà sta ccà. (via toilette)

XIX

Matteo indi Filomena ad Elvira.

Matt -     ( cacciando la testa dalla comune ) Nun c’ ‘e sta nisciuno! ( va verso la tavola) Nun hanno tuccato proprio niente. Chesto è Capri bianco... Mò me ne cumbino nù bicchieriello ( versa e beve).           

Filo  -  (Entrando con Elvira)  Bravo…bravo…alla tua salute.

Matt -   (depone il bicchiere )  Uh, scusate signurì, stò tutto sudato, ccà a che ve ne site jute vuie nun se sta truvanno pace.

Filo  -  I degnissimi mariti con le degnissime signore addò stanno?

Matt -   Nun ghiate ‘e pressa… Aspettate e avite ‘a sorpresa. (via comune)

Elvi -   Siente a mme mammà, nun perdimmo tiempo. Guarda, sta tavola apparecchiata per due, ti fa capire che i signori mariti stanno sule. ‘A surpresa che hanno fatta di pe’ Matteo, è stata na’ scusa pe farce venì ccà….

Filo  -  Poco me mporta. ‘A decisione è pigliata. Tra loro e noi tutto è finito.

Elvi -   Ne’, tu mammà, aggia pacienza, nun te truove nella posizione critica ca me trovo io, ‘o piglie pe’ niente! Nu’ figlio e 35 anne ca te cade ncuollo senza sape’ niente...

Filo  -  Già, ma stu figlio è mio marito, perciò nun t’’e figlio, t’’è  suocero… comme si te fosse pate…

Elvi -   Mentre ca po’ ‘o pate m’è marito.

Filo  -  Ed è comme si te  fosse figlio.

Elvi -   Vedete che poco ‘e mbruoglio! E dire c’avimma essere proprio nuie ad uscirne a ccà dinto.

Filo  -  Aspè, tu che stai acchucchianno? Questo villino è mio, so lloro ca se n’hanna ascì.

Elvi -   Giusto… e allora?

Filo  -  E allora mò jammo dinto, lle facimme ‘e valigie e nce facimmo truva’ fora ‘a porta.

Elvi -   Proprio cosi. (via I^ a destra)

SCENA XX

Bartolomeo poi Carmenella indi Nanà.

Bart -   (esce)

Carm -   (con tazza di caffè) Signò, ccà stà ‘o cafè!

Bart -   Bravissima! ( lo sorbe) dimme ‘na cosa? Ci sono novità?

Carm -   Ma vuie nun  sapite niente?

Bart -   E’ si no nun t’ ‘o spiavo…

Carm -   ‘A signora s’’e maretata…

Bart -   Chè? La coniuge? Con chi? Parla…parla..(campanello)

Carm -   ‘A porta… aggia j’a rapì. (via comune)

Bart -   ‘E brava ‘ muglierema, s’’e mmaretata. Ella mi fu rapita e chi l’ardia. Questo Verdi ha scritto tutto, ero venuto per riparare il mio antico torto ma mi rimango per avere almeno l’onore di conoscere il marito di mia moglie. (siede a tavola e fuma una sigaretta)

Nanà -   Oh! Signore…. Scusate, voi siete della famiglia?

Bart -   (si alza) Sicuro! Sono un parente arrivato stamattina.

Nanà -   Fortunatissima.

Bart -   E voi pure site d’’a casa?

Nanà -   Io pure…

Bart -   (che fosse ‘a figlia ‘e Filomena?)  Ed allora mi potete dare delle spiegazioni.

Nanà -   Mi regalate una sigaretta?

Bart -   Volentieri. Diciteme ‘na cosa, signurì, vulite bene a mammà?

Nanà -   (fumando) Se voglio bene a mammà? Ma certo, però ci vediamo così poco!

Bart -   Ah, voi non state insieme?

Nanà -   Ah no, no! Io vivo lontano.

Bart -   E vostro padre?

Nanà -   Papà…. Ah, ‘e chillo nun me ne parlate. E’ proprio isso ‘a causa ca  nun vado d’accordo. Figuratevi, nu mbriacone…e quanno ha bevuto va truvanno chi ‘o vatte.

Bart -   Pure?

Nanà -   Po’, quanno stanno ‘mpace, cercano ‘e me fa ‘a murale, quanta vote nce ll’aggia ditto a mammà, lassalo…. Lassalo pecchè  nun so’ marito e moglie legittimi.

Bart -   (Ah, ecco!)

Nanà -   Ma chella niente, pare contenta d’essere trattata accussì.

Bart -   Chesto mò nun m’’o credevo… Io cunosco  vostra madre.

Nanà -   Vuie? Comme ve chiammate, pecchè io ‘e saccio quase tutte quante ‘e nomme ‘e chille c’hanno conosciuto a mammà.

Bart -   (Chesta che sta ammaccanno)

Nanà -   Fusseva l’impiegato ‘e l’acqua d’’o serino? L’ingegnere d’o Risanamento? ‘O capitano d’’e guardie Municipale ? L’avvocato?

Bart -   Signurì, fermateve, vuie addò vulite arrivà? Possibile che mia moglie…

Nanà -   Vostra moglie….

Bart -   Si… io sono il suo primo marito.

Nanà -   Vuie? (pover’ommo, hadda essere pazzo)

Bart -   Ma se è accussi, mi sentirà!

Nanà -   Mbè, calmateve, calmateve, mò ve faccio venì a mammà. (E’ tutto pe’ causa ‘e Don Eligio, ma si ‘o ncoccio, voglio fà fà ‘e nummere) (via comune)

Bart -   Filomena ha fatto stà riuscita… E’ brava, veramente brava!  

SCENA XXI

D. Eligio e detto poi Ciccillo

Elig - (m’hanno ditto che Nanà è arrivata qua) (vede Bartolomeo) Oh signore, vi saluto…scusate avete visto una signora?

Bart -   (chisto adda essere ‘o marito, se vede da faccia che è nu mbriacone) La vostra signora?

Elig -   ‘A vaco truvanno e nun ‘a trovo.

Bart -   Si nun se fa truva’ me pare che ave ragione…a questo mondo non c’è più brutta cosa del vizio del vino

Elig -   Ah, certo! (e che c’azzecca?)

Bart -   E po’, v’appiccecate sempe, chesto manco è ‘na bella cosa.

Elig -   Chella ‘e vote è essa che accummencia.

Bart -   Ma voi arrivate persino a lle mettere ‘e mane ncuollo.

Elig -   Io? E’ essa che mette ‘e mane ncuollo a me!

Bart -   ( declamando) Chi mel disse, mentia non potea.

Elig -   Pecchè, chi ve l’ ha ditto?

Bart -   Vostrafiglia!

Elig -   Mò tengo ‘na figlia mò!

Bart -   Neghereste voi?

Elig -   Sicuro che lo nego, scusate voi chi siete?

Bart -   Lecito sia tacervi il nome mio per ora. Vi dico solamente che un uomo ben educato deve rispettare la moglie.

Elig -   Ma se non sono sposato!

Bart -   Allora siete il suo amante?

Elig -   Se capisce, comme se io fosse stato ‘o primmo…llà chi l’accosta nce riesce sotto ‘o colpo.

Bart -   Voi siete un imbecille! (gli da uno schiaffo) E mò ve dico io chi so’. Io sono il marito della vostra amante (via 2 a sx)

Elig -   Il marito della mia amante…ma io voglio sape’ che peccato aggio fatto c’aggia essere pigliato a paccare ‘a tutte quante.

Cicc -   (uscendo) Chi sa se Elvira è venuta? (vede Eligio) Tu ‘n’ata vota ccà?

Elig -   Famme nu piacere, videme nfaccia, ‘a tengo nturzata?

Cicc -   (guarda) No, ma tiene l’impronta ‘e cinche dete, comme se uno t’avesse fatto nu carizzo.

Elig -   Carizzo? Di’ piuttosto castigo do cielo. Questa è l’impronta di un solennissimo schiaffo.

Cicc -   E da chi l’he’ avuto?

Elig -   Dal marito di Nanà c’aggio truvato ccà ncoppo.

Cicc -   Ccà? Famme ‘o piacere vattenne, chille so’ poche ‘e guaie mieie, nce vuo’ tu.

Elig -   Me ne cacce?

Cicc -   Si!

Elig -   Sta bene! Anzino, sta male! Me ne vaco ma…ci rivedremo! (via comune)

Cicc -   (beve) ‘O marito ‘e Nanà a casa mia?

SCENA XXII

Bartolomeo e detto poi Elvira

Bart -   Dov’è? (uscendo)

Cicc -   Chi cercate signore?

Bart -   Il marito della proprietaria di codesta dimora.

Cicc -   Sono io.

Bart -   Voi? (pur’ isso) Voi siete ingegnere?

Cicc -   Qua ingegnere.

Bart -   Siete l’impiegato ‘e l’acqua ‘e serino?

Cicc -   Qua impiegato.

Bart -   ‘O capitano de guardie municipale?

Cicc -   (Chiste che vo’?) Ah, ho capito, voi siete lo zio di mia moglie…

Bart -   (fingerò per sapere) Sicuro, lo zio…chillu signore che steva ccà poco prima, se n’è ghiuto?

Cicc -   Si, ma pecchè?

Bart -   Pecchè ll’aggio dato nu schiaffo e mò le vuleva da’ ‘o riesto.

Cicc -   (‘O marito ‘e Nanà è zio a muglierema?)

Bart -   Ha avuto l’ardire di offendere vostra moglie.

Cicc -   (ha offeso ‘a nepota) Dovete compatirlo, perché quello è un povero imbecille. Una volta che siete venuto, dovete sapere che la voglio bene assai a mia moglie e ‘na vota che essa stessa v’ha fatto veni’ ccà, vi prego di accomodare ogni cosa…fateme fa’ pace…

Bart -   Ma chillo ‘e poco primma m’ha ditto nfaccia che era l’amante di vostra moglie.

Cicc -   Nun è overo.

Bart -   E’ overo, e m’ha ditto che isso nun è ‘o primmo.

Cicc -   (distratto) Ma chillo forse l’aveva con vostra moglie.(ripigliandosi) Uh, scusate!

Bart -   No, no…avete detto bene, mia moglie che io credevo mia moglie e voi dite che è vostra moglie.

Cicc -   Aspettate, ma vuie che state ammaccando?

Bart -   Uh, arriviamo al dunque, io sono il marito di vostra moglie!

Cicc -   Di mia moglie? Ma vostra moglie si chiama Nanà, la mia si chiama Elvira. Addò sta chillo animale? Aspettate lloco. (via comune)

Bart -   Io sto accumincianno a perdere ‘a capa. (beve)

Elvi -   (esce, vede Bartolomeo) Chisto adda essere ‘o frato ‘e mamma. Bravo finalmente site venuto?!

Bart -   (E chesta mò chi è?)

Elvi -   Vuie site ‘o zio, ‘o frate ‘e mammà?

Bart -   (Chesta è ‘n’ata figlia ‘e Filumena) Già, io sono lo zio.

Elvi -   Allora mammà v’ha cuntato ogni cosa?

Bart -   Certo, e so’ che vostra madre è stata disgraziata col suo primo marito.

Elvi -   E pure c’ ‘o sicondo.

Bart -   Si, pure c’ ‘o sicondo. Pecchè è nu mbriacone, stenne ‘e mmane.

Elvi -   No, addò, maie…è pecchè avimmo saputo ch’era ‘o figlio ‘e maritemo.

Bart -   (chisto che mbruoglio è?) Ma vostra sorella…

Elvi -   Mia sorella? Io non ho sorelle, sono sola. So’ Elvira, la figlia del primo marito di mia madre che 20 anni fa se ne partì e che io non conosco neanche.

Bart -   Permetti ca te dongo ‘o tu?

Elvi -   Con piacere.

Bart -   E dimme, sei felice?

Elvi -   Fino a ieri si.

Bart -   E oggi?

Elvi -   Oggi no, pecchè comme a mammà, pure io aggio lassato a maritemo

Bart -   Pecchè, beveva pur’ isso?

Elvi -   No, pecchè m’aveva annascunnuto, quanno me l’aggio spusato, che teneva nu figlio.

Bart -   Nato prima del matrimonio? Si è chesto, la colpa non è grave.

Elvi -   No, è grave pecchè me l’ha nascosto.

Bart -   Mbè, fallo veni’ ccà, nce parlo io.

Elvi -   Si…si…v’ ‘o manno. Ma si vedite che c’è del torbido, lassate sta so’ cuntenta ‘e nun ce fa’ pace. (via)

Bart -   E Filomena addo sta? Chill’ato pecchè ha ditto che muglierema se chiamma Nanà? (accosta a dx)

SCENA XXIII

Luigino e detto, poi donna Filomena

Bart -   (vedendo entrare Luigino) (chisto è mio genero) Signore.

Luig -   Signore. (chisto adda essere mio cognato)

Bart -   Capisco che siete rimasto un po’ sorpreso, ma trattatemi alla buona, tanto sono della fammiglia.

Luig -   (e se capisce)

Bart -   So che state in urto con vostra moglie, ma io sto ccà per mettermi a vostra disposizione

Luig -   E io vi ringrazio tanto.

Bart -   Prima di tutto dovete essere franco. Vulite bene a vostra moglie?

Luig -   Che domanda…la voglio bene assai e se voi riuscirete a farmi fare pace, ve ne sarei grato…

Bart -   Io saccio com’è brutto a nun sta d’accordo con la propria moglie. E’ succieso a me.

Luig -   A vuie? Ma anche se voi non state d’accordo, me metto pur’io a vostra disposizione. Voi me facite fa’ pace cu’ muglierema e io ve faccio fa’ pace con vostra moglie.

Bart -   Se così fosse, vi scriverei un inno, perché io sono musicista.

Luig -   Ed io poeta. Perché non mi musicate questa: “La miseria è brutta assai , madre è lei di mille guai” (lazzi a soggetto) (poi vede Filomena) Ecco mia moglie.

Bart -   (Filomena)

Filo  -  (Bartolomeo)

Luig -   E che d’è neh?

Bart -   Come, questa è vostra moglie?

Luig – Questa è mia moglie.

Filo  -  Questo è mio marito. (Bartolomeo avanza)

Bart -   Ma l’altro marito…

Filo  -  Quale altro? C’è tanto di sentenza! Quello è morto e sotterrato.

Bart -   Quand’è cos’, riferirò alla buonanima.

Luig -   Come sarebbe? Lo vedete ancora?

Bart -   Certamente, molto spesso. Ecco, i suoi amici si incontrano con lui…

Filo  -  Ah, fate delle sedute spiritiche?

Bart -   Ecco, appunto. Sapete…col tavolino…

Luig -   Ho capito! Anima della buonanima se ci sei batti un colpo

Bart -   E lui batte (dando un colpo)

Filo  -  E la prossima volta che batte, ditegli da parte mia che finalmente sono felice e che per lui l’unico modo di farsi perdonare il passato è quello di non occuparsi del mio avvenire.

Luig -   Ma allora mi perdoni?

Filo  -  Si, per questa volta, date le circostanze ti perdono.

Bart -   Riferirò testualmente. Però, quello che non garantisco, è la reazione che può avere la buonanima.

Luig -   (abbracciando Filomena) E a noi della sua reazione non ci passa manco per la capa.

Bart -   E invece vi dovrebbe passare! Perché potrebbe decidere di comparirvi qua…e allora

Filo  -  E allora io gli direi: grandissimo mascalzone! Se tu sei tanto egoista da infischiartene dei guai che hai procurato a quella disgraziata di tua moglie, come puoi rovinare la felicità di tua figlia?

Bart -   Sante parole. E allora la buonanima sapete che farebbe?

Filo  -  Che farebbe la buonanima?

Bart -   Direbbe: vi auguro tutta la  felicità e tornerebbe per sempre a sparire da dove è venuto.

Luig -   E bravo la buonanima.

Filo  -  E grazie assai, a voi e a lui.

Luig -   Però mò chiaritemi ‘na cosa. Questa è mia moglie, voi di chi parlavate?

SCENA ULTIMA

Elvira, Ciccillo e detti

Bart -   (vedendo entrare i due) Io parlavo di questa giovane che stava in urto col marito e che credevo foste voi.

Cicc -   E che invece sono io.

Elvi -   Mò stamme in perfetta pace.

Cicc -   (a Luigino) E vuie papà, c’avite cumbinato?

Bart -   Papà? Comme papà?

Luig -   Sicuro, io sono suo padre!

Cicc -   E io sono suo figlio, mentre poi sono suo padre.

Luig -   E perciò ho fatto pace con la moglie del padre del marito di sua figlia.

Bart -   Un momento! Chiaritemi stu mbruoglio, io nun aggio capito.

Cicc -   E’ tanto chiaro! La madre di questo figlio, che ora è mio padre era moglie di un maresciallo di marina…ma io  sono il padre perché il marito di quella moglie non seppe di questo figlio che la marescialla ebbe con me, quindi non poteva legalmente chiamarmi padre, come egli legalmente non può chiamarmi figlio, ma naturalmente egli mi è figlio, come naturalmente oggi mi è padre.

Luig -   Stando così le cose, papà s’è nzurato e sposò la figlia di mia moglie che io non sapevo fosse sua suocera, per conseguenza come se fosse sua madre, ed io, suo marito…sono il padre di sua figlia e padre di mio padre, perché suocero, dal momento che ho sposato la madre della moglie di mio padre, quindi mia moglie gli è suocera e nuora, suocera perché madre della moglie di mio figlio, nuora perché moglie del figlio del marito di sua figlia e mentre io sono padre di mio padre e figlio, perché figlio di mio padre, sono suo padre perché sono il marito della madre della  moglie di mio figlio ed essendo io padre di mio padre sono per conseguenza mio nonno.

Tutti -  Eh! Nonno!

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 6 volte nell' ultima settimana
  • 51 volte nell' ultimo mese
  • 257 volte nell' arco di un'anno