Permette, eccellenza!

Stampa questo copione

Permette, eccellenza!

Commedia in 2 atti

Di

Giovanni Ragozzino

Da un soggetto di Davide Aurino e Giovanni Ragozzino

Personaggi (7 uomini – 7 donne)

MONS. ANGELO D’ONOFRIO

DON GINO

FRATE

NUNZIATINA

TITINELLA

AVV. GIOVANNI TARALLO

CONTESSA POMPONIA DEGLI ALBURNI

CONTESSINA CATERINA DEGLI ALBURNI

CONTE GUSTAVO MARIA DE’ SAVELLI

DEMETRIO

DUCHESSA CORNELIA DE’BUOI

NANNINELLA

MADRE SUPERIORA

CHIAUZZIELLO

MASTU TORE

SINOSSI

La storia si svolge nel palazzo arcivescovile di Rocca Pellecchia, diocesi in cui è vescovo Monsignor D’Onofrio, prelato molto amato dal suo gregge. Con lui collaborano il segretario Don Gino, sacerdote dalla vista e dall’udito limitato ed un frate confessore che nasconde la sua identità, coadiuvato dal suo fedele novizio Demetrio. La quiete della diocesi viene turbata da un matrimonio particolare: la contessina Caterina decide di rinunciare al suo quarto di nobiltà e sposare Giovanni che, sebben avvocato, è pur sempre di umili origini. E’, infatti, figlio di fruttivendoli. La cerimonia, però, è osteggiata da entrambe le famiglie; da una parte la madre e la zia dello sposo, Titinella e Nanninella, e dall’altra la madre e la zia della sposa, Pomponia e Cornelia, le quali vorrebbero darla in sposa al conte Gustavo.

PRIMO ATTO


Camera signorile, studio di un vescovo. Scrittoio con crocifisso in bella mostra, inginocchiatoio e altre suppellettili. La scena si apre con Mons. D’Onofrio seduto alla scrivania, intento a leggere. Entra la perpetua Nunziatina, che reca tra le mani una tazzina di caffè.

NUNZIATINA: (sull’uscio) Permette, eccellenza?

MONSIGNORE: Prego Nunziatina, avanti.

NUNZIATINA: V’aggiu purtato ‘o ccafè. Decaffeinato, come al solito…

MONSIGNORE: Nunziatì, nun t’a piglià, ma tu già ‘o ffaje na munnezza normale, mo’ pure decaffeinato me l’aggia vevere?

NUNZIATINA: Nun ve stongo proprio a sentì! (Dispone sullo scrittoio una serie di pillole) Su, pigliateve primma chella d’a pressione, po’ chella p’o diabbete e, all’urdemo, dulces in furno, chella po’ polistirolo…

MONSIGNORE: ‘O ppolistirolo?

NUNZIATINA: Eh, dulces in furno, ‘o ppolisterolo!

MONSIGNORE: (annoiato) Jamme, va miette ‘e dolce dint’o furno e pigliame ll’acqua. San Giovanni Battista aiutame tu!

NUNZIATINA: Si, ma v’aggia aiutà pure io, pirciò v’o ffaccio decaffeinato!

MONSIGNORE: (sorseggiando il caffè) Tu nun ‘o ffaje decaffeinato, tu ‘o ffaje na zoza!

NUNZIATINA: Io non raccolgo! (asciugandosi le lacrime) Io ve voglio fa sta bbuono!

MONSIGNORE: No, tu me vuò ntussecà!

Nel frattempo irrompe sulla scena un sacerdote dall’aria strana. E’ Don Gino, segretario del vescovo. E’sordo, ci vede male ed è preda di frequenti crisi mistiche.


DON GINO: (urlando) Buongiornooooo! (guarda l’immagine della Vergine Maria e cade urlando riverso a terra. Dopo qualche istante si segna)

NUNZIATINA: Ogni matina fa sempe chesto, ma è mai possibile?

MONSIGNORE: (rassegnato) Io nun c’a faccio cchiù…

NUNZIATINA: (aiuta Don Gino a rialzarsi) Su, aizateve! (raccatta tazzina e qualche oggetto) E ogni matina è sempe ‘a stessa canzone… (riassetta la stanza)

MONSIGNORE: Su, Don Gino, sedetevi accanto a me. Abbiamo appuntamenti per la giornata?

DON GINO: (lo fissa un po’ prima di rispondere) Si, si, si! La messa è stata celebrata!

MONSIGNORE: (disperato) Io nun c’a faccio cchiù… (tra sé) Ha ditto ‘a messa, va trova che n’è asciuto…

DON GINO: (quasi contrariato) No! ‘O cero pasquale nun se stuta!

MONSIGNORE: (sempre più disperato) Ma io che peccato aggiu fatto?

DON GINO: Io voglio ‘o cane, nun me piace ‘a gatta!

MONSIGNORE: (spazientito) Allora, Don Gino, (avvicinandosi ad un apparecchio acustico) abbiamo appuntamenti?

DON GINO: Ah , si! Abbiamo la visita pastorale alla chiesa del buon Gesù e alle 16 passeremo in orfanotrofio.

MONSIGNORE: Ah, sono così belli i bambini!

DON GINO: (indispettito) Salteremo dentro ai tombini?

MONSIGNORE: No, dint’e saittelle!

DON GINO: Davvero sono belle!


MONSIGNORE: Seh, bonanotte!

DON GINO: Si sono rotte?

MONSIGNORE: (Spazientito) No! Io mi sono rotto! Don Gì, ve voglio bbene, pusate ll’agenda e ghiatevenne!

DON GINO: (inizia a lamentarsi e finisce per sentirsi male) Oh, il cuore, il cuore! (si accascia)

NUNZIATINA: Arrepigliammo a chisto!

DON GINO: Sia lodato Gesù Cristo!

NUNZIATINA: Sempre sia lodato!

Si rimette in piedi. Si aggiusta la veste. DON GINO: Oh grazie, cara Luigina! NUNZIATINA: Me chiammo Nunziatina… DON GINO: Certo, Pascalina… NUNZIATINA: Nunziatina…

DON GINO: Frittatina?

NUNZIATINA: Zeppulelle e panzarotte…

DON GINO: Ce verimmo a mezanotte?

NUNZIATINA: Eh, nasce ‘o Bambino…

DON GINO: Facimmo gli arancini?

MONSIGNORE: E chiammamme pure a Aitano ‘o panzaruttaro… La smettiamo? Vuje facisseve perdere ‘a pacienza a nu santo! Nunziatì, purtateve a Don Gino!

NUNZIATINA: (Con fare ingenuo) E arò m’o porto?

DON GINO: Abbascio ‘o puorto?

MONSIGNORE: E menatelo a mare!

NUNZIATINA: (A Don Gino) Mò accumminciammo n’ata vota? Io nun m’o porto, chillo nun capisce!


MONSIGNORE: E m’o vuò fa sceruppà a me?

DON GINO: (All’improvviso) Le campane, le campane! (Scappa verso una quinta, va a sbattere, si rialza ed esce)

MONSIGNORE: Nunziatì, acchiappa a stu nzallanuto!

NUNZIATINA: Io vaco, ma aroppo m’avita cunfessà! Don Ginoooo! (esce)

MONSIGNORE: E facimmo sempe chesta! Tutte le sante mattine! Si può andare avanti così?

In lontananza si sentono cori in latino e litanie di santi improbabili.

MONSIGNORE: E mo facimmo ‘o sicondo tempo!

Compaiono sulla scena un frate che reca tra le mani un cuscino, seguito dal suo fedele novizio Demetrio che, invece, è intento ad incensare ogni cosa che gli capita a tiro.

FRATE: (quasi saltellando) San Giampierpaolo….

DEMETRIO: Prega per noi…

FRATE: Santa Mariolina della Sanità….

DEMETRIO: (giungendo ad incensare il vescovo che lo caccia infastidito) Prega per noi…

FRATE: Sant’Antonfilippo del Vomero…

DEMETRIO: Prega per noi…

MONSIGNORE: (spazientito) Uè basta! Ma po’ che razza di santi sono questi?

DEMETRIO: (preso dal fervore, risponde entusiasta) Semplicemente non esistono!

FRATE: Siamo fratelli fantasiosi! (Con autorità) Demetrio, incendia a monsignore!

MONSIGNORE: (Impaurito, scappa) Uh Gesù, chisto m’appiccia!

DEMETRIO: Ma no! Io vi affumico solo!

MONSIGNORE: M’ha scagnato pe nu pruvulone!

FRATE: Monsignò, peccato che siete vivo…

MONSIGNORE: Pecchè?


FRATE: Altrimenti facevate il (mimando un morto) salmone!

MONSIGNORE: (Preso dallo sconforto) Basta! Ditemi che volete e jatevenne pecchè tengo che ffà!

FRATE: Semplicemente un saluto e una benedizione…

DEMETRIO: Mica ve la potete dare da solo?

FRATE: Poi se vi volete confessare… (si mette comodo stendendosi da qualche parte) Io sono frate confessore!

MONSIGNORE: A chi!! (ricomponendosi) Dicevo… io già ce l’ho il frate confessore!

DEMETRIO: Ma se volete cambiare, il fratello vi fa il 50% di sconto sulla penitenza…

MONSIGNORE: Eh, ha miso ‘e salde! Poi, ripensandoci, sono due settimane che vi ospito in canonica e non conosco nulla di voi….

DEMETRIO: Io sono Demetrio e lui…. È il fratello!

FRATE: Io sono il fratello!

MONSIGNORE: Si, ma di chi?

DEMETRIO: Piuttosto di cosa…

FRATE: (Tira uno schiaffo a Demetrio) Demetrio!!! Eccellenza, io sono un frate fantasioso e misterioso. Al termine della mia missione, vi svelerò la mia identità. Nel frattempo, per farvi piacere e per tenervi il cervello allenato, provate ad indovinare il mio nome….

MONSIGNORE: Me fa male ‘a capa… Frate Antonio?

DEMETRIO: (simulando un pulsante da quiz) Risposta sbagliata!

MONSIGNORE: Fra Pasquale?

DEMETRIO: (simulando di nuovo il pulsante) Risposta sbagliata!

MONSIGNORE: (Inviperito) Mi arrendo! Chi si?

FRATE: (aggiustandosi il cuscino) Stamattina per voi sono…. Frà cetone!


MONSIGNORE: (Mentre i due se la ridono) Io me n’aggia ascì! Vaco a dicere ‘a messa! Hanno trasformato la curia in un manicomio! (Esce)

Mentre il Frate e Demetrio sono intenti a chiacchierare e a fare stupidaggini, entrano la contessina Caterina accompagnata dall’avvocato Giovanni. I due sono visibilmente agitati.

CATERINA: E’ permesso? Eccellenza?

I due frati guardano in maniera stranita l’uscio.

GIOVANNI: Eccellenza? Si può?

DEMETRIO: Fratello, cosa facciamo?

FRATE: La nostra prima regola è l’accoglienza. Orsù, Demetrio, falli accomodare!

DEMETRIO: Prego, signori, accomodatevi. Il fratello vi aspetta.

GIOVANNI: (Sottovoce, a Caterina) Ma chi? Il fratello di monsignore?

CATERINA: (Sempre sottovoce risponde) E che ne so?

GIOVANNI: (Sottovoce) Io a chisti dduje nun è vveco bbuone…

CATERINA: (sottovoce) Zitto, Giovanni! Il momento e tragico!

GIOVANNI: (rassegnato) E stammece zitte…

FRATE: Miei buoni figliuoli, cosa vi porta alle porte…

DEMETRIO: Se po’ dicere porta alle porte?

FRATE: (Incerto) Hai ragione! (pensieroso) porta alle porte….

DEMETRIO: Secondo me nun se po’ ddicere…

FRATE: Occorrerebbe un libro di grammatica…

GIOVANNI: (Sottovoce, a Caterina) Io te l’avevo ditto can un ‘e vvedevo buone…

CATERINA: Giovanni! Basta!

GIOVANNI: (rassegnato) E basta…

I due continuano a litigare.


FRATE: Demetrio! Tagliamo a corto! (Ai ragazzi) Che sieto venuto a fare dentro al viscuvato?

DEMETRIO: Azz, e nun vuleva dicere porta alle porte…

FRATE: (lancia un’occhiata di sdegno a Demetrio) Tu vai all’inferno cu’e ppalle ‘e fuoco mmocca!

Demetrio si segna continuamente.

CATERINA: Siamo venuti per spiegarvi una situazione un po’ delicata…

FRATE: Prego, parlate pure! Io sono frate confessore!

DEMETRIO: Oggi stiamo in offerta! Tenimmo ‘o 50% ‘e sconto ncoppo ‘e penitenze!

GIOVANNI: Curia discount!

CATERINA: E statte zitte!

GIOVANNI: E no, famme parlà! Giusto una curiosità, ma dopo 5 confessioni la date la carta fedeltà?

FRATE: E certo! Voi diventate cliente fisso!

GIOVANNI: Eh, ma non mi conviene. 5 sono troppe. Secondo me, a chiesa chiù annanze ne fa tre e ve rompe ‘e ccosce….

CATERINA: Smettetela! Il fatto è tragico! Ascoltatemi, padre!

DEMETRIO: Il fratello ti ascolta…

CATERINA: Io e Giovanni vogliamo sposarci, ma le nostre famiglie non vogliono perché io sono contessa, quindi di nobile discendenza e Giovanni, sebben avvocato, è figlio di fruttivendoli….

FRATE: Scommetto che è la tua famiglia a non volere Giovanni…

GIOVANNI: Nooo! Pure ‘a mia nun ‘a vò… A zia dice ca è na meza scema cu’a puzza sotto ‘o naso!

CATERINA: Chella fruttaiola ‘e mm… (Mano alla bocca) Vocca mia fa ‘a signora!

DEMETRIO: Fratè, he capito ‘a contessa…

FRATE: Si, ma io che pozzo fa?


CATERINA: Dateci un consiglio!

FRATE: Secondo me dovete stare fermi e zitti e lasciare la pratica in mano a me.

GIOVANNI: Ma arò stammo? Ncoppo ‘ o comune?

FRATE: Non vi preoccupate cari figliuoli! Lasciatemi tutti i recapiti e il tempo di fare una chiacchierata con i vostri genitori…

CATERINA: Ci possiamo fidare?

DEMETRIO: (Li accompagna all’uscio) Ma certo! Siete in ottime mani!

GIOVANNI: A me non sembra, ma si c’avimma fidà…

FRATE: Uomo di poca fede! Fidati e non ti preoccupare, questa è una faccenda che ci dobbiamo sbrigare FRA di noi…

CATERINA: (Constatata la battuta) C’avimma fidà?

GIOVANNI: E fidammece! Jammuncemme Catarì! Fratè, m’arraccumanno!

FRATE: Pregate, pregate!

I due ragazzi escono.

DEMETRIO: Caro fratello, adesso cosa faremo?

FRATE: Mio buon Demetrio, (guardando il biglietto) cominciamo dai nobili. Dobbiamo risolvere!

DEMETRIO: Avimma apparà…

FRATE: Esatto! Jammo a apparà!

I due escono.

Entrano Nunziatina e il monsignore.

NUNZIATINA: Ve site calmato?

MONSIGNORE: E’ na parola! Ccà nce vonno ‘e tunnellate ‘e valeriana!

NUNZIATINA: Esagerato comme sempe!

Si sentono da dietro le quinte delle urla. Entrano in scena Titinella e Nanninella.


TITINELLA: (adirata) Addò stanno sti dduje sciaurate? Si ‘e cchiappo ‘e taglio ‘a capa!

NANNINELLA: Titinè, aspietta, tengo’a affanno…

TITINELLA: (minacciosa) Nannì, statte zitta tu! Io l’accido!

NANNINELLA: (con un asma evidente) No! Tu m’accide a me!

MONSIGNORE: (Che ha assistito alla scena con Nunziatina) Scusate, ma voi chi siete?

NUNZIATINA: Eccellè, so’ ‘e ffruttaiole!

MONSIGNORE: E ghiusto ccà avevano venì a vennere ‘e percoche?

TITINELLA: (Con aria minacciosa) Monsignò, nun pazziate ca nce stanno pure pe vvuje!

NANNINELLA: Marò, mò abbusca l’eccellenza!

NUNZIATINA: (Interrompendo la faccenda) Ma insomma! Questo è un luogo sacro! A vulimme fernì cu sta vrenzulamma?

La scena si ferma. Titinella guarda monsignore con aria minacciosa. Nanninella è impaurita.

TITINELLA: Monsignò, chesto nun ce l’aviveva fa…

NANNINELLA: E’ overo…

TITINELLA: Statte zitta tu! M’he a fa parlà a me!

NANNINELLA: E Titì, so ddoje ore ca staje parlanno sulo tu! M’a faje azzeccà na scopa pure a me? Io songo a mamma!

TITINELLA: (Risentita) E parla tu, ja! Famme vedè che ssaje fa…

NANNINELLA: (A monsignore, con aria minacciosa) Monsignò, chesto nun ce l’aviveva fa…

TITINELLA: Uh Gesù, Gesù, chesto ll’avevo ditto io…

NANNINELLA: Statte zitta e famme parlà!

MONSIGNORE: (Alterandosi) Insomma! Signò parlate!


NANNINELLA: Dunquo, doveto sapere ca io tengo un figlio educato, istruito e sistimato.

TITINELLA: E chi tene nu puorco ‘o fa rasso, e chi tene unu figlio ‘o fa fesso…

NANNINELLA: Titì, ferniscela…

NUNZIATINA: Su, andate avanti…

MONSIGNORE: Ma tu staje ancora ccà?

NUNZIATINA: Io me mette paura ca ve sentite male…. E po’ vulevo sentì nu poco

‘o fatto. Ja, faciteme sta…

TITINELLA: E no, Nunziatì, noi siamo genta riservata…

NANNINELLA: La privaci….

MONSIGNORE: Nunziatì, jesce fore. Vi prego andate avanti.

Nunziatina esce sbuffando.

MONSIGNORE: Dunque, eravamo rimasti al figlio sistimato….

NANNINELLA: Esatto. Mio figlio è un avvocato. Monsignò, (piangendo) me l’aggiu crisciuto cu ‘e mullechelle! Po’ fa studià, n’avimma vennuto ‘e fasce ‘e friarielle…

TITINELLA: Cascette ‘e pummarole…

NANNINELLA: Casche ‘e banana…

TITINELLA: Mellune ‘e pane…

NANNINELLA: (Dando la “voce”) Spacca che è russo, mangia che è ddoce!

MONSIGNORE: Ma c’avite purtato tutta ‘a puteca a parte ‘e ccà?

TITINELLA: Scusate, è l’emozione… Nannì, parla.

NANNINELLA: Dicevo, mo’ s’è mmiso a ffà ammore cu’a figlia d’a contessa, comme se chiamma?

TITINELLA: ‘O ssaccio io! La contessa Pompetta dell’acqua!

NANNINELLA: No! La contessa Pompelma…

MONSIGNORE: Mo’accumminciammo n’ata vota cu’a frutta? Ho capito. La contessa Pomponia degli Alburni!


TITINELLA: Esatto!

MONSIGNORE: Embè, che nce sta ‘e male?

TITINELLA: (Scatta dalla sedia) E io ‘o ssapevo! Addò ‘e tenite annascuse? Cacciateli ‘a fora!

NANNINELLA: Uè, comme te permiette? Nfaccia alla medesima e propeta perzona del Monzignore?

MONSIGNORE: Calme! Io non ho nascosto nessuno! Da me non sono venuti!

Le due si inginocchiano istantaneamente e baciano le mani del vescovo.

TITINELLA E NANNINELLA: Assafà ‘a Maronna! Jammuncenne!

Si allontanano dando voce di prodotti ortofrutticoli. Entra don Gino.

DON GINO: Che suggestive voci di mercato…

MONSIGNORE: Appunto! Io non ce la faccio più! Devo confessarmi! A dopo!

NUNZIATINA: Nun aggiu maje visto nu vescovo accussì esaurito!

DON GINO: È pentito, è pentito…

NUNZIATINA: Vabbuo, ja…

Entra sulla scena il Conte Gustavo Maria dei Savelli. Un giovanotto impettito e pieno di sé.

GUSTAVO: Buonasera gentili signori, vorrei avere il piacere di conferire con Sua Eccellenza l’Arcivescovo D’Onofrio.

NUNZIATINA: (A Don Gino) Che bbò chisto?

DON GINO: Io ho capito solo buonasera…

NUNZIATINA: (Tra sé) Io po’ domando justo a chisto… Scusato, potete ripetere?

GUSTAVO: Ma dove sono capitato? Conoscete l’italiano? Vorrei parlare con l’arcivescovo…

NUNZIATINA: Ah! Sua Eccellenza si è assentato un attimo. Mentre lo vado a chiamare potete parlare pure con Don Gino, è il segretario. (Tra sé) Mo’ siente ‘e rrisa! (Esce)


GUSTAVO: Allora mi accomodo…

DON GINO: Prego, prego…

GUSTAVO: Allora, caro Don Gino, posso parlare liberamente?

DON GINO: A me piace l’orzata, mi disturba la menta…

GUSTAVO: Questa conversazione è veramente frustrante….

DON GINO: Un armadio a quattro ante? E che cosa ci mettete dentro?

GUSTAVO: Me tapino! (Avvicinandosi all’apparecchio) Posso parlare solo con voi o c’è qualcun altro in cuuuria?

DON GINO: (Urla sobbalzando) Ma che oscenità! Eccellenza! Penitenza!

Scomunica!

Entra Monsignore attirato dalle urla di Don Gino.

MONSIGNORE: Ma insomma! In questo palazzo bisogna sempre urlare?

GUSTAVO: Monsignor D’Onofrio, mi permetta di scusarmi, io sono il conte Gustavo Maria Dei Savelli ed ero venuto qui per conferire con lei. Purtroppo il suo segretario ha scambiato fischi per fiaschi….

MONSIGNORE: Conte, è una sua caratteristica... E’ vero Don Gino?

DON GINO: A me piace il budino!

MONSIGNORE: Visto?

GUSTAVO: Comprendo.

MONSIGNORE: (Accomodandosi) Allora, signor Conte, mi spieghi tutto.

GUSTAVO: Eccellenza, la mia famiglia è da sempre legata alla Chiesa. Deve pensare che il caro nonno Alvise era assistente al soglio pontificio, lo zio Lanfranco segretario del Vescovo di Torino, papà Custode del Santo Sepolcro di Gerusalemme…

MONSIGNORE: (Interrompendolo) Ho capito, ho capito…

GUSTAVO: Anch’io, quindi, volevo rinsaldare il mio rapporto con l’istituzione diventando un benefattore della curia. Lei che ne pensa?

MONSIGNORE: Penso che i benefattori sono sempre troppo pochi….


GUSTAVO: Io vi offro una donazione di 150.000 euro che va a copertura di tutti i lavori di restauro del vescovato.

DON GINO: Rimetteremo la curia a nuovo!

GUSTAVO: Ma ‘e denare nun facevano venì ‘a vista ‘e cecate?

MONSIGNORE: (Sorpreso) Evidentemente pure ‘e recchie ‘e surde!

GUSTAVO: Esatto…

MONSIGNORE: Cosa può fare la Curia per lei, caro conte?

GUSTAVO: La curia poco, lei può fare molto per me…

MONSIGNORE: Mi dica, ha tutta la mia disponibilità….

GUSTAVO: Ho visto salire in curia prima la contessina Caterina degli Alburni accompagnata da quel misero avvocatuccio che puzza di plebeo….

MONSIGNORE: Piano con le offese, io sono un ministro di Dio…

GUSTAVO: Poi è salita quella marmaglia proveniente dal mercato ortofrutticolo…

MONSIGNORE: Caro conte, mi dica cosa vuole e la smetta con le offese.

GUSTAVO: Vengo al dunque. La contessina Caterina dovrà sposare solo me e nessun altro. Qualora lei celebrasse il matrimonio della contessina con un altro uomo, i soldi voleranno via come farfalle….

DON GINO: Vi fanno male le spalle? Facciamo un bel massaggino…. (Inizia a

massaggiare il conte)

GUSTAVO: Mi tolga le mani di dosso! Eccellenza, faccia qualcosa!

MONSIGNORE: Don Gino, vada al suo posto!

DON GINO: (Si rimette a sedere) Tutto a posto, tutto a posto…

MONSIGNORE: Caro conte, la sua proposta è inaccettabile. Io sono un prete e celebrerò ogni matrimonio che riterrò opportuno celebrare se sussistono le volontà da parte degli sposi. Francamente mi vedo costretto a respingere la sua offerta.

GUSTAVO: (Adirato) Se ne pentirà, caro Vescovo. Io ho il potere di rimuoverla, lo sa?

MONSIGNORE: Sia fatta la volontà di Dio!


GUSTAVO: Lei non vuole proprio capire. Qualcuno potrebbe farsi male, soprattutto lei… Gli incidenti possono capitare…

MONSIGNORE: Queste sono minacce caro conte…

DON GINO: (Sobbalzando dalla sedia) Minacce all’istituzione di Santa Romana Chiesa! (Afferra il crocifisso dalla scrivania e lo brandisce contro il conte) Difendiamo il vescovo! Difendiamo il Papa!

Aggredisce inseguendo il conte che prende l’uscita.

GUSTAVO: Se ne pentirà amaramente, Eccellenza! Amaramente!

DON GINO: La breccia di Porta Pia!

Scappano entrambi verso una quinta ed escono.

MONSIGNORE: Qui la situazione si fa parecchio ingarbugliata! Ho bisogno di pregare. (Prende il breviario ed esce)

NUNZIATINA: (Incrociandoli all’uscita) Ma quale Chiesa! Ma quale Curia! Chist’è ‘o manicomio d’Aversa! ‘O manicomio criminale!

Dall’esterno si sentono ancora preghiere in latino. NUNZIATINA: Uh Gesù, Gesù! Ccà ddinto nun se fernesce maje!

FRATE: Venga, venga suorella! Si accomodi! Faccia come se stesse al convento suo!

Demetrio, prendi una seggia. Fai accomodare la suorella!

M.SUPERIORA: Grazie fratello, ma la prego non continui a chiamarmi suorella!

FRATE: Mia cara suorella, sono spiacente ma devo! E’ la gramatica che me lo impone! Vero, Demetrio?

DEMETRIO: Ma certo! Vede, se il frate lo chiama fratello, la suora è suorella!

M.SUPERIORA: (Alzando gli occhi al cielo) Mio caro protettore San Vicienzo, damme ‘a pacienza, damme a pacienza….

NUNZIATINA: Mio caro protettore San Pio, ma pecchè sempe io? Pecchè sempe io?

FRATE: Cara suorella, vogliamo discutere di cose serie?

M.SUPERIORA: Ma certo! La nobile famiglia degli Alburni, di cui mi fregio essere amica, mi ha delegato di risolvere la questione spinosa dell’unione dei rampolli…


NUNZIATINA: Nun aggiu capito mò che c’azzeccano ‘e pulle…

FRATE: E dai Nunziatina, facce parlà!

M.SUPERIORA: Infatti! Dicevo, quest’unione non s’ha da fare!

FRATE: Ma perché, cara suorella? I ragazzi si vogliono bene…

M.SUPERIORA: Mi dispiace, fratello, ma la famiglia non può buttare via tutto questo sangue…

NUNZIATINA: E l’avessema ittà nuje dint’o viscuvato? Chillo monsignore è anziano e nun sta bbuono!

M.SUPERIORA: Ma cosa ha capito! Io parlavo di sangue blu!

DEMETRIO: ‘O sanghe ‘e grande puffo!

FRATE: (Tira uno schiaffo a Demetrio) Ma cosa vuoi sapere tu del quarto di nobiltà!

DEMETRIO: Io, ‘a verità proprio, saccio sulo ‘o quarto ‘e vino!

M.SUPERIORA: Mia cara protettrice Santa Rosa, mettimmo a posto chesta cosa….

Mettimmo a posto chesta cosa!

FRATE: Cara suorella, bisogna trovare una soluzione…

M.SUPERIORA: Mi dispiace, ma soluzione non c’è. La famiglia degli Alburni è contraria e questo matrimonio non si fa.

FRATE: No! Io sono favorevole e si fa.

M.SUPERIORA: V’aggiu ditto can un se fa e nun se fa.

FRATE: Se fa e basta.

Iniziano ad accapigliarsi.

NUNZIATINA: Demè, acchiappammo ‘a sti dduje! Sinò o è spitale o è campusanto! Li dividono e li mettono a sedere.

NUNZIATINA: Ve site calmate? Vi posso dare una soluzione?

M.SUPERIORA: Prego, cara. Sinò c’afferrammo n’ata vota!

FRATE: Esattamente!


NUNZIATINA: Perché non andate a chiamare la famiglia col sangue sperzo e la portate a parlare con monsignore?

M.SUPERIORA: Sembra la soluzione più ovvia. La saggezza del vescovo ci indicherà la strada.

FRATE: Menu male cha ad indicarci la strada nun è ‘a vista ‘e Don Gino, sinò già stevemo sotto ‘a na machina!

M.SUPERIORA: Orsù andiamo a chiamare gli Alburni e risolviamo la questione. Grazie cara Nunziatina, sei una santa!

FRATE: Brava suorella! Demetrio, prima di andare, incendia a Nunziatina! Demetrio prende il turibolo e tenta di incensare Nunziatina.

NUNZIATINA: Jatevenne! (Nel frattempo scappano) Jate a ghittà ‘ o sanghe a n’ata parte!

Nel frattempo rientrano Don Gino e il monsignore.

DON GINO: Venga, Eccellenza, si metta comodo.

NUNZIATINA: E’ meglio ca me ne vaco! Sinò me ntosseco n’atu ppoco! (Esce)

MONSIGNORE: Povera Nunziatina! E’ tanto in pena per me!

DON GINO: Sono scioccato, scioccato!

MONSIGNORE: Infatti, la vedo un po’ scosso…

DON GINO: (Sotto shock) Scosso, scosso…

MONSIGNORE: (preoccupato) Don Gino, si sente bene?

DON GINO: (Inizia a piangere) Eccellenza, le voglio bene! (abbraccia il vescovo)

MONSIGNORE: Don Gino, ma cosa le prende? (Se lo scrolla di dosso)

DON GINO: Lei è la stella polare del mio sacerdozio! Non permetterò che le facciano del male!

MONSIGNORE: Stia tranquillo! Lei crede alle minacce del conte dei Savelli?

DON GINO: Si! (Brandendo il crocifisso) Io la proteggerò!

MONSIGNORE: (Tranquillizzandolo) Ma non si preoccupi! Non mi accadrà nulla!


DON GINO: Sicuro?

MONSIGNORE: Sicuro! Adesso andiamo a recitare il Rosario…

DON GINO: E chi è questo Rosario…

MONSIGNORE: (tra sé) Ma chisto per capì, s’adda mettere paura? Allora nun è surdo... Allora, cominciamo! Nel nome del padre, del figlio….

DON GINO: E dove lo piglio?

MONSIGNORE: Ma che cosa?

DON GINO: Na Santarosa?

MONSIGNORE: No, na sfogliatella!

DON GINO: Uh, quant’è bellella!

MONSIGNORE: Ma chi?

DON GINO: ‘A micella! (tenta di cercarla per la stanza) Micio, micio…

MONSIGNORE: Chisto nun sta buono! S’adda fa coccosa…

Entra Nunziatina accompagnata dalla Contessa Pomponia degli Alburni e sua sorella la Duchessa Cornelia De’Buoi, che si asciuga le lacrime con un fazzoletto.

NUNZIATINA: Prego, accomodatevi. Monsignore, una visita.

POMPONIA: Prego, ci annunci.

NUNZIATINA: C’aggia fa?

CORNELIA: Dica i nostri nomi a Sua Eccellenza!

NUNZIATINA: E comme ve chiammate?

POMPONIA: (Incredula) Come? Non ci conosce?

NUNZIATINA: E chi v’ha maie viste? Vuje addò v’a facite?

CORNELIA: Cosa dice?

NUNZIATINA: (Scandendo bene le parole) Voi dove ve la fate?

POMPONIA: Ma dove facciamo cosa?

MONSIGNORE: (Tra sé) Eh, a limunata!


DON GINO: (Svegliandosi da uno stato di torpore) Buona ‘a limunata! (Rivolgendosi a Cornelia) Tenete il chiosco? Facite pure ‘a rattata ‘e limone?

CORNELIA: La grattata?

DON GINO: Eh! Ma non la grattata così (prende a grattarsi ovunque), la grattata così! (Simula una grattachecca)

MONSIGNORE: (Cercando di dirimere la questione) Gentili signore, qual buon vento vi porta da me?

POMPONIA E CORNELIA: Prima l’annuncio!

MONSIGNORE: (Annoiato) Nunziatì, annuncia a sti ddoje…

NUNZIATINA: Como vi chiamato?

POMPONIA: Io sono la Contessa Pomponia degli Alburni. Forza, dite!

NUNZIATINA: La contessa della pompa con i turni…

POMPONIA: Sciagurata! Pomponia degli Alburni!

NUNZIATINA: La pompa senza turni…

POMPONIA: No!

NUNZIATINA: Ma ‘e ffà o nun ‘e ffa sti turne? Chiagnitavella vuje!

POMPONIA: (Spostandola) Si scansi! Eccellenza, piacere. Contessa Pomponia degli Alburni.

Cornelia, nel frattempo, attende ancora sull’uscio.

MONSIGNORE: Contessa, cosa fa quella che presumo essere sua sorella, ancora sull’uscio?

POMPONIA: E’ovvio, aspetta l’annuncio.

MONSIGNORE: Maronna mia, miettece ‘a mana toja! Nunziatì annuncia pure a chesta!

NUNZIATINA: E jamme… comme ve chiammate?

CORNELIA: Duchessa Cornelia De’buoi.

NUNZIATINA: Contessa re ccorna ‘e voie!


Cornelia scoppia in un pianto inconsolabile.

NUNZIATINA: E mo’ c’aggiu fatto? Meglio ca me ne vaco! Chella cu’a pompa ‘e benzina, chesta che tene ‘e ccorna... (esce)

Cornelia piange in maniera ancora più forte.

DON GINO: Su, non fate così… piangete perché veramente tenete le corna?

Cornelia alza ancora di più la voce.

POMPONIA: Su, siediti cara. Eccellenza, piange a causa del trauma, un grande trauma! (Dopo averla fatta accomodare) Su, presentati a sua eccellenza e racconta la tua storia…

MONSIGNORE: Ma siete venute qua per la storia?

POMPONIA: No, ma comunque è un fatto interessante. Racconta, cara, racconta.

CORNELIA: Eccellenza, sono mortificata. Purtroppo, dopo 15 anni di matrimonio ho sorpreso mio marito, il duca Saverio De’Buoi, in atteggiamento fedifrago con numerose elementi della nobiltà cittadina….

POMPONIA: In primis, la baronessa Maria della famiglia de La Cavalla…

CORNELIA: In secundis, la marchesa Luigina della famiglia Magnavacca

POMPONIA: Poi è stata la volta di quella principessa degli Strozzacapra…

CORNELIA: E non dimenticare quella contessa degli Ammazzalorso…

MONSIGNORE: Il conte era un appassionato di animali, eh?

CORNELIA: Cosa ne sa lei, tradimenti continui….

MONSIGNORE: E lei non ha fatto nulla?

POMPONIA: Sopportava perché lo amava! Poi lui è scappato con l’ultima sua amante, la Duchessa Mazzacani…

CORNELIA: E non sappiamo dove sia andato…

MONSIGNORE: Forse è andato allo zoo? Sapete, per stare un po’ a suo agio…

DON GINO: (Sobbalza dalla sedia) Lo zoo! Bello lo zoo! (A Cornelia) Che fa, mi accompagna?


Cornelia riprende a piangere.

MONSIGNORE: Don Gino, basta!

CORNELIA: Si figuri Monsignore, che per distrarmi un po’ ho anche cambiato pettinatura!

POMPONIA: Siamo andati da un famosissimo coiffeur francese… Una fortuna!

DON GINO: In verità, a me pareno ddoje zeppole ‘e San Giuseppe…

MONSIGNORE: Avete ingarrato il pasticciere, ops parrucchiere! Una pettinatura giusta per l’occasione.

DON GINO: Infatti, ‘e zeppole accummogliano tutt’e ccorne ca tene!

Cornelia continua a piangere.

MONSIGNORE: Don Gino, smettiamola!

NUNZIATINA: Eccellenza, ci sono le fruttaiole. Faccio entrare?

TITINELLA: Nuje nun cercammo permesso a nisciuno! Nannì, trase!

POMPONIA: Le erbivendole, sarà meglio che andiamo!

NANNINELLA: No, restate. Accussì apparammo ‘a situazione!

CORNELIA: Non scendiamo a patti con i plebei!

TITINELLA: Nennè, chi t’ha fatto sti capille? Pascale ‘o pasticciere? Me pareno ddoje zeppole ‘e San Giuseppe!

CORNELIA: Pure voi? (riprende a piangere)

NANNINELLA: L’ha fatto pe accummiglià ‘e ccorne nobbile che tene!

NUNZIATINA: ‘O paese sta chino! ‘O ssapite pure vuje?

POMPONIA: Non vi consento di offendere mia sorella in codesta maniera!

TITINELLA: Statte zitta tu! V’avita pigliato a nepoteme dint’o mmeglio d’a ggiuventù!

CORNELIA: Noi non abbiamo preso nessuno! Piuttosto voi avete portato la nostra erede nella vostra catapecchia!

NANNINELLA: Nuje a chella curatella da contessa nun a vulimmo dint’a casa nosta!


POMPONIA: Allora anche voi siete all’oscuro di questa unione?

NANNINELLA: Nuje nun sapimmo propetamente niente!

TITINELLA: Eccellè, a ccà dinto nun ascimmo finchè nun avimmo apparato sta situazione!

MONSIGNORE: Ma pecchè? Nun a putite apparà ‘e ccase voste?

NUNZIATINA: Vuje ve n’avita ji! Monsignore è anziano, è malato! Va a fernì ca ‘o facite dà ll’anema a Dio!

MONSIGNORE: Nunziatì, aggiu pacienza!

Da lontano si sentono delle litanie.

FRATE: Venite ragazzi. Sicuramente non ci sarà nessuno. Così sistemiamo questa situazione FRA di noi…

DEMETRIO: Con la speranza che nessuno FRAintenda! (Scoppiano a ridere)

GIOVANNI: Catarì, io nun c’a faccio cchiù cu sti duje!

CATERINA: Zitto e cammina!

GIOVANNI: Ma che guaio c’aggiu passato cu sta femmena!

Entrano e restano sbigottiti. Trovano tutti nella sala.

TITINELLA: E bbi lloco! Giuà, lassa a sta culumbrina e vienetenne a casa!

POMPONIA: Mi duole dare ragione all’erbivendola, ma devo! Caterina, subito a casa!

CATERINA: Io non ho intenzione né di tornare a casa, né di lasciare Giovanni. Giuà, parla! Fa ll’omme!

GIOVANNI: E c’aggia dicere? Hai ditto tutte cose tu!

NANNINELLA: Tutte chilli fasce’e friarielle, sporte ‘e cachisse…

TITINELLA: Mellune ‘e pane

NANNINELLA: Sacche’e patane…

MONSIGNORE: Amma capito! Andate avanti!


NANNINELLA: Tanta sorde, insomma, p’o fa avvocato e chisto nun dice manco na parola?

GIOVANNI: Mammà, mo me mortifiche pure tu?

TITINELLA: E jamme, facce verè, fai un discorso!

GIOVANNI: Allora, aggia fa nu discorso? E vabbuò! Signori della corte, io, avvocato Tarallo, sono innamorato della contessa Caterina Degli Alburni e, in osservanza alla legge vigente, chiedo formalmente alla famiglia la sua mano. E in quanto alla mia famiglia, che si rassegnasse io la amo e me la sposo!

DON GINO: Obiezione vostro onore!

FRATE: Don Gì, cosa avete da obiettare?

DON GINO: E che ne saccio? Dint’e film diceno accussì! Avvocato, concluda!

GIOVANNI: Dicevo, io la amo e me la sposo!

Nel frattempo è entrato in scena il Conte Gustavo con aria minacciosa.

GUSTAVO: Arrivo proprio nel momento opportuno! Sapevo che eravate tutti qui!

CATERINA: Gustavo, è inutile! Non ti voglio e non ti voglio!

GUSTAVO: Cara, temo che la tua opinione conti poco. E’vero cara contessa Pomponia?

POMPONIA: Ma certo caro conte. Io avallerei subito un eventuale matrimonio di mia figlia con lei.

CATERINA: Io non sono merce in vendita. Sono una donna libera!

TITINELLA: (a Nanninella) Nannì, nun ce pare ‘a sciacquetta!

GUSTAVO: Amore mio, io posso darti tutto quello che vuoi!

GIOVANNI: Non si allarghi caro conte…

MONSIGNORE: Stiamo calmi, verimmo e nun c’allargà ccà dinto!

NUNZIATINA: Uè, uè, verimmo e ce calmà!

CORNELIA: (piangendo) Vi prego, stiamo calmi!


FRATE: Niente che non si può sistemare! Da come ho capito Giovanni e Caterina vogliono sposarsi, ma i rispettivi genitori non vogliono. In più compare il conte Gustavo che vuole sposarla e la famiglia di Caterina acconsente.

MONSIGNORE: Grazie per il riassunto Fra coso, ma noi cerchiamo una soluzione.

FRATE: La soluzione è semplice! Caterina sposa Gustavo!

MONSIGNORE: Uh Gesù, Gesù! Ccà ddinto tutte scieme! Nce vò ‘a pacienza ‘e Giobbe

DON GINO: (A Cornelia) Oltre alle corna, c’avete pure le gobbe?

CORNELIA: (Piangendo) Mi lasci in pace!

DON GINO: Pregherò per lei!

GIOVANNI: Ora basta! Risolviamo questa situazione al più presto possibile!

MONSIGNORE: Infatti! Accussì ve levate a nanzo ‘e piere! Io me sento male!

NUNZIATINA: Monsignò, chiammamme ‘a mbulanza!

MONSIGNORE: Nunziatì, famme sta cujeto!

GUSTAVO: Caterina tu vuoi proprio questo avvocatuncolo?

CATERINA: Si! Lo amo e sarà mio marito! Costi quel che costi!

GUSTAVO: Bene! Questa è una questione di nobiltà per me di nascita e, a quanto pare, di animo per l’avvocato. Tra nobili queste cose si risolvono con un duello!

FRATE: Qua vogliamo la pace!

MONSIGNORE: Infatti!

GUSTAVO: Si tolga di mezzo, vescovo! Avvocato, scelga l’arma!

Nanninella passa tra le mani del figlio un cetriolo.

NANNINELLA: Tiè a mammà! Cu chisto ‘o faje na faccia tanta!

GIOVANNI: (Brandendo il cetriolo) Conte de’Savelli, a noi due! (Accorgendosi del cetriolo) Uh Gesù, mammà, che n’he dato?

GUSTAVO: Aveva intenzione di farmi del male con un cetriolo?

DEMETRIO: Se un cetriolo colpisce una certa parte del corpo, fidateve, fa male!


FRATE: Scostumato! (Schiaffeggia Demetrio)

GUSTAVO: Domani, all’alba, al vecchio fienile! Cerca di non mancare, vigliacco!

CATERINA: Giovanni, no!

GIOVANNI: Ci sarò!

Nanninella sviene. Titinella piange. POMPONIA: Finalmente una cosa da nobili! CORNELIA: Forza Gustavo!

GUSTAVO: Vescovo in quanto a lei, si ricordi che potrebbe farsi male, molto male…

DON GINO: Attentato! Attentato! (Brandisce un crocifisso e insegue Gustavo. Escono entrambi)

Monsignore, ad un certo punto, collassa sulla sedia. NUNZIATINA: Eccellenza! Eccellenza! Tutti fuori! Fuori! Escono tutti dalla camera. Il vescovo si riprende.

MONSIGNORE: Nunziatì, aggiu fatto nu suonno troppo brutto. Steveno ‘e fruttaiole dint’o vescuvato…

NUNZIATINA: Po’ so venute ‘e nobbele e o conte v’ha minacciato…

MONSIGNORE: T’he fatto ‘o stesso suonno mio?

NUNZIATINA: Monsignò era tutto overo!

MONSIGNORE: Mamma ‘e Pumpei! Nunziatì, vamme a fa na camumilla, ma voglio arrepusà.

NUNZIATINA: M’arraccumanno, si ve sentite male, chiammate! Monsignore resta solo. Dopo un po’ fa capolino il frate e Demetrio. FRATE: Eccellenza, vi vedo un po’ FRAstornato! MONSIGNORE: Ve voglio bene, jatevenne… DEMETRIO: Una preghiera ed una benedizione…


MONSIGNORE: Vi prego, lasciatemi stare…

FRATE: Una confessione?

MONSIGNORE: (Balza dalla sedia) Jatevenne!

I due scappano. Monsignore si siede in preda ad una forte stanchezza. DON GINO: Permette, eccellenza? MONSIGNORE: Fuori! Fuori!

Si accascia sulla sedia in preda ad un nuovo malore.

CALA LA TELA


SECONDO ATTO

La scena si apre con il monsignore seduto alla scrivania in grande trepidazione. E’ circondato dalla fedele Nunziatina, il segretario Don Gino, il frate e Demetrio.

MONSIGNORE: Io nun me faccio capace…

NUNZIATINA: Facitevenne na ragione, l’umanità fa schifo!

FRATE: Orsù, Nunziatina, non dica così! L’umanità non fa schifo! (breve pausa) Eccezion fatta per Demetrio!

DEMETRIO: Fratello, tu vai all’inferno!

DON GINO: Inverno? Ma se siamo a marzo? Al massimo primavera!

NUNZIATINA: Maledetta primavera!

DON GINO: Maledetta parrucchiera?

FRATE E DEMETRIO: (A don Gino, cantando) Maledetta come te!

MONSIGNORE: Io, comunque nun me faccio capace….

NUNZIATINA: Vuje v’avita fa capace….

FRATE E DEMETRIO: (intonando la celebre canzone di Mario Merola) Vuje v’avita fa capace, ncoppa ‘o munno nun ce sta, una cosa che è cchiù bella, che è cchiù bella d’o magna….

DON GINO: E bello ‘o magna!

FRATE E DEMETRIO: Po po po po!

DON GINO: E’ bello ‘o magna!

FRATE E DEMETRIO: Po po po po!

FRATE, DEMETRIO E DON GINO: Favurite ca ve faccio cunsulà!

Monsignore e Nunziatina assistono attoniti alla scena.

MONSIGNORE: E avimma fatto pure ‘o festival ‘e Napule!

NUNZIATINA: Però, a me m’è piaciuto…. ‘A sapite ‘e figlie so piezze ‘e core?

FRATE E DEMETRIO: No, ma sapimme ‘e dduje paravise!


MONSIGNORE: Basta! E’ un bruttissimo momento e voi pensate a cantare?

NUNZIATINA: Era per sdrammatizzare!

MONSIGNORE: Io overamente nun me faccio capace…

FRATE E DEMETRIO: Vuje v’avita fa capace…

NUNZIATINA: E basta! Monsignò, parlate! Sinò sti dduje cacciano pure a Pino Mauro!

MONSIGNORE: Dicevo, un uomo di pace come me non ha fatto nulla per fermare due uomini l’un contro l’altro armati!

FRATE: Non ci pensate, hanno fatto tutto loro!

MONSIGNORE: Fra… coso….

FRATE: (corre a prendere una pentola ed un cucchiaio di legno) Oggi per voi sono fra…. Stuono!

NUNZIATINA: Uh, Gesù, Gesù!

DON GINO: Fa che io ti ami sempre più….

Tutti si segnano.

MONSIGNORE: Dicevo, frate, siamo sacerdoti! Non possiamo consentire uno scempio del genere!

NUNZIATINA: Facitele scannà! E’ cchiù bello!

MONSIGNORE: (alterato) Nunziatì, guarda che non ti assolvo più!

FRATE: (interessato) Vi confesso io…

DEMETRIO: Oggi è fuori tutto! Sconti fino al 70%!

MONSIGNORE: In questa curia dilaga il mercimonio!

DON GINO: ( scatta dalla sedia) Il matrimonio! Dovevo celebrare un matrimonio! (scappa verso la quinta)

NUNZIATINA: Stu viecchio nzallanuto!

MONSIGNORE: Nunziatina!


Entra in scena, accompagnato da Caterina, Giovanni, visibilmente ferito.

Conseguenza del duello.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 11 volte nell' arco di un'anno