Pesa e ammesura!

Stampa questo copione

PESA E AMMESURA!

S.I.A.E.                    

                                                                Teatro Comico Napoletano

                                           PESA E AMMESURA!...

Atto unico breve

di

Colomba Rosaria Andolfi

(1993)

Non sono consentite variazioni del titolo.

I dirittti d’autore per la rappresentazione sono i minimi d’uso previsti dalla SIAE.

Quest’atto unico, depositato alla SIAE il 16 marzo 1993, è stato portato quasi subito in scena perché inserito in uno spettacolo di Cabteatro.

                                                                    

                                                             

S.I.A.E.                                                          Teatro Comico Napoletano

                                           PESA E AMMESURA!...

Atto unico breve

di

Colomba Rosaria Andolfi

(1993)

PERSONAGGI

Peppino Cafiero, capo famiglia

Luisella, sua moglie

Beniamino, loro figlio

Signora Maria, madre di Luisella

Ninetta, domestica a ore

Raffaele, collega e amico di Peppino

Il titolo “PESA E AMMESURA!” si discosta poco dall’italiano “Pesa e misura!”. È un invito alla riflessione, rivolto soprattutto al pubblico maschile. Molti uomini, infatti, potranno identificarsi con Peppino, il marito geloso di Luisella, che continua a fare il galletto con tutte le donne che gli capitano a tiro. Il finale a sorpresa vedrà però questo galletto incallito trasformarsi in una pecorella smarrita. 

PESA E AMMESURA!...

Atto unico breve

di Colomba Rosaria ANDOLFI

La vicenda si svolge nel tinello di casa Cafiero. Sulla parete frontale, c’è la comune che dà a sinistra verso l’interno della casa e a destra verso l’ingresso. Sulla parete destra c’è una una porta che immette in cucina. Sulla parete sinistra, verso il proscenio: un mobiletto sul quale è poggiato un telefono fisso, una sedia e una porta che immette nella camera di Beniamino. Quasi al centro della scena, un tavolo con tre sedie. Ulteriori elementi possono completare eventualmente l’arredamento. 

È un sabato mattina di fine maggio. Luisella, in gonna e camicetta, sta seduta vicino al tavolo. conversando con la mamma che è venuta a farle visita. 

SIGNORA MARIA (con un sacchetto della spesa sul tavolo): Figlia mia, ’o ssaje, a me Assuntina, chell’amica toja, nun m’è mai piaciuta… L’aggio vista p’ ’a via tre ghiuorne fa… Essa m’ha salutato cu na resella “Signora Marì, buongiorno!”... Teneva na gonna cu nu piezzo ’e spacco; pe’ poco nun se vedeva ’a mutanda.  

LUISELLA: Mammà, comme si’ esagerata!

SIGNORA MARIA: Luisè, a me chella nun m’ ’a conta giusta… Ajere mmatina Rosetta, mentre jeva a scola, ha visto a tuo marito ’nnanze ’o negozio sujo.

LUISELLA (minimizza): Fore ’o negozio; no dinto.

SIGNORA MARIA: E pe’ forza!... Chillo ’o negozio steva ancora chiuso… E penzà ca tu ’a faje venì ccà tutte ’e ddummeneche! 

LUISELLA: Nuje cu Assuntina pazziammo a carte… Vene pure n’amica soja ca tu nun cunusce.

SIGNORA MARIA: Accussì tuo marito fa ’o gallo ’mmiez’ ’e galline…. Figlia mia, statte accorta!… Io t’aggio avvisata... (Prende il sacchetto della spesa e si alza) Mò me n’ aggi’ ’a propio jì… Tuo padre, ’o ssaje, ha da mangià a orario (si avvia fuori scena).

 

LUISELLA (sorride, accompagnandola): ’O ssaccio… Salutammillo (Voce fuori campo). Ciao, mammà!... (Rientra in scena dalla comune) Stammatina nun riesco a fà niente… Primma Rafele, po’ mammà… Sperammo ca ’e vvisite so’ fernute (va in cucina).

NINETTA (giovane domestica con il grembiule allacciato in vita e lo strofinaccio per la polvere in mano, entra in scena dalla comune): Signó, int’ ’a cammera ’e lietto aggio fernuto…Mò faccio ’a cammera ’e Beniamino.

LUISELLA: No, Ninè; è meglio che vaje a lavà ’o pavimento d’ ’a cucina, accussì daje pure n’uocchio ’o gattò ’e patane che sta ’int’ ’o furno… Damme ’a pezza d’ ’a povere; ’a cammera ’e Beniamino ’a faccio io.

NINETTA (porgendole lo strofinaccio): Va be’ (va in cucina, chiudendosi la porta alle spalle).     

LUISELLA (bussa alla porta di Beniamino): Beniamì, so’ io… (entra nella stanza e richiude la porta).  

PEPPINO (preceduto da un rumore di chiavi, appende la giacca all’uomo morto che è nell’ingresso e entra in scena con un giornale arrotolato in mano): Finalmente ’o sabato pozzo leggere nu poco! (Si siede vicino al tavolo e scorre velocemente i titoli in prima e in seconda pagina) Sti ppagine d’ ’a politica s’ ’e pputesseno pure sparagnà… So’ ssulo chiacchiere… Meglio ’o sport (Cerca la pagina sportiva)

BENIAMINO (ragazzo ventenne in jeans, camicia scura, giubbotto di similpelle sul braccio, entra in scena dalla sua stanza e richiude la porta - rivolto a Peppino): Papà  me servono sittanta mila lire.

PEPPINO: E che n’ hé ’a fà?

BENIAMINO: Me servono e basta.

PEPPINO (chiude il giornale): E che songo ’o bancomat? 

BENIAMINO: Si fusse ’o bancomat, nun m’accuntentasse ’e sittanta mila lire.

PEPPINO: Eh già… Tu venisse’o bancomat e pigliasse, pigliasse sempe.

BENIAMINO (sorride): E se capisce!

PEPPINO: Ma ’o bancomat ’e sorde nun ’e rregala… ’E sorde ca uno se piglia so’ chille ca uno ce ha miso.

BENIAMINO: Papà quanta storie!... Ma tu me vuo’ bene?

PEPPINO (prende il portafogli dalla tasca del pantalone): Pecché ’o bene s’ammesura a sòrde?

BENIAMINO: E certamente!

PEPPINO (apre il portafogli e tira fuori una banconota da dieci mila lire): Allora te voglio bene diece mila lire sulamente… (Porgendogli la banconota) Vide si mammeta te vo’ bene cchiù assaje.      

BENIAMINO: Papà, chello che daje doppo te truove.

PEPPINO: Sicuramente nun truvarraggio a chi me campa.

LUISELLA (con il panno per la polvere in mano, entra in scena, uscendo dalla camera di Beniamino): Beniamì, aggio fatto ’o gattò (poggia il panno per la polvere sul tavolo)

BENIAMINO (infilandosi il giubbotto): M’ ’o mangio quanno torno… Arrivederci (esce di scena dalla comune verso destra).

    

PEPPINO (a Luisella): È venuto a esiggere.

LUISELLA (intrecciando nervosamente le mani): Ah!

PEPPINO (ironico): Aggio capito … Si’ venuta a esiggere pure tu.

LUISELLA: E chillo Beniamino ajere s’è fatto dà ciento mila lire p’accuncià ’o motorino.

PEPPINO (nervoso, si alza dalla sedia): ’O motorino funziona. È isso ca nun funziona… Basta guardà comme se cumbina… Nun ’o veco mai cu na femmena.

LUISELLA: È ancora guaglione.

PEPPINO (passeggia nervosamente per la stanza): Io all’età soja già me fidavo ’e dicere.

LUISELLA : E se vede ca nun ha pigliato ’e te.

PEPPINO (si abbassa a raccogliere dal pavimento un biglietto del pullman): E che ce fà stu biglietto ccà ’nterra?       

LUISELLA: Lle sarrà caduto d’ ’a sacca a Rafele.

PEPPINO (sorpreso): Rafele è venuto ccà!?

LUISELLA (togliendo la polvere sul mobiletto): Sì, te cercava.

PEPPINO (tono inquisitore): E che vuleva Rafele a me?

LUISELLA: E che ne saccio!... Ha ditto sulamente ca te vuleva parlà e ca torna cchiù tarde.

PEPPINO (ironico): E pecché avess’ ’a turnà?!... ’O scopo sujo era propio chillo ’e nun me truvà pe’ rummané sulo cu te.

LUISELLA (sorride) : Cu me!? (gli si avvicina).

PEPPINO: Sì, cu te!... Te cride ca nun me ne so’ accorto che faje tutta ’a smurfiosa quanno isso te guarda cu chill’ uocchie ’e pesce muorto?

LUISELLA: Aggio capito, ogge vuo’ accummincià n’ata storia… Nu mese fa è stato ’o turno ’e don Luigi, po’ te si’ fissato cu Pascale e ogge è asciuto ’mmiezo Rafele… Insomma, stanno a te, io sarrìa peggio d’ ’a regina Giuvanna.

PEPPINO: Tu, Luisè, ’a vuo’ girà a pazziella, ma ’ncopp’ a sti ccose ccà nun se pazzéa, si no fernesce ca nu juorno ’e chiste io perdo ’a pacienza e te faccio vedé ’e che so’ capace… Pe’ chesto, si tiene quaccosa ’a dicere, parla, cunfessa!

LUISELLA: A me nu cunfessore me servesse overamente, pecché spisso me capita ’e desiderà ’a morta toja… Peppì, chella ca tiene tu è na malatia ca nun se pò curà e ca accide lentamente a chi te sta vicino… ’A che me so’ spusata, so’ ghiuta ’ngalera e priva ’e grazia…. Pure quanno simmo asciute ’nzieme, pe’ niente te si’ ammentato ca m’ero girata a guardà a quaccheduno che m’era passato vicino.

 

PEPPINO (si alza con aria minacciosa e le stringe forte il braccio): Pecché vulisse dicere ca nun era overo!?

LUISELLA (liberandosi da quella stretta): ’O ssaje buono ca nun era overo.

NINETTA (entra in scena, asciugandosi le mani con un lembo del grembiule): Signó, a me me pare ca ’o gattò ’e patane ha da cocere ancora… Forse è meglio si ce date n’uocchio vuje.  (Sorride, guardando Peppino) Io fernesco ’e luvà ’a povere ccà (prende lo strofinaccio che è sul mobiletto).  

LUISELLA (si accorge di quel sorriso) : Sì, è meglio  (finge di andare in cucina e si ferma a spiare)

Ninetta inizia a togliere la polvere sul mobiletto del telefono. Peppino la guarda, poi le si avvicina, braccandola.

NINETTA (con fare civettuolo): Don Peppì, si nun ve scustate, nun pozzo luvà ’a povere.

PEPPINO (abbracciandola): E tu, cerasella mia, ’a povere ’a può pure luvà doppo.

NINETTA (respingendolo a malincuore): Don Peppì nun è ’o mumento; pò trasì ’a signora.

PEPPINO: Ma io tengo sulo ’o sabato pe’ te vedé… ’O ssaje ca me piace… (La spinge verso la stanza di Beniamino) Damme nu vasillo; jammuncenne dint’ ’a stanza ’e Beniamino.     

  

NINETTA: No, io llà nun aggi’ ’a trasì… ’A signora ha ditto ca ’a stanza ’e Beniamino l’arricetta essa. (Liberandosi dalla stretta) Pecché nun v’assettate?

Luisella, incredula, scuote la testa e si allontana con passo felpato.

PEPPINO: E va be’ (a malincuore torna a sedersi e guarda Ninetta che spolvera). Ninè, ma si’ ancora fidanzata cu chillu coso luongo luongo? 

NINETTA (imbarazzata, mentre spolvera la spalliera della sedia che è accanto a Peppino): No, me songo lasciata, pecché mò dint’ ’a capa mia ce sta n’ata perzona.

PEPPINO (le accarezza la guancia con il dorso della mano): Chella perzona songh’ io… È overo?

NINETTA (con ritrosia): No… È ca io aggio capito ca forse…inzomma…

Squilla il telefono

LUISELLA (voce fuori campo): Peppì, rispunne tu!... Ninè, viene a darme na mano!

NINETTA: Sì, vengo! (si precipita in cucina, lasciando il panno della polvere sul tavolo)

PEPPINO (solleva la cornetta): Pronto?.... Gué, Assuntì! (si siede accanto al telefono) Luisella, ’o ssaje, a chest’ora tene che fà… (Sorride) Ma pecché nun te fà piacere ’e parlà cu me?.. Cu Luisella ce può parlà doppo…….. Uh, comme me dispiace!…. Allora staje ’int’ ’o lietto?..... (Sospira) Vulesse essere ’o matarazzo tujo!... Te facesse passà subbeto ’o male ’e capa……  Sèh, seh! Tu te faje ’a resella, ma hé capito o no ca io pe’ te facesse pazzie… Ajere matina so’ passato p’ ’o negozio tujo, ma tu nun avive araputo ancora… So’ rimasto smaniuso tutta ’a giurnata pecché tenevo voglia ’e te vedé…… E che ce azzecca ca si’ amica ’e Luisella… Io saccio sulo ca tu si’ na femmena che me fa ’mpazzì e io n’ommo ca tene’o ffuoco dint’ ’e vvene… Cirche ’e stà bona, accussì ce vedimmo dimane…. (Sospira) Ciao, ciao (chiude la telefonata) .

LUISELLA (entra in scena, seguita da Ninetta, soffiandosi sui polpastrelli di una mano): Me so’ scuttata.

NINETTA (a Peppino): Nun è stata colpa mia.

LUISELLA (a Ninetta) : E chi t’ha ditto niente!... Peppì, chi era a telefono.

PEPPINO: Era Assuntina (si siede vicino al tavolo).

LUISELLA: E chella chiamma sempe ’o sabbato.

PEPPINO: Stà cuccata pecché tène male ’e capa… Doppo vide d’ ’a chiammà.

LUISELLA: Sì, sì… Ninè, arriciette ’int’ ’a cucina… Asciutte ’e ppentole e miettele a posto… Fra diece minute stuta sotto ’o furno.

NINETTA (pazientemente): Va bene (va in cucina, uscendo di scena).

LUISELLA (prende il panno della polvere che è sul tavolo):  Io vaco a fernì ’e luvà ’a povere ’int’ ’a stanza ’e Beniamino.

Bussata di porta (campanello)

LUISELLA: Peppì, arape tu!... Sarrà Rafele (entra nella camera di Beniamino e chiude la porta).

PEPPINO (va ad aprire - voce fuori campo): Gué, Rafè, trase! (lo precede in scena).

RAFFAELE (agitato, entrando in scena): Peppì, t’ aggi’ ’a parlà.

PEPPINO (tono pacato): Ch’è stato?

RAFFAELE: E m’ ’o spie pure!... Io t’accedesse.

PEPPINO: Rafè, càlmete e famme capì…. (Indicandogli una sedia) Pe’ primma cosa assettete.    

 

RAFFAELE (si siede): Peppì, sta vota ll’hé fatta grossa assaje.   

PEPPINO (gli siede accanto): Che cosa?

RAFFAELE: Hé fatto ’o farenello pure cu Gemma, ’a segretaria d’ ’o direttore.

PEPPINO: Qua’ farenello!… L’avarraggio fatto sulo nu cumplimento… (Sorride, mimando il decolleté) Chella tene chillu panorama!

RAFFAELE: E ’nzieme ’o cumplimento, l’hé miso pure na mano arèto.

PEPPINO (minimizzando): Forse pe’ distrazione.

RAFFAELE: Pe’ colpa ’e sta distrazione toja, ajeressera è succieso ’o quarantotto… Io m’ero trattenuto a fà ’o straordinario, quanno ’o direttore m’ha mannato a chiammà… Steva comm’ a nu pazzo; Gemma era appena asciuta d’ ’a stanza soja. Isso alluccava ’mmiez’o corridoio  Fate venire subito Cafiero!  Ce aggio ditto ca tu ne ire già juto. Allora isso m’ha fatto trasì e m’ha ditto ca da lunnedì io piglio ’o posto tujo all’amministrazione e tu viene trasferito ô magazzino.

PEPPINO: E che ce faccio ô magazzino?

RAFFAELE (nervoso): Accarizze ’e balle ’e cuttone… Te cunviene ’e nun fà storie… Mò ca Gemma ha parlato, tutte ’e ffemmene d’ ’a ditta diciarranno ca hé fatto ’o mandrillo pure cu lloro… Peppì. statte accorto ca, si pierde ’o posto, pierde pure a Luisella. (Si alza) Io so’ venuto a t’avvertì… ’O dovere mio l’aggio fatto… Bona giurnata, Peppì! (esce di scena dalla comune).

PEPPINO (resta seduto e scrolla la testa): E chi l’avesse ditto!... Doppo tant’anne, m’arritrovo ’o magazzino merci, comm’ a quanno so’ trasuto…. Mah!  

LUISELLA (esce dalla camera di Beniamino con la camicetta un po’ aperta): Rafele già se n’è ghiuto?

PEPPINO (la guarda e per scaricare il suo nervosismo): E appùntete sta cammisa ’mpietto!… Si ce steva Rafele, me facive passà nu guajo.

LUISELLA (sorride - tono sarcastico): Mò ’e ffemmene camminano p’ ’a via quasi annure e tu staje a penzà ’o buttone d’ ’a cammisa mia?

PEPPINO: Io sto a penzà e basta!  Che ne saccio che faje quanno scinne a fà ’a spesa o quanno dice che vaje a truvà a mammà?... Che ne saccio si nun tiene a n’ ato?... Io ’e te nun saccio niente. Però, comme marito, tengo tutt’ ’o diritto ’e sapé che faje.

LUISELLA (sfinita, si siede - tono deciso): ’A verità... È chesto che vuó?... E io t’ ’a dico… Sì, aje ragione, tu ’e me nun saje niente… Tu nun hé mai capito niente. Vuo’sapé c’aggio fatto?... E io t’ ’o ddico… Pe’ quatto mise me songo vista cu uno ca me faceva ’a corte p’ ’o ppassato. ’O ’ncuntraje na matina vicino ’a casa ’e mammà e ce pigliajeme nu cafè ’o bar… Isso me cuntaje ca se steva spartenno d’ ’a mugliera e io lle cuntaje ’e te… Da allora ce simmo viste quase tutte ’e juorne… Chell’ora cu isso era pe’ me n’ora d’ossigeno.... E mò, si vuo’, piglia nu curtiello e accideme!

PEPPINO (si alza, minaccioso, ma si siede di nuovo): Io songo na perzona civile e po’ nun saccio nemmanco si t’aggi’ ’a credere... (Timidamente) ’O vide ancora?

LUISELLA (imbarazzata, girandosi sulla sedia per evitare lo sguardo di Peppino): Quacche vota… Isso tene doje criature… ’O posto sujo è llà nzieme a chell’anime innocenti.

PEPPINO (si alza e le si avvicina):’O pienze ancora?

LUISELLA: Sì.

PEPPINO (chinandosi su di lei): È meglio ’e me?

LUISELLA: Me fa sentì importante comm’a na principessa.

PEPPINO: Si me ce metto ’e casa e pputeca, fra nu mese te sarraje scurdata pure comme se chiamma… (Abbracciandola) Tu si’ ’a mia. 

NINETTA (esce dalla cucina e dinanzi a quella scena amorosa le si spezzano le parole sulle labbra): Signó… Signó a me me pare ca ’o gattò s’è cuotto… Venite a vedé vuje!

PEPPINO (guarda severamente Ninetta - tono brusco): Pecché ha da venì?... (Sorride a Luisella e stringendola a sè) Nuje mò tenimmo che fà.

LUISELLA: Niné, stuta ’o furno.

  

NINETTA (voce un po’ rotta): Sì, va bene (mentre va in cucina, si asciuga una lacrima con un lembo del grembiule).

PEPPINO (siede accanto a Luisella e le prende la mano): Luisè, che ne dice ’e ce ne jì a Venezia pe’ na semmana? (Sorride) Ce facimmo na siconda luna ’e miele… Io tengo ancora ’e fferie ’e ll’anno passato.

LUISELLA: Po’ vedimmo.

PEPPINO (supplichevole): Niente po’….   

Squilla il telefono

LUISELLA (si alza): Chesta sarrà Assuntina. (Solleva la cornetta) Pronto?... Gué, Assuntì, saccio ca nun te fide…’O problema tujo è ca nun tiene penziere… (Sorride) Peppino s’è fissato ca me vò purtà a Venezia. Dice ca se vò fà na siconda luna ’e miele cu me… E tu a chi aspiette?... Quando t’ ’o truove nu bellu marito?... Vide ’e fà ampressa!… Mò t’aggi’ ’a lassà… Tengo ’o gattò dint’ ’o furno… Ciao, ce sentimmo (abbassa la cornetta).

PEPPINO: Allora, Luisè, quanno partimmmo?

LUISELLA (tentenna): Peppì, ma a che serve passà na settimana fore?... Nun penzo c’ abbasta sulo na settimana a Venezia  pe’ me sullevà.

PEPPINO: Allora vò dicere ca ce ne jammo a fà gite ogne sabbato e dummeneca…. Che ne pienze?

LUISELLA: Penzo ch’è meglio.

NINETTA (entra timidamente in scena senza grembiule): Permesso?... Signó, io aggio fernuto… Ce vedimmo lunnedì.

LUISELLA: Sì… Ah, Niné, te vulevo dicere ca invece d’ ’o sabato aviss’ ’a venì ’o venerdì…. Pe’ te nun cagna niente; so’ sempe tre vvote â settimana… Nuje ’o sabbato e ’a dummeneca ce ne jammo fore.

  

NINETTA: Sì, va bene.

LUISELLA (le sorride): Accussì te puó fàquacche gita pure tu c’ ’o ’nnammurato tujo.

PEPPINO (aggiunge, beffardo ): Chillu coso luongo luongo.

NINETTA (con aria mesta, andando verso la comune): Sì, si… Arrivederci (esce di scena)

Cala il sipario

FINE

                             

Nota - Questo lavoro, scritto inizialmente per saggi di recitazione in lingua napoletana, è stato portato in scena con altri atti unici, sempre miei, nello spettacolo di CABTEATRO, ambientato agli inizi degli anni ’90.

Il regista che volesse realizzare questo spettacolo potrà avvalersi della scaletta qui acclusa. Su gttempo.it in “Teatrando in versi”troverà tammurriate e composizioni in versi che potrà inserire.

                                                    Colomba Rosaria Andolfi             

                                                       (corandolfi@libero.it)       

CABTEATRO

Spettacolo in due tempi

Testi di

Colomba Rosaria Andolfi

 Primo tempo                                  Secondo tempo

       (Esterni)                                        |           (Interni)                 

                                                              |

* ’A vita è na scazzetta                       |  * Mani pulite (tammurriata)

                                                              |                 

- Telefono a gettoni                             |  - Sportello bancario

                                                              |       

* Vicino â fermata                                |   * ’A malalengua (o ’A vita)

                                                              |       

- Quanno succede a te...                    |  - Sotto a chi tocca

                                                              |

<Suono di clacson e rombo di motorini>    |  * Vurrìa 

                                                              |

* Napule primma e doppo (tammurriata)         |  - Pesa e ammesura!

                                                              |

- Fossero chiste ’e guaje!                            |  * Nu mistero             

                                                              |                 

* ’E pressa                                           |  - Quanno se dice ’a ciorta!

                                                              |

- Fino alla morte                                  |

____________________________________________________________             

(-) Atti unici

(*) Versi

Un allestimento scenico essenziale con elementi facilmente componibili velocizzerà i cambi di scena a vista. Le tammurriate e i versi comici renderanno piacevoli le brevi attese. 

I diritti d’autore per lo spettacolo “CABTEATRO”sono i minimi d’uso SIAE.

Questo testo potrà essere rappresentato anche col titolo “SI RIDE DENTRO, SI RIDE FUORI”, volendo significare che il pubblico si divertirà e uscirà dal teatro ancora ridendo.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno