Petali e pedalini

Stampa questo copione

Petali e pedalini

Commedia in due atti di

Maurizio Navarra

Petali e pedalini

( Una casa modesta, interno di una camera da pranzo - cucina. Possibilmente, una finestra sul fondo. Un tavolo, qualche sedia. E’ mattina presto. Nando è già quasi pronto. Ha indosso la tuta da lavoro e deve mettere solo calze e scarpe. Carla è in vestaglia. Sopra il tavolo c’è un portapranzo)

Nando: Ao! Ma ‘sti pedalini so’ tutti bucati!

Carla: E che sarà mai? Pijane ‘n’antro paio no?

Nando: E l’ho fatto! Questo è er terzo paio che me metto e ogni vorta er ditone s’affaccia e me fa bubbussettete!

Carla: E’ corpa tua. Tu li pedalini te li magni, li consumi. Segno che li tratti male!

Nando: E come no! Hai ragione da venne. Pensa che perfino ce cammino sopra pe’ tutta la giornata. Poracci. Puro ar chiuso devono stà. Ma mo’ da oggi smetto. Giuro che nun ce cammino più sopra e magara me l’infilo ner taschino….

Carla: Che, te sei svejato cor culo all’insù? Hai dormito sotto l’effetto de quella scofanata de peperonata che te sei fatto ieri a cena e te sei insognato quarche diavolo che te coreva appresso cor forcone?

Nando: Nun cercà de ciriolà via dall’argomento. Possibile che dentro er cassetto der commò nun c’è rimasto manco ‘n paio de pedalini sani?

Carla: Se hai guardato bene, e ne dubbito, e nun n’hai trovato manco ‘n paio sani…vorà dì che è vero! Sei rimasto a corto de pedalini.

Nando: Vostra maestà me perdoni, ma…nun ha mai sentito parlà de ago e filo? Sai l’ago è quer coso che da na parte è puncicoso e dall’artra parte cià come ‘na spece d’occhiello che ce se mette er filo…se fa un nodo e….zacchete zacchete se mettono i punti che turano le cose che se so’ sgarate.

Carla: Che spirito de patate che t’aritrovi! Voi fa’ gnente gnente er polemico? Se vede che t’ho piegato ‘sti pedalini de corsa e nun me so’ accorta, co’ tutto quello che ho da fà! Ago e filo! Nun conosco ago e filo! (toglie i calzini di mano al marito) Ma dì, nun vedi che er sotto de ‘sti pedalini se po’ dì che l’ho rifatto io pe’ quanti rammendi ce stanno? Abbi pazzienza Nando, nun m’angoscià. Stamattina te metti ‘n paio de carze bucate; l’artre me le lasci sopra er commò e quanno torni stasera è tutto a posto. (restituisce il calzino bucato a Nando)

Nando: A Carla, comme la fai facile! E si percaso me sento male pe’ strada?

Carla: Stai a vedè che un buco ner pedalino te fa pijà un accidente!

Nando: Che c’entra? Metti che me sento male, che ciò un incidente e che me porteno ar pronto soccorso…

Carla: Mbè?

Nando: Hai visto puro tu Iare in televisione. Quanno stai male e te porteno ar Pronto Soccorso de l’ospedale, te metteno sopra ‘na barella, te leveno le scarpe, e subbito er ditone de fori o la mela sur carcagno se metteno a gridà a tutti che sei un morto de fame.

Carla: E questa sarebbe la preoccupazione tua? Si er medico e l’infermiere ce devono levà le scarpe pe’ accorgese che semo morti de fame vor dì che proprio nun ci hanno occhio… clinico! Piuttosto. Si proprio te voi sentì male ar punto de fatte straportà all’ospedale, se qualcuno te leva le scarpe bada a nun perdele (fregassele nun è possibile a meno che nun te raccoje un antiquario) perché è l’unico paro che ciai! Piuttosto, sbrighete che fai tardi!

Nando: (Indossando la calza bucata) E doppo ‘sto bongiorno, annamo a lavorà. Pensa te com’è felice er piede mio stammatina! Lo vesto co ‘n pedalino co’ la presa d’aria incorporata. Sai come respira bene?

Carla: E quante storie! Pe’ ‘na vorta…

Nando: Nun vojo esse un po’… lemico. Tajamo. Che m’hai messo pe’ pranzo?

Carla: T’ho combinato er culetto der filoncino più mejo de n’artista. Ciò messo ‘na sgomarellata de sugo de peperonata de ieri sera; pe’ ammorbidì. Poi ‘na bella frittatina co’ la bieda. Ner tèrmose t’ho messo du’ rigatoni fatti espressi stammatina più er mezzo litro de vino. C’è proprio tutto. Er caffè è inutile che te lo faccio tanto te lo piji ar bare co’ l’amichi tua.

Nando: Nun è che m’hai benedetto er vino co’ lacqua? Tu lo sai come la penso. Passo sopra ai buchi nei pedalini ma l’acqua drento ar vino mai! (prende il portapranzo)

Carla: Ma che stai a pensà! Guarda piuttosto de ottené quarche oretta de straordinario che li sordi nun basteno mai!

Nando: Magara fosse! Ciao Carlè. Se rivedemo stasera. (esce di scena)

Carla: E uno fori! Ma quella dormijona de Martina nun va a scola oggi?  Martina! Martina!

Martina: (entrando e stiracchiandosi) A mà, che pizza! Oggi non me va di andare a scuola!

Carla: Ecco er secondo contestatore! Sbrighete a annà a scola sennò comincia a volà quarche sganassone!

Martina: Prima cosa devo ancora fa’ colazione, secondo se mi dai uno schiaffo, me lo ha detto la maestra, chiamo telefono azzurro e faccio venì i Carabinieri!

Carla: Er caffellatte eccotelo. (porge una tazza alla figlia) In quanto a telefono azzuro, si tu lo chiami io chiamo er telefono blù perché a forza de cucchiarellate te fò diventà blù tutto er culetto! Magna e zitta.

Martina: A mà. Damme la merendina. Presto…ma de nascosto.

Carla: E perché?

Martina: Perché l’ho visto in televisione! Mentre stai co’ la merendina in mano te se materializza vicino un artro regazzino che te la frega. Io si ‘sto regazzino s’azzarda a venì qui io lo pisto come l’uva!

Carla: E brava Martina! Si qualcuno prova a toccatte quarcosa de tuo prima je meni e poi je chiedi perché.

Martina: A mà, ma proprio ce devo annà oggi a scola? Ce stà lezione de scienze. E che pillole! La maestra continua a parlà de arberi e de animali...non sai che noia!

Carla: A signorina telefono azzurro! Pija la cartella, mettila ‘n collo e via a scola più de corsa che de fuga! Tu te devi istruì, me devi diventà qualcuno, no come me e tu padre che tutt’e due insieme nun avemo fatto manco le cinque classi dell’alimentari.

Martina: Elementari mà! Possibile che dentro ‘sta casa se pensa solo a magnà?

Carla: Cara la mia istruita, la scola è scola, ma si nun magni nun fai gnente! Io volessi che ti insegnerebbero le cose giuste, quelle serveno peddavero!

Martina: A mà, ma che dici! È meglio che tu l’italiano lo eviti proprio!  I verbi…

Carla: Uffa! Verbi e nerbi! A scola…e senza storie! (l’aiuta a mettere la cartella)

Martina: Sei senza speranza mà!  Ciao! (esce di scena)

Carla: Fori due! E mo’ famose un tantino de respiro. Ce vorrebbe un caffè. Mo’ chiamo Samantha. (affacciandosi alla finestra)  Sama’! Samantha! Ce sei?

Samantha: A Carle’ e ‘ndo voi che sto? Te serve quarcosa? (risponde da fuori scena)

Carla: Te va un caffè?

Samantha: Metti sur foco che arivo!

Carla: Ao! Questa cià sempre ‘na flemma che levete, ma quanno che la chiami per caffè diventa ‘na porvere. M’ha fregato pure stavolta! Mai che te risponde “Viè su che lo sto a fa!”

Samantha: (entrando) Stai a fa’ che?

Carla: Er caffè no? Mettite a sede.

Samantha: A Carle’, ciai proprio un intuìto speciale. Te stavo pe’ chiama’ io. Oggi nun so indo’ sbatte la capoccia. Ciò n’angoscia…

Carla: E che te sarà successo mai? Nun me fa’ sta’ in ansia. Dimme cocca, dì tutto a Carletta tua intanto che te bevi er caffè.

Samantha: A Carlè ce se so’ messe tutte ‘nsieme. Vedi, a Natale mi socera m’ha invitato a cena…

Carla: E mbè? So’ passati quasi tre mesi!

Samantha: Avemo magnato esagerato. Ce stava de tutto: fettuccine, arosto co’ le patate, abbacchio scottadito…

Carla: A Samà e che te sei messa ‘n testa stamattina? De famme venì quarche voja? Da ieri me so’ pure messa a dieta! Taja a corto, te prego.

Samantha: Te dovevo fa’ capì l’atmosfera. Vedi? Nun è stato solo er magnà! Er fatto è che nun se mura a secco. Dove magni bene…bevi mejo.

Carla: Ancora? Me devi descrive pure er digestivo?

Samantha: Pe’ esse precisi, sambuca co’ la mosca! Se la semo aripresa più de du’ vorte. Ancora ciò er sapore ‘n bocca!

Carla: Se fermamo qui per favore? Stoppe! Semaforo rosso! Alte!

Samantha: Ecco er punto. So’ arivata ar punto: gnente semaforo rosso. Eppure io e Arduccio ce stamo tanto attenti…

Carla: Attenti a magnà no proprio, da quanto m’hai detto!

Samantha: Vedi? Ho fatto bene a ricordamme tutto: er Frascati c’è annato giù liscio. Dev’esse stata tutta quella sambuca, possinammazzalla!

Carla: A fà che? Me voi dì quello che me devi dì o te lo voi tene’ dentro?

Samantha: E’ che nun avemo fatto attenzione, ecco (fa un chiaro gesto indicando la pancia).

Carla: E quanto l’hai fatta lunga! Auguri sora sposa! Era ora che tu e Ardo ve decidevate. De quanti mesi sei?

Samantha: Er medico dice dalle 10 alle 14 settimane.

Carla: E me fai ‘sta faccia da funerale? Le fettuccine e l’abbacchio, er Frascati e la Sambuca…e che sii benedetto er pranzo de Natale!

Samantha: Dici bene. Io sarei pure contenta ma…mo’ chi lo dice a Arduccio? Mi soceri ce terrebbero tanto. Dice che se stanno a fa’ vecchi e che sarebbe ora de diventà nonni…ne parlavo co’ Arduccio proprio sabbato, ma lui ha detto che no, nun se ne parla proprio.

Carla: E perché? Nun sapevo che nun je piacevano le creature.

Samantha: No. Pure lui vorebbe, ma dice che ce stà poco puro pe’ noi due soli e che ‘na creatura…ecco, nun se la potemo permette. Vedi? Io me so’ pure risentita e ho provato a arzà la voce ma lui l’ha arzata più de me. La prima vorta doppo tre anni de matrimonio…ha fatto er prepotente…ha detto che se succede ‘na cosa der genere me manna a abbortì.

Carla: Oh pover’amore! Adesso si che er pranzo de Natale te s’è rimposto!

Samantha: A proposito de pranzo…a Carlè, semo arivate ar ventiquattro e ‘sto  mese me so’ dovuta pagà la luce, er gasse…’nsomma tutte le bollette più l’affitto, l’artri impicci…nun è che me poi imprestà ‘na ventina de euri fino a che nun pagheno Ardo?

Carla: Oddio, le spese l’ho avute puro io, ma Nando è stato bravo, m’ha fatto un po’ de straordinario e s’è perfino trovato un lavoretto extra er sabbato. Por’amore va a servì in pizzeria, da Maometto er tunisino  dalle cinque all’una de notte. Riesce a scajasse quaranta euri…ar nero.

Samantha: Beata a te. Ardo è bravo, ce lo sai. Ma quanno ha staccato dall’officina nun sente ragioni. Va ar caffè co’ l’amichi a discute de pallone e me ritorna giusto all’ora de cena.

Carla: Vedrai cor fijetto come te mette la testa a posto! Pure Nando mio era così, sai? Ma doppo la nascita de Martina ha veramente svortato. Eccote li venti euri, nun fa’ complimenti! Ao! Si è maschietto te dovrai arangia’ ma si è femminuccia come Martina tutto er coredino suo è tuo. Io me l’ero messo da parte pe…ma lassamo perde. Sorelle nun cell’ho e allora er fijo che te stà pe’ veni’ sarà pe’ me come un nipotino.

Samantha: Dici bene nipotino! Ma Ardo? Chi je lo dice a Ardo? Vaje a spiegà che quanno avemo discusso l’antra sera io nun sapevo ancora gnente.

Carla: Nun me fa’ così. Nun t’abbatte. Ma tu piuttosto parla seriamente. Sto ragazzino te lo voi tene’ oppure voi da’ retta a tu marito?

Samantha: A Carlè me dovresti conosce! Diventà mamma, avecce ‘n pupo tutto mio… me sento squajà solo a pensacce.

Carla: Allora ce vole un piano de battaja! Se una donna vole veramente ‘na cosa nun c’è barba de omo che la po’ fermà. Arduccio mio trema. Quello che te stà a capità sulla capoccia manco ce lo sai.

Olga: (entra portando per mano Oreste che ha la sua cartella di scuola) E’ permesso? Che capita? Sulla capoccia de chi? Che state a fa’, riunione de condominio?

Oreste: A ma’, me fai fa’ tardi a scola!

Carla: E’ inutile ditte accomodate. Te sei già bell’e accomodata da sola!

Olga: A Oresti’, zitto e bbono a mamma.. Se sente un profumo de caffè…

Samantha: Dì quello che te pare ma pe’ me ‘sto caffè me pare coretto!

Carla: Servite pure. Se lo semo appena fatto. Accidenti a me! Che capoccia fresca che tengo! A Sama’ fermete co’ le mani. Nun te toccà da nisuna parte che devo core a véde ne la credenza…Ecco qui. Un goccetto ancora ce ne sta. Tiè bevi (offre un bicchierino di sambuca).

Samantha: Ma io…

Carla: Ma io ma tu. Bevi e zitta.

Olga: Ma che avete fatto pranzo a quest’ora? Caffè co’ la sambuca alle otto?

Oreste: A ma’, nun te sta’ a ‘mpiccia’! Famo tardi a scola!

Carla: Sei venuta pe’ beve er caffè o pe’ critica’? Porta a scola ‘sta creatura!

Olga: E, come sei suscettibbile! T’ha pizzicato la tarantola? Però scusame se nun me faccio l’affari mia ma beve liquori a quest’ora, una giovenotta come Samantha…Se comincia così, a sessant’anni che me diventa, ‘a Sora ‘Mbriachetti?

Oreste: (in silenzio tira la mamma per la manica)

Olga:Sta’ bono su! Nun lo vedi che mamma ci ha da fa’?

Oreste: (sbuffa, allarga le braccia rassegnato. Prende un quaderno e si mette a scrivere)

Samantha: Forse nun dovrei beve…

Carla: Ao! Io so’ de coscienza sa! T’ho messo appena ‘na lacrima…solo pe’ levatte…

Olga: Mò ho capito! Ammazzeme che capocciona! Alla signora j’è presa ‘na voja de sambuca e…scuseme tanto Carla e tanti auguri a te sora sposa. Tutto er palazzo stava a aspettà ‘sto momento! Sete così carucci te e Ardo che un ber pupo è proprio quello che ce vo’.

Oreste: (smette di scrivere) Addio! Pure ‘sta matina me devo pija’ er rimprovero de la maestra.

Carla: A regazzi’, famme vede che scrivi…A Olga, che te porti appresso er segretario?

Oreste: A signo’io mica…So’ solo compiti!

Carla : Senti, facce ‘n favore. Tiette tutto pe’ te. Vedi, Ardo ancora nun sa gnente e sarebbe giusto che la notizia j’arivasse dalla moje e no da tutto er condominio!

Olga: Muta. Giuro che me ne stò muta. A proposito, devo scenne de prescia. Vado a fa’ la spesa. Ve serve quarche cosa?

Carla: Si me piji un litro de latte m’affranchi de scenne. Olga. Me riccommanno a te!

Olga: La cosa ancora se nasconde…ma certe situazioni so’ destinate a parla’ da se! ‘Namo Oresti’! A te Sama’ te serve gnente?

Oreste: Nasconne quarcosa a mamma? Bonanotte!

Samantha: No. Più tardi devo scenne pure io. T’aringrazio.

Olga: Allora a più tardi. Se vedemo!

Carla: T’accompagno. (Accompagna Olga e rientra veloce) Ciao! A Sama’ qui tocca core! Vedrai. Tempo de scenne du’ piani e quella sciacquetta pettegola ha già fatto er comunicato stampa!

Anna: (entra insieme con Sora Lalla. Hanno due buste per la spesa o, meglio, un carrellino) E’ permesso? Devo essere io la prima der palazzo a congratularsi! Tornavo dalla spesa ed ho incontrato Olga per le scale. Due fiori come voi! Chissà che bel pupo! Ah! Mi raccomando, voglio un bel maschio.

Sora Lalla: E perché? Una femminuccia starebbe male? Si sa. Le femminucce sono la gioia dei papà.

Carla: Che avevo detto? Se vedo giusto… adesso… Olga adesso lo dice ar Sor Amilcare, quello der banco de frutta, poi tra du’ minuti a Arfreduccio er pizzicarolo, ce rimarà male perchè nun è venerdì e è chiuso er banco der pesce e quindi nun potrà avvertì Sora Maria e, pe’ conclude, esaurito er giro der mercato, visto che j’ho dato l’idea de passà ar Bare lo dirà a Dino er barista e a Italia, la cassiera. Er giro è fatto. C’è de più. Nun me meravijerei se scrivesse un bijetto e l’appiccicasse in mezzo all’avvisi condominiali.

Sora Lalla: E perché non si dovrebbe sapere in giro?

Carla: Perché le cose devono esse dette con criterio e no a vanvera.

Samantha: E’ che Ardo mio ancora nun sa gnente e…sarebbe giusto che ‘sta notizia la saprebbe da me!

Anna: La sapesse. Si dice la sapesse e non la saprebbe!

Samantha: Sapesse o saprebbe è uguale. E’ certo che ‘sta cosa je la devo di’ io.

Sora Lalla: Quanto so’ carini! Proprio du’ piccioncini teneri teneri…

Anna: Hai ragione tu Samantha. Io per me ti prometto che se incontro tuo marito non farò neppure un’allusione.

Samantha: Scusateme. So’ un po’ confusa. Me capirete…è la prima vorta e…quasi me vergogno. Me raccomando a voi. Arivederci e grazzie pe’ l’auguri. A Carlè devo scenne a fa’ spesa. Ciao.

Carla: Me raccomando fiija. Piano e nun te caricà de pesi.

Sora Lalla: Se fa presto a di’ caricasse de pesi! Pe’ riportà un po’ de peso a casa dovresti anna’ a fa’ spesa cor portafoijo a soffietto!

Anna: Veniamo ora dal mercato. Cose da non credere. Mettere a tavola due persone è un’impresa! Oggi le zucchine sono a quasi quattro euro al chilo, l’insalata a un euro e mezzo e se ti accosti al banco del macellaio o a quello del pizzicagnolo ti metti paura.

Sora Lalla: Ao! ‘Na vorta te scippavano la borza co’ er portafoijo…Mò c’è pericolo che te scippeno la spesa. Cambi venti euro, te li vedi scioije in mano com’er gelato d’agosto, e alla fine rimani co’ du monetine de centesimini e cor carello della spesa più voto che pieno.

Carla: Signora Anna, scusateme. La mia ignoranza nun potrà mai esse a paro della vostra. L’istruzzione serve prorio! Ma me dite come avete fatto a capì che ‘sto pupo potrebbe esse sortanto un’illusione?

Anna: Un’illusione? Come un’illusione!

Carla: L’avete detto voi che se incontrate Aldo nun je dite un’illusione! Fate proprio bene.

Anna: Benedetta donna. Fatemi capire. Olga si è sbagliata? Samantha non è sicura di aspettare?

Sora Lalla: Io lo dico sempre. Olga è una che apre bocca e tira fiato e tutto è bono pe’ spettegolà.

Carla: No. Er pupo c’è! Lei è sicura.

Anna: E allora?

Carla: Allora c’è che Samantha er pupo lo vole mentre Aldo nun è così sicuro…

Sora Lalla: E mica ce voi tenè sulle spine! Questa è ‘na cosa seria assai!

Anna: La pianificazione familiare. Questi ragazzi si sposano, stanno insieme e non sono capaci di pianificare la loro vita.

Carla: E no signora mia. Noi saremo pure ‘gnoranti …ma nun semo mica scemi. Li piani li sapemo fa’ pure noi e ‘sti ragazzi ce stavano attenti se nun ce se metteva de mezzo la sambuca!

Sora Lalla: Io me lo so’ sempre sentito! Lo sapevo!

Anna: Sentito che?

Sora Lalla: La sambuca. Nun l’ho mai voluta beve! Ce lo dovrebbero scrive sull’etichetta però! Dio ce ne scampi! Io so’ pure signorina!

Carla: Solo la sambuca no. Prima c’erano state le fettuccine, l’arosto, le patate, l’abbacchio e nun se dimenticamo er Frascati abboccato che frega der suo!

Sora Lalla: Ma allora è vero che er pupo po’ esse che nun ce stà! E co’ tutta ‘sta robba che s’è magnata voi vede’ che la panza i’è cresciuta pe’ indigestione! E poi. Che la sambuca possa fa’ un certo effetto è pure possibile ma sulle fettuccine no. Ce metto la mano sur foco. L’ho magnate tante vorte che me le faceva puro mi’ madre bonanima!

Anna: Ferme. State zitte per carità. Non facciamo confusione. Un pranzo abbondante ed un digestivo non hanno mai provocato una gravidanza!

Carla: E no! Signora me deludete proprio!

Anna: Allora secondo voi la sambuca…

Carla: Capisco la sora Lalla. Ma da voi signora mia nun me l’aspettavo. Noi semo gente semplice. La tavola nostra è povera, ma cercamo de nun facce mancà gnente. Un pranzo de festa però e ‘n’antra cosa. Nun è quello che te magni. So’ le conseguenze. L’abbondanza, ‘n bicchiere in più, la gioventù e…te saluto piani e pianetti. Ve basta così o devo straparlà pe’ famme capì? Samantha e Ardo so’ sposati. Dopo magnato a ‘na cert’ora je viè un po’ de cecagna…

Anna: Si fermi. Non sono sposata, è vero. So perfettamente come vengono al mondo i bambini. Tutte queste chiacchiere sul pranzo e la Sora Lalla con la sambuca mi hanno davvero creato confusione!

Sora Lalla: Mo’ ho capito. A te ‘ste cose t’hanno creato confusione e a Samantha ‘na creatura.

Carla: A Sora La’ va bene così e nun continuamo a ‘mbriacasse. Piuttosto bisogna cercà de convince Aldo.

Anna: E perché?

Carla: Ecco. Nun è che Aldo nun je piaciono  le creature, è pe’ via der fatto che dice che nun se lo po’ permette un pupo!

Sora Lalla: E così oggi un pupo sarebbe diventato un lusso? Ma stamo a campà a Roma o ner regno de re Erode?

Anna: Superficialità. Soltanto superficialità. Questi ragazzi sono più maturi e seri di quanto sembri. Ecco dove deve intervenire il concetto di pianificazione familiare. Potrà sembrare anche drastico ma se per una gravidanza non pianificata e quindi…indesiderata una coppia si accorge di non poter mantenere un bambino è giusto che questa…creatura, come dite voi, non nasca piuttosto che essere causa di problemi.

Carla: Qui perdemo de vista er senso delle cose. Una creatura de Dio sarebbe ‘n problema? Complimenti. Davero ‘n granne discorso!

Olga: (entra portando la sua spesa) Proprio grandi discorsi oggi! Nun sto nella pelle pe’ quanto so’ contenta. A Carlè ecchete er litro de latte. Me devi da un euro e trenta.

Carla: (paga Olga) ‘Sta casa è proprio de cartone o questa qui s’accampa dietro la porta a orecchie dritte! Olga, e meno male che te la dovevi tene’ pe’ te ‘sta notizia! Hai pure telefonato ar Messaggero o hai avvertito sortanto er giornale der Municipio?

Olga: A Carlè, e che volevi esse tu sola a sape’ ‘sta cosa? Io comunque me so’ fatta promette da tutti che nun avrebbero dovuto parlà co’ Aldo.

Anna: Cara signora Olga, lei mi ha messo in imbarazzo. Quando una notizia è riservata si dovrebbe evitare di parlarne in giro!

Olga: A signo’! Co’ tutto er rispetto, ma nun me starete a da’ della pettegola?

Sora Lalla: Pettegola a te? Nun ce se penserebbe mai! Pe’ te chiacchierà è na vocazzione, quasi ‘na professione! Come se dice? Garibbardi pe’ le battaije e Olga …

Olga: A Sora La’ nun voijo raccoje. Io poi vorei sape’ dove stà er probblema. Pe’ mmò er tempo è poco e la cosa nun se vede ancora bbene. Solo l’occhi de Samantha so’ appena cambiati. Lo diceva pure Italia, la cassiera der Bar.  Ma si appena aspetti un momento…er pupo vo’ lo spazzio suo e…la panza parlerà da sola! Se sa.

Carla: Bum, che botto! Ha parlato er cannone der Giannicolo! Questo lo sapemo tutti. Er fatto è che ce potrebbero esse probblemi!

Anna: Semplicemente Aldo e Samantha pensano di non essere ancora in grado di mantenere un pupo.

Olga: E allora?

Carla: Allora Samanta sicuro che no, ma Aldo potrebbe nun vole’ er pupo. Ecco qui.

Nando: (entra allegro) Buongiorno a tutti! Che, c’è riunione de comitato? A Carlè nun me dì. Ce so’ passato apposta pe’ casa! E’ vero che Samantha aspetta?

Carla: Ao! Samantha aspetta, è vero. Ma nun se poteva certo aspettà quello che succede oggi! Me poi di’ com’hai fatto tu a sape’ sta cosa? Ma nun stavi ar cantiere?

Nando: E proprio lì l’ho saputo! Tu ce lo sai che mentre lavoramo quarche vorta s’accennemo la radio. Mbè se mettemo sempre su Radio Globo. Er caso ha voluto che appena spenta la betoniera s’è sentita ‘na dedica de auguri e congratulazioni pe’ Samantha e Aldo da parte de tutto er caseggiato nostro. E’ stata ‘n’idea carina assai. E’ n’inizziativa tua?

Carla: Mia no de certo…piuttosto avrei n’idea…

Olga: A che ora l’hanno mannata? A Na’ so’ proprio contenta che te sia piaciuta.

Carla: Che sia contento Nando nun importa a nessuno. Bisognerà sape’ come la pija Aldo!

Samantha: (rientra. È visibilmente preoccupata) Carlè me devi aiutà. Me dovete aiutà tutti. M’hanno chiamato mi’ soceri. M’hanno tenuto ar telefono pe’ più de mezzora. Proprio ho fatto ‘na figura da gnente! M’hanno detto che tutto er quartiere, tutta Roma sa che io aspetto un ragazzino e che io nun l’ho avvertiti, che questa è ‘n’azzionaccia che nun se fa, che loro nun contano più gnente perché so’ du pori vecchi. Nun m’hanno lasciato spiegà niente. M’hanno attaccato er telefono e m’hanno detto che stanno a veni qua.

Anna: Povera ragazza mia. Conosco tuo suocero Enrico da quando era ancora in servizio. Un appuntato di Polizia, un uomo tutto d’un pezzo. Guai a fargli saltare la mosca al naso!

Sora Lalla: E loro come l’hanno saputo? Abbiteno a Garbatella, me sembra. Noi qui stamo doppo Centocelle… Lasseme indovinà. Olga. Je deve ave’ telefonato Olga.

Samantha: Macchè! L’avrebbero accettato meijo! L’ha chiamati ‘no zio de Aldo. Zi Cesare. Uno che loro nun ce parleno più pe’ via de de ‘na lite che se porteno dietro da anni. E’ finita che hanno rilitigato n’artra vorta perché mi’ socero pensava che lo voleva sfotte, che stava a fa’ no scherzo.

Anna: Si dice: che lo volesse prendere in giro…

Carla: A signò e nun te ce mette de mezzo. Avemo capito. Tutti.

Olga: E allora Sama’? Dì tutto.

Samantha: E’ finita che se so’ presi a parolacce e che mi’ socero nun ha capito bene come ha fatto zi’ Cesare a sapello. Ha parlato de un comunicato, de ‘na trasmissione…

Sora Lalla: Radio Globo! Ma allora ‘sta radio ‘a senteno proprio tutti!

Samantha: Oddio, Radio Globo no! E mò come faccio?

Carla: Come fai che? Dai statte bona! Nun t’aggità.

Samantha: E come nun m’aggito? Ma ce lo sai che Aldo in officina sente sempre e solo Radio Globo la matina?

Sora Lalla: Ecco, Olga hai fatto sei ar superenalotto! Co’ ‘na botta sola hai fatto filotto. Ce manca solo che telefona er Sor Curato pe’ prenotà er battesimo.

Samantha: E nun è finita! Attaccato er telefono co’ mi’ suoceri, ho provato a chiamare in officina. M’ha risposto ‘n collega de Aldo, Gino. Mi’ marito nun c’era…m’ha dato ‘na risposta che me pareva scema: “Aldo sarà annato a comprà du’ fiori…semo tutti a disposizione…se vedemo presto…”. Oddio. Quello stà a venì qui. Povera me! E come je spiego?

Nando: Nun ho ancora capito bene quello che è successo. Comunque nun te preoccupà…

Carla: Stamo tutti co’ te…

Anna: Avremo modo di spiegare…

Olga: La telefonata a Radio Globo se po’ dì che quasi l’ho fatta io…

Sora Lalla: Questo s’era già capito!

Aldo: (entra. E’ visibilmente nervoso. Ha indosso una tuta da meccanico) Carla, Nando scusateme. A casa mia nun ce sta nessuno, ho sentito voci e me so’ permesso de entrà. Buongiorno a tutti. Tutto er palazzo sta qui, nun è che ce sta pure Samantha?

Samantha: (protetta da tutti che le fanno schermo, si nasconde uscendo di scena)

Nando: Ciao Aldo, ma a quest’ora nun dovresti sta’ in officina?

Aldo: E tu nun dovresti sta’ ar cantiere? Ciò ‘n diavolo pe’ capello. Talamo a corto. Sei tornato a casa pe’ lo stesso motivo che so’ tornato io. Hai sentito la notizia alla radio pure tu.

Nando: Beh, nun lo posso negà. Comunque tanti auguri!

Aldo: Auguri de che? Devo trova’ chi m’ha fatto ‘sto scherzo che lo voijo attaccà ar muro!

Carla: E dai Aldo! E si lo scherzo nun fosse ‘no scherzo e fosse proprio tutto vero?

Sora Lalla: Scherzo? Qui nun ce va mica de scherza’! Te la sei bevuta la Sambuca co’ Samantha? T’è piaciuta? E allora fiijo mio c’è poco da protestà.

Aldo: A Sora La’ e nun giocamo! Se po sapè che c’entra la sambuca co’ ‘sto discorso?

Sora Lalla: Fino a stamattina puro pe’ me era così. Ma poi dopo quello che hanno detto Samantha, Carla e la Signora Anna!

Aldo: Ma che semo diventati tutti matti? Se po’ sape’ che c’entra la sambuca? Ma Samantha dove sta? Dove s’è annata a nisconne? Io ce devo parla’. E subbito!

Carla: Lo vedi quanto sei agitato? Povera Samantha mia si te dovesse incontrà così je faresti pijà uno sturbo. Calmamose. Raggionamo. Qual è il problema?

Aldo: A Carlè te rispetto e semo amici da ‘na vita ma nun voijo esse preso in giro da nessuno. Nando te prego de damme ‘na mano perché sento che me stà a salì er sangue all’occhi!

Anna: Ha ragione. Questo ragazzo ha ragione da vendere. Vogliamo finirla con questa farsa? Non voglio essere coinvolta in un pasticcio. Siamo razionali. Chiamiamo la signora e facciamola finita.

Olga: La chiamo io. Vado subito.

Anna: Si fermi qui, signora. Forse la sua presenza potrebbe tornare utile a spiegare i fatti.

Sora Lalla: Come dì che nun te devi squaijà co’ ‘na scusa doppo ave’ armato tutto ‘sto bordello!

Carla: Nun se stamo a guasta’. Ma l’auguri nostri nun li voi proprio accettà? E dai Nando metti mano a ‘na boccia de vino. Qui se deve fa’ ‘na festa, mica ‘n funerale! Ma ce pensi! Pe’ me, dall’aspetto de Samantha se tratta de ‘na femminuccia e somijerà tutta ar padre. Guarda Martina nostra si nun è tutta er padre spiccicato!

Anna: E’ proprio vero. Ma se fosse un maschietto? Somiglierebbe tutto alla nostra cara Samantha e diventerebbe proprio un bel giovanotto!

Sora Lalla: Maschio o femmina ‘sta creatura la voijo proprio vedè cresce  se Dio me lo acconsente. Contate puro su de me se ve serve ‘na sbisistere quarche vorta!

Anna: Si dice baby sitter! Fate conto sulla mia persona se avrà bisogno di qualche aiuto per i compiti quando andrà a scuola!

Aldo: C’è nessuno che se prenota pe’ fa da compare ar matrimonio? Pe me ‘sta creatura ancora nun esiste. E’ possibile che un padre deve sape’ d’esse padre da ‘na radio? La cosa più carina che è uscita dai colleghi all’officina è stata quella de chiedeme si sta creatura era fija mia o der condominio!

Carla: Sarà difficile credelo Aldo mio. Damme retta però. Samantha, porella, nun c’entra gnente. Ditelo pure voi…

Anna: Siamo stati tutti vittime di un incidente increscioso. C’è gente che non sa tenere la lingua a posto e, per di più, si prende la libertà di assumere delle iniziative a dir poco strampalate. Cerchi di spiegare lei Olga…

Sora Lalla: E si Ardo e Samantha te dovessero corcà de botte, io ce metto er carico da undici! Uno nun se po’ neppure più beve ‘na sambuca in pace, pensa te ‘ndò semo arivati…

Aldo: A sora La’, e pe’ cortesia! Nun so’ manco le dieci de matina e continuate a ripropone ‘sto fatto della sambuca! A Carle’, famme ‘na cortesia; daije ‘n bicchierino de sambuca così se mette l’anima ‘n pace!

Sora Lalla: A regazzì! Rispetto! E che maniere! ‘A sambuca vattela a beve co’ tu moije. Che te credi?

Anna: Signora mia! Per lei questa faccenda della sambuca è diventata una fissazione!

Sora Lalla: Io sarò fissata. Si la volete beve voi… padrona. Ma aricordateve che ci avete un’età. Quanto a me proprio no…Nun se ne parla.

Anna: Senza speranza. Se si mette in testa una cosa è capace di portarla in capo al mondo.

Aldo: Nando, me sei amico e nun te voijo manca’ de rispetto. Ma si nun me fate riapparì Samantha qui se mette male.

Nando: Un po’ de pazienza. Solo un po’. So’ curioso de sape’ che ce deve di’ Olga e poi…voi vedè che ce capimo quarcosa pure io e te?

Olga: Scusateme ma vado un po’ de prescia. Io in finale de’ fiera tutto ‘sto processo nun lo riesco a capì. So’ venuta qui stamattina a pijamme ‘n caffettino co’ l’amiche mia. Carla ha contentato Samantha che j’era presa ‘na voija, porella…’na voija de sambuca…e io ho capito che  ‘na cicogna s’era messa pe’ via! Da tanto l’aspettavamo tutti ‘sta notizia! So’ stata così contenta che l’ho detto solo a du’, tre amichi…

Carla: Vorai dì du’, tremila…trentamila!

Olga: L’idea de radio Globo è venuta a Italia, ar bare; prima che potessi dì “a” o “bi” aveva già telefonato, dettato la dedica e chiesto de cantà la canzone “Mamma” che a me è parsa un po’ eccessiva, ma ce lo sapete com’è romanticona Italia…

Carla: E c’eravamo tanto raccomandate de nun dì gnente a nessuno perché Samantha aveva detto che Aldo nun lo sapeva ancora!

Nando: A Carla! ‘Na banca più sicura de Olga nun la potevi trovà pe’ conservà riservata ‘sta notizia!

Olga: Io…mbè…io penso che tutto se po’ tene’ nascosto, ma ‘na gravidanza!…E annamo, che ce sarà mai de male? Piuttosto Aldo, è vero che te er pupo nun lo voi? Se è così, nun te preoccupà. N’amica mia fa la caposala all’ospedale e se ce annamo a parlà te farà trovà lei la strada giusta. Nun lo dovrei dì. Ma la fija de Sora Nunziatina ha risorto così er problema suo. Un problema da gnente! Ao! Perché me state a guarda’ così? Tutto regolare. Fatto nell’ospedale, secondo la legge mica…

Carla: Io questa l’ammazzo. A sora bocca de ciavatta, ma nun te sai tene’ er cecio manco un po’! Si vai a gioca’ a Passaparola te fai quattro giri de cerchio prima che Jeri Scotti dice ammen!

Olga: E nun ve va bene niente stamatina! Lo sapete che ve dico? Buongiorno a tutti che devo mette su er sugo de invortini pe’ li pupi….Però…

Sora Lalla: Però che?

Olga: Però nun me tenete all’oscuro de come finisce ‘sta cosa. Magari…

Carla: Magari si nun te ne vai de corsa qualcuno te mena! (Olga esce quasi di corsa)

Aldo: S’è saputa puro questa? Ma queste so’ cose da nun mette in piazza, da decide tra moije e marito. Fateme escì fori mi moije. Poche storie!

Carla: Ecco. Mo se n’annamo tutti e te famo venì Samantha. Ma tu statte bbono! Porella, che male c’è stato a confidasse co’ n’amica?

Anna: E a chiedere consigli su decisioni così importanti da prendere? Caro il mio Aldo, queste sono cose di donne! E noi donne siamo solidali tra noi. Tra noi, quando siamo a nostro agio, riusciamo a capire e capirci.

Sora Lalla: Io nun so’ sicura d’avè capito. Però ‘a Sora Anna parla così bene che ce deve ave’ raggione pe’ forza!

Nando: Carla, facce er piacere, chiama Samantha e lassamoli parlà da soli ‘sti due. Se vonno bene, lo sai. Se spiegheranno de certo!

Carla: Si, però l’incontro dev’esse qui, a casa nostra e io…a Na’ io devo esse ne la stanza accanto. No pe’ curiosità, lo giuro. Solo pe’ da na sicurezza a Samantha visto che me sento responsabile de come se so’ messe le cose.

Aldo: E mica so’ er babau io! Io so’ er marito!

Carla: E pe’ me Samantha è come la sorella che nun ho avuto. Nun te preoccupà. Giuro che saprò stà tranquilla…E poi starò dellà! Nell’artra stanza.

Aldo: A Carla quanno te ce metti…Però va bene. Accetto. Basta che la famo finita co’ tutta st’ammoina.

Carla: Tutti fori! A Na’, me dispiace ma devi anna’ fori pure te. Qui resto solo io. Samantha! Samantha! Viè. Stà tranquilla che Carletta tua nun te molla! (tutti escono; timida e timorosa rientra Samantha)

Samantha: Aldo mio te prego. Te vedo tutto aggitato. Parlamo, ma parlamo solo co’ la voce e no co’ le mani!

Aldo: (avvicinandosi) Ma che me dai i numeri? Quanno mai è successo che t’ho menato?

Samantha: (gira intorno al tavolo) Lo vedi? Lo vedi quanto sei nervoso? Madonnina mia der Carmine proteggeme tu!

Aldo: (si ferma) Ma che stai a di! Me dovrebbero cioncà le mani a toccatte mentre porti ‘na creatura!

Samantha: Aldo mio, ‘na creatura tua…nostra. (si avvicina al marito)

Aldo: Na creatura. Si. E’ bello avecce un ragazzino pe’ casa ma…nun avevamo detto che nun ce lo potevamo permette e che dovevamo aspettà? Nun ho manco er lavoro sicuro. Lo sai. In du’ anni che semo sposati avrò cambiato cento lavori. Me stò a assestà mò. All’officina doppo avemme tenuto du mesi ar nero er principale m’ha pure fatto ‘n contratto, ma è er contratto a progetto. Dura tre mesi e se po’ rinnovà oppure no.

Samantha: Vabbè, lo so. Però pure io lavoro. Quella benedett’anima de mi’ madre m’ha insegnato a cucì. Piano piano se sta a sparge la voce e…aspetta. Quattro negozi me manneno a fa’ l’orli dei pantaloni, grazie alla signora Anna che parla bene de me, me manneno sempre quarcosa da aggiustà. Ao! Pe’ fortuna che nun c’è più nessuno che sa move le mani!

Aldo: A Sama’ famo li conti davero. Nun sognà. Io pe’ riportà settecento euri ar mese me spacco la schina tutti i giorni. Te, co’ tutto er tu’ cucito, ne rimedi ‘nantri cento – centocinquanta. Co’ otto – novecento euri ar mese se riesce a sopravvive, no a campà. Ma poi. A ‘sta creatura che nasce che sicurezza je potemo da?

Samantha: Però se volemo bene. Semo giovani e avemo voija de fa’…

Aldo: Amo’, cor bene e co’ la gioventù nun se magna! Si capita ‘na cricca a uno de noi due, si ce stamo solo noi sarà dura, ma pazienza, s’adatteremo co’ pane e sputo. Si ce sta pure ‘na creatura che je damo da magnà? Er fijo che viè, er fijo nostro ha diritto a vive bene. Nun je deve manca’ gnente!

Samantha: Allora er pupo se lo tenemo. Pensa, io je voijo già bene e ancora nun l’ho veduto. Però…Però se chiudo l’occhi me lo vedo ‘n braccio. Nun ce crederai, ma me ride. Ride a mamma sua.. (finge di cullare un pupo)

Aldo: Ma è un maschietto o ‘na femminuccia? (guardando Samantha)

Samantha: E quanta prescia! Ancora nun se sa. Pensa, se è femminuccia Carla ha detto che tutto er coredino de Martina sarà suo. ‘Na vera provvidenza.

Aldo: E se è maschietto?

Samantha: E se è maschietto ce penserà la mammina sua.

Aldo: A Samà, pe’ me semo due incoscienti. Ma me devi leva’ solo un pensiero. E quanno sarebbe stato? Attenti ce semo sempre stati attenti.

Samantha: Fatte li conti bene. Dovrei esse de dieci – quattordici settimane. Giusto a Natale…Era un periodaccio, te ricordi? Tutte quelle luminarie, tutta quella robba esposta ai negozi e tu che stavi disoccupato. Io quasi non uscivo più perché me faceva pure rabbia de nun potè comprà quello che l’artri se riportavano a casa a borzate piene. Te t’arangiavi a fa’ de tutto! Te ricordi? Hai fatto pure er Babbo Natale ai magazzini!

Aldo: E me ricordo si. E’ pe’ quello che te stavo a fa quer discorso prima!

Samantha: E tu padre e tu madre hanno detto che nun potevamo passa’ er Natale così e hanno voluto che annassimo da loro sia la viggija sia er giorno de Natale.

Aldo: Pora mamma. Nun sapeva più che portacce a tavola! Se semo fatti ‘na magnata che manco ar pranzo de nozze!

Samantha: E papà? Daije a ‘nsiste: “nun se mura a secco!” e: “Senti che Frascati!” – “Fallo pieno er bicchiere che mica ce deve ave’ er colletto!”

Aldo: Quanno ce se mette, nun lo ferma più nessuno!

Samantha: E finito de magna’, hanno cacciato fora quella boccia de sambuca. Te ricordi? “Doppo er caffè la sambuca e d’obbligo!” Diceva papà e mamma rispondeva “E’ vero, così diggerischeno bene!” Er pranzo de viggija l’avemo retto bene. Ma er giorno de Natale…tutta quella sambuca…

Aldo: Hai ragione. Ao! Si ce ripenso ancora me sento er sapore ‘n bocca!

Samantha: Ecco. Sei arivato ar punto. Anche io stamattina a riccontà er pranzo a Carla me so’ risentita la sambuca ‘n bocca. ‘Na voija…

Aldo: Mica te sarai toccata co’ le mani!

Samantha: No. Carla me n’ha subbito dato un goccettino. In quer mentre è arivata Olga, nun s’è fatto scappà er particolare, impicciona com’è…e così è successo quello che è successo.

Aldo: Quello de stamattina l’ho capito ormai. Ma quanno sarebbe stato er fatto?

Samantha:  E te ce vole tanto? Ce devi pija’ la scala p’arivacce? Dopo la cena semo tornati a casa…tutt’e due cotti più dell’abbacchio che s’eravamo magnati; ridevamo come du’ matti, avemo pure fatto a nisconnerella…me so’ nascosta… m’hai trovata subbito.…pe’ me cià fregato tutta quella sambuca!

Aldo: Accidenti a lei! E’ proprio vero!

Samantha: E così éccoce qua. Ma come, porto ‘na creatura tua e manco me fai ‘na coccola? E che padre sarai mai?

Aldo: Ma dì, sei proprio sicura che se lo dovemo tenè ‘sto ragazzino?

Samantha: Manco ce devi pensa’ da lontano! Er pupo è mio e tu poi sceije. O tutt’e due oppuramente nessuno dei due. E poi, amò, oramai ce lo sanno tutti! Si vado a abortì stai sicuro che Olga artrochè dedica su radio Globo!

Aldo: (l’abbraccia ma si ritrae subito) Aio che riccio che sei! M’hai fatto puncicà, veramente.

Samantha: Tu moije è pure sarta, devi prestà attenzione. Se poi la donna la piji male, je metti in gioco er sentimento più caro, devi solo stà attento. Te potrebbe puncica’. Nun scherzo.

Petali e Pedalini

2° atto

(Una casa ancora più modesta. Una finestra con tendine. Interno – soggiorno camera da pranzo. Pochi mobili. In scena Enrico, Giuseppina e Silvia. Vestono in modo dignitoso. Lui si muove con la rigidità classica di un militare. Lei va dentro e fuori il dialetto e cerca di darsi un tono)

Enrico: Io vorrei sapere se questo è il sistema! E’ da mezzora che siamo a casa dei ragazzi e di loro neppure l’ombra!

Giuseppina: Enrì, un po’ di pazienza! Saranno andati a fare la spesa, oppure saranno dai loro amici…Nando e Carla. Abbi pazienza. Tu non hai voluto chiedere o bussare a nessuno del palazzo…

Silvia: Veramente io…

Enrico: Tu niente!Non voglio mettere i fatti miei in piazza!E lasciano la porta di casa aperta? Poteva entrare chiunque. Che so, un ladro!

Silvia: Io vorrei…

Giuseppina: Silvia stai buona a mamma. Enrico mio, lo sai anche tu. In questa zona i ladri non si fanno neppure vedere. Semplicemente non osano!

Enrico: O bella! E perché?

Silvia: Perché?

Giuseppina: Allora sei de coccio! E che se dovrebbe rubbà qui un ladro?

Enrico: Ecco. Tu non sei pratica delle cose e vuoi parlare per forza! Lo so io di cosa sono capaci i delinquenti!

Giuseppina: Ah, io non so’ pratica eh? Non me fa’ parlà!

Enrico: Ce lo sapevo! Gira gira sempre lì vai a finire!

Giuseppina: E mica m’hanno fregato a me, che so’ ‘na pora ignorante come dici tu…

Enrico: Giuseppina! Non voglio perdere la pazienza. Ci siamo ritornati sopra mille volte. Mi si è avvicinato un signore distinto, con un accento straniero e mi ha chiesto un’informazione. Stavo rispondendo…l’ultima cosa che ricordo è che ha tirato fuori il suo orologio da taschino e che me lo faceva dondolare davanti agli occhi. Ipnotizzato. Quel farabutto mi ha ipnotizzato.

Giuseppina: E t’ha levato i trecentocinquanta euro delle bollette. Non contento ti ha portato a casa e se non ci trovavi me sai che danno ci avrebbe fatto!

Enrico: Non ero cosciente…

Giuseppina: Pure con me ha provato a fa’ dondola’ l’orologio. Me guardava fisso nell’occhi e me continuava a ripete de sta’ tranquilla e rilassata. Non capivo. Poi ho guardato a te e me so’ accorta che c’era quarcosa che non annava…eri più imbambolato der solito! Quarcosa nun me quadrava, ho arzato ‘n attimo la voce e quello ha preso la porta de casa più de corsa che de fuga!

Enrico: E m’hai svegliato a furia di ceffoni…non la smettevi più!

Silvia: C’ero pure io! A papà, hai preso tante di quelle botte!

Giuseppina: E’ perché ancora non sapevo che t’eri fatto frega’ i soldi delle bollette sennò sai quante te ne davo ancora? A me, al Commissariato hanno fatto le congratulazzioni perché, a quanto pare, so’ stata l’unica a resiste a st’infamone.

Enrico: E lo so io perché hai resistito! Mica si può ipnotizzare il mogano!

Giuseppina: Attento Enrì. Siamo sposati da trent’anni, più dieci di fidanzamento, quindi vuol dire che ti piace stare vicino a una…testa dura…una testa di legno, di mogano. Rimane comunque il fatto che, come diceva nonna, il simile ama il suo simile!

Silvia: La volete smettere di litigare? Io però vorrei…

Enrico: No Silvia, non litighiamo mica. Scusami Giuseppina. Non volevo offenderti, lo sai…

Giuseppina: Offesa io? E perché? Intanto quello zozzone d’ipnotizzatore l’ho fatto arrestare io e non tu!

Enrico: Un indiano! Quello c’è venuto dall’India per fregare a me! Fregato da uno che manco è di qui, da un extracomunitario! Vorrei sapere a questi chi li fa entrare da noi, chi gli permette di rimanere, chi gli da tutta questa libertà di fare quello che fanno!

Giuseppina: Fermate Enrì. Mò stai a diventà pesante! Se me piacessero le battute facili, come piaceno a te, te dovrei dì che chi li fa’ entra’, chi li fa’ rimane’ e chi je permette de fa quello che fanno so’ in primis l’ex colleghi tua, li poliziotti, com’eri tu prima d’annà in pensione!

Enrico: Non mi toccare il mio vecchio lavoro! Spesso il poliziotto non ha gli strumenti per fare fronte a certe cose. Non ci sono leggi adeguate!

Giuseppina: A te la vita non t’ha insegnato proprio niente! A Enrì! La fame è fame e come tu quanno hai fame vai in cucina pe’ sfamatte, così fa ‘sta gente venendo qui da noi. E poi nun me piace ‘sto modo de raggionà facendo d’ogni erba un fascio. Guarda l’amico de Nando, Maometto er tunisino. E’ venuto qui se po’ di co’ le pezze ar sedere e mo’, a forza de lavoro, s’è aperto ‘na pizzeria e je va benone. ‘Na personcina davvero perbene!

Silvia: A ma’, a me la pizza da Maometto me piace assai!

Enrico: Non mi mettete in bocca cose che non penso! Lo sai bene. Ho sempre rispettato le persone che lavorano e fanno il loro dovere. D’altronde…

Giuseppina: (interrompendo) Io non sarei mai così categorica. La vita, a volte gioca brutti scherzi alla gente. A Enrì, ma lo sai che te dico? Forse forse, fossi fatto te de mogano?

Enrico: Giuseppì, lo vedi che siamo nervosi? Solo quando siamo nervosi cominciamo a litigare fra noi! E, come al solito, l’origine delle nostre discussioni sono i ragazzi. Sono fuori della grazia di Dio. Guarda, passi pure che non abbiano avvertito noi per primi quando hanno saputo la notizia, ma avvertire prima prima di papà e mamma quell’antipatico di tuo fratello Cesare proprio non riesco a digerirla.

Giuseppina: In questo hai ragione. Cesare è sempre stato una carognetta! Quanti sganassoni ho preso da papà e mamma per colpa sua! Lo ricordo come fosse ora: “ Mamma, Giuseppina s’è fatta er panino co’ la mortadella de nascosto tuo!” – “Papà, Giuseppina s’è tenuta cinque lire dar resto della spesa pe’ comprasse li pescetti” – “Mamma, mentre nun c’eri Giuseppina s’è messa er rossetto tuo e pure la cipria!”. ‘N fratello così sarebbe da ammazzallo tutti i giorni.

Silvia: A ma’, allora anche tu…te fregavi la mortadella! Tutti uguali ‘sti genitori. Lo sapete che c’è? Io vado via!

Enrico: E anche da grande Cesare non ha perso il vizio. Lui ha messo zizzania tra noi e zia Cesira che ci aveva ospitato da sposetti a casa sua mentre ancora cercavamo casa.

Giuseppina: Se ce ripenso ancora me viè la pelle d’oca! Pora zia Cesira! ‘Na santa donna, ma così ingenua che quasi s’era fatta abbindola’. Da quer giorno a Cesare non l’ho più veduto volentieri. Ciao – ciao e basta.

Enrico: E poi la gatta della dispensa, quello che fa pensa! Morta la zietta è entrato prima di tutti a casa sua ed io non ho più visto niente di quelle poche gioie che erano l’orgoglio della zia. Solo te m’hai impedito di andare a fondo alla questione.

Giuseppina: Te conoscevo e te conosco. Pe’ un fatto de principio sei capace de pijà impuntature come nessuno!

Sora Lalla: (Entra) E’ permesso? Alduccio, Samantha, avete finito? Ho incontrato Silvia pe’ le scale!

Giuseppina: Signora Lalla come sta? Buongiorno a lei. Samantha e mio figlio non sono qui e li aspettiamo oramai da una buona mezzora. Non sa che fine hanno fatto?

Sora Lalla: Più che ‘na fine, hanno fatto un principio direi. ‘N brindisi! Ao! Ve devo fa’ li complimenti. E’ er primo nipotino pe’ voi…o me sbajo?

Enrico: La ringrazio signora. E’ vero. Questo è veramente il nostro primo nipote. Ma vedo che lei è molto ben informata…è un maschio?

Sora Lalla: Questo proprio nun je lo so’ dì.

Enrico: Non ha detto lei che si tratta di un nipotino?

Sora Lalla: Ho detto così? Mbè, me dev’esse scappato…sur sesso nun ce se po’ ancora pronuncià, me sembra. Che ne so? Maschio…Femmina…

Enrico: Ferma così signora, per carità.

Giuseppina: Enrico non ti fare riconoscere, non ti agitare. La signora parla in questo modo perché ha detto nipotino in senso generico…

Enrico: Non sopporto le imprecisioni. Generico viene da genere. Quindi genere maschile o femminile, e basta!

Giuseppina: La signora ha detto bambino nel senso di creatura! Non è vero?

Sora Lalla: E perché, i bambini che so’? Nun so’ creature?

Enrico: Creature sono creature. Però si possono aspettare creature maschi e creature femmine, o no?

Sora Lalla: E che ne so’ io? Io nun so’ neppure sposata! Io co’ ‘ste cose nun ce capisco gnente! Mica m’hanno fatto mai beve la sambuca a me! Prima Aldo me ne voleva dà un po’ ma io mica ho voluto! Io so’ ‘na persona per bene.

Enrico: Mi scusi signora, io oggi già sono confuso. Cos’è questo discorso sulla sambuca?

Giuseppina: Signora…A sora La’ ce voi fai capì quarcosa pure a noi?

Sora Lalla: Veramente da principio anche io nun avevo capito gnente. Magnasse tutta quella robba e beve de conseguenza…poteva esse che a Samantha j’era cresciuta la panza pe’ ‘n’indiggestione! E pure voi sora Pina mia, ‘sti ragazzi l’avete fatti proprio scofanà proprio de brutto!

Enrico: Pazzo. Oggi è destino che io devo uscire pazzo. Sento che sto perdendo il controllo. Giuseppina, con questa parlaci solo tu sennò non rispondo più di me stesso.

Sora Lalla: Ah si? E mo’ te voi chiamà fori? Troppo tardi! Ardo e Samantha l’hanno detto chiaro. Sei stato proprio tu a insiste prima cor Frascati abboccatelo e poi co’ la sambuca!

Giuseppina: Zitto un momento. Enrico non parlare. Mi sembra finalmente di avere capito.

Sora Lalla: Beata a te!

Giuseppina: A Sora La’ guardame nell’occhi bene e sii precisa. Quanno ce sarebbe stata ‘sta magnata? Non è che te riferisci ar pranzo de Natale?

Sora Lalla: Ma che me volete pijà pe li fonnelli? Tutto ‘sto ben di Dio, ‘sto pranzo a base de fettuccine, abbacchio etcetera etcetera l’avete preparato voi e me state a chiede conferma a me? E poi manco li milordi magnano così tutti i giorni. E’ certo che se parla de Natale! Olga ha detto che la panza è de dieci – quattordici settimane fa e quindi, occhi’e croce stamo a Natale scorso.

Enrico: Olga? Ma cosa c’entra quella pettegola di Olga? S’è messa a fare la levatrice?

Sora Lalla: Quella? Più che levà…io dico che mette! Zizzania, de certo. Ha fatto ‘na caciara!

Giuseppina: Il pranzo di Natale. Il nostro pranzo di Natale! Enrì, ancora non realizzi?

Anna: (Entra dopo aver bussato alla porta con le mani) Signora Lalla allora è qui! Signora Giuseppina, Signor Enrico, siete arrivati! Buongiorno e congratulazioni vivissime. Non so quanto siate riusciti a capire fino ad ora dalla conversazione con la Signora Lalla. Se posso permettermi di intervenire per fare chiarezza, Samantha ha detto di essere sicura di aspettare un bimbo da Natale. La cosa buffa è che complice sarebbe proprio il vostro pranzo.

Giuseppina: Lo vedi Enrì, la Madonna m’ha fatto la grazia! Domani je vado subbito a accenne er cero. Che t’avevo

detto io? Qui nipotini nun se vedono perché ‘sti du ragazzi so’ troppo smaliziati! Provamo a vede’ si co’ ‘na bella magnata se sblocca la situazione! A Enrì avevo raggione io! S’è sbloccato tutto!

Enrico: Benedetta la tredicesima! L’ho quasi tutta spesa per quel pranzo! Il miglior investimento della mia vita! Giuseppina mia complimenti a te come stratega, come cuoca e…soprattutto come nonna!!

Giuseppina: Non vedo l’ora di abbracciare mia nuora! Sarò per lei come la mamma che non ha, povera creatura mia!

Enrico: I ragazzi. Qualcuno ci vuole usare la cortesia di dirci dove sono i ragazzi? Anch’io non sto nella pelle e voglio abbracciare Aldo. Ieri, soltanto ieri lo ricordo come un bambino ed oggi mi diventa papà…

Anna: Ecco. I ragazzi. Samantha ha accettato la situazione e vorrebbe continuare la gravidanza, ma Aldo potrebbe opporsi, non essere convinto. Forse avete fatto un errore con quel pranzo. Avete fatto fallire tutta la loro programmazione familiare ed ora è chiaro il motivo della loro indecisione. Tutto sommato questa può essere definita come una gravidanza indesiderata che, al punto in cui è, potrebbe ancora essere tranquillamente interrotta.

Giuseppina: Signora mia, co’ tutto er rispetto…ma se po’ sapè che state a dì? A me me sembra proprio che state a straparlà. Tranquillamente interrotta, indesiderata, ma de che? So’ du’ anni che stiamo aspettando questo momento!

Enrico: Non è che ha detto qualcosa ai ragazzi? Lei mi scuserà ma non ha il diritto a parlare così a due giovani sposi che scoprono di aspettare un figlio. Il primo figlio accidenti!

Anna: E’ stata Samantha per prima stamattina a parlare di pianificazione familiare. Io non mi permetterei mai di entrare nella loro intimità. Voi uomini poi cosa sapete di queste cose? Soltanto tra noi donne ci si capisce bene su certi argomenti.

Enrico: Non siete molto cambiata dalla prima volta che ci siamo incontrati, non è vero? O meglio si dovrebbe dire “scontrati”?

Anna: Cose di gioventù. Qualche eccesso, soltanto qualche piccolo eccesso. Ma per una buona causa.

Giuseppina: Ma come, tu e la Signora Anna vi conoscevate? Non me lo hai mai detto Enrico. Ora mi metti in curiosità. Tu parli di incontro – scontro, lei parla di eccessi di gioventù. Potete essere un po’ più precisi?

Enrico: Parlo io. Tocca a me, se la Signora Anna mi autorizza…è per il rispetto della Privacy!

Anna: Ma si che ne può parlare! Oramai è trascorso tanto di quel tempo! E poi non c’è nulla da nascondere.

Sora Lalla: Bello. Me piace ‘sta giornata. L’aveva detto pure l’oroscopo stamattina alla radio. Pe’ er segno dei pesci giornata movimentata e importanti arivelazioni!

Enrico: Nulla. Non è nulla. Ho conosciuto la Signora Anna quando era una giovane femminista. Durante una manifestazione c’è stato uno scontro con il mio reparto, ti ricordi che allora ero alla Celere? Ecco, la Signora era più giovane e…direi più agitata. Il fatto è che lei l’ho dovuta fermare e portare in Questura…le solite cose. Non siamo arrivati neppure ad una vera denuncia. Tutte le dimostranti fermate nella giornata furono rilasciate la sera stessa…il mio Dirigente disse di chiudere un occhio…visto che poi un occhio me lo aveva chiuso lei veramente, durante il tafferuglio.

Anna: Detesto e detestavo la violenza. L’ho detto allora e lo ripeto. Non ho tirato un pugno. Cercavo soltanto di liberarmi e scappare. Nessuna intenzionalità. Una semplice coincidenza.

Sora Lalla: Hai capito? Addirittura un occhio nero a un poliziotto! E poi ar sor Enrico che è tanto ‘na persona ammodo!

Giuseppina: A Enrì! Prima abracadabra, poi addirittura vengo a sapè che hai scaijato da ‘na signora…certo che come forza pubblica…me deludi ‘n tantino!

Anna: Non sia ingenerosa Signora Giuseppina. Loro erano soltanto sette e noi…diciamo dieci volte tanto. Acqua passata comunque. Nel discorso di oggi il femminismo non c’entra proprio nulla. Ripeto solo che trovo giusto come due giovani pianifichino con criterio ed attenzione la loro vita.

Giuseppina: Allora, secondo lei, visto che ‘sta creatura nun è sortita fori da una pianificazione precisa, bisognerebbe…come ha detto? “interrompela”? E se provassimo a chiamà le cose pe’ nome e dicessimo ammazzalla?

Anna: Non ho detto questo. Me ne guardo bene. Dico solo che sono nelle condizioni, se questa sarà la loro libera scelta, di ricorrere alla pratica abortiva assistita. In una struttura ospedaliera che garantisce la donna dal punto di vista medico. E’ finito il tempo triste delle mammane!

Giuseppina: Basta che non famo finì pure quello delle mamme!

Nando: (Entra deciso) Allora Olga aveva ragione a dire che aveva incontrato Silvia! E’ vero che siete arrivati.

Enrico: Meno male che sei venuto! Prima che divento matto definitivamente mi puoi chiamare Samantha e Aldo? Si può sapere dove si sono nascosti? E Silvia dove sta? Quella benedetta ragazza…

Nando: Non si preoccupi, è a casa mia. Ma quei due non hanno ancora finito?

Giuseppina: Finito che?

Nando: Nessuno v’ha detto gnente?

Enrico: E meno male che in questo palazzo qualcuno ancora ragiona! Ci vuoi spiegare finalmente?

Nando: Samantha aspetta! Semo tutti contenti!

Giuseppina: Grazie. Fino a qui lo sapevamo pure noi!

Sora Lalla: Er fatto è che Alduccio ha saputo ‘sta notizia no da la moije, ma addirittura da radio Globo! Er ragazzo s’è stranito parecchio e Samantha aveva addirittura paura de vedello er marito, pora creatura.

Enrico: Radio Globo? E da dove sbuca ‘sta radio globo?

Sora Lalla: Olga. Alla radio l’ha detto Olga perché io mica ce credo a quella cosa che l’annuncio l’avrebbe fatto fa’ Italia la cassiera der bare!

Giuseppina: Ecco come ha fatto a sapello Cesare! L’ha sentito alla radio. Sicuro. E noi che ce la siamo presa tanto…

Sora Lalla: In finale è tutta corpa de Olga!

Enrico: Questa è una gabbia di matti! Un’altra volta si ripropone Olga?

Sora Lalla: Ecco. Dite giusto. Olga se ripropone sempre. Tal’e quale a li peperoni magnati de sera!

Nando: Sora Lalla ve potrà sembrà confusionaria, ma ha detto ne più ne meno de quello che è successo. Er fatto è semplice. Samantha se stava a confidà co’ Carla, è arivata Olga proprio mentre a Samantha j’è venuta voija de sambuca, Olga ha capito quello che c’era e…ha attaccato li manifesti pe’ tutt’er quartiere!

Sora Lalla: Avete visto che la sambuca c’entra eccome?

Nando: A Sora La’ un attimo de pazienza! Aldo e Samantha hanno voluto discute der fatto e Carla j’ha messo a disposizione casa mia…

Sora Lalla: E brava Carla! Aldo era proprio stranito e Samantha nun sapeva a chi santo raccomannasse.

Enrico: Stranito o no Aldo è un bravo ragazzo…

Giuseppina: Ma è fijo tuo e te somija come carattere. Più duro d’un sampietrino. Carla è ‘n’amica vera. Nando, ve devo ringrazià tutt’e due.

Enrico: Ma questi benedetti ragazzi cosa avranno mai da dirsi? Perché ci stanno mettendo tutto questo tempo?

Giuseppina: Cos’è tutta questa impazienza? Mica sono tutti orsi come te che per farti tirare fuori una parola ci vogliono le pinze e le tenaglie!

Olga: (Entra senza bussare. Occupa il centro della scena) Allora come vanno le cose? Ce stanno novità? Che avemo deciso da fa co’ sto pupo? Insomma ce lo tenemo o no?

Sora Lalla: Ao! Eccote qua l’inviata speciale de radio Globo!

Anna: Signora Olga! Dopo tutta la confusione provocata stamane ancora avete il coraggio di fare domande?

Olga: Qui nun capita mai niente! Pe’ ‘na vorta che ce sta ‘na questione così mica ce se po’ passà sopra e tirà via! E’ questione de bon vicinato, me sembra.

Enrico: Qui le decisioni non le prende certo lei! E poi, si rende conto di cosa sta parlando? Mica parliamo di un oggetto. (A queste parole Olga si fa da parte)

Anna: Certamente non è una cosa, ma altrettanto certamente non si tratta di un essere umano, ancora.

Giuseppina: Ma senti un po’ te che me tocca sentì! Se non si tratta di un essere umano allora cos’è? Me lo spiega?

Anna: Vede signora Giuseppina, la legge, la scienza…

Giuseppina: La scienza po’ di’ quello che je pare. Nun è questione de scienza qui. Semmai è questione de coscienza!

Anna: Non voglio essere fraintesa. Io non sono mica dell’opinione che Samantha debba per forza rinunciare al bambino! Ci mancherebbe altro!

Olga: (rimettendosi di mezzo) E allora? Che state a fa’, parlate solo pe’ aprì bocca e tirà fiato?

Anna: Cara Olga lei come al solito è superficiale. Si ferma alle apparenze, alle chiacchiere. Io ho i piedi piantati per terra. Sono realista e cerco di essere obiettiva. Io sono dell’opinione che due persone che si vogliono bene debbano decidere in modo serio e sensato di mettere al mondo dei figli. (Di nuovo Olga si fa da parte)

Enrico: Senta, noi non accettiamo lezioni da nessuno. Se è arrivato un figlio vuol dire che doveva arrivare. Certo. Forse abbiamo…

Sora Lalla: Forse j’avete dato troppa sambuca! L’avete invojati!

Anna: Ecco. Ha parlato la Bocca della Verità. Quello che avete fatto non è bello e non è da condividere. In un certo modo avete forzato la loro volontà.

Giuseppina: Noi nun avemo forzato niente! La natura è natura ed ha fatto succedere quello che doveva succedere.

Enrico: A due sposetti, a due persone che si vogliono bene, le occasioni non mancano mica!

Anna: Questo lo sappiamo tutti. È che voi…avete dato una spintarella! Lo avete ammesso poco fa!

Giuseppina: Sarà o no diritto nostro?

Carla: (Entra, visibilmente contenta) Me pareva d’avella sentita! Buongiorno sora Giuseppì!

Enrico: I ragazzi. Dove sono? Non eravate con loro?

Carla: M’è sembrato giusto lassalli un po’ soli…Io nun credevo mica che se mettevano a litigà.

Olga: E allora perché sei rimasta co’ loro? Che è successo? Hanno litigato e poi fatto pace? Dicce su!

Carla: No. Me dispiace pe’ te. E’ annato tutto liscio, come l’olio.

Sora Lalla: Olga, ma nun sei capace a statte zitta? Nun lo capisci che devi parlà solo quanno piscia la gallina?

Enrico: Non vorrei offenderla signora. Ora esagera con la sua curiosità.

Carla: No. Nun avete capito. Ce sete cascati tutti. Pure Olga. La dovemo tutti ringrazià, piuttosto che criticalla.

Nando: A Ca’ proprio nun te decifro!

Carla: Beh! Er fatto della voija me lo so’ quasi inventato io!

Anna: Come sarebbe a dire?

Carla: Ecco. Samantha me pareva tanto a disaggio porella; nun sapeva come affrontà Aldo. Io allora ho pijato ar volo l’occasione della presenza de Olga e, co’ la scusa della voija, j’ho fatto capì la situazione. E’ bastato dije de stasse zitta co’ tutti! A questa qui ‘a conosco bene. Ero sicura che in cap’a du minuti l’avrebbe ridetto a tutti. Così è stato.

Sora Lalla: Ce sei annata de fino! Complimenti! ‘Na vorta che la notizia è diventata de dominio pubblico…addio core!

Carla: Ecco, quanno Aldo s’era un po’ calmato, prima de salì je l’ho detto…mica li potevo lascià così!

Enrico: Ma insomma! Come l’hanno presa? Non è che hanno deciso…

Carla: Manco a pensacce. Certo che però si je volete bene ‘na mano je la dovete dà, porelli.

Giuseppina: Manco a dirlo. Nun sto nella pelle. Famme il piacere a Na’, me scendi a chiamalli?

Silvia: (rientra) Non c’è bisogno, li ho chiamati io! E’ da prima che cerco di dirvi che bisognava passare da Carla!

Samantha: (Entra abbracciata ad Aldo) Non c’è bisogno. Stamo qui!

Aldo: E che c’è ‘n’antra riunione de condominio?

Giuseppina: Allora…avete parlato? Avete deciso?

Aldo: A ma’, ce lo sai pure te. ‘Sta creatura era mejo se veniva un po’ più in la, magari quanno je potevamo da’ più sicurezza…Ma sembra che ce s’è messo de mezzo er pranzo de Natale…

Sora Lalla: Pe me è tutto chiaro. Tutta la responsabilità cellà la sambuca!

Samantha: Ma nun è pe’ questo che sarà meno gradita e che je vorremo meno bene. Se dovrà arangià pure lei, certo!

Aldo: Annamo avanti alla ceca, senza ave’ un minimo de sicurezza. Io devo fa’ conto su un lavoro che oggi ce sta e domani forse. Samantha spera che er lavoro da sarta je possa annà avanti…I dubbi ce l’avemo perché ‘n finale ‘a situazione, pe’ noi due nun è colorata de rosa.

Samantha: Pe’ noi tre! Anche se semo diventati tre in quarche modo faremo. Finchè ciavemo braccia nun se moriremo mica de fame! Piuttosto, mamma, papà me dispiace proprio che avete saputo der pupo in questo modo…Chi poteva sapè che le cose annavano così?

Aldo: Papà scusace, credime, Samantha nun c’entra niente…

Enrico: Figlio mio, certo avrei preferito che me lo avessi detto tu direttamente…

Giuseppina: E come la fai lunga! Viè, venite da mamma vostra che ve vo’ strigne! Ma proprio er vizio non lo perdi mai?

Enrico: Fammi finire! Come padre, come futuro nonno, avrò diritto a dire tutta la mia, o no?

Giuseppina: Lo vedete? Questo qui ancora sta in caserma, mica s’è reso conto che mo’ stà in pensione!

Enrico: E adesso basta! A Giuseppì, me voi fa’ passà pe’ orco? Scusatemi tutti. Non sono arrabbiato e non ho nessuna voglia di arrabbiarmi in un giorno come questo. Per una notizia del genere, quando me ne vorrai dare un’altra, utilizza pure tutti i mezzi che vuoi: radio, televisione, telefono, posta, quello che vuoi…Videochiamami!! Cerca solo di evitare zio Cesare!

(a questo punto, non notato da nessuno, entra Cesare)

Giuseppina: Così me piaci! E poi, su Cesare, solo su zi’ Cesare, concordo pure io!

Cesare: Zi’ Cesare eccolo qua! Perché me dovrebbero evità, evità allo zio loro? E tu che devi concordà co’ Enrico?

Giuseppina : A Ce’, e che ce fai te qui?

Cesare: Come che faccio? C’è in famija ‘na notizia così e io ‘a devo sapè da ‘na radio? Ma ve rennete conto? Come se dice? Nun c’è filinghe tra noi…però ce stanno cose…

Aldo: A zi’ se è pe’ questo nun sei er solo a avello saputo dalla radio! Anche io l’ho saputo così e me ne so’ fatto ‘na ragione. Nun me chiede er perché, sarebbe lungo da spiegà. Te posso dì che proprio nun è corpa de nessuno. Credime, meno de tutti che de noi o de mamma e papà.

Cesare: (Rivolto a Giuseppina) Si manca la mortadella dar frigo o si mancheno cinque lire è sempre corpa de qualcuno, me sembra. Un responsabbile ce sta sempre.

Giuseppina: A frate’ vedo che te s’è accorciata la memoria! Ce voi mette pure quella vorta che ho toccato la scatola der trucco de mamma?

Cesare: Ammazzate! Ancora te ricordi?

Giuseppina: Come fosse successo mo’. Ancora me bruceno le cucchiarellate de mamma!

Silvia: Allora è una ruota! Sempre cucchiarellate per i figli!

Enrico: Piuttosto. Ci sarebbe da dire…

Giuseppina: Enrico stai fermo. Non andare oltre. Lo sai che non ho mai voluto! Neppure ora voglio mettere in piazza certe cose tra me e mi’ fratello.

Cesare: A Giuseppì, ha raggione Enrico. C’è da dì eccome. Vedi, io so’ venuto proprio a mette ‘n piazza! Tu te riferisci alla robba  de pora zi’ Cesira no? Dì la verità, daije!

Giuseppina: A Ce’, statte bono, stai a annà pe’ ‘na via pericolosa assai!

Enrico: Devi ringraziare questa santa donna…altrimenti non avrei esitato…

Cesare: No. Sulla via pericolosa mica ce stò adesso! Ce stavo allora casomai. Tu l’hai sempre saputo, vero Giuseppì? Er gioco! Un disgraziato come noi me ce aveva tirato dentro! Senza sape’ quello che stava a fa’. “Giocate er cinquanta su Napoli, so’ quarantanove settimane che ritarda! Vedrai che esce!”. Ho giocato. Ho giocato poco, mille lire, ma ho giocato.

Giuseppina:  Fermate Ce’. Fermate.

Cesare: No. Nun me fermo. Er cinquanta nun è uscito e allora me viè detto: “E’ semplice! Basta raddoppià la posta! Er guadagno è sicuro! E poi so’ solo duemila lire!”

Sora Lalla: Embè? Er ragionamento filava.

Cesare: Er cinquanta nun voleva escì. Ogni settimana era quella bona e invece gnente! Temp’a pochi mesi m’ero vennuto tutto e m’ero ficcato ‘n bocca a Gino er cravattaro. M’ha masticato bene bene. Ce so’ voluti anni pe’ veninne fori.

Sora Lalla: Ma armeno, er nummero è escito?

Cesare: E come no! Dopo cinque settimane che nun lo giocavo più.

Sora Lalla: E che scarogna! Secondo me quarcuno ve l’ha tirata!

Cesare: No, me la so’ proprio tirata da solo. Nessuno m’ha buttato dentro ar pozzo. Me ce so’ proprio buttato io. Ma ‘na cosa è certa: ho perso er vizio! Da allora nun gioco più manco a tombola a Natale!

Olga: Che se deve sentì! Chi era er cravattaro? M’è sfuggito er nome!

Carla: Tu prova solo a parlà de ‘sta cosa fori de ‘sta stanza e te metto ‘n braccio a ‘no zampognaro!

Olga: Che dici?

Carla: Dico che te gonfio come ‘na zampogna! Scusatela sor Cesare. E’ proprio fatta così. Li volemo lascià soli? Annamosene tutti, su!

(Olga, Carla, Nando ed Anna,  salutano e man mano escono)

Anna: Ci mancherebbe. Samantha, Aldo, di nuovo auguri. Olga, Signora Lalla, andiamo via. Lasciamoli soli.

Sora Lalla: Io nun chiacchiero. Io rimango qui. E’ come se fossi la mamma che nun se ritrova più Samantha.

(dopo che sono usciti tutti)

Enrico: Gli strozzini! Sono vere sanguisughe!

Cesare: Eppure so’ l’unichi che so’ disposti a mettete ‘n mano li sordi quanno hai bisogno. Si te viè ‘n problema provate a anna’ dall’amichi! Tutti quelli che senti “Stanno a passà ‘n momento delicato assai”; le Banche te dicheno: “ Nun le potemo da’ credito caro signore, lei nun offre garanzie”. Pensa ‘n po’ che a me ne le mani de Gino me cià messo proprio uno della banca!

Giuseppina: Lo sapevo. Lo sapevo. Ma non potevo immaginà che eri cascato così in basso! Perché non mi hai detto nulla? Io e Enrico avremmo fatto tutto il possibile!

Cesare: La vergogna. La vergogna Pinuccia mia. M’è mancato er coraggio de venì a bussà a cassa da te e levavve er pane da sotto li denti. Ho dovuto fa’ da me.

Enrico: Avrei potuto aiutarti. Veramente. E sarei stato felice di farlo. Credimi.

Cesare: Ho dovuto forzà la mano ar destino, favve ‘na carognata…ma vedete? Avevo tutto scritto dentr’a ‘sta lettera che l’areggeva er notaio. Se me capitava quarche cosa avreste saputo. Tutto.

Enrico: Forzare la mano? Vuoi spiegare?

Cesare: Zi’ Cesira se n’era annata. Poraccia nun v’aveva trovato a casa e allora ha telefonato a me quanno s’è intesa male. Pora donna. Nell’urtimo sospiro de vita m’ha detto: “A Cesare’, me ne sto pe’ annà dellà. Tira l’urtimo cassetto der commò. Caccialo tutto fori. Sotto ciò appiccicato tutta la robba de mamma mia e quella mia. M’ariccommanno. Fanne du’ parti. Una pe’ te e una pe’ Pinuccia.”  Poi ha detto: “A ma’, che ce fai qui?” ha rovesciato l’occhi e se n’è ita.

Enrico: Ho capito. Hai…

Cesare: Ho preso tutto. Nun era tantissima robba. Ma è riuscita a damme quer tanto de respiro pe’ comincià a risalì la china.

Giuseppina: Pora zia Cesira…Ce teneva così tanto alle cose sue…

Cesare: Ho fatto finta de litigà co’ voi proprio pe’ nun dovè renne conto de sta robba! Me dovete perdona’ ma ero veramente disperato!

Sora Lalla: Certo che l’avete fatta grossa assai. Ma dopo tutti ‘st’anni, perché ve decidete solo mo’ a parla’?

Cesare: Tutti i giorni. Volevo famme sentì tutti i giorni che strappa er calendario. Ogni vorta provavo a fa’ er numero der telefono e attaccavo senza manco fallo sonà. Ve l’ho detto. M’è mancato er coraggio.

Sora Lalla: E’ vero. A fa’ sfracelli ce vo’ coraggio, ma a riconosce d’avelli fati ce ne vo’ cento vorte tanto.

Aldo: A zi’, nun ce pensà più. Rimani co’ noi a pranzo. Se famo du’ spaghi e famo festa a ‘sta creatura che ariva.

Enrico: E poi. Chissà quanto avrai da raccontare! Mi dovrai dire bene nome e cognome dello strozzino e farò tutto quello che posso per fargli passare un brutto quarto d’ora!

Giuseppina: Enrì! Stai in pensione! Calmati. Vuoi passare qualche guaio?

Enrico: Chi ha fatto il mio mestiere in pensione non ci va mai del tutto…

Cesare: Nun v’affannate. Er sor Gino, do’ stà adesso li sordi nun je servono più. De lui resta ‘na pietra co’ na scritta

sbiadita dar sole e… tanti brutti ricordi che pure loro stanno a sbiadì cor tempo. Pensa te come so’ scemo; dopo tutti i sordi che m’ha levato, j’ho pure fatto dì ‘na messa dar curato e j’ho portato un fiore. L’ho fatto solo ‘na vorta però. Nun so più se pe’ esse sicuro che era morto davero o pe’ suffraggio dell’animaccia sua nera.

Samantha: Hai dimenticato de dicce la cosa più importante. Dopo tanti anni nun ce dici come vivi, che stai a fa’, se ciavemo magari quarche cuggino…

Cesare: Ao! ‘Sta domanna me l’aspettavo da Pinuccia o da Enrico! Ma so’ contento che me l’hai fatta te. Fija, vamm’a prenne la valigetta che ho lasciato dellà. Faije la cortesia a zio tuo!

Samantha: Vado. (si affretta)

Aldo: Nun te scapicollà! Fai piano!

Samantha: Amò, dellà, pe’ casa nostra so’ tre passi mica ‘n chilometro! Ecco zi’.

Cesare: Qui dentro c’è tutta la robba de pora zia. La parte mia è tutta tua, fija mia. L’altra parte spetta a Pinuccia.

Enrico: Come hai fatto?

Cesare: Ar monte. Ho sempre messo e levato dar monte. Senza mai famme scadè ‘na polizza. Sta proprio tutto qua.

Giuseppina: Nun te devi privà della parte tua. Te spetta dopo tutti i sacrifici che hai fatto.

Enrico: E’ giusto. Brava Giuseppina! Così sia se vuoi così.

Cesare: Fermi. Fermateve tutti. Fateme risponne prima a ‘sta giovanotta. Nun ho mai avuto gnente de serio. Solo quarche avventura. Oggi so’ solo, divento vecchio e magari me so’ fatto l’illusione che doppo che m’avete perdonato potrei avè l’illusione perfino de avecce ‘na famija mia. Magari de sentimme pure ‘n po’ nonno.

Giuseppina: Ho capito. Me toccherà ricucina’ ‘n pranzo ancora più bono de quello de Natale scorso!

Sora Lalla: Ma stavolta la sambuca nun serve più a nessuno…o no?

Cesare: Aldo, pe’ te c’è ‘na sorpresa tutta particolare. Tu lavori nell’officina de Arfredo no?

Aldo: Si.

Cesare: E sei pure bravo ner mestiere tuo. Arfredo m’ha detto che sei preciso e onesto.

Giuseppina: E come lo conosci?

Cesare: Lo conosco si. Metà dell’officina è mia! Praticamente a mi’ nipote l’ho assunto io, pe’ tutela’ l’interessi mia. Comunque. A ‘sti ragazzi quanno se so’ sposati nun j’ho fatto manco er regalo de nozze. Vedemo de mettese a paro. Se guardi bene drento alla valigetta, sur fonno ce stanno le carte che dicheno che la metà dell’officina è de Aldo. Devi solo firmà.

Aldo: A zi’ so’ confuso. Nun ce stò a capì più gnente!

Cesare: Ao! Quale confuso, quale nun capì, se nun stai bene coll’occhi appizzati c’è er rischio che Arfredo te frega! Svejete Aldo, mo diventi papà.

(tutti fanno cerchio e brindano con la sambuca tranne la Sora lalla)

Sora Lalla: (avvicinandosi al pubblico) E’ vero. Proprio vero. Lo diceva pure pora mi’ nonna ogni vorta che vedeva spuntà una panzona! “Ogni bambino se porta appresso er fagottino”. Certamente un zi’ Cesare nun lo trovi mica drent’a ogni ovo de Pasqua! Ma, se ce credi davero, er Signore vede e provvede

Cesare: (si dirige verso la Sora Lalla con due bicchierini in mano) A sora La’, lo gradisce ‘n goccetto de sambuca co’ noi? (Sora Lalla si gira arrabbiata e minaccia Cesare con il bastone) Ao’ solo ‘na lacrima…pe’ aggiustasse la bocca prima de magna’…mica…

Sora Lalla (mette giù il bastone e si avvicina a Cesare dopo averlo squadrato da capo a piedi) Mbe’! Hai visto mai? Però vojo tutt’er bicchiere pieno. (rivolta al pubblico) E famosela tutti ‘na bella sambuca!!

(sipario)

 

    Questo copione è stato visto
  • 2 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 15 volte nell' arco di un'anno