Peter Pan

Stampa questo copione

CANZONE “FANTASIA”(PROIEZIONI)

PETER PAN

Libero adattamento
per info Emanuela di Bereguardo (Pv)
magna@italmarine.it

CANZONE  FANTASIA (SOLISTA)

BALLETTO “FATE”

Voce fuori campo:

una stella più luminosa delle altre si risveglia e nel suo bagliore, che è molto più intenso delle stelle normali, si riescono a intravedere macchie di alberi, e si possono immaginare gli animali selvatici che le attraversano furtivi per andare ad abbeverarsi, anche se non si vedono gli animali veri e propri ma solo le loro ombre.

Si intravedono delle macchie di luce biancastra che attraversano faticosamente il terreno erboso e dal loro scampanellio si può indovinare che sono probabilmente fate del tipo più comune che stanno tornando a casa e che litigano allegramente tra di loro.

Durante il giorno pensate che il Paese Che Non C'è sia soltanto una leggenda,e così la pensano quelli come voi. 

Ma questo è il Paese Che Non C'è che diventa vero.

SCENARIO CAMERETTA

NARRATORE

Questa è una storia senza tempo, di ieri come di domani, ma quanto al luogo non v’è dubbio, essa inziò a  Londra. Accade in una tranquilla via a Bloomsbury. Nella casa d’angolo laggiù vive la famiglia Darling e Peter Pan ha scelto questa casa in particolare perché ci sono persone che credono in lui. Prima di tutto Wendy, la figlia maggiore dei signori Darling: racconta ogni sera ai suoi fratelli favole e avventure. A Peter piace ascoltare le fiabe e in seguito torna all’Isola che non c’è per raccontarle ai bimbi sperduti. Il signor Darling è  un bancario che conosce il prezzo di tutto, persino di un abbraccio. La signora Darling è la più  graziosa signora di Bloomsbury e crede che Peter Pan sia lo spirito della giovinezza. I ragazzi, tuttavia,Gianni e Michele, credono che Peter Pan sia una persona reale e fanno di lui un eroe di tutti i loro giochi.

Nana, il loro cane, è la miglior tata a quattro zampe.                   

Mai esistita una famiglia più felice e più semplice.

La notte in cui iniziano le straordinarie avventure di questi bambini è la notte in cui Nana abbaia alla finestra e agguanta qualcosa di cui i bambini non riescono a capire la provenienza: sembra quasi una sagoma…un’ombra…

Rumore NANA ABBAIA

(i bambini guardano fuori dalla finestra, ma poi ritornano a giocare come se niente fosse successo)

NARRATORE

Ma non c’è nulla lì fuori né un uccello né una foglia, così i bambini se ne dimenticano poiché ciò che preoccupa un grande non preoccuperà mai un bambino.

Wendy           Cenerentola si librò in aria lontano dall’ordinario e da ogni bruttura e quando atterrò al ballo si trovò in modo molto inappropriato circondata dai pirati.Ce n’era uno così brutto che la mamma l’aveva venduto per una bottiglia di Moscato; Bill Jukes che aveva su ogni centimetro di pelle un tatuaggio e …il più crudele di tutti UNCINO con gli occhi blu come i “non ti scordar di me”, tranne quando ti appigliava la pancia con l’uncino di ferro che aveva al posto della mano destra che Peter Pan aveva dato in pasto al coccodrillo durante un duello, in tal caso diventavano rossi come il fuoco…

Michele          “Ragazzina!” disse Uncino “è per la scarpetta di Vossignoria che siamo qui!”

Wendy           Come si permette di chiamarmi ragazzina!

Gianni           Guarda che duello.

NARRATORE

… e poi a volte arriva la zia Millicent la quale ritiene che un cane come tata abbassi il livello generale della famiglia nei confronti  del vicinato…

Zia                 Oh caro… Uh che viaggio è stato. Ma cosa succede!!

Mrs Darling  Non preoccuparti zia, Wendy sta raccontando le fiabe ai ragazzi.

(Si sistemano in salotto)

Zia                 Gorge, caro come va il lavoro in banca, sempre allo sportello?

George          Si zia cara… (deluso)

(Arrivano i ragazzi e si siedono)

Gianni           Wendy adesso ti racconterà una storia!

Michele          Dai racconta di Noodle il pirata con le mani al contrario

Zia                 Oh mio Dio !!

Gianni           … e di Uncino con i suoi occhi rossi come il fuoco che ti sbudella la pancia.

Zia                 Uncino? Perbacco ma come vengono istruiti i ragazzi oggi giorno!

Wendy           Io non sono affatto colta zia, ma so una o due cosette sui pirati

Zia                 Oh cielo!

Wendy           La mia ambizione inappagata è scrivere un racconto in tre parti sulle mie avventure

Zia                 Quali avventure?

Wendy           Devo ancora viverle ma saranno entusiasmanti!

Zia                 Ma bambina mia i romanzieri non hanno una grande considerazione nell’alta società e

                       poi non c’è nulla di più difficile di dare in moglie una romanziera.

Wendy           Moglie?

Mr Darling   Moglie?

Mrs Darling Moglie?

Fratelli           Moglie?

Mrs Darling  Ma zia cara Wendy non ha ancora 13 anni!

Zia                 Incedi verso di me affinché possa soppesarti!

Mr Darling   Avanti, vai verso la zia e stai ben dritta

(I fratelli ridono)

Mr Darling   (ai fratelli) Smettetela

Zia                 Voltati. Uhm si, proprio come immaginavo. Wendy possiede un mento da donna

(Wendy si tocca il mento)

Zia                  Non l’avete notato? Osservate la bocca.

(Mr e Mrs Darling la guardano)

Mr Darling    La mia Wendy una donna

Zia                  Quasi una donna

Mrs Darling   Su bambini andate a letto

(Restano in scena solo i tre)

Zia                  Deve passare meno tempo coi fratelli e più tempo con me. E poi cosa sono queste                                   stupidaggini sulle avventure: Peter Pan, Uncino, Pirati!

Mr Darling    Su questo sono d’accordo, ho tralasciato per troppo tempo (rivolto alla moglie)

Mrs Darling   Ma caro

Zia                  Ascoltate deve avere una camera sua…la camera di una signorina. George, la figlia di un                        impiegato non può aspirare a sposare bene come la figlia di un direttore.

Mr Darling    Di-di-direttore?

Zia                  Certo devi parlare di più con i tuoi superiori, l’umorismo oggi giorno va molto di moda.

Mrs Darling   Ma zia, George non  è molto…

Mr Darling    L’umorismo… (e beve)

Zia                  Dovrete partecipare alle feste mondane, per esempio domani ho sentito che danno

                        un’importate ricevimento al quale parteciperà il tuo direttore..

Mr Darling    Zia sai che io alle feste…Cara…

Zia                  Non si discute i bambini domani staranno con me e voi andrete alla festa.

(Notte – inizia la scena con la sera seguente)

NARRATORE

I bambini giocano nella loro camera. Il piccolo Michele fa la parte di Peter Pan mentre Gianni è il terribile Capitan Uncino

Poco dopo papà Darling scopre che la sua camicia è stata trasformata in una mappa. Così si arrabbia con Wendy, che racconta sempre ai fratelli le avventure di Peter Pan.

Gianni           Ti distruggo, Peter Pan!

Michele          Prendi questo!Ti arrendi,Capitan Uncino?Ti arrendi?

Gianni           Mai! Devo vendicare la mano che mi hai tagliato!

Wendy           (schioccando la lingua) Nc! Oh, no, Gianni. Era la mano sinistra.

Gianni           Ops, si. Grazie Wendy

Michele          Prendi questo!

Gianni           Ragazzo insolente, ti farò a fettine! Dove hai messo il mio tesoro?

Michele          Non te lo dirò mai!

Gianni           Ah, non lascerai vivo questa nave

Michele          Oh, sì, lo farò. Prendi questo!

Gianni           Ti spaccherò le budella!

Michele          Oh,no,non lo farai! Indietro!Indietro!Indietro, furfante!

Mrs. Darling(esitando) Ehm,George,caro, sbrigati.Lo sai che non dobbiamo arrivare in ritardo alla festa.

Mr. Darling              Mary, finchè non trovo i miei gemelli noi non andiamo alla festa. E se non andiamo alla festa                        non potrò più mostrare la mia faccia in banca. E se non potro più mostrare----geme

Mr. Darling  Ragazzi, ragazzi, meno rumore per favore.

Gianni           Oh, ciao papà.

Michele          Tu, vecchio topastro.

Mr. DarlingCo-co-cosa? Ora, senti un po’, Michele.

Gianni           Oh, non tu, papà. Vedi, lui è Peter Pan.

Michele          E Gianni è Capitan Uncino.

Mr. Darling Sì, sì, naturalmente. Avete visto i miei gemelli? Dove sono quei gemelli?

Gianni           Gemelli, papa?

Mr. Darling Sì, quelli d’oro.

Gianni           (bisbigliando a Michele) Michele, il tesoro nascosto, dov’è sepolto?

Michele          Non lo so.

Gianni           La mappa allora….Dov’è la mappa?

Michele          L’ho persa

Mr. Darling  (trova la camicia tutta sporca)Santo cielo! La mia camicia!

Michele          Urrà! L’hai trovata! L’hai trovata!

Mr. Darling  Sì, l’ho trovata. E la prossima volta….Non toccarmi Michele! Questa è l’ultima camicia

                       pulita….(guarda la mappa disegnata sulla sua camicia) No. No!

Mrs. DarlingGeorge, caro, dobbiamo veramente sbrigarci, o arriveremo in ritardo.

Mr. Darling Mary, guarda!

Mrs. DarlingGeorge!

Michele          E’ solo gesso, papa.

Mrs. Darling Perchè, Michele…..

Gianni           Non è colpa sua. E’ nella favola. E Wendy ha detto……

Mr. Darling  Wendy? Favola? Dovevo immaginarlo, Wendy. Wendyyy!

Wendy           Sì papa?

Mr. DarlingPuoi gentilmente spiegare----

Wendy           Oh, mamma, sei semplicemente incantevole!

Mrs. DarlingGrazie cara.

Mr. Darling  Wendy---

Mrs. DarlingE’ solo la mia vecchia gonna rimodernata ma mi sta ancora bene. E io….

Mr. Darling  Mary, se non ti dispiace, io dovrei.....

Wendy           Ma, papà,cosa hai fatto alla tua camicia?

Mr. Darling (urlando)  Cosa ho--------

Mrs. Darling Ora, George, veramente. Si è fatto tardi.

Mr. Darling Niente scuse. Wendy, non ti avevo avvisata? Scaldare le teste dei ragazzi con stupide storie.

Wendy           Oh, ma non l’ho fatto!

Mr. Darling  Io dico di sì! Capitan Mancino, Prete Pane…..

Wendy           Peter Pan, papà.

Mr. Darling Pan, pirati, frottole,stupidaggini!

Wendy           Oh no, papa. Papà non hai mai ------ Non capisci!

Mr. Darling  Vere e proprie stupidaggini! E lasciatelo dire, questo ridicolo……

Mrs. DarlingGeorge.

Mr. Darling  George!George. Ora basta, devo diventare un uomo temuto dai bambini e rispettato dagli                     adulti altrimenti finiremo tutti sul lastrico.

Mrs. Darling George non urlare!

Zia                 George i vicini ti possono sentire

Mr Darling   E che sentano tutti, devono sentire che queste sono tutte stupidaggini!!

Wendy           No papà!

Mrs. Darling George!

Mr Darling   …e da domani, Wendy, comincerai la tua istruzione con la zia Millicent.

Zia                 Su è ora vieni ti devi  preparare!

(Escono di scena la zia e Mr Darling – I bambini vengono messi a letto e la mamma accende le lampade da notte )

Gianni           Ha chiamato Peter Pan “ stupidaggini”.

Mrs. DarlingSono sicura che non intedeva questo, Gianni. Papà era solo sconvolto.

Michele          Mamma.

Mrs. Darling Cosa, caro?

Michele          Il tesoro nascosto. (gli porge i gemelli)

Mrs Darling …ah ecco i gemelli di papà

Gianni           Mamma, se le lampade da notte sono accese qualcosa può farci del male?

Mrs Darling  No caro, questi sono gli occhi che la mamma lascia per vegliare sui suoi bambini.

 Wendy          Ma, mamma, io non voglio crescere.

Mrs. Darling Non preoccuparti di questo per questa notte.

Mrs. Darling Bambini, non giudicate vostro padre troppo duramente. E’ severo ma vi vuole molto bene.

(la mamma sta per andarsene)

Wendy           Oh, non chiudere a chiave, mamma.Lui potrebbe tornare.

Mrs. Darling Lui?

Wendy           Sì. Peter Pan. Ho trovato qualcosa che gli appartiene.

Mrs. Darling Oh, e cosa?

Wendy           (sbadigliando) La sua ombra.

Mrs. Darling  la sua ombra?

Wendy           Mmmmm. Nana gliel’aveva strappata, ma io gliel’ho presa e l’ho messa al sicuro.

Mrs. Darling Oh? Sì, naturalmente. Buona notte, cara.

(intanto in salotto)

Mr Darling   Oh no sta nevicando, ci raffredderemo! Forse sarà meglio non uscire stasera!

Zia                 Meglio la morte dei pettegolezzi! Voi entrerete in quel salone a testa alta.

                        (spingendo fuori i signori Darling)Su andate e ricordate non tutto il male viene per nuocere.                E non preoccupatevi, dei ragazzi mi occupo io.

(Sul proscenio si incamminano)

Mrs Darling  Caro saranno al sicuro i bambini?

Mr. Darling Al sicuro? Naturalmente, saranno al sicuro. C’è la zia Millicent con loro.

Mrs. DarlingEcco, Wendy diceva qualcosa riguardo un’ombra, e io-------

Mr. Darling  Ombra? L’ombra di chi?

Mrs. Darling Di Peter Pan.

Mr. Darling              Non dirlo. Ad alta voce  Oh signore, cos’altro devo fare? Oh, Peter Pa---Peter Pan!

Mrs. Darling Ma George, veramente io--------

Mr. Darling Lancia l’allarme! Chiama Scotland Yard!

Mrs. Darling Dev’esserci stato qualcuno---Wendy non può aver sognato

Mr. Darling  Oh Mary, Peter Pan è solo una storiella infantile. Come possiamo aspettarci che I bambini                     crescano e siano concreti----

Mrs. Darling George, caro.

Mr. Darling              se sei tu la prima a credere alle favole? Spero che Wendy lasci perdere queste stupidaggini

(Subito dopo che il signor e la signora Darling hanno lasciato la casa, Peter e Trilly volano nella stanza. Stanno cercando l’ombra di Peter Pan )

Narratore

Ma quella di Peter Pan non è una favola.Qualche giorno prima era venuto ad ascoltare i racconti di Wendy  e Nana era riuscita ad afferrare la sua ombra.

Per qualche momento, dopo che il signor e la signora Darling se ne sono andati, le lampade da notte vicino ai letti dei bambini seguitano ad ardere, ma all’improvviso, un tremito attraversa la stanza, sufficiente appena a sfiorare le lampade. Esse vacillano tre volte e poi, una dopo l’altra, si spengono, proprio quando i bambini si addormentano.

C’è un’altra luce nella stanza adesso,mille volte più brillante delle lampade da notte: una luce che sfreccia rapidamente qua e là, fruga, nelle tasche,nel guardaroba, nei cassetti della camera alla ricerca di una certa ombra.

E’ Trilly, una minuscola fata, amica inseparabile di Peter Pan

Un attimo dopo la finestra si spalanca e proprio Peter vola nella stanza.

Peter Pan      Laggiù, Trilly, nel suo nascondiglio.E’ lì? Deve essere qui da qualche parte. (si sente una

musica, Trilly si specchia e balla al ritmo di un valzer) Trilly! Basta giocare e aiutami a trovare la mia ombra. Ombra? Ombra?

                       Ah, eccola, in quel cassetto, l’hai trovata…ma non riesco a trattenerla, mi scappa…..

MUSICA “Tschaikovsky – Russian Dance”

BALLETTO “OMBRA”

 

(Trovata l’ombra Peter cerca invano di attaccarla con il sapone; non riuscendo comincia a piangere)

NARRATORE

L’ombra non vuole saperne di tornare al suo padrone.

Per acciuffarla,Peter fa un gran baccano e Wendy si sveglia

Wendy           Peter Pan! Oh, Peter, Sapevo che saresti tornato! La tua ombra, l’hai trovata, l’avevo                             conservata per te. Oh, spero non si sia sgualcita.Sai, sei proprio come ti avevo immaginato.                     Oh, forse un pochino più alto.Ma poi … ridendo Non puoi attaccarla col sapone, Peter.                                Bisogna cucirla. Così devi fare. E’ l’unico modo,prova a pensarci. Sebbene io non ci abbia                       mai pensato prima. Cucire le ombre, intendo. Certo, sapevo che era la tua ombra, fin dal                    primo momento che l’ho vista.E mi sono detta,: “la metto via per lui, finchè non ritorna.                      Sicuramente tornerà”.E l’ha fatto, vero Peter? Dopo tutto, uno non può lasciare che la sua                        ombra sparsa in giro…e non perderla, prima o poi, sei d’accordo? Ma quello che non ho                ancora capito è come Nana abbia fatto a strappartela.Veramente lei non è…Oh, siediti, non                ci metterò molto.Lei non è cattiva, lo sai.Lei è una meravigliosa tata, sebbene papà dica che--

Peter Pan      Le ragazze parlano troppo.

Wendy           Oh. (ridendo) Sì, le ragazze parlano troppo---mmmm?

Peter Pan      Bene, finiscila, ragazza.

Wendy           Mi chiamo Wendy, Wendy Moira Angela Darling.

Peter Pan      Wendy basta.

Trilly             (imitandola) Wendy Moira…

Peter              Su Trilly sii gentile…

Wendy           Oh. Ma come ha fatto Nana a prendere la tua ombra?

Peter Pan      Mi è saltata addosso, l’altra notte, alla finestra.

Wendy           Cosa ci stavi facendo laggiù?

Peter Pan      Ero venuto a sentire le tue fiabe.

Wendy           Le mie fiabe? Ma parlano quasi tutte  di te!

Peter Pan      Naturalmente.Ecco perchè mi piacciono. Le racconto sempre ai Bimbi Sperduti.

Wendy           I bimbi sperduti ?----Oh, mi ricordo. Sono i tuoi seguaci.

Peter Pan      Si certo

Wendy           Sono così felice che tu sia tornato stanotte. Avrei potuto non vederti mai più.

Peter Pan      Perchè?

Wendy           Perchè da  domani diventerò grande.

Peter Pan      Diventerai grande?

Wendy           Questa è la mia ultima notte nella camera dei bambini.

Peter Pan      No! Non voglio! Vieni.

Wendy           Ma dove stiamo andando?

Peter Pan      Sull’Isola che non c’è.

Wendy           L’Isola che non c’è?

Peter Pan      Laggiù non diventerai grande.

Wendy           Oh, Peter, sarà fantastico! Ma aspetta! Cosa dirà la mamma?

Peter Pan      Mamma? Cos’è una mamma?

Wendy           Peter, una mamma è qualcuno...che ti ama,si prende cura di te e ti racconta favole--

Peter Pan      Bene! Allora tu sarai la nostra mamma. Vieni.

Wendy           Ora, aspetta un minuto, io...,fammi un pò vedere, devo fare le valigie. Oh, e devo lasciare un                biglietto per dire quando tornerò.Naturalmente, non posso star via molto.E poi io devo--                       Oh,l’Isola che non c’è.Oh, sono così felice, penso di doverti dare un ba-bacio.(Trilly si agita)

Peter Pan      Cos’è un ba-bacio?

Wendy           Oh, ecco, i-io ti faccio vedere. Ahi! (urla perchè Trilly le tira i capelli)

Peter Pan      Ferma! Ferma, Trilly!

(Peter porge la mano per ricevere qualcosa e Wendy gli dà un bacio,Trilly gelosissima si ritira in angolo).

Wendy           Oh, ma che cos’è?

Peter Pan      Trilly, Campanellino, la mia fatina!

Wendy           Ma, non esistono le fa…

Peter Pan      No! Non dire così. Tutte le volte che qualcuno dice questa frase, da qualche parte una fata  muore. …... Anch’io voglio darti un bacio!

Wendy           Si se vuoi… (Wendy avvicina il suo viso, ma Peter le mette in mano un bottone).

Wendy           Ah questo è un bacio, lo infilerò nella mia catenina.

(I bambini si svegliano)

Michele          Ciao, Peter Pan, io sono Michele.

Michele          Gianni! Gianni, svegliati, lui è qui!

Gianni           Chi?

Gianni           Io sono Gianni. Come va?

Peter Pan      Ciao!

Michele          Oh, guarda! Una lucciola. Cosa sta facendo il folletto?

Peter Pan      Parlando.

Wendy           Che cosa sta dicendo?

Peter Pan      Dice che sei una gran brutta scopa.

Wendy           Oh. Io invece penso che lei sia graziosa.(Trilly scuote la testa arrabbiata)

Peter Pan      Bene, vieni, Wendy. Andiamo.

Michele          Dove stiamo andando?

Wendy           Sull’isola che non c’è.

Michele          L’Isola che non c’è!

Wendy           Ci porta Peter.

Peter Pan      Ci porta?

Wendy           Naturalmente, io non posso andare senza Michele e Gianni.

Gianni / Michele – Si vogliamo venire anche noi!

Peter Pan      E va bene, ma dovrete prendere ordini da me

Gianni / Michele - Signorsì, signore.

Wendy           Ma Peter, come ci arriviamo all’Isola che non c’è?

Peter Pan      Volando, naturalmente

Wendy           Volando?

Gianni           Ma…voi offendete la ragione, signore!

PETER VOLA (un gancio sul soffitto, cavetto in acciaio e imbracatura da scalata)

Gianni           Mi piacerebbe tanto offenderla con voi!

Peter Pan      E’ facile,tutto quello che dovete fare è….è….è….. Pensare a un pensiero felice.

Wendy           Solo questo? Una magnifica avventura…

Gianni           La neve… correre con la slitta

Michele          I regali a Natale

Peter Pan      E per concludere un po’ di polvere di fata forza Trilly! E’ polvere magica.

Trilly             No non ci penso nemmeno…

Peter Pan      Su, Trilly, vieni qua dai! E ora dovete sognare, solo chi sogna può volare…Guardate …seconda stella a destra e poi dritto fino al mattino forza!!

POLVERE DI FATA (Trilly la butta prendendola da un sacchettino legato in vita)

Wendy           E’ meraviglioso!

Bambini        Si è bellissimo!

                                                                    

CANZONE – “L’ISOLA CHE NON C’E’”

SCENARIO: NOTTE

NARRATORE

Ed ecco che per  i ragazzi cominca una meravigliosa avventura, quella che Wendy ha sempre sognato. Uno dei primi scenari che si intravede all’isola che non c’è è proprio la nave dei pirati… Eccoli lì: nemmeno una banda di incappucciati è apparsa mai così truce. Avanti a tutti, con le immense braccia nude e le orecchie tempestate da numerosi ornamenti, c’è  Murphy che incise il suo nome a lettere di sangue sulla schiena del Governatore della prigione di Gao; e poi Bill Jukes tatuato dalla testa ai piedi che a bordo di una nave si fece fustigare prima di mollare il sacco di monete d’oro; Alf Mason  detto anche Il Gentiluomo, perché è stato insegnante in un collegio e sa uccidere con una squisita raffinatezza; Noodle che si dice avesse le mani attaccate al contrario; e infine l’occhialuto nostromo Spugna l’unico nonconformista della ciurma di Uncino un tipo originale e simpatico che sa dare delle pugnalate, per così dire, innocue . Il loro capitano Giacomo Uncino, di cui si dice sia l’unico uomo capace di incutere spavento al famoso Pirata Barbecue. Al posto della mano destra ha un uncino di ferro col quale incita di continuo i suoi uomini. Il suo unico scopo nella vita è battere in un duello Peter Pan, lui gli ha tagliato la mano destra e l’ha data in pasto al coccodrillo.

Scenario NAVE      

Uncino           Distruggiamo quel Peter Pan. Se solo potessi trovare la sua lurida tana. (studiando una    mappa)  Ma dov’è? Alla Laguna delle Sirene? No, lì abbiamo cercato. Abbiamo perlustrato il covo dei cannibali. Qui! No,no,no,no. Quello è territorio indiano---Ma

 aspettate. Quei pellerossa conoscono quest’isola meglio di quanto io conosca la mia nave.

Spugna          (schioccando la lingua) Felice giorno, capitano,

Uncino           Ci sono! Giglio tigrato, Spugna!

Spugna          Giglio Tigrato, capitano ?

Uncino           La figlia del capo. Lei saprà dove si nasconde Peter Pan.

Spugna          M-M-M-M- Ma parlerà capitano?

Uncino           Oh, una piccola persuasione potrebbe bastare…Vediamo un po’. Bollitura nell’olio? Uh, trascinarla sotto la chiglia? Abbandonarla in un luogo deserto?

(un pirata si mette a cantare…Uncino gli spara poi si interrompe la canzone e si sente un tuffo in acqua)

Rumore  SPARO

Uncino           Vediamo un pò, dov’era?

Spugna          Oh caro, caro, caro Capitan Uncino.Non si interrompe un uomo mentre sta cantando, non è segno di buone maniere!

Uncino           Buone maniere, signor Spugna? Al diavolo le buone maniere! Peter Pan ha pensato alle buone maniere quando mi ha fatto questo?

Spugna          Diamine, capitano, tagliare la tua mano non è stata che una bravata!

Uncino           Già, ma lanciarla al coccodrillo! Quella maledetta bestia ha apprezzato così tanto il mio

assaggio che ha continuato a seguirmi leccandosi le mascelle.

Spugna          E ti avrebbe seguito ancora adesso, Capitano, se non avesse inghiottito quella sveglia.Ma ora,

quando è in giro,ti avverte con il suo tic-tac-tic-tac- (si sente il tic tac)

Rumore  TIC - TAC

Uncino           Spugna!oh, salvami, Spugna! Per favore non farmi prendere, Spugna! Ti prego! Non lasciare

che mi prenda, Spugna! Spugna!

Spugna          Vergognati, spaventare il povero capitano.Niente mani mozzate oggi. Sciò ora, sciò. Vai via,

vai via, ho detto. Vattene, vattene via di qui.

Uncino           Se n’è andato, Spugna? (si nasconde sotto una coperta)

Spugna          Sì capitano. Tutto a posto. Niente di cui preoccuparsi. Buono, buono.

Uncino           Oh, Spugna, Spugna. Non lo sopporto più. Non ce la faccio!

Spugna          Su, su, su, capitano, rilassati. Hai bisogno di una bella rasatura, una dolce rilassante rasatura.

Uncino           Rasatura?? Nooo dobbiamo mettere subito in atto il nuovo piano: hai capito Spugna???

Spugna          (distratto) Piano? Certo quale piano?

Uncino           Spugna cosa abbiamo detto!! Dobbiamo rapire Giglio Tigrato, la figlia del capo indiano! Dà subito l’ordine agli uomini.

Spugna          Certo .. Ciurma!!! A rapporto!!

(Arrivano gli altri pirati)

Pirati             Si capitano!

Uncino           Dovete trovare l’indiana e portarla all’isola del Teschio, così metteremo in atto il tranello per Peter Pan. Capitoooo! (Esce di scena)

Spugna          Lo so compagni, è deprimente… dei pirati ridotti a dar la caccia ad un folletto.

Pirata 1         Passiamo tutto al giorno a cercare conchiglie.

Pirata 2         Hei, hai visto questa che sfumature?

Pirata 3         Diamine, dai …ho persino dimenticato come si taglia una gola.

Pirata 4         Certo noi vogliamo salpare e invece Sua Grazia gioca a girotondo con Peter Pan e con le fate.

Spugna          Pazienza forse questa volta lo cattureremo e finalmente torneremo alla nostra vera vita di mare.Andate e ricordate: non possiamo deludere il capitano.

( I pirati escono brontolando e spugna rimane in scena)

Spugna          Spugna, Spugna sempre Spugna ma io ne ho proprio abbastanza, lo seguo ovunque e poi insomma cosa avrà mai fatto di così grave questo Peter Pan, ok ha tagliato la mano al capitano e l’ha data in pasto al coccodrillo, ma poi sembra così contento del suo uncino… boh!

SCENARIO: BOSCO

Narratore

I ragazzi stanno per arrivare all’Isola che non c’è, quando Michele perde il suo orsetto, allora Peter si ferma a cercarlo e ordina a Trilly di accompagnare i ragazzi al loro rifugio…Non si rivelerà una buona idea. Le fate sono sempre o tutte cattive o tutte buone, perché, essendo così piccine, non hanno posto che per un sentimento alla volta. In quel momento Trilly è gelosissima di Wendy. Arriva prima al nascondiglio e ..

Bimbo 1         Ecco sta arrivando Trilly!
Bimbo 2         Ciao Trilly! Dov’ è Peter ?

Trilly             Peter vuole che uccidiate il grande uccello bianco che sta volando verso di noi! Si chiama

Wendy!

Bimbo 3         Uccidere l’uccello bianco??

Bimbo 4         Ma perché?

Trilly             Non so ma è un suo ordine!

Bimbo 1         Presto arco e frecce, è un ordine di Peter!

Bimbo 2         Ci penso io! Ucciderò Wendy l’uccello!

Bimbo 3         Lo vedi?

Bimbo 4         Si io lo vedo a ore 6!

Bimbo 2         OK ci sono

Bimbi             FUOCO!

Bimbo 1         Chissà come sarà contento di te Peter!

( Wendy cade ferita)

Bimbo 3         Ma questo non mi sembra un uccello, mi pare che sia una…una signora!

Michele          Wendy, oh ma è ferita! ( Si abbassano vicino a lei)

Gianni           Perbacco, ci è mancato poco

(I bimbi sperduti si tolgono i cappelli intorno a Wendy in un pauroso silenzio.

Ed ecco l’urlo di Peter.)

Peter                          Come va ragazzi, vi ho portato una splendida sorpresa! …. Wendy cosa le è successo? (prende la freccia e interroga i bimbi sperduti) di chi è questa freccia?

Bimbo 2         (Si fa avanti) Colpisci Peter, colpisci senza pietà     

(Wendy si alza un po’ frastornata)

Bimbo 3         Guardate non è morta!! La signora Wendy è viva.

Wendy           La freccia ha colpito questo (e mostra il bottone nella catenina), Peter il tuo “bacio” mi ha salvato la vita!

(I bimbi sperduti sono dispiaciuti per l’accaduto e aspettano i rimproveri di Peter rassegnati).

Peter Pan      Bene, sono proprio orgoglioso di voi....teste di legno! Vi ho portato una mamma perchè vi

raccontasse le favole...

Bimbi sperduti - Una mamma?

Peter Pan      E voi la volete uccidere!

Bimbo 2         Ecco, Trilly  ha detto che era un uccello!

Peter Pan      Trilly ha detto cosa?

Bimbo 1         Ecco, ha detto che tu hai detto di ucciderla.

Peter Pan      Trilly, Trilly! Vieni qui. Sei accusata di alto tradimento, Trilly. Sei colpevole o non colpevole? Colpevole? Lo sai che avresti potuto ucciderla? Trilly...Non sei più mia amica, Sei bandita per sempre dal mio regno!

Wendy           Per favore no, non per sempre!

Peter Pan      Ebbene, allora per una settimana. Vieni Wendy, ti mostro l’isola.

(Trilly se ne va molto arrabbiata)

Wendy           Oh, Peter! Le sirene?

Bimbo 3         No, noi andiamo a caccia.
Bimbo 4         A caccia di tigri?

Bimbo 3         No! A caccia di orsi!

Gianni           Personalmente preferirei vedere gli aborigeni!

Michele          E anche gli indiani.

Bimbo 1         Ok, uomini, usciamo e catturiamo qualche indiano.

Bimbo 2         Gianni, sarai il capo.

Gianni           Cercherò di essere all’altezza del mio incarico. Avanti, march!

Michele          Venite orsi!

Wendy           Oh, Michele, sii prudente!

Peter Pan      Vieni Wendy, ti faccio vedere le sirene.

(Peter e Wendy volano verso la laguna delle sirene mentre Gianni e Michele si uniscono ai Bimbi perduti per combattere gli indiani)

Gianni           Ma non avete paura di combattere gli Indiani?

Bimbo 1         Ma no! E’ un gioco che dura da sempre!

Bimbo 2         Noi siamo amici degli indiani!

Michele          Allora giochiamo!

Bimbo 3         Uh, forza, catturiamoli!
Bimbo 4         Avanti! Andiamo a catturarli!

Gianni           Signori, signori! Prima dobbiamo pianificare la nostra strategia.

Bimbo 1         Eh? cos’è una “strategia”?

Gianni           Un piano di attacco. La fase iniziale è una manovra di accerchiamento, ricordate, gli indiani sono furbi

(/Michele trova una piuma e una accetta. Nota che una albero lo sta seguendo. Poi vede il piede di un indiano.)

Rumore TAMBURI

Michele          Gianni! Indiani! Indiani! Ci seguono! (cercano di scappare ma si ritrovano  circondati dagli indiani)

Gianni           E ora? Sono terribilmente confuso, scusatemi.

Bimbo 1         No, non te la prendere

Michele          Pensa alla salute

Bimbo 2         Grande capo “Toro in piedi” il gioco continua, vero?

Capo Ind       Questo non essere gioco!

Bimbo 3         Ma come no, quando arriviamo a questo punto di solito ci liberate e  passiamo alle danze, noh?

(Il capo Indiano parla all’orecchio di un altro indiano)

Capo I.          Questa volta no liberare! Grande Capo Toro in piedi essere molto arrabbiato: Voi avere

rapito sua figlia, principessa Giglio Tigrato.

Gianni           (rivolgendosi ai bimbi sperduti) Cosa avete fatto?

Michele          Noi ci dissociamo, siamo appena arrivati!

Indiano          Grande capo Toro in piedi non scherzare

Bimbo 4         Onestamente, non l’abbiamo presa!

Capo I            Basta! Grande bugia.Se Giglio Tigrato non tornata per il tramonto, io scotennare tutti voi.

             

SCENARIO: BOSCO /  LAGUNA DELLE SIRENE

Rumore ONDE MARE

Narratore

Peter decide di accompagnare Wendy a visitare la Laguna delle Sirene. Peter e i bimbi sperduti passano molto tempo qui alla laguna a giocare con le sirene. In questa laguna c’è uno scoglio che tutti chiamano la Roccia del Teschio. Si dice che i pirati vi abbandonavano i loro marinai per punizione. Al salire della marea, lo scoglio restava sommerso e i poveretti affogavano.

 

Wendy           Peter, è magnifico

Peter Pan       Ti piacerebbe incontrare le sirene

Wendy           Oh, Peter, mi piacerebbe molto!!

Peter Pan       Bene. Vieni.

Sirena 1         Ciao Peter!

Sirena 2         Finalmente Peter sei tornato! Siamo così felici di vederti!

Sirena 3         Perché sei stato via così tanto? Raccontaci Peter!

Sirene 1         Si Peter raccontaci una della tue avventure!

Peter Pan       Volete sentire di quella volta che ho tagliato la mano ad Uncino e l’ho data in pasto al coccodrillo?

Sirena 3          Oh, mi è sempre piaciuta quella.

Sirena 2          Anche a me!

Peter Pan       Mi trovavo sullo scoglio dell’abbandonato, circondato da 40 …

Wendy           Oh Peter!

Peter Pan       ---o 50 pirati---

Sirena 1          Chi è lei??

Peter Pan       Mh? Lei? Oh, quella è Wendy.

(Wendy si offende)

Sirena 2          Una ragazza?Cosa ci fa qui?E in camicia da notte pure!Rivolgendosi a Wendy  Vieni cara, unisciti a noi per una nuotata.

Wendy           Oh, no! Non sono vestita per---

Sirene             Oh, ma devi!Insistiamo!

Wendy           No, no, per favore!

Sirena 3          Troppo buona per noi, eh?

Wendy           Peter!Peter!(e le sirene ridono di lei, ma ora lei è furiosa e..) Se osi ancora avvicinarti a me…

Peter Pan       Wendy! Wendy! Si stanno solo divertendo un pochino. Non è vero ragazze? (ride)

Sirena 2          Si’, solo questo. Stavamo solo tentando di annegarla.

Peter Pan       Vedi?

Wendy           Bene, se voi pensate per un solo istante che io possa sopportare simili scherzi...

Narratore

Il sole è calato ma la luna non è ancora sorta. E’ passato un brivido di freddo sulle acque, e Peter si accorge che il male sta strisciando sulla laguna. Si vede in lontananza una barca; è Capitan Uncino con  Spugna e la principessa Giglio Tigrato. Capitan Uncino l’aveva fatta catturare per farle rivelare il nascondiglio di Peter Pan. Ma il volto della ragazza era impassibile: è la figlia di un capo, e come tale non si lascia impaurire. 

Peter Pan       Shh. Zitta, Wendy. E’ Uncino, bene, ora ci divertiamo.

Sirene             Uncino!Uncino!

Peter Pan       Presto, Wendy! (bisbigliando) Hanno catturato Giglio Tigrato . Sembra vogliano raggiungere la Roccia del Teschio . Vieni, Wendy. Vediamo cos’hanno in mente.

Uncino                       Ora, mia cara principessa, questa è la mia proposta. Tu mi dici dov’è il nascondiglio di Peter Pan e io ti lascerò libera.

(Peter Pan      Vigliacco!)

(Wendy          Povera Giglio Tigrato.)

Uncino           Non sono forse un uomo di parola, signor Spugna?

Spugna           Si. S-sempre, Capitano. ( intanto incrocia le dita) Come no!

Uncino                       Faresti meglio a parlare, mia cara. Presto arriverà l’alta marea e allora sarà troppo tardi, non potrai più parlare.

Giglio Tigrato– Mai e poi mai; Non tradirò mai Peter.

Uncino          Ah Ah “Non tradirò mai Peter” Bene aspettiamo e stiamo a vedere se il tuo caro amico Peter

                       verrà a salvarti. Spugna legala!!

Peter Pan       Ti mostro io vecchio merluzzo. Resta qui e goditi uno spettacolo divertente.

Wendy           Divertente?

Peter Pan       (imitando la voce di Manitù)Il grande spirito delle acque marinati parla. Attento, Capitan Uncino. Attento!  (echeggiando) Attento...attento...attento!!!

Uncino           Hai sentito, Spugna?

Spugna           E’ uno spirito cattivo, capitano!

Uncino                       Aspetta, Spugna, intanto che io do un’occhiata in giro.Spirito delle grandi acque marine, dove sei? (ironico) (esce di scena)

Peter Pan       Psst. Wendy. Guarda adesso!

Spugna          Mia cara principessa, ti conveniva ascoltare il capitano, come faccio io, vedi?

Giglio Tigr.    Io non ho paura di Voi e comunque Peter verrà a salvarmi!

Peter              (imitando la voce di Capitan Uncino..) Spugna!

Spugna           Uh, si, Capitano?

Peter Pan       (con la voce di Uncino...) Libera la principessa e riportala alla sua tribù.

Spugna           Si, si, signore. Liberare la princ----ma---ma---Capitano

Peter Pan       (con la voce di Uncino...)Questi sono i miei ordini, Spugna!

Spugna           Si, si, signore. Finalmente Capitan Uncino è tornato in sé.

Uncino           Per le trippe di Nettuno!

Spugna           Gliel’ho sempre detto che gli Indiani non avrebbero mai tradito Peter Pan.

Uncino           E cosa pensi di fare ora, Spugna?

Spugna           Proprio quello che mi ha detto, Capitano. Eseguire i suoi ordini.

Uncino           I miei ordini?

Spugna           Perchè, si, Capitano. Non ha mica detto di andare.---

Uncino           Riportala indietro, idiota! I miei ordini, di tutti gli imbecilli che conosco, tu… (esce di scena)

Peter Pan       (con la voce di Uncino...)    (Stavolta anche Uncino sente la “sua voce”)  Spugna, ma esattamente, cosa pensi di fare ora?

Spugna           La riporto indietro, come ha detto , Capitano.

Peter Pan       (con la voce di Uncino...)  Non ho detto nulla del genere.

Spugna           Oh, m-ma, Capitano---

Peter Pan       (con la voce di Uncino... ) Per l’ultima volta, Spugna, riporta la Principessa tra la sua gente. (urlando) CAPITOO???  (e l’eco...)  Capito? Capito?

Spugna           Ok, ok, signore. Povero Spugna…Nessuno ha pietà di questo fedele servitore…Su ragazzina               

                        andiamo…

Peter Pan       (con la voce di Uncino...)  Oh, ancora una cosa. Quando torni alla nave,  dì a tutto

l’equipaggio--- (Uncino intanto ha scoperto il trucco) .....di bere tutto il mio rum.

Wendy           (vede che Uncino lo ha scoperto) –( sussultando)  Peter!

Uncino           Ecco il tuo spirito, Spugna!

Spugna           Ma come, è Peter Pan.

Uncino           Marmocchio spregevole!

Peter Pan       Grazie, Capitano.

Uncino           Vieni qui ragazzo, se vuoi assaggiare il freddo dell’acciaio!

Peter Pan       Guarda questo,Wendy.

Wendy           Oh, Peter, stai attento.

Peter Pan       Vuoi tentare la fortuna, signor Spugna?  (...e gli da una pistola)

Uncino           Prendila! Bene, vieni qui, idiota! Sparagli.

Peter Pan       Proprio qui, signor Spugna!

Uncino           Aspetta, sei matto!No! No!  (Spugna spara e Uncino perde l’equilibrio) 

Spugna           Capitano?

Wendy           Oh, che cosa terribile.

Peter Pan       Che peccato, signor Spugna. Mi spiace che abbiamo perso il caro capitano.  

Spugna           Capitano!

Peter Pan       Alle spalle? Oh, ma non è leale,Capitano!

Spugna           Dagliele, Capitano! Colpiscilo al petto!

Uncino           (gemendo...)   Ti ho preso, Pan.

Peter Pan       Bene,bene. Un merluzzo su un uncino.

Uncino           Te la farò pagare, Pan, fosse l’ultima cosa che faccio!

Rumore  TIC-TAC

Peter Pan       (sentendo il ticchettio)  Dunque, Capitano, non senti niente?

Uncino           No! Oh! No!  (Il coccodrillo vede un’altra occasione per assaggiare la “polpa” di Uncino)

Peter Pan       Signor Coccodrillo, ti piace la polpa di merluzzo, vero?

Wendy           Oh, Peter, no.     Uncino        Spugna!

Spugna           Non si muova, Capitano!  Stia fermo lì, signore! Io la salverò!

Uncino           Spugna! oioi

Spugna           Capitano! Capitano!

Uncino           Spugna! Spugna! (cade nelle fauci del coccodrillo)

Spugna           Ridammelo indietro subito!

Uncino           Spugna! Rema verso la nave! Rema verso la nave---! Spugna! 

 (sfugge per un pelo inseguito dal coccodrillo)

Wendy           Peter! Cosa ne è stato di Giglio Tigrato?

Peter Pan       Giglio Tigrato? Oh! Giglio Tigrato!

Giglio Tigr.    Aiuto! (Peter Pan la salva proprio all’ultimo momento)

Wendy           Peter, aspettami!

CANZONE “ROCKOCCODRILLO”
BALLETTO COCCODRILLO / SVEGLIE

Narratore

Non appena Uncino sente il ticchettio del coccodrillo, comincia a nuotare disperatamente per raggiungere la sua nave insieme a Spugna che però viaggia tranquillamente sulla scialuppa.

Scenario NAVE

Uncino           (annusando)  Quel maledetto Peter Pan. Mi sta facendo impazzire. Oh! La mia testa!

Pirata                         Oh, la vita di un pirata è una vita meravigliosa…La vostra acqua calda, Signor Spugna.

Spugna           Shhh! Il povero capitano ha un feroce mal di testa. Non dobbiamo disturbarlo 

(sta piantando un cartello con scritto “Silenzio. Non disturbare” senza notare la presenza di Uncino, ricomincia a martellare e…invece della porta si trova davanti la testa del Capitano)  

Bene, Capitano, è bello vederti sorridere di nuovo  (deglutisce)  Mi fa ricordare quei bei giorni in cui conducevamo una vita sana e normale:   affondare navi, tagliare gole. Oh,                        Capitano, perchè non andiamo ancora per mare? Lo sa, ci sono guai in vista sull’isola.                      Guai femminili. Lo sa, a Parigi dicono “cherchez la femme”. Non voglio proseguire oltre, ma il cuoco mi ha detto che il primo marinaio gli ha detto di aver sentito che Pan ha  cacciato Trilly

Uncino           (urlando)  Perchè brutto imbecille, io----Hai detto che Pan ha cacciato Trilly?

Spugna           si, si, Capitano!

Uncino           Ma perchè?

Spugna           Per colpa di Wendy, Capitano. Trilly ha cercato di eliminarla, è terribilmente gelosa!

Uncino           Bene, bene!

Spugna           Ecco perchè e meglio che noi ce ne andiamo, Capitano. Questo non è più il posto per dei                        rispettabili pirati.

Uncino           Giusto Spugna! Giusto!

Spugna           Sono contento che tu sia d’accordo, capitano.

Uncino           Presto il mio cappotto, il mio miglior cappotto.

Spugna           Sissignore. Prima ce ne andiamo e meglio sarà.

Uncino           Oh, si, una femmina gelosa si può convincere fare qualsiasi cosa. La mia scatola   degli uncini, presto!

Spugna           Sissignore. Ecco qui, signore. Il suo completo della domenica, signore.

Uncino           Se facciamo colpo sulla fatina, possiamo convincerla che siamo ansiosi di aiutarla, e la                            ragazza può tracciarci la rotta verso un certo posto nascosto…

Spugna           Il nostro miglior posto nascosto è la Spagna, signore. Traccio la rotta---- (sussulta)

Uncino           E dove pensi di andare?

Spugna           A dire ai ragazzi che salpiamo con l’alta marea, signore!

Uncino           Tu sbarcherai, prenderai Trilly e me la porterai.  (urlando)  Capito?

Spugna           Ma come signore? ….Si, si, signore.

Narratore

Saputo che Peter Pan ha cacciato Trilly, Uncino manda Spugna a catturarla. Vuole convincerla che ha deciso di lasciare l’isola; tuttavia, essendo un uomo generoso, vorrebbe portare Wendy con sé, così Peter e Trilly potranno essere di nuovo felici insieme. La fatina, credendo scioccamente alle sue promesse, parlerà e sarà poi imprigionata nella lanterna della nave.

Intanto al campo indiano è stata organizzata una  vera e propria festa per l’eroe Peter che ha salvato la  principessa da un’orribile fine, e da quel momento la fanciulla indiana e i suoi valorosi compagni avrebbero fatto qualsiasi cosa per lui.

SCENARIO: CAMPO INDIANO

Rumore TAMBURI

Giglio Tigr.    Giglio Tigrato essere grata a  Peter Pan perché salvato me, me sua unica vera amica. Me non

                        volere Pirati fare male a lui.

(Giglio tigrato è molto gentile con Peter e questo a Wendy non piace)

Wendy           Unica, ma cosa vuole quella?

Michele          Wendy stai calma!

Capo Indiano            Augh!

Peter Pan       Augh!

Wendy           Cosa sta facendo il capo, Gianni?

Gianni            Sta tenendo un discorso con il linguaggio dei segni.

Michele          Cosa sta dicendo?

Gianni            Dice: “Peter Pan è un potente guerriero. Ha salvato Giglio Tigrato. Capo Toro in Piedi molto allegrissimo. Tu ora Piccola Aquila Volante. (Peter esulta)

Wendy           Beh, certamente non sembra “un mucchio felice”  (ridendo)

Bimbi Sperd. Aquila voltante! Aquila Volante!

Wendy           (Ironica) Oh, che meraviglia!

Capo Indiano            Ora insegnare ai fratelli visi pallidi tutto di pellerossa 

Gianni            Bene, questo potrebbe essere interessante!

Bimbi Sperd. Uh, cosa fa un pellerossa? Quando dice per la prima volta augh? Augh? Augh?

Michele          Perché dici Augh?

Wendy           Ora basta ragazzi con queste sciocchezze, è ora di tornare a casa!

Narratore

Nel frattempo Trilly se ne sta tutta sola e da lontano osserva quello che accade nell’accampamento indiano. E’ triste e pensierosa perché è stata scacciata ma non sa che sta per essere catturata.

Improvvisamente si ritrova al buio, catturata da Spugna.

CANZONE “IL ROCK DI CAPITAN UNCINO”

BALLETTO “PIRATI”

SCENARIO NAVE

 

Narratore

Così Uncino mette in atto il suo piano con Trilly, la quale non immagina che lui vuole servirsi della sua gelosia verso Wendy per convincerla a svelare il nascondiglio segreto di Peter Pan

Uncino           Si, signorina Trilly, Capitan Uncino ammette la sua sconfitta. Domani lascerò l’isola per

non tornarci mai più.

Trilly               Lasciate l’isola? Non posso crederci!

Spugna           Sono felice di sentirlo. Capitano (singhiozza) Lo dirò alla ciurma e---(singhiozza di nuovo) 

Uncino           Ci creda mia cara, ma prima  volevo chiederle , di dire a Peter che non dovrà più sopportarmi.                Oh, Pan ha le sue colpe certamente. Portare quella Wendy all’isola. Un affare pericoloso                        quello. Perchè, si dice in giro, che già questa Wendy si è messa tra lei Peter. Ma come?                           Lacrime? Allora è la verità. Oh, Spugna, il modo di comportarsi di un uomo con una ragazza.

Prendere i migliori anni della sua vita e poi gettarla in disparte…come un vecchio guanto!

Trilly              Si è quella Wendy che ha rovinato tutto!

Spugna           Ma quel Peter non ha un briciolo  (singhiozza)  di vergogna?

Uncino           Ma non dobbiamo giudicare Peter troppo duramente, mia cara. E’ quella Wendy che  è da  biasimare. Signor Spugna, dobbiamo salvare il ragazzo da se stesso! Ma come? Abbiamo così poco tempo. Salperemo domattina. Salpare. E’ cosi’, Spugna! Arruoleremo Wendy!

Spugna           Arruolare Wendy, Capitano?

Trilly               Non ci verrà mai con voi!

Uncino           Ci verrà, lei sa che quando il celebre, il grande Capitan Uncino si mette in mente qualcosa…                        Comunque con la sua partenza,  Peter dimenticherà presto questa brutta infatuazione. Venga,                          Spugna. Dobbiamo partire immediatamente, circondiamo la casa di Peter---

Spugna           Ma Capitano, noi non sappiamo dove vive Peter Pan.

Uncino           Perbacco, ha ragione Spugna! Oh quanto mi dispiace, non potremo mettere in atto il ns.                         piano.

Trilly              Posso mostrarvi io dov’è il suo nascondiglio…

Uncino           Dunque, mia cara, ci può mostrare la strada? Non ci avevo pensato. Ha sentito Spugna,

prenda nota, Spugna.

Spugna           Prenda nota, Spugna. Sissignore, Capitano.

Trilly              (Trilly gli sta indicando la strada per il nasondiglio di Peter Pan)  Si parte da Punta Gambadilegno…

Spugna           Si parte da  Punta Gambadilegno

Uncino           Quaranta passi a ovest dalla Trappola del Guercio

Spugna           …Trappola del guercio

Uncino           Si, si. Guadare il fiume  del Coccodrillo. Poi  nord nordest uno, due, tre----- (aspramente)                      Bene, avanti dunque--- (con dolcezza) Continui, mia cara. Su, su…

Trilly              (sospettosa) Ma non farete del male a Peter…

Uncino           Come? Non far del male a Peter? Signora, Capitan Uncino dà la sua parola, non metterò un                   dito… o un uncino, su Pan.

Trilly              Ecco è qui (segna una “X” sulla mappa)

Uncino           Ah,  l’Albero dell’ Impiccato. In tutto questo tempo non l’abbiamo mai capito… Spugna…

Spugna           Si capitano…è vero…

Uncino           Così quello è l’ingresso del    nascondiglio. Grazie,  mia cara. Lei è stata di grande aiuto.

Trilly              Ora me ne posso andare, vero?

Uncino           (pensieroso) si si eh? Spugna rimetti la signorina in gabbia

Trilly              Ma …..( si ribella)

SCENARIO: BOSCO

Narratore

Finita la festa all’accampamento indiano, i Bimbi Sperduti insieme a Gianni e Michele sono tornati al nascondiglio e stanno ancora giocando a imitare gli indiani insieme a Peter

Peter Pan       Grande capo Aquila Volante saluta i suoi guerrieri. Augh!

Bimbi Sperd. Augh capo.

Gianni            Augh

Michele          Augh

Peter Pan       Grande capo saluta piccola mamma. Augh!

Wendy           Ugh.

Peter Pan       Oh Wendy, è tutto quello che sai dire? Chiunque altro pensa che io sia straordinario.

Wendy           Specialmente Giglio Tigrato

Peter Pan       Giglio Tigrato?

Wendy           Gianni Michele (e loro continuano a saltare) Pulitevi la faccia e preparatevi  per andare a letto.

Gianni            Letto?

Michele          I guerrieri non dormono. Vanno avanti giorni e giorni senza dormire.

Wendy           Ma ragazzi,  torneremo a casa domattina.

Gianni            A casa?

Wendy           e---

Michele          Oh, Wendy, non vogliamo tornare a casa.

Peter Pan       No andare casa. Stare tante lune. Avere mucchio di tempo

Wendy           Ora Peter, basta fingere e sii serio.

Peter Pan       Capo Aquila volante ha parlato.

Wendy           Oh per l’amor del cielo. Per favore, ragazzi. Volete rimanere qui e crescere come...come             dei selvaggi?

Michele          Certamente.

Wendy           Ma non è possibile.Voi avete bisogno di una mamma. Tutti ne abbiamo bisogno.

Michele          Tu non sei una mamma, Wendy?

Wendy           Ma, Michele, certo che no! Non avrete per caso dimenticato la vostra vera mamma.

Michele          E’ quella con orecchie come la seta e un vestito di pelo di pelliccia?

Wendy           Oh no, Michele. Quella era Nana.

Bimbo 1          Penso di aver avuto una mamma una volta.

Bimbo 2         Com’era?

Bimbo 3         Io… penso di averlo dimenticato.

Bimbo 4          Io avevo un topo bianco.

Bimbo 1         Ma quello non era una mamma!

Wendy           No, no, ragazzi. Per favore. Vi spiegherò com’è una mamma.

Bimbo 2          Sì, spiegacelo

Bimbo 3          Si Wendy per favore.

Wendy           Una mamma,una vera mamma è la cosa più bella che ci sia al mondo.  Lei è una voce                        angelica, che ti dice buona notte, è il tepore di un sorriso, è due labbra dolci che ti sfiorano il viso.

Michele          Voglio la mia mamma.

Wendy           Sì, Michele

Gianni            Propongo di tornare a casa subito.

Bimbo 1          Posso venire anch’io, Wendy?

Bimbo 4         Anch’io, Wendy, voglio venire!

Wendy           Ok, ragazzi. Ok. Sono sicura che mamma sarebbe felice di tenervi con noi. Uh, sempre che Peter sia d’accordo.

Peter Pan       Avanti! Tornate a casa e diventate grandi! Ma vi avverto, una volta che sarete cresciuti, non  

                        potrete più tornare indietro! Mai più!

Wendy           Oh, Peter….

Gianni            Bene, uomini, possiamo andare?

Tutti               Sì, avanti! Andiamo!

Peter Pan       Se ne pentiranno.

Wendy           Peter? Addio,Peter.

Narratore

Wendy ha convinto i suoi fratelli che è ora di tornare a casa. Ma prima di andare, proprio come una vera mamma, lascia vicino al letto di Peter, una conchiglia con alcune gocce di acqua e gli fa promettere di prenderla come se fosse una vera medicina. Sfortunatamente, appena lei e i bambini escono dal nascondiglio, vengono catturati dai pirati. Solo Peter rimane salvo sotto terra ma Uncino, entrato di nascosto,mette gocce di veleno nella conchiglia e prima di andarsene, lascia una bomba camuffata da regalo da parte di Wendy.

Uncino           Bene, miei squali, portateli via. E ora, Spugna, occupiamoci di Mastro Peter Pan.

Spugna           Ma Capitano, non eravamo d’accordo di tagliargli la gola?

Uncino           Si, avremmo dovuto, signor Spugna. Ma ho dato la mia parola che non l’avrei toccato neppure con un dito..o un uncino. E Capitan Uncino mantiene sempre le sue promesse.

SCENARIO:   NAVE

Narratore

Tornato sulla nave, Uncino annuncia ai prigionieri che saranno salvi se diventeranno pirati. I bambini, spaventati, sono tentati di accettare, ma Wendy, sicura che Peter verrà a salvarli, li rimprovera e rifiuta l’offerta a nome di tutti.  

Pirata 1          Forza, forza, provate la vita del ladro o del truffatore, non c’è ragazzo che non voglia

                        divertirsi lavorando per Capitan Uncino, il truffatore più famoso del mondo.

Uncino           Offerta speciale di oggi, a tutti coloro che si arruoleranno senza tardare, offro un tatuaggio  

                        in omaggio.

Pirata 2          La scelta è facile, la vita del ladro vi piacerà. Gradirete la vita da truffatore, barili di                               divertimento per tutti e tesori a tonnellate. Venite e firmate per unirvi a Capitan Uncino.

Bimbo 1         Hey, Voglio unirmi anch’io!

Michele          Anch’io, sarà una grande avventura!

Wendy           Ragazzi! Ma non vi vergognate?

Gianni            Ma Capitan Uncino è molto insistente, Wendy!

Bimbo 2         Si, lui dice che se non accettiamo ci butterà in pasto ai pescecani!

Wendy           Oh, no, non lo farà, Peter Pan ci salverà.

Uncino           Peter Pan li salverà, Spugna (sghignazzando)

Spugna           Peter Pan li salverà (sghignazzando pure lui)  Oh, Capitano!

Uncino           Ma, scusate tanto, mia cara. Non credo lei sappia del nostro piccolo scherzo. Vede, noi

abbiamo lasciato un regalo per Peter

Spugna           Una specie di pacco sorpresa, potremmo dire.

Uncino           Vede, mi sembra di vedere il nostro piccolo amico, proprio in questo momento, mentre legge il tenero bigliettino:

Voce fuori campo di Peter   A Peter con amore da Wendy. Non aprire prima delle 6. Mh. Mi chiedo cosa possa essere.

Uncino           E appena guarderà dentro al pacco, troverà un geniale congegno.

Spugna           Sistemato in modo che quando l’orologio segnerà le 6 -------

Uncino           Peter Pan salterà in aria e sparirà dall’Isola che non c’è!

Wendy           No!

(I  pirati ridono mentre Trilly, che ha sentito tutto, rompe il vetro dalla lampada per correre ad aiutare Peter)

Uncino           Ma l’ora si avvicina. Mancano 18 secondi, 15 secondi, 13 secondi…

Rumore ESPLOSIONE

Uncino           E così passerà a miglior vita.

Spugna           Amen.

(Nel proscenio - dietro resta la nave)

Narratore

Trilly, riuscita a liberarsi dalla sua gabbia, vola velocissima da Peter per avvertirlo.Arriva proprio mentre sta aprendo il pacco. Il ragazzo non vuole cedere quel dono, sul quale il perfido Uncino ha lasciato un falso biglietto firmato da Wendy, ma Trilly glielo toglie dalle mani e lo lancia fuori dal nascondiglio prima che esploda. Poi, accortasi del veleno nella conchiglia, lo inghiotte, prima che lo faccia Peter.

(solo adesso si vedono Peter e Trilly che sta morendo)

E mentre a poco a poco la sua lucina si spegne, dice a Peter che si  potrà salvare solo se i bambini

crederanno ancora nelle fate.

E voi bambini che siete qui stasera, credete nelle fate?

Se ci credete, presto, battete le mani e dite "Io credo nelle fate"!

Peter               Io credo in te Trilly

(Trilly si rialza  sana e salva)

Peter               Forza Trilly, dobbiamo andare a salvare i ragazzi!

Trilly              Si Peter andiamo

SCENARIO: NAVE

CANZONE “NEL COVO DEI PIRATI”

Uncino           Ed ora, cosa avete deciso? Firmate o saltate fuori bordo?

Wendy           Capitano Uncino, non ci uniremo mai alla tua ciurma.  

Uncino           Come preferisce. Prima le signore allora, mia cara. Forza pirati buttatela dal trampolino!

Wendy           Ciao ragazzi.

Ragazzi          Ciao, Wendy.

Wendy           Sii coraggioso, Gianni.

Gianni            Mi  sforzerò, Wendy.

Wendy           Ciao Michele.

Michele          Ciao.

Pirata 1          Avanti! Sali sulla passerella!

Pirata 2          Non darci problemi!

Pirata 3          Forza, forza! Sali!

Pirata 4          Muoviti! Non abbiamo tempo!

Michele          Wendy, Wendy! (Lei salta ma non si sente nessun tonfo)

Spugna           Capitano, non si è sentito il tonfo.

Uncino           Nessun rumore.

(Peter è arrivato appena in tempo per salvare Wendy , l’ha presa al volo mentre stava per finire in acqua. )

Uncino           Così vuoi un tonfo, Signor  Spugna? Ti darò un tonfo! Chi è il prossimo?

Peter Pan       Tu sarai il prossimo,Uncino! Questa volta hai esultato troppo presto!

Ragazzi          Peter Pan! Peter Pan!

Michele          E Wendy!

Uncino           Non è possibile.

Spugna           E’ il suo maledetto fantasma che sta parlando.

Peter Pan       Dì le tue ultime preghiere, Uncino!

Uncino           Ti mostrerò che questo fantasma ha sangue nelle vene. Lo passerò da parte a parte! Oooh! Prendi questo! Assaggia questo uncino!

(E intanto Peter con un’abile mossa libera i ragazzi che, guidati da Gianni, il loro comandante, respingono l’assalto dei pirati)

Peter Pan       Ragazzi, scappate. Presto!

Gianni            Sbrigati, Michele, sbrigati!

Uncino           Non state lì fermi, topi di fogna! Prendete quei marmocchi! E dopo i marmocchi,gli                                uomini! Questi non sono semplici ragazzi sono demoni venuti a combattere contro di me.                       E quello è un diavolo volante!

Gianni            Preparatevi a fare fuoco. Puntate, uomini. Puntate!

Pirata             1          Facciamoli a pezzi!

Gianni            Fuoco!

Pirata 3          Lasciateli a me!

Gianni            Giu’, canaglia!

Uncino           Vola, vola, vola! Codardo!

Peter Pan       Codardo? Io?

Uncino           Non vuoi affrontare Uncino faccia a faccia? Non fai che volare via come un vile sparviero!

Peter Pan       Nessuno può chiamare codardo Pan e rimanere in vita! Ti affronterò faccia a faccia con una mano dietro la schiena!

Uncino           Intendi dire senza volare?

Wendy           No, no, Peter! E’ un trucco!

Peter Pan       Ti do la mia parola, Uncino.

Uncino           Bene. Allora si comincia! Ora! Giovane insolente, preparati a morire!

Wendy           Vola! Vola, Peter! Vola!

Peter Pan       No! Ho dato la mia parola. Sei mio, Uncino!

Michele          Colpiscilo al petto.

(Durante il duello i due si ritrovano pericolosamente in bilico sul pennone della vela maestra. Peter riesce a mantenere l’equilibrio e a disarmare Uncino che, sconfitto, lo implora di risparmiagli la vita.)

Uncino           Non vorrai uccidere il vecchio Uncino, vero, ragazzo? Me ne andrò per sempre. Farò tutto                      quello che tu dici.  

Peter Pan       Ok, va bene, se dici che sei un baccalà.

Uncino           Sono un baccalà.

Peter Pan       Più forte!

Uncino           gridando  Sono un baccalà!

Tutti               Hurrà! Uncino è un baccalà, baccalà, baccalà!

Peter Pan       Bene Uncino, salpa con la tua nave, lascia l’isola e non tornare mai più.

Wendy           Peter, attento!

Rumore TIC-TAC

(Uncino tenta di colpire Peter alle spalle ma  perde l’equilibrio e cade in acqua, dove il coccodrillo lo sta aspettando pazientemente.)

Uncino           Spugna! Spugna! Spugna! Spugna!

Spugna           Capitano! Capitano! Capitano!

(Il capitano scappa e Peter si mette il suo cappello)

Tutti              Hurrà! Hurrà per Capitan Pan!

Peter Pan       Bene, iniziate le manovre, preparate la nave! Alzate le vele!Si salpa!

Wendy           Ma-ma, Peter--- oh, scusa, Capitan Pan.

Peter Pan       Al suo servizio, signora. (fa un inchino)

Wendy           Potrebbe dirmi signore, verso dove siamo diretti?

Peter Pan       A Londra, signora.

Wendy           Oh, Peter! ….Michele! Gianni! Si va a casa!

Peter Pan       Uomini, all’argano! Issate l’ancora! Polvere di fata!

SCENARIO: NOTTE PER IL RITORNO A  LONDRA

Narratore

Sono le undici di sera. Nana sta abbaiando e i signori Darling sono appena arrivati a casa. Trovano il letto di Wendy intatto, Sorpresi, vedono la ragazzina addormentata vicino alla finestra. La svegliano e lei racconta loro dell’avventura con Peter Pan e mostra loro l’ombra di Uncino che in quel momento passa davanti alla luna.

Mrs. Darling George, sono così contenta che tu abbia cambiato idea riguardo a Wendy. Dopo tutto è ancora una bambina.

Mr. Darling   Uff, Mary. Lo sai, non dicevo sul serio.

Mrs. Darling Oh! Wendy! Wendy! Cosa ci fai qui?

Wendy           (sbadigliando) Hmm? Oh, mamma, non importa, ora siamo tornati!

Mr. Darling   Tornati?

Zia                  Ma come? i ragazzi sono sempre stati nei loro letti George, te lo posso assicurare!

Gianni            Siamo stati all’isola che non c’è, zia

Zia                  All’isola che non c’è…ma …George

Mr Darling    Wendy ti prego…

Wendy           Trilly e le sirene e Peter Pan! Oh, lui era il più stupendo di tutti! Anche quando siamo stati              catturati----

Mr Darling    Catturati?

Wendy           Si, ma io sono----

Mrs. Darling Sono…cosa cara?

Wendy           Pronta a crescere.

Zia                  Bene, una buona notizia. Da domani cominceremo la nuova educazione per entrare in società

Mr. Darling   Oh, oh! Ecco, mia cara, tutto a tempo debito. Dopo tutto, forse, noi siamo stati -----

Zia                  George! Ti prego!

Wendy           I Bimbi Sperduti non sono tornati. Loro non erano ancora pronti.

Mr. Darling   Bimbi Sperduti----? Pronti?

Wendy           A crescere. Ecco perchè sono tornati all’Isola che non c’è.

Zia                  Oh, di nuovo, ma questa isola c’è o non c’è ?

Wendy           Oh,  mamma, è stata una così bella avventura!

Mrs Darling   Lo so cara ( la abbraccia)

Michele          (arriva il bimbo sperduto) Oh guardate, Pennino!

Mr. Darling   Che cos’è? Chi è? Cara????

Wendy           Ma Pennino, cosa fai qui?

Pennino          Io non ho trovato la mia mamma..

Gianni            La tua mamma? Ma Pennino….

Zia                  Sono io la tua mamma

Pennino          Ma come lo sai

Zia                  Me lo sento nella pancia.

Mr. Darling   bleahhh. Mary, io vado a letto.

Wendy           Oh mamma, lui è davvero stupendo, vero? Dovevi vedere come manovrava la nave!

(Si affacciano alla finestra e vedono una misteriosa figura fatta di nuvole passare davanti alla luna.)

Mrs. Darling George. George!

Mr. Darling   Che c’è, Mary? (deglutendo) Lo sai, ho la sensazione di averla già vista quella nave..tanto

tempo fa, quando ero bambino.

Mrs. Darling George, caro.

Wendy           Papà.

CANZONE “PETER PAN ” di E.Ruggeri

Mentre cantano uno per volta rientrano sul palco per i saluti e i ringraziamenti

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 2 volte nelle ultime 48 ore
  • 5 volte nell' ultima settimana
  • 14 volte nell' ultimo mese
  • 89 volte nell' arco di un'anno