Pi trasiri…’nte carrabbineri

Stampa questo copione

r

Belmonte Mezzagno, 09, Novembre 2007

PI TRASIRI… ‘NTE CARRABBINERI

Cosa non si farebbe per non morire di fame e quindi avere un lavoro che possa permettere vivere dignitosamente e senza tanti pensieri? La famiglia di Brasi le inventa tutte perché Petru, il figlio, possa vincere un concorso fatto nell’arma dei carabinieri. Un concorso strano e con un quiz a sorpresa; tanto che Brasi ne approfitta e s’inventa una burlesca domanda che possa permettere l’assunzione del figlio. Cose che a raccontarle ci sarebbe da morire dalle risate, tanto che…

PERSONAGGI:

        

                            Brasi                           capo famiglia

                            Cunsulata                   moglie

                            Petru                           figlio

                                   Giulia                          figlia

                                   Cosimu                       vicino e compare

                                   Cuncetta                     moglie di Cosimu

                                   Fiorinu                                    maresciallo

                                   Crivello                       appuntato

PRIMO ATTO

(Scena di soggiorno con mobili poveri)

BRASI

Ora dicu ju, c’avemu a fari cu stu signurinu di to figghiu chi dormi tutta la santa jurnàta? E’ mai possibili chi a notti a fa jòrnu, e u jòrnu u fa notti? E’ mai possibili chi li jammi mi l’haju a rumpiri sulu ju, mentri iddu havi a cuntinuari a fari u nobili? …anzi com’è ca nun ha chiamatu ancora pu café a cosa mi stranizza. (Guardando in aria implora il Supremo) Signuri, oh Signuri, cu vui parru! Datimilla sempri sta forza di suppurtari!

CUNSULATA

Oh iddu parra! E ju, ju c’avissi a diri ri dd’avutra bedda ri to figghia, ca ri poi chi finiu a scola voli essiri sirvuta a tappu? E nun sulu, ma voli puru li cosi di marca! Di marca; u capisti? Mentri pi mia nun ci fa nenti si a vistinedda ma svotu p’avanti e darreri pi pariri sempri nova. Menu mali chi ancora nun hannu caputu chi l’etichetti da marca su fasulli e cchi ccattu unni ‘na putìa chi vinni sti cosi di marchi favusi, picchì si nno ‘nn avissi di chi sciusciari! Ogni tantu puru o masculu ci firrìa chi voli puru iddu quarchi cosa di chista, e allura ju pigghiu ‘na etichitta da marca chi ci piaci e ci a ‘mpiccicu ‘nne causi o ‘nno magghiuni a secunnu soccu ci servi; e ch’è cuntentu puru iddu!

BRASI

Acchi jòrnu di chistu nni videmu prisintari a finanza.

CUNSULATA

A finanza? E picchì… scarì u bullu da machina? O chi forsi tardamu a pagari abbonamentu ra tilivisioni?

BRASI

A tilivisioni? ‘Un mi diri chi pagamu puru a tassa da... tilivisioni? Comu, e nun lu vidi chi programmi ca fannu? Giochi, quiz e giochi, giochi, quiz e giochi! E telenovelless a mai finiri! Ora mu vò diri cu quali ciriveddu hannu a crisciri sti figghi? Chissu apprenninu! Chi nni lamintamu si poi nun vonnu fari nenti e su sempri jittati nni ssi sali di gjòcu: u bingu, a rrutti macìni... picchì speranu di guadagnari senza travagghiari. E dd’avutri telenovellass, chi ci ‘nsignanu, chi ci ‘nsignanu mu vò diri? Chi appena si maritanu fannu subbitu a gara a cu havi a divurziari prima? Dicemu… si maritanu, pigghia a tò figghju ca nun voli nesciri di dintra mancu a cannunati! E certu, cca havi l’albergu, dormi quantu voli, si jarza quannu è ura di manciari; i robbi e l’havi puru… di marca… nni vò cchiù?

CUNSULATA

Si, ma… a finanza?  nun capivu u fattu da finanza.

BRASI

Ah, nun l’ha caputu?

CUNSULATA

E cuntinua, oh! Ti pari chi mu dici u picchì!

BRASI

Ju, chi travagghiu fazzu?

CUNSULATA

U ‘mpiegatu cumunali.

BRASI

Oh! E quantu pigghiu di stipendiu?

CUNSULATA

Chiddi pi ‘un moriri! Ma, senti ‘na cosa, a òj chi è jornu di esami ca mi sta facennu tutti sti quiz?

BRASI

E zittuti locca e rispunni!

CUNSULATA

Milli euru o misi.

BRASI

Oh! Ora dimmi: quantu custanu un paru di causi di marca?

CUNSULATA

‘Nterra ‘nterra… ducentu euru.

BRASI

E ‘na vesta di to figghia?

CUNSULATA

Cu stissu prezzu s’a jòca.

BRASI

Ca sarrianu ‘ntuttu quattrucentu euru; ci semu?

CUNSULATA

Sintemu unni avemu a jiri a parari.

BRASI

E nun mettu: scarpi, quasetti, cammisi, suttani, fareddi, trucchi… picchì dd’avutra bedda si nun si trucca nun è ca nesci, e tanti avutri cosi chi tu sai megghiu ri mia. Mu vo diri, si a Finanza ‘ncuminciassi a farimi li cunti ‘n sacchetta di chiddu ca guadagnu e pi chiddu ca spinnemu, si nun è comu ti dicu ju? Quattrucentu, cavusi e vesta, tricentu d’affittu ri casa…

CUNSULATA

Talé, quantu m’assettu, tantu capivu chi a storia è longa.

BRASI

 ‘N’avutri centu o misi ci l’ha mettiri ‘ntra tassi di munnizza, ici, gas, luci, tilefunu… (evidenziato) a-bbo-na-men-tu a tilivisioni! E tanti avutri camurrii chi sicuramenti mi scordu; a quantu semu rrivati?

CUNSULATA

Chi fa, pigghju carta e penna?

BRASI

A la biddizza di ottucentu euru; e, mintennu puru ca ‘nni bastassinu ducentu euru pi manciari, già semu giustu giustu a quantu pigghiu ju o misi…

CUNSULATA

E allura chi havi di veniri a fari a Finanza, si bastanu giusti giusti chiddi ca pigghi?

BRASI

Ah, bastanu dici? Grannissima ‘ntollara ca nun si avutru! Ca comu fannu a bastari?

CUNSULATA

Oh, sta facennu tutti cosi iddu: dumanni e risposti.

BRASI

Dimmi ’na cosa, tu e  ju, caminamu cu culu ri fora? A macchina ‘nna paga to soru? E l’avutri cosi chi mancanu all’appellu, nni dunanu a l’Opira Pia? Menu mali chi a Finanza sti cunti nun li fa e i tò figghi dorminu e pensanu ca i picciuli veninu du gloria e patri; si ‘nno…

CUNSULATA

Senti, ‘nveci di fari sti soliti predichi, ca si portanu lu ciriveddu, picchì nun vidi si u sinnacu ci duna un postu o municipiu o criaturi, ‘nveci di pirdiriti ‘nchiacchiri, quantu stu to figghiu si leva ri dormiri e nun ti sentu cchiù lamintari!

BRASI

U sinnacu! Ma di unni ti vennu certi niscjuti? Ma chi ti pari ca u sinnacu è u patruni du paisi, e po’ fari chiddu ca voli?

CUNSULATA

Ah, no! Siccomu si duna lu casu ca a travagghiari o municipiu sunnu cchiossà parénti du sinnacu, pinzava… e tu, tu allura comu trasisti o cumuni? chi haj puru quarchi filiddu di parintela cu sinnacu? 

BRASI

Oh! Ma chi ti pari chi nun ci ‘nn’è cchiù, ‘o munnu, genti onesta? Tu ha sapiri, chi comu regula, pi aviri un postu... e no sulu o municipiu,  prima di trasiri s’havi a fari u concorsu, poi s’havi a vinciri; e dopu, finalmente si è assunti. Chista è a regula; poi...

CUNSULATA

U capivu, u capivu, zittuti, allura tu si l’eccizzioni a regula! E veru? Nun si dici così?

BRASI

Ah, ma allura veru dici! Io nun sugnu l’eccizioni, sugnu a regula! U capisti?

PETRU

(Entra morto di sonno e in pigiama) Mà (mamma), nun è chi ha deci euru ca mi fineru i sicaretti?

CUNSULATA

(Allarmata) Zittuti, figghiu miu! Ca si nni senti a finanza…

BRASI

A diri a virità, chisti mi l’avia scurdatu a mittilli o cuntu.

PETRU

A finanza? Picchì, chi forsi me patri, fabbrica... picciuli favusi? Eccu picchì... e ju e me soru ‘un nni putiamu spiegari u discursu! E diciamu: si nostru patri havi quattro sordi ri stipendiu o misi; comu fannu a cattarinni puru i cosi ri marca?

CUNSULATA

Zittiti ti dissi, ancora?

PETRU

(Meravigliato) Ah, picchì veru è? E allura dunaminni centu euru, scusa, si stampa!

BRASI

Senti chi fa, Cunsulata, pigghiccinu una di ducentu. (Al figlio) Sta notti... mentri tu e to soru durmiavu, stampamu sulu pezza di ducentu; nun è u stissu pi tia?

PETRU

(Quasi ci crede, si da due colpetti in faccia, e poi in silenzio...) Ma, dormu, o sugnu svigghiu? Pà, ma... dici veru?

BRASI

Dimmi ‘na cosa, ma chi marca di sicaretti fumi pi custari deci euru? E poi, su cchiù ‘mpurtanti i sigaretti e i piccioli, o salutari prima a to patri e a to matri?

PETRU

E va beh, pà! (patri) Pinsàva ca nun ci facìa nenti.

BRASI

Vuautri cu sta camurrìa di pinsàri chi a tutti cosi nun ci fa nenti, ju a finiri chi faciti sulu i vostri porci commiri, tantu l’avutri cosi pi vuiavutri su nenti!

PETRU

E chi è, pà, a cruci ca matinàta?

BRASI

(Adirato) Puru! Ci scummettu chi nun ha mancu pinsàtu a quant’anni ha; dicu giustu? Nun penzi chi fussi ura di jarzariti u culiddu da seggia e circariti un travagghiu?

PETRU

Pà, travagghi chi mi piacinu ancora ‘un ‘nn’ haju pututu attruvari, e aspettu chi si prisenta chiddu giustu. Ma poi dicu, nun ti pozzu jutari a stampari...?

BRASI

(Adirato) Ma quali stampari e stampari! Va travagghia, putruni! Oh, chistu veru dici!

PETRU

Arreri! Ti staju appena dicennu chi spettu u travagghiu giustu! Allura nun è veru... chi stampi…?

BRASI

Ancora ‘nsisti! (Ironico) Allura tu... spetti u travagghju ghjiustu? E ju ca nun capiva lu mutivu du picchì tu eri a spassu e senza travagghiu; e certu si nun arriva chiddu ghjiustu! E… Senti nàutra cosa, li causi, ‘nveci di ccattaritilli di marca, picchì nun ti ccatti di l’autri chi usamu nuautri? Cca u capisci quali sunnu i cosi giusti!

PETRU

Viditi quantu storii chi si nescinu o chianu pi quantu mi fineru i sigaretti, oh!

CUNSULATA

E bonu, bonu, finemula! Chi ora Pitrinu ‘ncumincia a circarisi un travagghieddu, e si metti a fari concorsi, è veru, a matri?

PETRU

Havi chi fazzu concorsi cinc’anni, però risposti nenti; unni l’è fari cchiù ca l’haju fattu a tutti banni? (Dispiaciuto) Pirsinu pu campu santu l’haju fattu.

CUNSULATA

E bonu a matri, nun diri sti cosi, ca mi fa sentiri mali, chi c’entra ora augurarisi a morti picchì unu nun trova travagghju?

PETRU

(Toccandosi) A morti! Quali morti?

CUNSULATA

E allura picchì ammuntuvasti u campu santu?

PETRU

Picchì fici u concorsu puru pi campusantàru. A morti, si! Ah, tu pinsavi chi mi ddisidirava moriri picchì nun travagghiu? Megghiu di comu staju! E’ travagghiannu ‘nveci chi certi mumenti unu, stancu, disidira a morti. L’ha ‘ntisu mai o dutturi diri a unu malatu: pigghiati quattru jòrna di travagghiu, no! cunsigghia sempri di pigghiarisi quattru jòrna di riposu, e a mia, ringraziannu a Diu cca ddintra nun mi manca nenti.

BRASI

Ma veru! (Ironico) Diccillu, o papà! Cca, t’ammanca sulu chiddu ca ti sciuscia pi quannu senti cauddu. (Alla moglie) Iddu a nuautri fa moriri.

CUNSULATA

Chi fa, ricuminciamu? Ju sugnu cunvinta chi a Pitrinu, ‘un ghjorna ca scura, ci rriva ‘na chiamata!

BRASI

Pu manicomiu ci po’ rrivari!

PETRU

Pà, puru pi ddà a fici a dumanna! (A sua madre) U sa chi fai, vistu chi u sai puru tu chi a mumentu travagghiu, ‘mprestami i picciuli pi sicaretti chi comu mettu manu a travagghiari pigghia e ti tornu; è bonu così? Viditi chi sorta di mala jurnàta pi sicaretti!

BRASI

Ci vo dari ssi picciuli, prima chi a mala jurnàta a duna a mia? (Cunsulata va a prendere i soldi dal cassetto) Ah, senti nun ti scurdari a livariti u piggiama sa nesciri pi jiri a cattari i sicaretti?

CUNSULATA

Teni, teni cca. Vidi chi su cincu euru, u rrestu mi servinu chi è cattari cosi; e va canciati, chi paremu o spitali cu tia e to soru. (Esce Petru ed entra Giulia).

GIULIA

(Stiracchiandosi) Ciao papy! Mamma!

BRASI

Cca è a prufissuressa!

GIULIA

Gradirei, mamma, un sandwich con un po’ di Ketchup!

CUNSULATA

(Che non capisce) Mettili supra che friemu.

BRASI

(Meravigliato) Ma chi cazzu dissi?

CUNSULATA

Lo sapevo! In questa casa nessuno mi capisce. Io mi sforzo di parlare con parole semplici e voi… (si sente il postino chiamare).

VOCE F.S.

Posta, mastru Brasi!

BRASI

(Alla figlia) Va dda va viri chi havi st’auvutru, e cerca di nun ti sfurzari tantu, ca i morroidi ti ponnu nesciri.

GIULIA

Così devo andare, papy? Non vedi che sono in pigiama?

BRASI

E chi fa, ti cadinu i vrachi si ci va così?

V. F. S.

(Il postino, non vedendo arrivare nessuno, riprende a chiamare) Sveglia, mastru Brasi, chi haju u giru longu a òj di fari!

CUNSULATA

(Nessuno si muove) U capivu, cu sta camurrìa di dibattitu è curriri sempri ju.

V .F .S .

(Adirato) C’amu a fari, mastru Brasi?

CUNSULATA

Vegnu, vegnu!

BRASI

Spiramu ca nun sunnu ancora camurrii di pagari, si nno addumannari a limosina putemu jiri. (Entra Cunsulata, che cerca di capire cosa ci sia scritto in quella lettera raccomandata). ‘Na raccumannata! Cu è chi voli picciuli sta vota?

CUNSULATA

I carrabbineri! E chi vonnu chisti? (Riflettendo) Nun è chi ‘nveci da finanza, nni mannanu i carrabbineri, pi ddu discursu? (Alla figlia) Teni, teni, leggila tu chi capisci mugghi di mia. (Gliela porge a Giulia che comincia a leggere).

BRASI

(Alla figlia intenta a leggere. Preoccupato) Senti, signurinella… che cciappi (Ketchup), nun è chi a tia o a to frati vi ficinu quarchi virbali e ju ora avissi a pagari? Picchì a mia, chi sia beddu chiaru, virbali nun mi nn’ha fattu nuddu, e mai nuddu mi nni farà. Ju sugnu dilicatu nni sti cosi; picchì si così è, ju nun vogghiu sapiri nenti, e vuiavutri a lavari scali vi nni putiti jiri pi pagarivillu.

GIULIA

(Apre la busta, ed esplode di gioia) Evviva! Evviva! A Pietro forse lo chiamano nell’arma dei carabinieri!

CUNSULATA

(Al marito) U vidi! chi ti dicia? Ju mu sintiva, mu sintiva chi stava arrivannu quarchi cosa pi Petru! E… leggi, leggi, a matri! Chi dici, chi dici ssa littra?

GIULIA

(Inizia a leggere) Egregio…

CUNSULATA

(Che non capisce) Mi, già! Senza trasiri?

GIULIA

(Che s’era fermata guardando la mamma, meravigliata) Senza… trasiri che cosa? Che hai capito, mamma?

CUNSULATA

Chi già u ficinu egreggiu!

GIULIA

Ma... mamma! Egregio vuol dire che è una persona distinta!

BRASI

Dicinu chissu picchì ancora nun lu canuscinu a to frati.

GIULIA

Allora, devo continuare o… chi-u-do la le-tte-ra?

CUNSULATA

Ih, e chi semu nni Maria De Filippu? Leggi, leggi e fanni sentiri chiddu ca dici!

GIULIA

Allora, Egregio signor…

BRASI

Puru!

GIULIA

(Riprende guardando suo padre) Candurra Pietro; siamo lieti comunicarle d’avere accolto la sua richiesta di voler far parte a l’arma dei carabinieri, pertanto la informiamo che deve recarsi, nel più breve tempo possibile, presso la caserma di via…..  Il concorso è semplicissimo, e consiste nel porre una domanda, una domanda a suo piacimento, al maresciallo Fiorino. La preghiamo quindi di venire preparato su quanto chiesto. La informiamo inoltre che più difficile è la domanda, più si ha possibilità di essere scelti; mentre coloro, che riceveranno risposta immediata dal maresciallo, alla domanda posta, saranno scartati al momento stesso. Distinti saluti… Il comandante Colonnello Abramo Morsetti.

BRASI

Comu… comu? Capivu giustu? Quindi tuttu sta ‘nna dumanna!

GIULIA

Certo! E se il maresciallo non è in grado di dare risposta, il candidato… può considerarsi assunto! 

CUNSULATA

Mi faciti capiri bonu?

GIULIA

In sostanza, più è difficile la domanda e più si ha possibilità di essere assunto.

BRASI

E a dummanna… supra a chi cosa s’havi a fari, ‘un lu spiega?

GIULIA

L’argomento è libero e si può fare su ciò che si vuole.

BRASI

Supra a ‘nzoccu si voli… ‘nzoccu si voli?

GIULIA

Certo! E’ scritto così chiaro!

BRASI

E allura, già Petru è ddintra!

CUNSULATA

(Fraintende) Ah, già vinni di ccattari i sicaretti?

BRASI

Ma quali sicaretti e sicaretti! Dicu dintra nel senzu ca già è comu si fussi ‘mpustatu, picchì… a dumanna, già ju l’haju pronta pu marasciallu, e… ‘nn’havi ri sfiurniciarisi pi circari a risposta, mancu si si metti cu culu a ponti attrova.

CUNSULATA

Si, ma… a ddumanna Petru ci l’havi a fari o marasciallu.

BRASI

Certu ca l’havi a fari Petru, ma a Petru ci ha dugnu ju ‘na bedda dumanna di faricci. (Si sente arrivare Pietro).

PETRU

Chi è stu discursu ra dumanna?

SUNSULATA

Pitrineddu, a matri, ti scrissiru ca ti vonnu nne carrabbineri.

GIULIA

Forse ti assumono! Lo capisci? E, studiando, potrai anche fare carriera e diventare famoso!

BRASI

Senti a mia, anchi senza scola diventerai famosu, basta chi trasi e sarai ‘n bucca di tutti!

CUNSULATA

Ma chi dici tu nàutru?

GIULIA

Sicuramente papy si riferisce alle barzellette. Vero?

BRASI

Brava! Tu avvidiri chi un ghjòrnu me sentiri diri: ” A sa chidda di Petru u carrabbineri?”

CUNSULATA

Lassalu pediri, Petru, nun ci dari cuntu a to patri, ca ogni tantu duna nummari!

BRASI

Nummari si! ‘Ntantu si vo trasiri a essiri a mia.

PETRU

(Meravigliato) Oh, ci criditi chi nun ci staju capennu nenti? E poi, picchì è essiri a tia?

BRASI

Picchì ju l’haju a chiavi (l’idea) pi trasiri.

PETRU

Curnutu si ‘nn’haju caputu ancora ‘na parola! Picchì mannaru puru… a chiavi da caserma?

BRASI

A chiavi da caserma, si! Pi tia nun ci fussi mancu bisognu di fariti fari ddumanni, t’avissinu a pigghiari ‘n quattru e quattr’ottu!

GIULIA

(Petru continua a non capire) Scrivono che, per entrare nell’arma dei carabinieri, occorre sapere una domanda che non abbia facile risposta; quindi più difficile è la domanda e più… hai capito?

BRASI

E ju haju già a dummanna chi fa pi tia e chi u marasciallu mancu si si fa un viaggiu cu culu di fora nni patri Piu, po’ sapiri a risposta di dariti. Mi capisti, o ancora no?

PETRU

Ora cuminciu a capiri. E comu si fa a sapiri qual’è a ddumanna difficili? Nun po’ essiri chi chissa ca dici tu è facili ‘nveci? E comu fa a sapiri tutti sti risposti? Certu chi sicuramenti, stu marasciallu sarà u scienziatu!

BRASI

Scienziatu, si! Picchì tu pensi chi si era scienziatu l’avissinu pigghiatu ‘nne carrabbineri? E comunqu, anchi si fussi così, pi mia po’ puru essiri... comu si dici... Frankistain…

GIULIA

Ma che Frankistain! Einstein!

BRASI

E se, puru chissà! U stissu avissi statu... risposta… nix!

CUNSULATA

Senti, mu vo diri qual’è ssa ddumanna, ca a curiusità mi sta manciannu l’occhi?

GIULIA

Certo! Anch’io aspetto con ansia.

PETRU

E ju c’avissi a diri, ca sugnu u direttu ‘ntirissatu?

BRASI

E allura, senti; ‘ntantu, quannu arrivi a caserma e ti chiama u marasciallu, tu trasi tranquillu… anzi ha essiri schirzusu, e ci dici: pronto, signor maresciallo, / ho per lei un bell’indovinello./ e sicuramenti iddu ti dici: “Mi dica, mi dica, non aspetto altro!” picchi iddu è convintu d’aviri subbitu prontu... zamt! a risposta; e ddocu arriva u bellu!

CUNSULATA

Ma nun è chi si stocca u coddu e ‘nni dici qual è sta ddumanna, no! Amu a moriri ‘nsuppilu ‘nsuppilu!

BRASI

E zittuti tu nàutra! Allura tu, arrivati a stu puntu chi fai? (Stanno tutti attentissimi a ciò che deve dire Brasi)...

CUNSULATA

Eh, chi fa?

BRASI

Ti teni a panza, ti sforzi… a costu chi t’hannu di nesciri l’occhi di fora, fa un beddu piritu e ci dici: (indicandosi il culo dov’è uscita la pernacchia)  “signor maresciallo risponda a me, sa dirmi di che colore è?” (Rimarranno tutti impietriti).

GIULIA

Sai papy che sei un mostro? Vorrei proprio vederla la faccia di questo maresciallo, quando s’accorgerà di non avere nessuna risposta.

PETRU

Sai chi ti dicu, ca ci vaju subbitu a caserma e mi levu stu pinseri… e lu piaciri di pigghiari pi fissa o marasciallu prima ancora di trasiri. (Fa per avviarsi).

BRASI

Petru, mi raccumanu! U capisti c’ha fari?

PETRU

Comu mi dici: “Prego mi faccia la domanda”. Ju, mi toccu u stomacu, mi sforzu, mi strinciu e… comu parti u piritu, ci dicu: “di che colore era, signor maresciallo? (Si strofina le mani dalla gioia). 

BRASI

‘N poesia, ‘n poesia ci l’ha diri! Ti prisenti cchiù allittratu, u capisti?

PETRU

“Marescialo, risponda a me,/ sa dirmi di che colore è?” (Esce).

GIULIA

Ma papy! Così non è essere colto! Nella frase c’è un dirmi, e a me; è come dire a me mi!

BRASI

Ah, si! E... la forma? La libbirtà poetica? Oh, e finalmente s’impustò Pitrinu! (Alla moglie) E chi facisti u chiamasti u postu! Cuncentrati, cuncentrati ora pa signurinella.

GIULIA

Piuttosto, mamma, com’è finita col sandwich e Ketchup?

CUNSULATA

Ma chi su figghia mia sti cosi ca mmuntui? Trucchi, midicinali, marchi di vistita novi… (bussano).

BRASI

E cu è ora?

GIULIA

Quali vestiti e medicinali! Sono… (bussano ancora).

CUNSULATA

E’ possibili mai chi a grapiri a porta c’è jri sempri ju? (Va ad aprire. E’ Cosimu, compare e vicino di casa) Oh, cumpari Cosimu! Ma c’aviti chi siti avvilutu?

COSIMU

Eh, si sapissivu, cummari!

BRASI

Cumpari, ‘un nni faciti pigghiari un moto. Chi vi capitò, unni fu, a chi ura fu, cu fu?

COSIMU

(Confuso) Cumpari nun mi faciti cunfunniri chiossà di quantu sugnu.

GIULIA

(Preoccupata) La zia Rosa dov’è? Non è che… sta male sua moglie? (Bussano).

CUNSULATA

Arreri! E cu è! Sintiti, nun cominciati cu dibbattitu e stuccativi i jammi, ca ju sugnu dda bbanna: (Esce).

BRASI

Sta mali vostra mugghieri? (Bussano).

GIULIA

No, non credo non sarebbe venuto qua, sarebbe andato con lei dal dottore! (Bussano).

COSIMU

Cumpari, tuppulianu.

BRASI

(I due non si curano di ciò che dice Cosimu) Certu, po’ essiri… (Bussano ancora animatamente. Padre e figlia continuano a parlare e Cosimu va ad aprire).

COSIMU

Cumpari a porta ‘n terra…

V. F. S.

Cummari, a japriti sta porta? (Bussano, gridando).

COSIMU

Ma chista nun è a vuci di me mugghieri? (Apre ed entra Cuncetta preoccupata).

CUNCETTA

(Meravigliata) Ah, cca si! Si po’ sapiri chi successi? C’è u paisi chinu pi chiddu ca cumminasti!

BRASI

(Preoccupato) Chi successi, cummari?

CUNCETTA

Ju? Iddu, si havi curaggiu, vi l’havi di cuntari!

GIULIA

(Gli porge la sedia) Si sieda zio Cosimo. Non si avvilisca più di tanto, e ci racconti l’accaduto.

CUNSULATA

E allura, comu finìu… (s’accorge della comare) cummari, puru vui?

COSIMU

Cumpari, cunsumatu sugnu!

CUNCETTA

Cunsumatu tu si? U cunsumatu u to collega è! E chi beddu rjalu chi ci facisti! Cunta, cuntaccillu!

COSIMU

(Quasi piangendo) E bonu, nun ti ci mettiri puru tu.

GIULIA

(Cerca di sedare l’animo di Cuncetta) Zia Concetta, lo lasci stare non vede quanto è abbattuto?

CUNCETTA

(Stizzita) E finiscila puru tu cu sta camurrìa di zia! Di unn’è ca ti vegnu parenti?

BRASI

Sintiti… cummari, chi vinistivu a me casa p’attizzari u focu? Picchì si vinistivu pi chissu, japriti a porta e vi nni putiti turnari ‘nn’arreri; oh, talé!

CUNSULATA

(Va a confortare, Cuncetta) E bonu, bonu cummari, ma chi vi capitò? Così gravi è a cosa?

CUNCETTA

(Al marito afflitto) E parra, parra tu nàutru! Si po’ sapiri almenu comu successi?

BRASI

(Alla moglie) Va pigghia n’anticchia d’acqua cu zuccaru o cumpari. (Cunsulata esce). Cumpari aspittati, ca vi ‘mbiviti un pocu d’acqua e vi ripigghiati subbitu.

CUNSULATA

Tiniti. (Cosimu beve).

BRASI

Quannu vi sintiti di parrari, parrati.

COSIMU

Ma comu fuvu foddi a ghjiri a sta festa ri pinsiunamentu!

CUNSULATA

E cu è ca si nni ju ‘n pinsioni?

CUNCETTA

U zzu Jachinu. E nun era mugghi chi rristava ‘n sirviziu, puureddu.

COSIMU

Dicu ti vò stari muta ti dissi!

CUNSULATA

E lassatilu parrari!

COSIMU

Avia tantu stu cristianu ca dicìa, a tutti i culleghi ri l’ufficiu di l’acquedotto, ri fari ‘na manciata ‘n campagna unni iddu. E chi era cuntentu mischinu d’avirisi finutu a casuzza. L’autri jòrnu si nni ju ‘n pinsioni e dicisi, finarmenti, di fari festa du voti: a prima, chidda d’innaugurari a casuzza ‘n campagna, mentri l’autra èni chidda d’aviri jutu pinsioni. Mentri so mugghieri e so figghia llistivanu di priparari lu manciari pi tutti li ‘nvitati, iddu si misi nna stratella a finiri d’apparaggiari lu ghjajettu (pietrisco) pi quantu li macchini putivanu passari. (Si ricorda l’accaduto con dispiacere) Ma dicu ju, nun mi putiva stari dintra, dimoniu ‘nfami!

BRASI

Vuliti nàutru pocu d’acqua?

COSIMU

Lassati perdiri, ca si sapissivu chiddu ca vulissi ‘nta stumumentu… Ma poi, dicu, nun putia rrivari l’urtimu, no, u primu! Comu rrivamu unni u cancellu, a me figghia, chi m’accumagnò e havia primura di turnari, pi nun farici perdiri ancora cchiù tempu, nun la fici trasiri; scinnivu e dicisi di farimilla a pedi dd’anticchia di strata. Quantu vjiu o zzu Jachinu appujatu unni u palu da luci chi trimava tuttu, così (fa il verso; si mette con le mani appoggiate al muro come fosse il palo della luce, e, col culo un po’ in fuori e il piede destro alzato, comincia a tremare muovendo di più il piede alzato come a voler fare uscire qualcosa dalla scarpa). E trimava, trimava! Allura subbitu mi misi ‘nfurnicia, di cursa guardavu di unni si putìa staccari a luci, nenti! E allura, pigghiu e mi misi a curri pinsannu sempri a currenti, dissi appizzatu o palu ristò!

CUNSULATA

Mischinu!

CUNCETTA

Mischinu? Aviti a sentiri u bellu!

COSIMU

(Guarda la moglie in cagnesco e continua a narrare l’accaduto, sempre dispiaciuto) E allura chi fici, u putìa tuccari e tirallu chi manu? subbitu pinsavu, no! picchì ristava ‘mpiccicatu puru ju!

BRASI

E menu mali! Chi ‘un lu tuccastivu! Arristari appizzatu puru vui u sapiti quantu ci vulìa!

GIULIA

Certo!

COSIMU

Vitti ‘na pala... di chidda ca s’impasta u cimentu ca sabbia, jittata ’n terra davanti a mia, a pigghiu e ci nni mmiscu un corpu cu tutta la forza c’avia, u zzu jachinu, pi spustallu; lu scantu chi appi ‘nta ddu mumentu fu così tantu, ca li forzi si cintupricaru, e lu corpu di pala ciù desi cu tuttu u cori!

CUNSULATA

E va beh, cumpari mugghi u corpu di pala ca rristari ‘mpiccicatu!

GIULIA

Quindi s’è salvato, alla fine?

CUNCETTA

Si sarvò? Furtuna chi rrivaru i primi machini e u purtaru d’urgenza o spitali! Nun ci truvaru a spadda rutta a quattru banni! E l’appiru puru a mettiri ‘nterapia intensiva pu scantu!

BRASI

Ih, cummari, però vostru maritu ci sarvò avita o zzu Jachinu!

COSIMU

Ma quali vita è vita!

CUNSULATA

Allura… murìu?

COSIMU

Ma quali vita, cumpari! U zzu Jachinu, era misu così… e siccome havia misi un paru di scarpi estivi, aperti (ri fa quanto aveva fatto prima, facendo capire quanto egli non aveva capito), facìa cu peri così pi fari nesciri da scarpa ‘na pitrudda. U capistivu ora, u dannu ca fici? (Si guardano tutti attoniti) Quali ‘mpiccicatu e ‘mpiccicatu! Trimava picchì si muvia pi fari nesciri a pitruzza da scarpa.

BRASI

Minchiuni! Certu chi ddu cristianu comu si vitti rrivari ddu gran corpu di mali e senza raggiuni ci appi a pariri ‘na cosa attruvata!

CUNSULATA

E certu comu a manna du celu!

CUNCETTA

U bellu qual’è, chi me guardari puru ju, ora d’iddu! Picchì… a secunnnu a posizioni chi assumu travagghiannu… c’è u scantu chi putissi rrivari puru a mia a manna du celu, cummari! (Si sente arrivare qualcuno. E’ Petru).

PETRU

Oh, pà! Minchiuni! u futtivu ‘nchinu! Rristò così (facendo la statua col viso sbalordito), siccu! E ju u sapiti chi fici, comu niscivu ciù cuntavu a tutti chiddi fora... chi spittavanu di essiri chiamati, u discursu du piritu. Oh, a prima prova a passamu tutti! E sta sira mi ‘nvitaru fora a manciari. Chi fa ‘un ci vaju? (Cosimu e Cuncetta non capiscono).

CUNSULATA

(Mentre Giulia e suo padre fanno finta di parlare) Nenti, u sapiti chi fu? Ca u chiamaru a fari l’esami di un concorso pi carrabbineri, e, a quantu pari, a prima prova ci ju bona… (pensierosa) Ma… senti ‘na cosa, nun era una a prova?

GIULIA

Certo! Quindi hai superato gli esami?

PETRU

E chissà è u bellu! A ddumanna… era una; ma, siccomu passamu tutti, e a tutti ‘un nni ponnu pigghiari, dumani si rifa l’esami. 

BRASI

Ma…, siccomu u marasciallu nun fu ‘ngradu ri dari nudda risposta, si po’ rrifari a stissa dumanna… o no?

GIULIA

Certo! Però come fanno, se il maresciallo non risponde per la seconda volta, assumono tutti? Mi sembra un po’ strano.

PETRU

Comu ‘nfatti u marasciallu era ‘ncazzatu nivuru, e dissi chi entru dumani havi a circari a comu truvari pi dari a risposta. Chissu, sugnu sicuru, ca smovi tuttu u statu maggiuri! Pi capiri quali po’ essiri a risposta.

GIULIA

Dico io, ma chi te lo ha fatto fare di svelare agli altri la tua domanda? Io, al posto di papy, non ti direi più niente… anzi, sai che ti dico: arrangiati!

BRASI

Certu! Raggiuni havi to soru. Cu ti ci porta? U concorso era pi unu, no pi ‘na cooperativa!

COSIMU

Cumpari, nuàutri ni nni jemu, scusati pu disturbu (si avviano).

CUNSULATA

Chi diciti veru? Aspittati ca… (si sente arrivare confusione da fuori) ma chi su sti vuci?

PETRU

A diri a virità, mentri turnava a casa, vitti muvimentu ‘nna strata, però nun capivu bonu di chi si trattava; quarcunu dicia di unu chi rristò ‘mpiccicatu ‘nno ‘mpalu da luci; quarchi avutru parrava di ‘na pala chi cadia du celu e pigghiò ‘nchinu a unu ‘nta spadda e si trova in terapia ‘ntensiva.

BRASI

Spittati quantu guardu chi successi, picchì c’è truppu vuci di genti chi nun mi parino canuscenti (va a guardare, e rimane meravigliato). Cumpari haju ‘na strana ‘mprissioni... (facendo segno di avere le manette ai polsi) Ci su cca fora i carrabbineri davanzi a porta unni vui; nun è ca... cercanu d’arristarivi?

CUNCETTA

Ci haju piaciri si vinniru pi tia! Così ti ‘nsigni chi a pala servi pi ‘mpastari u cimentu, no pi...

COSIMU

(Stanco di sentire rimproveri dalla moglie, si adira e cerca di prenderla) Ma dicu ju a vò finiri di jittari sentenzi! A vo finiri di fari sti reciti; ca va chi s’avissi ‘n manu dda pala chi ci desi a ddu poviru cristu, veru ta dessi ‘nto mussu e ti scutulassi ssi quattru denti fracidi chi ha! Grannissima fimmina nutuli! (La insegue, mentre gli altri cercheranno di trattenerlo) Veni cca, cca a veniri!

FINE PRIMO ATTO

 

SECONDO ATTO   

(Ufficio di una caserma: un divanetto, alcune sedie, una piccola scrivania con una macchina da scrivere, un tavolinetto basso con dei giornali riguardante l’arma appesi a muro, alcuni opuscoli dei carabinieri e altre cose che rendano più fattibile l’ufficio.)

MARESCIALLO

(Facendo avanti e in dietro nervosamente) No, non può essere che tutti avrebbero fatto la stessa domanda, sicuramente è stato quel Pietro... Candurra; si Candurra mi pare che si chiami; è stato il primo ad essere chiamato e che mi ha posto questa maledetto enigma. Sicuramente l’avrà detto agli altri e… Ma devo trovarla la risposta, e si perché sicuramente mi rifaranno ancora quella di domanda. E come faccio, come faccio?  (Ripensa alla domanda) “Chi culuri è lu piritu!” Lu piritu...; ma di unni ci vinni sta dumanna? (Entra l’appuntato Crivello).

CRIVELLO

Marescià, ma chi pensa ancora o piritu?

MARESCIALLO

Dico io, è mai possibile che una scoreggia debba farmi diventare il sangue acqua? E’ mai possibile che non debba farmi dormire neanche la notte?

CRIVELLO

Marascià, chista è opira di Petru Candurra, ‘o paisi nun si parra d’avutru; e u voli sapiri chiddu ca si dici ‘n giru?

MARESCIALLO

Questo paese mormora sempre. Sentiamo, sentiamo che si dice.

CRIVELLO

Lei m’havi a scusari, ma... è sulu pu so beni ch’ju u fazzu, u sapi...

MARESCIALLO

Su, Crivello, non stia a formalizzarsi!

CRIVELLO

“Signuri me, un piritu fu peggiu ri ‘na scupittata!” Accussì dicinu; poi ci su chiddi cchiù smanciusi ca... (silenzio).

MARESCIALLO

E allora?

CRIVELLO

Voli propriu ca ciù dicu? (Il maresciallo annuisce) “O marasciallu Fiorinu,/ puru avennu lu nasu finu,/ u mazzò un piritu di Pitrinu”.

MARESCIALLO

Va beh, va beh! Lasciamo andare ora questo discorso, quanto mi distraggo un po’ e non rischio d’impazzire! Passiamo ad altro. Vediamo di battere quella lettera.

CRIVELLO

(Non capisce) Quali, marascià?

MARESCIALLO

Quella sul tavolo, è pronta per essere battuta; cerchiamo di farlo bene, che intanto prendo il verbale (esce).

CRIVELLO

(Fraintende la battitura scritta, prende la lettera la posa a terra, e col bastone comincia a batterla animatamente) Megghiu di così, pensu ca nun si po’ fari; aspetta ca giru. (La gira dall’altro lato e ricomincia, entra il maresciallo e lo guarda meravigliato) Oh, quantu videmu!

MARESCIALLO

Crivello! Ma che stai facendo?

CRIVELLO

Marescià, u tempu ci voli! Nun è chi haju u batti scupa elettricu.

MARESCIALLO

Battiscopa elettrico! Ma di cosa parli?

CRIVELLO

Non mi dissi di battilla bona, a littra?

MARESCIALLO

Ma quale battere e battere! Io intendevo, battere la lettera con la macchina da scrivere!

CRIVELLO

Ah! Con la macchina... da scrivere? Ma... è sicuru Marascià?

MARESCIALLO

Certo! (Crivello, lascia aterra la lettera e va aprendere la macchina da scrivere per battere ancora la lettera). E perché non prendi la lettera da terra?

CRIVELLO

Aspittassi ca nenti ci voli. Ma è sicuro ca veni bonu?

MARESCIALLO

Ma dove stai andando con quella macchina? Io dicevo di battere, nel senso di scriverla la lettera!

CRIVELLO

Nenti di menu! Aspittassi, aspittassi ca a mumentu finemu. (Rimette la macchina sul tavolo, si sistema un po’ per il troppo indaffaramento, e si siede infilando la carta nella macchina da scrivere). Prontu sugnu, marascià.

MARESCIALLO

E allora...

CRIVELLO

(Batte ripetendo le parole) E, allora...

MARESCIALLO

Dunque...

CRIVELLO

(Batte e ripete) Du- nque.

MARESCIALLO

Domenica, ore dieci...

CRIVELLO

(Non capisce e pensa che è domenica) Duminica! A me mugghieri a missa è purtari, si nno a me casa succedi ‘na guerra.

MARESCIALLO

Messa, guerra! Ma di cosa parli?

CRIVELLO

Marescia, si a duminica a me mugghieri nun la portu a missa...

MARESCIALLO

(Spazientito) Crivello, crivello! Io intendevo domenica come inzio di giornata in cui avvennero i fatti! Su sottoscriva!

CRIVELLO

(Prende la macchina da scrivere e si mette a scrivere sotto il tavolo) Prontu, marasciallu.

MARESCIALLO

Domenica, ore dieci, durante un sopralluogo...

CRIVELLO

(Ripete sempre a tempo di battitura) Domenica, ore dieci, durante un sopra... (chiede spiegazioni di sopralluogo) sopralluogo... junciutu o staccatu?

MARESCIALLO

Crivello! Crive... (Si gira e non vede più nessuno, si avvicina alla porta e chiama fuori) E’ dov’è? che sia andato a messa? Crivello!

CRIVELLO

(Fa per alzarsi e batte la testa) Buttana! Comandi, marascià!

MARESCIALLO

Ma... cosa fai sotto il tavolo?

CRIVELLO

Comu! Nun dissi di mittirima sutta a scriviri?

MARESCIALLO

(Avvilito) Ma quando mia! Quando mai! E’ mai possibile che ogni volta per scrivere una lettera il mio cervello scappa, si va a nascondere ha paura di te!

CRIVELLO

U viri vossia, sinu ca nun risorvi ddu discursu du piritu, ‘nn’havi di chi farisi i budedda fracidi.

MARESCIALLO

No, no, caro mio! Io devo risolvere al più presto il discorso della dattilografa. Qui occorre trovare uno o una che sappi scrivere bene a macchina.

CRIVELLO

U sapi chi una ci fussi ca è brava, e finju a scola di raggioneria chi havi picca; però è sicura ca comu lei sapi cu è…

MARESCIALLO

E chi è, dimmi.

CRIVELLO

Si chiama Giulia; e nun penzu chi lei a pigghia a travagghiari cca.

MARESCIALLO

Perché non è scritta al collocamento, o perché ci sono altre prima di lei?

CRIVELLO

No, no! E’ sulu idda o paisi chi havi stu cosa ri ragioneria, e già è puru scritta o collocamentu.

MARESCIALLO

Ma a lei non sfugge proprio niente!

CRIVELLO

Marascià, è u misteri chi mi porta a sapiri ‘nsoccu fa a genti! In beni o in mali. E’ chista è’na brava picciuttedda.

MARESCIALLO 

E ci voleva tanto! Chiamiamola allora!

CRIVELLO

Chiamiamola… anche se si chiama… Candurra?

MARESCIALLO

Candurra, la sorella di questo…Pietro?

CRIVELLO

Eh, si! Però ciù dissi ca è ‘na brava ragazza.

MARESCIALLO

E va bene, che importanza può avere s‘è sorella di quel tizio. La chiami, così vediamo di risolvere definitivamente il problema dello scrivere a macchina…

CRIVELLO

Marascià, ma picchì ju un pozzu cuntinuari allinarimi a scriviri?

MARESCIALLO

Qui non è questione d’allenamento. Ma lo capisci, ogni volta che ci mettiamo per scrivere un verbale, quello che succede? Sudi! Mi fai ripetere cento volte le stesse cose; devo persino cercarti! In un manicomio, e con un pazzo, credo che mi sarebbe venuto più facile farlo.

CRIVELLO

E va beh, comu dici lei. Però ju sugnu cunvintu chi a curpa è sempri du piritu, picchì havi ri ddu mumentu ca vossia nun reggi cchiù.

POSTINO V. F. S.

Posta!

MARESCIALLO

Vai, vai! Vediamo un po’ chi scrive. (Esce)

POSTINO V. F. S.

(Adirato) Appuntatu Crivellu, smuvemmunni, chi òj...

MARESCIALLO

...haju u giru longu di fari. Questo ha sempre il giro lungo da fare. (Rientra Crivello).

CRIVELLO

Minchia chi l’havi ‘mpizzu! Unu havi a essiri prontu a spittari a iddu, comu chiama subbitu havi a partiri! Achistu unu di sti jòrna ci a fazzu finiri ju sta camurria di giru longu. U sapi chi fa, siccomu havi a nnamuràta chi u spetta, nun vidi l’ura ri finiri ri spartiri a posta, e partiri pi jilla attruvari. Quarchi matina di chista mi ci prisentu cu so mugghieri unni a casa d’annamurata, così comu rriva ‘ntrova a somugghiri e videmu si ci finisci a camurrìa du giru longu; ju ci mettu puru i manetti e u tinemu du jòrna u friscu quantu ci carmanu quaranàti.

MARESCIALLO

L’avessi saputo prima! Vedrai, che provvederemo quantomeno se l’aspetta.

CRIVELLO

Marascià, c’è sentiri un piaceri! Ssa nnamuràtat, era a picciotta chi vulìa ju!

MARESCIALLO

Allora è gelosia?

CRIVELLO

Ma quannu mai! ora cchiù? Però… u sapi com’è?

MARESCIALLO

Crivello! Crivello! “Occhiu a via!” così usate dire voi, qui, vero? Su, vediamo un po’, oggi, chi scrive.

CRIVELLO

(Guardando la posta) A gazzetta, un vaglia di Radio Maria, u metanu di pagari... (Preoccupatissimo) aah! U cumannanti Colonnellu Morsetti!

MARESCIALLO

Il colonnello! E che vorrà mai? Dammi, su! (Apre la lettera e legge un po’ ad alta voce) “Carissimo maresciallo, ho saputo di quel concorso andato a male e che ha fatto ridere mezzo paese, e non mi scandalizzerei più di tanto se quanto accaduto diventasse spunto d’un’altra barzelletta.” (Riflette, pensando che ad informare il colonnello fosse stato Crivello) Dimmi, Crivello, non è che tu…

CRIVELLO

Io! Io chi? Sicuramenti ò paisi avemu a corcunu cchiù’nfurmatu di mia e chi rifirisci (sillabato) a-lla-lto!

MARESCIALLO

Così dici? Indagheremo. Sentiamo intanto il colonnello. “carissimo Maresciallo, la risposta alla domanda che lei avrebbe dovuto dare con tanta facilità, come ha fatto in altre occasioni, era: “colore trasparente”; ora, dopo questa mia lettera, che non vuole essere certamente una strigliata, mi auguro che quanto avvenuto non venga più ripetersi... se non vuole essere rimosso dall’arma, e cerchi di non risparmiare nessuno, come vanno entrando i candidati, specie quel... Pietro Candurra.

CRIVELLO

Minchia, puru chissà sapi! E cu è stu ‘nformatori?

MARESCIALLO

Con l’augurio che quanto avvenuto sia da esempio per i giorni a venire e per il suo di avvenire. Le porgo distinti saluti. Colonnello Morsetti”. (Finita la lettera rimane meravigliato) E’ certo, certo! Colore trasparente! E pure era facile la risposta!

CRIVELLO

E ora, marascià?

MARESCIALLO

Senti che facciamo, tu cerca di battere... volevo dire scrivere! il verbale di quel tizio che ha preso il colpo di pala...

CRIVELLO

Ma chi nni pigghia di stavutru discursu? Unu è privu di livarisi ‘na pitrudda da scarpa... e si viri prisintari un corpu ri pala?

MARESCIALLO

Intanto conviene dire che bisogna esser proprio scalognati a trovarsi in una coincidenza fortuita. Quindi quando scriverai il verbale, mi raccomando, non calcare la mano col signore che gli ha dato il colpo di pala. E ora, come arrivano i primi... candidati, cerca di non far trapelare niente della risposta inviataci dal colonnello, che so io come trattare tutti, specie quel… Pietro.

CRIVELLO

U bellu ca iddi su convinti già di essiri tutti assunti, nun è ca u sannu chi a risposta è bellepronta, e si nni ponnu turnari tutti a casa pi comu vinniru. (Si sente suonare il campanello e va a guardare). Iddi, iddi su! E comu su contenti! S’hannu a liccari lugna ora!

MARESCIALLO

Tu redigi quel verbale che io faccio in un attimo (esce, e da fuori scena si sentirà il maresciallo e i candidati). Allora, tutti nell’altra stanza che vado chiamandovi ad unu ad uno. Iniziamo da Borgogna Leonardo. (Crivello, anziché scrivere va ad origliare) Dimmi, su!

CANDIDATO V. F. S.

(Si sentirà prila la pernacchia) Di chi culuri è, marascià?

MARESCIALLO

Trasparente!

CANDIDATO

(Meravigliatissimo) Minchia, u ‘nzirtò!

CRIVELLO

E chistu è u primu!

MARESCIALLO

Ora entra in quest’altra stanza e aspetta che finisco con gli altri. (Si sentirà aprire e chiudere la porta). Caravello Luigi!

CANDIADATO V. F. S.

(Si sentiranno aprire e chiudere le porte) Presente!

MARESCIALLO

Su, dimmi!

CANDIDATO V. F. S.

(Ride a crepapelle) Mi scusassi marascià, si mi veni di ridiri.

MARESCIALLO

Ora ti passerà la risata, vedrai! Su, con la domanda!

CANDIDATO V. F. S

(Come prima, scoreggio... e parlerà ridendo, convinto che il maresciallo non conosce la risposta) Di chi culuri è? Mi scusassi ancora ma...

MARESCIALLO

Trasparente!

CANDIDATO V. F. S

(Sorpreso, diventa serio d’un colpo) E ora! Comu, ju pinsàva già di essiri assuntu! Allura nun trasu cchiù, marascià?

MARESCIALLO

(Crivello mimerà a soggetto) Intanto,comincia con l’entrare in questa stanza che quando finiremo andrete via tutti insieme. (Si sentiranno sempre le porte). Gobbetti Giuseppe!

CANDIDATO V. F. S

Presente, marescià! A pozzu fari subbitu a dumanna?

MARESCIALLO

Certo.

CANDIDATO V. F. S

(Tutto come prima) Di chi culuri è?

MARESCIALLO

Trasparente!

CANDIDATO V. F. S

Minchia e all’avutri cu ciù dici ora?

MARESCIALLO

Entra in questa stanza che a momenti vi mando a tutti via. (Chiama) Candurra Pietro! Candurra Pietro!

CANDIDATO V. F. S

Marascià sulu ju ci cugnu! Petru ‘un vinni!

MARESCIALLO

Allora tu, sarai... Mascolillo Gioacchino. Su, domanda!

CANDIDATO V. F. S

Marascià, l’autri già… passaru tutti?

MARESCIALLO

Solo tu manchi a passare. Puoi fare la domanda.

CANDIDATO V. F. S

(Tutto come prima) Di chi culuri è?

MARESCIALLO

Trasparente!

CANDIDATO V. F. S

(Meravigliato) Minchia, e ora?

MARESCIALLO

Ora apro la porta agli altri amici tuoi e potete tornarvene a casa. (Apre la porta) Siete tutti liberi; la prova è finita. (Si sentirà un brusio di lamentele e poi chiudere la porta. Crivello corre subito a sedere facendo finta di scrivere. Rientra il Maresciallo).

CRIVELLO

Comu finì, marascià? Comu ci ristaru tutti?

MARESCIALLO

Beh, non è che l’abbiano presa veramente tanto bene; ma le condizioni erano chiare... Aspetta, aspetta! Che ore sono?

CRIVELLO

L’unnici menu un quartu, picchì?

MARESCIALLO

Non dovevo farli andare, senza che venisse Pietro! E ora?

CRIVELLO

Ah, ‘un vinni Petru? E si chiddi ci vannu a cuntanu tutti cosi?

MARESCIALLO

Certo, può succedere! A che ora scade l’ora della presentazione  dei candidati?

CRIVELLO

Alle ore dodici. Accussì c’è scrittu ‘nno bandu.

MARESCIALLO

Ma si, anche se viene a saperlo, come vuoi che faccia a prepararsi una domanda così difficile da non poter dare risposta? Piuttosto  dove sei arrivato col verbale?

CRIVELLO

Ma quali verbali e verbali, marascià cca ci sonnu scritti certi paroli ddificili ca ci voli un vocabolariu pi capilli, ma chi è ‘ngrisi scrittu?

MARESCIALLO

Va beh, soprassediamo.

CRIVELLO

(Non capisce) A ‘nzoccu marascià?

MARESCIALLO

Al verbale!

CRIVELLO

(Va aprendere il verbale, lo posa sul divanetto e si siede sopra) Se, forsi è megghiu. Accussì va beni?

MARESCIALLO

Che ti sei messo a covar le uova, Crivello? Soprassediamo... volevo dire che forse è meglio... Va beh, va beh! Lasciamo perdere! Senti che fai invece, telefona alla famiglia Candurra e chiedi di sua figlia e se può venire per quel discorso di dattilografa... ma non spiegarle il motivo della chiamata, dille solo che voglio parlarle. Così con la scusa può pure essere che viene subito il fratello e ci liberiamo definitivamente del concorso.

CRIVELLO

Comu si dici, marascià: nni trasi una e nni nesci nàutru! U frati chi era cunvintu di trasiri, rristò fora; mentri a soru, chi nun ci a purtava nuddu, trasi “frisca frisca e pittinàta”.

MARESCIALLO

Certo che hai una terminologi!

CRIVELLO

(Non capisce e si allarma) Mih! E comu fici a sapillu? Quannu vaju ‘n bagnu veru mi brucia un pocu... lei pensa ch’è gravi, marascià?

MARESCIALLO

Grave che cosa?

CRIVELLO

L’eurologia.

MARESCIALLO

Crivello, Crivello! La cultura!

CRIVELLO

Ah, pi chissu... avogghia! zappavu, putàvu, chiantavu pir sinu i linticchi chiantavu!

MARESCIALLO

Cultura, cultura!No curtura con la erre! Senti, vedi di telefonare alla signorina, intanto che redigo questo verbale... e, mi raccomando, non dirle nient’altro.

CRIVELLO

(Alza la cornetta e fa il numero) Pronto, chi è lei? Ah, vuole sapere chi sono io? E chi vuole che sia? Io! Io chi? Sempre io! E cercasse la famigghia Dantura! Come, è sempri a stissa d’antura?

MARESCIALLO

(Lo corregge) Candurra, Candurra!

CRIVELLO

Dici u marasciallu, Candurra... No! cca nun ci nne marescialli Candurra! Se, se, ju, cercu a famigghia Candurra! E vurrissi parrare con la signorina Candurretta... no colonnetta! Candurretta! So figghia si! (Mette la mano sulla cornetta perché dall’altro capo non possano sentire e parla col maresciallo) Minchia, marascià, ma  chisti su duri ri capiri! (dall’altro capo chiamano) Si, pronto! è la signurina Giulia? Sono l’appuntato Crivello. Ho telefonato per dirci (Errori voluti) che ci vole parrare il maresciallo, al più prestu possibili… se, se, puru ora! Allura… aspittamu? Ah, deve venire pure suo fratello? E va beni voli diri chi spittamu, ma suo fratello u sapi chi u concorsu scari e dudici precisi? Ah, va beni, allura, si dici così! Va beni,va beni, la salutu. (Attacca).

MARESCIALLO

E allora?

CRIVELLO

A signurina era scantata! Dici “E cosa vuole da me il maresciallo?” Eh, chista tutta ‘ntalianu parra, ci pari chi è comu a so frati!

MARESCIALLO

Meglio, meglio, può essere che così serva d’aiuto anche a te… sai, l’italiano oramai è bene parlarlo tutti!

CRIVELLO

Mi dicesse, io come parlassi, strogoto?

MARESCIALLO

(Non capisce) Stro…che?

CRIVELLO

No, che! Goto, goto! Che alla fimminile significasse come quanno uno parra e l’avotro non afferra la discorsione (Il maresciallo, sbalordito, non capisce) Non capiu, veru? Eccu quisto vorresse dire quanno si parra strogoto.

MARESCIALLO

Lasci stare, Crivello, e mi dica cosa ha detto la signorina…

CRIVELLO

Giulia! Giulia si chiama, ha detto chi a momento sarà cca. E a suo fratello ‘nzoccu ci deve dire?

MARESCIALLO

Niente, cosa vuoi che gli dica; è lui invece che deve farmi la domanda e potere così porre fine a questo concorso.

CRIVELLO

Allura stu concorsu nun si fa cchiù? E l’avutru carrabbineri chi servi cca, di unni u mannanu, di nàutra banna?

MARESCIALLO

E certo, se qui non l’ha superato nessuno la prova! Vuol dire che rifaranno il bando in altra sede, e poi ce ne invieranno uno di fuori. E, ora…come arriva questo… furbo, mi farò due risate, per come sicuramente se le saran fatte di me. Voglio che anche la sorella deve assistere al concorso, lo farò vestire di ridicolo. (Si sente suonare il campanello). Vada, vada ad aprire, saranno sicuramente loro (Crivello esce).

CRIVELLO V. F. S.

Oh, a signurina Giulia! E so frati nun c’è?

GIULIA V. F. S.

Certo che c’è! Sta posteggiando la macchina e arriva.

CRIVELLO

Trasissi, trasissi ‘ntantu, (entrano) chi comu arriva so frati ci jiapru.

GIULIA

Buon giorno, maresciallo. Voleva parlarmi? Non è che ha sbagliato, e cercava di mio fratello?

MARESCIALLO

No, no! Ho cercato lei! Ho saputo che ha conseguito un diploma di ragioniera…

GIULIA

Si.

MARESCIALLO

Siccome in caserma non abbiamo un addetto ai lavori d’ufficio, ci servirebbe qualcuno capace di espletare questo compito; a lei interesserebbe un lavoro d’ufficio? So ch’è anche iscritta alle liste di collocamento, quindi se lei dice si, entro ventiquattr’ore potrebbe essere assunta.

GIULIA

Maresciallo, non è che ora… devo fare anch’io qualche… domanda?

MARESCIALLO

No, per questo tipo di assunzione non occore che faccia niente, solo una richiesta scritta d’assunzione e basta… mi dispiace invece per suo fratello che purtroppo devo dirle è arrivato… come si suol dire: al capolinea; ma pasienza, vuol dire che doveva andare bene a lei. (Suonano).

GIULIA

Sicuramente sarà mio fratello. (Crivello va ad aprire).

PIETRO V. F. S.

Buon giornu appuntatu! Eunni è Me soru?

CRIVELLO V. F. S.

Dda ddintra, dda ddintra è! (Petru ha con se un pacco) E cu stu paccu ca fari? Ci purtasti du buttigghi di vinu o marasciallu? Trasi, trasi. (Entrano. Pietro ha un pacco sulle spalle).

PIETRO

Buon giorno marascià! Sugnu ‘n tempu ancora pi… e me soru, me soru picchì vinni? Forsi quarchi virbali?

CRIVELLO

Tu nun ci trasi nenti cu discursu di to soru; chidda è nàutra storia chi havi cu marasciallu.

PETRU

(Che fraintende) Chi cosa? (alla sorella) Tu… sti cosi?

GIULIA

Ma di che parli? Che storie e storie! Senta maresciallo, non è che lei con questa mia… asunzione vorrebbe prendersi gioco di me?

MARESCIALLO

Non mi permetterei mai! Le ho detto della sua assunzione a dattilografa, basta! Mi dispiace invece per suo fratello che oramai è segnato come i suoi amici; ha voluto fare il furbo, e invece è rimasto da fesso, e non vedo l’ora, credimi, di sentirmi fare questa domanda, e che, se vuoi, puoi anche farmi dinanzi a tua sorella. O hai creduto, forse, portando questo pacco… che sarà sicuramente un regalo, che io possa… eh, no! Il concorso è una cosa seria è ha…

PETRU

Delle regole! Si, si u sacciu, u dici spissu me patri. E i reguli s’hannu a rispittari.

CRIVELLO

E allura picchì vo scavarcari i regoli purtannucci u rrialu o Marasciallu?

MARESCIALLO

Ecco, bravo!

PETRU

Marasciallu, mi dicissi ‘na cosa, me soru è sicuru chi già è comu si fussi veru assunta? Nun è chi… a secunnu comu vannu i cosi a mia, lei pigghia e nun l’assumi cchiù?

MARESCIALLO

Non essere in pena per lei, perché lei, t’ho detto ch’è già come se lavorasse da tempo con noi. Pensa invece al tuo sogno che a breve vedrai svanire nel nulla. Anzi, se vuoi siediti e fammi la domanda; sapessi quanto ho atteso questo momento, ho contato le ore!

PETRU

Veramenti priferisciu fariccilla addritta a dumanna.

CRIVELLO

Io, si fussi di tia, m’assittassi beddu commiru e mi tinissi forti a seggia pi nun cadiri.

PETRU

Marisciallu, lei m’havi a scusari, ma è sicuru chi poi nun ci va dimenzu me soru?

MARESCIALLO

Non vedo perché t’intestardisci tanto sul discorso di tua sorella, e se voi posso tenerti tranquillo prima ancora del tuo… (guarda Crivello con un sorrisino ironico) esito. Guarda (prende un foglio e scrive): io sottoscritto maresciallo Fiorillo, dichiaro di assumere, con la legge numero…. E al completamento del certificato dell’ufficio di collocamento, la signorina Giulia Candurra. Maresciallo Fiorillo ecco, pure firmato, e… (prende il timbro) col timbro messo!

PETRU

E allura aspittassi chi pigghiu l’attrezzu pi fari l’esami (i due si guardano meravigliati).

CRIVELLO

Attrezzu? E soccu è st’attrezzu?

MARESCIALLO

Lasciaglielo prendere, sarà qualche porta fortuna, e sapendo che ne avrà tanto di bisogno… (Apre il pacco ed esce un grosso colapasta con attacato ai manici un elastico, mentre i due rimangono sbalorditi.) Di un po’, non è che hai sbagliato concorso? O pensavi che t’avremmo assunto con la qualifica di cuoco?

CRIVELLO

(Ride a crepapelle) U sculapasta! Petru, oh Petru! Nun è chi tu purtasti pi cummigghiariti a facci da vriogna pa fini  c’ha fari comu i to amici?

PETRU

Riditi, si! Marasciallu mu pozzu ‘nfilari?

MARESCIALLO

Si, certo! Se pensi che possa esser un buon amuleto.

CRIVELLO

Oh, Petru, picchi nun fa ssa dumanna o marasciallu, quantu chiudemu stu discursu du concorsu, ‘nveci di fari tutti sti sturielli?

PETRU

(Si mette il colapasta in modo che gli copra il sedere, come se avesse messo il casco al suo culo). Marasciallu, è prontu pa dumanna? (Poi si rivolge a Crivello) E vossia, appuntatu, si ssittassi e si tinissi pi nun scuppari ‘n terra.

MARESCIALLO

Su smettila adesso, e fammi questa domanda che non vedo l’ora di rispondere a te e alla tua scoreggia.

PETRU

Così dici?

MARESCIALLO

Fai la domanda!

PETRU

(Si gira dando il sedere al maresciallo che guarda attentamente il colapasta, meravigliato. Si sforza, e…) Ora ca lu jòcu finiu,/ (fa la scoreggia) mi dicissi: di quali bucu nisciu? (I due carabinieri si guardano attoniti e svengono. Giulia si premura ad abbassarsi e guardarli, mentre Petru si avvicina al proscenio, e al pubblico dirà…) Signuri e sugnureddi, / dopu sti fatti e fattareddi, / lu jòcu havi aviri un senzu, / e ora ca ci penzu, / vi lu dicu di bottu… / ‘quattru e quattr’ottu. / Quannu cumpanaggiu è lu pitittu, / pigghja sapuri lu pani schittu. / E quannu nunc’è nenti di chi manciari, / tintu cu nun sapi l’arti d’arranciari. (I due rimangono a terra svenuti, mentre Petru e Giulia, a braccio, escono ridendo e sventolando il foglietto che aveva scritto il maresciallo).

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 2 volte nell' arco di un'anno