Piazza Grande

Stampa questo copione

PIAZZA GRANDE

PIAZZA GRANDE

di Giuseppe Toscano

Commedia in 2 atti  -  Scena fissa 

Ambientazione anni 50 / 60

Personaggi sei uomini - cinque donne

             PERSONAGGI                                                     LA TRAMA

Il quieto vivere di un piccolo borgo disseminato in una qualsiasi campagna dell'entroterra siciliano, viene sconvolto dal rientro di un giovane emigrato che vuole convertire i propri compaesani ad un … certo tipo di vita appreso nel corso del suo girare il mondo.

 

Questo nuovo vivere si ritorcerà contro di lui e lo porterà a un ripensamento, ad un rinnegamento totale delle idee per il quale si era tanto battuto.

 
                                   

 Don Michele                                     Anni  55

 Rosetta (figlia di don Michele)         Anni  20

Vicinzu (innovatore)                          Anni  30

Donna Pippina (paesana vedova)       Anni  50

Cavuzza (figlia di donna Pippina)      Anni  25

Gnura Filippa (bottegaia)                   Anni  45

Mastru Caloriu (ciabattino)                Anni  50

Carmena (moglie di mastru Caloriu)  Anni 48

Pasquale  (spasimante di Cavuzza)    Anni  28

Antonio  (innamorato di Rosetta)      Anni  26

Cicciuzzu (disadattato orfano)          Anni  22

Paesani  Abitanti di Piazza Grande 

 

                                        _________________________________________

ELEMENTI DI SCENOGRAFIA

Quasi tutto il paese si affaccia sulla piazza.

Di fronte sopra una mensola è posizionato un grande Crocifisso.

Al fondo a destra un arco grande che è l'uscita per la campagna.

Sempre sul lato destro vi sono due porte: la prima dal fondo è la porta di Filippa, che alterna l'attività di negozio di frutta e verdura con quella di  bottega del vino, la seconda è la porta di Caloriu, il ciabattino e la moglie Carmena.

Al fondo a sinistra un arco più piccolo, conduce alla casa di Michele e della figlia Rosetta e di altri paesani.

Sul lato sinistro vi è una porta con due scalini che è l'abitazione di Pippina e la figlia Cavuzza.

                                                ________________________________

PREMESSA

Il dialetto che viene espresso in questa commedia è almeno in parte diverso dal dialetto in uso nella Sicilia Occidentale, così come quello in uso nella Sicilia Orientale. La scrittura che risulta difficoltosa anche per la mancanza di testi univoci per tutta la Regione, fanno sì che alcune espressioni o parole possono essere di difficile comprensione, qualora ciò dovesse verificarsi, potrete richiederci per via e-mail le delucidazioni del caso.

                                          _________________________________________

E' implicita l'autorizzazione per la eventuale rappresentazione in pubblico

Questa opera è protetta dalla SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori)

ATTO PRIMO

(L'apertura del sipario trova gli abitanti intenti a una festa paesana, è in corso una specie di quadriglia, un paesano suona la fisarmonica, ballando in cerchio, Cavuzza seduta indolente, Michele seduto al tavolino batte le mani a tempo, versa vino e offre da bere a chiunque si avvicina).

CARMENA E CALORIU Avanti tu, nun stari fermu cumu un palu di la luci, veni santarija anchi tu (lo tira).

CALORIU Ma j chi sacciu fari sti cosi... Lassami stari... Lassami stari...

ROSETTA (interviene) S’ada fari prigari sempri vossija (lo tira), oj jè festa e amma ballari tutti (ricompongono il cerchio).

CICCIUZZU (ride sguaiato mentre gira con gli altri).

PIPPINA (chiama la figlia) Cavuzza... Veni abballa... Nguà varzarija anchi tu... Cchi sta dducu...

CAVUZZA (sbuffa annoiata senza rispondere).

FILIPPA (si ferma al tavolino) Mamma ca nun ci la fazzu cchiù, bedda matri, aju lu cori ca mi sta scattannu.

PIPPINA (si ferma al tavolino) Assittammunni tanticchia, anchi j' maju stancatu.

(Cessa la musica, tutti si fermano, parlottano).

CALORIU (si avvicina al tavolo) Ora j’ cchi sacciu fari sti cosi... M’anu  fattu stancari.

MICHELE (versa da bere a Caloriu) Teh! Viviti tacchia di vinu ca t’asciuca lu siduri!

ROSETTA (si avvicina allegra) Mi lu dati un viscuttu? O vi li vuliti manciari tutti vuantri?

PIPPINA (gli porge un biscotto) Pigliati chistu, biniditta carusa, ca viscotta ci nni sunu ppi tutti.

ROSETTA (ridendo) Allura minni pigliu dui. (mette in bocca un biscotto e uno in mano, si avvia, passando furtivamente lo da ad Antonio poi prosegue e va a sedersi).

CICCIUZZU (ridendo si avvicina al tavolo) Mi la duna ‘na giammella, gnà Pippì?

PIPPINA Ci nnè anchi ppi tija (gli porge un biscotto). Teccà Cicciuzzu,  arricrijati.

CARMENA (si avvicina al tavolo) Cessu cessu, sugnu mortificata ca nun appi lu timpu di priparari quarchi cosa...

CALORIU E j’ nun ti lu dissi?... Nun ti lu dissi?... Vidi ca facimmu mala figura!!... Va piglia quattru ova... Tecchia di farina... Li mpastammu e facimmu li vucciddata, ccu li ficu dintra, no! Nun potti essiri...

CARMENA Mamma chi mala figura!... Chi mala figura...

FILIPPA Ma nenti ci fa, e chi nni canuscimmu ora? N’avimmu quantu jè jè cosi.

PIPPINA Carmè, mancu tu mi pari, cumu li pò diri sti cosi, ccu nuantri vini a parli di mala figura? E vui massaru Caloriu, nun ci diciti accussì a vostra muglieri, ca la faciti sentiri corriva.

FILIPPAChissu jè veru!...Ma pua, cumu si dici: ‘na vota unu, ‘na vota nautru, si quarchi vota nun purtu nenti j’, maja sentiri talijata di tutti? J’ dicu di no!

CALORIU Jè ca però lu cristijanu si senti abbrigugnatu, pirchì j’ cci lu dissi: va piglia quattru ova... Tecchia di farina... Li mpastammu e facimmu li vucciddata ccu mi ficu dintra.

CICCIUZZU (ripete assieme a Caloriu) Va piglia quattru ova...Tecchia di farina...Li mpastammu e facimmu li vucciddata ccu li ficu dintra... (ride sguaiato).

(Riprende la musica).

MICHELE Forza carusi, facitivi l’urtima abballata ca sà spiddutu la festa.

PAESANI (riprendono a ballare).

CARMENA Biih!... Ca l’urtima canzuni jè, chista nni l’amma fari bona, Caloriu jamuninni a ballari (lo tira).

CALORIU Ma j’ cchi sacciu fari sti cosi... Lassami stari... Lassami stari... (ballano).

PIPPINA Cicciuzzu ora basta manciari... Va fatti sta ballata ca pua... Si spiddì... Vo abballari ccu Rosetta?

CICCIUZZU Nonzi... Ca m’arrissuru...

PIPPINA E allura vo abballari ccu la gnura Filippa?

FILIPPA Avanti Cicciuzzu, forza di dducu!

CICCIUZZU Nonzi... Ca m’arrissuru...

PIPPINA E allura ccu cù jè ca vò abballari... Cavuzza nun ci’a dittu lu senzu, s’assittà e nun s’ada arriminatu propija... J’ sugnu vecchia d’annurdini...

MICHELE Ma chi ci mintiti ntesta a stu poviru nnuccenti, chi nni sapi di fimmini e masculi...

FILIPPA Acchì! Ora mi vuliti diri ca nun sapi nenti di ssì cosi... V’ata scantari di l’acqua cheta... (con intenzione) Cicciuzzu, ma tu quannu ti mariti?

CICCIUZZU Ancora nu lu sacciu... (ride) Mi staju priparannu la ddoti...

FILIPPA Atu vistu lu birbanti e parica nun ci joca! E ccu cù  t’ha maritari?

CICCIUZZU Ancora nu lu sacciu... (ride) Tri sunu li punti: O rosetta, o Cavuzza... O don Micheli (ride, ridono tutti).

PIPPINA Ma cumu Cicciù, ti vò maritari ccu don Micheli?

CICCIUZZU  A vossija cci pari sopiddu cchì ca unu si marita... Tutti si maritanu quannu vanu criscinnu!

PIPPINA Ma sì! Cicciù, però t’a circari ‘na fimmina ppi maritariti eh! Don Micheli jè masculu...

CICCIUZZU (ride forte) Mancu vossija mi pari... Chi cci fà siddu mi maritu ccu un masculu?... Anchi la gnura Carmena jè maritata ccu un masculu... (ride, ridono tutti)

MICHELE bravu Cicciu, atu vistu chi risposti? E ora veni ccà ca ti fazzu abballari j’... Facimmuccillu vidiri cumu simmu bravi e sparti lu facimmu anchi ccu un pedi!

CICCIUZZU (ride euforico) Sii!... Ccu un pedi... J’ nn’aju dui pidi, e ccu l’antru, chi fazzu? (ridono, Michele lo tira a ballare, Cicciuzzu stenta a muovere un passo).

FILIPPA (a Pippina) Cummà, facimmunnilli sti quattru santi e cu fici fici... (balla con Pippina).

VICINZU(entra e resta in disparte a guardare).

ANTONIO (si avvicina a Rosetta).

ROSETTA Nun t’abbicinari... Mpazzica sinn’adduna mè patri!

ANTONIO Ma nzumma cumu pò essiri ca nun t’aja putiri parlari, siddu nni vulimmu beni. Pirchì nun l’amma putiri diri a tutti?

ROSETTA Ti l’aju dittu tanti voti ca mè patri nun voli pirchì tu nun ti circhi un travagliu cumu fanu tutti.

ANTONIO Ora chissa jè la scusa, lu travagliu! Ti pari facili truvarilu? E pua si nni vulimmu beni nuantri dui... Chi centra tò patri? J’ sugnu nnamuratu di tija, nò di tò patri.

ROSETTA Chi discursa sta facinnu, anchi j’ ti vugliu beni, ma nun mi puzzu mintiri contru a mè patri, tu pua, parica lu facissi apposta, cchiu nenti fà e cchiu nenti vò fari!

ANTONIO E  chissu jè lu bellu! Ppi cuminciari a travagliari c’è sempri timpu, accamora ca sugnu carusu vugliu pinzari a spassarimilla e a stari ccu tija di jurnu e... Di notti,(allude).

ROSETTA (si avvia al tavolo).

ANTONIO (la segue lentamente al tavolo).

PASQUALE (si avvicina a Cavuzza).           

CAVUZZA (a Pasquale) Lu vidi ca mi sta facinnu ummira? Chi bu?

PASQUALE  Ma pirchì si sempri accussì arraggiata? Pari ca stassi facinnu ‘na guerra ccu tuttu lu munnu.

CAVUZZA Tuttu lu munnu? Ma quali munnu ca simmu sulu quattru armi pirsi.

PASQUALE  Simmu quattru armi, chistu jè veru, ma pirsi nò! Lu vidi cchi allegrija ca c’è? Sulu tu ti tiri arrassu. Cavuzza... J’ ti vulissi fari capiri chiddu ca sintu ppi tija... Tu lu sa ca j’ ti vugliu beni... Cavuzza... M’attinti?

CAVUZZA (assente) Sintu sulu ‘na ciloma fastiddijusa.

PASQUALE  Ma pirchì mi parli accussì? J’ ti parlu d’amuri e tu mi rispunni ca jè ciloma fastiddijusa, j’ vignu ccà, abbrigugnannumi, j’, omu! di la parti ca vignu a fari ccu tija, a diriti ca ti vugliu maritari, a mintirimi a li tò pidi, e tu mi rispunni ca sinti sulu ‘na ciloma fastiddijusa... Cavuzza cavuzza! J’ nu lu sacciu socchi ti passa ppi la testa, nun ci puzzu viniri apprissu, nun ti capisciu, j’!... Aju fattu anchi troppu, quannu spiddi di fari la pazza e capisci socchi ti staju offrinnu... Veni cercami... Siddu simmu ancora ntimpu! (attende una risposta).

CAVUZZA (resta indifferente).                                                          

PASQUALE  (si allontana lentamente, va al tavolo, si versa da bere.

ANTONIO (a Pasquale) Ti sta adduvirtinnu eh? Ccu sta bella festa!

PASQUALE (guarda Cavuzza) Si Ntò, mi staju addivirtinnu.(beve).

(Finisce la musica, tutti si fermano, parlottano a gruppi).

PIPPINA (a Filippa) A Statu daveru bellu, una s’allijana li sinzii. 

FILIPPA L’avissima fari cchiu frequenti sti riunijoni, armenu ccu ssà scusa nni vidimmu tutti chiddi ca simmu, ca simmu scalijati cumu li gaddini, ognedunu ppi cuntu sò e nunni vidimmu mai.

MICHELE  (si avvicina seguito da Cicciuzzu) Atu vistu chi ballarinu ca jè stu carusu?

CICCIUZZU (ride sguaiato).

CARMENA  Jddu pari cavissi nnasciutu nzignatu e nò cuma mè maritu ca nun sapi scucchiari un pedi.

CALORIU E j' chi fa nun ti lu dissi?... Chi sacciu fari sti cosi?...

ANTONIO (in coro con Caloriu) Chi sacciu fari sti cosi?

FILIPPA (in coro con Caloriu) Chi sacciu fari sti cosi?

ROSETTA (in coro con Caloriu) Chi sacciu fari sti cosi?

(Ridono tutti).

PIPPINA  Mastru Caloriu, nun ci dati cuntu ca atu statu lu migliu di l’arquestra.

CALORIU Ngua nenti, oramai nenti cchiu... ‘na vota, quannu jera carusu... Vi l’avissi fattu vidiri j’, cumu jera alliggiatu.

CARMENA (sfottendolo) Acchì, ‘na vota abballava ‘ncapu li punti di li pidi! (ridono tutti).

PIPPINA  Vah!... Ora dammu n’arrizzittata, ca s’a spiddutu la festa, (prende una sedia) Cavuzza susiti, arriminati. (porta la sedia a casa sua).

CAVUZZA  (insofferente non si muove).

PAESANI  (qualcuno prende una sedia, altri mettono a posto le cose, qualcuno prende una scopa, tutti si adoperano per pulire).

MICHELE  Rusinè, li trasimmu li seggi, chi dici?

ROSETTA  Sissi papà, (prende una sedia la porta dentro).

CICCIUZZU (a Filippa) Nniscimmu li casci gnura Filì?

FILIPPA  Ssì Cicciù! Dunami ‘na manu d’ajutu ca pua ti dugnu du pira, (agli altri) la putija jè aperta, siddu quarcadunu nn’avi di bisugnu...

PAESANI (alcuni si siedono al tavolo, altri guardano la frutta che Cicciuzzu porta fuori).

CALORIU e CARMENA (portano fuori il desco del ciabattino, Caloriu si mette il grembiule, comincia a lavorare su una scarpa).

CICCIUZZU (grida mentre porta fuori le cassette) Pipi... Milinciani... Niuri e grussi l’aju li milinciani... Patati...

CARMENA Quantu costanu oj li milinciani? Pisatimilli quattru.

FILIPPA (prende le melanzane, le incarta, parlotta).

PIPPINA (prende dei fiori e li sistema in un vasetto alla base del Crocifisso, si fa il segno della croce).

ANTONIO (a Pasquale) Avanti ca ti dugnu  n’antra bella lezzijoni, quantu ti lu nzignu j’ a jucari a li carti, (si siede al tavolo mentre mischia le carte).

PASQUALE Nun ti fari accussì spirtu pirchi vincisti ajri, ca siddu oj nun vinciu armenu ‘na partita nun maja chiamari cchiu Pasquali, (giocano ).

MICHELE (accende due lumini che depone alla base del Crocifisso).

FILIPPA (porta caraffa e bicchieri al tavolo) Cu perdi oj?

ANTONIO E cu pò perdiri? Cchiù di jddu?

PASQUALE Joca ca ancora no vinciutu!

ANTONIO Ancora no! Ma cci vò picca.

VICINZU (si avvicina a Michele) Buonasera Michele.

MICHELE Buonasera, ma vui cu siti? Nni canuscimmu?

VICINZU Davvero non vi ricordate di me?... Neanche tu Rosetta?

ROSETTA Ma veramenti... Nun mi pari...

VICINZU Io invece vi conosco tutti, non siete cambiati per niente, (ad Antonio) tu sei Antonio, (a

          Pasquale) e tu sei Pasquale che perde sempre alle carte, (tutti, tranne Cavuzza, lentamente si avvicinano ad ascoltare) questa è la signora Filippa rimasta vedova da un bel pò di anni, questi sono mastro Calogero, in arte mastru Caloriu e sua moglie donna Carmena.

CICCIUZZU E j' cu sugnu? (ride) J’... J’... Cu sugnu? (ride).

VICINZU Me lo ricordo bene, tu sei Francesco, rimasto orfano da bambino e qui tutti affettuosamente ti chiamano...

CICCIUZZU  J' sugnu Cicciuzzu! (ride) Nun sapi nenti, mancu lu canusciu j’ a Francesco... (ride).

VICINZU Cicciuzzu, certo, Cicciuzzu, ti chiamano così, quella è la signora Peppina, e quella ragazza che io non ricordavo così bella è sua figlia Cavuzza e se volete vi posso dire i nomi di tutti gli altri, come vedete mi ricordo perfettamente di voi.

PASQUALE Ma nun jè Vicinzu?... Vicinzu Ciaramedda?...

ANTONIO Vicinzu?... Sì Vicinzu?

VICINZU Voi che dite? Sono io o no?

PEPPINA Bedda Matri, avivanu dittu ca jeratu murtu.

CALORIU  Ma si propija tu?... Mo! Fatti talijari.

FILIPPA Gua certu ca jè Vicinzu, cchi daveru nu lu canusciti?... Si tu! Veru?...

VICINZU Ma certo che sono io, chi volete che venga a trovarvi in questo paese sperduto tra i campi, fatto solo di quattro case e di una piazzetta come questa, che si chiama “Piazza Grande” e che è tanto importante da dare il nome all’intero paese.

MICHELE  (affettuosamente) Vicinzu, bravu carusu... (gli da la mano).

PASQUALE  Lu dissi j’ ca putiva essiri jddu, appena lu vitti lu strafacciavu...

CARMENA  Ma cumu pò essiri? Dicivanu ca jeratu murtu? Nn’avivamu dispijaciutu...

VICINZU Non bisogna mai dare adito alle calunnie.

CALORIU Ma pirchì parli di ssà manera, ca quasica mancu ti puzzu capiri?

VICINZU Parlo in italiano, dopo tanti anni di lontananza ho quasi dimenticato il dialetto che si parla quì, ma vi assicuro che non è un grande problema perchè vi capisco perfettamente.

CALORIU E quannu vinisti?

VICINZU Ora, sono arrivato poco fà.

CALORIU E quannu ti nni và?... Vugliu diri... Chi risti ccà?

VICINZU Per ora si!

PEPPINA Ma unni  ha statu? Di unni vini?

VICINZU Vengo da lontano, molto lontano.

MICHELE E cumu ti vinni la pinzata di viniritinni arriri ccà? Di farinni stà bella mprovvisata?

VICINZU  Ma che volete? Il paese dove si nasce si ricorda sempre, se fosse una città, magari non si ci farebbe tanto caso, perchè in fondo si assomigliano tutte, le strade, le piazze, i viali, le case,

         le botteghe... Ma il paese è un’altra cosa, a prima vista può sembrare che anche i paesi si

         assomigliano, ma infine non è così e chi c’è nato lo sà  che  non è così perchè poi ci si ricorda di un albero, di una casa che non assomigliano a nessun altro, e allora viene voglia di ritornare.

(Tutti seguono pensierosi il discorso di Vicinzu ).

MICHELE  E bravu Vicinzu, viditi chi bellu discursu, bravu... Prosita!

VICINZU E poi, mi sono ricordato di voi, che siete quaggiù... relegati dalla nascita in questa...  Piazza Grande e non  vi muovete mai e quasi non fate parte del mondo, (cenni di assenso,  mormorii) e mi sono detto: voglio andare  a fare del bene a tutta quella povera gente del  mio paese!

CALORIU Addivintasti riccu? Ti facisti ‘na posizijoni?...

VICINZU  Macchè ricco! Voi credete che il bene si possa fare solo con i  soldi?

CALORIU J' chi nni sacciu... Dicu sulu ca li grana sirbinu.

VICINZU  Se fossi stato sempre quì non sareste così contenti di vedermi come invece ora siete.Il bello di ritornare dopo tanti anni, dopo aver visto e imparato tante cose, e essere un’altra persona,  è di ritrovare tutti uguali  come allora.

ANTONIO  Ma unni jè c’a statu?

VICINZU Lontano, ve l’ho detto, lontano; anche se ve lo dicessi dove sono stato sarebbe lo stesso,  cosa ne potete sapere voi che non vi siete mai  allontanati da qua.

MICHELE  Ppi mudu di diri...

ANTONIO  (Gli porge un bicchiere di vino) Teh!  Viviti tantì di vinu.

VICINZU  (Beve) Ah!... Vino buono se ne trova dappertutto, ma questo è genuino.

FILIPPA Chistu jè sinceru ppi deveru, chistu lu facimmu nuantri...Ccà no ccattammu nenti.

VICINZU E’ buffo che dopo tanti anni tutto sia tale e quale.

MICHELE  Pirchì buffu?

VICINZU Vedete... Il mondo cammina, la gente fa strada, cambia, e voi rimanete fermi.

CALORIU   Ma unni jè ca n’avissima jri?

VICINZU  Non dico con le gambe, quelle non contano, ma con la testa, col cervello, con le idee... Qui basta guardarsi attorno e si capisce che campate ancora come ai tempi del nonno di Michele, (posa sorridendo una mano sulla spalla di Michele con aria di  protezione).

PIPPINA  Ma j’ cchi l’aju caputu  socchi vo diri, cumu avissima campari?

VICINZU Lo vedete? Non vi passa nemmeno per la mente che il mondo possa essere diverso da quello che conoscete  voi, che possa mutare.

PASQUALE  Pirchì, jè mutatu? Chi c’è di diversu?

VICINZU  Sperduti come siete qui, in mezzo ai campi, potreste essere liberi e invece vedo che siete sempre schiavi di centomila pregiudizi. Ai vostri figli insegnate quello che vi hanno insegnato i vostri genitori e così via... I bambini si tirano sù per lavorare, e una volta cresciuti... I maschi

         devono prendere moglie e le femmine devono prendere marito per poi sacrificarsi tutta la vita per tirare sù una famiglia e ricominciare da capo, non siete liberi nemmeno nell’amore.

ANTONIO  Chistu jè veru! Ccà avi propija rraggiuni.

VICINZU  Lo credo che ho ragione.

ANTONIO  (alludendo al suo caso personale) Si pirchì ... Ppi esimpiu, si a unu cci pijaci ‘na carusa e a la  carusa cci pijaci jddu... Chi fanu?

VICINZU (con aria di superiorità) Che faresti tu quando ti piacesse una ragazza?

ANTONIO  J' mi la maritassi.

VICINZU Beh! Sposarsi... E’ un pregiudizio anche questo, ma non importante! Te la sposi.

MICHELE Cumu un pregiudiziu? (guarda gli altri per raccapezzarsi).

ANTONIO Ma si chiddi di casa nun vunu?... Cumu si fà?

VICINZU  (ride di scherno) Questa è bella! Che c’entrano quelli di casa? Gli uomini nascono liberi, almeno per l’amore: si piacciono e si prendono.

CAVUZZA  (Si è nel frattempo avvicinata) Si piglianu siih! E pua quannu l’amuri passa e nun si pijacinu cchiù, la fimmina resta serba e l’omu s’addiverti ppi cuntu sò!

VICINZU Ve l’ho detto che siete rimasti al tempo dei vostri nonni.

CAVUZZA  E si pua capitassi ca mi siddijassi a mija... Lu maritu?...

CARMENA (scandalizzata) Bedda matri ma chi dici?

VICINZU  Dice bene! La donna è come l’uomo, (a Cavuzza) Quando vi fosse venuto a noia e non vi piacesse più, lo lasciate andare per la sua strada e se vi piace un altro, pigliate quello.

PEPPINA (sta per cadere) Mamma ca un disturbu m’acchiana... (paesani la sorreggono).

CARMENA Cessu... Assittativi ccà... Faciticci vintu...

FILIPPA Chissu o jè lu cori o jè lu ficatu...

CALORIU  Mpazzica sunu li rignuna?...

CICCIUZZU  (ride) Li rignuna... Cumu li gaddini... (ride)

CARMENA Finiscila di rridiri e piglia un bicchiri.

CICCIUZZU  Sissi gnà Carmè! (corre a prendere un bicchiere sopra il tavolo, beve l’acqua e gli porta il bicchiere vuoto) Ssà tè!

CARMENA  (prende il bicchiere, lo mette alle labbra di Pippina, non si accorge che è vuoto) Nni vuliti ancora?

PIPPINA  Chi?... No... Nenti cci fà... Mi sintu meglia.

FILIPPA  (a Vicinzu) E dimmi ‘na cosa... E li figli?

VICINZU  Bisognerebbe che vi facessi un discorso lungo e quando anche ve lo facessi, forse non lo capireste. Quì per esempio, i figli devono essere di tutti, del paese, capite? E’ il paese che deve pensare a loro.

FILIPPA  Cumu del paese... Li ma figli sunu mija e mi li tignu j’ e nu li dassi ppi nessuno motivu. Va viditi ora ca l’avissa mintiri ammizzu a ‘na vanedda... Nti li manu di tutti.

(Lentissima cambia la luce da diurna in notturna)

VICINZU  Ve l’avevo detto che non mi avreste capito.

FILIPPA  T’aju caputu anchi troppu! Ma si ti cridi ca ‘na matri piglia li figli e li jetta fori accussì... Ca cu li vò si li piglia, si vidi ca nun sà mancu chi vordiri aviri figli.

MICHELE  Sinti ccà, j’ nun sacciu nnè unni a statu, nnè cu t’a nzignatu sti cosi, ma j’ arraggiunu e arraggiunannu t’aja diri ca t’anu guastatu li sinzii e nun ti canusciu cchiù; ma ti parinu discursa di farisi chisti?

VICINZU  (con aria di compatimento) No Michele, vi pare di ragionare... Ma non ragionate.

MICHELE Ah! No rraggiunu?

VICINZU I discorsi che fate sono quelli che facevano i vostri nonni e voi li ripetete tali e quali, senza sapere se sono giusti o sbagliati, anzi vi dirò un’altra cosa, voi non ci avete mai rifletturo, avete sentito dire così e vi ci siete adattato perchè è comodo trovare le idee belle e fatte, senza dovervi affaticare a cercarle, come se domani, andate nella vostra terra e la trovate arata e seminata , ma provate un pò a riflettere, vi pare possibile che il mondo debba andare

         avanti, oggi, con le idee di cent’anni fà? Una volta si lavorava la terra con i buoi, oggi ci sono i trattori, una volta si usava il letame, oggi ci sono i concimi chimici e via via, se aveste continuato con le idee dei vostri nonni, oggi i campi non li potreste neanche più lavorare, (qualche paesano approva, qualcuno no, parlottano, Antonio approva decisamente).

MICHELE Ma chi c’entra, tu parli di li cosi e di li cristijani a lu stessu mudu, lu sacciu anchi j’, ca ‘na vota nun c’eranu li machini e ora ci sunu e c’è la rradiu... E tanti cosi, ma l’omu jè sempri jddu, pirchì jè l’omu ca fà li cosi e no li cosi ca fanu l’omu... Lu Signiruzzu li fici ppi chissu!

VICINZU Questa è la dimostrazione che siete pieno di pregiudizi e ripetete solo frasi fatte. Ora venite fuori addirittura con la religione, io non vi voglio dare tanti dispiaceri tutti in una volta, ma sentitemi, nel mondo ci sono centomila religioni, chi crede in una cosa e chi crede in un’altra cosa, chi si porta dietro gli amuleti, i cornetti, chi pensa che un gatto nero gli porta sfortuna, chi non passa sotto una scala...

PIPPINA Chissa jè ‘na superstizijoni.

VICINZU  avete detto una cosa giusta, superstizione, voi quì, tenete quel Crocifisso e se non lo pregate vi sembra che tutto vi vada male.

MICHELE Caru Vicinzu, senza addunaritinni ha dittu ‘na cosa mportanti, c’è cu cridi a ‘na cosa e c’è cu cridi a n’antra cosa, perciò a quarchi cosa ci cridinu tutti... Tutti cridinu a quarchi cosa ca c’è anchi si nun si vidi e di ‘na manera o di n’antra, s’arriva sempri a Dio. J’ nun mi sacciu spiegari beni pirchì sugnu troppu gnoranti, ma dicimillu tù, cu jè ca nni nzigna a no rrubbari, a nun fari e sfari li famigli cumu vulissi fari tu? A nun purtari li nostri figli a fari li fugliamari, cu jè ca nni lu nzigna?

VICINZU Il cervello vi insegna a fare quello che è giusto, e la superstizione vi fà fare quello che non dovreste, ma datemi retta, queste sono le idee che vi hanno messo in testa da bambini, voi, caro Michele dite che siete ignorante e in confronto a chissà chì... Sono ignorante anch’io, ma la scienza le spiega tutte queste cose.

CALORIU  Ma a chi serbi ca nni mintimmu a custijoni ppi sti cosi, tu dicisti ca vinisti ccà ppi farinni beni, parlammu di chissu... Chi nni purtasti?

VICINZU (stupito) Che vi ho portato?... Ma di tutto quello che vi ho detto fino ad ora non avete capito nulla?

CALORIU  (imbarazzato) Si... L’haju caputu...

VICINZU Vi ho portato questo, il progresso, le idee nuove che quì, in questo paese solitario, possono valere più dell’oro e vi pare poco?

ANTONIO  A mija mà pijaciutu, ha parlatu bunu, tuttu tuttu nun l’haju caputu, però ha parlatu bunu.

MICHELE  (a Rosetta) Rosetta, jamuninni jntra, ca ccà mi pari ca avissa rrivatu lu dijavulu.

ROSETTA  (risentita) Sih!... Lu dijavulu, chi ha dittu di mali?

MICHELE  Chi ha dittu di mali eh? Avissa essiri propija un bellu munnu di ssà manera... Propija un bellu munnu... Jamuninni jntra...

ROSETTA (sgarbata) E vignu... Vignu... (esce)

MICHELE  Propija un bellu munnu avissa essiri... (esce).

PAESANI  (si allontanano, escono). 

CALORIU e CARMENA  (mettono dentro il desco del ciabattino).

FILIPPA (a Cicciuzzu) Cicciuzzu trasimmu sti casci, (porta dentro le cassette della frutta, porta sul tavolo due bicchieri e una caraffa).

CICCIUZZU Sissi gnura Filì, (ride, porta dentro le cassette della frutta, grida) La putija di lu vinu jè aperta... La putija jè aperta...

PASQUALE  (ad Antonio) Vah! Allura nni vidimmu cchiu tardu... Mi vaja pigliu un muzzicuni e vignu arriri, (esce).

PIPPINA  J' m’arritiru ca lu friscu mi stà trasinnu nti l’ossa, aju li carni arrizzignati... Cavuzza cuminciu a priparari quarchi cosa di manciari, nu stari assai,(esce).

CAVUZZA Ora vignu.

CALORIU  Carminè jamma manciari ca pua cchiu tardu nniscimmu arriri ca nn’assittammu a lu friscu, cchì  avimmu di manciari stasira?...

CARMENA  Oi scallavu tanticchia di cicurijuni, ora lu calliju ccu tuttu lu vrudu, accussì cì abbuddammu lu pani,(a Filippa) stasira nni manciammu ‘na cosa liggiulidda... Pirchì oj... Una cumina certi opri... Ccu mè maritu, cuntrastavamu e ppi farinni ‘na froscia, nni misimu rumpi e minti, rumpi e minti... Cumu ammu jutu a rumpiri cchiù di tri ova, nni vada veni ‘na froscia... Ca mancu nni la puttimu manciari tutta, ija! Na mità oj e na mità dumani, chi diciti vu? La putiva jttari? Vah! Nni vidimmu cchiu tardu, arrivederci,(escono).

FILIPPA  J' sugnu ccà, quannu vuliti viniri viniti, arrivederci, (entra nella sua bottega).

CICCIUZZU  J' midemma sugnu ccà... Quannu vuliti viniri viniti... (ride) J’ magguacciu ccà... (ride, si accovaccia in un angolo).

ANTONIO  (a Vicinzu) Perciò si a unu cci pijaci ‘na carusa...

VICINZU Rosetta!

ANTONIO  Cu ti lu dissi?

VICINZU  Nessuno.

ANTONIO  E cumu fà a sapirilu?

VICINZU  Caro mio, a girare il mondo, s’impara a vedere tutto con un’occhiata, se ti piace Rosetta, pigliatela, se la vuoi sposare, sposala, se nò pigliatela lo stesso.

ANTONIO  Ma sò patri nun voli.

VICINZU  Ma che importanza ha? Quello che importa è che tu la vuoi e lei ti vuole.

ANTONIO Ti lu dissi jdda?

VICINZU Ma no, lei non me lo ha detto, ma si capisce, e se te lo dico io... Ti puoi fidare.

ANTONIO Vicinzu... Sinti... J’ staju jnnu a manciari, siddu vò viniri ccu mija...

VICINZU No grazie, per ora bisogna che stia solo, non voglio fare del male a nessuno.

ANTONIO Cumu male? Cchi male?

VICINZU Hai visto che sono andati via tutti? Hanno paura di me, di quello che ho detto, credono che mi sia entrato il diavolo in corpo e se ora io venissi a casa tua, domani te lo rinfaccerebbero, vai, vai a mangiare e bevi alla mia salute, io mangerò qualcosa quà, dalla signora Filippa.

ANTONIO Sinti... Mi dispijaci... Ma siddu...

VICINZU Vai, non preoccuparti, ci vediamo dopo.

ANTONIO Allura nni vidimmu cchiù tardu, (esce esitante).

VICINZU (si siede al tavolino, vede Cavuzza, la guarda senza parlare, lei lo guarda).

FILIPPA (entra, posa bottiglia e bicchiere, ne versa un poco per Vicinzu, posa un piatto di minestra sul tavolo,quindi a Cicciuzzu) Cicciuzzu manciati sta minestra, vidi siddu ti pijaci e siddu jè giusta di sali, (esce).

CICCIUZZU Sissi gnura Filì, mi pijaci... Mmih! Ca mi pijaci, (si siede al tavolo e mangia avidamente).

VICINZU (alza il bicchiere verso Cavuzza, come per dire: alla salute) Ti piacerebbe vedere il mondo?

CAVUZZA Nu lu sacciu! Mancu lu canusciu! E tu l’a vistu tuttu lu munnu?

VICINZU Non tutto, quasi tutto.

CAVUZZA E pua vinisti a finiri ccà... Cchi cci vinista fari nti st’agnuni di munnu?

VICINZU Non lo so, è come se una voce mi avesse chiamato quà, ora capisco che dev’essere stato il destino a farmi venire, per farmi incontrare con te.

CAVUZZA (ironica) Eh! Propija...

VICINZU Perchè? Non potrebbe essere?

CAVUZZA Tuttu putissi essiri, e pua?

VICINZU E pua! Che significa? Poi sarà quello che sarà, io di tutte le storie d’amore credo soltanto alla fine e la fine è sempre la stessa.

CAVUZZA A si?... E quali jè la fini?

VICINZU Io a te non lo posso dire, ognuno lo sà per se e poi mi pare che tu sai benissimo dove vuoi arrivare... Se l’apparenza non mi inganna.

CAVUZZA Pirchì? Cchi apparenza aju?

VICINZU Di ragazza senza superstizioni e pregiudizi.

CAVUZZA Ma tu cci l’a ccu ssì superstizijoni e ssì pregiudizii.

VICINZU Perchè sono la dannazione del mondo e mi hanno sempre tagliato la strada, le convenienze, i riguardi, tutte superstizioni; le ragazze hanno voglia di amare e non amano per paura degli altri, della gente, perchè hanno sempre sentito dire che non si deve, se prima non hanno preso degli accordi, il fidanzamento, il matrimonio e così via... Non sono tutte superstizioni? Ci credi anche tu a certe cose?

CAVUZZA J' no!

VICINZU Allora mi piaci anche di più, io sono per la gente franca, che bada solo ai fatti suoi e non a quello che impongono gli altri. Quando sono andato via da quà, ero come un burattino e chiunque poteva tirare un filo e farmi muovere come voleva, non provavo nemmeno più gusto

         a campare e quando mi sono trovato in mezzo a gente che non conoscevo, mi sono preso di coraggio, che diritto aveva di comandarmi la gente che non avevo mai visto, da allora gli altri, per me, non sono mai più esistiti e mi ci trovo così bene, in questa situazione, che cerco di convincere gli altri... Ma tu mi pare che non hai bisogno di essere convinta.

CAVUZZA J' patruna nunn’aju.

VICINZU Non hai neanche un’innamorato?

CAVUZZA Di chissi... Nni putissi aviri quantu je jè, ma j' nunni vugliu.

VICINZU Perchè non ne vuoi?

CAVUZZA Pirchì appena cci dicissi di si, addivintassiru jddi li patruna e j’ vugliu essiri sempri libbera.

VICINZU Mangerò un boccone quà, dalla signora Filippa, vuoi cenare con me? Mi fai compagnia!

CAVUZZA J' dducu nun ci vignu, vini tu, a manciari intra nti mija.

VICINZU Ma... tua madre... Forse non gradisce la mia presenza.

CAVUZZA Jntra nti mija fazzu socchi vugliu j’, allura vò viniri? (si alza lentamente, lo guarda, entra incasa sua).

VICINZU (sorride) Con piacere, (entra in casa di Cavuzza).

CICCIUZZU (guarda tonto).

FILIPPA (esce, prende bottiglia e bicchiere).

CICCIUZZU Vo viniri jntra nti mija? Ca cumannu j’!... J’... J’ cumannu? (ride).

FILIPPA Ma chi ridi? Chi talii sta genti? Senza nessuna rissura e vrigogna e senza timuri di Ddì... Ca sunu scunzulati... E lu Signiruzzu l’abbannuna; e siddu tu và apprissu a sta genti, abbannuna anchi a tija, (esce).

CICCIUZZU (rimane solo, spaurito, si guarda intorno come cercando aiuto, vede il Crocifisso, si avvicina lentamente, timidamente si toglie il cappello, si inginocchia, si fà il segno della croce e scoppiando in singhiozzi si abbandona su se stesso.

FINE  1°  ATTO

 

 

ATTO  2°

(Stessa scena del primo atto, non c'è il Crocifisso)

PAESANI (alcuni seduti attorno al tavolo dove giocano a carte, altri guardano la frutta, altri passano).

PASQUALE e CALORIU (seduti al tavolo giocano a carte).

FILIPPA (aggiusta le ceste della frutta).

CARMENA (parlotta con Filippa).

PIPPINA (entra, stende dei panni poi esce).

CARMENA (a Filippa) Cummà, Nota diri stì cosi mancu ppi sgrizzari.

FILIPPA Bedda matri ca nu li vulissi mancu pinzari, pirchì mi pari ca stassi pinzannu ‘na bastemija, ca di quannu mi murì mè maritu, nun vi puzzu diri quantu chianciri maju fattu, ma ora, ammeci mi staju addunannu ca forsi fù migliu ca murì, pirchì siddu forra ancora vivu e s’avissi stracanciatu cumu anu fattu tutti... Astura vasapiti la bbili c’avissi...

CARMENA Mamma chi ‘mperni... Fù di quannu ficiru spriri lu Crucifissu ca nunni puttimu vidiri cchiù tantì di lustru.

FILIPPA Tutti ca si sciarrijanu unu ccu n’antru... Travagliu nunni vò cchiù nuddu...

CARMENA Ora di quant’avi ca chiovi, la china ca cala e si sta trannu tutti cosi... Cumu pò essiri ca passijanu tutti e nun ci ntaressa nenti a nuddu... E chisti dui, assittati ca jocanu... V’avissiva bbrigugnari... Caloriu va dunacci ‘na manu d’ajutu!

CALORIU E chi sugnu viddanu j’? Chi nni capisciu di tirrena, j’ sugnu scarparu.

CARMENA Scarparu e lagnusu.

PASQUALE A mija nenti mi la fà la china, li ‘ma tirrena sunu a li rocchi, sunu cchiù  ncapu, ddà la china nun ci pò arrivari.

FILIPPA Ora nò!... Nun si pò arraggiunari cchiù, ccu nuddu.

CARMENA Siddu armenu sapissimu cu fù, ca fici spriri lu Crucifissu...

FILIPPA Chi vuliti sapiri... Si nni j’ lu Signiruzzu e arrivà lu dijavulu.

CALORIU Li discursa di li fimmini sunu sempri li stessi, (ride).

PASQUALI A mija, socchi dicinu li fimmini, di ccà mi trasi e di ccà mi nnesci, (ride mentre indica le orecchie).

ROSETTA (entra, sciatta trascurata, indolente, si rivolge a Filippa) Datimi un pizzu di ssà cucuzza.

FILIPPA Ma certu Rusinè, cucuzza duci cumu lu meli, ora ti nni tagliu un bellu pizzu, cumu stà dda crijatura?

ROSETTA (alterata) Chi vi ntaressa?

FILIPPA (stupita e mortificata) Ti spijavu accussì...

ROSETTA E j’ vi rispunnu accussì!

CARMENA Rosetta, gneca ti vulivamu offenniri...

ROSETTA (aspra) Pirchì m’aveda offenniri? Vi pari ca m’abbrigugnu ca aju ‘na figlia senza aviri lu maritu?

FILIPPA No Rusinè, gioja, e cu ti dici nenti...

ROSETTA A vossija lu maritu cci murì e a mija mi lassà e sinni j’ e simmu paru.

CARMENA (conciliante) Ma nun ti dissi nenti di mali...

CAVUZZA (entra, si siede davanti la sua porta, guarda indifferente).

ROSETTA E già! Nuddu mi dici nenti di mali, ma tutti mi talijanu ccu tantu d’ucchi, cchi vi pari ca nun mi nn’addugnu?

FILIPPA No, Rosetta, no, j‘ nun ti taliju accussì, ma cumu?... Ti vitti nnasciri, ti tinni tanti voti mbrazza, avivamu tanta amicizija ccu la tò povira matruzza...

ROSETTA (alterata) Chi c’entra ora mè matri? Pirchì mi parlati di mè matri ca jè morta? (piange).

CARMENA (gli prende affettuosamente una mano tra le sue) Povira piccilidda...

ROSETTA Lassatimi jri... Lassatimi jri... (scappa a casa).

CARMENA Povira carusa, cumu jè arridduciuta, di quannu ddu vastasu di Antoniu la lassà, nun si canusci cchiù.

FILIPPA Jera un sciuri.

CARMENA E ddu poviru omu di sò patri, ca sta nvicchinnu prima di lu timpu...

PIPPINA (esce ) Vasà ccu stu timpazzu ddi quattru brucculi ca chiantavu, siddu ci sunu ancora o si la tiratu la china, vugliu jri a vidiri.

FILIPPA Misiricordija! Unni jti ccu stu timpu... Dativi accura.

CARMENA  Nun vi cci abbicinati!...

PIPPINA  Mai! J’ mi scantu... Li taliju di luntanu, (esce dall’arco grande).

CALORIU (smette di giocare) Vah! Vidimmu di dari dui curpi a li soli di stì scarpi (prende delle scarpe dal desco, comincia a lavorare).

FILIPPA A Ccù l’aja vinniri tutti sti cosi... Mah!

PASQUALE  (Si alza, si avvia, passa vicino a Cavuzza, la guarda con scherno).

CAVUZZA (a Pasquale) Nun mi saluti cchiù?

PASQUALE  T’aja salutari ogni vota ca ti viju?

CAVUZZA  Pirchì? Nun pò essiri?

PASQUALE  Nun ci nnè bisugnu! Ti lu scurdasti ca ‘na vota ti siddijavi sulu a lu talijarimi?

CAVUZZA ‘Na vota jera ‘na vota e ora jè ora, tutta n’antra cosa.

PASQUALE  Si, n’antra cosa daveru, ti facisti alloppijari di Vicinzu...

CAVUZZA  A mija nun m’alloppija nuddu, mi pijaci jri di unni mina lu vintu... Ma pua quannu lu vintu passa... Nun mi pijaci cchiù!

PASQUALE Cavuzza, nun fari accussì ccu mija... Nun jucari a lassa e piglia ccu mija.

CAVUZZA  Cu ti dici ca staju jucannu?

PASQUALE  Lu sa ca m’a pijaciutu sempri e anchi ora mi pijaci, ma guai siddu ti vò addivertiri a li mè spaddi; perciò pensacci deci voti, primu, a socchi dici.

CAVUZZA Nunn’aju nenti di pinzari, tu lu sà cumu sugnu fatta, all’amuri eternu nun ci criju e quannu dicu basta... Jè basta.

PASQUALE E a Vicinzu cci l’ha dittu?

CAVUZZA  Ancora no! Ma cci lu dicu, o... Ti scanti?

PASQUALE  Mi scantu? E pirchì m’avissa scantari?

CICCIUZZU  (Entra dall’arco grande, piange porta una zappa).

MICHELE  (Entra dietro Cicciuzzu) L’acqua jè anta tanta... La china si stà trannu tutti cosi.

FILIPPA  Bedda Matri chi rovina... (a Pasquale) Ma pirchì nun ci va dduni ‘na manu?

PASQUALE  (cinico) J’ li mè tirrena l’aju ‘ncapu li rocchi e ddà la china nun ci’arriva.

MICHELE  E chi significa? Pirchi nunn’a  danni tù, no jutari a l’antri?... Pirchì, nun si usa cchiù, ca nn’amma jutari unu ccu n’antru?

PASQUALE  E pirchì nun ci và vossija?

CARMENA Vergogna! Vergogna ppi tija e ppi ddu lagnusu di mè maritu, (esce).

CALORIU Ora vulissi sapiri... Chi cci trasu j’? Ah!

MICHELE  Certu ca cci vaju, ccu chisti pochi forzi ca aju, cci vaju lu stessu... Li vicchi vi nzignanu cumu si usa, (si avvia).

ROSETTA  (esce da casa, trattiene Michele) No papà, no!  Contru la china nuddu pò fari nenti.

VICINZU  (esce dalla casa di Cavuzza, si avvicina al gruppo).

CARMENA  Jè lu castiju di Ddì!

VICINZU  E già! Pirchì cala la china jè lu castiju di Ddì! Cchi cci vuliti fari?... Sunu disgrazzii.

MICHELE  Nu bastimijari tu! Nu bastimijari ca nn’a fattu abbastanti di mali.

VICINZU  J'?... Vuliti vidiri ca siddu ora cala la china jè curpa mija?

MICHELE  Noju dittu chissu... Noju dittu, j’ sacciu sulu ca quannu l’umini lassanu li nzignamenti di lu Signiruzzu addiventanu cumu l’armali... Cumu simmu nuantri ora ccà... Tutti cumu li bestii... E tu si lu primu!

ROSETTA  Papà, vossì trasi jntra, ssì si veni arricogli, (lo conduce a casa, esce).

MICHELE  (si avvia) Tu si lu primu... Avimmu li mperni ccà... (esce).

CARMENA Vergogna! (esce).

VICINZU  Bah!... (scrolla le spalle, a Cavuzza) E tu cchì fà ccà? Camina jntra!

CAVUZZA  No!

CICCIUZZU  (ride sguaiato).

VICINZU  Chi vordiri no! T’haju dittu di jritinni jntra.

CAVUZZA  Addivintasti surdu? T’aju dittu di no! Enni o... Va bbeni?

CICCIUZZU  (ride forte).

VICINZU  (a Cicciuzzu) E vatinni tu, prima ca ti dugnu ‘na mmuccata.

CICCIUZZU  (scappa spaventato verso la bottega del vino, prima di entrare si gira, fa una risata forte ed esce di corsa).

VICINZU  Cchi discursu jè chistu?

CAVUZZA  Nun jè un discursu, jè un fattu!

VICINZU Chi vordiri ca jè un fattu? Ti staju dicinnu di jritinni intra, mpazzica fà pigliari friddu a nostru figliu, prima ancora ca nnasci.

CAVUZZA  Datuca nun pò camannari a l’antri, vulissi cumannari a mija? Ti sta sbagliannu... Tu a mija nun mi pò cumannari, tu cchi ssì ppi mija?

VICINZU  Cumu???

CAVUZZA  Si ppi casu mè maritu? No! E allura cchi bu? Simmu libberi e si ti dicu basta, vordiri basta, ognunu ppi cuntu sò.

VICINZU  Cumu?

CAVUZZA  Mi lu dicisti tu stessu ca quannu unu si stancava di l’antru lu lassava.

VICINZU  Certu ca lu dissi, ma cci sunu casi e casi... E ora tra nuantri dui cc’è anchi lu figliu ca ada nasciri.

CAVUZZA  Chissu nun avi mportanza! Li figli sunu di tutti, sunu di lu paisi!

VICINZU   Ma chissu pò essiri quannu li cosi cancianu, accamora ca cci sunu tutti sti pregiudizzii, li figli sunu di cu li fà.

CAVUZZA  Accussì li pregiudizzii nun passanu mai, cci’ada essiri un figliu ca ada  cuminciari a essiri di tutti... Sarà chistu! (indica la sua pancia).

VICINZU E j'  t’avissa permettiri ca tu passi di n’omu a n’antru omu? E allurdari accussì a mè figliu, ancora dintra a la panza... Pirchì j’ t’aju caputu, si tu arraggiuni accussì, jè pirchì ora ti pijaci quarchi antru.

CAVUZZA  Cci’arrivasti finarmenti, mi pijaci n’antru e mi lu pigliu, tu lu dicisti! Ti lu scurdasti? Cci lu dicisti anchi a Antoniu: si ti pijaci Rosetta, pigliatilla, chiddu si la piglià, cci fici fari ‘na figlia e sinni scappà; tu parli di ‘na manera e fà li fatti di n’antra manera, anchi a parlari t’ha canciatu, arrivasti ccà, tuttu ca t’allurdavi a parlari italianu e ora parli lu dijalettu cchiu ncarcatu di tutti e pua, j’, a tija nun t’aja renniri cuntu di nenti, accussì t’aju dittu e accussì sarà, puntu e basta.

VICINZU  Ma daveru? Piccatu ca  sta cosa l’amma decidiri tutti dui... Penzala cumu vù, pua vidimmu.

CAVUZZA  Ti cridi ca mi scantu?

VICINZU Allura simmu dui ca nunni scantammu.

PASQUALE  (si avvicina in atteggiamento di sfida) Simmu tri! Ca nunni scantammu.

VICINZU  Ah!... Migliu... Tra nuantri umini nni la vidimmu migliu... Ma ora nun jè lu mumentu!

PASQUALE  Sugnu a tò disposizijoni, quannu mi vò parlari veni cercami, abbastica.. Nun ti lu scurdi, o fà finta di scurdaritillu.

VICINZU  (ha uno scatto, ma subito si riprende) Ti vigna circu, nun ti scantari ca nun mi lu scurdu.

CAVUZZA  (Lentamente rientra a casa sua).

CALORIU Malidittu timpazzu, si stà trannu tutti cosi, aja vidiri cchi nn’amma manciari tutta sta virnata.

CARMENA  (entra).

PAESANI (si avvicinano).

PASQUALE  Socchi jè di unu, jè di tutti, chistu nni diciva lu majstru, (allude a Vicinzu) e siddu nuantri novimmu nenti... Nni li facimmu dari di cu cci l’havi.

CALORIU  E cu jè ca cci l’havi?

PASQUALE  Don Micheli! jddu avi li ddammusa chini e nni l’ada dari, pirchì sannò nni cci li pigliammu di preputinzija.

FILIPPA  (entra).

CALORIU  Certu... Jddu nun pò aviri tutti ssì cosi e nuantri amma muriri di fami.

CARMENA  A chistu v’ata rridduciutu... Vulissivu jri a rrubbari jntra nti don Micheli?

CALORIU  Tu statti muta, ca chisti sunu discursa di umini.

FILIPPA  Nun c’è bisugnu ca vi faciti vidiri accussì umini, pirchì don Micheli ha sempri aiutatu a tutti quannu ha pututu e anchi ora siddu cci nni sarà bisugnu, nun si lu farà diri mezza vota.

VICINZU Sintiti... La signura Filippa  avi rraggiuni, nun putimmu iricci a rrubbari li cosi a ddu poviru vicchiu... ‘na manu d’ajutu sicuramenti nni la duna... Cchiutustu... (a Pasquale) li tò tirrena sunu ‘ncapu li rocchi, la china nun ci’a fattu nenti... Chissi tirrena nn’ana dari a manciari a tutti, socchi s’arricogli jè di tutti.

PASQUALE  Socchi s’arricogli jè di tutti... Anchi tò! C’è sulu ‘na cosa, ca nun t’haju vistu mai a jri a zappari nti li mè tirrena e nun t’haju vistu mai a jri a putari l’aulivi o a jri a spilligrari la vigna...

VICINZU  Chissu nun vordiri nenti, ora jè mumentu di bisugnu!

PASQUALE  Ccu mija v’atu sbagliatu a fari li cunti, nun c’è nenti ppi nuddu... Ammeci a tija, (a Vicinzu) ‘na cosa ti la vugliu dari ora stessu, (gli salta addosso, litigano furiosamente, tutti fanno rumore, cercano di separarli).

CICCIUZZU (gira in tondo, grida, ride, fa confusione).

MICHELE  (entra) Firmativi, chi siti pazzi... Basta... (si frappone in mezzo).

CAVUZZA (entrata all’inizio della lite, guarda indifferente, quando tutto finisce rientra in casa).

PASQUALE  Nni vinni a purtari lu beni, avivama essiri tutti libberi... Ammeci nni purtà sulu disprazijoni.

CALORIU Anchi ccu vuantri amma cummattiri, cumu siddu nun vastassi la china, (a Vicinzu) Malidittu lu jurnu ca vinisti ccà.

VICINZU  Ma chi jè curpa mija si c’è la china?... Vasà quantu ccinn’anu statu prima d’ora.

(Lentissima cambia la luce da diurna in notturna).

MICHELE  Si! Veru jè, ccinn’anu statu sdilluvii ca anu purtatu spavintu... E l’urtima, tri anni avi ora, vi l’arricurdati... (lentamente tutti fanno cerchio intorno a Michele per ascoltare) L’acqua cadiva pisi pisi... E vada cala ‘na china cumu nunn’avivamu mai vistu accussì... E nuantri senza putiri fari nenti... la talijavamu di luntanu mentri si trascinava li lavura, li favati,

         li finajti... Talijavamu di luntanu l’acqua ca si purtava   lu nostru travagliu di n’annu, lu nostru pani assiduratu… Ccì stittimu tutta la jurnata ppi vidiri si putivamu arricogliri quarchi cosa, quannu la sira nn’arricampammu... Jeranu tutti ccà, li fimmini e li carusi ca nn’aspittavanu e nni talijavanu scunzulati cumu siddu apprissu a nuantri, arrivavanu li tabbuta ppi tutti... E mentri jeramu ccà, ca nun sapivamu cchi fari, ddà bonarmuzza di tò matri, (a Pasquale) la zì Cuncetta, si misi nghinucchiuni davanti a lu Crucifissu e cumincià a cantari la Sarbi       Rriggina... Tutti, quantu jeramu, cadimmu nghinucchiuni a cantari la litanja... Ma chi cantari... Si sintivanu sulu chianti e rucculi.... e nuddu si jttà a malidiri pirchì tutti avivamu la spranza, sissignuri, avivamu la spranza ca lu Signiruzzu nunn’abbanunava... E la virnata la passammu cuma tutti l’antri virnati e nuddu murì di fami, (a Vicinzu) tu nun mi cridi, pirchì tu, nun cridi e jddi si dunanu ppi pirsi, ca sunu senza spranza, pirchì tu cci la livasti, ma a mija no, a mija no, j’ ti pirdunu anchi a tija, anzi mi fà pena pirchì la spranza ca lu Signiruzzu nun mi lassa, l’haju ancora! E anchi si lu Crucifissu ccà, (indica la mensola vuota) nun c’è cchiù, j’ la spranza l’haju ancora pirchì jntra nti mija prigu sempri, (si allontana fiero, si siede al tavolo).

PAESANI (si allontanano).

FILIPPA  L’AvirMarija jè, migliu ca arritiru tutti cosi... Cicciuzzu va sona la campana ca jè l’AvirMarija.

CICCIUZZU  Sissi gnà Filì, (ridendo comincia a suonare la campanella appesa al muro, poi lentamente fino a smettere quando vede entrare Pippina triste).

PIPPINA  (entra dall’arco grande) Tutti cosi si stà trannu la china, fina ‘ncapu li rocchi ada rrivatu.

PASQUALE  ‘Ncapu li rocchi? Unni aju li tirrena j’? E si mi si porta l’armali? (corre fuori dall’arco grande).

PIPPINA  Signiruzzu scanzatinni, nun si cci pò cridiri cchi timpesta, (entra in casa).

CARMENA Caloriu, arritirammu ssì stigli, tantu ccù stù timpu nun c’è bisugnu ca travagli fina tardu.

CALORIU  Si si, travagliu accamora nni stammu facinnu sopiddu quantu, (portano dentro il desco del ciabattino).

FILIPPA Cicciuzzu ajutami.

CICCIUZZU  Sissi gnà Filì, (portano dentro le cassette della frutta).

MICHELE  Vicinzu!

VICINZU  Cchi c’è?

MICHELE  Sinti ccà, mentri nunni senti nuddu... Ti vuliva parlari... J’ ti criju migliu di cumu parli.

VICINZU  Nzumma cchi bò?

MICHELE  Ppi mija nenti, ma ppi l’antri... Lu vidi cumu jè arridduciutu stu pajsi? Ognedunu arraggiuna ppi cuntu sò, socchi jè giustu ppi unu jè sbagliatu ppi n’antru, datuca nuddu vò renniri cchiù cuntu a un judici, lu stessu ppi tutti, prima jeramu tutti amici, ora nun c’è cchiù onestà, onuri, carità... Nnè rispittu nnè vrigogna, pari ‘na stadda d’armali.

VICINZU  Vò diri ca jè curpa mija?

MICHELE  Vugliu diri ca siddu lu vò fari, pò rimiddijari a tutti cosi.

VICINZU  Vossì senti ccà, l’haju lassatu parlari ppi rispittu a la so età, ma ssì mi spijega beni, cchi vò di mija?

MICHELE Nun parlari accussì ccu mija, nun c’è d’abbrigugnarisi, ora nun ti senti nuddu, parla sulu ppi mija.

VICINZU  Però ancora nunn’aju caputu chi bò di mija.

MICHELE  Vicinzu, j’ di tija nun pretinnu nenti e mancu ti puzzu chiediri di rinigari tuttu socchi ha dittu e ha fattu, ma lu stessu ti vugliu chiediri di jritinni... Vatinni di stu pajsi.

VICINZU (beffardo) E pirchì mi nn’avissa jri?

MICHELE  Ppi dari la paci a tutti e anchi ppi tija, ora tu ccà ti cci truvi mali e nu lu sà mancu tu, cumu nnesciritinni di stà situazijoni.

VICINZU  Ma di quali situazijoni sta parlannu vossija?

MICHELE Lu vidi anchi tu quali jè la situazijoni unni t’a mpilatu e unni a fattu mpilari a tutti, nu lu nigari, dumani vada finisci ca ti li truvi tutti contru e no sapiri cumu putiriti sgradagliari pirchì nunn’anu cchiù lu llimmitu... Siddu tinni và, a picca a picca cumincerannu arriri a pinzari ccu la propija testa, cumincerannu a capiri arriri unni jè lu beni e unni jè lu mali... E anchi tu, luntanu di ccà ti sintirai cumu siddu t’avissi libberatu di stu cuculuni ca ti purti ‘ncapu li spaddi.

VICINZU  (cupo) Nu lu puzzu fari.

MICHELE  Cci’à statu tantu timpu luntanu, cchi ti pò significari.

VICINZU  Si j' minn’avissa jri, avissa lassari a Cavuzza... E pua ora ca aspetta un carsiddu... Nu li puzzu lassari.

MICHELE  (riflette) Chistu jè giustu... Ma ti pò purtari a Cavuzza.

VICINZU  Ssi senti ccà, don Michè, vossija mi fà parlari ca mancu vulissi parlari, ma oramai ammu trasutu a discursu e s’ada speddiri... Cavuzza nun ci vò viniri ccu mija... E j’ sugnu nnamuratu di jdda... J’ dicu ca jè ppi lu carsiddu ca ada nasciri e anchi chissu jè veru, ma jè jdda, ca nun vugliu lassari... E jdda ccu mija nun ci vò viniri, m’a caputu? Vossija ssi nun mi dici di jriminni.

MICHELE (scosso e pensoso come parlando a se stesso) Quantu cosi ca parinu sbagliati nti lu munnu pua sunu giusti, siddu dui si vunu beni e si maritanu, doppu l’amuri di li persuni cci veni l’amuri ppi la famiglia, ma dui ca si mintinu nsimi sulu pirchì s’anu pijaciutu, sunu cumu du cani nchiusi ntra ‘na gaggia, senza putiri nnesciri... Ti capisciu Vicinzu, ma sugnu sicuru ca siddu ci minti la bona vuluntà, a quarcadunu cci pò fari grapiri l’ucchi; tu cci’a nzignatu a pinzari di n’antra manera, ora tutti sonnanu a ucchi apirti e sulu tu li pò sbugliari... J’ sugnu vicchiu, aju un pedi nti la fossa e nun sugnu capaci di odijari a nuddu... Vicinzu, j’ ti criju un bravu carusu... (rimane un momento con una mano sulla spalla di Vicinzu poi lentamente si allontana, entra in casa).

VICINZU (rimane pensoso un poco, va verso la casa di Cavuzza, si ferma, guarda in giro lentamente, cauto per non farsi scorgere va verso l’arco grande, si guarda intorno, esce, si sente una musica dolce che va in crescendo, si affaccia per guardare se c’è qualcuno, retrocede senza voltarsi, scompare, la musica è forte, riappare portando il Crocifisso su una

         spalla, lo solleva, lo colloca al suo posto sopra la mensola, la musica è fortissima, si assicura che non ci sia nessuno, entra in casa di Cavuzza,  la musica si abbassa).

(Lentissima cambia la luce da notturna in diurna, canta il gallo).

 FILIPPA (entra, guarda il cielo) Cicciuzzu, Cicciuzzu nniscimmu li casci.

CICCIUZZU  (entra assonnato) Sissi gnà Filì, (rientra, prende una cassa, esce, vede il Crocifisso e resta bloccato).

FILIPPA  Forza Cicciuzzu ca si fici tardu, (lo vede immobile) Cicciuzzu cchi facisti? Ti cuddasti un

          manicu di scupa? (vede il Crocifisso) Gesù Giuseppi e Marija, (si fa il segno della croce, grida) Cummari Carmena... Cummari Carmena... Lestu curriti... Donna Pippina... Curriti tutti...

PAESANI  (accorrono, qualcuno si fa il segno della croce).

CARMENA (entra) Cchi succedi? Cchi jè la china?... (vede il Crocifisso) Bedda Matri.

PIPPINA (entra con un lumino che depone alla base della mensola) Ma cu lu purtà?

FILIPPA  E cchi vi puzzu diri? Quannu grapivu la porta lu truvavu ccà.

ROSETTA  (si affaccia e resta commossa a guardare, altra gente entra).

CICCIUZZU  J' lu vitti... (contento lo dice a tutti) J' lu vitti... J' lu vitti...

FILIPPA  Sì, tu lu vidisti.

CAVUZZA  (entra e resta in disparte a guardare).

CARMENA  J' dicu ca fù don Micheli.

FILIPPA  Cchiu di jddu nun potti essiri, ma ora cumu lu vinu a sapiri Vicinzu e l’antri... Sunu capaci ca si la scuttanu ccù ddu poviru vicchiu.

PIPPINA  (risoluta) Sintiti cchi vi dicu, quannu lu livaru, lu ficiru a la mmucciuni e nun ci puttimu fari nenti, ma ora nu lu levanu cchiù di ccà, ca vi lu dicu j’, a custu ca cci facimmu la posta notti e jurnu, (cenni di assenso di tutti).

FILIPPA  Cci stammu tutta la notti, ma di ccà nu lu leva cchiù nuddu.

CARMENA  Siddu quarcadunu s’azzarda... Cci li cafuddu ntesta ccu ‘na scupa, (tutti commentano contenti, c’è brusio).

CALORIU (entra, stupito) Lu Crucifissu? E di unni veni?

CARMENA (minacciosa) Cchi ha di diri tu, ah!

CALORIU Nenti, diciva accussì...

CICCIUZZU  (ride sguaiato).

FILIPPA  Cchi rridi tu? Nun ridiri e saluta a Gesù.

CICCIUZZU  (si avvicina timoroso al Crocifisso, si fa il segno della croce).

CARMENA (a Caloriu) E tu nun ti lu livi lu tascu?

CALORIU (incerto si toglie il berretto) Si... Si...

PASQUALE  (entra, guarda stupito).

VICINZU  (entra).

CALORIU  Cicciuzzu ajutami a nnesciri lu bancariddu, (entra in casa).

CICCIUZZU (gli va dietro) Vignu vignu, ca pua travagliammu tutti dui.

MICHELE  (entra con un candeliere, lo depone sulla mensola).

PAESANI  (qualcuno prende dei fiori, altri dei lumini, li depongono sulla mensola).

CALORIU  (esce con Cicciuzzu, portano il desco, a Michele) Don Michè, lu purtà vossija?

MICHELE  No! Siddu avissi saputu unni jera, l’avissi purtatu anchi primu... Ma nu lu sapiva.

CAVUZZA  Nnì vò fari cridiri ca cci vinni sulu? O ca fù un miraculu?

MICHELE  J' nun vugliu fari cridiri nenti a nuddu, ma sicuramenti un miraculu cci fù.

CAVUZZA  (ironica) Certu! Di notti lu Crucifissu si misi a caminari.

MICHELE  No! Lu miraculu jè ca quarcadunu lu purtà ccà! Lu miraculu l’ada vutu fattu chiddu ca lu purtà, pirchì lu Signiruzzu lu fici pentiri.

CAVUZZA Secunnu mija lu purtà vossija, pirchì di vicchi stoliti... cc’è sulu vossija.

ROSETTA  (alterata a Cavuzza) Tu! Cumu parli accussì a mè patri, dunati accura a nun ci mancari di rispittu ca nun si digna mancu di staricci vicina.

VICINZU  Ma cchi vi vuliti sciarrijari tra vuantri fimmini ora? (prende Rosetta delicatamente per una mano).

ROSETTA  Nun mi tuccari! Ca jè tutta curpa tò, di socchi sta succidinnu, ca ti cridi di essiri vasà cù e ammeci si sulu unu misarabbuli e si nun jera ppi tutti li discursa pazzi ca nni mintisti ntesta , j' no vissi fattu socchi fici... E avissi sempri  rispittatu stù poviru vicchiu di mè patri e nun ci’avissi mai datu la vrigogna ca cci detti e anchi siddu ora mi nni pintu... Anchi siddu ora mi jttu nghinucchiuni davanti a jddu, (si mette in ginocchio davanti a Michele) Nun mi puzzu mai pirdunari ppi tuttu lu mali ca cci’aju fattu (si alza singhiozzando) ca vinisti a purtari lu mpirnu unni c’era paci e amuri... Malidittu... Si, malidittu... (singhiozza sul petto di Michele).

VICINZU (fa un passo verso Rosetta) Ma sinti...

CALORIU - PASQUALE - PAESANI (si frappongono tra Vicinzu e Rosetta).

MICHELE  Rusinè, figlia mija... Gioia mija... Nun chianciri... Nun ti scantari ca lu Signiruzzu nun ti lassa sula, lu Signiruzzu no bbannuna a nuddu... E ppi chissu nun s’ada malidiri, no vimmu lu dirittu di malidiri, sulu Diu lu pò fari e nu lu fà, nuantri amma dumannaricci sulu la binidizijoni... Jamuninni jntra, va dunacci lu latti a tò figlia, povira nnuccenti, mpazzica chianci, (la prende sottobraccio la conduce verso casa).

ROSETTA (entra).

MICHELE  (si gira, a tutti) Attintatimi, Lu Crucifissu l’avimmu arriri ccà, propija ora ca nn’anu capitatu tanti disgrazii... Purtammulu m’procissijoni cumu facivamu ‘na vota... Purtammulu nti li nostri tirrena  a fariccilli binidiri... Sulu Dio nni pò libberari di stà malannata.

PAESANI (cenni di assenso di tutti)

MICHELE  (prende con fatica il Crocifisso, a Pasquale) Pasqualinu, a mija nun mi vastanu li forzi ppi purtarilu, ‘na vota lu purtavi sempri tu e nu l’avissi datu a nuddu...

PASQUALE  (esita).

MICHELE  Nu lu vò purtari?

PASQUALE  (esita).

MICHELE Allura... lu rinnighi?

PASQUALE  (esita).

CALORIU (si toglie il berretto e si fa avanti per prendere il Crocifisso).

PASQUALE  (deciso, si toglie il berretto che getta per terra e prende il Crocifisso).

PIPPINA (intona una litania subito imitata da tutti, tranne Vicinzu e Cavuzza).

(La processione, tranne  Filippa che resta ad aggiustare la sua verdura, Vicinzu e Cavuzza, esce dall'arco grande).

CAVUZZA Ora sunu capaci di cridiri ca la china finisci pirchì anu fattu la procissijoni.

FILIPPA Pirchì, nun pò essiri?

CAVUZZA (prorompe in una risata isterica) Ah! Ah! Ah!

FILIPPA (scolla le spalle, entra nel suo negozio).

ANTONIO (entra dall’arco grande)

VICINZU (ad Antonio) Antonio! vinisti? Vinisti arriri, bravu.

ANTONIO Aju saputu di la china e pinzavu ca du vrazza di cchiù, avissiru pututu serbiri.

FILIPPA (entra) Antonio... Bedda Matri avè ntisu diri ca jeratu murtu.

ANTONIO (ride) Appena unu manca tanticchia, subbitu lu dati ppi murtu, j’ sugnu vivu, talijatimi... E v’aja dumannari un fauri.

FILIPPA (acida) Se posso... Anchi dui.

ANTONIO J’ ora trasu ‘nti la vostra putija...

FILIPPA Ppi fari cchi?

ANTONIO Aspittati, lassatimi speddiri, j’ trasu ‘nti la vostra putija...

FILIPPA E chissu l’haju caputu, e pua?

ANTONIO M’avissiva chiamari a Rosetta.

FILIPPA (risentita) J’? A no! Certi cosi nu li fazzu, ppi daricci n’antru dispijaciri a dda povira carusa? Cchi m’atu pigliatu ppi ‘na crijata?

ANTONIO Ma attintatimi.

FILIPPA Chissu mai! J’ nunni fazzu di ssì cosi.

ANTONIO Cci’ata diri ca aju vinutu ppi jdda.

FILIPPA Chissu mai! J’ nunni fazzu di ssì cosi.

ANTONIO Ca m’abbrigugnu ca la lassavu sula quannu jdda aviva bisugnu di mija e sugnu pintutu.

FILIPPA Chissu mai! J’ nunni fazzu di ssì cosi.

ANTONIO E siddu mi vò ancora... Mi la vugliu maritari.

FILIPPA Chissu mai! J’ nunni fazzu (lentamente) di ssì cosi?... Cumu... Maritari?

ANTONIO Eh! Mi la vugliu maritari.

FILIPPA Ma maritari maritari?... Nchisa?... Maritari giustu?

ANTONIO E cchi ppi finta? E pua vugliu dari ‘na vasata a mè figlia ca ancora nu la canusciu, ca j’, bestija di mija, minni scappavu appena vinna sapiri ca Rosetta aspittava.

FILIPPA Misiricordija! Ma allura... Trasi lestu ca la vaja chiamu, (scappa gridando) Rosetta, Rosetta... (entra in casa di Rosetta).

ANTONIO (entra nella bottega di Filippa).

VICINZU Sugnu daveru cuntentu ca Antoniu ha vinutu, accussì pò dari ‘na manu d’ajutu.

CAVUZZA Si ajutu, ha vinutu ppi Rosetta e no ppi dari ajutu.

VICINZU Anchi chissu mi fa pijaciri, accussì si sistemanu tutti dui e anchi la piccilidda ora avi un patri.

CAVUZZA Vò vidiri ca lu miraculu cci fù daveru? Ti sta rimanciannu tuttu chiddu c’avivi dittu... Ca nun c’è bisugnu di maritarisi... Ca li figli sunu di tutti...

VICINZU Si... Lu dissi... Ma li timpi nun sunu adatti, nun jè ancora ura di putiri fari ssì cosi.

ROSETTA (esce correndo) Antonio... Antonio... (davanti la bottega di Filippa si ferma).

ANTONIO (si affaccia sulla porta, resta un momento immobile, gli porge le mani).

ROSETTA (esitante gli prende le mani).

ANTONIO (indietreggia tirandola a sè, entrano nella bottega).

CAVUZZA (ride isterica dopo avere visto la scena) Ah!... Ah!... Ah!... Ma ccu mija ti stà sbagliannu, e l’addivu ca aju ccà, (undica la sua pancia) ada essiri di tuttu lu paisi, (ridendo entra in casa).

FILIPPA (entra) Ada arrivinutu dda carusa e cumu lu sapi sò patri... Sicuru ca ada ringiovaniri di 15 anni... Armenu!

(Si sente in crescendo la litania, la processione rientra).

FILIPPA (canta assieme alla processione).

PASQUALE (sistema il Crocifisso al suo posto, tutti si fanno il segno della croce, parlottano, piano si allontanano ognuno per i fatti propri).

MICHELE (si siede al Tavolo).

CALORIU (si siede al desco, comincia a lavorare su una scarpa).

CICCIUZZU (ride, si siede al desco, fa finta di lavorare su una scarpa).

MICHELE (a Pasquale) Pasqualinu... Veni ccà, assettati ccà!

PASQUALE (si avvicina mogio, si siede).

MICHELE Dimmi ‘na cosa, cchi ntinzijoni a ccu Vicinzu.

PASQUALE Cchi ntinzijoni aju, don Michè, lu sapi anchi vossija...

MICHELE Ma ti pari ca ppi ‘na fimmina, t’a jri a sciarrijari?

PASQUALE Nun centra nenti cchiù la fimmina, ora jè ‘na custijoni tra mija e Vicinzu.

MICHELE E tu, ora ccu li stessi manu ca anu purtatu ssù Crucifissu, ti jssa pigliari a vastunati ccu n’antru?

PASQUALE Don Michè... J’ veramenti... Tuttu ssù  pijaciri di farila a lignati nun ci l’haju... Ma Vicinzu...

MICHELE Allura pò stari cujetu ca mancu Vicinzu si vò sciarrijari ccu tija, siti du bravi carusi e ata essiri amici e stari mpaci... (a Vicinzu) Vicinzu, ti lu vò viviri tantì di vinu ccu nuantri?

VICINZU Cumu no? Grazzii... (va al tavolo, da le spalle al pubblico).

CALORIU E ppi mija nenti?

MICHELE Nunnà bisugnu di dirilu, abbicinati.

CICCIUZZU Vivu anchi j’?

MICHELE Anchi tu Cicciuzzu, veni ccà, (gli versa da bere, bevono, parlottano).

CALORIU Vaja spiddu ssù travagliu e grazzii di la vivuta, (torna al desco).

CICCUIZZU Vaja spiddu ssù travagliu e grazzii di la vivuta, (torna al desco).

PASQUALE Vugliu jri a vidiri unni ada rrivatu la china, (si alza).

MICHELE Aspetta ca anchi j’ cci vignu.

VICINZU Don Michè, cci vuliva diri ‘na palora...

MICHELE (a Pasquale) Cumincia a caminari Pasqualì, ca ora vignu.

PASQUALE (con un cenno di assenso si avvia dall’arco grande).

MICHELE (con un’espressione bonaria del viso invita Vicinzu a parlare).

VICINZU Jè ppi Cavuzza... Nun sacciu cumu m’aja cumpurtari, ppi jdda e ppi ddu nnuccenti ca ada nnasciri... Lu vò jttari fori...

MICHELE Lassala sfugari, lassala parlari, nun ci diri nenti accamora, chissi sunu li cosi ca si dicinu accussì... Ppi ripicca; appena addiventa mamma, appena si vidi mbrazza  la crijatura ca  jdda ha partoritu, ca campa sulu pirchì jdda la fà campari... Vidirai cumu cancia, nun c’è fimmina ca rrisisti quannu addiventa mamma, vidirai ca addiventa cumu ‘na tigri siddu quarcadunu cci vò tuccari lu figliu... E allura jdda e tu macari capirete socchi si prova ccà (indica il cuore) ppi un figliu...

PASQUALE (entra correndo trafelato) Li picuri... La china sta arrivannu unni sunu li picuri, lestu

        datimi ‘na pala.

PAESANI (si affacciano, si informano, c’è confusione, corrono tutti fuori assieme a Pasquale).

ANTONIO (esce) Maja llibbirtari siddu l’aja jutari.

ROSETTA  (esce) Dunati accura...

ANTONIO (fa un cenno per rassicurarla).

CARMENA Pirchì nun si resta ccà jddu, ca aviti ‘na figlia piccidda.

ANTONIO No! Cciaja jri, anu bisugnu anchi di mija.

ROSETTA Cci’ada jri! Nn’amma jutari unu ccu n’antru.

ANTONIO (sorride a Rosetta, prende un’attrezzo).

CARMENA  Ma sintitila cumu parla pulita ora ca vinni arriri Antoniu.

ROSETTA (sorride) Vaja taliju la carusa, mpazzica si sboglia.

ANTONIO (a Rosetta) Dunacci un baciuzzu a mè figlia... Ca cchiù tardu cci lu dugnu j’.

ROSETTA (entra a casa sua).

FILIPPA Nuantri trasimmu nti la putija, aspittammu ddà jntra ca vinu l’umini, ca fori fa friddu, (le donne entrano nella bottega di Filippa).

CICCUIUZZU (entra correndo dall’arco grande) Vunu li cordi.

VICINZU  J’ la pigliu ‘na corda, tiniti chisti vuantri, (porge dei bastoni a Antonio e Cicciuzzu che escono di corsa, rimasto solo corre a prendere un rotolo di corda situata ai piedi della mensola dov’è il Crocifisso, alza gli occhi a guardarlo, prende la corda se la appende sulla spalla sinistra, con la mano destra si toglie il berretto, resta un momento fermo fissando il Crocifisso poi si rimette il berretto e corre fuori.

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 12 volte nell' arco di un'anno