Piccola commedia di paese

Stampa questo copione

Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

“Piccola Commedia di Paese”

commedia in due atti

di

Ernesto Sasso

Personaggi: 5 uomini e 5 donne

Massimino, Pasqualino, Don Peppino, Giginiello, Michele ‘a patana; Rosinella, Antonietta, Donna Carmela, Donna Cicchella, Giovanna;


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

ATTO I

(Tipico soggiorno, tavolo con sedie, divanetto, credenza, angolo cottura, mobile per telefono, appendiabiti, quadri alle pareti. Porta di ingresso leggermente spostata alla destra del palco, almeno una porta che da a destra e a sinistra per accedere alle stanze. All’apertura del sipario la stanza è in penombra)

Scena 1 – Massimino e Rosinella

Massimino:

Mammà…Mammààààà (urla entrando in scen

a ed accendendo la luce)

Rosinella:

Weee  ma  c’allucc  a  fa?  Statt  zitt  che  tuo  padre  sta  ancora  durmenn  (lo

rimprovera uscendo dalla camera da letto e sistemandosi gli abiti)

Massimino:

Mammà, ma sapiss addò sta?

Rosinella:

Che cosa?

Massimino:

Ma comm che cosa? A capa e mort! (facendo il gesto della testa con le mani)

Rosinella:

Sta nel mobile. Sient Massimì bell e mamma tu sta capa e morte non la devi

lasciare in giro, come te lo devo dire? ‘Na vota ngopp a tavola, ‘na vota

‘ngopp  ‘o  divano…in  questa  casa  ci

sono  persone

che

si  possono

impressionare, per esempio la nonna…

Massimino:

‘A nonna? Chella so’ dieci anni che non si alza dal letto…(prendendo la capa

di morte dalla credenza)

Rosinella:

E che vuol dire, metti caso che decide di fare una passeggiata, che scende per

prendersi  un  bel  bicchiere  d’acqua,  trova  sta  capa  ‘e  morte  annanz  e  si

spaventa. Stanotte aggio fatt ‘na paura…

Massimino:

Perché che è succiess?

Rosinella:

Stavo  nel  letto,  mezza  addormentata,  e  bell  e  buon  aggio  sentut  parlà

sottovoce. Cu tutta ‘a paura ‘nguoll me so sussut e  so venuta a vedere chi

era…

Massimino:

E chi era?

Rosinella:

Ma chi era essere…tuo padre che si era   arritirato…e s’è mis a parlà ca capa ‘e

morte  appoggiata  ‘ngopp  a  tavola…l’avrà  scambiata

s   icuramente  per

qualcuno, nel buio…

Massimino:

Mammà ma quale buio, chillo era ‘o vino

che s’è bevuto all’osteria che ha fatt

effetto…


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

Rosinella:                          Uèèèè tu queste cose non le devi dire…porta rispetto a tuo padre che è un uomo onesto e gran lavoratore…

Massimino:

Onesto? Chill campa ‘mbrugliann ‘a gen te…è onesto?

Rosinella:

E che vuol dire, sono gli altri che si fann piglià in giro…

Massimino:

Lavoratore? Ma se non ha mai fatto un giorno di fatica da che m’arricordo io!

Rosinella:

Non è mica colpa sua se non trova un lavoro fisso, ci sta la crisi, e ca si

vulimm mangià in qualche modo c’amma arrangià…(scon

solata ed evasiva

nel tentativo di difendere il marito nullafacente)

Massimino:

Vabbuò aggio capito…io mo me ne vaco, d   evo andare a provare. (si allontana

alzando il teschio) Essere o non essere, questo è il problema…(con enfasi da

attore consumato esce da porta laterale alla sinistra del palco)

Scena 2 – Rosinella e Pasqualino

Pasqualino:

Buongiorno Rusinè (uscendo dalla camera da letto a sinistra, scapigliato e

sbadigliando)

Rosinella:

Buongiorno Pasqualì, comm’ è durmut stanotte?

Pasqualino:

Nun tanto buono, nu poc e mal ‘e panza. Aviss fatt o cafè?

Rosinella:

O’ cafè? L’ultima tazzulella me la sono pigliata ieri, e nun tenimm ‘e sold pe

l’accattà…

Pasqualino:

Moglie mia,  tu me lo devi  dire quando tieni questi  problemi. Io sto  ccà

apposta, o no?

Rosinella:

Perché te si abbuscat coccos ‘e sold eri sera? (sorpresa e speranzosa)

Pasqualino:

Chi io? Per carità, secondo te se ten ev coccos ‘e sold stavo qua?

Rosinella:

Hai ragione, stavi iettat dint all’osteria a te ‘mbriacà…

Pasqualino:

Io non mi ubriaco…al massimo me nzall  anisco un poco perché tutti sti

pensieri me fann venì semp ‘o male ‘e cap…

Rosinella:

Pasqualì facimm sta vita ra quann ce simm spusat…io sono stanca, STANCA,

hai capito?

Pasqualino:

Non ti preoccupare, le cose s’acconciano, ce vo sul nu poc e pacienz…Dimm

‘na cosa…prima mentre stavo mezzo addurmut m’è semb

rat e’ sentì a voce ro

guaglione…sta ccà?

Rosinella:

Sta nella camera sua, sta provando…


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

Pasqualino:  Provando che cosa? ‘A truffa degli spiccioli, ‘o juoco r’e’ tre carte, ‘o piezzo r’e’ cazettin? Che sta pruvann?? (chiede speranzoso )

Rosinella:

Sta pruvann ‘o teatro, Massimino nun è comm a te, è nu buon guaglione…

Pasqualino:

Sarà pure nu buon guaglione, non lo me tto in dubbio, ma ha pigliato ‘na

fissazione cu stu teatro che è ‘na cosa impossibile. Ma la colpa è tua che lo

difendi e lo assecondi. Rusinè tu gli devi fare capire che tiene una certa età,

che si deve trovare un lavoro vero miez ‘a via, s’a dda abbuscà ‘a pagnotta ca

nuje ce murimm ‘e famm!!!

Rosinella:

Pasquà, che ce murimm ‘e famm è vero, p erché tra quei pochi soldi che nun

te bevi e puort a casa, e gli altrettanto pochi soldi che riesco a guadagnare con

pieghe e aggiusti, arrivamm giusto giusto a pagare ‘o pigione, ‘e bullett semp

in ritardo, nu poc ‘e mangià. Ma tu a Massimino lo  devi lasciare stare, non lo

devi portare sulla mala via, perché iss nun è commea te!

Pasqualino:

Perché Rusinè io comme songo?

Rosinella:

Mariuolo Pasquà, tu si mariuolo…anzi ma

riunciello ‘e valline, che è ancora

peggio…

Pasqualino:

E invece nostro figlio invece comm’è?

Rosinella:

E’ educato, onesto, sognatore…in una p  arola: PERBENE!!!

Pasqualino:

In una parola STRUNZ vorrai dire…

Rosinella:

Nun è comm rice tu…e mo nun me fa perde

re tiemp che aggia purtà sti quatt

pezz che aggio accunciat alla signora del quarto piano, accussì chella me pava

e pure oggi putimm accattà ‘o pane (raccoglie un fa gotto dalla sedia ed esce

dalla scena dalla porta principale)

Pasqualino:

M’arraccumann,  nun  spendere  tutto  assieme,  astipame  qualcosa  per  un

bicchiere di vino stasera…(mentre la donna esce)

Scena 3 – Pasqualino e Giginiello

Bussano alla porta


Pasqualino:


Nun ce sta nisciun


Giginiello:


Pasqualì apri


Giginiello:


E tu comm fai a rispondere se nun ce stai?


Pasqualino:


Pur tien ragione…trase Giginiè trase…


(aprendo la porta in tono infastidito)


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

Giginiello:

Ma non ho capito, perché nun me vulivfa trasì?

Pasqualino:

Giginiè tu ogni due o tre staie ccà, ti ho detto un sacco di volte che se mia

moglie ti vede poi capisce ‘na cosa per un’altra

Giginiello:

Perché che capisce?

Pasqualino:

Essa o sape che tu si nu ‘mbrugliunciello e quattro soldi, e magari capisce che

io ti do una mano nelle tue truffe, nei tuoi mariuoleggi…

Giginiello:

Veramente ‘o ‘mbrugliunciello a quattr o soldi si tu, e sono io ca t’aiuto a fa

fess ‘e cristian…

Pasqualino:

Uè mo pure tu? Io nun faccio fess a nisciun, cerco solo di sopravvivere in

questo mondo ingiusto…(in tono alterato, cercando u

na giustificazione)

Giginiello:

E nun alluccà che te sent tua moglie!

Pasqualino:

Ma c’adda sentì chell nun ce sta

Giginiello:

E addò sta?

Pasqualino:

E’ andata a consegnare degli aggiusti e po a fa nu poc ‘e spesa, sperando che

nun spenn tutte cose e m’astipa doje lire pe stasera…ma po’ scusa Giginiè

che t’importa addò sta mia moglie?

Giginiello:

Niente, giusto per sapere, accussì mo che me ne vaco faccio ‘na strada diversa

e non l’incontro, e nun sape ca so venuto ccà. A pr oposito ‘e stasera, nun te

scurdà ca ce sta ‘a sagra ra percoca…

Pasqualino:

E io c’aggia fa? A me manc me piacene ‘e percoche…

Giginiello:

Ma comm che devi fa…stasera sicurament  e verranno nu sacc ‘e furastieri,

tutta   gente   fessacchiotta…e   può   fa   qualche   affarucc   io…capisc   a

me…(mimando con le mani il gesto di rubare)

Pasqualino:

Bravo, hai ragione, è ‘a vota bona ca faccio coccos ‘e sold…

Giginiello:

Ca facimm Pasqualì, facimm…tu ‘e me n

un t’è scurda…

Pasqualino:

Ma chi se scord ‘e te…anzi facimm ‘na

cosa jamm all’osteria ca mi offri nu

bellu bicchiere ‘e vino…

Giginiello:

Pasquà ma perché aggia pagà io? (infa stidito e curioso)

Pasqualino:

Tu devi sapere che se voglio far pagare a te è per farti capire quanto ti tengo

in considerazione, io ti ritengo esattamente uguale a me, se non addirittura

migliore…uè ma se t’avissa offendere lasciammo sta,

pago io…


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati


Giginiello:


Ma   quale


offesa,


è un


onore…grazie


Pas


qualì,


grazie…(dice


contento


uscendo)


Pasqualino:


Chist è n’atu strunz (rivolgendosi al pubblico, esce fregandosi le mani, spegne la luce e lascia la porta socchiusa)


Scena 4 – Massimino e Antonietta

La porta si apre, una ragazza entra e nella penombra si guarda intorno, come se cercasse qualcuno, poi torna sui suoi passi suona il campanello, rientra e si nasconde dietro una tenda.

Massimino:                      Mammàààà ‘a porta! (voce fuori scena)

Esce dal nascondiglio mostrando al pubblico il suo disappunto e suona di nuovo il campanello, poi torna dietro la tenda.

Massimino:

Dint’a sta casa nun ce sta maje nisciun . Chest è sicuramente a padrona e casa

che va truvann l’affitto, mo gli dico che nun ce sta nisciun, chella nun me

crede e trase ‘o stesso (va ad aprire la porta, ovviamente non c’è nessuno, si

volta e Antonietta che gli si lancia al collo e lo bacia aggrappandosi a lui, che

indietreggia fino a cadere di schiena sul divano)

Antonietta:

Ma secondo  te è  giusto  che per vederti aggia  fà sti  tarantelle?  (restando

cavalcioni)

Massimino:

E secondo te è giusto che mi devi assillare in questo modo? Tu mi devi

lasciare in pace, ti devi scordare di me (divincolandosi ed alzandosi, andando

verso il tavolo)

Antonietta:

Né ma fuss ricchione?

Massimino:

No, questo non lo devi dire. E comunque anche se lo fossi non ci sarebbe

niente di male, siamo nel ventunesimo secolo…

Antonietta:

Allora è vero sì ricchione!

Massimino:

Ma quando mai, io songo ommo, ma ommo veramente

Antonietta:

E dimostramelo! (languida, facendo per sbottonarsi la camicetta)

Massimino:

Ma che t’aggia dimostrà…non ci pensare

nemmeno, non ti ho mai toccata e

mai ti toccherò! (richiudendole la camicetta)

Antonietta:

Allora non ti piaccio, dimmelo che non ti piaccio! (imbronciata)

Massimino:

Non è questo, anzi sei una ragazza bellissima e, permettimelo, pure assai

bona.  Sient  Antoniè  già  che  stai  qua  siediti  un  attimo  e  parliamo

seriamente…e  pure  velocemente  che  te

ne  devi  andare    prima  che  torna

mammà. Il problema non sei tu…


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it


tutti i diritti riservati

Antonietta:


E qual è stu problema?


Massimino:


E’ tuo padre, lo sai. Non sia mai viene a sapere che io e te, per così dire, ci frequentiamo, chill me fa truvà dint’a nu pilastro…


Antonietta:


Ma quando mai, lui ha semplicemente a cuore la mia felicità, e la mia felicità sei tu!


Massimino:


No no lui ha a cuore la mia morte. ‘O sapimm tutti quanti chi è e soprattutto che mestiere fa, quindi per cortesia lasciami stare perché voglio vivere tranquillo. E mo vattenne che tra poco viene mammà


Antonietta:


Me ne vado, me ne vado. Per ora. Ma non ti libererai di me…sappi che quando voglio una cosa in un modo o nell’altro la ottengo…e mo voglio te! (uscendo indispettita)


Massimino:


E io mo comm faccio? Gesù chesta è impazzita ‘o verament! (mani in testa corre nella sua stanza ed esce)


Scena 5: Rosinella e Donna Carmela

Vociare confuso, poi si apre la porta ed entrano le due donne


Donna Carmela:


Rusinè qua sta il pacco di pasta che mi hai chiesto…(porgendo la pasta)


Rosinella:


E qua sta ‘o buccaccio e mulegnane che ti avevo promesso…(prendendolo dalla credenza)


Donna Carmela:


Rosina mia, che ci vuoi fare, sono tempi difficili e ci dobbiamo aiutare. La crisi, le guerre, la mancanza di lavoro, i rifugiati, l’Europa, la Germania…è succiess tutto assieme e mo nun sapimm comm andare avanti. I soldi sono pochi e vanno spesi bene, per le cose di prima necessità…


Rosinella:


E’ vero, però è pure vero che chi prima stava inguaiato mo sta ancora più inguaiato…e chi prima teneva i soldi mo tiene ancor a più soldi…


Donna Carmela:


Hai  ragione,   ma   la   colpa   è   nostra.  Nuje   simm   nu    popolo


‘e


sciem,


c’ammuccamm tutto quello che ci dicono e nun facimm niente!


Rosinella:


E c’avessema fa?


Donna Carmela:


‘Na bella rivoluzione! Avessema arrevutà tutt quant…allora si che putessem campà chiù tranquilli…(con enfasi)


muort. E i morti non servono a nisciun. Carmè ma come ti viene in mente di fare questi discorsi?


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

Donna Carmela:            Eh li sento fare spesso a mio marito quando sta insieme ai suoi amici fuori al bar

Rosinella:

Chist song ‘e ragionamenti e chi nun tene niente…

Donna Carmela:

Veramente    mio    marito    almeno    un    mestiere    onesto    se    l’è

‘mparat…(indispettita)

Rosinella:

E che vulisse dicere con questo? Che mio marito è disonesto?

Donna Carmela:

No no per carità…

Rosinella:

Non è colpa sua se cerca di sopravvivere in questo mondo che è stato ingiusto

con lui…

Donna Carmela:

E’ stato ingiusto con tutti…ma sti

mulegnane a quanto tiemp e tieni? So

bone?

Rosinella:

E che ti davo ‘e mulegnane scadute? Piuttosto ma nun è che dint a pasta ce

stann ‘e pappece? A vec nu poco…(perplessa gira il   pacco tra le mani)

Donna Carmela:

Ma te putev mai da ‘a pasta cu ‘e p appece? Che poi alla fine è carne…mo vac

‘ngopp a finire di preparare, cià Rusinè (esce)

Scena 6 – Rosinella e Massimino

Massimino:

Mammà, t’aggia parlà (serio, entrando

in scena e sedendosi)

Rosinella:

Guagliò che è stat, tien a faccia janca janca (preoccupata)

Massimino:

Ma Donna Carmela che voleva?

Rosinella:

Niente, ho fatto qualche aggiusto alla signora del quarto piano, mi ha pagata e

siamo andate a fare nu poc ‘e spesa per oggi

Massimino:

A proposito ma oggi che se mangia?

Rosinella:

Spaghetti cu ‘a pummarola…

Massimino:

Ancora? È ‘na settimana ca mangiamm sti  spaghetti…nun e’ voglio…quasi

quasi me mangio doje mulegnane dint’o cuzzetiello ‘ e pane…

Rosinella:

Eh bell e mammà nuje chest ce putimm pe rmettere…anzi oggi può darsi pure

che  ce  sta  nu  poc  ‘e  carne  nel  sugo  (guardando  il  pacco  di  pasta)…’e

mulegnane sono finite…

Massimino:

Ma si ce stava ‘o buccaccio pieno!

Rosinella:

Eh ma l’ho dato a Carmela…


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

Massimino:                      Ma non ho capito, nuje accattamm ‘e cose e addà mangià pure a famiglia ‘e Carmela? ‘O marito nun fatica? Nun fa ‘o scarparo?

Rosinella:

E che vuò fa…dice che non ce la fanno a

campare…che oggi nisciun si fa più

aggiustare  le  scarpe…che  tutti  se  le  comprano  nuove  …lo  chiamano

consumismo…vabbuò ma in fondo ‘a pasta riempie lo s   tomaco meglio delle

mulegnane…

Massimino:

Non mi sembra giusto, io vulevo ‘e mulegnane…(in tono riprovevole verso la

madre)

Rosinella:

E non fa niente te le mangi la prossima volta, con tutta la nostra miseria

quando possiamo dare una mano a qualcuno non ci dobbiamo tirare indietro,

Dio  vede  e  provvede,  vedrai  che  prima  o  poi  questo  periodo  brutto

finirà…nuje napulitane simm ‘e core. Ma tu di che m

i volevi parlare?

Massimino:

Proprio e na questione ‘e core…

Rosinella:

Che tieni? Te fa male ‘o piett? Nun te sient buon? (agitata)

Massimino:

Ma   quando   mai   sto   frisc   e   tuost…dicevo

di   cuore   per   dire

sentimentale…allora ce sta ‘na guagliona…

Rosinella:

Ah finalmente! (sollevata, interrompendo il figlio)

Massimino:

Scusa mammà perché finalmente?

Rosinella:

‘A verità? Tenevo ‘o dubbio che eri ri cchione…

Massimino:

Pure tu cu sta strunzata? Io nun so ricchione! Anzi, te stavo dicenno, ce sta

‘na guagliona…

Rosinella:

Ma è bella?

Massimino:

Assai, dunque…

Rosinella:

Addò sta e casa?

Massimino:

Mammà però se t’aggia cuntà ‘o fatt mi

devi far parlare…sennò nun te dico

niente chiù e lasciamm perdere ‘o discorso…

Rosinella:

No no dici bell e mammà

Massimino:

Sta guagliona dice che si è innamorata di me perdutamente…m’abbraccia, me

vasa, me zompa ‘nguoll ogni vota che me vede…

Rosinella:

Embè nun te fa piacere e tenè sta furtuna?

Massimino:

Un poco si, è ‘na bella ragazza, tiene nu bello carattere esuberante…


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

Rosinella:

E comme se chiamma?

Massimino:

Antonietta, se chiamma Antonietta

Rosinella:

Massimì bell e mammà mi stai dicendo c he vi volete sposare?

Massimino:

Ma quando mai non esiste proprio!

Rosinella:

E perché? Mo hai finito di dire che tipiace, che ti trovi…

Massimino:

Mammà ce sta nu problema…

Rosinella:

Ma non ti preoccupare, in un modo o nell’altro li troviamo i soldi per il

matrimonio…chiediamo aiuto a qualche usuraio se nec

essario, uno di quelli

che frequenta l’osteria, un compagno di bevute di tuo padre…e poi mica

ammà fa nu matrimonio esagerato…’na cosa semplice,

tra parenti e qualche

amico stretto, ma proprio stretto però ca nun putim m fa a meno di invitarlo

sennò se piglia collera…

Massimino:

Ma non è questo, che me ne importa, quale matrimonio vai truvann…

Rosinella:

E allora qual è ‘o problema?

Massimino:

La sua famiglia, o meglio suo padre…

Rosinella:

E’ contrario al matrimonio? Ci possiamo parlare io e tuo padre…anzi meglio

se ci parlo solo io per il momento…chi è suo padre?

Massimino:

Don Peppino…

Rosinella:

Don Peppino chi?

Massimino:

Quel Don Peppino mammà, quello…io me m

etto paura…

Rosinella:

Ah quel don Peppino…ma paura di che? In

fondo Don Peppino è una brava

persona…certo forse ha commesso degli sbagli…ma sic

uramente ci tiene alla

felicità della figlia…

Massimino:

Brava persona? Chill fa ‘o cammurrista!

Rosinella:

Eh non esageriamo…cammurrista mo…si occ

upa

degli

affari di quartiere

perché ce vo sempre qualcuno capace di mantenere latranquillità…ma tu poi

e che te miett paura?

Massimino:

Comm ‘e che me metto paura? Prendi che io e Antonietta ci frequentiamo

assiduamente,  chillo  ‘o  pate  nun  è  d’accordo  e  me  fa  fravecà  dint’a  nu

pilastro…oppure  ci  mettiamo  insieme  e  poi  scopriamo

di  non  andare

d’accordo e ci lasciamo…o stess me fa fravecà dint’

a nu pilastro…insomma

comm va va, io vac a finì dint’o cemento!


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

Rosinella:                          Eh scusa ma allora mo che vuoi fare? Perché non glielo dici a sta guagliona che non è cosa?

Massimino:

Gliel’ho detto, ma chella nun vo capì, continua a cercarmi, ad assillarmi…

Rosinella:

Ma a te nu poco te piace Antonietta?

Massimino:

Me piace? Io penso semp a essa, m’ha sonn pure ‘a notte (sconsolato)…ma

nun è cosa…veramente nun è cosa…perché il cuore mi    dice di si, ma la

ragione, quella mi dice di no!

Rosinella:

La ragione fa danni irreparabili…nun se

rve ad essere felici…io per seguire la

ragione me trovo accussì…

Massimino:

Può  essere,  ma  meglio  sbagliare  ed  esse re  infelice  che  diventare  le

fondamenta di una casa!

Rosinella:

Eh scusa ma allora comme si risolve stu problema?

Massimino:

Me ne devo andare per un po’, scomparire dalla circolazione…ho pensato che

così lei non mi vede e se scorda ‘e me…si trova qua

lcun altro…se sposa…e

io sto in grazie di Dio…

Rosinella:

Bell e mammà ma addò vai? Tu nun tiene  ‘na fatica, non hai imparato nu

mestiere, addò vai?

Massimino:

Non lo so, sto ancora decidendo. Per il momento me ne vac da Nicola, mi sta

aspettando per provare un copione…se tutto va bene

teniamo un’audizione

per una piccola parte nella commedia della parrocchia…(alzandosi)

Rosinella:

E nun aspiett per mangiare?

Massimino:

Nun fa niente, mangio stasera, lasciami ‘o piatto nel forno…(esce)

Scena 7 – Rosinella e Don Peppino

Rosinella:

Mancavano guai dint’a sta casa…sul ‘a f

iglia e Don Peppino ce vuleva…e

mo comme facimm? Mo chi ce lo dice al padre?(sconsolata, affonda la testa

tra le mani)

Bussano alla porta, va ad aprire.

Don Peppino:

Donna Rosina, buongiorno

Rosinella:

Buongiorno (intimorita)

Don Peppino:

Mi concedete l’onore di entrare?

Rosinella:

Prego, fate come se fosse a casa vostra


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

Don Peppino:

In effetti sì, o’ palazzo è roba mia…

Rosinella:

Vi offrirei qualcosa, ma voi lo sapete che…

Don Peppino:

Non vi incomodate. Io però sono venu to per parlavi di una cosa

Rosinella:

Mio marito non ci sta…

Don Peppino:

Lo so, a quest’ora Pasqualino vostro  sta nell’osteria a bere ed imbrogliare

qualche fessacchiotto…io so tutto…ma sto qua per pa

rlare direttamente con

voi

Rosinella:

Cu mme?

Don Peppino:

Si, con voi…di certe cose è meglio p  arlare con le donne, con le mamme…

Rosinella:

Ditemi allora, vi ascolto

Don Peppino:

Stamattina mi trovavo per puro caso da queste parti e, manco a farlo apposta,

ho visto uscire mia figlia Antonietta da questo palazzo. Le ho chiesto dove

fosse andata, ma lei divagava, faceva finta di niente. Ho dovuto insistere, e

alla fine la ragazza mi ha detto che era stata a casa vostra…

Rosinella:

Qua? Vi giuro che non è vero…

Don Peppino:

Non giurate, non fate peccato. Anche se non è peccato quando si tratta di cose

che uno non sa. E voi non sapete perché non c’eravate…

Rosinella:

Scusate e allora se non c’ero che è venuta a fare?

Don Peppino:

E quella la ragazza mica voleva parlare con voi…voleva parlare con vostro

figlio, per questo è venuta qua

Rosinella:

Cu Massimino?

Don Peppino:

Si,  lui.  Un  bravo  figliolo,  per  quello  che  ne  so.  Mia  figlia  dopo  le  mie

insistenze ha confessato di essere innamorata di lui

Rosinella:

Vi giuro che non lo sapevo…

Don Peppino:

Non giurate, non fate peccato. Perché quando le cose si sanno poi diventa

peccato…e una buona mamma sa sempre tutto del propr

io figlio…comunque

la questione è che il ragazzo non è adatto per miafiglia

Rosinella:

Ma come voi avete appena detto che è un bravo figliolo…

Don Peppino:

Lui si, per carità…il problema è mia   figlia, ragazza

volubile, insensibile,

viziata e capricciosa. Mo ha preso il piccio per vostro figlio, e se lo vuole

sposare…fra dieci  giorni  le passa  e  magari  si  vuole

sposare il  figlio  del

macellaio…è fatta così, troppo indecisa…non si rend    e conto…


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

Rosinella:

Di che cosa?

Don Peppino:

Che la mia famiglia ha un nome da difendere, un onore da tenere alto. E

allora se Antonietta si fidanza con Massimino e poi si lasciano, lo sapete poi

io che devo fare?

Rosinella:

Cosa dovete fare? (preoccupata)

Don Peppino:

Lo  devo  togliere  di  mezzo, perché  altrimenti  qualcuno  poi  pensa  che  ha

disonorato  la  ragazza,  presa  in  giro  e  poi  l’ha  lasciata…non  so  se  mi

spiego…a nuje nisciuno ce piglia pe’ fessi…

Rosinella:

Vi spiegate bene…

Don Peppino:

Voi però lo sapete, io sono una perso na ragionevole…e anziché toglierlo di

mezzo dopo, lo vorrei togliere di mezzo prima…

Rosinella:

Don Peppino ma che state dicendo? (quasi in lacrime)

Don Peppino:

Non vi spaventate, per carità. Mi han no detto che il ragazzo ha aspirazioni

artistiche, che vuole fare l’attore di teatro…

Rosinella:

Si, diciamo che culla questo sogno, ma io spero sempre che si trovi un lavoro

vero per avere un futuro…perché con sto teatro comm

se fa a campà?

Don Peppino:

Se si arriva ad un certo livello si può campare…ma per essere scritturati

bisogna frequentare corsi, accademie…oltre che intr

ecciare le giuste amicizie

ovviamente…

Rosinella:

E noi non conosciamo nessuno, siamo gente umile…e poi non ci possiamo

permettere queste accademie, queste scuole…

Don Peppino:

Io invece conosco tanta gente, e il caso ha voluto che un mio caro amico, che

mi  deve  un  favore,  sia  stato  da  poco  nominato  direttore  dell’accademia

filodrammatica di Roma. Gli ho già parlato, lo pren derebbe volentieri alla sua

scuola. Questa è la lettera di ammissione…(estrae u

na busta dalla tasca e la

poggia sul tavolo)…in questo modo potrà coltivare i

l proprio sogno e chissà

magari  diventare  un  attore  bravo…crearsi  un  nome  ne  l  mondo  dello

spettacolo, guadagnare soldi e mantenere se stesso e voi…e al tempo stesso

starà  lontano  da  mia  figlia…quella  non  lo  vede  e

si

scorda  di  lui…così

possiamo stare tutti più tranquilli…

Rosinella:

Tranquilli…si…ma io che c’entro in tut

to questo?

Don Peppino:

E come che c’entrate…voi siete la mam

ma…e per prima cosa dovete essere

d’accordo nel privarvi di vostro figlio e mandarlo lontano…ma capite che è

per il suo bene…e quale mamma non tiene a cuore il

bene dei figli? Inoltre

c’è un prezzo da pagare, perché lo sapete, nella vita niente è gratis…(rimette

in tasca la busta)


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

Rosinella:

E come facciamo, non abbiamo un centesimo

Don Peppino:

Non sto parlando di soldi…Rusinè mo b  asta cu sta cummedia, tu hai capito in

cambio che vac truvann (la afferra per le braccia e la stringe a se)

Rosinella:

Tu vuò ‘na cosa che nun te posso dare  più…(si libera)

Don Peppino:

Io ‘e te nun me so mai scurdat…t’arr

icuord quand eravamo giovani?

Rosinella:

Si, ma è stat tant tiemp fa. Eravamo incoscienti, stupidi, e amm fatt ‘na

strunzata

Don Peppino:

Tu nun si stat ‘na strunzata, si stata l’unica cosa buona ra vita mia. L’unica

femmena che m’ha fatt perdere veramente ‘a capa, e  pure l’unica femmena

c’ha tenuto ‘o curaggio e me lassà

Rosinella:

Io nun aggio mai tenut paura ‘e chill comm a te

Don Peppino:

‘O saccio, ma nun aggio mai capito perché nun m’è spusat

Rosinella:

Perché nun avessa mai potuto vivere spendendo ‘e sold spuorc ‘e sangue...

Don Peppino:

E allora vuoi dire  che sei più contenta di vivere accussì?

Rosinella:

No, però ‘o pane ca sta ‘ngopp ‘a tavo

la mia è stentato, ma pulito…

Don Peppino:

Rusinè chest è a vita…chi tene chiù p overe chill spara primma…e ca si nun

spare, te sparano immediatamente…se stu quartiere è

nu posto addò ancora se

pò vivere avita ringrazià al sottoscritto ca se spo rca ‘e mani…

Rosinella:

Mani che putevano essere usate per fare cose utili, per lavori dignitosi, per

costruire un futuro e delle opportunità…e invece so

’ state usate per cose che

solo a pensarci me vene ‘o friddo ‘nguollo…

Don Peppino:

Brava, e io proprio questo voglio fare: sto dando ‘na possibilità a tuo figlio,

un’opportunità che tu e tuo marito nun ce potrete m ai dare…ma aggia capì

che sei disposta a fare per lui, e per me (la afferra di nuovo)

Rosinella:

Tutto Peppì, io so disposta a tutto...(lo tira per un braccio verso la camera da

letto, escono)

Sipario - Fine primo atto.


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

ATTO II

All’apertura del sipario, Rosinella è seduta al tavolo, rammenda degli abiti come suo solito. Sono passati alcuni mesi, la ritroviamo invecchiata e ancor più tormentata. Dalla scena impreziosita ed abbellita capiamo che le cose economicamente vanno meglio. Entrano di colpo dalla comune Pasqualino e Giginiello, Rosinella sussulta spaventata.

Scena 1 – Rosinella, Pasqualino, Giginiello

Pasqualino:

Lassamè, lassamè che l’aggia accirere!

Giginiello:

Ma che t’aggia lassà, assiettete!

Rosinella:

Pasqualì n’ata vota?

Pasqualino:

Si, n’ata vota.

Giginiello:

Tutte ‘e juorne facimm sta tarantella all’osteria

Rosinella:

Ma che ce jate a fa?

Giginiello:

Donna Rosina, noi entriamo con l’unica intenzione di berci un bicchiere di

vino…

Rosinella:

‘O saccio, poi r’o bicchiere passate a ’ butteglia…

Giginiello:

Poi una parola porta all’altra e…

Rosinella:

E v’arritirate ‘a casa c’a’ faccia chi ena ‘e schiaffi…

Pasqualino:

Rosinè io sono un tipo tranquillo, ma o’ saje nisciun m’adda provocà

Giginiello:

Chillo tutte le sere ce sta qualcuno che provoca, sfotte, istiga…

Rosinella:

Cu  chi  s’è  appiccicato  mo?  (prendendo  dalla  credenza  una  scatola  con  i

medicamenti)

Giginiello:

Ma  cu  nisciun,  diciamo  che  abbiamo  avuto  una  piccola  discussione  cu

Michele a’ patana…

Rosinella:

Piccola  discussione?  Chill  sta  tutt  scummat  e  sangue,  tene  l’uocchie

‘nturzat…(verificando le ferite del marito)

Pasqualino:

Rusinè io devo difendere l’onorato nome della mia famiglia, hai capito? Da

qualche mese a questa parte me pare d’essere addiventato o’ zimbello ro’

rione…cammino per strada e la gente mi guarda stran  o, me vac a bere nu

bicchiere  ‘e  vino  e  sussurrano…parlo  e  me  vottano  e  ’  cuppetielli

appriesso…e chian ca mi fai male…(alla moglie inten

ta a medicarlo)


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

Giginiello:

Confermo…ultimamente tutt’o’ paese te

ne

a ricere ‘nguoll a te…

Pasqualino:

‘Nguoll a noi Giginiè, a noi…io nun m

e scordo ‘e te…

Giginiello:

E io che c’entro? O guaio mica l’aggi o fatto io…

Pasqualino:

Quale guaio? Ca’ nisciun a fatto guai …

Giginiello:

No infatti, dicevo per dire…

Pasqualino:

Ne’ Giginiè ma tu sapiss coccos ca io nun saccio?

Rosinella:

Nun sape niente Pasqualì, nisciun sape niente…

Pasqualino:

Ne’ Rusinè ma ca ce stess a sapè?

Rosinella:

Niente ti ho detto…

Giginiello:

Saccio sultanto che s’è fatto tardi e m’aggia arritirà…altrimenti chi a sent a

chella vipera ‘e mia moglie…Donna Rosina m’arraccum

ann…guardatelo nu

poco vuje…(uscendo e facendo segno di tenerlo a bad  a)

Scena 2 – Rosinella, Pasqualino, Don Peppino, Miche le

Rosinella:

Nun te preoccupà, ce penso io…

Pasqualino:

Ma guarda io veramente nun aggio capito che vuleva dicere chillo…

Rosinella:

Ma ch’aveva ricere…sta ‘mbriaco…e se sa

pe che quando uno sta ‘mbriaco

nun ragiona, parla a vanvera…

Pasqualino:

A vanvera? No no è il contrario quando uno sta ‘mbriaco dice semp ‘a verità,

e chillo ha detto chiaramente ‘o guaio nun l’aggio fatto io…ma quale guaio?

Rosinella:

Niente Pasqualì, nessun guaio…nessun gu

aio…(si siede sconsolata, il marito

se ne accorge)

Pasqualino:

Rosina mia, ma che tieni? È nu poco e

tiempo che nun te riconosco più…mi

sembri  sempre  più  moscia,  scunsulata,

angosciata…ep

pure  me  pare  che

ultimamente le cose vanno nu poco meglio…

Rosinella:

Sto  invecchiando…gli  acciacchi,  e  pensi

er…alla  fine  si

fanno  sentire…e

saglie ‘na stanchezza…

Pasqualino:

Dimme ‘a verità…sient a mancanza e Ma

ssimino…

Rosinella:

Si (scoppia in lacrime)


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

Pasqualino:

Io o’ sapevo…ma nun chiagnere…’o guagl

ione ha truvat ‘a strada soja…ha

coronato il suo sogno, è diventato attore…e mo guad

agna pure coccos ‘e

sold…può badare a se stesso e aiuta pure noi…lui si

è realizzato e noi un

pochino ci siamo sistemati, dobbiamo essere contenti, nun putimm chiagnere,

è‘na cosa bella, ‘na soddisfazione dopo tanti sacrifici che abbiamo fatto per lui…e si nun fosse stato per te…

Rosinella:

Che cosa si nun fosse stato per me? (impaurita)

Pasqualino:

Si…tu  hai  insistito…io  o’  vulevo  fa  ad

diventà  nu  mariunciello  peggio  e

me…tu hai creduto in lui…e alla fine è arrivato stu

colpo…

Rosinella:

E’ stato veramente nu colpo, anzi ‘na botta…

Pasqualino:

‘Na botta?

Rosinella:

‘E ciorta…

Pasqualino:

Eh vedi…io ancora oggi nun ce posso p  ensà…

Rosinella:

Io ce penso tutt ‘e juorn invece

Pasqualino:

E devono essere pensieri positivi allora. Io l’unica cosa che non mi spiego è

comme hanno fatto questi della scuola di Roma ad avere il suo nome…

Rosinella:

E io che ne saccio…ma poi lo sai come s

ono questi attori…si conoscono tra

di loro…boh…neh Pascà ma io che ne saccio…

Pasqualino:

E non ti innervosire…la mia era una s  emplice domanda…

Rosinella:

E tu me pare che vuoi alludere…

Pasqualino:

Perché che ci sta da alludere?

Rosinella:

Qua me pare che tutti vogliono alludere…

Pasqualino:

Rosinè ma che vo ricere alludere?

Rosinella:

Pasqualì  assiettete  che  ti  devo  dire  una  cosa  (sconsolata  e  desiderosa  di

confessare, Pasqualino si siede)

Bussano alla porta, Rosinella va ad aprire

Don Peppino:

Rosinella carissima

Pasqualino:

Don Peppino, quale onore…(alzandosi d

i scatto impaurito)

Don Peppino:

Pasqualino, eccoti qua, io proprio te cercavo

Pasqualino:

Dite, sono a vostra disposizione


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

Don Peppino:

Ho saputo che c’è stato uno scambio di battute, per cosi dire, all’osteria

Pasqualino:

Ma veramente niente di che, normali chiacchiere tra amici…

Don Peppino:

Amici? Mi hanno detto che sei venuto alle mani con Michele Santosuosso,

detto a’ patana…

Pasqualino:

Alle mani…non esageriamo…una piccola

discussione…

Don Peppino:

Una discussione che ti ha procurato un occhio nero…Pasqualì tu lo sai che in

questo quartiere non voglio che succedano certi episodi, certi problemi…

Pasqualino:

Lo so, ma vi giuro che non è stata colpa mia, ha iniziato lui a provocare…

Don Peppino:

‘O saccio…e per questo bisogna rimedi  are, subito, prima che le cose vanno

troppo avanti e nun se ponn apparà cchiù…trase! (ur

la rivolto alla comune,

entra Michele)

Michele:

Pasqualino, ti chiedo scusa per il comportamento avuto prima…

Pasqualino:

Michè ma non è successo niente, nun et preoccupà…

Don Peppino:

E’ successo che  con il vostro litigio avete disturbato la quiete dell’osteria…e

tutti i clienti…e dunque me. Ma Michele ci tiene a   rimediare…vero?

Michele:

Si, certamente…

Pasqualino:

Nun fa niente, veramente, lassamm sta…

Don Peppino:

Allora facciamo così, ora adesso tutte e due tornate all’osteria, vi bevete in

amicizia un bicchiere di vino e ce scurdamm tutt…di

te che ve lo offro io, per

festeggiare la pace fatta…

Michele:

Come ordinate Don Peppino

Pasqualino:

Vi ripeto non fa niente, accetto le scuse…

Don Peppino:

Pasquà ma tu hai capito? Adesso anda te e fate vedere a tutti che siete amici…

Pasqualino:

Va bene Don Peppino, come comandate…(

intimoriti escono entrambi)

Scena 3 – Don Peppino, Rosinella, Donna Cicchella


Don Peppino:


Rusinè


Rosinella:


Peppì, sto cca!


Si baciano, poi lei si scosta


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

Rosinella:

Nuje nun putimm continua accussì

Don Peppino:

Rusinè, tu mi fai ascì pazz

Rosinella:

Sta pazzia sta durann tropp assaje, io sono una femmena sposata…

Don Peppino:

Con un uomo che non ti merita e che…

Bussano alla porta

Rosinella:

Peppì  vattenne  dint’a  stanz  (sussurra

a gitatissima,  Don  Peppino  esce,

Rosinella apre la porta, entra Donna Cicchella)

Donna Cicchella:

Rosinella buongiorno…sto cercando

Giginiello mio…sta ccà?

Rosinella:

Veramente no…è uscito da poco…

Donna Cicchella:

Io vulesse capì che vene a fa sempre a casa vostra…

Rosinella:

Ma mica sta sempre qua…viene ogni tant

o…è amico di Pasqualino…

Donna Cicchella:

Io proprio di questo vi volevo parlare…

Rosinella:

Di che cosa?

Donna Cicchella:

Sapete com’è…in giro si dice che

vostro marito è nu ‘mbrugliunciello…che

campa facenno fess a gente…e nun vulesse che pure G  iginiello…

Rosinella:

Ma come vi permettete? Venite in casa mia e offendete mio marito

Donna Cicchella:

Ma no mica lo sto offendendo…

Rosinella:

State dicendo che è mariuolo!

Donna Cicchella:

Ma mica lo dico io…lo dice la gen  te…

Rosinella:

E voi date retta alle chiacchiere della gente?

Donna Cicchella:

Ma quando mai…se vuless da retta

alle chiacchiere della gente…pure ‘ngopp

a vuje…

Rosinella:

A me? E che dicono ‘nguoll a me?

Donna Cicchella:

Ma niente…sono solo chiacchiere…

Rosinella:

Parlate!

Donna Cicchella:

Che avete parecchi amici…uno in p

articolare…

Rosinella:

E chi sarebbe?


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

Donna Cicchella:

Don Peppino…che vi mantiene…almeno così dicono…

Rosinella:

Ma chi le dice ste cose?

Donna Cicchella:

‘O panettiere…’o salumiere…tutt ‘

o quartiere…

Rosinella:

Ah si? E mo ce jamm a parlà cu sta gent e…muoviti cammina (arrabbiata

spinge verso la porta donna Cicchella ed escono assieme)

Scena 4 – Massimino, Antonietta

Don Peppino furtivamente esce fa qualche passo nella stanza, poi sente la porta aprirsi e torna di nuovo a nascondersi in camera

Massimino:                      Mammà…mammààààà so turnat! Nun ce sta  mai nisciun int a sta cas!!!

Posa il bagaglio, e bussano alla porta. Va ad aprire ed entra Antonietta che gli si butta addosso e nuovamente cadono sul divano con lei cavalcioni

Antonietta:

Finalmente si turnat!!!

Massimino:

Ma tu stai semp ccà? Te ne devi andare immediatamente (si alza dal divano e

la spinge verso la porta, lei oppone resistenza)

Antonietta:

Tu mo si turnat e già me ne devo anda re?

Massimino:

Si perché sta salendo Giovanna e non ti deve assolutamente vedere

Antonietta:

E chi è sta Giovanna?

Massimino:

‘A ‘nnammurata mia

Antonietta:

‘A ‘nnammurata toja songo io ‘o vuò c  api o no?

Massimino:

No è Giovanna…jesce vattenne ca sta pa  rcheggiann abbasce ‘o palazzo…

Antonietta:

Io nun vac ra nisciuna parte, mo ce parlo io cu chesta e te faccio vedè…

Massimino:

Parlare? Ma che vuò parla…cu Giovanna n

un se po parlà (sconsolato si siede

sul divano)

Antonietta:

Perché? (si siede sul divano distante da lui)

Massimino:

Tene ‘a capa tosta…chiù tosta della tua

…e tene sempr ragione eh...guai a

contraddirla…

Antonietta:

Stai sott ‘o pacchero aggio capito…


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

Massimino:                      Ma quale pacchero, o sai io sono un galantuomo…e po’ chella tene ‘na mano

accussì pesante…(si tocca la guancia a ricordarsi d i uno schiaffo avuto)

Antonietta:                      Sient ma è bella perlomeno?

Massimino:                      Assai…tene l’uoccchie azzurre…

Antonietta:                      So chiù bell re miei? (fa gli occhi dolci a Massimino)

Massimino:                      Antoniè l’uocchie tuoi so ‘e chiù bell ca ce stann ‘ngopp ‘a terra…(entrambi

si avvicinano mentre restano seduti)

Antonietta:                      E che tene chesta meglio ‘e me?

Massimino:                      Nient Antoniè, nun tene niente meglio ‘e te…(si avvicinano ancora)

Antonietta:                      E allora perché stai cu essa e no cume? (si abbracciano e fanno per baciarsi)

Scena 5 – Massimino, Antonietta, Giovanna, Don Pepp ino

Prima che possano baciarsi si apre la porta ed entra Giovanna che li vede

Giovanna:

Aaaaaaaaaaaaaaaaa (urlo isterico, i due sul divano sobbalzano)

Antonietta:

Aaaaaaaaaaaaaaaa (alzandosi di scatto)

Massimino:

Aeeeeeee mo so mazzate io o sapevo…

Giovanna:

Ma che state a fa? E chi è questa?

Antonietta:

Ma chi si tu?

Massimino:

Amore, questa è una mia amica…

Giovanna:

E tu l’amiche tue le baci in bocca tutte quante?

Massimino:

Ma non ci stavamo baciando…era solo un

abbraccio, non ci vedevamo da un

po’ di tempo…

Antonietta:

No no nuje ce stavamo vasanno ma si trasut tu a rompere o…

Giovanna:

A bella vedi di lasciare stare er ragazzo mio che te corco eh…

Antonietta:

Uè bellella vir che so io ca te faccio ‘o strascino…chist è ‘o ‘nnammurat

mio…

Massimino:

Cerchiamo di stare calme…io nun songo

‘o ‘nnamurat ‘e nisciun…


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

Giovanan:                         Ah no? E sto brillocco che me lo hai regalato a fare allora? (mostrando un

anello)

Antonietta:                      Pure l’anello l’è regalat? Ma tu veramente si strunz!

Massimino:                      Ma no è una cosa da niente una sciocchezza…

Antonietta:                      Massimì mo te ‘ntorzo ‘e palate! (ist erica, urlando)

Giovanna:                         Aò ma che sta a dì sta burina io nun la  capisco…

Antonietta:                      Mo t’o’ faccio verè io che sto dicenn…

Nasce una colluttazione, le ragazze si spintonano e si urlano parolacce mentre Massimino cerca di separarle prendendosi pure qualche schiaffo involontariamente…momento di caos…all’improvviso entra Don Peppino dalla stanza in cui era nascosto.

Don Peppino:                 Uèèèèè e che è stu burdell? (tutti fermanos sorpresi)

Massimino:                      Don Peppino!

Antonietta:                      Papà! E tu che ce fai ccà?!?!?

Massimino:                      ‘O ver, che ce facite ccà?!?!?

Don Peppino:                 Io? Niente, sto ccà perché…uè ma mo n  iente niente avessa rà spiegazioni a

vuje perché sto ccà?

Massimino:                      No no per carità, anzi, ai vostri coma ndi…(impaurito)

Giovanna:                         Piacere, nessuno ci ha presentati…(porgendo la mano)

Don Peppino:                 Piacere signorina…voi chi sareste?

Giovanna:                         Sono la fidanzata di Massimino…

Antonietta:                      N’ata vota? T’aggio detto che ‘a fida nzata ‘e Massimino songo io!

Nuova azzuffata, Don Peppino tira fuori la pistola e spara un colpo in aria

Don Peppino:                 Basta! Antoniè bell e papà ma che è sta storia…famm capì a chi aggià sparà!

Massimino:                      Io ‘o sapevo…

Antonietta:                      Papà Massimino è ‘o nnammurato mio e chesta ‘nzivatona nun o’ vo’ capì…

Massimino:                      Don  Peppino  vi  giuro  che  non  è  vero…io   e  vostra  figlia  siamo  soltanto

amici…

Don Peppino:                 Non siete fidanzati?


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

Massimino:

Assolutamente no!

Don Peppino:

E che stai ricenn che mia figlia è bugiarda? (minaccioso puntando la pistola)

Massimino:

Ma non mi permetterei mai…

Don Peppino:

E allora stai ricenn che nun te piace?

Massimino:

Ma  quando  mai…anzi…io  na  guagliona

accu

ssì

bella

nun

l’aggio

mai

conosciuta…

Giovanna:

Ah si? E allora mio caro tieniti lei…io   me ne torno a Roma…(esce di scena)

Massimino:

Ma no amore aspetta…(rincorrendola)

Antonietta:

Amore a chi? (tirandolo per un braccio)

Massimino:

A nisciuno…a nisciuno…maronna mia nun

ce sto capenn cchiù niente…

Don Peppino:

Allora   guagliò   tu   mi   devi   dire

che

pr oblema

tieni

con

mia

figlia…(gesticolando con la pistola minacciosamente

)

Massimino:

Nessun problema Don Peppino ve lo giuro…(guardando il movimento della

pistola)

Antonietta:

Papà Massimino si mette paura di te…e

non si sente libero di amarmi come

vorrebbe…tant’è vero che l’anello che m’aveva regal

à a me l’ha data a chella

grandissima pereta…

Massimino:

E pure chill aggio perso…

Don Peppino:

Paura e me? È o ver?

Massimino:

Ma nossignore…

Antonietta:

Dice che sei un delinquente e per questo non può volermi bene…

Don Peppino:

E’ ‘o ver? (punta la pistola)

Massimino:

Ma quando mai…te vuò sta nu poco zitta

!!! (rivolto ad Antonietta)

Don Peppino:

Guagliò io non sono un delinquente…io

nun songo nisciun…solo un povero

cristo che cerca di rendersi utile…e che si è reso

utile pure per te si proprio o

vuò sapè (posa la pistola sul tavolo)

Massimino:

Per me?

Don Peppino:

Si per te…secondo te comm t’hanno chi

amato all’Accademia a Roma? Se so

scetati ‘na matina e hanno aizato a curnetta?


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

Massimino:

Ma non ne avevo idea…

Don Peppino:

E certo…tu ancora vivi nel mondo dei

sogni…pienz che le cose accadono e

basta…per destino…guagliò e’  cose succeren  quand

qu

alcuno decide  che

devono succedere…

Massimino:

Ma allora voi sapevate…?

Don Peppino:

Guagliò io saccio tutte cose…sempre…

Massimino:

Non ho parole…davvero…io vi devo ringra

ziare a vita…voi mi avete dato un

futuro

Don Peppino:

Nun ‘e ringrazia a me…ma a quella sa

nta donna di tua madre…

Massimino:

Mammà?

Don Peppino:

Si, mammà…io l’aggio fatto anche per

lei…’na femmena comm a tua madre

nun  se  la  meritava  ‘na  vita  accussì…cu  nu  marito  sc  ombinato  e

nullafacente…e nu figlio scellerato ca se crede e e

ssere nu grande attore…e

poi l’aggio fatto pure per Antonietta…pensavo che s

e tu stavi lontano chella

se scurdava e te…ma niente…pare che veramente te vo

bene…

Antonietta:

Papà io a Massimino me lo voglio spos are…

Don Peppino:

E tu? A vuò bene a mia figlia? Dimme

‘a verità...nun te mettere paura…

Massimino:

Don Peppino…io m’aggio innamorato d’a v

ostra figlia o primm juorno che

l’aggio vista…

Don Peppino:

E allora o problema addò sta?

Antonietta:

Papà ma tu allora acconsenti?

Don Peppino:

E ch’aggia fa? Mi pare nu buon guaglione…e poi pure se io nun vulesse che

putesse fa? Se due se vonn veramente bene…nun ce st

a niente e nisciun ca se

pò mettere mmiez…

Antonietta:

Papà nuje ce vulimm bene veramente…

Massimino:

Don Peppino ve lo giuro…a voglio bene

veramente…

Don Peppino:

Siete giovani…nun facit ‘o sbaglio c

he facette io tanti anni fa…

Antonietta:

Quale sbaglio papà?

Don Peppino:

Niente  Antoniè,  niente.  Jammuncenne  (esce  dimenticando  la  pistola  sul

tavolo)

Massimino:

Antoniè…


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

Antonietta:

Massimì sto ca…(fanno per baciarsi)

Don Peppino:

T’aggio  ditto  jammuncenne!  (rientrando,  Antonietta  sobbalza  ed  esce

col

padre, Massimino fa espressione costernata per il mancato bacio e si siede)

Massimino:

Eppure  chi  l’avesse  mai  ritt…io  me  mett  evo  paura…e

invece

chill

è

d’accordo…io   me   cacavo   sotto…e   chill   ci   ha   dato

pur

e

la

sua

benedizione…(si alza e va in camera sua)

Scena 6 – Rosinella, Massimino

Rientra Pasqualino, come sempre un po’ ubriaco, fa per andarsene in camera ma torna indietro perché si accorge della pistola sul tavolo. La guarda, la prende, cerca di capire perché quella pistola sia li, alla fine la mette in tasca e va in camera sua. Non appena lui esce, si apre la porta ed entra Rosinella.

Rosinella:

Peppì, Peppì stai ancora ccà?…(lo chiam

a sottovoce dall’uscio della camera,

nessuno risponde e lei guadagna il centro del palco)

Massimino:

Mammà finalmente sì turnat!

Rosinella:

E tu che ci fai qua? Non stavi a Roma?

Massimino:

Avevo qualche giorno libero e sono venuto…mammà t’aggià parlà…

Rosinella:

Che è succiess mo?

Massimino:

Niente…anzi tutto…tu t’arricuord che i

o me n’ero andato per colpa di

Antonietta?

Rosinella:

E comm nun m’arricordo…e chi se lo sco

rda…

Massimino:

Mo sono tornato per Antonietta…

Rosinella:

Ma che stai dicenn?

Massimino:

Che ce vulimm bene…che vulimm sta insi

eme…

Rosinella:

E con Don Peppino comm facit?

Massimino:

Don  Peppino  è  d’accordo…ci  abbiamo  parl  ato…ci  ha  dato  pure  il

benestare…

Rosinella:

Ma tu veramente fai? Quando ci avete parlato?

Massimino:

Si si, pensa che io sono tornato, poi è venuta Antonietta…e Don Peppino già

stava qua…ci stava aspettando…è proprio ‘o vero che

chillo sape sempre

tutte  cose,  sapeva  pure  ca  io  stavo  turnann…non  puo

i  capire  comm  so

cuntent…e tu? Tu si cuntent?

Rosinella:

Nun tanto…


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

Massimino:

Ma comm nun tanto?

Rosinella:

E se poi vi lasciate? Tu lo sai che Don Peppino è un delinquente…

Massimino:

Macchè delinquente…è tanto una brava p ersona…

Rosinella:

E con la tua carriera come fai?

Massimino:

Mammà  ma  che  me  ne  importa  di  fare  l’at tore…Antonietta  è  cchiù

importante della carriera…e poi Don Peppino me lo h

a detto…

Rosinella:

Che ti ha detto? (preoccupata)

Massimino:

Che è stato lui a farmi andare a Roma…c

he lo ha fatto per Antonietta…e pure

per te

Rosinella:

Per me?

Massimino:

Si…ha detto che sei una brava donna e

n

on ti  meritavi questa vita…per

questo  ci  ha  aiutato…senza  chiedere  nulla

in  cambio  …vedi  che  tengo

ragione…è proprio un uomo perbene…

Rosinella:

Massimì teneva ragione tuo padre…

Massimino:

In che senso?

Rosinella:

Veramente si strunz bell e mamma…(si s

iede sconfortata sulla sedia)

Massimino:

Mammà ma che è? Nun te sient bona?

Rosinella:

No sto bona…troppe emozioni…me gira nu

poco ‘a capa…

Massimino:

Vuoi un bicchiere di acqua e zucchero?

Rosinella:

No no…mo passa…nun te preoccupà…

Massimino:

Allora io esco mammà…vado a farmi un gi

ro, salutare qualche amico e poi

vado a prendermi un gelato con Antonietta…(euforico

esce)

Rosinella:

Va bell e mamma va…

Scena 7 – Pasqualino, Rosinella, Don Peppino, Massi mino, Antonietta

Pasqualino:

Io e te ammà parlà Rusinè (uscendo da lla sua stanza dopo aver origliato)

Rosinella:

E di che cosa?

Pasqualino:

L’avissa sapè…


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

Rosinella:

Ma veramente nun aggio capito…

Pasqualino:

Quando sei tornata hai chiamato Peppino…ed ho sentito cosa ha detto ‘o

guaglione…

Rosinella:

Ma quando mai…tu chissà che suonn te st   avi facenn…chissà quanto vino ti

sei bevuto…

Pasqualino:

Rusinè io nun sto ‘mbriaco e nun so manco sordo…ho sentito chiaramente…e

poi quando sono tornato ho trovato chesta ‘ngopp ‘a tavola…

Rosinella:

Addò è uscita sta pistola mo? (impaurita)

Pasqualino:

Me l’avissa dicere tu da dove è uscita

Rosinella:

Chesta è a pistola e Don Peppino...(ammette)

Pasqualino:

No Rusinè, chesta è la chiave di tutto, perché io mo aggio capito tutte cose.

Finalmente s’è appicciata a lampadina dint’e cervell, s’è schiarito ‘o buio che

per troppo tempo aggio voluto tenè n’cap…tutte chel  le chiacchiere ca sentev

miez ‘a via e a cui nun vulev da retta, Massimino all’improvviso diventato

attore, e sold ca girano in più senza sapere da dove vengono…ma io non ci

volevo credere…tenevo fiducia in te…

Rosinella:

Pasqualì tu hai fatto finta di non sapere perché sta situazione ha fatto comodo

pure  a  te…solo  per  questo…perché  le  responsabilità

non  ti  sono  mai

piaciute…

Pasqualino:

Vuoi vedere che alla fine avesse sbagliato io? Mi hai messo ‘o scuorno in

faccia, e lo sapeva tutto o paese…

Rosinella:

Io ho fatto solo quello che ogni mamma avesse fatto per un figlio.

Pasqualino:

‘E mamme hanna fa e’ zoccole per i fi gli?

Rosinella:

‘E mamme hanna garantì un futuro ai pro pri figli, e i padri dovrebbero fare la

stessa cosa. Tu invece hai sempre pensato solo a te stesso, ad arrangiare e

tirare  avanti  giorno  per  giorno  cercann  e  ‘mbruglià

a  quanta  più  gente

possibile. Non hai mai pensato all’avvenire, di nessuno di noi. I figli non si

fanno…si crescono, si educano, si proteggono. Che c

e vò a fa nu figlio?

Quattro botte e il gioco è fatto. Tu, e tante persone come te ‘ngopp a Terra,

non avete capito che un figlio è una responsabilità  troppo grossa, perché

siamo noi genitori a decidere suo il futuro. Pasqualì io aggio fatto l’unica cosa

che potevo fare per salvare Massimino e non farlo diventare come te, come

noi…

Pasqualino:

Pure filosofa, oltre che zoccola…

Don Peppino:

Rusinè secondo me m’aggio scurdat…(e  ntrando distratto dalla porta)


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati


Pasqualino:


Stai  cercann


chesta


(puntando


la


pistola,


Don


Peppino


resta


immobile


e


spaventato)


Don Peppino:


Pasqualì abbassa stu fierro che ce putimm fa male…


Pasqualino:


Statt zitt


Don Peppino:


Ma io…


Pasqualino:


Statt zitt!!! (urlando)


Don Peppino:


Famm parlà


Pasqualino:


Nun ce sta niente a dicere


Don Peppino:


Famm chiarì


Pasqualino:


La situazione è chiara, forse pure troppo


Don Peppino:


E allora che vuoi fare?


Pasqualino:


L’unica cosa possibile (punta la pistola tremante verso Don Peppino, il quale dopo un attimo di esitazione cerca di strappargliela dalle mani e nasce una sorta di colluttazione)


Massimino:


Papà (esclama entrando dalla porta con Antonietta al seguito)


La colluttazione si blocca, i due restano avvinghiati, quasi abbracciati, Pasqualino di soppiatto mette la pistola in tasca

Massimino:

Ma che state facendo? Perché state abbracciati?

Pasqualino:

Niente…veramente noi…

Massimino:

State festeggiando il nostro fidanzamento?

Pasqualino:

Si…esatto…proprio quello…ci stavamo f

acendo gli auguri…

Massimino:

Papà ma allora sei d’accordo? Ti fa pi acere?

Pasqualino:

Certo, io ho a cuore il tuo futuro e sono contento che ti sei trovato una brava

ragazza, di famiglia perbene (con sarcasmo guardando Don Peppino)

Antonietta:

Grazie signor Pasqualino, spero che mi accoglierete in casa vostra come una

figlia

Pasqualino:

Questo è sicuro…oramai siamo una fami

glia…

Don Peppino:

Bene…io ora devo andare…caro Pasquali

no ancora auguri, Donna Rosina i

miei omaggi


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it


tutti i diritti riservati

Rosinella:


Arrivederci Don Peppino, auguri pure a voi


Don Peppino saluta ed esce.


Massimino:


Antoniè vogliamo andare a fare un giro per i negozi?


Antonietta:


Si, magari troviamo qualcosa di bello da comprare


Massimino:


E chi paga?


Antonietta:


Amore ma non ti preoccuparre, ci fanno credito, poi ci pensa papà a saldare


Massimino:


E allora che stiamo aspettando, andiamo (escono, in scena restano Pasqualino e Rosinella)


Rosinella:


Mamma mia che guaio che ho fatto (costernata, si mette le mani sul volto)


Pasqualino:


‘O guaio l’aggio fatto io…l’aveva spar aggio acconsentito al fidanzamento…


à…e aveva sparà pure a te…invece


Rosinella:


Hai fatto bene, ti sei assunto la responsabilità di un padre che pensa al bene del proprio figlio. Con Antonietta o’ guaglione si sistema, si fa un avvenire, e nun fa ‘a fine nostra. Hai fatto bene Pasqualì. E m o siediti, che dobbiamo parlare…


I due si siedono, si chiude il sipario.


Ernesto Sasso

tel. 327-3642126

mail: hopsend@libero.it

tutti i diritti riservati

Personaggi:

Massimino – giovane ingenuo, bonaccione, timoroso, ha preso un diploma tecnico ma il suo desiderio è diventare attore anche se non è molto bravo nella recitazione; di bell’aspetto, curato nel vestire per quanto le ristrettezze economiche gli consentono, cerca nell’arte il riscatto sociale. È innamorato segretamente di Antonietta, ma la rifiuta perché ha paura della reazione del padre di lei, noto camorrista del quartiere.

Rosinella – la mamma, sarta per necessità sopravviv e alla giornata con piccoli aggiusti: sulla quarantina o poco più, tipica casalinga, sciatta nel vestire, perennemente depressa a causa delle difficoltà economiche, nasconde un passato poco osc uro messo da parte con il matrimonio con Pasqualino. Ha avuto, tra l’altro, una relazione con Don Peppino da giovanissima. Cede nuovamente alle lusinghe del boss soltanto per assicurare un futuro a Massimino.

Pasqualino – il papà, ladruncolo, imbroglione, acca ttone che vive di espedienti, trasandato; trascorre quasi tutto il suo tempo all’osteria ubriacandosi con i pochi soldi che riesce a racimolare, incurante delle necessità familiari pensa anzitutto a se stes so. Il suo unico amico è Giginiello, che lo aiuta nelle sue furbate e che Pasqualino considera un fesso.

Don Peppino – boss del quartiere, vestito di bianco , sciarpa, cappello, bastone, sigaro. Assume il classico atteggiamento del “mammasantissima”, salvo poi cedere all’amore mai sopito per Rosinella. Offre aiuto alla donna, sistemando Massimino, ma in cambio le chiede di ricambiare il sentimento.

Giginiello – amico e confidente di Pasqualino, un p o’ tonto, condivide con l’amico Pasqualino la passione per i mariuoleggi e per il vino.

Donna Carmela – amica di Rosinella, tipica vaiassa.

Antonietta: figlia di don Peppino, innamorata di Massimino.

Michele a’ patana – avventore dell’osteria.

Donna Cicchella: moglie di Giginiello.

Giovanna: fidanzata romana di Massimino.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 21 volte nell' arco di un'anno