Pinocchio

Stampa questo copione

LE AVVENTURE DI PINOCCHIO

LE AVVENTURE DI PINOCCHIO

Scuola dell’Infanzia “SS.Trinità” di Fiesso d’Artico (Ve)

Rappresentata dai genitori il 19/02/2012

Personaggi:

Narratore

Geppetto

Grillo

Pinocchio

Gatto e Volpe

Fata

2 Dottori

Mangiafuoco

Lucignolo

2 amici Lucignolo

Musica di apertura  “Il piu’ grande spettacolo dopo il big bang” di Jovannotti

SIPARIO

Musica di sottofondo per narratore (le avventure di Pinocchio versione MIDI”)

NARRATORE :   “C’era una volta…Un re! - direte subito voi che siete ascoltatori grandi.

No, avete sbagliato. C’era una volta un pezzo di legno…”

Mastro Ciliegia, con nostalgia regala a Geppetto un bizzarro legnetto.
Con lo scalpello  e con il martello,
dopo un pochino nasce il burattino

che salta, corre, parla come un bambino e che presto si rivela un po' birichino.

SCENA 1:

GEPPETTO: Ho deciso caro Figaro (il suo gatto)! Lo chiamerò PINOCCHIO. E spero proprio che questo nome gli porti fortuna!!

GRILLO : Crì -crì -crì !

PINOCCHIO : Chi è che mi chiama?

GRILLO : Sono io!

Pinocchio si volta e vede un grosso Grillo. 

PINOCCHIO : E tu chi sei?

GRILLO : Io sono il Grillo Parlante ed abito in questa stanza da più di cent'anni.

PINOCCHIO : Oggi però questa stanza è mia e se vuoi farmi un vero piacere vattene

GRILLO : Io non me ne andrò di qui se prima non ti avrò detto una gran verità.

PINOCCHIO : Dimmela e spìcciati.

GRILLO : Guai a quei ragazzi che non ubbidiscono ai loro genitori. Combineranno solo guai.

NARRATORE : Pinocchio, non voleva ascoltare il Grillo perche sapeva che sarebbe dovuto andare a scuola…….lui voleva solo giocare!!!!

GRILLO : Senti, se proprio non vuoi andare a scuola, almeno cercati un lavoro onesto.

PINOCCHIO : Hai ragione! A pensarci bene c’è un lavoro che mi piacerebbe proprio fare.

GRILLO : Finalmente, vedo che capisci. Dimmi quale.

PINOCCHIO: Voglio mangiare, bere, divertirmi e stare con i miei amici!

GRILLO: (Si batte una mano sulla fronte) Non hai capito niente! E poi quelli che fanno così finiscono quasi sempre nei guai! Sei proprio una testa di LEGNO!

PINOCCHIO: Mi hai stufato grillo, smettila!! (Pinocchio afferra un martello e lo tira verso il grillo)

GRILLO : Sei matto! AIAA! (Si spegna la luce su di lui)

PINOCCHIO: (Verso il pubblico) Ma dove siamo? Adesso si mettono a fare la predica anche i grilli! Mi metto a dormire così non ci penso più. (Pinocchio 1 si sdraia con i piedi sul braciere)

GRILLO : Attento Pinocchio! Così ti bruci i piedi! Diteglielo anche voi! (Rivolto al pubblico) Inutile, già dorme…

Musica di sottofondo per narratore (le avventure di Pinocchio versione MIDI”)

NARRATORE : Il Buon Grillo da saggio che era, cerco’ di avvertire Pinocchio….attento Pinocchio…il fuoco…..i piedi……ed infatti il giorno senza piedi si trovo’? Il Buon Geppetto che gli voleva un gran bene glieli rifece in gran velocita’.

 

PINOCCHIO : Grazie babbino mio. Ti prometto che con i miei piedi nuovi io sarò il più bravo dei ragazzi! Anzi ti prometto che andrò a anche a scuola!!

Pinocchio si batte una mano sulla fronte come se avesse capito di essersi fregato da solo

PINOCCHIO : Adesso mi manca solo una cosa!

GEPPETTO: Cosa ti manca Pinocchio?

PINOCCHIO : Un libro per studiare!

GEPPETTO: Hai ragione Pinocchio … Torno subito!

Geppetto si mette la giacca e esce, torna subito senza giacca tremando e con il libro

PINOCCHIO : Ma papà, la giacca!

GEPPETTO: L’ho venduta perché avevo caldo. Ecco il libro. (e lo porge a Pinocchio che ha capito)

PINOCCHIO : (Pinocchio  lo abbraccia forte) Finalmente andro’ a scuola, diventerò famosissimo e guadagnerò tanti soldi così potrò comprare una giacca  nuova per il  mio papà che ha venduto la sua per farmi avere questo abbecedario!

Gli regalerò la più bella giacca del mondo!

Pinocchio con l’Abbecedario in mano cammina e canticchia.  Sul palco ci sono due  scritte: SCUOLA e TEATRO DEI BURATTINI.

Pinocchio dopo qualche esitazione decide di prendere la strada del TEATRO DEI BURATTINI

Musica di sottofondo per narratore (le avventure di Pinocchio versione MIDI”)

NARRATORE : Pinocchio di studiare non ne vuole proprio sapere e non vuole ascoltare neanche i  consigli del buon Grillo Parlante .

Ad un tratto lungo la strada per la scuola si trovo’ davanti  a due grandi cartelli uno conduceva alla SCUOLA e l’altro al GRAN TEATRO DEI BURATTINI…….Indovinate bambini quale strada scelse Pinocchio???? Eh gia’……proprio quella del Gran teatro dei Burattini…….e si trovo’ davanti il GRANDE MANGIAFUOCO!!!!

Entra Mangiafuoco

MANGIAFUOCO:  Ciao Pinocchio, come va? Che fai qui?

Non dovresti essere a scuola a quest’ora?

PINOCCHIO:  No no  non preoccuparti…….sono qui per lo spettacolo dei burattini…oggi c’e’ SCIOPERO!!

MANGIAFUOCO: Va bene Pinocchio, ma ricordati dopo lo spettacolo devi tornare dritto a casa da babbo Geppetto. Questi sono per te!!! (gli da’ cinque monete d’oro)

Musica di sottofondo per narratore (le avventure di Pinocchio versione MIDI”)

NARRATORE : Avete visto Mangiafuoco… Ma si, il burattinaio che voleva bruciare Pinocchio per cuocersi le bistecche… Ma poi in fondo era un cuore tenero… Pensate, Pinocchio gli ha raccontato di aver venduto l’abbecedario per il quale Geppetto era rimasto al freddo e senza giacca per entrare a vedere gli altri burattini. E Mangiafuoco si è intenerito e gli ha regalato cinque monete d’oro. Speriamo che Pinocchio faccia in fretta a tornare da Geppetto!

Musica “Il Ciclone”
chiusura sipario

SCENA 2.

Entrano Pinocchio ed il Grillo

GRILLO : Mannaggia la Pupazza! Vedo due vecchie conoscenze! Sono due imbroglioni! Pinocchio attento!

Il grillo si mette da parte ed assiste

Musica: ” Il Gatto e la Volpe” (musica di E.Bennato)

Entrano il gatto e la volpe e fanno il giro del palco  a braccetto con la musica

VOLPE:  Salveeee (alla Bruno Vespa) , Pinocchio

PINOCCHIO : Come  fai a sapere il mio nome?.

VOLPE: Conosco tuo padre Geppetto.

PINOCCHIO : Dove l'hai visto?

VOLPE: L'ho visto proprio questa mattina, era  sulla porta di casa  in maniche di camicia e tremava dal freddo.

PINOCCHIO : Povero papà! Mi devo affrettare a tornare da lui! Se tutto va bene da oggi di sicuro non tremerà più! Oggi sono un gran signore!

VOLPE: E perché mai dici così?

PINOCCHIO : Non vorrei farvi venire strane idee… Ma ho qui con me  5 monete d’oro tutte per lui!

La volpe accenna un salto in avanti e il gatto sposta gli occhiali per vedere meglio mentre Pinocchio apre la mano con le monete.

GATTO: Pinocchio oggi sei fortunato! Vuoi raddoppiare i tuoi soldi? Vuoi che 5 monete d’oro diventino  trenta, quaranta, cento?

VOLPE: Però dovrai venire con noi… Nel paese dei Barbagianni!

PINOCCHIO : (Per un attimo è pensieroso) No, no. Devo tornare subito da mio papà. Sarà già in pensiero per me.

GATTO: Come vuoi tu… Ciao Pinocchio!

Fanno due passi in avanti poi Pinocchio si gira e li trattiene, i due sorridono

PINOCCHIO : Senti ma… e come potrebbero diventare così tanti?

Il gatto e la volpe con un balzo tornano indietro.

VOLPE: E’ semplicissimo, basta andare nel paese dei Barbagianni, trovare il Campo dei miracoli, sotterrare le monete e aspettare la mattina dopo che tutto l’albero sia pieno di monete!

Sai… Noi sappiamo dov’è il campo!

PINOCCHIO : (esita un attimo) Mi avete convinto. Andiamo!

Pinocchio non ha ancora finito di parlare che i due lo afferrano da sotto le braccia e lo portano via ed  escono.

NARRATORE : Pinocchio fu abbindolato per bene dal gatto e la volpe…Che grandi  imbroglioni!!!!

GRILLO : Pinocchio, dai retta a me, ritorna indietro.

PINOCCHIO :  E io, invece, voglio andare avanti.

GRILLO : L'ora è tarda!...

PINOCCHIO :  Voglio andare avanti.

GRILLO : La notte è scura...

PINOCCHIO :  Voglio andare avanti.

GRILLO : La strada è pericolosa...

PINOCCHIO :  Voglio andare avanti.

GRILLO : Ricordati che i ragazzi che vogliono fare di testa loro, prima o poi se ne pentono.

PINOCCHIO :  Ma come sei noioso Grillo!!! Notte

GRILLO : Buona notte, Pinocchio, e che il cielo ti salvi dal gelo e  dai malandrini!

Pinocchio esce di corsa dalla scena  mentre il narratore  sta iniziando a recitare, il Grillo  lo segue ed esce di scena anche lui

Musica di sottofondo per narratore (le avventure di Pinocchio versione MIDI”)

NARRATORE : Nella notte buia e scura

Pinocchio corre e  non ha paura

i due furfanti  son vicini

travestiti da malandrini.

Musica “Soldi, soldi, soldi” di Mina

Scena di Pinocchio che sotterra i soldi…mentre il Gatto e la Volpe entrano lo tramortiscono con il martello.

Pinocchio resta a terra e passa la notte al freddo ed al gelo.

Inserire il sibilo del vento

Narratore:

Povero Pinocchio, imbrogliato dal gatto e la volpe rimane a terra al freddo ed al gelo della notte.

Abbandonato e malconcio e’ soccorso dai Gran Dottori mandati dalla fatina buona, che lo riportano al sicuro……

Inserire il rumore della sirena dell’ambulanza

Entrano i dottori con la barella e lo portano via

Musica Il Ciclone

Chiude il sipario

SCENA 3:

In scena all’apertura del sipario ci sono la Fata, i dottori, Pinocchio disteso in barella e Grillo

FATA : Egregi Dottori …. io mi fido solo di voi! Ditemi se questo burattino è morto o vivo!

Dottore 1, facendosi avanti per il primo, tastò il polso il naso il dito mignolo dei piedi.

DOTTORE 1 : Beh, signora fata… Dopo tanti anni di esperienza… Secondo me è MORTO..Ma al massimo se non e’ morto e’ vivo!!!

Pinocchio scuote la testa sulla parola Morto e annuisce sul vivo.

DOTTORE 2: (interrompe il dottore) No no no, mi spiace non essere d’accordo con il mio collega ma  dopo tanti anni di esperienza, secondo me è VIVO. Ma se per disgrazia non lo fosse, allora vorrebbe dire che è morto!

FATA : (rivolta al Grillo - parlante) E lei non dice nulla? 

GRILLO : Io dico che il medico se non sa cosa dire dovrebbe stare zitto!

Pinocchio, che finora era stato immobile come un vero pezzo di legno, ebbe una specie di fremito che fece scuotere tutto il letto.

GRILLO : Quel burattino è un birbantello... monellaccio disubbidiente che farà morire di infarto il suo povero papà

Pinocchio apre gli occhi e li richiude subito.

Pinocchio incomincia a piangere.

DOTTORE 1 E DOTTORE 2: E’ VIVO! Avevo ragione io!

I DOTTORI  escono parlottando tra  loro.

La fata prende un bicchiere d’acqua e si avvicina a Pinocchio che sta ancora piangendo.

FATA : Bevila su, ti farà bene, è una medicina.

PINOCCHIO : Se è una medicina vuol dire che è amara! Io non la bevo!

FATA : Se la bevi ti darò una pallina di zucchero!

PINOCCHIO :Prima voglio la pallina di zucchero e poi berrò la medicina

FATA: Me lo prometti?

PINOCCHIO : Si, certo

Musica di Mary Poppins Basta un poco di zucchero e la pillola va giu’….

Pinocchio mangia la pallina di zucchero poi prende il bicchiere, annusa e lo allontana.

PINOCCHIO : No! E’ troppo amara! Io non la voglio!

FATA : Se non la bevi rischi di morire! Non hai paura della morte?

PINOCCHIO :Io non ho paura di niente!

Si sente bussare alla porta ed entrano i due dottori con la barella

PINOCCHIO : Che cosa volete da me? 

DOTTORE 1 E DOTTORE 2: Siamo venuti a prenderti

PINOCCHIO : A prendermi?... Ma io non sono ancora morto!...

DOTTORE 1 : Ancora no: ma ti restano pochi minuti di vita visto che non hai voluto bere la medicina, che ti avrebbe guarito dalla febbre!...

PINOCCHIO : O Fata, o Fata mia, datemi subito quel bicchiere.

Io non voglio morire,  non voglio morire...

Pinocchio beve la medicina tutta d’un fiato.

DOTTORE 2: Pazienza! Per questa volta abbiamo fatto il viaggio  x niente!!!.

I dottori  escono di scena.

FATA : Pinocchio dimmi un po’… Ma perché il gatto e la volpe ti inseguivano?

PINOCCHIO : Volevano i miei soldi!

FATA  E ora i tuoi soldi dove sono?

PINOCCHIO : Boh, li ho persi! (il naso comincia a crescergli)

FATA : E dove li hai persi?

PINOCCHIO : Nel bosco qui vicino!

Il naso cresce ancora la fata comincia a ridere.

PINOCCHIO : Aiuto fata! Il mio naso è impazzito!

FATA : Vedi Pinocchio, ci sono le bugie dalle gambe corte e le bugie dal naso lungo.

E tu ne stai raccontando un bel po’ di bugie…

Musica di sottofondo per narratore (le avventure di Pinocchio versione MIDI”)

NARRATORE: Al burattino da fiducia ancora la fata buona e sembra convinto a cambiar strada e diventare un bambino buono ed ubbidiente.

Pinocchio torno’ di corsa  al paese dei Barbagianni, per riprendere le monete d’oro che aveva scioccamente sotterrato…..ma il gatto e la volpe erano gia’ passati prima di lui e le monete non c’erano piu’!!!!  Pinocchio perde del tutto la retta via quando incontra una cattiva compagnia

Musica Il Ciclone

Chiusura SIPARIO

SCENA 4:

Pinocchio incontra tre ragazzi due di loro giocano a  carte mentre il terzo resta a guardare. Uno di loro continua a tirare fuori dalla manica delle carte e vince barando: è Lucignolo egli porta una coppola in testa, ha una giacca dalle maniche lunghe e porta i guanti con le dita tagliate.

LUCIGNOLO :  Ho vinto ancora!

PRIMO AMICO: Ma non è possibile! E’ tutto il pomeriggio che vinci tu! quic’è qualcosa di strano!

SECONDO AMICO: No, no vince perché è più bravo di te! Hi hi hi!

PRIMO AMICO: Invece no, secondo me Lucignolo sta imbrogliando!

Lucignolo muove il braccio all’indietro come per dargli un pungo, poi Pinocchio corre in mezzo a loro per dividerli.

PINOCCHIO : Basta! Smettetela di fare così! Sentite me piuttosto! Ho una grande notizia: domani a casa della Fata ci sarà una grande festa per me che da burattino divento un bambino come voi! Ci sarà da mangiare ogni genere di delizia! Gelati e panini! Verrete?

PRIMO E SECONDO AMICO: Grazie Pinocchio, noi ci saremo.

TERZO AMICO:  Anch’io! E chi se la perde la tua festa!

PINOCCHIO : Tu Lucignolo? Verrai?

LUCIGNOLO : Mi piacerebbe ma non posso… Tra pochi minuti arriverà un carro per portarmi via! Mi tieni compagnia per un po’?

PINOCCHIO : Mi piacerebbe ma non posso. La Fata a casa mi aspetta e ho promesso di non farla aspettare!

Musica di sottofondo per narratore (le avventure di Pinocchio versione MIDI”)

NARRATORE : Ma a casa della fata,

la comitiva non è arrivata

un’idea migliore escogitò

e al Paese dei Balocchi se ne andò.

Musica: Ciao mamma guarda come diverto….Jovannotti

Lucignolo ed i ragazzi ballano

NARRATORE:

Nel paese dei Balocchi, se ci arrivi non vai più via.

Muri pieni si scarabocchi, niente storia né geografia.

Fai presto, molla tutto e salta su.

C’è tutto, proprio tutto e di più.

 Dopo cinque mesi di cuccagna

senza libri, né quaderni, né lavagna,

tra balli, giochi e divertimento

le giornate volavan via in un momento.

Pinocchio si mette in un angolo a riposare e si mette le orecchie d’asino

Entra il Grillo e  trova Pinocchio addormentato.

GRILLO: Pinocchio, Pinocchio! Finalmente ti trovo! E’ da tantissimo tempo che ti cerco!

Pinocchio salta in piedi ancora mezzo addormentato ma spaventato dal Grillo, Pinocchio sfoggia due vistose orecchie da asino

PINOCCHIO : Ma che modi sono questi, grillaccio! Qui c’è gente impegnata che riposa!

GRILLO : Si, impegnata a divertirsi!

Il Grillo si volta verso il pubblico, poi verso Pinocchio.

GRILLO : Ma, Pinocchio! Cosa capita alle tue orecchie!

PINOCCHIO : (si tocca le orecchie) Ma che dici?

Il Grillo gli porge uno specchio

PINOCCHIO :  Ma queste sono orecchie d’asino!

In quel momento entra Lucignolo con un sacchetto in testa, anche Pinocchio prima di vederlo corre a mettersi un sacchetto in testa il Grillo resta a guardare.

 

PINOCCHIO : Lucignolo, Cosa ci fai con quel sacchetto in testa? Ti senti bene?

LUCIGNOLO: Tu piuttosto! Perché hai quel sacchetto in testa?

PINOCCHIO : L’ho messo per ripararmi dal sole!

LUCIGNOLO : Ma qui siamo al chiuso! Non c’è il sole!

PINOCCHIO : Beh… prima o poi uscirò no? Senti Lucignolo, togliamoci il sacchetto dalla testa insieme mi sa che noi due abbiamo la stessa malattia!

LUCIGNOLO : Uno… due…

LUCIGNOLO  E PINOCCHIO : Tre!

Pinocchio e Lucignolo si levano il sacchetto, anche Lucignolo ha le orecchie da asino.

GRILLO: E bravi tutti e due!

Mi spiace dirvelo ma vi state trasformando in due begli asini!

 Si  in  asini veri!

Non lo sapevate che tutti quei ragazzi  monelli che non studiano prima o poi si trasformano in asini!?

PINOCCHIO : E’ colpa sua! Io gli ho detto che dovevo andare a casa dalla Fata! J-O J-O

Pinocchio comincia a ragliare.

LUCIGNOLO : Bravo traditore di un asino! Adesso dai la colpa a me eh? J-O J-O

Lucignolo comincia a ragliare.

Musica di sottofondo per narratore (le avventure di Pinocchio versione MIDI”)

NARRATORE : E cosi Pinocchio e Lucignolo come asini furono venduti!

Ma la fatina buona, ancora una volta lo perdona e Pinocchio ritorna ad essere un burattino.

Musica Il Ciclone

Chiude il SIPARIO

SCENA 6:

Inserire il rumore del mare che accompagna il narratore

NARRATORE :Ma ben presto il monello in un altro guaio si cacciò perche’ fu buttato in mare da un malintenzionato. Venne mangiato da una grossa balena e dentro la sua bocca fu imprigionato.

Ma quando penso’ che tutto era finito, vide in fondo alla bocca una luce di una fiammella….. e sapete chi ci trovo’? Il caro Babbo Geppetto.

Ma come fare per liberarsi? La soluzione c’e’ basta aspettare, che alla balena venga da sbadigliare.

Pinocchio entra trascinando Geppetto che appare visibilmente provato.

PINOCCHIO : Forza babbo mio! Prima o poi troveremo in una casa qualcuno che ci ospiti!

Guarda babbo! Una casa! Lì ci aiuteranno di sicuro!

Entrano e vedono il Grillo padrone di casa

PINOCCHIO : Grillino mio che piacere di vederti!

GRILLO : Già, adesso che piacere! E pensare che mi hai preso in giro per tutto il tempo e una volta mi hai anche tirato un martello addosso!

PINOCCHIO : Hai ragione io non mi merito niente! Ma almeno aiuta mio padre! E’ molto debole! (Insieme lo fanno stendere su un letto)

GRILLO : Fai in fretta, proprio nell’orto qui dietro c’è un mio amico contadino, fatti dare del latte!

PINOCCHIO :Grazie, grazie grillino mio!

Musica: “fatti mandare dalla mamma a prendere il latte” di Gianni Morandi.

NARRATORE :  E così il contadino in cambio del latte prese a servizio Pinocchio che per aiutare suo padre lavorò così tutti i giorni!

Pinocchio esce e si prepara vestito da bambino e rientra

NARRATORE : Da allora  Pinocchio  si  mise  a  studiare,

perché  tante  cose  voleva  imparare

finché  una  sera  si  addormentò

e  al  mattino  bambino  si  ritrovò.

Lo Schiaccianoci" - Danza della fata confetto

Entra la fata e va da Pinocchio diventato bambino

FATA : Bravo Pinocchio! Sei stato molto generoso, perciò ho deciso di perdonare tutte le monellerie che hai fatto fino ad oggi.

I ragazzi che aiutano i propri genitori nel momento del bisogno meritano lodi e affetto.

Ma Pinocchio, per il futuro, metti un pochino più di giudizio!

Entra Geppetto tutto arzillo e con un vestito nuovo

GEPPETTO: Figlio mio! Non sei più un burattino!

PINOCCHIO : Babbo mio, non prendermi in giro!

GEPPETTO: Guarda! (Indica il vecchio vestito sulla sedia)

PINOCCHIO : Allora è vero! Sono un bambino!!!

Pinocchio  inizia a correre da tutte le parti, poi  abbraccia Geppetto.

PINOCCHIO : Ma, babbo mio, perché tutti questi cambiamenti improvvisi?

GEPPETTO: Vedi, questi cambiamenti sono tutti merito tuo!

PINOCCHIO : Perché merito mio?

GEPPETTO: Perché quando i ragazzi da cattivi diventano buoni, vengono premiati.

PINOCCHIO : Come ero buffo quando ero un burattino!  Adesso sono davvero contento di essere diventato un bambino….

Ehi bambini mi volete a scuola con VOI???? (rivolto ai bambini)

Musica: Ogni favola e’ un gioco di Bennato solo musica si sottofondo

NARRATORE: Vi siete divertiti, cari bambini e genitori?

Non credete dunque di meritar allori?

Dite la verità: chi mai artisti

esperti come noi finora ha visti?

Se è vero, allora, genitori cari,

dei vostri applausi non siate avari!!!

PINOCCHIO VERSIONE REMIX disco (quella di Comenicini) per le presentazioni degli attori

Balletto finale degli attori CON COREOGRAFIA (adatta a bambini) “AI SE EU TE PEGO”

 Michel Telo’ (Nossa per gli amici)

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 4 volte nell' ultima settimana
  • 10 volte nell' ultimo mese
  • 29 volte nell' arco di un'anno